Sei sulla pagina 1di 1

Cose vecchie

(01/08/2012)

vero, ognuno percepisce il mondo a modo suo, le persone, le cose, le azioni


uno le vede con i suoi occhi, non con i miei, o con i tuoi. Tu come mi vedi?
Questa l'ho gi sentita, un certo Luigi Pirandello ne parlava cento anni fa.
Lo so, e anche lui scopr l'acqua calda. Ma non mi hai lasciato finire. La
differenza tra me e Pirandello che lui soffriva per questa impossibilit di avere
un'identit fissa, valida per tutti. Si preoccupava di non essere visto dagli altri
come lui vedeva se stesso, anzi anche lui stesso si vedeva sempre diverso
ogni volta che si percepiva. Io invece no.
No che cosa?
Non soffro. Che gli altri, me compreso, mi vedano pure ognuno a modo suo.
Non mi importa. Non ho la sciocca pretesa di apparire come desidero essere
visto. E poi, perch dovrei desiderare di essere visto in un modo che magari
importante solo per me?
Mah, perch ti fa piacere che gli altri ti apprezzino, ti ammirino, ti amino.
Lo ripeto: io posso pensare che se appaio loro in un certo modo mia moglie,
mio figlio, il mio vicino mi apprezzino e mi amino, ma non detto che lo
facciano. Magari ottengo il risultato contrario. Per esempio se decidessi di farmi
odiare e mi comportassi in modo conseguente, credi che tutti mi odierebbero?
No, certo, ci saranno sempre delle persone buone che mi vedranno non come
una persona odiosa, ma come una persona bisognosa di attenzioni e di
perdono. Tu vuoi essere sgradevole e loro ti amano. No, no, preferisco che gli
altri mi vedano come vogliono, non c' nessuna verit in ci che vedono. Se
una cosa non dipende da me inutile che mi preoccupi.
Eppure quando esci di casa la mattina per andare al lavoro, al bar, al super, o
dove vuoi tu, ti prepari per essere visto dagli altri nel modo che tu pensi sia
appropriato. Non esci certo in pigiama, o con le scarpe di diverso colore anche
se nessuno te lo vieta. O no?
Mi reprimo e mi adatto. Se non esco in pigiama perch non pratico.
Non ne sono tanto convinto, penso invece che tu non lo faccia perch ti
infastidisce essere visto come uno fuori di testa, un diverso.
Pu darsi, per questo un condizionamento culturale, non un mio desiderio.
Ma non hai risposto alla mia domanda: tu come mi vedi?
Ti vedo come una persona intelligente, simpatica, onesta, buona, che non
farebbe male a una mosca.
Sbagliato, non sono affatto cos, sono uno che ti tradisce con tua moglie, che
invidia i tuoi soldi e che adesso ti uccide per portarti via tutto.
Si ud un forte sparo.