Sei sulla pagina 1di 2

QUANDO RIDONO LE NUVOLE

COMMEDIA MUSICALE DI SERGIO IOVANE E SILVESTRO LONGO

LA STORIA
RENATO E MICHELE STANNO TRASCORRENDO GLI ULTIMI ANNI DELLA LORO
ESISTENZA IN UNA PIACEVOLE E LUSSUOSA CASA DI RIPOSO, CIRCONDATI
DALLA GRADEVOLE CURA DI GIOVANE E ATTRAENETE PERSONALE FEMMINILE.
GLI ATTEMPATI OSPITI POSSO PERMETTERSI DI PAGARE LESOSA RETTA IN
QUANTO RENATO ERA STATO DIRIGENTE IN UNA GRANDE AZIENDA E
PERCEPISCE UNA CONSIDEREVOLE PENSIONE, OLTRE LAFFITTO DI UN GRANDE
APPARTAMENTO NEL CENTRO DI ROMA, MENTRE MICHELE, GROSSISTA DI
CASSEFORTI, HA VENDUTO LA SUA ATTIVITA RICAVANDO UNA NOTEVOLE
SOMMA CHE GLI FRUTTA INTERESSI SOSTANZIOSI.
I DUE HANNO LALLEGRIA E LIRONIA TIPICA DEGLI ADOLESCENTI E PASSANO
LE LORO GIORNATE AD ORGANIZZARE SCHERZI AI DANNI DEGLI ALTRI OSPITI
DELLA RESIDENZA E, TALVOLTA, ANCHE DEL PERSONALE STESSO. OCCUPANO
INSIEME LA STESSA AMPIA STANZA DA LETTO IN CUI DI NOTTE NE COMBINANO
DI TUTTI I COLORI.
RENATO HA UN NIPOTE (ROBERTO) CHE DI TANTO VIENE A TROVARLO CON LA
MOGLIE E GLI RINNOVA LINVITO A VENIRE A VIVERE IN CASA SUA DOVE SARA
CURATO E COCCOLATO COME MERITA. RENATO RIFIUTA REGOLARMENTE
PERCHE SA BENE CHE LINIZIATIVA HA ESCUSIVAMENTE LA FINALITA DI
METTERE MANO SUI SUOI RISPARMI. LO STESSO AVVIENE PER MICHELE CON IL
FIGLIO (MARIO), UN RAGAZZO SVOGLIATO E SCANZAFATICHE, CHE VORREBBE
RITORNASSE A CASA DOVE POTREBBE ESSERE SEGUITO DA UNA BADANTE
(UNA BRUTTA SIGNORA TURCA CON TANTO DI BAFFI E PELI LUNGHI SULLE
PODEROSE BRACCIA). MICHELE DECLINA SISTEMATICAMENTE LIPOTESI.
RENATO E MICHELE LI STANNO TROPPO BENE!
IN QUESTA ATMOSFERA SI INNESTA LA BRUTTA FACCENDA DELLA BANCAROTTA
DELLA STRUTTURA CHE, A CAUSA DI MANCATI E SOSTANZIOSI PAGAMENTI, E
SOTTOPOSTA A UN DECRETO INGIUNTIVO ORMAI GIUNTO ALLA SCADENZA. LA
CAUSA DI QUESTA SITUAZIONE E DA IMPUTARSI ALLAMMINISTRATORE, RAG.
EVANDRO RAFFA, CHE PER ANNI HA SOTTRATTO NOTEVOLI SOMME
DALLINCASSO DELLE RETTE ELUDENDO IL PAGAMENTO DI FATTURE AI
FORNITORI.
LA NOTIZIA CORRE VELOCEMENTE. GLI OSPITI DELLA CASA E, ANCOR PIU, I
DIPENDENTI SONO SERIAMENTE PREOCCUPATI PER IL LORO FUTURO, ANCHE
PERCHE I LORO STIPENDI NON VENGONO PAGATI. RENATO E MICHELE

DECIDONO DI AFFRONTARE IN PRIMA PERSONA LA SITUAZIONE E RIESCONO A


IMPOSSESSARSI DELLA DOCUMENTAZIONE CHE METTE CON LE SPALLE AL
MURO LINFEDELE AMMINISTRATORE. IL RAG. RAFFA, OGGETTO DI
UNIMBOSCATA DA PARTE DEI DUE, FINISCE PER CONFESSARE E SI RENDE
DISPONIBILE A RESTITUIRE QUANTO PORTATO VIA INDEBITAMENTE. RENATO E
MICHELE DECIDONO DI ANTICIPARE PERSONALMENTE DEL DENARO PER FAR
FRONTE ALLA SOSPENSIONE DEL DECRETO INGIUNTIVO CHE COSTRINGEREBBE
LA STRUTTURA A CHIUDERE.
INUTILE DIRE CHE RENATO E MICHELE VENGONO ELETTI SALVATORI DELLA
PATRIA E LA LORO POPOLARITA E ENORME. ORGANIZZANO, PER
LOCCASIONE, UNO SPASSOSO SPETTACOLINO DI CABARET CON GLI ALTRI
OSPITI E CON LE INSERVIENTI DEL PENSIONATO.
MA I DUE SONO E RIMANGONO DEI TERRIBILI RAGAZZACCI. INFATTI
DECIDONO DI ORGANIZZARE UNA NOTTE MEMORABILE IN COMPAGNIA DI DUE
GIOVANI PROSTITUTE CHE RIESCONO A PORTARSI IN STANZA ALLINSAPUTA DI
TUTTI. I DUE, NEI PROPRI LETTI, FINGONO DI ESSERE MORTI PER UN USO
ECCESSIVO DI VIAGRA. LE RAGAZZE, SPAVENTATE, SCAPPANO VIA DI GRAN
CARRIERA SENZA ESSERE STATE PAGATE. A SCOPRIRE IL LORO ENNESIMO
SCHERZO SONO LE INFERMIERE CON CUI IMBASTISCONO UN SIMPATICO
SIPARIETTO FINALE.