Sei sulla pagina 1di 3
LETTERA APERTA A: Presidente Regione Toscana, Claudio Martini ; Candidato Presidenza Regione Toscana, Enrico Rossi

LETTERA APERTA

A:

Presidente Regione Toscana, Claudio Martini; Candidato Presidenza Regione Toscana, Enrico Rossi; Presidente Provincia di Pisa, Andrea Pieroni; Assessore Provincia di Pisa, Valter Picchi; Assessore Provincia di Pisa, Giacomo Sanavio; Assessore Provincia di Pisa, Gabriele Santoni; Assessore Provincia di Pisa, Graziano Turini; Sindaco Comune di Vecchiano, Rodolfo Pardini; Assessore Comune di Vecchiano, Luca Baldoni; Assessore Comune di Vecchiano, Massimiliano Angori; Assessore Comune di Vecchiano, Enio Francesco Chicca; Assessore Comune di Vecchiano, Serena Dilda; Assessore Comune di Vecchiano, Federico Meini; Assessore Comune di Vecchiano, Bruno Sermonti; Presidente Parco San Rossore - Migliarino - Massaciuccoli, Giancarlo Lunardi; Segretario Generale Autorità di Bacino fiume Serchio, Raffaello Nardi; Presidente Consorzio di Bonifica Viareggio Massaciuccoli, Fortunato Angelici;

CC:

Capogruppo Comune Vecchiano Lista Insieme per Vecchiano, Massimo Marianetti; Capogruppo Comune Vecchiano Lista Rinnovamento, Ione Orsini;

Dopo l’evento disastroso che ha interessato drammaticamente centinaia di cittadini del Comune di Vecchiano e tutto il comparto industriale/artigianale/agricolo piegando, economicamente e moralmente, numerose imprese, il MoviSAT - Movimento per l’Ambiente, la Salute e il Territorio, intende portare avanti, senza alcuna remora né timori, la battaglia per la Tutela del Territorio, affinché nel nostro comune non si debba mai più assistere a sciagure come quelle che hanno caratterizzato le ultime festività natalizie.

La devastante vicenda che ha coinvolto il nostro comune, fa parte di una realtà tutta italiana; un Paese trafitto da calamità, da nord a sud, ed usurpato da quello che più di bello possiede:

territorio, paesaggio e tradizioni.

Nell’ultimo ventennio il consumo di territorio in Italia ha assunto proporzioni preoccupanti e un’estensione depredante. Le aree destinate a edilizia privata, le zone artigianali, commerciali e industriali con relativi svincoli e rotonde si sono moltiplicate ed hanno fatto da traino a nuove grandi opere infrastrutturali (autostrade, tangenziali, alta velocità, ecc.). Soltanto negli ultimi quindici anni circa tre milioni di ettari di terreno, equivalenti ad un’intera regione come il Lazio, un tempo agricoli,

sono stati asfaltati e/o cementificati e questo consumo di suolo, sovente, si è trasformato in

sono stati asfaltati e/o cementificati e questo consumo di suolo, sovente, si è trasformato in puro spreco, con decine di migliaia di capannoni vuoti e case sfitte: suolo sottratto all’agricoltura, terreno che ha cessato di produrre vera ricchezza.

La cementificazione riscalda il pianeta, pone problemi crescenti al rifornimento delle falde idriche e non reca più alcun beneficio né sull’occupazione né sulla qualità della vita dei cittadini.

Non solo; conseguenza di questa politica, sono i sempre più frequenti episodi di dissesto idrogeologico che pongono a forte rischio la sicurezza e la salute dei cittadini.

Questa crescita senza limiti considera il territorio una risorsa inesauribile, la sua tutela e salvaguardia risultano subordinate ad interessi finanziari sovente speculativi: un circolo vizioso che, se non interrotto, continuerà a portare al collasso intere zone e regioni urbane.

Un meccanismo deleterio che permette la svendita di un patrimonio collettivo ed esauribile come il suolo, per finanziare i servizi pubblici ai cittadini (monetizzazione del territorio).

Tutto ciò porta da una parte lo svuotamento di molti centri storici e dall’altra l’aumento di nuovi residenti in nuovi spazi e nuove attività, che significano a loro volta nuove domande di servizi e così via all’infinito, con effetti alla lunga, devastanti dando vita a quella che si può definire la “città continua”.

Dove esistevano paesi, comuni, identità municipali oggi troviamo immense periferie urbane, quartieri dormitorio e senza anima: una “conurbazione” ormai completa per molte aree del paese.

Ma noi pensiamo che i legislatori e gli amministratori abbiano il dovere di fare scelte diverse e seguire strade alternative.

Le scelte che proponiamo risiedono in una politica urbanistica ispirata al principio del risparmio di suolo, alla cosiddetta “crescita zero”, al rispetto della vocazione naturale del territorio e nella conservazione delle tradizioni che porterebbe ad indirizzare il comparto edile nel risanamento, valorizzazione e ristrutturazione del patrimonio edilizio esistente con specifico riferimento agli aspetti della staticità dei fabbricati, del risparmio energetico e del miglioramento del confort abitativo.

Il tempo degli slogan elettorali è finito: vogliamo fatti concreti e riscontrabili quotidianamente.

Ad oggi il territorio vecchianese, come altri in Italia, resiste e possiamo ancora considerarlo un’oasi di serena coesistenza tra uomo e natura, grazie anche alle politiche amministrative locali che, fino ad oggi, hanno preservato questa sorgente naturale (Parco, Mare, Lago, Campagna).

La rottura degli argini del fiume Serchio, che ci tocca da vicino, il terremoto che ha colpito intere regioni come l’Abruzzo e il Molise, le frane in Calabria (per citare solo alcune tragedie recenti), impongono una serie di importanti riflessioni e azioni che la macchina amministrativa, di qualsiasi livello, non può permettersi di prorogare ancora nel tempo.

Nell’ottica di una seria e responsabile prevenzione del nostro territorio, al fine di suggerire pratiche migliorative agli strumenti legislativi in essere oggi, il MoviSAT chiede agli Enti preposti e agli Organi di tutela e controllo del territorio, di:

-

--

-

IIn

nns sse eer rri iir rre ee vvi iin nnc cco ool lli ii ddi ii iin

I

eei ii cca

n

v

d

ddi iif ffi iic cca aab bbi iil lli iit ttà àà iin

nne

i

eed

nn ttu

i

t

c

aas ssi ii ddi ii cca

d

aal lla aam mmi iit ttà àà ee iin

c

ii

nni iit tto oor rra aag ggg ggi ii

mmo

ee

oon

m

e

dda

d

aar rrn nne ee

uut ttt tte ee lle

ee aar rre eee ee aag

l

a

ggr rri iic cco ool lle ee cch

a

hhe

c

oor rrt tte ee rri iis ssc cch hhi iio oo iid

r

ee sso

aar rrg ggi iin nni ii

a

oo sst tta aat tte ee sso

oon

s

nno

s

mmm

oom

s

mme

eei ii ffi iiu uum mmi ii

d

f

iin

ee

e

f

eer rrs sse ee dda

d

aal lll lle ee

eei ii ffo

dde

d

ee

lle

ddi iia aan nnt tte ee

oos sss ssi ii, ,,

eed

mme

m

l

aac ccq qqu uue ee nne

a

IIn

mma

aan

m

nnu

p

e i

nn cca

aar rra aat ttt tte eer rri iis sst tti iic cch hhe ee ddi ii ffo

c

d

f

uul lll lle ee cco

ssu

s

ddr rro oog gge eeo ool llo oog ggi iic cco oo;

i

dde

nnt tte een nns ssi iif ffi iic cca aar rre ee

I

i

uut tte een nnz zzi iio oon nni ii, ,,

ddi iiz zzi iio oon nni ii ffi iis ssi iic cch hhe ee dde

nnd

oon

c

f

ggl lli ii

d

eeg

rri iis ssc cco oon nnt ttr rro oo

r

aal lll lle ee

a

eer rri iio ood ddi iic cca aam mme een nnt tte ee

ppe

iit ttt tta aad ddi iin nna aan nnz zze ee

cci

c

nnt tte eer rre ees sss ssa aat tte ee

i

iin

nnc cco oon nnt ttr rri ii ppu

i

bbl lli iic cci ii llo

bbb

uub

p

ooc cca aal lli ii, ,, iin

l

nn mmo

i

ddo

ood

m

oo tte

eel lle eem mma aat tti iic cco oo, ,, eet ttc )); ;;

t

e

)

Sappiamo che la nostra Regione, da sempre, si è dimostrata sensibile alla cura e alla

Sappiamo che la nostra Regione, da sempre, si è dimostrata sensibile alla cura e alla conservazione del nostro territorio che include un bellissimo e unico paesaggio e, proprio in virtù di questo, vediamo positivamente l’adozione di un Piano Paesaggistico che, proprio nei giorni scorsi ha concluso il suo Town meeting.

Non vorremmo assistere, in un futuro prossimo allo stravolgimento dei principi su cui si basa il Piano.

Considerare il paesaggio come un bene naturale dinamico anziché immutabile non deve essere un concetto politichese adattabile ai vari appetiti e non deve giustificare una corsa “al fare senza pensare”.

Ci sentiamo di dire che la nostra comunità è anche la comunità del Parco (San Rossore – Migliarino – Massaciuccoli) e ci auguriamo che tale Piano prenda in seria considerazione, e non escluda, le esperienze e le competenze dei Parchi regionali toscani che molto hanno dato, e daranno, in una materia delicata come quella paesaggistica.

Non vediamo occasione migliore di questa per augurarci che i soggetti chiamati in causa al

“governo del territorio”, introducano il prima possibile regole/regolamenti come:

-

-

-

-

eei iin nnt ttr rro ood ddu uuz zzi iio oon nne ee dde

RRe

R

d

eel lll llo oo ssp

ppi iir rri iit tto oo dde

s

d

eel lll ll’’a aar rrt

22 dde

112

1

eel lll lla aa LLe

d

L

gge

eeg

ggg

ee 110

1

00/ //7 777 77 ((L

LLe

(

gge

ggg

eeg

ee ““B

uuc cca aal llo oos sss ssi ii””) )), ,, eel lli iim mmi iin nna aat tto oo

BBu

e

nn iil ll TTe

oon

cco

c

OOb

bbl lli iig ggo oo

bbb

O

i

ees sst tto oo UUn

T

U

ddi ii

d

ddo

nni iic cco oo dde

aad

a

ooz zzi iio oon nne ee, ,,

eel lll ll’’e eed ddi iil lli iiz zzi iia aa

d

dda

aa

d

ppa

p

n

aar rrt tte ee

00/ //2 220 000 001 11; ;;

338

880

3

dde

ggl lli ii

d

eeg

EEn

nnt tti ii

E

aal lli ii, ,,

oom

cco

c

mmu

nna

uun

d

dde

ggl lli ii

d

eeg

sst ttr rru uum mme een nnt tti ii

s

aap

c

ppa

rre

r

eeg

aac cci ii ddi ii cco

d

ool lla aat tto oor rri ii

ggo

oon

c

p

((p

ppi iia aan nno oo

(

sst ttr rru uut ttt ttu uur rra aal lle ee, ,, rre

s

ool lla aam mme een nnt tto oo uur rrb bba aan nni iis sst tti iic cco oo ee ppi iia aan nno oo iin

ggo

eeg

r

u

e p

r

nnt tte eeg ggr rra aat tto oo ddi ii iin

i

nnt tte eer rrv vve een nnt tto oo) )) cca

i

n

nns sse eer rrv vva aar rre ee ee

e

eec cce ees sss ssa aar rri iia aam mme een nnt tte ee ppr rre eev vve eed dde eer rre ee

aal llo oor rri iiz zzz zza aar rre ee ee rri iiq qqu uua aal lli iif ffi iic cca aar rre ee iil ll tte

vva

v

e r

i

t

eer rrr rri iit tto oor rri iio oo ee lle

e l

ee rri iis sso oor rrs sse ee ees ssi iis sst tte een nnt tti ii sse

e

nnz zza aa nne

een

s

llt tte eer rri iio oor rri ii ees ssp ppa aan nns ssi iio oon nni ii;

uul u

e

ool lle ee cch

RRe

R

ggo

eeg

hhe

c

ee iin

ddi iic cca aan nno oo cco

nnd

i

oon

c

nn cch

hhi iia aar rre eez zzz zza aa, ,, aa ttu

c

a t

uut ttt tti ii ii lli iiv vve eel lll lli ii ee nne

i

l

e n

eel lll lle ee ffo

oor rrm mme ee ddi ii vvo

f

d

v

ool llt tta aa iin

nn vvo

i

ool llt tta aa rri iit tte een nnu uut tte ee ppi iiù ùù

v

r

p

oor rrt ttu uun nne ee, ,, lle

oop

ppo

ppp

o

ee mmi iis ssu uur rre ee ee ggl lli ii iin

l

m

e g

nnt tte eer rrv vve een nnt tti ii iid

i

eei ii aa mme

ddo

i

oon

nne

a

eet ttt tte eer rre ee iin

m

nn ssi iic ccu uur rre eez zzz zza aa iil ll tte

i

s

i

eer rrr rri iit tto oor rri iio oo iin

t

nnt tte ees sso oo cco

i

oom

c

mme

ee

iit ttt tta aad ddi iin nni ii eed

cci

c

e

a

dd aat ttt tti iiv vvi iit ttà àà ppr rro ood ddu uut ttt tti iiv vve ee; ;;

p

nn ppr rro ooc cce eed dde eer rre ee aa nne

NNo

N

oon

p

a n

ees sss ssu uun nn nnu

oov vvo oo ppi iia aan nno oo ddi ii iin

uuo

n

p

d

nns sse eed ddi iia aam mme een nnt tti ii rre

i

ees ssi iid dde een nnz zzi iia aal lli ii sse

r

s

ee nno

nn aat ttt ttr rra aav vve eer rrs sso oo, ,, iin

oon

n

a

nn vvi iia aa

i

v

ppr rri iio oor rri iit tta aar rri iia aa, ,, iil ll rre

p

i

r

eec ccu uup ppe eer rro oo ddi ii vvo

d

ool llu uum mmi ii ggi iià àà ees ssi iis sst tte een nnt tti ii.

v

g

e

Vogliamo che la Regione Toscana, e gli altri Enti territoriali, procedano ad una modifica virtuosa degli strumenti normativi in modo da renderli efficaci contro la speculazione edilizia e la cementificazione.

Siamo cittadini, tutti, e come tali abbiamo il dovere e il diritto di essere responsabili, non fosse altro perché lo dobbiamo alle future generazioni.

MOVISAT Movimento per la Salute, l’Ambiente e il Territorio www.movisat.blogspot.com icittadini@gmail.com

Interessi correlati