Sei sulla pagina 1di 57

Materiali polimerici

Polimeri sintetici

e polimeri naturali

Plastiche ed Elastomeri (o gomme)

Termoplastici e Termoindurenti

Alcuni scheletri a cinque atomi di carbonio

Laggiunta della pelle di atomi di H


allo scheletro di atomi di C

Temperatura di ebollizione dei primi 10 alcani non ramificati


Effetto delle forze intermolecolari

PE polietilene
-[CH2-CH2]-n
mero (unit monomerica)

Catena polimerica

A -C-CB -H

Scienza e tecnologia
dei materiali 3ed W.

Copyright 2008 The McGrawHill Companies s.r.l.

PP polipropilene
A -C-CB -CH3 ed H

Molecola di etilene (o etene)

Rappresentazione dei legami covalenti nella molecola di etilene con (a) puntini,
(b) trattini per indicare gli elettroni di valenza.
Nella molecola di etilene vi sono: un doppio legame covalente carbonio-carbonio
e quattro singoli legami covalenti carbonio idrogeno.

Il doppio legame C=C chimicamente molto reattivo !!.

Struttura dei legami covalenti di una molecola di etilene attivata.


(a) I puntini rappresentano gli elettroni di valenza. Alle estremit di ogni molecola si creano
elettroni liberi i quali sono in grado di legarsi covalentemente con gli elettroni liberi di altre
molecole. Si noti che il doppio legame covalente fra gli atomi di carbonio stato ridotto a un
legame singolo. (b) Gli elettroni liberi che si creano agli estremi della molecola sono indicati da
mezzi legami (trattini) che sono legati a un solo atomo di carbonio.

Reazioni di polimerizzazione
poliaddizioni
calore
pressione
catalizzatore

n
(monomero) etilene

polietilene (PE)

stirene

polistirene (PS)

(polimero)

policondensazioni
Es Nylon 6,6

Caratteristiche materiali polimerici


Composizione chimica
del monomero

Dimensione
(peso molecolare)

Struttura

(termoplastici ed elastomeri)

lineare

stereisomeri
atattico
isotattico
sindiotattico

ramificato

isomeri geometrici
cis
trans

reticolato

Forma
(ripiegamento catene)

(termoindurenti)

a rete
(network)

Struttura
lineari

reticolato

ramificati

network

lineare

ramificato

reticolato
(cross-linked)

Polimero lineare e ramificato


esempio: polietilene
HDPE

LDPE

LLDPE
Struttura delle catene dei differenti tipi di polietilene:
(a) ad alta densit, (b) a bassa densit e (c) lineare a bassa densit.

Rappresentazione schematica della vulcanizzazione della gomma.


Nel processo atomi di zolfo formano ponti di reticolazione tra catene di
1,4 poliisoprene. (a) catena di cis-1,4 poliisoprene prima della
reticolazione con zolfo. (b) catena di cis-1,4 poliisoprene dopo la
reticolazione con zolfo in corrispondenza delle funzioni reattive (doppi
legami).

Polimero reticolato
esempio: gomma vulcanizzata
zolfo

polibutadiene

Network
esempio: resina fenolica

Reazione di polimerizzazione del fenolo (gli asterischi


rappresentano i siti di reazione) con formaldeide

Scienza e tecnologia
dei materiali 3ed W.

Copyright 2008 The McGrawHill Companies s.r.l.

Scienza e tecnologia
dei materiali 3ed W.

Copyright 2008 The McGrawHill Companies s.r.l.

Omopolimeri e Copolimeri
omopolimero
copolimero random

copolimero a blocchi
copolimero ad innesto
o graffato

Scienza e tecnologia
dei materiali 3ed W.

Copyright 2008 The McGrawHill Companies s.r.l.

Copolimero a blocchi
Esempio: SBS

Esempio 2: polibutadiene e poliisobutilene

Struttura chimica del copolimero stirene-butadiene, gomma


sintetica.

Copolimero graffato
Esempio: HIPS

In un copolimero ci sono almeno 2 monomeri !!

Reazione generale di polimerizzazione dei monomeri cloruro


di vinile e acetato di vinile per la produzione di un copolimero
polivinilcloruropolivinilacetato.

Caratteristiche materiali polimerici


Composizione chimica
del monomero

Dimensione
(peso molecolare)

Struttura

(termoplastici ed elastomeri)

lineare

ramificato

isotattico

stereisomeri
atattico
isotattico
sindiotattico

isomeri geometrici
cis
trans

reticolato

Forma
(ripiegamento catene)

termoindurenti

a rete
(network)

(a) Stato amorfo


(b) Stato semicristallino

Polimeri sono amorfi oppure semicristallini.


Il grado di cristallinit dipende dalla struttura del monomero (ingombro sterico dei
sostituenti in catena), flessibilit della catena (natura del legame dello scheletro),
struttura della catena (lineare o ramificata) e dallentit dei legami intermolecolari.
Polimeri termoindurenti sono amorfi.
Polimeri termoplastici sono amorfi o semicristallini

(a) Stato amorfo

(b) Stato semicristallino

Struttura sferulitica, Nylon 6,9

Struttura dello sferulite

PE

amorfo
cristallino

Caratteristiche materiali polimerici


Composizione chimica
del monomero

Dimensione
(peso molecolare)

Struttura

termoplastici elastomeri

lineare

stereisomeri
atattico
isotattico
sindiotattico

ramificato

isomeri geometrici
cis
trans

reticolato

Forma
(ripiegamento catene)

termoindurenti

a rete
(network)

Peso molecolare medio


PM medio numerale
M n xi M i

PM medio ponderale
M w wi M i

Grado di polimerizzazione medio (n)


(a) numerale

Mn
nn
m
nn

Mn
m

Peso molecolare
monomero

(b) ponderale

Mw
nw
m

Peso molecolare
monomero

Per applicazioni ingegneristiche il peso molecolare deve essere


almeno 10 000 !!!!

Perch?

Peso molecolare e grado di cristallinit determinano


le caratteristiche fisiche e meccaniche di un polimero

PE

peso molecolare

Propriet meccaniche di materiali polimerici

Prova di trazione uniassiale

comportamento fragile
polimeri termoindurenti
polimeri termoplastici vetrosi

comportamento duttile
polimeri termoplastici semicristallini

Propriet meccaniche dei pi comuni polimeri a


temperatura ambiente

Scienza e tecnologia
dei materiali 3ed W.

Copyright 2008 The McGrawHill Companies s.r.l.

Polimero termoplastico semicristallino


ss

sr

Fino ad (1) comportamento elastico, il punto di massimo corrisponde al carico di


snervamento (ss), la resistenza a trazione o carico di rottura (sr) corrisponde alla sollecitazione
per la quale avviene la rottura del provino.

Deformazione di polimeri semicristallini