Sei sulla pagina 1di 17

Paesaggio

definizione ed evoluzione
di un concetto

dalle leggi del 1939 al Codice dei Beni


Culturali e del Paesaggio del 2004

Leggi del 39: protezione del bel


paesaggio e della veduta
Il paesaggio da conservare: la veduta, lambiente con
particolari caratteristiche storiche, paesaggistiche,
culturali, il pittoresco
Conservazione come obiettivo principale dellazione su
quel territorio: il tempo come variabile indipendente ed
indifferente ai luoghi
fra 1939 ed il 2004 (Codice dei beni culturali e del paesaggio)
c da ricordare

La convenzione europea del paesaggio


(Firenze,ottobre 2000)

Codice B.C. e paesaggio


Recepisce quanto maturato nel dibattito
europeo che ha portato alla Convenzione
europea del paesaggio
Riconosce il principio di equipotenzialit
estetica di tutto il territorio
Assume il concetto di
evoluzione/trasformazione dei luoghi e
riconosce la necessit di capirla per
controllarla attraverso azioni tecniche,
politiche e partecipative

Oggi possiamo dire che il

Paesaggio
designa una parte di territorio

per come percepito dalle


popolazioni
le cui caratteristiche
sono il risultato
delle azioni e delle interazioni
dei fattori naturali e/o umani

Secondo la Convenzione europea necessaria una:

Politica del paesaggio *


identifica
la formulazione, da parte delle autorit
pubbliche competenti, di principi generali,
strategie e orientamenti che consentano di
adottare misure particolari mirate alla
protezione, alla gestione e alla
pianificazione del paesaggio

* In modo analogo: Politica del territorio e/o dellambiente

che si attua attraverso gli:

Obiettivi di qualit del paesaggio


(come del territorio e dellambiente)

comportano
lidentificazione,
da parte delle autorit pubbliche competenti,
delle aspirazioni delle popolazioni
che risiedono in un territorio
per quanto concerne le caratteristiche del
paesaggio
che costituisce il loro ambito di vita

Che comprendono:

Protezione dei paesaggi


comprende

le azioni
di conservazione e mantenimento
degli aspetti identificativi o caratteristici
di un paesaggio,
giustificati dal loro valore storico
che deriva dalla configurazione naturale
e/o
dellintervento umano

e la:

Gestione del paesaggio


(come del territorio e dellambiente)

comprende
le azioni volte,
in una prospettiva di sviluppo sostenibile,
ad assicurare
una regolare ed armonica evoluzione
del paesaggio
al fine di guidare i cambiamenti
indotti dalle trasformazioni
sociali, economiche ed ambientali

e, sempre, secondo la Convenzione europea la:

Pianificazione del paesaggio


(come del territorio e dellambiente)

comprende
le azioni che prospettano
forti elementi di cambiamento
in una prospettiva di
valorizzazione, restauro o creazione
di un paesaggio

naturalmente, dobbiamo ricordare sempre

Paesaggio come risorsa


(e similmente il territorio e lambiente)

trasformabile ma non rinnovabile


da proteggere nella sua evoluzione
dunque
ogni trasformazione deve essere
COMPATIBILE e SOSTENIBILE

compatibile
Con la morfologia dei luoghi
Con la storia che ha determinato lassetto attuale dei luoghi
Con il futuro aspetto dei luoghi (mantenimento e/o trasformazione)

sostenibile
Ovvero
essere rapportata alla vita e al lavoro degli uomini
che in quei luoghi oggi
vivono e lavorano e di quanti vi vivranno e vi lavoreranno
in futuro

evoluzione
trasformazione
sviluppo
gli inevitabili cambiamenti del territorio
dove nulla mai immobile

per comprendere il paesaggio e il territorio


Parole chiave

PROFONDITA della sua storia


COMPLESSITA delle sue componenti
TRASFORMAZIONE

nelle citt questi concetti sono facilmente comprensibili ed


evidenziabili

Profondit delle sedimentazioni storiche


Complessit degli elementi e delle funzioni,
ma anche delle tipologie ecc
Trasformazione, evoluzione, crescita, sviluppo, declino ecc.
del sistema urbano

la storia: i tempi lunghi del cambiamento


paesaggio come
trasformazione
estetica e/o utile

Leconomia attuale e la rapidit del


cambiamento

Berlino

Il cambiamento
- dei territori (in senso fisico, modificazione dei diversi siti)
- della percezione dei luoghi stessi (es. le stagioni, le ore
del giorno ecc.)
- delle concezioni estetiche (relative ad ogni momento
storico)

La trasformazione
- dei territori (in senso fisico, modificazione dei diversi
siti)
- della percezione dei luoghi stessi (es. le stagioni, le ore
del giorno ecc.)
- delle concezioni estetiche (relative ad ogni momento
storico)

Il paesaggio una risorsa


trasformabile ma non rinnovabile
cui si applicano le seguenti politiche:

Protezione
Gestione
Pianificazione
Ma per applicarle necessaria la conoscenza
Analisi del territorio e degli insediamenti
Chi vuole approfondire il tema paesaggio
pu consultare la schedatura ragionata di libri utili
a cura di R. Ragghianti
alla casella del corso di Progettazione dei Giardini
LM Architettura del Paesaggio