Sei sulla pagina 1di 8
Capitoco 9 Collaudo statico 9.1, PRESCRIZIONI GENERALI I collaudo statico riguarda il giudizio sul comportamento e le prestazioni delle parti dell'opera che svolgono funzione portante. 11 collaudo statico, tranne casi particolari, va eseguito in corso d’opera quando vengono posti in ‘opera element strutturali non pid ispezionabili, controllabilie collauidabili a seguito del proseguire della costruzione. Le opere non possono essere poste in esercizio prima dell’effettuazione del collaudo statico, 1 collaudo statico di tutte le opere di ingegneria civile regolamentate dalle presenti norme tecniche, deve comprendere i seguenti adempimenti: @) controllo di quanto prescritto per le opere eseguite sia con materiali regolamentati dal DPR 6 gitigno 2001 n. 380, leggi n. 1086/71 e n. 64/74 sia con materiali diversi; }) ispezione dell’opera nelle varie fasi costruttive degli elementi strutturali ove il collaudatore sia nominato in corso d'opera, e dell’opera nel suo complesso, con particolare riguardo alle parti strutturali pit: importanti Lispezione dell’opera verra eseguita alla presenza del Direttore dei lavori e del Costruttore, con frontando in contraddittorio il progetto depositato in cantiere con il costruito. I Collaudatore controllera altresi che siano state messe in atto le prescrizioni progettuali e siano stati eseguiti i controlli sperimentali, Quando la costruzione 2 eseguita in procedura di garanzia di ‘qualita, il Collaudatore deve prendere conoscenza dei contenuti dei documenti di controllo qualita € del registro delle non-conformita, ©) esame dei certificati delle prove sui materali, articolator nell‘accertamento del numero dei prelievi effettuati e della sua conformita alle prescrizioni contenute al Capitolo 11 delle presenti norme tecniche; ~ nel controllo che i risultati ottenuti delle prove siano compatibili con i criteri di accettazione fissati nel citato Capitolo 11; ) esame dei certificati di cui ai controlli in stabilimento e nel ciclo produttivo, previsti al Capitolo u; €) controllo dei verbali e dei risultati delle eventuali prove di carico fatte eseguire dal Direttore dei lavori. 11 Collaudatore, nell'ambito delle sue responsabilita, dovra inoltre: JP esaminare il progetto dell'opera, 'impostazione generale, della progettazione nei suoi aspetti strutturale e geotecnico, gli schemi di calcolo e le azioni considerate; 8) esaminare le indagini eseguite nelle fasi di progettazione e costruzione come prescritte nelle presenti norme; 4h) esaminare la relazione a strutture ultimate del Direttore dei lavori, ove richiesta. Infine, nell’ambito della propria discrezionalita, il Collaudatore potra richiedere: i) di effettuare tutti quegli accertamenti, studi, indagini, sperimentazioni e ricerche utili per for- ‘marsi il convincimento della sicurezza, della durabilitae della collaudabilita dell’opera, quali in particolare: - prove di carico; + prove sui materiali messi in opera, anche mediante metodi non distruttivi; Pr P ~ monitoraggio programmato di grandezze significative del comportamento dell’opera da pro- seguire, eventualmente, anche dopo il collaudo della stessa. 538 Capitolo 9 9.1 PRESCRIZIONI GENERALI |i Capitola & delle NTC detta disposizioni minime per I'esecuzione del collude s:atico, fatto a verificare il comporcamento e le prestazioni dele parti di opera che avalgano funzione portante e che interessana la sicurezza dell opera stessa e, conseguente- mente, la pubbica incalumica Le finaita del collauso statico previsto dal T-U. del'Edlizis (OPA n. 380/201), she ne regola le procedure per le sole strutcure in cemento armato normale e precompresso fe metaliche, vengono estese a tutte le parti strutturali delle opere, indipendente- mente dal sistema costruttivo adottato e dal materiale impiegato, In ogni case il certifieste di collaudo statica delle structure di ur‘opera é un documen- to autanomo che, comunque, fa parte integrante del collauda generale tecnico. amministrativo del’'intera opera, quando previsto. I Committente 0 i Costruttore, nel casa in cui quest ‘ultimo esegua in proprio le co: struzione, possono richiedere al Collaudatore statico 'esecuzione 4 collaudi statici parzal in carso d'opera, qualora siano motivati da dificelta tecniche e da camplessita secutive del opera, salve quanto previste da specitiche disposizioni in materi. Per consentire I'utilizzazione owere l'esercizio delle costruzioni diacipinate dal: NTC ® necessarie in ogni caso i prevent rilascio del certificate di collaudo statico, con tenente Ie dichiarazione di colleudabilta delle relative opere structural, da parce del Collaudatore, I collaudo statica comprende i seguenti adempimenti Zecnicr. voi alla formazione del gludizio del Collaucatore sulla sicurezza e stabilta doll'opera nel suo complesso, includendo il volume significative del verrena, le structure di fondazione e gli elementi structural in elevazione, nonché sulla rispon ddenza ai requisiti prestazionali indicat in progetto con particolare rferimerta alla vita nominale. alle classi d'uso, ai perodi di riferimenta e alle azioni sulle costruzio amministrativ: volti ad accertare 'aweruta rispatto della prescrizioni cecriche ecessare ad assicurare la pubblica incolumita e delle procedure previete dalle ormative vigent! in materia di strutture. 1 Collaudatare statico @ tenuto, quindi, a veriicare la correttezza delle prescrzioni formal dela arogettazione strutturale in canformita della NTC e, quando ne ricarra Io cincostanza, anche il ispetto degli articli 58 e 65 del OPA n, SBO/2001, Egli@, inoitre, tenuto ad effettuare 8) unigpezione generale dell opere, nelle varie fasi costruttive degli elementi strut ‘tural dellopera con specifico riguardo alle strutture pil significative, da mettere ‘a confronta con i progetti esecutivi strutturali, di cui el Cap. 10 delle NTC e Cap, C10 dela presente Circolare. conservati presso il cantiere, attraverso in pro- ‘casso ricognitiv alla presenza del Direttare dei lavor e del Castruttore: un esame dei certiicati reetivi alle prove sui material. comprensivo del accer- tamanto del numero dei preliei effettuati e della relative conformte alle NTC, nnanché del control sulla rispondenza tra i risutati del calcolo edi criteri di ac- Ccettazione fissati dalle norme anzidette, in particolere di quella del Cap. 11 delle NIC e di cui al Cap. C11 della presente Circolare, prevedendo. eventualmente, Tesecurione ai prove complementari, come previsto al § 11.2 delle NTC; un esame de cercifcatirelatvi ai controll sulle armature in acca (per cemento ~armato normale @ precompressa) pill in generale dei certifieati dl cui ai control in stabllmento @ nel ciclo produttivo, provsti al Cop. 11 delle NTC e C11 della presente Circalore: Lun esame de verbal dele prove di carica eventualmente fatte eseguire dai diret- tore dei laver, in particalare quelle su! peli of fondzione, che devono risultare conform’ allo NTC: Lun esame dell mposcazione generale dolla progettazione dell‘opers, degli schem! 4 catcoto utiizzati e delle azioni considerate, nonché delle indagini eseguite nelle fasi gi progettazione e costruzione in conformica delle vigenti norme; Lun esame della relazione a structura ultimata del Dinetzare dei lavor\ preseritta per le strutture regolate dal DPR n. 3802007 ‘ne! caso in cul opera sia eseguite in procedure di geranzie ai qualita, la canvalida {dei document! oh controle qualita ed i registro delle non-contormica. Qualor® vi siano non conformita irisolte, il Collsudatore statico deve interrompere le apera zioni e non pud concludere i! colaudo statieo, Tale cincastanza covra essere co: ‘municata dal Collaudatore statico, senza alcun Indugia, al Responsable & gestio ne del Sistema Qualia, al Committente, al Costruttore, al Direttore del lavor, per ladozione dei prowedimenti di competenza, finalzzati all'zdazione di azioni Correttive 0 greventive sul Sistema Gualita ai fini dela correzione o prevenzione dalle non confarmits, seconde le procedure stabiite nal manuale dh gectione del Sisteme Quali nel caso di strutture dotate di dispositivi di isolamento sismico ela di dissipazio- ne, /acquisizione dei document arigin, Fornti dal produttore e dol cereificati relativ: alle prove sui maternal alla qualficazione dei dispositiv utiizzat: ale prove Gi accettazione in cantiere disposte dal direttore dei lavon. In tal caso @ fondarnentale il contralo della posa in opera dei disposi, del rispetto delle tolleranze e dele modaita di posa prescritte in fase di progetto I Colleudatore statico ha facolta ai disporre l'esecuzione di spacial prove per la ccaratterizzazione dinamica del sistema di isolamento, atte a verficare il compor emento della costruzione nei riguardi delle 8210" i tipo sismico ulterior’ accertamenti, stud) indaginl, sperimentacionie ricerche uti per \a for rmezione i un serio convincimento sulle sicurezze, durabiita © colaudebilte ell opera, a cisorezione del Collaudatore statica, al pari della richiesta di docu ‘mentazioni integrative di progetto, In particolare il Collaudatore statico potra effettuere ~ prove ai carica prove sul material messi in opera, anche medante metod non distruttiv ‘volte ed interpretste secando le specifche norme afferenti a ciascun mate Piale pravista nelle vigenti NTC; ‘manicoraggio programmato oi grandexze significative del comparcamento del opera da proseguire, eventuslmente, anche dopa il colaudo della stesse, ‘A conclusione delle operazion di collaudo il Collaudatore statico rilascia il certificato di colleudo statico. Esso conterra una relazione sul pragetto strutturale © sui docu- ‘anti esaminati e sulle eventuali attivita integrative svolte, i verbal delle waite effet ‘uate con la descrizione delle operazioni svolke, 1 giudizo sulla cellaudabilts 0 non col- laudabiita delle strusture e dela loro ispezionabilita ai fini della manutenzione, con n= ferimento allintero periodo della fora vita utile Per le costruzioni esistenti si applicana i eriteri di collaudo statica relativi alle nuove ‘opere, salvo quanto aggiunto, desuminie ela dversamente indicata nel Cap. 8 celle NTC e nel Cap. C8 dala presente Circolere. 9.2. PROVE DI CARICO Le prove di carico, ove titenute necessarie dal Collaudatore, dovranno identificare la corrispon- denza del comportamento teorico e quello sperimentale. I materiali degli elementi sottoposti a col- Iaudo devono aver raggiunto le resistenze previste per il loro funzionamento finale in esercizio. 1 programma delle prove, stabilito dal Collaudatore, con 'indicazione delle procedure di carico e delle prestazioni attese deve essere sottoposto al Direttore dei lavori per I’attuazione e reso noto al Progettista e al Costruttore Le prove di carico si devono svolgere con le modalita indicate dal Collaudatore che se ne assume la piena responsabilita, mentre, per quanto riguarda la loro materiale attuazione, @ responsabile il Di- rettore dei lavori 540 Tepito 8 Nel collaudo statico si terra conto di quanto indicato nel Capitolo 4 per i vari materiali, inoltre per i ponti di quanto prescritto al § 5.1 per i ponti stradali e al § 5.2 per quelli ferroviari Le prove di carico sono prove di comportamento delle opere sotto le azioni di esercizio, Queste de- vono essere, in generale, tali da indurre le sollecitazioni massime di esercizio per combinazioni ca- ratteristiche (rare). In relazione al tipo della struttura ed alla natura dei carichi le prove possono es- sere convenientemente protratte nel tempo, ovvero ripetute su pitt cic Il giudizio sullesito della prova 2 responsabilita del Collaudatore, Leesito della prova va valutato sulla base dei seguenti element — le deformazioni si accrescano all'incirca proporzionalmente ai carichi; — nel corso della prova non si siano prodotte fratture, fessurazioni, deformazioni o dissesti che compromettono la sicurezza o la conservazione dell’opera; la deformazione residua dopo la prima applicazione del carico massimo non superi una quota parte di quella totale commisurata ai prevedibili assestamenti iniziali di tipo anelastico della struttura oggetto della prova, Nel caso invece che tale limite venga superato, prove di carico successive devono indicare che la struttura tenda ad un comportamento elastico; Ia deformazione elastica risulti non maggiore di quella calcolata. Le prove statiche, a giudizio del Collaudatore e in relazione all‘importanza dell’ opera, possono es- sere integrate da prove dinamiche e prove a rottura su elementi strutturali 9.2. PROVE DICARICO Le prove di carica, ove ntenute necessarie dal Collaudatore statico, hanno la tnaita di ientincare la corrispondenza fra comportamento teorico e sperimentale. | mate ali degli elementi sottapasti a prove devono aver raggiunto le resistenze previste per i lore funzionamento finale in esereizio, Il programma delle prove, predisposto dal Collaudatare statico, con Vindicazione delle procedure di carico e dale prestazioni attese (detormazion, Ivell tensianall,reazione ei vincol, ec.) va sottoposto al Dinettore dei lavon per lattuazione e reso rato al Progettista perché ne convalidi ja compatibiita con il progetto strutturale ed al Co- structore per accettazione Nel casa di mancata convalida da parte del Progettista o di nan accettazione de arte del Catruttora, i! Colaudatere statioo, con relazione motivata, otra. chisderne Fesecuzione al Direttore dei Lavori, awero cichiarare l'opera nan collaudabie. Le prove di carice devone essere svclte con le madalita indicate dal Colleudatare sta tico che ne assume la responsabilta mentre la loro materiale attuazione & affdata al Direttore de lavon, che ne assume la responsabilt, Nelle prove si tend conto di quanto indicato nel Cap. 4 delle NTC per i vari mazeriali Por | ponti si terra conto, inaltre, di quanto presertto al § 5.1.6 8.2 delle NTC ed ai corrispondenti paragrafi della presente Circolare, rispettivemente per i ponti stradali fe per uel ferroviar. Le prove di carico sono prove di comportemento delle opere sotto le azioni di eserci 20, tall da indurre le sollecitaziani massime gi esercizio per combinazioni caratterist- che (rare), In relezione al tipo oi struttura ed ella natura dei carichi le prove possona essere con- venientemente protratte nel tempo. ower ripetute in pil cil 1 giudizio sul'esita delle prove & responsabilte del Collaudatore statica, Esse vanna ccondotte effettuando i seguenti accertamenti durante il oro svolgimento: = le deformazioni si acerescana all'incirea proparzionalmente ai carich = non si siana prodotte tratture, fessuraziani, deformazion’ a dissest! che compro rmettana la sicurezza o la conservazione dell opera: Ia detormazione residua dopa la prima applicazione del carico massimo non super luna quota parte di quella totale commisurata ai prevedibil assestamantiinziali di sat tipo anelastico dela struttura oggetto delia prova. Nel caso invece che tale limite venga superato, prove di carice successive devona indicare che la struttura tenda ad un comportamento elastico: + la deformazione elastics risulti non maggiore oi quela caleolat | Collaudatore statico dovra a priori stabilie un eangrua numero ststistico di prove ‘wero ci cicl di prova @ seconda del componente o della struttura da callaudare, Nel ‘c8s0 che I'opers preveda aiversi companenti strutturall, le prove dovranno essere ei ppetute per ogni tipelogia ci componente, Le prove statiche, a giudizio del Collaudatore od in relazione alimportanza delopere. ppessono essere integrate con prave dinamiche che consentano i giudicare il compor tamenta del opera attraverso la risposta ginamica della strutturs, nonché integrate ‘con prove a rottura su elementi struttural Con riferimento alle prove ol verfica su pall, possano essere eseguite prove di carico dinamiche purehé i relat risultati signa tarati con quell derivants da prove stetiche © iano effettuati control non distruttii su almena il 154% dei pal 92.1. Strutture prefabbricate In presenza di strutture prefabbricate poste in opera, fermo restando quanto sopra specificato, si devono eseguire controlli atti a verificare la rispondenza dell opera ai requisiti di progetto; ¢inoltre fondamentale il preventivo controllo della posa degli elementi prefabbricati e del rispetto del pro- getto nelle tolleranze e nelle disposizioni delle armature e dei giunti, nonché nella verifica dei spositivi di vincolo. 09.2.1 Strutture prefabbricate In presenza di structure orefabbricate poste in opera, ferme restando quanto sonre Specificato, vanno eseguiti controll atti a veriicare la rispondenza dell'opare ei requ Siti ol progetto. E inoltre fondamentale il preventive cantrailo della p0sa degli element! prefebbricat’ © del rispetto de! progetto nelle toleranze @ nalle disposizioni delle ar mature e dei giunti, nonche nella veriica dei cispasitiv di vincolo | giudiio del Collaudatore statico sulle sicurezza dell opera dovra essere rifeito sio al Componete strutturale prefabbricato in calcestruzza armato, normale o precompres- 50, singolo, nelle fesi transitorie oi formatura, movimentazione, steccaggio, tresporto © montaggio, sia come elemento di un pil complassa organismo structurale una volta 922. Ponti stradali Fermo restando quanto sopra specificato, in particolare si dovra controllare che le deformazioni sotto i carichi di prova, in termini di abbassamenti, rotazioni ecc, siano comparabili con quelle pre~ viste in progetto e che le eventuali deformazioni residue dopo il primo ciclo di carico, determinate come indicato pitt sopra, non risultino superiori al 15% di quelle massime misurate, ovvero succes- sive prove di carico dimostrino che le deformazioni residue tendano ad esaurirsi, Per i ponti a campata multipla, la prova di carico deve essere eseguita su almeno un quinto delle campate, secondo le modalita sopra precisate. Per le opere di significativa rilevanza, le prove statiche andranno completate da prove dinamiche, che misurino la rispondenza del ponte all’eccitazione dinamica, controllando che il periodo fon- damentale sperimentale sia confrontabile con quello previsto in progetto. 502 Ceniai0 8 Gerry 09.2.2 Ponti stradal predispasto dal Colaudatore statico con riferimento ai calcoli strutturali ed i loro Pisuleati Ditre a quante speciicato nel precadente § C9.2, il Collaudatore statice controllers ‘che le deformazioni sotto i carchi gi prova, in termini oi sbbassamenti, rotazion ecc, siano comparabili can quelle previste in progette © che le eventuali defarmazian resi ‘due dopo il primo ciclo di cerico, determinate come indicato pid sopra, non risultino superior’ al 15% ci quella massime misurate, owara successive prove di carica dime trina che le deformazioni residue tendana ad esaunirsi Per i ponti a campata multipia, la prove i carico va eseguita, secondo le madaliea precisate nel § C5.2, interessando almena 1/5 del numero compiessiva di campate, frrotondate al unita Superiore, Per le opere di significative levanza, le prove statiche andranna integrate con prove sinariche che misurino la rispondenza del ponte al'eccitazione dinamica, contrallando che il penioda fondamentale spermentale sie confrantabile con quello previsto n pro gett 923. Ponti ferroviari Oltre a quanto specificato al precedente § 9.2, le prove di carico dovranno essere efiettuate adot- tando carichi che inducano, di norma, le sollecitazioni di progetto dovute ai carichi mobili verticali nello stato limite di esercizio, in considerazione della disponibilita di mezzi ferroviari ordinari e/o speciali. Le deformazioni residue dopo il primo ciclo di carico, determinate come indicato pitt so- pra, non devono risultare superiori al 15% di quelle massime misurate, ovvero successive prove di Carico devono dimostrare che le deformazioni residue tendano ad esaurirsi Per i ponti a campata multipla, Ia prova di carico deve essere eseguita su almeno un quinto delle campate, secondo le modalita precisate nel capoverso precedente Per le opere di significativa rilevanza, le prove statiche andranno integrate da prove dinamiche, che misurino la rispondenza del ponte alleccitazione dinamica, controllando che il periodo fon- damentale sperimentale sia confrontabile con quello previsto in progetto. 63.2.3 Ponti ferroviari Le prove sui ponti ferroviari vanno esequite sulla base di un piano dettaglato predi posta dal Collaudatore statice con nferimenta a caleol struttural ed a lara esi, Ottre @ quanto specifcato al precedente § C9.2, Ie prove di carica vanno effectuate adottendo carioh che inducano, di norma, le gallectazioni gi progetto davute ai cari Chi mobil vertical nello stato limite oi esercizo, in considerazione della dispanibilta di ‘mezzi ferrovian ordinarie/o special, controllando che le deformazioni residue dopo I phe cio di carico, determinate come indicato pil sopra, non risultino superior al 115% ci quelle maccime misurate, awera successive proved carica dimastrina che Ie ddeformazioni residue tendano ad esaurirs Per i ponti a campata multipla, la prova ci carico va eseguita, secondo le modalita pracisate nel § C9.2, interessando almena 1/5 del numero complessivo di canpate, Srrotondate all uta cuperiore, Per le opere di signifcativa rlevanza, le prove statiche andranno integrate de prove ginamiche che misurino la rispondenza del ponte al'eccitazione dinamica, contrailando coho il perioda fondamentale sperimentale sia confrontabile con quello prevista in pro- corto, 504 £9.24 Ponti stradali e ferroviari con isolamento e/o dissipazione U1 coliaudo statico deve essere effettuata in carso d'apara: al riguardo si segnala che ai fondamentale importanza é i controlle dala pasa in opera del dispositiv, nel rispet: to dalle tolerance e delle modalité gi posa preseriete dal progetto, nonché le verica ella completa separazione tra sottostruttura e sovrastruttura e tra quest uime ec altre strutture adiacenti, con i ngoroso risaetto delle cistanze ci separazione prev ‘ste in progetto. iI Collaudatore pub disporre l'esecuzione oi special prove per Ia co ratterizzazione dinamica del sistema di isolamento atte a verficare, ne’ riguersi di szioni i tipo sismico, che le ceratteristiche della costruzione corrispondano a quelle Capitol 8