Sei sulla pagina 1di 1

Il cibo ne "I promessi sposi" : una fame senza fine

Quello della fame un tema che il Manzoni rinnova trattandolo alla luce di una prospettiva inedita per la letteratura
romanzesca precedente. Meglio: lo scrittore milanese adotta l'argomento conferendogli una seriet e una dignit fino
allora sconosciute. Per la prima volta la fame denunciata come un problema da affrontare e risolvere per la comunit
umana che vive tra le pagine del romanzo. Viene ribaltato il concetto di fame tipico della commedia dell'arte, dove
compariva come caratteristica peculiare (ma dai risvolti comici) dei poveri, degli sfortunati, dei villani: idea che emerge
anche dalle parole dei nobili della Lombardia seicentesca durante il pranzo al palazzotto di Don Rodrigo (cap. 5) dove,
unica voce fuori dal coro quella di frate Cristoforo, non a caso personaggio interclassista per eccellenza del romanzo,
quindi testimone consapevole sia della visione distorta della realt pronunciata dai signori che delle vere condizioni dei
bisognosi.
La fame la spina dorsale del romanzo manzoniano: assieme alla provvidenza l'elemento fondamentale del paesaggio
realistico (percorso da un profondo e criticamente meditato afflato cristiano) che Manzoni disegna attorno ai
personaggi. Il segno culinario, presenza speculare e contraria alla fame, lo strumento con cui l'artista cerca di
imbastire un progetto di realismo micro e macro storico intriso di una meditata e sofferta visione religiosa ed etica. La
carestia, manifestazione pi dolorosa della fame, viene avvertita da Manzoni sia sotto l'aspetto economico che sotto
quello morale. L'aspetto economico pone un problema puramente strumentale, fa questione di mezzi, di
amministrazione: ricchezza e povert rimangono meri termini di una tecnica. L'aspetto morale solleva invece un
problema che colpisce duramente la persona umana, tocca la questione vitale della fame: e la fame incide a sua volta
sulla vita intima dell'uomo, ne scatena le passioni.
Nelle pagine sulla carestia milanese (capp. 12 e 28) la storia indossa i colori della tragedia: il dramma della mancanza di
cibo accompagna la sciagurata condotta degli uomini che, chi per il comportamento irrazionale ("l'immensa moltitudine
d'uomini () che passa sulla terra () inosservata, senza lasciarci traccia"), chi per l'incuranza nell'assolvere al proprio
ruolo pubblico (cio i nobili indegni gestori della cosa pubblica), non sanno organizzarsi per ovviare al meglio alle
sciagure. Il misero raccolto del 1628, i provvedimenti del gran cancelliere Antonio Ferrer (che fissa la tariffa del pane
ad un prezzo troppo basso per le reali possibilit del mercato), i forni assediati e i fornai costretti a lavorare
ininterrottamente, il successivo rincaro del prezzo del pane fatto dalla giunta milanese e i nuovi assalti del popolo
inferocito che distrugge e saccheggia il forno delle Grucce: questo il sugo della storia della fame dei milanesi. Una
storia che assume connotati sempre pi tetri quando l'avidit spinge alcuni ad ammassare senza risparmio la farina nelle
casse, nelle botti, nelle caldaie, quando gli amministratori tentano invano di obbligare il popolo a nutrirsi con
improbabili pani di mistura fatti con il riso e in modo ancor pi straziante quando per le strade si incontravano cadaveri
con le bocche piene d'erba masticata, ultimo squallido pasto prima della morte. Attraverso un maestoso affresco condito
di particolari crudi e squisitamente precisi, Manzoni racconta l'agonia di un'umanit a cui venuta a mancare la materia
prima della vita: per questo motivo la situazione si presta ad immaginare improbabili ricettari con portate a base di
fame, accompagnata da pani di riso (impastato forse con un po' d'orzo, di segale e di veccia), da indigeste erbe di prato e
cortecce d'albero (condite con un po' di sale), da acqua di pessima qualit (cap. 28). Nei capitoli 12 e 28 Manzoni rende
la fame, che si manifesta duramente attraverso la carestia, protagonista della vicenda, elemento che diventa storia dei
personaggi e allo stesso tempo permette loro di entrare nella storia del secolo.
Manzoni sente che il problema economico della carestia un problema umano, realt storica viva: la fame, che qui si
manifesta con tutta la sua potenza distruttrice, un fattore costitutivo della storia narrata, un "personaggio" importante
per tutto il romanzo. La carestia, estrema manifestazione della fame, non viene mai dimenticata dall'autore che fin dal
secondo capitolo la mette in primo piano: infatti, caratterizzando il personaggio di Renzo, viene detto che "da quando
aveva messo gli occhi addosso a Lucia, era divenuto massaio, si trovava provvisto bastantemente, e non aveva a
contrastar con la fame". Alla carestia si richiamano poi gli episodi di frate Galdino che nel capitolo terzo percorre le
strade del paese per raccogliere l'elemosina delle noci; presente sui volti dei contadini che fra Cristoforo incrocia per
strada nel capitolo 4; appare, come gi detto, nelle vane parole dei convitati alla tavola di Don Rodrigo prima dello
scontro tra questo e padre Cristoforo (cap. 5); implicitamente protagonista nella scena della cena a casa della famiglia
di Tonio (cap. 6); viene citata mentre, nel capitolo 9, Renzo, Lucia, Agnese e il conducente si fermano in un'osteria dove
fanno "colazione, come permetteva la penuria de' tempi () A tutt' tre pass per la mente il banchetto che, due giorni
prima, s'aspettavan di fare". La frequenza con cui la nota della carestia si fa sentire, ritornando insistentemente in
margine ad ogni episodio, ne denuncia il valore intimamente costruttivo rispetto alla vicenda del romanzo.