Sei sulla pagina 1di 4

N5marzo2013

Volan noinforma voacuradelForumdeiGiovanidiMontesarchio

PAGINA

PAGINA

PAGINA

PAGINA

EMERGENZA DROGA

Giovani e giovanissimi investiti da un fenomeno in preoccupante aumento


La droga a Montesarchio c sempre stata.
Neglianni70laportavanostuden elavoratori fuori sede che tornavano in paese per il
week-end.Nel1980iniziilconsumodimassa. L'uso di sostanze stupefacen (s amo
parlando sia di droga pesante che
leggera) tocc il suo apice dopo la guerra
dei Balcani (1995) quando Montesarchio e
SanMar noValleCaudinadivennerostazioni
intermediediuntracoillecitocheviaggiava
lungo la via Appia, sull'asse Campania - Puglia.
Neldicembredel1990,duranteilperiododellefes vitnatalizie,unragazzo mor di overdose nei pressi della
villacomunale.Cos tuimmouncomitato e organizzammo la prima fiaccolatacontroladroga.Qualcosainizia
muoversi. Si form un nutrito gruppo
di giovani (alcuni purtroppo gi tossicodipenden ) e volontari, senza l'apporto dei quali la comunit
"Maccacaro" non sarebbe mai nata.
Nelluglio91aprimmolacomunitin
localit Montemauro ed un centro di
ascoltoinPiazzaUmbertoI.
Nonostante tu o luso di droga a
Montesarchio non diminuito, anzi si aggiornato coi tempi inserendo nuove e pi
economichesostanzecomecrackedestasi.Il
consumo divenuto meno cruento: mol
infa nonsibucanomalasnianoelafumano; il fenomeno cos diuso da passare
inosservato, quasi come se fosse diventata
una normale abitudine di massa. La
"ques one-droga" viene alla ribalta, principalmentealivellomedia co,soloquandoc
un caso di overdose, un arresto per spaccio,
qualche gita scolas ca "rovinata" dalle sostanze stupefacen , qualche rissa all'esterno
deilocalioviolenzesuicoetaneisubitoarchiviatecomeformadibullismo.Altrochebullismo.

Il venerd ed il sabato sera a Montesarchio


ga acicova.
TraPiazzalaGardeePiazzaCarloPoeriola
movidacaudinafausodialcooledroghe.Se
inlocolamercescarseggianoncproblema:
cisiorganizzaperandarlaaprenderealtrove;
tempo fa le des nazioni erano Por ci ed Ercolano, poi Secondigliano, oggi di moda
Caivano. Nel 2013 siamo ormai giun alla
quinta generazione di tossicodipenden e
mentreiprimihannosuperatoisessantanni,

let dei giovani scesa fino alle scuole medie. Medici curan , genitori ed insegnan
fannoquellochepossono,maspessoigiovani sfuggono al controllo. Tu avia dicile
capire come nel terzo millennio non ci si accorga della trasformazione di un ragazzo e
come si so ovalu no i primi, preoccupan ,
segnalicheemergonoquandosifausoeabuso di estasi, crack, eroina, cocaina, cannabinoidi, anfetamine, benzodiazepine, alcol e
nuovedipendenzecomeilgiocodazzardo,lo
shopping, l'uso di social network e, in mol
adolescen ,ilsessocompulsivoeirresponsabile.
Cosa fare? E la domandadisempre. Intanto
dire no allomert. La cosa peggiore fare

fintadinonsapere,nonvedereenonsen re.
Ladrogacdovecladomanda.SeaMontesarchiovidomandadidroga,dialcooledi
giocodiazzardo,unchiarosintomodimalesseresociale.Chifausodidrogasestamale
vuolestarbene.Sestabenenonsiaccontenta e vuole star meglio. Invece di organizzarsi
conaltrigiovaniperrenderemiglioreilmondoincuivive,cercaintantodistaremeglio
lui,conilsuogruppooconilsuobranco,pur
sapendochelusoelabusodisostanzeporta
progressivamente ad uno stato di deresponsabilizzazione(veditan episodi
diviolenzeefemminicidioingiovaniin
etadolescenziale)edialterazionedel
proprio cara ere e della percezione
dellarealt,oltreadavereripercussionisullapropriafamiglia.
Ai par , alle associazioni ed alle is tuzionieduca vepresen sulterritorio
propongodidiscuterneinsieme,magari riproponendo quel Forum delle AssociazionichelaCoopera vaMaccacaro ha proposto e realizzato a Montesarchionel1996(chiostrocomunale)e
nel1999(villacomunale)me endoa
confronto su ques temi ci adini, associazioniedis tuzioni;un'altraideaquella
di aprire una "Casa del Volontariato" ges ta
datu eleassociazioni.
In mancanza della comunit terapeu ca, ormai rasa al suolo, propongo al Sert locale di
avviareinsiemeaicomunidellavalleCaudina
einsiemeallaCoopera vaSocialeMaccacaro
Dueunacampagnapreven va,coinvolgendo
i medici curan . Infine is tuire un centro
diurno per coloro che chiedono aiuto per
guarire e, una volta superata la dipendenza,reinserirsineltessutosociale.
Uncentrodiascoltogratuitoinfunzionein
Piazza Pennino a Montesarchio (telefono
335/8071273)
Do . Ugo Esposito

Lesperienza diretta di un giovane: rubavo loro di casa per procurarmi i soldi

Intervista confessione

Il dramma familiare raccontato da un genitore: sono io il primo responsabile ma...


Dueangolazionidiversedallequalisiosservalostessoproblema,duefaccedellastessamedaglia:genitoriefiglialle
preseconildrammadelladroga.Abbiamoraccoltoletes monianzedire e:quelladiungiovanedicircavent'annie
quelladiungenitoreallepreseconunfigliopocopicheadolescente.Nonstatofacileperlepersoneintervistate
parlareconnoi.Gliabbiamochiestodifarlosenzaremoregarantendoglil'anonimato.
"Ho sempre pensato che i miei
figli potessero fare tu o, ecce<<Ho la colpa di non zionfa aperduecose:rubaree
Quelle no, non gliele
aver percepito cosa drogarsi.
avrei mai perdonate. Li avrei
u fuori di casa, chiusi in
stava accadendo>> sba
qualche comunit. Per me erano
cose inconcepibili. Il trauma che
ho subito quando mi sono trovato di fronte ad un figlio che faceva
usodisostanzestupefacen statoforte,tantofortedafarmicambiareilmododipensare.Misonomessoindiscussionecomegenitore,misonopresolemieresponsabilit.Holacolpadinonaverpercepito ci che stava accadendo, il dolo di non essere stato rigido sulle
mieposizioniquandononcondividevocerteamicizie,certefrequentazioni,cer orari.Poic'laso ovalutazionedelfenomeno,anch'essa grave: mai avrei
accostato mio figlio
alla droga. Nella mia
mente le due cose
erano lontane anni
luce. Lo ripeto e lo
ribadisco: sono io il
primo responsabile
ma ... ma spesso mi
chiedocosaoraquesto paese ai giovani.
Non c' una biblioteca,uncinema,unteatro, uno spazio di aggregazione decente.
Voi del Forum fate un
buon lavoro e quest'inizia va an droga ne
la prova, ma non
basta.Civorrebberoimpian spor vi,palestre,piscine,campidatennis,canestridabasketnellestrade,rassegneculturali,mostre,incontri, kermesse, laboratori. Oggi a Montesarchio un ragazzo di 17-18
anni che scende in strada dove deve andare se non dietro al parcheggio?Ecco.Quest'unaltroaspe ochevorreiso olineare.Tu
sannochecisonozonedelpaesenellequalisifausoeabusodisostanzestupefacen manessunointerviene.possibile?concepibile?
Credo,anzinesonoconvinto,chelaci adinanzanonabbiaunapercezionechiaradelproblema.Aquestosiaggiungelapocavogliadelle
persone di arontarlo in maniera seria e determinata. Si preferisce
nonguardareinfacciaallarealt,voltarsidall'altraparte,pensareche
in fondo i propri figli sono diversi, loro non si ritroverebbero mai in
situazionitantospiacevoli.Edallora,anchequandoqualcosanontornaneicomportamen quo diani,nelleabitudini,neglia eggiamen
sitendeaminimizzare,asminuire,anondareimportanza:l'errore
pi gravechesi possa fare.Pi grave diquello chehocommesso io
nonaccorgendomidell'involuzionedimiofiglio.

"Ho iniziato come tu : mi sono


ritrovatoinsituazioninellequali
interpretavo la parte dello <<La "bo glia" te
spe atore. Guarda una volta,
due,tre...lavogliadiprovare la fai nelle ex poste,
viene. Prima solo il crack, poi
sul lago di moccia>>
l'eroina. Il tu o innaato da
fiumi di alcool. La rou ne era
semprelastessa:venerdafarelacolle a,sabatoma natrasfertaa
Napolieilpomeriggiolosballo.Quelloche restavaloconsumavila
sera, come an depressivo post-sbornia. Poi non basta pi solo il
week-endedallorainizia"scendere"tre/qua rovoltease mana.
Si fa tappa nei luoghi di Gomorra: Secondigliano, Scampia ecc. Ma
anchenellemenoge onate,mapursemprerifornite,SantaMariaa
VicoeSanFeliceaCancello.Iniziadassumereunacertadimes chezza nel muover tra le
"vele", le "case celes ",le"casedeipu",
lo "Chalet Baku". Ti
diventano
familiari
luoghicheprimaascoltavi solo al telegiornale.L'eroina,la"robba",
lapieconomica:1314 euro al pezzo. Il
crack lo trovi a 18-20
euroadose.Lacocaina
la pi costosa: per
avere la "polvere" ci
vogliono25-30euro.A
ques prezzi vanno
aggiunte le "spese di
trasferta"perandaree
tornaredaNapoli:benzinao,all'occorrenza,biglie perpullmanetreni.Dadoveprendoi
soldi?Quandononmibastavanoquellichemipassanoigenitorimeli
procuravo : lavore occasionali ma anche piccoli fur dai portafogli
deimieifamiliari.Sonoarrivatoavendermil'orodicasapurdipoter
scappare a Napoli e tornare con una dose. Dove la consumavo? Ci
sonodiversipos .Dietroalparcheggio?No.Lsirullanosololecanne.La"bo glia"telafainelleexposte,sullagodimoccia,nelletante
stradine del centro storico. Oppure mon in macchina e vai nelle
campagne,inluoghiisola dovenoncorriilrischiodiesserescoperto
edisturbato.Lacosachemihaimpressionatodipiinquestafaccenda?Vedereadolescen ,pocopichebambini,cheinvecedigiocare
conisolda nieconlebarbiesidivertonoconaccendino,bo glie a
damezzolitroecartaargentata.Nonsonounsanto.Ancheiomisonoavvicinatoaquestomondodagiovanissimo.Maiprimitempimi
limitavoallacannailsabatosera.Elofacevodinascosto,inmodoche
nonsisapesseingiro.Oggic'l'ostentazione.Comesedrogarsifosse
untrofeodame ereinmostra...edinveceunoschifo".
Forum dei Giovani di Montesarchio
Pagina 2

La musica stupefacente
Jimi Hendrix, Jim Morrison, Janis Joplin, Lou
Reed...icone del rock e vi me illustri dello
smodatousodisostanzestupefacen .Lerock
star degli anni sessanta furono pionieri di un
epocaincuilirruzionedelladroganelmondo
della musica prese tu alla sprovvista. Lo
sballodaunaparteaiutavaastemperarelo
stress procurato dalla dimensione di un successo inumano a cui i giovanissimi musicis
non erano abitua , dallaltra parte i fans
avrebberoimitatoilorobeniaminianchenelle
azioni pi deplorevoli. Si cap subito che la
droganoneracosabuonaequindiiniziarono
le gius ficazioni socio-poli co-personali. La
filosofia dellautodistruzione stava tu a nel
bruciare la propria vita pi o meno velocemente per arrivare comunque felici alla morte:vogliomorireprimadidiventarevecchio
dicevanoiWho.Gius ficazionisuragatedalladisinformazione,dallospiritoditrasgressio-

La droga
tornata
a
Montesarchio.
Non che sia
maipar taper
lasciare spazio
a rose e fiori,
ma nellul mo
anno si registrato un sensibile aumento dei
consumatoriinci .Nonsolol'arrivodiuna
nuovadrogainpaesearendereamaraquesta
constatazione ma anche e sopra u o la percentualelargamentemaggioritariadigiovanissimi che ne fa uso e che, all'occorrenza, percorrelatra aMontesarchio-periferianorddi
Napoli. Dai quindici ai ventanni, vol pallidi e
sguardi assen , luno coinvolge laltro.
Piazza La Garde come luogo dincontro e
punto di partenza per il viaggio, spesso
giornaliero, verso il capoluogo partenopeo.Comesiarrivaapercorrerelaviadel
disagio, dellalienazione, della perdita totale della personalit, della distruzione di
s e dei propri familiari forse risaputo
ma, forse, i pendolari dello sballo non
hannobenchiarogliee collateralichei
loroviaggicomportano.
Chifausodidroghe"pesan "(sarebbepi
corre odire"devastan ")comeleroinao
il pi moderno crack, quando non nega
levidenza, gius fica se stesso parlando di
uso e non di abuso, senza sapere che
lunolanaturaleevoluzionedellaltro.
Lee odeidiversi pidisostanzestupefacen varia e dipende dalle quan t assunte. Ogni droga consumata in minime dosi
agiscedas molante;quan tmaggioriagisconodaseda vo,dosipigrandidavelenoconil
rischiodicausarelamorte.Quindiusarenon
uccide?Simuoresoltantoperunusovolu uarioenoncontrollato?Esa o,machinefauso

ne, e, perch no, da insicurezze e debolezze pensiaSydBarre deiPinkFloyd,PaulDianno


inibitedallesostanzeproibite.
degliIronMaiden,DaveMus ndeiMetallica,
tu esclusidalsuccessoperproblemididroga. La presa di coscienza del problema ridimension il fenomeno, si cap che si poteva
esserefamosienondroga elosballodaun
must divent un fa o personale ma , purtroppo,senzamaisvaniredeltu o.Cidarebberagioneaquan pensanochesianolamusica e chi la fa ad is gare alluso e abuso di
droga, se non fosse che lee o piacevole
della musica sulluomo si conosce da tempi
lontanissimi, il bisogno ancestrale di colorare
lavitaconisuoninonhanienteachevedere
conlequazionemusica=droga,anzilamusica stessa cos stupefacente da non dover
Cosarimasedilapocodeitossicodipenden richiedere nessuno stato di alterazione per
celebrienonceloraccontalastoria.Ladroga essereapprezzata.Gaetano Adamo
fu (ed ) un male che escluse i sui fruitori
nonsolodallavita,maanchedalsuccesso.Si

Dalla siringa alla bottiglietta


Tutti gli effetti collaterali della droga del momento: il crack
forsenonsachequestesostanze,tu e,cannabis e alcool comprese, se vengono usate per
periodiditempopiomenolunghiproducono
tolleranza ed assuefazione. Per o enere lo
stesso ee o provato le prime volte occorre
assumere dosi sempre maggiori, fin quando si
superaunasogliaoltrelaqualesiviveinpiena
schiavit della sostanza e lunico scopo della
giornataprocurarsiladose:ladipendenza.
Essa la manifestazione di una combinazione
perfe a e distru va della dipendenza fisica e

diquellapsicologica.Laprimalincapacitdel
corpo di funzionare corre amente senza la
sostanza secondo la quale si modificato,
ada andosi; la seconda la pi dicile da
sconfiggere perch pu restare a vita, anche
dopoladisintossicazione,esimanifestaconil

desideriodinonpotercon nuareaviveresenzalasostanzaeilricordoindelebiledelpiacere
che provocava. Ma forse colui che sceglie di
provarequestopiacerenonsacheessonon
altro che la punta di un iceberg.
So o la superficie lo a endono ee meno
piacevoli, che pu evitare soltanto sme endo
di drogarsi. Il crack (o cocaina free-base) provoca un forte incremento della produzione di
dopamina e accresce in maniera innaturale
la vitdellareadelcervellochepresiedealle
sensazioni di piacere. Illude, portando ad
unafasebreveedintensaincuicisisente
su, seguita da unimmediata depressione che induce ad assumere altre dosi. La
depressionecausatadallafinedellesaltazione ar ficiale diventa sempre pi profonda e pu portare a comme ere qualsiasi a o necessario a fumare la bo gliaunaltropo.Distruzionedelsistema
nervoso centrale, allucinazioni, disturbi
del sonno, irritabilit, esaurimento, comportamentoviolento,perditadelsensodi
famiglia,tristezza,depressione,schizofrenia, rapida diminuzione dipeso,tachicardia, rischio di infarto cardiaco e arresto
respiratorio, sono ques i risvol inevitabili di chi decide di sballarsi con pietra,
bo glie a, carta argentata e cannuccia.
Sipumoriredicracksenzafinireinoverdose, anche alla prima assunzione. la droga
che causa tra le pi for dipendenze. Inu le
ricordare gli ee delleroina che ha ucciso
milionidipersoneintu oilmondoneglianni
80e90.Chivuoleprovare?
Alberto Vele
Pagina 3

Da In Exitu a Trainspotting, Zero Zero Zero e

Noi i ragazzi dello zoo di Berlino


Un viaggio nel crudele mondo della droga tra libri, film e spettacoli teatrali
"Slacci la cintura. Scesero, nella debil luce, i
calzoni. Poi gli slip. La magrezza tant'era che
non gli fu necessario sforzo alcuno. Quindi,
servendosi dell'acqua, si dispose a preparar la
miscela. S'ud un urlo. Forse si tra ava di una
disperata maledizione. L'ago entr". Riboldi
Ginounragazzomilanese,datempodrogato,
dasempreinconfli oconcichelocirconda.
Vivedidroga.Nonhaamicisenonpertornacon , parla con loro per scroccare mone ne;
arriva al punto di mendicare e pros tuirsi pur
di riuscire a racimolare il gruzzole o che gli
avrebbe donato un po' di pace. La sua storia
viene raccontata da Giovanni Testori ne "In
exitu" che, gi considerata una grande opera
le eraria, trova la sua massima espressione
come rappresentazione teatrale. Vengono
messiinscenagliul miistan dellavitadiGino. Testori in pochi versi narra il percorso del
protagonista,dall'as nenzaalmomentoincui
riescearecuperarelarobaesopra u o,incui
laconsumainie andoselafinoadarrivareallo
"sballo".L'autorefaunasortadiparallelocon
la passionediCristo, dal momento in cui il Signoresicaricalacroceeparteversoilluogoin
cui incontrer la morte; cos rappresenta il
dramma dell'eroina,
come un des no gi
segnato. La Madonna
comelamadrediGino
persa nel pianto e nel
dolore, non pu far
altro che guardare impotente; l'angelo della
mortesiavvicina,prende suo figlio e loporta
via, freddo e crudele,
insensibile all'agoniadi
chi condannato a non riuscire a reagire. Lo
spe atore viene quasi travolto dalla crudezza
con la quale Testori descrive il dramma della
tossicodipendenza. Il drammaturgo non usa
mezze misure, racconta il mondo della droga
per quello che . Un realismo necessario ma
cheglicostalaclamorosaedingius ficatacontestazione del teatro la Pergola di Firenze l'8
Novembredel1988.
Sullastessalunghezzad'ondadi"Inexitu"troviamoillibro"Noi, i ragazzi dello zoo di Berli
no"(dalqualestatotra oilfilmomonimo).
Un documento verit sul dramma della droga
fra i giovani. Il volume, nato da una serie di
intervistefa enellaGermaniadeglianni80ad
unaragazzaimputatainunprocessoperusoe
spaccio di sostanze stupefacen , riporta la
toccante la storia di Chris ane Vera Felscherinov; un'adolescente costre a a vivere un'infanziadicile,cara erizzatadaviolenzeemaltra amen da parte del padre. Chris ane si
scontra con un mondo sporco, corro o, dove
cen naiadiragazzisonolega daununicofilo
condu ore:latossicodipendenza.Laprotagonistacresceinunambientechenonlaama,in
uncontestoincuiobbligataasopravvivere,
fingendo di avere un cara ere forte a fronte
della sua natura fragile e indifesa. A Berlino,

dovesitrasferisceconlamadreeconlasorella
inseguitoaldivorziodeigenitori,cominciaad
entrarenelmondodelladroga:iniziaafumare
hashish,aberesuperalcolici,aprendereacidi
epas ccheesopra u oafrequentarecompagnie di ragazzi
tossicodipenden ,
vis
come un idolo
da seguire ed
imitare. Frequenta
un
gruppo
di
bucomani,
coloro che si
inie avano
leroina, e col
tempo comincia lei stessa a
farne
uso.
Finchungiorno, chiusa nel bagno di casa sua per bucarsi,
viene scoperta dalla madre che rapita da
sen men di rimorso per non aver dedicato
abbastanza a enzioni alla sua famiglia. Chris ane decide di disintossicarsi e, arontando
variesfideprincipalmenteconsestessa,riuscir ad uscire dal mondo della droga trasferendosi da una zia. Dopo Milano, Berlino e Correggio il nostro viaggio tra le operecinematografiche, le erarie e teatralici porta adEdimburgo. Nella capitale scozzese ambientato il
film Trainspo ng (regista Danny Boyle) tra o
dall'omonimolibro di IrvineWelsh. Protagonis sono un gruppo di ragazzi distacca dalla
societ che vedono leroina come rifugio da
tu e quelle preoccupazioni quo diane. la
storiadeltossicomaneMarkedellasuabanda
diamici.Prividiun'occupazionefissasopravvivonofa cosamenteconfur edaltriespedien per procurarsi la dose. Mark si so opone a
periodiche fasi di disintossicazione, ma senza
successo; finch tenta di dare una svolta alla
suavitarecandosiaLondraafarel'agenteimmobiliare. Risucchiato dai vecchi amici, viene
coinvolto in un aare di droga che procura al
gruppounabellasomma.AquestopuntoMark
dovrprendereunadecisione:scegliereladrogaolavita?Unfilmaggressivonellimmaginee
nelracconto,matalvoltaancheironico.Sealla
fine ci si chiedesse perch ques zi vivono
cos, la risposta sarebbe molto semplice: la
noia.ComediceRenton,luieglialtrinonhannovogliadiavereunmicroonde,untelevisore
da quaranta pollici, dei proge per il futuro,
dei programmi per diminuire il colesterolo alto,deirisparmiperpotersiilluderedipoter,un
giorno, vivere da benestan , degli ideali a cui
credere,oaltrecose pichedellagentecomune; se vedono qualcosa la rubano, se hanno
vogliadicompiacersinellaloroapa a,lofanno
senza problemi; per fare questo, per, hanno
bisognodipoteroperareamodoloro,fuggendocompletamentedallarealt,facendosche
ilgodimentosiacompleto:l'eroina.Madavverol'eroinapurisolveretu iproblemi?Dav-

veropufarfelici?solounasempliceillusione che dura pochi secondi e subito dopo devi


iniziare a preoccupar per trovare altra roba.
Robache,primaopoi, condurrallamorte. Non scegliete la droga. Non scegliete la
morte.Sceglieteunlavoro,sceglieteunafamiglia, scegliete gli amici, scegliete l'amore, sceglieteunfuturo,sceglietelabuonasalute.
SCEGLIETELAVITA!
Chiudiamolanostrarassegnaconl'ul mafa caeditorialediRobertoSaviano:Zero, zero,
zero.Ilmondounapastatondachelievita.
Lievita a raverso il petrolio. Lievita a raverso
il coltan. Lievita a raverso i gas. Lievita a raversoilweb.Tol ques ingredien ,rischiadi
aosciarsi, decrescere. Ma c un ingrediente
piveloceditu echetu vogliono.Edla
coca.Uningredientesenzailqualenonpotrebbe esistere nessuna pasta. Proprio come la
farina.Enonunafarinaqualsiasi.Unafarinadi
qualit.Lamigliorequalitdifarina:000.Con
queste parole l'autore di Gomorra spiega il
perch del tolo del suo ul mo libro. Lo
scri ore partenopeo sciorina un'a enta ed
approfondita analisi sulle implicazioni sociali,
economicheepoli chedella"mercedellemerci": la cocaina,
veleno per la
democrazia e la
concorrenza. Chi
la traca non
solo ha capitali
da inves re, ma
riesce a mantenere prezzi pi
bassi e a ba ere
i compe tor. La
situazione
di
arrestopoli cocheviveilnostroPaese,secondoSaviano,favorisceleorganizzazionicriminali, lasciando loro tempo e libert di movimento.All'internodiquestoromanzovengononarratetantestorie,unapiagghiacciantedellaltra. Dai pusher che, tra angoscia e paranoia,
spessosifannodellastessarobachespacciano
e dellAfrica, diventata forse il pi importante
punto di carico. A suo dire ormai non pi
nera, ma bianca, bianca di polvere. E qual il
principio di ques traci? Vale sempre il vecchiode ocolombianoPlataoplomo,soldio
piombo,perciseseiunpolizio o,unpoli co
o un banchiere, o acce di essere corro o o
sei morto. Semplice e dire o. I soldi, trasforma in toli di vario genere, vengono fa
transitare da un paese allaltro, per diventare
irrintracciabili, ma sopra u o, puli . E cos
finiscono per cos tuire la base per i pres
interbancari, per finanziare a vit perfe amente lecite, come supermerca , cinema, negozietant'altro.Noncenerendiamocontoma
ormaicisiamotu dentro.
Dea Dello Iacovo, Stefano Damiano,
Carmina Migliozzi

Pagina 4