Sei sulla pagina 1di 8

Scuola dellinfanzia Luca della Robbia - Impruneta

DALLE BOLLE DI SAPONE ALLA COSTRUZIONE DI STORIE


Quest'anno scolastico da Gennaio a Maggio, abbiamo intrapreso con i bambini di tre
anni un percorso linguistico.Una volta alla settimana, abbiamo proposto ai bambini una
serie di esperienze inizialmente sensoriali poi, attraverso l'acqua e le bolle
colorate:fragili,ma accattivanti ed emozionanti, abbiamo provato a stimolare la
fantasia e l'immaginazione di ogni bambino, cercando di sensibilizzarli all'ascolto e alla
costruzione di storie.
Percorso didattico:
Attivit propedeutiche al soffio
Lettura e drammatizzazione della storia "il lupo e i tre porcellini"
Giochi con le bolle
Giochi psicomotori : facciamo finta di... soffiare, correre, rincorrere, sgonfiarsi
e scoppiarsi
Bolle musicate: giochi con il corpo utilizzando i cerchi
Bolle manipolate (esperienze grafico-pittorico-manipolative)
Bolle parlanti: esprimere raccontando i momenti piacevoli dell'esperienza,...ho
visto..., mi piaciuto..., mi ricordo..., ho fatto..., io ero...
Ricerca di emozioni e ricordi attraverso letture di supporto "la bolla di sapone"
di G. Rodari
Bolle trasparenti (giochi con il nailon)
Letture di appoggio, storie e filastrocche
Trascrizione, rilettura e ricomposizione delle verbalizzazioni dei bambini
Le nostre microstorie: emozioni e sentimenti emersi dalle esperienze vissute
Il soffio
Una serie di giochi ed esperienze per rafforzare nei bambini la capacit di
soffiare.
Il bicchiere e l'acqua
Dopo un breve periodo di conoscenza tra i bambini delle due sezioni (blu e rossa)
durato circa due incontri, durante i quali hanno giocato,cantato, ascoltato, il 31 di
gennaio iniziata l'avventura, abbiamo portato nella stanza dei bicchieri, delle
brocche piene di acqua. Dopo che ciascun bambino ha ricevuto il bicchiere con dentro
Il liquido abbiamo chiesto di muovere lacqua con il soffio prima leggero e poi sempre

pi forte.
Alcuni commenti:
Silvio: saltata via lacqua. Mi sono schizzato.
Elisabetta: schizzata e si muove.
Gianmarco: si infilata nel naso.
Gemma: schizzata fuori.
Martina: soffiando lacqua va su e gi.

Neri: le bolle.
Agata: lacqua si muove se soffio pi forte, uscita dal bicchiere.
La cannuccia
A questo punto oltre al bicchiere, diamo ai bambini la cannuccia e chiediamo loro di
soffiarci dentro e sentire il soffio prodotto; molti di loro dicono che dal buco della
cannuccia esce il "freddo". Prima di riempire i bicchieri di acqua chiediamo ai bambini
di soffiare con la cannuccia dentro al bicchiere vuoto e di ascoltare; alcuni dicono che
si sente il vento, la sua voce.
Mettiamo dentro al bicchiere l'acqua e con la cannuccia proviamo a soffiare, cosa
succede?...
Olivia: faccio le bolle con la cannuccia e l'acqua...soffio dentro la cannuccia
l'aria.
Carolina: faccio le bolle con il soffio.
Ledio : le bolle vanno veloci, le bolle grandi e piccole, ho fatto il lupo. Ho
soffiato come il lupo.
Alessio (st. blu): Ho preso la cannuccia, messa nel bicchiere e ho fatto le bolle
piccole e grosse. La cannuccia in bocca e poi ho soffiato, il lupo soffia.
Martina (st. blu): quando ho soffiato lacqua, quando io soffiavo la cannuccia le
bolle erano contente perch io facevo un soffione grosso, si trovavano dentro la
cannuccia.
Abbiamo chiesto ai bambini di soffiare nei bicchieri senza acqua e alcuni hanno detto :
non ci sono le bolle perch manca lacqua);

Per consolidare nei bambini l'esperienza fatta la ripetiamo anche la settimana dopo e
loro non si fanno certo pregare.
La carta velina
Nella stanza di psicomotricit i bambini hanno trovato un nuovo materiale "la carta
velina", prima l'hanno osservata, manipolata, ascoltata, strappata, hanno provato a
farla volare soffiandoci sopra, sotto, lanciandola in aria mentre veniva recitata la
poesia di Piumini Il vento.
In seguito abbiamo chiesto ai bambini di appallottolare la carta e di provare a soffiare
come prima e vedere cosa succede: Si appallottola, la pallina non vola pi.
Con le palline fatte di carta velina si organizza una gara: chi riesce a far arrivare la
pallina dentro al cerchio.

Le polveri
Nell incontro successivo abbiamo fatto trovare ai bambini dei contenitori con delle
"polveri":farina bianca, farina gialla, sale, cacao. I bambini potevano giocare con le
polveri ma senza mescolarle e a turno scambiarsi di posto.
Dopo averla manipolata..Arriva il vento che sotto forma di cannuccia comincia a
soffiare sulle polveri..

Le barchette
Marzo il momento ideale per far muovere le barchette. I bambini hanno trovato
nella stanza i contenitori con l'acqua e senza farsi pregare hanno cominciato a
soffiare mentre le insegnanti recitavano la poesia di Piumini; poi abbiamo dato a
ciascuno una barchetta di carta e chiesto loro di provare a soffiare forte e piano
ascoltando la poesia. Alcuni bambini hanno ancora difficolt a soffiare,altri cercano di
usare la mano per spostare la barchetta,ad alcuni la barchetta affonda, altri riescono
a finire lattivit senza affondarla.

Il vento con le dita (pittura)


Proviamo a dipingere il vento di marzo? Su dei grandi fogli muoviamo le dita, intinte
nella tempera, come il vento lasciamo una traccia: il vento birichino, il vento veloce, il
vento che distrugge...
I bambini alla domanda di che colore il vento si sono trovati d'accordo ad usare il
celeste per la brezza, il blu per il vento forte.

La storia "i tre porcellini


La fiaba per eccellenza dove ricorre il soffio "Il lupo e i tre porcellini". Ci
disponiamo tutti in cerchio pronti per l'ascolto e il soffio!
Le bolle di sapone
Alla domanda cosa serve per fare le bolle... i bambini hanno risposto cos:
Serve una specie di cucchiaino con il sotto aperto.
Una forma tonda con il buco dentro.
Le bolle si fanno con il cucchiaino aperto sotto, si inzuppa dentro alla scatolina
e si soffia.
Dentro la scatolina c' l'acqua con il sapone.
Dentro al bicchiere le bolle facevano rumore, non volavano, con il sapone volano.
Le bolle sono un po' grandi e un po' piccole.
Quando si inzuppa forte viene una bolla grande, quando si inzuppa poco vengono
piccole, si inzuppa uguale le bolle vengono un po' mischiate, sia grandi che
piccole.
Se si soffia troppo forte le bolle non vengono.
Finalmente arrivato il momento di fare le bolle. I bambini sono entusiasti! Ad ogni
bambino viene dato un barattolino di bolle e ognuno si esprime.
Frammenti di conversazione:
Silvio . sparita quando lho presa, sono blu.
Agata :le bolle sono grandi, di colore rosa. Sono di tutti i colori pi belli del
mondo, stanno volando. Il vento porta via le nostre bolle.
Ledio : sono di tutti i colori,tante bolle blu, arancione, stanno volando sono di
plastica.
Neri : le bolle sono grandi, tonde, di tutti i colori.
Le bolle con i cerchi
Nel mese di aprile siamo andati nella stanza di psicomotricit e siamo entrati in una
bolla ( un cerchio colorato per ciascun bambino). Le bolle sono tonde,sono arancioni,
rosa, gialle, celesti, blu, verdi, di tanti colori. La bolla va sulla testa, dietro al
corpo, sulla pancia, si pu entrare dentro, con un piede dentro e uno fuori, le bolle
volano con la musica, ci siamo accoccolati o sdraiati. Poi abbiamo chiuso gli occhi e
siamo stati accarezzati dal telo blu. A questo punto tutti in cerchio intorno al telo
abbiamo recitato la filastrocca...
Soffia, soffia sempre il vento,non si ferma mai un momento.
Io lho incontrato stamattina/ Veniva dai boschi su in collina.
Talvolta sembra un bambino/ fa i dispetti da birichino:scompiglia a tutti i capelli,

rivolta vestiti e ombrelli.


Non sempre il vento per buono/Quando urla e fa frastuono o si trasforma in
un mostro strano/diventando un uragano..
Ti prego vento rimani brezza e chiunque incontri accarezza !
Il telo
Dopo aver letto la poesia abbiamo mosso il telo come se ci fosse il vento: lento con il
vento leggero che accarezza e veloce con un vento forte come un uragano. Dopo aver
ripetuto il gioco alcune volte,il telo diventato la piscina. Un gruppo di bambini va
sotto, gli altri muovono il telo in alto e in basso. Dopo il gioco hanno commentato:
Viola C.: dentro al telo che era la piscina sono stata bene,cera quel vento forte,
forte..ridevo.
Meini:mi piaceva il vento dentro la piscina..mi sentivo bene,ero contento.
Soile: lacqua della piscina si muoveva forte,io ero dentro la piscina,ero
tranquilla.
Martina (st. rossa):dentro la piscina mi piaciuto quando il vento era forte.
Gemma:mi piaceva il vento forte quando ero dentro la piscina,mi sentivo agitata.
Oscar: mi piaciuto di pi quando ero fuori dalla piscina. Dentro la piscina mi
dava noia,il telo mi sembrava di stare in un posto chiuso.
Gianmarco: stato bello,mi piaciuto luragano quando ero sotto il telo,mi
sentivo bene.
Leonardo: luragano,quando stavo sotto. Stavo bene, ero felice.
Samena: luragano. I capelli volavano sotto il telo. Mi sentivo bene.
Marco: io mi sono divertito a muovere il telo,mi piaciuto di pi sotto il telo,il
vento mi faceva il solletico. Era buio,io cercavo di fare un po di luce.
Clark: quando facevo cos (muove le mani) al telo. Sotto il telo i capelli si
muovevano su e gi. Ero felice,ridevo.
Livia: quando ero sotto il telo stavo bene,ridevo.
Edoardo: andare sotto perch mi faceva il solletico quando era forte.
Nellincontro successivo stato chiesto ai bambini di muoversi come se soffiasse il
vento su di loro.
Con le raffiche di vento rotoliamo, gattoniamo, strisciamo, ci spostiamo con le mani,
con i piedi, in avanti e poi all'indietro.
Le bolle con la pittura
Consolidiamo l'esperienza fatta con i cerchi, chiediamo ai bambini di provare a fare le
bolle con il pennello e le tempere.
Chiediamo loro di parlarci delle bolle. Di che colore sono? - Verdi, rosse, rosa... Che
forma hanno le bolle? - Tutti concordano che sono tonde.
A questo punto mettiamo il grembiule, prendiamo i pennelli e i barattoli con la tempera
desiderata e via... i risultati non si fanno certo aspettare!

La bolla di cellofan
E' maggio ci avviciniamo alla fine del nostro percorso di lingua; dentro la nostra bolla
di cellofan ascoltiamo l'ultima storia:

Alice nella bolla di sapone di Rodari.


Alice Cascherina faceva le bolle di sapone. A un tratto forse soffi troppo forte, fece
una bolla pi grossa delle altre e ci cadde dentro con tutta la cannuccia. La bolla
sorpass la ringhiera, il vento la spinse in alto e sarebbe andata a scoppiare contro la
grondaia se Alice, buttandosi tutta dall'altro lato, non l'avesse costretta col suo peso
a deviare."Meno male che una bolla dirigibile, - pens Alice per consolarsi - e meno
male che a quest'altezza non ci sono farfalle". Poco prima, infatti, aveva visto una
farfalla e una bolla scontrarsi, e la bolla si era dissolta. A quest'altezza, per,
volavano le rondini, perch si avvicinava la sera ed era l'ora, per loro, di fare provvista
di moscerini. "Speriamo che non mi prendano per una zanzara", pens Alice con un po'
di batticuore. La bolla oscillava pigramente tra un tetto e l'altro. Alice pot vedere
distintamente la nonna, uscita sul balcone a cercarla. Povera vecchietta: si sporgeva
dalla ringhiera e guardava in gi, forse temendo che Alice fosse caduta in strada.
"Nonna nonna - chiam Alice. Le pareti della bolla tremarono pericolosamente.- Qua
bisogna parlare piano. Uno strillo potrebbe causare un'esplosione o un naufragio". Il
mondo, l dentro, appariva pi colorito, ed ogni cosa era fasciata almeno da un
arcobaleno, se non da due. Alice si guard una mano e anche la mano aveva al dito un
arcobaleno piccolo come un anello. "Dove andr? Dove andremo? Dove vanno le bolle di
sapone, quando non cadono e il vento le porta via?". Non andarono lontano: la bolla si
pos sul terrazzo di una villetta di quattro piani, e posandosi scoppi. Alice venne
fuori: qualche goccia di saponata sulla punta delle scarpe era tutto quel che restava
delle bella bolla di sapone. Sul terrazzo non c'era nessuno, solo dei panni stesi ad
asciugare, in fila su tante corde e un gatto che si crogiolava agli ultimi raggi del sole

tra le antenne dei televisori. Alice cerc la porta delle scale e torn a casa. (Gianni
Rodari)
I bambini, mentre ascoltano, seguono le indicazioni di Alice della storia per non fare
rompere la bolla: si spostano e muovono le mani lentamente,parlano a bassa voce. I
bambini vengono divisi in due piccoli gruppi per facilitare la comprensione e
lattenzione su quanto stanno facendo. Soffiano forte o piano e si muovono in modo da
spostare la bolla (il telo) girando nella stanza osservando ci che vedono dal telo
trasparente.Cosa vedete? Il giardino,lalbero,lo specchio, i cerchi,te (la maestra),la
porta..
Dopo la storia ogni gruppo racconta le proprie impressioni con modalit diverse
Gruppo A: risponde alle domande: Dove va la bolla? - Cosa le succede?
Va a casa nostra,rotola sui fiori del nonno e poi scoppia.
A casa mia,va a guardare i cartoni con me.
In un castello,si scoppia.
Scappa e va dentro il fiume.
In una citt,cade gi in una casa piccola piccola degli uccellini.
Cade gi e scoppia sopra una macchina.
La bolla trova un uccellino che vola,luccellino va sullalbero.
La bolla vede un aeroplano, ci va sopra,trova una farfalla e scoppia.
La bolla scoppia perch c un aeroplano.
La bolla nel cielo,scende,scoppia vicino a una rosa.
Gruppo B: inventa microstorie
Ero su un'altra bolla e stavo per cascare ma avevo un paracadute e sono
atterrato su un mare e sono ritornato nuotando sulla riva.
C'era una volta un leone che stava per mangiarmi, ho corso e sono inciampato e
ho battuto il "muso" contro l'albero e sono andato all'ospedale. Allora ho preso
la pistola e ho sparato al leone.
C'era una bambina che stava giocando e ad un certo punto venne la mamma che
la sgrid perch non doveva giocare prima di fare merenda. Venne un cattivo e
port via la mamma e la bambina e le port in un villaggio d'indiani. L'indiano
cattivo le arrost e le mangi alla brace.
Ero dentro una bolla di sapone insieme ad un leone che mi voleva mangiare. Ho
fatto un pizzicotto alla bolla e questa scoppiata e io sono caduta sul leone e il
leone morto.
Ero dentro ad una bolla, era piccola ed scoppiata ed io non mi sono fatta male
perch c'erano le foglie. Poi venuto un cavallo a prendermi e sono andata a
casa mia.
C'era una volta un gattino, vicino alla mia casa ed andato via insieme con il
cavallo, sono andati nella bolla e sono volati su nel cielo.
Gruppo C: inventa la storia collettiva:
C'era una volta un cavallo che fa una magia da mago e fa le bolle.

Il cavallo camminava in una prateria sull'erba ed incontr un drago, il drago soffiava il


fuoco dalla bocca negli occhi del cavallo e il cavallo fa le bolle per fare spengere il
fuoco. Dopo il cavallo va dal fornaio a mangiare la schiaccia, dopo va a correre
nell'erba e poi gli viene freddo e si mette una mantella perch era stato nel ghiaccio,
prese un martello per rompere il ghiaccio. Dopo va a casa con gli altri cavalli piccoli.