Sei sulla pagina 1di 11

I regolamenti amministrativi

I regolamenti del Governo e i


regolamenti ministeriali

1
I regolamenti amministrativi

I regolamenti amministrativi sono atti normativi


secondari, subordinati cioè alla legge ordinaria. La
subordinazione gerarchica dipende dal fatto che i
regolamenti amministrativi:

n devono trovare fondamento nella legge (principio


di legalità)
n I regolamenti non possono contrastare con la
legge.
2

2
Le tipologie di regolamenti
amministrativi

In base al soggetto che li adotta


distinguiamo:

n Regolamenti governativi;
n Regolamenti ministeriali;

n Regolamenti di altre autorità.

3
Le tipologie di regolamenti
amministrativi
Regolamenti governativi Regolamenti ministeriali
n imputabili al Governo nel n adottati con Decreto
suo complesso; ministeriale (DM) nelle
n deliberati dal Consiglio dei materie di competenza del
Ministri previo parere del ministro quando la legge
Consiglio di Stato; conferisce espressamente
n emanati dal PdR con DpR; tale potere;
n sottoposti a visto e n adottati previo parere del
registrazione da parte della CdS;
Corte dei Conti; n sottoposti a visto e
n Pubblicati in GU. registrazione da parte della
Corte dei Conti;
n Pubblicati in GU.
4

4
Le tipologie di regolamenti
amministrativi secondo la L. 400/88

La legge 400/1988 individua (art. 17)


cinque categorie di regolamenti
amministrativi:
n Regolamenti esecutivi:
n Regolamenti di attuazione ed integrazione;
n Regolamenti indipendenti;
n Regolamenti di organizzazione;
n Regolamenti di delegificazione.
5

5
I regolamenti esecutivi

Danno esecuzione a leggi e/o atti aventi


forza di legge, per cui:
n Non possono innovare o aggiungere
alcunché all’atto nel quale trovano
fondamento;
n Possono solo specificare quanto già
potenzialmente compreso nell’atto cui
danno esecuzione.
Non si tratta dunque di regolamenti
autonomi
6

6
I regolamenti di attuazione ed
integrazione

Il loro scopo è dare attuazione ed


integrazione ad atti, legislativi o con forza di
legge, recanti norme di principio.
Non sono ammissibili in materie coperte da
riserva ed in quelle attribuite alla
competenza delle Regioni.

7
I regolamenti indipendenti

Intervengono dove esiste un vuoto


legislativo disciplinando materie che la
legge non ha disciplinato. Non possono però
intervenire nelle materie oggetto di riserva
di legge.

8
I regolamenti di organizzazione

Disciplinano organizzazione e
funzionamento delle amministrazioni
pubbliche secondo le disposizioni dettate
dalla legge in attuazione della riserva
contenuta nell’art 97 Cost.
Possono essere di esecuzione, di attuazione
e integrazione, ma mai indipendenti.

9
I regolamenti di delegificazione

Per delegificazione s’intende il potere del


legislatore di affidare una determinata materia,
già disciplinata dalla legge, alla competenza
normativa del potere esecutivo.
n I regolamenti di delegificazione si sostituiscono
ad una o più leggi;
n I regolamenti di delegificazione non abrogano la
legge che sostituiscono perché un regolamento
non può mai abrogare una legge.
Che fine fanno le leggi sostituite?
10

10
I regolamenti di delegificazione
Legge xyz

Art. 1
Il Governo è abilitato a
disciplinare la materia ***
mediante regolamenti.
Art. 2
Legge/i yyy All’emanazione della
Regolamento zxy
disciplina regolamentare le
Disciplina …
discipline legislative già
esistenti in materia sono Art. 1
Art. 1 considerate abrogate In attuazione della legge
Bla, bla, bla … xyz … bla, bla, bla …

È la legge xyz ad abrogare la


Abrogazione disciplina legislativa previgente, solo
che l’abrogazione opera dal momento
in cui sono emanati i regolamenti di
delegificazione.
11

11