Sei sulla pagina 1di 4
INDICE. Prefazione Capitolo 1 - RISOLUZIONE DI UN TELAIO SPAZIALE Sommario 1.1. Schematizzazione 12. II procedimento risolutivo 13. Azioni agli estremi delle aste 14. Equazioni di equilibrio 14.1. Generalita 14.2. Equilibria del nodo 14.3. Equilibrio del piano alla traslazione 1.4.4, Equilibrio del piano alla rotazione 1.5. Risoluzione manuale dello schema 1.5.1. Procedimento operativo 1.5.2. Esempio numerico 1.6. Equazioni di equilibrio in funzione di rotazioni ¢ spo- stamenti . . 1.6.1. Equilibrio del nodo 1.62. Equilibrio del piano alla traslazione 1.6.3. Equilibrio del piano alla rotazione 1.7. Risoluzione mediante elaboratore elettronico Bibliografia Appendice al capitolo 1. a. Introduzione b. Elenco delle variabili c. Descrizione del programma d. Codifica del programma e. Modalita di utilizzazione f. Esempio Bibliografia Capitolo 2 - INFLUENZA DI TRATTI RIGIDI E DEFORMA- BILITA A TAGLIO NEL CALCOLO DEI TELAI SPAZIALL Sommario 2.1, Introduzione 2.2. Schematizzazione ...... 2.21. Telai-parete (walled frames) 2.2.2. Pareti di taglio (shear walls) 23. Azioni agli estremi delle aste ...... 23.1. Relazione tra azioni flettenti e rotazioni dei nodi 232. Determinazione delle rigidezze di nodo e di piano 2.33. Momento flettente e taglio agli estremi di un’asta 2.3.4. Momento di incastro perfetto ee 14 V7 19 19 20 21 22 22 23 31 31 31 32 33 35 42 44 53 54 61 63 63 65 65 65 70 70 72 72 256 Indice 24, Equazioni_ di equilibrio 24.1. Equilibrio del nodo 2.4.2. Equilibrio del piano alla traslazione 2.4.3. Equilibrio del piano alla rotazione 25. Tratto rigido alPestremita delle aste 2.5.1. Relazione tra azioni flettenti e rotazioni dei nodi 2.5.2. Momenti di incastro perfetto 253. Considerazioni sui coefficienti correttivi 2.5.4. Esempio numerico 26. Effetto della deformazione dovuta al taglio 2.6.1. Relazione tra azioni flettenti e rotazioni dei nodi 2.6.2. Momenti di incastro perfetto os 2.63. Considerazioni sui coefficienti correttivi 2.6.4. Esempio numerico 27. Effetto contemporaneo di tratto rigido ¢ deformazione da taglio 27.1, Relazione tra azioni flettenti e rotazioni dei nodi 2.72. Momenti di incastro perfetto Bibliografia Appendice al capitolo 2. Introduzione Elenco delle variabili Descrizione del programma Codifica del programma Modalita di utilizzazione Primo esempio - aste con tratti rigidi all’estremita Secondo esempio - deformabilita a taglio ersearse Capitolo 3 - RAPIDITA DI CONVERGENZA DEL PROCE- DIMENTO DI RISOLUZIONE DEI TELAI SPA- ZIALI Sommario 3.1. Introduzione 3.2. Componenti di movimento attivate nell’operazione di im- paleato : 3.3. Azioni agli estremi delle aste 34. Equazioni di equilibrio nelloperazione di impalcato 3.5. Procedimento operative woe 36. Esempio numerico 3.7. La convergenza 37.1. Rapporto globale di rigidezza 3.7.2. Errore e scarto relativo 3.7.3. Estrapolazione dei _valori 3.8. Effetto dell’operazione di impalcato Bibliografia Appendice al capitol 3. Introduzione Elenco delle variabil Descrizione del programma Codifica del programma Modalita di utilizzazione Esempio renege 87 87 89 94 95 102 109 109 11 112 114 116 17 119 119 121 123 123 131 133 133 134 136 141 141 Capitolo 4 - ANALISI_ NON LINEARE IN CAMPO ELA- STICO DEI TELAI SPAZIALI Sommario 4d 42. 43. 44, 45 46. API reaeoe Introduzione Un esempio di analisi non lineare Effetto instabilizzante dei carichi verticali 43.1. Equazioni di equilibrio 4.3.2. Esempio numerico ... Variazioni di rigidezza per elfetto dello sforz0 a 4.4.1. Relazione tra azioni flettenti e rotazioni dei nodi 4.4.2. Azioni agli estremi delle aste : 4.4.3, Equazioni di equilibrio 4.44. Esempio numerico Analisi incrementale dell instabilita 45.1. Procedimento operativo 4.5.2. Esempio numerico Valutazione approssimata del carico critico in campo ela- stico 46.1. Procedimento operativo 4.62. Esempio numerico Bibliografia in campo elastico pendice al capitolo 4. Introduzione .. Elenco delle variabili Descrizione del programma Codifica del programma Modalita di utilizzazione .... Primo esempio ~ con effetto instabilizzante dei carichi ver ticali Secondo esempio ~ dello sforzo assiale jione di rigidezza per effetto Capitolo 5 - ANALISI MODALE DI TELAI SPAZIALI CON METODI ITERATIVI Sommario 51 5.2, 53. 5.4. 55 56. 57 58. API a b. © Introduzione Il telaio spazi Le forze d’inerzia Considerazioni sui metodi itera Determinazione della minima oscillazione fondamental Determinazione delle altre due oscillazioni fondamentali 5.6.1. Il centro assoluto di rotazione 5.62. Le cerniere ausiliarie Determinazione delle altre oscillazioni Conclusioni Bibliografia ypendice al capitolo 5 Introduzione Schema dell Variabili di struttura ingresso Pag. 153 153 154 158 158 161 162 162 165 166 167 167 167 170 7 a7. 173 174 475 175 176 178 182 182 192 197 197 198 199 199 200 202 202 202 205 206 209 211 211 211 Indice 257 258 Indice 4. e Caratteristiche della struttura dei programmi Elenco delle principali variabili di lavoro e di uscita dei programmi relativi al cap. 5 Capitolo 6 - L’ANALISI DINAMICA DEI TELAI SPAZIALI DEL SUOLO Sommario 6.1. Introduzione 6.2. Il fabbricato multipiano schematizzato come telaio spa- ziale 6.33. Equilibrio dinamico del telaio spaziale 6.4. Procedimento iterativo di calcolo 65. Linfluenza degli effetti viscosi 66. Il contributo delle tompagnature Bibliografia Appendice al capitolo 6. eaege SOTTOPOSTI AD ECCITAZIONE SISMICA Introduzione Schema della struttura Variabili d’ingresso Struttura dei programmi ... Elenco delle principali variabili di lavoro e di uscita dei programmi relativi al cap. 6 pag. 214 214 233 233 233 234 235 239 240 244 245 245 245 245 246