Sei sulla pagina 1di 15

Caratterizzazione di Impulsi

Laser a Femtosecondi
Alessandro Zago

Relatore: Professor M. Nisoli

Misura della durata


Tradizionalmente per misurare
la durata di un evento lo si
campiona con un evento di
durata inferiore.
Come misuriamo un impulso
laser cos breve (< 50fs) da
essere la cosa pi breve a
nostra disposizione?
si utilizza l'impulso stesso
(tecniche interferometriche)

L'Impulso Laser

Descrizione temporale

Descrizione spettrale

Autocorrelazione
Funzione di Autocorrelazione (definizione matematica):

a(t) = Campo elettrico dell'impulso

I(t) = Intensit dell'impulso

Setup Sperimentale
Le criticit nella costruzione di un autocorrelatore di intensit
sono quindi:

Possibilit di dividere il
segnale e di ritardarne una
parte di un valore arbitrario

Generazione in uscita di un
segnale contenente la
funzione di
autocorrelazione (di
intensit) del segnale in
ingresso

Beam Splitter

Cristallo non
lineare (BBO)

Setup Sperimentale

I stadio: Direzionamento del fascio

Se il fascio allineato alle due pupille


allineato anche con il resto del
sistema, in caso contrario per
riallinearlo basta centrarlo nelle
pupille, agendo solo sui due specchi
che le precedono.

Beam Splitter

Divide il fascio in due parti


uguali (50\50), una trasmessa e
l'altra riflessa. In questo modo,
da un singolo segnale se ne
ottengono due copie uguali, per
poterle poi far interagire tra loro.

=0

Rami di ritardo

Spostamento minimo
Problema della calibrazione:

Ritardo tra gli impulsi nei due rami

Devo trovare la posizione per


cui il ritardo nullo, in modo
da riferire tutti i valori a questo
in cui ho massima
Sovrapposizione.

Cristallo non Lineare

BBO

Fotodiodo
Per ottenere l'autocorrelazione d'intensit bisogno di integrare il
segnale in uscita dal BBO.
Integrazione

Per far ci posso usare un fotodiodo. Visto che il suo tempo di


risposta molto pi lungo della durata di ISHG, il suo effetto quello di
raccogliere (e automaticamente integrare) tutto l'impulso.

Misura

FWHM

FWHM

Deconvoluzione
La durata dell'autocorrelazione NON la durata dell'impulso!
Per passare da una all'altra devo dividere la prima per un fattore
(fattore di deconvoluzione) dipendente dalla forma dell'impulso, che
per in generale non nota.
Nel nostro caso invece, dalla teoria del mode locking possiamo
supporre che l'impulso abbia la forma di una sech2(t).

Calcolo della durata


Svolgendo i calcoli:

Il risultato in buon accordo con la durata prevista di 38fs,


misurata in uscita dall'oscillatore con tecniche pi precise (FROGSPIDER)

Grazie per l'attenzione!

Potrebbero piacerti anche