Sei sulla pagina 1di 1

Giulia Rodano - Assessore alla Cultura, Spettacolo e Sport della Regione Lazio -

http://www.giuliarodanocontroigiganti.com/

RU 486, RODANO:“A CENTRODESTRA NON PIACE


AUTONOMIA DEI MEDICI”

“Le dichiarazioni odierne di Renata Polverini sulla RU 486


sono davvero preoccupanti. Sapevamo già che al
centrodestra non piace l’autonomia delle donne. Ciò che
non sapevamo è che al centrodestra non piace neppure
l’autonomia professionale dei medici”. Lo dichiara in una
nota Giulia Rodano, assessore alla Cultura, Spettacolo e
Sport della Regione Lazio, consigliere regionale di Sinistra
Ecologia e Libertà.
“I medici” dice Rodano “devono essere gli unici a valutare,
nell’ambito delle norme previste dalla L. 194/78, quali siano
le procedure più idonee alla somministrazione della pillola
abortiva RU 486. La legge 194, come è noto, prevede
l’utilizzo dei metodi meno invasivi e più rispettosi della
dignità della donna: molti interventi chirurgici oggi si
svolgono in day hospital e tale opzione viene spesso
considerata appropriata e da promuovere. Non si ravvedono
i motivi per cui il ricorso alla pillola RU 486 debba fare
eccezione”.
“Una donna che decide di ricorrere all’Interruzione
Volontaria di Gravidanza ha bisogno di sostegno fisico e
psicologico, non dell’accanimento ideologico espresso da
un ricovero ospedaliero coatto e immotivato, magari per tre
giorni”, conclude l’esponente di Sinistra Ecologia e Libertà.

pagina 1