Sei sulla pagina 1di 84

a cura di/priredili:

Andrea Plazzi
Testi/Tekstovi:
Fabio Gadducci
Andrea Plazzi
Stefano Priarone
Sergio Rossi
Ringraziamenti/Zahvaljujemo:
Francesco Barbatello
Francesca Faruolo
Angelo Nazzaro
Sara Pavan
Aleksandar Zograf
Produzione/Produkcija:
Istituto Italiano di Cultura di Belgrado
RAM ramdesign.it (Bologna)

Istituto Italiano di Cultura


Alessandra Bertini Malgarini
direttore/direktor
progetto grafico/grafiki dizajn:
Aleksandra Bugarinovi
traduzioni/prevodi:
Ljiljana Bogojevi
Marina Mojsilovi
Ivana Simi
studio grafico/grafiki studio:
Studio Orange, Beograd
tipografia/tampa:
Gama studio, Beograd
tiratura/tira:
500 primeraka

Istituto Italiano di Cultura di Belgrado, 2009

sommario/sadraj
Introduzione
Uvod

Sezioni cronologiche/Hronoloki pregled


Dalle origini agli anni Cinquanta
Od poetaka do pedesetih godina

Gli anni Sessanta


ezdesete godine

Gli anni Settanta
Sedamdesete godine


Dagli anni Ottanta a oggi
Od osamdesetih godina do danas

Sezioni monografiche/Monografski pregled

23

Il Corrierino

47

Bonelli

55

Disney

63

Hugo Pratt

69

Magnus

77

Biografie
Biografije

80

31
39

Fra le molteplici forme di comunicazione e


darte che pi hanno caratterizzato il XX secolo, le nuvole di fumo, hanno svolto e continuano a svolgere un ruolo di primo piano. Lo
scorso dicembre il fumetto italiano ha convenzionalmente compiuto 100 anni dalluscita
del primo numero del Corriere dei Piccoli il 27
dicembre 1908. Anno dopo anno, album dopo
album e personaggio dopo personaggio, i
racconti disegnati in vignette e i brevi testi
che escono inscritti in nuvolette dalla bocca
dei personaggi, rispecchiano, adeguandosi, i
cambiamenti della societ italiana e si affermano genere letterario ben definito, con le
sue regole e la sua lingua. Ma ce dellaltro: gli
autori e i disegnatori del fumetto italiano, indubbiamente sostenuti da una prorompente
personalit creativa e da capacit artistiche
innovative, si sono molto spesso affermati anche al di fuori dei confini nazionali, diventando
parte integrante della cultura locale. Quanti
ri-conoscono in Tex Willer, Alan Ford, Magico
vento, Zagor, Maxmagnus, Corto Maltese,
Diabolik solo per ricordarne alcuni i loro
creatori originari?

Meu brojnim oblicima komunikacije i umetnosti koji su u najveoj meri oznaili XX


vek, oblaci dima, imali su i imaju jednu od
najznaajnijih uloga. Sa izlaskom prvog broja
lista Corriere dei Piccoli, 27. decembra 1908,
italijanski strip je zvanino napunio 100 godina. Godina za godinom, album za albumom,
lik za likom, prie iscrtane u vinjetama i kratki
tekstovi upisani u oblaie, koji izlaze iz usta
junaka, oslikavaju, uz izvesna prilagoavanja,
promene u italijanskom drutvu i potvruju
da su jasno definisan knjievni anr, sa
svojim pravilima i svojim jezikom. Ali ima tu
jo neega: autori i crtai italijanskog stripa,
nesumnjivo poneseni nezadrivom linom
kreativnou i inovativnim umetnikim sposobnostima, esto su bili priznati i izvan italijanskih granica, postavi sastavni deo lokalne
kulture. Koliko njih pre-poznaje u Teksu Vileru,
Alanu Fordu, Maginom Vetru, Zagoru, Maksmagnusu, Kortu Maltezeu, Dijaboliku - tek da
se prisetimo nekolicine njih - njihove prvobitne tvorce?
Izloba Oblaii u tampi - Kratka istorija italijanskog stripa, koju je Italijanski institut za kulturu u Beogradu lino naruio za svoj izlobeni
centar Palatu Italije od Andree Placija, eli da
odgovori i na ovo pitanje, ali da prvenstveno,
u ast proslave sto godina njenog postojanja,
izrazi potovanje prema velikoj koli italijanskog stripa.

La Mostra Nuvole a stampa Breve storia


dell editoria a fumetti in Italia, espressamente
commissionata dallIstituto Italiano di Cultura di Belgrado per la sua sede espositiva di
Palazzo Italia a Andrea Plazzi, vuole anche rispondere a questa domanda, ma soprattutto
rendere omaggio, in occasione del suo centenario, alla grande scuola del fumetto italiano.

Alesandra Bertini Malgarini


Direktor Italijanskog instituta za kulturu

Alessandra Bertini Malgarini


Direttore Istituto Italiano di Cultura

Godine 2008. italijanski strip je zvanino zagazio u drugi vek svog postojanja: naime, 27.
decembra 1908. izlazi prvi broj lista Corriere
dei Piccoli, koji je bio toliko vaan da su mnogi
u njemu videli poetak prie u formi stripa u
Italiji.
Ovo je izvrsna prilika da preemo put koji je
u stvarnosti znatno dui, a izloba Oblaii
u tampi - Kratka istorija italijanskog stripa
pokuava da to uini preko najueg neopodnog ali, smatramo, znaajnog izbora izmeu
(bukvalno) nekoliko hiljada izdanja koji su taj
put oznaili, kao svedoci drutvenog i kulturnog razvoja.
Ovakav pristup, uglavnom svojstven istraivaima i bibliofilima, moe lako da oara i
nekog strastvenog ljubitelja, ili jednostavno
znatieljnu osobu ili, pak, nostalgiara za
mladalakom literaturom: razliitost italijanskih izdanja koji su u poslednjih, bar 160 godina nudili strip (ili narativne formate koji su
prethodili ovom jeziku) je zaista iznenaujua,
ako ne i zadivljujua.
Cilj ova etiri hronoloka odeljka - koji su krajnje saeti, to namee irina tematike - je da
se posetiocu obezbedi jedna istorijska perspektiva.
Pet monografskih odeljaka zadobijaju jedan
vie poprean pregled, naglaavajui fenomene koji su obeleili dugake periode istorije italijanskog stripa. To je oigledno sluaj
i samog lista Corriere dei Piccoli i viedecenijskih imena kao to su Bonelli i Disney, koji
su ve due vreme vie imena-simboli i filozofije zabave, nego obine izdavake kue.
Kao i linosti sa naglaenom individualnou:
autora koji su oznaili budunost modernog stripa i to ne samo italijanskog. Kao
najznaajniji predstavnici, izdvajaju se Hugo
Prat i Magnus, dva imena koja za prave ljubitelje ne zahtevaju dodatna objanjenja.
elja nam je da na kraju ovog kratkog putovanja, to vai i za obinog posetioca koji
ostaje zadivljen velikom vitalnou jedne od
velikih kola svetskog stripa.

Nel 2008 il fumetto italiano convenzionalmente entrato nel suo secondo secolo di vita:
il 27 dicembre 1908 usciva infatti il primo numero del Corriere dei Piccoli, testata talmente
importante da essere identificata con la nascita del racconto a fumetti in Italia.
Loccasione ottima per ripercorrere un cammino in realt assai pi lungo e Nuvole a stampa Breve storia delleditoria a fumetti in Italia
cerca di farlo attraverso una selezione necessariamente minima ma pensiamo significativa delle molte migliaia (letteralmente) di
pubblicazioni che lhanno via via segnato,
testimoniando levoluzione sociale e del costume.
Questo approccio, riservato di solito a ricercatori e bibliofili, pu risultare assolutamente
affascinante anche per lappassionato, il semplice curioso o il nostalgico delle letture giovanili: la variet delle pubblicazioni italiane che
negli ultimi almeno 160 anni hanno proposto fumetti (o formati narrativi antesignani
di questo linguaggio) infatti sorprendente,
se non spettacolare.
Lo scopo delle quattro sezioni cronologiche
nellestrema sintesi imposta dalla vastit
dellargomento perci quello di fornire al
visitatore una prospettiva storica.
Le cinque sezioni monografiche recuperano
invece un taglio pi trasversale, dando il risalto necessario a fenomeni che hanno attraversato lunghi periodi della storia del fumetto
italiano. il caso ovviamente dello stesso
Corriere dei Piccoli, e di marchi dalla vita pluridecennale come Bonelli e Disney, da
tempo ormai pi nomi-simbolo e filosofie
dellintrattenimento che semplici case
editrici. O di grandi individualit: autori che
hanno segnato il fumetto moderno, non solo
italiano. A rappresentarli tutti, Hugo Pratt e
Magnus, due nomi che per lappassionato non
necessitano di presentazioni.
Laugurio che al termine di questo breve
percorso sar cos anche per il visitatore non
specializzato ma affascinato dalla grande vitalit di una delle grandi scuole del fumetto
mondiale.
Andrea Plazzi

Andrea Placi
5

SEZIONI

SEKCIJE

Dalle origini agli anni Cinquanta

Od poetaka do pedesetih godina


Od poetaka do pedesetih godina

DALLE ORIGINI agli


anni Cinquanta

POECI ITALIJANSKOG STRIPA

Anche se la nascita del fumetto nel nostro


paese viene convenzionalmente fatta risalire
al 27 dicembre 1908, data di pubblicazione del
primo numero del Corrierino, esempi di narrazioni grafiche (genericamente intese come
sequenze di vignette fra loro collegate a fini
narrativi) compaiono nelle stampe popolari
italiane almeno fin dal XVII secolo, inaugurando una tradizione i cui epigoni, quali la
casa editrice milanese Lebrun-Boldetti e
quella fiorentina Salani, giungono alle soglie del Novecento. La stessa tecnica delle
didascalie in ottonari, considerata a lungo
uninnovazione del celebre settimanale per
linfanzia, era assai utilizzata nei periodici ottocenteschi.

Iako se za zvanini datum nastanka stripa u


naoj zemlji uzima 27. decembar 1908. godine, kada je izaao prvi broj Korijerina (Il Corrierino), primeri grafike naracije (generiki
shvaene kao vinjete koje povezuje narativna
nit) se pojavljuju u popularnim italijanskim
novinama jo od XVII veka, oznaavajui
uspean poetak tradicije, iji e sledbenici,
kao to su milanska izdavaka kua LebrunBoldeti i firentinska Salani, zakoraiti na prag
XX veka. Ista tehnika didaskalija u osmercu,
koja je dugo smatrana inovacijom slavnog nedeljnika posveenog deci, esto je koriena i
u asopisima devetnaestog veka.
Od revolucionarnog dvogodinjeg perioda
do Kraljevine Italije

Dal biennio rivoluzionario al Regno dItalia

Prvi podatak je oigledna cezura u produkciji


grafikih naracija koja je primetna izmeu
kraja XVIII veka i pojave satirine tampe
1848-49. Dvogodinji period belei cvetanje
izdanja u kojima karikature igraju glavnu
ulogu, sledei analogna francuska iskustva.
Humorizam izrazito politikog tona, ipak ne
odbacuje satiru drutvenih obiaja i ostavlja
prostor neuobiajenim priama u slikama.
Situacija se menja u narednoj deceniji, u kojoj autori koji rade za asopise u Torinu Il Fischietto (1848.) i Pasquino (1856.) pribegavaju
sekvencijalnosti (pre svih Kazimiro Teja, najpoznatiji italijanski crta XIX veka). Dva lista
utvruju izdavaki format u kojem se skoro na
svakoj stranici smenjuju teskt i jedna ili vie
vinjeta i uvode niz tema i sadraja, kao to je
mesenik (jedna ili vie ilustracija u kojima
slike, slabe povezanosti meu sobom, ilustruju kljune dogaaje meseca), ime e posluiti
kao inspiracija za satirine asopise s kraja
50-tih godina veka. Iako vei deo ikonografskog aparata zauzimaju pojedinane vinjete
sa didaskalijama, esto su prisutne i grafike
naracije, koje neretko zauzimaju nekoliko
strana i nekoliko brojeva istog lista.

Un primo dato lapparente cesura nella


produzione di narrazioni grafiche che si registra fra la fine del XVIII secolo e lapparizione
della stampa satirica nel 1848-49. Il biennio
vede un fiorire di pubblicazioni nelle quali
lillustrazione caricaturale gioca un ruolo
principe, sulla scorta delle analoghe esperienze francesi. Un umorismo dai toni fortemente politici, anche se non disdegna la satira
di costume, e che lascia spazio a rari racconti
per immagini.
La situazione muta nel decennio successivo, nel quale gli autori che lavorano per le
riviste torinesi Il Fischietto (1848) e Pasquino
(1856) ricorrono alla sequenzialit (in primis
Casimiro Teja, il vignettista pi conosciuto
dellOttocento italiano). I due periodici stabiliscono un formato editoriale nel quale quasi
a ogni pagina il testo si alterna a una o pi vignette, inaugurando una serie di temi e contenitori, quali la rivista mensile (una o pi
tavole nelle quali le immagini, debolmente
collegate fra loro, illustrano i fatti salienti del
mese), che ispireranno i giornali satirici nati
alla fine degli anni Cinquanta del secolo. Bench la maggior parte dellapparato iconogra10

DALLE ORIGINI agli


anni Cinquanta

fico sia occupato da vignette singole con


didascalia, sono spesso presenti narrazioni
grafiche, non di rado distribuite su pi pagine
e su pi fascicoli di una testata.

Inovacije u vreme Umberta I


Deset godina nakon osvajanja Rima (1870),
u Italiji se raa moderna tampa. Iako je u
prestonici koliina proizvodnje knjiga i dalje
manja u odnosu na proizvodnju centralnosevernog dela, to ne vai za novine, kojih je po
jednom istraivanju iz 1880. bilo oko 150, od
ukupno 1500 na nacionalnom nivou. Naime,
tih godina Rim je, sa kulturne take gledita,
prilino iv i nalazi se u sreditu izrazito inovativnih inicijativa, kako na planu sadraja, tako
i na planu tamparskih tehnika, kao to je bio
sluaj sa kontroverznim listom Cronaca bizantina (1881), koji je objavio Anelo Somaruga.
Drutvena satira dobija na velikom znaaju u
gradu, iako se dri van izdanja humoristikog
sadraja. Rimska tampa rado prihvata Gandolinove inovacije (pseudonim Luiija Arnalda
Vasala iz Ligurea), koji smeta svoje tekstove
sa brzopoteznim karikaturama u formi siluete: mesenik Il pupazzetto (1886) e ostaviti
svoj trag bar do 30-tih godina XX veka. Popularnost karikaturalne satire - pupazzettata,
je za kratko vreme izmenilo sliku italijanskih
listova, ukljuujui i dnevne novine, iako nije
prouzrokovalo dugovenije potovanje starije
publike prema stripu kao medijumu.
Pa ipak, od polovine 80-tih godina do prve
decenije novog veka, prave grafike sekvence
postaju uobiajene, iako su oblaii virtuelno
odsutni i esto zamenjeni povremenim didaskalijama u stihu. Ovaj fenomen se moda
najvie moe videti u popularnom izdavatvu:
ako se ograniimo na Rim (ali ista pria moe
da se primeni i na izdavae Aliprandija iz
Milana ili Salanija iz Firence), prisutan je u
satirinim naslovima izdavake kue Perino,
koji su namenjeni publici iz niih graanskih
slojeva.
Ali, treba naglasiti kako se prie u slikama
pojavljuju i u popularnim i visoko tiranim
asopisima, za iroke narodne mase: na
primer u La Lettura (1901), mesenom dodat-

Le innovazioni dellet umbertina


Il decennio dopo la conquista di Roma (1870)
vede la nascita in Italia di una stampa moderna. Anche se nella capitale le dimensioni
della produzione libraria rimarranno limitate
rispetto alla produzione del centro-nord, non
cos per i periodici, che in unindagine del
1880 risultano essere a Roma circa 150, su un
totale di circa 1500 su base nazionale. In effetti, Roma in quegli anni culturalmente assai
vivace e si trova al centro di iniziative fortemente innovative sul piano sia dei contenuti
che delle tecniche tipografiche, come la controversa Cronaca bizantina (1881), pubblicata
da Angelo Sommaruga.
La satira sociale acquista nella citt una netta
rilevanza, anche al di fuori delle pubblicazioni
di taglio umoristico. La stampa romana accoglie con successo le innovazioni di Gandolin
(pseudonimo del ligure Luigi Arnaldo Vassallo), che intercala i suoi testi con rapide caricature in silhouette: il mensile Il pupazzetto
(1886) avrebbe lasciato una traccia almeno
fino agli Trenta del XX secolo. La popolarit
della satira pupazzettata avrebbe trasformato in breve limmagine dei periodici italiani, compresi i quotidiani, pur senza produrre
un apprezzamento duraturo del medium fumetto da parte del pubblico adulto.
Dalla met degli anni Ottanta fino al primo
decennio del nuovo secolo, comunque, vere
e proprie sequenze grafiche divengono duso
comune, anche se le nuvolette sono virtualmente assenti, spesso rimpiazzate da occasionali didascalie in versi. Questo fenomeno
forse maggiormente visibile nelleditoria
popolare: se ci limitiamo a Roma (ma un analogo discorso pu esser fatto per gli editori
Aliprandi a Milano o Salani a Firenze), risulta
11

DALLE ORIGINI agli


anni Cinquanta

evidente nelle testate satiriche della casa editrice Perino, destinate un pubblico piccoloborghese.
Ma va sottolineato come racconti per immagini appaiano anche nelle riviste di taglio
popolare e divulgativo, per tutti: ad esempio ne La Lettura (1901), supplemento mensile del Corriere delle Sera, che nei primi anni
propone sulle ultime pagine di ogni fascicolo
delle storielle allegre senza parole: brevi
narrazioni mute di due-cinque vignette. Tale
diffusione andr scemando, con un picco in
controtendenza legato alle vicissitudini dei
giornali di trincea del primo conflitto mondiale, fino a sparire intorno gli anni Trenta.

ku lista Corriere delle Sera, koji prvih godina na


poslednjim stranama svakog broja objavljuje
vesele priice bez rei: kratke neme prie
od dve-tri vinjete. Ta popularnost e opasti u
sudaru sa suprotnom tendencijom vezanom
za sluaj novina sa rovova iz prvog svetskog
rata, pa sve do 30-tih godina, kada nestaju.
Deje novine
Sedamdesetih godina nastaje moderna
knjievnost za decu, prvenstveno zahvaljujui
izdavakim kuama iz Firence i Milana. Ali, u
razvoju stripa, glavna uloga pripada akterima
prefinjenog Rima: prekretnicu oznaava nastanak Dejih novina (Il giornale per i bambini)
(1881), koje je osnovao Ferdinando Martini.
Ako list duguje slavu objavljivanju Pinokija
u nastavcima, nedeljnik je sagradio most
ka savremenoj evropskoj ilustraciji za decu,
izlaui u poreenju sa svojim prethodnicima,
bogati ikonografski repertoar.
Inovativna nit nedeljnika se razaznaje i u
poreenju sa firentinskim mesenikom Cordelia, koji je iste godine osnovao erudita Anelo
De Gubernatis, koja sa listom Novine deli
zajednike knjievne saradnike, ali u kojem
je ikonografska komponenta u potpunosti
odsutna. U stvari, uprkos to rimski asopis
belei uspeh po samom izlasku, sa prodajom
od oko 25.000 primeraka, listovi za decu i omladinu tog vremena izgleda da odravaju izrazito vaspitni ton i izlaze kao dodatak kolskim
udbenicima.

Il giornale per i bambini


Gli anni Settanta vedono la nascita della moderna letteratura per linfanzia, soprattutto a
opera delleditoria fiorentina e milanese. Ma
sono i protagonisti della Roma bizantina a
giocare il ruolo principale nello sviluppo del
fumetto: il punto di svolta rappresentato
dalla nascita de Il giornale per i bambini (1881),
fondato da Ferdinando Martini. Se la fama del
periodico legata allaver ospitato la pubblicazione a puntate di Pinocchio, il settimanale
ha offerto un ponte verso la contemporanea
illustrazione per linfanzia europea, esibendo
in confronto ai suoi predecessori un ricco repertorio iconografico.
La carica innovativa del settimanale si intuisce
dal confronto con il mensile fiorentino Cordelia, fondato lo stesso anno dallerudito Angelo
De Gubernatis, che con Il giornale condivide
alcuni collaboratori letterari ma nel quale la
componente iconografica del tutto assente.
In effetti, nonostante la rivista romana si riveli
un immediato successo, con vendite intorno
alle 25.000 copie, i periodici per fanciulli e ragazzi dellepoca sembrano mantenere un
tono fortemente educativo, presentandosi
come complementari alle letture scolastiche.

Rimski asopisi za decu i omladinu


Postoji direktna nit koja spaja Martinijev
nedeljnik sa listom Corriere dei Piccoli. Prvu
vezu predstavljaju listovi za decu i omladinu
koje objavljuje Perino. Rimski izdava je bio
tampar Dejih novina i, inspirisan tim modelom, listom Ilustrovane deje novine (Il giornale illustrato per i ragazzi) (1886) pokree niz
12

DALLE ORIGINI agli


anni Cinquanta

Riviste romane per linfanzia e la giovent

asopisa koji izlaze jedan za drugim bez kontinuiteta, sve do zatvaranja izdavake kue
1896. Sva ova izdanja nudila su kombinaciju
kratkih pria i ilustracija, pored velikog izbora
grafikih naracija, koje je Martinijev asopis
esto koristio.
Druga veza prisutna je u asopisima koje
su izdali sledbenici izdavakih kua Perino,
Kalcone i Vila. Meu njima, zbog svog uticaja i dugovenosti izdvaja se Novellino: prvi
broj uzorka izlazi na Boi 1898. i nakon
brojnih izmena formata, njegova avantura se
zavrava krajem dvadesetih godina XX veka.
Sam naslov asopisa podsea na uvenu
italijansku zbirku novela iz XIII veka i upravo
same prie, ine centralni nukleus nedeljnika.
Sve do Prvog svetskog rata, pojedinaan broj
sadri tek nekoliko kratkih pria (koje su predstavljene kao ilustrovane humoristie kratke
prie) i dve prie u slikama, u boji, na prvoj i
na poslednjoj strani.
Uspeh, za koji je verovatno pronaena formula, se nazire u sudbini jednog drugog asopisa
u izdanju kue Kalcone i Vila. Vesnik mladosti
(Messaggero della giovent) (1899), oslanja se
na francuski Journal de la jeunesse i objavljuje
prvenstveno putopise, bez pria u slikama, ali
uz dodatne etiri strane omota namenjene
za rubrike (sport, zabava, zanimljivosti), povremena pisma italaca i reklame, izuzev retkih izdavakih izuzetaka. Od marta 1900. list
odbacuje spoljne stranice i dobija naslovnicu
identinu onoj kakvu je imao Novellino, koju
zadrava i nakon promene imena u Letture
per la giovent 1903: izabrano reenje za
novi nedeljnik je saeto u poslednjem broju
starog izdanja, u kojem se precizira Na prvoj
strani uvek u prikazati humoristinu priicu
preiene vrste [].

Esiste un filo diretto che unisce il settimanale


di Martini al Corriere dei Piccoli. Il primo legame
rappresentato dai periodici per linfanzia e
la giovent pubblicate da Perino. Leditore romano era stato il tipografo de Il giornale per
i bambini e, ispirandosi a tale modello, lancia
con Il giornale illustrato per i ragazzi (1886)
una serie di riviste che si susseguono senza
soluzione di continuit fino alla chiusura della
casa editrice nel 1896. Queste pubblicazioni
offrivano tutte una combinazione di racconti
brevi e illustrazioni, oltre a una larga scelta di
narrazioni grafiche, spesso recuperate dalla
rivista di Martini.
Il secondo legame passa per le riviste edite
dai successori di Perino, Calzone e Villa. Fra
queste, per la sua influenza e longevit va
posto in evidenza Novellino: il primo numero
di saggio esce per il Natale 1898 e, dopo vari
cambi di formato, la sua avventura si conclude
verso la fine degli anni Venti del Novecento. Il
titolo della rivista rimanda a una famosa raccolta di novelle italiane del XIII secolo, e i racconti formeranno in effetti il nucleo centrale
del settimanale. Fino agli anni della Prima
Guerra Mondiale un fascicolo consiste solitamente di un paio di storie brevi e (indicati
come storielle umoristiche illustrate) di due
racconti in immagini, a colori, nella prima e
nellultima pagina.
Lapprezzamento che deve aver ricevuto
la formula si intuisce dalla sorte di unaltra
rivista edita da Calzone e Villa. Il Messaggero
della giovent (1899), ispirandosi al Journal de
la jeunesse francese, proponeva soprattutto
storie e resoconti di viaggi, senza racconti per
immagini ma con quattro pagine di sovracoperta per le rubriche (di sport, di giochi e di
curiosit), la saltuaria posta dei lettori e la
pubblicit, tranne rare eccezioni editoriali. A
partire dal marzo 1900 il periodico lascia cadere le pagine esterne e assume una copertina analoga a quella del Novellino, che man-

Godine Korijerina
Tako se na rimska izdanja i na njihovo kombinovanje novela i pria u slikama, savreno na13

DALLE ORIGINI agli


anni Cinquanta

tiene anche dopo il cambio di nome in Letture


per la giovent nel 1903: la formula scelta per
il nuovo settimanale riassunta nellultimo
numero del vecchio, che precisa In prima pagina dar sempre una storiella umoristica di
genere purgatissimo [].

dovezuje Corriere dei Piccoli. U tom prelazu,


delimino se odbacuje iskustvo Vambinog
(Firentinac Luii Berteli) lista Giornalino della
Domenica (1906), kako na nivou izraajnih
formi (naspram bogatog ikonografskog
aparata Giornalino-a, stoji siromano prisustvo pria u slikama) tako i, bar nakon prve analize, na nivou sadraja (Corrierino se odvaja
od pedagokog karaktera nacionalistikog
kova koji je postojao u firentinskom asopisu).
Nasuprot tome, nije zanemarljiva ni promena
optih italakih navika, koja je usledila 1908.
nakon pojavljivanja prvih prevoda amerikih
dime novels, sa Nikom Karterom i Bufalom
Bilom, u glavnim ulogama.
Nastanak Korijerina predstavlja kljuni korak
za italijanski strip. Pre svega, injenica da je
objavljen kao dodatak novinama Corriere della
Sera pribliava ga establimentu tog vremena,
zadobivi pristalice kod graanstva. Iako, kao
to smo primetili, formula nije bila originalna,
raspoloiva sredstva direktora Silvia Spaventa Filipija, privukla su najbolje dostupne
ilustratore u Italiji. Na kraju, zahvaljujui licenci sa grupom Hearst i sa The New York
Herald (koja nije postojala u sluaju Novelina),
sa Korijerinom popularnost stiu i neki od
najznaajnijih amerikih autora, kao to su
Mek Manus (Bringing Up Father, tj. u naoj
verziji Aribaldo i Petronila), Oper (Happy
Hooligan/Srekovi-Fortunello) i Autkolt
(uti deak - Yellow Kid).
Corriere dei Piccoli je nametnuo standard u
predstavljanju stripova za itavu generaciju
asopisa. Table su bile rasporeene u est do
osam kvadrata, a ispriane prie u kvartinama
sa osmercima u rimi, odtampane ispod svake
vinjete, uz potpuno odsustvo zvunih efekata.
to se tie oblaia, esto se govorilo o tome
kao o svesnom izboru, koji je teio da naglasi
knjievni karakter itavog procesa, obraajui
se prvenstveno roditeljima iz srednjih i viih
graanskih slojeva. S druge strane, kao to
smo videli, tehnika didaskalija u rimi je bila

Gli anni del Corrierino


dunque alle pubblicazioni romane, e alla
loro combinazione di novelle e racconti per
immagini, che idealmente si ricollega il Corriere dei Piccoli. In tale passaggio si cancella
parzialmente lesperienza del Giornalino della
Domenica (1906) di Vamba (il fiorentino Luigi
Bertelli), sia a livello di forme espressive (al
ricco apparato iconografico del Giornalino fa
riscontro una scarsa presenza di racconti per
immagini) sia, a una prima analisi, di contenuti (il Corrierino si distacca dal taglio pedagogico di stampo nazionalista della rivista
fiorentina). Al contrario, sembra indicativo di
un generale cambio delle abitudini di lettura
lapparizione nel 1908 delle prime traduzioni
di dime novels americane, con protagonisti
Nick Carter e Buffalo Bill.
La nascita del Corrierino rappresenta una
tappa fondamentale per il fumetto in Italia.
Anzitutto, il fatto di essere pubblicato come
un supplemento del Corriere della Sera pone il
settimanale come contiguo allestablishment
dellepoca, favorendone laccettazione presso
un pubblico borghese. E anche se, come abbiamo osservato, la formula non era originale, i mezzi a disposizione del direttore Silvio
Spaventa Filippi permettevano di attrarre i
migliori illustratori disponibili in Italia. Infine,
attraverso una licenza col gruppo Hearst e
con The New York Herald (che non esisteva
con Novellino), il Corrierino rese popolari alcuni fra i pi prestigiosi autori americani, quali
McManus (Bringing Up Father, cio i nostri Arcibaldo e Petronilla), Opper (Happy
Hooligan / Fortunello) e Outcault (Yellow
Kid).
14

DALLE ORIGINI agli


anni Cinquanta

Il Corriere dei Piccoli impose uno standard


nella presentazione dei fumetti per unintera
generazione di periodici. Le tavole venivano
divise in sei-otto quadri, e le storie raccontate
mediante quartine di ottonari in rima, stampate sotto ogni vignetta con la totale eliminazione degli effetti sonori. Riguardo alle
nuvolette, si spesso parlato di una scelta
consapevole, tesa a sottolineare il carattere
letterario delloperazione, rendendola pi appetibile per un pubblico di genitori medio e
alto-borghesi. Daltra parte, come si visto,
le didascalie in rima erano una tecnica diffusa
e, probabilmente, lo sforzo richiesto ai redattori per ladattamento grafico dei racconti
americani tendeva solo a riportare il prodotto
allinterno di una pratica di lettura ben nota al
pubblico italiano.
Il successo del Corrierino confermato da alcune indagini statistiche dei primi anni Dieci,
che lo vedono in testa alle letture dei ragazzi
di et scolare. A livello macroscopico si pu
affermare che la maggior parte dei periodici
per fanciulli avrebbe adottato nei due decenni
seguenti un formato analogo a quello proposto dal giornalino di via Solferino, anche
se utilizzando prevalentemente materiale
iconografico realizzato da autori italiani.
Il settimanale milanese impose uno standard
anche nei contenuti. Bench lo stile grafico
variasse ampiamente fra artisti diversi, il portato autoriale rimase constante, e le storielle
assai semplici una o due tavole al massimo
la regola. Si pu presumere anzi che il successo del Corrierino abbia contribuito a limitare
lambito contenutistico del fumetto. Questo
pu essere supposto in virt di un confronto
con le coeve riviste per giovani adulti, nelle
quali spicca lassenza di narrazioni grafiche.

dosta prisutna, tako da je verovatno napor


koji se iziskivao od urednika u vezi grafike
adaptacije amerikih pria, bio usmeren samo
na pribliavanje proizvoda italakom ukusu
italijanske publike.
Uspeh Korijerina potvrdila su neka statistika
istraivanja s poetka prve decenije, po kojima
se nalazi na elu najitanijih asopisa za decu
kolskog uzrasta. Na makroskopskom nivou,
moe se zakljuiti da je veina listova za decu
u roku od dvadeset godina usvojila analogni
format onom koji je predloio list iz Ulice Solferino, iako koristei prvenstveno ikonografski
materijal italijanskih autora.
Milanski nedeljnik je nametnuo standard i po
pitanju sadraja. Iako je grafiki stil varirao od
umentika do umetnika, autorski rezultat je
bio konstantan, a kratke prie prilino jednostavne - jedna, najvie dve table - po pravilu.
Naime, moemo pretpostaviti da je uspeh
Korijerina doprineo ogranienju sadrajnog
prostora stripa. Ovo moe da se pretpostavi
poreenjem sa istovremenim asopisima za
mlade ljude, u kojima, u prvi plan, izbija
odsustvo grafikih naracija.
Tridesete godine
Pozadina pripovedanja u slikama, osobito za
30-te godine, u kojima dominira Korijerino,
osuena je na nagle promene. U istoriji stripa,
prve naznake se primeuju objavljivanjem
dva nedeljnika tokom 1932. Mikija Mausa (Topolino) izdavaa Nerbinija i Damba (Jumbo)
(kao, i TigreTina, naredne godine), izdavaa
S.A.E.V. Lotarija Vekja. Epohalna promena
nije toliko u upotrebi oblaia, koji su se, iako
ne tako esto, pojavljivali i mnogo ranije u listovima za decu, koliko u naglaavanju komiksa i direktnom obraanju, u poetku ne tako
slobodnom, a onda sve otvorenijem, odrasloj
publici.
Ipak, najinovativniji izdava s poetka 30-tih
godina jeste Firentinac Nerbini. Godine 1933.

Gli anni Trenta


Lo scenario della narrativa per immagini che
si affaccia sugli anni Trenta, dominato dal Corrierino, destinato a mutare rapidamente.
15

DALLE ORIGINI agli


anni Cinquanta

Tradizionalmente, se ne riscontrano le prime


avvisaglie con la pubblicazione nel corso del
1932 dei settimanali Topolino, delleditore
Nerbini, e Jumbo (e, lanno successivo, TigreTino), della S.A.E.V. di Lotario Vecchi. Il cambio epocale non risiede tanto nelluso delle
nuvolette, che sia pure con una certa parsimonia comparivano da tempo nelle testate per
linfanzia, quanto nel concentrarsi sui comics
e nel rivolgersi direttamente, prima in maniera limitata, poi sempre pi esplicitamente, al
pubblico degli adolescenti.
Leditore pi innovativo nei primi anni Trenta
comunque il fiorentino Nerbini. Nel 1933
comincia le pubblicazioni un Supplemento di
Topolino, completamente dedicato ai fumetti;
sempre lo stesso anno appaiono gli Albi di Topolino, con la ristampa di strisce gi apparse
in precedenza sul settimanale, e il cui caratteristico formato oblungo (circa 24 x 35 cm,
anche se con molte varianti) rimarr una delle
caratteristiche della produzione a fumetti
prima della guerra. Ma il punto di svolta per il
medium rappresentato dalla pubblicazione
nellottobre del 1934, sempre presso Nerbini,
de LAvventuroso (sottotitolo: Grande Settimanale di Avventure). Pur non essendo il primo
settimanale a offrire strisce dimportazione, la
rivista rompe decisamente con la tradizione,
rimuovendo completamente le didascalie
sotto le tavole e riservando la quasi totalit
delle sue pagine alle strisce avventurose di
maggior successo negli Stati Uniti (Flash Gordon, Mandrake, Uomo Mascherato).
Grazie anche al grande formato e a un uso
innovativo del colore (verdi e rossi squillanti,
allepoca giudicati accattivanti), il successo
della pubblicazione (si parla di una media di
300.000 copie) impone rapidamente un nuovo standard nelle pubblicazioni a fumetti, in
cui la parte redazionale tende a restringersi,
mentre le storie a puntate occupano la maggior parte di ogni numero. Nerbini sembra
quindi essere il primo editore a concentrare
la sua attenzione sugli adolescenti, cercando

poinje sa objavljivanjem Dodatka Mikiju


Mausu (Supplemento di Topolino), koji je u celini posveen stripu; iste godine pojavljuje se
izdanje Albi di Topolino, sa pretampanjem
pria koje su se ve pojavljivale ranije u nedeljniku i iji e osobeni duguljasti format
(oko 24 x 35 cm, iako uz dosta varijanti) ostati jedna od karakteristika stripova u predratnom periodu. Ali prekretnicu za medium
predstavlja izdanje, opet u izdanju Nerbinija,
koje se pojavilo u oktobru 1934. LAvventuroso
(podnaslov: Grande Settimanale di Avventure). Iako nije bio prvi nedeljnik koji je ponudio uvozne prie, asopis odluno raskida sa
tradicijom, u potpunosti uklonivi didaskalije ispod ilustracija i prepustivi skoro itave
strane avanturistikim priama koje su bile
najpopularnije u Sjedinjenim Dravama (Fle
Gordon, Mandrak, Fantom).
Zahvaljujui i velikom formatu i inovativnoj
upotrebi boje (jake boje zelene i crvene, koje
su u to vreme bile privlane), uspeh izdanja
(govori se u proseku o 300.000 primeraka)
ubrzo namee novi standard stripskih izdanja,
u kojem se redakcijski deo suava, dok prie u
nastavcima zauzimaju vei deo svakog broja.
Tako je, izgleda, Nerbini prvi izdava koji svoju panju usmerava ka omladini, pokuavajui
da na izvestan nain stvori nedeljnik koji je
prigodan za celu porodicu, u stilu amerikih
dodataka.
U ovoj deceniji nastaje veliki broj novih izdanja koje usvajaju sadraje i tabloid format
karakteristian za list LAvventuroso. Izmeu
ostalih, treba spomenuti Il Giornale di Cino e
Franco (1935; nakon Dungle!), ponovo u izdanju Nerbinija: ovaj poslednji objavljivao je
uspeni ameriki serijal Tym Tylers Luck, kojeg
je zamenio Miki Maus nakon to je asopis
prodat Mondadoriju. Tu su i: LAudace (1934)
Vekja, katoliki nedeljnik Il Vittorioso (1937).
Poseban sluaj predstavljaju dva glavna lista
izdavake kue Editoriale Universo brae Del
Duca, Il Monello (1933) i LIntrepido (1935), koji
16

DALLE ORIGINI agli


anni Cinquanta

in un certo qual modo di produrre un settimanale adatto a tutta la famiglia, nello stile
dei supplementi americani.
Il decennio vedr un proliferare di nuove pubblicazioni che adottano i contenuti e il formato tabloid che caratterizza LAvventuroso.
Fra le altre, vale la pena di ricordare Il Giornale
di Cino e Franco (1935; in seguito Giungla!),
sempre per Nerbini: questultimo presentava
il fortunato serial americano Tym Tylers Luck,
spostato da Topolino dopo che la rivista era
stata venduta a Mondadori. E ancora: LAudace
(1934) di Vecchi, e il settimanale cattolico Il
Vittorioso (1937). Un caso a parte meritano
le due testate principali dellEditoriale Universo dei fratelli Del Duca, Il Monello (1933) e
LIntrepido (1935), che ospitavano soprattutto
avventure realizzate da autori italiani, e i cui
toni spesso melodrammatici e sentimentali,
con un occhio al mercato femminile, anticipano il successo dei fotoromanzi di Grand Hotel nel dopoguerra.
Dopo Nerbini, laltro attore principale in quegli
anni rappresentato dallAnonima Periodica
Italiani, di Arnoldo Mondadori. Pur entrando
relativamente tardi nel mercato, con testate
legate al mondo disneyano (I tre porcellini,
1935), lacquisizione della testata Topolino nel
1937 rappresenter linizio di una collaborazione stabile con la casa americana, di cui sar
unica licenziataria fino al 1988. Sotto la guida
di Federico Pedrocchi, la rivista ospita il meglio del fumetto avventuroso italiano, gettando
le basi per il predominio che la casa milanese
eserciter sul mercato negli anni Cinquanta.
A met anni Trenta, unindagine promossa
dal Ministero per la Stampa e la Propaganda
rileva la presenza di oltre 30 testate, cinque
delle quali superavano le 100.000 copie, e con
almeno una decina che oscillavano fra le 50 e
le 80.000. Ma nel 1938, al Convegno Nazionale per la letteratura infantile e giovanile di
Bologna, la condanna dello stile americano
nei fumetti netta e lo scrittore futurista
Marinetti, fra i 15 punti del suo programma-

su prvenstveno objavljivali avanture italijanskih autora i iji su esto melodramatini i


sentimentalni tonovi, jednim delom upueni
enskoj publici, prethodili uspehu posleratnog fotoromana Grand Hotel.
Pored Nerbinija, jedan od glavnih protagonista tih godina je i Anonima Periodica Italiani,
Arnolda Mondadorija. Iako je prilino kasno
zakoraio na trite, sa naslovima vezanim
za Diznijev svet, (Tri praseta, 1935), kupovina
naslova Miki Maus 1937. godine, oznaie
poetak stabilne saradnje sa amerikom
kuom, tako da e biti jedini koji e posedovati licencu sve do 1988. Pod rukovodstvom
Federika Pedrokija, asopis objavljuje najbolje
italijanske avanturistike stripove, stvorivi
tako osnove za prevlast, koju e ova milanska
kua imati na tritu tokom 50-tih godina.
Sredinom 30-tih godina, istraivanje koje je
pokrenulo Ministarstvo tampe i Propagande,
pokazuje prisustvo preko 30 naslova, od kojih
je pet imalo tira preko 100.000 primeraka, a
njih desetak izmeu 50 i 80.000. Ali, 1938. godine na Nacionalnom skupu o knjievnosti za
decu i omladinu u Bolonji, osuda amerikog
stila je izriita i futurista Marineti, kao jednu od 15 taaka svog programa-manifesta
navodi zabranu pruanja jednakog prostora
knjievnom i ilustrativnom delu, koji mora
da bude sintetiko-dinamikog karaktera.
Kongres se zavrava sa namerom da se osude sva strana izdanja, strana po poreklu ili
po duhu. U razliitim novinskim lancima,
kampanja moralisanja, dirigovana reimom,
osuuje izdanja Vekja i Nerbinija. To je ujedno
i poetak kraja.
Od 1938. smenjuju se razna saoptenja, koja
dolaze od strane novonostalog Ministarstva
kulture, a koja dostiu kulminaciju zabranom
irenja amerikog stripa u Italiji. Radilo se
u stvari o posledici jedne optije autarhine
politike, koja je meutim na polju asopisa
imala prilino ozbiljne posledice, budui da
eliminacijom junaka stranih autora, nije bilo
17

DALLE ORIGINI agli


anni Cinquanta

manifesto per la letteratura giovanile, sancisce la necessit di dare uguale spazio alla
parte letteraria e alla parte illustrativa, che
deve essere sintetico-dinamica. Il congresso
termina augurandosi che vengano condannate tutte le pubblicazioni straniere, per
origine, o in spirito. In vari articoli di giornale
una campagna di moralizzazione orchestrata
dal regime condanna esplicitamente le pubblicazioni di Vecchi e di Nerbini. linizio della
fine.
A partire dal 1938, varie circolari si susseguiranno, tutte originate dal Ministero della Cultura
Popolare di recente istituzione, al fine di limitare la diffusione del fumetto americano in
Italia. Era in realt la conseguenza di una pi
generale politica autarchica, che nel campo
delle riviste ebbe per conseguenze assai
pesanti, dato che alleliminazione dei personaggi di autori stranieri non era possibile ribattere qualitativamente con una produzione
totalmente italiana. Fra gli altri, LAvventuroso
rimpiazza Flash Gordon, che incarnava il nuovo stile, con una storia coloniale, I tre di Macall, disegnata da Giove Toppi sulla base di
un romanzo di Edilio Napoli (storie dallo sfondo ben pi politicizzato appariranno spesso
su buona parte delle pubblicazioni a fumetti e
non solo delleditore fiorentino). La forza con
la quale sono imposte tali restrizioni varia con
gli anni, fino a giungere al definitivo bando nel
1942, anno nel quale si impone anche la totale rimozione sia delle nuvolette che, spesso,
della suddivisione in vignette, ritenuta troppo
vicine al nuovo stile non italiano.
Tale proibizione spinse gli editori a far ridisegnare le storie doltreoceano, in modo da offrir loro un contesto italiano, come era avvenuto ante-litteram per Lucio lAvanguardista
sul settimanale Jumbo, che adattava un personaggio inglese. In tale senso si distinse soprattutto Nerbini, la cui produzione era fortemente colpita da tale restrizioni. Per esempio,
LAvventuroso che non riuscir a recuperare
i fasti dei primi anni ospitava sotto varie

mogue ostati na visini zadatka sa iskljuivo


italijanskim izdanjima. Izmeu ostalih,
LAvventuroso zamenjuje Flea Gordona, koji
je bio otelotvorenje novog stila, kolonijalnom
priom I tre di Macall, koju je nacrtao ove
Topi na osnovu romana Edilija Napolija (prie
politike sadrine esto e se pojavljivati u
veini stripskih izdanja i ne samo kod firentinskog izdavaa). Snaga kojom su nametnute
ovakve zabrane, varira iz godine u godinu, sve
do konanog proglasa iz 1942. koje namee i
totalno uklanjanje kako oblaia tako i podele
na vinjete, jer su smatrani previe bliskim novom neitalijanskom stilu.
Zbog takve zabrane, izdavai su bili primorani da izmene prekookeanske prie, kako
bi ih smestili u italijanski kontekst, kao to
je to bio preuranjen sluaj sa stripom Lucio
lAvanguardista u nedeljniku Jumbo, koji je
prilagodio jednog engleskog junaka. U tom
smislu prvenstveno se izdvojio Nerbini, ija
su izdanja bila naroito pogoena ovom restrikcijom. Na primer LAvventuroso koji
nee uspeti da nadomesti slavu prvih godina - je objavljivao u raznim oblicima prie iz
Fantoma. Izmeu ostalih, izdvaja se domai
strip Tuffolino, humanizovana verzija Mikija
Mausa Flojda Gotfredsona koju je realizovao
Pjerlorenco De Vita, a koja se pojavila u Mondadorijevom nedeljniku. Samo nekoliko pria
ugledae svetlo dana, budui da se Diznijev mi pojavio relativno kasno, zahvaljujui
posebnoj dozvoli koju je Ministarstvo kulture
odobrilo iz umetnikih razloga.
Uprkos potekoama, restrikcije e dovesti do stvaranja nacionalne kole. Kao to se
nagovetavalo, razlikuje se materijal proizveden za Mondadorijeve asopise pod rukovodstvom scenariste Pedrokija i pisca ezarea
Zavatinija, u vidu nauno fantastinog serijala
Saturn protiv zemlje (Saturno contro la Terra)
(1937), koji je ilustrovao ovani Skolari i adaptirana verzija Doktor Faust (Il Dottor Faust)
(1939), koju je realizovao Rino Albertareli.
18

DALLE ORIGINI agli


anni Cinquanta

forme storie de LUomo Mascherato. Fra tutte,


colpisce limmaginario nazionale Tuffolino,
versione umanizzata del Topolino di Floyd
Gottfredson realizzata da Pierlorenzo De Vita
apparsa sul settimanale mondadoriano. Ne
vedranno la luce poche storie, dato che il topo
disneyano fu bandito relativamente tardi,
grazie a uno speciale permesso accordato dal
MinCulPop per motivi artistici.
Nonostante le difficolt, le restrizioni spingeranno verso la costruzione di una scuola nazionale. Come si accennava, si distingue il materiale prodotto per le riviste Mondadori sotto
la cura dello sceneggiatore Pedrocchi e dello
scrittore Cesare Zavattini, come il serial fantascientifico Saturno contro la Terra (1937), disegnato da Giovanni Scolari, e ladattamento
Il Dottor Faust (1939), realizzato da Rino Albertarelli. Un posto di rilievo lo hanno eroi
italiani quali Dick Fulmine (1938), un forzuto
personaggio che rester popolare fino agli
anni Cinquanta; e Cucciolo e Beppe (1941),
creati da Pedrocchi e Rino Anzi per la Editrice
Alpe. In una versione rivista e umanizzata,
riscuoteranno un grande successo fino a tutti
gli anni Sessanta.
Gli ultimi tre anni di guerra furono piuttosto
confusi. In pi di un senso, Roma davvero
una citt aperta e il settimanale Grandi avventure vi viene pubblicato dal 1942 al 1944,
proponendo serie italiane con nuvolette
firmate da Vittorio Cossio e altri, in un periodo in cui nel resto del paese le restrizioni
sono in vigore e scrupolosamente applicate.
Dallinizio del 1944, nelle regioni liberate del
sud del paese cominciano nuovamente ad apparire pubblicazioni, solitamente in formato
giornale. Alcune propongono vecchie serie,
come lIntrepido, che ricompare a Roma il 21
aprile 1945. Negli ultimi giorni del conflitto,
nel territorio della Repubblica fascista di Sal,
nel nord del paese, alcune riviste tradizionali
continuavano a uscire: lultimo numero del
Corriere dei piccoli datato 29 aprile 1945,
quattro giorni dopo la fine della guerra.

Znaajno mesto zauzimaju i italijanski junaci,


kao to su Dick Fulmine (1938), miiav junak
koji e svoju popularnost zadrati do pedesetih godina; i Cucciolo e Beppe (1941), iji su
tvorci Pedroki i Rino Anci za izdavaku kuu
Alpe. U obnovljenoj i humanizovanoj verziji, doivee veliki uspeh koji e ih pratiti do
ezdesetih godina.
Poslednje tri godine rata bile su poprilino
burne. Iz vie od jednog razloga, Rim je
zaista otvoren grad i nedeljnik Grandi
avventure izlazi u Rimu izmeu 1942. i
1944., predstavljajui italijanski serijal sa
oblaiima koji potpisuje Vitorio Kosio i drugi
autori, u periodu kada su u ostatku zemlje na
snazi restrikcije koje se strogo primenjuju. Od
poetka 1944. u osloboenim pokrajinama na
jugu zemlje ponovo izlaze izdanja, uglavnom
u formi novina. Neke od njih objavljuju
stare serijale, kao na primer Intrepido, koji se
ponovo pojavljuje u Rimu 21. aprila 1945. Poslednjih dana sukoba, na teritoriji Faistike
republike Salo, na severu zemlje, neki tradicionalni asopisi i dalje izlaze: poslednji broj
Korijera izlazi u Rimu 29. aprila 1945., etiri
dana nakon zavretka rata.
Iako se na kraju sukoba pojavljuju novi
asopisi, a prava junaka se ubrzo vraaju
u normalu, popularnost formata novine
opada. Nedostatak papira e uiniti ostalo,
prepustivi prostor ilustrovanim blokiima
i knjiicama. Zlatno doba italijanskog stripa
se nesreno zavrava u decembru 1943, kada i
Miki Maus zatvara vrata.
Prvi posleratni period i pedesete godine
Posle rata, izdavatvo se pokazalo kao jedno
od najivljih sektora i od samog poetka obnavlja svoje aktivnosti.
Mondadori 15. decembra 1945. ponovo nastavlja sa izdavanjem Mikija Mausa ba tamo
gde je stao, dovrivi prie u nastavcima.
Godine 1953. izdavaka kua Universo izdaje
19

DALLE ORIGINI agli


anni Cinquanta

Anche se alla fine del conflitto riprende la pubblicazione di nuove riviste e la situazione dei
diritti dei personaggi viene ristabilita in pochi
anni, la popolarit del formato giornale
andr scemando. La scarsit di carta far il
resto, lasciando spazio a strisce e libretti.
Lepoca doro del fumetto italiano era terminata mestamente nel dicembre 1943, quando
anche Topolino aveva chiuso i battenti.

kultne stripove Il Monello i LIntrepido ali, pre


svega, ve u junu 1946. poinje sa objavljivanjem Grand Hotel. Radi se o kvalitetnom
stripskom asopisu (jedan od autora je i veliki
Valter Molino) i ubrzo nakon toga, na njegovim stranicama se raa i foto roman, jedan od
tipinih italijanskih proizvoda tog vremena,
zajedno sa neorealizmom.
Njegov brz i buan uspeh (Grand Hotel i
konkurentni Bolero Film, pedesetih godina doivee prodaju od milion primeraka)
postavie na indirektan nain problem masovne kulture i njenog legitimiteta, a da ne
govorimo o politikom znaaju kojim su esto
pretrpana veoma popularna izdanja i serijali
za razonodu, koji samim tim imaju brojnu
publiku u graanima glasaima.
U godinama izrazite polarizacije javnog
mnjenja (leviarski front sa dominacijom
Komunistike
partije/umerenjaki-konzervativni blok sa svojim predstavnikom
Hrianskom demokratijom), foto-roman
i stripovi nisu izbegli itanje u ideolokom
kljuu i politike polemike: naime i jedan i
drugi ine efikasno sredstvo da privuku velike mase graana glasaa, a da ne govorimo
o didaktikom i propagandnom potencijalu.
Suoavanje je oigledno u rivalstvu izmeu
katolikog izdanja Il Vittorioso i Il Pioniere, omladinskog asopisa koji je naroito potencirala
Italijanska komunistika partija 1949.
Neizbene su bile i interne polemike na
pojedinanim frontovima: ako je sa jedne
strane Nilde Joti, pratilja Palmira Toljatija i ef
Komunistike partije otro kritikovala strip,
budui da je njime dominirala zabrinutost
za materijalni uspeh (...) i irelana avantura,
biva partizanka Marina Muzu, bitna figura u
novinarstvu i vojnoj politici, ve 1947. pie da
se nee zapanjiti ako na nacionalnom skupu
mladih komunista, neka predstavnica bude
imala u tani Grand Hotel, jer i na ovaj nain
devojke idu ka demokratiji.
Na polju iste zabave, prisustvujemo afir-

Il primo dopoguerra e gli Anni Cinquanta


Dopo la fine del conflitto, leditoria si dimostra
uno dei settori pi vivaci che, da subito, cerca
di riavviare le attivit.
Il 15 dicembre 1945 Mondadori riprende Topolino esattamente da dove era stato interrotto, portando a termine le storie a puntate.
Nel 1953 la casa editrice Universo rilancia le
storiche Il Monello e LIntrepido ma, soprattutto, gi nel giugno del 1946 aveva cominciato a pubblicare Grand Hotel. Questultima
una rivista di fumetti di buona qualit (tra gli
autori, il grande Walter Molino) e da l a poco
sulle sue pagine sarebbe nato il fotoromanzo,
uno dei prodotti pi tipicamente italiani del
periodo, insieme al Neorealismo.
Il suo successo rapidissimo e clamoroso
(Grand Hotel e la concorrente Bolero Film,
negli anni Cinquanta arriveranno a vendere
un milione di copie) porr in maniera inedita il
problema della cultura di massa e della sua
legittimazione, per non parlare della valenza
politica di cui spesso verranno caricate pubblicazioni e serie dintrattenimento di grande
successo e quindi lette da un gran numero di
cittadini elettori.
In anni di forte polarizzazione dellopinione
pubblica (fronte delle sinistre, con la predominanza del Partito Comunista / blocco
moderato-conservatore rappresentato dalla
Democrazia Cristiana) il fotoromanzo e i fumetti non sono sfuggiti a letture ideologiche
e polemiche politiche: entrambi costituiscono
20

DALLE ORIGINI agli


anni Cinquanta

infatti un mezzo efficace per raggiungere


grandi masse di cittadini elettori, per non parlare del potenziale didattico e di propaganda.
La contrapposizione palese nella rivalit
tra la pubblicazione cattolica Il Vittorioso e
Il Pioniere, periodico per la giovent voluto
espressamente dal Partito Comunista italiano
nel 1949.
Inevitabili anche le polemiche interne ai singoli fronti: se da un lato Nilde Jotti, compagna
di Palmiro Togliatti e dirigente del Partito Comunista, giudicava severamente il fumetto,
in quanto dominato dalla preoccupazione
del successo materiale (...) e dallavventura
irreale, lex partigiana Marina Musu, importante figura di giornalista e militante politica,
gi nel 1947 scrive di non scandalizzarsi se
alla conferenza nazionale della giovent comunista qualche delegata avr Grand Hotel
nella borsa, perch anche per questa via le
ragazze vanno verso la democrazia.
Sul fronte del puro intrattenimento, assistiamo allaffermarsi degli albi a fumetti in senso
moderno: pubblicazioni con molte decine
di pagine dedicate a un unico personaggio.
Allinizio costituiscono un modo per smaltire
le giacenze delle case editrici, o per ristampare storie gi prodotte risparmiando sui costi
(come si era cominciato a fare negli Stati Uniti
allinizio della Grande Depressione), ma ben
presto cominciano a proporre storie nuove,
scritte e disegnate appositamente.
Pur nella variet dei generi e degli stili grafici, le costanti sono lazione e lavventura,
rese con un disegno velocissimo e non di rado
povero. Ma, soprattutto, questa nuova forma
di serialit permetter in breve di articolare
trame assai pi lunghe ed elaborate, che
presto arriveranno a una complessit paragonabile a quella dei romanzi dappendice, di
cui il fumetto si avvia a diventare lerede.

maciji stripa u modernom smislu: to su izdanja sa nekoliko desetina stranica posveenim


jednom jedinom junaku. Na poetku je to
nain da se likvidiraju zalihe izdavakih kua
ili da se ponovo odtampaju ve objavljene
prie, tedei na cenama (kao to su uradili
Amerikanci nakon Velike depresije), ali ubrzo
se pojavljuju nove prie, u tu svrhu napisane i
nacrtane.
Iako postoje razni anrovi i grafiki stilovi,
konstante su akcija i avantura, ostvarene brzopoteznim i neretko siromanim crteom.
Ali, ova nova forma ozbiljnosti, ubrzo e
prvenstveno doprineti artikulisanju radnji
koje su dosta due i razraenije i koje e ubrzo
dostii sloenost koja bi se mogla uporediti sa
romanom u nastavcima, iji strip postaje neka
vrsta naslednika.

21

Gli anni Sessanta

Od poetaka do pedesetih godina


ezdesete godine

Gli anni Sessanta

EZDESETE GODINE
UN RINASCIMENTO DEL FUMETTO
ITALIANO?

RENESANSA ITALIJANSKOG STRIPA?


Nikada na italijanskim kioscima nije bilo
neega bar priblino slinog onome to je u
toku ezdesetih godina predstavljala iroka i
raznovrsna panorama tradicionalnog kutka
za stripove: humoristiki, avanturistiki, krimi, sentimentalni, edukativni stripovi, stripovi
za decu, za mlade, za odrasle, a da ne brojimo
izdanja manje ili vie eksplicitnih seksualnih i,
ponekad, otvoreno pornografskih sadraja.
Na raspolaganju prolaznika, zaista kao da je
bilo svega.
I ne samo to: stripovi su poeli da se obraaju
svakom moguem itaocu, a ne samo svojoj tradicionalnoj publici koju ine maliani,
deca i mladi. Poeli su, na primer, da se pojavljuju enski stripovi, okrenuti, publici
koju su inile mlade ene, u pokuaju da se
ovaj kljuni deo trita otme od fotoromana
koji su preovladavali, a bili su formata slinog
stripu, u kome su se oblaii i didaskalije nalazili na fotografijama, na kojima su predstavljeni glumci na foto-setovima pripremljenim
u tu svrhu.
Ve je reeno je da je takva raznovrsnost stilova, anrova, grafike osetljivosti i pristupa
predstavljala istinsku Renesansu italijanskog
stripa, nakon potekoa iz posleratnog perioda i pedesetih godina, odnosno, decenije
koju su karakterisali konformizam, moralizam i mrvica licemerja. I zbog toga ezdesete
godine predstavljaju momenat razgranienja
za italijanski strip i tako poinju dve decenije
komercijalnih i kreativnih rezultata, nikada
kasnije dostignutih zahvaljujui jeziku.
Re renesansa zasigurno moe delovati
prilino ozbiljno, ali, ako ostavimo po strani
imena i etikete, ostaje injenica da se na
stranicama skromnih, budalastih i jeftinih
novina tih godina, pokazala zapanjujua
raznovrsnost anrova i stilova, a da ne govorimo o kreativnosti i profesionalnosti, potrebnim da se ti anrovi i stilovi izraze, a koje su

Mai le edicole italiane hanno ospitato qualcosa di lontanamente simile a quello che durante gli anni Sessanta era il panorama ampio
e variegato del tradizionale angolo dei fumetti: fumetti umoristici, avventurosi, gialli,
rosa, didattici, per bambini, per adulti, senza
contare pubblicazioni dal contenuto pi o
meno sessualmente esplicito e, a un certo
punto, dichiaratamente pornografico.
A disposizione dei passanti sembrava davvero
esserci qualsiasi cosa.
Non solo: i fumetti cominciavano a rivolgersi
a ogni possibile lettore, e non solo al proprio
pubblico tradizionale composto da bambini,
ragazzi e adolescenti. Per esempio, cominciarono ad apparire fumetti femminili rivolti a
un pubblico di giovani donne, nel tentativo di
strappare questa fetta fondamentale di mercato ai predominanti fotoromanzi, il formato
simil-fumettistico in cui nuvolette e didascalie
vengono apposte a istantanee dal vero, scattate ad attori su appositi set fotografici.
Si detto che una tale variet di stili, generi,
sensibilit grafiche e approcci narrativi costituiva un vero e proprio Rinascimento del
fumetto italiano, dopo le difficolt del dopo
guerra e un decennio, gli anni Cinquanta, caratterizzato da perbenismo, moralismo e un
pizzico di ipocrisia.
Anche per questo gli anni Sessanta rappresentano uno momento spartiacque per il
fumetto italiano, inaugurando quasi un ventennio di risultati commerciali e creativi mai
pi eguagliati da questo linguaggio.
La parola Rinascimento pu certamente
sembrare alquanto impegnativa ma, mettendo per un attimo da parte nomi ed etichette,
resta il fatto che sulle pagine degli umili,
sciocchi giornalini in quegli anni si manifest unaffascinante variet di generi e stili,
per non parlare della creativit e della pro24

Gli anni Sessanta

fessionalit necessari a esprimerli, probabilmente senza precedenti e, apparentemente,


senza seguito.
Ma una cosa almeno fuori discussione: dopo
oltre 40 anni, ancora oggi le onde durto
creative prodotte nel corso di quel periodo
continuano a propagarsi, influenzando la comunit fumettistica italiana e la cultura popolare del Paese.
Molti degli allora giovani o giovanissimi autori e disegnatori sono ancora in attivit. E i
lettori che in quegli anni sono cresciuti con le
loro storie contribuiscono oggi come redattori, grafici, direttori artistici o editoriali a dare
forma e contenuto alle attuali produzioni a
fumetti.
Gi da alcuni anni nel mondo del fumetto si
sta verificando un cambio della guardia, se
non una mutazione.
Le ultime generazioni, cresciute con un gran
numero di stimoli diversi, e attratte dai nuovi formati dellintrattenimento come video
giochi, clip musicali e trasversalmente a
tutto ci Internet, diventando adulte apportano apportano un loro contributo a nuovi
modi di fare e leggere fumetti.
Ma per il momento la maggior parte dei professionisti del fumetto oggi attivi riconosce
il ruolo formativo della generazione precedente. Linfluenza degli anni Sessanta quindi destinata a perdurare ben oltre lattivit e le
opere dei pionieristici artigiani dellepoca.

bile bez prethodnika i, oigledno, bez naslednika.


Ali postoji neto oko ega ne treba diskutovati: nakon vie od 40 godina, i danas udarni
talasi kreativnosti proizvedeni u tom periodu, nastavljaju da se mnoe, vrei uticaj na
italijansku stripovnu zajednicu i na narodnu
kulturu zemlje.
Mnogi od autora, koji su u to vreme bili mladi ili
pak veoma mladi, jo uvek su aktivni. A itaoci
koji su tih godina rasli uz njihove prie, danas
daju svoj doprinos kao urednici, grafiari,
umetniki ili izdavaki direktori i stvaraju oblik i sadraj trenutne stripovne produkcije.
Ve nekoliko godina se u svetu stripa pokazuje, ako ne potpuna promena, onda samo
smena strae.
Poslednje generacije, odrasle uz veliki broj
razliitih stimulusa i privuene novim vidovima zabave, kao to su video-igre, muziki spotovi i Internet, kao ono to ih spaja, odrastaju
dajui svoj doprinos novim nainima stvaranja
i itanja stripova.
Ali za sada, najvei broj ljudi koji se danas
profesionalno i aktivno bave stripom priznaje
edukativnu ulogu prethodne generacije. Uticaj ezdesetih godina, dakle, predodreen je
da u trajanju nadmai aktivnost i dela pionira
ovog zanata iz tog perioda.
Na poetku je bio Dijabolik
Jo od prvog broja koji je izaao 1. novembra
1962, Dijabolik otelovljuje sve ono to drutvo
ne moe da prizna ili bar samo da shvati da
moe biti predstavljeno jednim stripom: Dijabolik je lopov, otmiar, hladnokrvni ubica. Ali,
pre svega, ako teti dodamo i podvale, on je
i pobednik. Drugim reima, on je primer potpuno negativnog heroja, neverovatno skandalozna i neprihvatljiva figura za najmoralniju
italijansku kulturu.
Njegov uspeh predstavlja vanu injenicu i
zasigurno se moe rei da, sa gledita javnog

Allinizio era Diabolik


Sin dal numero 1 del novembre 1962, Diabolik
incarna tutto ci che la societ non pu ammettere o anche solo concepire che fosse rappresentato in un fumetto: Diabolik un ladro,
un rapinatore, un assassino a sangue freddo.
Ma soprattutto, aggiungendo al danno la beffa, un vincente. In altre parole, costituisce
un esempio di eroe totalmente negativo, una
figura incredibilmente scandalosa e inaccet25

Gli anni Sessanta

tabile per la cultura italiana pi perbenista.


Il suo successo costituisce un momento importante e si pu sicuramente dire che dal punto
di vista della morale pubblica e del costume
c un prima e un dopo Diabolik: lenorme
popolarit del personaggio permette di sdoganare e rende accettabile la lettura di pubblicazioni moralmente riprovevoli.
La cosa fa scandalo e sia privati cittadini che
associazioni presentano numerose denunce
che portano a interrogazioni presso il Parlamento Italiano (qualcosa di simile a quanto
avviene negli anni Cinquanta negli USA, dove
davanti a una Commissione del Senato si svolgono udienze sullinfluenza dei fumetti nei
comportamenti criminali dei giovani.).
Ci nonostante Diabolik, i suoi autori e
leditore sono sempre prosciolti da tutte le accuse e pi la censura si accanisce contro il personaggio e i suoi imitatori, pi questi fumetti
guadagnano popolarit.

morala i obiaja, postoji stanje pre i posle Dijabolika: ogromna popularnost junaka
omoguava da itanje izdanja koja su za moralnu osudu postane prihvatljivo i prirodno.
Dolazi do skandala, pa, kako obini graani,
tako i razna udruenja, podnose brojne prijave koje dovode do diskusija u italijanskom
Parlamentu (slino onome to se deava u
Sjedinjenim Dravama pedesetih godina,
kada su se pred jednom komisijom u Senatu
vodile rasprave na temu uticaja stripa na
kriminalno ponaanje mladih).
Uprkos tome, Dijabolik, njegovi autori i
izdava uvek su se oslobaali od optubi i to
je vie cenzura besnela protiv junaka i njegovih imitatora, to su ovi stripovi dobijali veu
popularnost.
ta su italijanski crni stripovi?
Dijabolik je bio pretea niza crnih stripova
i, u irem smislu, anra italijanskog crnog
stripa, esto poznatijeg i traenijeg u inostranstvu nego u Italiji, posebno u Sjedinjenim
Dravama: reiseri kao to su Kventin Tarantino i Robert Rodrigez navode da su strastveni
ljubitelji i oboavaoci italijanskih kultnih
reisera iz tog perioda, kao to su Mario Bava
i Fernando Leo.

Cosa sono i neri italiani?


Diabolik stato il precursore di una serie di
fumetti neri e, per estensione, del genere
dei neri italiani, spesso molto pi noto e
ricercato allestero che in Italia, specialmente
negli USA: registi come Quentin Tarantino
e Robert Rodriguez si dichiarano da sempre
appassionati e ammiratori di registi italiani
di culto di questi anni, come Mario Bava e
Fernando Leo.

Crni italijanski je opti naziv za stripove i


filmove proizvedene od poetaka ezdesetih
godina do kraja sedamdesetih, a koje
karakteriu realistini i sirovi pristup gradskom
ivotu i predstavljanju nasilja. Ekstremna
ponaanja, surovi instikt za preivljavanjem,
pohlepa i blud predstavljeni su eksplicitno,
kao sastavni deo modernog drutva, u kontrastu sa licemerjem formalnog sveta, kojim
vladaju vrsti principi porodice i religije.
Ogromni i neoekivan uspeh Dijabolika stvara
brojne imitacije, kojima je zajedniki element
naivni i, gotovo uvek, jednostavni pokuaj da
se imitira originalni model i to neverovantom

Neri italiani un termine generico per indicare fumetti e film prodotti dai primi anni Sessanta alla fine degli anni Settanta, caratterizzati da un approccio realistico e crudo alla vita
urbana e alla rappresentazione della violenza.
Comportamenti estremi, un feroce istinto di
sopravvivenza, lavidit e la lussuria vengono
rappresentati esplicitamente come parte integrante della societ moderna, in contrasto
con lipocrisia del mondo ufficiale, gover26

Gli anni Sessanta

nato dai saldi principi della Famiglia e della


Religione.
Lenorme e inatteso successo di Diabolik genera numerose imitazioni, accomunate dal
tentativo naf e quasi sempre rudimentale di
emulare il modello originale con unimprobabile miscela di violenza gratuita, malavita
e situazioni a sfondo sessuale che restano in
gran parte suggerite.
La cosa pi curiosa e bizzarra che quasi
senza eccezione nel nome di tutti questi
personaggi compare la lettera k (e le eccezioni sono solitamente altre lettere misteriose come la x). Con un approccio a met
tra lingenuo e il kitch, si pensa probabilmente
che questo specifico aspetto delloriginale (la
k di Diabolik) possa risultare affascinante
per il lettore italiano di allora (queste lettere
non compaiono nellalfabeto italiano e sono
quindi esotiche).

meavinom neopravdanog nasilja, kriminala,


i situacija seksualne pozadine, koje se u veim
delom ostaju samo u nagovetaju. Najzanimljivije i najbizarnije je to to se gotovo bez
izuzetka u imenu svih junaka pojavljue slovo
k (a ti izuzeci su obino druga misteriozna
slova, kao x). Pristupom koji je delom naivan, a delom ki, verovatno se mislilo da bi
ovaj posebni aspekt originala (k u imenu
Diabolik) mogao izgledati fascinantno za
italijanskog itaoca toga toba (ova slova se
ne pojavljuju u italijanskom alfabetu i, dakle,
smatraju se egzotinim).
Humoristike serije:
Cucciolo, Tiramolla i drugi
Strastveni ljubitelji stripa danas nemaju
mnogo izbora: ako ih ne zanima realistina
avantura (sve ono to proizvodi Sero Boneli i
nekolicina drugih) i vie bi voleli humoristika
izdanja, morali bi neizbeno da se okrenu
Diznijevim naslovima: na kioscima danas
Diznijevi asopisi i junaci kao da su jedini
predstavnici humoristikog stripa sa veoma
malo (iako zapaenih) izuzetaka.
To je jedan od rezultata radikalnih transformacija koje je pretrpelo izdavatvo stripa u
devedesetim godinama, a iz tih promena
je trite izalo polarizovano izmeu malobrojnih velikih izdavakih grupa i, gotovo u
potpunosti, lieno malih i srednijh izdavaa.
ezdesetih godina, meutim, revije i
humoristika izdanja bila su norma i iroka
gama italijanskih i stranih junaka bori se za
naklonost italaca.
Meu italijanskim junacima Cucciolo i Tiramolla spadaju u najvanije po popularnosti i
prodaji i moda su i jedini koji su bili u stanju
da se takmie sa Mikijem Mausom i drugim
Diznijevim junacima.

Serie umoristiche:
Cucciolo, Tiramolla e gli altri
Gli appassionati di fumetti oggi non hanno molta scelta: se non sono interessati
allavventura realistica (tutto ci che viene
prodotto da Sergio Bonelli Editore e poco altro) e preferirebbero letture pi umoristiche,
dovrebbero necessariamente rivolgersi ai titoli Disney: in edicola, le riviste e i personaggi
Disney sembrano essere gli unici rappresentanti del fumetto umoristico con pochissime
(per quanto notevoli) eccezioni.
uno dei risultati delle radicali trasformazioni
subite dalleditoria a fumetti negli anni Novanta, da cui il mercato esce polarizzato tra
pochi grossi gruppi editoriali e quasi del tutto
privo di piccoli e medi editori.
Negli anni Sessanta, invece, riviste e albi umoristici sono la norma e unampia gamma di
personaggi italiani e stranieri si contendono il
favore dei lettori.
Tra i personaggi italiani Cucciolo e Tiramolla
27

Gli anni Sessanta

sono i pi importanti per popolarit e vendite,


forse gli unici in grado di competere con Topolino e con la banda Disney.

Puno anrovskih stripova i stripova svih


anrova
ezdesetih godina, mnogo pre raanja komercijalne televizije i desetak godina pre
nego to je televizija postala instrument masovne i sveobuhvatne zabave, u Italiji postoje
samo dve nacionalne crno-bele mree: oni
uglavnom prenose vesti, poune i zabavne
programe za porodice, sa programskom
emom koja nije pokrivala vie od 18 sati
dnevno.
Ne iznenauje, dakle, injenica da se oekuje
od tradicionalnih medija da zadovolje publiku sve eljniju zabave i italijansko udo,
odnosno ekonomsku eksploziju tih godina.
Time je objanjen i uzrok zbog koga strip, a
posebno jeftin i popularan strip, ezdesetih
godina ini najvitalniji segment izdavatva, sa
irokim izborom junaka, naslova i anrova: fantasy strip, naunofantastini, avanturistiki,
pijunski i krimi strip, zatim ljubavni, edukativni i, ak, seksi i lagano erotski, u svakom
moguem obliku ili formatu, samo su neki od
primera onoga to trite nudi u zemlji gladnih italaca.

Tanti fumetti di genere e fumetti di tutti i


generi
Negli anni Sessanta, molto prima della nascita della TV commerciale, e una decina danni
prima che la televisione diventi strumento di
intrattenimento di massa onnipervasivo, in
Italia esistono solo due reti nazionali in bianco
e nero: trasmettono in gran parte notiziari,
programmi didattici e intrattenimento per
famiglie, con un palinsesto di non pi di 18
ore al giorno.
Non stupisce quindi che spetti ai media tradizionali soddisfare un pubblico sempre pi
avido di intrattenimento e in pieno miracolo
italiano, lesplosione economica di quegli
anni.
Questo spiega anche perch negli anni Sessanta il fumetto, e in particolare quello economico e popolare, costituisca il segmento
pi vitale delleditoria, con un ampia scelta di
personaggi, titoli e generi: fumetti fantasy,
di fantascienza, davventura, di spionaggio,
gialli, rosa, didattici e persino sexy e blandamente erotici, in ogni possibile foggia e formato, sono solo alcuni esempi di quello che il
mercato offre a un paese di avidi lettori.

Revije
U kontekstu stripova iz ezdesetih godina,
izraz revije se ne koristi uopteno, ve ukazuje na neka jako precizna izdanja koja su u
tom periodu pokuavala da prevaziu razliku
izmeu stripa kao vrste zabave i njegovog potencijala kao proizvoda kulture.
Ove revije prikazuju ne samo veliki broj stripova i junaka koji imaju istorijsku i umetniku
vanost, ve i kritike lanke i lanke koji nude
informacije o stripu i o kulturnim pitanjima
koja se za njega veu. Njihovo pojavljivanje
oznaava zvanino raanje comicdom-a
(zajednice strastvenih ljubitelja i strunjaka
stripa), kao odeljka koji je specijalizovan za
publiku. Znaajno je i to to se istih tih godina

Le riviste
Nel contesto dei fumetti degli anni Sessanta,
lespressione le riviste non generica ma
indica alcune testate ben precise che in quel
periodo cercano di colmare il divario tra il fumetto come forma di intrattenimento e il suo
potenziale di prodotto culturale.
Queste riviste presentano non solo un gran
numero di fumetti e personaggi storicamente e artisticamente rilevanti, ma anche
articoli di critica e informazione sul fumetto
28

Gli anni Sessanta

e sulle questioni culturali a esso collegate. La


loro comparsa segna la nascita ufficiale del
comicdom (la comunit degli appassionati
e degli esperti di fumetti) come segmento
specializzato di pubblico. Significativamente,
in quegli stessi anni che nascono i primi Saloni, cio festival del fumetto come quello di
Bordighera, destinato a diventare il Festival
Internazionale del Fumetto di Lucca (oggi
Lucca Comics & Games) famoso in tutto il
mondo.
Linus (1965) ed Eureka (1967) furono le prime
e pi popolari riviste specializzate di fumetti
e ancora oggi vengono sempre citate come
esempi tipici delle tendenze editoriali e culturali del periodo.

raaju i prvi Saloni, odnosno, festivali stripa


kao to je onaj u Bordigeri, koji je zatim prerastao u Meunarodni festival stripa u Luki
(Festival Internazionale del Fumetto di Lucca, a
danas Lucca Comics & Games) poznat u celom
svetu.
Revije Linus (1965) i Eureka (1967) bile su prve
popularne revije specijalizovane za stripove
i jo i danas ih citiraju kao tipine primere
izdavakih i kulturnih tendencija u tom periodu.

29

Gli anni Settanta

Od poetaka do pedesetih godina


Sedamdesete godine

Gli anni Settanta

SEDAMDESETE GODINE
In Italia i Settanta sono anni di turbolenza
politica e sociale (scioperi, contestazioni
studentesche, terrorismo), che il fumetto
riecheggia puntualmente, veicolando idee e
argomenti altrimenti minoritari e privi di visibilit.
Questo perch in forte analogia con la nascita dellunderground negli USA, un decennio prima il fumetto ha tempi e costi
daccesso minimi, rispetto alla grande stampa
(in genere sorvegliata da questo o quel referente politico), alla televisione o al cinema
(per i quali le tecniche di produzione sono ancora costose e richiedono una professionalit
elevata).
Invece il fumetto veloce, costa poco e ha un
impatto immediato, specie sul pubblico pi
giovane. Inoltre, il fumetto ancora considerato cosa per bambini, e quindi ai grandi gruppi editoriali non interessa cosa viene viene
pubblicato sulle sue pagine. Il lavoro compiuto negli anni Sessanta da riviste come Linus ed
Eureka nel proporre nuovi autori e riscoprendo quelli vecchi ma validi, il proliferare di fumetti neri emuli di Diabolik e di quelli erotici,
il dilagare dei nuovi fumetti americani, sia i
popolarissimi supereroi che lunderground, e
le nuove produzioni straniere, in particolare
quelle spagnole, argentine e francesi, tutto
ci porta a unesplosione di periodici in cui si
sperimentano nuovi segni e nuove storie.
Questo grazie anche a un deus ex machina
come il brillante giornalista, scrittore e scopritore di talenti Oreste del Buono (OdB),
in questi anni direttore di Linus e Alter Linus.
Su Linus OdB d spazio ad autori come Tullio
Pericoli ed Emanuele Pirella, Guido Buzzelli,
Enzo Lunari, Alfredo Chiappori, Guido Crepax
che raccontano la societ e la politica italiana;
su Alter Linus troviamo Hugo Pratt, Attilio Micheluzzi, Andrea Pazienza, Filippo Scozzari,
Mbius e il gruppo de Les Humanodes Associs, che in questo momento, con la rivita
Mtal Hurlant, stavano rivoluzionando il pa-

U Italiji su sedemdesete godine, godine


politikih i drutvenih previranja, (trajkovi,
studentski protesti, terorizam), na koje stripovi redovno podseaju, irei ideje koje bi,
u suprotnom, bile ideje manjine ili bi pak bile
nepoznate.
A sve zbog toga u snanoj analogiji sa
raanjem andergraunda u SAD deceniju ranije
- to je stripu, u pogledu vremena i trokova,
mnogo lake da se probije do italaca, za razliku od velike tampe (koju je, uglavnom, nadgledao neki politiki referent), od televizije ili
od filma (ije su tehnike proizvodnje i dalje skupe i zahtevaju visoku profesionalnost).
Za razliku od njih, strip je brz, kota malo i ima
neposredno dejstvo, posebno na mladu publiku. Dalje, strip jo uvek smatraju zabavom
za decu, tako da velike izdavake grupe ne zanima ta se tampa na njegovim stranicama.
Posao koji su sedamdesetih godina obavili
asopisi kao to su Linus i Eureka, predloivi
nove autore i otkrivi ponovo i one stare, ali i
dalje znaajne, zatim sve ea tampa crnog
stripa po ugledu na Diabolik, a onda i erotskih
stripova, zatim irenje novih amerikih izdanja, kako onih o veoma popularnim superherojima, tako i andergraund stripa, pa novi
strani proizvodi, posebno panski, argentinski
i francuski, sve to zajedno dovodi do eksplozije asopisa u kojima se eksperimentiu nove
osobine i nove prie.
A sve to se deava zahvaljujui jednom deus
ex machina kakav je brilijantni novinar, pisac
i lovac na talente, Oreste del Buono (OdB),
koji je tih godina bio direktor listova Linus i Alter Linus. U listu Linus OdB daje prostor autorima kao to su Tulio Perikoli i Emanuele Pirela, Guido Buceli, Enco Lunari, Alfredo Kjapori,
Guido Crepaks koji priaju prie o drutvu i
italijanskoj politici; u listu Alter Linus nalazimo
Huga Prata, Atilija Mikelucija, Andreu Pacijencu, Filipa Skocarija, Mbius-a i grupu Les
Humanodes Associs, koja je u tom trenutku,
revijom Mtal Hurlant, vrila revoluciju evrop32

Gli anni Settanta

norama editoriale europeo.


Tra gli anni Sessanta e Settanta cambia anche
il Corriere dei Piccoli, che diventa Corriere dei
Ragazzi e propone un mix perfetto di giornalismo, storia e narrazione a fumetti. Il cattolico
Il Giornalino ha come personaggio di punta
il commissario Spada di Gianluigi Gonano e
Gianni De Luca che sul lavoro affronta criminali e terroristi, e a casa un figlio adolescente
che cerca una strada diversa da quella tracciata per lui dal genitore.
Nel campo del popolare Sergio Bonelli crea
Mister No e pubblica la rivoluzionaria Storia
del West di Gino DAntonio.
Nascono riviste di satira scritta e disegnata
come Il Male, mentre altri periodici e case
editrici di cultura alternativa (Re Nudo,
Savelli) ospitano storie a fumetti accanto a
romanzi, saggi, inchieste. Negli anni Settanta
il fumetto politico nel senso che pone domande sulla societ in cui nasce, indipendentemente dal genere letterario delle singole
storie, e stimola nei suoi lettori un nuovo senso critico senza rinunciare, nei casi migliori, al
piacere della lettura.
Verso la fine del decennio il mutato clima politico, linizio di una stagione segnata dal terrorismo (gli anni di piombo) e sul fronte
editoriale e della comunicazione lesplosione
del fenomeno della televisione privata commerciale porta a profonde trasformazioni anche nelleditoria a fumetti.
Gli autori si disperdono, rifugiandosi nei periodici o nella televisione, come scrittori, illustratori e giornalisti. Gli altri restano allinterno di
un mercato del fumetto che assomiglia sempre pi a una riserva indiana, dai confini sempre pi ristretti anno dopo anno.
Il decennio si chiude nel 1980 con luscita della
rivista Frigidaire, vera e propria cartina tornasole di ci che vede, legge, scrive, ascolta
e accade nella nuova societ italiana (e non
solo) uscita dagli anni.

ske panorame izdavatva.


Izmeu ezdesetih i sedamdesetih godina
menja se i list Corriere dei Piccoli, koji postaje
Corriere dei Ragazzi i predlae miks koga ine
savrenim novinarstvo, istorija i pripovedanje
kroz stripove. Glavni junak katolikog lista Il
Giornalino je komesar Spada, iji su autori
anluii Gonano i ani De Luka, a koji se na
poslu suoava sa kriminalcima i teroristima,
a kod kue sa mladim sinom koji za sebe eli
put, razliit od onog koji je za njega odredio
njegov otac.
Na polju popularnog stripa Sero Boneli stvara lik Mister No-a i objavljuje revolucionarnu
Storia del West ina DAntonija.
Raaju se revije prepune pisane i crtane satire,
kao to je Il Male, dok drugi listovi i izdavake
kue alternativne kulture (Re Nudo, Savelli)
daju prostora priama u stripovima, pored
romana, eseja, istraivanja. ezdesetih godina strip postaje politiki, u tom smislu da
postavlja pitanja o drutvu u kome se stvara,
nezavisno od knjievnog anra pojedinanih
pria i stimulie kod svojih itaoca jedan novi
kritiki smisao, a da se ne odrie, u najboljim
sluajevima, uivanja u itanju.
Krajem decenije, promenjena politika klima,
poetak perioda koji je obeleen terorizmom
(olovne godine) i na frontu izdavatva i
komunikacije eksplozija fenomena privatne
i komercijalne televizije dovode do dubokih
promena i u izdavatvu stripa.
Autori se razilaze, sklanjaju se u asopise ili
na televiziju, kao pisci, ilustratori i novinari.
Drugi ostaju unutar trita stripa koje sve vie
lii na rezervat Indijanaca, sve tesnijih granica
je, godinu za godinom.
Decenija se zavrava 1980. izlaskom asopisa
Frigidaire, koji je odraz onoga to se gleda,
ita, pie, uje i deava u novom italijanskom
drutvu (i ne samo u njemu) koje je izalo iz
sedamdesetih godina.

33

Gli anni Settanta

Larrivo dei supereroi

Dolazak superheroja

La prima storia dei Fantastici Quattro era apparsa sulle pagine di Linus alla fine degli anni
Sessanta. Luciano Secchi, allepoca direttore
dellEditoriale Corno, racconter poi di aver
visto alcuni di quegli albi originali in alcune
edicole al mare e di averli poi portati al suo
editore, Andrea Corno, per convincerlo a pubblicarli, cosa che poi far fino alla met degli
anni Ottanta.
I supereroi con superproblemi della Marvel
sono personaggi nuovi, in cui i lettori si identificheranno proiettando disagi e paure: Devil
un avvocato cieco che compensa il suo handicap con sensi sviluppatissimi; lUomo Ragno
un giovane studente emarginato dai compagni di classe che stenta ad arrivare a fine mese
insieme alla vecchia zia; i Fantastici Quattro,
nati come supereroi pi tradizionali e dalle
storie puramente avventurose e fantastiche,
lungo la strada acquisiscono uno spessore
psicologico e caratteriale inedito nel fumetto
popolare americano.
Cos, tra uno scontro e laltro con i supercattivi, i personaggi della Marvel affrontano temi
come la droga, il razzismo, il femminismo, il
Vietnam, la guerra fredda e le forze oscure
della politica e nelleconomia che tramano
nellombra

Prva pria o Fantastinoj etvorci pojavila


se na stranicama Linus-a krajem ezdesetih
godina. Luano Seki, u to vreme direktor
izdavake kue Editoriale Corno, ispriae da
je video neke od originalnih stripova iz ove
serije na kioscima na moru i da ih je, zatim,
odneo svom izdavau, Andrei Cornu, kako bi
ga ubedio da ih objavi, to e on i raditi sve do
polovine osamdesetih godina.
Superheroji sa superproblemima izdavake
kue Marvel jesu novi likovi, sa kojima e se
itaoci identifikovati, projektujui neprijatnosti i strahove: Devil je slepi advokat koji
svoj hendikep nadomeuje veoma razvijenim ulima; ovek Pauk je mladi student koga
su kolski drugovi odbacili i koji jedva sastavlja kraj s krajem, zajedno sa starom tetkom;
Fantastina etvorka je grupa likova koji su
roeni kao najtradicionalniji superheroji i
junaci su pria koje su isto avanturisike i
fantastine, i na putu svog postojanja pridobijaju psiholoke i karakterne osobine, nikad
objavljene u amerikom popularnom stripu.
Tako se, izmeu dva sukoba sa super-zlicama,
likovi kue Marvel suoavaju sa temama kao
to su droga, rasizam, feminizam, Vijetnam,
hladni rat i mrane sile politike i ekonomije
koje vrebaju iz senke.

La scuola argentina: Lanciostory, Skorpio e


lEternauta

Argentinska kola: Lanciostory, Skorpio i


lEternauta

Nel 1975 la casa editrice Lancio, specializzata in fotoromanzi, decide di pubblicare


un nuovo periodico sul tipo dellIntrepido e il
Monello, per proporre il meglio della nuova
produzione argentina di autori come Carlos
Trillo, Gullermo Saccomanno, Horacio Altuna,
Robin Wood, Ernesto Garcia Seijas, Lucho
Olivera, Ricardo Barreiro, Juan Gimenez, Juan
Zanotto, Roberto Mandrafina, Enrique Breccia (figlio di Alberto).

Godine 1975. izdavaka kua Lancio, koja je


bila specijalizovana za fotoromane, odluuje
da objavi novi asopis prema tipu listova Intrepido i Monello, kako bi predloio najbolje
od nove argentinske grupe autora, autore kao
to su Karlos Triljo, Guljermo Sakomano, Orasio Altuna, Robin Vud, Ernesto Garsija Seihas,
Luo Olivera, Rilardo Bareiro, Huan Himenes,
Huan Sanoto, Roberto Mandrafina, Enrike
Brea (Albertov sin).
34

Gli anni Settanta

Nei primi anni, la singola storia pi importante LEternauta, il capolavoro di Hctor G.


Hoesterheld e Solano Lopez, mentre la serie
di ambientazione post-apocalittica Barbara,
di Juan Zanotto, rappresenta bene la linea
della rivista negli anni successivi: storie di
puro intrattenimento, ben scritte e ottimamente disegnate.
La produzione argentina talmente abbondante che dopo un paio danni a Lanciostory
si affianca Skorpio, sulle cui pagine debutter
unintera generazione di nuovi autori italiani:
Franco Saudelli, Massimo Rotundo, Ugolino
Cossu, Giuseppe Ferrandino, Paolo Eleuteri
Serpieri, Eugenio Sicomoro, Emiliano Simeoni.
Molto amata dal pubblico la serie Welcome to
Springville, disegnata dal veterano Renzo Calegari su testi di Giancarlo Berardi.

Prvih godina, najvanija pojedinana pria


je LEternauta, remek-delo Ektora G, Hesterhelda i Solana Lopesa, dok serija smetena
u post-apokaliptino doba, Barbara, Huana
Sanota, verno predstavlja liniju koju je revija
pratila narednih godina: prie za puku zabavu, dobro napisane i odlino nacrtane.
Argentinska produkcija je toliko izdana da
se nakon par godina asopisu Lanciostory
pridruuje asopis Skorpio, na ijim e stranicama debitovati itava jedna generacija novih
italijanskih autora: Franko Saudeli, Masimo
Rotundo, Ugolino Kosu, iuzepe Ferandino,
Paolo Eleuteri Serpjeri, Euenio Sikomoro,
Emilijano Simeoni.
Publika je jako volela i seriju Welcome to
Springville, koju je crtao veteran Renco Kalegari, na tekstove ankarla Berardija.
Japanski crtai

I cartoni giapponesi

Godine 1978. emituje se prva epizoda Goldrake-a, crtanog filma raenog po stripu
japanca Go Nagaja. U to vreme niko nije
poznavao autora, nije se znalo ni da crtana
serija potie iz jednog stripa, a, pre svega,
nije se moglo ni pretpostaviti da e to biti tek
poetak bujice koja e uzdrmati televizijske
programske eme i svet mate vie nego
jedne generacije.
Italijanski izdavai pokuavaju da iskoriste
ovaj fenomen aljui u prodaju stripove koje
su nacrtali i napisali italijanski autori, a koji
(loe) kopiraju prie iz crtanih filmova.

Nel 1978 va in onda in Italia la prima puntata


di Goldrake, il cartone animato tratto dai fumetti del giapponese Go Nagai.
Allepoca nessuno conosceva lautore, non si
sapeva che la serie animata derivava da un fumetto e, soprattutto, non si immaginava che
sarebbe stato solo linizio di un fiume in piena
che avrebbe travolto i palinsesti televisivi e
limmaginario di pi di una generazione.
Gli editori italiani cercano di sfruttare il fenomeno mandando in edicola fumetti scritti e
disegnati da autori italiani che copiano (male)
le storie dei cartoni animati.

Klasini i asopisi raskida sa tradicijom

Le riviste classiche e quelle di rottura

Formula revije u stripu, koju su lansirali Linus i Eureka ezdesetih godina ima uspeha i
svaki izdava, bio on mali ili veliki, tampa po
jednu. To donosi veliku raznovrsnost italijanskih, a pre svega stranih, autora, koji obnavljaju i internacionalizuju nacionalnu panoramu izdavatva stripa. Revija Il Mago grupe

La formula della rivista di fumetti, lanciata da


Linus ed Eureka negli anni Sessanta, ha successo e ogni editore, piccolo o grande che sia,
ne pubblica una. Questo porta a una grande
variet di autori italiani e soprattutto stranieri, che svecchiano e internazionalizzano il
35

Gli anni Settanta

panorama delleditoria a fumetti nazionale.


Il Mago del gruppo Mondadori ha un taglio
nazional popolare e accanto a maestri come
Alberto Breccia (Mort Cinder) propone classici come Alex Raymond e molte serie umoristiche (Asterix, Braccio di Ferro, Il mago Wiz).
Alter Linus (poi Alter Alter) destinato al lettore di Linus e propone il meglio del fumetto
internazionale pi sofisticato: lamericano
Richard Corben, gli argentini Carlos Muoz
e Jos Sampayo, gli italiani Dino Battaglia e
Milo Manara, i francesi Humanodes Associs
(Mbius in testa).

Mondadori ima narodnjaku formu i uz


majstore kakvi su Alberto Brea (Mort Cinder)
predlae klasike kao to je Aleks Rejmond i
mnoge humoristike seije (Asterix, Braccio di
Ferro, Il mago Wiz).
Alter Linus (zatim Alter Alter) namenjen je
itaocima Linus-a i predlae najbolje od najsofisticiranijeg meunarodnog stripa: amerikanca Riarda Korbena, argentince Karlosa
Munjosa i Hozea Sampaza, italijane Dina
Batalju i Mila Manaru, francusku grupu Humanodes Associs (sa Mbius-om na elu).
Il Male, koja se zasniva na stripu, satiri i
drutvenoj angaovanosti, odmah postaje
kola u kojoj se kale autori nove generacije
studentskog pokreta iz 77. Slavna po lanim
senzacijama koje su bile izuzetno verodostojne zbog savrenstva novinarskog jezika i
nepogreive rekonstrukcije (dopunski lanci,
dublje analize itd.) revija Il Male je izvela razne
poduhvate ove vrste.
Meu autorima su Stefano Tamburini, Andrea
Pacijenca, Filipo Skocari, Tanino Liberatore,
Masimo Matioli, koji e zajedno sa Vinencom
Sparanjom, takoe novinarom revije Il Male,
godine 1980. osnovati Frigidaire. Pilot eksperiment, meutim, jeste list Cannibale,
na ijim se stranicama pojavljuje po prvi put
sintetiki stvoreni siledija Ranxerox, simbol jedne nove generacije koja je sruila mostove sa svim prethodnim.

Le riviste simbolo degli anni Settanta sono


due. Il Male, basato su fumetto, satira e impegno sociale, diventa subito la palestra
in cui si fanno le ossa gli autori della nuova
generazione del movimento studentesco del
77. Celebre per i falsi scoop, assolutamente
credibili per la perfezione del linguaggio giornalistico e limpeccabile ricostruzione (articoli
di contorno, approfondimento, etc.) Il Male
produsse diverse operazioni di questo tipo.
Tra questi ci sono Stefano Tamburini, Andrea
Pazienza, Filippo Sczzari, Tanino Liberatore,
Massimo Mattioli, che insieme a Vincenzo
Sparagna, anche lui giornalista per Il Male,
nel 1980 fonderanno Frigidaire. Lesperimento
pilota, per, Cannibale, sulle cui pagine
appare per la prima volta il coatto sintetico
Ranxerox, simbolo di una nuova generazione
che ha tagliato i ponti con tutte quelle precedenti.

Il nuovo West

Il nuovo West

Vetar promena stigao je i do industrijskog


stripa. U izdavaku kuu Bonelli dolazi Mister No, antiheroj koga potpisuje sam Sero
Boneli, ali pre svega, Ken Parker ankarla Berardija i Iva Milaca, naslednik nekonvencionalnog vesterna, koga predstavljaju filmovi kao
to su Deremaja Donson, Plavi vojnik,
ovek koji je ubio Liberti Valansa, Tano u
podne.

Il vento del cambiamento arriva anche nel


fumetto industriale. In casa Bonelli arriva
Mister No, un antieroe firmato dallo stesso
Sergio Bonelli, ma soprattutto Ken Parker di
Giancarlo Berardi e Ivo Milazzo, erede di un
western non convenzionale, rappresentato da
film come Corvo rosso non avrai il mio scalpo,
36

Gli anni Settanta

Soldato blu, Luomo che uccise Liberty Wallace,


Mezzogiorno di fuoco.
Ed profondamente innovativa anche La
Storia del West, la grande saga western scritta e in parte disegnata da Gino DAntonio,
con la collaborazione di disegnatori storici
come Renzo Calegari, Sergio Tarquinio, Luis
Bermejo e Renato Polese. Sulle sue pagine
DAntonio racconta attraverso i decenni la
storia dei Mc Donald, unintera famiglia simbolo della Nuova Frontiera, in maniera realistica e senza concessioni alla retorica.

Duboko je inovativan i strip La Storia del West,


velika vestern saga koju je delom nacrtao
ino DAntonio, u saradnji sa legendarnim
crtaima kao to su Renco Kalegari, Sero
Tarkvinio, Luis Bermeho i Renato Poleze. Na
stranicama ovog stripa DAntonio pria priu,
koja se nastavlja kroz decenije, o Mekdonaldima, itavoj jednoj porodici koja je bila
simbol Nove granice i pria je na realistian
nain, bez ustupanja mesta retorici.
Prie za iru publiku:
un uomo, unavventura

Storie dautore per il grande pubblico:


un uomo, unavventura

U viegodinjoj prepirci na temu ta je autorski strip, a ta ne, izdava Sero Boneli,


intervenie edicijom veoma kvalitetnih stripova koje su napisali i nacrtali uglavnom autori iz
njegovog jata. Najvei deo pria, iako ih odlikuju odlini scenariji, ne udaljava se preterano
u grafikom smislu od uobiajenih Bonelijevih
publikacija i neuspeh serije kanjava i izvrsne
prie gostujuih autora, kao to su: Luomo
della Somalia e Luomo del Sertao Huga Prata,
Bonvijev LUomo di Tsushima, Luomo della Legione i Luomo del New England Dina Batalje,
Luomo di Iwo Jima ina DAntonija, Luomo
delle Nevi Alfreda Kastelija i Mila Manare.

Nellannosa diatriba su cosa sia dautore


e cosa no, leditore Sergio Bonelli interviene
con una collana di volumi di grande prestigio
scritti e disegnati da autori in gran parte della
propria scuderia.
La maggior parte delle storie, pur con ottime
sceneggiature, non si discosta graficamente
dalle pubblicazioni Bonelli convenzionali e
linsuccesso della serie penalizza anche straordinarie storie degli autori ospiti: Luomo della
Somalia e Luomo del Sertao di Hugo Pratt,
LUomo di Tsushima di Bonvi, Luomo della Legione e Luomo del New England di Dino Battaglia, Luomo di Iwo Jima di Gino DAntonio,
Luomo delle Nevi di Alfredo Castelli e Milo
Manara.

Zabavni strip
Sedamdesete godine su nasledile, a na
poetku i odrale, veliku raznovrsnost stripa
iz prethodne decenije, esto i sa jo veim
kvalitetom u grafici.
Serije Super Eroica i Guerra deroi jesu klasik
ratnog stripa iz ovog perioda i predlau materijal dobrog meunarodnog nivoa, kao to
su prie za strano trite engleske kue Flitvej
(Fleetway).
Plodni autor, kakav je Maks Bunker, koji je
utvrdio uspeh Alana Forda, trudi se da obnovi
sjaj prethodne decenije, predlaui nove serije kao to je Daniel.

Il fumetto dintrattenimento
Gli anni Settanta ereditano e allinizio mantengono la grande variet di pubblicazioni a
fumetti del decennio precedente, spesso con
una maggiore qualit grafica.
Le serie Super Eroica e Guerra deroi sono un
classico del fumetto di guerra di questi anni
e propongono materiale di buon livello internazionale, come le storie prodotte per il mercato internazionale dallinglese Fleetway.
37

Gli anni Settanta

Il prolificissimo Max Bunker, che consolida il


successo di Alan Ford, cerca rinnovare i fasti
del decennio precedente proponendo nuove
serie come Daniel.
Il decennio vede poi la vera e propria esplosione di Sturmtruppen, la serie creata nel 1968
da Bonvi (Franco Bonvicini): i suoi soldatini
dal tedesco macchiettistico diventano un successo internazionale e le loro strisce appaiono
ben presto in tutta Europa (Germania e Austria comprese, con grande stupore dello
stesso autore).
Troppo datate le pubblicazioni di derivazione
televisiva, come per esempio Rin Tin Tin (dalla
serie omonima), che scompariranno allarrivo
dei prodotti giapponesi.

U ovoj deceniji se, zatim, desila i istinska eksplozija Sturmtruppen-a, serije koju je Bonvi
(Franko Bonviini) stvorio 1968: njegovi junaci koji su parodija na nemake vojnike
postiu meunarodni uspeh i prie o njima se
vrlo brzo pojavljuju u celoj Evropi (ukljuujui
i Nemaku i Austriju, uz veliko uenje samog
autora).
Veoma prevaziene bile su i prie televizijskog
porekla, kao to je, na primer, Rin Tin Tin (iz istoimene serije), a koje e nestati kada stignu
novi stripovi japanske proizvodnje.

38

Dagli anni Ottanta a oggi

Od poetaka do pedesetih godina


Od osamdesetih godina do danas

daGli anni
ottanta a oggi

OD OSAMDESETIH GODINA DO DANAS


La televisione commerciale

Komercijalna televizija

In Italia gli anni Ottanta cominciano alla fine


dei Settanta: infatti in quel periodo che si
verificano alcuni fatti che avrebbero influenzato il futuro del fumetto italiano.
Per cominciare, nella seconda met dei Settanta nascono e si affermano le reti televisive
private. Fino a questo momento, gli unici
canali disponibili sono stati i due canali della
RAI, la televisione di Stato (ai quali in quegli
anni se ne sarebbe aggiunto un terzo) e, nella
parte settentrionale del paese, quelli di reti
straniere in lingua italiana (Tele Montecarlo,
la TV Svizzera, la yugoslava Tele Capodistria).
Le reti private si affermano rapidamente e
quasi da un giorno allaltro il telespettatore
si ritrova davanti a unofferta televisiva senza
precedenti di film, telefilm, serie animate,
telequiz e programmi dintrattenimento. Fra
i disegni animati la fanno da padrone quelli
giapponesi, importati in grande quantit e che
negli Ottanta eserciteranno un grande fascino
sullimmaginario dei ragazzi, contribuendo in
maniera decisiva al successo dei manga, i fumetti giapponesi che cominceranno a essere
tradotti con continuit solo alcuni anni dopo.
Si diffondono inoltre i primi videogiochi.
Le possibilit di entertainment sono quindi
molteplici: calano cos le vendite di molte testate e cambia il mercato: numerosi editori si
devono riposizionare ma sono molti quelli che
non sanno reagire alla crisi e chiudono.

Period koji se naziva Osamdesete godine, u


Italiji zapravo poinje krajem Sedamdesetih:
naime u tom periodu deavaju se neke stvari koje e uticati na budunost italijanskog
stripa.
Kao prvo, u drugoj polovini Sedamdesetih
raaju se i afirmiu privatne televizijske
mree. Jedini dostupni kanali do tog trenutka
bila su dva kanala dravne televizije RAI (kojima e se tih godina pridruiti i trei kanal), a u
zapadnom delu zemlje, kanali stranih mrea
na italijanskom jeziku (Tele Montecarlo, TV
Svizzera, jugoslovenska Tele Capodistria).
Privatne mree se brzo afirmiu i skoro iz dana
u dan televizijski gledalac nalazi se pred, sve
veom, do tada nevienom televizijskom ponudom televizijskih filmova, serijskih crtanih
filmova, kvizova i zabavnih programa. Meu
crtanim filmovima suvereno vladaju japanski
filmovi, uvoeni u velikim koliinama, koji e
Osamdesetih godina fascinirati svest mladih i
na odluujui nain doprineti uspehu manga japanskih stripova iji kontinuirani prevodi e
se pojaviti tek nekoliko godina kasnije.
Osim toga, ire se i prve video-igre.
Dakle, mogunosti za entertainment su mnogostruke: opada prodaja mnogih novina i
menja se trite, brojni izdavai moraju da
promene koncepciju, ali mnogi ne znaju kako
da reaguju na krizu i prinueni su da ugase
delatnost.

Le riviste

asopisi

Nei primi anni Ottanta si assiste al boom delle


riviste dautore: contenitori editoriali che
presentano storie spesso sofisticate, specialmente dal punto di vista grafico.
Nel marzo 1982 nasce LEternauta (dal titolo
della celebre saga argentina di fantascienza),
nel giugno 1982 Orient Express, nellottobre
1983 Corto Maltese, nel 1984 ben due riviste
(maggio: Pilot; giugno: Comic Art), nellottobre

Ranih Osamdesetih nastaje bum autorskih


asopisa: pojavljuju se izdavai koji esto
predstavljaju sofisticirane storije, naroito u
grafikom smislu.
Marta 1982. raa se Eternauta (po naslovu
slavne argentinske naunofantastine sage),
juna 1982. Orijent Ekspres, oktobra 1983. Korto Malteze, 1984. ak dva asopisa (maj: Pilot;
40

daGli anni
ottanta a oggi

1987 Dolce Vita.


Un discorso a parte quello di Frigidaire,
fondata nel novembre 1980 da Vincenzo
Sparagna, Stefano Tamburini, Filippo Sczzari, Tanino Liberatore, Andrea Pazienza
e Massimo Mattioli che ospita fumetti (di
autori come gli stessi Pazienza e Sczzari)
ma anche articoli e reportage di taglio innovativo sullattualit e sul mondo dellarte e
dellimmagine, diventando un punto di riferimento della controcultura del periodo.
Quasi tutte queste riviste hanno vita breve e
probabilmente non rappresentano la nuova
frontiera del fumetto, come alcuni auspicavano. Oggi, lunica vera rivista a fumetti
italiana il magazine erotico Blue fondato nel
gennaio 1991.

jun: Komik Art), oktobra 1987. Dole Vita.


Posebna pria je Friider, koji su novembra
1980. osnovali Vinenco Sparanja, Stefano
Tamburini, Filipo Skocari, Tanino Liberatore,
Andrea Pacijenca i Masimo Matijoli; asopis
objavljuje autorske stripove (a meu autorima su i sami Pacijenca i Skocari), ali i lanke
i reportae inovativnog formata o aktuelnim
dogaajima iz sveta umetnosti i slike, zbog
ega postaje obrazac kontrakulture tog perioda.
Skoro svi ovi asopisi su kratkog daha i verovatno ne predstavljaju novu granicu stripa,
kao to su se neki nadali. Danas, jedini pravi
italijanski asopis koji se bavi stripom jeste
erotski magazin Blue, osnovan januara 1991.
Izmeu Osamdesetih i Devedesetih:
kriza i obnavljanje

Tra Ottanta e Novanta:


crisi e rinnovamento

Zatvaranje Orijent Ekspresa u martu 1985.


predstavlja znak za Sera Bonelija, koji od broja 11 aprila 1983. postaje izdava interesantnog asopisa iji je osniva Luii Bernardi.
Boneli tako odluuje da se ponovo usredsredi
pre svega na tradicionalne asopise sa crnobelim stripovima, koji su ve poistoveivani
sa izdavakom kuom i uglavnom bili poznati
kao bonelliani.
1986. je godina Dilana Doga: sa Istraivaem
nonih mora (ovo je njegov zvanini naziv),
iji je tvorac Ticijano Sklavi, izdavaka kua iz
Milana uspeva da obelei celu jednu generaciju mladih (po godinama ili po duhu) iju teskobu savreno odraava duboko melanholina
ali i ironina atmosfera Sklavijevih storija.
Sledee godine u Italiju se vraaju Marvelovi
superheroji, iezli sa kioska nekoliko godina
ranije zajedno sa izdavakom kuom Editorijale Korno koja ih je objavljivala, posle velikog
uspeha koji su doiveli Sedamdesetih godina.
Delo koje kri put je naravno Spajdermen u
izdanju kue Star Komiks iz Perue: ova knjiga stripova u poetku ostaje neprimeena,

La chiusura di Orient Express nel marzo 1985


un segnale per Sergio Bonelli, che dal numero
11 dellaprile 1983 era diventato editore della
bella rivista fondata da Luigi Bernardi. Decide
cos di tornare a concentrarsi soprattutto sui
tradizionali albi mensili in bianco e nero, ormai identificati con la casa editrice e normalmente noti come bonelliani.
Il 1986 lanno di Dylan Dog: con lIndagatore
dellIncubo (questa la sua qualifica ufficiale),
creato da Tiziano Sclavi, la casa editrice milanese riesce a intercettare unintera generazione di adolescenti (det o di spirito) le cui
angosce sono colte perfettamente dalle
atmosfere profondamente malinconiche ma
anche ironiche delle storie di Sclavi.
Lanno successivo tornano in Italia i super
eroi Marvel, scomparsi dalle edicole alcuni
anni prima insieme allEditoriale Corno che
li pubblicava, dopo il grande successo degli
anni Settanta. La testata apripista naturalmente LUomo Ragno, pubblicata della casa
editrice Star Comics di Perugia: allinizio lalbo
passa inosservato ma nel 1988 arriva anche il
41

daGli anni
ottanta a oggi

mensile dedicato ai Fantastici Quattro, altro


gruppo-bandiera della Casa delle Idee (o
House of Ideas, il soprannome con cui universalmente nota la Marvel). La vera svolta
si ha probabilmente nel 1989: il successo del
bel film Batman diretto da Tim Burton riporta
allattenzione delle nuove generazioni la figura del supereroe e molti ragazzi cominciano
(o ricominciano) a leggere questo tipo di fumetti.
Si tratta di una generazione nuova in tutti i
sensi: sono lettori informati e competenti,
aperti a letture diverse e che sanno che da
qualche anno nel fumetto americano tira aria
di cambiamento, grazie ad autori come Frank
Miller (Devil, Il ritorno del Cavaliere Oscuro),
Chris Claremont e John Byrne (X-Men) e Alan
Moore (V for Vendetta, Watchmen).
Nel marzo 1994 la Marvel inizia a pubblicare
in proprio le testate, prima divise tra numerosi editori, e nasce la Marvel Italia.

ali 1988. stie i mesenik posveen stripu


Fantastii Kvatro, drugom po znaaju brendu
izdavaa Kaza dele idee (ili House of Ideas,
drugo ime po kome je svima bila poznata kua
Marvel). Pravi preokret se verovatno deava
1989: zahvaljujui uspehu filma Betman u
reiji Tima Bartona, lik superheroja ponovo
privlai nove generacije i mnogi mladi poinju
da itaju tu vrstu stripa.
Re je o novoj generaciji u svakom smislu:
to su informisani i kompetentni itaoci, otvoreni ka razliitim vrstama tiva i koji znaju
da se u amerikom stripu ve nekoliko godina deavaju promene zahvaljujui autorima poput Frenka Milera (Djavo, Povratak
mranog viteza), Krisa Klermonta i Dona
Berna (X-Men) i Alana Mura (V kao Vendeta,
Nadzirai ).
Marta 1994. izdavaka kua Marvel poinje
samostalno da objavljuje stripove koje su do
tada objavljivali razni izdavai, i tako nastaje
nova kua, Marvel Italija.

I manga

Mange

Nel novembre 1990 debutta la Granata Press


che pubblica la rivista Zero, dedicata al fumetto giapponese. A parte poche e isolate eccezioni negli anni precedenti, la prima volta che i manga sono tradotti con continuit
in Italia e a poco poco prendono definitivamente piede grazie a una nuova generazione
di lettori, che nel decennio precedente sono
cresciuti a pane e cartoni animati. Luscita
nel luglio 1992 della rivista Kappa Magazine
(Star Comics) sancisce il definitivo carattere
di fenomeno dellesplosione manga, che
segner tutti gli anni Novanta e che oggi pu
dirsi assestato ma certamente non esaurito.

Novembra 1990. poinje da deluje izdavaka


kua Granata Pres koja objavljuje asopis
Zero posveen japanskom stripu. Osim retkih
i izolovanih izuzetaka iz prethodnih godina,
mange prvi put bivaju kontinuirano prevoene
u Italiji i malo-pomalo se ire zahvaljujui jednoj novoj generaciji italaca koji su u prethodnoj deceniji rasli na hlebu i crtanim filmovima.
Izlazak asopisa Kapa Magazin (Star Comics)
u julu 1992. definitivno potvruje fenomen
eksplozije mangi - koji e obeleiti cele Devedesete - i za koje se danas moe rei da su
afirmisane ali nikako i iscrpljene.

Le fumetterie e il fumetto in libreria

Striparnice i strip u knjiarama

Verso la met degli anni Novanta,


unimportante alternativa si affianca ai canali
di distribuzione tradizionali per il fumetto,
ledicola e la libreria. La prima sempre pi

Tradicionalnim kanalima distribucije stripa


- kioscima i knjiarama, sredinom devedesetih, pridruuje se jedna znaajna alterna42

daGli anni
ottanta a oggi

affollata e non garantisce pi la visibilit di


un tempo agli ultimi arrivati, rendendo difficilissimo il lancio di una nuova serie. La
seconda praticamente priva di fumetti da
qualche anno, da quando le principali case
editrici (due nomi per tutti: Mondadori e Rizzoli) hanno pressoch abbandonato il settore, mantenendo poche edizioni storiche (gli
eterni Peanuts per Rizzoli, Asterix e i volumi di
Manara per Mondadori).
La risposta a questa situazione, nel tentativo
di aprire una via duscita a nuove edizioni a fumetti, la libreria specializzata, o negozio di
fumetti, ben presto battezzata fumetteria:
una tipologia nuova desercizio commerciale,
che ospita e propone unicamente fumetti e,
nel giro di pochi anni, gadget e articoli per collezionisti da essi derivati, come poster, videocassette (e in seguito DVD) di serie animate,
materiale dimportazione (soprattutto americano e giapponese) e cos via.
Sullesempio degli Stati Uniti (dove questo
tipo di circuito nato alla fine degli anni Settanta, col nome di direct market) le librerie specializzate si diffondono rapidamente,
diventando presto un canale alternativo che
rende possibile distribuire un albo o un libro
con tirature inferiori a quelle necessarie nei
canali tradizionali.
Nascono cos nuove case editrici, che con investimenti ragionevoli hanno accesso al nuovo network.
A fine anni Novanta, la divisione ormai consolidata tra le due forme di distribuzione (le
edicole, in cui escono serie economiche, come
gli albi Bonelli, Disney, i manga e i supereroi;
e le fumetterie, dove si distribuiscono volumi
pi costosi e indirizzati a un pubblico di appassionati) rispecchia pi o meno quella fra
la TV generalista e la nascente televisione
a pagamento, con la sua offerta organizzata
(specializzata) in canali tematici.
In questo periodo inizia anche un graduale
processo di reinserimento dei libri a fumetti
nelle librerie generiche, favorito negli ultimi

tiva. U kioscima je sve vea guva i oni vie


ne garantuju poslednjima koji dou da e biti
primeeni kao nekada, to oteava lansiranje
novih serija. Knjiare su praktino liene stripova poslednjih nekoliko godina od kada su
glavne izdavake kue (najvanije dve: Mondadori i Ricoli) skoro u potpunosti napustile
ovaj anr, zadravajui malobrojna istorijska
izdanja (veite arli Brauna i Snupija za Ricoli,
Asteriksa i Manarine stripove za Mondadori).
U pokuaju da se pronae reenje za nova izdanja, odgovor na ovu situaciju jeste specijalizovana knjiara ili prodavnica stripova, vrlo
brzo nazvana striparnica, koja predstavlja novi nain prodaje. Striparnica sadri i
nudi samo stripove, a posle nekoliko godina,
i gadete i predmete za kolekcionare, poput
postera, videokaseta (kasnije DVD) serijskih
crtanih filmova, materijale iz uvoza (uglavnom
amerike i japanske) i tako dalje.
Po ugledu na SAD (gde je ova vrsta trita
stvorena krajem sedamdesetih godina pod
imenom direct market), specijalizovane
knjiare se brzo ire , postajui uskoro alternativni kanal koji omoguava distribuciju
albuma stripova ili knjiga iji je tira nii od
tiraa potrebnog za prodaju putem tradicionalnih kanala.
Nastaju tako nove izdavake kue koje uz
umerena ulaganja imaju pristup novom network-u.
Krajem devedesetih, sada ve utvrena podela na dva naina distribucije (kiosci u kojima
se prodaju jeftine serije, poput knjiga Bonelija, Diznija, mangi i superheroja, i striparnice
u kojima se distribuiraju skuplja izdanja namenjena publici koju predstavljaju strastveni
ljubitelji) odraava manje-vie podelu izmeu
opte televizije i novonastale televizije koja
se plaa, sa svojom organizovanom ponudom,
specijalizovanom po tematskim kanalima.
U ovom periodu poinje i postepeni proces
ponovnog uvoenja knjiga stripova u obine
biblioteke, potpomognut poslednjih go43

daGli anni
ottanta a oggi

anni dallaffermarsi dellidea di romanzo a


fumetti (o graphic novel, termine assai in
voga sulla stampa), con cui ormai spesso si
intende, genericamente, un volume a fumetti
di dimensioni opportune.

dina afirmisanjem ideje romana u stripu (ili


graphic novel - termin koji je bio mnogo u
modi u tampi tog vremena), pod kojim se danas podrazumeva, uglavnom, strip odreenih
dimenzija.

Gli allegati

Dodaci

Da ricordare il notevole successo quasi un


fenomeno delle edizioni a fumetti vendute
unitamente a periodici (quotidiani e settimanali), i cosiddetti allegati: una ristampa
cronologica dellopera del maestro disneyano
Carl Barks, resa possibile solo da questa particolare forma di distribuzione, dal gennaio
2008 esce insieme al prestigioso Il Corriere
della Sera. Lennesima ristampa di Tex, stavolta a colori, sarebbe forse passata inosservata
in edicola, mentre ledizione allegata al quotidiano La Repubblica ha un ottimo riscontro
di vendite.

Treba se podsetiti velikog uspeha skoro


fenomena izdanja stripova koji se prodaju
zajedno sa periodikom (dnevnicima i nedeljnicima), takozvanih dodataka: ponovljeno hronoloko izdanje diznijevskog majstora Karla Barksa, koje je bilo mogue jedino
zahvaljujui ovakvoj formi distribucije, izlazi
od januara 2008. zajedno sa uglednim Korijere
dela Sera . Ko zna koje po redu izdanje Teksa,
ovoga puta u boji, moda bi na kioscima ostalo neprimeeno, ali se zato odlino prodavalo
kao dodatak dnevnika La Republika.
Trenutna situacija

La situazione attuale

Aktuelna panorama strip izdavatva po mnogo emu jo uvek trpi uticaj Osamdesetih godina. Dilan Dog je promenio izdavaku kuu
Boneli: posle Istraivaa nonih mora, nita
vie nije bilo kao pre i obino se govori o generaciji Dilana Doga, odnosno o itaocima koji
su bili mladi krajem osamdesetih i poetkom
devedesetih godina.
Od 1987. i comics amerikih superheroja osvojili su najprobirljivije itaoce i njihov uspeh
se konsoliduje sa nastajanjem izdavake kue
Marvel Italija, koju je posle kupila kua Panini
(ugledno ime slavno irom sveta zbog vrlo
popularnih i vrlo italijanskih sliica), po
kojima je Marvel i danas poznat u Italiji i u velikom delu sveta.
Mange definitivno stiu u Italiju 1990. sa
projektima koje je Granata Pres pokrenuo
prethodnih godina. Naroito se godina
1989. pokazuje kao sudbonosna: u dodatku
asopisa Eternauta izlazi prvi strip jednog

Per molti versi, il panorama editoriale del


fumetto risente ancora oggi dellinflusso degli anni Ottanta. Dylan Dog ha cambiato la
Bonelli: dopo lIndagatore dellIncubo nulla
stato come prima e si parla comunemente
di generazione Dylan Dog intendendo i lettori adolescenti tra la fine degli anni Ottanta e
linizio dei Novanta.
A partire dal 1987 i comics dei supereroi americani hanno conquistato uno zoccolo duro
di lettori e il loro successo si consolida con la
nascita della Marvel Italia, poi rilevata dalla
Panini (il prestigioso marchio celebre in tutto
il mondo per le popolarissime e italianissime
figurine), che ancora oggi rappresenta la
Marvel in Italia e buona parte del mondo.
I manga arrivano stabilmente in Italia nel
1990, con progetti avviati anni prima dalla
Granata Press.
Il 1989, in particolare, pare essere un anno
davvero fatidico: in un supplemento allegato
44

daGli anni
ottanta a oggi

alla rivista LEternauta esce il primo fumetto


di un giovane studente di geologia di Parma.
Il personaggio si chiama Rat-Man e lautore
Leonardo Ortolani (universalmente noto
come Leo). Nel 1995 Leo pubblica a proprie
spese e in tiratura limitata la prima serie di
Rat-Man: sono storie incredibilmente brillanti, dallumorismo dirompente e dalla vena
parodistica assolutamente originale. Nel giro
di una manciata di numeri Ortolani viene
riconosciuto come un maestro del fumetto
italiano e passa alla scuderia Marvel Italia/Panini, per cui pubblica ancora oggi e che ha in
Rat-Man la sua testata di punta.
Dagli anni Ottanta il fumetto probabilmente
un linguaggio non pi di massa ma di nicchia
(in certi casi piuttosto ampia) e lotta con altri media nel sempre pi affollato mercato
dellentertainment.
La sua presentabilit sociale, cruccio di tanti
appassionati, senzaltro migliorata, anche
grazie a film di grande successo tratti dai fumetti. I vari Spider-Man, 300, Batman, X-Men,
V for Vendetta non hanno conquistato molti
lettori ai personaggi da cui derivano ma hanno spinto la grande stampa nazionale a occuparsi di pi e pi accuratamente di fumetti.
In definitiva, le vendite e la diffusione dei
fumetti non sono quelle di trentanni fa ma
si pu forse ancora dire che, complessivamente, in Italia il fumetto gode di buona salute. La produzione nazionale resta su livelli
ragguardevoli di quantit ma soprattutto di
qualit, e il meglio del fumetto internazionale
viene tradotto regolarmente.
Forse lItalia non pi un paese di santi, poeti
e navigatori ma senzaltro un paese di autori
ed editori di fumetti.

mladog studenta geologije u Parmi. Lik se


zove Rat-Man, a autor Leonardo Ortolani
(u svetu poznat kao Leo). Godine 1995, Leo o
svom troku i u ogranienom tirau objavljuje
prvu seriju Rat-Mana: re je o neverovatno
duhovitim storijama neodoljivog humora i o
apsolutno originalnom duhu parodije. Posle
samo nekoliko brojeva, Ortolani biva priznat
kao majstor italijanskog stripa i prelazi u ekipu
Marvel Italia/Panini za koju radi i danas, a RatMan predstavlja njen najvei uspeh.
Od osamdesetih godina strip verovatno nije
vie izraz mase ve jezik strastvenih ljubitelja
(u nekim sluajevima vrlo brojnih) i bori se sa
drugim medijima kojih je sve vie na tritu
zabave.
Njegova drutvena prihvaenost koja posebno zaokuplja mnogobrojne strasne ljubitelje
nesumnjivo je bolja i zahvaljujui filmovima
koji su doiveli veliki uspeh raenim prema
stripovima. Razni Spider-Man, 300, Batman,
X-Men, V for Vendetta nisu osvojili mnogo
italaca svojim glavnim linostima, ali su podstakli velike nacionalne listove da se sa veom
panjom bave stripovima.
Jednom rei, prodaja i itanost stripova
nisu ono to su bili pre trideset godina, ali
se moda jo uvek moe rei da se strip u
Italiji, sve u svemu, dobro dri. Nacionalna
produkcija i dalje je znaajna po obimu, a pre
svega po kvalitetu, a najbolji stripovi irom
sveta redovno se prevode.
Italija moda vie nije zemlja svetaca, pesnika
i moreplovaca, ali je svakako zemlja autora i
izdavaa stripova.

45

IL corrierino

Od poetaka do pedesetih godina

il CORRIERINO

KORIJERINO
Centanni fa il Corrierino

Sto godina asopisa Corrierino

Il Corriere dei Piccoli nel costume italiano:


1908-2008

Corriere dei Piccoli u italijanskoj tradiciji:


1908-2008

Le origini

Poreklo

Con i suoi quasi 90 anni di vita editoriale, il


Corriere dei Piccoli ha accompagnato lo sviluppo della societ italiana lungo lintero secolo
breve. Le sue pagine hanno riflesso, a volte
in maniera deformata, sviluppi e idiosincrasie
del paese, a partire dalla Belle Epoque, passando per due guerre mondiali e assistendo
al boom economico e alla nascita del mezzo
televisivo.
Il primo numero esce il 27 dicembre 1908,
diretto da Silvio Spaventa Filippi ma progettato con la collaborazione di Paola Carraro
Lombroso, figlia del celebre antropologo. La
parabola termina nellagosto del 1995, sotto
la direzione di Giacomo Rosella e la propriet
delleditore danese Egmont: la chiusura vede
un giornale ormai in crisi, privo da tempo di
ogni influenza sul mercato dei periodici per
ragazzi.
I suoi periodi di maggior successo sono gli
anni Dieci, quando contribuisce a gettare le
fondamenta del fumetto italiano; e i decenni
Sessanta e Settanta, durante i quali, anche
attraverso lesperienza del Corriere dei Ragazzi, contribuisce in maniera fondamentale
allaffermazione della novelle vague del fumetto italiano, Hugo Pratt in testa.

U toku devedeset godina svog izdavakog


ivota, list Corriere dei Piccoli ispratio je razvoj
italijanskog drutva u toku itavog kratkog
veka. Na njegovim su se stranicama ogledali,
mada ponekad izoblieno, razvoj i idiosinkrazije zemlje, poevi od Belle Epoque, preko
dva svetska rata do ekonomskog procvata i
raanja televizije.
Prvi broj izlazi 27. decembra 1908, priredio ga
je Silvio Spaventa Filipi, ali je bio osmiljen u
saradnji sa Paolom Kararo Lombrozo, erkom
slavnog antropologa. Put se zavrava u avgustu 1995, dok je urednik bio akomo Rozela, a list bio u vlasnitvu danskog izdavaa Egmonta: list je zatvoren u trenutku velike krize,
kada je ve neko vreme bio lien bilo kakvog
uticaja na tritu asopisa za decu.
Period najveeg uspeha je druga decenija
prolog veka, kada je list doprineo postavljanju temelja italijanskog stripa, kao i
ezdesete i sedamdesete godine, u toku kojih
je, zahvaljujui iskustvu lista Corriere dei Ragazzi, sutinski doprineo afirmisanju novelle
vague-a italijanskog stripa, na elu sa Hugom
Pratom.
Uspeh formule

Il successo della formula

Na italijanskoj panorami knjievnosti za


decu, formula ovog asopisa nije bila originalna: meavina pripovedaka, novinarstva
za maliane i pria u slikama, nalazila se,
na primer, u osnovi pedagokog projekta lista
Giornale per i Bambini (1881). Identino prisustvo ameriih character stripova bilo je tipino
za prve godine pojavljivanja rimskog nedeljnika Novellino, koji je poeo da izlazi na Boi

Nel panorama italiano della letteratura per


linfanzia la formula del periodico non era
originale: una commistione di novelle, giornalismo per fanciulli e racconti per immagini
era stato per esempio alla base del progetto
pedagogico del Giornale per i Bambini (1881).
La stessa presenza di character americani era
tipica delle prime annate del settimanale ro48

il CORRIERINO

mano Novellino, uscito nel Natale 1898. La


principale differenza con le esperienze precedenti stava probabilmente nella macchina
commerciale del Corriere della Sera, che
come confermato da indagini statistiche dei
primi anni Dieci port rapidamente il settimanale in testa alle letture dei ragazzi di et
scolare.

1898. Osnovna razlika u odnosu na prethodna


iskustva, leala je verovatno u trgovakoj
maineriji lista Corriere della Sera koji je kao
to je potvreno statistikim istraivanjima
poetkom druge decenije prolog veka veoma brzo doveo nedeljnik na elo knjievnosti
za decu kolskog uzrasta.
Tridesete i etrdesete godine

Gli anni Trenta e Quaranta

Lepeza likova i autora koji su bili predstavljeni u listu od poetaka do II svetskog rata
veoma je iroka, a neki od njih (izmeu ostalih, Bonaventura Sera Tofana) stekli su status
autentinih kulturolokih ikona. Uspeh koji
se odupreo i promenama u formatu (najvea
promena desila se krajem 1914, kada su se
dimenzije stranice udvostruile), i stilistikoj
evoluciji mnogih autora koja je opstala sve do
kraja tridesetih, kada su poele da se pojavljuju kratke avanturistie prie.
Sutinska uniformisanost sadraja drala je
nedeljnik daleko od patriotske retorike kojoj su popustile sve druge poznate revije,
ukljuujui i katoliki list Il Vittorioso. Uprkos
uklapanju osnovnog lista (Corriere della sera)
u faistiki kalup, Corrierino je ostao sutinski
apolitian sve do polovine tridesetih godina,
daleko nakon smrti svog prvog direktora, 1931
godine. U isto vreme, nedeljnik e malo mesta ustupiti irenju pria u amerikom stilu,
koje su bile prisutne u drugim revijama za
mlade, uprkos uspehu novinskog formata iz
tog perioda, kakav je imao list LAvventuroso.
tavie, vezanost za tradiciju, i za njen miks
kratkih pria i redakcijskih lanaka, omoguie
listu Corrierino da neoteen stigne do perioda
posle poetka rata, nastavljajui da predstavlja likove koji su nastali s druge strane okeana
(Felix, Bib e Bib).
Stroe mere koje je nametnula tampa
reima iz Saloa (popularni naziv za faistiki
reim, prim. prev.) pretvorilo se u novu izmenu
u formatu koji e ostati horizontalan tokom

Il ventaglio di personaggi e autori presentati


allinterno del settimanale dalle origini fino
alla Seconda Guerra Mondiale assai ampio,
e alcuni di essi (fra tutti, Bonaventura di Sergio Tofano) hanno assunto lo status di autentiche icone culturali. Un successo che resiste
agli aggiustamenti di formato (il pi sensibile
alla fine del 1914, quando la dimensione della
pagina raddoppia), allevoluzione stilistica di
molti autori e che resta stabile fino alla fine
degli anni Trenta, quando cominciano ad apparire brevi storie avventurose.
La sostanziale uniformit di contenuto tiene
il settimanale lontano anche dalla retorica patriottica a cui cederanno tutte le altre riviste
principali, compreso il cattolico Il Vittorioso.
Nonostante la fascistizzazione della testata
madre, il Corrierino rimane fondamentalmente apolitico fino a met anni Trenta, ben
oltre la scomparsa del suo originale direttore
nel 1931. Al tempo stesso, il settimanale conceder ben poco anche alla diffusione di storie
in stile americano presenti sulle altre riviste
per adolescenti, nonostante il successo delle
pubblicazioni formato giornale del periodo,
quali LAvventuroso. Anzi, lattaccamento
alla tradizione, e al suo mix di brevi storielle
e redazionali, permetter al Corrierino di arrivare indenne fino a ben oltre linizio della
guerra, continuando a presentare personaggi
doltreoceano (Felix, Bib e Bib).
Il giro di vite imposto dalla stampa dal regime
di Sal si traduce in un ulteriore cambio di formato, che per tutto il 1944 sar orizzontale, e
49

il CORRIERINO

in unadesione di testi e storie alla linea politica della nuova Repubblica. Ma gi dallinizio
del 1945, e con maggior sicurezza dopo il 25
aprile, la testata riacquister le sue caratteristiche storiche anche se, per ragioni politiche,
dalla Liberazione fino ai primi mesi del 1946
assumer il nome di Giornale dei Piccoli.

cele 1944. godine i u ukljuivanje tekstova i


pria na politikoj liniji nove Republike. Ali ve
od poetka 1945, a sa jo veom sigurnou
nakon 25. aprila te godine, list e ponovo stei
sopstvene istorijske karakteristike, iako e, iz
politikih razloga, od osloboenja do prvih
meseci 1946. nositi ime Giornale dei Piccoli.

Il secondo dopoguerra

Period posle II svetskog rata

Negli anni che seguono il conflitto mondiale


la testata milanese continuer ad adottare la
sua formula editoriale classica, pur soffrendo
la diffusione della concorrenza, in particolare
degli albi formato striscia, che per almeno
un decennio domineranno il mercato. Lo testimonia indirettamente la crescente presenza di storie avventurose a puntate che,
insieme ai sino ad allora bistrattati baloon,
cominciano ad apparire sul Corrierino fin
dallinizio del 1947.
Tale rivoluzione resiste anche alla presenza
di Giovanni Mosca alla guida del settimanale,
dal 1952 fino al 1961. Nonostante che il noto
caricaturista ne imponga il bando allinizio
della sua direzione, il numero di storie a puntate riprender a salire da met degli anni
Cinquanta, per poi imporsi con il nuovo decennio. un andamento generalizzato: anche
le altre principali testate di taglio classico, il
comunista Il Pioniere e il cattolico Il Vittorioso,
andranno incontro a profonde mutazioni. La
seconda, fin dal 1950 si trasforma in una rivista nello stile della francese Pilote.
Pur in una prospettiva editoriale decisamente
conservatrice, in cui il fumetto ha un posto di
scarsa rilevanza (solitamente prima e quarta
di copertina, pi le due pagine centrali: come
alle origini), negli anni Cinquanta il settimanale sembra prefiggersi un ruolo educativo che oggi potremmo definire di mediatore
culturale, imbastendo iniziative divulgative
ereditate dalle successive gestioni. Soprattutto, il parco autori si arricchisce di nomi che

U godinama koje su usledile posle II svetskog


rata list iz Milana nastavie svoju klasinu
izdavaku formulu, iako e trpeti posledice
zbog irenja konkurencije, posebno stripova
u jednorednom formatu, koji e barem
jednu deceniju dominirati tritem. O tome
indirektno svedoi prisustvo avanturistikih
pria u epizodama koje e, zajedno sa sve do
tada dvoslojnim oblaiima, poeti da se
pojavljuju u ovom listu jo od poetka 1947.
godine.
Takva revolucija oduprela se i prisustvu
ovanija Moske na elu nedeljnika, od 1952.
sve do 1961. Uprkos tome to e poznati karikaturista to odbaciti na poetku svog upravljanja, broj pria i epizoda nastavie da raste
od polovine pedesetih godina, da bi se afirmisao u novoj deceniji. Takav tok e biti opta
karakteristika tog perioda: i drugi poznati listovi klasinog kroja, kao to su komunistiki
Il Pioniere i katoliki Il Vittorioso, ii e u susret
dubokim promenama. Ovaj drugi e se, jo od
1950. pretvoriti u reviju u stilu francuskog lista
Pilote.
Iako u prilino konzervativnoj izdavakoj
perspektivi, u kojoj strip zauzima mesto
male vanosti (obino prvi i etvrti segment
naslovne strane, plus dve centralne stranice:
kao u poetku), pedesetih godina nedeljnik je
sebi kao cilj postavio vaspitnu ulogu koju bismo danas mogli da nazovemo ulogom kulturnog posrednika, nameui popularistike
inicijative koje su nasledila i potonja rukovodstva. Pre svega, skupina autora obogatie se
50

il CORRIERINO

avranno un ruolo preminente in seguito, quali


la grande autrice di fumetti e illustratrice Grazia Nidasio.

imenima koja e kasnije imati vodeu ulogu,


kao to je velika autorka stripova i ilustrator,
Gracija Nidazio.

Gli anni Sessanta e Settanta e Il Corriere dei


Ragazzi

ezdesete i sedamdesete godine i list


Il Corriere dei Ragazzi

La rivoluzione nel formato editoriale del Corrierino si ha con la direzione di Guglielmo


Zucconi e poi di Carlo Triberti, che dal 1961
reggeranno le sorti della testata per un decennio. La trasformazione anzitutto nella
struttura: il fumetto sparisce dalla copertina
del settimanale, che abbandona cos la tavola dapertura che ne aveva caratterizzato
la testata, ma aumenta lo spazio riservatogli
allinterno della rivista, che a partire dal decennio successivo eliminer quasi del tutto la
narrativa scritta e la divulgazione.
Per quel che riguarda il materiale a fumetti,
da un lato si rafforza notevolmente la produzione avventurosa italiana, con autori quali
Dino Battaglia, Hugo Pratt, Sergio Toppi e
sceneggiatori come Mino Milani. A tale materiale si affianca unampia messe di storie di
scuola franco-belga, che spazia dal comico
storico di Lucky Luke allavventura contemporanea di Dan Cooper. In generale, la spia del
nuovo ruolo rivestito dalla narrativa per immagini nella strategia editoriale la lunga serie di albi con storie complete prodotti sotto
legida della rivista che, a partire dagli inserti
del Corrierino Estate del 1964, vengono dati in
omaggio con una copia del settimanale.
Gli anni Sessanta rappresentano lultimo periodo innovativo della testata Corriere dei Piccoli. Con il primo numero del 1972, infatti, lo
storico settimanale si trasforma in Corriere dei
Ragazzi. Si tratta in realt di uno sdoppiamento: alla rivista viene allegato un supplemento
che conserva il nome storico e nel quale appaiono soprattutto autori e personaggi del
periodo classico. A met anno il supplemento
si trasforma nuovamente in una rivista settimanale e da quel momento le due testate

Revolucija u izdavakom formatu lista Corrierino desila se dok je na elu revije bio Guljelmo
Cukoni, a zatim Karlo Triberti, koji e od 1961.
pa celu narednu deceniju upravljati listom.
Promene su se, pre svega, desile u njegovoj
strukturi: strip nestaje sa naslovne strane nedeljnika, koji, na taj nain, naputa uvodnu
tablu koja mu je karakterisala zaglavlje, ali
se poveava prostor koji se za njega uvao
unutar asopisa koji e, poetkom naredne
decenije, eliminisati, gotovo u potpunosti,
pisanu i popularistiku knjievnost.
to se tie stripova, s jedne strane je primetno
ojaala italijanska avanturistika tematika, sa
autorima kao to su Dino Batalja, Hugo Prat,
Sero Topi i scenaristi, kao to je Mino Milani.
Takvom materijalu pridruuje se obimna
gama pria francusko-belgijske kole, koja
se iri od legendarnog kominog stripa o
Talinom Tomu do savremene avanturistike
prie o Denu Kuperu. Uopteno, odlika nove
uloge asopisa, koja se ogleda u izdavakoj
strategiji pripovedanja kroz slike, jeste
dugaak niz stripova sa kompletnim priama,
uraenim pod pokroviteljstvom revije, i oni
su, poevi od dodataka iz izdanja Corrierino
estate iz 1964, davani kao besplatni primerak
sa jednim brojem asopisa.
ezdesete godine predstavljaju poslednji inovativni period lista Corriere dei Piccoli. Prvim
brojem iz 1972. godine, naime, legendarni
nedeljnik pretvara se u Corriere dei Ragazzi.
Re je, u stvari, o nekoj vrsti podele: asopisu
se pridruuje dodatak koji zadrava uveno
ime, a u kome se pojavljuju, pre svega, autori
i junaci iz klasinog perioda. Polovinom te godine, ovaj dodatak se ponovo pretvara u novi
51

il CORRIERINO

marceranno parallele, fino alla chiusura nel


dicembre 1984 di Corrier Boy serie Music, ultima denominazione del Corriere dei Ragazzi.
Presentato come una naturale crescita della
rivista, insieme ai suoi lettori, che sono diventati grandi, la nascita del Corriere dei Ragazzi
e il nuovo Corriere dei Piccoli permettono in
realt di recuperare un pubblico realmente
infantile a cui la pubblicazione non si rivolge
pi da tempo.
La nascita del Corriere dei Ragazzi sancisce
in altre parole il definitivo riconoscimento di
una pi precisa segmentazione del mercato
ed subito chiaro che la maggior parte degli sforzi della macchina editoriale sono dirottati verso la pubblicazione per adolescenti.
questultima che eredita la componente avventurosa, mentre lo storico Corrierino si riserva quasi esclusivamente quella comica. La
stessa componente redazionale saggiorna:
le tematiche affrontate, tanto nelle storie a
fumetti come nelle inchieste e nei resoconti
di viaggio, si spostano decisamente verso
linformazione e lattualit.
Ma la divisione pare non pagare. Allottimo
livello qualitativo raggiunto dalla rivista non
pare corrispondere unaltrettanto solida
presa sul mercato. Nel novembre 1976 la testata cambia in Corrier Boy, aggiungendo al
titolo serie Music dal gennaio 1979. Il materiale proposto in questultimo periodo assai
eterogeno: vengono pubblicati gli adattamenti a fumetti di Guerre Stellari e compaiono
anche le popolari Sturmtruppen di Bonvi, nello
sfortunato tentativo di riguadagnare il gusto
del pubblico, ormai perduto.

nedeljnik i od tog trenutka e ova dva lista


paralelno koraati, sve do decembra 1984.
godine, kada se zatvara Corrier Boy serie Music, poslednje ime lista Corriere dei Ragazzi.
Predstavljeno kao prirodni napredak revije,
koja raste zajedno sa svojim itaocima, koji
su odrasli, raanje revije Corriere dei Ragazzi i novi Corriere dei Piccoli omoguavaju,
u stvari, ponovno pridobijanje doista deije
publike, kojoj se ovaj asopis nije obraao ve
neko vreme.
Raanje lista Corriere dei Ragazzi drugim
reima potvruje konano priznavanje jedne
preciznije podele trita i odmah je postalo
jasno da se najvei deo napora ove izdavake
mainerije okrenuo ka listu za mlade. A on
je nasledio avanturistiku komponentu svog
prethodnika, dok je legendarni Corrierino
rezervisan iskljuivo za komiku. Aurira se
ista ureivaka komponenta: tematika kojom se list bavi, kako u stripovima, tako u
istraivanjima i u putopisima, odluno se
pomera ka vestima i aktuelnostima.
Ali ova podela kao da ne zadovoljava dovoljno. Visokom nivou kvaliteta, koji je revija
postigla, kao da ne odgovara jednako solidni
uspeh na tritu. U novembru 1976. list se
pretvara u reviju Corrier Boy, dodavi naslovu
i serie Music od januara 1979. U ovom periodu ponueni materijal je bio poprilino
heterogen: objavljuju se stripovne adaptacije
Zvezdanih ratova i pojavljuju se i uveni Bonvijevi Sturmtruppen, u nesrenom pokuaju
da se ponovo zadobije, ve izgubljeni, ukus
publike.

Gli anni del declino

Godine propadanja

Negli anni successivi alla separazione tra le


due testate, il Corriere dei Piccoli ha una vita
editoriale confusa. Cambia spesso il formato
e altrettanto spesso i direttori ed difficile individuare unautentica strategia nella conduzione del settimanale. Se nel corso degli anni

Godinama koje su usledile iza podele izmeu


dva lista, Corriere dei Piccoli doivljava prilino
konfuznu izdavaku subinu. esto se menja
format, a isto tako esto se menjaju i direktori
i teko je izdvojiti neku autentinu strategiju u
voenju lista. Ako je tokom sedamdesetih go52

il CORRIERINO

Settanta il livello qualitativo rimane accettabile, pur caratterizzato da una forte presenza
del materiale targato Hanna & Barbera, gli
anni Ottanta sono assai inferiori: un periodo
in cui il settimanale, nella definizione dello
sceneggiatore e storico del fumetto Alfredo
Castelli, diventa una televisione dei poveri
che d molto spazio ai personaggi dei cartoni
giapponesi, spesso presentati non mediante
fumetti ma con la riproduzione di fotogrammi
della pellicola.
Nel 1992 la testata assume ufficialmente il
nome Corrierino. Nel 1994, dopo un anno di
co-produzione, la Rizzoli cede infine la gestione alla danese Egmont, colosso europeo
della produzione a fumetti per linfanzia, che
in quegli anni sta cercando di farsi spazio nel
mercato italiano. Una conduzione che termina a met agosto 1995, con la chiusura
del settimanale, tranne che per un numero
del gennaio dellanno successivo, apparentemente edito solo per mantenere i diritti sullo
storico nome.

dina nivo kvaliteta bio prihvatljiv, iako karakterisan velikim prisustvom materijala sa potpisom Hanna & Barbera, osamdesete godine su
dosta slabije: to je period u kome je list, kako
je to definisao scenarista i istoriar stripa, Alfredo Kasteli, postao televizija siromanih
koja mnogo prostora daje junacima iz japanskih crtaa koji su esto predstavljeni, ne stripovima, ve reprodukcijom fotograma filma.
Godine 1992. list zvanino dobija ime Corrierino. Nakon jedne godine ko-produkcije,
izdavaka kua Ricoli 1994. godine ustupa upravljanje danskoj kui Egmont, evropskom gigantu u proizvodnji stripova za decu, koja tih
godina pokuava da nae prostora na italijanskom tritu. Ova uprava e prestati s radom
polovinom avgusta 1995, zatvaranjem ovog
lista, osim njegovog izdanja iz januara narodne godine, koji je izaao oigledno zbog toga
da se sauvaju prava na legendarno ime.

53

BONELLI

Od poetaka do pedesetih godina

BONELLI

BONELI
Ranger,
Avventurieri,
dellIncubo...

Indagatori

Renderi, Pustolovi, Istraivai nonih


mora...

Storia della Sergio Bonelli Editore

Pria o izdavakoj kui Sero Boneli Editore

In Italia la parola Bonelli sinonimo di fumetto. Non soltanto perch la Sergio Bonelli
Editore (denominazione sociale in vigore peraltro solo dal 1988), insieme alla Walt Disney
Company Italia, il pi importante editore
italiano di fumetti. Bonelli anche uno stile
narrativo, un modo tutto italiano di fare fumetti.
Le origini risalgono al 1948 quando nelle edicole italiane arriva il numero 1 di Tex disegnato
da Aurelio Galleppini (in arte Galep; 19171994), scritto dal suo creatore Giovanni Luigi
Bonelli (1908-2001) e pubblicato dalla casa
editrice Audace della moglie di questultimo,
Tea Bertasi Bonelli.

U Italiji, re Boneli je sinonim za strip. Ne


samo zato to je kua Sero Boneli Editore
(zvanini naziv na snazi tek od 1988), pored
Walt Disney Company Italia, najvaniji italijanski izdava stripova. Boneli je takoe i
stil pisanja, stvaranje stripova na, u potpunosti, italijanski nain.
Poeci se vezuju za 1948. kada se na italijanskim kioscima pojavljuje prvi broj Teksa (Tex),
za koga je crtee uradio Aurelio Galepini
(umetniko ime Galep, 1917-1994), tekstove
napisao njegov tvorac ovani Luii Boneli
(1908-2001), a koji je objavila izdavaka kua
Audae (Audace), ija je vlasnica bila njegova
supruga, Tea Bertazi Boneli.
Poeci Bonelija kao pisca vezuju se za period izmeu dvadesetih i tridesetih godina:
budui da je bio dobro knjievni potkovan,
Boneli ubrzo razvija lini ukus ka klasinim
avanturistikim piscima kao to su Dozef
Konrad, Robert Luis Stivenson i italijanski majstor domae egzotine prie Emilio Salgari,
za koga je uvek naglaavao da mu je posluio
kao inspiracija.
Kao crta, Galepini je bio samouk i veliki
oboavalac
velikana
amerikog
avanturistikog stripa, kao to su bili Aleks
Rejmond i Hal Foster.
Na poetku, Teks nastupa kao atipian
odmetnik, sa jakim oseajem za ast. Njegova ena Indijanka Lilit biva ubijena i za njom
ostaje samo sin Kit. Ovaj dogaaj e mu zauvek ostati urezan u pamenju: nikada se vie
nee oeniti i provee ivot u odbrani slabijih
i potinjenih od nasilja monika. Zahvaljujui
dobrim odnosima sa porodicom svoje ene

Gli inizi di Bonelli come scrittore sono a cavallo tra gli anni Venti e Trenta: dotato di una
robusta preparazione letteraria, Bonelli evidenzia subito un gusto personale per autori
classici dellavventura come Joseph Conrad,
Robert. Louis Stevenson e un maestro italiano del racconto esotico casalingo come
Emilio Salgari, al quale ha sempre dichiarato
di ispirarsi.
Come disegnatore Galleppini era autodidatta
e grande ammiratore dei Grandi del fumetto
americano davventura, come Alex Raymond
e Hal Foster.
Agli inizi, Tex si presenta come un fuorilegge
atipico, dotato di un forte senso dellonore.
La moglie indiana Lilyth viene uccisa, lasciandolo solo col figlioletto Kit. Questo episodio
lo segner per sempre: non si risposer mai,
consacrando la sua vita alla difesa dei deboli
e degli oppressi contro la prepotenza dei pi
forti. Il legame con la famiglia della moglie
56

BONELLI

indiana lo porta a diventare unico bianco


capo supremo delle trib Navajo: questo fa
di lui una figura carismatica e quasi mitica, rispettata da tutte le trib indiane.
Tex vive le sue avventure in compagnia del fedele amico Kit Carson (che non ha alcun rapporto col suo omonimo storico) e dello scout
indiano Tiger Jack. Il teatro delle loro imprese
un West di fantasia, senza una cronologia
precisa e in cui figure storiche come il Generale Custer o Bufalo Bill vanno e vengono con
una certa libert.
Ma Tex non solo West: le sue storie, specialmente finch le scriver G. L. Bonelli (cio, a
parte un paio di brevi storie successive, fino
alla met degli anni Ottanta), si colora spesso e volentieri di tinte fantastiche: dato che
il suo arcinemico il mago Mefisto (che alla
sua morte sar rimpiazzato dal figlio Yama) e
il Nostro si imbatte sovente in sette segrete,
stregoni, creature mostruose e persino alieni.

Indijanke, postaje jedini beli poglavica plemena Navaho: time postaje harizmatska i skoro
mitska linost, koja uiva potovanje svih indijanskih plemena.
Teks proivljava svoje avanture u drutvu
svog vernog prijatelja Kita Karsona (koji nema
nikakve slinosti sa istoimenom istorijskom
linou) i indijanskog skauta Tajgera Deka.
Pozornica njihovih podviga je izmiljeni Zapad, bez precizne hronologije, u kojem istorijske linosti, poput generala Kastera ili Bufala
Bila, dolaze i odlaze bez nekih pravila.
Ali Teks nije samo Zapad: njegove prie,
naroito one koje e napisati . L. Boneli (tj.
sve prie nastale do prve polovine osamdesetih godina, osim nekoliko potonjih kratkih
pria), esto i rado unose fantastine elemente: budui da je njegov krvni neprijatelj
maioniar Mefisto (koga e nakon smrti
zameniti njegov sin Jama), ovaj junak esto
nalee na tajne sekte, vece, udovita, pa
ak i na vanzemaljce.

Bonelli si definisce un romanziere prestato


al fumetto e mai pi restituito e nelle sue
storie si respira davvero la Grande Avventura,
specialmente con il passaggio nellottobre
1958 dai vecchi albetti a striscia (il formato
delle prime edizioni di Tex) allattuale albo
gigante, in cui ogni pagina corrisponde a tre
delle vecchie strisce.
Dal numero 96 dellottobre 1968, terminate le
ristampe, la serie ospita solo storie inedite del
personaggio: ed a questo punto che la serie
comincia davvero a decollare e Tex si afferma
definitivamente come il personaggio italiano
pi popolare, inaugurando ulteriori decenni di
successi e affermazioni mediatiche.
Caso quasi unico nel panorama a fumetti di
quel periodo (ma anche odierno), le sue storie sono molto lunghe: spesso tre-quatto
albi, per un totale di oltre trecento pagine. Il
lettore italiano mostra di gradirle particolarmente: sono pochi i romanzieri di grande suc-

Boneli za sebe kae da je romanopisac


pozajmljen stripu i nikad vie vraen i njegove prie zaista odiu Velikom Avanturom,
naroito od oktobra 1958. kada se deava
prelaz sa starog formata na kaieve (format
prvih izdanja Teksa) do aktuelnog dinovskog
stripa, u kojem svaka strana odgovara trima
starim kaievima.
Od broja 96 iz oktobra 1968., po zavretku
pretampavanja, serijal izdaje samo neobjavljene prie o glavnom junaku: upravo u ovom
trenutku, serijal poinje da uzima maha, a
Teks definitivno postaje najpopularniji italijanski junak, obeleivi i naredne decenije
upehom i medijskim priznanjima.
Skoro pa jedinstven sluaj na stripskoj sceni
tog vremena (ali i dananjoj) predstavlja podatak da su njegove prie dosta duge: esto
tri-etiri prie, na ukupno vie od tristotine
strana. Italijanski ita pokazuje izuzetno in57

BONELLI

cesso in Italia, dove gli albi Bonelli svolgono la


stessa funzione che in altri paesi svolta dalla
narrativa popolare tascabile.

teresovanje za njih: malo je romanopisaca koji


su postigli veliki uspeh u Italiji, gde Bonelijevi
stripovi vre istu funkciju koju u drugim zemljama imaju popularna depna knjievna izdanja.

A partire dalla fine degli anni Cinquanta, il


figlio Sergio affianca la madre Tea nella conduzione della casa editrice e comincia e cimentarsi come sceneggiatore con lo pseudonimo
di Guido Nolitta.
Nel 1960 conosce il disegnatore genovese
Gallieno Ferri e insieme creano il personaggio
di Zagor.
Za-Gor-Te-Nay, abbreviato in Zagor, significa Spirito con la Scure in un immaginario dialetto indiano ed il nome adottato
da Patrick Wilding che, in seguito a dolorose
vicende familiari, ha consacrato la sua vita
a lottare per la giustizia nellAmerica della
prima met dellOttocento. Vive nella foresta
di Darkwood (un luogo di fantasia) assieme
allamico messicano Cico e affronta nemici
sia tradizionali (banditi, indiani in rivolta) che
assai particolari (vampiri, lupi mannari, scienziati pazzi): il mix di generi rende la serie quasi
postmoderna e viene considerato la chiave
del suo successo.

Krajem pedesetih godina, Sero zajedno sa


majkom Teom poinje da vodi izdavaku kuu
i oprobava se i kao scenarista pod pseudonimom Gvido Nolita.
Godine 1960. upoznaje crtaa iz enove, Galijena Ferija i zajedno stvaraju lik Zagora.
Za-Gor-Te-Nej, skraeno Zagor, znai
Duh sa sekirom na izmiljenom indijanskom
dijalektu i jeste ime koje, nakon porodine
tragedije, preuzima Patrik Vilding koji je svoj
ivot posvetio borbi za pravdu, u Americi u
prvoj polovini XIX veka. ivi u Darkvudskoj
umi (izmiljeno mesto) zajedno sa svojim
prijateljem, Meksikancom ikom, i suoava
se, kako sa tradicionalnim tipom neprijatelja
(banditi, pobunjeni Indijanci), tako i sa posebnom vrstom neprijatelja (vampiri, vukodlaci,
ludi naunici): meavina anrova uinie serijal skoro postmodernim i smatra se kljuem
njegovog uspeha.

Gli anni Settanta sono di crescita e consolidamento per la Bonelli (che assume nel tempo
diverse denominazioni sociali, come Daim
Press, Cepim, Araldo): a serie di successo
come Tex e Zagor si affiancano gemme come
il Ken Parker di Giancarlo Berardi e Ivo Milazzo
(western atipico sullonda del cinema della
New Hollywood) e Mister No, serie creata dallo stesso Bonelli-Nolitta e ambientata negli
anni Cinquanta in Amazzonia (dove Jerry
Drake, alias Mister No, si rifugia per sfuggire
alla civilt) o la collana Un uomo unavventura,
una serie di prestigiosi volumi cartonati realizzati dai maestri del fumetto italiano, come
Hugo Pratt, Sergio Toppi, Milo Manara, Gino
DAntonio.

Sedamdesete godine oznaava Bonelijev rast


i uvrivanje pozicije (vremenom imae razne
zvanine nazive kao to su Daim Press, Cepim,
Araldo): nakon uspenih serijala Teksa i Zagora slede sjajni stripovi Ken Parker ankarla
Berardija i Iva Milaca (atipini vestern inspirisan novom holivudskom kinematografijom) i
Mister No, serijal koji je stvorio lino BoneliNolita, ija je radnja smetena u pedesete
godine u Amazoniji (gde se Deri Drejk, alijas
Mister No, povlai da bi izbegao civilizaciju) ili
edicija Jedan ovek jedna avantura (Un uomo
unavventura), kolekcija prestinih ukorienih
izdanja iji su autori majstori italijanskog
stripa, poput Huga Prata, Sera Topija, Mila
Manare, ina DAntonija.
58

BONELLI

Tutto cambia nei primi Ottanta: lavvento della televisione commerciale e la comparsa dei
videogiochi amplia lofferta di intrattenimento e nei termini del marketing lappeal del
fumetto scende. Sergio Bonelli tenta nuove
strade, come quello che allepoca veniva considerato fumetto dautore (la rivista Orient
Express), senza per successo.
Il rilancio passa attraverso serie innovative
realizzate nel classico formato della casa
editrice, ormai chiamato da tutti formato
Bonelli: storie lunghe e a volte lunghissime
pubblicate in albi in bianco e nero di 96 pagine. La prima serie di questa nuova generazione Martin Mystre di Alfredo Castelli
(aprile 1982), che propone le avventure di uno
studioso alle prese con i misteri della scienza
non ufficiale, come UFO e Atlantide.
Ma, soprattutto, Dylan Dog.
A fine settembre 1986 (data di copertina: ottobre) esce in edicola Lalba dei morti viventi,
il primo numero della serie horror Dylan Dog.
Lautore, nonch creatore del personaggio,
Tiziano Sclavi, un giovane scrittore, giornalista, sceneggiatore nonch redattore della
casa editrice che si era distinto scrivendo alcune storie di Zagor e di Mister No.
Il successo non immediato ma lironia, lo
stile onirico, gli elementi malinconici ed esistenziali della serie fanno breccia in un vasto
pubblico adolescenziale e giovanile, ragazzi
che tornano al fumetto o lo scoprono grazie
allIndagatore dellIncubo (questa la qualifica
ufficiale del personaggio).
Il suo successo trascina tutto il fumetto italiano e spinge ad ampliare il parco testate della
casa editrice, che nel 1991 propone Nathan
Never, prima serie dichiaratamente di fantascienza, creata da Antonio Serra, Michele
Medda e Bepi Vigna (amichevolmente noti
come la banda dei Sardi).

Sve se menja poetkom osamdesetih: poetak


komercijalnog televizijskog programa, kao
i pojava video-igrica otvara nove vidike za
zabavu i - marketinki reeno - appeal stripa
opada. Sero Boneli oprobava se u novim
sferama, kao na primer u onome to se tada
zvalo autorskim stripom (asopis Orjent Ekspres), ali bez uspeha.
Ponovno aktiviranje zapoinje inovativnim
serijalima realizovanim u klasinom formatu
izdavake kue, ve svima poznatom kao
format Boneli: dugake prie, ponekad i
predugake, objavljene u crno-belim stripovima na 96 strana. Prvi serijal iz ove nove
generacije je Marti Misterija (Martin Mystre)
Alfreda Kastelija (april 1982), koji pria o
avanturama jednog naunika koji se hvata u
kotac sa misterijama nezvanine nauke,
kao to su NLO i Atlantida.
Ali, pre svega, Dilan Dog (Dylan Dog).
Krajem septembra 1986. (datum na koricama:
oktobar) na kioscima izlazi Zora ivih mrtvaca
(Lalba dei morti viventi), prvi broj horor serijala Dilan Dog. Autor i tvorac lika je Ticijano
Sklavi, mladi pisac, novinar, scenarista i urednik izdavake kue, koji se istakao nakon to je
napisao nekoliko pria Zagora i Mistera Noa.
Uspeh nije momentalan, ali ironija, oniriki
stil, melanholini i egzistencijalni elementi
serijala, dopiru do velikog broja tinejdera i
omladine, koji se vraaju stripu ili ga tek otkrivaju zahvaljujui Istraitelju nonih mora
(to je zvanini opis glavnog junaka).
Njegov uspeh povlai za sobom itav italijanski strip i utie na objavljivanje dodatnih
naslova izdavake kue, koja 1991. objavljuje
Natana Nevera (Nathan Never), prvi iskljuivo
nauno-fantastini serijal, iji su tvorci Antonio Sera, Mikele Meda i Bepi Vinja (u ali nazvani banda sa Sardinije).

59

BONELLI

Nella seconda met degli anni Novanta le


vendite diminuiscono, pur restando su buoni
livelli, e la casa editrice risponde con una politica pi aggressiva che in passato, lanciando
numerose serie nuove: linedita commistione
di western e horror di Magico Vento di Gianfranco Manfredi (luglio 1997); il noir-onirico
Napoleone di Carlo Ambrosini (settembre
1997); il mystery Julia di Giancarlo Berardi
(ottobre 1998); lhorror esoterico e colto
Dampyr di Mauro Boselli e Maurizio Colombo (aprile 2000), avente per protagonista un
quasi vampiro serbo; il fantasy leggero e
scanzonato Jonathan Steele, creato da Federico Memola (aprile 1999).

U drugoj polovini devedesetih godina prodaja


opada, iako i dalje ostaje na zadovoljavajuem
nivou, tako da izdavaka kua nastupa sa
agresivnijom politikom nego u prolosti,
objavljujui brojna nova izdanja: sasvim novu
meavinu vesterna i horora Magini vetar
(Magico Vento) anfranka Manfredija (jul
1997); oniriki noar Napoleon (Napoleone)
Karla Ambrozinija (septembar 1997); Juliju
(Julia), kriminalistiki strip ankarla Berardija (oktobar 1998); ezoterini i ueni horor
Dampir (Dampyr) Maura Bozelija i Mauricija
Kolomba (april 2000), koji za protagonistu
ima srpskog poluvampira; laku i leernu
fantaziju Jonathan Steele, iji je tvorac Federiko Memola (april 1999).

Negli anni Duemila si verificano diverse chiusure.


Jonathan Steele chiude con il numero 64 (luglio 2004), per essere rilevata da unaltra casa
editrice (un fatto nuovo nella storia della Bonelli, reso possibile dalla conservazione dei
diritti sul personaggio da parte del creatore).
Napoleone chiude con il numero 54 (luglio
2006).
Diventano pi rarefatte le uscite di Martin
Mystre, che aumenta le pagine e diventa bimestrale dal numero 279 (giugno 2005). Stessa cosa per Magico Vento, dopo il numero 100
(ottobre 2005), a colori come da tradizione.
Storica poi la chiusura di una serie classica
come Mister No con il numero 379 (dicembre 2006), ultimo di una lunga saga di 16 albi
scritta dallo stesso creatore del personaggio,
Sergio Bonelli/Guido Nolitta.

U dvehiljaditim, mnogi naslovi prestaju da


postoje.
Jonathan Steele zavrava se brojem 64 (jul
2004), nakon ega poinje ponovo da ga objavljuje druga izdavaka kua (novi momenat
u istoriji Bonelija, to omoguava injenica da
tvorac junaka raspolae njegovim pravima).
Napoleon se zatvara brojem 54 (jul 2006).
Marti Misterija sve ree izlazi, ali poveava se
broj stanica i od broja 279 (jun 2005) izlazi na
svaka dva meseca. Isto vai i za Magini vetar,
nakon stotog broja (oktobar 2005), u boji kao
i obino. uven je i kraj klasinog serijala Mister No koji se zavrava brojem 379 (decembar
2006), to je poslednji broj dugake sage od 16
stripova koju je napisao sam tvorac glavnog
junaka, Sero Boneli/Gvido Nolita.
Sve ovo vodi do stratekih promena izdavake
kue: novi serijali bie takozvane mini-serije, to jest ograniene edicije, sa unapred
odreenim brojem izlazaka (izmeu 14 i 18).
Prva je Bred Baron (Brad Barron) Tita Faraija
od 18 brojeva (maj 2005-oktobar 2006). Uspeh
nije zanemarljiv, tako da se od avgusta 2008.
lik vraa na kioske u polugodinjem izdanju,

Tutto ci porta a una sterzata nelle strategie


della casa editrice: le nuove serie saranno
le cosiddette miniserie, cio collane a termine, con un numero prefissato di uscite (tra
le 14 e le 18).
La prima Brad Barron di Tito Faraci di 18 numeri (maggio 2005-ottobre 2006). Il successo
60

BONELLI

buono, tanto che dallagosto 2008 il personaggio torna in edicola con la prima di nuove
uscite semestrali e di dimensioni maggiorate (240 pagine invece delle classiche 96).
A Brad Barron seguono i 18 numeri di Damien
di Pasquale Ruju (maggio 2006-ottobre 2007),
i 14 di Volto Nascosto (ottobre 2007-novembre
2008) e il recente bimestrale Dix di Carlo Ambrosini (maggio 2008).
Con questo riposizionamento strategico la
Sergio Bonelli Editore conserva e conferma
una posizione di leadership nelleditoria a fumetti davventura, al secondo posto in assoluto dopo la Disney Italia.

sa novim priama i uveanim dimenzijama


(240 strana umesto uobiajenih 96).
Nakon Breda Barona sledi 18 brojeva Demiana (Damien) Paskvalea Ruja (maj 2006-oktobar 2007), 14 brojeva Skrivenog lica (Volto
Nascosto) (oktobar 2007-novembar 2008) i
nedavno objavljen dvomesenik Diks (Diks)
Karla Ambrozinija (maj 2008).
Sa ovom stratekom promenom, izdavaka
kua Sero Boneli Editore sauvae i
potvrdie svoju vodeu poziciju u izdavatvu
avanturistikih stripova, odmah nakon
izdavake kue Dizni Italija.

61

DISNEY

Od poetaka do pedesetih godina

DISNEY

DIZNI
Topi e Paperi

Mievi i patke

Breve storia dei personaggi Disney in Italia


(e non solo)

Kratka istorija Diznijevih likova u Italiji (i


ire)

In tutto il mondo i personaggi Disney (i topi


e i paperi) sono vere e proprie istituzioni
della cultura popolare e lItalia non mai stata
immune al loro fascino.
A partire dai primi anni Trenta il personaggio
di Topolino diventa popolarissimo, sia come
protagonista dei primi e oggi classici cortometraggi della Disney (Plane Crazy, Steamboat Willie), sia per le storie a fumetti in cui
comincia ad apparire.

U celom svetu Diznijevi likovi (mievi i patke) predstavljaju prave institucije popularne
kulture, a Italija nikada nije bila imuna na njihov arm.
Poevi od ranih Tridesetih godina, lik Miki
Mausa postaje vrlo popularan, kako kao glavni
junak prvih kratkometranih Diznijevih filmova koji su danas klasici (Plane Crazy, Steamboat Willie), tako i zbog pria u stripovima u
kojima poinje da se pojavljuje.

Nel corso del decennio, il marchio e i personaggi Disney si consolidano in Italia, facendosi apprezzare dai lettori di ogni estrazione
sociale, tra cui il giovane Federico Fellini e lo
stesso figlio minore di Mussolini, Romano. Il
merito i questo successo si deve inizialmente
alleditore Nerbini (fino al 1935) e a poi ad Arnoldo Mondadori, che una volta subentrato al
primo interromper le pubblicazioni solo per
limminenza della Seconda Guerra Mondiale.
La gestione Mondadori della massima rilevanza: dur per oltre mezzo secolo, fino al
1988, e rappresent il maggior contratto firmato da Disney al di fuori degli USA. Nel dopoguerra, Mondadori ricomincia a pubblicare
materiale Disney, inaugurando unet delloro
editoriale e narrativa destinata a durare almeno ventanni.

Tokom Tridesetih godina, Diznijeva produkcija i njegovi likovi afirmiu se u Italiji, stiui
potovanje italaca svih drutvenih slojeva,
meu kojima mladog Federika Felinija i
samog Musolinijevog najmlaeg sina, Romana. Zasluga za ovaj uspeh pripada u poetku
izdavau Nerbiniju (do 1935), a zatim Arnoldu
Mondadoriju, koji je, smenivi ga na ovoj
funkciji, prestao da publikuje stripove tek
neposredno pred Drugi svetski rat. Mondadorijevo izdavatvo je od najveeg znaaja za
Diznijeve likove: trajalo je vie od pola veka,
do 1988, i predstavljalo najvei potpisani ugovor Diznija izvan SAD. Posle Drugog svetskog
rata Mondadori poinje da objavljuje Diznijeve materijale, inauguriui zlatno doba
izdavatva i prie koje e trajati najmanje
dvadeset godina.

Grazie alle storie di maestri del fumetto come


Floyd Gottfredson e Carl Barks, allepoca al
loro apice creativo, il successo delle riviste
Mondadori fu rapido e travolgente, affermando il nome e il marchio Disney come
la prima scelta in tema di letture e intrattenimento per linfanzia. A partire dalla fine degli
anni Quaranta, la necessit sempre maggiore
di produrre pagine, unita specie dallinizio

Zahvaljujui storijama majstora stripa poput


Flojda Gotfredsona i Karla Barksa, u to vreme
na kreativnom vrhuncu, uspeh Mondadorijevih asopisa je bio brz i do tada nevien,
afirmiui ime i zatitni znak Dizni kao najbolji izbor za decu kada je re o itanju i zabavi. Sve vea potreba za stvaranjem novih
stranica poevsi od kraja etrdesetih godina
64

DISNEY

degli anni Sessanta al declino delleditoria


fumettistica negli USA, allorigine di un altro importante capitolo della storia Disney in
Italia (e non solo): la nascita di fumetti Disney
scritti e disegnati da autori italiani per conto
di Mondadori.

zajedno sa opadanjem strip izdavatva u SAD


naroito poetkom ezdesetih godina ,
doprineli su otvaranju jednog novog poglavlja
u istoriji Diznija u Italiji ali i u svetu: raanju
Diznijevih stripova koje za Mondadori piu i
crtaju italijanski autori.

La produzione italiana era per iniziata prima:


la storia Paolino Paperino e il mistero di Marte,
scritta e disegnata dal brillante Federico Pedrocchi, risale al 1937 ed la prima storia
lunga del personaggio Donald Duck (cio
Paperino), precedendo di 5 anni lamericana
Paperino e loro del pirata di Bob Karp (testi),
Carl Barks e Jack Hannah (disegni). Proprio
Pedrocchi, immaturamente scomparso nel
1945, pu quindi essere considerato il primo
Disney italiano.
Col tempo, la Scuola Disney italiana cresce
costantemente in produzione e importanza,
grazie ad autori come Guido Martina, Romano Scarpa, Giovan Battista Carpi, Luciano
Bottaro, Marco Rota, Giorgio Cavazzano e
Massimo De Vita. Nel giro di pochi anni, una
parte sempre maggiore dei fumetti Disney
pubblicati nel mondo sono prodotti in Italia.

Meutim, italijanska produkcija je nastala pre


toga: storija Paolino Paperino e il mistero di
Marte koju je napisao sjajni Federiko Pedroki
je iz 1937. i predstavlja prvu dugu priu o Paji
Patku (na ital. Paperino), odnosno pojavila se
5 godina pre amerike prie Paja Patak i gusarsko blago Boba Karpa (tekst) i Karla Barksa i
Deka Hane (crtei). Upravo Pedroki, prerano
preminuo 1945, moe se smatrati prvim italijanskim Diznijevcem.
S vremenom, Italijanska Diznijevska kola
konstantno raste po produkciji i po znaaju,
zahvaljujui autorima kao to su Gvido Martina, Romano Skarpa, ovan Batista Karpi,
Luano Botaro, Marko Rota, oro Kavacano
i Masimo De Vita. Posle samo nekoliko godina, sve vie Diznijevih stripova koji se objavljuju u svetu, nastaje u Italiji.
ezdesete godine oznaavaju simbolinu
predaju primata izmeu Sjedinjenih Drava i
Italije: Karl Barks 1966. odlazi u penziju (iako
e i sledeih nekoliko godina nastaviti da pie
povremeno po neku priu, ali ne i da crta), a
istovremeno se prodaju sve manje ameriki
stripovi koje u SAD izdaje izdavaka kua
Vestern (sa zatitnim znakom Gold Kej), te za
kratko vreme bivaju preplavljeni ponovljenim
izdanjima, to dovodi do drastinog pada
produkcije stripova.
Diznijeve publikacije nastale kod Mondadorija su najpopularniji i najomiljeniji stripovi svih
vremena, sa milionima prodatih primeraka
svakog meseca (sam Topolino, najcenjeniji
naslov izdavake kue krajem ezdesetih
godina, prodaje 600.000-700.000 primeraka
nedeljno), a najvie se u svetu pretampavaju

Gli anni Sessanta segnano un simbolico passaggio di consegne fra Stati Uniti e Italia: nel
1966 Carl Barks va in pensione (anche se per
alcuni anni continuer scrivere e non pi a
disegnare qualche storia ogni tanto) e contemporaneamente gli albi americani editi
negli States dalla casa editrice Western (con
il marchio Gold Key) vendono sempre meno,
tanto che in breve tempo verranno infarciti di
ristampe, facendo precipitare drasticamente
la produzione di tavole a fumetti.
Le pubblicazioni Disney prodotte da Mondadori sono invece i fumetti pi popolari e amati
di sempre, con milioni di copie vendute ogni
mese (il solo Topolino, il titolo-ammiraglia
della casa editrice, alla fine degli anni Sessanta vende 600/700.000 copie ogni settimana)
e le storie pi ristampate nel mondo sono
65

DISNEY

quelle di autori italiani: nel suo complesso, la


produzione italiana riconosciuta come della
massima qualit e lItalia il primo centro
produttivo al mondo di fumetti Disney.

prie italijanskih autora: sve u svemu, smatra se da je italijanska produkcija vrhunskog


kvaliteta, a Italija je prvi produkcijski centar
Diznijevih stripova na svetu.

Negli anni Settanta la produzione italiana si


consolida e contemporaneamente esplode
il talento di Giorgio Cavazzano, gi giovanissimo inchiostratore di Romano Scarpa, che rivoluziona lo stile disneyano ed ancora oggi il
disegnatore al quale si ispira la maggior parte
dei nuovi autori.
Nel 1988, col marchio The Walt Disney
Company Italia, la Disney subentra alla Mondadori nella gestione editoriale dei propri
personaggi. Anche se la numerazione delle
testate non cambia e il direttore resta Gaudenzio Capelli non si tratta di un passaggio
di consegne soltanto di facciata: aumentano
le storie lunghe (50-70 tavole), tutte di produzione italiana, nonch i gadget estivi, come
binocoli, macchine fotografiche e persino
topo-walkie allegati alla rivista, che riscuotono grande successo.

Sedamdesetih godina italijanska produkcija


se afirmie i istovremeno naglo izbija talenat ora Kavacana (kao vrlo mlad je radio
za Karla Skarpu) koji unosi revolucionarne
promene u diznijevski stil, inspiriui najvei
broj novih autora.
Godine 1988, sa zatitnim znakom The Walt
Disney Company Italia, Dizni smenjuje Mondadorija kao izdavaa svojih likova. Iako se ne
menja numeracija brojeva, a direktor ostaje
Gaudencio Kapeli, nije re samo o promeni
imena: raste broj dugih storija (50-70 tabli) u
potpunosti italijanske produkcije, kao i letnjih
gedeta koji doivljavaju veliki uspeh poput
durbina, fotografskih aparata, pa ak i topowalkie koji izlaze kao dodatak asopisu.
Devedesete su godine eksperimentisanja:
1996. nastaje PK Paperinik New Adventures,
formata comic book (tipinih amerikih
asopisa sa stripovima) gde lik Paperinik (tajni
identitet Paje Patka), biva reinterpretiran prema narativnom i grafikom stilu superheroja:
u alternativnom Diznijevom svetu u kojem
skoro nema ni traga od tri sestria i Baje Patka
oni se pojavljuju vrlo retko - Paja Patak mora
da se bori protiv pretnji vanzemaljaca u ulozi
maskiranog superheroja Paperinika.

Gli anni Novanta sono quelli della sperimentazione: nel 1996 nasce PK Paperinik New
Adventures, testata in formato comic book
(i tipici albi a fumetti americani), nella quale
il personaggio di Paperinik (identit segreta
di Paperino) viene reinterpretato secondo lo
stile narrativo e grafico dei supereroi: in un
universo Disney alternativo, in cui non c
quasi traccia dei tre nipotini e di Zio Paperone (che compaiono molto di rado), Paperino
deve combattere minacce aliene nei panni del
supereroe mascherato Paperinik.

Kao eksperiment raa se fenomen Vi, serija


koja 2001. predstavlja pravu graninu liniju u
Diznijevoj produkciji.
Ovaj strip koji su stvorili Elizabeta Njone i
Alesandro Barbui kao prvi crta, za protagoniste ima etiri dobre vetice u preadolescentskom dobu (Vil, Tarani, Kornelija i Hai
Lin) koje se bore sa silama zla i istovremeno
ive uobiajene probleme devojica njihovog
uzrasta.

Come esperimento nasce anche il fenomeno


Witch, una serie che nel 2001 diventa un vero
e proprio spartiacque nella produzione Disney
italiana.
Creata da Elisabetta Gnone e disegnata
allinizio da Alessandro Barbucci, Witch ha per
protagoniste quattro streghette buone pre66

DISNEY

adolescenti (Will, Taranee Cornelia e Hai Lin)


che combattono le forze del male e al tempo
stesso vivono i classici problemi delle ragazze
della loro et.
la prima serie con personaggi umani
(che cio non sono n topi n paperi) e ha un
grande successo presso le giovani lettrici.

Ova prva serija ljudskih likova (odnosno


onih koji nisu ni mievi ni patke) postie veliki
uspeh kod mladih itateljki.
Iako je sauvao svoju ulogu lidera na italijanskom tritu stripa zajedno sa kuom Serdjo
Boneli Editore, Dizni Italija u poslednje vreme
prolazi kroz tranziciju u kojoj se suoava sa
znatnim padom prodaje. Mlaih itaoca je
sve manje iz raznih razloga: pada nataliteta,
velike ponude alternativnih vrsta zabave,
ogromnog uspeha mangi, japanskih stripova
(nije sluajno da kua Dizni 2008. inaugurie
zbirku Disney Manga, sa verzijama diznijevskih likova koje crtaju japanski autori).
Danas je za mnogu decu Topolino ono to je
Sedamdesetih godina za njihove roditelje bio
Korijere dei Pikoli.
A Dizni danas svakako ima znaajnu publiku
odraslih, kao to to pokazuje uspeh Velike
dinastije pataka, ponovljeno izdanje celokupnog diznijevskog dela Karla Barksa, koje se od
poetka janura 2008. prodaje kao dodatak
Korijere dela Sera, jednog od glavnih italijanskih dnevnika: prvi brojevi serije se prodaju
bolje ak i od Topolina.

Negli ultimi tempi, la Disney Italia, pur conservando il suo ruolo di leader nel mercato fumettistico italiano assieme alla Sergio Bonelli
Editore, sta attraversando una fase transitoria
e in cui si ritrova a fare fronte a un significativo
calo di vendite. I lettori pi giovani sono sempre meno, per vari motivi: calo delle nascite,
abbondante offerta di intrattenimento alternativa ai fumetti, grande successo dei manga,
i fumetti giapponesi (non a caso la Disney nel
2008 inaugura la collana Disney Manga, con
versioni dei personaggi disneyani realizzate
da autori nipponici).
Oggi molti ragazzi percepiscono Topolino
come il Corriere dei Piccoli negli anni Settanta:
il settimanale che i genitori fanno leggere ai
figli perch piaceva a loro quando erano bambini.
E sicuramente la Disney ha oggi un pubblico
rilevante di lettori adulti, come dimostra il
successo di La grande dinastia dei Paperi, la ristampa di tutta lopera disneyana di Carl Barks
che a partire dal gennaio 2008 venduta in allegato a Il Corriere della Sera, uno dei principali
quotidiani italiani: i primi numeri della serie
vendono addirittura pi di Topolino.

67

HUGO PRATT

Od poetaka do pedesetih godina

HUGO PRATT

HUGO PRAT
Straordinario narratore di storie

Izvrstan pripoveda pria

Pratt ha sempre colorito di aneddoti veri, o


presunti tali, la sua vita, a complemento di una
produzione vasta e complessa, che spesso ha
diviso critici e lettori, soprattutto nellultima
parte della sua esistenza.
Dal punto di vista lavorativo la carriera fumettistica di Pratt copre almeno due continenti,
lAmerica del Sud e lEuropa. Tocca invece
tutti gli altri dal punto di vista narrativo, e si
estende per quasi cinquantanni attraverso innumerevoli edizioni e ogni genere di premio e
riconoscimento.
Nasce il 15 giugno 1927 a Rimini, dove la
famiglia veneziana in vacanza. Il cognome
Pratt (o Prat) deriva probabilmente da un
antenato bretone. il primo tassello di una
mitologia personale che Hugo inventer per
rileggere una realt quotidiana altrimenti
assai comune nellItalia del Ventennio: il padre, fascista della primora, vede nel regime
unoccasione di riscatto sociale; la madre,
casalinga e giocatrice di carte con le amiche,
nellimmaginario del figlio si ritrova al centro
di una sorta di consorteria cabalistica.
Questo gioco di combinazioni si rifletter
nella passione di Hugo per lesoterismo, dove
i confini tra realt e finzione sono quanto mai
sfumati. Nel 1936 il padre Rolando trova lavoro in Etiopia e porta con s tutta la famiglia.
Vi morir per uninfezione ma per Hugo sar
come un viaggio nella terra promessa: in
Africa che imparer a conoscere uomini e
donne, a incontrare culture e popolazioni diverse, a uscire dagli schemi di una cultura nazionale a cui sar sempre estraneo.
Non un caso se nel 1945, quando comincia
a fare fumetti, viene subito arruolato da
un editore italiano residente in argentina. E
quando torner in Italia negli anni Sessanta,
per ottenere il meritato riconoscimento o anche solo per lavorare, dovr prima trovare un
mecenate e poi trasferirsi in Francia. Quando

Prat je uvek ukraavao istinitim ili navodno


istinitim anegdotama, svoj ivot, kao dopuna obimnom i sloenom stvaralatvu koje je
esto delilo kritiare i itaoce, naroito u poslednjem periodu njegovog ivota.
Sa stvaralake take gledita, Pratova stripska karijera pokriva najmanje dva kontinenta, Junu Ameriku i Evropu. Sve ostale
kontinente, pak, dodiruje, sa narativne take
gledita i protee se kroz skoro pedeset godina, doivevi bezbrojna izdanja i sve vrste
nagrada i priznanja.
Rodio se 15. juna 1927. u Riminiju, gde je
venecijanska porodica boravila na odmoru.
Prezime Prat verovatno potie od nekog bretonskog pretka. To je prvi podatak iz line mitologije koji e Hugo izmisliti, kako bi sagledao
svakodnevnicu koja je, uostalom, bila prilino
uobiajena u Italiji tokom perioda faistike
vlasti: otac, faista od samog poetka, vidi
u reimu priliku za drutveno napredovanje;
majka, domaica i ljubitelj kartanja sa prijateljicama, u sinovljevoj mati nalazi se u
sreditu neke vrste kabalistike sekte.
Ova igra kombinacijama ogledae se u Ugovoj
strasti ka egzoterizmu, gde je granica izmeu
stvarnosti i mate dosta tanka. Godine 1936.
otac Rolando dobija posao u Etiopiji i vodi
sa sobom celu porodicu. Tamo e i umreti od
infekcije, ali za Huga e to biti putovanje u
obeanu zemlju: upravo u Africi on e upoznati puno ljudi, susree se sa razliitim kulturama i narodima, izaie iz ablona nacionalne
kulture, od koje e se uvek drati podaleko.
Nije sluajno to je 1945., kad je poeo da crta
stripove, odmah upao u redove jednog italijanskog izdavaa, nastanjenog u Argentini. A
kada se ezdesetih godina bude vratio u Italiju,
da bi stekao zasluenu slavu ili jednostavno da
bi radio, morae prvo da nae pokrovitelja, da
bi se zatim preselio u Francusku. Kad i u nau
70

HUGO PRATT

anche nel nostro paese il suo successo arriva


di rimbalzo, Pratt ormai un autore di livello
internazionale e un maestro con cui confrontarsi.
La lunga vicenda artistica ed editoriale di Pratt
ha lasciato un segno indelebile nel fumetto
europeo, influenzando lo stile di autori di pi
generazioni e ispirando la nascita di riviste
importanti, entrate nella storia di questo linguaggio (A suivre nellarea francofona, Corto
Maltese in Italia) ma senza produrre un erede
o una scuola.
Troppo unico e personale era il suo mondo.

zemlju njegova slava bude stigla zaobilaznim


putem, Prat je ve stvaralac svetskog nivoa i
umetnik koji treba da poslui kao uzor.
Dugogodinje umetniko i izdavako Pratovo iskustvo ostavilo je neizbrisiv trag u evropkom stripu, utiui na stil autora nekoliko
generacija i podstakavi raanje znaajnih
asopisa koji su uli u istoriju ovog jezika (A
suivre u frankofonim oblastima, Korto Malteze
u Italiji), ali ne ostavivi za sobom nijednog
naslednika ni kolu.
Suvie jedinstven i lian je bio njegov svet.

Gli inizi: LAsso di picche e Junglemen!

Poeci: As pik (LAsso di picche) i


Danglmen (Junglemen!)

Il 21 dicembre 1945 esce il primo numero della


rivista a fumetti LAsso di picche edito dalla
casa editrice Uragano. In copertina c un
eroe mascherato con la pistola in pugno che
indossa una tuta simile a quella di Phantom,
il personaggio di Lee Falk e Phil Davis. Unica,
vistosa differenza, la carta dellasso di picche
cucita sopra il cuore.
Durante e dopo il conflitto, come parte
dellattivit di propaganda dellesercito
doccupazione americano, vengono distribuite in molte localit italiane enormi quantit di albi a fumetti e i futuri autori di Asso di
Picche hanno avuto la possibilit di leggere le
versioni originali di storie che in quegli anni
stanno aprendo nuove strade. Molto chiara in
questo senso la dichiarazione di intenti nel
primo numero della rivista: il primo e unico
giornale dItalia () che abbia abolito i vecchi
personaggi ormai sfruttati per lanciare nuovi
eroi ed avventure completamente inedite.
Tra le proposte della nuova rivista spicca
Junglemen!, una lunga saga militare ambientata nelle isole del Pacifico nel 1946 e avente
per protagonisti soldati pi simili a un corpo in
stile Legione straniera che ai Marines. Scritta
da Alberto Ongaro, la serie ha una certa originalit: gli atti di coraggio e di codardia non
sono esclusiva, rispettivamente, di buoni e

Prvi broj strip-revije As pik izlazi 21. decembra


1945. u izdanju izdavake kue Uragano. Na
naslovnoj strani nalazi se maskirani junak sa
pitoljem u ruci koji nosi kostim slian onom
koji nosi Fantom, junak Li Folka i Fila Dejvisa.
Jedina razlika koja upada u oi jeste karta pik
asa zaivena iznad srca.
Za vreme i nakon sukoba, kao jedna od propagandnih aktivnosti amerike okupacione
vojske bila je distribucija ogromnih koliina
stripova na brojnim italijanskim lokacijama, a
budui autori Asa pika imali su mogunost da
itaju originalne verzije pria, koje tih godina
otvaraju nove vidike. Dosta jasna je u tom
smislu izjava o njihovim namerama u prvom
broju revije: Ovo su prve i jedine italijanske
novine (...) koje su odbacile ve istroene
stare likove, kako bi lansirale nove heroje i
sasvim nepoznate avanture.
Meu novim asopisima, izdvaja se
Danglmen!, duga vojna saga smetena na
ostrvima Pacifika 1946. godine, iji protagonisti vie nalikuju na vojnike iz Legije stranaca, nego na marince. Sa tekstovima Alberta
Ongara, serijal pokazuje izvesnu originalnost:
inovi hrabrosti i kukaviluka ne vezuju se
iskljuivo za dobre i loe, a enski likovi ne
upadaju u klie drage koju treba osloboditi.
71

HUGO PRATt

cattivi, e i personaggi femminili non ricalcano il clich della fidanzata da salvare.

Argentina i Osterheld

LArgentina e Oesterheld

As pik ne prolazi nezapaeno na sceni koja


je jo uvek siromana italijanskim izdanjima:
to primeuje ezare ivita, bivi upravnik
Mondadorija, koji je emigrirao u Argentinu
zbog zakona o rasi iz 1938. Preko jednog svog
agenta u Italiji, ivita zapoljava momke iz
grupe i poziva ih da rade za njega u Argentini.
Za Prata, godine provedene u Argentini
su profesionalno i privatno gledano, meu
najznaajnijim u njegovom ivotu. eni se, dobija dvoje dece, upoznaje svoju drugu buduu
suprugu i ljudsku faunu dostojnu pikaresknog
romana: muziare, naci kriminalce, italijanske, francuske, belgijske, panske izgnanike.
Za svo to vreme, crta. Zajedno sa Ongarom
zavrava sagu Danglmen!, zapoinje Legiju
stranaca i El Cacique Blanco, ali pre svega radi
zajedno sa velikim argentinskim scenaristom
Hektorom G. Osterheldom, koji zajedno sa
bratom izdaje revije Hora Cero i Frontera, a
uz to je i budui autor remek dela, kao to su
LEternauta, Mort Cinder, Sherlock Time.
U svojim priama, Osterheld uvek pokazuje
naklonost ka slabijima i potinjenima, istorijskim gubitnicima, kao i oiglednu netrepeljivost ka monicima. Politiki naklonjen Levici,
aktivno uestvuje u politikom ivotu zemlje.
Kada ga vojska bude uhapsila u njegovoj kui
21. aprila 1977., Osterheld poinje da se vodi
kao nestala osoba, kao desaparecido vojne
diktature koja se pojavila u Argentini godinu
dana pre toga, kada su ve nestale njegove
dve voljene keri. Preostale dve e doiveti
istu sudbinu do kraja godine, zajedno sa
svojim muevima.
Uzalud e Hugo Prat pokuavati da ga spase,
predloivi ga za Unicefovog ambasadora.
Godine 1957. izlazi Tikonderoga; scenario potpisuje Osterheld, ali po dozvoli scenariste,
Prat dosta sarauje na osmiljavanju teksta
iji je takoe i idejni tvorac. Smetena u Ame-

Asso di Picche non passa inosservato nel


panorama ancora povero delleditoria italiana: lo nota Cesare Civita, un ex dirigente
della Mondadori espatriato in Argentina in
seguito alle legge razziali del 1938. Tramite
un suo agente in Italia, Civita assume i ragazzi del gruppo e li invita a lavorare per lui in
Argentina.
Per Pratt gli anni argentini sono professionalmente e personalmente tra i pi importanti
della sua vita. Si sposa, fa due figli, conosce
la futura seconda moglie e una fauna umana
degna di un romanzo picaresco: musicisti,
criminali nazisti, esuli italiani, francesi, belgi,
spagnoli. Intanto, disegna. Con Ongaro finisce
la saga di Junglemen!, avvia quella di Legione
straniera e di El Cacique Blanco, ma soprattutto lavora insieme al grande sceneggiatore
argentino Hector G. Oesterheld, editore con
il fratello delle riviste Hora Cero e Frontera,
nonch futuro autore di capolavori come
LEternauta, Mort Cinder, Sherlock Time.
Nelle sue storie Oesterheld manifesta sempre
predilezione per i deboli e gli oppressi, i perdenti della Storia, e una palese ostilit verso
i potenti. Schierato politicamente a sinistra,
partecipa attivamente alla vita politica del
paese.
Prelevato da uomini armati dalla sua casa il
21 aprile 1977, Oesterheld diventer uno dei
desaparecidos della dittatura militare instaurata in Argentina lanno precedente, quando
erano gi scomparse due delle amatissime
figlie. Le altre due seguiranno la stessa sorte
entro lanno, insieme ai mariti.
Inutilmente Hugo Pratt tenter di salvarlo facendolo nominare ambasciatore
dellUnicef.
Nel 1957 esce Ticonderoga; la sceneggiatura
72

HUGO PRATT

firmata da Oesterheld ma per ammissione


dello sceneggiatore, Pratt collabora molto
alla stesura del testo di cui anche lideatore.
Ambientata nellAmerica del XVIII secolo, la
storia si svolge negli anni della prima colonizzazione del paese, e prima della spedizione
Dixon e Mason che arriver in California. Lo
scenario la guerra franco-inglese per il controllo del territorio delle colonie e del Canada,
gi teatro delle storie di Nathanel Hawthorne,
Zane Gray, James Curwood e Kenneth Roberts
di cui Pratt avido lettore fin dallinfanzia.
A cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta, la
crisi argentina spinge Pratt a rientrare in Europa, dopo avere rinunciato a disegnare Zorro
per gli Stati Uniti per non togliere il lavoro
al collega Alex Toth. Fa prima tappa in Gran
Bretagna, dove lavora per la casa editrice
Fleetway, che in quel periodo produce storie
di guerra rivendute in tutto il mondo e a cui
collaborano numerosi altri italiani, come Gino
DAntonio e Ferdinando Tacconi.
Pratt si sposta poi in Italia con la famiglia, che
aumenta: alla prima figlia con Anne Frognier,
Silvina, si aggiunge il figlio minore Jonas. Realizza lavventuroso Capitan Cormorant (ennesimo prototipo, col senno di poi, di Corto
Maltese), lo spionistico LOmbra insieme ad
Alberto Ongaro, con cui riprende e aggiorna
il vecchio Asso di Picche. Riesce a lavorare per
Il Corriere dei Piccoli ma solo come disegnatore. un periodo di grande rinnovamento
per la storica testata, grazie alle storie di Mino
Milani e a disegnatori come Grazia Nidasio,
Sergio Toppi, Aldo di Gennaro e Dino Battaglia, vecchio amico di Pratt.
Interrotta bruscamente la collaborazione col
Corriere dei Piccoli, Pratt disegna le prime sei
pagine di Kiwi, il figlio della giungla (testi
di Giancarlo Ottani e poi di Loredana Fenzo),
poi continuato da Stelio Fenzo, lo stesso disegnatore che ha proseguito Capitan Cormorant. Fenzo lo ripaga facendogli conoscere
il costruttore genovese Florenzo Ivaldi che
gli propone di creare una casa editrice e una

rici u XVIII veku, pria se odvija tokom godina


prve kolonizacije zemlje i pre ekspedicije Diksona i Mejsona koja se deava u Kaliforniji.
Pozadina je francusko-engleski rat oko nadgledanja kolonijalnih teritorija i Kanade, koji
je ve bio pozornica u priama Natanijela Hotorna, Zanea Greja, Dejmsa Kervuda i Keneta Robertsa, iji je Prat sladostrasni italac od
detinjstva.
Na prelazu izmeu pedesetih i ezdesetih
godina, kriza u Argentini, nagoni Prata da se
vrati u Evropu, nakon to je odbio da crta Zoroa za Sjedinjene Drave, kako ne bi uskratio
posao kolegi Aleksu Totu. Prvo boravi u Velikoj Britaniji, gde radi za izdavaku kuu Flitvej, koja u tom periodu izdaje ratne prie koje
se prodaju u celom svetu i na kojima sarauju
brojni Italijani, poput ina DAntonija i Ferdinanda Takonija.
Prat se, zatim, seli sa porodicom u Italiju, koja
dobija nove lanove: pored prve erke koju je
dobio sa Anom Fronje, Silvine, dobija i mlaeg
sina Jonasa. Objavljuje avanturistiki strip Kapetan Kormoran (ko zna koji po redu prototip, iz ovog ugla gledano, Korta Maletezea),
pijunski strip Senka zajedno sa Albertom
Ongarom, sa kojim nastavlja i obnavlja stari
strip As pik. Uspeva da sarauje i sa listom Il
Corriere dei Piccoli, ali samo kao crta. Radi
se o periodu velike obnove uvenog lista,
zahvaljujui priama Mina Milanija i crtaima
kao to su Gracija Nidazio, Sero Topi, Aldo di
enaro i Dino Batalja, stari Pratov prijatelj.
Nakon to je iznenada prekinuta saradnja sa
listom Corriere dei Piccoli, Prat iscrtava prvih
est strana stripa Kiwi, sina dungle (tekstovi ankarla Otanija, a zatim i Loredane
Fenco), koji zatim nastavlja Stelio Fenco, isti
crta koji je nastavio i Kapetana Kormorana.
Fenco mu se oduuje tako to ga upoznaje sa
graditeljem iz enove Florencom Ivaldijem,
koji mu predlae da osnuje izdavaku kuu i
asopis koji e se vrteti oko njega i njegovih
likova. asopis e se zvati Narednik Kirk i
73

HUGO PRATt

rivista intorno a lui e ai personaggi. La rivista


si chiamer Sgt. Kirk, e ospiter autori italiani
e stranieri spesso in anticipo sui tempi. Pratt
firmer la gangster story Luck Star oHara,
riscrittura di Sloogan, un vecchio personaggio
dellAsso di Picche.
su questa rivista che appare per la prima volta Una ballata del mare salato, uno dei classici
della narrativa a fumetti di tutti i tempi.
Con Una ballata del mare salato Pratt ha la
possibilit di scrivere e disegnare una storia
in totale libert, senza limitazioni editoriali di
sorta. Lidea gli viene dal romanzo Laguna blu
(1909) di Henry de Vere Stackpoole e la storia ambientata nella Polinesia durante la I
guerra mondiale, tra il 1913 e il 1915. La prima
puntata appare nel numero 1 di Sgt. Kirk del
luglio 1967 e lultima nel numero 20 del febbraio 1969. Come gi in Anna nella giungla, la
protagonista assoluta una ragazza, la ricca
Pandora Groovesnore che, insieme al cugino
Cain, vive il passaggio dalladolescenza allet
adulta in una complicata vicenda che coinvolge gli eserciti americani, inglesi e tedeschi
e la propria famiglia, con un fitto susseguirsi
di intrighi, misteri e rivelazioni. Corto Maltese
uno dei tanti protagonisti insieme a Rasputin, anche se la sua figura emerge quasi naturalmente dagli altri, soprattutto per il suo rapporto con Pandora. Due anni dopo, per ironia
della sorte, la Ballata verr ripubblicata sul
Corriere dei Piccoli, dando a Pratt un visibilit
che fino a quel momento gli era mancata.
Il successo dalla Ballata non sfugge a Claude
Moliterni, allepoca redattore di una rivista
francese specializzata in fumetti, che segnala
autore e storia in un numero quasi monografico. La rivista cade nelle mani di un redattore
di Pif, rivista per ragazzi edita dal partito comunista francese, che chiede a Pratt un nuovo personaggio. Pratt riprende in mano Corto
Maltese, cucendogli intorno ventuno storie
di 20 pagine ciascuna che segnano la nascita delluniverso narrativo del personaggio.
Lambientazione sempre quella delle Prima

ugostie italijanske i strane autore, esto


idui ispred svog vremena. Prat potpisuje
gangstersku priu Luck Star oHara, preradu
Slugana, starog lika iz Asa pika.
U ovom asopisu prvi put se pojavljuje Balada
o slanom moru, narativni stripski klasik za sva
vremena.
Sa Baladom o slanom moru Prat dobija
mogunost da pie i ocrtava priu u punoj slobodi, bez ikakvih izdavakih ogranienja. Ideja
je zasnovana na romanu Plava laguna (1909)
Henrija Vera Stakpula. Pria je smetena na
Polineziji tokom I svetskog rata izmeu 1913.
i 1915. Prva epizoda se pojavljuje u prvom
broju Narednika Kirka u julu 1967. a poslednja u dvadesetom broju u februaru 1969.
Kao i u Ani iz dungle, glavni protagonista je
devojka, bogataica Pandora Groovesnore
koja zajedno sa roakom Kainom, odrasta u
vreme komplikovanih dogaaja koji pogaaju
ameriku, englesku i nemaku vojsku i samu
njenu porodicu, u gustom sledu intriga, tajni
i raskrinkavanja. Korto Malteze je jedan od
brojnih likova zajedno sa Raspuinom, iako
se njegov lik skoro pa prirodno izdvaja od
ostalih, prvenstveno zbog njegovog odnosa
sa Pandorom. Dve godine kasnije, ironijom
sudbine, Balada e ponovo izai u listu Corriere dei Piccoli, uinivi Prata poznatim irem
krugu publike, to mu je do tada neostajalo.
Uspeh Balade ne izmie Klaudiju Moliterniju,
u to vreme uredniku francuskog asopisa
specijalizovanom za strip, koji istie autora i
priu u skoro monografskom broju. asopis
dopada u ruke urednika Pifa, dejeg asopisa
koji izdaje francuska komunistika partija,
koja od Prata trai da osmisli novi lik. Prat
ponovo uzima u ruke Korta Maltezea i priiva
mu dvadeset i jednu priu od po 20 strana,
koje oznaavaju raanje narativnog univerzuma ovog junaka. Radnja je i dalje smetena
u period Prvog svetskog rata, ispriana na
sasvim novi nain i sa najrazliitijih frontova:
od June Amerike do Italije, od Francuske do
74

HUGO PRATT

guerra mondiale, raccontata in maniera inedita dai fronti pi disparati: dal Sudamerica
allItalia, dalla Francia allAfrica, passando per
Inghilterra, Italia e Irlanda. Pratt viene scoperto dalla critica sia dal grande pubblico, e Corto
Maltese diventa un personaggio di fama internazionale, simbolo dellavventura.
Il successo permette a Pratt di ritornare a storie di pi ampio respiro, nello stile della Ballata. Nasce cos il grande romanzo storico Gli
Scorpioni del deserto, cio il Long Rifle Desert
Group di cui fa parte il mattatore di queste
storie: il tenente Koinsky. Rispetto a Corto,
Koinsky non recita per un pubblico invisibile,
non d quellimpressione di vivere contemporaneamente dentro e fuori dallambientazione
degli eventi.
Dopo le prime due storie degli Scorpioni nascono i grandi romanzi a fumetti con protagonista Corto Maltese, che evidenziano la
vastit degli interessi storici di Pratt e la sua
straordinaria vena creativa, con personaggi,
situazioni e trame di originalit assoluta.
Il successivo La casa dorata di Samarcanda
ambientata in Turchia, mentre Tango ci riporta ovviamente nellamata Argentina, vista
come un terra promessa dove chiunque pu
reinventarsi una vita, anche il bandito Butch
Cassidy creduto morto da anni.
Le ultime due storie di Corto Maltese sono
Le Elvetiche e Mu, ancora oggi alquanto discusse: la trama avventurosa passa in secondo piano rispetto allapparato esoterico
e i lunghi dialoghi indugiano su vita, morte,
eternit, mito, religione.
A molti questo appare pi uno sfoggio di
erudizione che unevoluzione stilistica. di
questi anni il desiderio di Pratt di passare alla
narrativa per dimostrare, forse, di essere uno
scrittore e non solo un fumettaro, termine
dallassonanza dispregiativa che per aveva
sempre rivendicato.
Pratt ormai diventato un nome di fama internazionale. il primo autore a fumetti a cui
viene dedicata una mostra al Grand Palais di

Afrike, prelazei preko Engleske, Italije i Irske.


Prata otkriva i kritika i velika publika, a Korto
Malteze stie meunarodnu slavu i postaje
simbol avanture.
Uspeh doputa Pratu da se vrati na prie ireg
daha, u stilu Balade. Tako nastaje veliki istorijski roman Pustinjske korpije, tj. Long Rifle
Desert Group u ijim priama kao glavni glumac uestvuje porunik Koinski. U poreenju
sa Kortom, Koinski ne glumi za nevidljivu
publiku i ne odaje utisak da ivi istovremeno
i unutar i izvan samih dogaaja.
Nakon prve dve prie korpija, nastaju veliki
romani u formi stripa sa Kortom Maltezeom
u glavnoj ulozi, koji pokazuju irinu Pratovog
interesovanja za istoriju i njegovu izuzetnu
kreativnu icu, sa likovima, situacijama i radnjama koje su u potpunosti originalne.
Sledee delo Zlatna kua Samarkanda je
smeteno u Turskoj, dok nas Tango naravno
odvodi u voljenu Argentinu, koja je viena kao
obeana zemlja gde svako moe da otpone
ivot, pa ak i bandit Bu Kasidi, za kojeg se
godinama veruje da je mrtav.
Poslednje dve prie o Kortu Maltezeu su Helvetske prie i Mu, o kojima se i danas mnogo
raspravlja: avanturistika radnja odlazi u drugi plan naspram ezoterikog aparata i dugih
dijaloga o ivotu, smrti, venosti, mitu, veri.
Mnogima je ovo izgledalo vie kao razmetanje erudicijom nego kao evolucija u stilistikom
smislu. U ovim godinama raa se Pratova elja
da pree na narativu kako bi moda pokazao
da je i pisac, a ne samo stripoklepac, termin
peorativnog prizvuka kojem je, meutim,
uvek pribegavao.
Prat je ve postigao internacionalnu slavu. Prvi
je stripski autor kojem je posveena izloba u
Grand Palais u Parizu, citiraju ga kao ikonu ostali veoma slavni autori (Milo Manara, Frenk
Miler), ilustruje naslovne strane ploa (Paolo
Konte, Lio), crta reklame za prestine marke
(Puma, Moet&Chandon), uestvuje u raanju
asopisa koje nose ime po Kortu Maltezeu,
75

HUGO PRATt

Parigi, viene citato come icona da altri autori


celeberrimi (Milo Manara, Frank Miller), illustra copertine di dischi (Paolo Conte, Lio),
disegna pubblicit per marche prestigiose
(Puma, Moet&Chandon), fa nascere riviste
intitolate a Corto Maltese, partecipa come attore a vari film (Leos Carax, Giancarlo Soldi),
scrive libri di memorie (Avevo un appuntamento, Il desiderio di essere inutile), adatta in
prosa alcuni suoi romanzi a fumetti (Una ballata del mare salato, Corte sconta detta arcana,
Wheeling, Gesuita Joe); entra nella Storia della
letteratura italiana edita da Einaudi. Forse ha
in cantiere anche un film su Corto Maltese, gi
trasposto anni prima a teatro, con protagonista Christophe Lambert; in anni recenti vengono realizzate una serie e tre lungometraggi
danimazione.
Per i 100 anni del Partito Socialista Italiano
scrive e disegna Un cuore garibaldino, storia
ambientata in Italia, nel delta del Po, nel 1944,
quando si era unito ai partigiani dopo essere
scappato dalla prigione di Venezia dove era
stato rinchiuso dai tedeschi.
Il momento del successo planetario coincide
col distacco dal suo pubblico tradizionale.
Le riviste italiane su cui pubblicava o che ha
contribuito a pubblicare (Linus, Alter, Corriere
dei Piccoli, Corto Maltese, il Grifo) chiudono o
cambiano radicalmente linea editoriale. Per i
giovani lettori Pratt un anziano autore che
non riescono a seguire e i lettori abituali sono
sconcertati: c chi dice che il suo disegno non
sintetico ma affrettato e che per questo le
storie privilegiano il dialogo e abusano dei
primi piani.
Lontano e isolato nella sua residenza eremo
di Grandvaux, in Svizzera, Pratt si spegne il 25
agosto 1995.
Gli sopravvive un corpus imponente di opere,
il cui successo si rinnova costantemente di
anno in anno.

glumi u raznim filmovima (Leos Carax, Giancarlo Soldi), pie memoare (Avevo un appuntamento, Il desiderio di essere inutile), adaptira
u prozi nekoliko svojih romana u formi stripa
(Balada o slanom moru, Korto Malteze u Sibiru, Viling, Jezuita Do); ulazi u Istoriju italijanske knjievnosti, koju objavljuje Einaudi.
Verovatno je u to vreme razmiljao i o filmu
o Kortu Maltezeu, kojeg je nekoliko godina
ranije predstavio u pozoritu sa Kristoferom
Lamberom, u glavnoj ulozi; nedavno je realizovana jedna serija i tri dugometrana crtana
filma.
Za 100 godina postojanja Italijanske
socijalistike partije pie i ilustruje Un cuore
garibaldino, priu koja je smetena u Italiji, u
delti reke Po, 1944. kada se udruio sa partizanima nakon to je pobegao iz venecijanskog zatvora u kojeg su ga zatvorili Nemci.
Trenutak planetarnog uspeha poklapa se sa
distanciranjem od tradicionalne publike. Italijanski asopisi u kojima je objavljivao ili ijem
je objavljivanju doprineo (Linus, Alter, Corriere
dei Piccoli, Corto Maltese, il Grifo) zatvaraju se
ili radikalno menjaju izdavaku politiku. Za
mlade itaoce Prat je vremeni autor kojeg ne
uspevaju da prate, a stalni itaoci su dekoncentrisani: neki kau da njegov crte nije
sintetian ve brzoplet i da zbog toga prie
naglaavaju dijalog i zloupotrebljavaju prve
planove.
Dalek i osamljen u svojoj rezidenciji - pustoi
Granvou, u vajcerskoj, Prat umire 25. avgusta 1995.
Za njim ostaje impozantan broj dela, iji se
uspeh obnavlja iz godine u godinu.

76

MAGNUS

Od poetaka do pedesetih godina

MAGNUS

MAGNUS
Roberto Raviola (1939-1996)

Roberto Raviola (1939-1996)

Sono un pirata che ha scoperto unisola piena di tesori: limmaginario collettivo. Vi approdo con la mia barca, saccheggio, faccio dei
collages di fantasie e di costumi e li vendo al
migliore offerente. Luomo che ebbe la preveggenza di chiamarsi Magnus diede questa
straordinaria definizione di s e di unintera
vita spesa a narrare storie trovando ogni volta
il modo migliore per farlo e cercando nuove
strade, senza rinunciare mai al proprio talento
e alla propria personalit.

Ja sam gusar koji je otkrio ostrvo s blagom:


kolektivnu matu. Tu pristajem svojim brodom, pljakam, a onda pravim kolae fantazije i obiaja i prodajem ih onom ko ponudi
najvie. ovek koji je bio toliko dalekovid
da sebe nazove Magnusom dao je ovu sjajnu
definiciju o sebi i o itavom jednom ivotu koji
je bio posveen pripovedanju pria, za ta je
uvek nalazio najbolji nain i nove puteve, a da
se nikada nije odrekao sopstvenog talente i
sopstvene linosti.

Roberto
Raviola
(1939-1996)
studia
allAccademia di Belle Arti e se non avesse
deciso di dedicarsi al fumetto avrebbe forse
avuto un futuro di artista, insegnante o scenografo. Da subito, i suoi fumetti Kriminal e Satanik, poi Alan Ford si distinguono
nettamente dalla produzione di massa dello
stesso periodo, proponendo uno stile apparentemente senza radici, senza precedenti. Gli
anni dal 1964, quando esce il primo numero di
Kriminal, al 1973, quando esce il numero 75 di
Alan Ford, lultimo da lui disegnato, costituiscono una formidabile ed estenuante palestra
artistica e professionale.
Dal 1973 al 1989 Magnus si dedica intensamente alle proprie storie, cercando ogni volta il disegno e lo stile narrativo migliore per
esprimerle, senza rinnegare il gi fatto e ogni
volta spostando in avanti il limite artistico da
superare.
Magnus si applica con la stessa cura e lo
stesso scrupolo a opere destinate alleffimero
pubblico della pornografia e a quello delle
riviste dautore. E pur rispettando enormemente il lavoro e la sua dignit, non lo interessa laspetto unicamente materiale del
guadagno che ne deriva e che si sarebbe assicurato facilmente continuando a disegnare
Alan Ford per tutta la vita. Quello che gli interessa esplorare il linguaggio del fumetto

Roberto Raviola (1939-1996) studira na Akademiji lepih umetnosti i, da se nije opredelio


za strip, moda bi imao budunost umetnika,
predavaa ili scenografa. Ve odmah se njegovi stripovi Kriminal i Satanik, a zatim Alan
Ford jasno razlikuju od masovne produkcije
iz tog perioda i predlau stil koji je oigledno
bio drugaiji; bio je bez korena i bez prethodnika. Godine od 1964, kada izlazi prvi broj stripa Kriminal, do 1973, kada izlazi 75. broj Alana
Forda, poslednji kojeg je on crtao, predstavljaju snanu i iscrpljujuu umetniku i profesionalnu kolu.
Magnus se od 1973. do 1989. intenzivno
posvetio sopstvenim priama, traei svaki
put najbolji crte ili narativni stil kojim bi
ih ispriao, bez odricanja od ve uraenog,
pomerajui svaki put umetniku granicu koju
je trebalo prei.
Magnus se istom brigom i istim obzirima
predaje i delima koja su bila namenjena
nestalnoj publici pornografskog izdavatva i
publici autorskih revija. Iako je gajio ogromno
potovanje prema poslu i prema sopstvenom
dostojanstvu, nije ga zanimao iskljuivo materijalni aspekt zarade koju je tim poslom
sticao i koju bi sebi obezbedio da je, tek tako,
nastavio da crta Alana Forda celog ivota.
Ono to ga zanima jeste istraivanje jezika
78

MAGNUS

in maniera personale, col proprio disegno


e le proprie storie. Il senso di inevitabilit di
questa sua esigenza si trasmette anche ai suoi
personaggi: figure dalla presa emotiva forte e
immediata sui lettori, che riconoscono in loro
dei compagni di strada, e nel loro creatore
una specie di fratello maggiore che mostra
cosa succede nel mondo, e perch, ma senza
una lezione o una morale.
Dopo Alan Ford, raramente i personaggi di
Magnus hanno ottenuto un successo paragonabile, o perch in anticipo sui tempi (come i
Briganti) o perch mal gestite dagli editori (La
compagnia della forca, Lo Sconosciuto). In alcuni rari casi, come nel felice sodalizio con la
Granata Press di Luigi Bernardi, invece riuscito a trovare il supporto editoriale alla sua
ricerca, producendosi in opere stupefacenti
(Le femmine incantate, Lunario).

stripa na lini nain, sopstvenim crteom i


sopstvenim priama. Smisao neizbenosti
ovakve njegove potrebe prenela se i na njegove junake: figure koje su izazivale snani i
neposredni emotivni utisak kod italaca koji
su u njima prepoznavali drugove s ulice, a u
njihovom tvorcu, neku vrstu starijeg brata koji
im ukazuje na ono to se deava u svetu i na
uzrok svemu tome, a sve to bez lekcija i moralnih pridika.
Posle Alana Forda, retko koji je Magnusov
junak postigao uspeh koji se moe meriti s
njegovim, ili zbog vremenske preuranjenosti (kao junaci stripa Briganti) ili zbog toga
to su ih izdavai loe vodili (La compagnia
della forca, Lo Sconosciuto). U nekim retkim
sluajevima, kao u sluaju plodne saradnje
sa izdavakom kuom Granata Press Luiija
Bernardija, uspeo je, meutim, da pridobije
podrku izdavaa za svoje istraivanje koje se
ostvarilo u sjajnim delima (Le femmine incantate, Lunario).

79

Biografie

Biografije

Fabio Gadducci (San Giovanni Valdarno


Arezzo, 1966) professore associato di Informatica presso la Facolt di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dellUniversit di Pisa.
Si occupa da sempre di fumetto e narrativa
popolare, e in maniera professionistica a
partire dalla fine degli anni Ottanta.
Ha realizzato il volume Notes on the early decades of Italian Comic Art (Pisa, Felici, 2006)
sulle origini del fumetto in Italia e, assieme a
Mirko Tavosanis, Casa Disney. Autori e diritto
dautore (Bologna, Puntozero, 2000), sulle
problematiche legate al diritto dautore nella
major americana. Per anni parte dello staff organizzativo di Lucca Comics, ha lavorato per
numerose case editrici italiane come saggista
e traduttore dallinglese di testi a fumetti e in
prosa, da solo e in collaborazione con Mirko
Tavosanis.
Insieme a Matteo Stefanelli autore di Il
Secolo del Corriere dei Piccoli (Rizzoli).

Fabio Gadui (San ovani Valdarno - Areco,


1966) je vanredni profesor informatike na
Fakultetu za matematiku, fiziku i prirodne
nauke Univerziteta u Pizi. Oduvek se bavi
stripom, kao i popularnim narativnim formama, a od osamdesetih godina poinje i profesionalno njima da se bavi. Autor je knjige
Notes on the early decades of Italian Comic Art
(Pisa, Felici, 2006) o poecima stripa u Italiji,
kao i Casa Disney, koju je napisao zajedno sa
Mirkom Tavosanisom. Napisao je i Autori e
diritto dautore (Bologna, Puntozero, 2000),
o problemima vezanim za autorska prava u
amerikim izdavakim kuama. Godinama
je radio u organizacionom sektoru Luka komiksa, radio je za brojne italijanske izdavake
kue kao esejista i prevodilac stripa i proze sa
engleskog jezika, sam ili u saradnji sa Mirkom
Tavosanisem.
Zajedno sa Mateom Stefanelijem, napisao je
Il Secolo del Corriere dei Piccoli (Rizzoli).

Andrea Plazzi (Bologna, 1962) laureato


in Matematica e si occupato di computer
graphics sviluppando software di base per la
modellazione 3D.
Si occupa di fumetti dal 1977 e in questo ambito ha organizzato mostre, collaborato a riviste di settore (Fumo di China, Scuola di Fumetto, IF, Hamelin), coordinato progetti editoriali
e tradotto fumetti dallinglese e dal francese,
specialmente comic-books americani e romanzi a fumetti.
Ha collaborato alle serie di volumi I Classici del
Fumetto e I Classici del Fumetto Serie Oro di
Repubblica.
Per Sperling & Kupfer Editori traduce saggi
di divulgazione scientifica, costume, cinema e attualit politica, tra cui IL PARADISO
CLONATO I nuovi scenari della biologia e i
rischi dellingegneria genetica; VISIONI DA MA-

Andrea Placi (Bolonja, 1962) je diplomirani


matematiar. Posvetio se kompjuterskoj grafici i napravio softver za 3D modelovanje.
Stripovima se bavi od 1977. i u ovoj oblasti organizovao je izlobe, saraivao je sa
asopisima posveenim stripu (Fumo di
China, Scuola di Fumetto, IF, Hamelin), vodio
izdavake projekte i prevodio stripove sa engleskog i francuskog, naroito amerike stripove i romane u formi stripa.
Saraivao je na seriji izdanja I Classici del Fumetto i I Classici del Fumetto Serie Oro koja je
izlazila u okviru lista Republika.
Za Sperling & Kupfer Editori prevodi eseje o
popularnoj nauci, kulturi, filmu i politikim
aktuelnostima, meu kojima i IL PARADISO
CLONATO I nuovi scenari della biologia e i
rischi dellingegneria genetica; VISIONI DA MATRIX Tracce di un presente Cyber; LA TALPA
80

DEL WATERGATE Finalmente le rivelazioni


di Gola Profonda; BLOG! La rivoluzione
dellinformazione in politica, economia e cultura.
Predaje izdavatvo, prevoenje i strip u okviru
master studija i dri strune kurseve.

TRIX Tracce di un presente Cyber; LA TALPA


DEL WATERGATE Finalmente le rivelazioni
di Gola Profonda; BLOG! La rivoluzione
dellinformazione in politica, economia e cultura.
Insegna elementi di editoria, traduzione e
fumetto presso master e corsi di formazione
professionale.
Stefano Priarone scrive di fumetti su Scuola
di fumetto, Fumo di China e The Comics Journal; di costume in generale su Retro; di televisione su Telefilm Magazine e sulla Collana
Almanacchi della Sergio Bonelli Editore; di
cultura pop su Il Secolo XIX, di cronaca e televisione su lovadese; di quel che capita su Urania e La Stampa.
Ha anche collaborato con articoli di critica alle
iniziative a fumetti disneyane allegate a Il Corriere della Sera (Topolino Story e La Grande Dinastia dei Paperi) e ha inoltre scritto racconti,
soggetti (per Zagor e Martin Mystre), sceneggiature e tre Dizionari del Mistero che tra il
2002 e il 2004 sono stati allegati agli speciali
di Martin Mystre (Sergio Bonelli Editore).
Tra i suoi libri: Mister Fantasy. Il mondo segreto
di J. R. R. Tolkien (2002), Stephen King, luomo
vestito di incubi (2004), entrambi in collaborazione con Luca Crovi, e Nerd Power (2006).
Lettore di fumetti a 360, particolarmente
legato a Disney, Bonelli e supereroi in genere.
Appassionato di tennis, augura un grande
2009 alle stelle serbe Novak Djokovi, Jelena
Jankovi e Ana Ivanovi.

Stefano Priarone pie o stripu u asopisima


Scuola di fumetto, Fumo di China i The Comics Journal; o kulturi uopte u asopisu Retro;
o televiziji u Telefilm Magazine i u Collana Almanacchi iji je izdava Sero Boneli Editore;
o pop kulturi u Il Secolo XIX, o hronici i televiziji u Lovadese; o dogaajima u Urania i La
Stampa.
Svojim kritikim lancima saraivao je u inicijativama za Diznijeve stripove kao dodatak
listu Il Corriere della Sera (Topolino Story i La
Grande Dinastia dei Paperi), a pored toga je
pisao prie, siee (za Zagora i Martina Misteriju), scenarija i tri Renika tajne - Dizionari
del Mistero koji su izmeu 2002. i 2004. izlazili zajedno sa specijalnim izdanjima Martina
Misterije (izdava Sero Boneli Editore).
Od njegovih knjiga izdvajaju se: Mister Fantasy. Il mondo segreto di J. R. R. Tolkien (2002),
Stephen King, luomo vestito di incubi (2004),
obe nastale u saradnji sa Lukom Krovijem i
Nerd Power (2006).
Strastveni italac stripova, naroito je vezan
za Diznija, Bonelija i superheroje uopte..
Oboavalac tenisa, poeleo je uspenu 2009.
srpkim zvezdama Novaku Djokoviu, Jeleni
Jankovi i Ani Ivanovi.

Sergio Rossi (Perugia, 1970) laureato in


fisica, editor e giornalista. Collabora alle testate La Stampa.it, Scuola di Fumetto, Blue e
Fumo di China (di cui stato direttore dal 1998
al 2005). Per Il Giornalino ha scritto linserto
100 anni di Fumetto italiano. Per Neri Pozza
ha curato lantologia di fumetti erotici italiani

Sero Rosi (Perua, 1970) je diplomirani fiziar, izdava i novinar. Sarauje sa


asopisima La Stampa.it, Scuola di Fumetto,
Blue i Fumo di China (na ijem je elu bio od
1998. do 2005). Za Il Giornalino napisao je dodatak 100 godina italijanskog stripa - 100 anni
di Fumetto italiano. Za Nerija Pocu priredio je
81

Maledette, vi amer (2007). stato direttore


editoriale delle edizioni BD (1999-2005).
curatore di volumi a fumetti e ha collaborato
a numerosi progetti di allegati ai quotidiani:
Milo Manara (Il Sole24ore-Panini); Corto Maltese, Diabolik, Alan Ford ed Enciclopedia delle
strisce (Repubblica/Lespresso-Panini); Valentina (Corriere della Sera-Panini). Ha tradotto
Griffu di J. P. Manchette-J. Tardi (BD, 2006;
in Internationoir, Mondadori, 2007) e Gemma
Bovery di Posy Simmonds (Hazard, 2001). Nel
2005 ha pubblicato il romanzo Scacco matto
(Disney libri).

antologiju erotskog italijanskog stripa Maledette, vi amer (2007). Bio je izdavaki direktor izdanja BD-a (1999-2005).
Priredio je knjige u obliku stripa i saraivao
na brojnim projektima vezanim za dnevne
novine: Milo Manara (Il Sole24ore-Panini);
Corto Maltese, Diabolik, Alan Ford i Enciclopedia delle strisce (Repubblica/LespressoPanini); Valentina (Corriere della Sera-Panini).
Preveo je Griffu od . P. Maneta-. Tardija
(BD, 2006; u Internationoir, Mondadori, 2007)
i Gemma Bovery od Pozi Simonds (Hazard,
2001). Godine 2005. objavio je roman Scacco
matto (Disney libri).

82

finito di stampare nel febbraio 2009


tampano u februaru 2009.
Istituto Italiano di Cultura di Belgrado
Italijanski institut za kulturu u Beogradu