Sei sulla pagina 1di 2

SESTO GIORNO

CONTROLLARE IL VOSTRO TEMPO E LA VOSTRA VITA


Obiettivo: imparate a usare il tempo a vostro vantaggio, anzich consentirgli di dominare i vostri
livelli di soddisfazione e di stress.
Se mai vi siete sentiti stressati pi che probabile che il vostro stress sia dovuto alla sensazione di
non avere tempo sufficiente per fare quello che volete, al livello qualitativo che vi siete prefissi. Per
esempio, potreste sperimentare questa frustrazione perch vi concentrate esclusivamente sulle
esigenze del momento: le sollecitazioni, le difficolt, gli eventi del momento. In queste condizioni
di stress e di sovraccarico, la vostra efficienza diminuisce rapidamente.
Il rimedio facile: assumete il controllo dello spazio temporale su cui vi state concentrando. Se il
presente stressante, affrontate le difficolt in maniera pi intraprendente concentrandovi sul futuro e sul felice completamento o soluzione dei compiti che vi aspettano. Questa nuova visuale
modificher immediatamente il vostro stato d'animo dandovi proprio le risorse che vi occorrono per
capovolgere la situazione del presente. Molto spesso, lo stress nasce dalla sensazione di sentirsi
bloccati all'interno di una particolare cornice temporale. Ci accade, per esempio, quando una
persona continua a pensare al futuro in maniera depotenziante. Potete aiutare questa persona (o voi
stessi) portandola a riconcentrarsi su ci che pu controllare nel presente. Altri, chiamati ad
accettare una sfida, cominciano a concentrarsi esclusivamente sui loro fallimenti passati.
Rimangono nel passato e il loro stress si accentua. Ma, se si spostano nel presente, o anticipano un
futuro positivo, il loro stato emozionale potrebbe cambiare immediatamente. Le nostre emozioni,
quindi, sono fortemente influenzate dalla cornice temporale entro cui operiamo in quel momento.
Troppo spesso dimentichiamo che il tempo un'interpretazione mentale del tutto relativa e che
l'esperienza che ne abbiamo quasi esclusivamente il risultato della nostra messa a fuoco mentale.
Per esempio, quanto lungo il tempo? Tutto dipende dalla situazione, non vi pare? Fare la fila per
pi di dieci minuti pu sembrare un'eternit, mentre un'ora d'amore passa fin troppo rapidamente.
Le nostre credenze fanno anche da filtro per la nostra percezione del tempo. Per alcuni, a
prescindere dalla situazione, venti minuti sembrano avere la durata di una vita. Per altri, un tempo
lungo un secolo. Potete immaginare come queste persone camminino in modo diverso, parlino in
modo diverso, guardino ai loro obiettivi in modo diverso; e a quale stress sarebbero sottoposte se
dovessero avere rapporti reciproci operando in schemi di riferimento cos totalmente diversi? Ecco
perch il controllo del tempo un'abilit di vita. La capacit di adattare la vostra esperienza del
tempo la capacit di plasmare la vostra esperienza di vita. Per oggi, come esercizio, cerchiamo di
esaminare brevemente e applicare tre consigli per non "sprecare" il tempo.
LA CAPACIT DI DISTORCERE IL TEMPO
Acquisita la capacit di cambiare le cornici temporali modificando la vostra concentrazione, siete
pronti per passare alla seconda grande abilit di dominare il tempo, vale a dire l'abilit di alterarlo
cos che un minuto sembri un'ora, o un'ora un minuto. Non avete notato che, quando siete
totalmente presi da una qualche occupazione, perdete la nozione del tempo? Ci perch non
concentrate pi la vostra attenzione su di esso. Non lo misurate. Siete concentrati su qualcosa di
piacevole e, quindi, il tempo passa pi rapidamente. Ricordate che siete voi a tenere le redini.
Indirizzate la vostra concentrazione e scegliete consapevolmente la vostra misurazione del tempo.
Se guardate continuamente l'orologio, il tempo sembra non passare mai. Ancora una volta, la vostra
esperienza del tempo controllata dalla concentrazione. Come definite l'uso del tempo? Lo trascorrete, lo sprecate o l'ammazzate? stato detto che "ammazzare il tempo non omicidio; suicidio".
UNA QUESTIONE DI IMPORTANZA
Altra distinzione, e forse la pi cruciale, quella di comprendere in che modo l'urgenza e
l'importanza controllino le vostre decisioni sul come impiegare il vostro tempo e, quindi, il vostro
livello di realizzazione personale. Che cosa intendo dire? Vi far una domanda: "Vi mai capitato
di sgobbare come un negro, portare a termine tutto ci che figurava sulla vostra lista di cose da fare,
eppure, alla fine della giornata, sentirvi insoddisfatti?" E perch avete fatto tutto quello che in quel
momento era urgente e richiedeva la vostra attenzione,ma non avete fatto quello che era importante,

cio le cose che, a lungo termine, avrebbero creato una differenza. E, viceversa, ci sono mai stati dei
giorni in cui non avete realizzato molte cose eppure avete avuto l'impressione che fossero giorni
importanti? Quelli erano i giorni in cui vi siete concentrati sulle cose importanti, piuttosto che su
quelle che richiedevano urgentemente la vostra attenzione.
La nostra vita sembra dominata dall'urgenza. Squilla il telefono, mentre stiamo facendo qualcosa di
importante, ma dobbiamo alzare il ricevitore. Dopo tutto, potremmo lasciarci sfuggire qualcosa...
Questo un classico esempio di trattare ci che urgente. Oppure, pu accaderci di comperare un
libro che sappiamo pu cambiare la nostra vita, ma di rimandarne continuamente la lettura perch
non riusciamo a trovare il tempo, cos presi come siamo ad aprire la corrispondenza, fare il pieno di
benzina e guardare il telegiornale. L'unico sistema per diventare veramente padroni del vostro
tempo organizzare la vostra giornata in modo da dedicarne la maggior parte a fare cose che sono
importanti, pi che quelle urgenti.
RISPARMIATEVI DEGLI ANNI
Ho imparato che il metodo pi efficace per condensare il tempo quello di apprendere grazie
all'esperienza altrui. Non potremo mai controllare veramente il tempo finch la nostra strategia
fondamentale di conoscenza e di controllo del nostro mondo si baser su esperimenti ed errori.
Imitare chi c' gi riuscito pu risparmiarci anni di sofferenza. Per questo sono un vorace lettore e
un attento studente di corsi di perfezionamento, dibattiti e quanto altro messo a disposizione per
l'informazione dalla moderna tecnologia, per esempio audio e videocassette. Ho sempre vissuto
queste esperienze come necessit, non come accessori, ed esse mi hanno dato la saggezza di
decenni di esperienza e del successo che da essa deriva. Vi invito a imparare, pi spesso che potete,
dalle esperienze altrui e a mettere a frutto tutto ci che apprendete.
Esercizio odierno:
1. Per tutta la giornata, cominciate a cercare il modo per modificare le strutture temporali.
Ogni volta che avvertite la pressione del presente, fermatevi e cominciate a pensare al futuro
in maniera potenziante. Per esempio, pensate agli obiettivi che vi spronano, associatevi
completamente con essi. Visualizzate l'immagine, ascoltatela, entrate in essa e prendete nota
di come vi sentite. Riportatevi all'interno di un ricordo che vi caro: il primo bacio, la nascita di vostro figlio, un momento particolare con un amico. Pi svilupperete la vostra capacit
di cambiare rapidamente le strutture temporali, maggiore sar il vostro livello di libert e la
gamma di emozioni che riuscirete a creare dentro di voi, nel giro di un momento. Ripetete
l'esperimento fino a quando saprete con certezza di poter ricorrere a questo mutamento di
concentrazione per modificare istantaneamente il vostro stato.
2. Imparate a distorcere deliberatamente il tempo. Davanti a qualcosa il cui completamento vi
sembra, in genere, richiedere troppo tempo, aggiungete un'altra componente che non
solamente affretter la vostra percezione temporale, ma vi consentir di fare due cose
contemporaneamente. Per esempio, quando corro, ascolto con l'auricolare la mia musica
preferita. Oppure, mentre faccio ginnastica guardo il telegiornale.
3. Elencate una serie di cose da fare, che metta al primo posto l'importanza, anzich l'urgenza.
Invece di segnarvi una marea di cose da fare per poi sentire di aver fallito alla fine della
giornata, concentratevi su ci che pi importante. Vi assicuro che, in questo modo,
proverete un senso di soddisfazione e di compiutezza che privilegio di pochi.