Sei sulla pagina 1di 24

Indice

1 Matrici di Pauli

2 Funzioni di operatori

3 Principio di indeterminazione

4 Equazione di Shroedinger

4.1

Equazione donda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4.2

Equazione donda stazionaria . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4.3

Particella libera D-dim . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4.4

Particella su un segmento (Buca infinita) . . . . . . . . . . . .

4.5

Raccordo della funzione donda in un punto x0 . . . . . . . . .

4.6

Delta di Dirac . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Teorema del viriale

6 Coefficienti di riflessione e trasmissione


6.1

Matrice di trasmissione e matrice di scattering . . . . . . . . .

7 Oscillatore armonico 1-dim

9
9
11

7.1

Rappresentazione nello spazio delle coordinate . . . . . . . . . 11

7.2

Operatori di creazione e distruzione (innalzamento e abbassamento) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12

Il momento angolare

13

8.1

Algebra del momento angolare . . . . . . . . . . . . . . . . . 13

8.2

Rappresentazioni matriciali del momento angolare . . . . . . 14

8.3

Armoniche sferiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15

8.4

Composizione di momenti angolari . . . . . . . . . . . . . . . 17

Atomo di idrogeno

19

10 Teoria delle Perturbazioni

20

10.1 Teoria delle Perturbazioni indipendenti dal tempo . . . . . . . 20


10.1.1 Caso non degenere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
10.1.2 Caso degenere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
1

10.2 Teoria delle Perturbazioni dipendenti dal tempo . . . . . . . . 22


11 WKB: approssimazione semiclassica

23

12 Formule

24

12.1 integrali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
12.2 moto del centro di massa e moto relativo . . . . . . . . . . . . 24

Matrici di Pauli
i ,

i = 1, 2, 3 oppure i = x, y, z

x =

0 1
1 0

0 i
i 0

y =

z =

1 0
0 1

~ = (x , y , z )
autovalori ed autovettori
~n ~n = 1

~n = (nx , ny , nz ) = (cos sin , sin sin , cos )


~ ~n |~n i = () |~n i
(+) = +1
() = 1

~n
s

i+

|+~n i = e

|~n i = ei

1 + nz
2
1 nz
2

nx +iny
1+nz

i+

= e
!

= ei

x +iny
n1n
z

cos(/2)
ei sin(/2)

sin(/2)
ei cos(/2)
!

~n = (1, 0, 0)

~ ~n = x

~n = (0, 1, 0)

~ ~n = y

~n = (0, 0, 1)

~ ~n = z

1
1
|+x i =
|x i = 12
1!
1 !
1
1
|y i = 12
|+y i = 12
i
i !
!
1
0
|+z i = |+i =
|z i = |i =
0
1
1
2

formalismo di Dirac
x = |+ih| + |ih+|
y = i (|+ih| |ih+|)
z = |+ih+| |ih|
propriet`a
i = i
i2 = 1I
Tr(i ) = 0
det(i ) = 1
[i , j ] = 2iijk k
{i , j } = 2ij 1I
i j = ij 1I + iijk k
3

~ ~a =

ak k

(~ ~a)2 = ~a ~a
(~ ~a)(~ ~b) = ~a ~b + i~ (~a ~b)
operatori di innalzamento e abbassamento
0 2
0 0

+ = x + iy = 2|+ih| =

0 0
2 0

= x iy = 2|ih+| =

1
=0
0 !
0
=2
1

1
0

0
1

1
=2
0 !
0
=0
1

operatori di proiezione

IP+~n

1 + nz nx iny
1
= |+~n ih+~n | =
2 nx + iny 1 nz

IP~n

1 nz
(nx iny )
1
= |~n ih~n | =
2 (nx + iny )
1 + nz

1 0
1
IP+ = (1 + z ) = |+ih+| =
2
0 0

0 0
1
IP = (1 z ) = |ih| =
2
0 1

IP+

IP+

IP

IP

1
0
0
1
1
0
0
1

1
0

0
1

=0

=0

1I, ~ sono una base per le matrici 2 2


A=

a11 a12
a21 a22

= a0 1I + ~a ~ =

a0 + az ax iay
ax + iay a0 az

~ ~ = E0 1I + |E|~
~ n ~
H = E0 1I + E
U (t) = eiHt/h = eiE0 t/h ei~n~ = eiE0 t/h (1I cos() i~n ~ sin())
~ h.
dove = |E|t/
4

Funzioni di operatori
f (A) =

X
n=0

f (A) =

f (n) n
A
n!
f (z)
(z A)1
2i

I
A

f (A) =

f () IP =

f () |ih|

f (A) = X f (Adiag ) X 1
dove A = X Adiag X 1 , e X ha per colonne gli autovettori di A. A `e lo
spettro degli autovalori di A.
(
A

e e =

eA+B solo se [A, B] = 0


eA+B+g(A,B) g(A, B) = 21 [A, B] +
1

eA eB = eA+B+ 2 [A,B]

1
[A, [A, B]]
12

per operatori canonici: [A, B] 1I

Principio di indeterminazione
1
(A)2 (B)2 hCi2
4

dove:
[A, B] = iC
A = A , B = B , C = C
(A)2 = hA2 i hAi2 = h|A2 |i h|A|i2
(B)2 = hB 2 i hBi2 = h|B 2 |i h|B|i2

1
[B, [B, A]]
12

+ ...

Equazione di Shroedinger

4.1

Equazione donda
H (~x, t) = ih

H=

(~x, t)
t

p~2
+ V (~x)
2m

~
p~ = i
h
"

h
2 2

+ V (~x) (~x, t) = i
h (~x, t)
2m
t
#

2 =

4.2

2
2
2
+
+
x2 y 2 z 2

Equazione donda stazionaria

per gli stati stazionari


(~x, t) = U (t)(~x) = eiEt/h (~x)
H (~x) = E (~x)
"

4.3

h
2 2

+ V (~x) (~x) = E (~x)


2m
#

Particella libera D-dim

Autofunzioni ed autovalori
p~ (~x, t) = h~x|~pi =
~k = p~ ,
h

1
D/2

h~x|~ki =

E
p~2
=
h

2mh

1
~
ei(k~xt)
D/2
(2h)

4.4

Particella su un segmento (Buca infinita)

Autofunzioni ed autovalori
q

n (x) = L2 sin( nx
)
L
1 n
h 2
En = 2m ( L )

x [0, L]

cos( nx
)
L

n = 1, 3, 5, . . .

)
n (x) = L2 sin( nx
L
1 n
h 2
En = 2m ( L )

n = 2, 4, 6, . . .

n (x) =
x [L/2, L/2]

4.5

n = 1, 2, 3 . . .

qL

Raccordo della funzione donda in un punto x0


I (x) = (x x0 )

II (x) = (x x0 )

energia potenziale non divergente:


(

II (x0 ) = I (x0 )
dII
I
(x0 ) = d
(x0 )
dx
dx

continuit`a della funz. donda


continuit`a della derivata

energia potenziale V (x) = aV0 (x x0 ):


(

4.6

II (x0 ) = I (x0 )
dII
I
(x0 ) = d
(x0 )
dx
dx

2maV0
(x0 )
h2

Delta di Dirac
(x) = 0 x 6= 0
f (0) =
1=

Z +

f (x)(x)dx

(x)dx

`e una funzione(distribuzione) pari


(x) = (x)
se largomento `e una funzione g(x)
(g(x)) =

(x xi )
|g 0 (xi )|
{xi }:g(xi )=0,g 0 (xi )6=0
X

rappresentazione integrale:
1 Z + ik(xx0 )
(x x0 ) =
e
dk
2
7

continuit`a della funz. donda


discontinuit`a della derivata

Teorema del viriale


H|i = E|i
~ |i
2h|T |i = h|~r V

dove T = energia cinetica, V = energia potenziale.


Se V `e a simmetria sferica e proporzionale a rn :
2h|T |i = nh|V |i
E
( = h|T |i +nh|V |i
h|T |i = n+2 E
2
h|V |i = n+2
E

Coefficienti di riflessione e trasmissione

La densit`a di corrente
ih ~
~ )
J~ =
(
2m
soddisfa lequazione di continuit`a
||2
+ J~ = 0
t
J~ = 0 per stati stazionari
J = costante per stati stazionari, 1-dim
1-dim: onda piana incidente da su una barriera/buca
I = AeikI x + BeikI x
II = CeikII x

stato stazionario asintotico

prima della
dopo la

barriera/buca

densit`a di corrente associate:


h
kI
(|A|2 |B|2 )
JI = JIncidente + JRiflessa =
2m
h
kII
JII = JTrasmessa =
(|C|2 ).
2m
coefficienti di riflessione e trasmissione
|JRiflessa |
|B|2
=
|JIncidente |
|A|2
|J
|
|C|2 kII
T = Trasmessa =
|JIncidente |
|A|2 kI
R+T =1
R=

6.1

Matrice di trasmissione e matrice di scattering


I = Aeikx + Beikx
II = Ceikx + Deikx

stato stazionario asintotico

prima della
dopo la

matrice di trasmissione M :
C
D

=M

A
B

M11 M12
=

M12
M11
det M = 1
M12 =
9

A
B

V (x) = V (x)
J = costante
V (x) = V (x)

barriera/buca

matrice di scattering S:

C
B

=S

A
D

1
=
M11

1
M12

M12 1

SS + = S + S = 1

M12 2
|
M11
1 2
T =|
|
M11

R=|

10

A
B

7
7.1

Oscillatore armonico 1-dim


Rappresentazione nello spazio delle coordinate
H =

h
2 d2 1
+ m 2 x2
2m dx2
2

Autovalori ed autofunzioni
En = h
(n + 12 )
2
n = Cn Hn () e /2

n = 0, 1, 2 . . .

dove
q

= m
x
h

1
)1/4
Cn = 2n/2 n! ( m
h

2 dn
2
Hn () = (1)n e d
ne
H0 = 1
H1 = 2
H2 = 2 + 4 2
H3 = 12 + 8 3
..
.
Gli autovalori:
hanno uno spettro discreto
sono equidistanti
lenergia dello stato fondamentale `e diversa da zero E0 = 1/2
h
Le autofunzioni:
sono reali a meno di un fattore di fase costante
hanno parit`a definita : sono (dis)pari per n (dis)pari
n (x) = (1)n n (x)
hanno n radici reali

11

7.2

Operatori di creazione e distruzione (innalzamento


e abbassamento)
H
= a a + 1/2
h

a=

a =

q2h

i
p
2m
h
i
2mh p

x+

m
x
2
h

[a, a ] = 1

x=

p=

q 2m
m
h
2

(a + a)
i(a a)

a |ni = n
|n 1i
a |ni = n + 1 |n + 1i

(a )n
|ni = |0i
n!

hn|mi = n,m

12

8
8.1

Il momento angolare
Algebra del momento angolare
[Ji , Jj ] = ihijk Jk

J 2 = Jx2 + Jy2 + Jz2


[J 2 , Jk ] = 0 k = 1, 2, 3
j = 0, 1, . . .
j m j

J 2 |j, mi = h
2 j(j + 1)|j, mi
Jz |j, mi = h
m|j, mi

operatori a scala, di innalzamento e abbassamento


J = Jx iJy
J = J+
[Jz , J ] = hJ
[J 2 , J ] = 0
[J+ , J ] = 2hJz
{J+ , J } = 2(J 2 Jz2 )

J+ J = J 2 Jz2 + h
Jz
2
2
J J+ = J Jz h
Jz

J+ |j, mi = h
(j m)(j + m + 1)|j, m + 1i
q

J |j, mi = h
(j + m)(j m + 1)|j, m 1i

13

8.2

Rappresentazioni matriciali del momento angolare


j = 1/2
!

1 0
J2 =
0 1!
0 1

= 1h

|+ 21 x i =
Jx = 21 h
1 0 ! 2 x
0 i
Jy = 21 h

= 1h

|+ 21 y i =
i 0 ! 2 y
1 0

= 21 h
z
|+ 12 z i =
Jz = 21 h
0 1
!
0 1
= 1h
(x + iy )
J+ = h

= 1h
0 0 ! 2 + 2
0 0
J = h

= 12 h
= 12 h
(x iy )
1 0
3 2
h

1
2
1
2

1
0

1
| 12 x i =
1!
1
| 21 y i =
i
!
| 21 z i

1
1 !
1
1
2
i
!
0
1
1
2

j=1

1 0 0

2
2
J = 2
h 0 1 0
0 0 1

1
0 1 0


Jx = 12 h
1 0 1
|1x i = 21 2
0 1 0
1

1
0 i 0


Jy = 12 h
i 0 i |1y i = 12 2
0 i 0
1

1 0 0
1

Jz = h
0 0 0
|1z i = 0
0 0 1
0
0 1 0

J+ = 2h
0 0 1
0 0 0

0 0 0
J = 2h 1 0 0
0 1 0

14

1
1


|0x i = 12 0 |1x i = 12 2
1
1

1
1


|1y i = 12 2
|0y i = 12 0
1
1

0
0

|1z i = 0
|0z i = 1
1
0

8.3

Armoniche sferiche

rappresentazione del momento angolare in termini di operatori differenziali

x = r sin cos
y = r sin sin

z = r cos

Lx = ih (y z
z y
)

Ly = ih (z x x z )

Lz = ih (x y
y x
)
L2 = L2x + L2y + L2z

= +ih (sin
+ cot cos
)

= ih (cos cot sin )

= ih
h
i

2
(sin
) + sin12
=
h2 sin1
2

autofunzioni di L2 e Lz
l = 0, 1, . . .
l m l

2 l(l + 1) Ylm (, )
L2 Ylm (, ) = h
m Ylm (, )
Lz Ylm (, ) = h

Ylm (, ) = h, |l, mi
rappresentazione esplicita delle armoniche sferiche
(2l+1) (lm)! 1/2 m
Pl (cos )
4 (l+m)!
|m|
|m|
|m|
Yl
(, ) = (1) Yl (, )

m0

Ylm (, ) = (1)m

m<0

Ylm (, ) =

eim

dove Plm (u) sono le funzioni associate di Legendre, legate ai polinomi di


Legendre Pl (u) tramite:
m

d
Plm (u) = (1 u2 )m/2 du
0ml
m Pl (u)
1 dl
2
l
Pl (u) = 2l l! dul [(u 1) ] formula di Rodriguez

integrale di normalizzazione
Z 2
0

Z
0

sin d Ylm (, ) Ylm


0 (, ) = ll0 mm0

alcune espressioni esplicite (a meno di una fase arbitraria)


l = 0 Y00 =

l = 1 Y10 =

Y11 =
l = 2 Y20 =
Y21 =
Y22 =
..
.

1
4

3
3 z
cos = 4
4
r
q
3
8
sin ei =

3 (xiy)
8
r

5
5 (3z 2 r2 )
(3 cos2 1) = 16
16
q
q r2
15
15 z (xiy)
i
cos sin e
= 8

r  r
q 8
q

(xiy) 2
2
15
15
2i
sin e
= 32
32
r

15

Teorema di addizione
l
X
m=l

Ylm (v1 ) Ylm (v2 ) =

(2l + 1)
Pl (v1 v2 )
4

16

8.4

Composizione di momenti angolari


J~ = J~1 1I + 1I J~2
j = |j1 j2 | . . . j1 + j2
|j1 j2 ; jmi =

XX

|j1 j2 ; m1 m2 i hj1 j2 ; m1 m2 |j1 j2 ; jmi

m1 m2

hj1 j2 ; m1 m2 |j1 j2 ; jmi = coefficienti di ClebschGordan


hj1 j2 ; m1 m2 |j1 j2 ; jmi = (1)jj1 j2 hj2 j1 ; m2 m1 |j2 j1 ; jmi
formula di ricorrenza
q

(j m)(j m + 1) hj1 j2 ; m1 m2 |j1 j2 ; j, m 1i =

=
+

(j1 m1 + 1)(j1 m1 ) hj1 j2 ; m1 1, m2 |j1 j2 ; jmi +

(j2 m2 + 1)(j2 m2 ) hj1 j2 ; m1 , m2 1|j1 j2 ; jmi

fissati j1 j2 :
|jmi =

XX

|m1 m2 i hm1 m2 |jmi

m1 m2

|m1 m2 i =

XX
j

|jmi hjm|m1 m2 i

hm1 m2 |jmi = hjm|m1 m2 i = hjm|m1 m2 i Re

j1 j2 = 1/2 1/2
|1

1i =

1
2

1
i
2

| 21 12 i

|1 1i =
|1

0i =

1
2

1
2

12 i +

1
2

| 12

1
i
2

|0

0i =

1
2

1
2

12 i

1
2

| 12

1
i
2

17

j1 j2 = 1 1/2
| 32

3
i
2

| 32

1
i
2

1
3

| 1 12 i +

2
3

| 0

1
i
2

| 32 12 i =

2
3

| 0 12 i +

1
3

| 1

1
i
2

| 1

| 32 32 i =

1
i
2

| 1 12 i

2
3

| 1 12 i

1
3

| 0

1
i
2

| 12 12 i =

1
3

| 0 12 i

2
3

| 1

1
i
2

| 12

1
i
2

j1 j2 = 1 1
|2
|2
|2

2i = q | 1
1
1i =
| 1
2
0i =

|2 1i =
|2 2i =
|1
|1

1i =
0i =

|1 1i =
|0

0i =

1i
q
0i + 12 | 0

1
q6
1
2

| 1 1i +

1
q2
1
q2
1
2

| 1

| 1 1i

1
3

| 1
0i +
| 1 1i
0i

| 1 1i
| 0 1i

2
q3
1
2

| 0

1i
0i +

| 0

1i

| 1

1i

| 1

0i

| 0

0i +

18

1
3

1
6

|1 1i

1
3

|1 1i

| 0 1i

1
q2
1
2

q2

Atomo di idrogeno

Autovalori ed autofunzioni
h
2 2 Ze2

}nlm (r, , ) = En nlm (r, , )
2m
r
1 d2
L2
2 =
r

r dr2
h
2 r2

n = 1, . . .
l = 0, . . . n 1

2 2

Z e
= 13.6 eV Z 2 /n2
En = 2n
2a
0
nlm (r, , ) = Rnl (r) Ylm (, )

a0 = raggio di Bohr =

h
2
me2

Autofunzione radiale
{

h
2 l(l + 1) Ze2
h
2 1 d2
r
+

}Rnl (r) = En Rnl (r)


2m r dr2
2m r2
r

Rnl (r) = Nnl l e/2 L2l+1


n+l ()

dove

2Zr
na0
v
u

2Z 3/2 u (n l 1)!
Nnl = 3/2 t
[(n + l)!]3
a0 n 2
Lkp (u)

pk
X
s=0

s+k

(1)

p
k+s

Z 3/2
2 eZr/a0
a0


Z 3/2
=
(2 Zr/a0 ) eZr/2a0
2a0


Z 3/2 Zr Zr/2a0

=
e
2a0
3a0


R10 =
R20
R21

..
.

19

p! s
u
s!

10

Teoria delle Perturbazioni

10.1

Teoria delle Perturbazioni indipendenti dal tempo


H = H (0) + V
H (0) |n(0) i = En(0) |n(0) i
H|ni = En |ni
(

10.1.1

|ni = |n(0) i + |n(1) i + 2 |n(2) i + . . .


2 (2)
En = En(0) + (1)
n + n + . . .
Caso non degenere

al primo ordine in :
(0)
(0)
(1)
n = hn |V |n i
(0)
(0)
P
|n(1) i = k6=n hk (0)|V |n(0) i |k (0) i
En Ek

al secondo ordine in :
(0)
(1)
(2)
n = hn |V |n i =

|n(2) i =

10.1.2


P

k6=n

m6=n

k6=n

|hk(0) |V |n(0) i|2


(0)
(0)
En Ek

hk(0) |V |m(0) ihm(0) |V |n(0) i


(0)
(0)
(0)
(0)
(En Ek )(En Em )

hk(0) |V |n(0) ihn(0) |V |n(0) i


(0)
(0)
(En Ek )2

|k (0) i

Caso degenere

degenerazione di ordine g
Si diagonalizza la matrice g g della perturbazione V (nel sottospazio
D degenere)
(0)

Vm0 m = hm0 |V |m(0) i


X

(1)

Vm0 m hm(0) |l(0) i = l

(0)

hm0 |l(0) i

mD

gli autovalori sono le correzioni dellenergia al primordine;


gli autovettori sono la base imperturbata nello spazio degenere:
|l(0) i =

hm(0) |l(0) i |m(0) i

mD

le correzioni al primordine in :
|l(1) i =

hk (0) |V |l(0) i

(0)
ED
kD
/

(0)
Ek

|k (0) i
20

Se al primordine (ad un certo ordine) la degenerazione non `e rimossa


totalmente (due o pi`
u autovalori di Vm0 m sono uguali) si costruisce la matrice
della perturbazione al secondordine (allordine superiore):
hm

0 (0)

(1)

|V |m i =

hm0 (0) |V |k (0) ihk (0) |V |m(0) i


(0)

kD
/

(0)

ED Ek

e i suoi autovettori costituiscono la base imperturbata per il sottospazio ancora degenere.

21

10.2

Teoria delle Perturbazioni dipendenti dal tempo


H = H (0) + V (t)
H (0) |n(0) i = En(0) |n(0) i
ih dtd |(t)i = [H (0) + V (t)]|(t)i
cn (t) = hn(0) |(t)i
i
h dtd cn (t) = En(0) +
(0)

cn (t) = an (t) eiEn


ih dtd an (t) =

Vn,k (t) ck (t)

t/
h

ein,k t Vn,k (t) ak (t)

Vn,k (t) = hn(0) |V (t)|k (0) i

h
n,k (t) = (En(0) Ek )/

(0)

(1)
2 (2)
an (t) = a(0)
n (t) + an (t) + an (t) + . . .

an (t = 0) = a(0)
n = n,i
a(1)
n (t) =

1 Z t in,i
e
Vn,i ( )d
ih 0

Probabilit`a di transizione dallo stato iniziale i allo stato finale f 6= i:


(1)

Pif (t) = |cf (t)|2 ' |af (t)|2 =

2 Z t if,i
e
Vf,i ( )d |2
2|
h
0

Probabilit`a di transizione per una perturbazione costante:


Pif (t) =

2
f,i t
2 4
sin2 (
)
2 |Vf,i |
2
f,i
2
h

Probabilit`a di permanenza nello stato iniziale i:


Pii (t) = 1

Pif (t)

22

11

WKB: approssimazione semiclassica

formule di raccordo

1
(E,x)

e|

1
(E,x)

e+|

R x (E)
x

(E,x0 )
dx0 |
h

+2

cos (|

R x (E) p(E,x0 )

sin (|

R x (E) p(E,x0 )

p(E,x)

R x (E)
x

(E,x0 )
dx0 |
h

p(E,x)

dove
p(E, x) =

(E, x) =

2m(E V (x))
2m(V (x) E)

Condizione di BohrSommerfeld
Z x2 (E)

p(E, x0 )dx0 = h(n + 1/2)

x1 (E)

Densita dei livelli energetici


m Z x2 (E) dx0
dn
=
dE
h x1 (E) p(E, x0 )
Coefficiente di trasmissione
T 'e

R x2 (E)
x1 (E)

(E,x0 )
dx0
h

23

x
x

dx0 | /4)

dx0 | /4)

12

Formule

12.1

integrali
Z +

x2

dx =

Z +

2m x2

Z +

r
dm Z + x2
1 (2m 1)!!
dx = (1)
e
dx =
m
d
m
2m

ex dx =

Z +

m x

x e

12.2

dm Z + x
m!
dx = (1)
e dx =
m
d 0
m+1
m

m0

moto del centro di massa e moto relativo

Lhamiltoniano che descrive un sistema a due particelle di massa m1 , m2 e di


coordinate r~1 , r~2 e momenti coniugati p~1 , p~2 :
H=

h
2 2
h
2 2
1
+ V (|~
r1 r~2 |)
2m1
2m2 2

diventa
H=

h
2 2
h
2 2
G
+ V (|~r|)
2m
2

effettuando il cambiamento di variabili


2 r~2
~rG = m1mr~11 +m
+m2
~r = r~1 r~2
p~G = p~1 + p~2
m1 p~2
p~ = m2mp~11 +m
2
m = m1 + m2
m2
= mm11+m
2

la coordinata del centro di massa


la coordinata del moto relativo
il momento del centro di massa
il momento del moto relativo
la massa totale
la massa ridotta

24

m>0