Sei sulla pagina 1di 17

Personata libido

Author(s): Glauco Sanga


Source: La Ricerca Folklorica, No. 6, Interpretazioni del carnevale (Oct., 1982), pp. 5-20
Published by: Grafo s.p.a.
Stable URL: http://www.jstor.org/stable/1479292
Accessed: 24-04-2015 13:14 UTC

Your use of the JSTOR archive indicates your acceptance of the Terms & Conditions of Use, available at http://www.jstor.org/page/
info/about/policies/terms.jsp
JSTOR is a not-for-profit service that helps scholars, researchers, and students discover, use, and build upon a wide range of content
in a trusted digital archive. We use information technology and tools to increase productivity and facilitate new forms of scholarship.
For more information about JSTOR, please contact support@jstor.org.

Grafo s.p.a. is collaborating with JSTOR to digitize, preserve and extend access to La Ricerca Folklorica.

http://www.jstor.org

This content downloaded from 137.204.99.249 on Fri, 24 Apr 2015 13:14:59 UTC
All use subject to JSTOR Terms and Conditions

Personata
libido

Glauco Sanga
Perforaper vicositpersonatalibido
Et censorecarenssubitomniatectavoluptas

(Per le stradee per le piazze va il desiderioin maschera


e, privo di un censore,il piacere entrasotto ogni tetto)
G.B. Spagnuoli (Mantuanus),Fasti'.
Le interpretazioni

Il carnevaleha ricevutodiversee discordantiinterpretazioni: ognunane coglieun aspetto,nessunariescecompletamentepersuasiva2.


pii precariavede nel carnevaleun riL'interpretazione
to di propiziazioneagricola3:ma il carnevale,a differenza di Adone, Osiride, Cristo,muorema non rinasce4.
Nemmenola teoriadel capro espiatorioe convincente5;
duranteil carnevalenonvienetantoespulsoil male,quanto
riaffermato
l'ordine sul disordine.
Secondo un vecchioadagio latino (semel in anno licet
insanire<<unavoltaall'anno e lecitofarpazzie>>),il carnevale e intesocomeritualedi liberazione,scatenamento
degli
appetitidi cibo, sesso e violenza6.Ma i comportamenti
carnevaleschinon sono liberi,sibbenecostretti:si deve ridere,si devono scatenaregli appetiti,non solo e non tanto in formarituale,quanto in formaeccessiva.E l'obbligo dell'eccessosi trasformain quel sottilesensodi inquietudinee di angoscia che pervadei carnevalitradizionali7.
Appaiono parimentiunilateralile letturedirettamente
politichedel carnevalecome ribellioneda un lato, come
valvola di sfogo, strumento di controllo sociale,
dall'altro8;momentiquesti che risultanopreponderanti
solo se si guarda il ritualedall'esterno.
vedenel carnevalel'atpii consistente
L'interpretazione
e del
tuazionedei temimiticidel <<mondoalla rovescia>>9
la
di
riconquista
Cuccagna>>'o,
<<paese
dell'<<eta.
dell'oro>>":inversionesociale (i servidiventano
padroni)
e naturale(gli uominidiventanodonne),rotturadei limiti
economici(abbondanza),morali(licenza),civili(violenza).
In questa linea si pone Bachtin'2,accentuandotroppo
libel'aspetto oppositivoe alternativo,antiistituzionale,
ratorioed egalitariodel carnevale,ma riconoscendonegee utopica,il caratnialmentela dimensionemillenaristica
teredi rinnovamentodel mondo.

Analisi
In base all'analisi dei casi italianida me osservati,integratae allargatadall'apportodella letteratura
antropolodel
gica, mi sforzer6di delinearei caratterifondamentali
carnevale.
a) Mascheramento:ci si mascherada altrida se: gli uominida donna,i poverida ricchi,gliartigianida contadini.
b) Eccessi alimentarie sessuali, violenze:13vengono
ostentatamente oltrepassati <<i limiti della norma
quotidiana>>14

c) Rovesciamento:inversionedei ruolinaturalie sociali, sul modellodel temamiticodel <<mondoalla rovescia>>.


Formepienedi rovesciamento
sono documentate
dalla letteraturaetnografica'5:
duranteil carnevaleerano sospesi
i poterinormali,assuntida un <<redel carnevale>>,
spesso
un poveroo un delinquente,che aveva piena libertae licenza,e alla finedel periodocarnevalescovenivamesso a
morte.I servicomandavanoai padroni,regnavanoabbondanza alimentare,licenzasessualee violenzaassolute. Le
regolecivili,pii che rovesciate,sono sospese. I1rovesciamentoe la formaforteed estremadi una piuigeneralere-

gola di sospensione.

d) Lottatradue
opposte:una (diavolo,bestia)cattiva, brutta,nera,entitY,
selvaggia,aggressiva,bestiale,terrifivicante,che reca disordinee molestia,ma enormemente
tale e creativa'6;l'altra (angelo, monaco), che regola e
i danni,bella,buona, bianla prima,limitandone
trattiene
ca, rassicurante,
ordinata,ma sbiaditae senza carattere7.
Una formavirtualedella lottasi ha con la successionedei
due tipi di maschere:alle mascherenere,terrificanti,
seguono le mascherebianche,rasserenanti'8.
e) Corteodeglistatidellasocietd,sul modellomedievale: quindi non solo gli statisociali (i nobili,i contadini,
i mestieriartigiani),ma anche gli staticivile(gli sposi) e
di et (i vecchi)19.
.
del carnevale,rappresentato
da una maf) Espulsione
scherao da un fantoccio.Dopo il processo,il carnevale
e ucciso (bruciato, fucilato) oppure e scacciato20o
confinato21.
Non tuttii carnevalipresentanointerala sequenza,che
in casi di estremodepauperamentopub essereridottaa un
solo elemento.

This content downloaded from 137.204.99.249 on Fri, 24 Apr 2015 13:14:59 UTC
All use subject to JSTOR Terms and Conditions

Sanga
Ambivalenza
La caratteristica
principaledel carnevale,la pii emotivamentepercepibile,
e la fondamentale
ambivalenza,a volte cosi nettada sfociarein aperta ambiguit".
L'ambivalenzanegaogniinterpretazione
univocadel carnevale,in terminidi comico, tragico,gioia, angoscia, liberazione,ribellione,sfogo22.
Gli uominivestitida donna sono ambivalentiperch6si
sa che sono uomini,ma possono essereambiguise agiscono <<undesiderioinconsciodi rivelarela propriacomponentefemminile>>23.
A S. Michele di Serino (Avellino)il
carnevale<<vieneinterpretato
da un giovanefemminella,
cosi come neglianni precedentiera st~atoimpersonatoda
un folle. L'adesione al ruolo, nei travestimenti
del carnevale, e talmentecompletache, in molticasi, si pub parlare
di staticrepuscolari,affinialla possessione>>24.
A carnevaleci si deve divertire,
si deve scherzare,si dei divieti25.
vono infrangere
L'atmosferafestivae intessutadi inquietudinie di ansie. Le mascheresono spaventosee comiche,incutonoterTore e riso.
L'ambivalenzadel carnevalee statamirabilmente
colta
da Bachtinnella definizionedel grottesco:

na riservatoall'esteticagrottesca27.
Le mascheresono terrificanti
e vitali.La loro ambivalenza sta nel contrastotra il terroreche incutonoe la licenza che esercitano:e l'ambivalenzadel desideriosenza
limiti,che attirae angoscia.
Le maschereaggrediscono,spaventano,toccanoj prendono al laccio28,rapiscono29,usano violenze fisiche30
e
sessuali,si comportanoda follie da buffoni31.
Nei documentimedievaliArlecchinoe presentatocome
<<un
plaisant,chesi dilettadeilazzipii osceni,cheruotagliocchi,chesorprende
congliabbracci
gliuomini
che
all'improvviso,
saltalorosullespalle,chesilibranell'aria,
cheeseguisce
i giochi
che danzae tienediscorsisciocchi>>32.
pi` acrobatici,

Le mascheresono stateidentificate
con i diavoli e con
i morti,e c'e del vero. Ma consideriamonepii da vicino
la natura.Le denominazioniantichesono masca e larva33.
La parola masca, longobarda,e usata come sinonimodi
striganel senso di spiritoche divoragli uominivivi.Gervasio di Tilbury(XII-XIII sec.) precisache le mascae sono <<immagini
che <<turbano
le anime dei dornotturne>>
La paromienti,e provocanomolestia(pondusfaciunt)>>.
la latina larva indica lo <<spirito
cattivoe nocivo dei deche tormentai vivi e li fa delirarecome invasati.
funti>>,
realismo
<<Nel
l'abbassamento
grottesco
(...) consiste
(...) nell'avin Orazio larvae la mascherateatrale.Nel Medioevo
allaterra,
vicinamento
comeprincipio
cheassorbee nellostesso
Gia.
della mascherao possedutoda
significa<<vestito
e nellostessotempo larvatus
tempoda la vita;abbassandosi seppellisce
un demone>>,espressionievidentemente
equivalenti.
si semina,si muorepernascereinseguitomeglioe di piU.L'abLa mascherae l'incubo34,I'angoscia, il delirio,la folbassamento
ancheiniziazione
alla vitadellaparteinfesignifica
rioredelcorpo,quelladelventre
e degliorganigenitali
e, dicon- lia, la possessione,la perditadellapresenza35.Le maschead atticomel'accoppiamento,
il concepi- reaggrediscono,
seguenza,iniziazione
afferrano,
tingonodi nero,rapiscono,inil parto,il mangiare
voracemente
e il sod- vasano, cioe rendonouguali a se. Le metaforedella posmento,la gravidanza,
le necessit"
disfare
L'abbassamento
scavala tombacor- sessionesessualee psichicasono le stesse:prendere,penecorporali.
poreaperunanuovanascita.E questoilmotivopercuiessonon
trare,possedere.
ha soltantoun valoredistruttivo,
ma anchepositivo,
negativo,
Come dice il capo ballerinodi Bagolino, <la maschera
dirigenerazione:
nellostessotemambivalente,
negae afferma
Le maschere,in statodi sospensionedelr
squilibrio>>36.
Fa
nonsoltantoversoil basso,nelnulla,nella
po.
precipitare
da.
la gerite,che fuggeterrorizzata.
lapresenza,
aggrediscono
distruzione
versoil "basso" produtassoluta,ma faprecipitare
Nell'ambivalenzadel carnevale,l'aggressionee temutama
il concepimento
e la nuovanascita(...)
tivo,in cui avvengono
anche desiderata:si fugge,ma si e semprein attesa.
il "basso" 6 sempreinizio(...)
Una delletendenze
In che senso la mascheresono associate ai morti,rapdel
principali
dell'immagine
grottesca corpo
consistenelmostrare
duecorpiin unosolo: unoched" la vita presentanoi morti37?
La mortee l'esperienzaprimae unie chemuore,I'altroche~concepitoe messoal mondo.1Esempre versaledella crisidella presenza38,
la metaforapifiimmeun corpoin statodi gravidanza
e di parto,o almenoprontoa
diata e disponibile.Ii mortoe caricatodell'angosciache
e ad esserefecondato,
con un falloe organisessuali
concepire
al vivo. La morte,sottraendoai vivi
promessiinevidenza.E da uncorpovienefuorisempre,
inunafor- provoca
duttiva
del
defunto
insistentemente
denunciato
l'attivita,
dai
(come
in
mao un'altra,
l'altrocorpo,iicorponuovo.(...) L'etAdiquesto lamenti
insicurezzaeconomica,minacfunebri)39,
produce
avvicinata
corpo6sempre
alla
nascita
o
alla
morpossibile
piil
il
te: l'infanziae la vecchiaia.(...) Questiduecorpisi riuniscono cia il vitale. I mortisignificanol'angosciosa crisi della
6espressaquiallostadiodella presenza.
inunosolo. La loroindividualitA
fusione;(...) questocorpo6,nellostessotempo,al limitedella
tombae dellaculla>>26
Caos e cosmo

Le maschere
Le mascheresono grottesche.L'eventuale
nasce dalla distanzaculturale,dal giudiziodi comicit,
oscedeformit,

Lafollia 6una costantenei riferimenti


al carnevale:semel in anno licetinsanire<<unavolta all'anno 6 lecitofar
pazzie>>40

This content downloaded from 137.204.99.249 on Fri, 24 Apr 2015 13:14:59 UTC
All use subject to JSTOR Terms and Conditions

Personatalibido
La follianon e metaforacasuale, ma rinviaallo scatenamentodel caos, che vienericonosciuto,ridottoe regolato. Ogni anno si rinnovail ritualedi fondazionedella
il cosmo si imponeal caos e rifondal'ordinesoil meccanismodel riscattomagico,descritto
ciale
attraverso
societ.:
da De Martino:

II capodanno

caoticadelmondonell'ioo del
magicodellairruzione
<<IIrischio
dell'ionelmondoimplicanecessariamenincontrollato
deflusso
delmondo:la crisidellimite
ancheperl'oggettivita
teunrischio
ad essae infatti
cheseparala presenzada ci6 chesi fapresente
Prerisultare.
chenedovrebbero
la crisidelleduesferedistinte
si condizioe mondodi cosee di eventidefiniti
senzagarantita
e anchela crisidel
nanoa vicenda:ondela crisidellapresenza
mondonellasua oggettivit".
(...)
none di "conoscere"il mondelmagismo
In realtail problema
un mondoa
di garantire
ma piuttosto
do o di "modificarlo",
Nellamagiail mondonone ancuiunessercisi rendepresente.
inquest'opera
di
e ancoraimpegnata
coradeciso,e la presenza
decisionedi se e del mondo.(...)
l'anima
connessocolrischio
Necessariamente
magicodiperdere
il mondo.(...) Quandoun
stal'altrorischiomagicodi perdere
costituientraincrisi,il rischio
sensibile
certoorizzonte
6infatti
di ognilimite:tuttopu6 diventare
to dal franamento
tutto,che
e quantodire:il nullaavanza.Ma la magia,perunversosegnail caos
al tempostessoad arrestare
interviene
latricedelrischio,
inunordine.La magiasi faintalguisa,
a riscattarlo
insorgente,
incrisi.
diorizzonti
restauratrice
sottoquestoaspetto,
considerata
chele e propria,essa recupera
E con la demiurgia
perl'uomo
il mondochesi sta perdendo>>41.

alla
alla suaangosciante
storicit",
<<illuogo"nuovo"e sottratto
dellostessoluounaiterazione
e diventa
sua rischiosa
caoticit",
go assoluto,del centro,nelqualeuna volta,chee la voltaper
il mondofugarentito>>51.
eccellenza,

delle origini,dell'eta dell'oro, e


Il mito millenaristico
evocatoe negato:l'eta dell'oroe abbondanza ma sregolaeccessosenzalimiti,assenzadellapretezza,gioiae terrore,
senzaal mondoe dellostessomondocomedato,caos senza
La costituzionedell'ordinesociale (cosmo) reriscatto42.
gola e limitagli eccessi,pone limitial caos ritagliandovi
un mond6 e una correlativapresenza,ma nega l'eta dell'oro, il liberoe caotico dispiegarsidi tuttele possibilitY.
Qui sta la ragionedell'ambivalenzacostituzionaledel cardi non poterlo
nevale: nel sentireil limitesperimentando
rimedio
senza
nella
per uno stato
nostalgia
oltrepassare,
come ha un
ha
un
e
e
cosmo
costo,
scelta,
Il
inattingibile. "
costo la volont di presenzaal mondo.
dovetutNel carnevalee riguadagnatoil caos originario,
sono aperte,caos che non pub esisterese
te le possibilitY"
non per dedurneun qualche cosmo. Il carnevalee regresindiscriminasione, non a un'ethdi abbondanza e felicith
le opte, ma al momentocaotico in cui sono compresenti
di
zioni future;il carnevale6 riconquistadella
possibilit,
fondareun mondo.
Il carnevale6il caos che vienenegato,denunciato,processato e poi bruciatoo confinato.B il diavolo tenuto
il <<brutto>>
la bestiaalla catena44,
appettoal
dall'angelo43,
la mascheranera cui segue - liberatoria- la
<bello>>45,
mascherabianca46,I'uomo selvatico47
inseguitocatturato
e riconfinatosui montida cui era sceso48.

II carnevalee un capodanno49, una festadi inizio ciclo. Svolgela funzionedi riscattoperiodicopropriadi riti
di fondazione,<<cheripetonosimbolicamente
(...) un atto
del caos in cosmo medianprimordiale:la trasformazione
Come nel ritoachilpa,
te l'atto della creazione>>50.

MirceaEliade ha scandagliatoin profonditil temadella


rigenerazione nelle feste periodiche di ,inizio ciclo
(capodanno):
deldallaliquidazione
<Nelle"tenebre"e nel"caos" instaurati
unie la coalescenza
coincidono
tutte
lemodalit"
l'annovecchio,
rendepossibile
versale("notte" = "diluvio" = dissoluzione)
una coincidentia
senzasforzo,automaticamente,
oppositorum
i piani.(...) L'"orgia" cheavviene(...) inoccasionedelsu tutti
dell'annonuovo(...) e anch'essauna regressione
le cerimonie
inquandelcaosprimordiale;
nell'"oscuro",unarestaurazione
ordi forme
totale,precede
ognimanifestazione
ognicreazione,
dellalicenza,la violazionedi tutti
ganizzate.(...) Lo scatenarsi
ad altrononmirano
di tuttii contrari,
la coincidenza
i divieti,
dell'illud
delmondo- e alla restaurazione
chealladissoluzione
miticodel
il momento
chee evidentemente
primordiale,
tempus
apocalisse)>>52
(caos)e dellafine(diluvioo ekpyr6sis,
principio
Una vasta letteratura
etnologicamostrache le caratteristichedel carnevalee del capodanno coincidono. Riferendosialla Melanesia, Eliade ricorda
chequestoimplie il rinnovamento
annualedeimorti
<<ilritorno
e allecerimoca. II Cosmodeveessererigenerato
annualmente,
cui si compiela rigenerazione
niedi Capodanno- attraverso
- i morti
si promitico-rituale
sonopresenti.
Questocomplesso
e sicompleta
nelmitodelGrandeAnno,cioe
lungaulteriormente
la distruzione
delCosmoattraverso
delcompleto
rinnovamento
al Caos, seguitada una nuova
una regressione
dell'esistente,
Creazione>>53
dallo studiodi
Traggo alcuni altriesempisignificativi
Lanternarisul capodanno presso i popoli primitivi54.
vedeil ritorLa festaMilamala,delle Isole Trobriand55,
no dei morti,affamatie minacciosi.Vienesospeso il lavoconsentitesono la danza, I'orgia aliro, e le sole
B un'epoca di licenza,di viosessuale.
attivita,
mentaree l'orgia
lenteemozioni,e di terroreindottodai sognie dalle visioni dei mortiaffamati.La festaterminacon l'espulsione
dei morti,ricacciatialla loro dimoralontana al gridodi
o spiriti!Lasciateci soli!>>56
<<Andatevene,
Nella festaMiaus dei Bainingdella Nuova Britanniaritornanodai boschii kavat,mascheratie copertidi foglie,
a spaventaree perseguitare
gli uomini.I kavatsono creaturemalefichedella foresta,<che nessunopub guardare
senza perdereil senno e senza smarrirsinel bosco>>57.

This content downloaded from 137.204.99.249 on Fri, 24 Apr 2015 13:14:59 UTC
All use subject to JSTOR Terms and Conditions

Sanga
Durantela festaTabu della Nuova Guinea ritornanoi
mortie gli spirititabu, che
il cammino
ostacolando
e urlan<<siparanoinnanzial viandante
do. Produconomortee malattie.
Narrail mitocheglispiriti
tabu feceroprigionieri
lorodi eseguire
la
gliuominie prescrissero
festaomonima>>58.

residuadiviveri
il mancare),
(...) unazonaincuila disponibilit"
drasticamente
decresce
II lutto,la crisi
dopoogniappropriazione.
delvuotovegetale:
indiciestremi
diquestopolo
di fame,ilterrore
di ognirinelqualel'abissodellaperditairrimediabile
negativo
sorsavitalesta comeminaccialatentema nonremota>>66.
In linea piufgenerale

Nel capodanno eschimese,<unico esempiod'una festa


collettivaannualedei mortientrouna civilthdellacaccia>>,
gli spiritidei mortitornanoal villaggioe battonoselvagstannoasgiamentealle case, dove gli uomini,atterriti,
serragliati.Chie all'aperto,uomo o animale,vieneacciuffatodai morti,e muoredi malattiao di convulsioni.Viene invitatala villaggioSedna, Signoradeglianimalimarini, e poi espulsa dal pifipotentedegli sciamani59.

dellafamesembrano
<<leeconomie
questofenomeno:
presentare
il regime
delnutrimento
sembra
alternare
periodidi sottoalimenstraordinatazionee penuriacon occasionidi alimentazione
ria>>67.

Il rischiodellafesta

Come l'abbondanza producela festa,lo sprecofestivo


elimina le scorte e pone le premesse della crisi
alimentare69.
Come mostraassai bene la festadei maiali
dei Nondugldella Nuova Guinea, addottada Lanternari:

Come ogni carnevalee un capodanno,e plausibileritenereche ogni festasia, nella sua essenza, un carnevale60,
un capodanno. Ogni festaopera un riscattoperiodicodella presenzacomunitaria61;
ii carnevale~ la festa pereccellenza, attingendoquesto compitoin manierapiena.
Lanternaririconoscealla festa
dell'esimbolicadallavarienegativith
<<ilvaloredi liberazione
di una condizione
di simbolicaattuazione
ordinaria,
sperienza
millenaristica
desiderata>>,

Solinas osserva acutamenteche


dellafesta,
?se vie un pianoritualein cui il ciboe strumento
comecelebrazione
ven' unaltroincuila festasembraprodursi
del ciboe dellasua abbondanza>>68.

(...) e taleda rappresen<<IIconsumodicapisuininell'occasione


dellescortedegliallevatori,
e un setareuna veradevastazione
riopericolodi carestia,
tantopifichei lavoridi coltivazione
deil
Pertanto
gli ortisonosospesiperla duratadel ciclofestivo.
di vitacheconla festae celebrato
e conlungociclopluriennale
ciclochenellafestas'inaugura,
chiuso,cosicomeil successivo
sonocaratterizzati
alternante
da unadrammatica,
di
esperienza
miseriae di abbondanza>>70.

la funzione

e congiunto,sul pianoimmediatamenRischioulteriore,
te economicoe sul piano psicologico,e indottodalla soesistenziale
desidera<difondazionedi una realtae condizione
del lavoro. Infattiil lavoro,come osservamoltuttala negativi- spensione
su unpianosimbolico
rituale,
ta,esorcizzando,
to acutamenteLanternari,o<<la primaed essenzialetecnita accumulata
e patita>>62
ca di rivalsadell'uomocontroi pericolidell'angosciae contro il prepoteredella natura>>71.
A questa definizione,tuttain positivo,sfuggel'ambiDunque, la festa e rischiosa,insidiala presenza.L'efvalenza propriadella festain generale,non meno che del
fetto
simbolicodella sovrabbondanteingestionedi cibo,
carnevalein particolare,ambivalenzache si pub misurare
come
deglieccessisessuali,richiamaalla coscienza<<leperdella festa63.
pienamentenell'antieconomicitd
cezioni
corporalidella soddisfazionesenza limitazioni>>72;
insiste
sulla
coLanternari
spreco festivo,interpretato
della presenzanellaperl'eccesso
provocalo smarrimento
me meccanismopsicologicoper <affrancarela
dita
limiti.
dei
comunita.
(...) se(...) dalla minacciad'insicurezzadel quotidiano
Lo sprecoe la sospensionedel lavoro insidianoil piano
condo la dialetticasensatamenteirrazionaledel 'come
dellasecuritase l'orizzonte
chee il fondamento
economico,
se'))>>64.
sottratto
dell'ovvio73.
Nella
festa,
l'ovvio, il domestico,
della feLe due caratteristiche
economichefondamentali
viene insidiatala presenzae la
del mondo.
sta sono l'abbondanza e lo spreco,da un lato, e la sospendatita,
La festanon ?<<immagine
specularee alternativadella
sione del lavoro, dall'altro.
momento
d'una realta tutta
(...)
augurale
Solinas richiamaassai bene l'ambivalenza economica
negativitY.,
in
della
sua
ambivafondamentale
propizia>>74,
ma,
virtfi
della festa,ricordandoche si dividonobenie si ripartiscoaltrove
riconosciuta
da
cullenza,
Lanternari,
<<promuove
no rinunce,che il beneficioe la privazionesono fusi
instaura
essa
stessa
di
e
di
turalmente,
paura
esperienze
insieme65.
crisi>>75
da riscattare.La festacontienei due poli della crisenza che il riscattoannulfratempodellafesta si e del riscatto,li fa interagire,
ordinariamente
impiegata
<<L'opposizione
6lacunosa.Infattil'arcodellevariazioninon li e supericompletamenteil polo della crisi,che 6 il suo
e tempoordinario
Nella
del tempopro6franormalee festivo,ma franormalee duetipidi anormale: rovesciosemprecompresente.
ciclicit,
ineccesso(la festa)e l'anormale
preludeal riscatto
I'anormale
la crisi
(la crisi, prio delle festecalendariali76,
perdifetto

This content downloaded from 137.204.99.249 on Fri, 24 Apr 2015 13:14:59 UTC
All use subject to JSTOR Terms and Conditions

Personatalibido
La rotturapub avveniresolo con
come questo alla crisi77.
la sostituzionedel tempociclico,astorico,con un tempo
lineare,storico,con il passaggio dal ritualefestivoal rituale propriamentemillenaristico.
Dovremoallora, raccogliendoun suggerimento
di Eliadella festa,
de, pensarenon a un caratteremillenaristico
ma a un carattere<<festivo>>
del millenarismo,
che consiste
in una riduzionein positivoe in una parzialedisambiguazione dellepotenzialit"innovativecontenutenel temamitico della festa:
hannosemplicemente
presoquestotemareli<<I"cargo-cults"
rinnogiosotradizionale
(l'ideacheil Cosmoe periodicamente
vatoo, pifiesattamente,
chee simbolicamente
ricreato
ogniancaricandolo
di nuovivalorie di una
no),e l'hannoamplificato,
dimensione
e millenaristica.
profetica
II loroCapodannoe unriflessodellalorocosmologia:un nuovomondoe appenanato,
unmondofresco,
nonancoraguapuro,ricco,conpotenzialit"
statedal tempo,inaltreparole,il Mondocom'erail primogiornodellaCreazione.
tradiffusa,
Questaidea,chee estremamente
disceil desiderio
dell'uomoreligioso
di liberarsi
dal fardello
del
alla stretta
del Tempo,e di iniziarenuovapassato,di sfuggire
mentela vitaab ovo>>78.

gressioneal caos precedente;ma e cosi radicalmenterivoluzionarioche si pone al di la del dato storico,quindie


pif' combattutodagli apparati ideologici(la Chiesa) che
da quellipolitici(lo Stato), peri quali ultimiprevalel'inevitabileritornoall'ordinesociale, la funzionedi valvola
di sfogo85.

La polemicaantimagica
il carL'interpretazione
propostariguadagnapienamente
nevaleall'ambitodellamagia,intesacomemodo di riscatto
della presenzaminacciata:
delmondomagicorivelano
il loro
prassi,istituzioni
<<Ideologia,
diununiverosignificato
ad espressione
soloovesianoricondotti
co problema:
insidiato
l'esserci
difendere,
regolare
padroneggiare,
fondare
dellapersona(e correlativamente
e mantenere
l'ordine
delmondo,anch'essoinsidiato
da unacorrispondente
minaccia
di dissoluzione)>>86

La lunga lotta della Chiesa controil carnevale87


si inseriscenella <<polemica
antimagicaattraversocui la civilt
occidentalesi e venutavia via plasmandonel corso della.
sua storia>>88.
L'eversione
La Chiesa seguela consuetatecnicadell'assorbimento,
ove
della condanna89.La sua influenpossibile,altrimenti
Senza dubbio nel carnevaleil rovesciamento
dei ruolie
za
si
alla
riscrizione
limito
moralistica,nei termiparziale
la violenzaproduconoun'atmosferadi eversione,che pub
ni
del
suo
delle
del
carnevale:si introlinguaggio,
figure
esserelettadirettamente
in terminisocio-politici.L'interla
senza podussero
monaci,
diavoli,
quaresima,
angeli,
pretazionedi questo fenomenooscilla, come sempre,tra
termodificarefunzionie significati.
e del controllosociale80.Bachi due poli della ribellione79
Le polemicheantimagichedella Chiesa (e dei profeti)si
tin insiste molto
antiistituzionaledel
neiprocessidi modernizzazione,
o megliodi coniscrivono
sull'alternativita,
sulla <<liberazione
temporanea,(...) l'aboliziocarnevale88,
del nostromondoe della nostraragione,che
solidamento
ne provvisoriadi tuttii rapportigerarchici>>82,
e senza
si estendonoa tuttoabbracciarepereliminarealtrimondi
dubbio
e altreragionie la
stessa di pensarli.
possibilita,
le festeufficiali
ledifferenze
eranomostrate
gerarchiche
<<durante
e la polemica
conellenico-cristiana,
antimagica
<<L'antropologia
in modoevidente.
Al
(...) La festaconsacraval'ineguaglianza.
alla
hanno
scavato
e
determinal'abisso
naturata
nostra
civilt",
nelcarnevale
tuttieranoconsiderati
contrario,
uguali>>83.
tola discontinuita:
ondel'esserci
ci appareoracomesempre
dase
lo
ritrova
come
dato
all'uomo
dalla
che
l'uomo
si
natura,
to,
Altrisottolineanola provvisorietA
della protesta,e risenzaaverlofatto,e quindicomel'inconoscibile,
I'irrazionale,
tengonoche servasolo a rafforzare
l'ordinecostituito,seil misterioso
pereccellenza>>9.
condo l'immaginedella <<valvoladi sfogo>>proposta in
un'apologia della Festa dei follidi Parigi del 1444:
Il carnevale,la magia, le streghealberganonelleclassi
popolari,dovee ancoraattualeil rischiodella perditadel<<Facciamo
questecoseperburlae nonsulserio,comee antica la presenza,dove il mondo non e ancora e semprestabilchee inusanza,di modocheunavoltaall'annol'insensatezza
mentedato, a differenza
del mondodei gruppidominanti
natain noi vengafuoried evapori.Moltevoltegliotridi vino
la
in periodidi crisi).La
cui
(in
magia
riemerge
e le bottinonscoppianoforsese nonsi apredi tantoin tanto
precariet.
del
economica delle classi popolari minaccia la stabilita
uno spiraglio(spiraculum)?>>84
mondoe della ragioneufficiali,perch6l'economicodeterminala sicurezzae ci dd il mondoe l'esserci.La'polemica
Una letturatroppodirettamente
politicadel carnevale
antimagica6 in primoluogo un esorcismo,la riaffermarischiadi essereunivoca,parziale.Eiveroche il carnevale
la negazionedel6alternativo,celebrail rovesciamento;come 6veroche ili zionecheil mondo6dato universalmente,
la
di crisie regressione.
disordinevienecontrollatoe ridottoa ordine.Il carnevale
possibilit,
Il
ed esplorazionedi altrimondi
carnevale6regressione
contienei due aspetti,ma in manieradifferente.
Il carnela magia 6 un altromondo e
e
di
altre
ragioni
6
vale intrinsecamente
rivoluzionario
possibili91gl;
perch6revocain dubun'altraragionein atto. Di qui lo sforzoantimagicodei
bio la ragionedominante,apre spazi alternativi
con la re9

This content downloaded from 137.204.99.249 on Fri, 24 Apr 2015 13:14:59 UTC
All use subject to JSTOR Terms and Conditions

Sanga
massimi apparati ideologici della

occidentale, la

civilt,
Chiesa e la scienza,sforzoche si esplica
pienamente,e sancaccia
alle
della
streghe,quando
guinosamente,nell'eth
l'Occidente garantisce definitivamentela propria presenza, il proprio mondo, la propria ragione.

15 Cfr. Toschi,passim; Bachtin,passim; Burke,pp. 174-199.


16

direbbeBachtin.
Un'entith<<bassa>>,

estate/in17 Esempi di lotta tra entithpolarizzate(vita/morte,


sono addottida Toverno,anno vecchio/annonuovo,rossi/neri)
straschi,pp. 438-439.Un altroesempio,solo apparentemente
vagante,&offertodallo spettacolodei clowndel circo, 1lbianco
e l'Augusto: brutto,stracciato,comico, I'Augusto portadisordineed e creativo,mentreil biancoportaordine,e belloma sbiadito (fa da spalla).
18 Devo questa osservazionea Elena Bruni(carnevaledi Montalbianoin Valfloriana,dove ai matocineriseguonogliarlecchiin
si oppongonoai <<belli>>,
ni bianchi).A Schignanoi <<brutti>>
un carnevaleassai significativo,
che ha permessoa Italo Sordi,
in lucequestaopposizionedualistica.Forse
Schignano,di mettere
lo stessopub dirsidel carnevaledi Bagolino,dove alle maschere
neresi oppongono gli elegantiballerini(cfr. Sordi, Bagolino).
19

Di qui derivanoi grandicarnevalia sfilata,come Viareggio.

Cfr. Toschi, p. 323 (e vedi anche il ritualeromanodi Mamurio Veturio,cfr. Toschi, p. 322).
20

21

A Cepina (Valtellina)duranteil carnevalevenivaassalitala capanna dell'omene dellafemenadel bosch,nei campipoco fuori


il paese. I coniugisilvani,condannatialla separazione,venivano
confinatisui monti,sulledue diversespondedella valle,perevitareche facesserorazza e riprendessero
stanza in paese. Cfr.G.
Longa, pp. 97-98.

Note

Strasburgo1518, libro 2 (citato da Burke,p. 186).

Cfr. Toschi; Burke; Bachtin; De Simone-Rossi.

3Cfr.Toschi; De Simone-Rossi.
come il trascinamento
di
4Cfr.Toschi, p. 342. Indizi indiretti,
un aratroper le vie del paese (la cosiddetta<<araturarituale>>),
tale praticava sottrattaalla sfera
sono parimentiinconsistenti:
della propiziazioneagricola e ricondottaalle manifestazionidi
(ararenonun campoma una strada),comechia<<rovesciamento>>
risceuno straordinario
proverbiolomellino,carnevalescoe apoe i dbn
calittico:Tristchigh'srirdquen ch'ileurerensinte'e strad,
i vistirenmej am, e i cherOsjenderense'nsechevdl,ej Omi vulerensens'dl <<guaia chi vivr"quando arerannosentierie strade,
e le donne vestirannocome gli uomini,e le carrozzeandranno
senza cavallo, e gli uominivolerannosenza ali? (Moro, p. 52).
S Cfr. Toschi.
6

Cfr. Burke,pp. 181-182.

orali di Anna7 Rossi, in De Simone-Rossi,p. 60, e interventi


bella Rossi in convegnie seminari.
8

Vedi piuioltre,L'eversione.

9 Burke,p. 184.
10Burke, 185.
p.
" Come nei Saturnaliromani;cfr.Bachtin,pp. 10-11;Toschi,
p. 124; Frazer, pp. 899-905.

22

Lo stessodicasi della festa(per cui vedi piuiavanti,Il rischio


della festa).
23

Rossi, in De Simone-Rossi,p. 15.

24

Rossi, in De Simone-Rossi,p. 16; cfr. De Simone, in De


Simone-Rossi,pp. 164-165.

25

Cfr. Toschi, p. 109.

26

Bachtin,pp. 26-27, 32.

27

Nell'esteticadel Rinascimento,<<ilcorpo e innanzituttorigidamentedeterminato


e compiuto.Esso e isolato, solo, staccato
daglialtricorpi,chiuso.(...) Vengonoeliminatetuttele sporgenze
e appendici,spianatetuttele protuberanze,(...) chiusituttigli
orifizi.(...) L'accento e messo sulla individualith
definitae autonoma.(...) E pienamentecomprensibile
come,dal puntodi vista di questicanoni,il corpo del realismogrottescosia vistocome qualcosa di mostruoso,informee deforme>>.
(Bachtin,pp.
35-36).
28

Cfr. Toschi, p. 182.

29

Cfr. Toschi, p. 185.

30

Cfr. Burke,p. 179.

31

Cfr. Toschi, pp. 84, 470-471.

12

GiovanniJaffei,in Toschi,p. 204. In una testimonianza


dell'
XI sec., Arlecchinoi a capo di una masnada di diavolie di spettri,che cavalcano nella nottedi capodanno a caccia di uomini
(cfr. Toschi, p. 198).

13

33

Le notizieche seguono sono tratteda Toschi, pp. 169-171.

34

Cfr. Toschi, pp. 192-194.

35

Cfr. De Martino,Mondo magico.

Bachtin,passim.
La violenzae costitutivanel carnevale,non ne e una degenerazione; cfr. Rossi, in De Simone-Rossi,p. 13; Toschi, p. 189.
14Toschi, p. 108.

32

10

This content downloaded from 137.204.99.249 on Fri, 24 Apr 2015 13:14:59 UTC
All use subject to JSTOR Terms and Conditions

Personatalibido
Precisamente:<la mascherad" discalibrio>>
(comunicazionedi
Bruno Pianta). Cfr. Burke,p. 197.

36

37

quanto dice De Simone, in De Simone-Rossi,


E interessante

la morte.Quep. 183: <<Lemaschereesprimonoprofondamente


sta condizionedi mortela si pu6 riscontrare
perdue aspetti.Prima percheogni individuosi esprimein modo diversodal modo
quotidianoe perci6uccide l'io col quale si mostraogni giorno.
In secondo luogo egli,vivendola partenascostae repressadi se
stesso,esprimequell'io che normalmente
e morto>>.Inoltre(p.
199), <dietrola mascherac'e la morte,ma c'e anche un daimon
che possiedel'individuo.(...) Le mascherescurecelano il diavolo, la morte,la folliae tuttequelle forzeche si immaginadi incontrareduranteil pericolosoviaggio nell'al di lI>>.
38
Cfr. De Martino,Morte e pianto rituale.
39

Cfr. De Martino,Rapporto etnografico.

Cfr. Toschi, pp. 109-110,112; Bachtin,p. 47; De SimoneRossi, pp. 164-165;Burke,p. 186.

40
41

De Martino,Mondo magico, pp. 144, 145, 149.

42
in base ai mitidi UraL'eth dell'oro pu6 essereinterpretata,
no e di Crono (Saturno),come statodi fluiditauniversale,anterioreallo stabilirsidelle forme(cfr.Eliade, Trattato,pp. 84-87,
407).
43

Carnevaledi Rodda, Valle del Natisone,Friuli.

44 Carnevale di
45
46

Scapoli in Molise, ora cessato.

Carnevaledi Schignano(Como), cfr. Sordi, Schignano.


Carnevaledi Montalbianoin Valfloriana,Trentino.

47 L'uomo selvaticoe una <figurapopolare dell'artemedioevale che pare simbolizzarela natura(in opposizionealla cultura)>>
(Burke p. 177).
48

Carnevale di Cepina in Valtellina(cfr. Longa). I1 dualismo


caos-cosmo assumeanche la formadi dualismosociale: poveriricchi,dominati-dominanti.
Come dimostraanche la sua collocazionecalendariale(il carnevaletradizionaleiniziail giornodell'Epifania).Cfr.ancheToschi, pp. 122, 618.

49

Eliade, L 'eternelretour,p. 26 (cfr.De Martino,Angosciaterritoriale,p. 264).


50

51

De Martino,Angoscia territoriale,
p. 270.

52

Eliade, Trattato,pp. 412-413.

53

Eliade, Cosmic Regeneration,p. 139.

54

Lanternari,Grandefesta.
Studiata da Malinowski,Baloma.

55
56

Lanternari,Spreco, p. 136.
rilevatada Lanternari,Spreco, p. 135.
Opportunamente

64 Lanternari,Spreco, p.
65

Solinas, pp. 226-230.

66

Solinas, p. 221.

67

Solinas, p. 224.

68

Solinas, p. 223.

137.

69 La collocazione calendarialedel carnevalee nel periodo di


esaurimentodelle scorte grasse, che vengono appunto finite
(?sprecate>>)durantela festa.
70

Lanternari,Grandefesta,p. 282.

71

Lanternari,Grandefesta, p. 193.

72

Solinas,p. 225.

73

De Martino,Fine del mondo, p. 656; cfr. Beduschi.

74

Lanternari,Spreco, p. 137.

75

Lanternari,Grandefesta, p. 251.

76

Eliade, Trattato,pp. 399-422.

77
78

Vedi quanto dice Bachtindel grottesco,pp. 26-36, 56, 61.


Eliade, Cosmic Regeneration,p. 142.

79

Cfr. Bachtin;Rossi, in De Simone-Rossi,p. 1.

80

Cfr. Burke,pp. 194-199.

81

Cfr. Bachtin,pp. 8-15.

82

Bachtin,p. 13.
Bachtin,p. 13.

83

Burke,p. 196 (il passo e riportatoanche da Bachtin,p. 85).


Gli apparatipoliticisi sentonosenz'altropiu minacciatidal
riduzionepositiva,e propositiva,dellevalenzeinmillenarismo,
novativedel carnevale.

84
85

86
87
88

De Martino,Mondo magico, p. 193.


Cfr. Rossi, in De Simone-Rossi,pp. 2 sgg.
De Martino,Mondo magico, p. 205.

Cfr. Lanternari,Occidentee Terzo Mondo, pp. 329-360.


90 De Martino,Mondo magico, p. 190.
89

91 11grottescocarnevalesco?rappresentasempre(...)

il ritorno
sulla terradell'ethdell'oro di Saturno,la possibilitd'vivadel suo
(Bachtin,p. 56).
ritorno>>

Lanternari,Grandefesta, pp. 46-58.

57 Lanternari,Grandefesta, pp.

115-117.

58

Lanternari,Grandefesta, p. 128.

59

Lanternari,Grandefesta, pp. 176-181.

60Cfr. Burke,p. 194.


Cfr. Bachtin,p. 12; Rossi, in De Simone-Rossi,p. 17; Lanternari,Spreco.

61

62
63

Riferimenti
bibliografici
Michail Bachtin,L'opera di Rabelais e la culturapopolare,
Torino, Einaudi 1979.
Lidia Beduschi,De Martinoe altri:pensierisulla<<Finedel mon3 (1981).
doo, <<La ricercafolklorica>>
PeterBurke,Culturapopolare nell'Europamoderna,Milano,
Mondadori 1980.

11

This content downloaded from 137.204.99.249 on Fri, 24 Apr 2015 13:14:59 UTC
All use subject to JSTOR Terms and Conditions

Sanga
Ernestode Martino,Angoscia territoriale
e riscattoculturale
nel mitoachilpa delle origini,in appendicea De Martino,Mondo magico.
Ernestode Martino,Lafine del mondo,a cura di Clara Gallini, Torino, Einaudi 1977.
Ernestode Martino,Il mondo magico,Torino, Einaudi 1948
(rist.Torino, Boringhieri1973).
Ernestode Martino,Morteepianto ritualenel mondoantico,
Torino, Einaudi 1958.
Ernestode Martino,Rapportoetnograficosul lamentofunebre lucano, <<Societa>X (1954).
RobertoDe Simone,AnnabellaRossi, Carnevalesi chiamava
Vincenzo,Roma, De Luca 1977.
Mircea Eliade, (<CargoCults>)and Cosmic Regeneration,in
SylviaL. Thrupp(ed.), MillennialDreams in Action,The Hague, Mouton 1962.
Mircea Eliade, Le mythede l'iternelretour,Paris 1949.
Mircea Eliade, Trattatodi storia delle religioni,Torino, Einaudi 1954.
JamesGeorgeFrazer,Il ramod'oro, Torino,Boringhieri
1965.
VittorioLanternari,La grandefesta, Bari, Dedalo 1976.
VittorioLanternari,Occidentee TerzoMondo, Bari, Dedalo
1972.
VittorioLanternari,Spreco, ostentazione,competizioneeconomica.Antropologiadel comportamentofestivo,
in Carla Bianco, Maurizio Del Ninno(edd.), Lafesta. Antropologiae semiotica, Firenze,Nuova Guaraldi 1981.
GlicerioLonga, Usi e costumidel Bormiese,Bormio,Magnifica Terra 1967 (rist.dell'ed. Sondrio 1912).
BronislawMalinowski,Baloma, theSpiritsof theDead in the
46 (1916).
Trobriands,<Journalof the Royal AsiaticInstitute>>
Francesco Moro, Proverbi lomellini, Roma 1977 (presso
l'Autore).
PiergiorgioSolinas, Cibo, festa,fame: spartiree dividere,in
Carla Bianco, Maurizio Del Ninno (edd.), Lafesta. Antropologia e semiotica,Firenze,Nuova Guarandi 1981.
Italo Sordi,Il carnevaledi Bagolino,in RobertoLeydi,Bruno
Pianta (edd.), Bresciae il suo territorio,
Milano, Silvana 1976.
Italo Sordi,Il carnevaledi Schignanoe le sue maschere,in RobertoLeydi,Glauco Sanga (edd.), Como e il suo territorio,
Milano, Silvana 1978.
Paolo Toschi, Le originidel teatroitaliano,Torino, Einaudi
1955 (rist.Torino, Boringhieri1976).

II serviziofotograficoe di Glauco Sanga

12

This content downloaded from 137.204.99.249 on Fri, 24 Apr 2015 13:14:59 UTC
All use subject to JSTOR Terms and Conditions

..

i::

,:,.......".

..

....
.......
.....

..

..

..

i
::-

........
....

....,,.....
.:.....

..
.

..........
?

~........".
..i!

.......

.....

.......i.

1.W
4:i'.i.

.. ....

"?

'"

"

-'

N?

.Vl
up'.B ....
.-

44

.;

. .
..'..;::

'' ":=
" '::, :.... . ..:

'W

..

.........

-,AM-...!.F

...
....
.

.....

.. . .. . ..

i
? .W:.
.

.....

.,......

.. . .

..

..

. ...:.

.....

IN.,...
...........
........j

.,

...

.. .,.....

..

..........

...
.,..

1 Carnevale
di Rodda,valledelNatisone,
nellaSlaviafriulana:
maschera
(il parrocoportanellagerlail vescovo)
doppia<<grottesca>>

13

This content downloaded from 137.204.99.249 on Fri, 24 Apr 2015 13:14:59 UTC
All use subject to JSTOR Terms and Conditions

:Wr

444'

Nil
.....:.

I'M:
':

I ii
....."

115

2 Carnevaledi Rodda: diavolo e S. Michelein una casa; 3 Carnevaledi Montalbiano(Trento):mat6ciocon mascheranerae campanaccio; 4,5 Mascheredel carnevaledi Masarolis in visitaa Montefosca,nella Slavia friulana:Te-kosnast(<<quellodella pelle>>)con
il lungo cappello di pelo (4) e Te-krisnast(<<quellodella croce>>)(5), con il cappello a strisciolinemulticolorie i campanacci

14

This content downloaded from 137.204.99.249 on Fri, 24 Apr 2015 13:14:59 UTC
All use subject to JSTOR Terms and Conditions

it::
----------:
46

:r::::
??#

-,PAW

'4
r.JOE

ANOW

IN

;lL

EK
At 0;
F:::
.,rh

W7

fAI

6 Badia di Sampeyre(Cuneo): i Mori,con i cappellirossiornatidalla mezzalunae grandiorecchini;7 11corteodella Badia di Sampeyre

15

This content downloaded from 137.204.99.249 on Fri, 24 Apr 2015 13:14:59 UTC
All use subject to JSTOR Terms and Conditions

,;p,

'"

:iMM

:?.......:.

la gente(8); il testamento
deltesoriere,
processato
perspaventare
agitaunoscoiattolo
(Cuneo):1'Arlecchino
8, 9 Badiadi Sampeyre
e condannato(9)

16

This content downloaded from 137.204.99.249 on Fri, 24 Apr 2015 13:14:59 UTC
All use subject to JSTOR Terms and Conditions

710

i*4t
4k?

41F

;-w
.
i..::
.:

. ...

10, 11 Carnevaledi Montalbiano (Trento): un gruppo di arlecchinibianchi (10), e mat6cio con mascherascura, di legno (11)

17

This content downloaded from 137.204.99.249 on Fri, 24 Apr 2015 13:14:59 UTC
All use subject to JSTOR Terms and Conditions

12

o,.

%13

4i

il <<padrino>>
del carnevale(12); rogo
12, 13 Carnevaledi Drenchia,Valledel Natisone,nellaSlaviafriulana:
arringail fantoccio
del carnevale,
alla presenzadel prete(13)

18

This content downloaded from 137.204.99.249 on Fri, 24 Apr 2015 13:14:59 UTC
All use subject to JSTOR Terms and Conditions

14

15

li
....

.r

t;

!r

r;k?
^

;?:Ji

ejt,

nellaSlaviafriudel Natisone,
il diavolonellastrada;15 Carnevaledi Mersino,Valle
14 Carnevaledi Rodda: S. Micheletrattiene
un uomo
lana: la grandemascheradel gallo,con all'interno

19

This content downloaded from 137.204.99.249 on Fri, 24 Apr 2015 13:14:59 UTC
All use subject to JSTOR Terms and Conditions

16

.I

, .

20

This content downloaded from 137.204.99.249 on Fri, 24 Apr 2015 13:14:59 UTC
All use subject to JSTOR Terms and Conditions

17