Sei sulla pagina 1di 2

Curriculum di

Antonio Luciano Pensabene nato a Reggio Calabria nel 1976. Si forma


artisticamente al Conservatorio Francesco Cilea della sua citt e allAccademia
darte Drammatica della Calabria diretta da Luciano Lucignani, con registi quali
Franco Per, Alvaro Piccardi, Paolo Giuranna e Edoardo Siravo del quale
attore e aiuto regia nella tragedia Le Troiane, da Seneca. Lavora con la
compagnia Polis-Cultura sin dalla sua fondazione e collabora (presente nel
direttivo) con il festival CatonaTeatro, giunto questanno alla 30esima edizione.
Frequenta per due anni una scuola di regia presso la RAI regionale. Lavora dal
2004 con la produzione Edilight, entrando in contatto con il suo archivio di
videoteatro che comprende lavori di compagnie quali I Magazzini, oggi
Lombardi-Tiezzi, Giorgio Barberio Corsetti, La Gaia Scienza, Franco Scaldati,
Enzo Moscato, Cherif, i Teatri del Vento e altri, collaborando in seguito alle
produzioni tratte da spettacoli degli stessi. Cura la fotografia del film
sperimentale La Clinica dei sogni di Graziano Misuraca e del lungometraggio Al
Termine della notte di Samuel Mac Fadden. Nei lavori successivi si muove tra
documentari, cortometraggi e videoart. Alcuni di questi lavori partecipano a
festival e rassegne quali il Roma Filmfest e Cinema moralia, dedicato a Samuel
Beckett. In qualit di assistente ha fatto esperienza su alcuni set
cinematografici e seguito laboratori e workshop con registi quali Fernando
Solanas, Raul Ruiz, Franco Maresco, Emidio Greco. Cura la direzione artistica e
organizzativa di festival e rassegne tra cui FranzTeatro, sulla nuova scena
teatral-musicale calabrese, Larte della commedia Verso Sud (2010),
rassegna cinematografica estiva, EcomusiaFest, ecocultura e energie
rinnovabili con lassociazione Fabulanova. Con il gruppo Face
nellorganizzazione del Face Festival che per tre anni svolge un progetto di arte
teatro musica e natura presso Ecolandia, Forte di Arghill sulle colline di Reggio
Calabria.
Come regista ha curato performance multimediali tratte da opere di Sarah
Kane, Samuel Beckett, Arnold Wesker e altri. Nel 2010 ha messo in scena lo
spettacolo La Violenza di Giuseppe Fava, recensito sul settimanale il Venerd di
Repubblica, su Hystryo e Radio24 il sole24ore. Dello stesso periodo il
reportage sui fatti di Rosarno e la rivolta dei migranti, Rosarno un anno dopo.
Nel 2011 ha curato la regia e la drammaturgia insieme allattrice Stefania de
Cola, degli spettacoli: E ancora tempo destate da Asta in cortile del
drammaturgo inglese Arnold Wesker e di Berlino-Hollywood solo andata sulla
figura di Marlene Dietrich ed il fermento culturale durante gli anni della
Repubblica di Weimar. Attualmente sta lavorando ad un testo di nuova
drammaturgia sul tema dello sfruttamento della prostituzione.
Dal 2010 ha maturato lesperienza dei progetti scolastici nelle scuole della
provincia di Cosenza (Cassano, Bisignano, San Marco Argentano, Spezzano,
Cosenza), realizzando documentari e spettacoli teatrali su temi sociali e
culturali con gli alunni degli stessi Istituti, nellambito del progetto ministeriale
Le(g)Ali al Sud, tra i quali, Viaggio in Sicilia con Giovanni Impastato e lass.
Libera contro le mafie, Il modello Riace e spettacoli sullo sfruttamento del
lavoro minorile.

Negli ultimi anni ha collaborato a vari allestimenti tra cui il progetto del campo
di concentramento Ferramonti di Tarsia, sempre in ambito multimediale. Di
questanno la regia dellopera per orchestra e attori La Guardiana delle oche
in collaborazione con il conservatorio F.Cilea di Reggio Calabria con la direzione
del maestro Alessandro Bagnato.