Sei sulla pagina 1di 43

Settore Polizia Locale e Politiche per la Sicurezza

CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN MATERIA DI


CRIMINOLOGIA APPLICATA

TESI

CESARE LOMBROSO, il Padre della Criminologia Italiana

RELATORE: dott.Antonio

ZULLO

CANDIDATO: dott. Massimo FELTRIN

ANNO 2012 - 2013

INDICE

INTRODUZIONE pag. 3

1. CESARE LOMBROSO :

LA VITA: VERONA E CHIERI, PAVIA, PADOVA E VIENNA pag. 5;

GOZZO E CRETINISMO pag. 8;

IL SERVIZIO MILITARE pag. 9;

LA MALATTIA MENTALE: TORINO E LA CATTEDRA DI MEDICINA LEGALE


pag. 10;

LANTROPOLOGIA CRIMINALE E LUOMO DELINQUENTE pag. 12;

COSA RESTA DELLA SUA OPERA SCIENTIFICA pag. 32

2. FRANCESCO CARRARA : LA SCUOLA CLASSICA DI DIRITTO PENALE


pag. 20;

3. ENRICO FERRI, MARIO CARRARA, RAFFAELE GAROFALO, MARIANO


LUIGI PATRIZI: LA SCUOLA POSITIVA DI DIRITTO PENALE pag. 22;

4. IL MUSEO DI ANTROPOLOGIA CRIMINALE A TORINO pag. 38

BIBLIOGRAFIA pag. 43.

INTRODUZIONE

La Criminologia la scienza multidisciplinare che studia i reati, gli autori, le vittime, i tipi di
condotta criminale (e la conseguente reazione sociale) e le forme possibili di controllo e
prevenzione.

Oggetti fondamentali di studio sono i reati - la cui definizione sociale e normativa - e i loro autori.
In passato sono stati fatti tentativi di arrivare a definire dei delitti "naturali", condivisi come tali da
tutte le culture, ma hanno portato sostanzialmente ad un nulla di fatto; il delitto, in questo senso,
non pu essere inteso come fatto biologico o "assoluto", ma come frutto di una certa definizione
sociale che varia in funzione del tempo (storia) e dello spazio (geografia), ossia varia da cultura a
cultura.
Crimine, diritto e cultura sono pertanto concetti profondamente correlati tra loro.

Dal punto di vista storico, i primi albori della Criminologia si hanno con l'affermarsi della cultura
illuminista nel XVIII secolo e in particolare con l'intellettuale giurista italiano Cesare BECCARIA
(Milano 1738 1794; tra i massimi rappresentanti dellIlluminismo italiano) e il suo trattato "Dei
delitti e delle pene". Nasce in questo contesto la cosiddetta Scuola Classica, imperniata sui concetti
liberistici del Diritto Penale.

Nell'Ottocento - con lo sviluppo delle Scienze empiriche (Psicologia, Sociologia, Antropologia) evolve la Scuola Positiva, che si articola in due direzioni: lo studio dell'uomo che delinque secondo
l'approccio medico-biologico dell'Antropologia Criminale (Cesare Lombroso), e lo studio
sociologico delle condizioni che favoriscono la commissione "differenziale" di reati in funzione del
ceto sociale di appartenenza.

In seguito, con il moltiplicarsi delle ricerche e delle conoscenze psicologiche, la Scuola Positiva
assume un indirizzo psicopatologico e psichiatrico. La delusione conseguente alle eccessive
aspettative in relazione alla possibilit di affrontare scientificamente i problemi della criminalit
porter all'emergere degli approcci di Criminologia critica (di impostazione marxista) e di
"anticriminologia" da un lato, e dall'altro al riemergere della Scuola Classica nel filone oggi
denominato "neoclassico" (soprattutto nel nostro Paese, caratterizzato - come noto dall'avversione per le Scienze sociali da parte delle ideologie politicamente dominanti; viceversa nei
Paesi anglosassoni e negli Stati Uniti la Criminologia, a partire dagli Anni Venti del 1900, si
qualifica come disciplina prevalentemente sociologica).

Si pu dire, in definitiva, che la Criminologia costituisce il punto di incontro e di dibattito di tutti i


contributi scientifici al problema del delinquente in quanto persona e della criminalit come
fenomeno sociale, oltre che a quello delle forme pi adeguate ai fini di prevenzione, trattamento e
controllo della criminalit.

La figura di Cesare LOMBROSO (i cui studi di Medicina sociale sono una delle fonti principali
della legislazione sanitaria italiana) emblema dellinfluenza che il Positivismo francese e inglese
ha esercitato in Italia, soprattutto nella forma evoluzionistica propugnata dal filosofo britannico
Herbert SPENCER (Derby 27 aprile 1820 Brighton 8 dicembre 1903).
Ma il suo nome resta legato soprattutto all'Antropologia Criminale, di cui ritenuto il fondatore,
insieme con la "Scuola Positiva del Diritto Penale", in cui ha abbozzato le teorie poi sviluppate dal
suo allievo Enrico FERRI (San Benedetto Po 25 febbraio 1856 Roma 12 aprile 1929).

CESARE LOMBROSO
LA VITA: VERONA E CHIERI, PAVIA, PADOVA E VIENNA

Ezechia Marco LOMBROSO - Cesare solo di soprannome nasce da agiata famiglia ebraica a
Verona il 6 novembre 1835, secondogenito di Aronne e Zefora LEVI.

Precoce osservatore, introverso e molto sensibile, cambia decisamente crescendo, plasmato dalla
personalit della madre, donna di grande cultura, forte, volitiva e risoluta. E lei che lo porta per
qualche tempo a Chieri presso la propria famiglia di ricchi imprenditori e proprietari, in contatto
con i fermenti politici del Piemonte di quegli anni, dove Cesare conosce il cugino materno David
LEVI (Chieri 6 novembre 1816 Torino 24 ottobre 1898), patriota mazziniano e scrittore, di cui
receperir lintolleranza e lirrequietezza intellettuale.

Notevole peso sul giovane hanno anche le vicende patrimoniali della famiglia paterna, colpita da
grave dissesto economico; si sviluppa cos un aperto disaccordo col padre, religiosissimo ma poco
abile negli affari.

Il clima politico del Lombardo-Veneto - dopo aver accolto in un primo tempo molte delle riforme
libertarie della rivoluzione francese - si fa via via sempre pi opprimente, con il ripristino della
censura e linstaurazione di un vero e proprio Stato di Polizia. Vengono chiusi numerosi Istituti di
istruzione secondaria e le due Universit, a Padova e Pavia.

La famiglia ritiene pertanto prudente togliere dalla scuola pubblica un quindicenne col carattere di
Cesare, che nel frattempo si scopertoribelle e libero pensatore, ateo avendo rilevato nella Bibbia
un cumulo di contraddizioni ed assurdit.

Nel 1850 il Nostro scrive e pubblica sul Collettore dellAdige un articolo dal titolo Saggio sullo
studio della storia della Repubblica Romana, ove sostiene lesistenza di un substrato generale, di

una comune base di partenza dello sviluppo della civilizzazione, la quale si sovrappone - senza
estinguerli - ai primitivi caratteri dellumanit che possono sempre riaffiorare ed essere identificati,
nella societ come nel singolo individuo.

Gi qui c forse il primo abbozzo della celebre teoria lombrosiana dellatavismo, che sostiene che
la spinta a delinquere sia determinata dal riaffiorare nel reo di caratteri ancestrali.

In questi anni Lombroso conosce lopera di Paolo MARZOLO (Padova 1811 - Pisa 1868)
Monumenti storici rivelati dallanalisi delle parole, di cui pubblica una breve recensione
intitolata Filologia, ed anche qui trova materializzazione la sua idea dellidentificazione di
antiche strutture preesistenti nel presente; nasce cos - nonostante lo stacco generazionale - una
profonda amicizia tra i due, tanto che Marzolo persuade il suo giovane amico ad iscriversi ad una
facolt di Medicina (contro il progetto materno di una sua Laurea in campo umanistico), cosa che
avviene nel 1852 con liscrizione al Corso di Laurea in Medicina presso lUniversit di Pavia.

A Pavia Lombroso trova un ambiente che subito gli riesce congeniale per la grande libert, per la
facilit di contatti con i coetanei - negata fino ad allora - e per la vicinanza con Milano, citt ricca di
circoli e di fermenti intellettuali; stringe amicizia col patologo Paolo MANTEGAZZA (Monza 31
ottobre 1831 San Terenzo 28 agosto 1910) e col francese Louis Ferdinand Alfred MAURY
(Meaux 23 marzo 1817- Parigi 11 febbraio 1892), autore di Le Reve, divenuto un classico della
letteratura psichiatrica sul sogno.

Nellautunno 1854 frequenta il terzo anno delluniversit a Padova, senza peraltro riuscire ad
inserirsi nel nuovo ambiente universitario; frustrato per di pi da una cocente delusione amorosa, si
trasferisce allora nella capitale, cio a Vienna, ove prosegue gli studi e comincia a focalizzare la sua
attenzione sui problemi psichiatrici; nel 1855 pubblica sulla Gazzetta Medica Italiana, diretta da
Bartolomeo PANIZZA (Vicenza 17 agosto 1785 Pavia, 17 aprile 1967; professore ordinario di

Anatomia e successivamente Rettore dellAteneo pavese, giunge a stabilire la topografia dellarea


visiva nella corteccia cerebrale dei lobi occipitali), uno scritto sulla Pazzia di Cardano.

Gerolamo CARDANO (Pavia 24 settembre 1501 Roma 21 settembre 1576), medico, filosofo e
fisico-matematico del sec. XVI, figura irrequieta e geniale del suo tempo, tra i fondatori
dellAlgebra moderna e il precursore del metodo sperimentale; conosciuto per la dimostrazione
dellimpossibilit del moto perpetuo, laccertamento della densit dei corpi sulla base della diversa
rifrazione e permeabilit alla luce e la formula cardanica di risoluzione delle equazioni cubiche,
non solo su base algebrica, ma anche numerica.

Compie inoltre passi importanti nella storia della Psichiatria e delle Scienze sociali, sostenendo
lequivalenza biologica di tutti gli uomini; nel difendere il proprio figlio (accusato di veneficio della
madre), getta il primo abbozzo di quella che viene definita Antropologia Criminale, Criminologia e
Psicopatologia forense.

Cardano esibisce senza alcun pudore i propri vizi e le proprie debolezze, convinto che si tratti di
estrinsecazioni della personalit tali da non intaccarne la fama.

Oggi saremmo portati a definirlo un paranoico allucinato ed affetto da delirio di operosit e


grandezza1 (Pier Luigi BAIMA BOLLONE [Torino 23/04/1937; medico e Professore Emerito
dellUniversit di Torino] Cesare Lombroso), mentre il giovane Lombroso coglie in lui il fascino
del genio e giunge a sostenere che il sogno in alcuni casi un sintomo, in altri la causa della pazzia
(primo germe dellidea lombrosiana che vi sia un legame tra genialit e pazzia, che si palesa nella
conflittualit del sogno).

P.L. BAIMA BOLLONE: Cesare LOMBROSO Pag. 11 SEI 1992

La Pazzia di Cardano costituisce un importante documento sulle conoscenze biologiche del


Nostro: confrontando questo lavoro con gli altri scritti giovanili evidente il costante filo
conduttore della persistenza di antiche strutture nella fenomenologia attuale.

A questo punto infatti Lombroso ha gi acquisito il concetto di eredit biologica e di patrimonio


ereditario; mancano per ancora le teorie evoluzionistiche (lera evoluzionistica del pensiero
biologico inizia solo alla fine del 1859, quando Charles DARWIN [Shrewsbury 12 febbraio 1809
Londra 19 aprile 1882] pubblica Lorigine delle specie, che avrebbe portato alla concezione della
ricomparsa di caratteri ancestrali in alcuni particolari individui e che Lombroso acquisir proprio
durante la sua frequenza dellUniversit di Vienna).

Dato fondamentale per la comprensione delle teorie lombrosiane lepoca in cui vengono
concepite, che a differenza della Scienza moderna - ritiene luomo incapace di completa
autodeterminazione e libert.
IL GOZZO ED IL CRETINISMO

Questa piccola digressione sullattivit del medico Lombroso significativa per evidenziare il suo
metodo di approccio a qualsivoglia materia che intenda affrontare, metodo usato anche in
Criminologia : losservazione e la catalogazione, con la capacit di restringere linteresse ad aree
omogenee e/o soggetti che in qualche maniera presentano caratteristiche simili tra di loro (o come
nel caso specifico sintomi e malformazioni). Il gozzo rappresentato da un aumento di volume
della tiroide che si evidenzia con un ingrossamento deforme del collo, mentre col termine
cretinismo si intende una condizione morbosa complessa caratterizzata da arresto dello sviluppo
corporeo e delle facolt intellettuali, con conseguenti nanismo ed idiozia. Si tratta di espressioni
patologiche causate dallo iodio, la cui carenza in determinate fasi dello sviluppo embrionale
provoca cretinismo con o senza gozzo e dopo la nascita - gozzo con o senza cretinismo. Ci che
colpisce linteresse di Lombroso la circostanza che le aree di endemia - sia del gozzo che del
8

cretinismo - si sviluppano in zone ben circoscritte, ed in particolare in alcuni distretti alpini


compresi tra i 500 ed i 1500 metri del Piemonte e della Liguria. La scienza medica del tempo ritiene
che tali patologie siano dovute ad avvelenamento da parte di miasmi emanati da sostanze in
disfacimento, in particolare dalle acque stagnanti e dai terreni paludosi. Lombroso ha il merito di
avere associato correttamente il cretinismo alla tiroide ed in particolare alla sua alterazione
morfologica rappresentata dal gozzo, ma - pur prescrivendo come cura lo iodio - non riuscir a
collegare le suddette affezioni ad una carenza di tale elemento.
IL SERVIZIO MILITARE

Lesercito Piemontese, cos come quello della vicina Francia, prevede nel suo organico un certo
numero di medici militari (la cui carriera inizia col grado di medico di Battaglione fino a diventare
al livello pi alto - Presidente del Comitato Superiore di Sanit Militare); gi fin dal 1666 il Duca
Carlo Emanuele II ha stabilito che ogni guarnigione abbia una casa ove accogliere i soldati
ammalati e dal 1850 lesercito sabaudo dispone che i medici militari abbiano una doppia laurea,
quella in Medicina e quella in Chirurgia, in quanto il 20% degli interventi chirurgici militari
costituito da amputazioni, con mortalit elevatissima che nei teatri di guerra raggiunge spesso il
90% (al proposito Theodor BILLROTH [Bergen auf Rgen 26 agosto 1829 Abbazia 6 febbraio
1894], celebre medico dellOspedale Cantonale Svizzero, afferma che il 46% degli amputati muore,
spesso per le conseguenti infezioni).

Lombroso, laureatosi in Chirurgia a Genova il 14 maggio 1859, arruolato sei giorni dopo nel Corpo
Sanitario Militare, partecipa alla campagna del 1859 e pu essere considerato un antesignano
dellantisepsi in Italia, in quanto tratta le ferite con impacchi di alcool ottenendo grandi successi.

La vita nellesercito per lui anche una preziosa miniera di osservazioni antropologiche che gli
permette ad esempio di esaminare i caratteri etnici tipici di ciascuna regione, allepoca ancora
incontaminati, acquisendo una grande esperienza sulle caratteristiche fisiche regionali.
9

Dapprima assegnato allOspedale Divisionale di Torino, successivamente a quello di Milano; nel


1861/62 viene trasferito in Calabria per la repressione del brigantaggio, il 22 novembre 1865 si
congeda dallesercito - essendo interessato alla carriera universitaria - ma nel 1866, in occasione di
una nuova guerra con lAustria, rindossa la divisa fino al novembre 1866, quando lascia
definitivamente, con menzione onorevole2 il servizio militare ritornando a Pavia.
LA MALATTIA MENTALE: TORINO E LA CATTEDRA DI MEDICINA LEGALE

Rientrato nella vita civile, il Nostro si dedica alla Scienza medica; famoso il suo trattato sulla
pellagra, malattia endemica delle colline del Canavese e della Brianza, zone di condizioni di vita
particolarmente misere con insufficienza alimentare, precariet della situazione igienica,
affaticamento fisico alle volte congiunto allalcoolismo.

Studi dellepoca evidenziano come - dopo la scoperta del Nuovo Mondo e lintroduzione del mais
in Italia (impiantato dapprima nel Sud, poi nel Veneto e quindi nel resto della Penisola) - la polenta
di meliga abbia soppiantato quella fatta con farina di altri cereali o di castagne, imponendosi su ogni
mensa povera spesso come unica forma di sostentazione.

I nutrizionisti sostengono per che il mais, quando rappresenti lunico apporto alimentare,
inadeguato a soddisfare le esigenze di una dieta corretta.

Lombroso pubblica numerosi studi sullargomento, deduce che la malattia una sorta di
intossicazione alimentare, trova anche una cura e pubblica il Trattato profilattico sulla pellagra
che gli frutta una discreta somma di denaro e la nomina a Cavaliere dItalia.

Ancora prima del suo congedo dallesercito - precisamente durante la frequenza allUniversit di
Vienna viene in contatto con la Neuropsichiatria, il suo interesse alla materia continua negli anni
2

Ministero della Guerra : R.D. che accorda la medaglia commemorativa a tutti coloro che fecero la campagna del 1866
:al Dott. Cesare LOMBROSO Medico di Battaglione del Corpo Sanitario viene concessa Menzione Onorevole con la
seguente Motivazione: NellOspedale dei cholerosi si dato a tuttuomo per la cura dei medesimi mostrando un
coraggio ed unabnegazione Degna di ogni Elogio.

10

tanto che nel 1871 assume la direzione del manicomio di Pesaro, che viene riorganizzato secondo i
criteri pi moderni: vengono aperte le porte, create attivit ricreative, stimolata la lettura

Dal punto di vita lavorativo sicuramente uno dei momenti pi felici.

Nel novembre 1873 ritorna a Pavia, mancandogli il mondo universitario; dopo alcune vicissitudini
nel 1874 vince su Secondo LAURA (Ventimiglia 21/09/1833- Torino 1/03/1902, uno dei pi
benemeriti medici filantropi della capitale piemontese) la cattedra di professore ordinario di
Medicina Legale a Torino, materia presa in considerazione da alcuni Statuti sabaudi fin dal 1430,
fino a giungere alle Leggi e Costituzioni di Vittorio Amedeo II (nel 1723) e di Carlo Emanuele II
(nel 1770), che focalizzano la loro attenzione sulle garanzie per una corretta raccolta e
conservazione delle prove, anticipando di un paio di secoli lobbligo del referto e del rapporto per
chi svolge lattivit sanitaria, le norme sul sopralluogo giudiziario e lobbligatoriet della
consulenza-perizia in ambito di lesioni personali, volontarie, colpose ed accidentali.

Allepoca in cui il Nostro si insedia sulla Cattedra di Medicina Legale, in Piemonte si formata una
cultura, una classe medica severa e rigorosa, un ambiente favorevole alla ricerca e allo sviluppo di
questa materia; la capitale subalpina dotata di una struttura sanitaria solida ed efficiente,
lOspedale Maggiore della Citt di Torino ha ben due sale autoptiche molto efficienti, cui se ne
affiancano altre sparse in diversi ospedali cittadini, nonch un Museo Anatomico dellUniversit
(molto apprezzata per la fama e la seriet dei suoi professori), strutture dunque - che garantiscono
gli studi ed i progressi delle Scienze medico-legali.

Ci che per maggiormente interessa Lombroso lOspedale dei Pazzerelli, fondato nel lontano
1728 e divenuto in seguito Ospedale psichiatrico, che ha il compito di raccogliere i malati di mente
e che costituisce il luogo ideale per la prosecuzione delle indagini del nuovo professore ordinario di
Medicina Legale.

11

Nel 1873 Darwin nel suo secondo libro sullOrigine dellUomo - sconvolgendo la concezione
tradizionale della fissit delle specie - sostiene che luomo attuale deriva dallo scimpanz e che
levoluzione avviene per selezione naturale; Lombroso, quale professore di Medicina Legale a
Torino, si trova nelle migliori condizioni per conoscere il darwinismo, in quanto nel 1874 proprio a
Torino le teorie di Darwin sono state illustrate per la prima volta dallo zoologo Filippo DE FILIPPI
(Pavia 20 aprile 1814 Hong Kong 9 febbraio 1867); Lombroso per sorprendentemente negher sempre ogni rapporto col darwinismo.
LANTROPOLOGIA CRIMINALE E LUOMO DELINQUENTE

I contributi portati da Cesare Lombroso allAntropologia Criminale, che viene da lui stesso creata e
coltivata per quarantanni - dedicandovi il meglio dei propri studi e centinaia di scritti sullorigine e
la natura della delinquenza - sono numerosi ed originali.

Nel 1863 pubblica una carta igienica dellItalia, staccandosi dagli aspetti pi strettamente medici
a favore dellantropometria fornendo dunque dati precisi sulle stature, sui pesi e sulle fisionomie
degli Italiani onesti e delinquenti e svolgendo inoltre accurate ricerche sulla forma e sulla misura
del cranio degli Italiani in varie regioni (Piemonte, Toscana e Calabria).

Acuto osservatore, in determinati individui coglie - nella loro vita di ogni giorno e nelle quotidiane
attivit - alcuni caratteri psico-fisici ancestrali, caratteri cio che vengono dal lontano passato, da
lontani progenitori; applica cos alla specie umana la teoria (concepita gi nelle sue prime
pubblicazioni di carattere linguistico ed archeologico) della ricomparsa nelluomo moderno di
caratteri atavici.

Sulla base di questi presupposti individua quindi alcune categorie di delinquenti: i delinquenti nati,
gli occasionali, i passionali, cui si aggiungono gli epilettici ed i pazzi; ognuno di essi deve essere
descritto, osservato, misurato e catalogato, pertanto visita manicomi, ospedali e carceri.

12

Concepisce lAntropologia Criminale come un grande catalogo, ove le tipizzazioni da lui stesso
individuate (osservando, misurando vivi e cadaveri, organi e scheletri) possono essere elaborate.

Durante il periodo del servizio militare come medico militare, studiando i soldati viene colpito dalla
grande abbondanza e dalloscenit dei tatuaggi del soldato disonesto in confronto allonesto3, e nel
1864, concepisce lidea che il delinquente abbia personalit e struttura fisica diverse da quelle
delluomo normale.

Sempre in quegli anni viene incaricato dellinsegnamento della Psichiatria allUniversit di Pavia,
trovandosi cos ad affrontare il problema della Psichiatria forense e della diagnosi differenziale tra il
soggetto normale ed il sano di mente, tra il pazzo ed il criminale.

Qualunque volta ci si affaccia a unopera o ad un problema di Medicina Legale sulle alienazioni


mentali ci sentiamo sorpresi da un senso di sconforto e di ribrezzo. omissis.e cos accade che o
per eccessiva precauzione o per una ingiusta reazione alla diffidenza dei giudici gli uni (i medici)
non vogliono trovare pazzo nessun criminale anche alienato, gli altri (i giudici) abbondano in
senso contrario, cos da convertire in manicomio tutte le prigioni. Sono solo le cifre e gli strumenti
di precisione quelli che hanno fatto fare alla Scienza quei passi da gigante che tutti noi ammiriamo
e perch non si dovrebbe applicare questo meraviglioso metodo anche alla Scienza psichiatrica?
omissis (La medicina Legale delle alienazioni mentali studiata col metodo sperimentale,
opera postuma pubblicata a Torino nel 1911).

Lombroso quindi, avendo individuato le lacune suindicate, sistematicamente misura i pazzi e le


loro funzioni, ne accerta la statura, il peso, i caratteri della cute, dei capelli e dei peli, valuta la
situazione dentaria, registra la vista, ludito, il tatto, la sensibilit al dolore, la capacit intellettuale,
labilit manuale, la scrittura ed indaga la funzione dei principali organi interni.

Cesare LOMBROSO : In Calabria 1862

13

Sui cadaveri studia lanatomia patologica, pervenendo ad alcune osservazioni, come ad esempio
che nelluomo alienato il peso minore di quello delluomo sano, i suoi capelli soffrono spesso di depigmentazione, di canizie e calvizie precoci, i maniaci ed i dementi hanno dentatura irregolare,
cariata e manchevole anche in giovane et, nei maniaci locchio riflette luce abbagliante, quasi tutti
gli alienati presentano disordini di mobilit, la sensibilit dolorifica abolita nelle manie furiose,
lintelligenza invece abolita nelle demenze.

Nella sua opera principale Luomo delinquente (la prima edizione del 1876 e nellarco di un
ventennio passer da un volume unico di circa 250 pagine a tre volumi corredati di un Atlante
iconografico, per un totale di circa 1900 pagine destinate ad innumerevoli traduzioni allestero)
espone la sua intuizione: nel criminale si avuto un arresto dello sviluppo ontogenetico (sviluppo
biologico di un organismo vivente); egli un individuo filogeneticamente (la filogenesi un
processo evolutivo degli organismi vegetali e animali dalla loro comparsa sulla Terra a oggi) arretrato,

un atavico, e presenta gli istinti feroci degli uomini primitivi. questa la teoria del delinquente
nato, secondo la quale i criminali sarebbero indotti fatalmente al delitto dalle loro malformazioni
congenite, causa dell'arresto dello sviluppo ontogenetico; da qui il principio dellirresponsabilit di
chi delinque.

La colpevolezza non consiste in una violazione moralmente riprovevole delle norme che
compongono le Leggi e non si pu formulare alcuna valutazione di disvalore soggettivo dellazione
delittuosa, mentre la pena non un castigo, ma una forma di difesa sociale.
Per il Nostro il processo penale serve semplicemente ad accertare se il delitto pu essere
effettivamente attribuito alla condotta fisica ed alla elaborazione mentale del reo, e a determinarne
la pericolosit, tenendo conto della sua personalit e delle circostanze che lhanno portato a
delinquere (pertanto i Collegi giudicanti dovrebbero essere composti non solo da operatori del
Diritto, ma anche da tecnici); inoltre contrario allesistenza di un giudizio di secondo grado
(Nell Uomo delinquente, infatti, troviamo: omississi comprende come tra noi la giustizia sia
14

irrisoria poich la pena non pi n pronta, n certa, n seria grazie agli appelli..omissis);
ancora pi negativo il suo giudizio sulla Cassazione: il diritto di cassazione non si basa
come in America, in Inghilterra ed in Francia, come sarebbe giustissimo, sopra errori sostanziali e
di fatto, ma su questioni di forma, che ci riconducono ai tempi bizantini o alle stramberie di alcune
razze mongoliche, per cui una causa costosissima pu venire cassata per una semplice
sgrammaticatura di un povero cancelliere4...
Un mattino del novembre 1872 esaminando il cranio di un brigante calabrese settantenne, tale
Giuseppe VILLELLA5, nota quanto aveva gi intravisto in alcuni delinquenti studiati a Pesaro, e
cio il persistere di forme somatiche ancestrali, in particolare la presenza - nella fossa cranica
posteriore - in luogo della consueta sporgenza conosciuta con il termine di cresta occipitale interna di una concavit a fondo liscio (la fossetta occipitale mediana), unanomalia morfologica tale
secondo lui - da assimilare luomo ai Primati6.
Alla vista di quella fossetta mi apparve illuminato il problema della natura del delinquente, che
doveva riprodurre ai nostri tempi i caratteri delluomo primitivo(Discorso dapertura del VI
congresso di Antropologia Criminale del 1906).
A seguito di questa scoperta nasce una nuova variet di genere umano, ovvero lhomo
delinquens.
Lombroso organizza il dato clinico, peraltro condiviso dalla Scienza dellepoca, secondo un assunto
semplice: Il delinquente altri non sarebbe che un essere umano anormale, e pi precisamente

C. Lombroso: LUomo delinquente Torino 1897, e Cesare LOMBROSO P.L. B. BOLLONE pag. 167 SEI 1992
Un certo VILLELLA Di Motta S. Lucia , circondario di Catanzaro, contadino, sospetto di brigantaggio e condannato
tre volte per furto, alto nella persona (1,70 metri), ipocrita, astuto e taciturno, negava di aver commesso alcuna prava
azione Cesare LOMBROSO da LAtavismo VILLELLA in La scienza e la Colpa: Un volto dallOttocento LEVRA
U. Milano 1985 e Cesare LOMBROSO P.L. B. BOLLONE pag. 124 SEI 1992
6
Qualche tempo dopo la rivelazione si ripete, la figlia Gina, in LOMBROSO FERRERO Gina: Cesare LOMBROSO
Storia della vita ed opere, Torino 1915, infatti ricorda che suo padre sottopone a perizia psichiatrica in contadino di 20
anni , tale VERZENI Vincenzo (Bottanuco Bg, 11 aprile 1849 31 dicembre 1918) ,quello che oggigiorno potremo
definire un mostro, cretino figlio di cretini pellagroso, accusato di avere ucciso in un paio danni strozzandole una
ventina di donne, e poi di averle sbranate. Condannato conferma il fatto al LOMBROSO, specificando che facendo ci
gode, succhiando poi il sangue delle vittime, ricorda Gina, esattamente come i licantropi ed i vampiri, per cui il
Nostro trova nel comportamento del VERZENI la conferma del ritorno ancestrale: per cui ad un comportamento tanto
feroce unito al cannibalismo lunica spiegazione lATAVISMO.
5

15

un essere atavico che, col riprodurre comportamenti propri dellumanit dei primordi, mostrerebbe
uninvincibile inclinazione a commettere quello che la societ moderna chiama delitto7.
Esistono dunque delle analogie tra delinquenti, selvaggi e razze preistoriche. Le principali
malformazioni sarebbero riconoscibili da una serie di caratteristiche somatiche (la morfologia
cranica alterata, la fronte alta, il prognatismo, ecc.) e da deformit mentali e comportamentali, quali
la mancanza di sentimenti morali - in particolar modo la compassione e la piet - l'assenza di
scrupoli e rimorsi, la mancanza di inibizioni, la ridotta sensibilit al dolore, la vanit, il risveglio
precoce dell'istinto sessuale, l'ozio.

Proseguendo i suoi studi sulla personalit del delinquente e meditando sulla strage (7 morti e 6
feriti nella Scuola militare Nunziatella a Napoli) compiuta da un soldato ritenuto epilettico, tale
Masdea DI GIRIFALCO, Lombroso corregge la teoria dell'atavismo individuando nell'epilessia la
forza scatenante il reato: il delinquente un epilettico nel quale la malattia risveglia gli istinti
atavici. Questa affermazione porta alla concezione deterministica e patologica del criminale ed a
considerare equivalenti le classificazioni uomo-delinquente, delinquente nato (o pazzo morale) e
delinquente pazzo (epilettico). Sulla spinta delle critiche suscitate dalle sue teorie, nella
rielaborazione dell' Uomo delinquente e nei Palinsesti del carcere8 (dove passa in rassegna le
testimonianze scritte dei detenuti) rivolge la sua attenzione anche ad altri fattori che non siano
esclusivamente medici e d sempre pi spazio a quelli ambientali e psicologici, rimanendo per
fermo nella convinzione che essi giochino un ruolo secondario in soggetti comunque gi predisposti
al crimine9.

Lombroso scrive Luomo delinquente anche per descrivere la realt arretrata del nuovo Stato
italiano, i cui cittadini spesso presentano corpi deformi e comportamenti devianti. Etnicamente
nellItalia settentrionale prevalgono i brachicefali (cranio corto), nellItalia meridionale e insulare i

C. LOMBROSO: LUomo delinquente Roma 1878


Cesare LOMBROSO :Palinsesti del carcere Torino Ediz. F.lli Bocca 1888
9
Williams F.P., McShane M.D. (2002) Devianza e criminalit, (tit. orig. Criminological Theory), Bologna, il Mulino
8

16

dolicocefali (cranio allungato); in Sardegna, Garfagnana, Lunigiana e Lucchesia, Calabria e Sicilia


caratteristica liperdolicocefalia (cranio molto allungato), mentre tipica del Piemonte e del Veneto
lultrabrachicefalia (cranio abnormemente sviluppato in larghezza); gli assassini avrebbero in
molte regioni dItalia lindice cefalico pi elevato10.

Ecco, ad esempio, il ritratto del ladro: cranio piccolo, fronte sfuggente, occhi mobili spesso grigiocelesti, sopracciglia folte e ravvicinate, naso marcato, barba e capelli scarsi, orecchie a sventola,
statura bassa, figura snella e nervosa, petto e braccia segnati da tatuaggi e cicatrici, muscolatura
poco sviluppata e dunque inadatta a lavori prolungati, sensibilit scarsa (perci capace di sopportare
torture di ogni tipo), carattere vanitoso, cura nel vestirsi (soprattutto il gilet e la cravatta), bugiardo e
millantatore (spesso vanta con leggerezza al primo venuto delitti pi numerosi e pi efferati di
quelli realmente compiuti), ignorante e incapace di solitudine, alcolista, giocatore, goloso
(maccheroni, carne, frutta, dolci), frequentatore di osterie e postriboli dove spende ci che ha
sottratto rubando, recidivo e convinto di fare giustizia togliendo a chi ha troppo, attivo soprattutto
dinverno quando la fame, il freddo, la miseria si fanno pi sentire.

Ha spesso qualche antenato zingaro, stato allevato in strada sin dai tre anni, quando si fingeva
orfano e chiedeva lelemosina, facilmente destinato ad affiliarsi a brigantaggio, camorra o mafia.

Si direbbe un personaggio da romanzo, ma Lombroso sottolinea insistentemente la natura


scientifica del testo, fondato sullanalisi di numerosi singoli individui (incontrati sin dagli anni
sessanta del 1800 come medico militare nellItalia meridionale) e non su astratte e generiche
tipologie (come i personaggi letterari), e orientato allevidenza, non allesagerazione, secondo una
distinzione maturata sin dalla lettura giovanile di classici greci, latini, italiani ed europei.

10

Lombroso nei suoi studi analizza anche il sesso di chi delinque, accertando che le donne delinquenti, a differenza dei
maschi mostrano poche e frequentemente persino nessuna stigmate delinquenziali, per cui con quello che stato
definito un colpo di genio, il nostro unitamente a Guglielmo FERRERO (Portici, 21 luglio 1871 Mont-Plerin, 3
agosto 1942 storico e scrittore italiano), afferma che nella donna la prostituzione e le sue connotazioni sono
lequivalente del delitto e della degenerazione, in : La donna delinquente, la prostituta e la donna normale TorinoRoma Edizioni Roux 1893 .

17

Proprio la formazione umanistica modella il suo stile di ricerca e, ancora giovanissimo, apprende
(come gi evidenziato in un capitolo precedente) dallamico Paolo Marzolo a ragionare allindietro
nel tempo alla ricerca di elementi arcaici.

Il Nostro, inoltre, osserva che il suicidio nel delinquente a piede libero ha la medesima frequenza
statistica documentata nelle persone normali: pi diffuso nei maschi, nel periodo estivo e nelle
popolazioni pi progredite. Nei delinquenti reclusi, invece, il fenomeno anticonservativo si verifica
pi spesso, con una percentuale tre volte superiore rispetto ai non reclusi.

Tale fenomeno osserva - non dipende n dal peso della condanna n dallisolamento, in quanto si
osservano pi suicidi tra coloro che sono in attesa di giudizio rispetto a quelli condannati a pena
definitiva, ed ancora si suicidano con maggior frequenza i detenuti condannati a pene relativamente
brevi. Pi frequenti risultano i suicidi e meno lo sono i delitti e viceversa. Il suicidio insomma
legato alla struttura mentale del delinquente, normalmente privo di spirito di conservazione,
imprevidente ed impaziente.

Lombroso analizza anche i tatuaggi, presenti in molti soldati.

Tatuaggio un termine che deriva dalla parola polinesiana ta tau, costituito da ornamenti e
disegni permanenti sulla cute ( tatuaggio sono anche i depositi casuali di materiali pigmentati che si
fissano sulla cute in caso di incidenti stradali, di esplosione di colpi darma da fuoco a distanza
ravvicinata, per scoppio desplosivi, ecc), vari per numero, sede, dimensione, colore

Il tatuaggio pu essere eseguito solo sulle pelli non molto scure, nelle popolazioni con cute
intensamente pigmentata in luogo del tatuaggio si hanno le cicatrici ornamentali, ovvero la
realizzazione di cicatrici attraverso la tecnica della scarificazione, che consiste in incisioni, tagli
della pelle (con coltelli, rasoi, conchiglie, pietre affilate...), bruciature, allo scopo di produrre

18

cicatrici permanenti. Ogni cicatrice viene soffregata varie volte con polveri e prodotti coloranti,
finch non si produce un processo cheloide a forte evidenza plastica.

Il tatuaggio e le cicatrici ornamentali risultano pratiche assai diffuse nelle popolazioni preistoriche
ed ancor oggi tra le popolazioni primitive. LAntropologia e lEtnologia moderne distinguono il
tatuaggio ornamentale - con finalit puramente estetica - da quello detto didentit, che indica
lappartenenza ad una trib, clan, gruppo, o fa riconoscere talvolta la persona per la sua attivit ed il
grado gerarchico.
Lombroso11 osserva come nelle civilt moderne il tatuaggio sia frequente soprattutto in certe
categorie di persone, ad esempio i militari e i reclusi, accerta che tra i primi la percentuale di tatuati
dell1% (valore che nei secondi sale al 9%), rileva ancora che mentre nelle persone normali i
tatuaggi sono localizzati essenzialmente sulle braccia o sul petto, nei delinquenti sono distribuiti su
tutta la superficie cutanea.

Se nelle popolazioni preistoriche il tatuaggio indice di casta e di prestigio, nellepoca moderna


sopravvissuto nelle classi inferiori delle societ, nei delinquenti e nelle prostitute; tale persistenza,
dovuta alla vanit, soprattutto segno di atavismo, anzi una particolare forma di atavismo che la
tradizione.

La Psicologia moderna ritiene invece il tatuaggio un segno di riconoscimento che conferisce


individualit al tatuato, un modo per emergere dallanonimato; per la moderna Criminologia
linterpretazione pi articolata, essendo considerato - a seconda dei casi - segno di immaturit,
psicopatia sessuale, alienazione, espressione di ribellione, desiderio di mostrarsi in contrasto con la
societ, espressione di un gruppo, ecc

11

Cesare LOMBROSO : LUomo delinquente parte III 1876

19

Anche il gergo, cio il linguaggio convenzionale di certi gruppi, attrae lattenzione lombrosiana, che
lo ritiene una forma espressiva delluomo primitivo, pertanto i selvaggi che vivono in uno stato
primitivo ed i delinquenti - che sono i selvaggi della vita moderna - si esprimono in gergo.

Il Nostro valuta anche le influenze sul crimine esterne alluomo: tra queste vi certamente
lereditariet (il 29% dei minorenni delinquenti appartiene a famiglie di criminali); anche il clima ha
la sua influenza, il caldo ad esempio incrementa omicidi e stupri mentre le basse temperature i
delitti contro la propriet; rileva anche il sesso (gli uomini sono pi portati al delitto), let (la
massima concentrazione di delinquenti si concentra tra i 20 ed i 30 anni), fattori sociali ed
economici, la povert e la ricchezza (spingono entrambe al delitto, ovviamente di genere diverso).
Infine anche il carcere esercita la sua influenza sul delitto, essendo luogo di aggregazione di
delinquenti che facilita lo scambio ed il confronto delle tecniche ed esperienze criminali.

FRANCESCO CARRARA : LA SCUOLA CLASSICA DI DIRITTO PENALE

L'Italia pu essere considerata (a cavallo tra il XVIII e il XIX secolo) la patria di origine della
Criminologia. Precorritrice la Scuola Illuminista partenopea che si distingue attraverso esponenti
quali Francesco LONGANO (Ripalimosani 5 febbraio 1728 - Santopadre 28 aprile 1796;
sacerdote), di cui si ricorda la frase L'uomo superstizioso fa la limosina, ma l'uomo politico
somministra il travaglio ai bisognosi, Gaetano FILANGERI (San Sebastiano al Vesuvio 22 agosto
1753 Vico Equense 21 luglio 1788; giurista e filosofo), Francescantonio GRIMALDI (Seminara
10 maggio 1741 Napoli 8 febbraio 1784; giurista e filosofo, autore di "Riflessioni sopra
l'ineguaglianza tra gli uomini"), Mario PAGANO (Brienza 8 dicembre 1748 Napoli 29 ottobre
1799; giurista, filosofo, politico e drammaturgo, relatore tra laltro della Costituzione Napoletana
nel 1799, ove si legge La libert la facolt dell'Uomo di valersi di tutte le sue forze morali e
fisiche come gli piace, colla sola limitazione di non impedir agli altri di far lo stesso).

20

Nella critica nei confronti del sistema penale dell'epoca, a Cesare Beccaria si aggiunge Jeremy
BENTHAM (Londra 15 febbraio 1748 Londra 6 giugno 1832; filosofo e giurista); entrambi sono
esponenti della Scuola Classica, che insiste su una serie di principi tra i quali un sistema di Leggi a
garanzia dei diritti umani, la teoria della scelta razionale (criminologia), l'analisi probatoria
processuale, la certezza della pena e l'abolizione della pena di morte.
La Scuola Classica ha una visione razionale del reato, per il quale l'individuo pondera in autonomia
il rapporto costi/profitti in previsione della violazione dei diritti altrui.
Lautore del delitto un uomo come tutti gli altri, dei quali condivide le funzioni fisiche, i processi
mentali e dunque la responsabilit, un soggetto normale che compie con coscienza le proprie azioni,
che quindi scientemente delinque e pertanto proprio a causa di ci deve essere punito (vengono
considerati eccezioni coloro che commettono delitti in stato di alterazione mentale); una volta
scontata la pena il soggetto riabilitato..
Tramite il computo del livello di razionalit dei rei si tenta di prevedere quanti possano essere i
soggetti che commetteranno un reato, le loro caratteristiche sociali, le influenze che l'ambiente e la
societ hanno sul crimine. Ecco perch i criminologi di questa Scuola insistono pi sulle istituzioni
sociali e sul modo di controllare la criminalit che sul comportamento individuale.

Francesco CARRARA (Lucca 18 settembre 1805 Lucca 15 gennaio 1888; giurista e politico di
ispirazione liberale), uno dei principali esponenti della Scuola Classica del Diritto e uno fra i primi
studiosi di Diritto Criminale a spingere per labolizione della pena di morte in Europa.

Professore di Diritto Criminale e Commerciale (dopo gli studi ed il dottorato presso l'Universit
lucchese) a Lucca fino al 1859, poi a Pisa, dove ancora oggi si trovano molti suoi manoscritti.

La sua principale opera in dieci volumi, Programma dal corso di Diritto Criminale, ha avuto una
significativa influenza all'estero. Il "programma" il riassunto delle lezioni elaborate durante undici

21

anni di insegnamento nell'ateneo lucchese, stampato per agevolare gli studenti quando il docente
passa alla cattedra di Pisa

Seguace di Giuseppe MAZZINI negli anni giovanili, negli anni quaranta del 1800 si avvicina a
gruppi liberali pi moderati ed uno dei pochi a non opporsi all'annessione del Ducato di Lucca alla
Toscana, considerando la fine del Ducato un primo piccolo passo verso l'unit nazionale.

Nel 1845 giudica riprovevole che il Duca Carlo Lodovico di Borbone non conceda la grazia a
cinque condannati a morte, permettendo in citt il macabro spettacolo di una esecuzione con la
ghigliottina (non a caso - proprio per solennizzare l'annessione di Lucca - il Granduca di Toscana
Leopoldo II abolir la pena capitale nel suo Stato, secondo quanto caldeggiato da alcuni giuristi tra
cui appunto Carrara).

Eletto al Parlamento dopo lUnit dItalia - nel 1863, 1865 e 1867, nominato Senatore il 15
maggio 1876, Francesco Carrara ha influenzato la stesura del Codice Criminale d'Italia e del Codice
Zanardelli (terminato nel 1889).

ENRICO FERRI , MARIO CARRARA, RAFFAELE GAROFALO, MARIANO LUIGI


PATRIZI:
LA SCUOLA POSITIVA
Secondo la Scuola Positiva, che affonda le proprie radici nel Positivismo metodologico, il delitto
appare manifestazione necessaria di determinate cause (principio di causalit) e non gi
estrinsecazione di una scelta libera e responsabile. Muovendo dal postulato del determinismo
causale quindi, i positivisti pongono a base del Diritto Penale non pi la responsabilit etica, bens
la pericolosit sociale dellindividuo, con un radicale capovolgimento dei capisaldi della Scuola
Classica: il centro del Diritto Penale si sposta dal reato in astratto al delinquente in concreto, in

22

quanto ci che interessa non pi il reato come ente giuridico, ma il reato come fatto umano
individuale, indice esteriore della pericolosit del soggetto.
Alla volont del colpevole, allimputabilit e alla responsabilit morale viene sostituito il concetto
di pericolosit sociale, intesa come probabilit che una determinata persona - per varie cause - sia
spinta a commettere fatti criminosi. La pena retributiva sostituita da un sistema di misure di
sicurezza che per loro stessa natura devono essere neutrali; essendo praticamente inutile punire chi
delinque (perch fatalmente indotto da forze che agiscono dentro e fuori di lui), lo stesso deve
essere sottoposto a misure utilitaristiche di difesa sociale (volte a prevenire ulteriori manifestazioni
criminose mediante il suo allontanamento dalla societ) e, nei limiti del possibile, si deve cercare di
fornirgli un riadattamento alla vita sociale.
Il triplice merito della Scuola Positiva :

mettere a fuoco il problema della personalit del delinquente nei suoi condizionamenti biopsico-sociologici;

calare il reato e il reo dentro la realt individuale e sociale;

aprire le frontiere alla difesa sociale, non solo introducendo lidea innovatrice della
prevenzione speciale e della risocializzazione del delinquente, ma soprattutto avvertendo
lesigenza primaria di una prevenzione generale e speciale sociale, attraverso i sostitutivi
penali.

Tuttavia, sono tre anche i suoi limiti:

con le sue generalizzazioni e schematizzazioni deresponsabilizza lindividuo, peccando


delleccesso opposto rispetto alla Scuola Classica, agganciando il reato al suo autore e
soprattutto - incentrando il Diritto Penale sulla pericolosit del delinquente, su tipologie
criminologiche di autori e su momenti tipicamente personali;

rimette in discussione le garanzie di legalit e certezza faticosamente conquistate;

23

abbandona il fondamentale principio del nulla poena sine delicto, in quanto, una volta
sostituita la colpevolezza per il fatto con la pericolosit sociale dellautore, dovrebbero
essere sottoposti a misure di sicurezza anche i predelinquenti.

Enrico FERRI (San Benedetto Po 25 febbraio 1856 Roma 12 aprile 1929), allievo di Cesare
Lombroso allUniversit, vi lavora dapprima come assistente e poi come professore di Diritto
Penale (fra i suoi allievi si annovera Vincenzo MANZINI [San Daniele del Friuli 20 agosto 1872
Venezia 16 aprile 1957], giurista italiano che far parte delle Commissioni che allestiranno il
Codice Penale e quello di Procedura Penale del 1930 [i c.d."Codici Rocco"]).
Avvocato di professione, acquisisce una certa notoriet difendendo accusati di reati politici (ad
esempio il processo ai contadini mantovani, relativo al movimento denominato "La boje", tenutosi
nel 1886 presso la Corte dAssise di Venezia, e conclusosi - grazie alle sue arringhe - con
lassoluzione degli imputati) e nel 1886 viene eletto al Parlamento nelle file del Partito Radicale.
Nel 1893 aderisce al Partito Socialista Italiano, assumendo posizioni moderate. In seguito viceversa
lo troviamo a capo della corrente intransigente e nei Congressi del 1900 e del 1904 si batte contro
l'eventuale presenza di ministri socialisti nei governi borghesi. Collabora con diverse testate di
ispirazione socialista (tra cui La Martinella, organo dei socialisti toscani), e diventa Direttore
dell'organo del PSI, "Avanti!", nel 1903.
La carriera politica di Ferri si caratterizza per una serie di cambiamenti di direzione; persona di
grande fascino e di notevole abilit retoriche, ma mancante della consistente cultura in campo
economico allora diffusa tra i socialisti marxisti, dai suoi contemporanei viene considerato piuttosto
un tribuno e un oratore. Anna KULISCIOFF (Simferopol' 9 gennaio 1855 Milano 29 dicembre
1925; anarchica, medico e rivoluzionaria russa, tra i principali esponenti e fondatori del Partito
Socialista Italiano) che - in quanto esponente dell'area riformista del PSI e moglie di Filippo
TURATI (Canzo 26 novembre 1857 Parigi 29 marzo 1932; politico e giornalista italiano, tra i
primi e importanti leader del socialismo italiano e tra i fondatori a Genova - nel 1892 - dell'allora
24

Partito dei Lavoratori Italiani [che diventer il Partito Socialista Italiano]) - un suo bersaglio e nel
1903 cos lo descrive: "Il gran cialtrone non ha n cultura solida n ingegno. un vanesio, che non
vive che dell'approvazione pubblica, se gli manca questa non pi niente".
Nel 1908 Ferri si ritira dalla militanza attiva e abbandona per un po di tempo l'Italia, tenendo
conferenze a pagamento in America del Sud. Nel 1911 esprime apprezzamento per l'intervento
italiano in Libia; in seguito a ci esce dal PSI. Neutralista durante la Prima Guerra Mondiale, viene
rieletto deputato - nuovamente nelle file del PSI - alle elezioni del 1921; negli ultimi anni si
avvicina al Regime fascista e a Mussolini, tanto da venire nominato Senatore del Regno nel 1929,
pochi giorni prima di morire. In una conferenza del 1927 a Mantova sul tema Mussolini, uomo di
Stato, prendendosi "la soddisfazione di esaminare anche un po' antropologicamente" il duce, ne
mette in risalto "l'espressione superiore del pensiero e dell'azione politica", nonch qualche
"dettaglio lombrosiano" come una "tiroide eccezionale" e una "mascella a falce". Da "tale
impalcatura biologica" risulta un "uomo nuovo", "un accumulatore elettrico", un capo
carismatico che interpreta le aspirazioni della gente (ibid., pp. 98 ss.). Queste affermazioni
sanciscono la conclusione della parabola politica di Ferri.
Nel 1919 viene incaricato dal guardasigilli Ludovico MORTARA (Mantova 16 aprile 1855 Roma
1 gennaio 1937; avvocato, politico e docente universitario di Diritto Costituzionale italiano,
Ministro della Giustizia con il primo governo Nitti) di presiedere una Commissione con il compito
di preparare il nuovo Codice Penale. Il progetto viene presentato nel 1921, senza peraltro che vi sia
un seguito.
A differenza di Lombroso, Ferri studia soprattutto i collegamenti tra le influenze sociali e
economiche e i tassi di criminalit; le sue ricerche lo portano a sostenere che il principio base
dell'aumento della legalit siano i metodi di prevenzione del crimine e non i metodi di punizione dei
criminali.
Tra i fondatori della Scuola Positiva, orienta le proprie ricerche sul positivismo psicologico e
sociale in contrapposizione al positivismo biologico di Lombroso; contesta l'enfasi posta da questi
25

sulle caratteristiche fisiologiche dei criminali, concentrandosi invece sullo studio delle
caratteristiche psicologiche, che egli ritiene responsabili dello sviluppo del crimine in un individuo.
Tra queste caratteristiche vi sono il modo di parlare, la grafia, simboli segreti, la letteratura e l'arte,
cos come l'insensibilit morale e "una mancanza di ripugnanza per l'idea e l'esecuzione di
un'offesa - prima del suo compimento - e l'assenza di rimorso dopo il suo compimento". Ferri
riassume questa teoria definendo la psicologia criminale come "scarsa resistenza alle tendenze e
tentazioni criminali, dovuta a un impulsivit squilibrata tipica dei bambini e dei selvaggi".
Secondo lui il delitto un aspetto negativo e necessario della natura, che si manifesta in tutti gli
aspetti della realt - pertanto anche nella vita sociale; elabora una classificazione dei criminali
suddividendoli in cinque categorie: pazzi, nati tali, abituali, doccasione e per passione.
La sua opera pi nota si intitola Sociologia criminale, ove sostiene che le cause del delitto sono
molteplici e vi contribuiscono fattori organici, psichici, ereditari ed acquisiti, fisici, climatici, sociali
(es. la religione), la famiglia, leducazione e lassetto economico e politico.
Non esiste libero arbitrio, per cui non vi condanna morale; la responsabilit non legale ma
sociale, non sono le Leggi che servono a prevenire il delitto, ma i sostitutivi penali, cio la
creazione di condizioni che eliminino i fattori favorevoli ad esso (come esempio cita il regime
democratico che impedisce il delitto politico, il libero scambio che annulla contrabbando e
monopoli).
La pena per Ferri ha un fine difensivo e deve essere commisurata alla personalit del delinquente.
Paragona spesso il Socialismo al Darwinismo. Vede la religione e la scienza come inversamente
proporzionali, nel senso che quando una prende forza l'altra soccombe. Osserva che la teoria
dell'evoluzione di Darwin ha provocato un notevole danno alla religione e alle teorie della
Creazione secondo la Genesi, aiutando quindi lo sviluppo del Socialismo. Sostiene pertanto che il
Socialismo altro non che un'estensione del Darwinismo e della teoria dell'evoluzione.

26

Mario CARRARA (Guastalla 2 novembre 1866 Torino 10 giugno 1937), medico ed accademico,
prosegue gli studi di Cesare Lombroso ed considerato uno dei padri della Medicina Legale
italiana.
Figlio di Lodovico Carrara e di Bianca Zanotti, studia a Reggio Emilia e poi a Bologna, dove nel
1889 consegue la Laurea in Medicina. Collaboratore di Cesare Lombroso nel 1891 nell'Istituto di
Antropologia Criminale di Torino, dal 1898 al 1903 docente di Medicina Legale all'Universit di
Cagliari, per tornare in seguito a Torino ad occupare la cattedra lasciata libera dal suddetto, di cui
sposa non solo le idee positiviste ma anche la figlia Paola. E considerato uno dei massimi esperti
italiani di Medicina Criminale, chiamato a consulta in molti casi di grande rilievo, tra cui quello
BRUNERI/CANELLA [Il caso Bruneri/Canella, noto anche come Lo smemorato di Collegno,
un famoso caso di cronaca e giudiziario accaduto in Italia a partire dal 1926, riguardante la
riapparizione di un uomo. Due le identit attribuite allo smemorato al centro della controversia: il
professore Giulio Canella, (nato a Padova nel 1881, figlio di un letterato, trasferitosi a Verona dopo
gli studi classici, studioso e docente di filosofia, divenuto direttore di una Scuola magistrale.
Fondatore nel 1909 con padre Agostino Gemelli della Rivista di filosofia neoscolastica, e nel 1916
[anno di nascita della sua seconda figlia] del quotidiano Corriere del mattino, testata di stampo
cattolico; richiamato nell'esercito pochi mesi dopo e dato per disperso durante la prima guerra
mondiale) e Mario Bruneri (tipografo torinese nato nel 1886, anarchico senza fissa dimora, ricercato
dal 1922 per via di alcune condanne precedenti per truffa e lesioni)], in cui insieme ad Ernesto
LUGARO (Palermo 1870 Sal 1940; medico e psichiatra) sostiene la tesi Bruneri, tesi poi
confermata dal Tribunale civile di Torino con sentenza del 5 novembre 1928.
Nel 1904 nominato Direttore del Museo di Antropologia Criminale di Torino, divenuto - insieme
a quello di Roma dal 1909 - l'archivio criminale ufficiale d'Italia. Dal 1909 dirige anche la rivista
Archivio di Antropologia Criminale, Psichiatria e Medicina Legale e nel 1911 traduce ed amplia
il volume Diagnostica anatomo-patologica del patologo tedesco Johann ORTH (Wallmerod 14
gennaio 1847 13 gennaio 1923).
27

Uno tra pochissimi (15) docenti universitari italiani a non giurare fedelt al Fascismo (con
conseguente perdita della cattedra ed esclusione da tutte le cariche pubbliche), grazie alla sua
attivit di medico delle carceri torinesi nel corso degli anni 20 del 1900 ha modo di conoscere
molti oppositori del regime; quando suo cognato Guglielmo FERRERO (Portici 21 luglio 1871
Mont-Plerin 3 agosto 1942; storico e scrittore) costretto all'esilio, si avvicina agli ambienti
torinesi di Giustizia e Libert. e la sua famiglia diviene un punto di contatto per gli antifascisti
torinesi e quelli fuggiti all'estero.

Nella primavera del 1935 la sua casa viene perquisita nell'ambito dell'operazione che porta
all'arresto di Vittorio FOA (Torino 18 settembre 1910 Formia 20 ottobre 2008; politico,
giornalista e scrittore, esponente del pensiero di sinistra, considerato uno dei padri della Repubblica
italiana) e Massimo MILA (Torino 14 agosto 1910 Torino 26 dicembre 1988; musicologo, critico
musicale, antifascista e intellettuale) e nell'ottobre 1936 lui stesso viene arrestato per attivit contro
il Regime fascista; solo la sua et avanzata lo salva dal confino, viene per detenuto nelle Carceri
Nuove di Torino dove continua a lavorare al suo Manuale di Medicina Legale.

A Mario Carrara intitolato il pi grande parco della citt di Torino, comunemente noto come
Parco della Pellerina, e anche l'Istituto Professionale Statale di Guastalla, sua citt natale.

Raffaele GAROFALO (Napoli 18 novembre 1851 Napoli 18 aprile 1934; magistrato, giurista e
criminologo, seguace della Scuola Positiva) due anni dopo il conseguimento della Laurea in
Giurisprudenza all'universit di Napoli, nel 1874 entra per concorso in Magistratura, dapprima alla
Procura distrettuale di Napoli, in seguito alla Corte di Cassazione. Studia le letterature giuridiche
straniere, in particolare quella tedesca, e accoglie complessivamente i princpi della Scuola Positiva
sebbene, contrariamente alle posizioni di Lombroso e Ferri, non attribuisca molta importanza ai fatti
economici e all'educazione. Profondamente conservatore, avversario del Socialismo, fautore della

28

pena di morte, favorevole all'eliminazione degli individui psichicamente malati, il 4 aprile 1909
viene nominato Senatore del Regno e nel primo dopoguerra aderisce fin dall'inizio al Fascismo.

Garofalo mostra di apprezzare la teoria che commisura la gravit dei reati in base all'impulso ovvero alla causa che determina l'azione - piuttosto che in rapporto alla sussistenza della
premeditazione; ammette inoltre che lessenza del criminale non sempre connessa a caratteristiche
anatomiche anormali, come sostenuto da Lombroso, individuando la possibilit di un delinquente
psichico puro, senza stigmate somatiche : Il reo pu anche essere normale, dal punto di vista
somatico, almeno in apparenza; leredit morbosa pu apparentemente mancare del tutto, ci non
importante, perch lanomalia psichica tale da non potersi dubitare che si tratta di un
delinquente nato Il reo deve essere considerato come organicamente costituito da unanomalia
psichica permanente (Criminologia, testo edito nel 1885, pagg. 422-423).

Nel 1887 pubblica la traduzione di Das Verbrechen des Mordes und die Todesstrafe del giurista
tedesco Franz von HOLTZENDORFFH (Vietmannsdorf Brandeburgo, 1829 - Monaco 1889;
professore straordinario a Berlino nel 1861; dal 1873 ordinario all'Universit di Monaco) con il
titolo L'assassinio e la pena di morte, dedicandola allallora Ministro Guardasigilli Pasquale
Stanislao MANCINI (Castel Baronia, presso Ariano Irpino, 17 marzo 1817 - Napoli 1888;
professore di Diritto allUniversit di Roma, avvocato). Nell'introduzione al volume evidenzia come
parte pi scientificamente rigorosa il capitolo in cui l'autore - analogamente a quanto Mancini
insegna dalla cattedra di Diritto e Procedura Penale dell'Universit di Roma - fonda la
determinazione della gravit del reato sui moventi morali, superando il criterio basato sulla
premeditazione, in quanto giudica inammissibile la conclusione per cui un omicidio premeditato si
dovrebbe considerare comunque pi grave di uno non premeditato, quali che siano i motivi
determinanti il fatto nell'uno e nell'altro caso.

29

Concluso l'incarico presso il Ministero di Grazia e Giustizia, dal 1875 Garofalo passa - con il grado
di Aggiunto - al Tribunale civile di Napoli, intraprendendo stabilmente la carriera nella
Magistratura, senza peraltro abbandonare mai l'attivit di studio e di ricerca. In questo ambito egli
tradizionalmente accostato a Ferri e Lombroso tra i fondatori della Scuola Positiva del Diritto
criminale, materia di cui, nel 1891 presso l'Universit di Napoli, ottiene la libera docenza, insieme a
quella di Procedura Penale.

Su Ferri e su Lombroso Garofalo vanta, tuttavia, una priorit cronologica per aver pubblicato, nel
1877 sul Giornale napoletano (III, 5, f. 3), Della mitigazione dei reati di sangue e - poco pi tardi
Di un criterio positivo della penalit (Napoli 1880). In quest'ultima opera - espressamente
accostata, nell'introduzione, alla dottrina positivistica del filosofo francese Alfred Jules mile
FOUILLE (La Pouze 18 ottobre de 1838 - Lyon 16 gennaio 1912) - il criterio di determinazione
della pena viene rapportato alla temibilit del colpevole desumibile dai reati commessi, i quali
costituiscono la risultante di una gravit criminosa oggettiva, graduata sull'allarme sociale prodotto
dal fatto, e di una gravit soggettiva, incardinata alla tendenza del delinquente a commettere
successivamente altri reati.

Garofalo supera cos i criteri tradizionali che valutano i delitti sul fondamento della oggettiva
interrelazione tra il danno prodotto e la misura della pena, in parte influenzato dalla concezione
della pena di Gian Domenico ROMAGNOSI (Salsomaggiore Terme 11 dicembre 1761 Milano 8
giugno 1835; giurista, filosofo e fisico) come controspinta tanto pi energica quanto pi violento sia
stato l'impeto al delitto, ma subordinandola alla ricerca della gravit relativa del delitto in rapporto
sia alla personalit del delinquente, sia all'osservazione scientifica dei fatti e all'indagine statistica.

L'impostazione positivistica rimane alla base dei numerosi scritti che lo studioso dedica a questioni
particolari di Diritto Penale, come quella della riparazione: Riparazione alle vittime del delitto
(Torino 1887), Se e quali provvedimenti siano da suggerire per meglio assicurare la riparazione

30

dei danni derivati dal reato e per indennizzare le vittime degli errori giudiziari (relazione al III
Congresso Giuridico Nazionale di Firenze nel 1891) e La indennit alle vittime dei reati (estratto
dall' Enciclopedia giuridica italiana, Milano 1901).

In questi testi Garofalo configura la riparazione come figura ausiliaria della pena proponendo per i
reati lievi - in sostituzione delle pene carcerarie di brevissima durata - la condanna al pagamento di
un'indennit sotto forma di ammenda a favore dell'offeso e prevedendo energici mezzi coattivi per il
pagamento, sia preventivi (come il sequestro conservativo dei beni o l'iscrizione d'ufficio
dell'ipoteca sui beni immobili) sia esecutivi (come la vendita dei beni a favore dell'offeso o la
ritenuta sul salario da versare in un'apposita cassa a cura dei datori di lavoro). La riparazione alle
vittime del reato finisce quindi - per rivestire una funzione sociale accanto alla pena che, per,
mal si concilia con la tradizionale distinzione tra azione penale - posta a tutela dell'interesse
collettivo - e azione per danni sul cui oggetto pu intervenire anche una rinuncia del danneggiato o
una transazione.

Mariano Luigi PATRIZI (Recanati 23 settembre 1866 Bologna 9 settembre 1935; medico e
docente universitario), conclusi gli studi di Medicina a Roma nel 1890, diviene assistente
straordinario nel laboratorio di Fisiologia diretto da Angelo MOSSO (Torino 30 maggio 1846
Torino 24 novembre 1910; medico, fisiologo e archeologo, docente universitario e Senatore del
Regno) a Torino. Dopo aver insegnato negli atenei di Ferrara e di Sassari, nel 1897 si trasferisce a
Modena come professore di Fisiologia e Direttore dell'Istituto fisiologico; di qui passer a Torino,
succedendo sulla cattedra di Cesare Lombroso. Egli ritiene che il delitto sia solo una delle possibili
forme dellumano agire, lazione sempre espressione di un processo psicologico attivo;
dallattivit psichica anormale scaturisce lattivit anormale che si concretizza come condotta
antisociale; il delinquente prima di tutto tale psichicamente. La molteplicit delle alterazioni
psichiche rende ammissibile lesistenza di una pluralit di tipi psicologici criminali, superando

31

quindi il pensiero lombrosiano che perlomeno inizialmente - riconosce solo il tipo del delinquente
nato.

COSA RESTA DELLOPERA SCIENTIFICA DI CESARE LOMBROSO


L influenza che il pensiero di Lombroso e della Scuola Positiva ha avuto sulla Criminologia e sulla
evoluzione del Diritto Penale importante perch - come si visto - ha promosso la ricerca sullo
studio dellindividuo, lapproccio con metodologie scientifiche ha segnato linizio di vere e proprie
scuole criminologiche. Tale pensiero si diffuso contestualmente anche in Europa, al proposito il
belga Adolphe PRINS (Bruxelles 1845-1919) sottolinea il fatto che la dottrina classica ha cercato
di attribuire alla giustizia penale uno scopo assoluto ed irrealizzabile, quello cio di punire il reo
nellesatta misura della colpa morale da lui commessa. La giustizia penale per opera delluomo,
e quindi ha uno scopo relativo, che quello di proteggere la persona, la vita ed il patrimonio dei
cittadini; tale scopo pu essere raggiunto solo approntando strumenti adeguati (misure
indeterminate di difesa sociale) nei confronti dei soggetti giudicati pericolosi. Anche se codici
totalmente ispirati ai principi della Scuola Positiva non sono mai stati applicati, linfluenza del
pensiero positivistico/lombrosiano ha portato allintroduzione del principio secondo il quale va
tenuto conto, nellirrogare misure penali, anche della potenzialit criminale del reo. Tale principio si
realizzato secondo due indirizzi:

1. Col sistema del doppio binario (in vigore in Italia e Germania dal 1930) per il quale a
fianco delle pene tradizionali - commisurate alla gravit del reato - ai delinquenti ritenuti
socialmente pericolosi vengono disposte anche misure di sicurezza che si aggiungono alla
pena detentiva, misure per destinate a durare fino a quando non sia venuta a cessare la
pericolosit e perci per loro natura indeterminate nel tempo;
2. In altri sistemi (es. USA e Paesi scandinavi) il principio di commisurare lintervento
criminale alla potenzialit criminale ha portato negli anni 50 del secolo scorso
allintroduzione della pena indeterminata, la cui durata non preventivamente stabilita, ma
32

dipende dalle possibilit di successo del trattamento. Qui non si ha laffiancarsi di pene e di
misure di sicurezza (doppio binario) , ma la pena assume le caratteristiche della misura di
sicurezza; si pu cio irrogare una pena che spazia da uno a ventanni di reclusione e la
scarcerazione avverr solo se - a giudizio di organi tecnici e non giurisdizionali - il reo sar
ritenuto risocializzato.

Le misure di sicurezza e le pene indeterminate sono oggi per sottoposte a severa critica e
pressoch abbandonate o in crisi, infatti una troppo cieca fiducia nelle Scienze umane e nella
loro capacit di analisi della personalit, di previsione della futura condotta sono molto
rischiose: si pensi alle incertezze di un giudizio di pericolosit fondato in prevalenza su fattori di
previsione comportamentali imponderabili, molte volte soggettivi od intuitivi, al rischio di errori
nel valutare la persona, senza la possibilit di ancorarsi a obbiettivi dati di fatto, alla
indeterminatezza delle misure e della conseguente assenza di certezza del diritto (Gianluigi
PONTI Compendio di Criminologia).

La Scuola Positiva ha per avuto il merito di introdurre il principio secondo cui le caratteristiche
della persona devono essere considerate nella commisurazione della pena, cos come bisogna
tenere conto delle condizioni sociali agenti sul reo; perci alla Scuola Positiva va il merito di
avere spinto il pensiero penale moderno verso il principio della individualizzazione della
sanzione e del trattamento individualizzato del delinquente.

La Scuola Positiva ha concorso ad ispirare quello che pu considerarsi lattuale problema della
politica penale: fare coesistere ed armonizzare - nella valutazione dei delitti - lapproccio
individuale, lapplicazione diversificata delle sanzioni, con salvaguardia dei diritti di difesa, del
principio di legalit, della giurisdizionalit dei provvedimenti e della certezza del Diritto.

I grandi dibattiti, le accese polemiche che la scuola di Lombroso ha suscitato fin dal suo sorgere
non hanno impedito laccoglimento di uno degli insegnamenti pi fecondi del Positivismo:
33

linteresse incentrato sullo studio dellindividuo, interesse che ha alimentato fino ad oggi un
indirizzo fondamentale della Criminologia, che lindirizzo individualistico, ove fondamentale
la ricerca delle caratteristiche che - nei singoli autori di reato - possano assumere il significato
di causa o di fattori rilevanti, per rendere conto del comportamento delittuoso. Tali teorie
individualistiche sfoceranno nella Criminologia clinica, che vede come esponente di riferimento
la figura di Benigno DI TULLIO (Forl del Sannio 1896 - Roma 1979) il quale ha il merito di
avere mantenuto gli interessi criminologici vivi durante il Fascismo (decisamente ostile a questa
disciplina). Di Tullio auspica e propugna una stretta collaborazione tra Diritto Penale e
Criminologia: diventa dunque centrale lesame scientifico della personalit dellimputato,
pertanto la perizia psichiatrica dovrebbe trasformarsi in una perizia psichiatrico-criminologica.
Per Di Tullio il trattamento deve basarsi sulla conoscenza della personalit del delinquente,
riconosce che modificare la personalit antisociale difficile, per conforme al progresso delle
Scienze. Sorge dunque negli anni 50 del secolo scorso lideologia del trattamento, che costituir
un momento fondamentale della storia della Criminologia e della politica penale e che avr
ripercussioni sulla filosofia della pena e sullistituzione carceraria.

Il carcere deve servire a punire, ma soprattutto a curare, cio a risocializzare i criminali; nelle
strutture carcerarie italiane trovano posto nuove figure di operatori (educatori, psicologi,
psichiatri, assistenti sociali), si assiste alla nascita di strutture edilizie comunitarie, attivit
ricreative, sportive e culturali, viene introdotto lutilizzo di tecniche psicoterapiche nellintento
di modificare la personalit del delinquente e renderlo conforme alle regole.

Le misure di sicurezza

Le misure di sicurezza (previste e disciplinate dagli artt. 199 e ss del Codice Penale, nonch
dall'art. 25 della Costituzione che estende espressamente alle misure di sicurezza il principio
della riserva di Legge) sono un'innovazione del Codice Rocco e rappresentano la forma con la

34

quale il Codice Penale ha concretizzato la teoria del doppio binario: mentre la pena deve
assolvere alla funzione di retribuire il reo per il reato commesso e di reintegrare lordinamento
giuridico, la misura di sicurezza ha la finalit di prevenire il pericolo di una ulteriore condotta
criminale da parte dell'autore di un reato o di un quasi reato (artt. 49 C.P. e 115 C.P.), attraverso
la sua emenda o risocializzazione. In tale prospettiva si sostiene che la natura delle misure di
sicurezza sia amministrativa, essendo revocabili (viceversa la prevalente dottrina osserva che
esse sono applicate dall'Autorit giudiziaria e che sulla loro esecuzione vigila il Magistrato di
sorveglianza; in merito alla revocabilit quale indice della natura amministrativa del
provvedimento replica che la revocabilit non costituisce un requisito indefettibile e strutturale
di un provvedimento amministrativo).

Ulteriori elementi di distinzione tra misure di sicurezza e pena sono:

l'applicabilit delle misure di sicurezza sia ai soggetti imputabili che ai soggetti non
imputabili mentre le pene possono essere applicate soltanto ai primi;

il fatto che le pene sono sempre afflittive mentre le misure di sicurezza potrebbero anche
non esserlo;

il fatto che le pene hanno una durata prestabilita - sia pure entro i margini della cornice
edittale - mentre le misure di sicurezza sono determinate soltanto nella loro durata
minima.

Secondo la pi recente dottrina invece, le misure di sicurezza presenterebbero numerose affinit con
la pena sotto il profilo della funzione, nel senso che - a seguito dell'entrata in vigore della Carta
Costituzionale - anche alla seconda stata assegnata la funzione specialpreventiva di
risocializzazione del reo; in tale prospettiva si osserva che, a mente dell'art. 204 C.P., i parametri di
valutazione per l'applicazione delle misure di sicurezza sono gli stessi previsti per la pena, cio
quelli elencati nellart. 133 C.P.

35

La distinzione tra pene e misure di sicurezza - entrambe dirette alla difesa sociale ed alla lotta
contro il delitto - sarebbe dunque da ravvisare nelle peculiarit strutturali ed applicative delle due
misure e nel fatto che le misure di sicurezza sarebbero maggiormente connotate dalla funzione
specialpreventiva.

In particolare, mentre la tesi tradizionale sostiene che il presupposto per l'applicazione delle misure
di sicurezza sia la pericolosit del destinatario della misura, essendo il reato commesso una mera
occasione per la sua applicazione, secondo altra parte della dottrina anche le misure di sicurezza
sarebbero applicate come conseguenza della commissione di un reato, del quale, infatti, debbono
sussistere tutti gli elementi costitutivi - sia sotto il profilo materiale, sia sotto il profilo psicologico essendo tassative le ipotesi in cui le misure di sicurezza sono applicate a prescindere dalla
commissione di un reato (cfr. i gi richiamati artt. 49 e 115 C.P). Oltre al presupposto oggettivo
della commissione di un reato, ai fini dell'applicazione della misura di sicurezza altres necessario
che sia accertata in concreto la pericolosit sociale del destinatario della misura (al riguardo - ex art.
31 della L. n. 663 del 1981 - non sono pi ammesse ipotesi di pericolosit presunta).

Le misure di sicurezza non possono poi essere applicate se non in forza di una disposizione di
Legge; sotto il profilo temporale deve sottolinearsi come, al contrario delle pene, esse sono regolate
dalla Legge vigente al momento della loro applicazione e non da quella vigente al momento della
commissione del reato. Ne consegue che, se non legittimo applicare una determinata misura di
sicurezza con riferimento ad un fatto non costituente reato all'epoca della sua commissione, ben
possibile applicare una misura di sicurezza non prevista dalla Legge al momento della commissione
di un reato e tuttavia - prevista dalla Legge al momento della sua applicazione.

Le misure di sicurezza possono essere applicate dal Giudice della cognizione o dal Magistrato di
sorveglianza e sono eseguite dopo la pena detentiva. Esse hanno una durata variabile che pu
modificarsi nel tempo in relazione alla pericolosit sociale del destinatario, nel senso che - trascorso

36

il periodo minimo stabilito dalla Legge - il destinatario viene sottoposto a controllo per verificare la
persistenza o l'esaurimento della sua pericolosit; a seguito di tale controllo il Giudice pu fissare
un nuovo termine o la revoca della misura di sicurezza.

Le cause di estinzione del reato o della pena estinguono le misure di sicurezza.

Le misure di sicurezza personali detentive sono:

1) la colonia agricola o casa di lavoro (artt. 216-218 C.P.);

2) la casa di cura e di custodia (artt. 219 -221 C.P.);

3) l'ospedale psichiatrico giudiziario (art 222 C.P.; con sentenze nn. 324/1998 e
253/2003 la Corte Costituzionale ha dichiarato l'incostituzionalit della norma nella
parte in cui non ha escluso la sua applicabilit ai minori di anni diciotto - sentenza n. 324
- e nella parte in cui ha escluso ogni margine di discrezionalit in ordine alla misura da
applicare da parte del Giudice sentenza n. 253);

4) il riformatorio giudiziario (artt. 223 - 227 C.P.).

Le misure di sicurezza personali non detentive sono:

la libert vigilata (artt. 228-232 C.P.);

il divieto di soggiorno (art. 233 C.P.);

il divieto di frequentare osterie e pubblici spacci di bevande alcoliche (art. 234 C.P.);

l'espulsione dello straniero dalla Stato.

Le misure di sicurezza patrimoniali :

sono la cauzione di buona condotta e la confisca; con riferimento a quest'ultima, una particolare
forma costituita dalla confisca per equivalente introdotta dall'art. 11 della L. n. 146 del 16/2003.
37

IL MUSEO DI ANTROPOLOGIA CRIMINALE DI TORINO

Fin dal 1866, anno in cui inizia a lavorare come medico militare, Cesare Lombroso si dedica alla
raccolta di crani, scheletri, cervelli e via dicendo, dando vita al primo nucleo del museo privato,
inizialmente conservato nella sua abitazione torinese. Alla collezione di crani di militari e di gente
comune provenienti da tutte le regioni d'Italia, ben presto se ne aggiungono anche di provenienti da
Paesi lontani, ed inoltre crani di criminali e folli raccolti nelle carceri e nei manicomi. Nel 1878,
nominato professore di Medicina Legale all'Universit di Torino, Lombroso riesce a ottenere due
locali nel seicentesco convento di San Francesco da Paola, edificio che riadattato - diviene sede
del laboratorio di Medicina Legale e di Psichiatria sperimentale nonch sede della raccolta. Gina
LOMBROSO (Pavia 5 ottobre 1872 Ginevra 27 marzo 1944), figlia e biografa di Cesare, cos
descrive l'interesse del padre intento a collezionare oggetti per il proprio museo: Per quanto
disordinato e noncurante di quello che possedeva, Lombroso era un raccoglitore nato - mentre
camminava, mentre parlava, mentre discorreva; in citt, in campagna, nei tribunali, in carcere, in
viaggio, stava sempre osservando qualcosa che nessuno vedeva, raccogliendo cose, comperando un
cumulo di curiosit, di cui nessuno - e neanche egli stesso qualche volta - avrebbe saputo dire il
valore, ma che si riannodavano nel suo incosciente a qualche studio passato o presente.
(Lombroso Ferrero Gina, 1921; pag. 355) La prima esposizione pubblica dei reperti raccolti a
seguito di uninstancabile attivit viene realizzata nel 1884, nell'ambito dell'Esposizione Nazionale
di Torino e - seppure modesta come mostra - attira comunque un vasto pubblico, incoraggiando sia
l'allestimento di mostre successive sia la realizzazione del Museo Psichiatrico e Criminologico,
ufficialmente istituito nel 1892. L'esposizione della raccolta lombrosiana al Congresso Penitenziario
Internazionale di Roma nel 1885 risulta ben pi ricca, grazie anche al notevole apporto di reperti
fatti giungere da altri studiosi conquistati dalle teorie lombrosiane e solleciti (su invito dello stesso
Lombroso e di altri professori della capitale a medici carcerari, alienisti, direttori di manicomi,
anatomo-patologi) a spedire a Roma crani, cervelli, fotografie di criminali, di pazzi morali, di

38

epilettici e lavori dei medesimi, carte grafiche e geografiche dell'andamento dei delitti in Europa. A
proposito del successo ottenuto sia dal Congresso che dall'Esposizione di Antropologia criminale, lo
stesso Lombroso scrive:Ha significato anche di pi, che le nostre teorie sono basate sopra un
ammasso di fatti, constatabili da chiunque; ha provato che, malgrado le opposizioni di uomini
egregi, la nostra Scuola ha trascinato e convinto i migliori scienziati d'Europa, i quali non
sdegnarono di mandarci - come prova della loro simpatia - i pi preziosi documenti della loro
raccolta. L'esposizione viene riproposta nel 1889 in occasione del Secondo Congresso
Internazionale di Antropologia Criminale di Parigi. Nel 1892, proprio al momento
dellinaugurazione del museo lombrosiano, si apre la polemica tra la Direzione Generale delle
carceri e il museo di Torino per l'acquisizione del materiale proveniente dalle carceri e dagli Uffici
giudiziari. Il diritto di prelazione esercitato dal museo torinese ha impedito, fino ad ora, che
l'Amministrazione delle carceri realizzi un proprio museo. Nello stesso anno Martino BELTRANI
SCALIA (Palermo 15 febbraio 1828 Palermo 11 febbraio 1909; politico ed esperto di carceri)
promuove l'ampliamento della raccolta conservata nella Scuola degli Agenti di custodia di Roma.
Lombroso reagisce con vigore a simile prospettiva e, per impedire l'operazione, scrive una lettera al
Sottosegretario del Ministero degli Interni, on. Piero LUCCA (Casale Monferrato 10 maggio 1850 Roma 13 agosto 1921), e al Presidente del Consiglio dei Ministri, Antonio STARABBA marchese
DI RUDINI(Palermo 6 aprile 1839 Roma 6 agosto 1908) - interessato alle tesi lombrosiane chiedendogli di disporre ufficialmente la cessione del materiale conteso al museo di Torino. La
richiesta di Lombroso trova accoglimento da parte delle Autorit, sicch con una semplice lettera il
Nostro ottiene la concessione di quelli che sono per lui veri tesori. La fortuna era stata troppa,
perch non l'acciuffasse con la maggior energia; senza perdere un minuto di tempo, senza badar a
spese, 48 ore dopo egli era a Roma, aveva imballato ogni cosa e l'aveva portata seco a Torino. E
ben fece, tre giorni pi tardi il Ministero cadeva, e subito s'era mosso chi voleva far revocare il
generoso Decreto. Ma la preda era gi installata ufficialmente a Torino (Lombroso Ferrero Gina,
op. cit.: pp. 361 e ss.)
39

Nel marzo del 1892 intanto Lombroso ottiene anche finanziamenti per il suo museo nella misura di
un sussidio straordinario di 500 lire e una sovvenzione annua, pi un contributo del Ministero della
Pubblica Istruzione; al Museo Psichiatrico Criminale viene riconosciuta inoltre la dignit di
strumento di ricerca scientifica. Il suo obiettivo di fare del museo in parola l'unico centro di raccolta
e conservazione di reperti criminologici si realizza pienamente con l'emanazione - da parte del
Ministero dell'Interno, Direzione Generale delle carceri - della Circolare 15 marzo 1892, con la
quale si impartiscono disposizioni alle Direzioni delle carceri giudiziarie circa l'invio a Torino di
oggetti, scritti, documenti di interesse scientifico-criminologico. Il 30 settembre dell'anno
successivo il Ministero di Grazia e Giustizia emana una Circolare con la quale dispone che le
Cancellerie penali consegnino al museo lombrosiano armi o altri strumenti con i quali sono stati
commessi delitti. La disposizione sar riconfermata in data 21 giugno 1909, con la precisazione che
sia fatta un'equa ripartizione dei corpi di reato tra il museo di Torino e il museo di Roma, istituito
nel 1904 dal medico legale Salvatore OTTOLENGHI (Asti 20 maggio 1861 Roma 20 marzo
1934; ex allievo di Lombroso), nell'ambito della prima Scuola di Polizia scientifica, situata
nell'edificio delle Carceri Nuove, in via Giulia.

Il museo di Lombroso, ampliato anche negli spazi messi a disposizione dall'Universit, intanto
assume dignit scientifica e, nella nuova versione, viene inaugurato nel 1898, in occasione del
Primo Congresso Nazionale di Medicina Legale. Nel 1904 Mario Carrara, nominato Direttore, cura
il trasferimento e l'allestimento dei reperti nei nuovi locali dell'Istituto di Medicina Legale, al
Valentino in via Michelangelo.
Nel 1909, alla morte di Cesare Lombroso, il museo accoglie i resti della sua salma (lo scheletro, il
volto, il cervello e i visceri). Il Nostro, accusato in vita di aver infierito su disgraziati e reietti,
godendo in certo qual modo dello strazio dei loro corpi e delle loro anime, dona infatti, per
disposizione testamentaria, il proprio corpo alla Scienza, ritenendo di rispondere cos, post mortem,
alle critiche rivoltegli. Il suo corpo viene sottoposto ad autopsia e gli esiti sono a dir poco

40

sconcertanti: secondo le sue stesse teorie sarebbe stato da ritenere affetto da cretinismo perpetuo. Il
referto dellesame autoptico, eseguito 39 anni dopo lesame del cranio di Villella, spiazzante: il
cervello di Lombroso risulta ricco di pieghe di passaggio, ossia di una delle tipiche stimmate
delinquenziali.

La morte dell'antropologo per segna anche una fase di declino del museo; a partire dal 1910 la
disposizione di spartire equamente i reperti tra le due citt non pi osservata e il materiale di
maggiore interesse scientifico viene inviato al museo istituito da Ottolenghi. A Torino intanto
continuano a pervenire scheletri di delinquenti morti nelle carceri della citt, sulla forca, mentre la
famiglia dona l'intero studio del professore, completo di scrivania, biblioteca, appunti autografi,
ricordi personali. La fisionomia del museo cambia, assumendo sempre pi quella di un museo di
Medicina Legale, anche perch ormai le teorie positiviste hanno perso credibilit scientifica. Dopo
la guerra, nel 1948 trasloca nei locali appositamente costruiti per l'Istituto di Medicina Legale in
corso Galileo Galilei, destinato all'Istituto di Antropologia Criminale, facente parte della rete
museale dell'Universit di Torino. Nel 2009 la collezione trova sede presso il Palazzo degli Studi
anatomici al Valentino e pi precisamente in via Pietro Giuria 15, in un allestimento aperto al
pubblico (accolto allingresso proprio dallo scheletro di Cesare Lombroso). Il museo possiede
preparati anatomici, disegni, fotografie, corpi del reato e realizzazioni artigianali dei prigionieri di
carceri e manicomi criminali, oltre al famoso studio del Nostro. In particolare esposto un notevole
numero di maschere facciali di cera, opera di Lorenzo TENCHINI (Brescia 1852 1906;
criminologo, antropologo e professore di anatomia dellUniversit di Parma, convinto lombrosiano,
che concepisce lidea di allestire una sorta di galleria degli aspetti somatici e fisiognomici dei
criminali e vi si dedica dal 1885; oltre ai consueti rilievi descrittivi e metrici ed al disegno delle
caratteristiche del cervello procede al calco facciale da cui allestisce la maschera in cera).

Si trova anche un grande modello in legno smontabile - del carcere di Filadelfia, costituito da due
serie parallele di celle, ciascuna delle quali comunica con un piccolo spazio a cielo aperto, ove si
41

attua la forma di carcerazione detta sistema pennsilvanico, nella quale il condannato espia la sua
pena in perpetuo isolamento, notturno e diurno. Si segnala il voluminoso vestito di tal Giacomo
VERSINO, ammalato di demenza precoce ricoverato nel manicomio di Collegno, il quale ha
intessuto il suo particolare vestito con filacce di stracci, ottenendo un indumento alto m, 2,06 e
del peso di Kg. 43.

Da ultimo il Museo espone (dono dellArmeria Reale di Torino nel 1924) luniforme variopinta di
Antonio GASPARONI, detto GASPARONE (Sonnino 12 dicembre 1793 Abbiategrasso 1 aprile
1880), famoso capobanda in azione nello Stato Pontificio, in particolare nei confronti delle
propriet ecclesiastiche, considerato dalla gente umile una specie di eroe e giustiziere e dal Nostro
vero tipo del delinquente nato sulla base delle sue caratteristiche anatomiche e psicologiche.

Tutti questi oggetti, provenienti da diverse parti del mondo grazie agli invii di allievi ed ammiratori
di Lombroso, sono stati oggetto di studio al fine di confermare la teoria dell'atavismo criminale, poi
rivelatasi infondata.

42

BIBLIOGRAFIA

Compendio di Criminologia: Gianluigi PONTI , Editrice Raffaello CORTINA 1990;

Cesare LOMBROSO Professore allUniversita di Torino 1876-1909: Archivio Storico


Universitario di Torino

Cesare LOMBROSO: Pier Luigi BAIMA BOLLONE , Societ Editrice Internazionale 1992;

Criminologia: Antonio ZULLO, Master in Criminologia Regione Piemonte 30.10.12;

Dizionario Biografico: Treccani 1999;

Cervello e Comportamento Criminale: Monica CAPIZZANO , Lulu Enterprises Inc. 2012;

Museo di Antropologia Criminale di Torino: www.museounito.it

Wikipedia: Lenciclopedia libera

Alice SETTI : Viaggio allinterno del Sepolcro dei vivi, scritture murali in carceri italiane
dellet moderna 2008 www.veleia.it

Stefano DAURIA : Cesare Lombroso, gli studi ed i successori del grande antropologo
Roma, Rassegna penitenziaria .it

43

Interessi correlati