Sei sulla pagina 1di 2

PERCHÉ COLTIVARE I GERMOGLI:

Ci sono mille motivi per cui ha senso dedicarsi alla germogliazione


casalinga. Potremmo raccontarvi di come nel 1940 l'esercito Americano
avesse condotto un'approfondita ricerca per l'utilizzo dei germogli come
base alimentare per le truppe in guerra o di come, durante la prima
guerra mondiale, le truppe inglesi nella preparazione delle trincee riser-
vassero sempre uno spazio per la coltivazione dei germogli. Fonda-
mentali per combattere lo scorbuto.
Ma, detto sinceramente, a meno di non venir travolti da qualche malau-
gurata catastrofe, direi che possiamo rimanere sui motivi più “faceti”
benché, dal punto di vista dell'agricoltura urbana, più importanti fonda-
mentali.

Le qualità nutrizionali sono sicuramente uno dei principali


motivi di interesse. I semi sono “bombe” cariche di nutrienti pronte ad
esplodere in un tripudio di foglie, steli, fiori e frutti. In loro sono raccolte
tutte le energie che, in potenza, daranno forma e struttura alla pianta.
Ma nella forma “seme” la maggior parte di questi elementi nutritivi sono
“chelati” ossia stoccati in forma non assimilabile dal nostro corpo. Nel
momento stesso in cui il seme germoglia, la batteria-seme si mette in
moto modificando, moltiplicando, scindendo sostanze complesse:
tiamina, niacina, vitamina C, carotene, fosforo, RNA, DNA,
Mini Guida alla bio-flavonoidi, amino-acidi... tutto esplode in un concorso di vita. Per
fare solo un paio di esempi: in un germoglio di broccolo ha 5 volte il
Germogliazione contenuto di antiossidanti del broccolo stesso e, in linea generale, il
contenuto di vitamina C dei germogli può raggiungere quello di un
Casalinga pomodoro.

La facilità di produzione e la disponibilità conti-


nua. A differenza delle colture da orto lo spazio richiesto per un'abbon-
dante produzione di germogli è minimo così come il tempo necessario
alla loro produzione. Inoltre, sempre a differenza delle piante da orto, i
germogli saranno disponibili tutto l'anno anche se i termometri dovesse-
orgogliosamente scritta, redatta ro scendere sotto lo zero per diverse settimane. In base al metodo che
ed illustrata ad uso e consumo sceglierete per la vostra produzione saranno necessari pochi centimetri
delle giovani generazioni, di superficie piana ed acqua per avere una notevole produzione senza
dai simpatici tipi di Orto di Carta la minima fatica.

La qualità a basso costo. I vostri germogli saranno di qualità


superiore al Bio in commercio. Saranno i Vostri, saprete esattamente
con che acqua li avete bagnati, la quantità di luce che avranno preso, li
avrete toccati, girati e curati. Per iniziare, consigliamo di acquistare
semi apposta per la germogliazione (quelli commerciali per l'orto
vengono spesso trattati con dei ritardanti o degli anti-fungini) ma nulla
vieta che voi preserviate qualche seme da coltivare nell'orto o sul balco-
ne in modo da creare, nel tempo, la vostra produzione personale di
semi da germogliatore. Considerate che il prezzo medio di una bustina
di semi si aggira intorno ad 1,50 – 2,00 € e che i semi germogliati posso
aumentare da 7 a 15 volte il loro peso... fatti due conti, questo vuol dire
che da una bustina da 35g di crescione io posso ottenere un raccolto di
circa 350g a 0,57 all'etto. Fermo restando la pressoché totale gratuità
dell'operazione nel caso ci si autoproduca i semi.

L'ecologia e la salute. Prodursi da sé i germogli vuol dire


avere il massimo della freschezza dalla propria produzione. Nessun
trattamento conservante, nessun complesso packaging, nessun deca-
dimento dei nutrienti durante la prolungata sosta sugli scaffali di un
negozio. I germogli prodotti in casa garantiscono il massimo del valore
nutrizionale senza bisogno di spostare camion da una parte all'altra del
paese.

Con i germogli possiamo rinnovare il menù con sofisticate insalate


miste o piatti caldi sfruttando la minore cuticola cellulare delle giovani
http://ortodicarta.wordpress.com piantine più facilmente assimilabili dal nostro organismo.
COME COLTIVARE I GERMOGLI:
Esistono in commercio diversi germogliatori così come, in internet, è possibile reperire centinaia di consigli e progetti per autocostruir-
si economici sistemi per la germogliazione.
In generale il sistema è uguale per tutti: i semi vengono innaffiati e l'acqua lasciata drenare via in modo che siano umidi ma non a mollo.
Uno dei sistemi più semplici e facilmente realizzabili comporta l'utilizzo di un barattolo di vetro, un pezzo di garza sintetica tipo calza di
nylon ed un elastico.

Step by Step
1° La sera, prima di andare a dormire, prendete i semi che volete far germogliare. Controllate che non ve ne siano di rovinati ed elimina-
te eventuali impurità. Mettete i semi nel barattolo e riempite d'acqua in modo che quest'ultima copra i semi di un paio di centimetri.
Lasciateli riposare per 8-12 ore. Nel caso di semi più grandi, come soja o fagioli, converrà lasciarli riposare per 12-24 ore. Bisognerà
sempre considerare l'aumento di volume dei germogli ed utilizzare barattoli sufficientemente grandi da poter contenere lo sviluppo
degli stessi.
2° Il mattino seguente si dovrà coprire la bocca del barattolo con la garza fissandola con l'elastico e scolare i semi. Risciacquate i semi
con dell'acqua fresca e ri-scolate nuovamente. Fate attenzione che l'acqua dreni tutta lasciando i semi umidi ma non a mollo in modo
da evitare il rischio di marciumi e muffe. Collocate il vaso a testa in giù (leggermente inclinato) su uno scolapiatti, in un posto luminoso
ma non in pieno sole, in modo che l'acqua in eccesso continui a scolare. In realtà i semi non necessitano di luce per germogliare
anche se alcuni li espongono al sole poco prima di consumarli in modo da aumentarne il contenuto di clorofilla e di Vitamina C a
spese della Vitamina B2 che diminuisce proporzionalmente.
3° Ripetete il “lavaggio” dei semi 1 o 2 volte al giorno (mezzogiorno e sera) scolando sempre molto bene.
4° Dopo 4 o 5 giorni (ma dipende molto dal tipo di semi e dall'ambiente esterno) i germogli saranno pronti per essere raccolti. Date
un'ultima risciacquata e preparate in tavola! Nel caso non voleste mangiarli subito, i germogli possono essere conservati in frigo in
contenitori aperti. Avendo l'accortezza di rinfrescarli in acqua ogni tre-quattro giorni si potranno conservare per 7-14 giorni circa (in
base al tipo di germogli).

TABELLA DI SINTESI: estratta da www.thelifeco.com/sprouting-chart.aspx


Tempo Dimensioni
Semi Quantità secca Tempo di ammollo Raccolta Suggerimenti
germinazione alla raccolta

Frutti a guscio Tutte Conservare in


ammollare in acqua a (noci, mandorle...) 1 tazza 12 ore - 2 tazze -
acqua o in frigo
temp. ambiente No arachidi o anacardi

Semi decorticati Semi di zucca 1 tazza 4 ore 24 ore 2 tazze 0 - ¼ cm


ammollare in acqua a
temp. ambiente Girasole 1 tazza 4 ore 24 ore 2 ½ tazze ½ cm

Sesamo 1 tazza 4 ore 24 ore 1 ½ tazze ¼ cm Amari se lasciati a


lungo

Piccoli Semi Amaranto 1 tazza 3 ore 24 ore 3 tazze ¼ cm


(alcalinizzanti)
ammollare in acqua molto Miglio 1 tazza 5 ore 12 ore 3 tazze 0 - ¼ cm Massima azione
calda alcalinizzante

Quinoa 1 tazza 3 ore 24 ore 3 tazze ½ cm

Semi Grandi Grano saraceno 1 tazza 15 min 24 ore 3 tazze ¼ cm


(acidificanti)
ammollare in acqua molto Kamut 1 tazza 6 ore 36 ore 3 tazze ½ cm
calda Segale 1 tazza 6 ore 36 ore 3 tazze ½ cm

Farro 1 tazza 6 ore 36 ore 3 tazze ½ cm

Grano triticale 1 tazza 6 ore 36 ore 3 tazze ½ cm

Grano 1 tazza 6 ore 36 ore 3 tazze ½ cm

.
Riso Selvatico 1 tazza 24 ore a consumo 3 tazze 0

Legumi Adzuki ½ tazza 8 ore 3 giorni 4 tazze 2 cm Mantenere pressati


Ammollare in acqua
molto calda Ceci 1 tazza 12 ore 3 giorni 4 tazze 2 cm Complessi proteici
(permette agli amidi di completi
convertirsi in zuccheri
Piselli 1 ½ tazze 8 ore 3 giorni 4 tazze 2 cm
complessi)
Lenticchie ¾ tazza 8 ore 3 giorni 4 tazze 2 cm

Fagioli Lima 2 tazze 12 ore 12 ore 4 tazze 0

Fagioli Mungo ½ tazza 8 ore 4 giorni 4 tazze 4 cm Mantenere pressati

Piccole Verdure Alfalfa 3 cucchiai 5 ore 5 giorni 4 tazze 5 cm


(esporre a luce diretta per
la produzione di clorofilla) Cavolo 3 cucchiai 5 ore 5 giorni 4 tazze 4 cm
ammollare in acqua a Trifoglio 3 cucchiai 5 ore 5 giorni 4 tazze 5 cm
temperatura ambiente
Fieno Greco ¼ tazza 6 ore 5 giorni 4 tazze 5 cm

Un po' meno
Aglio ¼ tazza 5 ore 5 giorni 3 tazze 3 cm
saporiti dei bulbi

Senape 3 cucchiai 5 ore 5 giorni 4 tazze 3 cm piccante

Cipolla 3 cucchiai 5 ore 5 giorni 3 tazze 3 cm piccante

Rapanelli 3 cucchiai 6 ore 4 giorni 4 tazze 3 cm piccante

Questa tabella è, ovviamente, solo indicativa. I tempi di sviluppo dei germogli sono suscettibili a numerose modifiche legate alla
temperatura dell'acqua, dell'ambiente...
La soluzione migliore rimane quella di sperimentare in modo da creare le vostre preferenze e le vostre metodologie preferite. Provate
diversi tipi di semi in modo da trovare quelli che meglio si adattano ai vostri gusti ed alle vostre abitudini alimentari: cucinare con i germo-
gli non è una delle competenze che ci vengono trasferite con il tempo di cottura per gli spaghetti o il modo ottimale per fare il caffè...
provate tutto ciò che vi viene in mente!!!
Buona Germinazione