Sei sulla pagina 1di 3

Al Presidente del Consiglio Regionale

Giuseppe Di Pangrazio

RISOLUZIONE URGENTE
di iniziativa del Consigliere Regionale del Gruppo Movimento 5 Stelle Pietro
Smargiassi
OGGETTO: Casa di riposo SantOnofrio di Vasto
Premesso che
-

Nei mesi di giugno, luglio 2014 personale dei Nas, Vigili del Fuoco ed ASL hanno
eseguito indagini allinterno della Casa di Riposo SantOnofrio in Vasto, dalle quali
sono emerse una serie di criticit sotto laspetto strutturale, della sicurezza nonch
del setting assistenziale pi appropriato agli ospiti della struttura;

Dette criticit hanno indotto lOrganismo Straordinario per la temporanea gestione


unificata delle IPAB della Provincia di Chieti a deliberare, in data 04 agosto 2014,
tra laltro, lavvio delle procedure per la sospensione immediata dellattivit
esercitata dalla suddetta casa di Riposo, dando priorit agli ospiti che presentano
patologie sanitarie non idonee allaccoglienza presso la predetta struttura, previa
adozione delle misure necessarie a tutela degli ospiti stessi;

Con propria recente ordinanza il sindaco del Comune di Vasto ha previsto la


chiusura dellattivit Casa di riposo di vasto SantOnofrio nel termine di venti
giorni dalla notifica della succitata ordinanza ed il trasferimento degli ospiti in altre
strutture nel termine di 10 giorni, sempre decorrenti dalla notifica del pi volte
richiamato provvedimento;

Considerato che:
-

Talune delle criticit evidenziate dai N.A.S. sono state superate e, peraltro, gli ospiti
della struttura sono stati tutti adeguatamente alloggiati al primo piano della stessa al
fine di ovviare ai rischi connessi alleventuale utilizzo della scala presente nella
struttura, necessitante di adeguamento alle recenti norme sulla sicurezza;

Ricordato che:
-

il SantOnofrio, oltre che a rappresentare un pezzo di storia per la citt del Vasto
visto che trattasi di un edificio risalente al 1406 in cui ospitata una chiesa di
straordinario valore artistico, da sempre una casa di vita e di speranza per i pi
bisognosi e meno fortunati, essendo stata adibita negli anni anche a casa di cura;

la casa di riposo rappresenta una delle poche strutture presenti nella nostra regione
in grado di offrire ampi spazi naturali che rappresentano un vero e proprio elemento
di rottura con altre strutture in cui, al contrario, gli ospiti sono costretti a trascorrere
la maggior del loro tempo nelle proprie stanze o negli ambienti comuni o, nella
migliore delle ipotesi, in piccole aree verdi create dalluomo;

Ritenuto che:
-

chiudere la casa di riposo SantOnofrio prima che sia abbia certezza sulla presenza
di fondi idonei a porre in essere, nellimmediato, gli interventi di adeguamento e
messa in sicurezza, porterebbe alla
chiusura definitiva e non alla mera
sospensione delle attivit allinterno del SantOnofrio, con grave rischio per la
conservazione delledificio;

Evidenziato, in ultimo, che


- Pur riconoscendo limportanza delle carenze riscontrate dagli uomini del Corpo dei
Vigili del Fuoco e dal personale dellASL competente e le conseguenti prescrizioni
richieste volte alla tutela della salute degli anziani, non devono essere dimenticate:
1) le gravi ripercussioni che la chiusura della casa di riposo avrebbe sulla salute
psico fisica degli anziani stessi, stante il repentino cambio di ambiente di vita
riconosciuto dagli stessi come abituale; si ricorda infatti come la struttura ospiti
persone che sono l da oltre 50 anni e che purtroppo non hanno pi una famiglia
alle spalle in grado di accoglierli anche per brevi periodi;
2) le difficolt ed i disagi che i familiari degli anziani ospitati nella struttura
avrebbero a reperire, in cos poco tempo, altre strutture di accoglienza, oppure
ad accogliere nelle proprie case i propri cari precedentemente ospitati nella casa
di riposo( essendo gli ospiti bisognosi di cure e trattamenti che solo personale
qualificato ed esperto in grado di fornire);
3) le persone che a vario titolo operano nel SantOnofrio a servizio di coloro che
hanno maggiore bisogno di aiuto.

Per tutto quanto sopra


SI IMPEGNA
Il Presidente della Giunta Regionale e la Giunta Regionale stessa:

1)

a verificare la disponibilit di fondi da utilizzare quale contributo volto allimmediato


inizio degli interventi urgenti di adeguamento alle norme e prescrizioni in materia di
sicurezza nella casa di riposo SantOnofrio, necessari ad evitare il trasferimento degli
anziani ospitati in altra struttura, anche attraverso la riapertura dei termini dellavviso
pubblico cosiddetto:PAR FAS Abruzzo 2007/2013 Adeguamento sismico e
miglioramento di edifici pubblici destinati ad attivit sociali di tipo residenziale

2) ad indire un tavolo tecnico tra Regione, Comune di Vasto, ASL Lanciano Vasto Chieti
ed ogni altra figura competente, al fine di individuare e porre in essere le necessarie,
ulteriori ed opportune misure idonee a garantire il funzionamento della casa di riposo
SantOnofrio ed a scongiurarne la chiusura;

LAquila, l 14.04.2015

Il Consigliere Regionale
Pietro Smargiassi