Sei sulla pagina 1di 150

Jacques Ellul

IL SISTEMA TECNICO
La gabbia delle societ contemporanee
Prefazione di
Jean-Luc Porquet
Titolo originale:
Le Systme technicien
2004 Le cherche midi diteur, Paris

Indice generale
Presentazione...........................................................................................................................................................3
IL SISTEMA TECNICO.........................................................................................................................................3
Prefazione................................................................................................................................................................3
ELLUL L'AVEVA DETTO......................................................................................................................................3
Introduzione.............................................................................................................................................................6
TECNICA E SOCIET...........................................................................................................................................6
Parte prima......................................................................................................................................................................14
CHE COS' LA TECNICA?..........................................................................................................................................14
Capitolo primo.......................................................................................................................................................14
LA TECNICA IN QUANTO CONCETTO...........................................................................................................14
Capitolo secondo...................................................................................................................................................18
LA TECNICA COME AMBIENTE......................................................................................................................18
Capitolo terzo........................................................................................................................................................25
LA TECNICA COME FATTORE DETERMINANTE.........................................................................................25
Capitolo quarto......................................................................................................................................................35
LA TECNICA COME SISTEMA.........................................................................................................................35
1..................................................................................................................................................................................35
Idea generale..............................................................................................................................................................35
2..................................................................................................................................................................................37
Qualificazione del sistema.........................................................................................................................................37
3..................................................................................................................................................................................47
Caratteri del sistema...................................................................................................................................................47
4..................................................................................................................................................................................51
L'assenza di feed-back............................................................................................................................................51
Parte seconda..................................................................................................................................................................52
I CARATTERI DEL FENOMENO TECNICO..............................................................................................................52
Capitolo primo.......................................................................................................................................................52
L'AUTONOMIA...................................................................................................................................................52
Capitolo secondo...................................................................................................................................................64
L'UNIT...............................................................................................................................................................64
Capitolo terzo........................................................................................................................................................69
L'UNIVERSALIT...............................................................................................................................................69
Capitolo quarto......................................................................................................................................................81
LA TOTALIZZAZIONE.......................................................................................................................................81
Parte terza........................................................................................................................................................................83
I CARATTERI DEL PROGRESSO TECNICO.............................................................................................................83
Capitolo primo.......................................................................................................................................................84
L'AUTO ACCRESCIMENTO..............................................................................................................................84
Capitolo secondo...................................................................................................................................................93
L'AUTOMATISMO..............................................................................................................................................93
Capitolo terzo......................................................................................................................................................102
IL PROGRESSO CAUSALE E L'ASSENZA DI FINALIT............................................................................102

1................................................................................................................................................................................103
Finalit......................................................................................................................................................................103
2................................................................................................................................................................................107
Obiettivi....................................................................................................................................................................107
3................................................................................................................................................................................108
Scopi.........................................................................................................................................................................108
Capitolo quarto....................................................................................................................................................113
IL PROBLEMA DELL'ACCELERAZIONE......................................................................................................113
Conclusione.........................................................................................................................................................124
L'UOMO NEL SISTEMA TECNICO.................................................................................................................124
Bibliografia..........................................................................................................................................................130
Note.....................................................................................................................................................................131

Presentazione
IL SISTEMA TECNICO
Questo saggio, pubblicato nel 1977 all'interno della collana Libert de l'esprit di Raymond Aron e per molto tempo
introvabile in libreria anche in Francia, la chiave di volta della trilogia di Jacques Ellul (La Technique ou l'enjeu du
sicle - Le Systme technicien - Le Bluff technologique), ed considerato il suo libro pi riuscito.
La Tecnica, per Ellul, il fattore determinante della societ. Pi della politica e dell'economia. Essa non n buona
n cattiva, ma ambivalente. Si autogenera seguendo la propria logica. Calpesta la democrazia. Esaurisce le risorse
naturali. Uniforma le culture. Ha effetti imprevedibili. Rende l'avvenire impensabile. Grazie all'informatica, la
Tecnica ha cambiato natura: essa costituisce, all'interno della societ, un sistema tecnico. L'informatica, unificando
tutti i sottosistemi (telefonico, aereo, di produzione e distribuzione dell'energia, ecc.), le ha permesso di divenire un
tutto organizzato che vive all'interno della societ, la modella, la sfrutta, la trasforma. Ma questo sistema, che si
autogenera, cieco. Non si sa dove vada. E non corregge i propri errori.
JACQUES ELLUL (1912-1994): un pensatore iconoclasta libertario. Protestante. Anticomunista ma esperto di Marx.
L'unico, in Francia, ad aver condotto per cinquant'anni una profonda critica del progresso tecnico. L'equivalente
francese di Heidegger, ma pi chiaro, pi convincente. Profetico. Visionario. Ha previsto tutte le crisi che stiamo
vivendo oggi. Molti altermondialisti si richiamano alla sua riflessione filosofica. Su Ellul Jaca Book ha recentemente
pubblicato il saggio di Jean-Luc Porquet, Jacques Ellul: l'uomo che aveva previsto (quasi) tutto (2008).

Prefazione
ELLUL L'AVEVA DETTO
di Jean-Luc Porquet1
All'epoca della pubblicazione de II sistema tecnico, la sua opera principale, nella collezione Libert de l'esprit
diretta da Raymond Aron, Jacques Ellul aveva 65 anni. Aveva gi concepito gran parte della propria opera e da molto
tempo osservava una situazione paradossale: negli Stati Uniti veniva letto, commentato, conosciuto, celebrato. Aldous
Huxley vi aveva fatto tradurre La Technique ou l'enjeu du sicle, la sua prima opera, venduta in pi di 100 mila
esemplari. Corsi universitari venivano dedicati al suo pensiero. Veniva l considerato alla stregua di un Marcuse o di
un Illich. Studenti americani arrivavano dalla California o dal Colorado per seguire i corsi da lui tenuti presso
l'Universit di Bordeaux, dove venivano soprannominati zaini

Ma in Francia il suo lavoro rimaneva scarsamente diffuso. Il fatto che Ellul, e si dir che l'avesse fatto apposta,
aveva fatto di tutto perch cos fosse. Prima di tutto non si era trasferito a Parigi dove, grazie al centralismo e alla
mentalit parigina, si creano le reputazioni. Aveva scelto di rimanere a Bordeaux, la sua citt natale. Amava inoltre
definirsi anarchico. Cosa che meglio non fare perch ritenuta non seria. Peggio ancora si dichiarava fermamente
antisartriano, quando Sartre era l'intellettuale faro dell'epoca, e anticomunista, quando il PC dominava tutto il
pensiero francese postbellico, inimicandosi cos buona parte della sinistra. Inoltre era un uomo di fede. Era
protestante e non lo nascondeva. Ci lo ha danneggiato nei confronti di coloro i quali ritengono alienante qualsiasi
credenza religiosa. Agli inizi degli anni Sessanta, Ellul aveva proposto a Debord, il quale riteneva alcuni dei suoi libri
estremamente notevoli, di lavorare insieme. La cosa non si realizz. La fede era di per s valida a rescindere
l'accordo.
Ma la vera ragione di questo rifiuto globale evidentemente il fulcro stesso del pensiero di Ellul: egli critica il
progresso tecnico. Del resto si rifiuta di utilizzare il termine progresso, giacch secondo lui, se la tecnica apporta
incontestabilmente dei progressi, provoca anche danni. E non solo inquinamento o sprechi: essa mette in pericolo la
libert stessa dell'uomo.
Ci, diceva Ellul, lo ossessionava dal 1954, anno di pubblicazione di La Technique ou l'enjeu du sicle. In Francia era
l'unico a mettere in questione la potenza tecnica. Il dopoguerra subiva il fascino del progresso immergendosi
voluttuosamente nella prosperit dei trenta gloriosi. Ellul recalcitrava. Da qui, evidentemente, ha avuto origine la
sua reputazione di oscurantista e tremendo retrogrado. E la sua messa in disparte.
D'altro canto, il vero pensatore della tecnica non era forse Heidegger? L'intellighenzia parigina preferiva perdersi in
discussioni su quest'ultimo, i cui concetti saponosi e il linguaggio esoterico permettono interminabili dissertazioni e
bei battibecchi verbosi, piuttosto che interessarsi a Ellul, il cui discorso sembrava troppo chiaro e radicale per essere
degno di interesse.
L'isolamento non impediva a Ellul di lavorare, e pure con accanimento. Non solo insegnava diritto romano (la sua
Histoire des institutions fa tuttora testo), teneva un corso sulla propaganda e un altro su Marx (di cui fu il primo a
insegnare il pensiero in Francia), ma si impegnava nella societ: con l'amico Yves Charrier, cre e sostenne, a partire
dalla fine degli anni Cinquanta, quello che fu uno dei primi gruppi di prevenzione della delinquenza in Francia; con
l'amico Bernard Charbonneau condusse una lotta contro il progetto governativo che prevedeva gettate di calcestruzzo
lungo la costa aquitana; amministratore dell'ospedale Bagattelle, partecip alla creazione del primo centro
d'interruzione volontaria di gravidanza a Bordeaux.
Inoltre frequentava gruppi non violenti - in uno di questi che Jos Bov fa la sua conoscenza nel 1970
impregnandosi del suo pensiero; riceveva volentieri a casa i propri studenti per lunghe discussioni; per non parlare
delle sue azioni di ampio respiro all'interno della Chiesa Riformata, dove, di nuovo, era considerato un emarginato,
inclassificabile e incontrollabile.
Ogni mattina, dalle 6 alle 8, prima di recarsi all'Institut d'tudes Politiques di Bordeaux, Ellul scriveva. Alla fine della
propria vita, aveva pubblicato una cinquantina di opere tradotte in otto lingue.
***
Sin dagli anni Cinquanta, Ellul si era posto la domanda: Se Marx fosse vivo oggi, quale sarebbe per lui l'elemento
fondamentale della societ, il fattore determinante sul quale concentrare il proprio pensiero?. La risposta era chiara
ai suoi occhi: lo sviluppo della tecnica. E tutta la sua opera socio-politica sarebbe scaturita da questa constatazione.
Secondo Ellul, la tecnica dunque il fattore determinante della societ. Pi della politica e dell'economia. Essa non
n buona n cattiva, ma ambivalente. Si autoaccresce seguendo la propria logica. Crea problemi che promette di
risolvere grazie a nuove tecniche. Si sviluppa senza alcun controllo democratico. diventata una religione che non
sopporta di essere giudicata. Rinforza lo stato, che la rinforza a sua volta. Esaurisce le risorse naturali. Uniforma le
culture. Uccide la cultura.
Ellul ha analizzato tutto ci nel suo primo libro, La Technique ou l'enjeu du sicle, e nei seguenti, ciascuno dei quali
esplora aspetti della societ tecnica. In Propagandes (1962), dimostra che le democrazie moderne usano e abusano
della propaganda, la quale di ritorno ne mina le fondamenta. In seguito si occupa di come la tecnica privi l'uomo
politico del proprio potere (L'Illusion politique, 1965). Mostra come essa sia all'origine di nuovi luoghi comuni che
impregnano l'intera societ (Exgse des nouveaux lieux communs, 1966). Spiega come la tecnica abbia riorganizzato
le classi sociali: il borghese ha lasciato il posto al tecnico (Metamorphose du bourgeois, 1967). Reagendo a caldo agli
avvenimenti del '68, afferma che il Maggio non stata una rivoluzione, dato che l'unica rivoluzione necessaria
quella che consiste nell'abbandonare i binari della crescita economica (Autopsie de la rvolution, 1969).
Successivamente, esplorando le possibilit di scatenare una tale rivoluzione all'interno della societ tecnica, giunge
alla conclusione che esse siano pressoch inesistenti (De la Rvolution aux rvoltes, 1972). Dimostra che le religioni,
a contatto con la tecnica, vengono cancellate dall'apparire di un misticismo di paccottiglia e nuovi dei (Les Nouveaux
Possds, 1973).
Nel 1977 arriva Il sistema tecnico. Attraverso questo libro, Ellul intende proporre una nuova sintesi del proprio
pensiero, e ribadire quale posto vi occupi la tecnica, un quarto di secolo dopo la prima diagnosi. Vi rileva un

cambiamento di dimensioni: attraverso l'informatica, la tecnica ha cambiato natura. Se prima era una scommessa,
essa costituisce oggi, all'interno della societ, un sistema tecnico. Unificando tutti i sottosistemi (ferroviario,
postale, aereo, telefonico, di produzione dell'energia, militare, ecc.), il computer ha permesso la nascita di un Tutto
organizzato che modella, trasforma, controlla, e tende poco a poco a confondersi con essa. Ormai tutti i settori sono
interconnessi, interagiscono uno con l'altro, condizionano e sono condizionati dagli altri. Banche dati, trattamento di
enormi flussi d'informazione, reti di comunicazioni immediate: l'informatica permette la crescita illimitata delle
organizzazioni economiche e amministrative. La societ non per questo diventata una Megamacchina di cui gli
uomini sono gli ingranaggi, ma la libert dell'uomo sparisce poco a poco. All'interno del sistema, a condizione di
consumare, lavorare e divertirsi in modo conforme alle sue direttive, l'uomo sicuramente libero e sovrano. Ma
questa libert artificiale e sottocontrollo. Uscire da questo accerchiamento, adottare un comportamento diverso da
quello ritenuto normale esige eroismo.
Proliferando, i mezzi tecnici hanno fatto sparire ogni fine. Questo sistema autogenerativo cieco. Non sa dove va,
non ha alcun disegno. Non cessa di crescere, di artificializzare l'uomo e l'ambiente, di portarci verso un mondo
sempre pi imprevedibile e alienante.
Senza correggere i propri errori.
***
All'epoca della pubblicazione II sistema tecnico venne accolto da un silenzio assordante. Nemmeno un articolo sui
principali giornali nazionali: niente su Le Monde, Lib, Le Figaro, L'Humanit, Le Nouvel Obs,
L'Express! Solo due critici se ne occuparono. Bernard Le Saux, in Les Nouvelles littraires (12/01/78), presenta
la tesi principale del libro, e precisa che Ellul non predica l'impossibile ritorno a una societ pretecnica, ma invita
pi serenamente all'esercizio di un senso critico narcotizzato dalla razionalit dominante, a prendere coscienza del
carattere globale del 'sistema', condizione necessaria se non sufficiente per comprenderlo, se non addirittura per
tentare di agire su di esso. Conclude l'articolo: Fin d'ora, infatti, ci sono pochi dubbi sul fatto che ci troviamo di
fronte a uno dei massimi pensieri dei nostri tempi. Pensiero elaborato a lungo contro la moda e che ancora oggi corre
il rischio di essere occultato da essa. In particolare da altri tipi di 'pessimismo' pi in voga. Detto benissimo.
In La Quinzaine littraire (1/9/78), Jean Lacoste torna sull'ostracismo di cui Ellul soffre: vero che la tesi che
difende instancabilmente da quasi pi di trent'anni non ha nulla di seducente (soprattutto per gli intellettuali). Ma non
ci si pu accontentare di opporre alla descrizione del 'sistema tecnico' argomenti triviali o proteste indignate.
Dissipando i malintesi che circondano la sua opera, notando di sfuggita che egli dimostra l'onnipotenza della tecnica
col cupo gusto di un pastore protestante che parla dell'onnipresenza del peccato, Lacoste si dice colpito dalla sua
magistrale descrizione della tecnica, e, prendendola sul serio, la discute. Non si pu fare a meno di pensare che la
dimostrazione di Ellul si basi su un sofisma. Egli deriva in modo astratto (e giustificato) un modello, la Tecnica, che
definisce estraneo alla politica, ai rapporti di potere tra gli uomini, ma dice d'altra parte che la tecnica l'espressione
di una volont di potere e, quando si tratta di predicare la rassegnazione davanti a questo nuovo mostro freddo, Ellul
menziona sempre fenomeni in cui tecnica e politica sono strettamente legate []. Non per il potere politico che
ripartisce le risorse, per la guerra o per la pace?. Argomento accettabile, ma discutibile, e che dimostra bene, in ogni
caso, ci per cui Ellul ha sempre fatto scandalo: dire che la tecnica, formando un sistema, divenuta autonoma, e che
l'uomo, in particolare l'uomo politico, non ha pi alcun potere su di essa, significa infliggere un grave colpo
all'orgoglio umano. Come? La nostra creatura, la Tecnica, ci sarebbe scappata di mano? Impossibile. Ci si rifiuta di
prendere in considerazione una tale ipotesi.
In una rivista specializzata2, Pierre Dubois manifester cos il proprio turbamento: La tesi impietosamente
pessimista: il sistema tecnico si espande e si espander in qualsiasi caso. Se ci vero, perch scrivere questo libro?
[] Ci vengano almeno lasciate le nostre illusioni, sia quella di credere che la Tecnica pervertita dal capitalismo,
sia quella di pensare che si debbano combattere le tecniche che causano dominazione sociale. Ci vengano almeno
lasciate le nostre illusioni: difficile immaginare miglior omaggio sebbene involontario. Infatti questo grido che
viene dal cuore sintomatico: ci che disturba tanto di Ellul il fatto che egli osi guardare in faccia una verit che
pare accecante.
***
Leggendo questa opera fondamentale un quarto di secolo dopo la sua apparizione, il lettore potr certo storcere il
naso. Quando, ad esempio, tra due pagine brillanti si intrufola un passaggio scabro: Ellul, che ha sempre voluto
scrivere nel modo pi accessibile possibile, che capace di superbi slanci polemici, di dimostrazioni serrate, di
ragionamenti elevati e persuasivi, si lascia talvolta andare a una scrittura pesante o a cavillare su un dettaglio.
Fortunatamente ci non dura mai a lungo. Il lettore potr anche trovare alcuni riferimenti datati: Ellul cita gli autori
della propria epoca, come Lewis Mumford o Henri Lefebvre, polemizza con Jacques Monod o Alfred Sauvy. Tutto
ci non rende tuttavia la sua opera obsoleta: la maggior parte dei dibattiti sollevati rimane di attualit.
Gli si potranno anche rinfacciare due errori di previsione: veniale, quando afferma che la macchina per giocare a
scacchi pura fantasia. Pi difficilmente perdonabile quando dichiara: Da mezzo secolo piuttosto chiaro che il
capitalismo classico stia perdendo tutte le partite e si stia costantemente indebolendo proprio a causa delle tecniche il

cui sviluppo spinge verso il socialismo. Se Ellul si sbagliato molto meno di altri pensatori (Sartre, per esempio),
gli capitato, chiaramente, di commettere errori di prospettiva. Il che non un pretesto valido a screditarlo senza
guardare oltre!
Fatte queste riserve, il lettore de II sistema tecnico avr il privilegio di entrare in contatto con un pensiero portato al
suo punto d'incandescenza critico massimo, come nota Lucien Sfez. Scoprir fatti sorprendenti sulla societ
odierna. Sulla tirannia dei numeri. Sul regionalismo, che Ellul vede paradossalmente come un prodotto del sistema
tecnico, dal momento che la tecnica si rivela decentralizzatrice a condizione che il fattore decentralizzato sia
fortemente integrato nel sistema stesso. Sul fatto che la tecnica crea tempo per l'uomo, a detrimento per dello
spazio. Sulle velleit di riconciliare tecnica e democrazia. Sulle guerre, le quali non sono altro che banchi di prova
per la tecnica. Sulla sempre maggiore importanza attribuita ai divertimenti, funzione respiratoria del sistema. Sul
fatto che in questo mondo l'uomo lavora pi di quanto abbia mai fatto. Si confronter con domande che non hanno
mai trovato risposta: Come verranno risolti gli enormi problemi di disoccupazione, gli enormi problemi economici
scatenati ad esempio dall'automazione, nel caso la si voglia veramente applicare? Come si convincer l'umanit intera
ad abbandonare la procreazione naturale? Come si far accettare all'umanit di sottomettersi a controlli igienici
costanti e rigorosi? Come accetter l'uomo di cambiare la propria alimentazione tradizionale?. Dovr affrontare
profezie agghiaccianti: La dittatura tecnica astratta e benefattrice sar molto pi totalitaria delle precedenti. Gli
verranno ricordate verit raramente dette: Bisogna dissipare il mito che la tecnica aumenti le possibilit di scelta:
chiaro, l'uomo moderno pu scegliere tra cento marche d'auto e mille tessuti cio prodotti. A livello dei consumi, la
scelta si basa su un ventaglio pi ampio. Ma a livello del ruolo nel corpo sociale, a livello delle funzioni e delle
condotte, vi una considerevole riduzione.
E gli verr posta una importante domanda alla quale Ellul dedica le ultime pagine. La Tecnica non cessa di accrescere
il proprio impero, afferma, ma fino a quando? Questa espansione rallenter, o si stabilizzer? A che fine verr
utilizzata questa attesa stasi? Per mettere ordine nella societ perturbata, per permettere un'organizzazione efficiente,
per assimilare l'immensit di progressi realizzati, per permettere all'uomo di radicarvisi e adattarvisi?.
Questa oggi una questione scottante, con le emergenti nozioni di sviluppo sostenibile e principio di
precauzione: il sistema si autocorregger? O star all'uomo autocorreggersi per meglio sottomettervisi?
Se Ellul sembra propendere per la seconda soluzione, non per il pallino sadico del pessimista felice di precludere
ogni soluzione. Ma per meglio provocare, incitare alla speranza, stimolare nel lettore una presa di coscienza. Come
Marx, Ellul ha sempre affermato che il primo passo verso la libert consiste nel prendere coscienza delle proprie
catene, delle proprie alienazioni. Ai miei occhi l'importante restituire all'uomo il massimo delle sue capacit di
indipendenza, di invenzione, di immaginazione. Questo ci che tento di fare spingendolo a pensare. Provo, con la
mia opera, a fornirgli le carte perch possa poi fare il proprio gioco. Non il mio. Solo la riscoperta dell'iniziativa
individuale fondamentale di questi tempi3. Pochi manuali di insubordinazione sono illuminanti quanto questo.

Introduzione
TECNICA E SOCIET
La tecnica non si accontenta di essere, e, nel nostro mondo, di essere il fattore principale o determinante: essa
divenuta Sistema. Ci quanto tenter di dimostrare in questa analisi. Devo per mettere in chiaro l'oggetto stesso
della ricerca. Se venticinque anni fa ero giunto al concetto di Societ tecnica, questo stadio attualmente superato.
Resta tuttavia il problema principale di che cosa costituisca la specificit della nostra societ, la sua caratteristica
dominante. O ancora, di cercare quale sia la chiave di interpretazione della modernit. Ora, se prendiamo in
considerazione il campo delle definizioni generalmente accettate oggi, ci renderemo conto che tutte le specificazioni
riportate sono solo secondarie, e puntano in definitiva alla tecnica. Facciamo qualche esempio4.
La definizione oggi pi nota quella di Raymond Aron: societ industriale. Il termine, pur largamente utilizzato,
credo sia inadeguato. Lasciamo da parte la difficile questione di sapere se Raymond Aron, attraverso queste parole, si
riferisca a un modello o alla realt della nostra societ. In quanto modello, tipo ideale, la sua descrizione
rigorosamente esatta, utile e interessante. Ma chiaro che essa non corrisponda pi alla realt attuale. evidente che
la societ occidentale nel XIX secolo fosse una societ industriale, e Raymond Aron ha ragione nel mostrare che, dal
momento in cui l'industrializzazione si sviluppa, l'insieme dei rapporti sociali a venire intaccato, e che
l'industrializzazione conduce a un modello sociale che si riproduce, in modo piuttosto simile, qualsiasi siano i tratti
nazionali, i sistemi politici e le differenze di partenza. Sottolineo che l'industrializzazione caratterizzata dal
moltiplicarsi delle macchine e da una certa organizzazione della produzione: due fattori tecnici. Oggi
l'industrializzazione, sempre considerevole, non ha pi molto in comune con quella del XIX secolo, e soprattutto,
immersa in un insieme di altri fenomeni tutti ugualmente importanti, che ha parzialmente determinato ma che si sono
slegati da essa e, acquistando volume, si sono dotati di una forza di trasformazione che sfugge all'industria in senso

stretto. La societ attuale ancora industriale, ma questo non pi l'aspetto essenziale5.


Non necessario trattenersi a lungo sulla contrapposizione tra sistema industriale e sistema tecnico. Ricorder a
questo proposito due esempi di analisi. Quello di Seurat e quello di Richta.
L'influenza della sistematica tecnica che oppone il mondo industriale alla nuova concezione stata molto ben
analizzata da Seurat6, e il suo esempio estremamente significativo: in che cosa la vecchia fabbrica diversa dalla
nuova? Nella prima si tratta di aggiungere valore a una materia prima attraverso operazioni svolte da famiglie di
macchine, ciascuna delle quali assolve a una funzione. Nel caso una difficolt sorga in una famiglia di macchine,
questa non si ripercuoter sulle altre. Le macchine sono installate in laboratori separati, le famiglie di macchine sono
rese indipendenti le une dalle altre da scorte e interconnessioni. L'errore umano ha poche conseguenze. Seurat
paragona la struttura di questa fabbrica alle colonie di api o formiche: l'errore del singolo non ha importanza. Dopo
mezzo secolo la trasformazione completa e si realizzata secondo quattro vie: la potenza delle macchine unitarie
non ha smesso di crescere. Una macchina che produce il doppio costa meno all'acquisto, in produzione e nella
gestione, di due macchine vecchie. Sulla via del gigantismo diventa ragionevole spingersi al limite del possibile,
concentrando le aziende per permettere loro di essere all'altezza delle pi grandi macchine immaginabili. Questa
affermazione da parte di tale eminente tecnico cancella a giusto titolo le speculazioni ideologiche sulla riduzione di
dimensioni delle imprese, la disseminazione di piccole fabbriche nella natura, ecc. Ideologie consolatorie nate da
convinzioni maoiste e dall'estensione illegittima della miniaturizzazione di alcune apparecchiature. Nella realt
industriale si pu concepire solo la crescita, teoricamente indefinita, di sottosistemi. La seconda linea di sviluppo
sottolineata da Seurat la complessificazione: I problemi posti dal gigantismo richiedono soluzioni spesso al confine
dell'universo esplorato della Tecnologia. Ma la complessificazione implica una semplificazione apparente. Macchine
giganti e complesse non possono pi svilirsi in una famiglia di macchine. Le interconnessioni sono troppo
impegnative o fragili: una struttura ideale si impone, quella che consiste nel disporre di una sola macchina per ogni
tappa del processo e nel realizzare un flusso continuo di materia prima lungo la catena di macchine (quindi niente pi
laboratori separati, scorte o interconnessioni). La precedente analogia con le colonie di formiche perci superata,
le formiche sono scomparse (il che mostra a quale punto la Cina sia semplicemente rimasta indietro). Si realizza
una integrazione verticale tra macchine successive che assicura a ciascuna una funzione differente. C' un corpo
enorme e complesso ma uno. Il che rende maggiormente necessaria la circolazione di informazioni. Ed ecco la quarta
caratteristica: automatizzazione e decentralizzazione dell'informazione. Niente pu funzionare senza (da cui deriva la
presenza inevitabile del computer). I circuiti di informazione innervano l'insieme del processo, in ogni tappa, e fanno
capo spesso a un'unica sala di comando. Biologicamente si potrebbe paragonare questo processo a una
cerebralizzazione, tenendo conto che si tratta solo di un paragone, e che non c' nulla di vivo in questo enorme
insieme. Perch tutto funzioni necessario un uomo perfettamente adattato, conscio delle proprie responsabilit,
capace di attenzione, solidariet, che non sia pronto al sabotaggio e allo sciopero Il danno arrecato a tutti sarebbe
troppo grande
Ma la dimostrazione pi rigorosa del passaggio dalla societ industriale alla societ tecnica, dell'opposizione stessa,
radicale, tra le due ci fornita dall'opera fondamentale di Radovan Richta (La Civilisation au Carrefour, 1972). Egli
fa proprio di questa opposizione la chiave di interpretazione del fallimento del socialismo in URSS: l'URSS si aggrappa
al modello industriale senza fare il passo che la porterebbe nella societ tecnica, essendo quest'ultima completamente
diversa dalla precedente.
In un primo tempo tecnica e meccanizzazione industriale sono state collegate, ma dopo pi di mezzo secolo le due si
sono trovate su fronti opposti. L'industrialismo ha sviluppato un sistema centralizzato, gerarchizzato, a crescita
lineare, che prevede la divisione del lavoro, la divisione tra mezzi e fini. La meccanizzazione creava occasioni di
lavoro supplementari, aumentava l'assorbimento del lavoro umano, funzionava per riproduzione costante e sviluppo
delle masse di uomini integrati nell'industrializzazione. La Tecnica moderna contraddice punto per punto queste
caratteristiche: lasciata libera di agire, essa porta alla decentralizzazione, alla flessibilit, all'eliminazione della
gerarchia, della divisione del lavoro (in particolare la Tecnica esige l'eliminazione della separazione tra funzioni
esecutive e direzionali), presuppone una crescita polivalente e non lineare, reintegra fini e mezzi, sopprime occasioni
di lavoro ed economizza effettivamente sul lavoro. Ci che produce valore non pi il lavoro umano ma l'invenzione
scientifica e l'innovazione tecnica. Pertanto l'analisi di Marx secondo la quale tutto l'insieme economico regge grazie
al plusvalore prodotto dal lavoro salariato dell'operaio non pu pi essere applicata. Il sistema industriale un mondo
chiuso, che evolve in modo lineare e ripetitivo. Il sistema tecnico necessariamente aperto ed evolve in modo
polivalente e non ripetitivo. Infine essa pu essere perseguita solo attraverso lo sviluppo universale degli uomini, che
diviene una stretta necessit affinch il sistema tecnico si sviluppi. Ci si trova quindi in presenza di un insieme
totalmente diverso da tutto ci finora esistito. Richta spiega (e credo abbia per lo pi ragione) che se la Tecnica
ancora non riveste questo ruolo perch gli uomini (capitalisti come socialisti) non riescono a superare il modello
industriale della societ, perch conservano gelosamente industrialismo e produzione industriale come dominanti dal
punto di vista economico come da quello sociologico, e perch mettono la tecnica al servizio di quel tipo di sviluppo,
il che va contro la natura stessa della tecnica moderna. Essa diviene allora, ma solo per questo motivo, pi alienante.

Perch la Tecnica, nota per il suo aspetto di automatizzazione, chimizzazione, di economia energetica, di
cibernetizzazione, di informatica, di invenzione biologica e di produzione infinita di energia atomica, non ha pi
molto a che vedere con l'antica meccanizzazione industriale. Ci troviamo in presenza di un'idea forte, di importanza
decisiva. Vorrei tuttavia, per non dovervi tornare pi tardi, rivolgere qualche critica all'opera di Richta (e della sua
quipe). Mi sembra innanzitutto che non abbiano completamente considerato il fatto che si tratti di un sistema e non
abbiano valutato le conseguenze che ci implica. Sono stati guidati da un umanismo molto simpatico e spontaneo, ma
forse un po' sentimentale e poco rigoroso. Hanno dato eccessiva importanza all'aspetto di automatizzazione della
Tecnica, come se questa fosse la chiave di tutto. Infine hanno dato prova di un grande idealismo credendo alla
positivit della tecnica, a condizione che essa venga considerata per se stessa (e non deformata) e che la si lasci
libera: credono cos alla validit dell'applicazione delle tecniche pedagogiche per avviare una nuova didattica in grado
di formare l'uomo nuovo, l'obiettivo dell'educazione non formare un certo tipo di uomo, ma un uomo capace di
formarsi in un modo o in un altro e di cambiare l'insegnamento dovr orientarsi verso la struttura dell'oggetto e
basarsi sulla generalizzazione delle facolt creatrici. Concordo con l'auspicabilit, ma come si capisce da queste
righe (e potrei citare altri cento esempi) Richta d come virtualmente realizzato dalla Tecnica ci che auspicabile da
un punto di vista umanista. Il suo idealismo tale da impedirgli in realt di porre il problema della potenza. Non
considera nemmeno per un momento che la Tecnica sia potenza, fatta di strumenti di potenza e causata da fenomeni e
strutture di potenza, vale a dire di dominazione. Tecnica significa per lui arricchimento dell'individuo umano e
sviluppo reciproco dell'uomo attraverso l'uomo, mentre non viene messo in rilievo il passaggio dal controllo
dell'uomo attraverso l'uomo (e non attraverso se stesso) a questa situazione che sarebbe quella del dono e dell'amore:
la Tecnica non predispone a ci, anzi! Queste sono le mie critiche fondamentali, che nulla tolgono alla profondit di
analisi e alla validit dell'orientamento generale, volte non certo a una maggiore precisione di conoscenza del sistema,
ma alla sua messa in relazione con l'uomo e la societ globale e alle scelte fondamentali ora attuabili.
***
Alcuni sociologi, come Daniel Bell e Alain Touraine, hanno visto esattamente che non ci troviamo pi in una societ
industriale e impiegano perci strani termini: postindustriale o industriale avanzata. Mi sembra estremamente
significativo che in un'epoca in cui si sta sviluppando l'uso delle matematiche nelle scienze umane si usino vocaboli
tanto imprecisi e insignificanti.
Bell definisce cos le cinque dimensioni della societ postindustriale: creazione di un'economia di servizi predominanza della classe di specialisti e tecnici - importanza del servizio teorico come fonte di innovazione ed
elaborazione politica nella societ - possibilit di una crescita tecnologica autonoma - creazione di una nuova
tecnologia intellettuale. Ma come non accorgersi che queste cinque caratteristiche sono immediatamente legate alla
crescita e alla predominanza della Tecnica e dei tecnici? Addirittura i termini che egli impiega implicano ci. In
compenso non si capisce come tutto ci determini una societ post
Postindustriale? Significa solo che si superato lo stadio industriale. E poi? In che cosa mai ci in grado di fornire
anche il pi piccolo carattere, la pi piccola idea di ci che la nostra societ? Si pu spiegare piuttosto precisamente
che cosa siano una macchina, l'industria, e quindi la societ industriale a qualcuno che non ne sappia nulla, ma come
attribuire un contenuto a post7?
Si definirebbe la societ politica del XVII secolo postfeudale? O quella del XIX secolo postmonarchica? Il temine
societ industriale avanzata o sviluppata non ha senso: sviluppata? Pu solo voler dire: l'industria si ulteriormente
sviluppata. La si considera quindi ancora societ industriale, ma pi accentuata, o, siccome l'esperienza storica mostra
che una tendenza fondamentale dell'industria svilupparsi, ci si limita a dire societ industriale veramente
industriale avanzata? ma verso che cosa? Che cosa ha avanzato? A che cosa ha condotto questo progresso? Quale
nuova caratteristica apparsa? Questi aggettivi, non dicendoci nulla, sono perfettamente inutili, non definiscono la
nostra societ e devono decisamente essere abbandonati.
D'altro canto bisogna sottolineare che Touraine8 stesso esita nel dare una definizione, parlando, ad esempio, di
societ programmata. Mi trovo molto pi d'accordo con lui. In questo modo rientra nell'orientamento generale di
coloro i quali ritengono che la novit della nostra societ sia l'organizzazione. Sottolinea la differenza tra l'epoca
primaria (capitalista) dell'industrializzazione, e la nostra epoca. Individua questa nuova societ per la comparsa di
nuove classi sociali (tecnici, burocrati, razionalizzatori), il nuovo orientamento dell'impresa (non pi fondata sul
rapporto potere economico-lavoro produttivo, ma sull'organizzazione e i divertimenti): queste tre caratteristiche
riconducono infatti alla demoltiplicazione e ai bisogni del sistema tecnico che trasforma, come Touraine dice
correttamente, le lotte sociali stesse, che diventano pi tecniche e non sfociano pi in una presa di potere da parte del
proletariato. Touraine aggiunge come carattere essenziale della societ postindustriale l'importanza del movimento
studentesco, con la sua contestazione profonda e la sua debolezza politica. Ritengo (come ho provato a dimostrare nei
miei studi sulla Rivoluzione) che questa caratteristica sia episodica, contingente, e che Touraine si sia lasciato
influenzare dagli avvenimenti accaduti nel periodo in cui stava scrivendo il proprio libro.
Un altro tema spesso sviluppato sotto la definizione di Societ Burocratica e indubbiamente anche noi diamo
importanza alla forma di potere, espressione di uno sviluppo e di una influenza generale sul corpo sociale. Lasciamo

da parte la facile critica nei confronti della burocrazia: ci che bisogna prendere in considerazione sono il principio di
ordine, di metodo, di neutralit, di organizzazione e di efficacia.
L'amministrazione diventa burocrazia nel senso positivo del termine quando il reclutamento il migliore possibile,
l'inserimento sociale privo di sbavature, l'intervento attivo, efficace. La burocrazia dotata di macchine sempre pi
complesse ed essa stessa deve funzionare come una macchina. L'ideale sarebbe che l'amministrazione girasse e
funzionasse come un meccanismo di cui ogni ufficio un ingranaggio, ogni individuo un pezzo. Deve funzionare con
regolarit, continuit, al di l di opinioni e influenze Alcuni la chiamano societ d'organizzazione. Certamente il
termine dimostra che l'aspetto essenziale della burocrazia l'organizzazione, e che la burocrazia non solo quella
dello Stato, ma concerne tutte le forme di attivit collettiva della societ. In realt c' somiglianza tra i due aspetti.
Uno pi ristretto e peggiorativo, l'altro pi ampio e positivo. In realt tutte le impronte e le qualit della societ
burocratica derivano da tecniche di organizzazione. Ci che ha trasformato l'amministrazione in burocrazia la
tecnica rivolta all'efficacia. Essa dipende da questo ordine di tecniche. D'altra parte, appare chiaramente come questa
definizione non renda conto di tutti gli aspetti, di tutte le realt della nostra societ: l'organizzazione e la burocrazia
sono essenziali, ma ci che esse generano e organizzano non lo meno! Non si pu ricondurre la nostra societ a
questo unico aspetto, come carattere che la differenzia da tutte le altre, sufficiente a specificarne tutte le attivit.
Abbiamo una definizione che deriva direttamente da quella adottata da un certo numero di economisti (sulla scia di C.
Clark e Fourasti): societ dei servizi o societ terziaria. Farei qui le stesse osservazioni fatte in precedenza: da un
lato, se siamo passati a una societ dei servizi perch, dopo le tecniche di produzione che hanno permesso la
crescita della societ industriale, hanno fatto la propria comparsa tecniche di organizzazione, di gestione, di svago,
ecc., che hanno permesso la crescita dei servizi. D'altronde, quando si vogliono definire i tre ordini, ci si riferisce
all'uso di un certo numero di tecniche in ciascuno di essi. D'altra parte la nozione di servizio che designa validamente
il terzo aspetto dell'attivit economica non comprende tutte le forme della societ, non rende conto della complessit
dei fenomeni attuali e forse non ne costituisce l'aspetto pi importante.
Bisogna ovviamente parlare della definizione che ha fatto furore nel 1968, Societ dei consumi. Questo slogan,
utile per le agitazioni e la propaganda, ha avuto il merito di mettere l'accento su un aspetto troppo spesso dimenticato,
e di centrare la definizione sulla vita del singolo. per evidente che la nostra societ caratterizzata dal lavoro e
dalla produzione almeno quanto lo dal consumo! Non la parola chiave che tutto spiega e tutto comprende! Il
termine valido se si riferisce all'ideologia che risiede in ciascuno; ma se si riferisce alla realt economica e sociale,
estremamente limitato. Ci che mi sembra importante che nel consumo ritroviamo l'elemento tecnico in una veste
decisiva: che cosa provoca il consumo? La pubblicit, cio le tecniche pubblicitarie. Che cosa esige sempre maggiori
consumi? La produzione di massa, possibile solo grazie alla tecnica. Ci che dato consumare sono oggetti tecnici,
poich sono quelli maggiormente prodotti. Di conseguenza la societ dei consumi innanzitutto caratterizzata, sotto
ogni aspetto, da diverse tecniche9.
Vicino alla societ dei consumi troviamo la famosa societ dell'abbondanza Come ci si arriva? Attraverso lo
sviluppo di alcuni fattori tecnici, in particolare l'automazione. Non bisogna per dimenticare che l'abbondanza in
questione soprattutto quella dei prodotti tecnici, e che compensata dalla creazione di nuove scarsit. Scarsit di
spazio, d'aria, di tempo, ecc. Queste scarsit sono tutte risultato dell'applicazione delle tecniche necessarie affinch la
societ dell'abbondanza esista. Ci torneremo. L'abbondanza quindi sicuramente uno dei segni importanti della
nuova societ, ma essa stessa viene definita e dipende da un certo numero di tecniche.
Vediamo ora, come esempio di sintesi dei fattori precedenti, la definizione avanzata da H. Lefebvre: societ
burocratica di consumo pilotato. Questa formula in realt comprende ben tre dei caratteri posteriori allo stadio
industriale, e si conforma perfettamente ad alcune funzioni e strutture della nostra societ. Ma essa presenta le stesse
lacune delle precedenti: prende in considerazione solo alcuni aspetti della nostra societ (organizzazione, consumo,
azione psicologica) sacrificandone altri altrettanto importanti (massificazione e produzione, per esempio). Essa
rimane a livello piuttosto superficiale, non considerando il fattore comune a tutti gli elementi presi in considerazione,
che ne al contempo ragione e modo. Questa definizione non quindi pi scientifica delle altre, contrariamente a
quanto pensasse Lefebvre, e si presenta pi come una somma di tre caratteri che come il risultato di un'analisi
fondamentale.
Tuttavia essa ci orienta verso tutto un insieme di definizioni centrate su un altro ordine di fenomeni: quelli
dell'informazione. Ne prenderemo qui in considerazione due: quella di McLuhan, per il quale il fatto decisivo la
comparsa dei nuovi Mass Media, che trasformano non solo il tessuto sociale ma addirittura il modo di pensare e di
essere di ciascuno. Non la semplice moltiplicazione delle informazioni a essere in causa, ma il mezzo di
trasmissione di queste informazioni. Non mi addentrer nella molteplicit degli aspetti menzionati da McLuhan, ma
prender in considerazione due elementi: in primo luogo, ancora la stessa osservazione: i nuovi media sono
essenzialmente e prima di tutto media tecnici, sono prodotti dal progresso tecnico, lo accompagnano, vi sono
strettamente associati, derivano da ogni cambiamento tecnico. Non sono i media a provocare la tecnica, ma il
contrario. D'altra parte, per seducenti che siano le tesi di McLuhan, chiaro che egli allarghi un po' troppo l'influenza
dei media quando ne fa l'unico elemento esplicativo di tutto quanto venga prodotto nella nostra societ, a costo di

acrobazie intellettuali delle quali ammirabile l'ingegnosit, ma che non convincono a causa dell'assenza di
riferimenti a un reale verificabile. La moltiplicazione dei media e delle informazioni certo decisiva oggi, ma non
tutto definibile attraverso questo unico elemento e, anche ammettendo le moderne analisi sul linguaggio, la tecnica
rimane ancora l'infrastruttura e la possibilit di questa moltiplicazione.
Sulla stessa linea, i situazionisti hanno definito la societ dello spettacolo. Per effetto dell'ideologia borghese, il
disinnesco di ogni seriet, la rottura della prassi, la moltiplicazione delle comunicazioni, l'azione psicologica, tutto,
nella nostra societ, diventato spettacolo, a condizione di non intendere il termine in modo banale e semplice, ma di
conferirgli l'ampiezza necessaria: lo spettacolo uno stile di vita completo. Il consumo spettacolo, e l'attivit
politica, il divertimento, il lavoro, la vita familiare, la rivoluzione. L'uomo moderno assiste a tutto come spettatore.
Tutto gli viene sottoposto come spettacolo, compreso ci a cui pensa di partecipare in modo pi serio. Questa
sicuramente l'analisi pi profonda, meno frammentaria, e ha il merito di rendere coerenti le osservazioni riguardanti
l'individuo e quelle relative al corpo sociale. L'individuo considerato all'interno del corpo sociale. Ma come non
accorgersi che se c' una societ dello spettacolo a causa, grazie, e in vista della tecnicizzazione? il mezzo tecnico
a rendere possibile la globalizzazione dello spettacolo. l'attivit tecnica a essere essenzialmente spettacolare
(escludendo ogni realt interiore), essa che esige il disinnesco della seriet: ogni azione pu esprimersi solo
attraverso le tecniche, e la societ dello spettacolo appare come il quadro ideale, l'ambiente pi favorevole (perch il
meno turbato dalle intempestive azioni dell'uomo autonomo) per lo sviluppo della tecnica. ancora lei la chiave della
realt attuale.
Brzezinski (La Rvolution techntronique) ha ritenuto di apportare qualcosa di assolutamente nuovo coniando il
termine Tecnotronica. Egli riconosce le seguenti differenze tra societ industriale e societ tecnotronica: nella societ
industriale la macchina gioca il ruolo essenziale; i problemi sociali dominanti sono la disoccupazione e l'impiego;
l'insegnamento avviene attraverso relazioni umane, la classe dirigente plutocratica, l'Universit una torre d'avorio
isolata dal reale, la lettura favorisce un pensiero concettuale proprio degli ideologi, i conflitti politici sono essenziali,
le masse sono organizzate in sindacati, il potere economico personalizzato, la ricchezza l'obiettivo dell'attivit. La
societ tecnotronica pu esservi opposta termine a termine: si assiste a una crescita dei servizi, l'automazione
sostituisce l'impiego industriale, la questione centrale quella delle qualifiche, si accede alla sicurezza dell'impiego,
l'insegnamento universale grazie alle tecniche di comunicazione, la conoscenza, come mezzo d'azione, rimpiazza la
ricchezza. L'Universit diventa il serbatoio del pensiero immerso nella vita concreta, il problema della
partecipazione alla decisione generalizzato, oltrepassa le questioni politiche, le ideologie scompaiono, il potere
economico si spersonalizza, la ricchezza perde il proprio uso Non negher certo che Brzezinski abbia sottolineato
esattamente nuovi caratteri della societ nella sua fase attuale o prossima ventura, ma non vedo la necessit di coniare
un nuovo termine. Tecnotronica un misto di Tecnica ed Elettronica. Forse l'elettronica non una tecnica? Apporta
qualcosa che non rientra nelle precedenti definizioni di Tecnica? Ancora una volta la Tecnica la Macchina e
l'Industria. Allora s che c' qualcosa di nuovo: secondo la famosa definizione, nella Macchina ci sono elementi
materiali che si muovono. L'elettronica funziona senza che alcun elemento materiale si muova. Ma se il computer non
una macchina nel senso comune del termine, non forse il prodotto di un dato numero di tecniche? Perch non
dovrebbe venire inserito in un sistema tecnico? Non c' alcun motivo di opporre Tecnica ed Elettronica; la seconda
semplicemente parte della prima. I caratteri che Brzezinski prende in considerazione per la societ tecnotronica sono
gli stessi della societ tecnica; e, malgrado tutte le simpatie per il suo onesto libro, devo dire che ha semplicemente
ceduto alla moda di produrre un vocabolario esoterico (all'apparenza) per dare l'impressione di creare qualcosa di
nuovo. Ci che descrive (nelle prime due parti del libro) appartiene esattamente alla societ tecnica; la novit la
parola Tecnotronica, che non trova giustificazione. Tecnica pi che sufficiente a legittimare tutto ci che propone.
***
Passate in rassegna le definizioni pi importanti e attuali della nostra societ, abbiamo visto che ogni volta il fattore
decisivo che spiegava il carattere preso in considerazione era il fenomeno tecnico10 e che esso appare essere il fattore
comune a tutte le definizioni proposte. Ognuna di queste definizioni esatta. Di nessuna si pu affermare che l'autore
si sbagli (ciascuno ha perfettamente messo in luce un aspetto essenziale del nostro tempo). Non si pu dire che una
sia migliore dell'altra. Ma tutte sono limitate. Ci che permette di generalizzare esattamente la considerazione del
fattore comune. Questo rende conto di tutti gli aspetti presi in considerazione. Visto che questi sono esatti, significa
che anche il fattore comune esatto ma si situa a un livello di analisi pi profondo, pi decisivo, senza tuttavia cadere
in un'astrazione filosofica, poich la relazione tra questo fattore e i diversi caratteri considerati una relazione di fatto
immediatamente constatabile. A partire da questo fattore comune sarebbe del resto possibile scoprire altri caratteri
non meno importanti della nostra societ11. Vedremo tutto ci mano a mano.
Prendendo in considerazione quelli comunemente accettati, otteniamo per un risultato inatteso: esamineremo il
sistema tecnico, ma sin da ora possiamo dire che questi caratteri sono dati dal sistema tecnico considerato per se
stesso. In altre parole, attraverso questo che ogni autore ha cercato, spesso senza accorgersene, di definire la nostra
societ. Ci che ogni volta stato messo in luce un elemento del sistema tecnico, che si realizza all'interno di
un'incessante circolazione di produzione-consumo. Bisogna tuttavia considerare questi termini a tutti i livelli,

giacch si tratta di produzione di beni industriali come di simboli, di individui (attraverso l'educazione), di
divertimenti, di ideologie, di segni, di servizi, di informazioni. Ci che viene chiamato circolazione (compresa quella
di esseri umani o di informazioni) ha sempre per origine una produzione e un consumo per fine. Questo sistema
complesso per possibile solo attraverso il miglioramento di un'organizzazione che porta produzione e consumo a
coincidere in modo sempre pi preciso. Progredendo in modo costante e necessario, la Tecnica fa del sistema tecnico
l'agente di una inevitabile societ dell'abbondanza. In modo reciproco, poich tutto viene prodotto e consumato in
questo modo, il sistema presuppone un'integrazione sempre pi completa di ogni elemento, compreso l'uomo, in
qualit di oggetto. L'uomo non pu pi essere soggetto, perch il sistema implica che, almeno in rapporto a esso,
l'uomo sia sempre trattato in qualit di oggetto. Questo fenomeno oggi molto pi importante della famosa
interpretazione marxista della merce, definita dal sistema capitalista. Quest'ultimo oggi inglobato nel sistema
tecnico, e la categoria di merce (sempre parzialmente esatta e utilizzabile con precauzione) non spiega pi granch.
La categoria di oggetto tecnicizzato molto pi decisiva e rigorosa oggi. Il sistema tecnico, attraverso la propria
realizzazione, senza intenzione produce successivamente, in tutti i campi in cui si applica, un'oggettivazione che non
ha pi nulla a che vedere con quella di Hegel, che non pi quella del soggetto, che non si introduce pi in una
dialettica soggetto-oggetto. Ormai ci che incorporato, o inglobato, trattato in qualit di oggetto dal sistema attivo
che non pu svilupparsi n realizzarsi se non giocando su un insieme di elementi precedentemente ridotti alla
neutralit e alla passivit. Poich nulla pu avere un senso intrinseco, ma riceve senso dall'applicazione tecnica - nulla
pu pretendere a un'azione, ma viene agito dal sistema tecnico - nulla pu ritenersi autonomo, perch il sistema
tecnico a essere autonomo, come dimostreremo. Si vede quindi che il famoso argomento della reificazione
dell'uomo (attraverso il quale si tende oggi a sostituire l'alienazione) trova posto e spiegazione nell'analisi del sistema
tecnico. Ci torneremo. Questa preminenza e globalit del sistema porta a definire la societ moderna come societ
tecnica, termine che in Francia stato impiegato inizialmente da Friedmann (1938)12. Aggiungerei, d'altra parte,
tecnicizzata - intendendo con il primo aggettivo il carattere attivo, dell'agente tecnico, e col secondo il risultato
sulla societ.
Tuttavia questa definizione stata criticata, tra gli altri, anche da Lefebvre13.
Seconda critica: la Tecnica diventa un oggetto sociale autonomo e determinante. Ci pu avvenire solo attraverso uno
strato sociale tendente a diventare casta o classe: i tecnocrati, che agiscono attraverso l'organizzazione. Bisogna
quindi parlare di societ tecnocratica e burocratica. Ed ecco che ci si lancia subito in guerra contro la tecnocrazia. Mi
sembra che il passaggio sia un po' artificiale! Affermare che la Tecnica funzioni solo attraverso una classe significa
non vedere che ciascuno partecipa a ogni livello al sistema tecnico. Per trascurare un tale fatto necessario voler
applicare per forza le categorie di interpretazione marxiste di classe e di forza agente attraverso una classe. Bisogna
cominciare col non ravvisare che la crescita del sistema tecnico dissolve le classi. Il passaggio tecnico- tecnocrate
completamente inaccettabile. Come ho spesso scritto, non ho mai visto un vero tecnocrate. Secondo me la societ
tecnica perfettamente antitecnocratica. Nessun tecnico pretende di dirigere la societ. Non vi alcuna necessit di
considerare i tecnici come tecnocrati n di credere alla nascita di una classe del genere. Queste due critiche si basano
su un'interpretazione estremamente superficiale e frettolosa della realt tecnica.
La migliore risposta all'interpretazione mitica della Tecnocrazia proposta da Lefebvre l'intelligente analisi di F.
Hetman14 sugli effetti della Tecnica (che procura abbondanza) sulle strutture sociali. Egli mostra in modo molto
chiaro tre effetti che corrispondono alla composizione sociologica di una societ tecnica. Alla classificazione di Colin
Clark si sostituisce un'altra divisione: alla base gli afunzionali non qualificati, poi gli operatori funzionali, e in
cima i dirigenti- ricercatori-ideatori, con un possibile quarto settore comprendente le attivit di ricerca operativa. In
altre parole, la ripartizione sociale avviene (gi) sempre meno in funzione delle attivit applicate all'economia, e
sempre pi in rapporto alla capacit tecnica. Entriamo in questo modo nell'era dei sacerdoti, i quali hanno facolt di
decisione in tutti i campi perch hanno la capacit di conoscere e utilizzare le tecniche. Che lo si voglia o meno, come
dimostra Hetman, gli esperti, gli specialisti delle diverse tecniche si trovano ovunque, e dall'impresa
all'amministrazione, dal governo all'agricoltura formano la vera intelaiatura della societ, la rete che tiene insieme i
vari pezzi: la coerenza tecnica che oggi fa la coerenza sociale, ma non si tratta di una tecnocrazia nel senso proprio
del termine.
Ultima critica a Lefebvre: la teoria della societ tecnica in realt un'illusione, un mito giustifcatore della
situazione15. Essa destinata a giustificare le situazioni privilegiate, a deviare le forze rivoluzionarie, a nascondere gli
aspetti insopportabili della societ In altre parole essa riveste il ruolo dell'ideologia nella dottrina marxista.
Ammetto di non comprendere molto bene come un'analisi che di fatto conduce a una certa interpretazione possa
essere definita tale (se non a partire da un'altra ideologia, marxista, che fa delle categorie di classe, sfruttamento,
proletariato, merce, ecc., categorie definitive e scientifiche, che non comprende nulla al di fuori del proprio sistema e
passa allora ad accusare ci che non rientra nel proprio schema esplicativo!). Come si potrebbe dire che un biologo
che constata la proliferazione di cellule cancerose, che esamina la crescita, l'estensione del cancro, il meccanismo di
generazione, l'intervento dei fattori favorenti, giustifica ci che osserva mentre tenta di interpretarlo? Il tentativo di
spiegazione pu essere, ma non necessariamente, un mito. Come pu l'individuazione della novit essere un'illusione

ideologica? Come se la scoperta del sistema tecnico in quanto sistema possa giustificare il reale: in effetti, ho
osservato che tutti coloro che hanno preso coscienza di questo fatto hanno avuto reazioni piuttosto negative, colti da
timore, da angoscia e talvolta da un certo panico. La realt constatata esattamente opposta a quella di Lefebvre: ben
lungi dal giustificare la situazione, la scoperta del sistema tecnico appare sempre come un attacco contro la Tecnica,
una critica alla tecnicit! La rivelazione della struttura tecnica viene sempre percepita da tecnici e intellettuali come
un'accusa a essa, anche quando non c' alcun giudizio di valore. La denuncia di sapore marxista di Lefebvre manca il
bersaglio. Le varie critiche rivolte alla nozione di societ tecnica rivelano soprattutto il carattere ideologico dei loro
autori.
***
Dobbiamo superare l'idea di Societ Tecnica giacch la Tecnica ha acquistato ampiezza e organizzazione nuove. Ci
che cerco la sua struttura specifica, e mi sono reso conto che essa esiste in quanto sistema, cio come tutto
organizzato. Preciser pi in l di cosa si tratti esattamente. Per il momento vorrei solo dire che si tratta allo stesso
tempo dell'elaborazione di un modello cos come di un rendiconto della realt. La difficolt principale giunge proprio
dall'ambiguit tra i due. In quanto ricerca dei caratteri specifici delle tecniche come insieme, e del suo funzionamento
teorico, si tratter di un modello. Ma questo costituito a partire dai dati esistenti in realt, e rende conto di tutto un
aspetto del nostro mondo. Il fatto che non prender in considerazione le disfunzioni accentuer l'impressione che si
tratti di un Modello: lo studio delle disfunzioni del sistema e della sua retroazione, della correzione degli errori, sar
oggetto di una seconda opera indipendente. Tuttavia l'idea di un sistema tecnico ci porta a formulare con pi
precisione la definizione della nostra societ: non basta pi dire Societ Tecnica e Tecnicizzata. Si pu al contrario
identificare la Societ con il Sistema Tecnico? quest'ultimo a costituire il tutto? O la Societ diventata il sistema
stesso? Si trasformata fino a diventare, come pensano alcuni, una Megamacchina? Una Meccanismo che esprime,
traduce la Tecnica in tutto e sotto tutte le forme?
facile constatare che tutto ci che costituiva la vita sociale, il lavoro, lo svago, la religione, la cultura, le istituzioni,
tutto ci che formava un insieme ampio e complesso, in cui si inseriva la vita reale, in cui l'uomo trovava al contempo
ragione di vita e angoscia, tutte queste attivit lacerate e pi o meno irriducibili le une nelle altre, tutto ci ora
tecnicizzato, omogeneizzato, integrato in un nuovo insieme che non la societ. Non c' pi alcuna significativa
organizzazione sociale o politica possibile per questo insieme di cui ciascuna parte sottomessa a tecniche, legata alle
altre da tecniche. Regna solo l'eterna sostituzione di elementi omogenei. In rapporto alla realt sociale, come alla
realt naturale o umana, la tecnica riveste un enorme ruolo di astrazione. Gi inizia a essere ammessa l'idea di
societ virtuale che si trova presso numerosi autori e che corrisponde a quella da me analizzata nell' Illusione
politica (la politica nel mondo delle immagini). Non c' senso alcuno: si ha astrazione di tutte le attivit, di tutti i
lavori, di tutti i conflitti, situati in un'attualit senza profondit. Siamo incapaci, per esempio, come ha notato
Baudrillard in La Socit de consommation, di considerare la razionalit degli oggetti che consumiamo, di renderci
conto, quando guardiamo la TV, che quel miracolo un lungo processo sociale di produzione che porta al consumo
dell'immagine. Perch la tecnica cancella il principio stesso di realt (sociale). Tutto il sociale passa a livello astratto,
con lo strano fenomeno di un'acuta presa di coscienza del non reale (la passione per la politica, per esempio) e di una
non presa di coscienza del reale (per esempio della Tecnica). Questo spostamento nella relazione deriva
effettivamente dalla Tecnica: essa fa apparire questo non reale che viene preso per reale (i beni di consumo, o l'attivit
politica), attraverso il processo di diffusione, attraverso l'immagine - essa a nascondersi (beninteso, non c' alcuna
volont deliberata, nessun antropomorfismo!!) dietro il gioco luminoso di apparenze, esattamente come alcuni orologi
moderni in cui non solo il meccanismo nascosto sotto il quadrante (che dopotutto esiste sempre), ma in cui gli stessi
numeri del quadrante vengono eliminati e le lancette ridotte praticamente al nulla a vantaggio dell'estetica, di
un'ornamentazione estrema o di un design squisito: la funzione quasi scomparsa sotto l'apparenza. ci che oggi
accade nella relazione tra il reale sociale e la percezione molto visiva e colorata di un non reale, con l'unica funzione
di nascondere il meccanismo e di accontentarci del miracolo-miraggio.
Se viviamo in tale societ virtuale, se la nostra attenzione tanto distratta, monopolizzata - se da un lato, tutto ci che
una volta costituiva la societ integrato come fattore separato nel sistema tecnico e contemporaneamente indotto
dalla Tecnica - non siamo allora passati allo stadio della Megamacchina? La nostra societ non gi una macchina
pura e semplice - l'orientamento di Wiener (che ritiene che la societ sia un sistema cibernetico) e, con una
connotazione totalmente differente, di Mumford (The Myth of the Machine)? La Megamacchina il sistema sociale
completamente organizzato, omogeneizzato, nel quale la societ funziona come una macchina di cui gli uomini sono
gli ingranaggi. Questo tipo di organizzazione, grazie a una coordinazione totale, alla continua crescita dell'ordine,
della potenza, della predittibilit, e soprattutto del controllo, ha ottenuto risultati tecnici quasi miracolosi presso le
prime megamacchine, cio le societ egiziana e mesopotamica. Questo sistema trover la pi perfetta espressione
grazie all'aiuto della tecnologia moderna nel futuro della societ tecnologica. Secondo alcuni autori, la
Megamacchina trova compimento grazie al computer: L'aspetto demoniaco della macchina nulla rispetto al
conformismo della societ, afferma Elgozy. La Megamacchina funziona implacabilmente - il senso stesso della
libert individuale venuto meno. Essa possiede la freddezza, l'indifferenza, l'anonimato della macchina. Essa non

cerca di vessare o alienare l'uomo: lo fa semplicemente per esistere. E pi l'ordine, nella Megamacchina, diventa
essenziale, pi si fa necessario maggiore ordine; l'ordine richiede ordine e il minimo disordine diventa intollerabile.
Grazie ai mezzi di informazione e di comunicazione, la Megamacchina presenta inoltre alcuni dei caratteri di una
societ primaria: ciascuno conosciuto nella propria totalit (totalit registrata nel computer nazionale). Il computer
raccoglie su ogni individuo un fascicolo di informazioni fino ad ora disperse, il che renderebbe intollerabile il
controllo della societ, tanto pi che questo controllo non viene esercitato solo dalle autorit, ma anche dal
pubblico, dagli Altri, dall'Opinione, poich Tutto ci che concerne un individuo pu essere diffuso, messo sotto gli
occhi di tutti attraverso le telecomunicazioni.
La Megamacchina funziona cos contemporaneamente in modo astratto, in quanto macchina sociale, e in modo
totalitario, privando dell'identit gli ingranaggi della macchina.
In questo carattere primario ritroviamo l'idea di McLuhan secondo la quale il mondo grazie alla TV diventer un
villaggio globale. Il fatto ancora pi accentuato se si considerano non solo l'ubiquit permessa dalla TV, il
rinascente pensiero mitico, ma anche il controllo di ognuno ad opera di tutti permesso dall'informazione. In questa
prospettiva il sistema tecnico finisce per trasformare la societ stessa in un sistema tecnico - un rischio (o una
possibilit) che tenta molti intellettuali. per curioso che alcuni sociologi possano accettare questa riduzione della
societ allo stato di macchina. Per quanto meccanicista o determinista si possa essere, chiaro che nessuna societ ha
mai funzionato cos. un'illusione credere che la societ babilonese, o quella azteca, fosse un meccanismo: le
istituzioni, la dirigenza, la forma della societ, s, ma la realt sociale, all'interno e al disopra, era tutt'altro. D'altronde
proprio l'idea che queste societ storiche fossero Megamacchine dimostra la confusione: non sar quindi a causa della
crescita tecnica della nostra civilt che sar cos! Al contrario, sar il sistema tecnico a rischiare di produrre un tale
effetto. Credo tuttavia che sia molto pericoloso utilizzare questa visione apocalittica; in effetti, troppo facile provare
attraverso fatti che la nostra societ non meccanizzata, che da un lato essa piena di cortocircuiti, di grippaggi, di
caos, ha ampi vuoti non tecnicizzati, e che dall'altro l'uomo di questa societ non veramente meccanizzato al punto
da essere solo un ingranaggio. Crozier ha ragione nel ricordare l'importanza delle relazioni interpersonali nei sistemi
pi burocratici. In realt, non bisogna confondere sistema tecnico e societ tecnica. Il sistema esiste nel rigore, ma
anche nella societ, vivendo al contempo in essa, di essa e innestato su di essa. Esiste una dualit esattamente come
tra la Natura e la Macchina - quest'ultima funziona grazie a prodotti naturali, ma non trasforma la natura in
macchina. Anche la societ un prodotto naturale. A un certo livello cultura e natura si intersecano, formando la
societ, in un insieme che diventa natura per l'uomo. In questo complesso si inserisce come un corpo estraneo,
invasivo e insostituibile, il sistema tecnico. Esso non fa della societ una macchina. Modella la societ in funzione
delle proprie necessit, la utilizza come supporto, ne trasforma alcune strutture, ma c' sempre una componente
imprevedibile, incoerente, irriducibile nel corpo sociale. Una societ composta da pi sistemi, da pi tipi, da pi
schemi, situati a diversi livelli. Dire che la Tecnica il fattore determinante di tale societ, non significa che sia il
solo! Ma la societ soprattutto fatta di uomini, e il sistema, nella propria astrazione, sembra non tenerne conto. Solo
con un passaggio al limite si potrebbe pretenderne l'identificazione, ma un tale passaggio non sarebbe serio. Diremo
quindi che la societ tecnica quella nella quale si instaurato un sistema tecnico, ma essa non il sistema e tra i due
esiste tensione. Non solo tensione, ma eventualmente disordine e conflitto. Come la macchina provoca nell'ambiente
naturale scompiglio, disordini, e mette in discussione l'ambiente ecologico, cos il sistema tecnico provoca disordini,
irrazionalit, incoerenza nella societ e mette in discussione l'ambiente sociale. Se sbagliato parlare della societ
moderna come di una megamacchina, non bisogna tuttavia dimenticare che alcuni desiderano ardentemente
raggiungere questa meta. Ci troviamo di fronte al dilemma perfettamente delineato da Von Kleist (Le Thtre de
marionnettes) : l'alienazione assoluta che permette di ricevere la grazia - ovvero la coscienza infinita. Essendo
questa unicamente attributo di Dio, necessario che l'uomo sia ridotto allo stato di marionetta (e la societ a quello di
macchina) per ritrovare l'innocenza primordiale e la grazia. Sappiamo oggi come l'uomo si trasformerebbe, ma Von
Kleist non sembra intuirlo. Cos per accedere alla Totale Libert, Gratuit e Indipendenza contro gli obblighi naturali,
morali e sociali, bisogna essere in uno stato di perfetta disindividualizzazione, di assenza in certo qual modo: la
marionetta raggiunge la grazia in uno stato di assoluta incoscienza (ma per chi allora?). Ci riassume le
argomentazioni di numerosi ricercatori che non si esprimono in termini metafisici, ma la cui ricerca sottesa e
giustificata da questo pensiero. Sarebbe anche la posizione dei tecnocrati che cercano di sottomettere l'intera realt
sociale al sistema tecnico. Esamineremo pi avanti il problema. Prendiamo qui in considerazione solo due esempi:
uno riguarda un progetto effettivo, reale, cifrato, sostenuto dai ricercatori e dai politici pi seri, quello del Japan
Computer Usage Development Institut di Tokyo, che nel 1972 ha presentato il progetto di una societ
completamente tecnicizzata grazie al computer - progetto a tappe, la prima da completarsi nel 1977, la seconda nel
1982. La prima si basa su un'unit urbana sperimentale di 100.000 persone. A caratterizzare il progetto la riduzione
della societ a un dato numero di cellule (ospedali, scuole, fabbriche, uffici, tribunali, ecc.) e un certo numero di
funzioni (ad esempio, elaborazione, esecuzione, controllo, informazione, ecc.), per poi procedere all'automatizzazione
di ciascuna unit (cosa possibile): l'uomo diventa cos rigorosamente il servo di questo insieme. Si procede quindi
all'unione, resa possibile dal computer, di tutte le cellule e di tutte le funzioni A questo punto, per esempio, i

processi di decisione non sono pi completamente indipendenti: la decisione il risultato necessario, inevitabile delle
multiple connessioni. Maggiore la completezza dell'analisi, pi ci si avvicina alla famosa Megamacchina. Esistono
tuttavia numerosi impedimenti, dal punto di vista finanziario come da quello metodologico. Ma il proposito c'.
Questo progetto dei tecnici, estremamente comprensibile dato che non possono avere altra concezione se non quella
proveniente dall'espansione della loro tecnica sempre pi perfezionata, si avvicina pericolosamente a quello dei
Neoutopisti. Ho spesso attaccato, su pi livelli, la corrente Neoutopista.16 Non so per quale aberrazione Lefebvre
possa essere antitecnocrate e allo stesso tempo esaltare l'Utopia. Chiaramente sono a conoscenza dei gloriosi
argomenti da lui avanzati riguardo l'apertura di immaginazione e la meravigliosa libert rappresentata dall'Utopia,
eppure credo concretamente che questa corrente sia un nuovo trucco del demonio per portarci alla Megamacchina.
Bisogna ricordare che in passato tutti gli Utopisti, senza eccezione, hanno presentato la societ come una
Megamacchina: si tratta sempre della perfetta copia di una societ ideale, di una perfetta connessione tra le parti del
corpo sociale, ecc. L'Utopia presenta la societ totalitaria senza fratture, un luogo in cui l'uomo si vedr assicurato
l'avvenire, la legalit, ecc. Una perfetta organizzazione che permette la soppressione del potere politico. Ci che rende
queste descrizioni Utopie il loro carattere di irrealizzabilit. Oggi l'Utopia ci viene presentata come
meravigliosamente utile in quanto stimolo a inventare ci che sar, come in effetti accaduto nel passato. Alcuni
autori che riducono l'Utopia alla sua minima dimensione dichiarano ad esempio che l'uomo aveva formulato l'Utopia
di volare, o l'Utopia di essere in contatto immediato con qualcuno, o di vedere che cosa succede a migliaia di
chilometri di distanza, e l'Utopia si realizzata s, grazie a procedimenti tecnici. Ci dicono: lanciatevi nell'Utopia,
sar la realt di domani. Ma ormai sappiamo come essa si realizza: o un sogno insensato o si concretizza grazie ai
progressi delle Tecniche: non c' altra possibilit. Dal momento che alcune Utopie si sono realizzate, veniamo invitati
a formulare le nostre, perch, per folli che siano, condizioneranno il futuro. Ma in realt, o vi sar una tecnica che si
impadronir del sogno e lo metter in pratica, o ci sar solo fumo senza arrosto. Sicch le Utopie delle societ future
mi sembrano oggi l'orrenda seduzione per la realizzazione della Megamacchina. Le attuali Utopie sono gli uccelli di
richiamo dei Tecnocrati. Si pu star certi che per lanciarsi in volo aspettano solo un segno delle lites intellettuali e
spirituali. L'unica Utopia quella tecnica, e attraverso questo canale potr realizzarsi l'identificazione tra sistema
tecnico e societ tecnica. L'Utopia nella societ tecnica l'orizzonte della Tecnica. Nulla di pi.

Parte prima
CHE COS' LA TECNICA?

Capitolo primo
LA TECNICA IN QUANTO CONCETTO
Sin dai primi studi sulla Tecnica, ho usato questo termine senza darne spiegazione, il che ha provocato numerosi
malintesi. Mi sembrava evidente che le tecniche utilizzate in tutti i possibili campi di attivit presentassero caratteri
comuni tali da permettere la deduzione di un concetto generale. risaputo: nessuno ha mai visto il cane, eppure tra
uno spaniel, un boxer, un cocker, un danese, un pechinese, un pincher, nonostante tutte le differenze, esistono tratti
comuni sufficienti a farci capire esattamente ci che intendiamo con la parola cane. Non mi addentrer nella
questione degli Universali. Non asserir l'esistenza di un'idea concreta in s della Tecnica assoluta in un qualsiasi
Empireo. Ma ritengo di poter costruire scientificamente un fenomeno a partire dai caratteri e dalle interrelazioni
esistenti tra i fenomeni comunemente chiamati tecniche considerati nella nostra societ, la prima in cui la Tecnica,
divenuta dominante, un concetto. Alcuni oggi affermano che la Tecnica non esiste, ma esistono solo delle
tecniche. Questa affermazione si basa su un realismo superficiale e su un'evidente mancanza di sistematizzazione. La
Tecnica in quanto concetto permette di comprendere un insieme di fenomeni che rimangono invisibili se ci si situa al
livello dell'evidenza percepibile delle tecniche. Il concetto, pure se indispensabile alla comprensione, non cos
chiaro e semplice in s, e nemmeno implica l'esistenza di un sistema tecnico. Non riaffronteremo il problema della
definizione della Tecnica, ma esamineremo in modo genetico il modo in cui il concetto si costituito, sempre in
riferimento alla realt moderna.
Il termine Tecnica ricopre un gran numero di fenomeni e racchiude pi significati. La difficolt risiede nel fatto che
questi significati fanno riferimento a realt diverse: da un lato realt concrete (la tecnica del motore a scoppio),
dall'altro oggetti di studio scientifico e infine strati di tecniche diversificate diluiti nel tempo. A quanto pare
inizialmente si indicava con tecnica, conformemente all'etimologia, un dato modo di fare (how to do), procedimento

o insieme di procedimenti. Diderot parla di Tecnica propria a ciascun pittore. Tuttavia, rapidamente e nella misura
in cui ci che inizia a dominare sono la macchina e la sua applicazione industriale, la Tecnica comincia a indicare i
procedimenti di costruzione e utilizzo delle macchine. Si parla allora pi frequentemente delle tecniche. Si inizia a
studiarle in una scienza chiamata Tecnologia che consiste nel descrivere e ragionare su queste tecniche, tracciarne la
storia, ricercarne i perfezionamenti - alla fine del XIX secolo, la tecnologia veniva classificata in cinque rami, il che
significativo di cosa si intendesse allora per tecnica: le materie prime, i procedimenti e le macchine relativi all'habitat
(pi abiti e cibo), l'igiene e la sanit, l'illuminazione e il riscaldamento, gli apparecchi e gli utensili.
Vengono poi piuttosto rapidamente distinti gli strumenti e le risorse energetiche. Si classificano quindi le tecniche
riguardanti gli attrezzi e gli strumenti, le macchine e gli apparecchi. La prima categoria include i sistemi materiali
destinati ad accrescere l'efficacia dell'azione umana, rendendo accessibili all'uomo fenomeni di intensit troppo
ridotta per agire direttamente sui sensi (gli strumenti di misurazione) o aumentando l'intensit dei suoi sforzi. Questi
attrezzi e strumenti presentano la caratteristica, dal punto di vista tecnico, di essere direttamente manovrati dall'uomo.
Le macchine costituiscono sistemi materiali, che si sostituiscono all'uomo per le azioni che egli non in grado di
compiere autonomamente, spesso perch esse richiedono una quantit di energia troppo elevata. L'ambiguo termine
apparecchio, infine, indica sia strumenti complessi sia macchine che utilizzano una quantit di energia minima. In
ogni campo ovviamente c' una combinazione di pi attrezzi, macchine, strumenti per condurre a termine
un'operazione: la divisione del lavoro moltiplica le tecniche, che producono macchine. Pertanto si giunge alla
considerazione che la Tecnica non si rapporta pi a un'operazione parcellare, ma bens a un insieme di esseri
inanimati o eccezionalmente animati, organizzati in modo da sostituire l'uomo nell'esecuzione di un insieme di
operazioni definite dall'uomo17. La Tecnica comporta allora due nuovi caratteri: non pi relativa a un aspetto,
un'azione, ma un insieme. Si riferisce soprattutto a macchine che tendono a sostituirsi all'uomo. Tra queste
macchine si distinguono quelle relative al rifornimento di energia, quelle che usano l'energia (macchine energetiche e
che rimpiazzano l'uomo nell'azione sulla materia) e quelle che riguardano l'informazione (macchine operazionali che
rimpiazzano l'uomo nelle operazioni di creazione, trasformazione o trasmissione dell'informazione)18. A questo
livello, la Tecnica si riferisce unicamente alle operazioni industriali.
Le tappe della Tecnica vengono facilmente assimilate a quelle della crescita industriale. Queste tappe sono dettate
dalla produzione di energia. Si parler allora di prima rivoluzione industriale, caratterizzata dall'uso del carbone
come risorsa energetica e dalle macchine costruite in funzione di quest'uso. La seconda rivoluzione industriale
caratterizzata dall'elettricit. Sulla terza, generata dall'invenzione dell'energia nucleare, esiste ancora qualche dubbio,
ma gi da qualche anno si parla di una quarta rivoluzione industriale, quella prodotta dal computer. Si capisce
facilmente che in questo modo si cambia registro: non si tratta pi di un cambiamento o di un avanzamento nelle
risorse di energia. Il fenomeno dominante non pi la crescita di energia potenziale e utilizzata, ma
un'apparecchiatura organizzativa, di informazione, memorizzazione, preparazione alla decisione, che si sostituisce
all'uomo in gran parte delle operazioni intellettuali. Come si pu vedere queste tappe sono tutte legate all'applicazione
di macchine e tecniche specifiche, ma la Tecnica viene considerata una realt indipendente di pratiche pi o meno
perfezionate da un lato, e di macchine dall'altro. Assume un carattere di generalit in rapporto alle tecniche, senza
perci abbandonare il campo dell'applicazione delle macchine. Un nuovo possibile significato pronto tuttavia a fare
la propria comparsa: sempre pi evidente che tecniche e macchine causano considerevoli conseguenze sul
comportamento dell'uomo e sull'organizzazione della societ. Si comincer allora a parlare di societ tecnica (G.
Friedmann) e, sotto il nome di Tecnica in senso lato, si comincer a studiare non solo la macchina in s, ma la
macchina in relazione all'uomo e alla societ19.
Tuttavia, allora (vent'anni fa) il termine Tecnologia veniva inteso nel senso stretto di studio scientifico dei processi
tecnici, senza fare riferimento a dimensioni sociologiche. Si preferiva parlare di sociologia della macchina o della
Tecnica. Eppure un nuovo concetto stava gi facendo la propria comparsa: sembrava si potesse dare un'ampia
definizione della Tecnica in funzione di quello che implicitamente era il carattere dominante del fenomeno, sin dalle
origini: l'efficacia. Si poteva allora dire che la Tecnica era costituita dall'insieme dei mezzi pi efficaci in un dato
momento. Ci permetteva di slegare la Tecnica dalla macchina, poich in effetti c'erano ben altre tecniche che quelle
relative alle macchine (quelle sportive, ad esempio). Inoltre questa definizione aveva il vantaggio di ricordare che la
Tecnica era costituita da mezzi, tutti i mezzi, ma che si potevano tenere in considerazione solo quelli considerati al
momento pi efficaci, dato che questo era il criterio stesso di scelta e di progresso nelle Tecniche. In altre parole,
ovunque ci sia ricerca e applicazione di nuovi mezzi in funzione del criterio di efficacia si pu dire ci sia Tecnica.
Questa non dunque definita dagli strumenti impiegati n per un campo di azione o un altro (abbigliamento,
trasporti, ecc.). Esistono tecniche perfettamente astratte (le tecniche di lettura rapida, ad esempio). Lo stesso termine
veniva tuttavia ancora utilizzato per indicare le tecniche parcellari, meccaniche, e la Tecnica considerata in questo
ultimo senso. La maiuscola in s ha poco significato.
Gli Americani esitano tra Technics, Technique e Technology, spesso usano quest'ultimo termine per indicare
giustamente la Tecnica nel senso generale che abbiamo appena definito, e non la scienza delle tecniche meccaniche,
come facciamo noi. Le metamorfosi di questa parola, corrispondenti alla diversificazione, alla complessificazione del

fenomeno non sono finite: stato osservato che le tecniche, anche se applicate a campi diversi, agiscono le une sulle
altre, e che impossibile studiarle in modo indipendente. D'altra parte, le Tecniche sono diventate sempre pi
numerose ricoprendo progressivamente ogni ambito dell'attivit umana, sembrando prendere, per il fatto stesso del
loro numero e della loro densit, una nuova consistenza. Si aggiunga infine a questi due fattori la presenza del
computer, che un elemento di congiunzione, di coordinamento tra molte tecniche, nello stesso tempo in cui la sua
creazione il prodotto dell'unione di diverse tecniche. Si giunge cos a una nuova concezione della Tecnica come
ambiente e come sistema: le tecniche, combinate tra di loro e riguardanti la totalit delle azioni e degli stili di vita
umani, assumono un'importanza qualitativamente differente. La Tecnica cessa di essere una somma di tecniche per
giungere, attraverso la combinazione e l'universalizzazione, a una sorta di autonomia e specificit. il punto a cui
siamo arrivati, nel campo dei fatti come in quello dei discorsi, e quindi quello dell'analisi scientifica. Ma se questa
analisi gi molto difficile e rischiosa per la sociologia della Tecnica (studio degli effetti sui gruppi umani) lo
ancora di pi per lo studio della Tecnica in quanto sistema e realt globale, inglobante.
Ma quando tentiamo di formulare il concetto di Tecnica, arriviamo forse alla costruzione di un Modello? Concetto
non significa necessariamente Modello. In molte scienze umane il Modello l'uscita di sicurezza ideale20: la
costruzione di un modello permette un'attitudine irresponsabile. Avendo descritto un dato fenomeno sociologico, in
caso di errore si pu dichiarare che non si aveva l'intenzione di descrivere la realt, ma di costruire un modello per
vedere come funziona. Non si tiene in considerazione per che, se lontano dal reale, il modello funzioner, ma il suo
funzionamento non ci spiegher nulla. come se qualcuno volesse spiegare la tecnica di un pittore e per farlo
prendesse un puzzle raffigurante una tela del pittore in questione e si mettesse ad assemblarlo: il risultato sarebbe
un'immagine, ma avrebbe dimostrato come funziona un puzzle e non come dipinge un artista! Non pretendo dunque
qui di stabilire un modello, ma di rendere effettivamente conto del reale, solo considerato a un certo livello di
astrazione. Mi avvicino all'ideale tipo weberiano (Essai sur la Thorie de la Science) accentuando uno o pi punti di
vista, privilegiando un dato fenomeno, collegando fatti apparentemente isolati in modo da costruire un insieme
omogeneo: non un modello nel quale pretendo che l'insieme sia realmente omogeneo, ma solo che non lo si veda
tale a causa di epifenomeni, fatti accidentali, e dall'altro lato a causa dell 'incognito delle interrelazioni. Pertanto, ci
che intendo con il termine concetto, e quindi di sistema, pu assumere le parvenze di un modello riguardo al quale ci
si deve chiedere: vantaggioso considerare i fatti in questo modo?, e non la domanda: Le cose stanno veramente
cos?21. Abbandoneremo presto questo punto per prendere in considerazione non il funzionamento del modello, ma
quale ne sia la problematica: cio come esso stesso venga messo in discussione. A questo punto integriamo il
processo distruttore del modello per rendere conto del reale, e ci dirigiamo verso la discussione del fatto stesso
all'origine del modello. Si stabilisce cos la relazione critica tra modello e reale e allo stesso tempo si evitano il
discorso retorico di una tecnologia filosofica e la facilit della creazione di un modello senza problematiche esterne.
***
Il concetto presenta in ogni caso il decisivo vantaggio di sottolineare la specificit della Tecnica e di evitare le solite
confusioni. Come, ad esempio, giustamente afferma Mills: Non esagerato affermare che oggi uno dei maggiori
pericoli della civilt consiste nell'incapacit di cui danno prova gli intelletti esperti delle scienze della Natura di
comprendere la differenza tra l'economico e la Tecnica22. Confusione tra Tecnica e Scienza, tra Tecnica e Macchina,
di cui abbiamo in altre occasioni gi profusamente parlato, confusione ancora pi frequente tra Tecnica e Economia.
Appena si prova a distinguerle, i marxisti denunciano manovre diversive e un atteggiamento idealista
antirivoluzionario! tuttavia, per tutto il tempo in cui non si sar studiato il fenomeno tecnico al di fuori delle sue
implicazioni economiche e dei problemi di sistema economico e di lotta di classe, che ci si autocondanna a non
comprendere nulla della societ contemporanea (e conseguentemente a non poter intraprendere alcuna azione
rivoluzionaria!). Non c' adeguamento tra progresso economico e tecnicizzazione. La tecnicizzazione non ha un
aspetto economico in partenza, all'origine, e se oggi esiste una relazione (potenziale e discussa) tra crescita tecnica e
crescita economica, non ce n' alcuna tra crescita tecnica e sviluppo economico, come vedremo. Un buon esempio di
interpretazione totalmente superficiale della questione stato dato da M. Rocard23. Egli confonde continuamente la
Tecnica col suo utilizzo economico, accusando l'uso capitalista e gaullista e, considerato che le scoperte hanno una
finalit economica, l'unico problema capire se la crescita tecnica permetta di soddisfare le aspirazioni della
collettivit o di aumentare i profitti di un ristretto numero. I problemi (reali, beninteso, e che non contesto!) sono
tali da impedire di vedere la struttura della nostra societ e sollevano problemi insolubili (ad esempio, Rocard ritiene
che sia la struttura capitalista a impedire un utilizzo completo delle scoperte tecniche, ma non spiega come, dopotutto,
ci funzioni piuttosto bene in Giappone e nella Germania Federale). Il primo passo, quindi, quello dell'elaborazione
del concetto, determina l'isolamento in relazione ai fenomeni connessi ma che non rientrano nell'ordine della Tecnica,
o che sono costituiti da un mlange a prima vista inestricabile di tecniche e fattori diversi (politici, familiari,
psicologici, ideologici, ecc.). Il fatto di non isolare il concetto per considerarlo inizialmente in s, porta a
innumerevoli errori, ad esempio nelle questioni che ci si pone a proposito della Tecnica stessa. Un buon elenco di
questioni errate sulla Tecnica (errate semplicemente per la mancanza di rigore) ci fornito da un documento del
Consiglio Ecumenico, sunto di numerosi altri testi che sollevano le stesse questioni24. Vi si legge una lista di questioni

da studiare come: necessit di una politica ambientale, problema alimentare mondiale, stabilimento delle migliori
strutture nazionali e internazionali per l'utilizzo della tecnologia, pianificazione dello sviluppo urbano, nuovi
problemi relativi a spazio e oceani, conseguenze del progresso genetico e biologico per controllare e migliorare la
vita, creazione di nuovi bisogni nel consumatore, rivoluzione nella produzione e nell'immagazzinamento
dell'informazione, conseguenze delle tecniche di comunicazione per l'educazione e il condizionamento dell'opinione
pubblica Tutte queste questioni, che non sono sbagliate, sono state poste senza che sia stato innanzitutto studiato il
fatto tecnico in s25, vale a dire che si necessariamente portati a errori e a banalit studiando aspetti minimi del
fenomeno, tralasciando lo studio del fenomeno in s. significativo che questi esperti abbiano in seguito, in un
secondo capitolo, posto la questione delle conseguenze politico-economiche della tecnologia senza rendersi conto
che gi nel primo capitolo avevano studiato esclusivamente le conseguenze e non il fatto in s. Ma come si pu
parlare di conseguenze senza chiedersi prima conseguenze di cosa? Hanno agito come se si sapesse a priori che cos'
la Tecnica Evidenza presuntuosa che ha portato il Consiglio Ecumenico a un insieme di lavori superficiali.
Bisogna pertanto evitare di procedere in questo modo, cominciare dall'analisi del fatto in s, cosa che pu essere fatta
solo stabilendo un concetto che separi la Tecnica dalle scorie politico-economiche.
***
Una tale operazione non significa che la Tecnica verr considerata d'ora in avanti in s e come un'entit sufficiente a
se stessa. Ci porterebbe all'errore opposto. Ovviamente non si deve mai compiere un'operazione di astrazione
intellettuale e fermasi l. Si devono considerare le cose per come sono, e non delirare su una tecnica in s - cosa che
fanno oggi molti autori che parlano della Tecnica come se l'uomo, l'economia, la politica, la societ non esistessero
pi o fossero argilla malleabile: si pensi ad esempio agli incredibili libri di D. Rorvik26. Vi si trova un immenso
catalogo di ci che alcune tecniche di punta permettono di effettuare - addirittura non si sa mai esattamente se, nelle
sue descrizioni, ci si trovi in presenza di tecniche gi acquisite e controllate, o di esperimenti in corso di cui ancora
non si conosce il risultato, o di speranze di uno scienziato, o di un progetto di ricerca, o della speranza che da qui a
vent'anni si arriver a Comunque sia, presenta la concretizzazione dell'uomo macchina, il kibert, il rapporto diretto
tra cervello e computer, la medicina elettronica, la diffusione dei robot, l'applicazione dell'ESB (stimolazione elettrica
del cervello che egli traduce meravigliosamente in elettrosesso, elettromemoria, elettroeuforia), dell'ARMS (sistema
cibernetico che permette di ampliare la potenza dei sensi e di operare a migliaia di chilometri dal luogo in cui ci si
trova), del BFT (Bio-Feed-back Training: processo di retroazione biologico, per separare lo spirito dalla materia e
liberare il corpo), ecc. Tutto ci presentato, come fa anche Toffler, come inevitabile realt della Tecnica in un
prossimo futuro. Si prende un qualunque esperimento di laboratorio (ad esempio il collegamento di cinquanta
elettrodi nel cervello di una cavia) e si dice che quella sar la realt di domani.
Non ci si pone alcuna domanda sugli ostacoli morali, psicologici posti dall'uomo - n sulle difficolt economiche
poste dalla diffusione di tali imprese, n sulle lentezze politiche e sociologiche Tutto avviene come in un mondo
onirico: il grande stregone scopre una nuova tecnica che viene applicata alla realt con una bacchetta magica, e di
colpo tutto si trasforma. Con ci non voglio giudicare una tecnica o l'altra, ma voglio dire che tra la scoperta in
laboratorio e la diffusione di una Tecnica c' una bella differenza. Molte scoperte che sembravano possibili non sono
mai state realizzate. Bisogna confrontarsi con il reale. Non sono i pericoli della crescita delle tecniche a
spaventarmi, ma l'infantilismo degli autori che ritengono che il laboratorio di oggi sia il mondo di domani. Parlare
della Macchina che vede e pensa, o addirittura che si autoriproduce (Von Neumann), infantile antropocentrismo.
Dichiarare che la macchina dotata di una surrazionalit che afferma la potenza di un pensiero creatore delle proprie
norme, alla lettera fondatore di un nuovo mondo pieno di rumore e di sensi (Beaune) significa cadere nella
fantasmagoria: vuol dire considerare aspetti della Tecnica (in particolare il computer) e spingerli all'estremo come se
quella fosse la realt. Necessariamente la Tecnica si insinua in un mondo che non inerte e pu svilupparsi solo in
rapporto a esso. Per autonoma che sia, nessuna tecnica pu svilupparsi al di fuori di un certo contesto economico,
politico, intellettuale. In mancanza di queste condizioni, la Tecnica fallisce. Ancora una volta i maghi che ci
presentano la macchina - che penser molto meglio dell'uomo perch libera dal tumulto delle passioni - come
perfetto sostituto dell'uomo, cadono nello stesso errore: considerare solo un aspetto del fenomeno tecnico e non il
fenomeno tecnico stesso. Solo quando si conosce il fenomeno nella globalit se ne possono misurare il limite e la
novit. Chiaramente se si esaminano alcune tecniche, una accanto all'altra, se ne pu sempre sognare lo sviluppo
infinito. Ma se si studia un sistema in cui le tecniche sono in correlazione le une con le altre, e si comprende, inoltre,
che il sistema non chiuso, ci si rende subito conto di non poter antropologizzare le tecniche n sognarne lo sviluppo
infinito. Questo il motivo per cui, a partire da una concettualizzazione della Tecnica, bisogna rifiutare
vigorosamente le rappresentazioni fantasmagoriche e iperboliche della societ di domani, genere L'Alphaville di
Godard.
Si tratta di una rappresentazione mitologica della realt che non s accinge a essere n mai sar. tanto estranea
(come Odissea nello Spazio!) da risultare al contempo tremenda e rassicurante: si costruisce un'immagine mostruosa
e immaginifica del mondo a venire e la si attacca senza pericolo, poich a essa non corrispondono alcuna struttura
sociale e alcun gruppo. Come vedremo oltre, ci gioca un ruolo nello sviluppo del sistema, ma totalmente falso per

quanto concerne la tecnica. Che l'errore sia di magnificenza, come per Rorvik, o di orrore, il risultato lo stesso: non
si tratta della tecnica n del mondo di domani.
La formulazione di un concetto tecnico permette cos di misurare esattamente il possibile del tecnico stabilendo una
globalit, e ricollocando il fenomeno tecnico nella relazione con il contesto nel quale si sviluppa. Sull'altro fronte,
permette allo stesso tempo di affermarne l'autonomia e non cadere nell'ottimismo ugualmente semplicista di un
Reich27, per il quale tutto si gioca unicamente a livello di consapevolezza. Per dirigere la tecnica basta impadronirsi
dei comandi che nessuno conosce. Si tratta di riempire un vuoto, di mettere una intelligenza l dove manca. cos
semplice. il colpo di bacchetta magica, ma il risultato non l'esplosione dell'applicazione generale delle tecniche di
punta, ma la miracolosa riconquista del controllo dell'intero sistema attraverso un semplice fatto di consapevolezza.
La tecnica stessa produce la Coscienza III, quella dell'uomo divenuto superiore, libero e spirituale. Hippy ovunque.
Basta che il sistema di valori cambi, che i comportamenti psicologici, lo stile di vita si trasformino, ed ecco che la
tecnica non ha pi potere. Il trionfo dei capelli lunghi e dei pantaloni a zampa di elefante ci garantisce, secondo
Reich, il controllo della Tecnica. Basta scegliere uno stile di vita per trascendere la macchina, per stabilire un atto di
indipendenza, basta definire il nuovo stile di vita per definire la nuova societ. Guardiamoci intorno: Rorvik ha
ragione quando sottolinea l'enorme crescita delle potenzialit tecniche e il prodigioso ventaglio di eventuali
applicazioni, ma si sbaglia nel credere che la Tecnica si sviluppi nel vuoto. Reich invece ha ragione nel sottolineare
che nulla pu essere fatto senza consapevolezza, e che la consapevolezza giochi un ruolo fondamentale nel
funzionamento della societ, ma si sbaglia a credere che il cambiamento di coscienza costituisca la trasformazione del
sistema tecnico. Da un lato si sogna la perfetta malleabilit dell'uomo e della societ, dall'altro la perfetta malleabilit
della tecnica. La concettualizzazione deve permetterci di evitare questi due errori. Per il rigore intellettuale che gli
proprio, il concetto impedisce la divagazione: lungi dall'allontanarci dal reale a causa dell'astrazione, ci permette
invece, se le cose sono ben fatte, di tener conto di tutto il reale e di non trascurare alcuna delle correlazioni nelle quali
il concetto si situa.
Il primo passo non consiste quindi nel bighellonare nel campo del possibile cogliendo qui un iris, un trapianto di
cuore, e l un giglio di campo, il computer che pensa, ma nel creare un sistema che tenga conto dei diversi elementi e
la scomposizione in fattori nei confronti delle realt che condizionano e dalle quali sono condizionati. Si tratta di
cogliere le cose come sono mediante l'elaborazione di un concetto, e non di lasciarsi trasportare in qualsiasi
delirante direzione ci trascini il cuore, senza alcuna critica!
Poste queste condizioni, bisogna stabilire la differenza tra il concetto di Tecnica e la Tecnologia28. Quest'ultimo un
discorso sulla Tecnica, una scienza della Tecnica. Inizialmente discorso su tecniche particolari, poi saggio di discorsi
sulla Tecnica in generale, cio sul concetto stesso. Non ci troviamo quindi pi di fronte allo studio dei processi di una
data operazione, industriale per esempio (sempre oggetto dei corsi di tecnologia!), ma a una riflessione filosofica.
Questa presenta incertezza solo nella misura in cui non si inizia dalla definizione del concetto stesso di tecnica e di
sistema tecnico. In questo caso il Logos diviene allora una sorta di dissertazione astratta e priva di riferimenti - tanto
pi interessante dal momento che, secondo la solita mania dei filosofi, si tratta di un discorso sulla Tecnica in s, in
qualsiasi epoca, qualsiasi ambiente, come se fosse possibile assimilare la tecnica occidentale precedente il XVIII
secolo con la Tecnica attuale. Simondon affronta direttamente il fenomeno tecnico in s, e in questo senso realizza un
lavoro utile, e non un discorso chimerico. Si ha invece un buon esempio del discorso zoppicante, chiamato
Tecnologia, nel libro di Beaune29. Questo saggio, ornato da tutta la pomposa retorica strutturalista, postmarxista,
linguistica, moderna per dare un'impressione di profondit, propone quattro o cinque definizioni di Tecnologia che
non evitano i semplicismi (la macchina vive e pensa) e le pi elementari confusioni (non si possono giudicare i
fenomeni tecnici perch l'oggetto indifferente ai fantasmi gli attribuiamo, ecc.). Si tratta di un lavoro
estremamente ingenuo che assume un'apparenza di scientificit grazie al sistema retorico, dimostrandosi da questo
punto di vista tecnologico. Un semplice discorso su nulla di chiaramente concettualizzato.
Capitolo secondo
LA TECNICA COME AMBIENTE
La tecnica, anche quando astratta, processo, organizzazione, pi una mediazione che uno strumento. Si ha
generalmente l'idea della tecnica come mezzo d'azione che permette all'uomo di fare ci che non potrebbe con i suoi
soli mezzi. E chiaramente ci corretto. Ma molto pi importante considerare che questi mezzi siano una
mediazione tra l'uomo e l'ambiente naturale30. Mediazione che pu essere passiva o attiva (l'abbigliamento, la casa; i
prodotti tecnici sono schermi posti tra il corpo e l'ambiente). L'uomo ha cos creato intorno a s tutto un insieme di
mediazioni. Le tecniche delle societ tradizionali, sporadiche e frammentarie, rappresentavano singole mediazioni. La
situazione cambiata con la moltiplicazione delle tecniche e lo sviluppo del fenomeno tecnico31. Il carattere di
mediazione diventa quello dell'oggetto tecnico. Come sottolinea Simondon, la concretizzazione conferisce
all'oggetto tecnico un posto intermedio tra l'oggetto naturale e la rappresentazione scientifica dell'oggetto tecnico
astratto, cio primitivo e lontano dal costituire un sistema naturale.

la traduzione concreta di un insieme di nozioni e principi scientifici separati gli uni dagli altri. Al contrario,
l'oggetto tecnico concreto, cio evoluto, si avvicina al modo di esistenza degli oggetti naturali, tende alla coerenza
interna, alla chiusura del sistema delle cause e degli effetti e inoltre incorpora una parte del mondo naturale che
interviene come condizione di funzionamento. Se per di pi, come si spesso detto, il lavoro ci attraverso cui
l'uomo si fa mediatore tra la natura e l'umanit in quanto specie, attraverso il lavoro tecnico si crea il pi grande
insieme di mediazioni immaginabili, dato che vi incorporazione e durata del lavoro: Attraverso l'attivit tecnica,
l'uomo crea mediazioni separabili dall'individuo che le produce e pensa - l'individuo si esprime in esse ma non vi
aderisce. La macchina possiede una sorta di impersonalit che fa s che essa possa diventare strumento di un altro
uomo - la realt umana che essa cristallizza in s alienabile proprio perch separabile. L'oggetto tecnico, pensato e
costruito dall'uomo, non si limita solo a creare una mediazione tra uomo e natura: un misto stabile di umano e
naturale, contiene dell'umano e del naturale, conferisce al proprio contenuto umano una struttura simile a quella degli
oggetti naturali, permette l'inserimento nel mondo delle cause e degli effetti naturali della realt umana. La relazione
tra uomo e natura, invece di essere solo vissuta e praticata in maniera oscura, acquista uno stato di stabilit, di
consistenza che ne fa una realt con le proprie leggi e la propria ordinata continuit. L'attivit tecnica, creando il
mondo degli oggetti tecnici e diffondendo la mediazione oggettiva tra uomo e natura, ricollega l'uomo alla natura
secondo un legame molto pi ricco e meglio definito di quello della reazione specifica del lavoro collettivo
(Simondon).
Ci esatto, ma bisogna aggiungere che questa mediazione diventa esclusiva: non c' altro rapporto dell'uomo con la
natura, tutto l'insieme di legami, complesso e fragile, che l'uomo aveva pazientemente tessuto, poetico, magico,
mitico, simbolico scompare: rimane solo la mediazione tecnica che si impone e diventa totale. La tecnica forma uno
schermo continuo da un lato e dall'altro un modo generalizzato di intervento. Non solo un mezzo, ma universo di
mezzi - nel senso di Universo: al contempo esclusivo e totale. Lo stesso avviene anche nella relazione tra individui, o
nel rapporto che si stabilisce tra individui e gruppo: tutto diventa tecnico. Le relazioni umane non possono pi essere
lasciate al caso, non sono pi oggetto dell'esperienza, della tradizione, dei codici culturali, del simbolico: tutto deve
essere chiarito (dinamiche di gruppo, psicanalisi, psicologia del profondo), spiegato e poi trasformato in schemi
tecnici applicabili (pedagogia, relazioni umane, ecc.), in modo che ognuno apporti da un lato il proprio contributo e
dall'altro rivesta il ruolo che ci si aspetta da lui. Egli riceve gratificazione solo per se stesso mentre gli altri vengono
gratificati dalla conformit della sua condotta. Il codice diventato tecnico.
Baudrillard ne propone una notevole descrizione proprio per quanto riguarda la comunione. Parlando dei giochi
televisivi, dimostra l'importante funzione che essi ricoprono: la partecipazione. Il concorrente ottiene ci che
desidera, cio la soddisfazione di essere stato in TV, e il pubblico ha la sensazione di essere un insieme in contatto.
Gli spettatori ottengono ci che vogliono: la comunione - anzi, la forma moderna, tecnica, asettica della comunione
che la comunicazione: il contatto. Ci che identifica la societ dei consumi non infatti la deplorata assenza di
riti: il gioco radiofonico rito quanto lo sono la messa o il sacrificio presso le societ primitive. Ma la comunione
rituale non avviene pi attraverso il pane e il vino, la carne e il sangue, ma attraverso i mass-media (che non sono
solo il messaggio, ma anche il dispositivo di emissione, la rete di emissione, la stazione di emissione, gli apparecchi
di ricezione e chiaramente anche i produttori e il pubblico). In altre parole: La comunione non avviene pi
attraverso un mezzo simbolico ma attraverso uno tecnico - in ci diventa comunicazione. Baudrillard ha messo in
rilievo la realt mediatrice pi profonda della tecnica, cio il fatto che sia mezzo della comunione interumana. La
comunione, non pi simbolica, divenuta unicamente tecnica. In questa maniera, e perch l'uomo si avvia verso un
modello di mediazione unico, centralizzato, esclusivo, la tecnica diventata mediatrice. Si pu dire che lo sia sempre
stata, e che lo sia per natura: in quanto mezzo e insieme di mezzi, essa evidentemente mediatrice, intermediaria tra
l'uomo e il suo vecchio ambiente32. Ci comporta tre significative conseguenze: la prima che si tratta di una
mediazione autonoma; si sa che ci che importa non tanto la scelta di un valore quanto la possibilit di mediazione
tra il valore e l'individuo o il corpo sociale. Siccome la tecnica il solo mediatore oggi riconosciuto, in realt sfugge a
ogni sistema di valore. Non essendoci altro mediatore, chi prender la decisione a favore o contro di essa, chi trover
il modo di sottometterla? L'uomo? Quale uomo? Quello gi inserito nel sistema. Lo Stato? gi diventato tecnico. Il
popolo? L'insieme della nazione? (Secondo il mito accuratamente alimentato in base al quale il popolo deve fare le
grandi scelte, e la tecnica metterle in pratica!). Ma il popolo in ritardo di mezzo secolo sulla realt, e non capisce
pi i problemi reali che si pongono! Tutt'al pi le decisioni popolari potrebbero, se applicabili, arrestare la crescita
tecnica, causare problemi al sistema e provocare una recessione socio-economica che il suddetto popolo non pronto
ad affrontare! La mediazione tecnica esclude quindi tutte le altre, e ci sottrae completamente la tecnica ai valori
desiderati o presunti.
Indubbiamente abbiamo ancora l'impressione che ogni sviluppo o orientamento della Tecnica avvenga per
intermediazione dell'uomo, della massa o dell'opinione pubblica. Ma non dimentichiamo che si tratta di un uomo che
gi si trova all'interno del sistema e sul quale viene esercitata pressione non solo da parte della realt esistente, ma
anche dal possibile prevedibile e atteso.
Quanto oggi possibile per effetto delle tecniche modella il desiderio dal quale ha origine l'opinione pubblica. Questa,

a sua volta, far pressione esigendo la realizzazione di quanto possibile. Un piccolo esempio: tutti i rapporti degli
esperti concordano nel dire che la stragrande maggioranza degli incidenti automobilistici sono causati dall'eccessiva
velocit33. A prima vista la soluzione sembrerebbe semplice: basterebbe che i costruttori di auto limitassero la potenza
dei motori. Se i motori non potessero superare i 110 km/h, gran parte dei pericoli e dei regolamenti sparirebbe. A
quanto pare ci non pu nemmeno essere preso in considerazione. Perch dal momento che possibile costruire
motori e auto che raggiungono i 200 km/h su strada, ci che tecnicamente possibile esercita una pressione di
necessit sull'opinione pubblica (perch l'uomo moderno si trova in quell'ambiente) e l'opinione pubblica a sua volta
non sopporterebbe che i costruttori limitassero la velocit dei motori, e che non venisse realizzato ci che possibile.
Si potrebbe allora credere che sia la pressione dell'opinione pubblica a essere mediatrice e direttrice: in realt essa
riveste questo ruolo unicamente perch preformata, adattata, sottomessa a ogni possibile tecnica, perdendo cos ogni
indipendenza e specificit. Seconda conseguenza: la mediazione tecnica essenzialmente sterile e sterilizzante
contrariamente a tutti i precedenti sistemi di mediazione, che erano plurivoci, equivoci, instabili nelle applicazioni
come profondamente radicati nell'inconscio ricco e creatore: la Tecnica univoca, superficiale ma stabile, implica
una mediazione chiara e ordinata, ma senza gioco e senza evocazione, senza ricordo e senza progetto. un vero
mezzo efficace e si imposto in luogo delle mediazioni poetiche. Sterilizza intorno a s tutto ci che potrebbe turbare
questo rigore, dando all'uomo un universo sterile, senza microbo e senza germe.
Infine, la terza conseguenza, la relazione tra Tecnica e uomo una relazione non mediatizzata. Oggi la coscienza,
sociale o individuale, formata direttamente dalla presenza della tecnica, dall'immersione dell'uomo in questo
ambiente, senza la mediazione di un pensiero per il quale la Tecnica sarebbe solo un oggetto, senza la mediazione di
una cultura. La relazione con la Tecnica immediata, il che vuol dire che ormai la coscienza divenuta semplice
riflesso dell'ambiente tecnico. Ci che McLuhan intende con la celebre formula The medium is the message. Il
messaggio che l'uomo tenta di trasmettere diventato semplice riflesso del sistema tecnico, degli oggetti tecnici, delle
immagini e dei discorsi che altro non possono essere se non immagini tecniche e discorsi su di essa. Perch il sistema
ha invaso la totalit del vissuto e l'intera pratica sociale34. Lo sguardo sull'oggetto tecnico, sguardo passivo, attento
al solo funzionamento, interessato alla sola struttura, affascinato dallo spettacolo piatto, tutto nella sua sostanza
trasparente, questo sguardo diventa prototipo dell'atto sociale. Cos il sistema tecnico mediatore diventa mediatore
universale, che esclude ogni altra mediazione al di fuori della propria35. il pi alto grado della sua autonomia. La
mediatizzazione attraverso la Tecnica fondamentale per comprendere la societ moderna. Non solo essa
mediatrice tra l'uomo e l'ambiente naturale, e poi mediatrice in secondo grado tra l'uomo e l'ambiente tecnico, ma
anche mediatrice tra gli uomini: questi entrano sempre pi in contatto gli uni con gli altri attraverso strumenti tecnici
(telefono), tecniche psicologiche (pedagogia, relazioni umane, dinamiche di gruppo), ma, soprattutto, ognuno entra in
contatto con l'umanit, l'insieme degli uomini attraverso mezzi tecnici (TV, radio, ecc.), che costituiscono il regno di
quelle che sono state chiamate le relazioni lunghe, qualitativamente diverse dalle relazioni corte, non mediatizzate (o
mediatizzate da approcci culturali tradizionali poco efficaci. La mediatizzazione tecnica della relazione umana
produce il fenomeno del quale non si cessa di meravigliarsi, cio il crescente sentimento di solitudine individuale nel
mondo della comunicazione generalizzata). Divenuta un Universo di mezzi, la Tecnica l'ambiente dell'uomo. Le
mediazioni si sono talmente generalizzate, estese, moltiplicate da costituire un nuovo universo, ed ecco apparire
l'ambiente tecnico. Ci significa che l'uomo non pi essenzialmente nell'ambiente naturale (costituito da ci
che viene comunemente chiamato natura, campagna, boschi, montagne, mare, ecc.), ma si situa ormai in un nuovo
ambiente artificiale. Non vive pi a contatto con le realt della terra e dell'acqua, ma con quella degli strumenti e
degli oggetti che formano la totalit del suo ambiente36, ormai costituito da asfalto, ferro, cemento, vetro, plastica.
Non ha pi bisogno di riconoscere i segni del tempo che far (tranne nel caso sia aviatore o marinaio, o durante le
vacanze per un'escursione in montagna!), ma ha un assoluto bisogno di conoscere i segnali stradali. Anche il
problema del tempo non viene pi risolto dalla diretta conoscenza del cielo, del vento, ecc., ma dalle trasmissioni
radio dell'ONM. L'uomo si relaziona con gli elementi naturali solo attraverso un insieme cos completo di tecniche
che in realt la relazione solo con queste tecniche. L'ambiente naturale in s scompare. Bisogna considerare la citt,
prodotto essenziale della Tecnica: in citt l'uomo viene a contatto con gli elementi della natura solo accidentalmente
(parchi, alberi nei giardinetti). Non c' pi nulla di spontaneamente naturale. La natura al di fuori destinata allo
svago, al relax, data la perdita d'importanza dell'agricoltura e della vita contadina. Non bisogna tuttavia ridurre al
fenomeno dell'urbanizzazione la sostituzione dell'ambiente naturale con quello tecnico. Anche il lavoro implica la
stessa rottura: l'operaio non sa pi nulla del materiale che lavora, deve solo conoscere le macchine grazie alle quali si
effettuano le operazioni necessarie. presto si verifica addirittura una seconda astrazione con l'automatizzazione. Si
pu prendere in considerazione qualsiasi aspetto della vita, e si nota che ovunque si produce lo stesso movimento tanto che l'educazione dei bambini orientata verso la conoscenza di questo ambiente (per un bambino pi utile
sapere come attraversare la strada e conoscere le fabbriche, che gli elementi della natura) e verso una preparazione
tecnica a esercitarvi un mestiere - la Tecnica l'ambiente di vita non solo perch esclude il rapporto diretto con gli
elementi naturali o perch altera quelli rimasti (acqua, aria) o perch l'ambiente umano costituito ormai solo da
oggetti tecnici, ma addirittura per il fatto di intervenire direttamente sulla vita dell'uomo e richiedergli adattamenti

paragonabili a quelli che precedentemente aveva richiesto l'ambiente naturale.


Il mondo in cui l'uomo vive quello dell'ambiente meccanico. Ci causa al contempo una conoscenza e dei
comportamenti relativi a questo tipo di ambiente. Non si cerca pi di conoscere l'ambiente naturale in quanto tale.
anche il motivo per cui il pensiero tecnico si rivela profondamente diverso dal pensiero selvaggio. Il processo del
pensiero sicuramente lo stesso, ma si applica a un altro campo che condiziona in una data maniera. Il modo del
pensiero selvaggio procedeva in accordo con l'ambiente naturale. Quando l'uomo si trova immerso in un ambiente
esclusivamente tecnico, il modo del pensiero selvaggio, che sopravvive come tale nell'uomo, diventa inutile. Il
pensiero selvaggio determinato dall'ambiente naturale, si applica all'ambiente naturale, forma questo ambiente
stabilendo la relazione tra ambiente umano e naturale, ma l'ambiente naturale che serve, non solo da ambiente, ma
soprattutto da tramite nella relazione dell'uomo con se stesso, e degli uomini tra loro. Il sostituirsi dell'ambiente
tecnico all'ambiente naturale produce un cambiamento in queste relazioni: avviene una scissione degli uomini
(separazione dei gruppi naturali), sostituzione della comunione con una comunicazione formale. L'ambiente tecnico
diventa allora il tramite della relazione (falsa) tra gli uomini. Perch se si ammette (cosa che farei volentieri) che il
pensiero selvaggio parte costitutiva della natura umana, il fatto che si ritrovi in un ambiente inadeguato non invita
pi l'uomo alla comunit, ma a qualsiasi forma di scissione. Ci si manifester in particolare con la difficolt o
l'impossibilit a simbolizzare. Una delle maggiori perdite dell'uomo moderno proprio la simbolizzazione, possibile
solo in rapporto a un ambiente naturale. La simbolizzazione grazie alla quale l'uomo sopravvissuto in un mondo
ostile diventata una operazione inadeguata nei confronti dell'ambiente tecnico, nel quale non trova pi utilit.
L'uomo moderno combattuto: la simbolizzazione rimane un'operazione profondamente inscritta in lui da millenni in
cui non stato possibile annullarla, ma tutto sommato resa vana, inefficace, repressa perch l'ambiente nel quale
l'uomo si trova non assolutamente suscettibile alla necessit di questa operazione. Pertanto avremo sia una
simbolizzazione di fuga in un irrazionale fittizio (l'arte moderna, ad esempio), sia una simbolizzazione fittizia (che si
rapporta bene alla Tecnica, ma perfettamente inutile e priva di significato, come vedremo). L'approccio,
l'appropriazione, l'interpretazione e la dominazione dell'ambiente tecnico non possono avvenire per via simbolica.
Quanto all'ambiente naturale, la simbolizzazione resa completamente insignificante dalla dominazione utilitaria
tecnica.
La nostra conoscenza riguarda un'astrazione dell'ambiente naturale colto attraverso tecniche sempre pi raffinate, ma
l'ambiente di vita quello meccanico e tecnico, direttamente studiato in quanto tale. Ci si trover allora, ad esempio,
di fronte alla teoria delle vibrazioni e degli urti37 come spiegazione completa dell'ambiente di vita.
Questo tipo di studio non riguarda pi solo un mezzo meccanico che l'ingegnere deve usare nel proprio lavoro, ma
tutto l'ambiente umano: cos possibile analizzare l'ambiente umano solo a partire dall'ambiente tecnico. Il
meccanico da solo costituisce un ambiente pur essendo solo parte (una piccola parte!) dell'ambiente tecnico - oggi
l'uomo deve studiare il proprio ambiente esattamente come l'uomo primitivo doveva studiare l'ambiente naturale.
Inizialmente per sopravvivervi, poi per cercare di dominarlo e ottenerne il meglio. Quando ci troviamo in presenza di
un ambiente intermedio tra quello naturale e quello tecnico, vale a dire quello urbano, l'unico pensiero quello di
trasformarlo in un ambiente puramente tecnico. L'ambiente urbano mantiene, dell'ambiente naturale, una certa
spontaneit, un'incoerenza in rapporto all'uomo, un'esuberanza, una diversit, un'irrazionalit. , come l'ambiente
naturale, contemporaneamente vicino ed estraneo all'uomo. Pur costituito esclusivamente da prodotti tecnici, non
l'ambiente tecnico, poich si sviluppato in modo anarchico e non tecnico: proprio ci che ci mette a disagio. Non ci
sono il rigore, la semplicit, la razionalit delle tecniche. L'uomo vi ha introdotto il proprio disordine, ha fatto di
questo ambiente qualcosa di proprio - le strade sono sporche e ingombre, vi sono recessi misteriosi, luoghi sperduti,
le linee non sono rette e nulla funzionale. Non si tratta solo del Conflitto tra le citt medievali e la circolazione
automobilistica - , in modo pi profondo, il prodotto di tecniche tradizionali umanizzate dall'uomo che non soddisfa
il nostro impetuoso desiderio di sottomettere tutto a tecniche esatte. Gli Svedesi ce l'hanno fatta - grazie a una
pianificazione rigorosa e a un efficace sistema di trasporti urbani, con il rinnovo del centro di Stoccolma e la
creazione di sana pianta di nuove citt di periferia -, sono giunti a una tecnicizzazione quasi perfetta del tessuto
urbano realizzando un ambiente gradevole. Non semplicemente stata soddisfatta la razionalit tecnica. Questa
diventa anche piacere solo quando correttamente impiegata. Sappiamo ora che ci vogliono un certo numero di luoghi
di svago e strutture socio-culturali, tot metri quadrati di verde, ecc. Eppure a Stoccolma aleggia una certa
inquietudine: come se ci si chiedesse che cosa accadr una volta raggiunta tale perfezione. E dopo? Che cosa c' oltre
il Paradiso? L'urbanistica rimane un problema anche quando tutto stato sistemato. Si tratta dell'eterna
insoddisfazione dell'uomo? O della difficolt di adattarsi a un quadro troppo perfetto per un uomo rimasto
primitivo? O c' un irrimediabile problema di adattamento dell'uomo ambiente assolutamente tecnicizzato, anche
quando gradevole? Ancora non conosciamo la risposta a tale domanda. La verit che oggi, in quanto uomini
moderni, non siamo pi chiamati a utilizzare delle tecniche, ma a vivere con esse nel loro ambiente. Sicuramente
Rorvik pu descrivere l'idilliaco matrimonio tra uomo e robot, ma il problema pi sottile: il nostro adattamento alle
realt naturali, che ci giunge dalla notte dei tempi, diventato inutile. A che cosa serve sapere se un fungo velenoso,
o avvicinarsi a una preda Dobbiamo adattarci a un nuovo insieme di realt. Dobbiamo sviluppare nuovi riflessi,

imparare tecniche per usare il cervello, per apprezzare l'arte (fattasi espressione della societ tecnica), per stabilire
relazioni umane attraverso tecniche. L'ambiente tecnico non pi un insieme di mezzi che usiamo saltuariamente (per
lavorare o distrarci), ma un insieme coerente che ci cinge da ogni lato, che si introduce in noi, e del quale non
possiamo pi liberarci: ormai il nostro unico ambiente di vita.
***
Dobbiamo tuttavia evitare un malinteso: si parla abitualmente di un ambiente artificiale fatto di oggetti. Si molto
insistito, da qualche anno a questa parte, sull'invasione degli oggetti. Les Choses di Perec significativo. Viviamo in
un universo di oggetti. Baudrillard ne ha fatto un sistema. Questa presenza universale, questo bisogno di sopperire
alla mancanza d'essere attraverso un avere moltiplicato, questo processo che porta alla reificazione dell'uomo, di cui
anche io mi sono gi occupato, certo esatto. Si anche sottolineato tuttavia che questi oggetti non sono durevoli,
sono fatti per essere gettati. Non esistono di per se stessi, vengono sostituiti a tutta velocit. Sono completamente
svalutati, possiedono un lustro apparente al momento dell'acquisto per poi cessare di essere, n veramente utili, n
piacevoli, n familiari, n compagni: fatti veramente, in pieno uso, per essere distrutti e gettati. L'invasione da parte
degli oggetti accompagnata dal disprezzo nei loro confronti. I due fatti devono essere messi in relazione. Non c' da
un lato una proliferazione, e dall'altro il rimpiazzo. In realt si produce per distruggere, si acquista per gettare, la
moltiplicazione degli oggetti avviene per poterli eliminare. Gli oggetti sono bersaglio del nostro profondo disprezzo.
E allora? In realt questi oggetti non hanno alcun valore, n importanza, sono solo prodotti del meccanismo tecnico.
A caratterizzare la societ non l'oggetto, ma il mezzo. Non l'invasione da parte degli oggetti ma la moltiplicazione
all'infinito dei mezzi. L'arte moderna un buon testimone di questa realt strutturale. Questa d'altra parte
profondamente confermata dal fatto che ci su cui la tecnica si basa non ha pi alcuna importanza, dato che essa
permette di fare qualsiasi cosa. La proliferazione degli oggetti non un fenomeno a s stante, n la risposta a un
desiderio dell'uomo, ma l'effetto dell'applicazione dei mezzi tecnici. Solo i mezzi vengono esaltati.
I prodotti sono considerati di poco valore. Si prenda ad esempio la volont comunista: condividere equamente
prodotti e redditi non appaga. Ci che si vuole il controllo dei mezzi di produzione. La posta in gioco non un
maggiore potere di consumo ma il possesso della Tecnica. Chiaramente i leninisti, nel momento in cui formulano le
proprie istanze, ignorando completamente un'analisi corretta della societ tecnica, non sanno ci che fanno, ma
obbediscono spontaneamente alla scala dei valori effettivi. Se consideriamo gli oggetti come il reale che ci circonda,
bisogna allora tenere presente l'espressione sempre pi frequente secondo la quale l'oggetto al limite non esiste pi.
Non pi del soggetto. La chiara distinzione tradizionale scompare. A vantaggio di che cosa? Dei processi di
intervento, delle strutture di funzionamento. Dovremo mostrare che lo strutturalismo non un pensiero creatore, ma il
semplice prodotto del primato dei mezzi, e come ci funzioni. Ma ci esclusivamente la Tecnica. l'universo
dominato dal tecnicismo. L'aspetto interessante in questa ondata filosofica che essa rivela che, per dare libero
spazio, libero gioco all'attivit sovraordinata dei mezzi (tecnici), il soggetto non deve esistere (il soggetto deve solo
obbedire ai mezzi), cos come non deve esistere l'oggetto (l'oggetto solo un prodotto senza importanza del gioco
delle tecniche). Ci quanto formulato da questa filosofia. Arriviamo cos alla conclusione decisiva secondo la quale
il nostro universo non un universo di oggetti, non c' un sistema di oggetti, ma un universo di mezzi e un sistema
tecnico.
***
Il fatto che l'ambiente tecnico sia divenuto il nostro ambiente di vita comporta un certo numero di cambiamenti per
quanto riguarda gli ambienti tradizionali in cui la storia dell'uomo si fino ad ora svolta, schematicamente Natura e
Societ.
La Natura Tecnicizzata, la Societ Tecnica non sono pi quelle che sono sempre state. In realt questa mutazione pu
essere considerata come la questione finale nel percorso del nostro studio, ma bisogna sin dagli inizi scattarne alcune
istantanee. Non necessario sottolineare l'azione della tecnica moderna sull'ambiente naturale, su quella stessa natura
prodotta dal lavoro umano con tecniche dolci e che non implicano una dominazione senza fine. Basta vedere gli
ammirevoli studi di Charbonneau (Le Jardin de Babylone, Tristes campagnes). In modo pi astratto, bisogna capire
che il nuovo ambiente agisce per penetrazione e scissione rispetto ai precedenti: non c' abbandono del vecchio
ambiente (naturale) a vantaggio del nuovo (tecnico). Il nuovo penetra l'antico, lo assorbe, lo usa, ma per farlo lo
fagocita e lo disintegra. Come un tessuto canceroso che prolifera su un precedente tessuto non canceroso. L'esempio
visivo pi semplice l'estensione dell'ambiente urbano in quello rurale attraverso la crescita delle periferie.
L'ambiente tecnico non potrebbe esistere se non si appoggiasse e ricavasse le proprie risorse da quello Naturale
(Natura e Societ). Ma mentre lo esaurisce e lo estenua, lo elimina in quanto ambiente e vi si sostituisce. La tecnica
diviene ambiente proprio perch quello precedente cessa di esserlo, ma ci ne implica la distruzione in quanto
ambiente cos come un utilizzo tanto estremo da non lasciare nulla - in altre parole, il famoso esaurimento delle
risorse naturali, del quale torneremo a parlare, non solo il risultato di un uso abusivo delle tecniche, ma
fondamentalmente dell'instaurarsi della tecnica come nuovo ambiente umano. La tecnica agisce su questi ambienti
per divisione e frammentazione delle realt naturali e culturali. Il processo di interventi della tecnica sul reale consiste
sempre nella rottura del reale in unit frammentarie malleabili. Ci corrisponde alla scoperta scientifica del

discontinuo: Gli scienziati scoprono nel cuore della temporalit unit separabili (atomi, particelle, fenomeni,
cromosomi). Lo studio dell'ignoto invade tutti gli ambiti ci che cambia, ci che sembra nascere, si definisce per
una composizione di unit elementari..,38.
Questa analisi riconduce l'intero movimento a elementi e a un insieme immobile. Le macchine operano a partire da
questi dati. La riduzione del reale al discontinuo attraverso la scienza si presenta, grazie alla tecnica, in una rottura del
reale in elementi effettivamente (e non teoricamente) separati, quindi ognuno utilizzabile indipendentemente,
suscettibili di composizioni, combinazioni nuove, atte a diventare oggetto di qualsiasi quantificazione, qualsiasi
classificazione. Si tratta perci allo stesso tempo di un sistema nuovo (tecnico) e della realt concreta nella quale
l'uomo chiamato a vivere.
La tecnica riduce un insieme a unit semplici attraverso una sorta di analisi e compartimentazione generalizzata. Il
metodo Taylor per il lavoro un esempio perfetto: il lavoro artigianale era un insieme di azioni e operazioni che da
un lato esprimevano l'individuo lavoratore e dall'altro producevano un tutto completo: un'opera. Con la divisione
del lavoro in seguito alla taylorizzazione, si raggiunge una maggiore efficacia, un'intercambiabilit, al prezzo della
scissione e della divisione in unit gestuali perfette e insecabili. Il gesto di lavoro totalmente separato dal lavoratore
ed esiste in s. Si produce cos in tutti i campi una frammentazione di quanto inizialmente dato e, in seguito, la
tecnica riprende gli elementi condotti alla massima semplicit per ricostituire, a partire da essi, un nuovo insieme, una
nuova sintesi in cui vengono integrati i fattori naturali precedentemente disgregati. Questo insieme tecnico non pi
del tutto gratificante per l'uomo (forse perch egli rimane tradizionale!). Si ha sempre la sensazione di vivere in un
universo scisso. Una societ scissa (sebbene pi unita che mai!), una vita scissa, incoerente. Gli insiemi costituiti
dalla tecnica non esprimono un sentimento di pienezza e soddisfazione, sono sempre vissuti come insiemi scissi.
L'uomo riconosce qui e l frammenti del suo vecchio universo, integrati in un insieme funzionale ma estraneo,
anonimo, nel quale per bisogna vivere: non ce ne sono altri. Contro il sentimento di scissione, l'uomo moderno sente
il pressante bisogno di una globalizzazione, di una sintesi, ma tutte quelle realizzate per una via diversa da quella
tecnica falliscono e sfociano in un nulla di fatto. Non c' arch n un possibile ritorno alla terra. L'insoddisfazione
dell'uomo non pu essere eliminata finch egli rimarr cos come lo abbiamo conosciuto fino a oggi, perch la tecnica
necessariamente semplificatrice, riduttrice, operazionale, strumentale e riordinatrice nei confronti di tutti gli
ambienti nei quali interviene (e oggi interviene in tutti). Riduce tutto ci che era naturale a oggetto manipolabile: e
ci che non pu essere maneggiato, manovrato, utilizzato non ha valore. Viene investito di valore nell'immensit del
possibile solo ci che pu essere cos utilizzato - il resto, che per il momento non ancora oggetto della tecnica, viene
abbandonato, in una societ tecnica, alla contingenza e al caso. Abbiamo cos il doppio aspetto di semplificazione e
riduzione di ogni tecnica in rapporto al reale. Da un alto, un sistema rigoroso che ubbidisce immancabilmente,
dall'altro una zona considerata sconosciuta, abbandonata all'assurdo, avendo innanzitutto distrutto i valori che
potevano dare senso alla libert. Cos la tecnica ritaglia nel tessuto complesso del reale (sociale, umano) ci che pu
costituire un ambiente, ma neutralizza e priva di significato tutto ci che non prende in considerazione. Poich il
sistema tecnico essenzialmente dinamico (molto pi dell'ecosistema!), la tecnica tende ciecamente a sostituire tutto
ci che costituiva l'ecosistema naturale. Conquista sempre pi, assimila e riorganizza senza interruzione, al limite
l'ideale per questo nuovo ambiente sarebbe essere ambiente al punto tale da essere il solo ambiente possibile - ci
che in fondo sognano autori come Rorvik. Il guaio che il vecchio ambiente non del tutto scomparso: ci sono
ancora aria e acqua e l'uomo per ora non pu farne a meno - essenzialmente ci a provocare l'irrazionalit e la
crisi del sistema, come vedremo. Per il momento ricordiamo che avvenuto un cambiamento decisivo: l'uomo viveva
in un ambiente naturale e usava strumnti tecnici per vivervi meglio, difendersene e sfruttarlo. Oggi l'uomo vive in un
ambiente tecnico e l'antico mondo naturale gli fornisce solo spazio e materie prime - l'ambiente tecnico presuppone
quindi la sostituzione di tutto ci che costituiva l'ambiente naturale, il compimento di tutte le sue funzioni. Ma
evidentemente non raggiungiamo mai l'antica complessit dell'ambiente naturale (complessit che scopriamo sempre
meglio passo a passo che la distruggiamo!) perch la tecnica semplificatrice. Rimane la questione di sapere se tale
complessit fosse necessaria alla vita umana. Ci torneremo. Non si tratta di un'imitazione, di una riproduzione
dell'ambiente naturale, ma di una vera e propria creazione di un nuovo ambiente, sebbene in un gran numero di casi
siamo obbligati a rimpiazzare meccanismi naturali che si rivelano indispensabili: dobbiamo cos introdurre sempre
pi regolazioni esterne. Secondo una delle leggi fondamentali dell'Ecologia si giunge alla stabilit attraverso una
complessit sempre crescente: complessit delle modificazioni e degli scambi ambientali che permettono un
adattamento diversificato. Sostituendo un meccanismo naturale complesso con uno tecnico semplice, si rende
l'ecosistema pi vulnerabile e meno capace di adattarsi. Quanto descritto, soluzione dell'ambiente tecnico (e
simultaneamente condizione della sua espansione), vale per l'ambiente naturale come per quello sociale (sostituzione
delle relazioni complesse di una societ tradizionale attraverso relazioni razionalizzate e semplificate dalla burocrazia
- nel senso tecnico e positivo del termine); questo ambiente presenta cos caratteri legati all'efficacia della tecnica ma
temibili, almeno nella misura in cui non conosciamo esattamente quali siano le complessit dell'ecosistema (ridotto al
ruolo di supporto) che stiamo distruggendo. Lo scopriremo dalle conseguenze della loro scomparsa. Questo ambiente
chiaramente del tutto artificiale (con ci non intendo muovere una critica: il naturale non possiede per me un valore

eminente e normativo). Ogni fattore di questo ambiente nato non da una creazione combinatoria di un insieme
vivente, ma da una somma di processi, tutti isolabili e combinati in modo tanto artificiale quanto sono stati creati ogni fattore pu essere sottoposto a un controllo, a una misura, isolato dal resto (dato che siamo noi a stabilire la
connessione) e se ne pu testare il risultato. L'ambiente tecnico caratterizzato dalla crescita dell'astrazione e dei
controlli. Chiaramente a queste condizioni l'ambiente tecnico poco favorevole alla spontaneit, alla creativit, e non
pu conoscere i ritmi vitali (essenzialmente legati all'ambiente naturale)39, come vedremo oltre. L'artificialit implica
essenzialmente che solo artefatti possano fare parte di questo ambiente, e che l'uomo non possa stabilirvi relazioni.
Tutto ci che non viene riconosciuto parte di questo ambiente, apporta una discordanza, cosa assolutamente
intollerabile nell'ambiente tecnico. Non si pu pensare di mettere un po' d'erba o qualche fiore nel motore di un'auto:
un'incongruit (beninteso, fantasia affascinante, ecc., ma impossibile!). Senza pretendere che l'ambiente tecnico sia
l'equivalente di un motore, il paragone funziona - solo l'artefatto pu entrarci perch fatto in modo da adattarsi
precisamente all'ambiente in questione. fatto in modo diverso da tutti gli elementi naturali: cos l'artificialit
dell'ambiente tecnico lo rende radicalmente esclusivo. Si insister ad esempio molto (e alcuni, come J. Leclercq in La
Revolution de l'homme au XX sicle, lo faranno in modo trionfale) sul fatto che oggi lo statico sia scomparso
sostituito dal dinamico. La propriet (il capitale) perde importanza a favore del sapere, la materia prima assume
un'importanza secondaria rispetto al Prodotto. L'accento deve essere messo sull'azione e non sulla passivit, cos
come l'isolamento dell'uomo, causa di stagnazione, rimpiazzato dalla relazione globale, il sociale, il comunitario e i
servizi pubblici. In realt tutto ci il segno sociale visibile del passaggio da un ambiente naturale a uno tecnico: era
la natura a imporci il proprio ritmo evolutivo, oggi la tecnica. Era la natura a determinare alcune strutture sociali (la
famosa teoria dei climi di Bodin e Montesquieu), oggi la tecnica. Era la natura a fornirci le materie prime, oggi ci
interessa il progresso dell'azione tecnica. Era la natura a esigere che l'uomo stabilisse regole fisse di relazione tra s e
le cose (la propriet), oggi gli oggetti, generati da un'attivit tecnica continuamente rinnovatrice, non possiedono pi
molto interesse: ci che conta il sapere che permette di inserirsi correttamente e di essere al proprio posto
nell'ambiente tecnico.
L'ambiente tecnico ci porta da un lato a pensare che tutto diventi un problema tecnico e allo stesso tempo, dall'altro
lato, chiudendosi su se stesso, ci recinta in quello che da ambiente diventa sistema. Primo aspetto: abbiamo oggi una
forma mentis, un certo modo di considerare le situazioni, che ci porta spontaneamente a considerare ogni questione,
ogni situazione, come dipendente dalla tecnica. Siamo smarriti quando non abbiamo una tecnica che ci aiuti ad
affrontare una faccenda amministrativa o psicologica. necessario ridurre la questione a termini tecnici, in modo da
porre un problema realmente tecnico. Un esempio tipico (sebbene aneddotico): Mme P. Sartin scrive un articolo su
Le Monde (aprile 1973) intitolato Lo status della donna nella societ odierna: un problema tecnico. Il contenuto
dell'articolo non ci interessa, ma il titolo estremamente significativo per via dell'uso congiunto dei termini status e
Tecnico. Lo status di una persona in una societ, situazione complessa, ambigua, legata a variabili infinite, si trova
bruscamente ricondotto a un problema tecnico: modificate alcuni fattori studiando il problema della condizione della
donna con dei tecnici, e ne cambiate lo status - vale a dire sia l'opinione che riguarda la donna sia quella che essa ha
di se stessa, la gerarchia sociale vissuta, la metafisica dell'amore e dell'opposizione/complementariet dei sessi, ecc.
No, non sono solo fantasie: esistono in effetti questioni tecniche, come il dilemma della donna angelo del focolare o
lavoratrice, la conoscenza psicologica messa in pratica, ecc. Eppure lo status non si crea in modo tecnico! Ma Mme
Sartin, tipicamente, convinta di s. Potrei citare cento esempi del genere che testimoniano fino a che punto crediamo
di vivere in un ambiente tecnico. D'altra parte pur vero che pi i fattori tecnici si combinano, pi i problemi che si
pongono sono veramente tecnici. C' quindi effettivamente un incremento dei problemi tecnici che ci porta a dedurre
una tecnicit di tutti i problemi. Pi andiamo avanti e pi aumenta la nostra vulnerabilit. Dipendiamo sempre pi da
sistemi: siccome i meccanismi naturali tendono a essere irregolari, bisogna sostituirli con meccanismi tecnici
sostitutivi. Fino ad ora le difficolt incontrate sono state di ordine naturale, ma con i meccanismi sostitutivi saranno
tecniche: quando non potremo pi avere acqua potabile fornitaci dalla natura, l'approvvigionamento dipender da
impianti di depurazione o dissalazione dell'acqua marina: a queste condizioni un'eventuale mancanza d'acqua non
sar pi una questione di siccit ma di un guasto in uno stabilimento. L'esempio pu essere generalizzato. L'Ambiente
Tecnico fa s che i problemi e le difficolt siano di ordine tecnico. Ma non tutti per ora.
C' infine, in questo ambiente, una tendenza a una vera chiusura. Ci mi sembra particolarmente importante per
quanto riguarda il linguaggio. Gli studi sul linguaggio tendono sempre pi (e non solo con lo strutturalismo) a ridurlo
a un certo numero di strutture, di funzioni e di meccanismi: si ha cos l'impressione di comprendere meglio questo
strano e misterioso fenomeno. In realt la linguistica moderna porta avanti un'operazione di riduzione secondo la
quale il linguaggio potr alla fine rientrare perfettamente nell'universo tecnico, e sar ridotto a funzione di
comunicazione indispensabile per la creazione del sistema. Il linguaggio perde il proprio mistero, l'incomprensibilit,
la magia: non pi espressione di sogni - anzi diviene, attraverso la decrittazione alla quale sottoposto, il modo per
far rientrare anche sogni, ispirazioni, aspirazioni e deliri nell'ambiente tecnico. Oggi non ci si burla pi degli
innumerevoli linguaggi ermetici che spuntano da ogni lato: l'uso di parole strane (mettere a punto un approccio
prasseologico, ottimizzare le decisioni, esplorare i campi qualitativi dell'azione, parametrare le possibilit del futuro,

ecc.) corrisponde in realt al folle sforzo fatto per riuscire a circoscrivere attraverso il linguaggio il nuovo Essere
Tecnico. C' molto fariseismo intellettuale nel deridere lo sforzo di adeguamento del linguaggio a questo ambiente.
Ma questo tentativo innocuo. In realt la vera aggressione sta nella tecnicizzazione del linguaggio, perch a quel
punto tutto sarebbe racchiuso all'interno dell'ambiente tecnico: quando la parola schiava, tutto schiavo. l'ultima
scappatoia, l'ultima messa in discussione, anche se ridotta a Grido. Il Ci e il Si che parlano implicano che il
coperchio tecnico caduto gi e l'universo si chiuso. I linguisti moderni vi lavorano ardentemente.
Bisognerebbe approfondire la teoria di Todorov (Thories du Symbole, 1977) secondo la quale la crisi romantica ha
subito un totale capovolgimento: di fronte alla concezione classica di identit, di unit del mondo e del linguaggio,
che porta a un comportamento di imitazione (Mimesis), si sviluppa l'immagine di una diversit, di un'incertezza (il
dramma invece della tragedia), che mette in luce la Differenza, con il tutto ridotto al concetto di produzione: come
non riconoscere l'espressione immaginifica, estetica e spirituale del passaggio alla tecnica e all'indefinito della
produzione tecnica?
Capitolo terzo
LA TECNICA COME FATTORE DETERMINANTE40
I sociologi e gli storici di scuola moderna non credono pi alla causalit in sociologia e nella storia. impossibile
determinare una causalit diretta e univoca. I fenomeni si determinano reciprocamente; si possono stabilire
correlazioni, analizzare sistemi, scomporre in fattori un fenomeno, scoprire strutture differenziali, ma impossibile
stabilire quale fatto ne provochi un altro. L'idea di fattore generalmente accettata. Tuttavia i sociologi marxisti la
rifiutano considerandola caratteristica dell'agnosticismo borghese. Essi ritengono che (a condizione di mantenere le
interazioni reciproche) sia necessario mantenere, per un'analisi sociologica, lo schema secondo il quale esistono
fenomeni determinanti e determinati, che a loro volta possono divenire determinanti.
Ritengo che il metodo migliore consista nel tenere conto delle due posizioni. Da una parte, vero che non si possa
parlare di causalit in sociologia. Contrariamente alle scienze esatte, non si pu isolare un fenomeno, esaminarlo allo
stato puro, sperimentarlo e ripetere l'esperienza con le stesse esatte condizioni. tuttavia evidente che se non si
stabilisce un rapporto determinante-determinato, ci si limiter a descrizioni infinite e indefinite prive di alcun
significato e quindi di alcuna spiegazione del Come (senza neppure provare a cercare una risposta al Perch),
D'altra parte, procedendo secondo il metodo marxista, si ha una griglia precedente ogni analisi: si sa gi qual il
determinante e quale il determinato. Lo schema esplicativo stato stabilito una volta per tutte (anche se lo si
ammorbidisce, come hanno fatto Plekhanov e Althusser). Non perci sicuro che si possa tenere conto di nuove
strutture, di relazioni diverse da quelle analizzate da Marx. Credo quindi che si debba cercare simultaneamente di
considerare i fenomeni nella loro novit, singolarit, e di trovare tra essi relazioni di determinazione conservando la
nozione di fattore, la sola accettabile.
Se considero un fenomeno sociologico relativo all'attuale societ occidentale, analizzandone la struttura il pi
precisamente possibile e le relazioni con le altre, posso scoprire un gran numero di fattori determinanti: se esamino ad
esempio la formazione di bande giovanili, devo considerare l'ambiente familiare, l'evoluzione morale, l'habitat, il
consumo di beni e la pubblicit, le distrazioni, la precocit sessuale, ecc. Tutti questi fattori intervengono e creano il
contesto generale nel quale le bande giovanili si formano. praticamente impossibile affermare che tra di essi ve ne
sia uno determinante, o anche isolarne due o tre. la loro combinazione a fornire, alla fine, una spiegazione pi o
meno approssimativa. Esaminando un fenomeno sociologico nella propria evoluzione, invece di considerarlo in un
dato momento come una realt statica, posso, tra i fattori che ne costituiscono il contesto, riconoscere quelli evolutisi
in principio, dai quali derivato il cambiamento, e con prudenza potrei provare a stabilire una correlazione tra due
successivi cambiamenti. Mi avvicinerei cos un po' di pi alla questione, tenendo conto del fatto che c' sempre una
grande incertezza, poich l'analisi del contesto difficilmente completa. Lo studio di un fenomeno in evoluzione pu
far apparire un fattore che l'analisi statica non aveva rivelato.
Prendiamo ora in considerazione quello che si pu chiamare un problema, cio un fenomeno sociologico che per la
sua evoluzione provoca intense reazioni positive o negative negli individui, difficolt di adattamento, angoscia.
Questi problemi possono essere pi o meno ampi, relativamente individuali (l'automatizzazione di un'officina che
provoca problemi tra gli operai) o globale (la burocratizzazione della societ). Si capisce che i fattori determinanti
sono meno numerosi e relativamente pi facili da isolare nel caso di un problema che in quello di un semplice
fenomeno neutro. Introduciamo in effetti la dimensione del come vissuto il fenomeno, il che potrebbe dare la
sensazione di complicare le cose, dato che si considera un nuovo ordine di fattori, non oggettivi. Al contrario ci
facilita, dato che la conoscenza dell'opinione sembra essere relativamente sicura. Per intervento del fattore vissuto,
gli altri fattori ricevono un certo coefficiente di importanza che permette di classificarli.
Che cosa succede se invece di analizzare un fenomeno o un problema ne esaminassi diversi tutti relativi alla stessa
societ globale? Appartenendo alla stessa societ, sono necessariamente collegati gli uni agli altri. Ovviamente
ognuno di essi si inserisce in una certa costellazione di fattori. Pi mi accosto a un fenomeno, pi mi accorgo che

alcuni fattori gli sono propri e non riguardano gli altri problemi. Viceversa, alcuni fattori sono comuni a pi fenomeni
o problemi. Va da s che allargando la ricerca, cio affrontando pi fenomeni e problemi di una data societ globale,
il numero di fattori comuni diminuisce. Bisogna quindi porsi la doppia domanda: i fattori comuni sono determinanti
in ogni caso? I fattori determinanti comuni non sono talmente generali da perdere qualsiasi significato (si possono ad
esempio spiegare tutti i fenomeni sociologici attuali attraverso la crescita demografica, ma sarebbe troppo generale)?
Non rappresentano solo cause lontane, di secondo o terzo grado, smarrendo cos il carattere esplicativo? Bisogna
prestare molta attenzione alla prossimit di relazione e procedere alla critica del fattore comune. estremamente
rischioso voler ricondurre a un solo fattore determinante i molteplici fenomeni o problemi di una societ globale. la
stessa difficolt incontrata dai successori di Marx. tuttavia possibile, tra un insieme di fattori ritenuti esplicativi,
individuarne uno pi efficace, pi impellente. Se nell'evoluzione di pi fenomeni, nelle componenti di pi problemi
ritroviamo lo stesso elemento, dobbiamo accettarlo (forse anche riconoscergli un coefficiente di importanza
inizialmente non riscontrato) come determinante. Se il fattore in questione ci permette da un lato di rendere conto di
un gran numero di fatti relativi alla societ considerata e dall'altro di comprenderne le correlazioni e le strutture
differenziali, bisogna riconoscerne la posizione strategica e il ruolo eccezionale: ecco i due criteri che permettono di
valutare l'importanza di un fattore. In una societ globale non possibile limitarsi alla fissazione puntiforme di un
gran numero di fatti: bisogna cercare di spiegarne l'esistenza e disegnarne le relazioni. Un fattore che permette di
rendere conto di un maggior numero di fatti constatati, sar necessariamente pi importante, dovr essere ritenuto pi
determinante di un altro che spiega un minor numero di fatti. Lo stesso vale per un fattore che permette di spiegare un
grande numero di relazioni. Ci presuppone che si affrontino i fatti sociali come fatti di relazione e che si cerchi di
considerare il maggior numero di relazioni possibili, cosa che non sempre avviene. D'altra parte, c' sempre il rischio
di forzare i fatti, come spesso si pu constatare presso i sociologi marxisti. A partire dal momento in cui si ritiene di
aver individuato un fattore determinante per un gran numero di fatti e relazioni, si tentati di non considerare pi i
fatti contrari o quelli sui quali il fattore non agisce. Si addirittura tentati di modificare i fatti in modo da farli
rientrare nello schema esplicativo. La prima regola quindi ammettere che il fatto, una volta definito, non deve essere
modificato tentando di stabilire una relazione tra il fatto stesso e il fattore determinante ricavato da altri fenomeni.
Concluder queste riflessioni metodologiche con un'ultima osservazione. Se affrontiamo i maggiori problemi (dal
punto di vista sociologico) della societ globale (occidentale-americana 1970), ci accorgiamo che la maggior parte
sono posti in tal modo da apparire costituiti da dati contraddittori. questa caratteristica, in realt imbarazzante, a
permettere generalmente di sostenere nei loro confronti posizioni contraddittorie. Nella societ francese o americana
ci sono seri autori che affermano, per esempio, che vi sia una spoliticizzazione, e altri, altrettanto seri, che sostengono
vi sia una politicizzazione dei cittadini. In realt il fatto che il problema della relazione tra il cittadino e il potere
deve essere posta in termini di politicizzazione- spoliticizzazione: non si tratta di un aut-aut, ma di un insieme di
fenomeni apparentemente contraddittori eppure correlativi. Altro esempio: nella societ occidentali alcuni sociologi
parlano di morte delle ideologie, mentre altri affermano che l'ideologia sta acquistando importanza e che tutto
fatto e vissuto attraverso l'ideologia. Anche in questo caso il problema deve essere posto in quanto complesso di
morte e crescita correlative delle ideologie. Pi globale il problema considerato, pi importante il carattere
contraddittorio o ambivalente del fenomeno. Non si tratta di cercare cause multiple, diverse e inverse a ciascun
aspetto. Non si tratta di dire: da un lato c' la spoliticizzazione riguardante tale settore e dovuta a tale causa, e
dall'altro la politicizzazione riguardante tal altro settore e dovuta a tali altre cause. Il frazionamento del fenomeno ne
distrugge la specificit. L'importante verificare se vi sia un fattore che determina la contraddizione interna al
fenomeno. Se troviamo un fattore che spiega due dati contrari di uno stesso fenomeno, molto probabilmente sar
veramente determinante e allo stesso tempo salvaguarderemo l'unit, la specificit e l'intelligibilit del fenomeno
osservato.
Queste osservazioni erano necessarie. Applicando questo metodo sono giunto alla conclusione che, all'interno dei
fattori socio-politici della societ globale occidentale, il principale, se non il solo, fattore determinante, il sistema
tecnico. Cos formulato, ci provoca subito delle contraddizioni. Eppure l'evidenza di tale verit viene comunemente
ammessa affermando che la Ricerca 41 la giovinezza e il futuro della societ. Un paese che abbandona la Ricerca
colpito da una malattia mortale Limitare la ricerca significa manifestare che il cervello stesso della societ a
essere malato la speranza di sopravvivere che stata colpita (Chombart de Lauwe): la ricerca, quando riveste
tale importanza, quella che porta alla tecnica e non alla semplice soddisfazione intellettuale. Questo genere di
affermazione ampiamente diffuso testimonia come la tecnica sia il fattore determinante della nostra societ.
Esaminer ora alcuni problemi della nostra societ a conferma di tale affermazione.
La dimostrazione sarebbe da considerarsi completa solo se includessi tutti i maggiori problemi riscontrati nella
societ, ma la cosa chiaramente impossibile42.
***
Il Problema della Statalizzazione: sicuramente uno dei maggiori e pi caratteristici fenomeni della nostra societ,
ma presenta un doppio aspetto apparentemente contraddittorio. Ci troviamo in presenza da una parte della crescita
dello Stato, e dall'altra della decrescita della funzione politica. La crescita dello Stato si scompone in una crescita di

funzione, organismo e concentrazione.


facile vedere come le competenze e le funzioni di uno Stato moderno aumentino senza interruzione. Non basta
rifarsi alla formula secondo la quale siamo passati dallo Stato gendarme del XIX secolo allo Stato assistenziale del
XX secolo. In effetti, da circa cinquantanni, lo Stato ha assunto il controllo dell'istruzione, dell'assistenza, della vita
economica, dei trasporti, della crescita tecnica, della ricerca scientifica, dello sviluppo artistico, della sanit e della
popolazione, e si tende ora verso uno Stato con funzione di strutturazione sociologica (piani di sviluppo del territorio)
e psicologica (relazioni pubbliche). Questo semplice elenco dimostra come lo Stato attuale non abbia pi nulla in
comune con quello del XVIII o del XIX secolo. Cos come avvenuto per le funzioni e gli ambiti di intervento, anche
l'organismo statale si accresciuto. A essere interessante non l'elevato numero o l'importanza dei servizi, ma la
complessit: ogni attivit si specializzata, le connessioni tra le parti dell'organismo si sono fatte via via pi sottili,
numerose e spesso ambigue. In questa molteplicit di servizi, sempre pi frammentati, bisogna creare nuovi servizi di
coordinamento. Si ha cos una sorta di amministrazione di secondo livello, incaricata di amministrare
l'amministrazione.
Simultaneamente si ha un movimento di centralizzazione facilmente prevedibile. Pi il corpo complesso, pi
necessario collegarlo a una testa. Vi sono molte discussioni a proposito della centralizzazione. In realt, tutti i
tentativi di decentralizzazione sono attuazioni di deconcentrazione che aumentano la centralizzazione. Questi tre
movimenti sono ancora pi importanti se si considera che non si verificano solo in paesi tradizionalmente
centralizzati come la Francia, ma anche in paesi tradizionalmente decentralizzatori come gli Stati Uniti, dove c'
diffidenza nei confronti dello Stato. Dal 1936 si assistito negli Stati Uniti all'aumento di competenze e alla
centralizzazione dei poteri.
Di conseguenza sembrerebbe che la funzione collegata allo Stato, quella politica, aumenti allo stesso tempo.
Assistiamo invece alla diminuzione dell'importanza di questa funzione, nonostante alcuni aspetti rimangano
tradizionali. La decrescita osservabile a due livelli: quello del cittadino e quello dell'uomo politico. Il cittadino, in
quanto individuo, sempre meno in grado di formulare un 'opinione sui problemi reali ai quali uno Stato moderno
deve far fronte. Ha sempre minori possibilit di esprimere la propria opinione e agire veramente sulla politica. Le
elezioni, temporanea espressione di opinione, e addirittura i referendum non hanno alcuna influenza sulla macchina
politica. Il cittadino deve essere inglobato in un corpo pi ampio - partito, sindacato, ecc. - che agir come gruppo di
pressione: una rappresentanza di interessi pi che d'opinione. In questi gruppi l'individuo ha ben poco peso di fronte a
opinion leader e specialisti. Ancora pi fondamentale comprendere che l'individuo non ha praticamente alcun
mezzo di difesa o pressione nei confronti di quello che diventato di gran lunga l'aspetto di azione pi importante
dello Stato: la funzione amministrativa in senso ampio. Il cittadino non pu nulla di fronte alla decisione
amministrativa. Si pu dunque affermare che pi aumenta l'importanza dello Stato, pi quella del cittadino (titolare
teorico della sovranit politica) diminuisce. significativo il fatto che anche l'uomo politico tradizionale, il deputato,
il senatore, addirittura il ministro, hanno sempre meno potere reale. Le moderne analisi dei processi decisionali
dimostrano che, da un lato, lo spazio dell'uomo politico molto ridotto in questi processi, e dall'altro lato che il
luogo della decisione reale spesso non l'ufficio del ministro o l'Assemblea Nazionale. La famosa distinzione tra i
grandi orientamenti e le decisioni ordinarie o la messa in opera, secondo la quale le prime sarebbero affidate alla
politica e all'uomo politico, le seconde rimesse agli amministratori, una leggenda. L'uomo politico ha sempre meno
autonomia per il semplice fatto che oggi, quando deve prendere una decisione, questa molto pi condizionata dalle
scelte precedenti di quanto lo fosse in passato (nel 1900, ad esempio, era piuttosto facile rovesciare un'alleanza. Nel
1960 era praticamente impossibile sconvolgere un piano economico in corso di attuazione, e il piano successivo era
necessariamente condizionato da quello precedente: il margine di decisione politica in realt estremamente ridotto).
Non insister sulla mancanza di competenza dell'uomo politico: un argomento troppo facile. Ma l'enormit, la
complessit delle questioni fanno s che l'uomo politico dipenda strettamente dagli esperti che preparano i dossier.
Una volta che la decisione presa stata presentata dal politico, essa non gli appartiene pi: sono gli uffici a metterla
in opera, e oggi sappiamo che tutto dipende dalla messa in opera. L'uomo politico riveste un ruolo di facciata e
assume la responsabilit di qualcosa che conosce solo molto superficialmente43.
Da che cosa deriva questo doppio fenomeno? Credo che la causa del sistema sia la crescita tecnica. Se lo Stato
aumenta le proprie competenze non il risultato di una dottrina (ad esempio l'interventismo socialista), ma di una
sorta di necessit derivante dalla tecnica. Tutti gli aspetti della vita si fanno pi tecnicizzati e man mano le azioni
diventano pi complesse, si compenetrano (a causa dell'estrema specializzazione) e sono pi efficaci. Ci vuol dire
che i loro effetti sono pi ampi, la loro realizzazione implica la costruzione di apparecchiature pi costose e la
mobilitazione di tutte le forze. La programmazione diventa necessaria in tutte le attivit tecnicizzate. Questa deve
possedere un quadro nazionale, o addirittura internazionale. Pertanto solo l'organismo statale adatto a portare a
termine tale coordinazione e tale programmazione, cos come il solo capace di mobilitare tutte le risorse di una
nazione per l'applicazione di una o pi tecniche, e ancora l'unico in grado di prevedere e farsi carico degli effetti a
lungo termine della tecnica. Potremmo condurre questo studio in dettaglio e apportare innumerevoli esempi a
dimostrazione del fatto che, nella societ moderna, sempre la tecnica a causare l'aumento delle competenze dello

Stato.
Per quanto riguarda la crescita dell'organismo statale, si potrebbe essere tentati di vedervi una semplice conseguenza
dell'aumento di complessit, e affermare: Pi numerose sono le cose di cui lo Stato deve occuparsi, pi servizi
devono essere creati e pi funzionari essere nominati. Ovviamente questo un aspetto del problema, ma solo uno.
Esiste anche un'influenza diretta della tecnica sulla crescita e la complessit dell'organismo statale. gi possibile
notare una influenza le cui conseguenze sono ancora sconosciute: l'applicazione di macchine elettroniche di ogni tipo
nel lavoro di ufficio. Ci implica una trasformazione delle strutture burocratiche, e quindi una nuova analisi dei
compiti, da cui deriva una nuova analisi giuridica delle funzioni amministrative. Ma a cambiare ancor pi l'organismo
statale l'applicazione delle tecniche di organizzazione. Ci troviamo in presenza di un imperativo di efficacia legato
chiaramente all'aumento delle funzioni. Non si pu pi lavorare con una burocrazia paragonabile a quella derisa da
Courteline. Nasce una nuova burocrazia, pi rigorosa, pi precisa ma anche meno pittoresca e umana. I due
fenomeni vanno di pari passo, e se c' ad esempio uno sforzo di deconcentrazione, non per ragioni ideologiche o
umanistiche, ma per raggiungere il massimo dell'efficacia da parte di un certo organismo amministrativo.
L'azione della tecnica svaluta cos reciprocamente l'azione politica, il ruolo del cittadino e dell'uomo politico. Il
cittadino alle prese con problemi per lo pi tecnici, perch ci su cui lo Stato si trova a decidere generalmente di
ordine tecnico (e sempre pi raramente di ordine puramente politico), e non pu nemmeno decidere dei grandi
orientamenti di un piano economico, dato che tali orientamenti dipendono in realt da dati stabiliti da tecnici, si
collocano in una forbice fissata dal tecnico e comportano conseguenze che il cittadino non in grado di valutare.
Oltre a ci, un altro ordine di tecniche trasforma la condizione, la partecipazione eventuale del cittadino: si tratta delle
tecniche di informazione e di orientamento psicologico. Ho gi dimostrato altrove44 che uno Stato moderno, per
quanto democratico, non pu pi assolutamente fare a meno di una certa azione psicologica volta a creare
un'opinione, e che il cittadino, immerso in un mare di informazioni, desidera che i problemi gli vengano
semplificati, chiariti, spiegati, cio che venga realizzata una sorta di propaganda nei suoi confronti in modo che gli
venga facilitata la scelta politica. Alcuni psicologi tendono ad affermare che l'unico compito del cittadino quello di
scegliere una squadra direttiva (in funzione delle simpatie, delle qualit umane, e non dell'ideologia). Ci conduce
alla perdita di valore del ruolo dell'uomo politico. Anche questa svalutazione deriva dalla tecnicizzazione della
societ. Nella molteplicit dei servizi l'uomo politico non pu esercitare alcun controllo. Dipende totalmente da tre
soggetti: l'esperto, il tecnico, l'amministratore (anch'egli tecnico dell'organizzazione e dell'esecuzione). Solo essi
possiedono le conoscenze e i mezzi per agire. Per l'uomo politico esiste una soluzione: smettere di essere uomo
politico nel vecchio senso del termine, specializzarsi in modo estremamente preciso in un ambito, e diventare tecnico
di tale ambito (tenendo conto che oggi non pi possibile essere un tecnico dell'Economia, ma solo di un suo piccolo
ambito). Ci implica la nascita di una tecnocrazia? Assolutamente non nel senso del potere politico esercitato
direttamente da tecnici, n di una volont da parte dei tecnici di esercitare il potere. Il secondo aspetto praticamente
irrilevante: ci sono pochissimi tecnici interessati all'esercizio del potere politico. Il primo, invece, si situa ancora in
un'analisi tradizionale dello Stato: si immagina un tecnico seduto alla poltrona di un ministro. Ma sotto l'influenza
della tecnica lo Stato intero a venire modificato: si pu dire che presto non avr pi (o avr sempre meno) potere
politico (con tutto il contenuto di ideologia, autorit, potere dell'uomo sull'uomo, ecc.). Sorge invece uno Stato
Tecnico, tutt'altra cosa rispetto alla tecnocrazia, uno Stato che ha soprattutto funzioni tecniche, un'organizzazione
tecnica e un sistema di decisioni razionalizzato.
Questo il primo esempio, sommariamente analizzato, della situazione della Tecnica in quanto fattore determinante.
***
Il secondo esempio deriva da tutt'altro ambito. Si tratta del fenomeno della crescita demografica legata all'aumento
della produzione. difficile attribuire una causa alla crescita demografica, dato che, come gli storici sanno, in
alcuni periodi si produce un brusco aumento della popolazione senza che sia possibile affermare che ci siano state
delle cause precise. In particolare non si pu rispondere alla seguente domanda: la crescita demografica causa o
conseguenza della crescita economica? Entrambe le possibilit possono essere sostenute. probabile che i due
fenomeni si generino a vicenda. Eppure oggi il fattore determinante dell'aumento di produzione indiscutibilmente lo
sviluppo tecnico. Non dovrebbero esserci molte contestazioni su questo punto. Con minore evidenza, sembra per
che la Tecnica abbia ampiamente contribuito, in campi diversi, anche all'aumento della popolazione. Le tecniche
mediche, igieniche, di bonifica, il miglioramento della qualit della vita e la creazione di stili di vita pi adeguati si
coniugano per permettere, se non causare, una crescita demografica. La Tecnica elimina i vecchi meccanismi di
regolazione (mortalit infantile, carestia, ecc.). Non si pu pi credere a ci che, vent'anni fa, sembrava una realt
scontata, cio che l'innalzamento della qualit della vita e la ricchezza dell'alimentazione avrebbero automaticamente
portato al calo del numero delle nascite. Il nuovo slancio demografico degli Stati Uniti contraddice tutto ci.
Sicuramente, partendo da un livello di vita piuttosto basso, il miglioramento della possibilit di consumo produce
un'impennata nelle nascite. Senza forzare le cose, sembra si possa affermare che la tecnica, pur non essendo il fattore
determinante, un fattore determinante prioritario considerando i due fenomeni congiunti. Sarebbe allora legittimo
pensare che se per i due fenomeni esistono una congiunzione e un fattore determinante prioritario, la crescita avvenga

in modo armonioso.
In altre parole, le tecniche di produzione permettono un consumo di beni corrispondente alla crescita demografica.
Forse la corrispondenza non precisa, forse, in alcuni casi, la curva della popolazione tender a superare quella della
produzione - o viceversa. Ci saranno forse anche differenze di produzione, un ventaglio sempre pi ampio di oggetti
prodotti, che far s che non tutti i bisogni dell'accresciuta popolazione vengano esattamente soddisfatti. Nell'insieme,
tuttavia, le differenze dovrebbero compensarsi e si dovrebbe verificare un'espansione equilibrata. In realt non
quanto constatiamo. Al contrario vediamo come non ci sia un adattamento dell'aumento di produzione alle necessit
di consumo di una popolazione accresciuta. Sembrerebbe addirittura che si possa parlare di una divergenza crescente
delle curve - cio che la popolazione aumenti, in cifre assolute, un po' pi rapidamente nelle regioni in cui la
produzione rimane praticamente stagnante (appena migliorata per permettere l'impennata di nascite). Viceversa il
consumo aumenta notevolmente nei paesi a limitata crescita demografica. Lo scarto tra have e have not aumenta
costantemente a causa di questo doppio movimento.
Prender qui in considerazione proprio il problema costituito da questo scarto crescente. Fino ad ora ci siamo
imbattuti in diagnosi e terapie chiaramente semplicistiche. Alcuni, partendo dal presupposto che per vivere sono
necessarie 3.200 calorie e che un occidentale ne consuma 3.800-4.000, suggeriscono di limitare il consumo e di dare
il surplus ai paesi poveri. Si pu migliorare notevolmente la questione della malnutrizione procedendo a una
ripartizione pi equa delle ricchezze. Da un punto di vista morale, sarebbe un lodevole atto di giustizia, ma la
ripartizione del surplus agricolo, seppur legittima, non la soluzione, primo perch il surplus alimentare dei popoli
ricchi poco aiuterebbe gli altri, e secondo perch questi rimarrebbero in uno stato di assistiti. Non possibile
affermare che si tratti semplicemente di un problema di ridistribuzione e che l'ostacolo risieda nell'egoismo nazionale
o nella mancanza di generosit. Pi seria la posizione di quanti affermano che i popoli tecnicamente sovradotati mal
orientano le proprie possibilit di produzione producendo beni superflui e inutili a danno della produzione di base. Se
si lanciasse la potenza produttiva americana e occidentale verso una produzione di beni di consumo di prima
necessit, alimentazione, abbigliamento, utensili di base, si potrebbe sicuramente, e per un periodo piuttosto lungo,
rispondere alla domanda di una popolazione mondiale in aumento. Invece la produzione si sviluppa molto pi
rapidamente nel campo dei magnetofoni o dei rasoi elettrici. Il problema sarebbe quindi un cattivo orientamento
dell'uso della potenza tecnica, che non tiene conto dei reali bisogni mondiali. Ci viene maggiormente accentuato dal
fatto che una parte sempre maggiore della manodopera viene assegnata a compiti improduttivi. Non bisognerebbe
tendere a una diminuzione del tempo di lavoro o a una crescita del settore terziario, ma all'applicazione di tutta la
forza lavoro alla produzione di base per far fronte alla crescita demografica. Questa tesi, diffusamente sostenuta, ha
tutte le apparenze di un'analisi ragionevole. Sfortunatamente, per, ritengo poggi su un presupposto discutibile e su
una mancanza di visione globale della societ tecnica. Il presupposto consiste nel credere che vi sia una totale fluidit
di adattamento delle forze di produzione e delle possibilit tecniche: basta decidere di produrre pi grano, pi
carne, ecc., e se ci non avviene per cattiva volont, per via della struttura capitalista dell'economia, in cui si rivolge
maggiore interesse ai rami di produzione che assicurano un profitto pi elevato. Ritengo che ci sia inesatto e che tale
presupposto si basi su un errore di analisi. C' una rigidit piuttosto elevata nell'orientamento del progresso tecnico e
nelle sue possibilit di applicazione.
Il primo fatto di cui bisogna tener conto (ben noto e mai discusso) che il progresso tecnico non pu realizzarsi
ovunque contemporaneamente. Esistono aspetti privilegiati dal progresso tecnico che, come vedremo pi avanti,
riguardano essenzialmente i progressi tecnici precedentemente realizzati, dato che la velocit della crescita tecnica
tende ad avvenire secondo una progressione geometrica. In questo senso, non possiamo aspettarci di provocare,
partendo dal nulla, un balzo tecnico nei paesi sottosviluppati. Per quanto le tappe possano essere abbreviate, bisogna
riconoscere che i duecento anni di progresso tecnico del mondo occidentale non possono ridursi a cinque o dieci anni
in Africa o in Asia! Cos l'aiuto autonomo che ci si pu aspettare da questi paesi per risolvere il problema
Popolazione-Consumo sar lento e debole. Bisogna sicuramente aspettarsi molto dai paesi a elevato sviluppo
tecnico. Ma ecco il problema: si pu semplicemente applicare la potenza tecnica a questo tipo di consumo? Non si
tiene conto del fatto che, dove si produce forte sviluppo tecnico nasce un nuovo universo. L'ipotesi comunemente
ammessa che ci troviamo in presenza di una societ tradizionale dotata di una straordinaria potenza di produzione e
di un uomo sempre uguale, solo consumatore privilegiato. Se cos fosse, si potrebbe dire all'uomo di ridurre i propri
consumi e alla societ di produrre solo il necessario per tutti. Sfortunatamente si tratta di un'ipotesi errata. Il
massiccio sviluppo della tecnica causa un certo numero di trasformazioni nell'individuo (in particolare per quanto
riguarda la creazione di bisogni tutt'altro che falsi o artificiali) e nella societ, incapace di conservare le stesse
strutture. Consideriamo due fatti: l'uomo pu vivere e lavorare in una societ tecnica solo se riceve un dato numero di
soddisfazioni complementari che gli permettano di superare gli inconvenienti. I divertimenti, le distrazioni, la loro
organizzazione, non sono un superfluo facilmente eliminabile a vantaggio di qualcosa di pi utile, non rappresentano
un reale innalzamento del livello di vita: sono strettamente necessari per compensare la mancanza di interesse del
lavoro, la tendenza a sottrarsi all'influenza della cultura tradizionale provocata dalla specializzazione, la tensione
nervosa dovuta all'eccessiva velocit di tutte le operazioni, l'accelerazione del progresso che richiede difficili

adattamenti: tutto ci che lo sviluppo tecnico provoca pu essere tollerato solo se l'uomo trova compensazioni a un
altro livello. Allo stesso modo il cambiamento nell'alimentazione, l'aumento di consumo di azotati e glucosio non
un sovraccarico dovuto alla gola, ma una risposta compensatoria al dispendio nervoso causato dalla vita tecnicizzata.
Non si pu chiedere a un uomo immerso nelle attivit tecniche e nell'ambiente urbano di nutrirsi in modo uniforme e
di essere per lo pi vegetariano: non pu farlo fisiologicamente. I gadget sono indispensabili per tollerare una societ
sempre pi impersonale, i rimedi sono necessari agli adattamenti, ecc. L'orientamento del potere produttivo verso
prodotti considerati di lusso o superflui deriva pi da necessit fortemente avvertite dall'uomo che vive nell'ambiente
tecnicizzato che da un desiderio capitalista di profitto o da un insieme di bisogni anormali. Se questi bisogni non
fossero soddisfatti, l'uomo non potrebbe vivere. Si ha l'impressione che, aumentando la produzione e la
tecnicizzazione, i bisogni si accrescano in numero e qualit. La potenza produttiva quindi sempre pi indirizzata
alla soddisfazione di questi bisogni. Se non riuscisse nell'intento, significherebbe solo che bloccata da una sorta di
impossibilit umana ad adattarsi a questo genere di vita: in ogni caso, la potenza produttiva non potrebbe essere
applicata a qualcosa di pi utile. Credo ci sarebbe addirittura il rischio di regressione. Le produzioni inutili sono
determinate da motivi di cupidigia capitalista solo in minima parte. In URSS, con l'avanzare dell'industrializzazione e
della tecnicizzazione, appaiono le stesse produzioni rispondenti allo stesso atteggiamento nei confronti della vita.
Non si liberi di decidere in favore di una data produzione utile, e pi la produzione aumenta, pi si cresce nei propri
aspetti secondari, ma i bisogni ai quali risponde sono futili solo in apparenza. In realt essi sono incoercibili giacch
creati dall'ambiente artificiale nel quale l'uomo obbligato a vivere. Pi l'universo tecnico si esprime attraverso
rumori intensi e continui, pi aumenta il bisogno di silenzio, pi necessario applicare la ricerca e stanziamenti alla
creazione del silenzio. Lo stesso vale per l'inquinamento dell'aria o dell'acqua. In questo caso ci troviamo davanti a
problemi che non possono essere risolti semplicemente attraverso nuove produzioni, ma con servizi e organizzazioni.
Arriviamo cos al secondo aspetto da prendere in considerazione. Come noto, lo sviluppo tecnico implica la crescita
del settore terziario. Ci appare come una deviazione di forze verso settori non immediatamente utili, ad esempio,
per l'umanit. Non si potrebbe, anche in questo caso (come talvolta viene proposto), diminuire i servizi nelle societ
avanzate e applicare tutte le forze alla produzione utile? Anche questa opzione impossibile. Perch una societ per
svilupparsi richiede la creazione di tutto un insieme di organizzazioni che permettano lo sviluppo delle tecniche.
impossibile incollare semplicemente una certa potenza tecnica su una societ naturale. Perch vi sia crescita
delle tecniche di produzione, sono necessarie reti di trasporti (i viveri spediti in India da diverse nazioni giungono con
molte difficolt nelle zone colpite da carestia a causa della mancanza di trasporti; l'eccellente raccolta del 1968
parzialmente andata perduta per questa ragione), di servizi organizzativi, di sistemi di distribuzione, ecc. Pi il
meccanismo di produzione ampio e perfezionato, pi i servizi organizzativi diventano complessi e numerosi.
Sembrerebbe cos che le risorse della societ vengano utilizzate in settori non produttivi, ma in realt i settori
produttivi possono svilupparsi e perfezionarsi solo grazie alle e sulle fondamenta di tali organizzazioni, servizi, uffici
che rappresentano una pura spesa, non sono redditizi, ma senza i quali nulla potrebbe funzionare. La diffusa creazione
di servizi psicologici e lo studio dei problemi lavorativi sotto questo aspetto potrebbero sembrare assurdi; in realt
l'operaio non sarebbe pi un produttore adattato alla propria nuova apparecchiatura tecnica se non fosse inquadrato e
sostenuto da tali servizi. Saremmo addirittura tentati di affermare che oggi, in una societ tecnica, ogni progresso nel
campo della produzione (industriale o agricola industrializzata) pu avvenire solo se vi innanzitutto un'enorme
organizzazione, di tipo amministrativo attivo, che permette tale progresso e lo integra nell'insieme senza traumi.
Vorrei qui sostenere la doppia conseguenza derivante dalla ben nota constatazione della crescita del settore terziario.
Prima conseguenza: l'interpretazione marxista definisce infrastruttura le forze produttive, e tutto il resto (Stato, diritto,
ecc.) sovrastruttura. Credo che nella societ tecnica le forze produttive non siano pi infrastruttura, ma sovrastruttura.
Vale a dire che non possono svilupparsi, fare nuovi progressi a meno che ci sia un'infrastruttura sociale organizzativa
in grado di effettuare le ricerche indispensabili a tale progresso e di accogliere tale progresso nel corpo sociale. Il
meccanismo di produzione ormai condizionato dai servizi. Non pi il cuore dell'universo tecnico, il fattore
determinante.
Seconda conseguenza: si potrebbe menzionare, con molte precauzioni, un nuovo aspetto della legge dei rendimenti
decrescenti. Come noto, questa legge, attualmente ritenuta inesatta, stata formulata per la produzione agricola.
Ritengo tuttavia che oggi possa essere applicata alla produzione industriale. Diciamo schematicamente che all'inizio
dell'applicazione della tecnica alla produzione industriale la crescita avviene in ragione del progresso tecnico. Pi la
produzione aumenta, pi presuppone un inquadramento di molteplici servizi. I progressi tecnici si spandono allora su
insiemi pi complessi e ampi e solo una parte di tale progresso pu essere applicato direttamente alla produzione. Pi
si va avanti, pi la parte applicata alla produzione diminuisce in modo proporzionale all'insieme dei progressi tecnici.
In altre parole, per ottenere un nuovo aumento dei beni utili, necessaria una quantit sempre maggiore di forze
tecniche applicate a settori non direttamente utili. Pertanto la crescita di produzione di beni utili tende a essere sempre
pi debole all'interno di un sistema tecnico in costante avanzamento. La nozione di rendimento utile decrescente vale
solo a due condizioni: se si considera la produzione globale da una parte, e dall'altra si prende come settore di studi
un paese tecnicamente molto sviluppato. Il fenomeno pu essere osservato a partire da una soglia di produzione gi

molto elevata. Ma eravamo partiti dall'idea che per il momento dovessero essere i paesi tecnicizzati a garantire la vita
degli altri. Non sembra quindi che ci sia realizzabile. Non si pu affermare insomma che ci sia da fare una scelta tra
la produzione di grano e quella di gadget. A prima vista sembra evidente, ma tale evidenza si basa su un errore di
analisi di ci che la societ tecnica in realt . Si pensa normalmente che una societ naturale (ad esempio quella
africana o quella europea medievale), una industriale (ad esempio quella europea del XVIII e dei primi del XIX
secolo) e una tecnica siano soggette agli stessi criteri di giudizio, abbiano strutture paragonabili e lo stesso processo
di sviluppo. Si pensa anche che in questi diversi tipi di societ i bisogni dell'uomo siano rimasti identici. Non cos.
Un'analisi strutturale delle societ rivela differenze che non sono pi solo di ordine quantitativo, ma qualitativo, tanto
che non c' quasi pi paragone possibile tra i tre tipi di societ. I concetti applicabili a una non lo sono all'altra. Non
c' una misura comune. Ci spiega ad esempio il fallimento del balzo industriale cinese basato sugli altiforni dei
villaggi. Le differenze di natura tra i tipi sociali sono determinate dalla complessit crescente del fenomeno tecnico,
che bisogna considerare come un tutto, e non come pezzi scollegati utilizzabili indipendentemente. Al di l di un
certo livello di tecnicizzazione, si passa da una societ determinata da fattori naturali a una determinata da fattori
tecnici, in cui nasce una mutazione della struttura della societ, dei bisogni e degli atteggiamenti dell'uomo. dunque
impossibile ragionare senza tener conto di tale mutazione, come avviene quando si pretende di risolvere il problema
della sopravvivenza del surplus di popolazione applicando la forza di produzione della tecnica moderna. La
corrispondenza in realt impossibile: non c' parallelismo tra crescita demografica e crescita di produttivit di beni
utili per la sopravvivenza. Il problema posto dalla specificit della crescita tecnica. La tecnica appare come fattore
determinante, non solo nei confronti dei due termini considerati separatamente, ma nei confronti del problema stesso,
nella sua formulazione e in quanto problema nato da una contraddizione. Non voglio con ci dire che l'aiuto ai paesi
sottosviluppati sia impossibile, ma deve essere impostato in modo diverso da come viene fatto dalla politica.
***
Ho scelto come esempi, in modo per nulla arbitrario, due dei fenomeni sociologici pi consistenti e di considerevole
ampiezza del nostro tempo. Abbiamo constatato che questi fenomeni sono segnati, nella struttura interna, da un
insieme di contraddizioni fondamentali, apparentemente difficili da spiegare. In entrambi i casi esiste tuttavia un
fattore che sembra giocare un ruolo importante sia nello sviluppo del fatto stesso sia nella determinazione delle
contraddizioni che lo caratterizzano. Abbiamo individuato tale fattore nello sviluppo tecnico, nei diversi settori di
applicazione della tecnica. Chiaramente per ogni fenomeno preso in esame ci sono altri elementi costitutivi,
probabilmente importanti, per ciascuno di essi, quanto la tecnica. Questi elementi per non sembrano in alcun caso in
grado di spiegare le contraddizioni del sistema. E soprattutto non ritroviamo gli stessi elementi nei vari sistemi,
mentre in tutti troviamo il fattore tecnico.
Ci sembra quindi che questo possa essere individuato come fattore determinante, anche se un'analisi non significativa
e non differenziale di un dato fenomeno sociologico (un'analisi quantitativa, ad esempio) non ci permette di indicare
nella tecnica il fattore pi importante.
***
Sapendo quanto sia stata criticata la teoria del fattore determinante45, ritengo necessario precisare ci che intendo con
essa. Viene spesso rimproverato a questa teoria di isolare artificialmente i fattori per poi privilegiarne uno. Non si
tratta di dichiarare che ci sia una causa, ma che tra gli innumerevoli fattori in gioco in una societ, uno, in un
determinato momento, risulta pi determinante degli altri. Il fattore stesso ha molteplici origini socio-intellettuali,
ideologiche, politiche, ecc. Tutte le critiche di Hamon dimostrano solo che il fattore tecnico non indipendente
dall'episteme, dall'economia, ecc., e non che esso non sia, in definitiva, il fattore che determina tutto il resto (dato
che anch'esso stato determinato), poich ci che lo determina, in qualche modo, lo mette in rilievo facendone un
fattore determinante. Bisogna inoltre evitare di generalizzare: non dico assolutamente che la tecnica sia stata, sempre
e in tutte le societ, fattore determinante (esattamente ci che rimprovero a Marx), ma che lo sia nel mondo
occidentale (e da vent'anni si pu generalizzare). Le critiche provengono per la maggior parte da autori che non
percepiscono il nuovo carattere della nostra societ, per cui l'esperienza storica relativa all'esistenza o all'irrealt del
fattore determinante attuale incalcolabile. Pi vicino alla realt parlare di fattore determinate quando esso evoca
un fatto, una situazione, non lo crea ma gli d forma, lo mette in rilievo, sotto la luce dei riflettori dell'attenzione
umana (mentre il fattore determinante rimane in ombra!), e lo integra con altri fattori sociali: un tale lavoro di catalisi
si discosta notevolmente dalla creazione ex nihilo. In questi termini, la teoria del fattore determinate mi sembra esatta,
e nel nostro tempo tale fattore la tecnica.
Bisogna ancora chiedersi che cosa tale fattore determini. Si sarebbe tentati di stilare un elenco. Se la tecnica
costituisce veramente un ambiente, si potrebbe essere tentati di rispondere Tutto. Non cos - sarebbe come
commettere l'ingenuo errore di Toffler, per il quale stiamo entrando in un'era di cambiamento totale e di costante
rinnovamento. Si potrebbe provare a stilare una sorta di inventario, come ha fatto B. Cazes nella sua eccellente
sintesi46, nella quale mantiene costanti, certezze strutturali (de Jouvenel). Cazes considera, ad esempio,
l'avanzamento scientifico, la funzione politica e le leggi di sviluppo dell'essere umano necessit permanenti che non
subiscono mutazioni. Tuttavia, se ricordiamo la definizione di fattore determinate che ho dato, direi che la tecnica

conferisce attualmente una forma diversa sia al progresso scientifico sia alla funzione politica, e procede a nuove
integrazioni delle due costanti. Cazes insiste sull'effetto destrutturante della tecnica in rapporto a tutte le realt sociali,
morali e umane in genere, le strutture acquisite, le compartimentazioni intellettuali, i ruoli sociali, ecc. Quando la
contestazione dei ruoli arriva a rifiutare la separazione dei ruoli maschio/femmina, giovani/adulti, specialisti/non
specialisti, insegnanti/discenti, pazzi/sani, ecc., credo si possa dire che la tecnica, col proprio effetto destrutturante,
rivesta il ruolo di fattore determinante. Ma non si deve neppure ricondurre tutto a essa, e bisogna, come fa Cazes,
distinguere attentamente le vere mutazioni da quelle false o apparenti.
***
Possiamo dimostrare fino a che punto la tecnica sia un fattore determinante grazie a un metodo molto meno
complesso. La tecnica causa di un numero di conseguenze sulle quali sostenitori e oppositori concordano. Gli uni
citeranno tali fatti a prova dell'eccellenza della tecnica, gli altri a prova del pericolo. Si tratta solo della sfumatura,
perch in fondo si concorda, e l'insieme di conseguenze non contestate piuttosto impressionate. quasi impossibile
elencarle. Se ne pu solo dare una minima idea - sottolineando che non si tratta di un ritorno al metodo delle
autorit: non sono qui in questione delle opinioni, ma semplicemente fatti sui quali c' accordo. Nell'insieme, la
tecnica considerata modificare in modo radicale i rapporti interumani, cos come gli schemi ideologici o le qualit
dell'uomo stesso. Senza dover risalire fino a Whyte e L'Homme de l'organisation, che molti ritengono troppo di parte,
nota la sintesi in cui Friedmann (Sept essais sur l'Homme et la Technique) dimostra fino a che punto l'uomo sia
trasformato addirittura nella propria fisiologia per il fatto di vivere in un ambiente tecnico. L'argomento ripreso in
La Puissance et la sagesse (1970) a livello di malattia mentale, ricordando le conseguenze messe in luce da un certo
numero di psichiatri su questo problema: aumento delle psicosi, degli stati depressivi, delle angosce e delle
inadattabilit. Sembra che si sia ormai d'accordo nel considerare che gran parte di tali fenomeni siano provocati
dall'esistenza imposta all'uomo nell'ambiente tecnico.
Ci si allaccia a quello che Reich47 chiama Coscienza II. Il suo ritratto dell'uomo integrato nel sistema tecnico pu
essere accettato abbastanza facilmente poich ci che egli critica l'uomo di ieri, quello che possiamo definire del
capitalismo industriale. Il ritratto classico, banale, grossolano assomiglia a quanto detto sulla psicologia e i valori
di tale uomo, il che sembra corrispondere a una certa realt, considerata a questo livello, sicuramente basso ma non
errato. Bisogna ricordare che per Reich, anche la Coscienza in (completamente positiva ai suoi occhi!) risultato del
processo tecnico. Perch se afferma che la rivoluzione prodotta dalla coscienza, dimostra nello stesso tempo che
la coscienza causata dalla tecnica.
Questi abbozzi riprendono i romanzi dell'epoca (1930-1960), cos come famosi studi quali Foule solitaire o Les Cois
blancs. Ci che sembra caratterizzare pi profondamente l'uomo che vive nell'ambiente tecnico la crescita della
volont di potenza. Nei miei studi precedenti avevo provato a dimostrare che la tecnica una realizzazione, e quindi
un compimento, e quindi un accrescimento dello spirito di potenza, il che porta l'uomo a polarizzarsi sulla potenza.
De Jouvenel (Arcadie) riprende e dimostra brillantemente tutto ci studiando accuratamente come la ricchezza
moderna sia espressione della volont di potenza (il progresso tecnico essenzialmente una manifestazione della
potenza umana, un'occasione per l'uomo di ammirarsi. Lo scopo era lo sviluppo della potenza, e il benessere
crescente un sottoprodotto). Allo stesso modo, il progresso tecnico per lui una variante dello spirito di conquista, il
quale viene simultaneamente soddisfatto e rinforzato dalla tecnica. Lo spirito di conquista causa la divisione
dell'uomo in produttore/consumatore e la sua obbedienza all'imperativo di efficacia. Nello studio di de Jeuvenel
interessante notare come egli non solo mostri le conseguenze di tali fenomeni arcinoti, ma che li inserisca nella teoria
economica.
Con questo primo insieme di semplici osservazioni, ci troviamo davanti a una straordinaria mutazione dell'essere
umano, cosa che sicuramente si ripercuote, ad esempio, su quella che viene chiamata cultura. In effetti l'impatto
tecnico ne causa una trasformazione - che si tratti della nascita della cosiddetta cultura di massa, o del cambiamento
delle relazioni umane attraverso la moltiplicazione delle comunicazioni che trasformano le relazioni corte in relazioni
lunghe (Ricoeur), o ancora della presenza al mondo per il gioco delle informazioni, da ogni punto di vista si assiste
alla ben nota mutazione della cultura. A causa dell'esigenza tecnica la cultura generale carta velina e la sua
conquista un passatempo48. essenziale sostituire la cultura generale, insipida e senza importanza, con una cultura
tecnica, con la formazione permanente, ad esempio. il concetto stesso di cultura a essere cambiato, non solo il suo
contenuto, la pratica o i metodi di acquisizione. Ogni volta che le parole generale o culturale vengono pronunciate,
vengono immediatamente integrate da commenti che precisano che si tratta di un adattamento al progresso
tecnologico, di una migliore conoscenza dei meccanismi economici o del miglioramento di una competenza49. J.
Gritti50 ha presentato una buona panoramica della mutazione, in particolare con un tentativo di analisi delle coppie
dialettiche: cultura/specializzazione, tradizione/modernit, enciclopedismo/assimilazione, gratuit/effcacia,
sforzo/piacere, parola/immagine, ecc.
Allo stesso modo Baudrillard dimostra fino a che punto la cultura generata dalla Tecnica sia assolutamente opposta a
quella nota come:
-Patrimonio ereditario di opere, pensieri, tradizione.

-Dimensione continua di una riflessione teorica e critica.


Trascendenza critica e funzione simbolica. Entrambe negate dalla sottocultura ciclica, fatta di ingredienti e segni
culturali obsolescenti, dall'attualit culturale come si pu vedere il problema del consumo culturale non legato ai
contenuti culturali propriamente detti, n al pubblico culturale il punto che la cultura non pi fatta per durare
la rapidit del progresso tecnico a condannare la cultura a essere l'opposto di ci che sempre stata, consumo
immediato di un prodotto tecnico senza sostanza. Baudrillard nota correttamente che in fondo non c' pi differenza
tra cultura di massa (che combina contenuti) e la creazione d'avanguardia (che manipola le forme). Entrambe sono
determinate dall'imperativo funzionale della tecnica che implica che tutto deve essere sempre attuale.
Ancora una volta, non si tratta di decidere che cosa sia giusto, ma di constatare che a causa della tecnica l'insieme
culturale ha subito una mutazione, e non solo una modificazione. Non si tratta tanto di ci che i Francesi chiamano
generalmente cultura generale, quanto di ci che questo termine indica nel vocabolario anglosassone. Facciamo
qualche esempio: la trasformazione di una societ gerarchica in una societ egalitaria.
La societ tradizionale, tutte le societ tradizionali, sono societ gerarchiche, e quando Dumont chiama l'uomo Homo
hierarchicus, intende un carattere non meno essenziale di quello indicato dal termine faber. Non ci sono mai state
societ egalitarie. La gerarchia ha sempre fatto parte dell'universo culturale generale. Solo qualche utopista poteva
pretendere di costruire una societ egalitaria, il che, contrariamente a quanto credono i moderni, non esprimeva
alcuna rivendicazione popolare di fondo. I rari movimenti egalitari (i Lewelers, ad esempio) non avevano in animo
alcuna uguaglianza reale, ma una conquista di potere a proprio vantaggio! Dopo il XVIII secolo, l'idea di uguaglianza
si diffonde, appare evidente e la sua realizzazione sembra possibile.
Tutto ci un risultato diretto della crescita tecnica. La tecnica non pu sopportare le discriminazione irrazionali, le
strutture sociali fondate su credenze51. Ogni disuguaglianza, ogni discriminazione (ad esempio razziale), ogni
particolarismo condannato dalla tecnica, poich essa riduce tutto a fattori commensurabili e razionali. Lo scopo di
una societ in cui la tecnica il fattore principale , dal punto di vista statistico, un'uguaglianza totale per ogni
dimensione adeguata e ogni gruppo identificabile. Ci corrisponde al processo di specializzazione: l'uguaglianza deve
necessariamente regnare l dove tutto specializzato, dove tutte le specialit sono tecniche, ugualmente necessarie
dal punto di vista tecnico. possibile affermare che la necessit di uguaglianza assoluta (che si ritrova ad esempio
presso Marx) altro non che il prodotto ideologico dell'applicazione illimitata della tecnica.
Un altro valore culturale ampiamente modificato dalla tecnica la propriet. Nonostante l'ortodossia marxista porti
ancora una volta a negare la realt, si constata in effetti la mutazione della propriet. Il fatto che l'organizzazione sia
divenuta la condizione principale della produzione ha necessariamente provocato un cambiamento di natura della
ricchezza e della propriet privata. Le organizzazioni non appartengono pi al capitalista; ci che costituiva la
propriet si scisso in diritti di partecipazione agli utili degli azionari, in potere del management di stabilire una linea
di condotta, nel diritto degli impiegati a uno statuto e alla sicurezza, in diritto di regolazione a beneficio del governo,
ecc. Nuove forme di ricchezza hanno preso il posto del vecchio capitale; l'impiego, il diritto alla pensione, la
licenza di gestione o di concessione, la Scurit Sociale, il privilegio di ospedalizzazione a vantaggio di un medico in
una clinica sono nuove forme di ricchezza che rappresentano rapporti con organizzazioni. Il denaro posseduto conta
meno di quello che pu essere speso, e quest'ultimo dipende dalla capacit tecnica e dallo status (ingegnere alla
Renault, dottore in economia politica, ecc.), sicch lo status avvicina la condizione degli uomini nella societ
socialista e capitalista. La propriet si trasforma in relazioni, la Nuova Propriet fondata sulla capacit tecnica che
garantisce lo status. Il legame che collega l'uomo attuale allo status forte quanto quello che in passato esisteva con
la propriet. Le decisioni non vengono pi prese in seguito alla predominanza di colui che detiene i capitali, ma per
una combinazione tra coloro che possiedono gli status relativi alla data decisione. In questo modo deve
necessariamente realizzarsi la cogestione da parte di tutti i partecipanti, ma, allo stesso tempo, l'autogestione da parte
degli operai rimane una pericolosa utopia!
In questo sommario delle note mutazioni provocate dalla tecnica, non pu mancare quella di cui pi ci si occupati:
quella del lavoro. La tecnica ha iniziato da qui la trasformazione generale pi immediatamente evidente della societ.
Rimandiamo alle numerose opere pubblicate a riguardo in mezzo secolo, aggiungendo solo due osservazioni pi
recenti. In primo luogo, come abbiamo gi visto, comune dichiarare che l'uomo moderno debba prepararsi, per via
delle tecniche, a cambiare mestiere due o tre volte nel corso della propria vita. Tuttavia, secondo la sensata
osservazione di Montmollin non esistono pi mestieri, ci sono solo impieghi o attivit. sbagliato affermare che
oggi un lavoratore debba cambiare mestiere due o tre volte nel corso della propria esistenza: non cambia mestiere
perch non ce ne sono pi. Deve perci adattarsi praticamente in continuazione. La pi importante misura da
prendere negli anni Ottanta nel campo della riqualificazione professionale sar abolire l'idea stessa di riqualificazione.
Dovremo essere cos abituati alla formazione nell'industria da non dover pi pensare in termini di formazione e
riqualificazione, ma solo di formazione e ancora di formazione..,52.
Inoltre il lavoro, contrariamente a quanto spesso viene affermato, lungi dall'aver perso, grazie alla tecnica, la propria
gravosit. Al contrario, sembrerebbe che, addirittura dopo l'era della semplice meccanizzazione, in cui si sono
conosciuti gli effetti della macchina sull'uomo, il lavoro si sia fatto in realt pi faticoso, pi logorante che in passato.

Il passaggio al lavoro completamente automatizzato, alla fabbrica telecomandata ancora raro e lento. E non per
via del regime capitalista: nei paesi socialisti il ritmo non pi rapido. Non la ricerca del profitto a causare questo
blocco, ma la prodigiosa mutazione dovuta all'automazione, di non facile adozione in tutti i campi. Per la maggior
parte dei lavoratori la crescita tecnica comporta un lavoro pi duro e pi spossante (ritmi non dovuti a esigenze
capitaliste, ma a esigenze tecniche e di servizio nei confronti della macchina!). Ci si inebriati con il tempo libero,
con l'automazione universale: per molto si permane in un lavoro sprecato, alienato. L'alienazione non pi
capitalista: tecnica.
Tutti concordano nell'attribuire alla sola tecnica l'immensa mutazione che ha coinvolto tutti gli aspetti appena presi in
esame53. In altre parole, tutto l'insieme delle relazioni umane interindividuali o globali stato modificato. Come non
ritenere quindi la tecnica fattore determinante
***
Non si pu fare a meno di ricordare il ruolo del computer - senza esagerare, e soprattutto senza credere che possa gi
essere applicato a tutto, o che ne verranno realizzate tutte le possibilit. Bisogna ugualmente sottolineare fino a che
punto tale settore della tecnica possa essere determinante. Una tecnica, la stampa, ha dato vita a una civilt; un'altra,
la televisione, come McLuhan ha dimostrato, modifica il campo cerebrale; un'altra, il computer, ci fa passare dalla
cultura dell'esperienza a quella della conoscenza. La stampa ha permesso l'enorme accumulo di una quantit di
informazioni per lo pi inutilizzabili perch ingestibili da un'intelligenza individuale: la stampa ci ha fornito
un'eccellente memoria collettiva, ma la memoria individuale non ne all'altezza: l'informazione detenuta della
memoria collettiva era assopita. Il computer diventato il collegamento tra la memoria collettiva e il suo utilizzo da
parte dell'uomo: riveste il ruolo della memoria individuale e rende l'informazione acquisita utilizzabile. Allo stesso
tempo si potuto affermare con precisione (R. Latts) che fino a oggi l'uomo ha dedicato tutti i propri sforzi alla
risoluzione dei problemi che si ponevano, o anche che si ponevano problemi tali da essere risolti dal cervello umano
(numero di variabili molto ridotto): il computer permette ora di passare allo stadio della riflessione sui problemi, con
la possibilit di porli in modo tanto complesso quanto si desidera. da notare la particolarit della coincidenza:
proprio quando l'informazione (accumulata, scritta) diventa inutilizzabile, compare il computer. La riflessione sui
problemi esiste da circa mezzo secolo. Conosco bene il fenomeno nel campo della storia, che ormai non pi il
risultato dello studio di archivi, ma di un'elaborazione di problemi sempre pi complessi: anche la comparsa del
computer risponde a questa riflessione senza uscita. Il computer non quindi il fattore alla base della creazione della
novit, ma esso stesso la novit che permette alla creazione di concretizzarsi. Di conseguenza, sul piano collettivo e
concreto, costituisce il fattore determinante. Con esso la conoscenza diventa forza di produzione, un potere decisivo
in politica, a condizione che vi sia coesione tra tutti i fattori economici e tecnici in un insieme colto razionalmente.
Con il computer ci troviamo di fronte alla contraddizione, gi annunciata in tutto il movimento tecnico, oggi portata a
completo rigore, tra il razionale (i problemi posti grazie al computer e le risposte date) e l'irrazionale delle attitudini e
tendenze dell'uomo: il computer mette in risalto ci che vi di irrazionale nelle decisioni umane, dimostra come una
data scelta considerata ragionevole sia in realt passionale. Il che non significa che ci si traduca in una razionalit
assoluta, ma chiaramente tale conflitto introduce l'uomo in un universo culturale diverso da tutti quelli finora noti. Per
l'uomo il problema centrale, metafisico si potrebbe dire, non pi la propria esistenza e quella di Dio, in funzione di
tale misterioso sacro, ma il conflitto tra la razionalit assoluta e ci che fino a oggi ha costituito la sua persona: questo
il fulcro di tutta la riflessione attuale, e per molto tempo, la sola questione filosofica.
In questo modo, il computer non diverso dalla tecnica, non nulla di pi. Tuttavia esso porta a compimento quella
che era virtualmente l'azione dell'insieme tecnico, la porta alla perfezione, le d evidenza. La tecnica conteneva in s
la trasformazione completa del rapporto con il reale. Baudrillard (La Socit de consommation) lo ha dimostrato in
modo eccellente. importante considerare che in realt la tecnica, spesso accusata di materializzare l'uomo, di
incatenarlo all'ambiente materiale (e che basa ogni propria attivit sul materiale), derealizza tutto, trasforma tutto in
segno-di-nulla-da-consumare. La scoperta della Natura sotto forma di campagna ridotta allo stato di campione,
circondata dall'immenso tessuto urbano, tagliata a quadretti e servita a temperatura ambiente sotto forma di spazi
verdi, di riserve naturali o di scenario per la seconda casa, in realt un riciclaggio della Natura - vale a dire non pi
una presenza originale, specifica, in opposizione simbolica alla cultura, ma un modello di simulazione, un consomm
di segni della natura rimessi in circolo. Pi ci si avvicina al documento verit, pi si persegue il reale col colore, il
rilievo, ecc., pi si scava di perfezionamento in perfezionamento tecnico l'assenza reale al mondo. La Tecnica,
mediatrice e nuovo ambiente, rende ogni realt altra da s astratta, lontana e priva di contenuto. Come non attribuirle
ancora una volta, in questa enorme mutazione, il ruolo di fattore determinante?

Capitolo quarto
LA TECNICA COME SISTEMA
1.
Idea generale
Esistono oggi numerose concezioni di sistema54. Di solito si parte dall'oggetto che si vuole studiare e si definisce il
sistema in funzione di tale oggetto. Deutsch (citato da Hamon) afferma che un sistema un insieme di parti o di
sottoinsiemi che interagiscono in modo tale che le componenti tendono a cambiare tanto lentamente da poter essere
provvisoriamente trattate come costanti. Le parti a lenta mutazione possono essere chiamate strutture se gli scambi
che avvengono nelle loro relazioni reciproche si rivelano orientati verso il mantenimento o la riproduzione dei
sistemi, possono essere definite funzioni. Hamon precisa che si tratta di un insieme di elementi razionali, la cui
evoluzione caratterizzata soprattutto dalla retroazione (feed-back). Egli ritiene tuttavia che sia la retroazione
dell'insieme sulle parti ad assicurare l'autonomia del sistema nell'insieme della realt. Il sistema non quindi un
insieme di oggetti uno accanto all'altro, n un aggregato senza peculiarit.
Molti altri insistono sul feed-back come chiave del sistema. Henri Lefebvre invece non ne parla, e mantiene solo la
differenza tra il tutto e la somma delle parti: Il sistema un insieme di relazioni che aggiunge qualcosa alla somma
dei diversi elementi. Perci si pu parlare del principio dell'isomorfismo del sistema. Elementi molto diversi possono
avere leggi energetiche omologhe, in altre parole un sistema una totalit con le proprie leggi di composizione. Per
questo motivo gli aggregati appaiono sempre subordinati. Egli ne desume la contestabile idea che il sistema evolva
unicamente in funzione della propria logica interna. Per Meadows (rapporto di Roma): La struttura di ogni sistema cio le numerose relazioni tra elementi, che formano concatenazioni, in alcuni casi a effetto sfalsato nel tempo - ha
un'importanza, nell'evoluzione del sistema, equivalente a quella della natura di ogni singolo elemento che lo
compone.
Infine la definizione di Parsons (due o pi unit collegate in modo che a un cambiamento di stato della prima segua
un cambiamento di stato di tutte le altre, che sar seguito a propria volta da un nuovo cambiamento della prima,
costituiscono un sistema) che, pur individuando un aspetto del sistema tecnico, rimane troppo vaga. Ci che nel
pensiero di Parsons si applica bene al sistema tecnico l'idea che un sistema sia necessariamente integrato e
integratore (o una organizzazione strutturale di interazione tra unit). Ci comporta un modello, un equilibrio, un
sistema di controllo55.
Personalmente prenderei in considerazione pi caratteri: il sistema un insieme di elementi in relazione gli uni con
gli altri di modo tale che ogni evoluzione di uno di essi provoca un'evoluzione dell'insieme e che ogni evoluzione
dell'insieme si ripercuote sul singolo elemento.
chiaro quindi che non ci troviamo in presenza di oggetti isolati ma di una rete di interrelazioni. altrettanto
evidente che i fattori che compongono il sistema non sono di natura identica. Vi sono, ad esempio, elementi
quantitativi e altri che non lo sono. certo, infine, che la velocit del cambiamento non sia uguale per tutti i fattori il sistema ha il proprio processo e la propria velocit di cambiamento specifici in rapporto alle parti. Cos come
comporta leggi particolari di sviluppo e di trasformazione. Il secondo carattere che vorrei ricordare che gli elementi
che compongono il sistema presentano una sorta di attitudine preferenziale a combinarsi tra loro piuttosto che
combinarsi con fattori esterni. Il sistema economico implica una relazione preferenziale, il che comporta una
tendenza al cambiamento per motivi interni e una resistenza alle influenze esterne. Il terzo carattere che un sistema,
pur potendo essere colto in un momento della propria composizione, tuttavia dinamico: le interrelazioni tra le parti
non sono del tipo di quelle esistenti tra gli ingranaggi di un motore che agiscono gli uni sugli altri e in funzione gli
uni degli altri, e che ripetono la stessa azione all'infinito. In un sistema i fattori in gioco modificano gli altri elementi e
l'azione non ripetitiva ma costantemente innovatrice. Le interrelazioni producono un'evoluzione. Il sistema non
mai fisso, pur rimanendo un sistema e potendo essere riconosciuto come sistema X anche dopo numerose evoluzioni.
Il quarto carattere che il sistema, che esiste in quanto globalit, pu entrare in relazione con altri sistemi e con altre
globalit. Infine, come noto, uno dei tratti essenziali, pur senza costituire esso stesso il sistema, il feed-back, cio
le strutture di rinvio, senza farne sistema in se stesso.
Un sistema caratterizzato quindi da una parte dalle interrelazioni tra gli elementi principali e significativi
dell'insieme e dall'altra dalla relazione organica con l'esterno: un sistema nelle scienze sociali necessariamente
aperto. Non pu mai essere considerato in s escludendo ogni altra relazione.
Se scegliessi tale termine per descrivere la tecnica nella societ attuale non sarebbe sicuramente perch di moda, ma
perch il concetto corrisponde adeguatamente a ci che la tecnica - uno strumento indispensabile per comprendere
di che cosa si tratti quando si parla di tecnica, prescindendo dallo spettacolare, dal curioso, dagli epifenomeni che
rendono impossibile l'osservazione. Prendiamo l'esempio della medicina: c'era (soprattutto in passato!) la descrizione

del modello ideale di una data malattia, ma la febbre tifoide reale, ad esempio, non presentava tutte le caratteristiche
descritte nei libri, quelle della malattia astratta, e finiva col parossismo e la morte. Ma se il medico non avesse avuto a
disposizione lo schema della malattia astratta ottenuto eliminando ogni rischio secondario, non avrebbe mai potuto
riconoscere nell'insieme di sintomi presi in considerazione la febbre tifoide. Il sistema implica quindi una scelta di
sintomi, di fattori, un'analisi delle loro relazioni. Non si tratta mai di una semplice costruzione intellettuale: il sistema
esiste effettivamente cos come esisteva la malattia espressa dalla correlazione tra i sintomi che si potevano
individuare e indicare con un nome.
La tecnica ha ormai una tale specificit che necessario considerarla di per se stessa, in quanto sistema56.
Parlando del sistema tecnico voglio rendere conto di una parte importante del reale. Non si tratta della semplice
ipotesi di uno sviluppo aleatorio, n dell'estrapolazione di una curva tracciata considerando dati quantitativi del
passato in un dato settore. Attualmente la tecnica sviluppata nei propri aspetti qualitativi e quantitativi in modo tale
che si pu comprenderne lo sviluppo normale: esiste una logica che fa il sistema. Di conseguenza voglio rendere
conto del reale analizzando tale sistema e la sua evoluzione.
Chiaramente non posso farlo con completa certezza, dato che il sistema tecnico non completo: non chiuso, non
evolve unicamente secondo la propria logica interna. Comporta perci un ampio margine di alea, ma anche una gran
parte di probabilit. Non serve a nulla prevedere le invenzioni tecniche (nel 1990 ci sar questo e quello, ecc.),
poich la previsione pu essere condotta solo in funzione dello studio globale del sistema in quanto tale, e non
sommando innumerevoli innovazioni e applicazioni. Infine, non essendo ripetitivo, il sistema tecnico risulta pi
difficile da studiare rispetto a sistemi come quello fisico o quello ecologico, che presentano ripetuti cicli osservabili57.
***
Il sistema costituito dall'esistenza del fenomeno tecnico e dall'avanzata tecnica. Considero qui il fenomeno tecnico
con il significato gi attribuitogli in La Technique ou l'enjeu du sicle, distinguendolo dall'operazione tecnica sempre
esistita nel corso della Storia58.
Il fenomeno tecnico specifico della civilt occidentale a partire dal XVIII secolo59. caratterizzato dalla coscienza,
la critica, la razionalit60. Non vi torner. Ma il fenomeno tecnico non sufficiente a costituire il sistema. In effetti
pu essere considerato essenzialmente statico: si potrebbe essere tentati di prendere il fenomeno tale e quale e
considerarlo, analizzarlo cos com'61. Cos facendo, per, non solo si commetterebbe l'errore comune a questo tipo di
spaccato relativo a un dato momento, ma si mancherebbe il sistema stesso, essendo esso evolutivo. Gli oggetti o il
fenomeno tecnico evolvono, ovvio. Tutti sanno che le auto del 1970 non sono pi quelle del 1930. In ci l'oggetto
tecnico, o pi in generale il fenomeno, non diverso da qualsiasi altra cosa. Diciamo che il sistema tecnico
costituito dal fenomeno e dal progresso. Questo non consiste nella modificazione dell'oggetto, n nella sua
evoluzione, contrariamente a quanto siamo tentati di pensare. Tutto scorre, il tempo passa, e dunque l'oggetto
cambia. Si potrebbe quasi affermare che l'evoluzione dipenda dallo scorrere del tempo, una sorta di forza esterna
all'oggetto, un fiume nel quale viene bagnato e trasportato. In realt con la tecnica ci troviamo di fronte a una
situazione completamente diversa: la tecnica produce il proprio cambiamento. Si tratta di ci che de Jouvenel chiama
rivoluzione permanente dei processi. Il progresso, in qualche modo, fa parte dell'oggetto stesso: ne costitutivo.
Non c' tecnica se non c' progresso. Il progresso tecnico non la Tecnica che evolve, non sono oggetti tecnici che
cambiano perch perfezionati, non una somma di influenze sulle macchine o sulle organizzazioni che li spingono ad
adattarsi. La tecnica comporta la propria trasformazione. Dal momento in cui esiste nella realt moderna, essa
produce il fenomeno di progresso: il progresso di cui siamo imbevuti e la cui ideologia influenza ogni nostra opinione
un prodotto diretto della tecnica. Non la tecnica che progredisce, una nuova realt indipendente: l'unione tra
il fenomeno tecnico e il progresso tecnico che costituisce il sistema tecnico. Vi sono caratteristiche, regolamentazioni,
leggi (se si pu ancora dire cos) di uno e dell'altro. Il progresso tecnico si verifica secondo alcune modalit e
presenta particolarit che lo distinguono da altri tipi di evoluzione: la crescita economica o lo sviluppo culturale non
avvengono secondo le stesse modalit del progresso tecnico. Il sistema tecnico caratterizzato da un insieme di
peculiarit che lo differenziano dagli altri sistemi constatabili62. La singolarit di tale sistema si manifesta gi nel fatto
che un fattore tecnico si associ sempre in modo preferenziale con un altro fattore tecnico. Esiste una attrazione tra
di essi, che non ha a che fare con la natura di ciascuno, ma col fatto che appartengono allo stesso sistema. Pertanto
le associazioni con fattori esterni, dipendenti da altri sistemi, politico, economico, ideologico, non sono certo escluse,
ma saranno sempre secondarie. Utilizzando il termine sistema non voglio dire che la tecnica sia estranea all'ambiente
politico, economico, ecc. Non un sistema chiuso, ma sistema dal momento che ogni fattore tecnico (una data
macchina, per esempio), prima di tutto collegata, relativa a, dipendente dall'insieme degli altri fattori tecnici, prima
di essere in rapporto con elementi non tecnici. La tecnica, essendo diventata ambiente, si situa all'interno di questo
ambiente e lo costituisce nutrendosene. Vi sistema come pu essere considerato sistema il cancro. C' una modalit
di azione simile in tutti i punti dell'organismo in cui il cancro si manifesta, c' la proliferazione di un nuovo tessuto in
rapporto a quello vecchio, c' relazione tra le metastasi. Il cancro, inserito in un altro sistema vivente, un organismo,
seppur incapace di vivere autonomamente. Lo stesso vale per il sistema tecnico: da un lato, non pu manifestarsi,
svilupparsi, esistere se non inserendosi in un corpo sociale esistente. Non si pu pensare la tecnica come la natura,

capace di vivere autonomamente. La natura sociale preesiste al sistema tecnico ed in essa che il secondo trova
posto, possibilit, supporto. Dall'altro, la crescita della tecnica non lascia intatto il corpo sociale, n permette ai
differenti elementi di svilupparsi in modo autonomo e indipendente. La famiglia, ad esempio, a causa della Tecnica
cambier trovando un nuovo equilibrio: l'impatto tecnico mette in questione il fatto familiare in toto, che cessa di
essere una realt sociologica legata al corpo sociale per dipendere innanzitutto dal sistema tecnico. La famiglia
diventa famiglia nell'ambiente tecnico63. Ogni fattore tecnico innanzitutto inserito nel sistema tecnico e non
legato a un dato gruppo, fenomeno economico o sociale. Lo stesso vale per il lavoro d'ufficio: l'idea pi diffusa che
il complesso Stato-amministrazione-ufficio sia dominante e la tecnica vi si inserisca.
Si aggiunge all'organizzazione burocratica un elemento tecnico supplementare, integrato nel meccanismo
amministrativo e collegato a tale attivit. Questa visione delle cose porta a considerare la Tecnica costituita da pezzi e
frammenti disparati, con relazioni aleatorie e incerte. In realt il contrario: ogni elemento tecnico associato a tutti
gli altri in modo privilegiato. Quando la meccanizzazione entra negli uffici, come se fosse una punta spinta in quella
direzione dal sistema tecnico. L'amministrazione viene modificata perdendo il proprio carattere determinante:
determinata dalla nuova macchina. L'unit non si realizza nel vecchio quadro (Stato-amministrazione) ma per mezzo
delle correlazioni tra le diverse tecniche. Non ci sono quindi fattori tecnici sparsi, inseriti in contesti politici, sociali,
economici diversi che comportano propri principi di organizzazione, propria unit, ecc. C' al contrario un sistema
tecnico dalle modalit di intervento diversificate; queste ricollegano al sistema tutti i frammenti della realt umana o
sociale dissociati dal tessuto nel quale erano inclusi dall'operazione stessa. Ogni fattore tecnico, associato agli altri,
forma cos un insieme pi o meno coerente (che possiede una coerenza interna non necessariamente evidente),
sicuramente rigoroso.
2.
Qualificazione del sistema
Mostreremo proseguendo perch la tecnica costituisca un sistema e come esso funzioni, ma in questo paragrafo
voglio dare una giustificazione generale all'impresa.
Si ha una tecnicizzazione totale quando ogni aspetto della vita umana sottomesso al controllo e alla manipolazione,
alla sperimentazione e all'osservazione in modo da ottenere in ogni caso un'efficacia dimostrabile64. Il sistema si
rivela nel cambiamento (cambiamento tecnologico, sociale, mobilit, adattamento, ecc., cambiamento necessario per
risolvere ininterrottamente i problemi che sempre pi rapidamente sorgono proprio a causa della tecnica), per via
dell'interdipendenza di tutte le componenti, per via della globalit e in ultimo per la stabilit acquisita. Quest'ultimo
punto particolarmente importante: non pi possibile detecnicizzare. Il sistema ha un'ampiezza tale che non si
pu pi sperare di tornare indietro: tentare una detecnicizzazione sarebbe come per i primitivi della foresta appiccare
il fuoco al loro ambiente natale. Questi quattro caratteri della tecnica danno una prima rapida idea di ci che,
affrontato in modo globale, pu essere chiamato sistema. Simondon65 ha tuttavia dimostrato che l'oggetto tecnico
richiede, per essere compreso e per poter poi cogliere un sistema, un trattamento a parte. Il problema della
conoscenza specifica dell'oggetto tecnico posto da Simondon tende a mostrare che si tratta di un sistema da cui non si
pu separare l'oggetto tecnico. Bisogna considerarlo nella totalit dei rapporti e in modo genetico. Secondo Simondon
la modalit di esistenza degli oggetti tecnici definita perch derivante da una genesi, creatrice non solo di oggetti,
ma innanzitutto di una realt tecnica, e poi di una tecnicit generale. l'insieme, l'interconnessione (delle
tecniche) a rendere l'universo politecnico, naturale e umano al contempo Nell'esistenza, nel mondo naturale e in
quello umano, le tecniche non sono separate. Per il pensiero tecnico esse rimangono come separate perch non esiste
un pensiero tanto sviluppato da permettere di teorizzare la reticolazione tecnica degli insiemi concreti al di sopra
delle determinazioni e delle norme tecniche, bisognerebbe scoprire determinazioni e norme politecniche e
tecnologiche. Esiste un mondo della pluralit delle tecniche con strutture proprie. Simondon ritiene che questo sia
il vero compito della filosofia. Mi sembra che il filosofo (in generale, giacch Simondon arriva a dimostrare il
contrario!) sia piuttosto mal equipaggiato per procedere a una tale scoperta. In verit si tratta della scoperta di un
universo artificiale che deve essere considerato in s, nella propria specificit. L'oggetto tecnico divenuto separabile
pu essere raggruppato con altri oggetti tecnici secondo tale o tal altro criterio: il mondo tecnico offre una
disponibilit infinita di raggruppamenti e connessioni costruire un oggetto tecnico significa approntare una
disponibilit: il raggruppamento industriale non il solo realizzabile con oggetti tecnici - si possono realizzare anche
raggruppamenti non produttivi che hanno come scopo il collegamento, attraverso una precisa concatenazione di
mediazioni organizzate, dell'uomo alla natura. Il mondo tecnico interviene qui come sistema di convertibilit. Il
sistema tecnico esiste cos non solo per la relazione intrinseca, ma anche per il fatto che gli oggetti ai quali le tecniche
vengono applicate sono anch'essi sistemi. La Natura, la Societ. Essendo Natura e Societ esistite in quanto
sistemi (l'Ecosistema, per esempio), poich la tecnica si applica inizialmente ad aspetti separati, specifici, differenziati
dell'una e dell'altra, ha finito col ricoprirle interamente. Tali operazioni parcellari (corrispondenza di una tecnica, o
creazione di un oggetto tecnico in rapporto a tale bisogno naturale, tale sfida della natura) avevano tra esse una

relazione, non per la loro iniziale qualificazione tecnica, ma per la loro applicazione a dei sistemi. Solo
progressivamente, con l'acquisizione di tecniche di secondo e terzo grado, costituendosi come vero tessuto continuo,
poi come ambiente, la tecnica diventata a propria volta, indipendentemente dal proprio oggetto, un sistema. A
questo punto le tecniche si fanno coerenti e organizzate le une rispetto alle altre. Gli elementi, i fattori tecnici non
sono semplicemente giustapposti, si combinano tra loro. Si stabilisce un insieme di solidariet, di connessioni, di
coordinazione tra tutti gli oggetti, i metodi, ecc., della tecnica.
Bisogna tuttavia fare una precisazione. Quando parlo di sistema, non intendo un sistema destinato all'analisi
descrittiva e operazionale basata sulla simulazione attraverso il modello informatico. Potrei al limite intendere, in una
certa misura, l'applicazione dell'analisi sistemica a un insieme reale. Credo piuttosto di poter constatare che i
fenomeni tecnici si sono combinati in modo da presentare ormai le caratteristiche di un sistema realmente esistente.
Non si tratta quindi di una formalizzazione in vista di un'analisi a computer, ma della constatazione di un certo reale
(non tutto) che permette di formulare la teoria. Ritengo, anzi, che non sia utile procedere a una simulazione
computerizzata prima di avere completato la teoria del sistema in questione. Mi parso in modo evidente che i
sistemi formalizzati di cui mi sono occupato presentavano tutti un'estrema debolezza concettuale, una povert nella
comprensione dei fatti che li rendeva totalmente inadeguati. Le operazioni che ne derivano, per quanto perfette sul
piano matematico, non hanno molto senso! Mi pare che il limite d'applicazione dipenda dalla dimensione stessa
dell'oggetto. Allo stesso modo ritengo possibile l'applicazione di tale metodo per oggetti precisi e relativamente
limitati. Un'organizzazione o un'insieme di organizzazioni, con lo studio del sistema di informazione e del sistema di
decisione che vi si riferisce66, mi pare altrettanto impossibile per una societ globale, per l'economia occidentale o per
la politica generale dell'Europa, per esempio. La formalizzazione in sistema potrebbe qui rivelare, al massimo, ci
che non possibile ottenere con l'interpretazione. In questo libro mi colloco, tuttavia, molto pi vicino all'ottica di
Parsons nell'opera Le Systme des socits modernes.
***
necessario affrontare una critica seria. Si pu considerare la tecnica come se avesse una sorta di vita autonoma? Si
pu analizzare il sistema tecnico come un orologio che funziona autonomamente? La tecnica esiste solo perch vi
sono uomini che vi partecipano, che la fanno funzionare, che la inventano, che scelgono. Pretendere di analizzare la
tecnica senza tener conto delle alee, delle irregolarit causate dall'uomo, significa procedere a un'astrazione
illegittima oltre che impossibile. Il sistema tecnico puramente immaginario: non lo si pu vedere. Ci che si pu
vedere sono uomini che utilizzano gli strumenti. La tecnica non esiste, esistono prodotti, macchine, metodi ma
considerarli un insieme artificioso. Lefebvre vuole dimostrare che esistono tecniche diverse, senza relazione le une
con le altre, che ci sono oggetti tecnici sparsi, sparpagliati, con finalit divergenti, mai relativi allo stesso ambiente.
Ci sarebbe quindi un insieme, una somma e non un sistema. Mi rendo conto che analizzando il sistema tecnico come
oggetto a s stante, senza considerare l'uomo, o i gruppi, mi scontro con una delle tendenze principali della sociologia
attuale. Nello stesso modo si rimprovera a Weber di aver studiato la burocrazia come sistema, enunciandone
caratteristiche e leggi di funzionamento. Si mette in risalto il fatto che siano i funzionari, gli impiegati a contare, e
che, in fin dei conti, in uno studio concreto, non c' traccia delle leggi e dei principi posti da Weber, ma si trovano
rapporti umani, azioni e reazioni di gruppi e di individui, disfunzioni dovute a scelte e iniziative: questa la realt
constatabile di un'amministrazione. Anche nel caso della cosiddetta tecnica l'uomo, in ultima analisi, a scegliere e
agire. Anche in presenza di una certa realt del tecnico, un errore pretendere di condurre un'analisi a prescindere
dalla presenza dell'uomo67. Eppure, nonostante conosca tale obiezione e ne riconosca la totale correttezza, ci che
ho provato a fare qui. Per due ragioni.
In primo luogo, affermare che si vedono solo oggetti tecnici separati, che non formano un sistema, significa (con
tutto il rispetto) assumere un atteggiamento limitato. Quando l'uomo, considerando le cose della natura, vi vede
oggetti separati: nuvole e erba, pietre e acqua, ecc., tutto separato e senza relazione, non si pu dire che assuma una
posizione intellettuale molto soddisfacente. Sappiamo che fin dalle origini l'uomo ha cercato di stabilire un sistema
della natura: da una parte un sistema di relazioni, dall'altra uno esplicativo. Si spesso ingannato, con spiegazioni e
corrispondenze magiche o metafisiche, ma ogni volta un sistema ne ha rimpiazzato un altro, fino alla formulazione di
un sistema di relazioni razionali, che chiamiamo scientifiche. Esattamente la stessa operazione che ho tentato qui.
Non voglio dire che la mia descrizione del sistema tecnico sia scientifica e determinante, ma si tratta di un primo
passo indispensabile, e senza di esso nulla pu essere fatto per la comprensione del nuovo universo nel quale l'uomo
si trova.
Per di pi, procedendo all'astrazione delle disfunzioni umane, assumo l'atteggiamento dello scienziato che enuncia
fermo restando ogni altra cosa, quando si sa bene che una tale situazione non si verificher mai. noto in chimica
e fisica che l'analisi di un fenomeno suppone l'astrazione da una data condizione: si giunge a una legge, ma nel
momento in cui si vuole sperimentare, l'esperimento non fornisce mai esattamente ci che era stato previsto, perch i
fattori da cui si fatta astrazione, non sono astratti in realt. Ma se non si procedesse in questo modo, non ci sarebbe
scienza possibile. Per discernere il fenomeno, per riconoscerne le regolarit, bisogna privarlo artificialmente delle
variabili, delle alee, delle perturbazioni accidentali. Se ci si accorge che le variabili sono ugualmente sempre presenti

nella realt, conviene reintegrarle e considerare, a partire dalla prima analisi, le modificazioni che il fenomeno cos
subisce. Ci che ben noto per le scienze cosiddette esatte deve essere applicato anche alle scienze sociali.
L'atteggiamento di Marx nei confronti dell'economia politica mi sembra esemplare. Quelli che egli chiama
economisti (cio i classici, i liberali, i fondatori della scienza economica) avevano proceduto all'astrazione del
fattore umano. Marx non afferma che avessero torto e che la loro analisi dell'economia fosse inesatta. Al contrario si
serve di tale analisi considerando i risultati acquisiti dagli economisti scientificamente esatti. In seguito dichiara
tuttavia che impossibile prescindere dal fattore umano in campo economico e che necessario vedere cosa il suo
reinserimento implichi. Inoltre trae conclusioni relative alla realt economica dal fatto che sia stato possibile studiarla
scientificamente eliminando il fattore umano, e procede a una critica dell'economia politica a partire dagli stessi dati
fornitigli dagli economisti classici; ma il loro passo iniziale era indispensabile. Lo stesso vale per Weber e la
burocrazia: lo studio delle disfunzioni e l'analisi dei comportamenti degli impiegati possibile solo a partire dalla
costruzione sistematica di Weber. Sarebbe errato affermare che la burocrazia sia (esclusivamente) il sistema
dimostrato da Weber. Ma sarebbe altrettanto errato dire che sia (esclusivamente) un insieme di rapporti umani, di
pressioni, di interessi, ecc. Essi ricavano il proprio significato e la possibilit stessa di esistere solo collocandosi
all'interno e in rapporto al sistema oggettivo.
Che significato avrebbero le relazioni umane se non si sapesse da principio che sono inserite in un insieme di
regolamenti, gerarchie, concorsi, competenze oggettivamente stabilite? innanzitutto necessario conoscere,
determinare questi elementi per capire che cosa sia la realt vissuta dall'uomo in rapporto a ci. Non si deve obiettare
che l'unica realt quella vissuta, che il riconosciuto come, il compreso come che conta, poich nulla esiste al
di fuori di tale esperienza. sicuramente esatto, ma perch vi sia un vissuto, necessario che ci sia una realt
esterna a tale esperienza: non voglio inoltrarmi nel dibattito filosofico, dico solo che il funzionario pu vivere il
concorso come, ma il concorso istituito da una legge che gli conferisce realt, che ci sono regolamenti di
applicazione, una giuria, ecc. Questo insieme esiste non in quanto precedente all'esperienza, n come occasione di
esperienza, ma di per se stesso. Certamente vissuto attraverso una serie di esperienze personali o collettive e di
rappresentazione. Ma non lo si pu ridurre a ci, poich se le leggi e i regolamenti oggettivi non esistessero non ci
sarebbero esperienza n rappresentazione. utile inoltre conoscerne l'oggetto. In altre parole, sembra che studiando il
sistema tecnico non abbia tenuto conto dell'uomo. In effetti fornisco il canovaccio sul quale intervengono l'azione, il
rifiuto, l'angoscia, l'adesione, la rappresentazione, ecc. Nella conoscenza del canovaccio non posso non comprendere
queste esperienze e rappresentazioni, ecc. Non pretendo di restituire la realt, ma un certo dato indispensabile per
conoscerla. In questi ambiti non vi certo alcuna realt oggettiva, indipendente da ci che l'uomo vive, ma ci che
l'uomo vive non si riduce alla soggettivit. Bisogna tenere conto delle regole impostegli, degli ostacoli che incontra,
ecc. Solo conoscendo il testo della legge posso comprendere una data interpretazione, ottemperanza o infrazione.
Descrivendo il sistema non escludo le iniziative e le scelte individuali, ma solo la possibilit che tutto sia ridotto a
ci. Non fornisco una descrizione di ci che accade, ci che , ma di ci che l'uomo modifica, accelera, perturba,
ecc.
C' un altro errore che deve essere evitato: quello di credere che la tecnica cos considerata sia un oggetto, e che in
rapporto a essa, l'uomo sia il soggetto. Si sente comunemente dire che la tecnica fornisce cose di cui l'uomo dispone.
Tutto dipende quindi dall'uso buono o cattivo che se ne fa Gli stessi dichiarano che il sistema tecnico non esiste in
quanto tale, e che esistono solo oggetti tecnici. In realt tali oggetti non sono sparsi e senza relazione: sono inglobati
in un sistema. Per di pi l'uomo chiamato ad agire su tale sistema, a utilizzare gli oggetti tecnici non soggetto
assoluto: incluso in una societ tecnica. necessario precisare tale punto di vista piuttosto comune: innanzitutto
quello dell'uomo della strada, che certamente non percepisce un insieme tecnico e pensa di avere a che fare
successivamente con l'auto, la TV, il computer, l'aereo momenti separati, usi diversi, assenza di riflessione sulla
loro coerenza e la loro continuit. Tale atteggiamento deriva anche dalla specializzazione. Ogni settore si sviluppa in
modo indipendente dagli altri (in apparenza). Ciascuno di noi immerso in un campo tecnico separato. Ciascuno
conosce la propria tecnica professionale, e solo essa. Si sa (teoricamente) che vi sono altre tecniche, ma non si coglie
la coerenza interna ai settori, sognando campi immensi e liberi in cui regnano l'indipendenza e l'immaginazione. E
pensando al proprio campo come quello del rigore, dell'efficacia, della schiavit. Questo atteggiamento deriva anche,
presso gli intellettuali, da un rifiuto sistematico di considerare la realt: se la tecnica veramente un sistema, allora la
libert di pensiero solo un'illusione, la sovranit dell'uomo minacciata, ecc. Dato che ci impossibile, la tecnica
non pu essere un sistema. questo riflesso di panico a guidare la maggior parte delle riflessioni intellettuali
sull'inesistenza della tecnica in quanto tale. comodo e rassicurante considerare solo strumenti, oggetti, metodi senza
relazione. Si pu allora immaginare un uomo sovrano, che agisce sull'insieme in completa indipendenza. Tutti gli
elementi tecnici originano da lui, non esistono al di fuori di lui e tornano a lui: l'uomo a dargli coerenza. C' un forte
rifiuto ad ammettere l'esistenza di un'organizzazione specifica della tecnica, relativamente indipendente dall'uomo, di
una sorta di schematizzazione della vita da parte della tecnica. Lo stesso rifiuto si manifesta in alcune reazioni
romantiche (tutta una parte della letteratura moderna si spiega in questo modo), nel rifiuto intellettuale di tale
possibilit, o nell'elaborazione di falsi concetti per spiegare la nostra societ, per dimostrare che in fondo nulla

cambiato, l'uomo sempre l'uomo, la societ sempre la societ, la natura sempre la natura. La societ sempre
formalmente e sostanzialmente la stessa - cio nulla sostanzialmente cambiato in due secoli. Si riconoscono la
velocit, l'urbanizzazione, ecc., ma in fondo si conserva l'immagine di una societ intatta (cos come di un uomo
intatto!): una societ le cui strutture sono paragonabili a quelle del passato (non le stesse ovviamente!). Si ritiene la
societ (di sempre) composta come in passato da classi (con simili rapporti di classe), e obbediente a una dialettica,
sempre la stessa. In altre parole, c' una realt permanente che subisce modifiche superficiali, realt dell'uomo per
gli uni, realt della societ per gli altri, realt delle classi, e vi si aggiunge un insieme di processi, di oggetti, di
modalit di lavoro, di macchine che certo cambiano dati aspetti della societ, ma alla fine vi si integrano, vi si
aggiungono. Riappare continuamente, anche presso i pi progressisti l'immagine di una societ moderna che altro
non se non la societ tradizionale pi le tecniche. Chiaramente ci non viene enunciato in questi termini, ma il tipo
di analisi effettuata dimostra che quello il presupposto (nascosto). Esattamente quello di Lefebvre nella succitata
frase. molto difficile accettare il fatto che viviamo in una societ priva di misura comune con quelle che l'hanno
preceduta, che l'esperienza e il pensiero degli avi sono inutili.
Ci che interessa e attira maggiormente il cosiddetto cambiamento rapido (una civilt, una societ in corso di
cambiamento accelerato), concetto molto utilizzato negli studi condotti da cristiani, dal Consiglio Ecumenico, ecc.
Tale nozione errata da due punti di vista. Innanzitutto utilizzando tale nozione ci si fissa sulla rapidit di
cambiamento di un fattore anteriore conosciuto: ad esempio la famiglia. Vi sono uno stadio a, uno stadio b e uno
stadio c di famiglia, e si constata che l'attuale passaggio da b a c molto pi rapido del precedente passaggio da a a b.
Tale problema del tutto secondario: la questione pi la comparsa di una struttura e di un insieme di funzioni
radicalmente nuove che la rapida evoluzione di vecchi elementi. Sicuramente, da un punto di vista morale o umanista,
bisogna preoccuparsi della sorte concreta degli individui o dei gruppi interessati dal cambiamento rapido: ma
ritenendolo pi importante di ogni altra cosa, ci si vota a non comprendere nulla della questione. Bisogna interessarsi
pi alla comparsa di un ambiente nuovo che al cambiamento dei vecchi quadri, pi alla situazione dell'uomo nelle
strutture tecniche che alla trasformazione urbana. Il secondo aspetto dello stesso errore appare quando si prende in
considerazione l'origine del concetto di cambiamento rapido: il risultato di un'impressione particolarmente forte
proveniente da un dato avvenimento sorprendente. Si produce di pi, si va pi veloce, ecc. Il cambiamento rapido
riguarda l'aspetto spettacolare della nostra societ. Implica che ci si limiti al cronachistico puro. Al contrario
essenziale concentrarsi sulla mutazione globale dovuta alla comparsa del sistema tecnico. A partire dal momento in
cui si veramente colto il significato di ci, le scoperte sensazionali perdono molto del loro interesse. Andare sulla
luna non pi un avvenimento: la ragionevole e normale conseguenza di quanto gi esiste. Si pu allora affermare
che dal momento in cui il sistema tecnico diventato la struttura della nostra societ, non si pu pi parlare di
cambiamento rapido, ma di conseguenze normali prevedibili e pressoch unilineari della mutazione anteriore. Per
cui mi sembra necessario rifiutare il concetto di cambiamento rapido, che un diversivo.
Il sistema tecnico un fenomeno qualitativamente differente dalla somma di pi tecniche e oggetti. Non possono
essere compresi se li si considera separatamente o se si isola un settore d'azione della tecnica: bisogna studiarli
all'interno e in rapporto al sistema tecnico globale. Come si pu valutare l'influenza della velocit delle
comunicazioni se le si separa dai metodi di lavoro moderno, dalle forme d'habitat, dalle tecniche di governo e
amministrazione, dalle esigenze della produzione e della distribuzione, ecc.? Il solo fatto di isolare un aspetto falsa
completamente la questione nell'insieme. La condizione primaria per comprendere il fenomeno tecnico, per
intavolarne la sociologia, considerarlo nell'insieme, nella sua unit. Considerando le tecniche separatamente, si pu
certo studiare per ognuna la formazione, i metodi specifici, le influenze particolari, ma ci non ci rivela nulla sulla
societ nella quale viviamo e sulla realt dell'ambiente tecnico. Si assume cosi un punto di vista errato non solo
sull'insieme, ma anche su ciascuna delle tecniche particolari, poich non possono essere comprese se non in relazione
le une con le altre: in quale misura ciascuna provoca lo sviluppo di altre tecniche, in quale misura poggia su altre
tecniche, ecc. Si tratta di un problema di metodologia decisivo: necessario studiare il sistema tecnico in s, e solo a
partire da esso possibile studiare diverse tecniche. Ci porta al rifiuto di ci che chiamo Empirismo Astratto (gi
abbondantemente criticato da Sorokin e Mills) - cio l'atteggiamento che consiste nell'astrarre e conservare un solo
aspetto soffermandosi sulla realt pi immediata come oggetto di studio, in modo da applicargli metodi esatti.
Chiaramente il metodo matematico, la statistica, l'indagine possono essere applicati ad aspetti limitati e subordinati:
sicuramente necessario procedere a tale studio. Ma una volta fatto, bisogna sapere che esso non costituisce il rapporto
fedele n l'interpretazione esatta del tutto, n una situazione esplicativa privilegiata o preminente. Se non parte di
un'analisi della realt globale, di una descrizione delle correlazioni generali, induce all'errore chi si fida dei suoi
risultati, poich manca l'essenziale: le interazioni.
***
Ci detto, possiamo tentare di tracciare rapidamente una prima descrizione del sistema, spiegandone alcuni aspetti.
Il primo aspetto del sistema chiaramente la sua specificit. Le tecniche non sono comparabili a null'altro (ci che
non tecnico non ha nulla in comune con ci che lo ) e sono accomunate da caratteristiche simili: possibile
individuare tratti comuni a tutte le tecniche. Ma necessario andare oltre: tutte le parti sono in correlazione,

correlazione accentuata dalla tecnicizzazione delle informazioni. Ci comporta due conseguenze: innanzitutto, non si
pu modificare una tecnica senza provocare delle ripercussioni, delle alterazioni su un gran numero di altri oggetti e
metodi. In secondo luogo, le combinazioni tra le tecniche producono effetti tecnici, nuovi oggetti o nuovi metodi.
Queste combinazioni avvengono in modo necessario, inevitabile. Inoltre, come tutti i sistemi, l'universo tecnico
possiede una certa propensione all'autoregolazione, cio a costituire un ordine di sviluppo e funzionamento che fa si
che la tecnica generi sia i propri acceleratori sia i propri freni. Tale aspetto tuttavia il pi incerto, come vedremo.
Tale sistema appare quindi estremamente indipendente dall'uomo (come lo era l'ambiente naturale).
Il sistema esiste essenzialmente perch tra i diversi fattori si stabilito non un rapporto meccanico (i diversi
ingranaggi di un meccanismo d'orologeria: non cos che si deve immaginare il sistema tecnico!), ma un insieme
sempre pi denso di rapporti di informazione.
possibile rendersene conto gi a livello della nostra interpretazione: la teoria dell'informazione, che oggi fa furore,
una tecnologia interscientifica che permette una sistematizzazione dei concetti scientifici cos come uno
schematismo delle diverse tecniche. La teoria dell'informazione non una scienza nuova, n una tecnica tra le
tecniche: si sviluppata per il fatto stesso che il sistema tecnico esi ste in quanto sistema per via delle relazioni tra le
informazioni. Non si tratta di un caso n di una geniale scoperta dell'uomo: una risposta alla necessit in cui l'uomo
si trovava di tentare di comprendere il nuovo universo. La teoria dell'informazione un pensiero mediatore tra le
diverse tecniche (ma anche tra le diverse scienze e tra scienze e tecniche). Essa agisce come scienza delle tecniche e
tecnica delle scienze. Ma se le cose stanno cos, se la teoria dell'informazione sembra oggi il mezzo per penetrare nel
sistema, perch l'informazione ha giocato tale ruolo nella strutturazione del sistema stesso. Le diverse tecniche si
sono unite in sistema attraverso le informazioni trasmesse dall'una all'altra e tecnicamente utilizzate in ogni settore. Si
pu perfettamente applicare al sistema tecnico la formula di Wiener (Cybernetics): Cos come la quantit di
informazione di un sistema ne misura il grado di organizzazione, cos l'entropia di un sistema ne misura il grado di
disorganizzazione. Il sistema nato a partire dal momento in cui ogni oggetto o metodo tecnico non ha pi avuto
solo la funzione di rispondere esattamente al compito per il quale stato creato, ma ha cominciato a emettere
informazione, dal momento in cui ogni oggetto tecnico o metodo, ha iniziato a non funzionare solo in quanto tale, ma
anche a registrare le informazioni emesse da tutto l'ambiente tecnico (oltre a quelle emanate dall'ambiente naturale) e,
infine, dal momento in cui ciascuno ha tenuto conto delle informazioni. Non unicamente la comparsa della teoria
dell'informazione che ci obbliga a constatare ci, ma anche il moltiplicarsi degli apparecchi trasmettitori di
informazione e delle tecniche di informazione. Il sistema tecnico quindi divenuto esigente in questo settore: pi la
tecnica si sviluppa e pi, come condizione necessaria allo sviluppo, aumentano le attivit di informazione. La
produzione materiale e lo spostamento di oggetti sono divenuti meno importanti delle attivit non materiali.
L'esplosione dell'informazione stata necessaria alla creazione del sistema: non semplicemente prodotto
accidentale della capacit di produrre informazione. A partire dal momento in cui il sistema tende a organizzarsi, la
domanda di informazione si fa esplicita: appare cio un nuovo settore informativo costituito da tecniche che hanno
come unica peculiarit quella di produrre, trasmettere, raccogliere informazioni.
Le informazioni sono al 90% prodotte dal funzionamento delle tecniche di azione e intervento, e sono destinate a
permettere ad altri settori tecnici di perfezionarsi e adattarsi. Si tratta dunque di una messa in relazione intertecnica,
della comparsa di un insieme di mediazioni: ci che fa della tecnica un sistema. Non si tratta quindi solo (sebbene ci
abbia la propria importanza) della comunicazione di scoperte scientifiche, di innovazioni, della loro lettura (messa a
punto dalla rete internazionale di informazione che integrer le banche dati elettroniche esistenti, ad esempio), ma
ben pi importante la relazione permanente, a livello concreto, talora estremamente modesto, di tutto ci che si
realizza con tutto ci che pu essere realizzato nei campi operazionali vicini. L'informazione scientifica ha sempre
attirato, inquietato, ma non essa al centro del mondo: invece il passaggio continuo di migliaia di informazioni
operazionali da un settore tecnico a un altro. Ci stato reso decisamente pi semplice dalla comparsa del computer.
a questo livello che dobbiamo porci la questione del nuovo insieme tecnico, grazie al quale il sistema tecnico riesce
a costituirsi.
L'importanza del computer chiaramente legata al fatto che pi avanziamo, pi (cosa divenuta banale) l'informazione
diventa la parte pi significativa della nostra realt. Non siamo pi una societ dominata dall'imperativo di
produzione, ma dall'emissione, dalla circolazione, dalla ricezione, dall'interpretazione di informazioni: esattamente
ci che permette la costituzione del sistema. Le parti non sono pi solo coordinate, n semplicemente connesse le une
alle altre. Non sono materialmente unite, ma ciascuna emette e riceve informazioni, e il sistema regge grazie alla rete
di informazioni incessantemente rinnovate. Il che ne causa la flessibilit e l'impossibilit di coglierlo in un momento
dato: non possibile procedere a una sorta di stato del sistema perch ci significherebbe fissare le informazioni, e
dunque negare il sistema stesso.
***
Il computer un enigma. Non per quanto concerne la fabbricazione o l'uso, ma perch sembra che l'uomo sia
incapace di prevederne l'influenza sulla societ e su se stesso. Probabilmente non ci siamo mai trovati di fronte a un
apparecchio tanto ambiguo, a uno strumento che sembra contenere in s il meglio e il peggio, e soprattutto a un

mezzo del quale siamo incapaci di percepire le effettive possibilit. Ovviamente sappiamo a cosa pu servire un
computer, quanto a uso diretto. inutile ricordare qui i possibili impieghi di un computer. Non rientra nel nostro
ambito di ricerca. Ricorder solo qualche verit riconosciuta. La macchina non fa tutto. L'uomo deve innanzitutto
definire lo scopo, l'obiettivo da raggiungere (a condizione che sia suscettibile di una valutazione quantitativa),
scegliere un programma da installare nella memoria della macchina e tradurlo in un linguaggio comprensibile al
computer, raccogliere i dati relativi al problema da risolvere. La macchina esegue le operazioni e fornisce i risultati,
ma l'uomo a decidere che cosa fare dei risultati. La macchina non pu (in linea di massima; ce ne occuperemo oltre)
oltrepassare i propri limiti, n prendere iniziative. Funziona secondo regole definite in precedenza. Grazie al suo
impiego, l'uomo si trova liberato da compiti secondari, automatici (si ritiene di conseguenza che possa dedicarsi a
superiori compiti di invenzione, creazione di programmi). Mi fermer qui in quest'elenco di banalit.
Si aprono subito questioni apparentemente insolubili. La radicale opposizione dei ricercatori. questa divisione, in
cui sembra impossibile individuare una ragione per cui sostenere una posizione o l'altra, che mi sembra attestare la
reale inconoscibilit del computer a livello pi semplice. Il computer causer disoccupazione? Secondo alcuni
inevitabile, perch intere categorie di impiegati saranno brutalmente rimpiazzate, dato che un computer pu svolgere
il lavoro di cinquanta o cento uomini. Secondo altri la costruzione e la manutenzione di queste macchine, la creazione
di programmi richiederanno una considerevole quantit di personale. Un dato programma, in grado di risolvere un
problema in pochi secondi, richieder mesi e mesi di lavoro per essere elaborato da una quipe. Tuttavia non siamo
assolutamente in grado di decidere tra le due posizioni a causa della mancanza di esperienza reale. Si pu solo
affermare che ogni progresso tecnico crea disoccupazione e nuovi, differenti posti di lavoro di compensazione. Ci
che appare certo che il computer accentuer la predominanza dei tecnici, degli impiegati altamente qualificati, e dei
giovani - rendendo sempre pi rapidamente inutili le competenze degli impiegati anziani.
Altro problema insolubile: il computer provocher la centralizzazione o permetter la decentralizzazione68? Il
computer accelera la presa di decisioni e modifica i campi di centralizzazione e decentralizzazione. Centralizzazione
dei mezzi, coordinamento in un solo punto del potere di decisione: il trattamento integrato permette di analizzare la
coerenza del processo di decisione. I processi di memoria permettono la centralizzazione di tutti i dati utili in un solo
punto. Da ci si pu perfettamente concepire un solo centro di decisione politica. Le banche dati conferiscono una
superiorit decisiva al gruppo che le controlla - che sar in grado di discutere un piano economico stabilito dal potere
a partire da milioni di dati che sar il solo a conoscere e che sono trattati da computer che il solo a possedere. Altri
autori sostengono invece che il computer un meraviglioso strumento di decentralizzazione, che mette le banche dati
a disposizione di tutti, e che tutti potranno discutere la politica con mezzi fino a oggi sconosciuti. La centralizzazione
della decisione necessaria solo quando coordinamento e impulso la richiedono. In tutti gli altri casi la
centralizzazione dei mezzi informatici si pu combinare con una decentralizzazione della decisione. La
decentralizzazione non solo possibile, ma anche facilitata: il computer solleva le collettivit decentralizzate da
compiti impegnativi e accresce il potere decisionale aumentandone i mezzi di informazione - l'informatica coordina (e
quindi rinforza) il sistema decentralizzato, che del resto sar presto reso necessario dalla congestione del centro69.
L'aspetto consolante in una tale discussione che si tratti, ancora una volta, di un semplice orientamento dell'uomo:
l'apertura a tutto o la chiusura, il controllo delle banche dati da parte di alcuni sono semplici questioni dipendenti
dalla decisione umana. Se l'uomo lo desidera, il sistema informatico pu essere strumento di dittatura o di
democrazia. Come vedremo, non cos semplice.
Vediamo un'ultima questione, la pi centrale, apparentemente insolubile. Quella dei limiti del computer, o della
sostituzione totale dell'uomo. Il computer rimane un semplice strumento inerte di cui l'uomo fa ci che vuole, o il
robot acquister la propria autonomia sostituendo l'uomo? L'interpretazione dell'evoluzione offerta da Le- roi
Gourhan la seguente: l'uomo crea incessantemente al di fuori di s qualcosa che agisca al proprio posto rendendo
cos di fatto inutile l'azione umana. La tecnica un processo di esteriorizzazione delle capacit dell'uomo. Ecco fatto
l'ultimo passo. Davanti all'uomo c' un essere in grado di fare tutto ci che l'uomo fa ma con pi rapidit, precisione,
ecc. L'interpretazione presentata dal libro di Rorvik caratteristica: l'evoluzione passa dall'ameba all'uomo attraverso
successive mutazioni animali, e poi dall'uomo al computer, che semplicemente un'ultima tappa dell'evoluzione. Ma
il computer deve sostituire l'uomo come re della creazione. La macchina intelligente. Non c' limite alla sua
intelligenza. All'interno di visioni che presenta come scientifiche, Rorvik descrive tutte le possibilit del computer:
totale automazione delle fabbriche, capacit di apprendere spontaneamente, di autoprogrammarsi; i computer sono
dotati di personalit, hanno crisi psicologiche, provano amicizia, avversione, affetto, possono assolvere a compiti
estremamente eclettici: creare musica o poesia, insegnare, dedurre, dirigere una psicoanalisi, curare malattie. Quanto
alla capacit della macchina di tradurre, formulare giudizi giuridici, leggere e utilizzare un qualsiasi testo, Rorvik
ritiene che siano cose gi fatte. Basa questa affermazione su centinaia di dichiarazioni di specialisti (senza tuttavia
mai dare riferimenti precisi)! Si possono trovare innumerevoli esempi di tali immagini presso Elgozy (Le
Dsordinateur). Tale interpretazione del fenomeno suffragata anche da Bearne: La macchina vive e pensa.
[Anch'egli prevede una stretta simbiosi tra computer e uomo, tenuto conto che il computer finalmente autonomo].
La macchina esplora fino al limite gli attributi che caratterizzano queste due finzioni ma vive a pensa a proprio modo,

riempiendo il quadro concettuale classico di nuove virtualit e significati autonomi Ci afferma la potenza di un
pensiero creatore delle proprie norme, letteralmente fondatore di un nuovo mondo pieno di senso Le facolt umane
come la mobilit volontaria, il processo mnemonico, la valutazione di una situazione aleatoria, sono proficuamente
simulate da tali macchine e spiegate meccanicamente. Tali macchine non mimano pi la vita e il pensiero, ma
vivono e pensano, pi velocemente e meglio dell'uomo nel silenzio delle passioni e dei sentimenti che ci
impediscono di vivere. Baune stato chiaramente molto impressionato dal celebre lavoro di Von Neumann70, del
quale cita il contenuto sulla capacit del robot di riprodursi. Neumann dimostra come, in effetti, esso possa
(teoricamente!) avere un sistema autoriproduttore. Riproduzione che inoltre sarebbe sempre totalmente chiara e
consapevole, al contrario della riproduzione biologica in cui c' sempre una parte di contingenza. Neumann mostra
come un'istruzione, nel sistema che ha descritto, rivestir il ruolo di padre e il meccanismo copiatore effettuer l'atto
fondamentale della riproduzione (duplicazione del materiale genetico) e uno dei sottosistemi dell'insieme introdurr
cambiamenti arbitrari Tuttavia, senza inoltrarmi nella critica generale, devo constatare che in tutta la descrizione di
Neumann, c' sempre un misterioso SI che fornisce programmi, istruzioni, che mette in relazione l'automa A con
l'automa B, ecc. In altre parole, affinch il computer sia in grado di autoriprodursi, deve essere programmato per
tale scopo. Non vedo quindi dove sia l'idea di autoriproduzione. Baune non esita tuttavia a parlare di iniziativa del
computer, di un modello artificiale di pensiero umano, di un cervello elettronico, allacciandosi alle Macchine per
pensare di Couffignal. Vorrei dire a riguardo che tutti i lavori che attribuiscono al computer un potere di
identificazione con l'uomo, in meglio, e una sorta di possibilit totale, sono vecchi71. Quasi nessun lavoro recente,
salvo qualche opera assolutamente minore72. Come si sa, fino al 1963 circa, c' stata l'infatuazione, l'entusiasmo da
parte degli specialisti: tutto era possibile grazie al computer. Da dieci anni a questa parte viviamo un periodo di
esitazione, critica, incertezza. Bisogna dire che non si nemmeno sicuri di cosa si sia attualmente ottenuto grazie al
computer: secondo alcuni la diagnosi di malattie gi realt, secondo altri i tentativi attuali sono deludenti. La
macchina per tradurre? Esiste ed utilizzata. Ma come dicono Elgozy, Vacca e Mols, un completo fallimento. La
macchina fornisce traduzioni totalmente incomprensibili. Allo stesso modo la macchina per insegnare e quella per
giocare a scacchi sono pura fantasia. Per quanto riguarda la dimostrazione di teoremi, si tratta di teoremi gi noti: il
computer non ha fatto avanzare la matematica di un passo. Quanto alla possibilit per il computer di apprendere in
modo autonomo e sulla base di precedenti esperienze fatte dalla macchina, come dice precisamente Vacca, una
questione di definizioni: si possono programmare computer perch reagiscano a segnali provenienti dall'esterno e
utilizzino tali segnali a proprio vantaggio. Il computer pu elaborare statistiche concernenti il comportamento
dell'ambiente circostante e in funzione dei risultati orientare gli strumenti sotto il proprio controllo. Ma fuori
questione che il computer possa rispondere in modo ottimale a avvenimenti non previsti dal programmatore73.
Chiaramente le storie secondo le quali in computer prova piacere, affetto, ecc., sono stupidaggini: si parla di psicosi
quando la macchina si guasta, e di amore quando risponde meglio al proprio programmatore abituale (che
semplicemente ne conosce meglio le risorse!). C' traccia di somiglianza tra la macchina e il cervello, tra il
meccanismo e il pensiero? fondamentale rendersi innanzitutto conto che il funzionamento del cervello umano
essenzialmente di tipo non formale74. Sebbene attraverso una via per nulla comparabile a quella del pensiero, il
computer pu ottenere un certo numero di risultati che l'uomo ottiene attraverso il pensiero, ma nel pensiero umano
c' sempre una parte di imprevedibilit e sorpresa inaccessibili al computer. Inoltre quello umano non un mondo
esclusivamente razionale. meraviglioso sentir dichiarare tranquillamente che passioni e sentimenti ci impediscono
di vivere! Non voglio discuterne. Per un tempo ancora indeterminato saremo esseri di passione, sofferenza, gioia,
speranza, disperazione, ecc. Le decisioni che siamo chiamati a prendere non possono prescindere da ci. Cos nelle
nostre decisioni entrano fattori inaccessibili al computer. L'uomo prende decisioni anche avendo a disposizione
informazioni incomplete, e se le informazioni sono complete, vi aggiunge fattori irrazionali. Per decidere una guerra,
chi pu misurare in anticipo un fenomeno di panico che colpisce tutta una popolazione e blocca l'esercito, come ad
esempio nella Francia del 1940? La decisione presa dall'uomo non mai (certamente non per incapacit,
incompetenza, mancanza da parte dell'uomo) la soluzione a un problema (cosa che il computer in grado di fornire),
ma lo scioglimento di un nodo gordiano (cosa che il computer incapace di fare!). Il procedimento logico solo una
parte della decisione, dato che il mondo nel quale la decisione si deve inserire non razionale. Non si deve dunque
immaginare una perfezione del computer atto a fare qualsiasi cosa e a rimpiazzare l'uomo. Elgozy afferma
correttamente che proprio dello spirito umano non fare calcoli, ma sapere di fare calcoli e conoscerne il
significato: cosa che il computer non pu fare!
A queste condizioni, qual il vero ruolo del computer, al di l delle operazioni parcellari spesso descritte (raccolta,
conservazione e trasmissione di dati) e degli altrettanto parcellari campi di applicazione? In realt il computer che
permette al sistema tecnico di costituirsi definitivamente in sistema: innanzitutto grazie a esso che i grandi
sottosistemi si organizzano. Ad esempio, il sistema urbano pu essere dedotto solo a partire dalle banche dati urbane
(risultato di censimenti, permessi di costruzione concessi, creazione di reti idriche, telefoniche, elettriche, di trasporti,
ecc.), cos come il sistema di comunicazioni aeree pu funzionare solo grazie ai computer, data la complessit, il
numero in rapida ascesa dei problemi derivanti dalla moltiplicazione dei trasporti combinati col progresso tecnico in

tali campi (non si tratta solo della prenotazione di posti, di cui spesso si parla, ma per esempio del continuo contatto
di ogni aereo, in ogni istante, con un gran numero di centri di controllo a terra). grazie a lui che possono apparire le
grandi unit contabili, cio le infrastrutture per un'illimitata crescita delle organizzazioni economiche e
amministrative. necessario ricordare l'importanza del computer in quanto memoria per il lavoro scientifico? la
sola soluzione all'annientamento del ricercatore e dell'intellettuale ad opera della documentazione. La maggior parte
del tempo di uno scienziato dedicata alle ricerche bibliografiche (esistono attualmente pi di centomila volumi
unicamente bibliografici, il cui elenco costituisce una seconda bibliografia - World Bibliography of Bibliographies). Il
computer permette al sottosistema scientifico di organizzarsi in modo efficace a questo scopo, cos come per la
registrazione di scoperte, innovazioni, invenzioni, ecc. Solo il computer permetter l'adattamento dei sottosistemi
amministrativi, dei servizi pubblici, commerciali, ecc. alla crescita demografica. Bisogna tuttavia ricordare che il
computer pu funzionare unicamente sui grandi numeri: ridicolo utilizzarlo, come spesso accade, per medie imprese
commerciali o per piccoli istituti che lavorano con un numero ridotto di ricercatori. La maggior parte dei computer
che conosco vengono sottoimpiegati da gruppi che non hanno capito che, secondo la valida formula di Font e
Quiniou, il computer un bulldozer ed impensabile utilizzarlo per vangare l'orto. Non si capito nulla di ci che
in realt il computer se si considera unicamente il fatto che effettua operazioni pi rapidamente di un contabile.
Sfez ha ad esempio dimostrato che tutto il sistema amministrativo deve essere modificato in funzione di tale
apparecchio. Nel sottosistema amministrativo rappresenta un fattore di conoscenza e formazione (esigenza avvertita
dagli amministratori di concettualizzare in modo rigoroso i problemi affrontati), ma turba i rapporti di autorit. La
decisione politico-amministrativa cambia carattere. Il programmatore diventa capo dello strumento amministrativo.
Colui che decide obbligato al dialogo e non pu pi conservare il proprio status su base giuridica o gerarchica.
Esiste una totale contraddizione tra la rigidit dello status della funzione pubblica e la fluidit del settore informatico.
Il personale esecutivo tender a scomparire, acquistando una funzione di rapporto col pubblico, di sondaggio o di
ricerca. Dal punto di vista delle strutture, il computer fa passare i servizi di gestione dalla gestione parallela a quella
integrata (ad esempio, gli stipendi precedentemente gestiti da ogni ministero per il proprio personale, verranno gestiti
per tutti da una sola macchina dipendente da un servizio unico e indipendente). Allo stesso modo ci sar gestione
integrata dell'informazione di tutti i servizi. Inoltre il computer trasforma le procedure e le strutture dei controlli
amministrativi (eliminandone la maggior parte), causa l'unificazione delle procedure e il concatenamento delle
decisioni amministrative. Ci comporta quasi necessariamente nuovi poteri da parte dell'amministrazione (rischio di
conoscere tutto ci che riguarda tutti gli individui di una nazione: ogni individuo verr schedato). Infine il
computer permette l'organizzazione dei sottosistemi stabilendo legami e rapporti tra le diverse parti dell'insieme.
Chiaramente continuare a parlare dell'Amministrazione un'astrazione intellettuale. Ci sono in realt amministrazioni
multiple, indipendenti le une dalle altre, concorrenti, che conservano i propri segreti, ecc. Ci non sar pi possibile
con il computer: o si sceglie di non utilizzarlo o, se lo si usa, ci si trova obbligati a collegare le diverse reti di
informazione e di decisione amministrativa: non si tratta di collegarle, come attraverso una sorta di comitato
interministeriale, ma di integrarle. Tutto ci che abbiamo appena ricordato, e che stato brillantemente analizzato da
Sfez, mostra come la funzione del computer sia integrare le parti dei sottosistemi tecnici (poich pu essere
validamente utilizzato solo nel caso di attivit umane tecniche, altrimenti l'ambito sarebbe troppo vago. Ovviamente
si potrebbe far dipingere un quadro da un computer, ma ci non rivestirebbe alcun interesse, a parte soddisfare una
curiosit). Quando si vuole introdurre il computer nel settore culturale, come nel caso di Mols, le possibilit sono
due: o si tratta di folklore o ci comporta la tecnicizzazione totale del mondo culturale e la sua trasformazione in
sottosistema tecnico75. Il computer pu relazionarsi unicamente a dati tecnici, poich sono i soli cifrabili e redditizi.
Questo il motivo per cui dovr passare ancora molto tempo prima che possa essere applicato al puro uso scientifico
(non redditizio, malgrado la celebre formula ricerca e sviluppo) e non pu essere utilizzato in attivit che sarebbero
redditizie, ma che non possono essere ridotte a tecniche perch non matematizzabili. Il computer opera in funzione e
attraverso sottosistemi tecnici o che obbliga a diventare tecnici. Non c' altra possibilit. Tale integrazione tanto
forte che il computer stesso non ne rimane escluso. Il progresso in parallelo delle diverse tecniche di comunicazione
superato: informatica, televisione, telecomunicazione si incontrano per formare realizzazioni sempre pi numerose
che costituiscono veri sistemi elettronici di comunicazione che associano dispositivi di emissione e ricezione
audiovisiva, capacit di elaborazione, memorizzazione, e mezzi di trasmissione a distanza. Pi che di computer,
circuiti televisivi o reti telefoniche, bisogna ormai parlare di sistemi elettronici di comunicazione. Questo nuovo
organismo specifico costituisce il nuovo rapporto tra sottosistemi tecnici e permette la costituzione del sistema
tecnico nel proprio insieme. Ma non bisogna farsi prendere dall'entusiasmo, come afferma il Diebold Research
Program (1971). Lungi dal semplificare la tecnica o gli affari, il computer ha aumentato la complessit e imposto ai
ricercatori e ai dirigenti una serie di costrizioni in continua mutazione. L'integrazione di un insieme in un sistema
funzionante senza scosse si rivelata molto pi difficile di quanto si pensasse e di quanto desiderassero i produttori di
computer.
Incredibili difficolt che non si sa se potranno essere superate, incredibili mutazioni di tutte le strutture e di tutti i
processi esistenti, che fanno s che, come perfettamente sottolinea Vacca, spesso si preferisca limitarsi all'uso pi

basilare, a livello pi semplice, del computer. Se il progetto sequenziale, la struttura e la logica del sistema in
questione non sono stati definiti in modo soddisfacente, se i problemi posti dall'eventuale congestione non sono stati
studiati, non si potr trarre alcun apprezzabile vantaggio dall'uso del computer. Quando si realizza un calcolatore (e
come abbiamo visto non ancora nulla!) senza aver effettuato precedentemente l'analisi del sistema, per non rischiare
un fallimento, si finisce col trasferire nei programmi del calcolatore le pi semplici strategie e strutture: Esistono
sistemi in cui un certo numero di procedimenti sono regolati da un calcolatore e che per questa unica ragione sono
considerati moderni e efficaci, quando invece forniscono prestazioni modeste e poco interessanti. Non basta
utilizzare un calcolatore per essere moderni. In realt ci ci conduce a una scoperta essenziale: completamente
inutile parlare del computer come unit. Abbiamo appena visto la connessione necessaria tra computer e
telecomunicazione. Inoltre il processo di rapidit di calcolo, la dimensione della memoria, ecc., sono privi di
interesse. Considerare un computer significa limitarsi alla mentalit del curioso che va alla fiera a vedere il nano o la
donna barbuta. Il computer non un gadget per fare meglio e pi in fretta. 1 computer sono i fattori di correlazione
del sistema tecnico. Fino a oggi i grandi insiemi tecnici hanno avuto poche relazioni tra di loro: venticinque anni fa
non si poteva parlare di sistema tecnico perch l'unica cosa percepibile era una crescita della Tecnica in tutti i campi
dell'attivit umana, ma una crescita anarchica, poich questi campi erano ancora caratterizzati dalla divisione
tradizionale delle operazioni condotte dall'uomo, senza relazione tra loro. Sebbene si cercassero mezzi tecnici per
metterli in relazione, si poteva pensare solo a un'organizzazione di tipo istituzionale, l'unica nota per creare procedure
e connessioni tra servizi diversi o settori separati di attivit. Si trattava quindi di un processo di inquadratura esterna e
di incavigliatura rigida che impediva ai sottosistemi tecnici di svilupparsi gli uni in rapporto agli altri. Il processo
informatico ha risolto il problema: grazie al computer apparsa una sorta di sistematica interna dell'insieme tecnico,
che si esprime attraverso e giocando a livello dell'informazione. Attraverso l'informazione integrata totale e reciproca,
i sottosistemi tecnici possono simultaneamente costituirsi come tali e coordinarsi. Nessuna persona, nessun gruppo
umano, nessuna costituzione avrebbe potuto farlo. Con l'avanzare della tecnicizzazione i settori tecnici tendono a
diventare indipendenti, autonomi, incoerenti. Solo il computer pu farvi fronte. Chiaramente non si tratta di un
computer, ma di un insieme di computer che agiscono in modo coordinato gli uni con gli altri in tutti i punti di
comunicazione del sistema. Tale insieme diventa il sottosistema di connessioni tra i diversi sottosistemi tecnici. Senza
abusare del paragone, come se fosse il sistema nervoso dell'insieme tecnico - a condizione soprattutto di non
effettuare alcun paragone con la costituzione del sistema nervoso animale (ci sono tot cellule nel cervello e tot
elementi in una memoria, cosa totalmente stupida), o il suo funzionamento: il paragone pu essere fatto a livello delle
funzioni. Riveste il ruolo del sistema nervoso nell'ordine tecnico. Ogni altro paragone privo di interesse, infantile
peseudoconoscenza. L'uomo incompetente in presenza di una funzione cos puramente tecnica. Solo il pi perfetto e
potente apparecchio dal punto di vista tecnico pu farcela. Il computer riveste cos un ruolo inaccessibile all'uomo!
Non c' quindi concorrenza tra i due. L'idea del computer servo o ribelle, o del computer che sostituisce l'uomo nel
processo evolutivo, sono fantasie che dimostrano che coloro che parlano del computer non hanno ancora capito nulla
di che cosa esso sia e procedono per antropomorfismo. Non basta dire che il computer pu fare questo o quello. Sono
discorsi assurdi: la sola funzione dell'insieme informatico permettere l'unione agile, informale, puramente tecnica,
immediata e universale tra i sistemi tecnici. dunque un nuovo insieme di funzioni, inedite, dal quale l'uomo
escluso, non per concorrenza ma perch fino a oggi nessuno vi ha assolto. Ci non significa che il computer sfugga
all'uomo, ma che si realizza un insieme strettamente non umano. Una volta avvenuta la tecnicizzazione parcellare dei
compiti, si progressivamente passati a dimensioni (di produzione, ad esempio) che hanno bisogno di nuove
organizzazioni. L'uomo era ancora in grado di fare ci: le grandi organizzazioni sono state rese possibili dalle
tecniche organizzative. Ma con la tecnicizzazione di tutte le attivit e la crescita di tutte le tecniche, ci si trova davanti
a un ostacolo, un'irregolarit per la quale ci che viene fatto, in quantit, complessit, velocit non pi a dimensione
d'uomo. Nessuna organizzazione pu pi funzionare in modo soddisfacente. Il fenomeno computer appare
esattamente a questo punto d'impasse. Finora l'uomo non ha ancora realizzato ci che esso implica da una parte e
permette dall'altra. l'ordine tecnico, che procede attraverso molteplici informazioni e che produce gli adattamenti
dei sottosistemi tecnici in seguito a tali informazioni, provenienti dal nuovo ambiente. L'insieme dell'operazione
oltrepassa la comprensione umana, anche se l'uomo programma un computer, e poi un altro e un altro ancora: perch
non pi l il problema - o si continua a usare il computer come una macchina per effettuare calcoli, e allora si pu
dire che non serva a nulla e tutte le critiche di Elgozy, Vacca e Quiniou sono esatte (si potrebbe fare dell'umorismo),
oppure il sistema tecnico abbastanza potente da imporre questo reale e unico servizio del complesso informatico, e
allora assisteremmo alla vera realizzazione del sistema tecnico resa possibile dalla correlazione e dall'integrazione. In
tale sistema assisteremmo all'internalizzazione delle funzioni tecniche e alla loro integrazione reciproca,
contemporaneamente alla creazione di un universo virtuale (poich totalmente fatto di comunicazioni) dotato di una
dinamica propria: allora il sistema tecnico sarebbe completo. Non lo ancora. Ma il complesso di computer lo rende
possibile. Se si vuole comprendere (e non descrivere tecniche informatiche, o enumerare possibilit parcellari) che
cosa sia il computer, ci si pu arrivare unicamente in questa prospettiva.
La condizione quindi quella di esaminare il Tutto dell'informatica (e non un computer) nelle relazioni con il sistema

tecnico globale (e non con l'uomo). Ogni altra impresa superficiale e condanna l'uomo a non comprendere la propria
invenzione.
Il computer ci colloca in una situazione radicalmente nuova, in cui le applicazioni apparentemente magiche
forniscono una falsa idea. Questo apparecchio crea una nuova realt. La perfetta trascrizione, trasposizione che si
verifica attraverso la sua intermediazione provoca una svalutazione del reale tangibile, sempre incerto, frammentario,
soggettivo, a vantaggio di una comprensione globale, cifrata, oggettiva, sintetizzata, che si impone a noi come la sola
realt effettiva. Ci provocato non solo dalla straordinaria efficacia dell'apparecchio, ma anche dall'atteggiamento
che abbiamo progressivamente acquisito. Ad esempio, siamo sempre pi abituati all'idea che ci che consideriamo
reale (addirittura sensibile) solo la proiezione su una griglia culturale di un reale che non cogliamo mai per se
stesso. Tutto ci che conosciamo l'effetto di un apprendimento culturale che ci fa vedere o capire certe cose, senza
alcuna oggettivit. Viviamo in questo universo incerto, ed ecco che un organismo rigorosamente oggettivo, neutrale,
ce ne offre una trasposizione che ci appare esatta perch matematica. Come potremmo non credere che tale immagine
sia vera? Il computer (anche se programmato da qualcuno appartenente a una definita cultura) non tributario dei
nostri veli culturali. L'altra caratteristica mentale che contribuisce a inserirci nella realt del computer sicuramente
la nostra abitudine a tradurre il mondo in cui viviamo in cifre, o a considerarlo nell'aspetto dell'infinitamente grande
(le galassie) o dell'infinitamente piccolo. Probabilmente quest'ultimo elemento il pi decisivo. Quando scopro che il
legno che tocco fatto di vuoto e atomi che si muovono a velocit inaudita, quando scopro che tutto l'ambiente solido
in realt minacciato dall'antimateria, che massa e energia sono intercambiabili, mi inserisco in un universo astratto,
il reale che mi circonda non pi significativo n certo, e colgo come unica certezza il numero, indipendente e
autonomo. Siamo pertanto pronti ad accettare la realt di tale universo cifrato, sintetico, globalizzate, indiscutibile
creato dal computer. Non siamo pi in grado di relativizzare: la visione dataci del mondo in cui ci troviamo ci sembra
pi vera della realt che viviamo. Almeno l c' qualcosa di indiscutibile, e ci rifiutiamo di vederne il carattere
puramente fittizio e figurativo. Sprofondiamo in un abisso se ci mettiamo a pensare che qualcuno abbia potuto
falsificare uno dei dati del computer o abbia modificato il programma a nostra insaputa: qualsiasi sia l'alea, il risultato
tenuto per buono. Come potremmo dimostrare che il computer si sbagliato? Anche se venisse rilevato un errore,
ci non metterebbe in causa il fatto che l'universo cifrato del computer sta diventando progressivamente l'universo
considerato reale nel quale ci inseriamo76.
Quanto alla mutazione del ragionamento, del pensiero umano che ci implica, non posso qui riprendere il conflitto
specifico tra Immagine e Parola (che ritroveremo pi avanti), ma bisogna notare un punto interessante: l'integrazione
completa tra uomo e computer comporter la scomparsa del pensiero dialettico, del ragionamento dialettico e della
comprensione dialettica del reale. Il computer fondamentalmente non dialettico, basato sul principio esclusivo di
non-contraddizione. Col sistema binario, bisogna scegliere, sempre s o no. Non si pu ingaggiare un pensiero
evolutivo che inglobi gli opposti. Tale pensiero pu servirsi dei dati del computer, ma il computer lo condurr
necessariamente a delle scelte. Non c' mai uso massimale del computer, che rimane sempre sottoutilizzato. Se
l'apparecchio viene impiegato a pieno regime, allora il pensiero dialettico diventa impossibile. necessario
riconoscere che il computer manicheo, ripetitivo e non comprensivo. Con un uso prolungato di tale meraviglioso
apparecchio, non si giunger a tale modello di pensiero? L'uomo vi spontaneamente portato! Il pensiero dialettico
sar abbandonato grazie alla complicit dell'uomo e dell'apparecchio.
***
L'esistenza del sistema trasforma considerevolmente la nostra valutazione dei fatti, delle scoperte tecniche parcellari.
In effetti, conserviamo la convinzione di essere liberi di scegliere in presenza di un nuovo fattore, di poterlo accettare
o rifiutare. Tentiamo di valutare la pillola, l'auto, i razzi interplanetari, il marketing, il video e constatiamo che
ogni nuovo elemento apportato dalla tecnica potrebbe costituire un elemento di libert supplementare (ma potrebbe
anche essere un elemento di dittatura). C' sempre una nuova scelta. In realt non mai cos, perch ogni nuovo
elemento tecnico solo un altro mattone dell'edificio, un ingranaggio della macchina che viene a rivestire una nuova
funzione, un vuoto che si percepisce ora come una lacuna: esiste un'attrazione magnetica del sistema, per la quale tale
unit tecnica va a colmare una mancanza, e che attribuisce a tale apparecchio o metodo una funzione precisa, chiara,
limitata, esatta, alla quale impossibile sottrarsi. Davanti a tale attrazione, quel poco di libert che l'uomo possiede
non ha alcuna portata n efficacia.
perci inutile pretendere che il computer applicato alla dimensione politica possa diventare un organismo di
decentralizzazione, di diffusione, di personalizzazione delle informazioni e di agevolazione del controllo politico. Si
tratta di utopia volta a tranquillizzarsi e a permettere quindi al sistema informatico di realizzarsi. Ci troviamo qui in
presenza di un fatto di importanza decisiva: l'uomo rifiuta radicalmente di riconoscere il processo, e ponendo la
questione in termini metafisici e assoluti, si convince che tutto sia ancora possibile, che considerandolo in modo tanto
ampio da non potersi in realt formare un'opinione, il nuovo fattore tecnico sia liberatore. Cos tranquillizzato, lascia
progredire il meccanismo e poi, quando vede il risultato, dice: Ma questo non era ci che avevamo previsto. Il
danno fatto. L'ottimismo della pillola liberatrice o del computer democratizzatore una semplice operazione di
anestesia inconsapevole. Se non ci fosse un sistema politico che tende ovunque a centralizzarsi (compreso in Cina!),

se non vi fosse una classe di tecnici detentori del potere, se non ci fosse un sistema tecnico precisamente orientato, se,
in altre parole, il computer comparisse in un deserto e alla nascita di una societ, allora potrebbe essere fattore di
progresso individuale. Ma nessuna di tali condizioni reale: il computer si inserisce in un sistema perfettamente
orientato. Non porter alcuna democratizzazione n decentralizzazione: al contrario accentuer il movimento inverso.
Alan F. Westin77 ha perfettamente analizzato le conseguenze del computer nei confronti della libert. Gli
innumerevoli dossier d'archivio creati da particolari burocrati a proprio uso, possono essere raccolti in un computer
centrale. Tutte le informazioni su ciascun individuo possono essere riunite, con un'abbondanza di dettagli per noi
inimmaginabile (tutte le infrazioni, le operazioni mediche, quelle bancarie, ecc.).
Di fronte alla totalizzazione, viene proposta una regolamentazione giuridica per l'uso di tali archivi, una legge per la
salvaguardia della privacy. In altre parole, tutto ci che si riusciti a ideare un insieme di mezzi di protezione
desueti: il diritto, gi impotente davanti allo Stato autoritario. Inoltre, i mezzi giuridici sarebbero controllati dallo
stesso potere pubblico che li ha previsti. Col segreto sulla privacy si impedisce l'intervento di un individuo nella via
di un altro. Ma possibile credere che le autorit che possiedono l'apparecchio e ne controllano l'uso obbediranno
all'interdizione? Saranno sempre padrone di utilizzare o meno tale enorme sistema di controllo. Quis custodiet
custodem? Se si rispondesse il popolo, bisognerebbe allora rimettere il computer centrale a disposizione del
singolo, riaprendo la possibilit di utilizzarlo contro tale o talaltro individuo. Non c' uscita. In nessun caso il regime
giuridico relativo al computer utile. Se il potere centrale onesto, rispettoso degli individui, decentralizzatore,
democratico, e soprattutto se non viene messo in condizione di doversi difendere (da rivoluzionari, ad esempio), non
c' bisogno di diritto. Non utilizzer tale ineguagliabile strumento di potere. In caso contrario, scavalcher le leggi
entrando nel campo del puro intervento di fatto. Non c' protezione, e il computer procede nel senso gi stabilito
dall'insieme del sistema78.
La comprensione della Tecnica come sistema porta a una conclusione essenziale: completamente inutile considerare
una tecnica o un effetto tecnico in modo separato. Non serve a nulla. Da un lato non si capisce che cosa sia in realt,
dall'altro si trovano consolazioni a buon mercato. l'errore che rilevo in quasi tutte le opere sulla tecnica. Ci si chiede
se sia possibile modificare l'uso dell'auto, o se la TV abbia un effetto negativo, ecc. Ci non ha alcun senso, perch la
televisione, ad esempio, esiste solo in funzione di un universo tecnico, in quanto distrazione indispensabile per chi
vive in questa realt, in quanto espressione di questa realt. Non nociva o culturale in s semplicemente perch
non esiste in s! la TV pi tutte le altre azioni tecniche! Per quanto ne sappia nessun autore sfuggito a tale
comoda parcellizzazione. Quando si colgono gli inconvenienti di tale aspetto del sistema, si pu dimostrare senza
problema che possibile controllarli e addirittura riorientare l'apparecchio che li provoca. Tali inconvenienti non
esistono tuttavia in s! Perci tutte le soluzioni proposte nei vari libri specializzati non sono in realt soluzioni.
3.
Caratteri del sistema
Il primo carattere, sul quale non insister poich evidente, che il sistema stesso composto da vari sottosistemi:
sistema ferroviario, postale, telefonico, aereo, sistema di produzione e distribuzione dell'energia elettrica, processi
industriali di produzione automatizzata, sistema urbano, sistema militare di difesa, ecc. Tali sottosistemi si sono
organizzati senza che coloro che li hanno progettati abbiano stabilito piani a lungo termine. Si sono organizzati,
adattati, modificati progressivamente per rispondere a esigenze provenienti, tra gli altri, dalla crescita di dimensione
dei sottosistemi, e dalla relazione che si stabilisce poco a poco con gli altri sottosistemi. Si cerca talvolta di
riorganizzare completamente, a partire da zero, un dato insieme, ma si obbligati a constatare che ci si riesce sempre
meno, perch ogni insieme ormai legato, condizionato dagli altri: il ruolo di ciascuno si fa sempre meno agile mano
a mano che si rivela essere innanzitutto un semplice sottosistema del sistema tecnico globale. Ormai nulla pu essere
fatto spontaneamente: i grandi sottosistemi sono diventati tanto complicati che tutto deve passare per l'analisi degli
obiettivi, della struttura, del flusso di informazioni dell'insieme. Tale analisi implica che gli obiettivi siano ridefiniti in
modo formale e matematizzabile, che la logica dell'insieme sia messa in chiaro (stabilire ci che deve accadere a ogni
elemento in ogni situazione in cui potr trovarsi durante un processo di funzionamento completo): in altre parole
bisogna stabilire che ci che vogliamo avvenga in tutte le eventualit possibili per ogni telefonata, ogni treno, ogni
aereo la cui storia deve essere determinata e regolata dal sistema. Una volta definite in dettaglio le funzioni di ogni
sottosistema, bisogna ancora definire la struttura (ad esempio i problemi di centralizzazione/decentralizzazione) e i
controlli interni. necessario quindi prendere coscienza del fatto che il sistema tecnico non astratto n teorico, ma
semplicemente la risultante della relazione tra molteplici sottosistemi, e che funziona solo nella misura in cui ogni
sottosistema funziona e la relazione tra sottosistemi corretta. Quando si produce un cortocircuito tra sottosistemi o
un guasto in un sottosistema, si blocca tutto l'insieme. ci che ha portato Vacca ad avanzare la teoria della fragilit
dei grandi insiemi tecnici.
Il secondo carattere l'agilit. Ci che abbiamo appena detto d una sensazione di grande rigidit, e gli imperativi
sono di fatto sempre pi numerosi e difficili. Sembra per che, nonostante le cose stiano cos a livello di sottosistema,

l'insieme tenda in realt a funzionare in modo pi agile, e che la forza e la stabilit della tecnica risiedano proprio in
questa adattabilit. una contraddizione apparente, derivante da un diverso livello di analisi, che causa l'opposizione
tra le due interpretazioni. Indubbiamente Crozier ha ragione quando sostiene (La Socit bloque) che
l'organizzazione delle grandi organizzazioni moderne non sembra avvenire in direzione oppressiva: Il miglioramento
costante dei mezzi di previsione permette maggiore tolleranza nell'applicazione delle regole. L'organizzazione pu
funzionare con un minore grado di conformit. La conoscenza permette di limitare la costrizione perch possibile
prevedere senza ricorrere alla costrizione per assicurare la certezza dei pronostici. Si potrebbe dire che il sistema
diventa pi tollerante nei confronti dell'uomo nella misura in cui quest'ultimo maggiormente adattato - pi l'uomo vi
si conforma, minore la necessit di costrizione da parte del sistema. Il sistema tecnico produce meccanismi di
conformizzazione sempre pi efficaci. possibile una notevole indipendenza quando l'azione dell'uomo non mette in
gioco il sistema.
Quest'ultimo tende a divenire sempre pi astratto, a istituirsi in un secondo o terzo grado: di conseguenza i
conformismi superficiali possono scomparire - l'uomo sembra acquisire una maggiore libert: pu ascoltare la musica
che preferisce, vestirsi come vuole, adottare credenze religiose e atteggiamenti morali completamente aberranti: tutto
ci non mette in questione alcunch all'interno del sistema tecnico. Le tecniche stesse producono i mezzi necessari
all'uomo per questa diversificazione. Questi esistono se le tecniche funzionano, e queste funzionano solo se il sistema
tecnico si perfeziona. L'errore commesso da molti pensatori, come Reich o Onimus, consiste nel pensare che ci sia
una conquista di libert79, o una messa in discussione del sistema, o la comparsa di un fenomeno nuovo indipendente
dalla tecnica attraverso comportamenti del genere. In realt i giochi di indipendenza sono strettamente dipendenti, ma
la tecnica, divenendo pi sicura, lascia zone di indifferenza sempre pi ampie. Evidentemente i conformismi sociali
sono in proporzione divenuti meno pesanti mano a mano che i conformismi tecnici sono stati interiorizzati e sono
divenuti evidenti. Poich la struttura diventata pi tecnica, il vero conformismo sociale ormai quello relativo alla
tecnica. Il sistema tecnico lascia fuori dal proprio campo quelle che una volta erano le maggiori preoccupazioni della
societ (per esempio il riconoscimento dei comportamenti morali). Per questa ragione necessario evitare di porre in
termini morali classici i problemi attuali: parlare di libert o responsabilit nel sistema tecnico non ha senso. Sono
termini morali inadatti a rendere conto della situazione effettiva dell'uomo. Eppure vero che il sistema tecnico
sembra conferire all'uomo un pi ampio campo di possibilit, ma solo all'interno del campo tecnico, a condizione che
le scelte si basino su oggetti tecnici e che l'indipendenza sfrutti gli strumenti tecnici: cio che esprima adesione. Tale
agilit non riguarda solo l'apparente indipendenza dell'uomo: essa anche, questa volta in modo estremamente reale,
un carattere del sistema in rapporto ai sottosistemi. Questi possiedono un'indipendenza che fa s che spesso vengano
considerati in s, come se avessero una propria esistenza senza relazioni con la tecnica, come provvisti di una propria
originalit e quindi origine, come se avessero proprie leggi di funzionamento senza legami con la tecnica. Lo stesso
vale per il culturale, la religione o l'organizzazione, divenuti parte del sistema tecnico ma con una grande agilit di
relazioni. Considerare l'autonomia dei sottosistemi in questo modo porta spesso a commettere l'errore di trovarvi (o di
sperare di trovarvi) un rimedio alla tecnica. Ho gi dimostrato in passato come l'organizzazione non sia un rimedio
alla tecnica ma un ulteriore passo nell'elaborazione del sistema tecnico. Charbonneau fornisce un buon esempio di
tale apparente indipendenza dei sottosistemi in Rgionalisme et socit technicienne (Cahiers du Boucau, 1973): tutte
le teorie regionaliste hanno la stessa funzione: affinare o giustificare la dinamica riduttrice delle differenze. Il
regionalismo un prodotto della societ tecnica, malgrado la tecnica paia sempre centralizzatrice: essa pu anche
essere decentralizzatrice a condizione che il fattore decentralizzato sia integrato in modo pi forte nel sistema stesso.
In questo modo il regionalismo pu essere un aspetto della tecnocrazia nonostante si presenti come un'applicazione di
liberalismo. il motivo per cui la discussione e i referendum sul regionalismo in Francia negli ultimi anni non hanno
alcuna rilevanza. La riforma regionale sar un'apparente acquisizione di autonomia che permetter un maggiore
progresso tecnico: un regime pi adeguato alla crescita tecnica rispetto al centralismo autoritario, ormai superato.
Pi il sistema tecnico diventa complesso e totale, pi, chiaramente, deve essere agile. Gran parte dei disordini che
constatiamo attualmente provengono dalla rigidit del sistema. Il caos non provocato dalla tecnica, ma dalla rigida
organizzazione centralizzata che non pu causare altro che incoerenze, data la dimensione. Ma la tecnica possiede
gi, come abbiamo visto, l'apparecchio che permette al tutto di essere agile: il computer. Grazie a esso si pu passare
dall'organizzazione formale e istituzionale alla relazione per informazioni e alla struttura dinamica per flussi. L'agilit
permette cos di mantenere le diversit culturali laddove la centralizzazione non ha ancora avuto luogo. Sicuramente
ci sono ancora una cultura khmer e una sahariana. La loro sopravvivenza perfettamente tollerata dalla tecnica, ma
sono classificate da essa come sopravvivenze del passato, del folclore, facenti parte del museo vivente dell'etnografo.
Tali culture mascherano la realt di un sistema tecnico ovunque simile (ma a diversi stadi di sviluppo), e quando si
corre il rischio di un conflitto, la cultura locale scompare (ad esempio, nel corso di una guerra, quando la tecnica
mostra il proprio aspetto pi brutale e crudele). In generale, tuttavia, la tecnica abbastanza agile da potersi adattare
alle condizioni locali. L'ho gi dimostrato nel mio precedente libro. Teniamo presente quindi che le diversit culturali
sono una testimonianza dell'agilit del sistema e non la prova che alcune realt umane non ne facciano parte
Lo stesso vale per il tempo: Richta ha perfettamente ragione nel sottolineare che il carattere fondamentale

l'economia di tempo. La tecnica gioca sul tempo, si potrebbe dire che produca tempo a scapito dello spazio. Crea
tempo per l'uomo riducendo lo spazio. Da qui deriva il carattere gratuito e puramente utopico della tesi di Lefebvre
secondo la quale l'importante ormai creare spazio. Procedendo in tale direzione ci si pu solo impaludare in un
discorso irreale. Al contrario, Richta vede giusto quando scrive: Si ritiene che l'economia di tempo sar la forma
economica adeguata alla rivoluzione scientifica e tecnica giunta a un certo grado di sviluppo. Da questo principio
cerca di trarre una nuova razionalit economica, che si distingue da tutte le altre. Il problema che tale economia di
tempo non pu essere constatata in un sistema industriale e non ha significato se ricondotta al divertimento: ha senso
solo se posta in relazione al sistema industriale stesso, vale a dire, come Richta dimostra, se il tempo risparmiato
serve alla migliore formazione degli uomini per lavorare allo sviluppo tecnico e scientifico in una cultura integrata.
Un terzo carattere, essenziale, consiste nel fatto che il sistema tecnico elabora i propri processi di adattamento, di
compensazione, di facilitazione. In genere i processi di adattamento sono tecniche. L dove la Tecnica crea ad
esempio situazioni sociali desolanti, a causa della complessit, dell'esigenza (che relega all'impotenza e alla
marginalit giovani, vecchi, semiabili, ecc.), del gioco dei tecnici, subito sorgono un servizio sociale, tecniche di
prevenzione, di adattamento, di riadattamento, che sono in effetti tecniche, che di conseguenza rappresentano il
sistema e sono destinate a spianare la strada verso tale universo inumano. Si forma allora un insieme di tecniche di
riparazione (si vedano su questo processo di facilitazione i miei studi su la Metamorfosi del borghese, il
Neoromanticismo in Contrepoint e La Rvolution). L'uomo, grazie a tali tecniche, pu giungere ad ottenere una
vita piacevole e vivibile, che per solo la sostituzione di un sistema artificiale e di una fatalit tecnica all'antico
sistema naturale e alla fatalit degli dei. Non c' alcuna ostentazione, alcuna invenzione originale dell'uomo: si tratta
sempre di una facilitazione prodotta dalla Tecnica stessa. essa a fornire i gadget, la televisione, gli spostamenti
come compensazione a una vita incolore, senza avventura e abitudinaria. Allo stesso modo la massiccia produzione di
tremendi libri di previsioni del futuro, di science-fiction, o di film come Alphaville, Odissea nello spazio, Fahrenheit
451 un meccanismo di adattamento alla societ tecnica quale esse in realt. Ci viene mostrato un modello orribile,
inaccettabile, che rifiutiamo con forza (che non la tecnica, ma una fantasia su ci che la tecnica potrebbe essere!), e
col nostro rifiuto ci condanniamo a ci: crediamo di aver rifiutato, condannato la Tecnica, di essere quindi lucidi e
vigili e di esserci sbarazzati di tale ansia: la tecnica (quella tecnica!) non si impossesser di noi. Non ci lasceremo
sopraffare. Ci facilita l'accettazione della vera tecnica, che non malvagia, visibile, impressionante, ma piena di
dolcezza e bont.
La Tecnica, non essendo come quella che ci stata mostrata, ci sembra perfettamente accettabile, rassicurante: ci
rifugiamo nella societ tecnica reale per sfuggire alla fiction, che ci stata presentata come la vera tecnica. Questa
la ragione per cui sono contrario a tutti i film e i romanzi contro la tecnica. sempre la stessa strategia di guerra: si
simula un grande attacco, con trombe e luci, in modo da attirare l'attenzione dei difensori della cittadella, mentre la
vera operazione avviene in tutt'altro luogo (ad esempio scavando un tunnel). Appaiono innumerevoli altri processi di
adattamento, e si pu dire che il fenomeno di Coscienza III di Charles Reich sia solo un processo di adattamento al
nuovo stadio della societ tecnica: la Coscienza II stato l'adattamento alla societ tecnica industriale, la Coscienza
III alla societ tecnica del computer. Niente di pi, poich la Coscienza in non provoca alcun capovolgimento del
processo sociale. Al contrario si associa alla pi moderna produzione. Reich va in estasi perch ci sono ingegneri che
portano pantaloni a zampa di elefante e capelli lunghi: ci che conta per me che in quanto ingegneri continuino a
fare il loro lavoro di ingegneri come prima, e di conseguenza continuino a far marciare e progredire la societ tecnica.
Il resto infantilismo, pietosa affermazione di personalit. Il sistema tecnico, di fronte a difficolt di adattamento
da parte dell'uomo, produce soddisfazioni e compensazioni che facilitano la crescita e il funzionamento del sistema.
Allo stesso modo presenta esigenze che potrebbero apparire come possibilit di sviluppo della personalit: Crozier
(La Socit bloque) mostra che, per far fronte alla crescita tecnica, sar necessaria sempre pi inventiva, creativit,
anticonformismo e contestazione. La creativit e l'anticonformismo sono valori fondamentali della societ tecnica:
essa infatti richiede, per mutare, non passivit, ma un'adesione entusiasta al cambiamento. la tecnica a richiedere
che i vecchi valori, i costumi, la morale tradizionale vengano attaccati: il contestatore apre la strada al progresso
tecnico. Si fa appello alla creativit perch, dove la tecnica avanza, bisogna inventare forme di vita possibili in
rapporto a essa. Ma ci si sbaglia se si crede che vi siano vera creativit (essa afferente alla sola tecnica), vero
anticonformismo (esprime unicamente il conformismo alla pi forte e pi profonda realt). Quando parlo di
conformismo e Crozier di anticonformismo, semplicemente non ci situiamo allo stesso livello di analisi. La tecnica,
progredendo, mette in discussione le vecchie strutture e i vecchi valori e incita l'uomo a creare qualcosa che gli
permetta di vivere in tale ambiente: ma solo un conformismo e la creazione produce innumerevoli gadget. I
pantaloni a zampa d'elefante tanto cari a Reich sono un tipico prodotto di tale creativit adattabile. Nascer cos anche
un'ideologia altruista (il neocristianesimo per gli altri, o l'ideologia del socialismo dal volto umano). Pi il sistema
opprimente, pi l'uomo deve compensare per l'affermazione della propria indipendenza; pi il sistema distrugge le
relazioni umane, pi l'uomo deve affermare il proprio altruismo. Si tratta di quella che Baudrillard chiama
appropriatamente lubrificazione sociale. L'altruismo stesso, appena istituzionalizzato, verr rapidamente
tecnicizzato. Non bisogna quindi vedere il sistema tecnico come un produttore di robot umani: al contrario sviluppa

quella parte della nostra umanit a cui teniamo di pi (diversit, altruismo, anticonformismo), in modo per
completamente integrato al sistema stesso - vale a dire funzionando a vantaggio del sistema, poich gli fornisce
nuovo alimento, e realizzandosi grazie a ci che il sistema mette a disposizione. Ad esempio, il bisogno di gioco, che
si scopre tanto fondamentale presso l'essere umano e che il sistema tecnico tiene in considerazione: l'uomo potr
meravigliosamente giocare con tutte le macchine messe a disposizione, e il gioco sar tanto pi eccitante e nuovo per
via della tecnicit. Allo stesso modo il sistema tecnico ha permesso di scoprire le raffinate tecniche del gioco sessuale,
che in realt altro non sono che tecniche.
Si potrebbe allora dire: ma se l'uomo pu cos, grazie alla Tecnica, sviluppare tutte le proprie possibilit, che cosa si
pu volere di pi? estremamente difficile rispondere. Come dire che la sessualit altamente tecnicizzata non sia
l'amore? Che il gioco praticato con apparecchi complessi o affascinanti non sia l'equivalente del gioco di un bambino
con pezzi di legno? Che la natura ricostituita dalla tecnica non sia la natura? Che l'anticonformismo funzionalista non
sia esistenziale? Che, in altre parole, tutto ci ci faccia vivere in un universo di artificiosit, di illusione e di faxsimili? Torno sempre all'esempio del soldato nazista (all'inizio della guerra) formato all'iniziativa individuale, alla non
obbedienza servile al comando, alla capacit di assumere la direzione di un'impresa, e che per questi motivi sembrava
l'opposto del soldato burattino che ubbidiva al minimo cenno del maresciallo. La libert era per all'interno
dell'esercito (non poteva consistere nella diserzione!), volta a formare migliori combattenti all'interno dell'ideologia
hitleriana, e prodotta da un'estrema manipolazione psicologica. Tali sono la creativit, l'anticonformismo
dell'uomo inserito nella societ tecnica. Sono condizioni ormai necessarie allo sviluppo del sistema: nient'altro.
Charbonneau sintetizza l'essenziale: L'ingranaggio l'antitesi della persona; questa un universo volto all'Universo,
quello un pezzo inerte che solo una forza esterna pu collocare nell'insieme80.
Non si tratta pi solo dell'assorbimento dell'uomo nella tecnica: il sistema ha potuto svilupparsi tanto meglio dal
momento che la tecnica stata assimilata da e per gruppi che si sono identificati con essa. La presa di coscienza del
pericolo avrebbe potuto avvenire pi rapidamente se gli organismi professionali detentori delle tecnologie avessero
capito ci che stava per accadere, se avessero potuto riflettere su ci che facevano. Invece, per ragioni sia
ideologiche (credenze, ecc.) che d'interesse personale (successo, denaro), si sono completamente identificati con la
tecnica. proprio la forza di tali gruppi di tecnici che ha permesso il dominio della tecnica e la sua organizzazione in
sistema. Il loro dominio sulla societ ha inoltre bloccato i primi intellettuali avvertiti del pericolo. Penso ad esempio
al matematico Cournot, che nelle sue Considrations81 forse stato il primo a comprendere lo straordinario pericolo
non solo della meccanizzazione, ma anche della tecnica. Molto tempo dopo Adams82 ha individuato le conseguenze
della tecnica con estrema lucidit. Le voci di questi scienziati vennero soffocate dall'esistenza del gruppo di
pressione costituito da tecnici e scienziati. Ci che Galbraith ha esplicitato in Technostructure: il gruppo di tecnici
perfettamente integrato nel sistema tecnico, e riveste il ruolo di staffetta tra tecnica e societ. Kuhn ha ripreso e
approfondito tale argomento in relazione alla Scienza, dimostrando che la Scienza esiste solo grazie all'esistenza di un
gruppo sociologico di scienziati che gli conferiscono direzione ed esplicitazione. L'identificazione Scienziato-Scienza
si accompagna necessariamente a quella Scienza-Scienziato. La difesa del sistema tecnico avviene attraverso la difesa
della tecnica da parte di un gruppo sociale che difende se stesso difendendo la tecnica, la sua ragione d'essere, la sua
giustificazione, il suo mezzo di guadagno, di prestigio.
Uno dei processi di compensazione rappresentato dallo sviluppo del linguaggio: fondamentale comprendere che
nella proliferazione di oggetti che lo invade a causa della tecnica, l'uomo reagisce buttandosi nell'universo verbale.
Pi gli oggetti si fanno opprimenti, pi la Parola acquista importanza. Ritroviamo lo stesso nazismo verbale di
quando l'uomo si trovava in mezzo a una natura che non controllava: possedere la parola che indicava l'oggetto
significava avere un potere sull'oggetto. Oggi, non dominando l'universo tecnico, l'uomo, abbandonando la
razionalit, torna alla magia del verbo nei confronti e sull'oggetto tecnico. Se l'uso lo stesso, deve esserci per
differenza per via del contesto. quindi necessario che la lingua assuma un'oggettivit che le permetta di
corrispondere all'oggetti- vita del sistema tecnico (si tratta evidentemente di magismo, poich la magia verbale era
anche l'oggettivazione della formula per agire sull'oggettivit dell'ambiente naturale). Il Si, il Ci, il campo (tutto il
lacanismo) appartengono al magismo - cos come, d'altronde, lo stile di Lacan e di molti altri, in modo estremamente
significativo, appartiene al puro incantesimo. un'espressione meccanica della reazione compensatoria al sistema
tecnico. D'altra parte necessario che il linguaggio stesso sia integrato nel sistema per poter rivestire il proprio ruolo:
da cui gli studi strutturalisti sul linguaggio, tipici della tecnicizzazione. Da cui anche la tendenza a considerare il testo
come qualcosa a s, come un oggetto. l'orientamento secondo il quale l'importante dire e non cosa si dice, per
poter dimostrare tecnicamente il dire. In ci Barthes stato in modo estremamente diretto uno dei riduttori del
linguaggio alla funzione compensatoria del sistema tecnico.
Il sistema tecnico produce le proprie compensazioni, le proprie condizioni d'esistenza e di sviluppo: le qualit
dell'uomo ne fanno parte. semplicemente un mezzo per eliminare un ostacolo allo sviluppo e ridurre le
contraddizioni. Perch il sistema obbedisce a una legge, quella dell'evoluzione infinita della tecnica. Non pu
stabilizzarsi (contrariamente all'immagine che alcuni hanno della tecnica): include in s la propria espansione. un
sistema in permanente espansione. Ci mette in discussione, ogni volta, sia l'adattamento dell'uomo (e delle

istituzioni, della societ, come vedremo!) sia la struttura del sistema stesso. Ma la tecnica un insieme agile che
tende incessantemente a riorganizzarsi. Altrimenti non sarebbe la tecnica. Un po' come quelle bambole con la base di
piombo, che si possono far dondolare fino a coricarle e che riacquistano poi l'equilibrio, ma in una direzione diversa
dalla precedente. La Tecnica cos include in s i propri processi di riorganizzazione, dato che esattamente
un'organizzazione tecnica. Ogni contestazione, ogni perturbazione all'interno del sistema solo una provocazione,
una sollecitazione affinch nuove tecniche, nuove organizzazioni, nuove procedure vengano realizzate, integrando
ogni volta un maggior numero di dati (in quantit illimitata grazie al computer). Ci avviene non contro l'uomo, per
dominarlo o controllarlo: il sistema non ha alcuna intenzione n alcun obiettivo. Semplicemente si realizza cos. E i
suoi serventi sono convinti di agire per il bene dell'uomo. Sono animati dalle migliori intenzioni, il che fa s che il
sistema tecnico sia sempre pi umanizzato, ma attraverso l'assorbimento dell'umano nella Tecnica. Ogni altro
processo sarebbe impensabile83.
4.
L'assenza di feed-back
Abbiamo appena detto che la Tecnica produce a vantaggio dell'uomo compensazioni agli inconvenienti, che produce
per se stessa facilitazioni, e pu cambiare carattere (decentralizzazione). Eppure sembra sempre pi che il sistema
non possieda attualmente una delle caratteristiche generalmente considerate essenziali: il feed-back, la retroazione, il
meccanismo che interviene per correggere l'errore agendo all'origine del movimento quando un insieme, un sistema
in movimento commette un errore nel proprio funzionamento. Non c' riparazione dell'errore commesso, c' ripresa
del movimento all'origine modificando un dato del sistema. Il feed-back non esiste solo nei sistemi meccanici,
artificiali, ma anche nei sistemi biologici o ecologici. Implica un controllo dei risultati seguito da una correzione del
processo quando i risultati controllati sono nocivi o insoddisfacenti.
Perci il sistema tecnico non tende a modificarsi quando sviluppa ingorghi, nocivit. dotato di una crescita pura,
provoca quindi un aumento delle irrazionalit, e dall'altro lato notevolmente pesante e viscoso. Quando vengono
constatati disordini e irrazionalit, vengono messi in azione solamente processi compensatori. Il sistema continua a
evolvere lungo il proprio percorso. Addirittura le minime inflessioni sono lentissime: non solo per un effetto
meccanico, come in demografia, ma per la parvenza di necessit dell'operazione tecnica. Quando ci si accorge che gli
alloggi costruiti secondo le pi economiche norme tecniche sono disastrosi dal punto di vista sociologico e
psicologico, si continua sullo slancio, non si pu tornare indietro. Per vent'anni si costruiscono gli stessi alloggi
perch impossibile riprendere dall'inizio la questione tecnica, con l'enorme complesso di decisioni, mezzi, ecc. Allo
stesso modo, quando un'operazione avviata, deve essere portata a termine, anche quando si riconosce che un
disastro (a due livelli differenti e tra mille esempi: il Concorde e l'impianto di incenerimento di Pau). In realt,
affinch un sistema tanto ampio possa avere un comportamento autoregolatore, bisogner che le reazioni siano basate
su un modello delle sue relazioni con l'ambiente che gli fornisca continuamente istruzioni. Si riscontra un tale
modello nelle societ tradizionali ad esempio con la concezione del mondo accettata da tutti i membri della societ, la
sua religione, la sua Weltanschauung, le sue leggi tradizionali. Il sistema tecnico non possiede un sistema del genere
perch ha un dominio assoluto sull'ambiente: evolve secondo la propria logica.
Ma non bisogna abbandonarsi all'idea che la tecnica non possa risolvere le difficolt che crea: bisogna distinguere,
come fa Boli, tra micro e macroproblemi. Ecco l'elenco, a titolo d'esempio, stilato da Boli: le difficolt relative
all'impiego (il lavoro, il tempo libero, la disoccupazione), la subordinazione dei lavoratori e la loro alienazione (il
passaggio dal capitalismo al socialismo), l'inquinamento, la crescita demografica: ecco un certo numero di problemi
dovuti alla tecnica e che potrebbero probabilmente venire da essa risolti (non li chiamerei tuttavia, come fa Boli,
microproblemi, poich sono problemi enormi!). Il progresso tecnico, come vedremo, deriva proprio dalla risoluzione
di tali difficolt. Essendo la Tecnica anche ideologia, essa conduce, come Habermas ha dimostrato, a una sostituzione
delle questioni di ordine puramente pratico con problemi tecnici (a condizione di considerare pratico nel senso
conferitogli da Habermas!). Lo Stato, ad esempio, portato dal politico alla gestione amministrativa e tecnica. Ci
sono tuttavia altri problemi che non hanno alcuna possibilit di soluzione tecnica. Si tratta ad esempio del carattere
totalitario del sistema, della complessificazione indefinita, della ricostruzione dell'ambiente umano che stato
distrutto, della ricerca della qualit di vita, del calcolo dei costi (i costi economici esterni), dello snaturamento
dell'uomo con la scomparsa dei ritmi naturali, della spontaneit, della creativit, dell'incapacit di giudizio morale a
causa della potenza. Ecco alcuni problemi insolvibili, perch per rispondervi non basta porre riparo a un
inconveniente, risolvere una difficolt, trovare una risposta a un pericolo, ma bisogna risalire alla fonte del processo
tecnico per modificarlo, apportando date informazioni alla totalit del processo e dell'organizzazione. La prima
categoria di problemi a provocare l'evoluzione e l'espansione del sistema di tipo tale che essi possono essere posti in
termini tecnici in funzione di tecniche attualmente esistenti: vale a dire che vengono risolti in modo lineare attraverso
il progresso stesso della Tecnica84. Basta lasciar funzionare l'attuale combinazione degli elementi perch in tempi pi
o meno brevi le questioni trovino risposta. Mentre negli altri casi bisogna fare il giro, cio tornare alla fonte del

processo per introdurvi nuove informazioni. La difficolt emerge quando si tratta di comunicazione di informazioni
esterne. Se si parla tanto di comunicazione oggi perch essa essenziale nel sistema tecnico: abbiamo visto in
precedenza che permette al sistema di costituirsi in quanto tale, e che una mancanza di comunicazione a causare
l'assenza di retroazione, che sempre comunicazione, ma comunicazione di informazioni esterne. Kieff85 sottolinea
che la tecnica sprovvista di regole interne: Essa , per principio, abolizione dei limiti interni. Se qualcosa
possibile, essa lo far. La tecnica non ha regole interne volte a organizzare la vita interiore. Non ha nulla a che
vedere con la vita interiore, a parte il fatto di eliminarla. Una volta ridotta a un modello intellettuale equivalente al
modello tecnico stesso, la repressione delle forze della Tecnica avr necessariamente un carattere tirannico La
risposta risieder nella ricostruzione di un'etica profondamente radicata che produca i propri organi di comando.
Goldsmith (stessa opera) fa la stessa constatazione: I fenomeni naturali sono capaci di autoregolazione, quelli che
creano la tecnica devono essere regolati dall'esterno Quando si usano i concimi chimici una volta, si condannati a
continuare a usarli, una volta che si iniziato a combattere la malaria col DDT, si costretti a usarlo anno dopo
anno Se la pulizia dei corsi d'acqua dipende dagli impianti di depurazione, saremo obbligati a mantenerli sempre in
funzione. In altre parole, non c' alcun controllo interno dei risultati, alcun meccanismo interno di regolazione,
poich questi risultati sono percepiti a un livello e in campi che non sono tecnici. Il sistema tecnico non funziona nel
vuoto ma in una societ e in un ambiente umano e naturale.
Vi sono allora due difficolt: la prima consiste nel constatare gli effetti qualitativi della tecnica in tali ambiti, e ci
non rientra nel campo della tecnica. Vi tutto un insieme di fenomeni che sfuggono a ogni strumento di misura e alla
stessa immaginazione tecnologica. D'altro lato, tuttavia, una volta registrati, tali fenomeni dovranno essere
reintrodotti all'origine del processo. Come abbiamo visto il complesso informatico potrebbe registrare un gran
numero di tali dati (ma non tutti!) ed effettuare il lavoro di reinserimento di nuove informazioni. Ma il collegamento
tra sistema informatico e il resto del sistema tecnico non si realizza attraverso una sorta di crescita intrinseca, per un
autosviluppo tecnico. Ci troviamo in presenza di una novit: nel sistema tecnico il collegamento pu avvenire solo
attraverso una mediazione umana. Il computer non pu autonomamente mettersi in relazione col settore della tecnica:
l'uomo che deve stabilire la connessione. Ci che sto dicendo sicuramente non sorprender coloro i quali sono
rimasti all'idea ancestrale e antidiluviana che la tecnica sia uno strumento del quale l'uomo dispone a piacimento.
Tutto l'attuale dramma tecnologico dovuto al fatto che, nonostante la tecnica abbia acquisito la propria autonomia e
funzioni per autoaccrescimento, il feed-back possibile solo per pressione esterna: il feed-back reso possibile dal
complesso informatico, ma la relazione deve essere mediatizzata da un elemento non tecnico, il che si scontra con
l'autonomia ed perfettamente inaccettabile. Non solo la relazione dipende dall'uomo, ma anche la ricezione delle
informazioni e la loro trasformazione in programmi: in questo modo la retroazione del sistema tecnico passa
necessariamente per la presa di coscienza dei maggiori effetti della Tecnica, presa di coscienza da parte dell'uomo
inserito nel sistema. Non quindi sufficiente che l'uomo agisca con buoni sentimenti, con principi morali o umanisti,
o convinzioni politiche86. Non ci si pu appellare n all'amabilit n all'umilt. Tutto ci suppone che l'uomo possa
agire direttamente sulle conseguenze della Tecnica. Chiaramente, per coloro che credono che esistano solo apparecchi
tecnici isolati e che l'uomo ne abbia il dominio, tutto il problema della retroazione non si pone. Basta che l'uomo
voglia cambiare un dato utilizzo, e pian piano tutto si modifica. Ma come abbiamo visto nulla pu ancora giustificare
l'universale dominazione da parte dell'uomo: non basta che l'uomo abbia fabbricato un apparecchio o che sappia tutto
ci che vi dentro perch gli effetti dell'apparecchio gli siano perfettamente chiari. Siamo passati a uno stadio di
organizzazione tecnica in cui l'uomo non dovrebbe intervenire, ma non pu fare a meno di intervenire a causa
dell'assenza di relazioni interne, dovuta non a una mancanza del sistema tecnico, ma al fatto che esso funzioni solo
per intro-informazione (informazioni su se stesso) e non per extro-informazione: i veri problemi si pongono
all'esterno del sistema. Questa l'impasse della situazione. Non si tratta di divenire padroni della Tecnica, che non
significa nulla, n di avere un supplemento d'anima. Si tratta di essere in grado di reinserire nel sistema tecnico
informazioni qualitative esterne suscettibili di modificare il processo all'origine - l che si situa il conflitto, e non,
secondo una sciocca fantasia, nella concorrenza tra il computer robot e l'uomo privato del cervello! Ci occuperemo in
dettaglio del problema nell'ultima parte del libro.

Parte seconda
I CARATTERI DEL FENOMENO TECNICO
Capitolo primo
L'AUTONOMIA
Simondon ha messo in luce il carattere autonomo della Tecnica attraverso quella che chiama la concretizzazione,
cio l'esistenza di uno schema concreto d'invenzione organizzatrice che rimane soggiacente e stabile attraverso tutte

le vicissitudini e metamorfosi dell'oggetto tecnico. Pertanto l'adattamento-concretizzazione un processo che


condiziona la nascita di un ambiente invece di essere condizionato da un ambiente gi dato: condizionato da un
ambiente che esiste solo virtualmente prima dell'invenzione ma tale invenzione concretizzante realizza un ambiente
tecno-geografico che una condizione di funzionamento dell'oggetto tecnico: l'oggetto tecnico quindi la condizione
di se stesso come condizione d'esistenza di tale ambiente misto, tecnico e geografico. Non si potrebbe dimostrare
meglio a partire da esempi estremamente concreti il fatto che esso assuma la propria autonomia dall'oggetto tecnico
stesso87.
La forma pi elementare di tale autonomia quella della macchina nei confronti dell'ambiente: come nota Seligman,
la macchina sembra acquisire una certa indipendenza, e funzionare da sola. E subito generalizza: certo si pu parlare
di un'interdipendenza tra la Tecnica e il suo ambiente, ma in ogni caso la tecnica a dominare ormai il proprio
ambiente88.
Tecnica autonoma significa che dipende ormai solo da se stessa, traccia il proprio cammino, un fattore primario e
non secondario, deve essere considerata come organismo che tende a chiudersi, ad autodeterminarsi: rappresenta lo
scopo di se stessa. L'autonomia la condizione stessa dello sviluppo tecnico. Tale autonomia corrisponde esattamente
ci che Baudrillard (Le Systme des objets) chiama funzionalit, quando dice che funzionalit non indica ci che
adattato a uno scopo, ma ci che adattato a un ordine o a un sistema: ogni elemento tecnico innanzitutto adattato
al sistema tecnico, e possiede la propria funzionalit in rapporto a esso, pi che in rapporto a un bisogno umano o a
un ordine sociale. Fornisce numerosi esempi dell'autonomia che trasforma tutto ci che la tecnica ingloba
innanzitutto in oggetti tecnici: La cucina perde la funzione culinaria e diventa laboratorio funzionale elisione delle
funzioni primarie a vantaggio di quelle secondarie di calcolo e di relazione, elisione delle pulsioni a vantaggio di una
culturalit passaggio da un gestuale universale di lavoro a un gestuale universale di controllo La meccanica pi
semplice sostituisce ellitticamente un insieme di gesti, diviene indipendente dall'operatore cos come dalla materia da
lavorare. Esercitando tale funzione, la tecnica non tollera alcun giudizio proveniente dall'esterno, n alcun freno:
si presenta come necessit intrinseca.
Ricordiamo, tra le tante, una dichiarazione tipica: il professor Sedov, presidente della Commissione permanente per il
coordinamento delle ricerche interplanetarie in URSS, ha dichiarato nell'ottobre 1963 che, quali che siano le difficolt
o le obiezioni, nulla potr fermare l'avanzare delle ricerche spaziali. Ritengo che non ci siano oggi forze in grado di
arrestare i processi storici. Tale significativa dichiarazione pu venire applicata a tutta la tecnica. Il sistema tecnico,
incarnato dai tecnici, non ammette altra legge, altra regola che quelle tecniche considerate all'interno di se stesso e in
rapporto a s89.
Mi sono gi occupato in La Technique ou l'enjeu du sicle di tale fenomeno, non vi insister quindi.
Bisogna migliorare la conoscenza dell'autonomia. Sono innanzitutto le nozioni o le speranze a essere modificate dalla
tecnica: un importante aspetto di tale autonomia consiste nel fatto che la tecnica modifica in modo radicale gli oggetti
ai quali si applica essendone invece assai poco modificata nei propri caratteri (se non nelle proprie forme e modalit).
Prendiamo un semplice esempio: distinguiamo informazioni aperte e chiuse: le prime sono relative a questioni in
sospeso, hanno un contenuto indeterminato, implicano la partecipazione degli interessati. Le seconde riguardano un
oggetto ben definito, possono essere codificate e diffuse istantaneamente e non sono suscettibili di partecipazione.
Solo le seconde si avvantaggiano di tutti i mezzi tecnici, possono essere trasmesse rapidamente, ecc. Perci, appena la
tecnica viene applicata con maggior rigore nella codificazione, nella trasmissione di informazioni, pi accelera, e pi
le informazioni tendono a chiudersi, cio a escludere la partecipazione, nonostante vi possano essere un'ideologia o
un desiderio morale opposti.
Essendomene gi occupato in La Technique ou l'enjeu du sicle, non riprender qui il problema della relazione tra la
Tecnica e la Scienza e dell'autonomia relativa della tecnica in rapporto alla scienza: aggiunger solo quattro
indicazioni derivanti da studi recenti. Chi, ancora una volta, si spinto pi lontano in tali studi Simondon. Dopo
aver dimostrato le interconnessioni, non giunge a ipotizzare, chiaramente, una pura e semplice autonomia della
tecnica, ma la possibilit per la tecnica di continuare a svilupparsi per un lungo periodo di tempo, anche in assenza di
qualsiasi ricerca di base: Anche se le scienze non avanzassero per un certo periodo, il progresso dell'oggetto tecnico
verso la specificit potrebbe continuare. Il principio di tale progresso in realt il modo in cui l'oggetto si causa e si
condiziona autonomamente all'interno del proprio funzionamento e nelle reazioni tra il proprio funzionamento e
l'utilizzo - l'oggetto tecnico, generato da un lavoro astratto di organizzazione di sottoinsiemi, teatro di un certo
numero di relazioni di causalit reciproca.
Il testo esprime perfettamente il punto dell'autonomia dell'oggetto tecnico, e specifica, a partire da ci, la tecnica
stessa. Nello stesso modo, ma in maniera eccessiva, Koyr ritiene che la tecnica sia indipendente dalla Scienza e non
abbia influenza su di essa - il che mi pare insostenibile (tudes d'Histoire de la pense scientifique). Anche Beaune,
seguendo le idee di Hall (The Scientific Revolution), ritiene che la Scienza e la Tecnica conducano esistenze parallele
e abbiano sviluppi autonomi, la cui convergenza stata storicamente contingente, e che il passaggio alla tecnica
scientifica sia consistito nell'unificazione delle tecniche empiriche e sparse, ci che ho definito come passaggio
dall'operazione tecnica al fenomeno tecnico. Queste tesi riprendono semplicemente ci che ho scritto nel 1950. Si

troveranno numerosi esempi sia di correlazione sia di indipendenza della tecnica presso Closets. Ma non sono molto
significativi!
Seconda osservazione: Boli90 presenta a riguardo della relazione tra Scienza e Tecnica un'ottima analisi, la pi nuova
di cui sia a conoscenza, derivandola da Hempel91, Nagel92 e Popper93. Le due caratteristiche essenziali della
conoscenza scientifica sono da una parte la prova empirica dell'errore: un'affermazione non pu essere accettata
come conoscenza scientifica se innanzitutto non possibile trovare dati empirici in rapporto ai quali l'affermazione
non ha valore. Dall'altra parte: l'intersoggettivit, concetto che ha sostituito l'oggettivit scientifica. Un'affermazione
scientifica solo se si presta a una possibilit di verifica o di falsificazione, non soggettiva e individuale, ma
intersoggettiva, dato che ogni scienziato solo un soggetto, ma ogni soggetto con una certa conoscenza e una certa
formazione pu ripetere la stessa esperienza, e arrivare quindi allo stesso risultato. Insomma, un'affermazione
scientifica quella potenzialmente falsificabile a livello intersoggettivo. A partire da ci si vede chiaramente la
stretta relazione che si stabilisce tra Scienza e Tecnica, completamente diversa da quella cercata a lungo stabilendo
causalit. Ritroveremo tale aspetto del problema Scienza-Tecnica occupandoci delle finalit della tecnica. La
relazione reciproca tra Scienza e Tecnica non pu essere separata da quella tra Scienza e Politica. a cusa
dell'intermediario, la Tecnica, che la Scienza si mette al servizio dello Stato e che la Politica si appassiona alla
Scienza.
In terzo luogo, l'interpenetrazione Scienza-Tecnica contiene, tra le altre, una conseguenza radicale mirabilmente
presentata da Pomian94, ossia la fine dell'innocenza scientifica. Non c' pi scienza neutra n scienza pura. Ogni
scienza coinvolta nelle conseguenze tecniche. La forza del lungo e approfondito studio fattuale di Pomian sta nel
mostrare che non vi alcuna implicazione politica. Dimostra in modo indiscutibile che l'elemento essenziale non la
decisione presa dai politici di usare in un dato modo una scoperta scientifica. la necessaria implicazione di tutta la
ricerca scientifica nella tecnica a essere determinante.
il dominio dell'aspetto tecnico su quello epistemico. I fattori giocano gli uni in rapporto agli altri: Militarizzazione,
Statalizzazione, Tecnicizzazione sono intercorrelate. Allo stesso modo, anche Pomian dimostra che non esiste un uso
buono o cattivo della Scienza o della Tecnica: i due sono indissolubili, il che lo parta ad affermare che la Scienza non
neutra ma ambivalente. Credere che una metodologia non sia buona n malvagia significa tacitamente supporre
che la felicit e la sofferenza degli uomini siano grandezze di segno opposto che si annullano reciprocamente. Non
cos: nell'aritmetica morale, se c' aritmetica, la somma di due grandezze opposte non uguale a zero.
Progressivamente si capovolge l'abituale proposizione: tale decisione scientifica comporta delle conseguenze
politiche. La decisione di costruire un acceleratore gigante comporta implicazioni politiche che i fisici non possono
permettersi di ignorare. Pomian cita numerosi casi in cui gli scienziati, prendendo coscienza di ci che fanno,
chiedono un arresto della ricerca (e non una migliore applicazione politica!), come nel caso del gruppo di lavoro di
Berg (1974) e della Conferenza di Asilomar, 1975. Rivela invece il carattere politicamente orientato del manifesto dei
ricercatori dell'Istituto Pasteur (Grupe Information Biologique), il cui oggetto non in realt il problema ScienzaTecnica, ma un dibattito politico nel senso pi banale della parola! La politica sempre pi indotta dalla Tecnica ed
oggi incapace di dirigere la crescita tecnica in un senso o nell'altro.
Dobbiamo infine ricordare una nuova analisi presentata nel 197595, che trasforma discretamente lo studio attualmente
condotto sulla relazione tra Scienza e Tecnica. Bisogna innanzitutto distinguere la Matematica, che si sviluppa per via
deduttiva a partire da assiomi, e opera su simboli astratti, e le Scienze Fisiche o della Natura, che si sviluppano su
base strumentale e materiale: possono procedere solo a partire da un insieme tecnico, che altro non che la
materializzazione di schemi teorici. La tecnica a monte e a valle, e addirittura nel cuore stesso della Scienza, che si
proietta e assorbe nella Tecnica, mentre la tecnica si formula nella teoria scientifica. La scienza, essendo diventata
sperimentale, dipende dalla tecnica, la sola a permettere di riprodurre tecnicamente i fenomeni. La tecnica riproduce
astrattamente la natura per permettere la sperimentazione scientifica: da qui nasce la tentazione di obbligare la Natura
a conformarsi ai modelli teorici, di ridurla all'artificiale tecno-scientifico. La Natura ci che creo in laboratorio,
afferma un fisico moderno. In queste condizioni, la Scienza diventa violenza (nei confronti di tutto ci su cui verte) e
la tecnica, esprimendo la violenza scientifica, diventa esclusivamente potenza. Abbiamo cos una nuova correlazione,
che ritengo fondamentale, tra Scienza e Tecnica: il metodo scientifico stesso determina la vocazione della tecnica a
essere tecnica di potenza. La tecnica, attraverso i mezzi che mette a disposizione della scienza, induce quest'ultima al
processo di violenza (verso l'ambiente naturale, ad esempio). La potenza della tecnica (teoricamente illimitata, ma
effettivamente impossibile da utilizzare) si concretizza in una tecnica di potenza. Questo l'ultimo punto di tale
relazione, quello che il testo qui citato chiama Il Barocco Tecnico.
***
Evidentemente parlare di autonomia nei confronti dello Stato e della politica non significa che non ci siano
interferenze o decisioni politiche riguardanti la Tecnica. Non negher certo l'esistenza del celebre complesso
militare-industriale. Lo Stato non pu far a meno di intervenire: abbiamo visto in precedenza che strettamente
mischiato al tecnico, che chiamato dai tecnici ad aumentare il proprio campo d'intervento. Da ci tutti gli ideologi, i
politici, i sostenitori e alcuni filosofi giungono alla superficiale conclusione che lo Stato decide, la Tecnica obbedisce.

Ed necessario che sia cos, il rimedio nei confronti della Tecnica. Invece bisogna chiedersi chi intervenga nello
Stato, e come lo Stato intervenga, cio come venga presa una decisione, e perch, nella realt e non nella visione
idealista. Si constata allora che sono i tecnici all'origine delle decisioni politiche. Bisogna poi chiedersi in quale
direzione vada la decisione dello Stato: ci si accorge rapidamente di un connubio degno di nota, e cio che lo Stato
dotato grazie alla tecnica dei pi grandi mezzi di potenza. Lo Stato stesso un organismo di potenza, e non pu
quindi fare altro che procedere nel senso della crescita, strettamente condizionato dalle tecniche a prendere
unicamente decisioni di aumento di potenza, la propria e quella del corpo sociale96. Infine, siccome il Sistema non
ancora completo, accade che alcuni politici intervengano e prendano misure relative a problemi tecnici, per ragioni
puramente politiche e non tecniche: il risultato generalmente disastroso. Questi sono i quattro punti cha
esamineremo rapidamente.
Habermas, partendo dal presupposto e dall'ideologia democratica, pone indefinitamente la domanda: Come
riconciliare la tecnica e la democrazia?97. Avendo una visione inesatta della realt tecnica, facendo un discorso
puramente ideologico, il recupero della tecnica all'interno del mondo vissuto, pratico puramente illusorio. La prima
questione a preoccuparci sicuramente: che cosa ne della democrazia?
Tra le centinaia di articoli dedicati alla questione si pu segnalare quello di Latts98, significativo perch, essendo
scritto da uno scienziato, esprime ingenuamente l'insieme delle idee che sorgono dal pi irreale idealismo. Non
riprender in questa sede le critiche che avevo avanzato nei confronti di tali posizioni nell'articolo Propagande et
Dmocratie99. Mi limiter a sottolinearne due aspetti particolari. Latts ritiene a ragione che per l'esercizio della
Democrazia tutti i cittadini debbano essere ben informati e giudicare con nozione di causa. Affinch il dibattito
parlamentare abbia senso i deputati devono essere formati e informati. Sul problema dell'energia pone sette domande
lampanti, delle quali necessario conoscere la risposta per opinare validamente nel dibattito sull'energia. Ma non
sembra pensare per un istante che tale questione tanto importante sia solo una tra decine. I rischi di una politica
militare. Le societ multinazionali. L'inflazione, cause e rimedi. Le possibilit e le modalit di aiuto al terzo mondo,
ecc. Il cittadino dovrebbe disporre di un dossier completo, serio, particolareggiato, onesto su ciascuna di queste
questioni. Possibile non rendersi conto dell'assurdit della situazione, quando non c' nemmeno il tempo di tenersi al
corrente! Altra osservazione: Latts sembra credere che il cittadino correttamente informato possa decidere, al di l
delle reazioni viscerali e di timore, a riguardo del problema dell'energia nucleare. Il problema (ne parler pi
ampiamente oltre) che a caratterizzare la situazione il conflitto inestricabile tra le opinioni dei maggiori scienziati
e tecnici. Pi il cittadino sar informato, meno potr schierarsi, poich i pareri sono completamente opposti. Latts si
culla nelle illusioni. Sicuramente consolante! Esiste dunque una radicale impossibilit affinch il cittadino decida. Ma
anche l'uomo politico spodestato (si veda L'lllusion politique)100.
Nonostante i progressi nella comprensione del problema Stato Tecnico, necessario sottolineare la frequente
opinione degli intellettuali: Per risolvere i problemi e le difficolt derivanti dalla tecnica, necessario statalizzare.
necessario affidare la gestione al potere. la tesi implicita di Closets, che tenta di provare che tutti i pericoli e i
danni della tecnica sono dovuti esclusivamente all'assenza di direzione: necessario elaborare una politica generale
del progresso, avere organismi pianificatori, riorganizzare, ecc. Tutto ci, senza che egli lo dica espressamente, pu
essere fatto solo dal potere politico. Come noto, la stessa tesi di Galbraith.
Habermas101 conduce un'analisi superficiale della relazione tra tecnica e politica, accontentandosi di argomenti come
l'orientamento del progresso tecnico dipende dagli investimenti pubblici, quindi dalla politica. Sembra ignorare
completamente decine di studi (tra i quali quelli di Galbraith e i miei) che dimostrano la subordinazione delle
decisioni politiche agli imperativi tecnici. Si limita al desiderio elementare di riprendere in mano la tecnica, di
collocarla sotto il controllo dell'opinione pubblica, di reintegrarla all'interno del consenso dei cittadini. Ahim, la
cosa un po' pi complessa! Cos come quando contrappone lo schema tecnocratico a quello decisionista.
Per comprendere l'interazione dovrebbe leggere Sfez102. La sua descrizione del modello pragmatico assomiglia a un
voto religioso, a un desiderio: il processo di scientificazione della politica per lui auspicabile un bisognerebbe
Ma la realt della tecnicizzazione della politica avviene in realt secondo un altro modello! Habermas pone il
problema filosofico onestamente (il vero problema sapere se una volta raggiunto un certo livello di conoscenze
suscettibili di comportare date conseguenza, ci si accontenti di mettere tali conoscenze a disposizione di coloro che
sono impegnati in manipolazioni tecniche, o se si preferisca che siano individui tra loro comunicanti a riprenderne
possesso nel proprio linguaggio), ma al di fuori di ogni realt. Leggendo tale testo, basta chiedersi: Chi quel Si che
mette la Tecnica a disposizione degli uni o degli altri? Chi esercita tale 'volont' suprema (se si vuole)?
E Richta si unisce a Galbraith! Pensano che lo Stato, nel promuovere la Scienza, assuma la propria vera funzione di
rappresentante dell'interesse generale. Significativamente scrive Richta, lo Stato interviene pi energicamente nei
settori in cui la scienza si fa valere pi attivamente in quanto forza produttiva per natura ostile alla propriet privata e
che incessantemente abbatte i propri limiti. Lo Stato americano finanzia la ricerca di base al 65%, quello francese
al 64% perch il profitto non pi in grado di far avanzare la tecnica. Ma ci significa dimenticare che lo Stato
stesso un agente tecnico, integrato nel sistema tecnico, determinato dalle sue esigenze, e allo stesso tempo
modificato nelle proprie strutture in rapporto all'imperativo di crescita tecnica. anche il pensiero di Dumont103, ma

ovviamente non lo confessa! Si tratta solo di grandi organismi internazionali che assumono il controllo del progresso
tecnico. Ma chi pu istituirli se non un potere politico? anche la ben nota posizione di Sauvy (nel suo libro
sull'automobile, ad esempio)104: chi pu opporsi alla mostruosa automobile? Solo lo Stato. Ma sicuramente, come
Sauvy ben sa, non lo Stato attuale, non lo Stato come oggi lo vediamo funzionare. Crozier della stessa opinione (La
Socit bloque): l'innovazione tecnica causa notevoli difficolt nella societ, provocando lo sconvolgimento di interi
settori. Le organizzazioni economiche non sono in grado di farvi fronte: lo Stato deve fare gli investimenti necessari
allo sviluppo della capacit dei gruppi e delle organizzazioni affinch possano gestire le conseguenze del progresso.
allo Stato e alle autorit pubbliche in generale che naturalmente interessa farsene carico. Ma l'estensione
dell'intervento e la necessaria razionalizzazione richiedono un nuovo modello di azione completamente diverso da
quello regolamentare o distributivo comune alla maggior parte degli Stati moderni. Si ritrova cos, a livello
implicito, il richiamo segreto al potere politico quando l'eccellente progetto di cambiare o sparire105 prevede
(giustamente) imposte sulle materie prime, la regolamentazione obbligatoria per la qualit dell'acqua, dell'aria, ecc.
Chi far tutto ci? Evidentemente lo Stato. D'altronde, dato che la Tecnica produce una specializzazione (inevitabile e
che la condizione stessa del suo successo), ma dato anche che il sistema tecnico funziona in quanto sistema globale,
nessun tecnico pu cogliere il fenomeno tecnico. Per questo necessaria l'esperienza del corpo sociale, un organismo
collettivo non tecnicamente specializzato, cio lo Stato. Si tratta di quanto ritroviamo nel libro di Mintz e Cohen106:
con un'enorme documentazione, questi autori dimostrano che l'intera societ americana sottomessa a 200 aziende
dominanti. Per loro, l'unica soluzione di nuovo la supremazia dello Stato, l'unico che permetta di lottare contro gli
abusi tecnici, le nocivit (contro l'ineguaglianza, lo sfruttamento, ecc.). sempre lo Stato a poter assicurare alla
Tecnica il proprio posto e il proprio sviluppo, dato che, affermano, il gigantismo delle aziende causa di arresto per il
progresso tecnico (ma non si pongono il problema del gigantismo dello Stato). Infine (ma la lista sarebbe ancora
lunga!), bisogna ricordare l'entusiasmo di Saint-Marc per la protezione della Natura da parte unicamente dello Stato.
Il modo per salvare la Natura consiste nel nazionalizzarla e socializzarla - grazie a questo dominio la Tecnica stessa
dominata, ben orientata e diventa utile.
Si rimane sorpresi e meravigliati davanti a un tale elenco di grandi nomi. E allo stesso tempo confusi. Di che cosa si
parla? Del meraviglioso organismo ideale, incarnazione del Diritto e della Giustizia, che garantisce una dolce
uguaglianza senza soppressioni n repressioni, che favorisce i pi deboli per equilibrare le opportunit, che
rappresenta l'interesse generale senza ledere quelli particolari, che promuove la libert di tutti attraverso una gioiosa
armonia, insensibile alle pressioni e alle lotte d'interesse, paziente senza essere paternalista, che libera tutti essendo
socialista, che amministra senza fare burocrazia, atto a promuovere nuove attivit di regolazione e concertazione,
senza pretendere di imporre la propria legge, in modo da permettere agli attori sociali di gestire liberamente le
conseguenze del progresso tecnico. Uno Stato dotato di Onnipotenza, Onniscienza ma che non ne abusa. Sembra di
sognare di fronte a una tale componimento bucolico! Si mai visto uno Stato del genere? Se la risposta negativa,
che garanzia, che possibilit abbiamo che ne sorga uno? Chi ne far parte? Santi o martiri? L'aspetto pi grave che
questi eccellenti autori non dicono mai una parola su tale Stato mitico al quale affidano tante funzioni. Fino ad ora lo
Stato stato, qualsiasi forma abbia assunto, socialista o meno, un organismo di oppressione, di repressione, di
eliminazione degli oppositori, di costituzione di una classe politica che governa a proprio vantaggio Mi si dica in
nome di chi e di cosa domani sar diverso, perch la dittatura del proletariato esattamente la stessa cosa. Il
meraviglioso Stato che diriger la Tecnica e risolver i problemi formato da uomini (e perch questi smetterebbero
di essere dominati dal desiderio di potenza?) e da strutture, che diventano sempre pi tecniche107. Si propone di
trasferire tutto il potere alle amministrazioni, di accrescere (cosa assolutamente ineluttabile, ma che non un
rimedio!) il potere amministrativo - cio trasformare una gestione aleatoria in organizzazione tecnica.
In realt, non solo non c' alcuna garanzia che lo Stato di domani assuma il ruolo che ci si aspetta, ma si pu
dimostrare che tale Stato, dominato dall'imperativo tecnico, sar causa di una societ estremamente pi oppressiva.
Sar forse in grado di mettere ordine nella confusione tecnica, ma non sar in grado di dominarla e dirigerla. Potr
solo accentuare i gi noti caratteri. Fare appello allo Stato (senza considerare l'autonomia del Tecnico e ci che lo
Stato diventa sotto la pressione della tecnica) significa obbedire al riflesso tipicamente tecnico dello specialista: nel
mio settore va male, ma il vicino ha sicuramente la soluzione. interessante osservare che coloro che supportano tale
posizione, pur abominando la Tecnocrazia, la chiamano a gran voce, perch uno Stato in grado di dominare la Tecnica
pu essere formato solo da Tecnici! Torneremo pi tardi sulla Tecnocrazia.
Sempre pi si ammette che i grandi orientamenti tecnici costituiscano ambiti decisionali di alta politica108. Ma questo,
secondo scienziati e tecnici, non significa che i politici debbano decidere per ragioni politiche. Al contrario, significa
che per tali scelte i politici devono seguire i consigli degli specialisti, e che in Francia, ad esempio, la famosa
commissione dei Dodici Saggi chiaramente insufficiente. Viene costantemente sottolineato che le decisioni politiche
non possono essere lasciate alla volont ultima dei politici109. In URSS si progressivamente giunti a capire che per
pianificare la decisione politica poteva essere presa solo dopo, in funzione della determinazione tecnica di tutti gli
elementi. Ovviamente scrive uno degli specialisti della pianificazione sovietica, la pianificazione scientifica deve
precedere il piano. In realt si pianifica solo ci che la previsione, in quanto scienza (o tecnica) stabilisce come

possibile e utile: la decisione quindi presa dagli scienziati e dai tecnici, non dai politici110.
Come sempre in campo tecnico, il Giappone rappresenta un modello pressoch puro111. Su una crescita tecnica
eccezionalmente rapida si inserisce un intervento dello Stato (il MITI, Ministero del Commercio Internazionale e
dell'Industria, con la propria Agenzia della Scienza e della Tecnica) dovuto a motivi essenzialmente politici e
nazionalisti nei confronti degli Stati Uniti. In questo caso si vede innanzitutto che il politico segue il tecnico, da un
punto di vista temporale ma anche negli orientamenti principali. Quando il MITI si limita ad aiutare un settore della
tecnica a trovare la propria indipendenza economica nei confronti delle aziende americane, non c' molta differenza, a
parte per quanto riguarda i sentimenti nazionalisti! Anche in Giappone, tuttavia, la politica tende ad assumere la
direzione. Si assiste allora a decisioni enormi: l'orientamento dell'aiuto (e quindi della tecnica in generale) verso i
grandi programmi (ovviamente!): informatica, energia nucleare, spazio, ecc. Ovviamente le tecniche dolci e la
diffusione a livello individuale delle tecniche minori non interessano allo Stato. Bisogna puntare sui settori di punta e
sullo spettacolare. Da tale tipo di interventi possibile aspettarsi gravi squilibri di sviluppo. Inoltre, ancora una volta,
si possono constatare i gravi errori provocati dall'intervento politico: un gruppo giapponese aveva ideato un razzo e
un satellite interamente giapponesi, senza l'intervento dei gruppi capitalisti. Il MITI intervenne confinando il
programma spaziale a un organismo (MASDA) che include i grandi gruppi, reintroducendo cos l'influenza americana,
ma soprattutto giunse alla decisione che nulla potesse essere fatto in quel campo per il momento. Ancora una volta
l'intervento dello Stato si rivelato incoerente e limitante.
sempre il mescolarsi e la confusione tra i due a provocare gli errori: sia che la politica scelga o interdica una tecnica
(spesso ci avviene per l'influenza di uno scienziato prestigioso o di un gruppo di pressione), o che, attraverso una
decisione politica, trasformi in obbligo ci che era semplicemente un possibile orientamento tra altri. Spesso accade
che la politica adotti una tecnica e la imponga a un paese: ma la cosa non funziona perch una data tecnica fa parte di
un insieme, mentre la politica le attribuisce, scegliendola, un carattere preferenziale e soprattutto obbligatorio. Il
semplice passaggio dal pragmatico al legale altera il tenore della tecnica e tutti i grandi errori tecnici provengono
dall'imperativo politico: la scelta della filiera atomica, per esempio. O la scelta del petrolio invece del carbone
come risorsa termica, e del petrolio invece delle dighe per la produzione di elettricit.
Siegel, in un bell'articolo112, dimostra il ruolo della politica su un aspetto preciso: la maggior parte dei procedimenti
elettronici di combattimento sono noti da tempo, ma stata la dottrina nixoniana del ricorso all'automazione in ogni
campo ad aver loro conferito un ruolo predominante: la scelta politica si esercita in un arsenale di tecniche che non
possono essere tutte impiegate simultaneamente.
Illich attesta invece la vanit della politica davanti al sistema tecnico. Le opposizioni, volendo ottenere il controllo
delle istituzioni esistenti, conferiscono a queste ultime una legittimazione di tipo nuovo, mentre ne esacerbano le
contraddizioni. Cambiare il gruppo dirigente non una rivoluzione. Che significato hanno il potere dei lavoratori, il
potere nero, quello delle donne o dei giovani se non quello di sostituirsi a quello in carica? Un dato potere pu tutt'al
pi meglio gestire la crescita, cos messa in grado di proseguire il proprio glorioso corso grazie a tali provvidenziali
prese di potere! La scuola, che insegni il fascismo o il marxismo, riproduce una piramide di classi di bocciati. L'aereo,
con le proprie classi, riproduce una gerarchia sociale. Sottoscrivo in pieno!
Per concludere, non riprender in modo dettagliato la questione gi trattata in La Technique ou l'enjeu du sicle:
quando lo Stato prende decisioni puramente politiche, quando il politico decide da solo, sul piano tecnico avvengono
sempre disastri. Mi limiter a qualche esempio. Il caso del CEA francese, in cui, nel 1969, si scopr che all'origine
dell'impasse dello sviluppo tecnico in campo atomico c'erano motivi politici. O l'opera postuma (1964-1969) del
grande economista sovietico Varga, che accusa formalmente le istituzioni politiche (e non solo quelle burocratiche) di
intervenire a torto nella crescita tecnica (e non solo in quella economica). Far altri esempi quando mi occuper
dell'eventualit di un blocco della Tecnica a causa della crescita del potere politico. Per concludere, citer un fatto che
rivela perfettamente la dipendenza del politico e l'autonomia del tecnico. L'esigenza tecnica dipende da mezzi tecnici
e non da ideologie politiche. Ecco l'esempio: in Per, a Cuajone, ci sono immensi giacimenti di rame. Gli esperti
affermano unanimemente l'incredibile ricchezza del giacimento, tuttavia difficilmente raggiungibile e sfruttabile. Nel
1968 il Per si rivolse all'URSS. Gli esperti sovietici, dopo aver attentamente esaminato il problema, conclusero il
dettagliato rapporto dichiarando che solo gli Stati Uniti disponevano dei mezzi tecnici necessari allo sfruttamento del
giacimento e consigliando di affidare i lavori agli Americani. All'inizio del 1970 il governo peruviano si trov in
grandi difficolt per stipulare il contratto di Cuajone, in seguito alle espropriazioni dell'International Petroleum
Company. Ci che mi sembra qui pi significativo il fatto che la maggior parte dei paesi non tecnicizzati debbano
lasciare le proprie ricchezze inutilizzate o fare appello a paesi altamente tecnicizzati, quale che sia il loro
orientamento ideologico.
L'imperialismo ideologico una sciocchezza, la vera superiorit data dalla tecnica.
***
Probabilmente utile ora precisare il concetto di autonomia nei confronti dell'economia, dati i malintesi. Ovviamente
non si pu separare la Tecnica dall'Economia, come Simondon sottolinea: Esiste quindi una convergenza di vincoli
economici (diminuzione della quantit di materia prima, di lavoro, di consumo d'energia, ecc.) ed esigenze

propriamente tecniche. Sembra tuttavia che saranno queste ultime a dominare l'evoluzione tecnica. Simondon
mostra come siano i campi in cui le condizioni tecniche prevalgono sulle condizioni economiche a essere quelli in cui
il progresso tecnico avanza pi rapidamente. Ci avviene, afferma, perch le cause economiche non sono pure,
interferiscono con un'ampia rete di motivazioni e preferenze che le alternano o le invertono. In qualche modo, il
carattere puro del fenomeno tecnico ad assicurarne l'autonomia. Questa la ragione per cui presso i sociologi si
registra un insensibile slittamento dal primato (e autonomia) dell'Economico al primato (e autonomia) del Tecnico.
Ci non normalmente formalizzato, chiaramente formulato, enunciato come realt globale, ma di solito un
pensiero soggiacente, una sorta di evidenza latente. Per i pi va da s che sia la tecnica a determinare, provocare gli
avvenimenti, i progressi, l'evoluzione generale, che funziona da motore che ricava l'energia da se stesso. Nel
panorama intellettuale la tecnica gioca lo stesso ruolo che lo spirituale rivestiva nel Medioevo o l'idea di Individuo
aveva nel XIX secolo. Non si procede a un'analisi chiara e totale, ma non possibile concepire la societ, la Storia in
altro modo. Tale tendenza tanto forte da comparire persino presso coloro che la negano113. quindi necessaria
qualche precisazione. Quando per la prima volta ho analizzato l'autonomia della Tecnica nei confronti dell'Economia,
alcuni vi hanno visto una dichiarazione di autonomia assoluta - e alcune critiche sono state portate nei confronti di
tale assoluto. Eppure avevo gi sottolineato come con questo termine non intendessi una equivalenza tra tecnica e
divinit. inutile dire: O c' autonomia, e allora assoluta, o non assoluta, e quindi non c' autonomia.
Un argomento teorico del genere non va molto lontano. Tutti sanno che un odierno Stato sovrano non pu fare
qualsiasi cosa desideri della propria sovranit, e che il far parte del concerto delle nazioni ne limita la sovranit.
Eppure, essere sovrano o colonizzato, avere un governo imposto dall'invasore non la stessa cosa. Non ho mai detto
che la tecnica non dipenda da nulla e da nessuno, che sia al di fuori tutto. Ovviamente subisce i contraccolpi delle
decisioni politiche, delle crisi economiche. Ho detto, ad esempio, che una decisione presa dal potere politico e non
conforme alla legge di sviluppo della tecnica, alla logica del sistema, pu bloccare il progresso tecnico, cancellare
conseguenze positive, ma che nel conflitto tra politico e tecnico necessariamente il primo a uscire sconfitto, e che la
decisione politica che si oppone all'imperativo tecnico si rivela in ultima analisi rovinosa per la politica stessa.
ugualmente evidente che la tecnica si sviluppa a partire da un certo numero di possibilit offerte dall'Economia, e
quando mancano le risorse economiche, la tecnica non pu realizzarsi pienamente. La relazione tra tecnico ed
economico complessa: la tecnica un fattore determinante della crescita economica, ma vero anche il contrario.
Closets ha dimostrato che gli effetti della Tecnica sull'Economia sono ambigui e che una pi forte ricerca tecnica non
implica necessariamente maggiore sviluppo economico. Tuttavia la tecnica si sviluppa pi rapidamente nei settori di
punta, e l le fa seguito l'Economia: la relazione tra le due impressionante. Nel 1967, negli Stati Uniti le
esportazioni sono aumentate in media del 4%, ma del 58% per i computer, del 34% per l'aeronautica, del 30% per le
telecomunicazioni. Si ristabilisce in questo caso la relazione diretta, pur restando la Tecnica decisiva per l'Economia.
La relazione varia inoltre a seconda dei periodi. Innanzitutto non sembra certo che vi sia una relazione tra i grandi
movimenti di invenzione e la struttura economica o sociale. Le invenzioni tecniche sembrano imprevedibili dati di
civilizzazione, e non sono in alcun modo legate al livello economico. Allo stesso modo oggi l'invenzione tecnica non
legata a un paese: si stacca dal promotore e giova a paesi che non hanno preso parte allo sforzo d'invenzione
scientifica o tecnica. Ma quando si abbandona il campo dell'invenzione per passare all'applicazione, la tecnica
presuppone capitali sempre pi considerevoli.
Si pu affermare che sia lo sviluppo industriale a condizionare la possibilit di crescita tecnica (tenuto conto che
l'industria stessa un prodotto della tecnica!)? Sembra che la maggior parte delle ricerche tecniche del XX secolo
siano condizionate e favorite dal mercato che stimola uno sviluppo industriale.
Daumas114 afferma tuttavia con forza l'autonomia della tecnica nei confronti dell'industria, e sostiene (quella che
sempre stata la mia posizione): Non si tratta di negare che l'evoluzione delle tecniche possa essere compresa solo se
ricollocata nel proprio contesto storico, ma si pu pensare che il compito originale della storia delle tecniche consista
nel mettere in evidenza la logica propria dell'evoluzione delle tecniche. Ci si realizza con una logica interna,
fenomeno ben distinto dalla logica di evoluzione della storia socio-economia. La ricerca di tale logica interna
dell'evoluzione tecnica l'unica in grado di liberare 'la storia tecnica delle tecniche' dal proprio carattere di storia
evenemenziale.
Mano a mano che si amplia, lo sviluppo tecnico si fa pi complesso, l'invenzione dipende da basi tecnologiche gi
acquisite (frutto di applicazioni anteriori) e realizza elementi sempre pi costosi: l'invenzione tecnica viene cos a
dipendere anche dalle possibilit d'investimento economico. Si nota cos un'influenza reciproca: da un lato la crescita
economica moderna dipende dalle applicazioni tecniche, in tutti i campi115, dall'altro le possibilit di ricerca tecnica
avanzata e di applicazione delle tecniche dipendono dall'infrastruttura economica e dalle possibilit di mobilitazione
delle risorse economiche116.
L'Economia pu dunque bloccare lo sviluppo tecnico per mancanza di potenza, o impedire l'applicazione tecnica. Il
programma tecnico condizionato da due serie di imperativi economici: dalla redditivit dell'investimento (nei paesi
capitalisti) e dalla possibilit di procurarsi i capitali necessari all'investimento (ovunque). Tuttavia ci attualmente
sempre meno esatto, perch ci si rende meglio conto che impossibile calcolare la redditivit degli investimenti della

ricerca di base, e si sempre pi convinti che questa sia essenziale, che non possa essere trascurata. Il rapporto
diretto tra ricerca tecnica e redditivit non pi vero. Le applicazioni tecniche saranno quindi estremamente diverse a
seconda delle forme e dei livelli economici. Ci provoca disuguaglianza sia nell'intensit del progresso tecnico sia
nella rapidit d'accesso al beneficio delle tecniche. Tutto ci evidente. Ma ricordata l'importanza del fattore
economico, manterr il concetto di autonomia della tecnica nel senso che l'economia pu essere un mezzo di
sviluppo, una condizione del progresso tecnologico, o, al contrario, pu essere un ostacolo. Ma non determina,
provoca o domina la Tecnica. Come per il potere politico, un sistema economico che rifiuta l'imperativo tecnico
condannato. Non la legge economica a imporsi al fenomeno tecnico, la legge del tecnico che ordina, subordina,
orienta e modifica l'economia117. Quest'ultima un agente necessario, non n il fattore determinante n il principio
orientatore. La tecnica obbedisce alla propria determinazione, si autorealizza, e nel far ci sfrutta molti altri fattori
non tecnici. Pu trovarsi bloccata a causa della loro assenza, ma la sua ragione di funzionamento e di crescita non
proviene da nessun'altra parte. Oggi, modificare un sistema politico o economico inutile, e non cambia la vera
condizione dell'uomo, dato che essa ormai definita dall'ambiente e dalle possibilit tecniche, e dato che l'impatto
delle rivoluzioni politiche o economiche sul sistema tecnico praticamente nullo (tutt'al pi questi problemi possono
bloccare per un periodo il progresso tecnico: ma il potere rivoluzionario non cambia la legge intrinseca del sistema).
L'autonomia acquister il proprio aspetto istituzionale nell'auto-organizzazione: ci significa che normalmente il
mondo tecnico organizza la ricerca tecnica, l'orientamento delle applicazioni, la ripartizione dei crediti, ecc.
All'autonomia del sistema tecnico deve corrispondere l'autonomia delle istituzioni che ne fanno parte. Sar questa la
sola autonomia accettabile nella nostra societ, poich sar l'unica a dare una giustificazione ultima. La ricerca di
base orientata in direzione della tecnica pu svilupparsi solo se sufficientemente autonoma! Un eccellente studio a
questo riguardo quello di Zuckerkandl, direttore di ricerca al CNRS, pubblicato su Le Monde nel novembre 1964.
Uno dei principali effetti dell'autonomia che la tecnica diventa il principale fattore di riclassificazione degli ambiti
di attivit, degli orientamenti ideologici. Nel 1950 ho studiato come la Tecnica induca un avvicinamento dei regimi
politici, una riduzione del ruolo delle ideologie (ad esempio tra il sistema sovietico e quello americano). Allo stesso
modo provoca un riassetto delle attivit pubbliche e private: la distinzione si attenua nell'attivit economica tra i due
ambiti. Tutto ci viene ripreso e ampiamente dimostrato da Galbraith, Le Nouvel tat industriel, e da Weidenbaum,
Effets long terme de la grande Tecnologie, Analise et Prvision, 1969. L'essenziale tuttavia riconoscere che tali
effetti provengono dall'autonomia della tecnica.
Chiaramente rimane difficile per i marxisti ammettere che la tecnica sia divenuta un fattore autonomo, che domina la
struttura economica e che comporta effetti identici in un regime capitalista come in uno comunista. L'argomento pi
di frequente sviluppato che, con ogni evidenza, la tecnica semplicemente al servizio del capitale, che comporta i
ben noti effetti solo perch integrata nel capitalismo. Il tecnico solo un impiegato come gli altri, l'ideologia
dell'efficacia non tecnica ma il riflesso del bisogno di profitto. La divisione del lavoro, la specializzazione non
sono prodotti della Tecnica ma mezzi supplementari di sfruttamento della classe operaia. Il pi completo sforzo di
dimostrazione sistematica di questa interpretazione stato condotto da Coriat118. Questo il motivo per cui far
riferimento al suo libro piuttosto che ad altre opere minori. I due temi di dimostrazione si basano innanzitutto sul fatto
che il potere decisionale appartiene al capitale: il capitale padrone di utilizzare o meno le tecniche, le tecniche
capitaliste sono tecniche di produzione cos come tecniche di dominazione della classe sfruttata, e il capitale le
utilizza solo quando possono procurare un aumento di profitto. Ammette che la tecnica non neutra, nel senso che
essa esclusivamente al servizio del capitalismo. Il sistema di produzione capitalista ha come unico obiettivo la
valorizzazione del capitale. Esaminando il contributo che le diverse invenzioni apportano al capitale nel processo di
autovalorizzazione si possono individuare le cause (sociali) che determinano l'inclusione o il rifiuto delle diverse
tecniche: solo quelle che incrementano il plusvalore vengono utilizzate. Allo stesso modo la legge del valore che
definisce lo spazio in cui la razionalit tecnica pu giocare. L'autore ovviamente accusa Richta di aver eluso la legge
del valore e i rapporti di produzione nei e sotto i quali la Tecnica si realizza. Ma il fondamento della sua
dimostrazione poggia sulla dimostrazione di Marx secondo la quale il capitale ricorre alla meccanizzazione solo a due
condizioni: quando l'uso del lavoro morto (accumulato nella macchina) permette di ottenere una parte maggiore di
sopralavoro (diminuisce la parte di giornata di lavoro che il lavoratore dedica alla propria produzione aumentando
quella che spetta al capitale), e quando le tecniche permettono un migliore dominio del processo di lavoro da parte
del capitale. Questi sono i principali argomenti ripetuti all'infinito in tale opera. Si rimane un po' sorpresi, perch
vorrebbe dire che con il progresso tecnico l'operaio oggi pi oppresso: vero che la classe operaia pi oppressa
oggi che un secolo fa? Vorrebbe dire anche che il tasso di plusvalore aumentato considerevolmente, ma tutti,
marxisti compresi, sono d'accordo nell'affermare che il tasso di plusvalore diminuisce, come d'altronde Marx aveva
annunciato. Ci vorrebbe dire anche che si effettua la discriminazione tra tecniche applicate e non applicate secondo
il solo criterio indicato, lo sviluppo tecnico dovrebbe quindi incrementare la potenza e la sicurezza del capitalismo,
quando invece chiaramente, da mezzo secolo, il capitalismo classico perde ogni sfida e si indebolisce regolarmente a
causa delle tecniche, il cui sviluppo spinge in direzione del socialismo. Infine, dichiarare che il progresso tecnico pu
essere apprezzato solo in rapporto al concetto di produttivit del lavoro umano, l'unico produttore di valore, significa

chiaramente dimenticare il fatto che le tecniche moderne tendono a eliminare il lavoro operaio, a marginalizzare
l'uomo nel processo di produzione. In realt, ci che pi colpisce del lavoro di Coriat sono il dogmatismo e
l'incapacit di considerare i fenomeni attuali. Tutto poggia sulla convinzione implicita che nulla sia cambiato in un
secolo e mezzo, che la tecnica sia la stessa nel 1848 e nel 1975, che il capitalismo non sia mutato. Il principio che la
Tecnica non abbia modificato le condizioni di funzionamento del capitale quali Marx le aveva stabilite. Il
Capitalismo deve riprodurre e riproduce le basi sulle quali si fonda la divisione del lavoro in quanto insieme di
rapporti di produzione e di lavoro che la caratterizza. Il deve caratteristico. Il ragionamento il seguente: dato
che non si ancora nella societ comunista, si in quella capitalista. E quest'ultima non pu cambiare, sempre la
stessa, il capitalismo il capitalismo, tutto qui, bisogna che la tecnica rimanga quindi subordinata e rientri nel
quadro di analisi di Marx. Da un lato c' il capitalismo in cui lo sviluppo delle forze produttive avviene per accumulo
di capitale, dall'altro il socialismo con la capacit collettiva di produzione e di iniziativa delle masse. La Tecnica non
rappresenta nulla di speciale in questa dicotomia. Considerare la scienza e la tecnica come processi legati a quello di
accumulazione del capitale diventa quindi una necessit. S, necessit, a patto di aver dimostrato tutte le condizioni
preliminari. Il che non stato fatto: ci troviamo di fronte a supposizioni. Supponendo che Marx non si sia sbagliato,
come far rientrare la Tecnica moderna nella sua dimostrazione? Questo il vero problema che Coriat si pone. Che
ironia quando cita le parole di Marx: Il termine processo esprime uno sviluppo considerato nell'insieme delle
condizioni reali, mentre con Coriat viviamo in una doppia irrealt, una dogmatica, l'altra passatista. Ammetter solo:
Chiaramente la tecnica rimane, ma prima della tecnica ci sono la politica, la lotta di classe e l'appropriazione della
tecnica da parte del capitale. Le due inammissibilit del suo ragionamento sono quindi la posizione dogmatica (il
suo testo pu convincere coloro che considerano Marx infallibile e pensano che abbia detto tutto. Il metodo di Coriat
consiste nel prendere citazioni o concetti marxisti e svilupparli in modo astratto, come se si trattasse di verit
metafisiche, senza mai applicarli al concreto. La situazione concreta non pu essere cambiata tanto da far risultare
l'analisi di Marx inesatta. Questa la base.
Mai si trova una spiegazione dei fatti reali o una dimostrazione: si tratta esclusivamente di una glossa di testi) e la
costante mancanza di realismo: quando gli capita di fare qualche esempio (il motivo per il quale non c' stato
progresso chimico in Francia alla fine del XIX secolo, o la specializzazione scientifica determinata dal capitalismo)
siamo in piena fantasmagoria. Alla facile critica che la tecnica la stessa in URSS e nel mondo occidentale, risponde,
in modo non originale, che I'URSS non socialista. Per fortuna c' la Cina, nelle quale possiamo riporre le nostre
speranze. Proprio perch non ancora giunta allo stadio della societ tecnica, si pu dire: Visto, l la Tecnica non
la stessa che c' qui. Ma non gli viene in mente che la ragione potrebbe essere semplicemente che il livello tecnico
in Cina (a parte qualche settore di punta che del resto costruito in tutt'altro modo) si trova a livello pretecnico!
Possibile non rendersi conto che sia un po' esagerato dichiarare tranquillamente che l'URSS non sia socialista.
Nemmeno lo sfiora il fatto di sapere se per caso sia stato l'impatto della Tecnica (e non il delirio paranoico di un
uomo) a ribaltare gli effetti della rivoluzione del 1917 per sfociare nella situazione attuale. Ma la caratteristica pi
tipica di tale mancanza di realismo il passatismo: Coriat prende come esempi, modelli della Tecnica, il Taylorismo e
la Meccanizzazione. Non ci si crede! Non successo nulla di fondamentale, non c' stato cambiamento della struttura
tecnica dopo Taylor. La Tecnica si riduce alla Macchina. Si capisce chiaramente da ci che le analisi di Marx sono
corrette per i fatti a lui contemporanei o di poco posteriori. L'errore sta nel pretendere che ci troviamo ancora a quel
punto. Per Coriat la tecnica solo l'applicazione industriale della Scienza con l'obiettivo della produzione di merce
(in senso stretto). Dichiara tranquillamente che le tecniche prive di finalit produttive di merci non sono utilizzate! Le
critiche nei confronti del taylorismo (come se fosse la situazione attuale) corrispondono a una situazione del lavoro
del 1930. In altre parole, la dimostrazione di Coriat accettabile solo per coloro che concordano con un'adesione
totale all'espressione letterale del pensiero di Marx, con un disprezzo totale degli attuali fatti relativi alla tecnica.
Coriat si chiude in una problematica basata su fatti completamente obliterati.
Insister innanzitutto su un altro aspetto di tale autonomia nei confronti dei valori e dell'etica119. L'uomo, nel proprio
orgoglio, soprattutto intellettuale, crede ancora che il proprio pensiero domini la tecnica, crede di poterle ancora
imporre un dato valore, un dato significato. I filosofi sono i primi a pensarlo. significativo constatare che le migliori
filosofie che dichiarano l'importanza della tecnica, addirittura quelle materialiste, alla fine si ripiegano sulla
preminenza dell'uomo120. Ma tale pretesa puramente ideologica. Come si relaziona l'autonomia della tecnica in
rapporto alla morale e ai valori? Credo si possano analizzare cinque aspetti.
In primo luogo, la tecnica non progredisce in funzione di un ideale morale, non cerca di realizzare dei valori, non
mira a una virt o a un Bene. Ci occuperemo di ci nel capitolo sul progresso causale.
Secondo aspetto: la tecnica non sopporta alcun giudizio morale. Il tecnico non tollera alcuna invasione della morale
nel proprio lavoro, che deve essere libero. Pare evidente che il ricercatore non debba assolutamente porsi il problema
del bene o del male, del lecito o del proibito della propria ricerca. Per quanto riguarda l'applicazione esattamente la
stessa cosa: semplicemente ci che stato scoperto si applica. Il tecnico applica la propria ricerca con la stessa
indipendenza del ricercatore. Ecco il punto illogico comune a molti intellettuali: concordano sul primo punto, che
pare loro evidente, ma vogliono reintrodurre giudizi di bene e di male, di umano e inumano, ecc., quando si passa al

secondo: il tecnico deve utilizzare la tecnica a fin di bene. Posto il primo termine, ci totalmente insensato, perch
applicazione e ricerca coincidono. L'invenzione tecnica frutto di un certo comportamento: il problema del
comportamento (nei confronti del quale si vuole apportare un giudizio di valore) non si pone solo al momento
dell'applicazione121. lo stesso comportamento a dettare l'atteggiamento di ricerca (e a volerla libera) e quello di
applicazione: il tecnico che realizza si considera libero quanto lo scienziato che fa ricerca. ingenuo pretendere di
fare intervenire la morale nelle conseguenze quando la si rifiutata nel principio. L'autonomia della tecnica si
stabilita principalmente attraverso la radicale divisione dei due campi: A ciascuno il proprio. La morale giudica
problemi morali. Non ha nulla a che vedere con i problemi tecnici: solo criteri e mezzi tecnici sono accettabili in
questo caso. Un tecnologo americano ha condotto un appassionante studio a partire dalla seguente idea122: fintanto
che i problemi sono puramente tecnici, trovano sempre una soluzione chiara e certa. Appena in questi problemi entra
un fattore umano o quando diventano tanto ampi da non permettere pi un trattamento tecnico diretto, essi paiono
insolubili. Di fronte a tali difficolt si sviluppa l'engineering sociale, che si richiama ai buoni sentimenti, al
miglioramento dell'uomo basato su migliori istinti, e crede che la soluzione sia il miglioramento dell'uomo, anche se
ottenuto attraverso tecniche (psicologiche o psicosociologiche): considerati un certo numero di esempi, si realizza che
tale via destinata al fallimento e all'incertezza, perch si tiene troppo conto fattori non tecnici. La sola scappatoia
riuscire a trasformare tutti i problemi in una serie di questioni specificamente tecniche, ognuna delle quali riceve
soluzione dalla tecnica adeguata. In questo modo siamo sicuri di ottenere risultati senza mischiare i generi. Non c'
migliore dichiarazione di autonomia tecnica! Morale, psicologia, umanismo: tutto d'intralcio. Questo il giudizio.
Tale idea rinforzata dalla certezza filosofica che solo l'uomo pu essere sottoposto a valutazione morale. Non ci
troviamo pi in quell'epoca primitiva in cui le cose erano buone o cattive in s: le cose sono ci l'uomo fa di esse.
Tutto fa riferimento a lui. La tecnica non nulla in s. Formulando questa idea semplicistica, l'intellettuale non si
rende conto che l'uomo dipende dalla tecnica, e che, una volta che essa divenuta indenne a ogni giudizio morale,
potr fare qualsiasi cosa. L'uomo fa ci che la tecnica gli permette di fare, e quindi ha iniziato a fare di tutto.
Affermare che la morale non pu apportare alcun giudizio nei confronti dell'invenzione o dell'operazione tecnica
porta in realt ad affermare, senza volerlo, che ogni azione dell'uomo sfugge ormai all'etica: l'autonomia della tecnica
causa quindi la moralizzazione dell'uomo. La morale ormai non pi relegata al proprio ambito, ma al nulla: appare
agli occhi degli scienziati e dei tecnici (insieme ai valori e a tutto ci che pu essere definito umanista) come una
questione totalmente privata, che non ha nulla a che vedere con l'attivit concreta (che pu essere solo tecnica) e che
non riveste alcun interesse per quanto concerne gli aspetti importanti della vita. Un esempio: nel 1961 il Ministero
dell'Istruzione aveva lanciato un'inchiesta tra gli studenti delle Grandes Ecoles (scientifiche) e dei corsi preparatori a
esse sull'insegnamento della filosofia e della letteratura. Il risultato fu significativo: ogni valore e significato della
filosofia erano stati negati quasi all'unanimit. Quanto all'insegnamento del francese, si faceva una distinzione: da un
lato, la letteratura non presentava alcun interesse, mentre dall'altro la conoscenza della lingua veniva considerata utile
per imparare a redigere le relazioni e a esplicitare gli esperimenti realizzati. Questo un buon esempio. Il tecnico non
vede che senso possa avere uno studio filosofico o morale in rapporto al lavoro che conduce. Ovviamente ammette
che gli specialisti di problemi morali, i filosofi, ecc., apportino valutazioni su tale lavoro, che emettano giudizi, ma
ci non lo riguarda. pura speculazione. I lavori riguardanti la filosofia, la sociologia della tecnica (e comincia a
spuntare la teologia della tecnica) si moltiplicano, ma riscuotono interesse solo all'interno della cerchia dei filosofi e
degli umanisti: non trovano sbocco tra i tecnici, che continuano a ignorare tali ricerche. Non si tratta semplicemente
del risultato di una specializzazione: i tecnici vivono in un mondo tecnico ormai autonomo123.
Il fatto che la tecnica non tolleri alcun giudizio morale ci porta al terzo aspetto: essa non accetta di essere bloccata da
una ragione morale. Va da s che opporre giudizi di bene o di male a un'operazione giudicata tecnicamente necessaria
semplicemente assurdo. Il tecnico non tiene semplicemente conto di ci che gli pare dipendere dalla pi profonda
fantasia, e del resto sappiamo quanto sia relativa la morale. La scoperta della morale situazionale rende facile
adattarsi a qualsiasi cosa: come si pu vietare qualcosa al tecnico, arrestare un progresso tecnico in nome di un bene
variabile, fugace, continuamente ridefnibile? La tecnica almeno stabile, sicura, evidente. La tecnica,
autogiudicandosi, si trova ormai libera da ci che ha costituito l'ostacolo principale all'azione umana: le credenze
(sacre, spirituali, religiose) e la morale. La tecnica assicura cos in modo teorico e sistematico la libert acquisita. Non
deve pi temere alcuna limitazione perch si situa al di fuori del bene e del male. A lungo si sostenuto che facesse
parte degli oggetti neutri, e quindi non sottoposti alla morale: la situazione che ho appena descritto. Il teorico che
collocava la situazione in questi termini non faceva altro che interinare l'indipendenza di fatto della tecnica e del
tecnico. Tale stadio tuttavia superato: la potenza e l'autonomia della tecnica sono ormai tanto certe che essa si
trasforma in giudice della morale. Una proposizione morale verr considerata valida solo se inseribile nel sistema
tecnico, a condizione di accordarsi con esso124.
Il quarto aspetto dall'autonomia relativo alla legittimit: l'uomo moderno d per scontato che tutto ci che
moderno sia legittimo, e quindi che lo sia anche tutto ci che tecnico. Oggi non ci si limita semplicemente a dire:
La Tecnica un fatto, bisogna accettarla in quanto tale, non le si pu andare contro. Posizione seria che riserva una
possibilit di giudizio. Ma un atteggiamento del genere considerato pessimista, antitecnico e retrogrado. No,

bisogna entrare nel sistema tecnico riconoscendo che tutto ci che viene fatto in tale campo legittimo in s. Non c'
alcun punto di riferimento esterno. Non c' da porsi alcuna questione di verit (poich ormai la verit fa parte della
scienza, e la verit della prassi la Tecnica pura e semplice), di bene o di finalit: tutto ci non pu semplicemente
essere discusso. Dal momento che qualcosa tecnico, anche legittimo, e qualsiasi contestazione sospetta. La
tecnica diventa forza di legittimazione: essa ormai a convalidare la ricerca scientifica, come vedremo. Ci
estremamente significativo, perch fino a oggi l'uomo ha sempre messo in relazione tutto ci che ha fatto con un
valore superiore, che giudicava e fondava l'azione. Tutto ci scomparso a vantaggio della tecnica. L'uomo
contemporaneo ravvisa l'autonomia pretesa dal sistema (che pu avanzare solo se autonomo) e simultaneamente
attribuisce autonomia al sistema accettandolo come legittimo in s. Evidentemente non in seguito a un conflitto tra
due divinit personificate, Morale e Tecnica, che la seconda acquisisce autonomia! l'uomo che, divenuto credente e
fedele della tecnica, la considera oggetto supremo: perch necessario che ci che trova in s la legittimit e non ha
bisogno di nulla per essere giustificato sia supremo! Tale convinzione nasce dall'esperienza e dalla persuasione,
perch il sistema tecnico genera la propria potenza tecnica di legittimazione: la pubblicit. superficiale ritenere che
la pubblicit sia un'aggiunta esterna al sistema, in funzione della dominazione della tecnica da parte della ricerca del
profitto: la pubblicit una tecnica, indispensabile alla crescita tecnica e destinata a fornire al sistema legittimit.
Questa nasce non solo dall'eccellenza che l'uomo pronto a riconoscere alla tecnica, ma dalla convinzione indotta che
ogni elemento del sistema sia buono. il motivo per cui la pubblicit ha dovuto affiancarsi le Relazioni Pubbliche e
le Relazioni Umane. Non la societ di massa e dei consumi ad autoplebiscitarsi, ma la societ tecnica a
integrare l'individuo nel processo tecnico attraverso tale giustificazione.
C' ancora un progresso da fare, d'altra parte naturale: indipendente da morale e giudizi, legittima in s, la Tecnica
diventa forza creatrice di nuovi valori, di una nuova etica. L'uomo non pu fare a meno di una morale! La tecnica ha
distrutto ogni scala di valore anteriore, rifiuta i giudizi provenienti dall'esterno. Ma essendo autogiustificata, diventa
anche giustificante: se ci che era fatto in nome della scienza era giusto, ora lo anche ci che viene fatto in nome
della tecnica. Essa attribuisce la giustizia all'azione dell'uomo, il quale si trova quindi spontaneamente portato a
costruire un'etica a partire da essa, in funzione di essa125. Ci non avviene in modo teorico e sistematico. Tale
elaborazione avverr evidentemente in seguito. Ma l'etica tecnica si costruisce poco a poco, concretamente: la
Tecnica esige da parte dell'uomo un certo numero di virt (precisione, seriet, realismo, e soprattutto la virt del
lavoro!), un certo atteggiamento nei confronti della vita (modestia, dedizione, cooperazione). Essa permette giudizi di
valore molto chiari (ci che serio e ci che non lo , ci che efficace, ci che utile). a partire da tali dati
concreti che si fonda un'etica, perch innanzitutto necessaria un'etica vissuta del comportamento affinch il sistema
tecnico funzioni bene. Essa ha quindi, rispetto alle altre morali, l'enorme superiorit di essere veramente vissuta. Per
di pi comporta sanzioni evidenti e ineluttabili (poich il funzionamento del sistema tecnico a rivelarle), e si impone
quindi come autonoma, prima di costituirsi infine come chiara dottrina, collocata al di l dei semplicistici utilitarismi
del XIX secolo126.
***
Un buon esempio dell'autonomia della tecnica ci stato fornito da un celebre testo: la lezione inaugurale di Jacques
Monod presso il Collge de France nel 1967. Con chiarezza e ingenuit ha spiegato che se la nostra societ si trova
nell'angoscia, se l'uomo moderno vive nell'ansia, a causa della diffidenza dei contemporanei nei confronti della
scienza, del loro atteggiamento d'alienazione nei confronti della cultura scientifica (ottimo test psicologico
dell'uomo di scienza che interpreta la minima riserva nei confronti della Scienza-Tecnica in termini di diffidenza e
non si rende conto della cieca fede, della fiducia magica, dell'irrazionale abdicazione dei contemporanei nei confronti
della scienza!). Vogliamo continuare a vivere in una societ superata, con istituzioni, una morale, un sistema di valori
divenuti obsoleti a causa della scienza-tecnica, e ormai gi quasi annientati. Vogliamo continuare ad attribuire loro
valore, mentre la scienza-tecnica dimostra che non sono pi nulla, che non hanno pi senso n fondamento.
l'attaccamento ai vecchi valori senza riconoscere i nuovi, l'etica della scienza (e quella della tecnica), a rendere
l'uomo infelice. Basta semplicemente adottare l'etica della conoscenza (aggiungendo quella dell'azione!) e tutto
risolto. Il disaccordo tra gli uomini, la nuova societ creata dalla tecnica, il nuovo universo conosciuto grazie alla
scienza placato. Il solo scopo, il valore supremo, il bene sovrano dell'etica della conoscenza non la felicit
dell'umanit, n il potere sul tempo o il benessere, n il 'conosci te stesso' socratico: la conoscenza oggettiva stessa.
Ritengo sia necessario sistematizzare tale etica, liberarne le conseguenze morali, sociali, politiche, diffonderla e
insegnarla, perch, in quanto creatrice del mondo moderno, la sola compatibile con esso. Sarebbe forse meglio dire
che la Scienza ha liquidato tutto ci che costituiva la societ tradizionale e che creatrice di una nuova morale.
Sfortunatamente il nostro scienziato dimentica un particolare: la scienza non pura, si applica. un grave errore
proseguire come fa: Etica conquistatrice e per alcuni aspetti nietzschiana, in quanto volont di potenza, ma di
potenza solo nella noosfera. Etica che quindi insegner il disprezzo della violenza e della dominazione temporale.
Illusione, visto che si tratta di una scienza che pu solo essere applicata, e dal momento che non solo fornisce gli
strumenti della potenza, ma che fa in modo che gli strumenti superino lo spirito di potenza diventando delirio
dionisiaco. una volontaria cecit credere nell'etica sociale della libert per mezzo della scienza, perch una

menzogna affermare che abbia un unico fine, la conoscenza. falso addirittura parlando del pi astratto pensiero
degli scienziati: essa ha un unico scopo reale, l'applicazione. Il passaggio alla pratica il vero senso, il vero criterio
della ricerca. Di conseguenza il fattore decisivo la Tecnica, la nuova morale tecnica. Ci risulta direttamente dal
discorso incompiuto di Monod.
***
L'autonomia della tecnica rende in particolare inutile l'evocazione dei pericoli e delle nocivit. Si classificheranno le
questioni e si cercher di specificarle in settori separati: da un lato l'analisi degli effetti della radioattivit, e dall'altro,
senza poter stabilire alcuna relazione, la ricerca tecnica, con, per esempio, l'applicazione dell'energia atomica alla
produzione di elettricit. Si riterr incongruo mischiare le due cose. Quando Sauvy afferma che quasi tutti i problemi
di inquinamento possono essere risolti attraverso lo sviluppo dell'energia atomica, si guarda bene dal sollevare il
problema dell'inquinamento atomico127. Nello stesso modo, pur conoscendo bene tali pericoli, i tecnici dell'energia
atomica si limitano a far avanzare la ricerca nella propria direzione: il problema maggiore quindi l'utilizzo di
plutonio. L'imperativo della tecnica basta a legittimare la prosecuzione della ricerca senza tener conto degli usi
potenziali (l'accusa rivolta da scienziati e tecnici nei confronti di militari e politici ingenua) n dei pericoli effettivi.
In questo senso l'arma la divisione che permette a ciascuno di sfuggire alla responsabilit dei propri atti. Ognuno
obbedisce all'imperativo di sviluppo previsto dal sistema tecnico, e non a un giudizio nei confronti della Tecnica. E
anche ci che fa della tecnica un sistema giustificatore. Si produce qui lo stesso ribaltamento di cui mi sono
dettagliatamente occupato per il sacro: il fattore desacralizzante diventa a propria volta il Sacro. Il fatto di essere
divenuta autonoma offre alla tecnica una situazione suprema: non esiste nulla al di sopra di essa che possa giudicarla.
Di conseguenza essa si trasforma in istanza suprema: Tutto deve essere giudicato a partire da essa. Ogni cosa fatta a
vantaggio della crescita tecnica perci giustificata. La celebre frase il progresso (tecnico) non si arresta non
significa non si pu far nulla, ma bisogna parteciparvi. Significativamente Sauvy, giustiziere d'idee acquisite,
conclude il proprio libro sulla crescita con il luogo comune: ad ogni modo, la tecnica non si ferma. Ammette quindi
che non ne siamo padroni, ma soprattutto che non possiamo rifiutare il progresso. In altre parole, la tecnica diventa
valore morale: ci che la favorisce bene, ci che la ostacola male. Si finisce per considerare normali le
mostruosit presentate da Rorvik o Toffler per il futuro (come piazzare qualche elettrodo nel cervello dei neonati per
accelerarne l'educazione, accrescerne le capacit di assimilazione, di piacere, ecc.) e quelle ormai gi accettate, come
gli esperimenti terapeutici sull'uomo praticati negli Stati Uniti almeno dal 1949, e ammessi dalla carta delle ricerche
riguardanti l'uomo128. La giurisprudenza francese, che rifiuta di accettare qualsiasi sperimentazione, anche con il
consenso dell'interessato, duramente giudicata dai tecnici: impedisce il progresso. I medici chiedono il potere di
decidere quando il caso di sperimentare e, alla ricerca di una morale tecnica, Fourasti sembra dare loro ragione:
La nascita della scoperta coincide con quella delle sperimentazioni. inconcepibile che oggi un medico non sia
anche uno sperimentatore129. Chiaramente bisogna accompagnare tutto ci al contorno, vale a dire che tutti si sono
messi in movimento alla ricerca delle basi di un'etica collettiva: ci si arroga il diritto di manipolare l'individuo per il
bene della societ, nell'interesse comune, in funzione della solidariet collettiva. la sovrastruttura ideologica
destinata a ripulire la coscienza. In realt in gioco solo l'autonomia della tecnica che giustifica ci che viene fatto in
funzione del potere tecnico. Il discorso morale che vi si aggiunge un'ulteriore giustificazione di ci che si sa
innanzitutto oggettivamente giustificato. Tale capovolgimento evidente nell'articolo di Melvin Kranzberg130, in cui
l'autore mostra chiaramente il fatto che non sono i valori a doverci autorizzare a giudicare la tecnica, semplicemente
perch essa, la tecnica, che invece crea i valori: dimostra che la libert, la giustizia, la felicit sono razionalizzazioni
di ci che la tecnica ha gi fatto. I valori vengono dopo: la tecnologia li crea, ma allo stesso modo pu renderli
obsoleti. L'uomo ha potuto pensare e parlare di libert perch la tecnica ha eliminato schiavit e servit. Pertanto
non c' pi contraddizione tra un umanismo ben compreso e la tecnica. Tutto poggia sull'uso che l'uomo fa della
tecnica: Il punto non sapere se l'uomo dominer la tecnica ma se l'uomo possa dominare se stesso: l'imperativo
tecnico uguale all'imperativo umanista. Si incontra spesso l'affermazione secondo la quale la tecnica svela la
capacit dell'uomo. Il computer l'uomo messo a nudo, ecc. In altre parole, in tutte queste affermazioni e
pseudoevidenze, la tecnica quell'ultimo, quel valore in funzione del quale tutto deve essere giudicato, apprezzato,
ordinato, e di conseguenza la tecnica autonoma senza che si abbia avuto l'audacia di formulare tale oltraggiosa
verit.
***
Restano, per concludere questa parte sull'autonomia, due osservazioni. Una sulla relazione tecnica-limite, l'altra sulla
neutralit della tecnica.
Ovviamente, quando avanziamo il carattere di autonomia, dobbiamo ricordare quanto detto a proposito del fattore
determinante: non si tratta di un'autonomia metafsica e assoluta, dato che la tecnica non sottomessa ad alcuna
determinazione n pressione. In realt c' sempre interrelazione e Beaune131 ha ragione nel dire che se la tecnica
dotata di autoregolazione, di normalizzazione, ecc., se il progresso tecnico la causa principale, ad esempio, della
concentrazione delle imprese, reciprocamente queste costituiscono il luogo privilegiato della creazione scientifica e
tecnica. Tutti i rapporti sono reciproci: Tecnica-Stato, ecc., ma prima di piegarsi al condizionamento di un'istanza

esterna, la tecnica prosegue il proprio sviluppo in virt dei propri imperativi intrinseci: l'influenza esterna funziona da
freno, o orientamento, o deviazione, o assimilazione e adattamento, ma gioca sempre un ruolo di secondo piano, dopo
lo svolgimento del processo intrinseco. Per via di tale autonomia, la tecnica sconvolge la relazione tradizionale tra
Teoria e Pratica. L'errore dell'interpretazione marxista della relazione tra Teoria e Pratica in relazione alla societ
tecnica stato validamente messo in luce da Charbonneau132: Come passare dalla teoria alla realt, in un mondo in
cui, mentre la teoria diviene monopolio della scienza, la pratica diviene quello dello Stato?.
La tecnica soppressione dei limiti. Non esistono operazioni impossibili o vietate per essa. Non si tratta di un
carattere accessorio o accidentale, ma l'essenza stessa della tecnica: un limite sempre solo ci che non si pu
realizzare dal punto di vista tecnico - semplicemente perch al di l del limite c' un possibile da realizzare. Non c'
alcuna ragione di fermarsi a tale punto. Non esiste alcun confine delimitante un campo autorizzato. La Tecnica si
comporta nell'universo qualitativo esattamente come i razzi nel Cosmo: si pu arrivare solo fino a un certo punto
perch i mezzi non permettono ancora di raggiungere Marte o Venere. Cos'altro, a parte la mancanza di mezzi, pu
impedircelo? Ma lo stesso nel campo umano, sociale, ecc.? I limiti, in questi campi d'azione, sono qualitativamente
diversi dalla tecnica e quindi non possono essere riconosciuti e accettati come tali da essa. Ci sono cos solo due tipi
di limite: quelli dovuti alla mancanza di mezzi e quelli qualitativamente incommensurabili (e che quindi non possono
essere riconosciuti come limiti). La Tecnica cos non un fenomeno trasgressore, ma un fenomeno che si situa in un
universo potenzialmente illimitato perch essa stessa potenzialmente illimitata: presuppone un universo a propria
misura, e quindi non pu accettare alcun limite preliminare. Tutti sono d'accordo nel dichiarare che la ricerca
scientifica debba essere libera e indipendente. Cos come la tecnica. I moderni zelatori dell'abolizione della morale
sessuale, della struttura familiare, del controllo sociale, della gerarchia dei valori, ecc. sono solo portavoce
dell'autonomia tecnica nella sua assoluta intolleranza nei confronti di qualsiasi limite: sono perfetti conformisti
dell'ortodossia tecnica implicita. Credono di combattere per la propria libert, ma in realt la libert della tecnica,
della quale essi ignorano tutto, che servono ciecamente schiavi del peggiore dei destini.L'ultima osservazione
riguarda la neutralit della tecnica. Quando dico che la tecnica autonoma, non voglio dire che sia neutra, ma al
contrario che essa possiede una propria legge e un senso in se stessa. La tecnica non uno strumento che l'uomo pu
utilizzare a piacimento. Possiede un proprio peso, una propria direzione. Richta sottolinea saggiamente che tutte le
teorie sulla neutralit della tecnica sono nate a partire dall'industrializzazione. Ci accaduto perch in nessun
periodo precedente le forze produttive avevano assunto tale forma indifferente al commercio degli individui in quanto
individui133. interessante sottolineare che, quando nel 1950 ho sostenuto la non neutralit della tecnica, sono stato
attaccato su due fronti: da un lato in funzione dell'ideologia illustrata da Richta, secondo la quale l'uomo rimane
padrone di utilizzare uno strumento per il bene o per il male. La frase di Marx mostra chiaramente l'origine di tale
argomentazione. Dall'altro lato mi fu rimproverato da parte dei marxisti di distogliere l'uomo dalla lotta politica, di
depoliticizzarlo centrando tutto sulla tecnica: ci significa obbedire ancora all'ideologia di una neutralit della tecnica
credendo che se essa non innocente solo perch in cattive mani (che bisogna cambiare politicamente): ma anche
questo un antimarxismo. Charbonneau134 dimostra implacabilmente come la tecnica tenda a divenire il proprio fine
nascondendosi sotto l'idea di libert. Non neutra: lo sembra solo quando ci si impone automaticamente. Ci che
scambiamo per neutralit della tecnica la nostra neutralit nei suoi confronti. Attualmente si sta verificando un
capovolgimento a questo proposito: si ammette che la tecnica non sia neutra. Ma con un controsenso quando si
intende ci come fanno i marxisti: per i marxisti la Scienza e la Tecnica non sono neutre perch esprimono i rapporti
di produzione capitalista. La Scienza un'ideologia (quindi non oggettiva) che riflette le idee della classe dominante,
la tecnica uno strumento di dominazione di tale classe. Ritengo tutto ci profondamente inesatto. La Scienza e la
Tecnica rimangono identiche in un mondo socialista (compreso in Cina!) con i loro effetti e le loro strutture, ed
semplicemente un abile raggiro idealista a persuaderci del loro cambiamento di segno, comparabile alla credenza
cristiana in un Paradiso. Per me la non neutralit della Tecnica significa che essa non un oggetto inerte utilizzabile
in qualsiasi modo e per qualsiasi scopo da un uomo sovrano. La tecnica possiede in s un certo numero di
conseguenze, rappresenta una certa struttura, certe esigenze, comporta certe modificazioni dell'uomo e della societ,
che si impongono che lo si voglia o meno. Procede autonomamente in una certa direzione. Non dico che sia
totalmente irrimediabile, ma per cambiare tale struttura o orientare diversamente il movimento necessario un
immenso sforzo per controllare ci che si ritiene mobile e orientabile, necessaria la presa di coscienza
dell'indipendenza del sistema tecnico, alla quale si oppone la rassicurante convinzione della neutralit della tecnica135.
Capitolo secondo
L'UNIT136
Il sistema tecnico innanzitutto un sistema, cio un insieme le cui parti sono strettamente collegate le une alle altre,
interdipendenti, e obbediscono a una comune regolarit.
L'Unicit semplicemente l'espressione concreta del sistema: le tecniche sono legate le une alle altre in modo da
esistere solo in funzione reciproca. Sono completamente dipendenti. Non torneremo su tale argomento, del quale ci

siamo occupati nella parte precedente. Esamineremo solo le condizioni e le conseguenze dell'Unicit. Non si tratta di
un fenomeno nuovo: esiste sin dall'apparizione della tecnica moderna. Furia, nella sua eccellente opera137, mostra
come sin dagli inizi della Rivoluzione Industriale tutte le tecniche siano legate le une alle altre: ad esempio, le
macchine tessili e quelle a vapore avevano bisogno, per funzionare bene e a lungo, di pezzi metallici fabbricati con
precisione - da qui nata l'importanza della fabbricazione e dei perfezionamenti delle macchine e degli attrezzi. Non
sono tuttavia cos certo che il prodotto della macchina fosse pi preciso di quello creato da un artigiano, nonostante la
certezza e gli esempi offerti da Daumas138, secondo il quale tutte le innovazioni che tra il 1760 e il 1830
trasformarono l'industria sono legate allo sviluppo della meccanica industriale. La realizzazione dell'alesatrice era
quindi indispensabile per ottenere una tenuta soddisfacente tra il pistone e il cilindro della condensatrice di Natts. Un
artigiano avrebbe sicuramente fatto altrettanto bene, ma il lavoro avrebbe richiesto l'acquisizione di una nuova
tecnica!
Il progresso tecnico costituisce un tutto i cui diversi elementi sono concatenati tra loro da tensioni che li rendono
dipendenti gli uni dagli altri139. Il che significa che ogni scoperta pu essere applicata a un notevole numero di ambiti,
ogni apparecchio diventato polivalente. Il computer pu essere, ad esempio, applicato a tutto: gestione, istruzione,
medicina, vita pratica, impiego del tempo140, ecc. Lo stesso vale per il laser141, e in un campo completamente diverso
per le strutture gonfiabili che possono essere utilizzate per l'agricoltura, i trasporti, le telecomunicazioni142, ecc.
Diventa un obiettivo cosciente: si cercano sempre pi tecniche polivalenti (come accade per il nuovo programma
della NASA), ma ci provoca di conseguenza un'unit fondamentale dell'intero campo della tecnica: la ramificazione
delle applicazioni tende a modificare l'insieme delle attivit secondo uno stesso modello.
***
semplice riconoscere l'identit dei caratteri del fenomeno tecnico, ovunque questo avvenga. Che sia in Inghilterra,
in Giappone, negli Stati Uniti o in URSS, presenta le stesse cause, provoca gli stessi effetti, d all'uomo un simile
quadro di vita, gli impone una forma di lavoro, implica le stesse modificazioni degli organismi sociali e politici, esige
le stesse condizioni per la propria crescita e il proprio sviluppo. Ci vale quali che siano le origini storiche, le
situazioni o le possibilit geografiche, i regimi sociali o politici. Sicuramente ci sono differenze, sfumature, ma sono
ampiamente secondarie. Le esigenze di coloro che si trovano immersi nel sistema tecnico, pur potendo mutare
leggermente a seconda dei costumi, rimangono essenzialmente le stesse. Ci troviamo in realt ovunque di fronte a
tratti comuni del fenomeno tecnico, talmente netti da rendere estremamente semplice riconoscere cosa appartenga al
fenomeno tecnico e cosa no. Le difficolt riscontrabili nello studio della tecnica provengono dal metodo da
impiegare, dal vocabolario, dalla complessit dei fatti, ma non dal fenomeno in s, eminentemente semplice da
constatare. Appare sempre pi evidente che cos come ci sono fattori comuni tra oggetti cos diversi quali un razzo e
un televisore, cos esistono caratteri identici tra l'organizzazione di un ufficio e i metodi di costruzione di un aereo.
C' una straordinaria diversit di apparenze nella proliferazione di lavori, oggetti, macchine, metodi, ma dietro tale
diversit si percepisce una trama ovunque piuttosto simile, e un immenso sistema di correlazioni ininterrotte.
Molti autori hanno parlato di ricadute tecniche: quando si lavora a un progetto enorme, gigantesco, come la bomba
atomica o la conquista dello spazio, si portati a creare metodi di lavoro, prodotti, elementi tecnici, alcuni dei quali
saranno in seguito utilizzati in modo generale, diffuso in oggetti o in forme aventi un impatto su tutti. Tutti sanno che
le ricerche relative ai razzi interplanetari hanno portato a un miglioramento della tecnologia dei metalli,
dell'elettronica, dell'informazione, della balistica, e addirittura della miniaturizzazione. La messa a punto dei
circuiti integrati ha provocato considerevoli trasformazioni nelle quantit di prodotti industriali. Lo stesso vale per il
notevole miglioramento di radio e televisione, che porta alla cosiddetta quarta epoca dei computer, o per le ricerche
che hanno fatto avanzare la tecnica di affidabilit dei materiali, con notevoli cambiamenti per l'aviazione.
La nozione di ricaduta stata vivamente contestata da Closets143, in parte a giusto titolo. L'affermazione secondo la
quale il concetto di ricaduta stato diffuso dai servizi militari e dalla NASA per giustificare le enormi spese dedicate
alla ricerca nei relativi ambiti e spiegare che le scoperte tecniche risultano in ultimo utili in molti campi, assicurando
un progresso tecnico generale, probabilmente esatta; che si tratti di un postulato indimostrato secondo il quale la
costruzione di un razzo permette automaticamente di scoprire un dato nuovo procedimento tecnico, mi sembra meno
certo. Closets rifiuta di vedere la polivalenza dei prodotti e dei procedimenti tecnici. Ovviamente i prodotti finiti
realizzati per la costruzione di un razzo non sono immediatamente commercializzabili o generalizzabili, ma
sicuramente le basi che hanno permesso la fabbricazione di tali prodotti sono generalizzabili a condizione che vi sia
un trasferimento. E probabile che le ricadute pi importanti siano indirette. Come dice Closets stesso: Si basano sui
metodi di organizzazione, l'arte di utilizzare nuove tecniche, e fa il noto esempio del metodo PERT: creato per la
costruzione dei missili Polaris, stato applicato come modello organizzativo delle operazioni complesse nei pi
diversi ambiti: ci consiste di tecniche (di organizzazione) e dimostra meglio di qualsiasi altra cosa l'unicit
dell'insieme.
Perch il progresso avvenga in questo modo, e perch ci siano ricadute, necessaria un'ampia diffusione: si deve
riconoscere in questo campo la franchezza dell'informazione americana. Gli Americani sono i soli ad aver compreso
veramente il Sistema Tecnico e le sue regole. Pubblicano cos rapidamente le invenzioni tecniche, perch sanno da

un lato che comunque altri lo faranno pi o meno rapidamente, e dall'altro che questa la condizione per la velocit
di crescita tecnica. In Francia, invece, una delle ragioni del blocco tecnico dovuta alla dispersione delle quipes, alla
mancanza di coordinamento dei programmi e al segreto reciproco tra laboratori. Tutte le tecniche hanno un'azione
reciproca, le une sulle altre, si compenetrano, si associano, si condizionano reciprocamente. Se non fossero esistiti i
trasporti veloci l'urbanizzazione, la crescita industriale, il consumo di massa non sarebbero stati possibili144. Ogni
settore provoca, esige l'apparizione di decine di nuove tecniche in tutti i settori - materiale, organizzazione, psicologia
- le quali si ripercuotono sull'utilizzo, sulla crescita dei trasporti, il che implica nuove ricerche tecniche in tale
campo145. Le tecniche non esistono in sviluppo parallelo, non si presentano in ordine sparso in un campo diverso e
allogeno. La possibilit di realizzazione di una data tecnica esige in realt un certo numero di realizzazioni di altre
tecniche (talvolta molto distanti, apparentemente senza rapporto!) - e, in modo reciproco, il progresso di ogni tecnica
provoca o esige per realizzarsi, un progresso di tecniche diverse o molteplici. Ci oggi cos risaputo che si cerca di
associare deliberatamente tecniche che apparentemente non hanno nulla a che vedere l'una con l'altra per vedere ci
che pu accadere. diventato normale associare tecniche meccaniche, elettromagnetiche, biologiche, psicologiche,
ecc146.
E importante notare che, secondo molti dei migliori sociologi della tecnica, il punto basilare non l'invenzione, ma
l'unione di diverse tecniche. Il prototipo di un'invenzione quasi sempre difettoso: si ritiene che l'avanzata americana
sia dovuta alla capacit di produrre serie di modelli considerevolmente migliorati attraverso l'incorporazione nella
loro struttura di elementi provenienti da altre tecniche e perci capaci di prestazioni o efficacia maggiori (Freeman).
In altre parole, il problema del progresso tecnico consiste nelle correlazioni e nelle informazioni tecniche.
Tali correlazioni portano a imporre la tecnica anche l dove non sembra necessaria. Affinch la societ si tecnicizzi,
anche l'insegnamento deve adattarsi. L'Universit deve essere pi tecnica per produrre individui meglio addestrati a
utilizzare le tecnica nella societ, l'ENA (Ecole Nationale d'Administration) deve abbandonare la tendenza alla
formazione umanista. E necessario che i suoi allievi siano formati all'uso di tutte le nuove tecniche, di ogni ordine,
dentro e fuori l'amministrazione: tale l'obiettivo delle riforme dell'ENA del 1969. Chiaramente, cos formati, gli ex
allievi accelereranno l'applicazione delle tecniche e rinforzeranno l'uso di strumenti multipli di questo tipo. Tutto
funziona per effetti reciproci. quindi diventato impossibile, allo scopo di un esame e della comprensione,
considerare una tecnica presa in s, con relativi progressi, metodi ed effetti; perch il vero problema, anzi, direi, la
vera realt della nostra societ, il sistema di relazioni tra le diverse tecniche e le ripercussioni reciproche delle une
sulle altre, che si sviluppano in ramificazioni tanto complesse che si finisce per avere conseguenze generalizzate.
quindi necessario studiare il sistema di relazioni tra le tecniche.
Questo oggetto di studio della sociologia, poich la sintesi avvenuta tra le diverse, innumerevoli tecniche ha
provocato una mutazione del corpo sociale e della vita umana. Arriviamo cos a un'altra certezza relativa all'unicit
della tecnica e all'esistenza di un sistema. Tutti parlano di tali trasformazioni. La famiglia, le fabbriche, gli uffici, le
associazioni, le forme politiche hanno subito enormi modifiche da un secolo a questa parte. Svaghi, viaggi, ritmi di
lavoro, livello di vita, inutile enumerare le centinaia di esempi. ci che ci si aspetta. Quando ci si trova di fronte a
un'impresa tecnica che non sembra comportare grandi conseguenze pratiche per la societ o l'individuo, ci si pone
subito la domanda: A che pr?. Chiedersi per quanto riguarda la conquista dello spazio. A che cosa servir tutto
ci?, non significa dimostrare un tremendo atteggiamento utilitarista, ma esprimere l'evidenza che la tecnica
modifica tutte le forme di vita. Ha creato nuovi comportamenti, credenze, ideologie, movimenti politici. Determina i
fattori di vita, i livelli e i modi d'esistenza. Tutto ci forse accaduto per via degli aerei, degli apparecchi televisivi,
dei metodi di organizzazione, delle manipolazioni psicologiche? Se tutti gli aspetti della vita umana e sociale sono
cambiati, fondamentalmente perch l'ambiente in cui l'uomo si trova, il suo sistema di riferimento e l'insieme delle
modalit d'azione sono fondamentalmente e globalmente cambiati147. Ci non avviene in seguito all'apparizione di un
dato apparecchio o metodo, al contrario necessario che sia un nuovo ambito, un nuovo sistema di riferimento, un
nuovo complesso globale di metodi d'azione: ci che in effetti il sistema tecnico. La conoscenza, il discernimento
della generalit degli effetti della tecnica ci obbliga a risalire alla generalit del sistema. E esso ormai a tessere il
quadro di unit della nostra societ. La Tecnica non pi, come un tempo, un fattore tra gli altri di una societ. La
societ, generando una civilt, creava l'ambiente in cui una Tecnica poteva collocarsi. Al contrario, quest'ultima
diventata non solo il fattore determinante, ma addirittura l'elemento avvolgente all'interno del quale si sviluppa la
nostra societ. Bisogna prendere coscienza della relazione che esiste tra ci che ci sembra tecnico e ci che ci sembra
altro. Addirittura le attivit pi indipendenti, le meno tecniche, si collocano, che lo si voglia o meno, all'interno del
sistema tecnico, cos come nel Medioevo tutto si situava (anche quando non c'era rapporto diretto o visibile) nel
sistema cristiano148. Da un lato tutto interpretato, compreso, acquisito in termini di tecnica, dall'altro tutto
modificato dalla semplice presenza delle tecniche: se si considerano la crisi delle Chiese, l'aggiornamento149, i
cambiamenti spirituali e liturgici, tutto ci non accade per influenza diretta di una data tecnica, ma perch ormai la
vita religiosa ed ecclesiastica si situa all'interno di un mondo tecnico. Il punto estremo qui la sistematica ricerca
delle trasformazioni teologiche implicate e lo sforzo per applicare direttamente le tecniche: per esempio l'informatica,
la linguistica, le dinamiche di gruppo, ecc. Ovviamente tali tentativi non si spiegano con il genio inventivo degli

autori, ma per il fatto che essi sono talmente immersi nel sistema tecnico da non vedere pi come un'attivit non
tecnica sia concepibile. E necessario, infine, ricordare che tale unicit gioca nel tempo. Le imprese tecniche sono
avventure di lunga durata. La tecnica non evolve per salti e variazioni: si perpetua. Intraprende un dato orientamento
tecnico, implica una tale messa in opera di capitali, di forze umane, di organizzazione, di altre tecniche, di progetti
che impossibile sia bloccarli, sia intraprendere un'altra via, sia tornare indietro. Come vedremo, gli effetti sono
cumulativi e gli orientamenti imperativi. Le apparecchiature che influenzano la nostra vita o la qualit dell'ambiente
hanno effetti a lungo o a lunghissimo termine. Subiamo le conseguenze di decisioni prese molto tempo fa e a riguardo
delle quali non possiamo pi fare nulla. Ho tentato di mostrare dettagliatamente tutto ci in L'Illusion politique, come
Kolm ha fatto in Economia Politica. L'unicit rende il sistema concretamente (non ideologicamente, perch sempre
possibile immaginare un'utopia di malleabilit delle tecniche!) rigido e coerente. Nell'adottare un orientamento
tecnico, bisogna dunque prevedere tali impegni, considerare il benessere delle generazioni future. Ma ci non
rientra nei piani!
***
Gli aspetti positivi e negativi del fenomeno dell'Unicit della Tecnica vengono messi in risalto in particolare dai
computer. Si pu dire che i computer possiedano una potenza inimmaginabile che per non viene utilizzata. Sono
bloccati su ogni fronte dalla mancanza di progresso nelle altre tecniche. Furia150 constata, ad esempio, che, pur
essendoci una terza generazione di computer, non c' una terza generazione di applicazioni. Pi della met dei
computer non sono redditizi per via di tale deficienza, li si utilizza con programmi concepiti per la generazione
precedente, si traspongono, per mancanza di tecniche intellettuali, le applicazione studiate per computer superati. Il
software sembra essere sempre pi in ritardo sull'hardware: l'uomo si vede quindi obbligato a cercare adattamenti
tecnici e a inventare apparecchi nei quali funzioni fino a oggi realizzate da programmi (non pi effettuabili dall'uomo)
saranno integrate alla logica, alla struttura stessa del computer: una parte del software, troppo costosa e difficilmente
aggiornata, deve essere rimpiazzata da un perfezionamento del computer. Perch uno strumento come il computer
trovi il proprio spazio, necessario che si inserisca in un ambiente tecnologico molto avanzato, poich collega tutte le
parti del sistema, ma esige da parte di tutte le tecniche un avanzamento che le aggiorni in funzione del nuovo
venuto. In questo modo il computer spesso bloccato dalla mancanza di strumenti di comunicazione (Elgozy): si pu
avere un servizio informatico perfetto che gli altri tipi di comunicazione rendono per inoperante. Se il computer non
rende quanto potrebbe, ad esempio a causa del ritardo di telefono e fax: privata di tali strumenti, l'informatica per
l'informatica privata di ogni interesse. Ci, pur presentandosi come un'esigenza, lungi dall'essere
immediatamente realizzabile: ci vorranno nuove mutazioni tecniche. Si gi assistito a tale fenomeno per le
periferiche. Per anni le possibilit dei computer sono state bloccate dalle periferiche, essenzialmente ideate per
trattare carta (schede perforate o listing) o per avvolgere nastri magnetici. Tutto ci (e addirittura i dischi magnetici
organizzati in gruppi removibili, dispack) infinitamente inferiore rispetto al computer. Nel 1972, se si era alla terza
generazione di computer (uso di circuiti elettronici integrati invece dei transistor e dei tubi elettronici delle
generazioni precedenti) e ci si avvicinava alla quarta, per quanto riguardava le periferiche non si era ancora alla
seconda. La raccolta di dati lenta quanto l'emissione dei risultati. In Francia la raccolta dei dati avviene ancora su
carta per il 57%. Ma non solo una questione di innovazione tecnica: anche, come lo da qualche anno per la TV,
una questione di standardizzazione (altro imperativo dell'unicit tecnica). Non c' ancora standardizzazione delle
interfacce computer-periferiche, perch bisogna adeguarsi alle norme di ogni costruttore di computer: ci,
chiaramente, blocca l'eventuale progresso delle periferiche. Queste possono avanzare solo a condizione di una
standardizzazione, che implicherebbe anche la standardizzazione dei computer! Ci comporta, in tempi pi o meno
rapidi, una nuova concentrazione - come ha perfettamente spiegato Latts151. Il progresso informatico implica, per la
creazione di macchine, una unit di comando, cos come una teleinformatica senza frontiere, e quindi l'essenziale
messa in discussione tecnica di strutture economiche e politiche. L'unicit delle tecniche tende a essere tanto stretta
che non si pu pi introdurre un'innovazione importante in un punto qualunque del sistema senza provocare
immediatamente perturbazioni e un'esigenza di progresso tecnico di tutti gli altri fattori.
***
L'unicit del sistema tecnico comporta un gran numero di conseguenze. La prima, sulla quale non insister, la
necessit di un ordine tecnico di secondo grado, ossia la moltiplicazione delle istanze tecniche destinate a organizzare
l'unicit del sistema, cos come necessaria un'organizzazione scientifica del progresso scientifico.
Ricordiamo anche che l'unicit del sistema comporta la necessit di correlazione tra le tecniche. Questa sembra tanto
decisiva che alcuni prendono in considerazione, addirittura in un'economia liberale, di creare nuovi organismi con
lo scopo di acquisire un'autonomia sufficiente in campi tecnici diversi e al contempo di stabilire una sorta di missione
diplomatica tra le imprese, in modo da aiutare efficacemente il passaggio di conoscenze specialistiche da una
direzione all'altra. Si sfocia cos stranamente in una sorta di rinuncia alla concorrenza in nome della necessit alla
cooperazione tecnica, che domina tutto152.
Di altro ordine sono le conseguenze dovute a tale unicit: l'impossibilit di distinguere tra tecniche buone e cattive, la
relazione tra forme e contenuti delle tecniche, l'identit tra la tecnica e il suo utilizzo, la polivalenza di ogni tecnica,

l'indipendenza del sistema tecnico nei confronti dei regimi politici o sociali, l'impossibilit di relegare una tecnica a
un uso ridotto e di impedirne il passaggio nell'uso pubblico, ecc153. Non vado oltre. Ricordo solo che l'unicit del
sistema, che ne permette sia il rapido sviluppo sia l'equilibrio, pu, in alcuni casi, essere anche la causa della sua
fragilit: quando viene colpito un punto, tutto rischia la paralisi. Il sistema tecnico, nel quale tutte le tecniche sono in
relazione e coordinate, deve essere paragonato alla rete elettrica dalla quale tutto dipende. Una catenaria spezzata
comporta a causa della solidariet-tecnica di tutta la rete notevoli conseguenze umane ed economiche: interruzione
dello spostamento in massa dei lavoratori, arresto del lavoro nelle fabbriche interessate, ritardo nell'arrivo delle
materie prime, ore di lavoro perdute che si ripercuotono, ad esempio, per Parigi sui 260.000 pendolari che arrivano
alla Gare du Nord, sui 300.000 in arrivo alla Gare Saint Lazare. Il minimo incidente costa caro alla collettivit. Pi il
sistema uno, pi fragile.
Consideriamo ora un altro ordine di conseguenze: poich il fenomeno dotato di unicit, nel momento in cui si cerca
una risposta a un dato inconveniente, una soluzione alle difficolt provocate dalla tecnica, una soluzione a un dato
problema, non bisogna considerare un fenomeno tecnico separato, isolato dal contesto; bisogna al contrario
considerare il sistema, perch generalmente da una veduta globale che si comprende il motivo di un dato fattore che
sembrerebbe assurdo, e che si misura la complessit delle questioni poste. Abitualmente, si considera tale elemento
separato, il che permette in apparenza di trovare una risposta soddisfacente; ma ci si chiede con irritazione perch tale
risposta non venga applicata. Si cercano allora ragioni mitiche, influenze di un regime politico, di una struttura
economica, di un'ideologia alogica: la soluzione proposta semplicemente inapplicabile per via del contesto tecnico
globale nel quale si dovrebbe inserire.
Prendiamo qualche esempio. Oggi tecnicamente facile fornire al pubblico un'informazione corretta, oggettiva,
generale, immediata. Addirittura il difficile problema dell'onest, della non ingerenza di interessi politici o economici
pu essere tecnicamente risolto. Va tutto bene, quindi. In realt no.
Perch non ci si occupa dell'effettiva situazione, nel campo tecnico, del ricettore e utilizzatore dell'informazione, cio
l'uomo informato. Lo stile di vita creato dall'ambiente tecnico fa s che egli non possa essere correttamente informato;
gli mancano la formazione intellettuale, il tempo e il senso. Non a causa di un difetto umano, ma a causa della
condizione tecnica. Il problema della buona informazione ormai studiato a livello delle informazioni tecniche,
apparentemente le sole a poter essere effettivamente trattate: perch bisogna distinguere l'informazione di tipo tecnico
(riguardanti i dati) e l'informazione generale del cittadino medio. La prima invadente, opprimente, ma si creduto
(e i non informati ancora lo credono!) di poterla dominare grazie al computer: tutte le informazioni devono solo
essere inserite nel computer e grazie all'informatica si arriver ad avere il tutto. Al contrario, l'informazione
generale deve essere acquisita e conosciuta da ogni cittadino, altrimenti non pu essergli utile per la formazione di
un giudizio. Ci si resi tuttavia conto che la conoscenza diretta umana indispensabile anche per le informazioni
tecniche154: La distribuzione e l'uso dell'informazione pongono un problema tanto pi sensibile mano a mano che le
organizzazioni si ingrandiscono e che le loro linee di struttura si aggrovigliano. Le decisioni che interessano il sistema
di circolazione dell'informazione tecnica assumono in queste condizioni un effetto moltiplicato. Dirigenti, esecutori,
organizzatori sono ugualmente interessati dalla regolazione di tale sistema. Abbiamo allora un interessante esempio
di unicit delle tecniche: affinch l'informazione passi e sia correttamente utilizzata, necessario un intervento di tipo
psico-sociologico per rendere un dato gruppo o una data persona adatti a ricevere e utilizzare l'informazione.
Ingegneria, informatica, psicologia, ecc. devono quindi cooperare per ottenere risultati positivi dall'insieme delle
tecniche d'informazione. Da un lato ci sono dunque blocchi dovuti a certe tecniche, dall'altro cooperazioni rese
sempre pi necessarie.
E possibile anche trovare la migliore tecnica pedagogica, che assicuri la formazione della persona e lo sviluppo delle
conoscenze: tecnicamente, si sa gi. Ma la ricerca non tiene conto della crescita demografica, n dell'aggravamento
dell'et intermedia (la situazione dei giovani adulti la cui formazione intellettuale dura sempre pi a lungo,
escludendoli dalla vita pratica), n dell'equilibrio professionale in un dato corpo sociale. Anche questi sono problemi
dovuti alla tecnica.
Dal punto di vista agricolo si continua a ripetere che in Francia la cosa migliore sarebbe la riduzione della
popolazione contadina al 15% di quella totale. Evidenza di tecnica economica resa possibile dalla meccanizzazione e
dai prodotti chimici. Ma, se lo spopolamento delle campagne si aggrava ulteriormente, ci si scontra con i difficili
problemi della crescita urbana, con i drammi psicologici dell'adattamento a un nuovo ambiente, con le difficolt
economiche d'impiego, ecc. Tutto ci dipende dall'influenza dell'ambiente tecnico sull'uomo sradicato, o dalle
possibilit tecniche nei settori prossimi a quello rurale. Si potrebbero fare molti altri esempi. Tutti mostrano che nella
nostra societ non si pu sperare di risolvere un problema in modo isolato, perch esso si presenta come un insieme
indissociabile, la cui struttura il sistema tecnico. Le risposte, come la societ, devono essere globali. Senza queste
condizioni, si finisce in una delle seguenti situazioni: ognuno vuole fornire la risposta conveniente alla propria
specialit, nel proprio campo, ma se la soluzione ben adattata al problema, essa sfalsata in rapporto al resto della
societ, divenendo talvolta inapplicabile, ed essendo in ogni caso inadeguata, poich ogni situazione tecnica dipende
dall'insieme della struttura. Il campo di ogni tecnico infatti condizionato dalle tecniche dei campi vicini. Il tecnico

non pu ambire a un lavoro esclusivamente specializzato. Ci d'altronde ampiamente noto e riconosciuto: ovunque
si sente affermare che oggi il lavoro solitario non pi possibile, possibile solo quello d'quipe. Ogni tecnico deve
lavorare con i colleglli di specialit differenti. E un luogo comune, ma non se ne colta la reale portata, dato che di
solito lo si applica a settori limitati: noto ad esempio che centinaia di specialit diverse cooperano alla realizzazione
di razzi interplanetari. Ma necessario applicare lo stesso concetto a tecniche non materiali. Per la preparazione
psico-fisiologica degli astronauti ci si resi conto che ci volevano quasi trenta specialisti. A livello pi basso, non si
parla forse di quipe medica? Un malato non pu pi essere curato da un medico, anche se affetto da una malattia
precisa. E necessaria una quipe. Lo stesso vale per le tecniche sociologiche o politiche. Bisogna anzi arrivare a
coordinare tecniche d'ordine diverso. Incontriamo qui per una difficolt maggiore: meglio si conosce un problema,
pi se ne analizzano i dati, e pi si capisce la complessit di ogni fenomeno. Ci sono in particolare le zone di
frontiera, ogni problema contornato da una sorta di aura, pi o meno distante dal centro. Si deve intervenire
tecnicamente in queste zone? Aumenta il numero di tecniche da utilizzare, il coordinamento si fa sempre pi difficile,
e si finisce col non sapere pi esattamente se l'uso di una data tecnica complementare utile, o se alla fine si avr
l'effetto opposto a quello sperato. Ma se questa la situazione, ben nota ai tecnici, non si tratta d'altro che
dell'illustrazione (e della prova) della globalit, dell'unicit del sistema tecnico. Non tenerne conto rischia di portare a
un 'impasse (seconda situazione da sottolineare): un tecnico non giunge a fornire una soluzione soddisfacente a un
problema nel proprio campo particolare; pensa allora di rinviarlo, tale e quale, a un'altra specialit tecnica. Il secondo
specialista, tuttavia, non pu prendere sul serio il problema perch non lo riguarda direttamente, o potrebbe non avere
alcun mezzo per risolverlo. Un esempio: un tecnico di psicosociologia del lavoro, di ergonomia, dell'organizzazione
del lavoro potrebbe concludere che nelle attuali condizioni non ci sia alcuna soluzione alla fatica nervosa, alla
depressione, all'ansia, all'alienazione, alla reificazione (per usare termini vaghi ma comodi!) del lavoro di
fabbrica. Si pu per sbarazzare del problema dicendo: Tutto ci pu essere risolto grazie allo svago. Sta al tecnico
dello svago occuparsene. Il tecnico dello svago, da parte sua, giunge alla conclusione che lo svago non ha alcuna
virt in s, e tutto dipende dalla personalit di colui che ne usufruisce. Esso pu essere deleterio se chi ne usufruisce
incapace di gestire la propria vita. Lo svago non ha alcun senso n virt se nemmeno il lavoro ne ha. Non ci sono un
lavoro distruttore e uno svago costruttivo: un lavoro senza valore n senso porta direttamente l'uomo a uno svago
senza valore n senso. Questo piccolo (e grande!) esempio dimostra fino a che punto nessun tecnico possa sbarazzarsi
di un problema rinviandolo a un altro specialista. Solo il coordinamento della ricerca e dell'applicazione possono
portare a un risultato perch le diverse tecniche non funzionano separatamente, ma sono integrate in un insieme
coerente.
Reciprocamente, e in modo fondamentale, non si pu mettere in questione una tecnica senza guardare a tutto il
sistema. Non serve a nulla cambiare un aspetto, un procedimento se non si mira a ristrutturare il tutto! Ad esempio, il
libro Les Conditions de travail155 rinnova la questione ormai tradizionale della critica al Taylorismo e al lavoro
industriale in generale. Mette perfettamente in luce il carattere assorbente e conformizzante delle tecniche moderne e
sottolinea come una messa in discussione delle tecniche in quanto mezzi causi in realt la messa in discussione di
tutto il sistema e dei suoi obiettivi. Wiener, in particolare, dimostra che il processo tecnico impedisce di procedere a
veri miglioramenti del lavoro se non si mette in causa l'obiettivo della produttivit. Non si possono migliorare
realmente le condizioni di lavoro se non si rinuncia a volere accrescere la produttivit a ogni costo. Allo stesso modo,
Montmollin mostra il potere assorbente del sistema tecnico con l'esempio del taylorismo: l'anti- taylorismo non fa che
integrare in una razionalit superiore i principi stessi del taylorismo. Non c' alcuna reale messa in discussione: si
mantengono i principi (che sono gli stessi della tecnica, come ho dimostrato nel mio libro del 1950) ma li si porta a
un livello superiore e li si inserisce in un contesto pi elaborato, meno inumano. Infine, all'interno di questo
orientamento, Simondon ha dimostrato con la profondit che gli propria perch vi sia (e non possa essere altrimenti)
unit tra le tecniche materiali rivolte all'ambiente e le tecniche dell'uomo, apparse come tecniche separate in un
secondo momento. Tale rapporto non deriva solo dal rapporto tra uomo e ambiente, ma dal carattere della genesi di
questo insieme. E grazie alla sua teoria genetica che Simondon156dimostra tale unit, che non fortuita ma risulta
dall'essenza stessa del fenomeno tecnico. Ci troviamo cos in una sorta di Tutto o Nulla profondamente inquietante.
Capitolo terzo
L'UNIVERSALIT157
L'universalit (cio il fatto che ormai troviamo la tecnica ovunque e che il sistema tecnico si estende a tutti i campi)
deve essere considerata da due punti di vista. C' innanzitutto l'universalit concernente l'ambiente e gli ambiti
d'attivit umana158. C' poi l'universalit geografica: il sistema tecnico si estende a tutti i paesi.
L'universalismo consiste quindi innanzitutto nel fatto che il Mondo intero tende a divenire una vasta megalopoli in
cui le briciole di natura che ancora resistono all'invincibile ondata sono solo un fenomeno residuale: lo stato logico e
inesorabile l'ambiente artificiale, fabbricato da macchine automatiche (A. Mols). Ma il segno dell'universalismo
il cambiamento di disposizione nei confronti del mondo degli oggetti: non si oppone pi una natura umana, benefica,

corrispondente all'uomo, a macchine riconosciute come un male necessario, accettabili giusto per la produzione. C'
ormai un'accettazione positiva e gioiosa, non solo mediante benefici materiali, ma anche attraverso un consumo
estetico della macchina: i valori estetici della fabbrica, dei nuovi materiali, della pubblicit, dell'elettronica
comportano un accordo tra i mezzi di produzione e la nostra sensibilit. La creazione dell'universo di oggetti non
quindi pi solo spontanea, ma volontaria e cosciente. All'antica appropriazione manuale del mondo naturale si
sostituisce un'appropriazione mentale, attraverso il simbolo e l'immagine del mondo tecnico. L'arte
simultaneamente testimone dell'universalizzazione e mezzo di adattamento. Grazie a essa il parco degli oggetti si
rinnova incessantemente in direzione di una migliore sensibilizzazione e si estende fino alla totalit dell'ambiente
umano. Attraverso essa la tecnica non si accontenta pi della propria giustificazione funzionale, ma si inoltra nel
mondo dell'estetica apparentemente gratuita. il motivo per cui il design ci pare molto pi significativo in termini di
universalismo rispetto alle ricerche di punta, realmente gratuite dell'arte cinetica, riflesso del tecnico per gli esteti ma
non creazione di un nuovo universo159. Non solo l'ambiente totale, tutte le attivit umane tendono a essere oggetto di
tecniche. Ogni attivit sottoposta a una riflessione d'orientamento tecnico. Ogni attivit stata dotata di strumenti o
di modi di fare generati dalla tecnica. Non c' praticamente alcun settore esterno alla tecnica. Dai compiti pi umili
ai pi elevati, tutto compreso nel processo tecnico. Esistono una tecnica di lettura (la cosiddetta lettura rapida), una
tecnica di masticazione, ogni sport diventa sempre pi tecnico, c' una tecnica di animazione culturale, una per
condurre una riunione. Si potrebbe andare avanti all'infinito, perch non si tratta solo del noto fatto che per ogni
attivit si moltiplicano le macchine che implicano un certo comportamento, ma l'attivit stessa a divenire
tecnicizzata: c' unione tra la macchina e i metodi per servirsene e la tecnicizzazione dei gesti, attivit indipendenti
dalla macchina. Da un lato c' l'elettrodomestico, e dall'altro il modo migliore di agire in una data circostanza per
ottenere un dato risultato. la compenetrazione tra due processi che produce l'universalismo tecnico a livello
individuale e l'universalizzazione del consumo del prodotto tecnico, inteso non solo come macchina ma anche, ad
esempio, come rimedi, la cui generalizzazione produce un comportamento specifico. Il comportamento
condizionato dall'automobile, dal televisore, ma anche dalla tecnica di rilassamento o di dinamica di gruppo.
Simondon dimostra come l'insegnamento, il cui modello secondo lui quello dell'Encyclopdie, coincida con lo
sviluppo tecnico, essendo anch'esso tecnicizzato. quindi doppiamente universale, per il pubblico al quale si
rivolge e per l'informazione che d: Sono conoscenze destinate a tutti. Conoscenze date nello spirito della pi alta
universalit possibile secondo uno schema circolare che non suppone un'operazione tecnica chiusa su se stessa nel
segreto della propria specialit, ma collegata ad altre e poggiante su un ridotto numero di principi. Per la prima volta
(con l'Encyclopdie) si costituisce un universo tecnico. L'universalit consistente e oggettiva che suppone una
risonanza interna del mondo tecnico esige che l'opera sia aperta a tutti e costituisca una universalit. E conclude
perfettamente: L'Encyclopdie una sorta di Fte de Fdration delle tecniche che scoprono la loro solidariet per la
prima volta.
L'universalismo chiaramente segnato dall'identificazione dei bisogni. Mano a mano che si accede a un certo livello
tecnico, appaiono gli stessi bisogni, apparentemente in modo spontaneo, al di l delle differenze di nazione o di
categoria sociale. Aron nota correttamente la tendenza di qualsiasi gruppo sociale, giunto a un certo livello di reddito
- in qualsiasi nazione - a desiderare gli stessi beni che i gruppi che l'avevano preceduto nell'ascesa avevano
acquistato160. Allo stesso modo ritengo che Touraine abbia perfettamente ragione quando afferma che la classe
sociale non pi il fattore esplicativo delle condotte culturali: Lo spettatore al cinema o l'automobilista non
appartengono pi ad alcun gruppo sociale e soffrono gli incessanti passaggi che devono effettuare dal mondo operaio
alla massa, all'indifferenziazione dell'abbigliamento, degli spettacoli e degli sport. Le tecniche non appartengono a
una classe, ma modificano in modo decisivo i comportamenti sociali e tendono a identificarli sotto la maschera di
ideologie divergenti. A partire da una tale osservazione, bisogna ricordare che il fenomeno tecnico modella la totalit
dello stile di vita. una banalit, ma implicata dall'universalismo della tecnica. Per non parlare degli
elettrodomestici: sicuramente positivi, ma si sa anche che hanno causato quella che viene chiamata accumulazione e
solitudine161. La donna si piega sotto il peso degli oggetti che compra, ma soprattutto sotto quello pi tirannico degli
oggetti che non pu comprare. Ma soprattutto la donna svolge da sola tutto quel lavoro casalingo che una volta
implicava una relazione, un lavoro collettivo. Questo cambiamento viene definito una liberazione dai fastidiosi
compiti casalinghi (e lo !), ma comporta degli oneri e una nuova concezione di vita.
Un articolo fondamentale di Jorge d'Oliveira E. Sousa, Mtamorphoses de la guerre162, dimostra mirabilmente che
ogni innovazione tecnica agisce sia sul sistema delle norme (elimina divieti, cancella codici etici ormai desueti,
rompe le norme positive) sia sul sistema politico (internazionale). Ma norme e sistemi si appropriano a loro volta
delle innovazioni tecniche regolandone l'utilizzo, assegnando loro dei limiti, imponendo loro modalit di esistenza. Ci
si trova in presenza di tre variabili che reagiscono le une sulle altre. Il progresso tecnologico ha dato preponderanza
alla variabile tecnica e il discorso tecnologico in contraddizione con quello etico e legale. Mostra perfettamente che
la potenza tecnologica militare induce alla creazione di una sorta di feudalit mondiale. Ma non la potenza atomica
a creare la distanza assoluta tra i grandi e i piccoli: la raffinatezza tecnologica (la tendenza della tecnica alla
miniaturizzazione), perch le armi atomiche non verranno mai impiegate in conflitti locali, mentre gli armamenti

elettronici spingono all'estremo l'asimmetria dei combattenti e dei loro mezzi. La guerra elettronica fa esplodere
il discorso etico sulla guerra (l'orizzonte promesso non pi la morte, ma la sofferenza), le nuove armi sostituiscono
l'ambiente naturale distrutto dai defolianti con un ambiente naturale elettronico. Le convenzioni legali e morali
tradizionali appartengono a un mondo passato, quello della guerra convenzionale. Le nuove forme di violenza tecnica
non hanno ancora trovato il discorso adeguato al proprio diritto e alla propria morale. Questa chiave mostra a che
punto la tecnica sia divenuta autonoma e determinante.
Bisogna aggiungere l'uso di fattori chimici che modificano a piacimento e in particolare attivit o comportamenti.
Pensiamo alla pillola che trasforma la relazione amorosa, o ai tranquillanti che assicurano il collegamento tra
l'individuo e l'ambiente (evitando all'uomo il peso di assicurare e gestire autonomamente le circostanze, di integrare
le esperienze: proprio a causa di tale mancanza di capacit che il tranquillante diventa necessario), alle varie droghe
utilizzate per trovare l'esperienza mistica e orientare una vita religiosa. Sicuramente l'uomo ha sempre cercato
defatiganti (coca) e paradisi artificiali. Ma qui come altrove la differenza sta nella trasformazione dei mezzi in
processi tecnici in senso moderno, e nel loro inserimento nel sistema tecnico generale. L'azione dell'arabo che fuma
hashish non la stessa dell'hippy, perch l'una si situa in uno stadio pretecnico e riceve il proprio significato e la
pratica stessa da un certo numero di mancanze fisiologiche, l'altra si colloca in cima allo sviluppo tecnico e diventa
un mezzo per completare l'inserimento (attraverso un' apparente evasione) nel sistema tecnico. Certamente si dir:
La pillola o la droga sono processi liberatori dell'essere umano: la donna ora liberata163. E l'uso di tali mezzi
volontario, uno strumento messo a disposizione. Tali riflessioni presuppongono sempre un essere umano
perfettamente indenne, autonomo, ma abbiamo gi dimostrato come egli sia innanzitutto integrato, modificato dal
sistema tecnico. Usa tali prodotti come complemento, espressione, segno, aggiunta di tecniche totali che non smette
di usare. Tali prodotti contribuiscono a condizionarlo nello stesso senso. Ma ancora una volta non formulo giudizi
morali ( bene o male) o di libert (l'uomo cos liberato o asservito). Non di questo che mi sto occupando. Sto solo
cercando di mostrare come il sistema tecnico si estenda a tutti gli aspetti della vita umana, che assorbe e modifica. La
tecnica chiamata ad applicarsi ai campi pi diversi. Non c' ambito nel quale non possa penetrare: per molto tempo
si pensato che i lavori agricoli potessero essere soggetti a una lieve meccanizzazione, nulla di pi. Attualmente il
lavoro agricolo sommerso dalle tecniche biologiche, chimiche, da tecniche di allevamento di maiali e vitelli in
batteria, da tecniche per raccogliere la frutta meccanicamente, da tecniche per l'ampliamento dei campi e
l'eliminazione della boscaglia, si pu addirittura applicare il computer ai campi. Difficilmente si troveranno due
mondi pi distanti, eppure il computer assicura ancora una volta un compito elementare: ad esempio la compatibilit
di un insieme di coltivazioni (il sistema conteggiato, nel dipartimento della Charente-Maritime), al quale presto si
aggiunger un servizio di gestione agricola - l'aspetto interessante qui che si tratta di piccoli agricoltori (25.000 in
Charente-Maritime, dove l'esperienza iniziata con propriet medie di 25 ettari) che sono obbligati a riunirsi per
poter usufruire di tale sistema, e a ricevere una certa formazione tecnica, a partire dalla quale risparmiano moltissimo
tempo.
Onimus (L'Asphyxie et le cri) mostra perfettamente l'invasione della tecnica negli ambiti pi distanti: l'amore e la
religione. L'amore si riconduce al piacere e alle tecniche che procurano piacere. Si pubblicano e insegnano ricette
per fare l'amore con schemi e istruzioni per l'uso. Il sesso si riduce a un ridicolo assortimento di procedimenti
meccanici. Uno dei grandi campi, con la morte, che sfuggivano alla tecnica ne ormai invaso. Non sorprendente,
ma porta a due osservazioni fondamentali: la prima consiste evidentemente, come sempre, nel carattere riduttore e
separatore della tecnica. L'amore pu divenire tecnica a condizione di essere privato di ogni sentimento, di ogni
impegno, di tutto ci che dono, slancio, passione - della festa stessa dell'amore - e ricondotto a un atto. Cos ridotto
e separato dalla globalit dell'essere, pu effettivamente essere tecnicizzato. L'atto sessuale separato dalla vita (quella
dei protagonisti e quella che potrebbe nascerne!) un meccanismo. Ma il fatto stesso di proporre, di diffondere delle
tecniche (dalla pillola al Kamasutra), ne fanno obbligatoriamente una tecnica, e farne una tecnica causa
necessariamente tale riduzione e separazione: sempre il risultato dell'applicazione di una tecnica.
La seconda osservazione che i ferventi protagonisti di tale tecnicizzazione sono gli uomini di sinistra, i
rivoluzionari, i progressisti, gli appassionati della libert: questi demagoghi della libert lottano strenuamente contro
l'oscurantismo morale del passato per imporre la libert dell'amore. Ma presi ogni volta nella loro trappola fanno
semplicemente fare un progresso (e che progresso!) all'universo tecnico. Sono i mitomani della libert, ma i servi
reali della tecnicizzazione. Trasformano in questo modo l'amore nel suo opposto e sterilizzano in un colpo solo gli
amori e la gioia che avrebbe dovuto accompagnarli.
Onimus mostra anche l'invasione della tecnica in ambito religioso. Il rinnovamento religioso degli ultimi anni,
orientato verso lo Zen e lo Yoga, scaturisce dalla scoperta di tecniche religiose, e dal fatto che alcune religioni si
prestino meglio di altre alla tecnicizzazione. Ci che si cerca allora non n una concezione del mondo, n una
ragione di vita, n un senso o una verit, ma tecniche (di contemplazione, di vuoto, di estensione dello spazio
interiore). Nello spazio mentale delle civilt tecniche, le filosofie pi elevate si deteriorano in ricette. Si tratta
sempre di trovare un procedimento esteriore, che esige lo sforzo minore (carattere eminentemente tecnico) per
ottenere lo stesso risultato apparente (l'estasi attraverso una droga, l'ampliamento dello spazio spirituale). Lo Zen

funziona benissimo: conosce i mezzi per far esplodere le strutture del discorso, per liberare la coscienza attraverso
l'assunzione abbagliante e definitiva dell'Assurdo. Il procedimento diventa essenziale. Ci esprime la necessit di
espansione delle tecniche a tutti i campi: il mondo religioso diventa poco a poco dominato. Lo stato sicuramente a
lungo, e si pu dire che i procedimenti magici, i riti, le liturgie, la musica e l'incenso erano tecniche: ma tra quelle e
ci che oggi vediamo c' tutta la distanza dell'operazione tecnica dal fenomeno tecnico. Abbiamo guadagnato in
efficacia, rapidit, riduzione dello sforzo. E anche in purezza, poich nel nuovo fenomeno tecnico non c' pi altro,
non c' pi la trama religiosa naturale. Perch la lunga ascesi degli esercizi spirituali di Ignazio di Loyola se una
pillola pu darci lo stesso risultato? Di nuovo il segno preciso della tecnica. Prima di tutto l'efficacia - quando un
autentico religioso direbbe l'opposto: prima di tutto l'ascesi. Si assiste alla stessa influenza della tecnica tra i diversi
movimenti religiosi moderni: si procede incessantemente a una comparazione delle tecniche e dei risultati esattamente uno dei caratteri del processo tecnico: gli adepti raccontano le esperienze e comparano i risultati. Il
contenitore sta per rimpiazzare il contenuto, i metodi scacciano il significato, un corpo di ricette standardizzate sta per
sostituire il religioso. Bisogna sempre ricordare che oggi ogni azione che si vuole efficace necessariamente
sottomessa alla tecnica. Non si pu cos ammirare il guerrigliero in quanto rappresentante umano contro la tecnica
assimilata all'aereo o al carro armato. Non solo il guerrigliero utilizza mezzi fornitigli dalla societ industriale (armi e
mezzi di comunicazione) ma, se vuole vincere, deve innanzitutto essere lui stesso un tecnico, dell'organizzazione
(amministrazione parallela), della propaganda, dello spionaggio, ecc.: tecniche che non sono meno tecniche (ma al
contrario spesso pi) di quelle per pilotare un aereo! Il trionfo del guerrigliero sempre il trionfo della tecnica, e
l'avvio del suo paese alla tecnicizzazione.
Le tecniche universalizzate, inevitabili, si relazionano tanto bene alle attivit individuali quanto a quelle collettive, di
insiemi, di organizzazioni. Gli uffici sono dotati di macchine sempre pi numerose e complesse, sono organizzati
secondo principi sempre pi rigorosi e funzionano secondo processi sempre pi precisi164. Non bisognerebbe credere
che ci comporti d'altronde una maggiore tensione, un sovraffaticamento crescente, una minore indipendenza degli
individui: al contrario, quando c' unione tra l'apparecchiatura, la tecnica organizzativa e la tecnica operazionale
individuale, l'impiegato si trova sottoposto a un ritmo meno inquietante (anche se pi rapido) e in una situazione pi
distesa, con, apparentemente, maggiore autonomia. A livello pi elevato ritroviamo lo stesso fenomeno nell'ordine
dell'organizzazione e della ricerca economica, amministrativa, scientifica (perch affinch la scienza continui oggi ad
avanzare le necessaria un'infrastruttura tecnica considerevole in macchine, organizzazione e formazione
metodologica dei ricercatori).
L'attivit intellettuale e artistica ormai direttamente tributaria della tecnica - con lo stesso doppio aspetto. Da un lato
ci sono le apparecchiature: computer, tabulatrici, ecc. Dall'altro c' la creazione di tecniche musicali e pittoriche pi
strettamente ispirate dall'ambiente tecnico. Conosciamo la tecnica del nuovo romanzo. Con i nuovi metodi
dell'ermeneutica affrontiamo il pi astratto, il pi angosciante ambito per un intellettuale in cui la tecnica pu
avanzare. Sicuramente qui, come nelle tecniche politiche, si tratta ancora di tentativi, ma, data la rapidit
dell'espansione e del progresso del fenomeno, bisogna aspettarsi lo sviluppo e l'approfondimento di questi metodi nei
prossimi anni. Ogni campo dell'attivit, della vita umana oggetto di tecniche - a seconda dell'ambito di applicazione
le si pu suddividere in tecniche meccaniche (termine molto ampio che comprende anche ci che non propriamente
meccanico, come i computer), tecniche economiche (di ricerca e di intervento), tecniche di organizzazione
(riguardanti tutti i tipi di organismo sociale, compresi lo Stato, l'amministrazione, ecc.) e tecniche umane (rivolte
all'individuo o ai gruppi non istituzionalizzati, pubblicit, propaganda, dinamica di gruppo, psicanalisi, ecc.). Credo
che sia attualmente possibile affermare che nel mondo occidentale nessuna attivit, di qualsiasi ordine, possa
pretendere di non essere tecnica. Il sistema universale165.
Ma non esiste alcuna reazione? nota l'osservazione generalmente ammessa che l'uomo moderno, utilizzando
macchine o oggetti tecnici, manipoli in realt simboli, che siano i simboli in realt ad attrarlo verso il consumo, e che
l'importante in tale universo sia il simbolo, e non l'oggetto in s. In questo modo si tenta di rassicurarsi integrando il
fenomeno tecnico in universo tradizionale e ben noto. In realt non cos! Perch il simbolo nel sistema tecnico ha
mutato senso e valore per la semplice ragione che l'oggetto simbolizzato non pi come un tempo un oggetto
simultaneamente sconosciuto all'uomo e appartenente a un universo naturale, nel quale tutto doveva essere
simbolizzato. L'oggetto del mondo tecnico ormai dotato di efficacia propria, dotato di potenza, atto a ottenere
risultati, opera dell'uomo eppure sconosciuto: il simbolo non riveste pi quindi nei suoi confronti lo stesso ruolo di un
tempo. necessario quindi completare quanto sopra detto166. Da un lato il potere di simbolizzazione inerente all'uomo
escluso, dall'altro ogni consumo simbolico. Il sistema tecnico un universo reale che si costituisce
autonomamente in sistema simbolico. Nei confronti della natura, l'universo simbolico era un universo immaginario,
un riflesso sovraordinato, totalmente istituito dall'uomo in rapporto all'universo naturale e grazie al quale l'uomo
poteva distanziarsi, differenziarsi da tale realt e allo stesso tempo dominare il reale attraverso la mediazione del
simbolico, che attribuiva un senso al mondo peraltro indifferenziato. Nel sistema tecnico non c' pi alcuna
possibilit di simbolizzazione in questi termini, innanzitutto perch il reale prodotto dall'uomo, che non prova pi il
sentimento di mistero e di estraneit e afferma sempre di essere direttamente padrone. E poi perch se la

simbolizzazione un processo di distanziamento, mentre il processo tecnico al contrario un meccanismo di


integrazione dell'uomo. Infine perch ormai non pi l'uomo a simbolizzare la natura, ma la tecnica a simbolizzare se
stessa: il meccanismo di simbolizzazione la tecnica, i mezzi di tale simbolizzazione sono i MMC. L'oggetto di
consumo un simbolo offerto. La simbolizzazione integrata nel sistema tecnico. Non c' pi alcun distanziamento,
alcuna possibilit di dominare il sistema attraverso la via della specificazione dell'uomo e della sua originalit. In
particolare non il simbolo ad apparire come complemento di senso o accesso a una dimensione nuova: il senso gi
garantito dal sistema tecnico e tutte le dimensioni sono incluse. Allo stesso modo il simbolo non il mezzo umano
per imporre un ordine significativo a ci che sfugge all'uomo: in questo caso ci che causa il simbolo gi un mezzo
umano. Infine la funzione di simbolizzazione non pi un'attestazione del potere specificamente umano; ormai
subordinata a un altro ordine, a un'altra funzione gi creata dall'uomo. Se essa si esercita a questo proposito, la
prova che la tecnica ormai il vero ambiente dell'uomo (altrimenti non proverebbe il bisogno di fare uso di simboli a
questo proposito!), e soprattutto ormai la prova dell'espansione totale della tecnica poich essa provoca e in realt
assimila la simbolizzazione di cui l'uomo ancora capace. La reazione hippy la lotta disperata, incosciente, di
retroguardia per salvare tale libert.
Habermas apporta a questa analisi una conferma eclatante mostrando che assistiamo a una destrutturazione del
superego. Un maggiore sviluppo del comportamento adattativo altro non che il contrario o la contropartita di un
dominio di interazione mediatizzata dal linguaggio in via di dissolversi sotto l'influenza delle strutture d'attivit
razionale in rapporto a un fine (in questo caso: il simbolico eliminato dalla tecnica). A ci corrisponde a livello
soggettivo la scomparsa della differenza tra attivit razionale in rapporto a un fine e interazione nella coscienza
umana. Il fatto che tale differenza sia mascherata mostra giustamente la forza ideologica della coscienza
tecnocratica167.
***
Il secondo aspetto dell'universalismo tecnico geografico: il sistema tecnico si sviluppa in tutto il mondo, a
prescindere dalle differenze di razza, economia, regime politico168. Ci, sebbene correntemente ammesso da vent'anni,
non si verifica per sempre. facile constatare che una macchina sempre la stessa ovunque la si trasporti, e che non
ci sono un modo arabo, un modo cinese, un modo capitalista o uno socialista di usarla. Abbiamo tuttavia constatato
che la macchina solo un elemento del sistema tecnico, e che esso presenta caratteri simili a quelli della macchina.
Non sono le macchine a essere trasportate in tutti i paesi del mondo, ma il mondo tecnico nell'insieme, necessario
perch le macchine siano utilizzabili e conseguenza dell'accumulo delle macchine: uno stile di vita, un insieme di
simboli, un'ideologia. Conosciamo bene il caso delle macchine che donate a certi paesi africani rimangono
inutilizzate, sotto capannoni, sprecate. Non si tratta innanzitutto di una questione di competenza, ma soprattutto di
un'assenza di conformit dello stile di vita, dell'organizzazione sociale. Non si pu sfuggire al dilemma: O la
macchina viene utilizzata, implicando cos un certo tipo di relazioni familiari, di organizzazione economica, una certa
psicologia, ideologia di produttivit, di efficacia, ecc., oppure non verr utilizzata. Tutti gli elementi del sistema
tecnico si condizionano a vicenda, e la macchina uno di essi. Non dobbiamo credere di trovarci di fronte a una
specie di puzzle i cui pezzi possono essere disposti a piacimento. Ciascuno ha il proprio posto, e fino a che non lo si
messo a posto l'insieme non funziona. Ci non significa che la forma non possa mutare nei dettagli. Certo che pu!
L'organizzazione politica pu essere pi o meno dittatoriale, pi o meno democratica, ma entro stretti limiti - vale a
dire che il regime politico deve ad ogni modo essere burocratico e fondato su esperti. Deve permettere l'utilizzo
ottimale dell'insieme dei mezzi tecnici: vi sar allora un'eliminazione dei regimi inadatti e una selezione a vantaggio
dei pi adatti. Sebbene le divergenze tra regimi si assottiglino gradualmente, quelli che rifiuteranno l'impiego della
tecnica saranno semplicemente esclusi - gli altri sfoceranno (certamente con le dovute differenze dovute alla
psicologia, alla storia, ecc.) in tipi simili non dal punto di vista formale e costituzionale, ma dal punto di vista
strutturale. Il Giappone un significativo esempio di universalizzazione a partire dalla rivoluzione Meiji169. il
modello ideale della trasfusione delle tecniche occidentali allo stato puro. Attualmente il Giappone tecnicamente a
rimorchio degli Stati Uniti, cio ogni sviluppo tecnico americano viene adottato e adattato dal Giappone, con il noto
effetto: da un lato il prodigioso balzo economico, dall'altro un pesante prezzo da pagare: le aziende giapponesi (salvo
rare eccezioni) dipendono da quelle americane, con una conseguente dipendenza politica. Tuttavia, giunti a un certo
grado di sviluppo, la tecnica non pu continuare a crescere secondo un processo di semplice imitazione. Al di l del
motivo nazionalista, ci a cui stiamo oggi assistendo: la tendenza alla creazione di un processo di crescita
autonoma, che tuttavia, se mette in causa la supremazia americana dal punto di vista economico e politico, non altro
che la consacrazione dell'universalit tecnica. Lo stesso vale per la vita e l'organizzazione economica. Ormai opporre
socialismo e capitalismo perfettamente superato, solo una questione di ideologia e propaganda. Esistono forme
economiche adatte ad assorbire e utilizzare al meglio l'insieme del sistema tecnico e altre che non lo sono: queste
ultime sono condannate, devono allinearsi o sparire170.
Con la tipica gelida ironia, Charbonneau171 riassume l'unificazione tra paesi capitalisti e socialisti dovuta alla Tecnica
con la formula: Dopo la tesi: il capitalismo, e l'antitesi: il socialismo, ecco il prodotto di sintesi: la societ di
Plastica. Mitscherlich172 dimostra, come molti altri, che il fenomeno tecnico produce gli stessi risultati a prescindere

dai regimi politici o economici: ad esempio, per quanto riguarda l'urbanizzazione e la tecnocrazia urbanistica: Nei
paesi comunisti i limiti imposti alla propriet privata non hanno favorito la comparsa di uno stile originale, soprattutto
non hanno significato la fine dell'isolamento. Si continuato a costruire villaggi lugubri. Furia173 mostra le
convergenze tra diversi socialismi, russo e cinese ad esempio, per via della Tecnicizzazione. I Cinesi hanno adottato
le misure raccomandate da Chruv relative alla formazione tecnica. La tecnicizzazione, inizialmente compiuta dai
Russi, porta i Cinesi a seguire un cammino molto simile a quello dei loro avversari. Sono d'accordo sottolinea
Furia, nel considerare che le tecniche giocano un ruolo fondamentale nell'evoluzione sociale, nel rimproverare al
capitalismo di frenare la tecnicizzazione, nel ritenere che la tecnica la base della socializzazione, e perci
nell'attribuire all'insegnamento tecnico il primo posto, e nel far diffondere dai dirigenti lo spirito tecnologico presso i
giovani e gli operai. Tale somiglianza mi sembra ben pi essenziale delle opposizioni spettacolari, apparenti e
attualizzate tra i due regimi. I Cinesi imitano i Russi nella volont di produttivit dell'OST, la costituzione di quipes
tecnologiche. I Cinesi sono lanciati come gli altri popoli lungo la stessa via di tecnicizzazione - esattamente la stessa.
Lo scrivevo nel 1952. E tutto lo conferma. Non c' alcuna originalit - che Mao pensi che la rivoluzione tecnica
debba accompagnarsi a una rivoluzione culturale non nulla di nuovo: era anche la posizione dei Russi nel 1927 con
la Piatiletka. E se Mao dichiara che il fattore dominante l'uomo, non bisogna dimenticare che Stalin aveva scritto un
libro intitolato L'uomo, il capitale pi prezioso. Quanto alle sedicenti originalit del comunismo cinese, le prove
avanzate che i Cinesi hanno intrapreso un'altra via perch associano lavoro intellettuale, rurale, industriale, perch
fanno appello al fai da te e all'ingegnosit, ecc., tutti questi testimoni meravigliati non vedono semplicemente che non
si su una nuova via, ma su una strada precedente, ecco tutto. Il fai da te ha preceduto ovunque lo stadio delle
tecniche evolute, le fabbriche costruite in campagna hanno connotato lo stadio industriale di Francia e Inghilterra nel
XVI secolo. L'appello all'iniziativa dei lavoratori lo stadio di inizio della borghesia. In tutti i libri e racconti sulla
Cina non ho mai trovato nulla di nuovo per quanto riguarda la tecnicizzazione: semplicemente si all'alba del
fenomeno, il che permette di farsi ancora illusioni sugli sviluppi, e di immaginare un esito differente quando i
condizionamenti invece sono gli stessi. I Cinesi si sforzano con accanimento, credendo di essere originali, di
riprodurre esattamente le condizioni di crescita tecnica e, se non le forme attuali, almeno la realizzazione del
meccanismo d'insieme che imporr la propria legge alle ideologie culturali. Perch non c' altra scelta: o i Cinesi
vorranno limitarsi entro questo apparente confine, e allora continueranno a moltiplicare gli altiforni di villaggio e le
fabbriche alla buona, e allora raggiungeranno il limite massimo molto velocemente, oppure questa via cinese
originale solo uno stadio, una tappa durante la quale i Cinesi si abituano alla tecnicizzazione e preparano un certo
numero di basi necessarie allo sviluppo ulteriore. In questo caso la Cina diventer una societ tecnica esattamente
paragonabile alle altre perch, ripeto ancora, il sistema tecnico porta con s un insieme di condizioni e di
conseguenze sempre identiche. Ma quando presento due ipotesi, non bisogna illudersi: la scelta gi stata fatta - in
favore della seconda delle due. Infatti numerose dichiarazioni di Zhou En- lai (riportate da La nuova Cina, o in
Peking Rewiew) attestano che la grande preoccupazione attuale la tecnicizzazione - non importa a quale prezzo compreso accettando l'aiuto americano, reintroducendo gli incentivi materiali, recuperando tecnici ed esperti che
erano stati rifiutati durante la Rivoluzione Culturale. Tutto dominato dalla preoccupazione del ritardo tecnico della
Cina rispetto al mondo occidentale. Quando ci si avvia in questo tipo di concorrenza tecnica, necessariamente si
adotta tutto il sistema. Il problema del ritardo si posto inizialmente (1971-1972) in rapporto al blocco e
all'aggressione imperialista: necessario che la Cina avanzi tecnicamente per far fronte alla politica imperialista. Non
dimentichiamo che questo fu esattamente lo stesso argomento utilizzato da Stalin per l'industrializzazione in massa e
la tecnicizzazione. Quando si intraprende tale cammino, le conseguenze sono ineluttabili. Tanto pi che la
tecnicizzazione comprende tutti i settori: la Cina, in particolare, deve fare uno sforzo speciale verso l'elettronica,
l'automazione, l'informatica. Questo stadio ormai superato: Mao stesso ha proclamato la necessit di una
tecnicizzazione intensiva174 per rendere il comunismo pi gradevole (sembra che Lin Piao sia stato scartato in parte
a causa del suo settarismo ascetico). Gradevolezza legata al consumo, all'applicazione della tecnica a fini
specificamente di consumo di oggetti tecnici: a partire da ci, tutti i discorsi sulla singolarit della via cinese e il
socialismo sono semplicemente parole. Il dibattito sull'Economismo e sull'Incentivo Morale in Cina stato
caratteristico. Ma il ritorno di Teng Hsiao Ping il segno (e allo stesso tempo la garanzia) oggi del trionfo della
tecnica sull'uomo, della politica dell'acciaio, della modernizzazione a ogni costo, del nucleare, del rendimento. La
Rivoluzione si allinea alla Tecnica a qualsiasi prezzo, definitivamente.
Il dramma del terzo mondo consiste nella sua inattitudine (attuale, ovviamente, non essenziale!) all'utilizzo delle
tecniche. perfettamente morale ma intellettualmente ridicolo scandalizzarsi perch i paesi ricchi diventano sempre
pi ricchi e quelli poveri sempre pi poveri. Porre il problema in questi termini estremamente idealista e virtuoso,
ma significa condannarsi sin dall'inizio a non comprendere nulla. Il punto non sta nel capitalismo, ma nella tecnica.
Il technical gap si amplia perch il terzo mondo non ancora completamente integrato nel sistema tecnico. Fino a
quando non lo sar, non potr far altro che diventare sempre pi povero, essendo sempre pi surclassato dalle potenze
tecniche. Non ha nessuna possibilit di migliorare la propria posizione, n attraverso tumulti o dittature politiche, n
attraverso rivoluzioni nei paesi tecnicizzati: se le rivoluzioni riuscissero, potrebbero tutt'al pi distruggere la potenza

tecnica dell'Occidente, e ci non migliorerebbe la situazione dei paesi del terzo mondo. Al contrario questi
cadrebbero ancora pi in basso, non avendo pi l'aiuto dei paesi occidentali, n la possibilit di esportare le proprie
merci. La sola via possibile per il terzo mondo la tecnicizzazione (non dico l'industrializzazione!), la creazione di
regimi politici ed economici atti all'impiego ottimale della tecnica - di una psicologia del lavoro e del rendimento, di
un'organizzazione sociale individualista massificata, ecc. Cio le condizioni di sviluppo del sistema tecnico nel suo
intero, in quanto sistema. Ma finch si parler di socialismo, di nazionalismo, di democrazia, queste effusioni
ideologiche bloccheranno ogni possibilit di tecnicizzazione, cos come, in modo diverso, accade con la ricerca
innanzitutto dell'organizzazione sindacale dei lavoratori, o la diffusione in massa di macchine, o il tentativo di
industrializzazione rapida, ecc. D'altra parte, quando dico che la sola via possibile la tecnicizzazione, dico solo che
la via imposta dal sistema tecnico, dall'universalismo. Non dico che sia la via moralmente, ideologicamente,
umanamente desiderabile, n che sia buona175. semplicemente inevitabile se questi popoli vogliono sopravvivere.
Altrimenti, sono condannati a essere sempre pi disgraziati, agitati da movimenti incoerenti, rivolte, lacerazioni
interne (e, ahim, vediamo ovunque nel terzo mondo moltiplicarsi le guerre locali, dovute pi che ai Cinesi, ai Russi
o alla CIA, alle tragiche reazioni alla crescente miseria dovuta alla mancanza di tecnicizzazione), e sempre pi
dipendenti da potenze tecnicizzate, anche quando queste ultime sono piene di buona volont.
Goldsmith mostra bene come, poco a poco (e apparentemente per il loro bene), obblighiamo i popoli del terzo mondo
ad abbandonare i propri metodi agricoli, sani, che rispettano i cicli naturali, a favore di un'agricoltura intensiva, che
necessita di macchine, fertilizzanti chimici e pesticidi: ci ha il duplice effetto di sottoporre tali popoli a una
maggiore subordinazione nei confronti dei popoli tecnici e di avviarli al ciclo infernale di una tecnicizzazione
illimitata. Ma ci permette nell'immediato di migliorare la situazione per quanto riguarda il consumo di prodotti
agricoli: la tecnicizzazione avviene sempre in nome di un'evidente necessit immediata176.
L'eccellente resoconto della Conferenza sulla Tecnica nel Terzo Mondo, tenutasi presso l'Universit del Ghana177,
dona un panorama completo della necessit di tecnicizzazione e degli effetti. Il fine evidente della tecnicizzazione la
fine dello sfruttamento neocoloniale, la dignit dell'africano, la giustizia sociale, lo sviluppo economico. Il dibattito
si instaura innanzitutto tra sostenitori dell' intermediate technology (tecnica leggera, soprattutto rurale), della tecnica
adattata e della tecnologia indigena. La prima rifiutata in quanto non permetterebbe lo stabilirsi di un potere forte e
di un controllo del proprio futuro da parte degli interessati. Anche la tecnica appropriata, che prevede un adattamento
secondo le circostanze locali, rifiutata perch non si sa chi compir tale adattamento, e si teme, ancora una volta,
che saranno i tecnici bianchi. L'entusiasmo tutto per la Tecnologia indigena. curioso notare che ci che viene
chiamato in questo modo solo la messa a punto da parte degli Africani di prodotti tecnici che si collocano
esattamente nel solco di ci che viene fatto in Occidente. La prima grande realizzazione della tecnica puramente
indigena la fabbricazione da parte eli tecnici neri nigeriani di una sorta di nuovo razzo e lo si loda
immensamente.
Sicuramente ci indispensabile per condurre la guerra contro il Sudafrica, ma dimostra solamente a che punto vi sia
identit tra le tecniche e tra i processi di sviluppo delle tecniche. Chiaramente lo sviluppo delle tecniche (identiche a
quelle occidentali) deve avvenire sotto lo stimolo dello Stato, il quale deve mettere a disposizione tutte le risorse per
creare tecnici, ecc. Peraltro, gli esperti di questa conferenza hanno riconosciuto che la tecnicizzazione comporta il
crollo religioso, l'eliminazione dei riti, la trasformazione del pensiero mitico in pensiero razionale, il che causa un
vacuum psicologico e sociale. In particolare vi la tendenza alla dominazione assoluta della minoranza tecnica sul
resto della popolazione. Il rapporto di Sarpung estremamente pessimista sulla disintegrazione sociale a causa della
tecnicizzazione e constata un ritorno, di fronte al crollo sociale e religioso, alle pi primitive pratiche di magia come
difesa. Sappiamo gi che Magia e Tecnica sono una buona combinazione. Gli Africani percorrono le tappe pi
velocemente di noi! Ma quali che siano i pericoli, l'imperativo tecnico si impone: il rapporto di Aluko analizza senza
problemi le mutazioni sociali necessarie affinch lo sviluppo tecnico sia possibile in Africa, in particolare la creazione
di una nuova ideologia, di self-reliance, nazionalista, razionalista e socialista. Ma non sembra sospettare per un
istante che tale ideologia self-reliant sia in realt l'adozione pura e semplice dell'ideologia occidentale! Presenta
esattamente i Valori dell'ideologia tecnica occidentale. Per affermare l'indipendenza e l'autonomia dell'Africa,
l'africanizzazione della tecnica, necessario adottare non solo gli oggetti e i processi tecnici, ma anche i valori e il
contesto ideologico. La raccomandazione finale della conferenza attesta a che punto sia tutto il contesto sociale,
ideologico, ecc., a dover essere sconvolto per permettere lo sviluppo della Tecnica africana. Tutto ci non apporta
granch di nuovo se non la confusione di valori prodotta dalla tecnicizzazione, l'accettazione da parte degli Africani
del prezzo pi pesante da pagare, l'illusione che l'Africa avr accesso alla maggiore et e all'indipendenza attraverso
la tecnica.
Quanto alla passione tecnicizzante e all'ideologia del progresso presso i popoli del terzo mondo, Brzezinski propone
numerosi e validi esempi: il fatto che gli studenti del terzo mondo si dirigano verso gli Stati Uniti piuttosto che
altrove, e con lo scopo di perseguire studi tecnici178, o che ovunque si tenda a stabilire un'agricoltura tecnicizzata
dipendente dalle invenzioni tecniche occidentali (la rivoluzione verde), o che presso le popolazioni in via di sviluppo
l'alfabetizzazione sia mirata a una pi rapida adozione delle tecniche (rivoluzione soggettiva e culturale destinata alla

tecnicizzazione!), con la coincidenza tra la crescita delle comunicazioni, della formazione professionale,
dell'insegnamento tecnico e delle apparecchiature corrispondenti (radio, TV, ecc.)179. Per tutti i paesi del terzo mondo
fornisce cifre eloquenti. Ha ragione nel sottolineare l'inadeguatezza dell'insegnamento letterario o giuridico e la
tendenza degli studenti di questi paesi ad adottare con le tecniche i modelli culturali occidentali - ci che viene
formato, veicolato attraverso tale insegnamento una totalit, perch in realt la Tecnica divenuta totalit.
Brzezinski rivela tratti comuni a quasi tutti questi popoli: in particolare la tecnicizzazione indiretta (attraverso la radio
a transistor) delle masse contadine pi tradizionali. In realt tutto poggia su una vera passione per la tecnica,
un'ossessione presso tutti i popoli. In particolare tutti i dirigenti, tutte le lites sono in grado di concepire un'unica via
di civilizzazione, una sola via di sviluppo, una sola via per entrare nella Storia, quella della tecnica. Tentare di far
loro comprendere che si stanno avviando lungo una strada pericolosa, che la tecnicizzazione potrebbe essere un
vicolo cieco e che dovrebbero cercare la loro specifica via di sviluppo significa venire subito giudicati, dato che un
discorso del genere colonialista e antiprogressista180.
La passione tecnica porta i popoli del terzo mondo a rifiutare tutto ci che pu essere attualmente detto a riguardo
dell'inquinamento, dei rischi della tecnica, degli squilibri ecologici, ecc. Tutto ci pare loro qualcosa volto a
impedirgli lo sviluppo tecnico. Non hanno alcuna consapevolezza dell'universalit dei problemi e non considerano
altro che la propria volont di avvantaggiarsi dello sviluppo tecnico.
Il Brasile, orgoglioso dei propri spazi, delle proprie foreste, delle riserve minerarie invita tutte le industrie a istallarsi
nel proprio territorio, senza riserve. Come giustamente diceva Vanhecke181, il Brasile dichiara: Venite, inquinate da
noi!. Tipico.
Qui la tecnica non ha ancora il monopolio delle opere di civilizzazione ma la si chiama in modo feticista a inglobare
tutte le realt: qui tutto viene misurato al chilometro di asfalto e al peso di cemento. E gli intellettuali partecipano alla
frenesia. Questa constatazione, scrittami da un cooperante del Togo, pu essere generalizzata. In Costa d'Avorio
Simonnot182 constata l'unificazione attraverso la tecnica. La lamiera ondulata ha sostituito la paglia: i nuovi villaggi
sono infinitamente tristi e brutti, ma corrispondono ai desideri di chi ci vive: la lamiera pi robusta e non ha
bisogno di manutenzione. Non hanno ancora fatto esperienza degli inconvenienti (perch non si tratta certo di
estetismo!), sbarramenti, produzione, messa al lavoro - e subito la creazione di un proletariato non per via dello
sfruttamento, ma per la disintegrazione del tessuto sociale tradizionale.
Ovunque l'insegnamento orientato alla tecnicizzazione. Il giudizio di Illich praticamente colto da qualsiasi
intellettuale occidentale, ma perfettamente ignorato nel terzo mondo che obbedisce alla logica del sistema: va da s
che l'alfabetizzazione sia un bene e che l'insegnamento debba essere sviluppato secondo il modello occidentale.
perfettamente errato e stupido pretendere ad esempio che non ci fosse alcun insegnamento nei paesi musulmani: ma
la differenza, che la sola giustificazione a questo nuovo insegnamento, la necessit di accedere alla tecnica. Da qui
nascono le tendenze al rifiuto della cultura autoctona, le domande come quella riportata da Dejeux183: Se
arabizziamo, possiamo ambire al progresso scientifico e tecnico?
Rifiuto del mondo dei narratori e dei poeti, distruzione di una cultura lontana dall'efficacia: questi sono i temi della
nuova arabizzazione!. Non questione di una sintesi n della creazione di una nuova cultura, nella migliore delle
ipotesi si potr avere una giustapposizione, come in Giappone, tra un folklore che sopravvive nella vita privata e la
tecnologia, che permette di raggiungere l'universalismo sacrificando le peculiarit simboliche. La passione della
tecnica comune a tutti i popoli del terzo mondo si situa al di l delle ideologie delle forme politiche dirigenti, e, ad
esempio, del rifiuto dell'Occidente. La tecnicizzazione si trova nella lotta stessa contro l'Occidente: uno stato
mentale, un modo di organizzarsi, di collocare i problemi, ecc.
***
Oggi si parla molto dell'interdipendenza, in bene o in male, di tutti i paesi del mondo. Ma non bisogna dimenticare
che la solidariet meccanica e obbligatoria proviene in realt dalla tecnica, e che sono l'Universalizzazione della
Tecnica e la coerenza del sistema tecnico a produrre l'interdipendenza secondo la quale ogni evento ha ripercussioni
ovunque. Il che trasforma completamente ad esempio il problema delle crisi. Una volta il sistema del mondo
offriva cos poca coesione che erano possibili soluzioni locali: oggi non pi cos. Siccome l'evoluzione era pi lenta,
si aveva tempo per cercare dei rimedi. Oggi la combinazione delle tecniche cos rapida che le condizioni della crisi
cambiano prima che si abbia la possibilit di trovare una risposta. Lo si visto per la crisi del petrolio e i disastrosi
effetti sul terzo mondo, che ha visto la propria produzione industriale e alimentare calare di circa il 20% nell'insieme
nel 1974 a causa dell'aumento del prezzo del petrolio. Quando riconduco l'universalizzazione alla globalit del
sistema tecnico, mi trovo in disaccordo con Pestel e Mesarovic, per i quali la tecnica uno dei fattori dell'insieme e
non il fattore determinante, n costituisce in s un sistema. Ci, secondo me, falsa la loro interpretazione e
l'orientamento della strategia per il futuro, in funzione di ci che essi chiamano il comportamento contro intuitivo.
Ci esatto, ma la ragione del comportamento dovuta alla realt stessa, fino a oggi, del suo fattore costituente: la
Tecnica. La sola soluzione in tutti i campi consiste in un approccio globale ai problemi, in una ricerca dello sviluppo
equilibrata, tecnica ed economica per tutte le regioni, una diversificazione economica su scala mondiale con
complementariet, una politica demografica efficace. E bisognerebbe giungere a combinare tutti i fattori. Il che

implica un sistema volontariamente totale, un'organizzazione autoritaria mondiale, che utilizza una tecnica ancora pi
sviluppata di quanto lo sia oggi.
Tuttavia l'Universalit del sistema tecnico, l'identit ovunque venga introdotto, la riproduzione delle condizioni di
esistenza, non significano che esso produca l'unificazione del mondo. Abbiamo visto in precedenza che il sistema
tecnico non trasforma la societ in una Megamacchina: qui lo stesso problema. una questione, innanzitutto, di
livello di analisi: se la tecnica ovunque la stessa, produce ovunque effetti comparabili, e comporta la creazione di
strutture identificabili, ci non vuol dire che a livello politico vi sia unificazione (anche il Nazionalismo
un'ideologia ovunque comparabile, ma provoca l'ostilit tra popoli nazionalisti). Non c' evidentemente una
universalit della societ moderna. E se, come ha mostrato Aron184, l'universalit ideologica della tecnica si esprime
in due postulati: verit della scienza e uguaglianza individuale, ci non elimina i conflitti sociali o nazionali. Mi
sembra per che Aron ponga una domanda errata quando scrive: legittimo passare dall'universale verit della
scienza, dall'universale efficacia della tecnica alla vocazione universale della civilt industriale? Le nozioni di
uguaglianza, personalit, libert sono vaghe. Si impongono al di fuori dell'Occidente? Bastano a definire un progetto
comune a tutte le societ industriali, sovietica o occidentale? Ogni societ non ha forse bisogno di un proprio
principio di coesione?. In realt non c' contraddizione. L'universalizzazione della tecnica implica un
rimodellamento ideologico e sociologico che ovunque lo stesso, ma ci, da un lato, non elimina le singolarit locali,
la possibilit per le diverse societ tecniche di entrare in conflitto le une con le altre; d'altro lato, l'universalizzazione
non significa fusione e sottomissione a un governo mondiale, e chiaramente l'esistenza di principi di coesione
specifica a tutti i livelli sociologici (cos come esiste un principio di coesione del Nazionale, che non tuttavia
sufficiente ad assicurare la coesione della famiglia). Ma c' un problema pi complesso: nel processo di
universalizzazione, la tecnica che segna l'avvento della comunit globale provoca allo stesso tempo rotture e
aggrava le scissioni. Frammenta l'umanit, la separa dai propri costumi tradizionali sulla base dei quali si era stabilito
un modus vivendi universale. Amplia il ventaglio delle condizioni umane, approfondisce il fossato che separa le
condizioni materiali degli uomini. Ovunque la tecnica si stabilisce come fondamento, possibilit, esigenza delle
societ, ma crea i mezzi di distruzione che provocano la paura e la diffidenza reciproche. Crea i mezzi di produzione
che separano i poveri e i ricchi in modo pi forte che mai, sembra aggravare le tensioni e i conflitti. Mentre i mezzi
di trasporto e di comunicazione avvicinano le diverse frazioni dell'umanit, i mezzi di distruzione le separano. Le
disuguaglianze di sviluppo non sono mai state ampie come oggi, o pi precisamente, la nozione stessa di
disuguaglianza di sviluppo non ha significato al di fuori della civilt industriale185. Indubbiamente, quindi, alcune
tecniche servono all'avvicinamento tra gli uomini e alcune tecniche ne provocano l'opposizione, le rotture. Ma ci,
pur esatto, deriva ancora una volta dalla considerazione di tecniche separate. Il sistema tecnico universale, e in
quanto sistema gi, pi o meno completamente, stabilito ovunque. Ma non garantisce la pacificazione o la buona
armonia tra i popoli. Provoca in effetti le rotture che conosciamo ma che non possono nulla contro
l'universalizzazione. Al contrario, le divisioni sorgono a causa dell'universalizzazione del sistema tecnico. Finch la
tecnica era propriet, appannaggio di un piccolo numero di popoli, unici titolari del potere tecnico, il mondo poteva
essere unificato sotto la loro direzione. Ma nella natura della tecnica potersi universalizzare, non pu essere
tenuta segreta: oggettivabile e deve andare, d'altra parte, fino all'estremo limite del possibile. Deve quindi
comprendere l'insieme dei popoli. Questi non possono rimanere sottomessi: a partire dal momento in cui accedono
alla tecnica (e non pu essere altrimenti) esigono autonomia politica. Per di pi la tecnica li obbliga a entrare in
concorrenza con gli altri sul proprio terreno. I popoli una volta colonizzati adottano la rappresentazione della societ
o della Storia derivante dalla tecnica e che stata inizialmente formulata dall'Occidente (perch stato il primo
tecnicizzato!). L'ideologia della crescita (che si oppone a tutte le credenze tradizionali) si impone cos al mondo
intero. Il terzo mondo rifiuta tutta la propria antica filosofia a favore di questo unico valore - unicamente tecnico e
occidentale: ma ci provoca ovviamente concorrenza e conflitti (ricordiamo l'ideologia del nazionalismo che presenta
lo stesso carattere). In realt l'universalit del sistema tecnico provoca la rottura del mondo umano, e non
l'unificazione. Ci fa parte dei caratteri stessi del sistema: produce concorrenze, fosse anche solo in seguito alle
diverse velocit di sviluppo dei settori tecnici. Nuove frammentazioni si sostituiscono allora a quelle antiche: la
Tecnica rende caduche le divisioni della societ e del mondo umano secondo gli antichi schemi o per gli antichi
motivi, cos come sono studiati dai sociologi. Crea invece nuove differenze, oppure, mantenendo le stesse, le fornisce
di giustificazioni e nuove basi: ad esempio, le lites. corretto affermare che la Tecnica sviluppa l'uguaglianza e la
democratizzazione, ma allo stesso tempo produce il fenomeno delle lites tecniche. Non dunque un caso se,
attualmente, la tecnica provoca rotture nel mondo unificato. Non si pu credere a una globalizzazione, a un
avvicinamento tra popoli, a una solidariet mondiale. Si tratta di un idealismo basato su una visione molto
superficiale delle cose. Allo stesso modo, si credeva che il significato della scoperta del Nuovo Mondo fosse la
salvezza dei poveri pagani attraverso la conversione al cristianesimo: lo stesso tipo di illusione che oggi ci fa
credere che grazie ai mezzi di comunicazione si avanzi verso un mondo unito. L'universalizzazione del sistema
tecnico causa una identit delle basi e delle strutture delle diverse societ, e un avvicinamento materiale dei gruppi
umani, ma li colloca immancabilmente in posizione di conflitto di potenza. Perch bisogna sempre ricordare che la

Tecnica sempre solo un mezzo di potenza.


Inevitabilmente siamo condotti dall'estensione del sistema tecnico a una progressiva identificazione delle culture e
delle forme economiche e politiche. Non bisogna dimenticare che il problema stesso dello sviluppo visto sotto
l'aspetto della rivendicazione dei paesi sottosviluppati proviene dall'esistenza del sistema tecnico con i suoi caratteri
di unicit e universalit. In effetti, se ci fosse la possibilit di una pluralit di civilt, ci troveremmo ancora nella
situazione storica tradizionale: ogni societ avrebbe le proprie tecniche e la propria cultura, sarebbe differente dalle
altre, e perci non paragonabile. Non c'era veramente ineguaglianza nel I secolo d.C. tra il popolo dell'Impero cinese
e quello dell'Impero romano. Il motivo non era, come si potrebbe superficialmente credere, che non si conoscevano,
ma innanzitutto il fatto che fossero troppo diversi per poter essere paragonati. A partire dal momento in cui c'
universalit di un tipo, cio la tecnica, sulla cui struttura tutto il mondo si allinea adottandone l'ideologia, il paragone
diviene inevitabile, e l'ineguaglianza salta agli occhi. Aron ha perfettamente ragione nel dire che la nozione stessa di
ineguaglianza di sviluppo non ha senso al di fuori della civilt industriale. Il problema dello sviluppo diventato
problema a partire dall'ideale del benessere e della tecnicizzazione generalizzata. Per questo motivo
l'universalizzazione produce conflitti tra nazioni di livello di crescita diverso: L'ineguaglianza dello sviluppo esclude
in maniera radicale l'unificazione politica dell'umanit su scala planetaria. Il risultato pi sorprendente degli studi
statistici non la persistenza di tali differenze, ma piuttosto la tendenza di qualsiasi gruppo sociale, giunto a un certo
livello di reddito - in qualsiasi nazione - a desiderare gli stessi beni che i gruppi che l'avevano preceduto nell'ascesa
avevano acquistato. Questo non un fenomeno dovuto alla ricchezza, perch questa potrebbe applicarsi a bisogni
molteplici e diversi: l'identificazione dei consumi deriva dalla tecnicizzazione. Gli uomini sono polarizzati a causa
della loro fede tecnica universale verso un consumo unicamente tecnicizzato.
Ma l'identificazione delle culture non assoluta n rigida, sopporta perfettamente la diversit spettacolare e turistica.
Ci saranno ancora (e sempre pi!) artigianato locale, costumi e canti folklorici, i rituali matrimoniali e le feste
saranno meravigliosamente autoctone e le religioni fiorenti. Quando parliamo di universalit della societ tecnica,
non significa che vi sia identit in tutti i paesi e in tutti gli strati sociali. Evidentemente la tecnica si specifica, unifica
modi di agire e di essere, ma i paesi caldi obbligano a un altro genere di vita rispetto a quelli freddi, e i nazionalismi
sussistono nonostante l'unit fondamentale della societ tecnica. Il mondo tecnico non comporta gli ampi viali
rettilinei d'identit delle ideologie! Pu regnare la pi grande diversit apparente purch essa non intacchi il fatto
fondamentale! Perch sotto il pluralismo apparente delle forme culturali si precisa un sistema universale e comune,
ovunque identico.
***
Con l'orientamento verso le tecniche intermedie (cosiddette alla cinese) e le tecniche appropriate assistiamo a un
nuovo sviluppo della riflessione sulle tecniche186. Le tecniche appropriate sono quelle perfettamente adatte ai paesi in
via di sviluppo. Si dice che non siano segnate dall'efficacia e dalla redditivit. In realt il dibattito falsato perch vi
si sostiene di non tenere pi conto dell'efficacia, quando per gli uni (Austin Robinson) tuttavia necessario che la
tecnica in questione conservi (per il paese preso in considerazione e in rapporto al suo standard) un'efficacia
economica (senza la quale, a che pr usare la tecnica!), per gli altri (Mercier, per esempio) pur bisognando allontanare
la preoccupazione del massimo di quantit prodotta, va da s che la tecnica debba essere esattamente economica (ma
da molto che l'efficacia economica non pi la misura dell'efficacia tecnica). Si ammette allora la necessit di
valutare la tecnologia da quattro punti di vista: quello degli obiettivi, delle risorse disponibili, della natura della
popolazione e dei risultati anteriori. Ma osserviamo subito che si tratta comunque di un insieme di tecniche destinate
a promuovere la crescita economica, e che i criteri di valutazione rimangono perfettamente conformi a ci che ci si
aspetta dalle tecniche. In altre parole, con l'idea di tecnica appropriata ci troviamo in presenza dell'adattamento alle
circostanze delle tecniche, il che assolutamente normale per il fenomeno tecnico. La limitazione agli effetti e ai
servizi di tipo economico frena considerevolmente l'interesse di una tale ricerca. Si tratta ogni volta di sapere come il
sistema tecnico possa impiantarsi nei paesi in via di sviluppo. Tutto ci che si pu fare allora una valutazione di ci
che pi vantaggioso (la via taiwanese o quella filippina, ad esempio), ci che causa meno problemi e
sconvolgimenti. La questione centrale dibattuta evidentemente quella di sapere quali siano la natura c l'estensione
delle opzioni effettivamente offerte al terzo mondo in materia di tecnica: per alcuni ci sono scelte risultanti
dall'adozione di un dato tipo di sviluppo, da un dato orientamento economico, e quindi da un orientamento politico.
Ma si obbligati a constatare due cose: si ammette, d'altra parte piuttosto vagamente, la nozione di pacchetto
tecnologico (vale a dire l'idea molto semplice che una Tecnica non possa essere impiantata da sola, ma presupponga
un insieme di tecniche) che, pur mancando totalmente di rigore per la mancanza di comprensione di ci che il
sistema tecnico, permette di capire come in realt non vi sia molta scelta. L'altra constatazione che la scelta tecnica
nei paesi del terzo mondo strettamente legata alle ricchezze naturali. Questa dipendenza scomparsa solo nei paesi
altamente tecnicizzati. Gli altri sono ancora legati alle proprie risorse che verranno sfruttate secondo procedimenti
tecnici unici, per i quali non c' scelta. La Tecnica (come ha detto perfettamente Rad-Serecht) non pi una variabile
da determinare ma un dato al quale conviene adattare, con il minor danno possibile, le differenti variabili economiche
e sociali. Ma la debolezza di questa conferenza, come di tutte le ricerche attuali sulle tecniche appropriate, sta nel

conservare il criterio economico come determinante, e di separare le Tecniche di produzione delle ricchezze
dall'insieme del sistema tecnico. Tutta l'analisi perci falsata.
Tutto ci e ben altri fattori di diversificazione sono necessari all'espansione del sistema tecnico, per lottare contro ci
che vi pu essere di cupo, disperato, insignificante. Non ci sar quindi identit di tutti gli aspetti delle culture, ma un
modellamento di ogni cultura in funzione di ci che gi diventata e non pu che divenire ulteriormente la sua
struttura fondamentale. Apparentemente l'universalismo tecnico non esiste sempre e ovunque. Ma ormai il
cambiamento ideologico ovunque avviato. Non si tratta solo del fatto della comparsa generalizzata delle macchine,
ma soprattutto del fatto che ormai, qualunque sia il grado di sviluppo del paese, il solo punto di interesse, il solo
punto di fissazione ideologica, la speranza, la sola visione del futuro, sia la tecnica. In tutti i paesi si impara a
giudicare il livello di civilizzazione dal livello tecnico. Abbiamo gi analizzato in precedenza il desiderio degli
intellettuali africani di dimostrare la validit tecnica e scientifica delle loro passate civilt. E si conosce la loro
diffidenza nei confronti dell'idea folklrica di negritudine: questa avrebbe il grande torto di fissare l'Africa su un
passato di inefficacia. Sembra inaccettabile lodare le arti, le danze, i costumi negri: ci non pu fare altro che
mantenere i popoli africani nell'inferiorit rispetto agli Occidentali. Contro la negritudine ci vogliono l'azione politica,
il socialismo, e soprattutto l'apprensione delle tecniche. Il che vuol dire in realt l'adozione del sistema tecnico e
l'adattamento necessario. Sempre pi, in tutti i paesi del mondo, l'ideale proposto un ideale di tecnicizzazione.
Quando si dice che la civilizzazione si globalizza o che i popoli africani e asiatici entreranno nella Storia si
intende esattamente che il sistema tecnico universale - che si comincia ad appartenere alla Storia solo a partire da un
certo livello di sviluppo tecnico. Per tutti i leader africani o asiatici l'obiettivo primario fondamentalmente sempre lo
sviluppo dei mezzi tecnici. Ovviamente non vedono chiaramente che cosa ci implichi (e come potrebbero, quando in
Occidente la questione tanto controversa!), non sanno bene come fare, n soprattutto da che parte prendere il
sistema tecnico. Ma l'obiettivo sempre lo stesso, il problema avanzare lungo la via della tecnicizzazione,
svilupparsi grazie alla tecnica! Chiaramente tutto ci viene legittimato da un punto di vista umano e psicologico dalla
miseria del terzo mondo. Ci che ha assicurato all'Occidente la fortuna materiale, la potenza tecnica. Per sfuggire alla
miseria, quindi, bisogna sviluppare in tutti i paesi del terzo mondo una simile potenza tecnica. evidente. Tuttavia,
dopo i grandi sforzi compiuti tra il 1945 e il 1960 in questo senso, ci si resi conto che la tecnicizzazione non pu
essere realizzata dall'esterno, per infusione di mezzi tecnici, perch ci implica una trasformazione totale della societ
in questione. D'altra parte l'applicazione di mezzi tecnici non ha dato i risultati sperati. Un grande scoraggiamento ha
colto i popoli e i loro leader. I leader, invece di chiedersi a che cosa fosse dovuto tale fallimento a livello delle
Tecniche, hanno preferito, ispirati dalle ideologie occidentali e propagandiste, creare una fabulazione politica, il che
ha aggravato la situazione. Tale interpretazione fantastica ritarder chiaramente la crescita, ma l'errore non pu essere
di lunga durata. In fondo, la svolta verso la tecnicizzazione gi stata intrapresa, e tutti i popoli (tranne l'India) sono
fondamentalmente convinti del valore unico di tale mezzo. La causa principale dell'Universalismo tecnico ormai
quindi la persuasione guadagnata, dai paesi occidentali al mondo intero187. L'universalismo poggia quindi su due
elementi complementari.
Un carattere obiettivo del sistema tecnico: la tecnica188 necessariamente progressiva. Non pu per natura
rimanere stazionaria. Non pu smettere di avanzare. Pensiamo sempre a un'espansione lineare: un progresso, una
tecnica pi perfezionata che succede a un'altra. Tale progressivit anche espansione nello spazio: la tecnica non
trova un'estensione sufficiente a meno che non si applichi a tutto. Non pu lasciare un campo intatto, perch sono
necessarie sempre pi energie, pi risorse, pi materie prime. Non possibile limitare l'applicazione delle tecniche a
un luogo geograficamente limitato. Ci tanto pi che i due aspetti della progressivit tecnica si condizionano
vicendevolmente: ogni tecnica pi perfezionata allo stesso tempo universalizzante, in tutti i sensi del termine, sia
perch richiede ovunque competenze identiche, sia perch per via della propria potenza (pi perfezionata significa
per la tecnica pi efficace e pi potente!) tende a estendere il proprio campo di applicazione. Chiaramente l'aviazione
del 1915 non mondializzava le comunicazioni, mentre il semplice sviluppo tecnico dell'aereo comporta
necessariamente, andando sempre pi lontano, lo stabilirsi di reti mondiali, con uffici, aerodromi, ecc.
Il progresso di ogni tecnica comporta un'universalizzazione geografica. Non pu essere altrimenti189.
Non una questione di capitalismo e di profitto, n di politica, n di propaganda socialista.
L'altro fondamento dell'universalismo la mutazione psichica e ideologica, il fattore umano, l'uomo che ha
rinunciato alle speranze religiose, ai miti, alla ricerca di una virt, al radicamento nel passato, per giocare la propria
vita nell'avvenire, riporre le proprie speranze nel progresso tecnico e cercarvi una soluzione a tutti i problemi. Questi
due fatti sono ormai accettati. Si pu quindi parlare di un universalismo tecnico anche se attualmente, in gran parte
del mondo, non c' una crescita tecnica visibile e soddisfacente. Ma il fenomeno virtualmente stabilito
irreversibilmente e il sistema tecnico non pu fare altro che svilupparsi. Perch, rivolgendosi all'individuo, la tecnica
produce in lui comportamenti, stabilisce abitudini, che non possono essere n integrati in un altro insieme di valori,
n respinti perch, retti da un evidente appoggio materiale, rispondono allo stesso tempo a modelli odiati e desiderati.
Dall'altro lato, il fattore tecnico si sviluppa in modo tale da modificare completamente il corpo sociale al quale si
rivolge: per poco che la tecnica sia penetrata in una societ, si pu affermare che un processo irreversibile stato

avviato e che non sar completato che attraverso la tecnicizzazione della societ intera.
L'universalismo tecnico permette cos di prendere coscienza di un triplo capovolgimento di rapporti. Mentre una
volta la Tecnica era tradizionalmente inglobata in una civilizzazione della quale faceva parte, oggi tutto dipende dalla
Tecnica: essa produce tutti gli altri fattori ed l'elemento inglobante all'interno del quale tutto si colloca190.
La Tecnica era un modello che obbediva a finalit esteriori, mentre ora si trasformata nella propria finalit,
sviluppandosi secondo la propria razionalit; l'universalismo assicura la propria ipseit.
In Occidente, la Tecnica si sviluppata grazie alla fortunata e sorprendente congiunzione di tutto un insieme di
fattori, sociali, intellettuali, economici, storici, ed ecco che ora riproduce ovunque, in modo artificiale e sistematico, i
fattori stessi che le sono necessari. Sono la condizione della sua espansione: da fortuiti e naturali, diventano volontari
e artificiali. Svilupperemo ulteriormente questi due ultimi aspetti.
La tecnica determina dunque ormai, secondo la stessa volont dei popoli, il loro avvenire. La tecnica, ossia, visto che
non ce ne sono altre, l'Occidente. La tecnica porta ovunque con s modi di essere, di pensare, di vivere. cultura
globale, sintesi. Negli ultimi due decenni, la grande scoperta degli storici, dei sociologi, degli etnologi (occidentali)
stata la specificit e la dignit di tutte le culture. Dopo che l'orgoglio e la potenza dell'Occidente affermavano nel
XIX secolo: Io e solo Io, oggi ci inchiniamo con ammirazione di fronte alle meraviglie delle diverse civilt.
Non c' una storia universale, ma ogni storia originale, non ci sono popoli primitivi o evoluti, ma strutture diverse,
tutte ben organizzate, ben adattate. Si tratta di descriverle di per se stesse, con i propri sistemi di riferimento, le
proprie specificit, senza apportare giudizi. Storicamente semplicemente possibile, in alcune circostanze, passare
da un sistema all'altro attraverso una mutazione del codice delle societ. Credere alla storia universale, interpretare i
primitivi in funzione di un futuro che il nostro presente, per Lvi- Strauss significa proiettare sulle altre societ il
sistema di pensiero che ci caratterizza e interpretare tutto secondo i nostri miti (Burnier). Certo, certo ma abbiamo
scoperto tutto ci esattamente nel momento in cui la tecnica ha invaso questi popoli ben pi degli eserciti coloniali, e
ha assimilato le loro culture. proprio nel momento della scoperta del loro valore, che la tecnica li distrugge. E la
tecnica conferma oggi il precedente discorso della superiorit, della verit della cultura occidentale - essa l'avvenire
di queste societ, cos come il nostro presente, e non c' alcun mito, se non quello di credere che le culture abbiano
di fronte un altro avvenire. Non possiamo ormai fare altro che rivolgere loro un ricordo commosso.
***
Non bisogna pensare tuttavia che l'universalizzazione avvenga in modo bruto: stato constatato che il fattore umano
indispensabile per la crescita tecnica. Si constatato anche che la tecnica produce problemi: dobbiamo allora
accostarci a una nuova tecnica che contribuisca all'espansione tecnica e allo sviluppo della tecnica in quanto Sistema.
Si tratta del cosiddetto trasferimento di Tecnologia191. Fino a oggi l'apporto delle tecniche avvenuto un po' a caso,
non importa come, secondo interessi capitalisti o circostanze locali, ma ormai ci si resi conto che ci non pi
possibile e che bisogna procedere a un trasferimento metodico. Non si pu pi lasciare che chiunque usi qualsiasi
tecnica, non si pu pi far passare bruscamente degli individui da un ambiente non tecnico a un altro. Ci si resi
conto che la tecnica non si trasmette cos facilmente come un bene materiale, per semplice contatto. Come una
malattia contagiosa. necessario un metodo di trasmissione delle tecniche. Ci vuole un insieme complesso, perch
non basta imparare a usare una macchina. Si tratta di trasferire tutta una concezione di vita. Ma si ridotto tutto ci
a tecniche precise: il Trasferimento di Tecnologia. Sono necessarie due osservazioni preliminari: la prima che
constatiamo con molto piacere che questi specialisti sanno di cosa parlano. Quando si parla di trasferimento di
Tecnologia non significa trasferimento di Tecniche. Non fanno confusione come invece normalmente accade! Si tratta
di Tecnologia, del discorso sulla Tecnica, ossia di tutto l'equipaggiamento intellettuale, culturale e psicologico che
permette l'utilizzo delle tecniche e vi adatta l'uomo. La seconda osservazione che evidentemente l'obiettivo rimane
la diffusione e l'universalizzazione della tecnica. In questo nuovo progresso rimane fuori dubbio la necessit
dell'espansione della tecnica. L'unico problema evitare che l'espansione crei problemi. La domanda allora: Come
procedere?, il che semplicemente implica nuove Tecniche. E come sempre la Tecnica si riveler scrupolosamente
semplice e attenta. Ci si rifiuter perci di fare ci che si fatto troppo spesso, il trasferimento per copia conforme,
per innesto, per rimpiazzarlo con un trasferimento che si potrebbe chiamare organico. Vale a dire che ci si accorge
per esempio che inutile riprodurre il modello industriale americano e portarlo tale e quale in Africa. La Tecnica pu
esistere solo se c' un gruppo umano pronto a riceverla. Il trasferimento di tecnologia non dunque un metodo di
trasferimento di tecniche da un gruppo umano all'altro, ma la tecnica che consiste, dato un certo obiettivo tecnico, nel
modellare un gruppo umano in modo che diventi in grado di ricevere e utilizzare al meglio le nuove macchine, la
nuova struttura, una fabbrica o un'organizzazione. Chiaramente ci implica reciprocamente un rimodellamento di
alcune tecniche per adattarle al nuovo gruppo. Si dir che c' trasferimento di tecnologia quando un gruppo di
individui, generalmente parte di un organismo, divengono effettivamente capaci di assumere, in condizioni giudicate
soddisfacenti, una o pi funzioni legate a una Tecnica determinata. Si terr conto del contesto sociologico, degli
aspetti psicologici, si tenter di inserire la tecnica adattandola a un certo contesto culturale, ma ad ogni modo si tratta
di rendere questo gruppo, questi individui in grado di utilizzare nuove macchine e di adattarli con la minima
sofferenza e la massima efficacia. Ovviamente, come ogni volta quando si parla di tecnica, si sottolineer che non c'

trasferimento assoluto, in s; ogni trasferimento relativo, secondo le capacit di ogni gruppo. Un dato gruppo,
incapace di gestire una fabbrica, ne diventa capace: vale a dire che, gestendo la fabbrica, ottiene una data produzione
mentre si riduce la quota di avarie, lo scarto di pezzi, ecc. Le Tecniche di trasferimento si applicano a diverse
situazioni: trasferimento nei confronti di un individuo che inizia a lavorare in una fabbrica, o quando in un'impresa
appare una nuova tecnica (il caso tipico la comparsa del computer nell'amministrazione: necessario trasformare
totalmente la struttura del gruppo ma anche la psicologia e le conoscenze di ciascuno. Il trasferimento comporta una
rottura di routine). Si ha trasferimento anche quando in uno stesso paese avviene il passaggio di una tecnica da un
organismo all'altro (ad esempio la tecnica della NASA trasferita a centinaia di aziende americane). Infine, ed ci a
cui comunemente si pensa, trasferimento di macchine da un paese sviluppato a uno sottosviluppato. Sottolineo qui
che la valutazione di sviluppo prettamente tecnica: ad esempio il trasferimento iniziale della Scienza nucleare
europea all'industria americana (sottosviluppata!) - trasferimento della Scienza e della Tecnica spaziale tedesca verso
l'URSS e gli Stati Uniti, ecc. Si tratta quindi di portare il gruppo alla padronanza tecnica (ci vuol dire, come noi lo
intendiamo, capacit di utilizzare pi efficacemente una data tecnica, nient'altro!). Ci si accorge che la padronanza
poggia sempre su un elevato livello di organizzazione. Dunque modificazioni strutturali. Ma presuppone anche un
cambiamento culturale: il trasferimento di una tecnica implica la modificazione dei comportamenti sociali e del modo
di comprendere e assimilare gli eventi. Il trasferimento possibile solo a condizione di uno sforzo comune del
ricevente e dell'emittente. Il ricevente il pi importante, ma l'emittente deve avere chiari gli ostacoli culturali,
psicologici, ecc., per evitare, ad esempio, di costruire una fabbrica in caso la popolazione non ne abbia alcun bisogno
o le tecniche siano inassimilabili da parte degli autoctoni. Si procede allora all'elaborazione di una minuziosa tecnica
di trasferimento tecnologico che viene a completare da una parte l'ingegneria (trasferimento del materiale tecnico)
e dall'altra l'ergonomia (adattamento del lavoro all'uomo). Il trasferimento di tecnologia nasce da uno studio di
situazione del ricevente, delle risorse di popolazione disponibili, dei sistemi di insegnamento, delle strutture
industriali gi esistenti. Il trasferimento innanzitutto questione di comunicazione. Se, ad esempio, le differenze
culturali tra il sistema emittente e quello ricevente sono troppo ampie, bisogner utilizzare degli interpreti in grado
di riconoscere le tecniche da applicare, la situazione reale di coloro che devono applicarle e di farsi capire. Si vede
quindi come l'automaticit dell'applicazione si esprima attraverso gruppi umani che effettuano il lavoro di scelta tra
diverse tecniche secondo il grado massimo di prossimit in rapporto al gruppo. Ma la scelta automatica perch
obbedisce al solo criterio tecnico.
La macro-concezione poggia sulla scelta del procedimento, sugli schemi di produzione, sulle caratteristiche di
grandi macchine. La tecnica non mai tanto rigida da non poter adottare strutture diverse. Di solito sono possibili
diverse soluzioni, ma l'automaticit consiste nel fatto che quella che si imporr sar la pi tecnica, cio la pi
efficace in relazione a un dato ambiente, clima, gruppo. La scelta di una struttura adatta alla cultura presente del
gruppo interessato e alla sua evoluzione probabile un fattore di semplificazione del trasferimento. L'azione sar
quindi pedagogica, psicologica, informativa, pianificatrice, e in ciascuno di questi campi rigorosamente calcolata con
metodi esatti che sono l'oggetto stesso della Scienza e della Tecnica del Trasferimento. Ci non impedisce,
chiaramente, di ricordare orgogliosamente che il trasferimento tecnologico proprio dell'uomo, perch la lenta e
universale scalata dell'uomo verso l'avvenire industriale stata possibile solo grazie alla doppia fertilizzazione
verticale e incrociata permessa dal trasferimento di tecnologia. Verticale, nello stesso luogo, da una generazione
all'altra - incrociata, da un luogo all'altro, da un'etnia all'altra.
Capitolo quarto
LA TOTALIZZAZIONE
Il fenomeno tecnico appare, come la Scienza stessa, simultaneamente specializzante e totalizzante. un insieme
globale, nel quale le parti (che si possono sicuramente studiare, a titolo di Tecnica specificata, ma che non ci danno
mai una visione della Tecnica) contano meno del sistema di relazioni e di connessioni. Il che vuol dire d'altra parte
che dal punto di vista scientifico un fenomeno tecnico pu essere studiato solo globalmente: nessuno studio
particolare di tali aspetti, di tali effetti pu concludersi positivamente. Non solo non rende conto del fenomeno
tecnico, ma lo studio di un punto particolare gi di per s inesatto, dato che la questione inglobata nell'insieme
tecnico e da esso riceve la propria reale formulazione. Per ogni problema si suppone un uomo integro e assoluto, un
uomo nato dai dialoghi di Platone, quando invece si tratta di un uomo profondamente trasformato, manipolato da un
insieme tecnico. La specializzazione tecnica implica una totalizzazione - problema che incontreremo pi avanti. La
riduzione di ogni insieme attivo a una serie di operazioni semplici, la crescita indefinita delle applicazioni della
Tecnica comporterebbero una dispersione, un'incoerenza folle se, allo stesso tempo, il processo di sviluppo non
implicasse una sorta di concatenazione di tutte le Tecniche frammentarie. Questa concatenazione comporta una sorta
di totalizzazione delle operazioni tecniche, ma questa totalizzazione, che riguarda tecniche che si rivolgono a tutti gli
aspetti della vita e dell'azione, produce un insieme che tende alla completezza. Tutto ci viene rinforzato dalla
tendenza da parte delle operazioni tecniche a sommarsi: queste si conservano e si accumulano senza mai perdersi.

Quando una tecnica scompare (dopo lo sviluppo della tecnica, chiaro!) viene rimpiazzata da un'altra dello stesso
ordine, ma superiore. Nulla va perso nella tecnica. Cos la totalizzazione semplicemente un'altra faccia della
specializzazione. L'affermazione costantemente ripetuta che tra dieci, vent'anni il sistema tecnico sar completo192 e
che tutto funzioner senza intervento dell'uomo fornisce l'immagine maggiormente esemplificatrice. Anche
Brzezinski cede a volte a questa magia. Afferma ad esempio che i satelliti disporranno presto di una potenza
sufficiente a trasmettere direttamente le immagini ai recettori, senza l'intermediazione delle stazioni emittentiriceventi: sar un passo importante in direzione della Totalizzazione. Si coglie da queste previsioni a che punto
l'immagine di una totalizzazione si imponga all'uomo, corrispondendo a un desiderio tecnico profondo. La tecnica ha
progressivamente risolto un gran numero di problemi che si ponevano all'uomo. Quando per la prima volta degli
uomini hanno camminato sulla Luna, ci fu una delirante esplosione di gioia (sui giornali e in televisione) a proposito:
L'antico Sogno dell'umanit si realizzato. Chiaramente, tutto il lento progresso scientifico e tecnologico verso la
creazione dei razzi, dei satelliti, delle tute non aveva nulla a che vedere col poetico sogno di andare sulla Luna. Ma
l'uomo riceve la prodezza tecnica come un esaudimento. C' un desiderio ben pi fondamentale per l'uomo che quello
di camminare sulla Luna, ed il desiderio di Unit - ricondurre tutto all'Uno -, di eliminare le eccezioni e le
aberrazioni, riunire tutto in un insieme armonioso, grande preoccupazione dei filosofi: ancora una volta la tecnica a
realizzare ci che l'uomo ha abbozzato intellettualmente. L'Unit cessa di essere una costruzione metafisica, essendo
ormai assicurata, data, nel sistema tecnico. L'Unit risiede in quella totalizzazione. Ma l'uomo non ha ancora preso
coscienza della relazione tra la propria aspirazione all'Unit e la costituzione della tecnica in quanto sistema Unitario
- ancora non si rende conto che il sistema esiste in quanto tale. Per dirla in altre parole, l'uomo non conduce la tecnica
a questo punto intenzionalmente. Non ha alcun piano in questo senso.
L'elaborazione del sistema, ossia la specializzazione, un processo intrinseco in s. Il fenomeno si realizza per
un insieme di azioni meccaniche. Lo si pu osservare solo dopo che ha avuto luogo.
Ci troviamo allora di fronte a un doppio problema: da un lato il passaggio al per s, e poi a un per s relativo. Quando
descrivo il sistema cos come si costituisce ed esiste, cerco evidentemente di far conoscere una realt che fino a ora
sfuggita alla vista dell'uomo. Cerco di spiegare ci che avviene e quindi di far prendere coscienza di un fenomeno
obiettivo e della nostra partecipazione a tale fenomeno - ma lascio il lettore al livello della semplice conoscenza, cio
non intervengo nella creazione della Totalizzazione. L'uomo, avvisato di ci che sta accadendo, pu reagire in un
modo o nell'altro e, forse, pu cercare di dominare il fatto che ora conosce. Oppure pu avere tutt'altro tipo di
reazione, avviando un'altra ricerca a partire dall'ideale e dall'ossessione dell'Unit di cui parlavamo prima. Non solo il
sistema totalizzante si costituisce in s, non solo lo si pu considerare come tale, ma si pu considerare finalmente
compiuta la pi profonda aspirazione umana. Con Teilhard de Chardin ci trovavamo di fronte a un'impresa del
genere, pur a livello piuttosto sommario. Impresa ripresa dalla potente sintesi di Morin193. Questo libro mi sembra uno
dei pi pericolosi mai scritti, perch ci troviamo in presenza di una volontaria presa in considerazione di tutti i
risultati delle scienze umane per ricondurli a un insieme sintetico, all'unit - in altre parole rende tecnica la Teoria
della Totalizzazione. Non che crei una teoria relativa alla totalizzazione, ma come la totalizzazione si realizzata a
livello fattuale grazie alla tecnica, cos Morin la realizza a livello di Teoria, e la sua Totalizzazione l'esatto pendant e
complemento della precedente perch ha la stessa origine, la scienza. Non si tratta quindi semplicemente di rendere
conto di ci che , ma di elaborare esattamente il complemento teorico di questa prassi (involontaria!) in modo da
trovare la chiusura del sistema: fino a quando la teoria stata debole (non seguiva l'insieme) o rifiutava al contrario di
fare il gioco della totalizzazione, questa, proseguendo in s, non poteva raggiungere un compimento, chiudersi. A
livello teorico c'era sempre una frattura, una scappatoia per l'uomo. Il lavoro di Morin mostra il percorso da seguire
per chiudere il sistema e riuscire a prendere l'uomo in trappola e spodestarlo. Mi rendo conto che non sua intenzione
- come la bomba atomica non era nelle intenzioni di Einstein. Ma spinto da una passione per la spiegazione e per
l'Unit che gli fa necessariamente rivestire tale ruolo (che rifiuta), perch lui stesso non si reso conto di che cosa sia
il sistema tecnico totalizzante. Non pu conoscere le conseguenze della teoria perch semplicemente non ha preso
coscienza della realt del sistema nel quale si inserisce. Apporta il solenne complemento che permette
l'accelerazione della Totalizzazione. La teoria di Morin, pur rifiutando egli esplicitamente totalizzazione e chiusura,
chiusura e totalizzazione, perch non si limita a utilizzare tutti i dati delle scienze umane e a legarli attraverso una
spiegazione profonda, ma una teoria che trova posto in una totalit tecnica che si sostituisce alla totalit naturale e
abbandona l'uomo alla propria necessit di sviluppo. Morin vuole fornire una spiegazione totale, nella misura in cui la
scienza permette oggi tale spiegazione, ed in ci che risiede il complemento mortale del sistema tecnico. Non c'
dunque solo il fatto che la societ globale tende a diventare una societ primaria (secondo McLuhan e a condizione di
spingere la sua teoria all'estremo) - il fatto che pi avanza l'ordine tecnico, pi ordine sociale necessario (e il
minimo disordine diventa intollerabile) -, ma soprattutto il fatto che la scienza dell'uomo alla quale Morin ambisce (e
che si inserisce nella prospettiva della totalizzazione tecnica, inevitabile) raccoglie i fattori ancora separati, e
concentra il fascio di tutte le possibilit tecniche sull'uomo. Perch la spiegazione precede l'azione. A partire dal
momento in cui lo si sa con certezza, l'innovazione tecnica immancabile. L'apparizione teorica rischia di tradursi
nel modo pi contrario all'intenzione di Morin. La sua Scienza dell'Uomo non pu rimanere, proprio perch

totalizzante, a livello concettuale. Non solo aiuta il sistema a chiudersi, ma si colloca in una societ tecnica, e non
altrove. Pu produrre quindi solo l'opposto di ci che Morin scriveva nel suo Introduction une politique de
l'homme. Se si inserisse nell'Atene di Pericle, la sua scienza totale dell'uomo sarebbe un ammirevole progresso per
l'elaborazione di una giusta politica. Ma si inserisce nella societ tecnica, nel processo di Totalizzazione del sistema e
di assimilazione della societ alla funzione di produttrice- consumatrice di Tecniche. In altre parole l'inserimento di
tale scienza in questa societ si traduce nell'elaborazione di un'organizzazione socio-politica totalitaria. Morin rischia
lo stesso destino di Marx: la sua teoria, ideata per la liberazione dell'uomo, per permettergli di assumere il controllo
della propria storia, coincisa con gli esordi dell'elaborazione del sistema tecnico (con la strutturazione dello Stato e
dell'industrializzazione) ed stata per questo motivo capovolta: ha prodotto il sistema dittatoriale che non un errore,
un'eresia, ma la semplice e inevitabile combinazione tra sistema tecnico e teoria totale - questa necessariamente si
mette a servizio della totalizzazione tecnica - o si condanna a errare nel limbo dell'idealismo: a un sistema totale
corrisponde una teoria totale - questo quanto avviene. Ma ci si traduce in una dittatura totale. Ci avviene quando
la creatura propone una teoria non solo totale, ma anche chiusa, cio che pretende di rendere conto di tutto ci che
intellettualmente compreso, spiegato ma anche comprensibile e spiegabile - quando questa teoria non solo il riflesso
del reale, ma la soluzione del reale. Pu quindi solo causare la sistematizzazione socio-politica194 che si esprimer in
un modo o nell'altro in una dittatura tecnica. Non intendo n una tecnocrazia n una dittatura politica di stile
hitleriano o staliniano: ogni epoca ha le proprie forme specifiche.
All'epoca del computer e della sintesi delle scienze dell'uomo non pu pi trattarsi di fascismo: appariva superato
nella Grecia del 1970, cos come nel Brasile del 1975. Ma la dittatura tecnica astratta e benefattrice sar molto pi
totalitaria di quelle precedenti. Per elaborarla baster un' quipe di uomini in grado di procedere all'unione tra Teoria
e Prassi. Tra la Totalizzazione in s del sistema e la costituzione della Scienza dell'uomo ugualmente totalizzante. In
seguito al libro di Morin stato proclamato che si potrebbe forse essere giunti all'anno I della Scienza dell'Uomo, ma
questa meravigliosa invenzione rischia fortemente di segnare il trionfo della totalit tecnica. Non per un retrogrado
pregiudizio antiscientifico, n per un'irragionevole reazione, ma in seguito all'analisi sociologica del sistema tecnico e
dall'esperienza storica del XX secolo che posso dichiarare: la Scienza totale dell'Uomo la fine dell'uomo. Non
bisogna dimenticare che la totalizzazione della tecnica ricopre tutti gli elementi che compongono il corpo sociale e
che progressivamente tutte le espressioni della vita umana diventano tecniche. Ci significa che la tecnica ha, nei
confronti della societ e dell'esistenza umana, un doppio effetto: da una parte disintegra e tende poco a poco a
eliminare tutto ci che non tecnicizzabile (si tratta di ci che cos fortemente avvertito per esempio a livello della
festa, dell'amore, della sofferenza, della gioia, ecc.), dall'altra tende a ricostituire l'intera societ, cos come l'intera
esistenza, a partire dalla totalizzazione tecnica. Non la subordinazione dell'uomo alla tecnica, ma pi
profondamente, una nuova totalit che si costituisce: il processo che provoca un tale malessere e un cos vivo
sentimento di frustrazione nell'uomo. Tutti gli elementi della vita sono associati alla tecnica (poich essa divenuta
ambiente) e la sua Totalizzazione produce una vera integrazione di tipo nuovo di tutti i fattori umani, sociali,
economici, politici, ecc. La societ, l'uomo, che non diventano sicuramente oggetti tecnici, robot, ecc., ricevono la
propria unit dalla tecnica totalizzante. Ma questa non pu conferire un senso: grande lacuna. La totalit ricostituita
priva di significato.

Parte terza
I CARATTERI DEL PROGRESSO TECNICO
Chiaramente la definizione di progresso tecnico195 non pu essere limitata all'applicazione economica. Per progresso
tecnico intendiamo tutte le innovazioni derivanti dall'applicazione della scienza e della tecnica al progresso tecnico.
L'oggetto di tali innovazioni la creazione di prodotti o servizi nuovi o il perfezionamento di quelli esistenti, oppure
l'incremento di efficacia delle operazioni economiche, di solito con l'obiettivo di limitare i costi. Questa definizione,
apparentemente accettata da Beaune (la tecnologia moderna si esprime secondo gli attributi enunciati in campo
economico: autoregolazione, ecc. Ci che la scienza pura considera scorie, le ricadute economiche, divengono ora
l'essenziale), talmente frammentaria e rende talmente poco conto dell'immenso ambito di applicazione delle
tecniche che non vi si pu in realt attenere. Evidentemente pi facile quantificare un progresso tecnico in ambito
economico che altrove, ma il problema sempre lo stesso: per giungere a una precisione scientifica, si inizia con lo
snaturare radicalmente l'oggetto di studio. La valutazione economica rende conto di alcuni progressi, di alcune
tecniche, ma ritagliando arbitrariamente nell'universalit tecnica ci che valutabile! Pessimo metodo scientifico.
Quando parlo di progresso tecnico mi riferisco all'insieme del fenomeno, e non mi limito quindi al problema della
produttivit. Hetman ha dedicato uno studio di primo ordine al progresso tecnico nella produzione economica: Le
progrs technique, une illusion comptable?, Analyse et Prvision, 1970. Mostra da un lato che il progresso tecnico
in questo campo deriva in linea diretta dalle analisi di produttivit, che la sua definizione molto incerta, e che le
valutazioni della sua importanza nel processo di produzione sono molto variabili. Conduce un'eccellente rassegna di
tutti i lavori degli economisti che si sono dedicati a esplicitare la nozione, l'influenza e la realt del progresso tecnico.

Regna la pi grande incertezza: il progresso tecnico si ravvisa per alcuni in quanto residuo (una volta definiti tutti gli
altri fattori di produttivit), per altri nella componente di dati completamente positivi (progresso di conoscenze,
diffusione delle conoscenze, razionalizzazione, ecc.). Secondo alcuni il progresso tecnico il fattore determinante
dell'incremento di produzione per unit di lavoro al 90% (e ci riduce quindi l'importanza del capitale). Secondo altri,
il progresso tecnico ha un'influenza trascurabile (nell'ordine del 3%). Hetman conclude che quindi molto difficile
sapere di che cosa si sta parlando, e che quasi impossibile condurre uno studio statistico in questo campo. Riassume
i motivi di questa situazione dicendo che, in ambito di progresso tecnico, si ha:
-un'inadeguatezza fondamentale degli elementi statistici;
-uno smarrimento metodologico spiegabile con l'assenza di definizione della tecnica;
-l'adesione a concetti derivati da una teoria nata in un'epoca in cui la problematica non era adattata a quella della
societ dell'innovazione.
In altre parole, in presenza del progresso tecnico, ci si trova davanti a un problema intellettuale dello stesso ordine di
quello imposto dalle classi sociali: impossibile comprenderle attraverso la rigida applicazione di un metodo
statistico o di qualsiasi metodo sociologico noto: eppure il fatto l Eppur si muove!
Capitolo primo
L'AUTO ACCRESCIMENTO
Per autoaccrescimento intendo il fatto che tutto avviene come se il sistema tecnico crescesse grazie a una forza
interna, intrinseca e senza un intervento decisivo dell'uomo. Con ci non voglio chiaramente dire che l'uomo non
intervenga e non abbia alcun ruolo, ma bens che l'uomo si trova in un ambiente e in un processo che fanno s che
ogni sua attivit, anche quella priva di qualsiasi orientamento volontario, contribuisca alla crescita tecnica che egli lo
pensi o no, che lo voglia o no. L'autoaccrescimento significa che la Tecnica rappresenta un centro di polarizzazione
per ogni uomo del xx secolo, e che essa si nutre di tutto ci che egli pu volere, tentare, sognare. Trasforma le azioni
umane in fattore tecnico; non si tratta di un'autocreazione ma dell'inserimento nel sistema a proprio vantaggio dei
fattori pi diversi e, in apparenza, pi estranei. L'autoaccrescimento comprende quindi due fenomeni: da un lato la
Tecnica giunta a un tale punto di evoluzione che si trasforma e progredisce senza intervento decisivo dell'uomo,
grazie a una sorta di forza interna, che la spinge a crescere, che la porta necessariamente a uno sviluppo incessante.
Dall'altro lato tutti gli uomini contemporanei sono talmente appassionati della tecnica, talmente formati da essa,
talmente certi della sua superiorit, talmente sprofondati nell'ambiente tecnico che tutti, senza eccezione, sono
orientati verso il progresso tecnico, tutti lavorano, quale che sia il mestiere, cercando di utilizzare al meglio gli
strumenti a disposizione, o di perfezionare un metodo, un apparecchio. La tecnica avanza cos grazie allo sforzo di
tutti196: le due cose sono in realt identiche. Inizialmente c' stata l'assimilazione dell'uomo nel sistema tecnico, il
quale, certamente, si sviluppa solo grazie alle azioni dell'uomo. Ma queste ultime sono cos precisamente provocate,
determinate, definite, chiamate, suscitate che nessuno vi sfugge e ogni attivit di ogni individuo vi integrata. Il Tutto
e la Persona si identificano. Poich tutti operano in questo senso, non la piccola azione di ciascuno a contare, ma
l'anonimo prodotto che la crescita tecnica. C' autoaccrescimento perch la tecnica induce ciascuno ad agire nella
propria direzione, e il risultato dato da una somma che nessuno ha coscientemente, chiaramente voluto. L'uomo tra
le due cose appare il fattore necessario ma insieme strettamente necessitato.
L'idea che avevo pronunciato vent'anni fa, cio che la Tecnica si sviluppa secondo un processo che potevo definire di
autoaccrescimento, era stata considerata all'epoca un'esagerazione mitica e un artificio senza fondamento, ma
stata poi sempre pi spesso ripresa, accettata, dimostrata. Citer qualche esempio. Diebold: come se il progresso
tecnico generasse se stesso. Non dobbiamo pi attenderci progresso tecnico da future scoperte scientifiche: la
Tecnica stessa che provoca l'espansione in nuove scoperte e nuove dimensioni. Mannheim197 mostra che la tecnica
provoca da s la pianificazione, che questa ricopre ambiti sempre pi estesi della nostra vita, e che la pianificazione
genera ed esige il progresso tecnico. Senza pianificazione non saremmo pi in grado di avanzare, nemmeno in
ambito culturale. Non c' da chiedersi se preferiamo una societ pianificata o meno: non c' scelta. Simondon:
quindi essenzialmente la scoperta di sinergie funzionali a caratterizzare il progresso nello sviluppo dell'oggetto
tecnico. Bisogna allora chiedersi se la scoperta avvenga in un colpo solo o in modo continuo. In quanto
riorganizzazione di strutture che intervengono nel funzionamento, essa avviene in modo brusco, ma pu comportare
diverse tappe successive. Ancora una volta la profondit di analisi di Simondon fa s che ci che scrive a proposito
dell'oggetto tecnico possa essere esattamente detto della Tecnica in generale. Anche de Jouvenel (Arcadie), pur senza
parlare di autoaccrescimento, esprime tale concetto: C' una differenza di natura (tra la nostra civilt e tutte le altre),
soprattutto per via del fatto che l'efficacia progredisce continuamente: nella nostra civilt c' una permanente
rivoluzione dei processi. Gabor198: la velocit acquisita che fa progredire la tecnica. Per due ragioni: la prima
che bisogna alimentare le industrie tradizionali, la seconda la legge fondamentale della civilt tecnica: 'Ci che pu
essere fatto, lo sar'. cos che il progresso applica nuove Tecniche e crea nuove industrie senza cercare di sapere se
esse siano adatte o meno.

Anche Richta, incidentalmente, riconosce il principio di autoaccrescimento (che chiama autosviluppo) della tecnica,
che ricollega al principio automatico. L dove il processo di produzione rimane sbriciolato in cicli indipendenti, ci
sar solo una parziale automatizzazione dei sistemi. L dove c' un processo di produzione di massa ininterrotto, c'
un'automatizzazione completa: l'autoaccrescimento quindi accelera con le possibilit di automatizzazione. D'altra
parte l'autoaccrescimento si basa innanzitutto, come Richta dimostra, sull'esistenza di una capacit di ricerca, una
riserva di conoscenze scientifiche che permettono di applicare costantemente soluzioni tecniche pi efficaci. Lo
sviluppo delle scienze e della ricerca quindi ben pi importante nella creazione e riproduzione di forze produttive
sociali rispetto all'espansione della produzione diretta. Questo l'apporto decisivo di Richta all'analisi del sistema.
Esplicitando il carattere di autoaccrescimento, non nego l'esistenza del famoso processo di decisione. De Jouvenel
insiste sulla decisione, che sarebbe all'origine di ogni sviluppo tecnico199. Decisione che in quanto tale un atto
sociale. Tutto ci esatto. Mancano per due elementi di analisi: innanzitutto chi prende la decisione l'uomo
tecnicizzato, precondizionato dalla tecnica. In secondo luogo le opzioni sono esclusivamente fissate dal campo
tecnico: la decisione poggia sempre solo sulla validit di applicazione di tale innovazione, la quale si impone o meno
secondo il proprio valore tecnologico, la propria efficienza, ed eventualmente la redditivit. Il processo di decisione
in realt integrato nel fenomeno di autoaccrescimento.
Schon200 procede a un'utile analisi delle diverse tappe del processo della crescita tecnica: invenzione, innovazione,
diffusione. Ma sottolinea un aspetto molto importante dell'autoaccrescimento, ossia che l'innovazione e l'invenzione
devono essere viste come aspetti di un solo processo continuo, e non come una successione di azioni che si
susseguono nel tempo. Rovescia a giusto titolo, rifiuta la visione razionale dell'invenzione (intenzionale, processo
intellettuale, processo orientato verso un obiettivo) in favore del processo che si sviluppa e si ramifica
incessantemente durante tutta la vita di qualsiasi nuova tecnologia, senza inizio e senza fine precisi, nel quale il
bisogno e la tecnica si determinano reciprocamente. Quest'analisi mi sembra estremamente esatta, e ben differente
dagli schemi semplicistici sul carattere finalistico e razionale dell'invenzione tecnica. Non c' invenzione della
radio: c' solo innovazione attraverso l'applicazione di un'invenzione scientifica e combinazione di elementi tecnici
precedentemente esistenti.Ogni progresso tecnico un'innovazione risultante da serie di invenzioni convergenti201. Si
tenta tuttavia di distinguere diversi tipi di innovazione. Si distinguono cos (Russo) i livelli in cui si produce
l'innovazione: Tecniche elementari, unit tecniche, unit industriali (dal pi semplice al pi complesso), e gli stadi
dell'innovazione: la concezione essenziale, i nuovi processi, la combinazione di vecchi processi, le componenti di un
miglioramento che si ritiene faccia intervenire la diffusione.
Si pu allora creare la griglia seguente (Daumas): a) concezione essenziale (origine del concetto, condizioni di
realizzazione, integrazione nell'unit tecnica); b) tentativi e messe a punto; c) innovazione (natura e importanza
relativa del problema da risolvere - circostanze della diffusione del processo-motivazioni-difficolt tecniche o
economiche dell'applicazione; d) sviluppi (miglioramenti, adattamenti, conseguenze economiche). in un'analisi di
quest'ordine che si pu prendere coscienza di ci che il termine generale innovazione comprende.
necessario considerare che l'innovazione tecnica non esiste in s, ma da un lato risponde a un certo numero di
bisogni (sebbene sia sempre pi contestato il fatto che il bisogno sia necessariamente preliminare: i bisogni
dipendono dall'oggetto tecnico quanto il contrario), si produce all'interno della combinazione di un certo numero di
tensioni (di ogni ordine ma sempre relative al tempo), in rapporto a un certo ambiente socio-economico (che
favorisce o meno l'innovazione), e infine in un contesto tecnico globale che pu essere ricettivo o proibitivo. La
relazione tra tutti i fattori permette di comprendere concretamente lo sviluppo tecnico.
Quando si considera un prodotto tecnico, sempre possibile constatare che si tratta solo della combinazione di
elementi anteriori: non c' l'invenzione della televisione, della radio o dell'automobile.
I pezzi separati sono innanzitutto comparsi sul mercato e a partire da essi stato possibile creare il prodotto finito. Si
arriver talora ad abbandonare il termine innovazione per parlare unicamente di cambiamento tecnico. Ma questo
sembra vago. Bisogna invece distinguere come fa Gille (Note sur le progrs technique, citato da Daumas) diversi tipi
di innovazione: di compensazione, marginale, strutturale, di tipo globale202. Rimane tuttavia il problema di sapere
quando, dove e perch si produce l'innovazione. La classica risposta marxista che l'innovazione ha luogo per
rispondere a un aumento dei salari. Il padrone ha interesse a sostituire la manodopera troppo cara con macchine,
l'introduzione di nuove tecniche risulta da un incremento dei salari il cui effetto una diminuzione dei profitti: il
datore di lavoro deve allora cercare di abbassare il monte salari introducendo metodi che risparmiano il lavoro diretto
(automatizzazione della produzione). Ma come fa notare Beaune203, interessarsi solo all'aumento dei salari, come fa
un certo sindacalismo inglese o americano, senza riconoscere il valore dell'elemento tecnologico, significa fare il
gioco del capitalismo. Il profitto pu rigenerarsi solo attraverso l'innovazione. Eppure ci si vede costretti a
riconoscere che questa semplice spiegazione non d risposta a tutto: perch non necessariamente ci sono innovazioni
labour saving disponibili proprio nel campo desiderato! troppo semplice provare il contrario204! In realt anche
quando si esaminano concretamente i fenomeni innovativi, ci si rende conto che non c' alcuna correlazione
necessaria e generalizzabile, ma solo accidentale.
Crozier sostiene (La Socit bloque) che la grande organizzazione un ambiente favorevole all'innovazione:

quest'ultima non un fenomeno individuale, determinato da una rigida razionalit economica; un sistema collettivo
la cui riuscita dipende da fattori umani, e sul terreno della grande organizzazione pu essere superiore alla massa di
piccoli produttori. Insiste a lungo sull'aspetto collettivo (a monte e a valle dell'innovazione) che corrisponde
esattamente all'idea dell'autoaccrescimento. In particolare, se l'innovazione dipende da una certa libert individuale,
probabilmente meglio assicurata nella grande organizzazione che nella piccola impresa. Allo stesso modo la grande
organizzazione pu mettere a disposizione le risorse necessarie per aiutare l'innovazione. Le grandi organizzazioni
possono inoltre prevedere le possibili conseguenze: La capacit di innovazione si accresce nella misura in cui esse
sono meglio in grado di gestire gli effetti sfavorevoli che possono derivare dall'innovazione. L'aumento di
dimensioni delle unit sociali ed economiche sembra cos fornire un ambiente favorevole all'innovazione. Condizione
dell'innovazione la formazione di collaboratori sempre pi numerosi. Viene confermato ci che scrivevo nel 1950,
ossia che l'autoaccrescimento la partecipazione di tutti all'opera tecnica. L'attivit e l'efficacia dei tecnici non
smettono di crescere col loro numero. ( nella crescita numerica dei protagonisti) che si trova forse la causa delle
realizzazioni spettacolari. Ogni tecnico preso separatamente non possiede pi doni di quelli che lo hanno preceduto.
Cento uomini che studiano lo stesso problema allo stesso tempo ottengono risultati pi importanti di un solo uomo
che si dedica allo stesso lavoro per un tempo cento volte pi lungo. Inoltre, il progresso delle tecniche si stimola
autonomamente.
Ha continuamente creato mezzi pi perfezionati che ne favoriscono l'accelerazione..,205.
Solo le grandi aziende quindi possono soddisfare le condizioni della crescita, coordinando le ricerche delle quipes di
tecnici - cosicch, come Furia fa notare, la ricerca ancora pi concentrata della produzione. Queste imprese
chiamano sempre pi giovani, anche non formati, a entrare nel processo. Vi dunque una reale tendenza
all'integrazione di tutti nella ricerca, almeno a livello potenziale. Certamente il pullulare di piccole aziende non
favorisce l'autoaccrescimento. Questo richiede una certa interconnessione tra tutti i sottosistemi tecnici - la tecnica
acquista il proprio ritmo di crescita a partire da una dimensione che permette investimenti, esperimenti a vuoto,
capitali per un certo periodo non redditizi. Per cui ci si sbaglia quando si afferma che la concentrazione di imprese
una conseguenza della tecnica, ma che essa potrebbe essere messa in discussione, che grazie alla tecnica si potrebbe
deconcentrare. In realt la concentrazione non una conseguenza ma una condizione di sviluppo della tecnica, della
comparsa del fenomeno di autoaccrescimento. La chimica francese ha stagnato finch stata dispersa. Gli accordi per
i quali Rhne-Poulenc ha assorbito Progil e ha assunto il controllo di Pchiney-Saint-Gobain hanno provocato non
solo l'equilibrio economico, ma la possibilit di sviluppo tecnico: non una questione di concorrenza capitalista, ma
di dimensione di un sottoinsieme che deve essere integrato per offrire molteplici possibilit d'azione.
nel quadro delle grandi imprese (capitaliste o socialiste) che sar possibile quello che mi sembra costituire un
aspetto fondamentale dell'innovazione e che chiamer tentativismo. Se l'innovazione tecnica raramente il risultato
di un calcolo matematico, continua a funzionare a livello di Trial and Error. Ci mi sembra caratterizzare in modo
specifico la mentalit tecnica: si tenta. Tutto e qualsiasi cosa, e si vede cosa succede. Non una curiosit - piuttosto
un'assenza di radicamento e di certezze: Perch no. un carattere generale della nostra societ. Perch vi sia
innovazione, devono scomparire le certezze religiose, morali, collettive. Ciascuno lasciato alle proprie esperienze perch non faccio cosi? E tra migliaia di errori, si produce un'innovazione durevole. Ma con l'innovazione tecnica
vediamo il lato positivo del tentativismo. Vedremo oltre ci che significa per l'uomo immerso nella societ tecnica.
Al contrario l'innovazione sembra limitata da una strana constatazione di de Jouvenel. Le arti che hanno progredito
meno sono quelle che avrebbero potuto migliorare la sorte materiale di molti. Teissier du Cros: Pi un'industria
risponde a un bisogno fondamentale, meno si innova. In altre parole, la crescita tecnica (cio l'innovazione) ha luogo
innanzitutto nel campo del superfluo, dell'inutile, del gratuito, del secondario. E sembra che ci sia generalizzabile.
L'innovazione, nel periodo di spontaneit, ha giocato su ci che non rispondeva ai bisogni essenziali.
Non c' dunque innovazione in funzione del reale interesse dell'uomo. Ci che constatiamo con evidenza oggi (si
innova pi per andare sulla Luna che per nutrire gli esseri umani) sempre stato un carattere del progresso tecnico.
L'uomo non ha scelto di innovare l dove era veramente necessario. Le innovazioni sono avvenute l dove il sistema
tecnico stesso aveva ragione di progredire. vero che ormai con la pianificazione si pretende di dirigere
l'innovazione, ma in realt ci si rende conto che ogni pianificazione innanzitutto polarizzata secondo gli imperativi
della crescita del sistema tecnico, che non tiene alcun conto dei bisogni reali (si sempre e ovunque deciso di
costruire autostrade piuttosto che creare cibo di qualit). L'innovazione si trova al contrario, grazie alle minuziose
analisi degli ultimi anni, inserita nel processo di autoaccrescimento. Non l'innovazione meravigliosa, abbagliante
che provoca la crescita in un campo nuovo, ma l'ipseit della crescita che definisce l'innovazione. Questa compresa
nel meccanismo e si realizza secondo i propri bisogni. Un eccellente (e involontario!) esempio dato dal libro di
Kaufmann, L'Inventique206. Si tratta di una messa a punto di metodi di creativit, il cui sviluppo risponde ai bisogni
della societ. Le aziende devono continuamente innovare - ogni quadro, ogni ingegnere deve essere uno scopritore. I
meccanismi della scoperta possono essere analizzati, compresi, quindi riprodotti e utilizzati. In questo studio gli
autori mostrano come si possa circoscrivere l'intuizione e provocarla, anche attraverso un clima di rilassatezza e
gioco, il ricorso a non esperti (catalizzatori indispensabili!), il processo di bissociazione (accostamento di due idee

o due tecniche suscettibili di combinarsi), la frantumazione, i giochi di parole, le sovrapposizioni di idee e le


analogie, ecc. Si analizzano i metodi combinatori pi complessi: le matrici di scoperte di Moles, le ricerche
morfologiche di Zwicky, ecc. Tutto ci dimostra perfettamente l'integrazione dell'attitudine a inventare nel sistema
tecnico - l'invenzione non pi questione di un uomo che liberamente scopre la novit che lo appassiona. il
risultato di un insieme di procedimenti e di manipolazioni e avviene per una sorta di mobilizzazione collettiva (esperti
e non esperti), necessariamente a un livello estremamente basso, vale a dire che si tratta sempre di un prodotto che si
iscrive nella logica della crescita precedente, non vi pu sfuggire. Pertanto l'innovazione perfettamente assoggettata.
Non c' conflitto tra l'innovazione atto trionfante dell'individuo e l'autoaccrescimento cieco di un sistema. Il secondo
ha perfettamente assimilato, controllato, integrato la prima. C' accrescimento solo se ci sono innovazioni, ma queste,
risultando sempre pi da applicazioni di tecniche su campi tecnici, corrispondono esattamente alla necessit di
autoaccrescimento - senza che sia possibile distinguere il pi piccolo fattore indipendente, selvaggio e forense.
L'autoaccrescimento non significa che non ci sia riflessione cosciente e volontaria di ricerca della crescita: l'ottimo
Post Apollo Program: directions for the future specifico al riguardo. Si tratta della programmazione delle ricerche
per la continuazione dei lavori della NASA, in seguito alla frenata politica (febbraio 1970). Il rapporto seleziona le
opzioni di base per la ricerca e la prosecuzione delle operazioni. Si tratta quindi di uno sforzo estremamente esplicito,
come d'altronde se ne verificano in molti settori del mondo tecnico. Eppure, anche in questo caso, si pu parlare di
autoaccrescimento, perch questo progetto si situa all'interno del sistema tecnico che implica la crescita. Tutto in
questo rapporto pu essere messo in questione, tutto riconsiderato, tranne l'evidenza della continuazione e della
progressione. Coloro che hanno stilato il rapporto erano guidati dalla necessit di perseguire lo sviluppo,
partecipavano quindi a un autoaccrescimento che rendeva lo sviluppo simultaneamente evidente e necessario. Tutto
ci che doveva essere fatto era la ricerca della via pi sensata, la scelta di veicoli polivalenti, ecc. Tutte questioni che
si pongono unicamente in funzione di un autoaccrescimento del sistema.
Massenet definisce perfettamente l'accrescimento tecnico self conditioned. Vogliamo, scrive, queste mutazioni
tecnologiche per se stesse? Ovviamente no, a meno di invocare un inconscio collettivo. Ma vogliamo i loro effetti,
misuriamo l'efficacia dei dispositivi sociali dal progresso quantitativo e forse domani qualitativo del nostro livello di
vita. Cos il progresso tecnico, coscientemente assunto da una minoranza di ricercatori, collettivamente voluto
unicamente in modo implicito come mezzo obbligatorio del progresso vissuto. La Tecnicit non pi avventura ma
necessit207.
Eppure, una delle condizioni dell'autoaccrescimento, tuttavia assolutamente non indispensabile, l'intervento dello
Stato. Questo, evidente nell'economia socialista, meno sicuro in quella capitalista. Nondimeno un certo impulso e
coordinamento sono fattori non trascurabili, senza per credere che ci reintroduca l'elemento volontaristico e
decisionale nella crescita tecnica. La R&D chiaramente una presa di posizione volontaria e una decisione politica a partire da essa, si creduto che lo Stato (sostituto dell'uomo) dirigesse. In realt lo Stato innanzitutto condizionato
dalla Tecnica, e le decisioni riguardanti la R&D sono puramente e semplicemente provocate dalla necessit tecnica.
La crescita tecnica porta al punto in cui il corpo sociale non pu pi fare a meno di istituire un organismo di R&D.
L'intervento dello Stato mi sembra quindi situato all'interno del fenomeno di autoaccrescimento (cos come
l'insegnamento tecnico) e non come condizione iniziale. Esso diventa per condizione per la continuazione
dell'autoaccrescimento.
Ci pone il problema di fondo della R&D: la R&D l'insieme di attivit che va dalla ricerca fondamentale alla messa
a punto di nuovi metodi, procedimenti, prototipi in tutti i campi. Attualmente alla classica R&D si aggiunge la
formula T&E, Testing and Engineering, prova ed elaborazione del prodotto da parte degli ingegneri, in senso
ampio. La R&D compresa nell'insieme della politica scientifica, che implica lo stabilimento di obiettivi,
l'allocazione e la ripartizione di stanziamenti, l'amministrazione dei programmi e dei ricercatori, le interazioni con
altri settori economici e sociali, e infine la valutazione dei risultati. Come venne sottolineato in un rapporto
dell'OCSE, viene preso in considerazione anche ci in cui la scienza influenza la politica, e come le scoperte tecniche
influenzano le decisioni scientifiche. Perch la R&D in stretti rapporti con la politica, chiamata a rispondere a
obiettivi che le vengono posti innanzitutto dallo Stato, ma in realt gli organismi politici hanno poco potere e
controllo su di essa. Negli Stati Uniti, dove si straordinariamente sviluppata per via delle guerre, si giunti a
distinguere tre settori: il programma con finalit militari, la ricerca delle Universit (finanziata dal governo ma libera
dai suoi orientamenti), la ricerca industriale (finanziata per lo pi dalle imprese). La R&D ha goduto di uno
straordinario aumento di finanziamenti dal 1948 al 1967 (2,4% del budget federale nel 1948, 5,8% nel 1957, 10% nel
1962, 12,6% nel 1965). Nel 1966 iniziata la crisi: inizialmente stagnazione, poi declino delle risorse (in numeri
assoluti), e rimessa in causa degli obiettivi della politica scientifica e del complesso tecnico militare industriale.
La R&D stata la grande questione negli Stati Uniti nel dopoguerra, in Europa dieci anni pi tardi. Si trattava di
concentrare le forze, i capitali, le intelligenze sulla ricerca scientifica, in realt tecnica, con finalit lo sviluppo
(economico, e all'occorrenza capitalista). Nel 1946 le spese per la R&D ammontavano negli Stati Uniti a 300 milioni
di dollari, nel 1971, anno di punta, hanno raggiunto i 25 miliardi, rappresentando il 3,5% del prodotto nazionale lordo
(l'I,68% in Francia). Negli Stati Uniti c' stata una tendenza al rallentamento a partire dal momento in cui ci si resi

conto che la crescita tecnica, indiscutibile, non produceva necessariamente una crescita economica. I numeri parlano
chiaro: la Gran Bretagna spende il 2,5% del PNL in R&D, e il reddito pr capite aumentato tra il 1960 e il 1970 solo
del 2,2% all'anno; il Giappone, in testa alla crescita mondiale, destina l'I,5% del PNL alla R&D. Negli Stati Uniti il
rendimento di produttivit economica delle enormi somme dedicate alla ricerca attualmente tanto debole che si in
presenza di una stagnazione: ma la ricerca si orienta innanzitutto verso il qualitativo e verso la soluzione dei
problemi di inquinamento, ecc. Se c' quindi esitazione quanto al risultato economico, non ce ne pu essere per i
risultati tecnici. Ma ci non interessa paesi come la Francia, in cui si collega ancora R&D alla politica industriale (per
esempio la dichiarazione di Ortoli, dicembre 1969). La Scienza, il Sapere sono considerati sempre pi beni
strumentali, mezzi208. Certamente c' sempre la ricerca di base, ma non al centro dell'interesse, sebbene
teoricamente e intellettualmente dovrebbe essere cos. In realt sono la ricerca applicata da una parte e lo sviluppo
dall'altra a essere interessanti. Sono essi che hanno condotto all'amalgama sistematica dei tre nella R&D - anche ci
che spiega la crisi attuale dell'insieme. C' una messa in causa non solo del rendimento economico, ma anche del
significato (i ricercatori pongono la domanda: Che cosa stiamo facendo? A che cosa servir?). Si ha dunque
l'impressione che l'uomo rimanga padrone della situazione, che decida di intraprendere la ricerca, che metta a
disposizione i finanziamenti, e quando si pone domande come quelle che ho menzionato, tutto si ferma: non c'
quindi autoaccrescimento della Tecnica! Sbagliato: ho detto prima che negli Stati Uniti la tecnica si orienta, senza
arrestarsi, verso mezzi di disinquinamento, di ricostituzione dell'ambiente, ecc. La difficolt qui il cambiamento
sociale che un tale riorientamento tecnico implica. Ma la crescita tecnica dopo due o tre anni di esitazione non
assolutamente rimessa in causa - direi il contrario: l'imperativo di progresso tecnico, che proviene
dall'autoaccrescimento, comporta il riorientamento della R&D ed esige l'adattamento socio-economico. Lungi
dall'essere determinata, la crescita tecnica l'imperativo determinante - accecamento ineluttabile. Ci confermato,
in Francia, da interessanti dichiarazioni di J.P. Beraud209, riprese dal ministro dello Sviluppo Industriale e Scientifico
(luglio 1973): la ricerca non appannaggio di qualche specialista, una necessit permanente alla quale tutti devono
aprirsi. un'attivit aperta sul mondo esteriore, sui bisogni quotidiani, individuali o collettivi. necessario inserire
psicologicamente e socialmente i ricercatori210 nella societ.
In realt l'insieme di istituzioni, di stanziamenti, di organizzazioni di R&D non il fattore autonomo che determina il
progresso tecnico, ma lo strumento di cui il sistema tecnico si dota per obbedire alla propria legge di
autoaccrescimento. Questo mediatizzata dalla R&D. Gli uomini che ne fanno parte sono gli agenti
dell'autoaccrescimento. Ripeto che in queste frasi non c' antropomorfismo: non dico che ci sia una sorta di divinit
onnipotente con l'intenzione chiara e deliberata di creare la R&D in funzione dei propri imperativi. Nulla di simile. Si
pu per far il paragone del mercato in economia liberale. Nessuno crea il mercato, che risulta invece dalla
combinazione di domande e offerte, apparentemente incoerenti, di politiche particolari di aziende indipendenti e di
bisogni spontanei, ecc. Eppure questo insieme disparato costituisce una realt che obbedisce a leggi proprie. Una
volta che il mercato esiste, si comincer a dotarlo di un certo numero di organismi di mediazione e regolazione - a
questo livello che si situa la R&D. Essa subisce gli impulsi o i rallentamenti che provengono dal fenomeno
(irregolare) dell'autoaccrescimento della Tecnica. possibile essere colti dall'ansia, come Leprince-Ringuet211, di
fronte alla riduzione di stanziamenti per lo spazio e la ricerca nucleare. Quali saranno allora domani gli obiettivi
principali della ricerca applicata? Come utilizzare l'enorme potenziale tecnologico cha abbiamo attualmente a
disposizione? chiede. Non c' da temere: quando la crescita tecnica frenata in un ambito, il processo di
autoaccrescimento provoca una mutazione del campo di applicazione: si verifica necessariamente un rallentamento,
che pu essere considerato una stabilizzazione o una crisi, ma in realt c' una ripresa dell'autoaccrescimento l dove
possibile.
Tutto deriva cos dalla situazione del fenomeno tecnico nella societ globale: un ottimo studio sull'autoaccrescimento
ci fornito da Marie Moscovici212. L'autrice studia in particolare il fenomeno della socializzazione della ricerca, che
diventa una specie di programma comune, di ideologia globale che possiede una legittimazione a priori accordata
dall'insieme del corpo sociale. Troviamo qui l'intersezione tra autonomia-legittimazione e autoaccrescimento:
necessario prendere coscienza del fatto che ogni carattere del sistema deve essere considerato in correlazione con gli
altri. In questa prospettiva la ricerca diventa una sorta di attivit spontanea di tutto il corpo sociale. Il laboratorio di
ricerca, che certamente esiste, un'organizzazione particolare il cui scopo la produzione di invenzioni: ma pu
esistere in quanto tale solo sul fondamento dell'autoaccrescimento in quanto adesione preliminare. L'invenzione
ormai amministrata, lo scienziato e il tecnico di ricerca hanno innanzitutto un ruolo sociale (che rivestono tanto
meglio quanto pi sono integrati) e si passa dalla creativit aleatoria alla creativit provocata.
L'autoaccrescimento si basa sulla legittimazione a priori della Tecnica nella coscienza. Problema che riprenderemo
pi avanti. Habermas ha ragione nel sottolineare che a ci che corrispondono le ideologie che rimpiazzano le
legittimazioni tradizionali della dominazione, nello stesso tempo in cui si presentano facendosi forte della scienza
moderna, e giustificandosi in quanto critica dell'ideologia. Ma che la tecnica abbia invaso il campo dell'ideologia
non significa che la si possa ridurre a ci!
Ovviamente in questo aspetto dell'ambito tecnico bisogna anche tenere conto del potere ossessivo e polarizzante del

vocabolario. Le parole sono investite di una carica emozionale in funzione del contesto generale della societ. Nel V o
nel XIII secolo c'erano termini teologici che provocavano azioni e riflessioni. Nella nostra societ piuttosto il
vocabolario politico, ma l'azione importante in realt indotta da parole chiave del mondo tecnico: spuntassero i
termini Pianificazione, Produttivit, Prospettiva, Informatica, Gestione, subito le forze intellettuali si orienterebbero
in funzione di questi punti di cristallizzazione. Non c' bisogno di incitare gli individui a fare della futurologia, a
prepararsi a carriere informatiche o a organizzare secondo principi di gestione: la ricerca e l'applicazione si realizzano
autonomamente. E poich molti vi sono attirati, il progresso avviene senza che lo si voglia, lo si cerchi o lo si sappia.
Questi termini sono portati alla ribalta perch uniscono l'interesse economico con la preoccupazione tecnica. Non
questione di moda, ma di polarizzazione dell'attenzione, nella misura in cui ci che viene invocato da tale parola
immerso nell'atmosfera generale della societ tecnica e si trova sensibilizzato a tutto ci che pu svilupparlo.
***
Abbiamo appena visto che l'autoaccrescimento che risulta dalle qualit intrinseche della tecnica implica l'esistenza di
alcune condizioni di possibilit. Dobbiamo pensare a come, all'inizio dello sviluppo tecnico, sia stato necessario un
insieme di condizioni ideologiche, economiche, scientifiche, sociali, favorevoli e congiunte. Boli mostra ad esempio
come la desacralizzazione dei mezzi impiegati sia una condizione preliminare necessaria affinch la tecnica possa
svilupparsi, essendo ci possibile solo a condizione di porre la questione dell'efficacia del mezzo e non della sua
conformit col sacro. Allo stesso modo evidente che il successo, la riuscita di un certo numero di tecniche,
riguardanti alcuni aspetti di una cultura, incrementano la propensione degli uomini di un gruppo sociale ad applicare
la tecnica ad altri aspetti della cultura. C' una adesione preliminare necessaria all'accettazione di nuove tecniche213.
questo d'altronde che rende l'applicazione della tecnica possibile a titolo di tentativo, affinch ci sia una sorta di
banco di prova. Normalmente una tecnica sempre sperimentata a lungo in laboratorio prima di essere consegnata
al pubblico (commercializzata, se si tratta di un regime capitalista). Ma questa condizione molto difficile da
soddisfare se si tratta di una tecnica globale, di un insieme tecnico, perch ci mette in gioco un gran numero di
persone o un'intera societ. Eppure, ci si accorge che si ha autoaccrescimento solo quando la sperimentazione
possibile. il motivo per cui le guerre sono cos utili in questo quadro: il momento in cui tutte le esperienze sono
possibili. Ma un errore credere che la guerra di Spagna o quella del Vietnam siano semplici banchi di prova delle
guerre future: sicuramente ci sono tecniche militari, ma sono secondarie. Sono tutte le altre a essere importanti,
momentaneamente applicate alla guerra, perch questa permette di non preoccuparsi dei risultati disastrosi o
eccessivamente costosi di una data tecnica. La guerra il banco di sperimentazione necessario che permette
l'autoaccrescimento, perch autorizza ogni audacia, ogni tecnica e l'insostituibile lavoro in vivo214. Bisogna prendere
in considerazione altri fattori indispensabili per questo progresso autonomo: l'esistenza di un insegnamento
tecnologico. chiaro che se la tecnica tende intrinsecamente a crescere in questo modo, ci implica la partecipazione
scontata da parte degli uomini. Vedremo pi avanti come tutti gli uomini siano integrati nella tecnica, ma per
assicurare tale processo sono necessari dei tecnici. Le professioni sono sempre pi tecniche, per avere un mestiere
bisogna conoscere una tecnica, ma questa necessit sofferta dall'uomo provoca come effetto reciproco che pi uomini
sono formati dalla tecnica, pi partecipano allo sforzo. La formazione tecnica non solo formazione per svolgere un
mestiere, ma, involontariamente, formazione alla partecipazione della crescita tecnica non per trasmissione di
conoscenza, ma per la delimitazione di un campo di interessi e l'induzione di un'adesione incondizionata. A queste
condizioni si produce il fenomeno di autoaccrescimento grazie alla partecipazione di tutti. Ogni invenzione tecnica
provoca altre invenzioni in altri campi. Non c' interruzione. In una stessa civilt il progresso tecnico non mai
messo in discussione215. Il progresso dello stesso ordine della numerazione: non c' motivo di fermarsi a una cifra, a
un livello tecnico, c' sempre la possibilit di aggiungere un numero. Si pu sempre aggiungere un perfezionamento
che risulta dall'applicazione della tecnica stessa. Chiaramente mi riferisco all'insieme del sistema tecnico, e non a una
tecnica particolare, che pu essere bloccata per un certo periodo. Le tecniche si chiamano una con l'altra.
Ci pu presentarsi sotto differenti aspetti, positivi e negativi. Da un lato ogni tecnica apporta la propria pratica, la
propria efficacia al grande insieme, e attraverso l'unicit del sistema contribuisce allo sviluppo di tutte. Questo
l'aspetto pi evidente, ma sotto un altro aspetto, una tecnica fa appello ad altre perch pu avanzare solo se alcuni noti
problemi vengono risolti, se nuovi materiali, nuovi strumenti vengono creati. C' sollecitazione. La Tecnica pone un
problema positivo e la Tecnica vi risponde. Ovviamente quando dico che la Tecnica fa appello, risponde si tratta
di un antropologismo che pu sembrare ingenuo ma che in realt non lo : perch se sono dei tecnici a porre il
problema e altri a rispondervi, essi sono cos esclusivamente determinati dal loro ruolo e dalla loro competenza da
essere semplicemente portavoce.
all'interno di questo autoaccrescimento attraverso i bisogni che la tecnica si crea da s, che dobbiamo collocare ad
esempio le straordinarie ricerche sui nuovi materiali: ogni tecnica pu svilupparsi solo utilizzando materiali che non
esistevano allo stato naturale. Il materiale dotato di una data qualit specifica, determinato dall'uso che una data
tecnica deve farne, deve essere inventato. L'immagine, il profilo del materiale sono dati sin dall'inizio. Attualmente
l'assenza di materiali adeguati a comportare il rallentamento di numerose tecniche, sebbene si possa dire che ormai le
ricerche sui nuovi materiali siano prioritarie, poste al primo livello di preoccupazione, e si sviluppano pi

rapidamente216. C' autoaccrescimento perch la tecnica definisce autonomamente i propri bisogni e vi apporta la
propria soddisfazione. I problemi posti dalla tecnica non possono essere solo positivi, ci sono anche questioni di
necessit: la nuova invenzione ha luogo non in vista del progresso ma per rispondere a una situazione inattesa,
difficile, provocata dalla tecnica stessa, senza poter parlare ancora di compensazioni necessarie.
L'autoaccrescimento pu essere ad esempio innescato dal risparmio di manodopera provocato dalla tecnica stessa:
l'automazione, ad esempio, suppone un trasferimento di lavoratori da un'occupazione all'altra. La grande scoperta
stata per che il livello di impiego pu essere mantenuto al livello desiderato correggendo la domanda: Se non c'
abbastanza lavoro nella fabbricazione di automobili, possiamo rimediarvi andando sulla Luna (Keyfitz). Tutto ci
estremamente significativo: ogni disimpegno di manodopera , per evitare la disoccupazione, un pressante appello
aa crescita tecnica in un altro campo che per un periodo assorbir la manodopera, prima che questo progresso, spinto
all'estremo, a propria volta la renda inutile.
C' inoltre autoaccrescimento, ed l'ultimo termine, poich la tecnica provoca nocivit alle quali solo la tecnica pu
porre rimedio. Abbiamo gi cercato la differenza d'ordine tra i problemi che la tecnica pu risolvere e quelli nei
confronti dei quali si rivela impotente.
Il grande meccanismo di produzione dell'autoaccrescimento in realt la comparsa di problemi, pericoli e difficolt.
Si pu spiegare in modo semplice: ogni invenzione tecnica (collocandoci a livello dell'operazione) provoca difficolt
o problemi, e ci si rende rapidamente conto che solo una risposta tecnica utile o efficace. La tecnica si alimenta cos
attraverso i propri fallimenti. Il progresso quindi un complesso di risoluzioni di problemi e di creazione di
problemi (de Jouvenel). Formulato in questo modo una banalit, ma la novit che per via dell'integrazione del
sistema tecnico ogni fallimento rischia di mettere tutto in causa: non l'uomo a porre i problemi, questi gli vengono
duramente posti dalla Tecnica stessa e non si liberi di rimandare la soluzione a domani: ogni volta questione di
vita o di morte.
L'assenza di scelta nei confronti dei problemi , propriamente parlando, l'autoaccrescimento - quando una tecnica
funziona, perturba: bisogna rispondere. Il bisogna determina l'autoaccrescimento. La ragione d'essere di un numero
sempre maggiore di tecniche rispondere alle difficolt: Gli imballaggi a perdere obbligano a costruire inceneritori
di rifiuti. La congestione del centro di Parigi implica la costruzione di Sarcelles e autostrade. L'inquinamento
generalizzato obbliga i Giapponesi a comprare ossigeno e a bere acqua minerale217. Nessuno lo vuole, ma cos! La
tecnica si genera non solo attraverso pericolo o inquinamento: talvolta pone direttamente a se stessa delle domande.
Un bell'esempio ci dato da Enigma218:la creazione di una macchina per la decifrazione di testi (militari) e la
progressiva messa a punto di tecniche di decifrazione attraverso la comprensione della macchina stessa. Si tratta in
fondo sempre del dibattito tra la corazza e il proiettile. Vediamo in questa infinita concorrenza il processo di
autoaccrescimento, perch ogni ostacolo presentato dalla corazza una provocazione indiscutibile per trovare un
proiettile pi potente e viceversa. Non c' alcuna partecipazione umana: la deliberazione annientata dall'evidenza
schiacciante del tecnico. Bisogner raggiungere un apice di indipendenza spirituale collettiva per rimettere il
processo in questione, ci tanto pi improbabile e difficile in quanto la tecnica crea situazioni inevitabili nelle
quali non c' altra soluzione a parte quella di continuare ad avanzare: a patire dal momento in cui si utilizzano
pesticidi, non si pu pi tornare indietro perch gli insetti adattati pullulerebbero. A partire dal momento in cui si
hanno a disposizione concimi chimici, si possono selezionare specie di riso o di grano miracolose (ci che ha
permesso la Rivoluzione Verde), ma la loro coltivazione esige l'uso di concimi chimici, ecc.
Cos de Closets afferma: Solo l'urbanistica salver le citt, solo la pila a combustibile offuscher l'atmosfera, solo la
contraccezione metter fine alla crescita demografica, solo la chimica permetter di sconfiggere la fame, solo
l'informatica risolver i problemi dell'istruzione permanente. Certo: in altre parole, la Tecnica pone dei problemi,
comporta delle difficolt, e ci vogliono sempre pi tecniche per risolverli. C' ovviamente un'autogenerazione.
Tutto ci caratteristico per il problema dei rifiuti: assolutamente necessario moltiplicare le tecniche che hanno lo
scopo di eliminare i rifiuti, di compensare gli inconvenienti. Non basta costruire delle auto: bisogna anche
distruggerle, comprimerle, ridurle in pulfer riutilizzabile: si costruiscono fabbriche a questo scopo (quella di AthisMons pu trattare 75.000 tonnellate di vetture all'anno). Ma tutto ci ancora insufficiente: bisogna coordinare
l'attivit di eliminazione delle vecchie auto, non la si pu lasciare all'insufficiente iniziativa individuale. necessario
stabilire una politica concertata, creare un'amministrazione, un secondo livello tecnico, di organizzazione e di
sistematizzazione delle tecniche di eliminazione del rifiuto tecnico. L'automobile un caso tra cento: se non si vuole
morire sotto i rifiuti219, bisogna dedicare una parte crescente della tecnica a questo problema - sistemi di aspirazione
per canalizzazione (utilizzati in Svezia), incenerimento, raccolta ermetica, macinazione, ecc. C' autoaccrescimento
della tecnica perch non si pu continuare a utilizzare metodi antichi di raccolta e discarica. Ed la tecnica a causare
il problema, perch la maggiore crescita di rifiuti dovuta agli imballaggi perfezionati. Ma oltre all'impulso che la
tecnica conferisce a se stessa attraverso sollecitazioni alle quali bisogna rispondere e attraverso difficolt che bisogna
risolvere, altri fattori giocano nello stesso senso.
Alcuni sono dovuti ai gruppi umani che vi partecipano. Ecco un esempio concreto molto semplice che si verifica
frequentemente: un compito sembra necessario dal punto di vista economico, sociale, ecc. Si mettono a punto

tecniche per rispondervi, e necessariamente si costituisce un gruppo di professionisti per applicarle. In un attimo
l'obiettivo raggiunto, ma il corpo di professionisti rimane, e di licenziarli non se ne parla. Il nuovo parco attrezzi
istallato e di non utilizzarlo non se ne parla. Si continua quindi a funzionare applicando tecniche e attivit di campi
inutili a sviluppi superflui: ad esempio, la costruzione di strade utili implica la creazione di amministrazioni,
l'ingaggio di operai, l'uso di materiali sempre pi perfezionati, e quando la rete sufficiente, si continuano a costruire
strade perch non si pu fermare la macchina tecnica. Dal lato opposto, intervengono elementi molto generali,
nell'opinione pubblica, nella vita politica, che si coniugano per produrre lo stesso effetto. Buoni esempi di
autoaccrescimento che si basano sull'evidenza della necessit del progresso tecnico ci vengono proposti da de
Clsets: Appena si apre una via di ricerca, decine di quipes vi si riversano. Mostra come la concorrenza, tra
nazioni o aziende, comporta necessariamente una crescita tecnica che nessuno vuole in quanto tale: questa crescita
la sola via per evidenziare la superiorit sugli individui e sui gruppi.
Per raggiungere questo punto, potrei rimandare all'ottimo studio di Bela Gold, che conferma interamente queste
interpretazioni sull'autoaccrescimento. Conduce un'analisi molto approfondita di tutti i fattori che giocano in
direzione della crescita tecnica e manifesta sempre una sorta di scetticismo, mostrando che non si comprende il
sistema del progresso tecnologico fintanto che si tenta di ricondurlo a decisioni chiare. Inoltre, per lui i grandi
progressi sono solo il risultato accumulato di piccoli miglioramenti progressivi e anonimi, bisogna aggiungere!
***
Questo ci introduce alle conseguenze dell'autoaccrescimento. C' reciprocit del fenomeno: l'autoaccrescimento
dovuto al fatto che tutto funziona per combinazione di migliaia di piccole scoperte che perfezionano l'insieme, e
questa anche la conseguenza: il progresso avviene, conseguentemente, a causa dell'esistenza stessa di questa realt
del sistema. Ci comporta considerevoli ripercussioni: il carattere principalmente tecnico di ogni lavoro fa s che non
importi chi faccia avanzare il lavoro, perch la tecnica avanza maggiormente grazie a migliaia di piccoli
perfezionamenti che ciascuno pu apportare, a condizione di conoscere bene il proprio settore tecnico, pi che per
grandi invenzioni spettacolari e geniali. Non pi necessario essere intelligenti e colti per far avanzare la tecnica.
Qualsiasi studente medio o professionista specializzato giunge sempre a un progresso - nella migliore delle ipotesi il
progresso si verifica attraverso la ricerca di migliaia di ricercatori per ogni questione; ma la qualit dei ricercatori non
conta molto. L'importante che conducano infinite sperimentazioni a riguardo di un problema in modo da esaurire
tutte le ipotesi e le combinazioni possibili. Purch abbiano a disposizione il materiale necessario, siano inclusi in una
struttura totale, obbediscano a un sistema di ricerca rigoroso e completo, giungono necessariamente a un risultato. A
queste condizioni chiunque va bene. Le migliaia di piccole scoperte fatte in tutto il mondo si sommeranno infine per
creare il progresso tecnico, che tutti giudicheranno straordinario. Questo spiega anche il carattere perfettamente
intercambiabile di questi tecnici. Possono andare ovunque, purch vengano loro forniti i mezzi.
Dipendendo il processo tecnico dalla propria struttura, la qualificazione dell'uomo si fa meno imperiosa. Ci vuole un
uomo molto pi competente nella propria specialit e molto meno atto alla riflessione. Pi fattori ci sono, pi li si
pu combinare, pi si fa chiara l'urgenza di ogni progresso - pi il progresso stesso evidente, meno l'autonomia
umana pu esprimersi. In realt l'uomo sempre necessario. Ma chiunque andr bene purch sia addestrato al gioco.
L'uomo pu ormai agire nella realt pi comune, pi bassa, e non in ci che vi di superiore e particolare, perch le
qualit che la Tecnica richiede per evolvere sono qualit scontate, di ordine tecnico, e non un'intelligenza
particolare. L'uomo non interviene in questa evoluzione decisiva (della tecnica verso la propria costituzione in
sistema e verso la formazione progressiva del carattere di autoaccrescimento). Non cerca di creare un sistema tecnico,
non tende a un'autonomia della tecnica. Si costituisce qui una sorta di spontaneit nuova, qui che si deve cercare il
movimento specifico, indipendente della tecnica, e non in una rivolta dei robot, o in una autonomia creatrice della
macchina. In questo senso si pu parlare di una realt della tecnica, con un proprio corpo - la propria entit
particolare, la propria vita, in qualche modo indipendente dalla nostra decisione. Perch le nostre decisioni sono
politiche, quindi senza presa sul fatto tecnico, oppure sono microtecniche, e quindi si inseriscono nel generale
movimento di crescita. La specializzazione del tecnico quindi un fattore essenziale dell'autoaccrescimento. Ma
come sempre in questo caso simultaneamente fattore e conseguenza.
Ciascuno agisce nel proprio campo particolare, ciascuno fa progredire il gesto, il piccolo arnese, il pezzo di macchina.
Ogni questione trattata, per quanto delicata, sempre specifica.
Ognuno si dedica a trovare soluzioni a problemi molto precisi, molto concreti, o a sviluppare un'efficacia in un
ambito determinato: nessuno ha una visione d'insieme, nessuno pu veramente dirigere il sistema tecnico, e il
progresso scientifico e tecnico avviene per conseguenza indiretta. La volont di inventare, di innovare inferiore alla
ricerca di un movimento generale nel quale ciascuno preso. C' l'orientamento generale di questa civilt, c'
l'esercizio della funzione professionale, ci sono le possibilit offerte dalle nuove attrezzature (materiali o mentali) che
non si pu fare a meno di utilizzare. Per evidenza e per necessit il progresso tecnico si somma agli altri, e il
fenomeno sar simile ovunque. I tecnici lavorano ovunque con le stesse attrezzature, si scontrano con gli stessi
problemi, obbediscono agli stessi impulsi. Il progresso tecnico tende a realizzarsi ovunque all'incirca allo stesso
tempo. Ovviamente sto parlando di quei paesi che hanno a disposizione un equipaggiamento tecnico sufficiente, che

hanno raggiunto un certo livello economico e che sono stati conquistati dalla passione tecnica. A partire da queste
basi le scoperte, le innovazioni possono sorgere in diversi punti, solo con pochi mesi di scarto le une dalle altre.
Perci non bisogna credere troppo alle storie di spionaggio, con i servizi segreti alla ricerca di segreti scientifici
(che sono di solito segreti tecnici!) rubati da un paese all'altro. Non cos: in realt ogni paese avanzato in grado
di fare autonomamente ci che un altro ha fatto. Gi nel XIX secolo si sapeva che le grandi invenzioni (tecniche)
potevano essere rivendicate da molti paesi. Ognuno ha una verit ufficiale sull'invenzione del cinema, del telefono,
della radio, dell'automobile. Oggi l'identit del cammino della Tecnica porta a invenzioni ovunque identiche, perch
fatte con gli stessi mezzi e rispondenti agli stessi bisogni. Nessuno Stato pu guadagnare un vantaggio decisivo in un
ambito: tutti raggiungono rapidamente lo stesso livello. Lo si visto per la ricerca astronautica: Stati Uniti e URSS si
superano continuamente a vicenda.
Pi difficile pu essere passare alle realizzazioni: sono i mezzi qui a fare la differenza. Perch, in seguito alla scoperta
o all'invenzione, la realizzazione richiede enormi investimenti non sempre possibili. Attualmente si pone il problema
della forse decisiva avanzata tecnologica degli Stati Uniti grazie ai computer, dato che gli altri paesi hanno mancato
la partenza.
Ci pu comportare una supremazia politica. Nei fatti per, sul piano tecnologico, gli Stati Uniti si vedono obbligati a
portare gli altri paesi in una situazione di progresso, senza la quale il loro sviluppo risulterebbe inutile:
l'autoaccrescimento comporta una solidariet dei centri di progresso tecnico.
Possiamo infine notare un'ultima conseguenza: l'avanzata della crescita tecnica spinge alla concentrazione delle
imprese: necessario quindi che la grande societ sia in grado di raggiungere la massa critica a partire dalla quale
le spese per la ricerca sono efficaci220.
Il tipo di crescita della Tecnica richiede che le si mettano a disposizione le possibilit della propria realizzazione. A
questo riguardo l'esposizione delle ricerche della societ Philips221 caratteristica: essa rivela che l'autoaccrescimento
funziona principalmente in settori ampi, ma non spettacolari. Rivela inoltre che l'autoaccrescimento avviene
principalmente attraverso la comunicazione accelerata di tutte le ricerche parcellari. La Philips comprende numerose
societ stanziate in numerosi paesi, centri di ricerca disseminati in tutta Europa: c' allora comunicazione incessante
dagli uni agli altri attraverso l'intermediazione del centro di Eindhoven, ma questo stato esteso anche a centri di
ricerca che non dipendono dalla Philips: l'intercomunicazione che scatena l'accelerazione dell'autoaccrescimento.
Troviamo qui un altro esempio di reciprocit: ci che costituisce l'effetto di questo carattere della Tecnica allo stesso
tempo condizione della sua realt.
Il meccanismo di progresso spontaneo che ho descritto pu per non funzionare abbastanza rapidamente. La tendenza
attuale diminuire il divario esistente tra invenzione e applicazione tecnica. A questo scopo sono stati creati nuovi
organismi, pezzi che diverranno essenziali per il sistema tecnico. La relazione tra ricercatori (della ricerca di base) e
ingegneri, tecnici abbastanza ben assicurata, abbastanza diretta negli Stati Uniti. Il clima economico e psicologico
assicura i contatti e la diffusione delle innovazioni incontra pochi ostacoli. Non ovunque la situazione la stessa: in
Francia esiste talvolta un fossato istituzionale o psicologico tra ingegneri e ricercatori. in una tale situazione che
sono nati l'European Economic Development (organismo privato creato nel 1964) o l'Agence Nationale pour la
Valorisation de la Recherche (organismo statale creato nel 1968), organismi che hanno essenzialmente l'obiettivo di
scoprire i detentori di nuove idee e di aiutarli a trarne applicazioni industriali. Si sondano tutte le universit, tutti i
laboratori dove compare un'idea, un'invenzione. In alcuni casi si chiede che l'idea sia gi sviluppata, in altri casi ce
se ne impadronisce alla nascita valutandone l'interesse e il futuro tecnico o industriale. Si selezionano in seguito le
scoperte prese in considerazione, e si forniscono i mezzi di applicazione. Questi organismi, che sicuramente si
moltiplicheranno, non contraddicono ci che chiamiamo autoaccrescimento, ma ne sono un aspetto. Da un lato
esistono per accelerare il processo di crescita, dall'altro attestano che il sistema tecnico colto dalla necessit
irreversibile della crescita produce le istituzioni necessarie per assicurarlo; un nuovo elemento di ci che in realt
un autoaccrescimento. evidentemente in questo ambito che l'intervento dello Stato pu essere necessario.
Prehoda222 mostra che entrambi, regime liberale e regime statalizzato, presentano vantaggi. Conclude che in regime
liberale lo spirito di invenzione pi attivo, ma che innovazione e diffusione (quindi il passaggio all'applicazione)
sono pi rischiose, mentre in URSS, ad esempio, il contrario. Lo scopo quello di giungere a realizzare una
comprensione del processo di ricerca e di diffusione: in questo momento si potr effettuare una vera programmazione
tecnologica, concepita come una combinazione volontaria di Tecnica ed economia. Si potrebbe pensare che una volta
realizzata la programmazione, la fase di autoaccrescimento sia stata raggiunta: eppure non credo sia cos, perch ad
essere messo in ordine sar l'insieme dei mezzi e il processo delle tappe.
Da un lato la polarizzazione di tutte le forze, dall'altro l'energia motrice del sistema rimarranno tuttavia al di fuori
della programmazione. Ciononostante quest'ultima (come Prehoda mostra bene), che pure una tecnica, potr essere
utilizzata sia da una societ capitalista sia da una comunista, da uno Stato democratico come da uno totalitario.
***
La Tecnica si organizza cos progressivamente come un mondo chiuso223. Essa sfrutta ci che la massa degli uomini
non conosce. Si basa proprio sull'ignoranza degli uomini. L'uomo non ha pi bisogno di essere al corrente della

civilt per usare degli strumenti tecnici (e per partecipare al loro funzionamento). Nessun tecnico domina pi
l'insieme. Ci che lega le nozioni parcellari degli uomini, la loro incoerenza, ci che coordina e razionalizza, non
pi l'uomo ma le leggi interne della tecnica: non pi la mano che coglie il fascio di mezzi, n il cervello che
sintetizza le cause: solo l'unicit intrinseca della Tecnica assicura la coesione tra mezzi e azioni degli uomini. Questo
regno le appartiene, forza cieca pi chiaroveggente della pi grande intelligenza umana.
L'autoaccrescimento dona alla Tecnica un aspetto di strana aridit. Essa sempre simile a se stessa e a nient'altro.
Qualsiasi sia il campo al quale si applica, sia l'uomo o Dio, essa la Tecnica e non subisce alterazioni nel proprio
modo di procedere, che il suo essere e la sua essenza. Essa il solo Luogo in cui forma ed essere sono identici.
solo una forma, ma tutto vi si modella. Ed ecco che essa assume caratteri propri che ne fanno un essere a parte. Un
confine ben preciso la contorna. C' ci che tecnico e tutto il resto che non lo . Ci che si addentra in questa forma
si trova obbligato ad adottarne i caratteri. Essa modifica ci che la tocca, essendo essa stessa insensibile alla
contaminazione. Non esiste nulla in natura n nella vita sociale o umana che possa essere paragonato a essa. Essere
ibrido ma non sterile, capace al contrario di autogenerarsi, la Tecnica traccia i propri limiti e modella la propria
immagine.
Quali che siano gli adattamenti che la natura o le circostanze esigono da essa, la Tecnica rimane sempre esattamente
identica, nei propri caratteri e nel proprio percorso. La difficolt sembra obbligarla a diventare innanzitutto se stessa,
e non altro. Tutto ci che essa assimila rinforza i suoi tratti. Non ci sono speranze di vederla trasformata in un essere
sottile e grazioso, perch non Calibano n Ariel, ma ha saputo prendere Calibano e Ariel nei cerchi incondizionati
del suo metodo universale.
Capitolo secondo
L'AUTOMATISMO
In seguito a una pertinente analisi di Simondon, che dimostra che l'automatismo delle macchine non il loro punto di
perfezione ma al contrario un grado piuttosto basso di tecnicit, e che il loro vero perfezionamento corrisponde al
fatto che il funzionamento di una macchina racchiude un margine di indeterminatezza, dobbiamo precisare il concetto
di automatismo del progresso tecnico. Come abbiamo visto esso non funziona in modo ripetitivo, ma al contrario per
assorbimento di nuovi settori che diventano tecnicizzati. Su questo punto, pertanto, non c' paragone tra macchina e
sistema tecnico: l'automatismo del secondo non ad esempio quello dell'automazione (ed cos perch, come
abbiamo gi visto, il sistema tecnico non una semplice somma di macchine, n una megamacchina).
l'applicazione di Tecniche secondo scelte dovute a Tecniche precedenti e che possono essere solo difficilmente
derivate e deviate. Perci l'automatismo comporta una grande parte di indeterminazione. In ogni nuova situazione,
per ogni nuovo campo, le tecniche si combinano solo in conclusione e in modo indipendente dalla decisione umana,
piuttosto una data tecnica (nuova o antica) a essere applicata, una data soluzione a essere apportata: ma nulla mi
sembra definito in partenza. Non c' progressione secondo un programma informatico. C' una situazione che sembra
fluida inizialmente ma che in realt sfugge all'uomo e che si struttura secondo il gioco dei tecnici in un modo che per
diventare soddisfacente deve diventare automatico. Ma anche perch all'inizio ci sono sempre molteplici possibilit
tecniche. C' una scelta da effettuare: l'automatismo non aliena in principio la scelta, ma consiste nel selezionare tra
le scelte effettuate quelle conformi all'imperativo tecnico e quelle che non lo sono. Si riconoscono cos gli errori fatti
per l'utilizzo dell'energia atomica. Bisognava preferire l'uranio arricchito, l'acqua pesante, ecc. L'America scelse
l'uranio arricchito, Francia e Gran Bretagna l'uranio naturale (soluzione dettata dal desiderio di realizzare la bomba al
plutonio). Ognuna di queste filiere presenta numerose varianti, tra le quali di nuovo la scelta non era scontata. E
come abbiamo detto in precedenza, si provato tutto. Dopo molti tentativi e molte spese, quando si giunti alla
produzione di elettricit a partire dal motore atomico, stato necessario riconoscere che l'unica formula utilizzabile
era quella dell'uranio arricchito. O la famosa storia, negli Stati Uniti, dell'aereo a lungo corso supersonico a geometria
variabile: dopo spese di milioni di dollari, il progetto stato abbandonato. In altre parole, quando una nuova tecnica
appare, non ci sono decisioni evidenti e uniche: la scelta non fare o non fare, come dice esattamente de Closets.
La scelta tra molteplici possibilit e generalmente colui che obbedisce a ragioni esclusivamente tecniche (senza
mischiarvi politica o nazionalismo, come stato spesso il caso in Francia!) che finisce col fare la scelta migliore: ma
questa si impone in realt per via del risultato tecnico. Poco a poco nella sperimentazione si avvia autonomamente, e
senza che ci sia stato il bisogno di fare una vera scelta, la Tecnica indiscutibile per tale momento del processo.
Tutto avviene come se il fenomeno tecnico possedesse in s una sorta di forza di espansione che gli permette di
orientarsi indipendentemente da ogni intervento esterno, da ogni decisione umana224. Si autodetermina secondo la
propria via, obbedisce a un certo numero di automatismi. Ma dico che tutto avviene come se, perch non nelle
mie intenzioni formulare la teoria di una sorta di dinamismo, una mistica dell'avanzata di un nuovo essere. Non si
tratta di ricadere nella concezione pristina delle Leggi della Natura o della Societ. L'esame preciso dei fatti che
costituiscono il progresso tecnico porta alla conclusione che la decisione dell'uomo, le sue scelte, le sue speranze e i
suoi timori non hanno pressoch alcuna influenza sul suo sviluppo. Nel capitolo precedente abbiamo gi visto tuttavia

che se l'uomo provoca l'accrescimento della tecnica (che non saprebbe generarsi da s, ovviamente), lo fa in
condizioni tali da esercitare un ruolo di occasione e non di creazione: non potrebbe fare altro che produrre
l'accrescimento, vi condizionato, determinato, chiamato, adattato, preformato. L'automatismo tecnico non ricopre la
totalit dei fenomeni, ma nel senso in cui si pu dire che un'automobile automatica, cio che vi si producono alcune
operazioni che non dipendono da un intervento dell'uomo. Questo automatismo si basa sulla direzione tecnica, le
scelte tra le Tecniche, l'adattamento dell'ambiente alla Tecnica e l'eliminazione delle attivit non tecniche a vantaggio
delle altre. Tutto ci avviene senza che l'uomo vi pensi, lo voglia, e anche se lo volesse, non potrebbe modificare
l'evidenza delle scelte. Perch finalmente (e bisogner ricordarlo per ogni settore!), sicuramente l'uomo che
formalmente, apparentemente sceglie (ad esempio una tecnica piuttosto dell'altra): ma una scelta falsata alla base,
come mostrer, perch non si potrebbe scegliere altro.
***
La direzione tecnica si decide da s. Il problema complesso. Da una parte bisogner tener conto della disparit di
crescita delle tecniche, della quale mi occuper oltre. Dall'altra bisogna combinare due elementi diversi: la crescita
delle tecniche in tutte le possibili direzioni e lo stabilirsi di una linea di crescita. Normalmente la Tecnica si sviluppa
in tutte le direzioni. In ogni campo, in occasione di ogni obiettivo, di ogni difficolt, problema, sforzo, ostacolo, viene
condotta una ricerca, sicch la tecnica prolifera con rapidit crescente. La proliferazione sembra avvenire senza
scelte, senza la predilezione di un aspetto. L'uomo fa tutto ci che possibile fare. La crescita avviene in funzione
non di un'opzione ma delle possibilit: ora possibile realizzare una tale operazione, e dunque lo si fa. Questa
possibilit non solo quella del gi acquisito, ma anche quella della valutazione del prossimo possibile: vale a dire
che non ci si serve solo di ci che utilizzabile ora, ma si valuta, oltre a ci che si ha direttamente a disposizione, ci
che immediatamente realizzabile come nuovo progresso tecnico per creare un nuovo strumento. Stando cos le cose,
si pu affermare che, senza eccezione, ogni apparecchiatura tecnica, quando viene scoperta o sul punto di esserlo,
(o sar), necessariamente utilizzata. L'uomo non rinuncia mai a utilizzare un'apparecchiatura tecnica.
Tutto ci che possibile fare, deve essere fatto: questa ancora una volta la legge fondamentale che produce
l'automatismo. Rorvik presenta meravigliosamente l'immagine del tecnico zuccone che non vede altro che la
prodezza tecnica e che, astraendo da tutti gli effetti sull'uomo e la societ, rimane fermo sul proprio principio.
storicamente rarissimo constatare la deliberata rinuncia dell'uomo a utilizzare una possibilit tecnica: si sa della
rinuncia americana all'aereo passeggeri supersonico. Al contrario necessario che la Tecnica si adatti ogni volta al
modello pi avanzato, pi veloce, pi efficace. Avevo indicato gi nel 1950 l'influenza delle navi porta-container:
all'epoca erano solo casi isolati e i trasporti marittimi non ne erano particolarmente colpiti, ma davanti ai vantaggi di
rapidit, facilit, ecc., il futuro era scontato. Attualmente tutte le tecniche marittime e portuali hanno dovuto adattarsi
con un vero automatismo alla nuova tecnica di trasporto - le parole rendono poco l'idea (ad esempio il Terminal
container di Port Elizabeth del 1968 noto per caricare e scaricare simultaneamente due navi container,
manutenzione orizzontale e verticale, il che richiede un insieme di macchine ed edifci di 21 ettari, un parco di 3.500
auto, e un parco di 8 ettari per lo stoccaggio dei grandi container!).
Inversamente si sente la necessit di questo adattamento automatico alla tecnica di punta quando questa si imbatte in
un ostacolo: stato molto curioso constatare nel 1970 la specie di scandalo rappresentato dal blocco della messa a
colori della prima rete televisiva in Francia perch c'erano troppi vecchi ricevitori. Non c'era alcuna difficolt
tecnica perch questo progresso si imponesse, semplicemente i consumatori erano ancora in possesso di vecchi
apparecchi (a 819 linee, quando la televisione a colori ne ha 625. Ancora un altro bell'esempio di automatismo: solo
la Francia nel 1974 aveva adottato le 819 linee, vedendosi ora obbligata ad abbandonare la scelta per uniformarsi alla
regola comune, per passare al colore!). Il cliente deve seguire il progresso tecnico: non assolutamente libero di
conservare il suo vecchio televisore. Presto gli verr imposto il colore - non gli verr pi fornita la trasmissione a 819
linee - avr scelto in tutta libert! Tutti gli ostacoli devono cedere davanti al possibile tecnico. il principio
dell'automatismo.
Ci risulta dall'autonomia della tecnica. In nome di che cosa l'uomo rinuncerebbe225? Ovviamente si pu affermare
che sia l'uomo a decidere: ma la crescita tecnica gli ha fornito un'ideologia, una morale, una mistica, che determinano
rigorosamente ed esclusivamente le sue scelte in direzione di tale crescita. Qualsiasi cosa meglio piuttosto di non
utilizzare ci che tecnicamente possibile. noto il rischio costituito per l'umanit dalla proliferazione di armi
batteriologiche, chimiche, nucleari, ma anche l'inquinamento generalizzato di aria e acqua, l'uso domestico e agricolo
di innumerevoli prodotti chimici (e indubbiamente le ricerche sulle mutazione degli esseri viventi attraverso
interventi chimici). Ma non importa: bisogna innanzitutto utilizzare ci che la Tecnica ci mette a disposizione. Il
fattore determinante la passione tecnica: tutto il resto giustificazione o ideologia per nascondere la realt. In
particolare la necessit nazionale, la corsa agli armamenti, la necessit di fare la rivoluzione sono ideologie
sovrapposte: non vero che sia il Ministero della Difesa a spingere i ricercatori ad agire in questa direzione. Non
vero che il progresso tecnico sia deviato dalla propria natura da fattori come questi: esattamente l'opposto. L'uomo
obbedisce innanzitutto alla tecnica e poi si d giustificazioni ideologiche che gli permettono di avere da un lato, agli
occhi di tutti, una ragione passionalmente accessibile, dall'altro, e soprattutto, di darsi un'apparenza di libert (se mi

getto nel progresso tecnico perch lo voglio, lavoro in questo senso, credo nella patria, o nel proletariato, ecc.).
Ugualmente non vero che sia l'interesse volgarmente pecuniario, il gusto del profitto, a portare i brutti capitalisti a
usare la tecnica. Bisogna ricordare ancora una volta che nei paesi socialisti l'uso della tecnica identico e che anche l
le minacce per l'umanit sono considerevoli. Ma bisogna soprattutto rinviare alla brillante analisi di Galbraith sulla
Tecnostruttura, che mostra come ormai non sia pi la ricerca del profitto il fattore determinante, ma la tecnostruttura:
sistema tecnico che funziona in direzione della scoperta e applicazione di tutte le tecniche possibili. Le tecniche si
sviluppano cos in tutte le direzioni. Ovviamente i progressi avvengono a velocit diverse. Alcuni campi potrebbero
essere momentaneamente bloccati; quando ad esempio in un settore non ci sono pi nuove combinazioni possibili. In
questi momenti si procede lentamente per un certo periodo, le difficolt sembrano insormontabili. Ma il processo
sempre lo stesso: non affrontando direttamente il problema che lo si risolver. Sar il progresso di altre tecniche,
talvolta vicine, talvolta senza alcuna apparente relazione, che in qualche modo sbloccher la situazione, l'ambito
inaccessibile. Il muro potr essere sfondato grazie alla scappatoia costituita da nuovi prodotti, da nuovi
procedimenti, da nuove macchine. Eppure in questa crescita generalizzata si distinguono delle linee di forza. Lo
sviluppo in apparenza anarchico e proliferante si ordina progressivamente in funzione di una data Tecnica maggiore
oppure si pu riconoscere una struttura del progresso pi profonda e segreta. Ma queste strutture si costituiscono, il
primato di una tecnica si decide senza discussione, conciliabolo, voto: l'ordine si costituisce da s, in funzione dei
rapporti tra diversi settori tecnici, di priorit, di disparit, di crescita, di molteplicit delle applicazioni, ecc.
Tuttavia l'uomo non pu rimanere passivo di fronte al discernimento delle tecniche maggiori e alla configurazione
dell'universo tecnico. Vediamo allora apparire un'altra dimensione del sistema: la conclusione inevitabile,
automatica, di una previsione in una societ in cui funziona la tecnica. Il fatto essenziale: l'adattamento
contemporaneamente automatico e ponderato: la riflessione si basa non solo su ci che sar se semplicemente si
lascia fare, ma anche su ci che deve essere affinch si abbia la migliore unione tra sociale e Tecnico. La previsione
non uno strumento di direzione in un dato senso del tecnico, ma lo strumento indispensabile affinch non ci siano
conflitti insolubili tra i due: l'adattamento nei confronti di un fenomeno tecnico, in ambito tecnico, non pu essere che
consapevolezza, ma questa inevitabile. La previsione ci d la possibilit di collocarci su due piani - ci che mette
in causa la pianificazione sovietica, ad esempio, troppo volontaristica in rapporto all'imperativo tecnico226.
Fino ad ora abbiamo detto che l dove la Tecnica si sviluppa si assiste ad adattamenti inevitabili e involontari, ad
esempio delle grandi organizzazioni: l'innovazione deve in effetti essere innanzitutto assicurata all'interno delle
organizzazioni227. Ci pone per una serie di problemi istituzionali, perch il clima favorevole all'innovazione
dipende da una trasformazione profonda del gioco di potere nell'insieme interessato. Si avr tendenza alla
centralizzazione, o blocco tra i gruppi di pressione opposti, o accettazione della concorrenza dei gruppi tollerando una
certa struttura e un certo livello di conflitti. L'azione tecnica permette di sostituire la costrizione con la previsione. Gli
orientamenti in un senso o nell'altro avvengono per motivi estremamente diversi, ma c' la tendenza ad accettare ci
che pi favorevole al progresso tecnico. Crozier, in La Socit bloque, mostra dettagliatamente come dovrebbe
essere una societ per adattarsi alla Tecnica, e come, quando non adattata, il progresso tecnico stesso provochi il
blocco sociale. Il cambiamento non ineluttabile ma, quando non si verifica, la societ non pu pi funzionare:
quindi una sorta di sfida posta dalla Tecnica. Nessuno sa esattamente come debba essere organizzato il corpo sociale,
ma c' una tendenza a che esso si organizzi con lo scopo di sopravvivere nel nuovo contesto, da cui la previsione; ma
allo stesso tempo Simondon dimostra che il progresso tecnico avviene attraverso l'individualizzazione degli esseri
tecnici, possibile attraverso la ricorrenza di causalit in un ambiente che l'essere tecnico crea attorno a s e che lo
condiziona come ne condizionato. Questo ambiente simultaneamente tecnico e naturale pu essere chiamato
ambiente associato. ci attraverso il quale l'essere tecnico si autocondiziona nel proprio funzionamento. Questo
ambiente non costituito - almeno non totalmente: si tratta di un certo regime di elementi naturali che attorniano
l'essere tecnico, legato a un certo regime di elementi che costituiscono l'essere tecnico. In questo modo l'adattamento
all'ambiente inevitabile e indispensabile in funzione della configurazione delle Tecniche.
Ovvi amente questa configurazione prevista non eterna n durevole. Se si osserva il sistema tecnico per una
cinquantina d'anni, sembra che essa cambi circa ogni dieci anni. Vale a dire che ogni dieci anni si genera una tecnica
maggiore in rapporto alla quale tutte le altre si organizzano. Ma l'orientamento non si verifica in funzione dell'utilit o
dell'interesse umano, n dei bisogni, n della ragione, n del bene. una questione puramente interna al sistema
tecnico, che si decide per ragioni puramente tecniche228.
***
L'automatismo gioca ugualmente, a un altro livello, per la scelta tra due tecniche possibili per una stessa operazione.
La scelta avviene esclusivamente in funzione dell'efficacia o della dimensione dei risultati acquisiti, e si pu
affermare che il giudizio sia puramente automatico. La nuova tecnica permette di andare pi velocemente, pi
lontano, di produrre di pi, ecc.
Non c' scelta, quanto a grandezza, tra 3 e 4: 4 pi grande di 3. Non dipende da nessuno; nessuno pu cambiare la
cosa o affermare il contrario, n sfuggirvi personalmente. La decisione, per quanto riguarda la tecnica, dello stesso
ordine. Non c' scelta tra due metodi tecnici: uno fatalmente si impone perch i suoi risultati si contano, si misurano,

si vedono e sono indiscutibili.


L'operazione chirurgica che non si poteva fare e che ora invece attuabile non oggetto di scelta: essa . Abbiamo
qui un aspetto decisivo dell'automatismo tecnico: ormai la tecnica che opera la scelta ipso facto, senza remissione,
senza discussione possibile, tra i mezzi da utilizzare. L'uomo non assolutamente l'agente della scelta, un
apparecchio registratore degli effetti, dei risultati ottenuti da diverse tecniche. La scelta non avviene per motivi
complessi e in qualche modo umani; si decide solamente per ci che d la massima efficienza. Non pi una scelta:
qualsiasi macchina pu effettuare la stessa operazione. E se l'uomo sembra ancora compiere una scelta abbandonando
un dato metodo, pur eccellente da un certo punto di vista, solo perch approfondendo l'analisi dei risultati si rende
conto che su altri punti questo metodo meno efficiente: ad esempio, i tentativi di deconcentrazione delle grandi
fabbriche dopo averle volute concentrare al massimo, oppure l'abbandono dei sistemi di primato di produzione a
favore di una produttivit per persona media ma pi costante. Si tratta sempre di perfezionamenti che il metodo
compie nella propria direzione. Ci si trova qui in presenza di constatazioni evidenti e di un automatismo di
applicazione. Si pu cos dire che tra gli alberi (l'importanza dei quali dal punto di vista ambientale sempre pi
fondamentale) e la velocit dell'auto su strada non c' discussione: la velocit innanzitutto. Il Bulletin des domaines229
ci avvisa regolarmente dell'abbattimento di considerevoli quantit di alberi per liberare i bordi delle strade. Possiamo
stare certi che non c' l alcuna reale scelta: la decisione gi preventivamente presa230.
D'altra parte queste scelte non conducono a un impoverimento delle tecniche, cio non si pu rappresentare la cosa
come l'esclusione, la perdita, il fallimento di un certo numero di processi a vantaggio del solo che alla fine prevale.
Ci porterebbe evidentemente a una riduzione. Ma il sistema di eliminazione gioca all'interno della proliferazione
delle tecniche. Non si potr quindi generalmente dire che c' una tecnica migliore che si sostituisce a una meno
efficace, ma sono di solito pi processi che, correlativamente, sostituiscono un mezzo pi vecchio. La scelta
automatica deriva da raffinamenti successivi, cio dalla demoltiplicazione delle tecniche. In particolare, si terr
sempre pi conto delle circostanze in cui le tecniche devono essere applicate: si costruiscono strumenti diversi per
adattarsi a un dato clima, a un dato terreno, e addirittura a una data psicologia o a date abitudini quando esse sono
compatibili con l'applicazione tecnica. Bisogna tenerne conto: ci facilita la crescita tecnica, perch talvolta pi
facile modificare un tipo di macchina o un metodo che costumi o tratti caratteriali.
Un aspetto in particolare di questo automatismo eliminatorio deve essere esaminato: si tratta di un gioco del
computer. Creare data bank e poter utilizzare fino in fondo l'enorme insieme di conoscenze che potr essere
accumulato nei computer di consultazione implica una sorta di revisione generale delle conoscenze umane: il
computer dovr registrare dati precisi e uniformi, generali. Si crea quindi un tesauro dell'informatica,
comprendente per ogni disciplina la lista di termini normalizzati per convenzione e che costituiscono il linguaggio
documentario della scienza in questione. Ogni termine rappresenta un campo semantico, col proprio contenuto e i
propri limiti precisi, e deve presentare tre caratteri comuni: la generalit, la specificit, l'associativit. Per le scienze
cosiddette esatte, ci non presenta molte difficolt. Anche il diritto ha un vocabolario piuttosto preciso di termini
univoci. Ma che problema per le scienze umane! Chi definir il senso unico preciso di parole come sistema,
ideologia, mito, Stato, classe, ruolo, ecc.? Bisogner accettare una definizione fornita da una data scuola, che elimina
tutte le altre. Non invano se in ogni disciplina a ordine sociale o a informazione vengono attribuiti significati
diversi: in altre parole la scelta semantica comporta una scelta dottrinale. A partire dal momento in cui sar fissato un
certo vocabolario, in funzione del quale tutte le informazioni immagazzinate dal computer saranno stabilite, non ci
sar pi alcun pensiero eterodosso in grado di stabilirsi in quanto dottrina o teoria: perch la sola scelta sar accettare
il vocabolario con i significati stabiliti oppure non utilizzare le informazioni possibili date dal computer, e quindi
collocarsi a un livello di documentazione molto debole e non svolgere un lavoro scientifico. Questo automatismo
potr quindi avere ripercussioni considerevoli.
***
Il terzo aspetto dell'automatismo molto diverso. Quando una tecnica si sviluppa in un settore, esige un certo
adattamento dell'individuo, delle strutture sociali, dei fattori economici e ideologici. Nel pensiero spontaneo
dell'uomo moderno, l'adattamento deve avvenire automaticamente, e ci si scandalizza quando esso non ha luogo. Lo
sviluppo tecnico al contempo necessario e buono, dunque tutto deve adattarsi per favorirlo e le eventuali resistenze
devono sparire231. Si ritiene in realt che la materia sociale e umana debba essere completamente plastica, in modo da
modellarsi secondo le necessit dei nuovi tecnici, e seguire costantemente il progresso232.
Mesthene233 analizza in modo molto preciso il processo secondo il quale l'innovazione tecnologica comporta
inevitabilmente (direi automaticamente) delle mutazioni all'interno della societ. I gruppi organizzati di persone
devono trovare forme di organizzazione particolari per approfittare delle opportunit offerte dalle nuove
apparecchiature, ad esempio. Il progresso tecnologico impone il bisogno di un'innovazione sociale e politica affinch
i vantaggi che offre siano realizzati e i suoi effetti negativi ridotti al minimo. Il riconoscimento della scienza come
strumento di azione sociale, l'esistenza di una scienza e di una tecnologizzazione comportano un accrescimento
costante dell'estensione e dell'influenza dell'ambito pubblico: le decisioni prese dalle autorit pubbliche sono tanto pi
numerose quanto pi la tecnica si accresce. Le strutture politiche cambiano mentre le competenze aumentano. La

societ diviene pi complessa. Queste constatazioni, pur non molto originali, sono per interessanti a causa del
conflitto nascosto in questo libro: l'autore mostra involontariamente che gli adattamenti avvengono in modo
necessario, automatico, mentre il suo pensiero esplicito porta verso la convinzione che il progresso tecnico abbia
come scopo la riduzione dei comportamenti imposti, e un aumento della libert.
L'esempio pi semplice di questo adattamento evidentemente quello dello spazio urbano, l'insediamento abitativo,
ecc., che devono modellarsi sulle tecniche di trasporto234.
All'interno di questi problemi di adattamento, ci si trova talvolta in presenza del conflitto tra due orientamenti tecnici
equivalenti. Ad esempio, si giustamente affermato che l'infatuazione per il computer da parte delle grandi imprese e
amministrazioni ha reso efficaci strutture superate, e l'efficacia amministrativa ha permesso di trascurare le riforme di
strutture pi fondamentali che avrebbero dovuto essere fatte in mancanza dell'informatica. Le strutture non sono
adattate all'informatica, quest'ultima che si adattata alle strutture esistenti, producendo cos nuove disfunzioni235.
In questo adattamento automatico, bisogna notare la tendenza a una certa concentrazione economica236. Pi i prodotti
solo altamente tecnici, pi si assiste al seguente fenomeno: A causa della complessit dei sistemi e del numero di
diverse componenti che entrano nella fabbricazione, pressoch impossibile fabbricare un prodotto senza avere il
diritto di utilizzare un gran numero di brevetti. Per questo motivo gli accordi di licenza e di know-how tra le principali
aziende, i pool di brevetti sono una caratteristica dell'industria moderna. Pi il portafoglio brevetti di un'azienda
ricco, pi possibilit essa ha di ottenere know-how e licenze da parte di altre aziende237. La concentrazione
industriale, che il metodo di adattamento dell'impresa, avviene pi a causa della necessit tecnica che per gli
imperativi finanziari. In realt c' solo il fatto stesso: tutti desiderano che l'ambiente si modelli sulle tecniche; si
sperano, ci si aspettano reazioni automatiche di adozione e di messa in esercizio nel corpo sociale. Questo
adattamento avviene per intermediazione dei tecnici, degli utenti e dei consumatori, tutti d'accordo sulla necessit.
Abbiamo gi citato gli studi che hanno come scopo l'attacco e la distruzione dei comportamenti, delle ideologie, delle
credenze, dei valori inadatti alla tecnica.
Come Massenet238 sottolinea esattamente, il cambiamento tecnico si esprime per gli individui attraverso cambiamenti
di informazione: la mutazione non solo dei canali, della quantit d'informazione, ma anche della qualit,
dell'oggetto a provocare il cambiamento sociale. Le correnti di informazione nella nostra societ sono interessate da
una doppia mobilit: quella dello scambio e quella dell'incessante rinnovamento che si introduce nelle Tecniche - se
la nostra societ per eccellenza una societ dell'informazione, perch l'intensit, la variet delle correnti
d'informazione sono inseparabili dai ritmi stessi di una societ industriale ma ci che veramente caratterizza la
nostra societ, un certo modo di distribuzione e rinnovamento dell'informazione. Massenet ne deriva la giusta
conclusione che la nostra societ di fatto obbligata ad assumere un certo stile specifico, quello dell'opposizione tra
la pi rigorosa corrente tecnica e un'assenza di coerenza profonda: il tipo di societ dettato dalla Tecnica, anche se
l'orientamento e la strutturazione si effettuano attraverso gli uomini, l'informazione.
Certamente gli adattamenti non avvengono in modo umano: si desidera, si spera, si crede che sia cos239. il motivo
per cui in questo aspetto dell'automatismo descriviamo pi ci che l'uomo medio occidentale desidera che ci che
accade in realt. La pressione che quest'uomo effettua sul corpo sociale porta al rimodellamento (sempre imperativo),
quando anzi lui stesso rimane piuttosto inadatto. Evidentemente le strutture politiche e economiche non sono
completamente agili e mobili: presentano una certa pesantezza, una viscosit - e il problema della necessit
dell'adattamento del sociale riconosciuto solo quando c' questa resistenza, cio quando non c' automatismo.
In realt si desidera (anche se non lo si esprime chiaramente!) un'organizzazione sociale perfettamente malleabile:
perch la tecnica per avanzare esige una grande mobilit sociale, perch ci vogliono considerevoli spostamenti di
popolazione, cambiamenti nell'esercizio delle professioni, cambiamenti di qualifica sociale, intaccamento delle
risorse e modificazione di struttura dei gruppi, dei rapporti tra i gruppi e tra gli individui all'interno dei gruppi.
Sembrerebbe semplice ed evidente prevedere che d'ora in avanti, nel corso della propria carriera professionale, un
individuo debba cambiare tre volte mestiere (cio tecnica) in trent'anni.
Non bisogna quindi specializzarsi in un ramo, ma polispecializzarsi, riciclarsi strada facendo e mobilitarsi durante la
carriera240. Poich l'uomo di quarantanni meno agile, ha meno memoria, meno aperto, ha meno facolt di
apprendimento rispetto a quello di trenta, si d per scontato che venga pagato meno poich meno adattato alla nuova
Tecnica - ci si verifica gi ampiamente. Come si sa lo stipendio dei quadri (prototipo dell'uomo tecnicizzato)
raggiunge il massimo intorno ai trentacinque anni per poi diminuire progressivamente. Negli Stati Uniti un quadro di
cinquantacinque anni gi meno pagato di uno di venticinque. Tutto ci sembra completamente normale:
adattamento automatico alla necessit tecnica. Ogni progresso tecnico mette a rischio disoccupazione specialisti
sempre pi qualificati; un tempo il manovale era minacciato dalla recessione economica ma manteneva la propria
forza lavoro, sempre pronta a servire. Oggi la squalifica dovuta alle invenzioni tecniche di punta fa s che coloro che
possiedono la pi alta formazione divengano bruscamente e totalmente inadatti. Nel 1948 l'invenzione dei
semiconduttori ha squalificato centinaia di migliaia di radio-tecnici. Da ci la scontata necessit di un permanente
riciclo dei pi qualificati241. D'altra parte si cerca di rendere questo automatismo umanamente meno doloroso: tutto il
sistema dell'engineering e delle Scienze dell'Organizzazione consiste in realt tecniche di adattamento dell'individuo

e dell'impresa alla crescita tecnica. L'organizzazione analizza, determina, definisce i problemi. L'engineering mette in
opera nuovi mezzi forniti dalla psicologia, dalla psicosociologia, dalla fisiologia, dall'informatica, dall'ergonomia,
ecc., per risolvere i problemi242: tutto ci produce chiaramente un'umanizzazione. Si giunge a rompere l'isolamento
dell'uomo in mezzo alle macchine, a una migliore suddivisione nel tempo delle forze di lavoro attraverso
l'intermediazione dell'amministrazione della produzione (metodo PERT), ecc. Si vede tuttavia come tutto funzioni in
realt in circuito integrato: ammesso il sistema tecnico, nuove tecniche rendono possibile la migliore integrazione,
con un equilibrio buono e non doloroso dal punto di vista collettivo e individuale. a questo punto che l'automatismo
di adattamento si unisce all'autoaccrescimento243.
Un altro esempio tra molti: sembra naturale che nei paesi dell'Africa nera si cerchi di modificare le strutture sociali
affinch lo sviluppo tecnico possa aver luogo. A meno che, reciprocamente, non si decida, cosa molto interessante, di
portare avanti un aiuto discriminatorio: per essere efficace l'aiuto deve concentrarsi sui paesi e sulle regioni con pi
elevato potenziale di sviluppo: il potenziale oggi calcolato pi in base alla supposta adattabilit degli abitanti e alla
malleabilit delle strutture sociali, che in base ai vecchi criteri (ad esempio abbondanza di materie prime o di riserve
energetiche). L'India per questo motivo riceveva nel 1964 un aiuto di 2 dollari per abitante, mentre il Cile ne riceveva
12. Il Cile era il figlio prediletto dell'assistenza tecnica perch sembrava il pi atto ad adattarsi completamente, ossia
a non sprecare ci che gli veniva offerto. una posizione razionalmente difendibile: si vuole smettere di disperdere
un aiuto allo sviluppo, assolutamente inutile (cosa diversa dall'assistenza) nel caso di paesi che non hanno la
disposizione a compiere uno sforzo di sviluppo autonomo. Il giudizio quindi qui formulato a priori, ma corrisponde
alla stessa visione di una necessit della trasformazione umana per rendere il progresso tecnico applicabile.
Dobbiamo parlare di automatismo anche quando l'adattamento non si realizza da s, perch non questione di
discutere l'eccellenza del progresso tecnico nei confronti di una data forma socio-economica.
L'adattamento deve avvenire nello stesso modo per le strutture economiche e politiche. Si pu compilare uno schema
di relazioni tra una data energia e un dato tipo di struttura economica. Ci sembra pi preciso della celebre formula di
Marx. Diciamo, ad esempio, e un po' come battuta, che il motore a vapore ha prodotto il liberalismo economico,
l'elettricit, la pianificazione, e l'energia atomica un ritorno al liberalismo. Ma rimane indiscutibile il fatto che le
strutture di ogni sistema economico si modificano secondo nuovi rapporti con la Tecnica - che praticamente rimane il
solo motore. Questo adattamento, malgrado le resistenze degli interessi individuali, avviene evidentemente in modo
molto pi necessario e spontaneo di quello degli ordini sociali. Non necessario insistere su questo punto. Ma
bisogna sottolineare al contrario che va da s (in apparenza) che uno dei maggiori elementi della nostra societ,
l'Universit, sia tenuta ad adattarsi immediatamente e senz'altro alla struttura tecnica: sono innumerevoli i discorsi in
proposito - l'Universit deve diventare una scuola tecnica affinch ogni studente possa al pi presto occupare un posto
nella societ tecnica. E ci si scandalizza perch l'Universit non si adatta pi rapidamente e meglio. Gli imbecilli
ignorano totalmente quello che dovrebbe essere il ruolo dell'Universit, si burlano dell'importanza ancora accordata
agli studi umanistici, al latino, alla storia, alla filosofia. L'universit deve essere un ingranaggio tecnico di una societ
tecnica. Si tratta degli stessi imbecilli che faranno pomposi discorsi sulla civilt di domani e l'umanismo tecnico.
interessante, al contrario di questi giudizi semplicistici, sottolineare l'opinione di un uomo che si trova in presenza del
problema universitario244 e che davanti all'evoluzione delle universit americane ritiene al contrario che le Universit
rispondono cos bene e rapidamente alle esigenze della tecnologia, che rischiano un autodisgregamento dovuto
all'adattamento troppo semplice al mondo di domani. In effetti piuttosto probabile che l'adattamento al mondo
tecnico segni la condanna a morte di qualsiasi possibile Universit.
Per quanto riguarda l'adattamento delle forme politiche, il grande problema da un lato l'applicazione di tecniche di
governo (ad esempio quelle di azione psicologica sulle masse), dall'altra la crescente influenza dei tecnici in campo
politico.
Elgozy mostra chiaramente come la crescita del tecnico nelle decisioni di bilancio (PPBS, RCB, ecc.), nella
pianificazione, nell'aiuto alla decisione comporti automaticamente una riduzione delle scelte politiche e delle
possibili applicazioni delle decisioni e dei controlli democratici o parlamentari: tanto pi, come sottolinea, che la
razionalit politica non coincide con quella tecnica. Ma deve adattarvisi. evidente che la struttura politica debba
adattarsi alla tecnica autonomamente, cio attraverso i propri mezzi. Il segreto del problema tutto qui. Va da s che
l'amministrazione debba ristrutturarsi in rapporto al computer, ma a partire da questo momento non c' alcun dominio
su ci che il computer pu eventualmente fare: poich la struttura vi si adattata, nessuno pu controllarla. Ralph
Nader denuncia la tirannia dei computer incontrollati, ma non c' altra scelta: controllarli significherebbe
rinunciare alla loro potenza e funzionare con una struttura politico-amministrativa desueta. Cercare di applicare al
meglio la potenza del computer per perfezionare l'amministrazione significa conferire a quest'ultima una potenza che
non pu pi essere arbitrata dell'esterno.
Ci si accorge che tutte le forme costituzionali fino a oggi ideate non rispondono a queste esigenze245. Ma non
possibile non fare appello ai tecnici (perch la maggior parte delle questioni da risolvere politicamente sono ormai
questioni tecniche), impossibile non utilizzare tecniche amministrative o poliziesche (ad esempio) avanzate. Il
personale politico non pi adattato delle istituzioni. Come possiamo constatare nei nostri regimi l'adattamento

avviene malamente: c' un'energica resistenza della cosiddetta classe politica, il gruppo di politici di mestiere che non
vogliono lasciarsi sommergere dai tecnici246.
C' una resistenza ideologica in nome dei vecchi valori: democrazia, sovranit popolare, libert tradotta dalle
elezioni, ecc. Il popolo attaccato a questa ideologia che gli sembra garantire la verit politica e la protezione contro
le dittature. Ma lo stesso popolo si indigna quando lo Stato non abbastanza efficiente, quando c' disordine, quando
le tecniche non permettono di risolvere un dato problema: il popolo al contempo per il progresso tecnico e per il
mantenimento della democrazia classica, e non si accorge dell'opposizione radicale tra i due. La contraddizione si
riproduce nei circoli di intellettuali, sostenitori feroci della democrazia, della libert del popolo di disporre di se
stesso, dei diritti dell'uomo, ecc. Gli intellettuali d'altra parte presentano un difetto particolare: da un lato, sono
coscientemente e ardentemente favorevoli al progresso tecnico, si meravigliano dei suoi sviluppi, ma dall'altro lato,
gli sono estremamente ostili in campo politico, che deve rimanere quello della discussione (la principale
occupazione), delle scelte, degli alea, delle personalit, e sostengono soprattutto ci che rappresenta la politica come
espressione totale dell'uomo, decisione del suo avvenire, espressione della sua libert. Gli intellettuali, verbalizzando
l'uno e l'altro, sembrano pi ingenui e sconsiderati del francese medio. Sono quindi questi ostacoli all'adattamento
automatico delle istituzioni politiche a produrre problemi, incertezze, difficolt nel mondo politico. Sfez247mostra
perfettamente il gioco di questo automatismo nell'amministrazione: Le vere riforme si realizzano solo attraverso
meccanismi ciechi e oggettivi che stritolano routine, sclerosi. Le macchine e le tecniche di concettualizzazione a loro
legate avviano un processo di innovazione irreversibile. Le macchine permettono di tenere conto dei dati pi
complessi. Le tecniche di razionalizzazione postulano l'integrazione all'interno del ragionamento di variabili lasciate
fino ad ora alle intenzioni del politico. L'amministrato non integrato perch bene integrarlo in nome di una
filosofia liberale, personalista, socialista: integrato perch necessario che cos sia affinch i calcoli siano corretti.
Le cittadelle e le feudalit amministrative non cadono sotto l'effetto delle trombe dei Giosu-riformatori, ma tendono
a sgretolarsi in seguito alla necessaria coerenza delle decisioni, rivelata dai moderni metodi di gestione.
Si pu indubbiamente obiettare che le riforme passano attraverso gli uomini, che sono gli uomini a introdurre
macchine e metodi nuovi, e che quindi gli appelli non sono stati inutili. Ma questa interpretazione sarebbe errata. I
dirigenti dell'amministrazione pubblica o privata che hanno introdotto l'innovazione lo hanno fatto obbligati e forzati
dai progressi tecnologici. L'impresa privata minacciata dalla concorrenza. Lo Stato, invece, deve utilizzare nuove
tecniche per far fronte ai propri bisogni; dato che le risorse sono limitate e i bisogni aumentano, i manager pubblici
devono razionalizzare al massimo l'uso delle risorse. I dirigenti pubblici o privati hanno come scopo primario
l'efficacia e la razionalit, uniche possibilit di sopravvivenza. Si constata per giunta che la partecipazione era
postulata da queste.
Non si saprebbe meglio descrivere il carattere automatico di questa scelta, di questi adattamenti, di queste
trasformazioni: l'amministrazione che adotta le tecniche moderne deve essere ci che queste tecniche permettono di
fare!
Le tecniche cos mettono in causa la struttura sociale, che non ha nulla di originale ma provoca in modo automatico
l'adattamento necessario. Massenet ha perfettamente illustrato tutto ci248descrivendo la societ in cui il progresso
tecnico agisce come avente un carattere obbligatorio e una mancanza di coerenza profonda. La coesione di una
societ, un tempo di ordine morale, ora di ordine puramente organizzativo ed esterno. C' un'osservazione
fondamentale: Non escluso che l'alto grado di coesione materiale richiesto dal funzionamento delle nostre societ
sia la fonte stessa della loro disarmonia.
In altre parole, l'automatismo dell'adattamento necessariamente esterno, e porta a un'apparente razionalit, la sola
che possa produrre per necessit la tecnica. Ma quest'ultima, per poter avanzare, mette in causa tutti i valori e tutti i
simbolismi, e impedisce la costituzione di una coesione interna autonoma del sistema sociale. Questo tende quindi (a
parte gli strascichi del passato lungi dall'essere liquidati, a parte la viscosit, di cui ci occuperemo pi avanti) a essere
completamente malleabile e plastico: l'adattamento a tendenza automatica viene pagato con la coesione interna e la
solidit organica. Come Massenet mostra bene, per questo motivo che il cambiamento sociale deve ormai passare
attraverso la contestazione. Questa non pi rivoluzionaria: l'espressione della necessit di adattamento al tecnico.
Si esprime l dove l'adattamento non ha luogo. L'unanimit si fatta sull'accettazione del progresso tecnico e delle
sue conseguenze. Ma, sottolinea Massenet, un'umanit astratta, che cessa di esistere quando si tratta di determinare
il ritmo del progresso, o la ripartizione dei suoi frutti (aggiungerei anche le sue modalit): a questo livello che si
situano i conflitti, che sono conflitti di forma. Il progresso tecnico non permette conflitti chiari, tra grandi masse: le
vecchie opposizioni tra grandi ideologie, tra gruppi sociali compatti (classi, partiti, sindacati!), sono completamente
superate, antiquate. Ogni coalizione messa in causa dalla vorticosa rapidit evolutiva. La contestazione, priva di
ogni senso rivoluzionario, ma che esprime il cieco e incosciente automatismo dell'adattamento della societ
all'esigenza della Tecnica, appare in questo quadro. L'occasione l'evidente contraddizione tra il possibile
meraviglioso del tecnico e l'inaccettabile concreto della societ vissuta. La contestazione contro la societ dei
consumi in realt la protesta contro un cattivo uso della Tecnica, cio l'esigenza dell'adattamento della tecnica
della cattiva societ alla buona tecnica.

Sicuramente, quando l'adattamento delle strutture e delle istituzioni non avviene spontaneamente, c' ancora una
scelta da fare. Abbiamo detto prima che in alcuni casi pi semplice modellare una tecnica sul reale esistente che
modificare quest'ultimo. La scelta si baser quindi sulla maggiore facilit o efficacia di una delle due operazioni.
Ovviamente la scelta non sar mai chiaramente esplicitata come qui. Si effettua a livello del lavoro dei tecnici da un
lato e a livello delle relazioni tra gruppi e ambiente interessato dall'altro.
Da una parte c' una tendenza all'applicazione delle tecniche, con la pressione che ne risulta su un dato gruppo o una
data tradizione - dall'altra un'adozione o una resistenza. A seconda della durezza della resistenza, il tecnico sar
portato a rivedere il metodo o lo strumento per ottenere il migliore rendimento possibile date le circostanze. Ma
possono esserci resistenze passionali, blocchi, passatismi, sclerosi individuali o sociali, rigidit istituzionale che non
ammettono alcuna modifica, alcuna innovazione. Pu esserci al contrario un rifiuto di adattamento da parte dei
tecnici che spesso credono che la tecnica da loro messa a punto sia insostituibile e tendono, direttamente o
indirettamente, alla modificazione pura e semplice dell'ambiente, il che avverr quando la suddetta tecnica sar
effettivamente applicata. Bisogna ricordare che essa viene applicata pi in seguito al contesto tecnologico nel quale il
nuovo procedimento si inserisce che in seguito a bisogni umani o a imperativi sociologici.
In questi casi, il conflitto tra ambiente e tecniche produce scompiglio e spesso perturbazioni sociali, economiche,
politiche finch uno dei due fattori abbia negoziato l'adattamento. Questa relazione conflittuale spiega la maggior
parte delle difficolt della societ occidentale tra il 1900 e il 1940, e delle societ del terzo mondo attualmente.
Sarebbe facile farne uno studio dettagliato. L'ideale dunque (solo inconsciamente desiderato) consiste
nell'adattamento automatico all'ambiente. Ma questo adattamento implica il controllo: si pu dire che la punta
estrema di questo automatismo viene raggiunta quando non pi l'uomo a controllare veramente la macchina, ma
quando, al contrario, egli stesso viene incluso come un pezzo nel sistema globale, e controllato da macchine destinate
al coordinamento della sua azione con quella degli altri e delle macchine, dei materiali, delle istallazioni, ecc. Si tratta
dell'applicazione del PERT (Program Evaluation and Review Technique).
Abbiamo detto che nel gioco dell'adattamento dell'uomo, della politica, della societ alla Tecnica, il sistema tecnico
produce da s le proprie facilitazioni e compensazioni. Il tempo libero fa parte di queste. L'automatismo sarebbe una
legge molto dura se non ci fossero equilibri compensatori. inutile ricordare tutti gli studi sul tempo libero, ma
essenziale sottolinearne la funzione. Senza che venga mai esplicitato, in tutti gli studi il tempo libero risulta
innanzitutto come un fenomeno compensatorio del progresso automatico: l'uomo, privato del potere di decisione in
questo campo, ha bisogno di un recupero totale in compenso. Il tempo libero, del quale ci si preoccupa tanto
chiedendosi quale sia il significato dello svago, come possa essere sfruttato, ecc., innanzitutto un tempo libero
dall'automatismo. Ovviamente l'uomo non sa servirsene. Non assolutamente cosciente del fatto che l'automatismo
tecnico sia per lui tanto doloroso da dovergli sfuggire, perch non solo la meccanizzazione del lavoro a essere in
gioco, ma pi profondamente l'inserimento dell'uomo in un sistema che funziona al di fuori di lui, e al quale tuttavia
cerca di porre rimedio con palliativi249. evidente che il tempo libero provochi smarrimento, che l'uomo si senta
perso per via della brusca assenza di obblighi. Ma questo non il vero problema, cos come non lo la relazione col
lavoro: anche gli studi statistici sul modo in cui gli svaghi vengono coltivati250ci forniscono informazioni senza senso.
Bisogna superare la questione classica e porre il tempo libero come fenomeno compensatorio alla sottomissione
obbligata all'automatismo del progresso tecnico: in questo modo assume il suo reale aspetto rivelando al contempo la
propria impossibilit in quanto vissuto profondo. Il tempo libero l'istituzione di una vacuit che autorizza la scelta l'errore che spesso si commette confondere il tempo libero con il gioco, la festa, le chiacchiere, l'ozio, il riposo delle
societ tradizionali: ci si trova obbligati a constatare da un lato che non ha lo stesso valore, e dall'altro che
impossibile riempire questo tempo libero con attivit di questo tipo, dato il loro stretto legame con attivit non
tecniche tradizionali. Esse non possono essere riprodotte nel nostro nuovo ambiente. L'automatismo tecnico, invece,
escludendo la vera possibilit di scelta, rende la vita intollerabile e soffocante per l'uomo che non pu accettare di non
avere pi potere decisionale: il tempo libero la funzione respiratoria del sistema. l'apertura attraverso la quale si
inspira, la scappatoia che d l'illusione di libert. Da ci derivano da un lato la follia spontanea, irriflessiva, per il
tempo libero (le ferie, i week-end fuori porta, la TV, ecc.), e dall'altro la doppia maturazione riflettuta, sistematica,
degli organizzatori e venditori di svaghi e degli intellettuali che cercano di fondarvi la giustificazione del sistema.
***
Questo automatismo tecnico comporta infine un ultimo carattere: quando un processo tecnico entra in un nuovo
campo, vi trova vecchi modi di fare - risalenti al periodo pretecnico. Essi tendono a venire eliminati, perch nulla pu
entrare in concorrenza con il mezzo tecnico. La scelta fatta a priori. L'individuo non pu decidere (n pu farlo il
gruppo) di seguire la vecchia via invece di quella tecnica. Si trova di fronte a un dilemma molto semplice: decidere di
salvaguardare la propria libert di scelta, decidere di utilizzare il mezzo tradizionale o personale, morale o empirico,
entrando cos in concorrenza con una potenza contro la quale non dispone di una difesa adeguata (i suoi mezzi non
sono efficaci, saranno soffocati o eliminati, e lui stesso sar sconfitto), oppure decidere di accettare la necessit
tecnica, e allora vincer ma sar sottomesso in modo irrimediabile alla schiavit tecnica.
Non c' dunque alcuna libert di scelta. Ci troviamo attualmente allo stadio di evoluzione storica di eliminazione di

tutto ci che non tecnico.


La sfida portata a un paese, a un individuo, a un sistema oggi unicamente tecnica. A una potenza tecnica si pu
opporre solo un'altra potenza tecnica. Il resto spazzato via. Tchakotine lo ricorda costantemente. Che cosa avrebbe
potuto rispondere di fronte agli attentati psicologici della propaganda? inutile fare appello alla cultura, alla
religione; inutile educare il popolo: solo la propaganda pu rispondere alla propaganda e la violenza psicologica alla
violenza psicologica. Hitler lo aveva detto prima di lui: Questa tattica, basata su una giusta valutazione delle
debolezze umane, deve portare pressoch matematicamente al successo, a meno che il partito opposto non impari a
combattere i gas asfissianti con i gas asfissianti (Mein Kampf).
Il carattere esclusivo della tecnica ci fornisce una delle ragioni del suo fulminante progresso. Oggi ognuno trova il
proprio spazio vitale solo se un tecnico, ogni collettivit pu resistere alle pressioni dell'ambiente solo se usa la
tecnica. Avere la risposta tecnica attualmente una questione di vita o di morte per tutti, perch non c' potenza
equivalente al mondo.
Lo stesso vale sul piano individuale: si obbligati a scegliere la tecnica pi avanzata. Chiaramente un ingegnere che
continuasse ad applicare tecniche vecchie di un secolo non troverebbe lavoro. altrettanto evidente che l'artigianato
viene eliminato nel momento in cui entra in concorrenza con procedimenti tecnici. Per giudicare questo automatismo
molto importante il fatto che si tratti della pratica di un mestiere. Questo, qualsiasi sia il paese considerato, sar
necessariamente il mezzo di sostentamento. L'individuo deve quindi applicare la tecnica pi avanzata perch la sola
che gli permetta di sopravvivere. Non c' di nuovo alcuna scelta. La scelta presa a priori e sempre nella stessa
direzione: ovviamente si pu obiettare che nei paesi altamente tecnicizzati si sviluppino o si riproducano al contrario
diverse attivit artigianali; che gli Stati Uniti siano appassionati dei prodotti Navajo e che l'URSS sviluppi l'artigianato
dei Bashkiri e dei Tungusi. Certo. Ma ancora una volta si tratta di un lusso, di un qualcosa di pi, di una grazia
accessoria alla societ di rigore ed efficacia. Il percorso sempre lo stesso: per produrre tessuti, la tecnica entra in
concorrenza con l'artigianato tradizionale, e travolge il mercato, inizialmente utilizzando le stesse materie prime
(lana, cotone, lino, ad esempio): l'industria tessile regna. La chimica crea in seguito tessuti le cui materie prime non
hanno pi nulla a che vedere con quelle tradizionali (nylon, orlon, dralon, ecc.). Dal punto di vista utilitario ci
comporta tutti i vantaggi. Ma a questo punto si genera un ritorno, dal punto di vista del gradimento, del lusso, del
sogno, ecc., verso la materia prima tradizionale e i processi artigianali. Non c' pi alcuna concorrenza, ma un
supplemento a bisogni peraltro totalmente soddisfatti. Si pu tracciare lo stesso schema per la musica: in un primo
momento l'apparecchio per la trasmissione senza fili (TSF) uccide il chitarrista di paese, le piccole orchestre dei
cinema locali, ecc.; tutta la musica di paese scompare. Con il nuovo stadio della tecnica, con i transistor, i
microsolchi, quando l'industria inonda il mercato di musica meccanizzata, si produce una sorta di impregnamento
generale, e si vive in un clima di musica permanente, l'individuo prende a suonare a propria volta. Non si tratta pi
dello stesso fenomeno delle arti coltivate per diletto del XIX secolo, ma di una sorta di rigurgito dovuto a un eccesso
di assorbimento musicale. La musica individuale o di piccoli gruppi non entra in concorrenza con la musica
tecnicizzata, ma apporta un piccolo supplemento di piacere, un lusso complementare, quello del calore umano, della
presenza fisica del musicista, il fascino di un'eventuale stonatura, di un errore, cosa che non pu accadere con la
musica meccanica: il piccante di un'alea senza importanza. In questo modo la tecnica, che trionfa automaticamente su
tutti i processi non tecnici, permette loro una nuova via che non la minaccia, dittatore magnanimo che permette
qualche fantasia senza importanza ai propri sudditi, sorridendo alle loro iniziative mentre l'ordine regna
implacabile251.
Si pone allora il seguente problema (pur ipotetico): che cosa succederebbe se le tecniche moderne, respingendo quelle
antiche, reintroducessero l'agilit, la scelta e l'indeterminatezza? Tesi sostenuta da Richter e Sfez. Quest'ultimo, nella
sua opera di primo piano252, mostra con estrema chiarezza il modo in cui le istituzioni si adattano a stadi tecnici
diversi. Come di fronte a rigide tecniche della societ industriale, che implicano la centralizzazione e la gerarchia, ci
siano state istituzioni strumentali, orientate verso le risorse, lineari e semimeccaniche. Bisogna includere in
questa categoria tutti gli autori che pensano che la societ possa diventare un semplice meccanismo sociale253. Ma, a
uno stadio pi avanzato della tecnica, soprattutto con la comparsa delle tecniche umane, viene concepita un'altra
forma di istituzione, chiamata istituzione pragmatica, legata a obiettivi definiti, che rappresenta gestioni empiriche
per assicurare l'efficacia dei compiti di pianificazione tecnica e di esecuzione di piani. Ma si resta ancora a livello di
un'organizzazione lineare. Invece, con i pi recenti progressi tecnici di automazione da una parte e informatici
dall'altra, si potrebbe accedere a un altro modello istituzionale, a istituzioni autoadattabili, in cui si combinerebbero
iniziativa decentralizzata e sintesi centralizzata. Queste istituzioni, munite di una regolazione di adattamento, che
implicano la decentralizzazione, caratterizzate dall'agilit operazionale, strategica, strutturale, sarebbero ideali, e
rese possibili dai pi recenti progressi della tecnica. Ma ci troviamo qui di fronte a una questione fondamentale: sono
solo possibili. Non sembrano direttamente condizionate e necessariamente prodotte. Implicano decisione e scelta. Ma
come possono prodursi in un sistema che ha fino ad ora eliminato decisione e scelta? Se ci non avviene ci sar
contraddizione tra le nuove tecniche e la struttura burocratica e politica adattata allo stadio precedente. Il problema
radicale. L'autogestione una falsa risposta.

***
C' infine un ultimo aspetto che collega automatismo e autoaccrescimento. Per prenderne coscienza, bisogna partire
da un'osservazione molto importante avanzata da due autori americani e ripresa da Vahanian254. sorprendente che
quando la fede viene a mancare, ci che essa ci permette ordinariamente di fare senza pensare o senza sforzo
particolare da parte nostra diventa oggetto di un comportamento a orientamento tecnologico. Questa osservazione
interessante all'interno quanto all'esterno dell'ambito religioso. stato suggerito che la tecnologia dell'amore fisico si
sviluppa verosimilmente se l'amore diventa problematico e lascia posto al dubbio. Allo stesso modo, le tecnologie
della gravidanza appaiono quando l'amore 'naturale' per i bambini non si manifesta pi precocemente e
spontaneamente. Abbiamo qui un'osservazione fondamentale e generalizzabile. Si dice comunemente che quando
l'uomo scopre una tecnica per fare ci che prima faceva in modo pragmatico, abbandona la vecchia pratica in favore
di quella nuova e pi efficace. quanto abbiamo qui ripetuto incessantemente. Ci pu d'altra parte comportare la
perdita di un dato sentimento, di una data capacit. Attitudine, vitalit, ecc. Le tecniche erotiche fanno cos
certamente sparire la relazione profonda e veridica dell'amore, la sua autenticit. Ma dobbiamo, con Vahanian,
considerare anche lo sviluppo opposto: quando l'uomo moderno, a causa della vita in questa societ, perde tale forza
profonda, questa fonte di vitalit, questa motivazione e non sa pi agire in virt di questa ragione fondamentale,
ragione di azione e ragione di significato, quando tanto atono da non avere pi presa sull'esterno, allora,
automaticamente, nasce una tecnica per permettere, malgrado tutto, l'azione indispensabile. Questa divenuta pi
efficace, e per questo motivo anche pi semplice, non esigendo quindi pi grandi motivazioni, un giudizio cos totale,
uno sforzo cos pieno. L'uomo, grazie alla tecnica, pu non solo fare cose pi difficili, ma pu agire senza significato
e rimanere perfettamente esterno alla propria azione. ad esempio la nota differenza tra uccidere con un coltello un
nemico in carne e ossa e bombardare una zona da dieci chilometri di altezza. Possiamo porre come una sorta di
regolarit permanente il fatto che quando l'uomo perde una profonda ragione di agire, appare una tecnica che gli
permette di agire nello stesso ambito ma senza ragione. Il mezzo si totalmente sostituito al significato. Si verifica
una scimmiottatura del pi profondo aspetto umano. Ci visibile in tutte le tecniche psicologiche: quando non si
pi in grado di impegnarsi in una relazione umana, quando l'amicizia non abita pi nel cuore dell'uomo, quando non
c' pi autenticit in un gruppo, vi si sostituiscono le tecniche di relazioni umane e la dinamica di gruppo, che
dall'esterno imitano perfettamente ci che dovrebbe essere solo l'invenzione spontanea del pi profondo dell'anima.
Dove automatismo e autoaccrescimento si legano, diciamo che c' un ambito del progresso tecnico. In effetti, quando
nell'uomo scompaiono queste realt essenziali, quando rimangono solo ruoli sociali e comportamenti, si produce una
sorta di richiamo d'aria: una sorta di automatismo tecnico porta la ricerca in questo campo. Non si pu rimanere a
lungo in questa situazione. indispensabile che si continui a fare ci che era vissuto in precedenza, quindi la Tecnica,
oscuramente ma sicuramente, penetra questo vuoto e ne aggiusta progressivamente i meccanismi senza che nessuno
l'abbia chiesto o voluto. C' autoaccrescimento perch il sistema tecnico si ingrandisce necessariamente nel vuoto
lasciato dal ritiro di un'attivit profonda dell'essere. Nessuno pensa esplicitamente a effettuare questo lavoro di
sostituzione: esso si impone. Non si possono lasciare le relazioni umane all'infinito deterioramento: bisogna
tamponare questa mancanza con palliativi. evidente. Tutto ci che l'uomo perde in presenza, spontaneit, ragione,
autenticit, volont, decisione, scelta, coinvolgimento, libert, tutto ci che abbandona perch troppo difficile, che
porta a una vita troppo complicata, che troppo faticoso o inibito, tutto ci provoca simultaneamente un
accrescimento spontaneo del sistema tecnico e l'automatismo dell'orientamento di questa crescita. piuttosto
facile, a partire da questo orientamento generale, applicare questa interpretazione a numerosi campi sperimentali.
Indubbiamente si pu dire che queste relazioni sociali, umane sono sempre inserite nella vita sociale attraverso l'uso
di tecniche pi o meno assimilate (e lo stesso vale per i sentimenti). vero che l'educazione, la cortesia, ecc., sono
tecniche, ma bisogna in questo caso fare di nuovo la distinzione, della quale ci siamo gi occupati, tra le tecniche
originarie e pragmatiche e il fenomeno tecnico. L'aspetto nuovo qui il calcolo, la sistematizzazione, la
consapevolezza: le tecniche, che prendono il posto dell'azione spontanea generata da un impulso profondo, sono
considerate e applicate in quanto tecniche (ad esempio la dinamica di gruppo) ed ci che rompe l'antico ordine di
rapporti.
Capitolo terzo
IL PROGRESSO CAUSALE E L'ASSENZA DI FINALIT
Generalmente si ha l'idea che la tecnica si sviluppi perch qualcuno, scienziato o tecnico, vuole raggiungere un certo
scopo, perch qualcuno manifesta bisogni ai quali la tecnica deve rispondere, perch ci sono fini che l'uomo deve
raggiungere, e la tecnica lo strumento ideale. Questa convinzione, che traspare costantemente, detta l'idea di base
secondo la quale non possibile alcun giudizio nei confronti della tecnica, perch essa solo un mezzo (e quindi,
poich mezzo, senza importanza; si sa che per la nostra elevatezza filosofica contano solo i fini). Tutto dipende dai
fini perseguiti. Credo che questo sia uno degli errori pi gravi e pi decisivi nei riguardi del progresso tecnico, e del
fenomeno tecnico stesso. La tecnica non si sviluppa in funzione dei fini da perseguire, ma in funzione delle

possibilit di crescita gi esistenti. Daumas mostra bene che la tecnica obbedisce, nella propria evoluzione, a una
logica interna che rappresenta un fenomeno ben distinto dalla logica di evoluzione della storia socio-economica - lo si
pu dimostrare pressoch per tutti i periodi e tutti gli episodi della creazione tecnica. Le strette relazioni tra
l'estrazione mineraria, la macchina a vapore, la produzione di ghisa, sono un esempio classico. Conferme vengono
date dallo studio delle derivazioni orizzontali o verticali. una logica essenzialmente causale255.
1.
Finalit
Bisogna chiedersi innanzitutto se la Tecnica obbedisca a una finalit, persegua un obiettivo. E bisogna evidentemente
distinguere le finalit ultime dagli obiettivi a media distanza e dagli scopi immediati.
La crescita tecnica possiede reali finalit? Sicuramente, durante il progresso del sistema tecnico, si generano delle
finalit, ma bisogna tenere presente che queste finalit compaiono durante il processo; in altre parole, esse non lo
dirigono, sono avventizie; ma ex post si scopre che ci che stato fatto (secondo un meccanismo puramente causale)
potrebbe essere applicato a un dato problema e rispondere (generalmente in modo parziale e abbastanza astratto) a
una data questione. A meno di credere che tutto ci agisca nel pi profondo dell'inconscio umano e guidi in questo
modo l'uomo (quale meraviglioso allineamento tra tale sconosciuto desiderio e il meccanismo causale che porta a una
data scoperta, a una data trasformazione!), cosa che mi rifiuto di ammettere perch, appena ho provato a precisare
questo sogno inconscio, esso si dissolto. Bisogna tornare all'idea che queste finalit prodotte dal sistema non hanno
mai determinato il sistema stesso; sono solo giustificazioni aggiunte, semplicemente perch l'uomo non vuole perdere
la faccia, non vuole avere l'aria di essere sottomesso a meccanismi causalisti, e vuole confermarsi sempre padrone
della situazione! Lasciamo da parte la formula che ha fatto delirare relativamente al viaggio sulla Luna: realizzare i
sogni dell'umanit. semplicemente ridicolo credere che i tecnici che hanno lavorato agli aerei lo abbiano fatto
perch volevano emulare Icaro! vero che talvolta ce n' stato un vago sentimento (attraversare i mari, volare, andare
sulla Luna), ma si pu dire che lo stesso sogno sia all'origine della radio, della stampa, della polvere da sparo? Questa
giustificazione un annesso poetico dovuto a colti scienziati. Ma non serio vedervi la finalit motrice della crescita
tecnica!
Se interrogassimo scienziati e tecnici a proposito dei loro ideali, otterremmo sempre le stesse risposte, sempre vaghe.
Perch il progresso tecnico? Il primo scopo sar la felicit dell'umanit256. Ma appena si chiede quale felicit, ecco la
pi grande incertezza. Ci si rende conto che il puro divertimento o il consumo non sono sufficienti. Felicit, parola
soddisfacente perch perfettamente vaga e inconsistente, perch rispondente alla pi diffusa ideologia attuale. Si
crede alla felicit257. La tecnica assicura la felicit - formula tanto pi efficace in quanto priva di contenuto.
Otteniamo lo stesso risultato di vaghezza e incertezza quando ci viene assicurato che il progresso tecnico tende alla
realizzazione dell'uomo. Quale uomo? Generalmente non c' la minima riflessione antropologica alla base di tale
affermazione. Ritroviamo qui un fatto gi segnalato, ossia il totale divorzio tra tecnici e scienziati da un lato e
umanisti, filosofi, teologi dall'altro. Questi ultimi conducono le proprie analisi sull'uomo senza conoscere il fenomeno
tecnico, e giungono a conclusioni assolutamente aberranti.
D'altra parte dimostrano per sempre pi l'onest di rinunciare a fornire un modello ideale dell'uomo da realizzare.
Non certo presso di loro che un'antropologia utile o il modello adatto possono essere trovati come finalit
trascendenti della tecnica. Scienziati e tecnici, tuttavia, sono perfettamente incapaci di questa riflessione. In realt,
quando avanzano su questa strada, le loro visioni sono ben sempliciotte, piene di buoni sentimenti e di un umanismo
vecchiotto (come quello di Einstein), oppure sono inquietanti258 perch proiettano come tipo umano da realizzare ci
che la Tecnica permette effettivamente loro di realizzare. Ci avviciniamo cos (e solo in questo modo!) all'Ideale
Robot - temibile allora la possibilit di modificazione dell'uomo attraverso interventi chimici senza sapere ci che
infine si vuole ottenere. Non inganniamoci, non sarebbe facile trovarsi d'accordo nel proporre un tipo umano. Chi
dir, ad esempio, se dobbiamo ambire a un uomo pi radicalmente libero (ma come accedervi attraverso un intervento
deciso dall'esterno sulla sua personalit?) o pi sociale e cooperativo e conformato al gruppo. Un uomo pi
intelligente, efficiente, potente, o un uomo buono, umile, inefficiente, gioioso
Non aspettiamoci che il miracolo tecnico concili l'inconciliabile: proprio perch si tratta di tecnica, non ci si deve
aspettare miracoli.
Sussistono cos le due domande che avevo posto259 e che sono state approfonditamente riprese da Mumford260,
innanzitutto: quale tipo di uomo si vuole creare? E in secondo luogo: i manipolatori sono veramente i pi adatti a
determinare questo tipo di uomo desiderabile? Quali qualifiche possiedono, oltre a quelle scientifiche e tecnologiche,
per procedere a queste manipolazioni? Non ho alcun motivo di credere che Monod o gli ingegneri Bell, Cannon,
Kingsley Davis, ecc. abbiano il minimo titolo per dirci che cosa debba essere l'uomo. Ci troviamo in un ambito in cui
pi che altrove appare chiaramente l'assenza di finalit: si sul punto di poter manipolare l'uomo geneticamente,
chimicamente, elettricamente, esattamente come si vuole, ma non si sa esattamente ci che si vuole. Riprenderemo il
problema pi avanti.

Mumford, tra altri, cita il notevole testo del biologo Hemann Muller, premio Nobel: L'uomo nel proprio insieme
deve elevarsi per divenire degno della propria migliore realizzazione (e che cos' questa migliore realizzazione?).
L'uomo ordinario, a meno che comprenda il mondo che gli scienziati hanno scoperto, a meno che impari a
comprendere le tecniche delle quali oggi si serve, a meno che prenda parte all'esaltazione della partecipazione
cosciente alla grande impresa umana e trovare soddisfazione nel giocarvi un ruolo costruttivo, si ridurr a essere un
ingranaggio sempre meno importante, un elemento di una grande macchina. Ecco il solo modello! Comprendere la
scienza e servirsi della Tecnica! Un po' poco! A meno di essere un assoluto credente come Monod. Si pu fare tutto.
Ma non si sa perch. Il Perch sar fornito gratuitamente e spontaneamente dal sistema stesso. l la chiave. Non
bisogna, ahim, immaginare un glorioso demiurgo che detiene il segreto della vita e che perci realizza qualcosa di
pi saggio rispetto a ci che esisteva in precedenza261! L'atteggiamento comune consiste nel credere che l'uomo sia
diventato pi saggio a partire dal momento in cui si impossessato di tale potere! Il che assurdo. Abbiamo d'altra
parte dimostrato che la crescita di potenza sempre e necessariamente distruttrice dei valori e della capacit di
giudizio dell'uomo. Ad ogni modo, i Saggi non saranno gli individui nella loro globalit, ai quali rester il paradiso
artificiale, ma i detentori dei mezzi di manipolazione che stabiliranno il modello dell'uomo da creare. Questo pu
essere solo un modello conforme e perfettamente adattato al sistema tecnico. Quando questi scienziati, questi premi
Nobel parlano (in modo alquanto vago!) di felicit per l'uomo, questa viene intesa come l'eliminazione del
disaccordo tra l'uomo e il proprio ambiente, l'eliminazione dei punti di rottura, dei confronti, dei conflitti, dato che
comunemente ancora oggi la felicit identificata con questa fortunata concordanza. Ma l'ambiente unicamente
quello tecnico. Si tratta di rendere l'uomo felice diminuendo la sua difficolt nel vivere in questo sistema, il quale,
evidentemente, non messo in questione da nessuno, n dalla controcultura, n dagli hippy, n dalla brillante
giovent contestatrice e anticonsumista! Perch per metterlo in questione bisogna innanzitutto concepirlo in quanto
sistema. Non sostituendo il consumo di whisky capitalista con I'LSD, O rifiutando il cinema di Hollywood a favore
di quello underground che si cambiano le cose! Non l'esplosione sensualista a far tremare il sistema in quanto tale!
Ma ecco che queste modalit di intervento lasciano l'ambito del laboratorio per incontrare il pensiero di altri tecnici.
Ecco un esempio: l'architetto urbanista Yona Friedmann262. Per il momento il suo pensiero ancora perfettamente
utopico, relativamente poco conosciuto, ma il fatto che molti intellettuali lo abbiano ben accolto inquietante. La tesi
estremamente semplice: paragonato al meccanismo dei cervelli elettronici, il cervello umano funziona molto
male. Il nostro cervello un meccanismo deformante. Se vogliamo pensare correttamente, dobbiamo prendere a
modello il pensiero dei computer: si avr cos il vero meccanismo operazionale del pensiero umano. Si capisce
che il fattore deformante, che non esiste nel computer, consiste in tutto quanto viene raggruppato sotto la parola
animismo, sentimenti, rappresentazioni, pulsioni irrazionali, ecc., tutto un insieme di astrazioni e di
osservazioni extrasensoriali. Tutto ci deve essere eliminato se si vuole giungere a un sistema sociale soddisfacente
in quanto conforme alla crescita tecnica illimitata. L'animismo cattivo perch introduce elementi incontrollabili
nel nostro sistema razionale. Se il primo modello quindi tecnico, il secondo adottato da Friedman, sul piano vitale,
quello animale. Non c' animismo presso gli animali. Vivono a livello della loro realt biologica, e quindi sono nel
vero. Sono un modello sociale superiore. Ci si pu augurare che da qui a migliaia d'anni l'umanit raggiunga il
livello sociale superiore degli asini. Dobbiamo stabilire il benessere animale per la societ urbana. Gli animali
non lavorano, non possiedono nulla, ecc. Il ragionamento ci noto da molto tempo. Ma il fatto interessante che
l'autore mostra che per stabilire una societ rigorosamente razionale necessario modificare il cervello umano. E ci
attualmente possibile per via chimica. Sebbene l'autore affermi incessantemente che l'urbanista non deve imporre le
proprie vedute per la costruzione dell'habitat umano, che bisogna lasciare gli abitanti liberi di scegliere la forma della
propria citt, e quindi istituire l'architettura mobile, perch tutto funzioni bisogna preliminarmente condizionare
l'essere umano esattamente in modo che non abbia reazioni imprevedibili o irrazionali. Ci troviamo quindi in
presenza della riflessione ultima ed estremista: impiegare tutte le tecniche possibili per modellare l'essere umano sul
tipo previsto da Yona Friedmann. Il fatto pi significativo il seguente: nella sua teoria sulla comunicazione, egli si
dimostra estremamente preoccupato per l'umanismo, la democrazia e la predominanza dei piccoli gruppi. Ma nei suoi
studi di architettura assume un orientamento risolutamente tecnocratico: formulare il bene per gli altri e vedere come
imporglielo. Ci che appare grave che tutto ci possa essere preso sul serio (insegna a Harvard, al Carnegie
Institute, sovvenzionato dal CNRS). Perch l'esperimento venga avviato baster che una parte dell'opinione
pubblica e un gruppo di leader intellettuali o politici sufficientemente importanti tendano a questa direzione. A partire
da questo momento ci si avvicina al brave new World di Huxley: abbiamo molti mezzi per realizzarlo, manca solo la
spinta ideologica, che pu giungere dall'adesione a un sistema materialista semplicista tipo quello di cui ci siamo
appena occupati. L'adesione pu risultare da fattori irrazionali imprevedibili, ma i risultati saranno irreversibili.
Poich ci dirigiamo in direzione del progresso tecnico, non si sa che cosa impedir, da un punto di vista umano,
questa adesione. Ci troviamo allora davanti alla possibilit di un ribaltamento della situazione fino ad ora descritta. Se
in effetti una ideologia come quella appena illustrata strappasse l'adesione (chiara degli intellettuali, diffusa della
massa), potrebbe divenire la finalit proposta al sistema tecnico. Avrebbe la stessa natura di quest'ultimo, tutti i
caratteri, e gli sarebbe perfettamente coerente. Questa finalit sarebbe in realt totalmente inclusa nel sistema dei

mezzi. Ma apparirebbe ideologicamente come una finalit. Questo rappresenta il vero, e probabilmente il solo,
pericolo della crescita tecnica. Finch questa consiste in un sistema di mezzi, c' ancora, come vedremo alla fine, una
relativa autonomia dell'uomo e una possibilit di prendere le distanze, se non una padronanza. Invece, se si impone un
fine, appare certo ed evidente per tutti che il sistema si chiude, essendo divenuto completo. La speranza di trovare una
finalit per la tecnica quindi inefficace perch i fini proposti non hanno una misura comune con il fenomeno
tecnico, oppure costituisce un fattore decisamente alienante e pericoloso. Il prototipo di Yona Friedmann, che non ha
alcun interesse in s data la debolezza di pensiero, quindi importante in quanto significativo di questa possibilit di
evoluzione. Ed ugualmente per questo motivo che diffido totalmente di ogni movimento utopista, perch non
eviter la trappola della ricostruzione della citt razionale e perfetta, dove cio la Tecnica sar Tutto e in Tutto.
***
Di fronte a queste previsioni e queste possibilit, a queste evidenti razionalit, mi pongo due domande: il Come del
periodo intermedio e l'ideale umano proposto. Ecco dunque la prima domanda: come, socialmente, politicamente,
moralmente, umanamente, si potr giungere a ci? Come verranno risolti gli enormi problemi di disoccupazione, gli
enormi problemi economici provocati ad esempio dall'automazione, se veramente la si vuole applicare? Come si
convincer l'umanit intera a non fare pi figli per via naturale? Come si convincer l'umanit a sottoporsi a controlli
igienici costanti e rigorosi? Come accetter l'uomo di trasformare la propria alimentazione tradizionale? Come si
evacuer il miliardo e mezzo di persone che vivono di agricoltura e che diventano completamente inutili, e verso che
cosa le si evacuer (e questa riconversione dovr essere ultrarapida, dato che ci viene promesso che sar completa in
una cinquantina d'anni)? Come si ripartir questa popolazione in modo uniforme su tutta la Terra, condizione primaria
perch i suoi abitanti possano quadruplicarsi? Come si stabilir un modus vivendi stabile tra le nazioni per la
spartizione dei pianeti, e il controllo delle vie aeree, dei satelliti, ecc., oppure come si riuscir a eliminare le strutture
nazionali (una delle due ipotesi indispensabile)?
Ci sono molti altri come. Ma nessuno ne parla. Quando si pensa che carbone e petrolio hanno causato alcuni
problemi economici e sociali, d'altra parte estremamente secondari, e che dopo un secolo e mezzo non abbiamo
ancora saputo risolverli veramente, c' qualche possibilit che si sappia rispondere a questi Come, diecimila volte
pi complicati, nei prossimi cinquant'anni? In realt c' un modo, ma solo uno: la dittatura mondiale pi totalitaria
possibile. l'unico modo per permettere alla Tecnica il pieno sviluppo e per risolvere le enormi difficolt che
provoca. Ma si capisce senza difficolt che scienziati e tecnolatri preferiscano non pensarvi, e saltando allegramente
al di sopra di questo periodo intermedio cupo e senza interesse, ricadono a pi pari nell'Et d'Oro. Ci si potrebbe
modestamente chiedere se si giunger a uscire dal periodo intermedio, e se l'insieme di sofferenze e sangue che essa
ci annuncia non sia un prezzo troppo alto per l'Et d'Oro.
La seconda domanda corrisponde a quella posta da uno dei pi eminenti psicosociologi odierni: Chi controller
coloro che controllano il cervello umano263 (e aggiungerei coloro che vogliono intervenire a livello genetico)? Gli
scienziati non sono filosofi n moralisti. Se riprendiamo i testi citati da L'Express in un'inchiesta del 1967
siamo colpiti dall'incredibile ingenuit di questi eminenti scienziati, e dalla loro incapacit di formulare un modello
umano desiderabile. Senza vedere l'ombra di una contraddizione, questi scienziati dichiarano simultaneamente, da un
lato che si potranno manovrare a piacimento le emozioni, i desideri, i pensieri umani, giungere scientificamente a
decisioni collettive efficaci (prestabilite), sviluppare desideri collettivi, costituire unit omogenee a partire da insiemi
di individui, impedire all'uomo di allevare i propri figli e addirittura di averne, e dall'altro lato che si tratta di
assicurare il trionfo della libert, e che bisogna evitare la dittatura a ogni costo (tutte citazioni testuali) - Mller parla
tranquillamente allo stesso tempo di interventi genetici, di gravidanza artificiale e di assicurare il trionfo della libert.
Appena questi scienziati si azzardano a parlare dell'obiettivo da perseguire, ecco che si riferiscono a formule'
completamente vacue: Rendere la natura umana pi nobile, pi armoniosa, pi bella (Mller). Ma che cosa vuol
dire? Quale realt oggettiva ricoprono questi aggettivi? Rimaniamo nel vago. Assicurare il trionfo della pace, della
libert, della ragione - sentimenti ammirevoli, ma sarebbe bello sapere che cosa vuol dire, in che cosa la
manipolazione psicologica assicuri la libert, in che cosa consista questa pace se non nell'ordine di una societ
superrepressiva. E chi determiner quale ordine? Quale uomo bisogna realizzare? Ci che appare inquietante
l'immenso divario tra i poteri di azione tecnica sviluppati attraverso la scienza, attualmente detenuti dagli scienziati e
dai tecnici, e la loro mancanza di capacit di criticare questo potere, a dominarlo in modo efficace: per fare ci
avrebbero bisogno di una capacit di distacco nei confronti della loro scienza (ossia un'assenza di fede nei confronti
della scienza), del senso di relativit di queste opere, di un'eccezionale chiaroveggenza (che n Einstein n
Oppenheimer hanno avuto) delle normali conseguenze delle loro invenzioni, di un pensiero trascendente molto forte,
di un assoluto dominio di s (nelle proprie opere) e di procedere a una profonda riflessione sull'uomo: tutto ci che ho
letto di questi scienziati (compreso Einstein) non rivela questa attitudine n questa capacit - appena passano a livello
dei fini o degli obiettivi, sono pieni di buona volont, di buoni sentimenti, ma infantili.
Torna incessantemente la formula della felicit, e della sua autodistruzione: ecco che cosa scrive il dottor Weir:
Potremo modificare le emozioni, i desideri, il pensiero umano come gi facciamo in modo rudimentale con i
tranquillanti: in altre parole si potr effettivamente produrre nell'uomo il sentimento di felicit, la convinzione,

l'impressione, l'emozione della felicit senza alcuna causa esterna, senza un substrato materiale. Quest'uomo potr
essere felice, ma nella peggiore miseria. E allora? A che pr promettere conforto, igiene, cibo, cultura, se con una
semplice manipolazione delle cellule nervose l'uomo pu essere effettivamente felice senza conforto e igiene? Il
magro motivo che si potrebbe porre a sostegno dell'avventura tecnica rischia cos di svanire a causa della Tecnica
stessa. Il fatto pi grave, infine, l'incapacit di questi scienziati di fornirci un modello dell'uomo: quando parlano di
conservare il seme degli uomini benemeriti dell'umanit, chi giudicher a riguardo? Secondo quale criterio? Perch
in fin dei conti, Pasteur era un genio, ma era odioso nelle relazioni private e non particolarmente simpatico nei
rapporti coi colleghi. Nel caso si scelga l'uomo modesto, umile, dolce e buono, servizievole e generoso temo che
questo non attirerebbe l'attenzione. Secondo alcuni il seme di Napoleone o di Hitler a dover essere conservato,
secondo altri quello di Mao o di Guevara o quello degli Accademici, dei premi Nobel. Dietro le declamazioni di
questi scienziati, spunta la convinzione che siano essi stessi a dover fornire discendenza all'umanit. Quando si
considera la mediocrit mentale di questi scienziati, appena escono dalla loro specialit, si freme all'idea di ci che
potrebbero ritenere favorevole per l'uomo. Veniamo allora colti dall'angoscia della contraddizione tra l'enormit dei
mezzi e l'incapacit di tracciare un modello umano desiderabile. Non sembra d'altra parte che filosofi e moralisti
abbiano migliori capacit: se interrogassimo secondo la razza, le scelte religiose, filosofiche, politiche, tutti i gruppi
possibili, avremmo cento, mille tipi umani ritenuti ideali. Non c' ombra di accordo a riguardo. Si produrrebbero
allora centinaia di tipi differenti, contraddittori secondo gli interessi dei gruppi e delle nazioni: presto sarebbero in
conflitto. Tutti sarebbero allora spinti a creare l'uomo pi adatto a prevalere sugli altri - oppure la scelta avverr un
po' a caso, e si creer un modello umano sul quale non si riflettuto, non si pensato perch le circostanze hanno
portato a ci. Come oggi, con i pi meravigliosi mezzi di diffusione possibili, si diffonde una cultura di cui, nel
migliore dei casi, si pu dire che sia un'assenza totale di cultura e un prodotto del caso. Il problema rimane quello del
divario irrecuperabile tra i pi ammirevoli mezzi e l'assenza totale di riflessione di ci che sarebbe possibile farne.
Irrecuperabile perch non si sale su un aereo supersonico in volo.
Le cose sono vaghe, indefinite, incerte anche quando ci viene detto che il progresso della tecnica deve realizzare il
socialismo. Quale socialismo? Nessuno in grado di dirlo, e i problemi aumentano quando ci si rende conto che il
socialismo regolarmente modificato nella propria definizione e nel proprio contenuto da ogni progresso tecnico. Il
socialismo non una finalit della tecnica: una certa struttura sociale che si pu battezzare socialismo
indubbiamente la conseguenza ancora non del tutto chiara della crescita tecnica264. Spesso, d'altronde, si attribuiscono
come fini alla tecnica la crescita e lo sviluppo: se la tecnica avanza, per raggiungere lo sviluppo migliore. Ci
occuperemo approfonditamente del rapporto crescita-sviluppo pi avanti. Facciamo qui due osservazioni. In primo
luogo, tutti gli studi moderni tendono a dissociare crescita e sviluppo, come mostra Lefebvre. Da un lato c' un
semplice aumento di potenza, di mezzi, di produzione, ecc. Dall'altro c' uno sviluppo dell'organizzazione sociale
equilibrata, o dell'essere intellettuale, morale, ecc., dell'uomo. Per schematizzare si potrebbe dire che uno
quantitativo, l'altro qualitativo, e pi si avanza meno si vede una relazione diretta tra i due. La crescita pu addirittura
produrre un sottosviluppo. Sicuramente la tecnica produce una crescita, ma non garantisce uno sviluppo. Sembra
certo che la presupposta finalit della tecnica non sia lo sviluppo, perch innumerevoli tecniche sono continuamente
applicate producendo chiaramente il contrario di questo risultato sperato. Quando c' coincidenza tra tecnica e
sviluppo, per caso; raramente si tratta del frutto di una volont di raggiungere tale scopo. Ma d'altro lato, se la
tecnica produce crescita, non si pu parlare di un fine. La crescita non la finalit della tecnica, ne il risultato. La
crescita non posta come ideale da raggiungere: essa appare come fenomeno nella misura in cui il progresso tecnico
la impone agli occhi di tutti. Parlando di una finalit di crescita, semplicemente si confonde il fine col mezzo265
Incontriamo talvolta un'altra finalit proposta: la Scienza. Quando si discute sulla validit della tecnica, si mette la
Scienza innanzi a tutto. Bisogna per distinguere la pratica, l'utilizzo della tecnica e la ricerca. Nel primo caso, pare
evidente che il tecnico che utilizza la propria tecnica non abbia alcun obiettivo del genere, non abbia mire
scientifiche. Pu accadere, accidentalmente, che una pratica tecnica indirizzi verso una scoperta scientifica, e pi
spesso che il tecnico utilizzatore partecipi a ricerche scientifiche.
Ovviamente sappiamo anche, sempre meglio, che la scienza pu svilupparsi solo attraverso una considerevole
infrastruttura tecnica. Ma questa serve alla scienza solo accidentalmente: la tecnica si sviluppa completamente al di
fuori di questo progetto. Entriamo cos nella ricerca tecnica. Gli specialisti delle diverse scienze ripetono
costantemente che, di solito, queste ricerche non hanno alcun interesse scientifico.
Basta ricordare (ma si potrebbero fare altri esempi) la dichiarazione di Perrin: L'esplosione sperimentale di una
bomba atomica non ha alcun interesse scientifico. Si sa che le ricerche effettuate in diversi centri atomici francesi
sono state regolarmente giudicate allo stesso modo. A un altro livello, d'altra parte, tutto ci completamente
confermato dalla dichiarazione di Monod che ho riportato: la scienza non ha altro obiettivo se non la scienza stessa266
- il che contestabile, ma sicuramente valido per la tecnica. La creazione tecnica trova la propria giustificazione
nella tecnica stessa. Si riconosce ad esempio che le tecniche dello spazio presentano un interesse ben pi tecnologico
che economico o politico, e l'uso dei satelliti per la comunicazione non giustifica, in fin dei conti, le considerevoli
somme che vi sono state consacrate e il prodigioso sviluppo della ricerca in questi campi. Sembra tuttavia evidente

che la Scienza ponga dei problemi e che per risolverli sia necessaria una considerevole apparecchiatura tecnica. Se si
guarda da vicino, ci si accorge che i problemi scientifici oggi posti sono in realt frutto di progressi tecnici
anteriori267.
In altre parole, un certo sviluppo di alcune tecniche pone agli scienziati nuove domande scientifiche, alle quali si pu
rispondere solo attraverso nuovi mezzi tecnici. Ci troviamo cos di fronte a un condizionamento reciproco in cui
l'obiettivo scientifico non primario. Sembra, al contrario, che da mezzo secolo a questa parte il rapporto con la
scienza si sia ribaltato: ormai non pi la tecnica a essere subordinata, ma essa stessa a legittimare la ricerca
scientifica. Tutte le proteste degli ultimi anni sulla debolezza dei mezzi accordati alla ricerca scientifica in Francia
hanno avuto al centro lo slogan La vera ricerca sempre redditizia (Chombart de Lauwe): se necessario fare
ricerca scientifica, perch l'avvenire tecnico poggia su di essa. La contestazione poggia solo sulla valutazione della
redditivit della ricerca: a breve termine, dicono l'uomo d'affari o il politico; a medio termine, dice lo scienziato. Pur
essendo questa diversa valutazione una revisione completa della nozione di redditivit, si vede chiaramente che
l'atteggiamento di base rimane lo stesso: la tecnica giustifica la scienza.
Infine, si pu dire che la tecnica debba essere orientata in funzione della grandezza o della sovranit nazionale?
Ritroviamo qui il problema della subordinazione a un obiettivo politico. Abbiamo gi visto come il politico stesso sia
gi modificato. Un esempio ci viene dato dalla questione del Commissariato per l'Energia Atomica nel 1969-1970.
Nel 1952, data d'inizio del primo piano quinquennale per l'energia atomica, si era deciso, per motivi politici e in nome
dell'indipendenza nei confronti degli Stati Uniti, di scegliere una filiera specificamente francese: uranio naturale,
grafite, gas carbonico. A un certo punto ci ha portato a un'impasse, all'impossibilit di proseguire ricerche e
realizzazioni. Nel 1969 il governo fu obbligato a riconoscere l'errore. Fu la crisi del Commissariato, la decisione di
costruire solo centrali nucleari a uranio arricchito, di tipo americano. Per quindici anni si mantenuta, con costi
elevati, una politica antitecnica per motivi politici: primato del politico sul tecnico che si conclude, normalmente, con
un fallimento.
Non ci sono finalit possibili per la tecnica. Davanti a questa rassegna di finalit generalmente ammesse268, bisogna
concludere che, se non ci si accontenta di parole, frasi fatte, impossibile individuare nel progresso tecnico o presso
gli uomini che vi lavorano una finalit effettiva. Ci si accorge rapidamente che le finalit evocate non sono del tutto
reali n essenziali per il progresso tecnico: sono citate occasionalmente quando vengono chieste giustificazioni. Sono
essenzialmente questo: giustificazioni al lavoro tecnico, giustificazioni aggiunte a posteriori, di cui, di per s, il
fenomeno tecnico non ha alcun bisogno: semplicemente ci che , senz'altro. La tecnica si sviluppa perch si
sviluppa269.
In fine, ci uniamo a Lefebvre270 nella sua ottima analisi della societ terrorista (in realt tecnica) in cui i fini
apparenti, cultura, felicit, benessere sono mezzi, e i mezzi apparenti, il consumo, la produzione a scopo di lucro,
l'organizzazione sono i veri fini271.
2.
Obiettivi
Quali sarebbero oggi gli obiettivi, a medio termine, che, in quanto mire dell'avvenire, provocherebbero,
interpellerebbero, determinerebbero il progresso tecnico? Distinguiamo innanzitutto chi fissa questi obiettivi: se sono
non-tecnici (politici, amministratori, capitalisti) a determinarli, allora questi obiettivi sono disastrosi per la ricerca. Ne
abbiamo parlato nell'analisi dell'autonomia del Tecnico quando, per ragioni politiche o sociologiche, si dice allo
scienziato o al tecnico: Bisogna cercare questo, ecco il problema da risolvere, ecco cosa ci aspettiamo da voi. Il
risultato in questi casi debole, l'esperienza gi stata fatta molte volte. Perch il progresso tecnico abbia luogo, gli
necessaria un'indeterminatezza iniziale, il brancolamento della ricerca che prova tutto, e non sa mai esattamente dove
stia andando. Ma questi tentativi della ricerca avvengono evidentemente a partire da dati esistenti che il tecnico ha a
disposizione. Tuttavia, esistono di fatto degli obiettivi272: ma questi non sono legittimi, non sono correttamente
stabiliti e formulati, non hanno alcuna possibilit di essere raggiunti a meno di essere stabiliti dagli scienziati e dai
tecnici stessi. L'obiettivo non mai scelto in funzione dell'interesse, dei bisogni umani273, di idee elevate, ecc., ma
fissato da ogni specialista nella propria specialit274. E come fa lo specialista a determinarlo? Il punto preciso quello
del limite tra possibile e impossibile. L'obiettivo a media distanza che necessariamente ogni tecnico si fissa la
trasgressione del limite dell'impossibile: Attualmente, in questo campo di attivit, possiamo fare questo. Ma non ci
fermiamo a questo punto, non possiamo. L'obiettivo quindi giungere a fare ci che oggi ancora impossibile. La
strada aperta fino a un dato punto. tracciata, ma non aperta, fino a un altro punto.Oltre, non sappiamo nulla.
Ogni tecnico conosce la propria strada, e di tappa in tappa si aggiunge cos un nuovo troncone. Questo l'obiettivo
valido. In altre parole, nulla interferisce nel sistema chiuso della tecnica che avanza in funzione di se stessa. D'altra
parte spesso difficile distinguere obiettivi e finalit: Cazes ha dedicato al problema dei fini e dei mezzi in questi
ambiti un bell'articolo275 in cui tenta di definire i fini accettabili della crescita economica. Giustamente sottolinea la
differenza tra obiettivi e finalit, mettendo in risalto che non c' equivalenza automatica tra il fine operazionale

previsto e l'incidenza che ne risulta per le finalit!. Le finalit possono essere gli scopi permanenti di una societ
cos come risultano dal sistema di valori ai quali la societ aderisce276. Ci pu quindi essere un considerevole
numero di finalit e di giochi di finalit. Mostra tuttavia chiaramente che far intervenire le finalit, in rapporto, ad
esempio, a un piano economico, significa relativizzare gli obiettivi e ridefinirli progressivamente. Sono perfettamente
d'accordo su questi punti e con le condizioni poste da Cazes per determinare quali siano queste finalit. Ma quando
passa in rassegna innanzitutto i temi frequentemente presi in considerazione in letteratura (solidariet col terzo
mondo, indipendenza nazionale, progresso sociale, gestione del territorio, crescita economica), o la scelta potenziale
stabilita da Mass (tra un'economia di potenza, un'economia di svago, un'economia di consumo, un'economia di
creazione, un'economia di solidariet), o ancora le tre finalit di un gruppo di esperti (migliore ripartizione del
potere professionale, miglioramento delle condizioni di vita, lotta contro la povert), e quando infine propone le
finalit che gli paiono rispondere a tutti i criteri scientifici necessari (posizione nazionale nel mondo, espansione del
potenziale umano, crescita economica), necessario fare su questi esempi le seguenti osservazioni: innanzitutto,
hanno senso per l'orientamento della crescita economica, sicuramente (ed tutto ci a cui Cazes mirava!), ma non
necessariamente per la crescita tecnica. Inoltre, si fa spesso confusione tra finalit puramente etiche (solidariet col
terzo mondo, economia di solidariet, economia di creazione, miglioramento delle condizioni di vita) e finalit
concrete risultanti dall'attivit tecnica: la potenza, lo svago. In definitiva, sembra che si confondano desideri e realt.
Sicuramente, quando si pretende di orientare l'attivit economica in un senso o nell'altro grazie a un piano, si pu
tener conto di desideri, valori, elevate aspirazioni morali, ma l'attivit tecnica appartiene a un ordine diverso da quello
dell'attivit economica: questa totalmente permeata di valori morali e sociali, che non possono essere eliminati,
nonostante tutti i rigori volti a fare dell'economia una scienza dell'attivit economica (il lavoro, in primo luogo, non
pu non essere anche un valore morale). In altre parole, in economia si pu e si deve tenere conto dei valori morali
che definiscono gli obiettivi, perch l'economia non pu essere purgata della propria relazione con l'etica. Lo stesso
non vale per la tecnica, che non contiene nulla di morale, spirituale, umano. E se tento di rapportare questi diversi
giochi di finalit con la tecnica, mi rendo conto che non c' praticamente relazione possibile: sicuramente la tecnica
entra in tutti questi settori, rinforza la potenza nazionale, contribuisce a una certa espansione umana, serve alla
crescita economica ma non si tratta di finalit: nulla di ci che stato citato costituisce una finalit del progresso
tecnico, che inoltre non pu essere indirizzato in dato senso che escludente gli altri. Come si pu quindi aumentare la
tecnica senza aumentare la potenza? Finch il mondo sar diviso in nazioni concorrenti, come pu la tecnica non
essere lo strumento per eccellenza dell'indipendenza nazionale (e quindi militare!)? Come pu non essere la fonte
della societ dei consumi? Non si tratta di obiettivi, ma di risultati inevitabili. Quanto agli obiettivi non legati alla
tecnica (ad esempio la solidariet con il terzo mondo, il progresso sociale) o rimangono allo stato di desideri pietosi
in rapporto alla tecnica, o subiscono una trasformazione radicale (e spesso un capovolgimento) a partire dal momento
in cui, essendo trasformati in obiettivi ridotti, vengono sottomessi alla legge della Tecnica, determinante nella
modalit di applicazione.
3.
Scopi
Si pu infine parlare di scopi a breve scadenza? Si pu, ad esempio, essere tentati di dire che lo scopo perseguito
sia il denaro. Affermazione che, in fin dei conti, credo non si possa tenere in considerazione. Bisogna di nuovo
distinguere diversi aspetti: per quanto concerne il tecnico che si limita a esercitare la propria tecnica, si tratta di un
mestiere. Vi legato dalla necessit di guadagnarsi da vivere, contribuisce alla crescita dell'apparecchio perch vi
legato, ne riceve soddisfazione, prestigio, denaro: ma non un vero scopo quello che persegue utilizzando un dato
mezzo. Da un altro lato c' l'inventore, colui che cerca espressamente di risolvere problemi tecnici: non sembra che la
preoccupazione del denaro sia dominante; ovviamente questione di personalit, ma credo volentieri che il
ricercatore si applichi per amore della tecnica stessa, per il proprio inserimento nel sistema tecnico. Al contrario, si
pu considerare che il capitalismo promuova il progresso tecnico per ragioni economiche277. I finanziamenti alla
ricerca da parte delle grandi compagnie petrolifere e farmaceutiche sono noti a tutti. Viene messo in risalto il fatto che
negli Stati Uniti le compagnie capitaliste destinano molto pi denaro alla ricerca che allo Stato, e con percentuali di
investimento sempre pi alte. Tutto ci ben noto. Se le cose stanno cos, sicuramente per via dei capitalisti,
nella speranza di guadagnare del denaro. Ma la ricerca del profitto per natura estranea alla tecnica. Essa le pone
dall'esterno una finalit impropria. Pertanto il denaro contraddice la tecnica quanto la invoca. perci che da molto
tempo ci si preoccupa del fatto che, nei laboratori a finanziamento privato, la ricerca di base (senza la quale le altre
non sarebbero possibili) venga abbandonata in favore della ricerca applicata. Attualmente, senza dubbio, oggi negli
Stati Uniti si cerca di correggere questa tendenza e di accettare una ricerca senza obiettivi redditizi. Ma spesso il
finanziatore impone un semplice miglioramento dei medicinali noti, un perfezionamento dei metodi di fabbricazione,
pi che una ricerca di prodotti originali278. Spesso ci si limita a modificare la formula dell'antico prodotto
incorporando una nuova sostanza, inoffensiva, inutile (ma costosa!). La ricerca del profitto, infine, pu totalmente

bloccare il progresso tecnico allorch si scateni il conflitto tra l'interesse del capitale e le tecniche troppo innovatrici,
quelle che richiedono un rinnovamento troppo rapido del materiale, quelle che svalutano i mezzi anteriormente
utilizzati, ecc. In questi momenti, come si sa, la tentazione dei capitalisti quella di arrestare lo sviluppo tecnico che
il sistema capitalista non pu assorbire. In altre parole, l'esistenza di scopi come il guadagno non costituisce la
ragione del progresso tecnico.
Di nuovo, i soli validi scopi279 immediati sono quelli che il tecnico stesso si pone nelle proprie esperienze, nel proprio
uso della tecnica. Ma questa proposizione fatta unicamente in funzione dei mezzi a disposizione del tecnico e
all'interno dell'orientamento tecnico precedentemente acquisito. Possiamo quindi dire che la tecnica non avanza mai
in vista di qualcosa, ma perch spinta. Il tecnico non sa perch lavora, e di solito se ne preoccupa poco280: lavora
perch ha gli strumenti che gli permettono di soddisfare un dato bisogno, di riuscire in una data nuova operazione. La
considerazione precedente alla definizione di uno scopo o di un obiettivo sempre la valutazione dei mezzi gi
esistenti.
Boli281, riprendendo un'analisi di Boguslaw che cita, mostra, a riguardo degli scopi, che nel sistema tecnico vi un
processo estremamente significativo che chiama di sostituzione degli scopi inferiori all'obiettivo (principle of sub
goal reduction). Fare dei progressi attraverso la sostituzione, per il raggiungimento di un obiettivo, del
raggiungimento di tutto un insieme di scopi pi ridotti e pi facili. Ci troviamo qui in presenza di un fenomeno
specifico del sistema tecnico: l'uomo si propone un obiettivo ricco di significato, di connotazioni, di valori, ma
quando si passa allo stadio tecnico, si scopre un considerevole divario tra ci che la tecnica fa e l'obiettivo ideale.
Comincia perci la riduzione dell'ideale, lo si riduce ogni volta a ci che la tecnica sta per realizzare - dimostrando
che l'accumulazione di centinaia di piccoli progressi tecnici costituisce l'equivalente dello scopo ideale. Abbiamo
visto, ad esempio, nel XIX secolo, la felicit, obiettivo ideale del XVI secolo, trasformata in una serie di miglioramenti
tecnici che costituiscono infine il benessere: la felicit finisce con l'essere ridotta e assimilata al benessere.
Generalmente, come sottolinea Boli, si giunti ad affermare che la realizzazione degli obiettivi materiali implica la
realizzazione di soddisfazioni morali, politiche e spirituali dell'umanit, dimostrando cos che ci che l'umanit
cercava a questo livello e per via spirituale e morale era impossibile. Non si tratta di materialismo, che implicherebbe
una scelta filosofica, ma semplicemente il necessario gioco della tecnica che ubbidisce alla propria causalit, e che
provoca cos la sostituzione degli scopi accessibili attraverso essa agli scopi idealmente proposti.
***
In altre parole, il lavoro tecnico effettivo avviene in ambiti in cui esso possibile, con metodi possibili. Che cos' che
rende questa operazione possibile? Ci che esiste gi in quanto materiale, metodo, organizzazione, risorse,
competenze, know-how. questa combinazione permette non solo di rispondere al compito esatto per cui tutto ci
stato fatto, ma anche di tentare un nuovo passo sulla via tecnica. proprio l'utilizzo di strumenti acquisiti che non
solo permette, ma provoca lo sviluppo tecnico: al tecnico viene l'idea di applicare un dato processo che fino a quel
momento era stato limitato a un dato campo, a un altro ambito, o di impiegare un dato prodotto chimico in una nuova
composizione con un altro, o di trattare l'organizzazione di un esercito come fino a quel momento si era fatto petun
insieme industriale, ecc. Vale a dire che la tecnica avanza in funzione di, e a causa dei risultati tecnici gi
anteriormente acquisiti282. Una sorta di pressione obbliga i ritardatari ad avanzare: la pressione della massa di idee,
strumenti, macchine, organizzazioni, ideologie, formazione manuale o intellettuale, tutto tecnico. Non c' richiamo da
parte di un obiettivo, ma la sollecitazione di un motore posto nella parte posteriore che non tollera l'arresto della
macchina.
In questa autogenerazione della Tecnica, bisogna ricordare chiaramente da un lato che la tecnica ambivalente, e
provoca problemi appena ne risolve, e dall'altro che si accresce attraverso i problemi che solleva: si pu dire quindi,
con Boli, che i problemi appaiono perch le soluzioni li creano. Questi sono riconosciuti e accettati in quanto
problemi perch le soluzioni tecniche sono ammesse in quanto tali in modo intersoggettivo (che sostituisce il
famoso oggettivo), ma anche i problemi generati dalla tecnica sono concepiti intersoggettivamente. In una societ
tecnica i problemi compaiono o per esigenza di una pianificazione efficace, o per la capacit del sistema tecnico
stesso che esige di essere applicato. La complessit del sistema comporta interazioni cos numerose che non si vede
dove potrebbe trovare spazio una qualsiasi finalit. In realt ogni soluzione tecnica e definisce il problema. La
difficolt di comprensione del sistema tecnico risiede precisamente in questo rovesciamento. Dal punto di vista logico
e scolastico siamo abituati a considerare che si inizia col porre i problemi prima di giungere alla soluzione. Si pu
allora porre una finalit (a livello del perch pongo il problema), ma nella realt tecnica bisogna capovolgere l'ordine:
l'interdipendenza degli elementi tecnici rende possibile un gran numero di soluzioni per le quali non c' problema.
La R&D produce continuamente nuovi procedimenti per i quali l'utilizzo viene scoperto in seguito. Quando si ha lo
strumento a disposizione ci si rende conto che pu essere applicato a una data situazione, e chiaramente i
considerevoli costi di R&D fanno s che si debbano trovare applicazioni utili a ci che stato scoperto. Perci i
problemi individuati sono automaticamente risolti perch la soluzione procede il problema. A queste condizioni
non c' posto per alcuna finalit.
Ogni situazione tecnica il frutto di ci che stato precedentemente deciso, come dice perfettamente il libro di

Derian e Staropoli. Non bisogna dimenticare che se la domanda di elettricit per il futuro che colui che prende le
decisioni richiede all'analista oggi quella che , perch egli stesso, e prima di lui il suo predecessore, dieci o
quindici anni fa, hanno preso la decisione di investire per fornire questa stessa energia ai consumatori.
Si possono allora porre due principi. Il primo: c' ricerca tecnica solo l dove gli elementi precedenti la rendono
possibile. Non solo l'applicazione delle tecniche a supporre una certa infrastruttura (umana cos come economica),
ma anche la possibilit della crescita tecnica. In altre parole, nei paesi del terzo mondo assolutamente inutile e
superficiale aspettarsi un'autonomia completa nei confronti dei paesi occidentali finch essi non avranno a
disposizione un insieme di fattori tecnici che permettano un progresso specifico. Non basta giungere a permettere
l'uso di un certo numero di tecniche, bisogna arrivare al punto in cui la loro combinazione produce una progressione:
fino a che non si arriva a quel punto, i paesi del terzo mondo dipenderanno dall'infusione di tecniche dall'esterno. Si
sa che se l'aiuto al terzo mondo riuscito cos bene in Cile, innanzitutto perch questo paese aveva conosciuto una
prima fase di industrializzazione alla fine del XIX secolo con i nitrati. Anche dopo il crollo di questo sfruttamento,
rimase una primitiva base tecnica, cos come un certo sviluppo tecnico rurale e minerario283. A partire da queste basi
l'aiuto delle Nazioni Unite efficace: esso consiste principalmente nel coordinare, nel combinare tutte le possibilit
tecniche. Il modello cinese invece completamente errato. Nella crescita tecnica non c' alcuna possibilit di
sostituire la combinazione dei fattori tecnici con la manodopera, l'energia, l'ideologia: attraverso l'uso estremo di una
manodopera sovrabbondante si possono ottenere risultati (non tecnici) equivalenti a quelli ottenuti attraverso mezzi
tecnici, ma ci non pu condurre all'avvio della crescita tecnica, che non pu essere fatta a partire da un fattore
umano. la lezione dei successivi fallimenti in Cina da vent'anni a questa parte.
Il secondo principio: ogni elemento acquisito sar utilizzato in una ulteriore ricerca. Cos come per l'applicazione
delle tecniche abbiamo potuto affermare che tutto ci che esiste sar necessariamente applicato, nulla di ci che
possibile sar trascurato, lo stesso vale per la ricerca. Alcuni procedimenti possono essere trascurati, alcuni fattori
tecnici possono sembrare per un periodo senza futuro, ma riappariranno in occasione di una nuova applicazione, e
saranno bruscamente rimessi in gara. Nulla va perso nel mondo tecnico. Una tecnica che avanza ricade sulle altre e
talvolta le ravviva.
Simondon ha perfettamente dimostrato questo processo di evoluzione causale a pi livelli. Innanzitutto quando
mostra che l'evoluzione dell'oggetto tecnico avviene per soppressione degli effetti secondari che possono essere
d'ostacolo, e attraverso la specializzazione di ogni struttura come unit funzionale sintetica positiva. L'oggetto
tecnico concreto quello che non pi in lotta con se stesso, quello in cui nessun effetto secondario nuoce al
funzionamento dell'insieme. La tecnica stessa cos evolve eliminando ci che le impedisce di realizzarsi
perfettamente: una progressione senza obiettivo esterno. Ma Simondon stesso generalizza: L'evoluzione degli
oggetti tecnici pu divenire progresso solo se gli oggetti tecnici sono liberi nella propria evoluzione e non necessit
nel senso di un'ipertelia fatale. Perch ci sia possibile, bisogna che l'evoluzione degli oggetti tecnici sia costruttiva,
cio che costruisca questo terzo ambiente tecno-geografico in cui ogni modifica autocondizionata. Non si tratta di
un progresso concepito come cammino in una direzione anticipatamente prefissata, n di un'umanizzazione della
natura. Si stabilisce cos la connessione tra tecnica in quanto ambiente e il processo di sviluppo non finalista ma
causale. La causalit gioca all'interno dell'ambiente e va di tecnica in tecnica. Simondon analizza il processo stesso di
questa causalit che va dagli insiemi (tecnici) globali e anteriori agli elementi posteriori: questi elementi appaiono in
un'unit tecnica, ne modificano i caratteri, il che comporta una modificazione di un insieme tecnico determinato: c'
la causalit dell'elemento ridotto all'insieme. Ma in seguito il meccanismo produce una seconda causalit, che va
dall'insieme verso ciascun fattore: si tratta del carattere di un insieme che include la propria causalit in se stesso. Si
tratta di ci che avviene, ad esempio, non solo attraverso l'invenzione di nuove macchine, ma anche attraverso la
comparsa di nuovi prodotti. Mano a mano che si sviluppano processi tecnici, compaiono nuovi prodotti chimici (ad
esempio nella produzione di energia atomica): bisogna pur farne qualcosa. Non si tratta solo del rifiuto. Allo stesso
modo la combinazione di ricerche chimiche comporta, in modo causale, nuovi prodotti, come il Makrolon. Nessuno
cercava a priori un prodotto determinato, trasparente, resistente alla rottura, alla deformazione, al calore, ecc. Ma
quando la nuova sostanza a disposizione, diventa evidentemente indispensabile. Infine le ricerche dei fisici a partire
da calcoli teorici (basate ad esempio sugli elementi transuranici) hanno portato alla nascita di elementi chimici che
ancora non esistono ma che esisteranno necessariamente. La ricerca, qui completamente teorica e quindi diversa dai
due casi precedenti, anche causale - si orientati verso la scoperta degli elementi pesanti, si calcola che gli elementi
112, 114, 126 siano suscettibili di esistere: ma perch ci si innanzitutto lanciati in questa direzione per una ipotesi
anteriore, che determina il seguito.
Per rendere effettivamente conto del modo in cui la tecnica procede, bisogner trasferire in questo ambito le ricerche
di Thomas S. Kuhn sulla scienza284.
Non bisogna dimenticare che la crescita tecnica risulta dal modo di procedere dei tecnici, e che questo pu essere
caratterizzato, essendo il modo di procedere di esperti, da una gran quantit di esperienze e osservazioni. Tutte le
tecniche procedono in modo sperimentale, per tentativi successivi, aggiustamenti, confronti di esperienze, ciascuno
dei quali deve essere riuscito e servire da base a una pratica successiva. un modo di procedere successivo, che va

sempre in direzione di una diversificazione e di una complessificazione crescenti, che risponde sicuramente a
un'aspettativa, ma senza una vera spaccatura e una brutale innovazione. Ovviamente, ogni tecnico deve essere al
corrente del progresso di metodi comparabili, di soluzioni ai problemi prossimi, di nuove conoscenze e pratiche negli
ambiti connessi. Siamo sempre pi costantemente spinti verso il metodo sperimentale, che comprende, ricordiamolo,
sei aspetti principali: osservazione dei fenomeni, selezione delle grandezze significative, costruzione di un modello
rappresentativo (in tutte le ricerche tecniche la costruzione di un modello sempre pi importante), estrapolazione del
comportamento del modello, sperimentazione, definizione dell'ampiezza del campo di validit. Vediamo cos
chiaramente fino a che punto tutto funzioni in modo causale.
Kuhn insiste sul carattere causale dello sviluppo scientifico: Il processo di sviluppo descritto in questo saggio un
processo di evoluzione a partire da un'origine primitiva. Ma nulla di ci che stato o che sar detto ne far un
processo di evoluzione verso una qualsiasi cosa. Siamo abituati a vedere la scienza come un'impresa che si avvicina
ogni giorno di pi a un certo obiettivo fissato in precedenza dalla natura. Ma questo obiettivo necessario? Non
possiamo rendere conto dell'esistenza della scienza, cos come del suo successo in termini di evoluzione, a partire
dallo stato di conoscenze del gruppo scientifico in un qualsiasi momento?. quanto Kuhn dimostra perfettamente.
L'idea generale che la Scienza non procede per accumulazione lineare, contrariamente a quanto si crede di solito.
Generalmente si pensa che una scoperta o un'invenzione si aggiungano a un'altra, cosa che Kuhn dimostra essere
inesatta. La Scienza avanza per balzi e cambiamenti di direzione. In realt, ogni evoluzione lineare poggia su
paradigmi, e quando si obbligati a cambiare paradigma, tutta l'evoluzione si trova modificata. I paradigmi sono
per Kuhn le scoperte scientifiche universalmente riconosciute per un periodo, che forniscono ai ricercatori i
problemi da risolvere e le soluzioni. Ma allo stesso tempo, questi paradigmi, idee fatte, delimitano il campo di
lavoro e di ricerca degli scienziati per un periodo pi o meno lungo. Gli scienziati non vedono la realt pura e
semplice, poich essa viene obliterata dai paradigmi. Vedono solo il campo della realt delimitato da questi concetti.
Il paradigma fornisce alla ricerca scientifica base (il contesto di scoperta) e legittimazione ( necessario che la ricerca,
per essere legittima, avvenga su una data base e in una data direzione per essere legittimo: un contesto di
giustificazione). Il ricercatore lavora, pur senza rendersene conto, a partire da queste idee teoriche date o da queste
tacite conoscenze. Il paradigma non una semplice questione di metodo o di regole di ricerca: veramente la
visione del mondo all'interno della quale lo scienziato deve lavorare. Sebbene l'insieme di paradigmi possa
determinare il progresso della scienza senza l'intervento di regole percepibili. Generalmente ci si rende effettivamente
conto di ci sulla base di cui si lavorato solo quando vi una mutazione dei paradigmi. Quando si passa
dall'astronomia tolemaica a quella galileiana, dalla concezione dello spazio e del tempo di Newton a quella di
Einstein, ecc. I paradigmi danno allora sfogo a una creativit destinata a trarne tutte le conseguenze, a esplicitare tutti
i fatti grazie alla teoria fondata su di essi; devono essere strutturati, precisati in condizioni sempre pi rigide, e ci si
spinge in questi campi il pi lontano possibile. Generalmente, per un certo periodo, ci si rifiuta di vedere i limiti, di
prendere in considerazione i fallimenti. Il paradigma ritenuto vero. veicolo di una teoria scientifica e strumento di
lavoro e di interpretazione. Ha una funzione simultaneamente cognitiva e normativa. Ci che si costituisce come
corpo di leggi, di esperienze, di teorie, di soluzioni nella cornice fissata dal paradigma considerato scienza
normale, costituita dalla determinazione dei fatti significativi, dalla concordanza tra fatti e teoria, dalla precisione
sempre maggiore della teoria: tutta la letteratura scientifica per un certo periodo fissata su questi tre obiettivi. I
paradigmi sono infine sempre rinforzati dal fatto che gli scienziati costituiscono un corpo sociale, si scambiano idee,
hanno bisogno di solidariet, si controllano a vicenda. C' una sorta di ortodossia di gruppo, tanto pi forte quanto pi
vicina all'origine del paradigma, tanto pi pesante quanto pi il gruppo numeroso. Gli scienziati hanno avuto una
formazione e un'iniziazione professionale simili, che al contempo li distinguono da altri specialisti e li richiudono nei
paradigmi che sono serviti alla costituzione della specialit.
Progressivamente, tuttavia, i fallimenti si moltiplicano, fenomeni inspiegabili cominciano a imporsi, nuovi problemi
compaiono, insolubili nel quadro dei vecchi paradigmi. Di solito sono giovani o novizi della specialit a essere
sensibili a lacune e fallimenti. Risalgono all'origine mettendo in questione il paradigma. Il ruolo della giovent nella
ricerca scientifica di base e nella scoperta di un nuovo paradigma essenziale. Si produce allora un conflitto tra la
scienza normale e le conseguenze di un nuovo paradigma. Il che, in realt, non una combinazione possibile: un
salto qualitativo. Sebbene il mondo non muti in conseguenza di un cambio di paradigma, l'uomo di scienza lavora
ormai in un mondo diverso. Perch fino a quel momento l'uomo di scienza, in virt del paradigma accettato, sapeva
sin dall'inizio quali erano i dati del problema, quali strumenti potevano essere utilizzati per risolverlo, e quali concetti
potevano guidare la sua interpretazione. Ma questa interpretazione pu solo precisare un paradigma, non cambiarlo.
Si tratta perci di una demolizione di tutto ci che si era creduto essere scienza e della sostituzione con una nuova
scienza, con nuovi paradigmi. Si procede quindi a una sorta di selezione tra ci che era stato precedentemente
scoperto e a una nuova interpretazione degli antichi fenomeni e delle antiche leggi. La Scienza procede cos per
rotture e cambiamenti di direzione. E la tecnica, contemporaneamente, subisce le conseguenza di queste mutazioni
paradigmatiche, ma comporta anche, nel proprio sviluppo intrinseco, un processo fatto di rotture e sostituzioni: la
tecnica, contrariamente a quanto si crede, non solo una somma indefinita di procedimenti. Si tratta di insiemi di

mezzi che si sostituiscono ad altri insiemi di mezzi.


il motivo per cui c' una considerevole differenza tra tecnico e scienziato. Quest'ultimo, come ha mostrato Kuhn,
necessariamente chiamato, a un certo momento, a mettere in questione la teoria a partire dalla quale lavora. il gioco
di paradigmi mostrato da Kuhn. Ed una questione intellettuale. Lo scienziato in realt limitato solo dai paradigmi
secondo i quali lavora, ai quali abituato, in funzione dei quali stato formato. Se possiede una libert intellettuale
grande a sufficienza, pu rimetterli in causa e costruire un nuovo sistema interpretativo; al contrario, il tecnico
perfettamente rinchiuso all'interno della rete di applicazioni tecniche funzionanti. Da un lato ci sono gli investimenti
gi fatti: quando ci si accorge dell'errore, non lo si pu correggere, perch significherebbe cancellare in un istante
miliardi gi investiti (e ci resta valido in uno Stato socialista!). Dall'altro lato ci sono i gruppi partecipanti al lavoro.
Sicuramente anche lo scienziato ha il proprio corpo professionale, ma separandosene non lo distrugge: ne , tutt'al
pi, escluso egli stesso. Non si pu sconvolgere una data tecnica perch migliaia di persone guadagnano da vivere
grazie a quella data applicazione. Infine, la tecnica costituisce il quadro di vita della gente: non la si pu sconvolgere,
annullare un dato insieme di processi, di prodotti, di apparecchiature, perch la gente vive grazie a essi. Bisogna
avere il consenso della gente, necessario un cambiamento d'opinione, perch questa trasformazione sia possibile. Il
tecnico non pu sconvolgere o riorientare la tecnica perch essa definita nel proprio progresso
dall'apparecchiatura professionale (psicologica e materiale). Si tratta di un altro aspetto decisivo della causalit.
In realt, la tecnica avanza in un settore fino al massimo possibile285, fino a scontrarsi con un'impossibilit
(proveniente di solito dall'esterno: limite di denaro, di materia prima, ecc.). Fino a che si permane in una direzione
(all'interno di un paradigma, direbbe Kuhn), non si vede nient'altro, non si cerca nulla in altri ambiti. Quando sorge un
blocco, viene ad esempio a mancare una fonte di energia, allora, per ottenere lo stesso risultato, si sostituisce la
vecchia tecnica con una nuova. Si procede quindi dall'impossibilit. L'energia solare o geotermica sono cos state
considerate prive di interesse fino al sorgere di problemi in relazione al petrolio. Il nuovo progresso tecnico ora
condizionato dall'impossibilit di continuare a fare assegnamento sull'energia derivata dal petrolio.
Consideriamo la ricerca spaziale e l'astronautica - divenuto comune, anche in URSS, affermare che non servano a
nulla, e che bisogna opporre alla ricerca spaziale le spese considerate utili: costruzione di abitazioni, ricerca agricola,
ecc. Di fronte a ci, gli scienziati parlano di un certo numero di utilit per quanto riguarda lo sviluppo delle
comunicazioni, della diffusione istantanea di informazioni (Tel Star), che permetter un notevole progresso per
quanto riguarda l'educazione a livello mondiale in alcuni ambiti utili (come imparare le pi evolute tecniche agricole,
le pratiche anticoncezionali, ecc. Pudicamente si cela l'utilizzo per un'eventuale guerra). A pi lunga scadenza, alcuni
seri scienziati parlano di estrazione mineraria286, e addirittura di agricoltura: si prevede gi che poco dopo il 2000
saranno possibili coltivazioni di alghe sulla superficie atmosferica esterna di Venere, le quali assorbiranno l'eccesso di
ossido di carbonio, libereranno ossigeno e serviranno, eventualmente, come complemento alimentare. Ma quando si
esaminano queste innumerevoli utilit, ci si rende conto che si tratta semplicemente di utilizzare ci che esiste o
esister. La ricerca non stata fatta per coltivare alghe su Venere. Ma dato che si va sulla Luna, che cosa se ne pu
fare? Quando si ha lo strumento, bisogna servirsene e renderlo utile. Non un dato obiettivo, una data utilit a
determinare le ricerche: perch stato raggiunto un certo livello di Tecnicit, in elettronica, radio, carburanti,
metalli, cibernetica, ecc., che tutto ci, combinato, ha portato all'evidenza di una possibilit di andare nello Spazio,
ecc. Lo si fatto perch si poteva. Ecco tutto.
Il tecnico si trova in presenza di un dato prodotto, di un dato metodo, di un dato strumento: si tratta di utilizzarli al
meglio. In questo utilizzo, ovviamente, si ha la combinazione di tutti i fattori esistenti. L'innovazione consiste nella
combinazione di questi fattori287. Non bisogna pi concentrarsi sulla differenza tra il semplice utilizzatore (a livello
pi basso, l'automobilista) e l'inventore di nuove tecniche: i due si avvicinano mano a mano che le tecniche si
affinano e si moltiplicano. Si sa cos che gli astronauti (utilizzatori) sono strettamente associati alla ricerca spaziale.
Si lavora in funzione dei passati progressi tecnici, ed quindi evidente che gli utilizzatori siano i migliori giudici. Il
tecnico agisce con ci che il precedente progresso tecnico gli ha messo a disposizione: la tecnica anteriore in realt
la causa di quella seguente.
Essa scatena alcuni effetti che rappresentano direttamente un nuovo progresso tecnico o la componente di questo
progresso288. Il progresso tecnico ha quindi luogo, ma senza obiettivo. Non serve a nulla voler porre dei fini al
progresso tecnico, o discutere di questi fini. Si pu sempre discutere all'infinito: non c' alcun interesse in ci. Il
segno concreto, come abbiamo gi detto, che i discorsi dei filosofi e degli umanisti sui fini da proporre ai tecnici
non giungono mai a destinazione, non producono alcun effetto. Si potrebbe credere che tutto ci sia accidentale: al
contrario, se si sono comprese le condizioni reali del progresso tecnico, ci si rende conto che questa assenza di
comunicazione dovuta alla natura stessa del fenomeno. Questo progresso avviene senza fine alcuno: non gliene si
pu imporre uno, e ancora meno cambiarlo. Ci pu soddisfare l'intellettuale o il politico, che possono cos credere di
aver fatto il proprio dovere e tutto ci che potevano fare: ma ci non ha alcun valore.
Dopo qualche anno ci accorgiamo che quando i fini vengono messi in discussione, tutto continua il solito tran tran
come se nulla fosse. Ci sono stati enormi cambiamenti politici, ma nulla cambiato per quanto riguarda la crescita
tecnica e i suoi effetti. Le finalit della medicina sono state sconvolte dalla cosiddetta medicina sociale, ma nulla

cambiato per la creazione di una mentalit di malato collettivo, ecc. Le finalit della costruzione automobilistica sono
state messe seriamente in discussione, ma nulla cambiato. Invece, quando viene a mancare un mezzo, le finalit
spariscono! La crisi del petrolio un buon esempio della nostra incredibile sensibilit nei confronti dei mezzi. Ci
sentiamo perduti perch manca il mezzo petrolio. Non il sistema tecnico a essere fragile, ma lo siamo diventati
noi: improvvisamente ci sembra impensabile, inconcepibile poter guidare un po' meno, avere limitazioni all'uso
dell'auto, avere un po' meno illuminazione. la crisi totale! Ci si resi conto di questa fragilit in occasione della
questione del ripetitore televisivo distrutto in Bretagna! Panico e situazione inammissibile: privare una regione di
televisione per una settimana. Addirittura Le Monde ne fece un dramma. La privazione di mezzi ci sembra
inammissibile: vengono colpiti il senso e il valore della nostra vita!
Non avendo fine, la Tecnica non ha nemmeno senso: cercare di scoprire un senso, significa precludersi un'analisi
corretta del problema. Quanto a voler attribuirle un senso, significa fare una vera operazione mitologica. In presenza
di questo enorme oggetto, l'uomo vuole umanizzarlo, trovare un'unit di misura comune, e perci gli attribuisce un
significato. Esattamente l'operazione che alcuni ritengono sia stata all'origine delle religioni: si sente il tuono, non
possibile che ci che mi spaventa e che agisce su di me non abbia senso, perch ha un effetto. Non possibile che sia
un fenomeno totalmente estraneo: posso quindi attribuirlo a un individuo pi potente di me, ma simile a me, un Dio
che prova sentimenti come me, e il Tuono diventa manifestazione, comprensibile, dotata di senso, di questo Dio289. I
filosofi che vogliono attribuire un fine o un significato alla tecnica percorrono, inconsciamente, questo cammino.
Antropologizzano e mitologizzano il fenomeno tecnico. Bisogna al contrario collocarsi chiaramente di fronte a
questo fenomeno, e ci si accorge cos che la tecnica non giustificata in rapporto ad alcunch di ci che costituiva il
precedente universo dell'uomo. Non appartiene ad alcuna costellazione conosciuta. Essa sufficiente a se stessa, si
condiziona da s, si colloca solo in rapporto a s. Se perci si vuole agire su di essa, non lo si pu fare n a livello
delle finalit, n a quello del significato (ossia del discorso). Si pu intervenire concretamente solo a due livelli: o si
pu tentare di agire sulle componenti a partire dalle quali si svilupper il prossimo progresso tecnico. Ma allora
necessario essere tecnici e simultaneamente critici nei confronti della tecnica, lucidi e decisi a modificare il sistema. Il
che mi sembra fino a ora una combinazione umana inconcepibile. Quando un tecnico vuole liberarsi della propria
tecnica e agire, si lancia in politica, comportamento assurdo per eccellenza. Oppure, bisogna tentare di inventare
mezzi non tecnici eppure applicabili per vivere e sussistere in questo campo tecnico, mezzi che esigono grande
invenzione ed energia, che permettono di collocarsi in modo diverso in rapporto all'universo tecnico. I tentativi degli
hippy, ad esempio, dai quali per, a questo livello, c' poco da attendersi, perch portano a costituire una societ ai
margini, senza alcuna influenza sulla Tecnica, e un modo di vita rigidamente tributario delle tecniche esteriori, poich
questa societ ai margini si sviluppa solo grazie alle considerevoli possibilit fornitele dall'infrastruttura tecnica290.
Capitolo quarto
IL PROBLEMA DELL'ACCELERAZIONE
Incontriamo qui per la prima volta il problema della previsione291, o della prevedibilit nel Sistema Tecnico. meglio
affrontare direttamente almeno questo punto in particolare. Porre la questione dell'accelerazione del progresso tecnico
significa porre la questione delle possibilit di evoluzione di tutto il Sistema. Da un lato ci sono fatti evidenti, che
appaiono chiaramente, dall'altro aspetti incredibilmente complessi per quanto riguarda lo stabilirsi di fatti e metodi
applicabili.
Tutti sanno che il rapporto Meadows (Club di Roma, MIT, ecc.) ha duramente posto (nonostante il metodo scientifico
possa essere contestato e le conclusioni non siano cos evidenti come si potrebbe credere!) la questione dei limiti
della crescita tecnica: esistono limiti fisici alla prosecuzione dell'espansione demografica e industriale ai ritmi
registrati negli ultimi vent'anni? Si conosce la risposta. La superficie terrestre coltivabile limitata, l'espansione della
produzione alimentare legata alle disponibilit di risorse non rinnovabili, e si calcola che le riserve non siano
considerevoli. Anche se le risorse naturali non saranno esaurite, in cinquant'anni avranno raggiunto prezzi proibitivi.
La crescita tecnica si accompagna a una crescita di inquinamento che render lo sviluppo impossibile. Gruson, nel
suo ottimo studio292, conferma queste conclusioni su un punto essenziale: l'umanit rischia di rimanere presto senza
fonti di energia. Le riserve di petrolio non sono inesauribili. Da qui a trent'anni, bisogner scegliere tra il ritorno
generalizzato al carbone o il ricorso massiccio all'energia nucleare nonostante i pericoli. Per tutti questi motivi, e per
altri ben noti, Meadows propone la crescita zero, il passaggio dallo stato di crescita allo stato di equilibrio, in cui il
problema non sar pi lo sviluppo della produzione ma la distribuzione corretta del prodotto. Il problema che si pone
nella prospettiva di questo capitolo quindi il seguente293: si assister a un blocco volontario, deciso dall'uomo stesso
(ipotesi Meadows), a un blocco catastrofico, involontario, dovuto a un crollo (ipotesi Vacca), o a una decelerazione
progressiva, a un rallentamento del progresso tecnico? Sarebbe l'ipotesi pi soddisfacente, ma mi vedo obbligato a
constatare che quasi nessuno la prende in considerazione. Non si vede infatti, dato il sistema di progresso causale
della Tecnica, come possa prodursi questa progressiva decelerazione. In realt non credo personalmente ad alcuna di
queste tre ipotesi. Credo invece all'aumento degli squilibri e delle disfunzioni all'interno del sistema che comporter,

non un rallentamento, ma un disordine per assenza di feed-back in grado di produrre una decelerazione dell'insieme
del sistema.
semplice constatare il fatto che da un secolo e mezzo la Tecnica evolve sempre pi rapidamente294. Se risulta banale
affermare che, sotto tutti gli aspetti, c' maggiore differenza tra la societ del 1800 e quella del 1950 che tra quella del
5000 a.C. e quella del 1800, altrettanto banale constatare che il progresso tecnico rimane piuttosto lento tra il 1780 e
il 1850, accelera tra il 1850 e il 1914, procede ancora pi velocemente tra il 1914 e il 1945 e raggiunge una velocit
incredibile tra il 1945 e il 1970. Un buon esempio di questa rapidit ci viene fornito dai computer: non si tratta solo
dell'espansione dell'utilizzo dei computer, n dei molteplici miglioramenti, della velocit, della dimensione degli
apparecchi, ma della trasformazione stessa dei loro elementi di base. ci a cui ci si riferisce quando si parla delle
tre generazioni di computer dopo il primo costruito in serie (Univac 1951, di Remington). C' stata la fase dei tubi
elettronici (a doppio triodo), durata dodici anni; quella dei transistor, iniziata nel 1958 e conclusasi nel 1964; quella
dei circuiti miniaturizzati fino al 1975, circa. Si prevede una quarta generazione, quella dei circuiti integrati. Questi
progressi sono avvenuti in direzione di una maggiore velocit di impulsi, di una maggiore affidabilit, di una
maggiore capacit.
Per quanto riguarda la velocit, un'addizione di due numeri di dieci cifre avveniva in 4/1.000 di secondo nel 1951, in
qualche decina di milionesimi di secondo nel 1955, in cinque milionesimi di secondo nel 1960, in qualche centinaio
di miliardesimi di secondo nel 1964. La compattezza delle memorie di nuovo tipo considerevole: sbarazzatisi
delle bande e delle schede perforate, i mezzi di raccolta delle informazioni permettono di inserire in memoria pi di
un miliardo di parole.
Si inizia attualmente a intravedere il limite della velocit raggiungibile ma non superabile: la velocit della luce.
Ma se si impone questo limite, ci non implica assolutamente l'arresto del perfezionamento dei computer: creazione
di una memoria tampone, tentativi di anticipazione del risultato di un calcolo per farlo rientrare in un calcolo
seguente prima che sia completato, separazione di sottoinsiemi sostituibili da altri pi perfezionati, agilit di
adattamento del sistema computer, ecc. Il progresso talmente rapido e i risultati cos considerevoli che non si sa se
con il computer si debba parlare di una quarta rivoluzione industriale solo trent'anni dopo la terza
Allo stesso modo si pu prendere a esempio della crescita tecnica la serie di acceleratori di particelle: nove tipi
diversi dal 1930 al 1960 con un'accelerazione da 1 a 100.000 MeV. Anche in questo caso si pu rapidamente
raggiungere un limite.
Sono semplici esempi e non a partire da esempi specifici che si pu dedurre un movimento generale. Ma bisogna in
ogni caso tenere presente il fatto essenziale, ossia che sempre, in tutti i rami, la pi moderna, la pi avanzata
tecnologia a determinare la tendenza. Troviamo nuovamente l'automatismo della scelta che immancabilmente viene
presa. tuttavia vano cercare di rendere conto di questa accelerazione in modo pratico. impossibile numerare
esattamente i miglioramenti tecnici in tutti i campi nel corso di uno o pi anni. Anche se si realizzasse un tale
censimento, sarebbe impossibile paragonarlo a uno simile per gli anni '20, '30 o '40, e questo non per la stessa
difficolt, ma perch non ci si pu accontentare di un paragone del numero delle invenzioni tecniche: bisognerebbe
comparare l'importanza rispettiva di queste invenzioni e l'estensione della loro applicazione. Perch, chiaramente, per
analizzare il fenomeno tecnico attraverso la Storia, non ci si pu comportare come per la scienza, per la quale ad
esempio importante risalire alla data della scoperta scientifica stessa, al contesto intellettuale nel quale si colloca, ecc.
Per la tecnica ci che conta non l'invenzione stessa, n l'applicazione in laboratorio: la diffusione, l'applicazione
rivolta al grande consumo. Una notevole invenzione tecnica che rimanesse chiusa e confinata a pochi non avrebbe
alcun interesse ai fini dell'analisi sociologica del fenomeno tecnico. impossibile sapere esattamente a partire da
quale data ha luogo una sufficiente diffusione di un dato processo perch se ne possa tenere conto per la crescita del
progresso tecnico. Di conseguenza mi sembra che sia impossibile realizzare uno studio preciso della velocit di
questo progresso. Coloro che ritengono ci sia accelerazione continua e coloro che stimano che debba esservi un
rallentamento dopo un periodo di crescita si dividono su impressioni, su sentimenti e fatti scelti come esemplari, ma
in realt assolutamente approssimativi.
Ci viene detto, a proposito dello sviluppo scientifico, che gli scienziati ideatori viventi oggi sono pi di tutti quelli
esistiti dalla nascita dell'umanit messi insieme. Il loro numero, viene precisato, raddoppiato dal 1930295.
molto impressionante e poco convincente. Chi viene chiamato scienziato ideatore? A che punto si diventa
scienziati? Secondo quale criterio? E come si sono potuti contare allora gli scienziati esistiti in Cina, in India o nel
Medioevo occidentale? Ci viene detto anche che la quantit di conoscenze umane raddoppiata negli ultimi dieci
anni. Ma anche in questo caso, quale tipo di conoscenza viene considerato? Si contano ad esempio le conoscenze
giuridiche? E quelle riguardanti la Storia, in quale misura vengono considerate? Ovviamente si sa che la ricerca,
aumentando, ci sommerge di conoscenze. A un Congresso scientifico internazionale sulle ricerche atomiche (1964)
era stata raccolta una documentazione estremamente completa sulle nuove scoperte e le nuove applicazioni dal 1950:
si dice che questa documentazione fosse cos enorme da richiedere venti anni di lettura da parte di uno scienziato296.
Poich tutte le scoperte sono scientifiche ma volte verso l'applicazione, la tecnica non pu fare altro che accrescersi
sempre pi rapidamente.

Si obbligati a constatare che uomini rispettabili sono perfettamente obnubilati dall'evidenza del progresso tecnico.
Un solo esempio: Sauvy scrive: Despota conquistatore, il progresso tecnico non soffre arresto. Ogni rallentamento
equivale a un arretramento. L'umanit condannata al progresso perpetuo. Progresso in rapporto a che cosa? E se il
progresso tecnico fosse un arretramento rispetto a qualcos'altro? Charbonneau scrive chiaramente, invece: Credere
al progresso fatale significa mettere l'accento su quello dell'organizzazione materiale e collettiva: su una delle
condizioni della libert e non sul suo soggetto, l'individuo. Se si mette l'accento sulla materia, la potenza, la logica (la
Tecnica) si pu scegliere solo l'impersonale.
Per molti autori, l'accelerazione del progresso tecnico evidente. Berger scriveva nel 1957 a riguardo della riforma
dell'insegnamento che si trattava di ritrovare il significato profondo dell'educazione e di inventare i metodi adatti a
un universo in accelerazione. Ci va da s. All'altro estremo della scala del serio, Toffler pretende di dimostrare il
processo generale di accelerazione ma senza apportare nulla di nuovo a parte affermazioni gratuite e insignificanti
fatti spettacolari (in realt, in questo modo copia testualmente la mia dimostrazione a riguardo del progresso
geometrico del progresso tecnico). Vacca, sempre molto pi preciso, mostra come le Tecniche si adeguino le une alle
altre in una crescita che si pu considerare infinita (ne considera la fine catastroficamente accelerata, ma non apporta
alcun elemento decisivo). Closets, da parte sua, mostra che c' accelerazione sostenendo come Toffler che il
processo che va dalla ricerca di base al prodotto finito avviene sempre pi rapidamente: ci sono voluti quarant'anni
per il motore elettrico, trentacinque per la radio, sedici per i raggi X, dieci per le reazioni nucleari, otto per la bomba
atomica, cinque per il radar, tre per il transistor, ecc. Si tratta solo di una verit statistica: l'innovazione pu
inciampare su un ostacolo tecnologico per decine di anni. Ma l'industrializzazione avviene molto rapidamente una
volta superate le difficolt. Il film della Storia scorre a velocit accelerata297. In realt non sono per nulla convinto di
queste cifre, come sempre quando invece di proporre una sintesi si fa qualche esempio: bisognerebbe provare che
durante i periodi considerati tutti i progressi tecnici in tutti i rami hanno seguito la stessa accelerazione. Bisogna
quindi chiedersi su cosa si basi l'accelerazione: all'inizio del paragrafo, Closets parla del passaggio della ricerca di
base al prodotto finito, e alla fine dell'industrializzazione: non la stessa cosa! Inoltre, quando fa degli indugi il punto
di partenza l'innovazione stessa o le componenti dell'innovazione? O il processo di industrializzazione? Il punto di
arrivo la fabbricazione di un prototipo o la diffusione in massa su mercato? Anche in questo caso gli indugi sono
molto variabili! Allo stesso modo quando si conosce la pluralit dei fattori tecnici che entrano in gioco in una
qualsiasi innovazione, ci si deve chiedere quale sia veramente il punto di partenza. Sembra, infine, fondare i propri
calcoli in funzione di una filiazione diretta dalla ricerca scientifica all'applicazione tecnica, processo del quale
abbiamo dimostrato l'inesattezza. Non si pu quindi trarre alcuna conclusione da questi esempi e soprattutto non si
possono fare estrapolazioni, come invece fa Closets dichiarando che ogni volta che si traccia una curva, essa traduce
la stessa accelerazione (ma egli mischia consumo, PNL e progresso tecnico). evidente che ci sia accelerazione nei
consumi (nei paesi tecnicizzati), ma ancora pi evidente l'accelerazione del consumo di energia298: ma non se ne pu
direttamente dedurre un'accelerazione del progresso tecnico. Allo stesso modo certo l'ampliarsi del technological
gap, l'accrescersi del divario tra i paesi in cui ad esempio ampiamente diffuso l'uso del computer e quelli in cui non
lo , ma anche in questo caso non si possono trarre conclusioni sull'accelerazione del progresso tecnico: in effetti lo
scarto tecnologico pu risultare sia da effetti qualitativi sia quantitativi, o dall'arresto della crescita di alcuni paesi che
inciampano in una impossibilit (come ad esempio il computer, come mostra Elgozy, o la debolezza dei salari nel
terzo mondo). Rorvik, nel proprio idealismo astratto, pretende di dimostrare concretamente l'accelerazione a partire
da elenchi di realizzazioni tecniche probabili. Tra altri, prende in considerazione il celebre modello Delphi di
Helmer per la Rand Corporation. Egli considera che dal momento che possibile prevedere che nel 1975 si potranno
realizzare macchine per l'insegnamento complesse, e nel 1988 si potranno usare robot per tutti i compiti materiali e
alcune amministrazioni, tutto ci sar, senza tener conto delle possibilit psico-politico-economiche di accettazione.
In altre parole, la sua dimostrazione dell'accelerazione considera ancora una volta la tecnica in vitro, senza pensare
per un instante che si tratta di un ambiente che si inserisce in un altro ambiente. Non se ne pu quindi concludere
nulla per quanto riguarda l'accelerazione del movimento.
Bisogna invece tenere in considerazione la dimostrazione di Vacca299, che analizza e critica le pi abituali ragioni che
portano a credere che ci sar un arresto dell'espansione tecnica: egli dimostra che le nocivit e gli inconvenienti, le
irrazionalit, gli intasamenti, l'insicurezza psicologica, ecc. esistenti sono sicuramente incapaci in s di frenare
seriamente lo sviluppo tecnico: esso aumenter malgrado le voci in contrario, malgrado il cedimento morale,
malgrado i costi, ecc. fino al limite di rottura. Vacca spiega, in altre parole, che tutti gli inconvenienti oltremodo reali
non possono frenare la crescita perch l'uomo preferisce la tecnica a qualsiasi altra cosa, pronto a sopportare
incredibili flagelli e ad adattarsi, fino alla rottura. Non si tratter quindi di una crescita zero, n di un rallentamento
progressivo: quando questi effetti accumulati agiranno, sar troppo tardi, cio sar una catastrofe, con un enorme
arretramento dal punto di vista tecnico e demografico. Anche Richta completamente in favore dell'idea
dell'accelerazione. Ritiene che l'accelerazione delle invenzioni tecniche cresca, che l'intervallo tra la scoperta
scientifica e l'applicazione continui a diminuire (afferma che questo intervallo fosse di trentasette anni nel 1900 e di
quattordici o nove anni nel 1960 ma non so da dove prenda questi valori) e che il numero di conoscenze

scientifiche raddoppia ormai in meno di dieci anni. Mi sembra un'affermazione piuttosto leggera per un uomo tanto
misurato! Tanto pi che a pagina 335 contraddice quanto detto a pagina 233: nel secondo caso afferma infatti che il
ciclo di un'innovazione oggi di venti anni, valore corrispondente al periodo di ricostruzione tecnica della base della
produzione cos come alla durata di formazione dei ricercatori.
Si pu veramente generalizzare? Solo a condizione di fare un inventario. Ci si avvicinati a ci con il Rapporto della
Rand Corporation del 1965, giunto su questo punto a una conclusione opposta: l'intervallo di tempo tra scoperta e
applicazione praticamente rimasto inalterato tra il 1900 circa e oggi. Inoltre, attualmente si considera, al contrario,
che sia necessario un intervallo di tempo sempre pi lungo tra l'inizio di una ricerca tecnica e il suo completamento:
pi la tecnica complessa, pi rallenta a questo livello! Ci torneremo, perch su questa affermazione che si basano
la maggior parte di coloro che fanno futurologia in relazione alla tecnica. Nondimeno, a partire dalle constatazioni
che abbiamo appena riportato, e da altre simili, alcuni parlano di crescita esponenziale della Tecnica. L'atteggiamento
pi frequente consiste nel considerare tecniche o metodi scientifici gi noti e prolungarne direttamente gli effetti, nel
trarre da scoperte scientifiche le possibili conseguenze prevedibili, e nel mostrare come lo sviluppo sar sempre pi
rapido. Allo stesso modo viene dimostrato che lo spopolamento delle campagne in seguito all'applicazione di nuove
tecniche accelerer, o che le grandi citt diverranno sempre pi grandi in seguito all'applicazione di nuove tecniche di
trasporto, ecc. In questa visione di crescita lineare, indefinita, sempre accelerata dalla tecnica, bisogna pur sempre
tener presente l'ammonimento di Chesterton: Tutti questi uomini perspicaci profetizzano con la pi varia ingegnosit
ci che presto sar, e lo fanno tutti nello stesso modo, prendendo una cosa che ai loro occhi 'va forte', e prolungandola
tanto lontano quanto la loro immaginazione permette. Come se quando vedessimo un maiale un po' pi grosso degli
altri, per una legge inalterabile dell'Imperscrutabile, sapessimo che un giorno sar pi grande di un elefante; o come
se quando un qualunque potere nella politica umana desse prova di una considerevole attivit per un dato periodo,
questa attivit proseguisse fino a raggiungere il cielo300.
Ayres301mostra giustamente che la previsione tecnologica divenuta indispensabile per via della pianificazione cos
come a causa degli orientamenti del neocapitalismo, ma che d'altra parte non pu essere scientifica perch la Scienza
esplicita le leggi che regolano il funzionamento del sistema studiato. Secondo lui, con la previsione tecnologica ci si
limita a certezze molto variabili e a informazioni elementari. Ha completamente ragione per quanto riguarda questa
critica, ma non si accorge che la tecnica effettivamente un sistema, che solo per mancanza di una sua
comprensione sufficientemente globale e totale, perch si resta a livello delle tecniche materiali e soprattutto di
produzione, e per l'ossessione della previsione delle innovazioni che ci si condanna a non capire nulla e a non poter
prevedere. Chiaramente fino a che si cercher di stilare liste delle invenzioni nel 1985 o nel 2000 si andr a caso e
non si compir alcun lavoro serio. Ma Ayres stesso, che confonde tecnologia e tecnica (bisognerebbe allora che i
tecnologi sostituissero i tecnici!) e che considera solo le tecniche a carattere economico, si preclude cos ogni
possibilit di concepire la tecnica in quanto sistema.
La prima domanda dovrebbe consistere nel chiedersi se la previsione necessaria possibile, e ci comporta due
aspetti: il primo concerne la prevedibilit della crescita tecnica, l'altro quella dello sviluppo umano e sociale. Sembra
spesso ammesso che ci sia una certa prevedibilit del progresso tecnico: la Rand Corporation si specializzata in
estrapolazioni effettuate molto seriamente. Allo stesso modo, considerando il libro di Kahn e Wiener302 si vede
facilmente che, se i tentativi di previsione in politica o economia sono molto aleatori e forniscono numerosi modelli
possibili, l'unica parte ad apparire pi chiara e sicura quella che riguarda il progresso tecnico: si pu qui, in
principio, stabilire una sorta di schema probabile, si vede quali sono le invenzioni e le applicazioni tecniche
verosimili, gi immaginabili se non in corso di realizzazione. Ma se mi sembra perfettamente logico procedere a una
tale valutazione, ci che mi colpisce l'assenza in questo genere di previsione di due domande che dovrebbero invece
essere considerate decisive. La prima riguarda la relazione tra espansione tecnica e crescita economica: se ci
collochiamo all'interno della tecnica, possiamo effettivamente tracciare uno schema relativamente chiaro dei
progressi raggiunti. Ma abbiamo gi detto pi volte che l'invenzione nella tecnica ha un'importanza relativa: ci che
conta sono applicazione e diffusione. Queste dipendono dalle possibilit di mobilitazione economica: ci troviamo qui
in un campo sconosciuto. Non che una certa previsione in economia sia impossibile, ma ci che sembra esserlo la
relazione tra il potenziale economico e le potenzialit tecniche - la correlazione delle crescite.
La seconda difficolt quella del metodo di previsione stesso. Bisogna innanzitutto riconoscere la lezione di umilt
di Ayres. Questa previsione tecnologica non ha nulla a che fare con le estrapolazioni anteriori ma non comporta
alcuna certezza scientifica: ci si trova in presenza di un'accumulazione di molteplici informazioni elementari (come
quelle fornite da Closets nella propria opera), di peso e di certezza molto variabili, relativamente incerte e che
vengono giustapposte per ricavarne un'immagine possibile perch coerente. Si pu procedere a una sorta di inventario
pi o meno sistematico dei futuri possibili e scegliere la costruzione meno improbabile. Ma non dobbiamo qui
condurre uno studio generale sulla possibilit della prospettiva: non stiamo cercando quali saranno i progressi tra
venti, trenta o cinquant'anni. Elenchi del genere sono stati redatti da innumerevoli istituiti, con incredibili
discordanze. Si tratta solo del problema dell'accelerazione.
Nel senso dell'accelerazione dobbiamo ancora considerare il fenomeno di crescita causale analizzato nel capitolo

precedente: vediamo allora che uno sviluppo tecnico avvenga secondo la combinazione tra elementi tecnici anteriori.
Logicamente, quando il loro numero aumenta, la possibilit di combinazione cresce secondo una progressione
geometrica. Schematicamente, se abbiamo quattro fattori da combinare, ci pu produrre 64 combinazioni. Se
aggiungiamo un quinto fattore, della stessa importanza dei precedenti e supponendo equivalenti possibilit di
combinazione, avremo 325 combinazioni possibili. Abbiamo gi detto che ogni progresso scientifico e tecnico si
ripercuote su tutte le altre conoscenze e applicazioni. Il progresso non avviene pi in un singolo campo, ma per una
combinazione di procedimenti e di scienze appartenenti a settori anteriormente considerati separati. Si pu in effetti
osservare che, certo, non tutte le combinazioni possibili sono realizzabili, ma d'altra parte, ogni anno, non un solo
nuovo fattore a essere proposto per entrare in combinazione con i fattori precedentemente conosciuti, ma sono decine
o centinaia. E quando, grazie a queste combinazioni, appaiono una tecnica o un'applicazione tecnica, queste entrano
subito in contatto con cento altre, come potenziali fattori di combinazione. Cos, pi tecniche abbiamo a disposizione,
pi il progresso tecnico accelera. Ogni riscoperta tecnica ha ripercussioni e comporta progressi in molti altri rami
tecnici e non in uno solo. Cos, praticamente senza volont deliberata, per semplice combinazione dei nuovi dati, ci
sono incessanti innovazioni e applicazioni; interi campi, fino allora sconosciuti, si aprono alla tecnica perch diverse
correnti si incontrano. Si cerca sempre pi di definire incroci303 in cui tecniche e discipline diverse si compenetrino:
cristalli, bionica, basse temperature, cosiddette tecniche spaziali per esempio304. Queste conoscenze e pratiche non
sono mischiate arbitrariamente: in realt le conoscenze acquisite in un certo numero di discipline convergono, si
potrebbe dire quasi spontaneamente, verso un ambito di studio, e gli insegnamenti cos raccolti fanno fruttificare
ipso facto altri rami della scienza. Come pu l'ottenimento di basse temperature contribuire allo studio del plasma, il
quarto stato della natura che per rivelarsi necessita di temperature di pi di mille gradi? Le basse temperature hanno
portato anche alla superconduttivit che ha permesso di costruire magneti superconduttori, utilizzati in un numero
crescente di apparecchi e anche per la ricerca scientifica. Ci troviamo cos in presenza di una crescita illimitata della
Tecnica e di una velocit in costante aumento. Data la prospettiva teorica qui adottata, conviene parlare di una
potenzialit. Se il fenomeno tecnico evolvesse nel vuoto, si potrebbe affermare che esso si sviluppa secondo il
principio di progressione geometrica. Non c' alcuna evidente ragione perch cessi di evolversi in questo modo.
ci che nel 1950 mi aveva portato a formulare la legge di crescita geometrica del Progresso Tecnico. Bisogna
aggiungere un'interessante idea di Latts305, secondo la quale la non separazione delle variabili porta a fenomeni di
accoppiamento. Al comportamento lineare, nel quale l'effetto direttamente proporzionale alla causa, si sostituisce
un accoppiamento, per definizione non lineare, tra fenomeni che, provocandosi a vicenda in modo congiunto, non
cessano di amplificare gli effetti, talvolta fino alla divergenza. Ci fornisce una visione perfetta della realt degli
effetti reciproci delle tecniche all'interno del sistema. Proprio con l'ambiguit di questa crescita accelerata, poich le
variabili abbinate provocano fenomeni di amplificazione ma anche, inevitabilmente, fenomeni di neutralizzazione
reciproci. Esattamente ci che constatiamo. Vacca propone un'eccellente definizione secondo la quale tutte le attivit
e creazioni tecniche hanno un carattere di crescita continua ed esponenziale e la loro variazione retta da una legge
matematica ben nota: quella dei fenomeni di crescita in presenza di fattori limitanti.
Ma non si pu immaginare che la tecnica si sviluppi in un ambiente puro: essa , per propria stessa natura, in
contatto con il concreto, fatta per essere applicata a Perci il progresso reale della tecnica pu essere valutato solo
in rapporto all'ambiente di applicazione. Bisogna quindi ricollocare questa potenzialit intrinseca di crescita indefinita
e accelerata nel concreto. In questo reinserimento nel proprio ambiente, la tecnica incontra ostacoli esterni (ci si
accorge cos che l'adattabilit delle istituzioni o dell'economia non indefinita), oppure rivela un altro aspetto di s:
una sorta di autorallentamento, di autoregolazione. Scartiamo innanzitutto opinioni facili ma che non hanno maggior
valore di quelle citate inizialmente in favore dell'accelerazione. Ci sono, periodicamente, intellettuali che proclamano
che non si pu andare avanti cos a lungo. Alcuni (Wolf, ad esempio) dichiarano che la legge del limite dello
sviluppo tecnico-economico riguarda il fatto che il progresso del passato blocca la via al progresso del futuro, vale a
dire che per il progresso del futuro rimane in ogni caso un margine che una frazione, una piccola frazione, del
progresso precedente. Affermazione del 1945! Cio prima dell'enorme sviluppo tecnico degli ultimi decenni. Questa
legge non tiene conto dell'approfondimento e dell'allargamento del campo della conoscenza scientifica. stata
significativamente rifiutata da Dupriez306. Ci troviamo in presenza di una semplice opinione di tipo filosofico. Viene
tuttavia regolarmente annunciata anche la fine della possibilit del perfezionamento tecnico. Victor Hugo l'aveva gi
proclamata per le ferrovie. Anche Mumford307, generalmente meglio ispirato, dichiar che alcune invenzioni non
potevano pi essere perfezionate, che l'ambito dell'attivit meccanica non potesse ampliarsi: il progresso meccanico
limitato dalla natura del mondo fisico. sicuramente esatto, ma siamo ancora ben lungi dal conoscere tutte le
possibilit del mondo fisico. L'affermazione di Mumford, risalente al 1937, stata contraddetta dalla singolare
esplosione di invenzioni e di nuove tecniche in tutti i campi. vero che non possibile immaginare un progresso
indefinito, ma il problema sapere se sia per mancanza di immaginazione o per limiti reali. Non possiamo in ogni
caso basarci su ragioni tanto generali per prevedere l'arresto del progresso tecnico.
Le dichiarazioni secondo le quali non pi possibile compiere progressi tecnici sono state sempre smentite: ancora
nel 1970, un esperto poteva affermare che allo stato corrente delle cose non fosse possibile prevedere un

miglioramento delle prestazioni del computer, e che non ci fosse pi alcun interesse a guadagnare qualche
milionesimo di secondo, che in quell'ambito si era raggiunto il limite massimo. In seguito, per, due progressi
considerevoli sono stati fatti: da un lato per quanto concerne i terminali, dall'altro il passaggio della memoria a quella
che IBM ha chiamato Memoria Virtuale, che sembra essere un progresso decisivo (1972): non possiamo quindi
prevedere un arresto di crescita tecnica da alcun punto di vista.
Ricordiamo infine l'opinione di Clark, secondo il quale (come d'altra parte secondo Mumford) il progresso
dell'organizzazione tender a ridurre l'uso di alcune macchine. Certamente alcune macchine scompariranno, o sono
gi scomparse, ma non a causa del rallentamento del progresso tecnico, al contrario: stato in seguito a
un'accelerazione di questo progresso. Inoltre, non si pu annunciare la fine della crescita tecnica sottolineando il
passaggio a una nuova era, quella dell'organizzazione. Significherebbe spiacevolmente ridurre la dimensione
tecnica a quella delle macchine. Abbiamo gi visto che l'organizzazione divenuta una tecnica: tutto ci che si pu
dire, se la crescita dell'organizzazione porta a una certa regressione dell'impiego delle macchine, che si entra in una
nuova era della tecnica, e che un ordine tecnico si sostituisce a un altro. Non c' in ci alcun arretramento n alcun
segno di decelerazione del progresso tecnico. Al contrario, quando Richta mostra chiaramente che l'accelerazione
del progresso tecnico legata a una relazione diretta degli sviluppi della scienza-Tecnica-industria, non si pu che
rimanere indecisi. Il principio di Keldych afferma che la scienza deve svilupparsi pi rapidamente dell'industria
perch la crescita abbia luogo.
In concreto non sembra che si stabilisca una simile gerarchia. Siamo nel campo dell'ipotesi auspicabile. Ma non
possiamo essere certi del fatto che l'accelerazione si produca solo in funzione di una tale gerarchia.
***
Possiamo quindi dire che, preso in s e in quanto tale, il sistema tecnico tende ad accelerare senza interruzione, e
teoricamente in modo indefinito, la propria crescita e il proprio progresso. Ma bisogna allo stesso tempo prendere
coscienza del fatto che, quando questa accelerazione ha effettivamente luogo, si producono conseguenze negative.
La crescita provoca difficolt di adattamento sempre maggiori da parte dell'ambiente308nel quale la tecnica si
inserisce. Come abbiamo visto si verificano adattamenti in campo economico, politico, ecc. a seconda delle esigenze
tecniche: ma per quanto malleabile sia l'ambiente, per quanto poco cristallizzato, ci sono dei limiti (oltretutto presto
raggiunti) alla rapidit del cambiamento. materialmente impossibile che strutture sociali, giuridiche, politiche si
modifichino pi volte in pochi decenni per fornire ogni volta il contesto favorevole alle nuove esigenze tecniche.
inconcepibile. Ed sicuramente un aspetto importante della crisi tra adulti e giovani: questi ultimi sono
direttamente adattati alle ultime novit tecniche, mentre gli adulti non riescono a stare al passo. Questo ci porta a uno
degli impedimenti maggiori: la difficolt di trovare individui simultaneamente adattati e competenti. Ci troviamo qui
in presenza non solo della scarsa malleabilit dell'ambiente umano, della difficolt per i genitori di riuscire anche solo
a immaginare un lavoro completamente nuovo per i propri figli, ma anche della lunghezza della formazione
necessaria. Pi la tecnica accelera, pi accade che i giovani che hanno cominciato a prepararsi per lavorare con un
certo tipo di computer si trovino, una volta completati gli studi, tre anni pi tardi, a doversi adattare a nuovi tipi di
computer postigli davanti dal progresso. Bisogna inoltre tener conto dell'enormit della domanda: un solo esempio,
l'informatica. Un po' ovunque si lancia questo nuovo insegnamento, ma nel 1970 ci volevano 50.000 programmi e
25.000 analisti in pi (ovvero rispettivamente il 140% e il 170% in pi rispetto al 1966): non siamo giunti a produrne
la met. Eppure c' disoccupazione!
Il perfezionamento della macchina provoca il divario tra la sua capacit e quella dell'uomo, e ci sembra
insormontabile, il costo umano aumenta mano a mano che il computer si perfeziona (il costo di programmazione
rappresentava il 10% dell'insieme del sistema elettronico nel 1950, il 50% nel 1960, il 70% nel 1970, circa l'80% nel
1973!), la fragilit dei computer, le loro esigenze concernenti l'ambiente continuano a crescere: le componenti si
bloccano alla minima variazione di voltaggio o di intensit di corrente (e questo sembra non poter essere migliorato).
L'adattamento dell'intero sistema al computer sembra sempre pi difficile, la preparazione all'utilizzo richiede un
lavoro enorme. Elgozy cita alcuni casi interessanti: prima di qualsiasi trattamento elettronico, col solo fine di
riconoscere l'autenticit delle scritte sugli assegni bancari, gli impiegati del Crdit Lyonnais hanno lavorato un
milione di ore all'anno per approntare le tecniche all'uso elettronico. Allo stesso modo ci vogliono due anni perch i
Charbonnages de France calcolino i modelli per la programmazione generale quinquennale. Il bisogno di personale
altamente qualificato aumenta pi rapidamente di quanto sia possibile formarne. Cos l'utopia tecnica inciampa nella
realt economica e sociale (e umana) della societ. In altre parole, a un certo livello di progresso tecnico, l'uomo
costituisce il freno che blocca lo sviluppo. Lasciamo da parte i numerosi esempi forniti da Elgozy sugli errori dei
computer, perch tutto ci mi sembra perfettibile e riparabile.
Anche Brzezinski sottolinea il rallentamento del progresso tecnico per mancanza di capacit e di formazione
intellettuali. Ci essenziale: una societ ha difficolt a tecnicizzarsi se almeno un 10% della sua popolazione tra i
venti e i cinquantanni non ha una formazione superiore e almeno il 30% non ha una formazione secondaria. Bisogna,
inoltre, che la formazione corrisponda a un certo atteggiamento intellettuale. Si sicuri di rispondere a queste
caratteristiche?

dunque possibile che l'uomo, oltre a non arrivare mai a padroneggiare, orientare, utilizzare ragionevolmente la
Tecnica, divenga a propria volta un freno e provochi una recessione. Ci pu prodursi in due modi. Da un lato
bisogna ricordare ci che dice Mills (L'imagination sociologique) quando sostiene che un livello elevato di tecnologia
e di razionalizzazione non va necessariamente di pari passo con un equivalente livello di intelligenza individuale, o di
intelligenza sociale. La razionalit tecnologica non accresce nell'individuo la volont n la facolt di ragionare: al
contrario! L'uomo, sempre pi autorazionalizzato e sempre pi inquieto, progressivamente privato di libert e di
ragione309, sempre pi incapace di una vera riorganizzazione della societ cos come di un rinnovamento della
ricerca scientifica. Il tipo di uomo creato dalla tecnica quindi incapace di sostenere il processo di crescita, e utilizza
la tecnica in modo ripetitivo - stesso processo che abbiamo visto a proposito dello Stato. Da un lato, bisogna tenere
conto dello straordinario movimento di opinione pubblica, fatto di delusione, di timore, di interrogativi (che non
chiamerei prese di coscienza) a cui la stampa fa eco dal 1970: la rivolta generalizzata degli operai contro l'efficacia,
la subordinazione del lavoro al rendimento310, la reazione violenta contro l'imperativo tecnologico311 che fa eco alla
grande inchiesta della rivista Forbes - la Tecnologia americana sta fallendo? Vengono direttamente accusate della
sicura recessione la preponderanza politica ma anche la comparsa di correnti di opinione ostili alla tecnicizzazione. Si
tratta della ricerca contestata312. Dalla Fede al Disincanto: pi speranze sono state riposte nella Tecnica, pi la
scoperta degli inconvenienti o dei fallimenti traumatizzante. Anche il rapporto dell'OCSE del maggio 1971 molto
significativo. Sul piano sociale, la contestazione dovuta al subordinamento del tecnico al capitalismo, oppure
all'incapacit della tecnica di risolvere i problemi sociali ma sono soprattutto i rischi tecnici a influenzare ormai
l'opinione. Temi ripresi durante il simposio Science et Socit della Fondation Maeght (giugno 1972). Grazie alla
tendenza notevolmente critica degli scienziati americani, la contestazione ha raggiunto il campo, intoccabile fino a
vent'anni fa, del progresso tecnico e delle sue applicazioni al lavoro313. Non pi la societ dei consumi a essere
attaccata, ma la societ tecnica stessa: anche all'interno dei sindacati l'idea di progresso indefinito della tecnica non
pi accettata. Non si rappresenta pi il futuro della classe operaia dal punto di vista di una liberazione attraverso la
tecnica. Ovunque le teorie interpretative (economiche, sociali) vengono messe in questione con questa contestazione
del Tecnico314.
C' dunque una sorta di recessione psicologica che rischia di privare il sistema tecnico del proprio indispensabile
fondamento umano, addirittura dal punto di vista concreto: che cosa accadrebbe se i giovani si allontanassero dal
sistema e rifiutassero di fornire il capitale umano? Gi per l'informatica ci si preoccupa di non riuscire a trovare i
220.000 informatici attualmente necessari in Francia - un dettaglio. Il blocco e il rifiuto si situano a livello
emozionale, passionale, irrazionale, sono manifestazioni di timore, di fuga, del riflesso di libert caro a Pavlov nulla mi sembra cosciente, chiaro e fondamentale. Pertanto la crisi potrebbe essere passeggera e scomparire con il
dileguamento dell'emozione. Gi molti segnali sembrano mostrare che si sul punto di virare nuovamente. Se invece
si accedesse a livello della coscienza e della teoria, si potrebbe allora effettivamente considerare un rallentamento
regolare della crescita tecnica - altrimenti assisteremmo a un blocco incoerente e pericoloso per via dei problemi
inevitabili che scatenerebbe.
Il rallentamento si presenta inoltre sotto un'altra forma: l'ambiente, troppo perturbato dall'impatto delle tecniche
continuamente rinnovate, reagisce contro il cambiamento e attua rallentamenti solitamente spontanei, non calcolati315.
Nel caso precedente si trattava di un'impossibilit di adattamento, qui la reazione di un ambiente troppo
brutalizzato, troppo fortemente perturbato; una semplice reazione di difesa, ma perfettamente comprensibile: un
gruppo umano cerca di perseverare nell'essere, adotta le innovazioni solo progressivamente e tende ad assorbirle.
Abbiamo visto che ora la relazione si capovolta: ormai la tecnica a inglobare e determinare le forme culturali, la
civilt. Ma ci non accettato n compiuto.
In altre parole, i gruppi umani si comportano nei confronti della tecnica secondo forme e relazioni tradizionali.
L'uomo pretende ancora di dominare la tecnica e di servirsene, ma allo stesso modo frena ci che gli sembra
minaccioso, delirante, ecc. Bisogna quindi tenere conto di questi rifiuti, tanto pi estremi quanto pi il movimento si
fa rapido. Il freno che in ultimo rischia di essere pi efficace l'angoscia, addirittura il panico, che l'uomo prova di
fronte a ci che la novit tecnica esige da lui - e non serve dire che bisogna adattarsi, perch libri e rapporti sul
tema rivelano tipicamente l'inadattabilit degli autori. Quando si rileggono testi di questo tipo dopo qualche anno, ci
si accorge del loro carattere assolutamente retrogrado: propongono un adattamento a uno stadio tecnico
completamente superato.
Ci troviamo in presenza di un'altra possibilit di rallentamento della crescita tecnica a causa della crescita dello Stato.
Sembra esserci contraddizione tra sviluppo dello Stato e della Tecnica. Credo che, nonostante la R&D, sia sempre pi
ammesso che l'imperativo dell'organizzazione politica blocchi il progresso scientifico. Senza giungere a considerare
in modo assoluto, come fa Eccles316, che la libert politica la condizione per la scoperta e l'innovazione, sembra che
la struttura stessa e gli imperativi dello Stato moderno siano completamente contrari alla ricerca scientifica, che non
sopporta una pianificazione rigida. Lo Stato in quanto tale, e in quanto organismo dirigente totale e assoluto, blocca la
ricerca scientifica e ne arresta le applicazioni: organizza effettivamente una societ tecnica, ma la obbliga a un
processo di tecnicizzazione ripetitiva. Lo Stato, cos, pi diventa esteso e tecnico, pi tende a frenare l'innovazione

tecnica per via dell'inevitabile eccesso di organizzazione solitamente chiamata burocrazia e per via dell'imposizione
di obiettivi esterni alla tecnica. illusorio e idealista credere che se lo Stato concentra forze e mezzi sulla ricerca e lo
sviluppo tecnico, se li finanzia, lo far in modo liberale, neutro e disinteressato. In realt impone organizzazioni e
obiettivi. Ma per questa stessa ragione sregola il sistema e lo fa crescere in modo incoerente. Sarebbe errato ricavarne
l'dea che lo Stato possa orientare la ricerca in un senso (ad esempio militare). L'orientamento (reale) corrisponde in
realt a una disorganizzazione, a una desistematizzazione. Se il complesso tecno-militare del quale tanto si parla
evidente, se le tecniche si sviluppano sempre pi rapidamente a causa delle guerre e per l'esercito, perch il bisogno
di difesa sembra sempre il pi evidente (esattamente come il pericolo moltiplica le forze di un individuo) ed il
primo a incitare. Ma la realt tutt'altra: ci si accorge che i progressi tecnici effettuati in queste condizioni sono
fattori di irrazionalit dell'insieme (come vedremo pi avanti) e che se c' accelerazione in alcuni settori gli squilibri
provocati a tutti i livelli (sociali, economici, ecc.) sono in effetti fattori di crisi del progresso tecnico, e
secondariamente di eventuale rallentamento del progresso. Se questa in definitiva l'influenza dello Stato, dobbiamo
reciprocamente constatare che la Tecnica provoca l'espansione dello Stato. stata la Tecnica a fare dello Stato
moderno ci che esso , gli fornisce mezzi e domini, ma esige il potere centralizzato di coordinamento. Ci
talmente esatto che in trent'anni abbiamo visto cambiare il significato del termine socialismo. Oggi, con rivoluzione
socialista si intende la presa di coscienza del fenomeno tecnico, la volont di una coscienza chiara a riguardo e il fatto
di voler adattare tutto alla tecnica, di sottomettere le condizioni sociali e politiche alla necessit di un'applicazione
tecnica senza discriminazione. Il socialismo ormai il regime cosciente delle possibilit della Tecnica, e
l'applicazione uniforme di queste possibilit a tutto. Non c' pi alcun criterio dottrinale del socialismo, e
caratteristica non pi la struttura sociale (la fine della propriet privata). Si ha ormai la scelta tra un regime
cosciente di tutte le implicazioni e necessit di sviluppo della tecnica, e un regime che lascia sussistere le irrazionalit
sociali, le ineguaglianze, le conseguenze del passato, le sopravvivenze di interessi privati, di un'epoca anteriore alla
Tecnica.
Non si pu dire che la tecnicizzazione spinga verso il socialismo, ma certo il socialismo divenuto l'assolutizzazione
della Tecnica attraverso la politica. Questa definizione il solo denominatore comune di tutti i regimi che si
definiscono socialisti e che d'altra parte sono di tipo estremamente diverso (URSS, Cuba, Cina, Algeria,
Jugoslavia!). La tecnica cos spinge verso la crescita dello Stato, e questo a sua volta, giunto all'apogeo, trascina la
tecnica nella burocratizzazione bloccante317.
Ci che una conseguenza necessaria della tecnica rischia di divenirne il freno.
Troviamo un interessante esempio di blocco delle tecniche da parte della politica, un altro con la storia del
collegamento attraverso satelliti tra gli aerei e i centri di controllo: dal punto di vista tecnico questi satelliti per la
telecomunicazione sono facilmente realizzabili, ma l'impresa bloccata dalla concorrenza sul piano politico tra
Europa e Stati Uniti: la controversia iniziata nel 1965 e non ancora finita. Come abbiamo gi visto, ogni volta che
la decisione politica libera interviene, per arrestare le possibilit della Tecnica318. Ripeto che chiaramente non ne
traggo la conseguenza che la politica sia inutile o inefficace. Come tutti, posso citare decine di esempi di una ricerca
tecnica resa impossibile dal potere politico. Ho precedentemente dimostrato in modo dettagliato che l'unione tra i due
divenuta ineluttabile: ma la decisione politica positiva in questo ambito solo quando presa per motivi tecnici, e
non politici - da un organismo divenuto esso stesso tecnico prima di essere lasciato all'impulso politico.
***
Tra gli ostacoli esterni alla crescita tecnica, il pi importante quello economico. Il progresso tecnico , come
abbiamo gi detto, legato a un certo numero di possibilit economiche. Ci vuol dire che la crescita tecnica deve
essere accompagnata da una cresciti economica dello stesso ordine. Pi si progredisce, pi ci si accorge che i costi
della crescita economica aumentano rapidamente. Lo studio dei costi della crescita sicuramente il punto pi
importante dell'attuale ricerca economica.
Come noto non si tratta solo di costi positivi, ma anche di costi negativi: da un lato ci sono gli investimenti necessari,
e ci si rende conto che per proseguire la crescita economica ci vogliono investimenti di capitali, di uomini, in
conoscenze sempre pi considerevoli. Forse la crescita di queste necessit ancora pi rapida della crescita della
tecnica stessa. Ci provoca chiaramente un rallentamento della crescita, poich le possibilit non sono indefinite.
possibile che pi il sistema tender ad accelerare, pi il rallentamento sar vigoroso per mancanza di corrispondenti
nuove risorse, e che le risorse create dalla nuova tecnica siano sempre insufficienti per rispondere ai bisogni del
nuovo progresso319. Bisogna fare attenzione al fatto che in questo momento siamo indubbiamente in presenza del
capovolgimento della ben nota tendenza secondo la quale il progresso tecnico produrrebbe un surplus che permette
investimenti in vista di un nuovo progresso tecnico. Attualmente i surplus non sono mai sufficienti perch il progresso
tecnico procede troppo rapidamente e comporta esigenze sempre pi difficili da soddisfare. Gli investimenti
aumentano pi che proporzionalmente rispetto al risultato ottenuto. Sembra che ci sia una sorta di generalizzazione
della legge dei rendimenti decrescenti. Ma solo una tendenza320.
Bisogna invece aggiungere i costi negativi - cio le distruzioni, ecc. - dei quali a lungo non si tenuto conto. Ci sono
quindi costi diretti, come il lavoro umano o gli investimenti, che corrispondono a una volont di crescita, e costi

indiretti (o esterni) che appaiono come conseguenza del movimento economico globale. Abbiamo cos: le nocivit e
l'inquinamento, il rumore, tutti i danni causati agli altri senza che gli autori se ne assumano le responsabilit (de
Jouvenel). Ad esempio il progresso nei mezzi di comunicazione aumenta le nocivit e il costo considerevole di un
rimodellamento urbano. Se si vuole valutare il costo reale della crescita automobilistica bisogna tener conto: degli
incidenti, delle spese mediche, delle pensioni di invalidit, dell'aumento delle assicurazioni, dei lavori stradali, delle
perdite subite a causa della minore efficacia del lavoro in un ambiente eccessivamente rumoroso, dei problemi di
igiene dovuti all'inquinamento dell'aria, ecc321.
Per estrarre carbone, petrolio, sfruttare le foreste, produrre proteine, basta un demiurgo. Per fare cielo, aria, spazio e
tempo ci vorrebbe un Dio. Charbonneau dimostra con alcuni esempi l'illusione della crescita attraverso l'aumento
dei costi, gli errori dei tecnici (ad esempio a proposito delle centrali atomiche), la fabbricazione di gadget sociali
(in apparenza utili ma in effetti vani), opere gigantesche il cui solo aspetto fruttuoso il prestigio, e la distruzione di
fondamentali elementi naturali.
Ci sono poi i problemi di affollamento di vario tipo: problemi di spostamento, di spazio vitale, spese di trasporto (per
andare a rilassarsi durante il week-end o per andare a lavorare, entrambi ugualmente necessari), ma anche
affollamento delle conoscenze e delle informazioni, affollamento dei cervelli322. Gli affollamenti opprimono
l'individuo e sconquassano la vita sociale, ma, come in tutti i campi tecnici, non si tratta di uno stadio finale, ci sono
cio reazioni di difesa: l'organizzazione dell'insegnamento e dell'invenzione quale descritta da Mass rappresenta
sicuramente una possibilit di sgombro. Bisogna tuttavia sottolineare che l'ingombro presente, che aumenta
continuamente, mentre la reazione solo ipotetica, si attua nel campo del possibile.
Seguono i costi di cambiamento: perch ci di cui abbiamo gi parlato, la necessit di adattamento amministrativo,
giuridico, ideologico, ecc., non avviene senza costi: parlo della necessit di un maggiore investimento umano, il che
suppone una formazione tecnologica, intellettuale, ideologica molto costosa. I problemi posti dallo stesso
affollamento universitario corrispondono a un costo di cambiamento: bisogna trasformare l'insegnamento, i
programmi, la pedagogia in funzione delle nuove professioni alle quali i giovani andranno incontro: nuove in seguito
alla trasformazione tecnica! Tutto ci difficile e costoso, a tal punto che la societ sembra non essere in grado di
assumerne i costi. Bisogna d'altra parte aggiungere gli incalcolabili costi di un aggiornamento generalizzato, della
formazione continua, efficace solo se si realmente a livello del progresso tecnico effettivo, nel qual caso per la
difficolt di un'impresa del genere assorbir un numero sempre maggiore di insegnanti che, distolti dalla ricerca e
dalla formazione giovanile, tenderanno a provocare una stagnazione tecnica. Fino a oggi l'aggiornamento stato
molto superficiale, non preparando quindi veramente ad assumere il proprio posto all'interno dello sviluppo tecnico.
Bisogna infine tener conto dei costi di complessit: pi il sistema sociale amministrativo, economico si ingrandisce,
accelera, si basa su numeri maggiori, pi diviene complesso, e si accrescono allora i servizi di coordinamento, di
gestione a secondo o terzo livello, di cui abbiamo gi parlato: ma i costi rimangono elevati323. Non serve a nulla
affermare che i servizi potrebbero essere attuati da macchine e grazie all'informatica: perch queste macchine sono
straordinariamente costose, sempre pi specializzate, presuppongono apparecchiature sempre maggiori, e i progressi
tecnici le rendono presto superate324. Ci non diminuirebbe quindi il carico che la complessit fa pesare sulla vita
economica. Vediamo cos nell'insieme che grazie al progresso tecnico la crescita economica assicurata, anzi
condizionata. Allo stesso tempo aumentano tuttavia i costi della crescita, al punto che i suoi risultati rischiano di
essere sempre meno soddisfacenti, e il saldo finale, a conti fatti, non potr essere positivo. A quel punto non potranno
essere messe a disposizione risorse sufficienti per la crescita tecnica, che si trover cos rallentata, se non bloccata.
Insomma, pi aumenta la possibilit di innovazioni tecniche (secondo la progressione geometrica che ho descritto),
pi aumenta il numero di innovazioni in tutti i campi, e pi ci si rende conto che materialmente impossibile, a tutti i
livelli, accettarle, applicarle, supportarle: psicologicamente, ideologicamente, l'uomo non pu farsi carico di tutto -
l'argomento corretto (ma banale) del libro di Toffler. L'Economia non pu tenere il passo, cos come non lo possono
l'amministrazione, la gestione, l'organizzazione, sebbene anch'esse tentino di diventare tecniche. La malleabilit, la
plasticit dell'organismo sociale non indefinita, si inevitabilmente portati perci a scegliere tra le tecniche, tra le
innovazioni: non si pu, n si potr fare tutto ci che la Tecnica propone in sovrabbondanza. Il divario tra il
potenziale tecnico e ci che viene realizzato tende ad accrescersi. Ma rimangono sempre l'imperativo tecnico (tutto
ci che tecnicamente possibile fare deve essere fatto) e l'accumulo del potenziale tecnico (ogni innovazione latente
pu essere risvegliata e applicata). Si moltiplicano tuttavia le testimonianze di arresto: la rapidit delle innovazioni in
informatica esige oggi una pausa (il tasso di crescita dell'industria informatica diminuito dal 1970). Infatti non si
pu pi scialare industrialmente.
Notiamo per inciso che a questo punto, e a queste condizioni, si genera il grande attacco contro il computer. Potrei
suggerire che l'attacco nei confronti dell'energia nucleare prima, delle tecniche spaziali e dell'informatica poi,
coincida esattamente ogni volta con il raggiungimento del limite massimo delle possibilit di applicazione. In altre
parole, quando si approfondisce il fossato tra la potenzialit tecnica e l'effettiva applicazione generalizzata, si genera
una sorta di giustificazione a non realizzare tutto ci che la tecnica permette di fare. E questa giustificazione
(ovviamente, a questo titolo, involontaria!) esattamente l'accusa contro il potenziale tecnico non realizzato - l'uomo,

come sempre, pretende di rimanere padrone della situazione, e poich non pu impiegare un dato mezzo lo dichiara
cattivo, nocivo, pericoloso - l'uomo, nella sua grande saggezza, lo rifiuta. Ovviamente quando l'applicazione sar
possibile si dimenticheranno tutte le riserve. L'applicazione di una nuova tecnica ancora pi difficile quando questa
pretende di scalzare quelle precedenti: noto il dramma della fluidica che permette di effettuare operazioni logiche
con l'aiuto dei soli flussi senza passare attraverso l'intermediario elettronico. Ma come si pu mettere in discussione
l'elettronica dopo gli enormi investimenti fatti per il suo sviluppo, quando il suo sviluppo non ancora completo e il
personale umano appena agli inizi! Non una questione di struttura capitalista, di mancanza di finanziamenti: si
tratta, sotto qualsiasi regime, dell'impossibilit di sostituire immediatamente un insieme tecnico con un altro. Pi
avanziamo, pi le tecniche esigono un'infrastruttura materiale, un immobilizzo di capitali, una considerevole
formazione umana: perci sono meno atte a essere rapidamente sostituite. Una tecnica pu quindi perfezionarsi
all'interno di se stessa, ma diventa sempre pi difficile compiere un salto da un insieme tecnico a un altro nuovo:
il caso della fluidica. Questo obbligo di scelta tra possibilit tecniche rende altamente improbabile l'universo di
Toffler e di Rorvik, che si limitano alla visione semplicistica dell'Universo di Cyborg, di robot, di elettroprotesi,
dell'artificializzazione generalizzata del corpo umano, ecc. Anche rimanendo a livello pi basso, se si considera ad
esempio lo sfruttamento degli oceani, ci si rende conto dell'enorme scarto tra le conoscenze acquisite in laboratorio e
le reali possibilit325. Ad esempio l'acquacoltura: verranno forse creati due impianti ridotti per salmoni e branzini, ma
si obbligati a riconoscere che queste due esperienze sollevano enormi problemi di gestione globale del litorale!
Ancora peggio nel caso dello sfruttamento delle ricchezze minerarie dei fondali marini! tecnicamente possibile, ma
chi ha il diritto di sfruttamento? A chi appartiene il fondale oceanico? Non si tratta di un semplice cavillo giuridico; si
rischia di trovarsi in presenza dello steso problema della colonizzazione nel XVI secolo: colui che possiede la potenza
tecnica ha il diritto di procedere allo sfruttamento, aumentando cos la propria potenza. In caso contrario, se si
ripartisse in modo equo tra le nazioni, i 9/10 di queste ricchezze rimarrebbero non sfruttati, perch solo due o tre
potenze sono in grado di farlo. Questi sono solo alcuni tra i molti problemi che dimostrano come la realt non possa
seguire il ritmo delle innovazioni tecniche326.
***
Sembra che esistano tuttavia anche blocchi interni, una sorta di autoregolazione nel sistema tecnico. Ecco un primo
esempio a partire da una valida analisi effettuata da Closets per quanto riguarda la tecnica medica. Vi un
considerevole perfezionamento in tutti i campi - perfezionamento tanto rapido da svalutare le tecniche di punta ogni
tre o quattro anni. Ci avviene simultaneamente alla comparsa di nuove tecniche in ambiti inesplorati. Ma questi due
ordini di crescita rivestono un interesse solo se queste tecniche si applicano a un elevato numero di malati: altrimenti
si tratta di semplici questioni di laboratorio, senza grande valore. Ritroviamo qui la distanza tra scoperta e
applicazione, essendo quest'ultima sola costitutiva della tecnica. Ma perch queste tecniche siano applicate a un gran
numero di malati sono necessari il personale medico formato a ci (cosa che sar sempre pi diffcile) e
un'attrezzatura ospedaliera molto costosa e lunga da realizzare: appena installate, appena si possono finalmente
mettere a disposizione di migliaia di malati, le tecniche pi moderne sono gi superate. Si produce in questa corsa
una sorta di autosoffocamento della tecnica: l'apparecchiatura realizzata impedisce l'applicazione di ci che sar
possibile. Non basta realizzare un computer che contenga tutta la scienza medica, bisogna poter mettere in opera le
sue indicazioni! La tecnica finisce quindi con il rallentarsi per l'impossibilit di adattare l'applicazione in modo
sempre nuovo, perch un'applicazione di tecnica medica implica un'infrastruttura di decine di altre tecniche, e pi
velocemente evolve la prima, meno le altre sono in grado di seguirla, poich sono state adattate a una tecnica gi
molto evoluta.
stato peraltro sottolineato che in ogni crescita di un settore tecnico c' cambiamento di ritmo e di possibilit:
inizialmente sono possibili molte opzioni e scelte, progressivamente una delle varianti si impone ed esclude le altre
per varie ragioni (corrisponde a quanto abbiamo esaminato come automatismo tecnico). Ugualmente all'inizio in un
settore ci sono molte innovazioni, ma pian piano le innovazioni necessarie ai suo sviluppo si fanno meno numerose,
una frazione consistente della ricerca in questo settore si orienta verso miglioramenti marginali del prodotto iniziale,
o verso differenziazioni nei confronti dei concorrenti. In altre parole, successivamente in ogni settore il successo gela
il progresso tecnico in forme e modalit ripetitive. Il punto sta nel sapere se ci influisca sull'insieme del sistema, o se
il settore in stasi venga sostituito da un altro.
Questa accelerazione del progresso tecnico esigerebbe, per compiersi pienamente, una crescita armoniosa e
concordante dei sottosistemi: infatti pi c' accelerazione, pi le distorsioni, le disfunzioni, le incoordinazioni si fanno
sentire. Quando alcuni settori tecnici non tengono il passo gli effetti si sentono dappertutto327. Possibilit troppo
grandi in un settore di punta mettono in gioco i settori ritardatari. Sappiamo che ci sono crescite irregolari, ma finch
il movimento non troppo rapido, si verificano compensazioni, scambi, si stabiliscono polivalenze328. Al contrario,
nel caso di una crescita accelerata, il sistema non riesce pi a equilibrarsi: ci si pu quindi aspettare rallentamenti
provocati dai disequilibri, fino a che si reintroduca un equilibrio globale del tecnico. L'oggetto trova ostacoli
all'interno del proprio funzionamento: il gioco dei limiti il cui superamento costituisce un progresso risiede nelle
incompatibilit che nascono dalla saturazione progressiva del sistema di sottoinsiemi..,329. Questo progresso sar

essenzialmente una modificazione della ripartizione interna delle funzioni, un riaccomodamento del loro sistema:
questo vale anche per il sistema tecnico quando i sottosistemi si bloccano reciprocamente, evidente che l'insieme
non possa continuare a crescere. la stessa analisi che Vacca effettua a proposito della situazione attuale quando
dimostra l'impossibilit di funzionamento che riguarda i grandi sottoinsiemi. Sembra che siamo ormai giunti a questo
punto di saturazione. Le nuove tecniche trovano difficilmente posto nel sistema. Esse provocano una perturbazione
del tutto, che sembra sempre pi fragile. Ma Simondon pone la questione del superamento di questo limite:
possibile al punto in cui ci troviamo? Non si sa. Questi sono i motivi per cui certo che l'accelerazione non
indefinita e che i rallentamenti diverranno sempre pi consistenti. Ma praticamente impossibile dire con precisione
a quale livello giocheranno i rallentamenti, se si assister a un capovolgimento della tendenza, e se si passer da
un'accelerazione a una decelerazione, se si va verso una stabilizzazione o solo verso una normalizzazione della
crescita. Studi molto minuziosi basati su punti precisi ma generalizzabili330 portano a pensare che i cambiamenti
tecnologici non possano continuare a questo ritmo, e che nella maggior parte dei campi si sia ormai raggiunto un
limite. Un'accelerazione straordinaria si produce in campo sociale e umano, una sorta di bang che comporta
considerevoli disordini un po' ovunque. Ma dopo questo superamento del muro delle possibilit tecnologiche, ci sar
necessariamente un periodo di stabilizzazione e di riordino: ci troveremo quindi nel mezzo di una crisi di transizione,
e ci si potr aspettare un sensibile rallentamento di tutto il sistema nei trent'anni a venire. anche l'opinione di
Sheldon (ex membro dello Stato maggiore della NASA), secondo il quale, dopo un'epoca di dilapidazione e di spreco
dei mezzi tecnici, si entrer in un'epoca di conservazione e di riordino. I problemi attualmente provocati dalle
tecniche sono, afferma, di una dimensione tale che, in realt, si assister a una pausa dell'umanit, che si vedr
obbligata a consacrare tutte le forze a compensare problemi e nocivit. Le tecniche attuali non saranno quindi pi
sviluppate nella direzione in cui lo sono oggi, ma verranno applicate a misure eroiche che implicheranno un certo
arresto del progresso tecnico331. Allo stesso modo Closets ritiene che cos come bisogna ammettere che non ci
saranno mai pi ricercatori che individui e che gli stanziamenti per la scienza non supereranno mai il PNL, bisogna
ammettere che le attuali curve del progresso sono destinate ad arrotondarsi: il progresso segue curve a S.
La stessa osservazione possibile nei riguardi di una tendenza alla stagnazione in campo medico: i progressi delle
scienze mediche sono, dal 1960, pi apparenti che reali, pi teorici che pratici. Sembra che nei paesi sviluppati il
considerevole aumento di consumo medico non si traduca in un miglioramento della sanit pubblica. Aumentare o
diminuire della met il budget della sanit non cambierebbe probabilmente nulla per quanto riguarda la longevit
media degli Americani, afferma il professor Braud, dal quale traggo questa analisi. Il vero miglioramento della
sanit passa ormai pi attraverso l'educazione delle masse che attraverso terapie spettacolari. Bisogna ripensare la
formazione e l'informazione del pubblico: ma ci si scontra cos con la lentezza estrema di questo tipo di formazione, e
con la difficolt di rovesciare l'attuale ipno-tecnico che porta il pubblico a pensare la medicina solo in termini di
eccezionale intervento chirurgico o di rianimazione. Ancora una volta la lentezza sembra caratterizzare la prossima
tappa.
Allo stesso modo, su un punto particolare, ma gli esempi potrebbero essere moltiplicati, Vincent ha dimostrato
scientificamente che la produttivit oraria del lavoro in Occidente aumenta da anni del 5% e che assolutamente
impossibile che l'automatizzazione permetta l'aumento di questo tasso di crescita332.Non bisogna certo aspettarsi un
ribaltamento generale di tendenza, una sorta di regresso del sistema. Molto pericolosi mi sembrano i sogni di Reich,
quando annuncia che la macchina inizia ad autodistruggersi, che lo Stato si sta preparando la propria rovina (senza
rivoluzione comunista, oh Lenin!). Spiega che lo Stato non pu pi essere governato, che le cause di malcontento dei
lavoratori consumatori aumentano, che pi aumentano gli svaghi, meno l'uomo accetta di fare il proprio lavoro, che
pi il consumatore soddisfatto, meno il lavoratore vuolele lavorare, che i prodotti tecnici possono essere
completamente consumati solo in guerra, e dichiara fermamente che la guerra del Vietnam la crisi decisiva che
stroncher lo Stato-Impresa e il sistema tecnico. Ci si stupisce a leggere tali ingenuit: Reich dimostra di non avere
alcuna visione sintetica del sistema tecnico e alcuna profondit storica. Si limita a piccoli fatti di attualit che prende
per tendenze generali. Si potrebbe ricordare che mai nessuna guerra ha fermato il progresso tecnico, al contrario. Da
qui a cinque anni i giovani Americani avranno completamente dimenticato la guerra del Vietnam e tutto ci che ne
rimarr saranno innumerevoli miglioramenti tecnici. Non c' infatti alcuna ragione di credere a un'autodistruzioae del
sistema, alcuna ragione di aspettarsi un arresto per i motivi indicati da Reich, e in particolare per un cambiamento di
coscienza. Gi oggi, tre anni dopo la pubblicazione del suo libro, possibile constatare come negli Stati Uniti la
grande comparsa della coscienza III sia una bolla di sapone che sta per scoppiare. Indietreggiamento del movimento
hippy, della droga, della controcultura, delle comunit, del rifiuto della societ dei consumi, normalizzazione degli
studenti. Torniamo alla coscienza II, che, a mio avviso, non abbiamo mai lasciato!
In altre parole, non si possono fare previsioni riguardanti l'accelerazione o la stagnazione reali del processo tecnico.
Se un certo rallentamento sembra pi verosimile, non si pu comunque prevedere il momento in cui esso avverr, n i
settori di stagnazione. Ci che invece sicuro che non si possono fare previsioni semplicemente proiettando ci che
esiste. Affermare che ci sar uno spopolamento crescente delle campagne, che l'aumento demografico continuer,
cos come l'accelerazione dei trasporti e i problemi crescenti della distanza tra luogo di lavoro e abitazione, significa

fo