Sei sulla pagina 1di 126
N. 3 - MARZO 1977°- L. 800 ‘Sped. in abb. post. gruppo til see TECNICA Lea id La segreteria telefonica [ Frequenzimetro digitale vans Supertester 680 R / om Ball R come Recordee TI SERIE CON CIRCUITO ASPORTABILE!! 4 Brevetti (nternazionali - Sensibilit’ 20.000 ohms / volt |! e}1od ou as ¥pyleA 2 Uo MAREE BT 2 g 3 = or ouagi Oawal Svi3 - 113 vomenu Lerep/e N22 1 juouiessan [9p ajeeres | 089) @ axeo}pul 2 onndiase B ojauvagnyy Ip opv2tfiysa Tp omawossay {WDIs0g NUELIED YUEN ep oFZIAzeg LLJ Be aga St £ Sot s3 SS 8s gee 8 < gor Zz ead > Doe S : & Las) G E29 a) 2 wi fio see He §2£ 6F Ese ey NE Ob +. DO Bee = Oro. 4 > 5 “258 BS “2 N2 $258 = — w + £Os Z <§s SW BSSen } OQ -O e-se Z S = gcd 3 §-S2 69 dae & = O68 3 ao B73 m ess wO So-g'5 a Z AW 8e-8 OF Lo, NN 8558 — cog et oos2 0 sack cake wm @ 488s @ afsS$ @ FaRd (estero L. 13.000) 424-2450 @-2_FEoO go2-55 2 =F S20 S50ESzz20 sogrizra Peri wOgos=se B5opSERS weg ZO ae ioe 272 SuOE500u bgasesaz One eaze eeggese eQeazsNe sgeeseds QUIA LATO. ° e Fa a = = r fo} a cy =) IL MODO Piu’ SEMPLICE E RAPIDO 3 Fa ? card | 80a Basa oye)s 2 O}UIUIESIZA |! yelled rumui0s cod 9/2 uy oywausesias [2p jettino PSE ise eer Ae rece areas Pi ea rmra Fiteats ‘ono orsdosd 42d ssvdurjs 7p pno2vf Dy vysIIU2ss00 IT eulisop ‘ouossod ys9uq 21941 uorseiqe 1309 J9P 2]RI9UaH 09 ‘uoyzeatpur ees, Jd (edureys 1s saidu oueis A wou BS wiojenb ayusrao12 oywoD Jap BuOHzEISAUL auoney © o1wuap 1p assouils ae 1 2 94u92109 o|uod VZNALYBAAY ibero ee) By Neen Ss 7 9 20717 SSS ongpasa pt suoprDsado syuaszsd 2 odo ‘N td DISCOUNT CARD 14 ANCHE QUEST’ANNO IN REGALO A TUTTI GLI ABBONATI LA CARTA DI SCONTO DISCOUNT CARD 1977. NEI NEGOZI CONVENZIONATI, I PRODOTTI ED I PREZZI MIGLIORI PER I NOSTRI LETTORI. ‘Ancona Elettronica Professionale, Via XXIV Settembre, 14. ‘Avellino De Nisco Luigi, Via-C.Del Balzo,103 Bagnolo in Pianio (Reggio Emilia) CTE, via Valli, 16. Bologna Vecchietti, Via Battistelli, 6/C. Bolzano START « T» di Angelo Valer, Viale Europa, 28 Campobasso Maglione Antonio, Piazza nuele, 13. (Grattacielo), Catal Casa mia, Corso Italia, 162. Trovato L., Piazza M. Buonarroti, 14 Cosenza V. Ema Angotti Franco, Via Nicola Serra, 56/60. Frosinone Piedimonte di San Germano Elettron. Bianchi, Vie G. Mameli, 6 Genova E.LL Elettr. Ligure, Via Odero, 30. iale Liberta, 138/140. di Cabrini, Via Trieste, 101 Gravina (Bari) Strumenti e musica, Piazea Buozri, 25 Iglesias (Cagliari) Floris Raimondo, Via Don Minzoni 22/24, Milano A.Z., Via Varesina, Buscemi, Corso Magi CAART. Eletironic Franchi Cesare, Via Padova, 72 Lanzoni, Via Comelico, 10 Marcucci, Via Bronzetti, 37 Modena a, 27 Via Dupré, 5 Elettronica Bianchini, Via De Bone: mini, 75 - Via S. Martino, 39 Napol Piccolo Antonio, Via P.S, Mancini 23/27 Padova Vanotti, Via Roma, 49 - Viale delle Piazze, 34 Palermo MMP, Corleo, 6 Pescara Testa, Potenza Pergola, Via Pretoria, 296/298 Priolo (Siracusa) Elettronica Maccarone, Via Rossini 6 Electronics, Via Simone Via Milano, 12/14/16 ica Biscossi, Via Ostiense arte, Via F. Massimo, 55/ Radio Argentina, Via Torre Arge tina, 47 Santa Giusta (Cagliari) Mulas Antonio, Via Gio Settimo Torinese (Torino) Agsio. Umberto, Via Aragno, 1 Piazza S. Picteo 9 nai XX Siena Bianchi Enzo, Via Montanini, 105 ‘Taranto RATV.EL., Via Dante, 241 - Via Mazzini, 136 Elettronica Oberdan Piepoli 128 - Via Temenide, 34/C Torino Pinto G., Via S, Domenico, 44 Morana “Otavio, Via Villar Foc: chiardo, 8 Trento START «T» di Angelo Valer, Via Tommaso Garr Treviso Radiomeneghel, Vile IV Novembre, 1244 Varese Miglierina, Via Donizetti, 2 AMPLIFICATORI COMPONENTI ELETTRONICI INTEGRATI S.p.A. Viale Bacchiglione, 6 - 20139 MILANO - Tel. 5696241-2-3-4.5 ‘CONDENSATORI ‘90-¢3000 {| COMPACT cassete C/60 70 ‘emnouiel 0 S200 /2000 BS | Compact ceesene c/00 Cwm 1190, une boo coo 400 ALIMENTATORI con protezione elettronica ancirculto Pe v2 v we | Be ooo $900 | Regolable gabe WV e°ds SUD'miA e £3 A 1, 20000 1 meas a | Bam mn | Uio'e ao Vie da sm) maa 2 A foo 1 mes Y yoo | B00 080 vag Ge 8 a 38 V © da SOMA a 45 A 1 S300 2, me tov 180 | Sontctiats camo | ALIMENTATORI 0 4 tension! 67.5412 V per man dame ev | | Saas eaete #300 | emai, mangledich replat ‘ece. L200 33 me as V te | beepers | om game py a TINE &h cancellaione @ regitrazione Less, mes its 62600 10 Aes a9 om ar me oY mm | ger 1900] Getoao. Castel Europion “cope aT ie Sv seo | Smet HS | estine Ke 7 ~ in coppia L asm Some soy 0 | ‘Bano Caton {so | testina sreneo 8 7000 nay He | Bige cso 2e0 | Testiva QUADRIFONICA rao Bone By | Bamcesm: 333 | Micaoront K 7 © vari 200 2 meoy 2 neGOLATORI POTENZIOMETRI perno lungo 40 6 em. ¢ varl 280 meee 1 € STABIZEATOR! 15 4 POTENZIOMETAI con interttone Lo Sb me ie = 120 ine | POTENZIOMETAL micron senza Interutore 30 mr | esata $0 NZIOMETRI micron con inteuore Taco 3s 32 mF 350 V 400, UM340K 92 2600 POTENZION " L330 Badia v ooo | thoes 300 | pOTENZIOMETRI micromlgnon con Interuttore L220 BY nen | Bie Boo | TRASFORMATORI D/ALIMENTAZIONE SD meay 1 a 30 800 mA primacio 220 secandario 6 V 0 7.5 Vo Bm wov sco | ies ee ryote L500 S.aeoy ae | RS ze 1A primavio 22) V secondarlo 9.012 0b. Zito 180" mito v io fats Be 1A Drimoro 200 saesnsariots vp 1g Yoav tae 120 ine ov io | Rie FeO | sob ma brimario 20 V secondaria 7647.04 joo Baay wf | Be am | 500 pA ormaro ZO sesondaro TEV yt ee | 1 me aoy io GR Mimario 220 v secondari 12 ove 028 L. 350) 4004100 me a0 V 1000 DISPLAY & LD 2A [rimario 220 V seconderio 12442.V 0 Bo" ine v oa 190 pe ery Las 2 mea v 2 | tee boat Bg 4A primarie 220 V secondario 15418 V 0 meV 2m | tee Vere ca Beta Vo 2a L700 Be ome ey i | ted bianchi ia i me ay ae | ut eats 2S | anrecran o1ciraur cosmos £m ny zo | fhpk zy | 10 UME TIPO. URE POE Bo my zoo | FNBasr zo | uo “ao oreo esa wo ome soy oo | FNbsoo so | Se a zs ito me ey io Bluer aeoo | es foo ington ad Boome ey $50 | Dt707" toon sohemar 2400 | tog zoo foams 00 400 25 20 ‘4007 400, 4023 400. 4051 1600 fm me ey 3 AMPUFICATORL wor 4g) ana) ‘om wo mE RY 13 190 une | fm “aan Stet = By 280 Da 1.2 Wa ov 4010 1300 4026 9600 4055, 1600 ome soy 3 | Gan tanto Tesuna ae ie iar a00 test So me 25 V ze | Sn SN rt wo | ae to ae atmo ars -. By red Da2WagV 013 ‘900 4929 2500 4075 550 = ey so magnetica 2400 ots 2400 4030 1000 2082. 550 to00 me 50, v ao Bet Wa 12 V con Gots ben 4038 Aico STAGNO ee way 100 TAABIIC testing 4016 3000 4035, 2400 al Kg. L. 8200 | ey = magnetica 3000 4017 2600 4040 2300 = = ‘500 Da 30 W 30/35 V 15000 4018 2300 4042 1500. ooo me 50M 130 | Ba 04'3 38/40 W con 7 ov jam | ORAL 38/40 V con, [aa aay 00 ‘ALLMENTATORT eo me ay Hoop | Beate SR aR toy 00 STABILIZZAT 300 mF 18 500 let di-alimentatore 8 A200 1930p, une = #y 00 ‘escluso trastormatore 18000 8A mv 1200 oa 25 A120 oo ry ioe | gagtse tsstormetore setme | 8.5 A aon v joo 23A BVO 5 ee ¥a00 8 W senza preampl. 5000 BA aay 1700 a 2.5 A 24. V 0 27 V 4000, ev 900 10+ 10 V 24424 com: $5 A OY jee V0 aT Vo 5200, 4000 SOV 1400 pleto di alimentatore $, Agoy zm 9 ° foo me SY Ho | ee 8 eee fo Aamy 0 4700 me BV 1500 Saaase sesrormetore, 19000 10 & 600 ¥ 2200 UNIGIUNZIONI 00 me 40 V tice | Aiyperatore 13 A doo v my o oo mF 59, ism | aiuto a 12 25 A 400 ¥ 5500 avert ‘so 210+ 1904 504-25 mF ay room | 35 A oD Y foo INU 3 ae Vv 100 | FV‘con preamplitice 8 Amy 470 ane a0 RADDRIZZATORI gone Gon"tgaett "amo | 3 A SOON 100 Neer 180 Tees en tine Nie —0 nie0 une |, TRO,8, ne | aoa ooo Y foo 38%? a aso-cas0 zo | 1,81Ry | aoa tomy Stoo MGT, Zz Socom so | (154 10 we | Sok ay 00 0 C000 # =o 00 Baers | 22820 ars ‘3200 ZENER em-crau0 S00 | Contaves ceciman 2000 | Brisp Bee ae 400 mw 0 bar-crcon 30 | SSnueves nar” — 2g00 | Braga fo NW = S40-czz0 200 i] Spats mo | grea oo be dw EE boo-erso0 too | ABtolienate con cast is | Bria feo 8310 1200 ATTENZIONE: Aline: dt Guts cepuldi nelv'evasione deg ordini, si prege dl szrivere In stempatello nome ed Indi del commiteme, elt ea. in ealce alerdine fon ei cccstena ordination infrir! a L. 4000; escluse le apese. a sposiaione Richiadere qualsias! materiale cletrocico. anche ‘se mon pubblesto olla presente pagina CONSULTARE LE ALTRE RIVISTE SPECIALIZZATE. Forniamo quaslast preventivo, dito versamento anticipato di L. 1.00. Aumento globale del 3% incluse le spese su tutta la merce 1 prez indicat sono otetin a WA incur | 11P0 tune | exrew 1500 | Sw7e00 —se00 | TAARIO ston | Tear iweeran | Ger “0 | SNFas0 soo | Swrecos dao | Taaazo foo | Teareo nie0 ne | S355 foo | Shes 500 | Swroors boop | TAaasy deen | Taarao Choos Sate | Sse a0 | Sinisa Soo | swress om | Taaats tuo | Bars Grove ma | wien oon | Shred ‘5 | Shresis—Zaoo | Taaeso am | TEAR Gaoves am | Shresst ——2aeo | Sirasg 0) | Swreaio oo | TaAsso ro | Toastes Aan © opn| Shieese fo | Suara fm | Toxzen Sean | tans atom | Thane Gases am | Shra0n “tm | Swrart om | toasss — Saoo | Taaort ‘oo | 18x90 Boo | Svrcos to | SNrars fo | Togs zoo | Taser tw | Tease do | S02 foo | Swrers a | Tons Mann | tani tao | Teas “oo | stvrioa 520 | Surat 1800 | Swrecco Yano | Taaser Boo | ToA0s9 dm | Suraoe 5b | S09 jeoo | Svrarco “tao | FAAS ©“ | Tata dom | Snraos | iran foo | SAvanor S50 | Tames oon | Tao 2400 | Shreve i | Swrees ‘oo | Swratioa aa | Taassta eo | Teauan 200 | Shreor 8 | Sree iso | Swratis exp | Taasere Seno | teasnt doo | Swraua 50 | Shree soo | SXiatiog 650 | Tanrio’ saga | Teaco Stoo | Surana 450 | sN700 foo | Swratos faa | Taarer favo | ieasto 500 | Swreta ie | Sires tino | Svrawio 3 | Tango doo | Temawe tooo | Swrets ‘60 | Swreca ‘ooo | Sarat sn | Yaessa “co | TEAso0 ‘oo | envere a | Shree W000 | SNtatier B30 | Baza too | Tease 22 | Shrasr 0 | straos soo | SNratiso an | Taezss jeoe | ¥Gasso S00 | SN7420 350 | SN7496 1600 | SN74H40_ 960 | TBAI20 200 | TCAS¢0 too | S879 $3 | Swe oo | Sarasa fan | Baas {0 | Toaeao aso | SNraaD fm | syrsiet 8a | Swranss Eo | Toast race | 3508 aan | Shrese ao | SNisise roo | SN7en60 so | BARA za | $370, seo | SNrasr fam | svraies fom | swrator —aeeo | Tea'zmr Bono | $4300 2 | Shrato Soo] Svrsint deny | Svraniaa 30 | Torart oo | Sassro {200 | Surat amo | Svraisr 88 | Suraton "80 | Teast afte | Sasoco 000 | Sree Soo | Swraiw —Zaoo_| SAraL2a 0 | ies Zea | Sasso0 soo | Sra tooo] Suveiso aon | SNratge fa | TBaasd ito | sasieo uo | Sra Hoa | SNrstes Zeon | Swraiss fa) | TeAusy fo | S81 220 seoo | SNiaas soo] Swveisr Hoo | Surausio a | TBAtSD a0 | SAI 310 ‘eo | Surats zag | sures azn | Ho une | Tease Bio | tc1sass sem | Teo, Une | oo. ine | Swrasiso uo | teases Be | su, 4800 | Srreco ‘soo | Shrtsas “too | Taaiat free | Teas Jae | SNzsos0 seoo | Sheer tso0 | Swreiso Seno | aater fao0 | Teasto Za | Sheeot 7. easso fae | Ghats Teas io 7° JVALVO TRAS6O ‘2000 | TBA760. ipo une | 10 une | 11e0 ure | neo une | teas 300 | Shree Bar seo | Lust ‘oo | Auer “300 | esa? ‘100 | Teas ‘eo | surataa Bare &20 | Ets ron | Fuse ‘3m | seer toca | Teast 0 | Suzeta0 EAacéo soo | Ets foo | Pts ‘0 | Beco tooo | TAS Ge | SiteiS3 ects som | E102 ano | pus 0 [aces 1000 | Teabet Be0 | SN?«i60 fea ‘oe | Elst sev0 | tes 1900 | facar so | Trani 350 | Sunisr ecm joo | Ever fa00 | Peane ‘0 | 23508 oeo | TBAteo Zoo | Sviates Ecce ‘00 | EMs ‘0 | russe Hoo | 8008 foo | Tears Bago | Swreisa Ecce co | EM? 4203 | Besos ico | Stan ‘ee Siratee Ete Ses | Ever oo | 2La09 3308 Sis Ecce 000 | Ev83 00 | byat 800 AIAG. DARLINGTON | Siraiz0 Ecce so | Eve fn | Byas tao | 10 ue suraire Esc sooo | Ever foo | bvae goo | 1 aco y ‘eno | tro wpe | Shretan ear) aon | Eve soo | bya a0 | is A anv sm | pom za | Syraiee Eccone {ooo | Poo 1030 | Prsi0 anso | $5 400¥ sm | bree Bi | shveioe ecra9 sso | Peae iso] Chess aay | §" Aan v t00 | Box eo | Straree fcree 9 | Poms "50 | Uener goo | 10 A500 Y foo | Bbxat Zan | Suratee EG soon | FEs0 1593 goo | 19 Amo v tem | Boo Ziee | Buran Echet sxe | Pera ‘00 soo | io ‘a eno v 200 | Bbico ooo | Teatro Ean 1000 | Peete ‘oop oa | 15 Ao ¥ Sooo | Flnowor ——Zabe | Faaso0 ech tom | BCseo 9 samo | 15 A ooo ¥ Samo | Terao fp | Tear0o ecto {ooo | Pee Ey wso | 3 ooy sn000 | Teoh ‘eo | Faadco eciar so | eceato 1300 sco | 35 Aono v team | Teras tawo | Taars00 sc 50 | Poraot 4253 | Yes 00 | A Soo v damm | Horas 0 | tearso5 Ecias 1350 } PCeant 10 | Bes ooo | 29 0 ¥ 000 | Tiss {00 | 80x59 clas {S80 [ ecrene ‘0 | SU {en |:00 A Soo v same | Hevas 00 | Boxee tfeo eo | Perars | sc i200 |00 & Soo v ram | Hover {aso | Taasro Baa {3 | Potaen 33) Be {200 | 100 A tooo fo000 | Hossa zoe | ant fr axe 09 tetat 0 | ros Ef ee | cust sae | aks ‘op | tRasronmaront | Totty 200 | 9 Erte "oo | Pete > | Baas ‘a | 0 sine | Hetas Zo Ertee fo | potas 1300 ‘8000 | Assn 30a Ee ao | Prizoo {30 43000 | Nzsoe soa HS So | Fuse 0 ‘son | fusca Snap Ea ‘noo | Pus 00 om | Ruste 30 7180) Ue Diop To URE Re tune | ACTioK ‘eo ey 109 sa00 | Bevo 0 ‘00 zo | Acian = eva. ‘Som | Bato 3 sm 350 | ACta0« = eran ‘ooo | rat 70 2 | Acier Fy avier £200 | ios ie fe | Acialk & avis ‘0 | tat eo 2 | acre = rats ‘oo | 83122 1080 330 | Acrav« 0 avi isco | Betas 93 mo | Actes =o Nita ‘ne | vice Ze an eo | Acid Be ayioa foo | svite He 703 350 | Asis? Fo eitek eo | BVs%5 2 Et 280 | Acie 20 avis saoe | ize ie Ei | Aves 2 Bxto0 ‘0 | ayer 0 1293 a | Acie i Bale seo | Byi8s 20 ‘303 350 | Reran = Bais ite | vies 00 {00 250 | Aciso 20 Sausr foo | Byi99 1383 00 mo | AGist 20 Balas {00 | Byie9 "ae #893 bo | Aciae za barn 420 | Bvsee 2B 280 | Aisa 2 Saiae {oo | at fo ine ae | ACiat Fo Satae ano | Tv iso ‘a 250 | ACteoK iso Batts Be | 129 2 ian Ho | Aersac = baie 0 | inte 100 emicondutor 250 | Abia ae Bate 40 | Neon {oo ‘oo | Actee 251 | Abas fa Baca So | INeoos 123) Bewio so | Nog sie | Aer fo | Abie sao bts sso | thant tee | Brn too | BNiees sso | Action iho | Abia 0 8 NNN NNSENNNSSEESIERARIST IS SSSR SUSRSSSELSSNT SS ASSES SS SLUNESTAS SSS SESS GSSSEESESESS eee S2SuReE eRe URR: tae aSSgaggesesessegessaessesasesesesesee 8 SSeSeLSLSaQeReBBryesssees: ggagesesseageesaaa’ sesgudeulesesges Nsw FILTRO CROSSOVER 2 VIE MOD. ADS 3030 DATI TECNICI Peer ecu ecuee Reon mete eC) eee CRN) Gis caen eal (crea ered Prezzo: Lit. 6.000 eres ee ety Pee men TE DAGED audio dynamic system Meee Moca PE ea Coad ee sil G.B.c CnC ale ale ale ale NRC ial ile Ne RICETRASMETTITORE ELECTROPHONIC CB 800 23 cantali quarzati - Completo di microfono - Prese per Microfono, antenna ed altopariante esterno - indicatore S/RF - Controllo volume e squelch - Sintonizzatore Delta Tuning = Commutatore PAICB - Potenza stadio finale 5 Watts - Sensibilita 0,7 uV per 10 dB - Alimentazione 13,8 Voc. Prezzo L. 103.000 RADIORICEVITORE PORTATILE MD 950 Gamme di ricezione. FM 87 - 108 Mhz ‘AM 830 - 1605 Kz LW 145 - 270 Khz Potenza diuscita: 500 mW. Alimentazione: 6 Ve.c. ‘oppure 220 Ve.a. Dimensioni: 165x206x85 Prezzo L. 30.800 earth VEE STN ee UU ieee aE Tel. 48631 PACKING TRIS CB aL 93.000 1 Trasmettitore PONY CB 78 - 23 canali quarzati -indicatore S/RF- completo di microfono - potenza stadio finale 5 W + 1 Alimentatore stabilizzato 12,6 V 2A + 1 Antenna da auto caricata con stub di taratura RICETRASMETTITORE ASTRO-LINE CB 515, 23 canali quarzati - Completo di microfono - Prese per microfono, antenna ed altopariante esterno - Indicatore ‘SIRF - Controlio volume e squelch Commutatore PA/CB - Potenza stadio finale § Watts - Alimentazione 13,8 Ve.c, Prezzo L. 94.000 RADIORICEVITORE PORTATILE KR 800 Gamme di ricezione FM 87,5 - 108 Mhz AM 815 - 1605 Khz Microfono incorporato, Prese per microfono estemo, per cuffia ed ausiliaria, Potenza d'uscita: 800 mW RMS, Risposta di frequenza: 100-8000 hz. Alimentazione: 6 Vc.c. oppure 220 Ve. Dimensioni: 275x60x170 Prezzo L. 47.800 la tua energia Superpila é la tua energia Pile corazzate uso universale, pile alcalino- manganese, accumulatori ermetici ricaricabili al niche! cadmio. Rigorosi criteri di ricerca scientifica, profonda esperienza e severa specializzazione, fanno di Superpila I’energia pili sicura per tutti i tuoi apparecchi, anche i pili sofisticati e preziosi. Superpila é la piti venduta in Italia. Puoi trovarla sempre la dove ne hai bisogno. SUPERPILA la potente che dura nel tempo ORGANIZZAZIONE Mostra Mercato svc: Salone HI - Fl ze" sez.oi verona VERONA - QUARTIERE FIERISTICO - 2-3 APRILE 1977 ore 8.30 - 12.30 - 14.30 - 19.30 Manifestazione patrocinata da: @ EA. FIERE DI VERONA @ ASSOCIAZIONE RADIOTECNICA ITALIANA ARI - SEZ. DI VERONA C.P. 400 - 37100 VERONA - TELEF. 045-24569 ART. 31 Completo di ferri per fare di ‘ognuno un attrezzato mecca- nico. Scatola piccola Scatola media Scatola_grande L. 10.000 L. 24.800 L. 32.000 indirizzare richieste a: 22052 CERNUSCO LOMBA: ART. 32 Accessori uni C.A.A.R.T. - Casella Postale 7 RDONE (CO) pano, serie completa di un utile, vasto numero di attrezzi versali per tra- L. 28.500 VENDITA PER COMMISSIONE ORDINE MINIMO +spese postali 1 ant.1 ART. 3 ‘ART. 4 Saldatore 25 Saldatore 40 Watt| Forbice iso- Forbice iso: ART. 5 P resistenza ri | + resistenza ri| lata piccola lata grande Seghetto con tre cambio 4. 3450 | cambio 1, 2950 90 (300 [lame “U. 750 SERIE CHIAVI NP OTEERTA SP ant. 7 Serio chiavi tom: Serie chivipiatte [Serie chiavi« lili. | Serie chiovi inter- | Serie chiavi «a Tronchesino plete di-crick dai [8 pecs! dal” 6 al |put™ dal'@ al. 14 | cambiabili 8 peti | brugola = da 15 al 200 [Sata “te 6500 2" “L, 2000 1. 5.750 500 | 102” 300 lane. +2 ee Siem BY ans. Pinze isolate at. 14 ART. 15 Serie eaccidit hao L,"t.00 4160 1. 1500 | Pinza stringitubo piccole L900 | Serie cacciaviti di | normal 7” tip iso 1800, 220 L 2400 | Pinza stringitubo grande L. 1.900. | precisione t.2.200 2.000 ant, 19 lant. 21 Cavo aeciaio rico. | ART. 20 morsetti per bat ART. 17 ART, 18 perto Coppia cavi batte- {teria ART. 22 Rotolo stagno 1,5 |Prolunga avvolgibi- |. 10 mt, L. 1.200 |ria completi piccoli L. 1.200 | Tendicavo e strin mm 40/60 12.000 |i 10'mt. Le3250 | 20 mt. 200 L200 | ‘Grandi L600 | gicavo L750 ART. 23, ART. 26 9 , Comte soagpon | ART. 24 f silmacuar gino | Cassettiera Wes wl! ENE Soho |Sebap* moan | NOWITA a crescente lare. L. 2250 | Saldatore istantaneo 100 W AL 600 completo di 10 punte diverse | art. 27 BL 950 utili alla dissaldatura di inte- | Serie punte super| BU alee jrati - micromoduli e altri di- | (2pide DL. 2400 | ART. 25 9 m 10 pezzi L. 3.009] Porta utensil spositivi dalle schede 13 pezzi L. 4.000] L. 1.950 L. 10.000 19 pezzi L. 9,000] ART. 20 Utilissima serie. mista & varia confezionota in ele. ante “cassettiera a “16 | ART. 29 ART. 30 Scomparti Possiamo forire ; io. Serie viti con dadi lamiera in allumi- Completo attrezzi per radio. so000 | ones, disce| amatore utile ed indispensa- Serie viti autottettanth” | Sione” desiderata| bile per lavori ed interventi ee Ya | 2 elo spessore elegante Coppiglie L. 10.000 | utile per la co- = Serie tasselli in plastica | struzione di telai fonfezione con pitt di 50 at: ed in gomma L, 10.000 | scatole iversi Serie chiodi L. 10,000 al Kg. L. 3.000) L. 19.500 la prima volta che ci rivol- giamo al pubblico di questa rivista. Abbiamo scelto di ap- poggiarci alla organizzazione C.A.A.R.T. E nostra intenzione selezionare ed offrire una se- rie di attrezzi meccanici a prezzi convenienti e di buona qualita. Accettiamo ogni criti- ca e consiglio. TLR. Meccanica L. 10.000 CHIARA GUIDO Via Tripoli, 160 10137 TORINO Le spedizioni sono evase in contrasse- gno per ordini non inferiori a L. 6.000 spese di trasporto a carico del desti natario. DIODI ZENER | 100m © 700 ALIMENTATORI_PER MANGIANASTRI REGISTRATORI RADIO CALCOLATRICI (tutti i valori) | 200mF 1000 220 Vea / 3.456.759 Voc OPPURE 220/4.5-6-7.5.942 Vec. TIPO une |50+SomF 800 SPECIFICARE TIPO DI APPARECCHIO L. 3.500 4oomw 200. | 100+ 100me 1000 itd 909 | 5004100 ALIMENTATORI COME SOPRA MA A UNA SOLA TENSIONE 4. 2.500 ++50mF (AM) 2004200450.” | ALIMENTATORI REGOLABILI 0-15 Veo 3A DOPPIO STRUMENTO RADDAIZZATORI | 2007200-+51 05 | STABILIZZAZIONE E PROTEZIONE ELETTRONICA L. 30.000 TIPO URE | 50-4 50mF B40-c2200 600 | {viry 1000 B80-C2200 800 | 4991 SomF ‘880-6320 1000 | (vir) 1300 | ALIMENTATORI 220Vea-12Vec 2A PER AUTORADIO RIPRODUTTORI 880-6000 1500 | 190% toomF STEREOFONICI AUTO ece, L. 10.000 wnaoor 150 | (vin) 1500 ALIMENTATORI COME SOPRA MA STABILIZZATI E PROTETTI ELETTRONIGAMENTE 1. 14.000 TRANSISTOR! CALCOLATRICI BINATONE MEMORY | SALDATORI ISTANTANEI ELTO BLITZ TIPO. ue | 4 OPERAZIONI + 2 MEMORIE + PER. BDi35 600: | CENTUALE DIRETTA 110.000 | TIPO LIREPUINTE CAD. LIRE BDI3s 600 EXPORT S 6.000 400 BOI37 «600 Bure 38 7.500 100 Bor28 800 | caucorarmicr a nichiesta: ca. | 2° 8.000 1s Le 00 | NON, BROTHER, TEXAS, BMC, ecc. TUTTI | MODELL! IN PRODUZIONE disponiamo inoltre di tutti Ey come Bae prodott! e ricambi ELTO BD435 «800 | VENTOLE PROFESSIONALI CENTRIFU- OBE BD436 «800 | GHE TIPO VC70 GRANDE PORTATA BD437 800 1. 6,000 | FUSIBILI IN VETRO (CONFEZIONE 10 pz) BD438 800 BDs33. 1000 TPO MISURA —-VALORE URE BDS34 1000 RAPIDO 5x20 05-108 500 0535 1000 | PILE RICARICABIL| SUPERPILA RAPIDO 6x30 1.108 600 D536 1000 | ALN ture | S.RITARDATO 5x20 01-108 800 80537 1000 | E89 isri0) 2p | RITARDATO 5x20 0,1-108 800 NGG209 (1/2 TORCIA) 4.500 NGG400 (TORCIA) + prsfitt | A RICHIESTA ALTAI TIP We ecet Simeon, | disponiamo inotre di tutti i prociot aa SUPERPILA CAVI ESTENSIBILI TiO 30 LUNGH. mete) IRE TELEFONICO 15 1500 circum CASSE ACUSTICHE | EF CONDUTTOR! 3 {00 INTEGRAT we une | 4.GONDUTTOR 6 25500 110 URE 20 +4 SCHE 45 4.000 TAAI1B 1000 SW Ma 13000 | 2C42 SCHERMAT! 45 4.500 Taasiic 2000 | row 1 via 17.000 ~ Taas2i 2000 | ow 2 VIE 20.000 TAI — 1200 | OW 2 Vie oat | verRonmte Dormia raccia RICHIEST, L.2 AL em TBAZst 2000 | S0W 2 VIE sosp. pneu 40.000 STA e TBAS41 2000 BAg00 2000 _ CLORURO FERRICO PURISSIMO IN CRISTALLI TBASI0 2000 L500 kg. YoABI 2000 | CONTENITORI TEKO wena IN PLASTICA - ALL : TCA940 2000 LUCI PSICADELICHE A 3_ VIE sass6o 3000 | TUTTA LA GAMMA 3 REGOLAZIONI DI SENSIBILITA’ SAS570 3000 3x 1000 W L. 20.000 conpensatont | {ag rATLANT! FER AUTORADIO, | nenDiAMO NOTO AL VASTO PUBBLICO DI HOBBY. ELETTROLITICI COPPIA STEREO PORT. 1ow $000 | STI, RADIOAMATORI, CB, RIPARATORI ecc. CHE LA 350/385 VL. COPPIA STEREO PORT. 14W 7500 | NOSTRA DITTA ESPONE’ 1 SUO! PRODOTTI NELLE TPO ure | COPPIA STEREO PORT, 16W 10.000 | PRINCIPALI FIERE-MOSTRE MERCATO DEI_RADIO- one 5 | A PAULA TW ; 5.000 | AMATORI NELL'AMBITO DEL TERRITORIO NAZIONALE 16mE 300 | DA ESTERNO Sw 4.000 S0mF 500 | DA ESTERNO 7 6.000 CENTURION ZR/5600-01 RICETRASVIEE ) by i he je INDUSTRIA Wilbikit ELeTTRONICA salita F.lli Maruca - 88046 LAMEZIA TERME - tel. (0968) 23580 KIT n. 74 - COMPRESSORE DINAMICO Kit dalle prestazioni eccezionall dato il suo basso costo, e830. pud' essere Implegato. nel plu moltepllel usl qual regiatratar amplification, discoteehe 0 radio libere ed Inlggniaitfompioga dove si ichiode un ‘contrlio aut- CARATTERISTICHE TECNICHE Ingresso magnetico sensibilita 5-30 mv. Ingresso piezo-registratore-radio Sensibilité 50-300 mv. Uscita da 0a 50 mV. Compressione massima 40 dB Distorsione 0.1% @ 40 dB di compressione Distorsione 0,03% a 10 dB di compressione Regolazione del segnale di uscita in dotazione Regolatore del livello di compressione in dotaz. Alimentazione 6 Vice. - 15 V.ce. 20 mA. L. 11.800 KIT n. 78 - TEMPORIZZATORE PER TERGICRISTALLO | progattist, delle WILBIKIT, sempre al'avanguarcia de Gl suiomatism moderni hanno Ideato questo. semplice Kit, dalle ottime prestazion) “pratiche, ta cul la tec Installazione, Te. fidotte. misure ed “una. sicureeza Hinzionamonio nel tempo in quanto priv a reid © ot alt component: meceanie! soggetti_ad. usura Gon questo ‘kit, che pub, benissimo essere installato in {utle Te autovetture si pud regolare a piacere Il tempa Dattuta det tergicristalli_da_un_minimo di una. battuta ‘ogni 49 ‘second! fino 2 raggiungere Ia battula massima Ge tergicritall in dotazione CARATTERISTICHE TECNICHE Alimentazione 6-15 V.cc. Tempi regolabili max 1 battuta ogni 40 sec. ~ min. battuta del tergicristal lo in dotazione_deli'auto L. 8.500 KIT n, 79 - INTERFONICO GENERICO PRIVO DI COMMUTAZIONI Questo interfono idesto dalla WILBIKIT si distingue da {ot gli alin attualmente. In commercio, ‘in quanto non abbisogna dalle fastidiose commutazion| por parlare ed fscoltaro, infat iI suo funzionamento simie.a quello Iefonieopermetie lz. simultanes. conversazione da trambe. le part Appunto per questa. Innovazione ® far Hicclarmente indicato per eager ineerlto. nel caschi de! Motocicl'st. @parmettere cos! Il diatogo"sltrimentt im- possibile, trait passeggero @ Il piota, inoltra. fa. sua ‘ovsahlita giv consente dr essere imiegato, In tutte qual lo 'osiganze in cui @ necessaria comunicare velocemont ton uno" plu, Interiocuter, In ameianti come uliel” ab) {azlon! magazzini, ece (KIT @ fornitg ai un disposi at chlamatal CARATTERISTICHE TECNICHE Alimentazione 6:8 V.ce, Assorbimento max 500 mA. Sensibilita 50 mV. Potenza d'uscita Due microtoni piezo in dotazione ue pulsanti di chiamata in dotazione L. 13.500 3 watts RMS. KIT n. 75 - LUCI PSICHEDELICHE IN CORRENTE CONTINUA - CANALE MEDI { generatori di Iuci_psichedeliche "hanno avuto notevo- lissimo succesto, tanto che tutte 'e moderne sale da Bal- to aispangana di apparecchiature ai questo tipo. Ue WILBIKIT ha volute estendors con questo Kit la pos- Sibiita ci impiego di questo. etfetto, permetioncone. ti funzionamento a 12 V.ce-e pertento isd anche dove per vari moti non 81 dispene di corronte alternata a 220 V.ca (a sua elovata sensibilita permetta i applicarlo ad am- piifieatori ol potenza anche fimitata, quall giradischi por= fat, autoradio, manglenastr'"ece. Come Weis potranna utlizzare delle comunissime lam- padine per auto con polenzs fino’ a” 100 W. magarl di- Eposte in parabole, tipo tari d auto epportunamente colarste CARATTERISTICHE TECNICHE Alimentazione 6-15 Vice. Assorbimento max 00 watts Sensibilita 100 mv. Gontrollo di sensibilita in dotazione Gamma di frequenza 20-20.000 Hz 1. 6.950 KIT n, 76 - LUCI PSICHEDELICHE A CORRENTE CONTINUA - CANALE BASSI CARATTERISTICHE TECNICHE Alimentazione 6-45 Vice. Assorbimento max 100 watts Sensibilita 400 mv. Controllo di sensibilita in dotazione Gamma di frequenza 20-1000 Hz L. 6.950 KIT n. 77 - LUCI PSICHEDELICHE A CORRENTE CONTINUA - CANALE ALT! CARATTERISTICHE TECNICHE Alimentazione 645 Vice. Assorbimento max 100 watts Sensibilita 100 mv. Controllo di sensibilita in dotazione Gamma di frequenza 1000-20.000 Hz 6.950 one Tet) OTT trae) yt A= Ree ee en ee Valvole elettroniche X 7 RUN LT Re eae U NLT Poca ue Sane y ge Ce coe ae EY GUERRINI VINCENZO pet eel a eect isco Unies cease i] 20154 Milano-Via Melzi d’Eril, 12-Tel. 314.670-315.893 Telex: 37402 Genermil-Indirizzo Telegr. Genermil-Milano Raat tL ITY CORNO 20136 MILANO Viale Col di Lana, 8/A Tel. 02/8.358.286 ‘ALIMENTATORI STABILIZZATI 220 Vac. 50 Hz BAS-30: tensione d'uscita: regolaz. continua 52-15 Vee, corronte 2,5 A VENTOLA TANGENZIALE Gostuziona USA 35. mm, 250. ‘00 Tr 8.000, ISTRUMENTI: OFFERTA DEL MESE icandisionat-Estetieaments porfet MARCONI INSTRUMENTS mod Th 1081 Volmetro @ aly. protez. elettronica stru neve a 1. 200-006, mento a doppia lettura mod. TF 1100 Millivolmetra sensi. vA 123.000 CARICA BATTERIE aval, 1, 160.000, BRS.29: come sopra ma AUTOMATICO BRA-SO mod. TF 893 A Miguratore” potenza senza strumento 12V 3A oscita 1.160.000 L. 15.000 Protezione elettronica moc. TF 1067 Frequenzimetro etero- BRS: 28 come sopra ten- Led di cortocircuito dine da 2-4 Mie, sione fissa 126 Voc 2A Led di fine catica Le trequenze pli alte vensoda campionste con le relative 12.000 L, 20.000 COSTRUITEVI UN DISPLAY Srmoniche (ereq. camp. 10 Koja)" 100 Ke/s ‘L.'500.000, mmod."'920 ‘Genoratore di RF. 'da ‘30 ‘Ke/e a 80 Moje 0 600 we PANORAMIC | fis, yhhciay to ome 1 ome KLEIN’ 6 HUMMEL mod RV'I2 Voimetro Elettranice Vee Veo 1,5-1500. 50 G10 MO bare Intena (marca Ia sonda)” "E. 70.000 RONBE «SCHWARZ Type VDF. BN. 18351. Fir M 1218/11 = Doppio. volmetro 40’ He © 500 KHz" 3 mV=-300V- 10 commiotazionl " O.sb. (150.66 o-dB-+~-50.08 1 360:000, COMMUTATORE rotativo 2 vie 6 posiz. L380 100. pez sconto. 20% COMMUTATORE ctativo 1 via 12 poste 1. 1.000 Ang 20 porno 2.6 NIKI GND texa7” (rossa) 1. 1.900 NIXL GNSA.G 18x37 (chiara) C00 ECCEZIONALE STRUMENTO (SURPLUS) CONNETTORI SOURI ‘AU:9507-62-14201, MARCONI NAVY TUBO CV 1522 (28 mm. lung. 142 font, 62 fem. L 1300 a utile 1") corresato ‘di carattristione.teshiche ELE” MINIATURA. SIEMENS-VARLEY ‘el tubo in contenitore.aluminlo. comprende gruppo co ‘scampi 700 on 24 VDC L. 1500 ‘mango velvola alta tensione 2occolature e support tubo FRELE” REED miniatura 1009 ohm 12 VOC 2 cont. NAL: 4.800 poten. ‘a fllo ‘ceram. variabili, valvole In minlture Beonts NC L- 2-800; INA SINC L. 2200" 10 p. sconto 10% |__Bamm. ceramiel ‘ece. a sole 28.000 100". seonto 20%. VENTOLE 6--12 V c.c. (Auto) FONOVALIGIA porte AC/DC Tipo 7 amper a 12 V B pale 2180 mm 4 2/5 oi x < Prof. 130 mm Alta velocita L, 9.000 1. sooo — Tipo 45 Amper a 12 V it «pees v 4 pale’ 220 mm, Prof, 30 mm. ce Media velocita L, 9.500 ‘TRASFORMATORI MONOFAS! Soi wrigoamens ve are a a0 Bw YE Y.8id ac oct. 35m 150 W V1 200-220-245 V2 25 AS+ VENTOLA PAST-MOTOREN wiacr asm | vena sin w vi universaie Ya sagas” £009 | LAR Btn in mete ae Madtinaon, Vitae” te cae a aa ate OFFERTA aCHEDE COMPUTER SUoe RS” ei shay eet esate ae ae outa OFFERTA SPECIALE TEMPORANEA) ke SETTLE SEPIA, MORAN —yaese uo GourcAMENTO | tion rae acun Feedsla negate» Isolate B.C. = ve MOTOGENERATORE <> SEM eon” eee FE || cao ac a0 vA Bets ante —~$ aoa as i EES _ ts eree (Now! 1000 W a 220 Vac. (50 Hz) so ° aiaN aT Q S848 x18 mm t f000 per carica batteria = Bin, EES om <= . kg 28. Viene fornito con Moron! MoNOFASE A INDUZIONE fin iamecn Se Pa, SEIT RevEstah a BT a - sea” SES NL. 5000 EW ammo w vant meee Boy fo Lome Beene aatanenoautlpan iwegtits reals | \E YTS HB 1289 BOM Es fiseo Gaiety hate non srt pravate clio pene ime Modalits: — Spedizioni non inferiori a L. 5.000 ee VENTOLA TANGENZIALE BaVSW ber mm. Ls costruzione U.S.A. ‘a SOV SW Sth mm 9.00 SS Cri) PS cus PICCOLO ves i BEOV Sofie Pot ase" 14 W 5 Port. mish 33 L 6200 tea Ventilatore centrifuge x VENTOLA BLOWER 200:240 Vac 10 W PRECISIONE GERMANICA motor reversible ddlametro 120 mm fissaggio sul retro con viti 4MA_ L, 12.500 VENTOLA ROTRON SKIPPER Leggera silenziosa V220-W12 HOWE 2 possibilita di applicazione i diametro pale mm 110 profondita mm 45 peso kg. 0.3 Disponiamo di quantita L.9.000 MATERIALE SURPLUS. 20 Schede Remington 150475 trans. Silicio ece. 2) Senece Siomons. 100x110 trang, Silicio. eee 40 Schege,Univac 130x130 trans. Silicio, Ing, Nant. gcc 20 Schede Honeywell 19065 trans. Silicio fealsten. ‘od oe 5 Schede Olivet 150x250 (250 Integrati) 3 Sonede Oliver) ss01250=60 tng. +500 comp. Gontaimpuls, 100 Veo con azzeratore Contaimpulsi 10 Vee 6 eilve con azzeratore So'MICRO SWITCH 34 Cp! Diag! io. 950 ¥ Biodi 408,290 Diodi 100A’ B20 V Diogi 200 A 600 V Ge Biogi 225 A 600 lavoro Rettreddatore per detto Diods 275 A. 1600 VS tavoro Ratfreddatore per dott SCR 300)A oe V 22982 Wast con rat Incorporate 120105950 Uompading incand. 5x10 mm 212 V acco 5 Kg, materiale letvico inter. camp. and. schode switenelettromagnett camm ece. pore orererrrerereree poor # CONTATTI REED IN AMPOLLA Lunghezza mm 21 - 2 25 MAGNETe PER OETTL Ungheses mm 3x25. SCONTI PER QUANTITA Lao 10 pezz! L. 3.500 1, 200 10 poze L. 1.500 ACCENSIONE ELETTRONICA 9 scarica ‘capacitiva 6-12-18 V NEW SPECIAL por auto con sistema che ermetze in cago al guasto Il passay. ‘ {10 automatico de sletironica @ normale 18.000 FLETT. 132/5 per auto normall auto e rota ‘a 2 spinteragent, 2 bnbine (Ferra: 1, Honda, Guzzi, Laverda occ )t. 16.000 ELerr 182 SPECIAL/S por auto. normatl © moto & 3 spinterogent. 3 bebine fwasaki, “Suzuki, coz.) con Dassagiio automn. da elettront re in caso dl quasto VENDITA PER CORRISPONDENZA NON DISPONIAMO DI CATALOGO NUOVO STOCK (Prezzo eccezionale) DAGLI_ U.S.A. EVEREADY ACCUMULATORE RICARICABILE ALKALINE ERMETICA, BV Ahyt0 h. Contenitore ermetico in acclaio ericiato mim 70x7Oxi38 “kg Cantatore 20 Veo 60 He" / 10" Yao" 50H gn! eteria & correate «i co UN GA omni oe) pom aineags Aoparecehi radio © TV porttil fiee-trasmetttorl, strumont di ‘OFFERTE SPECIALI SEEREREEE [8 uf EEBEGES: 500 Resist. assort. Yi 10%%-20% 4 500 Resist. assort, he 5 no Cond. eles” i 4000 agsor. 3 {00 Policarb, Mylard assor- Jo. 100-600 V at 200 Cond. Carsmict assort as {00 Cond. Polistrola. aecort bz "20 Manopote foro. 34 tip bt 1 Potenaiomettgfatite sesort bt 0 Trimmer ‘grafite essort ue Pacco extra speciale (500_compon.) Cond. eletth 1 4.000 iF 100 Gord. policer. Mylard “00600 V 50 Cord, Mice argent. 0. 300 Resist. Yue 8 Cand.'a vitane 1.000 uF Ht tutto @ 10.000 implant dl Illi: degli accumulator! aleatint come foscarica e iunga durata dl vita teil vantoggio at non richiedero Filo rame smaltato tipo S. classe E (120). In roc chetti 100-2500 g. a seconda del tipo 2 mm bathe 2 mm Labia Rocher da 200500 g Gage 4 TOPS ous feame 3%0 £490 te ose Ge £508 oor 3500 G5 20 3 ii 2 mm Lalko 32 ai30 jocchettl ta 300-12 0.23 4000 occhesi da son100 9 B48 18 700 O28 0 tim 3 a § S00 Oa 31 $ bam 03 3590 § bom 30, & Pe 3s ° oS 300 & $8910 noche 8/649 : is 2100 File stag isl, coppa asta 1.0.15 ‘atm Fila 2" Gta "ohana 2) 0x 005-20 0 eee 19% 008 ASTUCCIO PORTABILE 12 Vcc 5 Ah/10h Lastuccia comprende 2 catleatort . 2 betterie - 1 cordone Slimentazione © 3 morsett serrafio. schema, elettieo, per Boter real izeare Alimentseione crete, 110. Vac/220 Vac da batt, (parall.) 6 Voe"'0 Ah/toh da batt. (Serle) +B Ver 0 Veo 5An/iGh (zero cont) da bat (erie) 12. Vor" 8 Ah/s0h IL TUTTO AL. 25.000 ORION 505 e la sua anima AP ISS -con 15-+-15 W e... 0 ITALY... ..@ la tecnica tipo U.S.A. ... .e la costruzione tipo GERMANY CARATTERISTICHE ..@ il design tipo JAPAN.. ..@ il suono Potenza 15+1SWAMS Rapp. segn /dist. b. lv. >os a8 Uscita altoparlanti 8 ohm —Dimensioni 380 x 280 x 120 Uscita cuftia 8 ohm Alimentazione 220 Vea Ingresso. phono magn T'mVProtezione elettronica al c.c. sugli altoparlenti Ingresso aux 150 mV a limitaz. di corr. Ingresso tuner 150 mV Speaker System: Filtro scratch —3 dB (rokHa) A premuto Controtio T. bassi 13-48 B premuto Controllo T. ati 212. dB ASB" premuti Distorsione armonica 03% La cuffia & sempre inserita Distorsione dintermod 05% ORION 505 montato e coll. L. 84.000 in Kit L. 68.000 Possono essere disponibili i singoli pezzi: AP 15S L. 36.000 Pannello L. 2.700 Mobile L. 6.000 TR 50 (220/34) L. 6.800 Telaio 00_Kit minuterie L. 9.000 7 PREZZI NETTI imposti compresi di LV-A. Garanzia 1 anno su tutti 1 modelli tranne i kit di montaggio. Spedizione a mezzo pacco postale o corriere a carico del destinatario. Per gli or- dini rivolgersi ai concessionari piu vicini o direttamente alla sede GY | Via L. Lotto, 1 - tel. (035) 222258 WL ZETA elettronica 24100 BERGAMO LELENCO DE! CONCESSIONARI ‘STE — A.D.ES. - Viale Margherita, 21 - 30100, . geet a Mareen fooste 16 2 sont ‘on. ie Cease - a ‘Nardini, 9/C - $7100 LIVORNO. . Con Josty Kit mi diverto Ba cyeyeten el (os AT 365 HF 65 Luci psichedeliche ‘Trasmetiitore FM Lit. 42.400 L. 5.400 Na COMPRESA WA CoWPRESA HF 395, Amplificatore di antenna AM-FM HF 375 Mini ricevitore FM "3. Nacouemen ” py AT 65 ‘Comando luci psichedeliche a3 canali ‘Amplificatore di potenza L. 13.850 1A COMPRESA IA COMPRESA MARCUCC il supermercato dell elettronica 20129 Milano - Via Flli Bronzetti, 37 7 Telefono: 73.86.051 (5 linee) Ue ee SIE SE See ee ese SpA. camara | fuoommzwrom ] wispa | net a3 = ome Sov. 16a | 840.62200/2000 0 | 400! 490 | area 950 650 | ACts2K 330 pees Beem Bi Bie Bee 8 somaya las" ae) ws ake 8 22 me 25 V ‘80 | Be0-C2200/3200 300 | 4007 (400 | bu agg | AG11 250 47 me 2 ‘g0 | 8120-62200 ‘1100 | 4008 1850 | L120 ‘3000 gogo | ACI81K x0 ee ed alc | HaeSs s sicotem eG IR OB er ee ed ee | geey Blues lst BS I ele 8 Sey Ble SRB Bh EN BE Re 8 S0+50 mF 350 V 800 | LM340KS 2600 | $238 ‘3600 | SN7408 400 | TBAZ2+ 1200 | AD143 800, Beet Bla Be Ske Be ee 8 BEE Bl tewen (oe, ls REE 8 400 mr 25. V 250 | Led bianchi ‘700 | Sgee 1@00 | SN7aA4 1300 | TeAs60 200 | AFI27 350, 4000 mF 1001000 piopt Brae 70 | Nr ito | TEAzSD sano | F200 me 2000 mF 100. V 1800 | AVI08K 700 | Seat ‘oo | SN7475 ‘00 | TBASGO 2400 | ALIG3. 1200 2 ome BIASES anes Junta | ruagag aon | AL to ray ele mle Ne lee | IRB inal isles # ve ise BAe OR “ vo [Ree GERRY RUN RIMS eR To ger tae IB) aanoroy |e EE EB lage BR Bla as eS lee BAY je ase 2% | Bort, 2000 | SN74183 2400 | SASSBO 2200 | BC118 240 iis) (ise ae Re lee bs AY tome | AN se | Ties 1300 | Swranae Broo | SNzseEe 2e00 | Betz ie Ciey BS BIRR BR Be le Sele Pie re ee ae jg 2 19 Aa y 2000 De UNZION Tiga 2200 | SN76013. 2000 | AG125 280 | BCS 220, Amey ilove wae ls amare Ae ac a BAe) Bike Be Bee Be BEF 8 efi is/ke See ONS ke gee 8 Be oan cee Bike 6 6BEe | OB : ae : 3 f 8 BABE Bela" a aie BES 6 RIE Ba 2 . IPO. pers actus acter ects Bers eciss Borst Beis Bciss Berse Bote acts beter Bere acre ecin Bore Bows Bou Bowe Boe Beta Bciet Bota Boras Bote? BOR cone Gone cas C206 Bco0r Boa Boao Bea cats Boia O29 Beas Boz Boost boas Boo Beas Beas e250 Beast Boss Bceer Beas B29 Beno Beas 8ca87 Bc298 Boon? Bean Bcam C03 Bc08 Beso G20 Bcan9 Bos bea? Bost Beas Bost Bosz2 G27 Boss Bewr Bose B30 Bea Besar ca bcos Beast BC aca 898 Boas aces ece Bos BCH) acu Bea Bose Besta 6 acer Bcs28 TIPO, Besse Bras Beas BeYso anys Beyaz BFYSG arysr Beye Brea TIPO. arws BEWs0 Bra? BEA Fie Bras BFAD Beet exe BexeS Bgxzs Bsxae Bsxts Bsxae Bsxoe asxst Bu00 Buio2 autor BUr0s BUt08, Bure? Bute Butos autre Bure Burs Bur20 Buias L.E.M. ACE Me) el (Yul mad 20144 MILANO remy Cs NON SI ACCETTANO ORDINI INFERIOR! eee PAGAMENTO CONTRASSEGNO + Tosa Va ECCEZIONALE OFFERTA n. 1 100 condensator! pin-up 200 reaistenae "a "iy~t «2-3-5 -7W 3 potensiomett! normal 3 potenciometr| con interruttore 3 potensiometr! depot 5 potenclometr 10 eondensator! 3 5 doa 40A soov 8 dodl 6A 100V, 5 pont Bao /C2500 TUTTO QUESTO MATERIALE NUOVO E GARANTITO ALL'ECCEZIONALE PREZZO DI LIT 5.000 + s/s ECCEZIONALE OFFERTA n. 2 1 yariabile mica 20 x20 2 autodiodi 128 1000 pol fodt 120 Y00V po 2 dlodl #08 “oov polerita normale 2 diodt 408 3000 100 condensatori ‘pinoy $00 resistenze TUTTO QUESTO MATERIALE NUOVO E GARANTITO ALL'ECCEZIONALE PREZZO DI LIT 6.500 + s/s ECCEZIONALE OFFERTA n. 3 1 paceo materiale surplus verio 2kg. L. 3.000 + s/s La Ditta LEM. s.r. comunica alla affezionata clientela che a partire dal 1° gennaio 1976 ‘aprira un nuovo banco di vendita in via Di- glone, 3'- Milano, con un vasto assortimento di semiconduttori e materiale. radiantistico. a ENTRA NEL GIRO DELLE PERSONE CHE CONTANO E CHE SANNO La moderna elettronica, con la realizzazione di circuiti sempre pitt complessi e sempre pitt ridotti, ha rivoluzionato la base ed i principi di studio Apparecchiature che solo qualche decina di anni fa erano impensabili, ora sono alla portata di tutti con la diffusione capillare. Basta osservare i calcolatori tascabili, gli strumenti digitali e cost via. La realizzazione di questi dispositivi ha perd rvoluzionato il modo di concepire il circuito elettronico da parte del tecnico. Sistema binario, algebra di Boole, porta AND, divisore, JK flip-flop, teorema de- gli insiemi, invertitori, micro processori ¢ tanti altri termini ora sono di dominio comune. Le pubbli- cazioni specializzate adottano sempre pit tali espressioni con i circuiti che li identificano. La nuova generazione di teenici, non ha nessun problema a riguardo, venendo formata sulle basi della logica binaria. Per chi invece @ abituato ad usare vecchi termini e vecchi sistemi & d’obbligo, necessariamen- te, un aggiornamento. Per aiutare chi abbia voglia seriamente di imparare, prescindendo dal grado culturale, la C.A.A.R.T. Elettronica - sezione didattica - ha realizzato un corso teorico-pratico di moderna elettronica Tale corso accessibile a tutti; viene svolto per corrispondenza ed ha durata media di sei mesi Liiscritto, oltre a ricevere il materiale didattico (dispense, componenti circuitali ed altri) viene co- stantemente seguito e guidato da personale specializzato. Inoltre, tutto il maeriale rimarra di sua esclusive propriet’. II programma teorico si svolge su questi argomenti: algebra di Boole - funzioni logiche - tavole della verit& - operazioni con costanti - sempificazione di funzioni logiche complesse - circuiti divisori - elet- tronica sequenziale - applicazioni industriali ¢ civili. Il programma pratico comprende Ia realizzazione di due « trainer » o simulatori, uno realizzato con componenti discreti, l'altro con integrati e circuiti logici complessi; con queste apparecchiature e con altri componenti in dotazione, Voperatore realizzera pitt di duecento esperienze pratiche. Questo corso & la base per chi voglia, in seguito, specializza processori. i nel campo dei calcolatori e micro- COSTO DEL CORSO TEORICO-PRATICO: L. 100.000 per pagamento in contanti L. 120.000 pagabili in sei rate mensili da L. 20.000 cad. GARANZIA VALIDITA QO SODDISFATTI O RIMBORSATI | spedire a: GA.AR.. Didattica-22052 CERNUSCO LOMBARDONE (CO) | Caselia Postale 7 | Desidero iscrivermi al corso di elettronica logics Nome Trainer © simulatore a componenti discreti UNA DELLE ESPERIENZE Cognome Residente in - Via Telefono V invio assegno (0 vaglia) a! L. 100.000 per pagamento in contanti a [Invio assegno (0 vaglia) di L. 20.000 { Per pagamento rateale ' (indipendentemente dalle modalitd di pagamento, il materiale I didottico viene spedito il 15 del mese successivo alla data di | iscrizione) DUE LIBRI ECCEZIONALI SUI CIRCUITI INTEGRATI Copertina telata lino a 4 co- lori - Pag. 436 - Figg. 481 - Tabelle 46 - Formato 17x24 - Prezzo L. 15.000 (Compreso Wa) PRINCIPI E APPLICAZIONI DEI CIRCUIT! INTEGRATI _LINEARI di H. Lilen Contenuto: Panorama della micro-elettronica; Tecnologia; L'evoluzione degli schemi Con integrazione; 1 circuiti differenziali; L'amplificatore operazionale; Analisi di alcuni schemi di amplificatori operazionali; Compensazione in frequenza; Gli amplificatori a banda larga e a banda stretta; | compara: tori; Alcune regole per l'impiego dei circuiti integrati lineari: Misure sui Clreuiti integrati lineari; 1 rumore; 1 circuiti integrati a MOS; | circuiti integrati_ a film sottile; Schemi fondamentali; Circuiti con diversi tra. sduttori; Funzioni elettroniche semplici; Circuiti classici per comparator Schemi diversi; Alimentatori stabilizzati; Telecomunicazioni e applicazioni ai beni di consumo, Copertina telata ~ Pagg. 456 - Figg. 478 - Ta belle 45 - Formato 17x24 - Prezzo L. 18.000 (Compreso IVA). CIRCUITI INTEGRATI NUMERICI di H. Contenuto: | circuiti integrati e | loro parametri: Le porte logiche; Flip-Flop; Le porte DCTL, RTL © RCTL: La famiglia DTL; Le famiglie TIL (dalla TTL conven. Zionale alla Schottky); Le famiglie ECL; Dall'isolamento dielettrico ai sub- Strati isolanti, (SOS) ; Circuiti integrati MOS monocanali (PMOS e NMOS) | MOS complementari 0 CMOS; Circuiti J-FET e FET Schottky; La logica bipolare a iniezione (V*L); La logica a isolamento per diffusione di col- lettore (CDI); | dispositivi a trasterimento di carica (CTD); CCD, B8D ¢ SCT; Metodi avanzati di produzione - Beam Lead ¢ Flip Chip; Applicaziont ai circuiti combinatori; Circuiti sequenziali: i contatori; | registri a scala tura statici ¢ dinamict - Funzioni MOS dinamiche; Le memorie RAM; Me- morie per sola lettura o per lettura maggioritaria: ROM, PROM, REPROM, CROMM, RMM ¢ loro applicazioni; Altri tipi di memorie: associative, silo, @ nuclei magnetic’ € CCD; Funzioni e applicazioni particolari dei circuiti integrati len EDITRICE IL ROSTRO Via Montegeneroso, 6/A - 20155 MILANO Desidero ricevere: 1 «Principi © applicazioni dei circuiti integrati lineari » in contrassegno di L. 18.000, DD «Gircuiti integrati numerici » in contrassegno di L. 18.000. Nome e Cognome Via CAP, . Citta Re Sede: 31030 COLFOSCO - via Barca II 46 - telefono 0438-27143 Filiale: 31015 CONEGLIANO - via Manin 26/B - tel, 0438-34697 Filiale: 32100 BELLUNO - vio Rosselli 109 ALTOPARLANTI PER STRUMENTI MUSICALI AMG - A simmetria complementare protetto con fro i cortocircuiti, 11. transistor. Potenza uscita Damm. Poti W Ris. He Frog He mezo WHIMS. su BOhm. Alimentazione. 45-45 V 20 15 = $0 80/7000 © L, 6.300 Banda passante da 10+ 20000 He + 348. 20 3086000 =k. 9.300 i. 23.500 320-30 «6560/7000 L250 at Protetto contro i cortocircuiti. Potenza 250 60 100» 0/4009 © L. 23.400 —gcita 120 AMS. su 40hm. Distorsione <02 320 40, 65———(80/6000L. 97.800 er cento. Alimentazione 451-45 V. Banda pas- ALTOPARLANTI PER ALTA FEDELTA’ Sante da 10220000 He = 148, L. 321000 DoPPIO cono FILTRI CROSSOVER 20 6 70 60/15000 -—«L,_4.900 3) 18S wapraoon LL tno0 vie - Freq, incroolo 3500 He 25 W solo 6 Ohm 320 28804010000 ~—L. 31.500 os ee ee eee ALTOPARLANTI PER STRUMENTI MUSICALI 2vie - Freq. incrocio 700Hz 25 L. 10.000 ‘SOSPENSIONE PNEUMATICA 2vle = Freq. sew & s0s00 Fred. sow L134 Tweeters Fred <80W 14.900 88x88 10 2000/1800 - Fra OWE tesco fae he 2000/16000 - Freq. incrocio 700/4000Hz 36W 1. 12.500 a8 40 2000/2000 = Freq. incroclo 700/4000Hz SOW L. 13.500 2110 50 2000/2000 4 a “Fred. incroclo 700/4000H2 8oW L. 15.800 Middle Range "Freq. incrocio 700/4000Hz 110W L. 20.900 130° 25°" 400 —-900/10000 Fred, incrocio 700/4000H2 150W L. 24.900 130 4 © 300-»=—-600/3000 Woofer + Freq. incrocio 450/1500/8000 Hz 50 W L. 23.900 200 20 28 40/3000 Avie - Freq. incrocio 450/1500/8000Hz | 80W 200 30 26 40/2000 L. 25.900 250 35 «2440/2000 Avie - Freq. incrocto 450/1500/8000 Hz” 110 W 250 40 2235/1500 1. 30.300 320 50 20 35/1000 4vie - Freq. incrocio 450/1500/8000 Ha {ow NB. Negli ordini si raccomanda di specificare —Fornibli, su richiesta, anche con contrallo dei l"impedenza. toni con aumento del 10%. da di . N.Bz Negli ordini si raccomanda di specificare VALVOLE SPECIALI Mepeteea a2 L. 2500 812/A_—L 16.000 OA2 L. 2.430 a3 L. 22.500 IMPEDENZE Di BLOCCO RF QQE03/12 L 6.750 2050 L 3350 goeosran Le atzoo eat) Laz 7ao YOCE seun Yount = Aull - ou -a00uH. 2021 L 2350 6146A, “6.900 L250 cad, aL brsy OSB 7890 Cassette vergint stereo 8 > 1-800, oS Cassette C/60 L. 700 AMPLIFICATORI DI POTENZA PER BF - HLFI. Cassette C/90 1.000 Cassette C/60 cromo 1-700 Ai2 - Protetto contro | cortocirculti, a simme- _Gagsette puliscl testina per stereo @ L. 1.500 tria quasi complementare, con alimentazione Cassette pulisci testina per stereo 7 L. 1.400 propria non stabiizzata 36 V. Potenza duscita al clipping 30 W su 4 Ohm-22W su 8Ohm. Sen- TUBI PER OSCILLOSCOPIO sibilita per la max potenza 0,6 V eff. per carico 4Ohm-0,7V eff. per carico 8Ohm. Impedenza 2APT L. 11.500 @iingresso 80 Kohm. Banda passante 15+ 19 3BP1 L 43300 KHz-1dB, Distorsione a 1 KHz a 15W =<0,15%. ‘7BP7 L. 22.500 Trasformatore escluso. L. 18.500 DG7/32 L. 46.000 Disponiamo di tutta la produzione FEME: rele reed, contatti red, commutatori tipo professionale, interruttor’ a levetta miniaturizzati, professionali. a norme MS, fusibili e portafusibill professionali Per altro materiale vedere riviste precedentl. ATTENZIONE: al fine di evitare disguidi nell'evasione degli ordini si prega di indirizzere a Conegliano e di scrivere in stampatello indicando indirizzo com. pleto, cit e C.AP. CONDIZIONI Di PAGAMENTO: Contrasseqno con Je spese di spedizione incluse nellimporto del'ordine. Non si accettano ordinativi inferior! allimporto di L. 5.000. NB: | prezzi possono subire delle variazioni dovute all'andamento del mercato. Sconti perticolari per quantitativi INDUSTRIA Wilbikit ELeTTRONICA salita F.lli Maruca - 88046 LAMEZIA TERME - tel. (0968) 23580 INTERESSANTE E DIVERTENTE SCATOLA DI MONTAGGIO!!! KIT N. 47 Micro trasmetttore FM. 1 Wat Quesia scatola di montaggio progetiata dalla WILBIKIT, & una minuscola Lasmittente. coh un ‘otima. rensimente, {asus gamma’ di tasmissione € compresa tra. gli 68 e i 108 MHz. ie sue emission’ quindl sono udibill in un°comune rice: hod radio. U0 Uso 6 illimitato: pud servire come antiurto potshdo da casa vostra tenare sotto” contfolia “il” vostro. negozic, “come Scherzo per dealt amici che resteranno strabiliai nell udire. ta Yostra “voce ella ‘adio, oppure per contalare. dalla stanza abituate da’ vol trequentata il rogolare gioco Gel vost rages he song nella stanza apposta alla: vostra Pud inoltre ‘essere usato assieme ad un captatore telefonico CARATTERISTICHE TECNICHE Ber realizzare un offimo ampiiicatore telefonico senza il Froquenza_ ot lavoro 85-100 Mite 1.6500 potdnen. mae =P wate Tansvane “a alimentazione = 9038 Vee Max assorbimento per 0% W = f0"'ma it - Amprincatore 18. W be 4500 iv 29. Anwisto automitico er autonetile REM 2 Amaenere Oa us EI 00 KitN 29 atisine Sens one "aetna ates we Kin Tc Aipieseretg Wy AMIS EL 8500 KEN. 30 Vectors Gi tonlong. sitenata 20000 W hi & Aah ue {oso KNW. | USci"potenegtins cane seo 600) W wie $A ue Litesoo KWN'H Lis! pochedeicne conte al ease w KIM. & SAmplitcatore 8 W AMS E8500 KWN.35 Lich Porcnedelicbe arale bass) e000 w KENT feebnpiicstore Ui sia mosey CEQ RANCM | Alimemoore atlanta 22°01 A er KIN. 8 Alimontatore stzitazato 200" mA‘E vee tS 3.880 kien KIN $< umentstore stobiiceato 800 mA 7 vec L. S850 KiLN.35 .alimenttore stabilizrato 33.V 18 A per MIN 10 “Alimenators stivsate goo mes vce Esp mien KIN. M1 “Alimentatore stabluzato 800 ma 12Vec L. 3850 KIUN.36 . allmenttore stabilizoto 55 V 18 A cer Ki te amen 800 ma 15 Vee ain KN 13 Alimentetore stabiliazeto 2A 6 vce 4. FER ie. ay Freamotticatore HiFi basse. impedensa RUN Ativetgore sbieato 28 73"Yee Lape ANN. Kin yt gait 8 et "con ote KUN 15 “Alimantatore stabiliezato 24> Vee ua dione Se 3A KiLN. 6 OSCILLOSCOPIC MONOTRACCIA 21-529 1.155.000 erajrecinome Agye}}OAyje ¥ Arrigchite Wl vostro taboratorio con Questo. strumento indispensabile! Vi possiamo offrire questo oscilloscopio 2G un prezzo eccezionale perche lo Importiamo direttamente. Confrontate le caratteristich =. Oscilloscapio 10 MHz Monotvaccia 9 (rem) Caratienstiche: Ampiificatore vor- Sie (y). 10 He 10 Miz. 3.d8 impe ‘B's MGhm » 50 pF. Amoliicatore rlezontale (2) 20 He 600 KH2 3 6B sdenca 80 KOhm - Trigger 1-3000 »S Mager interno. esterno, positive & noga (is automatico. Aim 128-220 ¥. = Oim 220 1.360 * 430 1. Paso 18 Ko torredato della dotaziore standard: cavo nm rele, set di ca” coassaal, reticolo Speatnon| oungue a: corere assegnato /assouno ec “eee NATIONAL MA 1002. D TERROR RARER Ral Po OROLOGIO DIGITALE eaten a or-749 L. 16. #1 16.0005 Modula premontata per oraiogio. Aigiale completo al IC. cxcurto Stampato e Disfiay Funziona 0 voll ac 19 wastorma fore (coe 25-008" Display ct facile tettura, sracione elle ore, minut, se.9ndh, sve lias Snooze, “pisaiinol” Poesi rosité det aploy. LED Tumi 10°74, TED Tuminoso ot Seon | i jazone svegia. Corredato. di | fogte at istvion’ origin TMICRO EVIATORE pes MA 1002 0 micro deviatore & sitta 2 vie TRASFORMATORE per MA v002 0 25-005 L. 2300 ss Speciale yastormatore da, oo) Tegare allteroiogio MA 100 | Cee) Primario 220 volt. - Secon¢ario 8 Valle 16 Volt Polsante M312 per MA YOO 78-900, 220 Pulsante miniatura. noraimente sparta. Idoneo alle funzioni 1 Chests gal modulo MA 1002 {seeondi,conteggia veloce, con teggio lento. snooze, sleep) evel GIANNI VECCHIETT Casella Postale 3136 - 40100 Bologna - tel. 051/370687 | 8409S ULI} * aye} 30 Trasloimator at elimentaxione serte A (sole seconderte) 28 w 0807509012016004 V L 1900 2Wosoeorsaeoizateomy L100 sWosaeorsanoroiomy = L170 Swosnsorsssowmoreom Vv = L. 2ae0 WWosoeorsosororeomy LC 2660 BWoscsorsoeoroeomy LC sao BwosoeorsosoioisomY — L 3880 ‘Wosoeorsosoi0ieomY CF S000 0 W O60 120.2008 V L 620 100 W 060.1202¢098041-050 V C7420 180 W 060.12024098041-050 V 10.00 280 W 06.0.1202¢096-047-080 V 32980 40 W 0.60.120.240380 41-0 80-0 60-0 70.060 'V 17.200 600 W 06-0.120.240260.41.0.500.600.70.080'0 1 20.160 4 Kew 0.900-0.400-0 500-0600 ¥ 50200 2 Kew 0300-0 400-0 500-0600 V U s2b00 8 Kew 0.30050 400-0 500-0000 ¥ 0 s0.00 ‘Trestormetor! dt alimentazione serie B (1 seconderlo's press ‘centaie) 19 W 50560675075909.120321601624024 3.20 25 W 505-0067 507,50.09-12012460.16-2.0.8 LL da00 40 W 505-80675075009-120,12-160.16-24034 su 60 W 806-1201224024-36095 6200 100 W 6081201220496 00041 041-0086 a t 180 W 6.06-12.0.92240.2496.0296-4,041-60026 10.00 applicazioni elettroniche trasformatori 25080 botticino mattina (brescia) via molinetto 20 @® 030 / 2691426 Con pagamento in contrassegno te spedizion! verrano gravate di: 1. 700 per pacchi fino a 1 Kg L850 per pacchi fino a 3 Kg 1000 per pacchi fino a 5 Kg L 1600 per pacchi fino a 10 Kg L 2000 per pacchi fino a 15 Kg 2400 per pacchi fino a 20 Kg Al citati costi_verrano agglunte LL 300 dl diritto postale di contras- segno. Le spedizioni vengono di regola e- vase entro 10 glorni dalla richlesta, prezzi sopra indicati non sono com- Prensivi di IVA 12% - per pagamento inticipato sconto 3%. wo W soeraoraozssoseHLoMEnORD 2: 400 W 806-12.012.04024-98.0.36-41.041-40.085- 60.0.60-70070-00080 {17280 s00 W SE 12012340 2900004 04120085. 60.060-70.0 70-8000 20.160 ¥ ew 3 0.300400.0.460-900.0500-00.0600 L, 30.260 2 ken gan 0.so04on.0. a. sm7-600 00 L. a2 a0 00 28 Kew 800.0.900400.0,400-500 0.500-600.0 600 L. $8:800, ‘Trastormator! 4 alimentazione serie ‘secondarlo = prose In sorte) 2W 0675012 L 1370 SW Ojon v LC ta00 Swosrsazy C20 1Wosexsor v © 90 1s WO5e7s912%4V C3300 BW osrsemev C380 4 W Og 1234300 V Cet eo W 06 i2oKa641 V ‘e370 00 W 08.1224384150 ¥ C800 180 W 08 12 2496.41.80 ¥ © ahte0 250 W 08 122438.41.5000 V Cate 60 W 08.12 2496.41 50.6070 V Liza 500 W 0.6 122436.41 50.60.7000 V 20450 "Kew 0.300.400 500 V 31700 2 Kw 0.300.400 500.500 V L aaitoa 3 ew 01300:400500800 V C saa ‘rastormator! at rete 500, Prim. 200 210.280 290.240 V Soe. 20 L. 22.600 1 Kw Prim. 200 210.980 290.40 V Sec. 20 VL. S440 2 Kw Brim, 200210.280 20,240 V Ses. 220 VL. s05t0 Kw Prim, 2002210220 900.240 V Gee. 220, 88.220 elettromeccanica ricci 21040 cislago (va) - amministr ¢ vendite: via c. batlisti 792 - tel, 02/9630672 - laboratorio: via palestro 93 - tel, 02/9690511 OSCILLOSCOPIO P73 comsrumistiois oo ANELIPICATORE VERTICALE: = banda passante delle corrente continua a 8 MHz Coes) = Ampedenza di ingresso: 1.60, 45 pF = tenpo di salita: inferiore a 0,05 psec = sensibiliea: 30 av/ex max, attenustore compensate a sette portate da 30 aW/en a 30 View = tensione d'ingresso: 300 V pp max AMPLIFICATORE ORLZZONTALE! = banda passante da 30 He a 700 Kiz (-3 €B) = Anpedenza d'ingresso: 10 un, 30 pF = sensibilita: 0,25 V pp/div. = tensione’d!ingresso: 3 V pp'nax ASE DEL TENPI: = funzlonanento corandato, ricorrente in assenza dt segnale in ingreseo = tempi di scansione: da 10 nsec/em a 0,3 psec/en in 10 portate CARATTERISTICHE GENERAL = coperturs continua dei valori intermedi = tuto RC da 1", craceia giallo-verde « media persistenca e luninosita STNGHONTSHO: ~ scherno circolare con reticolo graduato in 7 pediante segnale interno, positive © negative centtwoert ~ alle frequenca dt rete ~ notewle sensibilica sta dell'anpliticatore ~ mediante segnale esterno Verticale sta di quello orizzontale ALIMENTAZIONE: 125,220 V cea. (assorbimento 20 VA) = commtatore rotative per le selezione delle varie funziont AccESSoR ~ ingresso verticale con connec tore BNC = sonda con rapporto 1: 1 e cavetto di colleganento = dimensions mm 225x300x125; peso gr 3700 fon connectare, BNC spect. It Lettors, Ritentaao che L'Qscilloscopto s4a ormel uno strunento indispensabile anche all'Hobbisea dato 1'actuale sviluppo delle tecnologie eleteroniche. Sappiare anche, che questo strunento e uno det pid costoss, pertanto abbiase deciso di vendere quello {gurato in’ questa pagina alle seguenti condiztoni 1) £, 200,000 + spese di spedizione IVA conpresa per acquisto contrassegno. 2) £, 225,000 di cus £, 100,000 in contantt all 'ordine © contrassegeo + 5 rate wensill di 2. 25,000 cadauna che ci invierete ogni fine nese con vaglia postale, steuri di venire incontro in questo moda coloro che desiderano avere questo strunento. Per L'ordinazione compilare ed inviare L'unito tagliando. coon 7 rwvtatenr U'o9ciLLoscorio P 73 ALLE sorrmeTATE conbteions: vow . _ Teoneeassegro §. 200.000 car.___ crm Clanetcipe #, 100.000 tramite vaghis portale + 5 Tate mensiii da £, 25,000 cadauna FIRMA PER ESTESO Ciconerassegno £. 100.000 + 5 rete mensili da = #, 25.000 cadauna Finalmente Possiamo essere fieri di costruire contenitori, fra i migliori esistenti tutt’oggi sul mercato europeo, pos- siamo perfettamente offrirli al miglior prezzo di qualsiasi altro. MISURE DI NOSTRA PRODUZIONE Richiedete al Vostro fornitore la misura a Voi pit, adatta MISURE IN MM. Tipo 13: t00 x 100 x 200 » 14: 150 x 100 x 200 Tipo 1: 100x 60x 150 * 15: 200 x 100 x 200 > 2: 250x 60x 150 ® 18: 250 x 100 x 200 = 3: 200x 80x 150 » 17: 300 x 100 x 200 = 4: 260x 80x 150 » 1B: 350.x 100 x 200, = 5: 100x 60x200 » 49: 400 x 120 x 200 » 6: 150x 60x 200 ® 20: 300 x 200 x 200, » 7: 200x 60x 200 » 24: 10x 80x 250 > 8: 25x 60x 200 » 22: 150% 80x 250 » 9: 250x 60x 200 » 23: 200x 80x 250 » 40: 200x 80 x 200 » 24: 200x 80 x 300 » 11: 250x 80 x 200 » 25: 250x 90x 300 > 12: 300x 80x 200 » 26: 200 x 100 x 300, Caratteristiche dei contenitori Liinvolucro esterno @ in lamiera verniciata a fuoco ed & compreso di alzo per chi volesse porre la scatola in posizione obliqua. Sono compresi a) n. 4 piedini di gomma, 1 passacavo, 4 angolari per i pannelli @ 2 longheroni con fori da 3 mm. ogni cm. B viti nere filettate, 12 viti da 3. MA. | pannelli sono in alluminio da ‘2 mm. tutti anodizzati, it pannello posteriore @ completo di un foro per il passacavo. L'interno della scatola si fissa all'involucro con 2 viti autofilettanti, sotto alla base. costruzioni elettroniche professionali castelgomberto (vicenza) telefono 0445 /90132 » BB: 250 x 130 x 300 » 29: 350 x 130 x 300, * 30: 400 x 130 x 300, Contenitori verniciati con ver- + 31: 200 x 200 x 300, nice Goffrato Ral grigio an- » 32: 150 x 200 x 350, tracite 0 nero (Lechier) » 33: 400 x 100 x 350, Modelli. sotto brevetto inter- 400 x 130 x 350 400 x 180 x 350 400 x 200 x 350 250 x 110 x 350 500 x 110 x 350 450 x 200 x 450 450 x 250 x 450 nazionale, Progetti, design & realizzazio- ne di PIERO PORRA. Elonco rivonditer: BRESCIA: FOTOTEGNICA covart, VARESE: LAE LIVORNO: MAESTAL TEANI: SUPER. ELETTRONICA FIRENZE: PASCAL TAIPODO RIMINI: E221 ORIAGO: LORENZON PORDENONE: CORSALE TRIESTE: RADIO KALIKA TORINO: TELSTAR IVREA: VERGANO MILANO: ACEI MILANO: AZ MILANO: RONDINELLI MILANO: ERME! ATE dei MARI: PELLEGRINI ENOVA: ELETTRONICA LIGUAE PaDova: 10aC THIENE- ELETIROACUSTICA ANCONA, ELETTRONICA PROFF.MONTECCHIO. BAKER COLFOSCO, BELLUNO ESCLUSIVISTA PER L'EUROPA CONEGLIANO: ELCO DE MEC: ECA = MONACO D1 PESCARA: AZ * BAVIERA (0) Modalita di consegna: Spedizioni in contrassegno ovunque, tranne nelle citta ove operano i nostri rivenditori. Prezzi: i migliori che esistano sul mercato. POSSIAMO COSTRUIRE QUALSIASI TIPO DI CONTENITORE SU SPECIFICO PROGETTO, LA CONSEGNA VERRA' EFFETTUATA A DOMICI- LIO; PURCHE’ LA QUANTITA’ NON SIA MINI- MA DI 100 PEZzI. 33 ALTA FREQUENZA - HIGH FREQUENCY KT 413 KT 414 KT 415 KT 416 KT 417 KT 418 KT 419 KT 420 KT 421 KT 422 KT 423 KT 424 KT 425 4% KT 426 KT 427 L — PLAYSKITSS 2 MADE WW TALY GT, INTERNATIONAL Bam, uenti Elethanici } Via FL cttnna alle Zaludi, 126 Napelr - Cob svases Igersi alla dita Guarino Per la zona di Capua prego MX1D deviatore FEME’ L. 850 MX2D commutatore FEME” L. 1,100 Relé 1 scambio 12V FEME’ L. 1.650 Relé 1 scambio 6V FEME’ L. 1.600 Relé 1 scambio 12V FEME’ a cartoline L. 1.650 Relé 3 scambi 12V-10A FINDER . 2.500 Pulsante normalmente aperto L. 240 Pulsante normalmente chiuso L. 250 Zoccolo 14 pin TEXAS L. 220 Zoccolo 16 pin TEXAS L. 250 MICROBOCCOLA @ 2,5 L. 160 Presa RCA L. 185 1 confezione rame smaltata o stagnata L. 300 1 confezione inchiostro L. 750 1 confezione acido ‘It. L. 1.400 Molla di riverbero L. 6.800 Fotoresist positive 65 gr. KONTAKT CHEMIE L. 3.500 Lacca trasparente protettrice KONTAKT CHEMIE L. 2.300 Led rosso L. 220 Led colorati L. 400 PRODOTTI NIRO Trimmer 20 giri L. 1.500 MC1310P decoder L. 3.250 TDA1200 L. 2.400 28C799 L. 4.900 A4031P L. 2.500 Quarzo 1MHz L. 6.500 Oscilloscopio HAMEG finito L. 195.000 Qscilloscopio HAMEG montato L. 175.000 Sonda rapporto 1/10 adatta per oscilloscopio HAMEG L. 10,000 Tick film 2036 - 2034 - 2039 - Integrati - Mos - Cosmos - Resistenze Phier - Conden- satori poliestere - Ceramici - Mylar - Policarbonato -“Elettrolitici - Tantalio - Serie R41 trasferibili Spedizioni ovunque. Interpellateci per altro materiale non descritto. ANTENNA RFT 21-71 Large Sounds L. 12.000 RADIO MULTIBANDA TEAKO IL MODO PIU CONVENIENTE PER ASCOLTARE IL MONDO. | pale Modello MR 1930 CB Modelo MR 1930 Gamme o'onda: Gamme onda’ MBI 16+ 22 kHe AM 535 = 1605 Kite mez 22+ 44 Kis PEt: 30-50 Mz SW; kHe FM 8B = 108 Miz sw2 kHz AIR; 108 ~ 140 MHz AM KHe Paz, 140 +174 MHz — Modello MR 1930 B PB 25 = 30 Mite We, 165,55 MHz Gamme dionda’ FM: 88 + 108 wee UHF: 450 = 470 Met Mar 16=22 KHe, MB2.22-46 © KHz AIR 108 = 148 Me Indicazione di sintonia a led Swi 4-6 kHz $W2.6~12 KHz Indicazione della sintonia a led Saueich, controlio automatico AM: «535 = 1605 Kur M. 88 ~ 108 MHe —Squelch; controilo automatice ella trequenza AIR 108 = 148° MHz, PB2. 148+ 174 Me della trequenza. Potenza di uscita: 1 W WS 16255 MHr Potenza di uscita: 1 W Presa per auricolare o Indicazione ai sintonia a les, Praga par auricolare altopariante esterno ‘Squeich; controllo automatico della trequenza altopatiante estero Antenne: una in ferrite & Potenza di uscita: 1 Antenne una in ferrite e Una telescopes Presa per auricolare o altopartante esterno tuna telescopica Complete at cingnia per Antenne: una in ferrite e una telescopic Compieto ai cinghia per i trasporto Compieto di cinghia peril trasporto IN trasporta Alimantazione a pile 0 rete. Alimentazione a pile 9 rete ‘Almentazione a pile © rete z010778-10 zor0774-12 2010774-14 52.000 36.500 t. 42.000 le superofferte 1977 RAFA mini 46 46 canali quarzati, presa per antenna e altopar- lante esterno, 5 W, completo di microfono, sen- sibilita 0,7 wV (S/N 10 dB), dimensioni: 40 x 150 x 130 mm, - Alimentazione 13.2V L. 114.000 ASTRO LINE CB 555 46 canali quarzati, press per antenna e eltopar- ante esterno, completo di microfono, indicatore S/RF, controllo volume e squelch,” PA-S/P-AF meter, 5 W, delta Tuning L. 124.000 GIX 2325 $sB 69 canali_ AM-LSB-USB, interamente quarzato, completo di microfono, delta Tuning, squelch alimentazione 12,5V potenza 5/15 W. L. 220.000 SOMMERKAMP TS 664 $ 64 canali quarzati, completo di microfono, presa per altoparlante e antenna esterna, 10W'imput, alimentazione 13,8V, doppia conversione, peso kg. 2.3. L. 220.000 L. 274.000 registratore: steres velocita 4,75 cm/sec. cassette: C60 e C90 altoparlanti: 2 potenza musicale 20W (10%) impedenza: 4 Ohm CON. GARANZIA « HIFLVOX » tipo CC 400 Sintoamplificatore AM/FM stereo con giradischi e registratore stereo Caratteristiche tecniche: alimentazione: rete 220V - 50 Hz semiconduttori: 5 circuiti integrati 33 transistori - 33 diodi dimensioni: —L, 522 = H. 135"- P. 380 mm peso Kg. 85 potenza 2x18 = 36 Watt prese microfono, cu‘fia, altoparlanti radio: FM - da 87,5 Mhz e 104 Mhz OL - da 150 Khz @ 273 Kha QM - da 510 Khz a 1600 Khz OC - da 5,6 Mhz a 6,3 Mhz Piastra LESA CPN 610 con cambiadisco giradischi automatico, 33 @ 45 giri testina ceramica puntina: zatfiro VEEL VIRGILIANA ELETTRONICA Casella post. 34 - 45100 MANTOVA - @ 0376/25616 SPEDIZIONE: in contrassegno + spese postall La VIEL é presente a tutte le mostre radiantistiche. CALCOLATOR! « BROTHER » CHIEDERE OFFERTE PER QUANTITATIVI Laboratorio specializzato riparazioni apparati rice. trasmittenti di ogni tipo, bE6980E-20 & - ONVTIN 95402 S0z eujsoseA eIA Po eT em ain eae mL Rm SSRN CMe Ce eal Ee ee annonce am Cue ed Pee Tana Tc) oov'0sz “7 Pinyues + oars ‘ ‘A 0051 8101€I08) G04 - OFFGDA 07 7 inneGau WOe}0B04 OOS - XXBL 000% "1 inajeod 03e|08a1 ou0g « oes 7 ‘oo.0}8 svoyeoyiidueasg Jossas0id0101WN - 84 xa oe ow svoyeayt|ewibaty - LeI9eNS 1 dWVd0 - 134 > 985aN 4 ojdnipend ost “7 ‘oidrupenb - dW¥-dO ~ 006e°W1 os 7. Sjeas Jed paj 9b eiord 05'61 “7 1h Ob core BE osu 00's.“ 9UOIZUNy IP Poort“ Cueu0 Jed Yw10UED + fob MT AUN Yp Suayes90ay worznngta7ne¥ oie 2/i 7 PRPS * P18e aaa u6 ay duoilu9% Nsw) s0b.-2¢08 any ubip eft Qy auoinu0D NS - bad - O1aT Val + uid $1 Boe. iad iduios seg * 18x2%U - £082 “WOL oars "1 VAI + vid 92 6p L ZHW9 auoweiog yer goed Wor doo's2 “F zHWI OG uid BI. Lo 309 [6ul9} 9529 OIEON = 6008. AW 000'91 “1 9p009p eidsIp uo9 161 Pr uoteiton. Yerscyy ~ 1096-2005 IN ToL aang Pasmiznan03us HNOVANOD ors ns 31619 Feld gt o1Do010 - alE-reeLS AY too'sy “tip g worzuny xm Mie ge Suto." jisistut - sve "WOE pov'ee “7161p 9 tuoteuny e xn Sia yz, buou sueyut Soe “WOK cOsee 7 luoisten ¢ HID 8 Seren be O10” 4Ag6 cosh 1 wibiiy = y 2 1181p @ Bids vid ge 4980 * 0¢z0s “WN Sip 8 aoe Sra als wa ye ouesoh oie wn 00" ep 9 maida ‘Thur fig ie ez jovoiion - shes WH. Poo'sth 1 100)9 olpas = sap y ova M05 ommpow U0NeN" B 0OE WN ISTSOW 1L3NONOYD 3 1901040 dv-dO - vee WT ouewyn AHL OSS “+ sojeososg - 06 9H vow eng 00's “7 Bteribip on ew/On oo0'se “1 IP z/b€ au01eWwog 1U0d)81édop, 00°08 “1 Je soy wu0g ‘s1dd09 -'x1U03) 00667 1OINOWLL313 wonsa & ewioues2yi iyeojere. perepawony ort “7 ojoio! je oes “7 2195116 OF vWyONvoaWN iLNINOdWOO rignz4svuL ‘998 Honeuuog - 193 ‘SOW “TLL - ucrbuy Saw Mgrodoucw "jAoaopveted ‘ewan "3°74 > BDH "BOW INP * HOVOIPEY squmyeoo aque1i0® 4p LoweseU08 (9 ‘uujsset yp 9 oluutWs IP fet90%4 oWeaIpU (p ouojeuei 1p Wne [032}088! 8 ees Lo}a9r (9 1h o¢ © 2 ep oumqued un equeypou eMuueD uod I@ejoo0) 4eueZ Ta siyqeunuieiSou8 ouoysuel 1p UeWHOs14 toed (2 od een otosso ouoetod que ‘onqeso1d oWjoay, ye oxssdsys auojsuer |p owuaune yp B1aIEALY z1Z0"T0 ose "1 “ouiqetsoid oni je eNedsLs euo|sue1 1p o100 1p o4rEIOnIA (ieribawie 9d» a/y parpioavod osez2891 sod OVA uo(0 iypoeued © oplesecayajus un ep raw ea 71 e2uendo.} 1p ses'0. yop. 0016/9044 aylgeuiweiberd Hoda tice, Ww wore 71 ‘oojowese Boou Un Meaienput_pa_\yeuo|s894os4 juoyreaudde og af on tod oWoueuigGe UL I}UIDIp 1N@WINO ype yoKslon aHezz} 08 de tH 0 9 8 HOA Ole HOA 0 ea BauanbeLy euoIsUaL aleNuONLOD ore 1 910 sus wi ewalKJene ajiesIEr HId | pe BIOI6Ie" UL elujssew suorssai8ig Nt © 2H 1-0 EP {UOLUR, Ip S1axetoueD Ue UX erated Wuo;zens|bes axavat0 104 0 w9p0. ‘98-19 sojuoutp. wep s.08uedsa ees uy ip ett fad ouepy ‘a8 1 ‘epuestiog anijouely @iee HX 1 "18 ouooi8 95848 eu0}z05409 ‘9puei5 oyeyzuotuey eloiuen 100014 ayelzvabuel vjowwen, 56 9A slolo00I49 © BlonueA eyeaiono |p 8u099045 | ‘oddnyine 1 2o208h) b onto’ auoysreutane) 10d 37% uci ns ayuomenssip edwers jninos jap ovoyzeiedaid @| 40d eu eyequa6e jul up |3}uNA20 LaReELepUOD ‘udpeubeyy synoeee 9f08}@A. Ob ouediuis 0 fex§ vl ojfe810q a14009)0° 5 ‘wyo 636 IN § 49 “pow epjap svoyese}B0: Buns) | joyexrusuiod Oh 9 2 s190014 ajodouew ob 9 woYer ui ouied vos nMuosse Mm 2 's9 Jed JOM Si ‘y\uosse o16bene ‘ounyzeijequea @ ouoyzens|S01 ‘ujuonion By 2/1 ov0e oso @ “BH 8A [[B9}eW) 290 INOIS¥990, IOINOULLITS ‘WLIAON ILNaNOdWOO, KITs AZ ko Rouen Cae acter Pn ats sts & INDICATORE DI CARICA ‘ACCUMULATORE, AUTO V Alimentatore Kit L Montato INDICATORE D'USCITA AMPLIFICATO Progettate per I'uso quale indicator Alta Fedeita pub essere attimamonte utilizeato. com al pot ou 8 Sensibilita, per la imax KIT mono L. 5.000 montato L. 6.000 AZ MMi KIT L. 6.000 eu» Microspia a Boo 110 Mite, dottissime dimension’ tenn. i ud captare ¢ trasmettere qual MICROSPIA 80 modulazione di frequenza con gamma di emissions da Lecceliente rendimento Ce Re DCCC eS ee Mra ea Visualizz8 In ogni Istente lo stato della. b feria dell'auto, con 3 Indi cazioni; bed verde. tutto bene, Led Giallo: ‘sttenzione, Led rosso: peri colo. Alimentazione 12V 30 mA KIT L. 5.000 Montato L. 6.000 Microamalificatore con TAAGI1B = Alimontazione 6=12V / a5 = Bu efficace 0.71.5 W su 4 = Dimensioni 40 x40.x 25 mm KIT PREMONTATO 120. mA 30. Miniomplificatore con TBAGOO — Alimentatore 6-24 V / 70--300 ma = fu elticace 0.35=4W su 8-182 — Dimension: 50 x §0 x25 mm KIT L PREMONTATO L 4.000 5.000, tipo Potenza 337 242W 4yaw iaaav 16:30 max $00. mA max 700 mA 8169 B18 7.000 8.600 8.000, 9.300, 378 INDICATORE DI BILANCIAMENTO. STEREO AUTOPROTETTO Utile per il bilanciamento di amp! ficatori di potenza da 2W a 100 W RMS, mediante regolazione interna Dimensionl a0 x 20x 55 mm KIT L PREMONTATO & 4.000 5.000 = © di tensione d'uscita per preamplificatori YU moter per ampli deviazione, da 550 mV a 290 ;.V ef STEREO ne maggiore dl 9V co, KIT stereo L. 10.000 montato t. 19.000 METRONOMO MUSICALE con 555 Regolazione continua del tempo di battuta da 40. (grave) a 210. (pre stlssimo) - Indieazione acustice -@ a LED - Alimentazione 6-12 25 mA max Dimension 60x45 mm MONTATO L. 7.500 110 MHz. fa lunga autonomia, con le se nascosto opportunamente L. 7.000 via Varesina 205 20156 MILANO - @ 02-3086931, PINZA PROVA CIRCUITI INTEGRATI Permette un facile accesso ad ogni pie: dino - Risolve i problemi di prava con gni tipo di sonda - Evita il pericolo 4 danneggiamento degli integrats lire 9.5600 To-14 5.940 Tots 6.220 To-16 LS111.720 Te-18, 13.970 te-20 15.130 Te22 15.130 Te-24 18.100 C28 18.940 10-36 26.080 Te-40 27.450 modello Tes PIASTRE PROTOTIPI lire 24.750 37/300 22.600 45.650 61.350 7A 400 104.500 LEDs DIGIT MULTIPLI rire 7 display TEXAS lente bianca mubfalexsti catodo comune 12 display TEXAS lente rosa 8 display piatto rosso 12 display PANAPLEX gas = Forniti con schema collegamenti Disponsbilita display Fairchild, Oo. 0a, National, Uitronix L. $.000 Cee eee Oem ee Pe CM CU en tees eee cary TIVIGNOIW ANOIZNdOdd WT1IG oars zs a 5 a a ~——~™s Ecco la psicovoce ‘a moltissimo tempo i giochi di luce trovano incontrasta- to successo: le cittd, verso sera, si riempiono di luci multicolori lampeggianti e rotanti, le sale da ballo sono illuminate da luci psi- chedeliche © stroboscopiche. Con Ia diffusione sul mercato di SCR ¢ TRIAG, anche lo sp rimentatore ha la possibilita. di realizzare questi circuiti a prezzi decisamente alla sua portata, Quello che vi presentiamo & un cireuito di luci psichedeliche di DANILO BECCIA che perd non si allaccia al solito altoparlante del solito amplifica- tore: le luci, infatti, sono coman- date dalle voci e dai suoni che sono presenti nella stanza. Un grande sucesso ayra un’illumi- nazione del genere, per esempio in una festa fra amici Se poi volete impressionare qualcuno, inserite nell’interno di quelle face cave in legno o ter- racotta il nostro dispositivo: il risultato @ assicurato quando un tumore 0 una voce fara uscire, lampeggiando_minacciosamente, la luce dalle fessure degli occhi € della bocca. Avrete senz’altro visto, stan- no largamente diffondendosi, quelle lampade che in un cilin- dro trasparente hanno un liqui- do nel quale una miriade di qua- dratini si muove per il calore riflette la luce fornita da una lampada posta nel basamento. Personalizzate, comandando la luce col nostro circuito. Costruisci con poca spesa e sicuro successo il giusto punto di connessione tra un altoparlante impiegato come microfono ed il lampadario di casa per ottenere effetti che meraviglieranno i vostri amici. Nella fase di progetto due so- no state le principali caratteristi- che che si sono yolute esaltare: una grande sensibilita e un bas- so numero di componenti com- patibili con funzionamento sta- bile, Circuito elettrico Il circuito lo si pud pensare diviso in tre parti. Un transdut- tore che trasforma le vibrazioni dell'aria in un segnale elettrico, un amplificatore che porta il se- gnale ad un valore tale da poter comandare il terzo blocco, I'SCR che provyede ad accendere la lampadina o la serie di lampa- de in sincronismo col suono. Come microfono 2 stato usato un altoparlantino da 8 ohm, che si trova facilmente e costa poco. L’adattamento di impeden- za con V'ingresso dell’amplifica- tore non @ certo dei migliori, nonostante cid risponde egregia- mente al suo compi Il suono, trasformato in cor- rente elettrica, giunge cosi alla base del primo transistore che assieme a TR2 e TR3 forma un amplificatore ad elevato guada- gno. Il condensatore Ci blocca la corrente continua di polariz- zazione di base di TR1 che al- trimenti andrebbe @ massa attra- verso la bassa resistenza dell’al- toparlante. L’amplificatore ¢ ad accoppia- mento diretto per ridurre il nu- mero dei componenti. La pola- rizzazione dei tre transistori & 43, Schema elettrico generale, Tapparecchio funziona con la tensione di rete. ottenuta portando alla base del primo una corrente, tramite Je resistenze R4 ed RS, proporzio- nale alla tensione di collettore di TR3. In questo modo la sta- bilizzazione termica del circuito 2 molto efficace, Prima di spiegare il perché, diamo qualche notizia sull’in- fluenza che ha la temperatura sui semiconduttori a tensione base-emettitore diminuisce di 2,5 mV per ogni aumento di un grado della tem- peratura, mentre la ICBO rad- doppia ad ogni innalzamento di 10°C. Questi dati sono validi sia per i transistor al germanio che per quelli al silicio. Diversi sono perd i risultati, La ICBO per il silicio @ molto bassa a temperatura ambiente, percid anche raddoppiando di- verse volte si mantiene in genere trascurabile. Non & cosi per il germanio che a temperature di 80°C pud essere gid di qualche mA @ BC 239 man Disposizione dei terminali dei semiconduttori_impiegati. “4 In genere basta contrastare la variazione di Vbe per stabi- lizzare termicamente un’apparec- chiatura con semiconduttori al silicio. Per semplicita suppon mo di togliere dal circuito R1, C4 e il potenziometro P. Ved mo cosa succede quando un au- mento di temperatura porta ad una diminuzione di Vbe del primo transistore. Ci interess mo agli effetti della temperatura sul solo primo transistore per- ché essendo il primo elemento di una catena che amplifica, picco- le variazioni che lo interessano le ritroviamo ingigantite alla uscita: Dicevamo che la Vbe dimi- nuisce, cid si traduce in un au- mento di tensione ai capi di R+ ed RS, attraverso ad esse scorre una corrente maggiore che pola rizza di pitt TRI. Questo fatto porta ad un incremento della corrente di collettore che per- correndo R2, per la legge di Ohm, fa aumentare la caduta ai suoi capi e si ha una diminuzio- ne di Vee, Ma la Vee altro non & che la Vbe di TR2, essendo i transistor accoppiati diretta- mente, un suo abbassamento porta ad una diminuzione della polarizzazione di TR2, il quale diminuisee la sua corrente di collettore, la tensione ai capi di R3 cala, pereid aumenta la Vor di TR2. TR2 © TR3 sono ac- coppiati direttamente per cui au- menta Vee di TR3 che conduce di pid, aumenta la tensione ai capi di R7 e in conseguenza di- minuisce la tensione ai capi di R4 ed R5. In esse scorre una corrente minore che polarizza di meno TRI. Se facessimo il ragionamento opposto, cio@ che una dimimuzione della tempera- tura porti TRI a condurre di meno, ci accorgeremmo che ai capi di R4 e R35 la tensione au- menta per cui il primo transi- store viene ad essere polarizzato di pid. La resistenza R1 miglio- ra ulteriormente la stabilizzazio- ne termica Come si vede il sistema reagi- sce alle perturbazioni esterne neutralizzandole. It circuito, ovviamente, non sa distinguere tra il segnale che vogliamo amplificare e il distur- bo (ad esempio la variazione di temperatura ambiente) per cui Ii tratta entrambi allo stesso mo- do: Pamplificazione senza il po- tenziometro P e il condensatore C4 sarebbe circa 1. Se la resi- stenza di P & zero, il condensa- tore C4 cortocircuita a massa il IL MONTAGGIO Componenti R9 = 330 ohm TRI = BC 1098, BC 190C, P = 22 Kohm potenzio- BC 2398 metro TR2 = BC 1098, BC 109C, RI = 5,6 Kohm Tutte le resistenze sono da 14 BC 239B R2 = 2,7 Kohm di watt 10% TR3 = BC 109B, BC 109C, RS = 2.7 Kohm c= 2 uF 16 Ve Bc 2598 c=1 16 Vi clettr. TR4 = BC 109B, BC 109C, R4 = 18 Kohm G47 KpF BC 2398 RS = 18 Kohm C4 = 22 uF 16 Vielettr. SCR = 400V3A R6 = 1 Kohm C35 = 47 KpF B30 C250 R7 = 2,7 Kohm C6 = 22 uF 16 Vielettr. — T = prim. 220 V. sec. 7,5 R8 = 2,7 Kohm C7 = 1000 uF 16 Vi elettr. +OV3W Per il materiale T component adoperati per Disegno in dimension’ la costruzione dell’ apparec- naturali det circuito —_chio. sono elementi di facile stampato realizzato per il af i facile la costruzione del reperibilita, La cifra orienta. Gino te tiva necessaria per l’acqui- consentelatrasduzione _—Sto delle parti corrisponde a voce/luce. cirea 7.000 lire. 45, segnale che ha attraversato R4, percid il segnale non giunge al- la base di TR1 per cui I’ampli- ficazione del circuito & massima € raggiunge valori molto elevati, circa 200.000. Man mano che si aumenta la resistenza di P un segnale sempre pitt grande giun- ge alla base del primo transisto: re e dato che trattasi di retra. zione negativa, la amplificazione si riduce. I! potenziometro P funge percid da controllo di sensibilit&. Quando si ba a che 46 fare con altre amplificazioni Voscillazione @ sempre in aggua- to. La resitenza RI e Velettroli tico C2 formano un disaccoppia- mento, separano cio’ l’alimenta zione dei primi due stadi dagli altri, impedendo cosi ritorni di segnale sull’alimentazione. Per limitare superiormente la banda passante si sono inseriti i condensatori C3 e C5 che rap- presentano un cortocireuito per il segnale a frequenze elevate. Cid si & reso necessario in quan- to Valta amplificazione del cir- cuito, associata all’elevata fre- quenza di taglio dei transisto: impiegati, aggiunti alle capacita parassite tra componenti ¢ lin- guette del circuito stampato por- ta inevitabilmente a inneschi ¢ oscillazioni a frequenze ultra- soniche Tra l'uscita dell’amplificatore e I'SCR troviamo un transistore inserito nella configurazione col- lettore a massa o « emitter fol- lower ». L’amplificazione di ten- sione per questo stadio & prati- camente uguale all’unita, perd ha il vantaggio di avere alta la impedenza d'ingresso e bassa quella di uscita, Cid permette di caricare poco gli stadi prece- denti € di adattarsi bene al pilo- taggio dell’SGR. Il condensatore C6 blocca la componente continua, fa si che solo le semionde positive pola- rizzino direttamente la_giunzio- ne gate-catodo, portando ’SCR in_conduzione. La resistenza RO permette la scarica di C6 che, resiando ca- rico, non potendo scaricarsi sul diodo che forma la giunzione gate-catodo, impedirebbe il re. golare funzionamento del dispo- sitivo. L'SCR scelto & da 400 V 3A che, pur comandando po- tenze di oltre 400 W, pitt che sulficienti per i nostri scopi, hiede basse correnti per il pilotaggio. Il trasformatore pud avere un secondario con uscita da 7,5 a 9V in alternata e viene allac- ciato al ponte raddrizzatore che, ovviamente, pud essere sostitui- to dai soliti quattro diodi. La tensione pulsante viene li- vellata da C7 che con la sua notevole capacit’ rende trascura- bile il ronzio residuo I contenitore utilizeato per la nostra realizzazione @ una scatola teko mod. 3/B in cui trovano posto tutti i componenti Usare un saldatore ben caldo © stagno di buona qualita: gli insuccessi derivano in gran par te da cattive saldature. £ buona norma ravvivare i terminali dei componenti prima di fissarli al circuito stampato. E bene con- rollare pitt volte la giusta inser zione del componente al suo posto, Soprattutto per i princi- pianti_ raccomandiamo_ partico- lare attenzione nell’identificazio- ne dei terminali dei transistor, dell’SCR e dei condensatori elet: trolitici: anche questi ultimi so- no degli elementi polarizzati; uno solo dei due possibili modi dinserzione & quello giusto. Il circuito stampato & tenuto al suo posto da un semplice pez- zo di gommapiuma, come si ve- de dalle foo. II filo che va al primario del trasformatore e che collega un capo della rete alla massa del circuito stampato & bene venga saldato il pitt vicino possibile al catodo dell’SCR per evitare ronzii. La massa del circuito @ in questo modo sotto tensione: fate attenzione che nessun compo- nente o pista della basetta vada in contatto con il contenitore metallico, non toccate il circuito stampato’ quando V’apparecchio & acceso; quest’ultima raccoman- dazione & valida soprattutto per quei lettori che non usassero un contenitore. Messa a punto e taratura Se tutto @ a posto colleghiamo uno lampada alle boccole di uscita, ruotiamo tutto P in sen- so orario, diamo tensione. Pud darsi che la lampada resti accesa pur essendo la stan: za nel pitt assoluto silenzio. Non preoccupatevi, basterd ruotare indietro di poco P per avere il funzionamento regolare. La sen- sibilita & tale che bastera parla- re a 4-5 metri di distanza anche a bassa voce per ottenere Vac- censione della lampada. Se la lampada resta spenta, anche al tumore pitt intenso, escludendo errori di montaggio 0 compo- nenti difettosi, colleghiamo il tester predisposto come voltme- Ingresso| g isolate Schema logico delle connessioni da effettuare alla basetta. tro tra il collettore di TR3 e la massa. Se leggiamo una tensio- ne praticamente uguale a quella che si misura ai capi di C7, pro- viamo a staccare un filo che va all’altoparlante lasciandolo libe- 10, se la tensione @ ora circa la meta di quella ai capi di C7, dobbiamo sostituire Pelettrolitico cl. Pud succedere infatti che avendo una corrente di fuga pitt clevata del normale, cortocircuiti a massa, attraverso Valtoparlan- te, la maggior parte della cor- rente di polarizzazione di TRI Considerazioni tecniche I Triac permette di regolare entrambe le semionde e il pilo- taggio pud essere sia_positivo che negativo. Richiedere perd una corrente minima di gate maggiore dello SCR a parita di potenza massima controllabile. Per non ridurre la sensibiliti, nella nostra realizzazione, ab- biamo percid preferito usare un SCR. Vediamo ora di fugare ogni _perplessita che qualcuno potrebbe avere sulla tensione di alimentazione che debbono ave- re la lampade o la serie di lampadine Il valore efficace di una ten- sione alternata sinusoidale & Vett. = \AITFE Vm sen un)? dt I'SCR al massimo conduce per tutta la durata di ogni semionda ositiva: 1/T resta lo stesso, ma Vintegrale va esteso fra 0 e T/2. Per quanto detto si ha: 1/T=f=50 Hz frequenza di rete VM=310 V =2nf=314 Veit /SOFTVia en! 514 dt 195 Alle boccole di uscita si pos- sono collegare una o pit lam- pade in parallelo da 160+ 220V © se si usano « piselli » in se- rie, tipo per albero di Natale, se ne collegheranno in serie tanti quanti bastano per rag- giungere una tensione maggiore © uguale a 155 V. a7 rp —~S Frequenzimetro > digitale Fe, finalmente uno dei pit ambiti progetti per il labo- ratorio dello sperimentatore che vuole qualcosa di pit: il fre- quenzimetro digitale. La costru- zione, pur richiedendo molta attenzione & certo alla portata di tutti. Per maggior chiarezza abbiamo deciso di suddividere in due parti il materiale di spie- gazioni in modo da facilitarne la comprensione. Vi_ presenti mo in questo numero la prima parte dove si porranno maggior- mente le attenzioni sui criteri generali e specifici di funziona- mento. 1 frequenzimetro digitale de- seritto in questo articolo & il risultato di-un Tungo lavoro di progettazione e sperimentazione. Quando la redazione affront il progetto lo fece con un certo imbarazzo, non tanto perché non si era in grado di realizzare un frequenzimetro, ma per il sem- plice fatto che strumenti del ge- nere a livello amatoriale si erano gia visti e, guarda caso, si ras- somigliavano tutti sia nei pregi che nei difetti. Infatti, guardando gli schemi gid pubblicati, si 2 avuta Pim- pressione di trovare solo tipiche applicazioni dei circuiti integrati TTL pid che dei progetti veri ¢ propri dove venissero impiegati questi integrati. In considerazio- ne di questi precedenti la reda- 48 zione doveva proporre qualcosa di diverso sia nell’aspetto circui- tale che tecnologico con un ri- sultato finale migliore di quanto era stato fatto altrove, Nella fase prefiminare del progetto abbiamo fissati_ come traguardo tre punti fondamenta- liz prestazioni, realizzazione a cessibile e costo. Ciascuno di questi punti & in contrapposi: zione con gli altri per cui la soluzione consiste nel saper sce- gliere un giusto compromesso tra questi tre aspetti e pensiamo di esserci riusciti; la verifica di cid spetta ai nostri lettori A tale proposito invitiamo i lettori a consultare attentamente ii riquadro delle caratteristiche teoniche e confrontarlo con altri di strumenti dello stesso livello in tal modo si renderanno conto anche della sua economicita. Oltre alVaspetto realizzativo @ stata curata anche la praticita d’uso cercando di ridurre al massimo gli organi di comando € di controllo posti sul pannello frontale, questo in considerazio ne del fatto che uno strumento per essere considerato prestigio- 50 non ha bisogno di tanti co- mandi luecicanti, di_un aspetto maestoso o di lampade spia mul- ticolori che diano limpressione di trovarsi di fronte a qualcosa di squisitamente professional Inoltre non & necessario essere dei tecnici specializzati per sa pere che la razionalit e sempli- cit di funzionamento sono si- nonimi di prestazioni di assoluta qualita, Nella stesura dell’articolo ab- biamo cercato anche di essere chiari e sintetici, purtroppo cid non & stato sempre possibile, questo & dovuto al fatto che il livello tecnico dei nostri lettori €molto vario e per rendere com- prensibili certi concetti in modo pit o meno approfondito, a se- Lo strumento principe di ogni laboratorio che si rispetti. Ecco una soluzione per autocostruirlo senza perdere nulla delle possibilita che le note tecniche di modelli commerciali esibiscono con molta evidenza di GIORGIO LA FORTEZZA conda del proprio livello, im- plica delle lungaggini per i pid esperti e delle incomprensioni per i meno preparati La descrizione della reslizza- zione pratica dello strumento se- gue passo passo le operazioni pratiche; questo per alcuni potra sembrare superfluo, ma per alt & una guida costante che gli permettera di raggiungere il tra- guardo finale senza sorprese di caitivo gusto. Descrizione de! funzionamento In questo. paragrafo trattere- mo i circuiti dal punto di vista funzionale senza addentrarci, per il momento, nella loro co- stituzione circuitale questo per far si che la descrizione sia com- prensibile da tutti ed in partico- lar modo a chi é digiuno della tecnica dell’elettronica digitale. Un metodo gia sperimentato che si adatta particolarmente a quanto noi ci prefiggiamo & quello di considerare ogni cir- cuito che esplica une funzione completa a se stante, come una scatola chiusa dove vengono pre- si in considerazione soltanto gli ingressi e le uscite senza interes- sarci di quello che vi @ dentro Ja scatola, Come avrete gia capito stiamo impiegando il metodo che gli americani chiamano dei « black boxes » 4 CARATTERISTICHE TECNICHE Visualizzazione di 8 cifre decimali, Misura di frequenza: Misura di periodo: Impedenza di ingresso: — sul connettore BNC: 1M/20 pF — con cavetto coassiale ‘per alta frequenza: 1M/150 pF — con cavetto coassiale per alta frequenza, resistenza da 10 Mohm in serie ¢ compensatore da 20 pF in parallelo: 10 Mohm/5 pF (attenuazione 1:10) Sensibilita: 10mV RMS su tutta la gamma Regolazione della soglia Regolazione del rapport di campionamento Indicazione di « OVERFLOW » Indicazione del ciclo di campionamento Le misure di sensibilita sono state eseguite con I’ausilio del Generatore di Segnale H.P. mod. 8640 B e del Voltmetro Vettoriale H.P. mod. 8405 A. da 10 Hz a 120 MHz da 1 psce a 100 msec In figura 1 @ riportato lo sche- ma a blocchi del frequenzimetro. Supponiamo di voler misurare una frequenza di valore scono- sciuto e seguiamone il cammino attraverso i « black boxes ». La frequenza incognita incontra nel suo cammino il circuito d’ing so il quale provvede ad amplifi- carla ad un livello tale da essere accettabile dai circuiti succes- sivi. Altra funzione di tale cir- cuito @ quella di squadrare con dei fronti molto ripidi il segnale indipendentemente dalla sua forma. Il segnale di uscita cosi tra- sformato viene inviato al conta- tore attraverso il commutatore Sta. LL contatore inizialmente & scarico, quando riceve il con- senso dal circuito di controllo esso inizia a contare la frequen- za in questione. Dopo un certo tempo, stabilito dalla base dei tempi e selezionato dal commu- tatore $2, il contatore viene Circuito visvalizzatore DISPLAY ¥ Base dei tempi Multiplexer 7 Memoria 5 2 3 controllo ircuto di Grrcuito @ Contatore * ingresso INGRESSO_ Schema a blocchi del frequenzimetro. Ogni rettangolo svolge una funzione a se stante. Uinsieme dei rettangoli opportunamente collegati svolge la funzione di frequenzimetro © misuratore di periodo. 2 C2 Schema di Principio de! circuito d'ingresso. Questo circuito implega un integrato che nel suo interno racchiude tre amplificatori ditterenziali in tecnologia ECL. Grazie 2 questa tecnologia i segnali ad alta frequenza possono essere trattati con una certa facili bloccato dal circuito di control lo, Nell'istante in cui avviene il blocco del contatore la memoria riceve il consenso da parte del circuito di controllo di trasferire Vinformazione presente ai suoi ingressi, all’uscita. A questo pun- to il circuito di controllo provve- de a bloceare gli ingressi della memoria in modo che se anche Vinformazione del contatore cambia, all'uscita della memoria non avviene nessun cambiamen- to. Subito dopo, il circuito di controllo provvede ad azzerare il contatore e predisporlo per un nuovo conteggio. I dati presenti alle uscite del- la memoria sono ripresi dal cir cuito multiplexer il quale prov vede a visualizzarli attraverso i display. Le cifre che compaiono sui display compongono il nu- mero degli impulsi che sono en- trati nel contatore durante il pe- riodo di tempo in cui quest’ulti mo @ stato abilitato e contare. Tanto il circuito. multiplexer quanto il circuito visualizzatore vengono sincronizzati dalla base dei tempi Quanto abbiamo esposto con poche righe illustra in modo semplice il sistema di misura di una frequenza con il nostro fre- quenzimetro. Naturalmente, co- me gid detto, il nostro stru- mento non si limita a misurare solo la frequenza ma anche il periodo. Per effettuare la misura del periodo di una frequenza sco- nosciuta bisogna predisporre lo strumento in modo adeguato, questo si effettua commutando it commutatore $1; di conseguenza Puscita del circuito di ingresso viene collegata al circuito di con- trollo tramite lo scambio Sib mentre [uscita della base dei tempi viene collegata, per mez- zo dello scambio Sta, all'ingr so del contatore Il periodo da misurare della frequenza sconosciuta viene ap. plicata al circuito di controllo dopo essere passato attraverso il citcuito di ingresso che svolge Ja stossa funzione descritta nella misura di frequenza Il circuito di controtlo abilita il contatore @ contare gli im- pulsi provenienti dalla base dei tempi selezionati attraverso. il commutatore S2. Il contatore conta per un in- tervallo di tempo uguale al pe- riodo della frequenza sconosciu- ta in ingresso Tutte le operazioni di memo- 9 z 116 -IC1 14 fre ict 10 413 1Ct 6 113 ICT 1S 51 rizzazione e visualizzazione si svolgono in modo analogo a quanto descritto precedentemen- te per la misura della frequenza. Owviamente diamo per scon- tato che tutte le « black boxes » sono alimentate da una ulteriore scatola chiusa non riportata nel- Jo schema di fig. 1 Circuito di ingresso Apriamo ora le seatole nere iniziando dal circuito d’ingresso; prima di passare alla descrizione della funzione dei singoli com- ponenti titeniamo opportuno il- lustrare le caratteristiche pec liari di questo circuito in quan- to da esso dipende in buona par- te il funzionamento di tutto lo strumento. A parte la semplicita ed il co- sto del circuito, caratteristiche da non trascurare, esso ha una sensibilita di 10 mV RMS estesa da 10 Hz fino a 100 MHz come mostrato nel grafico di figura 3. L’impedenza d’ingresso misurata 3 w wears (Mr) sul connetiore di tipo BNC @ di 1 MQ su 20 pF. Il cireuito & protetto per ten- sioni in ingresso fino a 500 V ed & alimentato con una tensio- ne continua di 5 volt, l'assorbi- mento é di circa 100 mA. Seguendo lo schema di prin- cipio riportato in fig. 2, osser- viamo che la forma donda in- cognita di cui vogliamo misurare la frequenza o il periodo viene applicata al condensatore C1 il guale blocca leventuale compo- m7 nenie continua (sino al di sopra di 500 V) del segnale all’ingres- 50, poi troviamo la resistenza Ri ed il condensatore C2 in pa- rallelo i quali attuano una limi- tazione in corrente del segnale alternato fatto passare da C1; la R2 @ la resistenza classica di polarizzazione del GATE del FET TI mentre i diodi D1 e D2 hanno lo scopo di evitare la per- forazione del FET stesso per eventuali scariche elettrostatiche ad alta tensione le quali per la 4 c2 ipo ray Schema di principio del circuito base dei tempi. Dalla sua precisione e stabilita dipende Vesattezza delle misure di trequenza e di tempo. La numerazione dei pins degli integrati che non sono numerati corrisponde a quella di IC2. In alto, gratico che mette in evidenza la sensibilita del circuito d'ingresso. es wea cs pe} ice LI log i IL m 52 SV 5 Pr Gate In cio C2 base dei R306 one bk. Iu fu z 4 5 1 no bor A a as eas okt $ d u te 2 af, (hooked mr | 2 |, fre 52g = Ss cuny_an [sp B Rees a Ts va LL Trasterimento 100 Ic: i In. trequenza 3 200 300 2 400 sv 00 (600 oY S20 i riferimenti di connessione. 3 Schema di principio del circuito di controtio. Questo circuito pud essere definito «I'elaboratore di processo » del frequenzimetro. Questo schema va considerato unito allo schema di figura 6; i numeri che vanno da 100 a 700 costituiscono loro velocita riuscissero a passa- re la rete costituita da Cl, RI, C2; il segnale da misurare uscen- do dal SOURCE del FET viene applicato alla base di T2 il quale & montato come EMITTER FOLLOWER, ossia il segnale si ritrova in emitter non amplifi- cato; lo scopo di questo circuito, consiste nel ridurre l’impedenza, cosi facendo pud essere tranquil. Jamente applicato _all’ingresso del circuito amplificatore/squa- dratore realizzato con il triplo amplificatore differenziale 1C1 in tecnologia ECL. 1 circuiti integrati logici ECL, Ja cui sigiia rappresenta le ini- Ziali di Emitter Coupled Logic ossia logica ad accoppiamento di emettitore, sono usati per la loro caratteristica di poter trattare segnali brevissimi aventi cio? un tempo di salita di 1,5-2 nS (mi- liardesimi di secondo!) ¢ questo grazie ad una tecnica diversa dai normali circuiti integrati logici TTL, infatti mentre questi ulti- mi basano il loro funzionamento sulla _saturazione di transistori, gli ECL non la raggiungono mai Abitualmente i transistori dei circuiti integrati logici TTL con- venzionali durante la saturazione hanno le giunzioni emettitore- base e collettore-base polarizzati direttamente © cid provoca un accumulo di cariche sulla regio- ne di base; quando i transistori vanno in interdizione queste ca- riche devono scaricarsi attraver- so il collettore. Il tempo finito 53 ae 6 8a | os x 100 4 icra bo - ABS cis, ~ 1c16 7 va t vonn 22 ky Ly Ly Gote 222 7D) ice ics. \c7 ico A | i el Cee! [ee Reset 202 — t l Clear 22. ~ richiesto da queste cariche per disperdersi causa un ritardo da parte del transistore ad andare in interdizione rispetto all’istan- te di comando. Tale ritardo vie- ne chiamato tempo di immagaz- Zinamento 0 «storage time » e come effetto porta ad una limi- tazione della frequenza massima di commutazione. La logica ECL essendo non saturata per progetto, & comple- tamente esente dal’ tempo di immagazzinamento per cui la frequenza max di commutazio- ne 2 limitata solo dalle capacita molto piccole, presenti sui tran- sistori dovute alla vicinanza dei reofori Lvuscita del triplo amplifica- tore differenziale ECL non ha perd dei livelli accettabili dalla normale logica TTL, pertanto & necessario un traslatore di livello realizzato con il transistore T3 di tipo PNP, il quale realizza la normale dinamica _accettabile dallo stadio contatore del nostro 54 trequenzimetro, Notiamo infine sullo schema del cireuito di ingresso un disac- coppiamento sulla alimentazione operato da RG e C3 per Tl ¢ T2 € C10, Lie C9 per il circuito integrato ECL: la loro funzione & quella di evitare che tutto il Circuito, dato laltissimo guada- gno, possa amplificare anche i cosiddetti spifferi presenti sulla alimentazione e dovuti alle com- mutazioni operate dai vari cir- cuiti, Schema di principio del circuito contatore con i relativi circuiti di memoria. II circuito contatore pud essere definito il « cuore » def frequenzimetro. 1] numeri vanno da 100 a 700 rappresentando i siferimenti di connessione con lo schema del cireuito di controlla mostrato in fig. 5. Le uscite delle ‘memorie vanno collegate agli ingressi del circuito multiplexer riportato in figura 7. 1 pins degli integrati 1C7, 1C8, IC9, 1C10, IC11, 1C12 hanno la stessa numerazione di C6, mentre, i pins degli integrati 1016, IC17, IC18 1C19,1C20, IC21 hanno fa stessa numerazione di 1015. I disturbi, purtroppo, non corrono soltanto nella linea di alimentazione ma possono tro- varsi in tutti quegli organi di collegamento circostanti lingres- so del cireuito, pertanto essi pos- sono essere rivelati dall’amplifi- catore e trasmessi ai circuiti di conteggio falsando cosi la mi- sura. Al fine di evitare questo inconveniente sul circuito d’in- gresso & stato previsto un rego- latore di soglia costituito dal potenziometro P1 ¢ dai resistori aa ca ag ca 8 | 08 8s | o: az co 1c a2] o2 er lon rc r Citra meno significatwa ice 119 1 co ico ren lee 19 [ts ["p ttt (si veda lo schema) R5 ed R7. In genere i disturbi hanno un livello abbastanza modesto per- tanto & necessario che il nostro amplificatore intervenga al di sopra di questo livello a cid provvede PI il quale al variare della sua resistenza determina una variazione di polarizzazione tra i due ingressi del primo am- plificatore differenziale. Questo controllo & sistemato sul pannel- Jo frontale dello strumento con la denominazione « LEVEL TRIGGER ». Quando la mano- pola che comanda PI si trova completamente ruotata a sinistra la resistenza di P1 massima, di conseguenza la soglia deli’am- plificatore & alta, in questa con- dizione Vimmunita ai disturbi elevata, Ruotando la manopola in senso orario la resistenza di- minuisce con conseguente abbas- samento della soglia. In pratica quando si effettua una misura si parte dal livello di soglia pit alto, poi si scende in modo da adattare il livello del segnale da misurare con la soglia d’ingresso dell’amplificatore. Base dei tempi Questo circuito serve a gene- rare i tempi in cui avviene la misura della frequenza scono- sciuta. Dalla sua precisione ¢ stabilita dipende ’esattezza delle misure di frequenza e di tempo. Per ottenere cid si é impiegato un oscillatore controllato a quar- 20, questo componente ci per- mette di ottenere le caratteristi- che richieste. In fig. 4 @ ripor- tato lo schema di principio del circuito della base dei tempi L’oscillatore controllato dal quar- zo QI risonante alla frequenza di 1 MHz é@ formato da due por- te NAND usate come INVER- ‘TER contenute nel circuito inte- grato IC1 del tipo 7400. Poiché la frequenza di riso- nanaza del quarzo pud disco- starsi leggermente dalla sua fre- quenza nominale & stato previsto il compensatore C2 il quale ver- 7A tarato per Vesatta frequenza di oscillazione di 1 MHz. U1 segnale prelevato al pin 6 del secondo INVERTER viene accoppiato alla catena di divi- sori attraverso un terzo INVER- TER. La catena dei divisori 2 com- posta da sette integrati del tipo 7490 contraddistinti sullo sche- ma con le sigle IC2...[C8 Ciascuno di questi divisori di 55 7 12 13 14 ° A B Cc ° + + — +5V s is 1C22 5 123 1c 24 TTTTTTT | | | | | | A2|A4/A6 | AR B2/B4/|686/|B8 2 C2 1C4)C6 CB Al A3 AS AT BI 83 85 B7 cr c3 cs C7 ov vide la frequenza generata dal- tre il secondo quelli a bassa svolge, non @ poi cosi comples- Voscillatore per dieci, quindi al- Puscita del primo divisore C2 abbiamo la frequenza di 100 KHz la quale pud essere prele: vata attraverso la punta d’attac- co N. 9. Continuando la divisione di frequenza all'uscita di 1C3ab- biamo la frequenza di 10 KHz e i fino ad arrivare al settimo divisore identificato con la sigla IC8 il quale da alla sua uscita la frequenza di 0,1 Hz, Le uscite in codice binario del divisore IC5 alla frequenza di 1 KHz vengono utilizzate per pilo- tare il multiplexaggio dei display e dei segnali ad essi relativi pre- senti all’ingresso del decodifica- tore a sete segment. Gli eventuali disturbi che pos- sono presentarsi sulla linea di alimentazione dovuti allecommu- tazioni della catena dei divisori vengono soppressi_ dai conden- satori C3 ¢ C4; il primo smorza i disturbi ad alta frequenza men: 56 frequenza. Circuito di controllo Il circuito di controllo pud essere definito Velaboratore di processo de! frequenzimetro, es- so svolge automaticamente tutte Je funzioni impostate dal commu- tatore delle portate di misura provvede a predisporre lo stru mento per effettuare la misura azzerando tutti i cireuiti di con- teggio; permette Vingresso agli impulsi da contare, determina il tempo di conteggio attraverso la base dei tempi, blocca l’ingresso degli impulsi, trasferisce l’infor- mazione contenuta nei contatori ai visualizzatori mantenendo la informazione stessa nella memo- ria per poi azzerare automatic. mente i contatori © predisporre i] tutto per una nuova misura. Lo schema di principio di que sto circuito @ riportato in figura 5; come potete costatare, in con- siderazione alle funzioni che 30: infatti & costituito soltanto da due circuiti integrati, due transistori ed alcuni elementi re- sistivi e capacitivi Al fine della descrizione del suo funzionamento prendere in considerazione la misura di fre- quenza 0 di periodo & Ia stessa cosa. I circuito integrato TC1 con- tiene due flip-flop (F.F.) tipo JK in tecnologia schottky capaci di funzionare con una frequenza di commutazione tipica di 100 MHz. Con tutti i circuiti che compongono il frequenzimetro azzerati, cio’ all’accensione dello strumento, Puscita Q2 del secon- do F-F. mantiene un livello alto, (0% Io stato logico « 1»; agli ingressi ]1, K1 del primo FP. Con [arrive di un impulso al clock (CK1) del primo F.F. pro- veniente dal circuito d’ingresso © dalla base dei tempi, (vedi schema a blocchi di figura 1) secondo la misura di frequenza © di periodo, Vuscita Q1 dello stesso passa dallo stato logico «0» allo stato logico « 1 » nella transizione negativa dell’impulso G'ingresso; questo «1» & ap- plicato al primo stadio del con- tatore permettendogli di contare ed all’ingresso CK2 del secondo FF. il quale non cambia il suo stato in uscita poiché un cam- biamento avviene solo con una transizione negativa al suo in- aresso, Con un nuovo impulso al CK1 In alto, schema di principio del circuito multiplexer. Con questo sistema di visuelizzazione oltre a semplificare il cablaggio si riduce del 75% l'assorbimento di corrente rispetto ai comuni sistemi di decodificazione. La numerazione dei pins degli integrati che non sono numerati corrisponde a quella di IC 22. Gli ingressi det quattro cireuiti integrati vanno ricollegati allo schema di figura 6. del primo F.F. la sua uscita Q1 passa dal livello logico « 0» ef- fettuando una transizione nega- tiva la quale fa commutare il secondo FF, ed allo stesso tem- po blocea V'ingresso dei contatori i quali in questo intervallo di tempo hanno effettuato un con- teggio. Tl secondo F.F, ha quindi la uscita Q2 allo stato « 0 » il qua- le, inviato agli ingressi Ji, K1 del primo F-F. non permette pit a quest’ultimo di cambiare il suo stato in uscita anche se al suo ingresso CK1 sovrappongono al- impulsi. L'uscita Q2 del secondo F.F. & connessa all'ingresso di uno dei due multivibratori monosta- bili contenuti in IC2 del tipo 74123. Questo monostabile gene- ra_un impulso positivo alla sua uscita QI la cui larghezza & de- terminata dalla costante di tem- po R2 e C2 che nel nostro caso equivale ad un tempo di circa 150 ns. Il segnale presente al- Vuscita Qt del monostabile, & applicato agli ingressi di trasferi- mento delle memorie IC14.. 1C21, visibili nello schema di principio del contatore, tale im- pulso trasferisce il contenuto dei contatori nelle memorie stesse per essere visualizzato, L'uscita Q2 del secondo FF. & connessa agli ingressi J1, K1 del primo FF. ed anche, attra- verso il resistore R6, alla base del transistore T2; durante Vope- razione di conteggio Puscita Q2 del secondo F-F. si trova a livel- lo logico « 1 » il quale mantiene in conduzione T2 ed in tal modo il condensatore C3 non & in gra- do di caricarsi perché corto- circuitato, Alla fine del ciclo di conteg- gio Puscita Q2 del secondo F-F. & al livello logico «0» e tale stato interdice T2, per cui il con- densatore C3 inizia a caricarsi attraverso il resistore R5 ed il potenziometro PI. Questo poten- ziometro effettua una variazio- ne del tempo di carica di C3 mentre R35 limita la corrente che fluisce attraverso T2 (quando & in conduzione) ad 1 mA circa nel caso che P1 sia tutto escluso, Quando il potenziale ai capi di C3 raggiunge il livello Vinne- sco del transistore unigiunzione Ti quest’ultimo genera un i pulso positivo ai capi di R4, ill quale fa entrare in funzione il secondo multivibratore monosta- bile contenuto in 1C2. In que- ste condizioni all’uscita Q2 di 1C2 avremo un impulso di 150 n$ il quale va ad azzerare i con tatori; lo stesso segnale invertito tramite una porta NAND colle- gato come INVERTER azzera i FF. dell’integrato C1, C4, IC5 ed IC13 (questi ultimi tre integrati si trovano nello schema del circolo contatore) cosi che il frequenzimetro & di nuovo pre- disposto per effettuare un nuovo ciclo di conteggio, 1] potenziometro P1 & ripor- tato sul pannello frontale con la denominazione « GATE »; esso ha la funzione di variare il tem- po di ripetizione, tra una mi- sura ¢ Valtra in modo da poter effettuare la lettura dei display con comodita nel caso in cui 1a frequenza 0 il periodo da misu- rare variassero continuamente. Circuito contatore e memoria Il contatore pud essere defi- nito il « cuore » di tuti gli stru- menti di misura digitale; esso lo troviamo nei voltmetri, contatori di frequenza, di eventi, di perio- do e in qualsiasi altro strumento dove la grandezza da misurare @ trasformata in una serie di impulsi elettrici Lo schema di principio del contatore realizzato per il no- stro frequenzimetro & riportato in fig. 6. Esso & costituito per la maggior parte da contatori de- cimali tipo 7490 i quali sono abbastanza noti per il loro uso, per cosi dire, indiscriminato che se ne fa in quasi tutte le appli- cazioni digitali. Uno dei fattori che limita A B c lngressi di indirizzo Mulivibratore di clock FF FF FF Tuso di questo tipo di circuiti integrati consiste nel fatto che hanno una frequenza tipica di commutazione pari a 42 MHz, con un minimo, garantito dalle case costruttrici, di 32 MHz, Volendo poter misurare una frequenza di 100 MHz bisogna effettuare 1a prima divisione per 10 con una decade capace di commutare a tale frequenza. Una soluzione abbastanza comune per risolvere questo problema con- siste nell'usare una costosa de- cade di conteggio in tecnologia ECL impiegata come « presca- ler»; questa soluzione oltre a richiedere un minimo di circui- tazione per l'interfacciamento con gli altri integrati in tecnolo- gia TTL, ci fa perdere Pultima cifra del nuthero corrisponden- te al valore della frequenza mo- strata sul visualizzatore; questo & tanto pit importante quanto piti bassa @ la frequenza o il periodo da misurare. Per evitare Vinconveniente della perdita di (ranean) aoeeeenss He co-Hoen mH Hr Heoooon AOQMbunno Schema di principio del circuito integrato multiplexer 74151, come si pud constatare esso & costituito da otto porte AND a quattro ingressi, da una porta OR ad otto ingressi @ da tre INVERTER, Se ai tre flip-flop viene inviato un imputso di clock all'uscita A, B ¢ C avremo nel tempo le configurazioni mostrate dalla tabella della verita le quali non fanno altro che vortare all'uscita X le informaziont presenti agli ingress! Al...A8, una cifra sul visualizzatore st potrebbe incorporare la decade ECL sul contatore stesso ma in questo caso il problema dell’in- terfacciamento diventa abbastan- za complesso. Una soluzione che ci permet- te di contenere jil costo ed evi- tare Vinterfacciamento consiste nell’impiegare degli integrati in tecnologia schottky. Con integra- ti di questo tipo si pud raggiun- gere comodamente una frequen- za di commutazione superiore a 100 MHz, infatti le case co- struttrici danno un valore tipico di 125 MHz. Purtroppo in questa tecnolo- gia non esiste una decade di conteggio in un unico chip que- sto perd non & un problema in- sormontabile in quanto essa pud essere realizzata con due inte- grati indicati sullo schema di principio con IC4 IC5 conte- nenti ciascuno due flip-flop e da due porte NAND sempre nella stessa tecnologia schotiky. Sup- poniamo di avere in ingresso una frequenza di 100 MHz do- po la prima diyisione troveremo al pin 14 di IC6 una frequenza di 10 MHz. Questa frequenza & accettata comodamente da IC6 stesso e dagli altri divisori che lo seguo- no ciascuno dei quali divide ul- teriormente la frequenza per 10, a conferma di cid all’uscita del- Vultima decade 1C12 avremo la frequenza di 1 Hz. Se posizioniamo il commuta- tore di portata in posizione «KHz» ed applichiamo all’in- gresso del frequenzimetro una frequenza sconosciuta i conta- tori conteranno gli impulsi rela- tivi alla frequenza in questione per il tempo di 1 secondo dopo di che essi vengono bloccati dal circuito di controllo Le informazioni presenti alle uscite di ciascuna decade, al mo- mento del blocco, vengono me morizzate dalle memorie del ti po 7475 riportate sullo schema di principio con Ie sigle IC14... iC21 A questo punto i contatori vengono azzerati e predisposti per un successivo conteggio. I dati relativi alla frequenza sco- nosciuta sono ora presenti alle uscite delle memorie le quali sono collegate al circuito multi- plexer costituito dagli integrati 1C22...1C25 riportati in fig. 7. Supponiamo che nel nostro frequenzimetro non ci siano le memorie, in questo caso il visua- lizzatore prima dell’inizio della misura_mostrerebbe solo degli zeri, allarrivo degli impulsi da misuare il visualizzatore mostre- rebbe delle cifre in rapida suc- cessione per il tempo in cui vi ne effettuato il conteggio; dopo di che vedremmo tornare a zero tutte le cifre dei display senza possibilita alcuna di effettuare Ja lettura. Le memorie hanno il compito di conservare e tenere visuali i dati rilevati dal precedente 39 i Schema di principio del circuito visualizzatore ad otto display. 9 ciclo di conteggio finché non giungono i nuovi dati del ciclo successivo, In questo caso sul visualizzatore non esiste alcun movimento rapido della cifra ma solo Ja variazione relativa alla frequenza in questione se que- sta non & stabile. Il circuito integrato IC 12 & un_doppio flip-flop del tipo 7473.11 primo flip-flop viene im- piegato per indicare, attraverso il diodo luminoso DL1 posto sul frontale a sinistra del visualizza- tore con la scritta « Over flow », che esiste una cifra non visualiz- zata cio® il contatore ha raggiun- to la massima capacita di con- teggio. Se ad esempio, la frequenza misurata & di 100 MHz esatti e la manopola di portata & in po- sizione « KHz» sul visualizza- tore compariranno otto zeri e la spia di over flow si accende in questo caso dovremo spostare la manopola su MHz. Il secondo flip-flop di 1C13 60 pilota il diodo luminoso DL2 posto anch’esso. sul pannello frontale sopra la _manopola «GATE ». II suo compito con- siste nel dare una indicazione visiva del tempo di conteggio nel caso della misura di una fre- quenza mentre nella misura del periodo indica gli impulsi in ar- rivo all’ingresso Circuito multiplexer e visualizzatore Loriginalita del nostro. fre- quenzimetro consiste nel metodo di visualizzazione, infatti in qua- si tutti i frequenzimetri pubbli- cati sulle riviste di questo ge- neve, la decodifica dei dati dal codice binario a quello relativo ai display usati (decimale o sete segmenti) viene effettuata tra- mite un circuito integrato appo- sito per ogni display che com- pone il visualizzatore. Questo metodo applicato al nostro fre- quenzimetro comporterebbe I'uso otto decodificatori, tale solu- zione, oltre ad essere onerosa determina un elevato assorbi- mento di corrente ed un compli- catissimo cablaggio per il colle- gamento al circuito visualizza- fore, Infatti, parlando in termini di corrente ,esso assorbe tipica: mente 512 mA, ed in termini di cablaggio 32 fili, supposto che le decodifiche sono montate sul cireuito visualizzatore, Con il sistema multiplexer da noi impiegato i dati si riducono notevolmente; infatti Vassorbi. mento passa da 512 mA a 180 mA mentre il numero di fili pas sa da 32 a 4. L’economia in cor- rente non termina qui, nel siste ma multiplexer i display, con- trariamente al sistema conven- zionale, cio con decodifiche, si accendono sequenzialmente uno alla volta per cui il consumo globale @ quello di un singolo display e non di otto che tradot- to in cifre equivale alla ridu- zione dell’assorbimento di cor- rente di un ottavo. Globalmente con il sistema multiplexer il ri- sparmio di corrente @ di circa i 75% il che equivale ad una ri- duzione notevole del dimensio- namento del’alimentatore ed una pitt bassa temperatura di funzionamento. Il sistema della visualizzazio- ne multiplex non @ sconosciuta ai nostri lettori in quanto tale metodo, in questi ultimi tempi, & stato impiegato da tutti i co- struttori di integrati per orologi digitali in tecnologia MOS. Lo schema di principio del circuito multiplex @ mostrato in fig. 7, Esso & composto da quat- tro integrati del tipo 74151 con- traddistinti con le sigle IC 22. IC 25. Il circuito multiplex @ un ri- sultato di considerazioni econo- miche per pilotare dei display con il minimo di interconnessio- ni tra i visualizzatori ed il siste- ma che d& Vinformazione da visualizzare, T multiplex digitali sono una combinazione di dispositivi con- trollati da un selettore di indi rizzi_ che commutano uno dei molti ingressi all’unica uscita, Essi possono essere considerati gli equivalenti a semiconduttori di commutatori elettromeccanici rotanti a pid posizioni In fig. 8 & mostrato Vinterno di uno dei quattro. multiplexer 74151 da noi impiegati; esso & costituito da otto porte AND a quattro ingressi, da una porta OR a otto ingressi ¢ da tre IN VERTER. Gli ingressi sono indicati con A1...A8, mentre X @ luscita e A, B, C sono gli ingressi di co- mando (indirizzo). Se a tre Flip-Flop collegati in cascata noi applichiamo un clock costituito da un multivibratore alle uscite A, B e C di quest’ul- timo ayremo nel tempo le con- figurazioni indicate nella tabella della veriti sempre di fig. 8. Queste configurazioni applicate al nostro multiplexer non fanno altro che portare all’uscita X prima il dato presente su Al poi quello presente su A2 ¢ cosi via fino ad arrivare ad A8 poi il ci- clo inizia di nuovo. Infatti ap- plichiamo le uscite A, B e C dei tre F.F. agli ingressi di indie rizzo ed esaminiamo la tabella della verita: nella prima riga ab- biamo tre zeri i quali negati dai tre inverter diventano tre « 1» che abilitano solo la porta AND contraddistinta con 0 mentre tutte le altre porte 1...7, hanno almeno un ingresso al’ livello logico zero e sono quindi bloc- cate; all'uscita X avremo quindi il livello logico che @ presente in Al. Se esaminiamo la seconda riga della tabella della verita, vedia- mo che con questa configurazio- ne applicata agli ingressi di indi- rizzo all’uscita X vi sara Vinfor mazione presente su A2, infatti solo la porta contraddistinta con 1 ha tutti gli ingressi di coman- do al livello logico « 1». B cosi fino ad arrivare all’ultima riga della tabella della verita dopodiché il ciclo inizia di nuovo. Abbiamo quindi visto che al- Puscita X del multiplexer avre- mo prima il dato presente in Al poi quello presente su A2, quel lo su A3 e cosi via fino ad arri- vare ad AB. Se a questi ingressi A1...A8 colleghiamo le uscite A1..A8 dei contatori del nostro strumen: to, avremo sull’unica uscita X i dati relativi a tutte le uscite A dei contatori del nostro fre- quenziometro. Immaginiamo di avere altri tre multiplexer che funzionano nello stesso modo ora descritto e con gli ingressi di indirizzo col- legati insieme tra di loro e gli otto ingressi del secondo multi- plexer collegati alle uscite BL B8 dei contatori, quelli del ter- zo multiplexer alle uscite C1 C8 e quelli del quarto multiple- xer alle uscite D1...D8 sempre dei contatori, quando sul primo multiplexer abbiamo_ l'informa- zione relativa all’uscita Al del primo contatore, sul secondo avremo BI, sul terzo Cl e sul quarto D1; poi sulle uscite dei quattro multiplexer avremo A2, B2, C2, D2 relativi alle uscite del secondo contatore, poi A3, B3, C3, D3 e cosi via fino ad arrivare a A8, B8, C8, D8 dopo- diché il ciclo inizia di nuovo. Ora se le uscite dei quattro multiplexer le applichiamo ai quattro ingressi dell’integrato 7447, decodificatore a sete segmenti indicato nello schema di fig. 9 con 1C2, il quale ha le uscite a, b, ¢, d, e, f, g, colle- gate a otto dispaly a L.E.D. con- nessi tra di loro in_parallelo, ossereveremo apparire su tutti i dispaly prima la cifra relativa all'informazione binaria conte- nuta nel primo cdntatore del frequenziometro poi la cifra re- lativa al contenuto del secondo contatore e cosi via fino ad arti vare al contenuto dell’ottavo contatore. Questo tipo di visua- lizzazione & chiaramemente non significativa, bisogna invece fare in modo che quanto agli ingressi del decodificatore a sette seg- menti sono presenti le uscite del primo contatore sia acceso solo il display DS1 mentre tutti gli altri devono essere spenti, poi quando agli ingressi di 1C2'sono presenti le informazioni rela- tive al secondo contatore sia acceso il display DS2 e tutti gli altri_siano spenti ¢ cost via. A cid prowvede l'integrato IC1 del tipo 7442 che, tramite i transi- stori T1..T8 i quali forniscono la necessaria corrente ai display, effettua la necessaria scansione del visualizzatore in sincronismo con cid che esce dai multiplexer poiché hanno lo stesso comando dato dai tre FF. di fig. 8; a quest’ultimo proposito invece che usare un multivibratore e i tre flip-flop abbiamo impiegato le uscite dell’integrato IC5 della base dei tempi visibili in fig. 4 le quali hanno pressapoco lo stesso andamento della tabella della verita di fig. 8 ottenendo quindi un altro risparmio di componenti ¢ quindi di costo e di consumo. Continua nel prossimo numero. OU P 2 Bi eppessionatt di tet tronica che amano costruir- siil sound, il preamplificatore microfonico, ed in generale per segnali di bassa frequenza, 2 un problema che si propone costan- temente qualunque sia la sor- gente sonora Come gli appassionati di stru- menti musicali ben sanno il pick-up della chitarra elettrica necesita di una buona pream- plificazione e cost pure il micro- fono utilizzato per gli strumenti a fiato, a percussione o per la voce. £ quindi necessario procurar- si dei buoni apparecchi di pream- plificaione perché altrimenti, per quanto validi possano essere gli apparti di potenza in BF, si ri- schia di ottenere un rendimen- to ben al di sotto di un minimo accettabile per poter parlare di buona resa. Fino a tempo fa, per quanto riguarda le sezioni di preamplifi cazione, si sempre cercato di Cc Progetto semplice e di sicuro effetto Un circuito versatile a cui non é difficile trovare applicazioni soprattutto nel settore degli strumenti musicali di MARIO TAGLIABUE fare uso di tradizionali_ transi- stor bipolari. Questo, soprattut- to nei circuiti per sperimenta- tori, rappresentava un vantaggio soprattutto dal punto di vista economico. Ma ora le cose sono cambiate. I circuiti integrati li neari, a seguito della loro pro- duzione su larghissima serie, si sono equiparati o addivittura resi inferiori come prezzo rispetto ai transistor. Siccome per uno sta- dio di preamplificazione fatto come si deve, e che possa for- nire con costanza le medesime caratteristiche, mediamente oe- corrono due ‘transistor, risulta che un integrato come il wA ha un costo inferiore e delle pre- stazioni certamente superiori Il wA 741 8 uno dei circuiti operazionali di tipo lineare mag- giormente diffusi in senso appli- cativo e quindi, come diretta conseguenza, lo si trova riporta- to a catalogo di tutti i negozi specializzati del settore compo- nenti clettronici Anche noi, con V'intenzione di proporre un progetto di pream- plificatore di bassa frequenza di costo limitato e con prestazioni di livello abbiamo adottato i HA 741 come base per sviluppa- re il progetto. Il circuito elettrico Come si pud vedere chiara- mente dallo schema elettrico portato fra le illustrazioni che corredano la presentazione di questo dispositive, i componen- Preamplificatore microfonico ti utilizzati_ sono in numero ve- ramente esiguo. Per Vesattezza sono impiegati cinque conden- satori, cingue resistenze ed un circuito integrato: il gia citato BA 741, Il costo della realizzazione & dunque molto limitato, con cir- ca tremila cinquecento lire si pud costruire. Ma vediamo ora qualche det- taglio del circuito elettrico. La sruttura di impiego del wA 741 & quella tipica prevista dalla casa costruttrice dell’integrato stesso. Tutti i componenti che fanno da contorno all’integrato servono per adattare Vingresso e Vuscita del circuito rispetto agli accoppiamenti previsti per Vutilizzazione pratica del dispo- sitivo e naturalmente per garan- tire la stabilita di funzionamento rispetto ai parametri_variabili come il coefficiente di tempera- tura ed il livello di controrea- zione. Il guadagno dello stadio di preamplificazione & determinato dalla resistenza RS che provve- de proprio alla rete di feedback (controreazione). Cosi come & stato dimensionato per la nostra realizzazione R5 & in grado di assicurare al circuito un guada- gno di almeno 50 dB rispetto alla tensione di ingresso. A livello puramente teorico un amplificatore operazionale presenta una impedenza di in- gresso infinita ed una caratteri- stica di uscita ad impedenza in- finitesima. Ma nella realta pratica, come accade nel nostro circuito, si determina una impedenza di in- gresso pari a circa 50 Kohm. Ta- le valore & idoneo alla pitt par- te delle applicazioni cui abbia- mo fatto cenno nelle note gene- rali di presentazione dell’app. recehio, Comunque, se si intendesse cereare un proprio punto. di adattamento di impedenza si pud provare a modificare il v lore della resistenza di contro- reazione che determina anche il livello dell’impedenza di tutta Ja strattura, In questa seconda ipotesi di lavoro R5 pud essere sostituita con un potenziometro semifisso (trimmer) regolato in modo da assicurare il massimo guadagno sull'intero spettro di audio fre- quenza senza determinate effetti di distorsione. Naturalmente per divertirsi con questo genere di esperimenti & bene disporre di un generatore di bassa frequen- 63 Schema elettrico generale. za ad onda quadra ed un osei loscopio per visualizzare diret- tamente i risultati che si otten- gono con le diverse posizioni di taratura. Il montaggio La realizzazione pratica del dispositive non richiede parti- colare esperienza. Questo. pro- getto & quella che si definisce bene come una buona occasio- ne per il primo progetto per chi IL MONTAGGIO DEL PREAMPLII ICATORE MICROFONICO Componenti RL 27 Kohm R2 47 Kohm R3 = 56 Kohm R4 56 Kohm R5 = 3,3 Mohm Cl = 470 KpF C2 = 47 pF 24 Vi elettr. C3 = 10 uF 24 Vi elettr. C4 = 22 uF 24 Vi clettr. C5 = 22 uF 24 Vi elettr. IC = uA 741 r Oo Oo L Per il materiale I componenti adoperati per la_costruzione dell’apparec- chio sono elementi di facile reperibilita. La cifra orienta- tiva necessaria per l’acquisto delle parti corrisponde a cir- ca 3.500 lire. Lintegrato @ disponibile con 1 contenitori in due versioni. 11 modello con contenitore in metallo @ da intendersi visto da sotto nel disegno riportato a lato, Ecco come si presenta Ia basetta doll'apparecchio @ montaggio ultimato. Come potete notare tutti i punti di connessione sono sullo stesso lato ed allaltra estremita @ stato previsto la spazio per il fissaggio meccanico con vit & appena accostato al mondo dell’elettronica. Come potete vedere dalle illu- strazioni vi proponiamo come nostro solito la traccia per alle- stire il circuito stampato. Cid non significa necessariamente che il progetto debba essere messo in pratica con questa tecnica, Una basetta del tipo prestampa to a strisce pud andare egual- mente bene. Naturalmente in questa seconda ipotesi si deve prestare molta pid’ attenzione Nella realizzazione pratica del preampliticatore si consiglia di non accorciare troppo i terminali in modo da tavarire la disposizione del calore nei momenti in cul si effettuano le saldature. ai collegamenti, perché & bene ricordare che un errore di colle- gamento ai terminali dell’inte- grato pud seriamente danneg- giarne la struttu La tensione di alimentazione prevista 2 di 18 volt. Ma tale tensione & pid da intendersi co- me un massimo per il livello di alimentazione piuttosto che co- me tensione operativa, in quanto Vapparecchio, gia con 9 volt di alimentazione, consente una am- plificazione pitt che valida per gli scopi che ci siamo prefissi Allora ricordate, una semplice batteria da transistor a 9 volt pud essere gia una valida fonte di alimentazione. Naturalmente se volete il massimo del guada gno in amplificazione con due di queste pile collegate in serie il problema @ risolto Per quanto riguarda il mon: taggio vero e proprio c’8 poco da dire, i componenti sono in numero limitato e quindi anche le possibilita di errore sono mol- to ridotte. Naturalmente atten- zione alle polarita dei condensa- tori elettrolitici ed alla inserzio- ne del circuito integrato di cui trovate anche tra le illustrazioni la disposizione della piedinatura osservando il componente da sotto. Come nota finale aggiun- gere che il pA 741, oltre che nella forma con contenitore di metallo & disponibile con strut. tura del tipo « dual in line » che in questo caso & necessatio provvedere ad una nuova ste- sura del progetto del circuito stampato. A montaggio ultimato Vappa- recchio non richiede alcuna ta- ratura; per provarlo & sufficien- te collegare una fonte di segnale BF all’ingresso ed un amplifica- tore all'uscita: ill circuito deve funzionare subito. 65 La segreteria _telefonica Due registratori a cassetta, pochi altri fa logica della realtA ci inse- componenti ed il gioco é fatto: costruite anche gna che non é assolutamente voi un sistema automatico che possa possibile sdoppiarci fisicamente rispondere al telefono in vostra assenza. per poter essere in due diversi luoghi simultaneamente, Accade Un progetto di semplice realizzazione 4 ai alate teutelenaareera quindi che molte volte siamo co- > stretti a fare delle scelte in cui si deve rinunciare a qualcosa. esto genere di situazione si anifesta spesso_nei..quotidiani rapportivon'il telefono. L’apparecchio telefonico & di- 67 ~ra}uI, [INS OWWSeq s}uOWIedIOULAd Q o1yosauedde,|[ap owaueuorz uny |f OFM “TysIo[g w eUTAyDS oyjep azepaa nd is auiog ‘odyiooad ows -ou fap oua8oad 1p suorznjona,y viwys 9 ajenb anbunp owerpar “espa 1p ouoyaja) |B arvoydde ep eoquojajar eLtaiu8as Bun oxns -09 owiB[ssod oyeoxauM Ip Izod fe onedsiz wenuny oyraurenzeo esads wun pa oseqy dwar 1p oood un uod ‘You WINy, “Is 2 eu -aiqoid Je wisodsti ensou ey ‘o1oqiagut aquataesizap o1s -09 un BIgqe aiuawyeAMyeU 2y9 > yproraumuos tapout onads 1 aqustonya ayuaujenBa_onop ond un aiezziqpar 1p opes8 ut an asso gnd azoyeiuauifsads oun as aivayliga Ip eurajqord 1 sod anbunp owls 19 ‘o}our ours -09 :ejord eyins roaropar ‘eur orxounuos uF nuarsis> I[[>pou [sioatp 1p w2zead tap o9ud[2,] DUB] IP Oskd jf BIO g LON soney ous -eiqge,| “IS ION ceo1UOJO;aL eH ‘quorzezzi0duioy 1p punos19 anp Jap e2uesaid b/12p 2119896 OUOS wo;zUNy af anNL e21u0l}99 er/e}ai5as e1/9p owaweuorung Ip o91Go] ewoyos -ajorZas_vuN eIS09 oIuENb azap 2A & olAOLd Yeu oyOAR “eu e ewo!? Bl[ap NusWoW! 1 MIM} UI ainfe oxsou ur auod |S vorusa) FI aWO> Ip aulozensoup xpxy *PA BUN Q :O[[9q TOUT 2 O19 at “IM, ‘BzuARIN wOD areuTENYDE ep o1UOJapa} HOUMU HeNpUBAD 1B 9 LUISE eNSOU UL TIOIeI 18BeS -saur 1 mim} axvyjoose saiod aad aioweaysia1 || ar2u0!Ze aquaI9 “JMS eles wSeD e o”IUALI ONS “OU [v BoTuOys[ay wL:}01398 wun 1p |opusfeaae auourjeameNy “eoluoyaya euajaxes wun asapassod #3seq reqpfoey woo axvrpouys qnd 1s ewig|qoud oysanb y “oquaujnu oBuny & exons oUojofar [f ipunb 2 e2uasse ENSOU UL o1uaLNse[O8 ax eApe “W013 ep oumedse ayp vifanb ‘aiuewodurt ereuogaqo Py ‘9peooe aiuaaos autoo ‘oddony and vy ‘aaop [uSo ep 13aessour araaany & yiqnuodsip azassa zd 2 o80n, m0 wor azeottMIOS gad ezzamo[s woo a[eade 1s 19 ino gp ojeuMAS ouN oTETUAA A lato, schema elettrico del temporizzatore da un minuto, la taratura si effettua mediante R2, In basso, configurazione circultale del timer da 10 secondi circa vento del timer che deve ecci- tare un relais per poco pit di un minuto permettendo la registra- zione di una breve comunica- zione, II contatto del relais, in chiu- sura, fa partire il motorino da un giro al minuto su cui & ca- lettata una camme che determi- na a sua volta azionamento del microswitch La rotellina del microswitch che segue il contorno alto basso della camme, fa si che lo stesso si comporti come un deviatore: infatti, se al contatto centrale del microdeviatore colleghiamo un contatto di alimentazione, la tensione potrd essere applicata prima ad un registratore e dopo un certo tempo alValtro. Natu- ralmente si interviene sulle ali- R SSCS — MW i Ri “bt Di mentazioni in alternata dei due registratori e quindi si deve pre- stare attenzione a che non si verifichino contatti accidentali fra fasi e neutro Ecco quindi che, predispo- nendo un registratore per « par- lare » e Valtro per incidere, avre- mo una comunicazione in par- tenza ed allo scadere di questa il secondo registratore, quello predisposto per incidere, si tro- ver’ disponibile per annotare ogni comunicazione _nell’inter- vallo di tempo stabilito. E ovvio che il messaggio in partenza e quello in arrivo pas- sano attraverso la cornetta del telefono che, per loccasione, do- vri essere appoggiata sui due registratori come potete vedere dalle fotografie. Nel caso in cui il registratore che deve incidere non abbia il microfono incorpo- rato si metter’ il tradizionale mi- crofono esterno in contatto o la parte della cornetta dove si appoggia Vorecchio. O meglio ancora si potranno collegare di- rettamente, togliendo la capsula di_ascolto sulla cornetta del te- lefono, i due contatti rimasti liberi con la presa microfonica sul registratore tramite un ca- vetto schermato alla cui estre- mit’ @ stato opportunamente saldato un connettore dello stes- so tipo di quello normalmente adoperato per il microfono di dotazione. Fin qui & tutto molto sem- plice, ma nel corso della pro- gettazione sono sorti tre piccoli problemi: 1) Come far partire il timer al- Varrivo di una telefonata 2) Come simulare il sollevamen- toe Vabbassamento della cornetta, 3) Come far si che il motorino compia esattamente un giro € poi si fermi. Il primo problema pud essere risalto nel seguente modo: sa- pendo che lo squillo del telefono 2 dato dal battito di un martel- letto su due campanelli, bastera isolare un campanello, applicar- vi un cavetto conduttare che fa- tA contatto con un altro colle- gamento elettrico effettuato al martelletto, In questo modo, al- Varrivo di una chiamata telefo: nica, i] battito del martelletto chiuderd il contatto rispetto al 60 -{s 220V Ls, 1 ————= a; : y Starter => 0 Motorino: a 24V sioni necessarie per rendere sa—1 A B Schema generale delle connes 220V operativo il sistema di segreteria telefonica a——_—_ ¢ampanello ¢ di conseguenza il timer potra iniziare la sua fun: zione. Passi ficoltd Quando @ in arrivo una tele- fonata e noi alziamo la cornetta, i conseguenza si solleva il pul- sante che comanda vari contatti al di sotto del coperchio della seatola telefonica; al_ termine della comunicazione riponiamo la cornetta sopra i pulsanti Gin realti un pulsante unico) che 70 ‘mo ora alla seconda dif- cambiando i contatti predispone Vapparecchio telefonico per una nuova chiamata Ora tutto cid pud essere simu- lato da una leva comandata dal- la forza di attrazione e di re- pulsione di un teleruttore 0 con; tatore; pill avanti ne vedremo Vallestimento pratico. I terzo problema @ facilmen te risolvibile con un bloceo c stituito da un microswitch di fine-corsa ed un motorino. In quanto bastera fissare una vite trasversale al perno del motori- no perché la testa della vite, do- po un giro, andra a far scattare il microswitch che interromper& la « fase negativa » 0 meglio il neutro, del motorino e di en- trambi i registratori predisposti come abbiamo gia precisato pre: cedentemente. Accade dunque che allo sea- dere di un minuto tutta Pappa- reechiatura si troverd pronta a ripetere i propri compiti. Ma a questo punto subentra Registrazione Lettura 5 5 a ; 7 L Cc 2 _ TIMER v 10 SEC Jeraiore | Teleruttore| | a un altro problema: come far ri- pattire il motorino, il cui neutro @ interrotto, all’arrivo di un’al- tra _telefonata Cid @ reso possibile cortocir- cuitando i contatti del micro- switch per il tempo necessario inché il microinterruttore stes- so riacquisti la posizione di contatto A questo scopo il timer prin. cipale, quello da un minuto, pi- Jota un altro timer a contatto fisso che comanda la chiusura di un relais per 10 secondi cir- ca, 1 contatti di quest’ultimo relais cortocircuitano il micro- switch di fine corsa per quel tanto che basta affinché la testa della vite oltrepassi la levetta del microswitch | timer Per meglio comprenderci chia- meremo i due timer secondo le loro funzioni finali: ossia timer da 1 minuto e timer da 10 se- condi, Il timer da 1 minuto ha una alimentazione che pud va- riare fra 18 e 24 volt in cor rente continua indifferentemen- te. Naturalmente si deve pre- stare attenzione a che, in caso di tensione alta, il calore svilup- pato dal transistor relativo (TR2) non sia eccessivo. Eventualmet te se cid accadesse & necessario inserire un dissipatore termico come si usa fare normalmente in queste occasioni L’elemento principale del_ ti mer & un condensatore da 2200 KF 25 volt lavoro che ha il com- pito di determinare la base dei tempi Con una simile capacita si ot tiene un tempo variabile fra trenta secondi ed un minuto & mezzo circa, Tale tempo & ap- punto quanto ci serve e, per ar- rivare a determinare la quantita esatta di tempo che ci occorre, 2 sufficiente ruotare il potenzio- metro logaritmico da 22 Kohm stabilendo cosi l’esatta taratura del timer da 1 minuto. IL MONTAGGIO DELLA SEGRETERIA TELEFONICA Componenti Ri = 10 Kohm ' watt R2 = 22 Kohm potenz. R35 = 10 Kohm % W R4 = 560 ohm 13 W CO = 2200 uF 25 Vielettr. TRI = BC 208B oppure BC 109B TR2 = BC 286 Rlo = relais 24V Do = 1N 4006 P= pulsante normalmen- te aperto Ponte = B40 C1000 per ti- mer 1 min, Ponte = B250 C1000 per ti- mer 10 sec. Rx = 22 Kohm 1 W Ry = 4,7 Kohm | W Rz = 4,7 Kohm 1W Cl = 100 uF 250 V elettr. Di = 21PT 800 simile RI = relais 220 V Ri2 = relais 220V Oltre a cid sono naturalmente necessari i due -registratori e tutte le minuterie meceaniche ed elettriche cui si fa riferi- mento nel testo di spiegazi ne per la realizdazione prat ca dell’apparecchio. Come il teleruttore ed il motorino elet- trico a 220 V da un giro al minuto. Per il materiale Il costo, puramente indica- tivo dei materiali_necessari per la costruzione della se- greteria telefonica (esclusi na- turalmente i due registratori) si aggira intorno alle 30,000 lire 8 La partenza del timer & data da un pulsante insolito, ma del tutto consono al tipo di utilizza- zione: il martelletto della suo- neria. Tl timer da 10 secondi forni see un tempo di contatto neces- sarie per cortocircuitare il n croswitch. Tl suo azionamento @ determinato dal relais del pri- mo timer, quello da un minuto I dieci secondi di questo ti- mer a tempo breve sono deté minati da un condensatore elet- trolitico da 100 uF 250 volt lavoro. Da notare che questo ti- mer @ elimentato direttamente dalla tensione di rete attraverso un ponte B250 C1000 che prov- vede a raddrizzare la tensione alternata, I due relais miniatura, con zoceolo per circuiti stam: pati, sono a due contatti di scam- bio con bobina a 220 volt (quel- che appaiono nel prototipo sono di produzione giapponese). 12 contatti del secondo relais sono utilizzati nel seguente mo- do: una coppia per cortocircui- tare i contatti del microswitch, Valtra per far scattare un nume- ratore, visibile nelle foto e nello schema, alimentato a 24 volt tra- mite un piccolo ponte raddriz- zatore. Il numeratore serve per verificare quante telefonate sono giunte nel periodo in cui & sta ta attivata la segreteria telefo- nica, La segreteria telefonica, anche se si awale di una struttura elettronica, ha un cuore mec- canico, la’ camme. La camme pud essere di vari materiali: dal- Palluminio all’otione, alla plasti cae pud essere di diametro va- riabile poiché il tempo di rota- Zione & sempre lo stesso; co- munque, per non complicare troppo le cose sara bene farla di 4 centimetri di diametro con un awvallamento di 5 millimetri Sapendo che la circonferenza della camme equivale ad un mi- nuto, potremo subito stabilire quanto tempo avra a disposizio- ne il riproduttore per dire, ad esempio, che l'abbonato & assen- tee che chi telefona pud la- sciare un messaggio. La posizio. ne alta di camme restante sa quella che determina il tempo in cui il registratore riceverd il messaggio di chi telefona Se non conoscete una officina in grado di fresarvi una camme, potete farla da Soli usando del- Ja bachelite o della vetroresina per circuiti stampati ritagliata opportunamente con un seghet- to da traforo. Le misure sono riportate in figura; precisiamo inoltre che la camme usata per il prototipo & composta da due camme identiche di alluminio sovrapposte fra loro e colloca- bili fra loro in asimametria in modo da ottenere una variabile di tempo controllabile meccani: camente, Comunque una camme realizzata secondo i nostri dati consente un tempo di circa 15 secondi perché il registratore co: munichi ’assenza dell’abbonato € uno di 45 secondi perché V’al- tro registratore possa incidere il messaggio di chi chiama Il teleruttore Per comandare il sollevamen- to ¢ Vabbassamento dei pulsan- ti fra loro accoppiati su cui vie- ne posata la cornetta telefonica in situazioni di normalita si @ fatto uso di un teleruttore. In particolare nel prototipo si @ fat- fo uso del modello Siemens mi- sura 0 (zero) con bobina a 220 volt. L’adattamento di questo componente é rappresentato nel- Ie foto e nel disegno relativo. Nelle illustrazioni si vede chiaramente una sbarretta di metallo che funge da leva il cui fulero ® una piastrina di allu- minio awitata sulla faccia ester na del contatore. 11 movimento alla leva & dato da un tubicino al cui interno c’é una vite che unisce la parte mobile del teleruttore alla leva Fra la leva ed il tubicino & sta- ta posta una breve molla che serve da snodo al movimento Una piccola precisazione: to- 40 Ccamma Tubicino di raccordg Basetta di sostegno Rondelle isolantt Campanelio gliendo i contatti mobili al se- condo © terzo posto al telerut- tore, si vedra che la parte mo- bile & somigliante ad un ponti- cello. Forando questo in testa, infilandoci una vite ed interpo- nendo un tubicino, bloccando poi naturalmente il tutto con una vite, avremo realizzato il congegno. Per evitare graffi ¢ fastidiosi battiti, & stato applicato alla fine della leva, tra questa ed il botto- ne del telefono, uno spessore di 76 Capocorda contatto Colonnino ai sostegno [ a Motorino }_220V SOHz 1G/M legno rivestito di velluto. Essendo il teleruttore alimen- tato con la tensione di rete, os- sia 220 volt in corrente alterna- ta, pud manifestarsi un ronzio di fondo che si introduce nel registratore al momento della registrazione del messaggio. Per eliminare questo incon- veniente, che peraltro non pre- giudica Vascolio del nastro, si pud inserire sull’alimentazione della bobina del teleruttore un opportuno ponte raddrizzatore ed un_condensatore da qualche inicroFarad per livellare i pic- chi di extra tensione. Isoliamo la suoneria Per isolare il campanello, co- me si evidenzia nelle illustrazio- ni, si interponga fra questo la vite di serraggio ed il sostegno (un tubicino di sterling di due millimetri di lunghezza e due rondelle di plastica) Tutto cid naturalmente appli- cando anche due conduttori: uno al campanello, l’altro alla parte ferma del martelletto. In questo modo si ottiene un pulsante co- mandato dalVarrivo della chi mata telefonica. Con questo si stema non vi @ il pericolo false chiamate in quanto il mar- telletto si posiziona normalmen- te fra i due campanelli oppure sempre su uno dei due: in que- sto caso basta effettuare tutta Voperazione rispetto al campa- nello su cui non sta a riposo il marielletto. Peril montaggio dell’apparec- chiatura & bene attenersi alle in- dicazioni riportate nella sequen- za di disegni, Naturalmente le disposizioni delle parti non so- no vincolanti e -possono dungue essere assoggettate alle proprie necessita, Naturalmente ferme restando tutte le connessioni elettriche fra le varie parti Dalle foto potete riscontrare che anche il nostro progetto ha seguito delle evoluzioni, Come appare infatti nelle immagini Ia basetta che ospita tutti i compo- nenti & una unica piastra dalle dimensioni_piuttosto consistenti mentre nei disegni vi proponia mo la realizzazione di due baset- te, una per ogni timer dalle di- mensioni notevolmente pid ri dotte e certamente pitt facili da sistemare nel contenitore scelto per l'occasione: nel nostro caso la scelta & caduta su di una sca- tola in legno. Leva Nella successione dei disegni trovate le indicazioni per Ja realizzazione della parte meccanica del! allestimento della segreteria telefonica In alto a sinistra, con le quote riportate in millimetri, il disegno in planta delia camme, Per quanto concerne la parte meccanica, potendo essere diversa la natura dei pezzi utilizzati lo sperimentatore deve adeguare le moditiche alle necessita contingenti Tubicino Stativo del teleruttore Piastra di fulcro detia leva Al nucleo base dell’apparec- chio, le due basette dei timer, sono stati aggiunti a complemen: to alcuni elementi di minuteria elettrica che consentono all’ap- parecchio una maggiore versati- ia, Queste cose in pid sono le varie spie di funzionamento, le diverse prese ed un commuta- tore a due vie due posizioni che serve per togliere tensione alla segreteria e fornirla esclusiva mente al registratore su cui sono \ Parte mobile stati incisi i messaggi, Questo serve per poter ascoltare i mes- saggi registrati senza dover di- saccoppiare il registratore dal- la strutura della segreteria. Messa a punto Le operazioni di taratura del dispositivo non richiedono mol to tempo e nemmeno presentano particolari difficolta. 7 Come prima cosa si deve re- golare il timer da 1 minuto di modo che si determini un inter- vella di tempo pari ad un mi- nuto pit cinque o dieci secondi. Cid si pud fare regolando il po- tenziometro da 22 Kohm fino a trovare sperimentalmente il pun- to esatto che consente di ottene- re Pintervallo di tempo opera- tivo necessario. Con Ia regolazione del poten- ziometro la sistemazione dei tem- pi @ completata e rimane dun- 78 que da preparare il nastro che comunica Dassenza dell'atente con il tradizionale messaggio delle segreterie telefoniche. Per Vincisione del nastro con i tempi corretti si dovra colle- gare la spina del registratore nella presa destinata al ripro- duttore, quindi cortocircuitare con un ponticello di filo sullo zoccolino (temporaneamente tol- to) i contati del relais che ali- mentano i] motorino, Altro corto circuito provvisorio deve esser effettuato ai contatti del micro- switch di fine corsa del mo- torino. In questo modo, ogni 45 se- condi circa, il registratore si troverd per un intervallo di 15 secondi in condizione di rej strare: ovvero in quello spazio di tempo si potra incidere: « questa @ una segreteria telefo- nica, Pabbonato da voi richie- sto & assente, siete pregati di la- sciare un breve messaggio, gra- zie». A voi il microfono. distribuiamo prodotti per lelettronica delle feavi ae seguenti citte: FRANCHI MULLARD -contenitori GANZERLI sistema Gi- spray speciali per l’elettronica della ditta KF france- Cryer ret se - guide estrattori per rack - zoccoliper integrati - Pentel collettori per schede -contraves binar! - bit switches- er RADIO TV cavita per allarme CL 8960 della ditta MULL ARD - Ps transistor - integrati logici e lineari - diodi - led - di tori - casse acustiche - resistenze - condensator PT Te rd frapanini e punte per circuiti stampati - kit per la rea- 20131 MILANO lizzazione di circuiti stampati transistor e integrati iC RE Tg MOTOROLA D S INDUSTRA Wil bi kit ELETTRONICA salita F.lli Maruca - 88046 LAMEZIA TERME - tel. (0968) 23580 SCATOLE DI MONTAGGIO ELETTRONICHE KIT N. 80 - SEGRETERIA TELEFONICA Questo KIT risulta utlissimo sia in campo commerciale che in quello privato in quanto indispensabile qualora si voglia utiizzare il proprio telefono, pur essendo assent Una segreteria telefonica elettronica totalmente automatica, che dato il suo basso costo Complicato ed assolutamente non alla portata di tutt, @ diventato ora uno degllartioo plu interessant ed util che s! posta tro" vare nel campo elettronico sia per l suo basso costo © por la semplicita di costruzione. CARATTERISTICHE TECNICHE © Alimentazione 12-15 Vee @ Assorbimento riposo 2 mA @ Assorbimento max 100 mA @ Tempo di awviso preregolabile tramite nota acustica © Tempo di registrazione regolabile @Tompo di durata del messaggio programmato re- golabile Siatrasione : i = L. 33.000 DITTA BENEDETTO RUSSO VIA CAMPOLO 46 - TEL. 091/567254 90145 PALERMO Tre circuiti integrati ¢ pochi altri transistor per costruire un amplificatore stereofonico da 20 watt per canale. Una proposta in scatola di montaggio della Amtron per gli appassionati ro dell’alta fedelta. Pre od | We Oo Stereofonia in kit resentiamo con questo kit Velemento di potenza della catena ad alta fedelta progettata dalla Amuron per la formazione di impianti stereofonici di media potenza ma di clevatissime pre- stazioni acustiche. A questo am- plificatore & possibile collegare tutti gli elementi d'ingresso tra- dizionali_ come giradischi, ma gnetofono, _radiosintonizzatore nonché i giradischi dotati di pick-up mag IL largo uso di circuiti inte- geati garantisce Je massime pre- stazioni mantenendo semplice la costruzione ed annullando Ta necesita di messa a punto. Co- struzione robusta e¢ presentazio- ne elegante completano le qua- lita di questo apparecchio. Ti complesso, contenuto in ele- gante mobile metallico atto a far parte della Tinea Amtron di al 80 ta fedelta, permetie un gran nu- mero di applicazioni. [ingresso a preamplificazione separata per testing: grammafoniche magneti che risolve un problema molto attuale, in quanto Voptimum di riproduzione si attiene con que- sto sistema, ma, dato il basso segnale del trasduttore, & impos: bile applicarlo ad un amplifi catore convenzionafe. Una com- plessa rete di adattamento © di equilizzazione provvede ad adat tare Uamplificatore a tutti i tra. sduttori mormalmente in uso. Oltre al gia nominaio ingresso stereo, sono previsti ingressi di stinti per testine piezoelettriche ceramiche ed a cristallo, regi- stratore 4 nastro o riproduttore di cassette, sintonizzatore radio ece. Tutt? questi elementi pos- simanere _cosfantemente alVamplificatore UK collegati 186, ¢ possono venire seleziona- ti dai commutatori a tastiera di- sposti sul frontale. Questa di- sposizione risulta particolarmen- te utile quando si desideri cot mutare a volonti le diverse en- trate in base ad un programma prestabilito o estemporaneo Una novita & costituita dalla presenza di un filtro inseribile a volonta per il taglio delle fre- quenze alte costituiscono il fruscio © gli altri rumori in- desiderati, specialmente nelle ascolto delle stazioni radiofoni che a modulazione di frequenza stereo Un altro inter che sante disposi tive & segnalatore luminoso di sovracearico, Infatti quando entra in funzione I'indicatore luminoso vuol dire che il segne- le in uscita raggiunge la massi ma potenza ¢ presenta una di- storsione superiore a quella pre- scritta, quindi occorre solamente diminuire il livello del segnale di pilotaggio per tornare alle condizioni ottime di funziona- mento. Per ridurre ulteriormente la presenza di disturbi @ previsto anche un serrafilo di massa da connettere alla carcassa del mo- tore del giradischi che fosse provvisto di tale collegamento. Un altro controllo inseribile a volonti mediante pulsante (LOUDNESS) consente un’esal- tazione dei toni bassi quando si & costretti ad un ascolto con volume particolarmente basso. L’efficacia di questo dispositivo diminuisce mano a mano che si aumenta la regolazione del volume, Schema elettrico Una particolare _importanza assume la sezione di ingresso in CARATTERISTICHE TECNICHE 20-25.000 Hz 20 W per canale (4 ) 18 W per canale (4.9) 2,5 mV Z=47 KO posta di frequenza Potenza massima Potenza con distorsione = 1% Sensibilita ing. magnetico Sen: g- piezo 100 mV Z=160 KO Sensibilita ing. ausiliare 250 mV Z=300 KO Sensibilita ing. tape 250 mV Z=300 KO Livello uscita tape 10 mV Z=68 KO. Presa cuffia 8.0 (con eselusione altoparlanti) Impedenza di uscita 4280 Regolazione toni bassi a 50 Hz +15 dB Regolazione toni alti a 10 KHz +15 dB Filtro acuti (a 7 KHz) —5 dB Controllo LOUDNESS (rif. ad 1 KHz) a 50 Hz+6 dB a 10KHz+1 dB guanto da un corretto trattamen- 10 del segnale ai suoi livelli pit bassi dipende la possibilita di ottenere il mij ultato fi nale, La rete d’ingresso prevede Vutilizzazione di ben quattro di- verse possibiliti. In diverse pre- se con dispositivi di adattamen- to individuale si possono utiliz~ zare segnali provenienti da te- stine grammofoniche magneti- che, piezoelettriche ceramiche © cristallo, riproduttori a nastro 0 musicassette, pitt una presa au- siliaria_prevista principalmente per la connessione di un radio- sintonizzatore F.M. (es. UK541). La presa per pick-up magne- tico manda il segnale, ad un doppio amplificatore operaziona- Je integrato IC1 che preampli- fica ambedue i canali con alto guadagno e basso rumore. Una rete di controreazione formata da R13, R11-C7, R9-C5 ¢ cor rispondenti per Valtro canale, consente, con la sua opportuna risposta in frequenza, l’equaliz- ai zazione del segnale, per liberarlo dalle distorsioni volutamente in- trodotte in sede di incisione ¢ per limitare gli effetti di fruscio. II segnale proveniente da IC1, che si sviluppa ai capi delle re- sistenze R17, R18, & applicato all'ingresso dei successivi stadi. Tramite il commutatore a tastie- ra anche gli altri ingressi, cia- scuno provvisto della propria rete di equalizzazione, vengono applicati allo stadio ‘preampli- ficatore comune. I piedini 1 ¢ 4 della presa TAPE, prelevano il segnale dal primo stadio di preamplificazione _utilizzandolo per la registrazione diretta su nastro. D’ora in poi esamineremo so- lo il circuito del canale sinistro, essendo V’altro Ja sua copia esat- ta. Il segnale subisce una prima amplificazione in Trl e quindi passa attraverso un doppio filtro regolabile, che provvede ad una attenuazione variabile dei toni acuti e dei toni gravi. La dispo- Schema elettrico generale dell’ampliticatore stercofonico. sizione del filtro in un circuit di retroazione ne esalta Veffica- cia per Vintervento dell’amplifi- cazione di Tr3 (filtro attivo). Per i toni basi intervengono R29-C15-R30- Pi, e per i toni alti C17 - P2- C18 Tra l'uscita degli stadi pream- plificatori e lo stadio finale ab- biamo il filtro inseribile a pia- cere formato da C31 e dalle re- sistenze R45 ¢ P3 per il taglio dei toni acuti quando questo si renda necessario per eliminare, | Per il materiale La scatola di montaggio or- ganizzata dalla Amtron com- prende tutto il materiale elet- tronico necessario allallesti- mento dell’apparecchio cost come appare nelle foto. L’ap- parecchio, fornito di conteni- tore, @ reperibile presso tutte le sedi GBC,