Sei sulla pagina 1di 128

REGIONE

AUTONOMA
DELLA SARDEGNA

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE


ALIMENTARI E FORESTALI

Schede tecniche di apicultura


Reg. CE n. 1234/2007 annualit 2010/2011
Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della
commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Laore Sardegna - Agenzia regionale per lo sviluppo in agricoltura


Dipartimento per le produzioni zootecniche - via Caprera n. 8, Cagliari
www.sardegnaagricoltura.it

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

Schede tecniche di apicultura


A cura di Marco Piu
Marco Piu - testi, foto e coordinamento generale
Antonio Cossu - fotografie, grafica e prestampa, testi
Massimo Licini - fotografie e testi
Gavino Carta - fotografie
Collaboratori: Sebastiano Muzzu, Rita Murgia, Andrea Carcangiu
Ha collaborato gratuitamente per limpaginazione: Francesca Menozzi
Laore Sardegna - Servizio Produzioni Zootecniche
Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011
Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

Introduzione
Questo manuale, strutturato secondo la tipologia delle schede mobili illustrate, stato concepito nell'intento di fornire agli apicultori un agile strumento tecnico di consultazione.
Ciascuna scheda, frutto dell'esperienza dei tecnici apistici dell'Agenzia LAORE Sardegna, cerca di analizzare, in modo monografico, ma sintetico, aspetti specifici e singole operazioni che gli apicultori svolgono
comunemente nei propri apiari, descrivendone le pi appropriate modalit di esecuzione.
Realizzato dalla stessa agenzia in attuazione dei differenti Programmi Apistici Regionali che, in applicazione
del Reg. CE n 797/2004 - Azioni dirette a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dell'apicoltura, si sono succeduti a partire dal 2007, viene ora aggiornato ed integrato.
Alle schede si accompagna un glossario, ove vengono riportati i necessari approfondimenti per tutti coloro che ritengono non sufficienti le informazioni riportate nelle singole schede.
Un'ultima precisazione: si preferito avvalersi, del termine di apicultura, anche se oramai desueto, con l'intenzione di evidenziare come l'allevamento delle api sia un arte (antica) e non una comune pratica agronomica.

Schede tecniche di apicultura

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

Indice
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Introduzione
Indice
Larnia
Montaggio dei fogli cerei
L'apiario - la scelta della postazione
L'apiario - la disposizione degli alveari
Le caste e la colonia - gli stadi preimaginali
Le caste e la colonia colonia - gli stadi imaginali
I segnali dell'alveare - losservazione del nido e della colonia
I segnali dell'alveare - l'osservazione esterna dell'alveare
Laffumicatore - il caricamento ed il suo corretto utilizzo
Lalimentazione delle api - la nutrizione zuccherina
Il controllo dellalveare - linvernamento e lo sviluppo invernale
Il controllo dellalveare - laggiunta dei fogli cerei
Il rinforzo dellalveare - il trasferimento di favi e di api adulte
Laggiunta dei melari
La sciamatura - le cause predisponenti
La sciamatura - la prevenzione
La sciamatura - la divisione
La sciamatura - linarniamento dello sciame
La sciamatura - il contesto della colonia sciamata
La sciamatura - la manipolazione della famiglia di origine
La sciamatura - la sostituzione precoce della regina (tecnica del nucleo)
La sciamatura artificiale - la produzione sciami col metodo classico
La sciamatura artificiale - la produzione di sciami da doppio melario
I pacchi d'api - le tecniche di produzione
I pacchi d'api - le tecniche di utilizzo
La produzione di regine - il metodo semi intensivo
La produzione di regine - il metodo intensivo e lallestimento dello starter
La produzione di regine - la preparazione e luso dei cupolini
La produzione di regine - la preparazione al traslarvo e linnesto dei cupolini
La produzione di regine - la preparazione al traslarvo - i favi e il laboratorio

31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
62

La produzione di regine - il traslarvo


La produzione di regine - dal traslarvo alla cella reale matura
La produzione di regine - la fecondazione e le stazioni di feconda
zione.
La produzione di regine - i nuclei di fecondazione - i baby nuclei
La produzione di regine - i nuclei di fecondazione - prendisciame e
simili
La nosemiasi - diagnosi e cura
La peste americana - eziologia, sintomatologia e diffusione
La peste europea - eziologia, sintomatologia e diffusione
La varroatosi - il monitoraggio
La varroatosi - i trattamenti artigianali a base di timolo
La varroatosi - i trattamenti con lApiguard
La varroatosi - i trattamenti con lApistan
La varroatosi - i trattamenti con lacido lattico
La varroatosi - i trattamenti con lacido ossalico in soluzione
La varroatosi - i trattamenti con lacido ossalico sublimato
Il blocco di covata - limpiego delle gabbiette comuni e cinesi
Il blocco di covata - limpiego delle gabbiette Var control e Scalvini
La varroa destructor - ciclo ed efficacia dei trattamenti
La senotainia tricuspis
La tarma della cera - Galleria melonellla e Achroia grisella
La cura della colonia - il trattamento dellorfanit
La sostituzione della regina - linserimento con la tecnica della
gabbietta
La sostituzione della regina - linserimento con la tecnica del
nucleo
La marcatura della regina
Letichettatura dei prodotti dellalveare
Glossario
Bibliografia

Schede tecniche di apicultura

Larnia
Fra api e allevatore si instaurata, sin da tempo remoto, una sorta di simbiosi: l'uomo sottrae alla
colonia parte del suo raccolto ed in cambio le fornisce cure, preoccupandosi del suo benessere e
fornendo alle api una "dimora" adeguata.
Le arnie, attualmente in uso, si distinguono profondamente da quelle impiegate nel passato.
Queste ultime, non rispondendo a canoni di razionalit, vengono oggi chiamate arnie villiche o
bugni, al fine di distinguerle da quelle di pi recente impiego: le arnie razionali.
Storicamente possiamo distinguere due tipi di arnie villiche:
- a tronco cavo verticale (fra le quali possibile annoverare il classico bugno sardo di sughero);
- a tronco cavo orizzontale (com'era, ed ancora , l'arnia villica siciliana, realizzata con stecche di
ferula).
Tutte le arnie rustiche, pur trasportabili secondo diversi accorgimenti, sono comunque caratterizzate dall'immobilit dei favi.
Questa caratteristica il motivo per il quale operazioni oggi assai semplici, (come, ad esempio, l'estrazione del miele), nel passato comportavano l'apicidio, cio la distruzione della famiglia d'api.
L'introduzione nel nostro Paese della Varroa destructor e l'impossibilit di un controllo approfondito dei favi (e quindi dello stato sanitario della colonia) sono state per le ragioni fondamentali che
hanno portato alla pressoch totale scomparsa delle arnie villiche.
L'arnia razionale utilizzata oggi, pur nelle differenti tipologie, deriva dal modello creato in America
nel 1851 dal reverendo Lorenzo Lorraine Langstroth.
Questo modello, successivamente modificato nel 1859 prima da Charles Dadant e quindi da Blatt,
si diffuse in America a partire del 1861.
Nel nostro Paese, dal modello "Dadant-Blatt", nel 1932 venne standardizzata l'arnia italiana, l'arnia
Italica-Carlini, tuttora utilizzata. Inizialmente il nido, a pianta quadrata, conteneva 12 favi che potevano essere disposti sia longitudinalmente all'ingresso (a favo freddo), sia trasversalmente (a favo
caldo).
L'arnia da nomadismo a dieci telaini, ovviamente solo a favo freddo, attualmente la sola impiegata nella moderna apicultura.

Nel bugno di sughero, al pari di


tutte le altre tipologie di arnie villiche, la
famiglia costruisce naturalmente i propri
favi, saldandoli sia al tetto che alle pareti.
Tali favi, che contengono miele, covata
o polline, possono essere estratti solo
staccandoli dalle pareti del bugno, con
l'impossibilit, per, di riposizionarli. Per
questo motivo, nelle arnie villiche
impossibile effettuare anche le pi
banali operazioni apistiche quali per
esempio il controllo sanitario.

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

L'arnia razionale, al contrario


di quella villica, permette trasferimenti
pi facili (alla ricerca di fonti nettarifere
abbondanti), il controllo completo dello
stato della famiglia e, soprattutto, di
adeguare gli spazi interni alle reali
esigenze della colonia. Infatti, nelle arnie
razionali possibile aggiungere o
sottrarre favi in base alla forza della
colonia e quindi al numero di api che la
compongono.

Nelle arnie razionali i favi sono


costruiti dalle api all'interno di particolari
"cornici mobili" comunemente chiamate
"telai" o "telaini". Questi possono essere
facilmente estratti dall'arnia, rendendo
cos possibile, da parte dell'apicultore il
controllo dei favi in essi contenuti.

Per fare in modo che le api


costruiscano i loro favi esattamente
all'interno dei telai, l'apicultore provvede a
saldarvi un foglio cereo che reca stampate
le impronte delle cellette. Le api
provvedono a completare la costruzione
dei favi, edificando, su entrambi i lati del
foglio cereo, le loro cellette. In questo
modo anche possibile far costruire alle
api celle con dimensioni adatte ad
accogliere la sola covata femminile.

Larnia

Schede tecniche di apicultura

Particolare importanza assume


la distanza che vi deve essere fra telaio
e telaio (e quindi tra i favi) e fra l'ultimo
telaio e la parete dell'arnia. Occorre
considerare che le api edificano i loro
favi, facendo in modo tale da lasciare
passaggi delle dimensioni di 7-9
millimetri. In presenza di dimensioni
inferiori, esse tendono ad isolare o
chiudere questi spazi con ponti di cera
o con propoli. Pertanto occorre garantire la distanza di circa 14-18 millimetri
fra i favi e di 7-9 millimetri.fra favo e
parete dell'arnia.

Per meglio garantire la corretta


distanza tra i telai possibile fissare
nell'arnia degli appositi distanziatori di
lamierino zincato. I distanziatori per il
nido consentono di accogliere 10 telai,
mentre quelli specifici per il melario
sono realizzati per un numero inferiore
di favi, generalmente 8 o 9. Questo per
fare in modo che i favi da melario
possano risultare pi profondi e, quindi,
pi facilmente disopercolabili in fase di
smielatura.

La camera inferiore dell'arnia


deputata ad accogliere favi di covata
ed pertanto comunemente chiamata
nido. Le sue dimensioni in lunghezza
(antero - posteriori) sono fisse essendo
legate alla lunghezza dei telai.
Al contrario, la larghezza funzione del
numero di telai da nido che deve
accogliere. L arnia pi diffusa quella
impiegabile anche per il nomadismo:
essa contiene 10 telaini, ed larga 385
millimetri.

Il melario il corpo che si sovrappone


al nido. Ospita i favi deputati alla raccolta
del miele; tali favi non dovrebbero mai essere
interessati dalla ovideposizione della regina.
Affinch i favi non cedano sotto il peso del
miele maturo, i telai da melario hanno
un'altezza di poco superiore alla met dei
telai da nido. Pur stabilita da una
convenzione internazionale, tale altezza
piuttosto variabile. Occorre pertanto verificare
la compatibilit delle dimensioni tra melario e
telai qualora si acquistino da differenti case
costruttrici.(Vedi glossario alla voce melario.)

Le arnie di ultima generazione,


dispongono di un fondo in rete metallica
che, fornendo comunque un supporto
alle api, permette il passaggio delle varroe,
cadute accidentalmente o a seguito di
trattamenti terapici. Nel caso, queste
ultime possono essere raccolte e contate
mediante l'uso di specifici vassoi, da
posizionare al di sotto della rete stessa.
Il fondo in rete offre inoltre il vantaggio di
una migliore aerazione dell'arnia.

10

La soffitta, detta anche coprifavo,


chiude superiormente l'arnia. In essa
pu essere realizzato un foro circolare,
utile per liserimento del nutritore a
tazza. Questo foro viene generalmente
chiuso da un apposito "disco a quattro
posizioni": tutta apertura, tutta chiusura,
aerazione, escludiregina. L'arnia
chiusa dal tetto, realizzato in legno e
generalmente rivestito di lamierino
zincato.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Montaggio dei fogli cerei

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

L'inserimento dei fogli cerei nei telaini una delle operazione alle quali, spesso, i principianti dedicano meno attenzione. Occorre invece considerare che un foglio cereo non fissato correttamente d
origine a favi mal costruiti e fragili, inidonei ad accogliere sia il polline ed il miele, sia la covata.

Per l'inserimento del foglio cereo


nel telaio si utilizza del fil di ferro, stagnato o di acciaio inox, del diametro di circa
0,5 millimetri. Qualora si utilizzi l'armatura
di tipo verticale a 6 fili, per un telaino da
nido occorrono circa 3 grammi di filo,
mentre per un telaino da melario ne
occorrono circa 2,2. Considerando
l'impiego di rocchetti da 1 chilo, ciascun
rocchetto sufficiente per armare
rispettivamente 330 telaini da nido o 450
da melario (vedi glossario).

Esistono altri tipi di armature:


a fili orizzontali, a fili obliqui o di tipo misto.
Per larmatura a fili orizzontali, occorre
disporre di telaini scanalati superiormente,
in modo da potervi inserire il bordo lungo
superiore del foglio cereo. Questo evita
che, una volta inserito nell'alveare, il foglio
cereo possa ripiegarsi a libro per tutta la
sua lunghezza, andando ad appoggiarsi
ad uno dei due favi limitrofi. In questo caso
le api salderebbero la nuova costruzione al
favo, rendendone impossibile l'estrazione.

I fogli cerei sono di due tipi.


Il foglio cereo laminato, ottenuto imprimendo a freddo le impronte delle cellette
su una lamina di cera, si manipola facilmente, ma non molto gradito alle api.
Al contrario, il foglio cereo fuso assai
fragile, ma, in virt della sua elevata porosit, viene lavorato facilmente. Operando
a temperature inferiori ai 18C, raccomandabile scaldare la confezione dei fogli
fusi prima del loro uso. Ci favorisce la
loro manipolazione.

L'armatura di tipo misto indicata


ove si debbano smelare spesso i favi da
nido. L'inserimento dei fogli cerei con
l'uso del trasformatore, costituisce per
un problema. Infatti il numero notevole di
ponti elettrici che si possono venire a
creare, rende spesso necessario inserire
singolarmente piccoli tratti di filo. Occorre
comunque considerare che i telai preforati, normalmente reperibili in commercio,
sono predisposti per l'armatura a 6 fili in
verticale.

L'armatura comunemente utilizzata


per il fissaggio del foglio cereo nel telaio
quella a 6 fili verticali. La distanza fra
ciascuno dei 2 fili esterni e la faccia interna del montante del telai non deve superare i 25 millimetri. I 4 fili interni devono essere posti alla stessa distanza: 63-66
millimetri. Tale misura si ricava dividendo
per 5 la distanza compresa fra i due fili
estremi. Per il corretto inserimento del
foglio cereo, i fili devono trovarsi sullo
stesso piano.

Una volta steso il filo, il capo libero


viene fissato al telaio con tre o quatto
giri attorno a un chiodino, preferibilmente a testa larga. Fatto questo, il filo viene
tirato (non eccessivamente) in modo
uniforme, affinch sia bene steso. Infine,
prima di tagliarlo, viene assicurato
all'altra estremit con un secondo
chiodino.

Montaggio dei fogli cerei

Schede tecniche di apicultura

Prima di inserire il foglio cereo,


si ondula leggermente il filo utilizzando lo
zigrinatore. Si accostano sul filo le due
testine dentate e, operando una leggera
pressione, si scorre lo zigrinatore lungo
tutto il filo. L'ondulazione ottenuta
determina una maggiore tensione del filo
e una maggiore superficie di contatto con
la cera, consolidando la tenuta del foglio.
Si limitano cos i rischi di cedimento dei favi
sopratutto quando questi sono molto
carichi di miele.

10

Per fissare il foglio cereo,


il filo viene riscaldato mediante luso di
trasformatori elettrici da 12 o 24 V. Il
passaggio della corrente provoca il
lento riscaldamento, del filo inglobandolo nel foglio in pochi secondi. Cessato il
flusso di corrente, la cera solidifica e si
salda perfettamente al filo. Luso di una
batteria dauto assolutamente
sconsigliato poich lelevato amperaggio provoca un rapido ed eccessivo
riscaldamento del filo impedendone
una omogenea penetrazione nel foglio.

Per l'inserimento del foglio, il telaino


viene poggiato su un apposito piano che
permette di verificare che non sia svirgolato e che i suoi lati siano a 90. Qualora il
telaino sia svirgolato, i favi costruiti si
troveranno molto pi vicini ai favi attigui,
con il rischio che le api li saldino o non ne
completino la costruzione. Lo stesso
avviene se i lati del telaino si trovano a
meno di 7 millimetri dalla parete dell'arnia.
In questo caso succede facilmente che le
api propolizzino il passaggio, rendendo
complicata l'estrazione del telaio stesso.

11

Per un risultato ottimale


preferibile fissare uno spinotto elettrico al
telaino, tenendo l'altro in mano. Avere
una mano libera permette all'operatore
di fare pressione sulle parti del foglio
cereo che non risultano perfettamente
appoggiate sul filo. Questo consente un
perfetto fissaggio del filo al foglio.
A lavoro finito, il filo deve risultare
annegato nella cera, per tutta la sua
lunghezza.

Il foglio viene adagiato sui fili,


facendo attenzione che sia perfettamente
centrato. preferibile che la distanza fra il
foglio e il lato interno del telaino sia inferiore ai 5 millimetri. In questo modo le api
saldano il favo ai lati del telaio, conferendogli maggiore solidit. Ci evita anche
che, in fase di sciamatura, le api possano
costruire celle reali sui lati del favo. Per
evitare la costruzione di celle reali nelle
parte sottostante del favo, taluni apicultori
accostano il foglio alla traversa inferiore.

12

Se non si opera correttamente,


spesso le operaie operaie "rosicchiano" la
cera intorno al filo.rendendo inutile la
costruzione del favo.
Qualora ne venga comunque
completata la costruzione, nelle cellette
ove il filo fuoriesce dal fondo.
la regina evita di deporre.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Lapiario

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

la scelta della postazione


noto che le bottinatrici possono compiere voli anche molto lunghi, fino a raggiungere la distanza di 3 chilometri. per chiaro che un tragitto di tale lunghezza, per una raccolta di pochi milligrammi di nettare, avrebbe un bilancio energetico scarsamente positivo. Al contrario, potendo disporre di una fonte alimentare pi vicina, per l'ape sarebbe possibile, nella stessa unit di tempo,
compiere pi voli, arrivando a raccogliere pi nettare con lo stesso dispendio di energia. Per questo motivo, l'analisi floristica del territorio ove impiantare un apiario di vitale importanza, soprattutto nel caso di aziende stanziali. In questo caso occorre che le fioriture siano abbondanti e ben
distribuite in tutte le stagioni dell'anno. Lo stesso avviene per la raccolta dell'acqua e del propoli
(vedi glossario). La prima indispensabile per diluire il miele e liquefare quello cristallizzato, per
regolare la temperatura dell'alveare e per l'allevamento della covata; il secondo per chiudere le
aperture dell'alveare in funzione delle esigenze di termoregolazione, per la disinfezione delle cellette e per imbalsamare gli animali che, uccisi dalle api all'interno dell'alveare, non possono essere
allontanati.
Nella scelta della localizzazione dell'apiario, necessario valutare la presenza e la distanza di altri
apiari presenti nella stessa zona. Devono essere considerati sia quelli stanziali, sia quelli nomadi.
Questi ultimi, anche se solo per brevi periodi all'anno, possono comunque interferire in modo
negativo sulla produzione.
Nel caso di zone con forti declivi, buona norma posizionare gli alveari verso i fondi valle, in modo
tale che l'ape possa compiere i viaggi di ritorno (a pieno carico) in discesa. In queste situazioni
occorre per valutare possibili fenomeni di inversione termica notturna, fenomeni che possono
dare origine a gelate. Indipendentemente dalle situazioni orografiche generali, si deve valutare
attentamente il microclima della zona scelta. sempre bene evitare situazioni ove siano frequenti
le inversioni termiche notturne e le zone dove spesso si ha la formazione di nebbie.
Considerata la propensione delle api a bottinare sostanze zuccherine, necessario evitare di dislocare gli apiari nelle vicinanze di industrie o laboratori artigianali che lavorino queste sostanze
(zuccherifici, torronifici, cantine vinicole, ecc.). Devono essere sempre rispettate le disposizioni legislative vigenti (vedi glossario), sia generali che locali: leggi regionali, ordinanze, ecc.
Infine, sebbene la ricerca non abbia ancora fornito risultati concordi circa l'azione che i campi elettromagnetici possono avere nei confronti delle api, sia per quanto attiene il loro orientamento che
la loro vitalit, appare opportuno evitare di posizionare gli alveari in prossimit di elettrodotti e grossi impianti di telecomunicazione.

Sul frontalino possibile aggiungere


dei segni (anch'essi trascritti con colori
vivaci) in modo da offrire un altro segno
di orientamento alle bottinatrici. Nelle
stazioni di fecondazione le arnie
vengono pitturate anche con pi colori
e con pi segni, per evitare che le
regine possano rientrare in un altro
alveare. In questo caso, infatti,
verrebbero subito soppresse.

Le arnie devono essere rialzate da


terra di circa 20 centimetri. Il passaggio dell'
aria evita il ristagno dell'umidit ed il conseguente precoce degrado del fondo in
legno. Come basamenti possono essere
usati sia dei pali prefabbricati di cemento
armato, sia leggere putrelle di ferro poggiate su blocchetti. La distanza tra di esse non
deve superare i 35-40 centimetri, al fine di
ben supportare le arnie. importante che
le arnie siano a livello, poich la diffusione
del fondo in rete permette lallontanamento
dellumidit in eccesso.

Le arnie devono essere colorate


in modo da rendere l'apiario il pi
vivace possibile. Questo fa s che sia la
regina (al rientro dal volo di fecondazione), sia le bottinatrici possano ritrovare
facilmente il proprio alveare, senza
possibilit di errore, limitando al
massimo la deriva (vedi glossario).
I colori devono essere quelli riconosciuti
dalle api: il bianco, il giallo, il verde e
lazzurro in tutte le loro tonalit. Le api,
invece, non distinguono il rosso.

Occorre evitare le zone ventose.


Sia perch sufficiente un vento con
velocit oraria di 25-30 chilometri per
dimezzare l'attivit di un alveare, sia per i
problemi legati alla sua azione distruttiva.
In caso di vento eccessivo, gli apicultori
sono obbligati ad assicurare le arnie al
terreno con mezzi che spesso ne
ostacolano il loro controllo. Occorre
infine considerare l'azione negativa che
il vento ha sulla secrezione nettarifera
delle differenti specie vegetali.

Schede tecniche di apicultura

Lapiario - la scelta della postazione

La presenza di alberi non indicata.


Infatti le colonie allevate all'ombra, soprattutto durante la stagione invernale, stentano: hanno maggiori problemi di termoregolazione e l'ombra inibisce il volo delle bottinatrici. Anche il lavoro dell'apicultore viene ostacolato: pi difficile osservare le
api e distinguere la covata. Per ci bene evitare le
aree intensamente boscate. Occorre anche considerare il fastidio che spesso possono procurare le
basse alberature.

Occorre evitare le aree umide.


Un livello elevato di umidit non permette
alle api di mantenere una buona temperatura all'interno dell'arnia. Inoltre, l'umidit
favorisce lo sviluppo di muffe e di patologie
ad essa legate: la covata calcificata e pietrificata (vedi glossario: micosi). Si devono pertanto evitare zone con ristagni idrici o vicine
a corsi d'acqua. Questo valutando anche
l'eventualit di possibili alluvioni.

Gli alveari devono essere esposti


nel quadrante compreso fra l'est ed il sud.
Questo orientamento facilita l'insolazione del
predellino di volo, favorendo il riscaldamento
della colonia e, pertanto, l'attivit delle
bottinatrici. Tanto prima la parte anteriore
delll'arnia viene raggiunta dal sole, tanto prima
le api riprendono la loro attivit.

10

L'apiario deve essere facilmente


accessibile. Le colonie devono essere visitate
tutto l'anno e con qualunque tempo. Anche
la movimentazione del materiale apistico
nonch quella dei melari (sia vuoti che pieni),
richiede che i mezzi di trasporto possano
raggiungere facilmente le postazioni.

Nel caso che le arnie siano collocate


su superfici in pendenza, indispensabile che
l'orientamento di questi declivi sia a sud.
Questa situazione favorisce il riscaldamento
della superficie terrestre, intervenendo
positivamente sul microclima degli alveari.

11

Occorre evitare le aree inquinate


e quelle ove si fa largo impiego di fitofarmaci.
Questo evita il possibile inquinamento del
miele con metalli pesanti e molecole
estranee, ma soprattutto scongiura il rischio
di mortalit delle api che, nelle aree agricole
intensive, un fatto tuttaltro che sporadico.

La dotazione di acqua in recipienti


dislocati fra gli alveari assume un'importanza
vitale, quando le api non possono disporre di
fonti naturali. Non necessario che l'acqua
sia fresca e pura, poich spesso le api
manifestano preferenza proprio per l'acqua
stagnante, pi ricca di sali minerali.

12

I rumori, ma soprattutto le vibrazioni,


infastidiscono le api che, spesso, reagiscono
in modo aggressivo. Per questo meglio
evitare zone ove vengono eseguite frequenti
lavorazioni del terreno. bene che l'apicultore, o l'operatore agricolo, ove dovesse
compiere lavorazioni meccaniche in
prossimit dell'alveare, prenda le dovute
precauzioni indossando mezzi di protezione.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Lapiario

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

la disposizione degli alveari


Con il termine di apiario o di postazione, si suole indicare l'insieme degli alveari disposti l'uno accanto all'altro. La scelta di come disporli sul campo varia in funzione di fattori assai differenti.
Innanzitutto occorre considerare se l'allevamento deve essere di tipo stanziale o se esso deve prevedere la transumanza, al fine di sfruttare un numero maggiore di fioriture. In questo caso occorre ancora valutare il livello di meccanizzazione che si intende adottare. Infatti il caricamento e lo
scaricamento degli alveari pu essere manuale o, come avviene per i grossi allevamenti la movimentazione delle colonie pu essere parzialmente o interamente meccanizzata.
Ovviamente questa seconda ipotesi tende a privilegiare la facilit di trasporto piuttosto che quella
relativa alla visita delle famiglie.
In postazioni stanziali, le scelte sono dettate in primo luogo dalla morfologia del terreno e dallo spazio disponibile.
Ove le arnie siano disposte su pi file, queste devono essere possibilmente distanziate di almeno 3
metri e mezzo o 4, in modo tale che l'operatore, intento nei controlli, non sia di ostacolo al volo
delle api che si sollevano dagli alveari situati nella fila posta immediatamente dietro evitando cos
che queste possano innervosirsi e divenire aggressive.
Anche sulla fila, ove possibile, le arnie dovrebbero mantenere una distanza tale da permettere all'operatore di posare agevolmente fra di esse i telaini estratti durante il controllo o di effettuare comodamente una divisione della colonia per far fronte ad un principio di andata a sciame. Una maggiore distanza fra le arnie offre anche altri vantaggi: limitare la deriva (vedi glossario) fra gli alveari
ed indirizzare la regina al ritorno dal suo volo di fecondazione. Infatti, mentre le api bottinatrici,
quantunque non appartenenti alla colonia, vengono comunque bene accolte, le regine, qualora,
al loro ritorno, sbaglino alveare, vengono immediatamente eliminate.
Ove le postazioni siano formate da un gran numero di alveari, indispensabile conservare (o,
eventualmente inserire) elementi del paesaggio che servano da orientamento.
Al contrario, qualora l'azienda pratichi una intensa attivit di nomadismo con un elevato grado di
meccanizzazione, gli alveari vengono posizionati uno accanto all'altro su pallet, non tenendo
conto delle difficolt operative che possono derivare da questa disposizione: ad esempio, l'aggiunta dei melari i quali, vengono a trovarsi l'uno attaccato all'altro.
In queste situazioni, la disposizione sul campo degli alveari determinata prioritariamente dalla
necessit di mobilit fra i pallet da parte dei mezzi meccanici impiegati per il carico e lo scarico degli
alveari.

In questa situazione le api


tendono ad assottigliare il favo troppo
vicino al fianco e ad ingrossare quello
sul lato opposto. Spesso avviene che,
nello spazio che si viene a creare fra il
fianco ed il favo limitrofo, le api riescano
a costruire un favo supplementare,
rendendo complicata l'estrazione del
telaino e, quindi, il controllo della
colonia.

La disposizione migliore per le api


quella che prevede il posizionamento
isolato degli alveari. Posizionandoli a
circa 2 metri l'uno dall'altro sulla fila e
distanziando le file di 3-3,5 metri, oltre
che prevenire la deriva, si permette
all'apicultore di operare agevolmente,
anche nel caso si impieghino dei mezzi
meccanici.

Le arnie devono essere sistemate


perfettamente in piano rispetto al
proprio asse trasversale. Una forte
inclinazione farebbe s che i telaini non
siano perfettamente paralleli alle pareti
dellarnia. Di conseguenza verrebbe
compromessa la giusta distanza fra i favi
laterali e le pareti dellarnia.

Lallineamento su fila unica,


ove le condizioni lo rendano possibile,
quello prevalentemente preferito. Infatti
possibile svolgere tutte le operazioni
senza interferire con il volo delle api.
Ovviamente possibile, in funzione dei
supporti disponibili, posizionare gli
alveari in gruppi da 3 a 5 unit,
distanziando opportunamente un
supporto dall'altro.

Schede tecniche di apicultura

Lapiario - la disposizione degli alveari


La configurazione a girandola
offre gli stessi vantaggi descritti per la sistemazione a quadrilatero. Tuttavia, anche in questo
caso alcuni alveari si trovano con l'uscita di
volo orientata a nord o ad ovest e, quindi, in
posizione ombreggiata. Formata da qruppi di
soli quattro alveari, limita, ancora meglio della
disposizione a quadrilatero, la deriva. Per
questo motivo questa sistemazione la pi
impiegata nelle stazioni di fecondazione.

Ove lo sviluppo in larghezza


delle parcelle non lo permetta, gli alveari
vengono disposti su pi file parallele. Questa
sistemazione non certamente ottimale, non
essendo in grado di limitare il fenomeno della
deriva. Inoltre questa disposizione richiede una
distanza fra le file non inferiore ai 3,5 metri al
fine di rendere agevole il controllo degli
alveari.

La collocazione a ranghi successivi


permette di disporre le arnie su pi file,
creando per degli spazi fra gruppi di alveari
disposti sulla stessa fila. In questa situazione
viene limitato il disturbo generato dall'apicultore sugli alveari posti immediatamente dietro.
Questi spazi possono anche essere impiegati
per il collocamento di altri alveari, nel caso di
divisioni per la prevenzione della sciamatura.

10

La disposizione su pallet (o pedane)


in linea quella pi comunemente utilizzata
dagli apicultori che praticano il nomadismo
movimentando gli alveari attraverso bracci
elevatori estensibili, montati sullo stesso
mezzo di trasporto. Il numero di alveari
funzionale alla larghezza dell'autocarro, e
posso variare da quattro a cinque.

La sistemazione a quadrilatero
permette un buon orientamento delle api, di
contrastare la deriva ed adeguati spazi operativi per l'apicultore. Per contro, alcuni alveari
soffrono un'esposizione non ottimale, trovandosi orientati a nord o ad ovest. Per questo
motivo un modello di disposizione che pu
essere impiegato in areali pianeggianti, caratterizzati da clima caldo e secco. assai adatta
per le stazioni di fecondazione.

11

Nella disposizione su pallet a girandola,


gli alveari vengano sistemati su pedane di forma quadrata. In questo caso la distribuzione in
campo pu essere ricondotta a quella omonima vista in precedenza, con la sola differenza
che, in questo caso, gli alveari sono uno ridossato all'altro. Questo, come per tutte le altre
sistemazioni su pallet, rende complicato sia il
controllo delle colonie, sia la sovrapposi-zione
dei melari.

La disposizione a semicerchio
viene impiegata molto in parcelle con buon
sviluppo in larghezza. Permette un discreto
orientamento delle colonie ed una ottimale
operativit dell'allevatore che si trova a controllare gli alveari senza interferire con il volo
delle api. Si pu optare verso questa soluzione quanto possibile orientare i semicerchi
verso sud.

12

Per la sistemazione su pallet contrapposti


vengono utilizzate pedane di forma rettangolare, sulle quali trovano spazio 4 alveari. La
dislocazione sul campo simile a quella vista
per la disposizione a girandola. Al contrario
della precedente, secondo questa disposizione, gli alveari vengono orientati non su tutti e
quattro i punti cardinali, ma secondo l'asse
est-ovest.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Le caste e la colonia

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

gli stadi preimaginali


La societ delle api composta da individui di sesso femminile, le api operaie e l'ape regina,
e di sesso maschile, i fuchi. Fra gli individui di sesso femminile, solamente l'ape regina
feconda, mentre le api operaie sono sterili.
Nella societ delle api, la determinazione del sesso avviene per partenogenesi aploide arrenotoca: uova non fecondate danno origine a fuchi; uova fecondate ad api operaie ed api
regine. Solo in casi particolari, da uova fecondate possono originarsi maschi diploidi (vedi
glossario). Le loro larve, non appena fuoriuscite dall'uovo, vengono comunque individuate
come anomale dalle api operaie e, quindi, eliminate.
Nelle schede relative alle caste, non si intende approfondire in modo specifico la composizione della colonia, ma fornire utili elementi pratici per il riconoscimento dei diversi individui
e delle loro differenti fasi di vita preimaginale e di adulto. In particolare vengono illustrati i
differenti cicli di vita e gli elementi da cui questi possono essere influenzati.
Normalmente in alveare sono presenti solamente cellette esagonali, che costituiscono i favi.
Solo eccezionalmente le api provvedono ad allevare api regine in particolari cellette, realizzate appositamente. Queste cellette, una volta sfarfallata la regina, vengono in tutto o in
parte, demolite.
Occorre saper distinguere le celle reali costruite per la sciamatura, da quelle edificate per
porre rimedio ad uno stato di orfanit.
Eliminando queste ultime infatti si destina la colonia alla estinzione certa.
opinione oramai diffusa che nelle celle reali l'uovo non venga deposto direttamente dall'ape regina (infatti, non dovendo contrarre l'addome, depositerebbe un uovo non fecondato e quindi maschile), ma venga portato dalle stesse api operaie. (vedi scheda: La sciamatura cause predisponenti). Al contrario, in condizioni di orfanit, le celle reali vengono realizzate intorno ad una larvetta con et inferiore ai 3 giorni, direttamente sulla superfice dei
favi.
Gli stadi preimaginali (o larvali) di qualunque individuo componente una famiglia di api
hanno inizio da un uovo.Non possibile distinguere un uovo femminile da uno maschile.
Alcune indicazioni possono essere assunte sulla base del tipo di celletta ove l'uovo viene
deposto.
indispensabile che lapicultore abbia unadeguata conoscenza dei diversi stadi preimaginali
e che sappia cogliere i segnali che la colonia manifesta. Sono questi elementi infatti che possono dare utili indicazioni allallevatore sullo stato di salute della colonia stessa.

L'uovo che d origine ad un


fuco, viene ordinariamente deposto in
celle esagonali di circa il 30% pi larghe
di quelle da operaia (vedi glossario:
Fogli cerei). In queste celle, la regina
pu inserire l'addome facilmente senza
doverlo contrarre al momento della
deposizione. Si evita cos l'espulsione
dalla spermateca di uno spermatozoo.
Nelle celle esagonali pi grandi, si
possono trovare quindi uova non
fecondate, dalle quali nascono fuchi.

Le uova di api regine, sono deposte


in particolari cellette che, inizialmente,
hanno la forma di una coppa rovesciata
o di una cupola: per questo motivo
vengono normalmente indicate col
termine di cupolino. Questo tipo di cella
(del diametro di 8,0 millimetri) viene
realizzato dalle operaie solamente
quando la colonia avverte lesigenza di
sciamare (vedi scheda sciamatura) e
quindi la necessit di allevare nuove api
regine.

Le uova di api operaie vengono


deposte in cellette esagonali con
apotema pari a 2,6 - 2,7 millimetri.
Tale dimensione obbliga la regina, nel
momento della deposizione, a contrarre
l'addome con la conseguente espulsione di uno spermatozoo che andr a
fecondare l'uovo. Pertanto, nelle cellette
esagonali di minori dimensioni, si
potranno trovare normalmente uova
fecondate, dalle quali nasceranno api
operaie.

A volte possibile individuare pi


uova deposte sui lati delle celle. Questo
tipo di deposizione opera di api
operaie che, in condizioni di orfanit
oramai avanzata, riacquistano la
capacit di deporre uova, ovviamente
maschili (vedi glossario: Fucaiola - ape
operaia). Non possibile distinguere la
covata di un'ape regina fucaiola (vedi
glossario) da una covata femminile
regolare.

Le caste e la colonia - gli stadi preimaginali

Schede tecniche di apicultura

Un caso particolare si verifica


qualora una giovane regina, appena
fecondata, non abbia abbondante
spazio. Essa tende a deporre pi di un
uovo per cella, ma sempre sul fondo. In
questa situazione sono le api operaie
che provvedono ad eliminare le uova in
eccesso, lasciandone solamente una per
cella.

La quinta ed ultima muta avviene


dopo l'opercolatura. In questa fase la
larva si dispone lungo l'asse maggiore
della celletta. Successivamente avviene la
trasformazione in pupa. In questa fase
possibile distinguere bene le celle di ape
operaia (&), con opercolo convesso e
poco pronunciato, da quelle di fuco (%),
con opercolo pressoch semisferico.
La comparsa di sola covata maschile
segno inequivocabile di sopravvenuta
orfanit o di presenza di unape regina
sterile e quindi fucaiola.

L'uovo appena deposto, si presenta


longitudinalmente all'asse della celletta,
come un chiodo in una parete. Appena
poche ore dopo, nelle cellette esagonali,
tende per, per effetto della gravit, ad
adagiarsi sul fondo. Nelle celle reali, al
contrario, poich l'uovo pende al pari di
un lampadario, non cambia posizione
fino alla nascita della larvetta. Questo
stadio dura circa tre giorni per entrambi i
sessi.

Nel caso di un'ape operaia,


lo sfarfallamento avviene dopo 12 giorni
dall'opercolatura della cella e perci dopo
21 giorni dalla deposizione dell'uovo. Il
ciclo del fuco dura mediamente 3 giorni in
pi.
Gli adulti fuoriescono dalle cellette dopo
averne rosicchiato completamente
l'opercolo.

Dall'uovo fuoriesce una larvetta


che, nel giro di sei giorni, compie 4 mute raggiungendo lo stadio di larva di
quinta et. Dapprima la larvetta, immersa in un cuscino di gelatina reale,
pressoch invisibile. E comunque ben
distinguibile gi poche ore dopo la
nascita, arrivando ad occupare lintera
celletta al momento dell'opercolatura.
Questo avviene mediamente dopo nove giorni dalla deposizione. Un tempo di
poco inferiore nel caso dell'ape regina,
di poco superiore nel caso del fuco.

10

La celletta ove si compie il ciclo


preimaginale di un'ape regina cresce al
crescere delle dimensioni della larva. Al
momento dell'opercolatura la cella
assume la forma di una ghianda, pi o
meno allungata. Un'ottima cella reale
deve essere dritta e ben lavorata per
lintera superficie, riportando in rilievo
gli esagoni tipici dei favi. La fase di
celletta opercolata dura, nel caso della
regina, appena 7-8 giorni. La regina,
sfarfallando, apre la celletta al pari di
una barattolo di pelati.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Le caste e la colonia

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

gli stadi imaginali


Gli adulti che compongono un alveare sono normalmente suddivisi in 3 caste: l'ape regina,
i fuchi e le api operaie. indispensabile, per l'operatore apistico, possedere una corretta ed
approfondita conoscenza dell'organizzazione della colonia nonch dei compiti di ciascuna
delle tre caste. altrettanto importante, al fine di operare in maniera rapida, ma corretta,
saper individuare i differenti stadi biologici e fisiologici dei singoli individui.
Un apicultore deve essere in grado di distinguere, ad esempio, un'ape regina vergine da una
feconda o saper catturare da un alveare, secondo le necessit, gruppi di api nutrici, ceraiole
o bottinatrici. fondamentale considerare come gli stadi fisiologici delle api appartenenti alle
differenti caste, (ad esempio, la lunghezza della loro vita), siano funzione della stagione o dei
carichi di lavoro: produttivi, nel caso delle operaie o riproduttivi, nel caso di una regina. Api
operaie pi longeve, sono in grado di garantire raccolti abbondanti. Esse, infatti, trascorrono
le loro prime tre settimane di vita in alveare e solo dopo questo periodo fuoriescono alla ricerca di cibo. Se la loro vita durasse solo sei settimane, vi sarebbe una bottinatrice per ogni ape
di casa. Se durasse nove settimane, per ogni ape di casa si potrebbero contare 2 bottinatrici.
Infine si consideri che, mentre lape regina ed il fuco hanno un unico compito, lape operaia
svolge mansioni diverse.

La regina sfarfalla 16-17 giorni


dopo la deposizione dell'uovo. Da
questo momento, passa circa una
settimana in alveare, prima di
raggiunge la maturit sessuale. La
regina vergine non occupa una
posizione precisa sui favi e, con un
addome non ancora sviluppato, in
colonie ben popolate pu essere
individuata solo dall'occhio di un
apicultore esperto.

Una volta fecondata, la regina


muta morfologicamente, mostrando un
accrescimento del proprio addome,
dovuto all'ingrossamento della spermateca (vedi glossario). Poco mobile pu
essere individuata facilmente sui favi ove
siano presenti uova appena deposte.
La sua capacit di ovideposizione non
supera i 5 anni. I ritmi di deposizione
sono assai vari dipendendo dagli
andamenti climatici e dai flussi di
nettare.

I fuchi compongono la casta


maschile. Morfologicamente assai
caratteristici, non sono sempre presenti in
alveare, considerato che la loro vita dura
dalla primavera all'autunno. Raramente, e
solo nelle regioni a clima pi mite, hanno
la possibilit di svernare. Raggiungono la
maturit sessuale circa 40 giorni dopo lo
sfarfallamento. Muoiono una volta
fecondata la regina.
Il loro stadio preimaginale dura 24 giorni.
(vedi glossario:Fuco ).

L'ape operaia fuoriesce dalla cella,


rosicchiandone con le mandibole l'opercolo, trascorsi circa 21 giorni dalla deposizione dell'uovo. Non appena sfarfallata,
ha la necessit di fare asciugare all' aria il
proprio tegumento. Durante i primi 2-3
giorni di vita, si dedica alla pulizia ed alla
disinfezione delle celle liberate dalla
covata, celle che devono essere rese
idonee ad accogliere o nuova covata o
riserve alimentari. In questa fase non in
funzione alcuna ghiandola.

La rosura degli opercoli si deposita


sul fondo dell'arnia o sui fondi antivarroa, formando caratteristiche strisce in
coincidenza degli spazi tra i favi. Il loro
numero e la loro lunghezza fornisce
informazioni sullo sviluppo della covata.
Ogni striscia formata dalla rosura
proveniente dalle facce di due favi
attigui. Ad esempio se sono presenti solo
due strisce, la covata interessa tre telaini,
estendendosi sulle due facce di un favo
e su una sola faccia dei due favi vicini.

Le caste e la colonia - gli stadi imaginali

Schede tecniche di apicultura

Dopo 3 giorni dallo sfarfallamento,


nell'ape operaia si sviluppano le ghiandole ipofaringee e mandibolari (vedi
glossario), ubicate nel capo e deputate
alla produzione della gelatina reale.
In questa fase essa ha il compito di
nutrire sia le larve appena nate, sia la
regina. Volendo disporre di api operaie
nutrici, l'allevatore deve cercare un favo
con covata di et inferiore ai tre giorni: le
api di copertura sono rappresentate per
la quasi totalit da api operaie di questo
tipo.

A 3 settimane dallo sfarfallamento,


con l'entrata in funzione della ghiandola velenifera, l'operaia acquista la
capacit di difesa ed pertanto idonea
ad abbandonare l'alveare. Diviene una
bottinatrice, in grado di andare a
procacciare per la propria colonia le
diverse sostanze alimentari (nettare,
melata e polline), l'acqua e la propoli.

Intorno al decimo giorno di vita,


le ghiandole del capo regrediscono
mentre si sviluppano le ghiandole ceripare (vedi glossario), situate nell'addome.
In questa fase l'operaia riveste la funzione
di ape costruttrice o muratrici, edicandosi
all'edificazione dei favi. Durante la
costruzione, le api si aggrappano le une
alle altre, formando complesse impalcature. Volendo disporre di operaie muratrici,
l'allevatore pu reperirle su un foglio
cereo in costruzione. Queste operaie, ove
non sia necessaria la loro opera, lavorano
alla maturazione del miele.

10

Durante la stagione fredda,


con il verificarsi del blocco della covata, la
colonia si compone esclusivamente di api
bottinatrici con il compito di far trascorrere
alla colonia la stagione fredda. In questa
situazione, alcune operaie, secondo le
necessit, riacquistano la funzionalit di
alcune ghiandole. infatti indispensabile
che nella colonia sia sempre garantita la
presenza di api capaci di alimentare la
regina e la nuova covata (le nutrici) o di
sovrintendere alla manutenzione dei favi
(le costruttrici).

La vera e propria fase di ape di volo


viene preceduta da una fase intermedia
durante la quale l'ape sosta sui predellini
dell'arnia. La funzione di ventilatrice
viene raggiunta intorno al diciottesimo
giorno di et, quando entra in funzione
la ghiandola di Nasonoff. L'ape ventilatrice si pone sul predellino di ingresso
dell'arnia e, scoprendo la ghiandola e
ventilando fortemente le ali, diffonde il
caratteristico odore della propria colonia.
Segnala cos alle compagne in volo la
giusta posizione dell'alveare.

11

Diversamente da quello che si crede,


ci che debilita l'ape operaia e, di conseguenza ne accorcia la vita, non tanto l'attivit di raccolta delle provviste,
quanto l'allevamento della covata. Le api
operaie hanno vita pi breve nella stagione produttiva, perch gli abbondanti
flussi di nettare stimolano l'ovideposizione della regina, aggravando il lavoro
delle nutrici. Una famiglia rimasta orfana
all'inizio della primavera sopravvive fino
alla stagione estiva, cos come le api
svernanti sopravvivono all' inverno,
dovendo accudire poca covata.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

I segnali dellalveare

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

losservazione del nido e della colonia


I segnali che l'alveare manda sono molteplici. Purtroppo, non sempre l'apicultore in grado di recepirli ed interpretarli.
L'osservazione della covata, ad esempio, pu fornire utili indicazioni sullo stato della colonia e sulle
sue reali capacit produttive. Non sempre, infatti, sufficiente soffermarsi solamente sulla sua estensione, poich valori come compattezza e disposizione della covata (intesa come rapporto fra la
covata aperta e quella opercolata) sono in grado di segnalare stati fisiologici o problemi genetici
dell'alveare. Come riportato nella scheda sulla prevenzione della sciamatura, qualora i favi del nido,
normalmente destinati alla covata, siano stati utilizzati per la deposizione delle provviste, significa
che la colonia potrebbe, o sta gi predisponendosi per la sciamatura.
Cos come un forte sbilanciamento fra covata aperta e chiusa, a favore di quest'ultima, rappresenta un ulteriore segnale di carenza di spazio per l'ovideposizione della regina.
Nellovideposizione, la regina segue un ordine naturale: quando questo ordine si manifesta alterato occorre capirne i motivi per intervenire in modo adeguato.

Le prime api che sfarfallano


sono quelle che hanno compiuto il
proprio ciclo nelle cellette centrali. Nel
caso la regina abbia una forte capacit di
ovideposizione, o in alveari con scarso
spazio per la covata, la deposizione
riprende non appena le operaie hanno
ripulito le cellette dai residui larvali. Questa
situazione fa s che la regina non avendo
altro spazio per deporre, si porti sui favi
ove la covata sta appena sfarfallando.

Una buona covata si presenta


compatta e regolarmente deposta. La regina inizia l'ovideposizione dal centro dei
favi, proseguendo verso l'esterno con un
andamento a spirale. Passati pochi giorni
dall'ovideposizione, il centro del favo si
presenta occupato dagli stadi preimaginali pi "anziani". Verso la periferia, si possono osservare gli stadi preimaginali pi
"giovani". Le prime opercolature e quindi i
primi sfarfallamenti si hanno nelle celle
centrali e poi in quelle periferiche.

La covata assume due configurazioni.


La prima configurazione caratterizzata
da una prima zona centrale occupata da
uova; una seconda fascia pi esterna
concentrica costituita da cellette vuote
che vengono ripulite e disinfettate dalle
api appena sfarfallate; una terza fascia
costituita da covata opercolata sfarfallante o prossima allo sfarfallamento.

Il favo occupato da covata opercolata


deve presentarsi con opercoli asciutti e
leggermente convessi. La copertura deve
essere la pi compatta possibile, sempre
considerando che una mortalit
preimaginale del tutto fisiologica. per
importante che le cellette aperte (ove
morta la larva o la pupa) si presentino
vuote e perfettamente ripulite.

Una seconda configurazione,


osservabile, trascorso circa un mese dalla
ripresa dellovideposizione. In questa fase,
caratterizzata dallincremento della forza
dellalveare, prima ancora che sfarfalli la covata, la regina ripassa sui favi deponendo le
uova nella zona esterna. Per questo motivo
possibile riscontrare al centro del favo
solamente covata opercolata, mentre la
covata aperta relegata nella fascia pi
periferica costituita da sole uova o larvette
di prima et.

I segnali dellalveare - losservazione del nido e della colonia

Schede tecniche di apicultura

Una covata poco compatta,


in assenza di stati patologici conclamati,
un sintomo inequivocabile di elevata
consanguineit (vedi glossario). In
questo caso la regina depone uova
fecondate che, pur dovendo dare
origine a operaie, al contrario generano
fuchi diploidi. Queste larvette, non
appena fuoriuscite dall'uovo, vengono
riconosciute ed eliminate dalle operaie
nutrici. Quest'azione conferisce alla
covata un aspetto lacunoso.

In una colonia che ha sciamato


si registra un periodo di assenza di covata.
Tale periodo inizia qualche giorno prima
che fuoriesca lo sciame primario e termina
con la fecondazione della nuova regina.
Questa fase ha una durata variabile,
dipendendo dalla quantit di sciami
secondari prodotti dalla colonia.
In questo lasso di tempo la famiglia importa
quantit notevoli di miele che venendo
depositato preferibilmente nel nido ne
intasa i favi.

La consanguineit viene misurata


sulla base del rapporto fra le cellette
vuote (e quindi di larve allontanate
perch di fuchi diploidi), rispetto a
quelle presenti in un'unit di superficie
nota (1 decimetro quadrato). Un valore
di tale rapporto inferiore al 5% dovuto
a mortalit naturale. Qualora il rapporto
superi il 5%, sempre in assenza di stati
patologici conclamati, la scarsa
compattezza da attribuire ad un livello
elevato di consanguineit. Essa massima quando il rapporto pari al 50%.

10

La vicina ripresa della covata


si manifesta attraverso l'attivit di
svuotamento delle celle centrali dei favi,
celle che vengono cos preparate dalle
operaie per laccoglimento della nuova
covata. Questa configurazione del favo
indica con certezza la presenza di una
regina, anche se spesso non si riesce ad
individuarla. Infatti una regina giovane ha
ancora l'addome non perfettamente
sviluppato e pertanto assai pi piccolo di
quello di una regina in attivit riproduttiva.

Una covata assai disordinata,


ove coesistono cellette con uova e
larvette di et diversa, sintomo di una
covata di api operaie fucaiole. Occorre
osservare la deposizione delle uova:
infatti il corto addome delle operaie fa s
che esse, non riuscendo a raggiungere
il fondo della celletta, rilascino l'uovo
direttamente sulle pareti. La certezza
dell'orfanit si ha al momento dell'
opercolatura delle celle che, a fuco,
presentano un opercolo pressoch
semisferico.

11

La certezza dell'avvenuta fecondazione


della regina e del suo regolare rientro in
alveare si ha solamente quando
possibile individuare nei favi la covata
"fresca": uova e, dopo tre giorni, larvette.
Infatti la regina potrebbe cadere vittima
di predatori (ragni ed uccelli insettivori)
durante il suo unico volo all'esterno
dell'alveare, lasciando la sua colonia
irrimediabilmente orfana.

24 % DI CELLE
VUOTE

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

I segnali dellalveare

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

losservazione esterna dellalveare


Al pari dell'analisi dello stato della covata (sia della sua disposizione nei favi che del suo stato di salute), l'osservazione esterna dell'alveare di vitale importanza nella pratica apistica. L'alveare, oltre che
esplorato al suo interno, deve essere prima valutato dall'apicultore dall'esterno, considerato che dal
comportamento delle operaie bottinatrici possibile desumere una notevole quantit di informazioni. Tali informazioni, se colte nella maniera corretta, mettono l'allevatore in grado di operare per
tempo ed al meglio, favorendo il benessere della colonia ed il suo corretto sviluppo in vista dell'attivit produttiva.
Ovviamente le osservazioni esterne non sono mai esaustive, ma rappresentano comunque un
importante componente nella valutazione complessiva dellattivit della famiglia. Il comportamento
delle api va comunque considerato e soppesato sulla base della forza dell'alveare. Anche per questo motivo importante che le colonie vengano invernate su almeno otto favi coperti di api e che
le schede sulle quali l'apicultore riporta i risultati delle visite siano compilate regolarmente. Solo
avendo una reale conoscenza della forza della colonia possibile valutarne il comportamento dallesterno.

Al fine di mantenere una temperatura


adeguata all'interno dell'alveare, le api,
durante il periodo invernale (ma non
solo), regolano gli scambi di aria con
l'esterno aprendo o chiudendo le
aperture con la propoli. Una corretta
gestione dovrebbe portare l'apicoltore ad
invernare le colonie con non meno di 8
favi coperti di api. In questa situazione le
colonie non chiudono mai la porticina, se
non in caso di gravi contrazioni dovute a
morie di api adulte.

Alcune patologie apistiche


sono facilmente diagnosticabili con la
semplice osservazione della zona
prospiciente l'uscita dell'arnia. In modo
particolare, quando la covata colpita
dalla covata calcificata o dalla covata
pietrificata (vedi glossario), le api
tendono a ripulire i favi allontanando le
pupe morte abbandonandole
frettolosamente sul predellino di volo
dell'arnia.

Anche la propolizzazione della rete


antivarroa pu rappresentare un chiaro
sintomo della contrazione della forza
della colonia, anche se meno
significativo rispetto alla propolizzazione
della porticina. La chiusura dei fondi in
rete delle arnie non per facilmente
verificabile, se non in occasione di
controlli pi accurati.

Ove si riscontri questa situazione


occorre procedere al controllo
dell'alveare. Spesso, infatti, le patologie
della covata calcificata o di quella
pietrificata sono legate alla scarsa
capacit della colonia di controllare la
temperatura interna e, quindi, il tasso di
umidit. In queste condizioni,
determinate da contrazioni della forza
della colonia, si sviluppano muffe che
interessano anche i favi e le riserve
polliniche in essi contenute.

Un altro sintomo della contrazione


della colonia fornito dal volo delle api.
In una colonia forte, il volo interessa tutto il
fronte dell'arnia. Anche con temperature di
poco superiori ai 10C, le poche api che
escono si distribuiscono in modo
omogeneo sullintero predellino.

Schede tecniche di apicultura

I segnali dellalveare - losservazione esterna dellalveare

Qualora si osservi che le api fuoriescono


da un unico lato, significa che la famiglia occupa
solo una piccola porzione del volume interno.
Nel caso di colonie invernate regolarmente su
almeno otto favi, occorre quanto prima verificarne la reale consistenza. Infatti assai probabile
che la colonia si sia fortemente contratta in conseguenza di stati patologici o di scarsa longevit
delle api. Spesso questo segnale accompagnato dalla parziale propolizzazione della porticina.

10

Una eccessiva presenza di api


sui predellini pu avere diversi significati in
funzione della stagione, ma soprattutto in
funzione delle modalit con la quale questa
presenza si manifesta. In primavera, losservazione di gruppi compatti di api all'esterno
dell'arnia, pu essere interpretata con
l'intenzione della colonia a sciamare. Queste
formazioni di api, per lo pi assai tranquille,
prendono comunemente il nome di "barbe".

Anche l'osservazione dei nutritori


in grado di fornire utili indicazioni, non solo
sulla consistenza della colonia, ma anche sulla
vivacit delle api e sulla loro attitudine genetica
al lavoro di bottinamento. La velocit con cui le
api consumano la soluzione zuccherina ,
infatti, strettamente correlata alla capacit
produttiva dell'alveare: alveari poco produttivi
tendono a disertare i nutritori.

11

Al contrario, la presenza di lotte


fra le api operaie, testimonia una fase di saccheggio, pi o meno grave (vedi glossario).
Qualora sottovalutato, il saccheggio pu
estendersi a pi alveari, fino ad interessare
l'intera postazione. Il risultato pu anche essere la perdita dell'intero apiario in una sola
giornata. Il saccheggio, soprattutto se latente,
si manifesta anche con la presenza abbondante di api morte in prossimit dell'arnia.

Nutritori disdegnati dalle api,


soprattutto quando la popolazione della
colonia numerosa, , spesso, anche un
chiarissimo sintomo di presenza di stati
patologici pi o meno conclamati o di stati di
orfanit. In queste situazioni bene
procedere ad un controllo accurato della
famiglia.

12

In occasione dei trattamenti antivarroa


con prodotti a base di timolo (APIGUARD ,
API LIFE VAR ) si assiste facilmente ad una
fuoriuscita delle api, spesso massiccia. Questo
disorientamento pu portare anche a violenti fenomeni di saccheggio, stimolato oltremodo proprio dall'odore del timolo. Questo
odore, forte e persistente, maschera, infatti,
quello tipico di ciascuna colonia, portando
ad un disorientamento delle stesse api.

Un'eccessiva aggressivit, manifestata


da colonie generalmente calme e tranquille,
anch'esso un indizio di uno stato patologico
pi o meno avanzato o della mancanza della
regina. Pertanto, anche in questa circostanza,
meglio effettuare quanto prima un'ispezione del nido al fine di verificare lo stato della
covata e la presenza dell'ape regina.

13

Anche l'osservazione dei fondi


antivarroa in grado di dare importanti indicazioni sulla consistenza ed il benessere della
colonia. Le api aprono le celle opercolate, rosicchiandone gli opercoli. Pertanto, la presenza di estesi residui un chiaro indicatore
della buona consistenza della famiglia. Inoltre
il tipo di opercolo (di celletta a covata o di
celletta a miele), ci permette di quantificare i
consumi delle riserve alimentari.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

L'affumicatore

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

il caricamento ed il suo corretto utilizzo


L'affumicatore uno strumento indispensabile per l'apicultore. All'apertura dell'arnia, salvo che in
rare occasioni, le api operaie tendono a riversarsi in massa all'esterno, spesso con fare aggressivo.
L'uso del fumo tende a calmarle, agendo principalmente in due modi. In presenza del fumo, le api,
ipotizzando il pericolo imminente di un incendio, si riversano sui favi per rimpinzarsi di miele, pronte ad abbandonare l'arnia, distogliendo cos la loro attenzione dall'operatore. Inoltre, con l'addome
rigonfio di miele, incontrano maggiori difficolt ad estrarre il loro pungiglione, divenendo meno
aggressive. Per questo motivo essenziale che l'operatore impari ad utilizzare l'affumicatore ed il
fumo nel migliore dei modi affinch eviti di rimanerne privo nel mezzo della visita in apiario. Si consideri ancora che l'uso del fumo deve essere rivolto principalmente al nido ed evitato nei melari,
soprattutto in presenza di favi non ancora opercolati, considerata la capacit del miele di assorbire
gli odori.Esistono in commercio differenti tipologie di affumicatore, da quello classico a mantice a
quelli motorizzati. Nella scelta bene rivolgersi ad affumicatori leggeri e con capienza adeguata,
per evitare di doverli ricaricare con eccessiva frequenza. Anche coloro che hanno pochi alveari,
dovrebbe indirizzare la loro scelta su modelli di medie o, meglio, di grandi dimensioni.

La protezione anche corredata


da un gancio che permette di appendere
l'affumicatore ai bordi dell'arnia quando si
controlla la colonia. Questo fa s che sul
nido si possa stendere un velo di fumo
che, discendendo fra i favi, tende a
mantenere calme le api.

L'affumicatore composto
da due parti fondamentali: il mantice,
che serve a spingere l'aria, e quindi
l'ossigeno, nella camera di combustione
(detta anche caldaia) e la caldaia, ove
vengono sistemate le sostanze che
devono bruciare, senza tuttavia
produrre fiamma. La caldaia porta
incernierato alla sua sommit una sorta
di cappuccio, che ne consente
l'apertura per il suo caricamento, ed un
becco, per meglio indirizzare il fumo.

Un buon affumicatore deve essere


leggero, ma robusto e, soprattutto, deve
essere dotato di un buon mantice in
grado di ben indirizzare l'aria entro la
caldaia e, quindi, fra i favi. Nel contempo, il mantice, fungendo anche da
presa, deve essere comodamente
impugnabile e facilmente comprimibile,
per evitare di affaticare l'operatore
durante l'apertura delle arnie per il
controllo delle colonie.

Nella parte inferiore della caldaia


alloggiata una piastra traforata che
permette all'aria, ricca di ossigeno, di
meglio espandersi, attraversando in
modo completo i materiali da bruciare.
L'affumicatore pu essere anche dotato
di una griglia protettiva contro le
scottature, bloccata intorno alla caldaia.
Questa, infatti, contenendo il
combustibile, tende a surriscaldarsi,
divenendo cos pericolosa.

L'affumicatore deve essere sempre


ripulito, soprattutto in prossimit del
becco superiore ove si depositano i
residui della combustione, e svuotato
dalla cenere che si deposita sul fondo
della caldaia. Per fare questo si deve
estrarre la piastra forata.

Schede tecniche di apicultura

Laffumicatore - il caricamento e il suo corretto utilizzo

Quando la piastra forata


viene riposizionata, occorre fare attenzione a
che uno dei tre piedini che la sostengono non
sia posizionato davanti al foro di ingresso della
caldaia. Questa eventualit, ostacolando
lingresso dellaria spinta dal mantice nella
caldaia stessa, impedirebbe il corretto
funzionamento dell'affumicatore.

10

L'affumicatore pu essere acceso


usando un piccolo cannello o, pi semplicemente, usando un comune accendino. Nel
primo caso si incendia il combustibile che deve essere subito infilato nella caldaia affinch
possa spengersi la fiamma. INel caso si impieghino cilindretti di cartone o di tela, la base
accesa deve essere posizionata inferiormente,
a contatto con il fondo dell'affumicatore, in
modo che la combustione proceda dal basso
verso l'alto.

I combustibili normalmente impiegati


per la produzione del fumo sono i pi svariati.
Spesso l'apicultore tende ad bruciare ci di cui
dispone pi facilmente: cartone, stracci di fibre
naturali, sterco essiccato, pezzi di corteccia o di
ferula secca, foglie secche, ecc. Esistono anche
preparazioni specifiche che vengono commercializzate con l'assicurazione di essere pi
efficaci, rispetto ai prodotti elencati, nel calmare
le api. Non tutti i combustibili si equivalgono.

11

Nel caso si utilizzi l'accendino,


occorre dapprima incendiare un pezzetto di
carta di giornale direttamente nella caldaia.
Sulla fiamma viva si fa quindi incendiare il
combustibile disponibile: cilindri di cartone o
di tela, aghi di pino, ecc. Non appena il
combustibile ha preso fuoco, questo deve
essere infilato nella caldaia.

Qualora si utilizzino pezzi di cartone


ondulato o stracci di tela, questi devono essere arrotolati stretti, in cilindretti che occupino
l'intero spazio della caldaia. Pertanto il diametro di questi cilindri deve essere pari a quello
della caldaia e l'altezza di poco inferiore, in
modo tale da non ostacolare la chiusura del
capuccio. Si badi bene che l'ondulatura del
cartone deve essere posta nel senso dell'altezza onde favorire il passaggio dell'aria.

12

Nel caso si impieghino aghi di pino,


una volta che hanno preso fuoco, occorre
aggiungerne altri, provvedendo a costiparli
leggermente al fine di spegnere la fiamma
viva. Essi bruceranno producendo un ottimo
fumo denso e pesante.

Un ottimo combustibile sono le foglie


secche di conifere (aghi di pino, di abete o larice) che forniscono un fumo denso e pesante.
Inoltre il loro caricamento assai facile ed il loro rabbocco pu essere fatto di continuo, senza dover attendere l'esaurimento delle cariche
precedenti. Al contrario, foglie di altre specie,
come ad esempio quelle di eucalipto, producono un fumo che irrita le api, rendendole pi
aggressive.

13

L'affumicatore deve essere impiegato


evitando di affumicare in modo eccessivo le
api. Occorre indirizzare bene il fumo fra i telaini, producendo poche soffiate per volta.
L'impiego del fumo nei melari deve essere
limitato il pi possibile, soprattutto in presenza di favi non ancora opercolati. Il miele come gi detto tende ad assorbire gli odori ed il
fumo gli conferirebbe un difetto, rendendolo
non commerciabile.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Comunit
Europea

Lalimentazione delle api

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

la nutrizione zuccherina
La nutrizione di tutti gli esseri viventi, dagli invertebrati all'uomo, si basa sull'assunzione di
sostanze indispensabili per il metabolismo e le funzioni vitali quotidiane. Tali sostanze sono
riconducibili a tre categorie fondamentali: zuccheri o idrati di carbonio, grassi o lipidi, proteine.
A queste tre categorie di alimenti, si aggiungono altri composti organici, quali le vitamine, ed
inorganici, quali gli elementi minerali necessari al regolare svolgimento delle funzioni vitali.
L'alimentazione di una colonia di api pu essere prevista secondo la tipologia classica:
- di soccorso o di sostegno, quando viene fatta per porre rimedio a crisi alimentari dovute allesaurimento delle scorte o alla carenza di risorse esterne;
- stimolante, quando viene somministrata per simulare un flusso di nettare al fine di accrescere
il ritmo di ovideposizione della regina.
Gli zuccheri forniscono la quota parte di energia prontamente utilizzabile, necessaria al funzionamento dei muscoli ed al metabolismo in generale. In carenza di zuccheri, l'organismo utilizza dapprima le sostanze grasse di deposito e, solo in ultima analisi, le sostanze proteiche.
Gli zuccheri, rappresentano la fonte principale per la costituzione dei tessuti adiposi e, nel caso
dell'ape, la fonte primaria per la produzione della cera. Per questo motivo, laddove la famiglia
si trova nelle condizioni di dover costruire un gran numero di favi, necessario intervenire
attraverso somministrazioni di rilevanti quantit di zucchero.
Ciascuna unit semplice di zucchero prende il nome di monosaccaride. Tra i pi comuni
possibile annoverare i principali costituenti del miele, il glucosio ed il fruttosio. Entrambi appartenenti al gruppo degli esosi, costituiti da un anello formato da 6 atomi di carbonio. In un
monosaccaride, il numero di atomi di carbonio pu andare da un minimo di 3 ad un massimo di 7. Dall'unione di due monosaccaridi si forma un disaccaride. Fra di essi il pi noto certamente il saccarosio, il pi comune zucchero alimentare, formato da una molecola di glucosio ed una di fruttosio. Il saccarosio il disaccaride pi comunemente presente nel miele.
Dall'unione da 3 a 10 molecole di monosaccaridi si ottengono gli oligosaccaridi, mentre i polisaccaridi sono costituiti da 11 a diverse centinaia di molecole di monosaccaridi.
Qualunque essere vivente pu produrre energia solamente a partire dal fruttosio. Per questo
motivo tutte le altre molecole di zucchero, dagli altri monosaccaridi ai polisaccaridi, devono
essere trasformati in fruttosio prima del loro impiego.
Ovviamente il numero di reazioni (e quindi il "lavoro" che deve compiere l'organismo) tanto
maggiore tanto pi complesso lo zucchero di partenza.

L'aggiunta di favi con scorte alimentari


trova impiego nella nutrizione di soccorso. In questa situazione, i favi (contenenti
sia miele che polline) debbono essere
collocati nell'arnia in modo tale che essi
siano facilmente raggiungibili dalla
colonia. Se posizionati all'esterno
dell'area di formazione del glomere (vedi
glossario), possono infatti essere del
tutto irraggiungibili dalle api, incapaci,
col freddo, di allontanersi dal glomere
stesso.

STAGIONE INVERNALE

Gli sciroppi di zucchero sono indicati


sia per l'alimentazione stimolante che
per quella di soccorso. La concentrazione zuccherina pu essere del 50%
qualora la somministrazione avvenga
durante la stagione fredda, mentre
durante la primavera preferibile
portarla al 70%, per evitare prevedibili
fermentazioni.

STAGIONI CALDE

Durante la nutrizione stimolante,


preferibile somministrare piccole, ma
frequenti, dosi di sciroppo, impiegando
un nutritore a tazza o un nutritore
esterno. Per l acquisto pertanto
preferibile orientarsi verso nutritori di
piccole dimensioni. Considerato che il
loro impiego avviene all'esterno, la
plastica utilizzata per la loro fabbricazione
deve essere di tipo morbido, al fine di
evitare rotture dovute all'irrigidimento
della stessa col freddo.

Per l'alimentazione di soccorso


si impiegano quantit elevate di sciroppo utilizzando preferibilmente nutritori a
tasca. Tale tipologia di nutrizione assume
fondamentale importanza quando occorre sollecitare la costruzione dei favi
come nel caso dello sviluppo degli sciami naturali o artificiali (nuclei e pacchi
d'api). Poter disporre di abbondanti
quantit di zuccheri (dal cui metabolismo si ottiene la cera) porta la colonia a
costruire i favi meglio e pi rapidamente.

Lalimentazione delle api - la nutrizione zuccherina

Schede tecniche di apicultura

Un particolare tipo di nutritore


quello che pu essere collocato
allesterno dellarnia, direttamente al suo
ingresso. Questo modello di nutritore si
mostra assai pratico poich, pur
portando lalimento a contatto diretto
delle api, per il suo caricamento non
necessario n scoperchiare larnia
(come il caso dei nutritori a tasca) n
sollevare il tetto (come per i nutritori a
tazza).

Per la preparazione di grosse


quantit di sciroppo, qualora la realt
aziendale lo renda economicamente
conveniente, possono essere utilizzati
specifici miscelatori dal costo comunque
elevato. anche possibile sfruttare il
normale smelatore motorizzato gi
presente in azienda. In ogni caso per
evitare notevoli sforzi del motore, lo
zucchero deve essere aggiunto
nellacqua gradatamente.

comunque facile realizzare


nutritori esterni, partendo da materiali
facilmente reperibili. Si possono utilizzare
o i comuni vasi per miele da incastrare
in particolari supporti di legno e
lamierino zincato o canalette elettriche
in abbinamento a bottigliette di acqua
da mezzo litro. Oltre al notevole
risparmio economico, questo tipo di
nutritori offrono il vantaggio della
praticit, considerato che il dosaggio
della quantit di soluzione pu essere
fatto direttamente in laboratorio.

Per lalimentazione si pu utilizzare


anche il candito di zucchero e miele.
Questo si prepara miscelando, se possibile
attraverso l'impiego di un'impastatrice,
zucchero a velo e miele nelle proporzioni
di 3 a 1. Il miele deve essere di provenienza certa, onde evitare la diffusione di
patologie apistiche quali le pesti e le
parapesti, il nosema e le virosi. L'eventuale
pastorizzazione del miele permette di
eliminare gli agenti della peste europea e
le virosi, ma non il Paenibacillus larvae,
agente della peste americana.

Al fine di facilitare la solubilit


dello zucchero, per la preparazione
dello sciroppo preferibile utilizzare acqua calda alla temperatura di 50 -60C.
Una volta pronta, la soluzione deve
apparire limpida. Nel caso, una volta
raffreddatasi, per rendere la soluzione
pi gradita alle api, possibile
aggiungere del succo di limone.

10

Il candito pu essere preparato


anche con solo zucchero, miscelando a
caldo 1 parte di acqua con circa 4-5
parti di zucchero. Una volta che la
soluzione si raffredda, vengono
aggiunte altre 5-6 parti di zucchero a
velo. La soluzione, sovrassatura, pu
essere impastata a mano o utilizzando
un'impastatrice. A completo raffreddamento, l'impasto deve avere una
consistenza solida, quasi plastica, e non
presentare essudazioni di acqua.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Il controllo dell'alveare

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

linvernamento e lo sviluppo invernale


Con assoluta certezza possibile affermare che le possibilit produttive di una colonia di api
sono strettamente correlate alle capacit di governo dell'allevatore. Fra queste, primaria
importanza assume lo sviluppo dell'alveare nel periodo invernale, periodo che intercorre dal
momento dell'invernamento a quello della posa del primo melario. Spesso un errore, seppure banale, pu compromettere in modo significativo il valore delle produzioni altrimenti ottenibili.
Le modalit di governo dell'apiario variano secondo la professionalit dell'apicultore.
Ad esempio, il poter disporre di un seppur modesto allevamento di regine assume rilevanza
notevole sulle sue scelte. Infatti, l'allevatore che pu contare sulla disponibilit precoce di
celle reali, non mostrer alcuna esitazione nel riunire le sue colonie pi deboli al momento
dell'invernamento. Cos facendo egli deve obbligatoriamente sopprimere alcune regine, che,
ovviamente, devono essere rinnovate al termine della stagione fredda.
Altrettanto non possibile possa verificarsi qualora l'apicultore non possegga altrettanta professionalit: egli tende a mantenere costante il numero dei propri alveari, facendoli spesso
svernare in condizioni di sviluppo non idonee e tali da ritardare la loro ripresa produttiva.

Completata l'operazione di riunificazione, le colonie devono risultare ben popolate, con tutti i favi coperti di api. Si tenga
presente che il glomere (vedi glossario)
deve poter contenere tutta la covata. Oltre a
ci, indispensabile che le api pi esterne
siano in grado di raggiungere i favi di scorta,
non potendo, per nutrirsi,allontanarsi dal
glomere stesso. Un alveare munito di favi di
scorta, ma posizionati troppo lontani dalle
api in glomere, destinato comunque a
morire di fame.

Sul finire della stagione produttiva


gli alveari devono essere predisposti per
trascorrere al meglio la stagione fredda.
La quantit di api presente in ogni alveare
all'inizio dell'inverno deve essere tale da
garantire la formazione di glomeri di volume adeguato per proteggere al meglio
una buona quantit di covata, considerando che i primi due cicli sono quelli deputati alla sostituzione delle api svernanti.
Pertanto bene che gli alveari siano composti da non meno di 7 o 8 favi ben
coperti di api.

Al momento dell'invernamento,
che nelle regioni a clima mediterraneo si
attua entro la prima decade di dicembre, occorre effettuare un trattamento
contro la varroatosi: in questa fase pu
essere impiegato l'acido ossalico. Lo
stesso trattamento deve essere ripetuto
25-30 giorni dopo. Questo primo
trattamento indispensabile per proteggere l'ultimo ciclo di covata che d
origine alle operaie destinate a
trascorrere il lungo periodo invernale.

Gli alveari deboli devono essere riuniti


fra loro, sopprimendo le regine che non
hanno mostrato caratteristiche interessanti. I favi di covata provenienti dalla colonia
nella quale stata uccisa la regina
devono essere semplicemente inseriti in
altro alveare, suddividendoli ai lati della
covata della famiglia ricevente. Occorre
fare attenzione che in ogni colonia, fra le
scorte alimentari, sia presente in quantit
abbondante anche il polline.

Sessanta giorni prima della prevista


ripresa del flusso di nettare, opportuno
procedere ad una stimolazione dell ovideposizione della regina, realizzando una
nutrizione stimolante, con l'impiego di
soluzioni zuccherine al 50%: un chilogrammo di zucchero per litro di acqua.
La soluzione deve essere somministrata
utilizzando preferibilmente nutritori a tazza
da soffitta o nutritori esterni da applicare
all'ingresso.

Il controllo dellalveare - linvernamento e lo sviluppo invernale

Schede tecniche di apicultura

In questa fase, la nutrizione non


deve essere abbondante. sufficiente
una somministrazione media giornaliera
di 0,1 litri, da protrarre per 10 giorni fino
ad un totale distribuito di un litro. La
soluzione pu essere somministrata
ogni due o tre giorni. Interessando tutte
le famiglie, ha lo scopo di favorire la
ripresa contemporanea della covata in
ciascuna di esse. Inoltre fornisce utili
indicazioni sia sullattitudine produttiva
della colonia sia sulle sue condizioni
sanitarie.

Trascorsi circa trenta giorni


dall'ultimo trattamento per il controllo
della varroatosi, occorre procedere ad
un monitoraggio della consistenza delle
popolazioni dell'acaro. La valutazione
pu essere fatta secondo le modalit
descritte nella scheda specifica. opportuno che il monitoraggio venga realizzato tutti gli anni, secondo le medesime
modalit. Il dato ottenuto, (valutato
come media fra glialveari) rapportato a
quello degli anni precedenti, fornisce
una preziosa 'indicazione sull'efficacia
del programma di lotta alla parassitosi.

Le colonie che consumano la


soluzione rapidamente ed in modo
completo, senza alcuna moria nel
nutritore, non debbono destare alcuna
preoccupazione. Anzi, occorre
considerare che la vitalit
nell'assunzione della nutrizione
strettamente correlata con l'attitudine
genetica all'attivit di bottinamento.

10

I primi due cicli di covata hanno lo


scopo di rinnovare la popolazione
dell'alveare: le nuove api, nate nei primi 40
giorni dalla ripresa della covata, devono
essere sufficienti a reintegrare la quota di
api svernanti oramai giunte al termine
della loro vita. In assenza di stati patologici,
una contrazione della forza dell'alveare
dovuta ad una scarsa longevit delle api
operaie, scarsa longevit che, ovviamente,
ha ripercussioni sulla sua capacit
produttiva.

Lo stesso non si pu affermare


per quelle colonie che non manifestano
grande interesse per la nutrizione o le cui
operaie, peggio ancora, affogano nella
soluzione. Queste sono le colonie che,
con maggiori probabilit non daranno
grandi soddisfazioni. inoltre opportuno
che l'apicultore proceda ad un loro
controllo approfondito per verificarne lo
stato di salute. La moria per annegamento , infatti, sintomo di api indebolite.

11

Una maggiore longevit delle operaie


a parit di numero di api nate, conferisce
alla colonia una forza maggiore e, soprattutto, una maggiore presenza di api
bottinatrici. Infatti tale funzione viene
raggiunta dalle api al ventesimo giorno
di vita. Qualora un'operaia viva 40 giorni, in alveare sono presenti una bottinatrice per ogni ape di casa; se, al contrario, essa vive per 60 giorni, la colonia
pu contare su due bottinatrici per ciascuna ape di casa. Al controllo queste
colonie si mostrano molto forti e con le
api pronte alla costruzione di nuovi favi.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Il controllo dell'alveare

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

laggiunta dei fogli cerei


Trascorsi 40 giorni dalla ripresa della covata, la colonia deve iniziare a svilupparsi in termini numerici. Infatti i primi due cicli di covata sono quelli che generano le operaie che vanno a sostituire le
api che trascorrono l'inverno.
Se le api sono scarsamente longeve, durante il primo periodo invernale, nella colonia, muoiono
pi api di quelle che sfarfallano: questa condizione porta ad una contrazione della popolazione
tanto pi grave quanto minore la longevit delle operaie. Queste colonie devono essere obbligatoriamente escluse da un eventuale piano di selezione, qualora la scarsa longevit non sia determinata da condizioni ambientali, ma sia correlata al patrimonio genetico. Nel caso vi sia una equivalenza fra api svernanti morte e nuove nascite, dopo questo lasso di tempo la colonia presenta lo
stesso grado di sviluppo che aveva al momento dell'invernamento. Pi rara la situazione in cui
una colonia mostra un incremento dei suoi componenti sin nei primi 40 giorni dalla ripresa della
covata.
Nel momento in cui la colonia entra in questa fase, l'apicultore deve porre particolare attenzione
nell'assecondarne al meglio lo sviluppo. Ogni suo errore, infatti, rischia di avere gravi ripercussioni
sotto il profilo produttivo.

Occorre verificare il regolare flusso di


nettare ch in questo periodo potrebbe
non essere sufficiente per garantire una
buona e corretta costruzione dei favi. Nel
caso il flusso di nettare non sia abbondante
o nel caso siano previste giornate poco
adatte all'attivit di bottinamento, occorre
fare ricorso ad una nutrizione di soccorso.

La famiglia, trascorsi i primi 40


giorni dalla ripresa della covata, dovrebbe presentarsi in forte espansione.
Sollevato il coprifavo le api devono
essere presenti su tutti gli spazi disponibili fra i favi. Considerato che il controllo
deve essere effettuato in una giornata
calda, e quindi di volo intenso, la forza
dellalveare deve essere giudicata
tenendo conto delle api intente al lavoro di bottinamento. La famiglia, in
pratica, pi forte di quello che appare.

Nelle situazioni di scarso flusso


di nettare, infatti, le api ceraiole non
vengono a trovarsi nelle migliori
condizioni per produrre cera. Pertanto
per la costruzione dei fogli cerei esse
fanno spesso ricorso a cera gi deposta,
di frequente la stessa che compone il
foglio cereo. In questa situazione il foglio
viene rosicchiato in prossimit del filo.
Quando questo si verifica il favo deve
essere eliminato al pi presto.

Qualora sia stata invernata con il nido


incompleto, l'aggiunta del primo foglio
cereo non comporta problemi. L'apicultore
pu decidere se inserirne uno solo o due
contemporaneamente, in relazione al
grado di sviluppo della colonia. In ogni
caso, i fogli cerei devono essere posizionati
ai lati della covata, fra questa ed il primo
favo con scorte. Nel caso si aggiungano
due fogli cerei, essi devono essere posti uno
per lato.

Solo in presenza di un intenso flusso


di nettare o, in alternativa, di una ricca
nutrizione di soccorso, le api costruiscono
in modo regolare i loro favi. Per questo
motivo, nel momento dell'aggiunta dei
fogli cerei, occorre intervenire con la
somministrazione di adeguati quantitativi
di soluzione zuccherina al 66%: 2
chilogrammi di zucchero per litro di acqua.
Questo nella considerazione che la cera
altro non che un metabolita della
zucchero.

Schede tecniche di apicultura

Il controllo dellalveare - laggiunta dei fogli cerei

Se la colonia stata invernata su 10 favi


il posizionamento dei fogli cerei pu
comportare qualche problema, in particolare
quando la colonia si presenta assai popolata.
In questa situazione l'aggiunta dei fogli cerei si
pu realizzare solamente a condizione che dal
nido vengano asportati un numero
corrispondente di favi.

10

Non appena il foglio cereo viene


costruito dalle api, occorre spostarlo
centralmente, ove l'eventuale formazione
del glomere presenta la massima sezione.
Possibilmente questo nuovo favo dovrebbe
essere collocato al lato del favo ove si trova
la regina. Potendo cos disporre di un favo
nuovo, ottimo per accogliere covata, essa si
sposta quanto prima per deporvi.

Si procede estraendo uno dei favi


laterali, quello che appare meno popolato o pi
semplice da estrarre. Per facilitare questa operazione e per evitare di uccidere molte api per
sfregamento, pu essere necessario accostare il
penultimo favo (quello in posizione 9) a quello in
posizione 8, posizionandolo anche appena sopra l'orecchietta del distanziatore. Possono essere
estratti uno o due favi, in funzione dello sviluppo
della popolazione o dell'entit delle scorte.

11

Un favo ben costruito deve essere


prontamente interessato dalla ovideposizione
della regina. Infatti sono le esuvie larvali che,
abbandonate nelle cellette dalle api sfarfallate,
garantiscono il rafforzamento del favo. Solo in
questa condizione il favo da nido in grado
di assolvere al meglio alle sue funzioni, potendo accogliere sia la covata che le scorte,
senza rischio di cedimenti anche alle elevate
temperature tipiche della stagione estiva.

I favi asportati possono trovare spazio


in un doppio melario (vedi glossario)
posizionato o sullo stesso alveare o su una
una delle famiglie pi forti. In esso vengono
raggruppati favi provenienti da pi alveari.
Prima di essere trasferiti in questo corpo i favi
devono essere scrollati leggermente affinch
si sollevino in volo le bottinatrici e rimangano
aggrappate le sole le api di casa.

12

Qualora il favo venga dimenticato


ai lati della covata, esso, nella pluralit dei
casi, viene sfruttato solo in piccola parte per
la ovideposizione. Molto pi frequentemente
le api lo impiegano per il deposito delle
scorte alimentari, miele e polline,
sottraendolo alla sua destinazione principale:
l'accoglimento della covata.

Ricavato lo spazio necessario,


al pari di quanto detto in precedenza, si
inseriscono uno o due fogli cerei ai lati della
covata. Occorre infatti considerare che, qualora il foglio cereo non venga immediatamente costruito, esso viene difficilmente
saltato dall'ape regina durante i suoi spostamenti da un favo all'atro; in tal caso, questa
rischia di restare relegata nella porzione di
nido delimitata dal foglio cereo.

13

Questi sono favi che, purtroppo,


devono essere allontanati quanto prima.
Infatti, la mancanza dellazione di rinforzo
garantito dalle esuvie pupali lasciate dalla covata porta alla deformazione delle celle o,
peggio, al crollo dellintera costruzione sotto
il peso delle scorte di miele e polline non appena si registra un incremento delle temperature.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Il rinforzo dellalveare

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

il trasferimento di favi e di api adulte


Le colonie di api, durante i mesi invernali, si sviluppano naturalmente in modo non omogeneo, raggiungendo l'epoca della messa dei melari in tempi differenti. Per di pi possono, in
particolari periodi della loro vita, mostrare stati di indebolimento determinati da motivazioni
evidenti o, come spesso capita, non giustificati da eventi esterni. Per contro, per l'apicultore
importante avere apiari con colonie dallo sviluppo il pi omogeneo possibile. Durante i mesi
invernali, una contrazione eccessiva della colonia (in misura maggiore di un favo coperto di
api) registrato in assenza di stati patologici, sintomatico di una scarsa longevit delle api
operaie. In pratica, le api svernanti muoiono ancor prima di essere sostituite dalle nuove
nascite, portando ad uno spopolamento evidente dell'alveare. questa una caratteristica
genetica e, in quanto tale, modificabile solo attraverso un'azione costante di selezione.
importante per lapicultore comprendere le cause che hanno determinato lindebolimento
della colonia. Se queste derivano da stati patologici irrisolti, determinante, prima di compiere qualunque operazione, curare la colonia oppure in ultima analisi valutarne leventualit della sua soppressione. Eventualmente una volta risolto il problema, possibile riunire la
colonia con unaltra.
Le tecniche impiegate in apicultura per livellare la forza delle famiglie sono svariate.
Non tutte, per, si mostrano idonee rispetto all'obiettivo; diversi autori descrivono una serie
di operazioni che, se effettuate in periodi non consoni, possono addirittura dimostrarsi controproducenti.
Per ottenere colonie pi omogenee possibile, si pu fare ricorso ad interventi che prevedono la riduzione del numero di alveari allevati o il trasferimento di api (con diverso stadio di sviluppo) da alveari forti ad alveari deboli.
Gli interventi del primo tipo si esplicano nella riunificazione di due o pi alveari deboli o di
una colonia debole con una orfana.
Nel secondo caso possibile trasferire:
favi di scorte;
favi e api;
api adulte di casa (e pertanto incapaci al volo);
api bottinatrici.
Il trasferimento dei favi come delle api adulte pu avvenire senza l'impiego di farina o altre
sostanze. Eventualmente, pu essere d'aiuto un po' di fumo.

Spesso, durante l'inverno, possibile


riscontrare una carenza di scorte di
polline, alimento essenziale per le api
adulte e la covata. Rappresentando la
frazione proteica dell'alimentazione,
esso viene consumato tal quale dalle
api adulte o dalle larve di et superiore ai tre giorni. Il polline fornisce inoltre
le proteine necessarie affinch le api
nutrici possano produrre la pappa
reale, unico alimento per le larve fino
al terzo giorno di et e per la regina.

La carenza di polline
pu essere ovviata spostando favi da
una colonia ad un' altra. Prima del trasferimento, occorre scrollare leggermente il favo affinch le api bottinatrici
lo abbandonino. Infatti, una o due scrollate, fanno s che le api di volo si allontanino, lasciando sul favo le sole api di casa, incapaci di prendere il volo. Queste
api, molto giovani e meno aggressive,
consentono un ulteriore rafforzamento
della colonia ove il favo verr inserito.

Per il rafforzamento di colonie


deboli si sconsiglia di trasferire favi con
covata aperta. Infatti le colonie deboli
non sono in grado di accudire covata di
questo tipo che deve essere nutrita e
protetta. La covata giovane, inserita in
famiglie deboli, esposta agli eventuali
cali di temperatura che portano a formazioni di glomeri tanto pi compatti
quanto minori sono le temperature
esterne. In tali condizioni la covata esterna al glomere va incontro a morte certa.

Il trasferimento di covata aperta,


composta da larve di et inferiore ai tre
giorni, si rende necessario ove colonie
forti si ritrovino orfane e non siano in
grado di allevare celle reali. In tali
circostanze possibile (anche se spesso
non conveniente) inserire un favo di
covata aperta affinch sia possibile allevare la nuova regina. Quando viene
inserito, il favo pu essere privato o no
delle api di copertura, le quali sono ovviamente, per la quasi totalit api nutrici.

Il rinforzo dellalveare - il trasferimento di favi e di api adulte

Schede tecniche di apicultura

Per rinforzare famiglie deboli


preferibile utilizzare favi con sola
covata nascente. Questa covata sfarfalla
in uno o due giorni e pertanto i rischi di
una sua mortalit sono inferiori, anche
se non nulli. Prima di fare questa operazione opportuno sincerarsi sulle temperature minime, sopratutto notturne e
previste per i giorni successivi all'operazione. Qualora si prevedano temperature inferiori ai 10C, che comportano
reali rischi di formazioni di glomere,
preferibile rimandare l'intervento.

Il trasferimento delle api nutrici


si realizza prelevando un favo con covata aperta. Dopo una leggera scrollatura
che induce il volo delle bottinatrici, le
api di copertura (tutte api di casa) possono essere trasferite allinterno dellalveare debole, scuotendo o spazzolando
il favo. Queste api giovani restano nella
colonia ricevente, fino a diventare bottinatrici. Nel caso, in apiario, si siano gi
inseriti i fogli cerei, il trasferimento delle
ceraiole si realizza prelevando questi
telaini dalle colonie donatrici e scrollandoli pi facilmente nell'alveare ricevente.

Per rinforzare le colonie deboli,


certamente da preferire l'impiego delle api adulte, le uniche capaci di fronteggiare improvvisi ritorni di freddo. In pi,
con un numero maggiore di adulti,
possibile, per la colonia, formare glomeri con diametri maggiori e, quindi,
proteggere una maggiore superficie di
covata. Affinch l'intervento abbia successo, non possibile trasferire api bottinatrici, presenti principalmente sui favi di
miele o di covata opercolata, poich
queste farebbero ritorno alla famiglia di
origine non appena fuori dall'alveare.

possibile rinforzare una colonia


debole attraverso il trasferimento delle bottinatrici provenienti da un alveare forte.
Questo intervento si realizza invertendo la
posizione fra l'alveare donatore e quello
ricevente. Questa operazione, inducendo
le bottinatrici a scambiarsi fra i due alveari
determina lo spopolamrento dell'alveare
donatore ed il rafforzamento di quello
debole. per questo un intervento assai
rischioso poich lo spopolamento
dell'alveare donatore non pu essere
graduato e, qualora eccessivo, pu avere
conseguenze difficilmente prevedibili.

Le uniche api che possibile utilizzare


sono quelle di casa le quali, non ancora
in grado di volare, non hanno alcuna
possibilit di ritornare all'alveare di
provenienza. Occorre pertanto trasferire
o api nutrici (produttrici di gelatina reale,
con et dai 3 ai 10 giorni) o api ceraiole
(produttrici di cera, con et dai 10 ai 18
giorni). possibile trovare le api nutrici
sui favi con covata aperta e larvette di
et inferiore ai tre giorni mentre le api
ceraiole vanno a colonizzare i fogli cerei
appena inseriti.

10

Se si dispone di pi postazioni,
il rinforzo di un alveare debole pu avvenire attraverso il trasferimento di favi
con covata opercolata (meglio se prossima allo sfarfallamento) con abbondanti
api di copertura. Questo materiale pu
comodamente essere raccolto in un'arnietta prendisciame ed essere trasferito
in postazioni lontane non meno di 4-5
chilometri. In questo modo anche le
bottinatrici non sono pi in grado di fare
ritorno al ceppo di partenza, finendo per
rimanere nella colonia ricevente.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Laggiunta dei melari


La sovrapposizione dei melari assume, nell'apicultura razionale, una valenza determinante.
Molte indicazioni riportate nella manualistica apistica non trovano adeguate risposte nella
pratica, dimostrandosi, il pi delle volte non appropriate alle finalit imposte dall'apicultura
professionistica: buone produzioni con impieghi limitati di ore lavoro.
La maggior parte degli autori di manuali di apicultura consigliano l'inserimento dei melari nel
momento in cui tutto lo spazio nel nido stato occupato e le api iniziano ad allungare le
celle dei favi da nido. Ebbene, se cos si operasse, soprattutto in ambito mediterraneo, l'aggiunta dei melari avverrebbe quando le colonie si sono gi predisposte alla sciamatura.
Prima di affrontare i casi particolari, occorre fare una breve premessa. Il miele, nel momento
in cui viene deposto nella celletta di un favo, registra un livello di umidit pari al 35-50%.
Pertanto, affinch le api possano produrre un chilogrammo di miele maturo (che, con umidit non superiore al 18%, occupa un volume di circa 0,7 litri) devono poter contare su un
volume di immagazzinamento che varia, rispettivamente da 0,86 (con umidit del 35%) a
1,15 litri (con umidit del 50%). Ci significa che le api, per la produzione di miele, debbono
poter disporre di un volume maggiore di circa 1,2-1,6 volte il volume che occupa il miele
maturo.
Qualora il melario venga sovrapposto ad un nido completo nel quale le api gi allungano le
cellette dei favi, certo che circa un 1/3 dello spazio, naturalmente a disposizione della covata invece occupato dal miele. Se a questo si somma il volume del polline, anch'esso immagazzinato nei favi del nido, si comprende facilmente come sia possibile che la famiglia si stia
gi predisponendo alla sciamatura, avendo, la regina, appena la met del nido come spazio
a disposizione per la covata.
Un discorso analogo occorre fare relativamente al momento in cui debba essere inserito un
melario aggiuntivo. opinione diffusa fra gli apicultori che gli altri melari possano essere
inseriti non prima che il precedente venga opercolato. Per quanto detto in precedenza,
appare del tutto ovvio come le api si trovino nella condizione di utilizzare i favi del nido per
immagazzinare miele immaturo in attesa che raggiunga valori in acqua inferiori al 18%.
Tutto questo porta, come gi detto, a compromettere la capacit di ovideposizione della
regina, con il conseguente rallentamento dell'espansione della colonia se non con la decisione della stessa di sciamare per recuperare spazio vitale.
Da qui facile comprendere come la corretta aggiunta dei melari sia pratica essenziale per
ottenere produzioni abbondanti.

In una forte colonia svernante,


si rende necessario, con largo anticipo,
fare spazio alla covata, allontanando i
favi da nido carichi di miele. Questi
possono essere sistemati in un doppio
melario (vedi glossario) posizionato su
alcuni alveari scelti tra i pi popolosi.
Al posto dei favi a miele, nei nidi si
ineriscono fogli cerei. Questi, posti ai
lati della covata, vanno spostati pi
centralmente una volta che le api ne
abbiano ultimata la costruzione.

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

Nel momento in cui il nido si trova


composto da almeno 7-8 favi di covata,
inserendo l'ultimo foglio cereo necessario sovrapporre contemporaneamente il melario. Se l'apicultore non dispone
di favi, il melario pu essere composto
da soli fogli cerei. In questo caso le api
iniziano la costruzione a partire dai telai
centrali, per passare solo in seguito a
quelli laterali. Pertanto, qualche giorno
dopo linserimento necessario
spostare centralmente i telai periferici.

Disponendo di favi da melario


costruiti, lallevatore deve disporre i
melari inserendo i telai con i fogli cerei
in posizione centrale e i telai con i favi
costruiti in posizione laterale. In questo
modo si d immediato spazio alle api
per la deposizione del miele immaturo
mentre le ceraiole possono iniziare la
costruzione dei fogli centrali. La successione consigliata :2-3 favi costruiti in un
lato; 3-5 fogli cerei centrali; 2-3 favi
costruiti nel lato opposto.

La disposizione indicata
in precedenza porta con s due
vantaggi. Non si rende necessario lo
spostamento dei favi dal centro ai lati
poich tutti i favi arrivano a contenere
miele maturo nello stesso momento ed
possibile evitare di interporre la lastra
escludiregina (vedi glossario) fra il nido
ed i melari, vero ostacolo per la pronta
colonizzazione del melario.

Laggiunta dei melari

Schede tecniche di apicultura

Riempito il primo melario


per il 50 -70%, occorre aggiungerne un
secondo. Questo, deve essere inserito
preferibilmente fra il nido ed il primo
melario e, per le ragioni gi ricordate,
deve essere predisposto con telai nella
successione indicata per il primo melario.

Quando il flusso di nettare


si sta esaurendo, alla sommit dell'arnia
si pu ancora inserire un melario
costruito. In questo modo l'apicultore ha
l'immediata percezione dell'andamento
del flusso di nettare senza dover spostare l'intera pila dei melari. Se l'ultimo
melario resta vuoto, significa che il flusso
volge al termine. In caso contrario,
questo melario pu essere trasferito
appena sopra il nido. Seguendo la stessa
logica, l'allevatore pu valutare la
possibilit di inserire un ulteriore melario
alla sommit dell'arnia.

Il secondo melario potrebbe essere


inserito anche superiormente, ma questa
posizione, in una situazione di intensa
attivit di importazione, potrebbe
rendere difficoltosa l'attivit delle api,
costrette ad attraversare un melario
ormai pieno e opercolato, prima di
accedere alla "zona di lavoro". L'unico
vantaggio in questa situazione la quasi
certezza che nel secondo melario la
regina non andr a deporre uova.

Man mano che i favi dei melari


vengono opercolati, questi possono essere
prelevati utilizzando diversi sistemi, a partire
dall'impiego di una semplice spazzola, per
arrivare all uso dei pi costosi soffiatori.
L'utilizzo dell'affumicatore certamente da
limitare poich il miele potrebbe assumere
il difetto di sapore di fumo. Se l'apiario
viene visitato spesso, consigliabile
prelevare i melari per gruppi mediante
l'impiego degli apiscampo (vedi glossario).

Se l'apicultore opera
in modo corretto, la deposizione di uova nei favi del melario un evento assai
raro. Al fine di evitare che la regina deponga nel melario, dal nido si devono
prelevare tutti i favi che, per motivi diversi, non sono idonei ad ospitare covata
femminile: i favi deformati e quelli con
miele. In particolare i favi appena costruiti che interessati dalla deposizione
di miele, sono a grave rischio di crollo. Il
nido dovrebbe preferibilmente
contenere un solo favo con polline.

10

Nel caso di sciami naturali,


di nuclei o pacchi d'api, il melario deve
essere posizionato anche prima che il
nido sia stato completato. Ci evita che
le api utilizzino i favi del nido per riporvi
le provviste in eccesso. Per questo
motivo, in queste situazioni, preferibile
impiegare melari con favi gi costruiti.
Contemporaneamente occorre
proseguire nel completare il nido con
laggiunta graduale di fogli cerei.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La sciamatura

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

le cause predisponenti
Il fenomeno della sciamatura deve essere contrastato dall'apicultore, sebbene tutte le tecniche di cui egli pu disporre non possono essere considerate certamente risolutive. quindi
importante conoscere a fondo tutti gli aspetti, spesso interdipendenti fra loro, che predispongono la colonia alla sciamatura affinch questo fenomeno possa essere ostacolato il pi
efficacemente possibile. La cognizione certa, da parte dell'allevatore, delle cause che portano le colonie alla sciamatura, permette, se non di eliminare del tutto il fenomeno, di limitarlo a pochi alveari o a far si che questo avvenga in un periodo pi favorevole, durante la stagione produttiva. Infatti, per poter contrastare la sciamatura attraverso la tecnica della sostituzione della regina con una dellanno, occorre che la colonia manifesti la propria volont di
sciamare non prima del mese di aprile. Generalmente questo il periodo nel quale, si pu
disporre di nuove regine giovani e feconde.
Fra gli elementi che inducono la colonia alla sciamatura si citano i pi significativi.

La carenza di spazio,
un motivo di forte congestionamento
per l'intero alveare.
Pertanto, se l'apicultore non provvede
per tempo (allargando il nido o
sottraendo favi o aggiungendo melari),
le api tendono a ripristinare le proprie
migliori condizioni di vita attraverso la
costituzione di nuove colonie attraverso
la sciamatura.

L'et della regina un elemento


fondamentale poich la quantit di
feromone reale (la cui funzione quella
di mantenere unita la colonia) che essa
in grado di secernere, strettamente
legata alla sua et: invecchiando anche
di pochi mesi la quantit di feromone
prodotto si riduce in modo assai
significativo. Per tale motivo
importante essere certi dell'et di ogni
singola ape regina presente in apiario.

L'elevato flusso di nettare,


o pi in generale l'abbondanza di
risorse alimentari, stimola la colonia alla
sciamatura. Unabbondante fioritura
funge infatti sia da fattore primario che
da fattore complementare, in quanto
predispone la famiglia ad altre situazioni
di disagio: (riduzione degli spazi a
disposizione, maggiore congestione,
incremento della covata, ecc.).

Se da un lato stato osservato


che la regina depone preferibilmente
nei favi vecchi, dall'altro questi, con il
loro carico di esuvie larvali lasciate nelle
cellette dalle api operaie ad ogni ciclo
preimaginale, sono poco idonei ad
accogliere ancora covata. Per questo
motivo molte cellette restano
inutilizzate. Inoltre, i favi vecchi
rappresentano un fertile terreno per lo
sviluppo di agenti patogeni, per cui
occorre sostituirli periodicamente.

Un'elevata capacit di ovideposizione


della regina necessita di uno spazio superiore a quello ordinariamente presente nel nido. Occorre sempre garantire la
presenza di favi vuoti a disposizione per
la regina, asportando dallalveare favi di
covata che possono essere trasferiti in
doppi melari o impiegati per la costituzione di nuove colonie. La presenza di
covata opercolata superiore al 55-60%,
indice di scarso spazio per la deposizione di uova e quindi di difficolt per la
regina.

La sciamatura - le cause predisponenti

Schede tecniche di apicultura

Occorre limitare anche la covata a fuco,


sostituendo tutti i favi che possono
accoglierla, soprattutto quelli deformati.
Infatti, raramente, le colonie si
predispongono alla sciamatura senza
prima aver allevato un buon numero di
maschi. Con la loro presenza, essi
elevano notevolmente il livello di
congestionamento dell'alveare, mentre,
con il loro appetito, limitano la quantit
di feromone reale a disposizione per le
api operaie (vedi glossario: Fuco).

La componente genetica
un fattore fondamentale, determinando la predisposizione della famiglia alla
sciamatura. Pu verificarsi, infatti, il
caso estremo di colonie che si
predispongono per la sciamatura
molto presto, quando il nido ancora
incompleto. In questi alveari,
generalmente possibile rinvenire un
numero elevato di celle reali, spesso
disposte sulle facce dei favi ed anche sui
telaini da melario.

La scarsa circolazione d'aria viene


percepita dalla colonia attraverso
l'incremento della temperatura interna,
unitamente all'accrescimento del livello
di anidride carbonica. Basilare
importanza, in questa situazione,
assume l'impiego delle arnie con il
fondo in rete private del vassoio
contavarroe) e l'aggiunta tempestiva dei
melari.

10

Per l'apicultore
certamente importante saper riconoscere quando le operaie costruiscono
celle reali perch si predispongono alla
sciamatura o per fare fronte ad una
improvvisa morte della loro regina. Le
celle di sciamatura vengono costruite,
nella quasi totalit generalit dei casi,
nella periferia dei favi. Queste, inoltre,
vengono occupate da un uovo.

I favi da nido
molto spesso e particolarmente nelle
regioni a clima temperato, alla ripresa
della covata, si presentano occupati da
miele e polline, accumulati dalle api in
autunno e non consumati durante la
stagione fredda. Questi favi non devono
essere lasciati nei nidi poich
sottrarrebbero spazio alla covata, ma
devono essere allontanati e sostituiti con
favi vuoti o, meglio, fogli cerei.

11

Qualora le api si trovino costrette


a fare fronte ad un caso di orfanit, le
cellette reali vengono, al contrario;
edificate attorno alle larvette designate
dalle stesse api operaie a diventare api
regine. Per ci le poche celle prodotte si
trovano esclusivamente sulla faccia dei
favi e contengono covata allo stadio di
larva di et inferiore ai 3 giorni e non
possibile individuare cellette reali con
uova, n tanto meno favi con covata
allo stadio di uovo.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La sciamatura

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

la prevenzione
Esaminati gli elementi che portano la colonia a sciamare, differenti sono le azioni susseguenti che l'apicultore deve porre in essere al fine di prevenirla o, per lo meno, affinch essa avvenga il pi tardi possibile.

Negli ambienti a clima mite,


l'allontanamento dei favi vecchi o
deformati (vedi glossario) pone alcuni
problemi, considerato che il consumo
invernale di miele assai scarso.
Occorre allontanarli comunque dal
nido: o smelandoli o inserendoli
provvisoriamente in doppi melari (vedi
glossario) in attesa di una loro smelatura
collettiva.

La tempestiva introduzione
di uno o pi fogli cerei assume assoluta
rilevanza. In questo modo le api ceraiole,
assai numerose alla ripresa della covata,
possono svolgere la loro funzione.
Poich per produrre la cera, le api altro
non fanno che trasformare lo zucchero,
la costruzione di fogli cerei provvede a
tamponare un'elevata importazione di
nettare nell.alveare. I fogli cerei devono
essere inseriti a completamento del nido
o in sostituzione dei favi allontanati.

Nei nidi non devono essere presenti,


comunque, favi colmi di riserve alimentari (polline o miele) poich sottraggono
spazio prezioso per la ovideposizione
della regina. Al pari dei favi vecchi o deformati, da eliminare, questi telai devono
essere allontanati: possono trovare
impiego nella formazione di sciami
artificiali o smelati e, quindi, riutilizzati.
Anchessi, provvisoriamente possono
essere trasferiti in un doppio melario.

L'impiego delle trappole per polline


indispensabile per contrastarne, l'elevata importazione. Nelle regioni a clima
temperato, questo tipo di produzione
risulta pertanto obbligata e dettata
soprattutto da esigenze di tecnica
apistica. Ove non si optasse per
l'introduzione delle trappole, i favi
occupati dal polline devono essere
comunque allontanati.

Pu rendersi necessario asportare


anche favi di covata, preferibilmente
opercolata e prossima allo sfarfallamento.
Anche in questo caso, questi favi possono
essere utilizzati o nella formazione di
nuclei o inseriti nei doppi melari richiamati
in precedenza. Una volta sfarfallata la
covata, questi favi potranno essere
riposizionati nei nidi (della stessa o di altre
famiglie) o lasciati nei doppi melari e
impiegati per la raccolta di miele.

La scarsit di spazio per il raccolto,


predispone la famiglia alla sciamatura. Infatti, il nettare portato dalle api bottinatrici,
contiene dal 20 al 40% circa di sostanza
secca. In alveare le api di casa, non appena
assunto il nettare, al fine di provvedere alla
sua ulteriore disidratazione, lo rigurgitano
dalla loro borsa melaria, facendolo scorrere
pi volte lungo la ligula estroflessa come
fosse un canale. Tale operazione, della durata di 15 -20 minuti, si svolge in modo continuo e assai rapido.

Schede tecniche di apicultura

La sciamatura - la prevenzione

Il miele viene deposto nei favi


quando la percentuale di sostanza secca raggiunge il 50-60% circa. Nelle celle subisce una
ulteriore concentrazione. Affinch maturi occorrono da 1 a 3-4 giorni, mentre il volume del
miele decade dal 50 al 70% circa. Quindi, per
ogni litro di miele prodotto, le api debbono
disporre di un volume quasi doppio e pertanto
il secondo melario deve essere posato non
appena il primo stato riempito per met.

11

Quando la colonia al massimo dello


sviluppo ed il flusso di nettare raggiunge
livelli elevati, buona norma asportare la
porticina metallica che limita l'ingresso
dell'alveare, anche se spesso questo
accorgimento non sufficiente a garantire
una buona ventilazione interna.
In questa situazione sarebbe preferibile
utilizzare arnie con i fondi di rete metallica.

buona norma che i primi melari


contengano una quota parte di favi ed
una di fogli cerei. Questi ultimi (da 3 a 5)
debbono essere posizionati al centro del
melario, mentre i favi dovranno essere
posizionati ai lati. In questo modo si d
spazio per la deposizione del miele, mentre
le ceraiole presenti potranno dedicarsi al
completamento dei fogli cerei.

12

possibile limitare il congestionamento


della colonia anche attraverso la
realizzazione di aperture supplementari.
Molti apicultori praticano delle aperture nei
melari con il duplice scopo di aumentare la
circolazione dell'aria in questi spazi e di far si
che il traffico pertinente la produzione di
miele si svolga lontano dai nidi e quindi dalla
covata.

La presenza di soli fogli cerei,


inseriti al centro dei melari, ha anche
l'indiscutibile vantaggio di ostacolare
l'ovideposizione da parte dell'ape regina nei
favi del melario. Questo rende praticamente
inutile l'impiego dell'escludiregina, dispositivo
che, ostacolando il passaggio anche per le
operaie, rappresenta esso stesso un elemento
predisponente alla sciamatura.

13

Le tecniche di conduzione in apicultura


intensiva, prevedono la sostituzione artificiale
delle regina (vedi glossario), preferibilmente
ogni anno. Questa pratica l'accorgimento
migliore al fine di prevenire la sciamatura.
Infatti solo un'ape regina molto giovane in
grado di garantire una produzione di
feromone reale adeguata a raggiungere
anche la periferia della colonia.

10

L'eccessivo ricorso alla nutrizione


stimolante, soprattutto se protratta nel
tempo, porta ad un congestionamento della
famiglia. buona norma interromperla
almeno 20 giorni prima dell'inizio del
raccolto. Si tenga comunque presente che,
nei climi temperati (ove il consumo invernale
delle riserve minimo), quasi mai tale pratica
assume importanza determinante.

14

indispensabile selezionare api regine


in grado di elaborare quantit di feromone
reale tali da impedire l'avvio della fase di
sciamatura anche in presenza di un gran
numero di api operaie. La selezione va fatta
secondo schemi di tipo massale o, meglio,
seguendo modelli pi vicini al test di
progenie.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La sciamatura

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

la divisione
Quando non si pu pi contrastare la sciamatura, si ricorre o al taglio delle celle reali o allo smembramento della famiglia. La divisione della colonia finalizzata alla formazione di due o pi sciami.

La presenza di numerose celle reali,


costruite sia sui favi del nido sia, spesso,
del melario, (cellette sia ancora allo
stadio di "cupolino" occupato o da un
uovo o da abbondante pappa reale e
da una larvetta o giunte allo stadio di
"cella opercolata"), denota la manifesta
volont della famiglia di sciamare. Levoluzione della cella reale da cupolino a
cella matura, testimonia lapprossimarsi
del momento della sciamatura.

L'ape regina, quando sfarfalla,


apre la propria celletta tagliandone la
parte inferiore, quasi utilizzasse un
apriscatole. Per questo motivo la celletta
appare come recisa di netto e, spesso,
con lestremit inferiore ancora
attaccata attraverso un piccolo
peduncolo.

L'alveare prossimo alla sciamatura


si presenta spesso con un gran numero
di api bottinatrici che stazionano presso
l'uscita dell'arnia. Dagli apicultori questa
particolare situazione viene definita con
il termine gergale "fanno la barba".
Questo fenomeno, anche se in modo
pi contenuto, si manifesta anche nei
periodi pi caldi, al calare dei flussi di
nettare.

Al contrario, qualora le api operaie


decidano di eliminare le future regine ancora allo stadio preimaginale, lo fanno rosicchiando lateralmente le cellette per poter sopprimere le pupe di regina con una
puntura del loro pungiglione. Per questo
motivo la presenza di celle reali integre
verso la base, ma aperte lateralmente,
significa che le operaie hanno eliminato il
surplus di celle reali e che la sciamatura
in fase avanzata, essendo gi sfarfallate le
prime regine.

Quando si controlla un alveare


in procinto di sciamare, utile poter
raccogliere informazioni circa la
presenza della vecchia regina o di
giovani regine vergini. Ovviamente, ove
si individuassero queste ultime e non
fosse possibile trovare la vecchia regina,
la conclusione che si pu trarre e che la
sciamatura sia gi avvenuta.

Ove le cellette mostrino


entrambi i segni (apertura inferiore
regolare e parziale demolizione di un
lato), la conclusione che deve trarne
l'apicultore quella di una regolare
nascita della regina e dell'inizio dello
smantellamento della cella da parte
delle api operaie. Anche in questo caso
la sciamatura giunta ad uno stadio
molto avanzato.

Schede tecniche di apicultura

La sciamatura - la divisione
Scartata l'ipotesi di contrastare la
sciamatura attraverso la pratica del taglio delle
celle reali (vedi glossario), l'unica possibilit
che resta all'apicultore, al fine di evitare ulteriori problemi (un incremento del lavoro per
la cattura dello sciame nonch la sistemazione dell'alveare dal quale fuoriuscito questo
ultimo), di effettuare una sciamatura artificiale, assecondando la famiglia rispetto a come
questa si sarebbe comportata naturalmente.

11

Nelle arnie B1 e B2 si inseriscono


alcuni favi di covata mista, unitamente ad un
favo di scorte. Ad essi si aggiungono alcuni
fogli cerei. Possibilmente verranno spazzolate
anche alcune api di casa provenienti da altre
colonie. In questi due alveari far ritorno una
quota parte di bottinatrici, attirata dal colore
dell'arnia, il medesimo del ceppo originario.

Per prima cosa occorre spostare,


di circa 1-1,5 metri (in avanti o indietro),
l'alveare in procinto di sciamare (indicato con
la lettera A), in modo tale che le api operaie
siano sufficientemente disorientate, avendo
perduto il riferimento circa la posizione, ma
mantenendo quello relativo al colore
dell'arnia e, come vedremo di seguito, quello
relativo alla presenza della vecchia regina.

12

Nell'arnia C, vengono inseriti


favi di covata (opercolata e non), unitamente
a telaini con scorte. Anche questo sciame
pu essere rinforzato con api di casa o con
favi di covata sfarfallante provenienti da altre
colonie, in considerazione del fatto che, di
norma, l'alveare che tende a spopolarsi
maggiormente. In questo alveare faranno
ritorno le bottinatrici che usano orientarsi
con riferimento alla posizione.

Nella postazione precedentemente


occupata dall'alveare A, devono essere posizionate due o tre arnie, in rapporto al numero
di colonie che si intende ottenere. In relazione
a questo numero si selezionano i colori delle
arnie da posizionare. Ove si intendano formare tre sciami, oltre il ceppo di partenza A,
preferibile usare due arnie del colore dell'alveare A (arnie B1 e B2), ed una di altro colore
(C).

13

Volendo, oltre alla produzione


dello sciame primario (arnia A contenente la
famiglia con la regina originaria) possibile
dare origine a due soli sciami artificiali. In
questo caso gli alveari (indicati con C1 e C2)
devono essere di colore differente (mantenendo il riferimento della posizione) e
devono essere collocati pi ravvicinati.

10

Nell'alveare A viene lasciata


la vecchia regina (eventualmente sul proprio
favo di covata) ed il nido viene completato
con fogli cerei o, se disponibili, con favi idonei
ad accogliere covata. Una buona parte delle
bottinatrici far ritorno presso quest'alveare,
richiamata sia dal colore dell'arnia, sia dalla
presenza della loro regina. In pratica questa
famiglia viene costituita come fosse lo sciame
primario.

14

Agli alveari prodotti (B1,B2 e C),


occorre inserire una cella reale prossima allo
sfarfallamento, possibilmente da ceppo
selezionato. infatti preferibile non impiegare
le celle di sciamatura presenti sui favi (celle
che invece andranno eliminate), poich le
api regine che nascerebbero, sarebbero
probabili portatrici del carattere genetico di
"famiglia con propensione alla sciamatura".

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

Comunit
Europea

La sciamatura
linarniamento dello sciame
Quando una colonia si predispone per la sciamatura, i sintomi sono assolutamente chiari ed inequivocabili. Oltre alla sempre pi "massiccia" presenza di celle reali (prima semplici abbozzi, poi
cupolini e celle opercolate) congiuntamente ad una minore presenza di covata aperta, un occhio
esperto ed esercitato pu facilmente rilevare un "dimagrimento" assai significativo dell'ape regina.
Questo evento dovuto al fatto che, avvicinandosi il momento nel quale lo sciame dovr abbandonare l'alveare di origine, le api operaie nutrici limitano l'alimentazione della loro regina, la quale
reagisce riducendo in modo significativo, se non interrompendo totalmente, la propria capacit di
ovideposizione.
Anche le api operaie, avvertendo l'approssimarsi del momento della sciamatura, rallentano o interrompono del tutto la loro attivit di bottinamento, assiepandosi sempre pi numerose sul predellino dell'arnia per dare origine a quella che viene comunemente definita barba.
La perdita di uno sciame rappresenta, in modo particolare per i piccoli produttori, un grave danno.
Per questo motivo, qualora le api vadano a raggrupparsi in posti difficilmente accessibili, per la loro
cattura vengono escogitate le tecniche pi svariate (vedi glossario). Occorre ricordare che nellapicoltura professionale, si tenta di limitare la sciamatura in modi diversi, soprattutto attraverso la produzione di nuclei e di pacchi di api.

Giunto il momento,
generalmente durante le ore centrali
della giornata, lo sciame abbandona la
famiglia d'origine e si leva in volo. La
partenza in massa delle api preceduta
da un ronzio caratteristico, ronzio che le
api, quasi fosse un segnale di
comunicazione interno, continuano a
produrre anche durante il volo.

F= FAVO

FC= FOGLIO CEREO

Al momento dellinarniamento
di grossi sciami, pu essere utile lasciare libera una parte del nido (nei lati o al centro), evitando di posizionare tutti i telaini,
come riportato nella fig. 5. La creazione
di questo spazio facilita il riversamento
dello sciame. Ai lati estremi dellalveare
bene inserire due buoni favi che hanno
gi ospi-tato covata, ove le api possano
deporre il nettare in eccesso. Una volta
inarniato lo sciame, necessario completare il nido con tutti i telaini.

Nel caso si disponga di favi costruiti,


preferibile inserirne uno o due posizionati centralmente, in modo che l'ape
regina (specie se gi fecondata) possa
disporre per tempo di celle pronte ad
accogliere la covata. Questo offre due
vantaggi: permette di dare spazio alla
regina per ovideporre e facilita il
controllo della sua presenza. Infatti la
regina pu essere rinvenuta su questi
favi gi poche ore dopo l'inarniamento.

2 MODI PER DISPORRE I TELAINI IN CASO DI GROSSI SCIAMI

Qualora si tratti di uno sciame


primario (guidato da una vecchia regina,
gi fecondata e dunque poco agile) esso
generalmente, tende a posarsi su un
supporto in prossimit dell'alveare di
partenza. A differenza di quanto succede
con uno sciame secondario (condotto
da una regina vergine, non fecondata e
quindi assai pi leggera) che, solitamente, si raccoglie in posti pi distanti.

F=
FAVO
FC= FOGLIO CEREO

DISPOSIZIONE DEFINITIVA DEI TELAINI

L'arnia deputata ad accogliere lo


sciame deve essere preparata con cura,
pulita e disinfettata, in modo particolare
contro la peste americana. La disinfezione si realizza mediante un accurato
lavaggio in soluzione bollente di acqua e
soda (nel rapporto di 20 a 1) e successivo
passaggio con la fiamma azzurra di un
comune saldatore a gas. Il lavaggio pu
realizzarsi tramite immersione o semplice
spugnatura.

Schede tecniche di apicultura

La sciamatura - linarniamento dello sciame

Se lo sciame si riunisce in un posto accessibile


(per es. su di un rametto situato vicino a terra),
facile collocare l'arnia preparata come detto in
precedenza, subito al di sotto. In questo modo,
scrollando il ramo, possibile far cadere lo
sciame nell'arnia. Eventualmente, l'operazione
risulta ulteriormente facilitata se il ramo viene
tagliato e portato proprio in prossimit della
parte superiore dell'arnia.

10

Come attrattivo per gli sciami possibile


utilizzare o del succo di limone spalmato
all'interno dell'arnia o anche della semplice
rosura di favo prodotta dalla comune tarma
della cera. anzi opportuno posizionare
nell'apiario delle arnie preparate con soli
fogli cerei e, nel fondo, distribuita un po' di
questa rosura. In questo modo possibile
recuperare sciami che altrimenti sarebbero
andati persi.

Qualora lo sciame si posi sul terreno


o all'interno di un cespuglio a portamento prostrato, l'inarniamento risulta pi complicato e lo
sciame pu essere inarniato facendolo entrare
dalla porticina. Disponendo di favi costruiti, questi si possono avvicinare allo sciame in modo che
le api li colonizzino naturalmente. Una volta coperti dalle api, questi favi possono essere inseriti
nell'arnia. Sono le stesse api, una volta all'interno
della nuova dimora, a richiamare le compagne.

11

Lo sciame inarniato deve essere


sottoposto immediatamente ad un trattamento contro la varroatosi. Il principio attivo
che deve essere impiegato in questo frangente deve essere caratterizzato da un'azione di tipo immediato e non prolungato nel
tempo. possibile usare, dell Api-Bioxal (a
base di acido ossalico) sgocciolato o altri
presidi sanitari come il Perizin o l'Apitol
(vedi glossario).

Quando lo sciame va a posarsi


in un posto difficilmente accessibile, la sua
cattura pu risultare assai complicata se non
impossibile. Ad esempio il suo recupero da un
ramo posto a parecchi metri da terra
comporta frequenti insuccessi.

12

Lo sciame inizia presto la costruzione


dei fogli cerei, che pu essere accelerata fornendo una abbondante nutrizione di soccorso (vedi glossario), anche in presenza di
un flusso di nettare. La nutrizione, permette
alle api di procurarsi la materia prima per la
produzione della cera, senza dover bottinare
all'esterno. Lo sciroppo (2 chili di zucchero in
1 litro di acqua) si somministra preferibilmente con nutritori a tasca.

Per evitare che le api costruiscano favi


naturali, devono essere colmati gli spazi vuoti
del nido. In presenza di un piccolo sciame si
provvede ad avvicinare i telaini e ad inserire di
seguito altri fogli cerei e semmai, di lato,
alcuni nutritori a tasca. Dopo 2 o 3 giorni, si
provvede ad asportare i telaini in esubero ed i
nutritori. Se si inarniato un grosso sciame si
completa il nido con fogli cerei.

13

L'aggiunta del primo melario


assume un importanza fondamentale.
Inserito prima che il nido sia completato, deve essere composto interamente da favi costruiti. La sua funzione quella di accogliere
il nettare in eccesso che, in nessun modo,
deve essere stoccato nei favi da nido appena
costruiti. Questi favi non rafforzati dalle esuvie larvali crollerebbero al primo innalzarsi
delle temperature.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La sciamatura

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

il contesto della colonia sciamata


Il fenomeno della sciamatura, nell'attivit dell'alveare di partenza, provoca profonde ripercussioni
che, inevitabilmente, si riflettono sulle sue potenzialit produttive. Occorre che l'allevatore operi su
queste colonie in modo tale da reinserirle quanto prima nel normale ciclo di produzione.
Si potrebbe affermare che l'unico aspetto positivo della sciamatura la suddivisione della colonia,
unitamente alla nascita di una nuova regina nell'alveare "madre". Ma questa certamente una
cosa marginale rispetto ai problemi che essa pone.
bene ricordare che il fine dell'apicultore non allevare api, ma produrre con finalit economiche, sempre nel suo interesse e nell'interesse delle api. Queste ultime, solo se correttamente allevate, possono estrinsecare pienamente il loro potenziale produttivo.
Al fine di meglio comprendere le problematiche che si manifestano in un alveare che ha sciamato, occorre procedere ad alcune considerazioni su ci che tale fenomeno comporta in natura.
Quando l'attivit apistica era basata sull'allevamento rustico, le azioni dell'apicultore tendevano ad
assecondare, se non a sfruttare, il comportamento stesso che le api avevano naturalmente.
In particolare, la fase della raccolta del miele era soggetta a regole assai precise. Gli alveari venivano soppesati e solamente quelli pesanti, e quindi carichi di miele, venivano smelati. Per poter estrarre il miele da favi edificati dalle api in modo assolutamente naturale, all'interno di contenitori messi
loro a disposizione, l'allevatore si trovava obbligato a ricorrere all'apicidio. Secondo l'impiego di differenti sistemi, le api venivano allontanate o, pi frequentemente, travasate in altri contenitori vuoti,
che venivano successivamente ricollocati in apiario nella stessa posizione. Ovviamente le api, in
assenza di scorte alimentari e di flussi di nettare significativi, erano condannate a morire di fame nel
giro di pochi giorni.
Secondo questo sistema venivano smelati gli alveari che avevano sciamato durante l'anno, mentre venivano risparmiati quelli che si erano formati durante la stessa stagione, provenienti dalla cattura degli sciami. In pratica, l'apicultore pareva animato da un comportamento contrario al suo
interesse: decretava la soppressione delle famiglie dotate di giovane regina dell'anno, mentre salvava la totalit delle colonie formate da sciami e, quindi, con regina vecchia di almeno un anno.
Questo comportamento aveva per una spiegazione assai logica: solo gli alveari che avevano sciamato avevano buone quantit di miele, a differenza degli altri che, al contrario, avevano nei favi
grandi quantit di covata.

Nella colonia che si appresta


a sciamare, la regina rallenta la sua
attivit di ovideposizione gi parecchi
giorni prima dell'evento, interrompendola del tutto in prossimit del suo
abbandono dell'alveare. Questo fatto
comporta che nelle celle liberate dalla
covata, e non pi di interesse della
regina, le operaie riversino le scorte
(principalmente di miele) importate
senza sosta dalle bottinatrici.

Al momento dell'uscita dello sciame


le api che lo comporranno si riversano
sui favi ingurgitando la maggiore
quantit di miele possibile. Questo
miele necessario per poter costruire i
favi del loro nuovo alveare. Cos
facendo liberano, anche se in parte, i
favi del nido dal miele che essi
contenevano.

Una volta fuoriuscito lo sciame,


la colonia, per quanto ridotta nelle sue
dimensioni, prosegue il proprio lavoro.
vero che l'azione di bottinamento si
riduce, essendosi ridotto il numero delle
bottinatrici, ma altrettanto vero che
anche i consumi si riducono, non
essendo presente in alveare, in questo
momento, nessun tipo di covata da
alimentare.

Prima che nell'alveare sciamato


compaia una nuova regina feconda,
devono trascorrere non meno di due
settimane. Qualora vi sia stata
un'abbondante produzione di sciami
secondari (vedi glossario: sciamatura),
tale arco di tempo pu essere ancora
maggiore, arrivando fino anche ad un
mese.

Schede tecniche di apicultura

La sciamatura - il contesto della colonia sciamata

In questo lasso di tempo,


nell'alveare le api bottinatrici tendono a
ripristinare le scorte di miele. Questo,
per comodit della colonia, viene stivato
principalmente nei favi da nido, per
quanto l'apicultore previdente provveda
a lasciare il melario a disposizione della
famiglia.

La situazione che si presenta


agli occhi dell'allevatore quella di una
parziale liberazione dei favi da nido.
Questi appaiono ripuliti dal miele nella
parte centrale, mentre rimane notevole
lo sviluppo di una corona di miele
opercolato tutt'intorno a queste cellette
vuote. Questa configurazione testimonia
la presenza della nuova regina, anche se
a volte, non possibile accertarne
visivamente la sua presenza.

In ambiente mediterraneo,
o comunque in tutte le situazioni nelle
quali il flusso di nettare si presenta
cospicuo, le api arrivano ad intasare di
nettare tutti i favi del nido. Questo
nettare matura velocemente e,
pertanto, le operaie provvedono
all'opercolatura dei favi.

Per questo motivo la regina,


per quanto in possesso di notevoli
capacit riproduttive, non pu disporre
che di un limitato spazio per la covata. La
conseguenza di questa situazione quella
di una incapacit del rinnovo della
popolazione dell'alveare sciamato, in
considerazione della scarsit di uova
deposte dalla nuova regina.

Quando la ripresa della covata


prossima, le operaie provvedono a
liberare, per quanto possibile, i favi del
nido. Mentre viene loro semplice
traslocare nel melario il miele stivato
nelle celle non ancora opercolate,
altrettanto non avviene per quello
stipato nelle celle gi chiuse. Di
conseguenza queste cellette vengono
sottratte alla loro funzione principale
che quella di accogliere la covata.

10

Per questo motivo gli alveari


sciamati, qualora lasciati all'autogoverno, si ritrovano, al termine della
stagione produttiva, poveri di api, con
un nido carico di miele e con i melari
praticamente vuoti. perci indispensabile, affinch questi possano essere
reinseriti nel ciclo produttivo che
l'allevatore dedichi loro alcune
attenzioni.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La sciamatura

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

la manipolazione della famiglia di origine


La colonia che ha sciamato, spesso presenta il nido intasato di miele. Infatti, in questa situazione, nell'alveare si registra un blocco di covata, della durata di almeno 3 settimane durante il quale tutta la
covata ha il tempo di sfarfallare. In questa situazione le operaie, nonostante la presenza del melario,
trovano assai pi comodo riversare il nettare nelle cellette dei favi da nido, man mano che queste
vengono liberate. In prossimit della ripresa dell'ovideposizione da parte della nuova regina, le operaie tendono a sgomberare i nidi dal miele. Generalmente, per, lo spazio che esse riescono a liberare non sufficiente per la crescita di una quantit di covata tale da far registrare un pronto recupero della colonia sciamata. Questo comportamento fondamentalmente determinato dal fatto
che il miele opercolato difficilmente viene traslocato. Occorre per considerare anche che in un
alveare indebolito per l'abbandono di una grossa parte delle api, la deposizione delle uova viene
estesa dalla regina non oltre la possibilit di controllo di un eventuale formazione del glomere. E poich nella stagione primaverile, a fronte di gradevoli temperature diurne, quelle notturne scendono
di frequente al di sotto dei 10C, soglia sotto la quale la colonia d inizio alla formazione del glomere, qualora il gradiente delle temperature giornaliere faccia registrare forti escursioni fra quelle diurne e quelle notturne, con temperature a volte prossime agli 0C, il glomere, formato da poche api,
in grado di garantire solo la copertura di un ristretto volume di covata. Questa condizione , per
l'alveare, assai delicata, poich le azioni che pu porre in essere l'apicultore possono procurare
danni che ostacolano ulteriormente la ripresa della colonia. Occorre innanzitutto valutare attentamente la quantit di api rimaste al termine della fase di sciamatura, quantit che, in modo particolare negli ambienti mediterranei, funzione del numero di sciami prodotti da ciascuna colonia. Se
la divisione ha portato alla formazione di un solo sciame primario, la manipolazione della colonia da
parte dell'allevatore comporta rischi limitati. Al contrario, se il periodo della sciamatura stato lungo
e la produzione di sciami secondari copiosa, al suo termine, nell'alveare sar possibile contare solo
poche api: in questo frangente occorre che l'apicultore presti particolare attenzione alla manipolazione dellalveare, valutando opportunamente il rischio di ogni suo intervento.Tutto questo nella
considerazione che la fase della sciamatura si concluda comunque positivamente, con la nascita di
una nuova regina, con la sua regolare fecondazione e la ricomparsa in alveare di una covata compatta. Non di rado, l'alveare resta orfano o la nuova regina non si dimostra all'altezza della vecchia,
mostrando aspetti della covata affetta da gradi diversi di consanguineit (vedi glossario). Ciascuna
circostanza deve essere attentamente valutata affinch l'allevatore possa porvi rimedio prima che la
situazione porti all'esclusione della colonia dal ciclo produttivo se non alla sua naturale estinzione.

Nel caso la regina venga valutata


positivamente, occorre procedere allo
sgombero dal nido di tutti i favi ancora
ricolmi di miele, poich essi rappresentano un ostacolo per la ripresa della
covata. possibile trasferirne una parte
adeguata in un doppio melario (vedi
glossario) e sostituirli con dei fogli cerei.
In questo modo l'alveare riacquista la
configurazione ideale: la covata nel
corpo inferiore e le scorte a miele
immagazzinate nella parte superiore.

Se la colonia sciamata pu contare


su un numero sufficiente di api, tali da
ga-rantire una buona copertura della
covata, la sua manipolazione comporta
il solo riordino del nido. L'inserimento di
fogli cerei, infatti, consegue essenzialmente due vantaggi: da un lato le api li
costrui-scono in fretta e bene per garanti
re alla loro regina nuovi spazi; dall'altro,
per la loro costruzione, le api consumano del miele con il conseguente
svuotamento dei favi lasciati nel nido.

La prima operazione
che indispensabile compiere in una
colonia che ha subito la sciamatura
verificare l'avvenuta sostituzione della
regina, unitamente alla qualit della sua
covata. Se questa appare compatta, si
pu procedere alla riorganizzazione
della colonia con l'obiettivo di reinserirla
in produzione. Altrimenti occorre
valutare se sia preferibile riunirla ad
un'altra, eliminando purtroppo la nuova
regina.

Con il prelievo di pochi favi a miele


presenti nel nido (e lasciando in posizione solo quelli con polline) la colonia viene presto reinserita nel ciclo produttivo.
Ovviamente in questo doppio melario
possono confluire anche favi provenienti da altre colonie il cui nido si
presenta intasato dal miele. Cos come
possibile che i favi sottratti alla colonia
sciamata possono essere trasferiti in
doppi melari gi posizionati sopra altri
alveari.

Schede tecniche di apicultura

La sciamatura - la manipolazione della famiglia di origine

Qualora la colonia risulti povera di api,


occorre provvedere al suo ripopolamento al
pari delle situazioni descritte nella scheda
relativa al rafforzamento delle colonie. In questa circostanza assai rischioso inserire favi di
covata giovane o appena opercolata, poich
le operaie presenti potrebbero non essere
sufficienti a proteggerla dai ritorni di freddo
sempre frequenti nella stagione primaverile.

Qualora si valuti che la regina


presenti un grado anche basso di consanguineit, si deve provvedere alla sua eliminazione. Uccisa la regina si procede alla riunificazione di questa colonia con un'altra. Essa
pu essere trasferita in un doppio melario
da posizionare sopra la colonia ricevente.
Fra le due, preferibile interporre, almeno
temporaneamente, una lastra escludiregina.

Se le previsioni del tempo lo permettono,


garantendo buone temperature notturne
superiori ai 15-20C, possibile inserire alcuni
favi di covata nascente. Questi favi, nel giro di
24 ore, vengono liberati e ripuliti dalle api,
fornendo una discreta quantit di api di casa e
ottime celle per l'ovideposizione della nuova
regina. L'aggiunta di questi favi deve essere
preferibilmente graduata nei giorni.

10

Qualora la colonia resti orfana


o, peggio, in essa compaia una fucaiola,
necessario procedere quanto prima al suo
smembramento. La soluzione pi
appropriata quella di riunificarla attraverso
lo spazzolamento di tutte le api, considerato
che esse sono tutte api di volo, ad esclusione
delle operaie fucaiole.

Il rafforzamento della colonia sciamata


pu avvenire anche spazzolando in essa delle api di casa: nutrici o ceraiole. Le prime possono essere prelevate da favi di covata con
larvette di et inferiore ai 3 giorni, la cui nutrizione, di sola pappa reale, viene fatta da operaie di casa con et inferiore ai 10 giorni; le
seconde da fogli cerei in costruzione. Ovviamente occorre prelevare queste api da colonie stabili e non da sciami appena inarniati.

11

La colonia sciamata e rimasta orfana


viene spostata di qualche metro in avanti
rispetto alla sua posizione. Successivamente
devono essere spazzolati completamente
tutti i favi, in modo tale che tutte le operaie
siano costrette a prendere il volo. Facendo
ritorno in postazione e non trovando pi il
loro alveare, le api si distribuiscono fra quelli
pi vicini ai loro riferimenti di luogo o di
colore.

Nelle colonie che hanno sciamato,


non necessario asportare il melario, a patto
che non ne abbiano pi di uno. Eventualmente
necessario ricomporne la disposizione dei favi
trasferendo quelli di miele maturo in melari su
colonie in produzione. Questi vengono sostituiti
con favi vuoti, posizionandoli ai lati del melario. I
favi gi con miele trovano invece spazio nella
parte centrale. meglio, vista la presenza di fogli
cerei nel nido, inserire una lastra escludiregina.

12

I favi spazzolati, con poche api


di copertura, possono essere distribuiti fra le
colonie che ne possono avere bisogno:
nuclei in espansione, sciami inarniati o
prodotti artificialmente, ecc. Eventualmente,
liberati dalle fucaiole, possono essere inseriti,
come descritto in precedenza, in doppi
melari ed avviati cos alla produzione di
miele.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La sciamatura

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

la sostituzione precoce della regina


La sciamatura pu essere prevenuta anche e soprattutto attraverso alcune metodiche di governo
degli alveari. Durante la sciamatura, la regina vecchia abbandona la propria colonia per andare a
costituirne una nuova. Questo evento, in apicultura intensiva, non pu essere lasciato al libero arbitrio delle stesse api, poich deve essere l'apicultore a gestirlo, facendo in modo che avvenga, artificialmente, il pi precocemente possibile.
Utilizzando i primi nuclei prodotti in azienda, possibile effettuare la sostituzione delle regine
durante la stessa stagione produttiva, molto anticipatamente rispetto all'inizio della fase di sciamatura o, al pi, al suo inizio. Questo metodo, nella sostanza, non fa altro che simulare una vera e
propria precoce sciamatura della colonia. Sostituendo la propria vecchia regina con una appena
fecondata, senza alcuna soluzione di continuit della ovideposizione, la famiglia tende a controllare in modo significativo la propria propensione alla sciamatura. Viene pertanto limitato il rischio
di divisioni indesiderate degli alveari durante la produzione, fase in cui la presenza dei melari ostacola notevolmente il controllo dei nidi. L'impiego di questo metodo raccomandabile negli allevamenti in ambienti con clima tipicamente mediterraneo, ove il fenomeno della sciamatura non
sempre arginabile con la semplice asportazione delle celle reali.

Per soddisfare l'esigenza


delle api ceraiole, presenti in gran
numero in questa fase dello sviluppo
della colonia, almeno il primo melario
aggiunto deve contenere da 3 a 5 fogli
cerei, posizionati al centro. La successione
da rispettare deve essere pertanto: 2-3
favi gi costruiti ad un lato, 3-5 fogli cerei,
2-3 favi gi costruiti nel lato opposto.

All'uscita della stagione invernale,


periodo che, secondo la latitudine,
l'altitudine o il microclima della zona di
allevamento pu avere date
significativamente differenti, l'alveare
deve manifestare un buon grado di
sviluppo. In genere la covata deve essere
estesa su non meno di 8 favi,
considerato che almeno uno dei due di
sponda deve contenere scorte alimentari
(polline e miele).

Non appena la stagione


lo permette,occorre avviare la
produzione di regine finalizzata alla
costituzione di piccoli nuclei. In questo
caso importante che per la
fecondazione della regina vengano
impiegate le comuni arniette
prendisciame.

In questa situazione bene


che alla famiglia venga dato per tempo il
melario affinch sia scongiurata
l'eventualit che le api, in presenza di un
significativo flusso di nettare, utilizzino i
favi del nido per depositarvi miele e
polline. In questa situazione, infatti, si
avrebbe una riduzione dello spazio a
disposizione della regina con l'avvio
prematuro dell'andata a sciame.

La produzione di questi nuclei


si pu realizzare adottando alcune delle
diverse tecniche descritte in altrettante
schede di questo manuale: o secondo la
tecnica classica o secondo la tecnica del
doppio melario. Quest'ultima permette di
agevolare le operazioni di formazione dei
nuclei e, nel contempo, di attuare un
efficace controllo delle popolazioni di
varroa. Luso del doppio melario offre
inoltre l'indubbio vantaggio di poter
espandere la covata al di l del solo nido.

La sciamatura - la sostituzione precoce della regina

Schede tecniche di apicultura

Non appena avvenuta la


fecondazione della regina, si attende
che la covata si estenda su 3 favi.
Questo momento pu essere raggiunto
pi velocemente fornendo al nucleo, e
quindi alla regina appena fecondata,
dei fogli cerei in avanzato stato di
costruzione o dei favi appena costruiti,
prelevati da altre colonie. Questi telai
possono essere trasferiti con le stesse
api di copertura, evidentemente
ceraiole.

La successione che si ottiene,


una volta avvenuto il trasferimento, la
seguente: 2-3 favi preesistenti, 1 foglio
cereo, 3 favi di covata con la giovane
regina appena fecondata, 1 foglio
cereo, 2-3 favi preesistenti.

Questi nuclei, con regina dell'anno,


possono essere trasferiti negli alveari gi
in produzione, ma a rischio di
sciamatura, considerato che la loro
regina ha alle spalle almeno un anno di
attivit. A queste colonie devono essere
sottratti 5 favi di covata con l'ape regina
e tutte le api di copertura.

10

Al termine dell'operazione,
occorre affumicare lievemente la colonia,
al fine di disorientare le api di casa e quelle
appena inserite, affinch venga facilitata la
loro unione. Questa pu essere agevolata
anche cospargendo le api con della farina.

Lo spazio reso libero dal prelievo


di questi 5 favi deve essere immediatamente colmato con il trasferimento dei
3 favi di covata provenienti dal nucleo
di fecondazione. Questi favi devono
essere trasferiti con tutte le api di
copertura, compresa l'ape regina. Ai lati
estremi devono essere posizionati due
telaini con foglio cereo, uno per lato.

11

La coesione della colonia,


e quindi l'accettazione della nuova
regina, viene favorita dalla necessit di
costruire i due fogli cerei inseriti. Questi
formano inizialmente dei provvidenziali
diaframmi di separazione fra le due
famiglie. Una volta pronti, la regina si
trasferisce su di essi, suggellando la sua
presa di possesso del comando
dell'alveare.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La sciamatura artificiale

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

la produzione di sciami col metodo classico


La sciamatura artificiale la pratica apistica attraverso la quale l'apicultore provvede a scomporre le proprie famiglie col fine di ottenerne di nuove. Le motivazioni che spingono al ricorso alla sciamatura artificiale sono le pi disparate: allargare la propria base produttiva con l'aumento delle colonie, contrastare
la sciamatura naturale, contrastare l'incremento della popolazione di Varroa destructor diluendola su un
numero maggiore di colonie (e quindi di covata), produrre genetica da immettere sul mercato, ecc.
Altrettanto disparati sono i sistemi a cui gli apicultori ricorrono: la divisione di una famiglia in due o pi
sciami, la creazione di uno sciame facendo ricorso a favi ed api provenienti da pi alveari, ecc. Non
potendo approfondire ogni singola operazione, in questa sede si intende fornire agli apicultori alcune
linee guida fondamentali per meglio operare. Viene poi lasciata alla successiva pratica dei singoli, ed alla
loro relativa necessit di produrre nuove famiglie, l'elaborazione di una tecnica individuale, che tenga
meglio conto degli obiettivi generali che si intende perseguire.
In coincidenza con la produzione degli sciami artificiali importante che l'operatore valuti attentamente i ceppi genetici impiegati per la produzione delle regine. Nel caso che si impieghino api regine gi
fecondate, queste devono essere acquistate da apicultori di provata esperienza, iscritti all'Albo nazionale, e devono provenire da ceppi genetici che si sono dimostrati adatti alle condizioni ambientali nelle
quali le nuove colonie si trovano ad operare.
Nel caso che le regine vengano prodotte in proprio, altrettanto importante che l'allevatore avvii un'azione selettiva riguardo i ceppi genetici da riprodurre. Anche la sola selezione massale in grado, pur
in tempi piuttosto lunghi, di generare effetti positivi. Meglio, ovviamente, il caso in cui sia possibile avviare un programma di selezione basato sul test di progenie, considerata la scarsa ereditabilit dei caratteri produttivi, legati strettamente alle condizioni ambientali.
Per questo motivo opportuno che a monte della produzione di sciami artificiali, l'apicultore, anche non
professionista, provveda ad avviare la produzione di celle reali, in numero adeguato alle proprie esigenze. Anche nel caso si decida di lasciare allo sciame la possibilit di allevare una propria regina, indispensabile che questa provenga da materiale genetico selezionato. Per fare questo occorre sempre
inserire nel nucleo un favo con uova, favo che deve provenire da una colonia la cui positivit delle caratteristiche della regina prese in considerazione (produttivit, comportamento, controllo delle patologie,
ecc.), sia stata accertata. Come pi volte affermato, per fare questo l'apicultore ha a disposizione due possibilit: valutare semplicemente l'alveare fornitore di uova durante le annate precedenti (selezione massale) o, preferibilmente, accertarne anche la trasmissibilit dei caratteri positivi alla discendenza (test di
progenie).

I favi devono essere ben coperti di api


affinch la covata sia protetta da ritorni
di freddo. importante che questa sia
prossima allo sfarfallamento, in modo tale che sia esposta a rischi di mortalit da
freddo solo per pochi giorni, meglio se
per poche ore. Inoltre l'inserimento di un
favo di covata nascente fornisce al nucleo una spinta determinante: si consideri che la covata presente sui due lati di
un favo in grado, una volta nata, di
ben presidiare 3 favi da nido.

Al nucleo possono essere aggiunte


anche api adulte. Se trasportato in zone
distante dall'apiario di formazione, le api
inserite possono essere anche bottinatrici. Infatti trasferite lontano tanto da
perdere i riferimenti di volo, essere
finiscono per riconoscere solo quelli del
nuovo apiario. In questo modo il nucleo
conserva la consistenza conferitagli al
momento della formazione. Come per i
favi, le api possono provenire da alveari
diversi, potendo convivere senza
problemi di sorta.

I nuclei artificiali debbono avere


una consistenza standard, sia che in essi
venga inserita una regina gi fecondata
che una cella reale. Debbono essere costituiti possibilmente da un favo di scorte,
sia di polline che di miele, un favo di covata nascente ed un foglio cereo. A chiusura deve essere collocato un nutritore a
tasca, con mezzo litro di soluzione zuccherina al 70% (2 parti di zucchero per
una di acqua). I favi possono provenire
da un solo alveare o da pi alveari.

Nel caso che i nuclei vengano


posizionati nell'ambito dello stesso apiario
di formazione (evento, ove possibile, da
evitare), occorre spazzolare in essi un adeguato quantitativo di api di casa (nutrici
e/o ceraiole). Infatti le api di copertura dei
favi di scorta e dei favi di covata opercolata sono per lo pi bottinatrici; le quali una
volta in volo, fanno rientro nell'alveare di
origine. Le nutrici possono essere reperite
sui favi con covata di et inferiore ai 3
giorni; le ceraiole sui fogli cerei.

Schede tecniche di apicultura

La sciamatura artificiale - la produzione di sciami col metodo classico

La scelta dell'arnietta che deve ospitare


lo sciame artificiale deve essere fatta con attenzione. Soprattutto quando si trasferisce il nucleo
in un secondo apiario, opportuno che l'arnietta disponga di distanziatori anche sul fondo, per
evitare l'oscillazione dei favi (non propolizzati),
oscillazione che provocherebbe lo schiacciamento di molte api. Le arniette devono essere
anche dotate di presa d'aria inferiore e,
eventualmente, sul coperchio.

In quest'ultimo caso anche


possibile costituire preliminarmente dei
nuclei deputati appositamente all'allevamento di celle reali. Essi devono essere pi forti:
uno o due favi di scorta e 3-4 favi con uova
e larvette appena nate, unitamente a molte
api di casa (nutrici e ceraiole). Passati circa
10 giorni, questi favi, con celle reali naturali
oramai mature, possono essere smembrati
per costituire altrettanti nuclei.

Se si intende fornire una regina feconda,


questa deve essere inserita subito appresso la
costituzione del nucleo, ben prima che questo
avverta l'orfanit. Le tecniche di inserimento
sono quelle descritte nella scheda specifica. In
questa condizione la covata riprende appena
le operaie hanno liberato la loro regina, pochi
giorni dopo la costituzione del nucleo. I rischi
di orfanit sono legati all apossibilit che le
operaie rifiutino la nuova regina.

10

Ai nuclei formati successivamente


nella maniera consueta (un favo di scorta,
uno di covata nascente, un foglio cereo ed il
nutritore a tasca), deve essere inserito uno dei
favi con le celle mature. necessario eliminare le celle in eccesso, risparmiando quella che
appare essere la meglio conformata. anche
possibile ritagliarne qualcuna (senza rovinare
in modo irreparabile il favo), che pu essere
impiegata secondo come descritto al punto 7.

Se si intende fornire una cella reale,


fondamentale che le api abbiano il tempo
di percepire l'orfanit, (24 ore) pena il rifiuto.
della cella. In questo caso, sono maggiori i
tempi della ripresa della covata che ricompare qualche giorno dopo la fecondazione:
circa 2 settimane dopo la formazione del nucleo. Ovviamente sono maggiori anche i rischi di orfanit poich la regina potrebbe essere predata durante il volo di fecondazione.

11

Il nucleo deve essere trattato


per il controllo della Varroa destructor. Nel caso sia stata introdotta una regina feconda, il
trattamento deve essere fatto al controllo di verifica dell'accettazione della regina: circa sette
giorni dopo la sua introduzione. Negli altri casi
il tempo a disposizione maggiore ed il nucleo pu ricevere anche due trattamenti successivi: uno pochi giorni dopo la sua costituzione, l'altro alla ripresa della covata.

Nel caso non si disponga n di regine


feconde n di celle reali mature (cio
prossime allo sfarfallamento), deve essere
aggiunto anche un favo di uova o covata di
poche ore, affinch sia lo stesso sciame a
provvedere all'allevamento della propria
regina. In questo caso i tempi della ripresa
della covata si allungano notevolmente (fino
a 4 settimane) cos come i rischi di orfanit.

12

anche possibile asportare il favo


(una volta opercolato) dove la regina ha deposto le sue prime uova. Questa covata ospita
la quasi totalit della varroa superstite ai trattamenti. Il favo pu essere impiegato per la produzione di altri nuclei. In questo modo si leva
all acaro la facolt di riprodursi ulteriormente,
oltre alla possibilit di esporlo ad un nuovo
trattamento. Il favo pu essere precedentemente identificato con una puntina colorata.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La sciamatura artificiale

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

la produzione di sciami col doppio melario


La diffusione della Varroa destructor ha determinato profonde modifiche nella pratica apistica.
Oramai assolutamente accertato che effettuare solo due trattamenti all'anno, ove sia presente l'aplotipo (vedi glossario) di Varroa destructor pi pericoloso -quello classificato come coreano o tedesco
o russo- non sia risolutivo ai fini del controllo delle popolazioni del parassita. Infatti, un calendario di lotta
basato su un trattamento estivo, in presenza di covata, ed uno invernale, realizzato in assenza di covata, determina, seppure ciclicamente, perdite rilevanti. Occorre pertanto porre in essere ulteriori sistemi
di controllo della varroatosi che siano compatibili con la produzione e che siano economicamente
sostenibili. La tecnica di lotta primaverile svolta attraverso l'asportazione di covata maschile, impiegata
da molti quale integrazione alla lotta chimica, basa i propri presupposti sulla constatazione che nei
nostri ambienti la sola lotta chimica non sia sufficiente a garantire un efficace controllo dell'infestazione.
La strategia di lotta alla varroatosi proposta in questa scheda, oramai sperimentata e collaudata, si basa
sulle indicazioni ottenute dalle osservazioni in campo nonch su alcune considerazioni di carattere
generale:
i ritmi dei cicli riproduttivi dell'acaro sono costanti e sincroni ai cicli di covata dell'ape, ma sono indipendenti dal numero di uova deposte dalla regina (o da pi regine contemporaneamente);
l'esistenza di apporti esterni di acari, non legati al ciclo riproduttivo delle famiglie componenti l'apiario, che hanno come veicolo preferenziale i fuchi che affollano gli alveari orfani;
la necessit di integrare gli interventi chimici con la lotta biologica, mirando per il prelievo dei favi di
covata opercolata all'allontanamento del maggior numero di acari per telaino;
la scarsa affidabilit, unitamente ai costi elevati, della lotta biologica condotta mediante la soppressione di covata maschile;
il caratteristico comportamento della varroa nel caso di blocco di covata, che fa s che la quasi totalit degli acari si riversi sulle larve appena queste ricompaiono nellalveare (prima e seconda et) e non
poco prima dell'opercolatura delle celle (larve di quinta et).
Operativamente la tecnica di lotta adottata si articola in quattro fasi fondamentali:
confinamento della covata disopercolata nella parte superiore dell'alveare;
allontanamento della stessa una volta opercolata;
formazione di nuclei;
intervento di lotta chimica e/o biomeccanica.
Vale inoltre la pena evidenziare che la formazione di nuclei, tendenti ad aumentare il numero delle
famiglie allevate, pratica corrente tra gli apicultori professionisti che ricorrono a questo metodo per
controllare la sciamatura. Le famiglie cos ottenute, vengono utilizzate per tutta la stagione di raccolta
per poi essere riunite in previsione delle fioriture autunnali, in particolar modo del corbezzolo. La pratica adottata, pertanto, non comporta n un aggravio di manodopera n tanto meno un incremento dei capitali di scorta. Adottando questa tecnica, si realizza il controllo dell'infestazione e, nel contempo, possibile ottenere interessanti risultati produttivi. Si consideri che la produzione vendibile pu
essere data anche da materiale genetico come i nuclei di api. Questo nella considerazione che la loro
produzione comporta un minore immobilizzo di capitali rispetto a quella delle altre produzioni.
Un'ultima annotazione di carattere scientifico: la famiglia di api definita dagli entomologi come un
superorganismo, perch presenta molteplici comportamenti assimilabili alle propriet fisiologiche di
organi e tessuti. Ebbene, si pu ritenere che nel campo apistico lo stesso concetto possa essere esteso
all'intero apiario, nel quale l'entit alveare perde il proprio significato. Tutte le colonie concorrono a
costituire l'unit di produzione, un'entit dinamica formata da individui che possono essere trasferiti da
una famiglia all'altra in funzione delle esigenze produttive. perci all'apiario, e non ai singoli alveari o
a gruppi di essi, che deve essere riferita qualsiasi valutazione inerente lo stato sanitario e le misure di
lotta attuate. A tal proposito, l'unico parametro capace di misurare l'efficacia degli interventi adottati
il livello produttivo raggiunto.

All'inizio dell'annata produttiva,


al termine della stagione invernale, non
appena la colonia ha completato il
nido, l'alveare deve essere
opportunamente manipolato.
Dapprima si portano superiormente, in
un doppio melario (vedi glossario), la
quasi totalit dei favi interessati da
scorte; solo successivamente quelli di
covata disopercolata, ivi compresa
quella frammista alla covata opercolata.

Nel nido vengono lasciati i favi


interessati dalla sola covata opercolata,
mentre lo spazio restante viene
occupato con fogli cerei di tipo fuso.
Il nido viene completato da un nutritore
a tasca posizionato al lato opposto a
quello dei favi di covata.

La regina viene trattenuta nel nido


interponendo una lastra escludi regina
fra i due corpi dell'arnia. Cos preparato,
l'alveare viene lasciato per una decina di
giorni, dando cos il tempo a tutta la
covata opercolata, rimasta nel nido, di
sfarfallare ed a quella disopercolata, nei
telai posti nel doppio melario, di
opercolare.

La sciamatura artificiale - la produzione di sciami col doppio melario

Schede tecniche di apicultura

In questo lasso di tempo


si verifica una migrazione degli acari
verso l'alto, dove si trovano le uniche
larve parassitizzabili. In queste
condizioni, la covata presente nel
doppio melario, oramai completamente
opercolata, contiene circa il 75-80%
delle varroe presenti nell'alveare.

Trascorsi circa 15 giorni


dalla formazione del nucleo ed avvenuta
la fecondazione della regina, nellalveare
non sar pi presente covata opercolata, ma solamente uova. cos possibile
intervenire con un trattamento chimico
a base di acido ossalico, somministrato o
per sgocciolamento o, preferibilmente,
per nebulizzazione.

I favi situati nel doppio melario


vengono a questo punto prelevati
insieme alle api di copertura (circa il
50% del totale) ed utilizzati per la
formazione di nuclei. In essi devono
essere innestate celle reali prossime allo
sfarfallamento. In questo modo viene
allontanato dall'alveare circa l'85-90%
delle varroe: il 75-80% imprigionate
nella covata opercolata e circa la met
di quelle presenti sugli adulti.

anche opportuno allontanare


il primo telaino di covata opercolata,
eliminando cos la quasi totalit della
popolazione di varroa che si era riversata
sulle prime larve comparse dopo il blocco
di covata. Operando in questo modo si
procede ad un risanamento della colonia
pressoch totale nonch alla costituzione
di nuclei contenenti livelli bassissimi di
popolazione di varroa.

Le celle reali devono essere inserite


nel nucleo trascorse 24 ore dalla sua
formazione. questo un lasso di tempo
sufficiente affinch la piccola colonia
avverta lo stato di orfanit ed accetti
naturalmente la cella reale. La regina
deve poter sfarfallare nel nucleo nelle
ventiquattro ore successive. Le celle
reali, possibilmente, devono provenire
da un allevamento predisposto
appositamente.

I favi prelevati possono essere


impiegati per l'ulteriore formazione di
nuclei prodotti come descritto in
precedenza. In questo modo la popolazione di acari non ha la possibilit di
seguire l'andamento crescente della
popolazione di api, in quanto relegata
in situazione di continuo blocco di
covata. Pertanto, mentre si registra una
notevole crescita dell'apiario, il numero
di acari rimane costante nella sua
globalit, il che corrisponde ad una
consistente calo del rapporto acaro-api.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

I pacchi dapi

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

le tecniche di produzione
3

Per l'inserimento delle api


nelle cassette, viene impiegato un
particolare tipo di imbuto. La parte
basale opportunamente conformata
per poggiare sulla cassetta ed inserirsi
perfettamente nel foro del pacchetto.
La parte superiore dell imbuto si presenta grande abbastanza da permettere lo scuotimento, al suo interno, sia dei
favi da nido, sia dell'intero coprifavo,
affinch le api possano essere incanalate all'interno della cassetta.

La produzione dei pacchi d'api


avviene in apposite cassette chiamate
gergalmente pacchetti, realizzate in
multistrato o masonite. I due lati
maggiori sono costituiti da rete
metallica a maglia fitta. Questa
impedendo la fuoriuscita delle api
favorisce nel contempo l'areazione e d
all apicultore la possibilit di bagnare le
api durante il trasporto, nei mesi caldi.

L'alimentazione delle api


viene garantita da un chilo di sciroppo.
Per la sua distribuzione pu essere
utilizzato un normale barattolo di vetro
o di metallo del tutto simile a quello per
le conserve. Un'intelaiatura interna
trattiene il barattolo in posizione e fa in
modo che esso non sporga dalla cassetta, impedendone la chiusura. Il foro
della cassetta deve essere perfettamente
dimensionato al diametro del barattolo
utilizzato.

Nella parte superiore presente


un foro che viene utilizzato per
l'ingresso e l'uscita delle api nonch per
l'inserimento di un contenitore per la
nutrizione costituita da sciroppo
zuccherino.

Prima dell'inserimento all'interno


del pacchetto, al contenitore devono
essere praticati due fori minuscoli (ad
esempio con un punteruolo) sufficienti
a non far sgocciolare la soluzione, ma
tali da permettere alle api di poterla
suggere secondo le loro necessit. Il
barattolo viene inserito rovesciato nel
foro superiore della cassetta, con la
parte forata rivolta verso il basso. Ovviamente i fori non devono poggiare sulla
traversa che sostiene il barattolo.

In Italia, come in buona parte del resto del mondo, la vendita di colonie di api sempre avvenuta
sotto forma di piccole famiglie definite nuclei. Al contrario, negli Stati Uniti, la loro commercializzazione non contempla l'impiego di alcun favo come supporto, ma le api vengono vendute in particolari gabbie alla stregua di uno sciame nudo. Questo tipo di confezione, conosciuto come pacco
d'api, stato successivamente adottato in altre nazioni anglofone (Australia e Nuova Zelanda) e
solo recentemente entrato nell'uso corrente dell'apicultura italiana, grazie sopratutto all'economicit e alla maggiore sicurezza sanitaria del materiale prodotto. Le api sono vendute a peso, in
cassette che generalmente ne contengono circa un chilogrammo, potendo a arrivare a contenerne sino a un massimo di tre. Si consideri che un chilogrammo di api operaie formato da circa
ottomila individui. I pacchi d'api vengono commercializzati secondo due tipologie fondamentali:
con regina giovane e feconda o con sole api operaie. Quest'ultima tipologia viene utilizzata per
ripopolare alveari o da apicultori che preferiscono introdurre una propria regina. In quest'ultimo
caso preferibile che il pacco d'api contenga un dispensatore di feromone reale, condizione questa che migliora significativamente la successiva accettazione di una regina.

Schede tecniche di apicultura

I pacchi dapi - le tecniche di produzione

Occorre poter disporre di una bilancia,


indispensabile per poter verificare il peso delle
api al netto della cassetta. Le api devono essere
pesate prima dell'inserimento del barattolo con
lo sciroppo e, nel caso, la loro quantit deve
essere ragguagliata al peso desiderato.

10

I telai da nido, uno alla volta,


possono cos essere scossi all'interno
dell'imbuto. fondamentale reinserire i favi
all'interno del nido, nel medesimo ordine di
partenza, in modo che la famiglia non
subisca un ulteriore quanto inutile
rimescolamento. Anche in questo secondo
caso, da una colonia forte possibile
prelevare fino a 4,5 chilogrammi di api.

Un primo metodo, di sicuro il pi agevole,


prevede che in primavera, o in estate dopo il
raccolto sulleucalipto, si portino via i melari
inserendo sul nido un escludiregina. In questo
caso l'arnia deve essere chiusa con un coprifavo a sponda alta collocato rovesciato. Le api
scacciate dai melari si riversano in gran numero sul coprifavo, nello spazio libero tra questo e
il nido.

11

Il pacco d'api deve essere completato


inserendo o una regina fecondata chiusa in
una gabbietta o, qualora le api debbano
essere impiegate per rafforzare colonie
deboli, una capsula contenente feromone
mandibolare della regina (Bee Boost).
Una capsula sufficiente a mantenere
l'aggregazione delle operaie per un periodo
di circa 30 giorni.

Le api possono essere prelevate,


dopo mezzora senza dover verificare la
presenza della regina posto luso dellescludi
regina. Da una colonia popolosa possibile
operare fno a 3 o 4 prelievi. Si immette del
fumo allinterno dellalveare; dopo 15-20
minuti possibile prelevare i coprifavi con
aggrappate api per 1 chilogrammo o poco di
pi. Alcuni apicoltori preferiscono effettuare il
prelievo il giorno dopo la smelatura.

12

La cassetta deve essere ben chiusa


mediante un coperchio di masonite, fissato
con delle graffe. Al contrario, nel caso i
pacchetti non debbano affrontare un lungo
viaggio, ma essere immediatamente utilizzati,
pu essere sufficiente chiudere le cassette
con del semplice cartone avvolto attorno al
barattolo e inserire nella scanalatura del foro
una spugnetta, utile per fornire una piccola
scorta d'acqua alle api durante il trasporto.

Un secondo metodo, pi laborioso,


prevede lo scuotimento delle api
direttamente dai telai da nido. Prima di
procedere occorre individuare il favo con la
regina che deve essere momentaneamente
isolato in un'arnietta prendisciame.

13

Durante il trasporto, i pacchi d'api


devono essere tenuti ben distanziati fra loro,
per permettere il passaggio dell'aria tra l'uno
e l'altro e per consentire di bagnare le api
durante il viaggio onde evitare un pericoloso
aumento di temperatura. Le cassette vanno
inoltre sistemate in un unico strato su una
pedana di legno che ne impedisca lo
scivolamento.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

I pacchi dapi

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

le tecniche di utilizzo
Il pacco d'api un modo di commercializzare le api, solo di recente adottato dal nostro
Paese, pur costituendo una tipologia oramai consolidata in altre nazioni, soprattutto nei
paesi anglofoni.
Il commercio dei pacchi d'api assume molteplici caratteristiche positive, quali la rapidit della
sua formazione e l'economicit rispetto al nucleo artificiale tradizionale. Deve per la sua fortuna e la sua diffusione alla maggiore sicurezza sanitaria del materiale commercializzato; il
fatto di essere composto esclusivamente da api adulte, concorre a limitare in modo significativo la propagazione delle malattie tipiche della covata. Questo, anche in considerazione
del periodo di quarantena" ed al tipo di trattamento al quale sono sottoposte le api durante il viaggio: una vera e propria cura della fame (vedi glossario).
Le api viaggiano in particolari cassette (gergalmente chiamate pacchetti ) realizzate in masonite o multistrato e con le due facce lunghe costituite da fitta rete metallica. Le api formano
una sorta di sciame nudo e questo permette all'apicultore (o il venditore o l'acquirente) di
poter effettuare un trattamento esaustivo contro la Varroa destructor, prima dell'utilizzo definitivo del pacco d'api.
Nel normale rapporto commerciale, le cassette contengono comunemente circa 1 o 1,5 chilogrammi di api, raramente di pi. Un quantitativo di api operaie pari a un chilo e mezzo
sufficiente per ricoprire circa 5 telai da nido.
I pacchi d'api, come gi detto nella scheda relativa alla loro formazione, possono essere commercializzati sia con regina, sia senza. In quest'ultima condizione, nel pacco d'api pu essere
inserito il feromone reale, con l'obiettivo di tenere aggregate le api.
Se lo "sciame" viene impiegato per rinforzare famiglie gi attive, la presenza del feromone
reale non indispensabile. Al contrario, qualora si debba inserire successivamente una regina gi feconda, l'impiego del feromone tassativo, favorendo in modo significativo l'accettazione della regina.
Ovviamente, qualora nel pacco d'api sia stata gi inserita la gabbietta con la regina, l'impiego di feromone reale sintetico non riveste importanza.
Nella consuetudine del mercato italiano, a differenza di quanto avviene negli Stati Uniti,
anche quando fornite con i pacchi dapi, le regine viaggiano separatamente nelle gabbiette
di tipologia nicot, le comuni gabbiette in materiale plastico. Le regine vengono inserite sfruttando le stesse gabbiette utilizzate per la spedizione.
Appena ricevute, assolutamente necessario fare in modo che le api contenute nei pacchi
possano riprendersi dallo stress del viaggio. Occorre far sostare le cassette, in una zona in
ombra e ben ventilata, per un paio d'ore, provvedendo a bagnare la rete esterna con acqua
fresca e potabile.
Esistono diverse tecniche per trasferire le api nelle arnie. In questa sede ne vengono descritte due: una prima prevede l'impiego delle arniette prendisciame a 6-7 favi; una seconda, l'utilizzo delle normali arnie a 10 favi. Molti accorgimenti sono comuni ad entrambi i processi,
che differiscono sostanzialmente per il posizionamento dei pacchetti. Dapprima viene
descritto il metodo che prevede il trasferimento delle api nelle arniette; successivamente
quello nelle arnie a 10 favi, precisando unicamente le differenze che questo sistema comporta.

Dapprima occorre predisporre


le arnie affinch possano accogliere le
api. Se l'inserimento viene fatto in
arniette da cinque o sei telaini (le
classiche per nucleo artificiale) si procede
inserendo da un lato un nutritore a
tasca riempito di sciroppo e, dalla parte
opposta, un favo contenente per met
scorte di miele e polline e per met celle
che possano accogliere covata. Nello
spazio centrale vanno inseriti telaini con
fogli cerei.

L'ingresso dell'arnia ricevente


deve essere chiuso, in modo che le api,
non appena fuoriuscite dal pacchetto,
non possano disperdersi. Nel caso non si
possa tornare ad aprire l arnia nelle successive 48 ore, si pu chiuderne l'ingresso con del nastrocarta (il comune nastrocarta da carrozziere). Le api riuscendo a bucarlo possono liberarsi. In questo
periodo, la famiglia ha probabilmente
iniziato la costruzione dei favi e liberato
la regina che, tempo qualche giorno,
inizia la deposizione.

Tre sono i modi per inserire


la regina: la gabbietta pu essere sospesa
fra i telai facendo uso di filo plastificato o
dello stesso filo impiegato per l'armatura;
poggiata direttamente sui telaini del
nido o sul fondo dell'arnia; inserita in un
favo. Occorre prestare attenzione e
ricordarsi di rimuovere la chiusura della
gabbietta prima di inserirla nellarnia.

I pacchi api - le tecniche di utilizzo

Schede tecniche di apicultura

Cos predisposta, l'arnia pronta


ad accogliere le api. Con la massima
attenzione si apre il pacchetto,
liberando il pannello di chiusura dai
ganci o dalle graffette. Sollevata la
cassettina di qualche centimetro, si
batte leggermente sull'arnia in modo
tale che le api precipitino sul fondo.
Quindi, con un rapido movimento si
capovolge il pacchetto, posizionandolo
in modo che chiuda completamente la
parte posteriore dell'arnia.

Nel caso il travaso avvenga in arnie


da 10 favi, il procedimento contempla
piccole differenze. In questo caso il pacco d'api pu essere collocato direttamente all'interno dell'arnia. Questa deve
contenere un nutritore a tasca riempito
di sciroppo, uno o due favi che abbiano
anche una buona quantit di scorte e
due o tre telaini con foglio cereo, per
completare lo spazio interno. Il nutritore
deve essere interposto fra i favi ed il
pacco d'api. La gabbietta con la regina
deve essere collocata come nel caso
precedente..

A questo punto si posiziona


anteriormente il coprifavo in modo tale
che chiuda perfettamente l'arnietta. Si
evita cos la fuoriuscita delle api
impedendone la loro dispersione nel
territorio e la deriva verso gli alveari
vicini. Poich il coprifavo sporge verso la
parte anteriore del nido, occorre, ove
presente, rimuovere preventivamente
gli angolari.

Per lallestimento della postazione,


molto importante curare la disposizione
delle arnie nelle quali vengono inseriti i
pacchi dapi. Esse non devono essere
disposte allineate e vicine, ma opportunamente distanziate e collocate in modo che
gli ingressi siano resi facilmente riconoscibili attraverso colori e figure diverse.
Molto importante anche la presenza di
punti di riferimento, quali cespugli e alberi,
indispensabili per favorire l'orientamento
delle bottinatrici ed evitare il fenomeno
della deriva.

Dopo 48 ore possibile prelevare


il pacchetto ormai vuoto, provvedendo
a chiudere correttamente il coprifavo.
La prima visita di controllo deve
avvenire una settimana dopo il travaso.
In questa occasione consigliabile
rabboccare il nutritore a tasca con un
altro litro e mezzo di sciroppo. Occorre
anche sincerarsi dell'avvenuta
liberazione della regina e dell'inizio della
ovideposizione.

Per circa tre settimane


dall'inserimento delle api, necessario
effettuare dei controlli periodici, al fine
di verificare il buon andamento della
colonia neo costituita. Anche in
presenza di un buon flusso di nettare
buona norma provvedere alla sua
nutrizione, preferibilmente fino al
completamento del nido.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La produzione di regine

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

il metodo semi intensivo


L'allevamento per la produzione delle api regine ha oramai raggiunto un elevatissimo grado di
specializzazione. Pur essendo effettuato secondo modalit rispondenti a linee guida comuni, vengono per impiegate tecniche che differiscono in funzione delle condizioni ambientali nelle quali
si opera. Tali tecniche subiscono ulteriori aggiustamenti da parte dei singoli apicultori che tendono ad adattarle alle loro specifiche esigenze di produzione ed organizzazione, intervenendo su
dettagli non sempre trascurabili.
L'universo in questione risulta dunque rappresentato da molteplici metodologie di allevamento
nonch caratterizzato da una estrema variabilit fra le stesse. comunque possibile individuare
delle "procedure tipo", alle quali ricondurre la maggior parte delle metodiche comunemente applicate.
Per lo pi i metodi differiscono in relazione al livello di specializzazione al quale l'allevatore intende
riferirsi per organizzare la propria attivit. Questo soprattutto in rapporto alle attrezzature che egli
intende acquistare o realizzare appositamente. Ovviamente, in un allevamento finalizzato all'esclusiva produzione di api regine destinate alla vendita, possibile riscontrare una propensione ad
investimenti specifici maggiore di quanto non si verifichi nel caso di allevamenti meno intensivi se
non addirittura promiscui. Negli allevamenti semintensivi la produzione di regine finalizzata alla
realizzazione di pacchi d'api e nuclei; nei secondi, quelli promiscui, limitata al solo uso interno.
Nel sistema semintensivo si usano abitualmente le stesse attrezzature (arnie, melari, escludiregine,
ecc.) che normalmente vengono impiegate per altre funzioni ed in altri periodi dell'anno. Al massimo possibile prevedere per esse delle piccole modifiche che non ne alterino comunque la possibilit di impiego originale. Ad esempio, l'allevatore di api regine non professionistico, pur dovendo affrontare piccoli disagi produttivi, eviter di dotarsi di attrezzature speciali, quali specifiche
camere di allevamento, destinate ad accogliere telaini da nido. Egli impiegher, in alternativa, due
melari sovrapposti, pur nella consapevolezza che la somma delle loro altezze di qualche centimetro superiore a quella che necessita per ospitare correttamente i telai da nido. Al massimo, per
meglio operare, possibile che debba privare dei distanziatori alcuni melari o, eventualmente,
sostituire quelli da 9 favi con distanziatori da 10.
Le schede interessate alla descrizione delle differenti metodiche per la produzione di regine si completano le une con le altre. Per fare un esempio, le tecniche relative ai traslarvi sono impiegate sia
in allevamenti intensivi che semintensivi e promiscui. Altrettanto avviene per le pratiche inerenti la
costituzione dei nuclei di fecondazione ed il prelievo delle regine per la vendita o la spedizione.

L'allevamento delle api regine


viene predisposto in una zona
dell'alveare opportunamente
orfanizzata (abitualmente chiamata
camera di allevamento), assai simile al
rifinitore impiegato nel sistema verticale
di tipo professionistico. Allo scopo si
predispone un doppio melario sul nido
di una colonia forte.

Lo svantaggio dell'impiego di due


melari sovrapposti dovuto al fatto che
la somma delle loro altezze complessivamente maggiore di qualche centimetro rispetto a quella necessaria per
ospitare correttamente un telaino da nido: 33 o pi centimetri contro i 31 centimetri di un telaino da nido. In questa
situazione, generalmente, le api tendono a costruire numerosi favi-ponte fra i
telai presenti nel nido e quelli posizionati nella camera di allevamento.

La camera di allevamento deve


essere separata dal resto della colonia attraverso l'interposizione di una lastra escludi
regina. Essa deve consentire l'uscita della api
direttamente dal doppio melario. In alternativa necessario che uno o entrambi i melari
siano dotati di un'uscita indipendente. opportuno ridurre la comunicazione fra il nido
ed il rifinitore lasciando un passaggio di
appena 5-7 centimetri. Ci si realizza restringendo la superficie della lastra escludiregina
con del cartone e nastro adesivo per pacchi.

Il melario superiore deve essere privo


di distanziatori, poich in esso devono
essere sistemati 10 favi. Eventualmente il
distanziatore da 9 favi, normalmente
impiegato nei melari, pu essere sostituito con uno da nido, a 10 spazi. Ove
non fosse possibile, si pu lasciare il distanziatore da 9 favi; in questa situazione, per, le api generalmente allungano
le celle da covata. I favi, cos ispessiti,
trovano difficile ricollocazione nel nido
in una loro successiva riutilizzazione.

La produzione di regine - il metodo semi intensivo

Schede tecniche di apicultura

Nel doppio melario si dispongono


4 favi con polline, 2 favi con covata
nascente, 2 favi con covata aperta e
due telaini portastecche, secondo la
disposizione seguente: 1) polline,
2) covata nascente, 3) telaino
portastecche, 4) covata aperta,
5) polline, 6) polline, 7) covata aperta,
8) telaino portastecche, 9) covata
nascente, 10) polline. In ciascun telaino
portastecche vengono inserite due
stecche con 14/20 celle ciascuna.
Pertanto in ogni camera di allevamento
trovano spazio circa 56/80 cupolini.

Dopo 24 ore dall'allestimento


della camera di allevamento e
dall'inserimento dei portastecche, i
cupolini a regina vengono prelevati per
essere opportunamente preparati per il
traslarvo. Essi devono essere accorciati al
fine di facilitare l'inserimento delle
larvette. possibile rifilarli con un
coltellino affilato e scaldato alla fiamma.

Nel caso di melario con distanziatore


da 9, si inseriscono solamente 3 favi con
polline, omettendo il posizionamento di
uno dei due al centro della camera di
allevamento.

Una volta effettuati i traslarvi,


i telaini portastecche, con le larve di prima
et inserite nei cupolini, vengono
ricollocati nelle camere di allevamento,
nella medesima posizione dalle quali
erano stati prelevati. Occorre considerare
che, in questo momento, il ciclo
preimaginale delle larve giunto al quarto
giorno: tre trascorsi come stadio di uovo
ed uno come larva di prima et.

importante che il portastecche


sia dotato di un piccolo nutritore a tasca
collocato superiormente. Infatti, sin dal
suo primo inserimento buona norma
attrarre sui cupolini reali il maggior
numero di api di casa, soprattutto
nutrici e ceraiole. Le prime per nutrire al
meglio le larvette, le seconde per
attendere la costruzione delle celle.
In questo modo possibile aumentare
significativamente l'accettazione delle
larve inserite.

10

Per attirare quante pi operaie


possibile verso le stecche coi cupolini
innestati, durante la fase di cella aperta
(e quindi, dall'inserimento dei
portastecche, per un periodo di 5
giorni) preferibile proseguire la
nutrizione in modo abbondante con
soluzione zuccherina concentrata, nella
proporzione di 1 parte di acqua e 2 di
zucchero.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La produzione di regine

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

il metodo intensivo e lallestimento dello starter


L'allevamento professionistico per la produzione di api regine prevede la realizzazione di apiari dedicati
a questa funzione, nonch investimenti in attrezzature e materiali di allevamento specifici per questi
impieghi. Il numero di regine che possibile ottenere per singolo ciclo produttivo notevole (parecchie decine) e pertanto la produzione annuale pu raggiungere assai facilmente le diverse migliaia.
Ci presuppone un'organizzazione aziendale che preveda la possibilit di produrre api regine non soltanto per la tradizionale quota di rimonta aziendale o per la formazione di nuclei artificiali e di pacchi
d'api, ma anche la vendita diretta di regine selezionate.
Il metodo di seguito descritto quello principalmente adottato in Italia da allevamenti specializzati.
Tuttavia pu trovare facile applicazione anche in piccoli allevamenti, nei quali la vendita di nuclei di api
su 5 favi o di pacchi d'api concorre stabilmente alla creazione del reddito aziendale. Infatti, a fronte di
investimenti specifici, spesso onerosi, il metodo intensivo garantisce migliori risultati nell'accettazione
delle larve e, quindi, un risparmio nell'impiego della manodopera.
L'allevamento intensivo prevede l'innesto delle celle reali in famiglie comunemente indicate come starter.

In una classica arnia DB da 10 favi,


privata dei distanziatori, vengono sistemati 6 favi di polline e 5 portastecche, dello
spessore di soli 15 millimetri, forniti di nutritore a tasca. In ciascuno di essi vengono inserite due stecche portacupolini con
circa 15 celle reali ciascuna, per un totale
di circa 30 cupolini. Nel caso di arnie
munite di distanziatori, il rapporto favi-telai
porta-stecche pu essere 6 a polline per
4 portastecche ovvero 5 a 5. Nello starter
cos preparato, i traslarvi possono essere
ese-guiti dopo appena 12 ore.

Per starter si intende una famiglia


orfana, preparata appositamente per la
prima accettazione di larve destinate a
divenire regine. Per la sua preparazione
si utilizzano famiglie forti e con molte
api giovani. Da queste vengono
prelevati tutti i favi di covata, sia giovane
che opercolata, relativamente coperti di
api, nonch la stessa ape regina.

Il giorno seguente i portastecche


contenenti le larvette accettate e tutte le
api di copertura, possono essere
prelevati e trasferiti in altri alveari,
chiamati rifinitori. Questi ultimi, pur
rispondendo a canoni comuni, possono
avere configurazioni differenti nel caso
di allevamenti in orizzontale o in
verticale. In ogni rifinitore trovano
spazio due telaini portastecche, per
complessivi 60 cupolini reali.

I favi con covata e le api di


copertura, nonch la regina, possono
trovare posto in un doppio melario chiuso inferiormente da una rete e superiormente da un coprifavo. Cos segregate,
le api vengono trasferite in un posto
all'ombra (non umido) e riparato. In
questo caso, opportuno sistemare fra i
favi un nutritore a tasca, colmo di acqua,
al fine di facilitare il controllo della
temperatura da parte della famiglia (vedi
glossario Starter - Preparazione).

Nell'allevamento in orizzontale
il rifinitore, preparato il giorno
precedente l'immissione dei cupolini a
regina provenienti dallo starter, deve
contenere:
2 favi di covata nascente ai lati;
2 favi di covata aperta;
1 o 2 favi di polline al centro.
I telaini portastecche trovano posto fra il
telaino di covata nascente e quello di
covata fresca, secondo la successione in
figura.

Schede tecniche di apicultura

La produzione di regine - il metodo intensivo e lallestimento dello starter

Nel sistema in verticale, il rifinitore,


posto superiormente al nido, costituito da
corpo realizzato appositamente. La sua
struttura riconducibile a quella di un doppio
melario, ma con un'altezza leggermente
inferiore, rapportata a quella di un telaino da
nido: 31 centimetri contro i complessivi 33 o
pi centimetri normalmente raggiunti da due
melari sovrapposti.

10

In questo caso si affumica


abbondantemente la parte superiore, tanto
da far scendere la maggior parte delle api
nella camera inferiore. Quindi si preleva la
parte superiore (contenente la covata, poche api e la regina) e ci si comporta come
descritto in precedenza. Occorre controllare
il nido con i favi di polline per sincerarsi che
questi siano ancora colmi. Nel caso non lo
fossero, si sostituiscono con altri favi di scorta.

Il rifinitore deve essere dotato


di un'uscita di volo indipendente e separato dal
nido sottostante mediante una lastra
escludiregina. opportuno ridurre la
comunicazione fra il nido ed il rifinitore
lasciando una passaggio di appena 5-7
centimetri. Ci si realizza restringendo la
superficie della lastra escludiregina con del
cartone e nastro adesivo per pacchi.

11

In un allevamento intensivo, meglio


sfruttare lo starter pi a lungo. Una volta prelevata la prima batteria composta da 150 celle,
se ne introduce una seconda, composta da
circa 120 cupolini suddivisi su 4 portastecche.
Il giorno dopo, prelevate queste 120 celle, se
ne introducono altre 90 (su 3 portastecche) e
quindi, in successione, 60 su 2 portastecche e
30 su un solo portastecche. Per quest'ultima
batteria, lo starter funge da rifinitore.

Nell'allevamento in verticale
il rifinitore, preparato anche in questo caso il
giorno precedente l'immissione dei cupolini a
regina, deve contenere: 2 favi con polline;
2 favi di covata nascente ai lati; 2 favi di
covata aperta con larve di prima-terza et;
2 favi con polline al centro. I telaini portastecche, al pari del sistema in orizzontale, devono
essere posizionati fra i telaini con covata,
rispettivamente in posizione 3 e 7.

12

In questo caso, la regina ed i favi


prelevati al momento della formazione dello
starter, vengono trasferiti in un altro apiario o,
in alternativa, possono essere sovrapposti ad
un'altra famiglia interponendo una lastra
escludi regina aperta solo per 5-7 centimetri e
chiusa con del nastro adesivo nella parte
restante.

Una volta prelevate le celle a regina,


nello starter si riavvicinano i favi di polline, si
sovrappone una lastra escludi regina e si
rendono i favi di covata con la regina,
prelevati il giorno prima. Cos preparata,
questa famiglia pronta per funzionare
nuovamente come starter dopo circa tre
giorni.

13

Il corpo superiore, composto


da una colonia con regina propria, deve
essere dotato di un'apertura di volo
indipendente. Questa pu essere realizzata
o direttamente sulla lastra escludiregina o
praticando dei fori nel corpo superiore
dell'arnia.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La produzione di regine

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

la preparazione e luso dei cupolini


L'allevamento per la produzione delle api regine si compone di differenti fasi operative, fra le quali
occorre annoverare anche la realizzazione dei supporti necessari allallevamento.
Queste fasi possono essere o eseguite interamente in azienda o in parte delegate a strutture terze.
Cosi avviene, ad esempio, per i cupolini reali necessari per il traslarvo; per il loro approvvigionamento si pu facilmente ricorrere al mercato, ove possibile acquistarne sia di realizzati in plastica
che in cera dapi.
Mentre per lapicultore non possibile realizzare in proprio i cupolini del primo tipo, per quelli in
cera la scelta di ricorrere al mercato o alla produzione in azienda dettata principalmente da parametri economici o dalla facilit di reperimento. Spesso proprio la possibilit dellimmediata disponibilit in azienda che induce i produttori di regine, specie se non professionisti, alla produzione in
azienda dei cupolini in cera.
Questa scheda descrive sia il metodo comunemente utilizzato per la produzione dei cupolini in
cera con limpiego di attrezzature artigianali, sia quello che si avvale di strumenti professionali

Per la fabbricazione in proprio


dei cupolini in cera, occorre valutare le
dimensioni che questi devono avere per
una normale accettazione da parte delle
api. importante che il diametro
dellimboccatura sia pari a 8 millimetri,
mentre laltezza riveste scarso rilievo,
potendo variare dagli 8 ai 15 millimetri.

Linserimento delle larve reali


deve avvenire entro cellette dalla forma
e dimensioni pari a quelle realizzate
dalle api in natura. Nella pratica apistica
si impiegano normalmente cupolini o in
plastica o realizzati in cera dapi.
Entrambi rispondono alle esigenze di un
corretto traslarvo. La scelta verso un tipo
o laltro risponde a differenti criteri:
finalit del traslarvo (per la produzione di
pappa reale o api regine), economici,
organizzativi o altro.

Le attrezzature che occorrono


per prepararsi una scorta di cupolini in
cera sono le pi svariate. Per piccole produzioni possibile usare un cilindretto di
legno del diametro di 8 millimetri, ottenuto levigando opportunamente una
matita o un chiodo di legno. In commercio comunque possibile reperire particolari stampi in silicone che permettono
di ricavare contemporaneamente 10-15
cupolini. Stampi simili possono essere
anche realizzati artigianalmente in legno

Entrambi i tipi di cupolino


sono normalmente reperibili in commercio, in confezioni di diversa consistenza. Il
loro costo comunque non indifferente.
Per questo motivo, i cupolini in plastica,
riutilizzabili, trovano largo impiego nella
produzione di pappa reale. Al contrario,
quelli in cera vengono frequentemente
impiegati nei traslarvi per la produzione
delle api regine. Questo tipo di produzione, infatti, presuppone lutilizzo di
cupolini a perdere.

necessario poter disporre


di due recipienti delle dimensioni adeguate
al tipo di stampo utilizzato; uno contenente
semplicemente dellacqua ed uno con
acqua nella quale sia stato disciolto dello
zucchero o del miele nel rapporto di circa
1a1.

La produzione di regine - la preparazione e luso dei cupolini

Schede tecniche di apicultura

Per la produzione dei cupolini


si usa cera di buona qualit o, meglio,
cera di opercoli, quasi totalmente priva
di propoli. Questa viene scaldata non
sulla fiamma viva, ma a bagnomaria. Per
una sua facile manipolazione, la
temperatura ottimale di impiego non
dovrebbe superare i 70-72C, di poco
superiore a quella di fusione (62-64C).
Disponendo di uno scaldavivande
termostatato, e regolando la temperatura a 70C, loperazione risulta
decisamente pi comoda e veloce.

Per solidificare la cera si immerge


lo stampo nellacqua fredda. Questo
permette un rapido abbassamento della
temperatura e quindi il consolidamento
dei cupolini, facilitando sensibilmente il
loro distacco. Nel caso che lo strato di
cera che aderisce allo stampo risulti
troppo sottile, possibile ripetere
loperazione immergendolo nuovamente nella cera fusa.

Per prima cosa si immerge lo


stampo nellacqua zuccherata, in modo
tale da creare una pellicola che eviti alla
cera di aderire allo stampo stesso. Alcuni
apicultori, invece che zucchero o miele,
disciolgono nellacqua del sapone di
marsiglia. Luso del sapone, bench pi
comodo, per decisamente da
sconsigliare per i residui che esso lascia,
residui difficilmente eliminabili. Nel caso,
necessario sciacquare accuratamente i
cupolini.

10

I cupolini si staccano dallo stampo


operando una leggera rotazione sul loro
asse. Una volta estratti, vanno lasciati
asciugare a temperatura ambiente su un
panno o, meglio, su una griglia. Infatti,
durante la conservazione, tracce di
umidit residua potrebbero favorire lo
sviluppo di muffe.

Di seguito si immerge lo stampo


nella cera fusa, per qualche secondo. Se
la cera non in temperatura, la pellicola
che si viene a formare risulta piuttosto
sottile. In questo caso occorre aspettare
che la cera raffreddi leggermente,
ripetendo loperazione dopo pochi
minuti. Lo stampo va immerso nella
cera per non meno di 8 millimetri e non
pi di 15.

11

Non importante ottenere


cupolini tutti uniformi. Infatti, durante la
fase di familiarizzazione o di accettazione (il primo inserimento, della durata
di 24 ore circa, che precede il traslarvo),
sono le api stesse che provvedono a
modificare le celle reali, in modo tale
che siano perfettamente idonee ad
accogliere le larve a regina.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La produzione di regine

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

la preparazione al traslarvo e linnesto dei cupolini


La fase preparatoria ai traslarvi di estrema importanza per il buon fine di tutta la filiera produttiva.
Questa fase prende in considerazione il numero di stecche da inserire nei telai portastecche, il
numero di cupolini da fissare nelle singole stecche e le modalit di ancoraggio dei cupolini alle stecche. opportuno, infatti, fare in modo che la distanza fra le stecche permetta la corretta costruzione delle celle reali, evitando che queste arrivino a toccare la stecca posta inferiormente o, peggio,
che le operaie siano costrette a costruirle ricurve.
Occorre anche garantire una corretta distanza fra i cupolini, in considerazione del fatto che essi
diverranno celle reali. Qualora le celle siano ridossate le une alle altre (come avviene per la produzione di pappa reale), le api provvederebbero a saldarle fra loro. Al contrario, una distanza eccessiva fra le celle porterebbe le api a costruire negli spazi liberi porzioni di favo che ingloberebbero le
celle stesse.
Infine le celle mature devono essere facilmente staccabili dal supporto, senza dover correre il rischio
di schiacciarle fra le dita.

I cupolini di cera possono essere


inseriti direttamente su quelli in plastica,
operando semplicemente una leggera
pressione. Il fissaggio completo viene poi
assicurato dalle stesse api operaie che,
nella fase di familiarizzazione, provvedono
ad ancorarli al cupolino di plastica
attraverso la loro secrezione ceripara.

Il numero di cupolini da inserire


su ciascuna stecca funzione del tipo di
produzione. Nel caso il traslarvo sia
finalizzato alla produzione di regine (e
non a quello di gelatina reale), occorre
considerare che le larve debbono avere
modo di completare l'intero ciclo
preimaginale. Pertanto il numero di celle
varia da un minimo di 14 ad un
massimo di 18-20 e i cupolini devono
essere posti fra loro ad una distanza di 710 millimetri.

In commercio esistono diversi sistemi


per semplificare il fissaggio dei cupolini.
Tali dispositivi, permettendo il facile
spostamento dei cupolini, consentono
di eliminare quelli ove le larve non sono
state accettate e di concentrare su un
numero inferiore di telaini portastecche
le cellette con le larve accettate. La
percentuale di accettazione pu infatti
risultare a volte assai scarsa, soprattutto
al di fuori del periodo di sciamatura.

I cupolini devono essere fissati


alle stecche in modo tale che risulti facile
il loro prelievo una volta divenuti celle
reali mature. Alcuni apicultori sono soliti
fissare i cupolini utilizzando una goccia di
cera. Oltre alla scarsa praticit, questo
sistema rende spesso complicato il
distacco della cella matura, soprattutto
quando si utilizzano cupolini in cera.

Questi dispositivi possono essere


completati da particolari protezioni delle
celle da posizionare una volta avvenuta
lopercolatura. Queste protezioni hanno la
funzione di impedire che le api distruggano le celle anzitempo, nel caso che una
regina sfarfalli precocemente o che una
regina, di ritorno da un volo di fecondazione, rientri casualmente nell'arnia di
allevamento.

Schede tecniche di apicultura

La produzione di regine - la preparazione al traslarvo e linnesto dei cupolini

I cupolini vengono inseriti nella colonia


orfana per una fase definita di familiarizzazione. Questa fase dura 24 ore circa: il tempo per
le api di avvertire lo stato di orfanit, effettivo o
apparente. I cupolini vengono "elaborati" dalle
api che provvedono a trasmettere l'odore della
famiglia.

10

La gelatina reale da impiegare


nei traslarvi pu essere acquistata o, meglio,
estratta dalle celle reali che le api
costruiscono durante la stagione della
sciamatura. Le celle reali dalle quali si estrae
la pappa reale devono preferibilmente
contenere larvette dell'et massima di tre
giorni.

I cupolini estratti dall'alveare


si presentano, trascorse 24 ore, con una foggia
spesso assai diversa da quella iniziale. Infatti,
trovandoli privi della larvetta, le api sovente
tendono a chiuderli con una sorta di opercolo
ceroso.

11

L'estrazione della gelatina reale


dalle celle reali pu avvenire direttamente in
campo o, meglio, in ambiente confinato con
umidit elevata e temperatura moderata.
Operando al chiuso, le cellette ancora
aperte devono essere tagliate dai favi e
chiuse in contenitori di materile coibente (ad
esempio, polistirolo) o in vasetti di vetro
tenuti coperti e lontano dai raggi solari.

Il traslarvo viene facilitato rifilando,


con un coltello, i cupolini fino a non pi di 68 millimetri della loro altezza. Per evitare di
rovinare i cupolini, la lama deve essere ben
affilata e leggermente riscaldata sulla fiamma
viva.

12

Per estrarre la pappa dai cupolini


si impiega una normale spatolina. In questo
caso la gelatina reale contiene dei residui di
cera che devono essere allontanati per
evitare che essa possa intasare l'ago della
siringa impiegata per la sua distribuzione fra
i cupolini. Per fare questo si utilizza, come
filtro, un piccolo brandello di una sottile
calza femminile di nylon.

Il traslarvo pu essere fatto o a secco


o immettendo nella cella reale una goccia di
acqua distillata o, meglio, di gelatina reale.
Questultima pu anche essere diluita con
acqua distillata nella proporzione di una
parte di gelatina per una o due parti di
acqua, in funzione della temperatura del
locale. Linserimento della gelatina reale viene
realizzato con lausilio di una comune siringa.

13

La gelatina reale viene filtrata inserendo


questo involucro in una siringa privata
dellago. Attraverso la sua compressione
operata dallo stantuffo, possibile riversare
in una seconda siringa la gelatina reale
adeguatamente filtrata. In questo modo
viene evitato che l'ago utilizzato per
immettere la pappa reale nelle cellette venga
ostruito da pezzetti di cera.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La produzione di regine

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

la preparazione al traslarvo - i favi e il laboratorio


Per ottenere ottime api regine, in quantit adeguate, importante operare i traslarvi con la massima
attenzione. Occorre trasferire larvette appena fuoriuscite dall'uovo e che non abbiano compiuto ancora la prima muta. Le dimensioni di queste larve superano appena il millimetro di lunghezza e non sempre si distinguono sul fondo della celletta. La loro individuazione facilitata dalla gelatina reale, traslucida, che ne attesta sempre la presenza.
L'et delle larve molto importante. Infatti, anche una larva di tre giorni ha la possibilit di divenire regina, se alimentata durante la sua vita preimaginale, con pappa reale. Allevando per regine a partire
da larvette di prima et, si riproducono artificiosamente condizioni molto simili a quelle nelle quali le api
operaie si trovano ad operare in caso di sciamatura. Al contrario, qualora si utilizzino larve di tre giorni,
le condizioni sarebbero le medesime nelle quali le operaie si troverebbero ad operare in condizioni di
orfanit. Nel primo caso, infatti, le regine vengono prodotte partendo da un uovo appena deposto;
nel secondo, da larve le pi grandi possibile, in modo da accelerare la nuova nascita di un'ape regina.
In natura, nei due casi, la qualit delle regine che si ottiene, espressa nel numero di ovarioli che compongono l'ovario, significativamente diversa. Secondo un lavoro di Soczecks (riportato dal Bailo nel
suo libroApe regina), le regine di sciamatura presentano un ovario composto da 325 a 374 canali
ovarici; le regine di sostituzione da 200 a 357 canali ovarici: fino al 50% circa in meno (vedi glossario:scelta delle larve).
La giustificazione di questa differenza morfo-fisiologica pare sia insita nella diversit della qualit della
gelatina reale con la quale le larve sono nutrite, funzione della loro futura casta di appartenenza: operaia o regina.
Ancora, si aggiunga il fatto che la pappa reale con la quale vengono alimentate le larvette mostra una
composizione assai differente, in funzione, oltre che della tipologia della larva (operaia o regina), dell'et.
Considerando la sola composizione nei tre costituenti essenziali (proteine, grassi e carboidrati), la
pappa reale somministrata alle larvette di operaia al primo giorno ha un contenuto proteico pari al
45% contro il 53% della pappa reale destinata alle larvette reali di prima et. Stessa differenza, ma ribaltata, si riscontra per i grassi: 13% per le operaie contro appena l'8% delle regine. Per gli zuccheri, invece, le differenze mostrano valori meno significativi: il 20% per le operaie contro il 18% delle regine.
Differenze ancora pi marcate si riscontrano nella composizione della pappa reale destinata alle larve
reali prossime all'opercolatura rispetto a quella delle larvette di prima et: il 27% di proteine (contro il
53% visto in precedenza per la larva reale di prima et); il 3% di grassi (contro l'8%); il 44% di zuccheri
(contro il 18%).
Pertanto, nella produzione di api regine partendo da larvette di operaia, fondamentale indirizzare la
scelta verso larve le pi giovani possibile, poich per esse minore stata la differenza di alimentazione.
Infatti, sebbene si operi al meglio, nelle prime ore di vita le larvette utilizzate sono state nutrite comunque come operaie e non come future regine. Ci spiega in parte il fatto che le regine di allevamento
posseggono comunque un minore quantitativo di ovarioli, da 289 a 341: in media il 10% in meno
rispetto alle regine di sciamatura. Per quanto questa differenza mostri una significativit statistica non
elevata, certamente le regine di sciamatura, nella pratica, si sono dimostrate le migliori in assoluto.
Questo anche nella considerazione che, nel decidere il momento della sciamatura sulla base delle condizioni ambientali pi favorevoli, sia la stessa famiglia a determinare il momento migliore per dare avvio
all'allevamento delle nuove api regine.
Si consideri infine che, operando la sciamatura artificiale attraverso la semplice divisione di una colonia,
si costringono le api operaie ad allevare naturalmente la regina a partire da larve assai disetanee. In
questo modo, la regina ottenuta pi assimilabile ad una regina di sostituzione e pertanto con caratteristiche morfo-funzionali poco costanti e comunque inferiori a quelle di allevamento.

Per operare facilmente i traslarvi,


occorre poter disporre di buoni favi
con un gran numero di larve di prima
et, larve il pi possibile coetanee.
Questi favi debbono aver sostenuto
almeno un turno di covata, ma essere
ancora "chiari" in modo tale che la
covata sia facilmente distinguibile.
Purtroppo, il pi delle volte i favi con
covata contengono stadi preimaginali
di tutti i tipi, dalle uova agli stadi pupali,
prossimi allo sfarfallamento.

Per facilitare il lavoro, utile


poter disporre di buoni favi gi costruiti,
da utilizzare appositamente per i traslarvi.
Questi, vuoti, possono essere inseriti nei
nidi delle famiglie selezionate, al centro
della covata, possibilmente ai lati del favo
sul quale stata rinvenuta l'ape regina.
In questo modo si ha la certezza che
essa si sposti su di essi, iniziando
l'ovideposizione. Tale pratica
frequentemente impiegata nelle aziende
specializzate per la produzione di regine.

Estraendo questo favo non prima


del quarto giorno (e, preferibilmente, non
dopo il sesto), possibile disporre di un
gran numero di larvette di prima et.
Si consideri infatti che la prima muta (e
quindi il passaggio a larva di seconda et)
avviene dopo 16 ore dall'uscita dall'uovo.
Le larvette di prima et sono assai piccole,
anche pi dell'uovo. Per questo motivo
non sono facilmente distinguibili da un
occhio poco esperto.

La produzione di regine - la preparazione al traslarvo - i favi e il laboratorio

Schede tecniche di apicultura

Considerando che l'ape regina


depone le uova, partendo dal centro
del favo per proseguire, in modo
centrifugo, verso la periferia, nel favo
interessato da covata, dopo il quarto
giorno, possibile rinvenire al centro le
larvette utili per il traslarvo. Al contrario,
la periferia occupata ancora da uova.
Trascorsi quattro giorni la covata al
centro avr superato let per il traslarvo; pertanto le larvette utili vengono a
trovarsi nella fascia tra le uova (esterne)
e le larve di seconda et.

Anche la scelta del favo importante.


Esso deve avere ospitato, come gi
suggerito, almeno un giro di covata,
altrimenti il coglilarve, non trovando
adeguata resistenza nelle esuvie larvali
lasciate dalle larve appena sfarfallate,
trapasserebbe facilmente il favo. Non
deve essere per cos vecchio da
risultare troppo scuro, rendendo difficile
l'individuazione delle larve.

Le larve devono essere tutte


assolutamente coetanee affinch il
momento dello sfarfallamento delle api
regine avvenga in un intervallo di
tempo di poche ore. quindi opportuno, ribadendo quanto detto in
precedenza che la scelta venga fatta tra
le larve limitrofe, posizionate allinterno
della corona di uova.

L'operazione del traslarvo si effettua


in locali chiusi, nei quali la temperatura
raggiunga valori prossimi ai 25C. Anche il
controllo del tasso di umidit importante
al fine di evitare che le larvette, dotate di
un tegumento ancora assai tenero,
possano morire per disidratazione della
cuticola. Il tasso di umidit relativa non
deve scendere mai al di sotto del 50%,
meglio se raggiunge valori del 60-70%.

Trascorsi pi di quattro giorni


dall'inizio della covata, sul favo sono
ovviamente presenti larve di diversa et.
In questo caso occorre porre attenzione
nella loro scelta, per evitare di prelevare
larvette disetanee. Queste regine,
sfarfallando precocemente rispetto ai
tempi previsti, potrebbero facilmente
eliminare l'intera batteria di celle.

Per innalzare il tasso di umidit


si pu fare ricorso a dei normali
evaporatori o far bollire dell'acqua
all'interno del locale. In questo modo si
ottiene anche il riscaldamento
dell'ambiente di lavoro. anche utile
nebulizzare, sui favi e sui cupolini,
dell'acqua distillata sterile o coprire i
cupolini gi innestati con dei panni
umidi, in attesa di essere trasferiti alle
famiglie di accettazione.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La produzione di regine

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

il traslarvo
La scelta delle larve che diverranno regine deve essere operata con estrema oculatezza, preferibilmente secondo un piano di selezione genetica. Esse devono provenire da famiglie i cui caratteri
devono essere testati precedentemente. I caratteri da prendere in considerazione sono diversi ed
hanno differente importanza in funzione delle scelte dell'allevatore. In linea generale questi possono essere di tipo funzionale e comportamentale (aggressivit, tenuta del favo, resistenza alle malattie, attitudine alla sciamatura, ecc.) o produttivo, in funzione dell'indirizzo di produzione che si
intende ottenere: miele, pappa reale, nuclei o pacchi d'api, ecc.
La selezione risponde a due modelli fondamentali; la selezione massale e la selezione basata sul
test della progenie (progenie test).
Nella selezione di tipo massale, le famiglie da utilizzare come donatrici di larve reali, ovviamente con
le loro cosiddette regine madri, subiscono una prima valutazione nel corso dei primi due anni di
attivit con un riferimento pi specifico, per quanto attiene la performance produttiva, soprattutto
al secondo anno, poich i risultati relativi al primo possono essere fortemente influenzati da variabili ambientali: il periodo di formazione della colonia, il numero di api al momento della formazione, ecc.
Al termine della seconda stagione produttiva, le colonie individuate come donatrici, vengono concentrate in un unico apiario. Durante il terzo anno, cos riunite, possono essere ulteriormente testate in condizioni ambientali omogenee. In questa seconda fase (terzo anno di vita della regina) si
realizza una nuova selezione in base alla quale vengono scartate le regine che nel corso della stagione produttiva non hanno espresso risultati apprezzabili.
La selezione massale per, non sempre garantisce i risultati attesi.
Migliori risultati si ottengono valutando una regina madre non solo sulla base delle proprie caratteristiche, ma anche, e soprattutto, su quelle che riesce a trasmettere alla discendenza. Infatti non
sempre madri di ottima qualit danno origine a figlie di altrettanto valore.
Gli alveari donatori, con le loro regine madri, selezionati o in maniera massale o sulla base delle
performance della progenie, vanno tenuti poveri di api: sia per operare con maggiore facilit, sia
per evitare sciamature indesiderate, data l'et della regina giunta oramai al terzo, quarto o, addirittura, quinto anno di vita. Da queste famiglie verranno prelevati i favi di covata giovane da impiegare per i traslarvi.
opportuno mettere in evidenza che in queste famiglie non sempre la covata si presenta estesa e
compatta, a causa dell'et avanzata della regina.

Il favo donatore
deve essere sistemato su un leggio, in
modo tale che risulti leggermente
inclinato. importante che il fondo
della cella ove giace la larvetta da
prelevare sia bene in vista per
l'operatore.

Per garantirsi una giusta


illuminazione del fondo delle cellette,
raccomandabile l'impiego di lampade
snodate a cuffia, a fascio concentrato.
La lampadina dovrebbe essere a luce
fredda, con flusso luminoso di circa
2000 lumen. Le lampade possono essee dotate di lente di ingrandimento. Alcuni operatori sono soliti impiegare le
classiche lampade, da pescatore, da posizionare sulla fronte. Durante l'operazione del traslarvo occorre non proiettare la propria ombra sul favo.

Per operare il traslarvo si impiegano


particolari strumenti, detti comunemente
coglilarve o picking. Ne esistono di tipi
diversi. Quelli normalmente impiegati in
Italia, pur di fogge diverse, sono in
metallo (acciaio o alluminio) o, pi
raramente, in plastica. Sono dotati di una
punta piatta e modellata a forma di ansa
con la quale si preleva la larvetta.

Altro modello il coglilarve a molla,


noto come tipo cinese. dotato di un
piccolo terminale a lancia, assai flessibile
ed in grado di strisciare sul fondo della
celletta per inserirsi sotto la larvetta. Una
volta prelevata, ancora adagiata sulla
sua pappa reale, la larva pu essere
rilasciata sul fondo del cupolino attraverso una semplice pressione sul meccanismo a molla. Questo coglilarve ha una
durata limitata nel tempo, considerato
che la punta si rovina facilmente.

La produzione di regine - il traslarvo

Schede tecniche di apicultura

Prima di procedere al traslarvo


indispensabile rifilare i cupolini estratti
dallalveare ove erano stati inseriti per la
fase di familiarizzazione. Infatti, durante
questa fase di vera e propria
manipolazione da parte delle api, le
cellette reali vengono parzialmente
chiuse, spesso in misura quasi completa.

Sollevando il coglilarve,
oltre alla pappa reale, viene asportata
anche la larvetta. Nel caso loperazione
fallisca al primo colpo, consigliabile
eliminare la larvetta e proseguire col
traslarvo in unaltra celletta. infatti
probabile che, insistendo ulteriormente,
loperatore intacchi la cuticola della larva
che verrebbe eliminata successivamente
dalle api nutrici.

Per questa operazione si usa


un coltellino ben affilato e riscaldato
leggermente su una fiamma. Occorre
che il taglio sia netto e che la celletta
non venga deformata durante questa
fase.

Il rilascio della larva nel cupolino reale


facilitato dallimpiego di un po di acqua
distillata e sterilizzata o, meglio, di gelatina
reale, pura o diluita nelle proporzioni di 1:1
o 1:2, in funzione della temperatura del
locale. Linserimento della gelatina reale
viene realizzato con lausilio di una siringa
dotata del suo ago. Per evitare che lago si
occluda facilmente, nel caso si impieghi
gelatina reale raccolta in apiario, essa deve
essere preventivamente filtrata, cos come
descritto nella scheda: la preparazione al
traslarvo - i cupolini.

La larva deve essere prelevata


dal fondo della celletta del favo con il
suo cuscino di gelatina reale. Le larve
di prima et non sono facilmente
distinguibili, ed possibile individuarle
dal riflesso prodotto dalla gelatina reale
sulla quale giacciono. Il coglilarve viene
fatto strisciare sul lato della cella e quindi
sul fondo.

10

La quantit di gelatina reale


che deve essere depositata sul fondo
della celletta non deve essere eccessiva.
La sua funzione solo quella di facilitare
il rilascio della larvetta, infatti, immergendo il coglilarve in questo cuscino di
pappa reale, la larva si stacca meccanicamente dal coglilarve, rendendo
veloce e sicuro il suo trasferimento nel
cupolino.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La produzione di regine

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

dal traslarvo allinnesto della cella reale matura


Il ciclo di produzione delle api regine si completa con la fecondazione. Questa fase ha inizio con
l'introduzione della cella reale matura nel nucleo di fecondazione e termina col prelievo della regina feconda, una volta verificata la sua attivit di ovideposizione. Il momento ottimale del prelievo
della regina feconda dal nucleo di fecondazione dovrebbe essere successivo all'opercolatura della
covata, quando possibile constatarne la sua compattezza, sintomo di assenza di qualunque
grado di consanguineit (vedi glossario).
Il periodo della fecondazione ha una durata variabile, essendo particolarmente influenzata dall'andamento climatico e dalle temperature. La sua durata comunque la somma dei molteplici
intervalli di tempo necessari per il compimento di altrettante fasi: lo sfarfallamento della regina adulta dalla celletta; il raggiungimento della maturit sessuale da parte della regina vergine; il compimento del volo di fecondazione; la maturazione degli spermatozoi nella spermateca.
Affinch possa compiersi la fecondazione, l'apicultore deve preparare appositi nuclei di fecondazione ove inserire la cella reale matura, approssimativamente 24 ore prima del suo sfarfallamento.
Nel caso si sfruttino come nuclei di fecondazione famiglie allevate nelle comuni arniette prendisciame e composte da due o tre telaini D.B., la loro preparazione non desta alcun problema organizzativo. Questa soluzione, per, ha lo svantaggio di tenere occupate (o, meglio si potrebbe dire,
disoccupate) alcune migliaia di api solo per accudire una regina in attesa della fecondazione e,
pertanto, ancora improduttiva. Per questo motivo, pur creando notevoli problemi di organizzazione aziendale, i grandi produttori di api regine spesso preferiscono orientarsi, per questa fase, verso
piccoli nuclei di fecondazione composti, esclusivamente per questo scopo, da poche decine di api.
Il nucleo di fecondazione deve avere una consistenza tale da permettere alla cella reale, una volta introdotta, ed alla regina vergine, di ricevere cure adeguate da parte delle operaie. In pratica deve essere
assicurato il mantenimento di temperature superiori ai 25C anche in presenza di condizioni climatiche
avverse e di forti escursioni notturne, condizioni che si verificano normalmente durante i primi mesi
della primavera. Il nucleo di fecondazione deve inoltre contenere abbondanti riserve alimentari, soprattutto polline, per garantire sia l'alimentazione della regina nella fase cruciale dell'inizio della sua attivit
di riproduttore, sia l'alimentazione della covata. I piccoli nuclei di fecondazione presentano indubbi
vantaggi: sono facilmente maneggiabili; possono essere controllati velocemente senza l'uso dell'affumicatore; consentono un'agevole introduzione della cella reale e una facile ricerca della regina. Per
contro, non sono di facile preparazione, la loro gestione spesso difficile, non essendo in grado di
garantire un buon livello di temperatura e sono spesso disertati e soggetti al saccheggio.

Il distacco della cella dalla stecca


deve potersi realizzare con estrema
facilit. Dapprima si estraggono le
stecche dai telaini portastecche, quindi
si procede al prelievo delle celle.
Queste vanno afferrate per la base, la
parte che costituiva in origine il
cupolino: quella prossima alla stecca.

Prima di innestare la cella reale,


sarebbe preferibile valutare la vitalit
della pupa. Se ne verifica la sua presenza
osservando la cella contro luce.
Se necessario, la si pu capovolgere,
mettendo cos meglio in evidenza il
bozzolo pupale che si muove al suo
interno. Agitando o capovolgendo la
celletta reale vicino all'orecchio, si deve
avvertire distintamente lo spostamento
della pupa al suo interno.

Il prelievo della cella reale matura


avviene a circa 24 ore dal previsto
sfarfallamento. questo il momento
migliore per la sua introduzione nel
nucleo di fecondazione poich la pupa,
prossima alla nascita, meno
vulnerabile alle diminuzioni repentine
delle temperature. Queste riduzioni,
verificandosi durante la permanenza nel
nucleo, solitamente meno popolato,
potrebbero avere conseguenze letali
per la pupa.

Nel caso si nutrano dubbi


sulla vitalit della pupa preferibile
scartare la cella. Eventualmente
possibile aprirla alla base con un taglio
netto operato con l'ausilio di un
coltellino ben affilato e controllare lo
stato della pupa. Lo scongiurare la
possibilit di innestare una cella reale
contenente una pupa morta evita di
prolungare lo stato di orfanit del
nucleo di fecondazione.

Schede tecniche di apicultura

La produzione di regine - dal traslarvo allinnesto della cella reale matura

E opportuno scartare le celle curve


su se stesse perch questo significa che
le larve in esse contenute sono state
accudite da api vecchie e pertanto le
regine che si ottengono possono
dimostrarsi qualitativamente inferiori.

Nel caso di un vecchio favo,


indurito dalle esuvie larvali lasciate dalle
pupe sfarfallate, preferibile procedere
all'inserimento della cella reale dopo
aver intaccato il favo stesso con la leva
staccafavi. Tale procedimento potrebbe
non essere necessario qualora si siano
impiegati cupolini di plastica invece che
di cera.

Le celle reali migliori sono quelle


che presentano una superficie esterna
molto lavorata, con riportati in modo
ben distinto le forme degli esagoni delle
cellette. Infatti questo particolare un
segnale di quanto le operaie abbiano
curato l'allevamento delle loro future
regine.

Nel caso si debba inserire la cella


subito dopo aver costituito il nucleo di
fecondazione, indispensabile avvolgerla
con carta stagnola, lasciandone libero il
solo apice. Questo per impedire alle api
(non ancora consce dello stato di orfanit)
di distruggere la cella, operazione che esse
compiono aggredendola da un lato.

La cella reale deve essere innestata


il giorno seguente la formazione del nucleo di fecondazione, in modo da dare il
tempo alle api di avvertire lo stato di
orfanit. Deve essere inserita nella zona
pi calda dell'alveare, subito ai lati della
covata, ove questa sia presente. Nel caso l'innesto avvenga in una parte del favo poco sfruttata dalla covata, la cella
pu essere inserita operando una semplice pressione fra la base della cella (per
inteso, la parte superiore, rappresentata
dal "vecchio" cupolino) ed il favo.

10

Nel caso in cui dopo l'innesto


della cella con la regina matura si verifichino condizioni climatiche non idonee
alla fecondazione, consigliabile innestare nei nuclei una seconda celletta,
passati 7-10 giorni dal primo innesto.
Qualora sia possibile, disponendo di celle reali mature, opportuno che questa
operazione venga eseguita in ogni caso. Infatti, qualora la regina innestata in
precedenza sia sfarfallata regolarmente,
la cella innestata successivamente viene
attaccata e distrutta dalle operaie.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La produzione di regine

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

la fecondazione e le stazioni di fecondazione


Per la fecondazione, la cella reale matura deve essere trasferita in apposite famiglie, indicate genericamente come nuclei di fecondazione. Nel loro insieme, queste postazioni, vengono solitamente indicate
come stazioni di fecondazione. Queste, negli allevamenti specializzati, possono assumere dimensioni
importanti; infatti, programmando una produzione di 100 api regine al mese, occorre poter disporre di
almeno 60 nuclei di fecondazione.
Nel caso che la produzione di api regine venga realizzata da un produttore riconosciuto ed iscritto all'albo nazionale dei produttori di api regine, egli tenuto ad osservare il disciplinare, istituito con D.M. n.
20984 del 10 marzo 1997 e modificato con D.M. n. 21547 del 28 maggio 1999. In particolare, nell'allegato C del dispositivo, vengono specificate le norme tecniche di produzione. Per quanto attiene l'organizzazione ed il funzionamento delle stazioni di fecondazione, la norma distingue due modelli di fecondazione: artificiale (o controllata) e naturale. Quest'ultimo deve assicurare un completo isolamento delle
stazioni che perci devono essere ubicate:
o su piccole isole non popolate da colonie di api, distanti almeno 3 chilometri dalla terraferma;
o in aree di terraferma non popolate da colonie per un raggio di almeno 10 chilometri.
Inoltre, l'area adibita a stazione di fecondazione deve possedere requisiti fondamentali, quali:
non deve essere luogo di frequentazione di apiari nomadi;
non deve presentare caratteristiche favorevoli all'insediamento di sciami selvatici;
non deve essere interessata da fattori ambientali che rappresentino un ostacolo all'accoppiamento delle
api (ad esempio fattori climatici come venti forti, ecc.).
L'osservanza di tali disposizioni, ovviamente obbligatorie per i produttori iscritti all'albo nazionale, comunque raccomandabile anche per i produttori di api regine non professionisti.
Considerando che le larvette, al momento del traslarvo, non hanno ancora compiuto le 24 ore di et (4
giorno di vita preimaginale) e che la regina sfarfalla, di norma, fra il 16 ed il 17 giorno, occorre preparare i nuclei di fecondazione trascorsi non pi di dieci giorni dal traslarvo.
Il nucleo di fecondazione deve essere preparato circa 24 ore prima dell'innesto della cella poich le api,
nel momento in cui entrano in contatto con la cella reale, devono avvertire lo stato di orfanit. In caso
contrario, la cella reale verrebbe distrutta dalle operaie.
In ciascun nucleo di fecondazione deve essere inserita una sola cella reale.
I nuclei di fecondazione devono rispondere a requisiti fondamentali, alcuni di carattere generico, altri specifici in funzione dell'orientamento produttivo di ogni singolo apicultore.
Da un lato, il produttore professionista, non avendo che come unico obiettivo quello di produrre il numero massimo di api regine in rapporto alle api impiegate per la sua fecondazione, tende ad impiegare
attrezzature specifiche e arniette di fecondazione dalle dimensioni ridotte. Dall'altro, l'apicultore che ha
come unico interesse la sostituzione annuale delle sue regine, tende a non investire in modo specifico su
attrezzature particolari, cercando di sfruttare al meglio ci di cui dispone normalmente nel proprio allevamento.
In via del tutto generale, i nuclei di fecondazione devono:
essere formati da un numero non elevato di api poich pi esse sono, maggiore l'intervallo di tempo
che intercorre fra lo sfarfallamento dell'ape regina e la sua fecondazione;
essere in grado di mantenere al loro interno una temperatura non inferiore ai 24-25C, pena la morte
della pupa reale;
possedere provviste sufficienti per alimentare sia le api operaie e sia soprattutto, la regina e la futura
covata;
avere una buona presenza di celle vuote affinch le api regine, una volta fecondate, possano iniziare
immediatamente la loro attivit di ovideposizione;
essere facilmente individuabili dalle regine in volo di fecondazione, ch altrimenti rischierebbero di non
fare rientro nel loro nucleo di fecondazione.

La stazione di fecondazione
deve essere realizzata in modo tale che
le arniette siano facilmente distinguibili
sia dalle api operaie e sia, in modo
particolare, dalle regine di ritorno dai
primi voli di orientamento o da quello
di fecondazione. Le arniette vanno
spaziate ed opportunamente colorate
con i colori riconoscibili dalle api
(bianco, azzurro, giallo e verde) almeno
nella parte frontale, impiegando colori
ad acqua e senza solventi chimici.

Per orientare le api regine,


come le bottinatrici, utile impiegare
anche i normali segni geometrici che le
api sono in grado di individuare. Esse,
pur non distinguendo fra loro le figure
poste nelle due file (ad es. il cerchio 
dal quadrato , dal triangolo  o dal
segmento /), sono in grado di
distinguere rapidamente le figure poste
nella prima fila da quelle della seconda:
ad es. il cerchio  dal segno  come
dagli altri segni.

Affinch il processo di fecondazione


possa avere successo, nella stazione di
fecondazione devono essere disponibili,
in quantit sufficienti, fuchi maturi sessualmente. Soltanto un gran numero di
maschi pu far fronte alle necessit di
un'intensa azione di fecondazione. Si
tenga presente che per fecondare correttamente una regina, occorrono fino
ad un massimo di 10 fuchi. Pertanto,
necessario predisporre un adeguato numero di alveari per l'allevamento di
fuchi selezionati.

La produzione di regine - la fecondazione e le stazioni di fecondazione

Schede tecniche di apicultura

Occorre evitare che i fuchi,


provengano dalle stesse colonie dalle
quali sono state prelevate le larve reali o
siano con esse parenti vicini. infatti
indispensabile scongiurare il fenomeno
della consanguineit (vedi glossario)
che, causando una covata poco compatta e lacunosa, obbligherebbe l'allevatore alla soppressione prematura della
giovane regina appena fecondata. Per
tale motivo, nelle colonie fornitrici di larve reali opportuno inserire, in alternativa alle porticine degli escludiregina o
delle trappole sfucatrici. (vedi glossario)

Il mercato offre ampia scelta


per quanto riguarda la tipologia delle
arniette di fecondazione. Negli allevamenti specializzati ci si orienta preferibilmente verso arniette con dimensioni
minime. Questo affinch siano impegnate per la fecondazione solo poche api.
Le tipologie di riferimento sono due: in
legno, per due famigliole su 2/3 favetti
ciascuna (per un totale di un favo da
melario o poco pi), o in polistirolo, per
una famigliola singola. Quest'ultima,
denominata Kirchhainer, nota in Italia
come arnietta Apidea.

I fuchi raggiungono la maturit


sessuale dopo circa 30 giorni dal loro
sfarfallamento. L'ape regina, appena
una settimana dopo. Per questo motivo,
occorre assicurarsi della presenza di
covata maschile almeno un mese prima
dall'inizio dei traslarvi. Ovviamente
l'allevatore pu, egli stesso, indurre
alcune colonie selezionate ad allevare
fuchi, sempre con almeno 30 giorni di
anticipo sui primi traslarvi.

Considerate le difficolt di governare


colonie di api cos piccole, negli
allevamenti promiscui e meno specializzati,
per la fecondazione vengono
normalmente impiegate le stesse arniette
pigliasciame, a 5 o 6 favi da nido. Per la
fecondazione, essendo necessarie poche
api, in esse vengono inseriti solo due o tre
favi, da nido.

La presenza di fuchi maturi


pu essere verificata attraverso un
controllo diretto. Premendo l'addome di
un maschio, si fa in modo che esso
estrofletta il suo apparato genitale.
All'apice, qualora abbia raggiunto la
maturit sessuale, possibile accertare
la presenza di una piccola bolla
spermatica, di colore bianco tendente al
giallo paglierino.

Una possibilit intermedia offerta


dall arnietta a doppio uso: o come
normale prendisciame, o come arnietta
di fecondazione, per tre piccole colonie.
Per questo impiego, essa in grado di
contenere, per lato, due colonie orfane
allevate su 4 favi posti a favo caldo (vedi
glossario), per una superficie totale di 2
telai da nido, ed una centrale, su 4
mezzi favi da nido posti a favo freddo
(vedi glossario). Per una migliore
gestione, i telai di queste arniette sono
accoppiabili per formare un unico telaio
da nido.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La produzione di regine

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

i nuclei di fecondazione - i baby nuclei


stato dimostrato che per allevare correttamente un'ape regina sono necessarie almeno 200 api
nutrici. Pi api si impiegano per la fecondazione e meno api si dispongono per la produzione di
miele. Per contro, nuclei molto piccoli, in aziende non specializzate, creano indubbi problemi di
gestione. Per questo motivo, l'impiego di piccoli nuclei di fecondazione, meglio conosciuti come
baby nuclei, spesso relegato alle sole aziende specializzate per la produzione di regine. Per produzioni indirizzate all'impiego interno preferibile impiegare le attrezzature di norma presenti in
azienda, evitando ulteriori investimenti, difficilmente ammortizzabili.
Fra i baby nuclei, il pi utilizzato certamente il modello Apidea, conosciuta anche come arnietta
Kirchhainer. Realizzata esternamente in polistirolo e fornita di accessori in plastica, idonea ad accogliere un solo piccolo nucleo di fecondazione. Viene fornita smontata e pu (ma non obbligatoriamente) essere caricata ogni qualvolta si inserisca una nuova cella a regina. Questo permette di
svolgere una corretta profilassi contro la diffusione degli agenti patogeni, quali virus e batteri, i quali,
attraverso la regina, potrebbero trovare diffusione nelle colonie ove questa verr inserita.

L'arnietta dotata di due grigliette


escludiregina: una piccola ed una pi
grande. La prima va applicata alla porticina d'entrata badando che la parte aperta
combaci con la parete laterale destra.Una
puntina da disegno conficcata a sinistra
nella cavit della griglietta permetter di
farla scorrere secondo il fabbisogno. La
pi grande, da inserire in un'apposita cavit, serve a separare lo scomparto che
contiene il candito. Una terza griglia deve
essere inserita, attraverso apposite guide,
nella parte frontale.

Per il suo impiego necessario


comporre, attraverso semplici incastri, i
telaini. Nel montaggio si tenga presente
che la scritta "Apidea" riportata sulla
traversa superiore deve essere rivolta
verso l'alto mentre le scritte "Aussen" (dal
tedesco "al di fuori"), riportate sui
montanti laterali, devono essere rivolte
verso l'esterno.

I favi devono essere costruiti


dalle api senza l'ausilio di fogli cerei. Alle
api viene fornita solamente una piccola
striscia che deve loro servire solamente
come guida. Queste strisce devono
essere inserite in una specifica fessura
del telaino e quindi fissate con alcune
gocce di cera fusa. Per questo pu
essere impiegata anche la cera di una
candela realizzata con sola cera d'api e
non contenente paraffina.

Pu essere facilmente colorata


mediante l'impiego di vernici ad acqua.
Deve essere evitato l'utilizzo di solventi
chimici che rischierebbero sciogliere il
polistirolo.

I nutritori devono essere riempiti


utilizzando candito con una compattezza
non elevata, per evitare alle api la fatica
inutile della diluizione con la loro saliva. Il
candito deve essere realizzato
amalgamando 5 parti di zucchero
macinato (o a velo) con 2 parti di miele
liquido.

La produzione di regine - i nuclei di fecondazione - i baby nuclei

Schede tecniche di apicultura

Il popolamento di queste arniette


particolare ed avviene attraverso
l'apertura sul fondo. Si introducono
circa 100 grammi di api, l'equivalente di
un normale bicchiere per acqua. Per
facilitarne la manipolazione ed affinch
non volino, le api possono essere
preventivamente spruzzate con acqua.
preferibile, per questo scopo, prelevare o api nutrici (presenti sui favi con
larve di et inferiore ai 3 giorni) o
ceraiole (reperibili su un foglio cereo in
costruzione).

Normalmente le regine feconde


possono essere prelevate con ritmi di
circa 12 giorni. Trascorse 24 ore dal
prelievo della regina fecondata,
possibile introdurre una nuova cella
reale. Pi spesso, questo tipo di nucleo
viene smontato e fatto ricostruire ex
novo.

Le api possono essere spazzolate


preventivamente in un'arnietta
prendisciame, spruzzate con acqua e
quindi facilmente prelevate con l'ausilio
di un misurino del volume di 100-150
centimetri cubici. Prima dell'introduzione
delle api preferibile bagnare anche
l'interno dell'arnietta. Una volta
introdotte le api, l'arnietta viene
raddrizzata e riportata nella giusta
posizione.

10

La covata pu essere recuperata


collocando l'arnietta, con il fondo aperto
per met, al di sopra di una colonia. In
questo modo si d il tempo alle api di
sfarfallare e di trasferirsi sui favi sottostanti.
Dopo 21-22 giorni tutta la covata
sfarfallata e l'arnietta pu essere
allontanata.

La cella reale deve essere introdotta


attraverso il foro ricavato nel coperchio
trasparente. Le api vanno tenute chiuse,
per un periodo di 4-5 giorni, in un
posto buio, ma non freddo, affinch
possano avere il tempo di costruire i
favi. Una volta accertato lo sfarfallamento della regina attraverso(lestrazione
della cella reale e losservazione della sua
corretta apertura da parte della regina),
l'arnietta pu essere sistemata in
postazione e quindi aperta.

11

anche possibile sistemare i favetti


in un telaino da nido vuoto che deve
essere sistemato nel nido al posto di un
favo. Il rischio di questa operazione
che la regina, non appena sfarfallate le
api, riprenda quasi subito la covata su
questi favetti. I favetti possono essere
incastrati anche in un telaino da melario
che pu essere sistemato al centro di
un melario. In questo modo viene
scongiurata l'ovideposizione una volta
sfarfallata la covata.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La produzione di regine

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

i nuclei di fecondazione - prendisciame e simili


Se l'impiego dei baby nuclei di fecondazione trova largo spazio presso le aziende specializzate, altrettanto non avviene, come gi detto, qualora le regine vengano prodotte per prevalente, se non esclusivo, uso interno. In questo caso, l'apicultore tende a considerare e privilegiare la duttilit di impiego delle
attrezzature, al fine poterle sfruttare in funzione di diversi indirizzi produttivi e, quindi, per periodi pi lunghi. questo il caso delle arniette prendisciame che, oltre all'impiego classico, possono perfettamente
fungere anche da nuclei di fecondazione.
In questo modo, per l'apicultore possibile perseguire anche altri obiettivi. Infatti, una volta fecondatasi,
la regina pu essere prelevata per essere innestata in altre colonie o per essere venduta.
Se la fase della fecondazione si svolge su telaini da nido D.B., si ha anche la possibilit che l'intero nucleo
con la regina appena fecondata possa essere inserito in un'altra colonia, riproducendo anticipatamente, in modo artificiale, la fase della sciamatura (Vedi scheda: La sciamatura - la sostituzione precoce della
regina) Qualora praticata per tempo ed in anticipo rispetto alla stagione della sciamatura, la sostituzione della regina porta ad un significativo controllo di questo fenomeno. Infine, qualora come nucleo di
fecondazione venga impiegata una comune arnietta prendisciame, costituita da telaini da nido, la famiglia pu essere completata con favi provenienti da altre colonie e venduta come sciame artificiale.
Anche quando si opta l'impiego delle prendisciame, ovviamente la composizione delle micro famiglie
deputate ad accogliere le celle reali deve essere tale da garantire la fecondazione con il minimo impiego di api operaie. La consistenza delle colonie di fecondazione deve essere comunque tale da assicurare il mantenimento della giusta temperatura all'interno dell'alveare affinch venga scongiurata la possibilit della morte sia della pupa a regina, sia della covata.
Sul mercato anche possibile acquistare delle arniette da fecondazione che possono rappresentare una
buona via di mezzo fra i baby nuclei e le prendisciame.
Tutte offrono l'indubbio vantaggio che le famigliole in esse allevate (generalmente tre) possano svernare
tranquillamente, sollevando l'apicultore dalla necessit di doverle smontare al termine del loro compito
per ricostituirle nella primavera successiva.
Alcuni modelli offrono anche la possibilit di un loro duplice impiego: o come arniette prendisciame o
come arniette di fecondazione.
Va da se che, sulla scorta di quanto fino ad ora detto, occorre che l'apicultore non specializzato in produzione di regine, valuti attentamente il modello di arnie di fecondazione da acquistare, sulla base di
tutti i possibili impieghi alternativi a lui utili. Tutto ci al fine di evitare investimenti troppo elevati che
avrebbero evidenti ripercussioni sul bilancio aziendale.

La comune arnietta prendisciame


deve contenere una colonia che sia
assemblata per assolvere perfettamente
il ruolo della fecondazione della regina.
Per questo motivo essa deve essere
preparata con non pi di due telaini di
covata ed uno di scorte costituite sia da
miele, sia da polline.

La famiglia di fecondazione,
nella sua composizione ottimale, deve
contenere un favo di covata prossima
allo sfarfallamento, un favo di riserve
alimentari ed un foglio cereo. Al lato di
quest'ultimo deve essere sistemato un
nutritore a tasca con soluzione
zuccherina al 70% (2 parti di zucchero
per 1 di acqua). In questo modo la
colonia pu trovare zuccheri a
sufficienza per iniziare la costruzione del
foglio cereo.

Il nucleo deve inoltre contare


operaie in quantit utile a mantenere un
livello di temperatura sufficiente a preservare la vitalit della covata. Nel lasso di
tempo che intercorre fra l'innesto della
cella reale e l'inizio della deposizione
(non pi di15 giorni), tutte le operaie,
sfarfallando approssimativamente in contemporanea con la regina, hanno la possibilit di acquisire la funzione di ceraiole,
iniziando cos la costruzione del foglio
cereo.

Operando in questo modo,la regina,


al rientro dal suo volo di fecondazione ed
al momento dell'inizio della sua carriera di
riproduttrice, ha la possibilit di estrinsecare appieno le sue doti di ovidepositrice,
potendo contare su un buon numero di
api operaie giovani e di almeno due favi
vuoti, pronti ad accogliere la covata. Infatti, le api che sfarfallano dal favo di covata
nascente inserito, sono in grado di presidiare tre favi da nido e di provvedere nel
contempo alla costruzione dei fogli cerei.

La produzione di regine - i nuclei di fecondazione - prendisciame e simili

Schede tecniche di apicultura

Nelle stazioni di fecondazione,


costituite da prendisciame contenenti
piccole colonie allevate su pochi favi da
nido Dadant-Blatt, le arniette possono
essere normalmente disposte su file, affiancate su normali basamenti. Ovviamente la parte anteriore delle prendisciame deve essere disposte in modo
casuale, utilizzando i colori riconoscibili
dalle api: il bianco, l'azzurro, il giallo ed il
verde. necessario, anche in questo
caso ricorrere a tutti simboli descritti
nella scheda relativa alla formazione
della stazioni di fecondazione.

Grazie a questa caratteristica,


il caricamento di queste arniette diventa
semplice. sufficiente posizionare i telaini,
uniti a due a due, in una colonia in produzione perch questi, una volta costruiti e
interessati dalla deposizione della covata,
possano essere prelevati con tutte le api di
copertura e trasferiti nell'arnietta da fecondazione. preferibile che l'allestimento
delle colonia venga fatto un giorno prima
l'innesto delle celle reali e a pochi giorni
dallo sfarfallamento della covata. Nel caso
sia necessario, possibile spazzolare delle
api di casa (nutrici e ceraiole).

Nel caso in cui la produzione


di api regine assuma maggiore rilevanza, possibile per l'apicultore preventivare investimenti specifici. In questo
caso egli pu valutare l'acquisto di arniette di fecondazione a duplice uso.
Infatti, alcuni modelli di arniette in commercio, disponendo di tre ingressi indipendenti e la possibilit di essere frazionate mediante divisori interni, possono
essere sfruttate, oltre che come arniette
di fecondazione a 2 o a 3 scomparti
anche come comuni prendisciame.

Un modello simile contempla


l'impiego di particolari telaini, ripiegabili a
fisarmonica in 3 parti uguali ed
autodistanziabili mediante distanziatori
Hoffman (vedi glossario). Aperti e bloccati
con dei fermi di lamiera, i telaini possono
trovare spazio in una normale arnia. Per
questo motivo il caricamento di queste
arniette assai semplice. Il procedimento
del tutto simile a quanto gi descritto in
precedenza.

Nei modelli maggiormente diffusi


in commercio, i telaini hanno la
superficie pari alla met di quelli da nido
del tipo Dadant-Blatt. Dotati di un
particolare tipo di incastro in una delle
orecchiette portafavo, ciascun telaino
pu essere unito ad un altro, formando
un tutt'uno dalle dimensioni pari a
quelle di un favo da nido.

10

Il controllo di questi favi pu


risultare semplificato, poich l'estrazione
dell'intera famigliola "di fecondazione"
avviene contestualmente. Per contro
occorre prestare molta attenzione nel
distendere i tre telaini incernierati,
poich vi il rischio di schiacciare le
operaie che dovessero venirsi a trovare
sulle stecche verticali. Fra di esse
potrebbe essere possibile rinvenire la
stessa ape regina.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La nosemiasi

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

diagnosi e cura
La nosemiasi (vedi glossario), in quanto patologia legata ad inverni lunghi e freddi, non mai stata
considerata di importanza rilevante per gli apicultori operanti nelle aree a clima mediterraneo.
Infatti, antecedentemente agli anni 2000, l'agente eziologico era rappresentato dal Nosema apis,
assai poco virulento in queste regioni. Solamente a partire dagli anni 2000 la nosemiasi ha incominciato a manifestare un'inaspettata virulenza, causando danni ingenti all'apicultura mediterranea. Ci dovuto all'introduzione di una nuova specie, il Nosema ceranae, veicolata probabilmente mediante l'importazione di famiglie, regine e pacchi d'api.
L'agente patogeno un organismo unicellulare appartenente alla classe Microsporidia, genere
Nosema. Gli appartenenti a questo gruppo sono parassiti intracellulari obbligati degli insetti. Al
genere Nosema appartengono, come gi detto, due specie, il Nosema apis ed il Nosema ceranae,
originariamente legati rispettivamente all'Apis mellifera ed all'Apis ceranae. Al pari di quanto avvenuto per la Varroa destructor, ospite specifico dellApis ceranae e migrata sull Apis mellifera solo a
partire dalla seconda met del XX secolo, cos il Nosema ceranae, grazie allazione delluomo,
diventato ospite abituale anche dellape europea.In questo contesto, il decorso dell'infezione da
Nosema ceranae risulta assai pi grave rispetto a quanto si verifica in presenza del Nosema apis,
portando spesso all'estinzione della colonia colpita. La sindrome da spopolamento di api (nota con
l'acronimo CCD o, in Italia SSA), segnalata da molti apicultori europei, sembra spesso dovuta alla
presenza del Nosema ceranae. In questo caso le api infette muoiono in breve tempo, spesso senza
manifestare in alcun modo la tipica sintomatologia dovuta all'attacco del Nosema apis: spopolamento lento dell'alveare, scarsa mobilit delle api adulte e diarrea. Al contrario, nel caso di attacchi
da Nosema ceranae, l'andamento della malattia appare infatti praticamente asintomatica.ll
Nosema manifesta il massimo della sua patogenicit alla fine dell'inverno decimando le api adulte
e riducendo la popolazione dell'alveare a poche migliaia di individui. La famiglia non riesce a
riprendersi qualora non aiutata dalla nuova immissione di api e covata. Se le condizioni climatiche
favorevoli all'esplosione della malattia non si verificano, il patogeno pu rimanere allo stadio latente anche per 12-15 anni. Gli organismi durevoli, le spore, possono sopravvivere fino a due anni
nelle feci delle api all'interno dell'alveare. Si stima che la dose minima di spore necessaria per infettare una singola ape vari da 30 a 90. Dalla loro moltiplicazione, all'interno dell'insetto si pu arrivare a contarne anche pi di 80 milioni. L'infezione si definisce lieve quando durante il campionamento si rilevano fino a 5 milioni di spore; media da 5 a 10 milioni; grave da 10 a 20 milioni; molto
grave se riscontriamo oltre 20 milioni di spore. Il Nosema attacca solo le api adulte, localizzandosi
nel mesointestino da dove si propaga attraverso le spore. Le api vengono contaminate assumendo miele infetto oppure entrando in contatto con deiezioni o liquidi organici all'interno dell'alveare durante i lavori di pulizia.Per il controllo della nosemiasi, fondamentale una diagnosi precoce,
da realizzarsi attraverso un esame microscopico. Il campione di api da sottoporre ad analisi deve
essere costituito da circa 60 api adulte per colonia. Le api, possibilmente bottinatrici, devono essere prelevate all'interno dell'alveare. Questa operazione pu essere facilitata sollevando il coprifavo
e spruzzando su di esso una piccola quantit di acqua. Le api possono essere catturate anche dai
favi pi esterni dell'arnia, in modo che fra esse non vi siano api nutrici. Una volta raccolte in un contenitore le api possono essere uccise riponendo immediatamente lo stesso contenitore in congelatore.La profilassi nei confronti di questa patologia si basa sul rispetto delle buone pratiche apistiche. Occorre inoltre garantire alla colonia una sufficiente ventilazione ed una corretta alimentazione. Le famiglie vanno tenute sempre forti ed equilibrate fra loro, eventualmente unendo le pi
deboli. Devono essere invernate con adeguate provviste di miele e polline ed in zone caratterizzate da favorevoli condizioni microclimatiche: temperature miti e grado di umidit basso.Le api regine devono essere sempre giovani, prolifiche e provenienti da ceppi selezionati relativamente al
carattere del controllo delle malattie. Per la terapia delle colonie colpite da nosemiasi, sono attualmente da escludere trattamenti a base di antibiotici.

Per il conteggio delle spore


necessario poter disporre di un paio di
forbicine, di una pinzetta, di un mortaio
con pestello in marmo o in acciaio, di
carta per la pulizia, di guanti in lattice
per l'operatore e di una siringa, privata
dellago, al fine di dosare lacqua
distillata.

anche necessario disporre


di un microscopio ottico. Le ottiche
idonee per il conteggio delle spore
devono garantire ingrandimenti
compresi fra 300 e 500.

Occorre infine poter disporre


di un vetrino conta-spore detto anche
camera di Bourker. Tale vetrino ha
sempre riportate, sulla sua superficie, le
misure occorrenti per il calcolo del
volume nel quale si effettua il conteggio
delle spore.

La nosemiasi - diagnosi e cura

Schede tecniche di apicultura

Gli addomi delle api operaie


costituenti il campione devono essere
separati dal torace mediante l'ausilio
delle forbicine ed eventualmente della
pinzetta. Se le api campionate sono
state conservate a lungo in congelatore,
necessario, dopo l'avvenuto scongelamento, procedere al pi presto
prontamente all'analisi.

Il risultato finale
dell'azione di decomposizione degli
addomi l'ottenimento di una poltiglia
di colore giallo-arancio. Tale colorazione
dovuta alla presenza di polline
nell'intestino delle api. Per l'analisi
microscopica si versa sul vetrino contaspore circa 1 millilitro di questo
preparato, ricoprendo poi il tutto
mediante un vetrino copri-oggetto.

Occorre campionare
non meno di 60 api adulte per alveare
e deve essere analizzato almeno il 1020% degli alveari che compongono
l'apiario, con un minimo di 4-5 alveari.
Nel caso l'apiario abbia due o pi tipi di
orientamento o ombreggiamento, il
campionamento deve essere effettuato
separatamente per ogni differente
situazione.

L'infestazione di Nosema
grave qualora vengano contate oltre
10 milioni di spore per singolo intestino
d'ape; molto grave qualora superino il
valore di 20 milioni di spore per singolo
intestino.

Gli addomi cos isolati


devono essere omogeneizzati con
l'ausilio del pestello e l'aggiunta
graduale di acqua distillata fino a
raggiungere il rapporto di 1 centimetro
cubo per addome campionato.
L'operazione, della durata di alcuni
minuti, permette la fuoriuscita delle
spore dall' intestino dell'ape. preferibile
procedere all'omogeneizzazione
aggiungendo l'acqua distillata poco per
volta, portandola a volume solo al
termine dell'operazione.

L'infestazione di Nosema
lieve qualora vengano contate meno
di 5 milioni di spore per singolo
intestino d'ape; media qualora il loro
numero sia compreso tra i 5 e i 10
milioni di spore per singolo intestino.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La peste americana

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

eziologia, sintomatologia e diffusione


La peste americana, una malattia che colpisce la covata delle api. probabilmente la pi grave
in assoluto, tanto che, per evitarne la diffusione, consigliata la distruzione delle api e dei favi, sia
di covata che di scorte. La malattia non costituisce alcun pericolo per la salute umana ed i prodotti
provenienti da alveari infetti possono essere consumati tranquillamente. In Italia una delle cinque
malattie apistiche soggette all'obbligo di denuncia all'autorit sanitaria locale secondo quanto disposto dalle vigenti normative di polizia veterinaria.
causata dal Paenibacillus larvae, White, microrganismo sporigeno, con forma simile a quella di
un fagiolo. munito di flagelli che utilizza come organo di locomozione. Durante la fase di latenza, qualora le condizioni ambientali non siano idonee alla sopravvivenza del batterio, esso d origine ad una spora, forma resistente sia agli agenti chimici e fisici pi avversi, sia alla disidratazione.
In questo stato il Paenibacillus larvae capace di resistere ad elevate temperature (per 20 minuti a
120C), ai disinfettanti chimici (cloro ed iodio) e fisici, all'acqua bollente con detersivo, all'esposizione ai raggi solari, nel terreno a temperatura ambiente per quasi due anni. Le spore sono di forma
ovoidale, brillanti, non facilmente visibili e riconoscibili al microscopio se non mediante opportuna
colorazione (si colorano solo nella parte periferica).
A differenza di quanto si ritenuto finora, recenti lavori hanno provato che la vitalit delle spore di
peste americana decade col tempo: dopo 20 anni solo il 35-40% delle spore contenute nel miele
o all'interno di un'arnia possono ancora dare origine alla forma vegetativa del batterio.
La malattia non causa alcun danno all'ape adulta.
La diffusione della peste americana, sia fra gli apiari che nell'ambito di una stessa postazione, avviene attraverso molteplici modalit, sia connaturate all'allevamento, sia naturali. Fra le cause legate
all'uomo, le pi frequenti sono riconducibili all'introduzione in apiario di materiale genetico (sciami, naturali o artificiali, pacchi d'api, api regine, ecc.) di dubbia provenienza; l'utilizzo di miele infetto per l'alimentazione di soccorso; il trasferimento di favi di covata, l'uso di attrezzature infette. Fra
le cause naturali, meno diffusive, concorrono i fuchi, nei loro spostamenti fra gli alveari, la deriva
(vedi glossario) e, soprattutto, il saccheggio. Dalla peste americana, infatti, risultano colpite non solo
le colonie deboli, ma anche, e soprattutto, quelle pi forti. Sono queste ultime che, durante i periodi di scarso flusso nettarifero, vanno a saccheggiare gli alveari pi deboli o moribondi. Se la causa
di questa condizione la peste americana, assieme alle riserve alimentari, le api operaie prelevano
inconsapevolmente anche le spore del bacillo, infettando cos la propria colonia.
Affinch la malattia si manifesti, occorre comunque una concentrazione elevata di spore: almeno
50 milioni per litro di alimento. Colonie resistenti tollerano per concentrazioni fino a 300 miliardi
per litro.

La morte della pupa avviene entro


la celletta opercolata. La forma vegetativa del batterio, sviluppatasi dalla spora,
moltiplicandosi, invade dapprima l'intestino medio e quindi, attraverso l'emolinfa, tutti gli altri tessuti ed organi dell'insetto. Alla morte della pupa, l'opercolo
della celletta assume una configurazione tipica: la covata si presenta lacunosa,
con celle vuote (dalle quali la covata
sfarfallata regolarmente o, al contrario,
con residui di pupe morte) frammiste a
celle opercolate.

Le celle opercolate, contenenti le pupe


oramai morte, assumono una configurazione tipica. Gli opercoli, anzich bombati, si presentano infossati ed umidicci,
con una colorazione brunastra, spesso
forati dalle stesse api adulte, nel tentativo
di estrarre i resti della pupa. A volte, nello
svolgere questa operazione, gli opercoli
vengono asportati completamente.
Questa operazione conferisce al favo
l'aspetto di covata irregolare descritto in
precedenza.

La peste americana si trasmette


per via orale, attraverso l'alimentazione.
Le larvette vengono infettate ad un'et
compresa fra le 24 e le 48 ore. L'infezione evolve lentamente e si manifesta
trascorsi almeno 9 giorni dalla schiusa
dell'uovo, allo stadio di prepupa o di
pupa. Solamente in questa fase, di celletta opercolata, l'apicultore in grado
di accertare la presenza della malattia.
Infatti la covata affetta da peste americana ben si distinge da quella sana.

Subito dopo la morte, il colore


della larva vira dal bianco lucente al bianco opaco per assumere in seguito colorazioni sembre pi brune. Dopo circa 25
giorni dalla morte, la larva, oramai color
bruno scuro, si trasforma in una vera poltiglia informe e vischiosa, perdendo la normale consistenza. Questa fase viene comunemente indicata come stadio di larva
filamentosa poich, infilando nella massa
larvale uno stecchino, alla sua estrazione
viene a formarsi un lungo filamento.

La peste americana - eziologia, sintomatologia e diffusione

Schede tecniche di apicultura

Questa prova, detta dello stecchino,


qualora dia origine a filamenti persistenti, della lunghezza di almeno 1 o 2
centimetri, viene generalmente considerata dagli operatori assolutamente attendibile. In realt, l'attendibilit, pur
elevata, non completa, considerato
che alcune forme virali presentano una
sintomatologia simile. comunque un
segnale indicativo che, unitamente
all'odore acido ed alla posizione delle
pupe, deve mettere in grave allarme
l'apicultore.

L'uso degli antibiotici per la cura


delle batteriosi (quali la peste europea o
la peste americana), in Italia non pi
ammesso da tempo. Per la peste americana possibile ricorrere alla messa a
sciame. Si spazzolano le api entro un'arnia pulita e disinfettata, contenente
alcuni telaini con piccoli ritagli di fogli
cerei, allontanando tutti i favi presenti. Lo
sciame cos ottenuto deve essere tenuto
chiuso per qualche giorno e nutrito abbondantemente per dare modo alle api
di ripulire il proprio apparato digerente.

A sei settimane dalla morte


la pupa si dissecca totalmente,
trasformandosi in una scaglia di colore
nero. Questa quasi si salda alla parete
inferiore della cella, impedendone alle
api spazzine l'opera di allontanamento
dall'alveare. In tale posizione resta
evidente l'estremit encefalica con
l'apparato boccale estroflesso. Tale
condizione, al contrario della prova
dello stecchino, specifica della morte
per peste americana.

Trascorsi due o tre giorni,


la colonia deve essere ritrasferita entro
un'altra arnia fornita di nuovi fogli cerei.
Tutto il materiale impiegato deve essere
disinfettato accuratamente. Al fine di
scongiurare eventuali contagi, si devono
distruggere con il fuoco tutti i favi prelevati
nonch i fogli cerei costruiti dalle api
durante il periodo di clausura.

La diagnosi della peste americana


deve essere fatta il pi precocemente
possibile, al fine di evitare la diffusione
della patologia. A tale scopo, sono
reperibili in commercio particolari kit
che permettono di accertare la presenza del batterio con un elevato grado di
affidabilit. Eventualmente una
conferma pi attendibile, possibile
averla solamente attraverso approfonditi esami di laboratorio.

10

Valutando per le scarse probabilit


di risanamento della colonia, lo scarso
valore dello sciame nudo, il costo
elevato del materiale da sacrificare
nonch il lavoro necessario e considerando il forte rischio di diffusione della
malattia, la soluzione sempre raccomandabile quella dell'uccisione della
colonia. La sua distruzione, unitamente
a tutti i favi di covata e di scorte deve
essere eseguita mediante l'uso del
fuoco.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La peste europea

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

eziologia, sintomatologia e diffusione


La peste europea (vedi glossario), una malattia che colpisce la covata delle api sin dalle prime fasi
dello sviluppo. L'agente eziologico stato individuato da White, nel 1912, nel Bacillus pluton. Esso
venne poi riclassificato dal Bailey, dapprima come Streptococcus pluton (1957) e, successivamente, come Melissococcus pluton (1983). In realt sono numerosi i microrganismi che concorrono a
determinare questa patologia. Nelle fasi pi avanzate della malattia, infatti, sono spesso presenti
molteplici altre specie di batteri saprofiti (il Paenibacillus alvei, l'Enterococcus faecalis -classificato da
Massen come Streptococcus apis-, il Brevibacillus laterosporus) cos come, successivamente alla
morte della larva, possono prevalere specie come gli stessi Paenibacillus alvei e Streptococcus apis
o l'Achromobacter eurydice. La loro presenza pu far s che la malattia sia accompagnata da odori
sgradevoli, assai diversi per, da quello di colla vinilica manifestato dalla peste americana.
Le larve vengono infettate, mediante la somministrazione di alimento contaminato dal batterio,
entro i primi giorni di vita e muoiono intorno al 7-8 giorno dalla schiusa dell'uovo, qualche giorno
prima che la cella venga opercolata.
Contrariamente a quanto avveniva fino a pochi anni fa, quando la peste europea. non rappresentava, almeno nell'Italia meridionale ed insulare, una patologia particolarmente grave, attualmente si registrato un forte aumento della sua incidenza, soprattutto all'inizio della primavera.
Nella forma acuta la patologia in grado di provocare danni gravissimi, fino a portare la colonia
all'estinzione completa. Se non diagnosticata per tempo, il contagio fra gli alveari pu portare alla
totale distruzione di intere postazioni. Le larve delle api risultano estremamente suscettibili al patogeno nelle prime 48 ore di vita. Pertanto, nella fase conclamata, la loro morte avviene quando la
cella ancora aperta. La larva assume posizioni particolari, presentandosi o avvolta a spirale o con
il dorso rivolto verso l'apertura della cella o, ancora, appiattita su una delle pareti della celletta. Le
larve morte da poco presentano il tegumento trasparente tanto da rendere visibili le trachee.
Qualora non vengano rapidamente rimosse dalle operaie, le larve morte vanno incontro a fenomeni di putrefazione; il microrganismo patogeno prolifera, arrivando a contaminare cos anche la
cella. La trasmissione della malattia all'interno dell'alveare avviene tramite le api spazzine che, tentando di rimuovere dal favo il corpo della compagna ormai in avanzato stato di decomposizione,
diffondono l'agente patogeno a tutta la colonia. Infatti le stesse api operaie spazzine (divenute
nutrici), attraverso la nutrizione fornita alla covata nei suoi primi giorni di vita, passano loro grandi
quantit di batteri propagando in questo modo l'infezione su altre giovani larve sane. Al contrario,
se l'intervento delle api operaie immediato, possibile che il decorso della malattia non sia neanche avvertito dall'apicultore, non manifestando la colonia che una lieve mortalit larvale.

Successivamente la colorazione
del tegumento larvale vira ancora verso
le tonalit del bruno, pi o meno
intenso. In questa fase la larva, si
distende nuovamente, ma appare
afflosciata sul fondo della cella. La
massa della larva oramai morta
presenta una consistenza quasi
pastosa, generalmente non
filamentosa. Ove tendesse a filare, i
filamenti sarebbero comunque lunghi
appena pochi millimetri.

Nell'ultima fase la larva si dissecca,


assumendo la consistenza di una scaglia
brunastra. Questa, comunque, non
aderisce mai alle pareti della celletta. Per
questo motivo, le api di colonie pi
inclini alla pulizia ed alligiene
dellalveare, sono in grado allontanarle,
superando cos la malattia. Al contrario,
in quelle pi pigre, la peste europea
manifesta un decorso che conduce
l'alveare all'estinzione.

La peste europea colpisce le larve


in giovane et. All'inizio, nella zona del
capo della larva infettata si forma una
piccola macchia gialla che si estende
appena lungo il dorso. La colorazione
del tegumento vira dal bianco perlaceo
al bianco opaco. La larva assume quindi
una posizione anomala: si ripiega su se
stessa contraendosi quasi a spirale. In
questa posizione tende a portare la
parte dorsale verso l'uscita della cella.

Le larve arrivano alla morte


molto presto, generalmente prima che
la celletta venga opercolata. In questa
situazione la covata appare piuttosto
lacunosa, circostanza che fa s che, nella
sua prima fase, la peste.europea possa
passare del tutto inosservata, in special
modo, nei casi in cui la colonia non
mostri ancora fenomeni di
spopolamento o l'apicultore non sia
molto pratico.

La peste europea - eziologia, sintomatologia e diffusione

Schede tecniche di apicultura

Qualora vengano contaminate


larve allo stadio di 4a et, queste
moriranno subito dopo l'opercolatura
della celletta, allo stadio di prepupa.
In questo caso la covata si presenta nel
suo insieme non compatta, con celle
opercolate frammiste a celle aperte,
contenenti larve morte.
La colonia malata pu emanare odori
diversi (acido o putrescente) o anche
nessun odore particolare, in relazione a
quale fenomeno di putrefazione
avviene a carico delle larve morte.

L'uso degli antibiotici per la cura


delle batteriosi (quali le pesti), in Italia
non pi ammesso da tempo. Per la
peste europea possibile ricorrere al
blocco della covata. Questo metodo si
realizza ingabbiando la regina per un
periodo che si protragga per almeno 21
giorni. In questo lasso di tempo le api,
non pi impegnate nell'allevamento
della covata, hanno la possibilit di
ripulire molto velocemente i favi dalla
presenza di larve morte, eliminando
grandi quantit di materiale contagiante.

Se lo stadio di sviluppo della malattia


non molto avanzato, le api,
specialmente quelle di razza ligustica
che sono molto attive nella pulizia dei
favi e nell'asportazione delle larve morte,
possono riuscire a ripulire tutte le celle
facendo s che la malattia regredisca
spontaneamente fino alla sua
scomparsa naturale. Nel caso che la
malattia venga accertata su un solo
favo, indispensabile asportarlo
affinch venga immediatamente
distrutto.

Trascorsi 21 giorni,
preferibile ridare alla colonia una nuova
regina, possibilmente selezionata al fine
del controllo delle malattie. Eventualmente, se la forza della colonia non fosse
elevata o la stagione non ne consenta la
sua ripresa, preferibile riunificarla con
un'altra. La riunificazione per, deve essere
eseguita dopo un periodo di quarantena
al fine di verificare la completa scomparsa
dei sintomi della malattia.

La diagnosi della peste europea


deve essere fatta il pi precocemente
possibile, al fine di evitare la diffusione
della patologia. A tale scopo, sono
reperibili particolari kit che permettono
di accertare la presenza del batterio con
un elevato grado di affidabilit. Una
conferma pi attendibile, nel caso,
possibile averla solamente attraverso
esami di laboratorio pi approfonditi.

10

buona prassi igienica,


prima di procedere all'inserimento della
nuova regina, sostituire l'arnia in uso
con un'altra ben lavata e
accuratamente disinfettata.
Successivamente, opportuno
monitorare lo stato sanitario dell'alveare,
al fine di rilevare per tempo una
possibile ripresa della malattia.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La varroatosi

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

il monitoraggio
Il monitoraggio sulla consistenza delle popolazioni di Varroa destructor (vedi glossario) negli alveari assume importanza certamente rilevante, soprattutto per l'individuazione del periodo adatto per
un'efficace e corretta esecuzione dei trattamenti. Ammetendo che la popolazione di Varroa, all'interno della colonia, raddoppia ogni mese, si intende evidenziare la necessit di eseguire il trattamento almeno un mese prima che il numero degli acari porti la colonia di api al collasso. Il numero di parassiti sopportabile da una famiglia varia secondo la stagione, le condizioni della famiglia
stessa e la quantit di raccolto. per sempre preferibile non superare la soglia di 2.500 varroe
adulte in fase di riproduzione per singolo alveare.
indispensabile, quindi, avere conoscenza dell'entit delle popolazioni di acari all'interno degli
alveari e, quindi, dell'intero apiario. Il monitoraggio, svolto periodicamente, fornisce all'apicultore
un indicatore importante della salute delle famiglie: segnala sia la necessit immediata di un trattamento, sia l'efficacia dei trattamenti effettuati. Infatti, ripetendo il monitoraggio alcuni giorni dopo
il trattamento, possibile accertarsi della reale diminuzione del numero degli acari e valutare cos
la reale efficacia del prodotto usato e del suo modo di impiego. In assenza di covata opercolata,
l'efficacia dei trattamenti deve tassativamente essere compresa fra il 95 ed il 99%. fondamentale
inoltre che il numero delle varroe che riescono a superare l'inverno non superi le 10 unit per
alveare. In caso contrario, non saranno pi sufficienti due trattamenti annuali, ma si dovr prevedere un ulteriore trattamento tampone nel mese di giugno, fra la fine del raccolto primaverile e
l'avvio di quello estivo. Esistono diversi metodi per stimare il numero delle varroe presenti nell'alveare. Di seguito si descrivono quelli prevalentemente utilizzati dagli apicultori: il conteggio della
caduta naturale, il lavaggio delle api operaie ed il conteggio sequenziale nella covata femminile
opercolata (vedi glossario). Lultimo sistema riportato, il conteggio degli adulti presenti sulla covata maschile, pur meno preciso, fornisce comunque utili indicazioni sullo sviluppo delle popolazioni di varroa. Indipendentemente dalla metologia assunta per il monitoraggio, importante che
questo venga ripetuto annualmente con gli stessi criteri e nello stesso periodo (possibilmente dalla
fine di gennaio alla met di febbraio). Il valore ottenuto non deve crescere negli anni, bens rimanere costante o, meglio, decrescere.

Il conteggio della caduta naturale


si realizza attraverso l'inserimento
nell'alveare di vassoi opportunamente
preparati. Per far s che tutte le varroe
cadute vengano trattenute sul vassoio
(e non asportate dal vento o da parte
di insetti predatori come le formiche),
occorre predisporre un foglio adesivo
o spalmare la faccia superiore del
vassoio con dell'olio di vaselina.

Se in 24 ore, la caduta naturale


supera le 16-20 varroe, solo un
trattamento tempestivo pu salvare la
famiglia. In mancanza di questo si
potrebbe perdere la colonia. Nel caso il
vassoio per la raccolta sia stato lasciato
per un tempo diverso da quello
indicato, per stimare il numero di acari
caduti nelle 24 ore, si divide il totale
della caduta per il numero di ore di
permanenza del vassoio in arnia e si
moltiplica per 24 il valore ottenuto.

Il metodo per il conteggio


degli acari attraverso il lavaggio delle
api adulte viene impiegato
preferibilmente su famiglie forti. Ha
inoltre il vantaggio di fornire un dato
immediato senza obbligare l'apicultore
a ritornare in apiario il giorno successivo. Si procede spazzolando da telaini di
covata circa 200 fra api operaie e fuchi.

Il campione deve essere prelevato


da almeno 2-3 telaini da nido contenenti covata, prestando particolare
attenzione a non catturare anche la
regina. Una volta raccolte le api, il
recipiente deve essere chiuso con una
rete. Successivamente si introduce
dellacqua saponata e si tappa il
barattolo con la sua capsula.

Schede tecniche di apicultura

La varroatosi - il monitoraggio

Agitando il recipiente
contenente le api immerse in acqua
saponata si favorisce il distacco delle
varroe. La separazione fra gli acari e le
api viene realizzata filtrando il tutto
mediante una rete in grado di trattenere le api, ma di essere attraversata dalle
varroe. Queste ultime possono essere
facilmente contate o nell'acqua
saponata stessa o versando il liquido su
un filtro chiaro.

Il conteggio delle varroe sulla


covata maschile molto pi semplice
rispetto a quello realizzato sulla covata
femminile. Utilizzando la forchetta
disopercolatrice, possibile estrarre le
larve e le pupe di fuco, unitamente agli
acari. Anche ad occhio nudo ci si pu
rendere conto del livello di infestazione:
qualora, come in questa immagine, su
circa 40 pupe di fuco sono conteggiabili non meno di 15 varroe, la situazione
pu essere definita preoccupante.

indispensabile contare
anche le api prelevate poich il valore
delle varroe deve essere rapportato alle
100 api. Questo dato il solo indice da
utilizzare per valutare la necessit del
trattamento.

Il monitoraggio massale della varroa


pu essere svolto contemporaneamente al prelievo della covata maschile
effettuato mediante l'inserimento al
centro del nido, a partire dal mese di
marzo, di un telaino trappola da melario. In tale modo le api costruiscono al di
sotto di esso un favo naturale costituito
esclusivamente da celle a fuco. Dopo
l'opercolatura delle celle si deve
asportare l'intera costruzione edificata.

Il conteggio sequenziale della


covata femminile si realizza attraverso il
prelievo di stadi preimaginali di ape
operaia da celle opercolate. Nel conteggio delle varroe prelevate assieme alle
larve, devono essere comprese anche le
varroe non adulte, riconoscibili dal
colore rosso assai pi chiaro, a volte
quasi trasparenti.

10

Trascorsi venti giorni


dall'inserimento del telaio necessario
estrarre ed eliminare il favo oramai
completamente opercolato. Ripetendo
pi volte questo intervento biodinamico, possibile asportare tra le 600 e le
1000 varroe per stagione.
molto importante essere precisi nel
rispettare i tempi per l'asportazione del
favo trappola. Un ritardo, infatti,
permette lo sfarfallamento della covata
maschile, determinando un incremento
notevole della popolazione della varroa.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La varroatosi

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

i trattamenti artigianali a base di timolo


Il timolo una molecola aromatica normalmente presente in natura. Componente principale
dell'olio di timo, possibile isolarla in parecchi mieli. In quello di timo, ma anche in altri quali, ad
esempio, quello di tiglio ove presente in concentrazione massima pari a 0,16 milligrammi per
chilogrammo di miele. L'efficacia di questo composto nei confronti del controllo delle popolazioni di Varroa destructor nota da tempo, tant' che viene considerato uno dei principi attivi
pi interessanti per i trattamenti tampone (vedi glossario), da effettuarsi al termine della produzione estiva. Per questo tipo di impiego viene utilizzato timolo sintetico.
Il timolo, all'interno dell'alveare, agisce a seguito della sua sublimazione (qualora si utilizzino cristalli) o della sua evaporazione (se si impiega in soluzione alcolica o nelle formulazioni commerciali). Concentrazioni comprese fra i 5 ed i 15 milligrammi per litro di aria sono ben tollerate dalle
api, provocando invece la morte delle varroe in fase foretica (vedi glossario).
Sul mercato, oltre ai prodotti commerciali (quali l'Api LIFE VAR e l'Apiguard ), sono disponibili
diversi prodotti di formulazione artigianale: il timolo in cristalli o in soluzione alcolica. Inoltre, all'estero gli allevatori possono trovare in commercio anche il Thymovar (che sfrutta, come supporto evaporante, un panno in spugna di viscosa) e particolari diffusori quali i Telaini Frakno (vedi
glossario). L'utilizzo del timolo, oltre alla sua comprovata efficacia, offre il vantaggio di un impiego facile e veloce, qualunque mezzo o formulazione commerciale venga scelta. Questa molecola, al pari degli altri olii essenziali utilizzati nella lotta alla varroa (eucaliptolo, mentolo e canfora) stata inclusa nell'allegato II del regolamento CE n 2377/90 (vedi glossario) che comprende le sostanze per le quali non necessario stabilire limiti residuali massimi. Si tratta infatti di principi attivi innocui e di nessun rischio tossicologico per il consumatore.
Durante i trattamenti a base di timolo, occorre chiudere tutte le aperture di areazione, spesso
presenti in modo particolare sui coprifavi, e riposizionare la porticina di ingresso ed i fondi metallici. Questi devono essere spalmati con grasso di vaselina, al fine di poter catturare anche le varroe che cadono solo tramortite. L'efficacia del trattamento con il timolo in formulazione artigianale simile a quella che si ottiene utilizzando prodotti di tipo commerciale: dal 90 al 95%.
Qualora si dia inizio al trattamento in presenza di temperature medie giornaliere piuttosto elevate (25C. e oltre) si pu manifestare fra le api uno stato di agitazione che pu sfociare o in azioni di saccheggio o nellabbandono dell'alveare. Per limitare questi fenomeni sempre meglio
effettuare i trattamenti il tardo pomeriggio, quando la gran parte delle bottinatrici ha fatto rientro in alveare.

Luso del timolo in cristalli


prevede la distribuzione per singolo
trattamento di 0,25 grammi di prodotto
per ogni telaino ben coperto di presente nel nido.In un alveare composto da
10 favi vengono impiegati complessivamente circa 2,5 grammi di timolo per
intervento. I cristalli devono essere
distribuiti sulla parte superiore dei telai
da nido. Il trattamento va ripetuto per
almeno quattro volte, ad intervalli
regolari di 4-6 giorni.

Le temperature medie giornaliere,


durante il periodo dei trattamenti, non
devono superare i 25C. Con temperature medie persistentemente superiori,
l'utilizzo del timolo in cristalli sconsigliabile, potendo indurre la colonia
all'abbandono dell'arnia. Il timolo in
cristalli, come gi detto in premessa, pu
essere distribuito anche attraverso il
telaino Frakno (o in telaini dalla tipologia
simile).

Il timolo appartiene al gruppo


dei fenoli. A temperatura ambiente, si presenta come un solido cristallino incolore,
dall'odore caratteristico. I fenoli sono sostanze derivate dagli idrocarburi aromatici
per sostituzione di uno o pi atomi di
idrogeno con gruppi ossidrile -OH. Il composto pi semplice di questa classe appunto il fenolo, noto anche come acido
fenico avendo una marcata reazione acida. L'OMS fissa i residui di timolo negli alimenti in 50 milligrammi per chilogrammo.

Per l'uso in soluzione alcolica,


si impiegano 10 grammi di timolo diluiti
in comune alcol per uso alimentare a
95. Si ottengono circa 20 millilitri di
soluzione con una proporzione finale
pressoch di 1 parte di timolo per 1
parte di alcol. In pratica, sciogliendo
1.000 grammi di timolo in 1 litro di alcol,
ed agitando il tutto fino a che l'insieme
ridiventa limpido, possibile ottenere
circa 2 litri di soluzione, sufficienti per il
trattamento settimanale di 100 colonie.

La varroatosi - i trattamenti artigianali a base di timolo

Schede tecniche di apicultura

La distribuzione della soluzione


all'interno dell'arnia pu avvenire
secondo 3 modalit differenti: panno
spugna (purch realizzato con sole fibre
naturali di cotone e cellulosa),
cartoncino vegetale o spugna OASIS
(vedi glossario).
Il panno spugna si dimostrato il meno
adatto, venendo facilmente disgregato
e propolizzato dalle api e inducendo
una relativa moria degli stadi
preimaginali.

I cartoncini o le tavolette OASIS


possono essere facilmente impregnati
con l'ausilio di una siringa. Questa operazione deve essere svolta indossando
guanti in lattice ed in ambienti ben ventilati. Infatti l'odore del timolo, assai persistente, si fissa sia sugli indumenti sia sulla pelle. La conservazione dei supporti
pu avvenire in contenitori di plastica a
chiusura ermetica, in ambienti freschi e
bui. Questo tipo di preparazione artigianale ha un odore meno intenso di quello emanato dalle tavolette di Api LIFE
Var.

Nel caso si impieghi il cartoncino,


il pi adatto si dimostrato essere
quello tipo 26 bianco vegetale svedese
(vedi glossario), della lunghezza di 10
centimetri per 6 di larghezza e 2,5
millimetri di spessore. Questo non viene
disgregato n propolizzato dalle api e
causa una moria degli stadi preimaginali
poco significativa riscontrata in appena
il 10% delle colonie trattate. Ogni
cartoncino pu assorbire 10 millilitri di
soluzione per complessivi 5 grammi di
timolo.

In ogni alveare, sopra i telai del nido,


all'estremit di una delle due diagonali si
posizionano due cartoncini, o due tavolette OASIS, impregnati con 10 millilitri di
soluzione ciascuno. Meglio se, una volta
diviso in due ciascun cartoncino, o
ciascuna tavoletta in due parti, si
posizionano le 4 mezze parti ottenute, sui
telai da nido, ai lati della covata, sulle
diagonali.

In alternativa possibile usare


la spugna OASIS (vedi glossario).
Questa spugna viene normalmente
reperita sul mercato in piccoli blocchi
lunghi 25 centimetri, larghi 10 e alti 7,5.
Affettando questo blocco possibile
ottenere 50 tavolette delle dimensioni di
10 per 7,5 centimetri e spesse 5
millimetri. Dividendo per lungo ciascuna
tavoletta in 3 parti, si ottengono un
totale di 150 tavolette delle dimensioni
di 3,3 x 7,5 centimetri.

10

Si effettuano 3 trattamenti,
per ogni alveare, a distanza di 7 giorni
l'uno dall'altro, qualora la temperatura
media giornaliera esterna non sia
superiore ai 20C. Ove si registrino
temperature superiori, preferibile
sostituire i supporti evaporanti ogni 4
giorni. Con medie giornaliere superiori
ai 25-30C, consigliabile usare il timolo
in formulazioni commerciali, come ad
esempio l'Apiguard, capace di auto
regolare le quantit sublimate al variare
delle temperature.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La varroatosi

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

i trattamenti con lApiguard

L'Apiguard un presidio sanitario a base di timolo, prodotto, al pari dell'Apistan, dalla VITA
(Europe) Limited. registrato in Italia con Decreto Ministero della sanit n 103567018 del gennaio
2006.
La sostanza attiva rappresentata dal timolo, molecola aromatica presente in natura ed isolata normalmente nel miele di timo nonch in molti altri tipi di mieli quali, ad esempio, quello di tiglio.
L'efficacia di questa molecola nei confronti del controllo delle popolazioni di varroa nota da
tempo. Essa ordinariamente utilizzata, tal quale (in polvere o in soluzione alcolica) o in altre formulazioni (come l'API LIFE VAR), per il trattamento tampone (vedi glossario) al termine dell'ultima
produzione estiva (vedi scheda "Trattamento antivarroa - preparati a base di timolo).
Il vantaggio dell'impiego del timolo nella formulazione dell'Apiguard, deriva dal fatto che il principio attivo viene veicolato attraverso un particolare gel brevettato, capace di regolare l'evaporazione del timolo al variare delle temperature. In pratica, agisce come volano ostacolando l'evaporazione del timolo all'aumento delle temperature e, viceversa, favorendola ogni qualvolta queste si
abbassano. Secondo la casa produttrice, l'utilizzo dell'Apiguard ha, per l'alveare, effetti collaterali
positivi. Infatti il timolo, agendo oltre che come acaricida anche come fungicida ed antibatterico,
contribuisce a migliorare l'igiene dellalveare e quindi lo stato sanitario delle colonie. Inoltre leventualit che possa ridurre la propria efficacia determinando l'insorgenza di ceppi di varroa resistenti, sono estremamente scarse.
Mentre gli acaricidi tradizionali di origine sintetica intervengono bloccando esclusivamente un processo biochimico vitale per l'acaro, il timolo agisce in modo "polifunzionale", su molteplici processi
biologici propri della varroa: sia sul sistema nervoso, sia sull'integrit delle pareti cellulari.
L'utilizzo dell'Apiguard consigliato per i trattamenti tampone estivi, con temperature comprese
fra i 20 ed i 40C; la maggiore efficacia si esplica con temperature prossime ai 35C. La contemporanea alimentazione delle api migliora lefficacia del trattamento di circa il 6% rispetto al trattamento
in assenza di alimentazione. Per quanto la normativa comunitaria non preveda per il timolo (in qualit di prodotto naturale) un limite massimo del residuo, il suo impiego, in coincidenza con i flussi
nettariferi, potrebbe trasferire al miele odori e sapori anomali, raggiungendo la soglia di percezione sensoriale che va da 1,1 a 1,5 milligrammi per chilogrammo di miele. Individui sensibili al gusto
del timolo ne percepiscono la presenza gi a concentrazioni prossime a 0,8 milligrammi per chilogrammo di miele. Per tale motivo la Confederazione Elvetica ha stabilito questo valore quale concentrazione massima ammessa. Pertanto, sebbene la casa produttrice non dia indicazioni in merito, preferibile effettuare il trattamento in assenza dei melari.

L'Apiguard viene commercializzato


o sfuso, in secchielli dal peso di 3
chilogrammi, o in confezioni di 10
vaschette dal peso di 50 grammi
ciascuna. L'impiego del prodotto sfuso
permette un risparmio di circa il 20-25%
per singolo trattamento.

Il dosaggio standard previsto


dalla VITA (Europe) Limited pari a 50
grammi per alveare. Trattandosi di un
prodotto evaporante, la quantit di
prodotto da impiegare non dipende
dalla forza della colonia, ma dal volume
da saturare. Per questo motivo, al fine di
limitare i costi, prima del trattamento,
preferibile riunire insieme le colonie
deboli, in modo che gli alveari siano
formati, per quanto possibile, da
famiglie su 10 favi.

Nel caso si propenda per l'impiego


dell'Apiguard in confezioni predosate,
queste devono essere semplicemente
aperte e posizionate al di sopra dei telaini
del nido. Le vaschette (contenenti 50
grammi di prodotto) vanno sostituite
ogni 10 - 12 giorni. Anche se il gel viene
prelevato dalle api in tempi inferiori, resta
comunque efficace. Infatti lazione
dellApiguard si esplica sia attraverso il
contatto con le api, sia attraverso i vapori.

Al fine di un'ottimale circolazione


dell'evaporato di timolo, occorre
predisporre un volume "libero" al di
sopra dei favi del nido. Questo si realizza
o capovolgendo il coprifavo (qualora
questo sia predisposto per l'accoglimento del nutritore a tazza) o posizionando un melario privo dei favi. La
prima soluzione da preferire poich il
volume totale da saturare (arnia pi
coprifavo) inferiore (vedi glossario).

La varroatosi - i trattamenti con lApiguard

Schede tecniche di apicultura

Affinch il trattamento raggiunga


la massima efficacia, indispensabile
chiudere le aperture per l'aerazione delle
quali potrebbe essere dotata l'arnia. In
modo particolare, poich i vapori
sprigionati dallApiguard sono pi pesanti
dellaria, occorre riposizionare i fondi
mobili in lamiera.

Prima di introdurre il fondo mobile


per il monitoraggio delle varroe,
occorre spalmare o spennellare su
questo, uno strato di vaselina o olio di
vaselina (vedi glossario). Si pu evitare
cos che le varroe cadute, ma ancora
vive, possano risalire nellarnia oppure
che le varroe morte possano essere
asportate dalle formiche, falsando i
valori dellinfestazione.

E possibile suddividere la dose


standard di 50 grammi in due trattamenti settimanali di 25 grammi
ciascuno. Questo non comporta una
maggiore efficacia del trattamento, ma
permette di risparmiare prodotto ove la
sua somministrazione debba essere
interrotta a causa di oscillazioni
impreviste delle temperature, al di fuori
dellintervallo ottimale di impiego (2040C).

importante conteggiare il numero


delle varroe cadute nelle settimane
durante l'intervento. Ma soprattutto
importante valutare la caduta naturale
nelle settimane successive: sia per avere
una reale stima dell'efficacia del trattamento e sia per verificare eventuali casi di
reinfestazione.
L'efficacia del trattamento con Apiguard
compresa fra il 90% ed il 95%,
mostrando una variabilit estremamente
ridotta.

L'impiego dell'Apiguard sfuso


permette un significativo risparmio
economico anche a fronte di una
maggiore necessit di manodopera per
l'intervento. Si consideri che il corretto
dosaggio del prodotto facilitato
dall'impiego di una specifica paletta in
dotazione alla confezione da 3
chilogrammi.

10

L'impiego del timolo,


sia nelle formulazioni classiche, sia come
Apiguard , pu provocare fenomeni di
saccheggio fra le colonie (vedi
glossario). Pertanto, oltre ad equilibrare
preventivamente la forza delle famiglie,
preferibile, per limitarne i rischi, trattare
contemporaneamente l'intero apiario.
Durante il trattamento meglio evitare
la sostituzione delle regine.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La varroatosi

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

i trattamenti con lApistan

LApistan uno dei pochi presidi sanitari, fino ad ora autorizzati in Europa, che manifesta ancora una buona efficacia per il controllo della parassitosi provocata dall'acaro Varroa distructor.
Prodotto dalla casa farmaceutica VITA(Europe)Limited, ha come principio attivo il Fluvalinate.
Il prodotto si presenta sotto forma di strisce di materiale plastico imbevute di molecole di principio attivo che vengono lentamente rilasciate all'interno dell'alveare eliminando gli adulti di
Varroa in fase foretica. Le strisce vengono inserite in numero di una ogni cinque telai da nido
coperti di api, all'interno dellarnia, sospendendole tra due telai da nido. Vi devono essere lasciate da un minimo di 45 ad un massimo di 70 giorni. In questo modo possibile colpire 2-3 generazioni di acari, limitando la possibilit di sviluppo di resistenza al Fluvalinate da parte del parassita.
Nel caso di famiglie composte da meno di sette telai coperti di api, possibile inserire soltanto
una striscia di Apistan. Nel caso che la colonia ricopra sette o pi favi, le strisce da impiegare
devono essere due.
Il trattamento pu essere eseguito in qualunque momento dell'anno, in considerazione delle
modalit di lento rilascio del principio attivo da parte del particolare supporto plastico. Tanto pi
che la casa farmaceutica produttrice non prevede nessun tempo di sospensione. Tuttavia assolutamente preferibile lasciar trascorrere almeno trenta giorni prima della posa dei melari.
Finalit del trattamento , ovviamente, quella di eliminare quanti pi acari possibile.
Le prove in campo, effettuate dalla commissione sanitaria nazionale UNA-API e dall'Universit di
Udine, registrano, per questo prodotto, un'efficacia media tra l'80 ed il 90%, a patto che nella
zona il Fluvalinate non sia stato utilizzato, per la lotta alla varroa, da non meno di sei, sette anni.
Questo intervallo di tempo assolutamente fondamentale per evitare la comparsa indesiderata
di fenomeni di resistenza. Infatti, vale la pena ricordare che l'Apistan, sin dal momento della sua
registrazione alla fine degli anni ottanta, venne largamente impiegato dagli apicultori di tutta
Europa, come unico acaricida, in contrapposizione a quanto prescritto dalla stessa ditta produttrice che prevedeva il suo utilizzo in alternanza con altri pricipi attivi.
Questo port ad una rapida diminuzione della sua efficacia, e ad una notevole moria di alveari
registratasi a met degli anni novanta.
L'uso dell'Apistan deve essere di tipo "strategico": per un solo anno e ad intervalli di qualche
anno (meglio, appunto, se di almeno sette anni). Tanto meglio, se questo presidio sanitario viene
impiegato ciclicamente su ampie zone omogenee, attraverso una gestione di tipo collettivo. Tale
metodologia di impiego ha anche l'indubbio pregio di evitare l'accumulo del principio attivo
nella cera, considerato che in essa si trovano ancora residui risalenti al periodo in cui venne
immesso sul mercato per la prima volta.
Sulla base di quanto detto, l'apicultore che dovesse optare per l'inserimento dell'Apistan nel suo
piano di lotta alla varroatosi deve attenersi ad alcune principi fondamentali: deve essere relativamente sicuro che, nell'areale ove si trova il proprio apiario, questo principio attivo non sia stato
impiegato da alcuni anni e che, pertanto, non siano presenti ceppi di varroa apistan-resistenti;
non deve assolutamente impiegarlo per due anni di seguito, ma rispettare i tempi di intervallo
raccomandati, pari a sei, sette anni; deve categoricamente testarne l'efficacia effettuando il monitoraggio della popolazione dell'acaro una volta terminato il trattamento.
Nella confezione sono indicate le modalit di somministrazione. Tuttavia, a differenza di quanto
riportato, la pratica di campo ha suggerito alcuni accorgimenti che vengono descritti di seguito.

Le confezioni di Apistan
commercializzate in Italia, contengono,
ciascuna, 10 strisce, necessarie per il
trattamento di 5 colonie con un
numero superiore a 7 favi coperti da
api. possibile inserire soltanto una
striscia qualora la famiglia sia composta
da 6 favi o meno.

Per il loro impiego, tali strisce


devono essere separate le une dalle
altre. molto importante che,
nell'effettuazione di questa e delle
operazioni successive, l'apicultore utilizzi
dei guanti protettivi (ad esempio in
lattice) onde evitare che il principio
attivo possa entrare in contatto con la
pelle.

Le strisce dispongono
di particolari alette che, per il posizionamento fra i favi, devono essere estroflesse all'esterno. comunque preferibile
non utilizzare queste alette, in quanto le
alte temperature, ammorbidendo il
supporto, potrebbero provocare lo
scivolamento delle strisce sul fondo
dell'arnia.

La varroatosi - i trattamenti con lApistan

Schede tecniche di apicultura

Per questo motivo, preferibile


forare le strisce di Apistan mediante
l'impiego di un punteruolo a punta
corta. Il foro deve essere fatto ad una
distanza di circa 3-4 millimetri dalla
parte superiore della striscia, in modo
tale che questa non venga piegata dal
coprifavo.

Le strisce, cos sospese fra i telai


da nido, diffondono lentamente e
gradualmente il principio attivo
all'interno degli alveari, attraverso il
semplice contatto delle api. Queste,
sfregando involontariamente il proprio
corpo con le strisce, rimangono
"contaminate" dalla molecola di
Fluvalinate che, che in questo modo,
viene veicolato in tutto l'alveare.

Nel foro viene quindi inserito


un piccolo bastoncino di legno (o un
normale stuzzicadenti) che pu meglio
assolvere la funzione di sostegno,
quando la striscia viene sospesa tra i
favi.

assolutamente indispensabile,
durante i trattamenti con l'Apistan,
posizionare i vassoi per la raccolta
delle varroe. I vassoi devono essere
obbligatoriamente vaselinati al fine di
imprigionare gli acari eventualmente
caduti non morti, ma solo tramortiti.
In questo modo si aumenta di molto
l'efficacia dei trattamenti. Ci rende
inoltre possibile monitorare i risultati
del trattamento stesso.

Prima di procedere all'inserimento


delle strisce opportuno assicurarsi che
fra i favi stessi non vi siano impedimenti
di sorta per il normale passaggio delle
api. Inoltre, occorre eliminare tutti i ponti
di cera eventualmente presenti fra i favi,
nel punto in cui vengono inserite le
strisce di Apistan.

Al momento dell'acquisto
del prodotto necessario controllare
la data di scadenza, sempre presente
sulla confezione.
Infine giova ricordare che le strisce
esauste ed i loro contenitori devono
essere gestiti secondo le prescrizioni di
legge (D. Lgs. n 22/97 e successivi) e
pertanto smaltiti attraverso gli specifici
punti di raccolta (ad esempio, i
contenitori presenti in molte farmacie).

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La varroatosi

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

il trattamento con lacido lattico


L'impiego dell'acido lattico un sistema di lotta per il controllo delle popolazioni di varroa
poco adatto ai grandi allevamenti. Per contro uno dei prodotti di largo impiego pi sicuri
in assoluto sia per i residui rilasciati nel miele e nella cera, sia per la sicurezza nella sua manipolazione. Infatti questo acido largamente presente in natura e pu essere assunto anche
in dosi elevate senza creare alcun tipo di danno. A questo proposito, utile ricordare che l'acido lattico rappresenta il risultato finale della degradazione anaerobica degli zuccheri nella
fase di produzione di energia da parte degli esseri viventi: il suo accumulo nei muscoli tipico degli stati di appesantimento durante gli sforzi fisici.
Nonostante quanto detto, sempre preferibile non utilizzarlo in presenza dei melari ed evitare di respirarlo durante i trattamenti.
Il contenuto di acido lattico presente nel miele funzione dell'origine botanica, facendo registrare valori variabili da un minimo di 40 milligrammi per chilogrammo, fino ad un massimo
di 400 milligrammi. Dopo tre trattamenti, il tasso di acido lattico nel miele somministrato alle
larve pu raggiungere valori assai elevati, arrivando anche ad un grammo, un grammo e
mezzo, per chilogrammo. Comunque, dopo appena sessanta giorni dal termine dei trattamenti, i suoi contenuti si riportano sui valori consueti.
Gli effetti sull'uomo sono comunque irrilevanti, valutato che vi sono alimenti, consumati normalmente, ricchissimi di acido lattico, in contrapposizione alle quantit di miele che, di
norma, vengono assunte giornalmente. Per fare un raffronto immediato si consideri che un
vasetto di yogurt (del peso di 180 grammi) contiene circa 2 grammi di acido lattico.
Il miele contiene acido lattico levogiro L(+) e destrogiro D(-). Anche l'acido lattico comunemente reperibile sul mercato generalmente una miscela di L(+) e D(-). Per la lotta contro la
varroa possibile impiegare anche il solo acido lattico L(+), assai pi economico del destrogiro D(+).
Nella pianificazione di un programma di lotta alla Varroa, possibile abbinare l'impiego dei
due acidi organici: il formico ed il lattico. Il primo pu essere distribuito, come trattamento
tampone (vedi glossario) al termine dalla stagione produttiva estiva, durante i mesi di agosto
e settembre; il secondo durante i mesi invernali, da dicembre a gennaio. In questo modo, l'efficacia dei due trattamenti cos abbinati pu raggiungere livelli pari a circa il 98%.

La demolizione in una molecola


di un esoso (glucosio, fruttosio, ecc.)
produce due molecole di acido lattico.
Tale processo chimico sta alla base
della produzione di energia in
qualunque organismo vivente.
Dalla successiva ossidazione di una
molecola di acido lattico, attraverso la
respirazione cellulare, possibile
ottenere 3 molecole di anidride
carbonica (CO2) ed altrettante di
acqua (H2O).

Il trattamento con l'acido lattico


deve essere effettuato in assenza di
covata e di volo delle api. Per questo
motivo, il suo impiego ottimale , per gli
allevamenti in condizioni climatiche di
tipo mediterraneo, durante il mese di
dicembre, durante il blocco di covata
che, naturalmente, si registra in questo
periodo. Nel caso, possibile ricorrere ad
un blocco di covata artificiale.

L'acido lattico viene normalmente


impiegato nell'industria alimentare
come regolatore di acidit. Esso il
risultato della fase del metabolismo
anaerobico (e, quindi, senza l'intervento
dell'ossigeno) degli zuccheri, al fine
della produzione di energia. Derivando
dalla semplice divisione di un
qualunque carboidrato a sei atomi di
carbonio, comunemente denominato
esoso, formato da 3 atomi di carbonio, 6 di idrogeno e tre di ossigeno.

Affinch il trattamento abbia


successo necessario che tutte le api,
sia quelle sui favi sia quelle che si
trovano sulle pareti dell'arnia, vengano
raggiunte dal prodotto. Occorre
pertanto effettuare la distribuzione
dellacido lattico con temperature
ambientali comprese fra i 7 ed i 15C.
Con valori di temperatura maggiori,
non possibile garantire buoni livelli di
efficacia del trattamento.

La varroatosi - il trattamento con lacido lattico

Schede tecniche di apicultura

L'acido lattico viene utilizzato


in soluzione acquosa al 15%. Valutato
che sul mercato possibile reperirlo in
soluzioni con concentrazioni differenti,
per la preparazione occorre considerare
la quantit di acqua gi presente nella
formulazione di partenza. Per ottenere la
concentrazione del 15%, occorre
aggiungere quantit di acqua distillata
calcolate in modo preciso.

Per ogni favo si devono vaporizzare


10 millilitri di soluzione di acido lattico al
15%, 5 millilitri per lato. In colonie
intensamente popolate, la dose pu
essere aumentata fino ad 8 millilitri per
ogni lato del favo. Si deve estrarre
telaino per telaino e la soluzione di acido
lattico deve essere uniformemente
nebulizzata sulle api. necessario
bagnare uniformemente tutte le api,
considerando che lievi sopraddosaggi
non sono pericolosi. per importante
non far diventare nere le api.

Per calcolare la quantit di acqua


da aggiungere, occorre considerare la
percentuale di acido lattico presente nella
formulazione di partenza. Per portarla alla
percentuale di impiego del 15%, necessario aggiungere 1/3 di litro di acqua distillata ogni 5 punti percentuali superiori
rispetto alla soluzione di cui si dispone. Ad
esempio, per ogni litro di soluzione al
60% di acido lattico, la quantit di acqua
che deve essere aggiunta pari a 3 litri.
Infatti: 60%-15%=45%; 45 (punti percentuali):5 (punti percentuali)=9; 9x1/3 litro =
3 litri di acqua

In assenza di volo e di covata,


2 trattamenti a distanza di circa 7 giorni
sono sufficienti per far cadere un'elevata
percentuale di varroe. In alternativa, si
possono eseguire fino a 4 o 5 trattamenti
a distanza di 4-7 giorni. Per eseguire
ciascun trattamento sono necessari non
meno di 4 o 5 minuti. sempre
consigliabile inserire il fondo diagnostico
per la raccolta delle varroe, spalmato con
del grasso di vaselina.

La distribuzione dell'acido lattico


avviene per nebulizzazione, secondo la
metodologia descritta per il controllo
della tarma della cera con irrorazioni a
base di Bacillus turingensis o del controllo della varroatosi con l'uso dell'acido
ossalico nebulizzato. Anche in questo
caso occorre determinare i tempi di
irrorazione, secondo quanto descritto
nella relative schede, al fine di stabilire
correttamente i tempi in relazione ai
volumi di soluzione da nebulizzare.

10

Non sono mai stati segnalati


effetti negativi sulle api, a patto che il
trattamento venga eseguito secondo la
metodica descritta. Occorre prestare
attenzione affinch, durante il
trattamento, non venga irrorata, ove
presente, la covata disopercolata.
Questa, se colpita direttamente,
potrebbe infatti morire. Si consideri
per che la stessa covata , di norma,
coperta dalle stesse api operaie
deputate al loro accudimento.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La varroatosi

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

i trattamenti con acido ossalico in soluzione


L'acido ossalico (vedi glossario) una delle sostanze frequentemente impiegate nel controllo delle
popolazioni di Varroa destructor. Le modalit di somministrazione all'interno dell'alveare sono
riconducibili a tre metodiche fondamentali: distribuzione diretta tra i favi; distribuzione mediante
strisce di cellulosa; sublimazione mediante evaporatori. In questa scheda viene presa in considerazione la sola distribuzione diretta fra i favi. Questa metodica, a sua volta, suddivisibile in tre tipologie differenti:
mediante nebulizzazione;
mediante sgocciolamento;
mediante gocciolamento,
Lazione dell'acido ossalico non prolungata nel tempo, ma rapida ed immediata. Pertanto il suo
impiego deve essere limitato ai trattamenti in assenza di covata o quando questa mostra un estensione ridotta: sugli sciami e sui pacchi d'api come sulle api svernanti. Al contrario, il suo utilizzo deve
essere precluso nei trattamenti tampone estivi. Inoltre, pur non risultando un prodotto inquinante,
sempre preferibile che i trattamenti con acido ossalico debbano essere eseguiti in assenza dei
melari o in periodi in cui l'attivit di raccolta di nettare o di melata da parte delle api non sia significativa.
In considerazione delle stagioni nelle quali si effettua normalmente il trattamento (il tardo autunno
o linverno, periodi caratterizzati da temperature spesso inferiori ai 10C), per limitare i danni alle api
preferibile eseguire la somministrazione nella tarda mattinata di giornate ben soleggiate.
Infine, nellaffrontare le differenti modalit di somministrazione occorre porre attenzione al tipo di
acido ossalico del quale si dispone: in forma anidra, monoidrata o diidrata. Infatti, la stessa quantit in peso delle tre forme in commercio, non corrisponde alle stesse quantit assolute di acido ossalico, essendo presenti, secondo le formulazioni commerciali, per ogni molecola di acido, nessuna,
una o due molecole di acqua. In concreto, nella descrizione delle differenti soluzioni di impiego
indicate successivamente, si intende fare riferimento alla formulazione di ossalico pi comunemente reperibile sul mercato: la forma diidrata, del peso molecolare di circa 126. Nel caso l'apicultore possa disporre della forma monoidrata, deve fare riferimento ad una dose di impiego pari
all83,3%. Con la forma anidra, la dose impiegata deve essere pari al 71,4% di quella indicata (vedi
glossario). Invero, come detto in precedenza, nel richiamare comunemente l'acido ossalico, ove
non specificato, si fa riferimento alla forma diidrata, pi facilmente reperibile e di gran lunga la pi
economica.

Occorre disporre di uno spruzzatore


graduato: uno spruzzatore a bassa
pressione con un serbatoio da uno a
cinque litri o una spruzzetta a mano.
Nel caso lo spruzzatore non sia
graduato, occorre testare preventivamente il tempo (o il numero di spruzzate) necessario per somministrare la
giusta dose per favo.

Per determinare la giusta dose,


occorre o una provetta graduata o una
siringa. Si spruzza al suo interno il contenuto dello spruzzino fino a raggiungere
un volume noto: ad esempio 1 millilitro.
Si contano rispettivamente o i secondi
impiegati o il numero delle spruzzate.
Tale valore deve essere quindi moltiplicato (in questo caso, per 3), ottenendo
il tempo necessario o il numero delle
spruzzate necessarie per distribuire la
quantit di soluzione prescritta.

Il trattamento per nebulizzazione


si effettua spruzzando omogeneamente
6 millilitri (o centimetri cubici) di
soluzione di acido ossalico per favo, 3
per ciascun lato. I favi devono essere
estratti uno ad uno. preferibile evitare
di bagnare la regina e la covata
disopercolata (che comunque, data la
stagione, dovrebbe essere assente)
nonch i favi con polline.
Per le dosi della soluzione si veda il
glossario.

Il trattamento per sgocciolatura


si effettua impiegando una grossa
siringa da 60 millilitri priva dell'ago.
Devono essere distribuiti 5 millilitri (o
centimetri cubici) di soluzione per favo
Dadant-Blatt coperto di api, fino ad un
massimo di 50 millilitri per alveare. La
dose di riferimento pari a 0,19 millilitri
per decimetro quadrato di favo.
Per le dosi della soluzione si veda il
glossario.

La varroatosi - i trattamenti con lacido ossalico in soluzione

Schede tecniche di apicultura

La soluzione deve essere preparata


sciogliendo i cristalli di acido ossalico
direttamente nella soluzione zuccherina
alla temperatura di 20-25C. anche
possibile sciogliere precedentemente i
cristalli in una parte di acqua distillata,
in modo tale da unire poi questa alla
soluzione zuccherina. Al termine, la
soluzione deve rispettare le proporzioni
in acido, zucchero ed acqua riportate in
glossario.

La distribuzione per gocciolatura


dell'acido ossalico viene realizzata
spruzzando a pressione la soluzione
contro il coprifavo aperto in diagonale a
circa 45, con il lato anteriore trattenuto
aderente all'arnia dai due angolari
anteriori.
Per le dosi della soluzione si veda il
glossario

La soluzione deve essere sgocciolata


tra i favi, direttamente sulle operaie, dopo
aver eliminato i ponti di cera. Durante la
stagione autunno-invernale, per evitare
danni alle api, consigliato effettuare
lintervento con acido ossalico sgocciolato il pi precocemente possibile, indicativamente sin dalla seconda settimana di
dicembre. Si tenga presente che piccole
rose di covata non ospitano che pochi
acari. Eventualmente possibile ripetere
lintervento trascorsi 30 giorni dal primo.

Attraverso una siringa veterinaria,


caricata precedentemente con la dose
necessaria sulla base della consistenza
della colonia, si spruzza con forza la
soluzione contro il coprifavo. La soluzione
deve essere spruzzata sul coprifavo in
corrispondenza alla sottostante posizione
dei favi nel nido.

Nella distribuzione fra i favi


occorre agire lentamente, eseguendo
possibilmente due passaggi. In questo
modo si d tempo alle api, bagnate al
primo passaggio, di ridiscendere verso il
centro dei favi. Esse verranno sostituite
da altre che, a loro volta, possono
essere bagnate con il secondo
passaggio. Questa modalit di
somministrazione garantisce una
migliore e pi omogenea distribuzione
dell'acido.

10

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Una volta chiuso il coprifavo,


la soluzione tende a gocciolare
lentamente dal coprifavo, andando a
depositarsi sia sulle api, sia sui legni
traversi dei telaini. Questo tipo di
distribuzione pi veloce, pur
richiedendo un'attrezzatura apposita.

Schede tecniche di apicoltura

La varroatosi

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

il trattamento con lacido ossalico sublimato


L'acido ossalico (vedi glossario) uno dei principi attivi pi efficaci nella lotta alla Varroa destructor,
soprattutto per gli apicultori che preferiscono utilizzare prodotti a basso impatto ambientale.
Il prodotto agisce acidificando l'ambiente dell'alveare, rendendolo cos non adatto alla vita dell'acaro. Le metodiche di somministrazione dell'acido ossalico sono principalmente tre: gocciolamento o vaporizzazione fra i favi, distribuzione mediante strisce di cellulosa e sublimazione mediante
evaporatori. Prove sperimentali concordano nel riconoscere un efficacia variabile fra il 92 ed il 99%,
qualora l'acido ossalico venga somministrato per gocciolamento o sublimazione. Al contrario, si
dimostrata scarsa l'efficacia delle strisce di cellulosa.
Il prodotto non ha un tempo di carenza codificato ed analisi effettuate nelle 24 ore successive al
trattamento, non hanno evidenziato un aumento della quantit di acido ossalico naturalmente
presente nel miele. Si consiglia tuttavia di lasciare trascorrere almeno due giorni prima della posa
dei melari sulle arnie trattate.
L'acido ossalico viene utilizzato sia come prodotto eradicante in assenza di covata, sia come trattamento tampone (vedi glossario) ripetuto in presenza di covata. A tutt'oggi, non si manifestato
nessun caso di resistenza al prodotto da parte della varroa.
Fra i vantaggi di questo tipo di trattamento si possono evidenziare: lottima efficacia in assenza di
covata; la bassa o nulla mortalit delle api; la possibilit di utilizzo in apicultura biologica; la possibilit di essere inserito nella rotazione per l'utilizzo alternativo ad altri principi attivi. Fra gli svantaggi:
il rischio per l'operatore di inalare i vapori tossici che si liberano sia durante la somministrazione sia
nella fase successiva; la lunga durata dei tempi di esecuzione del trattamento. La caduta degli acari
perdura per due settimane, con un picco fra il secondo ed il quarto giorno dopo il trattamento.
I sublimatori disponibili sul mercato si distinguono in base alla tipologia di alimentazione. Il Varrox
ed il Bioletalvarroa sono alimentati elettricamente. Il secondo un evoluzione del Varrox essendo integrato con una ventola che meglio distribuisce i vapori allinterno dellarnia. Unaltra tipologia di alimentazione quella a gas. Le prove in campo di questi modelli hanno dimostrato una
minore efficacia rispetto a quelli elettrici; a fronte per di un costo notevolmente inferiore ed una
migliore facilit di impiego considerata la loro fonte di alimentazione.
stato comunque dimostrato che, qualora aiutati da ventilazione forzata, i sublimatori a gas raggiungono standard operativi simili a quelli elettrici.
Per non infastidire le api, modificando in modo artigianale il nido, inoltre possibile, utilizzare il
Bioletalvarroa ed i sublimatori a gas (ma non il Varrox) dalla parte posteriore dellarnia.

L'unico prodotto a base di acido


ossalico utilizzabile per la lotta alla
varroa l'Api-Bioxal. Questo formulato
ammesso in apicoltura biologica (Reg.
CEE 2092/91 e successive modifiche).
Viene commercializzato in buste da
35,175 o 350 grammi. Pu essere
impiegato sia per sublimazione che per
sgocciolamento, nebulizzazione o
gocciolamento.

Lacido ossalico assai diffuso


in natura. il pi forte acido organico.
Dalla sua degradazione possibile
ottenere una molecola di acido formico
(anch'esso normalmente presente in
natura) ed una di anidride carbonica.
Una successiva degradazione produce
una molecola di monossido di carbonio
ed una di acqua.
La DL50 (vedi glossario) per un essere
umano pari a 375 milligrammi per
chilogrammo di peso corporeo.

Il sublimatore Varrox
alimentato con corrente elettrica
continua a 12 Volt, viene inserito
nellarnia nel modo classico, cio dalla
parte anteriore. Le arnie vanno chiuse
con delle strisce di gommapiuma, prima
che inizi lattivit di bottinamento. Il
tratta-mento deve essere effettuato con
tem-perature superiori ai 5C.

consigliabile avere almeno due


apparecchi, in quanto tra il trattamento
di una famiglia e la successiva, il sublimatore deve raffreddarsi. In alternativa pu
essere raffreddato immergendolo in
acqua fredda. Non occorre asciugarlo
poich lumidit residua facilit la sublimazione dellacido ossalico. Disponendo
di due o pi apparecchi si evitano i tempi morti: mentre il primo viene fatto
raffreddare, con il secondo si pu
trattare un'altra famiglia.

La varroatosi - il trattamento con lacido ossalico sublimato

Schede tecniche di apicultura

Il sublimatore elettrico modello


Bioletalvarroa. dotato anch'esso di
cavo elettrico e funziona con corrente
continua 12 Volt. dotato di interruttore, ben visibile nella foto, che permette
di accendere il dispositivo dopo che il
fornello gi stato inserito all'interno
dell'alveare.

Si tenga presente che,


lavvenuta evaporazione dellacido ossalico non indica che il trattamento sia stato eseguito correttamente. Qualora la
temperatura superi 189C, lacido
ossalico non sublima, ma reagendo con
ldrogeno, si decompone in una molecola di acido formico, una di monossido
di carbonio e una di acqua, perdendo
cos la propria efficacia. Considerata la
sua tossicit, si deve operare indossando
una maschera antigas con filtro B1P3
per acidi organici.

Luso del Bioletalvarroa


sviluppa vapori che infastidiscono
sensibilmente le api.
A differenza di quanto mostrato in
figura, indispensabile chiudere
lapertura di volo dell'arnia durante e
dopo il trattamento. In caso contrario
lefficacia del trattamento sarebbe
ridotta di molto. Terminato il
trattamento gli alveari devono rimanere
chiusi per circa 10-15 minuti.

L'uso dei vassoi per il monitoraggio


della caduta dell'acaro sempre
indispensabile. Questi devono essere
opportunamente vaselinati, sia per
trattenere le varroe cadute, non morte,
a seguito del trattamento e sia per
evitare l'asportazione delle varroe morte
da parte delle formiche o di altri insetti.
Infatti, la sottrazione delle varroe da
parte delle formiche comporterebbe
una sottovalutazione circa lentit della
popolazione degli acari presente
nellalveare.

I sublimatori a gas,
seppure di pi facile utilizzo, hanno
evidenziato una minore efficacia
rispetto a quelli elettrici. Ci dovuto al
fatto che il bruciatore. a gas non in
grado di sviluppare una temperatura
uniforme sullintera superficie del
fornellino dove vengono collocati i
cristalli di acido ossalico.

10

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Il numero delle varroe catturate


dal foglio adesivo infatti un prezioso
indicatore del livello di infestazione
dell'alveare e quindi, dell'apiario.
La caduta di acari prosegue dopo il
trattamento per almeno 12-14 giorni,
con un massimo di cadute nei primi 3
giorni dopo il trattamento.

Schede tecniche di apicoltura

Il blocco della covata

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

limpiego delle gabbiette comuni e "cinesi"


Il blocco della covata, come tecnica apistica, un metodo conosciuto e praticato da decenni. Spesso veniva raccomandato per il controllo di alcune malattie (come, ad esempio, nelle
fasi iniziali delle peste europea), affinch le operaie avessero modo di ripulire i favi prima che
la regina deponesse le proprie uova. Una volta chiusa, la gabbietta veniva poi lasciata in
alveare in modo tale che le api, avvertendo la presenza della regina, non fossero indotte a
costruire celle reali di sostituzione.
Successivamente il blocco della covata stato diffusamente impiegato per determinare, in
modo artificiale, una momentanea scomparsa nell'alveare della covata opercolata, potendo
procedere, in modo pi efficace ed economico, alla disinfestazione della colonia dalla varroa.
In apicultura, il blocco della covata, totale o parziale, pu essere indotto, pi o meno artificialmente, in svariati modi: asportando (come gi detto) tutta la covata opercolata; invernando precocemente gli alveari in montagna; confinando la regina in uno spazio ristretto
dell'arnia attraverso l'ausilio di lastre escludiregina orizzontali o verticali; ecc. La stessa tecnica descritta nella scheda sulla produzione di nuclei attraverso l'ausilio del doppio melario,
basa infatti i suoi presupposti per il controllo della varroa, sia sul confinamento della regina
in una sezione dell'arnia (l'intero nido), sia sull'asportazione della covata opercolata, ove si
annida la maggior quantit di acari. Secondo questo procedimento lapicultore pu disporre di un intervallo di tempo per effettuare un trattamento tampone con preparati quali acido
ossalico o acido formico in assenza di covata opercolata
La finalit del blocco della covata, e tutte le metodiche ad esso assimilabili, proprio quella
di poter disporre di un lasso di tempo, per quanto breve, di totale assenza di covata opercolata. In questa condizione, ai fini del controllo delle popolazioni di varroa, il trattamento
tampone pu espletare la massima efficacia possibile, potendo agire quando tutte le varroe
si trovano, gioco forza, nella fase foretica.
Attualmente, la tecnica del blocco di covata si sta diffondendo fra gli apicultori che, a ragione, la considerano un metodo basilare di lotta alla varroatosi.
Si consideri che, comunque, un blocco di covata effettuato nella tarda estate, in assenza di
significativi flussi di nettare, non compromette in alcun modo la forza della colonia. Infatti la
mancata nascita di poche migliaia di api viene naturalmente compensata dall'allungamento
della vita delle operaie, non impegnate nell'alimentazione con pappa reale delle larve.
Permette inoltre di ottenere successivamente una covata poco parassitizzata e, quindi api
operaie pi sane e longeve.

Per questo motivo, le regine


costrette in queste gabbiette, vengono
spesso trascurate dalle api, finendo per
morire di fame. Anche nel caso che
riescano a sopravvivere, una volta
liberate al termine del periodo di
clausura, vengono sovente soffocate
dalle stesse operaie che non le
riconoscono pi come loro regine.

Ultimamente si diffuso
anche in Italia un modello di gabbietta,
ampiamente utilizzato in Cina. Realizzata
in legno e plastica, costituita da una
struttura (del tutto assimilabile ad una
lastra escludiregina) che permette il
passaggio delle api nutrici, facilitando
cos il contatto fra l'ape regina e la sua
corte. La sua semplicit d'uso ed il suo
basso costo (circa 30-50 centesimi di
euro) ne hanno favorito la diffusione.

Per realizzare il blocco di covata


si potrebbero sfruttare le stesse gabbiette normalmente impiegate per
l'introduzione in alveare delle regine.
Queste gabbiette, per, si sono dimostrate inadatte a questuso, poich non
permettendo alle api nutrici di accedere
allinterno di esse, consentono solo
pochi e labili contatti fra la regina
ingabbiata e la sua corte. Tutto ci
finisce per limitare la diffusione del
feromone reale allinterno della colonia.

Le gabbiette "cinesi" presentano,


in alcuni modelli, dimensioni maggiori
rispetto alla comune gabbietta
impiegata per l'immissione delle nuove
regine in alveare. Tale caratteristica
favorisce ulteriormente la possibilit di
contatto fra l'ape regina e le api nutrici.
Questo fa s che possa essere immessa
in circolo una quantit maggiore di
feromone reale, veicolato dall'intenso
lavoro delle operaie.

Schede tecniche di apicultura

Il blocco della covata - limpiego delle gabbiette comuni e cinesi

La regina viene introdotta


nella gabbietta attraverso un'apertura che si
ottiene facendo scorrere la sbarretta di legno
superiore. La regina deve essere afferrata per le
ali e quindi chiusa nella gabbietta, facendo
semplicemente scorrere la bacchetta di
chiusura.

Non disponendo di gabbiette apposite


si pu fare ricorso a gabbiette improvvisate o
autocostruite o impiegare quelle per lintroduzione delle regine. Al posto della parte superiore pu essere utilizzata una chiusura ottenuta sezionando una lastra escludiregina di
metallo o meglio di plastica. Nel caso possibile costruirne una, con dei comuni spiedini di
legno inseriti in un cartoncino e posizionati ad
una distanza netta di 4,5 millimetri.

La gabbietta, contenente la regina,


viene semplicemente adagiata sui favi. Qualora
l'alveare disponga di melario, si provvede
unicamente a posizionare la gabbietta fra
quest'ultimo ed il nido, sincerandosi
preventivamente che lo spazio sia sufficiente.
In assenza del melario occorre invece
capovolgere il coprifavo.

10

Le due parti, una volta catturata


la regina, possono essere unite con degli
elastici. Questa modalit di chiusura pu non
essere sufficiente considerato che gli elastici,
sotto tensione, possono facilmente rompersi
anche grazie allazione delle api operaie.

Eventualmente possibile innestare


sia la gabbietta classica sia quella "cinese" in un
telaino di covata, ritagliando una porzione corrispondente di favo. Nel caso, per evitare colature
di miele sulla regina, o di eliminare della covata,
possibile inserire la gabbietta nelle porzioni pi
alte del favo solitamente occupate da scorte In
questo caso il miele colando non rischia di soffocare la regina. Le stesse api poi provvedono
immediatamente a riparare il favo

11

Pi adatte si dimostrano
le comuni fascette da elettricista. Queste
soluzioni a fronte di maggiore economicit
richiedono per un maggiore aggravio di
lavoro sia per la loro realizzazione sia nel loro
utilizzo.

Il trattamento con acido ossalico


deve essere effettuato non appena sfarfallata
tutta la covata e, possibilmente, prima che la
regina riprenda l'ovideposizione. Nel caso
questo non sia possibile, preferibile fare il
trattamento quando la covata non ha
superato lo stadio di uovo. In questo modo
pi semplice raggiungere l'intera
popolazione di varroe.

12

Una sorta di gabbietta sul modello


di quella cinese, pu essere realizzata
facilmente sezionando e curvando in modo
opportuno una lastra escludiregina in ferro.
Cos facendo, possibile ricavare da una
singola lastra 20-25 gabbiette. Le chiusure
laterali, attraverso le quali deve essere
introdotta la regina, possono essere realizzate
nei modi pi disparati, secondo la fantasia
dell'apicultore.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

Il blocco della covata

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

limpiego delle gabbiette Var control e Scalvini


Il blocco di covata della regina pu essere anche realizzato attraverso l'impiego di particolari gabbiette, immesse sul mercato solo di recente: la gabbietta Var-control (o gabbietta Mozzato) e la gabbietta Scalvini. A differenza delle comuni gabbiette per l'introduzione delle regine o di quelle di
importazione dalla Cina, nonch di tutti i sistemi artigianali messi a punto dagli apicultori a partire
da questi due sistemi, queste gabbiette possono essere inserite in modo definitivo nei favi, rimanendo in alveare per un periodo di diversi anni, pari a quello di impiego del favo.
Loro lontano precursore pu essere considerato il telaino Bozzi (vedi glossario), ideato all'inizio degli
anni ottanta dal Prof. Raffaele Bozzi. L'applicazione di questo sistema di lotta venne per presto
accantonato, sia perch le api costruivano malvolentieri i favi e sia per l'uscita sul mercato
dell'Apistan, giudicato allora dagli apicultori la soluzione definitiva al problema varroatosi.
In ogni caso, considerata la recente introduzione di questi due modelli di gabbiette, solamente una
sperimentazione su pi larga scala potr definire la loro reale possibilit di realizzare blocchi di covata senza arrecare danni alla regina.

La gabbietta deve essere inserita


senza recidere i fili dell'armatura del
telaino. Nel caso venga inserita in un
favo, questa operazione deve essere fatta
almeno il giorno prima della reclusione
della regina, in modo tale che le api
abbiano il tempo di inglobare la
gabbietta, asciugando il miele in eccesso
e allontanando le larvette uccise dal
taglio del favo.

Il modello di gabbietta denominato


Var-control, realizzata dall'apicultore
Bruno Mozzato, presenta dimensioni
adeguate affinch la regina possa
passare tranquillamente l'intero periodo
di clausura. Le due facce maggiori della
gabbietta sono dotate di ampie feritoie
che permettono il normale passaggio
delle api nutrici.

La regina viene introdotta


aprendo a libro una delle due facce
maggiori della gabbietta. Una volta
chiusa, il telaino deve essere posizionato
al centro dell'arnia. Per facilitare la
ricerca dell'ape regina, preferibile
procedere, per tempo, alla sua
marcatura.

L'inserimento della gabbietta


pu essere fatto sia incastrandola
direttamente in un foglio cereo, sia
inserendola in un favo di covata. In
entrambi i casi occorre tagliare una parte
di foglio o di favo affinch la gabbietta
possa essere integrata comodamente.
Una volta inserita, la gabbietta pu
rimanere nell'alveare in modo
permanente.

Durante la clausura della regina


preferibile evitare, in occasione delle visite
di controllo, di affumicare in modo
eccessivo, soprattutto indirizzando il fumo
verso la gabbietta. Infatti, non avendo la
regina la possibilit di allontanarsi, si
rischierebbe di provocarne la morte.

Schede tecniche di apicultura

Il blocco della covata - limpiego delle gabbiette Var control e Scalvini

La liberazione della regina avviene


preferibilmente una volta effettuato il
trattamento antivarroa. Si toglie il tappo che
occlude il foro posizionato sulla faccia frontale
e si ripone il telaino al suo posto. La regina
deve uscire naturalmente , non forzandola in
nessun modo e senza utilizzare il fumo.

10

Occorre fare attenzione a che la chiusura


sia rivolta verso il basso. In questa posizione, la
gabbietta viene lasciata per l'intera durata di
vita del favo. Essa deve essere recuperata prima
della distruzione del favo nella sceratrice solare
o in quella a vapore, evitando che i raggi solari
ed il calore la possano rovinare.

Il modello denominato Scalvini


al contrario del precedente, permette alla
regina di proseguire la sua opera di
ovideposizione, per quanto in un ambito assai
limitato. Di forma quadrata, presenta stampate
sul fondo le impronte delle cellette di un favo,
al pari di un foglio di plastica. Su queste le
operaie proseguono la costruzione in cera.

11

La deposizione della regina prosegue


ininterrottamente per tutto il periodo di
reclusione, fatto questo che consente la
diffusione all'interno dell'alveare sia dei
feromoni reali che di quelli della covata.
Questo favorisce di molto la coesione della
colonia e l'inibizione della costruzione di
celle reali.

La faccia frontale costituita


da una chiusura (apribile a libro) che fa
anche da escludiregina. Questo permette il
passaggio sia delle api che accudiscono la
regina sia di quelle che si fanno carico della
covata. presente anche un foro che, una
volta aperto, permette alla regina di allontanarsi una volta terminato il periodo di
clausura.

12

Il trattamento con acido ossalico


deve essere effettuato non appena sfarfallata
tutta la covata e, possibilmente, prima che la
regina riprenda l'ovideposizione. Nel caso
questo non sia possibile, preferibile fare il
trattamento quando la covata non ha
superato lo stadio di uovo. In questo modo
pi semplice raggiungere l'intera
popolazione di varroe.

La gabbietta deve essere incastrata


per tempo, preferibilmente sin dalla
primavera, in un favo costruito di recente, in
modo tale che venga immediatamente
saldata dalle operaie. In questo modo le api
ceraiole hanno anche la possibilit di
completare la costruzione delle cellette, prima
che venga introdotta la regina.

13

La covata opercolata, eventualmente


presente nel fondo della gabbietta Scalvini,
ovviamente infestata di varroa, deve essere
distrutta prima del trattamento. In caso
contrario, queste varroe costituirebbero un
nucleo importante di reinfestazione.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La Varroa destructor

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

ciclo e analisi dei trattamenti


La Varroa destructor l'agente della varroatosi, la pi grave parassitosi che possa colpire gli
alveari. Questo acaro stato segnalato in Italia per la prima volta fra il 1980 e l'81, proveniente dalla Slovenia. Inizialmente classificata come V. Jacobsonii (descritta da Oudemans
nel 1904 e presente nelle Filippine come parassita dell'Apis cerana), stato poi accertato da
Anderson e Trueman che sotto questa specie venivano accomunate un complesso di 5 o 6
specie differenti. La specie giunta in Europa stata, dagli stessi autori, classificata come
Varroa destructor, aplotipo (vedi glossario) indicato come coreano, tedesco o russo. Questo
aplotipo si diffuso oltre che nel continente europeo anche in Asia continentale, Africa settentrionale e America settentrionale. E particolarmente aggressivo nei riguardi dell'Apis mellifera, a differenza dell'aplotipo chiamato giapponese, diffuso in Giappone, Indonesia e
America meridionale.
Il ciclo riproduttivo si svolge a carico delle larve, all'interno di una celletta opercolata. Tale
fase, detta riproduttiva, ha pertanto termine al momento dello sfarfallamento dell'ape adulta. A questa ne segue una seconda, a carico delle api adulte, detta fase foretica. Questultima
ha una durata variabile in funzione delle condizioni ambientali.
La femmina di varroa penetra in una cella poco prima che questa venga opercolata, nel
momento in cui la larva ha un'et pari a 5-6 giorni. Una volta nella cella, la femmina di varroa si immerge nella gelatina reale. All'opercolatura, l'acaro si porta sulla prepupa ed inizia a
nutrirsi. Passate 60 ore dalla chiusura della cella, la femmina di varroa depone il suo primo
uovo. Successivamente, l'ovideposizione prosegue con intervalli di 30 ore fra un uovo e l'altro.
Come l'ape, la varroa ha la possibilit di deporre uova fecondate (dalle quali nascono femmine) e non fecondate (dalle quali nascono maschi). Solamente dal secondo uovo nasce un
maschio; tutti gli altri danno origine a varroe femmina. Le varroe femmine, nate nella celletta, raggiungono lo stadio adulto (passando attraverso le fasi di protoninfa e deuteroninfa) e
la maturit sessuale in circa 9 giorni; i maschi in appena 7.
L'accoppiamento avviene nella celletta opercolata ed il maschio, che non ha neppure la possibilit di nutrirsi, muore allinterno della stessa. Le femmine adulte di varroa lasciano la celletta al momento della disopercolatura, mentre le forme preimaginali, non avendo completato il proprio ciclo di sviluppo, non hanno nessuna possibilit di sopravvivenza. Una volta
fuori, le varroe femmine vivono sulle api adulte e si nutrono della loro emolinfa, in attesa di
dare inizio ad un nuovo ciclo.
Quando la varroa compie il proprio ciclo riproduttivo a carico di un'ape operaia, hanno la
possibilit di fuoriuscire dalla celletta 1 varroa fecondata ed 1 varroa adulta, ma non fecondata. Se la varroa entra in una celletta di fuco, hanno la possibilit di uscire 2 varroe fecondate (se non 3) ed 1 varroa adulta non fecondata.
Le due varroe hanno comportamenti differenti: la varroa fecondata si comporta come la
madre, entrando successivamente in una celletta e depositando uova secondo il ritmo
descritto; la varroa non fecondata, entrata in una celletta, deposita un uovo che, non fecondato, d origine ad un maschio; si accoppia con il "figlio" e fuoriesce come varroa fecondata. In pratica obbligata a compiere un primo ciclo che non d luogo a progenie, ma che
le indispensabile affinch si fecondi. utile valutare quante varroe si ottengono, ad esempio dopo 10 generazioni, da una femmina adulta, nel caso il ciclo si svolga a carico di una
larva di operaia o di fuco.

Una varroa feconda che parassitizza


un'ape operaia, genera una varroa
feconda ed una no. Dopo 10 generazioni si ottengono pertanto 89 varroe
feconde e 55 non fecondate, per un
totale di 144 varroe adulte. Qualora
lacaro compia il proprio ciclo su un
fuco, genera due varroe feconde ed
una no. Si ottengono dopo 10 generazioni, 5.741 varroe feconde e 2.378 non
fecondate, per un totale di 8.119 varroe
adulte. Ben 56 volte che nel primo caso.

Limitare la covata maschile


, dunque, assolutamente indispensabile. Per questo fine di assoluta
importanza:
porre attenzione nella scelta dei fogli
cerei, specialmente quelli da melario;
eliminare i favi deformati nelle cui
cellette di maggiori dimensioni trova
posto la covata a fuco;
limitare le costruzioni naturali.

possibile sviluppare un modello


di andamento della popolazione di varroa basato su: un solo ciclo per acaro;
una durata del ciclo di 30 giorni nei mesi
di gennaio, febbraio, ottobre e novembre e di 20 giorni negli altri; un blocco
della covata nel mese di dicembre; una
mortalit della varroa del 10%; la presenza di covata maschile (parassitizzata per
l85%) nei soli mesi da febbraio a maggio. Da 10 acari iniziali la popolazione
arriva, in un anno, a oltre 37000 unit.

La Varroa destructor - ciclo e analisi dei trattamenti

Schede tecniche di apicultura

L'assenza di un piano di lotta


per il controllo delle popolazioni di
varroa porta in breve tempo all'estinzione delle colonie di api. Infatti sovrapponendo un modello di curva della covata
(in presenza di 3 significativi flussi di
nettare, uno primaverile, uno estivo ed
uno autunnale) con il modello di sviluppo della popolazione dellacaro,
possibile osservare come, per la colonia,
il momento critico si verifichi durante la
stagione estiva, in concomitanza con la
produzione o alla sua conclusione.

In queste situazioni climatiche


occorre obbligatoriamente porre in
essere azioni di lotta aggiuntive che
integrino i due trattamenti canonici di
inizio inverno e di fine estate. Fra questi
trattamenti possibile menzionare la
soppressione periodica della covata
maschile attraverso il Metodo Campero
(vedi glossario) che prevede lutilizzo di
un telaino trappola. Tale pratica comunque assai onerosa sia per la perdita
di covata che per la manodopera
necessaria per la sua realizzazione.

Qualora si disponga di presidi


terapici con efficacia compresa fra il 98
e il 99%, nelle regioni a clima mediterraneo sarebbero sufficienti 2 soli trattamenti:
uno invernale, a fine dicembre, in
assenza di covata;
uno subito dopo la smelatura estiva.
In questo modo sarebbe assicurata una
efficace lotta alla varroa.

Meglio prelevare l'intera quota


di covata femminile opercolata presente
in alveare, da impiegare per la
realizzazione di nuclei. Affinch questi
prelievi abbiano efficacia necessario
ripetere l'operazione almeno 2-3 volte in
un anno. Se questo non fosse possibile,
occorre prevedere almeno un prelievo
completo di tutta la covata (aperta e
chiusa), da associare ad un trattamento
con acido ossalico.

Purtroppo, tutti i presidi sanitari


in commercio utili al controllo dalla
varroa, hanno un livello di efficacia non
superiore al 95%. Questo valore di
efficacia in grado di assicurare la
sopravvivenza di una colonia di api per
un periodo non superiore a 2-3 anni.
Secondo lo stesso modello, a fronte dei
10 acari presenti all'inizio della stagione
produttiva, se ne potrebbero contare
poco pi di 140 dodici mesi dopo.
Ben 14 volte in pi rispetto al valore di
partenza.

Nei nuclei formati con i favi


di covata prelevata secondo le modalit
descritte deve essere inserita una cella
reale. Questo, comportando un blocco
di covata di circa 2 settimane, rende
possibile un trattamento con acido
ossalico sgocciolato o nebulizzato da
effettuarsi una volta sfarfallata
completamente la covata. In alternativa
possibile indurre un blocco artificiale
della covata. (vedi scheda).

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La Senotainia tricuspis
Non certamente una scoperta recente che l'Apis mellifera L. possa essere parassitizzata da
diversi ditteri. Diverse specie, appartenenti ad alcune famiglie quali i Larvevoridi ed i
Sarcofagidi, sono infatti endoparassitoidi obbligati dell'ape, dovendo compiere parte del loro
ciclo preimaginale all'interno del corpo dell imenottero. Sin dalla fine dell'ottocento, in diverse zone d'Europa, furono segnalati casi di api parassitizzate da larve di ditteri appartenenti a
queste famiglie.
In Italia, la prima menzione della pericolosit del parassita fu dell'Istituto Tecnico Agrario
"Duca degli Abruzzi" di Cagliari, nel lontano 1950. Successivamente, sempre nel nostro
Paese, miasi (vedi glossario) attribuite a Senotainia tricuspis furono segnalate, nel 1955 da
Giordani e nel 1960 da Filippo Venturi. Quest'ultimo, oltre a descrivere gli esemplari maschili e femminili del dittero, elenc le regioni italiane ove era stata segnalata la presenza della
parassitosi: fra queste la Sardegna.
L'adulto di Senotainia tricuspis somiglia molto ad una mosca domestica. Come questa
lungo da sei a otto millimetri, presenta sulla fronte, situata tra gli occhi composti, una banda
centrale bianca mentre sull'addome alcune tacche scure di forma subtriangolare. Da qui
deriva il nome della specie.
Le osservazioni condotte dai tecnici dell'Agenzia LAORE Sardegna nel quinquennio dal 2003
al 2008, indicano come questi insetti, negli ambienti a clima mediterraneo, prediligano le
zone assolate, vicine al mare, caratterizzate da una tipologia di terreni sciolti e ricchi di
sostanza organica.
Normalmente, i primi adulti compaiono, negli apiari dislocati nelle regioni calde in prossimit della costa, a partire dalla fine del mese di maggio e poco pi tardi nelle aree pi interne.
Nelle primavere con andamento climatico piuttosto caldo e siccitoso, possibile individuare
in apiario femmine di Senotainia sin dal mese di aprile.
L'infestazione prosegue fino ad ottobre o novembre, qualora il permanere di temperature
miti consenta lo sviluppo del dittero.
Le percentuali pi elevate di infestazione si raggiungono nelle aree mediterranee tra la fine
di luglio e la fine di settembre. In questo periodo possibile rinvenire negli apiari alcune centinaia di adulti di Senotainia. Negli areali ove la diffusione del dittero elevata, la percentuale di bottinatrici parassitizzate varia da un minimo del 20 ad un massimo dell'80-90%.
importante conoscere il ciclo della Senotainia, ai fini del controllo delle sue popolazioni.
La mosca sverna nel terreno allo stadio di pupa. Ai primi caldi, gli adulti sfarfallano, fuoriuscendo dal terreno. Una volta accoppiatasi, la femmina svernante in grado di dare origine
fino a 600-800 larve. Queste svolgono il loro ciclo entro il corpo di una bottinatrice, compiendo due mute e raggiungendo lo stadio di terza et. In questa fase la larva divora pressoch totalmente i sistemi vascolare e tracheale dell'ape ed i muscoli del torace, fino a provocarne la morte a poca distanza dall'alveare. Nell'ultimo stadio di sviluppo della larva di
Senotainia, l'ape si presenta incapace al volo e sovente dispone le ali nella caratteristica configurazione a K, determinata dalla degradazione dei muscoli alari. Poco prima dell'impupamento, la larva fuoriesce dal corpo della bottinatrice attraverso l'articolazione del capo. In
questa fase misura pi della met del corpo dell'ape.
L'impupamento avviene nel suolo ad una profondit variabile secondo la sua tessitura:
maggiore nei terreni argillosi e minore in quelli sabbiosi. L'intero ciclo ha una durata variabile, compresa fra i 15 ed i 20 giorni.
Pertanto, a circa tre settimane dai primi sfarfallamenti, la seconda generazione somma la sua
attivit riproduttiva a quella della generazione svernante. Sono la seconda e la terza generazione che danno origine a quella destinata allo svernamento.

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

La femmina adulta di Senotainia,


una volta fecondata, si posa sui coperchi metallici delle arnie o in prossimit
del predellino, sempre nelle zone pi
soleggiate. In questa posizione, che si
pu definire di attesa, l'adulto aspetta la
schiusa dell'uovo e la fuoriuscita della
larva di prima et della lunghezza di
circa un millimetro. in questa fase che
essa prende il volo per poter depositare
la larva sul corpo di una bottinatrice.

La mosca si porta sulle bottinatrici


con voli rapidissimi, stazionando sul
corpo dell'ape per un tempo assai
breve, sufficiente per depositare la larva.
Questa penetra all'interno del corpo
dell'ape, attraverso l'articolazione del
capo col torace o attraverso le trachee
respiratorie del torace. Una volta
allinterno, la larva va ad insediarsi
immediatamente sotto la muscolatura
delle ali, nutrendosi, in un primo
momento, solo di emolinfa.

La presenza del dittero pu essere


monitorata sia controllando la presenza
delle femmine adulte e la frequenza dei
loro attacchi alle bottinatrici, sia attraverso l'osservazione di api adulte, incapaci
al volo. Queste si trascinano sul terreno,
nelle vicinanze dell'arnia, spesso con le
ali nella tipica configurazione a K,
dovuta al particolare angolo assunto
dalla coppia posteriore, che non si
aggancia, come di norma, alle ali
anteriori.

La Senotainia tricuspis

Schede tecniche di apicultura

Ai fini del monitoraggio,


preferibile l'uso di trappole (o esche)
cromotropiche di colore bianco,
cosparse di colla entomologica
(Temocid) o di comune vischio. Viene
adottato questo colore e non il giallo,
pi comune, in quanto il bianco
particolarmente attrattivo nei riguardi
dei ditteri Sarcofagidi mentre lo assai
poco per gli imenotteri e per le api in
particolare. Queste cartelle devono
essere posizionate sopra i tetti delle
arnie, nelle parti pi soleggiate.

L'attivit di cattura pu avere finalit


di monitoraggio o di controllo. Nel primo
caso sono sufficienti poche trappole
mentre nel secondo il loro numero deve
essere maggiore, anche una per arnia.
Le catture devono essere predisposte per
tempo, affinch eliminando gli individui
svernanti prima che questi si riproducano,
si possa ridurre in modo significativo lentit
delle popolazioni successive.
Limitando il numero degli individui di
seconda generazione si evita che
linfestazione assuma effetti devastanti.

Le trappole possono essere


sostituite da comuni piatti di plastica,
fissati sui tetti in maniera opportuna, o,
in alternativa, appesantiti con una
pietra. opportuno che le trappole
siano posizionate nei periodi di scarso
lavoro per l'apicultore poich, altrimenti,
sarebbero di ostacolo alla sua attivit.
comunque il caso che le trappole
siano facilmente amovibili.

Spesso, soprattutto nelle giornate


ventose, alcune api bottinatrici vengono
catturate accidentalmente dalle
trappole. Purtroppo a questo non si
pu ovviare in alcun modo. Per questo
motivo preferibile sospendere l'azione
di cattura durante il momento della
sciamatura.

La sostituzione delle trappole,


in situazioni climatiche normali, deve
avvenire con frequenza non superiore ai
sette giorni. In caso di forte vento o
pioggia sarebbe preferibile asportarle e,
successivamente, sostituirle. Tempi di
stazionamento pi lunghi renderebbero
assai difficoltosa l'individuazione degli
adulti di Senotainia. Nella colla delle
esche cromotropiche rimangono, infatti,
intrappolati altri insetti, artropodi, o
materiale vegetale.

Ai fini del controllo delle forme


svernanti raccomandabile effettuare
una zappettatura del terreno nel tardo
autunno. Operazione che pu essere
ripetuta nel mese di marzo. Questa
porta in superficie le pupe, le quali, in
questo modo, vengono decimate.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La tarma della cera

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

La Galleria mellonella e lAchroia grisella


Con il termine comune di tarma della cera si intende genericamente indicare due specie di
lepidotteri con abitudini crepuscolari o notturne: la Achroia grisella, di dimensioni pi piccole, e la Galleria mellonella, pi grande ed assai pi dannosa. La larva della Achroia grisella si
sviluppa costruendo caratteristiche gallerie fra la covata e l'opercolo e, non arrecando gravi
danni ai favi, una presenza generalmente innocua, che non disturba in modo significativo
l'attivit della colonia. Al contrario della Galleria mellonella che si riproduce a carico dei favi
abbandonati o in soprannumero all'interno dell'alveare e di quelli deposti in magazzino.
La tarma della cera era ritenuta, fino a poco tempo fa, una temibile nemica dell'ape, capace
da sola di distruggere gli alveari. Oggi invece percepita quale nemico di pericolosit molto
lieve, capace di creare seri danni solo alle famiglie gi in piena decadenza per stati patologici o per parassitosi.
Recentemente stata addirittura accertata lutilit dellazione della Galleria, in caso di morte
della colonia a causa di forme patologiche contagiose. stato infatti provato come l'azione
della tarma della cera contribuisca alla distruzione di tutte le forme durature e resistenti,
soprattutto delle batteriosi (in particolare della peste americana) e del nosema. Sembra anzi
che le api di uno sciame percepiscano gli odori provenienti dalle sostanze lasciate dalle larve
di Galleria come sintomo di pulizia e di igienicit, eleggendo spesso vecchi alveari, oramai
demoliti dalla tarma, come siti ideali ove accasarsi. Per questo motivo, per attirare gli sciami,
alcuni apicultori utilizzano la rosura della tarma, quale attrattivo all'interno delle arniette-esca
lasciate in prossimit degli apiari
L'ape ligustica mostra un'elevata attivit di controllo della Galleria riuscendo peraltro a limitare notevolmente i danni derivati dagli attacchi portati dalle larve di questi lepidotteri.
La tarma della cera non causa danni seri agli alveari, se non quando questi sono troppo
deboli o ammalati. In tal caso l'infestazione di tarma pu soltanto contribuire ad accelerare
l'estinzione della famiglia esplicando, come detto, un'utile funzione di pulizia.
Senza dubbio, la presenza della tarma della cera pu invece creare non pochi problemi per
la conservazione dei favi immagazzinati, soprattutto in quelli ove le api hanno allevato covata. La distribuzione geografica della tarma della cera corrisponde a quella dell'ape allevata
dall'uomo; la diffusione tuttavia limitata dall'incapacit di questo lepidottero di superare
prolungati periodi di freddo. Questo spiega perch i problemi legati alla tarma della cera
sono meno acuti ad elevate latitudini mentre sono maggiormente sentiti nelle regioni meridionali. Sono solo le larve di Galleria mellonella, e non l'adulto, a causare gravi danni ai favi.
Esse, per portare a termine il proprio sviluppo preimaginale, hanno necessit di nutrirsi di alimenti proteici, che trovano nel polline immagazzinato nei favi nonch nelle esuvie negli
escrementi lasciati nelle cellette dalle larve delle api. Le larve di tarma, allevate esclusivamente con cera pura (un grasso privo di alcun valore biologico), bloccano il proprio sviluppo sin
dal primo stadio e per questo i danni che esse arrecano ai favi costituiti da sola cera sono trascurabili. Per questo motivo, una buona pratica apistica consiste nel separare i favi da nido,
che hanno ospitato covata, dagli altri. I favi da melario con residui di covata o polline vanno
invece tassativamente fusi, mentre gli altri possono essere normalmente conservati. Per la
descrizione del ciclo biologico della Galleria mellonella si rimanda al glossario: tarma della
cera - ciclo biologico.

Gli adulti, sia di Galleria mellonella


che di Achroia grisella, depongono le
uova nelle ore notturne, o direttamente
sui favi, non governati dalle api, o in
prossimit delle aperture dell'arnia: fra il
nido ed il coprifavo, nelle vicinanze della
griglia del fondo antivarroa o nelle
spaccature del legno. Non appena
fuoriuscite dall'uovo, le larvette si
portano sui favi.

La larva di Achroia grisella scava


gallerie fra la covata e l'opercolo. La sua
attivit non arreca danni alla colonia,
non distruggendo i favi n uccidendo le
pupe. Pertanto, la sua presenza non
disturba eccessivamente le api.
Contrariamente alla Galleria mellonella,
questa larva si sviluppa meglio nelle
arnie popolose poich, per poter
completare il proprio ciclo preimaginale,
necessita di covata compatta ed estesa.

Al contrario, la larva di Galleria


mellonella si nutre di componenti proteici
che trova nei residui contenuti nei favi: i
bozzoli e gli escrementi delle larve delle
operaie o il polline. Allo scopo, scava
caratteristiche gallerie, devastando
completamente i favi. Raggiunta la
maturit, la larva fila un bozzolo, spesso
scavandosi una piccola nicchia nel
legno, entro il quale compie la
metamorfosi.

Schede tecniche
tecniche di
di apicultura
apicultura
Schede

La tarma della cera - La Galleria mellonella e lAchroia grisella

Per conservare i favi,


sopratutto quelli che hanno contenuto
covata, possibile utilizzare i vapori di
anidride solforosa (vedi glossario).
Questa sostanza viene commercializzata
in bombolette a pressione o in dischetti
di zolfo da bruciare. Esplica la propria
azione solo sulle larve e gli adulti e non
sulle uova. Il trattamento va ripetuto ogni
20-30 giorni, fino a che la temperatura
ambiente supera i 12-15C. I vapori di
anidride solforosa possono risultare
tossici per loperatore.

Per un favo da nido sono necessari


32 millilitri di preparato mentre ne
bastano 16 per uno da melario. Per la
distribuzione si impiegano i normali
irroratori a pressione. Occorre valutare
preventivamente quanti secondi
occorrono per la distribuzione dei
quantitativi indicati (vedi glossario
Bacillus thuringensis). Il prodotto deve
essere applicato in modo omogeneo su
entrambe le facce del favo. Per questo,
la distribuzione del Bacillus thuringensis
risulta assai lunga e laboriosa.

Il trattamento con anidride solforosa


deve essere effettuato dall'alto. Qualora si
impieghino i dischetti infiammabili, si deve
fare particolare attenzione al reale pericolo di incendio che il loro utilizzo comporta. I dischetti vanno appesi ad un telaino
vuoto, utilizzando lo stesso filo per l'armatura dei fogli cerei. A sua volta il telaino
con il dischetto acceso, deve essere inserito in un melario vuoto, lontano dai favi e
dal legno del melario. Nelleventualit che
il filo si rompa, opportuno collocare sotto lo zolfo un piattino di materiale non
infiammabile.

Pi economico e altrettanto efficace


il metodo che prevede l'utilizzo delle
basse temperature. Conservandoli in
cella frigo a 10C, si impediscono la
schiusa delle uova e lo sviluppo larvale.
un metodo dispendioso dal punto di
vista energetico e non alla portata delle
piccole aziende. Molto pi agevole il
congelamento dei favi a -18C, all'interno di un congelatore a pozzetto. Tali
temperature, mantenute per 24-36 ore
uccidono tutte le forme vitali, comprese
le uova.

Il secondo metodo prevede l'utilizzo


del Bacillus thuringensis. I laboratori
Sandoz hanno sviluppato una prepara
zione specifica denominata B 401 (vedi
glossario). Essa contiene spore della
variet aizawa particolarmente efficaci
contro la tarma della cera. Le spore
contengono cristalli di delta-endotossina.
La germinazione di queste spore
nellintestino della larva della tarma, libera
la tossina che provoca la distruzione della
pareti intestinali e quindi la morte della
larva stessa.

Una volta estratti dal congelatore,


occorre sistemare i favi in scatole di cartone che debbono essere chiuse ermeticamente. Questo metodo di conservazione permette di preservare i favi per
periodi di tempo praticamente illimitati.
Infatti, condizione necessaria per prevenire i danni della tarma, evitare che le
femmine adulte riescano a raggiungere i
favi deponendovi nuove uova. L'utilizzo
di questi tre metodi, risulta efficace,
pulito nonch compatibile con la
gestione biologica dellallevamento.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La cura della colonia

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

il trattamento dellorfanit
Un'ape regina ha la capacit di deporre uova per un periodo non superiore ai 5 anni. I ritmi
di ovideposizione sono assai vari e dipendono da molteplici fattori. Tra questi, le basse temperature invernali che prolungano il blocco di covata e l'andamento climatico primaverile al
quale sono strettamente legati i flussi di nettare. Nelle regioni fredde, l'attivit di ovideposizione di una regina significativamente inferiore rispetto a quanto si verifica negli areali a
clima temperato. Negli ambienti caratterizzati da inverni lunghi e freddi, lallevamento della
covata assai meno intenso. Questo porta ovviamente ad un allungamento della vita della
regina che, invece, rischia di esaurirsi precocemente quando la sua attivit riproduttiva pi
intensa. I rischi che una colonia rimanga orfana sono tanto maggiori tanto pi invecchia la
regina e tanto maggiore sono stati i suoi ritmi di ovideposizione. Lorfanit si manifesta dapprima con la mancanza di uova e, con il procedere dei giorni, con tutti gli altri stadi della
covata. Solo dopo un lungo periodo di assenza di covata, le operaie acquistano la capacit
di produrre uova, maschili, non avendo effettuato alcun volo di fecondazione.

Se l'ape regina viene a mancare


durante un blocco di covata o perch
predata durante il volo di fecondazione,
non possibile alcuna sua sostituzione
e la colonia resta orfana. In questo caso
alcune operaie, in assenza del feromone reale (vedi glossario), acquistano la
capacit di procreare. Non essendo per fecondate depongono uova maschili, originando una covata di soli fuchi,
assai disordinata e facilmente ricoscibile,
spesso associata a celle reali abortite.

L'orfanit pu avere origini diverse.


normale che l'ape regina possa
mancare per morte naturale o per
colpa dellapicultore. Ove sia presente
covata allo stadio di uovo o di larva
con et inferiore ai tre giorni, le api
provvedono a realizzare alcune celle
reali. Queste celle, dette di sostituzione, sono in numero inferiore a quelle
di sciamatura, ma, soprattutto,
vengono realizzate intorno alle
larvette e, quindi, sulle facce dei favi.

Un caso simile di orfanit si verifica


quando la regina depone esclusivamente uova non fecondate, non riuscendo
pi a garantire il ricambio di api operaie.
Anche in questa circostanza occorre
provvedere al fine di non perdere le
operaie presenti. Si consideri poi che
una vasta covata a fuco, spesso presente
in colonie trascurate determina un
incremento del numero di varroe, che
attraverso il saccheggio, possono infestare le altre famiglie e gli apiari limitrofi.

Qualora l'apicultore rilevi


la presenza di sole celle reali edificate
centralmente sui favi, prima di
procedere alla loro eliminazione, deve
sincerarsi della presenza della regina e
della capacit della stessa di dare
origine ad una progenie femminile.

La covata di operaia fucaiola


facilmente distinguibile. Mentre in
alveare vi una sola ape regina, le
operaie fucaiole sono presenti in
numero spesso elevato. Queste
depongono pi uova nella stessa cella
e non disponendo di un addome di
lunghezza adeguata, le depongono,
prevalentemente sulle pareti. Non
invece possibile distinguere, allo stadio
di cella aperta, la covata femminile da
quella maschile di regina fucaiola.

La cura della colonia - il trattamento dellorfanit

Schede tecniche di apicultura

Nel caso siano presenti pi operaie


fucaiole, prima di rimediare allorfanit,
occorre individuarle. In un alverare
orfano da tempo la covata femminile
sfarfallata da pi di venti giorni e tutte le
api presenti sono quindi bottinatrici; le
uniche operaie incapaci al volo sono le
fucaiole, mai uscite dall'arnia. Per la loro
eliminazione si procede sostituendo
allalveare orfano un arnia vuota,
possibilmente identica alla prima, ove
sono stati inseriti telaini con favi o fogli
cerei.

Ove si possa disporre, si pu procedere


aIl'inserimento o di una cella reale pronta
allo sfarfallamento o di una regina
fecondata. Nel primo caso i tempi si dimezzano, mentre nel secondo si annullano.
Resta il rischio di inserire, in una colonia
che ha gi presenti i sintomi dell'orfanit,
una regina che spesso viene rifiutata.
Si pu peraltro procedere all'inserimento
della regina in un piccolo nucleo costituito
in prevalenza da favi con covata sfarfallante
e solo 7-10 giorni dopo, unire questo alla
colonia orfana.

Una volta spostato di qualche metro


lalveare orfano, si spazzolano tutti i
telaini. Le uniche api non in grado di
fare ritorno alla postazione di partenza
sono le operaie fucaiole che, in questo
modo, vengono allontanate dalla loro
colonia. Compiuta questa operazione, le
possibilit di intervento di cui dispone
l'allevatore sono molteplici, in funzione
sia del tempo che del materiale apistico
a sua disposizione

10

Per evitare problemi e costi


di manodopera, in apicultura intensiva si
preferisce riunire la colonia orfana ad una
debole. Quest'ultima si inserisce semplicemente all'interno della colonia orfana, alla
quale devono essere asportati lo stesso
numero dei favi che si vogliono inserire.
Eventualmente si possono sottrarre due
favi che possono essere sostituiti da fogli
cerei secondo la successione: favi colonia
orfana, foglio cereo, favi colonia debole,
foglio cereo, favi colonia orfana.

E possibile intervenire inserendo


un favo con covata a uovo o composta
in prevalenza da giovani larvette. Questo
permette alla colonia di prodursi una
nuova regina. I tempi necessari affinch
la famiglia sia in grado di riprendere una
vita normale sono in questo caso
piuttosto lunghi: circa 30 giorni.
Considerata l'anzianit delle vecchie api
di casa, si corre il rischio di non poter
beneficiare sotto laspetto produttivo di
una significativa ripresa della colonia.

11

anche possibile disperdere le api


della colonia orfana davanti agli alveari
dell'apiario. Le api, tutte bottinatrici, non
trovando la loro arnia, si dividono fra gli
alveari vicini a quello ove era posizionato lalveare orfano. Tale tecnica si adotta
ogni qualvolta si noti la presenza di
operaie fucaiole. Esse, non avendo mai
abbandonato il loro alveare, non sono
in grado di ritrovare la strada di casa e
possono essere cos eliminate.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

Sostituzione della regina

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

linserimento con la tecnica della gabbietta


La vita massima alla quale pu aspirare un'ape regina pari a 5 anni. In natura la sua sostituzione avviene praticamente ogni anno attraverso il fenomeno della sciamatura: la regina vecchia, abbandonando
il proprio alveare, lascia il suo regno in eredit ad una sua giovane discendente.
Negli allevamenti apistici intensivi, tesi alla produzione del miele, si cerca di limitare il pi possibile la sciamatura. In essi si pone pertanto il problema della sostituzione periodica dell'ape regina. Tutto ci nella
considerazione che i rischi di mortalit di una regina sono direttamente correlati alla sua et: minimi al
primo anno diventano elevatissimi dal terzo anno. Inoltre la presenza di regine anziane estende i rischi
della sciamatura che, in queste situazioni, pu verificarsi anche assai precocemente, appena all'inizio
della stagione produttiva. Seguendo il naturale svolgersi della vita dell'alveare, gli apicultori amatoriali
sono soliti provvedere alla sostituzione della regina attraverso il semplice prelievo della vecchia, unitamente ad alcuni favi. Questi, trasferiti in un'altra arnia vanno a costituire una nuova colonia. In pratica
come se venisse riprodotta una sciamatura artificiale ove il nucleo prodotto pu essere assimilato ad uno
sciame primario. La colonia di api, trovandosi orfana, reagisce immediatamente con l'allevare proprie api
regine. A fronte di una procedura indubbiamente facile, le controindicazioni di questo metodo sono
molteplici:
il numero delle larve che vengono allevate come api regine spesso elevato, costringendo l'apicultore a successivi interventi nel nido volti alla soppressione delle celle;
i tempi assai lunghi, dalle 3 alle 4 settimane, che intercorrono fra l'inizio dell'allevamento e la comparsa della regina feconda;
il rischio che l'unica regina lasciata in allevamento possa morire, sia in fase preimaginale che durante
il volo nuziale, lasciando la famiglia in uno stato di orfanit irrimediabile;
lo sfruttamento, da parte delle operaie, in assenza di covata, dei favi del nido per la deposizione del
miele, fatto che ostacola non poco l'estensione della covata della nuova regina poich, una volta opercolato, difficilmente il miele viene traslocato nel melario.
I motivi per i quali si procede alla sostituzione della regina sono sostanzialmente due: la prevenzione
della sciamatura e il cambio di profilo genetico.
Affinch la sciamatura possa essere evitata, la sostituzione della regina deve essere fatta per anzitempo,
come descritto nella scheda relativa alla prevenzione della sciamatura.
Qualora la regina debba essere sostituita perch poco produttiva o per iniettare differenti linee genetiche nel proprio allevamento, ovvero per circoscrivere l'entit della sciamatura, l'apicultore pu procedere secondo strade differenti:
con l'ausilio di comuni gabbiette, realizzate per questo scopo;
con l'impiego di particolari gabbiette da applicare sulla faccia di un favo;
attraverso l'allestimento di nuclei appositi.
Si tenga presente che se la sostituzione della regina viene fatta in autunno al fine di prevenire la sciamatura, i risultati non sempre sono garantiti.
Nel caso di semplice sostituzione per altri motivi, questa pu essere eseguita in qualunque periodo dell'anno, anche se resta il fatto che, durante la stagione produttiva, questa operazione mostra un maggiore rischio di insuccesso Per valutare il sistema da impiegare nella sostituzione della regina, occorre considerare l'affinit genetica fra la colonia ricevente e la regina che si intende introdurre: qualora i ceppi genetici siano simili, le percentuali di accettazione risultano massime e, pertanto, possibile ricorrere al semplice impiego della gabbietta. In caso contrario (ove si volesse procedere ad una
sostituzione di linee genetiche) preferibile ricorrere a metodiche diverse di quella descritta in questa scheda, pi laboriose ma certamente all'esito pi garantito.La prima operazione da compiere
quella di eliminare la vecchia regina, operazione che deve essere contestuale all'introduzione della
gabbietta. sconsigliato introdurre api regine in colonie orfane anche da poco, poich l'operazione avrebbe scarse possibilit di successo (vedi glossario - Sostituzione dellApe regina).

Per l'introduzione delle regine


vengono comunemente usate delle
gabbiette in plastica, appositamente studiate per questo scopo. Sono divise in
due scomparti di differenti dimensioni. In
quello pi grande trova spazio la regina
con la sua corte; quello pi piccolo viene
riempito con del candito, preparato come descritto nella scheda sulla nutrizione delle api. Spesso sono le stesse gabbiette con le quali le regine vengono
vendute.

Nel caso le regine vengano spedite


da luoghi lontani, spesso vengono
rinchiuse in particolari gabbiette di
legno, conosciute dai vecchi apicultori
come gabbiette Palpella. Anche queste
gabbiette possono essere sfruttate per
lintroduzione della regina, per quanto
questo modello studiato appositamente
per la spedizione sia assai pi
ingombrante di quello in plastica.

L'ape regina viene rinchiusa


nelle gabbiette unitamente ad una
decina di api che fungono da corte.
Questo perch durante il periodo di
clausura esse possano provvedere al suo
accudimento ed alla sua nutrizione, non
essendo la regina in grado di provvedere da sola.

Schede tecniche di apicultura

Sostituzione della regina - linserimento con la tecnica della gabbietta

Prima di procedere all'introduzione


in alveare della gabbietta, opportuno
eliminare le api di accompagnamento, la cui
presenza ostacola l'avvio del contatto fra la
nuova regina e le api dell'alveare ricevente.
Infatti, qualora la regina sia sola, sono le stesse
api di casa che tendono ad assolvere il ruolo
delle nutrici, provvedendo ad alimentare la
regina attraverso i fori presenti sulla gabbietta.

Il collocamento della gabbietta


all'interno dell'arnia pu avvenire secondo tre
modi. Nel primo si poggia la gabbietta sui favi.
Si fa scivolare il coperchio fino a lasciare un
apertura di circa 8-10 millimetri dalla parte del
candito e quindi si posiziona la gabbietta con
il coperchio rivolto verso il basso. In questo
modo le api di casa possono accedere al candito, iniziando a degradarlo. In questo caso
spesso necessario capovolgere il coprifavo.

Per allontanare le api accompagnatrici


alcuni apicultori operano al chiuso di un piccolo locale o all'interno di un'autovettura. Aperta
la gabbietta, le api si riversano sui vetri ove
facile recuperare l'ape regina. Al contrario,
preferibile immergere per alcuni secondi la
gabbietta api in un recipiente di acqua pulita in
modo tale che tutte le apipresenti , cos bagnate non abbiano la possibilit di alzarsi in volo.

Un secondo modo di sistemare


la gabbietta quello di stringerla fra i favi,
preferibilmente con covata nascente. In questo caso necessario tagliare il tappo situato
nel lato corto dove stato riposto il candito.
La gabbietta deve essere sempre collocata
con l'uscita rivolta verso il basso, affinch, col
calore della colonia, venga scongiurato il
pericolo che il candito possa colare sulla
regina.

cos possibile aprire la gabbietta


e catturare l'ape regina. Si fa scorrere il coperchio a slitta, si afferra la regina per le ali e si allontanano le accompagnatrici semplicemente
scuotendo la gabbietta. Successivamente si
rinchiude nuovamente la regina, lasciandola
sola. Qualora si operi con regine provenienti
dallo stesso apiario, l'operazione ha ovviamente inizio con l'introduzione nella gabbietta della
sola regina.

10

anche possibile sistemare la gabbietta


tagliando una porzione adeguata di favo. In
tal caso la gabbietta deve essere inserita
nella parte inferiore del favo, nella sezione
del telaino rivolta verso l'interno dell'arnia. In
questa posizione, l'apertura della gabbietta
pu avvenire o facendo slittare il coperchio
o eliminandone il tappo. Anche in questo
caso indispensabile che lo scomparto con
il candito sia rivolto verso il basso.

Occorre controllare la consistenza


del candito. Spesso, ma soprattutto allorch la
regina debba affrontare un lungo viaggio,
viene inserito un candito di elevata
consistenza, in modo tale che non possa
sciogliersi andando ad imbrattare le api fino a
determinarne la morte. Nel caso, questo deve
essere sostituito con candito fresco, di media
consistenza.

11

Occorrono circa due o tre giorni


giacch le api di casa, consumato il candito,
possano entrare in contatto con la regina.
Nel frattempo essa avr assunto il tipico odore della famiglia, fatto che ne permette una
facile accettazione. In questo modo, appena
uscita, inizia a deporre, integrandosi perfettamente nella nuova colonia. necessario
lasciare tranquillo l'alveare per almeno una
settimana, prima di controllarlo.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

Sostituzione della regina

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

linserimento con la tecnica del nucleo


La tecnica di sostituzione della regina attraverso il passaggio intermedio in un nucleo, basa la propria possibilit di successo sul fatto che una regina gi in attivit venga meglio accettata rispetto ad
una che ancora deve avviare l'ovideposizione. Inoltre, una volta inserita in un apposito nucleo di
accettazione e riconosciuta come propria regina, essa pu contare su un discreto numero di nutrici che provvedono, oltre cha a nutrirla, a proteggerla da eventuali aggressioni.
Questa tecnica, pur assai laboriosa, offre per adeguate garanzie affinch la percentuale di successo dell'operazione sia prossima al 100%.
Dapprima si provvede alla costituzione di un apposito nucleo, privo di api di volo, notoriamente
quelle aggressive, e ricco di api appena sfarfallate. Queste ultime, in modo particolare, assumendo
la qualifica di api nutrici appena tre giorni dopo lo sfarfallamento, vanno a nutrire la sola regina che
esse hanno conosciuto sin dalla loro nascita, pur non essendo quella che le ha generate.
Successivamente, ad accettazione avvenuta, questo nucleo pu essere riunito con il ceppo madre.
Sicuramente il numero di "api amiche" sulle quali pu contare la regina fa s che il successo dell'operazione sia praticamente assicurato.

Il nucleo di accettazione
deve essere completato con un favo di
covata nascente. Anch'esso, prima del trasferimento, deve essere scrollato debolmente. Il fatto di allontanare preventivamente le api di volo, permette all'operatore di valutare correttamente la quantit di
api di casa che vengono trasferite nel nucleo di accettazione. Questo per evitare di
costituire un nucleo che, valutato ben popolato, si impoverisca a seguito del rientro delle bottinatrici nellalveare dorigine.

Per prima cosa occorre individuare


il favo sul quale si trova la vecchia
regina. Esso certamente un favo di
covata composto da larve giovani e
uova. Questo favo deve essere posto
temporaneamente in un'arnietta
prendisciame, al fine di evitare che
durante le operazioni di preparazione
venga trasferita anche la vecchia regina.

A chiusura opportuno inserire,


lateralmente, un favo vuoto, idoneo per
accogliere la covata della nuova regina.
La successione di questi tre favi pu
meglio essere completata da un
diaframma o da un nutritore a tasca, al
fine di facilitare alle api il compito di
mantenere in equilibrio la temperatura.

Successivamente si preleva un favo


colmo di riserve alimentari costituite da
polline e miele. Questo favo deve essere
posizionato in una seconda arnietta
prendisciame, in prossimit di un lato.
Prima di trasferirlo nell'arnietta, il favo
deve essere scrollato lievemente, per far
s che le api di volo si allontanino.

Qualora si stimi insufficiente


la quantit di api di casa presenti nel
nucleo, occorre integrarne il numero
affinch possa essere scongiurato il rischio
della morte della covata nell'eventualit di
un abbassamento delle temperature, in
special modo di quelle notturne. Lo spazio
resosi libero nell'alveare di partenza, deve
essere completato con favi adatti ad
accogliere covata o, eventualmente, da
fogli cerei.

Schede tecniche di apicultura

Sostituzione della regina - linserimento con la tecnica del nucleo


Una volta pronto, il nucleo
deve essere posizionato di lato all'alveare al
quale si intende sostituire la regina. Nel caso
non vi sia posto a sufficienza, esso pu essere
collocato anche sopra il tetto dell'arnia
ricevente. In questo modo, anche le poche api
di volo presenti, una volta uscite dal nucleo,
tendono a fare ritorno nell'alveare originario.

Nel nucleo cos formato,


deve essere inserita la nuova regina. La tecnica
di inserimento quella classica, attraverso
l'impiego della gabbietta. Resta per il fatto che,
certamente, una colonia debole e priva di api
aggressive, portata ad accettare una regina
anche di ceppo genetico assai differente, molto
pi di quanto si sarebbe potuto verificare in
una colonia forte ed in attivit.

10

A questo punto possibile procedere


al ricongiungimento delle due famiglie.
Occorre innanzitutto sopprimere la vecchia
regina e fare spazio affinch sia possibile
sistemare il nuovo nucleo nella colonia
ricevente. Nel caso, possibile prelevare
qualche favo con la vecchia regina,
posticipandone la sua soppressione al
termine della stagione produttiva.

11

Nel caso la colonia ricevente,


nell'attesa dell'accettazione della nuova
regina (operazione che richiede non meno
di una settimana) abbia completato il nido,
possibile trasferire in un doppio melario parte
dei favi di covata, in modo tale che sia
possibile inserire nel nido l'intero nucleo con
la nuova regina.

Una volta liberata, la nuova regina


intraprende immediatamente la sua attivit di
ovideposizione. In questo enormemente
facilitata dal fatto di poter disporre di due
buoni favi liberi: uno inserito gi vuoto ed
uno liberatosi poich composto da covata
nascente.

12

I telai componenti il nucleo


e la nuova regina possono essere inseriti al
centro della colonia ricevente, collocando ai
lati due fogli cerei, secondo quanto descritto
nella scheda: La sciamatura - la sostituzione
precoce della regina. Dopo la riunificazione,
opportuno affumicare leggermente le api
al fine di confondere gli odori delle due
colonie.

Dopo una settimana il nucleo


pu essere controllato per verificare il corretto
andamento della colonia. Quasi certamente
possibile constatare l'accettazione della regina
e la presenza della sua covata.

13

Diversamente possibile riunificare


le due famiglie trasferendo i favi del nucleo
dopo aver cosparso con farina le api delle
due colonie. In questo caso non necessario
interporre i fogli cerei. Infatti, l'azione di ripulitura svolta dalle api permette la loro reciproca
familiarizzazione, favorendone l'integrazione.
Anche in questo caso necessaria una leggera affumicatura dell alveare neocostituito.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

La marcatura della regina


Se l'individuazione dell'ape regina non presenta grosse difficolt in colonie non molto sviluppate, altrettanto non si pu affermare se l'alveare ben popolato ed in produzione. Per questo
motivo, al fine di rendere veloce la ricerca dell'ape regina, preferibile provvedere alla sua marcatura, attraverso l'apposizione di una macchia di colore sullo scutello ovvero di appositi bollini
numerati (vedi glossario). Per questa operazione viene utilizzata una serie di 5 colori, richiamati
in ordine alfabetico: l'azzurro, il bianco, il giallo, il rosso ed il verde (vedi glossario: La marcatura
della regina).
Per bloccare l'ape regina esistono diversi strumenti (particolari forcelle con elastici, retine, specifici cilindri trasparenti forniti di pistone, ecc.), per quanto il sistema preferito dagli apicultori sia
quello manuale, descritto di seguito. Per la marcatura si possono impiegare diversi sistemi (lacche con solventi volatili, vernici alla nitro, ecc.), sebbene venga oramai preferito l'impiego di
comuni pennarelli. anche possibile, come detto in precedenza, incollare sullo scutello della
regina dei dischetti colorati, contrassegnati con un numero da 00 a 99. Tale sistema, diffuso in
modo particolare in Francia, ha il vantaggio di "legare" ciascuna ape regina ad un alveare specifico.

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

Prima di procedere alla marcatura,


occorre disimpegnarsi del favo dal
quale stata prelevata la regina; meglio
se il telaino pu essere riposizionato
nell'arnia. Tale operazione va effettuata
tenendo stretta per le ali l'ape regina.

L'ape regina deve essere catturata


direttamente con la mano che
l'apicultore non adopera naturalmente
(la sinistra per i destrorsi o la destra per i
mancini). Questo in modo tale che, al
termine della manipolazione, sia
possibile, per l'operazione della
marcatura, usare la mano normalmente
impiegata per scrivere.

A questo punto la regina


viene trasferita di mano.
affinch questa operazione risulti
semplice, si fa in modo che sia la regina
stessa ad aggrapparsi con le proprie
zampette all'indice dell'altra mano (nel
nostro caso, la destra).

L'ape regina deve essere afferrata


per le ali in modo da evitare ogni
possibile rischio di danneggiarla,
provocandole lesioni da schiacciamento
dell'addome. Per comodit descrittive,
l'esempio viene riferito ad apicultori
destrorsi.

Al termine di questo passaggio


l'ape regina deve trovarsi trattenuta fra
l'indice (o il medio) della mano destra,
che viene a trovarsi sotto il torace, ed il
pollice, che la stringe dallo scutello.

La marcatura della regina

Schede tecniche di apicultura

Per poter lasciare scoperto lo


scutello si procede ad un ulteriore
trasferimento di mano. L'ape regina
viene afferrata lateralmente (in modo
tale che il torace venga a trovarsi tra
l'indice ed il pollice) e trasferita
nuovamente nella mano sinistra.

Terminata l'operazione
di marcatura vera e propria, preferibile
trattenere ancora alcuni secondi l'ape
regina fra le dita, affinch il colore possa
asciugare completamente.

Dopo questa serie di passaggi,


l'ape regina viene a trovarsi stretta per i
fianchi del torace fra le dita
dell'apicultore, in modo che sia
facile marcarla sullo scutello.

10

Per reintrodurre l'ape regina


marcata, si riestrae lo stesso favo
dal quale era stata prelevata e su questo
viene liberata. La verifica che l'operazione della marcatura sia stata effettuata
con successo, si ha controllando la
regolare accettazione della regina da
parte delle operaie. Il segnale dellavvenuta accettazione si ha quando le operaie accudiscono e puliscono con la
ligula la loro regina. In caso di mancata
accettazione, la regina viene aggredita
ed uccisa per soffocamento.

Tenendo la regina con il capo


rivolto verso l'alto (al fine di evitare che
una eventuale colatura della sostanza
impiegata per la marcatura la possa
danneggiare o, addiritura, ammazzare),
possibile marcarla sullo scutello.

11

La regina pu essere rilasciata


direttamente sulle stecche superiori dei
telaini, normalmente riposizionati
nell'arnia, anche se in questo modo
non possibile verificarne l'accettazione
da parte delle api operaie.
sempre bene, prima di procedere
sulle api regine, provare l'operazione di
marcatura su alcuni fuchi.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicoltura

Comunit
Europea

Letichettatura

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

dei prodotti dellalveare


L'etichettatura delle produzioni apistiche normata secondo quanto stabilito dal decreto legislativo
del 27 gennaio 1992, n. 109, in attuazione delle direttive 89/395/CEE e 89/396 CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicit dei prodotti alimentari. Ad esso hanno fatto seguito, negli
anni, altri interventi legislativi concernenti specificatamente il miele: dalla Direttiva 2001/110/CE, fino
al Decreto Legge 31 gennaio 2007, n. 7, definitivamente adottato con Legge 2 aprile 2007 n. 40. La
direttiva comunitaria stabilisce innanzitutto che il miele " la sostanza dolce naturale che le api (Apis
mellifera) producono dal nettare di piante o dalle secrezioni provenienti da parti vive di piante o dalle
sostanze secrete da insetti succhiatori che si trovano su parti vive di piante che esse bottinano, trasformano combinandole con sostanze specifiche proprie, depositano, disidratano, immagazzinano e
lasciano maturare nei favi dell'alveare", rimarcandone, in questo modo, la sua peculiarit di alimento
puro, privo di additivi o di altre aggiunte.
La stessa Direttiva dispone le indicazioni che occorre inserire nelle etichette e fissa le denominazioni
e le caratteristiche chimico-fisiche dei singoli tipi di miele. Innanzitutto suddivide i mieli in funzione
della diversa origine: miele di fiori o miele di nettare, se ottenuto dal nettare di piante, e miele di melata, se ottenuto principalmente dalle sostanze secrete da insetti succhiatori (Hemiptera) che si trovano
su parti delle piante stesse. Unulteriore distinzione viene definita secondo il metodo di produzione
e/o estrazione:
miele in favo, immagazzinato dalle api negli alveoli opercolati di favi da esse appena costruiti o di
sottili fogli cerei realizzati unicamente con cera d'api, non contenenti covata e venduto in favi anche
interi;
miele con pezzi di favo o sezioni di favo nel miele, contenente uno o pi pezzi di miele in favo;
miele scolato, ottenuto mediante scolatura dei favi disopercolati non contenenti covata;
miele centrifugato, ottenuto mediante centrifugazione dei favi disopercolati non contenenti covata;
miele torchiato, ottenuto mediante pressione dei favi non contenenti covata, senza riscaldamento
o con riscaldamento moderato a un massimo di 45 C;
miele filtrato, ottenuto eliminando sostanze organiche o inorganiche estranee in modo da avere
come risultato un'eliminazione significativa dei pollini.
Infine la normativa definisce come miele ad uso industriale il miele che presenta gusto o odore anomali, che ha iniziato un processo di fermentazione, effervescente o che ha subito un surriscaldamento.
Questa produzione pu essere destinata all'esclusivo uso industriale o come ingrediente di altri prodotti alimentari destinati ad essere successivamente lavorati.

Corretto

Errato

Miele - Miele millefiori


*
Miele di nettare - Miele di melata
*
Miele di fiori - Miele di fiori di montagna
*
Miele di cardo
*
Miele di cardo della Sardegna
*
Miele di erica del Gennargentu
*
Miele dei boschi della Gallura
*
Miele di asfodelo e lavanda

Miele puro di api


*
Miele naturale
*
Miele purissimo integrale
*
Miele vergine integrale
*
Miele espettorante di eucalipto
*
Miele afrodisiaco dellOgliastra
*
Miele di prato - Miele di montagna
*
Miele di bosco dellAppennino Italiano
*
Miele di flora mediterranea

Nelle confezioni dirette al consumo


al dettaglio, la tipologia del miele
contenuto deve essere ben specificata.
Accanto alla semplice indicazione di
vendita "miele" possibile abbinare
l'origine floreale (se proveniente
interamente o principalmente da una
determinata specie vegetale) e quella
territoriale (se il prodotto proviene
interamente dal territorio indicato). In
questo caso la localizzazione regionale
e topografica deve essere precisa.

Corretto

Errato

Paese di origine
Francia
*
Miele Italiano
*
Miele proveniente da
Argentina - Cuba - Ungheria

Miscela di mieli
originari della CE
*
Miscela di mieli
non originari della CE
*
Miscela di mieli orgiginari e
non originari della CE

Corretto

Errato

Fino a 50 grammi
altezza carattere 2 millimetri
25 g - 25 grammi
*
Da 50 a 200 grammi
altezza carattere 3 millimetri
125 g - 125 grammi
*
Da 200 a 1.000 grammi
altezza carattere 4 millimetri
500 g - 500 grammi
*
Oltre i 1.000 grammi
altezza carattere 6 millimetri
1000 g - 1000 grammi
oppure
1 Kg - 1 chilogrammo

grammi 50
*
gr 100
*
200 g.
*
500 G
*
Kilogrammi 2
*
Kgr 4
*
500 g circa

Corretto

Errato

Pietro Neri - Via Olbia, 3 - Osilo (SS)


*
Prodotto e confezionato da
Mauro Bianchi - Via Quartu - Lei (NU)
*
Prodotto da Elio Rossi - Via Roma, 12 Luras (OT) e confezionato da
Pietro Neri - Via Olbia, 3 - Osilo (SS)
*
Prodotto da Luigi Verdi e confezionato in Via
Milano, 10 - Orosei (NU)
*
Confezionato da
Mauro Bianchi - Via Quartu - Lei (NU)
per Pietro Neri - Via Olbia, 3 - Osilo (SS)
*
Distribuito da Anna Viola Via Pola, 8
- San Sperate (CA)

Apicoltura Pietro Neri


*

Apicoltura Rossi Bolotana (NU)


*

Invasettato da Anna Viola

Per indicare l'origine nazionale,


non pi possibile impiegare le
diciture, originariamente contemplate
dalla Direttiva 2001/110/CE, quali: miscela di mieli originari della CE; miscela
di mieli non originari della CE; miscela
di mieli originari e non originari della
CE. Il Paese o i Paesi di origine devono
essere indicati in etichetta in modo
esplicito. Per il miele prodotto esclusivamente in Italia possibile impiegare la
semplice iscrizione "miele italiano".

Il peso netto deve essere indicato


impiegando nelle confezioni di peso fino a
50 grammi caratteri da 2 millimetri; da 50 a
200 da 3 millimetri; dai 200 e fino ad 1
chilogrammo, caratteri con altezza non
inferiore ai 4 millimetri. Per pesi superiori al
chilogrammo la dimensione minima di 6
millimetri. Il valore relativo al peso deve precedere l'indicazione simbolica impiegata: il
chilogrammo (kg) o il grammo (g), entrambi in carattere minuscolo e senza punteggiatura. Pu omettersi la dicitura peso netto.

Il nome o la ragione sociale o il marchio


del responsabile della commercializzazione devono essere chiaramente
indicati. Ad esso va aggiunta la sede
del produttore o del confezionatore o
del venditore, qualora essa sia diversa
dall'indirizzo del responsabile di commercializzazione gi indicato in etichetta. Qualora il produttore sia extracomunitario in etichetta deve essere obbligatoriamente riportato un recapito nell'ambito dell'Unione Europea.

Schede tecniche di apicultura

Letichettatura dei prodotti dellalveare

Corretto

Errato

L 120/09
*
L aca 120
*
L a 120/12
*
L 222 500 g
*
Da consumarsi preferibilmente entro il
31/12/2012

Numero di lotto 1333


*
(L) 120/02
*
Da consumarsi preferibilmente entro il 2012
*
Da consumarsi preferibilmente entro il mese
di dicembre 2012

Corretto

Errato

Periodo di conservazione inferiore


ai 3 mesi
Da consumarsi preferibilmente entro
il 31/03/2011
*
Periodo di conservazione inferiore
ai 18 mesi
Da consumarsi preferibilmente entro
il 31/12/2012

Periodo di conservazione inferiore


ai 3 mesi
Da consumarsi preferibilmente entro
la fine di dicembre 2012

oppure
Da consumarsi preferibilmente entro
la fine di dicembre 2012
*
Periodo di conservazione oltre
i 18 mesi
Da consumarsi preferibilmente entro
la fine del 2012

oppure
Da consumarsi preferibilmente entro
il 2012
*
Periodo di conservazione inferiore
ai 18 mesi
Da consumarsi preferibilmente entro
la fine del 2012

Lidentificazione del lotto


di produzione devono essere specificata
impiegando una sigla alfanumerica,
composta cio da soli numeri e lettere.
Va assolutamente evitato l'impiego di
qualunque simbolo grafico. Il lotto pu
essere sostituito da una data, espressa in
giorno, mese e anno. L'identificativo del
lotto deve essere preceduto dalla lettera
"L", omettibile solamente se la dicitura
ben distinta dalle altre indicazioni in
etichetta.

L'indicazione del termine minimo


di consumo -TMC- (vedi glossario) deve
essere preceduto dall'indicazione "Da
consumarsi preferibilmente entro.." alla
quale si fa succedere una data composta
da giorno/mese/anno se il miele deve
essere consumato entro 3 mesi. Se il periodo di conservazione inferiore ai 18
mesi, il termine deve riportare o una data
completa (...il 31/12/2012) o il solo mese
e anno, secondo la dicitura "...la fine di
dicembre 2012. Per periodi di conservazione pi lunghi, la data pu essere costituita dal solo anno "...la fine del 2012.
Nello stesso campo visivo
devono trovarsi le indicazioni relative alla
denominazione, al peso netto ed al
termine minimo di conservazione. Il TMC
pu essere riportato in altro campo, ma
sempre facilmente visibile, chiaramente
leggibile e di facile individuazione per il
consumatore. La dicitura Da consumarsi preferibilmente entro.." deve essere
nello stesso campo visivo in cui compare
la parola "miele" e il peso netto e deve
precedere l'indicazione del punto della
confezione in cui il consumatore pu
trovarla.

Il sigillo di garanzia indispensabile


per garantire il consumatore che la
confezione, una volta immessa sul
mercato, non sia stata aperta, alterata o
manipolata. Sul sigillo possono essere
riportate alcune indicazioni sia
obbligatorie sia facoltative.

Indicazioni facoltative
Miele raccolto nella primavera del 2010
*
Anno di produzione: 2009
*
Per mantenere il miele pi a lungo ed inalterato, conservare il vasetto in luogo fresco e
asciutto, al riparo dalla luce
*
Non disperdere il vetro nell'ambiente (pu essere inserito anche il logo corrispondente)
*
L'etichettatura nutrizionale non obbligatoria, ma disciplinata dal Decreto legislativo
(D.Leg. n. 77/93).
I valori da dichiarare in etichetta possono essere quelli medi genericamente contenuti da
mieli analoghi o quelli ricavati da analisi specifiche.
Un esempio di etichetta nutrizionale per 100 g di miele:
valore energetico 320 Kcal - 1360 KJ
proteine 0 g
carboidrati 80 g
grassi 0 g

Indicazioni vietate
Miele di fiori di prato
*
Miele di montagna
*
Miele di fruttiferi
*
Miele di brughiera
*
Miele di eucalipto della Sardegna
curativo per le affezione dellapparato respiratoriorio
*
Miele di bosco
(ammesso esclusivamente per i mieli di melata)

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Fra le indicazione facoltative


il produttore pu riportare le modalit di
conservazione, l'anno di produzione, la
composizione chimica e palinologica del
miele, alcune indicazioni alimentari. Fra le
indicazioni facoltative anche possibile
inserire quelle relative al rispetto delle
norme ambientali.

Sono infine vietate denominazioni


specifiche quali: Miele di fiori di prato;
Miele di montagna; Miele di brughiera.
ammessa la sola dicitura "Miele di
bosco" per le produzioni essenzialmente
costituite da mieli di melata.
La denominazione "millefiori" deve
indicare un miele che non pu essere
definito uniflorale. Non pu invece
essere utilizzata per un miele ottenuto
dalla miscelazione artificiale di mieli
uniflorali: in caso, la dizione corretta da
utilizzare quella di "Miscela di mieli".

Schede tecniche di apicultura

Glossario
Acido ossalico. un acido organico ampiamente impiegato nella lotta alla Varroa destructor,
nonostante non goda delle necessarie autorizzazioni ministeriali. Infatti, in considerazione del costo
irrisorio per ogni singolo trattamento, le aziende produttrici non hanno ritenuto di alcuna convenienza economica avviare, presso il Ministero per la salute, l'iter di registrazione per l'autorizzazione all'uso di questa molecola, quale presidio sanitario per il controllo della varroatosi. Pertanto questo tipo di trattamento pu essere effettuato solamente sotto stretto controllo veterinario. Vi
comunque da aggiungere che, proprio in considerazione del basso impatto ambientale di questo
composto, l'acido ossalico viene enumerato fra i principi attivi che possono essere utilizzati in apicultura biologica e che, in virt della sua enorme diffusione in natura, soprattutto nel mondo vegetale, stato inserito (Reg. CE n. 546 del 24 marzo 2004) fra i composti per i quali non esiste un limite massimo dei residui per gli alimenti di origine animale. il pi elementare fra gli acidi dicarbossilici, essendo formato da due soli atomi di carbonio. Alla temperatura ambiente di 20C, si presenta
sotto forma di cristalli bianchi o incolori e con un odore caratteristico; la sua solubilit in acqua, a
questa temperatura, pari a circa il 10%. Essendo una molecola fortemente igroscopica, cristallizza naturalmente nella forma diidrata, inglobando nei cristalli due molecole di acqua (per questo
detta "acqua di cristallizzazione") per ciascuna molecola di acido, andando a costituire un sistema
di cristallizzazione ordinato. questa la forma pi stabile e pi facilmente reperibile in commercio
a costo contenuto. Questa formulazione (chimicamente determinata dalla formula
C2H2O4*2H2O ovvero HOOCCOOH*2H2O) anche quella di maggiore peso molecolare
(126,06544), sommando al peso dell'acido ossalico (90,03488) quello di due molecole di acqua
(2x18,01528). L'acido ossalico esiste sul mercato anche nella forma anidra, priva di acqua (chimicamente determinata dalla formula C2H2O4 -vedi scheda "Trattamento antivarroa con acido ossalico sublimato"- e dal peso molecolare pari a 90,03488) ed in forma monoidrata (chimicamente
determinata dalla formula C2H2O4*H2O e dal peso molecolare pari a 108,05016). Se, ad esempio, si indica l'utilizzo di 100 grammi di ossalico diidrato, disponendo della forma monoidrata se ne
devono pesare solo 83,3 grammi mentre della forma anidra appena 71,4 grammi. Qualora si faccia riferimento a 80 grammi di diidrato, la quantit di monoidrato pari all'83,3% (66,6 grammi)
mentre quella di anidro al 71,4% (57,1 grammi). Qualora non si specifici a quale forma ci si riferisca, si consideri che uso comune, anche fra i chimici, richiamare la forma pi comune di cristallizzazione; nel caso specifico, per "acido ossalico" si intende la forma diidrata.
L'acido ossalico normalmente presente in natura, raggiungendo valori superiori ai 4 grammi per
chilogrammo di sostanza secca in specie vegetali quali il cacao, il rabarbaro e gli spinaci. Nel miele
rintracciabile in concentrazioni assai variabili, passando dai circa 300 milligrammi per chilogrammo di miele di melata di Metcalfa pruinosa ai circa 20-30 milligrammi per chilogrammo di miele di
agrumi, asfodelo, rododendro, lavanda, corbezzolo e tarassaco. Valori inferiori si riscontrano nei
mieli di acacia e colza.
L'acido ossalico stato classificato da Koeniger (1984) fra le sostanze nocive per la varroa e le api,
mentre i suoi effetti negativi sui parametri riproduttivi nelle femmine di varroa sono stati evidenziati successivamente da Zamazi e Grobov (1987). La tossicit dell'acido ossalico commisurata, per
il ratto maschio, pari ad una DL50 di 475 (270-615) milligrammi per chilogrammo di peso.
Nell'uomo essa spesso rapportata ad un valore prudenzialmente inferiore, pari a 375 milligrammi per chilogrammo. Rapportata ad un individuo di circa 70 chilogrammi di peso, pertanto pari
a circa 26 grammi, valore che equivale all'ingestione istantanea di circa 85-90 chilogrammi di miele
di Metcalfa pruinosa o di 1035 chilogrammi di miele di agrumi. Per quanto attiene la sicurezza
durante la sua manipolazione, considerato che essa avviene normalmente in ambienti aperti e
ventilati, l'unica raccomandazione quella del semplice ricorso a guanti in lattice ed eventual-

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

mente a mascherine antipolvere. Per una maggiore protezione delle vie respiratorie, si possono
indossare maschere filtranti del tipo FFP2SL (EN149) o maschere in gomma con filtro antipolvere P2SL (EN143). Gli occhi possono essere difesi dal contatto con le polveri mediante comuni
occhiali protettivi.
Gli effetti dell'acido ossalico sulla Varroa destructor sono stati individuati sin dagli anni '80, periodo nel quale sono state sperimentate e sottoposte a controllo diverse tecniche di somministrazione: per nebulizzazione (Popov e altri, 1989); per fumigazione mediante riscaldamento dell'acido formico (Okada & Nekane, 1987); per spruzzatura di soluzioni a basso contenuto di acido
sulle api adulte (Radetzki e altri, 1994; Nanetti e altri; Imdorf e altri, 1995), per sgocciolamento di
soluzioni zuccherine sulle api fra i telaini (Nanetti e Stradi, 1997). Alcune di queste tecniche
hanno mostrato livelli di efficacia elevati, sebbene le differenti condizioni ambientali delle prove
sperimentali rendano difficile la comparazione diretta dei risultati. Sulla tossicit nei confronti
delle api, in letteratura non si hanno segnalazioni che ne limitino l'impiego. A tutt'oggi, le sperimentazioni condotte in Germania (Radetzki e altri, 1994), in Svizzera (Imdorf e altri, 1995) ed in
Italia (Nanetti e altri, 1996), non hanno evidenziato la comparsa di effetti indesiderati sulle api, a
seguito di somministrazioni di acido ossalico, alle concentrazioni ed alle differenti tipologie di
somministrazione normalmente impiegate. Test di tossicit dell'acido ossalico sono stati condotti su adulti e pupe di alveari trattati e non. stata comparata l'attivit dell'enzima Glutathione Stransferasi (GST), appartenente al gruppo degli enzimi detossificanti, prima e dopo il trattamento. Sembra che, alle normali dosi di impiego, l'acido ossalico sgocciolato non comprometta il
sistema digestivo ne indebolisca l'attivit detossificante contro le sostanze dannose. stata inoltre comparata l'azione dell'acido ossalico (a reazione acida) con l'ossalato di potassio (a reazione neutra). L'impiego dell'ossalato si dimostrato di scarsa efficacia. Sembra che la reazione
acida della soluzione sia di assoluta importanza, anche se rimane tuttora non chiarita l'azione
dell'acido.
Acido ossalico - soluzione per trattamento con nebulizzazione. Rappresenta un metodo di somministrazione generalmente riservato agli apicultori con pochi alveari. Il trattamento
viene effettuato bagnando con uno spruzzatore le api, distribuendo 3 millilitri di soluzione per
facciata di favo popolato. Prima dell'intervento necessario verificare la quantit spruzzata
mediante l'impiego di un recipiente graduato. Il vantaggio di questo metodo riconducibile ai
minori quantitativi di acido ossalico impiegati e, quindi, ai minori rischi di tossicit per le api e di
inquinamento per il miele ed il polline. Permette inoltre di controllare a fondo la colonia, in prossimit dell'invernamento. Il trattamento classico prevede l'uso di una soluzione composta da 28
grammi di acido ossalico diidrato (ovvero 23,3 grammi di monoidrato o 20,0 di anidro) sciolto
in 1 litro di acqua distillata. Alcuni apicultori preferiscono somministrare soluzioni con concentrazioni pi elevate, fino a 35-40 grammi di acido per litro d'acqua.
In assenza di covata opercolata le sperimentazioni danno una percentuale di efficacia compresa fra il 90 ed il 99,5%. In presenza di covata ogni singolo trattamento elimina non pi del 1520% del totale delle varroe presenti all'interno dell'alveare, non dimostrandosi efficace nel controllare l'incremento della popolazione di acari.
Occorre infine sottolineare come, in bibliografia, si faccia riferimento a dosi ancora pi elevate,
da nebulizzare esclusivamente in assenza di covata: fino a 100 grammi di acido ossalico diidrato per litro d'acqua distillata.
Acido ossalico - soluzione per trattamento con sgocciolamento. In Italia, sin dalla prima

Schede tecniche di apicultura

Glossario

diffusione dell'impiego dell'acido ossalico nella lotta alla Varroa destructor, la formulazione che ha
trovato piena diffusione stata quella che prevede la distribuzione dell'acido diidrato in soluzi
zuccherine al 50%, nella dose di 100 grammi di ossalico ed 1 chilogrammo di zucchero in 1 chilogrammo (o litro) acqua distillata. Tale dosaggio stato invero proposto empiricamente, senza un
suffragio ottenuto da prove sperimentali.
Specifici lavori condotti in altri Paesi europei (Finlandia, Germania, Italia Norvegia, Svezia e Svizzera)
fra differenti concentrazioni di acido ossalico (0%, 2,1%, 3,2% e 4,2%) e soluzioni zuccherine a
diversa concentrazione (0%, 30%, 60% and 70%), hanno dimostrato la maggiore efficacia della formulazione con acido ossalico al 4,2%, con valori oscillanti dal 90,3% al 97,8%. Ci non di meno si
potuto osservare come concentrazioni del 3,2% hanno fornito risultati del tutto simili a quelli ottenuti con concentrazioni superiori. Al contrario, concentrazioni inferiori (pari al 2,1%) non portano
a mortalit della varroa sufficienti a contrastarne lo sviluppo delle popolazioni. La presenza dello
zucchero sembra essere necessaria, dato che la sua assenza porta a risultati scadenti. Comunque,
concentrazioni del 30% potrebbero essere sufficienti, dato che le differenze con concentrazioni
superiori (fino al 60%) non producono differenze significative.
Con poche eccezioni, la mortalit delle api risultata normale, per quanto alcuni lavori hanno
potuto dimostrare l'indebolimento delle colonie, indebolimento protrattosi fino alla primavera successiva. Questi effetti sembrano sparire con concentrazioni del 2,1%. Osservazioni condotte in
Italia, che debbono comunque essere confermate, hanno indicato effetti negativi fino alla primavera con concentrazioni del 4,2% in soluzioni zuccherine a concentrazione del 60-70%. In Olanda
sono state provate due differenti quantit di sgocciolato per telaino popolato, utilizzando concentrazioni dell'acido ossalico pari al 3,6% in soluzioni al 60%: 2,9 millilitri (corrispondenti ai 5 millilitri su
telaino DB) e 2,5 (corrispondenti ai 4,3 millilitri su telaino DB). Il primo si rivelato pi efficace, ma
meno tollerato dalle api.
Qualora si opti per il trattamento per sgocciolatura fra i favi, le formulazioni di impiego sono sostanzialmente riconducibili a tre tipologie classiche: due indicate come "dosi italiane" ed una come
"dose svizzera":
100 grammi di ossalico diidrato ed 1 chilogrammo di zucchero in 1 chilogrammo (o litro) di acqua
distillata, corrispondente ad una concentrazione di acido ossalico del 4,76%;
80 grammi di ossalico e 400 grammi di zucchero in 1 chilogrammo (o litro) di acqua distillata, corrispondente ad una concentrazione di acido ossalico del 5,41%;
35 grammi di ossalico diidrato e 675 grammi di zucchero in 675 grammi (o millilitri i centimetri
cubici) di acqua distillata, corrispondente ad una concentrazione di acido ossalico del 2,62%.
Poich negli ambienti a clima temperato o mediterraneo le soluzioni soprarriportate, indicate come
italiane, hanno mostrato alcuni limiti d'impiego legati all'elevata mortalit delle api mentre scarsamente efficace si dimostrata la dose svizzera, ci si successivamente orientati verso due differenti tipologie di soluzione:
40-60 grammi di acido ossalico diidrato e 600 grammi di zucchero in 1 chilogrammo (o litro) di
acqua distillata;
45 grammi di acido ossalico diidrato in un litro di soluzione zuccherina 1:1 (675 grammi di zucchero in 675 grammi di acqua distillata).
L'efficacia acaricida di questa tipologia di somministrazione si pone vicino ad un valore medio del
95%, oscillando tra l'85 ed il 99,5%. Qualora sia presente covata, i valori medi di caduta tendono a
crollare, attestandosi intorno al 60%, con minimi del 40% circa.
Acido ossalico - soluzione per trattamento gocciolamento. Vedi Acido ossalico - soluzione
per trattamento con sgocciolamento.

Addome. la regione morfologica degli insetti ove, fra gli altri apparati, trova sede quello riproduttore. composto da 11 segmenti, detti uriti, dei quali l'ultimo atrofico o rudimentale. Nelle
classi pi evolute (come gli imenotteri dei quali fa parte l'ape) il numero degli uriti si riduce a 10
per involuzione o modificazione degli ultimi uriti. Ogni urite ha una forma riconducibile ad un
anello. In ognuno possibile distinguere una regione dorsale (urotergo), una regione ventrale
(urosterno) e due regioni laterali, con consistenza membranosa. Gli uriti sono articolati fra di loro
attraverso una membrana intersegmentale
Aggressivit. Carattere ereditario di certe razze o linee di discendenza (ceppi genetici).
L'aggressivit rende difficoltose e a volte impossibili le operazioni di conduzione apistica e, di conseguenza, ha un influenza negativa sulla produttivit. Gli ibridi di api, specialmente di seconda
generazione, manifestano una grande aggressivit, al pari degli ibridi africanizzati dell'America
centrale (api assassine). La mansuetudine un carattere ricercato e selezionato presso le api mellifiche.
Allele. Si definiscono con questo termine i diversi geni che, pur sottintendendo uno specifico
carattere genetico (ad esempio il colore degli occhi), hanno effetti dissimili (occhio castano,
occhio verde, occhio azzurro, ecc.). Gli alleli occupano la stessa posizione sul cromosoma
("locus"). Ogni individuo "diploide" possiede ciascun carattere in doppio, portato da ognuno dei
due cromosomi dello stesso paio. I due caratteri possono essere simili o diversi. Nel primo caso
l'individuo, per quel carattere, si definisce "omozigote", nel secondo viene detto "eterozigote".
Anidride solforosa (SO2). - un composto a base di zolfo, efficace nel controllo della tarma
della cera. Essendo pi pesante dell'aria, occorre effettuare i trattamenti dall'alto. Svolge anche
un'azione nel controllo delle muffe, e pertanto utile nella conservazione del polline. Irritante
per le mucose, gli occhi e le vie respiratorie, occorre effettuare i trattamenti utilizzando apposite
mascherine. inattivo contro le uova e pertanto il primo trattamento deve essere effettuato trascorsi 15 giorni dallo stoccaggio dei favi. In estate ed in presenza di temperature elevate, raccomandabile ripetere l'intervento ogni 20 giorni, allungando gli intervalli al diminuire delle temperature. Qualora si effettui il trattamento attraverso la combustione di dischetti di zolfo, la dose
consigliata di 1 dischetto ogni 4 melari (1 dischetto per un volume di 100 litri). Occorre fare
attenzione a che la cera ed i telaini non prendano fuoco. Utilizzando l'anidride solforosa liquida
(commercializzata in bombolette spray) la dose consigliata di 2,5 grammi di anidride solforosa
(SO2) per melario che si raggiunge irrorando il volume di 100 litri (circa 4 melari) per 4 secondi. L'uso dell'anidride solforosa liquida non comporta alcun rischi di incendio.
Antibiotico. Originariamente con il termine di antibiotico veniva indicata una sostanza di origine naturale, prodotta da microrganismi, in grado di uccidere altri microrganismi di specie
diverse. Attualmente con tale termine si suole indicare un farmaco, di origine naturale o sintetica, capace di rallentare o bloccare (o di eliminare del tutto) la proliferazione di agenti patogeni
sensibili a quello specifico formulato. Pertanto gli antibiotici possono essere o ad azione batteriostatica o ad azione battericida. La scoperta, in vero del tutto casuale, avvenne nel 1928 da
parte del biologo e farmacologo Alexander Fleming, che not come una sostanza secreta dal
fungo Penicillium notatum (da Fleming denominata penicillina) fosse in grado di contrastare lo
sviluppo di alcune colture batteriche. In seguito Howard Florey ed Ernest Chain isolarono la
penicillina pura, potendone cos sperimentare gli effetti sull'uomo. Per tale motivo, essi vennero
insigniti del premio Nobel nel 1945.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Glossario

Ape regina. l'unico individuo adulto di sesso femminile, fertile, all'interno di una colonia di api.
Si sviluppa in una particolare celletta a forma di cupolino, ove le api operaie depositano un uovo
fecondato, nel caso in cui l'alveare si predisponga alla sciamatura. Nel caso in cui la famiglia si ritrovi in uno stato di orfanit, la cella reale viene invece approntata intorno ad una larvetta giovane,
selezionata dalle stesse operaie. Sin dallo stadio di larva, l'ape regina viene nutrita con sola pappa
reale, raggiungendo lo sviluppo completo delle gonadi. Una famiglia divenuta orfana e che non
dispone di larve di meno di tre giorni di et, non in grado di allevarsi una nuova regina. In essa,
in assenza di feromone reale, alcune api operaie acquistano la possibilit di deporre uova. Tali uova
ovviamente, non fecondate, danno origine a soli fuchi. Un'ape regina vergine, che non si ancora accoppiata, presenta un addome non sviluppato e pertanto non facilmente individuabile attraverso l'ispezione di un telaino. Sembra, inoltre, che le api regine vergini emettano poco feromone
reale e che pertanto, spesso, non vengano riconosciute dalle api operaie. Per questo motivo, un'ape regina vergine, nelle sue prime ore dopo l'emergenza dalla cella reale, pu essere introdotta in
un alveare orfano ed essere accolta, mentre un'ape regina fecondata viene di solito riconosciuta
come estranea ed eliminata dalle operaie pi anziane. Raggiunta la maturit sessuale dopo circa
una settimana, la regina compie il suo unico volo nuziale, accoppiandosi con una decina di fuchi.
Il periodo dell'accoppiamento non supera i dieci giorni. Se in questo lasso di tempo la regina non
in grado di compiere gli accoppiamenti (ad esempio a causa del maltempo) e non si feconda,
inizia comunque la sua attivit di ovideposizione, deponendo per solamente uova maschili. Si
pu verificare anche il caso di un accoppiamento con un numero di fuchi insufficiente. In questo
caso l'ape regina tratterr nella propria spermateca una scarsa quantit di spermatozoi, potendo
divenire fucaiola entro poco tempo. Di norma, fecondata regolarmente, la regina resta fertile
mediamente per non meno di tre anni. Ove i cicli di ovideposizione siano molto intensi, come nei
climi temperati mediterranei, la regina pu mantenersi fertile per periodi pi brevi. Lo stesso si verifica per il ciclo vitale. Esso dura non pi di cinque anni in situazioni normali, ma ove l'attivit riproduttiva della regina sia pi intensa, pu non superare i tre anni. Una regina adeguatamente nutrita e ben fecondata pu deporre oltre 3.000 uova al giorno. In un paio d'ore depone tante uova
quanto il peso del proprio corpo. Per tutta la sua esistenza viene accudita da giovani api operaie
nutrici che la circondano costantemente. Leccandone il corpo, le api operaie assimilano il feromone reale che inibisce la capacit di ovideposizione delle stesse operaie e mantiene coesa la colonia. Il feromone reale, attraverso la trofallassi, viene veicolato a tutti i componenti dell'alveare. In apicultura da reddito, l'ape regina viene comunque sostituita annualmente.
Apiguard. Sulla base dei risultati di una ricerca condotta da Marco Lodesani ed altri nell'estate
del 2007, risulta di assoluta importanza garantire un adeguato volume d'aria sopra la vaschetta utilizzata per la distribuzione dell'Apiguard. Tale spazio facilita sia la circolazione dell'aria e sia il contatto delle api con il gel. Con il solo spazio d'api (pari ad un volume di 1.181 centimetri cubici), l'efficacia media del prodotto del 78,3% (4,62). Inserendo una cornice pari a quella dell'apiscampo (o rovesciando un coprifavo basso), si crea un volume di 5.179 centimetri cubici, facendo elevare l'efficacia media del prodotto all'87,6% (2,45). Rovesciando un coprifavo alto, il volume sopra
la vaschetta sale a 12.084 centimetri cubici mentre l'efficacia media del prodotto raggiunge il
92,4% (0,91).
Api di casa. Con questo termine ci si intende riferire alle api adulte che non sono ancora giunte
allo stadio di bottinatrici. Queste, non avendo ancora effettuato alcun volo, possono essere spostate da alveare ad alveare. Le api di casa possono essere rinvenute in gran numero su favi sui quali
necessaria la loro presenza. Su un favo contenente larvette con meno di tre giorni di et sono

presenti soprattutto api operaie nutrici (da 4 a 10 giorni di et), mentre un foglio cereo viene
lavorato da api ceraiole (da 10 a 16-18 giorni di et). Pertanto, prelevando da un alveare uno di
questi favi per scrollarne le api in un altro, possibile rinforzare la colonia ricevente. Infatti se si
dovessero spostare da un alveare ad un altro delle api bottinatrici, queste farebbero ritorno all'alveare donatore, rendendo cos vana questa operazione.
Apiscampo. un particolare dispositivo che permette di allontanare le api dal melario. Si infatti osservato che le api non stazionano stabilmente nei melari, ma si spostano freneticamente fra
questa zona ed il nido e viceversa.. L'apiscampo permette la discesa delle api dal melario al nido,
ma non viceversa. Dal suo inserimento (fra i melari che necessario rimuovere e la parte sottostante -nido ed eventuali altri melari), sono sufficienti poche ore affinch i melari si spopolino e
possano essere prelevati per la smelatura. Esistono sul mercato due tipi fondamentali di apiscampo: rotondo e a stella. Per un suo corretto utilizzo necessario verificare che porzioni di favo
non ostruiscano i fori di ingresso e di uscita delle api.
Apitol. un presidio sanitario a base di cimiazolo, prodotto dalla Ciba-Geigy. Deve essere impiegato in assenza di covata. Per l'impiego si diluiscono 2 grammi di prodotto in 100 millilitri di sciroppo zuccherino (al 20%). La soluzione deve essere preparata al momento dell'uso. Una volta
eliminati i ponti di cera, sulle api, fra gli spazi interfavo, si fanno sgocciolare 5 millilitri di soluzione per telaio coperto di api. Il trattamento deve essere fatto in assenza del melario e con temperature superiori a 10C; comunque ove non sia formato il glomere. L'efficacia pari al 95%
con valori anche prossimi al 99%, per quanto si siano verificati frequenti casi di farmaco resistenza da parte della varroa.
Aploide. Si dice di un individuo le cui cellule contengono solo la met del numero di cromosomi abituali per la specie (n anzich 2n cromosomi).
Aplotipo. Con questo termine si suole indicare particolari "sottospecie" accomunate dal fatto
che presentano due o pi alleli, strettamente associati su un cromosoma, generalmente ereditati come un'unica unit. Aplotipi differenti sono generati da un unico aplotipo ancestrale, per
effetto di mutazioni di singoli alleli. I prodotti di questo meccanismo evolutivo possono essere
correlati attraverso la filogenesi. Pi aplotipi, differenziatisi per mutazioni successive dei differenti
alleli, possono essere raggruppati sulla base dell'unico progenitore, formando un "aplogruppo".
Armatura dei telai. La tipologia normalmente utilizzata dagli apicultori per armare i telaini prevede la disposizione di 6 fili in verticale, con un consumo di circa 3 grammi di filo per i telaini da
nido e di 2,2 per quelli da melario. Nel caso dei telaini da nido sono per utilizzate altre tipologie di armatura. Nel caso si opti per i 7 fili in verticale, il consumo di filo sale a circa 3,3 grammi
per telaio. L'armatura con 3 o 4 fili disposti orizzontalmente necessita rispettivamente di 2,5 o 3
grammi di filo e pertanto ogni rocchetto da 1 chilogrammo sufficiente per armare da 330 (con
4 fili orizzontali) a 400 telaini (con 3 fili orizzontali). Per l'armatura obliqua occorrono circa 3,7
grammi di filo e con 1.000 grammi possibile armare 270 telaini da nido. Nel caso di armature
di tipo misto, il consumo di filo pu accrescersi anche di molto Per il calcolo occorre ovviamente sommare i consumi unitari delle tipologie elementari utilizzate.
Armatura dei telai. La tipologia normalmente utilizzata dagli apicultori per armare i telaini prevede la disposizione di 6 fili in verticale, con un consumo di circa 3 grammi di filo per i telaini da
nido e di 2,2 per quelli da melario. Nel caso dei telaini da nido sono per utilizzate altre tipolo-

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Glossario

gie di armatura. Nel caso si opti per i 7 fili in verticale, il consumo di filo sale a circa 3,3 grammi per
telaio. L'armatura con 3 o 4 fili disposti orizzontalmente necessita rispettivamente di 2,5 o 3 grammi di filo e pertanto ogni rocchetto da 1 chilogrammo sufficiente per armare da 330 (con 4 fili
orizzontali) a 400 telaini (con 3 fili orizzontali). Per l'armatura obliqua occorrono circa 3,7 grammi
di filo e con 1.000 grammi possibile armare 270 telaini da nido. Nel caso di armature di tipo misto,
il consumo di filo pu accrescersi anche di molto Per il calcolo occorre ovviamente sommare i consumi unitari delle tipologie elementari utilizzate.
Bacillus thuringensis. un microrganismo utilizzato per il controllo della tarma della cera.
Prodotta dai laboratori Sandoz, viene commercializzato come soluzione concentrata di B. thuringensis, in flaconi da 120 millilitri o da 1 litro. Questo presidio medico chirurgico, registrato in Italia
con autorizzazione n. 17938 del Ministero della Sanit, contiene la variet aizawai serotipo 7 del
Bacillus thuringiensis, l'unica efficace contro la G. mellonella ed assolutamente innocua per l'uomo e per l'ape. Una sola applicazione mantiene la propria efficacia per circa 8 mesi. Il prodotto
B401 agisce esclusivamente sugli stadi preimaginali della tarma, pertanto deve essere distribuito preventivamente. I favi devono essere asciugati dalle api e quindi riposti in magazzino. Il prodotto commerciale deve essere diluito in acqua al 5%: 1 parte di B401 in 19 parti di acqua. La
diluizione va agitata energicamente ed utilizzata entro le 24 ore. Valutato che, perch sia assicurata una buona protezione, occorre nebulizzare 1,5 millilitri (o centimetri cubici) di preparato per
ogni decimetro quadrato di favo (considerato su una sola faccia), sono necessari circa 32 millilitri
per ciascun favo da nido e 16 per uno da melario. Il prodotto deve essere applicato in modo uniforme su entrambe le facce del favo. Per la distribuzione si impiegano i normali irroratori a pressione, preferibilmente graduati in millilitri (o centimetri cubici). Nel caso non si disponga di un irroratore graduato, indispensabile valutare preventivamente quanti secondi occorrono per la distribuzione dei quantitativi indicati. Per questo si nebulizza il prodotto in una provetta graduata, prendendo nota dei secondi necessari per riempire un volume determinato. Ad esempio, qualora per
riempire una siringa da 10 millilitri (o centimetri cubici) si impieghino 20 secondi, per distribuire 16
millilitri di preparato occorre spruzzare per 32 secondi.
Borsa melaria. Detta anche ingluvie. un organo deputato al contenimento ed al trasporto di
liquidi (acqua o nettare). in comunicazione con l'apparato boccale attraverso la faringe e l'esofago, del quale, anatomicamente, altro non che una dilatazione sacciforme. collegata al resto
dell'apparato digerente da una particolare valvola (detta valvola ad x o proventricolo), formata da
quattro lobi che si chiudono a croce. La sua funzione quella di impedire al nettare di defluire
verso l'intestino (salvo le piccole quantit necessarie all'alimentazione dell'ape) e di filtrarne le particelle solide in esso presenti. Durante il processo di filtraggio, le particelle solide, in esse compresi i
granuli di polline -ed in particolare i granuli di maggiori dimensioni- vengono raccolte in particolari tasche poste alla base dei lobi stessi e, sotto forma di masserelle, espulse nell'intestino medio.
Questa operazione, della durata di circa 15 minuti, si svolge mentre l'operaia effettua il suo volo di
rientro in alveare. Tanto pi sono grandi i granuli pollinici e tanto maggiore la distanza dell'alveare della fonte di nettare, tanto maggiore il grado di pulizia del nettare dal polline. Questo spiega le differenze, a volte assai cospicue, rispetto al contenuto in polline di mieli con medesima origine botanica. Quando piena, la borsa melaria pu contenere fino a 45-70 milligrammi di nettare.
Campero - metodo. una metodologia di lotta biomeccanica per il controllo della varroatosi,
messa a punto da Michele Campero. Pu essere impiegato in primavera poich prevede la sottrazione di covata da fuco, a carico della quale la Varroa destructor svolge preferibilmente il proprio

ciclo biologico. Si basa sull'introduzione nell'alveare di un particolare tipo di telaino, diviso in tre
parti (denominato TIT3), dal quale possibile prelevare, ogni 8 giorni circa, una porzione di favo
contenente covata da fuco opercolata. Nell'ultima versione il telaino TIT3 racchiude tre controtelai (ciascuno con superficie lorda pari ad 1/3 del lume interno del TIT3), armati come un normale telaio da nido. In essi possibile inserire un foglio cereo per covata maschile. I favi, una
volta costruiti, possono essere, anzich eliminati, semplicemente svuotati a turno dalla covata,
con l'ausilio di una forchetta da smelatura. anche possibile uccidere la covata (e quindi la varroa) mettendo la porzione di favo in freezer. In entrambi i casi, una volta lavato, il favo con il suo
controtelaio pu essere reinserito nel telaio TIT3 e riutilizzato per accogliere altra covata a fuco.
Caratteri. L'accezione genetica di questo termine comprende l'insieme di forme e di propriet
che distinguono gli esseri viventi. I caratteri si distinguono in ereditari (trasmissibili) e acquisiti
(non trasmissibili). I caratteri che appaiono per la prima volta sono conseguenti ad una mutazione.
Cartoncino per trattamento con timolo. Esistono differenti tipi di cartoncino, tutti impiegabili per la preparazione di trattamenti a base di timolo di tipo artigianale. Quello che ha fornito i
migliori risultati, come capacit di assorbimento per unit di superficie, stato il TIPO 26 BIANCO VEGETALE SVEDESE, dello spessore di 2,5 millimetri. Altri tipi di cartoncini che possono essere impiegati per questo tipo di trattamento sono: il TIPO 26 BIANCO VEGETALE JUGOSLAVO,
spessore 2,5 millimetri, anch'esso 100% di cellulosa, ma pi grezza rispetto allo svedese; il TIPO
20/AS, spessore 2,4 millimetri; composto da cellulosa ricavata dai quotidiani; il TIPO 136 GREZZO, spessore 1,2 millimetri, anch'esso composto di cellulosa da quotidiani, ma con presenza
minima di materie plastiche; il TIPO TRIPLEX, spessore 1,4 millimetri, con due facce di cellulosa
pi un interno grigio di cellulosa da stampa. Il tipo 26 bianco vegetale svedese, delle dimensioni di 20x6 centimetri, assorbe esattamente 20 millilitri (o centimetri cubici) di soluzione alcolica
contenente 10 grammi di timolo.
Ceppo. L'insieme di individui della stessa stirpe appartenenti a una medesima linea di discendenza e quindi legati fra di loro da un determinato grado di parentela. Sinonimo di stirpe.
Consanguineit. Con il termine di consanguineit si vuole indicare la "vicinanza genetica" fra
due individui. Due individui con un elevato grado di parentela (ad esempio, padre e figlio) dispongono di un patrimonio genetico assai simile (in questo caso uguale per il 50%). Nel caso
delle api, un elevato grado di consanguineit (determinato dall'ottenimento di api regine a partire dallo stesso "materiale genetico" presente nell'apiario) influenza la comparsa di fuchi diploidi
(vedi).
Conteggio della caduta naturale degli adulti di varroa. una metodologia molto facile
ed alla portata di chiunque utilizzi le arnie con il fondo antivarroa. Si tratta di inserire il vassoio in
dotazione, previa l'applicazione di un foglio adesivo -o di un sottile strato di grasso di vaselinache impedisca alle formiche di asportare le varroe cadute. Il numero dei parassiti caduti nelle 24
ore successive (o comunque rapportato a tale intervallo di tempo), moltiplicato per 120-150, fornisce il dato approssimativo delle varroe presenti all'interno dell'alveare.
Conteggio delle varroe ottenute dal lavaggio delle api operaie. un procedimento
molto celere e consiste nel prelevare, dai favi centrali, circa 150-200 api operaie, inserendole in

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Glossario

un vaso di miele da 500 grammi, riempito per circa la met di acqua saponata (si usa normale
sapone liquido per piatti). Agitando il contenitore chiuso, si favorisce il distacco dalle api delle varroe. Queste ultime possono essere facilmente raccolte svuotando il tutto su una rete (o su un'escludiregina, se si lavora in apiario). Il liquido, cos filtrato, deve essere raccolto su un panno chiaro: la rete (o l'escludiregina) tratterr le api mentre il panno chiaro permetter di raccogliere le varroe. In questo modo possibile contare sia le api, sia le varroe. Il rapporto api-varroe non deve mai
andare oltre l'1%. Qualora tale valore sia superiore al 5% necessario eseguire un trattamento
immediato. Fra l'1 ed il 5% possibile rimandarne l'effettuazione fino ad un mese (quando il rapporto sia vicino al 5%) o pi (con percentuali pi vicine all'1%).
Conteggio sequenziale nella covata femminile opercolata. un procedimento piuttosto
laborioso ma molto preciso. Anche questo tipo di monitoraggio deve essere effettuato su almeno
il 10% degli alveari di un apiario. Consiste nell'asportare larve o pupe di covata femminile dalle cellette opercolate dei telaini centrali, effettuando un contemporaneo conteggio delle varroe presenti. necessario effettuare il prelievo su almeno tre telaini di covata opercolata per arnia, scegliendo le celle a caso su tutta la superficie del telaio, non soffermandosi su determinati settori. In
base al numero delle varroe rinvenute si pu effettuare una scelta di rilevanza pratica. Se su 100
celle ispezionate, si contano non meno di 5 varroe, il trattamento deve essere effettuato immediatamente. Se il numero degli acari compreso fra le 2 e 5 unit, la situazione certamente preoccupante, ma il trattamento pu essere rinviato a non pi di 30 giorni. Al di sotto delle 2 varroe ogni
100 celle analizzate, la situazione non desta preoccupazione. Ovviamente non necessario monitorare sempre 100 celle di covata femminile: se, ad esempio, gi nelle prime 20-30 celle possibile isolare 3 o 4 varroe, deve essere comunque subito eseguito il trattamento.
Cura della fame. Si tratta di una modalit di cura a lungo prescritta per la terapia della peste americana. Per quanto la sua efficacia nel controllo di questa patologia non sia assolutamente garantita, essa ritenuta, a ragione, un ottimo sistema per ripulire l'apparato digerente delle api da
microrganismi patogeni. Consiste nel trasferire le sole api adulte di un alveare infetto in una arnietta vuota e ben aerata, procedendo nel contempo alla loro alimentazione con una soluzione zuccherina arricchita di nutrienti proteici. Dopo circa 48 ore, le api possono essere nuovamente travasate in un'arnia fornita di soli fogli cerei. Questa tecnica permette alle api di espellere dal proprio
apparato digerente la quasi totalit di eventuali agenti patogeni presenti o comunque di ridurre la
carica microbica a concentrazioni tale da non sviluppare stati patologici.
Data di scadenza. Stabilisce il preciso limite temporale entro il quale un alimento preconfezionato, ad elevata deperibilit microbiologica, deve essere consumato. La data di scadenza viene
indicata con la dicitura "Da consumarsi entro...", seguita da una data composta dal giorno e mese.
Il consumo di un alimento scaduto pu costituire un rischio elevato per la salute umana. Oltre la
data indicata sulle confezioni, l'alimento non vendibile.
Deriva. Si verifica quando alcune api operaie, sbagliando nel fare ritorno nel proprio alveare,
entrano nell'arnia limitrofa. La deriva pu assumere valori significativi, qualora nell'apiario manchino elementi necessari alle api per meglio localizzare la propria famiglia: grosse piante, massi, ecc.
indispensabile colorare le arnie differentemente, disponendole casualmente ed evitando la ripetizione periodica dei colori fra le stesse.
Disposizioni legislative sulla distanza minima per gli apiari. Secondo quanto disposto dalla

Legge 24 dicembre 2004, n. 313 "Disciplina dell'apicoltura", art. 8, "...gli apiari devono essere collocati a non meno di dieci metri da strade di pubblico transito e a non meno di cinque metri dai
confini di propriet pubbliche o private. Il rispetto delle distanze di cui al primo comma non
obbligatorio se tra l'apiario e i luoghi ivi indicati esistono dislivelli di almeno due metri o se sono
interposti, senza soluzioni di continuit, muri, siepi o altri ripari idonei a non consentire il passaggio delle api. Tali ripari devono avere una altezza di almeno due metri. Sono comunque fatti
salvi gli accordi tra le parti interessate. Nel caso di accertata presenza di impianti industriali saccariferi, gli
apiari devono rispettare una distanza minima di un chilometro dai suddetti luoghi di produzione".
Distanziatori Hoffman. Per mantenere la giusta distanza fra i telaini, nelle arnie vengono
generalmente inchiodate particolari lamelle (distanziatori) con incisi gli alloggiamenti per ciascun
telaino. per possibile ispessire superiormente i legni verticali dei telaini per far si che essi,
venendo a contatto, permettano che venga rispettata sempre la distanza prestabilita fra un
foglio cereo e l'altro. Questo modello di telaino viene detto "Hoffman". In commercio esistono
particolari dispositivi di plastica (i distanziatori Hoffman) che, applicati ai legni verticali dei comuni telaini, assolvono allo scopo sopraddescritto.
Doppio melario. Con questo termine si suole indicare l'insieme di due melari sovrapposti, svuotati dei telaini specifici. Tale "corpo" pu essere posizionato al di sopra del nido ed in esso possibile inserire favi da nido. L'impiego dei "doppi melari" si rende utile per immagazzinare provvisoriamente i favi del nido carichi di miele che, per questo motivo, non possono essere sfruttati
dalle api per l'espansione della covata. Questi favi possono essere successivamente reinseriti nei
nidi o smelati in un'unica tornata o impiegati per la formazione di nuclei.
Dose letale. Con tale termine si intende indicare la dose di principio attivo necessaria ad uccidere un determinato numero di animali da laboratorio. Il 50% se si fa riferimento alla DL50.
Escludiregina. un dispositivo a griglia, utilizzato per confinare la regina nel nido, evitando in
questo modo la presenza di covata nei favi del melario. Sfruttando le diverse misure morfologiche fra l'ape regine (di dimensioni maggiori) e le operaie, l'escludiregina permette solamente il
passaggio di queste ultime. La sua presenza, sebbene utile per i motivi suesposti, pu ostacolare in modo significativo la deposizione del miele nel melario, favorendone un maggior accumulo nel nido. Per questo motivo l'uso dell'escludiregina spesso oggetto di discussione tra gli
apicoltori. Una prova sperimentale effettuata da Aulo Manino, Marco Porporato e Augusto
Patetta negli anni 2004 e 2005, ha messo a confronto un gruppo di otto famiglie in arnie
Dadant-Blatt da nomadismo a 10 favi dotate di escludiregina con altrettante famiglie prive di
escludiregina. Per ciascuna famiglia stata pesata la quantit totale di miele smelato e, da aprile a ottobre, sono stati valutati, con cadenza quindicinale, il numero di api adulte, di celle di covata da operaia e da fuco, di celle reali, di celle contenenti polline nonch la quantit di miele presente nel nido. I risultati ottenuti sono stati sottoposti all'analisi della varianza a due vie, la quale
non ha evidenziato differenze statisticamente significative fra i due gruppi per quanto riguarda
lo sviluppo delle famiglie e la produzione di miele. Al contrario le scorte di miele sono risultate
superiori negli alveari dotati di escludiregina e le scorte di polline sono state pi abbondanti negli
alveari privi. Pertanto, sulla base di questa sperimentazione, sembrerebbe potersi affermare che
l'uso dell'escludiregina non interferisca n con lo sviluppo delle famiglie n con la produzione di

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Glossario

miele. Tuttavia, potendo provocare il parziale blocco della covata, pu richiedere maggiori attenzioni nella gestione delle colonie.
Fase foretica. Il ciclo della varroa si sviluppa in due fasi: la fase foretica, nella quale la varroa vive
sulle api adulte, e la fase riproduttiva, durante la quale l'acaro si trova sulla covata opercolata. Il rapporto fre le due fasi strettamente legato al periodo. Durante la stagione fredda, gli acari stazionano per la quasi totalit sulle api adulte, mentre durante la stagione primaverile questo rapporto
si sposta in modo significativo: circa i 2/3 dell'intera popolazione di varroa si trova nella covata
opercolata ed appena 1/3 sulle api adulte.
Favi vecchi o deformati. L'operazione di sostituzione di questi favi, di norma pu essere resa
possibile posizionandoli, al momento dell'invernamento, ai lati estremi del nido, in modo tale che,
all'inizio della stagione produttiva successiva, possano risultare vuoti. Sovente, per, qualora la stagione invernale abbia un decorso climatico piuttosto mite, le api non sono in grado di consumare tutte le scorte immagazzinate in questi favi. Occorre comunque allontanarli o inserirli provvisoriamente in "corpi nido" formati da due melari vuoti sovrapposti (vedi doppio melario), in attesa
della smelatura.
Favo caldo. Si ha quando i favi sono disposti parallelamente alla parte frontale dell'arnia e, quindi, all'ingresso. Questa disposizione ostacola il normale ricambio dell'aria all'interno dell'alveare,
favorendo il riscaldamento della colonia. Per questo motivo tale configurazione viene adottata in
ambienti a clima freddo o nel caso di allevamento di colonie composta da un numero ridotto di
api.
Favo freddo. Si ha quando i favi sono disposti perpendicolarmente alla parte frontale dell'arnia e,
quindi, all'ingresso. Questa disposizione facilita il normale ricambio dell'aria all'interno dell'alveare,
favorendo il deflusso del calore. Per questo motivo tale configurazione viene adottata in ambienti
a clima caldo o nel caso di allevamento di colonie composta da un numero elevato di api.
Feromone reale. Con il termine di feromone reale si intende una sostanza secreta da particolari
ghiandole (le ghiandole mandibolari) ubicate nel capo della regina. Il feromone reale costituisce il
mezzo di comunicazione della regina con l'insieme della colonia. Esso viene assimilato dalle giovani operaie costituenti la sua corte, in un lasso di tempo relativamente breve (da 30 a 120 secondi) e trasferito cos al resto delle api attraverso la trofallassi. La quantit media presente in ogni
momento nella ghiandola della regina viene commisurato come "regina equivalente" (Qeq). Esse
ne possono secernere quantit comprese tra 0,2 e 2,0 Qeq/giorno. L'azione del feromone reale
produce due effetti, entrambi determinanti per l'unit della societ delle api: uno impedisce la
costruzione di celle reali naturali e inibisce lo sviluppo degli ovari delle operaie; l'altro assicura la
coesione della colonia. Il feromone reale una miscela di cinque componenti, tre acidi organici e
due composti aromatici. Pu essere sintetizzato in laboratorio, ma affinch possa riprodurre i suoi
effetti, il prodotto di sintesi deve contenere tutti e cinque i suoi componenti al pari del feromone
naturale. I singoli componenti sono inattivi se testati individualmente, ma anche la mancanza di
uno solo ne riduce l'azione attrattiva in misura maggiore del 50%. Il feromone mandibolare altamente attrattivo per le operaie. Gi in presenza di meno di un decimilionesimo del contenuto della
ghiandola mandibolare della regina, le api sono attratte e formano attorno ad essa la corte.

lizzazione sono destinate ad assicurare la corretta e trasparente informazione del consumatore.


Esse devono essere effettuate, secondo quanto stabilito dall'art. 2 del D.Lgs. 23.06.2003 n. 181,
in modo da:
a) non indurre in errore l'acquirente sulle caratteristiche del prodotto alimentare e precisamente sulla natura, sulla identit, sulla qualit, sulla composizione, sulla quantit, sulla conservazione,
sull'origine o la provenienza, sul modo di fabbricazione o di ottenimento del prodotto stesso;
b) non attribuire al prodotto alimentare effetti o propriet che non possiede;
c) non suggerire che il prodotto alimentare possiede caratteristiche particolari, quando tutti i prodotti alimentari analoghi possiedono caratteristiche identiche;
d) non attribuire al prodotto alimentare propriet atte a prevenire, curare o guarire una malattia umana n accennare a tali propriet, fatte salve le disposizioni comunitarie relative alle acque
minerali ed ai prodotti alimentari destinati ad un'alimentazione particolare.
Tali divieti e limitazioni valgono anche per la presentazione e la pubblicit dei prodotti alimentari.
Foglio cereo. A differenza di quanto succede in natura, nella arnie razionali la costruzione dei
favi avviene su telai mobili, la cui invenzione, anche se antecedente, viene fatta risalire all'americano Lorenzo Lorraine Langstroth nel 1861. Affinch la costruzione dei favi avvenga in modo
regolare all'interno di ogni singolo telaio, l'uomo fornisce alle api un "foglio di cera" con impresse le impronte delle cellette. L'invenzione dei fogli cerei, che segui quella del telaio mobile, fu
merito dell'ebanista bavarese Johannes Mehring nel 1857. Il foglio cereo altro non che una
lamina di cera che reca impresse, in entrambe le facce, il fondo delle cellette e gli abbozzi delle
pareti. Alle api non resta che terminare di assottigliare il foglio (recuperando un po' di cera) ed
edificare le cellette. I vantaggi del fornire un supporto alle api sono diversi. Oltre che di spingere le api a realizzare i loro favi esattamente all'interno dei telai, l'uso del foglio cereo permette
all'allevatore sia di determinare il sesso della covata (vedi), sia di ridurre la produzione di cera da
parte delle api, con la conseguenza di un incremento delle produzioni di miele, considerato che
la cera (sostanza lipidica) un metabolita del miele (sostanza ad elevato contenuto di carboidrati). La determinazione del sesso nelle api segue le modalit della partenogenesi arrenotoca:
un uovo fecondato d origine ad un individuo di sesso femminile, un uovo non fecondato ad
un fuco. Gli stadi preimaginali dei due sessi necessitano, per poter portare a termine la loro metamorfosi, di cellette di dimensioni diverse: i favi da operaia contano da 411 a 427 cellette per decimetro quadrato (per un totale di 822-854 su entrambi i lati); i favi da fuco da 235 a 242 cellette,
per decimetro quadrato su ogni singola faccia (per un totale di 470-484 su entrambi i lati).
Pertanto, l'impiego di fogli cerei con impronte con apotema dell'esagono pari a 2,60-2,70 millimetri porta alla costruzione di favi da operaia; l'impiego di fogli cerei con impronte di maggiori
dimensioni (apotema dell'esagono pari a 3,45-3,50 millimetri) porta alla realizzazione di favi da
fuco. La cera viene prodotta dalle api operaie di casa con un'et compresa fra i 10 ed i 16-18
giorni, da quattro paia di ghiandole ceripare, situate nella parte ventrale dell'addome, in corrispondenza degli uriti dal 4 al 7. Le cellule che compongono le ghiandole ceripare secernono
una sostanza fluida che si raccoglie su due larghe aree laterali, ovoidali e traslucide del prosterno (non sono visibili esternamente poich ricoperte dalla parte posteriore dell'urosterno precedente), dette specchi. Sugli specchi, la cera si rapprende in scagliette dello spessore di circa 0,5
millimetri per una superficie di circa 2 millimetri quadrati e del peso di circa 0,8 milligrammi.
Occorrono circa 1.250.000 scagliette per un chilogrammo di cera, con un consumo complessivo di miele pari a circa 10 chilogrammi.

Finalit dell'etichettatura dei prodotti alimentari. L'etichettatura e le relative modalit di reaReg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011
Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Glossario

Fucaiola - ape operaia. L'ape regina rappresenta l'unica possibilit di sopravvivenza della colonia poich l'unica femmina fertile al suo interno. Allorch questa venga a mancare, e non sia possibile allevare altre regine in sua vece (ad esempio, nel periodo invernale, quando l'ape regina
muore e non vi covata per la sua sostituzione oppure in primavera qualora, durante il volo di
fecondazione venga catturata da un predatore quale, ad esempio, un ragno od un uccello), le api
operaie, private del feromone reale, acquistano la possibilit di ovideporre. Non essendo per
fecondate, esse sono in grado di generare esclusivamente maschi. La covata fucaiola di operaia
facilmente riconoscibile: le uova sono deposte sui bordi delle cellette (non disponendo, le api operaie, di un addome di lunghezza adeguata) e nelle cellette possono trovarsi pi uova, deposte da
pi operaie "fucaiole" che possono coabitare all'interno dello stesso alveare.
Fucaiola - ape regina. Il ciclo biologico che porta dall'uovo all'ape regina adulta si conclude in
16-17 giorni, quando sfarfalla l'insetto perfetto. Raggiunta la maturit sessuale dopo circa 5-7 giorni, la regina compie il volo di fecondazione, normalmente durante la settimana successiva. Se tutta
va bene, la prima covata pu essere individuata entro 12-14 giorni dallo sfarfallamento. Al contrario, se le condizioni atmosferiche non lo permettono e la regina non pu fecondarsi entro le tre
settimane successive alla nascita, perde l'estro dando comunque inizio alla ovideposizione. Non
essendo stata fecondata in grado per di originare una progenie di soli maschi, diventando cos
"fucaiola". Le uova di una regina fucaiola non sono deposte in modo diverso da come un'ape regina normalmente fecondata avrebbe fatto: per tale motivo l'apicultore si pu rendere conto dello
stato di fucaiola della regina solo al momento dell'opercolatura delle celle, in quanto quelle che
contengono fuchi hanno gli opercoli pi sporgenti rispetto a quelle delle operaie.
Fuco. Con questo termine vengono indicate le api di sesso maschile. Il loro compito esclusivo
quello di garantire la fecondazione dell'ape regina. per accertato che essi svolgono anche altri
compiti all'interno dell'alveare, interferendo comunque nei complessi fenomeni biologici che ne
regolano la vita. Pare, ad esempio, che la loro secrezione mandibolare possa fungere da acceleratore per l'avvio dell'attivit sciamatoria. A differenza degli individui di sesso femminile, la loro vita
non strettamente legata alla colonia di nascita, ma possono migrare, durante tutto l'arco della
loro vita, di colonia in colonia, spostandosi anche per decine di chilometri. Rappresentano, per questo motivo, i principali vettori naturali delle avversit delle api.
Fuco diploide. Come noto, i fuchi si sviluppano da uova non fecondate, ed il loro corredo cromosomico quindi aploide, costituito soltanto da 16 cromosomi. Nelle femmine e cio nella regina e nelle operaie, che si sviluppano da uova fecondate, invece il corredo cromosomico doppio
(diploide), costituito da 16 coppie di cromosomi. Il fenomeno inerente lo sviluppo di uova non
fecondate prende il nome di partenogenesi. Qualora, come nel caso delle api, dalle uova non
fecondate nascano individui di sesso maschile, la partenogenesi viene meglio definita come partenogenesi arrenotoca; nel caso che si originino individui di sesso femminile, questa verrebbe indicata come partenogenesi telitoca. Nelle api, il sesso viene determinato da un gene localizzato nel
cromosoma sessuale. I fuchi, nascono da uova non fecondate ed avendo quindi un unico gene
che ne determina il sesso, si dicono emizigoti. Le operaie e la regina, individui diploidi, hanno nel
loro patrimonio genetico due diverse varianti di tale gene, essendo quindi eterozigoti,. Quando
avviene la fecondazione pu accadere che un uovo venga fecondato da uno spermatozoo che
porta una copia del gene per il sesso identica a quello presente nell'uovo. In questo caso si sviluppa un maschio diploide (individuo omozigote); esso viene riconosciuto dalle api operaie, che provvedono ad eliminarlo poco dopo la schiusa dell'uovo.

Fumagillina. Antibiotico utilizzato per la lotta al Nosema. In ottemperanza al Decreto del


Ministero della Salute del 10 luglio 2000 (che lo ha ritirato dal commercio), dal 31 dicembre dello
stesso anno vietata la somministrazione di Fumidil B a tutte le specie animali produttrici di alimenti destinati al consumo umano.
Galleria mellonella. Vedi tarma della cera.
Gelatina reale. La gelatina reale una sostanza di colore bianco e consistenza cremosa, secreta dalle ghiandole ipofaringee e mascellari delle api operaie di et compresa fra i 3 ed i 10 giorni. Tali operaie vengono comunemente indicate come api nutrici. La gelatina reale rappresenta
l'unico alimento per le giovani larve per i primi tre giorni di vita, a partire dal momento della
schiusa dell'uovo, e dell'ape regina, sin dallo stadio larvale e per tutta la durata della sua vita imaginale. Affinch sia possibile la produzione di gelatina reale, le api nutrici devono consumare forti
quantit di polline. La gelatina reale uno degli alimenti pi completi in natura, annoverando
fra i propri componenti proteine ed amminoacidi essenziali, lipidi, zuccheri, vitamine del gruppo
B (in particolare la B5) e vitamine A, C, D ed E, oligoelementi, enzimi e sostanze con azione
ormonale.
Ghiandola ceripara. Nell'operaia, la parte anteriore degli sterniti IV, V, VI e VII presenta lateralmente delle aree lisce, di forma ovale, chiamate comunemente specchi. In numero di 8, si trovano in corrispondenza di altrettante ghiandole ceripare, formate da particolari cellule epidermiche specializzate le quali, fra il decimo ed il diciassettesimo giorno di vita dell'insetto, si ingrossano assumendo una struttura ghiandolare. Queste ghiandole secernono sotto forma liquida la
cera che, depositandosi sugli specchi, solidifica in scagliette. Passati circa 7-8 giorni dall'entrata in
funzione, le ghiandole degenerano e si trasformano in uno strato cellulare appiattito.
Ghiandola ipofaringea. Nell'ape operaia, sono ghiandole deputate alla produzione della
gelatina reale. Situate nel capo, in numero di due, una per lato, hanno l'aspetto di un agglomerato filamentoso come formato da minuscoli acini strettamente ammassati. I loro dotti sboccano
separatamente, mediante due piccoli fori, ai lati della piastra orale, situata sul pavimento della
bocca. Poich tale piastra fa parte dell'ipofaringe, appare pi corretto chiamare queste ghiandole "ipofaringee" e non faringee come spesso avviene.
Ghiandola mandibolare. Sono in numero di due ed il loro dotto fuoriesce alla base della faccia interna di ciascuna mandibola. Nelle operaie ceripare il secreto mandibolare secreto indispensabile per la lavorazione della cera che viene manipolata dalle stesse loro mandibole. Le
ghiandole mandibolari producono anche una frazione della gelatina reale. Nei fuchi queste
ghiandole sono pressoch atrofizzate, mentre nell'ape regina si presentano ipertrofiche e producono il feromone reale (una miscela degli acidi 9-ossodeca-trans-2-enoico e 9-idrossi-2-enoico), responsabile della coesione della colonia e dell'inibizione dello sviluppo degli ovarioli delle
operaie.
Ghiandola di Nasonoff. (Anche nelle altre traslitterazioni: Nasanoff, Nasonov, o Nasonow).
situata sotto la membrana intersegmentale, tra il VI ed il VII urotergo e sbocca nella parte anteriore di quest'ultimo. detta anche ghiandola odorifera poich il suo secreto, fortemente volatile, viene impiegato dalle api per marcare il proprio alveare al fine di facilitarne il ritrovamento alle
bottinatrici, per evidenziare le aree di bottinamento e per favorire l'aggregazione dello sciame e

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Glossario

del glomere invernale.


Ghiandola velenifera. Fa parte dell'apparato del pungiglione ed in realt formata da un gruppo di ghiandole. Le pi importanti sono una grande (formata da due masse ghiandolari), a secrezione fortemente acida, ed una piccola, a secrezione fortemente basica. Produce anche un feromone di allarme che, mescolato al veleno, indica alle altre api dove colpire. La differenziazione di
questa ghiandola continua a partire dalla fuoriuscita dell'ape dalla celletta, ma raggiunge l'apice
del funzionamento quando l'ape diviene bottinatrice (a circa 18-20 giorni dallo sfarfallamento).
Glomere. Con questo termine si suole definire la particolare formazione sferica che le api assumono qualora la temperatura esterna scenda al di sotto dei 10 C. In queste situazioni le api operaie si concentrano fra i favi e le celle vuote, formando una sorta di conchiglia che racchiude uno
spazio interno vuoto a disposizione della colonia. Le api, prima di spostarsi all'esterno del glomere,
ingurgitano notevoli quantitativi di miele che, producendo calore a seguito del processo di digestione, permette loro di resistere a temperature molto rigide. Perch il glomere sia efficiente, le api
devono alternarsi periodicamente nella formazione del glomere. anche necessario che le api
possano reperire il miele all'interno del glomere poich quello che si viene a trovare al suo esterno per loro irraggiungibile. Il diametro del glomere varia in modo direttamente proporzionale
alla forza della colonia (tanto pi essa forte e tanto pi grande il glomere) ed alla temperatura
esterna (tanto pi questa rigida, tanto pi stretto il glomere). Il glomere assume forma sferica
poich la sfera il corpo solido che, a parit di volume, offre la minore superficie esterna: pertanto le api, disponendosi in glomere tendono a ridurre la dispersione di calore.
Ingluvie. Vedi borsa melaria.
Larva. Con questo termine si intende il primo stadio di sviluppo di un insetto, susseguente alla
schiusa dell'uovo (vedi stadio preimaginale). Per quanto attiene l'ape, lo stadio di larva si presenta
in celletta ancora aperta.
Marcatura regina - Impiego dei colori. L'impiego dei cinque colori utilizzati negli anni per la marcatura dell'ape regina non casuale, ma stabilito da una convenzione internazionale. Facendo riferimento agli anni che hanno come ultima cifra lo zero o il cinque (ad es. l'anno 2000 o il 2005) il
colore usato stato l'azzurro; nell'anno immediatamente successivo (rispettivamente il 2001 ed il
2006) il colore impiegato stato il bianco. Di seguito, ed in maniera ciclica, si utilizzano il giallo
(anni con l'ultima cifra 2 o 7), il rosso (anni con l'ultima cifra 3 o 8) ed il verde (anni con l'ultima cifra
4 o 9). Per questo motivo, la marcatura dell'ape regina fornisce anche un utile riferimento circa la
sua et.

occasione della posa dei melari, i telai del melario vanno a poggiarsi sopra i telai da nido, provocando l'uccisione delle api che si trovano sulla parte superiore degli stessi telai da nido. Nel
secondo caso, invece, viene a formarsi un passaggio, fra parte inferiore dei telai da melario e
parte superiore dei telai da nido, di altezza superiore ai 7-9 millimetri, passaggio che le api colmano con costruzioni naturali, generalmente interessate da covata a fuco.
Metamorfosi. Indica il complicato processo di trasformazione attraverso il quale avviene lo sviluppo di molti animali (degli insetti in particolare), sviluppo che termina con lo stato di adulto.
Non in tutti gli insetti, per, avviene tale processo. Quando tutti gli stadi sono morfologicamente simili (e si assiste pertanto a delle semplici mute per il raggiungimento dello stato adulto) gli
insetti vengono definiti insetti ametaboli (ad esempio, i Tisanuri). Gli insetti a metamorfosi incompleta (quando manca lo stadio di pupa) vengono invece definiti come insetti emimetaboli (ad
esempio, gli Ortotteri -come le cavallette- e i Rincoti). Infine, quelli nei quali la metamorfosi completa vengono definiti insetti olometaboli (ad esempio, i Ditteri -le mosche-, i Lepidotteri -le farfalle- e, appunto, gli Imenotteri, ordine al quale appartengono le api).
Mesointestino. Detto anche ventricolo o stomaco. la parte dell'intestino ove avviene la digestione del cibo e l'assorbimento. II mesointestino compreso tra il proventricolo e l'intestino
tenue.
Miasi. Dal greco mia: mosca. Sono infestazioni dell'uomo e degli animali vertebrati, cagionate
da larve di ditteri ciclorrafi a parassitismo obbligato o accidentale, che, per un tempo variabile, si
alimentano su tessuti vivi o morti dell'ospite o con i liquidi corporei di questo, ovvero, se localizzate in sede gastrica, degli alimenti ingeriti. Alcune miasi sono dette occasionali o facoltative, in
quanto i parassiti coinvolti possono svolgere il proprio ciclo biologico indipendentemente da un
ospite vertebrato; altre, invece, sono obbligatorie in quanto ad esse necessita una determinata
specie animale (da www.ilprogressoveterinario.it).
Micosi. Dal greco "miks" (fungo). Con il termine micosi si suole individuare tutti gli stati patologici causati da funghi patogeni. Questi, superando la resistenza offerta delle barriere esterne,
penetrano nel corpo della vittima e qui si sviluppano. Pur potendo colpire sia gli adulti, sia gli
stadi preimaginali (larve e pupe), le principali micosi delle api riguardano questi ultimi. Le pi diffuse sono due: la covata calcificata (dovuta all'Ascosphaera apis) e la covata pietrificata (sostenuta dell'Aspergillus flavus). La propagazione delle spore avviene attraverso gli alimenti infetti o
per contatto. Le pupe si presentano rimpicciolite, mummificate e coperte dalle spore del fungo.
La malattia trova un ambiente ideale per la propria propagazione nei casi di colonie deboli,
invernate male e poco curate e nelle situazioni ambientali ove vi sia ristagno di acqua ed umidit eccessiva.

Maschio diploide. Vedi fuco diploide.


Melario. la parte mobile dall'arnia, deputata ad accogliere i favi per la raccolta del miele. Il melario viene inserito al di sopra del nido, alla ripresa tardo invernale del flusso di nettare. Occorre mettere in evidenza come le diverse ditte realizzino per proprio conto melari di altezze leggermente
differenti. Per tale motivo, negli acquisti dei melari supplementari o dei relativi telai, occorre verificare attentamente le dimensioni delle altezze, al fine di assicurare l'intercambiabilit del materiale
acquistato con quello gi in uso in azienda. Infatti, potrebbe verificarsi il caso di melari troppo bassi
per poter accogliere telai costruiti per essere inseriti in melari pi alti e viceversa. Nel primo caso, in

Nicot - gabbietta per la spedizione e lintroduzione delle api regine. Sono delle gabbiette in materiale plastico normalmente impiegate per la spedizione e lintroduzione delle api
regine.Il loro nome deriva da quello dellazienda che per prima lo mise in commercio: la Nicot.
Ninfa. Indica lo stadio di larva degli insetti a metamorfosi incompleta (detti emimetaboli). In questi insetti la larva (generalmente detta ninfa) grosso modo simile all'adulto, dal quale si distingue, sia perch ancora immatura sessualmente e sia perch ancora priva di ali completamente
sviluppate.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Glossario

Nosemiasi. Indica una malattia il cui agente patogeno un organismo unicellulare appartenente alla classe Microsporidia. genere Nosema. Gli appartenenti a questo gruppo sono parassiti intracellulari obbligati degli insetti. Al genere Nosema appartengono due specie, il Nosema apis ed il
Nosema ceranae, originariamente legati rispettivamente all'Apis mellifera ed all'Apis ceranae.
Recentemente, al pari di quanto avvenuto per la Varroa destructor, sono stati rilevati casi di infezione da Nosema ceranae anche nei confronti dell'Apis mellifera. In questo caso il decorso dell'infezione risulta assai pi grave, portando spesso all'estinzione la colonia colpita. La sindrome da spopolamento di api (nota con l'acronimo CCD o, in Italia SSA), segnalata da molti apicultori europei,
sembra spesso dovuta alla presenza del Nosema ceranae. In questo caso le api infette muoiono in
breve tempo, spesso senza manifestare in alcun modo la tipica sintomatologia dovuta all'attacco
del Nosema apis: spopolamento lento dell'alveare, scarsa mobilit delle api adulte e diarrea.
I Microsporidia sono organismi sporigeni, potendo sopravvivere solo se all'interno di altre cellule. Il
loro modo di invadere la cellula ospite assolutamente unico in natura e rappresenta uno dei
meccanismi biologici di infezione pi sofisticati. Le spore sono dotate di una sorta di lungo tubo
che viene mantenuto arrotolato durante la fase di latenza. Questo condotto pu essere espulso
con un movimento rapidissimo, simile a quello compiuto di una canna da giardino che si svolge
non appena aperto il rubinetto dell'acqua. Qualora il tubo, cos estroflesso, colpisca una cellula vicina, i contenuti della spora sono forzati attraverso tale canale all'interno della cellula stessa. La profilassi, da attuarsi con il mantenimento di famiglie forti e controllate sotto il profilo sanitario, costituisce il mezzo di prevenzione pi importante considerato che, allo stato attuale, non esistono
medicinali veterinari autorizzati.
Nutrizione di soccorso. Detta anche di sostegno, viene fatta per porre rimedio alle crisi alimentari dovute sia per esaurimento delle scorte, sia per carenza di risorse esterne. Si effettua o in autunno, per integrare le provviste a disposizione della colonia per l'inverno, o nel tardo inverno, per far
fronte ad errori di valutazione sulle scorte lasciate a disposizione.
Nutrizione stimolante. Viene fatta per stimolare la deposizione della regina. noto che l'attivit di
quest'ultima in relazione al flusso di nettare. Pertanto, simulando un flusso di nettare si accresce
il ritmo di ovideposizione della regina.
Nutrizione stimolante. Viene fatta per stimolare la deposizione della regina. noto che l'attivit
di quest'ultima in relazione al flusso di nettare. Pertanto, simulando un flusso di nettare si accresce il ritmo di ovideposizione della regina.
Pappa reale. Vedi gelatina reale.
Perizin. Prodotto dalla Bayer, un presidio sanitario a base di coumaphos (o cumafos). Deve essere impiegato in assenza di covata. Per l'impiego si diluiscono 10 millilitri (o centimetri cubici) di prodotto in 500 millilitri (o litro) di acqua. Della soluzione acquosa cos ottenuta, si fanno sgocciolare sulle api (sia sui telaini che negli spazi interfavo) 5 millilitri per ciascun favo coperto di api. Il trattamento deve essere fatto in assenza del melario e con temperature superiori a 5C; comunque
ove non sia formato il glomere. L'efficacia pari al 95% con valori anche prossimi al 100%, per
quanto si siano verificati casi di farmaco resistenza da parte della varroa.
Prepupa. la fase di transizione fra lo stadio larvale e quello di pupa. Nell'ape si ha non appena
la celletta viene opercolata e la larva si dispone longitudinalmente. L'insetto ha ancora caratteristiche simili allo stadio di larva.

Propoli. Il termine viene correntemente usato sia al maschile (il propoli) che al femminile (la propoli). una sostanza resinosa che le api bottinano dalle gemme e dalla corteccia di talune piante. Diverse sono le teorie sulla sua origine. Secondo le osservazioni di Rosch, le api raccolgono
la resina con le loro mandibole, la elaborano mediante tutte le loro zampette e, quindi, la sistemano nelle borse polliniche presenti nel paio posteriore. Durante questa operazione, per evitare di rimanerne invischiate, l'api amalgamano la resina con enzimi propri, con polline rigurgitato e con cera. Questa operazione di manipolazione prosegue anche durante l'utilizzo in alveare della propoli. Il colore pu variare moltissimo, passando da tonalit del giallo, del rosso e del
marrone, fino a quelle del nero. L'odore decisamente aromatico. I generi vegetali pi produttivi, in riferimento alle nostre latitudini, sono il Populus spp, il Salix spp, la Betula spp, l'Alnus spp,
il Pinus spp, l'Abies spp ed il Prunus spp.
Pupa. Indica lo stadio immediatamente precedente a quello di adulto e l'insetto. In questa fase,
assume caratteristiche morfologiche simili a quelle dell'adulto (suddivisione in capo, torace e
addome, presenza delle appendici quali le antenne, l'apparato boccale, le zampe, le ali). In questa fase l'insetto smette di alimentarsi e resta immobile in uno stato di quiescenza. Nelle api questo stadio si svolge all'interno della celletta opercolata.
Regolamento CE n 2377/90. Definisce i limiti massimi dei residui di medicinali veterinari negli
alimenti di origine animale (in essi incluso il miele). Si consideri che sin dal 2000 non possibile
immettere sul mercato alcun farmaco veterinario del quale non si conosca il destino a livello di
prodotto alimentare finito. L'organismo deputato a valutare queste procedure l'Agenzia
Europea per la Valutazione dei Prodotti Medicinali (EMEA) di cui fa parte il Comitato per i
Prodotti Medicinali Veterinari (CVMP) che si occupa specificamente dei medicinali veterinari.
Sulla base dei risultati di studi tossicologici effettuati dalle case produttrici, le sostanze farmacologicamente attive sono state suddivise in quattro diverse classi ed elencate nei rispettivi allegati.
Allegato I: elenco delle sostanze farmacologicamente attive impiegate in medicinali veterinari
per le quali sono stati stabiliti limiti massimi di residui definitivi;
Allegato II: elenco delle sostanze farmacologicamente attive impiegate in medicinali veterinari
non soggette ad un limite massimo di residui;
Allegato III: elenco delle sostanze farmacologicamente attive impiegate in medicinali veterinari
per le quali sono stati stabiliti limiti massimi di residui provvisori in quanto alla scadenza verr
riesaminata la documentazione per stabilire il limite definitivo e il conseguente inserimento
nell'Allegato I;
Allegato IV: elenco delle sostanze farmacologicamente attive impiegate in medicinali veterinari
per le quali non pu essere stabilito alcun limite massimo dal momento che i residui delle stesse
in alimenti di origine animale costituiscono un rischio per la salute del consumatore indipendentemente da un limite. La somministrazione di tali sostanze quindi vietata nell'intera
Comunit.
I prodotti antivarroa cosiddetti "naturali" (acido formico, acido lattico, timolo, eucaliptolo, mentolo, canfora, flumetrina) sono stati inclusi nell'allegato II. L'acido ossalico attualmente utilizzato
come acaricida in apicultura non era stato ancora considerato da questo Regolamento.
Recentemente il Reg. CE n. 546 del 24 marzo 2004 lo ha inserito fra i composti per i quali non
esiste un limite massimo dei residui per gli alimenti di origine animale.
Saccheggio. Con questo termine si indica l'azione svolta da parte delle api di una colonia (saccheggiatrice) di andare a rubare le provviste di miele presso un'altra colonia (saccheggiata). Il

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Glossario

saccheggio, che si manifesta generalmente durante le fasi di stasi produttiva, pu essere di due tipi:
latente e violento. Il saccheggio latente avviene a carico di colonie piuttosto deboli; al contrario, il
saccheggio violento coinvolge pi colonie (spesso forti) potendo arrivare alla distruzione dell'intero apiario. Si pu facilmente riconoscere per il volo frenetico innanzi le arnie, per le lotte cruente
che si svolgono sui predellini fra le operaie e per il forte ronzio avvertibile anche a parecchie decine di metri di distanza dalla postazione. Il saccheggio si deve prevenire evitando di allevare colonie molto deboli ed evitando, durante i periodi di scarsit di flusso di nettare, di disperdere, in prossimit degli apiari, anche solo poche gocce di miele. Qualora il saccheggio violento sia iniziato,
occorre disorientare le api saccheggiatrici, operazione che pu avvenire in modi diversi: riducendo gli ingressi degli alveari (ad esempio disponendo fitte trami di erba e rametti sui predellini delle
arnie) o spruzzando acqua sulle api. Si pu anche chiudere l'arnia saccheggiata e sostituirla con
un'arnia vuota. Se il saccheggio generalizzato all'intera postazione, si pu anche provvedere a
scoperchiare tutti gli alveari in modo tale che siano tutti vulnerabili. Questo fa in modo che le api,
invece che pensare al saccheggio, vengano richiamate a protezione del loro alveare. Una volta terminato il saccheggio, necessario controllare lo stato delle colonie e riparare i danni, eventualmente provvedendo a riequilibrare le famiglie.
Scelta delle larve. La scelta delle larve, unitamente al periodo del traslarvo, assume, secondo
quanto emerge da un lavoro Soczecks (1965) riportato nel testo " Ape regina " di Elio Bailo, importanza notevole per quanto riguarda la qualit delle regine. Dal lavoro emerge che su 12 regine di
sciamatura, 82 regine di emergenza (allevate per fare fronte ad un'orfanit) e 41 regine allevate
artificialmente, il numero di canali ovarici, direttamente correlato con la capacit di ovodeposizione, risulta essere pi elevato nel caso di regine di sciamatura, mentre nessuna differenza possibile riscontrare fra le regine di emergenza (allevate anche durante la stagione di sciamatura) e
quelle allevate al di fuori di questo periodo. Le regine di sciamatura disponevano di ovari formati
da una media di 349 canali ovarici (da 325 a 374); le regine di emergenza da 200 a 357 canali
ovarici (in media 313); le regine di allevamento da 289 a 341 (media 312).
Sciamatura. Con il termine di sciamatura si intende l'abbandono dell'alveare da parte di un gruppo di api operaie, guidate o dalla vecchia regina (sciame primario) ovvero da una o, come spesso
capita, da pi giovani regine vergini (sciami secondari). Solamente in questo modo le api riescono
a propagarsi nell'ambiente. In apicultura razionale, la sciamatura non certamente un evento gradito. Sovente lo sciame viene perso o perch non viene individuato o perch si poggia su un supporto non facilmente raggiungibile o per tanti e diversi altri motivi. Ed anche qualora venga catturato dall'allevatore, la scissione di una colonia durante la stagione produttiva comporta un decremento della produzione globale dell'apiario. Sia la famiglia che ha sciamato, sia lo sciame (una
volta inarniato) necessitano di cure specifiche. La prima, la colonia, necessita di controlli pi frequenti poich non possibile stimare in anticipo a quanti sciami pu dare origine. Inoltre, non
sempre la regina si feconda con successo. Vi da aggiungere che, completata la fase di accoppiamento, essa avr a disposizione uno spazio certamente insufficiente per deporre un numero di
uova tale da rimediare alla crisi post sciamatura, essendo i favi del nido occupati dal miele accumulato durante l'intero periodo interessato dalla sciamatura. I secondi, gli sciami, hanno bisogno
di un accudimento continuo da parte dell'apicultore, perch possano costruire i favi al meglio e
perch venga evitato che nei favi, appena costruiti, del nido venga deposto miele il quale rischierebbe di deformare i favi stessi sin dai primi caldi tardo primaverili.
Sciame - Tecniche di cattura. Qualora gli sciami si posino in luoghi non raggiungibili, come

rami posti molto in alto, possibile utilizzare dei particolari piglia sciami a sacco. Essi altro non
sono che comuni sacchi dotati di un'imboccatura tenuta aperta mediante un'intelaiatura metallica, ma richiudibile attraverso un cordino azionabile da terra. Con una pertica, essi possono essere portati a contatto con lo sciame il quale, una volta introdotto, pu essere catturato. Una volta
riportato a terra, il sacco pu essere aperto dalla parte inferiore, permettendo la liberazione dello
sciame direttamente nell'arnia. Usando pertiche allungabili, possibile catturare sciami fino a 56 metri di altezza. Ove possibile, si pu portare all'altezza dello sciame (ad esempio attraverso
una corda di richiamo) un ombrello aperto e capovolto, in modo tale che le api, disturbate, vengano fatte cadere nella sua parte concava. Anche in questo caso, facendo scendere con dolcezza l'ombrello, possibile recuperare lo sciame e rovesciarlo dentro l'arnia. opportuno, per
meglio attrarre lo sciame, cospargere la parte interna dell'ombrello con del succo di limone o del
miele.
Scutello. la parte dorsale del torace, porzione del corpo degli insetti situata fra il capo e l'addome ove si articolano le ali e le zampe. Lo scutello dell'ape regina si presenta lucido e privo di
peluria e pertanto idoneo ad essere colorato ai fini dell'individuazione dell'ape regina stessa.
Sesso delle api. Nell'ape europea (Apis mellifera Linnaeus 1758) il sesso determinato dalla possibilit di cui dispone l'ape regina di deporre uova non fecondate o fecondate. Dalle prime (uova
partenogenetiche) si originano individui di sesso maschile, i fuchi, geneticamente aploidi e con
un corredo di 16 cromosomi (partenogenesi arrenotoca). Al contrario, dalle uova fecondate,
ove sia presente una eterozigosi degli alleli sessuali, si originano individui di sesso femminile, api
operaie o api regine, con un corredo cromosomici diploide pari a 32 cromosomi. Nel caso le
uova fecondate presentino uguali alleli (vedi) sessuali, si originano fuchi diploidi (vedi) che vengono riconosciuti ed eliminati sin dal primo stadio larvale dalle api nutrici.
Sesso delle api. Nell'ape europea (Apis mellifera Linnaeus 1758) il sesso determinato dalla
possibilit di cui dispone l'ape regina di deporre uova non fecondate o fecondate. Dalle prime
(uova partenogenetiche) si originano individui di sesso maschile, i fuchi, geneticamente aploidi
e con un corredo di 16 cromosomi (partenogenesi arrenotoca). Al contrario, dalle uova fecondate, ove sia presente una eterozigosi degli alleli sessuali, si originano individui di sesso femminile, api operaie o api regine, con un corredo cromosomici diploide pari a 32 cromosomi. Nel caso
le uova fecondate presentino uguali alleli (vedi) sessuali, si originano fuchi diploidi (vedi) che
vengono riconosciuti ed eliminati sin dal primo stadio larvale dalle api nutrici.
Soppressione della colonia. Vedi uccisione della colonia.
Sostituzione - ape regina. Generalmente le api regine vengono sostituite in autunno, stagione nella quale queste sono facilmente reperibili sul mercato. L'anno seguente tali regine, per
quanto alla ripresa della stagione produttiva risultino al loro secondo anno di vita, hanno
comunque alle spalle una scarsa attivit di ovideposizione. Questa tecnica permette di limitare,
durante la primavera successiva la sciamatura. Se questo vero nelle regioni a clima continentale, non lo altrettanto in quelle a clima mediterraneo. Pertanto, se lintenzione dellallevatore
prevenire la sciamatura, preferibile che egli disponga di un proprio allevamento (per quanto di piccole dimensioni) potendo in questo modo sostituire le api regine all'inizio della stagione
produttiva. Certamente questa la situazione ottimale, poich solamente le colonie nelle quali
la sostituzione dell'ape regina avvenuta all'inizio della primavera danno la quasi certezza di non
andare a sciame.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Glossario

Spermateca. Organo dell'apparato riproduttore dell'ape regina deputato allo stoccaggio degli
spermatozoi ricevuti dai fuchi al momento dell'accoppiamento.
Spugna Oasis. la stessa spugna floreale idroassorbente utilizzata dai fiorai, come supporto per
le composizioni di fiori freschi, fiori secchi e decoupage.
Stadio preimaginale (o preimmaginale). Con questo termine si vogliono indicare tutti gli stadi
di vita dell'insetto che precedono lo stato di adulto. Nelle api, lo stato di insetto adulto viene raggiunto attraverso un complesso processo di trasformazione che prende il nome di metamorfosi.
Questo periodo (che si svolge entro le celle esagonali che costituiscono i favi o, nel caso specifico
dell'ape regina, entro una cella apposita) viene suddiviso in 4 stadi: uovo, larva, prepupa, pupa o
crisalide. Impropriamente, alcuni autori indicano quest'ultimo stadio con il termine di ninfa (vedi).
Stadio imaginale (o immaginale). Con questo termine si vuole indicare lo stadio di adulto di
un insetto.
Sternite addominale. Parte ventrale dei segmenti dell'addome (uriti) dell'ape.
Starter - preparazione. Nel caso che si intenda sfruttare lo starter per differenti cicli di allevamento di larvette reali, e farlo pertanto funzionare come rifinitore per l'ultima batteria da 30 cupolini, i favi prelevati per la formazione dello starter, assieme alla regina, devono essere trasferiti in un
altro apiario distante qualche chilometro. In alternativa, i favi possono essere sovrapposti ad un'altra famiglia interponendo una lastra escludi regina aperta solo per 5-7 centimetri e chiusa con del
nastro adesivo nella parte restante. L'escludi regina (o comunque il corpo superiore dove sono stati
sistemati questi favi) pu essere dotato anche di una apertura di volo propria. In questa situazione,
l'alveare funziona come un alveare a grattacielo, con due regine in covata contemporanea.

larvetta, lunga appena 1 millimetro, si sposta su un favo ove inizia a scavare una galleria, in modo
da proteggersi dall'attacco delle api. La velocit di crescita e la grandezza finale della larva, ove
l'alimentazione e le temperature siano ottimali, assumono valori notevoli: si consideri che nei
primi 10 giorni di vita il peso della larva raddoppia quotidianamente. Differentemente da quanto si possa ritenere, la dieta alimentare della larva non rappresentata dalla cera (un grasso di
nessun valore nutritivo), ma dalle esuvie e dalle deiezioni lasciate dalle larve delle api e dal polline immagazzinato nei favi. Per questo motivo, le larve della tarma che si trovino a compiere il
loro ciclo su favi mai interessati dalla presenza di covata o dalla deposizione di polline (in genere i favi del melario o quelli da nido appena costruiti) interrompono il loro sviluppo o muoiono.
La larva raggiunge una lunghezza di 20-25 millimetri compiendo da 8 a 10 mute. Anche questo stadio registra tempi variabili, in funzione della quantit di cibo a disposizione e delle temperature ambientali. In condizioni ottimali (29-35C) il ciclo larvale della tarma dura 28 giorni mentre si interrompe con temperature inferiori ai 15C. In situazioni intermedie pu durare anche 6
mesi. Al termine del suo sviluppo, la larva fila il proprio bozzolo, generalmente in una cavit del
legno che essa stessa si scava prima dell'impupamento. Lo stadio di pupa dura da 1 a 9 settimane, sempre in relazione alle temperature. Una volta sfarfallata, la femmina si accoppia e inizia
l'ovideposizione tra il 4 ed il 10 giorno di vita. La grandezza ed il colore dell'adulto variano notevolmente in funzione del tipo di cibo assunto durante lo stadio larvale e dalla durata dei vari stadi
preimaginali. In situazioni ottimali, la tarma della cera pu dare origine fino a 6 generazioni all'anno.
Telaino. In apicultura razionale rappresenta la struttura portante dei favi. Per evitare che possa
cedere sotto il peso del miele, occorre che il legno utilizzato per la sua fabbricazione sia di buona
qualit e privo di nodi. Si possono distinguere "telaini da nido" e "telaini da melario". I primi vengono inseriti nel corpo inferiore dell'arnia e sono deputati ad accogliere favi di covata. I secondi
trovano spazio nei melari, hanno una dimensione pari a circa la met di quelli da nido e sono
deputati a contenere favi a miele.

Stomaco. Detto anche mesointestino o ventricolo (vedi).


Taglio celle reali. L'eliminazione delle celle reali (o la loro soppressione per schiacciamento o
altro) una pratica assai diffusa in apicultura, poich porta la colonia a desistere nei propri propositi di divisione. Negli ambienti mediterranei questa pratica non per sempre consigliabile giacch spesso sortisce risultati ancor pi negativi. Infatti lo sciame, e quindi la vecchia regina, sovente
abbandona comunque l'alveare anche in assenza della possibilit, da parte della famiglia rimasta,
di far nascere una nuova ape regina. In situazioni di questo tipo, preferibile operare, non tanto
per evitare la sciamatura, quanto al fine di limitare i danni di questo evento. Occorre operare in
modo che la divisione dell'alveare avvenga in modo controllato e nei tempi pi consoni per l'apicultore.
Tarma della cera - Ciclo della Galleria mellonella. La Galleria mellonella (anche mallonella o
melonella) un lepidottero notturno con apertura alare assai variabile, da 14 a 38 millimetri.
Ciascuna femmina adulta, incapace di nutrirsi al pari del maschio, depone da 300 a 1.000 uova,
riunite in gruppi di 50-150. Grazie al suo particolare ovidotto, le uova vengono lasciate nelle fenditure del legno o negli anfratti dell'arnia, in modo che all'ape sia impossibile distruggerle. Con temperature intorno ai 24-27C., la larva, trascorsi 5-8 giorni dalla deposizione, fuoriesce dall'uovo.
Qualora le temperature registrino valori inferiori, vicine ai 10-16C, il tempo di sfarfallamento della
larva oltrepassa i 30 giorni. Il ciclo si arresta con temperature inferiori ai 9C. Una volta sfarfallata, la

Telaino Bozzi. Metodo messo a punto alla fine degli anni '80 dal Professor Bozzi per il controllo della covata ai fini della lotta alla varroa. Consiste in telaio da nido, chiuso da un lato da una
tavoletta di legno (compensato, masonite o mediodensit), sulla quale viene ad applicato con
cera fusa un foglio cereo. Una volta che le api hanno costruito il favo (ovviamente solo su un
lato), possibile confinarvi la regina, chiudendo il lato del telaino opposto alla lastra di legno con
una lastra escludiregina. Lasciato in arnia 21-24 giorni, possibile indurre un blocco di covata,
considerato che la regina ha avuto la sola possibilit, in questo lasso di tempo, di deporre solo
su questa faccia del favo. Il telaino Bozzi funziona anche come favo trappola, poich l'unico in
grado di ospitare covata durante la clausura dell'ape regina.
Telaino Frakno. Usati in Svizzera, sono specifici telaini da nido, utilizzati per la lotta alla Varroa
destructor. Sono dotati superiormente di una particolare cassettina di evaporazione ove possono essere inseriti 10-12 grammi di timolo in cristalli. Questo scomparto pu essere rabboccato 23 volte l'anno e la lotta si protrae pertanto in modo continuativo per tutto l'anno. Sotto questo
particolare diffusore, la colonia ha la possibilit di costruire liberamente favi da fuco. La zona di
covata pu essere suddivisa in tre parti, seconda il criterio di lotta biologica codificata come
metodo Campero (vedi) dal nome dello stesso ideatore.
Tenuta del favo. Capacit delle api di rimanere aggrappate al favo durante le manipolazioni.

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Glossario

Si tratta di un carattere ricercato in selezione poich correlato con la capacit di accudimento della
covata e con la scarsa aggressivit.
Tergite addominale. Parte dorsale dei segmenti dell'addome (uriti) dell'ape.
Termine minimo di conservazione. Da non confondersi con la "Data di scadenza" (vedi). Il termine minimo di conservazione normato dall'art. 8 del D.Lgs. 23.06.2003 n. 181. la data fino alla
quale il prodotto alimentare conserva le sue propriet specifiche in adeguate condizioni di conservazione. Esso va indicato con la dicitura "da consumarsi preferibilmente entro..." quando la data
contiene l'indicazione del giorno o con la dicitura "da consumarsi preferibilmente entro la fine..."
negli altri casi, seguita dalla data oppure dalla indicazione del punto della confezione in cui essa
figura. Il termine minimo di conservazione determinato dal produttore o dal confezionatore o,
nel caso di prodotti importati, dal primo venditore stabilito nell'Unione europea, ed apposto sotto
la loro diretta responsabilit. Il termine minimo di conservazione si compone dell'indicazione in
chiaro e nell'ordine, del giorno, del mese e dell'anno e pu essere espresso:
a) con l'indicazione del giorno e del mese per i prodotti alimentari conservabili per meno di tre
mesi;
b) con l'indicazione del mese e dell'anno per i prodotti alimentari conservabili per pi di tre mesi
ma per meno di diciotto mesi;
c) con la sola indicazione dell'anno per i prodotti alimentari conservabili per pi di diciotto mesi.
Qualora sia necessario adottare, in funzione della natura del prodotto, particolari accorgimenti per
garantire la conservazione del prodotto stesso sino al termine di cui al comma 1 ovvero nei casi in
cui tali accorgimenti siano espressamente richiesti da norme specifiche, le indicazioni di cui al
comma 1 completano l'enunciazione delle condizioni di conservazione.
Timolo. Pur essendo un componente naturale, il timolo influenza il sapore del miele a partire da
concentrazioni di 1,1 milligrammi per chilogrammo (1,1 p.p.m.). Per questo motivo in Svizzera sono
tollerate solamente concentrazioni di timolo inferiori a 0,8 milligrammi per chilogrammo di miele
(0,8 p.p.m.), valore gi percepito da individui sensibili al gusto del timolo.
Tomento. Fascia villosa sui tergiti. In biometria la larghezza del tomento viene misurata sul 4 tergite addominale.
Trappole sfucatrici. Sono particolari dispositivi che, applicati alle uscite delle arnie, permettono la
cattura dei fuchi. Questi possono essere poi uccisi per annegamento immergendo la trappola in
acqua.
Trattamento tampone. Il piano di lotta alla varroa si compone di due trattamenti: uno estivo,
generalmente indicato come "trattamento tampone", ed uno invernale. Il trattamento tampone
viene eseguito in presenza di covata ed ha l'obiettivo di ridurre, anche se non in modo esaustivo
la popolazione di varroa in modo tale che la colonia possa arrivare al momento dell'invernamento con api sane e vitali. Sar poi compito del trattamento invernale riportare il carico di varroe per
alveare a poche unit. Un corretto piano di lotta antivarroa dovrebbe garantire un carico di acari
per alveare, da quantificare successivamente al trattamento invernale, uguale o inferiore a quello
dell'anno precedente.

si impegna le api sin dal momento in cui una bottinatrice rigurgita alle api di casa il contenuto
della propria borsa melaria (potendo cos riprendere il suo lavoro di bottinamento) e sino a che
il nettare maturo viene deposto nelle cellette dei favi. Questo trasferimento del cibo da ape ad
ape, rende possibile anche lo scambio dei feromoni che regolano la vita della colonia.
Uccisione della colonia. La distruzione dell'intero alveare una pratica necessaria qualora si
riscontrino malattie estremamente contagiose quali, in particolare, la peste americana o la peste
europea. Si procede dapprima con l'uccisione dell'intera colonia, uccisione che pu essere eseguita mediante fumigazioni di zolfo. Poich indispensabile che tutte le api vengano eliminate,
occorre effettuare la fumigazione una volta cessato il volo delle bottinatrici. Una volta chiusa l'entrata dell'arnia, ad es. con stracci umidi, si procede all'introduzione dei vapori di zolfo. Per questo
possono essere impiegate le normali bombolette spray o i classici dischi infiammabili. In quest'ultimo caso, occorre fare molta attenzione per evitare che o l'arnia o la cera dei favi possa prendere fuoco.
Urite. Vedi addome.
Urosterno. Vedi addome.
Urotergo. Vedi addome.
Varroa destructor. un acaro ectoparassita, della grandezza di una capocchia di spillo e pertanto visibile ad occhio nudo. A seguito delle prime segnalazioni sulla presenza in Italia della varroa (1981), questa continua a rappresentare ancora l'avversit pi insidiosa con cui devono fare
i conti gli apicultori. Si stima che in Italia oltre il 25% della produzione potenziale di miele vada
persa a causa di questo parassita. L'assenza di un piano di lotta porta, nella generalit dei casi,
alla perdita dell'intero apiario. Ma anche in presenza di un programma di lotta, le perdite, pure
se occasionali, possono raggiungere valori del 40-50%.
Vaselina - olio o grasso di. La vaselina un petrolato, o gel di petrolio, gelatina ricavata dal
petrolio per raffinazione. stata prodotta per la prima volta dalla Chesebrough Manufactoring,
ma il suo nome ormai entrato nell'uso quotidiano e spesso indica, seppur impropriamente, il
petrolato in generale. La vaselina costituita da idrocarburi saturi composti di solito da almeno
25 atomi di carbonio. La sua formula dettagliata varia secondo la qualit del petrolio da cui deriva e del metodo di raffinamento adottato. Le qualit migliori sono chiamate petrolato bianco e
trovano impiego nella farmaceutica e nella cosmetica; le meno pregiate, chiamate petrolato
ambrato, petrolato giallo e petrolato marrone, sono inquinate da residui cancerogeni di raffinazione, quali i policicli aromatici. Il petrolato trova impiego nei settori dell'industria e dei lubrificanti,
in particolare per la produzione dell'olio di vaselina e del grasso di vaselina. una pasta cerosa
semitrasparente di colore neutro o bianco neve per le miscele pi pure e di ottima qualit, giallo ambrato per le meno pregiate. Il punto di fusione della vaselina si colloca appena sotto i 37C.
Ventricolo. Detto anche mesointestino o stomaco.

Trofallassi. Con questo termine si indica genericamente lo scambio di cibo tra le api. La trofallasReg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011
Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Bibliografia
Allais Luca (2000) - "Formulati di timolo a confronto". Mieliditalia.it/timolo.htm
Angrisani Pasquale (2010) - "La sciamatura artificiale, i segreti, le tecniche, i consigli" http://www.apicolturangrisani.it/tecnica-apistica/72-la-sciamatura-artificiale-i-segreti-le-tecniche-iconsigli.html
APAS - http://www.apicoltori.so.it

Comunit
Europea

Ministero delle
Politiche Agricole,
Alimentari
e Forestali

Etna miele - "Arnietta da fecondazione Apidea - Caratteristiche e modo d'Impiego".


Etnamiele.it/docs/apidea.html
Floris Giovanni - "L'etichettatura del miele". Agenzia LAORE Sardegna, Ghilarza - Giugno 2008.
http://www.sardegnaagricoltura.it/documenti/14_43_20080624161655.pdf
Floris Ignazio, Satta Alberto (1999) - "Lotta alla varroa: aspetti sperimentali e pratici della valutazione dell' di trattamenti acaricidi in presenza di covata opercolata". Apitalia 2-3: 35-45

Axiabiotech, scienza, etica ed approfondimenti - www.axiaonline.it/axiabiotech


Frediani Danilo - "Le malattie delle api". Edizioni FAI - Roma
Bailo Elio - "Api regina". Edizioni Ottaviano - Milano
Grout Roy A. - "L'Ape e l'arnia". Edizioni Agricole della Calderini s.r.l. - Bologna
Bedini Gianluca (2006) - "Indagine sulla relazione ospite parassita tra l'ape eusociale Apis mellifera
L. (Hymenoptera, Apoidea) e il dittero endoparassitoide Senotainia tricuspis (Meigen) (Diptera,
Sarcophagidae): note etologiche, ecologiche ed applicative." - Tesi di laurea - Universit di Pisa

Jean-Prost Pierre - "Apiculture". Editions J.-B. Baillire - Paris


Laidlaw H.Harry, Eckert J.Elke (1950) - "Queen rearing Dadant & Sons" Inc. 1950

Beetsma Roel Maria Wilhelmus Jozef (1979) - "The process of queen-worker differentiation in the
honeybee". Bee Wld., 60: 24-39
Belletti Pierantonio, Della Vedova Giorgio - "Comunicato stampa Vita-Italia: Apiguard" apicolturaonline.it/vita-italia/utilizzoapiguard.html
Benvenuti Massimo, Formato Giovanni - "'L'etichettatura nel confezionamento del miele". Giugno
2009. Apitalia on line - http://www.apitalia.net/it/speciale.php?id=579
Bertini Severino - "Trattamento col timolo: un accorgimento per evitare il saccheggio". http://www.apicolturaonline.it/timolo.html

Lodesani Marco, Pugliese Manlio, Costa Cecilia, Franceschetti Simone, Bergomi Eleonora "Comunicato stampa Vita-Italia:Apiguard". Apicolturaonline.it/vita-italia/utilizzoapiguard.html
Manino Aulo, Porporato Marco, Patetta Augusto - "Effetto dell'uso dell'escludiregina sullo sviluppo dell'alveare e sulla produzione di miele". APOidea - Rivista Italiana di Apicultura - Anno 5
numero 1 - www.inapicultura.org/online/apoidea/apoidea12/apoidea12d.htm
Mgenoma - Molecular Genetics Laboratory - "Glutatione S-transferasi" - www.laboratoriogenoma.eu
Mid Atlantic Apiculture - "Apiary Location" - http://maarec.psu.edu/BegApiaryLocation.html

Bogdanov Stefan, Imdorf Anton, Kilchenmann Verena e Fluri Peter (1999) - "Telaini al timolo
Frakno per la lotta contro la Varroa jacobsoni - Punto della situazione". L'Ape 82 (5-6), 8-11. In collaborazione con il Centro Svizzero di ricerche Apicole di Liebefeld. CH-3003 Berna
Bogdanov Stefan, Imdorf Anton, Charrire Jean-Daniel, Fluri Peter e Kilchenmann Verena (2003) "Qualit dei prodotti apistici e fonti di inquinamento". L'Ape 85 (9-10), 8-11;(11-12), 12-14. In collaborazione con il Centro Svizzero di ricerche Apicole di Liebefeld. CH-3003 Berna
Bollhalder Franz (1998) - "Thymovar per combattere la Varroa jacobsoni". L'Ape 81 (3-4). In collaborazione con il Centro Svizzero di ricerche Apicole di Liebefeld, CH-3003 Berna
Charrire Jean-Daniel, Imdorf Anton (1997, aggiornato nel 2004) - "Protezione dei favi contro la
tarma della cera Galleria melonella L." Comunicato n. 48 Centro svizzero di ricerche apicole Stazione federale di ricerche lattiere- Liebefeld, CH-3003 Berna

Mozzato Bruno - "Lotta alla Varroa : Blocco totale di covata grazie a Var-Control". - www.federapi.biz/index.php?option=com_content&task=view&id=259&Itemid=18
Mutinelli Franco - "Informazioni tossicologiche sull'acido ossalico" www.apicolturaonline.it/mutinelli.html
Nanetti Antonio -(1999) "Oxalic Acid for Mite Control - Results and Review" Agricultural
Research Centre-Ghent Merelbeke, Belgium - #Oxalic%20Acid%20for%20Mite%20Control%20%20Results%20and%20Review
Nanetti Antonio, Massi Sergio, Mutinelli Franco, Cremasco S. - (1995) - "L'acido ossalico nel controllo della varroasi: note preliminari.". Riv. Apicoltura (2): 5-6; Apitalia 22(3): 29-32.

Contessi Alberto - "Le Api". Edizioni Agricole della Calderini s.r.l. - Bologna

Nanetti Antonio, Stradi G. - (1997) - "Oxalsare-Zuckerlsung zur Varroabekmpfung.". - Die


Biene 133(11), 9-11.

Disciplinare dell'albo nazionale degli allevatori di api regine - D.M. n. 20984 del 10 marzo 1997,
modificato con D.M. n.21547 del 28 maggio 1999.

Okada N., Nekane T. - (1987) - "Oxalic acid fumigations, a new control measure of Varroa mite".
(in japanese). Honeybee science 8(3): 103-106 (English summary).

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione

Schede tecniche di apicultura

Bibliografia

Oliverio Franco - "TOT3 telaino al timolo antivarroa". - www.apicolturaonline.it/tot3.htm


Palmieri Giampaolo (2008)- "Achroia grisella". - www.apicoltori.so.it .htm
Pajuelo Antonio G. (2007) - "Come alimentare le api per tenerle in forma". - Apitalia n. 7-8/2007 e
n. 9/2007.
Pasini Bruno, Monittion Laurence, Falda Maria Teresa - "Dossier regine" . Mieli d'Italia.it/regine.htm
Percelsi Adolfo - "Ossalico - Varie modalit di somministrazione - dosi italiane" www.apicolturaonline.it/ossalico1.html
Percelsi Adolfo - "Ossalico - Varie modalit di somministrazione - dose svizzera" www.apicolturaonline.it/ossalico2.html
Piana Gian Pietro - "Le Api". Edizioni Apicultura Piana - Castel San Pietro - Bologna
Piazza Maria Gioia, Marinelli Enzo, De Pace Fabio Massimo - Istituto Sperimentale per la Zoologia
Agraria, Sezione di Apicoltura di Roma - "Indagine triennale sulla presenza e l'incidenza della parassitizzazione di Apis mellifera L. da parte di Senotainia tricuspis (Meigen) (Diptera Sarcophagidae)
nella Tenuta Presidenziale di Castelporziano (Roma)" - Accademia Nazionale delle Scienze detta dei
Quaranta "Scritti e documenti" XXVI: 255-272
Piu Marco, Melis Angela, Marcetti Carlo (1988) - "Produzione di nuclei esenti da Varroa jacobsoni
Oud.". - Apitalia n. 14/88.
Piu Marco (1989) -"Tecniche d'allevamento delle api regine" - Atti Convegno d'apicultura di
Muravera.
Popov ET, Melnik VN, Matchinev AN - (1989) - "Application of oxalic acid in varroatosis.". In:
Proceedings 32 Int. Apimondia, Rio de Janeiro (Brasil), 22-28 October 1989.
Radetzki T, Reiter M, von Negelein B. - (1994) - "Oxalsare zur Varroabekmpfung.". - Schweiz.
Bienenztg. 117(5): 263-267.
Savorelli Gianni - www.apicultura2000.it/boost.htm
Savorelli Gianni - http://www.apicolturaonline.it/p_americana.html
Savorelli Gianni - www.lafontedelmiele.it/feromone2.htm
Scalvini Dante - "La gabbietta scalvini". www.apitrentine.it/dati/2008/gabbietta
Von Frisch Karl - "Nel mondo delle api". Edizioni agricole Bologna - Bologna
Wikipedia, l'enciclopedia libera - wikipedia.org/wiki/Pagina_principale

Reg. CE N1234/2007 annualit 2010/2011


Azioni volte a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dellapicoltura - sotto Azione A3
Azione di comunicazione