Sei sulla pagina 1di 2

MOTIVAZIONE

Le motivazioni sono le proposte che il cane fa al mondo: le tendenze a esprimere particolari


comportamenti, gli interessi, le aree dove cerca gratificazione.
Sono proposte che hanno origine filogenetica, ossia caratteri innati che si sono trasmessi di generazione in
generazione, perch a quanto pare adattativi e quindi fissati dalla selezione naturale. Appartenendo alla storia delle
specie, non possono essere eliminate o aggiunte, tuttavia possono subire delle modificazioni nel corso del processo
di sviluppo, tramite lesercizio, lesperienza, il gioco ed i processi di apprendimento che vanno a definirne la
cornice espressiva ed il volume (la rilevanza che ha per un soggetto una particolare motivazione).
Pertanto risulta fondamentale per luomo conoscere le principali motivazioni implicate nello sviluppo del carattere
del compagno quadrupede (Marchesini, Pedagogia cinofila, 2007):
Questo significa che il cane non percepisce solo attraverso i sensi in modo automatico, ma affronta la realt in
modo attivo, ponendo domande al mondo: interessato, stimolato e trae piacere proponendo delle attivit.
Le motivazioni di un individuo specificano il suo carattere in quanto definiscono quali sono le attivit che sar
portato a proporre e compiere, cosa sceglier nel mondo, quali saranno i suoi comportamenti preferiti.
1. motivazione predatoria = volgersi verso gli oggetti piccoli in movimento e raggiungerli;
2. motivazione territoriale = difendere un territorio o un ambiente circoscritto;
3. motivazione competitiva = confrontarsi o gareggiare con un conspecifico o etero specifico;
4. motivazione protettiva = difendere un affiliato o un cucciolo;
5. motivazione possessiva = mantenere il possesso di un oggetto;
6. motivazione perlustrativa = esplorare un ambiente e mapparlo;
7. motivazione esplorativa = analizzare un oggetto in dettaglio;
8. motivazione sillegica = raccogliere oggetti e portarli nella tana o in un nascondiglio;
9. motivazione di ricerca = cercare degli oggetti nascosti;
10. motivazione di corteggiamento = attirare un partner sessuale;
11. motivazione cinestesica = fare movimento;
12. motivazione somestesica = esplorare il proprio corpo;
13. motivazione collaborativa = fare attivit con un partner o di gruppo;
14. motivazione sociale = raggiungere un posizionamento allinterno del gruppo;
15. motivazione affiliativa = far parte di un gruppo ristretto;
16. motivazione epimeletica = aiutare e accudire un compagno;
17. motivazione et-epimeletica = chiedere aiuto o lasciarsi curare da un altro soggetto;
18. motivazione comunicativa = esprimere uno stato o indicare qualcosa.
La cornice pi importante che apre le motivazioni il gioco.
Lattivit ludica, infatti, non solo apprendimento, ma un importante indice per capire quali sono le motivazioni
prevalenti in un soggetto, in quanto lui stesso che propone delle attivit al mondo; ad esempio ci sono cani che
son portati a fare giochi collaborativi come il riporto di oggetti, cani che una volta afferrati tendono a tenerli, chi
predilige giochi competitivi come il tira e molla. Ci vuol dire che a seconda di quali giochi il cane propone,
possibile comprendere quali siano le sue motivazioni pi forti ed importante conoscerle per poter giocare con lui,
in modo da impostare un percorso corretto verso una relazione profonda e in cui ci sia un equilibrio motivazionale,
vale a dire disciplinando le motivazioni troppo accentuate ed implementando invece quelle neglette.
E importante conoscere lassetto motivazionale del cane per capire cosa si aspetta e cosa ricerca nel
mondo e per soddisfare i suoi bisogni, evitare frustrazioni e favorirne il benessere.

Cosa fare:

cambiare il valore o peso specifico di alcune motivazioni laddove ci siano squilibri o incompatibilit
nellintegrazione del cane allinterno della societ umana che ne compromettono libert e possibilit.