Sei sulla pagina 1di 73

Parte

Tur o

Indi e analiti o

ix

Riassunto

xiii

1 Introduzione

1.1. Nozioni preliminari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.2. Armonia vo ali a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.3. Armonia onsonanti a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.4. Lettere di ollegamento (eufoni he) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.5. Casi parti olari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.6. Notazione per i sussi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2 Morfologia del nome

2.1. Sussi per derivare le parole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2.2. Susso di numero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2.3. Sussi personali possessivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . .

-()n: susso personale possessivo di se onda singolare

. . . . .

-(s)(n): susso personale possessivo di terza singolare

. . . . .

. . . . . .

-()nz: susso personale possessivo di se onda plurale

. . . . .

-(lEr)(n): susso personale possessivo di terza plurale

. . . . .

2.4. Sussi dei asi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

10

2.4.1. Caso assoluto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

10

2.4.2. Casi grammati ali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

11

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

11

-l: aggettivi da nomi

-lk: astrazione o on entrazione


-sz: privativo (senza)

-C: nomi di mestiere o professione ideologi a


-Da: ompagno di, ami o

-Ck: diminutivo, vezzeggiativo

-lEr: plurale

-()m: susso personale possessivo di prima singolare

-()mz: susso personale possessivo di prima plurale

-(n)n: genitivo

ii

I Tur o - Indi e
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

11

2.4.3. Casi spaziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

11

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

11

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

12

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

12

2.4.4. su . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

13

2.5. Pronomi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

13

2.5.1. Pronomi personali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

13

ben: io

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

13

sen: tu

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

13

2.5.2. Sussi nominali predi ativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

13

-(y)m: susso nominale predi ativo di prima singolare

. . . . .

13

-sn: susso nominale predi ativo di se onda singolare

. . . . .

13

-(Dr): susso nominale predi ativo di terza singolare

. . . . . .

13

. . . . . . .

13

. . . . . .

13

. . . .

13

2.5.3. Pronome/aggettivo kendi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

14

2.5.4. Pronomi/aggettivi indi ativi

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

14

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

14

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

14

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

14

2.5.5. Pronome/aggettivo susso -ki(n) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

14

2.5.6. Lo uzioni pronominali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

15

2.6. Aggettivi e avverbi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

15

2.6.1. Comparativi e superlativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

15

2.6.2. Intensivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

16

2.6.3. Avverbi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

16

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

16

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

16

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

16

2.7. Interrogativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

16

2.7.1. Interrogativi indeniti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

16

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

16

. . . . . . . . . . . . . . . . . . .

17

-(y): a usativo

-DE: lo ativo

-DEn: ablativo
-(y)E: dativo

-(y)z: susso nominale predi ativo di prima plurale

-snz: susso nominale predi ativo di se onda plurale

-(Dr)(lEr): susso nominale predi ativo di terza plurale

bu(n): questo

u(n): odesto
o(n): quello

-(y)n, -leyn: al tempo di


-l ... -l: sia ..., sia ...
-CE: alla maniera di

kim: hi? ( hiunque)

ne: he osa? (qualunque osa)

I Tur o - Indi e

iii
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

17

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

18

2.8. Numerali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

18

2.8.1. Cardinali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

18

2.8.2. Ordinali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

18

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

19

2.8.3. Distributivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

19

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

19

2.8.4. Frazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

19

2.8.5. Uso dei numeri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

19

hangi: quale? (qualsiasi)

ka: quanti? (qualsiasi numero)

-()n : ordinale

-()Er: distributivo

3 Posposizioni

21

3.1. Posposizioni ol aso assoluto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

21

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

21

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

21

. . . . .

22

. . . . . . .

22

. . . . . . . . .

22

. . . . . . . . . . . . . . . . . . .

22

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

22

3.2. Posposizioni ol dativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

22

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

22

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

22

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23

. . . . . . . . . . . . . .

23

. . . . . . . . . .

23

3.3. Posposizioni on l'ablativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23

3.3.1. Posposizioni on idea di origine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23

3.3.2. Posposizioni di luogo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23

dar: fuori da

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23

yukar: sopra di

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23

aa: sotto a

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23

ileri: davanti a

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

24

ile: on (mezzo e ompagnia)


iin: per

gibi: ome, allo stesso modo di ( omparativo di qualit)


kadar, denli: ome, quanto ( omparativo di quantit)
z(e)re: al ne di, a ondizione he, sul punto di
sira: a anto, proprio vi ino a
ire: dentro

doru: verso, in direzione di


gre: se ondo

kadar, dein, dek: no a

kar: ontro, di fronte, in ontro, verso

ramen, karn: nonostante, ben h, malgrado

n e, evvel: prima di
sonra: dopo di

iv

I Tur o - Indi e
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

24

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

24

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

24

3.3.3. Altre posposizioni on l'ablativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

24

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

24

. . . . . . . .

24

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

24

3.4. Nomi derivati he fungono da posposizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

24

3.4.1. Complementi di luogo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

24

3.4.2. Complemento d'agente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

25

3.4.3. Complemento di ausa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

26

geri: dietro a

beri: al di qua di (raro)


te: al di l di (raro)

dolay: a ausa di, d'intorno

baka, gayr: e etto, a e ezione di, a parte, oltre


fazla: in pi di, oltre

4 Morfologia del verbo

27

4.1. Mutazioni foneti he . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

27

4.2. Basi verbali derivate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

28

4.2.1. Basi verbali derivate da nomi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

28

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

28

. . . . . . . . . . . . . . . . . . .

28

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

28

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

28

4.2.2. Modi atori verbali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

28

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

29

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

29

. . . .

30

. . . . . . . . . . . . . . . . . . .

30

-mE: negazione verbale

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

31

-(y)EmE: impossibilit

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

31

4.3. Sussi di persona . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

31

4.4. Classi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

32

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

32

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

33

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

34

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

35

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

35

. . . . . . . . . . . . . . . . .

36

-lE, -dE: -are

-(E)r, -(E)l: idea di diventare


-()k: intransitivo di stato
-sE: desiderare

-()n: riessivo

-(I): ontributivo, re ipro o

-t, -Dr (-r, -t, -Er e altri irregolari): fattivo o ausativo


-(){nl}: passivo, impersonale

-: imperativo

-Er, -()r, -z: aoristo


-()yor: progressivo
-mEkTe: durativo

-D: perfetto determinato

-m: perfetto di non ostatazione

I Tur o - Indi e

v
-(y)E Ek: futuro o intentivo

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

36

-(y)E: ottativo o desiderativo

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

37

. . . . . . . . . . . . . . . . . . .

37

. . . . . . . . . . . . .

38

4.5. Verbo essere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

39

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

40

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

40

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

40

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

40

4.6. Forme verbali omposte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

40

4.6.1. Forme omposte on l'imperfetto -(y)d . . . . . . . . . . . . . . . . . .

42

-mEl: ne essitativo o deonti o

-sE: suppositivo o ipoteti o o ondizionale

idi, -(y)di: imperfetto

imi, -(y)mi: dubitativo


ise, -(y)se: ipoteti o

iken, -(y)ken: gerundivo

5 Derivati nominali del verbo

43

5.1. Nomi verbali d'agente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

43

. . . . . . . . . . . . . . . . . . .

43

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

43

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

43

5.2. Deverbali (agenti) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

43

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

44

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

44

5.3. Nomi verbali d'azione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

44

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

44

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

44

. . . . . . . . . . . . . .

45

5.3.1. Nomi verbali d'azione derivati in -lIk . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

45

. . . . . . . . . . . .

45

. . . . . .

45

-(y)En: ( olui) he fa/ha fatto


-m: ( olui) he ha fatto

-Er, -()r, -z: ( olui) he fa/far

-()l: fatto

-(y) : fa ente

-mEk: il fare

-mE: il fatto di fare

-(y): il modo di fare, il modo in ui fa

-mEklk: il fatto di fare (in senso astratto)

-Erlk, -()rlk: il fatto di fare abitualmente (astratto)

-mEzlk, -mEmEzlk, -(y)EmEmEzlk: il fatto di non fare, il fatto

. . . . . . . . . .

45

. . . . . . . . . . . . . . .

45

5.4. Nomi verbali omplessi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

45

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

45

. .

46

. . . .

46

5.5. Gerundivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

46

di non fare abitualmente (astratto)


-mlk: l'o asione di fare (realizzata)

-Dk: relative

-(y)E Ek: ( olui) he far/ha intenzione di fare/ he da fare


-(y)Es: (( olui) he ha) voglia di fare, intenzione di fare

vi

I Tur o - Indi e
5.5.1. Gerundivo propriamente detto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

47

-(y)ip: oordinazione

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

47

-(y)E, -(y): fa endo

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

47

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

47

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

47

. . . . . . . . . . . . . . . . .

47

. . . . . .

47

. . . . . . . . . . . . . . .

47

. . . . . . . . . . . . .

48

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

48

. . . . . . . . . . . . . . . . . . .

48

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

48

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

48

. . . . . . . . .

48

. . . . . . . . . . .

48

. . . . . . . . . . . . . .

48

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

48

. .

49

5.5.2. Lo uzioni gerundive invariabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

49

5.5.2.1. Derivate dal parti ipio in -(y)En . . . . . . . . . . . . . . . . .

49

diye: virgolette

-(y)E + bilmek: poter fare

-(y)EmE + bilmek: non poter fare

-(y)E + yazmak, -(y)Eyazmak: man are, fallire di fare


-(y)E + verbo di stato o movimento:

-(y) + vermek: fare velo emente, subito


al ka(y)mek: Impedire

-(y)E ... -(y)E: a forza di fare

-(y)ErEk: fa endo (simultaneit)


olarak: nello stato di

-(y)El, -(y)EldEnberi, -(y)Elberi: da quando fa


-(y)n E: non appena, nel momento in ui fa
-(y)n E kadar (dek, dein): n h non
-mEdEn, -mEkszn: senza fare

-mEdEn (n e, evvel), -mEzdEn (n e, evvel): prima di fare

-(y)EnE kadar, -(y)EnEdek, -(y)EnE dein: no a he, n h

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

49

. . . . . . . . . . . . . .

49

5.5.2.2. Derivate dal parti ipio aoristo . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

49

. . . . . . . . . . . . . .

49

. . . . . . . . . . . . .

49

. . . . . . . . . . . . . . . . .

49

. . . . . . . . . . . . .

49

. . . . . . . . . . . . . . . . . . .

49

5.5.2.4. Derivate dall'innitivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

49

. . . . . . . . . . . . .

49

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

49

. . . . . . . . . . . . . . .

50

(non)

-(y)EndE: quando, nel momento in ui

-Er, -()r ... -mEz: da h, non appena


-mEzdEn evvel, -mEzdEn n e: prima di

5.5.2.3. Derivate dal parti ipio intentivo

-(y)E Ek kadar: abbastanza per h fa ia


-(y)E Ek yerde: inve e he fare

-mEk yerine: inve e he fare (po o usato)


-mEk-tEn-sE : piuttosto he fare

-mEklE: si ome fa, per mezzo di fare

-mEklE beraber, -mEklE birlikte: malgrado il fatto di fare, ben h


fa ia

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

50

I Tur o - Indi e

vii
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

50

5.5.2.5. Derivate dal nome verbale in -dk . . . . . . . . . . . . . . . . .

50

. . . . . . . . . . . . .

50

. . . . . . . . . . . .

50

-mEkszn: senza fare

-dktE: quando fa, nel momento in ui fa

-dktEn sonra: dopo he ebbe/ha/avr fatto

-dktEn baka, -dktEn maada: oltre he fare, non solo fa, ma


an he ..

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

50

-dkE: nella misura in ui fa, ogni volta he fa, nel momento in

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

50

5.5.3. Lo uzioni gerundive variabili on sussi nominali di persona . . . . . . .

50

5.5.3.1. Nomi verbali de linati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

50

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

50

ui fa

-(y)E Ek-P-E: inve e di fare

-dk-P-DE, -(y)E Ek-P-DE: quando, nel momento in ui, allor h fa/far

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

50

-dk-P-DEn, -(y)E Ek-P-DEn: in ragione del fatto he, poi h

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

50

5.5.3.2. Nomi verbali on posposizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

50

. . . . . . . . . . . . . . . .

50

. . . . . . . . . . .

50

fa/far

-mE-P iin: an h fa ia, per fare

-mE-P-E ramen: a dispetto del fatto di fare

-dk-P iin, -(y)E Ek-P iin: poi h, dato he, dal fatto he fa/far

50

-dk-P gibi, -(y)E Ek-P gibi: allo stesso modo he fa/far, non
solo fa/far, ma an he

. . . . . . . . . . . . . . . . .

-dk-P kadar, -(y)E Ek-P kadar: nella stessa quantit he fa/far

50
51

-dk-P-E gre, -(y)E Ek-P-E gre: da quanto, se ondo quanto


fa/far

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

51

-dk-P-dEn dolay, -(y)E Ek-P-dEn dolay: poi h, a ausa del

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

51

5.5.3.3. Nomi verbali on nomi on funzione avverbiale . . . . . . . . .

51

. . . . . . . . . . . . .

51

fatto he fa/far

-mE-P sebebiyle: a ausa del fatto di fare

-dk-P zaman, -(y)E Ek-P zaman: quando fa/far, nel xy in ui


fa/far

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

51

. . . . . . . . . . . . . . .

51

-dk-P takdirde: nel aso in ui fa ia

-dk-P halde, -(y)E Ek-P halde: nella situazione in ui, malgrado


il fatto he, ben h fa ia/far

. . . . . . . . . . . . .

51

-dk-P ihetle, -(y)E Ek-P ihetle: poi h, essendo dato he fa/far


(ar ai o)

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

51

viii

I Tur o - Indi e

6 Congiunzioni

53

6.1. Ki e derivate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

53

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

53

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

53

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

53

medemki: poi h, dal momento he

. . . . . . . . . . . . . . . .

53

nasl ki: ome, allo stesso modo he

. . . . . . . . . . . . . . . .

53

nitekim: ome, allo stesso modo he

. . . . . . . . . . . . . . . .

53

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

53

. . . . . . . . . .

53

. . . . . . . . .

53

. . . . . . . .

53

ki: he

t ki: an h, n h

nk: per h (par e que)

vakta ki: nel momento in ui

ne vakit ki: nel momento in ui (in abbandono)

ne zaman ki: nel momento in ui (in abbandono)

halbuki: nonostante, tuttavia, non meno vero he

7 Sintassi

55

7.1. La frase nominale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

55

7.2. Essere e avere

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

56

7.2.1. Sussi nominali predi ativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

56

7.2.2. Predi ato nominale di esistenza e inesistenza . . . . . . . . . . . . . . .

56

7.3. Interrogative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

57

7.4. Il verbo fare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

57

7.5. Negazione nominale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

58

Indi e analiti o

ix

Indi e analiti o
-

imperativo, 32
-CE
alla maniera di, 16
-C
nomi di mestiere o professione ideologi a, 7
-Ck
diminutivo, vezzeggiativo, 8
-Da
ompagno di, ami o, 8
-DE
lo ativo, 11
-DEn
ablativo, 12
-D
perfetto determinato, 35
-Dk
relative, 45
-dkE
nella misura in ui fa, ogni volta he
fa, nel momento in ui fa, 50
-dk-P ihetle, -(y)E Ek-P ihetle
poi h, essendo dato he fa/far
(ar ai o), 51
-dk-P-dEn dolay, -(y)E Ek-P-dEn dolay
poi h, a ausa del fatto he fa/far,
51
-dk-P-DEn, -(y)E Ek-P-DEn
in ragione del fatto he, poi h
fa/far, 50
-dk-P-DE, -(y)E Ek-P-DE
quando, nel momento in ui, allor h
fa/far, 50
-dk-P-E gre, -(y)E Ek-P-E gre
da quanto, se ondo quanto fa/far,
51
-dk-P gibi, -(y)E Ek-P gibi
allo stesso modo he fa/far, non solo
fa/far, ma an he, 50
-dk-P halde, -(y)E Ek-P halde

nella situazione in ui, malgrado il


fatto he, ben h fa ia/far, 51
-dk-P iin, -(y)E Ek-P iin
poi h, dato he, dal fatto he
fa/far, 50
-dk-P kadar, -(y)E Ek-P kadar
nella stessa quantit he fa/far, 51
-dk-P takdirde
nel aso in ui fa ia, 51
-dk-P zaman, -(y)E Ek-P zaman
quando fa/far, nel xy in ui fa/far,
51
-dktE
quando fa, nel momento in ui fa, 50
-dktEn baka, -dktEn maada
oltre he fare, non solo fa, ma an he
.., 50
-dktEn sonra
dopo he ebbe/ha/avr fatto, 50
-(Dr)
susso nominale predi ativo di terza
singolare, 13
-(Dr)(lEr)
susso nominale predi ativo di terza
plurale, 13
-(E)r, -(E)l
idea di diventare, 28
-Er, -()r ... -mEz
da h, non appena, 49
-Er, -()r, -z
( olui) he fa/far, 43
aoristo, 33
-Erlk, -()rlk
il fatto di fare abitualmente (astratto), 45
-()k
intransitivo di stato, 28
-()l
fatto, 44
-()m
susso personale possessivo di prima
singolare, 8
-()mz

Indi e analiti o
susso personale possessivo di prima
plurale, 8
-()n
riessivo, 29
susso personale possessivo di se onda singolare, 8
-()n
ordinale, 19
-()nz
susso personale possessivo di se onda plurale, 8
-()yor
progressivo, 34
-(I)
ontributivo, re ipro o, 29
-lE, -dE
-are, 28
-lEr
plurale, 8
-(lEr)(n)
susso personale possessivo di terza
plurale, 8
-l
aggettivi da nomi, 7
-lk
astrazione o on entrazione, 7
-l ... -l
sia ..., sia ..., 16
-mE
il fatto di fare, 44
negazione verbale, 31
-mEdEn (n e, evvel), -mEzdEn (n e,
evvel)
prima di fare, 49
-mEdEn, -mEkszn
senza fare, 48
-mEk
il fare, 44
-mEklE
si ome fa, per mezzo di fare, 50
-mEklE beraber, -mEklE birlikte
malgrado il fatto di fare, ben h
fa ia, 50
-mEklk
il fatto di fare (in senso astratto), 45
-mEkszn

senza fare, 50
-mEkTe
durativo, 35
-mEk-tEn-sE
piuttosto he fare, 49
-mEk yerine
inve e he fare (po o usato), 49
-mEl
ne essitativo o deonti o, 37
-mE-P-E ramen
a dispetto del fatto di fare, 50
-mE-P iin
an h fa ia, per fare, 50
-mE-P sebebiyle
a ausa del fatto di fare, 51
-mEzdEn evvel, -mEzdEn n e
prima di, 49
-mEzlk, -mEmEzlk, -(y)EmEmEzlk
il fatto di non fare, il fatto di non fare
abitualmente (astratto), 45
-m
( olui) he ha fatto, 43
perfetto di non ostatazione, 36
-mlk
l'o asione di fare (realizzata), 45
-(n)n
genitivo, 11
-sE
desiderare, 28
suppositivo o ipoteti o o ondizionale, 38
-(s)(n)
susso personale possessivo di terza
singolare, 8
-sn
susso nominale predi ativo di se onda singolare, 13
-snz
susso nominale predi ativo di se onda plurale, 13
-sz
privativo (senza), 7
-()Er
distributivo, 19
-t, -Dr (-r, -t, -Er e altri irregolari)
fattivo o ausativo, 30

Indi e analiti o
-(y)E
dativo, 12
ottativo o desiderativo, 37
-(y)E + bilmek
poter fare, 47
-(y)E Ek
( olui) he far/ha intenzione di
fare/ he da fare, 46
futuro o intentivo, 36
-(y)E Ek kadar
abbastanza per h fa ia, 49
-(y)E Ek-P-E
inve e di fare, 50
-(y)E Ek yerde
inve e he fare, 49
-(y)El, -(y)EldEnberi, -(y)Elberi
da quando fa, 48
-(y)EmE
impossibilit, 31
-(y)EmE + bilmek
non poter fare, 47
-(y)En
( olui) he fa/ha fatto, 43
-(y)EndE
quando, nel momento in ui, 49
-(y)EnE kadar, -(y)EnEdek, -(y)EnE
dein
no a he, n h (non), 49
-(y)ErEk
fa endo (simultaneit), 48
-(y)Es
(( olui) he ha) voglia di fare,
intenzione di fare, 46
-(y)E + verbo di stato o movimento, 47
-(y)E + yazmak, -(y)Eyazmak
man are, fallire di fare, 47
-(y)E ... -(y)E
a forza di fare, 48
-(y)E, -(y)
fa endo, 47
-(y)
a usativo, 11
-(y)
fa ente, 44
-(y)
il modo di fare, il modo in ui fa, 45

xi
-(y)m
susso nominale predi ativo di prima
singolare, 13
-(y)n E
non appena, nel momento in ui fa,
48
-(y)n E kadar (dek, dein)
n h non, 48
-(y)n, -leyn
al tempo di, 16
-(y) + vermek
fare velo emente, subito, 48
-(y)z
susso nominale predi ativo di prima
plurale, 13
-(y)ip
oordinazione, 47
aa
sotto a, 23
al ka(y)mek
Impedire, 48
baka, gayr
e etto, a e ezione di, a parte, oltre,
24
ben
io, 13
beri
al di qua di (raro), 24
bu(n)
questo, 14
nk
per h (par e que), 53
dar
fuori da, 23
diye
virgolette, 47
dolay
a ausa di, d'intorno, 24
doru
verso, in direzione di, 22
fazla
in pi di, oltre, 24

xii

Indi e analiti o
geri
gibi

dietro a, 24

ome, allo stesso modo di ( omparativo di qualit), 22


gre
se ondo, 22
halbuki
nonostante, tuttavia, non meno
vero he, 53
hangi
quale? (qualsiasi), 17
iin
ire

per, 21

dentro, 22
idi, -(y)di
imperfetto, 40
iken, -(y)ken
gerundivo, 40
ile
on (mezzo e ompagnia), 21
ileri
davanti a, 24
imi, -(y)mi
dubitativo, 40
ise, -(y)se
ipoteti o, 40
kadar, denli
ome, quanto ( omparativo di quantit), 22
kadar, dein, dek
no a, 23
ka
quanti? (qualsiasi numero), 18
kar
ontro, di fronte, in ontro, verso, 23
ki
he, 53
kim
hi? ( hiunque), 16
medemki

poi h, dal momento he, 53


nasl ki
ome, allo stesso modo he, 53
ne
he osa? (qualunque osa), 17
ne vakit ki
nel momento in ui (in abbandono),
53
ne zaman ki
nel momento in ui (in abbandono),
53
nitekim
ome, allo stesso modo he, 53
olarak
nello stato di, 48
o(n)
quello, 14
n e, evvel
prima di, 23
te
al di l di (raro), 24
ramen, karn
nonostante, ben h, malgrado, 23
sen
sira

tu, 13

a anto, proprio vi ino a, 22


sonra
dopo di, 23
u(n)
odesto, 14
t ki
an h, n h, 53
z(e)re
al ne di, a ondizione he, sul punto
di, 22

vakta ki
nel momento in ui, 53
yukar
sopra di, 23

Riassunto

xiii

Riassunto
nomi:

(base + deriv.) +
numero + persona + aso
verbi: (base + deriv.) +
lasse + persona

-(n)n

a .

-(y)

lo .

-{d|t}E

1a

abl.

-{d|t}En

2a

dat.

-(y)E

3a

io

gen.
a .
dat.
lo .
abl.

ass.
gen.
a .
dat.
lo .
abl.

0
1
2
3
4
5
6
7
8
9

aggettivi da nomi
astrazione o on entrazione
privativo (senza)
nomi di mestiere o professione ideologi a
ompagno di, ami o
diminutivo, vezzeggiativo

Sussi di persona

gen.

ass.

-l
-lk
-sz
-{ |}
-{d|t}a
-{ |}k

Sussi per derivare le parole

singolare

plurale

-()m
-()n
-(s)(n)

-()mz
-()nz
-(lEr)(n)

tu

ben

noi

beni

bende
benden

sende
senden

bizi
bize
bizde
bizden

bu
bunun
bunu
buna
bunda
bundan

u
unun
unu
una
unda
undan

o
onun
onu
ona
onda
ondan

bana

sana

1a
2a
3a

voi

sen
senin
seni

benim

Sussi nominali predi ativi

biz

bizim

10
11
12
13
14
15
16
17
18
19

on
on
on
on
on
on
on
on
on
on

bir
iki

drt
be
alt
yedi
sekiz
dokuz

20
21
22
23
24
25
26
27
28
29

yirmi
yirmi
yirmi
yirmi
yirmi
yirmi
yirmi
yirmi
yirmi
yirmi

plurale

-(y)m
-sn
-({t|d}r)

-(y)z
-snz
-({t|d}r)(lEr)

stesso

siz
sizin
sizi
size
sizde
sizden

kendi
kendinin
kendini
kendine
kendinde
kendinden

bunlar
bunlarn
bunlar
bunlara
bunlarda
bunlardan

unlar
unlarn
unlar
unlara
unlarda
unlardan

questo odesto quello questi

sfr
bir
iki

drt
be
alt
yedi
sekiz
dokuz

singolare

bir
iki

drt
be
alt
yedi
sekiz
dokuz

30
40
50
60
70
80
90

odesti

otuz
krk
elli
altm
yetmi
seksen
doksan

quelli

onlar
onlarn
onlar
onlara
onlarda
onlardan
100
103
106
109

yz
bin
milyon
milyar

xiv

Riassunto

ile
iin
gibi
kadar
denli
z(e)re
sira
ire

posposizioni ol aso assoluto

doru
gre
kar
kadar
dein, dek
ramen, karn

posposizioni oll'ablativo

on
per
ome, allo stesso modo di
ome, quanto

al ne di, sul punto di, a ondizione he


a anto, proprio vi ino a
dentro

posposizioni ol dativo
verso, in direzione di
se ondo
ontro, di fronte, in ontro, verso
no a

prima di

dopo di
fuori da
sopra di
sotto a
davanti a
dietro a
al di qua di
al di l di
a ausa di, d'intorno
e etto, oltre a

in pi, oltre

nonstante, ben h, malgrado

posposizioni derivate:
dar, in direzione
zt il sopra
alt il sotto
art il dietro
ara l'intervallo
ba la testa

nome + susso di persona + dativo/lo ativo/ablativo

di

zer
n
i
yan
u

fa ia, responsabilit
ausa

-lE-, -dE-(E)r-, -(E)l-()k-sE

il sopra (sempre on susso di persona)

arka il dietro
il dentro
d
il difuori
il an o, il lato
taraf la direzione, la parte
la punta, l'estremit
yer
luogo, posto, suolo
yz +susso di persona+ablativo
a ausa di, per
sebep+susso di terza +ile
il davanti

deriv. verbale

-()n-(I)
-t-, -{d|t}r(-r-, -t-, -Er- e
altri irregolari)
-(){n|l}-mE-(y)E-mE-

idea di diventare
intransitivo di stato
desiderare

riessivo (1)
ontributivo, re ipro o (2)
fattivo o ausativo (3)

-Er-, -()r-, -z-()yor-mEktE-d-m-(y)E Ek-(y)E-mEl-sE-

negazione verbale (5)


impossibilit (6)

imperativo
singolare

se onda persona

imperativo
aoristo
progressivo
durativo
pf. onst.
pf. non onst.
intentivo
ottativo
deonti o
ipoteti o

passivo, impersonale (4)

sussi di persona
prima persona

olpa di

lassi

-are

modi atori verbali

terza persona

n e
evvel
sonra
dar
yukar
aa
ileri
geri
beri
te
dolay
baka
gayr
fazla

non '

-sn

-d / -sE

tutti gli altri

plurale

singolare

plurale

singolare

plurale

-(y)Elm
-(y)n(z)
-snlEr

-m
-n
-

-k
-nz
-lEr

-(y)m
-sn
-(dr)

-(y)z
-snz
-(dr)lEr

Riassunto

xv

gerundivo

imperfetto

ero

dubitativo

sembro

ipoteti o

se sono

iken, -(y)ken

idim
idin
idi
idik
idiniz
idiler

-(y)dm
-(y)dn
-(y)d
-(y)dk
-(y)dnz
-(y)dlEr

imiim
imisin
imi
imiiz
imisiniz
imiler

-(y)mm
-(y)msn
-(y)m
-(y)mz
-(y)msnz
-(y)mlEr

isem
isen
ise
isek
iseniz
iseler

-(y)sEm
-(y)sEn
-(y)sE
-(y)sEk
-(y)sEnz
-(y)sElEr

imek

-(y)d
aoristo
progressivo
durativo
pf. .
pf. n .
intentivo
ottativo
deonti o
ipoteti o

vererdi
veriyordu
vermekteydi
verdiydi
vermidi
vere ekdi
vereydi
vermeliydi
verseydi

-(y)sE
dava
stava dando
stava nel dare
aveva dato
aveva dato (sembra)
avrebbe dato
ah, se avesse dato!
doveva dare
se avesse dato

vererse
veriyorsa
vermekteyse
verdiyse
vermise
vere ekse
vermeliyse
-

se d
se sta dando
se sta nel dare
se ha dato
se ha dato (sembra)
se dar
se deve dare
-

-(y)m
aoristo
progressivo
durativo
pf. .
pf. n .
intentivo
ottativo
deonti o
ipoteti o

verermi
veriyormu
vermekteymi
vermimi
vere ekmi
vereymi
vermeliymi
verseymi

sembra he dia/desse
sembra he stia/stesse dando

vermek

sembra he stia/stesse nel dare


sembra he abbia/avesse dato
sembra he avrebbe dato

se per aso avesse dato!


sembra he debba/dovesse dare

forse avrebbe dato

forme omposte

Capitolo

Introduzione

La prima denizione di Tur hia risale al 1100, dopo la prima ro iata, e viene denita os la
zona dell'Anatolia. La denizione pi re ente risale inve e al 1923, nas ita della Repubbli a
di Tur hia, avvenuta grazie al generale Mustafa Kemal, detto Atatrk.
dolgan

kipchak

crimean
tatar

karaim

karachay

oceano Artico

noghay

tatar

stretto di Bering

nordest

yakut

bashkir
Lena

balkar

kumyk

karakalpak
mare di Okhotsk

ral

Yenisey

Obkirgiz

mo
n

lga

khakassian

Vo

Don

ma

karagassian

rN

ero

Tigri

lago Balkhash

Huang He

Syrdariya

oceano Pacifico

le
nta
rsi

r Cin

uyghur
yellow uyghur
Brahamaputra

salar
ale

co

Ind

uzbek

pi

lip

ma
rC

Fi
ne

kon

Me

karluk

lle

ine

de

se

ar

mar Arabico

Luzon
m

rid

Gange

Me

khorasan turkic

ion

afshar
khalaj

Orie

Yang Tze

Pe

kashgay

ese

lfo

Himalaya

ma

go

mar Rosso

azeri turkic
turkmen

Honsh

te

ary

fra

trukhmen

altay
deserto del Gobi

Tian Shan

uD

gagauz

shor

lago dAral

Am

mar Caspio

Ertis

Eu

Nilo

nord

Ural

turkic
mar Egeo

Amur
mare del Giappone

it U

Dn
e

chuvash
Danubio

baraba tatar

pr

Siberia
kazakh

golfo del Bengala

oghuz

Borneo

oceano Indiano

Sumatra

Figura 1.1: Le lingue tur he.


A se onda della zona geogra a in ui si sono espansi, sono nate diverse lingue:

Tur o del sud-ovest

Azerbaijan (nome anti o Atropene), regione del mar Caspio, la lingua


parlata no a Cipro e all'Iraq.

Tur o di Tur hia

Parlato an he in Iraq.

Capitolo 1. Introduzione

Turkmeno

A sud del mar Caspio, parlato in Iran e Turkmenistan.

Tur o orientale

E' la zona della lingua trki, parlato in Uzbekistan, si estende sino alla
Cina, dove si parlano sia tur o he persiano.

Tur o del nord

Qui si trovano i Kazaki, nomadi della steppa he parlano una lingua simile
al Tataro he si denis e Tarkip iak (Tataro+Kasako)

Non esiste un testo spirituale importante a ui ondurre tutte queste lingue ed per questo
he vengono sminuite, onsiderandole sempli i dialetti di una sola lingua, il tur o di Tur hia,
he deriva dall'ottomano, diuso no in Siberia.
La prima testimonianza di tur o anti o risale al VII se olo. In Europa era giunto an he
prima del 1453 (resa di Costantinopoli), per h 'era gi una ollaborazione on i Bizantini.
Lungo il Volga si parla una variante del bulgaro tur hizzato a ausa del tra o di s hiavi.

Tabella 1.1

Alfabeto tur o.

A
B
C

D
E
F
G

a
b

d
e
f
g

I
J
K

h
i

j
k

ome g di gelato
ome di ena
sempre aperta
ome g di gatto (4,2)
allunga la vo ale pre edente
se posteriore, altrimenti y
sempre aspirata
ome i, ma posteriore
ome j di jardin
(2)

L
M
N
O

P
R
S

l
m
n
o

p
r
s

T
U

Y
Z

t
u

y
z

(1)

ome eu in beurre
sempre sorda ome in sale
s ome in s ena

ome u di rue
sempre semi onsonante
s sonora ome in rosa

1. Nei nomi di origine tur a prima o dopo a, , o, u la l si pronun ia en gouttire (l reux).


2. Davanti a e, i, , e alle vo ali lunghe a, , u
(in parole di origine araba o persiana) la g
e la k si pronun iano mouill, io ome se fossero seguite da una y appena a ennata.
3. In ne di parola, ome di sillaba, le onsonanti b, d, g e diventano sorde, rispettivamente
p, t, k e . Lo stesso nel orpo della parola quando sono seguite da onsonanti sorde (,
f, h, k, p, s, , t). Quando in ne di parola prendono un susso he omin ia per vo ale,
ritornano sonore (kitap, kitabin).
4. La onsonante sonora g davanti a vo ale si addol is e diventando (an he nella graa):
kelebek (farfalla), al genitivo dovrebbe fare kelebegin e inve e kelebein.

1.1. Nozioni preliminari

Nozioni preliminari

1.1

La struttura della frase lassi a SCV, spesso per per al are il dis orso, per enfatizzare
si anti ipa il verbo. L'aggettivo pre ede il nome a ui si riferis e.
Esistono solo due ategorie di parole: i nomi e i verbi. Il radi ale verbale orrisponde
all'imperativo, ma nel dizionario riportato all'innito, ol susso -mEk.
Il radi ale nominale inve e rappresenta il nome al nominativo, ma pu essere usato an he
ome aggettivo o avverbio. Solo i sostantivi hanno una morfologia, in tutte le altre funzioni
un nome invariabile. Pertanto non esiste l'a ordo tra i nomi n in numero n in aso. In
quanto al genere, non esiste del tutto.
In prati a, esiste un sistema di sussazione dei nomi e uno dei verbi e tutto il resto
invariabile.
Se in una frase i sono parole he vogliono lo stesso susso (ad esempio, verbi on le stesse
persone), esso si mette solo sull'ultimo elemento e sugli altri sottinteso.

Armonia vo ali a

1.2

Nel tur o di Tur hia esistono otto vo ali he posso essere suddivise se ondo due aratteristi he:
non labiali

labiali

posteriori

anteriori

Nei termini di origine tur a possono omparire solo vo ali appartenenti alla stessa serie, di
norma o posteriori o anteriori.
Per studiare un termine bisogna partire dalla ne, per h il tur o pro ede per sussi:

Il signi ato

vo ali posteriori

hibiri

yollarn

Alldk

yok

vo ali anteriori

non ' al una delle vie abituali (man a qualsivoglia via abituale)
base (via)

terza persona

genitivo
plurale
base (prendere)

a ui
siamo abituati, usuale

formula ssa he signi a

uno

? ? ?

??

Al--l-dk yol-lar-n hi-bir-i yok


66 6

relativo

re ipro o

passivo

mai, niente
(temporale)

Capitolo 1. Introduzione
L'armonia vo ali a pu essere anteriore/posteriore o labiale/non labiale.
yol yol-lar-n,
uval uval-lar-n,

el

el-ler-in,
masa masa-lar-n

l l-ler-in

Al singolare:
quando nis e in vo ale

masa-n-n
Esistono due tipi di susso, he si indi ano on:
E = {e|a}
= {i|||u}

solo distinzione posteriore/anteriore


sia distinzione posteriore/anteriore he
labializzata/non labializzata

Per il plurale si usa un susso di tipo E, -lar|-ler: tler, yollar. Per il genitivo, uno di tipo
, -in|n|n|un: t-n-n, t-ler-in. Al singolare si adegua alla vo ale pre edente, mentre al
plurale -lEr fa perdere la labialit:
ta ta-n,

ulus ulus-un,

yol yol-un,

el el-in,

t t-nn

Armonia onsonanti a

1.3

1. Se le onsonanti sorde p, t, , k, , s, h, f sono seguite da un susso he omin ia per d,


g o , la onsonante iniziale diventa sorda, trasformandosi rispettivamente in t, k e .
Ad esempio, il lo ativo ha ome susso da|de|ta|te
yol yol-da,

ulus ulus-ta,

el el-de,

t t-de,

ta ta-ta

Quest'alternanza si ha on le onsonanti d|t, g|k e |.


2. Quando un susso termina in k ed seguito da un susso he omin ia per vo ale, la
k diventa . Questo non si veri a se la k la ne di una radi e di un verbo.
3. Le parole he terminano in p, t, k e trasformano la onsonante nale rispettivamente
in b, d, e davanti ad un susso he omin ia per vo ale, quando appartengono alle
seguenti ategorie:

tutti i nomi di origine tur a di due o pi sillabe;


una parte dei monosillabi di origine tur a;
tutti i nomi di origine straniera he nella lingua d'origine terminano in b, d, g, .

1.4. Lettere di ollegamento (eufoni he)

Lettere di ollegamento (eufoni he)

1.4

Quando in virt della sussazione si trovano a ontatto due vo ali o due onsonanti, viene
inserita una lettera di ollegamento. Nel aso di due onsonanti la vo ale sempre .
Nel aso di due vo ali pu essere:

di solito y;
qual he volta n;
s per il possessivo di terza persona -(s);
per il distributivo -()Er.

Casi parti olari

1.5

In al uni asi, la se onda vo ale di una radi e instabile, e ade davanti ad un susso
he omin ia per vo ale. Questo su ede in parti olare quando la parola deriva da una parola
straniera he in origine non aveva questa vo ale: kir, he deriva dall'arabo kr, all'a usativo
diventa kri. Ma pu su edere an he in parole d'origine tur a.
Al une parole non di origine tur a hanno delle e ezioni al me anismo delle armonie
vo ali a e onsonanti a:

kitap

Deriva da una parola araba, kit ab, e quando il susso omin ia per vo ale se ne ri orda:
kitapta, kitabn.

harp

An he questa deriva dall'arabo, harb, per la a in questo aso breve e sembra anteriore:
harbin.

Notazione per i sussi


Nei sussi, usiamo la seguente notazione:

la possibile s elta tra due lettere x e y indi ata on {x|y};


la s elta tra

la s elta tra i, ,

e
u

per l'armonia vo ali a indi ata on E;


e

per l'armonia vo ali a indi ata on ;

la s elta tra

e t per l'armonia onsonanti a indi ata on D;

la s elta tra

per l'armonia onsonanti a indi ata on C;

le lettere eufoni he (v. Sez. 1.4) sono indi ate tra parentesi.

1.6

Capitolo 1. Introduzione

Capitolo

Morfologia del nome

I sussi grammati ali si suddividono in tre ategorie, he si su edono in un ordine rigoroso:


prima il susso numero, poi quello di persona e quindi quello di aso. Una base nominale pu
ri evere al pi un susso per tipo.
La base nominale rappresenta un nome al singolare (senza spe i he di numero), impersonale
(senza possessivi) e in aso assoluto (nominativo, aggettivo, e .).
Una base nominale pu essere radi ale o derivata. E' radi ale quando non pu essere
ulteriormente suddivisa. E' derivata quando deriva da una base radi ale seguita da uno o pi
sussi di derivazione, he sono diversi da quelli grammati ali.

Sussi per derivare le parole

2.1

-l

aggettivi da nomi

ev
yldz

asa
stella

evli
yldzl
yldzl gn

munito di asa, a asato, sposato


stellato
il ielo stellato

-lk

astrazione o on entrazione

gzel
aa
evli

gzellik
aalk
evlilik

bello
albero
a asato

bellezza
zona bos osa, alberata
matrimonio

Non in tutte le zone dove si parla tur o si distingue tra -l e -lk, spesso si trova solamente
-lk.
-sz

privativo (senza)

aa
sakal
i
su

albero
barba
lavoro

a qua

aasz
sakalsz
isiz
isizlik
isizliklerde
susuzluk

-C

senza alberi
senza barba
diso upato
diso upazione
nelle diso upazioni
sete

nomi di mestiere o professione ideologi a

kitap
Dgol

libro
De Gaulle

kitap
dgol' 

libraio
gaullista

Capitolo 2. Morfologia del nome

-Da

ompagno di, ami o

(non ha armonia vo ali a)


arka

mezlek
din

s hiena, spalle, dietro

professione, lavoro
fede

arkada
arkadalk
arkadasz
arkadaszlk
mezlekta
dinda

ami o
ami izia
senza ami i (lupo solitario)
solitudine
ollega
orreligionario

-Ck

diminutivo, vezzeggiativo

pen ere
kalem

nestra
penna

pen ere ik
kalem ik

netsrella
pennina

Ma in u uk, bambino, non un susso, gi ompreso.

Susso di numero

2.2

-lEr

plurale

In realt non si usa in molti asi in ui l'italiano impiega il plurale ed usato solo in
aso di ne essit di pre isazione. In genere determinato.
Non si usa:
1. Per esprimere il ollettivo: ev grdm,

ho visto delle ase

2. Quando il nome pre eduto da un quali ativo di numero o di quantit: be ev


grdm, ho visto inque ase.

Sussi personali possessivi


prima persona
se onda persona
terza persona

2.3
singolare

plurale

-()m
-()n
-(s)(n)

-()mz
-()nz
-(lEr)(n)

2.3. Sussi personali possessivi

Nel tur o del sud-ovest quando ' una parola al possessivo di terza on ulteriori sussi di
aso si appli a la n pronominale (kaplarndan), ma nella altre zone si usa solo on i asi he
iniziano per vo ale (kaplardan).
ho visto le porte delle ase
sono entrato alle porte delle ase

evlerin kaplarn grdm


evlerin kaplarna girdim

Sono di solito hiamati sussi possessivi per h, tra gli altri, hanno un ruolo simile a quello
dei pronomi possessivi delle lingue o identali. Ma la loro funzione quella di mettere in
relazione il nome on hi parla (prima persona), on hi as olta (se onda persona) o on altri
elementi della frase (terza persona).
Quindi pu indi are:
1. possesso: evim,

la mia asa

2. appartenenza: snfm, la

lasse a ui appartengo

3. soggetto on i nomi di azione: grdm,


4. destinazione: kahve deirmeni,

quello he vedo

ma inino per il a

5. il susso di terza, relazione del omplemento ol ompletato (stato ostrutto), simile ad


un'apposizione:
Trkiye Cmhuriyeti
Paris ehri

la Repubbli a di Tur hia


la itt di Parigi

6. nomi geogra i, botani i, zoologi i, di nazione, etnia, e :


Baykal gl
maydanaz otu
Trk o uu

lago Baikal
prezzemolo (pianta di)
il bambino Tur o

7. partitivo: mantolara bak: mavisi gzel,


tra i mantelli in questione);

akasya aa 
kanarya kuu
Osmanl Devleti

a a ia (albero di)
anarino (u ello di)
lo stato Ottomano

guarda i mantelli: quello blu bello

(quello blu

8. altro:
babas o uunu seviyor
bulmas kolay

il padre ama suo glio


(questo ) fa ile da trovare

Per quanto riguarda la terza plurale, il susso -lEr si usa solo per parole singolari ( io non
si mettono due sussi -lEr in la). Pertanto evleri pu voler dire la loro asa, le loro ase o le
sue ase. Inoltre si usa solo per esseri animati e an he per questi spesso si usa solo il singolare.
Non si possono umulare due sussi di persona. Quando un susso di terza si trova davanti
ad uno di prima o di se onda, quello di terza ade:
s atola di ammiferi
la mia s atola di ammiferi

kibrit kutusu
kibrit kutum

10

Capitolo 2. Morfologia del nome


la
la
la
la
la
la

mia asa
tua asa
sua asa
nostra asa
vostra asa
loro asa

evim

la
la
la
la
la
la

mia stanza
tua stanza
sua stanza
nostra stanza
vostra stanza
loro stanza

odam

evin
evi
evimiz
eviniz
evleri

odan
odas
odamz
odanz
odalar

le
le
le
le
le
le

mie ase
tue ase
sue ase
nostre ase
vostre ase
loro ase

evlerim

le
le
le
le
le
le

mie stanze
tue stanze
sue stanze
nostre stanze
vostre stanze
loro stanze

odalarm

evlerin
evleri
evlerimiz
evleriniz
evleri

odalarn
odalar
odalarmz
odalarnz
odalar

Esempio 2.1: Sussi di persona.


I pronomi possessivi sussi si usano nello stato ostrutto:
kelebein kanatlar (della farfalla le ali sue).
le ali della farfalla
la asa di Reyhan
le porte delle ase

kelebein kanatlar
Reyhan'n evi
evlerin kaplar

le ali della farfalla

la porta della asa


la asa di Duygu
dalle porte delle ase

diventa

evin kaps
Duygu'nun evi
evlerin kaplar(n)dan

Sussi dei asi

2.4
asi grammati ali

genitivo
a usativo

asi spaziali

lo ativo
ablativo
dativo

-(n)n
-(y)
-DE
-DEn
-(y)E

Caso assoluto

2.4.1

Il aso assoluto quello senza sussi di aso e pu essere impiegato in un gran numero di
o asioni. Oltre he on un erto numero di posposizioni (v. Sez. 3.1), usato da solo ome:
1. soggetto:
o uk, glyor

il bambino ride;

2. vo ativo:
o uk! gel!

bambino! vieni!

3. omplemento oggetto indeterminato:


bu kadn, o uk yetitirdi

questa donna ha allevato tre bambini;

2.4. Sussi dei asi

11

4. omplemento di spe i azione indeterminato o he non ha bisogno di spe i azione,


spe ialmente nelle frasi fatte:
Cmhur Bakan
Ulus Meydan

Presidente della Repubbli a


piazza della Nazione;

5. omplemento di materia, he si omporta ome un aggettivo: ta kpr,


pietra;
6. dopo una quantit, he si omporta ome aggettivo: be kilo ekmek,
pane.

ponte (di)

inque hili (di)

Casi grammati ali

2.4.2

Esprimono la relazione di omplemento determinato del nome (genitivo) e del verbo (a usativo).
-(n)n

genitivo

evin
kelebein
tnn

kitabn
gln

della asa
della farfalla

del libro
del lago

odann
uvaln

della stanza
del sa o

del ferro da stiro

Si esprimono ol genitivo:
1. omplemento di spe i azione determinato: obann evi,
pastore ben pre iso;

, di un

la asa del pastore

2. partitivo ( on susso di persona obbligatorio sul se ondo termine): atlarn , tre


dei avalli;
3. paragone, ol superlativo, dove il se ondo termine vuole il susso di persona:
Mehmet, o uklarn by, Mehmet il pi grande dei bambini.
-(y)

a usativo

evi
ty

la asa
il ferro da stiro

kitab
ulusu

il libro

oday

la stanza

la nazione

Indi a il omplemento oggetto determinato e si usa solo in frasi verbali:


evi grdm
bir evi grdm

Casi spaziali

ho visto la asa
ho visto una erta asa

Esprimono relazioni spaziali reali o simboli he.

-DE

2.4.3
lo ativo

Esprime il omplemento di stato in luogo, reale o gurato, an he nel signi ato di presso
di. Si usa an he per omplementi di tempo.

12

Capitolo 2. Morfologia del nome

-DEn

ablativo

evden

da asa

elikten

d'a iaio

kattan

di arta

Coll'ablativo si esprimono:
1. il omplemento di moto da luogo;
2. passaggio e traversata:
kprden getim
Paris'ten getim

ho attraversato il ponte
sono passato da Parigi

3. allontanamento simboli o o psi ologi o:


patatesten bktm
kpekten korkarm

sono disgustato dalle patate


ho paura del ane;

4. omplemento di ausa e di ausa e ente (non d'agente, v. Sez. 3.4);


5. omplemento di tempo:
dnden beri
o zamandan evvel
o zamandan sonra

da ieri
prima di quest'epo a
dopo quest'epo a

6. partitivo ( on susso di persona obbligatorio sul se ondo termine): atlardan ,


tre dei avalli;
7. omplemento di materia: tatan kpr,

ponte di pietra

8. paragone, sia per i omparativi he per i superlativi, dove l'uni o segno del
paragone; la dierenza tra omparativo e superlativo nel se ondo termine, he
rispettivamente non vuole e vuole il susso di persona:
Mehmet, Ahmetten byk
Mehmet, o uklardan by

Mehmet pi grande (d'et) di Ahmet


Mehmet il pi grande dei bambini

-(y)E

dativo

eve
kitaba

a asa
al libro

deftere
masaya

al quaderno
al tavolo

Col dativo si esprimono:


1. omplemento di moto a luogo, an he gurato;
2. omplemento di termine;
3. omplemento di prezzo: be kurua bir elma,
4. omplemento di tempo: akama gele eim,
Si ostruis ono ol dativo: bekmek,

verr verso sera

, girmek,

guardare

una mela da inque piastre

, yaklat,

entrare

si avvi in

2.5. Pronomi

13

su

La parola su,

2.4.4

, ha una de linazione irregolare:

a qua

1. davanti ai sussi di persona prende la forma suy (tranne on -lEr): suyum, suyun,
suyu(n), suyumuz, sular(n);
2. il genitivo suyun; gli altri asi sono regolari.

Pronomi

2.5

Pronomi personali

2.5.1
singolare

assoluto
genitivo
a usativo
dativo
lo ativo
ablativo

plurale

prima persona

se onda persona

prima persona

se onda persona

ben

biz

beni

sen
senin
seni

bende
benden

sende
senden

siz
sizin
sizi
size
sizde
sizden

benim

bana

bizim

bizi
bize
bizde
bizden

sana

Ci sono tra e di un anti o plurale in z (biz, siz). Esistono an he le forme bizler (noi
altri), sizler (voi altri), usate in modo enfati o.
Il genitivo si pu usare an he ol senso di possesso:
binim ev = evim = binim evim
Normalmente i si d del tu, an he se esiste il voi di ortesia. Si usa il biz di modestia.

Sussi nominali predi ativi


prima persona
se onda persona
terza persona

2.5.2
singolare

plurale

-(y)m
-sn w
-(Dr)

-(y)z
-snz
-(Dr)(lEr)

Sono en liti i e si mettono alla ne delle parole, dopo i sussi di aso. Servono a formare
delle proposizioni nominali, on o senza soggetto, per esprimere il verbo essere opula.
sen, trksn
sen, trk
trksn
ondandr

sei tur o

a ausa di questo

evdeler
evdedirler
evdeyim

(loro) sono a asa

(io) sono a asa

14

Capitolo 2. Morfologia del nome

Pronome/aggettivo kendi
La parola kendi usata per

stesso

( on i sussi di persona) e

kendim
kendin
kendisi
kendi babas

2.5.3

proprio

( ome aggettivo):

io stesso
tu stesso
lui stesso, s stesso
suo proprio padre

Si pu usare an he ome pronome di terza persona, nel qual aso si de lina on la n


pronominale, ome kendi(n):
assoluto
genitivo
a usativo

kendi
kendinin
kendini

dativo
lo ativo
ablativo

kendine
kendinde
kendinden

Pronomi/aggettivi indi ativi


bu(n):

2.5.4
, u(n):

questo

, o(n):

odesto

quello

Si de linano quando sono usati ome pronomi e sono inde linabili ome aggettivi. O(n)
quello usato pi spesso ome pronome personale di terza persona.

dativo
a usativo
genitivo
lo ativo
ablativo

questo

odesto

quello

questi

odesti

quelli

bu
buna
bunu
bunun
bunda
bundan

u
una
unu
unun
unda
undan

o
ona
onu
onun
onda
ondan

bunlar
bunlara
bunlar
bunlarn
bunlarda
bunlardan

unlar
unlara
unlar
unlarn
unlarda
unlardan

onlar
onlara
onlar
onlarn
onlarda
onlardan

Pronome/aggettivo susso -ki(n)

Non subis e l'armonia vo ali a, tranne on dnk (di


assoluto
genitivo
a usativo

-ki
-kinin
-kini

dativo
lo ativo
ablativo

Si usa ol gentivo, il lo ativo e gli avverbi e signi a

), bugnk (del

ieri

2.5.5
).

giorno d'oggi

-kine
-kinde
-kinden

olui he

nella ondizione relativa.

1. Col genitivo pu essere solo pronome e non aggettivo e signi a quello


benimki, il mio, doktorunki, quello del medi o.

he appartiene a

2. Col lo ativo o on un avverbio signi a quello he : evdeki, quello he in asa, karki,


quello di fronte, karki ev, la asa di fronte. Si pu usare on tutti i lo ativi, ma solo
on al uni avverbi di luogo o tempo.

2.6. Aggettivi e avverbi

15

Pu dar luogo a ostruzioni omplesse: evlerinizdekilerimize,


.

a quelli di noi he sono nelle

vostre ase

Lo uzioni pronominali

Con l'aggiunta del susso -(s)(n) al uni nomi-aggettivi diventano pronomi.


1. bir,

uno

biri, birisi (due sussi di terza):


birbiri:
2. o bir, br,
br:

l'uno, qual uno

l'un l'altro

altro (di due)

l'altro (di due)

3. baka, dier,

altro

bakas, dieri:
4. hep,

2.5.6

un altro

sempre, interamente

hepsi (irregolare):

la totalit, tutto

(solo ome pronome, ome aggettivo si usa btn).

Aggettivi e avverbi

2.6

Un nome impiegato aggettivamente invariabile e viene messo prima del nome a ui si riferis e: gzel hava, il bel tempo. Vengono usati proni palmente ome aggettivi i nomi indi anti
qualit e quelli in -l, -sz e in -lk: dalk bir memleket, un paese montagnoso, tuzlu ekmek,
pane salato, tatsz bir yemek, un mets insipido.

Comparativi e superlativi

2.6.1

Non i sono forme per il omparativo o il superlativo, ma si usano delle ostruzioni on


l'ablativo (v. Sez. 2.4.3)
1.

; la dierenza tra omparativo e superlativo


nel se ondo termine, he rispettivamente non vuole e vuole il susso di persona:

on l'ablativo ome uni o segno di paragone

Mehmet, Ahmetten byk

Mehmet pi grande (d'et) di Ahmet


( omparativo)

Mehmet, o uklardan by

Mehmet il pi grande dei bambini


(superlativo)

2. per il omparativo, la stessa ostruzione on l'aggiunta di


daha byk;
3. per il superlativo, la stessa ostruzione on l'aggiunta di
by.

: Mehmet, Ahmetten

daha

: Mehmet, o uklardan en

en

16

Capitolo 2. Morfologia del nome

Intensivi

2.6.2

Per dare un senso intensivo si possono usare:


1. i termini ok,

, pek

molto

: ok iyi, pek iyi,

estremamente

2. il termine raddoppiato: byk byk lar,

molto bene

parole molto grosse

3. il termine pu essere raddoppiato non integralmente, ma prendendo solo la prima sillaba


(no alla prima vo ale in lusa), seguita da p, m, s, r o pe, e usando il tutto ome presso
dell'aggettivo: kapkara, tutto nero, bombo, tutto vuoto, dosdoru, tutto dritto, rplak,
tutto nudo, dpedz, tutto unito, molto fran amente.

Avverbi

2.6.3

Tutti gli aggettivi possono essere impiegati an he on senso avverbiale: iyi yapt, ha fatto
bene. Possono avere an he senso omparativo o superlativo: Ahmetten (daha) iyi yapt, ha
fatto meglio di Ahmed, (en) iyi o yapt, ha fatto il meglio.
Sussi di senso avverbiale:
-(y)n, -leyn

al tempo di

kn, in inverno, yazn,


ge eleyin, la sera;

, leyin,

in estate

, sabahlayn,

a mezzogiorno

-l ... -l
sal sollu,

al mattino

sia ..., sia ...

, sabahl akaml,

sia a destra he a sinistra

-CE

mattina e sera

alla maniera di

sempre en liti o e si sostituis e ai asi; orrisponde all'italiano -mente, an he se ha un


impiego pi vasto: krim e, a mio avviso, o uka, ome un bambino, yzler e, a entinaia, sabrsz a, impazientemente; on i termini di popolo designa le lingue: fransz a,
il fran ese, trke, il tur o e si de lina normalmente ( ompresi gli a enti in fondo); on
valore intensivo, diventa - esine (+terza+dativo): o ukasna, ompletamente ome un
bambino.

Interrogativi

2.7

Interrogativi indeniti
kim

2.7.1
hi? ( hiunque)

Ha una de linazione ompleta e regolare. E' sempre un pronome e mai un aggettivo. Si


riferis e a persone.
1. Con i sussi di persona pu assumere valore partitivo: kimimiz?, hi

di noi?

2.7. Interrogativi
Tabella 2.1

17

Interrogativi.

kim
ne
hangi
ka

assoluto
genitivo
a usativo
dativo
lo ativo
ablativo

pronome
pronome/aggettivo
aggettivo
pronome/aggettivo

interrogativo

on l'ipoteti o (-sE)

hi?
he osa?
quale?
quanti?

hiunque
qualunque osa
qualsiasi tipo
qualsiasi quantit

hi?

al uno

he osa?

quale?

quanti?

kim

kimse

ne

hangi

ha

kimin
kimi
kime
kimde
kimden

kimsenin
kimseyi
kimseye
kimsede
kimseden

nenin (neyin)
neyi
neye
nede
neden

hanginin
hangiyi
hangiye
hangide
hangiden

han
ha
haa
hata
hatan

2. Con l'ipoteti o dei verbi (-sE), assume il valore indenito


hiunque (sia he) venga.

: kim gelse,

hiunque

3. Pu essere usato ome es lamativo.


4. La forma kim ise pu ontrarsi in kimse e diventare un altro pronome indenito
de linabile, qual uno, al uno e nessuno in frasi negative.
5. Frasi idiomati he:
kimi
kimi ... kimi ...

erto, un erto
uno ... un altro ...

ne

he osa? (qualunque osa)

E' sia pronome he aggettivo. Si riferis e a ose. Ha due de linazioni, una regolare e
una sul tema ney- davanti a vo ale.
1. Con l'ipoteti o dei verbi (-sE), assume il valore indenito

qualunque osa

2. Pu essere usato ome es lamativo.


3. Frasi idiomati he:
neye
niye
neyse
nasl = ne asl
niin = ne iin
ne kadar

per quale osa?


per h?
bene, ebbene, inne
ome?
per h?
quanto grande?

hangi

quale? (qualsiasi)

Aggettivo he interroga sulla qualit: hangi nuk?

quale olore?

1. Con l'ipoteti o dei verbi (-sE), assume il valore indenito


2. Non usato ome es lamativo.

qualsiasi

18

Capitolo 2. Morfologia del nome


3. Con i sussi di persona pu assumere valore partitivo: hangimiz?,

ka

quale di noi?

quanti? (qualsiasi numero)

E' pronome e aggettivo. Interroga sul numero, non sulla quantit.


1. Con l'ipoteti o dei verbi (-sE), assume il valore indenito
adm gelse, qualsiasi numero di uomini venga.

: ka

qualsiasi numero

2. Frasi idiomati he:


kaa

per quanto? a he prezzo? a he ora?

Numerali

2.8

Cardinali
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9

2.8.1
sfr
bir
iki

drt
be
alt
yedi
sekiz
dokuz

10
11
12
13
14
15
16
17
18
19

on
on
on
on
on
on
on
on
on
on

bir
iki

drt
be
alt
yedi
sekiz
dokuz
1453
nel 1453

20
21
22
23
24
25
26
27
28
29

yirmi
yirmi
yirmi
yirmi
yirmi
yirmi
yirmi
yirmi
yirmi
yirmi

bir
iki

drt
be
alt
yedi
sekiz
dokuz

30
40
50
60
70
80
90

otuz
krk
elli
altm
yetmi
seksen
doksan

100
103
106
109

yz
bin
milyon
milyar

bin drt yz elli


1453'te (solo dell'ultimo)

Sfr usato solo in aritmeti a, normalmente si usa hibir,


Possono essere usati:
1. ome aggettivi (invariabili): drt adama,
2. ome avverbi (invariabili): bir vurdular,

al uno nessuno

ai quattro uomini

ils frapprent una volta

3. sostantivo, on de linazione ompleta e regolare (solo dell'ultimo termine della atena):


drdn grdm, ne ho visto quattro, ho visto quattro di quelli.
Si usano tane o adet (unit di onto), dopo il numero, spe ie in risposta a ka? (quanti?):
iki tane, due, iki tane yumurta, due uova, on be adet tavuk, quindi i poules.
Il susso -(s)(n) si usa per sostantivare, spesso on valore partitivo: on alts, i sedi i,
sedi i tra loro. Con la parti ella en liti a dE si rende il senso di tutti e: on alts da, tutti e
sedi i.

2.8. Numerali

19

Ordinali

2.8.2

-()n

ordinale

Si ottengo dai ardinali on l'aggiunta del susso -()n : onun u, de imo. Primo si di e
birin i solo nel aso di sequenze, altrimenti ilk: ilk adam, il primo uomo, birin i mevki,
prima lasse, ikin i mevki, se onda lasse.
Ultimo si di e son o sonun u. Mediano si di e ortan a (orta, mezzo).
Diventano sostantivi ol susso di terza: on altn s, il sedi esimo.

Distributivi

2.8.3

-()Er

distributivo

Si ottengo dai ardinali on l'aggiunta del susso -()Er.


1. Uno solo, signi a x
a isa uno.

: onlara drder erik verdik,

a ias uno

abbiamo dato quattro prugne

2. Due ripetuti, signi a (a) x a x: drder drder yryorlar, amminano quattro a quattro.

Frazioni

Sono parti olari solo i quarti nel aso del tempo e le met in tutti i asi.
1. yarm,

, yar,

mezzo

2.8.4

la met

Indi ano le mezze quantit; yarm aggettivo, yar sostantivo: yarm kilo et,
hilo di arne, elmann yars, la met della mela.
2. buuk,

e mezzo

Si usa per aggiungere un mezzo a una quantit: iki buuk kilo,


3. eyrek,

mezzo

due hili e mezzo

un quarto

Si usa solo per il tempo.


4. In tutti gli altri asi si usa il lo ativo del denominatore seguito dal numeratore: drtte
, tre quarti, drtte mz, i tre quarti di noi, elmanin drtte n yedi, ha mangiato
tre quarti della mela.

Uso dei numeri


1.

2.8.5

Operazioni
addizione
sottrazione

moltipli azione
divisione

5+4=9
54=1
5 4 = 20
20/5 = 4

linguaggio omune

matemati a

be, drt daha, dokuz eder


beten, drt kt, bir kalr
beten, drt karrsak, bir kalr
be kere drt, yirmi eder
yirmi, taksim drt, be eder

be art drt
be eksi drt
be arp drt
yirmi bl drt

20

Capitolo 2. Morfologia del nome


2.

Prezzi
Le monete si esprimo in lira (lire) o in kuru (piastre, un entesimo di lira). Se ',
la moneta va messa prima. Il prezzo si esprime al aso assoluto o al dativo: ati ne
kadar? yz elli, qual' il prezzo? ento inquanta (piastre), kaa? yz elliye, a quanto?
a ento inquanta. Conto si di e hesap (hesab-).

3.

Date
Le date si esprimono ome in italiano: yirmi be Mart (bin) dokuz yz yetmi iki,
marzo 1972. Nomi generi i: ay, mese, gn, giorno, yl, anno.

25

Per indi are in una erta data:


(a) in genere, si usa il lo ativo: ayn yirmi beinde,

il venti inque del mese

(b) on i giorni della settimana si usa il aso assoluto, a volte seguito da gn: Pazar
gn, domeni a; al futuro, si usa il dativo: Pazara, domeni a prossima.

Tabella 2.2

Mesi e giorni.

gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno

4.

O ak
ubat
Mart
Nisan
Mays
Haziran

luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
di embre

Temmuz
Austos
Eyll
Ekim
Kasm
Aralk

domeni a
luned
marted
mer oled
gioved
venerd
sabato

Pazar
Pazartesi
Sal
aramba
Perembe
Cuma
Cumartesi

Ore
Ora si di e saat, minuto si di e dakika (di solito sottintesi). Per hiederla: saat ka?
he ore sono?, saat kata, a he ora?. I nomi sabah, mattina, ge e, notte, akam, sera
possono pre edere l'ora per pre isarla.
saat ka?
(saat) yedi
yedi buuk
on iki
ge e on iki
sekizi yirmi geiyor

he ore sono?
sono le sette
sono le sette e mezzo
mezzogiorno
mezzanotte
otto e venti

saat kata
yedide
yedi buukte
on ikide
ge e on ikide
sekizi yirmi gee

venti passano le otto

sekize yirmi var

otto meno venti

a he ora?
alle sette
alle sette e mezzo
a mezzogiorno
a mezzanotte
alle otto e venti
ai venti he passano le otto

sekize yirmi kala

alle otto meno venti

Capitolo

Posposizioni

Simili alle preposizioni italiane, sono diverse dai sussi per h non si legano direttamente al
nome. Normalmente non sono saldate, seguono le parole e reggono dei asi spe i i.

Posposizioni ol aso assoluto

3.1

Si ostruis ono ol aso assoluto on i nomi omuni. Con i pronomi personali, dimostrativi
e l'interrogativo kim si usa il genitivo.
ile

on (mezzo e ompagnia)

E' en liti a: l'a ento va sull'ultima sillaba della parola he la pre ede.
arkada ile
babam ile

arkadam ile
tren ile

on ami o
on mio padre

on il mio ami o
on il treno

Nella lingua omune si tende a onvertire la posposizione in susso atono (-(y)lE),


ri ordando l'armonizzazione vo ali a:
babam ile babamla
tren ile trenle
1.

omplemento di mezzo e strumento

2.

omplemento di ompagnia

on mio padre
on il treno

, an he nella forma omposta ile + beraber/birlikte, he


vogliono dire unit: arkadamla beraber; pu voler dire sia in ompagnia di he
malgrado.

Spesso usato nel signi ato della sempli e ongiunzione e: Mehmetle Ahmet geldiler,
Mehmet e Ahmet sono venuti.
Bununla:
bunun.

. Letteralmente signi a on questo, ostruzione di -la e genitivo

nonostante i

iin

per

litmek iin

per andare

vatan iin
vatanlarmz iin

per la patria
per le nostre patrie

1. on nomi d'azione in -dk e -(y)E Ek derivati da verbi,


2. in tutti gli altri asi,

omplemento di s opo

omplemento di ausa

22

Capitolo 3. Posposizioni

gibi

ome, allo stesso modo di ( omparativo di qualit)

benim gibi
onun gibi

ome me
ome lui

senim gibi
o uk gibi konumak

kadar, denli

ome te
parlare ome un bambino

ome, quanto ( omparativo di quantit)

Maria kadar litmek

Ne kadar?

andare quanto Maria

z(e)re

Quanto?

al ne di, a ondizione he, sul punto di

grmek

vedersi re ipro amente

grmek zere

E' una forma ar ai a, il solo senso orrente


partire.

arriveder i, arrisentir i

: gitmek zre,

sul punto di

sira

sul punto di

a anto, proprio vi ino a

In un numero ridotto di espressioni:


yanm sira
ardm sira

proprio vi ino a me
proprio dietro di me

(letteralmente:
(letteralmente:

proprio vi ino al mio lato

proprio vi ino alla mia s hiena

ire

dentro

Ar ai o, usato solo in poesia e a Istanbul (i,


deniz ire

).

interiorit

nel mare

Posposizioni ol dativo

3.2

doru

verso, in direzione di

Il signi ato originale diritto, giusto.


eve doru

verso asa

gre

se ondo

Collegato a grmek (vedere), un tipo di gerundio.


bana gre
sana gre
ona gre

se ondo me
se ondo te
se ondo lui

bu kitaba gre
kanuna gre
yasaya gre

se ondo questo libro


se ondo la legge

persiano

se ondo la legge

mongolo

3.3. Posposizioni on l'ablativo

23

kadar, dein, dek

no a

eve kadar
eve dein
eve dek
aralia kadar

arabo
no a asa

forme ar ai he
re uperate dal purismo

no a di embre

Dek pu essere an he susso: burayadek,

no a qui

kar

ontro, di fronte, in ontro, verso

karlamak
bize kar

venirsi in ontro

karmak

arontare

nei nostri onfronti, ontro di noi, a nostro favore

Di fronte alla asa ' una s uola: eve kar bir okul var.
ramen, karn

nonostante, ben h, malgrado

buna ramen

nonostante questo

Posposizioni on l'ablativo

3.3

Posposizioni on idea di origine

3.3.1

Posposizioni on idea di origine, prin ipio, partenza, he raorzano il signi ato dell'ablativo:
n e, evvel

prima di

senden evvel
sonra

prima di te

dopo di

Posposizioni di luogo

3.3.2

dar

fuori da

yukar

sopra di

aa yukar,
aa

pressappo o
sotto a

24

Capitolo 3. Posposizioni

ileri

davanti a

lerlemek,

avanzare

geri

dietro a

Gerilemek,

retro edere

beri

al di qua di (raro)

tenden beri,

da molto tempo a questa parte (lett. da l in qua)

te

al di l di (raro)

Altre posposizioni on l'ablativo

3.3.3

dolay

a ausa di, d'intorno

ondan dolay
bu yzdan dolay

a ausa di questo
da questo punto di vista (????)

baka, gayr

e etto, a e ezione di, a parte, oltre

fazla

in pi di, oltre

Nomi derivati he fungono da posposizioni

3.4

Complementi di luogo

3.4.1

Da al une parole he indi ano luoghi si ri avano posposizioni he reggono il genitivo (per h
.in stato ostrutto). Si usano ai tre asi spaziali: dativo, lo ativo e ablativo, eventualmente
on pronome susso di persona.

dativo
lo ativo
nome + susso di persona +

ablativo
parte superiore
parte inferiore

zt
alt

zt-n-de
alt- n -da

nel suo di sopra


nel suo di sotto

=
=

sopra
sotto

Le parole sono:
zt
alt

il sopra
il sotto

zer
n

il sopra (sempre on susso di persona)


il davanti

3.4. Nomi derivati he fungono da posposizioni


Tabella 3.1

25

Posposizioni.

ol aso assoluto

ile
iin
gibi
kadar, denli
z(e)re
sira
ire

on
per
ome, allo stesso modo di
ome, quanto
al ne di, sul punto di, a ondizione he
a anto, proprio vi ino a
dentro

doru
gre
kadar, dein, dek
kar
ramen, karn
n e, evvel
sonra
dar
yukar
aa
ileri
geri
beri
te
dolay
baka, gayr
fazla
arka
i
ara
taraf
u

ol dativo

verso, in direzione di
se ondo
no a
ontro, di fronte, in ontro, verso
nonstante, ben h, malgrado

oll'ablativo

prima di
dopo di
fuori da
sopra di
sotto a
davanti a
dietro a
al di qua di
al di l di
a ausa di, d'intorno
e etto, a e ezione di, a parte, oltre
in pi, oltre

il dietro
il dentro
l'intervallo
la direzione, la parte
la punta, l'estremit

A queste si aggiunge dar, in direzione


- a e il susso -r, in direzione di.

art
d
yan
ba
yer

il dietro
il difuori
il an o, il lato
la testa
luogo, posto, suolo

, formata, ome d-a-r, on l'anti o dativo in

di

Complemento d'agente

3.4.2

Oltre al signi ato spaziale (guardare in direzione di Trento, Trento tarafndan bakmak),
taraf ha an he il signi ato di omplemento d'agente: questa asa stata fatta da parte nostra.
Ad esempio, questa asa stata fatta da noi pu essere una di queste tre:
bu ev
bu ev
bu ev

tarafmzdan
yapld
bizim taraftan
yapld
bizim tarafmzdan yapld

26

Capitolo 3. Posposizioni

Tabella 3.2

Posposizioni derivate on lo ativo e terza persona


il sopra
il sopra
il sotto
il davanti
il dietro
il dietro
il dentro
il difuori
l'intervallo
il an o, il lato
la direzione, la parte
la testa
la punta, l'estremit
luogo, posto, suolo

Complemento di ausa
Dalle parole yz,

zt ztnde
zer zerinde
alt altnda
n nnde
arka arkasnda
art artnda
i iinde
d dsnda
ara arasnda
yan yannda
taraftarafnda
ba banda
u uunda
yer yerinde

, e sebep,

fa ia, responsabilit

sopra
sopra
sotto
davanti a
dietro a
dietro a
dentro
fuori da, e etto
tra
a an o di
in direzione di
in ima a
all'estremit di
inve e

ausa

yz +susso di persona+ablativo
sebep+susso di terza +ile

a ausa di, per olpa di

3.4.3

Capitolo

Morfologia del verbo

Il verbo si ompone di una base verbale a ui si appli ano degli elementi (sussi) he appartengono a ategorie distinte, se ondo una gerar hia:
1. susso di derivazione;
2. susso di lasse;
3. susso di persona.
La base verbale orrisponde alla se onda persona singolare dell'imperativo. L'innito si
ostruis e aggiungendo alla base il susso -mEk.
Una base verbale on o senza susso di derivazione, senza susso di lasse ma on susso
di persona, un imperativo di una persona diversa dalla se onda singolare.
Una base verbale on o senza susso di derivazione, on susso di lasse ma senza susso
di persona, una terza persona singolare.
La maggior parte delle radi i monosillabi a, ma e ne sono an he di bisillabi he o polisillabi he, formate per sussazione da radi i non pi usate.

Mutazioni foneti he

4.1

Le basi verbali non subis ono ambiamenti foneti i, a parte:


1. la -t- nale di etmek (fare), ditmek ( arder), gitmek (partire), gtmek (faire patre),
tatmak (gustare), si sonorizza in -d- davanti alla vo ale iniziale di un susso: edilmek,
gidilmek;
2. in qual he base di due sillabe he termina in -ir o r, la se onda vo ale ade davanti a i
o : ayrmak (separare), ayrmak, devirmek (renverser), devrilmek.
Quando una base verbale in e/a seguita da un susso in -yE, si produ e un gruppo in
eye/aya, he pu diventare in iye/ya. Pu intervenire an he l'armonia vo ali a e quindi si
ottiene ye/uya. Sono tutte forma valide:
syleyeme- syliyeme- sylyemetoplayama- toplyama- topluyamaAllo stesso modo, il gruppo eyo/ayo tende a diventare iyo/yo o yo/uyo:
syleyortoplayor-

syliyor- sylyortoplyor- topluyor-

28

Capitolo 4. Morfologia del verbo

Basi verbali derivate

4.2

Basi verbali derivate da nomi

L'impiego dei sussi limitato dall'uso, non si formano verbi da tutti i nomi.

-lE, -dE

4.2.1
-are

av
su
i

a ia, selvaggina
a qua
lavoro

avlamak
sulamak
ilemek
havlamak

andare a a ia
innaare, irrigare
lavorare (riferito alle ma hine)
abbaiare

-dE raro ed usato soprattutto dopo il susso -l o -r:


parl
patl

lat lumineux
s oppio

parldamak
patldamak

lu i are, brillare
s oppiare

-(E)r, -(E)l

idea di diventare

Di impiego limitato:
ok
dz
diri
ksa
ak

asalmak

molto
lis io
vivo
breve
bian o

okalmak
dzeltmek
dirilmek
ksalmak
aarmak

alare, diminuire, ridursi


moltipli arsi, res ere
aggiustarsi, appiattirsi
resus itare
a or iarsi
sbian arsi, albeggiare

-()k

intransitivo di stato

Di impiego molto limitato:


a
ge
gz

aamato
tardi
o hio

birikmek
akmak
geikmek
gzkmek

riunirsi
aver fame
tardare
apparire

-sE

desiderare

Raro:
su

a qua

susamak

Modi atori verbali

aver sete

4.2.2

I modi atori verbali sono dei sussi he aggiunti alla base verbale ( io al nome di azione
privato del susso -mEk) modi ano il suo signi ato. Si hiamano an he sussi di derivazione. Per esempio, possono dare l'idea di passivo, riessivo, e . I sussi di lasse inve e
danno l'idea di tempo e modo.
Si aggiungono a un radi ale verbale o dopo i sussi di derivazione da nomi e sono di uso
generale. La base verbale senza modi atori verbali si hiama base verbale elementare.

4.2. Basi verbali derivate

29

I modi atori verbali, quando i sono, vengono aggiunti alla base se ondo una pre isa
gerar hia:
1. riessivo -()n- o re ipro o -()-;
2. fattivo -t-, -Dr- o forme irregolari (iterabile);
3. passivo -(){n|l}-;
4. negazione -mE- o impossibilit -yE-mE-.
Ad esempio, sevindirildik (essere portati a rallegrarsi), dvtrlmek (essere ostretti a
battersi), dvtrlmemek (non essere ostretti a battersi), sevilmemek (non essere amato):
sev
-in
-dir
-il

base
riessivo o re ipro o
fattivo
passivo

dv
-
tr
l

negazione o impossibilit

-dik mek

dv
-
tr
l
me
mek

sev
il
me
mek

-()n

riessivo

giymek
grmek

vestire
vedere

giyinmek
grnmek

vestirsi
vedersi

an he nel senso di medio d'interesse:


sevmek
etmek

amare
fare

sevinmek
etinmek

ompia ersi di
farsi, pro urarsi

Al uni verbi di sentimento esistono solo ome riessivi: utanmak (vergognarsi), kskanmak (essere geloso).
-(I)

ontributivo, re ipro o

Non si pu umulare ol susso riessivo -()n-.


re ipro amente
grmek
mek
dvmek
komek
yetmek
yapmak

vedere
volare
battere
orrere
bastare
ostruire, fare

grumek
mek
dvmek
kousmek
yetimek
yapmak

Indi a un'azione svolta insieme,

vedersi re ipro amente


volare in stormo, svolazzre on frus io
battersi
orrere insieme, arettarsi
pervenire, arrivare, raggiungere
appi i arsi, entrare in ontatto

Molto frequente on verbi he impli ano un ontatto si o o morale.

30

Capitolo 4. Morfologia del verbo

-t, -Dr (-r, -t, -Er e altri irregolari)

fattivo o ausativo

E' il signi ato di far fare, las iar fare, mettere in ondizione di fare e an he las iarsi
fare o farsi fare. Il susso -t- si usa per una base polisillabi a, us ente in vo ale o in
l/r, il susso -Dr- per tutti gli altri asi.
dzelmek
yemek
lmek
pmek

migliorarsi, mettersi a posto


mangiare
morire
ba iare

dzeltmek
yedirmek
ldrmek
ptrmek

far sistemare, mettere in ordine


far mangiare
u idere
las iarsi ba iare

Ha numerose versioni irregolari.


1. irregolari in -r, -Er, -t:
batmak
bitmek
domak
doymak
duymak
dmek
gemek
imek
kokmak

aondare
nire (arrivare a ne)
nas ere
saziarsi
sentire
adere
tras orrere, passare
bere
aver paura

batrmak
bitirmek
dourmak
doyurmak
duyurmak
drmek
geirmek
iirmek
kokutmak

tuare, inzuppare
nire (portare a ne)
partorire (in Tur hia)
far saziare
far sentire, annun iare, diondere
far adere
far passare
far bere, dare ad intendere
far paura

2. irregolare e basta: gitmek (andare), gidermek (far

andare

Si pu umulare, aggiungendo pi sussi fattivi, per formare un fattivo di fattivo, o


fattivo se ondo, e os via, ma raramente si va oltre il terzo giro:
1. -t dopo -Dr, -r, -Er;
2. -Dr dopo -t o -t.
Anlamak ( apire), anlatmak (far apire, spiegare), anlattrmak (far spiegare), anlattrtmak (dire di far spiegare).
-(){nl}

passivo, impersonale

Si usa -()n on le base he terminano on una l o per vo ale, -()l in tutti gli altri asi.
almak

prendere

alnmak

prendersela, essere preso (alngan=permaloso)

Con senso impersonale non pu avere un a usativo, ma un eventuale omplemento


oggetto diventa soggetto e va al aso assoluto: yldz grd (ha visto la stella), yldz
grld (si vista la stella, letteralmente la stella stata vista).
Oltre he on il passivo, l'impersonale si pu fare an he on la terza plurale.

4.3. Sussi di persona

31

-mE

negazione verbale

E' un susso en liti o, l'a ento va sulla sillaba he pre ede. Indi a la negazione del
predi ato verbale.
vermek
gitmek

vermemek
gitmemek

dare
andare

non dare
non andare

-(y)EmE

impossibilit

vermek
anlamak

dare
omprendere

verememek
anlayamamak

non poter dare


non poter omprendere

Non si pu umulare ol susso di negazione.

Sussi di persona

4.3

Hanno forme spe iali solo dopo i sussi di lasse in -d e -sE e per l'imperativo. Per tutti
gli altri sono uguali ai sussi predi ativi nominali (v. Sez. 2.5.2).
Di solito la terza persona plurale in -lEr fa oltativa e usata quasi es lusivamente per le
persone quando gi il nome abbia il plurale in -lEr:
o uklar gelidiler
o uklar geldi
kpekler havlad

i ragazzi sono venuti

i ani hanno abbaiato

1. Sussi dell'imperativo:
singolare
prima persona
se onda persona
terza persona

non '

-sn

plurale

-(y)Elm
-(y)n(z)
-snlEr

2. Sussi per il perfetto di onstatazione in -d e l'ipoteti o in -sE:

prima persona
se onda persona
terza persona

singolare

plurale

-m
-n
-

-k
-nz
-lEr

3. Per tutte le altre lassi:

prima persona
se onda persona
terza persona

singolare

plurale

-(y)m
-sn
-(dr)

-(y)z
-snz
-(dr)lEr

32

Capitolo 4. Morfologia del verbo


Il susso -dr della terza persona fa oltativo e po o usato:
(a) non si usa mai on l'aoristo in -Er o -()r o on l'ottativo in -(y)E;
(b) molto raro dopo il susso -()yor e riservato ad una forma d'insistenza;
( ) nella lingua s ritta, abituale dopo -mEktE e molto frequente dopo -m, -(y)E Ek
e -mEl.

Classi

4.4

Le forme oniugate sempli i del verbo si suddividono in die i lassi, ottenute dalla base
verbale on l'aggiunta di un susso, a parte l'imperativo in ui si usa direttamente la base:
imperativo
aoristo
progressivo
durativo
perfetto di onstatazione
intentivo
perfetto di non onstatazione
ottativo
deonti o
ipoteti o

-Er-, -()r-, -z-()yor-mEktE-d-(y)E Ek-m-(y)E-mEl-sE-

imperativo

singolare
prima persona
se onda persona
terza persona

non '

-sn

plurale

-(y)Elm
-(y)n(z)
-snlEr

Si distingue da tutte le altre lassi per h non ha un susso, ma unis e direttamente


alla radi e le desinenze. La desinenze sono spe i he.

ver
versin

dai!
da' !

verelim
verin
versinler

diamo!
date!
diano!

Con l'interrogativo, ha una sfumatura perti olare: ne yapsn?

he deve fare? he pu

fare?

Alla se onda persona plurale, pi ortese la forma in -(y)nz rispetto a quella in -(y)n:
veriniz

date, per favore!

buyurunuz

ordinate ( omandi!)

4.4. Classi

33

an he se questa regola non assoluta.


A parte alle se onde persone, l'uso dell'imperativo si onfonde on quello dell'ottativo,
di ui prende spesso il posto.
Per la proibizione, si usa l'imperativo del negativo in -mE: verme,

non dare

-Er, -()r, -z

aoristo

1. La forma -Er si usa dopo una base monosillabi a non derivata he termina per
onsonante;
2. la forma -z si usa dopo il susso -mE- del negativo;
3. la forma -()r in tutti gli altri asi.
balarm
balarsn
balar
balarrz
balarsnz
balarlar
yemek
yenmek

bilirim
bilirsin
bilir
biliriz
bilirsiniz
bilirler

severim
seversin
sever
severiz
seversiniz
severler

mangiare
vin ere

yenir
yener

sevmem
sevmezsin
sevmez
sevmeyiz
sevmezsiniz
sevmezler
si mangia
vin e

Ci sono e ezioni: le seguenti basi monosillabi he on onsonante nale vogliono il


susso in -()r-:
almak
bilmek
bulmak
durmek
gelmek
grmek
kalmak
olmak
lmek
sanmak
varmak
vermek
vurmak

singolare

prendere
trovare
trovare
fermarsi
venire
vedere
restare
essere, diventare, farsi
morire
redere
arrivare
dare
battere, sparare, olpire

prima persona
se onda persona
terza persona

plurale

prima persona
se onda persona
terza persona

alr
bilir
bulur
durur
gelir
grr
kalr
olur
lr
sanr
varr
verir
vurur

-Er

-()r

-mE-z

-Erm
-Ersn
-Er
-Erz
-Ersnz
-ErlEr

-()rm
-()rsn
-()r
-()rz
-()rsnz
-()rlEr

-mEm
-mEzsn
-mEz
-mEyz
-mEzsnz
-mEzlEr

34

Capitolo 4. Morfologia del verbo


Pu an he avvenire he si sentano doppie forme di aoristo, a se onda della zona della Tur hia in ui i si trova: yatr/yatar (stare orizzontali, andare a dormire), brakr/brakar,
per h la  fragile, quasi non si pronun ia.
Tempo largo: geni zaman. Indi a un'azione onsueta. Si tradu e on il solo presente,
an he se il signi ato vorrebbe un di solito. L'aoristo si ontrappone al progressivo,
imdiki zaman, tempo he adesso, ora e qui (u + anda, in odesto attimo).
L'aoristo indi a un'azione pi generale (genel, generale) e abituale, mentre il presente d
puntualit, ed di rigore per esprimere l'azione abituale, le ondizioni, i fatti permanenti:
gider
gidiyor
u ak yedide kalkar

solito andare
va adesso, sta andando (non si sa se si ripete)
l'aereo parte alle 7 (tutti i giorni)

E' in generale atemporale e si adegua al ontesto generale della frase, per ui pu essere
usato an he ome passato o futuro eventuale:
o zaman, ankara'da oturur, Bakanlkta
alr, ok pera kazanmazd

al Ministero e non guadagnava (lett. non

tren varsa, Mustafa gelir

se ' un treno, Mustafa verr

a quel tempo, abitava ad Ankara, lavorava

era guadagnante) molto denaro

L'aoristo pu avere valore di ondizionale presente on il periodo ipoteti o oppure un'idea


di futuro, di proiezione (se tu andassi in Ameri a, non mi pia erebbe).
-()yor

progressivo

Per le regole di Sez. 4.1, le forme negative in -mE hanno il progressivo in -myor.
aermativo

prima persona
se onda persona
terza persona

negativo

singolare

plurale

singolare

plurale

-()yorum
-()yorsun
-()yor

-()yoruz
-()yorsunuz
-()yorlar

-myorum
-myorsun
-myor

-myoruz
-myorsunuz
-myorlar

Deriva da un'anti a forma omposta in ui il se ondo elemento era l'aoristo di amminare


(yorr, da yormak, di ui sopravvissuto yrmek): gryorum signi a letteralmente vado vedendo, quindi vedo. Indi a azione duratura, ontinuata, di ui si vede lo
svolgimento.
An he il progessivo si adegua al tempo della frase:
Mehmed'e baktm: sinirlenyor, titriyor,
baryor, alyordu
yarm opler grev yapya

guardavo mehmet:

s'innervosiva, trema-

va, guidava e piangeva


domani gli spazzini faranno s iopero

4.4. Classi

35

-mEkTe

durativo

E' la terza forma delle lassi verbali, d l'idea di prose uzione, durata, progressione. Si
ostruis e a partire dall'innito -mEk, he viene onsiderato nome d'azione e per questo
pu essere sussato.
base + -mEk- + lo ativo -tE + verbo essere

prima persona
se onda persona
terza persona

singolare

plurale

-mEktEym
-mEktEsn
-mEktE

-mEktEyz
-mEktEsnz
-mEktElEr

E' un tempo usato prevalentemente nella lingua s ritta, soprattutto nel giornalismo,
per h d l'idea di un evento riferito, non ostatato personalmente, ma onos iuto.
Raro nel parlato, si tradu e ol presente italiano. Si pu tradurre an he on a ingersi
a.
gitmekte

nell'andare

gitmektedir

va, sta andando

Il tempo dipende dal ontesto:


dn akam, mzakereler devam etmekte,
msait surette ilerlemekteydi

ieri

sera,

perparlare

ontinuavano

avanzavano in modo favorevole

Pu esprimere un'azione imminente, di ui si onsidera lo svolgimento gi omin iato,


ma on una sfumatura di supposizione:
gitmektedir

parte tra un momento (almeno lo suppongo)

-D

perfetto determinato

prima persona
se onda persona
terza persona

singolare

plurale

-dm
-dn
-d

-dk
-dnz
-dlEr

Indi a il risultato di un'azione al passato, onstatata da hi ne parla. Ha gli stessi sussi


personali del suppositivo.
Maria gitti
Maria geldi

Maria andata
Maria venuta

bosuldu
Maria gelmedi

si rotto (attualmente rotto)


Maria non venuta

Seguito da m pu avere il signi ato di da h, non


haber verin, non appena arriva Mehmet, datemi la
5.5.2.2).

: Mehmet geldi mi, bana


notizia (=avvertitemi) (v.
Sez.
appena

36

Capitolo 4. Morfologia del verbo

-m

perfetto di non ostatazione

prima persona
se onda persona
terza persona

singolare

plurale

-mm
-msn
-m

-mz
-msnz
-mlEr

Qual osa he sappiamo per sentito dire, an he se si tradu e on un passato prossimo o


remoto lo stesso.
La forma ol verbo essere (vermitir, demitir, sylemitir) serve a raorzare, usato nel
giornalismo per introdurre il dis orso diretto.
Non abbiamo visto l'azione nel suo svolgimento, ma ne onos iamo il risultato. E'
sostanzialmente intradu ibile, tranne on perifrasi he risultano per, in generale, molto
pesanti.
imdi desler kesilmi

adesso le lezioni sono nite (tagliate)

Non lo di e uno studente, una deduzione ad esempio del barista, per h vede meno
studenti. Usato orrentemente solo nel tur o di Tur hia, azeri e altri sud-ovest. Gli
altri lo usano solo in poesia, per variare, e usano una forma in -(y)En-, una spe ie di
parti ipio passato.
Per i fatti stori i non si usa, dato he sono ormai a ertati.
La forma in -m an he un parti ipio passato, he pu essere sia attivo he passivo,
diversamente dall'italiano in ui sempre passivo:
grmm
grlmm

visto attivo

(ho)

visto passivo

(sono)

Con il futuro di olmak, la forma in -m, ha il signi ato del futuro anteriore:
... (biz) bu kitab, bitirmi ola az
... bu kitab, bitmi ola ak
bitmek
bitirmek

noi, domani, avremo nito questo libro


domani questo libro sar nito

esaurirsi

qual osa he nis e

far nire, terminare

qual uno he nis e qual osa

La forma -m- si usa an he davanti ad una meraviglia o nel momento stesso della
onstatazione.
-(y)E Ek

futuro o intentivo

prima persona
se onda persona
terza persona

singolare

plurale

-(y)E Ekm
-(y)E Eksn
-(y)E Ek

-(y)E Ekz
-(y)E Eksnz
-(y)E EklEr

4.4. Classi

37

Si tradu e on il futuro sempli e italiano.


vere eim
vere eksin
vere ek
vere eiz
vere eksiniz
vere ekler

dar
darai
dar
daremo
darete
daranno

vermeye eim
vermeye eksin
vermeye ek
vermeye eiz
vermeye eksiniz
vermeye ekler

non dar
non darai
non dar
non daremo
non darete
non daranno

-(y)E

ottativo o desiderativo

prima persona
se onda persona
terza persona

singolare

plurale

-(y)Eym
-(y)Esn
-(y)E

-(y)Eyz
-(y)Esnz
-(y)ElEr

Usato spesso on la prima persona. Impli a desiderio, ambizione, augurio. Si tradu e ol ongiuntivo. nell'aermativo ' in itamento, nell'interrogativo ' in ertezza,
esortazione.
alaym
alaym m
gideyim
gideyim mi?
Allah vere
ne yapaym?

he io prenda
devo prendere? he prenda?
vado, aspetta he vado
he vada? devo andare? vuoi he vada?
he Dio on eda, voglia on edere
he fare? osa posso far i?

La prima persona plurale po o usata, per questo va in prestito dall'imperativo.


geleyim geleyiz
(gelelim)
gelesin gelesiniz (po o usato)
gele
geleler
(gelsinler)
Con il passato impli a il rimpianto di un'o asione sfuggita:

geleyidim

ah fossi venuto, se solo fossi venuto

gelseyidim

-mEl

se fossi venuto (ipoteti a)

ne essitativo o deonti o

singolare
prima persona
se onda persona
terza persona

plurale

-mElym -mElyz
-mElsn -mElsnz
-mEl
-mEllEr

38

Capitolo 4. Morfologia del verbo


Deriva dall'unione del nome d'azione -mE(k)-, il susso dell'aggettivo -li e la desinenza
di hi ompie l'azione ( io il verbo essere).
Esprime l'obbligo, la ne essit. Esistono altre forme per esprimere la ostrizione, questa
la pi sempli e.
vermeliyim
vermelisin
vermeli

devo dare
devi dare
deve dare

vermeliyiz
vermelisiniz
vermeliler

dobbiamo dare
dovete dare
devono dare

Spesso la terza persona singolare si tradu e on l'impersonale o on una sfumatura di


supposizione, analogamente all'intentivo del futuro.
Per formare la negazione si aggiunge sempli emente -mE-:
vermemeliyim

non devo dare

-sE

suppositivo o ipoteti o o ondizionale

prima persona
se onda persona
terza persona

singolare

plurale

-sEm
-sEn
-sE

-sEk
-sEnz
-sElEr

I tur hi hiamano ondizionale questo tempo he appunto esprime una ondizione, una
possibilit, e he per questo si distingue dal ondizionale italiano. Di solito si tradu e
ol ongiuntivo passato.
bunu alsam, iyi dur

se prendessi questo, sarebbe bene

Deriva da ise, ondizionale di *imek. Pu an he essere posto alla ne, assumendo un


valore di opposizione, ontrapposizione, o relazione:
trkse, trke biliyor
Reikan trk, bense italian
kelimerinse

se tur o, parla tur o


Reikan tur a, inve e io sono italiana
e per quanto riguarda inve e le parole

Quando seguito da dE, an he, signi a an he se, sebbene: babas zenginse de, kendisinin paras yok, an he se suo padre ri o, lui non ha denaro.
Se pre eduto da un pronome indenito, enfatizza l'indenitezza (v. Sez. 2.7.1):
kimse

qual uno, al uno, nessuno

bense

quanto a me, inve e io

C' un problema di desinenze personali, infatti, ome nell'imperfetto la prima plurale al


posto di -z diventa -k:
alsam
alsan
alsa

se io prendessi
se tu prendessi
se prendesse

alsak
alsaniz
alsalar

se prendessimo
se prendeste
se prendessero

4.5. Verbo essere


Tabella 4.1

39

Coniugazione di vermek.

imperativo

aoristo

progressivo

durativo

pf. di onst.

d!

do

sto dando

sto per dare

ho dato

ver
versin
verelim
veriniz
versinler

vererim
verersin
verer
vereriz
verersiniz
vererler

veriyorum
veriyorsun
veriyor
veriyoruz
veriyorsunuz
veriyorler

vermekteyim
vermektesin
vermekte
vermekteyiz
vermektesiniz
vermekteler

verdim
verdin
verdi
verdik
verdiniz
verdiler

pf. non onst.

intentivo

ottativo

deonti o

ipoteti o

ho dato (sembra)

dar

he io dia

devo dare

se io dessi

vermiim
vermisin
vermi
vermiiz
vermisiniz
vermiler

vere ekim
vere eksin
vere ek
vere ekiz
vere eksiniz
vere ekler

vereyim
veresin
vere
vereyiz
veresiniz
vereler

vemeliyim
vemelisin
vemeli
vemeliyiz
vemelisiniz
vemeliler

versem
versen
verse
versek
verseniz
verseler

Verbo essere

4.5

Il verbo essere *imek, un verbo difettivo he ha solo l'imperfetto, ex perfetto di onstatazione, idi, il dubitativo, ex perfetto di non onstatazione, imi e l'ipoteti o ise, tutti regolari.
Queste forme sono tutte en liti he e spesso diventano sussi, trasformando la radi e i- in
-(y)-, soggetti all'armonia vo ali a.

Tabella 4.2

Coniugazione di *imek

imperfetto
ero

idim
idin
idi
idik
idiniz
idiler

dubitativo
sembro

-(y)dm
-(y)dn
-(y)d
-(y)dk
-(y)dnz
-(y)dlEr

imiim
imisin
imi
imiiz
imisiniz
imiler

-(y)mm
-(y)msn
-(y)m
-(y)mz
-(y)msnz
-(y)mlEr

ipoteti o

gerundivo

se sono

essendo

isem
isen
ise
isek
iseniz
iseler

-(y)sEm
-(y)sEn
-(y)sE
-(y)sEk
-(y)sEnz
-(y)sElEr

iken

-(y)ken

Il loro signi ato spe i o per il verbo imek e non lo stesso di quello degli altri verbi.
Per il presente si usano i sussi nominali predi ativi, he sono en liti i:
prima persona
se onda persona
terza persona

Per le altre forme si usa il verbo olmak,

singolare

plurale

-()m
-s()n
-Dr

-()z
-s()nz
-(dir)lEr
.

diventare

40

Capitolo 4. Morfologia del verbo

idi, -(y)di

imperfetto

Corrisponde all'imperfetto italiano era.


imi, -(y)mi

dubitativo

Esprime un dubbio, he pu andare da sempli e prudenza (sembrerebbe) a ontestazione indignata (si ha l'auda ia di pretendere). Pu avere sia valore di presente he di
imperfetto:
hasta imi

sembra he sia malato

sembra he fosse malato

Si usa an he per esprimere la sorpresa:


a! burdaym!

ah! era qui!

ise, -(y)se

ipoteti o

Matiene il valore ipoteti o.


iken, -(y)ken

gerundivo

Anti a forma di imek, analoga al susso -(y)En. Non si tradu e da solo, ma in base
a quello a ui si atta a (senza armonia). Si pu unire alla parola o no: genken, gen
iken.
genken, Falan Filan Ankara'da yoram

da giovane, Tizio Caio pare sia vissuto ad


Ankara

iderken
alrken

andando
prendendo

Simile all'ablativo assoluto, dipende dalla frase prin ipale in tempo, modo e persona. Si
usa an he on altri asi: Ankara'da iken, essendo ad Ankara.

Forme verbali omposte

4.6

Si formano a partire dalle nove lassi (e etto l'imperfetto) on le forme susse del verbo
essere, omprensive di persone. Le ombinazioni si fanno tutte, tranne:
1. perfetto di onstatazione -d e dubitativo -(y)m, dato he la onstatazione elimina il
dubbio;
2. ottativo in -(y)E e ipoteti o in -(y)sE, dato he i due on etti si es ludono a vi enda;
3. ipoteti o in -sE e ipoteti o in -(y)sE, he una tautologia.

4.6. Forme verbali omposte


Tabella 4.3

41

Coniugazione di vermek: forme omposte.


-(y)d
aoristo
progressivo
durativo
pf. .
pf. n .
intentivo
ottativo
deonti o
ipoteti o

vererdi
veriyordu
vermekteydi
verdiydi
vermidi
vere ekdi
vereydi
vermeliydi
verseydi

dava
stava dando
stava per dare
aveva dato
aveva dato (sembra)
avrebbe dato
ah, se avesse dato!
doveva dare
se avesse dato

-(y)sE
aoristo
progressivo
durativo
pf. .
pf. n .
intentivo
ottativo
deonti o
ipoteti o

vererse
veriyorsa
vermekteyse
verdiyse
vermise
vere ekse
vermeliyse
-

se d
se sta dando
se sta per dare
se ha dato
se ha dato (sembra)
se dar
se deve dare
-

-(y)m
aoristo
progressivo
durativo
pf. .
pf. n .
intentivo
ottativo
deonti o
ipoteti o

verermi
veriyormu
vermekteymi
vermimi
vere ekmi
vereymi
vermeliymi
verseymi

sembra he dia/desse
sembra he stia/stesse dando
sembra he stia/stesse per dare
sembra he abbia/avesse dato
sembra he avrebbe dato
se per aso avesse dato!
sembra he debba/dovesse dare
forse avrebbe dato

A parte il plurale -lEr, le desinenze delle persone vengono sempre dopo la forma di imek
sussa.
Esistono an he delle forme super omposte, ottenute aggiungendo -(y)sE ad altre forme, in
parti olare all'imperfetto progressivo -()yordu: geliyorduysa, se veniva.
Inoltre, si possono ottenere forme omposte on una forma base di lasse e una forma
oniugata, sempli e o omposta, di olmak. Le lassi he si possono usare in questo modo
(simile al parti ipio), sono:
1. aoristo in -Er o -()r (verer,

);

dante abitualmente

2. durativo in -mEktE (vermekte,

);

stante nel dare

3. perfetto di non onstatazione in -m (vermi,


4. intentivo in -(y)E Ek (vere ek,

).

daturo

);

avente dato

42

Capitolo 4. Morfologia del verbo

Forme omposte on l'imperfetto -(y)d


1. Con l'aoristo:
severdim
sevmezdim

amavo, avrei amato


non mi sarebbe pia iuto

-di- il segno del passato e regolarizza in -mez- tutte le forme.


2. Il durativo -mEktE, si pu ostruire an he al passato
almaktadm
gelmektedir

prendevo, stavo prendendo


si a inge a venire, suppongo he stia venendo

4.6.1

Capitolo

Derivati nominali del verbo

I derivati nominali del verbo si omportano ome un nome, ma possono ri evere in pi i vari
omplementi del verbo.
Possono essere:
1.

nomi d'agente

: designano l'autore di un'azione;

2.

nomi d'azione

3.

nomi verbali omplessi

4.

gerundivi

: designano l'azione stessa;


: equivalgono a proposizioni relative;

: hanno delle funzioni di tipo avverbiale.

Nomi verbali d'agente

5.1

Possono essere tradotti ome una relativa, o pi raramente on un parti ipio, tenendo
presente he, mentre in italiano il parti ipio presente sempre attivo, mentre quello passato
passivo per i verbi transitivi e attivo per gli altri, i nomi d'agente tur hi possono essere sia
attivi he passivi, a se onda della base verbale.
-(y)En

Reale.

( olui) he fa/ha fatto

Indi a l'agente di un'azione realizzata al presente o al passato. Pu essere


impiegato sia ome aggettivo he ome nome. E' molto frequente l'uso di olan, nome
d'agente reale di olmak.

-m

Perfetto.

( olui) he ha fatto

Corrisponde sia al perfetto di non onstatazione (-m), he a quello di


onstatazione (-d). Nella lingua orrente subis e la on orrenza della forma in -(y)En,
he sentita pi hiaramente ome nominale.
Quando si vuole pre isare il senso perfetto e il arattere nominale, si usa una forma
omplessa on olan: -m olan.

-Er, -()r, -z

Aoristo.

( olui) he fa/far

E' impiegato omunemente solo per al une frasi fatte ed generalmente


sostituito da quello reale in -(y)En o intentivo in -(y)E Ek.

Deverbali (agenti)

5.2

44

Capitolo 5. Derivati nominali del verbo


Sono nomi derivati da verbi.

-()l

fatto

Passivo.

E' impiegato soprattutto ome aggettivo, ma non tutti i verbi formano questo
tipo di aggettivi: kapal, hiuso, da kapamak, hiudere.

-(y)

fa ente

Attivo. E' impiegato sia ome aggettivo he ome sostantivo ed di impiego molto
generale: sat , venditore, da satmak, vendere, al , liente, da almak, prendere.

Nomi verbali d'azione

5.3

-mEk

il fare

Innitivo.

E' usato, ome l'innito italiano, per indi are l'azione in generale. Non pu
avere n il plurale n i sussi di persona. Pu essere usato solo al aso assoluto o ai asi
spaziali (dativo, ablativo, lo ativo):
1.

pu essere soggetto, oggetto (in parti olare on istemek, volere) o


omplemento di spe i azione oppure essere seguito da una posposizione:

al aso assoluto

oturmak lzim
oturmak hakk
gelmek istiyor
gelmek iin

2.

al dativo

balyor,

ne essario sedere;
il diritto di sedersi;
vuole venire;
per venire;

indi a in generale s opo: grmee geldi,


;

, numaa

venuto per vedere

omin ia a parlare

3.

al lo ativo

signi a di solito

4.

all'ablativo

: gelmekte,

stare, stare per

sta venendo

ha le diverse funzioni di un nome on questo aso ( ausa, allontanamento, paragone, e .).

-mE

il fatto di fare

Generale.

Ha una de linazione ompleta. E' molto simile all'innito e lo sostituis e


quando l'innito non pu (plurali, persone, gentivo, a usativo). An he il dativo del
nome in -mEk tende ad essere sostituito da quello in -mE.
Il soggetto pu essere espresso on un susso di persona o on un genitivo. An he
l'oggetto pu essere espresso nello stesso modo: bu kitabn okumas, il fatto di leggere
questo libro, Mehmedin okumas, il fatto he Mehmed legga.
Oltre a soggetto o oggetto pu prendere tutti i vari omplementi tipi i del verbo in
questione e pu essere a sua volta un qualsiasi omplemento della prin ipale.
La ostruzione on -mE di regola on i verbi he indi ano volont, timore, desiderio,
speranza, azioni virtuali, e .
In al uni limitati asi pu essere impiegato ome aggettivo on signi ato quasi-passivo:
yapma i ek, ore arti iale, yazma kitap, libro manos ritto.

5.4. Nomi verbali omplessi

45

-(y)

il modo di fare, il modo in ui fa

Des rittivo.

Indi a il modo on ui viene svolta un'azione: gr, il modo di vedere.


Non solitamente usato ome aggettivo, an he se al une forme lo sono diventate ol
tempo.
Il soggetto pu essere espresso on un susso di persona o on un genitivo. Pu prendere
tutti i vari omplementi tipi i del verbo in questione e pu essere a sua volta un qualsiasi
omplemento della prin ipale. Ha una de linazione ompleta.

Nomi verbali d'azione derivati in -lIk


Appaiono di solito in frasi fatte:

-mEklk

5.3.1
il fatto di fare (in senso astratto)

-Erlk, -()rlk
-mEzlk, -mEmEzlk, -(y)EmEmEzlk

il fatto di fare abitualmente (astratto)


il fatto di non fare, il fatto di non fare abitualmente

(astratto)

-mlk

l'o asione di fare (realizzata)

Nomi verbali omplessi

5.4

Possono essere sia nomi d'azione he d'agente e servono a formare delle quasi-proposizioni
epiteti he, equivalenti a delle relative omplesse.
Il soggetto si indi a on sussi personali nominali e, in aso, on un omplemento al genitivo,
ma rimane al aso assoluto:
1. nelle lo uzioni gerundive on struttura ssa;
2. ostruito on iin (per h, ausa);
3. quando forma quasi proposizioni di tempo.
-Dk

relative

Indi a un'azione reale, sia presente he passata.


1.

2.

. E' attualmente piuttosto raro, usato in formule sse, ome aggettivo o ome sostantivo. Ha sovente un valore quasi passivo e si pu
tranquillamente tradurre on un parti ipio passato.
Come nome d'agente

. E' di uso molto frequente ed esprime l'azione reale, presentata ome un fatto positivo o he si onsidera tale. E' frequentemente impiegato
ome omplemento oggetto di verbi he signi ano dire, pensare, omprendere o
he esprimono operazioni intellettuali o obiettive o omunque onsiderate tali.

Come nome d'azione

46

Capitolo 5. Derivati nominali del verbo


3.

. Si forma aggiungendo il susso di persona e resta sempre


al aso assoluto (per h un aggettivo). Pu svolgere tutti i ruoli delle relative,
e etto il soggetto della prin ipale. Il sostantivo a ui si riferis e va posto subito
dopo la relativa. Il soggetto della relativa, quando ', va posto in genitivo all'inizio.
Segue subito dopo il riferimento nella relativa dell'elemento della prin ipale a ui
si riferis e. Il susso della persona on orda ol soggetto della relativa.

Come epiteto omplesso

-(y)E Ek

( olui) he far/ha intenzione di fare/ he da fare

E' usato quando l'azione intenzionale, eventuale o generi amente futura.


1.

Come nome d'agente

. Ha un signi ato pi ampio della lasse in -(y)E Ek, he


opre in parte an he quello dell'aoristo, he tende a sostituire. Indi a azione
intenzionale, eventuale o futura in generale.
Bisogna distinguere tra impiego attivo e passivo: basla ak kitap, il libro he sar
stampato, kitab basa aklar, olor he leggeranno il libro. Pu avere an he un
sign ato quasi passivo, nel senso di osa da fare: otuya ak bir kitap, un libro da
leggere.
Il nome d'agente in -(y)E Ek molto usato e pu essere seguito da olan (senza
modi he di senso) per sottolinearne l'uso nominale (-(y)E Ek olan), frequente
soprattutto nello s ritto: gele ek olan adam, l'uomo he verr.

2.

Come nome d'azione

3.

Come epiteto omplesso

. Ha un uso simile al orrispondente in -Dk e un signi ato


simile a quello in -mE. La forma in -(y)E Ek si usa quando l'azione reale, an he se
futura: gele eini zannediyorum, redo he verr, he abbia l'intenzione di venire.
Inve e si usa la forma in -mE on gli ordini e i desideri, io quando l'azione
eventuale: yarn gelmesinin istiyorum, voglio he venga domani e in -mEk quando
il soggetto lo stesso della prin ipale: dmekten korkuyorum, ho paura di adere.
. Si forma aggiungendo il susso di persona e resta sempre
al aso assoluto (per h un aggettivo). Pu svolgere tutti i ruoli delle relative,
e etto il soggetto della prin ipale. Il sostantivo a ui si riferis e va posto subito
dopo la relativa. Il soggetto della relativa, quando ', va posto in genitivo all'inizio.
Segue subito dopo il riferimento nella relativa dell'elemento della prin ipale a ui
si riferis e. Il susso della persona on orda ol soggetto della relativa.

-(y)Es

(( olui) he ha) voglia di fare, intenzione di fare

Ha un signi ato molto simile a quello di -(y)E Ek. E' di impiego limitato, ma in
espansione.

Gerundivi

5.5

I gerundivi sono dei derivati nominali invariabili del verbo, di tipo avverbiale. Pu avere
tutti i vari omplementi di un verbo, ompreso il omplemento oggetto. Pu avere an he un
soggetto al aso assoluto.

5.5. Gerundivi

47

Formano delle quasi-proposizioni ir ostanziali, ome l'ablativo assoluto. Sono ampiamente


usati sia nello s ritto he nella lingua parlata.
Possono essere:
1. gerundivo propriamente detto, invariabile;
2. lo uzioni gerundive, on la stessa funzione e ostruzione, per formate da nomi verbali
de linabili e ssati nella loro forma;
3. lo uzioni gerundive, invariabili quanto al aso, ma non quanto alla persona, he usano i
diversi sussi nominali di persona.

Gerundivo propriamente detto

5.5.1

-(y)ip

oordinazione

Pralable.

Indi a di prin ipio un'azione pre edente a quella della prin ipale. E' usato
per oordinare diverse frasi on lo stesso soggetto, di ui soltanto l'ultima ha il verbo nito. In prati a, si tradu e tutta le sequenza oniugando i verbi ome l'ultimo e
aggiungendo le ongiunzioni, di solito e o prima ... dopo ...:
bakp duunyorum
bakp duundum
bakp duunyordum

guardo e penso
guardai e pensai
guardavo e pensavo

Le interrogative indirette si fanno on il gerundivo in -(y)p seguito dalla forma negativa


di -dk, -mEdk, o di -(y)E Ek, -mEyE Ek. Il soggetto va al genitivo: Ahmed'in gelip
gelmediini bilmiyorum, non so se Ahmed venuto o non venuto, non so se Ahmed
venuto.
-(y)E, -(y)

fa endo

Con ordante.

Il soggetto dev'essere lo stesso del verbo prin ipale. Indi a un'azione


simultanea a quella della prin ipale.
1. diye: virgolette . Da solo, -(y)E usato solo per demek (dire), alla forma diye, he
segue sempre l'espressione di un dis orso o di un pensiero sotto forma di dis orso diretto, seguito da un verbo prin ipale oniugato tipo sylemek, dire, sormek,
domandare, erap vermek, rispondere, barmak, gridare, dnmek, pensare, zam
etmek, redere. Con un verbo he signi a pensiero muto, diye signi a di endosi.
Il ontenuto del dis orso ompreso tra il soggetto e diye e spesso senza virgolette.
2. -(y)E + bilmek: poter fare
gelebildi, potuto venire, oturabile ek,
3. -(y)EmE + bilmek:

potr sedersi

non poter fare

4. -(y)E + yazmak, -(y)Eyazmak:

man are, fallire di fare

48

Capitolo 5. Derivati nominali del verbo


5. -(y)E + verbo di stato o movimento:
In un erto numero di frasi fatte: eakald, rimasto
da lungo tempo, yapagrmek, restare svegli a fare.

stupefatto

6. -(y) + vermek:

ha ompreso subito

7. al ka(y)mek:

fare velo emente, subito

anlayverdi,

, yapagelmek,
.

Impedire

-(y)E ... -(y)E

a forza di fare

Con ordante raddoppiato.


yoruldu,

fare

Deve avere lo stesso soggetto della prin ipale: koa koa


.

a forza di orrere si stan ato

Pu essere sostituito da un doppio imperativo: ko ko, nihayet yoruldum, a forza di


orrere, alla ne sono stan o. La forma gitgide (progressivamente, a forza di andare)
una ombinazione delle due forme.
Per tutti i verbi esiste la forma raddoppiata. Ma questa forma esiste an he per al une
oppie di verbi: de kalka, adendo e rialzandosi = on alti e bassi, on di olt, alaya
szlaya, piangendo e gemendo.
-(y)ErEk

fa endo (simultaneit)

Con ordante rinforzato.

D il senso della simultaneit e deve avere lo stesso soggetto


della prin ipale: alyarak yryordu, amminava piangendo, bilerek syledim, ho detto
sapendolo (= in os ienza).
Il gerundivo
da turista.

olarak

signi a

: Paris'e turist olarak geldi,

nello stato di

venuto a Parigi

-(y)El, -(y)EldEnberi, -(y)Elberi

Temporale di partenza.
gideli, anm sklyor,

da quando fa

Pu avere un soggetto diverso da quello della prin ipale: sen


.

da he sei partito, la mia anima triste

Pu essere raorzato da beri, all'ablativo o al aso assoluto: sergi alal(dan)beri, on bin


ziyaretiden fazla geldi, da he la mostra aperta, sono venuti pi di die imila visitatori.
-(y)n E

Pre ursore immediato.

non appena, nel momento in ui fa

A ento sulla penultima. Signi a non


to in ui, quando: Mehmed'i grn e, ondan sora am, appena
hieder.

appena

nel momen-

vedo Mehmet, glielo

Al dativo on la posposizione kadar o on le parti elle dek o dein (senza armonia


vo ali a), signi a no a quando: siz gelin eye kadar, bekliye eim, aspetter n h non
arriverete.
-mEdEn, -mEkszn

senza fare

Carenza.

Non a entuato: l'a ento va sull'ultima sillaba del tema. Pu avere


un soggetto diverso da quello della prin ipale. kimse duymadan bize geldi, senza he
nessuno lo sapesso, venuto da noi.
La forma -mEkszn si usa per evitare la onfusione on il gerundivo d'anteriorit.

5.5. Gerundivi

49

-mEdEn (n e, evvel), -mEzdEn (n e, evvel)

prima di fare

Anteriorit.

E' la forma pre edente, ontaminata dall'ablativo della forma in -mE,


spesso seguito da evvel o n e. stanbul'u fethetmeden, Trkler Rumeli'yi igal ettiler,
prima di onquistare Instanbul, i Tur hi o uparono la Rumelia.
La forma -mEzdEn inve e il parti ipio aoristo negativo, ma il signi ato lo stesso.

Lo uzioni gerundive invariabili

5.5.2

Derivate dal parti ipio in -(y)En

5.5.2.1

-(y)EnE kadar, -(y)EnEdek, -(y)EnE dein


Siz gelene kadar bekliye eim,

no a he, n h (non)

aspetter n h non arriverete

-(y)EndE

quando, nel momento in ui

D'origine anatoli a, in espansione.


ben gelende, Mehmet evinde yoktu,

quando sono arrivato, Mehmet non era in asa sua

Derivate dal parti ipio aoristo

5.5.2.2

-Er, -()r ... -mEz

da h, non appena

. La forma positiva seguita immediatamente da quella negativa, signi a da h, non


appena: Mehmet gelir gelmez, bana haber verin, non appena arriva Mehmet, datemi la
notizia (=avvertitemi).
Lo stesso signi ato si ha on -(y)n E (v. Sez. 5.5.1) o an he ol perfetto in -d (v.
Sez. 4.4) seguito da m: Mehmet geldi mi, bana haber verin.
-mEzdEn evvel, -mEzdEn n e

prima di

: ben evap vermezeden evvel, gitmiti, prima

Derivate dal parti ipio intentivo

5.5.2.3

-(y)E Ek kadar
Size anlata ak kadar izahat vere eim,

abbastanza per h fa ia

Bana bir mektup yaza ak yerde, telefon etti,


telefonato.

-mEk yerine
-mEk-tEn-sE
A ento sul -tEn-.

dar spiegazioni a su ienza per h apiate

-(y)E Ek yerde

Derivate dall'innitivo

he io rispondessi, se ne and

inve e he fare
inve e di s rivermi una lettera, (mi) ha

5.5.2.4
inve e he fare (po o usato)
piuttosto he fare

50

Capitolo 5. Derivati nominali del verbo

-mEklE

si ome fa, per mezzo di fare

A ento sul -mEk-.


-mEklE beraber, -mEklE birlikte

malgrado il fatto di fare, ben h fa ia

-mEkszn

senza fare

Forma avverbiale in -n del derivato in -sz dell'innito.

Derivate dal nome verbale in -dk


-dktE

5.5.2.5
quando fa, nel momento in ui fa

-dktEn sonra

dopo he ebbe/ha/avr fatto

-dktEn baka, -dktEn maada

oltre he fare, non solo fa, ma an he ..

La forma on maada ar ai a.
-dkE

nella misura in ui fa, ogni volta he fa, nel momento in ui fa

A ento sul -dk-. La forma gittike, usata in senso avverbiale, signi a

di pi in pi

Lo uzioni gerundive variabili on sussi nominali di persona

5.5.3

Il soggetto di queste lo uzioni il susso di persona he si ritrovano. Nel aso in ui fosse


an he espresso, va al aso assoluto inve e he al genitivo. Indi hiamo on -P- il susso di
persona.
Tranne la forma in -(y)E E-P-E, le forme in -(y)E Ek hanno lo stesso signi ato, messo
al futuro, delle orrispondenti in -dk.

Nomi verbali de linati

5.5.3.1

-(y)E Ek-P-E

inve e di fare

-dk-P-DE, -(y)E Ek-P-DE

quando, nel momento in ui, allor h fa/far

-dk-P-DEn, -(y)E Ek-P-DEn

in ragione del fatto he, poi h fa/far

Nomi verbali on posposizioni

5.5.3.2

-mE-P iin

an h fa ia, per fare

Il soggetto va al genitivo.
-mE-P-E ramen

a dispetto del fatto di fare

Il soggetto pu andare al genitivo.


-dk-P iin, -(y)E Ek-P iin

poi h, dato he, dal fatto he fa/far

-dk-P gibi, -(y)E Ek-P gibi

allo stesso modo he fa/far, non solo fa/far, ma an he

5.5. Gerundivi

51

-dk-P kadar, -(y)E Ek-P kadar

nella stessa quantit he fa/far

-dk-P-E gre, -(y)E Ek-P-E gre

da quanto, se ondo quanto fa/far

-dk-P-dEn dolay, -(y)E Ek-P-dEn dolay

poi h, a ausa del fatto he fa/far

Nomi verbali on nomi on funzione avverbiale


-mE-P sebebiyle
-dk-P zaman, -(y)E Ek-P zaman

5.5.3.3
a ausa del fatto di fare
quando fa/far, nel xy in ui fa/far

Zaman pu essere sostituito da parole he signi ano giorno, settimana, e . Quando


il nome he indi a il tempo non usato in senso avverbiale, ma de linato, allora il
soggetto va al genitivo. Con parole diverse da zaman e vakit, pu andare al genitivo
an he quando sono usate in senso avverbiale.
-dk-P takdirde
-dk-P halde, -(y)E Ek-P halde

nel aso in ui fa ia
nella situazione in ui, malgrado il fatto he, ben h

fa ia/far

-dk-P ihetle, -(y)E Ek-P ihetle

poi h, essendo dato he fa/far (ar ai o)

52

Capitolo 5. Derivati nominali del verbo

Capitolo

Congiunzioni

Ki e derivate

6.1

ki

he

E' en liti a. Deriva dal persiano ke, ma ontaminata on kim.


1.

Dis orso diretto

. Alla ne della prin ipale, di solito on verbi he signi ano dire
o pensare, orrisponde al he del dis orso indiretto o alle virgolette del dis orso
diretto, esattamente ome on diye (v. Sez. 5.5.1). Le due ostruzioni non si
possono umulare.

2.

Finali

3.

Conse utive

. Seguita dall'ottatiuvo o dall'imperativo a una persona diversa dalla se onda:


anlat ki, anlyaym, spiega, an h omprenda.
. Di solito introdotta da un dimostrativo o da:
o kadar
yle

talmente
tale

o dere e
bir

a tal punto

Esempi: o kadar kotu ki, yoruldu, ha talmente orso he stan o.


A volte ha un signi ato relativo- onse utivo, dove per rimane sempre la sfumatura onse utiva: adam ki herkesle kavga eder, dostsuz kalr, un uomo (tale) he
litiga on tutti, rsta senza ami i.
4.

. Alla ne della frase, on a ento forte sulla pre edente sillaba, d un
senso es lamativo ma, ebbene, he: ko! sen ihtiyar deilsin ki! orri! e h, non
sei os ve hio, bilmiyorum ki! he non so!.

Es lamative

Da ki derivano:
1. t ki:

an h, n h

2. nk:

per h (par e que)

3. medemki:

poi h, dal momento he

4. nasl ki:

ome, allo stesso modo he

5. nitekim:

ome, allo stesso modo he

6. vakta ki:

nel momento in ui

7. ne vakit ki:

nel momento in ui (in abbandono)

8. ne zaman ki:
9. halbuki:

nel momento in ui (in abbandono)

nonostante, tuttavia, non meno vero he

54

Capitolo 6. Congiunzioni

Capitolo

Sintassi

La frase nominale

7.1

Spesso il verbo essere opula in tur o osttintesto. L'aggettivo pre ede il sostantivo a ui
si riferis e, dove il on etto di aggettivo in tur o molto pi ampio di quello italiano. An he
una frase relativa pu omportarsi ome un aggettivo.
esmer
annesi trk
esmere

o uk
o uk
Reihan

il bambino moretto

kouyor
Makedoniadan geliyor

il bambino, la ui madre tur a, orre


Reihan, he moretta, viene dalla Ma edonia

Nostro glio in Tur hia


Olumuz
Trkiyede
La bellezza di Venezia (dipende) dall'a qua
Venediin gzellii
sudan
. Alla frase nominale Naen venedik'li (dir), anteponiamo l'in iso aggettivale, di spe i azione, he diventa btn Italya'nn
krekilerinin en gls (di tutta Italia vogatori suoi il pi forte), e tutta la frase :
Nane, il pi forte dei vogatori di tutta Italia, veneziano

Btn Italya'nin krekilerinin en gls Nane, venedik'li (dir)


(en=il pi, g=forza, gl=forte, krek=remo, kreki=rematore).
L'ordine delle parole in tutte le ostruzioni tur he normalmente retto da una legge strutturante, se ondo la quale qualsiasi determinante grammati ale posto davanti al gruppo di
parole he esso determina o a ui si riferis e. Il soggetto pre ede il predi ato, l'avverbio per ede il nome o il verbo. A volte avvengono degli spostamenti sintatti i (ordine delle parole),
ma non morfologi i (ruolo delle unit grammati ali).
1. La porta della loro asa: evlerinin kaps.
2. Il pi ve hio della lasse: snfn en yallar.
3. La ravatta di Mattia all'ultima moda: son moda, Mattia'nn kravat.
4. Sopra il tavolo ' una borsa: masanin ztnde anta var.
5. Sotto il tavolo ' un gatto: masanin arkasnda kedi var.
6. Il bambino, il ui pap lontano, in lasse: babas uzak o uk snfta.
7. La asa dal tetto rosso (il ui tetto rosso):
(a) dam krmz ev (possessivo il stato ostrutto, prima il sostantivo poi l'aggettivo);

56

Capitolo 7. Sintassi
(b) krmz damli ev (???) (attributo he pre ede il sostantivo).
8. Hsn (
ve) 'Ak, he il pi bello dei romanzi (in versi) d'amore, in tur o ottomano:
Mesnevilerinin en gzeli Hsn 'Ak, Trk ... (???).
9. Il anale dall'a qua azzurra: suyu mari kanal.

10. La ragazza dai apelli neri: salar kara kz.


11. Che os'hai in bo a? Aznda ne var? ( ' ambiguit tra la se onda e la terza persona
singolare)

Essere e avere

7.2

Sussi nominali predi ativi

In assenza del pronome personale, vengono usati per esprimere il verbo essere.
prima persona
se onda persona
terza persona

trk-m
trk-sn
trk-tr
trk-z
trk-snz
trk-(dir)ler

singolare

plurale

-()m
-s()n
-{t|d}r

-()z
-s()nz
-(dir)lEr

7.2.1

fransz-m
fransz-sn
fransz-dr
fransz-z
fransz-snz
fransz-(dir)lar

1. Loro sono in asa: evdeler, evde dirler.


2. Sono in lasse: snftalar.
Per la negazione si usa deil:
deil-im
deil-sin
deil-dir

non sono
non sei
non

deil-iz
deil-siniz
deil-dirler

non siamo
non siete
non sono

Non siamo stan hi: yorgun deiliz.


Per dire s si usa evet (in modo gentile) e y
a. Per dire no si usa yok ( he sta per non ',
non esiste), yok ya (no avoli!) e nayr (in arabo signi a bene).

Predi ato nominale di esistenza e inesistenza


var:

'

7.2.2

7.3. Interrogative
yok:

57

non '

su var
su var mi?
su yoktur
ekmek var mi?

' a qua
' a qua?
l'a qua non esiste aatto
' pane? (ekmek=pane, seminare, piantare, ekim=ottobre)

Con il lo ativo serve per esprimere l'idea di possesso:


bende kitap yok
bende para yok
bende gisme yok (=gismelerim yok)
evim yok (=evsisim)
evli deilim
param yok

non ho un libro
non ho soldi
non ho stivali
non ho asa
non sono sposato
non ho soldi

Interrogative
mI:

7.3

parti ella interrogativa

Chi io?
Non sei andato?
Non hai visto?

Ben mi?
Gitmedin mi?
Grmedin mi?

E' una parti ella mobile, ambia posizione in base a quello he si vuole mettere in risalto.
Mattia andato ad Ankara ieri?:
1. Mattia dn m Ankaraya gittin?
2. Mattia dn Ankaraya m gittin?
3. Mattia dn Ankaraya gittin mi?
4. Mattia m dn Ankaraya gittin?

Il verbo fare

7.4

Il tur o possiede moltepli i forme per tradurre il verbo italiano fare.


1. etmek:

ausiliare per verbi omposti

Aiuta a formare verbi unendosi a parole arabe o persiane, ottenendo un verbo omposto
in forma analiti a: sguardo etmek signi a guardare.
Con sussi inizianti per vo ale modi a la radi e in ed-: edinmek, farsi, nel senso di
pro urarsi.

58

Capitolo 7. Sintassi
2. yapmak:

ostruire, fondare, hiudere, far omba iare

mle yaps
qapuv yap

struttura della frase


hiudi la porta

In Azerbaigian e nel trans au asi o hiudere si di e eylemek.


3. klmek:

pregare

Forma usata solo nelle lingue tur he orientali, dagli ex-sovieti i. La forma ompleta
namaz klmak, he signi a fare preghiera anoni a, quindi pregare nel senso della
preghiera rituale.
4. olmak:

diventare, trasformarsi

E' un doppio ausiliare, per h sostituis e essere (quello di trkn) nelle forme in ui non
' (ad esempio per il futuro), per un fatto stori o: sembra he esistesse un'anti a forma
del verbo essere, *imek, da ui questo deriva.

Negazione nominale
deil: non
Non Mattia, ma Lu a: Mattia deil, Lu a (dir).

7.5