Sei sulla pagina 1di 1

Quale valutazione

per quale Universit?


L8 marzo 2013, dopo un percorso cominciato nel 2001, stato approvato il
Regolamento che istituisce e disciplina il Sistema Nazionale di Valutazione delle scuole
pubbliche e delle istituzioni formative accreditate dalle Regioni.
Valutazione diventata la parola chiave e - dallAbilitazione Nazionale dei ricercatori
alle Prove Invalsi - la scuola pubblica stata invasa da test, classifiche e numeri,
apparentemente neutri e oggettivi.
Con la scusa della qualit e la retorica della meritocrazia il rischio quello di produrre
una cultura della valutazione che invece di incentivare scelte responsabili, tende a
innestare un enorme meccanismo, che misura e non valuta, in cui nessuno responsabile
di nulla perch a decidere , appunto, il meccanismo stesso.
Abbiamo deciso di aprire una discussione pubblica insieme ad alcuni dei soggetti che
vivono sulla loro pelle gli effetti di questa errata concezione della valutazione: studenti,
tecnici - amministrativi, ricercatori e docenti.

Perch vogliamo che i criteri di valutazione siano discussi e modificabili.

Perch vogliamo un sistema di valutazione articolato in modo da sollecitare la


responsabilit di ogni soggetto e di ogni livello istituzionale coinvolto.

Perch vogliamo che la critica al modello di valutazione che si va affermando non sia
semplicemente corporativa e difensiva rispetto a rendite di posizione acquisite, ma
diventi una profonda e radicale riflessione intorno al modello di Universit che i
dispositivi apparentemente solo tecnici hanno di fatto veicolato in questi anni.

Perch riteniamo la valutazione un tema cruciale, un impegno condiviso, la cui


necessit non messa in discussione, ma vogliamo una valutazione adatta a
sostenere il sistema scolastico nel suo sforzo di ottemperare al dettato costituzionale
garantendo a tutti il diritto ad un'istruzione di qualit, attraverso strumenti e procedure
capaci di evidenziare davvero criticit e punti di forza di tutti i processi del sistema di
istruzione.

Porteranno un contributo alla discussione:

Alessandro Arienzo (coordinatore nazionale del Forum della docenza FLC-CGIL)


Pasquale Cuomo (portavoce del Coordinamento nazionale ricercatori precari FLC-CGIL)
Alberto Campailla (esecutivo nazionale LINK)
Alessandro Ferretti (promotore universit bene comune collaboratore ROARS)
Eleonora Lorenzi (consigliere nazionale - RUN)
David Rossi (neo-eletto milanese al CNSU)
Coordina e introduce il dibattito Chiara Martucci
(Sportello precari della ricerca e della docenza degli Atenei Milanesi - FLC-CGIL)

Gioved 13 giugno dalle ore 17.00 alle ore 19.30 - Aula G09
settore didattico Citt Studi Via Golgi, 19 - Milano