Sei sulla pagina 1di 468

Eduardo Scarpetta

Tutto il teatro
volume quarto

www.liberliber.it
1

Questo e-book stato realizzato anche grazie al sostegno di:

E-text
Editoria, Web design, Multimedia
http://www.e-text.it/
QUESTO E-BOOK:
TITOLO: Tutto il teatro : volume quarto
AUTORE: Scarpetta, Eduardo
TRADUTTORE:
CURATORE: Marrone, Romualdo
NOTE:
DIRITTI D'AUTORE: no
LICENZA: questo testo distribuito con la licenza
specificata al seguente indirizzo Internet:
http://www.liberliber.it/biblioteca/licenze/
TRATTO DA: Tutto il teatro
di Eduardo Scarpetta;
volume quarto;
introduzione e premesse ai testi di
Romualdo Marrone;
Grandi tascabili economici Newton;
Roma, 1992
CODICE ISBN: informazione non disponibile
1a EDIZIONE ELETTRONICA DEL: 15 agosto 2004
INDICE DI AFFIDABILITA': 1
0: affidabilit bassa
1: affidabilit media
2: affidabilit buona
3: affidabilit ottima
ALLA EDIZIONE ELETTRONICA HANNO CONTRIBUITO:
Umberto Galerati, umb_56@tin.it
REVISIONE:
Vittorio Bertolini, vittoriobertolini@inwind.it
PUBBLICATO DA:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
Alberto Barberi, collaborare@liberliber.it
Informazioni sul "progetto Manuzio"
Il "progetto Manuzio" una iniziativa dell'associazione culturale Liber Liber.
Aperto a chiunque voglia collaborare, si pone come scopo la pubblicazione e la
diffusione gratuita di opere letterarie in formato elettronico. Ulteriori
informazioni sono disponibili sul sito Internet: http://www.liberliber.it/
Aiuta anche tu il "progetto Manuzio"
Se questo "libro elettronico" stato di tuo gradimento, o se condividi le
finalit del "progetto Manuzio", invia una donazione a Liber Liber. Il tuo
sostegno ci aiuter a far crescere ulteriormente la nostra biblioteca. Qui le
istruzioni: http://www.liberliber.it/sostieni/

Eduardo Scarpetta
Tutto il teatro
Volume quarto
La Casa vecchia
La Bohme
LAlbergo del Silenzio
Nina Bon
La Pupa movibile
A Cammarera nova
Duje chiapparielle
Na figliola romantica
A Nanassa
Cane e gatte
Il debutto di Gemma
Madama Sangenella

LA CASA VECCHIA
Commedia in tre atti
Personaggi
Ambrogio Pallone
Carmela, sua figlia
Agapito Fresella, avvocato
Beatrice e Elvira, sue figlie
Felice
Luigi Belfiore
Raffaele
D.a Candida
D. Boroboamo
D. Alessio
Bettina
Gaetano
Peppino
Carluccio
Ciccillo
Salvatore
I Facchino
II Facchino
III Facchino
IV Facchino
Michele, comparsa
Una Guardia Municipale, non parla
Primo atto a Napoli. Secondo atto sul Vomero. Terzo atto a Napoli, epoca presente.

ATTO PRIMO
Una camera da letto. In fondo a destra alcova, a sinistra balcone, lateralmente a destra due
porte comune. A sinistra due porte. Sedie, tavolini, scatole, lampadari, tutto in disordine.
Sotto lalcova si vede un letto non ancora fatto.
SCENA PRIMA
Raffaele, Caluccio e Facchini.
CARLUCCIO (a due facchini che entrano portando una toletta): Chiano chiano, belli
figli, guardate nterra.
RAFFAELE: Vaggio ditto stateve attiente, volite ire afforza de pressa.
I FACCHINO (che ha messo col compagno la toletta fra lalcova e il balcone): Non avite
appaura, chesto che cos, ma vuje pe chi nce avite pigliate, che ve credite che lo
4

primmo sfratto che facimmo. (Via a destra.)


II FACCHINO: E po nuje non potimmo perdere tiempo pecch avimmo che f.
III FACCHINO (dalla prima porta a sinistra): Jammo, jammo che s fatte tarde.
CARLUCCIO: Attiente pe li grade.
IV FACCHINO (entrando dalla comune con tavolino in testa): V pe me, oh, vide add
vaje!
III FACCHINO: Trase, mallarma de mammeta! V comme se ne va muscio.
IV FACCHINO: Me ne voglio j muscio, non aggio da d cunto a te.
III FACCHINO: Puozze pass nu guajo!
IV FACCHINO: Puozze jett lo sango!
III FACCHINO: V che bellommo! (Via.)
IV FACCHINO: Ppuh! Pe la faccia toja! (Posa il tavolino e via.)
RAFFAELE: V che belli complimenti che shanno fatto! Non me fido cchi de li sentere,
tengo la capa comme a nu pallone, mannaggia li sfratte, mannaggia mhanno fatta la
gradiata chiena de munnezza, e po linquiline co chi se la pigliene? Co me che songo lo
guardaporta. Carl, ma dimme na cosa, D. Felice pecch se ne ha voluto j afforza da cc,
doppo otto anne che nc stato... tassicuro che pe sto fatto so tre notte che non dormo...
che bu che te dico, nce aveva miso na grande premura tanto io quanto la bonaneme de
Luisella moglierema... tu non sai che faceva D. Felice quanno la vedeva no poco malata,
traseva dinta a lo casaruoppolo, e se steva li ghiornate sane co nuje, e si ninquilino me
mannava a fa no servizio, isso diceva va, Raf, va, faccio io compagnia a Luisella. Che
signore! Che core! (Piange.) Io vorria sap proprio pecch se nha voluto j da sta casa che
lagnanza po tenere, che inconveniente nce steva?
CARLUCCIO: Ecco cc Raf, m te dico io la ragione: Siccome D. Felice f ammore co
na bella figliola che sadd spus, pe la ved cchi spisso sha voluto affitt
provvisoriamente doje stanze che stanno proprio dirimpetto a essa.
RAFFAELE: Ah! Perci, ma io laveva ditto, chi sa pe qu motivo forte mhanno fatto
perdere chillo gioia de signore. A li vote me mannave a pigli li sicarie quanno nce li
portave, diceva non mporta, io li teneva fumatille tu... Na sera, trasenno dinta a lo palazzo
dicette: Raf, tiene, dallo a sto pezzente, jette pe ved e chellera na lira dargiento...
capite, na lira dargiento a no pezzente! Che bello core! (Piange.)
CARLUCCIO: (Se capisce, chillo sta sempe stunato, lavette da pigli pe no soldo). Basta
Raf, non nce penz cchi m, e che ne vu pigli na malatia, quanno tiene tiempo che
ghiesce lo vaje a trov.
RAFFAELE: Oh, chesto certo... e chi se ne po scord...
CARLUCCIO: Approposito Raf, chi nce vene de casa cc? Io non lo conosco?
RAFFAELE: Non lo pu conoscere, n tu, n D. Felice, pecch quanno venette a ved sta
casa, vuje stiveve a mangi ncampagna, e me rimanisteve la chiave, nu materiale,
nappaltatore de fabbrica, no certo Ambrogio Pallone, figurete, lautriere mentre parlava
co mmico fore a lo palazzo, cacciaje la pippa da dinta a la sacca, se lappicciaje e se
mettette a fum, io me ne trasette dinto a la verit, pecch me metteva scuorno.
CARLUCCIO: La pippa? Mmiezo a la via?
RAFFAELE: Mmiezo a la via.
CARLUCCIO: E chisto add essere propio nu lazzaro?
RAFFAELE: No lazzarone, Carluccio mio. (Tuona.)
CARLUCCIO: V la combinazione m si vene a chiovere se nfonne tutta la rrobba.

SCENA SECONDA
Bettina, e I Facchino.
BETTINA (con ombrello): Trase, trase, bello gi, mannaggia lo sfratto e chi lha
mmentato!... agge pacienzia posa chiano chiano che chesta tutta rrobba da rompere.
I FACCHINO: E aiutateme a pus.
BETTINA: Lo sapite, a buje, datele na mano, scusate.
CARLUCCIO: Niente, per carit. (Aiuta il I Facchino a mettere a terra una cassa piena di
bottiglie.)
BETTINA: Va piglie la sporta co la ramma, f ambressa.
I FACCHINO: Eccome cc. (Via.)
BETTINA: Ah! Non me ne fido cchi, non me ne fido cchi, me sento proprio accisa, e
chesto significa f mur a na povera figliola... add, so pazze, io a la fine de lo mese me
ne vaco, e s, m da cammarera addeventava femmena de servizio.
CARLUCCIO: (V quanto bona sta figliola!). Voi forse siete la cameriera del nuovo
inquilino?
BETTINA: Sissignore, pe disgrazia mia, nomme che non se capisce n da sazio, n da
diuno, non f auto tutta la jornata che allucc sempe, me pare nurzo, siccome
appaltatore de fabbrica, capite, se crede dav che f sempe co fravecature, io pe ve dicere
la verit, me ne sarra juta doppo lo primmo mese, ma nce sta la figlia, na bona guagliona,
la quale s tanto affezionata co me, che si me ne jesse, ne pigliarria certo na malatia. E
buje, scusate, chi site?
CARLUCCIO: Io sono il cameriere dellinquilino che se ne va, me chiammo Carluccio.
BETTINA: Bravo! Tanto piacere.
CARLUCCIO: Per carit, piacere mio...
BETTINA: E me vulisseve f ved comme divisa sta casa?...
CARLUCCIO: Anzi mi faccio un pregio. Questa, vedete, una camera che sotto a
quellalcova, avete fatto bene de farce mettere no lettino, nuje nce teneveme casce,
bauglie, tanta mbroglie. Quella (indica prima quinta a sinistra) una camera da letto, a
mezzogiorno, qua sta la stanza da pranzo e la cucina, nella quale c una porta che d alla
scaletta di servizio...
RAFFAELE: E questa qua la chiave...
BETTINA: No momento, scusate, non mi confondete... vuje chi site?
RAFFAELE: Io sono il portiere.
BETTINA: Non ve mettite mmiezo, aggiate pacienzia, aspettate che ve chiammo io... (A
Carluccio.) Dunche?
CARLUCCIO: Questo un bel balcone, che affaccia alla strada. (Apre il balcone.)
BETTINA: Che bella cosa, se vede tutto Chiaia.
CARLUCCIO: Questo qua poi, il salotto, guardate. (Prima quinta a dritta.)
BETTINA: Ah, va bene, grazie tante. Allora aggio capito tutte cose ll se cocca la
signorina, ll lo patrone, e io maggio da f lo lietto a levatore dinta a la cammera de
mangi, non aggio potuto av mai na stanza sola, che guajo!
CARLUCCIO: Vulite sap niente cchi?
BETTINA: Grazie ve ne so tanto obbligata.
CARLUCCIO: Ma niente, ve pare. Una cosa non mavite ditto comme ve chiammate.
BETTINA: Bettina Carosella, a servirvi.
6

CARLUCCIO: Favorirmi sempre, tenite no cognome simpatico e saporito, ncoppa a la


carosella, comme sapite, f piacere a bevere lo vino, nce azzecca.
BETTINA: Eh, ma non tanto... quacche pare de bicchiere, si no ve mbriacate e bone notte.
CARLUCCIO: Oh, chesto certo, ma che vulite, co chesta carosella, uno afforza sadd
mbriac...
RAFFAELE: Carl, io me ne vaco abbascio, si me vulite me chiammate.
CARLUCCIO: Aspetta Raf, chillo m esce lo patrone.
RAFFAELE: Aggio da tenere nauto ppoco de cannela? E fate i fatti vostri.
CARLUCCIO: Site mmaretata?
BETTINA: Nonsignore, so zitella.
CARLUCCIO: Zitella? Bravo! site propio na simpaticona!
BETTINA: bont vosta, bont vosta.
SCENA TERZA
I Facchino, comparsa, e detti.
I FACCHINO: Ecco cc la ramma, nuje avimmo fenuto, avimmo da sagl sulo no stipo.
BETTINA: Sta ramma mettela dinto a la cucina che m la vaco appennere, e purtate pure
sta canesta de butteglie.
I FACCHINO: Va bene. (Esegue. Entra seconda porta a sinistra, poi esce via a destra.)
BETTINA: Diciteme na cosa D. Carl, dinto a sto palazzo abita no giovinotto, no certo D.
Luigi, architetto?
CARLUCCIO: Bruno, co no mustacciello niro?
BETTINA: Perfettamente.
CARLUCCIO: Sissignore, se chiamma Luigi Belfiore, amico de lo patrone mio, sta a lo
terzo piano, tene doje cammere mobigliate, ma me pare che ogge se ne va purisso.
BETTINA: Sissignore, chesto lo saccio, va pe na ventina de juorne a Roma da no zio de lo
sujo.
CARLUCCIO: Nce facite lammore, dicite la verit?
BETTINA: Nonsignore, f lammore co la signorina mia, la quale nce va pazza, nce tene na
passione che non ve potite credere, ha ditto che o se sposa a chillo o a nisciuno.
CARLUCCIO: E lu patre lo ssape?
BETTINA: No, non voglia maje lo Cielo, D. Ambrogio non ne sape niente, e sapite si m
nce sta ncoppa?
CARLUCCIO: Ve diciarria na buscia veramente, ma m non ora che nce po st,
laviveve da dicere quacche cosa?
BETTINA: No, laveva da f na mmasciata, sperammo che cchi tarde se f ved.
Permetteteme, io vaco dinta a la cucina ad appennere chella ramma, pecch si no m che
vene lo patrone sapite che se f afferr...
CARLUCCIO: Me dispiace che non ve pozzo ven a da na mano, pecch aggio che f.
BETTINA: Grazie tanto, nonsignore. Guardap... comme te chiamme tu?
RAFFAELE: Raffaele.
BETTINA: Raf, damme sta chiave de la scala de servizio, chesta meglio che la tengo io.
RAFFAELE: Favorite. (Le d la chiave.) M che vene lo patrone po ve consegno tutte
lauti chiave.
BETTINA: Va bene. Permettete, D. Carl.
7

CARLUCCIO: Fate, fate.


RAFFAELE: Carluccio m se ne f nauto surzo. (Bettina via a sinistra.)
CARLUCCIO: V che bella guagliona, mannaggia che tengo larte soggetta.
RAFFAELE: Carl, io te ringrazio, mhaje fatto smucculi chisto cannelotto.
CARLUCCIO: Agge pacienzia Raf, non nce aggio badato.
SCENA QUARTA
Felice, Facchino, e detti.
FELICE (di dentro gridando): Muovete sangue de Bacco, che nce vulimmo st cc, e statti
attento per le scale, non rompete niente perch me lo faccio pagare. (Entra con una
valigia e un involto.) Carl, che staje facenno cc, se credi che aggio da f pure lo
facchino.
CARLUCCIO: Nonsignore, eccellenza, dateme cc, io steva consegnanno lauto riesto e li
facchini. (Gli leva la valigia e linvolto.)
RAFFAELE: Buongiorno eccellenza, sign...
FELICE: Buongiorno, Raf...
RAFFAELE: Comandate niente?
FELICE: Niente, grazie. (Si fruga nelle tasche.)
CARLUCCIO (che ha dato due candelabri e una cappelliera): Jamme scinne, miette tutte
cose ncoppa alla carrettella, e facite priesto, pecch lo tiempo non sta buono. (Facchino
via.)
RAFFAELE: D. Fel, m che ve ne jate, ricordateve sempe de Papele vuosto; quanno ve
trovate a pass da cc, voglio av lo piacere de ve vas la mano...
FELICE: (Poverommo, chisto me f propio compassione!... Io non capisco pecch tengo
sto coppetiello de caf dinto a la sacca).
RAFFAELE: Non me poteva mai credere che doppo otto anne, senza av avuta nisciuna
contrariet da sta casa, la lassaveve accuss ditto nfatto, non nce pozzo penz, non me
pare vero, me pare no suonno. (Piange.)
FELICE: Ma caro Raffaele, tu chesto non lhai da f, da iere mhaje fatto chiudere la vocca
de lo stommeco, va a fen che me ne faje asc muorto da cc dinto...
RAFFAELE: Vuje che dicite, non voglia maje lo Cielo!
FELICE: Io capisco che no guardaporta se po affezion co ninquilino, ma tu te lhai
pigliato troppo a duro... (Va trova lorologio add laggio miso...). S che d, sto pianto
me pare no malaurio.
RAFFAELE: Nonsignore che malaurio, vuje avite da camp cientanne e co bona salute,
avite da j a la casa nova allegramente, e vavite da f cchi chiatto de chello che site... A
la casa nova avite da pigli na quaterna de sissantamila piezze, accuss state cchi allegro,
vuje, e chella bella figliola che vavite da spus. (Mentre ride gli viene da piangere.)
FELICE: Grazie, grazie caro Rafele. Io da cc non me ne sarra juto, ma nc stata na
ragione forte.
RAFFAELE: Lo saccio, lo saccio... e facite buono, facite buono.
CARLUCCIO (che ha aperto linvolto di Felice e ne ha preso un macinello da caff): Che
nce sta cc dinto? (Sente il rumore interno.)
FELICE: Carl che staje facenno?
CARLUCCIO: Eccellenza, sento no remmore dinto a sto maceniello.
8

FELICE: E che nce sta dinto? Caf senza mmacen.


CARLUCCIO (tira fuori dal macinello un orologio doro con la catena): Lo relogio
vuosto.
FELICE: Ah, lorologio mio, sicuro... (Lo prende.) perci non lo trovava... sbattenno lo
maceniello haje fatto rompere lo cristallo.
CARLUCCIO: E io sapeva chesto eccellenza, ma comme se trovava cc dinto?
FELICE: Miezo allammuina de lo sfratto, maggio mise lo ccaf dinta a la sacca, e
lorologi dinto a lo maceniello.
CARLUCCIO: Oh, chesta bella!
FELICE: Assolutamente aggio da ved da che dipendono questa distrazioni, perch un
affare serio, lautriere steva piglianno na compromissione terribile. Me jette a f na partita
a lo bigliardo co namico mio, siccome vincette vinte lire, che saccio me stunaje talmente,
quanno fuje doppo me mettete doje palle dinta a la sacca e me ne jette. (I due ridono.)
Quando me veco arriv da lo bigliardiere: Ched neh? D. Fel scusate, avite voluto f na
pazzia, dateme li doje palle. Qu palle? Li palle de lo bigliardo che vavite miso dinta a la
sacca? E che mhaje pigliato pe no mariuolo! No, D. Fel, vuje vavite pigliate li palle
meje, vhanno visto, e facimmo poche chiacchiere. Vaco pe f co la mano accuss, e me
trovo li doje palle dinta a la sacca. Vi potete immaginare che scuorno! Le cercaje scuse, le
facette mille giuramenti chera stata na distrazione, e non nce volette poco pe lo f
capace.
RAFFAELE: Ma guardate la combinazione.
FELICE: Basta, Carl, cc nce sta cchi rrobba nosta?
CARLUCCIO: Niente cchi signor, solamente staute poche mbroglie.
FELICE: Chillo lettino lo nuosto?
CARLUCCIO: Nonsignore, dellinquilino nuovo.
FELICE: Ah, gi... chella toletta manco la nosta?
CARLUCCIO: Nonsignore. (M non se ricorda manco li mobele sujo). (Prende valigie,
involti e scatole.) Io scengo sta rrobba abbascio, e po me ne vaco a la casa nova pe
ricevere tutto lo riesto. Vulite niente?
FELICE: Niente, va.
CARLUCCIO: Raf statte buono, nce vedimmo.
RAFFAELE: Statte buono Carl. (Carluccio via.)
FELICE: Raf, tu mhaje da f no piacere, chiunche me va trovanne, qualunque lettera
vene, me li faje capit a questo indirizzo. (Scrive su un pezzetto di carta.) Strada
Costantinopoli N. 73, 3 piano. Tiene.
RAFFAELE: Va bene, non dubitate. Ve raccomanno per de non ve scord mai de Papele
vuosto. Papele vha voluto bene, Papele vha stimato, Papele vha rispettato...
FELICE: V che guajo che aggio passato co Papele. (Tuona.)
SCENA QUINTA
Luigi, e detti.
LUIGI (esce correndo): Mannaggia allarma de la mamma, io m non me pozzo lev chella
seccante da tuorno!...
FELICE: Gu, Lu, ch stato, che t succieso?
LUIGI: Niente, niente. (Apre il balcone e guarda.) Non la veco cchi, se ne sarr ghiuta
9

finalmente. Raf, famme lo piacere, vattenne abbascio, e si vene na figliola vestuta chiaro
co no cappiello rosa che me va trovanno, d che non nce stongo, che so partito.
RAFFAELE: Va bene.
LUIGI: E si taddimanne de Felice, d che manco nce sta...
RAFFAELE: Sarete servito. Signur non ve scordate de me. (A Felice.) Signur me vulite
d la seconda chiave de la porta de li grade.
FELICE: Va bene, m che scengo te la dongo.
RAFFAELE: Permettete avito ditto vestuta chiaro?...
LUIGI: E cappello rosa.
RAFFAELE: Va bene. (Via.)
LUIGI: Ma Fel, dimme na cosa, tu gi te ne vaje da cc?
FELICE: E comme, non lo ssaje?
LUIGI: Sacce che sfrattave a Maggio, ogge stamme a li diece dAprile.
FELICE: S, pecch add vaco steva sfittato, ed stata na fortuna pe me, cos tengo il
tempo di mobigliare la casa alla sposa con gusto ed eleganza.
LUIGI: E bravo! Li denare lhaje avuto da lo patre?
FELICE: Stanno cc. (Indica la tasca sul petto.) Stammatina me lha consignate, quindici
mila lire, pe f la casa e lo corredo, nauti quindici mila lire po, laggio quanno se firma
lo contratto.
LUIGI: E bravo, me f veramente piacere. Basta Fel, tu hai da sap che io a li 10 e 40
parto per Roma, vaco a trov chillo Zio mio che sta malato, e nello stesso tempo voglio
ved si me pozzo f d quacche cosa de denaro, starraggio na ventina de juorne, no mese
al massimo, sto tiempo mabbasta pe me luv na gran seccatura da tuorno. Tu comme
amico affezionato che me s stato sempe, mhaje da f duje piacire, uno piccerillo e nauto
gruosso.
FELICE: Padronissimo se si tratta de denare sentimmo primmo lo piccerillo.
LUIGI: Ecco cc, cheste so ciente lire, che dimane li darraje a D.a Rosa, ncoppe, la patrona
de casa mia. So li doje mesate che ghieve attrasse, e che saccio io che mha fatto pass, e
ti farai firmare questa ricevuta.
FELICE: Va bene. (Prende le cento lire e la ricevuta.)
LUIGI: Grazie tanto.
FELICE: Sentimmo lo piacere gruosso m.
LUIGI: Cheste so diece lettere de na figliola, na vedova, che non me ne pozzo liber de
nisciuna manera. Dinta a sta busta nce sta lindirizzo sujo tu nce lhai da port,
ammentanno na cosa qualunque pe non la f penz cchi a me che saccio, che so
partito per lAmerica, che me so perzo pe mmare, che so muorto, insomma haje da trov
tu na disgrazia.
FELICE: Va bene, aggio capito tutte cose, sarai servito a dovere. (Mette il pacchetto delle
lettere nella tasca del pantalone.)
LUIGI: No, no, non li mettere lloco, io saccio la capa toja, pu essere che te scuorde, li
piglie pe carte inservibili, e stateve bene, miettele a nauta parte.
FELICE: Ecco cc, m li metto dinto a lo portafoglio add stanne li denare, li ciente lire e
li lettere. Va bene?
LUIGI: Bravo! grazie tante.
FELICE: Dimane matina vaco primme ncoppe a pag li mesate, e po vaco a trov questa
signora seccante. Volete niente cchi?...
LUIGI: Grazie, quanto sei buono. (Stretta di mano. Entra il I facchino con due facchini
10

comparse che portano un grosso armadio.)


SCENA SESTA
I facchino, e detti.
FELICE: Che cos neh, nce sta cchi rrobba?
I FACCHINO: Eccellenza, solamente sto stipo e po nce ne jammo, m venene pure
linquilini.
FELICE: Va bene, posate lloco e ghiatevenne.
I FACCHINO: Allarma de mammeta v quanto pesa! Bona sera eccellenza. (Lo mettono
fra lalcova ed il balcone e viano.)
FELICE: Ma dimme na cosa Lu, chi sta signora vedova, e pecch te la vu lev da
tuorno?
LUIGI: Ecco cc Felici, in poche parole te dico tutte cose. (Larmadio si apre e compare
Elvira che si mette in osservazione.) Lanno passato io jette a f i bagni a Castiellammare,
e na matina mentre steva ncoppa a lo stabilimento, sento tanta strille a mmare: aiuto,
soccorso... era sta vedova che non sapenno nat, era asciuta no poco fora, e se steva
affocanno... tutte se volevano men, ma nisciuno se moveva. Allora, dinto a no momento,
me levo la giacchetta, lo gil, e me votto a mmare.
FELICE: Bravo!
LUIGI: Larrivo, lafferro pe sotto a li braccia e la salvo.
FELICE: Benissimo!
LUIGI: Eh, benissimo... mannaggia allarma soja... non lavesse fatto mai, da chillo juorno
chesta sinnamora di me talmente e talmente che non me deva no minuto de pace, aveva
da mangi co essa, aveva dasc cu essa, non me poteva movere no momento. Io la
secondava, perch capirai ll steva sulo, senza namico, senza nisciuno, tu manco nce
vuliste ven, figurati che seccatura! Perci faceva tutto chello che vuleva essa, venuto a
Napoli io accomminciaje allasc no poco, chella invece se nfucaje cchi assai, e v
assolutamente che io me la sposo...
FELICE: Ma comm, comm?
LUIGI: Non nc male, simpatica, ma na vedova, uno non sulo f la bestialit de se
nzur, ma quanto se piglia pure na vedova, non possibile. (Elvira dallarmadio digrigna
i denti.)
FELICE: Oh, questo certo.
LUIGI: Po na femmena curiosa, na pazza! Figurati no juorno pe me sorprendere ncoppa a
na trattoria se vestette da pezzente.
FELICE: Tu che dice?
LUIGI: Eh, che dico, quella capace di tutto, ma chaggio da f, amico mio, a me non me
po tras ncape, io voglio troppo bene a Carmela mia!
FELICE: Aspetta, e chi sta Carmela m?
LUIGI: E na guagliona troppo simpatica, nu zuccariello, la conoscette no mese f a na
festa da ballo, ma che voce, che maniera, che grazia, lo juorno appriesso appuraje add
steva, chi era, e sotto a lo colpo le mannaje na lettera, essa acconsent, e tassicuro che so
asciuto pazzo, penso sempe a essa. Fel, ma si tu la vide so certo che me dai ragione,
stato a lo collegio sette anne, e che educazione, che modi, non pare maje figlia a chillo
patre.
11

FELICE: Pecch, lo patre chi ?


LUIGI: Lo patre na persona bassa, no certo Ambrogio Pallone, un appaltatore di
fabbriche, ma sta buono per... e la combinazione sa chi ? proprio chillo che vene ad
abit sta casa.
FELICE: Possibile!
LUIGI: Possibilissimo! Ed stata la figlia che nce lha fatto affitt, pe st dinto a lo stesso
palazzo mio, ma capirai, io me naggio avuto da scapp, pecch si no la vedova me
scombinava tutte cose.
FELICE: E se capisce.
SCENA SETTIMA
Elvira, e detti poi Agapito.
ELVIRA (uscendo dallarmadio): Signori, vi saluto.
LUIGI: (Che! Essa!).
FELICE: (La sora de la sposa mia!).
ELVIRA: Bravo, bravo il signor D. Luigi Belfiore. Avete parlato finalmente chiaro, e avete
aperta tutta lanima vostra...
LUIGI: (Lanema de mammeta!).
FELICE: (E chesta comme steva dinto a lo stipo?).
ELVIRA: Siccome a Castiellammare, vuje stiveve sulo e ve seccaveve, truvasteve sta
scema, sta femmena curiosa, sta povera pazza, e dicisteve: che bella occasione pe me
spass no poco, per avere qualche distrazione e bravo! Po a Napole cercasteve dallasc,
e la combinazione io me nfucaje cchi assaje.
LUIGI: (Ha ntiso parola pe parola tutte cosa!).
ELVIRA (ridendo): Ah! Ah! Ah! V che belluommene che stanno ncoppa a la terra... M
vi siete innamorato della bella Carmela, e cercate tutti i mezzi di levarvi questo guajo da
torno... ma cride tu! Cride tu che te lieve stu guajo, ma io no, io non so femmena dessere
trattata accuss, so pazza? E farraggio cose da pazza, add vaje tu, venghio... lo
guardaporta non mha voluto sagli, pecch aveva avuto lordene da te, e che f... io
aggio dato diece lire a li facchine, e me so fatta sagl dinto a chillo stipo... e assicuratevi
D. Lu, che da oggi in poi, sar la vostra persecuzione!
LUIGI: Oh, ma alle corte, io non vi posso sposare, io non tengo beni di fortuna, io sono nu
misero architetto!...
ELVIRA: Me laviva dicere primme...
LUIGI: Te lo dico m, lo stesso.
ELVIRA: No, non lo stesso affatto!... e poi siete un misero architetto? Non fa niente, io
mi contento.
FELICE: Emb, quanno chella se contenta...
LUIGI: Statte zitto Fel.
ELVIRA: Assicurete pure, che Carmela cc te rimmane! (Indica la gola.)
AGAPITO (di dentro gridando): Ma come, mio genero sta ancora qua?
ELVIRA: Che sento! Pap!
FELICE: (Mio suocero!).
LUIGI: (Pure lo patre!).
ELVIRA: Assolutamente non me voglio f ved... (A Felice.) Mannatennillo priesto. D.
12

Luigi, nce vedimmo!... (Prende il cappello ed il bastone di Luigi ed entra nellarmadio.)


LUIGI: Sha pigliato lo cappello e lo bastone, non mporta, m lacconcio io. (Chiude
lannadio a chiave.)
FELICE: Voi vedete che pasticcio!... (Alla porta.) Favorite, pap, favorite.
AGAPITO: Grazie, grazie, io me so trovato a pass da cc, e so venuto a ved a che state
con lo sfratto.
FELICE: Mavete fatto piacere.
AGAPITO: Me ricordo quando era viva mia moglie, stammoina la faceveme ogni anno,
perch ogni anno voleva sfrattare...
FELICE: V che piacere!
AGAPITO: Chi sto signore, presentatemi.
FELICE: Il signor Luigi Belfiore, amico mio scorporato, valente architetto. Il signor
Agapito Fresella, mio prossimo suocero.
AGAPITO: Avvocato.
LUIGI: Tanto piacere.
AGAPITO: Fortunatissimo. (Strette di mano.)
LUIGI: Se mai avete bisogno di me, disponete pure liberamente, vi servir senza alcun
interesse.
AGAPITO: Grazie, troppo buono. No, io non sono amante di costruzioni, perch tengo per
massima che il fabbricare un dolce ammiserire. Mi ho comprato un casinetto sul
Vomero, bello e fatto, e dopo domani vado a prenderne pure possesso.
LUIGI: Bravissimo! (Strette di mano.)
FELICE: E come sta la signorina Beatrice, la mia futura met.
AGAPITO: Benissimo, grazie, figuratevi, sta tanto ammoinata pe sto matrimonio che non
potite credere, lei stessa si sta lavorando il corredo, poi, siccome tre giorni fa licenziai la
cameriera che era no poco capa allerta, adesso deve badare anche lei alle faccende di casa.
FELICE: Oh, poveretta!... e laltra vostra figlia che fa? Sta bene?
AGAPITO: Ah, Elvira, la vedova? Lasciateme sta, quella sta sempre nervosa, sempre
eccitata, dopo la perdita del marito che mori tre anni fa, e essa fu obbligata a ritornare in
casa mia, non la conosco pi, diventata di un carattere impossibile, tutto la secca, sirrita
per una cosa da niente... ma con me per ha da sta co duje piede dinto a na scarpa, deve
camminare dritta. Stamattina per esempio, per andare a pranzo dalla Commara, ha dovuto
prima chiedere permesso a me e poi c andata.
FELICE: Bravissimo! Fate bene... e m dalla commara sta?
AGAPITO: Sissignore, siccome quella tiene il giardino con diverse razze di uccelli, cos si
divertono fra di loro.
FELICE: Ho capito, ho capito.
AGAPITO: Basta, voi siete pronto, ve ne calate?
FELICE: Sissignore, e che nce faccio cchi.
AGAPITO: Vedite si nce sta cchi niente... vavisseve da scurd quacche cosa.
FELICE: Nonsignore, questa tutta roba del nuovo inquilino. (Va guardando.)
LUIGI: (Io m comme faccio senza cappello, appena scengo me laggio daccatt).
SCENA OTTAVA
Bettina, e detti.

13

BETTINA: Uh, signur, vuje state cc?


LUIGI: S, e Carmela che tha ditto?
BETTINA: Ha ditto che le dispiace assai che partite, ma v che tornate priesto, e stasera ve
volarria ved no momento.
LUIGI: E io pure le vollarria vas no poco la manella, ma comme se fa?
BETTINA: Vuje a che ora partite?
LUIGI: A li diece e quaranta.
BETTINA: Emb, sentite, quanno s fatto notte, facite lo solito fisco, e si lo patrone s
cuccato, io da la fenesta ve faccio no signale e vuje saglite pe la scala de servizio, la
salutate e ve ne jate.
LUIGI: Ah! Brava, brava chella Bettina mia!... Io po te faccio no bello regalo.
FELICE: Chi neh?
BETTINA: Io sono la cameriera del nuovo inquilino.
FELICE: Bravo! (A Luigi.) Ma sei proprio no micco s!
AGAPITO: Sentite D. Fel, a lo pentone de lo vico s aperta una birreria, dice che tene no
bicchiere de vino de Chiante che na bellezza, m che scennimmo lo ghiammo ad
assaggi, vedimmo ched.
FELICE: Lo ssoleto, quanno sentite vino buono, correte sempre.
AGAPITO: Che volete, la mia passione.
FELICE: Va bene... jammoncenne. Lu, jamme! (Marcato.)
LUIGI: Sono con voi. (Non te scurd li ciente lire e li lettere).
FELICE: (Ma chella m che f dinto a lo stipo?).
LUIGI: (E che te ne preme a te!).
FELICE: (A me, manco pe la capa!...).
AGAPITO: Add jate D. Fel, non chesta la porta.
FELICE: Ah, gi...
AGAPITO: Sempre distratto... che brutto vizio.
FELICE: No, ma non stto per distrazione, voleva scendere per la scala di servizio... si fa
pi presto.
AGAPITO: Si f pi presto? Allora scendiamo per la scala di servizio, io non ci attacco
idea.
LUIGI: E io nemmeno.
FELICE: Prego...
AGAPITO: Grazie. (Viano a sinistra.)
BETTINA: Che bello piacere de trov a D. Luigi cc ncoppe. La signorina mha prommiso
no regalo, isso pure, m vedimmo che me danno.
SCENA NONA
Ambrogio, Carmela, e detta poi Elvira.
AMBROGIO (di dentro gridando): Bettina!... Bettina!...
BETTINA: Lo patrone!... Eccome cc, sign, eccome cc. (Via poi torna, Elvira batte tre
volte le mani dallinterno dellarmadio. Bettina ritornando con valigia e scatoli.) Mamma
mia, e comme sta!...
AMBROGIO (con altra valigia, fagotti, ombrelli e bastoni): Me pare che invece de st cc
ncoppa, me potive aspett abbascio a lo palazzo. (Carmela lo segue, ha in mano una
14

gabbia con canarino, un ombrellino, e una piccola valigia nellaltra).


BETTINA: Vuje mavite ditto che avesse acconciata la ramma dinta a la cucina, e che
avesse fatto lo lietto vuosto.
AMBROGIO: E tanto nc voleva paccunci sta ramma e pe f lo lietto mio? Ancora tutto
ammoinato, chillo lietto non s fatto ancora...
BETTINA: Aggiate pacienzia sign, non ve pigliate collera, m lo faccio. (Puozza scul!).
(Fa il letto sotto lalcova.)
AMBROGIO: Lo guardaporta de sto palazzo per esempio non fa pe me, sta dormenno
dinta a lo casotto sujo comme a nu puorco, non mha visto manco tras.
Accomminciammo buono, a la verit. (Vedendo Carmela al balcone.) Carm, gu, che
faje fore a sto balcone, non vide che sghezzechea, trasetenne.
CARMELA: Voleva ved la strada.
AMBROGIO: Non s arrivata ancora gi vu ved la strada? Peccer, io sa che tavviso,
non facimmo lo fatto de la casa vecchia che stiveve sempe appese a li feneste, io ll non
ve diceva niente, pecch era no vico che nisciuno nce passava. Qua no, qua dovete stare
molto ritirate perch una strada di commercio, e pare brutto a ved sempe doje cape da
fore, nce simme ntise?
CARMELA: Va bene.
BETTINA: Ma scusate, no poco daria quacche vota lavimmo da pigli.
AMBROGIO: De te non me mporta niente... tu quanno vu pigli aria te ne vaje mmiezo a
lo pascone, figliema add f chello che dico io!
CARMELA: Non dubitare, pap, io faccio tutto quello che comandi tu.
AMBROGIO: S, ma non me fa la bizzochella! (Imitando la voce.) Faccio tutto quello che
comandi tu, po quanno io esco, fa tutto chello che b essa. Che te cride che io non saccio
che hai perzo li cerevelle co no D. Franfellicco che vediste chella sera a la festa da ballo
che dette frateme cugino. Abballaste tutta la serata co isso, facisteve coppia fissa!
CARMELA: Io, quanno mai!
AMBROGIO: Quanno mai? Va bene!... Mhanno ditto che chillo giovene te ronnea
attuorno, te manna mmasciate, bada che si me naddone de quacche cosa, io ti chiudo
nauta vota dinto a lo collegio e non te faccio asc cchi. Chisto add essere no
mbrugliunciello o no disperato, pecch si non era tale sarria venuto da me, quanno uno
tene bona intenzione co na figliola, la primma cosa va a parl co lo patre. Io aggio faticato
tanto tiempo pe te f no poco de dote, e tu hai da sent li consigli miej. Io taggia da d
uno de la stessa arte mia.
CARMELA: Bella cosa!...
AMBROGIO: Come sintende bella cosa? Bellissima cosa! Vintanne f io era no semplice
masto de cocchiara, pigliave quatte carri a lo juorno, chiano, chiano, co la pacienzia e co
labilit m faccio lo partitario, e tutte me rispettano.
BETTINA: Avite capito, signori, pap v che ve pigliate no fravecatore.
AMBROGIO: Statte zitta tu che te mengo na cosa nfaccia, ntrichete de li fatte tuoje!...
CARMELA: No, pap, io no fravecatore non lo voglio!...
AMBROGIO: Ma che fravecatore e fravecatore, io dico uno comme a me, no partitario,
nappaltatore, un ingegnere di dettaglio, uno di questo genere.
CARMELA: E si non lo trovo accuss non me mmarito?
AMBROGIO E sta pressa chi nce la d? Tu s giovene, quando cchi tarde te marite,
meglio . Basta, de chesto ne parlammo dimane, pensammo m a chello che sadda f. Tu
v miette la tavola. (A Bettina.) Carmela se mette ll. (Indica il letto dellalcova.) E tu
15

doppo cenato te faje lo lietto a levatore dinta a la cammera de mangi.


BETTINA: (E io lo ssapeva...). Va bene. (Via a sinistra seconda quinta.)
AMBROGIO: Mettimmo sta rrobba dinto a sto stipo. (Apre larmadio, vede Elvira e
chiude subito.) (Na femmena! E che significa chesto?). Vattenne dinto tu, lasseme sulo no
momento.
CARMELA: Eccome cca. (Via a sinistra.)
AMBROGIO (riaprendo larmadio): Signorina, che cosa fate voi nel mio stipo?...
ELVIRA: Me ce so fatta mettere da li facchine pe ven cc a trov no birbante,
nassassino, no mbruglione, che mha ingannata, mha tradita, e doppo sette mise ha
lasciata a me pe se mettere co la figlia vosta.
AMBROGIO: Figliema!
ELVIRA: S, poco primma lo diceva cc, a chisto pizzo, parlanno co linquilino viecchio.
Se conoscettene a na festa de ballo, e m se scrivene, se danno appuntamento,
fannammore, e a buje ve trattano comme a no mamozio!
AMBROGIO: Signorina, badate come parlate!...
ELVIRA: Voi siete un uomo onesto, e non dovete sopportare questa cosa... che figura
fate... aprite luocchie e state in guardia. Chillo mbruglione capace de qualunque cosa!
Lusinga chella povera piccerella, la inganna, e po non se fa trov cchi. Voi come padre,
dovete sorvegliare e impedire una disgrazia.
AMBROGIO: Si capisce. Ma come si chiama?
ELVIRA: Si chiama Luigi Belfiore. Ricordatelo.
AMBROGIO: Luigi Belfore? Va bene!
ELVIRA: Chillo capace de tras dinto a sta casa pe qualunca parte, pure da la fenesta, si
lo ncucciate, reciuliatelo subeto pe li grade, non lo sentite.
AMBROGIO: Lo voglio conzol io, lo voglio.
ELVIRA: E m stateve bene. Aprite luocchie, sorvegliate, state in guardia! (Via a destra.)
AMBROGIO: Eh, ma io lo ssapevo, non poteva essere altrimenti, quando non si parla coi
genitori, mbruoglio c sotto! Intanto chella pe ven a trov lo nnammorato se f mettere
dinta a lo stipo. Mha miso no brutto pensiero ncapo! La primma cosa chiudimmo la
porta. (Chiude la porta a destra e conserva la chiave.) Ma io sapeva tutto, a me maveva
ditto tutte cose lo caffettiere a lo pontone, ma mai laggio potuto ncucci, m per saccio
lo nomme, Luigi Belfiore... Pure buono che doppo dimane me ne saglio a lo Casino a lo
Vommero, e ll nc poco da pazzi. Nce stanno li tre cane de lo colono che si sulo
sazzarde a compar, ne fanno quatte morze!... S fatto notte, appicciammo lo lume.
(Accende il lume.) Dinto a sta canestella nce stanno duje pullaste, presutto, casecavallo e
pane, la canesta co le butteglie de vino sta dinto, pe m cenammo e nc jammo a cucc
dimane se ne parla. V che tiempo, m s che ncasata dacqua che vene... (Entra a sinistra
col lume portando il canestro, la scena si oscura pausa si sente riaprire la porta a
destra.)
SCENA DECIMA
Felice, poi Carmela.
FELICE (entrando dalla destra): V che stommeco che tene chillo suocero mio, sha
chiavato ncuorpo cchi de duje litre de vino. Io no litro pure me lavarraggio fatto...
sicuro... pecch mavota no poco la capa... lasseme chiudere la porta. (Chiude la porta.)
16

Cc m sta alloscuro... aspetta, aggio da ten li fiammifere. (Fruga nelle tasche.) Ecco
qu. (Accende un fiammfero.) Nce vularria no lume. (Chiamando.) Carluccio...
Carluccio... va trova add starr quella bestia... se sarr ghiuto a cucc... me pare che
dinto a lo salotto nce ha da st no canneliero... gu oh, e che d, che me fosse overo
mbriacato! e che diavolo!... chello vino de chianto, nen se po pazzi troppo!... (Entra a
sinistra prima quinta.)
CARMELA (dalla sinistra seconda quinta con lume): Non voglio cen, non tengo
appetito... pap v che io me levo da la capa chillo giovene, ma impossibile, io penso
sempe a isso, chaggio da f... Bettina mha ditto che stasera primme che parte lo veco, le
voglio dicere che si me v bene veramente, se presentasse a pap e me cercasse pe
mogliera, chesta la primma cosa, lo riesto po me lo veco io. (Caccia un ritratto.)
Quant bello, quant simpatico!... Non te ne incarric Luigino mio, io a te voglio bene, e
a te maggio da spus, nisciuno me farr capace!...
SCENA UNDICESIMA
Felice, e detta.
FELICE (esce ridendo): Io volarria sap che ne faccio de sta capa mia! Io me so ritirato
credenneme che steva ancora de casa cc. Vedete che specie di distrazione... cose proprio
de pazze! Sangue de Bacco, cc nc st na figliola... che bel tipo!
CARMELA: Chello che dice pap sarr buono, ma lo core mio de chillo giovene, e sulo
isso me po f felice! (Voltandosi vede Felice.) Chi ?... chi siete voi? (Spaventata.)
FELICE: Non vi mettete paura signorina, io sono un galantuomo, incapace di farvi del
male, mi trovo qua per una mia solita distrazione...
CARMELA: Vi prego di uscire subito, altrimenti chiamo papa...
FELICE: E perch volete chiamare pap, che centra pap, voi siete tanto graziosa, tanto
gentile... siete bella e nn potete avere un cattivo cuore... perdonate la mia insolenza... io
credevo che questa casa...
CARMELA: Non vi avvicinate, pap... (Chiamando.)
FELICE: Quanto siete crudele! Non chiamate pap, ecco qua, me ne vado... ma prima per
fatemi baciare quella bella manina...
CARMELA: Signore, ma per chi mi prendete voi?...
FELICE: Per una bella ragazza, per un angelo...
CARMELA: Signore, uscite, vi dico...
FELICE: Eccomi qua... Fate male a trattarmi cos per, perch quando lo volete sapere, io
sono amico stretto del vostro caro Luigi, ed ero venuto qua per farvi unimbasciata sua
importante, ma una volta che voi me ne cacciate, io me ne vado e non ne parliamo pi.
(p.a.)
CARMELA: Aspettate... comme, Luigi vha mannato cc?
FELICE: Luigi, sissignore.
CARMELA: E... scusate... che vha ditto?
FELICE: Eh... non lo s... debbo baciare prima quella manina, questo il mio compenso...
dopo tutto, una cosa da niente, un bacio sulla mano si d in segno di rispetto...
CARMELA: (Infatti che nce sta de male?). Allora baciate... ma facite priesto per, non
perdite tiempo. (Mentre guarda a sinistra stende la mano.)
FELICE: Oh, grazie, grazie... fanciulla adorata! (Bacia forte la mano.)
17

SCENA DODICESIMA
Ambrogio e detti.
AMBROGIO (di dentro gridando): Carmela, Carmela!...
CARMELA: Pap! (Spaventata.)
FELICE: Oh, sangue de Bacco!...
AMBROGIO (di dentro c.s.): Carmela!...
CARMELA: Jatevenne. (Girano per la scena.)
FELICE: Aspettate, m me metto cc fora. (Esce fuori il balcone e chiude le imposte.)
AMBROGIO (fuori): Ched neh, stai tu sola?
CARMELA: S, pap...
AMBROGIO: M parzo de sent parl.
CARMELA: Ah, s, era io che parlava co lo canarino, sai che nce parlo sempe.
AMBROGIO: Neh?... (sospettoso.) E me pare che aggio ntise pure cierti vase?
CARMELA: Cierti vase?... Ah, s era io che faceva nfaccia a lo canario... (Fa il rumore dei
baci.) Tu sai che quanno io parlo co chella bestiella faccio sempe accuss.
AMBROGIO: Ah, gi. Dimme na cosa, pecch non hai voluto cen?
CARMELA: Pecch non tengo appetito, pap, tengo sulo suonno.
AMBROGIO: E allora cocchete, che nce fai tu sola cc dinto?
CARMELA (Sicuro, me cocco... co chillo fore a lo barcone). Pap... a la verit... io dinto a
sta cammera me metto paura.
AMBROGIO: Paura! e de che?
CARMELA: Sai... na casa nova, che non se canosce, vicino a la porta de li grade... me f
no poco dimpressione. (Si sente piovere. Tuoni.) Pe stanotte famme dorm dinta a la
cammera toja.
AMBROGIO: Ma cheste so cose de criature, figlia mia... Quanno maje te s mise paura
tu... V che acqua che sta facenno.
CARMELA: (Povero giovene, chillo m se nfonne tutto quanto!).
AMBROGIO: Chesta na bella stanza... Capisco, f soltanto no poco dimpressione la
porta de li grade... ma chiusa bona, non c pericolo. (Guardando la porta.) Gu, la
chiave sta ancora cc, me credeva che laveva levata. (Toglie la chiave e la conserva.) Va
buono, non ne parlammo cchi, tu m lo saccio, te s impressionata, e s capace che faje la
nottata chiara chiara. Jammoncenne.
CARMELA: (E chillo comme fa m, comme se ne va cchi!). (Via prima quinta a
sinistra.)
AMBROGIO: Non saccio si minganno, ma la veco no poco distratta... no poco stunata...
vedremo... staremo in guardia. (Via appresso.)
SCENA TREDICESIMA
Felice solo, poi Ambrogio.
FELICE (dal balcone viene in iscena inzuppato dacqua.) Aggio pigliato chisto sorte de
bagno! E comme se combina? Mamma mia e dimane na bronchita chi me la leva!
Mannaggia la capa mia, mannaggia! Si non me fosse distratto, e non fosse trasuto cc,
18

credennome ancora la casa mia, tutto chesto non me succedeva. (Va alla porta.) Scuse!
Cc la chiave non nce sta cchi! E comme faccio? Aggio passato lo guajo!... Voi vedete
la combinazione... Dinto a lo salotto nce sta no cammino... stesse appicciato...
masciuttarria no poco. Cielo mio, fammillo trov appicciato! (Entra prima a sinistra.)
AMBROGIO (in maniche di camicia, ha fra le mani un involto di berretti di notte una
grossa pistola): Credo che m le sarr passata la paura, m me cocco io cc, non fa niente
che sta la porta de li grade vicino. Che sciocchezza! Maggio portata la commarella per.
(Mostra la pistola.) Eh, co chesta non se pazzea, chesta fa poche chiacchere, mettimmola
sotto a lo cuscino. (Esegue.) A me uno cuscino mabbasta, chistauto me lo metto ncoppa
a li piede. (Passa un cuscino ai piedi, poi siede su di una sedia, si leva i pantaloni, si
mette un berretto e si corica covrendosi, mentre si spoglia dice:) Chella guagliona da che
ghiette a la festa de ballo, non conchiude cchi, lhanno fatto perdere li cervella!... Chella
po piccirella, se capisce, che nce v, a pigli na passione. Ma io dico a sto tale: tu
pecch non te s presentato a me?... segno che i tuoi principii non sono retti, e allora
pecch me viene a ncuiet la casa mia, va a nauta parte... gu stasera f no poco de
frischetto. (Si coricato.)
SCENA QUATTORDICESIMA
Felice, e detto.
FELICE: Niente, sta tutte cose stutato, non aggio trovato manco doje legne pe lappicci...
AMBROGIO: (Sangue de Bacco! E chisto chi ?). (Caccia la pistola e la impugna.)
FELICE: Eh, ma io sto nfuso da cuollo me laggio da luv assolutamente si no dimane so
rovinato. (Starnuta.) Aggio fatto lo guajo! M s che catarro me vene. (Si leva il
soprabito e lo mette su di una spalliera di sedia.)
AMBROGIO: (Se spoglia pure).
FELICE (Si leva il gil, e lo mette su di unaltra sedia): Mamma mia che friddo... la
signorina se sarr cuccata... e bravo... io po dico a essa, tu sai che io steva fore a lo
balcone, hai ntiso che ha fatto chellacqua, vu ven a ved che succieso, si so muorto,
si so vivo. M sa che faccio, ll nce stanno duje divane, se me ne metto uno sotto, nauto
ncoppa e io mmiezo. Dimane a primmora, sempe la serva se sceta primme, essa arape la
porta e me ne f asc. Io alla fine po non songo no maruolo... (Entra nel salotto.)
AMBROGIO (scendendo dal letto): Che sento! stato fore a lo balcone, figliema lo
ssapeva, ecco perch steva stunata e se mbrugliava a parl. Sangue de Bacco! E chi sarr
chisto? Aspetta, fosse chillo tale che nce fa ammore, e che ha ingannata a chellauta de lo
stipo?... Sicuro, isso adda essere... no momento... oh! fortuna! cc sta lo soprabito sujo,
nce ha da st na carta, quacche cosa che me ne pozzo assicur. (Con grande precauzione,
guardando sempre dove entrato Felice fruga nella tasca del soprabito, ne caccia il
portafogli, delle carte e si mette a leggere:) Al signor Luigi Belfiore, isso, sangue de
Bacco! Laggio ncucciato! E chillo de la festa de ballo!... Chesta ched. (Legge:) Ho
ricevuto lire Cento dal signor Luigi Belfiore, per due mensili ecc. ecc.. (Apre il
portafogli.) Scuse! chiste so tutte biglietti da mille lire!... Ma allora chisto add sta
buono, add sta ricco, add essere no galantomo, pecch paga laffitto regolarmente.
Chella femmena pe gelosia lha voluto discredit! (Di dentro dove entrato Felice si
sente un forte rumore come di garsella rotta.) Va trova che mha rutto m, capace che
torna, sentimmo che dice. (Conserva il portafoglio e tutte le carte e si va a mettere dietro
19

il letto con la testa che sporge fuori.)


SCENA QUINDICESIMA
Felice, e detto.
FELICE: Aggio fatto nato guajo! a lo scuro pe tir lo divano, so ntuppato nfaccio a no
tavolino che nce steva na garsella ncoppa, caduta e s rotta. Chi mai se poteva credere
de pass chesto stasera. Fra le altre cose tengo no friddo dintallosse che naffare serio,
non me pozzo scarf de nisciuna manera, chello lumido che me sto asciuttanno ncuollo,
m s che freva me vene... mannaggia sta capa, mannaggia, me lavarria scamazz!...
Basta, cca m stanno dormenno tutte quante, io m me cocco dinto chillo lietto, me
commoglio buono e cerco de sud, a primma matina la serva nce pensa. (Siede e si
spoglia.)
AMBROGIO: (Che sta facenno m!).
FELICE (starnuta): Dalle, ncasa la mano! (Vedendo i berretti che ha portato Ambrogio.)
Che so chiste? Ah so barrettine, meno male, chesta m stata na fortuna! (Se lo mette.)
Me va buono. (Resta in calzonetto e camicia.) Mamma mia, che freddo nervoso! (Si
corica con la testa a piedi e si copre.) Si non fosse venuto a chiovere, se chillo non levava
la chiave, io m starria dinto a lo lietto mio, quieto, asciutto e senza paura. (Nel frattempo
Ambrogio si corica dal lato opposto e si copre tirando la coverta, Felice la tira a s di
nuovo, pausa. Ambrogio siede nel mezzo del letto, Felice fa lo stesso, si guardano e si
salutano cortesemente.)
AMBROGIO: Scusate, signore, volete qualche cosa?
FELICE: (Lo patre! So fritto!). Ecco qua, era da molto tempo che vi voleva fare una visita.
AMBROGIO: E me la venite a f dinto a lo lietto?
FELICE (ridendo forzatamente): Ah,... gi...
AMBROGIO: Io credo che la visita la voliveve f a nauta persona, e invece avite trovato a
me, caro Signor Belfiore...
FELICE: (E pecch me chiamma Belfiore!). (Vedendo cheAmbrogio impugna la pistola.)
Ma scusate, e ched stanimale... (Salta dal letto.) Chisto nu sbaglio, m ve dico
comme ghiuto lo fatto... (Cielo mio, aiutame tu!). Dovete sapere che io...
AMBROGIO: Amico, cc shanno da f poche chiacchiere. ( sceso dal letto.) Voi vi siete
introdotto di sera nella camera di mia figlia, de na povera piccerella innocente, e abusando
di questa situazione, poco prima lavite abbracciata e baciata.
FELICE: Io? Nonsignore!
AMBROGIO: Non lo negate, essa ha trovata la scusa de lo canario, ma eravate voi, signor
Belfiore.
FELICE: Ma scusate, voi sapete che io mi chiamo?
AMBROGIO: Luigi Belfiore, architetto.
FELICE: (Chesto buono pe me, acconsentimmo).
AMBROGIO: Io tengo lo portafoglio vuosto. Se volete riparare a tutto, non nce sta che un
mezzo.
FELICE: E qual ?
AMBROGIO: Dovete sposare mia figlia.
FELICE: (Sicuro! E po comme faccio co Beatrice?). Caro signore, questo non pu
essere... perch io...
20

AMBROGIO: Non po essere? Allora siccome voi siete entrato di sera in casa mia, e avete
tentato di sedurre mia figlia, io m ve sparo, e non ne passo manco niente.
FELICE: Aspettate, nonsignore... Va bene, me la sposo... (Dicimmo accuss).
AMBROGIO: Sul vostro onore?
FELICE: Sul mio onore!
AMBROGIO: Qua la mano. (Da la mano.) Restiamo intesi. Voi siete architetto, e questo
mi fa immenso piacere, in quindici giorni si far tutto.
FELICE: Perfettamente, ma scusate, dateme lo portafoglio m.
AMBROGIO: Ecco qua, queste sono le lettere, un ricevo, e chisto nu biglietto di ciente
lire, chi sa ve serve quacche cosa, lo portafoglio co li mille lire me lo tenghio.
FELICE: Come! Chille so quindici mila franchi.
AMBROGIO: E che v dicere, ponno essere pure cientemila, io me tengo questo denaro
momentaneamente, come un deposito... capirete... caro Belfiore, io che garanzia tengo? Si
vuje ve ne jate e non ve facite trov cchi, io che ve faccio?... Add ve vengo a pisc?
FELICE: Ah gi, sicuro.
AMBROGIO: E no pegno che tengo... ve fa dispiacere?
FELICE: No... anzi... ma voi dovete sapere.
AMBROGIO: Sono padre, capite, e debbo prendere tutte le precauzioni. Io vi restituir
questa somma alla vigilia del matrimonio. (Prende il denaro e restituisce il portafoglio.)
A voi, chisto non me serve.
FELICE: Ma scusate, faciteme d na parola...
AMBROGIO: Pss, va buono m, avimmo parlato assai, ci siamo capiti e basta.
FELICE: (Voi vedete che guajo che aggio passato!).
AMBROGIO: Adesso dopo tante emozioni, capisco che avete bisogno di riposo... vi prego,
andatevi a coricare, io marrancio dinto a lo salotto.
FELICE: Ma nonsignore... perch...
AMBROGIO: Perch cos voglio... m tardi, e cattivo tempo, dove andate? La vostra
salute mi preme. Coricatevi.
FELICE: Ma io non tengo suonno...
AMBROGIO: Jateve a cucc! (Forte e mostrando la pistola.)
FELICE: Sissignore, non ve pigliate collera. (Si corica.)
AMBROGIO (lo copre): Bravo! accuss... cercate de sud, e dormite bene.
FELICE: Grazie tante. (Ambrogio va a chiudere la prima a sinistra e conserva la chiave.)
AMBROGIO (gentile): Felicissima notte. Chesta la cammera de la piccerella chiudimmo,
balcone, lume.
FELICE: Buonanotte! (Ambrogio via a destra portando con s il lume la scena si oscura.)
Io vorria sap si nce p essere nommo che se po trov a la stessa posizione mia. Senza
pot parl, senza poterme discolp co na pistola sempe pronta... me sposo la figlia, na
parola... e co Beatrice comme faccio?... ll tutto fatto, io maggio pigliato pure la mmit
de la dote... Cielo mio, damme tu no consiglio, aiuteme tu! (Pausa, di dentro si sente un
forte fischio.) E ched m sto sisco? Tengo na paura ncuorpo che non se po credere, me
sta sbattenno mpietto comme a che!... Ah. Quanto pagarria pe me trov mmiezo a la
strada!...
SCENA SEDICESIMA
Bettina, Luigi, e detto.
21

BETTINA: Aspettate, ca cc sta alloscuro, signor...


LUIGI (accende un fiammfero, Felice si nasconde): Add sta?
BETTINA: S cuccata, sta dormenno, allora, scusate, jatevenne, io me credeva che steva
susuta.
LUIGI: Ma io le voglio vas sulo la mano.
BETTINA: No, no, scusate, non sta, jatevenne.
LUIGI: giusto, lamo e la debbo rispettare. Addio Carmela, io parto, ma subito ci
rivedremo. Amami, angelo mio! Felicenotte! (Felice caccia il braccio e saluta.)
Zucchero, tesoro, anima mia! teh. (Butta dei baci.)
BETTINA: Basta, basta, jatevenne.
LUIGI: Da Roma te porto na bella cosa... Grazie Bonanotte!...
BETTINA: Buon viaggio. (Luigi via a sinistra. Bettina si accosta al letto di Felice.) Va
buono, laggio fatto ven, site contenta. (Felice afferra la mano di Bettina e la bacia.) Ma
no, chesto laggia da f io a buje. (Mentre si baciano le mani contemporaneamente e
forte, cala la tela.)
Fine dellatto primo

ATTO SECONDO
Il palcoscenico sar diviso in due parti uguali da un muro. Sono due villette. A sinistra
quella di Ambrogio, e a destra quella di Agapito. A destra lateralmente due porte e
cancello in fondo. A sinistra lateralmente due porte e cancello in fondo. Nelluna e
nellaltra villetta vi saranno due scale portabili. Alberi, piante e fiori dalluno e dallaltro
lato. Sedili di campagna a sinistra e sedie rustiche a destra. Un tavolino quadrato a
sinistra e un altro tondo a destra preparato per una colezione per due. Un rollo di carta
di parato al lato sinistro.
SCENA PRIMA
Beatrice e Ciccillo poi Carmela.
BEATRICE (dal lato destro a Ciccillo che spazza la scena): Cicc, scopa buono, e po
adacqua tutte li piante.
CICCILLO: Non dubitate, m che vene D. Felice lo sposo vuosto, lo voglio f rimman
ncantato.
BEATRICE: Bravo! E d a Concettella che spicciasse la colezione e non facesse manc
niente, pecch non vulimmo f cattive figure.
CICCILLO: Va bene. (Spazza.)
BEATRICE: Me parene millanne che sposo, accuss me levo de tuorno chella pazza de
sorema, da che muorto lo marito non nce se po cchi parl, sta sempre arraggiata
pap se credeva che portannola cc, a sta bellaria, se fosse calmata, ma che, da tre
ghiuorne che simme venute, sta cchi nervosa de primma, stato peggio! (Coglie dei
fiori.)
22

CARMELA (dal lato sinistro): Io non saccio proprio a che penz, stongo comme allasene
mmiezo a li suone. Chillo tale che pap pigliaje pe Luigi Belfiore; otto juorne f a Napole
me dicette: signorina, non ve nincaricate, acconsentite, secondate a tutto, e Luigi sar
vostro marito, ma pecch sta finzione, io non capisco.
SCENA SECONDA
Bettina e detti, poi Felice.
BETTINA (dal fondo della villetta a sinistra): Signori, signori... chillo giovene che s
finto D. Luigi, sta fore, m trase, mha mannato a me nnanze pe vavvisa nauta vota, che
acconsentite sempe a tutto chello che succede.
CARMELA: Ma pecch avimmo da f chesto?
BETTINA: Pecch chella sera che isso venette pe ve parl de lo nnammurato vuosto lo
patrone lo ncucciaje, e credenno che era D. Luigi, se pigliaje quindici mila lire de li ssoje,
dicennele che nce li tornava lo juorno primma che se spusave a buje.
CARMELA: Tu che dice?
BETTINA: Gi, intanto lo poveriello dice che chelli quindicimila lire so de lo patre de
chella che veramente sadd spus, che le servene pe f la casa.
CARMELA: Oh! Chesta bella!
BETTINA: Isso ha ditto che non nce penzate, pecch chesta stata na bella combinazione
pe ve spus proprio a Luigi Belfiore. Lo vedite cc sta venenno. Trasite signori, trasite.
FELICE (dal lato sinistro del fondo): Signorina rispettabile.
CARMELA: Sentite, io faccio tutto chello che dicite vuje, ma basta che riesce tutte cose
buono?
FELICE: Non ci penzate, lasciate fare a me. Io vi faccio sposare a Luigi.
CARMELA: Ne site certo?
FELICE: Certissimo, pap vostro madd pag chello che mha fatto mi debbo togliere una
bella pietra dalla scarpa. Jate add isso e dicitele che so arrivato.
BETTINA: Jammo, signur.
CARMELA: Jammo. (Viano a sinistra. Beatrice e Ciccillo sono andati via a destra, uno
dopo laltra.)
FELICE: Mannaggia larma de la mamma, v che poco de paura me facette mettere chella
notte, non saccio comme non aggio pigliata na malatia. Doppo che io la matina le diceva
che non era Luigi Belfiore, chillo sempe mobbligava a spus la figlia, pecch maveva
trovato de sera dinta a la cammera soja e aveva ntiso pure quanno laveva baciata, e po
teneva li quindici mila lire mmano, mi convenuto di acconsentire a tutto chello che
diceva isso. Intanto aggio fatto le doppie pubblicazioni pe Beatrice e pe Carmela, e aggio
appuntato i due matrimonii per il giorno tre Maggio. Il giorno due D. Ambrogio, secondo
la promessa, me torna li quindici mila lire, io lo juorno appriesso me vaco a spus a
Beatrice e parto per un viaggio di nozze, lo voglio f rest co tanto no palmo de naso.
Chello ch bello assai , che D. Agapito s ghiuto ad accatt lo casino proprio a fianco a
D. Ambrogio, manco si lavesse voluto f apposta, m aggio da ved comme aggio da f
pe non f scommegli tutte cose, pecch si no perdo li denare, la mugliera, e abbusco
pure, ci vuole astuzia, coraggio e faccia tosta. Daltronde m me trovo e aggio dabball.
Audaces fortuna juvat!...

23

SCENA TERZA
Ambrogio, Carmela, Bettina, e detto.
AMBROGIO (di dentro): Dove sta, dove sta?
BETTINA: Eccolo cc sign.
AMBROGIO (fuori con Carmela): Carissimo Luigi. (Da la mano.)
FELICE: Pap... (A Carmela.) Signorina...
AMBROGIO: Sedie, Sedie. (Battista posa le sedie e via, seggono.) Comme si venuto co la
funicolare de Chiaia, o co chella de Montesanto?
FELICE: Con quella di Chiaia, perch sono stato da Caflisc a comprare queste poche
cioccolattine per la mia bella Carmela. (Dalla tasca del pantalone tira fuori un cartoccio
e lo d a Carmela.)
CARMELA: Grazie, ma pecch vi siete incomodato?
FELICE: Che incomodo, per carit, niente per voi, voi meritate altro che questo.
CARMELA: Siete troppo buono.
AMBROGIO: Neh, ma scusate, perch vi parlate col voi, forse pecch nce stongo io
nnanze? Ma no, parlatevi col tu, io non ci attacco idea, fra pochi giorni dovete essere
marito e moglie, quindi non ci sta niente di male.
FELICE: Volete cos, per ubbidirvi. A voi poi pap mi sono preso lardire di portarvi
questa piccola cosa che terrete come mio ricordo, accetterete il pensiero. (Dalla tasca di
petto tira fuori un cartoccio, lapre e mostra una coppola di velluto granato con righe
doro.)
AMBROGIO: Oh, ma pecch sta cosa, mi vuoi mortificare... ti ringrazio tanto tanto. (Se la
mette.)
FELICE (a Carmela): Ti piace?
CARMELA: Bellissima!
FELICE: Me pare che va no poco stretta... ve la sentite stretta?
AMBROGIO: Cos, non tanto.
FELICE: Sangue de Bacco, me dispiace, dateme cc, chella sarr la fodera la faccio allarg
e dimane ve la porto.
AMBROGIO: Ma no, lasciate st.
FELICE: Nonsignore, pecch voglio che vi andasse a pennello.
AMBROGIO: Comme vuoi tu?... (Gli restituisce la coppola.) (Che bravo giovine!). Intanto
io penso che si non te ncucciavo chella sera a la casa, tu non saresti venuto mai a parlare
con me, e questo non stava bene.
FELICE: Ma era appena un mese che nce faceva ammore, certamente non erano passati
degli anni.
AMBROGIO: Oh, questo certo! Intanto la signorina se lo voleva negare, dice che steva
parlanno co lo canario, birbantella! (Carmela abbassa la testa.) Del resto, a me me fa
piacere che ve vulite bene, e me fa assai piacere p che s architetto, io come partitario,
appaltatore di fabbriche, quanno tengo no lavoro a chi aggio da chiamm? A te, tu quanno
tiene qualche affare a chi hai da chiamm? A me certamente?...
FELICE: E si capisce.
AMBROGIO: M, per esempio, sto in causa co no ricco proprietario per causa de no
ciuccio dingegnere, isso facette la bestialit, e m v men la culata ncuollo a me.
FELICE: E come?
24

AMBROGIO. Ecco cc m te dico io fujeme chiammate pe f nu palazziello ai


Bagnoli, isso facette lo disegno a lignammo lo suolo, e quanno jetteme a scav trovammo
il tasso.
FELICE: Steva ll sotto?
AMBROGIO: Ll sotto.
FELICE: E che ne facisteve?
AMBROGIO: Lidea mia era de nce fabbric ncoppa, che pi bella accasione, lingegnere
invece volette scav, tu avisse scavato?
FELICE: No.
AMBROGIO: E anche che avsse voluto farlo per maggiore fortezza, quanto avisse
scavato?
FELICE: Cinque sei palmi.
AMBROGIO: E si, facive na fossa. Lu che dice, troppo poco no tre metri.
FELICE: Al massimo.
AMBROGIO: Chillo invece volette scav otto metro sotto, chesto portaje na grossa spesa,
la preta se sparagnaje... ma la mano dopera, i tagliamonti, il trasporto, e rrobba che porta
nnanze.
FELICE: Se capisce.
AMBROGIO: Neh, chillo se ne vene lo proprietario, e b sap da me pecch venuta tanto
cara la muratura, rivolgetevi allingegnere... mmesurate.
FELICE: E me pare.
AMBROGIO: Lingegnere po dice che io sotto aveva da f archi e pilastri, non aveva f
compresi a lamia. Va, d tu?
FELICE: Uh! Che ciucciaria. Il compreso si fa a lamia, perch quando il compreso
lamiato, lameggia per tutto ledifizio, non si chiama compreso, quando non comprende la
compressione lamiosa, e non sostiene solamente la fondazione metrica o geometrica dei
pilastri, ma parallelata con tutta la superficia atmosferica.
AMBROGIO: (Che bella cosa, che belli parole, e io co stommo vicino me faccio na
fortuna!). Bravo! Che istruzione, eh, io te pozzo serv come pratica, ma chesto lloco non
lo tengo...
FELICE: (E nisciuno lo tene).
AMBROGIO: Basta, vedimmo lo tribunale che dice. Parlammo m de cose cchi
necessarie. Io aggio affittato no bello quartino pe buje a la strada Mergellina N. 103,
bellissimo, ha quatte cammere, saletta, cucina e loggia. Cento lire al mese, me pare ch
buono?...
FELICE: Sicuro, e po a Carmela l piaciuto?
CARMELA: Assai, assai.
FELICE: (E a te adda piac, a me che me ne preme!).
AMBROGIO: Sadda cagn solamente la carta dinta a lo salotto. Io aggio scegliuta chesta,
vedite si ve piace? (Prende un rollo di carta lo spiega e lo mostra.)
FELICE: Sicuro, bella, allegra.
AMBROGIO: Nce ne vonno trenta rolle. Si la vu pigli tu cc sta pure lindirizzo de lo
magazzino.
FELICE: Dateme cc, nce penso io, trenta rolli?
AMBROGIO: Trenta rolli.
FELICE: Ve bene.
AMBROGIO: Bett, f spicci la colazione, e apparecchia cc fora... volimmo st cc fora?
25

FELICE: Come volete voi.


CARMELA: S, s, pap, cc fore.
AMBROGIO: Va Bett.
BETTINA: Subito. (Entra a sinistra.)
FELICE: Intanto, pap, permettetemi no momento, fra poco ci vedremo.
AMBROGIO: Ma add vaje?
FELICE: Arrivo fino a cc, miezo a lo largo e torno.
AMBROGIO: Va bene.
FELICE: Carmela mia, m ci vediamo.
CARMELA: Non nce f tanto aspett.
FELICE: Torno subito. (Via pel fondo.)
AMBROGIO: Che buonissimo giovine, figlia mia, haje fatta la fortuna toja. Istruito,
educato, te v bene... solamente, aiere quanno le dicette che lo casino a fianco a nuje se
laveva accattato no certo Agapito Fresella,. Avvocato, e che era venuto pure a pigli
possesso, che saccio, facette no zumpo, se facette russo, russo e se mbrugliava a parl.
CARMELA: Forse lavarr da conoscere.
AMBROGIO: Lo capisco, ma pecch le fece tanta impressione... io aggio pensato de j a f
na visita a stavvocato Fresella, dimandare se lo conosce, e av quacche informazione, e
siccome maggio da ja pigli na pezzella doce che aggio ordinato a lo speziale, doppo
vaco pure ll. (Si mette un cappello che si trova in iscena.)
CARMELA: Ma comme, pap, tu te presiente da stavvocato senza che lo conusce?
AMBROGIO: E che v dicere chesto? Simme vicine, anze, co chesta scusa, facimmo pure
conoscenza. Apparecchiate tutto. (Via pel fondo.)
CARMELA: Vuje vedite lo diavolo che va a combin, m vide che se scommoglie tutte
cose! (Via a sinistra prima quinta.)
SCENA QUARTA
Elvira e Ciccillo, poi Felice.
ELVIRA (venendo dalla porta di destra lato destro a Ciccillo che uscito ad innaffiare.)
Cicc, sta tavola pe chi sta apparicchiata?
CICCILLO: E non lo ssapite? Pe D. Felice, lo sposo de la signorina, che stato invitato a
colezione da lo patrone.
ELVIRA: Ah D. Felice vene a f colazione cc stammatina. Benissimo, me f tanto piacere,
laggi addimann cierte cosarelle. Voglio sap chi fuje che me chiudette dinto a lo stipo,
si isso, o chillassassino de Luigi!...
CICCILLO: (Chesta me pare sempe na cana arraggiata!).
ELVIRA: Io per le combinaje no brutto servizio col padre della sua bella Carmela, a
chestora lavarr pigliato pure a cauce. Mbruglione, svergognato!... Jate a credere
alluommene. Chillo a Castiellammare me pareva no pazzo, diceva che non poteva camp
senza de me, e arrivato a Napole le passa tutte cose, e me va fujenno. V che birbante!
Che piezzo de scellarato!... metterse conauta femmena... E co tutto chesto, si me venesse
a dicere: Elv, perdoneme, agge pacienzia, io pure lo perdonarria, perch chaggio da f,
lo voglio ancora bene...
CARMELA: Signor, sta venenno lo sposo.
ELVIRA: Ah, bravissimo!
26

FELICE (lato destro dal fondo con rollo di carta): permesso?


ELVIRA: Avanti, avanti carissimo signor D. Felice.
FELICE: Pap c?...
ELVIRA: Sissignore... ma favorite questo che cos, pare comme avisseve paura de tras.
FELICE: Paura? E perch?
ELVIRA: Accomodatevi, Cicc, d una sedia al Signore. (Ciccillo esegue.)
FELICE: Grazie, troppo compita, amo meglio di stare allimpiedi.
ELVIRA: Come vi piace.
FELICE: Che bel sito, che bellaria...
ELVIRA: Vi piace?
FELICE: Assai!...
ELVIRA: D. Fel, scusate, ditemi na cosa, chi fuje che me chiudette dinto a lo stipo chillo
juorno, voi o D. Luigi?
FELICE: Io? E cara signora, io perch vi doveva chiudere dinto a lo stipo, fu lui, fu Luigi,
e ve pare...
ELVIRA: Luigi, vero, Luigi? Bravissimo!... e diciteme na cosa... (Sempre nervosa.)
FELICE: Zitto, pap. (Elvira si scosta da Felice.) Caro pap. (Ad Agapito che esce con
Beatrice.)
SCENA QUINTA
Agapito, Beatrice, e detti poi Bettina.
AGAPITO: Carissimo D. Felice e come! eravate venuto, e nessuno mi diceva niente.
FELICE: Sono arrivato in questo momento... Signorina Beatrice... (Salutando.)
BEATRICE: Buongiorno.
FELICE: VI prego di accettare queste poche cioccolattine che ho preso da Caflisc.
BEATRICE (le prende): Grazie, grazie.
FELICE: A voi, poi pap, vi ho portato questa piccola cosa, che tenete come mio ricordo.
(Caccia la stessa coppola della scena precedente.)
AGAPITO: Una coppola! Bravissimo! Mi ha fatto immenso piacere... ma perch questo
incomodo...
FELICE: Ma che incomodo dovere! (La d, Agapito se la mette in testa.)
BEATRICE: Graziosissima!
FELICE: Me pare che ve v no poco larga... date qu la far stringere...
AGAPITO: Ma no, sta bene, lasciatela stare, e po a me me piace no poco comoda. Vi
ringrazio tanto tanto.
FELICE: Ma niente, per carit!...
AGAPITO: Accomodatevi, vi prego, noi ci siamo. (Felice siede.) Ciccillo, portate in
tavola.
CICCILLO: Subito. (Via a destra poi torna, Agapito siede a tavola.)
FELICE: E la signora, la signorina, non fanno colazione con noi?...
AGAPITO: No, loro sono solite di pranzare alle tre, io pranzo alle Otto, e poi vado a letto,
vera vita di campagna. Beatrice, prepara due belle tazze di caff. (Elvira via a destra.)
BEATRICE: Subito. (Via a destra.)
AGAPITO: D. Fel provate sto prosciutto, vedete che bella cosa. (Mangia.)
FELICE: Grazie. (Mangia. Dal lato sinistro esce Bettina con mensale e prepara la tavola,
27

poi va e torna con tutto loccorrente, poi via a sinistra.)


AGAPITO: Che sapore, dite la verit?
FELICE: Magnifico! (Mangia.) (E dire che so stato invitato pure da D. Ambrogio).
(Ciccillo esce con un fiasco di vino che mette sulla tavola e via, poi torna.)
AGAPITO: Bravissimo! bevete D. Fel, chesto chello che nce bevetteme chella sera a
Napoli.
FELICE: Il Chianti?
AGAPITO: Perfettamente, me ne faccio ven venti fiaschi alla volta, stupendo!
FELICE: S, ma io non nce voglio pazzi troppo, si sapisseve chella sera che passaje pe
causa de sto vino.
AGAPITO: Che passasteve?
FELICE: Niente, niente, me stunaje no poco.
AGAPITO: Ma che, questo non vino che fa male... (Ciccillo esce con un piatto di carne
posa e va via poi torna.) Servitevi D. Fel, cotalette alla Milanese, io tengo una donna che
cucina molto bene, vedete come sono fritte bene questa patatine.
FELICE: Ah, sicuro.
AGAPITO: D. Fel, scusate, voi avete incominciato a comprare la mobilia, ve ne state
occupando?
FELICE: Come, ve pare, ho gi fissato il salotto che bellissimo, il letto quasi pronto, si
sta imbrunendo.
AGAPITO: Non lavete trovato imbrunito e buono?
FELICE: No, me lho dovuto fare imbrunire, perch era matto e non mi piaceva.
AGAPITO: Fino adesso quanto avete speso, la verit?
FELICE: Che vi posso dire, non ho fatto ancora i conti, mi rimasto qualche piccola cosa.
AGAPITO: Qualche piccola cosa? Voi scherzate, io vi ho dato quindici mila lire D. Fel.
Badate di spendere regolarmente, sapete. Ricordatevi la dichiarazione che mi avete
firmata. Voi con quindicimila lire, dovete fare la casa corredata di tutto, e dovete pagare
un annata anticipata al proprietario.
FELICE: E si capisce, questo cos.
AGAPITO: Il giorno poi che si va al Municipio a sposare, io vi debbo consegnare le altre
quindicimila lire, abbiamo stabilito cos?
FELICE: Perfettamente.
AGAPITO: No, perch se mai non vi sapete regolare a spendere, ritornatemi il denaro e lo
faccio io.
FELICE: (Seh, e add li piglie li denare). Nonsignore, perch io ho dato degli acconti.
AGAPITO: Va bene. (Ciccillo esce con un piatto di pesce, mette sulla tavola e resta in
iscena.) Ah, bravo, vedete che belle triglie. Vi piacciono le triglie?
FELICE: Oh, moltissimo. (Va trova quante naggio av de cheste!). (Mangia.)
AGAPITO: Per esempio, la casa lavete trovata?
FELICE: Sissignore, ho fatto pure laffitto. Strada Costantinopoli, il numero non me lo
ricordo, ma vicino a voi.
AGAPITO: Di rimpetto o di lato?
FELICE: Allato sinistro.
AGAPITO: Allato sinistro? Ma al lato sinistro c il vicolo.
FELICE: Di fronte al vicolo.
AGAPITO: Allora f angolo, oriente e occidente?
FELICE: Oriente a destra occidente a sinistra.
28

AGAPITO: Del vicolo?


FELICE: No, della strada.
AGAPITO: Non ho capito.
FELICE: (E io manco).
AGAPITO: Basta, domani landremo a vedere, quante stanze sono? (Ciccillo guarda in
fondo, e come se vedesse qualcuno, va via poi torna.)
FELICE: Quattro stanze, saletta e cucina, bellissima, solamente al salotto si deve cambiare
la carta, io ho scelta questa, ce ne vogliono trenta rolli. (La va a prendere sulla sedia.)
SCENA SESTA
Ciccillo e detti poi Ambrogio, indi Elvira.
CICCILLO: Eccellenza, nce sta no signore che ve v parl.
AGAPITO: A chestora? E chi ? Fallo entrare.
CICCILLO: Subito. (Via poi torna.)
FELICE (spiegando il rollo di carta): Vedete se vi piace.
AGAPITO: Graziosa.
CICCILLO: Favorite.
AMBROGIO (lato destro con pizza dolce avvolta in carta): Grazie tante...
FELICE: (D. Ambrogio!). (Spiega tutto il rollo rapidamente e si copre con lo stesso per
non essere veduto.)
AGAPITO: (Linquilino affianco a me). Favorite, vi prego.
AMBROGIO: Scusate se vengo a disturbarvi, vuje stiveve a tavola. (Osserva il rollo di
carta.)
AGAPITO: Ma no, avevamo quasi finito. Ho fatto colezione con mio genero, che vi
presento.
AMBROGIO: Tanto piacere.
AGAPITO: Vi piace quella carta?
AMBROGIO: (S, ma laggio vista a nauta parte, non mi ricordo add... basta)... Bravo!
Vedo che avete il mio gusto. Dunque io so venuto per domandarvi certe cose mi chiamo
Ambrogio Pallone.
AGAPITO: Tanto piacere... Cicc tira indietro sta tavola. (Ciccillo esegue poi via. Felice
esce pel fondo non veduto dai due.) Accomodatevi e vi prego covritevi.
AMBROGIO Volete cos. (Si ricopre e siede.)
AGAPITO: Date a me questinvolto, perch lo tenete in mano.
AMBROGIO: Grazie, una pizza dolce che aveva ordinata allo speziale la mettiamo qua.
(La mette su di una sedia.) Se mai volete assaggiarla.
AGAPITO: Grazie, troppo buono. Dunque?...
AMBROGIO: Ecco qua, prima di tutto ho saputo che avete comprato questo casino, e
siccome io sto a fianco a voi, ho creduto mio dovere farvi una visita. (Osserva la
coppola.)
AGAPITO: Fortunatissimo.
AMBROGIO Che ne dicite de staria?
AGAPITO: Stupendo! E dove si pu trovare migliore, dicono quello che vogliono, ma
laria del Vomero non si trova a nessuna parte del Mondo! Pi si mangia, e pi si tiene
appetito, io non capisco perch la gente se ne va a Castellammare, alla Torre, a Portici, e
29

lascia questo sito incantevole!... (Si leva la coppola.)


AMBROGIO: (Chella me pare la coppola che mha regalata Luigi).
AGAPITO: Questa era una sola villa grandissima, e dicono che il proprietario non la
trovava a vendere a causa del prezzo, allora lui la divise da questo muro e ne fece due.
AMBROGIO: Gi, questo lo s. (Guarda sempre la coppola.)
AGAPITO: Quella che avete comprata voi, pi bella per, ci sono pi comodit...
AMBROGIO: Sicuro.
AGAPITO: Scusate perch guardate tanto sta coppola, ve piace?
AMBROGIO: No, la guardo perch rassomiglia molto a na coppola che m stata regalata.
AGAPITO: Veramente?
AMBROGIO: Tale e quale.
AGAPITO: Vedete che combinazione, allora non ce la possiamo invidiare. (Esce Elvira, e
vedendo Ambrogio si ferma.) Basta, ditemi adesso in che cosa posso servirvi?
AMBROGIO: Voi mi favorite, per carit. Dovete sapere che io sono appaltatore di
fabbriche, un amico mio strettissimo si vuole fabbricare un palazzo, ma vorrebbe trovare
un architetto onesto, leale e coscienzioso, io sapendo che voi ne conoscete uno chiamato
Luigi Belfiore, cos sono venuto a prendere qualche informazione sul conto suo, ecco
tutto.
AGAPITO: Vedete, caro signore, io, intimamente non lo conosco, pochi giorni f mi fu
presentato da mio genero, il quale mi disse che era un valente architetto, e francamente,
mi fece una bella impressione, gentile, educato, simpatico, ma altro non saprei dirvi.
AMBROGIO: Ed io vi ringrazio tanto, questo mi basta. (Si alza e dice ridendo.) Non
vero che debbo fabbricare il palazzo, non vero che lamico mio andava trovando un
architetto onesto, leale e coscienzioso, sono io, padre affezionato, che ho voluto prendere
qualche informazione, perch questo Luigi Belfiore, sposer lunica mia figlia.
AGAPITO: Bravissimo!
ELVIRA: (Che sento! Ah! infame!). (Cade svenuta sulla sedia dove sta la pizza.)
AGAPITO: Che cos, Elv, ch stato?
AMBROGIO: Ncoppa a la pizza, stateve bene!
AGAPITO: Elvira, Elviruccia mia... (Chiamando.) Ciccillo?... (Ad Ambrogio.) Scusate,
sapete...
AMBROGIO: No, niente... mi dispiace assai... e pure la pizza...
SCENA SETTIMA
Ciccillo, e detti poi Felice.
CICCILLO: Comandate.
AGAPITO: Piglia no poco daceto. (Ciccillo prende laceto dalla tavola, lo d ad Agapito,
il quale ne bagna il fazzoletto e lo fa odorare ad Elvira.) Addora, figlia mia, addore...
AMBROGIO: Ma non vi mettete paura, cosa da niente. Susitela no poco.
AGAPITO: Perch?
AMBROGIO: Me piglio la pizza.
AGAPITO: (E chillo pensa la pizza...). Elvira... Elvira...
ELVIRA (si alza): Pap. (Con poca voce.)
AMBROGIO (profitta, prende la pizza): Arivederci, non ve spaventate, e cosa de poco
momento. (Aggio salvata la pizza!). (Via pel fondo.)
30

AGAPITO: Figlia mia, piglia no poco daria... passiammo no poco fore.


ELVIRA: No, no, lassateme st cc.
AGAPITO: Ma te siente meglio?
ELVIRA: S, no poco meglio.
AGAPITO: Nauto ppoco dacito. (Ciccillo gli d la bottiglia, poi sparecchia la tavola e
porta via tutto, Agapito fa odorare altro aceto ad Elvira.)
FELICE (lato sinistro dal fondo): Sangue de Bacco, chi se poteva mai credere che D.
Ambrogio jeva a f visita a mio suocero, non saccio comme me so salvato!...
SCENA OTTAVA
Ambrogio e detto, poi Bettina e Carmela.
AMBROGIO (lato sinistro dal fondo con pizza): Gu, Lu, tu stai cc? Bravo!... tenarraje
appetito? E se capisce, so io e non ne pozzo cchi (Chiamando.) Bettina, Carmela...
BETTINA: Eccome qua.
CARMELA: Che vu pap.
AMBROGIO: Come che voglio, assettate. Bett, porta in tavola.
BETTINA: tutto pronto, sign. (Via poi torna.)
AMBROGIO: Assettete Lu, senza cerimonie. (Seggono. Carmela nel mezzo, Ambrogio a
sinistra e Felice a destra.) Te voglio f assaggi no bicchiere de vino che sulo io lo tengo,
vero Gragnano. (Versa il vino.) Teh, vide che balsamo.
FELICE (beve): Magnifico, ma io di mattina non bevo troppo, me fa male.
AMBROGIO: Che male e male, chesto vino che fa camp cientanne... Bive, bive, che
non te fa niente. (Felice beve. Bettina esce con piatto, lo mette sulla tavola e via poi
torna.) Vide comme so saporite sti brasciolettine. (Fa le porzioni.)
FELICE: (E io ogge crepo!).
AMBROGIO: Mange Lu, non f cerimonie. (Mangiano Felice mette tuttto nel suo
cappello che ha messo in terra vicino a lui.)
AGAPITO: Ma che stato, pecch t venuto sto svenimento? Nce ha avuta da essere na
ragione?
ELVIRA: Pap, m ve dico tutte cose, ma non ve pigliate collera per. Avite da sap che io
so stata ingannata, so stata tradita da no birbante, nassassino, che conoscette a
Castiellammare sette mise fa. Doppo tanta promesse, doppo tanta giuramenti che mha
fatto, mha lassato, e m se sposa la figlia de chillo che m se n ghiuto, chillo che sta
affianco a nuje.
AGAPITO: Possibile!
ELVIRA: Possibilissimo! Che vulite, io mero fatta capace, e non nce pensava cchi, ma
m che chillo ha ditto: Luigi Belfiore si sposa mia figlia, me so ntiso stregnere nganno, e
me so mancate li forze.
AGAPITO: E se capisce, ma io te lo diceva: figlia mia, apre luocchie, non credere tanto
facilmente a chello che te dicene.
ELVIRA: Ma tutte se sarriene ingannate co chillo assassino, tutte lavarriano creduto.
(Prende delle lettere.) leggite, leggite sti lettere, e vedite comme me scriveva. (Agapito ne
legge una piano.) Angelo mio.
AMBROGIO (mettendo vino): Lu, bive, tassicuro che non te f niente.
FELICE: Non ne mettite pi, grazie. (Beve.)
31

BETTINA (esce con piatto): Ecco cc chello che piace alla signorina mia.
AMBROGIO Lo fritto misto, lo preferisce a qualunque piatto, e io pure, pecch nce sta no
poco de tutto.
FELICE: Vi piace molto?
CARMELA: S, assai. (Bettina via poi torna. Ambrogio fa le porzioni, Felice la sua la
mette nel cappello.)
AGAPITO: Che svergognato! Che brigante. (Leggendo.) Io ti lascer solamente quando
sar morto! Il tuo eterno Luigi.
ELVIRA: E chesta cc, leggite chesta. (La d.)
AGAPITO: Me sento corrivo, lo vorria strafoc!... (Legge.) Tesoro mio. Ma perch debbo
tanto amarti, perch mi fai tanto soffrire? Abbi piet di un povero infelice, per calmare le
mie pene, indovina che cosa vorrei da te?....
AMBROGIO (offrendo un pezzo di fritto a Felice): La zeppola di riso.
FELICE: Grazie. (La prende.)
AGAPITO (seguitando): Un bacio, un solo bacio, che non ho potuto mai ottenere.
Benissimo, questo un bel documento. (Seguita.) Tu mi neghi sempre un bacio, e non
so perch, quando si ama veramente non ci sono scrupoli, e poi tu sei libera, non devi dar
conto a nessuno. Imbecille, non devi dar conto a nessuno, e io chi songo?...
AMBROGIO (c.s.): No panzarotto.
FELICE: Grazie. (Lo prende e lo mette nel cappello.)
AGAPITO: E bravo, v che bello galantomo. (Legge piano.)
AMBROGIO: Bive Lu. (Versa il vino.)
FELICE: Grazie. (Non ne pozzo cchi!). (Getta il vino in alto che va a cadere addosso ad
Agapito e Elvira pausa Agapito ed Elvira stendono le mani per vedere se piove.)
AGAPITO: Io maggio ntiso certi schizze ncuollo.
ELVIRA: E io pure, ma non sta chiovenno.
AGAPITO: E che sarr stato?
ELVIRA: E che ne saccio.
AGAPITO: Forse quacche auciello... passano (si guarda e si accorge di essere bagnato),
ma lauciello me lha combinato justo dinto a lo cuollo.
ELVIRA: Chesta pap, na poesia, leggite.
AGAPITO (legge): Alla mia adorata Elvira.
Dimmi che mami, o, donna del mio core
E allor sar felice come un Re...
Se il labbro tuo mi parler damore
Fanciulla mia, sapr morir per te!
Far quello che vuoi, quello che brami
Ma calma il mio dolor, dimmi che mami.
ELVIRA: Ma dicite vuje, comme poteva resistere a sti parole?
AGAPITO: Hai ragione, figlia mia, hai ragione, ma datti coraggio, che ne vu pigli na
malatia. (Galiota, svergognato!). (Legge piano.) (Bettina esce con piatto che mette a
tavola).
AMBROGIO: Bravissimo! Piselli al prosciutto. (Fa le porzioni.) Chiste po se mangene
sempe.
CARMELA: Pap, io non ne voglio, vaco a cogliere quatte nespole. (Si alza e via.)
AMBROGIO: Bravo, m vide che nespole veneno.
FELICE: Oh, chesto certo. (Bettina leva i piatti sporchi e via.)
32

AMBROGIO: Mangia Lu.


FELICE: Sto mangiando. (Getta il contenuto del piatto al di sopra del muro, e i piselli
vanno a cadere addosso ad Agapito ed Elvira.)
AGAPITO: Gu, fanno li granole m...
ELVIRA: Che granole, pap, chiste so pesielle.
AGAPITO: Pisielle?,.. e che chiovene pesielle?...
ELVIRA: Pesielle, s (li prende), guardate.
AGAPITO: E da d s venute?... Ah! forse da coppe a sto muro... eh, ma chesta na
porcheria, che se credene che nce stanno li puorce cc dinto. (Gridando accanto al muro.)
D. Ambrogio... D. Ambrogio...
AMBROGIO: Che me chiamma?
FELICE: (La voce de D. Agapito!).
AMBROGIO: Chi ? (Gridando vicino al muro.)
AGAPITO: So io, aspettate, salgo sulla scala. (Va a prendere la scala.)
FELICE: (Sangue de Bacco, e comme faccio?...). Neh, permettete vado a cogliere quatte
nespole purio. (Via correndo dal fondo.)
AGAPITO (che salito sulla scala, si affaccia): D. Ambrogio, scusate, a me me pare che
non sia educazione buttare i vostri pisielli nel mio giardino, nuje steveme da sotto e
lavimme avute ncuollo.
AMBROGIO: Ma che site pazzo, qua pesielle, chi lha menate sti picielli. (Ridendo.)
AGAPITO: D. Ambr, vi prego di non scherzare con me, pecch io non so fatto no
piccerillo, io sono un Avvocato conosciuto. (Ad Elvira che gli tira le falde del soprabito.)
Lassa, io li pesielle laggio avuto ncuollo.
AMBROGIO: Ma non so venute da cc, credetemi.
AGAPITO: Va bene come volete voi. Sapete, adesso vi posso dare informazioni precise di
quel tale architetto.
AMBROGIO: Ah, avite saputo qualche cosa?
AGAPITO: Qualche cosa?... Luigi Belfiore uno svergognato, un imbroglione!
AMBROGIO: E perch, scusate?
AGAPITO: Perch ha ingannata mia figlia!...
AMBROGIO: E chesta era tutto? Io lo ssapeva da tanto tiempo, e che me ne preme a me?
AGAPITO: Come che ve ne preme, un uomo onesto questo non lo dice!...
AMBROGIO: No, io lonest te la mparo s!... Bada comme parle! Luigi Belfiore un
galantuomo, tua figlia una civetta, na faccia tosta!
ELVIRA: A me civetta e faccia tosta! Pap, scennite! (Lo tira. Agapito scende dalla scala e
sale Elvira.) Mio sign, vuje sti parole lavite da dicere a li figlia vosta, no a me, pecch
si essa era no bona figliola, non saveva da mettere co lo nnammorato mio! (Agapito la
tira ed Elvira scende.)
AMBROGIO (prende la scala lappoggia al muro e sale): Figliema na perla, e tu non sei
degna di nominarla, tu fai cose da zantraglia.
ELVIRA: A me zantraglia!
AMBROGIO: Se capisce, pecch solamente li zantraglie vanno trovanno li nnammorate pe
dinta a li stipe. (Scende.)
ELVIRA: Lassateme pap...
AGAPITO: Lasciami sangue de la brasciola. (Sale sulla scala.) Siente, tu s nu fravecatore,
e io con te non voglio parlare, me la vedo con quello imbecille di Luigi Belfiore.
AMBROGIO: Si Luigi te sente, te fa st a dovere! (Sale.)
33

AGAPITO: A me? Io sono buono de darle no fioretto dinta a la panza!


AMBROGIO (sale sulla scala, in modo di rimanere a faccia a faccia con Agapito): Tu?
AGAPITO: Io, s!
AMBROGIO: E fa cunto come Luigi Belfiore fossio!
AGAPITO: Ah, neh? S tu? e tiene! (Gli d uno schiaffo.)
ELVIRA: Pap! (Lo fa scendere.)
AMBROGIO: Seh, hai dato uno schiaffo a Luigi, e Luigi ti sfida a duello, grannissema
carogna! (Tenendosi la faccia.)
AGAPITO: Benissimo! Sono a sua disposizione! Scegliesse le armi, pure la pistola.
AMBROGIO: Va bene! e quando?
AGAPITO: Pure m, fore a lo giardino.
AMBROGIO: Sta bene! A nauto ppoco saprai la risposta. (Scende.)
AGAPITO: Eh, m me so nfucato m, la voglio fare finita!
ELVIRA: Ma pap, calmateve, pe ccarit!
AGAPITO: Non sento, sono una furia! (Via a destra prima quinta.)
ELVIRA: E comme se f? M succede certo nu guajo! cercammo de ripar, m me vaco a
pigli no cappello, e corre io da D. Ambrogio. (Via a destra seconda quinta.)
AMBROGIO: V che sbruffone! A Luigi ha potuto d un paccaro, a me non me lo dava
certo... ma na lezione ladd av! Non nce stanno chiacchiere! (Chiamando.) Luigi!
Luigi!...
SCENA NONA
Felice, e detto, poi Agapito.
FELICE: Che volete, pap.
AMBROGIO: Pecch ve ne site juto, ho avuto una forte quistione co sta bestia affianco a
me, dice che vuje avite fatto lammore co la figlia e po lavite lassata, s miso ad allucc
da ll ncoppe: Luigi Belfiore uno svergognato, un imbecille!... e po vha dato pure no
schiaffo.
FELICE: A me?
AMBROGIO: Gi... cio laggio avuto io, ma a vuje era diretto. Sta ngiuria non nce
lavimmo da ten, vaco a pigli doje pistole, e buje avite da f lommo, capite, lommo!
Non potimmo f na cattiva figura con no turzo de carcioffola comme a chillo, io sar il
vostro testimone.
FELICE: Ma pap, sentite...
AMBROGIO: Cc non nce sta da sentere, chillo ha insultato assai, che ve manca lo
coraggio forse? Ve mettite paura?
FELICE: Io, paura io, io non saccio che significa la paura.
AMBROGIO: Benissimo! Vaco a pigli li pistole. (Via a sinistra.)
FELICE: Oh, chesta m bella m... e comme faccio... aspetta, aggio fatta la pensata! (Via
pel fondo.)
AGAPITO (lato dritto con due pistole): Cheste so doje pistole che non hanno mai fallito.
Chillo se credeva che io me metteva paura de f no duello, seh, e sta frisco! Naggio fatte
quinnece, e chisto so sidece. La razza Fresella conosciuta da tutta Napoli, non shanno
fatto pass mai la mosca pe lo naso.

34

SCENA DECIMA
Felice e detto.
FELICE (lato destro correndo): Pap, ch stato?... inutile che nascondete le pistole
perch io s tutto, sono stato informato di tutto.
AGAPITO: Ma add s stato, pecch te ne s ghiuto?
FELICE: Me so allontanato no poco pe non sentere chello che diciveve co chillommo
ch venuto. M proprio aggio parlato con Luigi Belfiore, dice che tene no duello co buje.
AGAPITO: Sissignore.
FELICE: Alla pistola?
AGAPITO: Alla pistola! E voi sarete il mio testimone!
FELICE: E voi credete che io soffrir questo? E credete che io posso permettere questo
duello? Voi, avvocato padre di famiglia, ritirato dagli affari? No! Me lo vedo io, sono io
che vado a battermi con Belfiore.
AGAPITO: Voi? Ma quello amico vostro?
FELICE: Che amico e amico! Dal momento che si deve battere con voi, non pi amico
mio! Datemi queste pistole. (Gliele strappa di mano.) Lasciate fare a me, ci penso io...
(Via correndo pel fondo.)
AGAPITO (chiamando): D. Fel... D. Fel... che coraggio!... che risolutezza! Vu sap la
verit, stato meglio accuss. Chillo giovene, tene lo polzo fermo, navarra piacere si le
consignasse no crisuommolo mpietto!... (Via a destra.)
SCENA UNDICESIMA
Ambrogio, poi Felice, poi Elvira.
AMBROGIO (lato sinistro con due pistole): Cheste so doje pistole che io tengo sempre
cariche pe qualunque occasione... Lu... Lu... add stai?...
FELICE: Eccomi qua, pap, dateme li pistole, isso me sta aspettanno mmiezo a la massaria,
non me facite perdere tiempo, pecch tengo lo veleno cc. (Prende le due pistole.)
AMBROGIO: Coraggio e buona fortuna.
FELICE: Grazie. (Gli bacia la mano): Date no bacio pe me a Carmela. (Risoluto.) Addio!
(Via correndo.)
AMBROGIO: Bravo! Se vede che tene sangue dinta a li vene, e po chillo no viecchio, se
po mettere co no giovene, nce ha da perdere afforza.
ELVIRA (lato destro con cappello): Mamma mia comme me sta sbattenno mpietto, me
sento tutte lo sangue da la parte de la capa. Cielo mio non f succedere no guajo, f in
modo che tutto sacconciasse. (Via pel fondo.)
AMBROGIO: Non volarra che figliema e Bettina sentessere quacche cosa. Daltronde non
ne poteva f a meno, insulti, male parole, schiaffe, e che voleveme av cchi!
SCENA DODICESIMA
Elvira e detto, poi Agapito, indi di nuovo Agapito.
ELVIRA (lato sinistro): D. Ambrogio mio, pe ccarit, calmateve, io so venuta a cercarve
35

scuse de tutto chello ch succieso, pap non se ne sape niente, ma facitele pe me,
calmateve...
AMBROGIO: Vuje tenite na brutta lengua, piccerella mia, dovete moderare i termini, pap
vuosto arape la vocca senza sap chello che dice.
ELVIRA: Perdonatelo, non importa.
AMBROGIO: Have lo coraggio de chiamarme fravecatore, io so no galantomo comme a
isso, e forse meglio disso.
ELVIRA: Avite da compat pure che m patre, e sentenno che Luigi se nzurava doppo
daverme ingannata, le so scappate chelle parole da la vocca. E vuje pure a lo caso
vuosto avisseve fatto lo stesso e forse pure peggio. Che avarrisseve ditto si no giovene
doppo sette mise de prumesse, damore, di giuramenti, doppo dav fatto mettere na
passione a la figlia vosta, lavesse lassata e se fosse mise co nauta? Non credo che ve
avarisseve stato zitto, non credo che nce passaveve pe coppe... perci compatite pure a
nuje, e po pensate che pap biecchio, facilmente po essere ferito, po mor.. e allora
che nce ne facimmo io e chella povera sora mia, rimanimmo mmiezo a na strata. Oh! No,
vuje site no bonommo, tenite no bello core, e so sicura che non lo farrate succedere! (Si
asciuga gli occhi col fazzoletto.)
AGAPITO (lato destro con cappello): Voglio j a dicere a D. Ambrogio, che laffare del
duello a me non mi riguarda pi, perch se n occupato D. Felice, mio genero. (Via pel
fondo.)
AMBROGIO: Ma bella mia., dimme na cosa, tu m che vularrisse da me?
ELVIRA: Io volarria che vuje non dicisseve niente a Luigi de chello ch succieso, che non
faciarrisseve f sto duello.
AMBROGIO: Lo capisco, ma troppo tardi, cara mia. (In fondo al lato sinistro
comparisce Agapito.) Luigi Belfiore, m proprio, sha pigliato li pistole, ed ghiuto a
trov a pap vuosto.
ELVIRA: Vuje che dicite!
AGAPITO: No, state male informato invece, D. Felice Sciosciammocca mio genero, sha
pigliato li pistole ed ghiuto a trov a isso, ha voluto prendere il mio posto.
ELVIRA (abbracciandolo): Pap mio, ma pe ccarit, currimmo, non facimmo f stu duello.
AMBROGIO: Si se po evit, io so contento.
AGAPITO: E io pure, perch D. Felice mi preme.
AMBROGIO: A me Luigi pure me preme.
ELVIRA: E ghiammo, currimmo. (Di dentro si sente un forte colpo di pistola.)
I TRE: Che!
AMBROGIO: Non simmo cchi a tiempo.
AGAPITO: fatto lo guajo!
SCENA TREDICESIMA
Felice, e detti.
FELICE (viene dal fondo correndo lato sinistro, labito sbottonato, stravolto con pistola in
mano).
I TRE: Ch succieso?
FELICE (gettando la pistola): muorto! (Elvira si copre il volto con le mani e cade sopra
una sedia.)
36

AMBROGIO e AGAPITO: Muorto?!


FELICE: Quanno so ghiuto dinto a la massaria, laggio trovato che me steva aspettanno...
e siccome eravamo amici, ci siamo abbracciati e ci siamo baciati, poi abbiamo detto:
lamicizia e una cosa e lonore unaltra, nce simme allontanati dieci passi, e avimmo
fatto fuoco, isso caduto... io me so miso da dereto a na pagliara e aggio visto che so
currute doje guardie campestre, lhanno mise ncoppa a na stola e se lhanno portato.
(Piangendo.) Povero amico mio! (Col fazzoletto agli occhi.)
AGAPITO: (Povero D. Luigi!). (Col fazzoletto agli occhi.)
AMBROGIO: (Povero D. Felice!). (Col fazzoletto agli occhi.)
(Cala la tela.)
Fine dellatto secondo

ATTO TERZO
Sezione Municipale. Sala di aspetto, porta dentrata in fondo, a dritta prima quinta una
finestra. A seconda quinta porta sulla quale scritto: Stato Civile. A sinistra prima
porta sulla quale scritto: Vice Sindaco. A seconda quinta porta sulla quale scritto:
Conciliazione. Una scrivania in fondo a sinistra, ed un altra a destra sedie ecc.
SCENA PRIMA
D. Gaetano e Peppino.
PEPPINO (seduto alla scrivania di destra): D. Gait, lo Giudice Conciliatore venuto?
GAETANO (seduto alla scrivania di sinistra): E vuje a chestora vuliveve lo Giudice
Conciliatore, chillo si non luna non comparisce, tanto isso quanno lo Vice Sinneco
hanno da j a f primma marenna, po quacche affare de lo loro, po na cammenata e po
venene.
PEPPINO: E bravo, v che bella cosa, solamente nuje avimmo da ven impunto llotto, e si
tricammo na mezora, succede lo trentuno. Stammatina pure tenite folla?
GAETANO: Se capisce, cc ogne ghiuorno nce sta na battaglia, pecch ogge lepoca che
li diebbete nisciuno li b pag.
PEPPINO: E co tutto chesto, luommene se nzorane a meglio a meglio, stammatina nce
stanno duje matrimonie.
GAETANO: Lo Cielo li pozza benedicere. (Voci di dentro.) Vivene li spuse!
PEPPINO: Ecco cc, nce simme. (Si alza.)
GAETANO: (Puzzate scul!). (Si alza e via dal Conciliatore.)
SCENA SECONDA
Agapito, Beatrice, Elvira, D Candida, D. Boroboamo, D. Alessio, e detto.
AGAPITO: Eccoci qua, figlia mia, finalmente te veco cc ncoppa, e posso dire che oggi il
37

pi bel giorno della mia vita.


CANDIDA: Ma che d commar, pecch stai tanto di male umore stammatina, chesta
ghiurnata che tu hai da sta allegramente, capisco che te dispiace de lass a pap, ma figlia
mia, na vota aveva da essere, io pure me ricordo, me facette tanto pianto, quanno me
spusaje a sto birbantiello. (Indica Boroboamo.) ma po subeto me passaje, se sape, chella
stammatina sta accuss, dimane po vedite comme ride e pazzea.
BOROBOAMO: E po D. Felice Sciosciammocca, no buono giovene, te v bene, e
simme sicure che te darr la bona sorte.
ELVIRA: (E io aggio da essere la cognata de chillo che sparaje a Luigi). Ah! (Sospira,
Alessio la guarda.)
AGAPITO: Tu poi certamente non te ne vai fore, comme in principio era intenzione de lo
sposo. Stai a Napole vicino a me de casa, nce vedarrammo sempe.
BEATRICE: Oh, chesto certo, ma lo sposo add sta? Io non lo veco.
AGAPITO: E che saccio chillo scappa sempe.
SCENA TERZA
Felice, e detti.
FELICE (di dentro): Va bene, va bene, penser per voi.
AMBROGIO: Eccolo qua.
FELICE: Signori, vi saluto. Cara Beatrice, scusate se vi ho lasciato per un momento, ho
dovuto sbrigare un affare.
AGAPITO: cosa da niente, cosa da niente. Neh, io ho dimenticato di farvi la
presentazione. D. Boroboamo Boati, nostro compare.
FELICE: Tanto piacere. (Stringe la mano.)
BOROBOAMO: Sempre pronto ai vostri comandi.
AGAPITO: D.a Candida, sua moglie.
CANDIDA: La commarella.
FELICE: Commarella bella!... (Allarma de la commarella!).
AGAPITO: D. Alessio Scorza, avvocato, intimo amico mio.
ALESSIO (balbuziente): Che da questo momento si mette a vostra disposizione,
ringraziandovi dellinvito e dellonore ricevuto.
FELICE: (Quanto bello chisto!). Grazie troppo buono... Signora Elvira. (Le stende la
mano.)
ELVIRA: (Assassino!). (A Felice.)
FELICE: (Stateve zitta!).
ELVIRA: Ah!... (Sospira Alessio la guarda.)
FELICE: Scusate, lo Vice Sindaco venuto?
PEPPINO: Non ancora, signore, ma se volete, potete accomodarvi in questo Uffizio ad
attendere un poco. (Indica seconda a dritta..)
FELICE: Ah! Sicuro! Favorite pap.
AGAPITO: Signori venite. (Entra a destra con la figlia, Ciccillo li segue.)
CANDIDA: Jammo, jammo, salute e figlie mascole. (Via..)
BOROBOAMO: Frisole, prosperit, ilarit, sanit. (Via.)
FELICE: Bb!
ALESSIO (offrendo il braccio ad Elvira): Prego.
38

ELVIRA: Grazie. Ah! (Sospira.)


ALESSIO: (Chesta che se f afferr!). (Viano Peppino li segue.)
FELICE: Io non saccio che cancaro sto facenno, me sto mbruglianno de na manera tale,
che va trova allultimo come fenesce. Chillassassino de D. Ambrogio, aiere non me
volette da li quindicimila lire comme aveva ditto, cio il giorno prima del matrimonio.
Dicette: Nonsignore, che nnavite da f, dimane ncoppa a lo Municipio, appena spusate
ve li dongo. Stateve bene! A miezojuorno se presenta cc co la figlia, e che faccio? Che
combino?... Ah, chillo mbruglione de Luigi che me combinaje!... Intanto aggio avuto da a
affitt pe la sposa nappartamento mobigliato pe no mese, si no add la portava?... Stongo
una zuppa, lo pensiero de D. Ambrogio me f sud, eh, voi scherzate, lla se tratta de
quindici mila lire e na paliata.
SCENA QUARTA
Bettina, poi Ambrogio, Carmela, Salvatore, Michele, e detto.
BETTINA (dal fondo): Neh, D. Fel, vuje state cc? Ah! Che puzzate scul!...
FELICE: Tu e mammeta!
BETTINA: Avite fatta f la nottata chiara chiara a chella povera signorina mia!...
FELICE: E pecch?...
BETTINA: Comme pecch? Ma vuje che cancaro vavite mise ncapo, chella a buje non ve
v, non ve v...
FELICE: E che me ne preme a me, io voglio li denare mieje.
BETTINA: E pe salv li denare, la signorina acconsentito fino a m, ma m comme se fa,
comme se fa... chille stanne saglienno, mannaggia quanno maje nce capitasteve dinto a la
casa nosta.
FELICE: M hai ditto buono!
BETTINA: Chisto stato ninganno che nce avite fatto... vuje avite vista la guagliona, v
piaciuta e ve la vulite pigli, ma chella ha ditto che se sta zitto fino a lo momento che
add firm e ha da d che si, primme de succedere chesto, ha ditto che fa cose de pazze!
FELICE: Ma nonsignore, dincello, che io appena aggio li denare, me ne fujo!
BETTINA: Zitto, zitto, li b cc.
AMBROGIO: Trase, figlia mia, trase, gue, Lu, tu staje cc? Bravo! Che esattezza, accuss
avarriene da essere tutte luommene! (A Salvatore e Michele.) Chisto cc lo sposo, che
ve ne pare?
SALVATORE: Che nce adda par, Princep, ve pare, no giovene scegliuto da vuje pe la
figlia vosta, adda essere pe forza rrobba bona, rrobba de primma qualit.
AMBROGIO: Lu, io te presento Salvatore Scorza, capo masto muratore.
FELICE: Tanto piacere...
SALVATORE: Stia comoto, preche...
AMBROGIO: un uomo di grande abilit.
SALVATORE: Troppo buono, e bont bosta, alloccasione facimmo tutte cose,
fravecammo, ntunacammo, maniammo la cucchiara spaccammo le preta, nce
mbrogliammo Co lo gesso pe quacche ntelatura, senza f chiamm lo siciliano, si sha da
f quacche mesurella pure la sapimmo f... nce accunciammo.
FELICE: Che persona rispettabile.
SALVATORE: Fatico co lo princepale cc presento da 25 anne.
39

AMBROGIO: Sicuro, 25 anne, era piccerillo.


SALVATORE: Lo voglio bene comme fosse pateme, e forse cchi de pateme, si
quaccheduno le facesse na malazione, se potarra chiamm muorto, lo spaccarra comme
a na preta!
FELICE: (E te pu prepar che nce simmo!).
AMBROGIO: Michele Ceuza, peperniere...
FELICE (a Michele che sar una comparsa): Sono veramente fortunato. (Gli stringe la
mano.) (Pap, credo che m me potite d chilli denare?).
AMBROGIO: (Ma che paura hai, vorria sap. Stanne cc. (Caccia un portafoglio) a nauto
ppoco te li dongo...). Neh, ma movimmece, che nce facimmo cc... Carm, tu che hai...
tiene la faccia de larraggia.. e statte allegra, figlia mia.
CARMELA: (Che saccio, pap, tengo no core scuro scuro, na voce me sta dicenno dinto a
la recchia, non te lo pigli a chisto...).
AMBROGIO: (Oh, chesta sarria bella m... Carm, non f pazzie, non me f fa cattive
figure, pecch si no so guaje s, m tutto nzieme te ne viene co la voce dinta a la recchia,
tu haje da sent la voce de pateto solamente, hai capito? Lu, add avimmo da tras?
FELICE: (M li faccio aspett dinto a lo Giudice Conciliatore!). Da chesta parte, favorite,
aspettammo lo Vice Sinneco che ancora add veni. Trasite, trasite...
CARMELA (a Felice): (Li denare lavite avute?).
FELICE: (Ha ditto che m me li d).
CARMELA: (Puzzate mur de subeto!).
FELICE: (Vuje e pap!). (Tutti entrano nella stanza della Conciliazione a sinistra.)
SCENA QUINTA
Luigi, poi Agapito.
LUIGI (dal fondo con carta in mano): permesso?... Non nce sta nisciuno. Vuje vedite lo
diavolo che me succede. Aiere arrivaje da Roma, e lo guardaporta de la casa nova me
consignaje sta citazione de D.a Rosa la patrona de casa mia, a comparire dinnanzi al
Giudice Conciliatore pe li doje mesate che avanza... Io dette li ciente lire a Felice co la
ricevuta, chillo stunato non nce lavetta purt, e me fa f sta bella figura. A la casa non
nce steva, era asciuto... m va trova quanto tiempo aggio da perdere cc.
AGAPITO (uscendo): Neh, D. Fel... (Vedendo Luigi.) (Che beco!... chisto me pare D.
Luigi Belfiore... larchitetto!).
LUIGI: (Che d neh?). Avvocato rispettabile... (Per dargli la mano.)
AGAPITO: No momento... aspettate... non vaccostate... Voi siete D. Luigi Belfiore?
LUIGI: Per servirvi!
AGAPITO: LArchitetto?
LUIGI: Sissignore.
AGAPITO: E come, non siete morto?
LUIGI: So muorto? E pecch aveva da mur?
AGAPITO: Comme perch? Voi foste ucciso!
LUIGI: Io? Fuje acciso?... (Ridendo.) Ah, ah, ah!... e che era fatto na gallina?... Avvoc non
dite sciocchezze! (Ride.)
AGAPITO: Oh, chesta m bella, sapete... vuje fusteve portato dinta a na stola!
LUIGI: Io?... (Ride.) Ah, ah, ah!...
40

SCENA SESTA
Elvira, e detti.
ELVIRA: Neh, pap... Che veco! Luigi!... Vivo!...
LUIGI: (Chesta pure cc ncoppe venuta!).
ELVIRA: E comme va sta cosa, tu non s muorto?
LUIGI: Ma pecch aveva da mur?
ELVIRA: Allora D. Felice nce dicette na buscia?... non e overo che facette lo duello co
ttico, non overo che taccedette?
LUIGI: Ah! D. Felice ve lo disse?
AGAPITO: Sissignore.
LUIGI: (Aggio capito, add essere chella tale mbroglia, acci chesta non pensava cchi a
me!...). Aspettate... sissignore... io ho fatto il duello con Felice, ma non sono morto. Lu
vedendomi cadere, fugg, credendomi morto... ma io fui ferito... fui appena toccato dalla
sciabola...
AGAPITO: La sciabola? Quello fu duello alla pistola!...
LUIGI: Ah, sicuro, alla pistola... aveva confuso con un altro duello che feci giorni fa, la
palla scivol sotto al mio braccio... per un vero miracolo.
AGAPITO: Basta, giacch siete vivo, mi darete spiegazione, signore, del modo come avete
trattata mia figlia?...
ELVIRA: Pap, lassateme parl a me, faciteme sfuc...
AGAPITO: Ma bada, figlia mia, che cc stamme ncoppa a lo Municipio.
ELVIRA: No, io maggio da discolp co buje, pap, e chisto no bello mumento, pecch
vuje me dicisteve che come vedova, maveva f li fatte mieje e non aveva d udienzia a
nisciuno.
AMBROGIO: Sicuro, e lo ripeto sempre.
ELVIRA: Dimme na cosa, piezzo de svergognato che s. A Castiellammare te diceva
sempe, lassateme st, io non ve pozzo d retta, si tenite bona intenzione, jate a parl co
pap.
LUIGI: Sicuro.
ELVIRA: E nce hai voluto j mai?
LUIGI: Mai!
ELVIRA: Quanno te dicette: io dipendo da mio padre, tu me risponniste: Che me ne
importa di vostro padre, overe?
LUIGI: Sissignore.
AGAPITO: (E me lo dice pure nfaccia!).
ELVIRA: Dunche non so stata io, s stato tu che mhai sempe perseguitata, e che te credive
dav che f co na femmena de mmiezo a la strada? Io so na signora, capisce,
grandissimo imbroglione!
LUIGI: Avete finito? Avete sfocato? Pozzo parl io m?...
ELVIRA: Che parl, che parl, che pu dicere tu?
AGAPITO: Non parlate con lei, parlate con me, che sono uomo, e sono padre.
LUIGI: (Comme aggio da f pe me luv da tuorno a sti duje?). Ecco qua, Avvoc, io ho
fatto male di non venire a parlare con voi dal primo momento, ma sapete, non lo credeva
tanto necessario, ho amata vostra figlia, e lamo ancora, s lamo ancora...
41

ELVIRA: E se capisce, chillo m che vha da dicere, e Carmela poi, la bella Carmela?...
LUIGI: Quale Carmela, chi sta Carmela?
AGAPITO: D. Lu, io sono un uomo serio, e con me non ci stanno gherminelle da fare. Noi
sappiamo tutto, voi dovete sposare Carmela, la figlia di .D Ambrogio Pallone.
LUIGI: Io? Io apparentare con quella famiglia, oh, mi credete troppo basso, io essere il
genero di Ambrogio Pallone, che fino a pochi mesi fa, stato con la cocchiara in mano
della caucia... che tutta Napole sanno che no lazzarone, no materiale qualunque, e po,
la figlia Carmela, mavete nominata sta bella cosa... antipatica, ineducata, sconceca,
brutta... ma che!... Siete stato male informato, caro signore.
AGAPITO: Comme, a me me lha ditto lo patre.
LUIGI: E vha ditto na buscia... chi mai se lha sonnato.
AGAPITO: Ma scusate, voi vi volevate battere con me, perch io lo chiamai fravecatore e
le dette no schiaffo?
LUIGI: Ah, perci feci il duello con voi?
AGAPITO: Con me no, lo faceste con D. Felice.
LUIGI: Perfettamente, e che vuol dire, io alle volte faccio duelli per senza niente.
ELVIRA: Pap, finitela, chisto no mbruglione, e io laggio capito, non me f capace
cchi... chesti chiacchiere li po cunt a buje ma no a me. Carmela brutta, ineducata,
antipatica, sconceca, e comme va? Chillo juorno a la casa de D. Felice diciste che era
simpatica, che teneva na voce, na grazia che faceva ncant, educata, vezzosa, gentile,
chera proprio un angelo...
LUIGI: Io? Quando mai!
ELVIRA: Pap, jammoncenne, sentite a me, chisto non ommo che po parl co buje...
sposete, sposete a Carmela, non ne parl male, poverella, pecch pe me, m che aggio
visto comme la pienze e che carattere tiene, stato meglio accussi... arrecchisce a nauta.
(Via nello stato civile.)
LUIGI: Avvoc, scusate...
AGAPITO: Ma che scus e scus, voi dite, disdite, malignate... questo non si fa!... (Via
dietro Elvira.)
LUIGI: Ah! Ringraziammo lo Cielo, spero che me laggio levata da tuorno na vota pe
sempe!... Chi se poteva mai credere che la trovava pure cc.
SCENA SETTIMA
D. Gaetano e detto poi Felice.
LUIGI (a Gaetano che esce): Neh, scusate, il Giudice Conciliatore ci sta?
GAETANO: M proprio arrivato, ma stanno gente dinto, voi tenete qualche chiamata?
LUIGI: Sissignore, eccola qua. (D la carta.)
GAETANO (legge): Va bene! Accomodatevi, sarete chiamato. (Via portando con s la
carta.)
LUIGI: Grazie.
FELICE (uscendo): Sangue de Bacco, aggio fatto lo colpo, appena trasuto lo Giudice
Conciliatore, D. Ambrogio sha creduto chera lo Vice Sinneco, e tanto de lo piacere ha
pigliate li denare e me lha date. Cielo mio te ringrazio.
LUIGI: Che beco! Felice!
FELICE: Luigi!... Ah, mannaggia chi tallattato! S tornato da Roma?
42

LUIGI: Aiere. Li Ciente Lire pecch non lhai portate a D.a Rosa?
FELICE: E chi nce ha penzato cchi, io aggio passate llaneme de li guaje!
LUIGI: Che guaje?
FELICE: Quanno tu partiste, io la sera distratto, me ritiraje a la casa vecchia, e mentre
steva parlanno co la nnammorata toja, venette lo patre a tiempo, allora pe non me f ved
me chiudette fore a lo balcone, venette a chiovere e me nfunnette, pe masciutt lo
soprabito, lo situaje ncoppa a na seggia, D. Ambrogio nce trovaje dinta a la sacca li carte
toje, e credennose che io era Luigi Belfiore, se pigliaje li quindici mila lire mieje,
dicennome che me lavarria restituite quanno io me sposava la figlia.
LUIGI: Tu che dice!
FELICE: Eh, che dico. Le b cc, le b, m proprio me lha date. M sta ll dinto nzieme co
Carmela, stanno aspettanno a me.
LUIGI: E tu che faje?
FELICE: Chaggia da fa, io tengo la sposa e lo patre che me stanno aspettanno da ll.
LUIGI: E Carmela se sposa a te?
FELICE: A me, e comme me la pigliavo?... Ha finto pe non me f perdere li denare... (M
vide che ammoina succede cc ncoppa). Aspetta, me vene nu pensiero cc tanno tutte li
carte pronte, per il matrimonio, fra Luigi Belfiore e Carmela Pallone, tu m stai cc... D.
Ambrogio te conosce?
LUIGI: No, non mha visto mai.
FELICE: Benissimo... co la scusa de firm comme a testimone.. putarisse... jammo a ved
si venuto lo Vice Sinneco e si trovammo quacche impiegato che le potimmo parl de sto
fatto...
LUIGI: Sarria no bello colpo, caspita!
FELICE: Jamme, jamme a ved. (Viano dal Vice Sindaco.)
SCENA OTTAVA
Ambrogio, poi Agapito.
AMBROGIO: Io vorria sap Luigi add ghiuto...
AGAPITO: Volarria propio sap D. Felice add sta.
AMBROGIO: Oh, caro Avvocato...
AGAPITO: Carissimo D. Ambrogio.
AMBROGIO: Tenete ancora la ruggine con me?
AGAPITO: Io, ma vi pare, io dimentico subito, e poi se sape, i vicini m sappiccechene e
m fanno pace.
AMBROGIO: Dateme la mano. (La porge.)
AGAPITO: Con tutto il cuore. (La prende.)
AMBROGIO: Avvoc, scusate, avete visto a Luigi Belfiore?
AGAPITO: Sissignore, m propio nce aggio parlato...
AMBROGIO: Add?
AGAPITO: Qua propio, a questo posto. Il duello, poi, sapete, non ebbe nessuna trista
conseguenza, perch la palla scivol, laltro poi lo credette morto!
AMBROGIO: Veramente? Oh, mi ha fatto assai piacere.
AGAPITO: E a me pure, vi pare, prima per lui e poi per voi.
AMBROGIO: No, per me fino a no certo punto... per voi...
43

AGAPITO: (Per me? E a me che me ne preme de D. Luigi!...). Sentite D. Ambr, voi siete
un buonuomo, ed io francamente vi debbo dire una cosa...
AMBROGIO: Che cosa?
AGAPITO: Voi state sempre con lidea di dare vostra figlia a Luigi Belfiore?
AMBROGIO: Si capisce, e come tutto fatto, e stamme cc ncoppa a lo Municipio
appunto pecch ogge se fa lo matrimonio, m arrivato lo Vice Sinneco, saspetta sulo a
isso pe firm.
AGAPITO: Emb, io ve dico, che isso non vene cchi, vha cuffiato fino a m.
AMBROGIO: Mha cuffiato?
AGAPITO: Vha cuffiato, s, io non vavarria dicere niente perch non sono affari che mi
riguardano, ma me sento currivo che na bella piccerella come la signorina Carmela, deve
essere portata in bocca in quel modo.
AMBROGIO: Ma spiegatevi io non capisco.
AGAPITO M che laggio trovato cc, laggio dimandato quanno se sposava la figlia
vosta, chillo sapite che mha risposto?
AMBROGIO: Che vha risposto?
AGAPITO: Voi scherzate, io sposare quella donna, io apparentare con quella famiglia, oh,
mi credete troppo basso... io essere il genero di Ambrogio Pallone, che fine a poche mise
fa, stato co la cucchiara mmano de la caucia, no lazzarone, no materiale qualunque, e
po la figlia, mamma mia, antipatica, ineducata, sconceca, brutta!...
AMBROGIO: Avvoc, vuje dicite veramente?
AGAPITO: Oh, mi faccio meraviglia, io sono un uomo serio, questo ha detto, e questo vi
dico.
AMBROGIO: Luigi Belfiore?
AGAPITO: Luigi Belfiore!
AMBROGIO: E nce lo potite dicere nfaccia?
AGAPITO: Ciente vote, e ched me metto paura?...
AMBROGIO: Va bene! ... Ah, aggio tenuto la cucchiara mmano de la caucia, lo voglio
recri io lo stommeco, le voglio f na cauciata comme se conviene... me dispiace che m
laggio tornate li quindici mila lire... Ah, me lo potive dicere no poco primma. So
lazzarone, so materiale, va bene!... Sangue de Bacco lo volarria propio dinta a li
mmane!... Intanto m che le dicimmo a lo Vice Sinneco, che figura facimmo? Laggio da
cunt tutto lo fatto, laggio da dicere ch stato no seduttore, no brigante, che s
intromesso dinto a la casa mia de notte, e po mha lusingato nfino a m... comme ve
pare?
AGAPITO: Perfettamente, propio cos.
SCENA NONA
D. Gaetano, poi di nuovo Gaetano, Ambrogio, Carmela, Bettina, Guardia Municipale,
Salvatore, Michele, indi Peppino e detti.
GAETANO: Luigi Belfiore, avanti.
AMBROGIO: Eh, e chi te lo d.
GAETANO: Non c Luigi Belfiore?
AMBROGIO: Nonsignore, m vengo io dinto e conto tutto lo fatto, Avvoc si aggio
bisogno de testimone...
44

AGAPITO: Sto qua io, non ci pensate.


AMBROGIO: Grazie. (Assassino, me lha fatto!). (Via nella Conciliazione, Gaetano lo
segue.)
AGAPITO: Nce laggio voluto dicere, caspita, per il bene di quella povera giovine, e per
vendicare mia figlia, chesto laggio potuto f e chesto laggio fatto. (Via nello stato
Civile.)
GAETANO (di dentro): Ascite fore, ascite fore! (Gridando.)
AMBROGIO (di dentro): Chesta non maniera de tratt la gente, io ve faccio st a dovere!
SALVATORE (di dentro): Vuje site na maniate de puorce! (Gridando.)
GAETANO (fuori): Ascite fore! Ascite fore!
SALVATORE (fuori): Facite li guappe pecch state cc ncoppe. (Sono uscite anche
Carmela, Bettina, Michele e una guardia Municipale.)
AMBROGIO: Che te cride de parl co fratete tu? (A Gaetano.)
SALVATORE: Scinne abbascio!
CARMELA: Pap, finitela.
PEPPINO (uscendo): Che stato, che succieso?
GAETANO: Cose nove, D. Peppino mio, cose nove! Chesta na figliola che add spus, e
hanno pigliato lo Giudice Conciliatore pe lo Vice Sinneco, se s mise a cont no sacco de
chiacchiere, chillo lo Giudice have che f, se po mettere a sent a loro?
PEPPINO (ridendo): Oh questa bella!...
AMBROGIO: Ma si poteva dicere co na bella maniera, scusate chillo non lo Vice
Sinneco?
GAETANO: Ve lho detto tre volte!
PEPPINO: Basta, questa cosa da niente, il Vice Sindaco sta qua in questa camera. (Indica
lo stato Civile, la guardia via dal Concillatore.)
AMBROGIO: Grazie tante. Vedete che se passa, trase Carm. (Entra Carmela, Bettina e
Michele dal Vice Sindaco, a Gaetano.) Io po vorria essere spiegato na cosa da vuje.
GAETANO: Dicite.
AMBROGIO: Na vota che chillo lo Giudice Conciliatore, pecch poco primme avite
chiammato a Luigi Belfiore?
GAETANO: Pecch stato citato pe no debeto de ciente lire che tene co la patrona de casa
soja.
AMBROGIO: Pure chesto? e bravo!... v che bello galantomo!...
SALVATORE: Ma princep, add ghiuto, facitemmello sap...
AMBROGIO: E che ne saccio, che ne saccio...
SCENA DECIMA
Felice, e detti.
FELICE: Pap, tutto fatto, si aspetta il vostro consenso.
AMBROGIO: Ah, tu staje cc?... Bravo!... me fa tanto piacere... (Afferrandolo per il collo.)
Dimme na cosa, grandissimo mbruglione, galiota!... Che haje ditto poco primme a D.
Agapito, lavvocato, dille nauta vota, dille nauta vota?...
FELICE: Che cosa?
AMBROGIO: Che io fino a poco tiempo fa so stato co la cucchiara mmano de caucia, che
so no lazzarone, no materiale, che figliema sconceca, antipatica, e brutta!
45

FELICE: Io? Quanno maje! Vuje che dicite?!...


AMBROGIO: Sarrisse capace de negartelo?
FELICE: Sicuro, me lo nego, perch non vero! (E comme l venuto ncapo a chillo!).
SALVATORE. Princep, perdonate, quanto le dico doje parole: Bello gi, chiavete chesto
ncapo, o tu fai na ritrattazione in pubblico de li parole che haje ditto, o si no s muorto, te
pu atterr.
FELICE: Ma che ritrattazione aggio da f, si non aggio ditto niente, non me laggio
sunnato nemmeno e comme io so venuto cc ncoppa a spus, so stato da lo Vice
Sinneco, aggio fatto tutto, me metteva a d chelle parole, allora aveva da essere pazzo
questo che cos
SALVATORE: Princep a me accuss me pare.
AMBROGIO: Ma allora lavvocato mha ditto na buscia?
FELICE: Vavarr parlato de quacchedunauto.
AMBROGIO: Nonsignore, ha ditto propio Luigi Belfiore!
FELICE: Ah, aggio capito...
GAETANO: Ma scusate Lugi Belfiore non questo giovine, un altro, io lo saccio, pecch
laggio visto m che mha dato la citazione.
AMBROGIO: E nauto? Allora nome e cognome che si confronta?
FELICE: Perfettamente.
AMBROGIO: Aggio capito m... Allora Lu, scuse, stato no sbaglio. (Gli da la mano.)
SALVATORE: D. Lu, perdonate. (Fa lo stesso.)
FELICE: Ma niente, per carit.
AMBROGIO: Allora jammoncenne non perdimmo cchi tiempo.
FELICE: Vuje sulo, avite da firm, tutto fatto, jate, jate.
AMBROGIO: Viene Salvat.
SALVATORE: Lesto princep. (Via con Ambrogio dal Vice Sindaco.)
FELICE: Puzzate pass nu guajo! Non me ne fido cchi! M pozzo j a spus. (Via nello
stato Civile.)
PEPPINO: D. Gait, chisto add essere nu mbruoglio, no pasticcio... qui nomme e
cognome che se confronta, chillo se chiamma D. Felice Sciosciammocca che se sposa a
Beatrice Fresella, che centra Luigi Belfiore. Luigi Belfiore se sposa co Carmela Pallone.
GAETANO: D. Pepp, vuje che vulite da me, chiste la capa me lhanno fatta veramente
quanto a no pallone, che nce ne mporta a nuje se lo vedono loro.
SCENA ULTIMA
Felice, Beatrice, Agapito, Boroboamo, Elvira, Candida, Alessio, Ciccillo, poi Ambrogio,
Carmela, Luigi, Bettina, Salvatore, Michele, e detti.
CANDIDA (Felice, Beatrice e Agapito escono per primi).
BOROBOAMO, ALESSIO e CICCILLO: Vivano gli sposi!
ELVIRA e FELICE: Grazie, grazie.
CANDIDA: Avite da camp cientanne, sempre allegre e sempre contente!
PEPPINO (a Felice): Mille auguri!...
FELICE: Grazie. (Gli d una moneta.) (Escono Luigi e Carmela, poi Ambrogio, Bettina,
Salvatore e Michele.)
SALVATORE, MICHELE e BETTINA: Vivano gli sposi!
46

LUIGI: Grazie.
BETTINA: Salute e contentezza!
SALVATORE: Pe millanne! (Tutti si fermano a due ali, il matrimonio di Felice a destra e
quello di Belfiore a sinistra.)
AMBROGIO: Oh! Avvoc, la figlia vosta pure stammatina sposata?
AGAPITO: Sissignore.
AMBROGIO: E bravo, facimmo una festa!
TUTTI: Evvivano gli sposi!... (Ambrogio guarda a Felice e a Carmela, pausa.)
CARMELA: (M vide che succede!).
FELICE: (M siente la mbomma!).
AMBROGIO: Emb, e che se fa?... nce stamme accuss, pigliateve li spose sotto a lo
vraccio, e ghiammoncenne.
FELICE: Io sono pronto. (D il braccio a Beatrice.)
LUIGI: E io pure. (D il braccio a Carmela.)
AMBROGIO: Comme! e che signffica chesto? (A Luigi.) Chi siete voi?
LUIGI: Quello che ha sposato vostra figlia, col vostro consenso, Luigi Belfiore!
AMBROGIO: Niente affatto. Luigi Belfiore, chillo l. (Mostra Felice.)
AGAPITO: Ma che siete pazzo, questo si chiama D. Felice Sciosciammocca.
FELICE: Chelli lettere che trovasteve dinta a la sacca mia, erene de Luigi che me laveva
date a ten, e io aggio acconsentito a tutto chello che vuliveve vuje pe me pigli li denare
mieje.
AMBROGIO: Possibile! A me questinganno? Neh, Salvat?...
SALVATORE: E che volite f, princep, chiste so tanta gente.
AMBROGIO: E tu, figlia birbante, che non mhai ditto niente?...
CARMELA: Ma pap, agge pacienzia, tu pecch te piglie tanta collera, io maveva spus
Luigi Belfiore? e chisto isso!...
TUTTI (meno Elvira ed Ambrogio): Vivano gli sposi! (Gridando.)
AMBROGIO: Aspettate, dunche vuje site chillo giovene de la festa de ballo?
LUIGI: Perfettamente.
AMBROGIO: Architetto?
LUIGI: Architetto!...
TUTTI (c.s.): Vivano gli sposi!
AMBROGIO: Puzzate scul! Stateve zitte!... (Avvoc, vulimme f chillo faccia a fronte?).
AGAPITO: (Che lo facimmo a f D. Ambr, chillo m so spusate!).
AMBROGIO: E va bene, non nce penzammo cchi, me lavite fatta!
TUTTI: Bravo! Bravo!
SALVATORE: Princep, si non ve dispiace, comme stamme m, jammo a f una tavola
ncampagna.
AMBROGIO: Comme vulite vuje.
TUTTI: Jammo, jammo!...
FELICE (al pubblico): Signori miei, vuje avite visto che aggio passato pe cagn casa, e pe
na distrazione, perci stateve attiente, non cambiate mai teatro, venite sempe cc!...
(Cala la tela.)
Fine dellatto terzo

47

FINE DELLA COMMEDIA

48

LA BOHME
Da Aida dinto a la casa di Tolla Pandola, di A. Petito
Commedia-parodia in quattro atti

Personaggi
D. Gennaro Pesiello
Carmela, sua moglie
Emilia, sua moglie
D. Saverio Panzarotto
Peppeniello, suo nipote
Felice, suonatore
Temistocle, maestro di piano
Luigi, idem
Ninetta, fioraria
Barona
Errico
Personaggi della parodia
Rodolfo, poeta
Scionard, musicista
Mim

Nicolino
Carolina, sua sorella
Achille, malato
Tommaso, castagnario
Teresina
Una Guardia
Totonno, servo di Saverio (o Antonietta)
Un Cameriere
Un Parrucchiere
Signori e Dame
Marcello, pittore
Colliue, filosofo
Musetta

Lazione si svolge: il primo atto a Nocera in casa di D. Saverio, il secondo atto a Napoli
a S. Carlo, il terzo atto sul Vomer in casa di D. Gennaro

ATTO PRIMO
Semplice camera. Una porta in fondo. Tre laterali, finestra seconda a destra. Pianoforte in
fondo a sinistra. Una console a destra, sedie. Sul piano molte carte di musica. Piccolo
tavolo tondo a destra con occorrente da scrivere.
SCENA PRIMA
Totonno, Antonietta poi Temistocle indi Nicola e Carolina.
TOTONNO (parlando alla prima a destra): Va bene, va bene non dubitate, si torna lle dico
che site partuto?! Io nun saccio pecch stu D. Saverio cu lo nepote hanno pututo f tanta
diebbete. Na casa accuss ricca che tutta Nocera ne parlava, dinto a 6 mise so ghiute sotto
e ncoppa, e ogne tanto te siente na tuzzuliata de porta. Stevene dinto a chillo bello
appartamento a Strada Nova, tutto nzieme sfrattammo e venimmo cc. Io da che so
venuto nun aggio avuto manco nu centesimo e avanzo 3 mesate.
TEMISTOCLE (con libro in mano): Che bella cosa! Che versi! Che pensieri! Che poema!
49

TOTONNO: (O villoco o v, venuto stu pazzo).


TEMISTOCLE: Ma voi non siete uomini, siete geni, siete numi. Io vi bacio mille volte al
giorno. (Bacia il libro.)
TOTONNO: Maestro scusate, cu cchi lavite?
TEMISTOCLE: Con queste due sommit: Illica e Giacosa.
TOTONNO: E chi songo?
TEMISTOCLE: Gli autori della Bohme, di questa opera immortale, ma che versi, che
pensieri. (Legge):
Chi sono, sono un poeta... che cosa faccio?
Scrivo.
E come vivo?... Vivo!!
ma sfido io, su questi versi bisogna scrivere per forza della buona roba. Mi fanno ridere
quanto dicono: Maestro perch non scrivete unopera... ma il libretto chi me lo d?
TOTONNO: Vaccattate 2 solde ncoppe bancarelle.
TEMISTOCLE: Tot, io ti devo dire una cosa...
TOTONNO: Comandate.
TEMISTOCLE: Sono due mesi che sto facendo lezioni di canto a D. Peppeniello, e non mi
hanno ancora dato un centesimo, fammi tu il piacere di dire a D. Saverio di darmi qualche
cosa?!
TOTONNO: Va bene, ogge ve servo (e staje frsco aggi penz primma a me).
TEMISTOCLE: Dimmi una cosa: stasera che si pranza?
TOTONNO: Maestro stasera nce sta nu pranzo scicco, lhanno ordinato a trattoria e
rimpetto, timpano, carne, fritto, pullastiello, dolci e sciampagna.
TEMISTOCLE: Tu che dice e pecch?
TOTONNO: Pecch saspetta a sposa e D. Peppeniello ca vene a Napole cu lo pate e la
mamma.
TEMISTOCLE: Ah! Si combina dunque il matrimonio.
TOTONNO: Sissignore, tutto stabilito.
TEMISTOCLE: E D. Peppeniello come f cu Teresina, chella nce sta assaje ncanata.
TOTONNO: Che ve pozzo dicere maestro mio: se lo vvedeno lloro, io veco troppe
mbruoglie dinto a sta casa.
TEMISTOCLE: Basta, s che vu f, chella masciata a D. Saverio nce la faje dimane, po
essere che ogge se piglia collera...
TOTONNO: Nun ve invita e perdite nu pranzo.
TEMISTOCLE: Come hai capito. (Ridono.)
CAROLINA (d.d. grida): Ah! Pe carit aiutateme chisto maccide.
TOTONNO: Chi neh!?
CAROLINA (entra spaventata dal fondo): Ah! Pe carit Tot aiuteme, frateme me sta
secutanno cu ne curtiello mmano.
NICOLA (dal fondo): Emb facimmo a cummeddia; te miette a tras dinta sta casa,
alluccanno de chesta manera! Jesce a cc dinto.
CAROLINA: Ah! (Grida.) Tienelo Tot.
TOTONNO: Aspettate bellu gi... ch stato, m la facite mur de paura.
NICOLA: Chesta, cc ncoppa nun adda sagl cchi, avite capito? Pecch dinta sta casa,
vene nu disperatone, nu pezzentone, sunatore e violino, che manno ditto essere amico e
D. Saverio e o nepote. Stu mio signore, s miso a ffa ammore cu sta faccia tosta, a quale
pe stu fatto nun bada cchi a le facenne de casa, nun porta cchi rispetto a mamma
50

vecchia, vedova da 15 anne, e lo cielo lo ssape comme tiramme nnanze a vita


annuratamente. Io fatico da matina a sera apposta pe nun le f manc niente e nun
scumpar dinto paese, piezze e scellarata!...
CAROLINA: Ah!...
NICOLA: Chella stata nu mese dinto a lo lietto cu na brunchita, stata quase pe mur, e
saccio io chello che nc vuluto pe miedece e medicine. Nce credeveme che quanno se
suseva da lo lietto nun ce penzava cchi a chillu sfelenza, chella invece ha accumminciato
nata vota e peggio de primma.
TEMISTOCLE: Il fratello ha ragione.
CAROLINA: Nonzignore, chillo stato nformato malamente, so gente che nun me ponno
ved, lo ffanno apposta pe me f vattere pecch me vonno f mur, sissignore overo, io
primma de cad malata facevo ammore cu stu sunatore e violino, ma p fernuto tutto
cose, nun laggio visto cchi, crediteme.
NICOLA: Nun overo aieressera nce ive parlanno pe mieza a strada, laggio visto io
chesto, lo carugnone mabbistaje e se menaje dinto a nu tram che curreva!
TOTONNO: overo ca nce parlasteve aieressera?
CAROLINA: Sissignore, era a primma vota ca lo vedevo doppo tantu tiempo.
TOTONNO: (E m te prode lo mellone m).
NICOLA: A primma vota?...
TOTONNO: Oh! ma io po vurria sap pecch essa sagliuta cca.
NICOLA: Forse pecch se credeva e truv lamico comme a lo ssoleto, pecch cc se
vedene sempe, cc se danno appuntamente.
TOTONNO: Amico voi sbagliate, chesta na casa onesta, si ve sente lo patrone tuoi ve
ncuitate seriamente.
TEMISTOCLE: Se capisce.
NICOLA: Io nun me metto appaura e nisciuno comme te chi... poche chiacchiere, a me
hanno ditto tutte cose, isso se chiamma D. Felice Sciosciammocca, e cu a scusa e ven a
truv lamico cc ncoppa, sta piezze nfame vene puressa a f ammore cu tutta a
commedit, ma m sa che te dico, avvisa lo patrone che nun la ricevessero cchi a chesta
cc dinto, pecch si no vengo e li paleo a tutte duje, si p loro non ne sanno niente nce
pienze tu, nce simme ntise?
TOTONNO: Va bene.
NICOLA: Cammina a casa.
CAROLINA: E nun me vattere.
NICOLA: Nonzignore cammina nnanze.
CAROLINA: (Si vene D. Felice fallo aspett).
TOTONNO: (E m te prore a capa m).
NICOLA: Cammina.
CAROLINA: Eccome cc. (Nicola f un movimento lei d un grido e via.)
TOTONNO: E partuto natu treno.
NICOLA: M credo che avite capito tutte cose. Quanno la vedite de ven cacciatennella e si
nun se ne v j chiammateme a me, io stongo mmiezo a piazza, vicino a parrucchiella,
faccio lo vaccaro, me chiammo Nicola Castiello, e nfurmateve commo songhio e chi era
patemo. Pe na parola ca lo tuccajene ncopp ammore chiavaje 7 botte de curtiello a uno e
stette 20 anne ngalera. Ammore caro, e chi tentasse e f noffesa a casa mia se p
chiamm muorto. Io teneva na vaccarella chera la gioia de la casa mia pecch cu chellu
poco de latte che faceva alimentava a mammema e a chella piezza de scellarata, nu giorno
51

chella povera bestia jette dinto a la massaria appriesso a se magn nu poco devera, lo
parzunale che saccio o pe dispietto, o pecch nce laveva cu nuje me spara a la vaccarella.
Ve putite immaggin lo delore e lo dispiacere mio pecch perdette a sussistenza. Da chillu
juorno a miseria trasette dinta a casa mia, ma pure lo perdunaje. Ma chi me tocca
ncoppammore no, io sarria capace de lle lev lo core da pietto. Scusate, bacio le mani.
(Via.)
TEMISTOCLE: Ma veramente a sorella venuta qua sopra a ff ammore?
TOTONNO: venuta 2 o tre vote e io nce laggio ditto sempe a lo padrone: Sign vedite
che sta cosa nun va, dicite a D. Felice ca iesse a f ammore da nata parte, nun mi hanno
vuluto sentire e succedene sti ccose.
TEMISTOCLE: Eh! D. Felice se stesse attiento pecch chillo tene proprio la faccia de nu
galiota. Tot me putisse d quacche cose de magn?
TOTONNO: M ve dongo nu poco de pane e presutto!
TEMISTOCLE: Bravo te ringrazio, hai un cuore da Cesare.
TOTONNO: Nun lo cunosco!
TEMISTOCLE (canta): Scelga o baron trota o salmoni.
TOTONNO: Che d,neh!?
TEMISTOCLE: La Bohme.
TOTONNO: Puozze scul tu e la Bohme. (Viano a sinistra.)
SCENA SECONDA
Peppeniello e Saverio.
PEPPENIELLO: Zi, zi, nun me facite tucc la nervatura pecch si no stammatina me ne
scengo da cc ncoppa e nun ce vengo cchi. Vuje avite voglia e sbari nun ne ricavate
niente. Io nun songo nu guagliunciello ora sono grande.
SAVERIO: Neh! Lazzariello scustumatiello che cosa significa questo rispondere cos?
Capisci che io sono tuo zio e tuttore, capisci che quanno pateto murette te lassaje affidato
a me, quindi io sono un tuo secondo padre?
PEPPENIELLO: Ma pecch volete fare la mia infelicit? La mia rovina?
SAVERIO: Io vado trovando la vostra rovina? Perch vi voglio ammogliare con una
giovane distinta e ricca? Mentre voi vi siete messo ad amoreggiare con una ciandella di
questo paese, la figlia di un negoziante di porci, la pi lassa Bohme di questo mondo.
PEPPENIELLO: Voi non dovete...
SAVERIO: Pss. zitto quando parlo io!
PEPPENIELLO: Allora io nun me sposo n a Teresina n a sta giovene che dicite vuje!
SAVERIO: E perdi una bella ragazza e una dote de 500 mila lire.
PEPPENIELLO: E che me ne mporta a me? Pap me rimanette 3 palazze e case, 4
massarie, vuje stesso me dicisteve cherano 100 mila ducati!
SAVERIO: Sissignore, patete rimanette 100 mila ducati ma p rimanette tanta diebbete che
a stiento taggio pututo camp fino a m. Sangue de Bacco. (Guarda lorologio.) So li 5 a
natu poco arriva o treno cu lloro... me famme stu piacere si tratta di salvare la nostra
posizione...
PEPPENIELLO: Va bene... comme vulite vuje!

52

SCENA TERZA
Temistocle, Totonno poi Felice.
TEMISTOCLE (con Totonno il quale via pel fondo: con la bocca piena, saluta senza
parlare).
SAVERIO: Oh! Caro Maestro! Ve f piacere che Peppeniello sammoglia? Maestro che d
vuje nun rispunnite?
TEMISTOCLE (f segno dattendere un poco poi dice): Ecco qua sono a voi. Totonno mi
ha dato un po di pane e prosciutto, vi dispiace?
SAVERIO: No, no, anzi mangiate!
TEMISTOCLE: No, no, cattiva educazione, lo tengo qua, se ne parla pi tardi. Dunque
D. Peppeniello sammoglia?
SAVERIO: Sissignore, una giovine bella e ricchissima.
TEMISTOCLE: Ma cos sta nu poco di cattivo umore?
PEPPENIELLO: No niente sto seccato.
TEMISTOCLE: Adesso vi suono un poco la Bohme vi faccio mettere in allegria.
PEPPENIELLO: No, no, lassate st maestro, la sunate sempe.
TEMISTOCLE: Ma che musica dite la verit?
SAVERIO: Troppo bella. Io la sentirei sempre! Quando si fa a S. Carlo?
TEMISTOCLE: I giornali dicono la sera del 9.
SAVERIO: Immagino che pienone.
FELICE: Va buono aggio capito, grazie. (d.d.)
SAVERIO: Uh! Sta venenno D. Felice.
TEMISTOCLE: D. Sav permettete io mi trattengo un po in salotto.
SAVERIO: Fate il vostro comodo.
FELICE: Caro Peppeniello. Maestro bello.
FELICE: D. Sav, il maestro mangia con noi?
SAVERIO: Sissignore. (Temistocle e Felice sogg. mang. e via prima a sinistra.) D. Fel
come si porta la societ musicale?
FELICE: Benissimo, m so venuti sti ati doje giuvinotti principianti. Stasera c riunione
nella sede del Circolo, avimmo mise tutto pe dono e facimmo nu poco dammuina...
sunammo, abballammo!
SAVERIO: Ve divertite nu poco.
FELICE: E sei veneno a suna cc sotto, io scengo, nce aunimmo, e nce ne jammo. Voi
verrete, gi sintende.
PEPPENIELLO: Se capisce.
SAVERIO: Comme jammo, a natu poco arriva a sposa co la famiglia.
PEPPENIELLO: Mannaggia allarema lloro, se putesseme rompere li gamme.
FELICE: Arriva la sposa? Dunque voi fate veramente? Peppeniello veramente se nzora?
SAVERIO: Perch ci trovate difficolt?
FELICE: No, e a me che ne preme? Solamente vi dico statevi accorto, lui si trova
compromesso seriamente cu Teresina.
SAVERIO: Ma vi pare che io poteva permettere stu matrimonio? Si lappurano dice che
songo stato io proprio.
FELICE: E chillu a buje f nu paliatone, basta, cheste nun so cose che mi riguardano.
PEPPENIELLO: Io nce laggio ditto a zi zio: vuje me facite f nu guajo.
53

SAVERIO: Ma che guajo e guajo. D. Fel, ll se tratta di mezzo milione.


FELICE: A sposa tene mezzo milione?
SAVERIO: Mezzo milione.
FELICE: Allora mio caro Peppeniello devi passare per sopra a tutto.
SAVERIO: Nuje stamme chine de diebbete, nun tenimmo niente cchi, dimane nce ne
jammo a Napoli in casa della sposa e facciamo i signori. Capite?
FELICE: Io dimane pure a Napule aggia j.
SAVERIO: E pecch
FELICE: Pecch me prudette la capa de f nu poco la cummeddia cu na figliola, e lo frate
sha chiavato ncapo ca si me ncoccia cu essa me f la pella.
SAVERIO: Ah! Sicuro; me lhanno ditta st cosa.
FELICE: Eh! capirete, io seguitanno a st cc me metto a nu brutto rischio, io poi a Napoli
tengo unantica fiamma, una certa Ninetta, na simpaticona.
SAVERIO: D. Fel vuje mavita f lo piacere, m che vene a famiglia de la sposa, io vi
presento come il nostro segretario e amministratore, e avita dicere che siamo ricchi, che
teniamo possessioni... stabili... fondi!...
FELICE: Va bene vi servir.
SCENA QUARTA
Teresina e detti.
TERESINA (d.d.): permesso?
PEPPENIELLO: D. Fel, Teresina... e come si fa?
SAVERIO: Cercammo e na la f j ampressa ampressa.
TERESINA (d.d.): permesso? (Con panierino con 10 uova.)
FELICE: Avanti, avanti, vieni bella Teresina.
TERESINA (fuori): Grazie... bonasera D. Peppeni.
PEPPENIELLO: Teresina mia.
TERESINA: Uh! cc sta pure D. Saverio. D. Sav nun vaveva visto. (Gli bacia la mano.)
Credo che nun ve f dispiacere si vengo ogne tanto a seccarve.
SAVERIO: Ma niente, sempre piacere, ti pare.
FELICE: Assettate, assettete. (Seggono.)
TERESINA: Grazie tante. Io so venuta pe tre cose: primma e tutto ve so venuta a purt sti
diece ove che hanno fatto stammatina li galline foste. Vedite quanto so belle. (Le
mostra.) Chesti cc vedite, nce sta na signora malata vicino a casa nosta che si lavesse li
pagasse pure 5 solde luna. Ma a me nun me ne mporta niente. Io li porto a vuje e so
cchi contenta.
FELICE: (Che cuore).
PEPPENIELLO: Grazie Teresinuccia mia. (Prende il paniere.) Sti diece ove pe me so
cchi e miezo milione, mhaje fatto nu gran regalo.
TERESINA. A seconda cosa p, so venuta pe sap comme va che da ajere matina nun ve
site fatto ved, fino a quattro juorne fa stiveve sempe dinta a casa mia, m tutto nzieme
che saccio, pare che ve site nu poco raffreddato, tutte le cumpagne meje se ne so accorte.
PEPPENIELLO: Ma no, che raffreddato, io m sto cchi nfucato e primma, io nun sto
venenno tanto tanto spesso perch... se tu sapessi...
FELICE: Si sapisse, comme sta occupato, studia sempre perch deve dare lesame.
54

SAVERIO: Gi.
FELICE: P la lezione de pianoforte, lezione de canto e se capisce non tiene tempo.
TERESINA: Ah! Capisco, capisco, n io voglio che trascurasse sti ccose, se sape, isso nu
signore, e io nun lo pozzo ved tanto spesso. Soffro a nun vederlo, o chesto s, faccio
mille castielle in arie, mille cattive pensiere, ma caggia f, quanno saccio ca me v bene
tutto niente. Fino a otto juorne fa io e ziemo steveme mpenziero, credevemo ca lo zio
vedeva male sta cosa, ca lo strillava, ca lo maltrattava, e figurateve che nuttate faceva io
puverella, e isso lo ssape,
PEPPENIELLO: Sicuro.
TERESINA: Ma quanno mi dicette: Zi Saverio contento, Zi Saverio, ne have assaje
piacere, zi Saverio ha ditto ca meglio na figliola senza niente, ca na capallerta cu denare.
FELICE: Oh! Questo certo!
TERESINA: overo cavite ditto sti parole?
SAVERIO: Sicuro (puozze pass nu guajo!).
TERESINA: Figurateve che priezza quanno sentetteme chesto. Pap dicette: m caccide lo
puorco lle voglio mann cierti sacicce che nun hanno magnato ancora.
SAVERIO: E brava.
FELICE: V che penziero delicato: quanno accide o puorco se ricorda e nuje.
TERESINA: Pecch vedite D. Fel, nuje simme gente e basso ceto, sissignore, ma per
tenimmo core, nce facimmo li fatte nuoste. Io tengo na sora ca me v nu bene pazzo,
vedova puverella, stata otto anne carcerata, pecch pe gelusia chiavaje la zappa ncapo a
lo marito e laccedette sotto colpo. Ah! pe la gelusia nuje simme tremende, lommo
nuosto, adda essere sempe lo nuosto, e male a chi nce vulesse ngann, quanno papa e
sorema sapettene che D. Peppeniello faceva ammore cu me se lo chiammajeno e che ve
dicettene: dicite dicite...
PEPPENIELLO: Nun me lo ricordo...
TERESINA: Comme nun ve ricordate? M ve lo dico io, dicettero accuss: Sentite, vuje
site nu signore, lo zio vuosto nun putarr permettere sta cosa, penzatece buono, parlatece
e sentite che dice. vero?
PEPPENIELLO: Gi, m me lo ricordo.
TERESINA: Na sera finalmente D. Peppeniello venette e dicette ca lo zio nun ce trovava
nisciuna difficolt.
FELICE: E ne venette lo fatto de le sacicce.
TERESINA: M scusate vaggia dicere lultima cosa. Pap v sap quanno state comodo
pecch v parl cu vuje assolutamente.
SAVERIO: Ah! v parl cu me? Eh! Sai pe sta settimana impossibile, tengo tante cose da
spiegare, la settimana entrante ti faccio sapere il giorno e lora cadda ven.
TERESINA: Va bene, io accuss lle dico, m lassateme j, pecch a casa stanno cu penziero,
D. Peppeni io me ne vaco, studiate studiate, ubbidite a z zio ma nun ve scurdate de me
per.
PEPPENIELLO: Oh! ma ti pare.
TERESINA: D. Fel stateve bene, D. Sav scusate che maggio pigliato lardire e ve purt
chellove... che vulite, chesto pozzo e chesto faccio. D. Sav ve vaso li mmane. (Via.)
PEPPENIELLO: Ma scusate, comme se p resistere.
FELICE: Mio caro D. Saverio cc lo fatto ntruppecuso assaje.
SAVERIO: Basta, cc nun avimmo f tante chiacchiere, pecch si facimme ved che nce
mettimmo appaura peggio. Dimane partimmo e nun se ne parla cchi.
55

PEPPENIELLO: V comme parlate bello vuje, e la passione che tengo?


SAVERIO: E te la faje pass, capisce te la faje pass.
SCENA QUINTA
Totonno poi Gennaro, Carmela, Luigi e detti.
TOTONNO: Il signor D. Gennaro Pesiello e la sua signora.
SAVERIO: Eccoli qua... avanti, avanti, dove stanno. (Li introduce.) Rispettabilissima
signora, che onore.
CARMELA: Oh! Lonore nostro per carit.
SAVERIO: Gennaro bello, che piacere, come stai?
GENNARO (che uscito sotto il braccio di Luigi): Eh! Non c male.
SAVERIO: A tosse te porta bene? T passata?
GENNARO: Meglio meglio, sta giornata so stato proprio buono. (Tossisce.)
SAVERIO: Accomodatevi, accomodatevi. (Totonno d le sedie e via.)
FELICE: Poveretto tene nu poco e catarro.
CARMELA: No, una tosse di lunga portata, cronaca.
FELICE: Io me credeva chera articolo de fondo. E non ci fate nessun rimedio?
GENNARO: Eccome... vi pare... prendo tre decotti la notte e uno a prima matina, uno a
mezzo giorno e uno a sera.
FELICE: Vale a dire che tenete sempre la caffettiera pronta?
GENNARO: Quando viaggio poi mi porto la bottiglia col calmante, quando mi viene la
tosse ne prendo un sorso, mi f tanto bene, eccola qua. (La mostra.) E chi quel signore?
(A Felice.)
SAVERIO: il nostro segretario.
FELICE: Felice Sciosciammocca a servirvi.
GENNARO: Favorirmi sempre.
CARMELA: Ah! bravo, voi siete il segreter?
FELICE: No, songo lo cumm.
CARMELA: In francese si dice segretere.
GENNARO: Sav io ti presento il signor Luigi Cricco maestro di musica, che d lazione di
pianoforte a nostra figlia Emilia.
SAVERIO: Bravissimo.
LUIGI: Tanto piacere.
SAVERIO: Peppeni bacia la mano a D. Gennaro, a la signora, stivi tanto allegro
cavevena ven e m s rimasto comme a nu turzo. (Peppeniello esegue.)
GENNARO: Grazie. S fatto grosso, io me lo ricordo piccerillo assai.
CARMELA: Ha fatto na bella sviluppata, adesso si pu dire che maschio.
FELICE: Ma signora, sempre maschio stato!
CARMELA: Lo so, ma io me lo ricordo quando era allattante.
FELICE: M che crapetto.
GENNARO: E v si a fernesce cu chella lengua, ma comme avimma scumpar afforza?
CARMELA: Uh! Nun accumminci s ca io voglio parl!
GENNARO: E si te staje zitta faje meglio, pecch dice nu sacco e ciucciarie, e io nun
voglio f ridere la gente.
SAVERIO: Genn, Genn e va buono, m te faje ven la tosse.
56

FELICE: Pigliateve nu surzo de bevanda. (Gennaro beve.)


GENNARO: Io starei bene, quanno mattacco li nierve me lo ff. Dunque Peppeniello si
fatto proprio gruosso, ma che d nun parle, nun dice niente, e che significa?
FELICE: Ecco cc m ve dico io pecch nun parla. Suo zio laveva detto che con voi
sarebbe venuta pure la ragazza, vostra figlia, e lui stava tutto contento, cantava, zumpava,
abballava, adesso che vi ha visti venire senza di lei si messo di cattivo umore.
SAVERIO: Perfettamente.
PEPPENIELLO: Non vero.
SAVERIO: Eh! Non vero... m se mette scuorno lo v! (Puozze scul.)
GENNARO: Ah! Perci stai cos. Caro Peppeniello, Emilietta non conveniva di portarla.
Simme venute nuje sule per vederti, interrogarti, stabilire tutto e se na cosa che se p
combin, allora vi facciamo fare lincontro e la conoscenza.
SAVERIO: regolare!
GENNARO: Vi pare giusto.
SAVERIO: Proprio cos.
GENNARO: Sapete, mia figlia na ragazza tutta cuore, subito prende una passione, dimme
na cosa Peppeni, tu haje piacere de te nzur?
PEPPENIELLO: Io... ecco qua... Don Genn... io...
SAVERIO: Ma Genn agge pacienza, che dimmanne so cheste, uno dice nfaccia a nu
giuvinotto: te vu nzur!
CARMELA: P so io che dico ciucciarie. (Tutti ridono.)
FELICE: D. Genn scusate, queste non so domande che si fanno.
SAVERIO: Ma sicuro che have piacere.
LUIGI: Permettete che dicessi due parole. Secondo me, non mi pare questo il momento di
domandare questo a quel giovine, fate che veda prima la ragazza, che la ragazza veda lui,
e poi potete sapere qualche cosa di preciso. Egli ora non vi potr rispondere; ho piacere
dammogliarmi ma non so se mi fa piacere sposare vostra figlia.
GENNARO: Ah! Sicuro!
SAVERIO: Nu mumento, scusate Signor Cricco, primma di tutto vi faccio osservare che
questi non sono affari che vi riguardano, e poi non c bisogno di vedere la ragazza, lho
vista io, la conosco io e basta, troppo onore per lui.
GENNARO: Oh! Lonore nostro.
LUIGI: Va bene. (Primma e perdere Emilia me faccio d na curtellata nganna.)
GENNARO: Noi abbiamo stabilito in questo modo. Dimane partite cu nuje, venite a casa, e
se luno e laltro si simpatizzano subito si combina il matrimonio.
SAVERIO: Perfettamente.
GENNARO: La coppia a me mi pare che non potrebbe essere pi bella. Tutte duje
giovene, tutte e duje aggraziate, tutte due ricchi.
FELICE: (E staje frisco).
GENNARO: Io quellunica figlia tengo, e lle do 200 mila ducate di dote, alla mia morte poi
avr il resto.
SAVERIO: Cento anni di salute.
GENNARO: D. Peppeniello deve tenere presso a poco lo stesso?
FELICE: Pi, pi, voi scherzate.
GENNARO: Il padre, felice memoria tre anni fa mi diceva che laveva fatto una discreta
fortuna.
FELICE: Diceva lui discreta per non far sapere i fatti suoi, ma D. Peppeniello sta bene, ci
57

sono solamente cinque palazzi di casa.


GENNARO: Cinque, io sapeva sei.
FELICE: S, erano sei ma uno p ne cadde con lultimo terremoto.
GENNARO: Ci fu il terremoto qua?
FELICE: E come non lo sapete, qua ci fu un terremoto terribile, caddero pi di 150 palazzi,
poi tiene masserie, mutui. Saccio io comme stanno cumbinati chilli lla.
GENNARO: Va, va bene, non voglio sapere niente pi.
SCENA SESTA
Temistocle e detti.
TEMISTOCLE: permesso? Disturbo?
SAVERIO: Oh! Venite, venite anche voi, ho lonore di presentarvi il signor Temistocle
Falsetti maestro di musica.
TEMISTOCLE: Fortunatissimo.
CARMELA e GENNARO: Tanto piacere. (Alzandosi.)
TEMISTOCLE: Prego, stiano comodi.
SAVERIO: Fa lezione a Peppeniello di canto e piano.
CARMELA: Bravissimo.
SAVERIO Lamico mio: Gennaro Pasiello, sua moglie Carmela, il signor Cricco anche
maestro di musica.
TEMISTOCLE: Oh! Collega. (Strette di mano.)
FELICE: Ed io pure sono maestro di violino.
CARMELA: Siamo dunque in piena armonia musicale. Voi non potete credere io che
strasporto tengo io per la musica.
SAVERIO: Gennaro, a Napoli, nella sua villa al Vomero tiene un teatro che gli cost 12
mila lire in decorazioni, che dorature, che bellezza.
GENNARO: Ogni due o tre mesi, rappresentiamo delle opere musicali fra di noi tutti
parenti. Lanno scorso abbiamo fatto la Traviata.
CARMELA: Abbiamo fatto la Traviata, alcuni pezzi del Fallst.
FELICE: E chi lo tocca.
GENNARO: M lo maestro s miso ncapo e farce f a Bohme ma a me mi pare na cosa
difficile.
LUIGI: Ma che difficile, molti pezzi sono gi imparati.
CARMELA: Si sapisseve lammuina nce sta a casa, per ordinare vestiario, attrezzi, scene,
non si dorme la notte. (Ridendo.)
FELICE: E voi signora che parte ci farete?
CARMELA: Io sono ancora in dubbio, non so se faccio Musetta o Mim.
FELICE: Meglio Mim perch la figura si presta.
CARMELA: Noi teniamo un palco gi segnato a S. Carlo per la primiera.
FELICE: A S. Carlo si gioca la primiera?
CARMELA: No, voi che dite, la primiera della Bohme.
SAVERIO: Basta, penzammo m a lo cchi necessario. (Chiama:) Totonno!
SCENA SETTIMA

58

Totonno e detti, Carolina, indi Nicolino.


TOTONNO (con lume): Comandate?
SAVERIO: Apparecchiate che ci siamo.
TOTONNO: Subito. (Depone il lume e via.)
SAVERIO: Genn, venite a ved la cammera che vaggio preparata pe stanotte. Il maestro
si mette nella stanzetta appresso. (Salzano. Saverio prende il lume.)
GENNARO: Ma senza cerimonia, una notte passa presto!
SAVERIO: Ma che, voi meritate tutto. Prego. (Offre il braccio a Carmela.)
CARMELA: Grazie. Con permesso?
FELICE: Faccia pure. (Viano a destra Luigi, Carmela, Saverio, Gennaro, Temistocle.)
PEPPENIELLO: Niente D. Fel io nun me la sposo.
FELICE: Ma caro Peppeniello, rifletti.
PEPPENIELLO: Non c che riflettere. (Via.)
FELICE: Eh! Non c che dire, il cuore non si comanda. Io per esempio nun maggio
pututo lev da nanze a lluocchie Ninetta, la tengo sempe presente. Chi sa se mama
ancor.
CAROLINA (con secchietto di latte): D. Fel?
FELICE: Carolina? Ch stato neh?
CAROLINA: Ajutateme me sento da ven na cosa... (Vacilla.)
FELICE: Assettete... ch succiesso... uh! mamma mia chella pare ca m more... aspetta
Carul... nu poco dacqua... ah!... (vedendo il vino) vive nu poco de vino!
CAROLINA (ha messo il secchio a terra): No, nun ne voglio, grazie.
FELICE: Vive, che te f bene.
CAROLINA: Nu poco poco. (Beve.)
FELICE: Te siente meglio?
CAROLINA: S, meglio, grazie.
FELICE: Ch stato, se p sap?
CAROLINA: Mentre steve jenno a pigli miezu litro de latte, che mera stato ordinato, m
venuto ncapo e passa nu mumento da cc pe ved a buje. Arrivata miezo a li grade.
Arrivata miezo a li grade m venuto nu triemmolo e naffanno accuss forte che me so
ntisa de mur.
FELICE: Ma forse tha visto frateto?
CAROLINA: No...
FELICE: E pecch stu triemmolo?
CAROLINA: E che nne saccio, me so ntisa proprio de sent manc.
FELICE: Ma se capisce, la paura dessere sorpresa... tu p staje ancora malata. (Carolina
tossisce.) Tiene ancora nu poco de tosse. Siente a me, retirete, famme stu piacere.
CAROLINA: S, me ne vaco, vaggio visto e so cuntenta. Frateme have voglia de f, have
voglia de dicere, maccedesse pure ma io nun pozzo st senza vederve.
FELICE: Povera guagliona... ma dunque veramente me vu bene?
CAROLINA: Oh! Assaje crediteme, assaje!
FELICE: E io pure, ma stammoce attiente che nun me vularria ncuit cu chillu assassino de
fratete.
CAROLINA: S, avite ragione. Stateve bene.
FELICE: Aspetta taccumpagno fino a fore a la scala. (Prende il lume.)
CAROLINA: Nce vedimmo dimane. Penzate a me.
59

FELICE: Sempe sempe.


CAROLINA: Bona sera. (Via poi torna.)
FELICE (via ed esce subito col lume spento): Lo viento mha stutato la cannela, io nun
tengo fiammiferi. (La scena oscura.)
CAROLINA (ritorna): D. Fel, me so scurdato a secchietiella de lo latte; datemella.
FELICE: E add st?
CAROLINA: Nun saccio, me pare ncoppa a lo tavolino. (Cammina a stenti.) Pecch avite
stutato lo lume?
FELICE: Nun so stato io, stato lo viento.
CAROLINA: Vedite che cumbinazione.
FELICE (che ha toccato sul tavolo): Ncoppa a lo tavolino nun ce sta niente.
CAROLINA: Allora starr nterra?
FELICE: Vedimmo nterra. (Tutti e due singinocchiano e cercano.) Ma tu pare che s
venuta senza sicchietella.
CAROLINA: Nonzignore, la teneva, la teneva.
FELICE: E add st?
CAROLINA: Lavite truvate?
FELICE: No, non ancora. (Trova il secchio, se lo infila al braccio fngendo di cercare
ancora, lafferra la mano.) Che bella manella (la bacia), che morbidezza, come stai
fredda e pecch?
CAROLINA: Io sto sempe accussi.
FELICE: M te la scarfo io, te la scarfio. (d.d. si sentono accordi di violino.)
VOCI (d.d.): Felici, nuje stamme cc.
CAROLINA: Chi ?
FELICE: No niente, so amici miei, me venene a pigli pe ggh a na festa. (Alla finestra:)
Signori miei, abbiateve che m vengo.
VOCI (d.d.): E pecch nun scinne m?
FELICE: Pecch sto occupato, nce vedimmo a lo caf de lAllegria.
VOCI (come sopra): Va bene, avimmo capito.
Allegria allegria allegria
D. Felice si trova in compagnia. (Violini d.d.)
FELICE: Carul, add staje, tiene chesta la secchietella, vattenne.
CAROLINA: Ve vularria dicere na cosa. (Violini, la frase finale del primo atto della
Bohme, in fondo comparisce Nicola e si nasconde.)
FELICE: Che cosa? Parla!
CAROLINA: Purtateme pure a m sta festa.
FELICE: Veramente?
CAROLINA: Veramente, a chello che ne vene vene!
FELICE: Quanto s aggraziata, e ghiammoncenne, ghiammoncenne. (Per andare
abbracciati. Nicola accende un fiammifero.)
CAROLINA (vedendolo): Ah! (Scappa.)
NICOLA: Viene, viene... jammo a la festa. (Detto con grazia e rabbia repressa. Felice si
spaventa e mentre trema...)
(Cala la tela.)

60

Fine dellatto primo

ATTO SECONDO
La scena rappresenta il prospetto della porta della platea del teatro S. Carlo. I tre archi
con le scalinate, i tre rispettivi lampadari. Manifesti alle mura. Il caff a destra e il
guardaroba a sinistra, altre due porte a destra e a sinistra che danno alla strada. sera,
allalzarsi del sipario si finge che termina il terzo atto della Bohme. Applausi prolungati
e voci di bis, questo si ripete due volte.
SCENA PRIMA
Errico e Barone, poi Temistocle e Luigi e venti comparse, indi Gennaro, Carmela, Emilia e
una guardia.
ERRICO (dalla porta): Che ne dite Barone?
BARONE: Ma che ne debbo dire, una musica indovinatissima: lecselsior delle
musiche!
ERRICO: C tutto, c tutto! (Escono dalla platea Temistocle e Luigi
contemporaneamente, venti comparse vestite bene e fanno scene dentusiasmo: chi esce
per la porta di destra, chi per la sinistra, altri vanno nel corridoio dei palchi, altri
restano in scena parlando fra loro.)
TEMISTOCLE: Che magnificenza, che sublimit!
LUIGI: Che strumentazione, che armonia!
TEMISTOCLE: Che genio, che ingegno, come fatto bene il quartetto finale.
LUIGI: di una finezza straordinaria. (Gennaro d.d. tossisce forte, indi esce con Carmela e
Emilia: una guardia.)
GENNARO: Mannaggia allarma de la tosse! Pare ca lo facesse apposta.
GUARDIA: Signore scusate, trattenetevi un momento qua a tossire. Avete visto cosa
successo mentre si faceva il finale del terzo atto, tutto il pubblico guardava nel vostro
palco.
EMILIA: Oh! ma questa bella, si pap tene a tosse cadda f?
GENNARO: Ma come al S. Carlo non si pu tossire?
GUARDIA: Si pu tossire, ma non gi quello che avete fatto voi.
CARMELA: Avete ragione, ma adesso si calmato.
GUARDIA: Vi raccomando. (Passeggia.)
LUIGI: Noi labbiamo detto, vi venuto quel colpo di tosse proprio in un brutto momento.
TEMISTOCLE: Quando nella sala cera un silenzio profondo.
GENNARO: Sapete ch stato? Quella scena della neve era cos naturale che mha fatto
ven nu friddo dinto a llosse, e pensando che se puteva aument lo catarro m venuta la
tosse.
ERRICO (saluti): Caro D. Gennaro, signora, signorina, maestro.
GENNARO: Bravo, voi pure state qua?
ERRICO: Si capisce.
CARMELA: Domani alluna non mancate perch c prova dazione.
61

ERRICO: Ah! Non dubitate non mancher. E cos questa sera la Bohme ha fatto pi
chiasso dellandata in scena.
CARMELA: Ma che musica, che musica. Quella prima donna tiene na voce proprio
atmosferica.
GENNARO: Il tenore stasera ha ricamato.
TEMISTOCLE: Ha superato se stesso.
CARMELA: Come smorza, come smorza, jammo, jammo dinto a lo palco, m
sincomincia lultimo atto, il pi bello, il pi commovente, dicono che fa fare il cuore
quanto un chiappariello. (Ridono.)
EMILIA: Mamma.
GENNARO: Cammina, cammina, mannaggia larma de mammeta. (Via con Carmela e
Emilia. Tossisce. Prima dandare via si ferma.)
GUARDIA: Mio sign emb m accumminciate nata vota da capo...
GENNARO: Vuje che vulite da me, dateme na caramella. (Via.)
GUARDIA: E che faccio lo speziale?
BARONE: Ma quella signora che pazza?
ERRICO: No, dice quacche sproposito.
BARONE: Qualche sproposito? Chella dice delle cose che io non le ho intese ancora.
SCENA SECONDA
Achille, Cameriere e detti.
ACHILLE (viso pallidissimo, gracile, portato a braccetto dal cameriere): Piano, piano,
abbi pazienza, perch mi sento molto male, difficilmente potr resistere.
ERRICO: Mamma mia, nu muorto!...
ACHILLE: Signori, scusatemi, di grazia, c tempo per incominciare il quarto atto?
TEMISTOCLE: Pochi minuti.
ACHILLE: Ah! Bravo, grazie. Ho 39 gradi di febbre, ma ho letto nel giornale che il
maestro Puccini domani parte e questa sera dirige per lultima volta, perci sono corso
senza badare a nulla.
BARONE: Ma voi vi rovinate, con una febbre cos alta non si esce.
ACHILLE: Lo so, lo so, posso pure morire e che f? Basta che sento unaltra volta lultima
atto sono contento. Quante chiamate sono state questa sera?
TEMISTOCLE: Fino adesso 23.
ACHILLE: E bravo! Onore al merito! Viva Puccini! Viva Puccini! Permettete, vado nella
mia poltrona. (Via.)
ERRICO: Buon divertimento!
BARONE: Oh! Che bellu tipo! (Ridono.)
TEMISTOCLE: Questo significa essere grande maestro, far commuovere i moribondi... i
morti?
BARONE: Io p devo dirvi la verit D. Err; sono ritornato questa sera a S. Carlo per due
ragioni principali, prima perch lopera mi piace e la sentirei sempre, e poi per vedere una
giovane fioriaia che proprio na simpaticona.
ERRICO: Ah! E dove sta?
BARONE: Non so, verso le 9 lho vista un momento nella folla e poi scomparsa, ma che
occhi, che grazia, laltra sera non sapevo pi che dirle pe farla ven a cena con me, fu
62

impossibile. Ho saputo per che si chiama Ninetta e abita nellistesso palazzo del
soprano, quella che f la parte di Musetta, e mi hanno detto che va spesso in casa sua.
ERRICO: E perch?
BARONE: E chi lo sa, io se stasera non la vedo domani mi presento sotto a lo palazzo e
aspetto che scende.
ERRICO: Benissimo!
BARONE: D. Err, scusate, andiamo a vedere se la possiamo trovare.
ERRICO: Con piacere.
BARONE: Andiamo. (Viano.)
TEMISTOCLE: Ma che avete stasera? Eh! Capisco, per noi altri maestri, questi applausi;
questi onori, da una parte ci fanno piacere, perch ammiriamo lingegno, ma dallaltra p
nce fanno st nu poco nguttuse, ma non c che fare.
LUIGI: Amico mio si sapisseve che nce st dinto a stu core... altro che applausi, altro che
onori! (Campanello elettrico, molti signori entrano chi in palco in poltrona.) Incomincia
lultimo atto, jatevello a sent.
TEMISTOCLE: E voi?
LUIGI: Io resto cc.
TEMISTOCLE: E resto pure io, vi pare, ma ch stato, v successo qualcosa?
LUIGI: Maestro, voglio mettervi a parte dun segreto, ma vi prego...
TEMISTOCLE: Oh! V pare.
LUIGI: Dovete sapere che io amo immensamente la figlia di D. Gennaro, quella che deve
sposare il nipote di D. Saverio!
TEMISTOCLE: Il mio allievo?
LUIGI: Perfettamente. Siccome io le faccio lezione di piano accumminciajeme co la
parulella, co la pazziella, e p nce simme nfucate talmente che impossibile e ce lass. La
mamma e lo pate nun sanno niente. Quanto tutto nzieme chillu cancaro e D. Saverio vene
a Napule, parla cu D. Gennaro e me cumbina chistu sorte e piattino.
TEMISTOCLE: Ma voi perch non la chiedeste al padre prima che ci avesse parlato D.
Saverio?
LUIGI: Perch ero certo dav na negatura. Ve pare, chelle so tanto ricchi, teneno
chellunica figlia, ma la deveno a me, nu misero maestro de musica, che campa cu 7 o 8
lezioni che tengo. Vi assicuro amico mio che pe sta cosa io non cammino pi, non dormo
pi.
TEMISTOCLE: Non vi perdete di coraggio, io se posso aiutarvi lo far con tutto il cuore.
LUIGI: Sentite, Maestro, vuje dimane venite cu me a casa de D. Gennaro, diremo che
volete fare da maestro concertatore, e con questa scusa cercheremo di trovare un mezzo
per scombinare questo matrimonio.
TEMISTOCLE: Io far del tutto purch ci riusciremo.
LUIGI: Oh! Grazie, grazie, amicone mio!
TEMISTOCLE: Jammo a sent stultimo atto, non ci perdiamo il finale che un
capolavoro.
LUIGI: Andiamo. (Via per la platea.)
SCENA TERZA
Felice poi Ninetta, indi guardia.

63

FELICE (dal corridoio dei palchi a destra con cappello a cilindro, scemies con bavero
alzato e grosso binocolo): Mannaggia larma de la sesta fila, io nun me fido cchi de
scennere, me fanno male dinto a li gamme. Ma ne so ghiuto la verit, ll dinto nce sta na
folla ca se more affucato. Sto penzanno che paura me jette a mettere chella sera, lo frate
de Carulina, chillu birbante me dicette: O me prumiette che te spuse a sorema o si no
taccido. Va bene, me la sposo: la matina appriesso cu lo primmo treno me ne scappaje a
Napule. Mannaggia larema de la mamma, e chi nce torna cchi a Nocera.
NINETTA (dalla s.a con panierino di fiori): Aggio fatto sta bella serata. A gente penza a la
Bohme, penza a Puccini e a me nun me guarda manco nfaccia. Doppo tanta
raccomandazioni aggio avuto lo permesso de st cca, e che laggio avuto a f stu
permesso. Nisciuno me d retta. S stata a lo Sannazzaro, peggio! impossibile, a fioraia
nun se p f cchi. Te siente dicere: quanto sei carina, quanto sei simpatica e te mettene li
solde mmano. Tra le altre cose vonno f pure credenza, nce stanno tre giuvinotte che
mhanna pag 45 buch. Solamente nu signore, nu barone me d 10 lire a la vota e stasera
miezo a la folla laggio sperduto. E chi che fa la spia dinto a la porta de lo teatro?
(Ride.)
GUARDIA (a Felice che fa la spia): Signore, l non si pu stare.
FELICE: E perch?
GUARDIA: Perch proibito. Se tenete il biglietto entrate, se no andate via.
FELICE: Sa, io appartengo alla clac, entro al finale. (La guardia saluta, via.)
NINETTA (ride): Ah! ah! ah!
FELICE: Nin, mannaggia allanema de mammeta.
NINETTA: E pateto e tutta la razza toja.
FELICE: Add staje de casa, nun taggio pututo truv?
NINETTA: E pecch me s ghiuta truvanno?
FELICE: Comme pecch... e che d te si scurdata ca facimmo ammore?
NINETTA: Facimmo? Faceveme tiempo passato.
FELICE: No, io pe me non mi sono mai cambiato. Partette per vedere se potevo fare
fortuna ma ho pensato sempre a te.
NINETTA: Veramente? Uh! guardate la combinazione, tutto lo cuntrario de me. Appena
partiste me mettette a f ammore cu nu Tenente, nu scic giovene, che nun ce have che f
cu tte!
FELICE: E me lo dice nfaccia?
NINETTA: P, siccome avetta part pur isso, nce simme scritte fino a duje mise fa, p nce
simme seccate e fernuto tutte cose.
FELICE: Brava! Vuol dire che tu non tieni cuore.
NINETTA: Comme nun tengo core, e senza core comme camparria?
FELICE: Voglio dire che non senti amore per nessuno, che sei unanima gelata.
NINETTA: Ma se capisce mio caro, e che vulive che pigliavo na malatia pe tte, o pe llate,
io so giovene e me voglio spass.
FELICE: Ma allora tu sei una donna leggera?
NINETTA: Nun tanto s!
FELICE: Sei una Musetta qualunque.
NINETTA: Chi sta Musetta?
FELICE: il soprano della Bohme.
NINETTA: Ah! La parte che fa la signurina mia?
FELICE: A signurina toja?
64

NINETTA: Gi, la cantante che sta scritturata cc, me v nu bene pazzo, io ogne ghiuorno
lle porto i fiori, e essa pe forza v ca le canto a pianoforte le canzoni napulitane: me dice
sempre: studia Ninetta, studia la musica, che farai fortuna e tanto cha fatto mha mparato
a mente lo valzer che canta essa a lo secondo atto, quanto me piace. E tu dice che io so
Musetta? Che piacere!
FELICE: Nin nun pazzi. Io m faccio seriamente, m nun te lasso cchi.
NINETTA: Amico, tu a me nun me mbruoglie cchi! Attaccammo a curto, tu che vu f?
FELICE: Voglio f seriamente: te voglio spus!
NINETTA: E nun me cunviene pecch a signorina mia mi ha detto: Ninetta, non ti
maritare, sai, divertiti ancora, quando poi terrai 35 o 36 anni allora se ne parla.
FELICE: Allora cavimma f?
NINETTA: Facimmo ammore, spassammoce e p se ne parla.
FELICE: Va bene comme vu tu. (Ah! Carolina, tu sola mi amavi).
SCENA QUARTA
Tommaso e detti.
TOMMASO (in stiffelinis stretto e cilindro): Scusate, perdonate, pe dd se trase pe ved
lopera?
FELICE: (Uh! quanto bello chisto). Ma in platea, in poltrona, in palco, dove?
TOMMASO: E chi lo ssape, vedite vuje. (Mostra il biglietto.)
FELICE: Quanto un biglietto dingresso, da quella parte, in platea, dovete stare in piedi.
TOMMASO: Allimpiedi! Voi scherzate, e io moro?
FELICE: E che vulite da me? Questo avete speso, tre lire?
TOMMASO: No, nun aggio pavato niente. Siccomme io tengo la puteca de castagnaro
dinto a la pignasecca stammatina nu curisto del S. Carlo mha regalato stu biglietto e io pe
me lev lobbligazione nce aggio mannato a casa 4 mesure e fasule.
FELICE: Hai fatto male amico mio, chillo la curista che manna li fasule.
TOMMASO: Pecch?
FELICE: Comme pecch, chillo adda cant, deve pigliare gli acuti.
TOMMASO: E io che ne saccio.
FELICE: Ma vuje site venuto a sent lopera? Lavite fatta nu poco tardi.
TOMMASO: Eh! Lo saccio, ma caggia f, chella muglierema, nun me vuleva f ven,
chella gelosa assaje, vularria ven sempe cu mico, ma latro biglietto chi me lo reva?
FELICE: E gi.
TOMMASO: Oh! m diciteme na cosa, giacch site tanto buono, scusate, che d
chestopera, a Bulena, a Balona, che significa? Sapite pecch lo voglio sap, pecch si
nopera scandalosa io me ne vaco, la verit pecch... io ajere me cunfessaje.
FELICE: No, la potete sentire che non c niente di male.
NINETTA: Quanti applausi, quante sbattute de mane, che bella cosa. Ma tu che faje cu stu
binocolo mmano?
FELICE: Io steva a sesta fila, me lha prestato lo palchettaio che amico mio.
SCENA QUINTA
Barone, Errico e detti.
65

BARONE: Eccola qua.


ERRICO: Finalmente.
NINETTA: (Uh! Lo barone, chisto uno che me vene sempe appriesso, si saccosta d che
me s frate).
BARONE: Buona sera Ninetta.
NINETTA: Oh! Signor Barone! (Stateve zitto, questo mio fratello.)
BARONE: Tanto piacere.
FELICE: Mia sorella. (Presentando Ninetta.)
BARONE: La quale ho inteso dire che vorrebbe vedere questo finale dal palco. Cosa
facilissima. Quarta fila n. 12 appartiene a me, se volete onorarmi.
NINETTA: Oh! con piacere.
FELICE: Ma un momento... mi pare...
NINETTA: Jammo, jammo nun perdimmo tiempo.
BARONE: Vi facciamo strada. (Via con Errico pel corridoio a destra.)
NINETTA: Cammina. (Via appresso.)
FELICE: Eh! Ma io lo frate laggia f o no? (Via appresso.)
SCENA SESTA
Saverio e Peppeniello.
SAVERIO (dalla platea segue Peppeniello): Viene cc Peppeni nun f lo pazzo.
PEPPENIELLO: Ma qu pazzo e pazzo, io non me ne fido cchi, io sto schiattanno
ncuorpo. Comme, io me laggia spusa e chella me tratta de chesta manera. Na serata sana
senza guardarme manco nu poco, proprio comme se io nun ce fosse stato.
SAVERIO: Forse in teatro nun ha voluto f ved, lo pubblico se naddunava, capisce.
PEPPENIELLO: Ah! Pe me se naddunava e pe lo maestro no? Hanno fatto chillu
sentimento tutte duje, e nuje teneveme a cannela.
SAVERIO: Ma tu ti sei ingannato.
PEPPENIELLO: No, nun me so ngannato, zi zi nun a scumbinate tutte cose.
SAVERIO: Scombino tutte cose? E che me vu f appiccec cu Gennaro?
PEPPENIELLO: E che me ne mporta a me, io nun mha sposo e nun mha sposo.
SAVERIO: Nun allucc ca nuje stammo al San Carlo; che te cride che staje a Nocera?
SCENA SETTIMA
Carmela, Emilia, Gennaro poi Temistocle, Luigi e detti, poi Tommaso, poi Felice, Guardia
e detti.
EMILIA: Mamm, mamm, nun me f mettere paura.
GENNARO: Carm pe carit.
CARMELA: Non ne posso pi, mi sento morire! Voglio piangere, fatemi piangere.
SAVERIO: Sign ch stato? (Esce Luigi, Temistocle dalla platea.)
LUIGI: Signora, perch siete uscita dal palco? Vi sentite male?
TEMISTOCLE: Vi gira la testa?
CARMELA: Abbiate pazienza, una cosa che tocca, io tengo nu nuozzolo nganne e si nun
66

sfogo me vene na cosa. (Piange.)


TEMISTOCLE: Avete ragione, io pure mi sono commosso.
EMILIA: E tanti altri signori pure stanno chiagnenno dinto a li palche. Io nun capisco che
lavimmo fatto a stu Puccini pe nce affliggere a chesta manera. (Si asciuga gli occhi.)
CARMELA Morta de friddo, cu chella tosse, ncoppa na suffitta, chesta nfamit. (Piange.
Gennaro tossisce forte di destra, applausi fragorosi e si sentono le ultime note della
Bohme; contemporaneamente grida dalla platea.)
TOMMASO (d.d. gridando): Manno sciaccato, ajutateme!
VOCI (d.d.): Fuori... fuori, alla porta (fischi), alla porta!
EMILIA: Pap jammoncenne.
FELICE (esce dal corridoio): M scappato lo binocolo da mano e ll ghiuto ncapo a nu
signore dinto a la platea.
VOCI: (d.d.): Fuori, alla porta.
TOMMASO (esce con la testa insanguinata): Aiutateme, aiutateme, mhanno menato nu
binocolo ncapo.
GUARDIA (che uscito prima): E chi stato?
TOMMASO: E che ne saccio. (Grandi applausi d.d., dalla platea esce Achille svenuto fra
le braccia di due signori. Tutte le comparse li seguono.)
FELICE: Viva il maestro Puccini.
TUTTI: Viva Puccini. (Nella grande confusione.)
(Cala la tela.)
Fine dellatto secondo

ATTO TERZO
Ricco salotto in casa di Gennaro. Due porte in fondo, a destra la comune, a sinistra il
giardino, porte laterali. In fondo, tra le due porte un pianoforte con molte carte di
musica. Sedie ecc. ecc. Due tavolini. Ia a da finestra. Consola in fondo con orologio.
SCENA PRIMA
Emilia e Luigi.
EMILIA (sta vicino al pianoforte leggendo una carta di musica. Luigi entra dalla destra):
Gu Lu, e accuss che me dice?
LUIGI: E che taggia dicere Emilia mia, ogne ghiurnata, ogne sera che passa, cchi perdo
la speranza e cchi me cunvingo caggia essere nfelice tutta a vita mia.
EMILIA: E comme se fa, come se fa?
LUIGI: D. Temistocle partito stammatina pe Nocera cu lo primmo treno, e mha ditto:
Stateve co lo penziero cujeto, pecch aggio fatto na penzata, tengo nu mezzo pe f
scumbin tutte cose.
EMILIA: E che mezzo?
LUIGI: E che ne saccio, nun mha vuluto dicere niente. Me aveva prommiso che appena
67

arrivava me faceva nu telegramma, ma intanto m tarde e nun se vede niente ancora.


SCENA SECONDA
Felice e detti.
FELICE (d.d.): Va bene non dubitate, i biglietti stanno tutti a posto.
LUIGI: Uh! Veneno gente.
EMILIA: Uh! Veneno gente. (Viano.)
FELICE: Chella birbante de Ninetta, ha ditto m vengo, e nun venuta cchi, ma quanno
vene, le parler chiaro, a me accuss nun me cunviene e f ammore, o dinto o fore,
ajeressera per esempio saccio io la collera che me pigliaje, doppo lo teatro se mettette
sotto a lo vraccio de chillo, lo quale pe forza nce vulette purt a cena a lo Gambrinus. Io
non voleva accettare, ma poi siccome tenevo appetito dovetti subire.
SCENA TERZA
Peppeniello e detto.
PEPPENIELLO (esce dalla destra, guarda Felice e fa la faccia di pianto, col fazzoletto in
mano).
FELICE: Tu me chiude la vocca de lo stommaco.
PEPPENIELLO: D. Fel, aggio penzato, m maccatto nu soldo de fiammiferi, piglio le
capuzzelle, le squaglio dinta llacqua p me le bevo e moro.
FELICE: E nun ce arrive cu nu soldo, nce ne vonno almeno 6 solde, pecch m ogne
paccotte nce ne stanno appena na decina. Ma ch stato?
PEPPENIELLO: stato che nun me pozzo f capace, penzo sempe a Teresina mia.
FELICE: Hai ragione, io ti posso compatire, quelle donne di campagna tengono cuore
veramente.
PEPPENIELLO: E caggia f?
FELICE: E che te pozzo dicere caro Peppeniello, a te si tratta di cambiare posizione.
PEPPENIELLO: E io nun la voglio cagn sta posizione; aggia d cunto a voi?
FELICE: A me? E che me ne preme?
PEPPENIELLO: E si me nfoco, ve piglio a mazzate s?
FELICE: E io si me ne vaco e capo te chiavo belli cauce s?
PEPPENIELLO: Zi zio add sta?
FELICE: Sta a chella parte.
PEPPENIELLO: Puzzate scul. (Via a sinistra.)
FELICE: Tu e isso! Vuje vedite chillo che v da me.
SCENA QUARTA
Errico, Barone e detto.
ERRICO: Favorite, favorite, barone, da questa parte.
BARONE: Grazie.
ERRICO: M ve presento io alla famiglia, e con la scusa che volete far parte della
68

compagnia, state qua, e cos potete vedere sempre la vostra cara Ninetta.
FELICE: Signori.
BARONE: (D. Err, il fratello).
ERRICO: (Nun ve nincarricate). Buongiorno.
BARONE: Carissimo amico.
ERRICO: E la sorella, scusi, dov?
FELICE: Perdoni, perch lo vuol sapere?
ERRICO: No, cos... ho domandato.
FELICE: Ah! andata a fare una visita, verr pi tarde.
BARONE: Bravo.
FELICE: Voi forse siete invitati?
ERRICO: No io sono amico intimo di famiglia, appartengo alla compagnia e son venuto a
presentare anche il Barone qui il quale tiene una bellissima voce di basso. Giusto giusto a
noi nella Bohme ci mancava Alcindoro, lo potr far lui.
FELICE: Ah! Sicuro.
ERRICO: Intanto luna, e non si vede nessuno ancora!
BARONE: Ma c prova oggi?
ERRICO: Sicuro, prova a pianoforte di alcuni pezzi e prova di azione. Stasera poi alle 8
prova generale sul palcoscenico vestiti.
BARONE: Pure con lorchestra?
ERRICO: Tutto tutto, non deve mancare nulla. Andiamo da D. Gennaro.
BARONE: Sono con voi. Permettete? (Via con Errico a sinistra.)
FELICE: Faccia pure... E la signorina Ninetta non torna... brava, va trova add ghiuta.
SCENA QUINTA
Carmela, Emilia e detto.
CARMELA (dal giardino Emilia la segue): Ma figlia mia persuaditi, quello che tu dici non
si pu fare, una incandescenza.
FELICE: Signora.
CARMELA: Oh! Carissimo segretario!
FELICE: Signorina. Che c, state di cattivo umore?
EMILIA: Un poco veramente!
CARMELA: Sta sempre cos, e non si pu percepire la ragione. Non le facciamo mancare
nulla, ogni suo desiderio le viene subito somministrato, non sappiamo perch cos
vilipesa.
FELICE: (Siente che lesce da la vocca a chesta).
CARMELA: M, per esempio che si messa in testa. Siccome lei nella Bohme fa la parte
di Mim, il quarto atto non lo vuoi fare.
FELICE: Uh! E perch?
CARMELA: Perch dice che deve morire e le sembra un cattivo augurio.
FELICE: E che centra quello si finge.
EMILIA: No, no, non ce pensate, io lo quarto atto non io faccio, io stanotte doppo
limpressione cavette ajeressera al S. Carlo, maggio sunnate muorte, cunfrate,
camposanto.
FELICE: Oh! Guardate. (Ridendo.)
69

CARMELA: Intanto stiamo pensando di far venire una cantante e farle fare lultimo atto.
Ma difficile, chi volete che ci viene?
FELICE: Ma scusate signora, non diceste che Mim la facevate voi?
CARMELA: S, io la dovevo fare, ma quando andai a provare a pianoforte, vidi che era
troppo alta per me, a stento arrivai a lo f.
FELICE: Ah! Perci. E stato un peccato, perch una Mim come voi difficilmente si trova.
CARMELA: Ah! Come arte s, perch sento molto.
FELICE: E le altre parti chi le f, scusate?
CARMELA: E non lo sapete? Qua sta tutto segnato! (Prende una carta.) Rodolfo poeta
lo fa D. Saverio.
FELICE: D. Saverio?
CARMELA Gi. Eh! Lo so, la figura non si presta, ma tiene una bella voce per. (Legge:)
Scionard musicista un giovane dilettante, un certo D. Errico Panetti, bravino. (Legge:)
Colliue filosofo si offerto il maestro di D. Peppeniello, D. Temistocle. (Legge:)
Musetta vostra sorella, la quale ha detto che se lha passata molte volte a pianoforte.
(Legge:) Parpignol lo f mio marito e il resto poi, altri amici.
FELICE: Bravo. (V che hanna cumbin chiste stasera.) E vostro marito fa Parpignol? E si
lle vene la tosse?
CARMELA: Non credo, che diavolo, e poi tiene poche poche battute: al secondo atto
passa, venne le pazzielle e se ne va.
SCENA SESTA
Ninetta e detti.
NINETTA: Signori buongiorno. Oh! Caro fratello!
CARMELA: (Chesta m nu poco antipatica). Accomodatevi. (Seggono.)
FELICE: Cara sorella siete venuta finalmente?
NINETTA: Pecch aggio tricato assaje? Appena appena 2 ore. Mavita scus, stata na
cumbinazione, stammatina so ghiuta a truv comme a lo solito a na signorina che lle
porto sempe e fiori, na cantante del S. Carlo la quale quanno me have dinto e mmane
nun me lassa cchi, ha nce stevene cierti giurnalisti che mhanno vuluto sent cant, p la
signurina mha purtato ncarrozza. Lo bello stato pe Tuleto, tutte quante me guardavene
meravigliate.
FELICE: Tu ridi cara sorella, ma io credo che tu non hai fatto bene.
CARMELA: Una giovine sola in una carrozza non sta bene.
NINETTA: E pecch che nce sta de male? Eh! Cara signora, si vulesseve penz a tanta cose
allora uno murarria. Io me so cunzulata, mhaggio fatto na cammenata ca teneva nganno
da tantu tiempo, la vita accuss sadda pass: pazzianno e redenno, quanno na femmena se
fa vecchia che se ne fa cchi?
CARMELA: Io vaco a ved si lo parrucchiere venuto (che chiacchiarona scustumata).
(Via fondo.)
FELICE: Sorella, venite vi devo dire certe cose in quella camera!
NINETTA: A me?
FELICE: S s a voi vi prego. (Via destra.)
NINETTA (ride): (Chillo che v). E vuje signur cavite, state sempe cu tanto nu musso?
Allegria, site piccerella, site bella, tenite li denare, che ato vulite? (Via a destra.)
70

EMILIA: Haje ragione, si sapisse...


SCENA SETTIMA
Luigi e detta.
LUIGI: Em, Em, te so venuta a dicere na cosa che certo te fa piacere.
EMILIA: Che cosa?
LUIGI: Patete s accorto che D. Peppeniello steve dinto a nangolo de muro chiagnenno e
ha ditto nfccia a D. Saverio: ma che have chillu guaglione, pecch nce affligge sempe,
me pare proprio nu malaurio. Si seguita accuss, caro Saverio, io a figliema nun ce la
dongo certo.
EMILIA: Veramente?
LUIGI: E quanno pateto ha ditto chesti parole, io aggio guardato nfaccia a D. Peppeniello e
aggio visto ca isso a fatto la faccia allegra.
EMILIA: Veramente? E pecch?
LUIGI: Pecch io credo ca lo guaglione ave piacere che se scumbina tutte cose.
SCENA OTTAVA
Ninetta, Felice e detti.
NINETTA: Uh! Tu nun mhaje secc. Voglio f chello che voglio io, a me me piace a
libert. Si nun te cunviene statte buono, io me ne vaco e felicenotte.
FELICE: Benissimo. Perch sotto il mio cappello non ci devono stare certe cose.
Vana, frivola civetta
Il tuo nome di Ninetta
Senza cuor, n dignit
Si traduce infedelt.
LUIGI: Neh! Aspettate segret, questa non v sorella.
FELICE: Ma che sorella, ho detto cos credendo di poterla riabilitare ma vedo bene che
impossibile.
NINETTA: E gi chillo p era stu signore, un misero sunatore de violino.
LUIGI (scuse): Emilia mia tutte sti mbroglie a nuje nce fanno bene. (La bacia.)
EMILIA: Caro Luigi!
LUIGI: Quanto te voglio bene!
EMILIA: E io pure Luigi caro!
NINETTA: Sunatore ambulante.
FELICE: Vipera.
NINETTA: Ruospo.
FELICE: Strega!
NINETTA: A me strega? (Ninetta e Felice gridano. Emilia e Luigi si baciano.)
SCENA NONA

71

Gennaro, Barone, Errico e detti.


GENNARO: Neh! Che significa stu appicceco, maestro che vuol dire queste confidenze?
LUIGI: (Oh! Diavolo e comme arreparo? Ah! Statte). (Ride.) Ah! ah! Mi ha fatto piacere
che lavete presa sul serio, ah! ah! (Ride.) (A Felice e Ninetta:) Noi stiamo facendo prova
dazione del terzo atto della Bohme, non vi ricordate, quel capolavoro di quartetto
quando Mim, la povera Mim pi si attacca a Rodolfo, mentre Musetta lascia
bruscamente Marcello.
GENNARO: Ah! sicuro il finale del terzo atto... ed io mi credevo... Lavete fatto cos
naturale che pareva proprio vero.
FELICE: Sembrava vera (e chella vera stata).
CARMELA (a Ninetta): Ma voi siete unartista.
BARONE: Siete proprio nata per il teatro.
CARMELA: Ve ne faccio i miei complimenti.
NINETTA: Grazie!
GENNARO: Noi ereme venute pe dirve a lo vestiarista ha portato gli abiti, le vulite vede?
SCENA DECIMA
Carmela, Parrucchiere e detti.
CARMELA: Trase trase. (Entra con Parrucchiere.) Neh! Signori miei, chisto parrucchiere
steva fore da tantu tiempo e nisciuno ne sapeva niente. Add adda mettere sti scatole?
GENNARO: Ncoppa a lo palcoscenico. Venite cu me. (Via con Parrucchiere.)
CARMELA: Ma la prova quanno se f? M tarde.
LUIGI: Subito! Per ora andiamo a vedere il vestiario.
CARMELA: Laltro maestro, D. Temistocle, add sta?
LUIGI: M viene, m viene, andato per un affare. Prego. (D il braccio a Emilia e via.)
ERRICO (dando il braccio a Carmela): Ho lonore.
CARMELA: Grazie. (Viano.)
BARONE: Ma che avete Ninetta, perch state cos nervosa?
NINETTA: Niente.
BARONE: Io mi sono finto cantante e son venuto in questa casa per voi.
NINETTA: Ne putiveve f a lo mmeno, lassateme st (st seccante). (Via.)
BARONE (a Felice): Ma perch vostra sorella mi tratta cos! Ve ne prego, mettetevi in
grazia con lei.
FELICE: S, a te te tengo nganna. Si nun te ne vaje te faccio nu paliatone numero uno.
(Via.)
BARONE: A me? E pecch scusate... (Via appresso.)
SCENA UNDICESIMA
Temistocle, Nicolido, Carolina e Teresina.
NICOLINO: (con grosso bastone): Add sta, add sta, me lo voglio magn vivo.
TERESINA: Voglio f correre la guardia.
TEMISTOCLE: E ma io vaggio pregato, si avite piacere de ncucciarle nun avita allucc,
72

pecch chille si ve sentene se ne scappene e stateve bene.


NICOLINO: Avite ragione ma che vulite da me, nun songhio.
TERESINA: lo sango che tenimmo dinto a li vvene.
NICOLINO: Piezzo de scellarato, se mette a prumettere, se mette a ghiur e p se ne
scappa.
TERESINA: E chello che mhanno fatto a me? Si io aggio dinto e mane a chillu scorfano
de D. Saverio laggia f la capa doje parte. Intanto si nun era pe vuje che nce veniveve a
pigli io nun avarria saputo maje niente.
NICOLINO: Basta dicitece cavimma f?
TEMISTOCLE: Una cosa semplicissima. Qua adesso, c la prova dellopera che si deve
fare Domenica sera, io m vaco da D. Gennaro, il padrone di casa e le dico che voi siete
tre coristi. Vi mettete in quella stanza. (Indica seconda a destra.) Quando sentirete che io
dico: Avanti, fuori, coristi, voi uscite e vi mettete a passeggiare, perch si finge che siete
venditori, popolane. Appena vedrete a D. Felice, D. Saverio e Peppeniello, afferrateli e
non li fate pi muovere.
NICOLINO: Ma comme, aggia ten tutta sta pacienza?
TERESINA: Tutta sta flemma?
TEMISTOCLE: E allora, alluccate, strillate, facite chello che vulite vuje ca io me nesco
da miezo.
CAROLINA: Va buono Teres, facimmo comme dice lo maestro.
NICOLINO: E va bene, facimmo comme dicite vuje.
TEMISTOCLE: Ecco qua D. Gennaro. Silenzio.
SCENA DODICESIMA
Gennaro e detti.
GENNARO. Oh! Maestro, finalmente, ve site fatto ved. A facimmo sta prova o no?
TEMISTOCLE: Sicuro D. Gennaro, questi sono tre coristi principianti che vorrebbero
prendere parte nei cori.
GENNARO: Con piacere.
TEMISTOCLE: Avete inteso, D. Gennaro vi accetta. Mettetevi in questa stanza, quando
sar il momento uscite. Ricordatevi quando dico: avanti fuori coristi.
NICOLINO Va bene. (I tre sinchinano e via.)
TEMISTOCLE: Signori miei. (Alla porta a sinistra.) Venite facciamo presto.
SCENA TREDICESIMA
Emilia, Ninetta, Barone, Errico, Felice, Saverio, Peppeniello, Luigi e detti.
SAVERIO: Eccoci qua.
TEMISTOCLE: Signori miei, proviamo laria di Musetta a secondo atto, coi cori, i
venditori, il popolo, quello il pezzo difficile.
GENNARO: Io faccio Parpignol.
TEMISTOCLE: Va bene... da questa parte la tavola dei quattro amici con Mim. (Prende il
tavolino aiutato da Errico e situa anche le sedie.) Questo altro tavolino qua. (A Ninetta:)
Pigliate posto. (Ninetta siede.)
73

BARONE: Io sono Alcindoro.


TEMISTOCLE: Va bene mettetevi qua. (Barone siede al tavolo di Ninetta.)
TEMISTOCLE: Voi qua mangiate e bevete allegramente, voi D. Fel, di tanto in tanto
darete uno sguardo a Musetta, come se vorreste ritornare allantico amore, e lo stesso
farete anche voi signorina, mentre cantate, con gli occhi lo vorreste attirare novellamente
a voi.
NINETTA: (A me manco pe la capa).
TEMISTOCLE: Di questi movimenti, voi signorina (a Emilia) ve ne accorgete e la
compatite.
GENNARO: E tutto questo mentre passa Parpignol.
TEMISTOCLE: Nonzignore. Parpignol gi passato.
FELICE: (V comme seccante isso e Parpignol. E chella me pare Maria la tavernara).
TEMISTOCLE: A voi maestro, attaccate.
NINETTA (canta laria di Musetto al secondo atto. Emilia la risponde):
Quando men vo
Quando men vo soletta per la via
La gente sosta e mira
E la bellezza mia tutta ricerca in me
Ricerca in me, da capo a pi
Ed assaporo allor la bramosia sottil
Che dagli occhi traspira
E dai palesi vezzi, intender sa
Alle occulte belt
Cos leffluvio del deso maggira
Felice, mi fa, Felice mi fa
E tu che sai, che namori e ti struggi
Da me tanto rifuggi?
So ben le angoscie tue non le vuoi dir
Non le vuoi dir so ben,
Ma ti senti morir.
(Appena terminato tutti applaudiscono. Durante il canto lazzi di Temistocle e Felice.
Temistocle durante il canto dir ad intetvalli): Allargateme sta coda. Mezza misura...
Attenti a gli accidenti.
TEMISTOCLE: Maestro attaccate appresso. (Alla seconda a destra:) Avanti, fuori coristi.
SCENA ULTIMA
Nicola, Teresina, Carolina e detti.
NICOLINO (esce seguito da Teresina e Carolina, guarda intorno, vede Felice): Piezzo de
carugn lloco staje?
FELICE: Nicolino!
TERESINA: Caro D. Saverio!
SAVERIO: Teresina!
NICOLINO: Taggia chiav na palla mpietto. (Mette la mano dietro per prendere
74

unarma.)
CAROLINA-EMILIA (gridando): Ah! (Felice, Saverio e Peppeniello salzano.)
GENNARO: Voi chi siete?
NICOLINO: Io so nu galantommo, simme venute pe truv a chilli piezze dassassine de D.
Felice e D. Saverio e lo nepote e quale vhanno ngannato e hanno ngannato pure a sti doje
povere figliole, una m paesana e lata m sora.
GENNARO: Come? Maestro, e non so coriste?
TEMISTOCLE: E che ne so!
NICOLINO: Nuje simme finte curiste pe le ngucci dinto a sta casa.
GENNARO: Neh! Sav?
SAVERIO: Gennaro mio, agge pacienzia, io laggio fatto pe le f spus na signurina.
PEPPENIELLO: E io nun la vuleva, me la spusava pe forze.
EMILIA: E io pure pap.
GENNARO: V che bellu matrimonio caveme cumbinato, e voi che ne dite di questo che
ha fatto il fratello?
NINETTA: Qu fratello, chillo nun m niente, ha ditto accuss pe me purt cc ncoppo
nzieme cu isso.
GENNARO: Allora o vi sposate queste ragazze o fuori da questa casa.
PEPPENIELLO: Io pe me so pronto! Teresina mia. (Labbraccia.)
FELICE: E io pure pentito ritorno a te. (Labbraccia.)
NINETTA (Povera fighiola, ha passato lo guajo). (1a Batt.)
TEMISTOCLE: D. Genn questi giovani si amano, fateli sposare.
GENNARO Comme! O maestro?
EMILIA: S pap.
CARMELA: Io me ne era accorta, birbantella.
GENNARO: Ma quanno avite accumminciato a f ammore?
LUIGI: Dal giorno che leggemmo per la prima volta la Bohme.
GENNARO: Bravo.
LUIGI: Non vi ho detto mai niente per la mia posizione.
GENNARO: Carm che ne dice.
CARMELA: E caggia d, falle spus accuss lle passa la paturnia.
GENNARO: Va bene, resta fatto.
LUIGI: Ah! Finalmente. (Abbraccia Emilia.)
GENNARO: M seguitammo la prova e stasera alle 8 prova generale.
EMILIA: Ma ricordateve pap che io lo quarto atto nun lo faccio.
GENNARO: Ah! sicuro e comme se fa?
FELICE: Va bene, na vota ca chella se mette paura cercheremo di rimediare.
GENNARO: Mo sta Bohme tene labilit de f nammur e f mettere paura e f chiagnere,
che gran lavoro.
FELICE: Ed io spero che questa sera la Bohme tenesse unaltra abilit...
TUTTI: Quale?
FELICE: Quella di far ridere questo rispettabile pubblico.
(Cala la tela.)
Fine dellatto terzo

75

ATTO QUARTO
In soffitta. La stessa scena del primo atto della Bohme.
SCENA PRIMA
Rodolfo e Marcello.
MARCELLO: In un cupp.
RODOLFO: Con pariglia e livree
Mi salut ridendo.
MARCELLO: Io pur vidi...
RODOLFO: Musetta?
MARCELLO: Mim.
RODOLFO: Lhai vista? Oh! guarda.
MARCELLO: Era in carrozza
Come una regina.
RODOLFO: Evviva! Ne son contento.
MARCELLO: Bugiardo, si strugge damor
Lavoriam!
RODOLFO: Lavoriam!
MARCELLO: Che infame pennello. (Salza.)
RODOLFO: Che penna infame. (Salza.)
SCENA SECONDA
Scionard, Colliue e detti.
SCIONARD: Eccoci.
RODOLFO-MARCELLO: Ebben?
MARCELLO: Del pane?
COLLIUE: E nu mazzo di rapeste?
E unaringa.
SCIONARD: Salata.
COLLIUE: Il pranzo in tavola.
MARCELLO: Questa cuccagna
Da Berlingaccio.
SCIONARD: Or lo sciampagne
Mettiamo in ghiaccio.
RODOLFO: Scelga o Barone.
Trota o Salmone.
MARCELLO: Duca, una lingua
di pappagallo.
SCIONARD: Grazie, mimprigno
Stasera ho un ballo.
76

RODOLFO: Gi sazio?
COLLIUE Ho fretta, il Re maspetta.
MARCELLO C qualche trama.
RODOLFO: Infame donne
ci malmenate
Puzziate essere
scannate scannate scannate
Nuje abballammo
Nuje cantammo
Tarantella, minuetto
Nuje facimmo nu balletto.
RODOLFO: Qualche mistero.
COLLIUE: Il Re mi chiama
al Minister.
SCIONARD: Bene, bene.
COLLIUE: Per, vedr, guizz.
SCIONARD: Porgimi il nappo. (Sale sulla sedia.)
MARCELLO: S, bevi io pappo.
SCIONARD: Mi fia permesso
Al nobil consesso.
RODOLFO: Basta, basta!
MARCELLO: Fiacco!
COLLIUE: Che decotto.
MARCELLO: Leva il tacco.
COLLIUE: Dammi il gotto.
SCIONARD: Mispira irresistibile.
Lestro della romanza.
TUTTI: No, no, no!
SCIONARD: Azione coreografica.
TUTTI: S, s, s!
SCIONARD: La danza con musica vocale.
COLLIUE: Si sgombrino le sale Gavetta.
MARCELLO: Minuetto.
SCIONARD: Tarantella.
TUTTI: Tarantella. (Ballano.)
COLLIUE: Bestia.
SCIONARD: Che modi da lacch.
COLLIUE: Se non erro
Lei moltraggia
Snudi il ferro.
SCIONARD: Pronti!...
Il tuo sangue io voglio ber.
COLLIUE: Un di noi qui si sbudella.
SCIONARD: Apprestate una barella.
COLLIUE: Apprestate un cimiter.

77

SCENA TERZA
Musetto e detti, poi Mim e tutti.
MUSETTA: C Mim
C Mim che mi segue
E che sta male.
RODOLFO: Ov?
MUSETTA: Nel far le scale sciuli.
RODOLFO: Uh! Sciuli. (Via.)
MIM: Rodolfo.
RODOLFO: Zitta... riposa.
MIM: Oh! Mio Rodolfo mi vuoi qui con te?
RODOLFO: Oh! Mia Mim
sempre con me.
MIM: Mi sento assai meglio
Lascia chio guardi intorno.
Io ho tanto freddo.
Se avessi un manicotto queste mie mani
Riscaldar non si potranno mai
Magari avessi un gatto
riscalderei con esso.
RODOLFO: Em, nelle mie, taci
Il parlar ti stanca!
MIM: Ho un po di tosse
Ci sono avvezza.
Buongiorno Marcello.
Scionard, Colliue buongiorno.
Tutti qui tutti qui
Sorridenti a Mim.
MUSETTA: A te, vendi, riporta
qualche cordial.
Io vado scisciotto
E compro un manicotto.
COLLIUE: Vecchia zimarra, senti.
Io resto al pian, tu ascender
Il sacro monte or devi
le mie grazie ricevi.
Mai non curvasti il logor
ai ricchi ed ai potenti.
Passaron nelle tue tasche
boria in antri tranquilli
filosofi e poeti.
Ora che i giorni lieti
fuggir ti dico addio
Fedele amico mio!
Addio... addio... (Via.)
78

MIM: Sono andati, fingevo di dormire


Perch volli con te sola restare.
Ho tante cose che ti voglio dire
Ma una sola grande come il mare.
Come il mare profonda ed infinita.
Sei il mio amore e tutta la mia vita.
RODOLFO: Oh! Mim, mia bella Mim.
MIM: Son bella ancora.
RODOLFO Bella come unaurora.
MIM: Hai sbagliato il raffronto.
Volevi dir bella come un tramonto.
Mi chiamano Mim. (Due volte.)
E il perch non so. (Due volte.)
La mia cuffietta (due volte) ah! (Tossisce.)
SCENA ULTIMA
Tutti.
SCIONARD: Che avvien?
MIM: Nulla! Staben!
RODOLFO Zitta. Per carit!
MIM: Si, perdona
Or sar buona.
MUSETTA: Dorme?
RODOLFO: Riposa.
MARCELLO: Ho veduto il dottore.
Verr, gli ho fatto fretta.
Ecco il cordial.
MIM: Chi parla?
MUSETTA: Io, Musetta. (Le d il manicotto.)
MIM: Oh! Com bello e peloso.
Non pi, non pi le mani allividite.
Il tepore le abbellir.
Sei tu che lo doni?
RODOLFO: S.
MIM: Tu, spensierato, grazie.
Ma coster. Sto bene. (Rodolfo piange.)
Pianger cos perch?
Qui amor sempre con te.
Le mani al caldo e dormire.
RODOLFO: Che ha detto il medico?
COLLIUE Verr!
MUSETTA: Madonna benedetta
Fate la grazia a questa poveretta.
TUTTI: Amen. (1a Batt.)
RODOLFO: Io spero ancor, vi par che sia grave?
79

MUSETTA: Non credo.


SCIONARD: Marcello spirata. (Sole dalla finestra.)
RODOLFO: Che vuoi dire
Quellandare e venire
Quel guardarmi cos?
MARCELLO: Coraggio.
RODOLFO: Mim... Mim... Mim...
(Il sipario cala lentamente.)
Fine dellatto quarto

FINE DELLA COMMEDIA

80

LALBERGO DEL SILENZIO


da lHtel du Libre-change, di Feydeau
Commedia in tre atti
Personaggi
Felice Sciosciammocca, giovane pittore decoratore
Michele Galletti, architetto
Antonio Raspa, tipo davvocato
Celestino, nipote di Michele
Andrea, primo cameriere di albergo
Luisella, giovane cameriera di Felice
Rosa, moglie di Felice
Concetta, giovane moglie di Michele
Carluccio, cameriere dalbergo
Livia, Giulia, Ernestina e Gemma, educande sui 13 e 14 anni
Ciccillo, garzone di Felice
Il Commissario Piretti
Guardie
Lazione si svolge a Napoli verso il 1896; il primo atto in casa di Felice, il secondo atto
nellAlbergo del Silenzio.

ATTO PRIMO
Camera semplice: rappresenta lo studio di pittore decoratore di Felice. In fondo al centro
un grosso tavolo con sopra pennelli, colori e cartoni da disegno. Alle pareti molti bozzetti
di decorazioni e plafonds. Una porta a destra, la comune, e altra porta a sinistra. Al
muro di fondo, a sinistra, vi un piccolo finestrino con sportello, attraverso il quale si
vede il giardino; a destra, cassettone con sopra un piccolo specchio. Nellangolo a destra
vi una scala di legno a pioli e un attaccapanni a stelo. Sempre a destra, al muro, vi sar
una scansia di legno con sopra oggetti di pittore. Sedie rustiche, un tavolino, disegni di
decorazioni sparsi qua e l. Allalzarsi del sipario si sente abbaiare un cane
internamente.
SCENA PRIMA
Luisella, poi Rosa.
LUISELLA ( presso il finestrino in fondo e cerca di scacciare il cane con un lungo
piumino da spolverare): Passa ll... passa ll... Mannaggia llarma de mammeta, v
comme seccante stu cane! Ogni tanto caccia la capa da dinto a stu fenestiello e se mette
a allucc! Nce aggiu ditto tanta vote a lo ciardeniere... va a fen ca nu juorno de chiste lle
mengo nu poco de spogna fritta e lo faccio mur! Passa ll!... Ah! Se n gghiuto!... Pe
causa de stu diavolo de cane D. Celestino, lo nepote de D. Michele, quanno vene quacche
vota subeto se ne va... pecch lo sente e se mette paura!... Ma quanto simpatico chillu
81

guaglione! Che belluocchie che tene!... Peccato ch nu turzo de carcioffola... nun


capisce niente... nun buono proprio a niente!...
ROSA (di dentro a sinistra): Luisella!... Luisella!... (Esce.)
LUISELLA: Comandate, Sign!
ROSA: Feliciello nun s retirato ancora?
LUISELLA: Nonsignore.
ROSA: E bravo!... A li cinche e mmeza ancora sadda retir... Io vularria sap proprio che
va facenno!... M che vvene te faccio sent!...
LUISELLA: Sign, scusate che ve dico na cosa... Vuje m vavita pigli sempe collera cu
stu marito vuosto? Ma de chesta manera cadite malata!
ROSA: meglio... meglio che cado malata... meglio che moro, pecch io chesta vita
nun la pozzo f! Io nun maveva mmaret nata vota, pecch nu marito comme a chillo
aveva cap che nun lo truvavo! Teneva diece anne cchi de me... s... chesto overo... ma
me vuleva bene per, steva sempe vicino a me... mentre chistu cc me va fujenno sempe!
E io... vedete che cos la donna... io a chillo nun lo putevo ved e pe chisto tengo tanta
premura che mha fatto perdere la pace!..
LUISELLA: Se capisce... pecch chistu p chhi giovene assaje de vuje... simpatico...
aggraziato...
ROSA: Cchi giovene assaje, m! Luis che te cride? Tene otto anne meno e me. Io ne
tengo 37 e isso 29... Sta grande differenza io nun la veco! La differenza fra me e isso sai
qual ? Io so tutta fuoco, affezionata, amorosa, e isso friddo e indifferente!
LUISELLA: Ma nonsignore, signo... chesto ve lo credite vuje... Io saccio che D. Felice nun
fa na cosa si nun cerca primma lo permesso a vuje!
ROSA: Ah, se sape! Io da tre anne che simme spusate nun ce naggiu fatto pigli: laggiu
sempe tenute li granfe ncuollo! E si no stevo fresca!... E quanno nun mobbedisce lo
faccio tremm!
LUISELLA: Ah, facite buono!... Uh, sign, sta trasenno D. Concettina.
SCENA SECONDA
Concetta e dette.
CICCILLO (dalla destra; irritata): M vedimmo si nun te lasso e me ne vaco! M
vedimmo si nun so femmena de manten la parola!... Donna Rus... scusate si sentite
sempe chiacchiere e si ve vengo sempe a secc! Ma che vulite... stamme a pporta de
casa... nun cunosco a nisciuno e a forza cu vuje aggia ven a sfuc nu poco!
ROSA: Chesto che cos... vuje site la padrona de tras... sempe che vulite!... Ma ch stato,
avite fatto quistione cu D. Michele!
CONCETTA: Nun me fido cchi de lo suppurt, D. Rusina mia! S fatto nommo
impossibile! Io nun me so mmaretata certamente pe f la serva... Sempe dinto a la casa...
sempe dinto a la casa... e isso p v f chello che le pare e piace! Aggio obbligazione a
zemo ca pe fforza me lo vulette f spus: Chillo architetto... tene na bella
prufessione... nu buono giovine... Pigliatillo... Pigliatillo.... E tante me ne dicette fino a
che me facette nguaj!
LUISELLA: Sign, lo ssentite? E vuje ve lagnate de D. Felice.
ROSA: No, Feliciello mio p nun accuss... Feliciello nun va ncampagna, nun va a nu
divertimento si nun me porta a me! Tanta vote songhio che me secco!
82

CONCETTA: E chesto chello che cchi me fa attacc li nierve... pecch dico accuss:
comme, io ca so figliola, aggia essere trattata de chesta manera... e na femmena avanzata
ha avuta av chella sorte!
ROSA: Qua non centra la femmena avanzata!... Quanno lo marito v bene a la mugliera
nun ce bada a quacche anno de cchi!
CONCETTA: (Quacche anno de cchi?... Chella ne tenarr na ventina cchi disso!...).
SCENA TERZA
Felice e dette poi Ciccillo.
FELICE (di dentro, dalla destra): Va buono, dincello ca maspettasse add v isso... Io
nun me metto paura de nisciuno! Io voglio accatt la rrobba add me pare e piace!...
Trase, Cicc, trase... non lo d audienza! (Fuori. Ciccillo lo segue recando uno scalolo
contenente barattoli di colori e un secchio da imbianchino. Felice porta grandi rolli di
carta e sei pennelli di tutte le dimensioni.) Oh! D. Concett, state qua?... Buongiorno,
Rosina mia!
ROSA: A chestora, ov... a chestora?...
FELICE: Agge pacienza, Rus, nun me d niente... Aggiu tricato nu poco pe causa de chillu
diavolo de culurista, che poco mancato che nun ce simmo pigliato de mano! Cicc, sti
buatte miettele ncoppa a chella tavola. (Ciccillo esegue.)
LUISELLA: Sign, chelli buatte che so? Puparuole o mulignane?...
FELICE: No, so pummarole! Quelli sono colori di nuova invenzione: Ratti e Paramatti...
LUISELLA: Ratti e Parapatti?...
FELICE: Seh, stamme parapatte e pace! Statte zitta tu! (A Rosa e Concella, spiegando.) Io
da cinque anni mi servivo da Nicola Cecere, antico colorista di tutti i miei colleghi. M
sta jenno sotto e ncoppa pecch tutti quanti si comprano i colori di Ratti e Paramatti...
Mha fermato mmiezo a la strada e mha ditto chha saputo che so stato io che llaggiu
fatto perdere lo ppane!... Io?... Io nun ne saccio niente!... Io mi servo da Ratti e Paramatti
perch tiene roba buona, fina ed economica... E poi, quella una nuova invenzione ed io
voglio andare col progresso, non debbo dare conto a te!... Ah, nun haje da d cunto a
me? E va buono: nu juorno de chiste taspetto abbascio lo palazzo e te faccio ved a lo
progresso che sape f!... Ha creduto cu sti minacce de me spavent! Manco pe la capa!
Io me ne faccio na resata... Isso nun ommo pe mme! Dimane vaco da lIspettore de
Pubblica Sicurezza e faccio passi ogne ghiuorno na guardia cc sotto!
LUISELLA: E facite buono!
CONCETTA: Ma pecch, scusate... che vantaggio teneno sti culori de Paramatti? Nun so
comme li culore antiche?
FELICE: Signora mia, unaltra cosa! Per questa invenzione hanno avuto nun saccio
quante medaglie!...
ROSA: Ma pecch... pecch?...
FELICE (questa battuta di Felice deve far capire la sua intenzione di servirsi del parallelo
tra i due tipi di colori per stabilire un confronto fra Concetta e Rosa): Prima di tutto i
colori sono sempre freschi e chiari... (Rivolto a Concetta con una sfumatura di
galanteria.) Il rosso vivace, brillante, lucido... (Rivolto a Rosa, con una punta di
disprezzo.) Il rosso antico scolorito, pallido, tramortito! (Verso Concetta, c.s.) Il nero
forte, carico, vellutato... (Verso Rosa c.s.) Il nero vecchio matto, falso e dopo 15 giorni
83

jesce lo ghianco da sotto nata vota!... (Verso Concetta c.s.) Nei colori di Ratti e Paramatti
voi non avete bisogno di vernice: il pennello del pittore non si affatica, perch con una
sola mano facite nu piezzo dopera! (Verso Rosa c.s.) Collantico colore, doppo pittato ce
vonno ddoje mane de vernice... e tanta vte nun ce la faje manco... nu povero pittore nce
struje tre o quatte pennielle vicino! Avete capito?
ROSA: Ma allora che va truvanno stu Nicola Ccere?... chiudesse la puteca e nun ce
penzasse cchi!
FELICE: (E chesto avarrissa f!...). S sa, questo il mondo: le ccose nove ne cacciano le
vvecchie! Emb... nce stanno cierte che nun lo vvonno cap! Noi siamo in pieno
progresso... tutto progresso... (Con intenzione.) Anche le macchine di 10 anni fa, m
nun servono cchi!
CONCETTA: E che ne fanno?
FELICE: Se le tneno, cara signora!... Nu povero operaio che tene na machina vecchia,
chha da f? Nisciuno saccatta, nisciuno la v!... Ogne tanto ce mette nu poco duoglio
pe nun la f arruggin... (A Ciccillo.) Basta, Cicc... v a la puteca e d a li giuvene che
ghiessene a fatic...
CICCILLO: D. Mariuccia la Zarellara v essere miso nu parato ncoppo a lo mezzanino.
Chaggia f?...
FELICE (risentito): Questa non cosa che mi riguarda: te lo vvide tu. Io non sono pittore
di parati! Io sono decoratore, ornamentista e acquarellista! Vide quanta vote taggiu ditto!
CICCILLO: Va bene. Allora nun me nincarico. Permettete! (Via a destra.)
FELICE: D. Concett, vostro marito come vi porta?...
CONCETTA: Nun ne parlammo... nun ne parlammo pecch si no me facite mettere de
malumore! Ogne mumento jastemmo lo juorno che mo lo spusaje!
FELICE: Ma pecch? Voi siete giovane... vavisseva spass... avisseva st allegramente...
(Comicamente galante.)
ROSA (per tagliar corto alla galanteria di Felice): D. Cuncett, venite dinto cu mme... ve
voglio f ved cierta rrobba chaggiu pigliato. Voglio ved si ve piace... Luis, arape lo
cumm... piglia chilli dduje abiti in pezza.
LUISELLA: Subito. (Via a sinistra.)
ROSA: Vulite ven?
CONCETTA: Con piacere. Permettete, D. Fel?
FELICE: Fate! (Concetta via a sinistra.)
ROSA (a Felice): Taggiu ditto tanta vote nun f troppo lo vummecuse co la gente!... Va
trova qu juorno de chisto te piglio a schiaffe!
FELICE: A me?!
ROSA: A te, s, a te! Pecch, me mettesse appaura de lo ff?
FELICE: No!
ROSA: E perci statte attiento! Penza che si me tradisce io sar terribile! Ricordati che mio
nonno era spagnuolo... e gli spagnoli per la gelosia sono tremendi! A me, quannero
piccerella, me chiammavano la spagnuletta! Quel sangue tengo nelle vene, perci bade a
chello che faje e cammina dritto! (Via a sinistra.)
FELICE: La spagnoletta! Chella na pippa vecchia!... Mannaggia a la capa mia,
mannaggia! Pe poche migliare de lire facette chesta sorta de bestialit!... Ma quanto
bbona chella donna Cuncettina! Che uocchie che tene! Io, quanno la veco, me sento
friccec tutta la nervatura! Peccato chadda essere la mugliera de namico mio! C
lamicizia per lo mezzo! Ma bbona... bbona assaje!...
84

SCENA QUARTA
Michele e detto.
MICHELE (dalla destra): Buongiorno Fel! ( nervoso.)
FELICE: Gu, Michele bello!
MICHELE: Cuncettina trasuta cc?
FELICE: S. Sta dinto cu muglierema.
MICHELE: E brava!
FELICE: Ve site questionate?
MICHELE: Pecch?... Forse s venuta a lament?
FELICE: No, ma ce pareva da la faccia...
MICHELE: na femmena chella ll, Felice mio, ca me faciarria men da coppa abbascio:
capricciosa... esigente...! Nun saccio che v da me! Mammogliaj credenneme de st
cujeto dinta a la casa... dav nu poco de sistema... de truv na femmena chavesse vuluto
f la mugliera; chella invece se mmaretaje pe ten lo marito sempe a disposizione soja!...
V asc... v j a teatre... se v divert! E lo ppozzo f io chesto?... Io so nu misero
architetto che appena guadagno tanto pe quanto putimmo camp... e tu lo ssaje!... Dice
che io so abbonato a San Carlo!... Qu abbunato?... Io traso co la scoppola!
FELICE: Eh!... So femmene, caro mio... shanna cumpat!
MICHELE: Per esempio: io quacche giorno me retiro stanco, acciso de fatica... me vularria
men ncoppa a lo lietto pe marrepus nu poco... Nonsignore! Tanno sha da parl de li
veste, de cappielle, de sarte, mudiste!... naffare serio! A te te succede chesto?
FELICE: Statte zitto, Mich, nun parl! Si sapisse che vita faccio io!... Tu te retire stanco e
truove na bella figliola che v parl... Io me retiro e trovo nu cuofeno de patane che v
sap add s ghiuto e pecch aggiu tricato!... P v essere cianciata, v essere
vrucculiata... e io laggia f o voglio o nun voglio, pecch si no capace che aza li
mmane!
MICHELE: Te vatte?
FELICE: Qualche volta!
MICHELE: Oh, chesto p muglierema nun se lo ssonna nemmeno! Si lo ppenzasse
sulamente la scannarra! A te succieso chesto pecch tu co la dota soja te s accunciato.
FELICE: Qu dote?... Che dote?... Ottomila lire miserabili!
MICHELE: Siano pure ottomila lire, ma a te te so giuvate!... Basta Fel, stasera Luisella la
cammerera toja, mavarria purt Celestino nepoteme a lo culleggio. Nun tengo nisciuno
che laccompagna. Te dispiace?
FELICE: No. Ma pecch, tu nun lo pu accumpagn?
MICHELE: Non posso, caro Felice. Nun tengo nu minuto de tiempo! M aggia j
dallavvocato mio e chi sa a che ora me spiccio; p stasera aggia j ncoppa a nalbergo e
aggia st ll tutta la notte!
FELICE: Tutta la notte? E pecch?
MICHELE: Pecch hanno cacciato la voce che dinto a chillalbergo ce stanno li spirete!...
FELICE (ridendo): Li spirete?... De chisti tiempe?...
MICHELE: Emb, che ce vu f? Dice che la notte se sentono voce, rumori... Intanto
lalbergatore vo sciogliere laffitto! Lo proprietario dice che chelli vvoce, e chillu
rummore so gli operai che stanno facendo i lavori delle fognature: lalbergatore nega...
85

Hannu fatto la causa e lo Tribunale ha creduto de scegliere a me comme perito. Perci


aggia st ll tutta la notte.
FELICE: E nun te miette paura?
MICHELE: Paura de che, neh Fel?... Che so fatto piccerillo?... Nu poco dimpressione
lavr, ma chaggia f? Me putevo neg?... E p... Io so pagato!
FELICE: E mugliereta chha ditto, che manchi na nuttata sana sana?
MICHELE: Io nun laggiu fatto sap niente. A primma matina me retiro.
FELICE: Eh! Lavarria f io cu muglierema!...
SCENA QUINTA
Celestino e detti.
CELESTINO (dalla destra, con libro sotto il braccio): permesso?
MICHELE: Trase, trase... Celest...
CELESTINO: Permettete?... Pozzo tras?...
MICHELE: S, s... Felice nun dice niente... Trase!
FELICE: Favorite!
CELESTINO: Grazie... troppo buono... Se vi d fastidio me ne vado nata vota.
FELICE: Nonsignore, nisciuno fastidio.
CELESTINO: Nun aggiu pututo truv nu libro che mi serviva necessariamente. Ieri sera lo
trasette cc dinto... So venuto a domand si lavite visto. Scusate!
FELICE: Ma add lo rimanisteve?
CELESTINO: Non s. Me pare sopra a quella tavola. Permettete che vedo?
FELICE: Sissignore, vedete.
CELESTINO: Grazie. (Va presso il tavolo in fondo e cerca.)
FELICE: V che bellu tipo che stu guaglione!
MICHELE: Eh, mio caro... educazione di collegio. E tu haje da ved che talento tene
chillo!...
FELICE (ironico) Si vede dalla faccia!
MICHELE: Nun tene n mamma n pato, puveriello! Io laggiu ditto: si studie, tu te lo
ttruove! E isso, la verit, me sente, studia sempe... sta sempe cu nu libro mmano.
FELICE (a Celestino) Lavete trovato?
CELESTINO: No. Debbo vedere meglio dentro!
MICHELE: (M te faccio sntere come risponde!) Celestino? Tu a chi vu bene?
CELESTINO (scontroso): Io non lo voglio d...
FELICE: E dite... dite...
MICHELE: Avanti, a z zio, d...
CELESTINO: Io voglio bene a tre persone...
MICHELE: E sono...?
FELICE: Padre, Figliulo e Spirito Santo...!
CELESTINO: Uh, zi z... ha detto Padre, Figliuolo e Spirito Santo!... (E ride da ebete.)
MICHELE: Fel nun lo f ridere!... Avanti: chi sono queste tre persone?
CELESTINO Mio zio, mia zia e il mio maestro!
FELICE: Bravo!
CELESTINO: I miei amici sono i libri, la penna e la carta sono i miei parenti...
FELICE: E lo calamaro lo nonno! (La famiglia de chisto, sta sopra a la scrivania!)
86

CELESTINO (ride come prima): Uh, zi z... lo calamaro lo nonno!


MICHELE: Dimme na cosa: hai piacere a sta dinto a lo culleggio?
CELESTINO: Sicuro, perch il collegio la casa delleducazione; leducazione insegna la
morale; la morale la madre della virt; la virt deve seguire la vita; la vita il compenso
della natura; la natura significa bellezza; la bellezza sta nella grazia; la grazia si ottiene
con leducazione e leducazione si apprende in collegio!
FELICE: Bravo! Tutte sentenze imparate a memoria! La grazia viene dalla bellezza... la
bellezza dalla natura... e nasce chistu pesaturo!
CELESTINO: Uh, zi z... ha detto lo pesaturo!... (E ride.)
MICHELE: Emb, Fel taggiu ditto nun lo f ridere...
CELESTINO: Permettete che studio nu poco ll seduto?
FELICE: Studiate!
CELESTINO: Grazie! (Siede in fondo.)
FELICE: Niente!
MICHELE: (Una perla... una perla!).
FELICE: (E che talento!...).
SCENA SESTA
Luisella e detti.
LUISELLA: Sign, ha ditto la padrona che ghiate dinto pecch v sap pure lo gusto
vuosto.
FELICE: E te pare... Putevo sta nu poco cujeto? Eccomi qua! A proposito, Luis, tu stasera
accumpagne nu mumento a D. Celestino a lo cullegio.
LUISELLA: A D. Celestino? Sissignore.
MICHELE: Agge pacienza, Luis... nun tengo a nisciuno.
LUISELLA: Va bene.
MICHELE: Jammo a ved se mia moglie sta comoda de tras dinto. Ma modo chisto de
f la mugliera?... (Avviandosi.)
FELICE (seguendolo): Mich nun te lagn... sempe na bella guagliona... Io tengo chillu
museo ambulante vicino... (Escono.)
LUISELLA (guarda Celestino): (Lo vi cc, lo j... E tutte manera simpatico: de profilo, de
prospetto, de spalle...). Don Celest... buongiorno.
CELESTINO: Buongiorno.
LUISELLA: Dunque stasera vaccompagno io lo cullegio... A che ora avimma j?
CELESTINO: Alle nove.
LUISELLA: Ma comme, accuss priesto ve ne jate? Nun site stato manco otto juorne...
CELESTINO: Eh, cara mia... non c che f! Bisogna studiare! Lo studio il primo dovere
delluomo. Luomo nasce per la scienza!
LUISELLA: Va bene, ma nun vavita fiss troppo a studi, pecch ve p f male...
Quacche vota penzate pure a ve spass nu poco!
CELESTINO: Ma nuje a lo cullegio ce spassamme! Ogni giorno abbiamo unora di
ricreazione!
LUISELLA: Uh, signur... e ched la ricreazione?
CELESTINO: Comme che d? Stammo in riposo, non si studia, nun se fa niente e
pazziammo tutti li cumpagne. Pigliammo la carta e facimmo palluncine, cavallucce,
87

pupazzielle, areoplane cu li mmosche...


LUISELLA: Uh, mamma mia... e che spasso chisto? Jatevenne, signur, vuje m site
gruosso, site nu bellu giuvinotto e facite ancora pupazzielle de carta?
CELESTINO: Emb chaggia f?... Io me vularria spass de nata manera, vularria st cc
nata quinnicina de juorne... ma non posso... maggia retir...
LUISELLA: Che peccato! La sera facevemo sempe nu poco de conversazione... nce
facevemo quatte rise... Ve ricordate?
CELESTINO: A me, vedete, me dispiace pe na cosa sola che me naggia j...
LUISELLA: Che cosa?
CELESTINO (con comica vergogna): Nun lo vvoglio d...
LUISELLA: E dicite...
CELESTINO: E voltatevi da ll se no non lo dico...
LUISELLA (voltandogli le spalle): Dunque...
CELESTINO: Me dispiace de me ne j... pecch nun veco cchi a vvuje.
LUISELLA (girandosi verso di lui): Veramente?
CELESTINO: Veramente!... Che ssaccio... mero abituato a parl cu vuje... accuss... senza
suggezione... a pazzi nu poco...
LUISELLA: E io pure... io pure...
CELESTINO: D. Luis... io, a verit... me so miso sempe scuorno de ve dicere na cosa...
(Reticente.)
LUISELLA: E che cosa, che cosa?...
CELESTINO (ritroso): Volevo sap... si vuje aviveve piacere... de ve mettere a ffa
ammore cu mme!...
LUISELLA: Io?!... Uh, signur, stateve zitto, pe carit! Nun voglia mai lo cielo ve sente lo
zio vuosto!...
CELESTINO: E ca chesta la paura mia! Ma chaggia f, io quanno stongo vicino a vuje...
me sento f li ccarne pecune pecune... me sento na cosa curiosa... nun saccio ched!
Quanno te tocco sta mano, io tremmo tutto quanto, sudo... e me faccio friddo manco la
neve... (Si sente abbaiare il cane internamente.) Lo v lloco lo cano, oj. (Fugge impaurito
sotto la porta.)
LUISELLA: Nun ve mettite paura! (Verso il finestrino.) Passa ll... passa ll... puozze
pass nu guajo! M vedimmo si nun te faccio mur!...
CELESTINO: Chillo si se mena da ll ncoppa ce piglia a mmorze!...
LUISELLA: No, no... pe se men, nun se mena... Dunque, stiveve dicenno?
CELESTINO: Stevo dicenno ca ve voglio bene assaje assaje, simpaticona mia!... (Voci
interne di Concetta, Michele, Felice e Rosa.)
LUISELLA: Zitto, zitto... Esceno cc ffora! (Scappa per la destra. Celestino riprende il
libro e siede fingendo di studiare.)
SCENA SETTIMA
Concetta, Michele, Felice, Rosa e detto.
MICHELE (seguendo Concetta che esce furiosa): Ma insomma, se po appur tu che vu da
me?
CONCETTA: Niente, niente... Nun voglio niente, ma nun voglio essere trattata comme a
na serva!
88

MICHELE: Ma qu serva? Chi la sente va trova che se crede!


FELICE: Donna Concett, calmatevi!
ROSA: Un poco di prudenza...
CONCETTA: Che prudenza, donna Rus... Bastantamente quanta naggiu tenuta! Isso,
primma de me spus, me laveva dicere che me faceva f chesta vita!...
MICHELE: Ma che vita fai? Famme cap, che cosa ti manca? Mange, bive... quanno te vu
f na vesta te la faje... che ato vu?
CONCETTA: E cride che na figliola pe cchesto se mmarita? Che me ne mporta a mme de
lo mmangi?... Io, a la casa mia pure mangiavo!
FELICE: Oh, chesto certo!
CONCETTA: Io voglio essere curata comme so curate tutte le mugliere! E ce ne stanno
cierte che te fanno proprio avut lo stommaco... (Con allusione.)
FELICE: (E fosse muglierema!).
CONCETTA: ...e li marite nun le fanno lagn! Quanno tu te vaje a spass, aggia ven cu
tte, maggia spass purio!
ROSA: D. Mich, scusate... ncoppa a chesto have ragione...
MICHELE: Ma che ragione e ragione, sign stateve zitta! Io so omme daffare... quanno
me la pozzo purt me la porto... Stasera, per esempio, aggia j a na perizia... p ven cu
mmico?
FELICE: E chello ch bello chhaje da manc tutta la notte!...
MICHELE: No, chesto nun lo ssaccio de certo ancora.
CONCETTA: Ah, stasera haje da f na perizia?... Nun saje de certo si te retire o no?... E
bravo! Pure chesto! Stanotte mi rimani sola?... E bravo!...
MICHELE: Ma chaggia f?... Me putevo neg?...
CONCETTA: No... e pecch?... E che me ne mporta? Anze, io si fosse a te, starra duje o
tre ghiuorne senza me ritir... (Minacciosa.) Ma statte attiento ca nun mavota la capa e
faccio quacche brutta scemit!...
MICHELE: Uh!... Tu dice sempe chesto?... E miettatenne scuorno!...
CONCETTA (sempre pi adirata): No... tu thaje da mettere scuorno e tratt la mugliera
accuss!
CELESTINO (salza, sinchina e via a destra impaurito.)
ROSA: D. Cuncett, finitela!...
MICHELE: Ogne tanto se ne vene ca v f quacche brutta scemit! E falla, nun me romper
cchi la capa!...
CONCETTA: Avite ntiso?... Avite capito che ommo chisto?
ROSA (conciliante): Nonsignore... chillo D. Michele pazza!...
CONCETTA: No, nun pazza!... Se crede ca nisciuno me guarda nfaccia! Ma tinganni,
mio caro! Hai ragione ca io so na figliola onesta, ma ce starria... ce starria chi me
saparra cunoscere!
MICHELE (al colmo dellira): E pigliatillo... e trovatillo... fa chello che vu tu!...
Vattenne... lsseme sta nu poco in pace na vota e pe sempe! (Via furibondo a destra.)
ROSA: Nonsignore. D. Mich... sentite... (Via seguendolo.)
CONCETTA: Avite ntiso, D. Fel... avite ntiso?... Oh, ma chesto troppo, troppo...
(Siede.)
FELICE (persuasivo): Ma nun ve pigliate collera. D. Cuncett... m ve facite ven na
cosa!... Mannaggia lamicizia, mannaggia... Pecch si no... Io vi giuro che ho sofferto a
questa scena... ho sofferto assaj!... Chillo m che ce vularra?... Nfaccia a na figliola
89

comme a chesta, accuss aggraziata, accuss simpatica... se dice: Pigliatillo, trovatillo... fa


chello che vu tu... Avarria essere io a vvuje... Veramente lo vularria f abball!
CONCETTA: Nfame... Birbante!...
FELICE: S, avite ragione... birbante... Nun se mmeretava a vuje pe mugliera!... Chillo se
napprofitta pecch facite sempe chiacchiere!... Vuje avita f li fatte... li fatte...
CONCETTA (salza): S! Dicite buono... Aggia f li fatte! Lo voglio f ved de che
capace sta femmena!... Isso stasera adda j a f la perizia?... Stanotte nun se retira?... E io
me vaco a spass tutta la serata!... Me faccio purt dinto a na carrozzella ddoje ore, p
doppo vaco a cen e me retiro alluna doppo mezzanotte!
FELICE: Benissimo! Veditavenne bene!
CONCETTA: Ma vularria truv a uno che maccumpagnasse... Io sola che ce vaco a f?...
FELICE: D. Cuncett... se volete vi accompagno io!
CONCETTA: Vuje?...
FELICE: Io, s... che dal primo momento che vaggiu vista, vaggiu voluto sempe bene... E
quanno vuje ve site lagnata io ho sofferto, ho sofferto sempe!... Nun vaggiu ditto mai
niente perch non volevo tradire lamicizia. Ma na vota che m ha ditto: Pigliatillo...
trovatillo... f chello che vu tu... io non posso resistere a tanta infamia... e tanto
disprezzo! Vaccompagner io... Ce pigliammo na bella carrozza e ce facimmo na bella
cammenata! P doppo ce ne jammo a cen tantu bello a testa a testa... parlammo nu poco
cujeto cujeto... Ve voglio dicere tanta belli ccose! Ah!... Ma pecch nun songo io lo
marito vuosto?... Ve tenarria sotto a na campana... (Insinuante) accuss carnale... accuss
sciasciona!... Come se p dicere nfaccia a vvuje: Pigliatillo, trovatillo, f chello ca vu
tu?... Significa proprio che nun ve cura affatto... che ve disprezza...
CONCETTA: E isso ommo de disprezz a mme?
FELICE: Che vulite f?... Vulite ven cu mme?...
CONCETTA (decisa): S, vengo... Vengo...!
FELICE: Brava! Che piacere!... Cercammo de truv na trattoria cujeta... che nun ce p
ved nisciuno... Vulimmo sta cumme a dduje palummielle!... Nun ve ne ncarricate... nce
avimma vendic de li parole chha ditto! Stasera verso li nnove e mmeza ve vengo a
pigli e ce ne jammo!
CONCETTA: Va bene!
SCENA OTTAVA
Rosa e detti, poi Luisella.
ROSA (di dentro, a destra): E facite chello che vulite vuje... a me che me ne preme?...
(Fuori.) V che bella grazia che tene lamico tuojo! Io lo vulevo f calm... lo vulevo
persuad pe farle f pace co la mugliera e chillo dice nfaccia a mme: Oh, alle corte...
ntricateve de li fate vuoste... Questi non sono affari che vi riguardano!. A me? E sta
frisco a isso e chi le dice niente cchi!
LUISELLA (dalla destra con due lettere): Signur, dinto sta la sarta: vha purtato lo vestito
nuovo.
CONCETTA: Ah, s... laspettavo. Permettete D. Rus... scusate de li chiacchiere...
ROSA: Ma niente, pe carit...
CONCETTA: Arrivederci, don Fel!
FELICE: Arrivederci! (Scambia segni dintesa con Concetta, che esce.)
90

LUISELLA: Signun, lo fatturino ha purtato sti ddoj lettere pe vuje. (Le d a Rosa.)
ROSA: Pe me? (Le prende. Luisella va via a destra.)
FELICE: (Quale trattoria putarria essere qujeta e sicura?...).
ROSA: Uh, lo carattere de frateme Luigi!... (Legge:) Cara sorella, ti prego di venire un
momento questa sera perch mia moglie non sta niente bene e ti vuole vedere. Vedite
che combinazione... chillo sta a Forerotta, comme faccio?... Ma daltronde nce aggia j pe
fforza!... Felici?...
FELICE: Ched?
ROSA: Frateme Luigi co sta lettera mha mannato a chiamm! Dice che la mugliera sta
poco bona e me v ved!...
FELICE: Possibile?... E te cunviene de ce j pe ved de che se tratta!
ROSA: E se capisce!
FELICE (sornione): Ma io nun ce vengo, per... pecch sai che sto in urto con tuo
fratello...
ROSA: Va buono, ce vaco io... Chaggia f?... pe stasera mange tu sulo!
FELICE: Comme vu tu!
ROSA: E si trovo ch na cosa seria, stanotte aggia durm pure ll!...
FELICE (con finto rammarico): Pure ll!... Comme vu tu!...
ROSA: (Povero Felice... Me v bene veramente). A me me dispiace, ma... capirai... nun ne
pozzo f a meno: se tratta de frateme!... (Guarda laltra lettera.) E chestata lettera
ched? (Legge:) Ma chesta nun vene a me, vene a te: Signor Felice Sciosciammocca.
FELICE: A mme?
ROSA (lapre): E che songo sti manifeste? (Legge:) Albergo del Silenzio Segretezza e
sicurezza per tutti. Strada Mergellina n. 106 Bellissime camere da 4 lire, servizio
compreso. Tutte le comodit. In detto albergo si pranza e si cena in gabinetti separati.
Pranzo: 4 piatti, frutta, formaggio, pane e vino lire 6. Cena: 3 piatti, frutta, pane e vino,
lire 4. Non permessa lentrata a suonatori ambulanti e venditori. In un gabinetto non si
servono che due sole persone. E pecch mannano sti manifeste a te? Chi che te li
mmanna?
FELICE: Nisciuno... Chi me ladda mann? E che me ne preme a me de stalbergo? Come
lhanno mannato a mme, lavarranno mannato allate: una pubblicit!
ROSA: Ce pozzo credere?...
FELICE: Ma nce haje da credere pe fforza, cara Rosna!... Io che naggia f de lalbergo e
la trattoria?... Me fa meraviglia, per: se d na cena de tre piatte, frutta, pane e vino pe
quatte lire... proprio niente!
ROSA: Ma che te ne preme a te? Sono cose che a noi non ci riguardano! (Prende i
manifestini e li getta a terra.) Noi non abbiamo bisogno di albergo e trattoria!...
FELICE: Oh!... Se capisce!... (Ddoe persone cenano pe otto lire in un gabinetto separato!...
E add pozzo truv nu sito meglio de chisto?...). (Si sente qualche tuono.)
ROSA: Vedite lo diavolo... (Contrariata.) Io aggia j a Forerotta! Justo m sadda cagn lo
tiempo!... Ma nun pozzo assolutamente manc... Me piglio na carrozza chiusa...
FELICE: E se capisce!... (Chello che faccio io cu donna Cuncettina.)
SCENA NONA
Luisella, poi Antonio, indi Livia. Giulia, Ernestina e Gemma e detti.

91

LUISELLA (dalla destra): Sign, fore ce sta lavvocato Antonio Raspa.


ROSA: Uh! Don Antonio Raspa lavvocato... Justo m!...
FELICE: Chesta nun me pare ora de j facenno visite!
ROSA: Pare brutto a nun lo ricevere! Era amico stretto della felice memoria di mio
marito!... Luis, aiza chelli ccarte e fallo tras.
LUISELLA: Subito. (Alza i manfestini.) Che so cheste? (Legge.) Albergo del silenzio,
strada Mergellina n. 106....
ROSA: Fa ambressa Luis!
LUISELLA: Eccome cc! (Alla porta di destra.) Favorite, favorite...
ANTONIO: Grazie!
ROSA: Carissimo Don Antonio... come va da queste parti?
FELICE: Ci avete fatto proprio una sorpresa...
ROSA: Accomodatevi. Luis, piglia li segge! (Luisella esegue. Rosa, Felice e Antonio
seggono. Si sente qualche tuono.)
ANTONIO (balbuziente): Se ben vi rammentate, qua... qua... quando veniste a Salerno...
otto mesi fa... io vi pro... promisi di venirvi a tro... trovare...
FELICE: (Uh! Poverommo... e a chisto che ll venuto?...).
ANTONIO: Adesso si data loccasione e ho mantenuto la pu... ho mantenuto la po... ho
mantenuto la pa... la parola!
ROSA: (Povero D. Antonio... Quacche malattia ha avuta av!...). Bravo! E ce avite fatto
veramente piacere!
ANTONIO: Sono venuto a Napoli per affari e mi tra... tra... trattengo quattro o cinque
giorni.
ROSA: Se volete alloggiare qua, mettiamo una camera a vostra disposizione!
ANTONIO: Laa... laccetto con piacere... tanto pi che tengo certe ni... nipotine con me e
non le voglio portare in si... siti scoo... sconosciuti!
FELICE: Ah! Tenete pure le nipotine con voi?
ANTONIO: Sissignore: stanno in sala!
ROSA: E fatele entrare... pecch le ffaciveve st fora?
ANTONIO: Sono pi... sono pi... piene di soggezione, capite?
ROSA (a Luisella): Luis, falle tras.
LUISELLA (alla porta): Signur... Nenn... favorite! (Le quattro ragazze entrano.)
LE QUATTRO: Buonasera! Buonasera!
FELICE (a parte): (So arrivate le civette!...).
ROSA (alle quattro ragazze): Accomodatevi... Luis le ssegge. (Luisella porta le sedie e
esce. Le quattro ragazze siedono.) D. Ant, queste ragazze vi sono nipoti?
ANTONIO: Sicuro!
ROSA: Bravo! Io nun lavevo mai viste.
ANTONIO: Si, pecch stavano chi... chiuse nellEducandato a Napoli e sono venuto
appunto oggi per ritirarle. (Alle ragazze.) vero?
LE QUATTRO: Sissignore, sissignore! (Luisella porta una valigia, la pone in un canto ed
esce.)
ROSA: D. Ant, scusate che vi faccio una domanda: che cos che ntuppte a parl? na
cosa nervosa che vi venuta m?... Pecch nun lavite fatto mai...
ANTONIO: Non lho fatto mai perch se... sempre che ci siamo visti era buon te... te...
tempo!
ROSA: Non capisco.
92

ANTONIO: Livietta, dincello tu.


LIVIA: Avita sap che zi zio, quanno era piccerillo, avette na forte malattia di nervi... steva
quase pe mur... P stette buono, ma rimanette che quanno cattivo tiempo, sattacca la
lengua e nun po parl cchi!
ROSA: Oh! Vedite... vedite... (Commiserando.)
LIVIA: Quanno po na bella giornata parla buono, franco, spedito comme a tutte quante!
GIULIA: Nuje vularriamo che fosse sempe buon tiempo!
ERNESTINA: ...ca nun chiuvesse maje!
GEMMA: ...pe nun lo f arraggi!...
FELICE: Ma scusate, D. Ant... vuol dire che voi, dinverno, lavvocato nun lo putite f?...
ANTONIO: Fo lavvocato qu... qua... quando non c pi... pi... pioggia! Le mie ragazze,
questi quattro gio... giorni che staranno qui con voi, vi faranno stare moo... molto allegri...
Vi racconteranno tante cose curiose dellIstituto! (Alle ragazze.) vero?
LIVIA: Sicuro... Ve facimmo f nu sacco de rise...
ANTONIO: Per esempio... Quando compariva la direttrice, che dovevate fare?... (A Felice e
Rosa.) (Sentite!...).
LIVIA (si alza): Benvenuta, direttrice...
GIULIA (si alza): Vi facciamo riverenza!
ERNESTINA (si alza): E facciamo tutti i momenti...
GEMMA (si alza): ...quello che ci spetta! (Seggono tutte e quattro insieme.)
FELICE: Nu soldo de cchi...
ROSA (ride): Ah... ah... Se sape... usi di collegio!
ANTONIO: E faa... fatele sentire il coro che vi facevano ca... cantare la sera, prima di
andare a letto.
LE QUATTRO (si alzano, vengono avanti di un passo e, incrociando le mani sul petto,
cantano in tono monologo il seguente coro):
Noi vogliamo la sapienza
che per noi sol goder!
Con la calma e la pazienza
si compisce ogni dover!
FELICE (a parte): (E chesta la diasilla!...).
LE QUATTRO:
Noi siamo in questo mondo
ombre... ombre e niente pi!
E cadremo nel profondo
se ci manca la virt!
Ombre... ombre... e niente pi!
Ombre... ombre... e niente pi!
(Seggono contemporaneamente.)
ROSA (ridendo): E chesto ogni sera?
ANTONIO: Ogni sera!
FELICE: Ma D. Ant, scusate... io vi debbo dire una cosa: noi abbiamo offerto lalloggio a
voi solo... Llombre add le mettimmo?... (Allude alle ragazze.)
93

ROSA: Con piacere lavarriamo tenute pure a lloro cu nuje, ma nun avimmo add le
mettere!
ANTONIO: E scusate... allora inutile! Il favore era per tutta la fa... faa... famiglia!
FELICE: E tutta la famiglia non vi possiamo servire, perch la casa mia non una
caserma!...
ANTONIO: Se era na caa... caserma, caro D. Felice, io non avrei poo... portato le ragazze!
Ma non vi prendete collera: andremo in al... in al... albergo!
ROSA: Me dispiace, caro D. Antonio, ma avita cap la circostanza!
ANTONIO: Oh, basta... non ne parliamo pi. (Alle quattro ragazze.) Ragazze! Salutate i
signori e andiamo via!
LE QUATTRO: Buonasera, buonasera!
FELICE: Felicenotte, felicenotte ! ... (Contraffacendole.)
ANTONIO: Chi ci porta questa va... valigia fuori?
ROSA: Un momento, (chiama) Luisella?... Luisella?...
SCENA DECIMA
Concetta e detti, poi Rosa e Luisella.
CONCETTA (dalla destra): Gu, quanta gente!... Ched chella valigia?
ROSA: M la faccio purt abbascio. (Chiama.) Luisella?... Luisella?... (Via per la destra.)
ANTONIO (a Concetta, salutando) Signora...
FELICE (presentando): Il signor Antonio Raspa, avvocato destate! La signora Galletti!
ANTONIO: Signore...
FELICE: ...capitano... (Poi a Concetta piano.) (Aggiu truvato nu buono site pe ghj a
cen...).
ANTONIO: Mi potreste almeno indicare qualche albergo buono?
FELICE (sempre a Concetta): (E na parte che stammo qujete e sicuro...).
ANTONIO (a Felice): Che mi dite?
CONCETTA (a Felice, piano): (E add ?...).
FELICE (a Concetta, sempre sotto voce): (Albergo del Silenzio, Mergellira 106...).
ANTONIO (che ha sentito, ritiene linformazione data a lui e segna il recapito in un
taccuino): Albergo del Silenzio, Mergellina 106...
ROSA (esce dalla destra con Luisella): Jammo, porta sta valigia fora.
LUISELLA: Subito. (Prende la valigia ed esce. Poi torna.)
ANTONIO: Grazie! S... s... signora, arrivederci!
ROSA: Arrivederci, signor avvocato!
ANTONIO: Ragazze, andiamo allalbergo!
LE QUATTRO (contrariate, con mal garbo): Buonasera, buonasera!
FELICE (contraffacendole, comicamente): Felicenotte, felicenotte! (Antonio con le quattro
ragazze esce.) V che divertimento era venuto dinto a la casa mia!
ROSA: Luis, vienme a mettere lo cappiello, io nun pozzo perdere cchi tiempo!
CONCETTA (a Rosa): Ched, ascite a chestora?
ROSA: Eh, pe fforza! Frateme tene la mugliera malata e mha mannato a chiamm...
Jammo Luis. (Via a sinistra con Luisella.)
FELICE: D. Cuncett, avite ntiso?... Se ne va!... Ma chisto terno chaggiu pigliato! Lo
marito vuosto se n ghiuto?
94

CONCETTA (indispettita): M proprio... senza nemmeno guardarme nfaccia!...


FELICE: E che ve ne preme?... Da oggi in poi tenete a me! Io sar il vostro consolatore!
CONCETTA: Basta che nun ce vede nisciuno, per!
FELICE: Non dubitate... quella una trattoria sicurissima! Ce pigliammo na carrozza.. Chi
ce p ved?... Non vi pentite, D. Cuncett... penzate al disprezzo! Isso nun ce sta...
muglierema se ne va... Add la truvammo noccasione meglio de chesta?
CONCETIA (titubante): Ma vedite... si chillo lappura... nuje simme arruvinate!
FELICE: Ma comme lappura?... Chi nce lo p dicere?
CONCETTA: Zitto!... Vene Rosna...
SCENA UNDICESIMA
Rosa, Luisella e detti.
ROSA (con cappello, pronta per uscire): Dunque, Felici, io vaco!
CONCETTA: D. Ros, io me ne traso dinto. Ce vedimmo dimane! Sperammo che sia cosa
da niente!
ROSA: Accuss sperammo!
CONCETTA: Bonasera, D. Fel. (Via per la comune.)
FELICE: Buonanotte.
LUISELLA (a Felice): Sign, vulite mangi m o cchi tarde?
ROSA: Tu nun te ne ncarric! Tu haje ditto chhaje accumpagn lo nepote de D. Michele a
lo cullegio? E va: p te retire a la casa toja pe stasera, pecch cc nun pu st!
LUISELLA Va bene. Ma a lo signore chi lo d a mangi?
ROSA: Cheste so ccose che me laggia ved io. Ch fatto na criatura de latte lo signore?
Ll sta tutto pronto... lacqua sta vullenno... se lo vvede isso!
LUISELLA: Comme vulite vuje! Allora, felicenotte, signur. (Via a destra.)
ROSA: Felicenotte.
FELICE: Ma dicevo io... na vota chaggia riman io sulo me ne vado a mangi qualche
cosa dinta a na trattoria...
ROSA: Dinta a la trattoria?... (Allarmata.) E quanno maje s ghiuto pe dinto a la trattorie?...
FELICE: E che male ce sta?
ROSA: Tutto il male possibile! Chi te vede dinto a na trattoria lo cchi ppoco se crede che
simmo appiccecate! A na parte de chesta ncavimma j sempe nzieme!...
FELICE (esasperato): Siente, ma chesto troppo m! Tu adderittura me vu tnere comme
nu schiavo?... E dmme nu poco de libert!
ROSA (fremendo): Seh!... Bravo!... E tu quanno maje haje parlato accuss?... Chesta la
cumpagnia de D. Michele!... lamico che tha mparato!
FELICE: Nun me lha mparato nisciuno!... la molla che scatta!...
ROSA (sardonica): Ah! la molla che scatta?... Dunque tu cuve ncuorpo? Tiene la mala
ntenzione?... Me tratte cu politica?... E va bene! (Con decisione.) E allora io m te chiudo
da dinto!... Si vu mangi, mange... si no, staje dino! Dino comme a nu cane!
FELICE: Rus, nun facimmo pazze... pecch si no me nquarto seriamente!
ROSA: Te nquarte seriamente?... E de che manera... de che manera?...
FELICE (con tono comicamente autoritario): Faccio il marito!...
ROSA: Faje lo marito?... E teh!... (Gli d uno schiaffo poi esce dalla destra. La si sente
chiudere la parta a chiave.)
95

FELICE: Sangue de la morte... chella overo mha chiuso da dinto!... (Corre alla porta e
chiama.) Rus... Rus... arape la porta!
ROSA (dallinterno): Ce vedimmo a mezanotte... o pure dimane mmattina! Statte buono!...
FELICE: Rus... arape la porta!... (Scuote la porta.) Rus... mallarma de mammeta!...
Rosna... (Carezzevole.) simpaticona mia... angioletto mio... (Cambiando tono.) Ppuh, pe
la faccia toja! (Viene avanti.) E come faccio? Comme vaco a pigli a D. Cuncettina?...
Mannaggia a lo mumento che me nzuraje... Chella mha rimasto carcerato!... (Come
colpito da un pensiero.) Ah!... (Corre al cassettone che in fondo a destra, ne apre un
cassetto e prende una chiave.) S scordata che cc ce sta nata chiave de sta porta... eh,
sangue de la morte (Va alla porta e prova ad aprire. La porta resiste.) Puozze pass nu
guajo!.. (Scoraggiato.) Ha chiuso e ha menato pure lo maniglione! Sono perduto so
rovinato!... (Improvvisamente si rischiara, illuminato da unaltra idea.) Statte!... Chillu
fenestiello sporge dinto a lo ciardino... Benissimo!... Cielu mio aiuteme tu... (Prende la
scala a pioli, e con essa raggiunge il finestrino infilandovi le gambe. Luscita non
agevole.) E come faccio?... Aspetta... qua bisogna fare un podi ginnastica ecco fatto!
(D in un grido di dolore.) Ah!... Me so pugnuto nfaccia allerba de muro! (Mentre cerca
discendere si sente abbaiare fortemente il cane.) Misericordia... nu cane!.. Passa ll...
Passa ll... Passa ll... (Mentre Felice grida e si dimena spaventato ed il cane continua ad
abbaiare, cala la tela.)
Fine dellatto primo

ATTO SECONDO
La scena divisa in tre parti: una camera a destra, una a sinistra e nel mezzo il corridoio.
In fondo al corridoio si vede la scala: a sinistra la rampa che sale ai piani superiori, nel
mezzo quella che scende al piano sottostante. Nella camera a destra del corridoio si nota
il solito arredamento delle camere dalbergo: alla parete di fondo un lettino, a sinistra,
con accanto il comodino e un uscio a destra che mette in uno spogliatoio; alla parete di
destra una porta e, in primo piano, una finestra: tra esse un piccolo cassettone con
specchio; alla parete di sinistra la porta che mette nel corridoio; nel mezzo una sedia. La
camera a sinistra del corridoio un salottino: nel mezzo vi un tavolino imbandito per
due persone, nel fondo un divano e una sedia; alla parete di sinistra, in primo piano, una
porta, poi un camino con sopra una bottiglia dacqua, una tazza con piattino e
cucchiaino; alla parete di fondo, sopra il divano, uno specchio; alla parete di destra la
porta che d nel corridoio. Allalzarsi del sipario la stanza a destra del corridoio al
buio, quella a sinistra illuminata. Nel corridoio un tavolinetto con candelieri e cerini, e,
a una parete il quadro delle chiavi.
SCENA PRIMA
Andrea, poi Carluccio.
ANDREA ( presso la scala nel corridoio e parla verso il piano sottostante): Buon viaggio,
96

signori... buon viaggio e presto ritorno... Non sentite chiacchiere... sono tutte fandonie!
(Viene avanti.) Eh!... aggiu voglia de dicere... aggiu voglia de f... ma non ne ricavo
niente! A poco a poco se ne stanno jenne tutte quante... E si la voce se sparge natu
pucurillo, rimanimme dinto a stalbergo io, Carluccio e lo guardaporta!.. Nisciuno ce
crede a li spirete... tutte quante diceno che so scemit... ma p tutte se mettono paura!
Sulamente a stu maestro de scherma a numero 9 nun le passa manco pe la capa: ogne sera
fa lezione fino a li ddiece, p se va a cucc tranquillamente e dorme fino allotto de la
matina! (Campanello interno.)
CARLUCCIO (salendo dal piano inferiore): Eccomi.. eccomi! Mannaggia llarma de
mammeta!.. (Reca due bottiglie dacqua.)
ANDREA: Chi ?
CARLUCCIO: E nun lo ssapite?... D. Rocco, lo maestro de scherma! Cu sti ddoje butteglie
dacqua so sette che se nha bevuto! Starr faceno le granavottole ncuorpo!
ANDREA: Carl, agge pacienza, tinece nu poco de maniera... si no cc lo padrone p
chiudere aderittura! (Campanello interno.)
CARLUCCIO: Eccomi, eccomi! Mallarma de mammeta! (Via salendo la scala.)
SCENA SECONDA
Michele e detto.
MICHELE (dal piano di sotto, con valigia): Cameriere!
ANDREA: Comandi?...
MICHELE: Siete voi il cameriere?
ANDREA: Sicuro: il primo cameriere dellalbergo! Desidera qualche cosa?... Una camera?
Vuol cenare?
MICHELE: No, cenare no: mi dovreste dire qual la camera per me. Io sono lingegnere
Galletti, il perito mandato dal Tribunale.
ANDREA: Ah... ho capito... la camera de li spirete?
MICHELE: Sicuro. Qual ?
ANDREA (mostrando la camera a destra): quella l, vedete? Ll ogne notte se sente nu
fracasso terribile: voce, lamiente... e capirete, caro signore, che lalbergo sta jenno sotto e
ncoppa!
MICHELE: Va bene, va bene. Io sono venuto per constatare, perch si dice che il rumore
viene dai lavori delle fognature che stanno facendo.
ANDREA: Nonsignore, io vi posso assicurare...
MICHELE: Ma vi pare che di questi tempi si possono credere sti cose?... Del resto
vedremo!
ANDREA (accende una candela): Favorite! (Entra a destra seguito da Michele.) Ecco...
queste sono due camere: questa e quellaltra pi grande... (Indica la porta a destra.)
MICHELE: E dinto a sti ddo cammere li spirete fanno conversazione?
ANDREA: Sissignore.
MICHELE: Non me pare veramente! Se sta accuss tranquillo cc dinto!
ANDREA: Sicuro, pecch nun ora ancora!
MICHELE (ironico): Forse li spirete se so ghiute a ff na cammenata?
ANDREA: Nonsignore... A mezzanotte, quanno se stuta tutte cose, allora accummenciano!
MICHELE (incredulo): Ma jatevenne, faciteme stu piacere!
97

ANDREA: Me ne vaco?... E va bene... p vedite! (Dallinterno si sentono forti rumori di


piedi battuti in terra.)
MICHELE (un po spaventato): Che cos neh?...
ANDREA (anche lui spaventato e perplesso): Aspettate... (I rumori si ripetono; ad essi ora
si aggiungono grida da schermitore; eh l... eh l, eh!.. Andrea si rassegna.) Puozze
pass nu guajo! (Chiarendo a Michele.) nu maestro de scherma che sta facenno lezione!
MICHELE: Ah! nu maestro de scherma? Ho capito! (Mallarma de mammeta... V che
zumpo mha fatto f!...) Spero per che sta lezione nun durasse tanto!
ANDREA: No, nun ce penzate... chillo m fenesce.
MICHELE: Va bene. Voi potete andare. Se voglio qualche cosa vi chiamo.
ANDREA: Cc ce sta lo campaniello, guardate: qualunque cosa... suonate e sarete subito
servito.
MICHELE: Grazie.
ANDREA: Buonanotte. Stateve attiento... nun v addurmite... e... coraggio... coraggio.
(Esce nel corridoio, chiude la porta e spia dal buco della serratura.)
MICHELE (solo; ride): Ah! Ah!.. na cosa curiosa: li spirite! Stammo ancora allepoca de
li spirete! Va trova che specie de rummore e... v trova chi lo f stu rummore e se credono
che so li spirete! (Apre la valigia, ne trae pettine e spazzole che pone sul cassettone, un
paio di pantofole che mette sotto il letto, quindi la ripone in un cassetto del cassettone.)
Io m non ce credo affatto... nun ncaggio mai creduto a sti cose... manco quannero
piccerillo... e intanto m... che saccio... mombra no poco! (Ride.) Ah... ah... (Cava di
tasca due sigari che mette sul cassettone.)
ANDREA: Sarria bello che lo perito se mettesse paura e se ne fujesse!... (Campanello
interno.)
SCENA TERZA
Carluccio e detti, poi Felice e Concetta, indi Andrea.
CARLUCCIO (scende dal piano superiore): Eccomi, eccomi... (Traversa ed esce
scendendo verso il basso. Si sentono internamente i soliti rumori dello schermitore.)
MICHELE ( sempre nella sua stanza): Nata vota?... (Alla porta.) Cameri... chisto lo
maestro de scherma nun la fenesce pe m?...
ANDREA: Aggiate pacienza... m nce lo vvaco a dicere! (Esce salendo la scala.)
MICHELE: Ogne mumento nu zumpo de chiste nun certo na bella cosa! (Accende un
sigaro e si affaccia alla finestra.)
FELICE (sale dalpiano sottostante precedendo Concetta): Saglite, saglite D. Cuncett...
nun ce penzate... Chistu nu sito bellissimo... tranquillo quieto... nun se vede manco na
mosca! proprio comme le jveme truvanne nuje!
CONCETTA: Ma pecch ve tuccate sempe sta gamma?
FELICE: Pecch aggiu avuto nu muorzo da nu cane terribile! Sha mangiato miezu
purpone!
CONCETTA: Ma qu cane?
FELICE: Lu cane de lo giardiniere che sta vicino a la casa mia!... Ma che me ne mporta a
me? Io, pe nun manc allappuntamento che tenevo cu vvuje, me sarria fatto muzzec
pure da nu lione!... Sciasciona... simpaticona bella!... (Tenta abbracciarla.)
CONCETTA (si schernisce): No, D. Fel, vuje vavite st cuieto... me pare che accuss
98

avimmo ditto: ncavimma spass... sissignore... ma nun avita f lo scostumato!


FELICE: Va bene... ma dopo cenato, ricordatevi che mavita d nu bacio! Unu sulo!...
CONCETTA: Va bene... dopo cenato se ne parla!
ANDREA (di dentro): Scusate, abbiate pazienza... c della gente che non si fida di
sentire... (Fuori scendendo.) Chi ?... Signori, buonasera. Che comandate?
FELICE: Voi siete il cameriere dellalbergo?
ANDREA: Il primo cameriere, a servirvi.
FELICE: Bravo! Voi stamattina mi avete mandato una quantit di manifesti che
riguardavano questalbergo?
ANDREA Ma non solamente a voi, caro signore li abbiamo mandati per tutti i palazzi
per fare un po di pubblicit!
FELICE: Ah! Lavevo detto io!... Dunque, io la signora qua... vogliamo cenare a quattro
lire a persona: tre piatti, pane, formaggio, frutta e vino. Per... gabinetto separato, come
dice il manifesto.
ANDREA: Sicuro, dice cos... ma non s se la signora... sar contenta!
FELICE: Perch?
ANDREA: Perch i tre piatti sono questi: una frittatina con cipolle, una mozzarella in
carrozza e una insalata di lattuga; poi c un pezzetto di formaggio vecchio, mezzo pane,
due caroselle e un bicchiere di vino!
FELICE: Ah, neh? Chesta la cena?
ANDREA: Caro signore... con quattro lire che volete? Si capisce, si fa per chiamare
pubblico!
FELICE: Si, ma un inganno per! Voi dite tre piatti.. e songo ve muzzarella e nzalata!...
Questo non si fa!
ANDREA: Ma voi avete una signora e non vi conviene di cenare a prezzo fisso! M vi
preparo io una cenetta buona e stuzzicante: delle bistecche... una frittura di pesce...
qualche pollo... una bottiglia di champagne... Insomma vi servo come si conviene!
FELICE (a parte): (Aggiu capito... chesta cosa de ciente lire stasera!...) D. Cuncett, che
ne dicite?
CONCETTA (piano): (M simme venute, m... o avimma cen buono o niente!).
FELICE: Basta ho capito! (Ad Andrea.) Allora fate voi! E quale sarebbe il gabinetto
separato?
ANDREA: Da questa parte... favorite. (Li guida nella stanza a sinistra.) Questa la camera
numero dieci. Qua starete benissimo.
FELICE: Bravo! (Va verso il camino.) Qua che cos?
ANDREA: Questo un camino, ma sta smorzato. Dunque, volete cenare subito?
FELICE: No,... a un altro poco... vi chiamo io.
ANDREA: Va bene. Fate il vostro comodo.
FELICE: Addio, caro!
ANDREA (sinchina a Concetta): Signora... (Esce e chiude la porta.) Adda essere nu gran
signore!... Aggiu fatto la serata!... Eh! La pubblicit una gran cosa!...
MICHELE (esce dalla sua camera a destra, col candeliere): Cameri, io aggio penzato na
cosa: m troppo presto... m scendo un momento, arrivo fino a la Torretta e poi torno.
ANDREA: Fate il vostro comodo! Quando vi ritirate, trovate la candela abbasso...
MICHELE: Va bene. (Esce scendendo le scale, seguito da Andrea.)
FELICE (ha acceso un sigaro. Siede sul divano accanto a Concetta che nel frattempo si
era tolto il cappello deponendolo su una sedia): Voi non potete immaginare io come sono
99

felice in questo momento. Si avesse pigliato na quaterna, nun mavesse fatto tanto
piacere! Io stasera me pare natommo... me pare uno ch asciuto da la galera!... Ah!..
Pozzo respir nu poco cujeto!... Si non fosse pe stu dolore a la gamba sarebbe completa la
felicit!... (Fumo a grosse boccate.)
CONCETTA (infastidita): E nun facite tanto fummo! Me appestate tutta la cammera!
FELICE: S... avete ragione... Ma che vulite, nun fumavo da quattanne pe f piacere a
chillo casciabbanco de muglierema!... Nun voglia mai lo cielo e me vede co lo sigaro in
bocca! Fa revut la casa!... Intanto, ch succieso? Che pe f cuntenta a essa, quanno
fumo, ogne tanto, mavota la capa e lo stommaco!...
CONCETTA: Ma se capisce!... Fumanno de chesta manena!.. Ma scusate, comme ve
venette ncapo de ve spus a chella vecchia?
FELICE (con rammarico): Non me lo dite, non me lo dite, per carit!... Passaje na
disgrazia!... Putevo ncuntr a vuje invece dessa... Sarei stato luomo pi felice del
mondo! (Tossisce.)
CONCETTA: Ched, D. Fel?
FELICE (turbato): No, niente... mavota nu poco lo stommaco...
CONCETTA: E nun fummate cchi... lassate st.
FELICE: No, e perch? E che so fatto nu piccenillo? (Continuando il discorso che la tosse
aveva interrotto.) Io, vi dico la verit, a Michele lo vulevo bene, lo stimavo... Ma da che
aggio visto comme ve tratta, finita ogne amicizia per me! E se ci parlo lo faccio per
politica. ingegnere, capite? Si serve sempre di me per qualche lavoro di pittura! Si nun
fosse stato pe chesto, da quanto tiempo nun lavarria guardato cchi nfaccia, parola
donore!
CONCETTA (preoccupato): Nun voglia mai lo cielo e sapesse che nuje stamme cc!...
FELICE: A chesto nun ce penzammo nemmeno! (Galante.) Vavite miso na bella veste...
Comme ve sta simpatica!...
CONCETTA: na vesta nova... stasera me laggio mise la primma vota. Ve piace?
FELICE: Assai assai... Ma gi, ncuollo a vvuje che cosa non mi piace?... Vuje site bbona le
tutte manere... pure si varravugliate dinto a nu tappeto!... Che uocchie... che mussillo...
(Con nausea:) che avutamiento de stommaco!...
CONCETTA (allarmata): Avite fatto la faccia bianca! Pusate stu sigaro !
FELICE (ostinato): No! Mi ci debbo abituare!
CONCETTA: E giusto m ve vulite abitu?
FELICE (sempre pi indisposto): Ma non solamente lo sigaro... E perch... capite...
vularria nu bicchiere dacqua...
CONCETTA (con disappunto): Vedite la cumbinazione... D. Fel?... (Alla porta.)
Cameriere?... Cameriere?...
SCENA QUARTA
Carluccio e detti, poi di nuovo Carluccio.
CARLUCCIO: Comandi!
CONCETTA: Cameriere, scusate, nu bicchiere dacqua.
CARLUCCIO: Subito. (Entra a sinistra.) (S affittata sta cammera... meno male!). Qua
c tutto, vedete? (Prende la bottiglia dal camino e versa lacqua nel bicchiere.) Ma che
ha il Signore?
100

CONCETTA: Che s... Vedete voi!


CARLUCCIO (a Felice): Signore... Signore... bevete!
FELICE: Grazie! (Beve.) Mamma mia... la capa... lo stommaco... Aggio fatto peggio cu
llacqua... (Si toglie la giacca.)
CARLUCCIO (a Concetta): Ma che soffre di svenimenti?
CONCETTA: Nonsignore, gli ha fatto male il fumo.
FELICE (con debole voce): Vurria pigli nu poco daria... faciteme pigli nu poco daria!
(Prende il cappello di Concetta e con esso si sventola.)
CARLUCCIO: Venite con me sulla terrazza, vedite che ve passa tutte cose.
FELICE: S... s... nu poco daria!... Mamma mia... la capa... lo stommaco. (Mortificato a
Concetta.) D. Concett, scusate... m vengo.
CONCETTA: Jate... jate...
CARLUCCIO: Venite con me. (Esce nel corridoio con Felice che porta con s il cappello
di Concetta.)
FELICE: Accuss forte nun me lha fatto mai ... Forse perch sto digiuno da jeri!...
CARLUCCIO: State digiuno da ieri? E se capisce, allora! (Indicando.) Saglite sta scala... a
mano dritta ce sta na bella loggia. Volete che vaccompagno?
FELICE: No, grazie... non c bisogno! (Comincia a salire i primi gradini.) Ah! Sta
gamba... lo stommaco... la capa... (Esce.)
CONCETTA (sulla porta): Cameri, preparate intanto una cosa calda... na tazza de t...
CARLUCCIO: Ah, sicuro. Adesso porto la macchinetta a spirito e il t. (Esce scendendo.)
CONCETTA (rientra): Vedite lo diavolo che va combinanno... Chillo justo m laveva f
male lo sigaro! S tolta la giacca!... Abbasta che nun piglia na bronchite ll ncoppa!
CARLUCCIO (risale ed entra a sinistra): Ecco qua, signora... questo il t. (Mette la
macchinetta sul camino e laccende.) Se non vi rende fastidio, quando lacqua bolle ce lo
menate:
CONCETTA: Va bene, ci penso io... grazie.
CARLUCCIO Ma niente: dovere!
CONCETTA (alludendo a Felice): Ma chillu viento fora a la loggia certamente lle far
male...
CARLUCCIO: Nonsignora... non c vento. Anzi, da tantacqua che ha fatto oggi uscita
una bellissima serata. Quello si rimetter subito. Permettete? (Esce nel corridoio e chiude
la porta.)
CONCETTA (sola): V che bello divertimento me so venuta a pigli! E accumminciato
buono! Intanto io tengo appetito... Si nun se rimette subito, ceno a me ne vado!
SCENA QUINTA
Antonio, Livia, Giulia, Gemma ed Ernestina, seguite da un fattorino, poi Carluccio.
ANTONIO (internamente, dal basso): Salite, salite ragazze... (Fuori.) Cameriere?...
(Escono le quattro nipoti e il facchino con la valigia.)
CARLUCCIO (a parte): (Uh! Sta arrivanno nu collegio!...).
ANTONIO: Ah! Finalmente abbiamo trovato un cameriere! Ma che albergo questo?
Avete fatto bene a chiamarlo albergo del silenzio, perch qua non si vede e non si sente
nessuno!
CARLUCCIO: Voi che dite, signore?
101

ANTONIO: Eh, che dico! Lo guardaporta stu durmenno... camerieri non se ne trovano...
Qua i ladri possono fare quello che vogliono!
LIVIA: Ma zi z scusate... chi lha indicato stalbengo?
ANTONIO: D. Felice... E non capisco pecch mha fatto stu piacere!
CARLUCCIO: Dovete scusare. Quando un albergo pieno, questo succede! Che
desiderate?
ANTONIO: Due camere: una per me e laltra per le mie quattro nipoti.
CARLUCCIO: (A quatte a quatte!... E add le mmetto a chiste?...). Vediamo un poco...
(Guarda il quadro delle chiavi appeso a una parete del corridoio.) Ci sono tre stanze al
quarto piano...
ANTONIO: No! troppo sopra... voi scherzate!
LIVIA: Nuje nun vulimmo sagl cchi... si no ce ne jammo!
LE ALTRE: Ce ne jammo!...
CARLUCCIO (a parte, ignorando che la camera a destra stata assegnata a Michele):
(Aspetta!... M li mmetto dinto a li cammere de li spirete Chelle nun saffittano
maje!...). Allora prendete queste: undici e dodici... (Mostra a destra.) Erano state
promesse ad una famiglia inglese; non fa niente: metteremo quella al quarto piano.
ANTONIO: Grazie tante. Dov?
CARLUCCIO: Qui... vedete... Favorite. (Prende un lume e introduce Antonio e le nipoti
nella stanza a destra.) Questa una bella stanzetta ad un solo lettino.
ANTONIO: Va bene: questa sarebbe buona per me.
CARLUCCIO: Qua c un gabinetto per lavarsi, spolverarsi, spogliarsi... (Mostra la
porticina in fondo.)
ANTONIO: Ho capito.
CARLUCCIO (mostra la porta a destra): Qua poi c laltra stanza grandissima con un
lettino ed un letto matrimoniale.
ANTONIO: Benissimo: l vi metterete voi, ragazze!
LE RAGAZZE: Va bene, va bene.
ANTONIO (al facchino): Mettete l dentro la valigia. (Indica la porta a destra; il facchino
vi entra, lascia la valigia poi torna, esce e via per le scale che scende.)
CARLUCCIO: Desiderate qualche cosa di cena?
ANTONIO: No, grazie, noi non ceniamo la sera. Soltanto una bottiglia dacqua.
CARLUCCIO: Sarete subito servito. (Esce e via per la scala che scende.)
LIVIA: Come si vede subito quand buon tiempo, zi z perch parlate proprio buono: nun
ntuppate manco nu poco!
GIULIA: E come parla de pressa!
ERNESTINA: Quanno po cattivo tiempo... povero z zio soffre de chella manera!
CONCETTA (che sempre nel salottino a sinistra): E quanno scenne D. Felice? Che
diavolo sta facenno? ( impaziente.)
LIVIA: Zi z, ma cc ce v natu lume, si no comme facimmo?
ANTONIO: Ah, se capisce!
CONCETTA: Vurra ved si scenne...
ANTONIO: M chiammo lo cameriere! (Apre la porta. Contemporaneamente Concetta
apre la sua, cos si trovano faccia a faccia.)
CONCETTA-ANTONIO: Cameriere? (Si guardano. Concetta ha un moto di contrariet.)
ANTONIO: Che vedo? La signora Galletti?
CONCETTA: Buonasera, signore!
102

ANTONIO: Non mi sbaglio dunque: ho avuto lonore di conoscervi in casa di D. Felice...


CONCETTA: Sicuro? (Carluccio rientra dal basso con una bottiglia dacqua che porta
nella camera a destra lasciandola sul cassettone.)
ANTONIO: Vedete che combinazione! (Chiamando nella sua stanza.) Ragazze... venite...
qua c la signora Galletti! (Gridando.) Ragazze!... La signora Galletti!...
CONCETTA (contrariata a parte): Mannaggia llanema de mammeta!...
LIVIA: Oh! La signora Galletti! (Entra nella stanza a sinistra.)
LE ALTRE: Signora Galletti... (Entrano anchesse.) Signora Galletti!... (Carluccio entra
nella camera a sinistra.)
CONCETTA (a parte): (Puzzate pass nu guajo! M fanno sentere a tuttu quante lo
cugnome mio!...).
ANTONIO: Noi siamo venuti a passare due o tre giorni in questalbergo: speriamo che ci
trattino bene!
CARLUCCIO (che ha sentito il cognome di Concetta): Signora Galletti... lacqua bolle!
CONCETTA: (Pure chisto!...) Va bene, grazie!
ANTONIO: Signora, scusate... ma voi abitate qua?
CONCETTA S... provvisoriamente perch dobbiamo cambiare casa...
ANTONIO: Che piacere! Stiamo vicini!... Se la nostra compagnia non vi disturba, ci
tratteniamo un poco.
CONCETTA: No... anzi... per carit!
ANTONIO (autoritario alle ragazze): Ragazze, sedete! (Le ragazze seggono sul divano e
Antonio su una sedia.)
CONCETTA (preoccupata, a parte): (E si scenne D. Felice comme faccio?...).
ANTONIO: Voi siete amica di D. Rosa, la moglie di D. Felice?
CONCETTA: Sissignore.
ANTONIO: Eh! Una buonissima donna! Io la conosco da tanti anni! Il suo primo marito
buonanima, era cliente mio!
CONCETTA: Bravo!
ANTONIO: Oggi mi avevano invitato a passare due o tre giorni in casa loro, ma vedendo
poi che eravamo in tanti, giustamente non hanno potuto tenerci... per mancanza di posto...
CARLUCCIO (che nel frattempo era rimasto ad armeggiare presso il bricco con lacqua):
Signora Galletti... lacqua bolle!
CONCETTA (infastidita): Va bene... andate... (Carluccio esce e va via scendendo per la
scala.)
ANTONIO: Voi a D. Felice e la moglie li vedete spesso?
CONCETTA (mentendo): No... raramente... qualche volta ogni tanto.
SCENA SESTA
Felice e detti, poi Carluccio, poi Livia, poi ancora Carluccio.
FELICE (scendendo la scala): Cielo te ringrazio... me sento nu poco meglio! (Si avvicina
alla porta del salottino di sinistra.)
ANTONIO (continuando imperterrito il discorso con Concetta): Ma siete amici stretti?
CONCETTA ( sulle spine): No... non tanto, veramente... ci conosciamo da poco! (Felice
apre la porta ed entra.)
ANTONIO: Oh!... Eccolo qua D. Felice!...
103

FELICE (atterrito): (D. Antonio?!... Sono rovinato!...).


CONCETTA: (Lavevo ditto io!...).
ANTONIO (a Felice): Stavamo parlando proprio di voi! (Alle ragazze.) Ragazze, salutate
D. Felice!
LE QUATTRO (alzandosi): Buonasera, buonasera!
FELICE: Tanto piacere! (A Concetta, fingendo.) Signora Galletti, come state?... Mi sono
trovato a passare di qua e ho detto: Voglio salire a salutare la signora!
CONCETTA (finge anchessa): Oh!... Mi avete fatto piacere! stata una sorpresa!
ANTONIO (accorgendosi che Felice senza giacca): Ma D. Fel, scusate, vuje jate
cammenannno senza giacca?
LE QUATTRO (ridono): Ah... ah... ah...
FELICE (preso alla sprovvista, rimane per un istante interdetto guardandosi; ma si
riprende subito): Ah... s... stata na cosa curiusa... maggiu stracciata la giacchetta
vicino a na carruzzella e laggiu rimasta da lo sarto che me la sta rammendando... e sono
salito a truv la signora!
ANTONIO: E lo cappiello?
FELICE (pronto nella bugia): S sfunnato!
CONCETTA: Permettete che faccio una tazza di t? (Va presso il fornellino.)
ANTONIO: Come vedete, io sono venuto dove voi mi avete detto. Credo che il padrone di
questalbergo vi deve essere amico...
FELICE (mentendo): Ah!... Sicuro... lo conosco da tanto tempo!
ANTONIO: Perci mi avete fatto venire qua?
FELICE (cade dalle nuvole): Io vi ho fatto venire qua?
ANTONIO: Come non vi ricordate?... Oggi, a casa vostra, vi ho domandato lindirizzo di
un albergo e voi mi avete detto: Albergo del silenzio, Mergellina 106....
FELICE: Ah!... Io ve lho detto?
ANTONIO: Sicuro, voi! Io credo che ci troveremo bene. Le camere che prezzo fanno?
FELICE: Non s... mi pare venti lire a letto.
ANTONIO: Ogni cento grammi?
FELICE: Che centra ogni cento grammi?
ANTONIO: Voi avete detto venti lire alletto...
FELICE: No... venti lire ogni letto.
ANTONIO: Ah! Venti lire ogni letto?... Voi scherzate, D. Fel, non puo essere! Neh,
ragazze, voi sentite? Qua si pagano venti lire a letto...
LIVIA: Nientemeno?
GIULIA: E allora ce ne jammo?
ANTONIO (chiamando): Cameriere? Cameriere?
CARLUCCIO (dal sottosuolo): Comandi?... (Entra a sinistra.)
ANTONIO: Per quelle due stanze noi quanto pagheremo al giorno?
CARLUCCIO (a Felice, premuroso): Oh, signore, come vi sentite?
FELICE (grida per coprire le parole di Carluccio perch Antonio non senta): Bene!
Grazie! Rispondete al Signore!
CARLUCCIO (imperturbabile): Laria vi ha fatto bene?
FELICE (come sopra): (E chistu pecch allucca?). (Ad Antonio.) Che dite, signore?
ANTONIO: Volevo sapere per quelle due stanze nostre, quanto mi fate pagare al giorno?
CARLUCCIO: La grande 12 lire e la piccola 8 lire.
ANTONIO (rassicurato): Va bene. (A Felice.) Avete nteso?... Voi avevate detto venti lire!
104

FELICE (inventando): Quando si apr questalbergo, tanto si pagava!


CARLUCCIO: Ma allora io non cero: ero a Genova. (Ad Antonio.) Comandate altro?
ANTONIO: Ci dovete portare unaltra stearica.
CARLUCCIO: Subito. (Esce e va via scendendo.)
FELICE (continuando nella finzione): Signora, io me ne vado perch vedo che dovete
cenare. Arrivederci.
ANTONIO: E noi pure ce ne andiamo! Vogliamo togliere il fastidio alla signora. (Alle
nipoti.) Ragazze, in camera.
LE QUATTRO: Signora... tanto piacere... tanto piacere... (Passano nella camera a destra.)
CONCETTA: Buonanotte!
ANTONIO: Rispettabilissima signora...
FELICE: Buonasera! (A Concetta, piano): (Io m saglio!).
CONCETTA (a Felice, piano): (Mavite fatto lo guajo!...).
FELICE (esce nel corridoio con Antonio): Io me ne calo! (Scende.)
ANTONIO: E io me ne traso! (Entra a destra.)
LIVIA: Zi z, nuje ce ne trasimmo dinta a la cammera nosta e a natu ppoco ce cuccammo.
ANTONIO (paterno): S... s... andate... benedette! (Le quattro ragazze se ne vanno
correndo nella loro stanza.) Non facite chiasso che cc dinto stammo in un albergo.
CONCETTA: Ma vedite che combinazione! So cose che nun se credono!
LIVIA (ritornando): Zi z, nuje stammo a lo scuro... datece la cannela vosta!
ANTONIO: E po resto a lo scuro io? Basta pigliatella: chillo lo cammariere m me la
porta.
LIVIA (prende la candela e si avvia): Zi z... che bella stanza! Come grande! (Rientra.)
ANTONIO: Bravo! Lasseme chiamm lo cameriere!
FELICE (risalendo dalla scala): M putarrie tras...
ANTONIO (apre la porta): Cameriere? Oh! D. Fel, voi, state ancora qua?...
FELICE (contrariato): Ah!... Gi... Sicuro... (Inventando.) So salito proprio per voi!
ANTONIO: Per me? E perch?
FELICE (parlando piano, con circospezione): M che sono sceso, ho visto nel cortile na
rocchia de gente che parlavano sotto voce fra loro. Me so accostato e ho sentito... ma
avvoc,... non lo dite a nessuno... ho sentito che la moglie dellalbergatore gravida!
ANTONIO (pausa. Lo guarda meravigliato): Veramente?
FELICE: Io appena lho sentito ho detto: M ce lo vado subito a dire a D. Antonio.
ANTONIO: E che me ne mporta a me?
FELICE: No... perch ho pensato che il marito jeva truvanno la persona legale per far
constatare la grandezza de la panza...
ANTONIO: E che faccio la levatrice io? O lostetrico? Me dispiace che vi siete
incomodato...
FELICE: Ma perch il Foro non centra?
ANTONIO: Ma che Foro... Non scherzate!
FELICE: Insomma non vi interessa?
ANTONIO: Sono affari che non mi riguardano.
CARLUCCIO (dal sottosuolo, con la candela): Ecco qua il lume.
ANTONIO: Bravo! E tanto ci voleva? (Prende la candela.) Felicenotte.
FELICE: Felicenotte... Io me ne calo!
ANTONIO: E io me ne traso! (Entra a destra.) Chillu saglie nata vota pe me dicere che la
moglie dellalbergatore gravida!
105

CARLUCCIO (a Felice): Che vi sentite quacche ata cosa?


FELICE: No... niente! Sto passianno cc ffora!
CARLUCCIO: Lo tt ve lavite pigliato?
FELICE: Non ancora! Neh, ma famme sap, tu pecch ti preoccupi tanto?
CARLUCCIO: Prendo conto della vostra salute!
FELICE: Ma io voglio mur... aggia d cunto a te?
CARLUCCIO: E murite... ma murite a nata parte! (Scende e via.)
FELICE (alla porta di sinistra): D. Cuncett... D. Cuncett...
CONCETTA (apre): Mannaggia llanima vosta! Vestiteve e ghiammuncenne! (Decisa.)
Me ne voglio j!
FELICE: Ve ne vulite j? E pecch?
CONCETTA: Vuje pazziate? Io m moro da la paura!
FELICE: Io tengo nu friddo terribile dintallosse... Nun me pozzo scarf! (Indossa la
giacca e siede.)
CONCETTA: Pigliateve nu poco de t! (Glielo d.)
FELICE: Grazie... Lo cielo ve lo rrenne!... (A parte.) (Si D. Antonio dice a mughierema
che mha truvato cc ncoppa, io so fritto!...). (Beve.)
ANTONIO (nella sua stanza; osserva sul cassettone gli oggetti che vi aveva deposto
Michele): Eppure chistu ha da essere nu buono albergo: c tutto... spazzole, pettine,
sapone... (Si pettina, poi vede i due sigari.) Ah! Bravo... pure due sigari?... M me ne
fumo uno! (Ne accende uno e fuma.) M me spoglio, mi corico e dormo saporitamente!
(Fa per spogliarsi.) No... avessa asc quacche piccerella?... M me vaco a spugli ll
dinto... (Indica lo spogliatoio.) Me leggo prima nu poco lo giurnale e p me vengo a
coric! (Entra nello spogliatoio con la candela e chiude la porta.)
CONCETTA (a Felice): Facite ambressa... vestiteve e ghiammuncenne!
FELICE: Ma come, scusate... nun vulimmo cen?
CONCETTA: Che cen? Io nun tengo cchi appetito! Lo cappiello mio add sta?
FELICE: E io che ne saccio?
CONCETTA: Comme?... vuje lo teniveve mmano!
FELICE: Ah, gi... aspettate... laggiu rimasto ncoppa a la terrazza!
CONCETTA: Puzzate scul!
FELICE: Aggiate pacienza... m ve lo vaco a pigli lesto lesto! (Apre la porta ed esce.)
CONCETTA (sola): Vedite... Chillu se scorda lo cappiello mio ncoppa a la terrazza!
SCENA SETTIMA
Andrea e detti, poi Michele.
ANDREA (a Felice): Signore, dove andate?
FELICE: Vado un momento sopra alla terrazza.
ANDREA: Volete cenare?
FELICE (evasivo): A naltro poco... a naltro poco! (Sale e via.)
ANDREA: Va bene.
MICHELE (dal basso, con lume): Oh! Eccomi qua! (Apre la porta a destra ed entra.)
ANDREA (seguendolo): Comandate niente?
MICHELE: Niente, grazie! Pare che si accosta lora degli amici, non vero? (Allude agli
spiriti.)
106

ANDREA: Vuje pazziate, signor perito, e cc la notte succedono cose che mur se
credono... Tanto che lo padrone ha avvisato pure la Questura!
MICHELE (scettico): Io nun lo ccredo certo!
ANDREA: E avarriana essere tutte quante comme a vvuje! Ma chisto lo fatto: la gente che
ce crede nun ce vene!
MICHELE: E lo proprietario sincarica de sta gente tanto ciuccia? (Osserva gli oggetti che
aveva lasciato sul cassettone.) Io per stu pettine e sti spazzole nun laggiu lassate
accuss! Chi lha guastate?
ANDREA: E che ne saccio? Cc non trasuto niscuno!
MICHELE: Non possibile, pecch nun steveno accuss!... (Ironico.) Forse saranno state li
spirete che se so pettinati. (Conciliante.) Va bene... non ne parliamo pi. (Si accorge che
manca un sigaro.) E li sigare add stanno? M aggiu rimasto ddui sigari cc ncoppa e m
ce ne sta uno!
ANDREA: Possibile? Ve ricordate buono che navite rimaste dduje?
MICHELE: Sissignore, me ricordo buono! Vuoi dire che quacche ato spirete sha voluto f
ma fumatella!... (A parte.) (Aggiu capito che specie de spirete stanno dinto a stalbergo!
So spirite che vanno a lliegge!...).
ANDREA (mortjficato): Me dispiace sta cosa! Io vassicuro che dinto a chesta cammera
nun trasuto nisciuno!
MICHELE: Va bene, va bene... come e stato stato... Ritiratevi.
ANDREA: Sempre a servirvi! (Esce nel corridoio e chiude la porta. Solo.) V trova chi
stato che sha pizzicato lo sigaro da ll ncoppa! (Scende per le scale e via.)
MICHELE (solo): Quanto me secca sta cosa! Che nottata seccante! Lo bello che tengo nu
suonno che m moro!... No, ma io nun me spoglio: me metto ncoppa a lo lietto vestuto e
buono! (Si leva la giacca, lavvolge e la mette sotto il cuscino.)
SCENA OTTAVA
Felice e detti.
FELICE (scende dalle scale): Che vu truv cappiello! Io llaggiu rimasto ncoppa a lo
parapetto... sarr juto abbascio! E come faccio?... Chi la sente a D. Cuncettina? (Entra a
sinistra.)
CONCETTA: Add sta lo cappiello?
FELICE: D. Cuncetti, nun laggio truvato! Sarr juto abbascio!
CONCETTA: ghiuto abbascio? E io comme me ne vaco? Ah! Mannaggia lo mumento
che so venuta cu vvuje!
MICHELE (nella sua stanza): Intanto muglierema se p credere che io m sto cc? Niente
affatto! Va trova che starr penzanno de me! Ma puverella... bisogna compatrla! Chella
certamente lo ffa pecch me v bene... E io me nfoco, la faccio cancheriate, le dico
vattenne, lasseme st... pecch lo saccio che nun se move da dinto a la casa manco si la
sparano!... Si la credesse capace de f quacche ccosa, nun nce lo diciarria... pecch,
francamente, io pure la voglio bene! Nun voglia mai lo cielo e me tradisse cu
quaccheduno! Accedarria primmma a isso e p a essa! (Sbadiglia.) Aha!... (Si mette sul
lettino in fondo.) M succede che maddormo e addio perizia! (Altro sbadiglio.) Aha!...
FELICE (implorante): D. Cuncett...
CONCETTA (nervosa): Lassateme sta! M si sapisseve comme stongo! Io laveva cap che
107

venenno cu vvuje chesto me sarria succieso! Vuje facite nu sacco de ciucciarie! Dinta a la
carrozza avite fatto nu lamiento ddoie ore pecch ve faceva male male la gamba pe lo
muorzo che vha dato lo cane; nun putite fum che vavota la capa e lo stommaco; me
purtate ncoppa a stalbergo e consigliate a D. Antonio cu li nnepote de ven a cc! Ve
purtate lo cappiello mio e lo rimmanite ncoppa a la terrazza... Ma vuje che ommo site?
Che animale site?...
FELICE (avvilito): S, avite ragione! Insultatemi... diceteme nu cuofene de maleparole...
Tutto nce ha avuto colpa chillu diavolo de sigaro... Ma che volete, stato il desiderio de
me f na bella fumata!
CONCETTA: Basta, jammuncenne m... nun perdimmo cchi tiempo!
FELICE: E ve ne jate senza cappiello?
CONCETTA: Emb, chaggia f? Nun mporta... m sera...
FELICE: Aspettate... e chiste che dicene che nun cenammo cchi?
CONCETTA: Truvammo na scusa qualunque... regalate na cosa a lo cameriere!... Vedite,
stesse D. Antonio fore a la porta?
FELICE: Ah, gi... dicite buono... (Schiude la porta e guarda.)
MICHELE (sul lettino nella camera a destra, sbadiglio): Aha... nun ne pozzo proprio
cchi! (Spegne il lume e si addormenta.)
SCENA NONA
Luisella, Celestino e detti, poi Carluccio.
LUISELLA (internamente, dal piano sottostante): Saglite, D. Celest.. saglite! (Fuori.)
CELESTINO (che la segue): Luisella mia cara cara...
FELICE (che spiava ancora dietro la porta del salottino, a parte): (Che?!... Luisella e don
Celestino!...). (Chiude rapidamente la porta.)
CONCETTA: Ch stato?
FELICE: sagliuta la cammerera mia co lo nepote de lo marito vuosto!...
CONCETTA: Che?!... Celestino?... Vuje che dicite?
LUISELLA (nel corridoio a Celestino): M cenammo tanto bello... mangiammo cujeto
cujeto... p turnammo a la casa e dicimmo che avimmo fatto tarde e avimmo truvato lo
cullegio chiuso. Comme ve pare?
CELESTINO (entusiasta) Brava! Brava chella Luisella mia!... Ce vulimmo spass!
CONCETTA: Assassino... mbruglione!...
CELESTINO: Simpaticona! ... Sciasciona! ... Zuccariello mio!...
FELICE: E diceva che llamice suoje erano li libre!...
CONCETTA: D. Fel... io me metto paura de st cc... aspetto ll dinto... (Indica la porta a
sinistra.) Quanno se ne so ghiute da lloco ffora, me chiammate. (Via a sinistra.)
FELICE: Va bene. (Spia dalla serratura.)
LUISELLA: Chiammammo nu cammariere...
CELESTINO (chiama): Cameriere?... Cameriere?...
FELICE: E brava Luisella!... Se va sciglienno li pullastielle!... Dimame la voglio fa f
marenna!...
CELESTINO: Cameriere?...
CARLUCCIO (dalla scala, dal basso): Comandi?
LUISELLA: (piano a Celestino): (Parlate vuje!).
108

CELESTINO (piano a Luisella): (E chaggia dicere?...).


FELICE (preoccupato): Chiste savessena mpezz cc dinto?... Cc nun c chiave... me
vede Luisella e stateve bene! M aspetto pure io ll! (Entra anche lui a sinistra.)
LUISELLA: Cameriere, questo mio fratello che ho ritirato questa sera dal collegio.
Vogliamo cenare.
CELESTINO: Sicuro!... Voglio cenare con la sorella!
CARLUCCIO: Benissimo! V metter nella stanzetta numero 5. Venite con me.
LUISELLA: Andiamo... fratello mio!
CELESTINO: Andiamo... sorella mia! (Escono tutti e due seguendo Carluccio su per la
scala.)
SCENA DECIMA
Le quattro nipoti di Antonio, poi Carluccio, indi Michele, poi di nuovo le quattro ragazze.
LIVIA (esce dalla porta di destra, seguita dalle sorelle; ha la candela in mano; in lunga
camicia bianca e capelli sciolti; cos le altre. Scorge Michele sul lettino e suppone sia lo
zio Antonio): Uh, Zi zio s addurmuto.. Le vulevemo vas la mano...
GIULIA: Zi zio add sta?
LIVIA: S addurmuto.
ERNESTINA: Lassatelo j... Jammece a cucc nuj pure.
GEMMA: Dice buono: jammece a cucc.
LIVIA (ammonendo): E primma de ce addurm nun ce scurdammo de f chello che
faceveme dinto a lo cullegio.
GIULIA (assentendo): Se capisce!
LIVIA: Si no nun pozzo pigli suonno!
ERNESTINA: E io manco!
GEMMA: E io nemmeno!
LIVIA: M nce avimmo fatto labitudine!
LE QUATTRO: E ghiammo, jammo! (Rientrano a destra. Michele russa.)
CARLUCCIO (scendendo): Ddoi cene de quatte lire! Hanna essere proprio gente de
niente! (Allude a Luisella e Celestino. Esce scendendo la scala. Si sente internamente,
lamentoso, il solito coro delle quattro ragazze.)
LE QUATTRO (interne):
Noi vogliamo la sapienza
che per noi sol goder!
Con la calma e la pazienza
si compisce ogni dover!
MICHELE (si sveglia di soprassalto, impaurito): Chi ?... Che so sti vvoce?... Pare che
vnene da dinta a sta cammera... (Ascolta con occhi stravolti e armandosi del bastone che
aveva deposto prima accanto al letto.)
LE QUATTRO (come sopra):
Noi siamo in questo mondo
ombre... ombre... e niente pi!
109

(Michele tremante scende dal letto.)


E cadremo nel profondo
se ci manca la virt!
Ombre... ombre... e niente pi.
Ombre... ombre... e niente pi!
MICHELE (bianco di paura): Mamma mia.. ma cc lo fatto overo?... (Va alla porta di
destra e grida.) Chi ce sta dinta a sta cammera?... (Fa per entrare. Le quattro ragazze
danno un grido e Michele indietreggia spaventato.) Sangue de la morte!... Chille so
spirete belle e buone! (Grida.) Cameriere?... (Apre la porta del corridoio e scappa su
per le scale gridando:) Li spirete Li spirete... (Esce.)
LE QUATTRO (escono impaurite e vanno vicino al letto gridando): Ziz... li spirete... li
spirete...
LIVIA (vede il letto vuoto): Zi zio nun ce sta!
LE QUATTRO (gridando): Scappammo!... Li spirete... Li spirete! (Escono nel corridoio
e sempre gridando e correndo vanno via su per le scale.)
(La scena che segue devessere movimentatissima.)
SCENA UNDICESIMA
Andrea, poi Antonio, Celestino e Luisella, le quattro ragazze, Antonio di nuovo, poi Felice
e Concetta.
ANDREA (dal basso): Ch stato?... Ch succieso?... Add stanno li spirete?... (Entra
nella camera di destra e quindi nella camera delle ragazze, a destra.)
ANTONIO (dallo spogliatoio: in mutande e berretto da notte, con un asciugamano sulle
spalle e la candela in mano): Aggiu ntiso allucc le piccerelle! (Chiama.) Cameriere?...
ANDREA (uscendo dalla camra delle ragazze. Alla vista di Antonio si spaventa): Lo v
lloco!... overo, cattera!... Lo spireto... lo spirete... (Si lancia attraverso la porta nel
corridoio e sempre gridando si precipita gi per le scale.)
ANTONIO (allarmato): Li piccerelle add stanno?... (Chiama.) Piccer?... Piccer?...
(Entra a destra.)
CELESTINO (scende di corsa dalla scala trascinandosi dietro Luisella. spaventato):
Scappa Luis... scappa!... Z Michele!!...
LUISELLA (spaventata): Mamma mia! M moro da la paura!... D. Michele! (Celestino e
Luisella entrano nella camera a destra per sottrarsi alla vista di D. Michele e si
nascondono sotto il letto.)
LE QUATTRO (ridiscendono sempre correndo e gridando).
LIVIA: Aiuto!!... Lo spirete ce vene appriesso!...
LE ALTRE: Aiuto!!... Aiuto!!... (Rientrano tutte e quattro a destra.)
LIVIA (grida chiamando): Ziz... add state?
LE ALTRE: Ziz!... Ziz!...
ANTONIO (dalla destra): Ch stato?... Add site jute?...
LE QUATTRO (sempre tremanti): Zi z... li spirete...
ANTONIO (rassicurandole): Qu spirete, stateve zitte!...
LUISELLA (esce di sotto al lettino): Scappammo!... (Esce nel corridoio e via gi per le
scale.)
110

LE QUATTRO (terrorizzate): Ah!! Lo v lloco ziz... (Celestino scappa anchesso dietro


Luisella.) Nato!!... So ddui spirete!!...
LIVIA: E chillo de primma e so tre!
ANTONIO (realista): Che spirete e spirete!... Chille hanna essere mariuole! (Chiama
gridando.) Cameriere? Cameriere?... (Esce nel corridoio con le quattro ragazze e si avvia
su per le scale.)
FELICE (dalla sinistra entra nel salottino): Che so tutte stallucche?... (Guarda dal buco
della serratura, intravede le figure di Antonio e le nipoti e si spaventa.) D. Cuncett... li
spirete!... Cc ce stanno li spirete...
CONCETTA (impaurita): Vuje che dicite?!...
FELICE (apre la porta e chiama): Cameri?... Cameri?...
SCENA DODICESIMA
Michele poi Andrea.
MICHELE (scende, disfatto dalla paura): M moro!... Me sento scunucchi li gamme
sotto!... (Viene avanti.)
FELICE (scorgendolo chiude rapidamente, affannato): D. Cuncett... lo marito vuosto!!...
CONCETTA (atterrita): Mariteme?!
FELICE: Siamo rovinati!!... (Si pone con le spalle alla porta, spingendo per non farla
aprire.)
MICHELE (spinge dal corridoio la porta dietro cui Felice, per entrare): Chi ce sta
cc?... (Grida.) Aprite!...
CONCETTA (terrea): Non aprite.. facite forza!!
FELICE (non ce la fa): Nun me fido!...
MICHELE: Aprite, sangue de la morte!... (Spinge con forza la porta; Felice cede e sotto la
spinta di Michele va a cadere con la faccia nel camino. Concetta prende rapidamente una
salvietta dal tavolo e si copre il viso. A tale vista lo spavento di Michele al colmo.) Chi
?... Chi siete voi?!... (Felice alza il bavero della giacca, con la mano sinistra si copre gli
occhi e con la destra d pugni a Michele spingendolo verso la porta.) Ah!... Ch
stato? Ch succieso? Aiuto... aiuto! (Indietreggia sotto i pugni di Felice: arrivato
alla porta la infila e si slancia gi per le scale sempre gridando.)
CONCETTA (togliendosi la salvietta dal viso): M moro!!... (Cade a sedere su una sedia.)
FELICE: Aiutateme!!... (Siede sulla stessa sedia. Ha il viso sporco di nero fumo del
camino.)
CONCETTA (lo guarda): Chavite fatto?... Me parite nu niro!
FELICE: Me so spurcato nu poco forse dinto a lo camino
CONCETTA: Che serata! Che serata! Nun tengo cchi sangue ncuollo!...
FELICE: Nun ve mettite paura... Vedimmo si putimmo scennere...
CONCETTA: E si me vede maritemo?
FELICE: Chillu se n scappato! Venite! (Escono nel corridoio.)
ANDREA (salendo dalla scala): Nu mumento, scusate... Sta saglienno lo cummissario cu li
guardie!
CONCETTA (avvilita): Mamma mia!... (Rientra a sinistra.)
FELICE: Lultima mbomma!... (La segue.)

111

SCENA TREDICESIMA
Commissario, quattro guardie di P. S., poi Felice e di nuovo le guardie, Antonio, le quattro
nipoti e Carluccio.
COMMISSARIO (salendo dalle scale, seguito da quattro guardie. Ad Andrea): Che
nessuno esca da questalbergo!
ANDREA: Va bene.
COMMISSARIO (a due delle guardie): Voi andate sopra. (Le due guardie escono salendo
la scala): Chi c in questa camera?... (Quella di sinistra! il salottino.) Aprite!
ANDREA: Eccomi. (Apre la porta.)
COMMISSARIO (scorge Felice e Concetta; si rivolge alle altre due guardie in tono di
comando): Arrestate quelluomo e quella donna! (Le due guardie entrano nel salottino,
prendono una Felice e laltra Concetta e li conducono nel corridoio.)
FELICE (protestando): Ma perch ci arrestate? Che abbiamo fatto?
COMMISSARIO: Questo lo saprete dopo! (Alla guardia che tiene Felice.) Allontanate un
momento questuomo! (La guardia scende con Felice.) Chi siete voi, signora?
CONCETTA: Io sono una donna onesta! Informatevi di me! Che cosa volete?
COMMISSARIO: Voglio sapere chi siete!
CONCETTA: Io... io... stavo qui... con... mio marito!
COMMISSARIO: Ah! Con vostro marito?
CONCETTA: Sicuro! (Mentendo.) Sono la moglie di quel giovane che avete fatto
arrestare!
COMMISSARIO: Bravo! E potrei sapere il vostro nome?
CONCETTA: Il mio nome?... Io sono... (Decisa.)... la signora Sciosciammocca!
COMMISSARIO: Va bene. Un momento! (Ad Andrea.) Fate venire quelluomo!
ANDREA (dalla scala): Avanti! Potete salire!... (Risale la guardia con Felice.)
FELICE (a parte): (Povera signora! Certo avarr ditto lo nomme sujo: nun avr avuto lo
curaggio de se lo cagn!...).
COMMISSARIO (a Felice): Ditemi una cosa: chi siete voi?
FELICE (a parte): (Unu mezzo ce sta per salvarla!...). (Deciso.) La signora mia moglie!
CONCETTA (a parte): (Bravo D. Felice!).
COMMISSARIO: Vostra moglie?
FELICE: Sissignore!
COMMISSARIO: E come vi chiamate voi!
FELICE: Io?... Ma la signora ve lavr detto... Michele Galletti!
COMMISSARIO: Gi... proprio cos mi ha detto la signora! (Ironico.)
CONCETTA: (So perduta!...).
FELICE: (Lho salvata!...).
COMMISSARIO (autoritario, alle due guardie): Comducete questi due sullIspezione! (Le
guardie riprendono i due.)
FELICE: E pecch, scusate?...
CONCETTA: Aspettate.. sentite... (Escono scendendo le due guardie che prima erano
andate su: accompagnano Antonio e le quattro nipoti, tutti ancora svestiti come erano.)
ANTONIO (protestando vivacemente): Ma perch ci arrestate?... Io sono un galantuomo!...
FELICE (protestando a sua volta): Questo un abuso!
CONCETTA (indignata): Io sono una Signora!...
112

LE QUATTRO (tremanti): Ziz... nuje ce mettimmo paura!...


ANDREA (ammonendo): Si ve state zitte meglio pe vuje!
CARLUCCIO (che intanto risalito da basso): Obbedite!
LE QUATTRO (piagnucolose): Ziz... ziz... (Queste ultime battute verranno dette con la
massima confusione, mentre si protesta, si grida, si piange. Il commissario tiro per un
braccio Felice che fa resistenza, mentre cala la tela.)
Fine dellatto secondo

ATTO TERZO
La medesima scena del primo atto. il mattino del giorno dopo.
SCENA PRIMA
Felice, poi Concetta.
FELICE (dallinterno apre la porta di destra con la chiave; entra, rinchiude a chiave e
dice rivolto allinterno): Pepp, mena lo maniglione arreto... Eh... accuss... E quanno
vene muglierema nun d niente, pe carit!... (Viene avanti.) Mamma mia che nottata... che
nottata! M moro! Me sento li rine rutte! Fortunatamente muglierema nun s ritirata!
Ma io vurria sap si se ponno pass cchi guaje de chille chaggiu passato io:
(enumerando) nu muorzo de nu cane... vutamiento de capa... disturbo de stommaco...
guardie... arresto... paure... Nun saccio comme so vivo!
CONCETTA (dallinterno, bussando): Don Fel!...
FELICE: Chi ?
CONCETTA (sempre dallinterno): Songhio, D. Fel... aprite!
FELICE: E tirate lo maniglione! (Apre la porta con la chiave.)
CONCETTA (entrando): Che me dicite, D. Fel... Chavite fatto co lo Cummissario?
FELICE: Faciteme sap primma vuje chavite fatto co lo marito vuosto!
CONCETTA: S ritirato nora doppo de me. Io aggiu fatto ved che lo stevo aspettanno
susuta... Ma che paura! Che paura!... M s svegliato e sta liggenno lo Matino! Io me so
vestuta e laggiu ditto che me jeva a accatt nu velo pe lo cappiello. Luisella, la
cammarera vosta, venuta cca, ha tuzzuliato la porta, nun ha truvato a nisciuno e trasuta
dinto addu nuje. Io appena laggiu vista, laggiu fermata fora a la sala e laggiu regalato
chella vesta che tenevo aieressera... pe chi sa lavessa conoscere quaccheduno!
FELICE: Avite fatto buono! E D. Celestino?...
CONCETTA: Michele lha trovato stanotte abbascio a lo palazzo... Ha ditto che facette
tarde e truvaje lo cullegio chiuso!
FELICE: V che mbrughione! Chillu jette ncoppa allalbergo nzieme cu Luisella!
CONCETTA: Dunque, chavite fatto co lo Cummissario? A me me facette mettere dinta a
na carruzzella e me ne facette j. E a vuje?
FELICE: Da me vulette sap afforza io pecch la notte me fingevo spirito ncoppa a
chillalbergo e facevo mettere appaura la gente! (Riferendo il colloquio.) Io?... Quanno
113

maje? Io sono un galantuomo! Va bene, ritiratevi. Per domani dovete presentare, voi e
la signora che se m andata, tutti i documenti necessari per stabilire la vostra identit.
CONCETTA: E ca chesto lo brutto! E comme se fa m? Comme se fa? Si Michele
appura stu fatto, io so rovinata!
FELICE: E io add me vaco a mettere cu muglierema? Chella na brigante... Chella lo
cchi poco maccide!...
SCENA SECONDA
Ciccillo e detti, poi di nuovo Ciccillo di dentro.
CICCILLO (dallinterno, bussando): D. Fel... D. Fel...
CONCETTA (spaventata): Chi ?!...
FELICE (alla porta): Chi ?...
CICCILLO (interno): Songhio, D. Fel...
FELICE (a Concetta): Nun avite appaura: Ciccillo, lo giovene mio! (Alla porta.) Cicc,
ched?...
CICCILLO (sempre dallinterno): Tengo nu dispaccio pe vuje! M proprio lhanno
purtato!
FELICE (apre la porta. Ciccillo entra): Damme cc, Cicc... Vattenne abbascio a lo
palazzo e si vide de ven a muglierema, curre subito a mavvis!
CICCILLO: Va bene. (Esce. Felice rinchiude.)
FELICE: Nu dispaccio? E che sarr? (Apre e legge:) Attendiamo mia sorella da ieri.
Perch non venuta? Telegrafate. Luigi... Lo frate de muglierema?... E comme, essa nun
stata ll?... (Con sollievo.) Fosse morta pe la strada? Cielu mio, sulo nu miraculo de chisto
me putarria salv!
CONCETTA: D. Fel, che pensate? Che risolvete?... Io nun pozzo f sap a lo cummissario
che invece della signora Sciosciammocca, era la signora Galletti... lo ccapite o no?
FELICE: D. Cuncett, io lo capisco... ma che volete da me?... Io mi trovo nella stessa
vostra condizione.
CONCETTA: Mavite nguajata! Mavite precipitata!...
CICCILLO (internamente): D. Fel... D. Fel...
FELICE: Nata vota! (Alla porta.) Cicc, che vu?
CICCILLO (internamente): Sta saglienno li ggrade la signora... D. Rosa... la mugliera
vosta!
FELICE: Muglierema! Cicc... votta lo maniglione addereto e saglietenne a lo terzo piano!
(Toglie la chiave dalla porta.)
CICCILLO (interno): Va bene!
FELICE: (rapido, a Concetta): D. Cuncett, nun ve facite ved, pe carit! Jatevenne dinta a
la cucina!... Anze, m che me ricordo, pigliate lo mangi mio... tutte cose... e menatelo
abbascio a la vinella... pure lo vino!
CONCETTA (meravigliato): E pecch?
FELICE: Chellera lo mmangi mio dajeressera... Pe nun lo ff truv, capite?
CONCETTA: E si chella trase dinta a la cucina e me vede, che lle dico?
FELICE: Io la trattengo... nun la faccio tras... Jate... Jate!...
CONCETTA (avviandosi): Mamnaggia llanima vosta, mannaggia! V trova comme va a
fern stu fatto! (Via per la sinistra.)
114

FELICE (solo): E ce v tanto a cap comme fernesce! A mazzate! (Si sente aprire la porta
a destra.) La v cc!
SCENA TERZA
Rosa e detto, poi Concetta.
ROSA (entra. pallida, disfatta, abbattuta, ha sulla fronte una lividura coperta da un
cerotto): Felicie... Feliciello mio, cumme staje?...
FELICE: Comme aggia st? Aggiu fatta la nuttata chiara chiara!
ROSA: E pecch?
FELICE: E ched, nun lo ssaje? Senze de te nun pozzo chiudere uocchio!
ROSA (commossa): Povero Feliciello... Ma mai cchi... mai cchi te lasso!
FELICE: Ma ch stato?... Che tiene nfronte?
ROSA: Io so viva pe miracolo!... Pe miracolo nun so morta!...
FELICE: Ma pecch... Io m aggiu ricevuto nu dispaccio da fratete Luigi: v sap pecch
nun ce s ghiuta! Add s stata?
ROSA: Aspetta nu mumento... famme pigli fiato pecch nun me fido! (Siede.) Haje da
sap, Feliciello mio, che ajere ssera, quanno me ne jette da cc, me mettette dinta a na
carruzzella... me facette aiz lo mantice e steveme cammenanno tantu bello tutte e tre...
FELICE: Tutte e tre?
ROSA: E gi: io, lo cucchiere e lo cavallo... (Concetta esce da sinistra e in punta di piedi
attraversa durante il racconto.) Quanno tutto nzieme... a la Riviera de Chiaia... chillu
cnchero de cavallo pigliaje la mano e se mettette a correre!... Tu pu immagin... tutte
quante, mmiezo a la strada se mettettemo allucc... Io, pe la paura, nun tenevo cchi fiato!
Vta pe Santa Lucia... pe lo Chiatamone... e nientemeno ce steva precipitanno a mmare!
(Concetta uscita a destra.)
FELICE (sollevato per luscita di Concetta): E bravo!...
ROSA: E bravo che me menavo a mmare?
FELICE: No... io volevo dire: te steva menanno a mmare?... E bravo... Ebbiva a isso!... (A
parte.) (Era venuto lo mumento!...)
ROSA (continuando il racconto): Allora io, spaventata, me menaje... e ghiette cu chesto
nterra... (Mostra la fronte.) La folla attuorno a mme accuss... lo sangue... che nun ce
bastavano fazzulette pe lasciutt! Stette nterra cchi de nora svenuta... p rinvenette... e
sentevo tutta la gente che diceva: Uh, povera signora... e copritela... copritela....
FELICE: Ma pecch, cummire caduta?
ROSA: Eh! Felice mio... che nne saccio!... P me vulevano purt cc... No - dicette io - ...
e chillu povero Feliciello, si me vede accuss... de chesta manera... lle p ven na cosa!
FELICE: Tu si venive cc facive nu guajo!... (chella nun me truvava!).
ROSA: Fortunatamente me ricurdaje che a Santa Lucia ce sta de casa lo cumpare... me
facette purt ll me medicajene... p maddurmette... e appena fatto juorno me ne so
venuta!
FELICE: Vuje vedite lo diavolo! (Con esagerata premura.) E te fa male... te fa male?...
ROSA: M nun tanto ma stanotte so ghiuta pe llaria! Felici fammo lo piacere... dmme
nu bicchiere dacqua!
FELICE: S... m faccio spil la funtanella... te la dongo fresca fresca!... (Con rammarico.)
Ma vedite che diavolo de cumbinazione... So ccose che me toccano li nierve!... Pecch io
115

dico accuss: stu cavallo ha pigliato la mano?... (E vttala a mmare!)... e fermati subito!...
So ccose tremende! (Via a sinistra.)
ROSA (commossa): Povero Feliciello... na nuttata sulo e chiuso da dinto! (Con
proponimento.) Da oggi in poi me contento de cammen a ppede... ma carruzzelle mai
pi!
SCENA QUARTA
Ciccillo e detti, poi Felice, poi Michele.
CICCILLO (dalla destra con una carta in mano): Sign n guardia ha purtato sta carta pe
vuje...
ROSA (meravigliato): Na guardia?... Damme cc! (Prende la carta. Ciccillo via a destra.
Legge:) Ispezione di Pubblica Sicurezza, Sezione Chiaia, Sinvita la signora
Sciosciammocca a presentarsi in questufficio domani 26 ottobre per provare con
documenti la sua Identit e chiarire alla giustizia perch si trovava la scorsa notte
sullAlbergo del silenzio insieme al signor Michele Galletti ...E che significa sta carta?
Chisto certo hadda essere nu sbaglio! E quanno mai io so stata ncoppa a stalbergo?... E
po... nzieme cu D. Michele? Ma comme va sta cosa?... E vene proprio a me... (Legge.)
Alla signora Sciosciammocca.
FELICE (dalla sinistra col bicchiere dacqua in un piatto): Ecco qua lacqua!
ROSA: Aspetta, Felici... miette ll ncoppa! (Felice posa il bicchiere sul tavolo.) Liegge sta
carta che aggiu avuto m proprio... vide che cosa curiosa... (Gliela porge.)
FELICE (legge, poi a parte): (La chiammate de lIspettore!...) (Ha unidea.) (Ah!...
Statte!...) E che significa sta chiammata? Che v dicere sta cosa?... (Sospettoso.) Comme
va che si ghiuta noppa a stalbergo cu Michele?...
ROSA: Io?! Ma s pazzo?...
FELICE: No! Nun so pazzo... Sono un uomo fortunato! Perch il cielo, per una
combinazione, mi fa scoprire il vostro tradimento. Ecco perch avete premura de me
chiudere da dinto e portarvi la chiave! Lo fate per poter pi comodamente divertirvi col
vostro amante!... (E passa a destra.)
ROSA: Felici ma tu che dice?... Io nun ne saccio niente!
FELICE (imperioso): Zitto! Non negate! Questa carta parla chiaro e vi accusa! Donna
infame!... Donna traditrice!... E io che credevo di possedere una dea... un angelo...
ROSA: E un angelo sono!
FELICE: (Lvate da lloco!...) Ecco perch non siete andata da vostro fratello e avete
trovato la scusa del cavallo che ha preso la mano! Siete andata allAlbergo del silenzio!...
Una locanda qualunque de na lira a la stanza! Orrore!!... E questa sciaccata chi sa come
ve lavete fatta!
ROSA: Io ti giuro che nun ne saccio niente! Chisto certamente ha avuta essere nu sbaglio...
Addimmanna a D. Michele lamico tujo e vide che te dice!
FELICE: Michele non pi amico mio!
MICHELE (uscendo da destra, ha udito le ultime porole di Felice): E pecch? Che taggiu
fatto?
ROSA: Neh, D. Mich scusate...
FELICE: Zitta! Non parlate voi... Parlo io! (A Michele.) Dimme na cosa tu... ma la verit,
sai?... La pura verit!...
116

MICHELE: De che si tratta?


FELICE: Add s stato stanotte?
MICHELE: Io?... Allalbergo del silenzio!
FELICE (a Rosa): Lo sentite?
ROSA: Chesto che cos? Io stesse durmenno?... Fosse nu suonno?...
FELICE: No, non suonno... realt...
MICHELE: Neh, ma ch stato?
FELICE (melodrammatico): Tu, stanotte, ncoppa allalbergo... s stato cu muglierema!
MICHELE: Io?!... Vattenne, Fel nun me f ridere!... (A parte.) (E che ce jevo a ffa cu
chesta, allalbergo?...).
FELICE: Non ridete, signore! Qua nun c da ridere!
MICHELE (divertito): Fel... ma tu dice overo o pazze?...
FELICE: No, io dico veramente!... Non potevo mai credere che un amico mi facesse
questo! Leggete questa carta! (Gliela d.)
FELICE: E ched sta carta? (Legge tra s e poi ride.) Ma vattenne, famme stu favore!
Chisto stato nu scherzo che hanno voluto f!
ROSA: Ma s, Feliciello mio... crdeme!...
FELICE (imperioso): Zitta!
MICHELE (vuole spiegare): Ma amico mio, ti pare...
FELICE (tragico): Silenzio! Non mi chiamate pi amico!
SCENA QUINTA
Concetta, Luisella e detti.
CONCETTA (dalla destra): Ch stato, che so stallucche?...
ROSA: Cuncettina mia... na calunnia... na calunnia! Me vonno male!
FELICE (a Luisella): Tu manco ne sai niente, ov? Te ne viene moscia moscia!...
LUISELLA (ha indossato labito che porta Concetta al secondo atto): Aggiate pacienza,
chella la signorina cc... (Concetta)...ha vuluto essere accumpagnata fino a lo puntone.
FELICE: E che me ne mporta de chesto a me? Io dico: te ne viene moscia moscia fai
ved lingenua, ma tu sai tutto!
LUISELLA: Tutto de che?
ROSA (vuole chiarire con Luisella): Neh, Luis... io...
FELICE (che per il momento padrone della situazione): Zitta, vi dico! Aggia parl io e
aggia ved la fisionomia... Aggia ved si cagna culore! (A Luisella.) S! Tu sai tutto... e io
pure m saccio tutto, ho scoperto tutto! Voglio ved si tiene lo curaggio de neg...
(Scandagliando.) Lo fatto de stanotte... allalbergo del silenzio... (Luisella guarda
Michele spaventata.) Nun guard a Michele, s?... (Luisella abbassa la testa confusa.
Felice, trionfante dice:) Basta: senza parlare hai detto tutto!... E ammiro... approvo il tuo
contegno... Perch essa non parla... non nega... ma, col tacere, confessa!... (A Rosa e
Michele.) Dunque, vuol dire che la cameriera vi teneva mano?
CONCETTA: Ma scusate, pozzo sap ch sucieso?
FELICE (sempre recitando la parte impostasi): succieso che il vostro signor marito,
dimenticando ogni legame di amicizia, ha tenuto il coraggio civile... perch cos si deve
chiamare... ha tenuto lo stomaco... pecch ce v nu bello stommaco... di andare stanotte
con mia moglie allalbergo del silenzio!
117

CONCETTA (che ha afferrato a volo il piano di Felice, vi si associa): Possibile?


ROSA (discolpandosi): Nun overo, D. Cuncett, nun overo. stata na calunnia! Io me
menaje da dinta a la carruzzella pecch lo cavallo aveva pigliato la mano e me so fatto
chesta sfrittola! Aggiu passato tutta la nuttata a la casa de lo cumpare... Crediteme!
MICHELE: Chisto stato nu scherzo che thanno vuluto f! E te ne vu convincere? Si sta
carta venesse veramente dallIspezione, allora lavarria avuta av purio, me pare! Invece,
io, non aggiu avuto niente!
SCENA SESTA
Ciccillo e detti, poi Antonio.
CICCILLO (dalla destra. Ha in mano una carta che porge a Michele): Signur, m proprio
hanno purtato sta carta pe D. Michele. (La d e va via.)
MICHELE: Pe me? (La guarda.) Possibile?... Na chiammata dallIspettore?!...
FELICE: Ecco la chiamata!... Ecco la prova!... Ecco la luce!...
CONCETTA (a Michele): Che ce sta scritto?
MICHELE (legge): Sinvita il signor Michele Galletti a presentarsi in questufficio
domani 26 ottobre per provare con documenti la sua identit a chiarire alla giustizia
perch si trovava la scorsa notte sullAlbergo del silenzio in compagnia della signora
Sciosciammocca. (Crescente stupore durante la lettura.)
ROSA: Ma cheste so cose de pazze, sapite!
CONCETTA (continuando nella finzione): Ma dunque chiaro! Non e stato uno scherzo
che hanno voluto fare! Negate, negate ancora!
FELICE (ripetendo comicamente): Ma dunque chiaro! Non uno scherzo che hanno
voluto fare! Negate... negate ancora!...
MICHELE (protesta): Ma io nego cientemila vote! Io, vero, so stato allalbergo del
silenzio stanotte, ma io sulo... come perito! Me jevo a purt a D. Rosa appriesso!
(Proponendo.) Jammo tutte quante allIspezione e mettimmo in chiaro la cosa!
ROSA: Sicuro! Jammo!...
FELICE: Ma che site pazze! Me vulite fa f chesta figura?
ANTONIO (di dentro, a destra): permesso?
FELICE (a parte): (D. Antonio!!...). (Atterrito.)
CONCETTA (a parte, preoccupata): (M se scummoglia tutte cose!!...).
ANTONIO (esce): Vengo a salutarvi perch alle dieci parto: me ne vado a Salerno con le
ragazze!
FELICE (subito): D. Ant, scusate, aspettate nu mumento dinta a la cammera de lietto.
Stiamo parlando di un affare importante! A natu ppoco ve chiammo!
ANTONIO: Va bene. (Saluta.) Cara D. Rosina... (A Concetta:) Signora, voi state qua?...
FELICE (lo spinge): Trasite, D. Ant... faciteme stu piacere!
ANTONIO (imperterrito): Vuje non sapite chaggiu passato stanotte!
FELICE (per tagliar corto): Nce lo ccuntate a natu ppoco!
ANTONIO: Arrestarono me e le ragazze... Ma ce ne scennetteme subito per! Io sono un
galantuomo!...
FELICE: Ah, se capisce!...
ANTONIO: E vuje p... comme avite fatto?
FELICE (sviando): Aggiu fatto chello chaveva f... Quello che fa ogni marito in queste
118

circostanze! Trasite? D. Ant, trasite... aspettate lloco dinto! (Lo spinge. Antonio esce a
sinistra.)
MICHELE: Dunque? Vulimmo j a parl cu lIspettore?
FELICE (vedendo la cattiva piega che prende la farsa da lui montata, vuole essere
conciliante): Ma che Ispettore e Ispettore? Mich, nun ne parlammo cchi, meglio! Te
pare, jammo a ff sta bella figura tutte e quatte ll ncoppa!... A te, capisco, nun te mporta
niente... pecch tua moglie non ti ha macchiato il cognome... e poi, sei un uomo e tutti
diranno: Si sa! Luomo cacciatore!
MICHELE: (E gi!... Jeva a cacci a chella ppera!...).
FELICE: Ma per me diverso: a me si tratta di onore, capisci?
ROSA (protesta): Io sono una donna onesta!
MICHELE: Ma de chesta manera nuje nun ce putimmo discolp?
FELICE: Ma che discolp!... Mich, va buono... lasciamo le cose come stanno. Quanno nu
marito te dice: Nun me parlammo cchi... che ato vulite?...
SCENA SETTIMA
Ciccillo e detti, poi il Commissario.
CICCILLO (dalla destra con biglietto da visita. A Felice): D. Fel fora ce sta stu signore.
Mha dato sta carta de visita pe D. Michele.
MICHELE: Pe me? Chi ? (Legge:) Alfonso Piretti, Commissario di P.S.. Oh, ma chesta
bella m! Vedimmo de che se tratta! (Va alla porta.) Favorite... favorite...
COMMISSARIO (dalla destra): Scusate se vengo a disturbarvi. Il signor Michele Galletti?
MICHELE: Sono io!
COMMISSARIO: Voi?... Forse ieri sera, con poca luce in quello albergo, non potetti
riflettervi bene... E poi... avevate il visto tutto nero!
MICHELE: Io?!...
COMMISSARIO: LIspettore, avendo accertato che voi stavate l come perito, vi manda a
dire di non incomodarvi per quella chiamata, perch inutile!
MICHELE: Bravissimo! E ringraziate lIspettore! Ma adesso guardatemi bene: avete
arrestato proprio me, ieri sera?
COMMISSARIO: Voi, s... Michele Galletti!
FELICE (a parte): (Cos si passa un guajo!...).
MICHELE: Badate bene a quello che dite, signor Commissario... Voi, con me, avete
arrestato anche una donna... la signora Sciosciammocca?
COMMISSARIO: Sicuro!
MICHELE: Ed questa signora?... (Mostra Rosa.) Guardatela!
COMMISSARIO: Questa?... (Osservandola.) Non mi pare, veramente!
ROSA (al Commissario): Vi prego di guardarmi bene, signor Commissario... perch qua ci
va dellonor mio!...
COMMISSARIO: Ma vi ripeto che non mi pare questa la signora!
MICHELE: E nemmeno io sono quello che avete arrestato!
COMMISSARIO (stupito): Possibile?
MICHELE: Possibilissimo! Voi avete arrestato un uomo e una donna che vi hanno dato i
nostri nomi!
COMMISSARIO: Ma scusate: questo da dove risulta?... Chi lo dice?...
119

MICHELE: Lo potranno dire gli altri che si trovavano presenti ieri sera: i testimoni!...
COMMISSARIO: Aspettate: io tengo segnati i nomi degli altri che furono arrestati.
Vediamo... ci fosse qualcuno che v conosce?...
MICHELE: Vediamo!
ROSA (con gli occhi al cielo): Cielo, salvami lonore... la reputazione... il decoro!...
COMMISSARIO (dalla tasca prende una carta e legge): Raffaele Pagnotta... Domenico
Fardini... Beatrice e Giuseppina Ravili, ballerine di San Carlo... Bartolomeo Piselli,
suonatore ambulante... Avvocato Antonio Raspa e quattro sue nipoti....
ROSA (sollevata): Ah! D. Antonio! Chisto isso! Chisto me cunosce!
FELICE (avvilito, a parte): (Stateve bene!...).
CONCETTA (avvilito, a parte): ( fatto lo guajo!...).
COMMISSARIO: E dove sta questo avvocato Antonio Raspa?
ROSA: Sta cc... dinta a sta cammera! Aspettate nu mumento! (Chiama dalla porta a
sinistra.) D. Ant... D. Ant... venite cc... ascite cc ffora...
SCENA OTTAVA
Antonio e detti, poi Celestino.
ANTONIO: Eccomi a voi!
FELICE (imploronte, a parte): (Cielo, nu miracolo!...).
MICHELE: Signor avvocato, qua c il Commissario di P. S. che vi deve domandare una
cosa.
ANTONIO: A me? Unaltra volta?...
ROSA: Dicite la verit, D. Ant!...
COMMISSARIO: Fate in modo da ricordare esattamente!
ANTONIO: Sissignore!
MICHELE: Voi questa notte siete stato...
COMMISSARIO (interrompe): Un momento! Lo debbo domandare io!... (Ad Antonio.)
Voi questa notte siete stato arrestato con le vostre nipoti allalbergo del silenzio?
ANTONIO (afferma): Disgraziatamente!...
COMMISSARIO: E ditemi na cosa: fra gli arrestati avete visto questo signore...
(Michele.)... e questa signora?... (Rosa.)
ANTONIO (meravigliato): D. Rosa?... Quel signore?... (Deciso.) No!
ROSA: Avete visto?
ANTONIO: Appena andai su quellalbergo... delle persone che conosco vidi soltanto, e
questo lo ricordo perfettamente... (Forte tuono, Antonio simpunta. Tutti pendono dalle
sue labbra.)
COMMISSARIO: Chi?...
MICHELE-ROSA: Chi vedisteve?... (Altri tuoni forti e pioggia.)
ANTONIO (balbettando): Vi... vi... vidi la si... si... gno... la signora... col... col... col...
COMMISSARIO (impaziente): Dunque?... Chi vedeste?... (Tuoni.)
ANTONIO (ad ogni tuono la balbuzie si fa pi marcata): La... ss... signo... ra... col... col...
FELICE (al Commissario): Non ne ricavate niente! Quando cattivo tiempo nun p parl!
(Disappunto degli altri. Antonio si arrabbio e batte il piede a terra, ma non riesce ad
articolare parola.)
COMMISSARIO: Appena si guasta il tempo gli si tira la lingua e non pu pi parlare?...
120

Ma c un mezzo per saperlo lo stesso!


MICHELE: Quale?
COMMISSARIO: Lo si fa scrivere!
MICHELE: Bravissimo! (Tuoni.) Signor Avvocato... abbiate pazienza... sedete qua e
scrivete quello che volete dire... Non vi arrabbiate, cosa da niente. (Lo fa sedere al
tavolino e viene avanti. Antonio comincia a scrivere.)
FELICE (piano a Concetta): (Siamo rovinati!...).
CONCETTA (piano): (So perduta!...).
CELESTINO (esce dalla destra, vede Antonio. A parte): (Sangue de la morte: chillu
viecchio che me vedette ncoppa allalbergo!... M mi nascondo!). (Fa per nascondersi
sotto il tavolo in fondo.)
COMMISSARIO (ha visto la manovra di Celestino): Chi quellindividuo che si nasconde
sotto quella tavola?
MICHELE: Celestino?... Pecch te si nascosto ll sotto?...
CELESTINO (esce confuso e viene avanti): Pecch... ziz... vedite...
COMMISSARIO (equivocando): Un momento! Sera nascosto per non farsi vedere da me!
lui, proprio lui che arrestai e che teneva la faccia nera!
CELESTINO: A me?!...
COMMISSARIO: S, a voi... sullalbergo del silenzio eravate in compagnia di una donna!
CELESTINO (a parte): (Aggiu passato lo guajo!).
MICHELE: Ah! Svergognato! Perci taggiu truvato abbascio lo palazzo stanotte e haje
ditto che lo cullegio steve chiuso. Chi era sta femmena che steva cu tte? Aggiu capito, era
Luisella... sicuro! Pecch Luisella taccumpagnaje!...
COMMISSARIO: Chi questa Luisella?
ROSA: La cameriera mia... eccola l! (Mostra Luisella che durante la scena era rimasta in
disparte.)
COMMISSARIO (equivocando ancora): Sicuro! La riconosco perfettamente dallabito che
indossa!
ROSA: Jesce m proprio da la casa mia!
LUISELLA (vuole discolparsi): Ma io...
ROSA: Jesce, te dico! (Luisella esce a destra.)
COMMISSARIO (a Celestino, con ammonimento): Giovanotto, non fate pi di questi
scherzi... non prendete pi il nome dello zio!
CELESTINO: Ma signor Commissario, io...
COMMISSARIO: Ma che commissario!... Prima di essere commissario mi ricordo di
essere un padre di famiglia e vi perdono!
CELESTINO: Ma io...
FELICE (taglia corto): Ma che io e io... Ringrazia il Cielo che hai trovato un galantuomo
che ti alza la mano e nun ne parl pi!
ANTONIO (che ha scritto, si alza e porge il foglio): Ecco qua... qua... la... la...
FELICE (subito togliendogli la corta compromettente per lui e strappandola a pezzetti che
getta nel cappello di Antonio che ha in mano): Va bene, Don Ant... non c pi bisogno
di questa carta... Tutto stato chiarito! (Congedandolo.) Arrivederci, signor avvocato e
buon viaggio... Salutateci quelle belle ragazze delle nipoti vostre e speriamo di rivederci
al pi presto! Arrivederci... Arrivederci... Arrivederci... (Durante queste battute spinge
verso la porta di destra Antonio, impedendogli di parlare. Antonio esce.)
COMMISSARIO (ridendo): Ah... ah... (Si congedo.) Signori, buongiorno a tutti!
121

FELICE: Arrivederci Signor Fiaschella...


COMMISSARIO: Che Fiaschella... Piretti!
FELICE: Va bene... Piretti... Fiaschella... scusate!
MICHELE: Arrivederci signor Commissario... (Il Commissario esce.)
ROSA (a Felice): Dunque, te s fatto capace m?
FELICE: S, moglie mia... Ho visto che sei innocente!
MICHELE (a Concetta): E tu, credo che lassarraje sta mutria!...
CONCETTA: Io da oggi in poi sarraggio nata femmena!...
MICHELE: Brava!
CELESTINO: Io... ziz vulevo dicere...
MICHELE (autoritario): Zitto! Tu ogge stesso trase dinto a lo cullegio e permesse dasc
nun te ne faccio av cchi! E taccompagno io stesso! (Rosa, Michele e Celestino restano
a fare scena verso il fondo.)
CONCETTA (porta Felice avanti e piano gli dice): (D. Fel simme asciute salve pe nu vero
miracolo! Lo tiempo malamente nce ha aiutate, pecch nun ha fatto parl a D.
Antonio!...).
FELICE (piano a Concetta): [S, ma pe ce salv addirittura, avarria essere cc nu bellu
tiempo!... Sulo accuss ll bascio... (Mostra il pubblico.)... parlano e se fanno cap!].
(Cala la tela.)
Fine dellatto terzo

FINE DELLA COMMEDIA

122

NINA BON
Da Clara Soleil, di Gondinet e P. Civrac
Commedia in tre atti
Personaggi
Felice Sciosciammocca
Rosina, sua moglie
Luisella, serva di casa
Pasquale, giardiniere
Errico, cugino di Rosina
Achille, architetto
Virginia, sua moglie
Nina Bon
Paolo, albergatore
Ciccillo, servitore
Vincenzo, maestro di musica
Teodoro, impresario
D. Orazio, zio di Nina
Eleuterio, sindaco
La scena ambientata a Portici nel primo atto, a Cava dei Tirreni nel secondo, in teatro il
terzo.

ATTO PRIMO
Giardino, apertura in fondo, alberi e piante. Sediolini e tavolino da campagna. A sinistra
porta dellappartamento. A destra altra porta.
SCENA PRIMA
Rosina e Luisella.
ROSINA (dalla sinistra): Luis, saje Felice add sta?
LUISELLA: Signur, sta pe dinto a lo ciardino, ve sta facenno nato bello buch.
ROSINA: Ah, ah! Me lavevo immaginato, doje vote lo juorno mha da f nu buch e me
lha da purt, va a fen ca nun fa rumman manco nu fiore dinto a lo ciardino.
LUISELLA: E nun avite piacere? segno ca ve v bene, ca pensa sempe a buje, io pe ve
dicere la verit, nun aggio visto ancora nu marito tanto buono, tanto affezionato comme a
D. Felice, viata a buje signur, site stata proprio fortunata. A lo juorno dogge si sapisseve
quanto difficile a truv nu marito accuss. Fanno li santarielle, fanno ved che moreno,
che squagliano pe na figliola, e doppo spusate vanno truvanno chi laccide. Se seccano de
st dinto a la casa, escene sempe, e na povera figliola cundannata a sta sempe sola...
chisto no, chisto ve vularria st sempe vicino... proprio nu giovene doro.
ROSINA: Ah! Sicuro! (Ma che chiacchiarona ch chesta, quanno accummencia nun la
123

fernesce cchi.) Pascale lo ciardiniere che sta facenno? Pecch non adacqua nu poco sti
teste, lo turreno addeventato cenere addirittura... Pascale... Pascale! (Via fondo sinistra.)
LUISELLA: Ah, sulamente io avetta truv nu mpiso, nu scellarato che me faceva na
mazziata la matina e nata la sera. Neh, pecch? Pecch a me me piaceva la musica, me
piaceva de cant. Vedite che animale, facette buono che murette. Ah! Si teneva purio la
voce e la grazia che tene Nina Bon la canzunettista ch venuta a cant cc a Puortece,
ne vurria f zumpe! Che bella cosa! La settimana passata la jette a sent. Ma che zucchero,
cantaje Napule bello... Napule comme la femmena, te fa ven lo gulio. Apprimma core
mio, e doppo frusta ll!
SCENA SECONDA
Pasquale e detta poi Rosina.
PASQUALE (da giardiniere con inaffiatoio): Luis statte zitto famme stu piacere si no me
faje ven na cosa. Napole bello... che canzona... la sentette purio... E li tre terature.
(Canta.) Ma chi tene, ma chi tene la chiavetella...
LUISELLA: Nun allucc, nun voglia maje lo cielo e te sente la signurina, faje marenna.
PASQUALE: Haje ragione chella quanno sente annummen a Nina Bon, comme si
sentesse lo diavolo. Ma che lha fatto chella povera fgliola ca nce lhave tanto?
LUISELLA: Nun la p ved pecch tutte quante ne parlano bene, tutti li villeggiante de
Puortece nce vanno pazze, e tutte li giuvinotte le fanno la corte.
PASQUALE: E se capisce, pecch chella se lo mmereta, bona assai.
LUISELLA: Aracqua nu poco sti piante, f ampressa, la signurina pe chesto te va truvanno.
PASQUALE: Eccome cc.
LUISELLA: Ah! Nu poco de voce, avarria fatto cose de pazze. (Via a sinistra.)
PASQUALE: Lhanna f la corte pe forza, pecch chella na sciasciona, appena essa canta
se magna tutta la platea, e quanno saiza chello poco la vesta... (Canticchia la
canzonetta.) Jamme piglia, jammo piglia la chiavetella... (Vedendo Rosina.) Buongiorno
oscellenza signur.
ROSINA: Nata vota che te sento cant sta canzone, te piglio primma a cauce e p te ne
caccio... Haje capito?
PASQUALE: Va bene.
ROSINA: Vattenne fora m.
PASQUALE: Vuleva aracqu li teste...
ROSINA: Nun fa niente, vattenne!
PASQUALE: Eccome cc!
ROSINA: Haje capito m! Primma te piglio a cauce e p te ne caccio.
PASQUALE: Sissignore! (V che guajo chaggio fatto!). (Via fondo a destra.)
ROSINA: E tutte cu sta canzone, e tutte cu sta Nina Bon, me fanno attacc li nierve.
SCENA TERZA
Errico e detta.
ERRICO: Buongiorno cuginetta mia.
ROSINA: Oh! Caro Errico, che d stammatina lhaje fatto cchi priesto.
124

ERRICO: Si, me so spicciato lesto lesto ncoppa a lo tribunale, aggio fatto differ na
causulella che teneva, me so miso dinto a lo tram e so venuto cc, chaggia f, io nun
pozzo st nu mumento senza vederve. Felice mariteto add sta?
ROSINA Sta pe dinto a lo ciardino, me sta facenno il solito buch.
ERRICO Ah! Nun ghiuto a Napole stammatina?
ROSINA: No, restato cc.
ERRICO: E bravo, me fa cchi piacere... E chellamica toja da poco maritata, venuta?
ROSINA: Ah! Virginia? No, non ancora, ma poco putarranno tric.
ERRICO: La vu bene assaje credo, pecch ne parle sempe cu tanta premura.
ROSINA: lunica amica che tengo, simme state a lu cullegio nzieme nce vulimmo bene
comme a doje sore. Essa fa tutto chello che dico io, e io faccio tutto chello che dice essa,
figurate che tanno s mmaretata quanno ha truvato a nommo che piaceva a me, e se p
d cha fatto nu vero sacrificio.
ERRICO: Pecch?
ROSINA: Pecch lo marito nun nu giuvinotto, nommo ca p tene 46, 47 anne.
ERRICO: Scusa! E essa?
ROSINA: Essa ne tene 25.
ERRICO: Quasi il doppio.
ROSINA: S, ma nu galantomo, ricco e la v bene assaje. Mio caro Errico, questo
linteressante, chesto ha da j truvanno na figliola, ricchezza e affezione. Che una se piglia
a nu giuvinuttiello, bello, simpatico, ma per stravagante e libertino, che ne fa, passa nu
guajo ca nun se p ripar de nisciuna manera.
ERRICO: Oh, chesto certo. Ma tu per si tavisse spusato a me, avarrisse fatto nu gran
colpo, pecch io tavarria vuluto troppo bene.
ROSINA: Io pe me so cuntenta de quanto me ne v Felice.
ERRICO: Eh! Felice... che paragone fai.
ROSINA: Pecch, che vu dicere? Nun me fa manc niente, nun se move maje da vicino a
me, fa tutto chello che voglio io, buscia forse?
ERRICO: No, ma fra me e isso nce sta na gran differenza mia cara... basta nun ne
parlammo cchi... io pure stongo pe me nzur.
ROSINA: Ah, bravo! Chesto me fa veramente piacere... e a chi te piglie?
ERRICO: Nun laggio vista ancora, ma lo zio mha assicurato ch nu vero bisci.
ROSINA: Bravo! E tene dote?
ERRICO: Sicuro! 300 mila lire in contanti.
ROSINA: Ah! nu bello affare, bravo! Allora nun perdere tiempo.
ERRICO: inutile che faje caricatura s, pecch veramente piglio 300 mila lire, me le d
lo zio ch stato in America e ha fatto fortuna.
ROSINA: Va bene, allora aspetteremo questi confetti. (Ride.)
ERRICO: E ride, ma nun capisco che c da ridere, ma pecch, nun sto al caso de me
nzur?
ROSINA: Ah! sicuro! Solamente me pare difficile che na figliola cu 300 mila lire de dote,
se piglia a te che nun tiene niente.
ERRICO: Nun tengo niente? E la professione che d, nun ce sta? Nun faccio lavvocato?
ROSINA: Ah, me nero scurdato, faje lavvocato stando sempe a Puortece, giranno societ,
feste da ballo, e facenno la notte juorno. Vattenne Err famme stu piacere, nun parl cu
me pecch io te cunosco troppo.
ERRICO: Che centra, doppo faticato na jurnata sana, la sera me diverto nu poco, se sape,
125

so giovene alla fine, e che d, mariteto nun va pure a li feste de ballo?


ROSINA: S, ma ce va cu me, sempe cu me.
ERRICO: Comme, sere da nun ghiette a sent isso sulo la celebre canzonettista Nina Bon.
E comme sbatteva li mmane.
ROSINA: Felice?
ERRICO: Felice, s!
ROSINA: Quanno?
ERRICO: Sere fa... me pare llata sera.
ROSINA: E nun p essere, pecch llata sera stetteme a Napoli.
ERRICO: No, dico male, la sera primma, gi, gioved.
ROSINA: Gioved nun ascetteme.
ERRICO: Allora avetta essere venerd.
ROSINA: O pure mercoled, ricordate buono! Felice pe regola toja, da che venuta a cant
a Puortece sta signorina Nina Bon, cio da 15 giorni, nun asciuto mai sulo, sempe cu
me, quindi inutile che dice buscie.
ERRICO: Io nun te dico buscie, te pozzo giur che laggio visto.
ROSINA: E avarraje pigliato nu sbaglio siente a me, te pozzo dicere che Felice, sapenno
che io a sta signorina nun la pozzo ved, ha levato da coppa a lo pianoforte tutte li
canzone che essa canta.
ERRICO: Ah! Te lavive accattate?
ROSINA: Io? E steva fresca, me lhanno regalate.
ERRICO: E lhaje lette tutte quante?
ROSINA: S, bella cosa veramente.
ERRICO: Eh! Capisco, a leggere parene niente, shanna sent cant da essa, che sciccheria,
che grazia, e comme canta Napole bello Ros, nun hai idea.
ROSINA: E nun ne voglio av idea.
ERRICO: dinto a tre ghiuorne?
ROSINA: Pe parte mia dinto a tre ghiuorne ha da mur.
ERRICO: Tanto che t antipatica?
ROSINA: lodio mio, che taggia dicere.
ERRICO: Pecch nun lhaje ntisa.
ROSINA: Nun laggia ntisa e nun la voglio sent.
ERRICO: Per esempio, come canta: Le tre teratore.
ROSINA: Che centra, quella na canzona che chiunque la canta fa effetto perch
graziosissima.
ERRICO: E la Sciampagnona?
ROSINA: Oh, nun me parl de la Sciampagnona perch quella leccelso della immoralit.
Io nun saccio come s permessa.
ERRICO: S, chesto overo! La Sciampagnona nu poco spinta, ma essa la canta
divinamente. Tu per Ros, nun ne haje j parlanno cchi male pecch nun sta; chella
puverella so quatte sere che sta cantanno a li segge, e per causa tua.
ROSINA: Proprio? Ah! M mhaje fatto nu gruosso piacere. Nce so riuscita finalmente.
ERRICO: Tanto riuscita che forse domani se ne va.
ROSINA Ah! Mo so cuntenta! Nun me fidavo de la sentere cchi annummen. Non
cerano riunioni, non cera festa da ballo che nun se parlava de sta Nina Bon: e come
canta, e che voce, e che grazia. Uh! Mera proprio seccata, e che diavolo! Ma ch
Adelina Patti?
126

ERRICO: Nel suo genere grande.


ROSINA: Ma jatevenne faciteme stu piacere. E p era insopportabile che la sera uommene
nun se ne vedevano cchi, steveno tutte ll add cantava essa. Na sera, la casa della
Marchesa Piperno avettema f la quatriglia tutte femmene... era naffare serio. La matina
appriesso io jette pe tutte li famiglie, pe tutte li villeggiante e facette cose de pazze.
Signore mie, ma li marite vuoste, li figlie vuoste, che hanno perzo la capa, ma cc overo
vulimmo f ridere la gente, se fa tanta ammuina pe chi, pe na canzonettista qualunque, pe
una che a la matina mette in caricatura a tutte quante. E poi canta delle canzoni
immoralissime, delle canzoni che ci fanno vergogna. Allora, tutte quante: avete ragione,
avete ragione, dite benissimo.
ERRICO: E avite labilit de nun nce f j cchi a nisciuno.
ROSINA: Ma si capisce! Era na cosa insoffribile.
ERRICO: Essa lo sape per che tu lhaje fatto la guerra.
ROSINA: Lo sape! E che me ne mporta!
SCENA QUARTA
Achille, Virginia e detti, poi Felice.
ACHILLE (di dentro): Va bene, va bene, abbiamo capito, da questa parte.
ROSINA: Chi ? Ah! eccola cc la mia cara amica. Favorite...
ACHILLE: Grazie. Signora rispettabile...
VIRGINIA: Cara Rosina. (Si baciano.)
ACHILLE: Dovete scusare se ci presentiamo cos in abiti da viaggio.
ROSINA: Forse ve trattenite poco?
VIRGINIA: Unora solamente, aspettammo che arriva lo treno.
ROSINA: E che diavolo, nun putiveve part co lo treno appriesso?
ACHILLE: Impossibile cara signora, tenimmo tante cose da sbrig.
ROSINA: Assettateve, assettateve. (D le sedie.)
ERRICO: Accomodatevi, prego.
ACHILLE: Grazie. Il signore forse suo marito?
ROSINA: No, mio cugino, Errico Fiore.
ERRICO: Avvocato, a servirvi.
ACHILLE: Favorirmi sempre. Achille Capone, architetto.
ERRICO: Tanto piacere. Ma la vostra fisionomia non mi nuova, non ricordo dove vi ho
veduto... Achille Capone? Aspettate... vi vidi lanno scorso nello studio del notaio
Capone.
ACHILLE: Pap... quello pap mio.
ERRICO: Ah! Il notaio Capone pap vostro?
ACHILLE: Sissignore, lo conoscete?
ERRICO: Sicuro, era tanto amico della felice memoria di mio padre. E come sta, come sta?
ACHILLE: Bene, grazie, solamente qualche mese che lha pigliato na specie di
malinconia sta sempre di cattivo umore, non v ricevere nisciuno... Veramente la colpa
stata mia perch pap non voleva che mi fossi ammogliato, figlio unico, capite... se lha
pigliato nu poco a duro. Eh, ma non c che f, io avevo dato parola alla signora Rosina, e
lho dovuto fare per forza.
ROSINA: Site stato a Salierno?
127

VIRGINIA: S, m proprio venimmo da ll.


ROSINA: E m che pensate de f?
VIRGINIA: M nce fermammo sta jurnata a Cava pe gh a truv na sora dAchille, e p
nce ne jammo a Napole?
ACHILLE: Che nce jammo a f a sta Cava?
VIRGINIA: Ma pecch? Si stato tu ca lhaje ditto, m tutto nzieme haje cambiato
pensiero?
ACHILLE: Pe nun te f trapazz, bella mia.
VIRGINIA: Ma che trapazz, io quanno viaggio sto sempe bona.
ROSINA: E io pure me piace tanto de viaggia.
FELICE (di dentro): Neh, statte zitto, famme stu piacere, nun te pigli confidenza ca te
siente nu brutto paccaro.
ACHILLE: Chi ?
ROSINA: maritemo Felice.
FELICE (fuori con buch di fiori): Sia fatta la volont de lo cielo, m me mpara isso
comme se fa lo buch. Oh, signori!
ROSINA: La mia amica Virginia, suo marito Achille Capone.
FELICE: Cafone! Tanto piacere. Felice Sciosciammocca.
ACHILLE: Fortunatissimo!
FELICE: Caro Errico!
ERRICO: Carissimo Felice.
ACHILLE: Con chi stavate contrastando?
FELICE: Con quella bestia del giardiniere. Io m domando a voi, pe f nu buono mazzetto
che nce v?
ACHILLE: Tre cose. Acce, petrosino e pastenaca.
FELICE: E questo lo mazzetto pe lo bullito, io dico, per fare nu buch odoroso, che ci
vuole? Il gelsomino, lerba cedra, la violetta, la cardenia... chillo se n venuto ca ce v
pure la rosa.
ACHILLE: Eh! Me pare, la rosa necessaria.
FELICE: Niente affatto, io la rosa qua non ce la posso mettere.
ACHILLE: E perch?
FELICE: Perch questo buch fatto per mia moglie, e quando essa lo tiene in mano, la
rosa ci fa una cattiva figura.
ACHILLE: Bravissimo.
ERRICO: stata di spirito.
FELICE: Siete venuti da Napoli?
VIRGINIA: No, da Salerno, add simme state venti giorni in casa de na zia mia.
ACHILLE: Che seccatura, senza teatre, senza divertimente, la sera a li nove into a lo lietto.
VIRGINIA: Ma le primme sere nun te s cuccato a li nove, te ritirave alluna dopo
mezzanotte.
ERRICO: E che ve ne facevate fino a quellora?
ACHILLE: Vi dir. Quanno jettemo a Salierno, truvajeme che la celebre canzonettista
Nina Bon, dava le ultime rappresentazioni e poi partiva. Eh! Allora dicette, questa
occasione nun me la perdo... mentre mia moglie stava dalla zia, io mi andavo a divertire
nu poco, non cera niente di male.
VIRGINIA: Tutto il male possibile, pe na vota sta bene, ma non gi tutte le sere.
ERRICO: Ma voi non sapete che Nina Bon sta qua a Portici.
128

ACHILLE: Sta qua?


ERRICO: Sissignore, da 15 giorni, ha fatto nu fanatismo.
ACHILLE: E dite la verit, come canta?
FELICE: Io non lho intesa.
ACHILLE: Avete torto, quelle sono artiste che si debbono sentire. E voi lavete intesa?
ERRICO: Oh, molte volte.
ACHILLE: Sicuro!
ACHILLE: E Napoli bello? lo canta angelicamente.
ERRICO: E li tre teratore?
ACHILLE: Ah! Li tre teratore... Quella rrobba che fa zump da coppa a seggia... E la
sciampagnona?
ERRICO: Ah! magnifica!
ACHILLE: Quanno aiza la gonna, chella gonna nnfusa. Tutte le canzonettiste aizano la
gonna, ma quella lo fa con una grazia che non si puo credere. Fa cos... vide tutto, e nun
vide niente.
ROSINA: Virg, vu ven a ved la casa?
VIRGINIA: S, me fa piacere.
ROSINA: E viene, jammo. (Viano a sinistra.)
ACHILLE: Pare che D. Rosina se fosse pigliato collera.
FELICE: Basta che sente parl de Nina Bon, diventa na furia.
ACHILLE: Come mia moglie. Da una parte hanno ragione, perch quella troppo cara. Ma
voi veramente non lavete intesa mai?
FELICE: Mai.
ERRICO: Nun d buscie, taggio visto io, e sbattive li mmane...
FELICE: Una sola volta quando fece il matin.
ACHILLE: Ve facette nu matin?
FELICE: No, nu suprabitino, quando cant di giorno.
ERRICO: Diceva buono io che taggio visto.
ACHILLE: Ah! Mannaggia ca me so nzurato... Non capisco perch noi altri giovanotti
appena ascimmo de tutela, nce vulimmo nzur.
FELICE: Putiveve aspett nato poco.
ACHILLE: Eh! Che volete, non ne potevo pi, il fuoco era arrivato alla testa, io pe li
femmene aggio passato belli guaje!
FELICE: E che guaje?
ACHILLE: Duelli, quistioni, appicceche... e m a curto a curto, si sapisseve che m
succieso.
ERRICO: Qualche avventura? Sentiamo, sentiamo!
ACHILLE: Avita sap che nel venire da Salerno, dinto a lo treno teneva na sete terribile. A
Nocera nce steveno due minuti di fermata, aio apierto lo spurtiello, me so menato e so
trasuto dinto a lo caf de la stazione. Neh dateme nu bicchiere dacqua. Ll nce steva nu
viecchio surdo. Chavite ditto? Nu bicchiere dacqua, me moro de sete... Mentre
facevamo chesto, tutto assieme aggio ntiso che lo treno sera miso in movimento... Uh!
m perdo lo treno, so curruto, ma nun sapenno la carrozza mia add avevo lassato
muglierema, me so afferrato a nu spurtiello qualunque, e trasenno de pressa aggio
scarpesato lo pede a nu viaggiatore, lo quale mha ditto: ma che siete cecato, animale. Io
zitto! aveva tuorto, e me so ghiuto assett vicino a na signora bruna che steva assettata
into a nangolo de la carrozza... ma vassicuro, na cosa scicca assaj, nu pezzo de burro...
129

Mentre cammenavamo laggio ntuppato nu poco lo pede, essa s stata. Quanno simme
trasute sotto lo traforo, maggio fatto anema e coraggio e laggio vasata.
FELICE: E essa?
ACHILLE: Nun ha ditto niente, solamente, appena simme asciute a lo lustro, mha dato nu
paccaro nnumero uno!
ERRICO: E vuje?
ACHILLE: Zitto! Ma chesto sarria niente. Chillo signore ca io laveva scarpesato, s miso
allucc: Voi siete un insolente, un imbecille. Io non conosco quella signora, ma ho il
dovere di difenderla... e se ti sei offeso questa la mia carta da visita, domani sar a
Cava. Hotel Vittoria.
ERRICO (prende il biglietto e legge): Orazio Penna, negoziante di vini. Sangue de
bacco! Orazio Penna, nommo de nu 57, 58 anne, chiatto?
ACHILLE: Chisto isso.
ERRICO: Io lo conosco, era amico intimo di mio padre. Chillo da poco tornato
dallAmerica add sha fatto na fortuna, ed venuto in Italia pe me f spus na nepota
soja.
ACHILLE: E laveva truv justo io.
ERRICO: Ah, ah, chesta bella!
ACHILLE: Ma m avita sentere lo finale. Doppo che ha sfocato ad allucc sempe, s
addurmuto. Allora la signora mha ditto: Mi di spiace che per causa mia deve succedere
un duello. Io abito a Napoli, vico Pertusillo n. 38. Sar fortunatissima se mi farete una
visita.
FELICE: E ci andate?
ACHILLE: Ci vorrei andare, ma comme faccio cu muglierema, chella nun me lassa mai.
FELICE: Rinmanitela cc cu na scusa.
ACHILLE E che cosa? Piuttosto, facite ven pe sette otto juorne la mugliera vosta cu nuje,
accuss essa nun restarria sola e io putarria f na scappata.
FELICE: E accuss starria libero nu poco purio, ma impossibile, Rosina non parte senza
de me.
ERRICO: E m vedimmo, aspettate!
SCENA QUINTA
Virginia, Rosina e detti.
VIRGINIA: Ma so belle assaje, so proprio na rarit.
ACHILLE: Che cosa?
VIRGINIA: La collezione de farfalle che tene Rosina.
ROSINA: Fel, fancelle ved pure a D. Achille.
FELICE: Subito. Favorite.
ACHILLE (ad Errico): E voi non venite?
ROSINA: No, mio cugino le sa, jate vuje.
ACHILLE: Jammo! Ma io dico che non ci potranno essere farfalle pi belle di voi.
ROSINA: Come, e non ci sta Nina Bon.
ACHILLE: Che centra, quello un altro genere di farfalle. (Via con Felice.)
ROSINA: Err, nuje tavimma parl seriamente. Virginia vularria sap comme sha da
regol pe nu fatto che l succieso.
130

ERRICO: Che fatto?


VIRGINIA: Avita sap che stammatina a Nocera, lo treno s fermato pe duje minute, mio
marito teneva sete, sciso pe se f d nu bicchiere dacqua dinto a lo caf de la stazione,
immediatamente sagliuto nommo accuss curiuso che nun putite credere, mha salutata
e s assettato add steva maritemo. Tutto nzieme lo treno s miso a cammen, e io me
so truvata sola cu isso.
ERRICO (ride): Ah! Magnifica questa.
VIRGINIA: Vuje redite, saccio la paura che maggio miso.
ERRICO: E pecch sta paura?
VIRGINIA: E si nun sentite. Mentre cammenaveme chisto nun me luvava lluocchie da
faccia, e chiano chiano saccustava vicino a me. Quanno stato sotto a lo traforo, tutto
nzieme mha abbracciata e mha vasata.
ERRICO: Ah! Bona chesta. E voi che avete fatto?
VIRGINIA: Chaveva f, steva sola... Zitto!... Aggio ditto: Ma che maniera chesta, per
chi mavete presa, io so na signora. Allora isso ha risposto: Scusate, non mi sono potuto
tenere, ho voluto sfocare. E aspettaveve a me pe sfuc? Bastonatemi, bastonate un povero
pazzo.
ERRICO: E veramente pazzo aveva essere.
ROSINA: Essa m vurria sap si stu fatto lo p cunt a lo marito.
ERRICO: Ma no lasciate stare. Si sa, sotto i trafori succedono sempre queste pazzie. Ma
ditemi na cosa, vostro marito rimase a terra?
VIRGINIA: No, lo puveriello nun truvaje la carrozza e se mpizzaje a nata parte.
ERRICO: Nulla sapendo quello che succedeva sotto al traforo.
VIRGINIA: E si capisce.
ERRICO: E voi nemmeno sapiveve chello che succedeva a isso?
VIRGINIA: Niente! Maffacciaje a lo fenestiello ma nun lo vedette.
ERRICO: E se sape, pecch chillo gi sera mpezzato.
SCENA SESTA
Achille e detti, poi Felice.
ACHILLE: Ma belle, belle veramente, nce stanno cierte ca parene pittate.
VIRGINIA: Ach, nce ne vulimmo j?
ACHILLE: Sicuro. A proposito... mi viene unidea: pecch D. Rosina nun vene nu poco
cu nuje?
ROSINA: Sarria nu gran piacere, ma nun p essere, Felice ha da j a Torre del Greco a truv
nu zio sujo canonico che sta malato.
ACHILLE: E venite vuje sola, che male nce sta?
ROSINA: Io sola? E comme possibile?
VIRGINIA: Ma se sape, chella lo marito nun lo lassa.
ROSINA: No, nun so io ca nun lasso a isso, isso che nun me fa part sola.
ACHILLE: E se pregato da me acconsentisse?
ROSINA: So sicura che Felice nun acconsente.
ACHILLE: E m vedimmo. D. Fel scusate, venite cc.
FELICE: Che c?
ACHILLE: Io e mia moglie dobbiamo chiedervi nu gran favore, una vera grazia.
131

FELICE: Una grazia? E di che si tratta?


ACHILLE: Io voleva ca fusseve partite cu nuje, ma D. Rosina ha ditto chavita j da nu zio
vuosto canonico, e quindi per voi nun p essere, ma ncavita da lo permesso che nce
purtammo la mugliera vosta.
FELICE: Essa? Sola?
ACHILLE: Non credo che dubitate di noi.
FELICE: Oh! Questo no!
ACHILLE: La facite divert nu poco, e nello stesso tempo facite st di j buonumore anche
mia moglie.
FELICE: Tu che dici?
ROSINA: Ma io faccio chello che vu tu.
FELICE: Va bene, purtatevella. Ma per badiamo, per quanto tiempo?
ACHILLE: Nu paro de giorne, tre al massimo.
FELICE: Io resto cu Errico.
ERRICO: Resta affidato a me!
ROSINA: Allora vengo cu buje. Luisella?
SCENA SETTIMA
Luisella e detti, poi Pasquale, poi di nuovo Pasquale.
LUISELLA: Comandate.
ROSINA: Fa pigli a Pascale chillo bauglio into a la camera mia e portarne lo cappiello.
LUISELLA: Va bene. (Chiama.) Pascale, Pascale...
PASQUALE: Eccome cca.
LUISELLA: Viene cu me. (Viano a sinistra poi ritornano.)
ACHILLE (piano a Felice): Nce simmo riuscite, vuje site libero, e io pozzo j a truv chella
signora.
FELICE: (Avimmo fatto lo colpo!).
ROSINA: (Comme stato lesto a darme lo permesso, veramente nun me laspettavo!).
ERRICO: (E chiste sarriano le marite buone e affezionate! Ah! Non c dire, la. donna
sempre al peggior sappiglia).
PASQUALE (col baule): Ecco cc lo bauglio. (Esce con Luisella la quale porta il cappello
di Rosina e glielo d.)
ACHILLE: Miettelo a cascetta da la carrozza.
PASQUALE: Va bene. (Via poi torna.)
LUISELLA: Signur che partite?
ROSINA: S, me vaco a spass nu poco.
LUISELLA: E facite buono, site figliola, spassateve, divertiteve e venite ampressa, pecch
io nun pozzo st senza de vuje, me pare nu malaurio, pare che manca tutto, lo sistema, la
pace, lallegria, tutto, tutto.
ROSINA: Va bene, va bene, aggio capito.
ACHILLE: Neh, jammoncenne ch tardi.
FELICE: Aspettate, me vaco a pigli lo cappiello, vaccumpagno. (Via a sinistra.)
ROSINA: Err, te raccomanno Felice, nun te dico ato.
ERRICO: Non pensarce, te pare, e p chillo te v tanto bene, io so sicuro ca sti tre
ghiuorne, nun se muvarr de la casa.
132

ROSINA: Oh, chesto ne so certa.


ERRICO: E allora vattenne e statte a pensiero quieto.
PASQUALE: Lo cucchiere ha ditto ca ce vonno 10 minute pe part lo treno. (Via.)
ACHILLE: Diece minute, e ghiammo!... E D. Felice?
ROSINA: Nun ve nincaricate, si tene premura de me salut corre a la Stazione.
VIRGINIA: Dice buono, jammo! (Via con Rosina e Luisella.)
ACHILLE: Arrivederci signor avvocato. (Via correndo.)
ERRICO (ridendo): Che tipo! S ma io cc tre ghjuorne nun ce stongo, che me ne faccio, e
p io aggia che f, voglio cumbin subito il matrimonio, se tratta de 300 mila lire, nun se
pazzea. Ogge aggia cerc de truv a D. Orazio e stregno lesto lesto laffare.
SCENA OTTAVA
Felice e detto, poi Luisella.
FELICE (col cappello): So partite?
ERRICO: M proprio.
FELICE: E che diavolo, putevano aspett nu minuto. M veco si pozzo arriv a la carrozza.
(Via.)
ERRICO: Comme sta ammuinato, chillo pe isso stata na fortuna a rimane sulo.
LUISELLA: Signur, ha ditto la patrona mia, che fino a che nun torna essa nun vavita
movere da cc.
ERRICO: Ah! Sicuro! (E sta fresca). Tu intanto prepara lo pranzo e nun te nincaric.
LUISELLA: Lo pranzo pronto, quanno vulite io subeto ve servo. Ma signur scusate, D.
Felice non ghiuto cu lloro?
ERRICO: No, rimasto cc, lo tengo io cumpagnia.
LUISELLA: Me fa meraviglia, quanno maje D. Felice ha lassato la mugliera, chillo nun se
fidava de st cinche minute senza vederla.
ERRICO: Ah! Cinche minute lo saccio, ma si avarria sta cinche mise senza vederla, nce
starria cu piacere.
LUISELLA: overo, overo, vuje ate uommene site naffare serio, nisciuno ve p cap.
Basta, io stongo dinto, quanno me vulite me chiammate. (Via.)
ERRICO: Io m sto penzanno, va trova sta nepote de D. Orazio com, si fosse na bella
figliola, sarria veramente na fortuna pe me. Bella, cu na bona dote, che vularria cchi.
(Guarda in fondo.) Che veco!, Nina Bon la canzonettista! E che vene a f cc?
SCENA NONA
Nina e detto.
NINA: Scusate signore, questa la casa di D. Felice Sciosciammocca?
ERRICO: Proprio questa, ma adesso non c, andato alla stazione ad accompagnare la
moglie ch partita.
NINA: Partita? Che peccato! Mi faceva tanto piacere vederla.
ERRICO: E potrei sapere perch?
NINA: Per niente, per conoscerla personalmente, pe ce parl nu poco!... Voi mi avete
conosciuta?
133

ERRICO: Ma vi pare, la celebre, lesimia, la grande Nina Bon, la diva di tutte le


canzonettiste. Accomodatevi, prego...
NINA: No, io non posso perdere tempo, una volta che la signora non c, inutile che mi
trattenga.
ERRICO (Ah, comme sta neh!). Ma quello che dovete dire a lei, lo potete dire a me, perch
io sono suo cugino.
NINA: Bravo! Ma cugino largo o stretto?
ERRICO: Vi prego di non offendere.
NINA: Se vi dovete offendere meglio ca ve ne jate, perch sto in uno stato di nervatura
che nun saccio io stessa chello che dico e chello che faccio. Io aggio ragione assaj!
ERRICO: Lo s, ma calmatevi.
NINA: Io nun capisco pecch sta signora se permette de j parlanno tanto male de me.
ERRICO: Ma chi ve lha detto che va parlando di voi?
NINA: Tutte quante, tutti i signori, tutto Puortece.
ERRICO: Ma sono maldicenti, calunniatori, diceno chesto pe ve f pigli collera.
NINA: A me? No io collera nun me ne piglio. Nce vuleva parl la vuleva conoscere, pecch
io p, si voglio, tengo lo mezzo pe vendicarme. Ditemi una cosa, una bella giovane
vostra cugina?
ERRICO: Piuttosto.
NINA: E lo marito la v bene?
ERRICO: Oh! Ladora.
NINA: E essa gelosa de lo marito?
ERRICO: Gelosissima.
NINA: Va bene... chesto vuleva sap.
ERRICO: Ma che vulite f?
NINA: Niente... nun lo saccio... sono idee che mi vengono! Io cu chello ch ghiuto dicenno
de me le putria f na querela, ma no... sarria na vilt, saccio io chello che aggia f.
SCENA DECIMA
Felice e detti.
FELICE: So partite finalmente! M pozzo respir nu poco.
NINA: Il signor Felice Sciosciammocca?
ERRICO: Lui proprio.
NINA: Bravo! Tanto piacere!
FELICE: Fortunatissimo. (Nina Bon!).
ERRICO: La signorina era venuta per parlare con tua moglie, ma dal momento ch
partita...
FELICE: Mi dispiace.
NINA: Oh, non fa niente, parler con voi, lo stesso.
ERRICO: (Chesta m se la sconta co lo marito, meglio ca me ne vaco). Signori
permettete, io me ne vado, ho tanto da fare, ci vedremo domani.
FELICE: Come vuoi tu!
ERRICO: Signora, arrivederci. (Via per il fondo.)
FELICE: Accomodatevi, prego.
NINA: Grazie. (Siede.)
134

FELICE: Io ho avuto lonore di sentirvi due volte, la prima sera del debutto e allultimo
matine che faceste. Che chiasso! Il pubblico non si stancava mai di applaudire, e aveva
ragione, perch voi avete toccato lapice della grazia e della simpatia.
NINA: Troppo buono! E intanto sono sei sere che il povero impresario rifonde sulle spese,
il pubblico, si pu dire, mi ha abbandonata. Ed giusto, dopo la guerra che mi sta facendo
vostra moglie...
FELICE: Ma che, non state a sentire chiacchiere. S capisco... essa non pu sentirvi
nominare, non le siete troppo simpatica, ma che vuol dire, mia moglie non arriver mai a
demolire una fortezza inespugnabile come siete voi.
NINA: Del resto non ha torto, crede che Nina Bon sia una canzonettista qualunque. Ah, no
signore, io sono una giovane onesta e di buona famiglia. Perdetti mio padre, perdetti mia
madre, e per vivere mi trovai sulle scene. Sono unartista, ecco tutto, piaccio al pubblico
pi di unaltra, che male ci sta?
FELICE: Ma si capisce! (Da vicino cchi bona).
NINA: Se la vostra signora sapesse chi mio zio, se sapesse che venuto dallAmerica
appunto per me, per farmi una dote di 300 mila lire, sono sicura che non mi tratterebbe
cos.
FELICE: Ma cosa pu farvi mia moglie con le sue chiacchiere... non ci pensate nemmeno.
E domenica darete lultimo matine?
NINA: No, io non posso pi cantare.
FELICE: E perch?
NINA: Perch se mio zio sapesse che sono una canzonettista sarei rovinata. Oggi parto, giro
nu pochino, cos per divertimento, e poi mi presento da lui.
FELICE: Partite oggi? Sola?
NINA: Sola.
FELICE: Se posso aver lonore di accompagnarvi.
NINA: Oh! Viaggiare sola con voi? impossibile!
FELICE: E che male ci sta? Sono un galantuomo e sapr rispettarvi. Mia moglie partita,
sono libero e ci potremo divertire, senza nessun pensiero sinistro. Sar un vostro fratello,
un fratello che accompagna la sorella.
NINA: Me lo giurate?
FELICE: Ve lo giuro!
NINA: Ecco quello che non posso dire io, io non posso giurare di trattarvi come una
sorella... Oh, no, non posso giurare... perch forse, non potrei mantenere il giuramento, il
mio cuore tanto sensibile che voi non potete credere, io mi attacco facilmente ad una
persona, specialmente quando questa persona mi simpatica, io non saprei pi dividermi
da quelluomo che avesse dimostrato per me una premura, un affetto, anche di amicizia...
Ah, no!... lasciatemi partire sola.
FELICE: Ah no Nina, no, voi siete un angelo, ed io voglio accompagnarvi assolutamente.
Se il vostro cuore si attacca al cuore delluomo che v simpatico, e allora attaccatelo al
mio, e potete essere sicura che mai si scioglier. Che ne dite?
NINA: Ma che debbo dire, avete certi modi, avete un parlare che francamente innammora.
FELICE: Proprio?
NINA: Proprio.
FELICE: Dunque partiremo insieme?
NINA: Ebbene s, partiremo.
FELICE: Oh, grazie, grazie! (Le bacia la mano.) Voi mi avete aperto il cuore che stava
135

chiuso da tanto tempo, e quando la prima volta, al debutto, voi cantaste: Li tre terature, mi
ricordo che voi nel dire: Jammo pigli la chiavetella, guardaste me, e io vi guardai e vi
dissi sottovoce: E comme te la dongo sta chiavetella... (Nina ride.) Quella canzone
labbiamo cantata io e mia moglie a duetto.
NINA: A duetto?
FELICE: Sissignore, ed io la canto per ricordarmi di voi. (Canta.)
Si stu core io tengo nchiuso
e arap nisciuno lo po
vuje chiammateme scontruso
ma stu core nu cumm.
NINA:
Co tre bene mascature
sta nzerrato impietto a te
e nzerrate e terature
stanno pure tutte e tre!
FELICE: Ma chi tene ma chi tene a chiavetella.
NINA:
Ma chi tene a chiavetella.
FELICE: M vo dico Peppeneila.
essa arape.
NINA:
Chillo e coppa, chillo e miezo.
FELICE: E chillo e sotto.
A DUE: Essa stata che mha cuotto
Essa a tene a chiavetella
Tarantella, tarantella
Seconda parte
FELICE: Spisso spisso dint o scuro
io me sento tasti
e into o primmo teraturo
na manella trafic
NINA:
E pe dint a squase e vase
che ll stanno in quantit
sta manella sciulia e trase
ne piglia una e se ne va.
FELICE: Ma chi tene ecc.
Terza parte
NINA:

Chillo e sotto o teraturo


cchi azzeccuso de lo cum
nce sta scritto, io te lo giuro
mai di fede mancher.
FELICE: Peppen si pe mezzora
tu stasera pu ven.
NINA:
Chillo e sotto chiuso ancora
FELICE: Ma speresce e sarap
Jammo piglia
136

Jammo piglia
a chiavetella.
NINA:
Tiene piglia
tiene piglia
a chiavetella.
FELICE: A v lloco a Peppenella essa ha apierto
chillo e coppa
chillo e miezo
e chillo e sotto.
A DUE: Essa stata
che mha cuotto
essa a tene a chiavetella
Tarentella Tarentella!
(Cala la tela.)
Fine dellatto primo

ATTO SECONDO
Salotto con 2 porte in fondo, 3 laterali e finestra prima quinta a destra. Pianoforte,
tavolino, sedie ecc.
SCENA PRIMA
Paolo, Ciccillo, poi Vincenzo.
PAOLO: Lasciateme sta, lasciateme sta... Mannaggia lalbergo e quanno maje larapette.
Ma insomma, stu cuoco che cancaro v?
CICCILLO: Ha ditto che so seje mise che lo state cuffianno, ca le state dicenno che
lavanzaveve la mesata, e mai ha pututo av niente.
PAOLO: E niente have. Io le dicette, se gli affari vanno bene, te dongo nata cusarella, gli
affari so ghiuto malissimo. Cava non cchi chella de na vota, villeggiante nun se ne
vedono cchi.
CICCILLO: Nce laggio ditto chesto, ma nun lo v cap.
PAOLO: E lha da cap, se nun le cunviene de st cu sta mesata se ne va.
CICCILLO: Nce lo pozzo dicere?
PAOLO: Se capisce, e che d nce mettimmo paura. M statte a ved che dinto Cava nce
sta sulo isso.
CICCILLO: Oh, chesto certo, ma pe ogge comme se fa, primma de tutto ce sta la festa, e
p ce stanno paricchie furastiere pe causa de lo cuncierto che sha da d. A nato poco
lora de la colazione, chillo perci sapprofitta.
PAOLO: Ah, perci se napprofitta? E nun te nincaric, ce penzo io, tu falle la mmasciata,
si se ne v j se ne jesse, me metto io dinta a la cucina.
CICCILLO: Vuje? Vuje site lo patrone!
137

PAOLO: Nun me mporta niente. Chi si governa il suo cavallo non chiamato mozzo di
stalla. Che se crede ca io nun saccio cucen. V dincello e famme sap che v f.
CICCILLO: Va bene. (Via fondo sinistra.)
PAOLO: Io vurria sta a nu pizzo quieto e chille me fanno pigli collera. Nun avevo male
fatto ammore, nun avevo mai pensato a femmene, e m nce so caduto, cu una ca nun
saccio chi , e che non vedr mai pi! Oh! Amore amore, e che cosa mi hai fatto.
VINCENZO: Buongiorno signore. (Con carta di musica.)
PAOLO: Buongiorno! Chi volete?
VINCENZO: Io sono D. Vicenzino Zucarola, dillettante drammatico, maestro di musica e
direttore dorchestra.
PAOLO: Tanto piacere.
VINCENZO: Voi siete il padrone di questo albergo?
PAOLO: Sissignore.
VINCENZO: D. Paolo Crocco?
PAOLO: A servirvi.
VINCENZO: Vengo a mettermi a disposizione della signorina Pur, la celebre
canzonettista che deve cantare stasera.
PAOLO: inutile, ve ne potete andare, perch la Pur non venuta e stasera non canta.
Ecco qua il telegramma che ho ricevuto poco fa da Napoli. (Glielo d.)
VINCENZO (legge ): Disponete mie camere. Sono ammalata, non posso venire. Pur. E
come si fa? Il teatro tutto venduto, e questa una rovina.
PAOLO: Eh, lo capisco!
VINCENZO: Tutti i signori di Cava stanno ammuinate pe sta canzonettista, e cc stasera
succede nu guajo.
PAOLO: D. Vicenz, a me nun me preme.
VINCENZO: E a me nemmeno. D. Teodoro si compromette, far una figura infelicissima,
perch lui ha organizzato il concerto, la faccia add la v a mettere?
PAOLO: Add v isso, che vulite da me?
SCENA SECONDA
Teodoro e detti.
TEODORO (con telegramma): Dateme na seggia, lassateme assett, so rovinato. (Siede.)
La celebre canzonettista, la Pur stasera non canta.
PAOLO: Chesto stammo dicenno. Cu stu telegramma mha fatto sap ca pozzo affitt li
cammere.
TEODORO: E chistauto lha mannato a me! Comme faccio? Lo teatro pieno, nisciuno
ha pagato ancora. Io aggio aumentato pure li prezze al doppio! nu guajo, nu guajo
chaggio passato.
PAOLO: E nun ve pigliate collera, so combinazione ca se danno.
TEODORO: Dateme na tazza de caf, nu bicchiere dacqua cu nu poco de sceruppo, tengo
la vocca manco lo fele.
PAOLO: Jate a lo riposto, faciteve d tutto chello che vulite.
TEODORO: Grazie. Maestro scusate, jate a lo teatro, vedite si so venute gente a pag
bigliette. Mamma mia la capa, la capa! (Via fondo sinistra.)
VINCENZO: Questo un guajo, na rovina. (Via fondo a destra.)
138

PAOLO: A me nun me preme, che me ne mporta a me de la Pur. Io penso allincognita del


traforo, quella sola mi preme.
SCENA TERZA
Errico, poi Ciccillo, poi Teodoro.
ERRICO: Pss! Scusate, voi siete il cameriere?
PAOLO: Nonsignore, sono il padrone dellalbergo.
ERRICO: Bravo! Volevo sapere se ha preso alloggio qui il signor Orazio Penna.
PAOLO: Sissignore, da tre giorni, ma m non c, uscito.
ERRICO: E trica assaj?
PAOLO: Questo non lo s.
ERRICO: Lo posso aspettare?
PAOLO: Accomodatevi!
ERRICO: Grazie!
CICCILLO: Patr, monz Peppino lo cuoco, ha ditto che nun le conviene, sha levato la
giacchetta, lo mantesino, ha rimasto tutte le cassarole ncoppa a lo fuoco e se ne v j.
PAOLO: E se ne jesse, stammatina ha avuto la mesata, e stammo pace.
CICCILLO: E chi cucina p?
PAOLO: Nun te nincaric, ce penzio pogge, dimane p faccio ven quatte cuoche, dieci
cuoche, ciente cuoche. (Viano fondo a destra.)
ERRICO: Quanto so curiuse sti paise quanno teneno na festa, che importanza ca se danno.
TEODORO: Che beco! D. Errico Fiore lavvocato.
ERRICO: Oh, carissimo D. Teodoro.
TEODORO: Nun ce vedimmo da nanno, dal giorno che usc la sentenza contro di me.
ERRICO: Sicuro mi ricordo, che bella causa fu quella.
TEODORO: E comme me la facisteve perdere bella.
ERRICO: Cos doveva andare.
PAOLO: Oh, si capisce! E chillamico vuosto, D. Felice, come sta?
ERRICO: Sta bene, s nzurato, ha sposato mia cugina.
TEODORO: Che spassuso era chillo. Tutto lo tiempo che io stette a Napole isso veneva
ogni sera a la casa mia, e quanta resate faceva f a muglierema. Eh! altri tempi, allora era
nommo allegro purio, da che me ne turnaje cc e me facette socio del Circolo dei
Cicciatori, aggio perza la pace. M per esempio tengo la freva ncuollo.
ERRICO: E perch?
TEODORO: Pecch me prudette la capa di organizzare una gran serata di beneficenza al
teatro, anzi, posso offrirvi dei biglietti. (Gli d un biglietto.)
ERRICO: Quanto costa?
TEODORO: Cinque lire, ma datemenne tre, nun mporta.
ERRICO: Perch?
TEODORO: Pecch doveva cant la celebre canzonettista Pur, e invece non canta pi
pecch sta malata.
ERRICO: Ma allora scusate, se non canta la Pur, lo biglietto non lo voglio nemmeno pe
doje lire.
TEODORO: E accuss diciaranno tutte quante! Che rovina!
ERRICO: Putiveve f ven a Nina Bon, superiore dieci volte alla Pur.
139

TEODORO: E add sta?


ERRICO: Lavimmo tenuta a Puortece quinnece juorne.
TEODORO: E che ne sapevo! E m nce sta?
ERRICO: No, se n ghiuta.
TEODORO: Sono proprio disgraziato.
SCENA QUARTA
Orazio, Ciccillo e detti
ORAZIO (di dentro): Lo patrone tujo nanimale, e nun me risponnere ca te dongo na
mazzata nfaccia.
ERRICO: Ah! Ecco cc D. Orazio. Le voglio f na sorpresa, nun dicite niente. (Si
nasconde.)
ORAZIO (fuori): Vedete che imbecille...
CICCILLO: Ma vi assicuro...
ORAZIO: Statte zitto, nun parl. Aveva ditte a chillanimale de lalbergatore che nun
vuleva f sap che alloggiavo qua, invece tutti sanno lo nomme mio.
CICCILLO: Ma nonsignore eccellenza, il patrone non ha detto niente, chi sa comme
lavranno saputo.
ORAZIO: M che so venut aggio truvato na busta cu sei biglietti da dinto, che saccio, na
festa de beneficenza, li solete buscie pe f denare. Me lha mannate nu certo Teodoro
Sanguetta. Chi stu Sanguetta, chi lo cunosce.
TEODORO: Sono io signore. La serata a scopo di beneficenza, stata organizzata da me.
Mi sono informato chi abitava in questalbergo, e ho creduto, ho azzardato.
ORAZIO: Va bene, come siete lungo. Quanto costano li bigliette?
TEODORO: 30 lire.
ORAZIO: 30 lire? Favorite. (Gliele d.) E che se fa a sta serata, che se sente, che se vede?
TEODORO: Si canta, ci sono diversi cantanti, e fra i cantanti e il canto... si sente cantare!
ORAZIO: Va bene, aggio capito.
TEODORO: Grazie. Arrivederci. (Via.)
ORAZIO: Ricordateve, chiunque vene io nun ce stongo.
CICCILLO: Va bene! (Via.)
ERRICO: Pure si venesse io?
ORAZIO: Che veco! Errico! Damme nabbraccio.
ERRICO: Cu tutto lo core. (Eseguono.)
ORAZIO: Tu riceviste la lettera mia?
ERRICO: Aggio ricevuto lettere, telegramma, tutto.
ORAZIO: Bravissimo. Io nun me so scurdato dellamicizia che aggio tenuto cu pap tujo.
Isso me consigliaje de j in America, isso me prestaje le primme 2 mila lire pe part e io a
isso aggio obbligazione si ogge tengo na fortuna. Tu haje pigliato la laura?
ERRICO: Da duje anne.
PAOLO: E faje affare?
ERRICO: Cos, non c male.
PAOLO: Aggio capito, stai disperatiello, m tacconcio io. Tu haje piacere de te nzur?
ERRICO: E ve pare.
ORAZIO: Emb, io comme te screvette, tengo na nepote ch nu zucchero, aggio perzo
140

frate, sore, tutte, sulessa m rimasto, e sapenno a chi appartiene, la dongo a te.
ERRICO: E io ve ringrazio.
ORAZIO: Laggio purtato dallAmerica 300 mila lire, credo che te bastano.
ERRICO: Ma na fortuna.
ORAZIO Povera guagliona, nun tene nisciuno pe essa. Seje mise fa me screvette na lettera
ca me facette chiagnere, dice che tira avanti la vita facendo merletti e ricamando... istruita
poi alleccesso. Io laggio fatto sap ca so arrivato e doppo dimane la jammo a truv a
Napole. Se chiamma Cuncettella, tu la vide, si te piace cumbinammo lesto lesto lo
matrimonio.
ERRICO: Come volete voi.
ORAZIO: E te dico na cosa, forse forse me nzoro purio. Nun laveva fatto ancora, ma m
lo voglio f, per la mia pace, per la sicurezza della mia vita. Io te dico la verit, so nu
poco viziuso Co li femmene, quanno ne veco una bella, che me piace, nun bado a niente
cchi, e me so mise a brutti rischi, perci appena trovo na figliola ca me persuade, me la
sposo.
ERRICO: E facite buono.
ORAZIO: Jammo a f marenna m, nun thaje da muovere da vicino a me. Te voglio fa f
la vita de lo signore.
ERRICO: Quanto site buono. (Viano.)
SCENA QUINTA
Paolo, poi Felice e Nina, indi Teodoro.
PAOLO (di dentro): Me lo beco io, statte buono, nun aggio bisogno de te, haje capito?
(Fuori con giacca, coppola e grembiule da cuoco.) Eh! La camorra a me nun me piace.
Stammatina cucino io, faccio lo cuoco e lo patrone.
FELICE: Favorite! Munz aggiate pacienza, chiamate lalbergatore.
PAOLO: Lalbergatore sono io, io faccio tutto, che comandate?
FELICE: Vorrei sapere se avete due camere vicine.
PAOLO: Sissignore, il 14 e il 15.
FELICE: Benissimo, restano per noi.
PAOLO: Sta bene. Ditemi i vostri riveriti nomi.
FELICE: (E che dicimmo m?).
NINA: (Dicite duje nomme qualunque).
FELICE: (M faccio!). Scrivete, io mi chiamo...
TEODORO: Aggio fatto na penzata, dateme li duje telegramme de la Pur, li faccio
azzecc vicino a lo teatro pe f ved la verit.
PAOLO: Eccoli cc.
TEODORO: Che beco! D. Felice Sciosciammocca?
FELICE: (D. Teodoro Sanguetta!).
TEODORO: Questa sar la bella sposa? Vi faccio i miei complimenti, avete saputo
scegliere, signora. Vostro marito amico mio strettissimo, mha fatto piacere che vaggio
visto.
FELICE: E a me pure.
TEODORO: Scrivete, il signore e la signora Sciosciammocca proprietari a Portici. Nuje m
vulimmo f nu regalo a Mariannina muglierema? Lavita ven a truv nzieme co la
141

signora.
FELICE: Ma ecco qua, siccome andiamo di fretta.
TEODORO: E che nce v, io abito in mezzo alla piazza, vicino lo caf. M vaco a lo teatro
pe naffare urgente, quanto faccio azzecc sti duje telegramme e ve vengo a pigli.
FELICE: Ma nonsignore, perch dovete incomodarvi.
TEODORO: Ma che incomodo, per carit. Permettete. (Via.)
PAOLO: Se volete visitare le camere.
NINA: (Jate, jate, io vaspetto cc!).
FELICE: (M ca vene D. Teodoro comme facimmo?).
PAOLO: Favorite! (Via con Felice a prima sinistra.)
NINA: Ah, ah, che tipo curiuso, comme me fa ridere. Se mette paura de tutte cose. Ogni
femmena ca vede la piglia pe la mugliera. Ma ce so riuscita, me so vendicata come
diceva io, e chesto niente ancora, chello che laggia f spennere!
SCENA SESTA
Orazio e detta e poi Paolo.
ORAZIO: Primma de f marenna le voglio f ved lo ritratto de Cuncettella, laggia tenere
dinta a la cammera mia! Che beco! Essa! Nepotema Cuncettella...
NINA: (Zi zio!). Zio mio caro caro!
ORAZIO: Oh, che bella sorpresa. E comme, io taggio scritto ca te veneva a truv a Napule
doppo dimane, e tu invece s venuta cc.
NINA: Pe ve ved chi ampressa zio mio.
ORAZIO: E bravo, bravo veramente. Comme te s fatta bella.
NINA: Vuje pure state buono.
ORAZIO: Eh! Non c male. LAmerica me fa bene come denare e come salute. M bella
mia so fenute le pene toje, zieto ha pensato pe te.
NINA: E io ve ringrazio. Ma z z. ve restate sempe a Napole.
ORAZIO: No, bella mia, m che taggio vista, cumbino lesto na cosa, te sistemo e parto
nata vota pe lAmerica. Oh, a proposito tu cc nun s venuta sola, chi tha accompagnata?
PAOLO: Il signore aspetta la signora nel n. 15.
NINA: Va bene.
PAOLO: Se volete qualche cosa, bussate il campanello. Permettete. (Sento na puzza
abbrusciato, starr piglianno sotto a la genovese!). (Via.)
ORAZIO: Aggio ntiso dicere: Il signore aspetta la signora nel n. 15, e chi stu signore?
Che te fusse mmaretata, d la verit?
NINA: Sissignore, e me vedeva nu poco mbrugliata pe ve lo dicere.
ORAZIO: E pecch, anze me fa piacere, basta ch nu buono giovine. Che arte fa?
NINA: ... meccanico.
ORAZIO: Bravissimo! E comm, nu bello giovine?
NINA: Nun c male, simpatico.
ORAZIO: E allora presentame, lo voglio conoscere.
NINA: Se sta facenno la barba, a nato poco ve lo faccio ved.
SCENA SETTIMA

142

Errico e detti, poi Felice.


ERRICO: D. Or, mavite rimasto sulo.
ORAZIO: S, pecch era venuto a pigli lo ritratto de nepotema pe te la f ved. Ma nun c
cchi bisogno pecch eccola cc!
ERRICO: (Che! Nina Bon). Chesta la nepote vosta?
ORAZIO: Sissignore...
NINA: Concettina Penna a servirvi.
ERRICO: Favorirmi sempre. (Strette di mano.)
NINA: (Zitto pe carit!).
ORAZIO: Comme te pare, te piace?
ERRICO: Graziosissima.
ORAZIO: Intanto me dispiace che taggia d na brutta nutizia. Nun putimmo cumbin
niente de chello ca te screvette, nun te la pozzo d cchi pecch s maritata.
ERRICO: S maretata?
NINA: S, e appena aggio saputo che zi zio steva cc, so curruta pe le f ved mio marito.
ORAZIO: E nun laggio visto ancora pecch se sta facenno la barba. Err scusa si taggio
procurata na falsa gioia.
ERRICO: Non c che fare, pazienza.
FELICE (uscendo): Neh! Io sto aspettanno... (Errico!).
ERRICO: (Felice!).
ORAZIO: chisto cc forse?
NINA: Sissignore.
ORAZIO: E presentame.
NINA: Mio zio, Orazio Penna.
FELICE: Tanto piacere.
NINA: Felice Sciosciammocca mio marito.
ORAZIO: Fortunatissimo. Il mio avvocato Errico Fiore.
FELICE: Piacere.
ERRICO: Sono lieto di conoscervi. (Ride fra s.)
ORAZIO: Signore, voi avete sposata mia nipote senza fortuna, la vostra azione nobile,
generosa, ed io far per voi pi di quello che volevo fare.
FELICE: Fate tutto quello che credete.
ORAZIO: Invece di dare a mia nipote 300 mila lire, ce ne d 350 mila. Siete contento?
FELICE: Ma vi pare, contentissimo.
ORAZIO: P avimma parl nu poco tutte e duje, vaggia f ved nu progetto de na machina
che voglio fare per la stritolazione delluva. Nce sta la macchina ma ad acqua, io la
voglio fare a vento e a moto perpetuo. Voi siete meccanico e mi dovete dare delle idee.
FELICE: Ah! Se si tratta di macchine a vento, vi posso servire.
SCENA OTTAVA
Teodoro e detti, poi Achille.
TEODORO: Eccomi qua, D. Fel ci volete onorare?
FELICE: (Ncasa la mano!).
ORAZIO: Signor Sanguetta, vi presento mia nipote e mio nipote.
143

TEODORO: Oh! Noi siamo. vecchie conoscenze. Io sono venuto a prendere la bella coppia
e condurla da mia moglie che n avarr nu piacere pazzo!
NINA: Vuje permettete z z?
ORAZIO: Ma se sape, i doveri sociali primma di tutto.
FELICE: (Va trova comma fernesce!).
NINA: Ho piacere anchio di conoscere la vostra signora. Andiamo!
FELICE: (Ma io nun pozzo ven).
NINA: (Stateve zitto pe carit. Si z zio appura ca nun me site marito, accide a tutte e duje).
FELICE: (Aggio passato lo guajo!).
NINA: (E p me facite perdere 350 mila lire). Vogliamo andare?
TEODORO: Prego signora. (Le offre il braccio.)
FELICE: Caro zio!
TEODORO: Signori. (Via con Nina e Felice. Errico ride.)
ORAZIO: Err pecch ride?
ERRICO: Chillo D. Teodoro Sanguetta na figura accuss curiosa che me fa scapp la risa.
ORAZIO: No, tu ride pe lo marito de nepotema, e hai ragione, pecch nu tipo che fa
ridere pure a me. Ma tu veramente nun te s pigliate collera che Concetta maritata?
ERRICO: Ma niente affatto.
ORAZIO: Bravo! Oh, io m comme a zio laggia f nu regalo, vero?
ERRICO: Sicuro, vi conviene.
ORAZIO: M vaco a pigli li denare e scennimmo nzieme, me daje nu cunsiglio pure tu.
M vengo. (Via seconda sinistra.)
ERRICO: Io m moro de la risa. Felice, laffezionato Felice si fatto sedurre da Nina
Bon. E la nepote de D. Orazio era appunto Nina Bon, e me la vuleva cunsign a me, e
steva frisco. (Ride.)
ACHILLE: permesso?
ERRICO: Che veco! D. Achille!
ACHILLE: D. Errico!
ERRICO: E vuje che facite cc?
ACHILLE: So venuto a truv na sorella mia che resta qua a villeggiare.
ERRICO: E la mugliera vosta, mia cugina, che navete fatte?
ACHILLE: Stanno aspettanno abbascio.
ERRICO: (Rosina sta cc?).
ACHILLE: So sagliuto pe dimand allalbergatore si tene doje belle stanze.
ERRICO: Cc? Ma che site pazzo, chisto nun albergo pe vuje... si sta male... i letti sono
cattivi... non c aria...
ACHILLE: Cc sta sole pe tutte parte, na bella scala, pulita.
ERRICO: Oh, insomma D. Ach, cc ce sta Felice.
ACHILLE: Ha fatto quacche scappatella... Ah, ah! La mugliera se crede che sta a
Puortece... Io pure dimane vaco a lo vico Pertusillo.
ERRICO: E p, m che ce penzo, D. Ach vuje m proprio ve navita j da coppa a
stalbergo.
ACHILLE: Io? E pecch?
ERRICO: Pecch cc sapite chi ce sta? Chillo tale da dinto a lo vapore, sotto lo traforo, e
ca ve dette la carta de visita...
ACHILLE: Orazio Penna? Chillo pazzo sta cc?

144

SCENA NONA
Orazio e detti, poi Virginia e Rosina.
ORAZIO: Eccome cc... Che beco! Chillo de sotto a lo traforo!
ACHILLE: (Stateve bene!).
ORAZIO: Buongiorno!
ACHILLE: Vi saluto.
ORAZIO: Volete a me?
ACHILLE: Io? No!
ORAZIO: Mavita dicere quacche cosa?
ACHILLE: Io? No!
ORAZIO: Me credeva che ireve venuto pe me sfid.
ACHILLE: Niente affatto, io sono venuto per affari miei, io. (Ad Errico.) vero?
ERRICO: Sissignore, venuto per affari suoi, nu galantuomo, io lo conosco.
ORAZIO: Lo canusce tu? nu galantuomo? Allora va bene, qua la mano. Io la verit
facette chellammuina pecch chella signora me piaceva, e vuleva f ved ca pigliava li
parte soje... del resto che me ne mporta... era na simpaticona per...
ACHILLE: Altro che simpaticona.
ORAZIO: Nera... ve piacene li nere?
ACHILLE: La mia passione.
ORAZIO: Posso offrirvi. (Donandogli un sigaro.)
ACHILLE: Grazie! (Lo prende poi a Errico.) (Io non fumo!).
ERRICO: (E dicitencello).
ACHILLE: (E m me laggio pigliato).
ERRICO: (E allora fumate). (Achille accende e fuma.)
ROSINA: Nun lo vide, se sta informando! Che veco! Errico sta cc! (Avvicinandosi.) Err,
haje lassato a Felice?
ERRICO: S, pe na jurnata solamente.
ROSINA: E bravo, bella amicizia.
ORAZIO: Ma diteme na cosa, quanno vasasteve chella signora bruna sotto a lo traforo,
stiveve nu poco vippeto. vero?
ACHILLE: Io? Sicuro, nu poco.
ERRICO: D. Or... (Fa segno di zittire.)
ORAZIO: Ma avisteve ragione, pecch chella era bona assaje.
ERRICO: D. Or, badate che ci sono delle signore.
ORAZIO: Oh! Perdonate signore, io scherzavo con un amico a proposito di unavventura
che le capitaje sotto a lo traforo a Vietri. Le signore sono arrivate adesso?
ERRICO: S, volevano alloggiare qua, ma siccome qua camere non ce ne sono pi,
andranno in un altro albergo.
ORAZIO: Oh! Perch? Se permettete vi cedo le mie stanze.
ROSINA: Ma perch incomodarvi.
ORAZIO: Ma nessun incomodo, anzi mi tengo fortunato di potervi servire. Vado a d a lo
cammariere che mettesse subito in ordine le stanze. Err jammo. (Via con Errico fondo
destra.)
VIRGINIA: E bravo D. Achille, andate facendo conquiste sotto i trafori.
ACHILLE: Virginia mia, ti assicuro...
145

VIRGINIA: Zitto... miettatenne scuorno...


ACHILLE: Statte zitto s? Si no me faje f la pazza.
ROSINA: Virg, ma calmati.
VIRGINIA: Me calmo? Vularria ved tu che faciarrisse al caso mio. Certamente io nun me
laggio spusato pe bellezza, ma pe ten nu marito buono, fedele. Tu me diciste, chillo
nommo fatto, te farr felice, te ricuorde? Invece nun e stato accuss. Dice che nun
fumava, e lo trovo cu nu sicarro mmocca e me fa sentire sti belli cose.
ACHILLE: Ma fammi discolpare almeno.
ROSINA: D. Ach, dicite comme jette lo fatto.
ACHILLE: Ecco qua. Io teneva sete, a Nocera lo treno se fermaje, io scennette pe bevere, e
nun facette a tiempo a turn dinta a la carrozza mia, de pressa me mpezzaje dinta a nata
carrozza add steva na signora bruna, trabballaje e le cadette ncuollo, chella se mettette
allucc credendo chio laveva fatto apposta pe le d nu vaso.
ROSINA: Veramente?
ACHILLE: Credetemi... io trabballaje!
VIRGINIA: Emb avita sap ca mentre vuje trabballaveve ncuollo a chella signora, nu
giovine vasaje a me...
ACHILLE: Che!
VIRGINIA: Proprio sotto lo stesso traforo, nu bello giovine biondo.
ROSINA: Virg...
ACHILLE: E tu te faciste vas?
VIRGINIA: E io che ne sapeva... chillo trabballaje.
ACHILLE: Silenzio signora! Dov quelluomo... Chi ?
VIRGINIA: Ah! Vulesse lo cielo e sapesse add st.
ACHILLE: Avite ditte chera bello?
VIRGINIA: Bellissimo!
SCENA DECIMA
Ciccillo, Paolo e detti, poi Teodoro.
CICCILLO (indicando le donne): Eccole l!
PAOLO: Il signor Orazio vi cede le sue camere... (Che veco! Essa!).
VIRGINIA: (Chillommo de lo traforo! Nu sguattero!).
ROSINA: Vediamo queste camere...
VIRGINIA: (No, no!).
ROSINA: (Pecch?).
VIRGINIA: (Fu chesto che me vasaje dinto a lo vapore).
ROSINA: (Chisto?). (Ride.)
VIRGINIA: (Tu ride? Jammuncenne, nun ce voglio st).
ROSINA: (Ma nun f scimit, chillo nun ommo ca p compromettere na femmena).
PAOLO: (Essa abiter qua, nel mio albergo! Oh! Gioia!).
ROSINA: Dunque andiamo a vedere queste camere.
PAOLO: Ciccillo, accompagnate le signore.
CICCILLO: Subito. Favorite!
ROSINA: Jammo Virg. (Viano.)
PAOLO: (Essa si chiama e io Paolo).
146

ACHILLE: (Ma che have stu lavapiatte). Tu chi s?


PAOLO: Sono il padrone dellalbergo.
ACHILLE: E ghiate vestuto de chesta manera?
PAOLO: Solo per oggi perch ho licenziato il cuoco. E voi, scusate, a quella giovine pi
alta, che le siete padre, forse?
ACHILLE: No, sono il marito.
PAOLO: Il marito? (Sospirando.) Ah!
ACHILLE: (Aggio capito, chisto ha da essere pazzo). (Via seconda a sinistra.)
PAOLO: Lo marito! S, ma chella certo nun lo p vul bene. Me dispiace ca stevo vestuto
da cuoco, ma che fa? un abito... candido e bianco come lei.
TEODORO: Aggiate pacienza, preparate nu decotto di tiglio.
PAOLO: M nun pozzo penz a niente, lassateme st.
TEODORO: Serve pe chillo povero D. Felice che s ntiso male e ha voluto turn cc. (Via
fondo.)
SCENA UNDICESIMA
Ciccillo e detto poi Teodoro, Felice e Nina.
CICCILLO: Chelli signore hanno pigliato possesso de le cammere e se so chiuse da dinto
a chiave.
PAOLO: E pecch?
CICCILLO: E che ne saccio. Vaco a ordin la biancheria pulita. (Via.)
PAOLO: Forse se starr spuglianno... m vaco a f la spia da dinta a la mascatura. (Via.)
TEODORO: Comme ve sentite?
FELICE: Lo stesso, lo stesso!
TEODORO: Add sta lalbergatore? D. Paolo? D. Paolo? (Via fondo sinistra.)
NINA: D. Fel fenitela, comme site curiuso. Vuje pare fusseve into a morte a casa de chillo.
Cc se tratta de f ved che site maritemo pe nu pare de juorne.
FELICE: Pe lo zio vuosto ca nun ce cunosce, che parte va bene, ma cu Sanguetta e la
mugliera ca me sanno, passo nu guajo. (Nina ride.) Vi prego di non ridere, perch la mia
posizione non bella. Io me ne vaco dinta a la cammera mia, m ca vene Teodoro dicite
che sto peggio.
NINA: Va bene! (Ride.)
FELICE: Eppure quanno ridete siete pi bella!... (Bacia la mano.)
SCENA DODICESIMA
Teodoro, Ciccillo e detti.
TEODORO (a Ciccillo): Famme lo piacere, va dinta a la cucina, pe f nu bella decotto de
tiglio.
NINA: No, no, il decotto lindebolisce, conosco io una pozione che gli far bene, ma
bisogna che lo prepari io stessa. (A Ciccillo.) Datemi una macchinetta a spirito,
dellacqua, dello zucchero, un po di cognac e due limoni.
CICCILLO: Vi servo subito. (Via poi torna.)
TEODORO: Comme ve sentite?
147

FELICE: Lo stesso. Ma volarria ripos nu poco.


NINA: Allora mentre io preparo lo calmante, tu v dinto.
FELICE: Chesto voglio f. D. Teod stateve bene... salutateme a D. Mariannina.
TEODORO: Grazie, ma m vaccumpagno io, appoggiatevi.
FELICE: Ma pecch tanto incomodo.
TEODORO: Ma nu piacere pe me! Appoggiatevi.
FELICE: (Puozze pass nu guajo!). (Viano a soggetto a prima destra.)
NINA (ride): A ten nu marito vicino comme a chisto non na bella cosa veramente, ma
intanto stata na bella cumbinazione pe z zio.
CICCILLO: Ecco qua la macchinetta, lacqua e lo zucchero, adesso vi porto il cognac.
(Via.)
NINA: Fate presto.
SCENA TREDICESIMA
Achille, Paolo e detta, poi Ciccillo, poi Rosina.
ACHILLE: Oh! Ma fateme cap, pecch ve mettite a f la spia da dinta a la mascatura add
sta muglierema!
PAOLO: Vi sbagliate, aggio guardato na macchia che steva vicino a la porta.
ACHILLE: Nu va nincaricate, lassate st li macchie, si no aizammo cuollo e nce ne
jammo.
PAOLO: No, questo no! Uccidimi se vuoi ma non partir da qui. (Via.)
ACHILLE: pazzo, pazzo.
CICCILLO: Ecco qua il cognac.
NINA: Grazie.
ACHILLE: (Ma che veco! Chella Nina Bon!...).
NINA: (Va trova chillo chi ca me guarda).
ACHILLE: (Ma si essa! E comme se trova cc? Quanto bona).
NINA: E i limoni dove stanno?
CICCILLO: vero signora, me nero dimenticato. V servo subito. (Via poi torna.)
ACHILLE: (Se n ghiuto lo cameriere, m la saluto). (Per avvicinarsi, ma vedendo venire
Rosina.) Che! D. Rosina. (Via fondo sinistra.)
ROSINA (con lettera): Mentre Virginia sappiccecava ce lo marito aggio scritto na bella
lettera a Felice. (A Nina.) Scusate, fatemi imbucare questa lettera.
NINA: Io? Ma chiamate il cameriere, la donna...
ROSINA: Abbiate pazienza signora, ho preso uno sbaglio.
NINA: Ho capito, vedendomi occupata a fare un poncio come fossi in casa mia. (Esce
Ciccillo con i limoni.) Ecco qua, vi potete servire di questo giovine.
CICCILLO: Che comanda la signora?
ROSINA: Voglio essere imbucata questa lettera. (La d.)
CICCILLO: Subito. (A Nina.) Come sta quel signore?
NINA: Lo stesso.
CICCILLO: Speriamo che si rimettesse presto. Permettete. (Via.)
ROSINA: Avete un ammalato?
NINA: S, mio marito nu poco indisposto.
ROSINA: Gli state facendo un decotto?
148

NINA: No, un poncio caldo. Gli f tanto bene.


SCENA QUATTORDICESIMA
Errico, Orazio e dette, poi Virginia.
ERRICO: (Nun mha vuluto lass nu mumento. Che! Rosina cu Nina Bon!).
ORAZIO: (Oh, guarda chella figliola de poco primma, sta nzieme cu nepotema). Signora!
NINA: Mio zio, Orazio Penna.
ORAZIO: Ho gi avuto lonore di vedervi. E tu che staje facenno cu sta machinetta.
ROSINA: Sta facenno nu poncio caldo per il marito che non si sente bene.
ORAZIO: Me dispiace. E che tiene?
NINA: Cosa da niente, una piccola indisposizione.
ORAZIO: Voi non conoscete il marito di mia nipote?
ROSINA: No!
ORAZIO: Ve laggia f ved.
ERRICO: (M sammaturano le palate).
ORAZIO: M vaco a ved comme sta. Permettete. (Via prima sinistra.)
NINA: Vengo con voi zio. (Nun li voglio lass sule). Con permesso.
ROSINA: Fate! (Nina via.)
ERRICO: (E m naggia f j a Rosina a qualunque costo).
VIRGINIA (uscendo): Commaggia f, so ghiuta pe maffacci a la fenesta de la cammera
mia, e aggio visto fora a lo balcone appriesso chillo cancaro de sguattero, e quanta mosse
ca me fa.
ERRICO: Sapite, vuje ve navita j m proprio.
VIRGINIA: E se capisce, pecch chillo sguattero naffare serio.
ERRICO: Ma che sguattere, nun se tratta solamente de lo sguattero, questo non albergo
per voi.
ROSINA: Pecch?
ERRICO: Chella figliola ca steva cc facenno lo poncio, sapite chi ?
ROSINA: Chi ?
ERRICO: La canzonettista Nina Bon.
ROSINA: Nun la nepote de chillo signore?
ERRICO: Ma che, tuttaltro.
ROSINA: Nun mmaretata?
ERRICO: Ma che! nu finto marito!
ROSINA: E io ncaggio parlato cu tanta confidenza. Add sta D. Achille, jammuncenne.
ERRICO: Nun ve cunviene de st cc.
SCENA QUINDICESIMA
Nina, poi Vincenzo, poi Orazio, Felice, Teodoro e detti.
NINA: Se si potesse avere nu buon bistech!
VINCENZO: Scusate, sapete dove sta Teodoro? Chiste s i due biglietti che mha dato pe
D. Felice Sciosciammocca e la mugliera.
NINA (prende la busta): Grazie!
149

ERRICO: ( fatto lo guajo!).


ROSINA (ad Errico): Che v dicere chesto? D. Felice Sciosciammocca e la mugliera?
ERRICO: Niente, nu sbaglio! Jatevenne!
ROSINA: No, m nun me ne vaco cchi!
ORAZIO: Statte allegramente, maritete sta buono, eccolo cc.
FELICE: S, sto meglio... (Che! Rosina!)
VIRGINIA: (D. Felice!). (Quadro.)
NINA (con soddisfazione): (Chesta la mugliera!).
ROSINA: Voi dunque siete la signora Sciosciammocca?
NINA: A servirvi!
ROSINA: Brava! Avete sposato D. Felice il nipote del canonico?
NINA: Perfettamente!
FELICE: (So muorto!).
NINA: E voi signora scusate, chi siete?
ROSINA: Ah, io?... Io chi sono? Io sono la canzonettista Nina Bon!
NINA: Voi?
ROSINA: Perfettamente!
ERRICO: ( asciuta pazza Rosina!).
TEODORO: Possibile? Ma overo?
VINCENZO: Fosse nu suonno?
TEODORO: Voi la celebre Bon?
VINCENZO: Bon? Bon?
TEODORO: Allora signorina, voi solamente mi potete salvare. Stasera c nu concerto al
teatro, una serata di beneficienza, ma ci manca lattrattiva principale. Voi solamente
potete salvare lincasso.
VINCENZO: Voi dovete cantare signorina, nu bene che fate ai poveri.
ROSINA: Debbo cantare? Ebbene, canter!
TEODORO: Oh, grazie, grazie!
ORAZIO: Allora non parte pi!
ROSINA: S, canto, canto tutto, tutto quello che volete: Napole bello... Dinto a tre
ghjuorne... Montevergene... O tramme elettrico... E nenne belle... e pure la
Sciampagnona!
TEODORO: Pure la Sciampagnona?
ROSINA: Sicuro! E che f? E na canzona nu poco spinta, e che v dicere? M lepoca
che chella rrobba vonne, e io chello le dongo.
VINCENZO: Eccola qua, la tengo io!
ROSINA: Bravissimo! Allora maestr, suonate! (Vincenzo siede al pianoforte e lei canta.)
Chelli femmene che sanno
Veramente f lammore
Tanta smorfie nun li fanno
Fra o scuorno e o rossore
A stu munno nuje venimmo
Pe l luommene scial
E gnors, gnors sapimmo
Che nce v p content!
Chelle ca se cummogliano
La gamba fino al pi...
150

Chello so cchi terribile...


Te fanno straved!
Faccio ammore, s, purio,
Ma nun songo avara, no,
A Totonno bello mio
Io le dongo z che b!
M nu pizzeco, nabbraccio,
Nu vasillo pecch no?
E me chiammano, o saccio...
Sciampagnona, Sciampagn!
(Tutti la guardano stupiti. Felice svenuto sopra una sedia.)
(Cala la tela.)
Fine dellatto secondo

ATTO TERZO
La scena divisa in due. Il lato sinistro il camerino del teatro, una porta a sinistra ed una a
destra. A sinistra toletta montata a merletto bianco con sopra occorrente per il trucco.
Quattro buch di fiori sparsi per la cameretta. Il lato destro rappresenta il dietro del
palcoscenico del teatro, tele a met, quinte di traverso, porta.
SCENA PRIMA
Vincenzino, poi Teodoro.
VINCENZO (in frack esagerato sorte dal lato sinistro): Non ci pensate signorina, state
bene, state una bellezza, voi farete nu chiasso. Ma quanto bona, che uocchie, che
bucchella.
TEODORO (in frack con in mano un buch, si dirige alla porta): Si pu?
VINCENZO: Avanti. (Apre.) Oh! D. Teod site vuje?
TEODORO: Nina che fa?
VINCENZO: S vestuta, ma nun pronta ancora.
TEODORO: E comme avite fatto cu labite?
VINCENZO: Chella nun teneva niente, ha ditto cha rimasto tutta la rrobba a Napole.
Fortunatamente dinto a li cammarine ce stevano li casce de vestiario ca rimanetteno
mpigno lultima cumpagnia che stette cc, io laggio aperte e laggio dato tutte cose.
TEODORO: Meno male! Che Pur e Pur, questa tiene un nome colossale. Lo Sinnaco, la
Giunta stanno tutte quante cuntente. Le vorria d stu buch.
SCENA SECONDA
Errico e detti, poi Rosina.
151

ERRICO (dirigendosi alla porta di divisione): permesso? (Apre ed entra.)


TEODORO: Avvoc scusate, vuje cc nun nce putite ven.
ERRICO: Voglio salutare la signorina Bon.
TEODORO: Ma m nun p essere, sta nervosa e se sta vestenno.
ERRICO: Non fa niente, io aspetto.
TEODORO: Nun vularria ca se pigliasse collera.
ERRICO: Non dubitate, cu me nun se piglia collera.
TEODORO: (V comme tuosto). E va bene. Lo buch mio nce lo mette cc cu nu
biglietto de visita. (Lo mette sulla toletta.) Voglio j a ved fora che se fa.
VINCENZO: Lorchestra venuta?
TEODORO: Nun saccio, jammo a ved. Permettete. Ve raccumanno nun la facite pigli
collera.
VINCENZO: Nun trasite, aspettate! (Viano.)
ERRICO: Io nun ne capisco niente cchi. Ma che v f Rosina, veramente v canta
stasera? Oh, nun lo pozzo mai credere. (Chiamando.) Ros, Ros! Uh! Chella cha
cumbinato?
ROSINA (in abito da canzonettista): Che c?
ERRICO: Ma tu chaje pErza la capa? Ma che bu f?
ROSINA: Aggia cant, sono compromessa col pubblico.
ERRICO: Ma nonsignore, truvammo nu mezzo, tu che figura faje, ma add st cchi lo
scuorno tujo, rifliette buono.
ROSINA: Oh! Err lassame st, voglio f chello ca me dice la capa. Io vuleva essere na
bona figliola, na bona mugliera, nun ce so riuscita, pacienza. Lasseme trucc e vattenne.
(Va alla toletta e mette la cipria.) Lo scuorno? E ne tenimmo cchi doppo chello ch
succieso? Nu marito che io credeva nangelo, che credevo fedele, se ne scappa cu nata
femmena, e p che femmena. Svergognato, assassino! Laggia mettere ncoppa a nu
puorco, nun laggia f cumpari cchi pe Napole..
ERRICO: Haje ragione, ma calmate e cerca de riflettere buono a chello che staje facenno.
ROSINA: Aggio riflettuto buono e so decisa, aggia cant, aggia essere canzonettista, e
lasseme st.
ERRICO: Ma io te dico che fai male.
ROSINA: Voglio f male, nun aggia d cunto a nisciuno.
ERRICO: E f chello che vu f tu ca nun me mporta niente. Io pe me a Puortece nun ce
torno cchi, e tu avarrissa f lo stesso, pecch nun capisco cu che faccia dimane te
putarrisse present a casa de tutte le famiglie che cunusce tu e che te purtavano nchianta
de mano. Rosina, Rosina Fiore, che come carattere, come modo di pensare se puteva
veramente chiamm nu fiore, Rosina che era il modello della virt, ha pigliato
nientemeno lo nomme de na canzonettista e ha cantato in pubblico teatro. Ah! Io si fosse
a te maccedarria cchi priesto. E pecch? Pecch lo marito ha fatto na scappatella
qualunque, pecch ha ncucciate lo marito cu nata femmena. E che novit chesta? Nun
succede forse tutte li juorne, e forse li mugliere fanno chello che vu tu? E p, nun te
ricuorde chaje ditto tantu male de Nina Bon, che lhaje fatta la guerra, che lhaje
atterrata addirittura per la sua condotta, e m piglie lo nomme sujo, e cante le canzone
soje? Oh, agge pacienza, chesto significa dav perza la capa! E p, che ne saje tu
comm ghiuto lo fatto? E si Felice nun ce vuleva j? E si chella lha trascinato cu
chiacchiere? E si stata na vendetta che sha vuluto pigli cu te pe chello che lhaje fatto?
152

Ma comme? Accuss sagisce, accuss agisce na figliola piena di moralit comme a te? Io
te dico francamente che nun te conosco cchi.
SCENA TERZA
Nina e detti.
NINA (si dirige alla porta di divisione): Si pu?
ROSINA: Chi ?
NINA: Nina la canzonettista.
ROSINA: E che vene a f cc? Stasera fenesce malamente!
ERRICO: Vattenne dinto. (La spinge a sinistra. Rosina via.) Favorite.
NINA: permesso di salutare la celebre Nina Bon?
ERRICO: Ma questo mi pare che non st, che vulite f succedere nu chiasso?
NINA: E pecch ha da succedere nu chiasso? Nuje simme doje figliole cuntente. Essa sha
pigliato lo nomme mio, e io me piglio lo marito. Tenco nu palco de prima fila vicino a li
scene, ll mi sento le canzonette.
ERRICO: Ma insomma, cc che site venuta a f?
NINA: So venuta per le dicere quacche cosa che fa bene a essa e fa bene a me. Quanno
canta Li tre terature nun ha da f troppe mosse, quella una canzone che io la canto a
fior di labbro, e quanno meno se move meglio fa... Quanno canta la Sciampagnona nun
ha daiz troppo la gonna pecch nun susa cchi, appena appena nu piccolo movimento,
quando il pubblico vede poco, si entusiasma, v ved cchi assaje e applaudisce, sono i
segreti dellarte, e poi non si sforzasse a cacciare molta voce, perch per le canzonette
voce nun ce ne v, tutto dipende dalla grazia.
ERRICO: Ma ve pare che vuje le venite a dicere sti cose e cc nun succede lo trentuno?
Finitela sentite a me, ritornate vuje chella che ireve e essa chella che era.
NINA: No, m ha da cant, laggia sent, voglio ved che fa. Si femmena de carattere ha
da cant, ha da manten la parola.
ERRICO: Ma capite che si cc stasera succede nu scandalo, lo zio vuosto D. Orazio appure
ca site na canzonettista e perdite 350 mila lire.
NINA: E chesto lha salvata, si no nce facevamo nu paliatone nummero uno.
ERRICO: Perci evitiamo di fare uno scandalo. Felice add sta?
NINA: Se n scappato e nun laggio visto cchi.
ERRICO: E chillo certo ne piglia na malattia. Vedete che rovina!
NINA: Uh! E chesto niente ancora, avite voglia de ved!
SCENA QUARTA
Felice e detti, poi Vincenzo, indi Teodoro, Eleuterio e servo.
FELICE (da destra travestito da giovane di caff, una lunga visiera del berretto gli copre
gli occhi, in mano tiene un cabaret con tazza e caffettiera): Succede chello che p
succedere, ma io aggia ved muglierema! Mannaggia a la capa mia mannaggia! Chillo
lo cammarino sujo, va trova che sta facenno.
VINCENZO (dirigendosi alla porta della divisione): Signorina, permesso?
ERRICO: Avanti, chi ?
153

VINCENZO: Sono io il direttore dorchestra. (Entra.) La signorina Bon?


ERRICO: dentro, che cosa le dovete dire?
VINCENZO: C fuori il Sindaco che verrebbe salutarla.
ERRICO: Ma io non s se adesso pu ricevere.
VINCENZO: Ma io credo di s. Sapete, si tratta del Sindaco, la prima autorit del paese,
sembra brutto. (Felice entra a sinistra e si mette in fondo col cabaret in mano.)
NINA: Oh, ma si sa, bisogna riceverlo.
ERRICO: La vado ad avvisare. (Entra.)
VINCENZO (a Felice): Oh! E tirati indietro tu, che faje lloco? Questo caff della
canzonettista? (Felice abbassa la testa.) Lha mannate a ordin essa? (Felice c.s.). E lo
sape che staje cc? (Felice c.s.). Aggio capito, chisto ha da essere muto.
TEODORO (dal fondo seguito da Eleuterio e da un servo con un grosso buch): Favorite,
favorite signor sindaco.
ELEUTERIO (in frack): Grazie, io non la voglio incomodare, quando la saluto, le offro un
fiore e me ne vado.
TEODORO: Ma che incommodo, navarr piacere. D. Vicenz, add sta?
VINCENZO: Sta dinto, stata avvisata.
TEODORO: Sindaco, favorite.
ELEUTERIO (al servo): Aspetta lloco fora. (Entra.) Rispettabilissima signorina, io vengo
solamente per salutarvi.
TEODORO: Ma questa non essa, non la Bon.
NINA: No, io sono una carissima amica.
VINCENZO: Eccola qua signor Sindaco.
SCENA QUINTA
Errico, Rosina e detti.
ERRICO: Ecco la signorina Bon!
ROSINA: Signor Sindaco.
ELEUTERIO: Madamigella, tanto piacere. Eleuterio Montagna ai vostri comandi.
ROSINA: Fortunatissima!
ELEUTERIO: Noi ricorderemo sempre quello che avete fatto in questo piccolo paese, i
poveri benediranno e i ricchi vi ammireranno. Solamente con questa occasione potevamo
avere il piacere di sentire la vostra bella voce, ad applaudire anche noi la grande, la
celebre Nina Bon.
ROSINA: Oh! Per carit! Io non sono n celebre n grande, sono una semplice
canzonettista, ce ne sono tante come me, e forse meglio di me. Quel poco di nome che mi
son fatto, lo debbo alle canzoni, diciamo... dellepoca, alle canzonette che... piacciono agli
uomini, ma che fanno arrossire le donne, ma purtroppo questa roba non va pi, il pubblico
stanco! Ed infatti, io, debbo dirlo mio malgrado, per il pubblico non sono pi quella di
una volta.
NINA: Ed io vi posso assicurare che Nina Bon sempre la stessa, che delle Nine Bon non
ce n che una, capite, una.
ELEUTERIO: Permettetemi intanto che anchio vi offra qualche fiore del mio giardino. A
te, vieni avanti. (Al servo che entra.)
ROSINA: Oh! Una bellezza!
154

ELEUTERIO: degno di voi. (Le bacia la mano. Felice fa cadere il cabaret.)


VINCENZO: (Haje fatto stu guajo, e m va piglia llato!). (Felice attraversa la scena e via
dal fondo. Di dentro suona lorchestra.)
ELEUTERIO: Ci siamo, maestro suonano senza voi.
VINCENZO: Prego signor Sindaco, io dirigo solamente gli artisti.
ELEUTERIO: Allora, permettete madamigella, vado ad applaudirvi.
ROSINA: Mi compatirete. (Eleuterio le bacia la mano e via col servo.)
NINA: (Si me vene ncape, me scordo de z zio, de la fortuna, de tutte e faccio chello che
dico io!). Arrivederci amica mia, e ricordati che di Nina Bon c n una sola, una! (Via
fondo.)
TEODORO: Una... una! Quanto site bona, me parite na fata. (Via.)
VINCENZO: Permettete signorina. Avete detto che cantate: Napole bello, Li tre teratore, e
la Sciampagnona?
ROSINA: Perfettamente!
VINCENZO: Va bene! (Chillanimale ha fatte cad tutto lo caf nterra, m faccio ven
llato!). (Via fondo.) (Di dentro fischi ed urli.)
ROSINA: Che d neh?
ERRICO (va a guardare da un foro che sta sul fondale a destra): Niente, niente, il
pubblico che aspetta la canzonettista, aspetta a te e nun v sent ato.
ROSINA: Nce sta assaje gente?
ERRICO: tutto pieno.
ROSINA (va a guardare): Mamma mia che folla! (E chi esce ll fora). (Ritorna a sinistra.)
ERRICO: (Voglio j a ved si stesse Felice pe cc fora). Io m torno, pensa a chello che
faje. (Via a destra.)
ROSINA: Chi esce ll fora? Chi tene lo curaggio de cant... Oh! Lo curaggio mha da ven
e me venarr! Aggia dimostr a maritemo che so na femmena de carattere, e chello che
aggio ditte aggia f!
SCENA SESTA
D. Michelino e detta.
MICHELINO (di dentro a destra): Fuori le scene... il segnale. (Di dentro campanello
elettrico, Michelino esce.) inutile, inutile, il pubblico non sentir nulla stasera, tutta
laspettativa per la Bon. (Va al camerino.) Signorina buona sera.
ROSINA: Buona sera. Voi chi siete?
MICHELINO: Sono il Direttore del palcoscenico Michele Palletti, sono venute a dirvi che
vi prepariate perch il pubblico non vuol sentire nessuno. Tutti aspettano la diva, tutti
aspettano voi, la regina della serata.
ROSINA: Quand che debbo uscire?
MICHELINO: Sareste il quarto numero, ma non si arriva, non si arriva. (Di dentro musica
pianissimo.)
ROSINA: E per dove debbo uscire?
MICHELINO: Di l... vi vengo a prendere io, se credete.
ROSINA: S, mi fate piacere.
MICHELINO (esce va a guardare nel foro della tela a destra): Adesso sta lavorando un
prestigiatore... meno male, il pubblico sta zitto, ma non dura, non lo faranno finire, ne son
155

certo.
ROSINA: Voglio vedere. (Va a guardare nel foro.)
MICHELINO: Venite con me signorina, vi faccio vedere meglio dalle quinte. Ma che
cos, vi sentite male?
ROSINA: No, niente, niente.
MICHELINO: Venite con me. (Viano fondo a destra.)
SCENA SETTIMA
Biasiello, poi Felice, poi Achille e Virginia.
BIASIELLO (giovane di caff con grembiule, ha in mano un cabar con tazza e caffettiera,
esce dal fondo ed entra a sinistra, si ferma nel fondo. Pausa. Esce Felice anche da
giovane di caff come alla prima scena, e fa lo stesso. Pausa).
FELICE: Tu che vu a cc?
BIASIELLO: Aggio purtato lo caf.
FELICE: A chi?
BIASIELLO A la Bon.
FELICE: E chi te lha ordinato?
BIASIELLO: E che te ne preme a te?
FELICE: Me preme, me preme.
BIASIELLO: Io non te lo voglio dicere. Si te vede lo patrone abbusche, lo saje? Pecch cc
cafettiere nun nce ponno tras dinto Lo teatro, tenimmo nuje la privativa.
FELICE: Va ll, vattenne!
ACHILLE (dal fondo) Io pe me ritengo ch nu bello scherzo e non c niente di male.
VIRGINIA: Ah! Comme la pienze tu non c niente de male, m comme la penzo io c
tutto il male possibile! M nce lo dico pe lultima vota, si me v sentere bene, si no me ne
vaco a Napole e luocchie mieje nun li vede cchi.
ACHILLE: E f comme vu tu! (Entrano a sinistra.)
VIRGINIA: La signorina add sta? (Felice e Biasiello si guardano.) La canzonettista? La
Bon insomma, add sta?
BIASIELLO (a Felice): Add sta Bon?
FELICE: (Ncapo a lo sargente). (Fa segno che non lo sa.)
VIRGINIA: Animale tutte e duje! (Fischi ed urli di dentro.)
ACHILLE: Ch stato neh?
VIRGINIA: Starranno fiscanno a essa, ha fatto lo guajo. (Escono a destra.)
BIASIELLO: Io pe me aggio che f, me ne vaco, quanno vene lo trova cc. (Mette il
cabar sulla toletta e via a destra.)
SCENA OTTAVA
Rosina, Michelino e detto.
ROSINA: impossibile! La folla troppa, io nun pozzo asc ll fora... Virginia mia!
(Labbraccia.)
MICHELINO: Voi scherzate, non volete uscire a cantare, e come si fa col pubblico?
VIRGINIA: Il pubblico sapr che la signorina non canta, e non canter. Viene Ros, viene
156

te spoglia, tu nun staje bona cu stu vestito. (Trascinandola nel camerino.)


MICHELINO: Ma questo un guajo! Questo un precipizio!
ACHILLE: Che vaggia dicere, se volete canto io. (Entra anche lui.)
MICHELINO: Vado ad avvisare il sindaco, D. Teodoro, tutti quanti! Che rovina... che
rovina! (Via fondo.)
ROSINA: Virginia mia, vedenno tutta chella folla, chillo chiasso, m venuto lo friddo
ncuollo, e pensanno chio aveva asc ll fora, me so ntiso sven e me ne so scappata.
VIRGINIA: Haje ragione... pigliate nu poco de caf. (Felice si avvicina, versa il caff nella
tazza e Rosina beve.)
ROSINA: Grazie! Pare niente asc ll fora, pare niente a f lartista, ma brutto, brutto te
lassicuro.
ACHILLE: Ma se capisce cara signora.
ROSINA: E io me trovo a chesto pe chi? Pe nu nfame de marito.
SCENA NONA
Nina e detti.
(Nina esce dal fondo e si mette a spiare vicino alla porta della divisione.)
FELICE (scoprendosi): No Rosina mia, io non aggio fatto niente, io so innocente.
(Singinocchia.)
ACHILLE: D. Felice!
ROSINA: (Isso!).
VIRGINIA: Da cafettiete. (Ride.) Ah, ah, ah!
FELICE: S, sono innocente, te lo giuro. Quella donna per vendicarsi cu te, mha fatto
truv dinta a stu mbruoglio, perdonami.
ROSINA: Perdonarti? Mai. (Via a sinistra.)
ACHILLE: Va buono, jammo dinto, venite cu me!
FELICE: Pensateci voi, aiutatemi.
ACHILLE: M vedimmo che se p f. Ma comme, vestuto da cafettiere? (Ride
sconciamente.)
FELICE: Quanto bello, me pare nu pupazziello. (Viano a sinistra. Voci di dentro. La
Bon, la Bon, applausi.)
NINA: Ah! impossibile, nun pozzo resistere. (Via di fretta nel camerino a sinistra, chiude
a chiave e via per la porticina del fondo.)
SCENA DECIMA
Orazio, Errico, poi Vincenzino, Michelino e Teodoro.
ORAZIO: Ma io nun capisco, na vota che il pubblico v la Bon, pecch nun la fanno asc?
ERRICO: Pecch nun spetta ancora a essa.
ORAZIO: Ma quanno nun vonne sent a nisciuno, che nce vulite f? Accummincianno a
me, sto frienno pe sent sti canzone da essa. Dicimmo a lo direttore ca la facesse cant, si
no lo pubblico nun se calma.
VINCENZO (dal fondo seguito da Michelino e da Teodoro): Ma non possibile! Questa
sarebbe uninfamia.
157

TEODORO: Un assassinio!
MICHELINO: Non canta, ve lassicuro io!
TEODORO: Ma pecch?
MICHELINO: Vedendo il teatro pieno si avvilita.
TEODORO: E come, na celebrit, nartista di quella forza, si avvilisce pecch vede lo
teatro pieno?
VINCENZO: Ma nun p essere.
ORAZIO: na scusa pe nun cant.
VINCENZO: Ma ha da cant sangue de Bacco, si no stasera fenesce brutto. Io povero
giovane, per dire al pubblico solamente: pazientate un altro poco, nu signore da dinto a nu
palco mha menato nu purtuallo nfronte.
ERRICO: (Rosina s fatta capace. Meglio che succede stammuina che si avesse cantato).
(Di dentro urli e fischi e voci del pubblico: La Bon, la Bon.)
SCENA ULTIMA
Eleuterio e detti, poi Nina, indi Felice, Rosina, Achille e Virginia.
ELEUTERIO:Neh, Teod, ma overo che la Bon nun v cant?
TEODORO: verissimo signor Sindaco.
ELEUTERIO: E perch?
TEODORO: Pecch ha ditto che c troppa folla e savvilisce.
ELEUTERIO: E gi, comme fosse na principiante, chisto nu pretesto, nun overo niente.
Primma la Pur, p la Bon... p savvilisce... Cc s capito tutte cose Teod, tu haje
fatte chesto pe nce f f na cattiva figura dinto a lo paese, pe f cad lo Sinneco e la
Giunta... ma nuje nun cadimmo v, e te dico che stavota nce vaje male assaje, cheste so
lazzarate, so purcarie.
TEODORO: Signor Sindaco, badate come parlate, pecch io so nu galantomo, e nun so
capace de f sti cose.
ELEUTERIO: Tu s nu chiacchierone, nu mbruglione qualunque.
TEODORO: A me mbruglione! Signor Sindaco, ritirate la parola, pecch si no Sinneco e
buono ve faccio na querela.
ELEUTERIO: A me faje na querela? Vattenne, v f lo sapunaro.
TEODORO: Pure sapunaro? Vuje avite ntiso? Va bene, me ne darraje cunte de sti parole.
ELEUTERIO: Comme vu tu, de qualunque manera.
ERRICO: Ma calma, calma!
ORAZIO: Signori miei, voglio f nu tentativo, voglio preg io la Bon che cantasse, voglio
ved si nce riesco. Permettete! (Va alla porta di divisione.) Signorina, signorina?
NINA (che uscita un momento prima da canzonettista e si messa a spiare vicino alla
porta della divisione): Eh? (Senza aprire.)
ORAZIO: Fatemi il piacere, uscite a cantare, il pubblico vi desidera, il Sindaco
dispiaciuto, il povero D. Teodoro compromesso seriamente, cantate, ve ne prego io...
NINA: Voi proprio?
ORAZIO: Io proprio!
NINA: Ebbene, allora dite a tutti che Nina Bon pronta e canter.
VINCENZO-ACHILLE-TEODORO: Che!
NINA (aprendo la porticina della divisione): Si, canter. (Esce dal Camerino.)
158

ORAZIO: Che! Concettella nepotema?


ELEUTERIO: Concettella? Ma chesta non essa, pe carit.
NINA: S, so io, proprio io, so Concettella Penna col soprannome di Nina Bon. Teneva
na bella vece z z, e quanno vuje partisteve me navetta serv.
ORAZIO: Possibile! E maritete?
NINA: Io nun so mmaretata z z, facette chella finzione pav la dote cchi ampressa.
ORAZIO: Ah! Birbanta birbanta! Haje ragione che staje tanto simpatica accuss vestuta... e
quasi quasi... (Ad Errico.) Tu la vu?
ERRICO: Io nun me voglio nzur ancora D. Or.
ORAZIO: Emb, giacch sei stata tanto chiara cu mmico, io ti perdono, ma ad una
condizione per.
NINA: E quale?
ORAZIO: Che viene cu me in America.
NINA: Accetto!
ELEUTERIO: Ma chellata scusate, chi ?
ERRICO: na signorina che pe f dispietto a essa, sha pigliato lo nomme sujo.
ELEUTERIO: Aggio capito. Teod, agge pacienza, me so ngannato.
TEODORO: Nun ne parlammo cchi.
ELEUTERIO: Ma allora jammencenne, venite a cant.
NINA: Eccomi qua! (Via con Vincenzo, Orazio, Teodoro, Michelino seguiti da Achille,
Virginia, Rosina coperta da una lunga mantella, poi ritornano.)
FELICE: Signor Sindaco, io sono il marito di quella donna che per una combinazione
doveva questa sera presentarsi al pubblico, ma essendo una signora, si avvilita... non so
se mi capite... ha il diritto di dire: Mia moglie non pu cantare.
ELEUTERIO: Benissimo, e io come Sindaco del paese, vi dico che vostra moglie, una
volta venuta qua, doveva cantare. Adesso sarete gentile di uscire fuori il sipario e quello
che avete detto a me, lo direte al pubblico.
FELICE: Io? Ma io non sono artista signor Sindaco, io pure mi avvilisco. (Grandi applausi
di dentro.)
ERRICO: Ma non c bisogno... sentite che applausi.
ELEUTERIO: Jammo, jammo! (Via con Errico pel fondo.)
ACHILLE (esce dal lato destro seguito da Rosina e Virginia): Che vha ditto lo Sinneco?
FELICE: Niente, niente, laggio persuaso.
VIRGINIA: Meno male!
FELICE: Rosina mia! (Labbraccia.)
ROSINA: Lo faje cchi?
FELICE: Maje cchi!
ACHILLE: Ma che te diceva zitto zitto? Nun aggio pututo cap!
FELICE: Vuleva che avesse fatto na parlata al pubblico fora lo sipario. Nun voglia maje lo
cielo, io sarria muorto de lo scuorno. Io al pubblico potrei dire al massimo una parola...
Perdonateci! (Al pubblico.)
(Cala la tela.)
Fine dellatto terzo

FINE DELLA COMMEDIA

159

LA PUPA MOVIBILE
da La poupe, di Ordonneau
Commedia in tre atti
Personaggi
Felice, prete
Benedetto, prete
Ignazio, prete
Alfonso, prete
Bonifacio, prete
Michele, prete
Angiolillo, seminarista
Achille, seminarista
Luigi, seminarista
Enrico, seminarista
Carlo, seminarista
Eduardo, seminarista
Olimpia
Gemma
Catarina
Carmela
Nicola
Pietro Fanelli
Gervasio
Due Facchini che non parlano
La scena nel primo e terzo atto a Casoria, nel secondo atto a Napoli.

ATTO PRIMO
Il ritiro dei buoni fratelli. Fede e Prosperit. Porta in fondo e quattro laterali. Armonium,
in fondo a destra. Una libreria in fondo a sinistra. Sulla porta in fondo vi sar scritto:
Sezione Musica. Un grosso involto di panni a terra a sinistra, sei sedie foderate di
pelle nera. N.B. Le indicazioni di destra e sinistra sono dal pubblico.
SCENA PRIMA
Michele e Caterina.
MICHELE: Trase, Catar, trase, pigliate la biancara sporca e vattenne, tiene. (Prende
linvolto e glielo d.) Pecch nun haje mannato a mariteto comme a lo ssolito, pecch s
venuta tu? Ma capisce o nun capisce che cc femmene non ne ponno tras?
CATERINA: Maritemo nun ha potuto ven, pecch ajere, mentre spanneva li panni, cadette
dinto a nu fuosso, e se fice male dinto a la gamma deritta, m la tene nturzata de chesta
manera. Faciteme lo piacere, dicite a patre Alfonso, tanto buono, che facesse na preghiera
160

pe chillo povero Giarretiello. Si lo vedite, fa proprio cumpassione, non p cammen, e


tutta stanotte, s lagnato sempe.
MICHELE: Va buono, non te nincaric, nce lo dico io a patre Alfonso.
CATERINA: Oh, e nauta cosa p... Dicite a patre Alfonso, comme aggia da f io
poverella, avanzo cchi de 40 lire de panne lavate, e non pozzo arriv ad av no soldo. Io
me so stata zitta fino a m pecch tenevo a maritemo buono, faticava comme a
mastedascio e tiravame nnanze, ma m che sta dinto a lo lietto, dicite vuje comme aggia
da f io povera femmena?
MICHELE: Haje ragione, sora mia, haje ragione... ma cc nu lagno generale, tutte quante
avanzano denare, tutti li fornitori; chisto nu ritiro che ogge o dimane se chiude.
CATERINA: A pecch? Mammella me conta che chisto nu ritiro a tico, che quanno
sannomenava lo rititro de la Fede e Prosperit a Casoria nun se jeva cchi nnanze, tutti
ne parlavano bene, specialmente delle ricchezze che teneva.
MICHELE: Ah, primma, na quinnicina danne fa, ma m addeventato il ritiro della
miseria, figlia mia.
CATERINA: Ma pecch?
MICHELE: Eh, pecch?... pecch?.. pecchesto!... Pecch primma era amministrato meglio.
Lo rettore che venette 5 anne fa, ha fatto nu sacco e ciucciarie. Nu poco dice ca i denari
lha spise per gli abbellimenti che ha fatto, nu poco dice che so serviti pe libri, pe cose
necessarie; lo vero fatto che cc denare nun ce ne stanno cchi e sti poche prevetorielle,
che stanno chiusi cc dinto, se moreno de famma.
CATERINA: Vuje che dicite?...
MICHELE: Eh, che dico; la verit.
CATERINA: E patre Alfonso?
MICHELE: E patre Alfonso che ha da f, se sta zitto, puveriello, pecch si parla n
cacciato.
CATERINA: Uh! Maram e che sento!... Vale a dicere ca io sti denare chavanzo li perdo?
MICHELE: Sperammo ca non li pierde, che taggia dicere.
CATERINA: Faciteme parl co lEconomo.
MICHELE: Ma nun p essere pecch sta screvenno, e p cc nun ce pu parl, haje aspetta
fore.
CATERINA: E quanno vulite che vengo?
MICHELE: A no auto ppoco.
CATERINA: E me lo chammate?
MICHELE: Sissignore te lo chiammo.
CATERINA: Grazie tante. Stateve buono D. Mich.
MICHELE: Statte bona.
CATERINA: Manco a li prievete se p f cchi credenza, che brutta epoca, mamma mia,
che brutti tiempe!... (Via.)
MICHELE: E io me trovo cc dinto pe la capa mia! Si avesse studiato, si nun me fosse
piaciuto de f la cummedia, a chestora sarra prevete de messa, e nun starra accuss
disperato... mannaggia... cielo mio, perduoname, sa... nun songhio, lo currivo ca me
sento!... (Piglia tabacco.) Io, si nun fosse pe chillo povero guaglione de Ngiulillo, che s
cresciuto cc dinto, se p dicere, che me v bene, e ogne tanto me d quacche lira, da
quanto tiempo me ne sarria juto. Dice, ma add jve? E che ne saccio, me metteva a f lo
pecuozzo, lo sacrestano, lo seggettaro dinto a na chiesia, ma cc non ce steva cchi.
(Suono di campanella di dentro.) Lo signale de la colazione. Bella colazione! No piatto
161

de cannarunciello dinto a lo brodo e niente cchi. Le bb loco, le bb, v comme stanno


chiatte benedica!
SCENA SECONDA
Bonifacio, cinque seminaristi e Angiolillo dalla destra prima porta.
BONIFACIO: Venite, venite, venite figlioli, e mantenetevi coi cibi, quando il ventre
vuoto si sta sempre bene in salute. Ricordatevi che dopo pranzo, o bisogna star fermi,
oppure camminare lentamente. Post prandium aut stabis, aut lento pede ambulabis! (I
seminaristi seguono Bonifacio dal fondo a sinistra; lultimo Angiolillo che uscito
leggendo un libro.)
ANGIOLILLO (arrivato sulla porta, siferma): Ma che... io non tengo appetito... mangio
cchi tarde.
MICHELE: E pecch nun tenite appetito?
ANGIOLILLO. E che ne saccio, so 2 o 3 mise che a lo mangi nun ce penzo cchi.
MICHELE: Se capisce pecch uno sabitua, com succiesso a me; io quanno venetto cc
dinto tenevo na famma che mavarra vuluto magn lo munno, p privazione ogge,
privazione dimane, affecchienzia, miseria, ghiuto a fern che songo sempe sazio. Ma
almeno nun studiato troppo, pecch vuje site sicco, e studianno assaje e senza mangi,
succede che addirittura addeventate no scopettino.
ANGIOLILLO: E che me ne mporta a me, io stu libro de la storia sacra nun lo lassarrie
maje. Quanta belle cose che ce stanno scritte, quanta belli fatti. Ah! Si fosse vivo pap e
mamm, che piacere navarriene vedendome vestuto da preveto. Io quanno trasette cc
dinto, tenevo 6 anne, e doppo nu mese gi sapevo a mente tutte le orazioni.
MICHELE: Che bella cosa! Che fortuna! Beneditto, figlio mio, beneditto!
ANGIOLILLO: Intanto, pap e mamm tanto appassionati pe me; f lo prevete, e Zi
Nicola, invece, contrario a morte.
MICHELE: Chi Zi Nicola?
ANGIOLILLO: Comme, Zi Nicola Sarachella, lo frate de pap, chillo ca me venette a
truv lanno passato...
MICHELE: Ah, s, me ricordo. Chillo me pare che sta ricco?
ANGIOLILLO: Ricco? Chillo tene denare assai, denare cu la pala... se io tenesse i denari
suoi... ne vularra f zumpi... neh Mich... e pecch me fai dicere sti cose?... Che me ne
mporta a me de li denari? Che naggia f io de li denari? Io maggia f santo e nisciuno
santo stato ricco.
MICHELE: Oh, se capisce. (Che buono guaglione, proprio nangelo!).
ANGIOLILLO: Io quando sento che li cumpagne mieje parlano de divertimenti, de spasse
e auti ccose, li lasse e me ne vaco, e perci nisciuno me p ved, a me me piace de st
qujeto, tranquillo, studiare e pregare sempre. Zi Nicola, lanno passato, venette a
trovarme, mi addimmannaje se io mero proprio deciso de me f preveto. Sicuro, le
rispunnette io, decisissimo. Ma comme nun te faciarra piacere de te nzur? Nzur! E che
d nzur?... Comme nun lo ssaje, nun saje che d nzur?... E vattenne ca s nu ciuccione,
s nu ntotero!... Me lassaje, e da tanfo nun laggio visto cchi. Nu cumpagno mio, p,
Ciccillo, me spiegaje tutte cose. Dicette accuss, che nzur significa, pigliarse na
femmena, e st sempe aunito cu essa. Mich... sta sempe aunito cu essa! Nun voglia maje
lo Cielo! Seh, e chesto avarra da f pe gh a li prufunne de casa de lo diavolo, mamma
162

mia e chi lo fa stu peccato, avarra perdere primma li cervelle. Na femmena!... Ah, io
femmene nun ne voglio ved manco pittate. Libera nos dornine!
MICHELE: Oh, se sape; ma diciteme na cosa D. Angiol. Zi Nicola non vha mannato
cchi denare?
ANGIOLILLO: Niente, so 2 mise ca nun me scrive... per... stanotte nsuonno venuto
nangelo, e mha ditto che pe tutto ogge agge na lettera non solo, ma quanto aggio na
bella notizia, na notizia che me farr assai piacere.
MICHELE: Eh, accuss sperammo; non ve scurdate de me, D. Angiol, stongo proprio
disperato.
ANGIOLILLO: Non ce penz, taggia f nu bello regalo.
MICHELE: Io ve ringrazio.
ANGIOLILLO: M ve vaco a f na passiata dinto a lo giardino, approfitto che tutti quanti
stanno mangianno. Sto sulo e me pozzo pass la lezione di latino chaggia port stasera.
Laggia sap a campaniello pe quando dongo lesame il mese che entra, spero con laiuto
del Signore, di riuscire.
MICHELE: Accuss sperammo.
ANGIOLILLO: Seh, nzur... io nzur... e stevo frisco Zi zio... io quanno ce penso, Mich,
tremmo tutto quanto, me vene nu friddo dinto allosse. Na femmena, na femmena sernpe
vicino... lo Cielo me scanze e libera. Jesce tentazione, vattenne tentazione... teh, teh. (Fa
il gesto delle corna e poi si fa la Croce.) Che peccato, mamma mia, che peccato!... Che
sacrilegio!... (Via pel fondo a destra.)
MICHELE: Eh... si tutti la penzassero comme a stu guaglione, lo munno sarra nu paradiso.
Accussi avesse studiato purio, pecch io, riguardo a femmene la pensavo comme a isso...
la femmena stata sempe nu diavolo pe me... per, femmene pe femmene... nce ne stanno
cierte ca te fanno perdere la capa, cierti simpaticone,... neh... gu, e che d neh?... jesce
tentazione,... vattenne tentazione... teh, teh!... (Fa il gesto delle corna e poi si fa la
Croce.) Neh, Mich, e comme veneno sti pensiere?... E va f marenna, va, ... sia fatta
volont de lo Cielo!... (Via pel fondo a sinistra.)
SCENA TERZA
Alfonso e Felice.
ALFONSO: Favorite, favorite, D. Felice. (Uscendo.)
FELICE: Grazie. Ma insomma, sia come dite voi, caro D. Alfonso ma io credo che qui le
cose non vanno come avarrana j. Lintroito scenne e le spese aumentano sempre... i
maestri accumincianno da me, se so seccate, vonno essere pagati, a nisciuno piace de
fatic pe senza niente.
ALFONSO: Oh, questo certo.
FELICE: Io poi, francamente, volarra essere chiarita sta posizione, cc i denari che se ne
fanno, se p ssap?
ALFONSO: Ci sono troppe spese, caro maestro.
FELICE: Ma che spese, scusate, fino a nu certo punto. Cc sta miseria prima non ce steva,
da che venuto stu Rettore nuovo se so viste tanta ristrettezze. Io, per esempio, aggia av
la mesata de lo mese passato, e chella de stu mese, tengo appena 10 lire mmano.
ALFONSO. Vi posso offrire? (Con la tabacchiera.)
FELICE: Grazie. (Prende il tabacco.) (E so arrivato co lo tabacco, io voglio la mesata.)
163

ALFONSO: Vedete maestro, il Rettore credette bene rinnovare la scala del Seminario,
larco, le colonne della facciata, poi abbell il giardino, biancheggi le camerate, puntell
e rifece due pilastri che avevano fatto lesione, fece molte comodit nella cucina...
FELICE: (E ll credo che se so spise veramente i denari, pecch vavite mangiato tutte
cose!).
ALFONSO: Che dite, maestro?
FELICE: No, niente... dicevo che le spese ce so state...
ALFONSO: Sicuro, maestro. Poi, sapete, nu gran numero di giovinotti se ne sono usciti, e
per conseguenza glintroiti sono mancati.
FELICE: E se capisce che se navevano asc, chilli se mureveno e famma.
ALFONSO: Oh, no, non dite questo, erano trattati bene. Si sa, non si accontentavano pi
come una volta.
FELICE: Stateve zitto, D. Alf. Io laggio visto che le date a mangi, me so truvato tanta
vote, o riso o stelletelle dinto a lo brodo, e li facite sta dinto a la caudara 3 ore; ogne
stelletelle de chella, quanno le cacciate, me pare nu doppio soldo. I risi p addirittura me
pareno colla; io lautriere dinto a la cuadara lavevo pigliato pe posema.
ALFONSO: Si fanno appositamente cos perch fanno bene per i riscaldi viscerali.
FELICE: Ah, gi, fanno bene pei riscaldi viscerali. (E cc dinto, i giovinotti stanno tutti
riscaldati.) E diteme na cosa, D. Alf, che stanno a f tutti chilli pulli abbascio lo ciardino,
io nun ce naggio visto mai mangi?
ALFONSO: S, qualche volta... la Pasqua.
FELICE: Ah, la Pasqua?... E comme va, laltro giorno ne vedette cchi pochi, ce ne
mancavano quasi na mmit?
ALFONSO: Ah! Vedeste una met dei polli?... Prego. (Offre tabacco.)
FELICE: Grazie. (Prendendolo.) (Chisto me v mbriac de tabacco!).
ALFONSO: Ecco qua. Mercold fu S. Cosimo, come sapete, fu il nome del Sindaco, che
fratello cugino del Rettore, venne a pranzo qua con tutta la famiglia, e 4 consiglieri
Municipali... e in questa occasione il Rettore credette bene di fare ammazzare qualche
gallina.
FELICE: Ah, gi, pe f no poco de brodo?
ALFONSO: Eh, eh, eh...
FELICE: Nu spezzatino a pomodoro?...
ALFONSO: Proprio!... Sapete, si trattava del Sindaco.
FELICE: Ho capito... ho capito.
ALFONSO: Ma, maestro, vi prego, non dite niente, non vorrei avere una mortificazione.
FELICE: Oh, non dubitate, e che me ne mporta a me, io voglio la mesata, dateme la
mesata, e p mangiateve pure le gatte de lo Seminario.
ALFONSO: Voi se ce lo domandate, quello ve lo dice, perch ne fa molta stima di voi, vi
vuol bene come nu fratello.
FELICE: Sicuro. E io pure lo voglio bene.
SCENA QUARTA
Ignazio e detti.
IGNAZIO (di dentro): Venite, Angiolillo, venite.
FELICE: Ah, D. Ignazio, il maestro di musica, ci siamo tutti.
164

IGNAZIO (fuori da prete con libro di musica): Buongiorno, fratelli, il Cielo sia con voi.
FELICE: D. Ignazio bello.
IGNAZIO: Lho fatta nu poco tardi, vero? Il Rettore si sar infuriato... ma non stato per
colpa mia, sono stato a Napoli per un affare importantissimo; al ritorno il tram stato
fermato unora in mezzo alla strada nuova, perch che s sera guastata la macchina, e
figurateve con quel sole come simmo state belli.
FELICE: Laltro giorno me capitaje listesso a me, co sti tramme naffare serio.
IGNAZIO: Io me credevo che la macchina non si poteva accunci, e me lavarra avuta f a
pede, e chi se fidava.
FELICE: Non voglia mai lo Cielo.
IGNAZIO: Ma poi, grazie alla Provvidenza, tutto si aggiustato, ed eccomi qua. I
giovinotti stanno forse mangiando?
ALFONSO: Sissignore.
IGNAZIO: E non fa niente, la lezione di canto invece di farla prima la facciamo dopo,
come vi pare?
FELICE: O pure non si fa addirittura, che vuol dire pe na giornata.
IGNAZIO: Oh! Questo s, che se perde na lezione che fa...
FELICE: (Chillo chesto va truvanno, de nun la f).
IGNAZIO: In ogni modo io debbo fare il mio dovere. Maestro, avete inteso lultimo
lavoretto mio? Una preghiera agli Angioli.
FELICE: No.
IGNAZIO: Ah, bellissimo. una cantata pastorale. I giovanotti la canteranno la sera della
Vigilia di Natale, con laiuto del Signore, la sanno quasi a memoria, una musica che
scende al cuore.
FELICE: Dalle vostre mani non pu uscire che roba buona.
IGNAZIO: Grazie. Oggi ve la faccio sentire.
FELICE: Quando volete voi, ammireremo le vostre belle cose.
IGNAZIO: (D. Alf, tenite no bicchierino de quacche cosa? Me sento la gola arsa).
ALFONSO: (No poco de marsala?).
IGNAZIO: (Seh, marsala, grazie).
ALFONSO: (Non fate sent, venite con me).
IGNAZIO: Permettete, maestro, me vado a bere no bicchiere dacqua, tengo na sete che
non posso pi
FELICE: Andate con lEconomo. D. Alf un bel bicchiere dacqua fresca.
ALFONSO: Lo servir come si merita. Permettete, maestro?
FELICE: Fate, fate. (I due viano a soggetto prima porta a sinistra.) Quanto so belle,
quanto so belle. M va trova le se vanno a cumbin a via de dinto. Ma che ordine, che
esattezza sta cc dinto. Ah! Povero Seminario sta jenno sotta e ncoppa. Mentre venenno
cc aggio trovato miezo a la strada la mamma de la lavannara: patre nuje avanzammo 43
lire de panne lavati, comme avimma f? Padre, consigliateme vuje. Figlia, che vu ca te
dico, io avanzo na mesata e meza, aspettammo nauto poco che sha da f. Va bene.
Padre, dateme 3 nummere tenite na bella faccia, na faccia auriosa. Figlia mia ecco cc, io
te contentarria, ma non aggio fatto ancora marenna, e io si non faccio marenna, nummeri
non ne pozzo d, dongo nummeri malamente. Allora chha fatto teneva dinto a lo
mantesino na meza provola, e miezo torteno de pane chaveva accattato pe portarlo a
casa, ha ditto: tenite, mangiate, faciteme sto piacere. Io, la verit, tenevo no poco
dappetito, e parlanno parlanno, me laggio fatto; ma mi sono disobligato per, pecch
165

laggio dato no terno e nambo sicco... e sta fresca!


SCENA QUINTA
Benedetto e detti.
BENEDETTO: Maestro, pace, sanit e provvidenza.
FELICE: Per cento anni, Rettore.
BENEDETTO: Sono abbattutissimo, fratello, in uno stato di accasciamento unico. I
pensieri, le responsabilit che tengo, sono molte, e vedo che mi fanno male seriamente
alla salute.
FELICE: (E nce pare!).
BENEDETTO: Accomodatevi, v prego.
FELICE: Grazie. (Seggono.)
BENEDETTO: Tutto appoggiato su di me, tutto, tutto!... Vi assicuro che non ne posso
pi, la mia presenza, il Cielo, la divina provvidenza che mi mantengono ancora sulle
gambe.
FELICE: Ma, caro Rettore, quello che vi posso dire... pensate nu poco alla salute, io vi
trovo molto sciupato, pensate a voi. (Chillo tene chella grancascia, v che coraggio!).
BENEDETTO: Vorrei, vorrei pensare a me, ma non posso. Figuratevi, caro fratello, che
per le troppe occupazioni io non mangio pi; pochissimo cibo e mi fa male, appunto
perch non regolato.
FELICE: Voi avreste bisogno di pollo, brodo di pollo, perch il vostro stomaco delicato.
( na cascetta de pulezza stivale, lo stommaco de chisto!).
BENEDETTO: Eh, lo so, ma come si fa... e questo ci mancherebbe, consumare dei polli, e
po per me... ne faccio a meno.
FELICE: Ah, voi non ne mangiate, polli?
BENEDETTO: Ma no...
FELICE: (Io credo che se li mangia cu tutte le penne; cc manco le penne trovano dinto a
lo Seminario).
BENEDETTO: Io, caro fratello, ho trovato una confusione in questo ritiro... lantico
Rettore, vecchio e stordito, non si occupava di nulla, non teneva nulla a posto,
unamministrazione sbagliata, un andamento falso...
FELICE: Eppure, fratello, con tutto questo, prima i giovinotti erano molti di pi!
BENEDETTO: Eh, lo s, lo s... e ve ne dir la ragione. Con lantica Direzione, i
giovanotti non facevano nulla, e scrivevano ai genitori che si trovavano bene, che
studiavano molto, che infine, erano contenti. Adesso che la cosa cambiata, che tutto va
in regola, e vedono che si fa seriamente, hanno detto il contrario alle famiglie, e queste
hanno creduto di ritirarseli. Ecco tutto.
FELICE: Gi, hanno detto delle bugie e le famiglie lhanno creduto.
BENEDETTO: Taluni maldicenti hanno visto male, mi hanno accusato di avere speso
qualche cosa per alcune riparazioni e abbellimenti che ho fatto fare al Seminario. Ma
erano cose che ci volevano, fratello mio, poi i conti stanno l, ci poco da dire.
FELICE: Ma voi siete uomo di mostrare i conti, un uomo come voi! (Chillo sha magnato
tutte cose!).
BENEDETTO: Come si faceva a tenere quella scala indecente e mal costruita? Le colonne
della facciata erano vecchie, il cornicione mezzo caduto, che figura si faceva col
166

forestiere che veniva a vedere?


FELICE: Gi, qua non vengono sempre forestieri, almeno le facite truv nu bello
cornicione. (Chillo la pizza sha magnata isso!). E poi, avete anche aumentato il numero
dei polli, avete abbellita la cucina.
BENEDETTO: Ah! Lavete vista, che ve ne pare?
FELICE: Bellissima.
BENEDETTO: Tutte le comodit che mancavano, e poi cannoli dacqua fredda e calda.
Forno, ho tolto gli antichi fornelli, e ci ho fatto mettere la macchina... che gran comodit!
Io, che volete, fratello, amo il progresso, per il progresso sarei capace di qualunque cosa.
Io ricevo il Pungolo parlamentare ogni mattina da Napoli, e ogni giorno leggo delle
novit. Per esempio, c quellartista meccanico, Pietro Fanelli, che non ha pi che cosa
inventare in genere di meccanismo.
FELICE: Ah, sicuro, Fanelli... lho inteso nominare, se ne parlava nel tram laltro giorno.
BENEDETTO: La settimana scorsa termin finalmente quel cane automatico tanto
aspettato.
FELICE: Ah, lha terminato?
BENEDETTO: Sicuro! Fece un chiasso. Figuratevi, un cane da presa, cos... naturalissimo,
che toccando un bottone che tiene nel mezzo del cannale, si mette a baiare e muove la
testa.
FELICE: Possibile?
BENEDETTO: Possibilissimo, capirete che una cosa utilissima per le fattorie, i casini di
campagna, le grandi tenute, perch vi serve senza spesa di mangiare.
FELICE: Gi, essendo un cane automatico, non mangia. (Chillo ha da magn sulisso!...
manco i cani hanna magn.) Ma scusate, Rettore, questo cane pu correre alloccasione,
per inseguire almeno per una ventina di passi qualche ladro?
BENEDETTO: No, questo no, sta sempre ad un posto, ma grida, e gridando, sente il
padrone.
FELICE: Ah, sicuro, chillo fa b, b, b, e il padrone corre.
BENEDETTO: E poi adesso, Fanelli, sta studiando il modo come farlo pure camminare.
FELICE: Pure camminare? Vedete questo Rettore che sincarica pure dei cani, voi lo fate
venire nel Seminario?
BENEDETTO Sicuro.
FELICE: E se capisce... (Chillo non magna!).
BENEDETTO (caccia un giornale): Sentite il Pungolo che dice. (Legge:) Siamo in grado
di poter dare una buona notizia al pubblico. Il meccanico Fanelli, ci fa sapere che il suo
cane Polok, fra un anno camminer. Intanto domani pubblicher la ultima e la pi grande
novit meccanica del medesimo Fanelli, finita stamane; non sappiamo di che si tratta, ma
ci si assicura essere una cosa sorprendente, e se non si trova chi la compra, lautore la
terr esposta un mese, e poi la mander allesposizione di Parigi. Non potete credere con
che ansia sto aspettando il giornale per vedere che cos.
FELICE: Non hanno pi che inventare, siamo arrivati allapice.
BENEDETTO: Grandi uomini, grandi uomini stanno a quel paese, vedremo che cos
questa invenzione sorprendente!... Fratello posso offrirvi una tazza di caff?
FELICE: Con piacere, grazie.
BENEDETTO: Venite, Io, poi, francamente, tutto me faccio manc, ma il caff no; il caff
me lo piglio, e buono.
FELICE: (Tu te piglie tutte cose buono, siente a me). (Viano prima porta a destra.)
167

SCENA SESTA
Ignazio, poi Luigi, Achille, Errico, Carlo ed Eduardo, indi Felice.
IGNAZIO: Ah, me so consolato! Grazie alla Provvidenza, maggio mangiate quatte
biscotti, e maggio bevuto 3 bicchieri di marsala, adesso mi sento rinvigorito. (Apre il
libro di musica, che porta in mano.) Ecco il mio lavoro. (Legge:) Una preghiera agli
Angioli, canto pastorale, parole e musica del maestro Ignazio Zella. Che capolavoro.
LUIGI (dal fondo a sinistra, gli altri lo seguono): Bella cosa!
ACHILLE: Bello mangi!
ERRICO: No poco de pastina dinto a lo brodo, e nuovo scaudato.
CARLO: na cosa che non p gh, si lauti se contentano, noi no!
LUIGI: Noi protestiamo!
GLI ALTRI: Protestiamo!
LUIGI: E p pretendono chavimma studi.
ACHILLE: A chi?... Io me so stancato, nun me fido cchi de f sta vita!
IGNAZIO: Figlioli, a tempo a tempo, vogliamo fare questa lezione?
ERRICO: Maestro, nuje nun ce fidammo, lassatece st!
CARLO: Proprio, non ne tenimmo genio.
EDUARDO: Non ne tenimmo genio, eh!
CARLO: Se nce vulite accompagn nu pare de canzone?
LUIGI: S, s, maestro, accompagnatece na canzone?
IGNAZIO: Che canzone, voi scherzate? Me vulite f pass nu guajo a me. Voi vi dovete
passare il coro: una preghiera agli angeli. (Canta.)
Angeli santi e puri
Calate su di noi...
ACHILLE: Va buono, maetro, se ne parla a nauto ppoco, pe m facimmo no poco de
musica allegra.
CARLO: Friccecarella!
ERRICO: Stuzzicante!...
LUIGI: Interessante!... (Lazzi di Achille e Ignazio.)
IGNAZIO: Sti ragazzi so naffare serio! (Ridendo.)
ACHILLE (agli altri): Lo v, lo v, sta redenno.
IGNAZIO: Che cosa ... lo v, lo v? Che parli co frateto? (Guardando dentro, poi con
precauzione.) Sentite, piccer, se voi non fate chiasso, non fate baccano, noi zitto zitto
qualche volta ci possiamo divertire, facendo un poco di musica allegra, ma si facite
ammoina, nce lo vaco a dicere a lo Rettore, e io poi debbo essere severo.
ACHILLE: Oh, se capisce.
ERRICO: Sottovoce.
CARLO: Zitto zitto.
LUIGI: Maestro, sunate: Carmela.
ACHILLE: O pure: Vieni sul mar.
EDUARDO: Maestro, nu poco la Bohme.
ERRICO: No, lIdeale, lIdeale di Tosti. Che bella cosa!
CARLO: Ma no, che Ideale! Maestro: Furturella.
LUIGI: O pure... Quanno lommo va a marci!
168

GLI ALTRI: S, s, quanno lommo va a marci!


IGNAZIO: Lo vedite!... Si facile confusione, m aizo ncuollo e me ne vaco.
CARLO: Uh! Sta venenno D. Felice... Maestro, jammoncenne no poco abbascio a lo
ciardino, nce la passammo primma sottovoce...
GLI ALTRI: Uh, s, s, jammo, maestro.
IGNAZIO: Aspettate, giovin, vuje me facite ncujet; facile ved almeno che ve passate le
parole.
FELICE (di dentro): Grazie, Rettore, grazie.
IGNAZIO: Andiamo uniti... (Dice i versi con i seminaristi andando via... Felice che sar
uscito, li guarda.)
Angeli santi e puri
Calate su di noi
Ci liberate voi
Dal pianto e dal dolor!
Dal ciel coi vostri raggi
Fate che tutti noi
Riceviamo da voi
La luce e lo splendor!
Angeli santi e casti
Ci proteggete voi
E troverete in noi
La fede ed il candor! (Viano pel fondo a sinistra.)
FELICE: Ma che d... la diasilla?... Mhanno chiuso la vocca de lo stommaco... stanno
facenno chesto da no mese e miezo, e non se lhanno mparato ancora... io voglio la
mesata, e chilli me cantano li quarantore! Lo Rettore mha dato na tazza de caf, e na
presa de cognac scicche. Ha ditto ca tutte se fa manc, ma lo cognac no... io credo ca non
se fa manc proprio niente.
SCENA SETTIMA
Angiolillo e detto.
ANGIOLILLO (dal fondo a dritta con giornale e lettera): Maestro state qui, bacio la
mano. (Esegue.)
FELICE: Siamo pronti per la lezione?
ANGIOLILLO: Che lezione, maestro, io vi debbo parlare di un affare importantissimo, un
affare molto serio...
FELICE: Un affare serio? E di che si tratta?
ANGIOLILLO: Prima di tutto, venuto stu giornale a lo Rettore che lhave ogne matina
da Napoli: il Pungolo parlamentare, io laggio letto, e ci aggio trovato na cosa che mi
potr salvare, mi potr liberare da un gran peccato.
FELICE: Io non capisco, lo Pungolo libera da i peccati la gente?
ANGIOLILLO: Ecco qua. Zi Nicola, comme sapite, ricco proprietario de stu paese, dopo
la morte de pap e mamm, ha visto sempre male ca io stevo chiuso cc dinto, e che me
vuleva f preveto, invece voleva che io me fosse nzurato, capite, nzurato?... ten na
femmena sempre vicino... capite?
FELICE: E non fate lo farenella!... levateve stu vizio de parl accuss, m siete grande.
169

ANGIOLILLO: Chillo pap perci non lo poteva ved, pecch no stravagante, nu pazzo,
nu peccatore, ha avuto 4 mugliere, e senza av mai figli... pecch, maestro, non ha avuto
mai figli?
FELICE: E io che ne saccio, forse le mogli non hanno voluto figliare.
ANGIOLILLO: Uh? E pecch?
FELICE: Eh, tu truove ste moglie, che diceno, non voglio figli, aggia da d cunto a te? (V
chisto che b sap da me!).
ANGIOLILLO: Lanno passato, me venette a trov e me dicette: siente si tu non te nzure,
io quanno more, non te lasso manco nu centesimo, te rimmano mmiezo a na strata. Va
bene, le rispunnette io, po se ne parla. Neh, chillo mha mannato chesta lettera chaggio
ricevuta poco prima. Sentite, maestro. (Legge:) Caro nipote, questa lultima volta che
ti scrivo e se non fai quello che ti dico, saranno guai per te. oggi ne abbiamo 14, se per il
giorno 20, non ti presenti da me con una figliola che sposerai, io faccio la donazione di
tutto quello che posseggo al mio colono Rocco Petecchia....
FELICE: Uh! Chisto quanto petecchia, neh? Come, si dissereda il proprio sangue per un
estraneo? Sti cafune quanno se metteno na cosa ncapa, nisciuno nce la leva.
ANGIOLILLO (legge): Se poi mi obbedisci, e fai quello che ti ho detto, oltre la intera
mia fortuna ti lascio, ti regalo pure, al momento che firmerai il contratto di matrimonio,
duecentomila lire in contanti. Bada e pensa che sono deciso. Tuo zio Nicola.
FELICE: Vedete che stravaganza!... E voi dove trovate na mugliera dinto a 6 giorni?
ANGIOLILLO: Vuje pazziate, maestro, e doppo che la trovo, chi se la piglia? Io me voglio
f preveto, non ne voglio sap de femmene. Si a isso le fa piacere de j allinferno, io no!
Sicuro, facevo che sto sorte de peccato, e chi me volarria perdon. Dico bene o no
maestro? Vuje me potarrisseve consigli na cosa de chesta?
FELICE: Vedete... voi volete fare il prete, e quindi non bisogna distrarre lanima e lo
spirito da sta bella e santa inclinazione; non vi fosse linferno, allora vi direi nzurateve,
che nce aspettate? Zi zio lo vuole e voi dovete ubbidire; ma c linferno, e co linferno
non se pazzea, mio caro, l non se fanno chiacchiere. Ma daltra parte, poi, come fate,
perdete leredit de zi Nicola, e pi la bella somma di 200 mila lire... e chesto chi ve lo
perdona?
ANGIOLILLO: No, caro maestro, perch se mi riesce la pensata che aggio fatta, non perdo
niente, e faccio no bello colpo.
FELICE: E che pensata?
ANGIOLILLO: Ecco qua, leggite cc zitto zitto. (Gli d il giornale e gli mostra dove deve
leggere.) Il non plus ultra.
FELICE: Lo presutto?
ANGIOLILLO: No, lo casecavallo! Il non plus ultra... larticolo.
FELICE: Io me credeva chera avasciato lo presutto. (Legge:) Il non plus ultra del
meccanismo. Il grande artista meccanico, Pietro Fanelli, ha terminato oggi una pupa
movibile, dandole il nome di Gemma. Questo bellissimo lavoro, che abbiamo avuto la
fortuna di vedere, di una perfezione incantevole, una pupa che parla, che ride, piange,
canta, cammina, e si muove perfettamente come un essere umano. Alla vita tiene una
cintura con 12 bottoni, che premendoli appena, si pu ottenere tutto quello che si vuole.
Sangue de Bacco, ma forte, sapete! La pupa visibile tutti i giorni dall1 alle 5
Pubblico ministero...
ANGIOLILLO Add state leggenno, maestro, l dice pomeridiane.
FELICE: Ah, avevo visto na P. e na M., me credevo che diceva pubblico ministero.
170

(Legge:) Dall1 alle 5 p.m. nel deposito di Pietro Fanelli, via Mergellina 49. Napoli.
B, e che centra questo col fatto vostro?
ANGIOLILLO: E come, maestro, non avete capito? Uh, mamma mia!
FELICE: Ched, neh?
ANGIOLILLO. Io vaco a Napoli, maccatto sta pupa, me faccio mpar tutti i movimenti, e
la porto da zi Nicola, facenno ved che la sposa.
FELICE: Possibile!
ANGIOLILLO: Sissignore, maestro; appena nce laggio fatta ved, la porto subito dinto a
la cammera mia, me piglio li 200 mila lire, e me ne torno cca... ma nce volarria uno che
maccompagnasse a Napole, che stesse presente, che desse chiacchiere a zi zio in qualche
occasione... che maiutasse insomma... maestro accumpagnateme vuje...
FELICE: Io!... Caro D. Angiolillo, non posso; prima di tutto, io tengo gli affari miei, e poi,
non mi voglio mettere a questo rischio, p essere che zi Nicola se naddona, piglia la
sposa e me la scassa ncapa!
ANGIOLILLO: Come se naddona, maestro, impossibile, comme aggio pensato io non
se ne p addun. Nuje quanno nce la presentammo, dicimmo che chella scurnosa, che
non v essere tuccata, che parla poco... quanno simme spusati, e che mha consegnati i
denari, non ce la facimmo ved cchi; lo juorno appriesso dico a isso che nce ne jammo a
stabil a Napoli, e invece me ne torno cc. Maestro, non vi opponete a questa mia pensata,
non me facile perdere chesta bella somma; alla fine p doppo che sta cosa sappura,
nisciuno potarr dicere niente, pecch io le so nepote... anze, diciarranno! Bravo! Ha
fatto no bello scherzo a lo zio, e lo zio stato punito bene, perch chillo povero giovine,
non se voleva nzur, non voleva f peccato; lo zio non le voleva d no soldo, e chillo
poveriello, pe non rest miezo a na strada, ha fatto sta mbroglia, non accuss? Maestro,
accompagnateme, facimmo stu scherzo?
FELICE: Ecco qua, D. Angiol, facciamo in questo modo... io vi accompagno a Napoli,
andremo in questo deposito del meccanico... vedimmo sta pupa, ci assicureremo si
veramente na cosa ben fatta... e se la cosa perfetta, allora la presentammo a Zi Nicola, e
ce la presentiamo di sera, capite, chillo co nu bicchiere de vino da la parte de la capa, non
se naddona.
ANGIOLILLO: Bravo, maestro, quanto ve voglio bene.
FELICE: In ultimi casi poi, si se ne addona, nuje dicimmo che era no scherzo che le
vuliveve f.
ANGIOLILLO: Perfettamente! E ghiammo, non perdimmo tiempo.
FELICE: Ah! Sta venenno lo Rettore, m cercammo nu parere pure a isso. (Andando
incontro a Benedetto.)
SCENA OTTAVA
Benedetto e detti.
FELICE: Sentite, fratello, noi vi dobbiamo dire una cosa importantissima.
BENEDETTO: Di che si tratta?
FELICE: Lo zio di questo povero giovine pe forza lo v nzur; lha scritto na lettera,
dicennole, che se non lo fa subito, non le lascia no centesimo delleredit; si p se nzora
lo dichiara erede universale di tutte le sue ricchezze, e le regala pure 200 mila lire in
contanti.
171

BENEDETTO: Oh! Guardate, guardate.


FELICE: Isso, per, D. Angiolillo, non ne v sap de matrimonio... vuole fare il prete.
BENEDETTO: Benedetto figlio!
FELICE: E per non perdere il denaro ha pensato... na pensata de criatura ma che potrebbe
riuscire; daccattarse la pupa movibile, ultima invenzione di Pietro Fanelli.
BENEDETTO: Ah, na pupa?
FELICE: E presentarla a lo zio come la sposa.
BENEDETTO: Voi che dite!...
FELICE: Questa pupa, parla... piange...
ANGIOLILLO: Cammina...
FELICE: Fa tutto.
ANGIOLILLO: Tale e quale come na femmena...
FELICE: Mediante 12 bottoni che tiene nella cinta e che alloccasione si premono.
BENEDETTO: Possibile! Ma far sbalordire!
ANGIOLILLO: Leggite, Rett, leggite. (Gli d il giornale, Benedetto legge piano e si
consola.) Uh! Che piacere! Si me riesce ne voglio f zumpe. Me nzoro s, ma co na pupa,
co na femmena mai, che bella cosa, che bella cosa! (Gridando e saltando per la scena.)
FELICE: D. Angiol, e vuje non avita f ammoina, cc si lo sentono lauti giovinotti,
stateve bene! Chesta na cosa che avimma sap io, voi e il Rettore.
BENEDETTO (che ha letto): Ma sar na cosa che farr asc pazza la gente! Che uomini,
che ingegno, che talento!... Cc natu pco fanno risuscit i muorti!
ANGIOLILLO: Dunche, Rett, nui jammo?
FELICE: Mi date il permesso, Rettore, di accompagnarlo, e di aiutarlo in questa faccenda?
BENEDETTO: Oh, voi no, fratello; ad un prete non conviene mettersi in questi impicci.
ANGIOLILLO: E che male nce sta?
BENEDETTO: Tutto il male possibile! Voi scherzate!... Fratello, mi meraviglio di voi, non
s come avete potuto acconsentire ad andarci!
FELICE: Trattandosi che il ragazzo si pigliava 200 mila lire...
BENEDETTO: Ma peggio ancora, caro fratello, peggio ancora!
FELICE: Siccome il ragazzo diceva che appena preso il denaro tornava qua... (Vede il
Rettore pensoso.) (M sabbocca lo Rettore!).
BENEDETTO: Ah! Lui vuole ritornare qua?
FELICE: Sicuro.
ANGIOLILLO: Torno col maestro.
FELICE: Lui vuole assolutamente fare il prete, non ne vuoi sapere di matrimonio.
BENEDETTO. Ah! Allora va bene! Allora potete accompagnarlo.
ANGIOLILLO: Grazie. Rettore. (Bacia la mano.)
FELICE: Il Rettore si credeva che voi non tornavate pi qua?
BENEDETTO: Lavete indovinato... mi dispiaceva per il ragazzo, del resto che mimporta.
FELICE: Non gi per il denaro; che ne dobbiamo fare del denaro? Ormai abbiamo fatto il
cornicione, la facciata.
ANGIOLILLO: Jammoncenne... maestro...
FELICE: Andiamo. (Prende cappello e bastone.) Io poi, Rettore, vi far sapere qualche
cosa, se tocca, anche con un telegramma.
BENEDETTO: Io pregher il Cielo per voi. (Nel mentre i due si avviano.) Angiolillo,
venite qua.
FELICE: La benedizione. (Angiolillo si avvicina e sinchina, Felice singinocchia.)
172

BENEDETTO: Che il Cielo ti benedica, o innocente e casto fanciullo, che la divina


Provvidenza ti assista e ti dia coraggio. Che la tua santa fermezza di rimanere celibe e di
prendere il voto ti sia di guida, e di protezione; possiate riuscire nellimpresa, e tornare tu
da me candido e puro come sei partito.
FELICE: Ammen! Ammen!... E non dubitare che con questa benedizione riuscirai in tutto;
con la benedizione di questo Santuomo...
BENEDETTO: Eh! Un misero peccatore...
FELICE: (Co chisto caudarone!). (Viano dalla porta a destra.)
SCENA NONA
Ignazio, Achille, Luigi, Errico, Carlo ed Eduardo, poi Michele, indi Caterina, dopo
Benedetto, Angiolillo e Felice.
IGNAZIO: Piccer, non facimmo commedia, io non me pozzo ncuit pe causa vostra,
facciamo la lezione, e cominciamo col coro: Una preghiera agli angeli.
ACHILLE: E p cantammo quacche cosa allegra?
IGNAZIO: Se vi portate bene, dopo vi contento.
CARLO: Allora facimmolo buono.
LUIGI: Attenzione. (Ignazio suona e i seminaristi cantano, dopo la prima strofa esce
Michele e canta il coro con gli altri.)
CORO:
Angeli santi e puri
Calate su di noi
Ci liberate voi
Dai pianto e dal dolor
IGNAZIO (solo): Dal Ciel coi vostri raggi
Fate che tutti noi
Riceviam da voi
La luce e lo Splendor.
CORO:
Angeli Santi e casti
ci proteggete voi
E troverete in noi
La fede ed il candor.
IGNAZIO: Bravo, ragazzi.
CATERINA (di dentro): permesso? (Fuori.)
ACHILLE: Gu, Catar, che fai cc?... Pecch s venuta?
CATERINA: Voglio parl co leconomo...
CARLO: Vieni cc, justo, justo, canta no poco...
ERRICO: S, s, Catarina canta sempe...
IGNAZIO: Catar, nuje avimma f li speziale, tu cc nun pu tras.
CATERINA: Io quanto parlo co lEconomo e me ne vaco, chesta che cos!
ACHILLE: Catar, sai la canzone: Quanno lommo va a marci?
CATERINA: Sissignore, pecch?
ACHILLE: E cantala no poco, facce stu piacere, nuje te facimmo lo coro... maestro, aggiate
pacienza, no poco poco.
ERRICO: Chesta subito se ne va.
LUIGI: E p facimmo la lezione esattamente.
173

CARLO: Ve facimmo no bello complimento, jammo, maestro.


IGNAZIO: Vuje me facite pass no guajo a me, e io ve sciacco a uno e vuje. Pe carit
stateve attienti si vene lo Rettore.
LUIGI: Non avite paura, fa la spia, Achille.
TUTTI: Jammo, Catar.
IGNAZIO: Che avete ditto che aggia sun?
ACHILLE: Quanno lommo va a marci.
IGNAZIO: Nuje avimma cant: una preghiera agli Angeli, cantammo quanno lommo va a
marci?
ACHILLE: No poco poco, maestro. (Lo spinge allarmonium.)
IGNAZIO: E non butt... v comme s nfucato lo guaglione!... Catar tu justo m aviva
ven, ov?
CATERINA: Io p sapeva chesto.
IGNAZIO: Catar, piano piano, si no chiste li guagliune... (Con intenzione; poi si mette
allarmonium, e accompagna Caterina.)
CATERINA (canta la prima parte della canzone: Quanno lommo va a marci.)
CORO:
Tr, tr, tr
Quanno lommo va a marci
Br, br, br
Se ne scorde certo de te.
(Dopo ripetuto il ritornello.)
ACHILLE: Sta venenno lo Rettore! (Ad Ignazio.)
IGNAZIO: Santa Barbara! (I seminaristi vanno in fondo con Michele e cantano il coro:
Una preghiera agli angeli. Caterina si nasconde dietro Michele.)
CORO:
Angeli Santi e puri
Calate su di noi, ecc. ecc.
SCENA DECIMA
Benedetto, Angiolillo, Felice e detti.
Mentre i seminaristi cantano e Ignazio spaventato li accompagna allarmonium esce
Benedetto seguito da Angiolillo che avr cappello, cappottino, libro in una mano, e
nellaltra una valigetta, Felice con cappello a tubo e bastone. Benedetto li sente cantare e
li benedice andando via pel fondo; i due lo seguono e si levano il cappello; passando
davanti ai seminaristi. Felice, che lultimo ad andare, si accorge che Caterina
nascosta dietro Michele, con gesti domanda chi ?Michele fa cenno di non sapere niente,
Felice benedice tutti ed entra.
(Cala la tela.)
Fine dellatto primo

174

ATTO SECONDO
Un deposito di giocattoli. Camera semplice. In fondo a sinistra due porticine con portiere
verde e con scritta sulla prima: Olimpia, e sulla seconda: Gemma. A destra in fondo
porta dentrata con sfondino rappresentante una vetrina di Bazar con diversi giocattoli
dipinti. Due porte laterali a destra ed a sinistra. Prima quinta a sinistra una porticina
con portiere verdi e scritto sopra: Orazio. A destra verso il fondo una tavola con una
bambola movibile, pi avanti un grosso cane da presa movibile. In mezzo alle porticine vi
sar un Pierrot che suona la gran cassa e piatti. Vicino alla porta dentrata a sinistra vi
sar un pupo a grandezza naturale vestito da servo con la bocca aperta e cartellino in
petto che dice: Mettetemi due soldi in bocca e avrete una bella sorpresa. Alle pareti
laterali e a quella di fondo vi saranno dipinti giocattoli. Allangolo della scena a sinistra
vi saranno due grossi pupi vecchi, tre panchetti da sedere ed una spazzola per panni, in
fondo a terra una trappola da topi.
SCENA PRIMA
Gervasio poi Pietro.
GERVASIO (dal fondo a destra, portando in mano pane e formaggio): Ecco cc, chesta
la colazione mia, pane e formaggio, questo ci spetta a noi poveri operai. Aggio spiso 5
soldi; 2 de pane e 3 de casecavallo, e lo principale nuosto se sta facenno la sua bistek con
patate e si capisce lui linventore, lartista meccanico. Vurria sap senza de nuje, isso
che faciarria? Nce v fortuna a stu munno... pecch tene i denari, tutte cose fa isso, non
c che f. (Mangia.) E almeno nce trattasse buono, fosse contento, almeno, add!...
Quanno nce p f na cancariata nce la f. M, si sapesse che me sto mangianno pane e
caso me faciarria surrciere. Chesta nata cosa curiosa, pecch a isso nun le piace lo
furmaggio, nisciuno lha da magn.
PIETRO (di dentro): Gervasio, Gervasio?
GERVASIO: Lo v lloco, lo v. (Conserva il pane e il formaggio.) Comandate, princep...
PIETRO (fuori): Mia moglie dove sta?
GERVASIO: Sta dinto, princep...
PIETRO: E mia figlia?
GERVASIO: E ghiuta a messa co Carmela la serva.
PIETRO: Dincello che ogge non facesse niente pe mangi, me ne voglio j ncoppa add
Pallino, voglio j a respir no poco.
GERVASIO: Ebbiva lo Princepale! E vengo purio?
PIETRO: Vieni pure tu, s.
GERVASIO E cc po comme facimme, chi nce resta?
PIETRO: Non ce sta nisciuno, chiudimmo... e che sta apierto a f? So 8 juorno che aggio
fatta chella sorte de pubblicit per lultima mia invenzione... manifesti, articoli di giornali,
saccio chello chaggio spiso, e quale stato il vantaggio? Poco o niente. Appena appena
ajere venettene na decina de perzune a visitare la mia pupa miracolosa, perch cos si pu
chiamare.
GERVASIO: Sicuro.
PIETRO: Guardajene, se ncantajeno, e quanno sentettero lo prezzo se ne fujetteno. Tremila
175

lire, chest tutto... no lavoro che ne v diecimila, ventimila... a Parigi tanto se sarra
pagato. Chillo ajere venette lo Marchese Fiore, nu nobile vede la pupa: carina, mi piace,
vorrei che cacciasse la lingua, non lo fa? Nonsignore, Marchese, non lo fa, la lingua non
la caccia... me facette attacc li nierve, le steva chiavanno no paccaro! Quel lavoro non si
capito, caro Gervasio! Quella stessa pupa a Parigi si pagata 12 mila lire.
GERVASIO: Ah! S fatta pure a Parigi?
PIETRO: Tale e quale. Io so stato 10 anni a Parigi nella fabbrica di Monsieur Jeanne
Demarsi, milionario, capisci? Io come capo meccanico, pigliavo mille lire al mese. Tre
anni fa me ncapricciaje de ven a Napoli, di mettere la fabbrica qua e aggio fatto chisto
guajo; e fra le altre cose, me nzuraje e me pigliaje na vedova co na figlia, che non
apprezza affatto la mia abilit, perch addirittura non ne capisce niente. Figurati, lo marito
era negoziante de baccal, che v cap de meccanismo, e questa stata unaltra
disgrazia...
GERVASIO: Ma come affezione, princep, non ve potite lagn, pecch ve vonno bene
assai, tanta essa, quanto la figlia.
PIETRO: Oh, s questo vero, e io pure le voglio bene... certamente vuje lo vedite, non le
faccio manc niente, e queste 2 ultime pupe laggio fatte tale e quale a loro, appunto per
la troppo affezione.
GERVASIO: E ncoppa a chesto potite essere contento, princep, che tutte quante, questo
diceno: che precisione, che uguaglianza, tale quale la princepala e la figlia.
PIETRO: Eh, puverelle... laggio fatto sta 3 ore a lo giorno pe 2 mise fermate per
modellarle, sudaveno accuss. Ma Gerv, ti giuro, che se mi seguitano a trattare cos, me
vengo tutte le scartapelle e me ne torno a Parigi... Neh, gu, io sento na puzza de
formaggio terribile, te lhai mangiato tu, d la verit?
GERVASIO: Nonsignore, princep... chillo lo mastrillo che sta aparato l nterra.
PIETRO: E levalo... sta puzza me fa avut lo stommaco.
GERVASIO (leva la trappola e la butta fuori la porta in fondo): Ecco fatto.
PIETRO: So na quinnecina e juorne che non sto buono, mavota lo stommaco, la capa,
non saccio che diavolo .
GERVASIO: Ma faciteve ved, princep. pecch li vvote, ve veneno cierti attaccamiente le
nierve trementi. Lauto juorno, per esempio, pecch ve menasteve a mare?...
PIETRO: Ah! Lauto juorno?... Gi... fuje no ramo de pazzia... tutte quante accuss
credettero. Gerv, io so miope, miope terzo grado, e non me metto le lente pe non lo f
sap; sai, pe nartista meccanico, non na bella cosa: Ognuno direbbe: E se sape, tutte
quelle rotelline, vitarelle, e mollette che situa nelle pupe per darle i movimenti, lui le vede
bene, perch tiene locchiale, capisci? Lauto juorno, steva cammenanno a riva de mare
per la spiaggia di Mergellina, distratto, me credevo che era ancora terra, chella, invece,
era acqua, sciulaje e nce jette dinto.
GERVASIO: Ah! M capisco. Intanto a mugliera vosta se mettette chella paura, se credeva
che vuliveve mur affucato.
PIETRO (ride): Ma Gerv, te prego, non d niente a nisciuno.
GERVASIO: Oh, ve pare...
PIETRO: Io m vengo... voglio j a sistem no poco chella roba che arrivaje ajere... Seh, e
che arriva a f la rroba?... Arriva e resta in deposito... chiste a Napule me trattano al di
sotto di Guidotto, chi poteva immaginare, chi se lavrebbe aspettato... A me, a Pietro
Fanelli, trattarmi al disotto di Guidotto... Gerv, tu lo mastrille lhaje levato?
GERVASIO: Sissignore, princep, laggio jettato ll fore.
176

PIETRO: Io tengo na puzza de formaggio dinto a lo naso, ch naffare serio, va trova da


d vene. (Via pel fondo a sinistra.)
GERVASIO (ridendo): V comme curioso!... Lavarria sap che lo formaggio lo tengo io
stipato... non voglia mai lo Cielo!
SCENA SECONDA
Olimpia e detto.
OLIMPIA (dalla sinistra): Gu, Gerv, stai cc?... E maritemo Petruccio che sta facenno?
GERVASIO: ghiuto m proprio dinto a lo deposito a sistem certa rroba che arrivaje
ajere.
OLIMPIA: Gemma s ritirata?
GERVASIO: No ancora, princep.
OLIMPIA: A chestora ancora sha da ritir, m che vene te faccio sentere! Sape comme
stongo io, in che palpiti, in che agitazioni mi trovo, e chella se sta tanto tiempo fore de
casa. Mo add ghiuta, vorra sap... a chestora la messa avarria avuta fen... Pe causa
soja, me trovo dinto a nu guajo, pe causa soja stanotte, non aggio potuto chiudere
uocchio.
GERVASIO: Ma ch stato, princep?...
OLIMPIA: Niente, niente. Dimme na cosa, maritemo ghiuto a guard chelle doje pupe
stammatina?
GERVASIO: Nonsignore, e pecch laveva guard, chelle stanno tanto belle ll dinto.
OLIMPIA: Stanno tanto belle? Volesse lo Cielo!... Gerv tu mhaje aiut, tu haje da essere,
de la parte nostra, pe no guajo, na rovina ch succieso.
GERVASIO No guajo! Na rovina! E de che se tratta, princep?
OLIMPIA: Io te dico tutto, ma pe carit, sa...
GERVASIO: Non dubitate, princep, chesto che cos, pe chi mavite pigliato?...
OLIMPIA Haje da sap, che ajere, dinto a controra, mentre Petruccio, maritemo, steva
dormenno, Gemma le prodette la capa de j a guard li 2 pupe, e pe ff parl, se mettette a
tucc tutti i bottoni, non sapenno che invece aveva premere solamente lo primo, e tira da
cc, tira da ll, a chesta e a chella, se guastajene li 2 machine, e le pupe non se movettero
cchi.
GERVASIO: Vuje che dicite?!
OLIMPIA: Che dico?... Io si non morette fu nu miracolo... l per l, senza perdere tiempo,
mannai alla fabbrica, facette ven a Stefano e a Salvatore, i quali poverielli, subito subito,
le levajeno li veste e se li purtarono,... mhanno promesso che lacconciano e li portano
dimane... tassicuro che tengo la freva ncuollo!... Si maritemo se naddona comme se
fa?... Chiilo nce ha faticato tanto tiempo, specialmente pe farle tale e quale a nuje...
GERVASIO: Vuje vedite, vuje vedite!...
OLIMPIA: E si non li sanno accunci, si li guastano cchi assai?
GERVASIO: Non solo de chesto; ma si stammatina veneno gente che li vonno ved,
comme se fa? Chisto veramente no guajo!...
OLIMPIA: Petruccio, figurati, Tene chilli rami de pazzia... quanno have no dispiacere,
capace de qualunque cosa. Lautriere pecch me truvaje parLanno co no giovinotto, se
jette a men a mare!...
GERVASIO: Ah, pe chesto fuje?
177

OLIMPIA: Gi, pe gelosia... Gerv, tu nce haje aiut, tu puoi salvare la posizione.
GERVASIO: Io, e in che modo?
OLIMPIA: Siente... io aggio fatto na penzata; si vene quaccheduno ca le vulesse ved, tu
nce avvise subito a me e a Gemma, e nuje zitto zitto arapimmo li purticeile che stanno
dereto, e nce situammo add stevene loro. Isso li ppupe li ff movere sempe da te, tu fai
ved che tuocche i buttoni, e nuje facimmo tutti i movimenti... che te ne pare?
GERVASIO: Sangue de Bacco, vuje avite fatto na penzata magnifica! E se capisce, chesta
lunica cosa che se poteva f, chelle so tale e quale a buje, che difficolt nce st? Allora
calmateve, prencep, sperammo che ogge nisciuno venesse e si vene quaccheduno, nce
st lo mezzo parrepar. Li veste de li pupe le tenite vuje?
OLIMPIA: S, tengo tutte cose.
GERVASIO: Bravo!
OLIMPIA: Tu non thaje da movere da cc pe essere pronto ad avvisarci.
GERVASIO: Non dubitate, pe chesto.
OLIMPIA: Grazie tanto, io p te regalo.
GERVASIO: Ma nonsignore, io chesto non lo vaco trovanno.
OLIMPIA: E b si vene, v si se rompe li gamme!...
SCENA TERZA
Gemma, Carmela e detti, poi Pietro di dentro.
GEMMA: Mamm, buongiorno.
OLIMPIA: Buongiorno. Ve site ritirate finalmente. Chesta lultima vota che site asciute
nzieme.
CARMELA: Io ve laggio ditto chera tardi.
GEMMA: Ma ched, manco na messa me pozzo j a sent?
OLIMPIA: Che messa e messa! Site asciute a li 10 e ve ne venite a la mezza, io non sapeva
chera messa cantata, sin te facevo st dinta a la casa; e mi meraviglio di te, cara
Carmela, cheste so li raccomandazioni che te faccio sempe. Ma m fenuto, m non
ascite cchi!... Scuorno! Doje figliole sole che vanno cammenanno pe tutta Napule!... Gi
la colpa a mia che nun sacci f la mamma, per troppa bont!... Se p sap add site jute
tanto tiempo?
CARMELA: Sign, a la verit, nuje non simmo jute a nisciuna parte, simme state sempe
dinto a la Chiesia.
OLIMPIA: Sempe dinto a la Chiesia? Doje ore e mmeze dinto a la chiesa, neh, Gerv, tu
siente?
GERVASIO: Forse pe st cchi fresche.
CARMELA: Non f lo pulecenella tu, stalle a lo posto tujo.
GERVASIO: Io faccio lo pulecenella? Tu fai la colombrina da la matina a sera.
CARMELA: E s, la faccio cu ttico la Culumbrina!
GERVASIO: Cu mmico? Io faccio passo.
CARMELA: E gi, chillo troppo bello lo mobele!
GERVASIO: Vatt, non ce f vut lo stommaco.
CARMELA: Vattenne veramente!... Sign, io ve giuro che simme state sempe dinto a la
Chiesia, io aggio ditto: signur, tarde, jammoncenne ritirammece, e m, e nauto ppoco,
e s fatto chestora.
178

OLIMPIA: Ma insomma, quanta messe vavite ntiso, una o quatte?


CARMELA: Sign, una, una,... e p la signorina ha voluto riman ancora, pecch...
OLIMPIA: Pecch?
CARMELA: Pecch... signur, dicimmole la verit, si no mamm v trova che se crede. A
signorina s ncantata nfaccia a no giovene che steve co no libro mmano vicino a no
preveto.
GERVASIO: Ah! M va bene!
OLIMPIA: Bravo! E so cose che se fanno cheste?
GEMMA: Io non aggio fatto niente de male, me piaceva e laggio guardato, chesto tutto.
CARMELA: S, pecch ve pozzo assicur, sign, che chillo giovene non s accorto de
niente, pregava, pregava sempre, senza se movere, senza aiz mai la capa.
OLIMPIA: Proprio?
CARMELA: Oh, ve lo pozzo jur! Chillo me pareva na statua, non guardava a nisciuno,
non ha fatto auto che leggere sempe.
GEMMA: Mamm, si lavisse visto, so sicura che te sarria piaciuto pure a te, na faccella
tonna tonna, no nasillo russo russo, p tanto accuoncio, tanto aggraziato, ma mavesse
guardata na vota, che corrivo.
OLIMPIA: Basta, feniscela, na guagliona come a tte sti ccose non le dice. (Io allet soja
faceva lo stesso... quanno vedeva no giovinotto, subito mappicciava!). Si te sente patete,
stai fresca!
GEMMA: Ma insomma, io non pozzo asc, non pozzo f lammore, non pozzo guard no
giovinotto, e che me volite f mur? So 3 anni che nun faccio auto che cappellucce de
pupate, scuffielle e vesticciolle, na bella vita veramente!
OLIMPIA: E che bu da me, chaggia f... si tesce nu buono matrimonio te mmarite e
felice notte. Chiunque s presentato, non t mai piaciuto, hai trovato sempe difficolt.
GEMMA: E se capisce, pecch erano tutte gente antipatiche! Chillo che aggio visto dinto a
la chiesa, chillo me piace, chillo me lo spusarra co tutto lo core.
OLIMPIA: E ghiusto chillo non tha guardata manco nfaccia.
CARMELA: Niente, sapite, manco si lavisse voluto f apposta.
OLIMPIA: Basta, non ne parlammo cchi, cheste so chiacchiere inutili. Carm, va dinto
tu, v f chello che haje da f.
CARMELA: Subeto. (Via a sinistra.)
OLIMPIA: Mhaje fatto st ncoppa a le spine fino a m... si veneva quaccheduno che
voleva ved le pupate, comme faceva?
GEMMA: Chesto non poteva essere, pecch pap le fa ved dall1 alle 5.
OLIMPIA: E ghiammoncenne dinto a la cammera nosta, aggio cuntato tutto lo fatto a
Gervasio, lo quale tanto buono, ha ditto che nce avvisarr isso.
GERVASIO: Non dubitate, starraggio io attiento a tutto.
GEMMA: Vuje vedite che guajo aggio passato! Ma comme le venette ncapo de f le pupate
tale e quale a nuje.
GERVASIO: Pe troppa affezione.
GEMMA: Bella cosa veramente, nce ha fatto sto piacere! Avimma essere belle io e mamm
a f le pupate.
OLIMPIA: Nce haje colpa tu, nce haje colpa tu jammoncenne Gerv, te raccomanno.
(Via a sinistra.)
GERVASIO: Non dubitate.
GEMMA (per andare, poi torna): Gerv, famme no piacere, va vide dinto a la Chiesia a la
179

Torretta si nce sta ncora chillo giovinotto.


GERVASIO: Chi giovinotto?
GEMMA: Chillo chaggio visto io.
GERVASIO: E io m saccio chi ?
GEMMA: Subito lo vide, trasenno a sinistra, sta co no libro mmano vicino a no preveto.
GERVASIO: Va bene, e quanno p laggio visto, che faccio?
GEMMA: Aspiette che ghiesce, te nce miette appriesso e vide add sta de casa.
GERVASIO: E quanno avimmo saputo add sta de casa, che facimmo?
GEMMA: E gi, non potimmo f niente? Chesta la condizione de nuje auti femmene;
vedimmo no giovinotto, nce piace... e non potimmo f niente. Lommo fa na lettera e si
spiega; signorina, voi siete un Angelo, io vi amo! Nuje no, nuje avimma crep, avimma
non co lo golo nganne! (Via a sinistra.)
GERVASIO (ridendo): Ah, ah! Dice buono. Intanto si vene quaccheduno che v ved le
pupe, allora vene lo bello, me naggia fa resate.
PIETRO (di dentro gridando): Gervasio? Gervasio?
GERVASIO: Eccome cc, princep. (Via pel fondo a sinistra.)
SCENA QUARTA
Felice e Angiolillo.
FELICE: permesso? Permettete? (Entra e parla al pupo da servo:) Scusa, buon uomo, il
principale ci sta? C il principale di questo negozio. Si pu parlare col..principale?...
(Rjfiettendolo:) Uh! Chisto no pupazzolo. (Ride.) stato bello, parlava io e no
pupazzo... D. Angiol, favorite.
ANGIOLILLO (in abito di citt, ma caricato, con libro in mano): Avete parlato col
principale?
FELICE: Io m so trasuto, gi parlava co lo principale?
ANGIOLILLO (facendosi avanti saluta il servo).
FELICE: Seh, saluta... D. Angiol, chillo no pupazzo.
ANGIOLILLO: Nu pupazzo? (Lo esamina.) Uh! Maestro come tuosto... gu ma sembra
un uomo, uno entrando singanna... tiene no cartellino mpetto, vediamo che dice. (Legge:)
Mettetemi 2 soldi in bocca ed avrete una bella sorpresa.
FELICE: S, lo s, queste sono cose vecchie, esce nu pezzetto di cioccolata.
ANGIOLILLO: Maestro, datemi due soldi, voglio vedere.
FELICE: Voi non tenite spicci?
ANGIOLILLO: No, io ve lho detto.
FELICE: E vuje non vavita f ven sti gule, si no cc a Napule 2 soldi mmocca a uno, 2
soldi mmocca a nauto, quatto soldi mmocca a nauto e se ne va na lira mmocca a la
gente. Favorite. (Gli d un doppio soldo.)
ANGIOLILLO: Deve essere grazioso, esce un pezzetto di cioccolata?
FELICE: O un pezzo di dolce, a Napoli nce ne stanno tanti; na pubblicit.
ANGIOLILLO: Maestro, facciamo met per uno.
FELICE: Ve lo prendete voi.
ANGIOLILLO (mette due soldi in bocca allautoma, si sente il suono del metallo che
cade, e immediatamente dalla testa compare un cartellino che dice: Grazie! Lautoma
saluta tre volte con la testa. Angiolillo guardando): Grazie.
180

FELICE: E che ringraziate a f, chillo no pupazzo.


ANGIOLILLO: No, maestro, guardate, ch uscito.
FELICE (guardando): No, avimmo avuta na bella sorpresa. (Il cartellino dove scritto:
Grazie! sparisce.)
ANGIOLILLO: Eh, ma questo no sta, scusate, questo non si fa. (Al pupo.)
FELICE: M sappicceca isso e lo pupazzo!...
ANGIOLILLO: Eh, teneme mente. (Va da Felice.) Maestro, questo un furto, non si
dovrebbe permettere.
FELICE: Figlio mio, adesso lepoca che si hanno spesso di queste sorprese.
ANGIOLILLO: Io m non me pozzo pigli cchi chilli dui soldi?
FELICE: E chillo m li tne dinto a lo vellicolo, si dovrebbe fare loperazione.
ANGIOLILLO: Maestro, ma quanta belle cose stanno cc dinto. (Guardando.)
FELICE: Questo un deposito di giocattoli movibili.
ANGIOLILLO: Uh, maestro, quanto brutto chillo cane!
FELICE: No, non pazziammo co li cani. (Si scostano e lo chiamano col fischio.) Chillo
pure finto...
ANGIOLILLO: Ma tale e quale, sapete.
FELICE: Questo devessere Blok, che ha detto il Rettore, deve tenere un bottone in mezzo
al cannale.
ANGIOLILLO: Sissignore, eccolo l. (Toccandolo col dito.)
FELICE: Non lo toccate, sin pagammo lo cane a chillo.
ANGIOLILLO: Com naturale, gli occhi... il naso... (Gli apre la bocca e si scostano
impauriti.)
FELICE: Tene larteteca, tene.
ANGIOLILLO: Maestro, pure i denti.
FELICE: Ma che vu f, vu mettere 2 soldi, pure mmocca a lo cane?
ANGIOLILLO: Maestro, questa non credo che la pupa meravigliosa. (Mostra quella sul
tavolo a destra.)
FELICE: E si chesta che ne facimmo... Zi Nicola nce la rompe ncapo.
ANGIOLILLO: Ma bella per.
FELICE: bella, ma non fa al caso nostro. Mo sto princepale add sta?
ANGIOLILLO: Maestro, se il principale non c, jammoncenne e tornammo dimane.
FELICE: Seh, tornammo a la fine de lo mese! D. Angiol noi non possiamo perdere tempo,
pecch denare non ce ne stanno pe nce tratten a Napole, ogne giorno che passa la spesa
aumenta.
ANGIOLILLO: Ma scusate, nuje non avimmo fatta nisciuna spesa ancora. Aissera jettemo
a dorm a casa de na sora vosta. Stammatina simme asciute, voleva f colazione, avite
ditto: nonsignore, perdiamo lappetito, alle 3 mangeremo. Simmo stati dinto a la chiesa da
li 9 fino a m, pagando soltanto un soldo 2 sedie. M mavite dato 2 solde pe mettere
mmocca a chillo mariunciello, in tutto avite cacciato 3 soldi.
FELICE: Tre soldi? E il viaggio da Casoria a Napoli non lo mettete?
ANGIOLILLO: Ah, gi, mera scordato. Bello viaggio! Ncoppa a no sciaraballe unito cu
naute 15 perzone, me fanno male tutte li rine!
FELICE: E nun me fanno male pure a me, se capisce, pe sparagn. Noi adesso vediamo se
sta pupa veramente ben fatta, veramente naturale, azzardiamo di portarla da zi zio, se
no ne facciamo a meno, caro D. Angiolillo, e nce ne tornammo a lo paese.
ANGIOLILLO: E se capisce... chiamate sto princepale.
181

FELICE (chiamando): Princepale... padrone... Princepale?...


SCENA QUINTA
Gervasio e detti.
GERVASIO: Comandate.
FELICE: Scusate, voi siete il principale di questo negozio?
GERVASIO: Nonsignore, sono uno degli operai meccanici... il pi fidato, faccio tutto io.
FELICE: Benissimo. Noi siamo 2 forestieri, che siamo venuti qui per vedere la pupa
meravigliosa... siccome abbiamo letto sul giornale che questa pupa... (Gervasio lo lascia e
va vicino alla porta a sinistra disperandosi e facendo dei segni verso dentro.) che questa
pupa veramente una bella cosa... seh, e io co chi parlo, co lo muro, chillo non me d
audienza. Giovin, vuje me sentite o no?
GERVASIO: Parlate. (Seguita come sopra piegandosi e mettendo le mani alla pancia.)
FELICE: Giovin, si avita f quacche cosa, jate dinto, noi possiamo aspettare. (Ad
Angiolillo:) Chillo soffre. Se dovete fare qualche incombenza potete andare, non portiamo
fretta.
GERVASIO: Nonsignore.
FELICE (ad Angiolillo): Chello s com brutto... Dunque si pu vedere questa pupa?
GERVASIO: Ma vuje m la volite ved?
FELICE: Perfettamente.
ANGIOLILLO: Siamo venuti proprio per questo.
FELICE: Ma per avimma parl prima col principale, gli dobbiamo confidare un segreto.
GERVASIO: Va bene, accomodatevi, chillo lo principale m esce; ma non credo che ve le
fa ved subito, chelle so doje.
FELICE: Ah, so doje?
GERVASIO: Sissignore, la mamma e la figlia.
FELICE: Ah! Ha fatta pure la mamma?
GERVASIO: Sissignore.
ANGIOLILLO: Maestro, e de la mamma che ne facimmo? (Gervasio seguita a far segni.)
FELICE: Come, che ne facimmo? E non p essere che la mamma cchi bona de la figlia?
Vuje non ve nincaricate de le ppupe, lasciate f a me, pecch si la mamma bona io la
piglio e me la porto. (A Gervasio:) E pecch non ce lha da f ved subito? Lui nel
giornale ha detto alluna, m luna .
GERVASIO (gridando e accostandosi pi a Felice che indietreggia): Ah! M luna,
luna m.
FELICE (Chillo ha avuto 2 soldi mmocca, a chisto le dongo na pagliucata, me sta
accumincianno a tucc li nierve!).
GERVASIO: Ma vedite, chillo non v che appena esce le parlate de le ppupe; un artista
pieno di ofanit, v essere fatto cerimonie, complimenti, congratulazioni. Vuje le facile
primme no discorso estraneo, le parlate prima di altre cose, e allultimo p le dicite che
volete vedere questi 2 ultimi capolavori.
FELICE: Le parlammo prima di altre cose... e de che le parlammo?
GERVASIO: Vedite vuje... che vaggia dicere... chillo accuss la penza. Si appena esce le
parlate de le pupe, capace che non ve le f ved cchi.
FELICE: Va bene, stato buono che me lavite avvisato.
182

GERVASIO: (Lasseme j avvis lo principale, chisto no guajo!). (Per andare ai due.)


Avite capito m, vuje facitele primme nu discorso estraneo, cerimonie, complimenti, e
allultimo p lammuccate, che volete vedere queste due belle cose... Accomodatevi,
accomodatevi... permettete? (Via a sinistra, Angiolillo va in fondo.)
FELICE: Voi vedete che altro carattere... gi, questi artisti tutti stravaganti.
ANGIOLILLO: Maestro, sta venenno uno da chesta parte, sarr isso.
FELICE: Molte cerimonie, capite?
SCENA SESTA
Pietro e detti, poi Gervasio, indi Olimpia da bambola.
PIETRO: Gervasio... tu... (Vedendo i due:) Chi ? Buongiorno.
FELICE: Buongiorno. Voi siete lartista meccanico Pietro Fanelli.
PIETRO: A servirvi.
FELICE: Favorirmi sempre. Ma non c bisogno di domandano, dalla faccia si vede subito
lartista. Angiolillo. guarda che bella testa. (Lazzi.)
PIETRO: Accomodatevi.
FELICE: Grazie. (Seggono.) Vi presento il mio scolaro Angelo Sarachella.
ANGIOLILLO: Ai vostri comandi.
PIETRO: Preghiere sempre.
ANGIOLILLO (Angelo presenta Felice): Felice Natalino, professore di storia sacra e
filosofia.
PIETRO: Fortunatissimo, ho piacere di fare la vostra conoscenza. Prego. (Seggono.)
FELICE: Noi abbiamo voluto procurarci il piacere e lonore di venire a stringervi la mano
personalmente, e farvi mille congratuiazioni.
PIETRO: Vi ringrazio, tanto.
FELICE: Voi siete un granduomo, un artista che non si trova per tutto il mondo, e non s
come non ancora vi hanno fatto una statua... ma se non si fa un monumento a voi, a chi si
deve fare? Io ve la farei in mezzo al largo S. Giuseppe co no zerre zerre mmano.
PIETRO: E che faccio i zerre zerre io?
FELICE: Dico per dire.
PIETRO: Eh, caro signore, a Napoli c poco incoraggiamento per gli artisti. Dunque in
che cosa posso servirvi?
FELICE: Favorirmi sempre... E bravo! E bravo!... (E io m a chisto che dico?...). E bravo!
E bravo!...
PIETRO: Bravo!...
FELICE: Ma guardate la combinazione, voi somigliate perfettamente ad un mio fratello
medico, stabilito qui a Napoli, tale e quale... anche la voce, Colantonio... Colantonio...
PIETRO: Colantonio...
FELICE: Io vi sentirei sempre parlare, perch mi sembra di parlare con mio fratello, Ah!
Che pazzo; per la sua testa, si trova facendo il medico, e vivere alla giornata. Quello l,
dovete sapere che a Giugliano teneva una piccola tenuta, come la tenevo purio. Un bel
giorno le vene ncapo de se vendere sta porzione sua de terreno; io ce lo sconsigliai, ma
isso niente, tuosto, pe forza si volle vendere questa propriet. Neh, indovinate... il
compratore ci volle fabbricare una casina, scava il terreno per fare le fondazioni e ci trova
una caccavella cos, piena di monete doro; centomila franchi e pi.
183

PIETRO (sbadigliando): Veramente? (E a me che me ne preme!).


FELICE: (Lo bello che chisto m se secca!). Quando Colantonio lo seppe, figuratevi,
voleva mettere la causa, perch diceva che la caccavella spettava a lui; no, gli dissi io,
spetta al compratore perch quello ha comprato il terreno e la caccavella... e poi se
qualcheduno ci avesse dritto so io, perch quella la caccavella de mamm.
PIETRO: Scusate, ma io non credo che site venuto cc pe parlarme de la caccavella de
mamm?
FELICE: No, vi ho detto questo, che s... dice che voi volevate prima na cosetta.
PIETRO: Io voglio la cosetta?
FELICE: Basta cos?
PIETRO: Basta. Vi pregherei, siccome tengo tanto da fare, ditemi perch vi siete
incomodati?
FELICE: Ecco qua. Bisogna che vi mettiamo a parte di un nostro affare, di un nostro
progetto. Scusate se vi facciamo perdere tempo.
PIETRO: No, purch mi dite di che si tratta?
FELICE: Questo mio scolaro, sta chiuso nel Seminario che sta a Casoria, chiamato: Fede e
Prosperit, lo sapete?
PIETRO: No,
FELICE: Ah... m abbiamo fatto il cornicione, la facciata... dunque si cresciuto, si pu
dire, l dentro, ha studiato molto, studia tuttora, e la sua vocazione e quella di fare il prete.
PIETRO: Bravo!
FELICE: Lo zio, un certo Nicola Sarachella, ricco proprietario non vuole... si oppone a
questa bella vocazione, e gli ha scritto, che se non si ammoglia, isso non le lassa
nemmeno un centesimo delleredit.
PIETRO: Oh, vedete. (E chesto manco me riguarda).
FELICE: Se poi si ammoglia subito, cio, fra 5 giorni, non solo gli fa la donazione di tutti i
suoi beni, ma quanto, appena vede la sposa, gli regala 200 mila franchi.
PIETRO: Ah, una bella somma!
FELICE: Lo capisco, ma il ragazzo non ne vuoi sapere, non si vuole ammogliare.
ANGIOLILLO: impossibile, sarebbe lo stesso che farmi morire.
PIETRO: Ho capito, non si vuole ammogliare, ma nel medesimo tempo non vorrebbe
perdere il danaro.
FELICE: Che ingegno! Che ingegno! (Lazzi.)
PIETRO: E come si fa; o luno o laltro, caro D. Sarachella.
FELICE: Eppure c il mezzo di non ammogliarsi e salvare la moneta.
PIETRO: C il mezzo? E quale...
FELICE: Sentite, Faren.
PIETRO: Fanelli.
FELICE: Ah, gi, Fanelli... Se la vostra pupa meravigliosa veramente perfetta,
veramente come dice il giornale, allora abbiamo fatto il colpo. La compreremo e la
presenteremo a lo zio, dicendo che la sposa.
PIETRO: Oh! Possibile! (Quasi ridendo e sorpreso.)
FELICE: Se ci assicurate che la pupa naturale...
ANGIOLILLO: Che precisa. (Esce Gervasio e si mette in osservazione.)
PIETRO: Oh, per questo intanto non ci pensate. Ma come, voi pigliate la pupa e la
presentate a zi Zio, dicendo che la sposa?
ANGIOLILLO: Sissignore, chillo zi zio no ciuccione, no cafone, non s mosso mai da
184

Casoria.
PIETRO: Va bene, na cosa curiosa veramente...
FELICE: Se non ve dispiace, vularriemo ved sta pupa.
PIETRO: Subito. (Si alzano.) V far vedere prima la madre, Gervasio?
GERVASIO: Comandate.
PIETRO: Scovrite Olimpia.
GERVASIO: Subito.
PIETRO: Mettetevi da qua con me... c pi effetto. (Si situano a destra.)
GERVASIO (leva prima i panchetti da mezzo, poi scovre Olimpia).
PIETRO: Che ve ne pare?
ANGIOLILLO: E bella, s, ma troppo grossa?
FELICE: Navita avuta consum secatura pe f chillo cuorpo. na bella femmena per.
PIETRO: Si s, la madre, si ammira come lavoro, ma come donna, m non va niente
cchi.
OLIMPIA: (V chi parla, chillo s fatto no scortecone!).
FELICE: E la madre si muove?
PIETRO: Sicuro. Gervasio?
GERVASIO: Comandi.
PIETRO: Primo bottone.
GERVASIO: Subito. (Tocca 1l primo bottone nella cintura di Olimpia.)
OLIMPIA (si soffia col ventaglio e gira la testa a sinistra e a destra come fanno le
bambole).
FELICE: Lo lione de lo ponte.
PIETRO: Alla madre come primo movimento, ho creduto farla soffiare col ventaglio, ho
creduto farla soffiare col ventaglio, perch a quellet li femmene se scioscieno sempe.
FELICE: Bravo! Anche dello spirito.
PIETRO: Gervasio secondo bottone.
GERVASIO: Subito. (Esegue.)
OLIMPIA (padando come una pupa): Ch... che c... loc... teh, teh... Cicc... Tot...
Mim... bere... acqua...
FELICE: Acquaju... Chesta me la ricordo, steva a S. Lucia Nova.
ANGIOLILLO: Ma na cosa che fa paura!
PIETRO: Fa paura? Voi non avete visto niente ancora, e per non farvi perdere tempo.
Gervasio?
GERVASIO: Comandi.
PIETRO: Scovrite Gemma. (Gervasio copra colla portiera Olimpia, va allaltra porticina
e scopre Gemma da bambola.) Che ve ne pare?
FELICE: Magnifica!
ANGIOLILLO: Maestro, quanto bella, quanto bella!
FELICE: Lo patrone se la venne.
ANGIOLILLO: Che bellezza!... Che precisione!... Maestro, accostateve.
GEMMA: (Che beco! Chillo giovinotto de dinto a Chiesia!).
FELICE (accostandosi): Bellissima! ... Naturalissima!
PIETRO: Mettetevi qua. (Si situano a destra.) Gervasio... primo bottone.
GERVASIO: Subito. (Esegue.)
GEMMA (fa due inchini salutando).
FELICE: La cerniera dove la tiene?
185

PIETRO: Qui. (Mostra la cinta.) Contemporaneamente 2, 3 e 4, (Gervasio esegue.)


GEMMA (parla da pupa): Buongiorno signore, state bene?
ANGIOLILLO: Bene, grazie, e voi?
FELICE: Che risponnite a f?... Chella na pupa.
PIETRO: Silenzio.
GEMMA: Sono bella, sar vostra, mi volete?
ANGIOLILLO: Sicuro che vi voglio. (Col medesimo tono.)
PIETRO: Quinto bottone. (Gervasio c.s.)
GEMMA: S, s.
PIETRO: Sesto bottone. (Gervasio c.s.)
GEMMA: No, no.
FELICE: No bottone dice s e no bottone di no?
PIETRO: Sicuro. Settimo bottone. (Gervasio c.s.)
GEMMA (ride) Ah, ah, ah!... (Angiolillo ride esagerato, lazzi.)
PIETRO: Ottavo bottone. (Gervasio c.s.)
GEMMA (piange): Ih, ih, ih, ih!...
ANGIOLILLO (commosso) No, no, chesto no?
PIETRO: Gervasio, appresso...
ANGIOLILLO: Levate sto bottone. (Gervasio c.s.)
GEMMA: Mi chiamo Gemma.
FELICE: Ma sorprendente, come pronunzia bene.
ANGIOLILLO: na cosa che fa rest ncantato.
PIETRO: Appresso. (Gervasio c.s.)
GEMMA: Serva sua, grazie, addio.
ANGIOLILLO: Stateve bene.
PIETRO: Appresso, undecimo bottone. (Gervasio d la corda nella cinta della pupa,
lorchestra suona.)
Pap mi disse teh (scocca un bacio)
Mamm mi disse toh (idem)
E il bacio qui con me
Sul labro mi rest
Mamm qui morsic (mostrando col dito la guancia destra)
Pap qui mal mi f (idem la guancia sinistra)
Ma quel dolor cess
Col bacio che mi di
Ebbi dolor
Ebbi piacer
Ma fu il piacer
Pi del dolor!
Pap mi disse teh (c.s.)
Mamm mi disse toh (c.s.)
E il bacio qui con me
Sul labro mi rest.
FELICE: Bravo! Voi siete un grande artista!
ANGIOLILLO: Che bellezza, che rarit!
PIETRO: Che ne dite?
FELICE: Ma che dobbiamo dire... una cosa straordinaria! veramente miracolosa! Voi
186

siete proprio un granduomo, chella na figliola bella e bona, e che cosa deve fare di pi.
Aspettate m che nce penso, la cosa pi necessario, e il giornale lo diceva.
PIETRO: Che cosa?
FELICE: Cammina?
PIETRO: Qualche poco; Gervasio?
GEMMA: Comandi.
PIETRO: Ultimo bottone. (Gervasio esegue. Gemma viene avanti a piccoli passi come una
bambola, saluta prima a sinistra, poi avanti, poi a destra, quindi fa un doppio giro e
ritorna al suo posto.)
FELICE: terribile, sapete, meraviglioso. Ma che pupa e pupa, quello un essere
vivente, un gran lavoro! D. Angiol, avite fatto lo colpo! Diteci il prezzo, pecch nce
lavimmo port subito a Casoria.
ANGIOLILLO: S, quella devessere la sposa mia!
GEMMA: (La sposa! Che sento!).
ANGIOLILLO: Zi Nicola non se potarr mai accorgere che chella na pupa, certamente la
pigliarr pe la sposa, e io macchiappo 200 mila lire. Jamme, mettitemela subito dinta a
na cascia.
GEMMA: (Dinta a na cascia!)
PIETRO: Questo qua, vedite, il manifesto dove stanno scritti tutti i movimenti, coi
numeri dei bottoni. (Angiolino se la conserva.) Il prezzo 3000 franchi, non nu centesimo
di meno.
FELICE: Tremila franchi?
PIETRO: Vi pare assai?
FELICE: No, anzi...
PIETRO: A Parigi quella pupa si pagherebbe 10 mila franchi.
FELICE: Oh, questo certo. Va bene, resta fatto, 3000 franchi; ma per noi ve la
pagheremo a Casoria, cioe quando abbiamo avuto il danaro dallo zio. Eh, questo
devessere il gran favore, non credo che dubitate di noi?
PIETRO: No, io non dubito affatto... voi siete dei galantuomini, ma si me pagaveve m era
meglio.
FELICE: Eh, lo s, ma non so, 30 o 40 lire, na somma positiva; appena lo zio la vede, si
firma il contratto di matrimonio e sarete pagato.
ANGIOLILLO: Forse avete paura che zi zio se naddone? impossibile, troppo bella.
PIETRO: Allora sentite, io accetto, ma ad una condizione.
ANGIOLILLO: E quale?
PIETRO: Vavita accatt pure la mamma.
FELICE: Pure la mamma?
ANGIOLILLO: Maestro, e che ne facimmo?
PIETRO: Eh, scusate, questa la condizione.
FELICE: Va bene, quanno chillo te lo mette pe condizione... na pupa de cchi, na pupa de
meno.
ANGIOLILLO: E che ne facimmo?
FELICE: La regalammo a lo Rettore, chillo la sera nce pazzea nu poco... E quanto sarebbe
il prezzo della madre?
PIETRO: Mi darete 800 franchi, va bene?
FELICE: La cosa... che chella se scioscia solamente?... va bene, 800 franchi... resta fatto.
PIETRO: Oh, unaltra cosa. A Casoria aggia ven purio co buje... che me pare; prima,
187

pecch maggia pigli i denari, e p pecch voglio ved personalmente che impressione
riceve zi zio. Ve f dispiacere forse?
FELICE: No, anzi, piacere; solamente, quanno v sap chi site, che dicimmo?
PIETRO: Non ce v niente, me presentate come il padre della sposa. Eh, si vene la
mamma, giusto che venisse pure il padre, pi naturale?
FELICE: Se capisce, va bene, venire pure voi.
PIETRO: E poi, io vi posso essere di grande aiuto.
FELICE: Oh, questo certo.
ANGIOLILLO: Non perdimmo cchi tiempo, jammoncenne.
PIETRO: Gervasio, piglie chelli pupe e miettele dinto a chella cascia che sta cc dereto,
(mostra in fondo a destra) e fa ven li facchine co la carrettella.
GERVASIO: ( fatto lo guajo!). Va bene, princep. (Via pel fondo.)
PIETRO: Oh, scusate, na cosa interessante, arrivati a Casoria a la casa de zi zio, li ppupe pe
add li trasimmo? (Esce Gervasio con due facchini con la cassa, che mettono a terra e
viano.)
FELICE: Ah, sicuro, come si fa, si chillo vede la cascia, v sap che nce st da dinto e
stateve bene.
ANGIOLILLO: No, zi Nicola non la p ved, pecch nuje la facimmo tras pe lo ciardino,
ll nce st na cammera a pian terreno, che 3 mise fa nce dormette io 2 sere, na bella
cammera la quale st lontano da zi zio.
PIETRO: Bravissimo!
FELICE: A meraviglia!
GERVASIO: Allora princep, scusate che dico purio na parola. Vuje jate nnanze, e io
vengo appriesso co la cascia, quanno simme a Casoria, chillo signurino me f ved lo
canciello de lo ciardino, me f ved qual la cammera, e se ne va nzieme co buje da lo
zio; io, restato sulo, piglio la cascia, levo le pupate, ce le metto a lo pizzo loro.
PIETRO: Benissimo! Bravo Gervasio, accoss, non se fa ammoina.
FELICE: Perfettamente, Gerv io p te regalo.
PIETRO: Allora jammo, facimmo ampressa. Gerv, d a moglierema e figliema che nuje
stasera non ce ritirammo.
GERVASIO: Va bene. (Via a sinistra, poco dopo risorte e resta in fondo.)
PIETRO: M mentre simballano li doje pupe, vi voglio far vedere il mio deposito.
FELICE: Ma che dobbiamo vedere pi, dopo questa roba, non c niente da vedere.
PIETRO: Venite. (Via pel fondo a sinistra.)
ANGIOLILLO: Maestro, che bellezza, nce starra sempe cc dinto.
FELICE: unarte simpatica. (Angiolillo via appresso a Pietro.) Guardate ll, (indica
Gemma) che perfezione, che uocchie, che naso, che bocca... Ah, meglio che me ne vaco
io. (Via appresso.)
GEMMA (si fa avanti): Comme se f, neh Gerv, comme se fa, comme nce mettimmo
dinto a la cascia?
OLIMPIA (esce dalla porticina): Qu cascia, chi se mette dinto a la cascia, comme nce
capo io dinto a la cascia?... Chisto no guajo, no guajo.
GEMMA: Vedite che combinazione!
OLIMPIA: Io m chiammo a Petruccio, e le dico tutte cose!
GEMMA: No, mamm, e io p perdo a chillo giovene?
OLIMPIA: E che me ne mporta a me. Oh, sarra bello chesto, io m pe non f perdere a
chillo giovene a te, me faccio mettere dinto a na cascia, e me faccio port a Casoria.
188

GERVASIO: Ma nonsignone, stateve zitto, io m dinta a la cascia, nce metto chilli duje
pupe viecchi, la chiudo e la metto ncoppa a la carretta. Vuje venite appriesso a nuje dinta
a la carrozzella co lo mantice aizato. Quanno simme arrivati a Casoria, vuje aspettate
dinto a no palazzo, appena loro me lassano sulo, ve vengo a pigli, trasimmo pe lo
ciardino e ve porto dinta a la cammera.
GEMMA: Benissimo!
OLIMPIA: E si nce vedeno?
GERVASIO: Nonsignore, non vedeno, lassate f a me... vedite quanta risate nce facimmo
sta jornata.
OLIMPIA: Quanta risate; io invece dico che avimmo na brutta mazziata tutte quatto.
GEMMA: E che me ne mporta a me, pe chillo giovene faccio qualunque cosa!
GERVASIO: Jatevenne dinto, jateve a prepar.
GEMMA: Jammo, mamm, nce mettimmo chelli doje mantelle lunghe. Che bella cosa!
Che bella cosa! (Via a sinistra.)
OLIMPIA: Cielo mio, scanzece tu da no guajo. (Via appresso.)
GERVASIO: Sangue de Bacco, me voglio f laneme de li risate... (Prende i due pupi
vecchi e li mette nella cassa, e mentre fa questa operazione dice:) Ll a Casoria nce sta lo
vino buono, quanno stasera me mbriaco, e chello che succede, succede... se lo vedeno
loro! (Chiude la cassa.)
SCENA SETTIMA
Pietro, Felice, Angiolillo e due facchini.
PIETRO (dal fondo seguito da Felice e Angiolillo): Jammo, venite giovin. (Escono due
facchini dal fondo a destra.) Gerv, hai fatto?
GERVASIO: Tutto pronto.
PIETRO (ai due facchini): Pigliate sta cascia, mettitela ncoppa a la carretta e abbiateve,
nuje mo venimmo appriesso. (I due facchini viano con la cassa pel fondo a destra.)
Profess, che state pensanno?
FELICE: No, niente, penso a la pupa. (Da s:) Che se move, che dice pap, mamm, che
move la capa, le braccia, va bene... ma parlare, cantare, camminare... tremendo. (Mentre
Felice dice queste parole, Angiolillo gira per la scena allegro, Gervasio si mette ad
accomodare qualche cosa e Pietro si mette il cappello.)
PIETRO (alla porta a sinistra): Olimpia, Gemma, stateve bene.
OLIMPIA (di dentro): Statte buono.
GERVASIO: Princep, m ve vaco a chiamm na carrozzella, me mettite da dinto e ve ne
jate, io vengo appriesso ncoppa a la carretta.
PIETRO: Perfettamente. (Gervasio via pel fondo a destra.) Jammoncenne.
ANGIOLILLO: Jammoncenne. Maestro, venite... (Questi due viano pel fondo, poi
tornano.)
FELICE (da s distratto): Ma dico io, camminando di questo passo add sarnivarr! Ogge
o domani quanno parl co uno, thaje st attiento si ommo, o pupazzo... quanno parle co
na femmena haja tucc tutte cose pe ved si femmena o pupata... inventare una
macchina che d il suono di voce, che fa camminare lautoma... camminare!... Ma na
cosa che f asc pazzo.
PIETRO: D. Fel, volete venire?
189

FELICE: Add?
PIETRO: Comme add... a Casoria.
FELICE Ah, gi a Casoria, eccomi qua. L lo zio pe forza nce adda cad, non ce stanno
chiacchiere, baster solo che la sente cant: Pap mi disse toh! Mamm mi disse teh!...
Seh, e quanno chiagne... il pianto, di una verit spaventevole! Non si pu fare meglio!
(Pietro fa segno ad Angiolillo di voler fare uno scherzo a Felice, poi con molta
sollecitudine, ma sulla punta di piedi ed in modo che Felice non se ne accorga d corda
alla piccola pupa che sta sul tavolo a destra, poi al Pierrot, poi al servo. Scopre la prima
porticina a sinistra, comparisce un carabiniere e gli d corda, questo fa piccoli passi
avanti e si ferma, in ultimo preme il bottone sul collo del cane; fatto questo, quasi
ridendo, con Angiolillo viano di corsa pel fondo a destra.) Io credevo, sissignore, di
trovare una pupa movibile, ma ll se tratta de na cosa che fa rest ncantato. Io per
esempio, me mettarra paura de la ten dinta a na cammera co me... mi farebbe
impressione. (Di dentro si suona un mandolino e la piccola pupa balla.) Bravo! Bravo!
La sorpresa del professore. (Poi si sente un organetto e il Pierrot suona cassa e piatti,
muovendo la testa; il servo bassa e alza la testa muovendo le braccia, Felice spaventato
retrocede, vede muovere il cane che abbaia, sempre pi spaventato, si sente a sinistra
una lanterna magica, Felice si volta e vede il carabiniere che impugna un revolver e
spara colpi; al secondo colpo Felice nella massima costernazione; il movimento dei
giocattoli seguita sempre.)
(Cala la tela.)
Fine dellatto secondo

ATTO TERZO
Salotto con porta in fondo e quattro laterali. A sinistra in fondo, una mensola con sopra un
orologio e due candelieri accesi. A destra in fondo una tavola con mensole, dove vi
saranno molte bottiglie divino, di diverse forme e qualit, molti bicchieri di diverse
grandezze. Due vassoi di biscotti, salvietti, ecc. Alle pareti di fondo vi saranno a destra
quattro ritratti di donne. A sinistra altri tre ritratti di giovani contadine, sei sedie di
Vienna; sulla tavola vi saranno anche due candelieri accesi.
SCENA PRIMA
Felice e poi Angiolillo.
FELICE (dalla prima porta a destra): Che bella cosa, che vino, che squisitezza di vino.
Maggio fatto accuss pe pazza, tanto per stuzzicare lappetito, miezo casecavallo e 2
pagnotte de pane, lo vino, lo vino, qualche cosa de scicco assai! Ma chillo zi Nicola
proprio no turzo de carcioffola!
ANGIOLILLO (dal fondo a dritta): Maestro, state cc? M moro, me sta sbattenno
mpietto comme a che, ma tutto riuscito magnificamente. Quanno simme arrivate, la
combinazione zi Nicola steva vicino a lo canciello de lo ciardino, appena laggio visto:
ziz, sta arrivanno la sposa... tu che dice! Overo? E m me trova de chesta manera? Resta
tu lloco, aspettele, io vaco a f no poco de toletta ha visto lo princepale, e sto signore chi
190

? lo patre, ziz, lo patre de la sposa: Oh! Favorite co me, favorite co me.


FELICE: Gi, e pure a me mha fatto tanta cerimonie, mha portato dinto a chella cammera
add sta magnificamente.
ANGIOLILLO: E lo princepale?
FELICE: E che ne saccio add se lha portato.
ANGIOLILLO: Io appena arrivata la carretta co la cascia, aggio fatto ved a Gervasio le
doje cammere che stanno dinto a lo ciardino, e che sarrieno cheste, le vedite, (indica le
due porte a sinistra) e me so ghiuto.
FELICE: Ah, teneno luscita pure da cc?
ANGIOLILLO: Sissignore, corrispondono dinto a stu salotto.
FELICE: D. Angiol, ma stemmece attiente, pe carit.
ANGIOLILLO: Ah, se capisce. (Va a spiare nelle porte a sinistra.) Non se vede niente,
vorra chiamm Gervasio, pe sap...
SCENA SECONDA
Nicola e detti.
NICOLA (di dentro): Va bene, va bene, p se ne parla de chesto, m aggio che f.
FELICE: Zi Nicola, zi Nicola...
NICOLA (fuori. Tipo di colono ricco e babbeo, ha gli orecchini, veste con grande sciassa e
gil a due petti fiorato e calzone a righe): Ah, vuje state cc? (Porta due bottiglie di
vino.)
FELICE: Eccolo cc, che bella faccia!
NICOLA: No, dicite piuttosto la faccia vosta...
FELICE: (La faccia de mammeta!).
NICOLA: Ah, non ne pozzo cchi; da ogge che sto faticanno, ma dinto a poco tiempo
aggio miso lo munno sotto e ncoppa! Aspettateve, aspettateve... Comme ve trovate dinto a
la cammera che vaggio assignata?
FELICE: Benissimo! Non ci manca niente.
NICOLA: Avita da scus, caro masto.
FELICE: (M mha pigliato pe fravecatore, m).
NICOLA: S non ce stanno comodit; na casa de paese, che volite, e poi si lavesse
saputo, me sarra regolato diversamente, pecch p, cafune simmo, ma sapimmo
lobbligazione nosta...
FELICE: Ma che, anze avite fatto pure troppo.
NICOLA: E la sposa co la mamma, comme se trovano dinto a li cammere lloro?
ANGIOLILLO: Bene, bene, stanno tanto allegre.
NICOLA: Io nun laggio viste ancora, credo che m le pozzo ved?
ANGIOLILLO: Sicuro. (Fa per andare.)
NICOLA: No, ma non le disturb, quanno stanno comode, me lo fai sap, sta pressa chi nce
la d. Io capisco, so femmene, e li femmene pe f toletta, nce v la mano de lo Cielo. E
bravo Ngiolillo, m s che te voglio bene veramente, m te conosco pe vero nipote mio.
Va no poco da Lisabetta, da che si arrivato nun nce si stato mai vicino, sempe fujenno
fujenno.
FELICE: Chi sta Lisabetta?
NICOLA: E la primma sora mia, tene 60 anne, tene nuocchio cecato, non tene manco no
191

capillo ncapo ed cionca...


FELICE: (E chisto no scavamento de Pompei, che sta a via de dinto).
NICOLA: Poverella, non se p movere da dinta a la cammera soja.
FELICE: E andate da zia Elisabetta...
ANGIOLILLO: Subito. (Bacia la mano a Nicola, poi a Felice.)
FELICE: Benedetto figlio. (Angiolillo si chiude nel soprabito, e via dal fondo a destra.)
(Ma che no mbrello chiuso!).
NICOLA: Buono guaglione, affezionato assai.
FELICE: Ah! una perla.
NICOLA: Io tengo sula isso, e sta sora cionca, la quale sta bona, nun have bisogno de
nisciuno; e me senteva corrivo, me dispiaceva, che se voleva f prevete... no pecch fosse
stata na cosa malamente, ma capite, feneva la famiglia Sarachella. Paterne da fore de
Lisabetta, facette 2 figlie masculi, Nicola e Matteo. Nicola lo vi cc, so io.
FELICE: (Come bello Nicola).
NICOLA: E Matteo p, lo patre de Ngiulillo, facette sula isso, e murette, salute a me...
FELICE: E se credete no poco pure a me.
NICOLA: E che cosa?
FELICE: De salute?
NICOLA: Ah, aggio ditto sulo a me? Ah, ve spetta pure a buje... na porzione de salute.
(Marcato.)
FELICE: (Na porzione de carne a lo fumo).
NICOLA: Io me so nzurato 4 vote, e nun aggio potuto av mai na criatura; si isso se
faceva prevete, stateve bene, non ce steveno cchi Sarachelle.
FELICE: (Varremediaveve co larenghe). D. Nic, voi co salute, avete avuto 4 mogli?
NICOLA: Sissignore... Eh, maestro, una cchi bona de nauta,... li vedite ll chille so i
ritratte lloro. (Mostra in fondo a destra.)
FELICE: Ah, quelle so?... Belle donne, simpatiche...
NICOLA: Laggio atterrate tutte quatto.
FELICE: Avite tenuto lo stommaco!... D. Nic, scusate, e chellaute 3 chi songo? (Mostra
in fondo a sinistra.)
NICOLA: Chelli ll? (Ridendo:) Ve lo pozzo dicere... ve scandalizzate?... (Lazzi.) Chelli ll
so tutte nnammurate meje... ma quanno ero giovene, v.
FELICE: Prima di ammogliarvi.
NICOLA: Eh, che ne volite sap, maestro, a me giovene m produta la capa assai! Io non
me so muoppeto mai da Casoria, cc so nato, e cc voglio mur, cc aggia mur, e cc
moro.
FELICE: (E muore, che bu da me).
NICOLA: Non so stato iocatore, non me so piaciute divertimenti campagnate, feste la
ballo, niente; doje cose so state la passione mia... Ve scandalizzate?... (Lazzi c.s.) Li
femmene e lo vino.
FELICE: E pe cento anni, pe cento anni.
NICOLA: M ve voglio f prov no bicchiere de vino de 10 anne, ve voglio f ved che
sapore. (Va al lavolo e versa il vino nel bicchiere.) Chesto lo spremmo io... che colore...
lo granato, ma che granato, lamarena, la cioccolata... ma che cioccolata, percocata...
FELICE: (Se p sap che ce mette dinto a chillo bicchiere!).
NICOLA (d il bicchiere pieno a Felice): Assaggiate, assaggiate, chesto stato sotto arena,
mmiezo arena, e ncoppa arena.
192

FELICE: (Chesto io vino de Ciccuzza). (Va per bere.)


NICOLA: Aspettate no momento... no momento, aspettate... aspettate no momento... no
momento, aspettate.
FELICE: Chi se sta movenno?... (Ma che bello tipo sto zi Nicola:)
NICOLA (prende un biscotto dalla tavola): Tenite, bagnatece stu biscotto da dinto, chisti
cc li faccio io ogni 3 mise.
FELICE: Ogne 3 mise, D. Nic? (V cadda essere chisto lultimo mese.) (Bagna il biscotto
nel vino, lo mette in bocca e non lo pu mangiare.) E cc se ne vene na mola appriesso.
NICOLA: Va buono, meh, me so riuscite.
FELICE: E volite f la prova co me?
NICOLA: S che bolite f, mettetelo dinto, e lassatelo st... doppo nora lo trovate muscio.
FELICE (mette il biscotto nel vino, e d il bicchiere a Nicola): Posatelo ll ncoppa... lo
trovo muscio stanotte. (E io sto nora co lo bicchiere mmano!).
NICOLA (posa il bicchiere e siede): Maestro, diciteme na cosa, comme va che Ngiulillo ha
fatto la risoluzione de se nzur, mentre era tanto contrario.
FELICE: Tutto assieme, D. Nicola mio, tutto assieme. Me facette ved na lettera vosta che
laviveve scritto, e dicette: assolutamente voglio f chello che mha ordinato zi zio. S, me
voglio nzur... e non ce so state consigli, non ce so state preghiere... lha voluto f.
NICOLA: Io, vedite, maestro, sto no poco in dubbio che non se fosse deciso pe non perdere
le 200 mila lire che laggio promesse.
FELICE: Oh, non credo... sapete, era ancora guaglione, non capiva ancora, m che s fatto
cchi gruosso, ha subito cambiato idea...
NICOLA: Proprio?
FELICE: Ma cos credo...
NICOLA: Io per, la verit, voglio sperimentarlo buono, voglio ved si sta cosa overa o
no!... P essere chha pigliato na figlioba co la mamma e lo patre, se so mise daccordo,
e hanno ditto: io te porto da zi zio, facimmo ved che facimmo lammore, chavimm
spusa, e quanno zi Nicola mha consignato li denare, ve faccio no complimento, ve ne
jate, e io me ne torno a lo seminario. Come ve pare?
FELICE: Oh, non credo, che diavolo...
NICOLA: No, pecch, vedite, io so buono, so na pasta de mele, na pasta de
franfellicche... so capace de frusci mille lire pe nu capriccio... ma guaje!... Guaje a chi
me v mbrugli... a chi pensasse sulamente de me mbrugli!... Si nepoteme facesse na
cosa de chesta, io lo squartarra, le tirarra la capa da dinta a la noce de lo cuollo... a isso e
chi le darra mano, eh, io so terribile! (Felice sta per scivolare dalla sedia.) Maestro, che
?
FELICE: No, steva scivolanno da sopra a la sedia... oh, si capisce... pecch uno non v
essere ingannato. (Mamma mia, e che paliata me sta preparata!).
NICOLA: Ma non credo che Ngiulillo avesse fatta na cosa de chesta. Vuje che dicite, lo
credite capace?
FELICE: Caro D. Nicola... che volete che vi dica? Tanta vote sti giovinotte teneno cierti
pensate... a me mi pare che non sia tipo di pensare una cosa di queste... ma mi posso pure
ingannare.
NICOLA: Che vulite da me, io penso sempre a lu mmale, e me so trovato sempre buono,
non sarr accuss, ma buono che stongo in guardia.
FELICE: Vuje state in guardia?
NICOLA: Se capisce. Ma sta figlioia chha portata comm, comm?
193

FELICE: Dicono che una bella giovene, ma io non laggio vista ancora.
NICOLA: Ah, vuje, maestro, non lavite vista ancora? (Sorpreso.)
FELICE: No. ( meglio che me ne levo da miezo).
NICOLA: Ma vuje site venuto nzieme co lo patre, come va che non lavete vista ancora?
Cc vedo na matassa mbrugliata... maestro vuje mavita f capace... io tengo le cervelle
no poco toste... le cervelle meje so toste!...
FELICE: E le mettimmo a spugn nzieme co li biscotti!... Ecco qua, D. Nic... pecch loro
so passate pe lo seminario e mhanno fatto lo fischio, e la sposa co la mamma, dice, che
steva venenno appriesso co nauta carrozza... vuje p subeto quanno so venuto cc,
mavite portato dinta a la cammera mia... e non saccio niente cchi.
NICOLA: Ah, vuje site calato co lo sisco... m aggio capito.
FELICE: D. Nic, scusate, vorrei fare quattro passi dinto a lo ciardino, stu vino mha
stunato nu poco. (Si alza.)
NICOLA: Facite, facite lo commodo vuosto senza cerimonie.
FELICE: (Mamma mia, pe cuorpo me sta facenno bl, bl, bl...).
NICOLA: L trovate pure lo patre de la sposa, se sta coglienno cierti nespole. A proposito,
maestro, ve piaceno li nespole?
FELICE: Eh, cos, non tanto...
NICOLA: E provate li nespole mie, provate li nespole mie e p parlammo.
FELICE: So bone?
NICOLA: Ogne nespola accuss, e navite nu bellu piacere... pecch se songo ammaturate.
FELICE: Se songo ammaturate, D. Nic? (E cc a nespole va a fen lo fatto!). (Via pel
fondo a destra.)
NICOLA: Che bella cosa... che finezza de vino... Chesta butteglia vacante, levammela da
cc. (Prende la bottiglia vuota e via pel fondo a sinistra, ma torna subito.)
SCENA TERZA
Gervasio, Olimpio e Gemma, poi Nicola.
GERVASIO (dalla seconda a sinistra, va a spiare nel fondo): Non ce sta nisciuno, ascite
no poco.
OLIMPIA (dalla stessa porta): Maritemo add sta? V trova comme va a fen sta facenna.
(Gervasio fa uscire Gemma dalla prima a sinistra.)
GEMMA: Mamm, vuje state lloco? Io me so seccata de st cc dinto.
NICOLA (ritornando con due bottiglie piene).
OLIMPIA-GEMMA: (Ueh!).
NICOLA: Che veco!... aggio capito. Vuje site la sposa forse... e vuje site la mamma?...
Sissignore, se vede senza che me lo dicite... Accostateve, chesta che cosa , assettateve.
(Prende le sedie.) Finalmente ve site fatte ved, me pareveno mille anne.
GEMMA: (E si vene pap comme facimmo?). (Ad Olimpia.)
OLIMPIA: (Simme arruinate!).
NICOLA: E stu giovene chi ?
GERVASIO: Io me chiammo Totonno, le so fratello cugino.
NICOLA: Fratello cugino?... Bravo! E site venuto co la sorella e la zia.
GEMMA: Sissignore, laggio accompagnate.
NICOLA: E assettateve vuje pure, senza cerimonie.
194

GERVASIO: No grazie, io sto sempe allimpiedi, me piace de passi.


NICOLA: Comme vulite vuje... beviteve nu bicchiere de vino. (Va alla tavola e versa un
bicchiere di vino.)
GERVASIO: (Io faccio da spia sotto a la porta, si vene quaccheduno vavviso, e vuje
addeventate pupe). (Alle donne.)
NICOLA (col bicchiere di vino): Bevite.
GERVASIO: Alla vostra salute. (Beve.)
NICOLA: Ve pozza j ncuorpo. (Siede.) Io songo lo padrone de casa, Nicola Sarachella,
songo lo zio de Ngiulillo, de chillo che vavita spus.
GEMMA: Tanto piacere.
NICOLA: Comme ve chiammate?
GEMMA: Gemma.
GEMMA: Gemma? Bravo! E vuje?
OLIMPIA (si alza e fa un inchino): Olimpia, a servirvi.
NICOLA (fa lo stesso): Favorirmi sempre. (A Gemma:) Site veramente na figliola
aggraziata, e mamm pure na bella femmena.
OLIMPIA: E bonta vostra, per carit. Sono belli gli occhi vostri...
NICOLA: Ma no, proprio accuss. (E bravo nepotemo, ha saputo scegliere... la mamma
na simpaticona, sangue de Bacco!). Lo marito vuosto sta abbascio a lo ciardino, laggio
fatto assaggi lo vino mio, e m se sta facenno na passiata pe mmiezo a li frasche.
Solamente a sta figlia avite fatta?
OLIMPIA: S, solamente questa, ma essa figlia di primo letto.
NICOLA: Ah, avite avute duje marite?
OLIMPIA: Sissignore.
NICOLA: E se capisce, pecch na femmena comme a buje, certamente non la faceveno st
sola; appena rimasta vedova, subeto vafferrajeno. Io pure aggio avute quattro mugliere, e
starra frisco frisco pe me pigli la quinta, chaggia f, so biecchio, ma me sento ancora
forte.
OLIMPIA: Oh, si vede, si vede.
NICOLA: E io so stato chaggio obbligato a nepoteme che se fosse nzurato.
GEMMA: Ah, sicuro, lo ssaccio.
NICOLA: Io pe farlo cchi invogli, le dicette: che quanno me presentava a buje, e ve
spusava, le devo 200 mila lire... ma non overo, io non le dongo manco no centesimo; a
morte mia entra in possesso de tutto chello che tengo.
GEMMA: Facite chello che vulite vuje. Isso chesto a me non me lha ditto, n io me lo
sposo per interesse... lo voglio bene assai, isso pure me v bene, e simme contente.
Quanno non ce sta affezione, che se ne fanno de i denari? I denari fenesceno, ma
laffezione non fenisce mai, dura sempre.
NICOLA: Nce vonno tutte e doje cose, nenn...
GEMMA: Io so sicura che quanno maggio spusato lo nepote vuosto, quanno starraggio
vicino a isso, songo la femmena la cchi felice de stu munno.
NICOLA: Veramente?
GEMMA: Ve lo giuro!
NICOLA: (Che vucchella! Che diente! Che bella cosa!).
OLIMPIA: Essa mha ditto: Mamm, io a chillo voglio, chillo me piace, o chillo o
nisciuno, e io pe contentarla aggia avuta f la pupa...
NICOLA: La pupa?
195

GEMMA: Gi, la pupa... v dicere che ha avuta cal la capa!


NICOLA: E pap, pap contento?
OLIMPIA: Oh, se capisce, quanno voglio io, ha da vol purisso.
NICOLA: Non ve contradice mai?... E se sape, a na femmena comme a buje, niente se po
neg. Vuje si dicite nfaccia a nommo: vottete a mmare, chillo sha da vutt pe forza, non
ce stanno chiacchiere.
OLIMPIA: Oh, site troppo buono, vulite pazzi...
NICOLA: No; io non pazzeo dico veramente... Vuje site na sciasciona, na simpaticona, na
vera patanona! ... Mannaggia che site mmaretata, mannaggia!... Basta, po vedimmo...
Emb, m chaggio visto come la pensate, ve dico che veramente dongo a Ngiulillo,
appena sposato, la somma che laggio ditto. Aggio ordinato no bello pranzetto, aggio
mannato a mmit lo Rettore de lo Seminario e i maestri... volimmo st allegramente,
volimmo f cose de pazze! Lassateme j a ved m dinto a la cucina che se fa, pecch tutto
dipende da me, si non me movio, non se move nisciuno. (Si alzano.)
OLIMPIA: Nuje nce ritirammo dinto a li cammere noste.
NICOLA: Jate, jate, cchi tarde nce vedimmo. (Cchi tarde mad, vaggia da dicere na
cosa.)
OLIMPIA: (Chisto che b, ma che pazzo, pe chi mha pigliata a me). (Via seconda a
sinistra.)
GEMMA: A rivederci, zio mio... ve pozzo chiamm accuss?
NICOLA: Ma se capisce, accoss mhaje da chiamm, nepotella mia, zuccariello mio!...
GERVASIO (tossendo va vicino a Gemma): (Vene D. Angiulillo).
GEMMA: (Isso!). (Si ferma e resta da pupa.)
SCENA QUARTA
Angiolillo e detti.
ANGIOLILLO: Ziz, lo maestro... (Che! La pupa cc fore!).
NICOLA: Viene cc, birbantiello che s! E bravo! Tenive sto poco ncuorpo!
ANGIOLILLO: (Ha scommigliato tutte cose, m abbusco!).
NICOLA: Dice che non te volive nzur, e p haje combinato chisto servizio... e bravo lo
muchio surdo, se vatteva mpietto, guardava ncielo, e p invece de na femmena mha
presentata na pupatella.
ANGIOLILLO (spaventato): Zi Nic, aggiate pacienza, io non lo faccio cchi.
NICOLA: E ched, lo vulive f nauta vota? Arrassosia! Volive f commaggio fatto io?
Nonsignore... chesta ha da essere, e io Cielo te lha da guard pe ciente anne.
ANGIOLILLO (a Gervasio): (M moro da la paura, me credeva chaveva scoperto tutte
cose!).
GERVASIO: (Nonsignore).
ANGIOLILLO: (E comme va che non se n addunato?).
GERVASIO: (Comme se naddunava, steva io cc).
ANGIOLILLO: (Ah, gi).
NICOLA (a Gemma): E accuss, che cos... lavite visto, e non le dicit niente? Eh...
capisco... nnanze a me non sta. (Ad Angiolillo.) Tu pure non parl, pecch te miette
scuorno de me?... Ma volarrisseve parl... eh... io le capisco sti cose. D. Ant,
jammoncenne, venite con me, restammele sule.
196

GERVASIO: Ma D. Nic, vedite...


NICOLA: Chaggia da ved?... Venite co mmico... vuje comme a frate cucino non avita st
sempe attuorno a essa... emb, si no jammo malamente!
GERVASIO: Ma io...
NICOLA: E che io e io... Vuje site lo cucino?... E ghiammoncenne dinta a la cucina.
GERVASIO: E che nce jammo a f dinta a la cucina?
NICOLA: D. Ant, venite. (Lafferra per sotto il braccio e viano dal fondo a destra.)
ANGIOLILLO (a Gemma): Pe causa toja, maggio miso chesta paura, me stanno tremanno
li gamme sotto... chillo parlava de na cosa, e io me ne credeva naula... (Scena muta.)
Chella m na pupata, eppure me fa nimpressione che non se po credere.. ma quanto
bella!... che belluocchie che tene! Quanto me piace!... Ma pecch pupata, v, si fosse
femmena... non la guardarra manco nfaccia... e si capisce... primma di tutto pecch
faciarria peccato, e p, pecch maje comme a essa potarra essere... eh, si trovasse na
femmena comme a te... forse, forse, faciarra la scemit... pecch tu s bella, s aggraziata
assai...
GEMMA (sospira): Ah!... (Angiolillo la guarda tremando, poi si scosta.)
ANGIOLILLO: E ched, neh? Io non aggio toccato nisciuno bottone... chella me pare
chha sospirato... mamma mia, io m moro de la paura... quanto so ciuccio... sarr stato
quacche movimento de la macchina... aspetta, m faccio no poco de conversazione co
essa. (Prende una sedia e siede vicino a lei dalla parte sinistra, prende il manifestino
dalla tasca, legge e tocca un bottone alla cintura di Gemma.)
GEMMA: Buongiorno, signore... state bene?... (Parlando da pupa.)
ANGIOLILLO Benissimo! E voi? (Tocca un altro bottone.)
GEMMA: Sono bella, sar vostra, mi volete? (C.s.)
ANGIOLILLO: Ma s, ma s, ti voglio, e tu mi vorrai bene? (Tocca un altro bottone.)
GEMMA: Molto! Molto! Sposami subito, te ne prego. (Lo carezza con tutte e due le mani.)
ANGIOLILLO (cade a terra spaventato): Mamma mia!... Mamma mia... chella mha
allisciato... E p, sposami subito, te ne prego?... E chesto stammatina non lha ditto...
(Pausa, poi rassicurato.) Aggio pigliato no bottone pe nauto... v che paura che maggio
posta...
SCENA QUINTA
Gervasio e detti, poi Nicola e Pietro.
GERVASIO (dal fondo a dritta): Sta venenno lo princepale, nzieme co lo zio vuosto... sta
pupa la faccio tras dinto?
ANGIOLILLO: Sicuro, falla tras. (Gervasio tocca un bottone della cintura di Gemma, e
questa si volta a sinistra, e a piccoli passi come pupa entra prima porta a sinistra.
Gervasio la segue.) Quanto bella!... Quanto simpatica!... (La segue imitando la
camminatura di Gemma ed entra.)
NICOLA (dal fondo a destra seguito da Pietro che un po brillo): Ve piace lo ciardino?
PIETRO: Magnifico! Me lo chiammate ciardino... chella na massaria che non fenesce
mai... io me so sperduto, si non era pe lo giardiniere che mha mparata la strada, sarra
rimasto mmieze a li frasche... ma che aria! Che delizia!... Si me vene ncapo, me vengo
tutte cose, me piglio na casarella da chesti parte, e non me movo cchi da cc.
NICOLA: (Volesse lo Cielo, accuss vedarra la mugliera ogne ghjuorno!). E si facite
197

chesto, vassicuro che campate centanne!... Avite visto la cantina?


PIETRO: Sissignore, me lha fatta ved lo giardiniere, e che vino, neh, che sapore; me
songo proprio consolato, chello vino che quanno trasuto ncuorpo, non te fa pens a
niente cchi, te fa mettere de buonumore.
NICOLA: E non fa male, avite voglia de ve ne vevere... A proposito, sapite chaggio visto
la sposa?
PIETRO: Ah, lavete vista? Bravo! Che impressione vha fatto?
NICOLA: Magnifica? na bellezza rara! Solamente vuje sapite f chelli cose?...
PIETRO: Grazie, siete troppo buono. E co tutto chesto, lautriere, maspettava na folla de
gente a la casa, invece, la venettene a ved pochi giovinotti, e quacche viecchio che se
trovaje passanno. Lo Marchese Fiore, per esempio, voleva che avesse cacciata la lengua,
nce volevano i paccheri, o no?
NICOLA: Ma pecch... non tene la lengua?
PIETRO: Tene la lengua, ma non la caccia... pe qu ragione ha da cacci la lengua?
NICOLA: Oh, se capisce.
PIETRO: Allora, nce avarrieno volute 13 bottoni, e non si poteva... perch non capiscono,
che ll ogni bottone tiene 9 rotelline, 5 mollette, e un piccolo cilindro.
NICOLA: Tutta sta rrobba?
PIETRO: Ah, e che ve credete?
NICOLA: (V trova chisto che dice, io non io capisco!).
PIETRO: E pure, lhanno pigliato a pazziella, non hanno calcolato affatto la mia abilit.
Chella laggio fatta io sulo, capite, non so stato aiutato da nisciuno.
NICOLA: E se capisce.
PIETRO: Saccio che fatica me costa? Chella si la portava a Parigi, me lavarrieno pagata a
piso doro, ll solamente capiscono la rrobba bona!
NICOLA: (Chisto che sta dicenno... io non lo capisco!).
PIETRO: E la mamma... lavite vista la mamma?
NICOLA: Sicuro!
PIETRO: Ve piace?
NICOLA: Io m che vaggia dicere, me piace assai!
PIETRO (piano): Si me date mille lire vha dongo.
NICOLA: Eh!... (Meravigliato.) Me la date?!
PIETRO: Sicuro! M stata misa 800 lire, ma capirete, se io trovo a vantaggi...
NICOLA: E ve la vennite? E tenite sto core?
PIETRO: Uh! Tengo stu core?... oh! Chesta bella! Io faccio chesto da 12 anne, chesta
larte mia.
NICOLA: Ah, chesta larte vostra? E bravo! Evviva la franchezza. (V che bello
galantomo... appena sposa nepotemo lo piglio a cauce!). Va bene, dimane ve dongo la
risposta, nce voglio pens no poco.
PIETRO: giusto. Intanto, D. Nic, permettete che giro nauto poco, non potete credere
quanto me piacene sti siti.
NICOLA: Girate, girate, facite chello che vulite vuje, trasite da ll, guardate. (Indica la
seconda porta a destra.) Ll in fondo nce sta la loggia avite che ved.
PIETRO: Grazie, da qua vero?... Credete a me, fa bene no poco daria! Ah! Voglio
respir!... (A Nicola.) La mamma ve piace? Facite chello che vulite vuje, dateme mille lire
e pigliatevella... chesta larte mia, io accuss magno! (Via seconda porta a sinistra.)

198

SCENA SESTA
Angiolillo poi Felice.
ANGIOLILLO (dalla prima a sinistra): Gervasio non me v f st cc dinto, ha ditto che
se trase zi zio, pare brutto che me trova vicino a essa; ma quanto bella... quanto me
piace! M capisco pecch luommene se nzorano, pecch vedeno na bella figliola,
pensano sempe a essa, e se senteno friccec la sango dinto a li vene; io, per esempio, non
pozzo guard chella pupa che me sento na cosa intema, no movimento che non saccio
ched!...
FELICE: D. Angiol, io ve vaco trovanno pecch vaggia dicere na cosa.
ANGIOLILLO: Che cosa?
FELICE: Non dicite a zi zio che so venuto nzieme co buje a Napole pe gh a pigli la
sposa, dicite che non ne saccio niente, che non la conosco nemmeno, che tutto avite fatto
vuje.
ANGIOLILLO: Pecch?
FELICE: Pecch nce aggio pensato meglio, non me voglio trov mmiezo a no mbruoglio;
chillo zi Nicola ha sospettato quacche cosa; ha ditto nfaccia a me: Si Ngiulillo me
combinasse quacche mbroglia, io lo squartarra, le scepparra a capa da dinto a la noce de
lo cuollo... a isso e a chi le desse mano!
ANGIOLILLO: Comme! Chesto ha ditto!
FELICE: Chesto ha ditto! Vuje diciveve che zi zio era no scemo, non capiva niente...
Add! Chillo capisce tutte cose.
ANGIOLILLO: A me poco primme, mha fatto mettere laneme de la paura, pecch ha
ditto: Birbantiello, tenive chesto ppoco ncuorpo, te vatte mpietto, guarde ncielo, e p
mme combine chisto servizio... invece de na femmena, mhaje portata na pupatella!
FELICE: Scuse! E allora ha scoverto tutto?
ANGIOLILLO: No, pecch ha ditto: chesta ha da essere la mogliera toja, e pe ciente anne.
FELICE: Vha cuffiato, vha cuffiato... dateme lo cappello. (Gira per la scena.) Allarma
di chi vha allattato!
ANGIOLILLO: Aspettate.
FELICE: Chillo ha ditto pure che li nespole se songo ammaturate.
ANGIOLILLO: Qu nespole?
FELICE: Comme qu nespole, la paliata che aggia av.
ANGIOLILLO Chaggia f, io m me trovo, a chello che nesce nesce... anze m sapite
che faccio? Vaco a chiamm a zi zio, nce la presento, e vedimmo che succede... accussi
me levo lo pensiero.
FELICE: S, ma levateme da miezo a me.
ANGIOLILLO: Va buono, io ve levo da miezo. (Via dal fondo a sinistra.)
FELICE: Chillo tene cc tutti i coloni dipendente suoje, me la fa na cauciata, add me la
vaco a cagn?
SCENA SETTIMA
Benedetto, Ignazio, Alfonso, Bonifacio e detto.
BENEDETTO (di dentro): permesso?
199

FELICE: Ah, Lo Rettore! M lo dico pure a isso; favorite, fratello.


BENEDETTO (fuori): Pace e sanit, fratello! (Si leva il cappello e lo posa.)
IGNAZIO: Sanit e Provvidenza!
ALFONSO: Salve! (Si levano il cappello e lo posano.)
BONIFACIO: Salve!
(Si mettono a bere e mangiare biscotti vicino alla tavola.)
FELICE: Rettore, come va che siete venuti qui?
BENEDETTO: Abbiamo avuto linvito da D. Nicola Sarachella... un biglietto col quale ci
ha mandati a chiamare in tutta fretta per farci prendere parte anche a noi alla cena che d
stasera, in onore della sposa di suo nipote, e noi, regolarmente, siamo venuti per mangiare
e per ridere. (Ridendo.)
FELICE (guarda i tre): M finiscene li biscotte e lo vino... piano piano, fratelli... Che
ridere, Rettore, qua laffare ha pigliato no poco de fummo, lacqua si intorbidita.
BENEDETTO: Come sintende?
FELICE: Lo zio, credo, che ha scoperto tutto, ha capito che na mbroglia, ha capito che
quella una pupa.
BENEDETTO: Possibile!
FELICE: Io cos credo, e cos . Pecch tanto a me, che a lo nepote, ha parlato mazzecato
assaje? Ha ditto che se fosse ingannato, sarieno guaje pe lo nepote, e pe chi le d mano.
BENEDETTO: Questo grave, fratello! E come si fa?
FELICE: Io pe me diciarra de trovarce nuje da coppa.
BENEDETTO: Sicuro.
FELICE: Chiamammo a D. Nicola e dicimmele, che non cacciasse manco no soldo pe lo
nepote, perch quella che lha presentata, non femmena, na pupa.
BENEDETTO: Benissimo!... Che a noi non ci conviene di nascondere la verit.
FELICE: Perfettamente!
BENEDETTO: E come labbiamo saputo questo?
FELICE: Me ne sono accorto io, ed ho creduto regolare dirlo a voi.
BENEDETTO: Bravissimo!
IGNAZIO (avvicinandosi con gli altri due): Neh, che cos, scusate?
BENEDETTO: (Incominciamo da questi!). Dovete sapere, fratelli, che la sposa di D.
Angiolillo, non una donna, una pupa movibile...
I TRE: Come!... (Ridendo.)
IGNAZIO: Una pupa movibiie? (Lazzo di soffocarsi col biscotto.)
FELICE (gli d dei pugni nelle reni): E a chisto no biscotto de 3 mise chi nce io leva da la
gola! Perfettamente, na finzione che v f lo nepote pe se pigli 200 mila lire da lo zio.
ALFONSO: Nientemeno?
BONIFACIO: Una truffa?
IGNAZIO: Una cattiva azione!... E come lavete appurata, fratello.
FELICE: Sono stato io che lho scoverto.
BENEDETTO: Bisogna dire tutto allo zio.
I TRE: E si capisce!
SCENA OTTAVA
Nicola e detti.

200

NICOLA (dalla seconda a sinistra): Che bella cosa! Che bella cosa! Me laggio
abbracciata e me laggio vasata, non mporta chaggio avuto nu punio mpietto! (Vede gli
altri.) Oh, vuje state cc?... Assettateve, assettateve... E quanno site venuti?
BENEDETTO: In questo momento. Pace e sanit.
IGNAZIO-ALFONSO: Salve
BONIFACIO: Salutem dico vobis.
NICOLA: A grazia vosta.
IGNAZIO: Per omnia saecula saeculorum.
NICOLA: Ammen. Assettateve. (Seggono.) Io vaggio voluto invit, primma pav lonore
daverve a cena co me stasera, e p pe ve f conoscere la bella figliola che Ngiulillo sha
scegliuto. Capisco che una cosa che non ve fa troppo piacere, pecch Ngiulillo,
lintenzione soja era chella de farse preveto; ma so stato io, io propro che laggio fatto
cagn pensiero, pccch dico che quanno no giovene buono, buono sempe!
FELICE: (Nun lo date retta, chillo lo fa pe nce scanagli... ha ditto che tene le nespole
ammature). (A Benedetto.)
BENEDETTO: (Ho capito). Voi siete suo zio, e non dovete dar conto a nessuno del vostro
operato; ma per ho lonore di dirvi: che quando un giovine ha delle idee religiose, a
distorglielo, non mi pare corretto. Del resto, vostro nipote non mi pare che avesse ancora
abbandonata lidea di prendere il voto.
NICOLA: Come sintende?
BENEDETTO: Prego. (Offre tabacco; gli altri preti lo imitano.) Quelle, sono idee, sono
pensieri, sono doni che nascono con luomo, ed folle colui che possa credere di
scardinare quelle massime... folle!
I TRE: Oh! Folle!
NICOLA: (Ma che dice chisto, io non lo capisco). Scusate, aggiate pacienza, spiegateve
meglio.
FELICE: Ecco qua, signore... Voi col vostro carattere, con le vostre idee libere, avete
facilmente creduto che vostro nipote avesse in un momento cambiato pensiero, e si fosse
veramente ammogliato! Ma come poteva succedere ci? Ad una pianta di gelsomino che
nasce per poter un giorno profumare quel sito in cui lavete destinata; (forte) potete voi,
con qualunque potenza, qualunque forza, fargli perdere lodore e la fragranza? Folle colui
che pensa soltanto ad una simile cosa. Oh! Folle!
I TRE: Oh! Folle!
IGNAZIO: Folle!
NICOLA: (Ma ched sta folla?). Sentite, io confessa la gnoranza mia, ma non ve capisco.
IGNAZIO: Ecco qua. (Prende tabacco con lazzo.) In altri termini, il giovine vostro nipote,
non ha tenuto la forza di cambiare pensiero...
NICOLA: E pecch? (Con lo stesso tuono.)
IGNAZIO: E per salvarsi, ha cercato con unastuzia, di farvi contento. Oh, se non fosse
stato cos, lavrei dichiarato folle.
I QUATTRO: Oh, folle!
NICOLA: (Nauta vota la folla!).
BONIFACIO: Permitte domine, Nicola, quod ego intromittam in hoc negotio.
NICOLA: (Che v chillo m).
BONIFACIO: Quod natura dat nemo tollere potest! Non oportet obstaculare passus
invenis, qui vult se facere sacerdotem, vos autem ex contrario commitite summum
peccatum, quod femina est infernum personificatum! Oh, insanus!
201

I QUATTRO: Oh, insanus!


NICOLA: (Chillo mavarr ditto nu cuofeno de male parole, e io non lo pozzo risponnere,
pecch ha parlato turco). Insomma io pe quanto aggio potuto cap, vuje nce lavite cu
mico e cu nepoteme, pecch non avarrisseve vuluto che se fosse nzurato; ma ve torno a
dicere, che la volont stata la mia, e credo che avesse fatto buono!
BENEDETTO: Oh, questo lo vedremo pi tardi, alla presentazione della sposa. (Ride.)
IGNAZIO: Della bella figliuola scelta. (Ride.)
FELICE: O per meglio dire del magnifico lavoro meccanico. (Ride.)
TUTTI: Ah, ah, ah, ah!
SCENA NONA
Pietro e detti, poi Angiolillo.
PIETRO: Signori.
NICOLA: Ah, bravo, justo justo, ve presento lo padre de la sposa.
BENEDETTO: Tanto piacere! Voi dunque siete il padre della bella sposa?
PIETRO: A servirvi.
IGNAZIO (ride): Egli il padre di quella tale figliola?
FELICE (ride): Sicuro! Sicuro! (I preti ridono.)
PIETRO: (Chiste pecch ridono!?).
BENEDETTO: Ma non bisogna ridere, fratelli, il signore un artista degno di stima e di
ammirazione. Pietro Fanelli, questo il vostro nome.
PIETRO: Sicuro.
BENEDETTO: Bravissimo!... I giornali fanno meritamente i vostri elogi. Egli il padre,
non solamente della sposa, ma mi pare anche di un cane?
FELICE (ridendo): Egli il padre di un cane?... (Tutti ridono.)
PIETRO: Ah, sissignore, Blok. Ma il cane oramai una cosa vecchia.
BENEDETTO: Lo so, lo so. Voi adesso avete toccato lapice dei meccanismo. Io, per dirvi
la verit, deploro soltanto, che un artista come voi, si sia prestato a fare una finzione, ed
abbia accondisceso ad essere complice di una falsit.
PIETRO: Ah, capisco quello che volete dire, ma io non ne so niente padre, io non ho fatto
altro che vendere il mio lavoro... perch cosa sia servito poi non lo so.
I PRETI: Ah, ah, ah!... non lo sa. (Ridono.)
NICOLA: (Io vularra appur chiste pecch rideno!).
ANGIOLILLO (dal fondo): Ziz, state cc?... Che beco!... Lo Rettore, lo maestro... (Bacia
la mano a tutti.)
BENEDETTO: Benedetto, figlio mio.
IGNAZIO: Benedetto, benedetto.
ANGIOLILLO: E come va che site venuti cc?
NICOLA: stata na sorpresa che taggio voluta f io, tha fatto piacere?
ANGIOLILLO: Ma ve pare? Assai, assai!
BENEDETTO: Siamo venuti per conoscere la bella sposa.
IGNAZIO: Per vedere il vostro gusto. (Quasi ridendo.)
NICOLA: Va, Ngiul, falla ven.
ANGIOLILLO: Subito. (Cielo mio, aiuteme tu!) (Entra 1 porta a sinistra.)
NICOLA: Vedarate nangiulillo, na pupatella!
202

BENEDETTO: Proprio! Quello che ! (Ride.)


IGNAZIO: Che bont di uomo! Che cretinismo!
SCENA ULTIMA
Angiolillo e Gervasio, poi Gemma, poi Olimpia e detti.
ANGIOLILLO (a Gervasio): (Lavete caricata bene?).
GERVASIO: (Non ci pensate). Signori, arriva la sposa.
FELICE: Ecco la bella sposina!... (Tutti si tirano in fondo lasciando un vuoto nel mezzo.
Gemma esce a passi perfettamente come una pupa, arrivata nel mezzo della scena sin
china a dritta, poi di fronte, poi a sinistra, indi si ferma di faccia al pubblico. Felice
vicino a Gemma.) (Sicuro! Sicuro! Ma pe causa toja na paliata!).
GERVASIO: La signora Olimpia, sua madre. (Olimpia esce perfettamente come uscita
Gemma e si situa vicina a lei.)
FELICE: (Cerini, volete!). (Mettendosi nella posizione di Olimpia.)
IGNAZIO: Pure la madre? Bellissima!
BENEDETTO: E questa pure opera vostra?
PIETRO: Perfettamente!
BENEDETTO: Oh! Basta, basta signori. Facciamo terminare questo scherzo, che offende il
nostro amor proprio e la nostra coscienza!... Angiolillo, quando mai tu hai solamente
pensato ad una mistificazione qualunque, quando mai tu hai tenuta tanta passione ai
danaro, da farti commettere unazione indegna di un galantuomo?... Signor Nicola, voi
siete stato ingannato da vostro nipote!
NICOLA: Ingannato! (Guarda Angiolillo.) E in che modo?
BENEDETTO: Egli per non perdere la bella somma promessa vi ha presentato una giovine
che non pu sposare.
NICOLA (guarda Angiolillo): Non p spus! E pecch?
BENEDETTO: Pecch questa non una donna, una pupa!
NICOLA: Eh! (Ridendo.) Na pupa?...
BENEDETTO: Sissignore, tanto lei, quanto la madre!
NICOLA: Vuje che dicite? (Ridendo.)
BENEDETTO: La verit!
ANGIOLILLO Ma Rett, scusate, questo non si fa, allora pecch me facisteve part?
BENEDETTO: Per giungere a questo, cos vostro zio non pensa pi ad ammogliarvi. (Lazzi
di Nicola e Felice.)
NICOLA: Ma aspettate, scusate, vuje dicite che chelle so doje pupe?
PIETRO: Sissignore, D. Nic, laggio fatte io e vostro nipote se lha comprate per 3800
lire, ma cheste fanno qualunque cosa, tutto chello che vulite vuje!
NICOLA: Ma che, mavite pigliato pe quacche pachiochio a me; ma vuje co chi ve credite
de tratt? Ma comme chelle erano 2 pupate, e io po le pigliavo pe femmene?... Cheste so
tutte cose che dicite pe non fa nzur a nepoteme, pe metterlo a maluocchio co me! Chelle
so 2 femmene ncarne e osse!...
I PRETI: Bravo! Bravo! (Stringono la mano a Pietro.)
PIETRO: Ma questo il colmo del successo! (Con gioia.)
NICOLA: Nepote mio, viene cc, non te nincaric, non te pigli collera. Tu te vu nzur?
ANGIOLILLO: S, Zi Nic, e m lo faccio co tutto lo core!...
203

NICOLA: Vuje che dicite, che chella na pupata? Emb, io le faccio spus a sta pupata. (I
preti ridono:) E chellauta, la vedite chellauta pupata, la mamma, la mamma... me
laccatto io! E comme me laggia abbracciata e vasata poco primme, m me labbraccio e
me la vaso naula vota nnanze a buje. (Per abbracciare Olimpia.)
OLIMPIA (fuggendo per la scena): A chi! Ma vuje overo site pazzo! (Gemma la segue.)
TUTTI: Che!! (Movimento di tutti per la scena.)
PIETRO: Muglierema! (La insegue tenuto da Gervasio.) Svergognata, lassame Gerv, lle
voglio cec nuocchio!...
BENEDETTO: Fermatevi!
IGNAZIO: Calma, calma!
PIETRO: Thaje fatta abbracci e vas?
OLIMPIA: S, ma laggio dato nu punio mpietto!
PIETRO: Ma comme ve trovate cc, parlate!
GEMMA: Pe nisciuna cosa de male, pap. Siccome lauto juorno, toccanno le 2 pupate se
guastajene le machine... nuje subeto le mannajemo accunci e pe non farve sap niente,
nce metteteme nuje a lo pizzo lloro... e p simme venute cc, primme pe f cammen la
finzione, e p pecch stu giovene me piace e me lo voglio spus.
PIETRO: Bravissimo!
NICOLA (ad Angiolillo): Ma allora tu sapive che non era na pupata?
ANGIOLILLO: Se capisce, caro zi Nicola. (Guarda Gemma:) E ve pare, io portava na
pupata a buje.
FELICE (a Pietro): E buje p comme avite creduto che chelle erano le pupate voste?
PIETRO: Pecch laggio fatte tale e quale a loro.
NICOLA: Sangue de Bacco, stato curiuso stu fatto. Vuje perci mavite ditte, a Parigi me
la pagarrieno a piso doro?
PIETRO: Perfettamente!
NICOLA: M aggio capito, stato bello lo sbaglio!... Allora che volite fa acconsentite a stu
matrimonio?
PIETRO: Ma ve pare, na fortuna pe me!
NICOLA (unisce Angiolillo e Gemma): Allora spusate, e lo Cielo ve pozza benedicere.
GEMMA: Oh, che piacer!
NICOLA: Credo che m, fratelli, non redite cchi?
BENEDETTO: Credendo che era un inganno abbiamo fatto il nostro dovere. (Stringe la
mano a Nicola.)
PIETRO: Gerv, tu p sapive tutte cose, e non mhaje ditto niente?
GERVASIO: Pe non ve f pigli collera, princep.
NICOLA: Basta, non ne parlammo cchi; chesta stata na cosa che mha fatta piacere
assai, m faccio mettere nfrisco 8 butteglie de sciampagna... masto, jammoncenne.
FELICE: Aspettate, D. Nic, ve voglio f ved sta giovene comme fa naturale la pupa...
ognune avarra pigliato nu sbaglio.
NICOLA: S, s, voglio ved.
FELICE: Scusate, signor, cantate quella cosettina.
GEMMA: Subito. (Si situa in mezzo a proscenio.)
FELICE: Gervasio, toccateme sti bottone. (Indica la cinta di Gemma.)
GERVASIO: Subito. (Tutti si mettono intorno.)
GEMMA (canta):
Pap mi disse teh (scocca il bacio)
204

Mamm mi disse toh (c.s.)


E il bacio qui con me
Sul labro mi rest!
Mamma qui morsic
Pap qui mal mi f
Ma quel dolor cess
Col bacio che mi di
Ebbi dolor
Ebbi piacer
Ma fu il piacer
Pi del dolor.
TUTTI A CORO:
Pap mi disse teh!
Mamm mi disse toh!
E il bacio qui con me
Sul labro mi rest
(Applaudendo Gemma cala la tela.)
Fine dellatto terzo

FINE DELLA COMMEDIA

205

A CAMMARERA NOVA
da La Tigre reale, di Eissenchitz
Commedia in tre atti
Personaggi
Pasquale Cotugno, Felice Sciosciammocca
Errico Battaglia, cappellaio
Alfonso Battaglia, capitano dei pompieri
Achille Pagnotta, medico
Alberto Conocchia, guantaio
Totonno, parrucchiere
Ciccillo Ventresca, cuoco
Michele, pompiere
N. tre pompieri, che non parlano
Teresina Cotugno, madre di Pasquale
Concetta Palomma, cameriera
Erminia Battaglia, moglie di Errico
Ninetta Esposito, cameriera
Adelina Cotugno, nipote di Pasquale
Lazione si svolge a Napoli.

ATTO PRIMO
Camera con due porte in fondo, e tre laterali. Una finestra a destra prima quinta. In fondo
nel mezzo uno stipone. Un tavolino con occorrente per scrivere. Sedie, ecc.
SCENA PRIMA
Concetta, Teresa, Adelina.
CONCETTA (parlando a destra): Va bene, va bene, me ne vaco, vuje comme la tirate a
luongo! Comme fatico cc fatico a nata parte!
TERESA (uscendo con Adelina): Ch stato? Ch succieso?
CONCETTA: Laggio cu D. Pascale lo marito vuosto, ca mha fatto nata cancariata e
mha ditto cassolutamente me naggia j!
TERESA: Aggio pacienzia, Conc, che vu ca te dico, chillo nervuso! A te non te
mancarr na casa comme a chesta, e forse meglio de chesta.
CONCETTA: Ma ve pare, signora mia; io primma de tutto pe vuje faccio qualunque cosa.
E p chi se fide de st cchi dinta a sta casa, mamma mia! Io aggio saputo ca ogge vene
pure la cammarera nova.
TERESA: S, na figliola ca mha proposta lo sanzale.
CONCETTA: Lo saccio, lo saccio! Seh, e assaje nce dura co lo marito vuosto. Per, sign,
isso mha da f lo certificato de ben servito.
TERESA: Ah! Se capisce!
CONCETTA: A me non ce sta niente da dicere, me ne vaco pecch portavo quacche lettera
206

de la signurina a lo nnammurato sujo, D. Alberto Conocchia. Ma senza scopo dinteresse.


ADELINA: Grazie, grazie Concett! Per zi zio have voglia de f, have voglia de dicere,
che io Alberto maggia spus! A rischio de qualunque cosa! Pecch ha da essere tanto
cuntrario a stu matrimonio? Alberto nu buono giovane, educato, e me v bene. Forse
pecch fa lo guantaro? E che male nce sta?
TERESA: Si tu te faje sentere, e faje chiacchiere, peggio per te! Cu Erminia soreta non
faceva lo stesso? Ammuine, allucche, pecch afforza se vulette spus a D. Errico, doppo
seje mise non ha parlato cchi.
ADELINA: Lo saccio, ma nun lo v ved manco muorto, e chella povera sora mia quanno
nce vene a truv vene essa sola. E na bella cosa chesta?
TERESA: E chiano chiano, se vede accunci pure stu fatto.
CONCETTA: Chella giovane, cara signora, lavita cumpat.
ADELINA: Si tenesse a mamm e pap tutto chesto non sarra.
TERESA: Ma pecch, io forse nun te voglio bene comme a na figlia?
ADELINA: Io non parlo de vuje.
TERESA: E Pascale pure te v bene. Trova quacche difficolt quanno tesce nu
matrimmonio ma lo fa pe te mmaret bbona, pe te f av na furtuna.
ADELINA Io la fortuna laggio truvata. Alberto me v bene, me piace e a chillo voglio!
TERESA: E a chillo te piglie, ma haje ten cchi maniere, e nun lhaje da pigli de faccia!
SCENA SECONDA
Erminia e dette.
ERMINIA: Zi zi buongiorno.
TERESA: Buongiorno, Erm.
ERMINIA (ad Adelina): Ch stato, pecch staje accuss?
TERESA: Lo ssoleto, nun lo ssaje? Pascale nun v che fa ammore cu Alberto.
ERMINIA: E pe chesto taflligge? Sora mia, ne putarrisse f ammeno! Tu saje caggio
passato pe spus Errico!
ADELINA: Ma m sta facenno peggio! Ha ditto che se lo trova cc nata vota lo rucelea pe
li grade!
CONCETTA: E pe stu fatto nha cacciato pure a me, pecch se crede ca io le dongo mane!
ERMINIA: Va buono, chillo zi zio fa accuss, ma in fondo p nu buono ommo e nce v
bene.
TERESA: Oh, chesto certo!
ERMINIA: Basta. Che me dicite de la lettera che ve mannaje aiere ssera, vulite ven nu
pare de juorne a la casa mia? Dimane dummeneca de carnevale, nce spassammo nu
poco. Errico nhave tanto piacere, ogge e dimane sta tutta la jurnata a la casa.
TERESA: Io me metto paura ca Pascale lappurasse!
ADELINA: Comme lappura, nuje avimmo cumbinato accuss bello!
ERMINIA: E cavite cumbinato?
TERESA: Facimmo a ved che ghiammo a Puortice adda commara mia, pe nu pare de
juorne.
ERMINIA: Bravissimo!
ADELINA: Isso pure stammatina adda j a Caserta pe ved na massaria che se venne.
ERMINIA: Bravo! Allora stamme a cavallo!
207

CONCETTA: Spassateve signur, alla fine vuje non facite niente de male! Permettete, io
me vaco accunci tutta la robba mia. Quacche vota ve pozzo ven a truv?
ERMINIA: Anze, me faje piacere. Ma comme, doppo quatte anne se ne manne na
cammarera?
CONCETTA: Emb, che nce vulite f! Ne vene nata meglio de me... e sta frisco! (Via.)
ERMINIA: stato nu peccato, pecch Cuncettella na bona figliola, affezionata a la casa,
faticatora, quieta.
ADELINA: Io pe me a chella che vene, nun la guardarraggio manco nfaccia!
TERESA: Anze, tu haje f ved ca la tratte bone, e che non tha fatto dispiacere che se n
ghiuta Cuncettella.
ERMINIA: E se capisce!
TERESA: E accuss Errico comme se porta?
ERMINIA: Che vaggia dicere zia mia, aggio truvato proprio na perla de marito. Nun have
cchi che f pe vederme cuntenta. Fatica, puveriello, da la matina a la sera! Nun me fa
manc niente, qualunque gulio me vene me lo fa pass! Appena tengo nu dulore de capo
nun ragione cchi, subbeto manna a chiamm a Don Achille lo miedeco, vi assicuro ca
nun lo putevo truv meglio! E zi zio ca nun lo p ved! Nun putite credere che currivo ca
me sento!
ADELINA: E t marito! Figurate lo currivo ca me sento io!
ERMINIA: Basta, io me ne vaco, venite ampressa.
TERESA: A mjeziuorno stamme a casa toja.
ERMINIA: Bravo! Dimme faccio na lasagna ca vaggia f allecc li dete! Adel, e statte de
buon umore, statte allegra! Zi zi io vaspetto mpunto mjeziuorne, e nun perdite tiempo,
spicciateve!
TERESA: M venimmo, m venimmo! (Erminia via.) Aggia scrivere na lettera a la
commara a Puortice dicennole ca si pe cumbinazione vede a Pascale dicesse ca simme
state ll sti duje juorne.
ADELINA: Ah, se capisce! Lo vedite cc a zi zio sempe cu chella faccia arraggiata!
TERESA: Nun lo risponnere!
SCENA TERZA
Pasquale e dette.
PASQUALE (in veste da camera e berretto): S, te dico na cosa, nun me parl de
Cuncettella, de la f rimman, de la perdun, pecch me faje f cose de pazzi! Io non
intendo che stia pi in questa casa, scostumata, na lazzarona! Nun la voglio ten cchi,
inutile che mi pregate, basta!
TERESA: Cc nisciuno te sta preganno! Haje ditto ca se nadda j, e se ne va, a nato ppoco
vene pure la cammarera nova.
PASQUALE: Bravo! Sera arrivato a nu punto ca nun se puteva j cchi nnanze! Primmo de
tutto s miso a f ammore nientemeno cu nu sguattero de cucina, il quale continuamente
laspetta mmiezo li grade, e ll se metteno a chiacchieri, e chi passa adda tenere la
cannela a loro!
ADELINA: Chesto non overo!
PASQUALE: Silenzio voi... con voi poi faremo i conti! E chesto sarra stato niente, fino a
che faceva ammore mmieze li grade comme le gatte nun me mpurtava, ma m aveva
208

accuminciato a purt lettere amorose... e di chi poi?... De nu disperato!...


ADELINA: Ma vui ve ngannate zi zi, Alberto nun sta disperato. Informatevi meglio.
PASQUALE: Me so informato, me so informato... bella cosa nu guantaro, attaccare
parentela cu nu guantaro, e chesto nce mancarra! Tu lo capisce ca io so nu signore, che
mio padre stato assessore Municipale, oggi o domani mi faranno consigliere e poi
assessore e... e co lo tiempo pozzo addevent pure sinneco... chi lo ssape!
ADELINA: E Alberto a maggio ha ditto che mette la puteca a Tuledo... ve pare niente?
PASQUALE: Me fa tanto piacere; quanno aggio bisogno de guante vaco addo isso, ma che
sposa a te, chesto se ladda luv da la capa! Tu dipendi da me, sono tuo zio e tutore. (A
Teresa.) Tu nun rispunne?
TERESA: Chaggia risponnere! Nce laggio ditto che a te stu matrimmonio non te fa
piacere... (Fa segno di tacere ad Adelina.) Pe m... appriesso p se vede.
PASQUALE: Che appriesso e appriesso, nun me farr piacere mai. Sicuro, m facimmo lo
fatto de chellata capricciosa de sorete che pe se mmaret sha pigliato a nu cappellaro...
Bellonore... non ce pozzo penz, ten nu nepote cappellaro
ADELINA: Chesto nun v dicere niente, basta ch nu giovane onesto, la v bene, e lha
fatto felice.
PASQUALE: E io nun la pozzo cchi tratt pecch nun sta a livello mio... e basta sa... nun
voglio parl cchi cu te. (A Teresina.) Te prego nun la f parl!
TERESA: E gi, m lappile la vocca... Statte zitto, ah... famme stu piacere...
PASQUALE: Ajere ssera me pigliaje chello poco de collera, neh pe chi? Pe na femmena de
servizio. Maggio fatto nu suonno stanotte ca nun saccio comme nun s muorto! Neh!
Che me vaco a sunn? Che nientemeno Cuncetta me pesave dinto a nu murtale! Maveva
fatto addevent na papocchia! Io diceva: Va buono m; fenimmole, statte cujete, e essa
niente, co lo pesature mmane scamazzave, ntrunchete, ntranchete. senza piet! P ha fatto
nu purpettone e me steva menanno dinto a lo fumo. Appena aggio visto le fiamme stata
tale la paura che me so scetato. Figurateve si la pozzo ten cchi dinta a la casa mia.
Chella stata na visione. Si la faceva st nato ppoco chi sa che guajo avarra passato!
TERESA: Va buono. Cheste so le solete esagerazione toje!
PASQUALE: Sarr. M che vene la cammarera nova falle tutta la scola, nun la d
chiacchiari, nun adda f ammore, nun adda purt lettere amorose a nepoteme, si no
laccumpagno a cauce abbascio a lo palazzo!
TERESA: E se capisce! Intanto io m sto penzanno, nuje jammo a Puortice adda cummara.
Tu ajeressera diciste ca jve a Caserta a ved la massaria che se venne. Chi rimane p cc?
PASQUALE: Comme chi rimane? A cammarera nova!
TERESA: E nun me pare na cosa regolare, nun sapimmo ancora chesta chi , la
rummanimmo dinta a la casa.
PASQUALE: Emb, comme vu f?
TERESA: Si nun te dispiace, aggio ditto a Cuncettella che rimanesse fino a dimane a ssera,
nce fa ved luso de la casa. Si p te dispiace nun ne parlammo cchi!
PASQUALE: Va bene, trattandosi fino a domani, per nun la voglio ved.
TERESA: Nonsignore, nun te la faccio ved; lhaje da f sulamente lo certificato de ben
servito.
PASQUALE: Sicuro, lo certificato nce lo faccio! (Nce lo voglio f comme dichio!).
TERESA: Jammo Adel, jammece a pripar.
ADELINA: Eccome cc. Zi zi vi bacio la mano.
PASQUALE: Grazie, nun fa niente, andate!
209

ADELINA: Abbasta ca non ve pigliate collera, io faccio tutto chello che vulite vuje!
PASQUALE: Va bene, andate! (Le due donne viano a sinistra.) Povera figliola da na parte
me fa pena, ma io non posso mai permettere ca se sposa a nu guantaro!
SCENA QUARTA
Achille e detto.
ACHILLE: permesso?
PASQUALE: Oh, dott, favorite, accomodatevi!
ACHILLE: Grazie tanto! E cos, come state?
PASQUALE: Non c male. Dott, aggio passato na brutta nottata cu nu suonno che
maggio fatto!
ACHILLE: E che suonno? Putesseme f li nummere?
PASQUALE: Ato che nummere! na cosa stranissima! Pare che Concetta la cammarera
maveva miso dinto la nu murtale e co lo pesaturo me scamazzave.
ACHILLE (ridendo): Ah! Ah! Chesto bello!
PASQUALE: Io ce diceva: basta, finiscila, e chella cchi ncasava la mano! Al momento
che so diventato nu purpettone e essa me vuleva nfun, io vedenno le fiamme me so
scetato. Figurateve comme me sento; dulore de capa, tutto stunato...
CICCILLO: Fatemi vedere la lingua. (Pasq. esegue.) La lingua non sta male. Ieri sera
avete cenato?
PASQUALE: Niente, manco lacqua! Doppo chello ppoco de collera che me pigliaje co la
cammarera, pensavo a cen?
ACHILLE: Ajeressera vappiccecasteve co la cammarera?
PASQUALE: Laggio cacciata, non fa cchi pe me!
ACHILLE: Pe causa de chillo giovinotto, lo nnammurato dAdelina?
PASQUALE: Perfettamente!
ACHILLE: E allora quella stata la ragione! Vi siete coricato nervoso, arraggiato pe causa
de la cammarera, e vavite sunnato che ve scamazzava into a lo murtale!
PASQUALE: Gi, quanno io la cacciaje, essa teneva lo pesaturo mmane, steve pesanno lo
sale, dicette: Va buono, me ne vaco... Ah! Comme scamazzo stu sale vularria scamazz la
capa e chi dichio!
ACHILLE: Ah, nc stato pure chesto?
PASQUALE: Gi, gi!
ACHILLE: Succede sempre cos! Il sogno non altro che la visione di quello che noi
desideriamo o temiamo assai! M ve scrivo nu calmante per i nervi, e ve lo piglierete a
sorsi durante la giornata. (Scrive.)
PASQUALE: Grazie, dott! (Si piglia la ricetta.)
ACHILLE: Vuje ve pigliate troppa collera caro D. Pasquale, voi dovreste essere pi
sciolto.
PASQUALE: Vorrete dire che mi devo purgare?
ACHILLE: No, dico che dovreste essere meno colleroso, non arrabbiarvi mai.
PASQUALE: na parola!
ACHILLE: Oh, D. Pasc, io sono venuto per rivolgervi una preghiera.
PASQUALE: Na preghiera? E di che si tratta?
ACHILLE: Ecco qua, voi sapete che io sono amico stretto di Errico Battaglia, il marito di
210

vostra nipote Erminia. Ieri andai a casa sua, e parlando cos, in discorso mi fece capire
che avrebbe piacere di avvicinarsi a voi. Essendo ormai vostro nipote, le sembra brutto
essere trattato in questo modo. Se voi credete di smettere questa indifferenza io ve faccio
f pace.
PASQUALE: Dott mi dispiace, ma non posso! La mia dignit non lo permette! Errico
Battaglia ha parlato assai male sul mio conto, ha detto parole che non le posso
dimenticare! Nu juorno me chiammaje: Ommo de stoppa! Capite, uomo di stoppa! E poi
tante altre cose che meglio che non le ricordo! Seje mise fa se spusaje a nepoteme,
vincettene lo punto, e m nce facimmo le fatte nuoste, lloro stanne cuiete da na parte e
nuje da nate! Erminia padrona de ven quanno v, ma Errico Battaglia non lo voglio
vedere pi! Scusatemi, dott!
ACHILLE: Ma niente, per carit! Don Pasc, scusatemi se vi faccio una domanda: vero
che 15 giorni fa a na cena che ve purtaino certi giovanotti ve presentaino a na figliola che
steva ll e che vuje dicisteve de chiamarvi Errico Battaglia?
PASQUALE: Chi ve lha ditto?
ACHILLE: Me lha ditto il figlio dun mio cliente, aggiungendo ca vuje pigliasteve na
pella nummero uno!
PASQUALE: Dott, pe carit, nun alluccate, nun voglia maje lo Cielo e sente muglierema!
Io passaje nu brutto guajo chella sera, nun saccio comme so vivo! Duje amice mieje me
vulettene purt a cena de giardine de Torine, ll truvaimo a na figliola ca steva cenanno
co lo frate, ma ve dico nu vero zuccariello! La chiammamo e la vuletteme pe forza f
assett a la tavola nosta. Essa subbeto accettaje. Io per nun vulette dicere lo nomme mio
pe paura ca se fosse appurato, e nel momento della presentazione, nun sapeva che nomme
dicere, me venette mmocca Errico Battaglia!
ACHILLE (ride): Ah! Ah! E veramente ve mbriacasteve?
PASQUALE: Cos, nu poco! Non abituato a bere tanto! Ma lo guajo lo passaje cu chella
figliola, la quale non se vulette movere cchi da vicino a me! Serano fatto li tre doppo
mezanotte, non me fidavo cchi, e pe me la luv da tuorno ce dicette: Vi sposer, anima
mia!
ACHILLE (ride): Oh, bella, bella veramente!
PASQUALE: Ma dott, vi assicuro, nu tipo nuovo, eccentrico, si chiamava Gemma, ed era
veramente na Gemma, che bucchella, che diente, che manella...
ACHILLE: E da quella sera non lavite vista cchi?
PASQUALE: No, fortunatamente! Dott, ve raccomando!
ACHILLE: E ve pare... chesto che cos, mavite pigliato pe na criatura! Ma stateve
attiento per! Si la mugliera vosta appura na cosa de chesto comme facite?
PASQUALE: Ah, non ce penzate! Ho fatto giuramento di non capitarci pi!
ACHILLE: Dunque, per laffare de D. Errico, non pu essere?
PASQUALE: Mi dispiace caro D. Achille, ma non posso! Isso se fa li fatte suoje e io me
faccio li mieje!
ACHILLE: Va bene. Intanto ho creduto mettermi in mezzo perch speravo farvi far pace.
Buongiorno D. Pasc, e ricordatevi di mantenervi sciolto, tutto sciolto! (Via.)
PASQUALE: Ma vedete che cos Napoli, io me credevo ca nisciuno sapeva niente de lo
fatto de chella sera, e lo duttore sape tutte cose! Ma che simpaticone chera chella
Gemma, non me la pozzo scurd, che sciasciona... (Via a destra.)

211

SCENA QUINTA
Concetta, Alberto, poi Pasquale.
CONCETTA (vestita per uscire): Nun ce sta nisciuno, trasite, trasite, D. Alb.
ALBERTO: Grazie, grazie Concett, tu s proprio la fata mia!
CONCETTA: E m sta fata vosta sparisce pecch lo padrone lha licenziata...
ALBERTO: Tha licenziata?! E pecch?
CONCETTA: Pe causa vosta! Ha saputo che io porto le mmasciate a la signurina.
ALBERTO: Ma che male nce sta chio faccio ammore co la nepote, perch tantodio contro
di me, io non capisco?
CONCETTA: Chillo nu pazzo, che vulite ca ve dico? Ma a vuje nun ve mporta, la
signurina ve v bene assaje, e chesto ve lo pozzo assicur io.
ALBERTO: Oh, grazie, grazie, cu sti parole tu me cunzuole. Me dispiace sulamente ca pe
causa mia haje perduto lo posto!
CONCETTA: No, io sempe me ne jevo, nun me fidavo de sta cchi dinto a sta casa! M
sentite D. Alb, ve voglio d na bona notizia. La patrona nzieme co la signurina m fanno
a ved ca vanno a Puortice adda commara, e invece vanno a la casa de D. Errico
Battaglia, lo marito de D. Erminia, a lo largo de la Carit N. 83, e ll se starranno ogge e
dimane, jatece pure vuje cu na scusa.
ALBERTO: Sicuro ca nce vaco! Errico Battaglia amico mio.
CONCETTA: Benissimo!
ALBERTO: Grazie, Concett, de tutto chella ca faje pe me!
PASQUALE (uscendo con soprabito; tossisce ad Alberto): Insomma D. Alb, non la volete
finire?
ALBERTO: Vedete D. Pasc, io era venuto pe ve parl nata vota e dirve ca io so pronto...
PASQUALE: Non voglio sent niente! Voi siete pronto e io no! Io vaggio ditto ca stu
matrimmonio nun se fa!
ALBERTO: Ma per quali ragioni?
PASQUALE: Io non sono obbligato a dirvi la ragione. Voi siete un buon giovane, ma
disgraziatamente non vi potete apparentare con me. Voi siete guantaro, vero? E non fate
per mia nipote, comme ve laggia d? Cantanno, sunanno, abballanno! Io nu guantaro a
mia nipote nun ce lo voglio d!
ALBERTO: Ma scusate, perch? Che lavita dicere a stu guantaro? Avite saputo forse che
vaco facenno male azioni? Che so nu sfaticato, nu mbruglione? Stu guantaro, D. Pasc,
nu giovane onesto e di buona famiglia, stu guantaro tene core mpietto, e sanghe dinto a li
vene, e vedennose tratt de chesta manera capace di qualunque cosa, capite?
CONCETTA: E se sape...
ALBERTO: Non ne parlammo cchi! Aggio fatto lo galantomo fino a m, e me vulevo
regol comme se regola ogne giovane onesto, ma nun me mporta, pensammo
diversamente. Adelina, ricordatelo, adda essere de la mia, e doppo che nce avessa appezz
la vita, la mia sarr! Stateve bene! (Via.)
PASQUALE: Queste minacce non mi fanno impressione... (A Concetta.) Tu ancora te
nhaje da j?
CONCETTA: La signora mha pregato de rest fino a dimane a ssera pe f cumpagnia la
cammarera nova e pe lle f cap luso de la casa.
PASQUALE: Ah, la signora tha pregato?
212

CONCETTA: Gnors!
PASQUALE: E va bene, taggia suppurt nata jurnata, nun fa niente, dimane pure passa!
CONCETTA: Oh, chesto certo! Me pareno millanne! Tenite, chisto nu foglio de carta,
faciteme lo certificato de ben servito!
PASQUALE: Ah, sicuro, lo certificato te spetta e te lo faccio in piena regola, con tutta
coscienza. (Va al tavolino e scrive:) Certifico io qui sottoscritto che Concetta Palomma
stata quattro anni in casa mia, in qualit di vaiassa....
CONCETTA: Vaiassa? So stata vaiassa io?
PASQUALE: Comme vu mettere, serva?
CONCETTA: Serva?! Cammariera.
PASQUALE: E va bene... (Scrive:) in qualit di cameriera.... Lassa f a me, statte zitta!
CONCETTA (Cielo mio, mantieneme la pacienzia, si sferro non saccio comme va a fern,
sto ntufata ca non me ne fido cchi!).
PASQUALE (terminando di scrivere): Pasquale Cotogna. Chisto lo certificato.
CONCETTA (legge) Certifico io qui sottoscritto che Concetta Palomma stata quattro
anni in casa mia in qualit di cameriera, e posso assicurare sul mio onore e sulla mia
coscienza ch una lazzara, una sfaticata e una rucca rucca di prima qualit. A me!
Chisto lo certificato ca facite a me?
PASQUALE: Se capisce! buscia che s na rucca rucca?
CONCETTA: D. Pasc, ve voglio f ved de che sarr capace sta sfaticata e sta rucca
rucca! Nun ve ne ncarricate; ve voglio f chiagnere a tante e lagreme, ve voglio f dicere:
chesto teneva ncuorpo Cuncettella! Vuje mavite vista moscia, e avite ditto: chesta na
scema, na stupeta, la pozzo tratt comme voglio! Ma ve site ngannato assaje! Io
ammento tanta cose, dico tanta buscie pe dinto lo quartiere, ca nun ve faccio cchi
cumpar pe la strada... La lengua mia pateme la chiammava lo pesaturo, chi fa pigli
collera a me lo scamazza comme se scamazza la carne dinto a lo murtale, lo faccio
addevent na purpetta, nu purpettone! (Via dal fondo.)
PASQUALE: Tiene mente la cumbinazione! Io stanotte me laggio sunnato! Ma che me
po f, io sono fin troppo conosciuto nel quartiere. Essa na vaiassa, e chi la p credere?
Nisciuno!... Maggia sped stu calmante, si no nun me rimetto cchi co li nierve!
SCENA SESTA
Teresina, Adelina e detto.
TERESINA: (vestita per uscire): Dunque, Pasc nuje nce ne jammo.
ADELINA: Zi zi statevi bene.
PASQUALE: Arrivederci!
TERESINA: Ch stato? succiesso quacchata cosa?
PASQUALE: Maggio pigliato nato sacco de collera con la vostra cameriera. Ha ditto ca
me vo mettere ncoppa a nu puorco, pe tutto lo quartiere, che me v f addevent na
purpetta!
TERESINA: Nun la d audienza, famme stu piacere, chella dimane a sera se ne va!
PASQUALE: Ha ditto che tu lhai pregata che fosse rimasta.
TERESINA: Va buono, laggio pregata, nun fa niente.
PASQUALE: Intanto m vene la cammarera nova, restene sole, e chi sa che ce dice, te
cride ch na bella cosa farla rimman cc?
213

TERESINA: Ma nuje sapimmo Concettella comme la penza.


PASQUALE: Ma io non capisco, tu perch la difendi?
TERESINA: Io non la difendo affatto, ma nun me piace de f chello ca fai tu!
PASQUALE: (M faccio ved che parto e me stongo dinta la cammera mia, voglio sent
che dice la cammarera nova!). Basta, vuje jatevenne a Puortice, salutateme tanto la
cummara, e venite ambressa.
TERESINA: Luned matina stamme cc.
PASQUALE: E na vota che venite luned, io me trattengo fino a dimane a sera a Caserta in
casa del mio amico.
TERESINA: Te raccomanno cu stamico, e non me f sent novit!
PASQUALE: Che nuvit! Scennite vuje pe la scala grande, io me ne scengo pe la scaletta
de servizio, nun me voglio ncuntr con quella lazzara ineducata! (Via.)
TERESINA: Statte buono! Che ommo stravagante!
ADELINA: Zi zi, ve voglio dicere na cosa.
TERESINA: Che cosa?
ADELINA: Facimmo sap ad Alberto ca jammo da Erminia.
TERESINA: E pecch?
ADELINA: Accuss chillo nce vene a truv.
TERESINA: Oh, chesto p no, cercheme tutto ma chesto no!
ADELINA: Comme vulite vuje!
SCENA SETTIMA
Concetta, poi Ninetta e dette.
CONCETTA: Sign, venuta la cammarera nova, la pozzo f tras?
TERESINA: Falla tras!
CONCETTA: Trase, trase Nin!...
NINETTA: Buongiorno, sign!
TERESINA: Ah, bravo... na simpatica figliola!
NINETTA: bont vosta, signur.
TERESINA: E ve canuscite?
CONCETTA: Sissignore sign, io so rimasta meravigliata quanno laggio vista, nuje nce
canuscimmo da tanto tiempo!
TERESINA: Ve chiammate Ninetta, non vero?
NINETTA: A servirve Mariannina Esposito.
TERESINA: Bravo! Lo sanzale mha parlato tanto bene de vuje. Site mmaretata?
NINETTA: Nonsignore!
TERESINA: Io m vaco de pressa, pecch aggio che f, turnammo dimane a sera.
Concettella vi dir tutto. Che ve credite m Concettella se ne va pe na cosa de niente, pe
na stravaganza de maritemo.
NINETTA: Ma, sign, si sta cosa se p accunci a me me fa piacere.
TERESINA: E se capisce, na vota ca ve canuscite da tanto tiempo, quanno turnammo
vedimmo che se p f!
CONCETTA: Oh, non ce penzate sign, me dispiace, ma lo marito vuosto non me fido de
lo support cchi!
ADELINA: Have ragione, have ragione!...
214

CONCETTA (Sotto voce ad Adelina): D. Alberto sape add jate, nce laggio ditto io.
ADELINA: Veramente? oh, che piacere!
TERESINA: Basta, jammuncenne Adel. Dunque, avete capito? Attenzione alla casa! (Via
con Adelina.)
NINETTA: Jate sign, jate a penziero sicuro!
CONCETTA Viene cc, damme nabbraccio, cumpagna affezionata!
NINETTA: Cu tutto lo core! (Si abbracciano.)
CONCETTA: E accuss che te ne s fatta? So duje anne ca nun ce simme cchi viste, tu
facive la mudista, comme va ca te s mise a f la cammarera?
NINETTA: Ma io la cammarera nun laggio fatto ancora, chesta la primma casa ca vengo
a serv. So na decina de juorne ca vedennome redotta co li spalle nfaccia a lo muro me
so decisa de f chesto. Chaveva f? Maveva mur de famma?
CONCETTA: Oh, chesto certo! Ma cc te pozzo assicur che starraje bona. La padrona
na pasta de mele, la nepote na figliola de core, e si tiene la pacienzia de suppurt a chillo
pazzo de D. Pascale, haje fatto lo colpo! Io, pe te dicere la verit, me ne vaco pe nun
pass nu guajo, pecch si no nu juorno de chisto, co lo carattere mio, me scurdavo
dessere la cammarera e lo mannavo a li Pellerine!
NINETTA: Ah! Ah! Ma io a chesto nun arrivo, si accuss io cc cchi de tre mise non
credo ca ce stongo, forse me mmarito!
CONCETTA: Ah, te mmarite? meglio accuss!
NINETTA: S, me piglio nu buonommo chiammato Totonno, nce faccio ammore da
nanno, parrucchiere.
CONCETTA: Io pure faccio ammore, e lo mese che trase sposo.
NINETTA: Ah, neh! M aggio capito la vera ragione pecch te ne vaje da cc.
CONCETTA: Si, la verit pure pe chesto me ne vaco. Lo fidanzato mio cuoco, e nce
cunviene de st a tutte e duje dinta a una casa a serv.
NINETTA: Ah, se capisce!
CONCETTA: Se chiamma Ciccillo, e si lo vide quanto simpatico, tene sultanto nu
difetto, nu poco stunato, m nce dice na cosa e a nato ppoco gi se lo scorda. (Suono di
campanello d.d.) Sarr isso, se vene a pigli a robba mia, te lo voglio f conoscere. (Via
fondo.)
NINETTA: Chi se puteva maje credere de truv a Cuncettella cc.
SCENA OTTAVA
Concetta, Ciccillo e detta.
CONCETTA: Trase, trase, Cicc.
CICCILLO (porta il grembiule da cuoco ed indossa la giacca. In mano una valigia):
Cuncett, aggio purtato sta valigia vacante si pe chi sa nce haje da mettere quaccata cosa
da dinto.
CONCETTA: Haje fatto buono! Nin, chisto lo nnammurato mio.
NINETTA: Piacere, un simpatico giovane.
CICCILLO: Bont vostra, pe carit!
CONCETTA: Chesta na cumpagna mia, Ninetta Esposito.
CICCILLO: Ciccillo Ventresca, ai vostri comandi. Faccio lo cuoco, ossia pe m so
secondino, ma lavoro meglio de quacche cuoco primario. Nfaccia a na tiella nce stongo
215

buono assai. Nu poco de menestella io saccio f, lo piezze de carne lo mbettono, lo ndoro,


e lo saccio present, nfaccia lo ddoce po nun nce sta chi mappassa. Faccio lo secondino
pecch add so ghiuto gi tenevano lo cuoco e maggia avuta cuntent. M che me sposo
a Cuncettella cercammo de truv na piazza meglio pe st assieme.
NINETTA: La vulite bene a Cuncettella?
CICCILLO: Cchi de lluocchie mieje, cara D. Giulietta!
NINETTA: No, io me chiamme Ninetta.
CICCILLO: Ah, gi scusate! Jammo, f ambressa Concett.
CONCETTA: Sta balice nzieme cu llata rrobba mia che sta fore la puorte add ziema
Rachele ncoppa a li chianche a la Carit, tiene a mente N. 23.
CICCILLO: 23, va bene. Nuje p nce vedimmo stasera?
CONCETTA: Allotto, vicino a la statua de Carlo Poerio.
CICCILLO: Sperammo ca sta vita la facimmo sulamente nato ppoco, nun me fido cchi
de sta luntano da te! Permettete D.a Rich!
NINETTA: Ninetta, Ninetta!
CICCILLO: Ah, gi, Ninetta, me scordo sempe. Dunque sta rrobba laggia purt ncoppa
addo zieto Michele.
CONCETTA: Qu Michele... Rachele...
CICCILLO: Rachele... e va bene, addu Carlo Poerio...
CONCETTA: A le chianche a la Carit...
CICCILLO: A N. 33.
CONCETTA: 23, puozze scul!
CICCILLO: Ah, gi, 23, aggio pacienzia, me so scurdato.
CONCETTA: S che bu f, aspetta fore a la sala, nato ppoco nce ne jammo nzieme.
CICCILLO: Allora nun me movo da fore a la sala, aspetto a te. (Via.)
CONCETTA: Viene, Nin, te voglio f ved la cucina.
NINETTA: Si, si, penzammo cavimma f marenna, tengo na famma ca m moro!
CONCETTA: Aspetta, m faccio quattove cu nu poco de muzzarella, pecch purio tengo
famma, nce suppuntammo nu poco lo stommaco!
NINETTA: Si, si, faje buono!
CONCETTA: E viene cu mmico! (Via pel fondo a sin.: seguita da Ninetta.)
SCENA NONA
Totonno, poi Ninetta.
TOTONNO (d.d.): permesso? (Fuori.) Cc manco nce sta nisciuno! Aggio addimannato a
nu ntotero ca steva fore a la sala cu na balice: sapite si venuta na certa Ninetta? Mha
ditto: Sissignore, sta dinto, trasite... Ma dinto add? M vedimmo si sta femmena nun me
fa chiagnere li juorne mieje ngalera!
NINETTA: Gu Tot, tu staje cc?
TOTONNO: Li patrune stanno dinto?
NINETTA: No, nun nce stanno, stongo io sola cu Cuncettella.
TOTONNO Don Rafele lo sanzale mha ditto chire venuta cc a serv, allora io so venuto
pe sap si stasera avimma j a lo viglione?
NINETTA: Ah, se capisce, io lo viglione nun lo voglio perdere a la verit; m nce lo ddico
a Cuncettella ca stasera me vaco a divert nu poco.
216

TOTONNO: Allora pozzo j a pigli li biglietti?


NINETTA: Se capisce!
TOTONNO: Sciasciona mia, nce vulimmo spass, avimmo abball tutta la nuttata!
NINETTA: Asp Tot, faje marenna cu nuje, te magne pure tu doje ove cu nu poco de
muzzarella, te haje da cuntent.
TOTONNO: Ma te pare, vicino a tte, se fosse pane assoluto addeventa nu pranzo scicco!
Ah! Mannaggia starta nfame ca me mparaje! (Riprendendosi.)
NINETTA: Pecch, ch stato?
TOTONNO: Nun pozzo f marenna cu ttico, aggia j a f la barba a lo cavaliere Sanguetta.
NINETTA: E allora nun mporta, stasera a lo viglione nce scuntammo tutte cose!
TOTONNO: Nin, te raccumanno, nun me f pigli collera!
NINETTA: Lo saccio, me lhaje ditto nu sacco di vote!
TOTONNO: Lo fatto de chillo D. Errico Battaglia che truvaste ncoppa a la Trattoria...
NINETTA: E che centra, chillo era namico de frateme... se mettette a cen a la tavola
nosta, e pe pazzi dicette quacche cosa.
TOTONNO: Lo v chisto, lo tengo sempe pronto! (Mostra un revolver.)
NINETTA: Ma va ll vattenne, astipate stu revolvere, famme lo piacere!
TOTONNO: Dunche, allora stasera a li nove te vengo a pigli, fatte truv pronta.
NINETTA: Nun ce penz, statte buono, e nun f cattive penziere!
TOTONNO: Accuss sperammo! (Via seguito da Ninetta vista di spalle da Pasquale.)
SCENA DECIMA
Pasquale, poi Ninetta.
PASQUALE: Chella ha da essere la cammarera nova! Si ascevo nu poco primma la vedevo
de faccia. Ha accompagnato a nommo fore, m che trase mha da dicere chi , e voglio
sap Concetta che lha ditto de me!
NINETTA: Se n ghiuto finalmente!
PASQUALE: (Che veco... Gemma!...).
NINETTA: (Errico Battaglia!). Comme ve truvate cc scusate?
PASQUALE: Comme me trovo cc?... Me trovo... me trovo cc, pecch cc maggia
truv!
NINETTA: Ah, sissignore, me ricordo, vuje me lo dicisteve chella sera quanno nce
lassajeme: Nun ce penzate, io non me scordo de vuje e quanno meno ve lo credite ve
ncoccio! E m mavite ncucciata!
PASQUALE: Perfettamente, m taggio ncucciata! (E comme la cumbino cu chesta?).
NINETTA: Ma caro D. Errico, io ve lo dicette ca nun era libera, che faccio ammore cu nu
parrucchiere, e vuje dicisteve che perrucchiere e perrucchiere, vuje me piacite e avita
essere la mugliera mia, a rischio de qualunque cosa.
PASQUALE: Ah! Chesto ve dicette?
NINETTA: Sissignore... che d, nun ve lo ricurdate?
PASQUALE: (Ih che pelle ca pigliaje chella sera!).
NINETTA: Io non ve pozzo d retta, si no songo arruvinata.
PASQUALE: (Chesta se navarria j da cc ncoppa! Si no io passo nu guajo!). Senti
Gemma! (La putesse f mettere paura!).
NINETTA: Ma qu Gemma! Io chella sera me cagnaje nomme, io me chiammo Ninetta.
217

PASQUALE: Ah, ebbene senti Ninetta, io sono venuto deciso, se tu non acconsenti
allamor mio, io esco fora a la sala e maccide!
NINETTA: Ah, no, D. Err pe carit, non facite chesto, io cercarraggio tutti li mezze de
mappiccec cu Totonno e ve sposo. Ma si me vulite bene overamente non ve muvite da
cc, e non facite chello cavite ditto.
PASQUALE: (Ma guardate che cumbinazione terribile ch stata chesta!).
SCENA UNDICESIMA
Concetta e detti.
CONCETTA (con mesale, bottiglia di vino, un piatto con prosciutto): Jamme, simme leste,
mettimmece a tavola. (Che beco, D. Pascale!).
PASQUALE: (Statevi bene!).
NINETTA: Chesta cc na compagna mia, Concetta Palomma. Concett, chist nu
signore che conoscette 15 juorne fa ncoppa a na tratturia add jette a cen nzieme cu
frateme, se chiamma Errico Battaglia.
CONCETTA: Ah, neh? Se chiamma Errico Battaglia! Tanto piacere!
NINETTA: Tene na grande simpatia pe me, e pe forza me v spus. Mha da d nu mese de
tiempo, quanno trovo na ragione qualunque, pe me lass cu Totonno. Chillo nientemeno
ha ditto ca se v accidere cc, fore a la sala, dille tu quacche cosa, falle capace tu!
CONCETTA: Ma caro D. Errico Battaglia, quanno na figliola vha ditto: dateme nu mese
de tiempo, che vulite cchi? Pecch ve vulite accidere? E quanno p ve site acciso, che ne
cacciate? Ma no, luvateve sti penziere da la capa! Vuje m facite marenna cu nuje ve
mangiate doje ove, nu poco de presutto, ve bevite nu bicchiere de vino, e songo certa ca
ve mettite talmente in allegria, ca nun penzate cchi a sti cose. Nin, va dinto a la cucina,
lo ffuoco pronto, e invece de quatto ove fanne sei, e porta nata butteglia de vino. Va,
non te ne ncarric, m lo calmio!
NINETTA: Grazie, grazie Concett, m faccio lesto lesto. (Via.)
CONCETTA: E bravo, bravo! Il signor Pasquale Cotugno va pe coppa li tratturie, se cagna
nomme, e se mette a f ammore cu na figliola! Bravissimo! E p dinta a la casa spute
sentenze, parla de moralita, fa cancariate a tutte quante! Chillo cappellaro, chillo
guantaro, mio padre era assessore Municipale... Io so rucco rucco e me fa chisto
certificato! Ve voglio recri lo stommaco! M primma de tutto dico a Ninetta ca ve
chiammate Pasquale Cotugno e che site nzurato, e p dico tutte cose a la mugliera vosta!
PASQUALE: No, Cuncett, pe carit! Io te faccio nu bello certificato, te cerco scusa de
tutto chello ca taggio fatto, ma non di niente famme stu piacere. Si muglierema appura
sta cosa io add me vaco a mettere?
CONCETTA: E va bene, m mangiammo e non dico niente. Oggi poi ci metteremo
daccordo pe li condizione!
PASQUALE: Chello ca vu tu!
CONCETTA: Zitto, ecco cc Ninetta!
SCENA DODICESIMA
Ninetta e detti, poi Totonno prima dentro e poi fuori.

218

NINETTA (con uova e bottiglia): Ecco cc llove e llata butteglia de vino.


CONCETTA: Brava! Assettateve D. Err. Nin, assiettete vicino a isso. Assaggiate stu
vino, vedite che bellezza! Chesto lo padrone mio lo fa ven a barile, e io me ne veco bene!
Isso a la matina, pe sparagna pecch navaro puorco, me ne d nu bicchieriello tantillo,
io p quann lo juorno scengo abbascio a la cantina e me ne vevo nu litro a la faccia
soja!
PASQUALE: (A la faccia de mammeta!).
CONCETTA: E stu presutto vedite che bella cosa! Io tengo la chiava fauza de la dispensa,
quanno ne voglio nu poco arape e me lo piglio!
NINETTA: E faje buono!
CONCETTA: Emb, quanno chillo puorco se lo ttene accuss nzerrato, manco si fosse
oro... Che ommo, mamma mia! Me pareno millanne ca me ne vaco pe nun lo ved cchi!
Che miseria! Sci pe la faccia soja! Mangia Nin, mangiate D. Err!
PASQUALE: Grazie!
CONCETTA: Ma quant simpatico stu D. Errico Battaglia! Viate a te che te lo spuse!
Avite saputo scegliere, e bravo, e bravo D. Errico Battaglia! Bevite, bevite.
PASQUALE: Grazie! (Bevono tutti.)
NINETTA: Ve piace stu vino?
PASQUALE: Non c male!
TOTONNO (d.d.): permesso?
NINETTA: Che sento, Totonno lo nnammurato mio!
CONCETTA: Possibile! (Si alza e va in fondo.)
NINETTA: Annascunniteve, pe carit! Chillo vaccide!
PASQUALE: E add mannasconno?
NINETTA: Cc, cc, sotto lo tavulino!
PASQUALE: (Cielo mio, aiutame tu!). (Sinfila sotto il tavolo.)
CONCETTA: Ma a chi vulite, scusate? (D.d.)
TOTONNO (d.d.): A Ninetta, a Ninetta Esposito.
CONCETTA: E cc non ce sta! (D.d.)
TOTONNO (d.d.): Comme nun ce sta, io poco primma cc laggio rimasta.
NINETTA (va in fondo): Trase, Tot, trase!
TOTONNO (fuori) Che d m nce staje?
CONCETTA: Aggiate pacienzia, io me credevo ca nun ve vuleva ricevere.
NINETTA: Chistu giovane, Conc, lo nnammurato mio. Totonno lo parrucchiere ca
taggio ditto.
CONCETTA: Ah, chisto giovane ... e io che ne sapevo, aggiate pacienza.
TOTONNO: Ma niente, pe carit! Lo cavaliere Sanguetta la barba non se lha vuluto f.
CONCETTA: Assettateve!
TOTONNO: Grazie! Nin, assettate! (Seggono.)
CONCETTA: Vavita cuntent, se tratta de na piccola marenna.
TOTONNO: Qualunque cosa mi offrite voi, sempre un onore per me.
CONCETTA: Ah, si putesse ven D. Alberto a chisto momento, trovarrie a D. Pascale sotto
la tavula, che bella cosa che sarria... Asp, m nce scrivo nu biglietto e nce lo manno pe
Ciccillo. (Si alza e va a scrivere in fondo.)
TOTONNO: Ih, che bello presutto se squaglia mmocca!
NINETTA: E prova stu vino, vide che bella cosa!
TOTONNO: Magnifico! Vero Pusilleco!
219

CONCETTA: M vengo, aggiate pacienza, cinche minute de permesso.


TOTONNO: Facite li fatte vuoste. (Conc. via.) Nin, cc nce stanno tre pusate, e tre piatte,
mangiava quaccheduno cu vuje?
NINETTA: No, sulamente io e Cuncettella!
TOTONNO: Emb, sta pusata cu stu piatto pe chi serve?
NINETTA: E che ne saccio! Forse quaccata amica de Cuncettella.
TOTONNO (urta con un piede su Pasquale): Chi ? Che nce sta nu cane cc sotto? Passa
ll, passa ll! (Sinchina e scorge Pasquale.) Che veco! Chillommo de chella sera! Errico
Battaglia?!
PASQUALE: Signore... per carit...
NINETTA Siente, Tot...
TOTONNO: Zitta! E me faje chesto a me! Chistu sorte de tradimento! A mme? A Totonno
lo nzisto? M avita mur! (Caccia il revolver. Strilli di Ninetta, accoppiati a quelli di
Concetta che sopraggiunta. Pasquale cerca di ripararsi ed esce da sotto al tavolo
mandando tutto sossopra.)
(Cala la tela.)
Fine dellatto primo

ATTO SECONDO
Camera con porta in fondo, tre laterali ed una finestra a destra prima quinta. Due consolle
in fondo, un tavolino, sedie, ecc.
SCENA PRIMA
Errico e Adelina, poi Alberto p.d. pf
ERRICO (uscendo dal fondo): Facite ambressa, belli figli, state fravecanno da
stammatina, e che diavolo? Vuje vedite che aggio passato... Lo sarto a lo sicondo piano ha
vuluto mettere lo gas, e hanno avuta pass la tubulatura pe dinto a la saletta mia... e io
aggia ten la porta aperta. (Ad Adelina affacciata alla finestra.) Adel, ma se p sap che
faje affacciata a sta fenesta da che s venuta?
ADELINA: Niente, sto piglianno nu poco daria...
ERRICO: Staje piglianno nu poco daria? Nun credo, va trova chi ha da pass!
ADELINA: Ma no... io sto guardanno li pumpiere de rimpetto.
ERRICO: Chillo lo posto de li guardie e de li pumpiere.
ADELINA: E chillo lo frate vuosto, Don Alfonso?
ERRICO: Gi, capitano dei pompieri.
ADELINA: Comme curiuso, me sta guardanno fitto, fitto! Ma pecch li pumpiere lo
parlano dinto a la recchia?
ERRICO: Perch nu poco surdo. M lo vide de ven, abita cu nuje, io laggio ceduto
chella cammera. (Indica a destra, poi va alla finestra.) Quanno viene? A nato ppoco? E
f prieste! Sente meglio da luntano ca da vicino!
220

ADELINA: (Lo v ll Alberto!). (Fa segno di salire.) (Che bella cosa, m vene!).
ERRICO: Ch stato, ch succiesso?
ADELINA: Niente, stongo allegra, che d nun pozzo st allegra?
ERRICO: Anze, me fa piacere, accuss voglio che staje sempre, allegra, di buon umore.
ADELINA: Zi Teresina add sta?
ERRICO: Sta preparanno la tavola nzieme cu Erminia. E accuss D. Pasquale sape che site
jute a Puortice?
ADELINA: Gi, ca simme jute da la cummara, e isso ghiuto a Caserta, pe ved na
massaria che se venne.
ERRICO: Io non capisco chillommo pecch nce lhave tanto cu me!
ALBERTO (d.d.): permesso?
ERRICO: Chi ?
ADELINA: Favorite.
ERRICO: Asp... statte zitto! Chi ?
ALBERTO (fuori): Songhio!
ERRICO: Che beco, Alberto Conocchia? Trase, trase, e che d fra di noi nce v a cerc
permesso?
ALBERTO: Grazie tanto. Comme stai?
ERRICO: Non c male. Assettete. Che te ne s fatto che nun taggio visto cchi? (Guarda
Adelina.) Che d, statte qujeta?
ALBERTO: Primma de tutto so stato duje mise malato, e p tu lo ssaje ca nun me pozzo
movere da dinto a la puteca.
ERRICO: E lo saccio, comme a me!
ALBERTO: Aggio saputo ca te s nzurato, e mha fatto piacere!
ERRICO: S, la verit, non me fidavo cchi de st sulo! (Ad Adelina.) Ma che d, che te
fai afferr? Ah, ho capito... vuoi essere presentata? Adelina, mia cognata... Alberto
Conocchia, mio carissimo amico.
ADELINA: Vostra serva!
ALBERTO: Padrona mia!
ADELINA: Tanto nce vuleva pe ven?
ALBERTO: Io non aggio perduto manco nu minuto de tiempo. Te raccomanno Err, si no
faccio narruina!
ADELINA: Io me mengo da coppa abbascio!
ERRICO: A la casa toja per, si no me faje pass nu guajo a me!
SCENA SECONDA
Erminia e detti, poi Adelina, poi Alfonso e Michele.
ERMINIA: Err, si D. Achille lo miedeco mange cu nuje, io metto nato posto a tavola.
ERRICO: Ma s, tu lo ssaje che chillo non fa cerimonie. E nce fa compagnia pure lamico
mio qua presente, Alberto Conocchia. Chest muglierema!...
ALBERTO: Tanto piacere!
ERMINIA: Ah, vuje site Alberto Conocchia?
ADELINA: Chist lo nnammurato mio!
ERMINIA: Bene, bene! Ma nun sapimmo zi zia che dice, pe me so contenta che lhai
invitato a pranzo, ma...
221

ALBERTO: Vulite dicere co la zia se p dispiac? E allora io me ne vaco e so cuntento lo


stesso!
ERRICO: Ma no, tu staje dinta a la casa mia! Sarra bello chesto... nun pot nvit namico
a mangi cu me.
ADELINA: Sarria na cosa strana!
ERRICO: Jammo dinto, m nce lo dico io!
ADELINA: Bravo D. Errico! Jammo Alb, jammo!
ALBERTO: Comme vulite vuje!
ERRICO: Trase, trase! (Alb. e Adel. seconda sin.) Ma comme, te lhaje scurdato chello che
facevano nuje primme?
ERMINIA: E chello cavimma f sempe, pecch io pe me so sempe la stessa!
ERRICO: E io pure, io pure, Erminia mia, a me me pare comme non fosseme spusate, me
pare che facimmo sempe ammore!
ERMINIA: E nce pozzo credere?
ERRICO: Ma nce haje credere pe forza, non vide quanto te voglio bene? (Labbraccia.)
ADELINA (uscendo): Neh, quanno venite? (Vedendoli abbracciati.) Uh, mamma mia,
facite proprio avut lo stommaco a la gente!
ERRICO (ridendo): Ah! Ah! Jammo, Erm! (Viano tutti.)
ALFONSO (d.d. gridando): Voglio ved si la fernite de fravec cc fore me state tuccanno
li nierve! Io, come capitano dei pompieri, vi potrei far sospendere il lavoro, avete capito?
E zitto quanno parlio, sangue di Bacco! (Fuori con Michele.) Mich, tu inutile ca viene
appriesso, io lo rapporto laggia f afforza, debbo fare il mio dovere!
MICHELE: Ma vuje me facite mult a me puveriello, alla fine che male aggio fatto?
ALFONSO: Comme? Stive distratto? E a me non me ne preme. Il pompiere non deve stare
mai distratto, e p tu non stive distratto. Ieri sera venni a fare la mia ispezione a S. Carlo e
te truvaje durmenno dinto a li quinte... il pompiere non deve dormire...
MICHELE: Ma io tanno, tanno, mero appapagnato nu poco!
ALFONSO: Ah, fu per causa de lo gioco? Peggio ancora!... La notte te faje la partetella co
li cumpagne, e la sera p tiene suonno!
MICHELE: Nonsignore, io nun aggio ditto chesto! Aggio ditto ca tanno mera
appapagnato nu poco.
ALFONSO: Gu, nun allucc s, che te chiavo na sciabola nfaccia! Ricordatevi il rispetto e
la subordinazione, mettetevi sullattenti... piantatevi... (Michele esegue.)
MICHELE: (Mannaggia larma de mammeta... puozze pass nu guajo!). Eccomi, signor
Capitano!
ALFONSO: Che ve credite ca so li tiempe de na vota? Adesso il pompiere soldato. E
deve rispettare il superiore! Che? E zitto! Non voglio sent niente!
MICHELE: (E chi sta arapenno la vocca!).
ALFONSO: Per ora vi alzo la mano, e non vi faccio rapporto, ma unaltra volta che vi trovo
dormendo nelle quinte ve la far pagare a caro prezzo! Avvisate a tutto il corpo che
domani c manovra nel cortile del quartiere generale. Preparate tutti gli attrezzi, scale,
fune...
MICHELE: (Pe te mpennere!).
ALFONSO: Che? Che dice?
MICHELE: Ho detto: va bene, capitano.
ALFONSO: Potete ritirarvi.
MICHELE: (Nuje nce addurmimmo dinto a li quinte, e isso che fa lo farenella cu tutte li
222

ballerine nun lo ddice!).


ALFONSO: Che cos?
MICHELE: Ai comandi, capitano! (Soggetto dietro front. March. Via.)
ALFONSO: Eh, cc si nun me faccio sentere chiste nun me fanno niente! Quanno
cammino, li femmene me guardano ncantate... per esempio stammatina la cognata de
frateme, chella sciasciona de figliola, stata cchi de doje ore affacciata a chella fenesta,
e nun ha fatto auto che guardarme sempe, e mha fatto pure cierti segni, ma nun laggio
capito... mha fatto sagl tutto lo sango a la via de la capa! Io m so capitano de li
pumpiere, sfido qualunque incendio, qualunque fuoco, eppure non s domare la fiamma
damore! Me, voglio j a luv sta cosa da cuollo, pecch cchi me nfoca! A ttavola, ogge,
maggia mettere vicino a essa, me voglio cunsul! Chella la guagliona ha saputo
scegliere, simpatico, giovane, capitano dei pompieri, che vuleva truv cchi! (Via a
destra.)
SCENA TERZA
Ciccillo, poi Totonno.
CICCILLO: Se p tras? Nun ce sta nisciuno! Largo della Carit N. 83. Chest la casa che
mha ditto Concettella. Ma nun me ricordo stu biglietto a chi laggia d... uno che sta
cc, dinto a sta casa cu namico sujo, che manco me ricordo lo nomme, mannaggia sta
capa, mannaggia... Largo Carit n. 83, chesto me laggio ricordato, lo nomme non me lo
ricordo... nu nomme de na casa ca tenene tutte li viecchie... Ah! Tabbacchera! No,
tabbacchera no... Scaldino... no... nemmeno... na cosa ca nce sta pure na strada... ncoppa,
ncoppa... a la sagliuta a... mannaggia sta capa, mannaggia... a sta sempe vicino a lo ffuoco
me songo arruinato la fantasia! Almeno me ricurdasse lamico sujo, lo patrone de sta
casa... statte... D. Errico... Battilocchio... no... Battipaglia... eh, Salierno!... D. Errico...
Guerra!... Basta, cc quaccheduno ha da asc! (Siede in fondo.) Ah, D. Errico Battaglione
no, nemmeno!
TOTONNO: permesso? Bello gi, tu te ricuorde quanno poco primme so venuto a la
casa de D. Pasquale Cotugno, che ghievo truvanno a Ninetta, e tu mhaje ditto trasite?
CICCILLO: Io?!
TOTONNO: Chella la nnammurata mia, so trasuto e aggio truvato ca steva facenno
marenna nzieme cu na cumpagna soja chiammata Cuncettella.
CICCILLO: Concetta Palomma, la mia futura.
TOTONNO: Futura! E che d futura?
CICCILLO: La mia fidanzata del futuro...
TOTONNO: La nnammurata toja?
CICCILLO: Gnorsi!
TOTONNO: Dunque, mhanno nvitato pure a me, me songo assettato e stevo mangianno,
tutto nzieme so ghiuto pe ved sotto la tavola, nce steva annascunnuto nommo... nu
carogna qualunque!
CICCILLO: E chi era stommo?
TOTONNO: Lo nnammurato de Ninetta!
CICCILLO: E puteva essere pure lo nnammurato de Cuncettella?
TOTONNO: No, pecch io laggio canosciuto, uno che nata vota pure lo ncucciate cu
Ninetta, nu certo Errico Battaglia.
223

CICCILLO: Errico Battaglia?! Puozze pass nu guajo!


TOTONNO: A chi, a me?
CICCILLO: No, a isso! Io so venuto a purt nu biglietto de primura a namico sujo che sta
acc. Chest la casa soja, la casa de D. Errico Battaglia!
TOTONNO: Lo saccio! Pecch quanno so trasuto dinto a lo salone che sta a lo vico de lo
Nunzio, ll nce st lo patrone ch amico mio, vedennome accuss sbigottito ha voluto
sap che mera succiesso, quanno laggio contato lo fatto ha ditto: Sangue de Bacco, io a
stu Errico Battaglia lo cunosco, cappellaro, so seje mise che s nzurato. Capisce,
pure nzurato, forse chella povera Ninetta non ne saparr niente. Allora aggio ditto: famme
lo piacere, sapisse pe cumbinazione add sta de casa? Pecch? No, niente, lle voglio
cumbin primma nu bello piattino co la mugliera, e p parlo cu isso. Lo cumpagno mio
mha dato lindirizzo, accuss songo venuto. M comme avvarra f pe f asc la
mugliera?
CICCILLO: E che saccio? Cc non nce sta nisciuno. Io pure avarra d stu biglietto
allamico sujo. Scusate, le vecchie cu che se metteno a fil?
TOTONNO: Co lo canneve.
CICCILLO: No!
TOTONNO: Co lo lino.
CICCILLO: No!
TOTONNO: Co la stoppa.
CICCILLO: Nemmeno. Io dico le vecchie che teneno mmane?
TOTONNO: Lo fuso!
CICCILLO: Nooo!
TOTONNO: La cunocchia!
CICCILLO: La cunocchia! Puozze mur de subbeto! La cunocchia! D. Alberto la
Conocchia! Vih, che c vuluto pe me ricord stu nomme... Stu biglietto laggia d a D.
Alberto la Conocchia... Puozze scul!
TOTONNO: Tu e isso!
CICCILLO: Aspettate, sta ascenno uno da chesta parte, addimmannammo a isso!
SCENA QUARTA
Alfonso e detti, poi Errico, Alberto, Teresina, Erminia e Adelina.
ALFONSO (senza mantella): Ah, m me sento cchi frisculillo!
TOTONNO: Buongiorno, oscellenza sign.
ALFONSO: Tengo nappettito ca lle manca la parola, ogge me voglio f ciuotto, ciuotto!
CICCILLO: Buongiorno, oscellenza sign!
ALFONSO: E quando mi sar messo in brio, far la mia dichiarazione ad Adelina. Nun
voglio perdere cchi tiempo, na vota che io so simpatico a essa, essa simpatica a me,
neh, che nce aspettammo?
TOTONNO (facendosi vedere): Buongiorno, oscellenza sign!
CICCILLO: Servo vostro.
ALFONSO Chi , chi siete?
CICCILLO (a Tot.): Parlate primme vuje.
TOTONNO Ecco, eccellenza, io aveva dicere doje parole a la mugliera de D. Errico
Battaglia.
224

ALFONSO: Lo vico vicino a lo serraglio? E non cc, bello mio!


TOTONNO: Nonsignore, la mugliera de D. Errico Battaglia!
ALFONSO: Ah, D. Errico Battaglia.
TOTONNO: Vurria parl co la mugliera.
ALFONSO: Avita pulezz la cemmenera? E pulezzatela, che vulite da me?
TOTONNO: Uh, chisto surdo, e comme combinammo?
ALFONSO: Appresso, voi che volete?
CICCILLO: Io aggia d nu biglietto a D. Alberto la Conocchia.
ALFONSO: Se rumpette la conocchia? E naccatte nate, quanto sta na conocchia? Quatte
solde!
CICCILLO: Chisto capisce na cosa pe nata!
TOTONNO: Jammuncenne, turnammo a nato ppoco.
TOTONNO: Puozze pass nu guajo! (Via).
CICCILLO: Ih! Che belli recchie che tene!
ALFONSO: Io non capisco, chille venenne cc pe dicere che la cemmenera sha da
pulezz, e la cunocchia se rumpette! Hanna essere proprio duje turze!
ERRICO (seguito da Adelina, da Alberto, Teresa, Erminia): Gu, Alf, s venuto?
ALFONSO: So arrivato poco primme.
TERESINA: Carissimo D. Alfonso.
ALFONSO: Signora rispettabile, donna Erminia i miei rispetti. Signorina Adelina. (Strette
di mano.)
ADELINA: Caro D. Alfonso.
ERRICO: Alb, ti presento mio fratello Alfonso, capitano dei pompieri.
ALBERTO: Tanto piacere! Alberto Conocchia.
ALFONSO: Alfonso Battaglia, fratello di Errico.
ERRICO: Alf, nce laggio ditto!
ALFONSO: Capitano dei pompieri!
ERRICO: Nce laggio ditto! (Gridando.) ogge sta purisso a mangi cu nuje!
ALFONSO: Bravo, mi fa immenso piacere!
(Posizione scenica)
Errico
Erminia
Teresina

Alberto
Alfonso
Adelina

ALBERTO: Signora mia, io non volevo accettare, so stato lloro ca mhanno voluto f
riman afforza!
TERESINA: Ma io non ci trovo nessuna difficolt, per causa di D. Pasquale, ca nun
voglia maje lo Cielo lo vene appur, cu mmico se la piglia!
ERRICO: Ma alla fine cc non se sta facenno niente de male! Nce divertimmo, chesto
tutto! Alberto nu buono giovane, un galantuomo, e nun c che d!
ALBERTO: Ma io ad Adelina mme la voglio spus, cc nun se tratta de f la commedia!
TERESINA: Lo saccio, lo saccio, ma avita ten nu poco de pacienzia!
ERMINIA: Si sapisseve quanto navimmo tenuto io e Errico!
ERRICO: Nu juorno nun ne putette cchi, sferraje, mettette nterra, e nce stevemo
sciaccanno io e D. Pascale!
225

TERESINA: Ma nonsignore., sta vota non sha da arriv a chesto! Chillo p, lavimmo da
dicere, furiuso, arraggiuso, nun v cedere, ma allultimo fernesce che facimmo sempe
tutto chello ca vulimmo nuje! carattere, che nce vulite f, ma p nu buono ommo e de
core!
ERMINIA: Oh, chesto certo!
ALBERTO (ad Alfonso che fa delle moine ad Adelina): Capitano... Capit... Signor
capitano...
ALFONSO: Chi , chi mi vuole?
ALBERTO: Ogge siete libero, nun site juto a lo quartiere?
ALFONSO: Come?
ALBERTO: Ogge non site jute a lo quartiere?
ALFONSO: Sicuro, ci sono stato dalle otto fino a mezzogiorno.
ALBERTO: E nun nce avita turn?
ALFONSO: No, e io so Capitano! Stasera tengo lispezione al Politeama, fanno il primo
veglione.
ERRICO: Ah, gi, stasera nce sta lo veglione! Nce vulimmo j tutte quante?
ERMINIA: Uh, s, s, pigliammo nu palco!
TERESINA: Nce jate vuje, pe me nun ce pozzo ven. Vuje pazziate, nce vede
quaccheduno! Vulite j vuje sta bene, ma a nuje non ce conviene.
ERRICO: E ve pare, che rimanimmo a vuje sole cc; nun fa niente, nce divertimmo dinta a
la casa!
ALFONSO: Signori miei, ho fatto una pensata! Perch questa sera non andiamo tutti al
veglione?
ERRICO: Ah, sicuro! (E nuje fino a m cavimmo ditto?). (Tutti ridono sottovoce.) Nun ce
putimme j, pecch D. Teresa se mette paura.
ALFONSO: E che paura avete quando state con me?!
TERESINA: Non pe nisciuna paura, pe chi sa me vede maritemo, che nun sape niente!
ALFONSO: Nce fa troppo viento? Ma noi andiamo in automobile chiusa.
ERRICO (gridando): Nun ce p ven... nun ce p ven!...
ALFONSO: E non fa niente, ci andremo lanno che viene, cos Donna Adelina non deve
dare conto a nisciuno, e verr con me al veglione!
ALBERTO: Err, fratete che dice?
ERRICO: Nun lo d audienza, chillo surdo!
ADELINA: V comme seccante, lasseme sosere da cc! (Si alza e subito Alfonso la segue,
girano per la scena, Alberto fa altrettanto.)
SCENA QUINTA
Achille e detti.
ACHILLE: Signori, buongiorno a tutti!
TERESINA: Oh! Ecco cc D. Achille.
ERRICO: Finalmente! Vavimmo aspett cchi?
ACHILLE: Dovete scusarmi, caro D. Errico, aggio avuto tanto che f!
ERRICO: E si capisce, e vi prevengo, che sta jurnata non vavita movere da cc, avita st
cu nuje fino a li tre stanotte nce divertimmo nu poco!
ACHILLE: Fino alle tre! Vuje pazziate! Io domani alle sette mi dovr trovare allospedale.
226

ERRICO: E nun nce jate, facite festa! D. Ach, site stato da D. Pascale?
ACHILLE: Nce so stato, nce aggio parlato, ma nun ne vo sap proprio niente. Sta troppo
arraggiato cu vuje, ha ditto ca vuje lo chiammasteve ommo de stoppa!
ERRICO: Io laveva chiamm quacche cosa de peggio, doppo chello ca facette isso! Basta,
non ne parlammo m!
ACHILLE (a Teresa): Sign, e vuje comme va che state cc?
TERESINA: Simme venute pe nu pare de juorne, ma Pasquale nun sape niente! Dott, vi
raccomando!
ACHILLE: Oh, vi pare!...
ERRICO: Signori mieje, pe mangi nce v tiempo, nato pare dore. Io diciarre,
facimmece nu tresette. Simme juste quatte. Che ne dite, dott?
ACHILLE: Come volete voi!
ERRICO: Alb, pigliammo stu tavulino, mettimmelo cc. (Eseguono.)
TERESINA: E nuje intanto jammo a sollecit lo pranzo.
ERMINIA: Buon divertimento!
ERRICO: Grazie!
ERMINIA: Jammo, jammo dinto! (Le tre donne viano.)
ERRICO: Dott, vi presento lamico mio, Alberto Conocchia.
ACHILLE: Dottor Achille Pagnotta. Piacere.
ALBERTO: Ai vostri comandi... Dunque, jucammo o no?
ERRICO: Io vaco cu frateme... Alf, Alf!
ALFONSO (s fissato a guardare da dove e uscita Adelina, poi si volta scorgendo i tre a
tavolino): Io direi facciamoci una partita!
ERRICO: Gi labbiamo detto. Tu viene a ccumpagno cu mmico.
ALFONSO: Vengo ncampagna cu ttico?
ERRICO: A ccumpagno, a ccumpagno di giuoco!
ALFONSO: Ah, ho capito, eccomi qua! (Tutti seggono.)
ACHILLE (d le carte): Buon gioco!
ALFONSO: Buongiorno, chi ?
ERRICO: Lo duttore ha ditto buon gioco!
ALFONSO: Ah! Va bene.
ERRICO: Quatte denare di mano.
ALFONSO: Neh, io direi facciamo come si usa lo quatto denare di mano.
ERRICO: Alf, s nu guajo cu sti recchie!
ALFONSO: Che dice?
ERRICO: Niente, niente!
ALFONSO: (Che bella guagliona, che bocca, che manella, inutile quella ragazza
devessere mia moglie forzosissimamente!).
ALBERTO: Eppure va a fern che forzosissimamente aggi sciacc lo capitano de li
pumpiere!
ACHILLE: Tenghio quatto de denare!
ERRICO: Allora voi giocate.
ACHILLE: Io, piombo a nu palo mettete la bona.
ERRICO (gioca).
ALBERTO: Aggio pigliato io co lo re. Liscio per voi, datemi la meglio.
ALFONSO (gioca distratto).
ERRICO: Lo tenive sulo?
227

ALFONSO: Che dice?


ERRICO: Lo tenive sulo, lo tenive sulo?
ALFONSO: Che cosa?
ERRICO: Lasso, lo tenive sulo?
ALFONSO: No!
ERRICO: E pecch nce lhaje dato?
ALFONSO: Me credevo chavive jucato tu!
ERRICO: Me credevo... si staje stunato meglio ca nun ghiucammo!
ACHILLE: cosa de niente, caro D. Errico, stata una distrazione. (Riprendono il gioco.)
SCENA SESTA
Ciccillo e detti, poi Erminia.
CICCILLO (uscendo): Signori, scusate...
ERRICO: Chi ?
CICCILLO: Aggia d stu biglietto de premura a D. Alberto la Conocchia... Sapite si nce
sta?
ALBERTO: A me... damme cc!
CICCILLO: Site vuje?
ALBERTO: Gnors, songhio! (Si piglia il biglietto.) Signori, scusate.
ALBERTO Ch, D. Alberto non vuol giocare pi?
ERRICO: stato chiamato...
ALBERTO (leggendo) Venite subito, voi e lamico vostro D. Errico, perch avrete una
bella soddisfazione. V far trovare la porta aperta, entrate senza farvi sentire, e vedrete
che cosa ha saputo fare la vostra aff.ma Fata. Aggio capito, chest Cuncettella, va trova
chha cumbinato!
ERRICO: Ch stato neh? Alb? (Va vicino a lui.)
ALFONSO: Err, non vuoi pi giocare?
ERRICO: Aspetta, lasseme f...
ALBERTO: Chisto nu biglietto che mha mannato Cuncettella, vide si capisce de che se
tratta.
ERRICO (legge): Venite subito, voi e lamico vostro D. Errico, perch avrete una bella
soddisfazione. V far trovare la porta aperta, entrate senza farvi sentire e vedrete che ha
saputo fare la vostra aff.ma Fata. E che sarr? Asp, m te lo dico io. Chesta Cuncettella
va trova che pasticcio ha fatto, cha cumbinato cu D. Pascale, e m nce manna a chiamm
pe lo f surprendere da nuje!
ALBERTO: E che vulimmo f?
ERRICO: Avimmo da j a ved de che se tratta. (A Cicc.) Dimme na cosa, sta lettera te lha
data Cuncettella?
CICCILLO: Sissignore!
ERRICO: E non tha ditto niente a voce?
CICCILLO: Sissignore, mha ditto na cosa... aspettate, quanno marricordo... Ah, ha ditto
accuss... che ghiate subbeto ll, e ve fa ved che bello servizio ha cumbianto a... D.
Coso... ll... a D...
ERRICO: A D. Pascale...
CICCILLO: Gnors, a D. Pascale!
228

ERRICO: Va bene. Tiene, pigliate li sigarette. (Lo regala.)


CICCILLO: Grazie tanto... Servo vostro! (Via.)
ERRICO: Jammo bello, e nun perdimmo tiempo Alb! Neh, permettete nu mumento, nuje
ascimmo nu poco. (Lasciando il biglietto sul tavolo. Viano.)
ALFONSO: Ch stato? Ch succiesso?
ACHILLE: E chi ne sape niente! Chillo giovane amico de D. Errico ha ricevuto nu
biglietto, lhanno letto e se ne so scappate nzieme. Forse qualche affare di premura.
ALFONSO: ghiuto a la Prefettura?
ACHILLE: No, so ghiute add Quistore!... Qualche cosa di premura! Aspettate hanno
rimasto lo biglietto cc ncoppa, vedimme che dice. (Prende il biglietto lasciato e legge:)
Venite subito, (Erminia esce e si mette inosservata ad ascoltare:) voi e lamico vostro
D. Errico, perch avrete una bella soddisfazione....
ALFONSO: Che dice? asciuto na bella strazione?
ACHILLE: (S, asciuto 6 e 22!). (Gridando.) Una bella soddisfazione! Vi far trovare la
porta aperta, entrate senza farvi sentire e vedrete che ha saputo fare la vostra aff.ma Fata.
ALFONSO: Fata?... E chi sta fata? (Lazzi a soggetto.)
ERMINIA (avanzandosi): Dott, scusate, D. Errico e D. Alberto add stanno?
ACHILLE (nasconde il biglietto dietro la schiena): Ah! Non s, so scise nu mumento
tutte le duje, che saccio pe gh a f nu servizio, ma m le vedite ven!
ERMINIA: E comme, accuss tutto nzieme, mentre steveno giocando, so scise pe f nu
servizio... Ma vuje stiveve liggenno nu biglietto, pecch vedenno a me lavite nascosto?
Che d stu biglietto?
ACHILLE: Ma no, chillo ora nu biglietto de nu cliente mio, nu malato che mha mannato a
chiamm!
ERMINIA: No, quello un biglietto che riguarda mio marito e D. Alberto! Ve ne prego,
datemelo!
ACHILLE: Ma vedete, signora...
ERMINIA: Datemmillo, ve dico... (Prende il biglietto.) Ah, nfame, scellerato traditore! Me
bassa e se ne va cu llamico sujo adde la fata? Doppo seje mise de matrimmonio... Ah,
troppo! troppo!
ACHILLE: Ma vedete, sign, chillo lamico sujo...
ERMINIA: Stateve zitto, nun parlate, nun me dicite niente, nun voglio sentere niente, non
maspettava maje na cosa de chesta!
ACHILLE: Ma la lettera non lha avuto isso, lha avuto Alberto.
ERMINIA: Lo s, D. Alberto che tiene la sua fata, la quale manne a chiamm pure a
maritemo!
SCENA SETTIMA
Adelina e detti, poi Teresina.
ADELINA: Erm, sha da mettere a tavula?
ERMINIA: Che tavula e tavula... Arrecettate tutte cose pecch nun se magne cchi!
Avimma asc, avimma j a truv a chilli duje assassine!
ADELINA: Chi assassine?
ERMINIA: Errico e D. Alberto! Chille ca nuje credevamo doje perle... Teh, legge cc...
liegge sta lettera che poco primme ha ricevuto D. Alberto. Bravo D. Alberto Conocchia!
229

ADELINA (riceve la lettera e dopo aver letto) Possibile!... Ma overo chello caggio letto?
Sta lettera stata portata proprio a D. Alberto?
ACHILLE: Sissignore... nce lha purtato nu giovane poco primme. overo, D. Alf?
ALFONSO: Io saccio ch asciuto na bona strazione... Ma che Errico e lamico sujo
avessero vinto na quaterna e pe la priezza se ne so scappate?
ACHILLE: (Uh, mamma mia, ma chisto surdo proprio!).
ADELINA: Nfame, traditore, birbante!
ACHILLE: Ma calmateve!
ERMINIA: Stateve zitto! Jatevenne! Lassateme st!
ALFONSO: Ma dott, ch stato?
ACHILLE: Eh, e m capisce tu! Jammoncenne dinto a la cammera vosta e ll ve conto lo
fatto!
ALFONSO: Che dicite? stata na bona strazione?
ACHILLE: Jammo, jammo, trasite... Sign, calmatevi!... (Prende a braccetto Alfonso e
viano.)
ADELINA: Ma dico io na vota ca teneva sta fata, pecch venuto a ncuit a me?
ERMINIA: E pecch sta fata non se la tene pe isso, e la fa conoscere pure a maritemo?
Adel, damme lo cappello, m proprio aggia asc!
ADELINA: E add vai?
ERMINIA: Voglio f arrevut lo quartiere! Pigliame lo cappiello!
TERESINA (uscendo): Ch stato? Neh, ch succiesso?
ERMINIA: Ah, zia mia! (Piange.)
ADELINA: Zia mia bella! (Piange.)
TERESINA: Ch stato? Parlate!....
ERMINIA: Errico me tradisce!...
TERESINA: Te tradisce? E comme?
ADELINA: Don Alberto poco primma ha ricevuto sta lettera, e subbeto se ne so ghiute
tutte e dduje! (D la lettera a Teresa che legge.)
ERMINIA: Nun me dicite niente zi zi, pecch lo voglio lass, voglio f cose de pazze!
ADELINA: Nun aggia credere cchi alluommene, manco si li veco de mur! Me voglio
chiudere dinto a nu cunvento!
TERESINA (che ha letto): So cose ca nun se credono! Ma comme, D. Errico capace de
chesto? Ma significa che ha perduto li cervelle! E sta lettera comme la tiene tu?
ERMINIA: Forse se lha scurdata cc! La steve leggenno lo duttore, e appena mha visto se
lha annascosta!
TERESINA: E chi sarr sta fata? Have ragione Pascale! E vuje nun lo vulite sentere a
chillommo!
SCENA OTTAVA
Totonno e dette.
TOTONNO: Permettete... Scusate...
TERESINA: Chi ? A chi vulite?
TOTONNO: Io songo Totonno lo parrucchiere, tengo lo salone dinto a la Curzea, avarra
dicere doje parole a la mugliera de D. Errico Battaglia!
ERMINIA: Songhio proprio, che mavita dicere?
230

TOTONNO: Ve voglio dicere che ve tenite lo marito vuosto nu poco cchi frenato, pe nun
lo f j ncuitanno li figliole! Si no fa pass nu guajo a quacche poverommo!
ERMINIA: Ma pecch, scusate? Che ne sapite ca maritemo va ncuitanno li figliole?
TOTONNO: Lo saccio, pecch proprio la nnammurata mia ca nun v f sta quieta!
ERMINIA: La nnammurata vosta?
TOTONNO: 15 juorne fa li truvaje a tutte e duje pe Tuledo e me stette zitto, pecch essa
me dicette chera amico de lo frate. Io facette a ved che me lo credette e nun ne parlaje
cchi! Stammatina per, mentre steveme facenno marenna tutte e dduje, a core a core,
aggio visto co lo marito vuosto steva annascosto sotto lo tavulino. Vassicuro, sign, ca
nun laggio sparato pe nu miracolo!
ERMINIA: Ma io sto durmenno o sto scetata?
TERESINA: Ma fosse nu sbaglio? Stu tale se chiamma proprio Errico Battaglia?
TOTONNO: Sissignore! Errico Battaglia! Mme so nfurmato, e mhanno ditto ca s
nzurato da seje mise e ca chesta la casa soja!
ERMINIA: Ma che vulite sentere cchi? E da quanto tiempo stato stu fatto che lavite
truvato annascosto sotto lo tavulino?
TOTONNO: Cosa de nora fa!
ERMINIA: Nora fa? Nfame! Birbante! E scusate, diciteme na cosa, add stiveve facenno
marenna?
TOTONNO: A la casa de nu certo D. Pascale Cotugno, add la nnammurata mia ogge
trasuta a serv.
TERESINA: Aspettate, che state dicenno? A la casa de D. Pascale Cotugno? Ma ne site
sicuro?
TOTONNO: Sissignore!
TERESINA: E comme se chiamma la nnammurata vosta?
TOTONNO: Mariannina Esposito.
TERESINA: Possibile! Allora fa ammore co la cammerera nova?
ERMINIA: E gi, prufittanno ca vuje stiveve cc!
TERESINA: E D. Errico ghiuto dinto a chella casa senza metterse paura de li patrune?
TOTONNO: Nun nce steva nisciuno de li patrune!
TERESINA: E gi, sapenno che Pascale ghiuto a Caserta! E llata cammarera nce steva?
TOTONNO: Gnors, nce steva, e puressa faceva marenna!
TERESINA: Allora Cuncettella daccordo cu D. Errico! Pirci se canusceva cu Ninetta.
Ah! Ma terribile sa, terribile! (Costernata passeggia.)
ERMINIA: Assassino, galiota!
TERESINA: E diciteme nata cosa, stu D. Errico Battaglia nu giovane co li mustaccielle?
TOTONNO: Nonsignore, mustacce nun ne tene, sbarbato!
TERESINA: Sbarbato?!
ERMINIA: Sbarbato?!
TERESINA: E allora nun isso, nato!
ERMINIA: E chi ?
TERESINA: E chi lo ssape! Currimmo subbeto a casa, senza perdere tiempo! (A Tot.)
Aspettate abbascio a lo palazzo, nuje m scennimmo!
TOTONNO: Va bene (Via pel fondo.)
TERESINA: Adel, damme lo cappiello, f ambressa!

231

SCENA NONA
Alfonso, Achille, Erminia, Adelina, Michele e tre pompieri.
ALFONSO (tutti escono secondo lordine): Sign, ch stato?
TERESINA: Aggia correre a la casa mia!
ALFONSO: Avita correre pe la via... e pecch?
TERESINA: Stanno gente a la casa! (Via a sin.)
ALFONSO: Sincendia la casa? Sangue di Bacco, e comme succiesso? (Alla finestra.)
Pompieri correte, mettete in ordine le pompe, cc nce sta lincendio. Fate presto!...
(Grida.) Aprite tutte le porte. (Corre per la scena.)
ACHILLE (uscendo): Capit, ch succiesso?
ALFONSO: Se sta abruscianno la casa... Salvatevi!
ACHILLE: Lo cappiello mio add sta... Capit, salvatemi lo cappello! Quale cammera s
appicciata?
ALFONSO: Nun lo saccio! Ma nun ve mettite paura, cc sta lo capitano de li pumpiere!
(Escono le tre donne coi cappelli.)
LE TRE: Jammo, jammo!
ACHILLE: Pe d avimma fu?
LE TRE: Ma ch stato?
ACHILLE: Se sta incendianno la casa!
MICHELE (appare alla finestra con una pompa): Scostateve! Scostateve!
(Contemporaneamente escono dal fondo tre pompieri con pompe. Le donne gridano.)
Aiuto! Aiuto! (Il capitano sguaina la sciabola ed a tutto fiato grida.) Sgombrate!
Coraggio, figliuoli! Fatevi onore! Sgombrate, sangue de Bacco!
TUTTI (scappano per la scena gridando).
ACHILLE: Capit, salvateme lo cappiello! (In tutta questa confusione generale.)
(Cala la tela.)
Fine dellatto secondo

ATTO TERZO
La stessa scena del primo atto.
SCENA PRIMA
Ninetta, poi Concetta, Errico e Alberto.
NINETTA: Ah! Ah! Io m moro da le risa! Concettella mha contato tutte cose. Chist lo
patrone de casa D. Pascale Cotugno. Ma che paura che sha miso, si nun piglia na malatia
nu puro miracolo!
CONCETTA: Trasite, trasite, si arivaveve nora primma, trovaveve nu bello spettacolo! (A
Ninetta.) Che sta facenno?
232

NINETTA: Sta ncoppa a la pultrona, cu nu forte dulore de capa!


CONCETTA: Nin, chisto lo marito de la signora Erminia, e chistato lo nnammurato
de lata nepote. Chesta la cammarera nova.
ERRICO: Ma comme, D. Pascale dicette che se chiammava Errico Battaglia?
CONCETTA: Gnors, cenaje cu chesta figliola na sera ncoppa a la tratturia, e le dicette
chera scuitato e che se la vuleva spus.
NINETTA: La cumbinazione, mentre steva cc, venuto lo nnammurato mio e laggio
fatto mpezz sotto lo tavulino...
CONCETTA: E io tanno vavarria vuluto!
NINETTA: ...sha pigliato na paura che nun putite credere!...
ERRICO: Ma guardate, fa tanta chiacchiere cu nuje, predica moralit e p va facenno
chesti mbruoglie!
CONCETTA: M acconcio tutti li fatte vuoste, nun ve ne ncarricate, m adda f tutto
chello ca vulimmo nuje! Trasitevenne dinto a chella cammera che ve faccio ved belli
cose!
ERRICO: Jammo Alb, jammo dinto e vedimmo che succede! (Viano.)
NINETTA: Zitto, sta venenno!
CONCETTA: Annascunnimmece, sentimmo che dice!...
SCENA SECONDA
Pasquale, poi Ninetta, poi Concetta, poi Errico e Alberto.
PASQUALE (con un fazzoletto alla fronte): Ato che ricetta, cc nce v addirittura nu
miedeco assistente vicino a me! Comme m venuto ncapo de rimman cc, si jevo a
Caserta tutto chesto nun sarra succieso!
NINETTA (avanzandosi): Comme state, D. Err? V passato lo dolore de capo? Nun putite
credere quanto me dispiace ca non ve sentite buono! Nce ha avuto colpa tutto chillo
lazzarone!
PASQUALE: Nin, fernimmo sta storia! Io non me chiammo Errico Battaglia, io songo
Pascale Cotugno, lo patrone de sta casa, e non te pozzo spus pecch so nzurato.
NINETTA: Comme? Che dicite? Vuje nun site Errico Battaglia? Ah! Ah! (Ride.)
Jatevenne, faciteme stu piacere! Aggio capito, vuje chesto lo dicite pecch ve site gi
seccato de me e nun me vulite f penz cchi a vuje! Ve ngannate, caro signore, m nun
me putite lass! Totonno m mha lassato, laggio fatto chistu tradimento, e chi me lo d
cchi a Totonno? Add lo trovo cchi a Totonno?
CONCETTA (avanzandosi) Ch stato neh, Nin?
NINETTA: Stu signore ha ditto ca non se chiamma Errico Battaglia, ma se chiamma
Pascale Cotugno lo patrone de sta casa!
CONCETTA: Accuss ha ditto? E che site asciuto pazzo neh, sign. E pecch vulite dicere
sta sorte de buscia?
NINETTA: Pecch s seccato de me, e trova scuse pe me lass!
CONCETTA: na scusa ca nun po j nnanze, per! Emb, che d, io nun ce stongo che
dico la verit? Vuje site D. Pascale Cotugno? E lo putite dicere chesto m che ce stongo
io presente? Vuje Pascale Cotugno? Vulesse lo Cielo e lo patrone mio fusseve vuje!
Allora io sta casa nun la lassarra! Fra vuje e isso, caro D. Errico, nce sta na grande
differenza! Vuje site simpatico, buono de core, mentre D. Pascale brutto, nfame e
233

puorco!
PASQUALE: (Ncase, ncase dinto a lo murtale, nun te ne ncarric!).
CONCETTA: E p, te vu assicur si stu signore D. Pascale? Nun nce v niente... M
facimmo nu telegramma a la mugliera, la facimmo ven cc, e sentimmo essa che dice,
vulimmo f accuss?
PASQUALE: Ma sei terribile sa... vai penzanno a cierti cose...
CONCETTA: E chi site vuje? Comme ve chiammate?
PASQUALE: Errico Battaglia!
CONCETTA: E site nzurato?
PASQUALE: Nonsignore!
CONCETTA (a Ninetta): S cuntenta m?
NINETTA: Grazie, grazie, cumpagna mia!... Ma pecch, scusate, pecch me vulite lass?
Che putite dicere de la cundotta mia? Facevo ammore sulo cu Totonno, e pe causa vosta
aggio perzo nu buono matrimmonio!
CONCETTA: Va buono neh, chillo D. Errico ha pazziato, m nce pigliammo na bella
carrozza e nce ne jammo a mangi a Pusilleco... che ne dicite?
PASQUALE: Comme vulite vuje!...
NINETTA: Vulimmo st allegre fino a stasera!
CONCETTA: Jammo, jammece a pripar, non perdimmo tiempo! (Ninetta via.) Cu tutto lo
talente vuosto stiveve facenno chistu guajo! Vuliveve f credere a Ninetta ca nun site
Errico Battaglia, ma site invece Pasquale Cotugno, patrone de sta casa, e pe ghionta
nzurato. E bravo! Accuss Ninetta essenno stata mbrugliata da vuje nce lo diceva a
Totonno e aviveve na bella curtellata dinto a la panza! Vuje ve la vulite luv da tuorno? E
lo trovo io lo mezzo!
ERRICO: Brava Concetta! (Si avanza.)
ALBERTO: S na femmena doro! (c.s.)
PASQUALE: (Che! Errico e D. Alberto?!).
CONCETTA: A sti duje laggio fatti ven io!
ERRICO: E sapimmo tutte cose!
ALBERTO: Tutto chello cavite fatto... jsteve a cen cu na figliola...
ERRICO: ...ve pigliasteve lo nomme mio!...
ALBERTO: Stamattina avite fatto marenna cu essa...
ERRICO: P venuto lo nnammurato e stiveve passanno nu brutto guajo!
PASQUALE: (Chiste sanno tutte cose! So rovinato!).
ERRICO: Io putarra dicere tutte cose a la mugliera vosta, ma pe farve ved comme la
penzo non dico niente a nisciuno, ma per mavita f na dichiarazione.
ALBERTO: E a me pure!
CONCETTA: E a me pure! Anze, assettateve e screvite!
PASQUALE: Ma io... vedete...
CONCETTA: Pss!... Silenzio, scrivete!... Dichiaro io qui sottoscritto... (Pasquale ripete.)
Che Concetta Palomma stata in casa mia quattro anni... in qualit di prima cameriera, e
posso assicurare (Pasq. c.s.) sul mio onore che ella una buona giovane, onesta, fidata e
gran lavoratrice. Punto. Se lho mandata via stato perch sono un pazzo, uno
stravagante. Per ho visto di aver fatto male, e se vuol restare la terr sempre con piacere.
Firmate Pasquale Cotugno.
PASQUALE: Ecco fatto!
CONCETTA: Bravo! Dateme cc. (Prende la dichiarazione.)
234

ERRICO (a Pasq.): Scrivete, scusate! (detta, e Pasq. ripete.) Carissimo e gentilissimo D.


Errico. Vi prego di venire subito da me, perch io ardo, brucio dal desiderio di fare pace
con voi. Voi siete la perla dei gentiluomini. Vostro aff.m Pasquale Cotugno.
PASQUALE (dopo scritto): Eccovi servito.
ERRICO: Grazie! (Prende la dichiarazione.)
PASQUALE: Aggia f niente cchi?
ALBERTO: Sicuro, a me m! Scrivete!
PASQUALE: (Ato che purpettone, chiste mhanno passato pe dinto lo setaccio!).
ALBERTO (detta, e Pasq. ripete): Gentilissimo e nobilissimo D. Alberto.
PASQUALE: Non facciamo esagerazioni! Stu nobilissimo nun ce azzecca, vuje site nu
guantaro!
ALBERTO: Io nce lo voglio f azzecc! Sono nobile di azioni e di condotta... Scrivete. Mi
pento, mi addoloro e sono tutto mortificato di avervi offeso, voi siete lo specchio della
virt...
PASQUALE: Ma questa na preghiera, scusate...
ALBERTO: Scrivete! Voi siete lo specchio della virt. Io sono fortunatissimo che voi
sposate mia nipote Adelina! Vostro aff.mo Pasquale Cotugno.
PASQUALE: Ecco fatto!
ALBERTO: Grazie tanto! (Prende la dichiarazione.)
ERRICO: M spassateve, divertiteve, e non ve ne ncarricate!
PASQUALE: Io me metto paura che muglierema non turnasse da Puortece?
ERRICO: Ma qu Puortece e Puortece! La mugliera vosta nzieme cAdelina stanno a la
casa mia, laggio mmitate io pe duje juorne!
PASQUALE: Comme, lloro hanno ditto che ghieveno de la cummara a Puortece! Mhanno
mbrugliato, e bravo!
ERRICO: Pirci stateve a penziero quieto, pecch le trattengo io fino a luned.
PASQUALE: Benissimo! Dateme nu bacio! (Bacia Err. e Alb.) Io vaggio voluto sempe
bene, voi non mi avete capito.
ERRICO: Simme state duje ciucce, avite ragione!
CONCETTA: Ve raccomanno, non dicite niente a la signora e a la signorina de chello ch
succiesso.
ERRICO: Ma te pare! Nuje sti lettere le facimmo ved dimane, e dicimmo che tanno D.
Pasquale ce lha mannate.
CONCETTA: Perfettamente!
PASQUALE: Allora io m vaco a urdin la carrozza! (Via.)
SCENA TERZA
Achille, poi Alfonso e detti.
ACHILLE: Neh, signori, mieje, vuje state cc? Favorite D. Alf, D. Errico sta cc!
ALFONSO: Err, tu che diavolo haje fatto? Ma chhaje perduto la capa?
ERRICO: Ch stato?
ACHILLE: Comme, ch stato? Ll sta na casa sotto e ncoppa! D. Teresina co li doje
nepote me pareno 3 jene, hanno fatto cose de pazze!
ERRICO: E pecch?
ACHILLE: Pecch vuje ve site scurdato ncoppa a lo tavulino chillo biglietto chha ricevuto
235

lamico vuosto, D. Erminia lha letto, lha fatto leggere a D. Teresina e Adelina,
figurateve ch succiesso linferno!
ERRICO: Ah! Ah! Aggio capito! Lo biglietto tujo, Alb, ll steva firmato la tua aff.ma
Fata, e diceva venite subito con lamico vuosto D. Errico, e chelle hanno creduto...
Ah! Ah! (Ride.)
ALBERTO (ride): Chesta veramente stata bella!
ACHILLE: Seh, vuje redite, chelle m le vedite ven cc.
ERRICO: E pecch veneno cc? Chi nce lha ditto ca la lettera laveva mannata
Concettella?
ACHILLE: E che ne saccio, se lavarranno supposte; e pe causa de li convulsione, hanno
tricato!
ERRICO: Le convulsioni?!...
ACHILLE: E se capisce, pecch lo frate vuosto lha fatto mettere na paura terribile D.
Teresina ha ditto: Avimma correre, stanno gente a casa, e chillo ha capito: Sta
nincendio a casa. (Tutti ridono.) S miso allucc, ha fatto sagl li pompieri, e me lha
fatto credere pure a me... io m moro, non tengo cchi fiato!
ERRICO: Ma comme, tu cu sti recchie nun la vu fern!
ALFONSO: Nce ne vulimmj? Che dice?...
ERRICO: V te f squart! E comme se cumbin neh? Conc chelle m venene cc, se
ncontrano cu D. Pascale e lavimma cunt tutto lo fatto.
CONCETTA: Succeddarra nu guajo! Aspettate, lassateme penz!
SCENA QUARTA
Totonno e detti, poi Ciccillo.
TOTONNO: D. Cunc, Ninetta add st, chiammatela, pecch ha da f nu faccia a fronte!
CONCETTA: Che faccia a fronte?
TOTONNO: Cc, m vene la mugliera de D. Errico Battaglia, io laggio cuntato tutte cose,
e cio ca stu D. Errico Battaglia fa ammore co la nnammurata mia, e che stammatina
laggio trovato cc, annascosto sotto lo tavulino.
CONCETTA: Puzzate pass nu guajo! Vuje cavite fatto?
ERRICO: Vuje mavite arruinato!
TOTONNO: A buje? E pecch? Che centrate vuje?
ERRICO: E comme sapiveve la casa de stu Errico Battaglia?
TOTONNO: Me lha mparata namico mio.
ALBERTO: E la mugliera cha ditto, che vene cc?
TOTONNO: Stanno venenno!
ERRICO: E comme facimmo?
ALBERTO: Chille vonno sap chillo biglietto pecch nce lhaje mannato.
CONCETTA: Zitto, non ce v niente! E laggio trovata! Vaggio mannato a chiamm
pecch avevo persuaso a D. Pascale, ve vulevo d li doje lettere che mavevo fatto
scrivere.
ERRICO: Aspetta! E stu D. Errico Battaglia che fa ammore co la nnammurata de chisto e
che lha trovato sotto a lo tavulino?
CONCETTA: Ah, gi e chi putarra essere?
CICCILLO (uscendo): Cunc, steva la porta aperta, io laggio chiusa, aggio fatto buono?
236

CONCETTA: S! Statte! Ecco cc Errico Battaglia.


TOTONNO: Nonsignore, nun chisto!
CONCETTA: Stateve zitto vuje! Cicc, m che vene la signora tu haje da dicere che te
chiamme Errico Battaglia, e che faje ammore co la cammarera nova, e che stu giovane
stammatina tha truvato annascunnuto sotto a lo tavulino.
CICCILLO: E pecch?
CONCETTA: Pecchesto! Statte zitto, anze miettete dinto a stu stipo, quanno io larape tu
jesce.
CICCILLO: Io pe te faccio qualunque cosa, tu lo ssaje! Signori permettete. (Entra nello
stipo.)
ALFONSO: Chi qualche ladro? (Sguaina la sciabola e si mette di guardia davanti allo
stipo.)
TOTONNO: Ma nonsignore, chillo non D. Errico Battaglia!
CONCETTA: Chillo cavite truvato sotto lo tavulino lo padrone de sta casa, e se
chiamma Pasquale Cotugno, D. Errico Battaglia chisto cc!
CICCILLO: Vulite a me? (Lazzo di Alfonso.)
CONCETTA: Nonzignore, chiude lloco! (Cicc. rientra.)
TOTONNO: Comme, vuje site Errico Battaglia?
ERRICO: A servirvi!
TOTONNO: E vaggio combinato chistu piattino co la mugliera vosta?
ERRICO: Mavite fatto nu bello guajo!
TOTONNO: Ma stu D. Pascale Cotugno add sta?
CONCETTA: Bellu gi, vuje quanno avite a Ninetta e ve la purtate, avita ave niente cchi?
TOTONNO: Nonzignore!
CONCETTA: E allora avita f chello che vaggio ditto io... avita dicere che chillo cavite
truvato sotto a lo tavolino era Errico Battaglia, cio chistu cc. (Mostra Ciccillo dallo
stipo.)
SCENA QUINTA
Ninetta e detti.
NINETTA: Neh, Concett... Che beco, Totonno?...
TOTONNO: Ah, te s fatta ved finalmente? Nfama! (Per inveire.)
NINETTA: Madonna!!...
ALFONSO (con la sciabola sguainata): Alto l! Fermatevi!
CICCILLO (comparendo): Che d, neh? (Alf. lazzo.)
CONCETTA: Trase dinto, puozze scul! Nin, aggio visto ca stu giovane te v bene, e tu
nun lhaje f pigli cchi collera! (A Totonno.) Vuje lavita perdon, pecch si ha fatto na
mancanza stato pecch lo patrone mio lle jenchette la capa de chiacchiere!
TOTONNO: Allora te perdono, per lultima vota per!
NINETTA: Nun ce penz, ca non ce capito cchi!
ERRICO: Nuje m cavimma f?
CONCETTA: Nin, cc m vene la padrona nzieme co li doje nepote, e avimma salv a D.
Pascale, e a stu povero giovane, ca lo nnammurato tujo lha fatto nu guajo!
NINETTA: Che guajo?

237

SCENA SESTA
Pasquale e detti, poi Achille, Teresina, Erminia e Adelina.
PASQUALE: Neh, signori miei, io aggio visto sagl a muglierema co li ddoje nepote!
Aggio fatto li grade a quatto e a cinche... Comme facimmo m?
CONCETTA: Nin, viene cu mmico. D. Pasc, venite, m ve dicimmo nuje comme vavita
regol.
ERRICO: E nuje?
CONCETTA: Vuje ricordateve site state chiammate pe li lettere.
ACHILLE: E io comme me trovo cc?
CONCETTA: Site venuto pe vassicur de lo fatto.
ALFONSO: E io?
CONCETTA: Lo stesso!
ALFONSO: A me? A me sta parola! Haje ragione ca s femmena, putive essere ommo te
sceppave lo core da pietto!... Ad un capitano dei pompieri se dice chesto, ma me la
pagherai per, me la pagherai! (Via.)
CICCILLO (dallo stipo): Ch stato?
ALFONSO: V muore de subbeto, ca m me la sconto cu ttico! (Suono di campanello d.d.)
CONCETTA: Li bb cc! Jamme, venite! Dott, aprite vuje la porta. Attiente! (Via con
Pas. e Nin. a destra. Ach. va ad aprire.)
ERRICO (cacciando la lettera di Pasq.): Alb, caccia la lettera! Che piacere! Che
soddisfazione!
ALBERTO: Sta lettera nu tesoro pe me! (Esce Achille con le tre donne.)
ACHILLE: Calmatevi, signora, ve ne prego!
ERRICO: Oh! Zi zi, Erm, che site venute a f cc? Nuje m nce retirammo.
TERESINA: Ah! M ve retirate... Bravo!
ERMINIA: Te retire tu, ma a me nun me truove cchi!
ADELINA (ad Alb.): Nfame! Birbante!
ERRICO: Ma ch succiesso?
ERMINIA: Chello ch succiesso te lo dice stu giovane! M va trova che llhaje ditto, ma
isso non sha da cagn!
TOTONNO: Nonzignore, io non me cagno!
TERESINA: Concettella e Ninetta add stanno?
ERRICO: Poco primma steveno cc!
ERMINIA: La vostra bella fata, ha ntiso lo campaniello e se n fiuta! Me voglio spartere,
non te voglio ved cchi!
ERRICO (ridendo): Ma aspettate, vuje cammuina state facenno! Chisto nequivoco
cavite pigliato! Stu biglietto lha mannato Concettella pecch siccome ha persuaso a D.
Pascale de f pace cu me e dacconsent a lo matrimmonio dAlberto cu Adelina, lha
fatto f sti doje lettere, pe nce d na sorpresa ha mannato a chiamm Alberto nzieme cu
me. Invece p de se firm Concettella ha miso Fata, pecch Alberto accuss la chiamma!
ALBERTO: Chesta la lettera mia! (La d a Teresina.)
ERRICO: E chesta la mia! (La d a Erminia.)
ERMINIA (dopo aver letto): Possibile! E nuje nce avimmo pigliato tanta collera?
TERESINA: Avimmo fatto stu poco de ammuina...
ADELINA: ...e senza ragione!
238

ERMINIA: E diciteme na cosa m! Chillo tale Errico Battaglia che ncuitava la nnammurata
vosta, e che avite truvato annascosto sotto a lo tavulino, chistu cc?
TOTONNO: Nonsignore! Io ve laggio ditto ca mustacce nun ne teneva!
TERESINA: E chi stato allora ca sha pigliato lo nomme de mariteto e fa ammore co la
cammarera nova?
ERRICO: E chi lo sape?
TOTONNO: E nu mbruglione, sign, na carogna, ca si lo trovo lle tiro la capa da dinto a
la noce de lo cuollo!
SCENA ULTIMA
Pasquale, Concetta, Ninetta e detti.
CONCETTA (d.d.): Sign, nun mporta, perdunatela pe sta vota!
NINETTA (d.d.): Lo Cielo ve lo renne!
PASQUALE: Niente, non perdoner mai e poi mai! (Fuori.) Ah vuje state cc? Che d,
nun site jute a Puortece?
TERESINA: La verit simme state a la casa dErminia. E tu p nun s ghiuto a Caserta?
PASQUALE: No, io so rimasto pe ved sta cammarera nova comme la pensava! Bella
cosa! Bella cammarera che tha proposto lo senzale, na sguaiata, na faccia tosta!...
TOTONNO: No, chesto nun lavita dicere!
CONCETTA: Stateve zitto bell, lassatelo sfuc!
PASQUALE: Me vu f sfuc o no? Da dinto la mascatura de chella porta, aggio visto che
tanto Concettella quanto la signorina Ninetta steveno facenno marenna e savevano fatto
seje ove co la muzzarella, presutto...
CONCETTA: Chella teneva appetito, caveva f?
PASQUALE: Teneva appetito, va bene! Doppo nu poco venuto nu tale che se faceva
chiamm Errico Battaglia! Tutto nzieme trasuto chistato, amante di Ninetta, e ha fatto
nu chiasso terribile! Strille allucche, revolverate, un inferno! E tutto questo in casa mia, in
casa di un uomo onesto!
TERESINA: E tu p stive ll dinto e non te muvive?
PASQUALE: E se capisce, ll se trattava de revolverate! Add sta chillo mbruglione ca
steva annascosto sotto a lo tavulino?
CONCETTA: Sign, nun mporta, perdunatelo! Lo vedite cc, s annascosto dinto a lo
stipo! Jesce, jesce da lloco dinto!
CICCILLO: Aggiate pacienza, nun lo faccio cchi!
ERMINIA (a Totonno): Era chisto?
TOTONNO: Sissignore!
PASQUALE: Chi s tu, comme te chiamme?
CICCILLO: Errico Battuglia... Bettiglia, Butteglia, Bagaglio.
PASQUALE: Jesce m proprio da dinto a la casa mia!
CONCETTA: Sign, ma chisto nu sbaglio cavite pigliato! Stu giovane non era venuto pe
Ninetta, era venuto pe me!
PASQUALE Pe te?
CONCETTA: Gnors, pecch cu me fa ammore, e no cu essa!
CICCILLO: Sissignore, e me chiammo Errico Battaglia, m me ricordo... mannaggia a la
battaglia!...
239

TERESINA: Basta! Nin vuje nun facite pe me, a buje pigliateve la nnammurata vosta, e
purtatevella!
TOTONNO: So lesto... Jammuncenne, Nin...
NINETTA: Concett, statte bona!
CONCETTA: Statte bona. Nin!
NINETTA (a Pasq.): Sign, stateve bene, e perdonateme! (Quanno te ncontro mmiezo a la
strada facimmo li cunte!). Scusate, sign! (Via.)
PASQUALE: Andate, andate!...
TOTONNO (a Pasq.): Avita compat, stato lammore! (Quanno mmiezo a la strada, te
faccio f marenna!). Perdonate! (Via.)
ERMINIA: Zi zi, io ve ringrazio de la lettera cavite scritto a Errico.
ADELINA: E io pure ringrazio che me facite spus a Alberto.
ALBERTO: veramente nu buon ommo!
ERRICO: Tene nu core de lione!
TERESINA: Ma io ve lo dicevo, ve pare non conosco a maritemo!
CONCETTA: So stato io a ca co li belli maniere laggio persuaso!
TERESINA: Me fa meraviglia, doppo tantodio ca teneva pe te!...
PASQUALE: Il cuore, il cuore!...
CONCETTA: Gi! E mha fatto pure stu bello certificato, allultimo vedite comme sta
scritto.
TERESINA: Per ho visto che ho fatto male, e se vuol restare la terr sempre con
piacere.
ADELINA: Ah, bravo zi zio!
CONCETTA: E io pe ve f ved, voglio rest!
TUTTI: Brava!
PASQUALE: (Lultimo colpo de pesaturo!).
TERESINA: E na vota ca te tene cu piacere isso, te tengo cu piacere purio!
CONCETTA: E io ve ringrazio tanto tanto! Per, sign, m che me sposo a stu giovane, ve
lavita pigli comme a cuoco.
CICCILLO: Ve faccio allecc li dete, sign!
TERESINA: Si Pascale v...
CONCETTA: Sign, che ne dicite?
PASQUALE: E caggia dicere! Io aggio capito ca s na bona femmena, e faccio tutto chello
ca vu tu!
CONCETTA: Grazie tanto!
CICCILLO: Grazie oscellenza!
ERRICO: Signori mieje, io diciarra jammo a mangi m... Venite zi zi... nce vulimmo
mbriac! Cuncett, viene tu pure.
CONCETTA Comme vulite vuje!
ERMINIA: Jammo, jammo!...
CONCETTA: D. Pasc, comme me so purtata, dicite la verit?...
PASQUALE: Magnificamente; e sperammo ca pure nuje nce simme purtate buone con
questo rispettabile pubblico!
(Cala la tela.)
Fine dellatto terzo

240

FINE DELLA COMMEDIA

241

DUJE CHIAPPARIELLE
da Le Contrleur des wagons-lits, di Bisson
Commedia in tre atti
Personaggi
Felice Chiappariello
Michele Chiappariello
Antonio Capone
D. Ciccio Stoppa
Alonzo Pastafina
Achille Panetti
Errico
Peppino
Salvatore
D. Candida
Luisella
Concetta
Rosina
Gilda
La scena avviene primo e secondo atto a Torre Del Greco; terzo atto a Torre Annunziata
epoca presente.

ATTO PRIMO
Camera con porta in fondo. Tre laterali ed una finestra prima quinta a destra. Un
lampadaro appeso al soffitto ed avviluppato in un velo. Due mensole. Sedie, tavolino.
SCENA PRIMA
Luisella e Candida.
CANDIDA (dalla sinistra e Luisella che seduta, di cattivo umore): E accuss, Luis,
maritete D. Felice non tornato ancora?
LUISELLA: Nonsignore.
CANDIDA: E bravo, che bella cosa, che bello marito, che bello galantormo, e p dicite che
io minganno, che nun lo pozzo ved. Nce have colpa chillo turzo le patete, che pe forza
te vulette fa f stu matrimonio, io pe me nun te lavarria dato mai e p mai. D. Cesarino,
chillo povero D. Cesarino che murette, chillo se poteva chiamm marito.
LUISELLA: Ma chisto p, mamm, nemmeno cattivo, me spusaje cu tanto piacere.
CANDIDA: Ah, s, lo saccio, te spusaje cu tanto piacere pecch le purtase 20 mila ducate le
dote, e s venuto a luv de crespe de la panza dinto a la casa nosta.
LUISELLA: Ma no, chesto non lo putite dicere, pecch appena vedette che vuje e pap ve
dispiaceveve che nun faceva niente, subeto cercaje de truv nimpiego.
CANDIDA: Ah, s, che bella cosa, bellimpiego... Controllare, che saccio, dei vagoni letto,
pe sta lontano da la casa quatto juorne la settimana, dal Gioved al Luned.
242

LUISELLA: Emb, chha da f, puveriello, chillo limpiego, deve ispezionare i suoi


vagoni.
CANDIDA: Guardate. Ispezionare i vagoni add stanno li liette, add se spogliene pure le
femmene.
LUISELLA: Eh, me pare, certamente non se ponno j a cucc vestute.
CANDIDA: E se sape, ha truvato nu bello impiego veramente, nimpiego che fa pe isso.
LUISELLA: Ma pecch, che nce truvate de male?
CANDIDA: Tutto il male possibile, a me chillommo nun me piace, non sincero, nu
miezo mbruglione. Ma come, nun te s accorta che chilli juorne che sta cc, pare comme
tenesse li spine sotto a li piede, nun sta mai fermato nu momento, sta sempe distratto,
sempe dinto a la luna, e chella matina p che ha da part, sta allegro, contento, le parene
millanne che se ne va.
LUISELLA: S, chesto overo, ma isso me dicette che sta allegro pecch v a fatic,
pecch nun se fide de st in ozio.
CANDIDA: Vattenne, figlia mia, nun sentere chiacchiere, nun se fide de st in ozio, e fine a
2 mise fa chha fatto? Ha faticato, forse?... Niente, a me nun me mbroglia, nun me
mbroglia!
LUISELLA: Ma insomma, chaggia f, che vulite che faccio?
CANDIDA: Voglio che nun s scema, che nun te mmucche tutto chello che te dice, e p
nun hai da f tanto la pecora, si no chillo cchi se ne piglia, e pe lato riesto nce penso io,
lo sorveglio io, e guajo, guajo si scummoglio quacche cosa. Io a Ciccillo mariteme, pe nu
poco de addore de muschio che le truvaje ncuollo, lo facette st duje anne, senza farme d
nu vaso... eh, io so terribile, e accuss s mparato. Tu nun te nincarric, nce penso io. Pe
m, stammatina, aggio mannato a patete a Napole, alla compagnia Internazionale dei
Vagoni-letto, e l potimmo av informazioni precise pe sap comme se porta, e si
veramente tene stimpiego.
LUISELLA: Nientemeno! Pure chesto mettite in dubbio?
CANDIDA: Io nun lo saccio, m vedimmo, tu haje ragione de tenerce fiducia, e credere
tutte cose, pecch ti haje tenuto chillo marito manze, D. Cesarino Sanguetta, che perla,
nun avarria avuto maje mur!
SCENA SECONDA
Ciccio e dette.
CICCIO: Eccome cc a me.
LUISELLA: Oh, pap, site venuto.
CICCIO: Allegramente, allegramente, bone notizie, te prego, nun la ntussec cchi a sta
poverella.
CANDIDA: S stato add taggio ditto?
CICCIO: Sissignore, a la compagnia internazionale, me sodiretto proprio al Capo Ufficio,
Cav. Achille Panetti, bravissima persona, e la combinazione, chillo abita cc, la Torre de
lo Grieco, pe f pigli nu poco daria a la mugliera che sta poco bona. Quanno ha saputo
che io era Torrese, ha ditto: Oh, diavolo, mi dispiace che vi siete incomodato fino a qua,
potevate venire in casa mia che sta poco lontana dalla vostra, e io che ne sapeva. Mha
fatto tanta cerimonie. Isso pure pittore dilettante comme a me, mha promesso che nu
juorno de chiste v ven a ved i quadri miei.
243

CANDIDA: Ma lhai parlato de D. Felice?


CICCIO: La verit, mera scordato, stato isso che mentre me ne steva jenne, mha ditto:
Ma scusate, voi perch siete venuto da me?
CANDIDA: Lo soleto, sta capa toja naffare serio.
CICCIO: Non colpa mia, s tu che me stuone da la matina a la sera.
CANDIDA: E gi, io te stono, primmo nun te stonavo ov?
CICCIO: Ma primme, quanno? 24 nne fa... e statte zitta, famme stu piacere.
LUISELLA: Basta, pap, diciteme che vha ditto de Felice?
CANDIDA: Che informazione tha dato?
CICCIO: Buonissime! Me so consolato, pecch me sento currivo che lhaje da tratt de
chella manera.
LUISELLA: Dice buono pap.
CANDIDA: Dice buono? Va bene!
CICCIO: Io laggio ditto: Scusate, ditemi che condotta tiene quellimpiegato, da pochi mesi
venuto qui come controllore dei vagoni-letto. Chi? Mha risposto isso: Il Sig.
Chiappariello? Precisamente, il Sig. Chiappariello.
CANDIDA: Vedite che cugnome.
CICCIO: Ah, buonissima condotta, non abbiamo di che lagnarci. Preciso, coscenzioso,
discreto, intelligente, nessuno impiegato stato mai tanto esatto e buono quanto a chillo, e
mha confidato che dimane il consiglio damministrazione gli noter una gratificazione di
200 lire.
LUISELLA: Uh! Comme so contenta!
CANDIDA: E comme va che nun s ritirato con te, sta ancora in viaggio?
CICCIO: No, tornato stammatina, stato in ufficio per fare il suo rapporto, e p se n
ghiuto.
CANDIDA: E cc non venuto ancora, add ghiuto vurria sap?
CICCIO: Forse teneva degli affari.
CANDIDA: Degli affari? E che affare poteva tenere?
CICCIO: Io m che saccio, quacche combinazione se sarr data.
LUISELLA: Mamm, aggiate pacienza, vuje pensate sempe a male.
CANDIDA: E naggio ragione, naggio ragione, pecch quanno lo vulite sap, io stanotte
aggio avuto na visione.
LUISELLA: Na visione?
CICCIO: A proposito, tu stanotte che avive?
CANDIDA: Stanotte, verso le 3, mentre tu runfunniave comme a nu puorco, secondo il
solito, io, vicino a lo cumm, tutto nzieme aggio visto a nu bello giovene, cu li capille
ricce e bionde, e cu doje scelle, me pareva proprio nangelo, langelo della verit, lo quale
teneva afferrato pe li capille nu diavolo, e nun lo faceva movere io, morta da la paura,
taggio chiammato, ma tu nun mhaje risposto, io me so nfeccato cchi sotto... ma doppo
nu poco aggio apierto luocchie, e aggio visto che chillo diavolo era appunto D. Felice,
isso proprio!
LUISELLA: Mamm che dicite.
CICCIO: V, vettenne, nun nce f avut lo stommaco, visione, chillo stato nu suonno che
thaje fatto.
CANDIDA: Nonsignore, nun stato suonno, stata na visione, navvertimento de lo Cielo!
Io nce credo a sti cose.
CICCIO: Ma statte zitta, famme stu piacere. Io pure 3 notte fa nun me sunnaje che na
244

balena me secutava. Io correva e chella appriesso... me mettette lanema de la paura!


CANDIDA: Na balena. Ma stive a mare?
CICCIO: No, cc dinto a la casa.
CANDIDA: E ched, la balena correva pe dinto a la casa?
CICCIO: E se capisce, pecch, la terza vota, jette pe mavut, e vedette che chella balena
ire tu.
CANDIDA: E ched, io songo na balena?
CICCIO: E perci era suonno.
CANDIDA: A te fuje suonno, ma a me no.
CICCIO: Va buono, comme vu tu. A proposito, m me scordavo. Mentre salutava il
Cavaliere Panetti pe me ne j, trasuto dinto allUfficio nommo, ben vestito, che glieva
truvanno il Sign. Chiappariello, Controllore dei Vagoni-letto. Laggio risposto io: Non
c, ma lo potete trovare a casa fino a Gioved mattina, laggio ditto che era suo suocero,
laggio data la carta de visita, e isso mha data la soja add laggio misa... (Rovista nelle
sacche.)
CANDIDA: E chi era stommo?
CICCIO: E che ne saccio molto distinto, pulito, educato... Ah, ecco cc la carta de visita.
(La caccia.)
CANDIDA (la prende e legge): Antonio Capone.
CICCIO: E lo nomme nce calza bene, pecch pare proprio nu capone spennato.
CANDIDA: E che volarr stu signore da D. Felice.
CICCIO: Mha ditto che hanna sistem assieme naffare personale.
CANDIDA: Certo quacche pasticcio de femmena. (Posa il biglietto di visita sul tavolo.)
LUISELLA: E da capo, ma comme, afforza na cosa malamente ha da essere?
CICCIO: Siente, ma s terribile, s. Tu mettarria chillo poverommo talmente cu le spalle
nfaccia a lo muro, che varamente le farraje f quacche bestialit!
CANDIDA: E gi, tu lo difiende sempe, pecch chillo la pensa comme a te, avite fatto una
cocchia.
CICCIO: Io difendo la ragione! Capisco che Felice non se p paragon con la buonanima
di Cesarino Sanguetta...
CANDIDA: Ma che, manco nu pilo.
CICCIO: Quellera altro tipo, altro carattere, calmo, tranquillo, voleva st sempe dinto a la
casa. Questo al contrario, le piace il moto, la vita attiva, ma del resto p, un galantomo,
e nun nce ne putimmo lagn.
CANDIDA: Nuje no, ma essa dice sempe che nun la v bene cchi comme a na vota.
CICCIO (a Luisa): Comme? overe chesto?
LUISELLA: S, chesto overe. Lo principio sposato, me voleva cchi bene.
CICCIO: Ma no, tinganni figlia mia, e p se sape, chello che se fa a lo principio spusato,
nun se fa doppo 3 anne. Il matrimonio cos , viene cc, m te porto nu paragone sugli
animali. Tutti gli sposi i primi 6 mesi so palummielle e palummelle, doppo 2 anne so...
gallo e galline, doppo 5 anne so na pariglia de cavalle mascolo e femmena, che
mangiano, bevono, dormono, e tirene la carrozza nzieme.
CANDIDA: Guardate che paragone, nuje m per esempio simme na pariglia de cavalle?
CICCIO: No, doppo 25 anne de matrimonio, la razza subisce una trasformazione, nuje m
nun simme manco cavalle.
CANDIDA: E che simme?
CICCIO: Cane e gatta.
245

CANDIDA: Sarraje tu nu cane scurtecato!


CICCIO: E statte zitta!
SCENA TERZA
Felice, Peppino e detti.
FELICE (d.d.): Pepp, pigliete sta balice e portala dinto.
PEPPINO (d.d.): Subito.
LUISELLA: Ah! Ecco cc Felice.
CANDIDA: (Si ritirato finalmente).
FELICE (fuori): Pap, mamm, carissima Luisella. (Peppino esce con valigia che porta
nella stanza a sinistra, poi esce e via pel fondo.)
LUISELLA: Gi, carissima Luisella. A chestora si venuto?
FELICE: E non poteva venire prima, so arrivato a Napoli col treno delle 9 e 40,
immediatamente sono stato allUfficio per fare il mio rapporto.
CICCIO: Ce lho detto, ce lho detto
FELICE: Poi so ghiuto a trov mia sorella Agatina che sapete come sta.
CICCIO: Ancora malata?
FELICE: Ancora malata? Quella tiene na febbre de cavalle, non se sape che diavolo :
mha fatto sta vicino a essa cchi de nora, puverella, nun mavarria voluto mai lass. Per
forza voleva che avesse mangiato cu essa... ma te pare, chesto nun p essere, muglierema
me sta aspettanno. E che fa, quanno sape che staje cu me, cu mariteme, non credo che
nhave dispiacere te faccio mangi quatte strangolaprievete proprio scicche, ma nun p
essere, se ne parla nata vota.
CANDIDA: E scusate, D. Fel, vostra sorella Agatina malata de chella manera, cu na febbre
de li cavalle, se mette a f le strangulaprievete?
FELICE: Sicuro, e che li fa essa, li fa la coca, e se capisce, co la freve faceva li
strangulaprievete.
CICCIO: Ma se sape, che domanda sciocca!
FELICE: Da l so scise e so ghiuto sotto de Finanze a f quacche spesalella, maggio
accattato nu pare de tirante, na cinta, na coppola de lana, diverse cosarelle, e p me so
mise dinto a lo tram, e so venuto cc.
CANDIDA: Tutte sti spese, la bonanema de D. Cesarino Sanguetta, le faceva cu me, nun
vuleva j mai sulo.
LUISELLA: Mai, sempe aunito cu mamm.
FELICE: Ma per me sarebbe un onore, ve pare... anze, me fate piacere ma siccome me
trovavo a Napole, per non incomodarvi.
CICCIO: E avite nu buono viaggio?
FELICE: Ah, magnifico, na cosa troppo bella. Sono stato a Monaco. Che paesaggi.
Marsiglia, Cannes, Nizza, la Riviera. Oh, io so contentissimo de stimpiego,
trapazzoso, si overo, quacche vota nu poco seccante, pieno di responsabilit, ma io mi
trovo bene, non me ne lagno affatto, meglio chesto che a sta accuss, senza f niente.
LUISELLA: Ah, sicuro.
CICCIO: A proposito, D. Fel, io vaggia d na bella notizia, na notizia che ve far assai
piacere.
FELICE: E sarebbe?
246

CICCIO: Nora fa ho parlato col Cavaliere Achille Panetti.


FELICE: (Panetti?).
CICCIO: Lo quale mi ha parlato tanto bene di voi, se p dicere, pazzo pe buje.
FELICE: Veramente? Grazie tante, troppo buono. E a proposito di che?
CICCIO: Comme a proposito di che? A proposito del vostro servizio.
FELICE: (Ah!). Ho capito.
CICCIO: Pare che non ve facesse piacere?
FELICE: Assai piacere ve pare.
CICCIO: Mha ditto che siete un impiegato modello, attivo, coscenzioso, intelligente...
LUISELLA: E domani il Consiglio di amministrazione te fa un regalo de 200 franche.
vero pap?
CICCIO: Perfettamente.
FELICE: Oh, chesto m non me laspettavo. E avete parlato proprio con lui, col Cavaliere
Panetti?
CICCIO: Proprio col capo ufficio, nu buonomo, non tanto viecchio.
FELICE: Cos, cos... grassotto.
CICCIO: No, che grassotto, piuttosto sicco.
FELICE: Gi, m s fatto sicco. Tene la barba.
CICCIO: No, nu pizzetiello.
FELICE: Gi, primmo teneva la barba, p se la tagliaje.
CICCIO: Ma che maniera, che gentilezza.
CANDIDA: (Pare comme si non lo conoscesse). E scusate D. Fel, da quanto tiempo se lha
tagliata la barba?
FELICE: E che ne s, forse da qualche mese.
CANDIDA: Voi insomma non lavete conosciuto co la barba?
FELICE: Gi... io veramente nun me lo ricordo... non ci feci caso, ma teneva na bella
barba, na barba accuss.
CANDIDA: P se la luvaje, e m tene lo pizzetiello. Permettete? Io vaco dinto, m nce
vedimmo... Le vote nce stanno cierti pizzetielle che parene barbe... gi... permettete? (Via
a sinistra.)
FELICE: Io poi non capisco che significa quella cuffiatura, la barba, lo pizzetiello... che s,
siamo arrivati ad un punto con tua madre che nun pozzo parl cchi.
CICCIO: Non la date retta. D. Fel, chella meza pazza, voi sapete il carettere. Io m
vengo, voglio j accunci chilli quadre dinta a la cammera mia che stanno tutti in
disordine. Statte allegramente Luis, D. Felice te v bene sempe, te lo assicuro io. Non
certo la buonanima di D. Cesarino Sanguetta, te laggio ditto, quellera un altro tipo, ma
di questo non ti puoi lagnare. M nce vedimmo, m nce vedimmo. (Via a destra.)
LUISELLA: Assettete nu poco vicino a me, parlammo nu poco. (Prende una sedia.)
FELICE (La buonanima de D. Cesarino Sanguetta e chella candara de patene, me fanno
mur a me!).
LUISELLA: Dimme na cosa, sti quatte juorne che s stato in viaggio, hai pensato mai a
me?
FELICE: Ma sempre, sempre, Luisella mia, e te pare, a chi aveva pens.
LUISELLA: Veramente?
FELICE: Veramente.
LUISELLA: Ma che saccio... tu pare che nun me vu bene cchi comme a na vota, quanno
stai vicino a me, stai friddo, stunnato, indifferente, mentre primme, a lo principio spusato,
247

me dicive tanta belle cose, me facive tanta cerimonie.


FELICE: Ma che Luisella mia, tu ti devi persuadere, che quanto cchi tiempo passa...
LUISELLA: Cchi nun me vu bene, lo saccio.
FELICE: Ma no, non dico questo, a lo principio spusato, capirai nata cosa, io anze te
pozzo dicere che m te voglio cchi bene de primma, ma credo che sia inutile a f tutti
chilli cianciamiente che faceveme.
LUISELLA: Oh, pe me nun so inutili affatto. Io songo sempe la stessa. Tu, capisco, te s
seccato de me, e m me vu bene, s, ma comme a gallina. Fortunatamente nce v tiempo
paddevent cavalle, pecche si no...
FELICE: Comme, addeventamme cavalle?
LUISELLA: E se capisce, de chisto passo addeventamme cavalle primme de lo tiempo.
FELICE: Ma comme, io non capisco.
LUISELLA: Pap mha ditto che tutte li marite e mugliere, li primme 6 mise spusate, so
palummielle e palummelle, doppo duje anne so galle e gallina, e doppo 5 anne
addeventano duje cavalle, mascolo e femmena, che mangiano, dormono, e tirene la
carrozza nzieme.
FELICE (ridendo): Ah, ah, chesta bella!... Ma vattenne, famme stu piacere. Chillo pap
ha pazziato, che cavalle e cavalle, io te voglio bene sempe comme a na palommella.
LUISELLA: E io te credo. Ma per nun pu neg che da quacche tiempo a chesta parte, tu
hai cambiato carattere. Quanno stai dinto a la casa te veco sempe stunato, arraggiato, de
malumore... pecch? Ncha da essere na ragione?
FELICE: S, veramente... nce sta na ragione, ma non na ragione che riguarda a te. Sai,
francamente, io sono stanco del modo comme me tratta mammeta, dubita sempre di me,
sta sempe co lo fucile mmano. Nun me pozzo muovere, nun pozzo parl, naffare serio.
La cosa poi che pi mindispone, chella de sent annummen sempe la bonanima de D.
Cesarino Sanguetta. E D. Cesarino Sanguetta era buono, e D. Cesarino Sanguetta no
galantomo, e D. Cesarino Sanguetta era na perla, e sai sta cosa mha seccato assaj!
LUISELLA: Ma allora tu me lo putive dicere e nun sannummenava cchi. Poverommo,
nun campaje che 6 mise soltanto, e te pozzo assicur che nun lo vuleva bene quanto
voglio bene a te.
FELICE: S, ma tu pure primma de part, ultimamente, me diciste: Ah, Cesarino, Cesarino,
era nata cosa.
LUISELLA: S, me scappaje accuss da la vocca, pecch tu me salutaste freddamente, ma
giacch tu s geluso disso, ti giuro che non lannommene cchi.
FELICE: Speriamo.
LUISELLA: E me vu bene comme a primme?
FELICE: Ma s, anze cchi de primme.
LUISELLA: Bravo! E vu f marenna? (Si alza.)
FELICE: S, na piccola cosa. (Si alza.)
LUISELLA: M te manno a pigli na costata, e te la faccio f lesto lesto.
FELICE: Grazie tante.
LUISELLA (per andare poi torna): Vide, te voglio f rimarc na cosa... primme, sempe
che te lassave, me dive nu bacio... m invece no...
FELICE: Ah, s, che vu da me, io p me scordo, viene cca.
LUISELLA: No, m nun lo voglio... m songo io che nun lo voglio. Che? Nun lo voglio.
(Via fondo a sinistra.)
FELICE: E nun te lo pigli, che vu da me! Vuje vedite che guajo chaggio passato,
248

Mannaggia a lo mumento che capitaje dinto a sta casa! Mannaggia la miseria! Ma io


poteva mai credere de truv chella specie de mamma, chesta specie de mugliera seccante!
Ncaggio colpa io. A me me lo dicevano gli amici miei: Comme te piglie na vedova, e m
s che guajo che passe. Te siente sempe annummen lo marito muorto, e accuss stato.
Non c momento nella giornata che nun se parla de la felice memoria di D. Cesarino
Sanguetta per me insomma una vera sanguetta, na sanguetta affamata! Io per aggio
trovato lo mezzo pe st nu poco quieto. Tanto pensai che finalmente trovai limpiego, un
impiego comodo, e chello ch bello che non esiste. Controllore dei Vagoni-letto, accuss
sta 3 ghjuorne cc e 4 juorne da Rosinella mia a Torre Nunziata. Che bella guagliona, 17
anni, na rosella de maggio, e lo patre e la mamma, che gente simpatiche! Tutto
allopposto de chisti cc. D. Cesarino Sanguetta l non esiste. Ecco cc lo ritratto de
Rusinella. Lo tengo dinto a lo relogio. Che uocchie! Che bucchella! (Caccia lorologio,
lapre, guarda il ritratto e lo bacia. Dalla sinistra compare Candida.)
SCENA QUARTA
Candida, poi Ciccio e detti.
CANDIDA: (Che sta facenno? Sta sputanno dinto a lo relogio).
FELICE (saccorge di Candida): Che orologio, che bella macchina, come va esatto, nun lo
darra manco pe mille lire.
CANDIDA: D. Felice rispettabile, eccomi a voi.
FELICE: Cara mamm.
CANDIDA: Vi prego di non chiamarmi mamm, chiamatemi D. Candida. Questo titolo io
laccordavo solamente alla felice memoria di D. Cesarino...
FELICE: (Sanguetta e che poteva manc!).
CANDIDA: Solamente lui mi poteva chiamare madre, voi no.
FELICE: Va bene, da oggi in poi vi chiamer D. Candida.
CANDIDA: Ed io vi chiamer solamente Sig. Chiappariello. Diteme na cosa. Avete detto
che appena arrivato a Napoli, siete stato da vostra sorella Agatina?
FELICE: Sissignore.
CANDIDA: Poi siete stato solo alle Finanze per fare qualche spesolella per voi, e avete
comprato un paio di tiranti, una cinta, e una coppola di lana?
FELICE: Perfettamente.
CANDIDA: Bravo!... E scusate, questo cors come lo tenete voi nella vostra balice?
(Mostrandolo.)
FELICE: (Sangue de Bacco, lo cors de mostra che mha dato la mamma de Rosina!).
CANDIDA: Rispondete, e non trovate pretesti.
CICCIO (uscendo con quadro): Che cos neh? Lo ssoleto!
CANDIDA: Zitto voi!... Guardate che ho trovato nella balice del signore. Voi che lo
difendete sempre, ditemi che cos questo?
CICCIO: Chisto cc? E nu curz.
CANDIDA: Lo ssaccio, ma de chi , pecch lo teneva dinto a la balice?
CICCIO: Gi, sicuro, pecch lo teneva dinto a la balice. A voi, rispondete?
FELICE: Abbasta che me date tiempo de risponnere. Questo cors... (Ride.) Questo cors...
questo qua un cors.
CICCIO: E lavimmo capito.
249

FELICE: Questo cors, di una persona che voi non conoscete, della moglie del
Capostazione di Monaco, questa la verit.
CANDIDA: Cio, la vostra innammorata!
CICCIO: Zitta! Nun allucc!
CANDIDA: Voglio allucc quanto me pare e piace, perch non intendo che chella povera
figlia mia, ha da essere ingannata de chesta manera.
FELICE: Ma che ingannata. La padrona di questo cors na femmena che tene 55 anni.
CANDIDA: Allora non ha da essere lo sujo.
FELICE: Ma sissignore. Siccome s fatta cchi grassa mha pregato daccattarlo a Napole
no cors, 3 centimetri cchi largo, e mha dato lo viecchio pe mosta.
CICCIO: Me pare ch na cosa semplicissima?
CANDIDA (svolge il corpetto e legge letichetta): Gi, pe te so cose semplicissime... Va
bene, voglio ammettere quello che avete detto. Vaco a mettere lo corz add laggio
trovato... ma badate D. Fel, badate che se scopro quacche cosa, saranno guaje pe buje!
Vuje putite mbrugli a Luisella, putite arravugli a stu turzo de carcioffola, ma a me no,
cu me facite palla corta, pecch io capisco assai, e poi ho delle visioni chiare chi mi
dicono tutto, tutto, capite? Chello che facite lo juorno, io lappuro la notte, perci stateve
attiento. E chesto lo dico pure a te, s, statte attiento! (Via a sinistra.)
FELICE: Scusate, pap, se credete che potimmo j nnanze accuss, io non me fido cchi de
la sentere, io sono stufo.
CICCIO: Aggiate pacienza, che vaggia dicere, chella fa lo stesso pure cu me. Dovete
compatirla, tiene quellunica figlia, e nun la vularra f pigli collera.
FELICE: Ma chi nce la fa pigli sta collera. Io me pare che cchi de chello che faccio, nun
pozzo f.
CICCIO: Che volete, quella una fissazione, parla sempe de vuje, e quanno la notte, non
putenne parl pecch dorme, se sonna a buje.
FELICE: Possibile!
CICCIO: Gi, stanotte sha sunnato nu bello giovinotto coi capelli ricci e biondi e cu doje
scelle, dice chera nangelo, langelo della verit, lo quale teneva pe li capille nu diavolo;
e andivinate stu diavolo chi era?
FELICE: Chi era?
CICCIO: Ireve vuje, proprio vuje!
FELICE: Io?
CICCIO: Gi, e lo bello chha ditto che nun stato suonno, stata na visione,
navvertimento de lo cielo. (Ride.)
FELICE: E allora comme pozzo st quieto io poverommo.
CICCIO: Vaco a f mettere na cornice a stu quadro e vengo... quanto so ciuccio, distratto,
aggio pigliato nu quadro pe nato. Permettete, m torno, m torno. (Via a destra poi
torna.)
FELICE: Io m si putesse f na pazzia... si me riuscisse na cosa... la vularra f mur de la
paura! Miezo a la piazza s aperta na puteca che venne cierti fonografi piccerille, m che
so venuto steve na folla vicino a nu piccolo fonografo che parlava, ma accuss chiaro,
che pareva na voce umana. Si putesse cu nu coso de chillo, mettennele a na parte, e
quanno la vecchia... sicuro, m vaco addimmann quante stanne luno. (Via fondo a
destra.)

250

SCENA QUINTA
Ciccio, poi Candida.
CICCIO (con altro quadro): Eccome cc, D. Fel... che d, se n ghiuto? E add ghiuto?
CANDIDA: D. Felice add st?
CICCIO: Nun lo saccio, sarr ghiuto a f marenna.
CANDIDA: Teh, liegge stu bigliettino che steve appuntato cu na spingola vicino a lo curz.
(Lo d.)
CICCIO (legge): Tre centimetri pi largo, di raso crema con bordi di merletto bianco,
spedirlo alla Signora Concetta Pastafina, Torre Annunziata.
CANDIDA: Capisci, questo luomo che tu difende sempe, chisto lo buono marito che
hai dato a chella povera figliola disgraziata!
CICCIO: Zitto, nun f ammuina, nun f sentere a Luisella.
CANDIDA: Se n venuto co la mugliera de lo Capostazione de Monaco, mbruglione,
birbante!
CICCIO: E chi sarr sta Concetta Pastafina?
CANDIDA: E chi ne sape niente, chi ne sape niente, povera criatura, povera figlia mia! Ma
s laggio ditto, la visione stata troppo chiara, langelo lo teneva afferrato pe li capille, e
nun lo lassava.
CICCIO: Comme avarrieme da f pe sap sta femmena chi ?
CANDIDA: Isso teneva la faccia de nu diavolo, e langelo lo teneva forte forte.
CICCIO: A me me pare che sta Concetta Pastafina...
CANDIDA: Perci langelo me guardava e redeva. Comme avesse ditto: Lo v l lo v,
chisto ve nganna... Figlia mia, figlia mia!
CICCIO: Statte zitta, mannaggia larma de mammeta! M te chiavo lo quadro ncapo! Nuje
nun avimma da f ammuina, sha da cerc dappur tutte cose.
CANDIDA: Nce penzio, nce penzio, nun te nincarric. Isso ha da f chello che ha da f,
si no so guaje, v, so guaje! (Via a sinistra.)
CICCIO: Ma vedete la combinazione. Chella va a truv lo biglietto appuntato vicino a lo
curz, distratto pure. Io, per esempio, quanno aggio fatto quacche scappatella, aggio
badato a tutto, non me so fatto mai scommigli, le cose bisogna saperle fare.
SCENA SESTA
Luisella, poi Peppino, Michele e detto.
LUISELLA: Pap, Felice add st?
CICCIO: Nun saccio, starr dinto a la cammera soja. Io vaco a f mettere la cornice a stu
quadro, a natu ppoco nce vedimmo. Figlia mia, non te pigli collera, statte allegramente.
(Povera figliola, chella non sape niente de la Pastafina). Allegramente. (Via fondo a
destra.)
LUISELLA: Ma se capisce, e che voglio mur. Mamm nun fa ato che sospett de Felice, e
have tuorto, a la verit.
PEPPINO (introducendo Michele): Favorite, accomodatevi, a chi volete?
MICHELE: Il Signor Francesco Stoppa.
PEPPINO: Lo patrone mio. Uh! diavolo, chillo m asciuto, si me lo diciveve primme.
251

Voi chi siete?


MICHELE (mostra una carta da visita): Questa la mia carta da visita, ho bisogno di
parlare col Signor Francesco Stoppa, capite, nun me ne vaco si nun nce parlo.
LUISELLA: Chi , neh, Pepp?
PEPPINO: Stu giovene v parl co lo patrone.
LUISELLA: M proprio uscito.
PEPPINO: Nce laggio ditto, lavimmo ncuntrato pure, ma siccome nun sapeva ancora a
chi voleva... Chesta la carta de visita soja.
LUISELLA (la prende): Se volete attendere?
MICHELE: Sicuro che attendo.
PEPPINO: Accomodatevi, accomodatevi.
MICHELE: Grazie, io non seggo mai.
PEPPINO: (Questa qua, la figlia di D. Francesco Stoppa, se ci volete parlare).
MICHELE: (Ho capito, vattenne).
PEPPINO: (Gu, chisto sta parlanno Co lo frate). (Via.)
LUISELLA (che ha letto il biglietto): Chesta m na cosa curiosa lo stesso cugnome e lo
stesso impiego de mariteme. (Legge il biglietto:) Michele Chiappariello. Controllore dei
Vagoni-letto. Vedete che combinazione!, Mi dispiace che dovete aspettare un poco, 5
minute primme, lo truvaveve cc.
MICHELE: Non fa niente, io aspetto, tanto non ho che fare.
LUISELLA: Se volete parlare con me, la stessa cosa.
MICHELE: Se non vi dispiace?
LUISELLA: Ma no anzi accomodatevi.
MICHELE: Grazie. (Seggono.) Ecco qua, signora, io voglio sapere dal Sig. Francesco
Stoppa, perch se ntrica nei fatti miei, e mi fa fare delle cattive figure.
LUISELLA: Pap?
MICHELE: Sicuro pap. Stammatina stato alla compagnia dei Vagoni-letto?
LUISELLA: Sissignore.
MICHELE: Ha parlato col Cavaliere Panetti, nostro capo ufficio, e lha lasciato questo
biglietto di visita? (Lo mostra.)
LUISELLA: Sissignore.
MICHELE: E fateme cap, scusate, comme le vene ncape a pap di presentarsi come mio
suocero, mentre io so scuitato, credo che pap sarr pazzo!
LUISELLA: (Che sento!).
MICHELE: P s miso a d nu sacco dinformazioni di me, tutte false, tutte buscie, ha
ditto a nu signore che me jeva truvanno che io steva cc, e abitava cu isso, ma perch,
domando io, chi lo conosce a pap vostro? S io quanto ho lavorato e stentato per avere
quel posto, e raccomandazioni, e protezioni, e preghiere, aggio fatto cose de pazzo, per
mezzo di Consiglieri, Deputati, tutti amici de mamm, natu poco jeva pure da quacche
Ministro... m se ne vene pap e cerca di rovinarmi, ma io lo metto a dovere a pap!
LUISELLA: Calmatevi, calmatevi... voi avete ragione, ma pap non ha nessuna colpa,
stata una combinazione, voi avete lo stesso impiego di mio marito, mio marito come
voi, Controllore dei Vagoni-letto.
MICHELE: Ah, vostro marito pure Controllore dei Vagoni-letto.
LUISELLA: Perfettamente.
MICHELE: E come si chiama vostro marito?
LUISELLA: Felice Chiappariello.
252

MICHELE: Felice Chiappariello?


LUISELLA: Vuje lavita conoscere, un collega?
MICHELE: Io non lo conosco affatto, e non mio collega.
LUISELLA: Comme!
MICHELE: un anno e mezzo che sto alla compagnia, non c mai stato altro
Chiappariello che io.
LUISELLA Veramente?
MICHELE: Ve lo giuro!
LUISELLA: Ma allora Felice mha mbrugliata, mha ingannata? Diceva buono mamm
che sta cosa non era vera. Birbante! Assassino! (Quasi piangendo.)
MICHELE: Mi dispiace che per causa mia vi dovete prendere tanta collera... se io avessi
potuto supporre...
LUISELLA: Ma no, che, anze, mavete fatto piacere. Scusate voi, che vi trovate in certi
pasticci che non vi riguardano. V che mbruglione! Che galiota!
MICHELE: (Quanto simpatica!). Accomodatevi, sign, accomodatevi. Vedete la
combinazione. Dunche vha dato ad intendere che era Controllore dei Vagoni-letto?
LUISELLA: Da 2 mesi, sissignore.
MICHELE: E regolarmente vi lasciava sola con la scusa del servizio?
LUISELLA: Quatte juorne a la settimana. Dal Gioved al Luned, e io che laggio creduto,
e io che me so fatta mbrugli de chesta manera, e chillo povero pap se lha mmuccato.
MICHELE: No, pap, ha da essere proprio nu ciuccio. Quello ha fatto sta mbroglia, perch
forse, scusate che ve lo dico, terr qualche altra distrazione.
LUISELLA: E se sape. Oh! Ma me la pagarr, me la pagarr a caro prezzo!
MICHELE: Brava! Vendicatevi! Fate voi pur lo stesso.
LUISELLA: Io?
MICHELE: Eh, me pare che se lo merita. Io, vedete, al vostro posto, nun perdarra tiempo.
Questi mariti traditori accuss se trattano. Io vassicuro che me sento cchi currivo de
vuje, perch sono cose che non si fanno... io sarei capace... vedete... a rischio di
qualunque cosa... gi, io non me metto paura de niente... sarei capace... che s... vorrei,
m siamo l... alle volte... insomma, se in questo fatto posso esservi utile in qualche cosa,
disponete pure di me senza riguardi.
LUISELLA: Grazie tante.
MICHELE: Voi non mi conoscete, ma vassicuro che sono un buonissimo giovine, ho un
cuore molto sensibile. Io sono pentito di avervi fatto scoprire tutto, perch vi ho dato un
dolore che voi non meritate, cos bella, cos graziosa. Vorrei riparare al male che ho fatto,
e in che modo? Vorrei far ritornare vostro marito in s, vorrei trovare un mezzo di farvi
chiedere scusa, e dedicarsi interamente a voi.
LUISELLA: Oh, inutile. Quanno nu marito fa sti cose, segno che s seccato de la
mugliera.
MICHELE: Ma no, non s seccato, perch, convinto che voi lo volete bene, se arriva a
sospettare qualche cosa di voi, se incomincia a dubitare del vostro amore, voi vedrete un
cambiamento. Pap mio era lo stesso, faceva tanta mbroglie cu vaiasse, cammarere,
lavannare, appena vedette che mamm non lo curava cchi, che faceva delle tolette
splendide e se ne andava alla passeggiata, incominci il pensiero, il dubbio di essere
tradito, allora abbandono tutto e ritorn affezionato e fedele come prima, e m so 15
anne, non c stato pi una quistione fra di loro. Sentite a me, fate come fece mamm, io
mi metto a vostra disposizione, e vi giuro che lo faccio tornare a voi pentito e confuso.
253

LUISELLA: Ma che vulite f?


MICHELE: Niente di male, voi per mi dovete secondare. Quello, vedete, certo che voi
non lo tradite, e perci ve lassa quatte juorne a la settimana. Noi lo dobbiamo fare entrare
in gelosia, voi dovete tenere una simpatia per me, ecco tutto...
LUISELLA: Io? Ma voi scherzate, caro signore.
MICHELE: E che male nce sta, quanno se tratta de na finzione.
LUISELLA: Ah! Per finzione?
MICHELE: Per finzione.
LUISELLA: Ho capito. (Voce di Felice di dentro.) Zitto, isso che vene.
MICHELE: Bravissimo! Allopera, e secondatemi, sapete?
LUISELLA: Io non me faccio ved ancora, vengo doppo.
MICHELE: Bravissimo!
LUISELLA: (Che assassino!). (Via a sinistra.)
MICHELE: Quant aggraziata! Che simpatica femmena! E chillo la lasse quatte juorne a
la settimana. Lo voglio accunci io lo voglio! Av lo curaggio de pigli lo posto mio. M
vedimmo si me riesce de pigli io m a lo posto sujo.
SCENA SETTIMA
Felice e detto.
FELICE (con involto): Ecco cc lo fonografo, m vedimmo... (Vedendo Michele.) Chi ?
MICHELE: Buongiorno.
FELICE: Buongiorno. (Nun me ricordo chisto add lo vedette).
MICHELE: (Me pare na faccia conosciuta).
FELICE: A chi aspettate?
MICHELE: Debbo parlare col Signor Felice Chiappariello.
FELICE: E sono io, io proprio.
MICHELE: Controllore dei Vagoni-letto?
FELICE: Perfettamente.
MICHELE: Bravo! Ecco qua. (Gli d una carta di visita.) Da questa carta da visita potete
capire lo scopo della mia venuta.
FELICE (legge): Michele Chiappariello, Controllore dei Vagoni-letto. (Stateve bene!).
MICHELE: Credo che capite di che si tratta?
FELICE (ride): Ho capito, ho capito... Voi siete Michele Chiappariello, e io so Felice
Chiappariello. (Ride.) Duje Chiapparielle.
MICHELE: (Appresso venene de puparuole!). Vi faccio osservare che nella compagnia dei
Vagoni-letto, c uno solo che tiene questo cognome. Dunque, o io, o voi, abusivamente,
abbiamo preso una qualit che non ci spetta.
FELICE: E se capisce. Ma aspettate, m me ricordo, voi siete quel giovine che lanno
scorso stavate sul vagone-letto da Napoli a Milano, che io me trovavo in viaggio per
affari di mio suocero, che parlajeme tanto tiempo nzieme?
MICHELE: Sicuro, adesso mi ricordo anchio. Foste tanto gentile con me, e mi
domandaste tante cose sulla mia professione, che cosa ero obbligato a fare, che mesata
aveva...
FELICE: Sicuro, sicuro...
MICHELE: Ah, m capisco qualera lo scopo di quelle domande.
254

FELICE: Avete capito? Bravo!... Emb, s, lo confesso, confesso tutto, accomodatevi.


MICHELE: Grazie, non c bisogno.
FELICE: A me lidea mi venne quanno sapette che teniveve lo stesso cognome mio. Io da
tanto tiempo cercavo de truv nu mezzo comme pot st lontano da la casa quatte juorne a
la settimana. Quanno sentette che vuje ve chiammaveve Chiappariello, figurateve, nun
nce steva dinto a li panne pe la priezza: ecco trovato il mezzo, m dico che ho avuto il
posto di Controllore dei Vagoni-letto, il vero cognome Chiappariello nce sta, io mi
chiamo pure Chiappariello, che nce aspetto, non potr mai essere scoperto, pecch quanno
se vanno ad informare, trovene che Chiappariello nce sta, capite?
MICHELE: Ho capito, fu una bella penzata, na penzata scicca, ma mi dispiace dirvi, caro
signore, che m ve vaco a f na bella querela.
FELICE: Na querela! E che querela?... E io che male vi ho fatto, che danno vi ho portato?
MICHELE: Come che danno?... Danno sicuro!... Ma che credete che sia na pazziella a f
quello che avete fatto voi? Vuje ve facite credere nato, voi vi fate credere quello che non
siete! (Forte.)
FELICE: Nun alluccate, pe carit.
MICHELE: Come, voi vi usurpate il mio titolo, la mia dignit.
FELICE: Avete ragione, ma nun facite sent dinto, l sta muglierema, mio suocero, mia
suocera, vuje me facite pass nu guajo!
MICHELE: E a me che me ne importa?
FELICE: Lo saccio, ma me mporta a me. Abbiate pazienza, perdonatemi, siate generoso,
non mi rovinate. Ve ricordate, dinto a lo treno, ve dette duje sicarre.
MICHELE: Bella cosa, erano tutte e duje schiattate.
FELICE: E m ve le dongo buone, ve ne dongo diece, 20, 30, pure ciente, non credo che
me vulite f un male pe na pazzia qualunque.
MICHELE: Na pazzia qualunque! Na pazzia qualunque! Lo vedremo in tribunale si stata
na pazzia. Chi ve le leva duje mise de carcere.
FELICE: (Nun voglia maje lo Cielo!). E tenarrisseve lo core de me mann carcerato? Per
guadagnare poi che cosa? Niente!... oh, no, non lo credo, voi non tenete la faccia di un
cattivo giovine, voi tenete una fisionomia dolce, bonaria, voi non siete capace di fare male
a nessuno, e vostro padre devessere lo stesso, devessere un galantuomo tutto cuore.
MICHELE: Altro che - pap stato agente superiore delle tasse.
FELICE: E dunque, voi siete suo figlio, avita essere pe forza buono. E p, scusate, nuje
tenimmo lo stesso cognome, non potimmo essere parenti. Pap come si chiama?
MICHELE: Raffaele.
FELICE: Raffaele? Ma s, m che me ricordo, io tengo nu fratello cugino, se chiamma
Rafele, non lo vedo da tanto tempo, chisto certo ha da essere pap vuosto. Sicuro...
MICHELE: E allora io che ve sarra?
FELICE: Figlio!... no, asp, che figlio, me sarrisseve nipote, nipote stretto.
MICHELE: No, largo...
FELICE: Quasi stretto, perci non mi rovinare, vide, io te parlo co lo tu, pecch songo
certo che me s nipote. Nipote mio.
MICHELE: Ma mio caro zio, scusate, queste sono cose che non si fanno.
FELICE: Me so trovato accuss, aggio fatto na bestialit, lo saccio... ma famme cap, tu
comme hai fatto pe scopr sta cosa?
MICHELE: Perch D. Francesco Stoppa, vostro suocero, ghiuto allUfficio e ha lassato la
carta da visita soja.
255

FELICE: Ah, gi, me ricordo, allora veramente c ghiuto. Ma sai che il capo ufficio,
contento assaj de te. Dimane avrai na gratifcazione di 200 lire.
MICHELE: Veramente? stato buono, me servene proprio.
FELICE: Io pe me dico che stimpiego ha da essere na bella cosa, tutte le dolcezze della
vita, gratificazioni, avventure, ved sempre belle figliole.
MICHELE: Eppure a le vote se passene cierti guaj non volendo. Laltra sera partenno da
Torino m capitata na cosa strana e curiosa.
FELICE: E conteme, conteme.
MICHELE: Na bella figliola trasenno nello scompartimento del vagone-letto, me guardaje
fitto fitto, e p me facette cu luocchie accuss. (Fa il cenno come chi invita ad entrare
con s).
FELICE: Sangue de Bacco, che fortuna!
MICHELE: Seh, fortuna!... Io me guardaje attuorno, steva sulo, nun ce steva nisciuno... ma
pure avette prudenza e nun me ne incarricaje. Chella doppo nu poco me tornaje a guard,
e me facette la stessa mossa cu luocchie. (Ripete il cenno.)
FELICE: Tu allora vedenno ripetere la cosa...
MICHELE: Eh, me pare, nun nce perdette tiempo, trasette dinto, me labbracciaje e me la
vasaje.
FELICE: Benissimo!
MICHELE: Eh! Benissimo!... Chella mazzeccaje nu paccaro, ma nu paccaro tanto forte
che me facette abball tutte le mole mocca, me f male ancora la mascella!... P se
mettette allucc: Mascalzone! Insolente! Imbecille!... Facette scet tutti i viaggiatori.
Avrai da fare con mio marito! Esci! Me dette nu sbruttulone, e me sbattette la porta
nfaccia!
FELICE: Oh, chesta bella!... E allora pecch facette chillo segno cu luocchie?
MICHELE: E che ne saccio, forse aveva essere pazza!... oh, ma a proposito, voi vi siete
finto Controllore dei Vagoni-letto, per stare 4 giorni alla settimana lontano de la casa, ma
nun mavite ditto ancora perch?
FELICE: Perch... ma...
MICHELE: Oh, vi pare.
FELICE: Bada che io parlo ad un mio nipote, al sangue mio?
MICHELE: Ma si capisce, questo che cos.
FELICE: Tre ghjuorne li passe cc, e 4juorne li passo da na persona... che...
MICHELE: Ho capito. Unaltra fiamma.
FELICE: Ma una figliola onesta per, lo faccio, cos, pe pass nu poco de tiempo, laggio
ditto che so scuitato.
MICHELE: Ah, bravo.
FELICE: Essa sta co la capa che io me la sposo. (Ride.)
MICHELE: E sta fresca! (Ride.) Per conseguenza non c stato niente ancora di positivo?
FELICE: Niente ancora.
SCENA OTTAVA
Luisella, poi Candida e detti.
LUISELLA (esce e finge di cercare qualche cosa sul tavolino).
FELICE: (Zitto mia moglie!). Luis che vai trovanno?
256

LUISELLA: Le figurine de moda, stevene cc ncoppa. Signore. (Salutando Michele.)


MICHELE: Signora. (A Felice.) (Che bella figliola, che tipo, che sciccheria!) Presentatemi.
FELICE: (E nuje tenimme lo stesso cognome, chella po entra in sospetto. Secondatemi).
Luis, io ti presento un amico mio carissimo, e collega nei Vagoni-letto, il Signor Luigi
Fiorelli.
LUISELLA: Luigi Fiorelli? Tanto piacere.
FELICE: Luisa mia moglie.
MICHELE: Fortunatissimo. (Stringe la mano.) Vedete che combinazione, Luisa e Luigi.
Siete sposata da poco?
LUISELLA: Sono 3 anni.
MICHELE: 3 anni? Bravo! Non avete fatto mai un lungo viaggio in Slip-ingar?
LUISELLA: No, mai.
MICHELE: Oh, e perch, una cosa deliziosa viaggiare nel letto, con tutte le comodit.
LUISELLA: Pap forse deve andare a Milano per affari, mi ha promesso di portarmi, lo
pregher di prendere due posti nel vagone-letto.
MICHELE: Oh, vedrete, signora, vedrete che cosa piacevole... spero di trovarmi in quel
vagone dove sarete voi. Oh, sarebbe per me una vera fortuna.
LUISELLA: Speriamo.
MICHELE: (Invitatemi a pranzo per domani).
LUISELLA: (Va bene).
CANDIDA (uscendo): Luis, haje truvate le figurine?
LUISELLA: No, mamm. Il Sig. Luigi Fiorelli, amico stretto di Felice. Mia madre.
MICHELE: Servitore umilissimo.
CANDIDA: Piacere tanto.
FELICE: Dunque, mio caro Luigi, ti ringrazio della visita, a rivederci.
MICHELE: A rivederci. (Alle donne.) Signore...
LUISELLA: Venite domani, voglio farvi conoscere pap, anzi, venite a pranzo con noi,
cos, a tavola, parlando, potete invogliarlo di prendere due posti nel vagone-letto quando
va a Milano.
MICHELE: Ah, sicuro. Allora accetto con piacere il vostro gentile invito, sar per me una
giornata deliziosa!... Signora. Carissimo Felice.
FELICE: Caro Luigi... amicone mio. (Fanno p.a.)
CANDIDA (che ha preso la carta da visita lasciata sultavolino da Ciccio): Signor
Chiappariello? (Felice e Michele si voltano insieme.)
MICHELE: Signora.
FELICE: Mamm.
CANDIDA: Ho chiamato mio genero.
MICHELE: Scusate.
CANDIDA: Conoscete questo signore? (Gli mostra la carta.)
FELICE (legge): Antonio Capone. No.
CANDIDA: Dice che deve regolare con voi un affare personale.
FELICE: Con me?
CANDIDA: Ha trovato mio marito alla compagnia dei Vagoni-letto, e lha data sta carta de
visita.
FELICE: (Allora cosa che riguarda a isso). Luigino, vide, cunusce stu signore? (Gli
mostra il biglietto.)
MICHELE (legge): Antonio Capone. No, non lho mai inteso nominare.
257

FELICE: Allora quando torna, sentiremo che cosa vuole.


CANDIDA: Dunche sti figurine?
LUISELLA: Starranno dinto a la cammera de mangi, vaco a ved.
CANDIDA: O pure dinto a lo salottino... Permettete?
MICHELE: Fate pure. (Candida via prima a sinistra.)
LUISELLA: A domani dunque?
MICHELE: A domani. (Bacia la mano. Luisella via fondo a sinistra.)
FELICE: Michel, ma tu nun haje da f lo farenella, figlio mio, e si no, nun ghiammo
buono.
MICHELE: Che farenella, sono gentilezze che si usano, e po chella m zia, che paura
avite?
FELICE: Va bene. Dunche nce vedimmo dimane, e te raccomanno, s, nun te trad, devi
essere sempre Luigi Fiorelli.
MICHELE: Se capisce.
FELICE: Grazie tante, s.
MICHELE: Me site zio non aggio potuto f niente.
FELICE: Gu, ca chello non acqua, sangue s.
MICHELE: Stateve bene. (Via pel fondo.)
FELICE: Mannaggia larma de mammeta, mha fatto sud na cammisa, chillo veramente
me poteva f nu guajo! Sto sulo, facciamo loperazione. (Svolge linvolto che ha portato e
ne caccia un piccolo fonografo con la relativa tromba.) Ecco cc lo fonografo. Na cosa
sorprendente. Lo patrone me nce ha fatto dicere cierte parole dinto, immediatamente lha
ripetute, voglio f na prova, voglio ved comme se sente, e add lo metto? Ah! L, dinto a
lo lampiere, sotto a lo velo, bravissimo! (Sale sopra una sedia, d corda al fonografo e lo
mette nel lampadario.) Sangue de Bacco, la vi cc essa!
SCENA NONA
Candida, poi Luisella, poi voce di fonografo, poi Ciccio, poi Peppino e detti.
CANDIDA: Ecco cc le figurine, stevene ncoppa a lo divano. (Con figurini di moda.)
LUISELLA: Mamm, dinto a la cammera de mangi nun nce stanno.
CANDIDA: Eccoli cc, laggio truvate.
LUISELLA: Ah, bravo! (Li prende e li guarda.)
FONOGRAFO (imitando bene la voce): Candida... Candida...
CANDIDA: Chi ?
FELICE: Non so.
LUISELLA: Pare comme uno vavesse chiammato.
FONOGRAFO: Candida, mia bella Candida.
CANDIDA: Mia bella Candida? E chi ?
FELICE: E chi ne capisce niente... una cosa curiosa.
FONOGRAFO: Candida, Candida, sono langelo di stanotte, langelo della verit.
CANDIDA: Che!
FELICE: una voce che viene proprio da Cielo!
LUISELLA: Da Cielo!
FONOGRAFO: Zitto, inginocchiatevi. Fatevi la croce. (Felice, Candida e Luisella
eseguono.)
258

FONOGRAFO: Candida bella... tu... tu. (Tossisce.)


FELICE: (Sangue de Bacco, quanno m venuta la tosse!).
FONOGRAFO: Mallarma de la tosse! Tu saprai tutto, tutto da me. La notte sar a te
vicino.
CANDIDA: Angelo benedetto!
CICCIO (uscendo): Neh, pronta la colezione? Ched neh, se fa la benedizione?
CANDIDA: Zitto! Inginocchiati!
FELICE: Addunucchiateve. (Ciccio esegue.)
FONOGRAFO: Candida, la notte non dormire.
PEPPINO (uscendo): Sign, le custate stanno a tavola.
FELICE: Silenzio, inginocchiati. (Peppino esegue.)
FONOGRAFO: Addio, addio, Candida. Io me ne volo in cielo!
CANDIDA: Angelo benedetto! (A tutti.) Faccia a terra. (Tutti si gettano a terra.)
(Cala la tela.)
Fine dellatto primo

259

ATTO SECONDO
La stessa scena del primo atto, medesime decorazioni.
SCENA PRIMA
Candida, Ciccio, Felice, Michele, Luisella, che finiscono di prendere il caff, e Peppino.
MICHELE: Ma come, voi dite veramente, avete inteso una voce che veniva dal Cielo?
LUISELLA: Oh, ve lassicuro io, na voce che faceva paura.
FELICE: Io sono rimasto atterrito.
CICCIO: Io sto tremmanno ancora.
MICHELE: E di chi era sta voce?
CICCIO: Mia moglie dice chera langelo della verit.
MICHELE: Langelo della verit? E comme l venuto ncapo de ven dinto a sta casa?
CICCIO: E chi lo ssape, forse sapenno che dinto a sta casa non se dicene buscie.
MICHELE: Ah, sicuro, questo vero. (Ride.)
CANDIDA: Signor, vi prego di non scherzare su queste cose, parliamo daltro.
MICHELE: Io non scherzo affatto, signora, ho risposto a D. Ciccio. Del resto non c da
meravigliarsi poi tanto. Quando avete in casa un angelo qual vostra figlia, non mi
sembra affatto strano che comparisca un altro angelo per farle compagnia.
CICCIO: Oh, siete troppo gentile.
LUISELLA: Troppo cortese.
MICHELE: Ma no, la verit. Io vassicuro che non ho visto mai una donna tanto bella,
tanto graziosa come siete voi.
LUISELLA: Ma no, Sono gli occhi vostri. (Peppino prende le tazze le mette nel gabar e
via pel fondo.)
FELICE: (Eppure va a fen, che io sciacco a Chiappariello).
CICCIO: D. Fel, jate a pigli na butteglia de Cognac.
FELICE: Subito. Amico mio, accetti una presa di Cognac?
MICHELE: Con piacere.
FELICE: (Te raccomanno, non f tanto lo farenella cu muglierema). (Via a sinistra.)
CANDIDA: Io Cognac non ne voglio. Permettete, me ne vaco dinto a la cammera mia.
MICHELE: Fate il vostro comodo, signora.
CANDIDA: (Stanotte nun aggio durmuto, me credeva che veneva langelo, e me diceva chi
sta Concetta Pastafina, ma invece non s visto. Tengo nu suonno che m moro.) (Via a
sinistra. Ciccio prende un giornale e si mette a leggere.)
LUISELLA (a Michele): (Vaggia dicere na cosa).
MICHELE: (Parlate).
LUISELLA: (Ajssera dinto a lo relogio de Felice, truvaje nu ritratto de na figliola).
MICHELE: (Vuje che dicite!).
LUISELLA: (Gi, na figliola che io non conosco, ha da essere la nnammurata).
MICHELE: (E che ne facisteve?).
LUISELLA: (Lo facette piezzo piezzo, e dinto a lo relogio, lo stesso pizzo, nce mettette nu
ritratto de mamm).
260

MICHELE: (Bravissimo! Nun ve nincarricate, voi secondatemi sempre, e vedite che


soddisfazione ve faccio av). Dunque D. C, farete fare subito questo viaggio a vostra
figlia? (Salza, e cambiando posto siede vicino a Luisella.)
CICCIO: S, lo mese che trase tengo naffare di coralli a Milano. Lati vote nce ghiuto D.
Felice, mio genero, ma m, siccomme tene nimpiego che non se p movere, nce vaco io
personalmente, e me porto pure a essa.
LUISELLA: Bravo pap.
MICHELE: Ma s, caro D. Ciccio, fatela divertire un poco, povera donna, sta sempre qui a
Torre del Greco chiusa dinto a na casa.
CICCIO: Oh, ma essa non se ne lagna affatto. Oramai abituata a questa vita, che si deve
fare, il marito occupatissimo, io tengo gli affari miei, chi volete che la facesse divert?
MICHELE: Ma un peccato per, un vero peccato. Ma gi, devessere cos, le cose belle
stanno sempre nascoste. Un tesoro, un gran tesoro, le vote sta a nu pizzo chiuso, a lo
scuro che nisciuno lo sape.
CICCIO (ride): Ah, ah, bellissimo il paragone!
LUISELLA: Me pare che sia troppo veramente.
MICHELE: Ma no che troppo, sempre niente a confronto di quello che meritate. (Entra
Felice con gabar con 5 bicchienni e bottiglia di Cognac, si ferma accanto alla porta.)
Voi siete qualche cosa pi dun tesoro! (Bacia la mano.)
SCENA SECONDA
Felice, poi Candida di d. e detti.
FELICE: Ecco qua il cognac.
CICCIO: Bravissimo! Questo magnifico, sapete. (Felice versa il cognac nei bicchierini, e
tutti bevono.)
MICHELE (offrendo il suo bicchierino a Luisella): Signora.
LUISELLA (lo prende): Grazie.
FELICE: (S susuto da l, e s assettato l... Ah, v trova stu fatto comme fenesce!). E
mamm non nce sta?
CICCIO: No, se n ghiuta dinto a la cammera soja.
FELICE: (Certo s ghiuta a cucc, chella stanotte nun ha dormuto, aspettave langelo,
accuss p essere che sto qujeto a lo juorno).
CANDIDA (di d): Luisella? Luisella?
LUISELLA: Mamm me chiamma. Con permesso.
MICHELE: Fate pure. (Luisella via a sinistra.)
CICCIO: Io me vaco a fum la solita pippa fore a lo ciardino, sotto a lo pergolato. Se
venite, nce trovate piacere.
MICHELE Ah, sicuro. Veniamo subito.
CICCIO: Io ll stongo. (Via pel fondo.)
FELICE: Michel, parlammo nu poco, e seriamente, tu hai visto io come te sto trattanno,
taggio mise a parte di tutti i miei segreti, taggio fatto padrone della casa, si pu dire, te
voglio bene, per tutte le ragioni, prima perch mi sei nipote, diavolo, tiene lo stesso
sangue mio, ma anche che nun me fusse nepote, te volarria bene lo stesso, perch mi sei
simpatico, nun saccio pecch, ma chisto lo fatto, mi sei simpatico. Tu per hai da j a
franco cu mmico.
261

MICHELE: Come sintende, io non capisco.


FELICE: Ecco qua, tu forse nun te nadduone, ma fai troppe cerimonie a muglierema, tu
thaje da st nu poco qujeto, thaje da st a lo posto tujo, chella gi non figliola de
chesto... ma capirai, dalle, dalle e dalle.
MICHELE: Ma comme, site geluso de me?
FELICE: No, non dico chesto; ma sai, tu si guaglione, e certi cose le faje senza riflettere.
MICHELE: Vedete, D. Fel, io sono chiaro nelle mie cose, chello che tengo cc (indica il
cuore) lo tengo cc. (Indica la bocca.) A me la mugliera vosta me piace assai, na cosa
troppo bella.
FELICE: Bravo! Me fa piacere che sei franco.
MICHELE: A voi, poi scusate, che ve ne preme, voi tenete quellaltra.
FELICE: Che centra, quella unaltra cosa, chella non m mugliera.
MICHELE: Ma voi vostra moglie non la potete voler bene, si no nun faciarrisseve sti
mbroglie.
FELICE: Che nce ha che f. Io facccio sti mbroglie per altre ragioni, pe st qujeto 4 juorne,
pe nun sent annommen la bonanema de D. Cesarino Sanguetta, tu non sai che significa
sposare una vedova, nun siente parl dato che de lo marito muorto.
MICHELE: Voi dite questo, eppure se D. Luisa fosse vedova, io me la sposerei con tutto il
cuore.
FELICE: Puozze scul, allora tu me vularrisse f mur?
MICHELE: No, voglio dire, se lavessi conosciuta prima di voi.
FELICE: Basta, io te prego, de nun te vruculi cchi cu essa, pecch si no nce pigliammo
collera.
MICHELE: Va bene. Io me credeva che essendo vostro nipote, e per conseguenza pure
nipote a vostra moglie, le poteva fare qualche cerimonia soverchia, non cera niente de
male. Ma na vota che vuje ve pigliate collera, una volta che siete tanto geloso di me,
allora io m lascio dessere Luigi Fiorelli, e dico che me chiamme Michele Chiappariello.
FELICE: Ecco, cheste, per esempio, so cose de criature, nu giovine serio chesto non lo f.
MICHELE: Nonsignore, e perch, anzi, io mi ritengo che sono troppo serio. Ho preso uno
sbaglio, me credeva che stenneme zitto, che non facendovi un male, che non facendovi
querela, che avendovi risparmiato un carcere, un carcere sicuro, vuje me fusseve stato
obbligato, e me faciveve f chello che voleva io, mi sono ingannato!
FELICE: Ma tu che vulive f, scuse, famme cap?
MICHELE: Non ne parliamo pi. Siamo intesi.
FELICE: (Chisto marruina!) Fra le altre cose, tiene un carattere cosi curioso ch naffare
serio, subeto tappicce, subeto tattacche li nierve, listesso carattere de Rafele, frateme
cugino. Che taggio ditto de male, vurria sap? Taggio pregato nun f tanta cerimonie a
muglierema. Nce le bu f, fancelle, fatto. Solamente, quanno stongo io nnanze,
mantienete nu poco... chesto me pare che lo pu f? Andiamo, io non me fido de sta
appiccecato cu ttico. M vaco a pigli duje belle sicarre e nce le fumammo fore a lo
ciardino. Che scemo, io le dico na cosa tanto semplice, e chillo sindispone, mannaggia
che te so zio, mannaggia! (Mannaggia larma de chi tha allattato!). (Via a destra.)
MICHELE (ride): Comm curiuso, comme se mette paura de me.
SCENA TERZA
Luisella e detto.
262

LUISELLA: Che me dicite, vha ditto niente chillassassino?


MICHELE: S pigliato collera che io ve faccio troppe cerimonie, nce sta accommincianno
a tras, nun ve nincarricate, sign, io ve lo faccio ritornare pi affezionato di prima. Ma
vuje, mavita second, scusate, voi non fate niente?
LUISELLA: Ma che vulite che faccio, chaggi f?
MICHELE: Comme chavita f, ma ve pare che na femmena che ha pigliato na simpatia pe
nu giovinotto, se ne sta freddo de chesta manera, con questa indifferenza. Vuje vavita st
sempe vicino a me, avimma da parl sempe nzieme zitto zitto, nce avimma da f
sorprendere da isso. Per esempio, chillo m vene, ghiuto a pigli de sicarre, facimmece
truv abbracciate.
LUISELLA: No, scusate, chesto nun lo voglio f!
MICHELE: Ma sarra lunico mezzo pe farlo arraggi e farlo pent de chello chha fatto!
Luomo, vedete, capace che nun p ved na femmena, non la cura, appena saccorge
che nato le fa la corte, incomincia a volerle bene, e pensa sempe a essa. Chillo m esce,
facimmece truv che io ve stongo almeno vasanno la mano?
LUISELLA: Ma pensate che potite pigli na compromissione seria?
MICHELE: Vulite dicere forse che me sfida? E che me ne mporta. Io accetto, e non me
difendo, me faccio accidere, s, me faccio accidere, basta che voi, dopo, siete felice con
lui. Chillo m vene, dateme la mano. (Prende la mano.) Che bella manina, che
bianchezza, che morbidezza. (Bacia la mano diverse volte.)
LUISELLA: Vedite, sta venenno?
MICHELE: No ancora, ma m lo vedite ven.
LUISELLA: Emb, e che facimmo allora, vasate inutilmente?
MICHELE: Non fa niente, facimmo lo cuncierto, nuje lavimma da f suffr, lavimma f
arraggi.
LUISELLA: Chesto che io faccio apposta, se lo mmeretarra veramente, aveva truv a nata
mugliera, io songo na ciuccia! Lo ritratto de chella se lo mette pure dinto a lo relogio. V
che bello core! V che stommaco! Comme se p f?... Che facite, stateve sode. (A Michele
che lascia la sua mano.)
MICHELE: Me sto preparanno, chillo capace che m esce.
LUISELLA: E quanno esce lo facimmo. (Si tira la mano.) Io mera accorta che nun me
trattava cchi come a na vota, e mamm aveva ragione che sospettava sempe, chella
femmena fina. Comme faceva la parte naturale quanno parteva e quanno tornava: Che
bella cosa... che paesaggi!... Mbruglione! Galiota!
MICHELE: Zitto, sta venenno! (Prende la mano e bacia.)
LUISELLA: (Voglio ved che f!).
MICHELE: Oh, Luisa mia, tu non puoi credere io quanto ti amo, benedico il momento che
sono capitato in questa casa!
LUISELLA: ( venuto?).
MICHELE: (No ancora, sta pe ven). impossibile io non posso frenare lamore che sento
per te, perch tu sei troppo bella. Dimmi una parola, una sola parola di conforto, Luisa
mia, fammi sperare che tu pure mi ami. (Bacia la mano.)
LUISELLA: ( venuto?).
MICHELE: (No, ancora).
LUISELLA: E ma allora che facimmo, vasate sempe?
MICHELE: E che fa, a vuje che ve ne mporta, mi debbo lagnare io che bacio la mano
263

senza scopo.
LUISELLA: (V che bello tipo ch chisto!).
MICHELE: Sento rummore, chisto certo isso, dateme la mano. (Prende la mano.)
Baciandoti questa mano, tu non puoi capire, Luisa mia, quello che provo, non puoi capire
quanto sono felice in questo momento. (Bacia la mano, in questo momento esce. Ach.
introdotto da Pepp.)
SCENA QUARTA
Achille, Peppino e detti.
ACHILLE: permesso? (Introdotto da Peppino che va via.)
LUISELLA: Chi ?
MICHELE: (Sangue de Bacco! Lo capo ufficio!).
ACHILLE: Mi dispiace che vengo ad interrompere una scena di famiglia tanto affettuosa.
Voi certamente siete la signora Chiappariello, non vero?
LUISELLA: Sicuro.
ACHILLE (a Michele): Vostra moglie?
MICHELE: Perfettamente.
ACHILLE: Bravo! Tanto piacere, signora. Ve ne faccio i miei complimenti, avete saputo
scegliere.
MICHELE: Il Cavaliere Achille Panetti, mio Capo Ufficio.
LUISELLA: Fortunatissima. Mi dispiace che siete venuto in un momento...
ACHILLE: Ma che, anzi, mi ha fatto immenso piacere. Quando marito e moglie si
vogliono bene cos, io me ne consolo.
MICHELE: Oh, figuratevi, Cavaliere, ci amiamo tanto.
LUISELLA: (Vedite che combinazione!).
ACHILLE: Vostro padre mi disse che si dilettava a dipingere, e minvit a vedere i suoi
quadri, siccome siamo vicini, ed io pure faccio qualche cosetta, cos, mi sono permesso di
venire oggi, se non vi dispiace?
LUISELLA: Ma che, anzi pap sar contentissimo di questa vostra visita. Vado ad
avvisarlo.
ACHILLE: Grazie.
LUISELLA: (Che pasticcio chisto, comme la combinammo?). (A Michele.)
MICHELE: (Nun ve ne ncarricate, quanno esce pap, io me ne trase dinto). (Luis. via pel
fondo.)
ACHILLE: Bravo Chiappariello, avete veramente gusto, e non so capire come, con una
moglie tanto bella, voi... dovete sapere che io non sono venuto qua solamente per vedere i
quadri di vostro suocero, ma anche per parlarvi di una cosa importantissima!
MICHELE: Una cosa importantissima? E di che si tratta?
ACHILLE: Per la vostra esattezza, e per la vostra buona condotta, lamministrazione aveva
deciso farvi domani un regalo di 200 lire, ma per la mancanza che avete commessa, non
avete pi nulla, anzi sarete multato di 50 lire, per ora.
MICHELE: E che mancanza, scusate?
ACHILLE: Poche sere fa col diretto di Torino, Roma, avete abbracciata e baciata una
viaggiatrice.
MICHELE: (Lhanno appurato!).
264

ANTONIO: Volete negarlo forse?


MICHELE: Ecco qua, Cavaliere, io non che lo nego... ma il fatto vi stato riferito con
qualche esagerazione... io non la voleva abbracciare... voi sapete io come la penso... fu
una combinazione...
ACHILLE: Capisco, fu una strana combinazione, beveste forse un po di liquore
soverchio... Vergogna! Un giovine onesto nelle funzioni del proprio dovere...
ammogliato... si permette abbracciare una donna sconosciuta.
MICHELE: Forse il marito venuto a fare qualche reclamo?
ACHILLE: No, il controllo del treno 54 che ha fatto il suo rapporto. Oh, si prenderanno
seri provvedimenti per questo fatto, bisogna dare un esempio.
MICHELE: (Aggio perzo 200 lire, e pozzo perdere pure limpiego... Statte, aggio fatto la
penzata). Oh, insomma, Cavali, io non posso fare questa figura con la compagnia, con
lamministrazione, con tutto il personale, perch? Per salvare un parente... e che sono
matto... fino ad un certo punto un individuo si pu accollare una colpa che non ha, ma
quando si tratta di perdere 200 lire, e questo sarebbe niente, ma quando si tratta di perdere
la riputazione, la propria dignit, allora bisogna confessare tutto. Dovete sapere che il
colpevole non sono io.
ACHILLE: Non siete voi? E chi ?
MICHELE: un mio zio che si trovava a fare il viaggio con me.
ACHILLE: Possibile?
MICHELE: Possibilissimo. Ah, eccolo qua per lappunto. (Va incontro a Felice e gli dice
sottovoce.) Dicite sempe che s.
SCENA QUINTA
Felice e detti.
FELICE: Chi ?
MICHELE: Ecco qua mio zio, Felice Chiappariello. Il Cavaliere Achille Panetti.
FELICE: (Scuse!).
MICHELE: Capo Ufficio della compagnia dei Vagoni-letto, venuto a parlarmi del fatto di
3 sere fa, il fatto del diretto Torino, Roma. Tutti credono che sono stato io quel
Chiappariello che commise quella brutta mancanza... Vi prego, caro zio di mettere le cose
a posto, di chiarire il fatto, si tratta di perdere limpiego, capite... perci, parlate, dite la
verit, foste voi che abbracciaste e baciaste quella signora viaggiatrice?
FELICE: Ecco qua... io... Signor Capo Ufficio... questa cosa veramente mi... fa
meraviglia... io s, sono Chiappariello, lui pure Chiappariello... ma... io credo...
MICHELE: inutile, caro zio, che cercate di negare, perch il Controllo ha fatto il suo
rapporto.
FELICE: Chi controllo?
MICHELE: Quello del treno N. 54. Perci, vi prego di confessare tutto, altrimenti mi fate
un male positivo, e pensateci, sapete, pensateci bene!
ACHILLE: Insomma, signore, bisogna dire la verit per salvare questo povero giovine.
Foste voi che abbracciaste quella donna?
FELICE: Sissignore. In un momento, direi quasi di abberrazione!
ACHILLE: Va bene, penser io a spiegare lequivoco e non se ne parl pi.
MICHELE: Io non capisco poi, come si pu abbracciare e baciare una donna che non si
265

conosce... sono cose che io non ho mai capito.


FELICE: (Ma che bello galiota ch chisto!).
ACHILLE: E spero che non capiterete mai, perch avete per moglie una graziosa donnina.
MICHELE: Che amo tanto, Cavaliere.
ACHILLE: Oh, me ne sono accorto, me ne sono accorto, sono capitato qui in un momento
di grande tenerezza fra lui e la moglie.
FELICE: Ah!
ACHILLE: Sicuro. Sembravano due innammorati.
FELICE: E bravo. Bravo mio nipote.
SCENA SESTA
Ciccio, Luisella e detti.
LUISELLA: Ecco qua, pap.
CICCIO: Egregio Cavaliere.
ACHILLE: Disturbo forse?
CICCIO: Ma che disturbo, anzi stata per me una gran sorpresa. Favorite nel mio studio.
(Indicando la prima a sinistra.)
ACHILLE Grazie.
CICCIO: Viene, Luis. (Ciccio, Achille e Luisa viano prima a sinistra.)
FELICE: Insomma, si te pare che sia na bella cosa chello che stai facenno?
MICHELE: Che sto facenno?
FELICE: Comme! Tu dice che so stato io chaggio abbracciata e baciata a chella?
MICHELE: E gi, m diceva chera stato io per perdere limpiego, comme ve pare? E p a
buje che ve ne preme?
FELICE: Comme, che me ne preme? E si chillo m dice quacche cosa a D. Ciccio, a
muglierema... io sto sudanno friddo!
MICHELE (guardandolo): Nonsignore, le sta facenno ved i quadri.
FELICE: Oh, dimme na cosa, se p sap quanno venuto lo Capo Ufficio, tu che stive
facenno cu muglierema?
MICHELE: Niente, chaveva f?
FELICE: Comme niente, chillo ha ditto che vha trovato in un momento di grande
tenerezza.
MICHELE: Ah, s, le steve vasanno la mano, e che male nce sta, io le so nepote.
FELICE: Oh, Michel, alle corte, sta storia ha da fen, a qualunque costo. Tu nientemeno,
dice che muglierema mugliera a te.
MICHELE: Io? Ma site pazzo, caro D. Felice. stata essa che lha ditto.
FELICE: Essa?
MICHELE: Gi. Quanno lu Cavaliere lha dimandato: Voi forse siete la Signora
Chiappariello? Essa ha risposto: Sissignore.
FELICE: Va bene, ma Chiappariello songhio.
MICHELE: E so purio.
FELICE: Ma io songo lo marito.
MICHELE: In sostanza, ma in apparenza songhio.
FELICE: Pecch?
MICHELE: Gu, pecch? Pecch vuje ve site fatto credere Controllore dei Vagoni-letto, e
266

D. Ciccio se jette a pigli informazioni di me, dicenno che io maveva sposato la figlia.
M chaggia f? Aggia dicere lo capo ufficio: Nonsignore, non vero, io a chesta non le
so marito? Allora chillo si rivolge a D. Ciccio: Signore, voi mi avete detto una bugia,
vostra figlia non ha sposato Chiappariello? D. Ciccio chiama a voi, vi presenta al Capo
Ufficio, e stateve bene, siete rovinato!
FELICE: Vuoi dire che lo Capo Ufficio ha da sap che tu si lo marito de muglierema?
MICHELE: E se capisce.
FELICE: Ma, in apparenza per? Spieghiamoci.
MICHELE: Ah, se sape, chella m zia.
FELICE: Oh, Rosina, Rosina... che sto passanno pe te!
MICHELE: Ah, se chiamme Rosina?
FELICE: Rosina! Na vera rosella de Maggio!
MICHELE: bella assai?
FELICE: Nu bisci!
MICHELE: Sangue de Bacco, la vularra proprio ved!
FELICE: La vu ved?
MICHELE: Tenite lo ritratto forse?
FELICE: Tengo na capuzzella.
MICHELE: De pecoriello?
FELICE: No, de capretto!... Tengo sulo la capozzella.
MICHELE: E add sta, faciteme ved.
FELICE (dopo precauzioni prende lorologio e lapre): Eccola qua, vide che dolcezza di
fisionomia. (Mostra lorologio a Michele che lui guarda a sinistra se viene qualcuno.)
MICHELE (guardando): Bella! Bella veramente!
FELICE: Che scicche, mio caro, altro genere.
MICHELE: Bel tipo!
FELICE: E che grazia! Che maniera! Che dolcezza di carattere!... Teh, nu vaso. (Bacia il
ritratto, poi si ferma a guardare.) Ma chesta non Rosina... chesta me pare D. Candida.
MICHELE: D. Candida! La mamma de la mugliera vosta? (Guarda.) No, che dicite, e che
diavolo, site cecato?
FELICE: Ma non Rosina, chesto che cos me vu mpar Rosina a me, e p chesta
chiatta, se vede ch una donna fatta.
MICHELE: Ma vuje dicite overo o pazziate neh D. Fel. Chiatta, questa una fisionomia
cos delicata, e p na donna fatta, chesta p tenere nu 17 o 18 anne.
FELICE (guarda): Chesta D. Candida, Michel, chesta D. Candida.
MICHELE: D. Candida... sentite... io nun ve vularra spavent, ma nce sta na malattia
alluocchie che accuss accummencia. Uno se crede de ved na cosa, e invece chella
nata, unallucinazione della vista. Io lo saccio pecch nce steva un capo stazione
chavette sta malattia, la chiammajene: Cheratite.
FELICE: Come?
MICHELE: Cheratite Parenchimatosa, una debolezza della cornea, voi tenete la cornea
indebolita - e faciteve ved s, pecch chillo poverommo passaje brutti guaje. Chillo le
vote pigliajve na femmena pe ommo, nu cane pe nu piecoro, na gatta pe na gallina. Che
brutta cosa, mamma mia. Nun se vulette cur, sinfiamm liride, se cuncumaje la pupilla,
e cecaje. Se la pigliaje tanto a duro, poverello, che doppo nu mese murette.
FELICE: Comme haje ditto che se chiamma?
MICHELE: Cheratite Parenchimatosa.
267

FELICE: Cheratite Parenchimatosa... e chesto nce mancarra!... Ma comme, chesta non


D. Candida?
MICHELE: Vuje qua D. Candida, ma che pazziate, chesta na gioia de figliola!
FELICE: E stu capostazione in principio che se senteva?
MICHELE: Niente, anze nce vedeva buono... ma cierti momenti vedeva na cosa pe nata.
FELICE: Sarebbe proprio il caso mio... Justo justo, cc mmiezo a la piazza nce sta nu
miedeco de luocchie, noculista... m me vaco a f ved nu mumento.
MICHELE: E ghiate, jate... quanno na malatia in principio, se cure, e finisce tutte cose.
FELICE: Io m quanno maje aggio sofferto cu luocchie. Si muglierema me va truvanno, le
dice che m torno, che so arrivato fino a lo caf a lo puntone.
MICHELE: Va bene, jate, jate.
FELICE (guardando lorologio): D.a Candida, la v cc, cosa dasc pazzo. Cielo mio,
fallessere cosa de niente, e si no io comme faccio. (Via pel fondo.)
MICHELE: Io m moro da li risa, nun me ne fido cchi. (Ride.)
SCENA SETTIMA
Luisella e detto, poi Peppino, poi voce del fonografo, indi Antonio e Gilda da di d poi
fuori.
LUISELLA: Che me dicite neh?
MICHELE: Cose belle, cose belle. Mha fatto ved lo ritratto dinto a lo relogio, io laggio
dato a credere che veramente era chella che diceva isso che non era mamm, e laggio
fatto mettere cu nu brutto pensiero.
LUISELLA: Che pensiero?
MICHELE: Laggio ditto chera isso, che vedeva na cosa pe nata, chera unallucinazione
della vista, na brutta malatia alluocchie. Allora l pe l, senza perdere tiempo, s ghiuto
a f ved a nu miedeco mmiezo a la piazza. (Ride.)
LUISELLA: Bravo, avite fatto buono.
PEPPINO (dal fondo con fonografo fra le mani): Signur, scusate, aggio truvato sta tromba
sotto a lo lietto, fosse robba de pap vuosto?
LUISELLA: Nu fonografo, no.
PEPPINO: E chi lha mise l sotto?
LUISELLA: E che ne saccio?
MICHELE: Forse pap lha comprato pe ve f divert nu poco, m lo damme corda
sentimmo che dice. (D corda.)
ANTONIO (di d): permesso?
MICHELE: Chi ? (Va a guardare.) (Sangue de Bacco, chella signorina che io abbracciaje
dinto a lo vapore. Sta nzieme cu nommo, ha da essere lo marito!). Sign, nun nce
facimmo ved da chiste, jammo a sent lo fonografo dinto a la sta cammera. (Nellandar
via Michele e Luisella a seconda a destra il Fonografo incomincia a parlare.)
FONOGRAFO: Candida, Candida, mia bella Candida. (Luisella si sorprende e via con
Michele.)
PEPPINO: Gu, langelo nata vota! (Guarda in cielo, poi va a seconda a sinistra e grida.)
Sign... sign?
ANTONIO (di d pi forte): permesso?
PEPPINO: Favorite, favorite.
268

ANTONIO (esce con Gilda): Finalmente!


PEPPINO: Scusate, signore...
ANTONIO: Ma che scusate, e che scusate, che maniera questa, farci tanto aspettare.
PEPPINO: Ditemi chi siete?
ANTONIO: Antonio Capone, questa Signora Gilda mia moglie.
PEPPINO: Il mio padrone sta occupato con un signore nel suo studio, ma adesso esce,
accomodatevi. (D le sedie.)
ANTONIO: Grazie. Siedi, Gilda mia! (Fa sedere Gilda.)
PEPPINO: Permettete? (Gu langelo ha visto ven gente e s stato zitto.) (Via pel fondo.)
GILDA (quando si assicurata che non c nessuno): D. Ant, ve prego, non me facite f
cchi sta cosa, pecch me so seccata!... Vuje me dicisteve che se faceva al massimo 3
volte a lo mese, me pare che lo stamme facenno quase ogne ghjuorno, e a me non me
conviene. Ve pare, pozzo j correnno appriesso a buje da cc e da ll?
ANTONIO: Nun allucc, agge pacienzia, io me pare che te lo dicette, bella mia, chisto fuje
lo patto. Tu vulive ven comme a cammarera, io dicette: Nonsignore, tengo un progetto,
aggio fatta na pensata, che mi giover molto del commercio del vino. Invece di cameriera,
ti presenter a tutti come mia moglie.
GILDA: Bella co
sa! E me facite vas da tutte quante?
ANTONIO: E perci invece de 20 lire a lo mese, te ne dongo 50 e tutto trattamento, che
vaje truvanno, figlia mia, alla fine p non na pistolettata, nu vaso.
GILDA: Gi, v comme site curiuso, e me faccio sempe vas?
ANTONIO: Nonsignore, a la fine de lo mese nce riposammo nu poco. Tu capisce che dinto
a poco tiempo aggio smaltito cchi de nu carro de vino... e perch? Pe questa gran pensata
che facette, per questa nuova pubblicit. Dinto a lo vapore te ricuorde, che chiasso
facetteme pecch chillimpiegato te vasaje? Emb, mmieza tutta chella folla che se
facette, tutte chilli viaggiatori, afferraje 37 commissioni, chi no varrile, e p la clientela
che aggio acquistata, no, chillo fuje nu vaso che ghiette bello overo!... Nun me scombin
m.
GILDA: Ma allora, scusate, facennolo tanto spisso, mavite aument la mesata?
ANTONIO: Va bene, mmece de 50 lire, te ne dongo 60. Tu p lo ssaje, io tengo spese de
viaggio, albergo, trattoria, e poi ti vesto. A la fine de lo mese p te faccio pure nu bello
regalo. Assettete neh, agge pacienza, sperammo che dinto a sta casa nce stessene genta
assaje. Zitto, sento rummore. Attiento quanno vide a uno nuovo, ricordate la mossa
nervosa.
GILDA: Non dubitate.
SCENA OTTAVA
Luisella, poi Felice e detti.
LUISELLA: (Che mbruglione! Pigliaje lo fonografo e facette credere a mamm chera
langelo che parlava!). Chi ?
ANTONIO: Signora, io sono Antonio Capone, questa mia moglie, sono venuto per
parlare col Signor Chiappariello.
LUISELLA: Mio marito?
ANTONIO: Perfettamente.
269

FELICE (uscendo): (Lo miedeco nun nce sta). Chi ?... Signori.
LUISELLA: Ecco qua, mio marito.
ANTONIO: Siete voi Chiappariello?
FELICE: Per servirvi.
ANTONIO: Controllore dei Vagoni-letto?
FELICE: Ai vostri comandi.
LUISELLA: (Voglio j a dicere a mamm lo fatto de lo fonografo, puverella, chella stanotte
nun ha chiuse uocchie). Permettete signori?
ANTONIO: Fate pure.
LUISELLA: (V che faccia tosta. Chi se poteva mai credere de pass chisto guajo!). (Via
seconda a sinistra.)
FELICE: Accomodatevi, prego. (Chi sarr chisto?). Mi dovete dire quacche cosa?
ANTONIO: Sicuro, una piccola cosa.
FELICE: Accomodatevi allora.
ANTONIO: Grazie, io sto sempre allimpiedi. Sappiate che io sono Antonio Capone
ricordatevi bene: Antonio Capone, e questa Signora Gilda mia moglie.
FELICE: Tanto piacere. Se non sbaglio, foste voi che parlaste ieri con mio suocero, alla
Compagnia dei Vagoni-letto?
ANTONIO: Perfettamente. E foste voi che baciaste mia moglie 3 sere fa, nel diretto di
TorinoRoma?
FELICE: (M accomminciammo cu chisto m!).
ANTONIO: Foste voi? Lo volete negare forse?
FELICE: Ecco qua... Signor Capone... prima di tutto, vi prego di non gridare... io non ho
baciato vostra moglie.
ANTONIO: Come!
FELICE: Sono stato io s, ma in apparenza... mentre che in sostanza...
ANTONIO: Che sostanza e apparenza, lavete baciata, lavete confessato, ed affare
basato!
FELICE: (E frisca lanema de chi t nato!).
ANTONIO: Ora sono venuto da voi per avere la soddisfazione che mi spetta. Non temere
Gilda...
FELICE: (Chella non se sta muvenne!). Ma, vedete... ragioniamo un poco.
ANTONIO: Io non ragiono mai!
FELICE: E io s!... Io vi dico una cosa che forse non sapete. vero, vostra moglie ha avuto
un bacio da me... ma lha avuto, perch alla signora le prode nu poco la capa... (Ridendo.)
ANTONIO: Come sintende?
FELICE: E sintende benissimo! Perch quando la signora vostra moglie, non vuole essere
molestata, bisogna stia al suo posto. (M le faccia appiccec a tutte e duje).
ANTONIO: Come al suo posto, e perch?
FELICE: Perch mi fece certe mosse con gli occhi, la prima e la seconda volta... che faceva
capire chiaramente... me putite vas. (Gilda guarda Felice e poi fa il gesto accennato da
Felice.) La vedite, comme sta facenno m.
ANTONIO: Uh! Gilda mia. Gilduzza mia, e che centra, quello un tic, un tic nervoso.
FELICE: Un tic?
ANTONIO: St ferma, Gilduzza mia. Un galantuomo non deve abusare di uninfermita.
FELICE: Ma allora vuje avita cammen cu nu cartiello mane: Mia moglie tiene il tic... Io
che ne sapeva.
270

ANTONIO: Basta signore, lo scandalo si fece, ed io ho bisogno di una riparazione, capite,


una riparazione! (Gridando.) Non temere Gilda.
FELICE: Sangue de Bacco! D. Ciccio!
SCENA NONA
Ciccio, poi Achille, poi Felice e Antonio, poi Peppino, poi Felice, Antonio e Achille, in
ultimo Ciccio.
CICCIO: Felici, la scatola cu li sicarre add sta?
FELICE: Dinto a chella cammera, ncoppa a la scrivania.
CICCIO: Che vedo! Il Signor Capone!... Mi dispiace che sono occupato col Capo Ufficio...
ma vengo subito... Signora. (Che bella figliola!). Cinque minuti di permesso? (Via
seconda a destra.)
ANTONIO: Voi dunque vi batterete con me! (Forte.)
FELICE: Signore, io vi prego, qua non possiamo parlare, andiamo in giardino.
ANTONIO: Dove meglio credete, io non ho paura di nessuno! (Gridando.) Aspetta qua.
Gilda, e non temere.
FELICE: (Add!... Chella na mazza de scopa!).
ANTONIO: Andiamo.
FELICE: Favorite. (Via con Antonio pel fondo.)
ACHILLE (dalla sinistra): Mi hanno lasciato solo... Riverita... (Che simpatica donna!).
Tanto piacere. (La guarda, Gilda ripete il gesto degli occhi.) Come? (Gilda ripete il
gesto.) Veramente? (Si guarda intorno.) (E add jamme, chesta non casa mia). Siete
proprio na simpaticona! (Le d un bacio.)
GILDA (gridando): Che! Che ardire questo!... Totonno! Totonno mio... Totonno!
ANTONIO (uscendo con Felice): Gilduzza mia, che cos?
GILDA: Questo signore mi ha dato un bacio!
ANTONIO: Che! Anche voi?!
FELICE: (Nc capitato pure lo Capo Ufficio!).
ACHILLE: Io vedete... ho creduto...
ANTONIO: Silenzio signore. Voi lavete a fare con me, io sono il marito Antonio Capone!
FELICE: Ma zitto, per carit, andiamo a parlare nello studio.
ACHILLE: Io vi assicuro...
ANTONIO: Andiamo!
FELICE: Favorite. (Via nel salotto con Antonio e Achille.)
PEPPINO (dal fondo): (Lo patrone ancora ha dasc, e chiste che aspettene cc). Quel
signore che stava con lei forse entrato nello studio?
GILDA: S, nello studio.
PEPPINO: (Che bella figliola, v trova a chillo che le ). (La guarda, Gilda ripete il gesto.)
(Gu... e ched neh?). (Gil. c.s.) Uh! Mamma mia, e chesta me f nun... laggia essere
simpatico assaje! (Gil. c.s.) (Eh!... e che nce aspetto). Vuje site nu zuccariello! Site
nangiulillo! (Le d un bacio.)
GILDA (gridando): Che! Che ardire questo... Totonno, Totonno mio. Totonno?
ANTONIO (seguito da Felice ed Achille): Gilduzza mia, che cos?
GILDA: Questo signore mha dato un bacio...
ANTONIO: Anche lui, questimbecille!
271

FELICE: Tu che haje fatto?!


PEPPINO: Chaggio fatto?... Chella stata essa!
FELICE: E trase, trase jammo a parl dinto.
ANTONIO: Vi metter a dovere!
ACHILLE: Comme te vene ncape!
PEPPINO: Ma io ve pozzo giur...
ANTONIO: Mascalzone imbecille!
FELICE: Trasite, trasite. (Viano.)
CICCIO (esce dalla destra): (Chilassassino de Felice sha fumato na scatola de sicarre,
meno male che naggio truvate duje dinto a la scrivania). Signora... (E ched, lassene a
chesta sola cc fore.) Il Sig. Capone dove sta?
GILDA: Nello studio.
CICCIO: Ah! bravo! (Quanto me piace sta figliola... proprio il mio tipo!). (La guarda,
Gilda ripete il gesto.) (oh, sangue de Bacco!... Chesta bella m!). (Gilda c.s.) Sicuro,
andiamo dove volete... vi ho fatto forse una bella impressione? (Gilda c.s.) Quanto siete
graziosa!... Io far tutto per voi! (Le d un bacio.)
GILDA (gidando) Che! Che ardire questo!... Totonno, Totonno mio, Totonno?
SCENA DECIMA
Antonio, Achille, Felice, Peppino e detti.
ANTONIO: Che cos? (Achille, Felice e Peppino lo seguono.)
GILDA: Questo signore, mha dato un bacio!
ANTONIO: Ancora un altro?... Ah! Ma questo troppo!... Aspettatemi abbasso in
carrozza, vengo subito. (Gilda salza e via pel fondo.) Signori, loffesa grande,
terribile, io ne voglio soddisfazione! (Gridando.)
CICCIO: Zitto per carit, si sente muglierema, io so rovinato!
FELICE: E muglierema add la mettite!
ACHILLE: Se sappura sta cosa, io che figura faccio!
PEPPINO: Chella la signora me licenzia!
ANTONIO: Volete riparare senza far chiasso?
FELICE: Sissignore!
ANTONIO: Allora sappiate che quella figliola non mia moglie, una che le dongo 50 lire
lo mese e me la porto viaggiamo cu me. Quel tic finto, appena have nu bacio, io corro,
faccio nu chiasso, e quanno s fatta na bella folla de gente, io fo la pubblicit al mio vino
di Barletta.
TUTTI: Possibile?!
FELICE: (Puozze pass nu guajo!).
ANTONIO: Vino pure, sincero, 22 lire al barile franco a domicilio, datemi le vostre
commissioni, se non ve pigliate lo vino, allucco! (Caccia un taccuino.) Chiappariello?
FELICE: Un barile. (Antonio scrive.) Torre del Greco. (Guarda Michele e Achille.)
ANTONIO (a Ciccio): Voi?
FELICE: Un barile. Francesco Stoppa, medesimo indirizzo. (Antonio scrive.)
ANTONIO: E vuje. (Ad Achille.)
ACHILLE: Tre barili. Achille Panetti, stazione centrale.
ANTONIO: E tu? (A Peppino.)
272

PEPPINO: Cinche litre.


ANTONIO: Io non vengo a la minuta.
PEPPINO: Allora, nu quartarulo. Giuseppe Zella, strada nova 83.
ANTONIO: E fatto. Vi ringrazio, e raccomandatemi agli amici. (Via pel fondo, tutti
seggono appaurati.)
(Cala la tela.)
Fine dellatto secondo

273

ATTO TERZO
Cameretta di campagna. Tre porte laterali e finestra prima a destra. In fondo porta grande
con cancello a due che lascia vedere il giardino. In fondo a sinistra una credenza. Nel
mezzo una tavola. Quadri alle pareti. Due vasi di fiori a destra e due a sinistra del
cancello. Un innaffiatoio. Sedie ecc. Un sifone dacqua di Seltz.
SCENA PRIMA
Errico, poi Concetta.
ERRICO (dal cancello): Nun nce sta nisciuno, D. Alonzo laggio visto mmiezo a la piazza
dinto a lo putecaro che se steva facenno ma fellata de presutto. Io ogge so venuto risoluto,
o Rosina fa chello che dico io, o si no so guaje! Io la vita non la curo. Voglio bene a
Rosinella cchi delluocchie mieje, e primme de la ved mugliera de nato, me faccio
accidere. D. Ignazio lo maccarunaro mha cercato lo piacere de purt sta lettera a D.
Alonzo, io subeto aggio ditto che s, e cu chesta scusa so venuto pe sap Rusina che
ntenzione tene. D. Alonzo nun sape leggere, e tutte le lettere che have, se le fa leggere da
la figlia. Io chaggio fatto? Aggio aperta sta lettera, e sotto aggio scritto a Rosina quatte
parole de carattere mio, po doppo laggio mise dinto a nata busta. Ah, zitto, ecco cc la
mamma.
CONCETTA (dalla sinistra): Io vularra sap Alonzo che fa che nun vene ancora. Lo
magazzino sta chiuso pecch festa, va trova add se sta trattenenne.
ERRICO: Cara Donna Concetta.
CONCETTA: Uh! Errico, stive lloco?
ERRICO: Sissignore.
CONCETTA: (Chisto runzea sempe da chesta parte, e quanno me vede fa luocchie russe...
nun vularra che mariteme se naddunnasse).
ERRICO: So venuto pe purt na lettera a D. Alonzo.
CONCETTA: Nun nce sta, ma m lo vide ven.
ERRICO: na lettera che la manna D. Ignazio lo maccarunaro.
CONCETTA: E pecch lhai portata tu?
ERRICO: Siccome nun teneva a nisciuno, ha pregato a me che lavesse fatto stu servizio.
Io ve pare, se trattava de ven cc subeto aggio ditto che s. (Sospira.) Ah!
CONCETTA: (Tanto chha fatto che mha ncucciata sola!). Pecch suspire neh Err?
ERRICO: Che vaggia dicere, D. Concetta mia, che vaggia dicere! Nun songhio che
sospiro, lo core, stu povero core mio, che ha perduta la pace e tarrepuoso.
CONCETTA: E pecch?
ERRICO: Pe na femmena, pe nangelo de femmena, che nun me fa durm, nun me fa
magn., nun me fa pens a niente cchi.
CONCETTA: (Uh! Povero giovene, e chisto se ne more!).
CICCIO: Io, vedite, D. Cunc, quanno aggio perzo tutte le speranze, o vaco ngalera, o
maccido, e faccio f li nummere a tutto Torre a Nunziata!
CONCETTA: Non voglia maje lo Cielo! Nonsignore, tu nun haje da f, n luno e n lato.
274

ERRICO: Da vuje, D. Cunc, da vuje dipende tutto, vuje soltanto me putite salv, e
vassicuro che si me sposo a Rosina ve vularraggio bene cchi de na mamma.
CONCETTA Comme! Tu de Rosina parle?
ERRICO: Sissignore. Pe chella guagliona io non conchiudo cchi, so mpazzuto!
CONCETTA: (Meno male che non me so sbilanciata cu quacche parola). Errico mio,
chisto nu pensiero che te lo pu lev da capo, pecch primme de tutto tu nun tiene
niente.
ERRICO: Comme, io tengo la puteca de panettiere?
CONCETTA: Ma nun rrobba toja, rrobba de zieto, e p, levammo tutte cose da miezo,
Rusenella sta gi appuntata de matrimonio, nu signorino, sta buono de posizione, tene
nu bello impiego, e perci tantio, quanto Alonzo, avimmo subeto acconsentito.
ERRICO: E Rusenella se lo sposa cu piacere?
CONCETTA: Rusenella fa tutto chello che vulimmo nuje. Si capisce che se lha da spus
cu piacere, e add lo trova meglio de chillo, e po nce simme compromesse seriamente,
che avimme che f cu nu lazzarone? Chillo nu signore, che figura se faciarra?
ERRICO: Ma tante vote sti signure nun venene pe f overe, venene pe pazzi.
CONCETTA: Pe pazzi? Chillo ha ditto che pe la fine de lo mese v f tutte cose!
ERRICO: V f tutte cose? E va bene! Io pe la fine de lo mese... le faccio f tutte cose!...
Tutte cose!
SCENA SECONDA
Alonzo, Salvatore e detti.
ALONZO (di d. gridando): Salvat, cammina, avanza lo pede.
SALVATORE (d.d.): Eccome cc, princep. (Errico saffaccia alla finestra.)
ALONZO (fuori con diversi involti. Tipo di negoziante di pasta di Torre Annunziata.
Giacca scura, calzone e gil a grossi quadroni, cravatta rossa e colli bassi, due basettine
grigge. Berretto colorato bl e bianco sotto il cappello a tubo bianco. Salv. lo segue.)
Cammina, mannaggia larma de mammeta, si no Concettella se la piglie cu mico... Ah, la
v cc, la v cc, la pascarella mia, la pullanchella mia!
CONCETTA: Gi, la pullanchella mia, vularra sap nora e mmeza che haje fatto?
ALONZO: Che taggio ditto che chella steve co lo pensiero, quanno cammine me pare na
cestunia, m te lo ceco nuocchio! Concett, agge pacienza, so ghiuto facenno paricchie
spesolelle. Aggio accattato nu chilo de custate dannecchia che se ponno pitt, duje
pullaste gi se stanno facenno arraggiate, arraggiate. Nu muorzo de nzalata e duje frutte
de cuglimme dinto a lo ciardino. P aggio portato ma bella pizza doce, che la teneva
esposta dinto a la vetrina D. Alessio lo speziale, mha ditto ch fresca fresca, la facette
Gioved, aggio pigliato pure doje butteglie de rosolio... Emb, ogge la nasceta toja, e
aveveme da f quacche cosa de cchi. Aggio ditto a tutti li giuvene de lo magazzino, che
stasera venessene, che le faccio truv vino e freselle co lo pepe.
SALVATORE (mostrando due grossi involti): Li vedite cc, so na bellezza, princep, se
squagliene mmocche.
ALONZO: Chiste po songo nu pare de ricchine che me piacevene, e te laggio accattate.
(Li mostra.) Vide si te piacene?
CONCETTA: Overe che so belle... me li metto stasera.
ALONZO: E me vu d nu vasillo m?
275

CONCETTA: Comme, cu tutto lo core!


ALONZO: Patatona mia!
SALVATORE: (M accummencia lo vutamiento de stommaco!).
CONCETTA: Teh, mmece de uno, duje! Uno da cc, e uno da l.
ALONZO: Mannaggia la brasciola! Muglierema nun la cagnarra cu tutte le femmene de lo
munno, tene tutte cose, qualit, quantit, peso e mesure. Una figlia mha fatto e me lha
fatta bella e bona comme a essa!
CONCETTA (arrossendo per la vergogna): E va buono, la fenisce o no?
SALVATORE: Sperammo che D. Rusenella avesse la stessa sorta che avite avuto vuje,
princep.
CONCETTA: Accuss sperammo.
ALONZO: No, che sperammo, accuss ha da essere. D. Felice nu buono giovene,
galantomo, faticatore e affezionato, e songo certo che la farr contenta. La combinazione,
dimane fenescene li quatte juorne che spettano a isso, e dimane vene. Si veneva ogge,
sarra stato meglio.
SCENA TERZA
Rosina e detti.
ROSINA (dalla destra): Mamm, io dinto le pullastielle nce aggio mise nu poco dacqua, si
n sazzeccavene sotto, aggio fatto buono?
CONCETTA: Si, hai fatto buono, ma m vaco io. Jammo, Salvat, porta sta rrobba dinto.
SALVATORE: So lesto.
ROSINA: (Che beco! Errico!).
CONCETTA: Approposito, Al, cc nce sta Errico, che tha da d na lettera de D. Ignazio
lo maccarunaro.
ALONZO: Oh, Err, staje cc? E add stive, io nun taggio visto?
ERRICO: Stevo nu poco affacciato a la fenesta.
CONCETTA: Io vaco dinto a la cucina.
ALONZO: Va, sciasciuncella mia, zuccariello mio.
CONCETTA: Pappone bello! (Via a destra.)
SALVATORE: (Tanto hanna f che pure a chiovere fanno ven!). (La segue.)
ALONZO: Facite ambressa, che io tengo na famma che nun ne pozzo cchi. Dunche D.
Ignazio tha dato na lettera pe me?
ERRICO: Sissignore, ha ditto chera cosa de premura, che la liggite tutta quanta, ncoppe e
sotto. (Marcato a Ros.)
ALONZO: Ncoppe e sotto, e se sape. (Prende la lettera.) Ros, teh, famme sentere che
dice. (D la lettera a Ros.) Io m lu scrivano mio add lo piglio, ogge stato festa.
Quanno nun stongo a lo magazzino, essa me fa cunte, scrive, legge lettere, fa tutte cose
essa. Io faccio solamente li nummere da uno a diece e niente cchi, emb chaggia f, nun
aggio tenuto cape de me mpar. (Siede.)
ROSINA (leggendo sottovoce): Tu sei la mia fata, la mia stella, e se sarai la moglie di un
altro, io ti giuro che te me levo dal mondo! (Mamma mia!).
ALONZO: Che dice?
ROSINA: Ecco cc... dice accuss... che buje... che isso...
ALONZO: Chiacchiarea... ch stato? Che b? (S seduto, apre un involto di prosciutto e
276

lo dispone in un gran piatto che prende dalla tavola.)


ROSINA (leggendo): Caro D. Alonzo.
ALONZO (mangiando una fetta di prosciutto): V che bella cosa de presutto, se squaglia
mmocca.
ROSINA (c.s.): Domani scade il mio debito di lire 2 mila e 500. Io non vi posso pagare
perch questi ultimi mesi sono andato molto male cogli affari.
ALONZO: E che me ne mporta a me! Ah, sarebbe bella chesta, isso la rrobba se lha
pigliate. (Mangia.)
ROSINA (c.s.): Vi prego di rinnovarmi la cambiale per fine Gennaio.
ALONZO: (Poverommo, ha da st proprio cu le spalle nfaccia a lo muro!). Chesto tutto?
Va bene, nce la rinnovammo.
ROSINA (c.s.): Tanto pi che lultima partita di pasta che mi avete mandata i compratori
lhanno trovata arenosa e acetosa.
ALONZO: Oh, chesto m nun laveva dicere! La pasta mia nun la teme nisciuno! E nu
mbruglione, nu truffatore, e si dimane nun me paga, le manne lo protesto. Assettete
Rosn, e scrive chello che te dico io. (Ros. siede e scrive.) Caro D. Ignazio.
ROSINA (sottovoce scrivendo): Errico mio.
ALONZO: Nisciuno s lagnato ancora de la pasta mia....
ROSINA: Tu non puoi credere io quanto te voglio bene.
ALONZO: Cheste so scuse pe nun me pag.
ROSINA: Io nun faccio ato che pens sempe a te.
ALONZO: Haje fatto?
ROSINA: Sissignore.
ALONZO: Vavarra rinnovata la cambiale, pecch vuje sapite che core tengo.
ROSINA: Nun ce pens che stu core sarr lo tujo, lo tujo solamente.
ALONZO: Ma pecch avite ditto che la pasta mia arenosa e acitosa voglio essere pagato
dimane senza meno!. Punto ammilurdino.
ROSINA: Aspettame dinto a lo ciardino che cchi tarde nce vedimmo senza meno. (Ripete
forte.) Senza meno!
ALONZO: Vi saluto e sono Vostro Alonzo Pastafina.
ROSINA: Tua eterna Rosina.
ALONZO: Chieja la lettera e fa la sopraccarta. (Ros. esegue.) Al Signor Ignazio Tenga.
ROSINA: Al signor Errico Marvizzo. Ecco fatto.
ALONZO: Damme cc. (Prende la lettera, la guarda.) Va bene, sta bene. (Ad Errico.)
Tiene, portancella, e famme sap la risposta.
ERRICO (prende la lettera): Ve servarraggio subeto, nun dubitate. Cummamnate niente
cchi?
ALONZO: Niente cchi, grazie.
ERRICO: Comme aggio la risposta accuss ve la porto. Stateve bene D. Rusen, servo
vostro princep, ciente de chiste juorne, puzzate camp cientanne, sempe cu bona salute.
(Via.)
ALONZO: Grazie, grazie. Rusen, prepara la tavola, facimmo ambressa, io vaco a ved lu
pullaste a che stanno... Salvat... (Via a destra.)
ROSINA: Loro hanno voglia de f, hanno voglia de dicere che io a D. Felice nun me lo
sposo. Errico voglio bene, e chillo sulo mha da essere marito. E p, sicuro, me spusarra
a uno che sta 3 ghjorne la settimana luntano de la mugliera... bella cosa, e pecch? Pecch
chillo limpiego che tene... e che me ne mporta a me. Io a maritemo lo voglio tenere
277

sempe vicino.
SCENA QUARTA
Felice e detta.
FELICE (di d. cantarellando): Ma natu sole cchi bello oin, o sole mio sta nfronte a te.
ROSINA: Uh! Ched, venuto ogge, chillo aveva ven dimane.
FELICE (uscendo seguita a cantare): o sole, o sole mio, sta nfronte a te... sta nfronte a
te... (Sotto al braccio tiene un involto e altri due in mano.) Eccomi a te, Rusinella mia.
ROSINA: Oh, vuje state cc, e comme va, aviveve ven dimame?
FELICE: S, lo saccio, aveva ven dimane, ma sta vota so stato duje juorne de servizio
invece de tre. T dispiaciuto che so venuto ogge?
ROSINA: No anze, ve pare.
FELICE: Tu comme staje, sempe bona, sempe bella, sempe cchi aggraziata! Mamma e
pap, stanno buone?
ROSINA: Sissignore.
FELICE: Io quanno vengo nata vota le porto lo curz che essa voleva. A te p taggio
purtato na cusarella che non te dispiace, ma cusarella scicca.
ROSINA: Ma pecch tanto fastidio?
FELICE: Ma che fastidio, dovere. Teh, nu bello anello. (Lo f vedere.)
ROSINA: Oh, veramente bello!
FELICE: Te lo voglio mettere io stesso. (Esegue.) Che bella manella, che bianchezza... che
forma... se p pitt. (Bacia la mano.)
ROSINA: Stateve sode D. Fel.
FELICE: Ma m stamme sule, nun nce sta nisciuno. So 3 mise che vengo cc, e nun aggio
potuto av mai nu squasillo da te, mai! Mentre te voglio tanto bene. Io benedico chillo
mumento che trasette dinto a la puteca vosta pessere cambiato 5 lire de bronzo. Tu stive
mettenno a nota nu quintale de pacchere che serano mannate a lo maccarunaro dinto a la
Pignasecca. Te ricuorde? Io taddimmannaje: Scusate, che state screvenno? Niente, me
diciste tu, sto mettenne cierti pacchere a registro.
ROSINA: E vuje me dicisteve: Ah! Quanta pacchere me pigliarra da vuje, si me vulisseve
bene.
FELICE: Pap sentette, e me ne cumbinaje uno nfaccia che fuje cchi de nu chilo!
ROSINA (ridendo): Gi, me ricordo.
FELICE: P facetteme pace, io me spiegai, e mo pozzo dicere che so lommo cchi felice
de la terra. Ma tu per non hai da essere tanto spruceta cu me, na bella guagliona comme
si tu, ha da tenere cchi maniera co lo nnammurato. Tu nun me dice mai niente, che
saccio, stai sempe de malumore.
ROSINA: D. Fel, io vaggia dicere na cosa, vaggia confid nu segreto che me fa tenere na
pena dinto la vocca de lo stommaco.
FELICE: Nu segreto! E che segreto? Parla.
ROSINA: Avita sap... ma pe carit, s, io dico che nun overo, che ve lavite ammentato
vuje.
FELICE: Ma nonsignore, nun nce penz, confidati con me.
ROSINA: Avita sap che io, primme de cunoscere a buje, faceva lammore cu nu giovene,
nu bello giovene, onesto, affezionato, buono quanto lo ppane! Vuje pure site nu
278

buonommo, ma chillo era meglio de vuje.


FELICE: (E chisto nato D. Cesarino Sanguetta!).
ROSINA: Nun se poteva present a pap pecch nun teneva niente, io lo vuleva bene assai,
e si me vedite sempe accuss, de malumore, pecch, che vaggia dicere, nun me ne
pozzo scurd. (Tirando fuori il fazzoletto dalla tasca lascia cadere la lettera di Ignazio.)
FELICE: Questo, per esempio, stata una confessione spontanea che m piaciuta assai, se
vede che ne fai una gran stima di me, e mi dici tutto. Bravo. E doppo che hai conosciuto a
me, che hai fatto cu stu Cesarino Sanguetta?
ROSINA: Qu Cesarino Sanguetta, chillo se chiamma Errico.
FELICE: Ah, se chiamma Errico? Me credeva che se chiammava D. Cesarino Sanguetta.
ROSINA: Nonsignore: Nce simme lassate, s, ma per, nce vulimmo sempe bene. Isso me
scrive, e io lo risponne sempe.
FELICE: E bravo.
ROSINA: Che ne dicite de stu fatto?
FELICE: Che taggia dicere, seguitateve e scrivere, che male nce sta.
ROSINA: Comme! E buje?
FELICE: E io cercher piano piano di allontanarmi.
ROSINA: Ah, quanto site buono, m si che ve voglio bene!
FELICE: Te pozzo d nabbraccio?
ROSINA: Ma si, cu tutto lo core. (Felice labbraccia e bacia.)
SCENA QUINTA
Michele e detti.
MICHELE: Neh, scusate... che beco! Vuje cc?
FELICE: (E che puteva mamc!).
MICHELE: Scusate, signorina, se vengo a disturbarvi.
ROSINA: Ma niente.
MICHELE: Io sono il nipote di questo signore, mi chiamo Michelino.
FELICE: Gi, nepoteme Michelino.
MICHELE: Tengo listesso impiego suo.
FELICE: Gi.
MICHELE: E la signorina forse?
FELICE: La mia prossima sposa Rosinella.
MICHELE: Tanto piacere. (D la mano.)
ROSINA: Oh, il piacere mio.
FELICE: Michel, nepote mio, dimme na cosa, comme te truove da chesti parte?
MICHELE: Ah, sono stato mandato dalla Compagnia che vuol mettere un deposito di
vagoni, qua a Torre Annunziata.
FELICE: Ah, v dicere che s de passaggio?
MICHELE: E che ne saccio, zio mio, aggia ved i locali, che capienza tenene, si songo
umidi, che prezzo ne vonno... Chaggia f, si se fa notte me ne vaco dimane.
ROSINA: Ma allora restate a mangia cc.
MICHELE: Oh, grazie.
ROSINA: Sicuro, nce lo dico io a pap, navarr assai piacere.
MICHELE: Ma vedete... non vorrei dare incomodo.
279

ROSINA: Ma che incomodo... ve pare... site lo nepote de D. Felice.


MICHELE: Quando volete cos, allora accetto.
ROSINA: Bravo. Aspettate, m vaco a chiamm a pap e a mamm. (Via a destra.)
MICHELE: Questo fastidio, Dio mio.
FELICE: Insomma, io nun me pozzo lev da tuorno stu guajo!
MICHELE: Ma vedete che combinazione, manco si lavesseme vuluto f apposta.
FELICE: inutile, tu sei la mia persecuzione!
MICHELE: Chesta chella tale Rosinella?
FELICE: Chesta essa!
MICHELE: Avite ragione, troppo aggraziata, io subeto laggio conosciuta, pecch me
ricordo lo ritratto che tenite dinto a lo relogio.
FELICE: Ah, chisto cc? (Caccia lorologio e lapre.) D. Candida, la v cc, e che me la
pozzo lev da nanze alluocchie?
MICHELE: M accumminciate nata vota, che D. Candida, chesta essa, la nnammurata
vosta, lha tagliata la capa!
FELICE: Eh, non nce stanno chiacchiere, maggia f ved da quaccheduno.
MICHELE: Arapite nu poco luocchie. (Felice esegue.) Uh! Vuje tenite la pupilla cu na
macchiolella ncoppa, tale e quale comme la teneva chillo capostazione che murette.
Curateve, D. Fel, curateve, questa proprio la vera cheratite parenchimatosa. Ve sentite
niente?
FELICE: No.
MICHELE: Nce vedite buono?
FELICE: Magnificamente!
MICHELE: E chesta essa, i primi sintomi de sta malattia, ve laggio ditto, f ved na cosa
pe nata.
FELICE: E la macchiolella add la tengo?
MICHELE: Ncoppa a tutte e doje pupille.
FELICE: Sia fatta la volont de lo Cielo!
SCENA SESTA
Alonzo, Concetta, Rosina e detti.
ALONZO: Add sta, add sta? (di d.)
ROSINA: Eccolo cc pap. (Uscendo.)
ALONZO (fuori): Bravo! Vuje site nepote a D. Felice?
MICHELE: A servirvi.
ALONZO: Favorirmi sempre. E che arte fa, che impiego tene?
FELICE: Listesso impiego mio.
ALONZO: Ah, bravo. E tu comme va che s venuto ogge?
FELICE: Sta settimana aggio fatto duje juorne de servizio, nce steve poco da f.
ALONZO: Vedite la combinazione, chesta stata proprio na fortuna. Ogge la nasceta de
Concetta, justo justo, avimmo fatto na cosarella superchia de mangi, nce sta pure
nepotete, vulimmo sta allegramente proprio.
FELICE: E io ve voglio f pruv la frittata a suffl che faccio, ve voglio f allicc li dete.
ALONZO: Ah, tu saje pure cucen?
FELICE: Accuss, faccio quacche cosarella, ma la frittata p, na specialit mia.
280

ALONZO: Veramente?
MICHELE: Ah, nun nce pensate, le frittate che fa zi zio, nun le f nisciuno.
ALONZO: E m vedimmo, m vedimmo si overo. Gu, ma spicciammece, s, che io
tengo appetito. Tu v piglie largentaria, le salviette buone, emb avimma f onore
allinvitate.
CONCETTA: Se capisce. (Via a sinistra.)
ALONZO: Io vaco a d nata sciusciata sotto a li pullaste. (Via a destra.)
ROSINA: (Errico me sta aspettammo fore a lo ciardino, m sarra lo mumento). Io vaco a
cogliere nu poco de nzalata. (Prende un cestino.)
MICHELE: Si permettete vaiuto purio.
ROSINA: No, grazie, pecch vavita incomod?
MICHELE: Ma no, per me non affatto incomodo. Vuje me facite ved add sta, e io la
coglio, accuss nun vacalate vuje.
ROSINA: Grazie tante.
MICHELE: Jammuncenne. Zi-z, permettete? (Via con Ros. fondo a sinistra.)
FELICE: Eppure chisto me fa j ngalera a me!... M co la scusa de cogliere quatte fragole,
vaco appriesso purio. (Prende un cestino, fa per andare e vede a terra la lettera caduta
da Ros.) Na lettera. (Legge:) Caro D. Alonzo caduta a D. Alonzo. (Legge:) Domani
scade il mio debito di L. 2500. Io non vi posso pagare perch questi ultimi mesi, sono
andato male con gli affari, vi prego di rinnovarmi la cambiale per fine Gennaio. Tanto pi
che lultima partita di pasta che mavete mandata, i compratori lhanno trovata arenosa e
acetosa. Vostro affezionatissimo Ignazio. Tu sei la mia fata, la mia stella, e se sarai la
moglie di un altro, ti giuro che te ne levo dal Mondo! (Rilegge le ultime parole, poi
pausa.) E ched D. Ignazio se vo spus a D. Alonzo... impossibile avarraggio
sbagliato. (Rileggele ultime parole:) Tu sei la mia fata ecc. Va trova cc che nce sta
scritto, e io veco na cosa pe nata... Questa la cheratite... Sissignore la malatia se sta
avanzanno. La cheratite Parenchispinosa... quarenchinquacchiosa... che saccio comme ha
ditto chillo. Assolutamente maggia f ved a quaccheduno. (Via fondo a sinistra.)
SCENA SETTIMA
Concetta e Alonzo, poi Ciccio, Candida, Luisella, poi Salvatore e detti.
CONCETTA (con posate dargento e salvietti): Ecco cc le pusate, le salviette.
ALONZO: Ecco cc lo vino. (Con due bottiglie di vino.) Jamme, che le pullastielle so
pronte.
CONCETTA: E Rosina, D. Felice, lo nepote, add stanno?
ALONZO. Starranno fore a lo ciardino. (Chiamando.) Rusen? Rusen? (Guarda in fondo
a destra.) Chi ? Venene cierti signure da chesta parte.
CICCIO: permesso?
ALONZO: Favorite, favorite.
CANDIDA: Grazie. (Luis. la segue.)
CICCIO: Qui abita una certa Concetta Pastafina?
ALONZO: Muglierema. Sissignore.
CICCIO: Ah, Concetta Pastafina v mugliera?
ALONZO: Sissignore. La vedite cc.
CONCETTA: Serva vostra.
281

CICCIO: Padrona mia. Questa mia moglie, e questa mia figlia. Simme venute pe ve
parl de nu fatto serio, serio assai!
ALONZO: Nu fatto serio assai?... E de che se tratta?
CICCIO: Ecco cc. Nuje vulimmo sap se cuniscite nu tale Felice Chiappariello?
ALONZO: Gu, si lo conosco, lo conosco sicuro.
CICCIO: Bravo! E m sta cc?
ALONZO: Sissignore. Sta fore a lo ciardino isso e lo nepote.
CICCIO (a Candida e Luis.): (Lo nepote? Chi nepote?).
LUISELLA: (Sarr D. Luigino che lha fatto credere lo nepote).
CICCIO: (Ah, gi).
CANDIDA: (Che mbruglione!).
LUISELLA: (D. Luigino ha ditto che si nun lo truvaveme a la stazione, segno chaveva
scoperto tutto e nce aspettava cc).
CICCIO: (Perfettamente).
ALONZO: (Chiste che vularranno?).
CONCETTA: (E chi ne sape niente).
CICCIO: Diciteme na cosa, scusate, vuje forse tenite na figlia?
ALONZO: Sissignore. E sha da spus appunto a chisto che ghiate truvanno vuje, D. Felice
Chiappariello.
CICCIO: Che spusare e spusare, sangue de Bacco, ve faccio pass nu guajo a tutte quante!
LUISELLA: Galiota, assassino! (Passeggia.)
CANDIDA: Brigante, malfattore! (Passeggia.)
CICCIO: Vi faccio una querela, e te faccio arrest a te, mugliereta, figlieta e isso.
Disturbatori delle famiglie oneste!
CONCETTA: Vuje che dicite!
ALONZO: Mio sign, parle comme haje da parl, pecch si no me faccio ven a mente le
specie antiche, e te faccio correre nu poco!
CONCETTA (lo trattiene): Al, marito mio!
ALONZO: Chi s tu? Che vu da cc? Chiacchiarea!
SALVATORE (con grosso coltellaccio): Ch stato princep, ch succieso?
CANDIDA: Parlate con me.
CICCIO: (V ca nuje abbuscammo!). Nonsignore, parlate con me, e ragioniamo con tutta la
calma. Dovete sapere che D. Felice Chiappariello...
ALONZO: Che le vulite dicere a chillo? E nu galantuomo, nu giovene onesto e faticatore!
CICCIO: Ecco qua, D. Felice Chiappariello...
ALONZO: Lo voglio bene cu tutto lo core, pecch se lo mmereta. Lo voglio bene comme
se fosse nu figlio de lo mio, e mare chi le dice ma parola!
CICCIO: D. Felice Chiappariello...
ALONZO: Sha da spus a figliema, e nun avimma d cunto a nisciumo.
CICCIO: D. Felice Chiappariello...
ALONZO: Tene la protezione mia!
CICCIO (gridando): Chillo nzurato, nzurato, lo marito de figliema! Ah!
LUISELLA: Sissignore! (Pausa. Conc. e Alon. si guardano.)
ALONZO: Comme! Comme avite ditto? nzurato?
CICCIO: Signore, nzurato da 3 amne cu sta povera disgraziata!
ALONZO: Vuje che dicite!
CICCIO: Co la scusa dellimpiego che teneva, steva 3 ghjuorne cc, e 4 ghjuorne da la
282

mugliera.
ALONZO: Comme! Nun overo che tene limpiego la ferrovia?
CICCIO: Niente affatto!
CONCETTA: Uh! Che scellerato!
ALONZO: Ma allora c venuto a ingann, c venuto a mbrugli. Salvat, chiammele,
sangue de la brasciola, me lo voglio magn vivo!
SCENA OTTAVA
Michele, poi Rosina, indi Felice e detti.
MICHELE: Uh! Vuje state cc? Bravo!
ALONZO: Add sta lo zio vuosto?
MICHELE: Qu zio, chillo nun m niente, aggio ditto accuss pe pazzi.
ALONZO: Chiammatelo, chiammatelo.
MICHELE: Ma vuje m che vulite f, lo vulite vattere, lo vulite sciacc, lo vulite accidere?
E che ne ricavate? Facite nu chiasso, nu scandalo, dimane tutta Torre de lo Grieco, e
Torre Annunziata saparranno lo fatto, e facite sta bella figura, add jate a mettere le
facce?... Invece vuje le potite f na cosa, le potite d nu castigo buono, e ve facite pure
quatte rise.
CANDIDA: Niente, ha dav na bona mazziata!
MICHELE: Ma che mazziata e mazziata, che lavite pigliato pe na criatura? E p quanno
lo vulite sap, nce avite colpa vuje a farle f tanta scemit!
CANDIDA: Io?
MICHELE: Sicuro! Pecch vuje nun le date pace, vuje lannummenate sempe la
bonanema de D. Cesarino Sanguetta, nun se fidava cchi de lo sentere, e perci se trova
dinto a sti mbruoglie! Facite chello che ve dico io.
CICCIO: Ma che vulite f?
MICHELE: Zitto, sento rummore, sarr isso. Venite cu mmico, aggio fatta na bella
pensata.
ROSINA (uscendo): Ched tutta sta gente?
MICHELE: Justo, justo, venite vuje pure.
ROSINA: Add?
MICHELE: Dinto a sta cammera, m ve dico chello che voglio f. Isso nun ha da sap
ancora che vuje state cc; nun d niente s. (A Salv.)
SALVATORE: Va bene.
MICHELE: Jammo, venite, vulimmo ridere veramente de core.
TUTTI: Ma...
MICHELE: Venite, venite. (Tutti viano a sinistra meno Salv.)
SALVATORE: V che piezzo dassassino, chillo era nzurato e veneva a f la commedia co
la figlia de lo princepale.
FELICE (d.d. dando la voce delle fragole): Fravola fresche, fravola fr...
SALVATORE Seh, d la voce de li fravole tu, ca m vide che belli nespole che pruove!
FELICE (uscendo): Fravole a 6 solde a lo quarto, fravola fr... Tu che faje lloco?
SALVATORE: Niente, sto aspettanno a buje pe purt ntavola.
FELICE: E ghjamme, che tengo na famma che me la veco cu luocchie.
SALVATORE: Ogge, D. Fel, facite nu bello pranzo?
283

FELICE: Lo ssaccio. Ove nce ne stanno dinto a la cucina?


SALVATORE: Uh! Avite voglia.
FELICE: S che haje da f, Salvat, fammene truv dudece sbattute, e famme truv nu
poco de petrosino tritato fino fino.
SALVATORE: Va bene.
FELICE: La tiella pronta, e nzogna assai.
SALVATORE: Non dubitate. (Eh! M faje marenna!). (Via a destra.)
FELICE: Nun saccio si stato lo sole, o sta malattia alluocchie, ma io me sento co la
capa stunata... pare comme mavesse pigliato lo chinino. Io aggio addimmann a
quaccheduno che dice sotto a sta lettera, possibile che D. Ignazio diceva sti parole a D.
Alonzo, nun p essere, ha da dicere nata cosa.
SCENA NONA
Concetta, poi Michele, Alonzo, Rosina e detto.
CONCETTA: D. Fel, add site stato?
FELICE: Dinto a lo ciardino, aggio cugliute quatte fravole.
CONCETTA: Bravo, avite fatto buono.
FELICE: Aggio fatto buono, s, ma me so spurcato tutte li mmane, permettete che me le
vaco a lav?
CONCETTA: Jate, e facite ambressa pecch avimma mangi. Anze, dicite a Salvatore che
portasse a tavola.
FELICE: Subito. (Via a destra.)
CONCETTA: Ma vedite che faccia de cuorno. (Alla porta a sinistra.) Venite, venite.
MICHELE: Ve raccomanno, non facite rummore, e buje nun ve tradite. (Escono Alonzo e
Rosina.)
ALONZO: Add sta? Add sta?
CONCETTA: S ghiuto a lav li mmane, pecch le teneva sporche de fravole.
ALONZO: V che piezzo de svergognato!
ROSINA: (Ah! Cielo mio, te ringrazio!).
MICHELE: Ricordateve buono chello chavimmo combinato. Assettateve a tavola. (Tutti
vanno a sedere a tavola, Felice al centro, alla sua destra Concetta, poi Michele, alla
sinistra Rosina, poi Alonzo.) Zitto eccolo cc.
FELICE: Ah, bravo, state a tavola, e che facite, nun mangiate?
ALONZO: Ah, chesto no, aspettaveme a te.
FELICE: E io che ne sapeva... eccomi qua... sono pronto. Che magnifico presutto, pap,
chesto lavite pigliato vuje?
ALONZO: S, figlio mio.
FELICE: E bravo pap. Io per esempio, si avesse accatt lo presutto, lo pigliarra
malamente, pecch nun me ne rentenne.
CONCETTA: E se capisce. (Tutti mangiano.)
MICHELE: D. Alonzo se ne rentenne nun sulo de lo presutto buono ma de tutte cose.
Tenette labilit de se scegliere chesta mugliera, bella, bona, e di cuore.
CONCETTA: Grazie, bonta vosta.
FELICE: Pe riguardo a la mugliera p, io pure me ne rentenno, e credo chavesse saputo
scegliere.
284

MICHELE: Oh, questo certo.


ALONZO: No, lo zio vuosto pe sti fatte cc sceglie buono! Approposito, la frittata quanno
la jate a f?
FELICE: Quanno vulite vuje.
ALONZO: Subeto, ha da essere lo primmo piatto.
CONCETTA: S, s, la vulimmo m.
FELICE: La vulite m? E io m ve servo. Cinche minute de tiempo, permettete? (Via a
destra.)
MICHELE (salza in fretta e va alla porta a sinistra): Susiteve. A buje, venite.... zitto,
zitto.
SCENA DECIMA
Ciccio, Candida, Luisa, poi Felice, poi Alonzo, Concetta e Rosina.
CICCIO: Eccoci qua.
LUISELLA: Isso add sta?
MICHELE: ghiuto a f la frittata!
CICCIO: E bravo, fa pure la frittata!
CANDIDA: Le vularra cec luocchie!
MICHELE: Zitto, assettateve a tavola, e facite chello che vaggio ditto io.
CICCIO: Signori miei, scusate, che vaggia dicere?
ALONZO: Ma niente, per carit. (Alonzo, Concetta, Rosina salzano e cedono i posti a
Ciccio, Candida e Luisella.)
MICHELE: Jatevenne dinto vuje.
ALONZO: Sissignore, jammoncenne. (Via a sinistra con Conc. e Ros.)
MICHELE (sedendo a tavola): Mangiateve nu poco de presutto.
CANDIDA: impossibile, io tengo lo veleno mponte a lo musso!
CICCIO: Comme se p mangi, vuje pazziate, s chiusa la vocca de lo stommaco!
(Mangia una fetta di prosciutto.) Cheste so cose nove, so cose terribili!
LUISELLA: Io si nun sfoco, more crepata!
MICHELE (a Luis.): (V ho promesso che torner a voi affezionato come prima? E non
dubitate che manterr la parola... ma vavita spartere da mamm, si no chillo poverommo
se mena da coppe abbascio, mamm troppo seccante!).
LUISELLA: (Oh, chesto overo!).
FELICE (di d. gridando): Damme a me, levete da lloco, posa cc.
MICHELE: Zitto, sta venenno. Mettite le cape sotto, facite ved che mangiate. (Gli altri
eseguono.)
FELICE (fuori con frittata): Eccomi qua, frittata a suffl... sha darrefredd nu poco, si no
nun se p tagli bona! (Pausa, guarda Candida poi Luisella e poi Ciccio. Scena a
soggetto di spavento, poi si tocca gli occhi, e guarda Michele.) M ve faccio io le
porzioni, vedrete che sapore! (Movimento.) Chesto che cos... ma come, la cheratite a
chisto punto arrivata? Forse so stato troppo vicino a lo fuoco. (Salza.) Michel?
MICHELE: Che cos?
FELICE: Tu s Michelino?
MICHELE: E chi aggia essere?
FELICE: Michel, io me sento troppo male co la vista... io veco cose che nun avarra
285

ved... che potarra f momentaneamente?


MICHELE: E che saccio. Sciacquateve luocchie dinto a nu cato dacqua fresca.
FELICE: La capa me volle comme a na caudara.
MICHELE: cosa da niente. Nfunnite nu salvietto dinto allacqua fresca, e mettitevillo
nfronte.
FELICE: Dice buono. M vengo, m vengo. Cielo mio, aiuteme tu! (Via a destra.)
MICHELE: Ah! Ah! Io m moro da li risa!
CICCIO (ride): veramente na cosa curiosa!
LUISELLA: Ha fatta la faccia de muorto!
MICHELE (alla porta a sinistra): Venite, venite.
ALONZO: Oh, ma sta pazziella quanno fenesce? Io tengo famma. (Conc. e Ros. lo
seguono.)
MICHELE: Aggiate pacienza D. Al, m stammo a lo meglio. Assettateve comme stiveve
primme. A buje, zitto zitto jatevenne dinto. (I tre seduti eseguono e viano. Gli altri tre
seggono ai loro posti.)
ALONZO: Ah! Cc sta la frittata. Bravo! (Mangia.)
CONCETTA: Che ha fatto quanno ha vista la mugliera, nzieme co la mamma e co lo
padre?
MICHELE: Ve lo putite immagin, natu poco mureva!
ROSINA: E se capisce.
MICHELE: Zitto, lo vedite cc.
SCENA ULTIMA
FELICE (con la fronte avvolta in una salvietta): Pare che lo friddo mha fatto bene, me
sento nu poco meglio. Eccomi qua. (Siede e guarda intorno.)
ALONZO: Add si stato neh Fel?
CONCETTA: Pecch ve site susuto da la tavola?
FELICE: No, niente, tengo nu poco de dulore de cape, e me so ghiuto a mettere stu
salviette bagnato nfronte.
ALONZO: Ah, sicuro, pe lo dulore de capa, lo frisco fa bene. Basta, saje che sta frittata
na cosa troppo scicca?
CONCETTA: Io per, ne vularra natu ppoco pecch m piaciuta.
ALONZO: Dancello, Fel, che saccio, me pare nu scemo ogge.
FELICE: E avite bisogne de me? Serviteve. (Io starraggio ascenno pazzo, chesto che cos,
ma songhio, o nun songhio!).
CONCETTA: Rus, mange, vide comme saporita.
ROSINA: E che belladdore che mena.
MICHELE: Io ve laggio ditto zi zio fa belli frittate! (Cand. esce piano piano dritta come
una statua. Si situa dietro Mich.)
ALONZO: Ma stu dulore de capa, comme t venuto? Tu poco primme nun lo tenive?
FELICE: E che saccio, forse cogliendo le fravule, lo sole era nu poco cucente, siccome non
abituato... p me so miso vicino a lo fuoco a f la frittata... ma appena maggio miso stu
salvietto nfuso nfronte, subeto me so ntise meglio... m me sento soltanto nu poco
stunato... nu poco la capa pesante. (Dicendo queste parole ha fissato lo sguardo su Cand.)
Eh, ll m nun se tratta de ved na cosa pe nata, ll veco na cosa de cchi... nun se
move... e che p essere? (Prende il sifone dellacqua di Seltz e lo scarica addosso a
286

Cand.)
CANDIDA: Ah! Puozze scul, mha nfuse tutta quanta! Assassino! Birbante!
LUISELLA (uscendo): Scellerato!
CICCIO (uscendo): Bifolco!
ALONZO: Ire venuta a ruvin la casa mia!
CONCETTA: A ruvin sta povera figliola! (Esce Sal. ed Err.)
FELICE: Michel, chisto servizio che mhaje fatto tu!
MICHELE: No, ve lha fatto lo curz, che D. Candida truvaje dinto a la balice!
CANDIDA: Mbruglione, svergognato!
ALONZO: Permettete nu mumento!
CONCETTA: Al, pe carit!
ROSINA: Pap, che vulite f?
ALONZO: Niente. (Fa per domandare qualcosa, si morde un dito, poi si gratta la testa, e
poi dice:) Va buono, vattenne.
CICCIO: Con permesso, scusate... (Per inveire.)
LUISELLA: Pap...
CANDIDA: Che bu f m?
CICCIO: Signore... la vostra condotta indegna di un galantuomo, voi non potete pi stare
nella mia famiglia!
FELICE Si capisce, e nun nce vengo cchi! Pecch pe causa vosta me so truvato dinto a
tutti sti guaje! Mi avete fatto odiare la casa! E D. Cesarino Sanguetta, e D. Cesarino
Sanguetta, nun me ne fidava cchi!... Si muglierema me v perdon e v sta sulo cu
mmico, io giuro che non me move cchi da vicino a essa, e nun la faccio piglia cchi
collera.
CICCIO: Figlia mia, che bu f?
LUISELLA Va bene... jammoncenna a casa.
FELICE: Oh! Moglie mia! (Labbraccia.)
MICHELE: E io?
FELICE: Tu si nun te ne vaje, te faccio na cauciata, che te la ricuorde fino a che muore!
ALONZO: Intanto sta povera guagliona, steva tanto allegra pecch spusava, m tutto
nzieme nun sposa cchi.
MICHELE: Si mi credete degno di vostra figlia?
ERRICO (afferrandolo per una recchia si fa avanti): Levete da lloco. D. Al, io faccio
lammore cu Rusenella da duje anne, facitemella spus!
ALONZO: Tu Errico?
ROSINA: Si, pap, nce vulimmo tanto bene.
ALONZO: Bravo! E io nun ne sapeva niente!
ERRICO: Maggio mise sempe paura de ve lo dicere, pecch...
ALONZO: Nun tiene niente, lo ssaccio, ma nun mporta, si nu buono giovene, te conosco...
e acconsento a stu matrimonio.
ROSINA: Oh, che piacere!
FELICE: Vedete che li mbroglie meje hanno portato dei serii vantaggi. Aggio fatto tre cose
bone. Aggio contentata la figlia vosta, me so diviso da D. Candida, e ho divertito questo
rispettabile pubblico!
(Cala la tela.)

287

Fine dellatto terzo

FINE DELLA COMMEDIA

288

NA FIGLIOLA ROMANTICA
da La Donna romantica e il medico omeopatico, di Castelvecchio.
Commedia in tre atti.
A mia figlia Maria
Figlia mia,
Dedico a te questo mio lavoro per unire
insieme nelle medesime pagine i due affetti che
mi legano alla vita: lArte e Maria, che spero
non siano mai da me disgiunti. Se per,
fatalmente, dovesse un giorno quellarte che mi
ha prodigato tante gioie e tante lusinghiere
soddisfazioni abbandonarmi o procurarmi
disillusioni, sono certo che troverei conforto nel
tuo angelico sorriso. Amandomi quanto io ti
amo, basterai tu sola a rendermi completamente
felice.
Napoli Aprile 1899
Personaggi:
Il conte D. Orazio Pomo
Virginia
Rosinella
Il cavalier Fiorelli
Il dottor Nuvoletti
Concetta, cameriera
Papele, servo
Lazione avviene a Portici, epoca presente. La scena del primo e terzo atto a Catania, nel
secondo atto a Napoli.

ATTO PRIMO
Camera nobile, quattro porte laterali e una nel fondo. Mobilia dorata. Un tavolino. Sedie,
ecc. ecc.
SCENA PRIMA
Il Conte D. Orazio dalla porta a destra, e Concetta dalla sinistra.
CONTE: Cunc, add viene?
289

CONCETTA: E comme, sign, nun o vvedite? Da la patrona vengo, me pare ch ssapite.


CONTE: Ah, bravo Cuncettella. Damme na bona nova; ogge, Virginia mia, che fa! Cumme
se trova?
CONCETTA: Sign, nun ne parlammo, stanotte adderittura nun ha durmuto proprio e me
facea paura! Io da la stanza appriesso senteve ogne mumento, o nu suspiro gruosso o pure
nu lamiento! Verso li tre nu strillo ha dato proprio forte, e ha ditto: Oh, Dio, che smania!
Meglio per me la morte! Ha aperta p la fenesta e s miso affacciata, ampettola, capite...
e tutta scapellata! Allora so trasuta: Sign, vuje che facite... de sta manera, certo pigliate
na brunchite. Vestiteve... Vattenne ho i nervi stamattina..., na faccia bianca bianca,
povera signurina! Io, s, me ne so ghiuta, ma a dinta a mascatura, la vedevo e senteva....
povera criatura! Allerta, mmieza cammera e cu nu libro mmano, diceva sti parole: Che
cosa il cuore umano!? Il muscolo pi fragilo, il pi tranquillo e muto, il pi calmo, il pi
dolce, e non comprenduto! oh, Alesandro e Tummaso, oh essere sapiente!
CONTE: E chi songo sti duje?
CONCETTA: E chi ne sape niente! E sempe cu sti duje sbarea... sign, pecch?... Cu
Alesandro e Tummaso?
CONTE: Ma qu Tummaso? Asp... Tu cu sta lengua toja me faje cchi stun... Forse lhai
ntiso dicere Alessandro Dumas?
CONCETTA: Proprio accuss.
CONTE: Ho capito.
CONCETTA: E chi sign stu tale, che quanno parla disso se nfuria e le fa male?
CONTE: Pe quanto mhanno ditto un celebre scrittore, di romanzi patetici, di contrastato
amore! De tanta storie fatte pe turment la gente! E chilli libre cattera, so state veramente
la causa principale che mhanno trasfurmata na gioja de figliola, a vipera stezzata!
Chellera nangiulillo, di brio e di virt, chi la ricorda primmo, nun la cunosce cchi! A
me nun me v sentere, si nce vaco a parl, le scappo suonno, o pure me lasse e se ne v!
Ajere le dicette: Virg vulimmo asc?... Na bella cammenata, te farr bene, s? Neh, chella
bella e bona me dice: esco cu te? E se mettette a chiagnere, senza sap pecch. De
miedece, sapite, che naggio cunsultati, e tutte buone, celebri, valenti, rinomati. De Renzi,
Fede, Bianchi, Capozzi, Romanelli, facette ven a Napole perfino Cardarelli. Nisciuno
mha saputo dicere quale sia la causa e la ragione de chella malatia! Na speranza me resta,
a Puortece arrivato nu miedeco omeopatico, da tutti decantato; dice ch buono assaje,
laggio fatto chiamm, putesse fa quaccosa stu miedeco, chi s, io cerco tutti i mezzi de
farla st distratta, vede na cosa bella, le piace e se laccatta. Veste nc ne mancano, na
quantit ne tene; brillanti, oggetti doro, la voglio tanto bene, so ricco, ricco assaje, che
cchi le pozzo d?
CONCETTA: Aim, nelle ricchezze, non felicit! Signore mio, perdito tiempo
inutilmente, lottare col destino, da uninsana mente! Il cuore della donna ha sofferenze
arcane, che certo non dipendono dalle miserie umane.
CONTE: Cunc, sa che te dico? Non sbari tu pure, pecch si no te sciacco Cheste
songhe fatture che vhanno cumbinato, spieg assuss se p... (Campanello di dentro.)
CONCETTA: La signora me chiamma.
CONTE: Curre, vide che b! (Concetta via a sinistra.) E chesto nce mancava... vedite che
se passa, maggia sent la predica pure da la vajassa, sha daccunci sta cosa, chist nu
fatto serio, o appuro la ragione, o faccio nu streverio! Me vene nu pensiero, figliema
Rusinella na guagliona esperta, astuta e ntricarella, chi s che stuzzicannela, dicesse
quacche cosa, che tene la matrea, pecch nun arreposa... essa nc parle sempe, e certo
290

saparr chello che nun saccio... sicuro... Eccola cc.


SCENA SECONDA
Rosina e detto.
ROSINA: Caro pap, buongiorno.
CONTE: Buongiorno figlia mia... Mi pare che ti manca la solita allegria.
ROSINA: Ma no, pap, tinganni.
CONTE: Minganno?
ROSINA: Veramente.
CONTE: Che tannascunne arete? Che tiene mmane?
ROSINA: Niente.
CONTE: Scummetto che so libre... famme ved...
ROSINA: Ma no...
CONTE: Famme ved te dico. (Prende un libro e legge:) opere di Rousseau. La novella
Eloisa... e po?
ROSINA: Nientaltro...
CONTE: E dalle! Voglio ved Balzac: il giglio della Valle. Chello che so sti libre naggio
saputo maje, te prego, spiegammello, tu certo lu sapraje.
ROSINA: Son libri moralissimi.
CONTE: Veramente?
ROSINA: Ma s...
CONTE: Nu me pare, Rousseau, per quanto sento d, nauore proibito... nce ha da st na
ragione... E Balzac di che tratta?
ROSINA: Tratta deducazione.
CONTE: Va bene. Lo vedremo... ma a te chi te lha dato?
ROSINA: Il Cavalier Fiorelli.
CONTE: Isso te lha purtato?
ROSINA: Ma s pap.
CONTE: Va bene, allora, mi rimetto. Il Cavalier Fiorelli un gentiluom perfetto. Giovine
educatissimo, saggio, gentil prudente, amico mio strettissimo che stimo immensamente.
lunica persona che putimmo tratt, e che Virginia, sai, non ha difficolt. Allora li pu
leggere.
ROSINA: Grazie pap.
CONTE: M, siente, rispunneme a na cosa, ma chiaro, e francamente. Virginia sta malata,
me pu d tu qu sia la causa, la ragione.
ROSINA: Cupa malinconia!
CONTE: Ma pecch? Che le manca, pecch stu malumore? S fatta secca secca, ha perzo
lu culore, che pensa, che desidera?
ROSINA (in tuono romantico): questa nostra vita, al pianto ed alle lagrime pur troppo
sempre unita! ogni essere nel mondo tiene un doloro nascoso, per cui perde la pace e non
ha pi riposo! Un tradimento in core porta ciascun celato, la virt viene oppressa, e il
vizio incoronato. Lalma negletta e pura, abbandonata e sola, oggi diventa muta e non sa
dir parola! Lippocrisia, linganno, oggi governa assai!
CONTE: E bravo, ma sti ccose tu po cumme li ssai?
ROSINA: stata lesperienza che illumin il pensiere!
291

CONTE: Che parle desperienza tu che s nata ajere. Ma gi, chesta la moda, secolo del
progresso, e farla da filosofo a tutti oggi permesso. M li guaglione appena nascene e
so smammate, so tanta Cicerone o Seneca svenate. Una curiosa smania teneno cierti tale,
de ved sempe niro, da ved sempe male! Lu munno, a sent loro, na muntagna appesa,
brutta a sagl, tremenda, terribile la scesa! Lalma negletta e pura, il vizio incoronato...
vurria sap sti ccose a te chi tha mparato; lu munno stato sempe o stesso, siente a me,
ogge chillo che era ai tempi di No. E p me dispiace che tu parle accuss, na figliola
educata chesto nun lha da d! Ma gi chisti pensiere tu certo lassarraje quanno nu
maretiello vicino te vedraje e subito.
ROSINA: Che dice?
CONTE: Sicuro, pronto gi.
ROSINA: E me vurrisse forse?
CONTE: Te voglio mmaret. Ched, te dispiace?
ROSINA: Sicuro, pap mio... De mmaretarme, crideme, nun tengo lu gulio!
CONTE: saccio, ogni figliola, dice accuss, ma quanno si sposa p sta allegra cuntenta e
va zumpanno, te dongo nu marito che te farr felice... Il Cavalier Fiorelli, te piace? Che
dice? Mha ditto, puverello, che te v bene assai... Me fece la proposta e subito accettai.
ROSINA: Hai fatto male.
CONTE: Come! Ho fatto male? oh, bella, un giovane distinto...
ROSINA: Voglio rest zitella.
CONTE: Ma che nce stesse nauto, dimmello figlia mia, si vuoi spusarte a nauto, allora
chillo sia... ma fammelo cunoscere...
ROSINA: Ma no, caro pap, proprio il matrimonio che nun voglio f chiuditeme,
chiuditeme, s chi cuntenta assai, s, dinto a nu retino, ma maritarmi? Mai!
CONTE: Ma che, ma che retino... se chiudeno li brutte... sposete, e f li figlie cumme li
fanno tutte. Quanno sarraggio muorto e nterra chi nun vengo, diventerai ricchissima
pecch a te sola tengo. Darte nu buono giovane, te giuro che me mbroglio, il Cavaliere
lunico.
ROSINA: Sarr, ma nun voglio!
CONTE: Oh, basta, lo voglio, e ti far obbedire!
ROSINA: Ed io sar contenta piuttosto di morire! (Via. Esce Papele.)
SCENA TERZA
Papele e detto, poi Dottore.
CONTE: Pap...
PAPELE: Sign.
CONTE: So lommo lu cchi disgraziato; me veco perzo proprio...
PAPELE: Pecch, sign, ch stato?
CONTE: Ch stato? E maddimmanne? stato, amico mio, che o songhe pazze laute, o
che pazzo songhio.
PAPELE: Signore mio la capa purio laggio perduta, o chesto, o certamente muglierema
mpazzuta!
CONTE: Pecch?
PAPELE: Mha ditto cose ogge, che fanno orrore! Mha ditto: il matrimonio la tomba
dellamore! Ch nu cuorpo senzanema, un ente materiale, che il cuore umano fragile,
292

che lanima immortale. E ha ditto tanta cose dinta nu quarto dora, che me songo
stunato e nun capisco ancora. Stu fatto de muglierema a me nun pare vero...
CONTE: Papele mio carissimo, qui sotto c un mistero. Mugliereta lu stesso ha ditto pure
a me.
PAPELE: Uh! Quanno?
CONTE: Poco primma, e pazza essa nun . Figliema, pressa poco li stesse cose ha ditto.
PAPELE: Fosseme nuje li pazze?
CONTE Sicuro, statte zitto. Io credo nauta cosa... chesta na malatia mmiscata da
muglierema pure a la figlia mia.
PAPELE: E pure a Cuncettella?
CONTE: Se sape, e so cadute malate pecch troppe rumanze hanno liggiute.
PAPELE: Sicuro, chesto overo, sign, accuss sarr... Cuncetta tene libre nascuoste a
cc, e a ll. E pe paura chio li trovo e nce li ghietto, o se li tene chiuse o sannasconne
mpietto. La malatia si chesta, nun nu fatto serio, na bona mazziata lunico remmerio!
CONTE: Ma no, che stai dicenno. Io voglio interrogare, un celebro dottore. Li faccio
visitare.
PAPELE: Ah, s, facite buono, sultanto pe Cuncetta voglio aspett nu poco... cumme ve
pare?
CONTE: Aspetta quanto vu tu.
PAPELE: E stu miedeco p, quanno venarr?
CONTE: Da jere lavvisaje, e m avarria st cc. Ma per, chisto fatto nisciuno ha da sap.
PAPELE: Se capisce.
DOTTORE (di dentro): permesso?
CONTE: Vide fore chi . (Papele via e torna subito annunziando.)
PAPELE: Il Dottor Nuvoletti. (Dottore esce.)
CONTE: Avanti mio signore, avanti.
DOTTORE: Millegrazie. Ebbi da voi lonore desser chiamato?
CONTE: Appunto. Papele una poltrona. (Papele esegue.)
DOTTORE: Ma no, qui c una sedia, trattatemi alla buona, il Conte Pomo?
CONTE: Io proprio.
DOTTORE: Piacere.
CONTE: Ma vi prego, sedete. (Seggono.)
DOTTORE: Di che trattasi?
CONTE: Eccomi, ora vi spiego. Papele?
PAPELE: Comandate.
CONTE: Me pare nu ntruglione... Prendi il cappello.
PAPELE: Subito. (Via.)
DOTTORE: Oh! Grazie.
CONTE: Ed il bastone. (Via.)
DOTTORE: (Che bello tipo chisto). Grazioso...
PAPELE: Troppo buono.
CONTE: distratto un pochino... ed io se lo perdono, perch son dieci anni che trovasi
con me. Posso Dottore offrirvi un poco di caff? Del cioccolatte?
DOTTORE: Grazie...
CONTE: Ma s, una tazzolina. Che cosa preferite? Biscotto o fresellina? Ma senza
cerimonie, mi fate un gran favore...
DOTTORE: Ma grazie, troppo buono.
293

CONTE: Non posso aver lonore?


DOTTORE: Sonio fortunatissimo, accetter il caff...
CONTE: Bravo, con dei biscotti?
DOTTORE: Come volete.
CONTE: A te; due tazze fatte apposta, e porta il maraschino. Buono...
DOTTORE: Oh! Lo credo.
CONTE: Spicciati.
PAPELE: Vi servir a puntino. (Miedeco bello e giovene? E faccio visit Muglierema?
Sicuro, nun aggio a che penz.) (Via.)
CONTE: Eccoci a noi. Mi han detto che voi siete valente, che avete studio, scienza e
pratica eccellente, che molti gravi mali avete scongiurati, uomini gi spediti, da voi furon
salvati, che di medicinali voi fate poco abuso, e che perci vi chiamano...
DOTTORE:O miedeco curiuso? S, s, lo s, mi onorano di questo soprannome, non s chi
stato il primo, non s e quando e come... Forse pel mio carattere, sempre di
buonumore.
CONTE: Ma sta cosa vi secca?
DOTTORE: Mi secca? Nonsignore! Me seccarra si fosse miedeco curiuso... Nel senso...
curto... luongo... cu nuocchio miezo nchiuso. Intendono curioso perch guarisco il male,
senza la farmacia, con metodo speciale, per ci son malati che d la medicina quando ci
vuole, sempre, ci vado ogni mattina, ma poi ci sono quelli che basta una parola, un
conforto, un consiglio, ricetta unica e sola.
CONTE: Quanto siete simpatico, che parlare modesto.
DOTTORE: Dunque, di che si tratta?
CONTE: Eccomi, fatto questo: Quattro anni f, rimasto vedovo, solo, amai unaltra bella
donna, che in seguito sposai. La tolsi dal Collegio.
DOTTORE: Quanti anni avea, scusate?
CONTE: Venti anni.
DOTTORE: E voi?
CONTE: Cinquanta. Perch mi domandate questo?
DOTTORE: No, per sapere. Lamaste da impazzito?
CONTE: Uh!
DOTTORE: Amor di padre, immenso.
CONTE: Di padre e di marito.
DOTTORE: Capisco, beninteso.
SCENA QUARTA
Papele e detti, poi Papele di nuovo.
PAPELE (con caff e biscotti): Ecco il caff signori.
CONTE: Benissimo. Servite, e dopo andate fuori.
PAPELE (versando il caff nelle tazze dice piano al conte): (Chha ditto?).
CONTE: (Niente ancora).
PAPELE: (La visita nce v?).
CONTE: (Statte zitto, animale... non f sent).
PAPELE: (Gnern). (Via.)
CONTE (piglia il caff): Nei primi anni sposato, essa mi amava assai, sempre daccordo, in
294

pace, non un contrasto, mai. Che vi par del caff?


DOTTORE (pigliando il caff): Lo trovo prelibato.
CONTE: moka.
DOTTORE: Lo conosco.
CONTE: Dove sono restato?
DOTTORE: Alla pace, allaccordo con vostra moglie.
CONTE: Ah! S. Essa era allegra, vispa, ma poi tutto fin. Incominci col piangere a
lagrime dirotte, nervosa, eccitatissima, e a non dormir la notte, divenne taciturna,
fantastica dumore... ancora unaltra tazza?
DOTTORE: No, grazie.
CONTE: Per favore?
DOTTORE: Non uso mai ripetere.
CONTE: Insistere non devo... la piglier per voi. (Versa unaltra tazza e beve.) Che cosa vi
dicevo? Ah, s.
DOTTORE: Ma ho gi capito quel che volete dire... adesso vostra moglie trista e vuol
morire.
CONTE: Bravo.
DOTTORE: Dolor di testa, si sente qui dei pesi... (Indicando lo stomaco.)
CONTE: Che male questo?
DOTTORE: un male che dura nove mesi.
CONTE: Oh! Lo volesse il Cielo! oh, che felicit... (Chiamando:) Papele?
PAPELE (uscendo): Comandate.
CONTE: Leva sta rroba a cc. (Papele esegue.)
PAPELE: (Chha ditto?).
CONTE: (Niente ancora).
PAPELE: (Chiacchiere sulamente... Sarr credo nu miedeco che nun v proprio niente).
(Via portandosi il gabar.)
CONTE: Scusate se vi parlo con troppa confidenza, da vario tempo accusa na forte
inappetenza. Chisto no buono indizio?
DOTTORE: Caspita! A meraviglia!
CONTE: Sta sempe stanca, oppressa, e per lo pi sbadiglia. E nauto buono indizio?
DOTTORE: Sicuro, proprio chiaro.
CONTE: Non v ved pariente, n amici, anche il pi caro. Insomma chius a dinto
nisciuno v vedere. Che segno chisto?
DOTTORE: Buono.
SCENA QUINTA
Papele e detti, poi A chille.
PAPELE: C fuori il Cavaliere. (Via.)
CONTE: Oh, il Cavaliere Fiorelli.
ACHILLE: Devo aspettare ancora?
CONTE: Ma avanti.
DOTTORE: (Quant bello!).
ACHILLE: Come sta la signora?
CONTE: Stanotte, amico mio, malissimo ha dormito. Il Cavalier Fiorelli. (Presentando al
295

dottore.)
DOTTORE: Padrone riverito.
CONTE (presentando al dottore): Vi presento il Dottor Felice Nuvoletti, venuto per mia
moglie.
DOTTORE: Piacere.
ACHILLE: I miei rispetti, e ha visto la signora?
CONTE: No, adesso la vedr.
ACHILLE: Se crede, prevenirla vorrei, meglio sar.
CONTE: S, andate ad avvisarla, vi sar obbligatissimo, noi subito verremo.
ACHILLE: Servitore umilissimo. (Al Dottore.)
DOTTORE: Chi questo Cavaliere?
CONTE: amico di famiglia, fa compagnia a mia moglie, lassiste e la consiglia.
DOTTORE: Ma pare chaggio ntiso chessa non vuol vedere nessuno?
CONTE: Gi, nessuno, soltanto il Cavaliere. Chisto nu buono indizio? Dott, posso
sperare?
DOTTORE: Vedremo... che ne saccio... la debbo visitare, un grave male proprio, mi par
che non ci sia... per c qualche indizio di unaltra malattia.
CONTE: Vogliamo entrare?
DOTTORE: Adesso? Non mi ricever.
SCENA SESTA
Concetta, poi Rosinella e detti.
CONCETTA: Sign, currite subeto, ma m, pe ccarit.
CONTE: Ch stato? Ch succieso?
CONCETTA: La povera patrona. accuss, tutto nzieme, ma proprio bella e bona...
CONTE: Chha fatto?
CONCETTA: L venuto nu forte svenimento...
CONTE: Dott, Dott, currimmo...
DOTTORE: Ma come, in un momento?
CONCETTA: Sentenno che nu miedeco era stato chiammato pe visitarla, ha ditto: Oh, Dio,
mi manca il fiato!
ROSINELLA (uscendo): Pap, chella sta nterra, e guai chi savvicina, d morze, ponie e
cauce!
DOTTORE: (Che quaglia Settembrina!).
CONTE: Dott...
DOTTORE: Chi sta figliola, chi questangioletto?
CONTE: Mia figlia.
DOTTORE: Come figlia? Forse di primo letto?
CONTE: Perfettamente. Andiamo.
DOTTORE: Per ora sta sicura, c il Cavalier Fiorelli... non avete paura...
CONTE: Ma chillo non miedeco, la p sulo afferr.
DOTTORE: E avite ditto niente... l quello tutto, s. Se lui la tiene forte, se lui la stringe
bene, la macchina si abbatte, e subito rinviene! Io torner domani.
CONTE: Dott, vuje che dicite, che modo di curare. Jamma ved, venite... (Via con
Concetta.)
296

ROSINELLA: Dott, nun c paura?


DOTTORE: Ma no, ragazza mia... Chella na cosa de niente, nun na malatia. E un
microbo insensibile, che forse pure a te vene a trov, si pure nun venuto.
ROSINELLA: A me? Che cosa?
DOTTORE: (Quant bona!). Na cosa penetrante, che trase mpietto, pogne, amara, ed
seccante... Quanno per nun trova la medicina adatta.
ROSINELLA: E c sta medicina?
DOTTORE: Sicuro... e tu lhai fatta... (Carezzandola.) Vattenne, va, va dinto...
ROSINELLA: S, ma quanno turnate, ched sta medicina, voglio essere spiegate... (Via.)
DOTTORE: Che uocchie, che bucchella, che grazia! Neh, Dott... Ma tu che stai facendo,
ma sei Dottore o no? Sicuro... e allora basta! Cos questo pensiere? Tu tornerai domani a
fare il tuo dovere... Ma quella se mi stuzzica, io nun so nu pupazzo... Me scordo che so
miedeco, e facce cos pazzo! (Via pel fondo.)
(Cala la tela.)
Fine dellatto primo

ATTO SECONDO
Camera di Virginia.
Quatto porte laterali e due in fondo, una finestra. Una libreria piena di elegantissimi
volumi, una piccola scrivania con molte carte e libri. Una toeletta; divano e sedie.
SCENA PRIMA
Virginia e Concetta.
Virginia seduta alla toeletta e Concetta le acconcia i capelli.
VIRGINIA: Cunc, f priesto, spiccete, me secco stammatina...
CONCETTA: Sign, parite proprio na vera parigina! Che nierve, mamma mia fatto,
ecco servita.
VIRGINIA: Oh, Dio, che seccatura questa nostra vita! (Si alza.) Si se pensasse a tutto
chello che avimma f, nce accedarrieme e meno sarria lumanit. Vestirsi allistessa ora,
lavarsi, pettinarsi, mangi per forza, e il bello che bisogna privarsi dei cibi i pi squisiti
pecch te fanno male, e pu pigli nu brutto riscaldo viscerale.
CONCETTA: Sicuro, io per esempio, so pazza po migliaccio, nun mangiarria che chello,
per quanno mo faccio, o juorno appriesso stongo malata certamente.
VIRGINIA: Ma quello ch insoffribile, il far perennemente sempe li stesse cose. Le
convenienze poi, la societ, il progresso, hanno fatto di noi delle schiave e non altro. La
veste, il cappellino, il busto molto stretto, la borsa, lombrellino... Ah, si turn putesseme
a chilli tiempe belle, quannerano li ccase semplice pergolelle... Add sarrepusavene
dammore stracque e strutte, e non se saziavene che sulo derba e frutte!... Quanno
bastava nalbero pe te scanz do sole, e attuorno nu profumo de rose e de viole! E pe
vesti, bastava... oh linnocenza antica... Niente cappelli e veste. Cunc, na fronne fica!
CONCETTA: Che bellezza!
297

VIRGINIA: Nessuno sapea che fosse il male, era felice allora, contento ogni mortale! Non
era amor vietato come oggi crudelmente si fa, che si castiga quellessere innocente, al
quale amor colp, allora, no, si amava chi si voleva, e libero il cuore palpitava!
CONCETTA: Era bello, ma scegliere nun troppo se puteva?
VIRGINIA: Perch?
CONCETTA: Pecch nce steva sultanto Adamo ed Eva.
VIRGINIA: Tu pure a pazziella piglie sti ccose? Gi, io p e sti pensiere cu chi vaco a
parl? Felici voi che nate in questo basso mondo, mai vi colp langoscia, mai un dolor
profondo. Ma per te, stupida, il mondo gi finito, tu pur sei sventurata! Tu pur tieni un
marito.
CONCETTA: Oh, s, avite ragione, signora mia, pe chesto, chello chaggio, passato,
mmeretarria lu riesto. Io steva chiatta, allegra, redeva, pazziava, m che saccio, me pare...
cumme fosse na schiava.
VIRGINIA: Ma proprio quella sei...
CONCETTA: Nun gi che mmaretata io me truvasse peggio o fosse maltrattata... Ma che
saccio... Papele, quanno faceva ammore, era bello simpatico, pareva nu signore. Veneva a
farme visita, tutto scicco, pulito, steveme sempe nzieme... ma m che m marito... Pare
che s cambiato, distratto, indifferente, me guarda cu freddezza, me calcola pe niente.
Dicite buono vuje, sign, che pe lu core lu matrimmonio proprio...
VIRGINIA: La tomba dellamore! E lu dichio? Lo dicono i libri, unico bene che mabbia
il Ciel concesso nelle mie lunghe pene! Quando abbattuta ho lanima e invan soccorso
imploro, i libri sol mi calmano e mi danno ristoro!
CONCETTA: Viate a buje che almeno tenite na persona affezionata assai, e che nun
vabbandona.
VIRGINIA: Parle dAchille?
CONCETTA: Certo.
VIRGINIA: Cride che sia sincero?
CONCETTA: Pare, signora mia, che ve v bene overo.
VIRGINIA: E io nce credo poco. Io songo tormentata da nu brutto pensiero... che non fossi
ingannata! Cu te, Cuncetta mia, me pozzo confidare, te pozzo tutto dicere... nun me
trad...
CONCETTA: Nun lo dicite chesto, io songo na figliola segreta, e si maccidene, nun dico
parola. E p ve voglio bene, pecch v mmeretate...
VIRGINIA: S, s, e te ne ringrazio, voglio sfuc!
CONCETTA: Sfucate!
VIRGINIA: Da quacche tiempo, Achille, nun tene cchi la cura che teneva na vota pe me,
io so sicura che a nauta pensa certo linfame traditore.
CONCETTA: Ma vuje che ne sapite? Chi ve lha ditto?
VIRGINIA: O core, o core, s, m dice, o core mha parlato, isso de nauta femmena
certo nnammurato!
CONCETTA: ommo, e tanto basta...
VIRGINIA: Io volarria appur cu certezza sta cosa, Cunc, che se p f?
CONCETTA: Nce sta nu mezzo...
VIRGINIA: E quale?
CONCETTA: Na cummarella mia, cunosce na figliola, na certa Anastasia, che fa lu
magnatisemo, ma fa rest ncantate, ve sape a d segrete che nun ve laspettate. Dinta na
stanza chiusa e senza pepet, addorme a na guagliona e p la fa parl. Ve sape a d na
298

cosa perduta add se trova, s pe na malatia chellaria ve giova. Si fosse, per esempio, nu
giovene partito, ve sape a d si torna, si nu viecchio marito more priesto, e ve dice chello
che a buje cunvene, si o nnammurato vuosto ve nganne o ve v bene.
VIRGINIA: Possibile!
CONCETTA: Per pandevinare, pe f na cosa bona, nu cierro de capille nce v de la
persona; appena D. Achille ve sta vicino, vuje, senza che se naddona, tagliatencinne duje,
li date a me e penzio p chello chaggia f.
VIRGINIA: Non serve de tagliarle... so pronte... eccoli cc. (Si leva un piccolo involto di
carta al petto.)
CONCETTA: Ah, brava, li tenite, dateme cca, sign, nc porto lesto lesto...
VIRGINIA: F priesto e viene m.
CONCETTA: Io pure de Papele voglio sap quaccosa...
VIRGINIA: Cride che te ngannasse?
CONCETTA: S, cu la coca Rosa. Cu chella sempaunite trovo o chiacchiarianno, o pure
che na cosa doce se sta mangianno. Da Rosa lhave certo, e isso lu sfurcato me mbroglie e
dice sempe ch buono e affezionato.
VIRGINIA: ommo, e tanto basta.
CONCETTA: Ma io, sign, si appuro nu tanto, lu sdellomimo... chesto ve lassicuro. (Via
pel fondo.)
VIRGINIA Oh, ne so certa... vinta essa da gelosia, nu chiasso, nu revuoto, nu scandalo
farria. Ma nuje, nuje no, stu chiasso nuje nun putummo f perch ce lo proibisce la nostra
societ. Io pure so de carne, io cumme a chella pure soffro pe gelosia, e spaseme e
turture, ma me sto zitta, crepo tutta la vita mia... Perch? Perch il gran mondo non vuole,
e cos sia! Oggi intanto nu miedeco me vene a visit chiammato da maritemo; lha fatto
pappur che tengo; e si capisce che non nce sta ragione de st accuss? Che il male
semplice finzione? Che se tratta dammore, dammore sulamente... Allora me farria nu
male veramente. Mariteme se crede che sto malata overo, niente sospetta ancora, ma si
quacche pensiero le vene ncapo, addio, chi lu putr calm? Chi ?
SCENA SECONDA
Papele e detta.
PAPELE: Sonio signora.
VIRGINIA: S tu, che vu da cc?
PAPELE: Vengo perch il padrone... (Che uocchie, mamma mia!). Le manda a domandare
se vostra signoria lo vuole ora ricevere... vorrebbe rivenirla, e prima dintrodursi mi
manda ad avvertirla.
VIRGINIA: Dirai al tuo padrone che questa non lora che lo posso ricevere.
PAPELE: Va bene, mia signora. (Per andare.) Cos vuole che dica ed io cos dir... Ma
credo, o sia, suppongo... del resto poi non s...
VIRGINIA: Ma cosa?
PAPELE: Gran premura ei di parlarle aveva.
VIRGINIA: Ma allor senzavvisarmi da me venir poteva. Non sono la sua schiava? Che
forse non dipendo dal mio ricco padrone? Digli che qui lattendo.
PAPELE: Va bene. Io pur voleva domandarle se s... Mi scusi limprudenza... Concetta
dove sta? Io non lho vista affatto fin da questa mattina, non entro come al solito neppur
299

nella cucina.
VIRGINIA: In cucina tua moglie non ci verr mai pi!
PAPELE: Perch?
VIRGINIA: Perch mi chiedi? Il perch lo sai tu.
PAPELE: Ma no, io non s nulla.
VIRGINIA: Nulla? Che traditore!
PAPELE: Forse, credo, nun vene pecch nce fa calore?
VIRGINIA: Calore, s... tu pure s de la stessa scola, che pe ngannare pronto, tenite la
parola. Damor voi non capite il puro sentimento! Avete un sol pensiero, un solo: il
tradimento! Ed ogni donna cade, sia pure onesta e saggia... Va l vattenne fore, me fai
ven larraggia! Sesso crudele, infame, bugiardo, iniqua razza!
PAPELE: Eccellenza, scusate...
VIRGINIA: Vattenne! (Forte.)
PAPELE: (E chest pazza!). (Via pel fondo.)
SCENA TERZA
Il Conte e detta.
CONTE: Ched neh, ch succieso, pecch strille ch stato? Che forse di rispetto il servo
ti ha mancato?
VIRGINIA: No.
CONTE: Contradetta forse?
VIRGINIA: No!
CONTE: Oppur disobbedita?
VIRGINIA: No, no, no! (Forte.)
CONTE: Zitta, calmati per carit, mia vita! Starragge, chistallucche, te fanno male
assaje... Te siente peggio ed io ne soffro, e tu lu ssaje, che tha fatto Papele?
VIRGINIA: Niente.
CONTE: (Che nervatura! Tutto le d fastidio, povera criatura!). Massetto cc vicino?
(Siede.) Ogge staje proprio bella. S nangelo, na fata, che uocchie, che bucchella! Nun
saccio che farria pe cuntentarte, tutto! Purch nun te vedesse cu chisto musso brutto!
Guardeme nfaccia, votete, nun me tratt accuss...
VIRGINIA: (Che puzza de tabacco, cosa de mur). Scusate, pe favore... nce sta na
buttigliella ncoppa tuletta.
CONTE (si alza e va): Chesta? (Mostrando una bottiglia.)
VIRGINIA: S, s, purtatemella.
CONTE: Eccola qua. Che odore. Nu poco pure a me, e profumato anchio sar vicino a te.
(Si mette poche gocce di odore nelle mani.) Io ti consacro o bella quel brio che ancor mi
avanza... Guardami nu pochettino.
VIRGINIA: (Bello! Cu chella panza!).
CONTE: Siente, de sti butteglie tantuso nun ne f, in certe condizioni nun se ne p abus.
VIRGINIA: In certe condizioni? Ma non capisco, quali?
CONTE: Chelle che so la causa de tutto chisti mali.
VIRGINIA: E cio?
CONTE: Siente nu poco. Ajere, comme saje, ancora nauto miedeco pe te cur chiammaje.
bravo, intelligente, chiaro, franco, leale, e cura allegramente qualunque fosse il male.
300

Dice le cose esatte... insomma un gran dottore...


VIRGINIA: Aprite la fenesta sentite che calore...
CONTE: Eccome cc. Vu bevere? (Che pacienzia me costa).
CONTE: Bive.
VIRGINIA: Eh, mavite nfosa.
CONTE: Nun laggio fatto apposta... Dunque... che te dicevo... asp, me so scurdato... Ah,
s, che a chisto miedeco io tutto aggio cuntato... tutto chello che suoffre, e chello che te
siente... Mha ditto ch capito, e ch na cosa e niente. Na cosa, che si fosse, sarria assai
felice; il male che ogni femina, lo mostra e non lo dice.
VIRGINIA: Oh ma stateve zitto, stu miedeco na bestia! Venuto solamente per darmi pi
molestia!
CONTE: Ma pecch? Si addavero lu mmale fosse chesto?
CONTE: Primme dav stu scuorno, maccedarria cchi priesto!
CONTE: Oh, statte m a vedere ch scuorno, cosa male, che seguono li femmene la
legge naturale!
VIRGINIA: Barbara legge, ingiusta! Cumme si fosse nata la femmena pe tenere la terra
popolata. La femmena! Sta forma de luce e darmonia, trattarla cumma pecora, e chesto
se vurria. Ma no! Ched la femmena, si vuje nun o ssapite, di Giorgio Sand, la Lelia
pigliateve e liggite. Lautore di quellopera, nel riprodur se stesso, ha modellato il nobile
destin del nostro sesso. Giorgio Sand, na femmena, ma femina virile, che emancip se
stessa da ogni pensier servile. Veste da ommo, forte, celebre poeta, ca pistola ve
spacca, pe mmit, na muneta, fuma, cavalca, tira di spada egregiamente, beve cumma nu
turco e gioca arditamente! Capite?
CONTE: Io nun conosco stu Giorgio Sand... ma a quanto pare credo che sarr!
VIRGINIA: S, s neutre, redite, redite, pazziate... fra poco tempo, tutte saremo emancipate.
Liggite cc, liggite...
CONTE: (Me pozzano scann... Si faccio nauto libro cc dinto capit!).
SCENA QUARTA
Rosinella, poi Papele, indi Achille.
ROSINELLA: Eccome cc! Che veco, pap...
CONTE: Ched, ch stato? Che puorte lloco dinto?
ROSINELLA: Nu costume sbagliato... na vesta e na mantella...
VIRGINIA: Ma pecch sta busca? Damme cc sta mappata.
ROSINELLA. Tenite. (D linvolto a Virginia.)
VIRGINIA: robba mia! Guardate. (Apre linvolto.)
CONTE: Nu cazone, na giacca, nu gil. E a chi serve sta rrobba?
VIRGINIA: A me, s proprio a me.
CONTE: A te?
VIRGINIA: Sicuro. Voglio Giorgio Sand imitare, sono proprio decisa, mi voglio
emancipare!
CONTE: Bravissimo. E tu chesto certamente sapive, e te ne stive zitto, e niente me dicive?
ROSINELLA: E che nce sta de male?
CONTE: Come, cambiare sesso, mia moglie?
ROSINELLA: E che v dicere, pe te n semp o stesso...
301

CONTE: Zitta tu, lazzarella, o faccio nu sproposito.


PAPELE: Il Cavalier Fiorelli. (Via.)
CONTE: Bravo! Arriva a proposito. Venite Cavaliere, voi che prudente siete... procurate
calmare mia moglie, se potete.
ACHILLE: Cosha?
CONTE: Na stravaganza, per imitare il sommo Giorgio Sand, nientemeno se v vest da
ommo.
ACHILLE: Oh, e perch mai, Contessa? Ma questa una demenza.
VIRGINIA: (Contro de me vuje pure?).
ACHILLE: (Lo faccio per prudenza). una stranezza...
CONTE: Bravo, voi mi date ragione, ma se lho detto sempre che siete un amicone! Fra
poco apparterrete voi pure alla famiglia, s, perch vi concedo la mano di mia figlia.
VIRGINIA: (Che sento!).
ACHILLE: (Bona notte!).
CONTE: Voi me lavete chiesta e accetto la domanda duna persona onesta gentile e
affezionata.
ACHILLE: Oh, grazie.
VIRGINIA (piano al Cavaliere): (Traditore).
ACHILLE: (Io fingo, per salvare, Contessa, il vostro onore!). Di nuovo vi ringrazio, signor
Conte, vorrei sapere solamente se amato io son da lei...
CONTE: E come no, Rosina, rispondi al Cavaliere, tu lami.
ACHILLE: Signorina, mi sposa con piacere?
ROSINELLA: Io, no...
ACHILLE: No?
CONTE: No? Possibile! E perch mai?
ROSINELLA: Pecch vaggio ditto, duommene nun ne voglio sap!
VIRGINIA: S, pecch so birbante, so nfame, e so tiranni, altro non sanno fare che
tradimenti e inganni. So vipere mannate ncoppa sta terra, a f suffr, pat li femmene,
mbruogliarle e avvelen! E la chiamate bella, dolce cotesta vita? Ah, no, a me nu
curtiello. La voglio far finita!
ACHILLE: Ma calma...
VIRGINIA: Nu curtiello...
CONTE: Mugliera mia, Virg...
ROSINELLA: Pe ccarit, calmateve...
VIRGINIA: Nientevoglio mur. (Via a sinistra.)
ACHILLE: Lasciatela, per ora sola nella sua stanza.
CONTE: Se sape, chi nce accosta! (Altro che gravidanza!). (Via a destra laterale.)
ACHILLE: Con un bel no deciso mi avete licenziato... Un no, che... veramente io non lho
meritato.
ROSINELLA: Mavite ditto sempe: libero nasce il core, che il matrimonio fatto per
ammazzar lamore ch una catena orribile, un vincolo fatale, che insomma il matrimonio
assurdit sociale. Dunque...
ACHILLE: S, questo vero... lo dissi... ma scherzando, signorina, e vi pare... lo dissi non
pensando che avreste voi potuto crederlo seriamente.
ROSINELLA: Eppure a quelle massime credetti veramente, e m me fanno luommene na
brutta impressione...
ACHILLE: Capisco, ma ogni regola soffre la sua eccezione.
302

ROSINELLA: Pe me so tutte eguale, e chi me v spusare... mi porta al sacrifizio... a me


accuss me pare.
ACHILLE: I libri che leggete le idee vhanno guastate.
ROSINELLA: La colpa tutta vostra... vuje me lavite date.
ACHILLE: Ho fatto male. Basta, lasciamoci per ora, voi signorina, mauguro... ci
penserete ancora...
ROSINELLA: inutile!
ACHILLE: Crudele poi tanto non sarete, una buona risposta domani mi darete, spero...
(Nce v fermezza dessa poco me mporta, me dispiace perdere la dote che me porta.)
(Via.)
ROSINELLA: Sicuro, mmaretarme, spusare a nommo! Ah, no... Ho letto assai, capisco,
nun so scema.
SCENA QUINTA
Dottore e detta.
DOTTORE: Si pu?
ROSINELLA: Avanti, favorite Dott.
DOTTORE: Chiedo perdono se mi feci aspettare. Che novit vi sono?
ROSINELLA: Doppo de chillo attacco, ajere rimmanette nervosa, eccitatissima, senza
mangi, liggitte fina tarde, p doppo credo che se stancaje e puverella alluna passata, se
cuccaje.
DOTTORE: Ma dopo quellattacco di... neurastenia... che fece il Cavaliere? La tenne
compagnia?
ROSINELLA: Sissignore, se stette fino a la sera.
DOTTORE: Bravo! Pi che un amico, proprio un fratello, uno schiavo?
ROSINELLA: lunica persona che riceve; pap gli grato assai.
DOTTORE: Fa bene.
ROSINELLA: Lo merita.
DOTTORE: Si s.
ROSINELLA: Poco primma arraggiata, na pazza me pareva, dateme nu curtiello, voglio
mur, diceva.
DOTTORE: E perch?
ROSINELLA: Se voleva vest da ommo a fare da donna emancipata, Giorgio Sand,
imitare. Pap s fatto sentere, e allora, mamma mia, che strille, che fracasso...
DOTTORE: Ma questa una pazzia! Permetti che mi seggo?
ROSINELLA: Anzi, vi prego.
DOTTORE (siede): Il male esiste, e ci devessere la causa principale.
ROSINELLA: Ajere me dicisteve, se ben vi ricordate, che quanno cc turnaveve
mavisseve spiegate che cosa era quel male, quel microbo seccante, che trase mpietto,
pogne, ch amaro e penetrante; la medicina fatta da me qual era...
DOTTORE: Ah, gia... ma m, in questo momento, non t o pozzo spieg... (Che uocchie!).
Dimmi un poco... ma francamente, sai... pensi tu qualche volta di maritarti?
ROSINELLA: Oh, mai. Nun pozzo ved luommene.
DOTTORE: E pecch, che te fanno?...
ROSINELLA: Niente pe m, ma penzo chello che me farranno.
303

DOTTORE: E chi tha fatto tenere sta brutta impressione?


ROSINELLA: I libri chaggio letto, o core e la ragione.
DOTTORE: O core nun p essere, non credo, i libri, s... e sti libri che liegge, qu so,
famme sent.
ROSINELLA: So rumanze francese, c core, c passione, interessanti assai, e tutte
autore buone: Balzac, Dumas, Feval, Victor Hugo, Souli, Sue, Giorgio Sand, De Kock,
Montepin e Maqut.
DOTTORE: Scuse! Capisco allora, con questa compagnia in te si riscaldata un po la
fantasia. E pap te fa leggere sti libre?
ROSINELLA: Ma pap nun ne capisce niente, nun legge...
DOTTORE: E meglio fa. E chi ve lha purtate sti libre tanto belli... A te, a mamma? Chi
stato?
ROSINELLA: Il Cavalien Fiorelli.
DOTTORE: Bravo, e pe troppo leggere mamm, credo, che sia diventata romantica, e tutta
poesia.
ROSINELLA: Sicuro.
DOTTORE: Chiagne sempe, dice che soffre, more, che nessuno comprende le smanie del
suo cuore.
ROSINELLA: Gi, m sha puoste ncape che deve emancipare la donna, e v m proprio
da essa accuminciare, se v vest da ommo, vo cavalc, fum...
DOTTORE: E tu farrai lu stesso?
ROSINELLA: Io no, pe verit. Me pare troppo.
DOTTORE: pazza, una testa esaltata, e tu si faje lu stesso sei bella e rovinata! Il male a
te principia e cu na bona cura, io ti rimetto subito... guarisci addirittura.
ROSINELLA: Overe? E che me date?
DOTTORE: Nisciuna medicina... na parulella doce, nu squaso ogne matina.
ROSINELLA: Tenite na manera, Dott, che, francamente, faccio tutto pe buje...
DOTTORE: Ma proprio? Veramente?
ROSINELLA: Crediteme...
DOTTORE: E tu tiene duje uocchie, nu mussillo, che pare, a primma vista, na fata,
nangiulillo. Damme sta mano, accostate, siente nu poco a me: e libre che tu liegge, nun
so ccose pe te. Te piacene, te parene belle, ma nun overo... Te fanno ved bianco,
quello che forse nero. Na bona piccerella, nu core doce, appena legge chilli rumanze,
addeventa na jena! Chillodio, la vendetta, chillo strazio dammore, nu veleno, crideme,
pe te che s nu fiore!...
ROSINELLA: overe, s, ma allora dicite chaggia f...
DOTTORE: Va piglie tutt libre e valle m a brusci.
ROSINELLA: Ve fa piacere?
DOTTORE: Assai...
ROSINELLA: E p... la medicina...
DOTTORE: Nun nce pens, lavrai...
ROSINELLA: Esatta?
DOTTORE: Ogni mattina! (Rosina via.) proprio na sciasciona... Dott, ci sei caduto.
Emb, che f, alla fine nun tiempo perduto, bona, piccerella, sta ricca, e veramente
o faccia, che nce aspetto, me nzoro finalmente! Pe san la Contessa, penso che nc sar
nu mezzo semplicissimo, la sola omiopatia. Similibus, similia, un gran Dottor lha detto,
far lesperimento, e ne vedr leffetto. Dico che sto malato de chello male stesso,
304

addevento purio romantico alleccesso. E si pazzie, stranezze, sultanto v ved... Nun


truvarr, so certo, nu pazzo cchi de me. Si la capa labbruscia da nun trov cchi pace,
io mmece de stutarla, ne faccio na furnace! La lettura, i romanzi, la fanno st nervosa, io
dico che fa buono, e ch na bella cosa! Allultimo, essa pazza o io so cchi pazzo
dessa... Nce appiccecamme buono... e ci sciacc a Cuntessa! (Via a destra.)
SCENA SESTA
Virginia vestita da uomo, poi Concetta.
VIRGINIA: Ah! S, accuss vestuta respiro, nata cosa... so libera, so calma e nun so
cchi nervosa. Voglio mann duje righe a chillo traditore, che mi giurava eterna fede e
costante amore, mentre pensava a nauta! Ecco la sua costanza! Che merita soltanto
disprezzo e non curanza. (Va al tavolino e scrive:) Col tradimento tuo ritorni a me la
pace, io rido, son felice. Ma no, nun me piace, troppa confidenza dargli del tu. Signore,
col vostro tradimento mi sollevaste il core! Mi sento meglio e godo or che tutto fin, e
manco me piace, nun voglio d accuss. Sta lengua nosta tanto misera che nun puo, cierti
vvote, screvenno, spieg chello che bu. Ah! Pure pe sta cosa la Francia un gran paese,
lassammo litaliano, screvimmelo in francese. (Scrive:) Monsieur, vous tes un lcche,
car vous mavez trahi, mais ne craignez pas, traitre, la rage dune ennemie. Ma
vengeance, dsormais, cest le ddain loubli... Allez vous promener... quant moi, je
ris!. (Rilegge:) Bravo, accuss va buono, m pe nu fatturino ci o manno...
CONCETTA: Io so turnata... (Chi chillo signurino?).
VIRGINIA (scrive): A Monsieur, Monsieur Achille...
CONCETTA: (Scrive, ma chi sarr...). Signur, chi vulite? A chi aspettate cc?
VIRGINIA: (Chest bella, Cuncetta me piglie veramente pe nommo).
CONCETTA: ( curioso, fa ved che nun sente). A chi volete?
VIRGINIA: Bestia, non mhai riconosciuta?
CONCETTA: Uh, signur, vuje site? Emb accuss vestuta cumme putea cunoscerve.
VIRGINIA: Dimane pure tu te vestarrje da ommo, da femmena mai cchi!
CONCETTA: Primmo per a mariteme aggia cerc permesso.
VIRGINIA: Nun ce so cchi marite quando si cambia sesso.
CONCETTA: Gnors, dicite buono, ma si me vatte?
VIRGINIA: Sciocca! A Giorgio Sand, si venera, si guarda e non si tocca! Se mai tinsulta,
affrontalo: Signore, una parola, scegliete il luogo, larma, la spada o la pistola?
CONCETTA: E si p chillo accetta?
VIRGINIA: Allor ti batterai...
CONCETTA: E si maccide?
VIRGINIA: Martire del tuo valor sar!
CONCETTA: (Oh, chesta no, a Papele, voglio si, ncuit ma na pensat e chesta,
troppo, a verit ma ch succieso?). Cumme state accuss stezzita?
VIRGINIA: Laveva preveduto. Achille mha tradita!
CONCETTA: Meglio accuss, calmateve e state in allegria, ve porto la risposta de Donna
Anastasia.
VIRGINIA: Ah! Bravo! E che tha ditto? Quanno parle? Caspiette?
CONCETTA: Dice che chi teneva chisti capille mpietto, fortunata assai, pecch si
traditore truvaje lu primmo, nauto nce sta chino de core, che la v bene tanto, che nce va
305

pazzo...
VIRGINIA: E chi? oh, no Conc, cchi uommene, nun ne voglio sent. Libera voglio
vivere...
CONCETTA: Dice ch bello, scicco, che nun tanto chiatto e nun tanto sicco.
Romantico, istruito, giovene, appassionato... nzomma, signora mia, nu vero nnammurato.
Forse si se presenta, vuje nun date retta? Sairisse na scema, chesta la vendetta. E p si
lu trovate proprio accuss... che f... o disprezzate?
VIRGINIA: Basta... se viene... si vedr! E de Papele, dimme, tu chhai saputo?
CONCETTA: Niente, steva aspettanno ancora per, ma pe tramente parlava e zitto zitto io
l steva fermata. Pe nu sternuto, caspita, de botto s scetata!
VIRGINIA: Cunc...
CONCETTA: Sign...
VIRGINIA: Chistauto... chi mai sarr?
CONCETTA: Scummetto ch bello e ve piace.
VIRGINIA: Basta, chisto biglietto portalo a isso subeto, la casa tu la saje...
CONCETTA: E c risposta?
VIRGINIA: Niente, o lasse e te ne vaje.
CONCETTA: Va bene. (Via.)
VIRGINIA: Bello, giovine, fedele, appassionato, romantico! lu cielo forse che lha
mannato! Ti aspetter, leggendo, vieni, deh, vieni amore... vieni a calmar lo strazio di un
desolato core! (Via a sinistra.)
SCENA SETTIMA
Il Conte e il Dottore.
CONTE: E voi dite che i tanti capricci di mia moglie?...
DOTTORE: Ma s, ve lo ripeto, possono esser voglie.
CONTE: Volete lusingarmi. Lei mi dice n!
DOTTORE: La donna queste cose nasconde pi che pu.
CONTE: Poco primme nu chiasso ha fatto...
DOTTORE: Lho saputo da vostra figlia. Ditemi, avete mai veduto dove tien vostra moglie
con grande gelosia carte, ricordi ed altro?
CONTE: L in quella scrivania.
DOTTORE: aperta?
CONTE: Sissignore.
DOTTORE: Va bene.
CONTE: Ma, scusate, perch questa domanda?
DOTTORE: Mi sono capitate occulte malattie di donne, e dai concetti ho subito scoverto i
sintomi pi schietti, chi sa che in quelle carte un qualche indizio c, da farci ben
comprendere il male che cos.
CONTE: Indizio, ma scusate, indizio di che cosa?
DOTTORE: Non saprei... per esempio... duna tisi amorosa...
CONTE: Dott, vuje che dicite... nol ripetete pi... Mia moglie, vassicuro, un giglio di
virt. Tene quacche capriccio forse che la molesta... ma, riguardo a sti ccose, na figliola
onesta.
DOTTORE: Sapete che a noi medici data facolt di dire ai nostri clienti tutta la verit...
306

Voi siete un uomo probo, un uomo bello e caro... Ma troppo fiducioso...


CONTE: Dott, parlate chiaro.
DOTTORE: Quel Cavalier Fiorelli che viene ogni mattina...
CONTE: Sicuro.
DOTTORE: Non credete che con la Contessina ci fosse... qualche cosa... che a voi non
arrivato... Capite?
CONTE: S, ho capito... Dott, avete sbagliato... Il Cavaliere un giovane leale onesto e
buono...
DOTTORE: Lavete voi provato?
CONTE: Certissimo ne sono. Mi stima, mi rispetta, e vene spisso cc pecch a Rusina,
figliema, se vularria spus.
DOTTORE: Vostra figlia? Possibile!
CONTE: Sicuro.
DOTTORE: E la ragazza che dice?
CONTE: Non lo vuole, puressa asciuta pazza. Sarebbe un matrimonio buonissimo, mi
pare. Basta, vedremo. Intanto Dott, se lapprovate, adesso che mia moglie esce e la
visitate, vorrei lasciarvi solo con lei...
DOTTORE: Sicuramente...
CONTE: Nnanza me se fa rossa e nun ve dice niente.
DOTTORE: Oh, certo.
CONTE: Permettete. Vi raccomando, accorto... e quel vostro sospetto falso... avete torto.
(Via pel fondo.)
DOTTORE: Vene dunche p a figlia... vedremo... io nun nc credo... del resto p a
guagliona lha dato gi o cungedo, e stamme pace. A nuje. Vedimmo sta signora, che
tene e cumma pensa. (Apre il tiretto della scrivania e prende un album.) Un album.
(Legge sulla covertina:) Prima ed ora!. Ah! Ah! Cc certamente na cosa truvarraggio...
debbo, prima di tutto, sapere il suo linguaggio. St femmene romantiche tenene pe parl...
Cierti parole strambe, che shanna studi. (Sfoglia lalbum e legge:) Pensieri
melanconici: La perla pi brillante, una furtiva lagrima sul ciglio dellamante, eh, pe
m nun nc male. (Legge:) E il bacio acre veleno che stuzzica le labbra, ma che divora il
seno. Vuol dire certamente che lavuta pruv.. va trova quanta vote s fatta stuzzic!
(Legge:) Non v per donna giovine destin pi sciagurato, che aver marito vecchio ed
averlo innamorato! E chist fatto, povera Cuntessa, ave ragione... chella ha passato
guajo... me fa cumpassione. (Legge:) Esser compreso un solo momento e poi morire!
Benissimo, e purio, chesto sempe aggia dire. (Legge:) Ei non mi sa comprendere,
parola misteriosa! E tutte p, alla fine, vonno la stessa cosa. Ma servarria nu tipo... che
putarria truv... Ah, statte, sissignore: LAntony di Dumas! Nu discolo, nu pazzo, che
tutto vede male, che tene sempe pronte revolvere e pugnale. Sento remmore. A nuje.
Coraggio, cc assettato... (Legge:) Pensiero cupo, triste e uocchio stralunato!
SCENA OTTAVA
Virginia e detto.
VIRGINIA: (Chi chisto?). Chi voi siete signor, che impertinenza! Chi di toccar quei fogli
vha dato la licenza! Signore, vi ripeto... (Finge di non sentire)...
DOTTORE: Esser compreso un solo momento e poi morire! (Me scapp a risa!).
307

VIRGINIA: (Chiagne! Nu guajo certo ha passato...) Signore, voi chi siete?


DOTTORE: Songo nu diperato! V, giuvinotto mio da chella bella nenna, che dangelo ha
da tenere, e mane e core e penna, pe scrivere sti ccose, chesti parole doro, che a nanema
straziata danno pace e ristoro, pure dun dolce amore a me priv la sorte, dille che so
purio marterizzato a morte! Liggenne chesti carte dille chaggio pruvato na gioja, na
delizia, so dessa nnammurato! Ma no, nun mporta, aspetta... po ridere de me!... La
voglio bene e basta... pecch lha da sap?
VIRGINIA: ( strano! A sti parole, o core zompa mpietto...).
DOTTORE: (La medicina, caspita, pare che fa leffetto).
VIRGINIA: Ma voi signor, chi siete, s mesto e s dolente?
DOTTORE: Nu miedeco songhio, ma miedeco che sente... Nun pare vero, e pure lo
studio, lesperienza, mi han fatto ben capire del cuor la sofferenza. Per; guarisco laute, e
a me nisciuno d la vera medicina pe me put san!...
VIRGINIA: (Che fosse chisto o giovene che Cuncettella ha ditto disperato, romantico,
appassionato e afflitto?).
DOTTORE: (Me guarda de sottuocchie... tremma, parl vurria... fuoco allultima
mbomma e la fortezza mia!). Nisciuno me capisce, per me tutto finito... Aggia mur!
VIRGINIA: Coraggio, io s, vaggio capito! Sulio ve pozzo dicere, no, nun suffrite cchi...
chello che avite letto, io laggio scritto!
DOTTORE: Tu! E chi s tu?
VIRGINIA: Na femmena cumma vuje disperata, sola, incompresa, vittima, anima
desolata! Son la moglie del Conte che voi guarir dovete.
DOTTORE: Debbo guarirvi e intanto, crudel, voi mi uccidete. Virginia... E non ve ne
accorgete della mia faccia trista?
VIRGINIA: La teoria dellanime, vuje certo cunuscite?
DOTTORE: Sicuro, ma sentirla vurria da vuje. Dicite.
VIRGINIA: Ogni anima nel mondo ha unanima gemella, nascono e tosto ognuna perde la
sua sorella. Questa a ponente volgesi, quella a oriente gira, come se le trasporta il turbine
che spira il turbine implacabile, il soffio del destino, che le sospinge entrambe per
diverso cammino! Sovente! Ahi! Le infelici, non si riscontran mai; e allor la vita un
pelago dinterminabil guai! Ma quando per ventura, per fato o simpatia si trovan le
gemelle per quella stessa via, allor non vha pi forza che separar le possa: e sin che non
sacquetino le salme entro la fossa, quegli amorosi spiriti non si dividon pi... tale
damor la legge, la forza e la virt! Ditemi, ci credete a questa teoria?
DOTTORE: E me lo domandate? Ma questa pur la mia.
VIRGINIA: Vi par di riconoscere in me tale gemella?
DOTTORE: Ma s, mo o dice o core, voi siete proprio quella!
VIRGINIA: Dunque, lottar col fato sarebbe una follia? Noi ci dobbiamo stringere?
DOTTORE: Certo, sorella mia!
VIRGINIA: E sar lamor nostro intemerato e forte?
DOTTORE: Eterno amor, sublime, che troncher la morte!
VIRGINIA: E se un infame un demone volendoci punire ci separasse?
DOTTORE: Oh! Allora, bisogner fuggire! E cercheremo unisola, calma, tranquilla in
mare dove solinghi e liberi noi ci possiamo amare.
VIRGINIA: Una spelonca tacita, ci servir di tetto.
DOTTORE: E na stola... na rezza, sarr pe nuje lu lietto!
VIRGINIA: Erba mangiammo, piante...
308

DOTTORE: E fronne e rafanielle...


VIRGINIA: Come gli antichi martiri!
DOTTORE: E cumm e pecurielle!
VIRGINIA: Dott, vuje site nangelo venuto per salvarmi o site nu diavolo?
DOTTORE: Non s, dovete amarmi!
VIRGINIA: E vamo, s, ma basta, me sento scunucchi... Nce vedimmo cchi tarde!
DOTTORE: E add ve trovo?
VIRGINIA: Cc!
DOTTORE: Giuratelo.
VIRGINIA: Lo giuro. Non pi sospiri e pianto.
DOTTORE: Oh, no, tesoro mio, no, perch tamo tanto! Che dolce il nostro amore,
eternamente sia!
VIRGINIA: Anima di questanima!
DOTTORE: Mio core!
A 2 (dopo pausa): Vita mia!...
(Cala la tela.)
Fine dellatto secondo

ATTO TERZO
La stessa camera del secondo atto, medesime decorazioni.
SCENA PRIMA
Achille e Concetta.
ACHILLE: Ebbene, che mi dici, la Contessa tornata?
CONCETTA: Nonsignore.
ACHILLE: Benissimo, si proprio emancipata! Pare che questo medico, questo signor
Dottore, perdere labbia fatto la testa ed il rossore! Io non credea che fosse leggiera a tale
segno, da far tante stranezze, e non aver contegno. Oggi son dieci giorni che il medico
sapiente, le fa da segretario e cavalier servente. Qui mangia, dorme, e il bello che la
seconda in tutto, segue le sue pazzie... ma quello poi che brutto, di vederli uniti
sempre in carrozza, gi corrono voci equivoche per tutta la Citt. Si ride e si rimprovera il
povero marito... Ma ti par cosa bella, andare ora alla pista insieme col Dottore da
velocipedista? Concorrere alle corse, al premio... unindecenza... san una capricciosa,
ma troppo, abbi pazienza...
CONCETTA: E lauta sera? Credo che le facette male, cu chillo male tiempo e chillo
tempurale stevene ncoppallasteco tutte duje a guard e lampe che facevano.
ACHILLE: E senza ombrelli?
CONCETTA: Gi. Senza curarse affatto dellacqua che pigliavano, e nnuvole ncantate
tute duje guardavano e si nun le diceva: signur che facite, vuje state tutte nfuse, pe
carit, scennite. Va trova quanto tiempo se stevene lla ncoppa.
ACHILLE: E il marito?
309

CONCETTA: Durmeva. Chill marito e stoppa! nu povero viecchio, signore e


affezionato... ch a v bene, capite, e m s cchi stunato cu stu duttore, o quale dice,
che ha da guar certamente a mogliera, ma cchi la fa mpazz. O certo p, scusate,
parlanno nfra de nuje, e chisto fatto proprio nce avite colpa vuje.
ACHILLE: Io?
CONCETTA: Vuje! Quanno appuraje che aviveve cercata a mano d a guagliona e
chessa era ngannata, addeventaje diavola, e pe se vendic, ha fatto comm a ppazza,
chest la verit.
ACHILLE: Ma io...
CONCETTA: Ma vuje, scusate, avite tuorto assaje...
ACHILLE: Ma fu una finzione la mia, te lassicuro, io, Rosinella, credimi, non amo, te lo
giuro. Per fare ogni sospetto dal Conte allontanare, feci quella proposta; come si pu
pensare chio lasciavo Virginia? Oh, mai, anzi, Concetta, parlaci tu...
CONCETTA: inutile, m nun me d cchi netta, m pensa sulo o miedeco...
ACHILLE: Ed io, senti, prometto di farlo cacciar via da questa casa, metto il Conte in tale
critica e brutta posizione, che diverr una furia e prender il bastone.
SCENA SECONDA
Papele e detti.
ACHILLE: Al resto poi tu sola, se vuoi, potrai pensare te ne prego.
CONCETTA: Va bene.
ACHILLE: Dunque, mi fai sperare?
CONCETTA: Mo vedimmo, che saccio, parlanno... a poco a poco.
ACHILLE: Grazie, vado dal Conte, ed incomincio il fuoco.
CONCETTA: Povero signurino, fa pena a verit... Pare che sia sincero.
PAPELE: Signora, io sto qua!
CONCETTA: E io pure.
PAPELE: Ho tutto inteso, ho tutto ben capito!... Dimenticate presto che qui ci sta un
marito... Mentre, stu poverommo v per commissione, voi lallustrite bene in fronte il
cornicione! Vi siete data al nobile, vi piace il cavaliere? Ma io sar terribile! Vi metter a
dovere!
CONCETTA: A chi mietta dovere? Che dice? Cu chi lhai?
PAPELE: Con voi!
CONCETTA: Cu mme?
PAPELE: E silenzio! Vho conosciuta assai!
CONCETTA: Io taggio cunusciuto, piezzo de scellerato! Chhai ntiso? Chhai capito?
Ch succieso? Ch stato?
PAPELE: Il Cavalier Fiorelli, m proprio, che diceva... Con tanta bella grazia; da voi che
pretendeva? Al resto poi tu sola, se vuoi potrai pensare, te ne prego Va bene
Dunque mi fai sperare? Perch diceva questo?
CONCETTA: Pecch... nun se p d... Non laveva cu mmico... hai capito?
PAPELE: E cu chi?
CONCETTA: Nun te riguarda.
PAPELE: Basta! Ho capito! Va bene. Questa vostra condotta, a me non mi conviene!
CONCETTA: Nun te conviene? O ssaccio, se sape, vai truvanno scuse, peleje,
310

raciampole... ma li fatte se sanno. Donna Rosa, la coca, pare che v trasuta nu pucurillo
in grazia... chella faccia gialluta, vastipe e ccose doce... parlate zitto zitto... Mentre
mangianno a tavola ve guarda fitto fitto. Nieghele, chesto, nieghele, verit o buscia?
PAPELE: overo.
CONCETTA: Bravo! E o dice pure!...
PAPELE: S, cc t o chiavo nu punio!
CONCETTA: A me?
PAPELE: Nun taccust!
CONCETTA: E ghiesce fore!...
PAPELE: Aiuto!
CONCETTA: Nun allucc...
SCENA TERZA
Rosinella, poi Achille e il Conte.
ROSINELLA: Vurria sap ma cu certezza si verit o buscia chello che dice o miedeco:
Rus, nun cc penz, tu me sarraje mugliera, per lassame f. Pe san la Contessa io
laggia secondare in tutto; e ci riesco. Va bene... ma me pare nu poco troppo, stanno
sempe vicine, e quanno parlene zitto zitto, chi s che diciaranno. Io per sto sicura,
quanno me parle, tene na grazia, na maniera, che se fa vul bene... io nce tengo fiducia.
Ogge mha ditto: siente, stasera ha da succedere na cosa, statte attiente. Na cosa assai
segreta chio dico sula te, la Contessa mha ditto che v scapp cu mme. Io aggio
accunsentito e avimmo cumbinato che allotto nce ne jammo; tutto sta preparato. Nce
aspettarr o pentone, mi cupp tu starraje pronta e subeto subeto, patete avvisarraje... O
quale corre e trova che stamme a scapp... Nce sorprende, e po doppo, saccio che
venarr. Va bene, aggio capito tutto, nun dubitate. Pap cu D. Achille.
CONTE: Ma, Cavali, scusate... Quanno nu buono miedeco ve dice e vassicura che
guarisce linferma mediante questa cura, che vulite che faccio? Io me veco stunato, che
mannaggia o momento quanno me so nzurato! La colpa tutta mia, pecch aveva cap
che a chestet, o marito sti ccose ha da suffr, io o saccio, s, o capisco, mavra f
rispett, ma chella ll malata, che nc vulite f?
ACHILLE: Scusate, signor Conte, ma ve lo debbo dire: il vostro un bel carattere ma chio
non so capire. Voi permettete a un medico, e con poca prudenza, di entrare con vostra
moglie in tanta confidenza. Ma siete o pur non siete il Conte Pomo? Amato da tutti, tutti i
nobili, da tutti rispettato? La vostra nobilissima famiglia, che dir, allorch questo fatto
pi serio si far? Ma capite che in Portici si dice che il Dottore invagh la Contessa? Ch
lamante di cuore! Altro che cura e medico, altro che malattia, o amore, amor sentito, che
mena alla pazzia! Ma quello poi che dicono di orribile e indecente, che voi sapete tutto, e
che non dite niente. Scusate, signor Conte, ma dovevo parlare... Vi sono troppo amico, e
ho voluto sfogare!
CONTE: Grazie, che vaggia dicere, so nommo sfortunato, capisco tutto, tutto... nu guajo
aggio passato! Io la volevo bene, e pe farla san, stu miedeco chiammaje. Chi mai putea
penz che me faceva chesto!
ACHILLE: orribile!
CONTE: Per, io da questo momento feroce diverr! Nun sarraggio cchi calmo, e mi far
sentire; farraggio cos e pazzo!
311

ACHILLE: Forte, dovete agire!


CONTE: O cagne strata o pure a chiudo nata vota. Le debbo dimostrare chio nun so na
carota. So marito!
ACHILLE: Bravissimo, fate che vi tornasse ognun la stima.
CONTE: Certo.
ACHILLE: Che ognun vi rispettasse.
CONTE: Riguardo p a st miedeco, ha da parl cu mmico, che bello galantomo. Me
faceva lamico, diceva che i malanni non erano che voglie, jeve trovanno carte, ricordi di
mia moglie, per avere un indizio.
ACHILLE: Indizio! E di che cosa?
CONTE: Che saccio... per esempio: duna tisi amorosa.
ACHILLE: E dove and a guardare?
CONTE: L, dinta screvania.
ACHILLE: Davvero! (E si ha pigliato quacche lettera mia, cumm arreparo!). troppo,
significa abusare della vostra pazienza.
CONTE: Con me dovr parlare, mbruglione, svergognato, sapite che dicette?...
ACHILLE: Che cosa?
CONTE: Nientemeno... io gi nun o credette. Che in questa casa, voi venivate per essa...
ACHILLE: Per essa chi?
CONTE: Mia moglie!
ACHILLE: Per lei! Per la Contessa! Oh, infamia! Gi capisco, voleva allontanare me, per
essere libero, cos padroneggiare... Ed ecco la calunnia. Ma signor Conte, adesso dopo di
voi, scusate, sonio pur compromesso! Mi caro il vostro affetto e lonor mio, per Bacco!
Lo sfido, e deve battersi, se non sar un vigliacco!
CONTE: Ma no, chesto nun voglio...
ACHILLE: Lasciate fare a me.
PAPELE: Aspettate, na seggia.
VIRGINIA (Papele di dentro): Non serve...
CONTE: Che cos?
SCENA QUARTA
Virginia, Dottore, Concetta, Papele e detti.
IlDottore e Virginia vestono da velocipidisti. Lui tiene la testa fasciata e lei la mano destra,
Papele porta un velocipede rotto.
CONCETTA: Ma signur, ch stato, che v succieso?
DOTTORE: Andate, nulla, poca cosa, perch vi spaventate?
VIRGINIA: Ma niente, anze me secca sta fasciatura. (Toglie la fascia dalla mano.)
DOTTORE (togliendosi anchegli la fasciatura dalla fronte): Via... non moriremo certo.
PAPELE: Se sape.
CONCETTA: Arrassusia!
DOTTORE: Caro conte.
CONCETTA: Carissimo.
DOTTORE: Egregio Cavaliere.
CONCETTA: Dott che v successo?
DOTTORE: Lo volete sapere?
312

CONCETTA: Che s, se lo credete.


DOTTORE: Sicuro.
PAPELE: Signor. Sta machina scassata la porto dinto?
VIRGINIA: S.
PAPELE: Dimane p sacconcia?
VIRGINIA: Nun te nincarric, chesta nun cchi bona. (Papele via portandosi la
bicicletta. Concetta lo segue.)
CONTE: Sentiamo.
DOTTORE: Eccomi qua. Fra tante cose belle che aveva organizzato per questa festa a
Portici il bravo comitato, fece pure una gara di velocipidisti... Fra giovanotti buoni e
giovanotti tristi! Trecento lire il premio e la medaglia doro, quando per si vince con
merito e decoro. Sapevo la signora, svelta, brava, provetta al punto che comanda, direi, la
bicicletta. Ardita, forte, audace, coraggio... oh se ne tiene, allor pensai, quel moto, certo le
far bene; concorrete, Contessa, io vaccompagner, di vista, oh, siate certa, che mai vi
perder. Ci recammo sul luogo. Bellissimo steccato, tre chilometri lungo, tutto a festa
parato. Erano venticinque i corridori... ma... tutti senza amor proprio, e senza dignit.
Pronti alla prima corsa, si attendeva il segnale, il popolo gremiva di qua e di l quel viale.
Dopo tre giri, il primo che fosse giunto al sito dovera la bandiera e il premio stabilito,
quegli era il vincitore Urr! Si grida, urr! Tutti di corsa, via, a gran velocit! Un
primo giro vinto da lei, dalla Contessa, soltanto per la polvere un po avvilita e
oppressa. Coraggio, dico, avanti, la macchina spingete, ecco il secondo giro, signora, non
temete... aim, dirvi non posso quello che avvenne poi... Contessa, ve ne prego...
raccontatelo voi!
VIRGINIA: Stanche le braccia, il petto, pi non potea fiatare, la forza ed il coraggio mi
vedevo mancare. Pochi momenti ancora e il premio a me spettato sarebbe, ma fui vittima
di un vile ritrovato! Mentre tutta la folla gridava: Evviva! Evviva! Berretto rosso vince, si
vince! Eccolo, arriva! Senza badar mi trovo chiusa, nel mezzo, stretta, e, di traverso,
avanti, unaltra bicicletta. Infamia dico, stringo il freno, e spingo quella... ma cado, e
rompo raggi, manubrio e piedivella!
DOTTORE: Corro da lei, gridando: chi fu? Chi fu il vigliacco? La folla mi trattiene... e
allor cado e mi sciacco!
CONTE: Bravo! Bella figura... Bravissimo? E credete chio possa tollerare queste pazzie?
Vorrete finirla finalmente, signora; il vostro male ha bisogno di cura, ma cura radicale! La
vostra malattia, si cura col bastone, e presto ne otterrete perfetta guarigione. tempo, cara
mia, di mettere giudizio... Dott, pe chesta femmena, voi siete il precipizio! Ammiro il
vostro merito, e la filosofia, ma a nauta parte, meglio, no dinta casa mia!
DOTTORE: Come! Me ne cacciate?
CONTE: Sicuro! E che facimme? Vuje cchi ma ruvinate. Chell cchi pazz e primme!
VIRGINIA: Ah, so cchi pazza? Bravo! Dott, nun ve muvite, nessuno in questa casa,
soltanto a me sentite. Quanno, senza riflettere, a buje me so spusata, nun me credeva
dessere da nommo cummannata. Che modi! Che maniera! Ma forse ve credite chio me
spavento, tremmo, cu chello che facite? Ah, no, so emancipata, son figlia del progresso.
E vuje site na malva, un anima di gesso!
CONTE: A me?
VIRGINIA: S, a voi.
CONTE: Va bene. Per troppa mia bont, cos voi mi trattate? Va bene, si vedr! Venite
Cavaliere. Domani parleremo... Se sono o no una malva, domani lo vedremo! (Via a
313

destra con Achille.)


VIRGINIA: Dimane troppo tarde! Amico mio, che avete?
DOTTORE: Scacciato?
VIRGINIA E che vuol dire? Forse per me non siete sempre lo stesso?
DOTTORE: Oh; certo.
VIRGINIA: Ditemi, siete pronto?
DOTTORE: Prontissimo.
VIRGINIA: M torno, sha da scapp...
DOTTORE: Ci conto.
VIRGINIA: Me piglio poca rrobba, o cascettin e lloro e vengo.
DOTTORE: Cc vaspette nun pozzo cchi... m moro! E fianche, mamma mia, chi se p
cchi fren... quanno se tene a risa se p pure crep! Per, cara Contessa stasera ven o
brutto... lurdema mbomma pronta, naggia ved o costrutto!
SCENA QUINTA
Rosina e detto, poi Achille, indi Rosina.
ROSINELLA: Dott...
DOTTORE: Rus, annascunnete... miettete ll...
ROSINELLA: E pecch?
DOTTORE: Pecch nuje m scappammo... ma nun te f ved.
ROSINELLA: Va bene.
DOTTORE: Quanno stammo pasc tu lesto lesto...
ROSINELLA: Chiamma pap...
DOTTORE: Bravissimo, e non pens a lo riesto.
ROSINELLA: E me vulite bene?
DOTTORE: Assaje, pecch s bona...
ROSINELLA: Vuje site assai simpatico.
DOTTORE: No, tu s sciasciona! (Bacia la mano a Rosina. Achille che uscito un
momentino prima si fa sentire tossendo, Rosina scappa a destra.)
ACHILLE: Bravo! Ma siete il medico di tutta la famiglia... Curate con passione la madre e
pur la figlia. Ma il polso dordinario dai medici si tocca... Voi, per tastarlo meglio, usate
della bocca! Bravissimo.
DOTTORE: E scusate, chi siete voi?
ACHILLE: Son tale, che se con questo metodo ancor curate il male, vi metter al dovere.
DOTTORE: Voi?
ACHILLE S. Come! Ridete? Vi far ben conoscere chi sono, lo vedrete! Io sono il
fidanzato della ragazza, e intendo di aver soddisfazione! La voglio, la pretendo! Non
ridete per Dio! Voi avete baciato la mano a Rosinella?
DOTTORE: Cos mi son trovato!
ACHILLE: Bravissimo ed allora, con me vi batterete.
DOTTORE: Con voi?
ACHILLE: Perfettamente; del vostro sangue ho sete! Dessere mio rivale, oh, no, non vi
permetto, a vostra scelta, luogo ed armi, io tutto accetto!
DOTTORE: Tutto?
ACHILLE: Tutto!
314

DOTTORE: Va bene, il duello si far... il luogo questa camera.


ACHILLE: E le armi?
DOTTORE: Eccole qua. (Caccia dalla tasca una scatola con due pillole.)
ACHILLE: Cosa c in questa scatola?
DOTTORE: Apritela e guardate.
ACHILLE (apre e guarda): Due pillole!
DOTTORE: Sicuro.
ACHILLE: Ma voi mi corbellate? Con ci credete forse ancora dinsultarmi?
DOTTORE: Io non insulto affatto, quelle sono le armi. Una veleno, lauta zucchero
mpastato, facimmo una pedono, si salva il fortunato.
ACHILLE: Ma io non posso batteimi con armi di tal guisa...
DOTTORE: E pretendete poi che nun me scappa risa! Che sia veleno o sciabola, fateme
nu favore, nun la stessa cosa? Sha da mur? Se more! Ma vuje dicite: chisto scemo...
e cu doje botte, senza f tanta chiacchiere, o stuto e bonanotte! Pecch sulo la scherma
mpar avite pututo, vulite f o superbo, vulite f o saputo... credenno chio so ciuccio
da farne spertus, pecch duje colpe forse non me saccio par. E chisto mho chiammato
curaggio, Cavali, questa vigliaccheria!
ACHILLE: Basta!
DOTTORE: Sentite a me. Io dico p: venite cu me vicin o lietto, vicin o fiato, o musso,
e nu malato, e pietto, tuccatelo, asciuttatelo nfronte chillo sudore... e tanno dico sulo che
site nomm e core! Ma fino a che sfidanno vulite av ragione, siete, n pi, n meno,
che un povero sbruffone!
ACHILLE: A me?
DOTTORE: S, a voi! Finitela! Sapete che vi dico? Tengo una vostra lettera, che voi, da
vero amico, affezionato al Conte, mannasteve a mugliera... parla di appuntamenti nel
giardino, di sera! Se voi fate pi chiacchiere, e state ancora qua... io ce la faccio leggere.
ACHILLE: Ah, no, per carit... datemi questa lettera.
DOTTORE: Piano. Come vedete, le armi per questo duello, ci sono, se volete. Voi
sceglierete sciabola, pistola, io scelgo questa, vedimmo m chi vence e chi ferito resta!
ACHILLE: Dottore, ve ne prego, quel foglio lacerate.
DOTTORE: Ve lo prometto, basta che qua pi non tornate.
ACHILLE: Ve lo giuro.
DOTTORE: Va bene... perch se no, tornando...
ACHILLE: Mai pi... mai pi, credetemi.
DOTTORE: Bravo.
ACHILLE: Vi raccomando. (Via pel fondo.)
DOTTORE: Sbruffone, ciente vote! Metteva a me a dovere! Sha mise a semmentella.
ROSINELLA (uscendo): Chha fatto o Cavaliere? Se n ghiuto?
DOTTORE: M proprio.
ROSINELLA: Che v, sta sempe cc.
DOTTORE: Nun torna cchi, ritiene.
ROSINELLA: Overo? E cumme va?
DOTTORE: Tanto laggio pregato, che m cchi nun pretenne de te spusa.
ROSINELLA: Bravissimo!
DOTTORE: La Contessa, vattenne! Curre, va chiamma a patete.
ROSINELLA Va bene.

315

SCENA SESTA
Virginia da donna, in abito nero, con mantella, cappellino, in mano tiene una borsa da
viaggio, poi il Conte e detti.
VIRGINIA: Eccomi pronta.
DOTTORE: Non si pensa a pericolo.
VIRGINIA: Amore tutto affronta! Ma add jammo?
DOTTORE: E che saccio... da cc luntano assai, e tutte duje currimmo senza lassarce mai!
Chi ha fede nellamore, solo allamor si affida, amor sar il conforto, sar la nostra guida!
Vuje cc nun state bona, non site cc apprezzata! Dinta sta casa site na schiava
tormentata!
VIRGINIA: Proprio accuss...
DOTTORE: Nun sanno che vuje site nu fiore! Nangelo sciso nterra che cerca sulo
ammore! Jammo.
VIRGINIA: S... nu momento... lassateme pigli cierti ccose cc dinto. (Alla scrivania.) O
ritratto e pap.
DOTTORE: Pap? Purtateville.
VIRGINIA: Sicuro, m o pigliaje, pe ten nu ricordo o juorno che spusaje. Murette, e non
o pozzo mai cchi, mai cchi ved... nun tengo cchi a nisciuno!
DOTTORE: E nun tenite a me? A me che vamo tanto... che vularria mur pe vederve
cuntenta, pe nun ve f suffr! Jammuncenne, venite.
VIRGINIA: So pronta.
DOTTORE: Allegramente.
CONTE: Fermatevi!
VIRGINIA: Mariteme!
DOTTORE Il Conte!
CONTE: Finalmente! Ho saputo qualera la malattia. Birbanti! Rosina, servitori, correte
tutti quanti!
VIRGINIA: (Che scuorno!).
DOTTORE: (Bravo! Bene!).
SCENA SETTIMA
Rosina, Papele, Concetta e detti.
PAPELE: Ch succieso?
CONCETTA: Ch stato?
ROSINELLA: Ched, pap?
CONTE: Venite tutti. Vaggio chiammato pe farve presente a chello che succede, nu fatto
che si o conto, so certo, nun se crede! Mia moglie, che nun saccio da me cchi che
pretenne, m, col signor Dottore, se ne steva fujenne! Vi chiamo testimoni, qui si far un
processo, vedremo che sa fare questanima di gesso, stu viecchio, stu scemone, stu tuorzo,
stanimale, vedimmo si ave tuorto!
PAPELE: un caso criminale!
CONTE: In forza della legge, del diritto, mi capite... io scaccio il seduttore da questa casa.
Uscite! In quanto a voi, signora, s che potrei, volendo, far tutto per punirvi...
316

DOTTORE: Indietro, io la difendo!


VIRGINIA: Ah!
CONCETTA: Chillo spara!
PAPELE: Aiuto!
ROSINELLA: Pap!
CONTE: Nun alluccate... Lassat o f... io so viecchio! Che campa f? Sparate! Un
assassinio pure...? E sia... so cchi cuntento si maccedite, meglio... pecch allora nun
sento chello che tutto Puortece dimane diciarr... scuorno a sta faccia! Scuorno!
ROSINELLA: Calmateve, pap!
DOTTORE: Signore, vostra moglie, pura ed innocente, se non volete crederlo, non me ne
importa niente! Era stanca, era stufa di questa vita. Amava dessere donna libera, e non di
voi la schiava! Nei libri, nei romanzi, leggeva con ardore, che il matrimonio proprio la
tomba dellamore! Fu vostra, ma poi disse: la libert dov? Dov lamor platonico? E si
rivolse a me!
CONTE: Bravissimo!
ROSINELLA: (Che dice!).
PAPELE: (Che bella faccia tosta!).
DOTTORE: Avete fatto un chiasso, che caro assai vi costa! I nervi, il suo carattere, la calda
fantasia certo potranno spingerla a far qualche pazzia! Badateci.
CONTE: Va bene. Per ora, uscite!
DOTTORE: giusto; me ne vado. (A Rosina piano:) (M torno).
CONCETTA: (Ben fatto).
PAPELE: (Nce aggio gusto!).
DOTTORE: Badateci, ripeto... Badateci. (Via pel fondo.)
CONTE: Rosina, con me tu vieni, e voi recatevi in cucina, vi preparate tutto, pi tardi poi,
fra unora, il pranzo porterete qui dentro alla signora.
PAPELE: Va bene. (Via con Concetta. Il conte chiude e si conserva le chiavi delle due
porte a destra.)
CONTE: Per un mese qui chiusa rester...
VIRGINIA: Che!
CONTE: Chiusa! Cos voglio, silenzio!
ROSINELLA: Ah, no, pap!
CONTE: Zitto! Venite! (Prende pel braccio Papele.)
VIRGINIA (dopo pausa): Chiusa a dinto, carcerata, commallultima femmena ncoppa
sta terra nata! Dimane tutte quante stu fatto saparranno e de me puverella... chi sa che
diciarranno... de me che songo stata vittima de stu core, che nun sentette mai nu palpito
dammore; che avette la condanna de sta sempe vicino, a nu viecchio seccante,
rimbambito, cretino! E crede isso, truvarme cc dinto, ad aspett che me perdona, e
allultimo la grazia mi far. Ah, no, no, ciente vote, quannapre chella porta pe me ved
avvilita me truvarr gi morta! A che serve sta vita? Che ne faccio? A che giova? Si
straziata sempe, e pace mai nun trova?... E p cu qu coraggio putria doppo stu fatto, o
parl cu mariteme, e nun parlarce affatto? A starce ancora nzieme, vedennemillo attuorno,
o stesso murarnia, e ciente vote o juorno! Io o ssaccio, songo certa, che m, vi vularria
calmarlo, na parola soltanto bastarria... farme ved avvilita, chesto sultanto v... che
dicesse: perdoneme io so pentita! Ah! No! Primme dav stu scuorno, e a isso d stu
sfizio, voglio mur cuntenta, accetto il sacrifizio! (Rovista nel tiretto della scrivania.)
Teneva na butteglia cc dinto e sublimato... m nun nce sta, sparita... e chi se lha
317

pigliato?... O Dottore... sicuro... Che m nun penzarr cchi a me, ne songo certa...
SCENA OTTAVA
Dottore e detta.
DOTTORE (dalla finestra in fondo a sinistra): Sorella! Io sto qua!
VIRGINIA: Che!
DOTTORE: S, sto qua, sorella, io non potea lasciarti... Tu sei la vita mia, debbo morire, o
amarti. Da te mallontanai, ma lanima rest per un momento sola, e poi da te torn!
Uscito, non potevo mai pi qui penetrare, ma il muro del giardino io volli scavalcare e
sono qui; fuggire ancora non potremo, hanno chiuso il cancello; per dove fuggiemo? Non
resta che morire. Sei pronta?
VIRGINIA: Pronta? A che?
DOTTORE: Di abbandonare il mondo e di morir con me?
VIRGINIA: Ah, s, ma di che morte, vorrei sapere almeno.
DOTTORE: Quella ch pi sollecita; morremo di veleno. Un portentoso estratto da
unerba della Cina... Eccolo qui racchiuso, in questa bottiglina. (Caccia una bottiglina e
la f vedere.)
VIRGINIA: E moriremo presto?
DOTTORE: No, lento, anima mia... per goder duna lunga, dolcissima agonia.
VIRGINIA: brutto!
DOTTORE: (Se sgomenta).
VIRGINIA: Se sentono dolori?
DOTTORE: Pochissimi in principio, poi vengono i sudori. Piano, piano, incomincia come
una dolce ebbrezza... dopo pochi minuti... viene la spossatezza. Na pena dinto stommaco,
p nu delore forte, smania, contorcimenti... e allultimo la morte!
VIRGINIA: Oh, ma na cosa orribile, io murarria dannata... voglio mur, s pronta, ma no
accuss straziata!
DOTTORE: E allora di pugnale... io s la via del cuore... Se more lesto lesto, senza sent
dolore! (Caccia un pugnale.)
VIRGINIA: Ah, no, aspettate.
DOTTORE: Donna! Ma tu non sei pi quella, forse non vuoi seguire lanima tua gemella?
La morte ti spaventa... ebbene... morir solo! Tu potrai vivere... esser felice... oh no!
Ombra dolente, pallida, vicino a te mavrai la notte, nel silenzio, tu sempre mi vedrai!...
Ti mostrer una tomba, mi sentirai languire, per lo spavento immenso, tu non potrai
dormire!
VIRGINIA: Basta, basta... terribile! Dateme stu veleno, amaro?
DOTTORE: Anzi, dolcissimo, ma deh, credimi almeno. Noi staremo abbracciati fino
allultimo istante... hai letto qualche volta, dimmi, lEbreo errante?
VIRGINIA: Me pare averlo letto.
DOTTORE: Ebbene, noi faremo, come Adriana e il Principe, cos noi moriremo. (Ci
mostra la bottiglina.)
VIRGINIA: Vuje primme.
DOTTORE: S, primmio.... e doppo, bive tu. (Beve.) Va bene? Sei contenta? E m
chaspiette cchi?
VIRGINIA: S, bevo. (Beve.)
318

DOTTORE: Mio tesoro! Anima mia! Ch stato?


VIRGINIA: No, niente, doce!
DOTTORE: (O saccio, zucchero squagliato!). Parlamm e nuje, s, dimme che me vu
bene ancora.
VIRGINIA: Quanto tiempo tenimmo?...
DOTTORE: Credo... nu quarto dora, parlamme lauto munno, s delleternit!
VIRGINIA: Faciteme sta zitta... nun me fido e parl...
DOTTORE: Ma tu triemme, hai paura? Coraggio...
VIRGINIA: Ma Dio mio, nun me murtificate, chaggia f, nun songhio... me songo
avvelenata, calma, contenta e lieta... ma m, nun me parlate, voglio mur quieta! Stateve
cc vicino, ma senza d parola...
DOTTORE: Ti legger, se vuoi, qualche cosa di Zola.
VIRGINIA: Mannaggia tutte libre, chi ha scritto e chi ha stampate, e libre mhanno
accise, e libre songhe state!
DOTTORE: Ma chesto n o dicive quanno so cc venuto.
VIRGINIA: Mannaggia lu momento che vaggio cunusciuto!
DOTTORE: Che dici?
VIRGINIA S, scustateve, de vuje cchi nun me mponta... nun pozzo d buscia m che st
mpunt e morta! Io primme ve credeva la vita mia, la gioia, m invece me parite vicine a
me nu boia!
DOTTORE: Ma allora fu un inganno, un vile tradimento? Emb, tha casticato o Cielo e
so cuntento!
VIRGINIA: La capa... mamma mia... principia a poco a poco...
DOTTORE: Pure a me.... Che te siente?
VIRGINIA: M a sento dint o fuoco!
DOTTORE Se potarria... (Cacciando unaltra boccetta.)
VIRGINIA Che cosa? Ched m chesto cc? Contraveleno? (Con ansia.)
DOTTORE: Chesto nce putarria salv!
VIRGINIA: E datemella.
DOTTORE: Oh, mai! A te ridar la vita? Dopo daver questanima ingannata e tradita! Oh,
no! Meglio che muore. (Getta la piccola boccetta dalla finestra.) Cc simme... Ah! Che
dolore! Che spaseme cc dinto! Che strazio! Che sudore! vero, s, Virginia,
mavvelenai primmio... Ma tu mur cchi priesto mhai fatto...
VIRGINIA: Cielo mio!
DOTTORE Ah! Cumme ncase, troppo... no, nun se p suffr. Damme sta mano, accostete
Virg. (Bacia la mano a Virginia.) Ah, quanto me f bene stu vaso... Vularria mai cchi
lassarte!... Mai! Tesoro, vita mia! Ricordate de stommo, ricordati di me... Che assai te
voglio bene... e che... moro pe te! Ah, che torture... addio... te voglio ten stretta!...
Vieneme trova subeto... Chestanema... taspetta. (Cade come morto.)
VIRGINIA: muorto! Ed io... Soccorso!... Aiuto! Aprite cc. (Gridando vicino alla porta.)
SCENA ULTIMA
Il Conte, Rosina, Concetta, Papele e detti.
CONTE: Ch stato? Ch succieso? Parla.
VIRGINIA: Voglio camp! (Gittandosi ai piedi del marito.) So stata, s, na pazza, stupida,
319

scapricciata, per, putite dicere che onesta songo stata! Ve giuro mille vote, che me ne so
pentita, ma m ve cerco ajuto, salvateme la vita!
CONTE: Ma spiegati, che dici!
VIRGINIA: So avvelenata!
CONTE: Che!
ROSINELLA: Avvelenata!
CONTE: Orrore!
CONCETTA: Ma comme!
PAPELE: Pecch!?
CONTE: St cc o Dottore!
VIRGINIA: muorto purisso avvelenato...
CONTE: Possibile!
DOTTORE (alzandosi): Sicuro! Ma so risuscitato!
VIRGINIA: Che vo dicere chesto?
DOTTORE: V d chio torno in vita, anze che nun so morto, e voi siete guarita!
VIRGINIA: Comme! O veleno?
DOTTORE: Finto.
VIRGINIA: Lamore?
DOTTORE: Una pazzia!
VIRGINIA: E mavite sanata?
DOTTORE: Con lomeopatia! Questa cura, Contessa, non vi pare eccellente?
VIRGINIA: S, ma si cchi durava, mureva veramente!
CONTE: Ah, ah! Te lhai creduto. Dott, venite cc... Vuje site nu grandommo, e nun se
p neg! Rosina, poco primme, il tutto mha svelato...
ROSINELLA: Pe calmarlo, capite, steva accuss arraggiato!
DOTTORE: Avete fatto bene.
CONTE: E po mha ditto pure tutti i consigli vostri... il bene, le premure...
DOTTORE: Io me la sposo subito se voi me laccordate.
CONTE: Ma si capisce.
VIRGINIA: Come! Rosina vi sposate?
DOTTORE: Per forza del destino!
CONTE: Aspetta, e o Cavaliere?
DOTTORE: No, chillo se n ghiuto e ha fatto il suo dovere. Lasciate a me la cura pe
chistaffare cc. Un talismano tengo pe nu o f tunn. Vostra moglie abbracciate.
CONTE: Ma si.
PAPELE: Che bella cosa!
DOTTORE: Non sar pi romantica, e n mai pi nervosa.
VIRGINIA: Oh, certo.
CONTE: Ma vuje fusseve quel celebre dottore, che in Francia sta facenno nu chiasso, nu
furore!
DOTTORE: No, signor Conte, nato non sono in quel paese... Quello che si chiama proprio
miracolo francese. E se tenessi il fluido, purio che si sprigiona, e va direttamente in
corpo alla persona, vorrei con questo pubblico usarlo, ma chi sa, che senza questo merito,
contento pur sar!...
(Cala la tela.)

320

Fine dellatto terzo

FINE DELLA COMMEDIA

321

A NANASSA
da La Dame de chez Maxims, di Feydeau
Commedia in tre atti.
Personaggi:
Dottor Felice Sciosciammocca
D. Cesare, suo zio
Dottor Pasquale Cardarelli
Errico Delfino
D. Fortunato Palella, prete
D. Nicola, sindaco
Gennarino, suo figlio
Eugenio
Luigi
Raffaele
Alfonso
Totonno, cocchiere
Ciccillo, servo di Felice
Salvatore, servo di Carmela
Biase, servo di Carmela
Clementina
Bettina
Giulietta
Carmela
Angiolina
Luisella
Angelica
Due commessi
Due facchini
Atto primo e terzo in Napoli. Atto secondo a Roccarossa. Epoca presente.

ATTO PRIMO
Camera con alcova in fondo a destra, coverta da lunghe tendine. Nel fondo a sinistra un
armadio a due porte con abiti. Accanto allalcova, a vista del pubblico, vi sar un vestito
di seta chiara posato su di una sedia. A dritta dellalcova vi sar una toletta con tutto
loccorrente. A sinistra avanti un tavolino a quattro piedi di noce coverto di un tappeto
verde lungo. Sul tavolino una bottiglia dacqua, un bicchiere ed un mazzo di chiavi. Sulla
toletta un candeliere di ottone. Nel fondo fra lalcova e larmadio un piccolo tappeto su
di un tavolino tondo. Allalzarsi della tela la scena buia, si vede un tavolino tondo
rovesciato, come pure due sedie, diversi abiti da uomo, e le scarpe di Felice. Tre sedie.
Tre porte laterali e una finestra a prima quinta a sinistra con portiere bianche. La prima
porta a dritta la comune.
322

SCENA PRIMA
Ciccillo e Pasquale, poi Felice dallo stipone.
CICCILLO (dalla prima porta a destra Pasquale lo segue): Trasite, signur, ma chiano
chiano, cc sta a lo scuro, putimmo ntupp nfaccia a quacche parte. (Camminano a
tentoni, lazzi.)
PASQUALE: La combinazione non tengo manco nu fiammifero.
CICCILLO: Non serve signur, basta che trovo la fenesta tutt fatto, a me p mi riesce
facile, pecch canosco la tipografia della casa.
PASQUALE: Eh! La stamparia!
CICCILLO: Ah, ecco cc la finestra. (Lapre, la scena si rischiara.)
PASQUALE: Ah, meno male! Ma comme, a chestora, so quase l11 e sta durmenno
ancora?
CICCILLO: Forse pecch ogge festa.
PASQUALE: Ma che festa e festa! Nu dottore comme a isso che f invenzioni, scoverte,
ch stato a Parigi, a Londra, almeno pe chello che dice isso, se sta dinto a lo lietto fino a
chestora? E la mugliera sta pure durmenno?
CICCILLO: Nonsignore, la mugliera asciuta a primma matina, s ghiuta a confess.
PASQUALE: E ha rimasto la cammera de chesta manera? Segge nterra, panne, tavolino
caduto...
CICCILLO: E la mugliera che ne sape, chella dorme dinto a nata cammera.
PASQUALE: Ma ched stammoina, che sarr succieso dinto a sta cammera?
CICCILLO: E chi lo ssape! (V trov stanotte D. Felice chha combinato!). (Accomoda la
roba.)
PASQUALE: Ma scetammelo, io laggia parl pe nu consulto che tenimmo ogge nzieme.
CICCILLO: Aspettate signur, chiano chiano... si no me f na cancariata... (Va allalcova.)
Signur... signur... cca nce sta lamico vuosto D. Pascalino... signur.
PASQUALE: Neh, Fel... scetete ch tarde...
CICCILLO: Signur... (Si ode un grugnito sordo uscire non si sa da dove.)
PASQUALE: Chi , aggio ntiso na voce.
CICCILLO: E da dove vene?
PASQUALE: Me pare da chesta parte.
CICCILLO: Non p essere, vene da cc. (Altro grugnito.) lo patrone che se sta scetanno.
Signur.
FELICE (dallarmadio): Oh! oh! oh!
PASQUALE: Cicc, ma s tuosto sa, io la voce la sento da cc, comme venesse da dinto a lo
stipo.
CICCILLO: E vedimmo. (Apre larmadio e comparisce Felice, coricato sul cassetto, senza
soprabito, e i capelli in disordine.) Uh! Chillo D. Felice sta cc! Signur... signur...
FELICE: Chi , che vu, voglio durm, vattenne.
PASQUALE: Ma comme a chestora vu durm ancora?
FELICE: Gu Pascal, staje cc? Bonasera.
PASQUALE: Eh! Bonanotte, m ghjuorno, tarde, te vu sosere.
FELICE (sbadigliando): Cheste so cose che non se fanno... io a te non te so venuto mai a
scet da dinto a lo suonno.
323

PASQUALE: Ma tu non staje cuccato dinto a lo lietto, tu staje dinto a lo stipo.


FELICE: Io stongo dinto a lo stipo? (Si alza e si stropiccia gli occhi.) Ma quale stipo?
CICCILLO: Lo stipo vuosto, li panne lavite menate nterra.
FELICE: (Sangue de Bacco, stanotte caggio combinato?). Mia moglie dove sta?
CICCILLO: gghiuta a la chiesa. (Ride.)
FELICE: inutile che ride s... non c da ridere affatto. Io stanotte sentevo troppo friddo
dinto a lo lietto, e me so chiuso dinto a lo stipo pe st pi caldo.
CICCILLO: Aggio capito. M che volite, caffe, o caff e latte?
FELICE: Non voglio niente, vattenne...
CICCILLO (c.s.): (Io non me faccio capace, uno sente friddo, e se mette dinto a lo stipo).
(Via prima porta a destra.)
FELICE: Io non saccio comme diavolo me so truvato dinto a lo stipo.
PASQUALE: Ma quanno aissera te ritiraste, te cuccaste dinto a lo lietto?
FELICE: Comme... non me cuccavo dinto a lo lietto... gi veramente non me ricordo.
(Beve). Che bocca, che bocca!...
PASQUALE: Va trove che pella avista da pigli, facette buono io che te lassaje e me ne
jette.
FELICE: Io pure me vulevo ritir, ma fu impossibile, chella femmena quanno la tiene
vicino, te fa f cose de pazze!
PASQUALE: Chi, la Nanassa?
FELICE: La Nanassa, la Nanassa. Mannaggia larma soja! (Beve, lazzi.) Io me stevo
ritiranno, quanno fu a Toledo, la ncuntraje a lo puntone de S. Giacomo. Oh! D. Felice,
come state?... Tanta cerimonie... e volette essere purtata a cen a Pusilleco.
PASQUALE: Il locale nuovo?
FELICE: Gi quanno fujeme ll. Uh! Io non sapevo che era... cc me pare nu presebio...
Maviste fatto spennere un palco 13 lire, dicette io. M che vulite da me?... io figurete me
mettette da dereto a essa accuvato dinto a lo palco pe non essere visto da nisciuno...
doppo lo spettacolo dicette: Io sento appetito, vorrei cenare, pigliaje na carrozzella, neh, e
chella add me carreje a Posilleco, a lo Scoglio de Frisio, accuminciaje a ordin e non
la fernette cchi. Ostreche, vermicielle a vongole, bistecche, fritto de pesce, e ogne piatto
na butteglia de vino diverso... Madera, Frontignano, Capri bianco, Capri rosso,
Champagne... non saccio quanto me facette spennere. (Beve.) Pasc che acido! (Lazzi.) P
venettero li sunature, nce mettetteme a ball, a cant, a zump... pe coppe a li divane cose
de pazze!...
PASQUALE: E p?
FELICE: E chi ne sape niente... non me ricordo cchi che succedette, ma pare che essa se
vulette ritir... io tenevo suonno, nu dolore de capa.
PASQUALE: Ma che ora sera fatta?
FELICE: E chi se lo ricorda, le 2 e meza, le tre... chello ch certo chera tarde assaje...
mannaggia larma soja, io non la vedevo da tanto tiempo, da che se mettette a f la fioraia,
laveva da scuntr justo ajere ssera.
PASQUALE: Ma Fel, tu le diciste ca te s nzurato?
FELICE: Tu s pazzo! Me mettevo a dicere chesto a chella... e p io non lo dico a
nessuno... te pare, comme mavesse pigliato sta bella figliola, na vecchia di 58 anni.
PASQUALE: S, ma che tha portato na dote per!
FELICE: Che dote e dote! Ventimila lire, miserabili!
PASQUALE: Eh, so sempe vintemila lire!
324

FELICE: Io tengo nu zio ricchissimo che a la morte sua, lascia tutto a me.
PASQUALE: Ah! Tu tiene nu zio ricco?
FELICE: Ricco? Milionario! Sta a Foggia, D. Cesare Sciosciammocca, negoziante di
grano, nun lo veco da 3 anne, ma io lo scrivo sempe per. Otto mise fa, il bisogno, me
facette f chisto matrimonio! Fortunatamente che muglierema bizzoca, sta sempe dinto
a na chiesa, stamme spartute de lietto.
PASQUALE: Meno male.
FELICE: A primma matina se va a sent la messa, a mieziuorno se va a sent la predica, e la
sera all8 se va a pigli la benedizione!
PASQUALE: E tu non laccompagne maje?
FELICE: Io? E chesto ce mancarrie! Io trovo sempe la scusa chaggio che f, che tengo
delle visite importanti, dei consulti, delle operazioni.
PASQUALE: A proposito, sai che stammatina, allOspedale ho fatto quelloperazione
difficilissima, lapertura del ventre.
FELICE: Ah, sicuro, tu me ne parlaste, ed riuscita?
PASQUALE: Magnificamente!
FELICE: E lo malato comme sta?
PASQUALE: No... lo malato muorto... ma loperazione riuscita.
FELICE: V che bella cosa, lo malato muorto, e loperazione riuscita... Ma gi col
sistema del cloroformio... li malate hanno da mur pe forza... Vedrai come si opera
lammalato... senza cloroformio.
SCENA SECONDA
Clementina e detti.
CLEMENTINA (d.d.): Va bene, va bene, ho capito.
FELICE: La v cc muglierema! Nce pare che tengo na brutta faccia?
PASQUALE: Nu poco bianca. (Felice si pizzica la faccia.) Eh, pizzica lloco...
CLEMENTINA (fuori in abito nero con il velo sulle spalle e il libro di preghiere in mano.)
Eccomi qua... Ah, finalmente, vi siete svegliato... (A Pasquale.) Buongiorno signore.
FELICE: Il mio amico e collega, dottor Pasquale Cardelli, mia moglie.
PASQUALE: Piacere.
CLEMENTINA: Anche chirurgo?
PASQUALE: Medico e chirurgo, signora.
CLEMENTINA: Bravissimo, accomodatevi. (Posa il velo e seggono.)
FELICE: Mia moglie teneva per marito il celebre dottor Chierchia, che mor 5 anni fa.
PASQUALE: A Chierchia Alonzo?
CLEMENTINA: Lavete conosciuto?
PASQUALE: No, lo s di nome.
FELICE: Eh, quando si nominava Chierchia non si andava pi avanti.
CLEMENTINA: Ah! Nu santuomo, na perla! Ed io sposai Felice, perch era della stessa
professione, non potete credere che bont, che moralit. Nelle ore di riposo, andavamo
insieme alla chiesa, e pregava con me.
PASQUALE: Quello che non pu fare Felice, perch sempre occupato.
CLEMENTINA: Ah, si capisce, n io lo posso pretendere. Alonzo teneva 60 anni, egli ne
tiene appena la met.
325

FELICE: Oh, non per chesto, che mi manca il tempo.


CLEMENTINA: Lo s, lo s.
PASQUALE: V amava molto signora, il primo vostro marito?
CLEMENTINA: Oh, s!
FELICE: E lei pure lamava... Oh! S, s. (Lazzi.) Figurati, che non ha voluto mai lass sta
casa, pecch cc spusaje.
CLEMENTINA: No pecch Alonzo ci teneva una grande passione a questo quartinetto, lo
rinnov tutto a spese sue... e lui dormiva ll vedete, dove adesso dorme Felice... e forse
mi decider a non farlo stare pi in quella camera.
PASQUALE: E perch?
CLEMENTINA: Perch Alonzo non vuole, mi comparisce sempre in sogno in tuono
minaccioso... Ieri sera, per esempio, ho visto unombra in questa stanza... ed era lui, lui
certamente.
PASQUALE: Allora, amico mio, mettiti a dormire in unaltra parte, non f pigli collera a
D. Alonzo.
FELICE: Ma io per me sono pronto, anzi per dirti la verit, mi fa impressione... a dorm ll
dinto. Me veco sempe a D. Alonzo nnanze.
CLEMENTINA: Non overo, non lo state a sent, stammatina durmeva accuss bello...
PASQUALE: Dove signora, in quella camera?
CLEMENTINA: Sissignore, steva tutto cummigliato, pure la capa, laggio dato nu bacio
ncoppa a la spalla e me ne so ghiuta.
FELICE: Mhaje baciato, sopra a la spalla? Dinto a chella cammera?
CLEMENTINA: Sicuro.
FELICE: (E chesta a chi ha vasato? Io stevo dinto a lo stipo?). Non me ne so accorto...
capisce... dinto a lo suonno.
CLEMENTINA: Basta, thaje pigliato lo caff?
FELICE: No ancora.
CLEMENTINA: E allora m vaco io, te lo faccio con le mie mani. (Si alzano.)
FELICE: Grazie tanto, m nce lo dico a Ciccillo.
CLEMENTINA: No vado io. Alonzo non voleva lo caf da nisciuno, solo da me. Che
uomo... che bont! (P.a. poi ritorna.) Permettete. (Via.)
FELICE: (Manco se ne va).
CLEMENTINA (a Pasquale): Io lo vedo sempre, tutti i momenti.
PASQUALE: In sogno?
CLEMENTINA: In sogno... mi d dei consigli, mi ricorda il passato, e poi sparisce... che
santuomo quello Alonzo... che spirito benedetto... va permettete. (Via seconda a
sinistra.)
PASQUALE (ridendo): Fate pure. Io m moro da le risa!
FELICE: Figurete che bella vita che aggia pass vicino a chesta.
PASQUALE: Hai ragione, haje ragione amico mio. (Dallalcova si sente un lungo
sbadiglio.)
FELICE: Neh, Pasc... non facimmo pazzie.
PASQUALE: Chi ha sbadigliato?
FELICE: S stato tu!
PASQUALE: Io? No!
FELICE: E chi stato?
PASQUALE: E che ne saccio. (Altro sbadiglio.) Vene da ll dinto.
326

FELICE: Da ll dinto? E chi ce st dinto a lo lietto mio? impossibile.


PASQUALE: E vedimmo. (Vanno ad aprire le portiere dellalcova e si vede Giulietta nel
letto.)
SCENA TERZA
Giulietta e detti, poi Clementina.
FELICE: Che! Giulietta la Nanassa dinto a lo lietto mio!
GIULIETTA (dal letto): Signori, buongiorno.
PASQUALE: Bravo! Ti faccio i miei complimenti! Tenive chillo contrabbando e nom me
dicive niente?
FELICE: Neh, che taveva dicere?... Tu comme te truove dinto a lo lietto mio?
GIULIETTA: Ah, ah, ah! (Ride.) Chesta bella!... Ma comme chesta non la casa mia?
Chisto non lo lietto mio?
FELICE: Nonsignore!... Comme t venuto ncapo de ven cc?
GIULIETTA: Io? Io non ne saccio niente. (Scende dal letto, si mette il sottanino.)
FELICE: Uh! Pasc, chella se sosa! Io tengo a muglierema bizzoca.
GIULIETTA (viene avanti): Vuje ajeressera add me portasteve?
FELICE: Jettemo a lo teatro; p jetteme a cen, e p addo te portaje?
GIULIETTA: Vuje me pare che dicisteve m taccompagno a la casa toja.
FELICE: Seh, accuss me pare; e p, comme veniste cc?
GIULIETTA: E che ne saccio, me purtasteve vuje. (Pasquale ride.)
FELICE: Pasc non ridere, famme stu piacere.
GIULIETTA: Vuje stiveve mbriaco de chella manera!
FELICE: Io sulo? E tu non stive mbriaca?
GIULIETTA: Io non me ricordo proprio niente, me ricordo soltanto lo ritornello de chella
bella canzone che sentette a lo teatro: Viva viva, tra ll r! (Alza la gamba.)
FELICE: Zitta!... Ca si esce mugherema, io so rovinato!
GIULIETTA: Che sento! Vuje site nzurato?... E da quanto tiempo?
FELICE: So 8 mise, chillo Pascale lo ssape.
GIULIETTA: Da 8 mise?... E me portate a lo teatro, me portate a cen, ve imbriacate de
chella manera, allultimo p me portate pure dinto a la casa vosta? E pe chi maviveve
pigliata a me! Io sono una giovine onesta, capite? Giulietta la Nanassa, conosciuta a
Napole, ha fatto la fioraia onestamente!
PASQUALE: D.a Giuli, calmateve...
FELICE: (Vuje vedite che guajo che aggio passato!). Donna Giuli sentite...
GIULIETTA: Che debbo sentire! Non voglio sentir niente!... Viva viva, tra ll r! (Alza la
gamba ridendo.) Ah, ah, ah!... Ma sapete che chesta stata veramente na cosa curiosa. Io
stanotte aggio dormuto dinto a chillo lietto, credenno che era lo lietto mio... e a proposito,
vuje add avite dormuto?
FELICE: Dinto a lo stipo, lavetta pigli pe na cammera, larapette e me cuccaje. (Va a
spiare seconda a sinistra.)
PASQUALE: Poco primme laggio scetato io.
GIULIETTA: E la mugliera add stata stanotte?
PASQUALE: La mogliera dorme dinto a nata stanza.
GIULIETTA: Ma na bella figliola?
327

PASQUALE: Che figliola, chella tene 58 anne.


GIULIETTA: Scuse! Ve lavite pigliata piccerella! (Ride.)
FELICE: Pasc st venenno, sta venenno.
PASQUALE: Scappate D.a Giuli. (Laccompagna allalcova e la fa entrare.)
CLEMENTINA (con due tazze di cajfe): Ecco cc lo caf; ne ho portate due tazze, una
anche per voi.
PASQUALE: Grazie, signora.
CLEMENTINA: dovere. (Giulietta di dentro allalcova fa uno sternuto.)
FELICE: Salute.
PASQUALE: Salute.
FELICE: Grazie.
PASQUALE: Grazie. D.a
CLEMENTINA: Ched sta veste ncoppa a sta seggia, de chi ?
FELICE: Pasc, de chi chella veste?
PASQUALE: Stava sopra una sedia... questa veste... una veste.
FELICE: (Ha trovato na bella scusa!).
CLEMENTINA: Ho capito, labito che mi ha mandato la sarta, laspettavo da 15 giorni,
tanto che ajere le mannaje pure na lettera nu poco risentita; ma perch lhanno portato
qua, vorria sap? (Lo prende.)
FELICE: Ma come, tu ti hai ordinato un abito cos chiaro... tu vesti sempre di nero.
CLEMENTINA: Ma io non s niente, io sono solita di dire alla sarta: fammi un abito, poi
sceglie essa la stoffa e il colore. un poco troppo chiara, s, overo, ma pe sta vota non
fa niente, lo metter il giorno della nascita tua.
FELICE: (La nasceta de mammeta!).
CLEMENTINA: Permettete D. Pascal, mi vado a conservare questabito.
PASQUALE: Fate signora. (Clementina via a sinistra, Pasquale ride.)
FELICE: Sha portata la vesta de chella, e comme se fa?... Non ridere Pasc, che tu cu sta
risa mindisponi!
SCENA QUARTA
Giulietta e detti, poi Clementina.
GIULIETTA: Neh gu! Neh gu!
FELICE: asciuto stu guaglione de malavita da ll dinto: Neh gu!
GIULIETTA: Chella sha portata la vesta mia e comme faccio, chella la vesta nova che
ajere me consignaje la sarta, io ancora laggio pag, me portaje la nota: 200 lire.
FELICE: Abbiate pazienza D.a Giuli.
GIULIETTA: Che pacienzia e pacienzia, la pagate vuje la sarta, eh me pare che sia
regolare.
PASQUALE: giusto.
FELICE: Va bene, la vado a pag io, add abita sta sarta, comme se chiamma?
GIULIETTA: Strada Pace 49. Madama Spinetti.
FELICE: Madama Spinetti? Va bene! M aggi avvis pure la sarta de muglierema. D.a
Giuli, jatevenne, facite ambressa.
GIULIETTA: Me ne vaco? E comme me ne vaco? Sulo co lo suttanino?
FELICE: Ah, gi. E comme se fa, comme se fa?
328

GIULIETTA: Mannaggia a lo mumento che venette cu vuje aieressera, me poteva rompere


na gamma! (Felice spia alla porta di Clementina.) E tutto pe chi? Pe chillassassino
dErrico si lavesse dinto a li mmane, me lo magnarria a morze!
PASQUALE: Chi questErrico, scusate?
GIULIETTA: Nu giovene che faceva ammore cu me, Errico Delfino, ricchissimo, lo quale
me prummettette de me spus, me facette mille promesse, mille giuramenti e p tutto
nzieme non se facette ved cchi, mbruglione, assassino!...
FELICE: D.a Giuli, aggio pensato na cosa, m dico a lo guardaporta che chiamasse na
carrozzella e la facesse aspett abbascio a lo palazzo, vuje scennite, facite aiz lo mantice
e ve ne jate.
GIULIETTA: E io ve faccio pazzo, mio caro; me ne scengo pe li grade de chesta manera
combinata, e se mincontra qualcheduno, che figura me facite f.
FELICE: E gi, la Marchesa di Castelpichiochiero!
PASQUALE: E dice bene.
FELICE: M vide che punio te siente cc ncoppa.
GIULIETTA: Ma pecch non trovate na scusa, e ne mannate la mogliera vosta pe nu
momento, io me metto na vesta soja e me ne vaco.
FELICE: Ma che scusa trovo, add la manno, m s ritirata. (Spia alla porta.) Zitto, sta
venenno!
PASQUALE: D.a Giuli, nascondetevi.
GIULIETTA (per andare allalcova.)
FELICE e PASQUALE (vedendo aprire la porta): No, no! (Pasquale la fa nascondere
seconda porta a diritta.)
FELICE: Ah! Ah!
CLEMENTINA (uscendo): Fel, ch stato?
FELICE: Ah! Ah!... Clement... Clement... comme me sento brutto... aiutateme... (Si butta
nelle sue braccia.)
CLEMENTINA: Neh, ched Fel... che te siente?
FELICE: Mabbaglia la vista, mavota la capa...
CLEMENTINA: Dott... Dott aiutateme, chisto pesa... vedite ched... Fel non me fa
mettere paura...
PASQUALE: Aspettate, signora... non vi spaventate... mettetevi da questa parte. (Situa
Clementina con le spalle alla porta di Giulietta.) Fatelo poggiare. Le crisi di questo
genere sono violentissime, ma poi subito passano, non ci vuole niente, un poco dacqua.
(Da un bicchiere spruzza un poco dacqua in faccia a Felice.) Fel... Fel... passa? (Pi
forte.) Passa! (Giulietta passa.) Sta passanno? (Giulietta entra nellalcova.) passata!
FELICE: passata... mi sento bene.
CLEMENTINA: Voi vedete che brutta cosa, maje lera venuta accuss.
FELICE: No, me lo fa spesso, io non te lo dico mai, ma me lo fa spesso.
CLEMENTINA: Che paura, mamma mia!
PASQUALE: Cara signora, lui studia troppo, specialmente vicino ai cadaveri, io ce lho
detto, amico mio, non lavorare tanto, tu ti rovini.
FELICE: S, da oggi in poi, voglio lavorare meno, hai ragione.
CLEMENTINA: E poi, sentite, Dott, isso sha da luv chillo carattere che tene, che se
mette a ridere quanno io dico che ho delle visioni, non mha da mettere in caricatura,
pecch a lo Cielo le dispiace.
FELICE: Ma che caricatura...
329

CLEMENTINA: Io per esempio, doje notte fa me sunnaj a mariteme Alonzo, lo quale me


dicette: Clement, statte attiento, quante meno lo cride tha da compar nangelo della
carit, e tu haje da f tutto chello che te dice isso, perch si tratta di salvare lItalia!
PASQUALE: Nientemeno!...
FELICE: Salvare lItalia!...
CLEMENTINA No, non la pigliate a pazzi, pecch me piglio collera!
PASQUALE: Ma che pazzi, io ci credo!
FELICE: E io pure!
CLEMENTINA: Io le dicette: Neh, Al, e che v stangelo da me? Chesto non te lo pozzo
dicere, statte bona! Tutto nzieme, spar, e nun lo vedette cchi.
FELICE: Te poteva dicere quacchata cosa?
PASQUALE: Si poteva spiegare meglio.
GENNARINO (dallalcova fa un lungo lagno): Ah!!...
FELICE: (Chella afforza me v f pass nu guajo!).
CLEMENTINA: Neh, ched sta voce?
FELICE: Quale voce? Io non aggio ntiso niente!
PASQUALE: Vi siete ingannata, signora...
GIULIETTA (c.s.): Clementina...
FELICE: (Ma comme chella nisciuno laccide ll dinto!).
CLEMENTINA: Uh! avite ntiso? Lo nomme mio?... Vene da dinto a sta cammera...
FELICE E PASQUALE: Ma no...
CLEMENTINA: Levateve. (Va nellalcova.)
FELICE: (Stateve bene!).
PASQUALE: ( fatto lo guajo!).
CLEMENTINA (apre la portiera dellalcova e comparisce Giulietta allimpiedi sul letto,
coperta da un lenzuolo, con il volto scoperto, e con lampadina elettrica accesa sotto il
lenzuolo): Che! Che beco!...
FELICE: (Puozze pass nu guajo!).
CLEMENTINA: Neh, vuje vedite chi nce sta ll?... Non vedite niente!
FELICE: No?
PASQUALE: E che c signora?
CLEMENTINA: Zitto... zitto... lo veco sulio... inginocchiatevi. (I due eseguono.)
PASQUALE: Ma perch?
CLEMENTINA: Inginocchiatevi, e zitti... (Singinocchia anche lei.)
GIULIETTA: Clementina? Io sono venuto per te!
CLEMENTINA: Ah!
FELICE: (E chesta che se recrea!).
GIULIETTA: Questi profani non possono vedermi, tu sola mi vedi...
CLEMENTINA (dando unesclamazione di gioia): Ah!... S, s, te veco chiaro, te veco
buono.
GIULIETTA: Io sono langelo che tu aspetti, langelo della carit.
FELICE: ( venuto langelo de le chianche a la carit!).
CLEMENTINA: Ah! Cielo mio te ringrazio, m s che moro contenta!...
FELICE: Ma ch stato? Ch succieso?
PASQUALE: Con chi state parlando?
CLEMENTINA: Vuje non potite n ved, n sentere niente... Zitto...
GIULIETTA: Sono venuto dal cielo per affidarti unalta missione. Ascolta bene... Alzati
330

subito, esci, e cammina...


FELICE: (Che galiota!).
GIULIETTA: V nella Villa Nazionale, f 12 giri intorno alla statua di Giambattista Vico.
FELICE: (M me la v f j nterr a chella... che assassina!).
GIULIETTA: Poi ti fermerai, un uomo ti parler, tu lo sentirai attentamente, perch da
quello che ti dice, ti nascer un figlio.
FELICE: (Chella che sta ammaccanno?).
GIULIETTA: Questo tuo figlio, a 40 anni, sar un granduomo, un grande ingegno, lo
faranno Presidente dei ministri, lever tutte le tasse, e salver lItalia.
FELICE: (Che te pozzano accidere!).
CLEMENTINA: E nce pozzo credere?
GIULIETTA: V, e non perdere tempo. Per tuo figlio, per il popolo, per la patria.
CLEMENTINA: Per mio figlio, per il popolo, per la patria! Nella Villa Nazionale?
GIULIETTA: S, non perdere tempo, v subito, un uomo ti sta aspettando... Addio
Clementina, ricordati tutto, io sparisco... b, b, b! (Spegne illume e si butta a terra
dietro il letto.)
FELICE: (Laggia f na cauciata comme dico io!).
CLEMENTINA: sparito, sparito... non lavite potuto ved... non lavite potuto sent...
Siente Fel! Io non pozzo perdere nu minuto de tiempo. venuto langelo, mha ditto
chello caggia f.
FELICE: Possibile? Haje parlato cu nangelo? E che haje da f?
CLEMENTINA: Aggiaj dinto a la Villa, aggia f 12 giri attuorno la statua de Giambattista
Vico, po nommo saccosta e me parla...
FELICE: Nommo?!
CLEMENTINA: S, nommo! Da chello che me dice, me nasciarr nu figlio.
FELICE: Nu figlio?!
CLEMENTINA: S, nu figlio, che a 40 anne sar Presidente de ministri levera tutte le
tasse, e salver litalia.
FELICE: Ma questo figlio non sar mio, per?
CLEMENTINA: E che fa? Non sar lo tujo, ma non manco de nato, pecch chillommo
dinto a la villa me parlarr sulamente, non haje da essere geluso, lo cielo che v sta cosa
per arricchire lItalia.
PASQUALE: Ma s, caro Felice, non essere geloso, nu miracolo, na cosa che vene da
coppa! Jate sign, jate!...
FELICE: Ma comme tu vaje facenno figlie pe dinto a la villa?
CLEMENTINA: Non dubit Fel... io nce parlo solamente... damme nu vaso...
PASQUALE: Lo fa per il figlio.
CLEMENTINA: Per il popolo...
GIULIETTA (da dietro il letto): Per... la... patria!...
CLEMENTINA: Lo siente?
FELICE: Eh! Pare che m sento qualche cosa...
CLEMENTINA: Meh, non st accuss... jammo... pozzo j?
FELICE (la bacia): Per tuo figlio!... Per il popolo... Per la patria! Va! Va! Va! (La spinge.
Clementina via prima a destra.)
PASQUALE: M moro da li risa! (Ridendo.)
FELICE: Cose de pazze, cose che non se credene!

331

SCENA QUINTA
Giulietta e detti, poi Felice.
GIULIETTA (si fa avanti): Se n ghiuta?... Viva, viva, tra ll r. (C.s.)
FELICE: Mannaggia larma de mammeta, che haje combinato?
GIULIETTA: V piaciuta la penzata caggio fatto?
PASQUALE: Magnifica!...
FELICE: Io vaco a ved si trovo na vesta, na cosa qualunque. (Via.)
GIULIETTA: Dicite la verit, langelo laggio fatto buono?
PASQUALE: E comme se puteva f meglio? E chella vecchia che sha creduto tutte cose.
GIULIETTA: Ma chella proprio na pachiochia v!
FELICE (fuori): Comme se fa, chella ha chiuso a chiave lo stipo, lo comm, tutte cose.
GIULIETTA: E allora vuol dire che resto cc! Faciteme f marenna, per, pecch tengo
nappetito che m moro!
FELICE: Che marenna, e riman cc, vuje site pazza! Chella m torna muglierema, ve
vede... e v sap chi site.
GIULIETTA: Me vede? V sap chi songo? E nce lo dico, che fa? Viva, viva, tra ll r.
(C.s.)
PASQUALE: Quanto site graziosa quando fate stu movimento.
FELICE: M vide che movimento te siente dinto a li rine!... Fammo lo piacere, scinne, v
addo lo barraccaro che sta a lo puntone, accatta na mantella, nu soprabito, nu spolverino
qualunque... po me faje sap quanthaje spiso... va...
PASQUALE: Ah! Bellissima idea. D.a Giuli, che volite, na mantella, o nu spolverino?
GIULIETTA: Aspettate... io aggio visto na bella pelliccia da la Rinascente, pigliateme
chella.
FELICE: Vuje qu pelliccia, io m ve metto dinto a nu sacco e ve ne manno, e chella va
trovanno la pelliccia.
GIULIETTA: Basta, pigliateme chello che vulite vuje. Viva, viva, tra ll ra. (Cs.)
PASQUALE: Bella, bella, simpaticona!... Vaco e torno subito! Viva, viva, tra ll r! (Via.)
FELICE: Vedite chillato farenella, nu chirurgo conosciuto. Viva, viva, tra ll r. D.a
Giuli, aspettate, voglio ved si pozzo apr lo stipo, cu una de sti chiave. (Prende un
mazzo di chiavi che sta sul tavolo davanti.) M vengo... (Nellandare.) Vuje mavite lass
st, io aggia f lo miedeco, non pozzo secondare le vostre pazzie! (Entra.)
GIULIETTA (ridendo): Ah! Ah! Io non ce pozzo penz, chesta stata proprio na cosa
curiosa, io non me ricordo proprio niente. Me ricordo che isso steva mbriaco assaje, s,
chesto me lo ricordo, sappiccecave cu tutte quante, a tutte quante conosceva, e le deve la
mano... p chiano chiano, bevenno, bevenno, e pazzianno, pazzianno, me so mbriacata
purio. (Ride.) Ma p comme va che me so trovata cc ncoppa, chesto nun lo ssaccio,
meno male che la mogliera dormeva dinto a nata cammera, si no facevamo na bella
frittata.
SCENA SESTA
D. Cesare, Ciccillo e detta.
CESARE: Trase, trase, non me secc. (D.d.).
332

GIULIETTA: Vene gente, scappa scappa! (Entra nellalcova.)


CICCILLO (uscendo con Cesare): Ma scosate, come vi debbo annonziare?
CESARE: Non c bisogno di annunziarmi. Dimme solamente se il Dr. Felice
Sciosciammocca nce sta?
CICCILLO: Ma venite pe visita?
CESARE: Chesto non laggia dicere a te.
CICCILLO: Vedite sign, chillo le vote, v f dicere che non c in casa...
CESARE: Con altre persone, ma co me no, io sono suo zio, Cesare Sciosciammocca.
CICCILLO: Ah! Vuje site lo zio?
CESARE: S che vu f? Vattenne che trase io dinto.
CICCILLO: Facite le fatte vuoste. (Via prima a destra.)
CESARE: Avarr na grande sorpresa, so tre anne che non me vede, aggio saputo che sha
spusato na certa Clementina, bastantemente bruttulella, e non tanta giovene, perch lha
purtato 20.000 lire de dote. E io pe venti mila lire, avarria passato nu guajo de chisto?
Manco pe nu milione! Io da che murette Lucrezia, non aggio fatto ammore cchi cu
nisciuna femmena, pecch nisciuna femmena aggio trovato bella e bona, comme a chella.
(Cade una sedia dentro lalcova.) Nu rummore ll dinto, sarr isso. (Va ad aprire le
portiere e guarda.) Oh, scusate.
GIULIETTA: Oh, niente, niente!
CESARE: Perdonate il disturbo... io non sapevo... me dispiace tanto...
GIULIETTA: Oh, nessun disturbo, anzi saccomodi.
CESARE: (Chesta ha da essere la mugliera). Io sono Cesare Sciosciammocca, zio di vostro
marito.
GIULIETTA: Tanto piacere.
CESARE: Non vi ha parlato mai di me?
GIULIETTA: Chi?
CESARE: Felice.
GIULIETTA: No... cioe... s... qualche volta...
CESARE: Io me trovo stabilito a Foggia da 3 anni, e intanto mavevano detto che Felice
aveva sposata una donna brutta, e di una certa et, ma vedo che non cos, vedo che sono
state bugie, tutte calunnie.
GIULIETTA: Neh, mi vorrei alzare la verit.
CESARE: Ma no, statevi comoda, per carit... voi forse state poco bene?
GIULIETTA: No, sto aspettanno nu vestito che mi debbono portare.
CESARE: Se tutte le donne brutte e di et, fossero come voi, sarebbe una fortuna per gli
uomini.
GIULIETTA: Oh, siete troppo buono, caro zio.
CESARE: Voi gi sapete perch sono venuto?
GIULIETTA: No, non s niente.
CESARE: Non sapete niente? E come va? Avete ricevuta la mia lettera?
GIULIETTA: Non me lo ricordo, mi avete scritta una lettera?
CESARE: Sicuro.
GIULIETTA: E non lho ricevuta ancora.
CESARE: Mi fa meraviglia. Lho impostata io stesso, vuol dire che la riceverete pi tardi,
ma ora inutile. Ora vi dir io di che si tratta. Conoscete mia nipote Angiolina?
GIULIETTA: No.
CESARE: Una bella ragazza! orfana, poveretta, di madre e di padre mia sorella non quando
333

lei teneva appena un mese, e rimase in mano della sua nutrice a Roccarossa un paisiello
vicino Casoria. Quatto anne fa, io le comprai un casinotto, con terreno, e ce lo mobigliaje
con molto lusso, perch io sono ricco, molto ricco.
GIULIETTA: Ricco? Ma che uomo simpatico!... (Lazzi.)
CESARE: Ci feci mettere anche la luce elettrica.
GIULIETTA: Pure la luce elettrica?
CESARE: Figurateve, chille cafune, quando vedettene la luce elettrica... Lo diavolo!... Lo
diavolo!...
GIULIETTA: Uh! Lo diavolo... (Ridendo.)
CESARE: E m sta ll assieme ad una sorella sua vedova. Questa Angiolina, che io voglio
bene comme a na figlia, laggio proposto nu buono matrimonio, nu bravissimo giovine
che io conosco da tanto tiempo... un certo Errico Delfino...
GIULIETTA: Eh! Errico Delfino! (Siede in mezzo al letto con sorpresa.)
CESARE: Che... lo conoscete?
GIULIETTA: Sicuro... lo cunosco!
CESARE: Ah! Bravo! Forse amico di Felice?
GIULIETTA: Cos credo, non s.
CESARE: Ma voi forse lo conoscete prima di maritarvi?
GIULIETTA: S, era amico di pap e di mamm.
CESARE: Amico di famiglia?
GIULIETTA: Perfettamente! Ci fa lamore da molto tempo con vostra nipote?
CESARE: No, non si sono ancora visti, stasera si conosceranno, sono stato io che ho
combinato laffare.
GIULIETTA: (E bravo!).
CESARE: Perch vi assicuro che questo Errico, veramente un bravissimo giovine, figlio
di un mio socio negli affari, perci ho cercato di affrettare la cosa. La ragazza sta bene,
porta pi di 200 mila lire di dote, fra propriet e contanti, non tanto istruita., questo s...
GIULIETTA: nu poco ciucciarella?
CESARE: Pecch, capite, stata sempe in paese, miezo a cafune, a campagnuole, ma che
fa, i denari, la bellezza e la giovent, coprono questo piccolo neo, non cos?
GIULIETTA: Ah, sicuro!
CESARE: Io so venuto a Napoli, appositamente pe stu fatto. Stasera lanniversario della
nascita di Carmela, laltra mia nipote vedova, danno na festa scicca, sempe co li denare
miei per. Chilli cafune, figurateve, stanno tutte ammuinate, lo sinneco, lo consigliere
municipale, lo parrocchiano...
GIULIETTA: Pure lo parrocchiano?
CESARE: Gi... non hanno cchi che f. In questa occasione, io ho combinato lincontro
dei due giovani, e quella lettera che vi ho mandata, appunto linvito per voi e vostro
marito.
GIULIETTA: Oh, grazie, troppo buono.
CESARE: E sapete perch voglio che venite voi e mio nipote? Pe f ved nella festa una
signora distinta, aristocratica, una parente che possa fare gli onori di casa, che possa dare
un tuono alla festa, che p fa f insomma na bona figura allo sposo. E dove trovarla
meglio di voi. Ci venite con piacere?
GIULIETTA: Oh, grazie, per carit, mi volete confondere.
CESARE: Voi cercherete di dare una lezioncella a mia nipote, farle capire tante cose che
non sa; per esempio, di levarle chillo carattere scurnuso, antipatico, cercare di farla essere
334

gentile, educata, farle capire come si deve comportare quando vede quel giovine,
insomma dirozzarla un poco.
GIULIETTA: Ho capito, ho capito.
CESARE: Sar una seccatura per voi, lo s, ma dovete farmi questo favore.
GIULIETTA: Ma che favore, vi pare, sar un dovere!...
CESARE: Grazie, signora, grazie. (Bacia la mano.)
GIULIETTA: Solamente, vedete, io non s se mio marito questa sera potr venire.
CESARE: Oh, per questo non ci pensate, deve venire per forza, quando ce lo dico io, deve
acconsentire, vorrei vedere che si rifiutasse ad un invito che gli faccio io. A me mi preme
solo di sapere se voi acconsentite di venirci?
GIULIETTA: Ma vi pare? Con tutto il piacere! (Tanto pe ved che faccia fa chillassassino
dErrico!)
CESARE: Si tratta poi di una vostra cugina, larga s, ma sempre una vostra parente. Voi
starete l come in casa vostra. (Le bacia la mano.)
GIULIETTA: Quanto siete buono, ma no, sono io che debbo baciarvi la mano. (Bacia la
mano, e labbraccia.)
SCENA SETTIMA
Felice e detti, poi Ciccillo.
FELICE (vede Giulietta abbracciata con Cesare, con molta sorpresa): Che veco?!...
Giulietta abbracciata... e chi chillo?
CESARE (si volta): Oh, signor dottore, finalmente!...
FELICE: (Zi zio, stateve bene!). Oh, zio caro caro! (Labbraccia.) Ma comme accuss tutto
nzieme, non ce vedimmo da 3 anne... assettateve, assettateve.
CESARE: Tha fatto piacere vederme?
FELICE: Uh! Avite voglia!
CESARE: Comme me truove?
FELICE: State meglio de primma.
CESARE: E tu, te mantiene sempe lo stesso. Io avevo scritto na lettera a mogliereta...
facennole sap la ragione pecch venevo a Napule ma non lha ricevuta ancora... so
arrivato primma io.
FELICE: E bravo! E bravo! E bravo!... E ve trattenite assaje a Napule?
CESARE: Vulesse lo cielo... Non posso, dimane matina, co lo primmo treno, me ne torno
nata vota a Foggia... so venuto nu mumento pe combin lo matrimonio de Ngiulina.
FELICE: Chi Ngiulina?
CESARE: Gu, chi Ngiulina?... Nepoteme tua cugina.
FELICE: Ah, gi, Ngiulina mia cugina, sposa?
CESARE: Almeno lo spero.
FELICE: E bravo! E bravo! E bravo!
CESARE: Ogge stata la nasceta de Carmela...
FELICE: Chi, la guardaporta?
CESARE: Come! Laltra tua cugina, Carmela la vedova?
FELICE: Ah, sicuro, Carmela... E bravo!
CESARE: Tu comme staje stunato neh?
FELICE: E bravo... Penso alle visite, agli ammalati...
335

CESARE: Dunque stasera danno na gran festa a lo paese. Tu non mancherai certo.
FELICE: E che vulite che vengo purio?
CESARE: E se capisce... la tua presenza necessaria.
FELICE: Ma io... zi zi...
CESARE: Non voglio sent chiacchiere, haje da ven.
FELICE: Va bene, come volete voi.
CESARE: Beninteso che devi portare pure tua moglie?
FELICE: Pure mia moglie?
CESARE: E che, la vu riman cc?
FELICE: Vedete zi zi, quella una donna...
CESARE: Io ce lho detto, ed ha accettato subito linvito...
FELICE: Ce lavete detto?... A chi ce lavete detto?
CESARE: A tua moglie... Eccola l... vero, signora, che ve lho detto ed avete accettato
linvito? (Va da lei.)
GIULIETTA: Sicuro! Non mi potevo negare certamente!
FELICE: (Puozze pass nu guajo! E io comme la combino?).
CESARE: (Io ti faccio i miei complimenti, sai che mugliereta un vero zuccariello!).
FELICE: (Ve piace?).
CESARE: (Assaj!... Bravo! Intanto mavevano ditto che tavive spusata na femmena brutta,
e di una certa et).
FELICE: (E io p me la spusavo?).
CESARE: (Figurete la sorpresa, quanno laggio vista... aggio ntiso nu rummore ll dinto,
so ghiuto pe ved, me credevo che ire tu, e so rimasto ncantato).
FELICE (fra s): (Voi vedete la combinazione!).
CICCILLO (con abito di donna avvolto in un panno bianco): La sarta ha mannato lo
vestito nuovo a la signora.
FELICE: Ah, damme cc. (Lo prende.) (Iusto m laviva purt ov?).
CICCILLO: (E io sapevo chesto!). (Via.)
CESARE: Damme cc m ce lo d io. (Lo prende.) Ecco cc labito, nipote mia. (Lo d a
Giulietta.)
GIULIETTA: Grazie caro zio, mi vesto subito subito. Permettete? (Chiude le porte.)
FELICE: (Chella la veste de muglierema!).
CESARE: Che grazia, che spirito!... Chella stasera fa rest ncantate a tutte quante!
SCENA OTTAVA
Pasquale e detti, poi Clementina.
PASQUALE: Tutt fatto, lo spolver... (Con involto con spolverino.)
FELICE: (Statte zitto!). Zi zi vi presento il mio amico e collega, Dr. Pasquale Cardelli
mio zio Cesare Sciosciammocca.
PASQUALE: Tanto piacere. (Mettendosi linvolto dietro.)
CESARE: Fortunatissimo! Sono arrivato questa mattina da Foggia.
PASQUALE: E vi trattennete molto a Napoli?
FELICE: No parte dimane matina co lo primmo treno.
PASQUALE: Oh, cos presto?
FELICE: Bella cosa, doppo 3 anni che non lo vedevo, vene a Napule pe se st meza
336

jornata... E se nha da j... se nha da j... (Si no, nce lo faccio j io!) (Pasquale di dietro
Felice f lazzi con linvolto.)
CESARE: Tengo tanti affari a Foggia, che non posso trascurare. So venuto per combinare
un matrimonio fra mia nipote e un giovine...
FELICE (a Pasquale): (Leva stu coso da reto!).
CESARE: Un certo Errico Delfino, tu lo canusce.
FELICE: Errico Delfino?... No!
CESARE: Comme mogliereta mha ditto che lo canosce, e tu no?
FELICE: Ah, muglierema lo canosce?... Forse lo canosco purio... non me lo ricordo.
PASQUALE: Ma comme tua moglie sta qua?
FELICE: S... s... (Gli f dei segni.)
CESARE: Si sta vestendo.
PASQUALE (a Felice): Se sta vestenno? (M non ne capisco niente cchi. Ma comme
mugliereta tornata?).
FELICE: (No Giulietta... zi zio lha trovata dinto a lo lietto).
PASQUALE (ridendo): (Oh, chesta bella!).
CLEMENTINA (d.d.): Va bene, va bene, ho capito!
FELICE: (Moglierema!).
CLEMENTINA (fuori): Tutto fatto! (Felice f lazzi con Cesare, abbracciandolo e
gridando per non far sentire ci che dice Clementina.)
FELICE: Dimane se ne va, me ne voglio ved bene... Mio zio Cesare Sciosciammocca. (A
Clementina.)
CESARE: Signora.
CLEMENTINA: Piacere!... S, ho inteso parlare spesso di voi.
CESARE: E la signora chi ? (Soggetto.)
PASQUALE: Signora, siete stata nella villa?
CLEMENTINA: Aggio fatto tutto cose. Doppo fatte 12 giri attuorno a la statua de
Giambattista Vico, mavotava nu poco la capa a la verit; e me so fermata. Tutto nzieme
s accostata na guardia municipale. Nu bellommo, alto, chiatto...
FELICE: (Il padre del Presidente dei ministri!).
CLEMENTINA: E mha ditto: Signora, vi sentite male? No, mi gira nu poco la testa.
Mi dispiace. accomodatevi... mha fatto assett, mha guardato nu poco, p mha dato la
mano, e se n ghiuto... M me sento stanca... me f male la capa... ho bisogno di riposo,
e di raccoglimento.
FELICE: (Clement, vattenne dinto, che io aggia parl daffari dinteresse cu ziemo,
vattenne senza parl).
CLEMENTINA: Permettete signore... vi lascio con mio marito. (Via a sinistra.)
CESARE: Lo marito?... (A Pasquale.) Siete voi il marito di quella signora?
FELICE: Sissignore zi-z...
PASQUALE: (Che stai dicenno?).
FELICE: Appunto sua moglie. (A Pasquale:) vero? (Gli fa un cenno.)
PASQUALE: Sissignore.
CESARE: Mi congratulo con voi, una bella donna. (A Felice:) (E nu bello cuofene de
patane!).
SCENA NONA

337

Giulietta e detti, poi Ciccillo, 2 commessi, e 2 facchini.


GIULIETTA: Eccomi qua, mi sono vestita... (Con labito di Clementina che le va un po
largo.)
FELICE: (Michelina lo guardio!).
CESARE: Bravissimo! Bravissimo!
GIULIETTA: Come mi sono sciupata da un mese a questa parte, vedete questabito come
mi sta largo?
CESARE: Ma no, state benissimo.
GIULIETTA: Ma che fa? Viva, viva, tra ll r. (c.s.).
CESARE: Uh! Quant cara! Viva viva, tra ll r. (Imita il movimento, e sta per cadere.)
FELICE: (E chisto si va nterra chi lo sose?).
CESARE: Sapite che aggio pensato, invece de part stasera, partimmo m, mangiammo a lo
paese, ll st na bella trattoria, stamme allegramente tutta la jurnata, e stasera p jammo a
la festa.
FELICE: Zi-zi... io aggio che f...
CESARE: Zitto... voglio cos! M arrivo fino a la posta, fatevi trovare pronti; verr subito.
M vengo, m vengo. (Via prima a diritta.)
FELICE: D.a Giuli, vuje chavite combinato?... Dinto a qu mbruoglio mavite mise...
comme v venuto ncapo de dicere a zi-zi che io era lo marito vuosto?
GIULIETTA: Che aveva dicere? Chillo ha araputo lo portiere, e mha trovata ll dinto.
PASQUALE: Che aveva f, puverella.
FELICE: Basta jatevenne... pe carit...
GIULIETTA: Io me ne vaco a casa, me vaco a mettere nu bellabito, e ve vaco ad aspett a
la stazione... nce volimmo spass...
FELICE: Che spass, che stazione... vuje state pazzianno? Vaco io sulo, trovo la scusa che
muglierema non s fidata.
GIULIETTA: No... nun p essere... io sono stata invitata e aggia ven!
FELICE: Pasc, dincello tu, famme stu piacere.
PASQUALE: D.a Giuli, ve ne prego io, non ce jate.
GIULIETTA: impossibile, nce aggia j pe forza, debbo conoscere lo sposo della cara
cugina. Dunque io vaspetto a la stazione. Badate, che si non venite, me metto dinto a lo
treno, e vaco io sola, arrivata dinto a lo paese, addimanno, e subeto appuro la casa qual ,
avite capito m? A rivederci... ciao neh!
FELICE: Ciarea teh! (Giulietta via prima a destra, sorte Ciccillo e la vede.)
CICCILLO: (E chesta add asciuta?). Sign, hanno portata na poltrona, cu naparecchio
elettrico.
FELICE: Ah, sicuro, lavevano porta da 3 giorni, basta, falla tras cc. (Ciccillo via.) Pasc,
m nce distraimmo nu poco, vedrai una bella cosa, la famosa poltrona estatica, inventata
dal professore... Heiveld, tedesco, la vedette ultimamente a Parigi, allesposizione, e me la
facette ven.
PASQUALE: E ched sta poltrona?
FELICE: Eh, m vide. Questa una cosa necessarissima, quanno sha da f noperazione
difficile, lammalato saddorme senza la borsa, senza cloroformio; sassetta ncoppa a
chella poltrona e per mezzo dei raggi x saddormenta.
PASQUALE: E il contatto non te fa addurm pure a tte?
FELICE: No, perch il chirurgo mette i guanti isolatori, e opera magnificamente.
338

CICCILLO (tornando con 2 facchini e i 2 commessi; i 2 commessi portano lapparecchio


elettrico, e i due facchini la poltrona:) Trasite; sign, add la volite mettere?
FELICE: Lapparecchio su questo tavolino, e la poltrona qua vicino al tavolino. (A destra
del pubblico, dopo situato, da la corrente elettrica.)
I COMMESSO (d la fattura): Questa la fattura.
FELICE (la prende): Grazie. (Regala ai facchini.) Andate a bere.
I FACCHINO: Grazie eccellenza. (I 4 viano con Ciccillo.)
PASQUALE: Ma famme cap, lo malato sassetta ncoppa a sta poltrona e che fa?
FELICE: Saddorme, perde i sensi, vu ved? E assettate!
PASQUALE: A me? Sarraie pazzo! Justo cu me, vu f la prova?
FELICE: E che fa, io subito te sceto, ll nce stanno 2 bottoni, uno pe f addurm, e lato pe
f scet; jammo assettate.
PASQUALE: Fel, non facimmo pazzie, s.
FELICE: (Me pare na criatura). S chirurgo e te miette paura? Io laggio provata purio a
Parigi, tadduorme doce, doce. (Pasquale siede. Felice accomoda il poggia testa, facendo
rumore, Pasquale si alza spaventato.)
PASQUALE: Ched?
FELICE: Niente, accomodo il poggia testa.
PASQUALE: Non sapevo che era. (Siede.)
FELICE: Chesta na cosa che fa riman ncantato. Non te movere, fermo. (Tocca il
bottone.)
PASQUALE: Che bellezza, uno saddorme doce doce. (Si addormenta dicendo altre
parole.)
FELICE: Non hanno pi che inventare!... Pasc... Pasc?... S addormuto Pascale...
(Chiamando:) Clementina?... Clementina?...
SCENA DECIMA
Clementina e detti, poi Ciccillo, indi Eugenio e Luigi, poi Ciccillo ed Errico.
CLEMENTINA: Che vu Fel?
FELICE: Guarda lamico mio.
CLEMENTINA: Uh, e che fa?
FELICE: Laggio addormuto.
CLEMENTINA: Ah, la poltrona che me diciste?... (Fa per toccarlo.)
FELICE: Eh. (Gridando.) Nun lo tucc, si no tadduorme tu pure.
CLEMENTINA: E chi lo tocca.
FELICE: Ll nce sta la spiegazione, tu non lhai letta? Chiunque tocca questo individuo
saddormenta, fossero pure 10 persone. Basta io aggia j a Caserta per unoperazione,
starraggio ll fino a dimane, va me f le valigie.
CLEMENTINA: Subito. E sceta a chillo poverommo... (Via a sinistra.)
FELICE: Pasc?... Pasc... Eh, m fa notte... (Tocca il bottone. Pasquale si sveglia.)
PASQUALE: Add stongo?
FELICE: Dinto a la casa mia.
PASQUALE: Che aggio fatto?
FELICE: Hai dormito magnificamente.
PASQUALE (alzandosi): E pecch mhaje scetato, io me stevo sunnanno che ghievo
339

ncarrozza cu na bella figliola.


CICCILLO (con 2 biglietti da visita): Signur, fore nce stanno duje signure che ve vonno
parl, chisti so li bigliette de visita lloro.
FELICE (legge): E io nun li conosco? Bah... fallo tras.
CICCILLO: Favorite signori. (Introduce e via.)
EUGENIO: Grazie.
LUIGI: Buongiorno signore.
FELICE: Buongiorno.
PASQUALE: Fel, io me ne vaco, ce vedimmo, dimane. (Statte attiento... Giulietta tavessa
da f cchi guaje...).
FELICE: (Mannaggia larma de la mamma!).
PASQUALE: Signori. (I 2 sinchinano, via.)
FELICE: Con chi ho lonore di parlare?
EUGENIO: Eugenio Roselli, architetto...
LUIGI: Cav. Luigi Cotognetti, avvocato.
FELICE: Accomodatevi, prego.
EUGENIO: Grazie. (Siede, Luigi siede sulla poltrona estatica.) Noi veniamo per il fatto
avvenuto stanotte sulla trattoria a Posillipo.
FELICE: E che fatto?... Io non me ricordo.
LUIGI (nervoso, parla forte): inutile che negate, perch ci sono cento testimoni! Voi
stavate ubbriaco... ma non al punto di dimenticare i fatti!
FELICE: Un po di calma. Discutiamo.
LUIGI: Ma che discutere. Io non discuto, io vengo a fare il mio dovere! Non ammetto
chiacchiere! Scegliete due amici, e fateci mettere daccordo.
FELICE: (Ma perch grida stu signore?).
EUGENIO: ( un po nervoso, capite?).
FELICE (a Luigi): Avete detto, due amici? Ma dunque si tratta di un duello?
LUIGI: Proprio! Un duello!
FELICE: Ma scusate, con chi mi debbo battere?
EUGENIO: Ecco qua, signore, voi stanotte avete detto delle parole ingiuriose ad un nostro
amico...
LUIGI: Cio, vostro, perch io non lo cunosco, io stavo l cenando, sono stato presente
aglinsulti, e il vostro amico mi ha pregato di fargli da secondo. Ho assistito a 7 duelli,
tutti consumati, io non ammetto accomodamenti, non posso fare una cattiva figura, ho
accettato il mandato, e il signore si deve battere, e si batter!
EUGENIO: Cavali, vi prego, siate pi calmo.
FELICE: Ma scusate, che ho detto a stamico vostro?
LUIGI: Un sacco di villanie, e in ultimo gli avete detto: m te mengo na butteglia nfaccia.
Questo stato un grande insulto.
FELICE: Cavali calmateve. Voi dovete sapere, signori, che io stanotte aggio passato nu
sacco de guaje, e vi posso assicurare che questo fatto dellamico vostro io non me lo
ricordo proprio, mi ricordo che ho avuto una quistione con un tale, ma non saprei dirvi
che questo tale, e perch nce simme appiccecate.
LUIGI: Queste sono scuse che io non posso ammettere!
FELICE: Cavali, scusate...
EUGENIO: Lamico mio irritatissimo... voi vi siete troppo spinto.
FELICE: Ma non sono stato io, stato il vino.
340

LUIGI: Ma che vino, e vino! (Gridando.) Anche nel vino bisogna essere educato! La prima
cosa per luomo, leducazione. Voi ve ne venite, nfaccia a chillo: m te mengo na
butteglia nfaccia. Questo il galantuomo non lo dice, non lo pensa, non lo fa. (Altre parole
a soggetto. Felice tocca il bottone.)
FELICE: Ah! Me laggio luvato da tuorno!
EUGENIO: Che successo?
FELICE: Laggio addormuto.
EUGENIO: Oh, questa s ch graziosa!
FELICE: Eh, chillo non ce faceva dicere na parola... Prima di tutto, fatemi sapere chi
questamico vostro.
EUGENIO: Il signor Errico Delfino.
FELICE: Errico Delfino? un giovine che gli stato proposto un matrimonio?
EUGENIO: S, un matrimonio dinteresse, no di passione.
FELICE: Perfettamente, e la sposa mia cugina, vi pare, noi dobbiamo essere parenti... e
pecch s appiccecato cu me stanotte?
EUGENIO: Ecco qua. Lui pure ha confessato di aver bevuto un po troppo.
FELICE: Steva purisso mbriaco?
EUGENIO: Ubbriaco no, un po allegro. Vi ha visto insieme ad una donna che stata la
sua amante... si indisposto (voi ve ne siete accorto, egli si infuriato, voi pi di lui), e
cos nata la quistione.
FELICE: Vi posso assicurare, che non ricordo niente.
CICCILLO (annunziando): Il signor Errico Delfino. (Via.)
FELICE: Ah, bravo, a tempo a tempo, avanti.
ERRICO: Il Dottor Felice Sciosciammocca?
FELICE: Sono io a servimvi.
ERRICO: Nipote di D. Cesare Sciosciammocca?
FELICE: Perfettamente!
ERRICO: Scusate allora, conosco tanto vostro zio, se avessi potuto supporre... capirete,
vedendovi unito con una donna, che un giorno mi apparteneva, e avendo bevuto un
pochino...
FELICE: Capisco, capisco, non se ne parl pi. Voi dovete sposare una mia cugina?
ERRICO: Forse. (A Eugenio:) Grazie, amico mio. Chi quel signore?
EUGENIO: Lavvocato Cotognetti, laltro tuo secondo.
ERRICO: Ah, gi.
FELICE: (V comme steva chisto, che non se ricorda manco lo secondo sujo!).
ERRICO: E perch sta cos?
FELICE: Laggio addormuto pecch non ce faceva parl.
ERRICO: E non sente niente?
FELICE: insensibile! Vedete, io ne faccio quello che voglio. (Strappa i capelli a Luigi,
lazzi.) M lo sveglio! (Tocca il bottone. Luigi si sveglia e si gratta la testa.) M se lo
sente.
LUIGI: Chi ?... Dove sto?... Ah! Dunque si fa questo duello?
FELICE: (M lassetto nata vota!).
ERRICO: Sig. Avvocato, vi ringrazio, tutto chiarito, tutto finito.
LUIGI: Il duello non si fa pi? Tanto piacere! Ma vi prego unaltra volta di non incomodare
la gente, queste sono figure che io non lho fatte mai, capite mai! (Via a destra.)
FELICE: (No, me aggio pigliato meza lira de capille!). Insomma chillo me voleva f
341

accidere afforza! (I due ridono.)


ERRICO: Basta, perdonate se vi lascio, ho tante cose da sbrigare. Arrivederci dunque.
FELICE: A rivederci. (Errico via.)
EUGENIO: A rivederci, signore. (D la mano.)
FELICE: A rivederci, signor Rosina.
EUGENIO: Roselli, non Rosina.
FELICE: Ah! Gi Roselli. (Eugenio via.) Vuje vedite chello cancaro de vino che mha fatto
combin stanotte! Meno male ch stato chisto, si era nato me puteva nquit buono.
SCENA UNDICESIMA
Clementina e detto, poi Cesare, poi Ciccillo e Totonno, indi Ciccillo.
CLEMENTINA (con valigie e lettera aperta in mano): Ecco cc le valigie.
FELICE: Lasseme pigli lo cappiello... gi aggio fatto tarde... (Via a sinistra.)
CLEMENTINA (legge la lettera fra s): Oh, chesta bella, D. Cesare Sciosciammocca
minvita per questa sera alla festa che si dar a Roccarossa in casa della nipote, e pecch
non me lha ditto poco primma? Intanto vedite la combinazione, justo ogge Felice adda j
a Caserta, basta ce vaco io sola.
FELICE (con cappello): Dunque Clement, io vaco.
CLEMENTINA: Aspetta andivina chi mi scrive?
FELICE: M vaco de pressa, non me f perdere tiempo.
CLEMENTINA: Ma un momento.
FELICE: Me faje sbagli lo treno?...
CESARE (d.d.): Fa ven na carrozzella, e falle aspett abbascio a lo palazzo.
FELICE: (Zi-zio, sangue de Bacco, e comme faccio?) Viene cc. (La tira per un braccio.)
Primme de part te voglio da nu bacio.
CLEMENTINA Aspetta nun me tir...
FELICE: Tu me fai manc lo treno. (Labbraccia e la fa sedere sulla poltrona.)
CLEMENTINA: Quanno maje mhaje vuttata accuss... pienze sempe a na cosa...
FELICE (tocca il bottone e laddormenta): Tutte le combinazioni! (Prende il tappeto dal
tavolo e la copre.)
CESARE (fuori): Neh, Fel, jammuncenne.
FELICE: Andiamo zi-zi.
CESARE: E mugliereta?
FELICE: S abbiata a la stazione.
CESARE (indica la poltrona): E ched ll?
FELICE: un preparato anatomico, maggia pigli la coratella.
CESARE: Eh! (Via poi torna.)
CICCILLO: Sign, stommo dice che ha da parl cu vuje. (Esce Totonno con frusta.
Ciccillo via.)
FELICE: Chi ?
TOTONNO: Bongiomno oscellenza. Sign, io songo Totonno, lo cocchiere affitto, che
stanotte vaggio portato dinto a la carrozzella fino a cc.
FELICE: E che vu?
TOTONNO: Comme che voglio? Vuje quanno site scise, avite ditto: s nu cocchiere overo
simpatico, dimane viene a magn cu mico, e io so benuto.
342

FELICE: Io taggio ditto viene a magn cu mmico?


TOTONNO: Sissignore, non ve ricordate? Anze, avite ditto: Si nun viene me faje pigli
collera, nun me faccio serv cchi da te.
FELICE: Ah, gi, me ricordo... (V che pella tenevo io stanotte!). Ma io aggio pazziato te
pare, venive a mangi a casa mia? Del resto, m rimedio io... Tiene cheste so doje lire, te
le vaje a magn a na parte de chesta. (Le d.)
TOTONNO: Grazie oscellenza...
FELICE: Per, mhaje da f nu piacere?
TOTONNO: Comannate.
FELICE: M che me ne vaco, tocca stu bottone che sta cc vicino, lo v. (Indicandolo.) Cc
nce sta uno a diritta, e uno a sinistra, tu tuocche chillo a sinistra, premilo haje capito?
TOTONNO: Va bene.
CESARE (uscendo): Gu Fel, ce ne vulimmo j?
FELICE: Jammuncenne. (Tot te raccomando. Chillo a sinistra... premilo).
TOTONNO: (Nun ce penzate). (Via Felice e Cesare.) Ma pecch aggia f chesto? Basta
accuss mha ditto, e accuss faccio, mha dato doje lire. (Tocca il bottone.)
CLEMENTINA (si sveglia, si alza, ed afferra il braccio di Totonno): Fel, marito mio,
pecch me faje sti cose?... Pecch mhaje cummigliata cu stu panno?
TOTONNO: Chi ?... Lasse!...
CLEMENTINA (che si scoverta): Che veco? E chi s tu? (Gridando.) Mariuole,
mariuole...
TOTONNO: Qu mariuole, io so nu galantuomo! (Fugge.)
CICCILLO (uscendo corre dietro a Totonno, gridando con Clementina.)
A DUE: Mariuole! Mariuole! (Clementina fugge a sinistra e Ciccillo corre dietro a Totonno
prendendolo a calci fino a prima porta a destra gridando sempre.)
(Cala la tela.)
Fine dellatto primo

ATTO SECONDO
Giardino con 4 porte laterali e due in fondo; le porte illuminate a luce elettrica, in fondo, in
mezzo, un puttino con globo in mano, con lampadina accesa. La porta in fondo a destra
la comune. A sinistra un pianoforte. Sedie e tavolini di giardino. Lampadaro a luce
elettrica al centro.
SCENA PRIMA
Allalzarsi della tela la banda suona di do. Tutti glinvitati escono dalla destra a braccetto
passeggiando, poi nel terminare il pezzo di musica, viano per la porta in fondo a sinistra;
esce dalla destra Biase con guantiera di dolci e Salvatore dalla sinistra correndo, si
urtano, indi Carmela e Luisella.
SALVATORE (che si urtato con Biase): Ma che s cecato?
BIASE: Io so cecato? Tu te mine comme a nu ciuccio.
343

SALVATORE: Vall vatt, v f lo craparo!


BIASE: Salvat pe tutto stasera te sciacco! (Via.)
SALVATORE: M vedimmo chi fa cchi ampressa!
CARMELA: Salvat che faje lloco? Taggio ditto statte fore pe ricevere lati invitate che
hanna ven.
SALVATORE: Va bene. (Via fondo a destra.)
CARMELA: Ah, chella sora mia, me fa proprio avut lo stommaco, s miso a uno pizzo
tutta mpupazzata, e non dice na parola.
LUISELLA: Va bene ch piccerella, e se mette scuorno, ma me pare troppo, la verit.
CARMELA: Ma che piccerella, che scuorno, io quanno tenevo let soja, ascevo da dinto a
lo fuoco, me prudeva la capa de na mala manera.
LUISELLA: Che centra, tu p s nata cosa.
CARMELA: Che saccio, chella non me pare maje sora... ma ched stu scuorno. Uh! Io
non aveva nascere dinto a stu paisiello, miezo a sti turze, scuse s, io non parlo de te parlo
de late. Mamma mia, nisciuno sape accucchi quatti parole pulite, nisciuno sape leggere,
sulo lo Sinneco e 3 consigliere sanno leggere e scrivere nu poco, ma appena appena
quacche cosarella. Ah, me parene mille anne che chella stupeta de sorema se mmarita, ne
voglio f zumpe.
LUISELLA: Comme! Te ne vaje da cc?
CARMELA: Se capisce, che voglio mur Luisella mia, me ne vaco a Napule, voglio ved
facce belle, allegre... cc stasera linvitate pe f troppo li signure, me parene tanta mazze
de scope!
LUISELLA: Haje ragione.
SCENA SECONDA
Salvatore e dette, poi Errico, indi Luisella.
SALVATORE: Il signor Errico Del... fico.
CARMELA: Siente a chillato animale! Errico Delfino!
SALVATORE: Ah! Gnors... Delfino.
CARMELA: Fallo tras.
SALVATORE: Subito. (Via.)
CARMELA: Chisto lo sposo de Ngiulina, proposto da zi z. Seh, e trova sta bella
conversazione! Luis agge pacienza, v chiamme a chella scema, dincelle che venesse, e
non se mettesse scuorno, dincello pure a z prevete che la facesse ven, cercammo de non
f macra figura.
LUISELLA: Non te nincammic, m la faccio ven. (Via a sinistra.)
CARMELA: Zi zio ave voglia de f, ma io so sicura che a chella nun la marita.
SALVATORE (uscendo): Favoresca. (Via.)
ERRICO: permesso?... La signora Carmela Piretti?
CARMELA: Sono io a servirla.
ERRICO: Il signor Cesare vostro zio?
CARMELA: Non venuto ancora, ma poco potr tardare. Zi zio mha parlato tanto bene di
voi, ed io sono certa che sposandovi mia sorella, sarete pi che contento.
ERRICO: Lo spero. Mio padre amico intimo di vostro zio e sono stati loro che hanno
combinato tutto.
344

CARMELA: Tutto, scusate, non se p dicere ancora, perch voi non avete vista ancora la
ragazza, e non sappiamo se vi piacerebbe o no. Essa, so sicura che appena ve vede,
zumparr pe la priezza, perch vuje site veramente nu simpatico giovene.
ERRICO: Bont vostra pe carit.
CARMELA: M che la vedite, nce parlate, ve dicite quacche parolella azzeccosa, e allora
se p dicere che saccommencia a combin quacche cosa. Dico bene, o no?
ERRICO: Benissimo.
CARMELA: Quello che ve prevenisco per, non ve credete de trov na figliola svelta,
spiritosa. Oh, no, tuttaltro. Mia sorella, non faccio per dire, una bella giovine,
simpatica, per stata cresciuta dinto a la stu paese, mmiezo a li cafune, gente che non sa
neanche quant nata, e per conseguenza nu poco scurnosa, nun sape parl, non se sape
present, insomma nu poco inceppata, vuje chiano chiano, lavita da f sciogliere, la
dovete scozzoniare, capite?
ERRICO: Ho capito, ho capito. (Scozzoniare! E che significa?).
CARMELA: Noi abbiamo dato questa piccola festa, primma pecch ogge stato lanno
anniversario della mia nascita.
ERRICO: Oh, auguri per questo anniversario. (D la mano.)
CARMELA: Grazie, e poi perch venivate lei per la prima volta in casa nostra. Dovete
per compatire se glinvitati non sono persone nobile, aristocratichi, sono tutti buoni
amichi, abitanti di questo paeso.
ERRICO: Oh, sar fortunatissimo di trovarmi in s bella compagnia.
SALVATORE (uscendo): M vene, m vene, la sta portanno z prevete.
CARMELA: Ah, bravo! Ecco qua mia sorella.
SCENA TERZA
D. Fortunato, Angiolina e detti.
FORTUNATO (da prete): Andiamo Ngiul, e che significa stu scuorno, me pare na
criatura, aiza la capa.
ANGIOLINA (veste da festa caricata, con la testa bassa, guanti bianchi, alquanto larghi,
e ventaglio con lungo laccio, segue Fortunato.)
FORTUNATO: Ecco qua D.a Ngiolina, non ci voleva venire, ha ceduto alle mie preghiere.
CARMELA: Ma allora tu a stu giovene non lo vedive maje? Questo il nostro
parrocchiano.
FORTUNATO: Fortunato Palella, ai vostri comandi.
ERRICO: Preghiere. Errico Delfino.
FORTUNATO: Piacere. Dovete compatire una ragazza piena di soggezione, non ha
contrattato mai con nessuno, sempre in casa, sempre dinto a lo paese. Angiol, questo
quel giovine, che dovr essere tuo marito... ti piace?... Parla, d qualche parola...
ANGIOLINA: Io non aggia dicere niente, pecch non saccio dicere niente. Si stu giovene
me v spus, si le so simpatica... che serve a parl, se caccene le carte, damme parola, p
jammo a lo municipio, jammo a la chiesa... e stateve bene.
FORTUNATO: Ma ecco qua, questo giovine vorrebbe sapere se lo trovi di tuo gusto, se ti
piace?
ANGIOLINA: S me piace? E che me laggia mangi forse?... (Ride.)
CARMELA: Capite, non na giovine esperta, genova.
345

ERRICO: (No, Milano!).


FORTUNATO: carta bianca.
ERRICO: Troppo bianca, veramente.
FORTUNATO: Non te lhaje mangi, chesto se sape, vulimmo sap, si te lo spuse cu
piacere?
ANGIOLINA: Io m che ne saccio... non saccio che aggia dicere.
CARMELA: Uh! Sora mia! E parle, parle, fattasc lo spirito... Io quanno vedette a
maritemo la primma vota, tanta de la priezza, me mettetto a chiacchier e non la fernette
cchi, e tu pe tasc na parola da la vocca nce vonno de spuntunate. Ah, che brutto
carattere neh? Basta D. Err, io vaco ad annunzi dinto che site venuto. Che vaggia
dicere, chesta la figliola, si ve piace, si lo carattere sujo ve conviene, se combina lesto
lesto tutto cose, e si no avimmo pazziato, che sha da f. Jammo, Luis, jammo dinto...
Ah! Non me fido cchi de resistere... Uh! Scusate... me f scurd pure de parl pulito.
(Via a sinistra.)
LUISELLA: Have ragione proprio... che brutto carattere. (Via appresso.)
ERRICO (a Fortunato): (Una sorella tutto fuoco, e laltra tutto ghiaccio).
FORTUNATO: (Caro signore, dovete capire, che quello un fuoco che stato gi
appicciato, questo non ancora? E perci...).
ERRICO: (Lo s, ma fino ad un certo punto per). Signorina, se continuerete ad agire cos,
mi fate comprendere chiaramente che non vi sono simpatico affatto, e che non avete
piacere di sposarmi. Che ne dite?
ANGIOLINA: Addimannatelo a zi prevete.
ERRICO: Lo domando a voi.
FORTUNATO: E io che ne saccio? (Lasciatela st m, a nato poco nce parlo a sulo a sulo,
e vedimmo che me dice).
ERRICO: (Va bene, ma me pare troppo fredda la verit).
FORTUNATO: ( una ragazza ritirata, che volete!).
ANGIOLINA: (D. Fortun, che vha ditto?).
FORTUNATO: (Niente, che maveva dicere, sta dispiaciuto, che tu non lo rispunne a
dovere).
ANGIOLINA: (Chaggia f: io me metto scuorno... ma me piace, simpatico assaje).
FORTUNATO: (E dincello, che nce aspiette?).
SCENA QUARTA
Salvatore, poi Nicola, Bettina e Gennarino, indi Carmela.
SALVATORE: arrivato D. Nicola lo Sinneco, col famiglio. (Via.)
FORTUNATO: Ah, bravo. Favoriscano, favoriscano.
NICOLA (grossa giacca, gil bianco, camicia con collo basso, guanti a piacere, nastro
rosso alla giacca, insegne di Cav., porta sotto il braccio Bettina vestita caricata da festa.
Gennarino li segue vestito come Nicola): D. Fortunato bello. Avita scus si avimmo
tricato nu poconiello, pecch moglierema, ha avuta f nu poco de toletta, dico a voi.
(Gennanno bacia la mano a Fortunato.)
BETTINA: Emb che diavolo, simme state invitate a na festa, e certamente nce avevamo
present a dovere.
ERRICO: (Veri figurini di moda).
346

CARMELA (uscendo): Oh, ben venuti. Signor Sindaco, signora Sindachessa.


BETTINA: Mille auguri con prosperit e salute.
CARMELA Grazie.
NICOLA: E denare assaje. Dico a voi.
CARMELA: Grazie, grazie.
BETTINA: E tu comme staje Ngiul, staje bona?... Brava cu stu vestito, staje proprio
aggraziata! Stasera dice che faje conoscenza co lo sposo, overo?
CARMELA: Sissignore, eccolo l, ve lo presento. Il signor Errico Delfino.
NICOLA Ah, voi siete lo sposo? Bravo, tanto piacere.
ERRICO: Fortunato.
NICOLA: Nicola Pagliuchella, Cavaliere sindaco di questo paese. Mia moglie Bettina, e
mio figlio Gennanino!... Questo ragazzo laggio tenuto dinto a lo culleggio 5 anne, lo
vulevo mpar la museca, ma non ha voluto proprio ncuorpo, e che facevo tenevo un
spesato inutilmente, ne laggio levato, e aggio ditto, f chello che bu tu.
ERRICO: Avete fatto bene.
NICOLA: Laggio mannato paricchie vote a Napule, pe le f pigli idee, conoscenze, pe
non lo f ven nu turzo. Dico a voi.
ERRICO: E vi piace Napoli?
GENNARINO: Oh, molto! Io starei sempre in Napoli. Che cielo! Che citt! Che vita! Che
allegria! Tutte le volte che ritorno da Napoli; questo paese mi sembra una tomba, ci sto,
perch ci debbo stare, perch ci sta pap e mamm, ma per me non ci starei nemmeno un
minuto! Che monotonia, che silenzio, che tristezza, che noia, che seccatura. Viva Napoli!
Viva la gran citt! Ll si vive! Qua si muore.
ERRICO: (V che bello tipo ch chisto!).
NICOLA: (Che ne dicite? Che spirito! Che sveltezza!).
ERRICO: (Ah, sicuro).
CARMELA: Neh, vulite tras dinto?
BETTINA: Come credete.
ANGIOLINA: S, s, jammo, permettete?
ERRICO: Accomodatevi.
BETTINA: Nicola, viene. (Via con Carmela e Angiolina a sinistra.)
NICOLA: Ti perseguito.
FORTUNATO: Veniteve a pigli primma nu bicchierino e quacche cosa cc, dinto a lo
buff.
NICOLA: S, dicite buono, a me faciteme st lontano de la folla.
FORTUNATO: D. Err, onorateci anche voi.
ERRICO: No, grazie, io attendo D. Cesare in giardino. (In fondo a sinistra.)
FORTUNATO: D. Nic, favorite.
NICOLA: Senza cerimonie. (Lazzi e viano seconda a diritta.)
GENNARINO: Io pe me, non voglio niente, voglio una cosa, voglio st miezo le figliole...
so venuto pabball, pe zump... e spezzuli! (Via prima a sinistra.)
SCENA QUINTA
Cesare, Giulietta e Felice.
Di dentro si sente una forte risata di Giulietta.

347

CESARE (portando a braccetto Giulietta, con abito da festa di gran lusso. Felice li segue
portando sul braccio la mantella di Giulietta. Cesare ha in mano delle carte di musica):
Haje ragione de ridere, la gente de stu paese, accus