Sei sulla pagina 1di 681

La formazione delle parole in italiano

La formazione
delle parole in italiano
a cura di
Maria Grossmann
e Franz Rainer

Max Niemeyer Verlag


Tbingen 2004

Bibliografische Information der Deutschen Nationalbibliothek


Die Deutsche Nationalbibliothek verzeichnet diese Publikation in der Deutschen Nationalbibliografie;
detaillierte bibliografische Daten sind im Internet ber http://dnb.ddb.de abrufbar.
ISBN 978-3-484-50711-1
Max Niemeyer Verlag GmbH, Tbingen 2004
http://www.niemeyer.de
Das Werk einschlielich aller seiner Teile ist urheberrechtlich geschtzt. Jede Verwertung auerhalb der
engen Grenzen des Urheberrechtsgesetzes ist ohne Zustimmung des Verlages unzulssig und strafbar. Das
gilt insbesondere fr Vervielfltigungen, bersetzungen, Mikroverfilmungen und die Einspeicherung und
Verarbeitung in elektronischen Systemen. Printed in Germany.
Druck: AZ Druck und Datentechnik GmbH, Kempten
Einband: Norbert Klotz, Jettingen-Scheppach

Indice sintetico
Indice generale

VII

1. INTRODUZIONE

1.1. Presentazione

1.2. Premesse teoriche

2. COMPOSIZIONE

31

2.1. Composizione con elementi italiani

33

2.2. Composizione con elementi neoclassici

69

3. PREFISSAZIONE

97

3.0. Introduzione

99

3.1. Differenze tra prefissazione e composizione

100

3.2. Caratteristiche definitorie dei prefissi

105

3.3. Identificazione dei prefissi

108

3.4. Produttivit e analizzabilit

109

3.5. Selezione della base

Ili

3.6. Caratteristiche fonologiche

118

3.7. Funzioni semantiche

126

4. PARASINTESI

165

4.1. Verbi parasintetici

167

4.2. Nomi cosiddetti parasintetici

182

4.3. Aggettivi cosiddetti parasintetici

183

5. SUFFISSAZIONE

189

5.1. Derivazione nominale

191

5.2. Derivazione aggettivale

382

5.3. Derivazione verbale

450

5.4. Derivazione avverbiale

472

5.5. Derivazione numerale

489

6. RETROFORMAZIONE

493

VI

Sommario del contenuto

6.1. La retroformazione come fenomeno analogico

495

6.2. Tipi di retroformazioni in italiano

495

7. CONVERSIONE

499

7.1. Introduzione

501

7.2. Conversione in sostantivi

505

7.3. Conversione in aggettivi

526

7.4. Conversione in verbi

534

7.5. Conversione in avverbi

550

8. RIDUZIONE

555

8.1. Introduzione

557

8.2. Sigle: i tipi De, Fiat

558

8.3. Accorciamenti

561

8.4. Riduzioni per troncamento di suffisso

566

9. PAROLE MACEDONIA

567

9.1. La nozione di parola macedonia

569

9.2. Tipi di parole macedonia in italiano

569

10. FORMAZIONE DELLE PAROLE NELLE TERMINOLOGIE


TECNICO-SCIENTIFICHE

573

10.1. Introduzione

575

10.2. Chimica

580

10.3. Medicina

585

10.4. Botanica e zoologia

591

11. FORMAZIONE DELLE PAROLE NELL'ONOMASTICA

599

11.1. Antroponimia

601

11.2. Toponimia

607

11.3. Econimia

609

BIBLIOGRAFIA

611

SIGLE E ABBREVIAZIONI

645

INDICE DEGLI AFFISSI, INTERFISSI ED ELEMENTI FORMATIVI

651

Indice generale
1. INTRODUZIONE
1.1. P r e s e n t a z i o n e

1
MARIA GROSSMANN / FRANZ RAINER

1.2. Premesse teoriche


1.2.1. Delimitazione del campo di ricerca FRANZ RAINER
1.2.2. La nozione di regola di formazione di parole
1.2.2.1. Il lessico mentale come punto di partenza
1.2.2.2. La parola come unit fondamentale
1.2.2.3. La direzionalit delle regole di formazione di parole
1.2.2.4. Testa e modificatore
1.2.2.5. Conclusione
1.2.3. Il significato delle regole di formazione di parole
1.2.3.1. Significato lessicale e significato morfologico
1.2.3.2. Struttura argomentale e sottocategorizzazione
1.2.4. La forma delle regole di formazione di parole
1.2.4.1. Allomorfia: fra variazione allofonica e suppletivismo
1.2.4.2. Allomorfia determinata paradigmaticamente
1.2.4.3. Parola, tema, radice: la natura delle basi
1.2.5. Restrizioni sulle regole di formazione di parole
1.2.5.1. Tipologia delle restrizioni
1.2.5.2. Produttivit
1.2.6. C a m b i o s e m a n t i c o e f o r m a z i o n e d e l l e parole

f ANDREAS BLANK

1.2.6.1. Una prospettiva cognitiva dell'innovazione lessicale


1.2.6.2. La conversione nella prospettiva concettuale
1.2.6.2.1. Tipi formali e semantici della conversione
1.2.6.2.2. Conversione ed ellissi
1.2.6.3. Metafora e formazione delle parole
1.2.6.4. Metonimia e formazione delle parole
1.2.6.4.1. Modelli concettuali e derivazione
1.2.6.4.2. La scelta fra metonimia e derivazione
1.2.6.4.3. I tipi CONTENITORE-CONTENUTO/PORZIONE
e STRUMENTO-PERSONA

1.2.6.5. Conclusione

Composizione con elementi italiani


2.1.1. Definizione e delimitazione
2.1.1.1. Composti e derivati
2.1.1.2. Composti e sintagmi

4
4
7
7
9
9
11
12
13
13
15
16
17
18
19
20
20
22
23

23
24
24
25
25
26
27
27
29

29

2. COMPOSIZIONE
2.1.

31
ANTONIETTA BISETTO

33

33
34
34

VILI

Indice

2.1.1.3. Composti e polirematiche


2.1.2. Composti nominali
2.1.2.1. Composti N+N coordinati
2.1.2.1.1. Composti N+N coordinati esocentrici
2.1.2.1.1.1. Il tipo Emilia-Romagna, centrodestra
2.1.2.1.1.2. Il tipo governo-sindacati
2.1.2.2. Composti N+N subordinati
2.1.2.2.1. Formazioni N+N subordinate con testa a sinistra
2.1.2.2.1.1. Il tipo trasporto latte
2.1.2.2.1.2. Il tipo direzione ufficio acquisti
2.1.2.2.2. Formazioni N+N subordinate con testa a destra
2.1.2.2.2.1. Il tipo calciomercato
2.1.2.2.2.2. Il tipo madrelingua
2.1.2.2.2.3. Il tipo fruttivendolo
2.1.2.3. Composti nominali numerali
2.1.2.4. Composti nominali con aggettivo
2.1.2.5. Composti nominali esocentrici
2.1.3. Composti aggettivali
2.1.3.1. Il tipo altoatesino
2.1.4. Composti numerali
2.1.4.1. Numerali cardinali
2.1.4.2. Numerali ordinali
2.1.5. Composti verbali
2.1.6. Composti avverbiali DAVIDE RICCA
2.1.6.1. Composti veri e propri: il tipo sottobraccio
2.1.6.2. Univerbazioni: i tipi almeno, altrettanto, dappertutto,
nondimeno e simili
2.1.7. Composti come basi di derivazione ANTONIETTA BISETTO
2 . 1 . 8 . Polirematiche

MIRIAM VOGHERA

2.1.8.1. Premessa terminologica


2.1.8.2. Caratteristiche generali delle polirematiche
2.1.8.2.1. Morfosintassi
2.1.8.2.2. Semantica
2.1.8.2.3. Uso
2.1.8.3. Tipi di polirematiche
2.1.8.3.1. Polirematiche nominali
2.1.8.3.2. Polirematiche pronominali
2.1.8.3.3. Polirematiche verbali
2.1.8.3.4. Polirematiche aggettivali
2.1.8.3.5. Polirematiche avverbiali
2.1.8.3.6. Polirematiche preposizionali

generale

36
36
37
39
39
39
39
40
41
42
42
42
43
43
43
43
45
47
48
49
49
50
50
51
51
52
53
56

56
56
57
59
61
62
62
65
65
66
67
67

ndice generale

IX

2.1.8.3.7. Polirematiche congiunzionali


2.1.8.3.8. Polirematiche interiettive
2.2.

Composizione con elementi neoclassici CLAUDIO IACOBINI


2.2.1. Differenti denominazioni ed eterogeneit degli elementi formativi
2.2.2. Distinzioni all'interno degli elementi formativi
2.2.2.1. Elementi formativi neoclassici
2.2.2.2. Accorciamenti usati in composizione
2.2.2.3. Elementi formati per secrezione
2.2.2.4. Parole modificate e altri elementi non autonomi
2.2.3. Caratteristiche dei composti formati con elementi formativi
2.2.4. Diffusione degli elementi formativi nella lingua comune
2.2.5. Elementi formativi, affissi e parole
2.2.5.1. Differenze tra affissi e elementi formativi
2.2.5.2. Differenze tra parole e elementi formativi
2.2.6. Elementi formativi di tipo lessicale
2.2.7.1 tipi pseudoproblema, equidistante, monocefalo ecc
2.2.8.1 tipi eurocrate, politologo, carnivoro ecc

3. PREFISSAZIONE

CLAUDIO IACOBINI

3.0. Introduzione
3.1. Differenze tra prefissazione e composizione
3.1.1. Prefissazione e composizione neoclassica
3.1.2. Prefissi e preposizioni

68
68
69

70
72
72
73
76
76
79
81
84
85
86
86
88
89
97
99
100
100
101

3.2. Caratteristiche definitorie dei prefissi

105

3.3. Identificazione dei prefissi

108

3.4. Produttivit e analizzabilit

109

3.5. Selezione della base


3.5.1. Struttura morfologica della base
3.5.2. Ricorsivit: il tipo ex-ex-marito, metametalinguaggio
3.5.3. Sostituzione di prefisso: il tipo svitare, spolverare, postfazione
3.5.4. Fattorizzazione: il tipo pre- e poststrutturalismo

Ili
114
116
117
117

3.6. Caratteristiche fonologiche


3.6.1. Posizione dell'accento
3.6.2. Modifiche dei prefissi
3.6.3. Modifiche della base
3.6.4. Restrizioni
3.6.5. Nessi anomali

118
119
120
123
124
125

3.7. Funzioni semantiche


3.7.1. Posizione

126
128

Indice

generale

3.7.1.1. Valori locativi


3.7.1.1.1. "Avanti, prima": ante-, anti-2, avan-, pre-, pro3.7.1.1.2. "Dietro, all'indietro": post-, retro-, "movimento in senso
contrario": anti-1, contro-, re-, retro-, ri3.7.1.1.3. "Di fronte, posizione contrapposta": anti-1, contra-, contro-, ob3.7.1.1.4. "Vicino": giusta-, para-, sub3.7.1.1.5. "Dentro, all'interno, in mezzo": fra-, infra-, inter-, intra-,
intro-, tra3.7.1.1.6. "Fuori, al di fuori di, all'esterno": e-, estra-, estro-, extra-, stra3.7.1.1.7. "Sopra": sopra-Isovra-, sor-, su-, super-, sur3.7.1.1.8. "Sotto": infra-, ipo-, so-, sotto-, sub3.7.1.1.9. "Al di l, attraverso, oltre": meta-, oltre-, per-, tra-, trans-,
tras-, ultra3.7.1.1.10. "Intorno": circum3.7.1.1.11. "Al di qua": cis-, citra3.7.1.1.12. "Provenienza, separazione, allontanamento": ab-, de-, di-,
dis-, e-/'es-, s-, se3.7.1.1.13. "Relazione gerarchica": bis-, contro-, pro-, sotto-, sub-, vice-....
3.7.1.2. Valori temporali
3.7.1.2.1. "Prima": ante-, anti-2, avan-, ex-, pre-, pro3.7.1.2.2. "Dopo": post-, retro-, sopra-/sovra-, ultra3.7.1.2.3. "In mezzo": infra-, inter3.7.1.2.4. "Nuovo": neo3.7.2. Negazione
3.7.2.1. "Opposizione": anti-1, contra-, contro3.7.2.2. "Contraddizione": non3.7.2.3. "Contrariet": a-, dis-, in-2, mis-, s3.7.2.4. "Privazione": a-, de-, di-, dis-, e-/es-, in-2, s3.7.2.5. "Reversione": de-, dis-, s3.7.3. Alterazione: valori dimensionali e valutativi
3.7.3.1. Grandezza e quantit
3.7.3.1.1. "Grandezza e quantit maggiore": iper-, macro-, maxi-, mega-,
sopra-/sovra-, super3.7.3.1.2. "Grandezza e quantit minore": micro-, mini-, sotto-, sub3.7.3.2. Qualit
3.7.3.2.1. "Qualit maggiore": arci-, extra-, iper-, mega-, sopra-/sovra-,
stra-, super-, sur-, ultra- (archi-, oltre-, per-, pre-, ri-, sor-, tra-)
3.7.3.2.2. "Qualit minore": bis-, fra-, infra-, intra-, ipo-, para-, semi-,
so-, sotto-, sub3.7.4. Quantificazione "molti, vari": multi-, pluri-, poli3.7.5. "Ripetizione": re-, ri- (retro-, sopra-/sovra-, sotto-, sub-)
3.7.6. "Ingressivit": ad-, in-1, ra-, rin-, s-

129
129
129
130
131
131
132
132
133
134
136
136
137
137
138
138
139
140
140
141
142
143
143
144
146
147
149
149
150
151
151
153
154
154
157

Indice generale

XI

3.7.7. "Riflessivit": auto3.7.8. "Unione, reciprocit, relazione": co-, con-, inter4. P A R A S I N T E S I

CLAUDIO IACOBINI

159
161
165

4.1. Verbi parasintetici


4.1.1. Distinzione tra verbi parasintetici e verbi a doppio stadio derivativo
4.1.2. Verbi ingressivi ed egressivi
4.1.3. Il doppio valore di s4.1.4. Verbi parasintetici deaggettivali
4.1.5. Verbi parasintetici denominali
4.1.5.1. Significato causativo
4.1.5.1.1.1 tipi accartocciare, incolonnare, inarcare
4.1.5.1.2. Il tipo inviperirsi
4.1.5.1.3.1 tipi affascinare, insaporire
4.1.5.2. Significato locativo
4.1.5.2.1.1 tipi imburrare, incoronare
4.1.5.2.2.1 tipi affossare, infornare
4.1.5.3. Significato strumentale: i tipi accoltellare, scarrozzare
4.1.5.4. Considerazioni quantitative
4.1.6. Altri verbi assimilabili al tipo parasinttico

167
168
172
173
174
176
176
177
177
177
177
178
178
179
179
180

4.2. Nomi cosiddetti parasintetici


4.2.1.1 tipi imbiellaggio, decespugliatore
4.2.2.1 tipi ipervitaminosi, endogamia
4.2.3. Il tipo bipartitismo
4.2.4.1 tipi guerrafondaio, fruttivendolo

182
182
182
183
183

4.3. Aggettivi cosiddetti parasintetici


4.3.1.1 tipi assatanato, ammandorlato, deteinato
4.3.2.1 tipi sottomarino, antiparassitario
4.3.3.1 tipi imberbe, informe, bilingue, trireme', immancabile, irrestringibile

183
183
184
186

5. SUFFISSAZIONE

189

5.1. Derivazione nominale


5.1.1. Derivazione nominale denominale

191
191

5.1.1.1. Nomi di agente

MARIA G. LO DUCA

5.1.1.1.1. Il tipo fioraio


5.1.1.1.2.1 tipi campanaro e palazzinaro
5.1.1.1.3. Il tipo barcaiolo / barcaiuolo / barcarolo
5.1.1.1.4.1 tipi barbiere e guerriero
5.1.1.1.5. Il tipo impresario
5.1.1.1.6. Il tipo autista
5.1.1.1.7. Itipi garibaldino, cigiellino, postino

191

194
197
200
202
204
206
209

Indice generale
5.1.1.1.8.

Il tipo capellone

210

5.1.1.1.9.

Il tipo bracciante

213

5.1.1.1.10.

Il tipo manzoniano

214

5.1.1.1.11.

Altri tipi

215

5.1.1.1.12.

Mozione

5.1.1.1.12.1.

Il tipo ragazzo / ragazza

5.1.1.1.12.2.

I tipi infermiere/infermiera,

ANNA M . THORNTON

218

220
accattone/accattona,

tintore / tintora
5.1.1.1.12.3.

221

Nomi di genere comune

222

5.1.1.1.12.3.1. Itipi il cantante/la

cantante,

il preside/la

5.1.1.1.12.3.2. Il tipo il giornalista

/ la giornalista

preside

222
222

5.1.1.1.12.4.

Il tipo scalatore

5.1.1.1.12.5.

I femminili dei maschili in -sore

223

5.1.1.1.12.6.

I femminili in -essa

223

5.1.1.1.12.7.

Il tipo eroina e i femminili in -ina

5.1.1.1.12.8.

I tipi donna poliziotto,


volpe maschio

225

5.1.1.1.12.9.

Altri tipi

225

5.1.1.1.12.10.

U s o dei diversi tipi di mozioni al femminile

5.1.1.2. Nomi di strumento

/scalatrice

222

mamma porcospino,

224
ministro

MARIA G. L o DUCA
e pallottoliere

donna,

225
227

5.1.1.2.1.

I tipi bistecchiera

5.1.1.2.2.

Il tipo ditale

230

5.1.1.2.3.

Nomi di strumento da procedimenti alterativi

230

5.1.1.2.4.

Altri tipi

233

5.1.1.3. N o m i di luogo

228

234

5.1.1.3.1.

I tipi lebbrosario,

5.1.1.3.2.

I tipi carbonaia

pollaio

epagliaro

e solfara

234
236

5.1.1.3.3.

Il tipo libreria

236

5.1.1.3.4.

Il tipo tintoria

237

5.1.1.3.5.

Il tipo lanificio

238

5.1.1.3.6.

Altri tipi

239

5.1.1.4. Nomi di status

FRANZ RAINER

241

5.1.1.4.1.

Il significato dei nomi di status

241

5.1.1.4.2.

I singoli suffissi

242

5 . 1 . 1 . 5 . N o m i collettivi

MARIA GROSSMANN

244

5.1.1.5.1.

Considerazioni generali

244

5.1.1.5.2.

Nomi collettivi derivati con suffissi collettivi

245

5.1.1.5.3.

Nomi collettivi derivati con altri suffissi

5.1.1.6. Altre categorie

FRANZ RAINER

247
253

5.1.1.6.1.

Il suffisso -ata

5.1.1.6.2.

Il suffisso -eria

253
254

5.1.1.6.3.

Il tipo sinistrese

255

Indice generale

XIII

5.1.1.6.4.

I suffissi -ismo e -esimo

256

5.1.1.6.5.
5.1.1.6.6.

Il suffisso -istica
Il suffisso -ite

260
261

5.1.1.6.7.
Suffissi improduttivi o poco produttivi
5 . 1 . 1 . 7 . Alterazione
LAVINIA MERLINI BARBARESI

262
264

5.1.1.7.1.
5.1.1.7.2.

Paradigma dei suffissi alterativi


Base

265
267

5.1.1.7.3.

Categorie del nome

268

5.1.1.7.4.

Regole di formazione

269

5.1.1.7.5.

Restrizioni fonologiche

269

5.1.1.7.6.
5.1.1.7.7.
5.1.1.7.8.

Restrizioni suffissali e blocco


Inserzione di affricata
Ordine delle regole di suffissazione

270
271
271

5.1.1.7.9.

Mantenimento della categoria sintattica

272

5.1.1.7.10.

Propriet di testa

272

5.1.1.7.11.
5.1.1.7.12.

Cambiamento di genere
Cumulo di suffissi

273
275

5.1.1.7.13.
5.1.1.7.14.

Interfissi
Semantica e pragmatica degli alterati

276
279

5.1.1.7.15.

Produttivit

280

5.1.1.7.16.
5.1.1.7.16.1.

Suffissi liberamente produttivi


Diminutivi

281
281

5.1.1.7.16.1.1. Il suffisso -ino/a


5.1.1.7.16.1.2. Il suffisso -etto/a

281
284

5.1.1.7.16.1.3. Il suffisso -ello/a


5.1.1.7.16.1.4. Il suffisso -uccio/a (variante -uzzo/a)

285
286

5.1.1.7.16.1.5. Il suffisso -otto,


5.1.1.7.16.2.
Accrescitivi

287
287

5.1.1.7.16.2.1. Il suffisso-one
5.1.1.7.16.2.2. Il suffisso -otto2

287
289

5.1.1.7.16.3.

Peggiorativi

289

5.1.1.7.16.3.1. Il suffisso -acciol-azzo

289

5.1.1.7.17.
5.1.1.7.17.1.
5.1.1.7.17.2.

290
290
291

Suffissi poco produttivi o improduttivi


Diminutivi
Accrescitivi / diminutivi

5.1.1.7.17.3.
Peggiorativi
5.1.2. Derivazione nominale deaggettivale
FRANZ RAINER
5.1.2.1. Nomi di qualit
5.1.2.1.1.
Considerazioni generali
5.1.2.1.1.1.
Il significato dei nomi di qualit

292
293
293
293
293

5.1.2.1.1.2.

La categoria sintattica delle basi

296

5.1.2.1.1.3.

Struttura argomentale e sottocategorizzazione

297

XIV

Indice

5.1.2.1.2.
Descrizione dei singoli suffissi
5.1.2.1.2.1. Nomi di qualit primari
5.1.2.1.2.1.1.1 suffissi -ite-et
5.1.2.1.2.1.2. Il suffisso -ezza
5.1.2.1.2.1.3. Il suffisso -ia
5.1.2.1.2.1.4. Il suffisso -(z)a
5.1.2.1.2.1.5.1 suffissi -aggine e -eria
5.1.2.1.2.1.6. Suffissi improduttivi
5.1.2.1.2.2. Nomi di qualit sostitutivi
5.1.2.1.2.2.1. Nomi d'azione in funzione di nomi di qualit
5.1.2.1.2.2.2. Nomi collettivi in funzione di nomi di qualit
5.1.2.1.2.2.3. Nomi di status in funzione di nomi di qualit
5.1.2.1.2.2.4. Nomi in -ismo e -esimo in funzione di nomi di qualit
5.1.2.1.2.3. Interazioni fra i suffissi
5.1.3. Derivazione nominale deverbale
5 . 1 . 3 . 1 . Nomi d'azione
LIVIO GAETA
5.1.3.1.1.
Considerazioni generali
5.1.3.1.1.1. Il significato dei nomi d'azione
5.1.3.1.1.2. Estensioni di significato
5.1.3.1.1.3. La categoria sintattica delle basi
5.1.3.1.1.4. Struttura argomentale e sottocategorizzazione
5.1.3.1.2.
Descrizione dei singoli suffissi
5.1.3.1.2.1. I suffissi -mento e -zione
5.1.3.1.2.2. I suffissi -tura e -aggio
5.1.3.1.2.3. Il participio passato femminile
5.1.3.1.2.4. Il suffisso -(z)a
5.1.3.1.2.5. Il suffisso -io
5.1.3.1.2.6. Suffissi non produttivi
5.1.3.2. Nomi di agente MARIA G. LO DUCA
5.1.3.2.1.
II tipo educatore
5.1.3.2.2.
Il tipo amante
5.1.3.2.3.
Il tipo spazzino
5.1.3.2.4.
Il tipo mangione
5.1.3.2.5.
Il tipo abbonato, pentito, deceduto
5.1.3.2.6.
Altri tipi
5.1.3.3. Nomi di strumento
5.1.3.3.1.
Il tipo lavatrice
5.1.3.3.2.
Il tipo frullatore
5.1.3.3.3.
I tipi annaffiatoio, binatoia, distillatorio
5.1.3.3.4.
Il tipo abbagliante, disinfettante
5.1.3.3.5.
Il tipo cancellino
5.1.3.3.6.
Altri tipi

generale

298
298
298
301
304
305
306
309
311
311
312
312
312
313
314
314

314
314
316
318
319
321
323
334
338
346
348
349
351
352
357
360
361
363
363
364
365
367
369
371
372
373

Indice generale

XV

5.1.3.4. Nomi di luogo


5.1.3.4.1. I tipi abbeveratoio, accorciatoia, osservatorio
5.1.3.4.2. Il tipo stireria
5.1.3.4.3. Altri tipi
5.1.3.5. Nomi di paziente: i tipi arrestato, battezzando
5.1.3.6. Nomi di beneficiario: il tipo affidatario
5.2. Derivazione aggettivale
5.2.1. Aggettivi denominali

382
382

5.2.1.1. Aggettivi di relazione

ULRICH WANDRUSZKA

5.2.1.1.1. Considerazioni generali


5.2.1.1.2. I singoli suffissi
5.2.1.1.3. Aggettivi di somiglianza
5.2.1.2. Aggettivi possessivi
5.2.1.3. Aggettivi di disposizione
5.2.1.4. Aggettivi di effetto
5.2.1.5. Altri aggettivi denominali
5.2.1.6. Etnici
FRANZ RAINER
5.2.1.6.1. Considerazioni generali
5.2.1.6.2. I singoli suffissi
5.2.1.7. Deantroponimici

5.2.1.7.1.
5.2.1.7.2.
5.2.1.7.2.1.
5.2.1.7.2.2.
5.2.1.7.2.3.
5.2.1.7.2.4.
5.2.1.7.3.

CHRISTIAN SEIDL

Considerazioni generali
I suffissi pi produttivi
Il suffisso -iano
Il suffisso -ano
Il suffisso -esco
Il suffisso -ista
Suffissi poco produttivi o improduttivi

5.2.2. Aggettivi deverbali

374
374
375
376
376
379

DAVIDE RICCA

5.2.2.1. Considerazioni generali


5.2.2.1.1. Significato degli aggettivi deverbali
5.2.2.1.2. Aggettivi deverbali e participi
5.2.2.1.3. Struttura argomentale
5.2.2.1.4. Restrizioni morfologiche sulla base
5.2.2.2. Descrizione dei singoli suffissi
5.2.2.2.1. Il suffisso -bile
5.2.2.2.1.1. Semantica
5.2.2.2.1.2. Questioni formali
5.2.2.2.2. Il suffisso -evole
5.2.2.2.3. Il suffisso -nte
5.2.2.2.4. I suffissi -(t)ivo e -(t)orio: confronto formale e semantico
5.2.2.2.5. Suffissi minori e improduttivi

382

382
387
394
397
400
400
401
402
402
405
409

409
411
411
412
413
414
416
419

419
419
420
421
422
422
422
422
426
429
430
435
440

Indice

XVI

5.2.2.2.6.
Ai margini della categoria
5.2.2.2.6.1. Derivati con suffissi non tipicamente deverbali
5.2.2.2.6.2. Derivati con suffissi non tipicamente aggettivali
5.2.3. Aggettivi deaggettivali
LAVINIA MERLINI BARBARESI
5.2.3.1. L'alterazione dell'aggettivo
5.2.3.2. La forma elativa dell'aggettivo: -issimo ed -errimo
5.2.3.3. Il suffisso -oide ed altri suffissi aggettivali

generale

441
442
442
444
444
448
449

5.3. Derivazione verbale


450
5 . 3 . 1 . Verbi denominali
M A R I A GROSSMANN
450
5.3.1.1. Considerazioni generali
450
5.3.1.2. Struttura semantica
452
5.3.1.2.1.
'+animato'
453
5.3.1.2.1.1. '+umano': i tipi capitaneggiare, bamboleggiare e
berlusconizzarsi (C)
453
5.3.1.2.1.2. '-umano': il tipo farfalleggiare
454
5.3.1.2.2.
'-animato', '+concreto'
455
5.3.1.2.2.1. oggetto effetto
455
5.3.1.2.2.1.1. parte di un tutto: i tipi barbificare e spumeggiare
455
5.3.1.2.2.1.2. insieme o componente: i tipi antologizzare e quotizzare .... 455
5.3.1.2.2.1.3. Altri verbi con oggetto effetto: il tipo burrificare
456
5.3.1.2.2.2. oggetto affetto
456
5.3.1.2.2.2.1. oggetto localizzato: il tipo vitaminizzare
456
5.3.1.2.2.2.2. Altri verbi con oggetto affetto: il tipo ancheggiare
457
5.3.1.2.2.3. complemento locativo: i tipi ospedalizzare,
borseggiare
e troneggiare
457
5.3.1.2.2.4. strumento: il tipo pennelleggiare
458
5.3.1.2.2.5. complemento predicativo del soggetto: il tipo torreggiare . 458
5.3.1.2.3.
'-animato', '-concreto': i tipi danneggiare,
spettacolizzare,
fiatizzare (L), ozieggiare
458
5.3.2. Verbi deaggettivali
459
5.3.2.1. Considerazioni generali
459
5.3.2.2. Struttura semantica
461
5.3.2.2.1.
Verbi causativi e incoativi
462
5.3.2.2.1.1. Derivati da antonimi: il tipo velocizzare
462
5.3.2.2.1.2. Derivati da complementari non graduabili:
il tipo impermeabilizzare
463
5.3.2.2.1.3. Derivati da complementari graduabili: il tipo concretizzare ... 463
5.3.2.2.1.4. Derivati da aggettivi denominali: i tipi
problematizzare, teatralizzare e americanizzare
464
5.3.2.2.2.
Verbi stativi o continuativi: i tipi zoppicare & folleggiare
465
5 . 3 . 3 . Verbi deverbali
PIER M A R C O BERTINETTO
465

Indice generale

XVII

5.4. Derivazione avverbiale

DAVIDE RICCA

472

5.4.1. Sintassi e semantica degli avverbi in -mente


5.4.1.1. Polisemia delle formazioni in -mente
5.4.1.2. Avverbi in -mente e struttura argomentale

473
473
478

5.4.2. Caratteristiche morfologiche della derivazione


5.4.2.1. Allomorfia della base aggettivale
5.4.2.2. La terminalit di -mente e il problema del superlativo
5.4.2.3. Restrizioni fonologiche sulla base
5.4.2.4. Restrizioni morfologiche sulla base
5.4.2.5. Restrizioni semantiche sulla base
5.4.3. Altre formazioni avverbiali

479
479
481
482
482
487
489

5.5. Derivazione numerale

FRANZ RAINER

489

6. R E T R O F O R M A Z I O N E

FRANZ RAINER

493

6.1. La retroformazione come fenomeno analogico

495

6.2. Tipi di retroformazioni in italiano

495

7. CONVERSIONE

499

7.1. Introduzione

ANNA M . THORNTON

7.2. Conversione in sostantivi


7.2.1. Conversione

7.2.1.1. Mozione per conversione di radice


7.2.1.2. Il tipo statistica / statistico
7.2.1.3.1 tipi la mela / il melo, il cedro (frutto) / il cedro (albero)
7.2.1.4. Il tipo mecenate
7.2.1.5. Il tipo gorgonzola
7.2.1.6. Il tipo Albiano (toponimo) - albiani (etnico)
7.2.2. Conversione A
7.2.2.1. Nomi deaggettivali basati su processi di ellissi
7.2.2.1.1. Il tipo fiorentina (squadra di calcio)
7.2.2.1.2. Il tipo francesistica (scienza)
7.2.2.1.3.1 tipi rosacee, bovini, paleozoico
7.2.2.1.4. Il tipo il gotico (stile)
7.2.2.1.5. Il tipo un tranquillante
7.2.2.1.6. Aggettivi sostantivati come nomi d'agente
7.2.2.1.7. Altri tipi
7.2.2.2. Il tipo il Bergamasco (territorio)
7.2.2.3. Il tipo il francese (lingua)
7.2.2.4. Aggettivi sostantivati astratti: il tipo il sublime
7.2.3. Conversione V

501

505
505
506
506
506
507
508
508
508
509
510
510
511
511
511
512
512
512
514
515
515

XVIII

Indice

7.2.3.1. Maschili in -o: il tipo acquisto


7.2.3.2. Femminili in -a
7.2.3.2.1. Il tipo sosta
7.2.3.2.2.
Femminili in -a nati per troncamento di suffisso
7.2.3.2.2.1. Troncamento di -zione: il tipo revoca
7.2.3.2.2.2. Troncamento di -tura
7.:2.3.2.2.3. Troncamento di -trice
7.2.3.3. Nomi d'agente: il tipo procaccia
7.2.3.4. Infinito sostantivato
7.2.3.5. Participio presente sostantivato
7.2.3.6. Participio passato sostantivato
7.2.3.6.1. Nomi di forma coincidente con il maschile
del participio passato
7.2.3.6.1.1. Il tipo ruggito
7.2.3.6.1.2. Il tipo udito
7.2.3.6.1.3. I tipi ammalato, abitato
7.2.3.6.2. Nomi d'azione di forma coincidente con il femminile
del participio passato
7.2.3.7. Altro
7.2.3.7.1. Nomi cartellino: il tipo credo
7.2.3.7.2. Nomi d'azione composti: il tipo fuggifuggi
7.2.3.8. Il lato formale dei deverbali derivati per conversione
7.2.4. Conversione Avv

generale

516
517
517
518
518
520
520
521
522
522
522
522
522
523
523
523
523
523
523
524
525

7.3. Conversione in aggettivi


526
7.3.1. Conversione -> A
526
7.3.1.1. Il tipo Montalcino (toponimo) montalcino (etnico),
Pakistan > pakistano
526
7.3.1.2. Il tipo fascista
527
7.3.1.3. Il tipo socio fondatore, potenze vincitrici
528
7.3.1.4. Il tipo parola chiave, uccello mosca
528
7.3.1.5. Il tipo busta paga
529
7.3.1.6. Il tipo albicocca / ciclamino / salmone
529
7.3.1.7. Altro
530
7.3.2. Conversione V A
530
7.3.2.1. Aggettivi coincidenti con participi passati: i tipi ragazzo educato e abito
logoro
531
7.3.2.2. Aggettivi coincidenti con participi presenti: il tipo fari abbaglianti
532
7.3.3. Conversione Avv
A
533
7.4. Conversione in verbi

MARIA GROSSMANN

7.4.1. Considerazioni generali


7.4.2. Struttura semantica
7.4.2.1. Verbi denominali

534

534
535
535

Indice generale

XIX

7.4.2.1.1.
7.4.2.1.1.1.
7.4.2.1.1.2.
7.4.2.1.2.
7.4.2.1.2.1.
7.4.2.1.2.1.1.
7.4.2.1.2.1.2.
7.4.2.1.2.1.3.

N'+animato'
'+umano': i tipi capitanare, ficcanasare, monacare
'-umano': i tipi lumacare, salmonare, bacarsi
'-animato', '+concreto'
oggetto effetto
parte di un tutto: il tipo dentare
insieme o componente: i tipi catastare e granellare
Altri verbi con oggetto effetto: i tipi vellutare, trillare,
carezzare, asteriscare, soppalcare ecc
7.4.2.1.2.2. oggetto affetto
7.4.2.1.2.2.1. oggetto localizzato: i tipi salare e squamare
7.4.2.1.2.2.2. Altri verbi con oggetto affetto: i tipi ciabattare,
volantinare, spinellare ecc
7.4.2.1.2.3. complemento locativo: i tipi cestinare, salinare
e altalenare
7.4.2.1.2.4. strumento: il tipo martellare
7.4.2.1.2.5. complemento predicativo del soggetto: il tipo turbinare ....
7.4.2.1.2.6. soggetto: il tipo nevischiare
7.4.2.1.3.
'-animato', '-concreto': i tipi ossessionare, cicchettare
e odiare
7.4.2.2. Verbi deaggettivali
7.4.2.2.1.
Verbi causativi e incoativi
7.4.2.2.1.1. Derivati da antonimi: il tipo snellire
7.4.2.2.1.2. Derivati da complementari non graduabili: il tipo invalidare .
7.4.2.2.1.3. Derivati da complementari graduabili: il tipo stancare
7.4.2.2.1.4. Derivati da aggettivi denominali: il tipo soggettivare
7.4.2.2.2.
Verbi stativi o continuativi: i tipi pazientare e curiosare
7.4.2.3. Verbi deavverbiali
7.4.3. C a m b i a m e n t i di valenza

HEIDI SILLER-RUNGGALDIER

7.4.3.1. Considerazioni preliminari


7.4.3.2.1 tipi di cambiamento di valenza e le rispettive classi verbali
7.4.3.3. La variabilit di valenza, un fenomeno di formazione delle parole?
7.5. Conversione in avverbi
8. RIDUZIONE

DAVIDE RICCA

ANNA M. THORNTON

536
536
537
537
538
538
538
539
539
539
541
541
542
542
542
543
543
544
544
545
545
545
546
546
546

546
547
549
550
555

8.1. Introduzione

557

8.2. Sigle: i tipi De, Fiat

558

8.3. Accorciamenti

561

8.3.1.1 tipi auto, bici, pala8.3.2. Il tipo tossico


8.3.3. Il tipo sub
8.3.4. Il tipo bus

563
564
565
566

XX

Indice

generale

8.4. Riduzioni per troncamento di suffisso

566

9. P A R O L E M A C E D O N I A

567

ANNA M . THORNTON

9.1. La nozione di parola macedonia

569

9.2. Tipi di parole macedonia in italiano

569

10. F O R M A Z I O N E D E L L E P A R O L E N E L L E T E R M I N O L O G I E
TECNICO-SCIENTIFICHE
10.1. Introduzione

573

MAURIZIO DARD ANO

575

10.1.1. Cenni storici


10.1.2. Il ruolo della formazione delle parole
10.1.3. L'uso del greco
10.2. Chimica

575
577
579

CLAUDIO GlOVANARDI

580

10.2.1. Cenni storici


10.2.2. Nomenclatura chimica e formazione delle parole
10.2.3. Tipi di derivati e composti
10.2.3.1. Suffissazione
10.2.3.2. Prefissazione
10.2.3.3. Composizione
10.3. Medicina

10.3.1.
10.3.2.
10.3.3.
10.3.4.
10.3.5.

LUCA SERIANNI

585

Fonti
L'importanza della formazione delle parole
Tratti peculiari
Varianti formali e suppletivismo
Composti

10.4. Botanica e z o o l o g i a

10.4.1.
10.4.2.
10.4.3.
10.4.4.

580
581
582
582
583
584

585
586
587
589
590

FRANCESCO BIANCO

591

Affissazione e gruppi tassonomici


Il ruolo delle lingue classiche
Il ruolo delle altre lingue
Polirematiche, lingua comune e tassonomie locali

11. F O R M A Z I O N E D E L L E P A R O L E N E L L ' O N O M A S T I C A

11.1. Antroponimia
11.1.1. Nomi personali
11.1.1.1. Composizione: i tipi Giancarlo, Anna Maria
11.1.1.2. Parole macedonia: i tipi Marisa, Maril
11.1.1.3. Suffissazione
11.1.1.3.1. Il tipo Giuliana
11.1.1.3.2. Il tipo Antonino

593
595
595
596
ANNA M . THORNTON

599

601
601
601
602
603
603
603

ndice generale

11.1.1.3.3.1 tipi Giuseppina,


11.1.1.3.4.1 tipi Roby, Lori
11.1.1.4. Conversione: il tipo Carlo/Carla
11.1.1.5. Ipocoristici e vocativi
11.1.1.5.1. Il tipo Ale, Fede
11.1.1.5.2.1 tipi Sandro, Nino
11.1.1.5.3. Il tipo Titti
11.1.1.5.4. Il tipo Pa\ France'
11.1.2. Cognomi

XXI

603
604
604
605
605
605
606
606
606

11.2. Toponimia
11.2.1. Geotoponimi
11.2.2. Nomi di esercizi

607
607
608

11.3. Econimia

609

BIBLIOGRAFIA

611

SIGLE E ABBREVIAZIONI

645

Autori
Fonti
Riviste
Notazioni convenzionali

645
645
646
649

INDICE DEGLI AFFISSI, INTERFISSI ED ELEMENTI FORMATIVI

651

1. INTRODUZIONE

1 . 1 . P r e s e n t a z i o n e MG/FR

Scopo del libro che qui presentiamo quello di offrire agli studenti e agli studiosi una esposizione sistematica dei meccanismi di formazione delle parole nell'italiano contemporaneo.
L'idea di questo lavoro nata nel 1998 a Bruxelles, dove noi editori del volume ci siamo
incontrati in occasione del XXII Congresso internazionale di linguistica e filologia romanza. Non era, tra l'altro, la prima volta che discutevamo dell'esigenza di un'opera di
consultazione per l'italiano paragonabile alla Spanische Wortbildungslehre di Franz Rainer,
uscita nel 1993 a Tbingen, sempre presso la casa editrice Niemeyer. Convenivamo anche
sul fatto che, per giungere ad un risultato soddisfacente, dovevamo elaborare un piano di
lavoro collettivo. Abbiamo dunque invitato 17 colleghi, e cio Pier Marco Bertinetto
(Scuola Normale Superiore di Pisa), Francesco Bianco (Universit di Roma Tre), Antonietta Bisetto (Universit di Bologna), Andreas Blank (Universit di Marburgo), Maurizio
Dardano (Universit di Roma Tre), Livio Gaeta (Universit di Torino), Claudio Giovanardi
(Universit di Roma Tre), Claudio Iacobini (Universit di Salerno), Maria G. Lo Duca
(Universit di Padova), Lavinia Merlini Barbaresi (Universit di Pisa), Davide Ricca (Universit di Torino), Christian Seidl (Universit di Zurigo), Luca Serianni (Universit di Roma La Sapienza), Heidi Siller-Runggaldier (Universit di Innsbruck), Anna M. Thornton
(Universit dell'Aquila), Miriam Voghera (Universit di Salerno) e Ulrich Wandruszka
(Universit di Klagenfurt), a collaborare con noi alla realizzazione dell'idea, affidando a
ciascuno di essi la stesura di capitoli o sottocapitoli del volume. Pur trattandosi di un'opera
con numerosi autori, desideravamo pervenire non ad una raccolta di saggi bens, partendo
dallo stesso corpus (il DISC e diversi dizionari di neologismi) e coordinandone
l'impostazione complessiva, ad una presentazione omogenea dei diversi processi morfologici. Auspicavamo che gli autori si collocassero ad un livello teorico il pi possibile comune e che mettessero in primo piano la descrizione dei fatti piuttosto che il dibattito teorico.
Il lettore noter che le diverse parti, nonostante le direttive comuni e il lavoro finale di
omogeneizzazione, ancora rivelano inevitabilmente le diverse mani, differenze di taglio e di
esposizione, nonch inclinazioni teoriche diverse.
Questo volume destinato in primo luogo ad un pubblico universitario italiano e straniero, ma anche agli autori di manuali scolastici, ad insegnanti, lessicografi, terminologi e
psicolinguisti, e speriamo che vi possa trovare motivi d'interesse anche un pubblico pi
ampio. Pur non essendo un'opera teorica, ricapitola nella forma pi accessibile possibile i
risultati acquisiti dalla ricerca avanzata e, dunque, malgrado l'intento divulgativo, non pu
non presupporre nel lettore una certa preparazione specifica.
Com' inevitabile in questo tipo di imprese, l'opera ha richiesto da parte dei singoli autori molta pazienza e spirito di abnegazione. A tutti rivolgiamo un caloroso ringraziamento.
Siamo grati anche a tutti i colleghi che ci hanno aiutato in varia maniera nel corso della
stesura del presente libro e alla casa editrice Niemeyer, e per averne favorito la pubblicazione e per la cura esperta con cui ha contribuito al suo assetto finale.
Desideriamo concludere questa presentazione rivolgendo un pensiero alla prematura
scomparsa di uno degli autori. Alla memoria di Andreas Blank, che ci ha lasciato a soli 40
anni, dedichiamo il presente volume.

1. Introduzione

1.2.

Premesse teoriche

1.2.1. Delimitazione del campo di ricerca FR


La morfologia 1 quel ramo della grammatica che studia le parole motivate, cio le parole
di una lingua che, si potrebbe dire in una prima approssimazione, mostrano un rapporto
semantico-formale con altre parole della stessa lingua. Barista, ad esempio, una parola
motivata in questo senso dato che il suo significato deducibile in base a bar e una lunga
serie di parole come elettricista, giornalista ecc. in cui -ista ha un valore semantico identico
o per lo meno simile.2 Bar, invece, una parola non motivata che non rimanda ad altre
parole dell'italiano: b, a, r, ba e ar infatti sono solo suoni o sillabe e non morfemi, cio
elementi formali minimi dotati di significato proprio 3 (a, vero, una preposizione e un
prefisso e dunque un morfema, ma questi morfemi non contribuiscono per niente a spiegare
il significato di bar).
Il rapporto di motivazione essenzialmente un rapporto paradigmatico, cio un rapporto
fra una parola motivata e una o varie parole motivanti del lessico. Se spostiamo lo sguardo
dai rapporti fra parole del lessico sull'asse sintagmatico, osserviamo che, per lo meno nei
derivati finora considerati, le parole motivanti sono anche, integramente o parzialmente,
costituenti della parola motivata. Nel nostro esempio, bar rappresentato integralmente in
barista, mentre la serie delle parole in -ista solo presente attraverso questo stesso elemento comune a tutte. In questa prospettiva sintagmatica, si suol dire che barista una
parola complessa che consta di una base (bar) e di un suffisso (-ista). Nel caso di barista,
la base una parola semplice, ma in altri casi, come quello di giorn-al-ista, si pu naturalmente anche trattare di una parola a sua volta complessa.
Non tutte le parole complesse presentano per le caratteristiche di barista, in cui tanto la
base quanto la parola complessa sono indubbiamente delle parole nel senso pi intuitivo del
termine. La situazione gi molto meno evidente per una formazione come cambio gomme,
anch'essa tradizionalmente ritenuta di competenza della morfologia. Cosa distingue cambio
gomme da una costruzione indubbiamente sintattica come cambio delle gomme? Cosa ci
permette, in altri termini, di vedere nel primo una parola e nel secondo un sintagma?
Per rispondere a questa domanda, dobbiamo prima cercare di definire il concetto di parola (cfr. in merito Ramat 1990). In genere, l'uso di tale concetto nel linguaggio comune e
in linguistica sembra basarsi sui seguenti criteri, non completamente coestensivi. Si ritiene
che una parola si riferisca a un concetto unitario, sia modificabile solo globalmente, e che
eventuali parti costituenti siano inseparabili e presentino un ordine fisso. A questi criteri in
alcune occasioni si aggiungono altri come l'unit accentuale, che per sono pi soggetti alla
variabilit interlinguistica.

Sulla morfologia teorica, cfr. Spencer 1991, Scalise 1994, Booij / Lehmann / Mugdan 2000, Spencer 2001, Haspelmath 2002, cos come lo Yearbook of Morphology, pubblicato annualmente da G.
Booij e J. van Marie presso la casa editrice Kluwer di Dordrecht.
Ci sono anche parole motivate isolate, senza serie al fianco. Menzioniamo come esempi cattiveria,
ostrogoto e visigoto, o il composto piano-bar.

Sulle molte definizioni del concetto di morfema riscontrabili in linguistica cfr. Berruto 1990.

1.2. Premesse

teoriche

Nel caso di cui ci stiamo occupando (cft. anche 2.1.2.2.1.1.), i nostri criteri sembrano efficaci. Cambio gomme pu certo considerarsi come concetto unitario: l'espressione si utilizza soprattutto per un certo tipo di operazione altamente standardizzata durante una corsa
di formula uno, mentre cambio delle gomme disponibile per qualunque operazione in cui
si cambiano delle gomme. L'ordine dei costituenti fisso (*gomme cambio), mentre il
sintagma permette marginalmente l'inversione in un registro poetico (delle gomme il cambio). Il criterio dell'inseparabilit serve pi chiaramente a distinguere parola complessa e
sintagma ("cambio rapido gomme vs il cambio rapido delle gomme), mentre per la modificabilit del secondo costituente la differenza sembra un po' meno netta ('cambio gomme
lisce vs il cambio delle gomme lisce). Tutto sommato, i nostri criteri definitori della parola
ci hanno dunque separato soddisfacentemente le sequenze cambio gomme e cambio delle
gomme, intuitivamente molto vicine una all'altra. Come vedremo per in 2.1.1.2., 2.1.1.3.
e 2.1.8.2.1., la delimitazione della morfologia dalla sintassi un problema assai complesso.
Cambio gomme, contrariamente a barista, ha due basi, cambio e gomme, cio costituito
da due parole indipendenti. In termini paradigmatici, il nostro composto motivato dalle
due parole indipendenti cambio e gomme, nonch da una serie di parole di simile fattura
come trasporto latte, movimento merci, rimborso spese ecc. Questo tipo di parola complessa si chiama parola composta o semplicemente composto, mentre se uno dei due costituenti
non una parola ma un affisso tipo -ista, si parla di parola derivata o derivato. I rispettivi
procedimenti formativi si chiamano composizione e derivazione, e ambedue insieme, formazione delle parole.
La frontiera con la sintassi non tuttavia l'unico problema di delimitazione. Mentre in
barista e cambio gomme tanto la base / le basi quanto il derivato / il composto sono parole
nel senso di concetti lessicali autonomi, in altri casi la struttura morfologica interna non
sembra accompagnata da un cambio concettuale cos forte. Gomme, ad esempio,
senz'altro una parola complessa come fa vedere l'opposizione con gomma, ma si ritiene che
il concetto veicolato dalla -e finale, cio 'plurale', non crei una parola nuova indipendente
ma semplicemente una variante della stessa parola. Tali parole complesse che sono solo
varianti di una stessa parola sono chiamate tradizionalmente parole flesse, ed il procedimento corrispondente, flessione.
La delimitazione fra derivazione e flessione fra i problemi pi discussi della morfologia (cfr. Booij 1998). Il criterio concettuale utilizzato sopra per distinguere derivazione e
flessione, per diffuso che sia, senz'altro insufficente per definire con precisione il confine
fra i due procedimenti. Bellissimo, ad esempio, tradizionalmente considerato come derivato, anche se "bellissimo" difficilmente si pu ritenere concetto indipendente rispetto a
"bello" nella stessa maniera in cui "bar" e "barista" costituiscono dei concetti autonomi. Di
tutti i criteri proposti per distinguere flessione e derivazione - una cinquantina in tutto! - il
pi utile ancora quello della pertinenza sintattica. Secondo questo criterio, un affisso
flessivo solo se pertinente per il funzionamento di una regola sintattica. Il plurale dei
nomi, ad esempio, sintatticamente pertinente in questo senso perch rende necessaria la
concordanza di aggettivi modificatori, articoli ecc. La divisione tradizionale fra derivazione
e flessione non per pienamente coerente con questo criterio. Cos molti suffissi cambiano il genere della base e hanno dunque lo stesso effetto sintattico, ma non per questo
sono classificati come flessivi. Sembra dunque necessario limitare il concetto di pertinenza
sintattica ai soli casi in cui un morfema indotto da una regola sintattica. Questo il caso
degli aggettivi, in cui gli affissi flessivi sono indotti dalla presenza nel nome modificato

1. Introduzione

delle categorie 'singolare' / 'plurale' e 'maschile' / 'femminile'. stato proposto (cfr. Booij
1996) di distinguere, in questo senso, una flessione inerente (plurale e genere dei sostantivi) e una flessione contestuale (plurale e genere degli aggettivi), di cui la prima sarebbe
pi vicina alla derivazione della seconda.1 Per quanto riguarda i verbi, infine, la categoria
'tempo-aspetto' pi vicina al polo inerente, perch normalmente non dipende dal contesto
sintattico, mentre le categorie 'modo', 'numero' e 'persona' sono contestuali in quanto
sintatticamente indotte dal soggetto della frase o dal tipo di costruzione (il congiuntivo
dopo certi verbi, ad esempio).
Analizzando la distribuzione di morfemi derivazionali e flessivi in italiano, si osserva
che questi ultimi, come anche in altre lingue, sono quasi sempre periferici rispetto ai primi.
Fra le eccezioni italiane conviene menzionare soprattutto gli avverbi in -mente (cfr.
5.4.2.1.), la cui base la forma femminile dell'aggettivo (chiar-a-mente), ed il tipo antirughe, dove il suffisso del plurale -e del nome base nella portata del prefisso derivazionale
anti-. Si noti per che in nessuno dei due casi l'affisso flessivo indotto da una regola sintattica. La generalizzazione della perifericit della flessione rimane dunque valida anche per
l'italiano se la limitiamo alla sola flessione contestuale.
Il terzo confine poco sicuro - e poco esplorato - quello con la semantica. La nostra definizione iniziale delle parole motivate come quelle che presentano un rapporto semanticoformale con altre parole della stessa lingua include anche, se applicata meccanicamente,
tutte le metafore e metonimie. Anche piede "parte bassa di un tavolo", dopo tutto, presenta
un rapporto tanto semantico (similarit) quanto formale (identit) con piede "parte del corpo ecc.". E lo stesso vale per una coppia metonimica come direzione "il dirigere" / direzione "organo direttivo".
Per evitare questa eccessiva estensione del campo di ricerca si potrebbe precisare la definizione esigendo che la parola complessa sia pi complessa della base anche formalmente.
In questo modo elimineremmo elegantemente tutte le metafore e metonimie, dato che esse
mostrano, come abbiamo visto, un rapporto di identit formale con la base. Ma con una tale
mossa, disgraziatamente, escluderemmo anche tutta una serie di rapporti semantico-formali
che tradizionalmente sono considerati di competenza della formazione delle parole. Anche
l'aggettivo fisico e il sostantivo fisico "studioso di fisica", ad esempio, mostrano un rapporto di identit formale, ma secondo la tradizione si tratterebbe ciononostante di un rapporto derivazionale di sostantivazione o nominalizzazione.
Per escludere le metafore e le metonimie dal campo della formazione delle parole senza
escludere esempi come quest'ultimo, si soliti ricorrere a criteri ulteriori. Il pi usuale
quello del cambio della categoria sintattica: in caso di identit formale, si parla di formazione delle parole solo se base e derivato appartengono a categorie sintattiche diverse. In
questo modo il sostantivo fisico rimarrebbe di competenza della formazione delle parole,
mentre l'uso metaforico di piede e quello metonimico di direzione non supererebbero
l'esame di ammissione. Questo criterio ha per lo svantaggio di escludere anche certe metonimie che presentano cambi semantici molto simili a quelli osservabili in procedimenti
indubbiamente derivazionali. Cos, ad esempio, le metonimie "contenitore" "contenuto"
tipo bere un bicchiere d'acqua sono semanticamente molto simili a derivati in -ata come
bicchierata "quantit di liquido corrispondente a un bicchiere" (DISC, accezione 1.). Di
fronte a tali esempi legittimo domandarsi perch dovremmo esigere il cambio di categoria
1

L'idea di un continuum fra derivazione eflessione difesa con forza anche in Dressier 1989.

1.2. Premesse

teoriche

solo quando c' identit formale, e non per tutta la derivazione. Dato che questo problema
fondamentale non mai stato indagato in profondit (cfr. Rainer 1993a, 78-80) ci parso
opportuno includere un capitolo speciale sulla frontiera fra metonimia e formazione delle
parole (cfr. 1.2.6.). Un altro capitolo speciale (cfr. 7.4.3.) sar dedicato a cambi della struttura argomentale indotti da un cambio concettuale, come nel caso dell'uso causativo-transitivo di crescere, i figli crescono * crescere i figli. Anche in questi casi, che non sono tradizionalmente considerati come di competenza della formazione delle parole, il cambio
semantico simile a quanto incontriamo nella formazione delle parole al di sopra di ogni
sospetto (cfr. hanno accresciuto la produzione) mentre non cambiano n la forma n la
categoria sintattica.
Concludendo possiamo dunque dire che il campo della formazione delle parole presenta
un centro netto in derivati tipo barista e certi tipi di composti, mentre esistono delle zone
grigie tanto verso la sintassi quanto verso la flessione e verso la semantica. Queste zone
grigie non sono solo dovute a deficienze analitiche ma sono, almeno in parte, inerenti
all'oggetto di studio stesso.

1.2.2.

La nozione di regola di formazione di parole FR

Le regolarit semantico-formali che, secondo quanto abbiamo visto in 1.2.1., costituiscono


l'oggetto di studio della formazione delle parole sono generalmente descritte mediante
regole di formazione di parole, le cui propriet essenziali saranno sviluppate nel presente
paragrafo e in quelli seguenti.

1.2.2.1. Il lessico mentale come punto di partenza FR


Il nostro punto di partenza costituito, in linea di principio, dal cosiddetto lessico mentale,
cio l'insieme delle parole memorizzate dai parlanti, tanto semplici quanto complesse, e
delle relazioni che i parlanti stabiliscono fra queste parole memorizzate. Tali relazioni possono essere di tipo formale, semantico, o semantico-formale. Esempi di relazioni puramente
formali sarebbero le rime fra serie di parole: osso, grosso, mosso ecc. Anche le assonanze o
gli schemi prosodici rientrano in questa categoria. Esempi di relazioni puramente semantiche sono, ad esempio, le relazioni di sinonimia, antonimia, iperonimia ecc. riscontrabili
anche fra parole di cui nessuna fa parte dell'altra, com' invece il caso dei derivati e composti. Alto e basso, ad esempio, hanno certo un rapporto privilegiato nel lessico mentale che
non pu mancare in una descrizione completa del lessico italiano, ma il rapporto rimane
puramente semantico (a prescindere dalla desinenza, naturalmente). L'oggetto di studio
della formazione delle parole invece, come abbiamo gi avuto modo di vedere, costituito
solo da un certo tipo di relazioni allo stesso tempo semantiche e formali. Sar il compito di
questo volume di fornire una descrizione il pi possibile completa e sistematica di queste
relazioni semantico-formali riscontrabili nell'italiano moderno.
Se si detto sopra che il lessico mentale costituisce il nostro punto di partenza in linea
di principio, ci si deve al fatto che siamo ben lungi dall'avere una rappresentazione onnicomprensiva del lessico mentale, bench gli studi di psicolinguistica in materia abbiano

1.

Introduzione

fatto progressi notevoli negli ultimi decenni (cfr., per una buona sintesi, Laudanna / Burani
1999). Sfuggendo dunque il lessico mentale all'osservazione diretta, dobbiamo scegliere
un'altra base empirica che sia pi facilmente accessibile ma ne rispecchi comunque le caratteristiche indispensabili per un'analisi morfologica. Questo surrogato del lessico mentale
sar costituito per noi da un dizionario della lingua italiana moderna, pi concretamente il
DISC, la cui versione elettronica di agevole maneggio per lo studioso della formazione
delle parole.
Il fatto di partire dal lessico mentale ci permette di descrivere adeguatamente alcuni fenomeni strettamente connessi con la formazione delle parole, o pi in generale la morfologia, come quello del blocco (cfr. Scalise / Ceresa / Drigo / Gottardo / Zannier 1983, Rainer
1988a). Si osserva frequentemente che una determinata parola che, secondo le regole di
formazione di parole della lingua, dovrebbe essere accettabile, nondimeno evitata o respinta dai parlanti a causa dell'esistenza di un sinonimo ben radicato nella lingua.
"Rubatore, ad esempio, sarebbe in tutto analogo alla serie delle parole in -tore come rapinatore ecc. e infatti anche attestato in italiano antico, ma oggi viene evitato per l'esistenza
del sinonimo ladro. Ora, questo fenomeno del blocco di una parola virtuale da parte di un
sinonimo usuale sensibile alla frequenza del sinonimo bloccante: pi quest'ultimo frequente, pi il blocco sar efficace. Mentre, ad esempio, coraggio, un sostantivo relativamente frequente, blocca efficacemente coraggiosit, acrimoniosit sembra nettamente pi
tollerabile accanto al raro acrimonia (cfr. Rainer 1989a, 30). Come numerosi studi di psicolinguistica hanno mostrato, la frequenza di una parola rende pi facile ripescarla dal
lessico mentale; una teoria della formazione delle parole basata sul lessico mentale pu
dunque rendere conto del fenomeno del blocco in maniera del tutto naturale. In concezioni
del lessico pi astratte, meno direttamente psicolinguistiche, dove la nozione di frequenza
non appare, un trattamento adeguato del fenomeno del blocco sembra invece impossibile
all'interno della teoria morfologica.1
Quello del blocco, fra l'altro, non l'unico fenomeno morfologico che consiglia di prendere in considerazione la nozione di parola memorizzata / usuale nello studio della formazione delle parole. Un altro costituito dall'analogia, cio la coniazione di un neologismo
sul modello di una parola usuale ben determinata o un piccolo gruppo di parole ben determinato. L'analogia pi apparente quando il neologismo riprende da una parola complessa
determinata un'idiosincrasia assente dalla serie delle parole complesse comparabili. Il neologismo giornalista squillo di C. Cederna, ad esempio, non rimanda genericamente alla
serie di N+N, ma pi specificamente al modello ragazza squillo, di cui riprende
l'implicazione semantica idiosincratica "che si prostituisce". Analogie di questo tipo, che
sono pi frequenti di quanto non si pensi, mostrano che lo studio della formazione delle
parole deve partire da un lessico costituito di parole memorizzate e dotate di tutte le loro
idiosincrasie, come appunto il caso del lessico mentale.2

Si osservi che esiste anche un altro tipo di blocco che non dipende dalla frequenza in quanto una
regola che blocca l'attuazione di un'altra regola. Il suffisso -et, ad esempio, blocca sistematicamente -it con basi chefiniscononella semivocale [j]: unitario > unitariet / *unitarit ecc.
Per altri argomenti in merito, cfr. Booij 1987,44-51.

1.2. Premesse

teoriche

1.2.2.2. La parola come unit fondamentale FR


Nel paragrafo precedente si detto che il lessico mentale comprende tutte le parole memorizzate pi le relazioni fra di esse, e che esso il punto di partenza ideale dell'analisi morfologica. Ne consegue che l'unit di base di tale analisi deve essere la parola.
La scelta della parola come unit di base ben radicata nella tradizione morfologica occidentale fin dall'antichit, quando i grammatici solevano descrivere i paradigmi flessivi
presentando dei casi paradigmatici ed invitando gli utenti a seguire tali modelli in tutti i
casi analoghi. Lo stesso procedimento veniva applicato anche alla derivazione e alla composizione, un po' come abbiamo fatto anche noi poco sopra nell'analisi di giornalista
squillo: anche l siamo partiti dall'ipotesi che la coniatrice, C. Cederna, abbia avuto in
mente il modello ragazza squillo, in cui poi avrebbe effettuato la sostituzione del primo
sostantivo lasciando intatto tutto il resto del significato fortemente idiosincratico. Ma anche
molti studiosi della formazione delle parole davano e danno per scontato la validit di tale
approccio, da Paul 1880 a Becker 1990.1
A questa metafora occidentale della parola-modello e la sua copia si contrappone per la
tradizione indiana, ripresa e diffusa nella linguistica moderna da Bloomfield 1933, che
concepisce la formazione di parole complesse piuttosto sulla falsariga del gioco delle costruzioni (la metafora tuttavia non indiana). In questa tradizione, le unit di base o, per
riprendere l'immagine, i mattoni corrispondono ai morfemi, e le parole complesse si formano a partire dai morfemi come i mattoncini si mettono insieme per fare una costruzione.
Qui si parte dunque dagli elementi minimi per arrivare alle unit pi complesse, mentre
nella tradizione occidentale, al contrario, l'unit complessa formata sul modello di
un'altra unit complessa preesistente o un insieme di unit complesse preesistenti.
La scelta fra queste due concezioni della morfologia non ovvia. In molti casi, infatti,
specie quello delle formazioni pienamente regolari, esse sono pi o meno indistinguibili.
Per le formazioni idiosincratiche, per, il modello occidentale chiaramente preferibile,
dato che esse per definitionem non sono descrivibili esclusivamente mediante regole. Per
salvare il modello indiano, si potrebbe pensare di limitarne la portata alle sole regole produttive. Tale soluzione non sarebbe per senza problemi. Da un lato, la produttivit , come
vedremo in 1.2.5.2., un continuum, e dall'altro si osserva che anche formazioni idiosincratiche fungono spesso da punto di partenza per nuove formazioni, come si gi visto
nell'esempio giornalista squillo. Altri processi morfologici che presuppongono un lessico
costituito da parole complesse memorizzate sono la retroformazione e la sostituzione di
affisso, trattate nel prossimo paragrafo.

1.2.2.3. La direzionalit delle regole di formazione di parole FR


Fin qui abbiamo parlato di relazioni semantico-formali fra parole, senza pronunciarci sulla
direzionalit o meno di queste relazioni. Generalmente si assume che le regole di formazione di parole trasformino una parola meno complessa in una pi complessa, che il processo

Cfr. anche, da un punto di vista pi generale, Skousen / Lonsdale / Parkinson 2002.

10

I. Introduzione

cesso sia dunque orientato (cfr. Iacobini 1996).1 E per la stragrande maggioranza delle
formazioni tale assunzione anche talmente ovvia che non ha bisogno di ulteriori giustificazioni. Chi infatti vorrebbe negare che tazzina derivato da tazza, e non tazza da tazzina?
Nei casi chiari, l'uscita pi complessa tanto formalmente quanto semanticamente. Ci
sono per anche dei casi in cui alla complessit semantica non fa riscontro nessuna complessit formale. Dobbiamo menzionare innanzitutto la conversione (cfr. 7.), un processo
formativo in cui il cambio di significato accompagnato da un cambio di categoria sintattica ma non da un cambio formale. Anche in assenza di un indizio formale la direzione
della conversione in generale chiara: il sostantivo un superdotato, ad esempio, deriva
senza dubbio dall'aggettivo superdotato, non viceversa. Percepiamo come derivata la parola che semanticamente presuppone l'altra, come aveva gi notato Marchand 1964b. Ma
l'intuizione non sempre cos netta, per esempio nelle coppie danza / danzare e collasso /
collassare. A prima vista sembra altrettanto plausibile definire il sostantivo con il verbo
quanto il verbo con il sostantivo: danza "l'azione del danzare", danzare "eseguire una danza", collasso "il fatto di collassare", collassare "patire un collasso". Il criterio semantico
anche l'unico che ci pu guidare nella determinazione della direzione della relazione nelle
creazioni per sostituzione. Dal campo della composizione potremmo citare di nuovo giornalista squillo, che rinvia a ragazza squillo, non viceversa, e dal campo della derivazione i
numerosi casi di sostituzione d'affisso come accelerare > decelerare ecc.2 La centralit
del criterio semantico ancora pi ovvia nel caso della retroformazione (cfr. 6.), termine il
cui prefisso allude appunto ad un'inversione della direzione derivativa abituale. La bambina
menzionata in 6. che ha ricavato aviare "pilotare un aereo" da aviatore non ha fatto altro
che invertire la regola che serve a formare nomi di agente in -tore a partire da verbi. Che
anche una regola di conversione possa essere invertita mostrato da telelavorare, ricavato
recentemente da telelavoro secondo il modello di lavorare * lavoro. Anche l'accorciamento (cfr. 8.3.) un processo in cui l'uscita, pragmticamente pi complessa, viene sentita come derivata bench sia pi breve della base: bicicletta bici ecc. Mentre nel caso
dell'accorciamento la forma dell'uscita definita attraverso una caratterizzazione della
forma dell'uscita stessa e non della stringa cancellata, in una sottrazione il processo semantico accoppiato al contrario ad una definizione della riduzione formale da operare.
per dubbio che in italiano esistano autentici casi di sottrazione. Coppie come psichiatria
* psichiatra "specialista in psichiatria", biologia biologo "specialista in biologia" ecc.
potrebbero al limite descriversi associando al significato "specialista in" l'operazione di
sottrazione di -ia. Per ottenere le uscite corrette, bisognerebbe per ancora aggiungervi
un'operazione di velarizzazione e la specificazione della desinenza richiesta nei singoli casi
(-a nel caso di psichiatra, -o nel caso di biologo). Siccome dunque una tale regola di sottrazione dovrebbe ad ogni modo far riferimento a elementi formativi come -iatra e -logo,
sembra preferibile vedere nelle coppie di questo tipo delle formazioni per sostituzione. La
morfologia italiana conterr cos una regola che indica che a un sostantivo in -logia pu
sempre corrispondere un altro in -logo col senso "specialista in X", e similmente per
-iatria / -iatra ecc. Una formazione in -logo si pu dunque formare sia aggiungendo -logo a
Questa assunzione generalizzata traspare dalla terminologia stessa: entrata e uscita, base e derivato, basi e composto.
2

II fenomeno della sostituzione non si tratter in un capitolo a parte bens nei capitoli dedicati ai
rispettivi affissi o tipi compositivi.

1.2. Premesse

11

teoriche

una base (cravattologo "specialista in materia di cravatte", piuttosto che "specialista in


cravattologia" ecc.) sia sostituendo -logo a -logia (microbiologia * microbiologo "specialista in microbiologia", non "piccolo biologo"! ecc.).
Il criterio semantico dunque quello primario, ma non sempre molto operazionale. Il
seguente criterio distributivo (cfr. Aronoff 1976, 116-121) pu essere di grande aiuto per
determinare la direzione derivativa nei casi dubbi: se la categoria morfologica derivata
dalla categoria A, per quasi ogni elemento b di esiste anche una base corrispondente a in
A, ma non viceversa. L'applicazione di questo criterio distributivo ci pu aiutare, ad esempio, a districare le relazioni morfologiche fra le parole in -crazia, -crate, -cratico (aggettivale e nominale) e -erotizzare della tabella 1.
-crazia

-crate

-craticoA

aristo-

+/XVI

+/XVII

auto-

+/1819

+/XVIII

buro-

+/XVIII

clepto-

+/1987

demo

+/XVI

+XVII

+/?

+/XVIII

euro-

+/1965

+/1963

primo elemento

-craticoN

-cratizzare

+/1807

+/1907

+/1813

+/1884

+/1989

+/1989

fallo-

+/1973

+/1983

+/1978

fisio-

+/1803

+/1834

+/1937

geronto-

+/1869

+/1952

merito-

+/1970

+/1978

partito-

+/1950

+/1973

+/1950

pluto-

+/1835

+/1918

+/1891

tecno-

+/1935

+/1961

+/1961

teo-

+/XVIII

+/1905

+/XVIH

Tabella 1 : Il criterio distributivo e le formazioni in -crazia,

-crate, -cratico,

-cratizzare

(legenda: + = attestato nel DISC, - = non attestato nel DISC, /prima attestazione)

Se ci basassimo sul solo criterio di semplicit formale, dovremmo derivare le parole in


-crazia, -craticoA e -cratizzare da quelle in -crate. Il criterio distributivo invece ci consiglia
di derivare le parole in -crate e -cratico A da quelle in -crazia, mentre per quelle in
-cratizzare lascia aperte le opzioni -crazia e -craticoescludendo
comunque -crate. Questi
risultati del criterio distributivo risultano molto consoni a quelli del criterio semantico: un
Xcrate infatti un membro / seguace della Xcrazia, XcraticoA significa "relativo alla Xcrazia", e Xcratizzare "rendere Xcratico". Anche il criterio cronologico compatibile grosso
modo con i risultati dei criteri distributivo e semantico.

1.2.2.4. Testa e modificatore FR


Una parola complessa spesso l'iponimo di uno dei suoi costituenti: un vagone letto una
specie di vagone, un'autostrada una specie di strada, un elettricista un tipo di -ista ecc.
Il costituente iperonimico che, oltre alla categoria semantica, determina anche normalmente
aspetti grammaticali della parola complessa come la categoria sintattica, il genere o la classe flessiva, sar chiamato testa: vagone dunque la testa di vagone letto, strada la testa di

12

1. Introduzione

autostrada, -ista la testa di elettricista ecc. Il secondo costituente delle formazioni citate,
che ha la funzione di modificare la testa, ricever il nome di modfcatore.' Nei nostri
esempi il modfcatore ha l'effetto di restringere l'estensione della testa aggiungendo ulteriori tratti al suo significato: un vagone letto una sottoclasse di vagoni forniti di letti ecc.
Non in tutti i casi la sua funzione per quella di definire un sottoinsieme dell'insieme
delimitato dalla testa: la classe delle frasi inaccettabili, ad esempio, non un sottoinsieme
delle frasi accettabili, ma l'insieme complementare.
La nozione di testa di grande importanza per la descrizione della formazione delle parole. Nella composizione, essa serve a distinguere composti endocentrici e composti esocentrici (cfr. anche 2.1.). Sono endocentrici quelli in cui uno dei costituenti serve da iperonimo del composto intero, come nel caso di vagone letto, mentre nei composti esocentrici
nessuno dei costituenti pu fungere da iperonimo: un apribottiglie, ad esempio, uno strumento, non una bottiglia, un pettirosso un uccello, non un petto ecc. L'esocentricit un
fenomeno presente soprattutto nella composizione, ma marginalmente esiste anche nella
prefissazione: anticucina, antipalchetto, e simili, ad esempio, non designano una cucina, un
palchetto ecc. ma una stanza, un locale, un ambiente ecc. che si trova all'entrata di una
cucina, un palchetto ecc. Questi prefissati semanticamente esocentrici per sono esocentrici
solo a met, dato che il genere endocntricamente determinato dal sostantivo: cucina f. *
anticucina f., palchetto m. antipalchetto m. ecc. Confrontando il tipo nominale ANTICUCINA con il tipo aggettivale (fari) ANTINEBBIA, anch'esso esocentrico, si vede che le
propriet di un tipo formativo non sono deducibili da quelle dei costituenti in base a principi generali (chiamati nella letteratura principi di percolazione). Esistono certo delle
tendenze in questo campo: nel caso delle formazioni endocentriche, per esempio, generalmente la testa a trasmettere le propriet grammaticali, ma cfr. anche scarpa > scarpino
(indubbiamente un tipo di scarpa, che sarebbe dunque la testa) e casi simili. In fondo tanto
il significato quanto il comportamento grammaticale sono delle propriet idiosincratiche del
singolo tipo formativo.
La nozione di testa infine anche utile per formulare certe regolarit molto generiche
sulla formazione delle parole dell'italiano. Cos si osserva, ad esempio, che un derivato da
una parola complessa formata da prefisso + testa sceglie quasi sempre lo stesso suffisso che
sceglie la testa: conversione / riconversione, gratitudine / ingratitudine ecc.

1.2.2.5. Conclusione FR
Una regola di formazione di parole viene dunque concepita come una relazione - il pi
delle volte direzionale - fra due (classi di) parole. Questa relazione si articola su vari livelli,
di cui i pi fondamentali sono quello formale e quello semantico. La regola con cui si descrive il suffisso -bile, ad esempio, una relazione fra l'insieme delle basi verbali potenziali
e l'insieme degli aggettivi corrispondenti in -bile. A livello semantico, la regola menzioner
che gli aggettivi significano "che pu essere PP" (es. omissibile "che pu essere omesso"), 2
1

Invece della coppia testa / modfcatore si utilizzano anche, nella letteratura, testa I non-testa,
determinatum / determinans, nucleo / satellite ecc.

Per non complicare eccessivamente le cose, prescindiamo qui dal fatto che alcuni aggettivi in -bile
presentano invece un significato attivo, come variabile "che varia".

1.2. Premesse teoriche

13

e che questo cambio semantico induce anche un cambiamento nella struttura argomentale
(l'oggetto diretto del verbo, per esempio, diventa soggetto dell'aggettivo: X pu omettere Y
* Y omissibile). A livello formale, essa deve menzionare che le basi verbali prendono la
forma del tema nella prima e terza coniugazione (compra-bile, fini-bile), che nella seconda
invece della [e] finale troviamo una [i] (vende(re) vs vendi-bile), e che in varie forme irregolari la forma della base pu anche corrispondere ad un allomorfo identico alla base dei
rispettivi nomi d'azione in -ione aumentato della vocale tematica [i] (omette(re) vs omissibile / omiss-ione). Una descrizione completa dovr poi anche delimitare il dominio della
regola, identificando le restrizioni che permettono di delimitare l'insieme delle basi potenziali - essenzialmente i verbi transitivi, nel nostro caso - , e indicare la sua produttivit, cio
la probabilit con la quale s'incontrano neologismi formati secondo questa regola. A questi
tre aspetti fondamentali - significato / struttura argomentale, forma (allomorfia) e restrizioni / produttivit - saranno dedicati i sottocapitoli 1.2.3. a 1.2.5.

1.2.3.

Il significato delle regole di formazione di parole FR

Il significato di una parola complessa regolarmente formata il risultato dell'applicazione


di una regola di formazione di parole a una base o, nel caso della composizione, a varie
basi: applicando, ad esempio, la funzione -tore "chi V" alla base portaire) "portare" si
ottiene portatore "chi porta", e applicando la funzione "chi V N" (senza riscontro formale)
alle basi porta(re) "portare" e borse "borse" si ottiene portaborse "chi porta borse". Il significato di tali formazioni, riconducibile regolarmente a quello della base / delle basi e
della regola di formazione di parole, si chiama composizionale. Non tutte le parole complesse sono per composizionali in questo senso. Da un lato (cfr. 1.2.4.2.) esiste, marginalmente, la possibilit che una determinata regola selezioni come base un allomorfo paradigmticamente determinato. Il caso molto pi frequente invece quello in cui il significato
composizionale stato arricchito di altri elementi semantici non contenuti nella regola o
stato modificato pi o meno profondamente. Portatore, ad esempio, significa anche pi
specificamente "chi porta pesi / carichi" o "chi porta lettere / messaggi", e si pu essere
portaborse senza portare nessuna borsa. Tali parole complesse il cui significato si distingue
da quello regolare in modo non prevedibile si chiamano lessicalizzate. Il significato, composizionale o non, di una parola complessa determinata sar chiamato significato lessicale,
mentre il significato predicibile in base alla regola morfologica sar chiamato significato
morfologico, neologismo col quale traduciamo, in assenza di una terminologia italiana
introdotta nell'uso, il tedesco Wortbildungsbedeutung. Trattandosi di affissi, parleremo
anche alternativamente di significato derivazionale.

1.2.3.1. Significato lessicale e significato morfologico FR


L'opportunit di distinguere in qualche modo fra significato lessicale e significato morfologico ammessa da tutti gli studiosi della formazione delle parole (cfr. Rainer 1993a, 131
141). Le prassi descrittive e le opinioni sulla definizione esatta di questi concetti, per, divergono notevolmente. Il seguente esempio servir ad illustrare la problematica.

14

1.

Introduzione

In formazioni come arabista, grecista, italianista, latinista, sanscritista, e simili il suffisso -ista si pu parafrasare approssimativamente come "chi studia - scientificamente il/l'N", dove una variabile per il significato del sostantivo base. Questa parafrasi si pu
estendere in modo del tutto naturale anche a un certo numero di formazioni in cui la base
non designa una lingua: dantista, economista, quattrocentista ecc. Essa si rivela per inadeguata per altre formazioni: pianista, ad esempio, significa "chi suona il N", scacchista
"chi gioca a N", latifondista "chi possiede un N", camionista "chi conduce un N", barista
"chi serve i clienti in un N", congressista "chi partecipa a un N", cottimista "chi lavora a
N", microscopista "chi effettua analisi al N" ecc. Si osserva che le parafrasi contengono
due elementi (pro)nominali costanti, "chi" e "N", e un elemento verbale fortemente variabile. La natura dell'elemento verbale, per, in una certa misura deducibile dalle propriet
pi tipiche di N: uno strumento musicale serve innanzitutto ad essere suonato, un microscopio ad effettuare delle analisi ecc. Molti studiosi proporrebbero perci per tutte le formazioni precedenti come significato morfologico una parafrasi pi astratta come "chi svolge l'attivit pi tipica relazionata con N", affidando alle nostre conoscenze enciclopediche
la determinazione esatta della natura di questa attivit. La proposta allettante. Ma a guardarci pi da vicino si osserva che non vero che sia sempre la propriet pi tipica a determinare l'elemento verbale. La funzione principale delle lingue, ad esempio, quella di
servire come mezzo di comunicazione, non come oggetto di studio: ci si aspetterebbe dunque che arabista significasse "chi parla N", non "chi studia scientificamente il/l'N". Per
salvaguardare la deducibilit del significato lessicale, potremmo restringere le attivit della
parafrasi del significato morfologico a attivit professionali. Una tale mossa spiegherebbe
anche perch usiamo i nomi di musicisti soprattutto per riferirci a musicisti professionali e
non a dilettanti: pianista, ad esempio, si riferisce soprattutto a chi suona il pianoforte per
professione. Il problema con questa ridefinizione del significato morfologico per che
valida solo per un sottoinsieme dei nomi in -ista. Dopo tutto, anche un dilettante pu chiamarsi pianista, e lo stesso vale per scacchista, ciclista, filatelista, e molte formazioni simili.
In altri casi, l'aspetto della professionalit poi assente del tutto, per esempio nel grande
gruppo di nomi parafrasagli con "chi fautore di N": comunista, irredentista, riformista
ecc. Davanti a questi fatti, ci sono, in linea di principio, due soluzioni: o si ammette che
-ista un suffisso polisemico, cio con pi di un significato morfologico, o si cerca un'altra
parafrasi unitaria che ricopra tutti i casi menzionati.
Non nostro compito qui decidere quale delle due vie sia quella giusta nel caso di -ista
(cfr. 5.1.1.1.6.). Sar sufficiente indicare qual il criterio da applicare per individuare la
soluzione corretta in questo caso come in casi analoghi. Il livello massimo di astrazione sul
quale si collocher il significato morfologico quello a partire dal quale sar possibile
dedurre i singoli significati lessicali possibili e solo quelli mediante inferenze automatiche
basate sulle nostre conoscenze enciclopediche. Il significato lessicale "chi suona il violino",
ad esempio, deducibile in modo automatico da un significato morfologico "chi svolge
l'attivit pi tipica relazionata con il violino", se ammettiamo che il suonarlo sia pi tipico
del produrlo, non invece il significato lessicale "chi studia scientificamente l'arabo" dal
significato morfologico "chi svolge l'attivit pi tipica relazionata con l'arabo", giacch
parlare una lingua senz'altro un'attivit pi tipica che non studiarla scientificamente. La
clausola e solo quelli stata sottolineata apposta per attirare l'attenzione sul fatto che il
significato morfologico non dev'essere talmente astratto da permettere anche la deduzione
di molti significati lessicali impossibili ("chi parla l'arabo", ad esempio, un significato

1.2. Premesse

teoriche

15

lessicale impossibile di arabista nello stato attuale della lingua italiana). Infatti, l'eccessiva
astrattezza di molti significati morfologici proposti accoppiata a una mancata esplicitezza
circa le inferenze che permetterebbero la deduzione dei significati lessicali un difetto
molto diffuso delle descrizioni semantiche negli studi di formazione delle parole (come
anche, fra l'altro, il suo contrario, cio l'identificazione fra significato morfologico e significato lessicale). Aggiungiamo ancora che, a causa del fenomeno della lessicalizzazione che
pervade il lessico, non si pretender che tutti i significati lessicali siano deducibili a partire
dal significato morfologico.
Il divario fra significato morfologico e significato lessicale dovuto a varie cause. Una
prima causa costituita dal fatto che le regole di formazione di parole hanno spesso un
significato abbastanza generico che viene concretizzato in base a inferenze come quelle che
abbiamo osservato nel caso di -ista. In altri casi, la formazione ristretta a uno di vari significati lessicali potenziali nel momento stesso della coniazione: lavafrutta e lavadita, ad
esempio, contrariamente a quanto si osserva con lavapiatti e lavastoviglie, per ragioni referenziali hanno da sempre denotato solo uno strumento e mai una persona, anche se
quest'ultimo significato sarebbe possibile in teoria. E per ultimo si deve menzionare il fatto
che le parole complesse usuali, come tutte le altre parole del lessico, possono essere soggette a cambiamenti semantici, idiosincratici come nel caso delle lessicalizzazioni, o pi o
meno sistematici come nel caso delle estensioni semantiche. Con quest'ultimo termine ci
si riferisce a regole semantiche pi o meno generiche che trasformano un significato in un
altro significato. Un caso tipico costituito dalle estensioni metonimiche che trasformano
"qualit x" in "persona x" (Maria una bellezza) o "qualit x" in "atto, detto x" (coprire
qn. di insolenze). Un altro esempio sarebbe quello dell'estensione metonimica che trasforma "carica di N" in "durata della carica di N" (durante il consolato di Cesare). Queste
estensioni, che andrebbero ancora descritte esaurientemente, variano fortemente nel loro
grado di produttivit (cfr. Rainer 1989a, 352-368).

1.2.3.2. Struttura argomentale e sottocategorizzazione FR


Con la sola eccezione di alcune categorie puramente trascategorizzatrici come i nomi
d'azione o di qualit veri e propri, l'uscita di una regola di formazione di parole sempre
semanticamente pi ricca dell'entrata: pubblico "pubblico" > pubblicare "rendere pubblico" pubblicabile "che si pu rendere pubblico" ecc. Ora, questi cambiamenti semantici
inducono spesso anche cambiamenti nella struttura argomentale dell'uscita e, come conseguenza, cambiamenti nella sua sottocategorizzazione.
Per struttura argomentales'intendono
generalmente quegli aspetti semantici delle parole che sono pertinenti per il funzionamento della grammatica. "Pubblico", ad esempio,
un predicato che descrive lo stato di un'entit ed dunque corredato di una posizione nominale, un argomento, chiamiamolo A, con il ruolo semantico di tema e realizzato sintatticamente come soggetto: A pubblico. Pi complessa si presenta la situazione nei verbi. Il
nostro verbo pubblicare, ad esempio, ha due argomenti, un agente (il pubblicatore), sintatticamente realizzato come soggetto, e un tema (la cosa pubblicata), che corrisponde al tema
1

Si parla anche, alternativamente, di valenza. Invece di argomenti, in questa tradizione terminologica, si usa aitanti.

16

1. Introduzione

dell'aggettivo pubblico ed sintatticamente realizzato come oggetto diretto: pubblica A.


Anche il nome d'azione corrispondente a pubblicare, cio pubblicazione, corredato degli
stessi argomenti, che sono per realizzati diversamente nella sintassi: la pubblicazione di A
da parte di B. Lo stesso vale per l'aggettivo pubblicabile: A pubblicabile da B. Questi
esempi mostrano l'importanza di distinguere fra tre livelli di analisi, quello della struttura
semantica, quello della struttura argomentale, e quello della sottocategorizzazione, cio
della concreta realizzazione sintattica degli argomenti. Al livello intermedio della struttura
argomentale, le posizioni nominali della struttura semantica sono condensate in un piccolo
numero di argomenti grammaticalmente pertinenti, come agente, tema, beneficiario ecc.
Spesso questi argomenti si suddividono ancora in due gruppi, un argomento esterno, che
quello realizzato come soggetto, e il resto degli argomenti interni.
I cambiamenti nella struttura argomentale sono probabilmente una conseguenza automatica dei rispettivi cambiamenti semantici (cfr. Booij 1992, Kiparsky 1997). Riprendiamo,
per illustrare questo punto, i nostri esempi. Il predicato "pubblico" ha un solo argomento,
realizzato come soggetto nella sintassi, per esprimere ci che pubblico: A pubblico. Il
predicato "rendere pubblico" introduce nella struttura semantica il predicato causativo
"rendere" e, allo stesso tempo, un nuovo argomento B, che designa l'agente che fa s che A
sia pubblico. Nel passaggio dalla struttura semantica "B fa s che A sia pubblico" alla
struttura argomentale dobbiamo decidere quale dei due argomenti, A , diventer
l'argomento esterno. Questa decisione si prende in base a una regola molto generale
dell'italiano secondo cui, nell'ambito verbale, l'agente ha la precedenza sul tema per la
posizione dell'argomento esterno. Secondo un'altra regola dell'italiano, il tema, se non pu
essere realizzato come argomento esterno, realizzato nella posizione dell'argomento interno. Nel caso dell'aggettivo pubblicabile, la situazione diversa in quanto gli aggettivi,
per ragioni semantiche, non possono avere un agente come argomento esterno. dunque il
tema che occupa questa posizione.
Questi accenni servono solo ad illustrare la tesi secondo cui la struttura argomentale sarebbe deducibile da quella semantica in base a principi abbastanza generali. I dettagli di
questi principi sono attualmente oggetto di ricerca e di accesi dibattiti. Anche il passaggio
dalla struttura argomentale alla realizzazione sintattica effettiva sembra basato su principi
molto generali. L'argomento esterno, come abbiamo visto, normalmente realizzato come
soggetto, l'argomento interno come oggetto diretto. Ma, come tutti sanno, la realizzazione
sintattica di certi argomenti pu a volte anche essere pi o meno arbitraria.

1.2.4. La forma delle regole di formazione di parole FR


Con la sola eccezione della conversione, la formazione delle parole si manifesta sempre
anche in un cambio formale, sia di aggiunta che di riduzione o di cambio di materiale fonico. Mentre l'aggiunta (cfr. bar * barista) e la riduzione (cfr. biciletta bici) di materiale
fonico possono da sole segnalare, in italiano, un processo di formazione delle parole, il
cambio di materiale fonico solo un indizio addizionale che pu accompagnare certi processi di formazione delle parole. Questo cambio pu toccare sia la base (cfr. luogo
loc(ale) ecc.) sia l'affisso (cfr. le varie realizzazioni del prefisso in-: in(attivo), imperfetto)
ecc.). La natura di questi cambi fonici concomitanti stata al centro delle discussioni lin-

1.2. Premesse teoriche

17

guistiche durante tutto il ventesimo secolo (cfr. Anderson 1985), e ancora oggi le opinioni
in merito sono tutt'altro che unanimi. La divergenza delle opinioni si manifesta anche in
una certa variabilit terminologica. In questo manuale parleremo di allomorfa ogniqualvolta una variazione formale indotta da una regola di formazione di parole non sia attribuibile a un processo fonologico completamente automatico. Le varianti formali, conseguentemente, saranno chiamate allomorfi.

1.2.4.1. Allomorfa: Fra variazione allofonica e suppletivismo FR


I risultati della formazione delle parole sono naturalmente, come ogni altra stringa fonica
della lingua, soggetti a processi fonologici del tutto automatici. Variazioni foniche dovute a
tali processi non verranno perci prese in considerazione in questo manuale, gi che non
dipendono crucialmente dalla previa attuazione di regole di formazione di parole. L'italiano
conosce, ad esempio, un processo fonologico del tutto automatico che velarizza una /n/
davanti a consonanti velari come /k/: cos, ancora si pronuncia [aqkora], in Canada [iq
kanada] ecc. La pronuncia del prefisso in- come [iq] in incauto [iqkauto] e simili dunque
dovuta a un processo fonologico generale e non deve essere menzionata nella descrizione
della regola di formazione di parole.
Altre variazioni foniche sono invece condizionate da determinate regole di formazione di
parole. Davanti a basi che cominciano con Irl, per esempio, il prefisso negativo appare nella
forma [ir]-: irresponsabile ecc. Contrariamente a quanto abbiamo osservato nel caso di /in/seguito da occlusiva velare (realizzato come [iq]-), l'assimilazione di /n/ davanti a /r/ - o /I/,
cfr. in Russia, panrusso, in loco ecc. - non invece un processo automatico nella sincronia
dell'italiano; anche se tale pu essere considerato, sia pure con eccezioni lessicali, nel parlato spontaneo, non formale, delle variet centromeridionali. L'assimilazione Ini > Iii davanti a Irl dunque una propriet idiosincratica del prefisso in- (e di alcuni altri prefissi
italiani), , per dirlo in un'altra maniera, condizionata morfologicamente. Menzioneremo
perci, nella descrizione stessa del prefisso in-, che esso appare nella forma ir- davanti a
basi che cominciano con Irl, il- davanti a basi che cominciano con IM.
L'allomorfa appena descritta non dunque pienamente automatica, ma conserva comunque una chiara motivazione fonetica. In altri casi viene meno anche la motivazione
fonetica, come nel caso di luogo > loc{ale) menzionato nel paragrafo precedente. Il grado
di disparit formale pu aumentare continuamente fino ad arrivare al caso estremo del suppletivismo forte, dove non c' pi nessun rapporto formale fra i due morfemi coinvolti:
Bologna felsin{eo), Napoli * partenopeo) ecc.
La definizione di allomorfo varia da scuola a scuola e da autore a autore. Alcuni considerano come allomorfi tutti i morfemi sinonimi in distribuzione complementare, indipendentemente dall'esistenza o meno di una similarit fonica. In questa concezione partenopsarebbe un allomorfo di Napoli. Altri invece preferiscono una definizione pi restrittiva.
Fra i criteri ulteriori che un morfema deve soddisfare per poter essere chiamato allomorfo
di un altro si menzionano soprattutto la similarit fonica e a volte anche la distribuzione
fonologicamente condizionata. Il suffisso -et soddisfa anche a questa definizione pi restrittiva: chiaramente simile a -it ed condizionato fonologicamente dalla presenza di
una [j] finale. Si noti per che non sempre tutt'e quattro i criteri sono soddisfatti simultaneamente. Il prefisso vis- di visconte, ad esempio, in distribuzione complementare con

18

1.

Introduzione

vice- e conserva anche una certa similarit fonica, ma non condizionato fonologicamente
bens lessicalmente e il rapporto di sinonimia forse non ovvio a tutti i parlanti. Nel caso di
-tore / -ore, al contrario, la sinonimia fuori discussione, ma si osserva che la distribuzione
complementare non perfetta (cfr. lettore / leggitore ecc.). Nel presente manuale, ogni
morfema la cui forma non attribuibile a un processo fonologico completamente automatico considerato come entit indipendente, anche se chiamato allomorfo o variante.
L'importante, da una prospettiva descrittiva, descrivere esattamente la distribuzione delle
forme in questione.
Un altro problema spinoso quello dei cosiddetti interfasi. In molti casi, fra la radice / il
tema e il suffisso appare una sequenza fonica la cui appartenenza non ovvia, come la -udi man-u-ale, la -c- di camion-c-ino, l'-acchi- di ors-acchi-otto, Y-or- di temp-or-ale ecc. A
priori, ci sono tre possibilit di analisi: il materiale fonico in questione pu analizzarsi come
parte di un allomorfo della radice / del tema (manu-ale ecc.) o del suffisso (man-uale ecc.),
oppure considerarsi come entit morfologica autonoma, chiamata appunto in parte della
letteratura scientifica interfisso. Quest'ultima scelta giustificata soprattutto quando
l'interfisso conserva ancora un valore semantico autonomo, seppur residuale, normalmente
di tipo connotativo, come in ors-acchi-otto. In questo manuale, per, la nozione di interfisso a volte si utilizza anche in modo pi vago come termine comodo per riferirsi a qualunque tipo di materiale fonico fra radicale / tema e suffisso, senza implicazioni semantico-morfologiche.

1.2.4.2. Allomorfia determinata paradigmaticamente FR


Oltre ai casi di allomorfia menzionati nel paragrafo precedente si osservano ancora, in italiano, alcuni casi in cui la parola complessa o l'allomorfo della sua base sono sistematicamente identici ad una forma ricorrente in un'altra formazione della lingua (cfr. Rainer
2001a). Il caso pi noto quello dell'avverbio in -mente, che prende come base la forma
femminile singolare dell'aggettivo (chiar-a-mente ecc.), senza che il tratto 'femminile'
abbia alcuna motivazione semantico-grammaticale in tali formazioni (cfr. 5.4.2.1.). Ben
noto anche il caso dei nomi d'azione del tipo corsa, che coincidono formalmente con la
forma femminile singolare del participio passato corrispondente (cfr. 5.1.3.1.2.3.). Anche
qui i tratti 'participio' e 'femminile' non hanno nessuna giustificazione semantica nella
grammatica sincronica dell'italiano. I seguenti due casi di allomorfia determinata paradigmaticamente invece non sono ancora stati descritti in questi termini nella tradizione grammaticale italiana.
Formazioni come camminatore, comunicativo, discriminatorio ecc. sono normalmente
considerate, in base al loro significato, come derivate dai temi cammina-, comunica-, discrimina ecc. per mezzo dei suffissi -tore, -tivo, -torio ecc. Ora, tale soluzione non si applica a tutte le parole complesse con questi suffissi o, pi precisamente, con gli allomorfi in
-ore, -ivo, -orio ecc. In estorsore, estensivo, dimissorio e molte altre formazioni simili si
osserva infatti che la forma della base identica non al tema ma alla base del nome
d'azione corrispondente: estorsione), estensione), dimiss(ione) ecc. Si noti che la base non
coincide pi, come in latino, con il participio passato l dove c' una differenza formale fra
queste due categorie: estort- vs estors-, estes- vs estens-, dimess- vs dimiss- ecc.

1.2. Premesse teoriche

19

Un altro caso in cui si potrebbe scorgere un'allomorfia determinata paradigmticamente


costituito dai nomi composti del tipo portabagagli. Si osserva infatti che l'elemento verbale coincide sempre formalmente con l'imperativo informale singolare: Tendi! / tendicinghia, Copri! / copricapo, Pulisci! / puliscipiedi ecc. Siccome l'imperativo non presente
nella struttura semantica di tali composti, si tratterebbe di nuovo solo di un puro fenomeno
di allomorfia. L'analisi del primo elemento di questi composti per sempre molto controversa (eft. 2.1.2.5.).

1.2.4.3. Parola, tema, radice: la natura delle basi FR


In 1.2.2.2. siamo giunti alla conclusione che la parola l'unit fondamentale dell'analisi
morfologica. Ci certamente vero se parola si definisce come unit concettuale; la formazione delle parole serve infatti soprattutto a derivare nuove unit concettuali da unit concettuali esistenti. Se per affrontiamo la questione dal punto di vista formale, osserviamo
che la base di una parola complessa appare raramente nella sua forma completa: il tipo bar
* barista, ad esempio, molto pi raro del tipo latino * latinista, dove non appare la
vocale finale (desinenza) della base latino. Quando si dice che la formazione delle parole
dell'italiano basata sulla parola, si deve dunque intendere il concetto di parola nel senso di
lessema, cio di unit del lessico, di parola senza le desinenze.
Un verbo italiano non mai una forma inanalizzabile. Quelli regolari (cfr. Dressler /
Thornton 1991) contengono sempre, oltre alla radice, per lo meno una desinenza e spesso
anche una vocale tematica. Per radice s'intende quella parte del verbo che porta
l'informazione semantica, come cant- "cantare". In molte forme verbali, la radice porta
l'accento ed seguita immediatamente da una desinenza che esprime categorie come il
tempo, il modo, il numero o la persona, spesso cumulativamente: canto, canti ecc. In altre,
la radice atona e seguita da una vocale tematica, che segnala a quale coniugazione appartiene il verbo, seguita a sua volta dalle desinenze: cant-a-re, fin-i-re, ved-e-re (dove -re
rappresenta la desinenza dell'infinito) ecc. Una stringa formata da radice e vocale tematica
chiamata tema. Esso, come la radice, non appare mai nella frase come forma libera. Anche nella formazione delle parole ambedue i tipi di base, radici e temi, giocano un ruolo. Il
nome d'azione cant-o, ad esempio, formato sulla base della radice cant-, mentre il nome
d'agente canta-nte basato sul tema canta-.
Nel campo dei nomi e degli aggettivi, esistono alcune parole monomorfematiche come
bar o blu, ma nella stragrande maggioranza dei casi la radice seguita da una desinenza che
indica la classe flessiva: cas-a, cas-o,fot-o, clim-a, torr-e, bell-o, grand-e ecc. In superficie,
la base derivazionale sempre costituita dalla radice: cas-ereccio, bell-ezza ecc. Perci,
anche in casi come casale, climatico, grandezza ecc. la segmentazione giusta cas-ale,
clim-atico, grand-ezza ecc., anzich casa-le, clima-tico, grande-zza ecc. Quest'ultima segmentazione comporterebbe anche un'inutile inflazione del numero di suffissi o allomorfi di
suffissi: -ale / -le, -tico / -tico, -ezza / -zza ecc.
L'interpretazione teorica dei fatti appena descritti molto controversa fra gli studiosi di
morfologia italiana. C' chi pensa che bellezza derivi, come appare in superficie, da una
base beli-, mentre altri assumono come base la forma non marcata (maschile singolare)
bello, la cui vocale finale verrebbe cancellata nel processo di derivazione (cfr. Scalise
1994). Empiricamente, i due modi di descrivere la derivazione di bellezza sembrano pi o

20

1.

Introduzione

meno indistinguibili, e si noti che anche nella versione che parte dalla radice la -o finale
deve comunque essere presente nella radice stessa sotto forma di un tratto diacritico, senn
il parlante non potrebbe sapere che beli- appare nel maschile singolare come bello e non
come belle (cfr. grande). In questo manuale ci atterremo, in linea di principio, alla prima
posizione, che assume come basi le forme che appaiono in superficie (cfr. per una posizione
simile Crocco Galas 1998). Per comodit di lettura si utilizzeranno, per, il pi delle volte,
per riferirsi alle basi, le forme di citazione - l'infinito per i verbi e il maschile singolare per
nomi ed aggettivi - ogniqualvolta non sia cruciale per l'argomentazione la distinzione fra
radici, temi e parole. Si dir dunque generalmente che grandezza derivato da grande per
mezzo di -ezza, e non che grandezza derivato da grand- per mezzo di -ezz-.

1.2.5.

Restrizioni sulle regole di formazione di parole FR

Una regola di formazione di parole non si applica mai indistintamente a tutte le parole di
una lingua e nemmeno a tutti i membri di una categoria sintattica. Uno dei compiti principali della descrizione della formazione delle parole di una lingua consiste dunque nella
delimitazione del domnio delle singole regole, cio dell'insieme di basi alle quali una
determinata regola si applica. Nel caso di regole non produttive, il dominio chiuso e dunque definibile enumerando i singoli membri: nuovi membri possono accedervi tutt'al pi
per via di analogie molto locali. Il dominio delle regole produttive invece aperto e va
dunque definito indicando la o le propriet che una parola deve presentare per poter fare da
base alla regola in questione. Nel paragrafo seguente, si vedr che quasi tutte le propriet di
una parola possono essere rilevanti ai fini della delimitazione del dominio nella formazione
delle parole.

1.2.5.1. Tipologia delle restrizioni FR


Nella letteratura sul problema delle restrizioni nella formazione delle parole si soliti distinguere fra restrizioni pi o meno arbitrarie che valgono per singole regole e restrizioni
che si applicano universalmente. Fra le proposte avanzate su presunte propriet universali
delle regole di formazione di parole si possono menzionare le seguenti: tutte le parole complesse avrebbero una struttura interna binaria; la semantica di tutte le parole complesse
regolari sarebbe composizionale, cio deducibile dal significato della base (o basi, nel caso
di composti) e quello della regola; tutte le regole di formazione di parole opererebbero su
parole (nel senso di lessemi); solo membri delle categorie sintattiche maggiori - nomi,
aggettivi, verbi e avverbi - sarebbero delle basi potenziali; le basi dovrebbero sempre avere
un tratto definizionale omogeneo; le regole di formazione di parole potrebbero solo vedere un insieme abbastanza ristretto di propriet di parole base complesse, per esempio
quelle della testa o quelle introdotte dalla penultima regola; ecc. Lo stato della ricerca su
quest'ultimo tipo di restrizioni, chiamate anche a volte condizioni, sintetizzato in Rainer
1989a, 37-52 e Scalise 1994, 199-227. Si desume da queste rassegne che, pi che di universali veri e propri, si tratta di tendenze pi o meno diffuse la cui esistenza ed articolazione
dovrebbero poter essere spiegate da una teoria completa. Nel contesto del presente manua-

1.2. Premesse

teoriche

21

le, che persegue finalit essenzialmente descrittive, sono invece pi importanti le restrizioni
limitate a singole regole.
Cominciamo con le restrizioni fonologiche. In linea di principio, tutti gli aspetti - segmenti, sillabe e accento - della rappresentazione fonologica possono giocare un ruolo nella
definizione del dominio di una regola di formazione di parole. Le restrizioni fonologiche
sono particolarmente frequenti nella suffissazione. Il suffisso -it (cfr. 5.1.2.1.2.1.1.), ad
esempio, predilige basi che finiscono in determinate sequenze finali come -ale, -ile, -ivo,
-oso ecc. Queste sequenze finali hanno spesso lo status di morfemi, ma non una condizione necessaria per l'aggiunta di -it: rivalit, senilit, passivit, meticolosit ecc. In vista
di tali esempi preferibile parlare di restrizioni fonologiche anzich morfologiche. Mentre
in questo caso la presenza di determinati segmenti nella base favorisce l'aggiunta del suffisso, in altri casi si osserva un condizionamento negativo: il suffisso diminutivo -etto (cfr.
5.1.1.7.5.), ad esempio, non si aggiunge a basi la cui ultima consonante una [t] : fata >
*fatetta ecc. Non probabilmente un caso che condizionamenti negativi di questo tipo
abbiano (quasi) sempre una motivazione eufonica, dissimilatoria. Si noti che c' anche in
italiano, come in altre lingue, una tendenza abbastanza generale a evitare l'aggiunta di un
suffisso a una base con una sequenza finale omofona: Cristo *cristista, Guareschi
*guareschesco ecc.
Nel caso di restrizioni morfologiche un affisso dev'essere sensibile alla presenza nella
base di un certo morfema quale morfema, e non solo quale stringa fonologica, come abbiamo visto appena nel caso di -it. Come esempio si potrebbe menzionare la predilezione
di -ia per basi che finiscono in certi secondi elementi di origine greca come -filo, -fobo,
-latra, -mane ecc. Si noti per che anche in questo caso manca la certezza assoluta che
abbiamo a che fare con restrizioni morfologiche, dato che l'italiano non dispone di aggettivi
di altro tipo con sequenze finali del tutto omofone. Tutt'al pi si potrebbe addurre un contrasto come quello fra umano > umanit e Xmane > Xmania.
Le restrizioni sintattiche comprendono restrizioni formulate in termini di categorie
sintattiche come sostantivo, verbo ecc. o di tratti sintattici come 'transitivo' ecc. La straordinaria importanza della categoria sintattica delle basi per la delimitazione del dominio si
manifesta nell'alta frequenza di termini come denominale "derivato da un nome", deverbale "derivato da un verbo" o deaggettivale "derivato da un aggettivo", che hanno anche
servito come criterio di classificazione nel presente manuale. Molti affissi, infatti, sono
sensibili alla categoria sintattica delle basi - pi i suffissi che i prefissi, vero - , ed anche i
composti sono generalmente classificati in base alla categoria sintattica delle basi. La pertinenza dei tratti sintattici per la delimitazione del dominio delle regole di formazione di
parole meno evidente, dato che la classificazione di un tratto come sintattico dipende
fortemente dalla teoria grammaticale adottata. Cos, il tratto 'transitivo' certamente importante per la delimitazione del dominio degli aggettivi in -bile (cfr. casa abbattibile vs
*crollabile), ma il tratto stesso considerato come sintattico da alcuni e come semantico da
altri.
Le restrizioni semantiche ci pongono davanti a un problema simile in quanto presuppongono una previa definizione del campo della semantica. Non solo la frontiera fra semantica e sintassi dipende, come abbiamo visto, da scelte teoriche previe, lo stesso vale
anche per quella fra semantica e cognizione: alcuni linguisti considerano come semantica
tutta l'informazione veicolata da una determinata parola, mentre altri distinguono un nucleo
semantico dalla massa delle conoscenze enciclopediche. A seconda della posizione teorica,

22

1.

Introduzione

una stessa restrizione potr dunque essere chiamata semantica o enciclopedica. Un caso
tipico di restrizione enciclopedica in questo senso sarebbe quello del suffisso -esco nel
suo senso di similarit (cfr. 5.2.1.1.3.), che ricorre soprattutto con nomi propri i cui referenti umani destano associazioni di stravaganza, comicit ecc.: aristofanesco, arlecchinesco, dongiovannesco ecc. Sono dunque le nostre conoscenze sulle persone designate dalla
base che sono pertinenti per la scelta del suffisso. All'altro estremo si trovano affissi che
fanno riferimento a tratti indiscussamente semantici, come quello della graduabilit, che
rilevante per la delimitazione del dominio di -issimo (cfr. 5.2.3.2.): design italianissimo vs
Ha rivoluzione industrialissima ecc.
Fin qui abbiamo solo dato esempi di restrizioni che fanno riferimento alle basi di una regola di formazione di parole. Ci vale certamente per la maggioranza dei casi, ma non si
deve dimenticare che le restrizioni possono anche essere definite a volte con riferimento
all'uscita della regola, specialmente le restrizioni semantiche. Cos, i derivati nominali in
-ista designano tutti dei ruoli sociali, ma non qualunque tipo di ruolo sociale si pu esprimere con questo suffisso. Sono ben rappresentati gli artisti, i giuristi, gli scienziati, gli
sportivi, i fautori di determinate concezioni ecc., ma mancano i produttori (cfr. liutista vs
liutaio), i commercianti - con l'eccezione di grossista, di probabile origine tedesca - e
molti altri ruoli sociali. Questo stato di cose si potrebbe descrivere attribuendo al suffisso lo
scarno significato "persona" e corredandolo di una serie di restrizioni che specificassero gli
ambiti sociali in cui adeguato. Alternativamente, per, si potrebbe anche argomentare che
il suffisso ormai si scisso in vari suffissi distinti bench semanticamente affini: -ista1
"musicista", -ista2 "sportivo", -ista3 "fautore" ecc. In tal modo, ci che nel primo approccio
appariva come restrizione semantica o enciclopedica verrebbe integrato direttamente alla
descrizione semantica del suffisso. Non questo il luogo per decidere quale di queste due
descrizioni sia preferibile. E sufficiente aver messo in risalto l'intima connessione che esiste fra restrizioni semantiche sull'uscita e descrizione semantica delle regole di formazione
di parole.
L'ultimo tipo di restrizioni da considerare, le restrizioni pragmatiche, concerne invece
quasi sempre l'uscita. Esse specificano in quali situazioni adeguato l'uso di certe regole di
formazione di parole. Alcune sono limitate a certi linguaggi settoriali, altre al gergo, altre
ancora alla lingua scritta ecc. Possono per anche essere molto pi specifiche: l'uso del
suffisso diminutivo -ino (cfr. 5.1.1.7.16.1.1.), ad esempio, particolarmente adatto quando
ci si rivolge a bambini. Le restrizioni pragmatiche sull'entrata si riferiscono al livello stilistico delle basi.
Le restrizioni appena elencate non ricorrono normalmente da sole ma in combinazioni a
volte molto complesse. Questa complessit aumenta ancora per il fatto che abbiamo a che
fare in genere con delle preferenze, con tendenze piuttosto che con frontiere nitide.

1.2.5.2. Produttivit FR
La nozione di produttivit (cfr. Rainer 1993a, 29-34, Plag 1999, Bauer 2001) intimamente legata a quella di restrizione: ogni restrizione infatti riduce il dominio di una regola
di formazione di parole e dunque diminuisce in qualche modo la sua produttivit. Ma sarebbe un errore equiparare questi due concetti, essendo le restrizioni solo uno di vari fattori
che influiscono sulla produttivit di una regola.

1.2. Premesse teoriche

23

Bisogna innanzitutto chiarire cosa s'intende per produttivit, dato che questo termine si
usa in molte accezioni diverse nella letteratura. Nella sua accezione centrale, il termine di
produttivit si riferisce alla probabilit con cui s'incontreranno neologismi formati secondo
una determinata regola (cfr. Gaeta / Ricca 2003). Non questa per l'unica accezione in cui
s'incontra il termine. A volte esso viene definito attraverso il numero di parole usuali formate secondo una determinata regola. Siccome una regola con alta probabilit di attuazione
ha normalmente anche prodotto un gran numero di parole, queste due nozioni coincidono
spesso, ma non sono per niente identiche: l'esistenza anche di un gran numero di parole
complesse di un certo tipo non una garanzia di produttivit sincronica. La nozione di
produttivit a volte anche equiparata al numero di parole possibili formabili secondo una
determinata regola, cio all'estensione del suo dominio. per questa definizione che vale la
proporzionalit inversa fra restrizioni e produttivit cui abbiamo accennato sopra. Ma il
fatto che ci siano ancora molte caselle vuote da riempire non una garanzia che i parlanti
facciano effettivamente un uso molto frequente di una determinata regola. In studi diacronici, infine, la produttivit spesso misurata sulla base del numero di neologismi apparsi in
un determinato lasso di tempo. Questa definizione diacronica quella che si avvicina di pi
alla nostra definizione centrale: un rilevamento della frequenza di neologismi nel periodo
immediatamente precedente lo stato di lingua analizzato , infatti, uno dei metodi pi efficaci per accertare la produttivit in tale stato di lingua. Nel presente manuale, le datazioni
del DISC e dei dizionari di neologismi sono state a tale scopo di grande aiuto.
Fin qui, abbiamo sempre parlato come se la produttivit fosse una propriet di tutta una
regola. In verit si osserva, per, che la produttivit pu variare nei vari sottodomini di una
regola. Il dominio di una regola di formazione di parole, infatti, raramente omogeneo,
cio delimitabile mediante un unico criterio necessario e sufficiente. Nel caso normale, il
dominio si compone di vari sottodomini pi o meno autonomi anche se, magari, apparentati
da somiglianze di famiglia. Ora, in ognuno di questi sottodomini la produttivit pu essere
diversa. Il dominio pu anche essere costituito da uno o vari sottodomini produttivi e un
numero pi o meno elevato di formazioni isolate. Tal il caso, ad esempio, del suffisso -ia,
che diversamente produttivo nei sottodomini degli aggettivi in -filo, -mane, -latra ecc.,
mentre al di fuori di questi tipi di aggettivi ricorre solo in una ventina di aggettivi senza
denominatore comune (allegria, pazzia, ritrosia ecc.).

1.2.6.

C a m b i o semantico e formazione delle parole ABL

1.2.6.1. Una prospettiva cognitiva dell'innovazione lessicale ABL


La teoria della formazione delle parole si inserisce nel quadro di una teoria
dell'innovazione lessicale. Secondo l'approccio proposto in Blank (1999a, e in stampa)
ogni innovazione lessicale si compone di un processo formale e di un processo semanticoassociativo. Tutte le associazioni risalgono ai tre principi associativi aristotelici della similarit, del contrasto e della contiguit a cui si aggiunge l'identit concettuale come espressione estrema della similarit (cfr. Blank in stampa per dettagli). L'associazione semantica
si impone perch permette al parlante o di sfruttare un rapporto concettuale preesistente o di

24

1. Introduzione

crearne uno convincente. Ambedue le strategie prevalgono su una creazione ex nihilo che
nella prassi lessicologica si rivela quasi inesistente.
Non questo il luogo per illustrare in maniera estesa l'applicazione della prospettiva cognitiva alla formazione delle parole (cfr. Blank 1998; Koch 1999a, Gvaudan 1999). La
comprensione della formazione delle parole come combinazione di un processo formale e
di una o pi associazioni semantiche implica che, in principio, la formazione delle parole e
il cambio semantico condividono le stesse operazioni associative. Il cambio semantico per
lascia intatta la parte formale della parola e si realizza in maniera implicita creando cos una
parola polisemica o aumentando una polisemia preesistente, mentre nella formazione delle
parole la differenza tra il concetto base e il concetto da verbalizzare di solito reso palese
tramite l'affisso o tramite l'associazione di un secondo concetto. Oltre a questa base associativa comune si nota che i due processi lessicali mostrano alcuni punti di intersezione
formali e semantici che esploreremo sistematicamente nei paragrafi seguenti.

1.2.6.2.

La conversione nella prospettiva concettuale ABL

1.2.6.2.1. Tipi formali e semantici della conversione ABL


La conversione (cfr. 7.) una categoria problematica della formazione delle parole perch,
a prima vista, il risultato del processo sembra essere formalmente identico alla base (cfr.
1.2.2.3.). Ma sarebbe erroneo voler attribuire formazioni come il dovere, tagliente (agg.), il
bene, l'arrivo o il giovane al cambio semantico, poich non ha luogo un cambio semantico,
ma soltanto un cambio di categoria sintattica. Dal punto di vista formale si distinguono due
tipi diversi: (a) La conversione di una base verbale con una desinenza flessiva (infinito,
participio presente o passato) con l'aggiunta di un paradigma flessivo della categoria di
arrivo; ne risulta una rianalisi formale, e invece di dove-re (infinito) e taglie-nte (participio
presente) la segmentazione del sostantivo dover-e/i e taglient-e/i, con la desinenza flessiva verbale agglutinata parzialmente alla base. Lo stesso fenomeno di rianalisi si osserva
quando da una categoria senza flessione si passa ad una categoria con flessione (bene
ben-e/i)', (b) La conversione della sola base con l'aggiunta di un paradigma flessivo della
categoria sintattica di arrivo (arriv> arriv-o/i, giovan)
giovan-e/i).
Semanticamente ambedue i tipi di conversione si limitano all'intercambio dell'informazione semantica propria della categoria sintattica di partenza con quella della categoria di
arrivo. In tal modo giovane (agg.) caratterizza una "persona che tra l'adolescenza e la
maturit", mentre giovane (sost.) significa "persona di giovane et", dovere (vb.) "avere
l'obbligo di fare una determinata cosa" e dovere (sost.) "ci che si tenuti a fare secondo la
legge, la morale, le convenzioni e sim." (cfr. Zingarelli 1993, s.w.). Qualora in questo caso
si possa parlare di un'associazione semantica tra base e risultato, questa non pu essere che
Y identit concettuale. La conversione si inserisce dunque nel quadro delle formazioni basate sull'associazione di identit e appartiene alla categoria che Gauger nella sua teoria
semantica della formazione delle parole chiama Verschiebung (1971, 74), cio la traslazione ad un'altra categoria sintattica, tipo frequente anche nella suffissazione (bello >
bellezza, lavare lavaggio).

1.2. Premesse

teoriche

25

1.2.6.2.2. Conversione ed ellissi ABL


Se abbiamo detto sopra che il cambio della categoria sintattica escluso dalla semantica
storica, abbiamo trascurato un tipo tradizionalmente poco chiaro di cambio semantico, cio
l'ellissi. A prima vista sembra che dalla semplificazione di una parola complessa come
caff espresso a espresso o computer portatile a portatile risulti il cambio di categoria sintattica dell'aggettivo. Ne risulta per anche un cambio semantico considerevole, perch
espresso (sost.) non ha il senso di espresso (agg.) con l'aggiunta degli attributi usuali di un
sostantivo, ma significa "caff espresso". Invece di parlare allora di conversione con cambio semantico, direi che qui abbiamo a che fare con un tipo di cambio semantico specifico
che consiste nell'assorbimento di una parola complessa in quella parola che, nel lessema
complesso, costituisce il modificatore. Attraverso questo processo di assorbimento la parola
semplice prende il significato del lessema complesso ereditandone anche la categoria sintattica e il genere, cio le categorie grammaticali proprie della testa (cfr. Blank 1997, 288299). Mentre il motivo fondamentale dei parlanti che procedono alla conversione il cambio di categoria sintattica, l'ellissi dovuta all'economia linguistica: il cambio di categoria
sintattica quindi un effetto secondario. Quest'interpretazione rafforzata quando si analizzano esempi dell'assorbimento di parole complesse con due parti di categoria sintattica
identica, dove si incontra soltanto il cambio di genere (chiusura lampo > la lampo), o di
assorbimenti della parola complessa nella testa (macchina automobile > macchina).

1.2.6.3. Metafora e formazione delle parole ABL


Di solito la metafora lessicale poggia su un rapporto di somiglianza tra due sfere concettuali
e questo rapporto spesso convenzionalizzato per tutta la comunit linguistica o per un
gruppo preciso di parlanti. Dal punto di vista formale, il concetto che viene verbalizzato
attraverso il ponte della similarit concettuale pu essere realizzato come innovazione semantica (ariete "maschio della pecora" > "macchina da guerra per sfondare porte o mura"),
come formazione (pescecane "squalo") o come locuzione (rimanere con un pugno di mosche in mano "non avere concluso nulla"). Nelle formazioni metaforiche possiamo discernere almeno due tipi diversi: (a) Le metafore integrali, come per es. bocca di leone o lingua
di gatto; queste metafore, pur essendo formalmente complesse, sono basate su una sola
associazione: il fiore concepito come una bocca di leone, il dolce come una lingua di
gatto, cio il concetto associato verbalizzato in maniera complessa e la metafora viene
utilizzata in mancanza di una parola semplice per i concetti in questione (cio il fiore e il
dolce); (b) Le metafore complesse a doppia associazione, come per es. pescecane, guerra
lampo, braccio di fiume, nave del deserto (cfr. Blank 1998, 19s.): nel caso di pescecane e
guerra lampo abbiamo a che fare con la combinazione dell'allontanamento da una concezione prototipica (SQUALO-PESCE, RAPIDA AGGRESSIONE-GUERRA) con un'associazione
metaforica propria che unisce due ambiti concettuali diversi (SQUALO-CANE, RAPIDA
AGGRESSIONE-LAMPO). Gli esempi braccio di fiume, nave del deserto invece combinano la
r e l a z i o n e d i s i m i l a r i t m e t a f o r i c a (RAMO LATERALE DI UN FIUME-BRACCIO, CAMMELLO-

NAVE) con una relazione di contiguit tra un oggetto e un suo aspetto tipico (RAMO LATERALE DI UN FIUME-FIUME, CAMMELLO-DESERTO). Alcune formazioni metaforiche possono,
in certe condizioni, essere sottomesse all'assorbimento (ellissi), mentre altre sembrano esclu-

26

1. Introduzione

dere l'assorbimento perfino in un contesto ben preciso: si ammette allora la frase la barca
infila il braccio di sinistra, ma non *nel Mediterraneo i cani sono rari (parlando degli
squali).
Paragonate alle metafore integrali, le metafore complesse di ambedue i tipi hanno il
vantaggio di una certa chiarezza perch introducono o il contesto preciso nel quale funziona
la metafora (fiume, deserto), o addirittura un elemento della sfera di destinazione (pesce,
guerra) che nelle metafore semplici rimane implicito. per difficile descrivere le regole
esatte per la scelta della metafora complessa. In un primo tempo, questo contesto esplicito
favorisce la comprensione della metafora. Si nota anche che la formazione metaforica si
impone per tutte le metafore dove l'ellissi esclusa, cio quando la sfera di partenza e la
sfera di arrivo sono semanticamente troppo vicine l'una all'altra (QUATTROZAMPE-PESCl).
Oltre alla composizione, dove occorrono regolarmente, le metafore si incontrano anche
nella prefissazione e nella suffissazione; in questi casi per si vedono limitate a casi singoli
che richiedono quasi sempre un'interpretazione individuale. Nel caso di ufficiale > sottoufficiale, per esempio, il prefisso esprime una relazione gerarchica in termini di una relazione spaziale. Le parole suffissate metaforiche sono spesso metafore semplici a base di un
senso letterale, come per es. cappuccino "frate appartenente a un ramo dell'ordine francescano" > "bevanda a base di caff espresso e latte". Esistono per alcuni casi di parole
alterate che sembrano esprimere direttamente un concetto metaforico rispetto al senso della
parola base con l'aggiunta della nozione di piccolezza, come per es. lat. capitem "testa" >
lat. volgare *capitiolu "prominenza dell'areola mammaria" (it. capezzolo)}

1.2.6.4. Metonimia e formazione delle parole ABL


Passiamo ora all'interazione della metonimia e di alcuni tipi di formazione delle parole. La
metonimia richiede un'associazione di contiguit tra due concetti ma, a differenza della
metafora, la metonimia presuppone un rapporto concettuale stabile e lo rende palese tramite
l'innovazione semantica (cfr. Blank 2002). Le diverse associazioni di contiguit si dividono
in rapporti di copresenza dei concetti coinvolti (vendemmia "raccolta dell'uva" > "il periodo della raccolta") e in rapporti di successione spaziale, temporale o logica dei concetti
(lat. parare "preparare, armare" > it. parare "schivare un colpo"). Questi due domini di
contiguit si suddividono in un numero pi vasto di rapporti di contiguit che servono di
base concettuale alle metonimie concrete, come per es. ATTIVIT-PERIODO nel caso di vendemmia e PRESUPPOSTO-ATTIVIT nel caso di parare?
Per quanto riguarda la contiguit quale base dell'innovazione metonimica e della formazione delle parole, in questa sede ci interessano soltanto le coppie concettuali che si realizzano con ambedue i processi lessicali o esclusivamente nella formazione delle parole. Come nel caso della metafora, esistono composti che sono interamente metonimici, i cosiddetti composti esocentrici (cfr. 2.1.2.5.), come per es. pellerossa, caschi-blu: questi composti descrivono metonimicamente un tratto saliente (il colore della pelle o del casco) che
1

Per i diversi casi regolari di lessicalizzazione delle parole alterate attraverso le inferenze pragmatiche cfr. Dressler / Merlini Barbaresi 1994 e Blank 1998, 1 Iss.
Una schematizzazione grafica di tutti i rapporti concettuali dei domini della copresenza e della
successione stata elaborata in Blank 1999b, 178-182.

1.2. Premesse

teoriche

27

identifica per eccellenza il referente (l'indiano, i soldati dell'ONU). La metonimia complessa detta composto esocentrico realizza quindi la relazione PERSONA/OGGETTOASPETTO SALIENTE (cfr. Blank 1998, 22s.)
1.2.6.4.1. Modelli concettuali e derivazione ABL
Pi interessante della composizione il rapporto tra metonimia e derivazione. Per descrivere i rapporti tra parola base e derivato Schwarze 1988 ha sviluppato un'intera sequenza di
modelli concettuali. Nella suffissazione in italiano le relazioni di contiguit costituiscono
soprattutto il modello delle attivit (Ttigkeitsmodell'), ma contribuiscono anche al modello della costituzione dell'oggetto (Modell der Gegenstandskonstitution) nonch al
modello dell'avvenimento (Ereignismodell) e al modello di causalit (Verursachungsmodell) per la formazione degli aggettivi. Siamo in grado di riunire tutte le relazioni pertinenti intorno ai due concetti focali dell'ATTIVIT/AVVENIMENTO e dell'OGGETTO.
La suffissazione basata sulla contiguit realizza delle relazioni concettuali enciclopediche e ha quindi un'impronta molto marcata.1 Alcune relazioni di contiguit si realizzano
anche sotto forma di prefissazione, come per es. PERIODO-PERIODO PRECEDENTE o
CONSECUTIVO {guerra > anteguerra / dopoguerra), LUOGHI CONTIGUI (bottega
retrobottega),

RELAZIONE RECIPROCA ( a u t o r e > coautore)

O RELAZIONE GERARCHICA ( v e s c o v o

arcivescovo) e altre, ma nell'insieme la situazione meno chiara che nella suffissazione


e richiederebbe ulteriori analisi.
1.2.6.4.2. La scelta fra metonimia e derivazione ABL
Il punto essenziale del nostro confronto fra metonimia e derivazione in italiano quello di
stabilire quando i parlanti preferiscono la metonimia e quando preferiscono la derivazione.
difficile formulare regole esatte, ma possiamo tentare di tracciare alcune linee di guida:
(a) Quando l'espressione del rapporto di contiguit accompagnata da un cambio di categoria grammaticale (trasformare trasformatore), i parlanti preferiscono chiaramente la
derivazione (ma cfr. 1.2.6.2.1.); (b) Alcuni rapporti di contiguit si verbalizzano e per metonimia (semplice o complessa) e per derivazione, ma spesso gli ambiti di applicazione dei
due processi lessicali sembrano essere divergenti secondo le relazioni concettuali coinvolte
(cfr. pi avanti); (c) La derivazione ha il vantaggio di essere pi esplicita della metonimia
perch l'affisso esprime la differenza semantica tra i due concetti e cos limita le possibilit
dell'interpretazione (per es. trasformatore non pu essere che una persona o una macchina
che trasforma); (d) D'altra parte il potenziale della derivazione limitato dagli affissi e dai
loro significati; cio, se non esiste nessun affisso italiano per verbalizzare un determinato
rapporto concettuale, quest'ultimo non pu essere realizzato tramite la derivazione. In una
prospettiva pi onomasiologica possiamo dire che il fatto che un rapporto di contiguit non
venga verbalizzato tramite un qualsiasi affisso ci indica che non necessario esprimerlo in
maniera esplicita: basta la metonimia.

Ad eccezione delle lingue nelle quali la suffissazione formalmente bloccata (come in parte
accade nel francese) e dove i parlanti preferiscono altri procedimenti (come accade nel tedesco con
la composizione).

28

1.

OGGETTO
COLLETTIVO

SOSTANZA
COLLETTIVA

PORZIONE/
CONTENUTO

fogliame
pioppo

cucchiaiata
bagaglio
cucchiaio

bagagliai
consolato

Introduzione

OGGETTO
atomo

calorifico

foglia
calore
giornale

trasformatore
giornalista

chitarrista

chitarra

Figura 1 : Relazioni di contiguit nella suffissazione italiana


difficile delimitare esattamente l'ambito della metonimia da quello della derivazione
basata sulla contiguit, ma tendenzialmente in italiano si usa quasi esclusivamente la metonimia per realizzare le relazioni ATTIVIT-PERIODO (vendemmia), OGGETTO-ASPETTO
TIPICO (casino "casa di prostituzione" > "confusione, disordine"), PARTE-TUTTO e TUTTOPARTE (tetto "copertura di un edificio" > "casa"; vela "superficie di tela della nave" > "nave
a vela"); CAUSA-EFFETTO (spina "formazione vegetale dura e pungente" > "dolore acuto"),
ATTIVIT-RISULTATO / STATO (carcerazione "atto del carcerare" > "permanenza in carcere") nonch alcune altre (cfr. anche Blank 1999b, 180ss.).
La derivazione viene di solito utilizzata per esprimere le relazioni suddette (cfr. figura
1), ma c' da notare che per quasi tutte le coppie concettuali che non implicano il cambio
della categoria grammaticale si possono trovare esempi metonimici, come per es. OGGETTO-SOSTANZA COLLETTIVA (erba "pianta con fusto basso e verde" > "complesso delle
piante erbacee che ricoprono un terreno"), ATTIVIT-OGGETTO (abbigliamento "atto del
abbigliar(si)" > "complesso degli indumenti"), ATTIVIT-PERSONA (it. ant. testimonio "testimonianza" > "testimone"), PERSONA-OGGETTO (corriere "incaricato del recapito di lettere ecc. " > "corrispondenza"), CONTENITORE-CONTENUTO (pugno "mano serrata con le
dite strette fortemente insieme" > "quantit che pu essere racchiusa nella mano chiusa"),
LOCALE-PERSONE (gabinetto "ufficio di un ministro" > "l'insieme dei ministri"), STRUMENTO-PERSONA (violino "strumento musicale" > "suonatore di violino"). Si pu per accertare
che per la gran parte di queste relazioni non facile trovare esempi e che, tutto sommato, la
derivazione il processo preferito per la sua maggiore chiarezza lessicale e semantica.
Inoltre basta guardare altri esempi che riguardano la relazione OGGETTO / ATTIVITPERSONA per capire come sia poco stabile la metonimia in questo caso: in italiano antico lo

1.2. Premesse teoriche

29

stesso tipo di polisemia si incontra anche in messaggio "notizia, annuncio" e "messaggero"


(ambedue i sensi presi dal ft. ant. message) e che nel secondo senso sostituisce l'antico
messo. Il cambio inverso avviene nel portoghese e nello spagnolo antichi (prego, pregn
"messaggero" > "messaggio"). A lunga scadenza per la polisemia doveva essere scomoda
e cos, in tutte e quattro le lingue, il concetto di persona veniva poi verbalizzato tramite la
suffissazione (it. messaggiere e poi messaggero, port, pregoeiro, sp. pregonero).
1.2.6.4.3. I tipi CONTENITORE-CONTENUTO / PORZIONE
e STRUMENTO-PERSONA

ABL

Accanto alle formazioni bicchiere bicchierata, cucchiaio cucchiaiata, forca forcata, secchio secchiata, vassoio > vassoiata la metonimia della parola semplice rimane
sempre possibile (un bicchiere di vino, un cucchiaio di zucchero). E ovvio che si tratta qui
di un fenomeno produttivo e regolare di doppioni tra derivazione e metonimia che esprime lo stesso rapporto concettuale: il DISC elenca una sessantina di parole che si riferiscono
a contenitori nel senso largo e che hanno lessicalizzato il derivato con -ata per esprimere il
contenuto. La lessicalizzazione per sembra essere limitata: nel DISC troviamo lessicalizzato manata, manciata, bracciata e perfino brancata e ditata, ma non 0 pugnata, mentre il
suo doppione pugno fa prova del senso metonimico.
Nondimeno il processo regolare e dobbiamo chiederci perch. Si nota infatti che la descrizione semantica dei doppioni caratterizzata da una sfumatura divergente: bicchiere nel
senso metonimico definito dal DISC "quantit di liquido contenuta in un bicchiere",
mentre bicchierata la "quantit di liquido corrispondente a un bicchiere", vassoio "il
contenuto di tale piatto" mentre vassoiata "quanto pu essere contenuto in un vassoio"
ecc. In altre parole, le metonimie presuppongono pi o meno l'esistenza effettiva del contenitore: mangiare un cucchiaio di zucchero vuole dire infatti mangiare una certa quantit di
zucchero dal cucchiaio stesso, mentre mangiare una cucchiaiata di zucchero definisce la
quantit ma non il mezzo (si pu mangiare dalla mano o da un piatto). Il suffisso dunque ha
il senso pi esatto di "porzione che corrisponde a ... ".
La differenza semantica meno chiara nel tipo STRUMENTO-PERSONA (SUONATORE): le
parole che designano strumenti musicali ammettono - oltre la formazione con -ista - anche
la metonimia del tipo violino "strumento musicale" > "suonatore di violino". Si aggiunge
qui per una restrizione pragmatica che limita la metonimia a certi contesti specializzati
come per es. la conversazione tra musicisti (in frasi del tipo il primo violino ha preso un
raffreddore). Ambedue i tipi sottolineano come sia necessario fornire per ogni affisso, oltre
all'indicazione della relazione concettuale, una descrizione semantica dettagliata.

1.2.6.5.

Conclusione ABL

L'analisi della semantica dei diversi tipi di formazione delle parole e il confronto con il
cambio semantico ci mettono in grado di formulare pi chiaramente i criteri secondo cui i
due processi d'innovazione lessicale si distinguono (cfr. tabella 1). Nella prospettiva semantica il criterio essenziale la presenza o l'assenza di un'associazione semantica altra
che l'identit concettuale. Dalla prospettiva morfologico-sintattica dobbiamo discernere le
categorie assenza di ogni processo formale, cambio di categoria sintattica e i soliti

30

1. Introduzione

processi formali della formazione delle parole suffissazione, prefissazione, composizione (nonch alcuni altri che non figurano nella tabella). I criteri definitori del cambio
semantico sono l'assenza di processi formali e l'esistenza di una relazione associativa altra
che l'identit. Una piccola eccezione fatta dall'assorbimento lessicale del tipo ESPRESSO
che, pur essendo un tipo di cambio semantico, condivide il cambio di categoria sintattica
con la conversione, il quale per il criterio definitorio per le conversioni di ambedue i tipi.
D'altra parte, la conversione condivide il criterio del cambio di categoria sintattica con
alcuni tipi di suffissazione e con le formazioni parasintetiche. Come abbiamo visto sopra,
molti tipi di suffissazione, prefissazione e composizione si basano su una relazione associativa e mostrano dunque un comportamento semantico paragonabile a quello del cambio
semantico, ma a differenza di esso, l'affissazione e la composizione marcano apertamente
la differenza tra il concetto base e il concetto da verbalizzare.
assenza di ogni
processo formale

cambio di
categoria
sintattica
conversione
(tipi ARRIVO e

identit
concettuale

suffissazione

prefissazione

(tipo

Verschiebung

(tipo

composizione

CAFF

CAFF)

BELLEZZA)

DOVERE)

altre associazioni (per es.


similarit
metaforica,
contiguit
concettuale)

metafora,
metonimia,
assorbimento
lessicale (tipo
MACCHINA)

ecc.

assorbimento
lessicale (tipo
ESPRESSO)

altri tipi semantici di suffissazione (per es.

tipi semantici
di prefissazione (per es. co-

trasformatore,
consolato, ragazzino)

autore, prevedere)

Tabella 1: Sinossi dell'interazione fra associazioni semantiche e alcuni processi formali

altri tipi semantici di


composizione
(per es.
pescecane,
chiusura
lampo)

2. COMPOSIZIONE

2.1.

Composizione con elementi italiani AB

I composti sono costruzioni complesse che si formano a partire da parole che possono appartenere a categorie lessicali diverse oppure alla stessa categoria. La concatenazione dei
costituenti del composto da mettere in relazione con le restrizioni di natura sintattica che
vigono tra le categorie lessicali. L'impossibilit di formare parole composte costituite da
N+P, ad esempio, correlata al fatto che nella frase la preposizione a precedere il nome;
anche l'impossibilit di formare parole composte concatenando un verbo ed un aggettivo
con l'ordine sia V+A che A+V oppure un aggettivo ed una preposizione con entrambi gli
ordini A+P / P+A dipende dal fatto che l'aggettivo un modificatore del nome e non del
verbo e le preposizioni si accompagnano ai nomi e non agli aggettivi. La combinazione di
parole appartenenti a due categorie lessicali produce normalmente composti di categoria
nome, tranne nel caso in cui entrambi i costituenti sono degli aggettivi, nel qual caso si
forma un composto aggettivale (cfr. Scalise 1994, 123-125).
I composti si possono classificare, dal punto di vista semantico, in stretti e larghi, endocentrici ed esocentrici, coordinativi e subordinativi. I composti stretti sono composti che
hanno subito un amalgama fonologico in conseguenza o del fatto che il significato del
complesso non pi quello convogliato singolarmente dalle parole componenti, come in
quintessenza e gentildonna che derivano rispettivamente da quinta essenza e gentile donna,
oppure come conseguenza della frequenza d'uso come in benarrivato la cui forma originaria bene arrivato (cfr. Scalise 1994, 125-127). I composti larghi sono quelli nei quali le
parole costituenti mantengono la loro individualit fonologica e semantica, come in pescespada e amministratore delegato. In base alla presenza o all'assenza della testa, cio in
relazione al fatto che uno dei costituenti abbia la stessa categoria lessicale del composto e
ne possieda anche le stesse propriet semantiche e sintattiche (funzioni quindi da determinatum nel senso di Marchand 19692, 11), si distingue tra composti endocentrici come vagone letto e composti esocentrici come senza tetto. Se si prende in considerazione il rapporto tra i costituenti si pu parlare di composti coordinativi e composti subordinativi.

2.1.1. Definizione e delimitazione AB


La definizione di composto come parola complessa formata da (due) parole, pur se pu non
essere valida per altre lingue come ad esempio, il greco moderno (Ralli 1992, 151) e il
tedesco (ten Hacken 2000, 351) in cui il primo dei due costituenti del composto non sempre
coincide esattamente con una parola, si adatta abbastanza bene alle costruzioni dell'italiano.
In generale, infatti, gli elementi che appaiono nel composto corrispondono a forme che si
possono chiamare libere, cio forme che possono stare in una frase come elementi indipendenti. L'accostamento di due parole non per sufficiente a fare del complesso una parola
composta; infatti necessario che tra i costituenti ci sia: (a) una relazione semantica possibile, (b) che il complesso denoti un concetto unico, (c) che sia un atomo sintattico (Di
Sciullo / Williams 1987), ossia che i due costituenti non possano essere separati e siano
inaccessibili, separatamente, alle regole sintattiche. Atomicit sintattica e denotazione di un
concetto unico sono state accoppiate nella condizione sull'elemento di discorso unico

34

2. Composizione

(single discourse element condition, ten Hacken 1994, 73) in base alla quale i composti
endocentrici costituiscono un singolo elemento di discorso, propriet da cui segue che i
costituenti non hanno accesso indipendente al discorso. Questa condizione permette di
distinguere i composti dai sintagmi mentre la caratteristica di essere formati da (due) elementi liberi permette di tracciare una linea di demarcazione tra composti e derivati. La
definizione dei costituenti come parole rafforzata dal fatto che in italiano i due costituenti
rimangono parole anche dal punto di vista fonologico. 1 L'accento, spesso invocato in
altre lingue come criterio per distinguere i composti dai sintagmi, non pertanto utilizzabile
come test in italiano.

2.1.1.1. Composti e derivati AB


La distinzione tra parole composte e parole derivate non sempre agevole anche se la definizione di composto come parola formata da due costituenti liberi e la definizione di derivato come parola complessa costituita da una forma libera e da un affisso, cio una forma
legata, sembrano suggerire una buona linea di demarcazione tra le due classi di parole complesse. Non infatti difficile riconoscere nella parola mostra mercato un composto e nella
parola allenatore un derivato. Ma se si prendono in considerazione forme quali controfinestra, sopracciglio, sottobicchiere la difficolt di stabilire se si tratta di composti o di derivati per prefissazione appare chiaramente: il primo costituente di queste formazioni infatti
, apparentemente, una forma libera, ha cio la parvenza di una preposizione. A favore
dell'interpretazione di parole di questo tipo come prefissati (cfr. 3.1.2.) si pu sostenere che
solo i prefissi si premettono a parole di categoria lessicale differente (contro, sotto e sopra
possono essere prefissati anche a verbi: controfirmare, sottomettere, sopraelevare ecc.),
mentre le preposizioni possono essere associate solamente a nomi. I composti di tipo P+N
possono quindi essere circoscritti alle formazioni esocentriche come senzatetto.

2.1.1.2. Composti e sintagmi AB


Stabilire quando una sequenza di due parole forma un composto e non un sintagma sembra
relativamente semplice in italiano, almeno nel caso delle formazioni che coinvolgono due
nomi. Due nomi in sequenza, senza che tra di essi vi sia la presenza della congiunzione o di
una preposizione, non possono generalmente costituire un sintagma nominale. Una nuova
coniazione come fiera cavalli,2 ad esempio, si presenta immediatamente come non sintagmatica. La costruzione possiede infatti tutte le caratteristiche definitorie dei composti: indica una unit semantica ed una unit dal punto di vista sintattico; la parola testa (fiera)
in relazione di iperonimia con il complesso e tra fiera e cavalli pu essere costruita una
1

Questa propriet viene dimostrata attraverso i test fonologici seguenti: (a) la mancanza di sonorizzazione di /s/ in posizione intervocalica se la parola composta (ca[z]a ma spargi[s]ale), (b) il cosiddetto sollevamento di vocale che si manifesta in posizione atona all'interno delle parole derivate ma non nei composti (['tolgo] / [to'XXevo] ma [.tosta'pane]), (c) l'allungamento vocalico che
si mantiene nelle parole composte ma non nelle derivate ([,ka:po'po:polo] ma [ka'pottja]); cfr. Nespor/Vogel 1986, 126ss.
L'espressione stata utilizzata in un servizio del TG 3 regionale del Veneto 8 novembre 2002.

2.1. Composizione con elementi italiani

35

certa variet di significati che vanno dalla semplice specificazione (fiera dei cavalli) ad una
relazione pi ampia (fiera in cui si vendono / si espongono cavalli). Per essere considerata
un sintagma l'espressione dovrebbe essere fiera dei cavalli. Il confine tra composto e costruzione sintagmatica appare meno netto quando: (a) la formazione complessa ha la struttura N+N ed del tipo di trasporto materiali e rimozione auto, (b) si tratta di formazioni
con struttura N + A quali capitale sociale, anima gemella, (c) si tratta di costruzioni nominali che contengono un nome in funzione di apposizione come candela mangiafumo. I
complessi quali rimozione auto e trasporto materiali differiscono dalle parole composte
tipiche in quanto, pur indicando un concetto unico ed essendo la testa (rimozione, trasporto) un iperonimo del complesso, non sono atomi sintattici (non rispettano cio interamente la condizione sull'elemento di discorso unico); ammettono infatti la modificazione
interna (rimozione rapida auto, trasporto materiali ingombranti) ed anche il riferimento
pronominale al costituente non-testa talvolta possibile, anche se in costruzioni frasali
sovente peculiari come in: in questa citt la rimozione auto avviene regolarmente
eccetto
che per quelle, di grandi dimensioni (cfr. Bisetto / Scalise 1999). Queste costruzioni, inoltre, non manifestano neppure variabilit semantica nella relazione tra i due costituenti in
ragione del fatto che il nome non-testa rappresenta l'argomento interno del nome testa.
Quest'ultimo un astratto deverbale e la relazione tipicamente di specificazione (rimozione delle auto, trasporto dei materiali). Contro l'analisi di tali formazioni quali sintagmi
sta, invece, l'assenza dell'elemento di specificazione o assegnatore di caso.
I nomi, soprattutto quelli che derivano da verbi e vengono definiti nomi d'azione o nominalizzazioni
deverbali, possono essere argomentali, cio possedere una struttura argomentale (cfr. 5.1.3.1.1.4.)
che, come nel caso dei verbi, consiste in un insieme - costituito anche di un solo elemento - di sintagmi la cui realizzazione obbligatoria affinch l'espressione che contiene il verbo sia grammaticale.
Un verbo quale distruggere, ad esempio, deve apparire con entrambi i suoi argomenti, pena la malformazione della frase: gli invasori hanno distrutto la citt vs *gli invasori hanno distrutto. questo
il caso anche del nome derivato dal verbo quando sta ad indicare l'attivit: la distruzione della citt
da parte degli invasori vs *la distruzione da parte degli invasori (Graffi 1994, 59; Castelli 1988,
247-352). Possono per essere argomentali anche nomi non deverbali (Giorgi 1988).
La difficolt a distinguere tra composti e sintagmi sicuramente maggiore nel caso delle
formazioni N+A; l'aggettivo manifesta infatti due propriet sintattiche: l'accordo di genere
(ma anche di numero) con il nome e la posizione post-nominale, fenomeni questi, tipici
delle costruzioni sintagmatiche dell'italiano. Una formazione come, ad esempio, nave spaziale non sembra per poter essere pacificamente considerata un sintagma nominale contenente un aggettivo: il complesso indica infatti un concetto unico, la relazione tra nome e
aggettivo pu essere resa in modi diversi, l'aggettivo non ha accesso indipendente al discorso e si tratta di un tipo di nave, anche se non si pu parlare di iponimia dell'espressione
complessa rispetto alla parola nave ma piuttosto di estensione del concetto. Stabilire il confine tra composti contenenti un aggettivo e sintagmi diventa particolarmente difficile se gli
aggettivi sono di tipo relazionale (come appunto spaziale in nave spaziale) dato che, in
questo caso, l'atomicit sintattica dell'espressione complessa pu anche dipendere dalla
natura dell'aggettivo che, essendo di relazione, non ammette modificazione (*molto spaziale).

36

2.

Composizione

2.1.1.3. Composti e polirematiche AB


I composti devono essere distinti anche dalle polirematiche (eft. 2.1.8.), almeno da quelle
polirematiche che sono formate da due soli elementi. Se si pu accettare, con buona convinzione, che le costruzioni a pi di due termini del tipo di sacco a pelo e giacca a vento
siano considerate polirematiche, non altrettanto semplice stabilire quale sia la linea di
demarcazione tra composti nome-nome e nome-aggettivo e polirematiche con la stessa
struttura. Un criterio utile a stabilire se formazioni come amministratore delegato e conferenza stampa oppure capitale sociale e anima gemella sono composti o polirematiche si
pu costruire sulla base della definizione di composto e di polirematica. Le polirematiche
sono considerate l'esito di processi di lessicalizzazione, quindi hanno un significato non
composizionale, cio non desumibile dalla somma dei significati delle parole che le compongono; il loro significato pertanto pu essere o figurato oppure non iponimo della testa.
Se a tale caratterizzazione delle polirematiche accostiamo le propriet definitorie dei composti endocentrici possiamo stabilire, con buona approssimazione, quando abbiamo a che
fare con un composto e quando con una polirematica. Quindi, le formazioni che manifestano tra il complesso e la sua testa una relazione di iponimia / iperonimia e il cui significato composizionale possono essere definite composti mentre saranno classificabili tra le
polirematiche le formazioni che non manifestano tali propriet.
Questo criterio applicabile in misura massima ai composti larghi come nave cisterna
perch le condizioni di definizione sono rispettate entrambe: si tratta di una nave e la relazione semantica con il costituente non-testa pu essere esplicitata in pi di un modo e d
sempre un significato composizionale. Quanto alle formazioni che abbiamo chiamato composti stretti (cavolfiore) e a quelle che la frequenza d'uso sta rendendo semanticamente
opache (pescecane), possiamo dire che si tratta di composti perch esiste sempre la relazione di iponimia con la testa e le formazioni hanno, comunque, semantica composizionale.
Di contro, possiamo includere tra le polirematiche complessi quali conferenza stampa e
anima gemella perch in entrambi i casi non si parla di entit iponime della testa: nel primo
caso, infatti si fa riferimento ad una intervista e non ad una conferenza mentre Yanima
gemella non un'anima.

2.1.2.

Composti nominali AB

I composti nominali sono formazioni, abitualmente a due costituenti, la cui struttura pu


essere data da N+N (caposquadra), N+A (vino rosso), A+N (gentildonna), P+N (sottoscala), V+V (saliscendi), V+N (asciugacapelli), V+AVV (buttafuori). I composti con
struttura N+N, N+A e A+N sono normalmente endocentrici, anche se non si possono escludere costruzioni N+A esocentriche quali pellerossa e crocerossa. Le strutture P+N, V+V,
V+N e V+AVV formano invece composti esocentrici. Le formazioni N+N sono, tra gli
endocentrici, quelle massimamente produttive; ad esse seguono, a distanza ragguardevole, i
composti con struttura N+A. Le forme con struttura A+N sono considerate non produttive
(Scalise 1994, 124). Tra i composti esocentrici le formazioni produttive sono quasi esclusivamente quelle di tipo V+N.

2.1. Composizione con elementi italiani

37

2.1.2.1. Composti N+N coordinati AB


Sono abbastanza diffusi a tutti i livelli di lingua, ma soprattutto nello scritto dei giornali.
Sono formazioni giustapposte che, seguendo Tollemache 1945, 35-37, possiamo distinguere in apposizionali e copulative. 1 Le prime si hanno quando il nome testa seguito da un
altro nome in funzione di apposizione: edizione pirata (in cui pirata significa "abusiva o
non autorizzata"), viaggio lampo (dove lampo significa "di breve durata"), parola chiave
(dove chiave significa "fondamentale"), auto civetta, discussione fiume, candela mangiafumo, calcio balilla, battello mosca ecc. Sono caratterizzate da una interpretazione figurata
o comunque non letterale della non-testa. E questa caratteristica, a mio avviso, che permette
di tracciare il confine tra i coordinati apposizionali, i coordinati copulativi e i composti
N+N subordinati. Sono interpretabili come coordinati perch l'oggetto cui fanno riferimento ha le caratteristiche, pur se in senso figurato, come detto, di entrambi i nomi costituenti. Nonostante la coordinazione, accolgono il plurale solo sul costituente in prima posizione (viaggi lampo, edizioni pirata ecc.) proprio in ragione dell'interpretazione figurata
del secondo nome. Come, e forse pi dei copulativi, ammettono con grande facilit
l'interpretazione subordinata: "una discussione lunga come un fiume", "una candela che
mangia il fumo" ecc.
I coordinati copulativi si hanno quando i due nomi sono legati dalla copula nonostante
essa non sia presente (compravendita). Godono della caratteristica di avere due teste: non si
pu infatti affermare la prominenza semantica di uno dei due nomi e considerare l'altro
nome come un modificatore. Possono fare riferimento: (a) a due professioni o ruoli svolti
da una persona (architetto-arredatore, studente-lavoratore,
scrittore-regista,
linguistapsicologo, capocronista ecc.), (b) a due strumenti (pulitore-annaffiatore,
misuratore-dosatore, filtropressa), (c) ad un locale che riunisce in s due attivit (bar-pasticceria, ristorante-pizzeria) oppure indicare (d) due attivit che si compiono contemporaneamente
(compravendita), (e) due concezioni politico-filosofiche (marxismo-leninismo), (f) un contenitore che svolge anche un'altra funzione (cassapanca, cassamadia), altre volte indicano
(g) un indumento che assomma in s le caratteristiche di due (calzamaglia) oppure (h) un
miscuglio di due alimenti (lattemiele, caffe(l)latte) o altre sostanze (vetroceramica, ceralacca, cartongesso, fluorocarburo, mercurocromo,2 lana-cotone, cremortartaro),
(i)
l'insieme di due o pi conformazioni nuvolose (cirrostrato, cumulonembo, stratocumulo)
ecc.

La definizione di giustapposto coordinato appositivo e copulativo di Tollemache non coincide con


la nozione di composto coordinato appositivo e copulativo proposta in parecchi lavori
sull'argomento, in particolare relativamente all'inglese (cfr., ad esempio, Bauer 1988, 30-31 e
Spencer 2003). A parte la differenza che Tollemache introduce tra giustapposto e composto che
stata ora cancellata a favore del solo termine composti, Bauer, ad esempio, sostiene che sono composti coordinati apposizionali le formazioni in cui entrambi i costituenti sono testa (quindi del tipo
di cantante attore) mentre definisce copulative le costruzioni in cui non vi relazione di iponimia
con uno dei costituenti ma i due nomi indicano due entit che si combinano a formare l'entit definita dal composto (cartongesso, Friuli Venezia Giulia). Adotter per i composti dell'italiano la definizione proposta da Tollemache che mi sembra meglio riflettere le propriet delle formazioni italiane, propriet che suggeriscono anche raggruppamenti ulteriori.
In questa parola il primo costituente appare come mercuro anzich mercurio probabilmente perch
viene dall'inglese mercurochrome (cfr. Zingarelli 2000).

38

2.

Composizione

Teoricamente, i composti coordinati copulativi possono essere formati a partire da coppie qualsiasi di nomi purch tra essi sia logicamente possibile stabilire un rapporto di coordinazione. Prendono il genere del costituente di sinistra: il ristorante-pizzeria ma la pizzeria-ristorante. Il plurale si trova in entrambi i costituenti quando i due nomi hanno lo stesso
genere e sono declinabili (capiredattori, scrittori-registi, cassemadie). Ovviamente rimangono invariati se formati da nomi indeclinabili (i lattemiele) mentre realizzano il plurale
solo sul primo costituente quando i due nomi sono di genere diverso: ristoranti-pizzeria e
pizzerie-ristorante. Se alla differenza di genere si associa la indeclinabilit del costituente
che assegna il genere al complesso (come in bar pasticceria) il composto invariabile (i
bar-pasticceria); non sono pluralizzabili i complessi che indicano un composto chimico
(fluorocarburo, mercurocromo) ma anche le formazioni come lana-cotone che indicano un
miscuglio non separabile. Il primo costituente pu inoltre non accogliere il morfema di
plurale se il composto in via di lessicalizzazione (cassapanche) o lessicalizzato (arcobaleni,, compravendite, chiaroscuri). La presenza del plurale solo sul secondo costituente pu
essere indice dell'interpretazione non coordinata ma subordinata dei composti. questo il
caso, ad esempio, delle formazioni con la parola capo in prima posizione: i capomacchinisti
e i capocamerieri sono "capi dei macchinisti" e "capi dei camerieri" ma non sono a loro
volta macchinisti e camerieri. Il fenomeno dello slittamento da una interpretazione copulativa ad una determinativa (cio subordinata, cfr. 2.1.2.2.1.), non raro in italiano, come non
lo in altre lingue (cfr. Olsen 2001, 293): architetto-arredatore pu essere sia un "architetto che svolge entrambe le attivit di architetto e arredatore" sia un "architetto che svolge
unicamente attivit di arredatore".
Il primo costituente di un composto copulativo pu manifestare troncamento di suffisso, come macinadosatore, laringe-faringite, cantautore, cesaropapismo, oppure troncamento di una stringa che non un suffisso come frigobar in cui il troncamento riguarda la
stringa -rifero (la parola va interpretata come frigorifero-bar), in cartolibraio e cartolibreria, che significano rispettivamente "cartolaio-libraio" e "cartoleria-libreria" il troncamento
riguarda i suffissi -aio ed -eria ma coinvolge anche il segmento che cade nella prima parola dopo il troncamento (carto-l-aio / carto-l-eria). Nella serie ricetrasmissione / trasmittente / trasmettitore il troncamento riguarda la stringa -vitore di ricevitore, in girobussola
"giroscopio-bussola" l'elemento -scopio ad essere coinvolto nel troncamento e in tragicommedia "tragedia-commedia" il troncamento della sequenza -edia accompagnato
dall'inserzione di una vocale di raccordo (i, in questo caso) che non appartiene a nessuno
dei due costituenti. Una vocale di raccordo anche la vocale finale di laringe e di cesaro in
laringo-faringite e cesaro-papismo. In queste formazioni il morfema di plurale appare solo
sulla parola di destra (cartolibrai, cantautori, macinadosatori, laringofaringiti, ricetrasmittenti) quando il nome in seconda posizione non invariabile (i frigobar).
La coordinazione copulativa permette la formazione, non usuale per altre strutture compositive, di composti a pi di due costituenti: calciatore-attore-cantante,
attore-registaproduttore, bar-ristorante-pizzeria, camiceria-calzetteria-guanteria
ecc. Questi composti
godono anche della caratteristica di non avere ordine fisso in quanto le parole costituenti
possono essere invertite.

2.1. Composizione

2.1.2.1.1.

con elementi

italiani

39

Composti N+N coordinati esocentrici AB

I composti coordinati copulativi possono anche essere privi dell'elemento testa. Sono di
due tipi, il tipo Emilia-Romagna e il tipo governo-sindacati.
2.1.2.1.1.1. Il tipo Emilia-Romagna, centrodestra AB
Indicano una entit che non corrisponde a nessuna delle due componenti prese singolarmente ma l'insieme (distinguibile) di esse. Sono dati dall'accoppiamento di nomi propri
(Alsazia-Lorena, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Austria-Ungheria) oppure indicano alleanze politiche (centrodestra, centrosinistra). La caratteristica di queste formazioni,
che le differenzia dalle precedenti endocentriche, data dal fatto che le due entit che entrano in composizione non si fondono a formare una unit inscindibile ma rimangono ben
individuabili. Il genere del composto determinato dalla parola di sinistra, come si pu
verificare dai composti che contengono due termini di genere diverso: il Friuli-Venezia
Giulia. Le formazioni costituite da due nomi propri non sono pluralizzabili; rimangono
invariabili anche le formazioni che fanno riferimento ad alleanze politiche: il / i centrodestra e il/i
centrosinistra.
2.1.2.1.1.2. Il tipo governo-sindacati AB
II secondo sottogruppo di coordinati copulativi esocentrici dato dalle costruzioni del tipo
di governo-sindacati,
madre-figlio, polizia-manifestanti,
stato-regioni,
mente-cervello,
scuola-formazione-imprenditoria.
Tali costruzioni hanno due particolarit: (a) indicano due
(o pi) entit che nella formazione composta rimangono separate, (b) non possono mai
apparire da sole ma necessitano di un terzo elemento cui appoggiarsi: vertenza governosindacati, relazione madre-figlio, scontro polizia-manifestanti, conferenza
stato-regioni,
problema mente-cervello, incontro scuola-formazione-imprenditoria.
I composti appena
elencati sono i rappresentanti di una formazione complessa tra i cui costituenti, cio tra il
composto coordinato copulativo che si trova in seconda posizione e il nome in posizione
iniziale (che funge da testa), si instaura una relazione "tra". L'interpretazione di queste
costruzioni, che diventano composti nominali di subordinazione, infatti "vertenza tra
governo e sindacati", "relazione tra madre e figlio", "problema della relazione tra mente e
cervello" ecc. Questo non , per, il solo tipo di relazione che si pu stabilire: in analisi
costi-profitti, ad esempio, la relazione di specificazione ("analisi dei costi e dei profitti");
si fa riferimento ai due autori con il complesso ipotesi Sapir-Whorf, mentre dipartimento
scuola-educazione si interpreta come "dipartimento per la scuola e l'educazione". particolarmente difficile attribuire categoria lessicale a queste formazioni perch, pur funzionando da modificatori del nome testa non manifestano propriet aggettivali.

2.1.2.2.

Composti N+N subordinati AB

La caratteristica principale di questi composti data dalla possibilit di istituire tra le parole
costituenti una relazione semantica variabile. Talvolta la relazione di semplice specificazione, come in capostazione che pu essere definito come "capo della stazione" e fondo-

40

2.

Composizione

valle che significa "fondo della valle"; altre volte la relazione deve invece essere resa attraverso una parafrasi che d conto delle associazioni semantiche possibili, come in pescespada "pesce con il muso allungato in forma di una spada appuntita", giornale-panino "due
quotidiani venduti assieme quasi a formare un panino", treno merci "treno adibito al trasporto di merci" ecc. Possono avere la testa a sinistra (nella maggior parte dei casi) e quindi
seguire l'ordine romanzo tipico oppure a destra ed assomigliare o alle formazioni delle
lingue germaniche oppure a quelle latine.
2.1.2.2.1. Formazioni N+N subordinate con testa a sinistra AB
Sono molto diffuse in italiano le formazioni quali pescemartello, vagone letto, treno merci,
centrocampo / classifica, sala giochi, ufficio acquisti. Sono i cosiddetti composti determinativi (ten Hacken 1994, 38; Olsen 2001, 898) che indicano una sottoclasse della classe
degli oggetti individuati dalla testa e nei quali il nome di destra si pone come una specificazione restrittiva del nome che lo precede (cfr. Giorgi 1988, 312): il pescemartello un
pesce con determinate caratteristiche di conformazione fisica, il vagone letto , tra i vagoni
di un treno, quello attrezzato con dei letti ecc. Realizzano il plurale nel costituente testa:
pescimartello, vagoni letto, sale giochi ecc. Ci sono anche formazioni che realizzano il
plurale alla fine o perch sono lessicalizzate (cavolfiore / cavolfiori) oppure in ragione della
frequenza d'uso (pescecane / pescecani). I composti con la parola pesce come testa si comportano diversamente quanto al plurale, in genere in relazione al grado di lessicalizzazione
che li rende composti stretti: pescecane ha almeno due plurali, pescicani e pescecani,1 pescespada invece fa pescispada. Per pescegatto, un pesce d'acqua dolce conosciuto soprattutto in Veneto, in un volume su Treviso (Stocco, B., Gente delle calli, Sommacampagna,
Cierre Edizioni, 2000, 11) vi il plurale pescegatti. Una eccezione rappresentata
finesettimana, che un calco dall'inglese, al quale stato attribuito il genere maschile anche se,
nel significato che assume nel composto, la parola fine femminile (si fa riferimento alla
"fine della settimana"). Motivare la discordanza in questo caso non semplice; in questo
composto il genere maschile si spiega solo se si pensa al genere non marcato dell'italiano
oppure al (presunto) genere della parola inglese originaria.
In linea di principio, composti di questo tipo se ne possono formare piuttosto liberamente purch tra i due costituenti sia possibile stabilire una relazione semantica di un qualche tipo. La libert di formazione, tuttavia, non pu essere paragonata a quella esistente in
lingue quali l'inglese, l'olandese o il tedesco che permettono la formazione di composti
anche laddove in italiano non possibile (es. ingl. toyshop, it. negozio di giocattoli).
Data la polisemia delle parole, pu accadere che il significato del nome testa non abbia
sempre, nel composto, lo stesso significato. Nell'insieme dei composti con capo, ad esempio, si possono distinguere due sottogruppi nel primo dei quali il termine capo ha il significato "capo, responsabile" (capodipartimento, capobanda, capomafia, capostazione, caposquadriglia) mentre nel secondo gruppo fa riferimento ad una entit non animata, un "inizio" (capopagina, capolinea) oppure ad una posizione particolare (capotavola "estremit
della tavola"). possibile, ovviamente, trovare formazioni lessicalizzate nelle quali sono
formalmente riconoscibili i due costituenti ma non prevedibile il significato, come in
capobastone, capocollo e capocielo. Con il primo composto, che significa "capozona ma1

Le due forme di plurale sono attestate sia nello Zingarelli 2000 che nel DISC.

2.1. Composizione

con elementi

italiani

41

fioso", si fa riferimento ad un individuo che svolge mansioni di capo ma nel quale la relazione con bastone non chiara; il capocollo un insaccato e la relazione tra i due nomi non
evidente come non lo in capocielo, che, in alcune chiese, un baldacchino sospeso
sopra l'altare maggiore.
I nomi che formano il composto subordinato possono venire usati metonimicamente,
come accade, ad esempio, in capostanza e capoufficio nei quali i costituenti non-testa stanza e ufficio stanno per 1'"insieme delle persone che lavorano in una stanza e in un ufficio" e
il rapporto metonimico quindi del tipo "contenitore per il contenuto". Pu anche darsi la
situazione opposta, che si verifica ad esempio in vagone letto, la cui interpretazione "vagone che contiene degli scompartimenti attrezzati con dei letti", per cui letto esemplifica il
rapporto "contenuto per il contenitore". La metonimia pu riguardare anche la parola testa,
come nelle costruzioni del tipo di ufficio vendite / informazioni nelle quali (come nel caso
precedente), per ufficio si intende la "persona o insieme delle persone che vi lavorano".
Sono costruzioni N+N quelle che si formano dall'unione di un nome di colore in posizione iniziale con un altro nome che funziona da non-testa e che costituisce un termine di
paragone. Sono le formazioni come verde bottiglia / mare, giallo limone, nero fumo, grigio
perla, rosso fuoco la cui parafrasi : "verde come ( verde) una bottiglia / il mare", "giallo
come ( giallo) un limone" ecc. (cfr. Marchand 19692, 85ss. che analizza le corrispondenti
formazioni dell'inglese come composti aggettivali). Questi composti, che hanno funzione di
apposizione di nomi, sono indeclinabili (un maglione verde mela, tre sciarpe rosso mattone).
2.1.2.2.1.1. Il tipo trasporto latte AB
Sono composti con testa a sinistra anche le formazioni del tipo di trasporto latte, riparazione gomme, asporto rifiuti, controllo passaporti, raccolta francobolli. Si tratta di formazioni la cui peculiarit data dal tipo di relazione che vige tra i due costituenti, che argomentale. Queste formazioni si situano, in modo particolare, al confine tra composti e sintagmi in quanto ammettono la modificazione interna (rivendita tabacchi nazionali, trasporto rapido latte) che non invece accettabile nelle altre forme composte (*treno veloce
merci). Quando sottoposte ai test (sintattici) utilizzati per verificare l'appartenenza delle
costruzioni complesse ai composti, 1 tuttavia, tali formazioni mostrano un comportamento
che dimostra la indisponibilit sintattica del costituente non-testa che ci permette di collocare queste formazioni tra i composti come si pu vedere in (1):
(1)

a. trasporto latte

- Di quale trasporto ti occuperai oggi? *Di quello latte?


- * latte il trasporto di cui ti occuperai oggi?
b. rivendita tabacchi - * tabacchi la rivendita di via Cartolerie?

Formazioni di questo tipo si trovano soprattutto in intestazioni e costituiscono spesso un


gergo che potremmo chiamare delle etichette.

Cfr. ten Hacken 1994.

42

2. Composizione

2.1.2.2.1.2. Il tipo direzione ufficio acquisti AB


dato da strutture, molto vicine anch'esse ai sintagmi e appartenenti al gergo delle etichette, formate da pi di due elementi. In ogni caso la testa della formazione la prima
parola e ci che segue va visto come un composto: direzione ufficio acquisti la "direzione
dell'ufficio acquisti", divieto scarico materiali va interpretato come un "divieto di scarico
materiali". In una sequenza come segreteria direzione ufficio vendite la struttura la seguente: [segreteria [direzione [ufficio vendite]]] e la testa dell'intero il primo nome (segreteria).
2.1.2.2.2.

Formazioni N+N subordinate con testa a destra AB

I composti dell'italiano, come si detto, hanno normalmente testa a sinistra e le formazioni


nelle quali la testa non la parola di sinistra sono o di origine latina (barbitonsore, terremoto, manoscritto, motuleso ecc.) oppure sono calchi / prestiti da altre lingue (cartamoneta,
scuola bus ecc.). In genere, queste formazioni sono considerate non produttive (cfr. Scalise
1994, 129ss.), ma a dire il vero attualmente ne esiste un numero notevole e nuove coniazioni si riscontrano ovunque, soprattutto nel lessico pubblicitario. Nonostante le formazioni
possano essere raggruppate insieme, presentano differenze che utile sottolineare.
2.1.2.2.2.1. Il tipo calciomercato AB
A questo tipo appartengono composti come calciomercato, cacciabombardiere, piano /
acqua bar, vetrocemento, filodiffusione, acquascivolo, cartamodello, gasdinamica, aerosolterapia. Si tratta di formazioni che possono essere coniate con grande facilit e possono
essere anche occasionali come sono Auchan-mania / occasioni.1 Copiano la struttura dei
composti delle lingue germaniche, in particolare tedesco e inglese, ma per esse non si pu
parlare di calchi perch etimologicamente non lo sono, non corrispondono cio ad una
parallela formazione straniera. Si interpretano da destra a sinistra e, come anche per i composti con ordine romanzo, la relazione tra i costituenti variabile: la gasdinamica la "dinamica dei gas", il vetrocemento il "cemento in cui sono inserite mattonelle di vetro",
aerosolterapia una "terapia effettuata con medicinali allo stato di aerosol",
Y acquascivolo uno "scivolo che fa cadere in acqua". Il genere delle formazioni dato dal
genere del costituente di destra, quindi sono femminili o maschili in accordo con il genere
della parola di destra. Sono possibili delle eccezioni, come si riscontra in calcio scommesse
che maschile singolare nonostante il nome testa sia il plurale femminile scommesse. Non
facile comprendere la ragione di questa discordanza, perch l'interpretazione pi corretta
del composto "scommesse che si fanno sul calcio" piuttosto che il "(settore del gioco del)
calcio (che si occupa) delle scommesse" lettura, quest'ultima, che giustificherebbe la concordanza del complesso con il genere del primo costituente. In questo caso, per, il composto dovrebbe essere collocato tra le formazioni di struttura romanza. Quando possono essere
pluralizzati, accolgono il morfema di plurale sulla sola testa. Nella maggior parte dei casi
sono formati da due nomi ma se ne possono costruire, anche se con minor facilit, con in
prima posizione un costituente che ha valore avverbiale (lungodegente, lungodegenza e
Queste due espressioni sono apparse di recente in un dpliant pubblicitario di un supermercato.

2.1. Composizione con elementi italiani

43

chiaroveggente). In alcuni casi il costituente non-testa presenta in posizione finale una


vocale di raccordo (lattoalbumina, malarioterapia, musicomania, fluidodinamica) o manifesta troncamento di sillaba (aplologia) come in morfonologia e in musicassetta.
2.1.2.2.2.2. Il tipo madrelingua AB
Le formazioni come ferrovia, madrelingua, borgomastro, madrepatria,
reginamadre,
scuolabus differiscono dalle precedenti per il fatto di essere dei calchi lessicali, di essere
cio formati per traduzione delle parti di un composto straniero del quale mantengono
l'ordine. Ci nonostante le formazioni vengono interpretate come formazioni originarie
dell'italiano e si pu dire che la ferrovia una "via di ferro", che la regina madre la "madre della regina", che la madrelingua la "lingua appresa dalla madre" ecc.
2.1.2.2.2.3. Il tipo fruttivendolo AB
Fruttivendolo e la serie di forme che hanno come primo costituente pesci-1 frutti- / stracci/ polli- / penni- / erbi- / latti-, nomi che contengono tutti in posizione finale una i analogica
al tipo latino sanguisuga, appartiene ad un gruppo che pu essere definito chiuso dal
punto di vista della composizione. La forma -vendolo, ancor oggi interpretabile come derivato del verbo vendere, non ha infatti utilizzo come parola indipendente ed ha acquistato
valore di elemento formativo. L'italiano conosce una sola eccezione alle forme con
-vendolo data da panicuocolo che, pur essendo di origine latina medievale, potrebbe essere
analizzata come appartenente al tipo in analisi e quindi -cuocolo essere considerato un deverbale di cuocere. L'altra parola che sembra avere la stessa struttura, manutengolo, data,
nel DISC, come un derivato da un antico (e non pi attuale) manutenere. La sola probabilit di nuove formazioni legata alla possibilit di variare il nome in prima posizione, perch non esiste un suffisso '-olo che formi nomi deverbali.

2.1.2.3.

Composti nominali numerali AB

Appartengono ai composti nominali anche formazioni quali seimilioni, quattromiliardi ecc.


Nelle costruzioni di questo tipo, infatti, la struttura NUM+N: il quantificatore numerale
precede il nome e poich si fa riferimento, in entrambi i casi, a milioni e miliardi, che sono
nomi, si ha a che fare con formazioni con testa a destra nelle quali il quantificatore numerale funge da costituente non-testa.

2.1.2.4.

Composti nominali con aggettivo AB

Le formazioni nominali che contengono un aggettivo hanno testa a sinistra quando


l'aggettivo segue il nome (nave spaziale, camera oscura) e testa a destra quando l'aggettivo
precede (altoforno, primo attore). Quando non si tratta di costruzioni lessicalizzate (come
gentiluomo, gentildonna), pu essere problematico stabilire se l'insieme formato da un
nome e un aggettivo un composto oppure no. Il test pi comune cui si fa ricorso per le
formazioni N+N, quello della (non) inseribilit di materiale fonologicamente realizzato,

44

2.

Composizione

non valido per le parole complesse con questa struttura in quanto non decisivo. Anche
alcune costruzioni sintagmatiche, infatti, possono non ammettere la modificazione interna;1
si tratta degli insiemi costituiti da un nome e da un aggettivo di relazione che, come si gi
accennato (cfr. 2.1.), sono unit sintattiche chiuse e, come tali, non permettono inserzione di materiale (ad es. cellula nervosa / *cellula molto nervosa) come accade anche alle
formazioni composte: scatola cranica / *scatola davvero cranica. Il criterio cui far ricorso
per determinare la natura di composto di una sequenza N+A pu per essere individuato in
una caratteristica particolare riguardante il funzionamento degli aggettivi nei composti in
base alla quale essi devono agire da restrittori del nome, non devono funzionare da aggettivi
qualificativi. Una costruzione come sci alpino / nordico, pertanto, pu essere collocata tra i
composti in virt del fatto che l'aggettivo funziona in senso restrittivo. Questa non per la
sola funzione che l'aggettivo pu svolgere; talvolta esso svolge prima una funzione di
espansione del significato del nome e poi una funzione restrittiva. Nel composto scatola
cranica ad esempio, che denota l'insieme delle ossa del cranio, l'aggettivo pu essere considerato avere due funzioni: la prima quella di estendere alle ossa del cranio la denotazione scatola mentre la seconda invece quella di restringere e specificare il significato
esteso del nome (cfr. ten Hacken, 1994, 71). Il criterio definitorio di composto con struttura
nome + aggettivo sembra quindi stare in questa propriet dell'aggettivo. questo duplice
comportamento dell'aggettivo a permettere di collocare formazioni quali nave spaziale,
sabbie mobili, cartone animato, giochi olimpici, acqua ragia, terraferma ecc. tra i composti. Ovviamente, trattandosi di costruzioni con testa a sinistra, l'interpretazione si sviluppa a
partire dal costituente nominale.
Le formazioni come mezza festa, bassorilievo, medio borghese, bassopiano, altoforno
sono composti con testa a destra che si interpretano, invece, da destra a sinistra. La possibilit di classificare le formazioni di questo tipo tra i composti da mettere in relazione con il
fatto che l'aggettivo, che si trova in posizione prenominale, assume un'accezione particolare; la mezza festa, infatti, non una "festa a met" ma significa "festa solo per mezza
giornata", il bassorilievo un "rilievo (scultoreo) in cui le forme sono basse cio poco
rialzate dal piano di fondo", un piccolo borghese un "borghese che appartiene alla borghesia di ceto medio", il bassopiano un "piano (una pianura) poco elevato sul livello del
mare" e Y altoforno un "forno particolare che si sviluppa in altezza". Si individua quindi
in queste formazioni sia la funzione speciale di restrizione / espansione che l'aggettivo
svolge all'interno delle forme composte (come in altoforno che significa che il forno
alto dal punto di vista della dimensione, ma essere alto non una propriet prototipica
dei forni), sia il significato speciale che gli aggettivi in posizione prenominale sovente manifestano in ragione del fatto che questa , in italiano, una posizione marcata.
L'aggettivo che si trova in prima posizione pu subire un processo di cancellazione di
vocale (socialdemocrazia), come accade al primo costituente delle formazioni N+N.

Le opinioni sulla natura dei complessi N+A con A di relazione non sono concordi, ten Hacken
1994, ad esempio, sostiene che essendo queste delle costruzioni chiuse alla sintassi, essendo
cio delle unit di discorso, debbono considerarsi composti. Per le costruzioni dello stesso tipo del
neogreco si veda Ralli / Stavrou 1998.

2.1. Composizione con elementi italiani

45

2.1.2.5. Composti nominali esocentrici AB


Le formazioni esocentriche di tipo subordinato maggiormente diffuse sono quelle comunemente definite V+N. Sono composti del tipo di scacciapensieri, spargisale, copri/asce che
sono tipici delle lingue romanze e non solo dell'italiano (cfr. Tekavcic 19802, 1127). La
loro caratteristica, che li differenzia dagli altri tipi di composti di subordinazione ma li
accosta alle formazioni di tipo riparazione gomme, consiste nell'avere come secondo costituente il nome che il verbo richiede come complemento oggetto. Questi composti sono
stati al centro dell'attenzione degli studiosi di lingue romanze fin dalla seconda met
dell'Ottocento, in particolare in ragione del fatto che il costituente verbale ha una forma che
pu essere giustificata diversamente: scaccia, spargi e copri, rispettivamente in scacciapensieri, spargisale, coprifasce, possono infatti essere interpretate come (a) un imperativo
di seconda persona singolare (cfr. Diez 1870-1875 3 , Darmsteter 18942, Meyer-Liibke 1890,
580-581; Prati 1931, 90, lOOss.), (b) un presente indicativo di terza persona singolare (Tollemache 1945, 183; Dardano 1978, 148ss.), (c) un tema verbale (Pagliaro 1930, 158ss.;
Hall Jr. 1948, 382ss.; Vogel / Napoli 1995; Gather 2001). Considerare il verbo come un
presente indicativo o un tema porta ad una conseguenza: cio necessario giustificare la
presenza della i, anzich di una e, come vocale tematica dei verbi di seconda coniugazione
(il tema spreme di spremere) diventa spremi in spremiagrumi), problema che al contrario
non si pone se il verbo viene considerato essere un imperativo. La tesi dell'imperativo, che
gli studi di morfologia lessicale contemporanei avevano quasi escluso in ragione del fatto
che semanticamente non pi possibile attribuire valore imperativale alle formazioni V+N
che indicano degli strumenti (cfr. ad esempio, Scalise 1992a, 192), stata di recente riproposta e si sostenuto che il verbo sia un imperativo non attualizzato (Di Sciullo / Ralli
1994, 61-75) oppure abbia la forma di imperativo pur se semanticamente non lo (Rainer
2001a, 389SS.).1
Le formazioni V+N sono state inoltre studiate in relazione al problema della loro nominalizzazione, tentando cio di dare giustificazione al fatto che queste formazioni esocentriche sono, nella maggior parte dei casi, interpretabili come nomi agentivi o strumentali. In
particolare, le proposte sono state di due tipi: si proposto (a) un processo di nominalizzazione tramite un suffisso zero del complesso V+N che renderebbe in realt i composti dei
derivati (cfr. Scalise 1983, 139), (b) di considerare il verbo come un derivato agentivo /
strumentale ottenuto tramite suffissazione zero (Zuffi 1981) oppure tramite il suffisso nominalizzante -tore che verrebbe poi cancellato (Bisetto 1999, 530ss.); queste proposte
avrebbero come conseguenza di rendere i composti endocentrici e, almeno la seconda, di
giustificare il passaggio, nei verbi di seconda coniugazione, della vocale tematica da e in i
come conseguenza della derivazione.
La lettura agentiva / strumentale non sempre realizzabile, nonostante si tratti della
maggior parte dei casi; vi sono, infatti, composti che hanno interpretazione di "attivit"
(ammaina / alzabandiera corrispondono all'ammainare e all'alzare la bandiera), oppure
composti che possono essere visti come dei "luoghi" (il puntaspilli, ad esempio, un oggetto su cui vengono infilzati gli spilli mentre il posacenere un oggetto nel quale si fa
cadere la cenere). Altre volte il nome che segue il verbo e che abitualmente corrisponde al
1

Rainer suggerisce questa soluzione anche per i composti V+N dello spagnolo in cui il verbo ha
per la forma (ma non il significato) dell'indicativo.

46

2.

Composizione

complemento oggetto, ne costituisce invece il soggetto come in tornaconto, girasole e batticuore (in batticuore ad esempio, cuore il soggetto di battere e il composto non pu
essere interpretato come "battitore di cuore" ma come "battito del cuore"). In queste formazioni, secondo Bisetto 1999, il suffisso non sarebbe l'agentivo / strumentale -tore ma ci
sarebbero altri suffissi in grado di dar conto delle nominalizzazioni indicanti rispettivamente "attivit" (ammainamento della bandiera, battito del cuore), "luogo" (puntatolo per
gli spilli) ecc. In ogni caso si tratta di formazioni non pi produttive. Nel gruppo dei composti V+N si possono trovare anche delle formazioni semanticamente lessicalizzate come
fabbisogno s falegname.
Questi composti esocentrici sono in genere indeclinabili, per cui non possibile aggiungere il morfema del plurale (gli spazzaneve, gli ammainabandiera, gli spargisale). Non
deve essere confuso con il plurale dell'intero composto il plurale che appare sovente nel
nome come in spremiagrumi, portalettere, lavastoviglie-, in questo caso si tratta di un plurale interno (cfr. Scalise 1983, 228) che non influenza il numero singolare del composto.
Ci sono, ovviamente, delle eccezioni che pertengono al parlato: portacenere ha il plurale
portaceneri (il nome cenere del composto un nome indeclinabile; le ceneri sono una entit differente, sono "ci che resta del corpo dopo la cremazione"), portarossetti deve essere
interpretato come il plurale di portarossetto in quanto l'astuccio cui si fa riferimento pu
contenere un solo rossetto; asciugamani il plurale di asciugamano (anche se il telo che il
composto indica serve ad asciugare "le mani").
I composti che contengono un verbo in prima posizione possono essere seguiti anche da
un altro verbo (fuggi-fuggi, pigia-pigia, lecca-lecca, saliscendi, dormiveglia, andirivieni,
bagnasciuga, tiramolla) e in questo caso sono interpretabili come forme di coordinazione
(esocentrica, ovviamente), da un avverbio o preposizione (buttafuori, posapiano, vogavanti,
cacasotto, caricabbasso, corridietro), da un aggettivo / aggettivo indefinito (cascamorto,
scassaquindici, tritatutto, passatutto), da un sintagma preposizionale (messinscena, piscialletto), si tratta per di formazioni non produttive e talvolta lessicalizzate, nel senso che
il loro significato (come in caricabbasso e scassaquindici) non pu essere costruito sommando i significati dei componenti.
Pochi, e sicuramente non produttivi, sono i casi di composti nominali con struttura
AVV+V come benestare e benessere, si collocano tra i latinismi sanguisuga e parricida cui
viene assegnata la struttura N+V ma che sono attualmente inanalizzabili in quanto la segmentazione non produce forme di parola esistenti, ad eccezione di sangui- che facilmente
interpretabile come sangue e in cui appare la vocale di raccordo i.
I composti esocentrici di tipo V+N non sono le sole formazioni esocentriche possibili, ve
ne sono altre che combinano categorie lessicali con le stesse restrizioni valide per i composti endocentrici. Se ne possono formare abbastanza liberamente con un elemento nominale
che non funge per da testa del composto e la cui struttura pu essere N+N (nord-est, pallavolo / canestro1), N+A (sanguemisto, visopallido, pellerossa, crocerossa), A+N (purosangue, ottusangolo, obliquangolo, imprisillabo, destrimano - che sono anche nomi - ,
grandufficiale, mezzomarinaio, dolcevita, biancospino, mezzala), NUM+N (mille / centoEntrambe le parole sono considerate la riduzione di sintagmi, rispettivamente palla a volo e palla
a canestro. Questa struttura originaria attribuita anche agli altri composti con palla come pallanuoto, pallamano, pallamuro ecc. (cfr. DISC). Nonostante siano femminili come il nome in prima
posizione, non si parla di "palle" bens di "giochi / attivit sportive che si fanno con la palla".

2.1. Composizione con elementi italiani

47

piedi, millefoglie), N+AVV (centravanti), AVV+N (avantilettera, avanscoperta / corpo /


guardia (nei quali avan sta per "avanti"), fuoribordo / busta / campo / classe / gioco). Ci
sono infine i complessi formati da P+N (senzatetto / casa / dio / lavoro / patria, sottoascella / scala / vaso / piede, dopofestival / scuola / lavoro / guerra)}

2.1.3. Composti aggettivali AB


Appartengono alle formazioni coordinate i composti formati da due aggettivi che possono
comparire o nella usuale forma di parola libera come agrodolce, dolceamaro,
cecoslovacco,
cristiano sociale, dacoromeno, lacero-contuso, sordomuto, oppure con un riaggiustamento
interno che pu consistere: (a) nella cancellazione di vocale, come in imperial-regio e biancazzurro, (b) nel troncamento di suffisso, come in balt(ic)oslavo,
organ(ic)ometallico,
dorso(ale)ventrale (in cui appare anche la vocale o di raccordo), ort(icol)ofrutticolo, (c)
nell'aplologia (eroi(co)comico, tragi(co)comico), (d) nella cancellazione di una sequenza,
come in ferrotranviario in cui stato cancellato viario che corrisponde ad un aggettivo
indipendente. Sono particolarmente produttive le costruzioni formate da due aggettivi di
colore, in particolare nel gergo del gioco del calcio, dove stanno ad indicare i colori solitamente caratterizzanti le magliette indossate dai giocatori: bianconero, rossoblu, gialloverde
ecc.
Le forme vengono interpretate come se tra esse vi fosse la congiunzione e e godono della
caratteristica dei composti coordinati di avere due teste, nel senso che l'aggettivo composto
indica le due propriet in modo congiunto. Nonostante non vi sia alcun tipo di restrizione
che impedisce di invertire l'ordine dei costituenti, queste formazioni hanno, solitamente,
ordine fisso.
Sono possibili, anche se non diffuse, formazioni subordinate con un aggettivo in seconda
posizione e un nome in prima: occhiazzurro / ceruleo / bendato, chiomazzurro che si interpretano da destra a sinistra ("azzurro / ceruleo di occhi", "bendato agli occhi", "azzurro di
chioma"). A dire il vero una interpretazione di direzione opposta - cio del tipo "con gli
occhi azzurri / cerulei / bendati" ecc. - sembrerebbe maggiormente accettabile, ma in questo caso la mancanza di accordo tra il nome e l'aggettivo giustifica la prima lettura. Fanno
parte di questo gruppo anche le forme, ormai lessicalizzate, come capinera,
codimozzo,
pettirosso che sono nomi di uccelli. 2 Sono composte da un avverbio e un aggettivo altre
costruzioni sporadiche: mal / beneducato / odorante / fidato / nato / sano / sicuro ecc. che
sono interessate dalla cancellazione della vocale e di male / bene, diversamente da chiaroveggente e sempreverde in cui la cancellazione non opera. Si possono formare composti
aggettivali anche mettendo insieme un nome di colore e un aggettivo come biancovestito,
blucerchiato che vengono quindi ad avere testa a destra.

La distinzione tra avverbio e preposizione nel caso di forme come fuori, dopo ecc. spesso problematica perch la sintassi contemporanea tende a considerare queste parole come preposizioni
che possono essere transitive o intransitive. Da qui la possibilit di raggruppare i composti che le
contengono in modo diverso.
Per la giustificazione di questa vocale si veda Zamboni 1997 e la bibliografia ivi citata.

48

2.

Composizione

Sono composti aggettivali con testa a destra anche vasocostrittore / motore / dilatatore
nei quali le parole costrittore, dilatatore, motore sono da considerare aggettivi. Accolgono
il plurale nel costituente testa e quindi si accordano con il nome cui si accompagnano {medicinali vasocostrittori).
Anche a numerose formazioni V+N come mangiafumo, pigliatutto, lanciamissili, lavatesta, levapunti, mangiasoldi, marcapiano, parafiamma viene attribuita (ad esempio nel
DISC) la categoria aggettivo. E dall'uso aggettivale che tali formazioni acquisiscono il
genere, in quanto ad essi viene attribuito il genere del nome che accompagnano; quanto
accade ad esempio al composto mangiafumo al quale, oltre a venire assegnata la categoria
aggettivo in ragione del fatto che stato utilizzato sin dalla sua coniazione come una apposizione del nome candela, viene attribuito genere femminile (una mangiafumo) che il
genere del nome candela. Talvolta questi aggettivi di struttura V+N ammettono anche la
graduabilit (dalla Torre Eiffel c' la vista pi mozzafiato di tutta Parigi).
Sono considerate aggettivi (nello Zingarelli e nel GRADIT) oppure locuzioni aggettivali
(nel DISC ma anche nel Devoto-Oli), le costruzioni del tipo di aria-aria, terra-aria, acquaterra che vengono utilizzate insieme al nome missile. Si tratta, come evidente, di costruzioni esocentriche perch n aria n terra n acqua sono la testa delle costruzioni; questi
nomi stanno ad indicare il punto di partenza e di destinazione di un missile (un missile
terra-aria, ad esempio, un "missile che viene lanciato da una postazione a terra per colpire
un bersaglio aereo"). A dire il vero piuttosto difficile attribuire una categoria lessicale a
queste formazioni poich, pur essendo utilizzate come aggettivi, di questi non manifestano
le propriet caratteristiche. Sarebbe quindi forse pi opportuno considerarle come costruzioni nominali che fungono da apposizioni del nome missile. In questo caso, quindi, dovrebbero essere collocati tra i composti N+N esocentrici. La loro collocazione tra le forme
aggettivali si giustifica con la categoria che viene ad essi attribuita dai dizionari. La possibilit di costruire formazioni come aria-sott'acqua, date da un nome e da un sintagma preposizionale, sembra inoltre metterne in discussione la natura di composti a favore di
un'analisi quali polirematiche.
Non sono pi produttive costruzioni esocentriche quali nullafacente e nullatenente la cui
struttura pronome indefinito+V (participio presente) e che sono sia nomi che aggettivi, e
non sono produttive nemmeno formazioni come destro / sinistrgiro. Poich giro viene
analizzato come un tema verbale, le formazioni, cui si attribuisce categoria aggettivo, sono
N+V (cfr. DISC). classificato come aggettivo anche millerighe la cui struttura NUM+N
in quanto utilizzato come modificatore di un nome (coperta millerighe) ma che anche un
nome, quando indica un tipo particolare di maccherone. Sono formazioni esocentriche anche altisonante / tonante la cui struttura AVV+V (participio presente) e sono utilizzati sia
come nomi che in funzione di aggettivi le formazioni esocentriche di struttura P+N doposc,
doposole, dopobarba, dopoteatro, rasoterra.

2.1.3.1. Il tipo altoatesino AB


Un commento particolare meritano i composti del tipo altoatesino, centroafricano, estremo
/ medio orientale, medio palatale, nazionalcomunista, liberalsocialista ecc. la cui caratteristica data dal fatto che l'aggettivo in posizione iniziale non legato semanticamente
all'aggettivo che lo segue ma al nome da cui tale aggettivo deriva. Detto altrimenti, altoate-

2.1. Composizione con elementi italiani

49

sino non significa "atesino alto" ma "dell'Alta vai d'Adige". Lo stesso vale per le altre
formazioni: centroafricano si riferisce al "centro Africa", estremo e medio orientale significano rispettivamente "dell'estremo e medio Oriente", medio palatale fa riferimento al
"palato medio" e infine nazionalcomunista e liberalsocialista fanno riferimento al "nazionalcomunismo" e al "liberalsocialismo" rispettivamente. Questi composti, pertanto, pur
essendo formati da due aggettivi non possono, come quelli del tipo agrodolce, essere considerati composti di coordinazione ma piuttosto come formazioni con testa a destra.

2.1.4.

Composti numerali AB

2.1.4.1. Numerali cardinali AB


I numerali cardinali, che nella tradizione grammaticale sono considerati aggettivi, sono
trattati dalla sintassi teorica moderna come quantificatori. Questi quantificatori formano
composti cui spetta una menzione particolare in virt di alcune caratteristiche che non coinvolgono tutte le formazioni ma suggeriscono, al contrario, raggruppamenti distinti.1 Una
particolarit dei composti numerali di non essere formati da due soli costituenti come la
maggior parte dei composti italiani. Accanto a formazioni quali ventisei, trentacinque,
ottantanove, ci sono infatti formazioni quali centoventisei, millequattrocentodieci,
cinquantottomilaseicentoquarantadue
il cui numero dei costituenti, come si vede, varia da tre
a sette. I composti con il pi alto numero di quantificatori coinvolti (nove) sono quelli che
vanno da duecentoventunomiladuecentoventuno
a
novecentonovantanovemilanove-centonovantanove, con l'esclusione dei numeri intermedi che non contengono il numerale per le
unit, come duecentoventunomiladuecentotrenta
/ quaranta ecc.
Anche i composti numerali che contengono la parola milione possono essere formati da
un notevole numero di termini, ma si differenziano dai precedenti per il fatto che milione
un nome e quindi il composto di tipo NUM+N (cfr. 2.1.2.3.). Tollemache 1945, 235 sostiene che nei numerali del tipo di duecento, il costituente non-testa precede la testa:2 duecento quindi una variet di cento. Questa osservazione non vale per per tutte le formazioni perch nel composto numerale settantasei, ad esempio, sei determina un tipo particolare di settanta, e quindi la parola in seconda posizione a funzionare come non-testa. Lo
stesso vale, ad esempio, per milleotto, millequindici ecc. Questo significa, dunque, che nei
composti numerali la testa talvolta il quantificatore di destra e talvolta il quantificatore di
sinistra.
Vien fatto di chiedersi, per, se ha ragion d'essere stabilire quale il costituente testa di
un composto di questa classe. In venticinquemilaseicentoquarantuno
il costituente testa
dovrebbe essere il quantificatore mila in quanto seicentoquarantuno un modificatore di
venticinquemila e, in base a quanto si detto finora, venticinquemila verrebbe interpretato

Due raggruppamenti distinti per i numerali sono proposti anche da Tollemache 1945, 71 che compie una separazione tra numerali giustapposti e composti numerali.
A dire il vero Tollemache parla di determinante che precede il determinato. Il parallelo quindi:
determinato = testa, determinante = non-testa.

50

2.

Composizione

come un tipo di mille. Ma il numerale mila un costituente interno al composto e l'ipotesi


che una testa sia interna alla formazione composta non sembra accettabile.
Si pu concludere, dunque, che i composti con i numerali cardinali sono di due tipi:
quelli NUM+NUM e quelli NUM+N, in cui sta per milione/i, miliardo/i. Quando per il
composto numerale+w7one appare all'interno di una sequenza di quantificatori numerali,
la propriet NUM+N si perde e riappare la struttura NUM+NUM del composto: duecentoquarantaseimilioniventottomilacinquecentodieci
(oggetti) un numerale composto.

2.1.4.2. Numerali ordinali AB


Anche i numerali ordinali possono dar origine a formazioni composte quando appartengono
alla serie dotta (cfr. Tollemache 1945, 73), nel senso che la formazione dell'ordinale avviene attraverso la scomposizione del numero composto e la sua successiva ricomposizione.
Ad esempio, l'ordinale di ventitr vigsimo terzo, in cui vigsimo una forma dotta, ma
pu essere anche ventesimo terzo. Le forme ordinali non dotte, come ad esempio ventitreesimo, appartengono alla derivazione da composto (cfr. 2.1.7.).

2.1.5.

Composti verbali AB

La composizione con verbi, in cui il verbo l'elemento testa, un procedimento di formazione che, se confrontato con la composizione nominale e aggettivale, pu essere definito di
scarsa frequenza. 1 I composti di questa categoria sintattica possono avere come costituente
non-testa: un nome, un avverbio, un verbo, una preposizione. La non-testa pu precedere il
verbo, dando cos origine a costruzioni con ordine non-testa / testa - ordine opposto a
quello sintattico - oppure seguire il verbo, e in questo caso il composto riflette l'ordine
sintattico. Nel caso in cui l'elemento non-testa preceda la testa ci si trova spesso di fronte a
costruzioni latine o latineggianti il cui significato non pi ottenibile dalla composizione
dei significati delle parti costituenti. Si tratta di verbi quali manomettere, capovolgere,
calpestare, mantenere, crocesegnare, barcamenare il cui primo costituente un nome e di
formazioni con primo costituente avverbio quali benedire, maledire, malmenare, benvolere
i cui significati sono oggi lessicalizzati.
Sono possibili anche formazioni in cui il verbo la testa, il costituente di destra ed
preceduto da un elemento preposizionale (oltrepassare,2 sottoalimentare, sovracaricare),
altre volte da un formante considerato, nel DISC ad esempio, primo elemento di composto (controbilanciare, retrodatare) oppure da accorciamenti (fotocopiare, motomeccanizzare, radiocollegare). In questi casi, per, si tratta o di costruzioni prefissate oppure di
composti che riflettono un ordine non nativo (cfr. 3.1.1.).

1
2

Cfr. Tollemache 1945, 241, Giurescu 1975, 92.


Giurescu 1975 sostiene che formazioni del tipo di oltrepassare
Verbo e sono veri e propri composti.

hanno la struttura Preposizione +

2.1. Composizione con elementi italiani

51

Sono forme arcaiche e obsolete i composti, assai pochi in realt, formati da due verbi, il
primo dei quali non presenta la desinenza -re dell'infinito (che corrisponde alla forma di
citazione del verbo italiano): passa(re)vogare e salta(re)beccare.
Sono invece attuali le costruzioni con ordine testa / non-testa che possono avere la struttura verbo+nome (prendere parte, aver torto, aprire bottega), verbo+avverbio (andare su /
gi, stare su, buttar via, averne abbastanza) o aggettivo in uso avverbiale (andare forte,
mangiare veloce), oppure verbo+preposizione (mettere su, avere su1).
Queste formazioni vengono considerate locuzioni verbali, 2 non composti in senso stretto,
poich tra le due parole possibile inserire del materiale lessicale, anche se la possibilit di
allontanare i due costituenti piuttosto limitata. Non possibile, ad esempio, inserire in
posizione intermedia il sintagma nominale complemento oggetto del verbo: *buttare
l'acqua via, *mangiare la pasta veloce, *mettere il caff su, *avere il cappotto su sono
costruzioni mal formate che devono essere sostituite dalle pi corrette forme buttare via
l'acqua, mangiare veloce la pasta, mettere su il caff e avere su il cappotto. I due elementi
della costruzione ammettono invece, abbastanza facilmente, di essere separati da un avverbio: aprire raramente bottega, (non) andare mai forte, ?metter spesso su l'acqua. Ritengo
che le formazioni di questo tipo, che potrebbero anche essere considerate polirematiche,
siano da considerare composti quando esprimono un concetto ben preciso dato dalla somma
dei significati delle parti componenti, quando cio si realizza la relazione di iponimia della
costruzione con la testa: mettere su un mettere, mangiare veloce un mangiare, buttar via
un buttare.

2.1.6.

Composti avverbiali DR

Non sono pochi gli avverbi formati a partire dalla combinazione di pi parole, tuttavia non
tutti rientrano nella visione prototipica di un composto. In vari casi, in effetti, l'input appare
costituito non tanto da due morfemi lessicali, quanto da un vero e proprio sintagma che
conserva al suo interno le parole grammaticali (articoli, preposizioni, determinanti, congiunzioni) e i fatti di sandhi (raddoppiamento sintattico, elisioni ecc.); per questi casi (si
pensi a forme come allora, almeno, altrettanto, tuttora, pressappoco ecc.) sembra pi opportuno fare ricorso al termine di univerbazione. I due fenomeni saranno trattati in due
paragrafi distinti, anche se casi di confine sono evidentemente presenti.

2.1.6.1. Composti veri e propri: il tipo sottobraccio DR


L'unico schema di composizione che appare produttivo per gli avverbi quello P+N, dove
con si intende la sottoclasse delle cosiddette preposizioni improprie, dal contenuto
semantico pi lessicale e spesso utilizzabili anche in funzione avverbiale. Il DISC segnala
complessivamente una settantina di termini, formati a partire da nove preposizioni, alcune

Su, in italiano, ha la doppia valenza di preposizione e di avverbio.


questa l'opinione espressa in Dardano 1978 e in Giurescu 1975 ed sotto questa dicitura che
sono elencate nel GRADIT.

52

2.

Composizione

solo sporadicamente presenti (anzitempo, dopocena, innanzitutto) mentre produttive anche


in tempi recenti risultano contro, fuori, oltre, sotto. Citiamo alcune forme tra quelle che il
DISC data alla seconda met del '900: contromano, fuorimisura, fuoripasto, oltrefrontiera,
sottovuoto, sottocosto. Naturalmente la datazione particolarmente problematica in questi
casi, perch il composto P+N, in assenza di lessicalizzazioni molto specifiche, pu essere
indistinguibile da un sintagma pi o meno irrigidito, che i dizionari naturalmente non registrano come lemma autonomo. D'altra parte, formazioni avverbiali ben attestate nella prosa
giornalistica odierna (come emerge da un rapido controllo su un corpus di annate della
Stampa), come oltreatlantico, sottocasa, sottocosta, sottovetro ecc. non sono registrate dal
DISC, il che un buon segno di produttivit del processo.
Lo stesso schema forma produttivamente anche nomi e aggettivi, e non di rado lo stesso
composto pu avere due o tre funzioni, senza che sia sempre ovvio stabilire la direzione in
cui la transcategorizzazione abbia avuto luogo. Questo particolarmente vero nel caso degli
usi aggettivali e avverbiali: dato che la struttura P+N perfettamente idonea a fungere da
modificatore sia di nome che di verbo, anzi possibile che in vari casi non si abbia affatto a
che fare con una conversione a partire da una delle due funzioni, ma con una polifunzionalit ab initio del composto. Sarebbe arduo, per esempio, stabilire una priorit tra uso aggettivale e avverbiale in posta fuorisacco / spedire fuorisacco o navigare sottovento / versante
sottovento. Naturalmente, per stabilire l'effettiva esistenza dello schema P+N come regola
di composizione avverbiale necessario individuare formazioni di questo tipo con uso
esclusivamente (o in grandissima prevalenza) avverbiale. Non sembra peraltro esserci dubbio che tali formazioni esistano: si pensi a controvoglia, contromano, oltremodo, soprappensiero, sottobraccio, sottovoce.
I composti con sopra (come soprappensiero, sopravvento) sono problematici per la distinzione tra composti e univerbazioni perch manifestano di solito (almeno nello scritto,
non sempre nella pronuncia dei settentrionali) il raddoppiamento della consonante iniziale
del secondo termine, che consente un'interpretazione come univerbazioni a partire dalla
locuzione sopra a, che induce il raddoppiamento sintattico. Si noti che il DISC non registra
nuove formazioni avverbiali con sopra negli ultimi due secoli.
Al di fuori del tipo P+N, la composizione avverbiale ha carattere di assoluta sporadicit.
Le formazioni realmente in uso si limitano a poche unit, e le categorie sintattiche coinvolte
sono le pi disparate. Per completezza, elenchiamo qui alcune tra le pi familiari: malvolentieri, nottetempo, oggigiorno, rasoterra, sottosopra.

2.1.6.2. Univerbazioni: i tipi almeno, altrettanto, dappertutto, nondimeno e simili DR


Se indubbio che le univerbazioni contribuiscono all'arricchimento del lessico, e probabilmente in particolar modo nel campo degli avverbi, la loro stessa natura inerentemente
idiosincratica le rende refrattarie a un trattamento sistematico. Appare comunque evidente
che questo tipo di formazione molto raramente entra in competizione con i processi derivazionali. Anche tra gli avverbi, sono le sottoclassi limitate e funzionalmente specializzate
quelle che ospitano la stragrande maggioranza di univerbazioni: per la grande classe aperta
degli avverbi di maniera, non si trova che un caso indiscutibile, adagio, a cui con un po' di
buona volont si possono aggiungere apposta, appieno, invano. I valutativi sono appena
presenti, sia pure con l'importantissimo avverbio purtroppo (e il meno importante gra-

2.1. Composizione

con elementi

italiani

53

zia(d)dio). Molto pi numerosi sono invece i rappresentanti tra gli avverbi di tempo e di
luogo, e rilevante l'apporto di focalizzatori e avverbi di grado / quantit (tutte classi in cui,
come si vedr in 5.4.1.1., gli avverbi in -mente sono presenti ma relativamente minoritari).
Un ruolo assolutamente centrale le univerbazioni lo assumono poi nell'ambito dei connettivi testuali: una sottoclasse al limite tra le due categorie tradizionali delle congiunzioni e
degli avverbi, quindi, se si vuole, anche al limite tra lessico e grammatica. A conferma e
illustrazione di quanto detto, diamo una lista di univerbazioni che compaiono nel lemmario
del DISC (non esaustiva, anzi limitata a termini di uso decisamente corrente) suddivisa
secondo le principali funzioni sopra menzionate: (a) focalizzatori: addirittura, almeno,
appunto, davvero, finanche, neanche, nemmeno, neppure, perfino, perlappunto, quantomeno; (b) avverbi di luogo: accanto, addentro, addosso, altrove, appresso, attorno, dabbasso, daccanto, dappertutto, dappresso, dattorno, didietro, dirimpetto, incontro, indentro,
indietro, indosso, intorno, laggi, lass, quaggi, quass; (c) avverbi di tempo: allora,
appena, dapprima, dapprincipio, finora, giammai, ierlaltro, ognora, pocanzi, sinora, stamattina, stanotte, stasera, stavolta, talora, talvolta, tuttora; (d) avverbi di grado / quantit:
abbastanza, affatto, alquanto, altrettanto, piuttosto, pressappoco, pressoch, suppergi; (e)
connettivi testuali: casomai, difatti, dopodich, ebbene, eppure, frattanto, infatti, infine,
inoltre, insomma, intanto, invece, invero, nondimeno, orbene, peraltro, perlomeno, pertanto, tantomeno, tuttavia, tuttalpi.

2.1.7. Composti come basi di derivazione AB


La derivazione dalle parole composte si realizza attraverso gli stessi processi che si applicano nella derivazione dalle parole non composte, ossia utilizzando gli stessi affissi e rispettando lo stesso tipo di selezione categoriale. Ma le parole composte e derivate non sono
molte nella nostra lingua. Che la derivazione si applichi ai composti con qualche difficolt
era stato osservato, per il francese, gi da Darmesteter 18942, anche se Thomas 1897, 50ss.,
che ne riporta l'affermazione e gli esempi, elenca una serie di formazioni che aumentano
apprezzabilmente il numero delle formazioni elencate da Darmesteter. A pi di cento anni
da queste osservazioni dei grammatici francesi, si pu senz'altro notare che la situazione
non cambiata di molto: i derivati da parola composta ci sono ma non sono cos numerosi
come i derivati da parola semplice o (gi) derivata. La ragione di ci pu essere attribuita
alle caratteristiche delle parole composte (cfr. Scalise 1983, 217ss.; 1994, 237ss.), cio al
fatto che, come si visto in 2.1., i composti possono essere stretti e larghi. I composti stretti, lo ricordiamo per comodit, sono quelli formati da parole che la frequenza d'uso e/o la
lessicalizzazione hanno reso pressoch inseparabili sia dal punto di vista fonologico (nel
senso che si verificato un amalgama tra le parole componenti) sia dal punto di vista semantico (nel senso che il significato del complesso non pi composizionale), come in
cavolfiore, pomodoro, falegname ecc. I composti larghi, invece, sono quelli nei quali le
parole componenti mantengono la loro individualit fonologica e semantica in modo evidente, come ad esempio in trasporto merci, trasmissione radio, fondo assistenza ecc. Questa differenza tra i composti fa s che i composti stretti (e quindi anche i lessicalizzati) ma
non i composti larghi, possano essere assoggettati ad un processo derivativo. I composti
stretti e lessicalizzati infatti vengono percepiti quali parole semplici e vengono, di conse-

54

2.

Composizione

guenza, trattati come queste ultime. Non difficile quindi costruire una derivazione: pomodorino, falegnameria, crocerossina, avanguardista. Per i composti larghi, invece, questa
possibilit non si verificherebbe perch la testa del composto (che, come sappiamo la
parola in posizione iniziale) si viene a trovare troppo lontana dal suffisso derivativo (cfr.
Scalise 1994, 239).
Credo che queste osservazioni, pur valide nell'insieme, vadano un po' corrette in base ad
altre considerazioni. Pur essendo infatti vero che composti quali assicurazione auto non
sono in grado di accettare un affisso derivativo che possa essere interpretato come avente
portata sul complesso, non credo sia solamente il fatto che la testa del composto verrebbe a
trovarsi lontana dal suffisso a determinare l'impossibilit della derivazione. Ritengo che in
casi come questo abbiano una notevole influenza due fattori legati alla semantica: il primo
si riferisce alla relazione che si instaura tra i costituenti che una relazione variabile che, lo
sappiamo, lega i due termini ma che, in realt, li allontana perch li tiene semanticamente
ben distinti. Il secondo fattore ha a che fare con la semantica del complesso e quella apportata dal possibile affisso derivativo, come si pu verificare con assicurazione auto. Questo
composto ha un significato che pu essere reso come "assicurazione contro i danni che pu
subire l'auto(mobile)": le due nozioni di assicurazione e di auto sono ben distinte anche se
legate da una relazione semantica che le mette insieme; di conseguenza un processo di
derivazione applicato necessariamente su uno solo dei due costituenti avrebbe influenza
solo sul costituente interessato, indipendentemente dalla distanza dell'affisso dalla testa.
ci che accade: riassicurazione auto e coassicurazione auto sono composti non corretti
dell'italiano perch non veicolano il significato dato dalla struttura richiesta dalla affissazione del complesso, non sono cio interpretabili come [ri-/co-[assicurazione auto]] in
quanto riassicurazione e coassicurazione non fanno riferimento alla assicurazione
(dell'auto) effettuata da un privato cittadino (o da una ditta, un ente ecc.) ma indicano delle
"sovra-assicurazioni" nel senso che l'assicuratore che si co-assicura con altre compagnie
(e di solito non per i rischi che pu correre un'automobile) e si ri-assicura per la copertura
dei rischi derivanti dalla propria attivit. Questi significati delle parole prefissate non sono
associabili al secondo costituente (auto) con lo stesso tipo di relazione e di conseguenza,
pur non essendo gli affissi derivativi lontani dalla testa del composto, la derivazione non ha
successo. Mi sembra dunque che si possa affermare che ad impedire la derivazione da un
composto largo sono ragioni di tipo semantico che si estendono a tutta la derivazione da
composto. Anche i composti lessicalizzati e stretti (in una accezione di stretto un po'
meno restrittiva di quella riportata qui sopra) sottostanno alla derivazione compatibilmente
con il loro significato e con il significato apportato dagli affissi; a dopolavoro, che un
composto nominale esocentrico e lessicalizzato ed indica un "ente che organizza attivit
culturali e ricreative per il periodo dopo il lavoro dei lavoratori" pu essere aggiunto sia il
suffisso -ista che -istico: dopolavorista la "persona iscritta al dopolavoro" mentre dopolavoristico un aggettivo che significa "proprio del dopolavoro o dei dopolavoristi". Ma un
composto simile, come dopocena, che indica il "periodo di tempo che segue il pasto serale,
cio dopo la cena", in virt del fatto di non indicare anche "un ente che ...", quindi di non
avere denotazione simile a quella di dopolavoro, non pi costituire base di una derivazione.
Sulla base di queste restrizioni quindi possibile formare derivati da composti di cui
diamo qualche esempio qui di seguito.
Il tipo dabbenaggine, quintessenziare, dirimpettaio ecc. ha la particolarit di essere costruito su composti lessicalizzati, indipendentemente dal tipo di affisso e quindi di categoria

2.1. Composizione con elementi italiani

55

lessicale della parola derivata. Fanno parte di questo gruppo anche capitombolare, terramaricolo, guerrafondaio, alfabetizzare, pressapochismo, battibeccare, palafitticolo,
dappocaggine, malaccortezza,
malagevolezza.
Il tipo autoveicolista relativamente produttivo. Il suffisso -ista forma nomi indicanti
"colui che svolge una attivit" prendendo a base parole composte (sia con elementi italiani
(cfr. 5.1.1.1.6.) che con i cosiddetti elementi formativi (cfr. 2.2.)) il cui significato si presta
a questo, cio possibile ipotizzare che una persona compia una attivit utilizzando
l'oggetto indicato dal composto: Y autoveicolista colui che guida l'autoveicolo. Appartengono alla serie: avanguardista, benestarista, centometrista, centrocampista,
deltaplanista,
doppiogiochista, elettroterapista, fibrocementista, ipnoterapista, liberoscambista,
acquacolturista, agopunturista, agroalimentarista, aliscafista, indoeuropeista,
autocisternista,
autogruista ecc. Come si pu notare, i composti di base possono essere endocentrici (come
liberoscambio, acquacoltura, autoveicolo ecc.) oppure esocentrici (come benestare, centometri, deltaplano) ma il derivato indica in ogni caso l'autore di una attivit che in relazione con il nome composto. Nel caso di formazioni come elettroterapista,
ipnoterapista,
autogruista, agroalimentarista, liberoscambista ci si pu chiedere se si tratta veramente di
derivati da composti oppure se le formazioni potrebbero essere analizzate come composte
da un primo elemento seguito da un derivato, cio se non si tratti piuttosto di liberoscambista, agro-alimentarista ecc. Ancora una volta la semantica a fornire aiuto: elettro-,
ipno-, auto, agro-, libero sono costituenti che fanno riferimento ai (hanno cio portata sui)
nomi non derivati: il liberoscambista non uno "scambista libero" ma una persona favorevole al "liberoscambio".
E possibile anche la derivazione verbale da composto: aeroso lizzare,
chiaroscurare,
controsoffittare, paracadutare, telegrafare, rendicontare, vivisezionare ecc. (cfr. 5.3.1.1. e
7.4.1.) Una menzione particolare meritano, a mio avviso, le poche forme derivate da composto V+N; oltre al gi visto paracadutare, ci sono paracadutista!ismo e guardarobiere.
Guardarobiere possibile, dal punto di vista semantico, perch la base guardaroba indica
un "luogo" e il suffisso aggiunge al composto un significato di agentivit: guardarobiere
la persona che si occupa del guardaroba. Quanto alle formazioni con paracadute, la prima
di esse, in ordine di tempo (cfr. DISC) paracadutista: anche in questo caso il derivato si
potuto formare perch la base paracadute indica uno strumento e il valore agentivo viene
introdotto dal suffisso -ista. Le altre derivazioni, paracadutare e paracadutismo, come pure
paracadutistico, sono state rese possibili da paracadutista: all'agente (paracadutista)
seguita l'attivit (paracadutismo), l'azione (paracadutare) e infine anche l'aggettivo (che
semanticamente legato a paracadutismo).
Costituiscono derivazioni da composto anche le forme quali ventitreesimo,
duecentoundicesimo, novantaduesimo ecc., cio i derivati formati da un numerale cardinale attraverso
l'aggiunta del suffisso -esimo (cfr. 5.5.).
Concludendo, si pu affermare che nella derivazione dalle parole composte svolge un
ruolo non indifferente la semantica. Pi il significato dei composti oscurato, maggiore la
possibilit di costruire dei derivati; ci non esclude per che si possano formare dei derivati
anche da composti la cui composizione semantica chiara, purch ci sia compatibilit tra il
significato del composto e quello apportato dall'affisso di derivazione.

2.

56
2.1.8.

Composizione

Polirematiche MV

2.1.8.1. Premessa terminologica MV


In questo capitolo ci occuperemo delle combinazioni di parole che sono sentite dai parlanti
nativi come un'unica unit lessicale, senza per questo presentare le propriet morfologiche
tipiche delle parole. Si tratta di sequenze che non superano di norma l'estensione di un
sintagma e che presentano una coesione interna maggiore di quella prevedibile sulla base
della loro struttura sintattica. Alcuni esempi sono i seguenti: luna di miele, ordine del giorno, macchina da scrivere, acqua e sapone, rendersi conto, dare retta. Si tratta di formazioni, molto varie per composizione interna e per comportamento morfosintattico, che
vanno da un massimo ad un minimo di agglutinazione. In questo capitolo descriveremo
questo meccanismo di formazione di unit lessicali evidenziando i punti di contatto e i
punti di divergenza con la composizione e il processo di univerbazione.
Non esiste in italiano un termine correntemente accettato per indicare queste formazioni.
Mi pare che tre siano i termini pi usati, a seconda dei contesti. In ambito lessicografico
(LIP, DISC, GRADIT) si trova il termine (unit) polirematica, che indica una sequenza di
parole dal significato unitario; in morfologia (Scalise 1994) troviamo il termine composto
sintagmatico, in cui si accentua, pur sottolineandone differenze, la somiglianza tra alcune di
queste formazioni e i composti; infine, si trovano i termini lessema complesso (Voghera
1994, De Mauro / Voghera 1996) o unit lessicale superiore (Dardano 1978)1 con i quali
viene messo in rilievo l'unitariet lessico-semantica di queste formazioni, il fatto cio che si
tratta di formazioni che sono percepite, e in parte si comportano, come un unico lessema. 2
Ognuno di questi termini mette in luce un aspetto importante di queste formazioni. In questo capitolo useremo, seguendo la prassi lessicografica recente, il termine polirematica.

2.1.8.2. Caratteristiche generali delle polirematiche MV


Come abbiamo detto, le polirematiche costituiscono un insieme dalle caratteristiche molto
varie. In primo luogo, possiamo dire che diversamente da ci che succede nei composti, gli
elementi costituenti delle polirematiche non sono solo morfemi lessicali, ma spesso sintagmi e/o frasi. In secondo luogo, gli elementi costituenti delle polirematiche tendono a
mantenere una libert di movimento (cfr. 2.1.8.2.1.) che non hanno gli elementi costituenti
n dei composti n delle univerbazioni. 3 Esistono tuttavia molte formazioni ambigue quanto
a statuto morfologico. Ci accade perch, come vedremo, gli elementi potenzialmente definitori di una polirematica appartengono a livelli diversi (De Mauro / Voghera 1996; Bar-

Dardano 1978, 175-194 assimila tuttavia la maggior parte delle polirematiche ai composti veri e
propri.
Esistono anche altri termini che possono entrare in concorrenza con quelli qui citati, in particolare
i termini collocazione, clich e idiom; per una discussione terminologica si vedano Casadei 1996 e
De Mauro / Voghera 1996.
Un caso un po' a s rappresentato dalle polirematiche pronominali (cfr. 2.1.8.3.2.), per molte
delle quali si pu parlare di univerbazione.

2.1. Composizione con elementi italiani

57

kema 1996). Considereremo quindi separatamente gli aspetti morfosintattici, gli aspetti
semantici e l'uso: la combinazione di questi tre tipi di criteri permetter di descrivere le
diversit tra i vari tipi di polirematiche.
2.1.8.2.1. Morfosintassi MV
Le polirematiche si trovano in un'area dai confini sfumati che possiamo idealmente collocare tra la formazione delle parole e la sintassi. Se immaginiamo una scala che va dalla
parola monomorfematica alla frase, cio dalla minima alla massima mobilit degli elementi
costituenti, queste combinazioni di parole si trovano in una posizione intermedia tra i composti e i sintagmi liberi: parola > parola con affissi > parola incorporante > composto >
polirematica > sintagma > frase. La loro posizione determinata dal fatto che possono
condividere alcune delle propriet dei composti, mentre altre si avvicinano per il loro comportamento morfosintattico ai sintagmi. Non raro, del resto, che alcune polirematiche in
fasi diacroniche successive possano dare esito a composti veri e propri o a univerbazioni
(cfr. 2.1.8.3.2.). Le polirematiche non sono infatti un insieme omogeneo, ma un insieme di
formazioni diverse per la loro composizione interna e per il grado di libert di movimento
manifestato dai loro elementi costitituenti. Ci dipende da vari motivi.
Innanzi tutto, le polirematiche possono appartenere a categorie diverse. In Voghera 1994
si mostrato che nel LIP non esistono restrizioni categoriali per la formazione delle polirematiche. Si hanno quindi polirematiche nominali (luna di miele, carta carbone), verbali
(stare fresco, fare il punto), aggettivali (acqua e sapone, alla buona), avverbiali (cos cos,
a suo tempo), preposizionali (riguardo a, afronte di), congiunzionali (nella misura in cui),
interiettive (mamma mia, alla faccia!, apriti cielo), pronominali (che cosa). Esistono tuttavia differenze nella numerosit delle diverse categorie, come si pu vedere dalle percentuali
riportate qui di seguito: nominali 39,4%, verbali 14,3%, avverbiali 14%, aggettivali 4,2%,
congiunzionali 2,3%, preposizionali 2,2%, interiettive 2,5%, pronominali 0,07%.
Qualche precisazione richiede la categoria interiezione. E noto che si tratta di una categoria funzionale e non morfosintattica: a rigor di logica qualsiasi elemento pu essere usato
interiettivamente, cio pu comparire come elemento non integrato in unit di rango maggiore. Tuttavia le polirematiche interiettive mostrano delle propriet semantiche rilevanti
anche sul piano morfosintattico, che giustificano il loro riconoscimento come categoria
separata, come vedremo in 2.1.8.2.2.
Anche nel GRADIT, il repertorio lessicografico italiano pi ampio per le polirematiche 1 ,
troviamo tutte le categorie. Il GRADIT registra a lemma 63.000 polirematiche, di cui l'84%
nominali, il 7% verbali, il 3% aggettivali, il 4,5% avverbiali, lo 0,7% preposizionali e congiunzionali, lo 0,3% interiettive e lo 0,04% pronominali. Colpisce qui la straordinaria numerosit delle polirematiche nominali rispetto a tutte le altre. Le differenze tra LIP e GRADIT dipendono in primo luogo dal fatto che il corpus del LIP costituito da testi parlati per
un totale di 500.000 occorrenze e che, quindi, registra solo le polirematiche di pi alta frequenza. In secondo luogo, nel GRADIT si dato ampio spazio alle polirematiche di tipo

Ho qui considerato per comodit di consultazione solo le polirematiche che il GRADIT porta a
lemma; in realt ben altre 67.000 sono riportate all'interno delle voci.

58

2. Composizione

tecnico-scientifico (amministratore delegato, particella elementare) che da sole costituiscono l'89% delle polirematiche nominali del GRADIT. 1
Il secondo elemento di differenziazione tra i vari tipi di polirematiche il fatto che le
formazioni appartenenti a categorie grammaticali diverse presentano gradi di lessicalizzazione, e quindi di coesione interna, diversi. Il comportamento delle polirematiche appartenenti a categorie diverse evidente se applichiamo alcune prove per valutare il grado di
mobilit e segmentabilit morfosintattica interna di queste formazioni. Le prove che ho
applicato sistematicamente sono le seguenti: (a) flessione della testa, (b) inserzione di modificatori della testa, (c) pronominalizzazione della testa; (d) topicalizzazione e dislocazione
della testa. L'insieme di queste prove mira a valutare se le polirematiche sono atomi sintattici, se cio si comportano come i composti la cui struttura interna cristallizzata.
Qui di seguito sono riportati alcuni esempi delle prove (a)-(d) applicate a polirematiche
nominali, aggettivali e verbali. Per una valutazione corretta delle prove bisogna tener presente che determinante il testo precedente e seguente la frase di cui si vuole decidere la
grammaticalit e/o accettabilit: non raro che cambiando il contesto si cambi anche giudizio. In particolare, si notato che l'inserzione delle prove in un contesto dialogico tende ad
aumentare il livello di accettabilit delle trasformazioni, come si pu vedere negli esempi
( l e ) , (2c) e (3c).

(1)

luna di miele

(2)

conferenza stampa

(3)

alte sfere

(4)

chiavi in mano

(5)

botta e risposta

(6)

stare fresco

a. lune di miele
b. *luna bella di miele
c. Di che luna parlavi? - ?Di quella di miele.
d. * di miele la luna di cui parlavi?
a. conferenze stampa
b. *conferenza affollata stampa
c. A quale conferenza vai? - ? A quella stampa.
d. *E stampa la conferenza cui sei stato invitato?
a. *alta sfera
b. *alte e importanti sfere
c. A quali sfere alludevi? - ?A quelle alte, naturalmente!
d. *Sono alte le sfere di cui ti parlavo.
a. *chiave in mano
b. *chiavi subito in mano
c. *Di chiavi mi hanno dato quelle in mano.
d. *In mano le chiavi non te le danno.
a. 'botte e risposte
b. *botta sicura e risposta, *botta e qualche risposta, *botta e
solamente risposta
a. Sto, stai, staranno, stavano ecc. fresco/hi.
b. stare molto fresco
c. *Quello fresco lo stare che temo di pi.
d. * fresco che stai!

Sul ruolo delle polirematiche nella costituzione del lessico settoriale delle diverse discipline, si
ir^z-io n a
i nnii a

2.1. Composizione con elementi italiani


(7)

rendere conto

59

a. rendo, rendiamo, renderanno, renderebbero ecc. conto


b. rendere veramente conto
d. ?Conto non devi rendere a nessuno!

Dalle esemplificazioni risulta chiaro che le polirematiche verbali mantengono sempre la


flessione e permettono quasi sempre la modificabilit attraverso un avverbio. Le polirematiche nominali e aggettivali si comportano variamente, ma la maggior parte di essi perde la
flessione e non consente l'inserzione di modificatori o trasformazioni sintattiche. Le polirematiche avverbiali, preposizionali e congiunzionali presentano di norma il massimo grado
di agglutinazione e quindi di fissit interna.
Queste differenze di comportamento morfosintattico dipendono da molteplici fattori. Dal
punto di vista morfosintattico l'elemento che ha il peso maggiore la struttura sintattica di
partenza. Bench tutte le polirematiche siano esiti di processi di lessicalizzazione, esse
derivano da strutture che presentano condizioni potenziali di lessicalizzazione diverse. Anche se non esiste una corrispondenza meccanica tra sequenza sintattica e tipo di esito lessicale, possibile delineare percorsi preferenziali associati all'una o all'altra formazione
quanto al grado e al tipo di lessicalizzazione prevedibile sulla base della composizione
interna e del grado di coesione morfosintattica della struttura di partenza (Voghera 1994).
Le polirematiche verbali, costituite al 100% da SV, sono quelle che presentano la maggiore
resistenza alla perdita delle proprie marche categoriali, e la maggioranza di esse assomiglia
a sintagmi. Le polirematiche nominali, costituite perlopi da SN, sono il gruppo pi eterogeneo, ma nella maggior parte dei casi presentano una coesione che si avvicina a quella dei
composti, ammettendo tutt'al pi la flessione della testa. Infine, le polirematiche aggettivali
e avverbiali, costituite da SP, e le polirematiche preposizionali e congiunzionali, costituite
in prevalenza da costruzioni con complementatore, rappresentano il pi alto grado di coesione.
Se guardiamo alle strutture che costituiscono le polirematiche, in un'ipotetica scala che
va dalle strutture pi facilmente lessicalizzabili a quelle meno lessicalizzabili, potremmo
avere l'ordine seguente: strutture COMP (in preda a, in modo che) > SP (all'aria aperta, in
erba) > SN (luna di miele, alte sfere, conferenza stampa) > SV (stare fresco, rendere conto). Le due categorie di polirematiche pi numerose, i nomi e i verbi, sono anche quelle che
presentano una maggiore variet di comportamenti a parit di struttura sintattica. Si pu
quindi dedurre che i criteri morfosintattici non bastano da soli a spiegare la lessicalizzazione di queste strutture, ma che un ruolo decisivo svolto dai fattori semantici.

2.1.8.2.2. Semantica MV
La principale caratteristica semantica delle polirematiche che esse non presentano una
lettura composizionale del significato pur non presentando strutture anomale o materiale
lessicale desueto. Nelle polirematiche registrate nel LIP, rara per esempio la presenza di
parole non pi trasparenti (cfr. cilecca in fare cilecca, otta in a bell'otta "proprio al momento giusto", retta in dare retta ecc.). Anche tra le polirematiche registrate dal GRADIT
solo 1,3% classificato come obsoleto, letterario e di basso uso. Ci che tipico caso-

60

2.

Composizione

mai una certa opacit o non calcolabilit del significato di queste formazioni.1 La maggior
parte delle polirematiche ammette infatti una lettura solo non composizionale del proprio
significato (150 ore, anno luce, colonna sonora, luna di miele, punto di vista, fare acqua,
mettere a punto), la quale perlopi ricostruibile solo etimologicamente. La lettura non
composizionale delle polirematiche non dipende quindi dall'opacit semantica dei costituenti, ma dal fatto che esse hanno almeno una delle caratteristiche seguenti (De Mauro /
Voghera 1996): (a) un significato figurato, prevalentemente anche se non esclusivamente
metaforico, per esempio scala mobile (come meccanismo di adeguamento dei salari), cavallo di battaglia, dare spago-, (b) un significato non iponimo della testa: la colonna sonora
non una colonna, il dare retta non un dare\ (c) un significato settoriale: amministratore
delegato, andare a registro, (d) un significato formulare che usiamo attribuire pi in generale alla fissit delle situazioni d'uso: per favore, porca miseria. Com' ovvio questi procedimenti possono combinarsi tra loro e non sempre facile capire qual stato il fattore semantico che ha maggiormente determinato la lessicalizzazione di queste sequenze.
Se non facile indicare a priori i fattori semantici determinanti per ciascuna formazione,
per possibile, a posteriori, individuare un rapporto costante tra grado di coesione, opacit
semantica della polirematica e tipo di significato. Analizzando in dettaglio le polirematiche
del LIP (Voghera 1994), si nota che il grado di coesione interna rispecchia alcune differenze nel rapporto tra significato e significante nelle diverse combinazioni, in gran parte
legate al diverso tipo di significati espressi. Almeno in prima battuta si pu individuare una
tripartizione che corrisponde grosso modo alla presenza di polirematiche con significato
(prevalentemente) pragmatico, significato (prevalentemente) testuale / grammaticale, significato (prevalentemente) lessicale. Appartengono al primo tipo espressioni cristallizzate
formulari come le seguenti: per favore, grazie mille, tante {buone) cose, apriti cielo, mamma mia. Si tratta perlopi di polirematiche, spesso trasparenti dal punto di vista composizionale (Pitt / Katz 2000), dalla struttura interna molto varia che funzionano come indicatori di atti linguistici. L'uso di per favore nell'enunciato un caff per favore segnala per
esempio una richiesta da parte del parlante anche in assenza di altre marche pi esplicite.
L'espressione per favore ha un valore pragmatico che non deducibile dalla sua composizione sintagmatica. Queste polirematiche si identificano dunque per la loro forza pragmatica che finisce col coincidere in sostanza con il loro significato.
Un secondo gruppo di polirematiche quello che esprime significati prevalentemente testuali e/o grammaticali. Si tratta dunque di polirematiche il cui significato di tipo relazionale e pu essere definito solo internamente al testo. Hanno significati prevalentemente
grammaticali le polirematiche pronominali, congiunzionali e preposizionali. Dal punto di
vista composizionale esse presentano una forte agglutinazione dei membri che le compongono, i quali perdono autonomia funzionale e acquistano una nuova funzione testuale. Si
tratta di espressioni che differiscono molto per ci che riguarda l'autonomia semantica dei
loro membri, come mostrano le polirematiche in corsivo negli enunciati seguenti:
(8)
(9)

E proprio arrivato l'inverno: non per niente oggi piove!


Parteciperemo alla trattativa nella misura in cui avremo sufficienti garanzie.

Sorvolo in questa sede sulla problematicit della nozione di calcolabilit semantica, per la quale
rimando a De Mauro 1982, e in relazione ai problemi qui trattati a Casadei 1996, De Mauro / Voghera 1996.

2.1. Composizione con elementi italiani

61

Entrambe le polirematiche sono congiunzioni, ma presentano caratteristiche diverse: in (8) i


membri della polirematica non conservano autonomia n funzionale n semantica; in (9)
invece tutti i costituenti della polirematica sono identificabili sia dal punto di vista categoriale sia semantico. Entrambe manifestano tuttavia un sovrappi funzionale non deducibile
dalla classe grammaticale cui appartengono le parole che le compongono.
Il terzo gruppo di polirematiche quello che esprime significati lessicali. Fanno parte di
questo gruppo avverbi, aggettivi, nomi, verbi. In tutti i casi si tratta di espressioni in varia
misura agglutinate anche semanticamente, nelle quali ad una maggiore agglutinazione corrisponde una maggiore erosione semantica dei membri della combinazione. Si distinguono
tuttavia le polirematiche il cui significato fortemente determinato dal contesto d'uso:
espressioni come campo lungo o carta semplice assumono un significato non composizionale rispettivamente nel linguaggio cinematografico e burocratico, ma possono perdere la
loro specificit al di fuori di questi contesti. E proprio questo tipo di lessemi a presentare un
minor grado di coesione.
I diversi gradi di coesione dipendono quindi anche da caratteristiche semantico-funzionali non casuali: i tre tipi di significato menzionati rappresentano infatti condizioni di lessicalizzazione potenzialmente diverse per le combinazioni di parole. La probabilit che una
combinazione di parole diventi una polirematica aumenta man mano che dal significato
lessicale si passa a quello pragmatico e a quello testuale e/o grammaticale.
2.1.8.2.3. Uso Mv
Un altro dei fattori che necessario tenere in massima considerazione nella valutazione
delle caratteristiche delle polirematiche la frequenza d'uso. In primo luogo utile ricordare che il numero delle polirematiche non determina automaticamente la loro frequenza,
come si pu vedere dalla tabella 1, che riporta il numero delle polirematiche e la loro frequenza media nel LIP.
Polirematiche
nominali
verbali
avverbiali
aggettivali
interiettive
congiunzionali
preposizionali
pronominali

Lemmi
39,4%
14,3%
14,3%
4,2%
2,5%
2,3%
2,2%
0,07%

Occorrenze
25,4%
11,0%
13,4%
3,5%
17,1%
3,9%
4,1%
6,6%

Tabella 1 : Numerosit e frequenza delle polirematiche del LIP


In particolare notiamo che le polirematiche interiettive pur essendo solo il 2,5% del totale
coprono il 17% delle occorrenze. Ci significa che un numero basso di polirematiche interiettive usato molto spesso. E questo un elemento decisivo per la loro cristallizzazione e
agglutinazione. Anche le polirematiche congiunzionali e preposizionali presentano una
frequenza d'occorrenza doppia rispetto alla loro numerosit, confermando ci che si verifica per le congiunzioni e preposizioni semplici. Ancora maggiore la distanza per i pro-

62

2. Composizione

nomi: nel LIP si registra infatti solo una polirematica pronominale (che cosa) che occorre
per ben 370 volte.
Analizzando in dettaglio la frequenza delle polirematiche del LIP (Voghera 1994), si
potuto constatare che se una polirematica usata frequentemente pi probabile che presenti una maggiore agglutinazione dei membri costituenti e che la semantica interna si opacizzi.
L'alta frequenza d'uso pu determinare inoltre il trasferimento del significato complessivo della
polirematica alla testa anche quando usata da sola. Un caso chiaro in questo senso cartone animato. Inizialmente il significato di cartone animato non era ipnimo del significato della testa: un
cartone animato non era un cartone. L'espansione d'uso della polirematica ha per fatto s che la
parola cartone abbia assunto tra le sue accezioni il significato di "cartone animato". I dati usati per la
compilazione del Lessico elementare (Marconi et al. 1994)1 mostrano per esempio che i bambini di
oggi usano normalmente la parola cartone, e ancor di pi il plurale cartoni, nel significato di "cartone
animato" tanto quanto la polirematica cartone animato. Dunque se applichiamo la prova
dell'iponimia a questa polirematica, la risposta ammette qualche dubbio: il significato di cartone
animato non iponimo del significato di cartone nella sua accezione primaria, ma lo in
un'accezione ormai altamente disponibile che deriva proprio dall'uso ellittico della polirematica. Il
GRADIT, infatti, riporta come terza accezione di cartone, appunto, "cartone animato".
Un altro elemento connesso alla frequenza il fatto che le polirematiche pi frequenti hanno spesso pi di un'accezione polirematica e le varie accezioni possono avere gradi di calcolabilit diversa.
Un esempio mettere da parte, le cui accezioni si possono disporre in ordine di calcolabilit decrescente nel modo seguente: (a) mettere da un lato; (b) eliminare; (c) risparmiare; (d) tener da conto.
Una valutazione delle propriet generali delle polirematiche deve quindi necessariamente prendere in
considerazione non solo il rapporto tra significato dei costituenti e significato complessivo, ma anche
il rapporto tra quest'ultimo e frequenza d'uso delle diverse accezioni dei costituenti.

2.1.8.3.

Tipi di polirematiche MV

D o p o aver esposto le principali caratteristiche generali delle polirematiche, offriremo nei


paragrafi seguenti una descrizione dei principali tipi divisi per categorie grammaticali. I dati
sono tratti dal L I P e dal G R A D I T e confrontati, laddove possibile, con dati di altre fonti.

2.1.8.3.1. Polirematiche nominali MV


Le polirematiche nominali sono la stragrande maggioranza. Se consideriamo tutti i nomi a
lemma nel G R A D I T , semplici e complessi, le polirematiche costituiscono il 23% circa del
totale. Le strutture ricorrenti sono:
N+A

anima gemella, anno liturgico, aria aperta, beni culturali, capitale sociale, carro armato, guerra fredda, letto singolo, metro
quadro, musica leggera, ora locale, ordine pubblico, parco nazionale, posta aerea, scheda bianca, stato sociale, televisione
privata, testo unico, valore reale, voce bianca

Ringrazio Lucia Marconi per avermi fornito dati non ancora pubblicati.

2.1. Composizione con elementi italiani


N+SP

A+N

N+N

63

atto d'ufficio, addetto ai lavori, borsa di studio, camera del lavoro, carta di credito, casa di cura, dato di fatto, diritto
d'autore, dono di natura, esame di stato, figlio d'arte, giacca a
vento, lista di nozze, mal di testa, ora di punta, piano di volo,
sala da pranzo, testa di lista, uomo d'affari, unit di misura
alta tensione, alte sfere, brutta copia, buona fede, doppio senso, giusta causa, gran premio, ordinaria amministrazione, prima pagina, prima serata, pronta consegna, terza et, terzo
mondo, ultima spiaggia
bene rifugio, cambio palla, conferenza stampa, effetto serra,
fine settimana, giornale radio, lingua madre, piano terra, punto
vendita, rimborso spese

L'insieme di questi quattro gruppi costituisce pi del 98% delle polirematiche del LIP. Non
tutte le strutture sono ugualmente numerose: le formazioni N+A costituiscono quasi la met
di tutte le polirematiche nominali, il 45% circa, le formazioni N+SP sono il 38% circa,
quelle costituite da A+N I ' l l % circa e, infine, le formazioni N+N sono circa il 6%. Sono
solo 4 su 629 i cosiddetti binomi irreversibili (Malkiel 1959): botta e risposta, fuoco e
fiamme, va e vieni, alti e bassi.
Tutt'e quattro le strutture appaiono produttive, come mostra il fatto che abbiamo formazioni recenti in tutti e quattro i gruppi: per esempio pagine gialle (su cui oggi si formato
Pagine utili), pollice verde (N+A), permesso di soggiorno (N+SP), centocinquanta ore,
prima serata (A+N), fine settimana, campo profughi (N+N).
Se si confrontano le strutture delle polirematiche con quelle dei composti riportati in
Scalise 1994, 124-125, si riscontrano notevoli differenze. Solo uno dei tre tipi di composizione ritenuto produttivo da Scalise compare numeroso nelle polirematiche: si tratta del tipo
N+N. Quest'ultimo tipo raggruppa polirematiche che possono assimilarsi ai composti (cfr.
2.1.1.3., 2.1.2.1. e 2.1.2.2.), per esempio giornale radio o nave traghetto, ma anche strutture che si comportano pi similmente ai sintagmi, per esempio carta carbone in una frase
come: Non voglio la carta velina, ma quella carbone!. Il tipo N+N rappresenta dunque il
gruppo di polirematiche con un maggior numero di casi di confine, formazioni cio che
presentano propriet simili a quelle dei composti e propriet simili a quelle dei sintagmi.
L'ambiguit di queste strutture risulta ancora pi evidente poich la mobilit dei loro costituenti aumenta o diminuisce a seconda dei contesti in modo pi netto rispetto ad altre
formazioni. Un esempio dato proprio da nave traghetto, formazione spesso ritenuta un
composto, in frasi di parlato colloquiale come quella traghetto la nave che dobbiamo
prendere, 1Dobbiamo prendere quella traghetto? o ancora in un traghetto la nave che
dobbiamo prendere? in cui difficile decidere se traghetto un uso ellittico di nave traghetto o un'inversione di un costituente della formazione nave traghetto. Dobbiamo peraltro ribadire che questa mobilit non si registra nei composti veri e propri, come si vede
dall'inaccettabilit delle frasi seguenti, anche in un contesto colloquiale: * un cane il pesce che hai visto?, *Quello cane il pesce pi pericoloso!.
I tipi V+N e A+A sono presenti con una sola occorrenza ciascuno (cessate il fuoco, chiaro scuro). Le altre strutture delle polirematiche non sono ritenute produttive per la forma-

64

2. Composizione

zione dei composti (A+N e N+A, N+SP).1 Questo elemento di differenziazione induce
almeno due riflessioni. In primo luogo, il fatto che le polirematiche usino strutture possibili,
ma non pi produttive per la creazione di nuovi composti d forza all'idea che pur essendo
le polirematiche formazioni lessicali distinte dai composti, esse costituiscono l'equivalente
funzionale della composizione verbale e nominale nelle lingue in cui tale procedimento
pi attivo che nella tradizione latina e neolatina (De Mauro 1999, 1177). In secondo luogo, la presenza massiccia di strutture N+SP legittima l'idea che si stia consolidando un
procedimento di formazione lessicale nuovo.
Dal punto di vista della composizione lessicale, le polirematiche presentano una grande
variet. Su 629 polirematiche nominali del LIP 286 hanno per testa un nome che ricorre
almeno due volte e tra queste ben 209 appartengono a usi settoriali. Tra i nomi testa che
ricorrono di pi abbiamo assemblea, camera, colpo, consiglio, carta, diritto, effetto, ente,
gruppo, numero, punto, scuola, tempo, stato. Come evidente si tratta di parole molto
diverse, tutte altamente polisemiche. Anche per quanto riguarda le polirematiche vige infatti il principio che la frequenza d'uso di un'unit lessicale direttamente proporzionale al
suo numero di accezioni. Se si d un'occhiata alla frequenza dei nomi appena citati nel LIP,
si vede che rientrano tutti nei primi 2000 lemmi in ordine di frequenza, nella fascia cio del
vocabolario fondamentale.
In particolare nel caso delle polirematiche i nomi testa pi ricorrenti sembrano avere tutti
la caratteristica di presentare numerose accezioni comuni e settoriali. Complessivamente le
polirematiche di uso settoriale sono il 67% del totale e presentano in misura equilibrata
tutt'e quattro i tipi di struttura.
E utile segnalare infine che anche tra i modifcatori esistono aggettivi o SP ricorrenti.
Tra gli aggettivi che ricorrono pi frequentemente abbiamo: primo (prima donna, prima
linea, prima notte, prima pagina, prima scelta, prima serata, prima visione, primo ministro, primo mondo, primo piano) e pubblico {pubblica amministrazione, pubblica istruzione, pubblico ufficiale, pubblico dipendente, pubblico impiego, pubblico ministero). Anche per gli aggettivi valgono le considerazioni fatte sopra per i nomi.
Per quanto riguarda i SP modificatori, nel LIP non sono molti i casi di sintagmi ricorrenti nelle polirematiche nominali. Esistono per casi di questo genere segnalati in Cicalese
1995: per esempio freno a mano, bomba a mano, bagaglio a mano, palla a mano, giacca a
vento, mulino a vento, manica a vento. Anche se Cicalese riconduce questo fenomeno alla
polisemia del gruppo preposizionale, a me pare pi probabile che qui si tratti del fenomeno
inverso. La differenza di significato delle varie polirematiche che contengono lo stesso SP
(a mano, a vento ecc.) non deriva dal fatto che questi SP possano avere pi significati, ma
dal fatto che l'esistenza di queste polirematiche ha trasferito su questi SP una pluralit di
sensi.

Il tipo N+SP non considerato in Scalise 1994 come base per i composti; in realt, esistendo
composti come pomodoro, meglio includere il tipo almeno tra quelli non pi produttivi.

2.1. Composizione con elementi italiani

65

2.1.8.3.2. Polirematiche pronominali MV


Se consideriamo tutti i pronomi a lemma nel GRADIT, semplici e complessi, le polirematiche costituiscono ben il 12% del totale. Il LIP registra una unica polirematica pronominale:
che cosa. Le strutture ricorrenti sono le seguenti
PRO+A/A+PRO

PRO+SV

noi altri, voi altri, tal altro, tutt'altro, che cosa, qualche cosa,
qual esso, gran che
chiss chi, chiss cosa, chiss che,' chiss quale, chi pi, che
pi, chi pi chi meno
checch sia, che so io, chi capita

ART+PRO
P+PRO
PRO+CG+PRO

lo stesso, il tal, il tal dei tali


di tutto, di molto, di pi
questo e quello

AVV+PRO/PRO+AVV

Si tratta di polirematiche fortemente agglutinate, per la maggior parte delle quali si pu


parlare di avanzato processo di univerbazione. La diversit tra queste formazioni e polirematiche si evidenzia anche nel fatto che alcune di esse possono essere scritte come un'unica
parola: chicchessia, checchessia, noialtri, voialtri (cfr. Serianni 1988, Cap.VII).
E infine interessante notare che si tratta per la quasi totalit di pronomi interrogativi, indefiniti e dimostrativi; gli unici pronomi personali sono noi altri e voi altri.

2.1.8.3.3. Polirematiche verbali MV


Se consideriamo tutti i verbi a lemma nel GRADIT, semplici e complessi, le polirematiche
costituiscono ben il 17% circa del totale. Le strutture ricorrenti sono le seguenti:
V+(DET)+N

V+SP

V+AVV
V+A

dare buca, dare i numeri, fare appello, fare causa, fare il punto,
fare luce, forzare i tempi, forzare la mano, passare la parola,
perdere tempo, perdere la testa, prendere tempo, stendere un
velo, tendere una mano, tirare il collo
andare in onda, andare in porto, andare in scena, prendere con
le molle, dire in faccia, essere di guardia, mantenere in piedi,
mettere in moto, piantare in asso, stare in guardia
andare via, buttare gi, essere l l, fare fuori, tenere dietro, vedere male
essere fritto, stare fresco, uscire pazzo

L'insieme di queste strutture copre il 98% circa delle polirematiche verbali del LIP nelle
proporzioni seguenti: il 44% circa V+(DET)+N; il 40% circa il tipo V+SP; l'80% circa il
tipo V+AVV e infine il 5% circa il tipo V+A. La mancanza di composti verbali produttivi
in italiano (Scalise 1994) rafforza ancora una volta l'idea che queste formazioni polirematiche, numerose e produttive, sostituiscano dal punto di vista funzionale la composizione.
Alcune polirematiche verbali del tipo V+AVV sono state considerate verbi sintagmatici (Simone
1997) paragonabili per il loro comportamento sintattico ai phrasal verbs inglesi e in parte ai verbi con

Il GRADIT riporta anche la grafia chi sa chi, chi sa cosa, chi sa che, chi sa quale.

2. Composizione

66

particella tedeschi. In particolare si ritiene che tra i verbi sintagmatici ricorrano verbi di movimento o
stativi con avverbi che indicano posizione, distanza o direzione: andare su/gi/via, stare accanto/contro/dietro, venire addosso/fuori/indietro. La maggior parte di questi verbi non ha per la
verit, a mio parere, un comportamento diverso dalle altre polirematiche verbali, ci che li caratterizza casomai il fatto che possano avere molti sensi diversi. Per esempio un verbo come buttare gi,
oltre ad avere il significato "gettare dall'alto in basso", pu avere vari significati figurati: "mangiare
in fretta", "scrivere in fretta", "deprimere".

Nelle polirematiche verbali, molto pi che in quelle nominali, troviamo un numero piuttosto alto di verbi ricorrenti. Nel LIP 80,5% delle polirematiche verbali costituito da una
testa che occorre almeno due volte. Anche nel GRADIT esiste un nucleo di verbi che costituisce la testa della maggior parte delle polirematiche verbali. Si tratta di verbi di altissima frequenza, elemento che favorisce la loro combinabilit nelle formazioni polirematiche per vari ordini di motivi. In primo luogo, le parole molto frequenti sono fortemente
polisemiche, possono cio occorrere in contesti molto diversi poich possono avere molti
sensi diversi. Ci le rende facilmente disponibili per la creazione di nuove polirematiche.
In secondo luogo, alla polisemia si accompagna una certa vaghezza semantica che rende
molti verbi di alta frequenza suscettibili di essere usati come supporto sintattico, senza
fornire un contributo semantico lessicale. E ci che succede a molte polirematiche che
hanno come testa il verbo avere o fare (D'Agostino 1993). Le polirematiche con verbo
supporto non sono tuttavia la maggioranza.
Ecco il numero di accezioni registrato dal GRADIT per alcuni dei verbi che costituiscono la testa di
un gran numero di polirematiche: avere tr. 17, int. 1; essere 9; fare tr. 18, int. 10; dare tr. 5, int. 3;
andare 14; mettere tr. 23, int. 24; venire 18; tenere tr. 21, int. 6; tirare tr. 10, int. 6. Si riportano qui di
seguito i verbi che nel GRADIT ricorrono pi frequentemente come testa di polirematiche verbali:
alzare, andarci, andare, aprire, avere, battere, buttare, cadere, cambiare, correre, dare, dire, entrare, esserci, essere, fare, farsi, forzare, gettare, giocare, lasciare, levare, levarsi, mandare, mangiare, mettere, parlare, passare, perdere, perdersi, pigliare, porre, portare, prendere, prendersi,
reggere, reggersi, rendere, restare, ridurre, rimettere, rompere, saltare, sapere, saperla, saperne,
stare, stringere, tagliare, tendere, tenere, tirare, uscire, vedere, venire.

2.1.8.3.4. Polirematiche aggettivali MV


Se consideriamo tutti gli aggettivi a lemma nel GRADIT, semplici e complessi, le polirematiche costituiscono il 3% del totale. Le strutture ricorrenti sono:
SP
N+CG+N

A+A
N+N

a senso unico, di massima sicurezza, fuori stagione, in bollo,


in scala, a vista, alla mano, sul campo, in bianco, di comodo
acqua e sapone, bianco e nero, andata e ritorno
papale papale
terra terra

Nel LIP sono registrate 67 polirematiche aggettivali, 80% delle quali ha la struttura SP costituita da P+A (in bianco) o P+N (in bollo), in questo secondo caso il nome pu essere
preceduto dall'articolo (alla mano) e modificato da un aggettivo preposto (di bassa lega) o
posposto (a senso unico).
Non sempre facile distinguere le polirematiche aggettivali da quelle avverbiali poich,
cos come accade per gli aggettivi monorematici, anche le formazioni polirematiche agget-

2.1. Composizione con elementi italiani

67

tivali possono svolgere la funzione di avverbio: persona alla mano (A) e essere alla mano
(AVV), pasta in bianco (A), mangiare in bianco (AVV). Inoltre essendo gli aggettivi polirematici perlopi invariabili non possibile ricorrere a marche morfologiche per distinguere gli aggettivi dagli avverbi. Ci riguarda prevalentemente le formazioni costituite da
SP e A+A. La possibilit che una polirematica abbia valore aggettivale e avverbiale sembra
dipendere da fattori squisitamente semantici e non morfosintattici: come vedremo nel paragrafo seguente non tutte le polirematiche avverbiali che presentano la stessa composizione
di quelle aggettivali possono automaticamente avere entrambe le funzioni.
2.1.8.3.5. Polirematiche avverbiali MV
Se consideriamo tutti gli avverbi a lemma nel GRADIT, semplici e complessi, le polirematiche costituiscono il 32% circa del totale. Le strutture ricorrenti sono:
P+(DET)+N/A

P+N+P+N/A

N+SP
AVV+P+AVV
AVV+AVV
AVV+CG+AVV

a caldo, a freddo, a giorno, a monte, a occhio, a rate, al verde,


alla pari, al nero, a chiare lettere, a tutta birra, a viso aperto, di
cuore, in contante, in caldo, in nero, in proprio, in buona fede,
in senso lato, sulla carta
di punto in bianco, a portata di mano, in via di sviluppo, a pie'
di pagina, in linea di massima, di anno in anno, in fin dei conti, a prezzo di costo
pancia all'aria, porta a porta
su per gi, l per l, gi di l
cos cos, via via, meno male
pi o meno, bene o male

Le polirematiche avverbiali costituite da P+A (a caldo, in nero) o da P+N {a tappeto, a


monte) costituiscono la stragrande maggioranza. Esse sono infatti il 70% di quelle registrate
nel LIP, inoltre si ottiene quasi la stessa percentuale (68%) se si calcola la numerosit di
questo tipo di polirematiche avverbiali nel corpus presentato in Elia 1995, costituito da
3086 avverbi polirematici. Questo tipo di polirematiche pu presentare qualche variante:
nel caso di P+N il nome pu essere preceduto, anche se raramente, dall'articolo {al volo), e
pu essere modificato da un aggettivo preposto (in alto mare) o posposto (a ruota libera).
Il tipo P+N+P+N/A costituisce il 10% circa delle polirematiche avverbiali del LIP e circa il 12% del corpus di Elia 1995. Si tratta di strutture molto varie in cui spesso il primo
sintagma preposizionale svolge la funzione di una preposizione complessa, come si pu
vedere dagli esempi seguenti: a contatto di gomito, a dispetto dei santi, in via di sviluppo, a
pie' di lista, a fior di pelle, a giro di posta, a portata di mano.
Il restante 20% circa coperto dalle altre strutture in modo relativamente equo.
2.1.8.3.6. Polirematiche preposizionali MV
Se consideriamo tutte le preposizioni a lemma nel GRADIT, semplici e complessi, le polirematiche costituiscono ben il 63% del totale. Le strutture ricorrenti sono:

2.

68
P+N+P

Composizione

al punto da, a carico di, a furia di, a norma di,


alla luce di, in preda a, nell'arco di

AVV+P

assieme a, prima di

N+P

riguardo a, rispetto a

(P+)PRO+P

quanto a, in quanto a

Il tipo P+N+P copre il 70% circa delle polirematiche preposizionali del LIP, mentre il restante 30% coperto in modo equilibrato dagli altri tipi. E utile notare che le preposizioni
che ricorrono pi frequentemente come introduttori sono di e a, cio le preposizioni semplici pi frequenti in italiano. Alcune polirematiche possono essere introdotte da diverse
preposizioni senza che cambi il significato (a/in difesa di, a/per opera di) o con significati
diversi (a/per/su istanza di).
2.1.8.3.7. Polirematiche congiunzionali MV
Se consideriamo tutte le congiunzioni a lemma nel GRADIT, semplici e complesse, le polirematiche costituiscono il 48% circa del totale. Le strutture ricorrenti sono:
AVV+che
CG +che
SP+che
F+che
SP+REL

dopo che, fin tanto che, prima che, salvo che, tanto che
nonostante che
a parte che, dal momento che, in modo che, nel caso che
fermo restando che, sta di fatto che, stante il fatto che
nella misura in cui

(P+)PRO

in quanto, per quanto

In totale nel LIP sono registrate 38 polirematiche congiunzionali, l'81% delle quali costituito da strutture con il complementatore che, mentre le strutture costituite da SP+REL sono
circa l'8%. Il restante 10% si distribuisce su altre strutture come in quanto e per quanto o
usi non standard di strutture CG+che, come siccome che, (non) appena che.
noto che la relativizzazione di un complemento obliquo pu avvenire sia attraverso
l'uso di un pronome relativo sia attraverso il complementatore che. Questo spiega la presenza anche nelle polirematiche di strutture come nel caso che e nella misura in cui. Si
osservi tuttavia che nei casi in cui sono possibili entrambe le strutture (per esempio dal
momento che / dal momento in cui) le due strutture tendono a distinguersi dal punto di vista
semantico: dal momento che ha perso il suo significato temporale per assumere un significato causale pi o meno corrispondente a poich. Ci dipende dal fatto che in questo tipo di
struttura i rapporti sintattici tra i costituenti sono meno trasparenti e ci rende pi agevoli
gli slittamenti di significato. Inoltre le strutture con complementatore tendono a essere percepite dai parlanti come pi agglutinate. C ' infine da notare che alcune di queste strutture
si possono trovare usate senza il complementatore, come nell'esempio Ti ho lasciato le
chiavi nel caso (che) tu venga.
2.1.8.3.8. Polirematiche interiettive MV
Se consideriamo tutte le interiezioni a lemma nel GRADIT, semplici e complesse, le polirematiche costituiscono il 30% del totale. Le formazioni interiettive presentano le seguenti
strutture:

2.2. Composizione con elementi

A+N
N+A
N+N
I+SP
P+N
P+N+SP
SV
V+N

neoclassici

69

buone cose, che palle, porca miseria, questi/'sti cavoli, santo


cielo
madonna santa, mamma mia
mondo boia, mondo cane, puttana va
buonanotte al secchio, buonanotte ai suonatori, grazie a Dio,
grazie al cielo
alla faccia, al ladro, per carit, per fortuna
in bocca al lupo, in nome del cielo, in nome di Dio, per amor
di Dio, per amor di/del cielo
ben detto, ben fatto
apriti cielo

Il LIP registra 39 polirematiche interiettive, 89% delle quali rappresentato dai tipi A+N,
N+A, P+N e P+N+SP. Come abbiamo detto (cfr. 2.1.8.2.2.) si tratta di formazioni fortemente agglutinate e, di fatto, impermeabili a qualsiasi trasformazione.

2.2. Composizione con elementi neoclassici ci


Nel corso del Novecento, a seguito del notevole sviluppo della ricerca scientifica e della
specializzazione tecnologica, la lingua italiana si arricchita di decine di migliaia di termini
di uso specialistico (avicolo, caudiforme, cianografo, fonologia, idrogamia, ignifugo, splenotomia, tecnocrate) prodotti dalla combinazione di elementi formativi d'origine greca e
latina (avi-, caudi-, ciano-, -colo, fono-, -forme, -logia ecc.).
La composizione con elementi neoclassici il tipo di formazione delle parole che utilizza elementi formativi tratti dalle lingue classiche per coniare termini di ambito tecnicoscientifico, usati primariamente con funzioni designative e classificatorie. Gli elementi
formativi di cui sono formati i composti neoclassici sono impiegati di norma come elementi
non liberi, elementi cio che non possono occorrere autonomamente in una frase, ma solo
all'interno di parole complesse.
I composti neoclassici sono anche detti internazionalismi perch compaiono con il medesimo significato e con forma quasi identica in diverse lingue (it. biometria, fr. biomtrie,
ingl. biometrics, ted. Biometrie, sp. biometria-, it. fitofago, fr. phytophage, ingl. phytophagous, ted. phytophag, sp. fitfago), distinguendosi in ci dalle parole del lessico comune di
ciascuna lingua, le quali sono invece caratterizzate da plurivocit di sensi e da maggiori
differenze foniche da una lingua all'altra.
Sebbene la gran parte dei composti neoclassici rimanga all'interno dell'ambito d'uso
delle terminologie tecnico-scientifiche, alcuni di essi entrano a far parte dell'uso comune di
una determinata lingua (it .frigorifero, telefono, termometro). L'immissione nel corpo delle
diverse lingue nazionali dei composti neoclassici di origine tecnico-scientifica (favorita
dalla diffusione della scolarizzazione e dai mezzi di comunicazione di massa) ha determinato un'interazione con il lessico e con le regole di formazione di parole proprie di ciascuna
lingua. Il lessico dell'italiano si dunque trovato a interagire con elementi allogeni, combi-

70

2.

Composizione

nati secondo regole di formazione di parole in parte diverse rispetto a quelle proprie del
lessico di uso corrente. La conseguenza pi importante di questo stato di cose rappresentata dalla coniazione e diffusione nell'uso corrente di composti formati da un elemento
formativo e una parola (agriturismo, applausometro, idromassaggio, paninoteca, termocoperta) e non solo in combinazione con altri elementi formativi.
L'interazione tra composti neoclassici e lessico comune pone problemi di tipo sia teorico
sia descrittivo. Gli elementi formativi e i tipi di formazione delle parole a cui prendono
parte presentano infatti diverse peculiarit che ne rendono la classificazione non facile e
controversa. In primo luogo si tratta di identificare nel gran numero di elementi formativi
impiegati nelle terminologie tecnico-scientifiche quali e quanti sono entrati a fare parte
dell'uso corrente della lingua italiana, vale a dire, il cui significato noto alla generalit dei
parlanti, e possono essere usati per formare parole nuove di uso non strettamente specialistico.1 I composti neoclassici poi non corrispondono pienamente n alla definizione di
composto n a quella di derivato della lingua italiana: infatti non sono formati n dalla
combinazione di due elementi liberi, cos come generalmente accade per i composti
dell'italiano (pescecane, capostazione), n dalla combinazione di un elemento libero e uno
non libero (un affisso), cos come accade per i derivati (rifare, barista). Inoltre, le funzioni
degli elementi all'interno del composto neoclassico (Determinante+Determinato) sono
ordinate in modo diverso rispetto a quello usuale dei composti italiani (Determinato+Determinante), cfr. fruttifero vs portafrutta. Gli elementi formativi sono simili agli
affissi in quanto elementi non liberi, ma a differenza dei prefissi e dei suffissi non tutti
occupano una posizione fissa (o iniziale o finale). La grandissima maggioranza di essi
esprimono tipi di significato pi simili a quelli espressi dalle parole che dagli affissi (cardio- "cuore"; oftalmo-, oculo- "occhio"), ma ve ne sono anche alcuni che esprimono significati di tipo funzionale-relazione (ecto- "fuori", endo- "dentro"). A differenza degli affissi,
infine, e analogamente alle parole, numerosi elementi formativi sono basi di parole derivate
(artro-, dendro-, lipo-, cfr. artrosi, dendrite, lipoma).

2.2.1. Differenti denominazioni ed eterogeneit degli elementi formativi ci


Gli elementi che partecipano alla formazione dei composti neoclassici non hanno una denominazione unanimemente accettata. I diversi nomi proposti riflettono le diverse opinioni
sia riguardo alla somiglianza di tali elementi con l'insieme degli affissi piuttosto che con
quello delle parole, sia riguardo all'interpretazione delle parole in cui appaiono come dei
composti o piuttosto dei derivati. La denominazione elemento formativo adottata in questo
volume neutrale rispetto alle opposizioni parola / affisso e derivato / composto, ed
quella che pi si avvicina a termini correntemente usati in altre lingue, quali l'inglese combining form e il francese formant.

Una stima quantitativa del numero di elementi formativi presenti in dizionari non specialistici d i
seguenti risultati: il GRADIT (al momento la pi ampia fonte lessicografica dell'italiano) lemmatizza e definisce circa 2.600 elementi formativi (la maggior parte dei quali di uso esclusivamente
tecnico-scientifico), i dizionari dell'uso di media taglia, come lo Zingarelli o il DISC tra i sette e
gli ottocento.

2.2. Composizione con elementi neoclassici

71

Tra le denominazioni che in italiano hanno avuto maggiore fortuna ci sono, da una parte
la coppia prefissotele / suffissoide, proposta da Migliorini 19633b, e dall'altra il termine
semiparola, coniato da Scalise 1983. Con prefissoide e suffissoide, Migliorini intende evidenziare la somiglianza di alcuni elementi formativi 1 con gli affissi e la loro partecipazione
a processi di tipo derivazionale; mentre il termine semiparola evoca la somiglianza degli
elementi formativi con le parole e la loro partecipazione a processi composizionali. La
coppia prefissoide / suffissoide, spesso accompagnata dall'iperonimo affissoide, ha avuto
una discreta fortuna anche nella terminologia linguistica di diverse lingue straniere (si vedano le puntuali indicazioni di Bombi 1993, 162-163). Mentre per quanto riguarda semiparola, lo stesso Scalise usa in testi in lingua inglese la dizione stem. Un'altra denominazione,
che mette in evidenza la non-autonomia e l'origine segmentale di questi elementi, quella
di confisso. Questo termine, introdotto in italiano nel 1988 in seguito alla traduzione del
libro di Andr Martinet, Syntaxe gnrale, Paris, Colin, 1985, stato di recente ampiamente
utilizzato nel GRADIT. Il termine confix, pur se non molto diffuso, impiegato anche nella
terminologia linguistica anglofona (si veda ad esempio Kirkness 1994).
La mancanza di un termine corrente per denominare gli elementi formativi salta agli occhi qualora si prenda in esame anche un piccolo insieme di opere di riferimento sul lessico
dell'italiano: Dardano 1978 usa la dizione elementi di forma colta, Serianni 1988 preferisce elementi formativi scientifici, Tekavic 19802 la pi articolata elementi formativi
scientifici e tecnici di origine latina o greca; i dizionari della lingua italiana usano di preferenza la denominazione elemento compositivo, distinguendo spesso tra iniziali e finali;
sono ormai poco usati, e teoricamente non giustificati, i termini pseudoprefisso e pseudosuffisso.
Le difficolt di tipo terminologico dipendono in parte dalla ricerca di un termine unico
per un insieme di elementi eterogenei particolarmente difficili da classificare, ma dipendono soprattutto da un motivo pi profondo. Si tratta di decidere tra due diverse posizioni
che dividono gli studiosi, e cio se gli elementi formativi costituiscano una categoria autonoma, diversa sia dalle parole sia dagli affissi, o siano piuttosto da considerare rappresentanti (non prototipici) dell'una e/o dell'altra categoria. A nostro avviso, gli elementi formativi non sono un insieme omogeneo, n una categoria naturale della lingua. Si tratta di elementi quasi tutti di provenienza allogena, impiegati prevalentemente in registri tecnicoscientifici, il cui motivo di interesse dato dalla partecipazione a parole di uso corrente e
dall'interazione con le regole di formazione di parole dell'italiano. La maggior parte di essi
ha caratteristiche di tipo lessicale e solo una piccola parte di tipo affissale.
Giova ricordare che da un punto di vista metodologico la proliferazione di categorie non
una buona soluzione ai problemi di classificazione e, nella fattispecie, l'individuazione di
una eventuale terza categoria - oltre a quella di affisso e parola - non porterebbe a delimitazioni pi nette e coerenti di quelle possibili utilizzando le due categorie naturali di affisso
e parola. Riteniamo quindi che non ci siano ragioni teoriche sufficienti per individuare una
nuova categoria diversa da quella di parola e di affisso, ma che al tempo stesso ci siano
giustificate ragioni di natura descrittiva per utilizzare il termine elemento formativo al fine
di denominare gli elementi che partecipano a processi formativi distinguendosi per vari
aspetti dalle parole e dagli affssi tipici della lingua italiana.
1

Viene spesso dimenticato che Migliorini definisce prefissoidi e suffissoidi solo un sottoinsieme del
pi ampio gruppo di quelli che chiama elementi di composizione (cfr. Migliorini 19633b, 127).

72

2. Composizione

2.2.2.

Distinzioni all'interno degli elementi formativi ci

Possiamo distinguere all'interno del variegato insieme degli elementi formativi, oltre agli
elementi formativi neoclassici, gli accorciamenti usati in composizione, gli elementi formati per secrezione, le parole modificate e altri tipi minori (cfr. anche Fradin 2000).

2.2.2.1. Elementi formativi neoclassici ci


Gli elementi formativi neoclassici hanno origine da parole greche e latine impiegate nella
forma tematica o nella forma che incorpora la vocale di raccordo usata in composizione
nelle lingue classiche. La terminazione regolare degli elementi formativi di origine greca
usati in posizione iniziale -o, quella degli elementi di origine latina -i, ma vi sono anche
elementi formativi di origine greca con altre terminazioni (acu- "uditivo", ali- "mare, salino", bari- "pesante", deca- "dieci", pan- "tutto") e molti elementi di origine latina terminanti in -o, tra cui balneo-, carbo-, digito-. Gli elementi formativi neoclassici sono usati
principalmente per formare composti di ambito tecnico-scientifico, ma alcuni di essi sono
usati anche per la formazione di parole di uso corrente. Tra i numerosissimi esempi che si
potrebbero fare: anemo-, antropo-,1 biblio-, chiro-, crono-, dattilo-, emato-, epato-, eroto-, foro, -grado, morfo- dal greco; arbori-, -cida, igni-, quadri-, -voro dal latino. Gli elementi
formativi riconducibili a parole di origine greca sono la netta maggioranza; nel lemmario
del DISC la proporzione tra elementi di origine greca e latina all'incirca di 4 a 1 (dati
analoghi sono ricavabili dal GRADIT).
La composizione neoclassica si avvale dell'utilizzo in serie di elementi formativi sia in
posizione iniziale (angiografla, angiografo, angiolipoma, angiolito, angiologia, angioneurosi, angiopatia ecc.) sia in posizione finale (acromia, bicromia, pleiocromia,
stereocromia, tetracromia ecc.). Tra gli elementi formativi neoclassici ve ne sono alcuni che possono
essere impiegati sia in posizione iniziale che finale (topologia, biotopo, cronografo, isocrono).
La principale ragione d'essere dei composti neoclassici quella di permettere di designare in modo univoco un significato mediante la combinazione secondo moduli regolari di
elementi definiti indipendentemente. Fra i primi esempi del loro utilizzo vi sono i sistemi
classificatori di Linneo e Lavoisier (cfr. 10.1.1.), che permettono di formare termini adeguati per denominare non solo le entit gi note, ma anche entit prevedibili o possibili. Gli
scienziati dei secoli XVIII e XIX, che pi hanno contribuito all'introduzione di elementi
formativi neoclassici nella terminologia tecnico-scientifica, avevano in genere una buona
competenza del lessico delle lingue classiche. Essi scelsero di utilizzare i procedimenti
formativi del greco per la maggiore ricchezza e duttilit dei moduli compositivi di questa
lingua rispetto a quelli del latino. La duttilit dei procedimenti formativi impiegati nella
composizione neoclassica persino maggiore di quella del greco antico, a cui, ad esempio,
estranea la composizione con pi di due elementi tematici. Fra i numerosi esempi: elettroencefalogramma, gastroenterologia, neuroelettrofisiologia, otorinolaringoiatra. Si deve al
1

Usiamo la convenzione di citare gli elementi formativi che possono occorrere in posizione sia
iniziale che finale allo stesso modo di quelli solo iniziali. Nei casi in cui utile distinguere gli
elementi biposizionali da quelli solo iniziali o solo finali useremo invece due trattini, es. -antropo-.

2.2. Composizione con elementi

neoclassici

73

greco anche il caratteristico ordine dei costituenti (Determinante+Determinato) all'interno


dei composti neoclassici.
Il primo massiccio apporto nella lingua italiana di elementi formativi neoclassici si
avuto nel Settecento, soprattutto tramite la mediazione della lingua francese. L'attuale prevalenza dell'inglese come lingua internazionale della comunicazione scientifica fa
dell'inglese il tramite principale dell'accoglienza di elementi formativi in italiano, ma
piuttosto che della mediazione di una lingua specifica, nel caso degli elementi formativi
neoclassici pi opportuno parlare di una convergenza interlinguistica di prestiti e calchi,
che avviene tramite un circuito comunicativo di dimensione internazionale (cfr. Bombi
1993, 160).
L'identificazione della lingua a cui un elemento formativo neoclassico pu essere fatto
risalire non una informazione sufficiente: gi il latino umanistico e, pi ampiamente, il
moderno latino scientifico hanno fatto largamente ricorso a elementi di origine greca, favorendo la coniazione di formazioni miste greco-latine. Inoltre, una stessa nozione pu
essere espressa da pi di un elemento formativo, che pu essere ripreso anche in tempi
diversi sia dal greco che dal latino (dattilo- e digito-, ombro- e pluvio-, seleno- e luni-).

2.2.2.2. Accorciamenti usati in composizione a


L'accorciamento (cfr. 8.3.) un procedimento indipendente dalla formazione di elementi
compositivi, ma le caratteristiche fonologiche e prosodiche delle forme accorciate rendono
tali forme particolarmente adatte a essere riutilizzate come elementi di un composto, specialmente come elementi iniziali. Vi sono infatti accorciamenti che sono usati principalmente o esclusivamente come elementi formativi.
Rispetto alla segmentazione delle parole da cui hanno origine, possiamo distinguere due
tipi di elementi formativi ricavati per accorciamento. Nel primo tipo, il risultato
dell'accorciamento di un composto coincide con un elemento formativo (eco- da ecologia,
foto- da fotografia, tele- da televisione). Cos come in tutti gli accorciamenti, l'elemento
risultante assume il significato della parola da cui tratto. Si ottengono in tal modo coppie
di omonimi fra gli elementi formativi etimologici e le forme accorciate. Eco-, ad esempio, significa "casa, ambiente vitale" in ecofobia, ecofora, ecologia, ma "ecologia" in ecocompatibile, ecodisastro, ecosviluppodemosignifica "popolo" in democrazia, demografia, ma "democrazia, democratico" in democristiano. Meno netta la distinzione semantica
tra -plano- "piatto" in planografia, aeroplano, e -plano "piano alare" in deltaplano, eliplano.2 Nel secondo tipo, l'accorciamento non coincide con un elemento formativo della parola di origine, o perch la parola di origine non un composto dell'italiano if anta- da

Esiste un terzo elemento eco- dal lat. echuim) "eco", che indica la ripetizione di un suono (ecoacusia), ed impiegato specialmente per denominare strumenti e tipi di analisi che utilizzano la riflessione di energia (ecogoniometro, ecografia, ecosonda), ma pu indicare anche la ripetizione inconsapevole di gesti, posizioni, intonazioni della voce di solito dipendente da disturbi della psiche
(ecolalia,
2

ecomimia).

Oltre all'elemento formativo di origine latina, riconducibile all'aggettivo planus, vi un altro


elemento omonimo tratto dal greco planos "errante, vagante", con cui sono formate parole quali
biciplano, idroplano,

planofita.

74

2. Composizione

fantasia o da fantastico in fantapolitica, fantascienza, fantastoriasocioda sociale in


socioculturale, sociologia, sociopolitico, pubbli- da pubblicit in pubbliredazionale, pubblivoro-, scinti- da scintillazione in scintigrafia, scintigramma; tenso- da tensione in tensocettore, tensostruttura", -bus da omnibus in aerobus, elibus, filobus', -trone da elettrone in
positrone) o perch la parola di origine composta ma l'accorciamento non rispetta la segmentazione etimologica e morfologica (bici- da bicicletta in biciraduno, cine- da cinematografo in cinefilo, cineoperatore, cineromanzo, sincro- da sincrono in sincrociclotrone,
sincroscopio). Questo tipo di accorciamenti pu provocare solo sporadicamente due elementi formativi omonimi, un esempio la coppia narco- "sonno, relativo al sonno" (narcolessia, narcoterapia) e narco- accorciamento di narcotico, usato con il significato "droga, relativo alla droga" in composti quali narcoguerra, narcotraffico.
La coniazione di elementi formativi ricavati per accorciamento un procedimento produttivo e vitale (si pensi a formazioni di recente diffusione, quali bioagricoltura, biotecnologia, in cui bio- ricavato da biologia), ed correntemente utilizzato anche nella formazione di termini strettamente tecnico-scientifici (streptochinasi, streptolisina, in cui strepto accorciamento di streptococco-, aneurismografia, arteriografia in cui -grafia accorciamento di radiografia-, celotelio, endotelio, in cui -telio accorciamento di epitelio). Gli
accorciamenti nascono in ambienti all'interno dei quali chiara e immediatamente ricostruibile la corrispondenza con la forma piena. al momento della diffusione in ambiti pi
ampi di quelli di origine che si possono creare occasioni di confusione nel riconoscimento
del significato di un elemento o nella distinzione tra elementi omonimi. Uno dei casi pi
noti di omonimia quello di tele-: oltre all'elemento formativo con il significato originario
"distante", che impiegato in molte parole di ambito tecnico-scientifico (teleclinometro,
telemetro), ma anche di uso comune (telecomando, telefono, telelavoro, televisione), ci
sono altri due elementi distinti formatisi per accorciamento. Uno ha il valore "televisione,
relativo alle trasmissioni televisive" (telegiornale, teleannunciatore, telespettatore), l'altro,
meno diffuso, il valore "telefono, relativo alla telefonia" (teleselezione, telesoccorso).
Elementi formativi come tele- "televisione", eco- "ecologia", bio- "biologia", -plano
"aeroplano" possono essere definiti di seconda generazione. Essi formano composti
prevalentemente con parole, ma si possono combinare anche con altri elementi formativi
(telecrazia, ecocidio). Oltre ai gi ricordati eco- e tele-, gli elementi formativi di seconda
generazione pi diffusi nell'uso sono: aero- "aeromobile, aeroplano, aeronautica" (aeromodello, aeronavale, aeronavigabilit, aeroporto, aerosbarco, aerospaziale), distinto da aero"aria, relativo all'aria" (aerofono, aerografia, aerostato)-, auto- "automobile, autoveicolo"
(autonoleggio, autoradio, autoscuola, autostrada1), distinto da auto- "se stesso, da s"
(autobiografia, autocritica, autogeno, autoritratto)-, moto- "motocicletta, motociclismo"
(motoaccessorio, motoalpinismo), distinto da moto- "veicolo, macchina, apparecchiatura

Nel caso di fanta- si pu notare l'inizio di una divaricazione semantica fra il significato originario
"fantasia", in parole come fantaeconomia "economia immaginaria", e il significato "fantascienza"
(fantafilm "film di fantascienza"). Nel caso si ritenesse opportuno di riconoscere in fanta- due
elementi omonimi, quello con il significato "fantascienza" andrebbe interpretato come un accorciamento del primo tipo.
In nomi come autolaghi, autosole, auto- forma accorciata di autostrada e non pu essere usato
come forma autonoma. Queste formazioni si distinguono dai composti neoclassici per l'ordine relativo tra i costituenti (Determinato+Determinante): il primo elemento infatti la testa del composto (ci si pu notare anche dal genere femminile di queste formazioni, es. la autolaghi).

2.2. Composizione con elementi

neoclassici

75

funzionante a motore" (motopompa, motosega, motoveicolo), "operazione eseguita con


macchine a motore" (motoaratura, motocoltura, mototrazione), a sua volta il risultato
dell'accorciamento della parola motore-, radio- "trasmissione radiofonica, apparecchio
radiofonico" (radioascoltatore, radiocronaca), diverso da radio- "energia raggiante" (radioattivo, radiografia, radioisotopo, radioscopia). L'accorciamento pu coincidere anche
con elementi non derivati dalle lingue classiche. il caso, ad esempio, di buro- "burocrazia, burocrate", dal francese bureau "ufficio", usato come elemento di seconda generazione
in composti quali burolingua, burosauro. Ci sono alcuni pochi casi di accorciamento che
hanno come risultato parole omonime di affissi, quali, ad esempio, super "benzina super" e
sub "subacqueo".
Alcuni fra gli elementi formativi ricavati per accorciamento pi usati nella lingua comune (specialmente quelli di seconda generazione) possono acquisire una certa autonomia
sintattica ed essere correntemente impiegati come nomi, di norma invariabili, e talora anche
con funzione appositiva in posizione postnominale (motore turbo, patente auto, trasmissione stereo), uso che si ricollega al tipo compositivo rappresentato da formazioni quali
treno merci (cfr. 2.1.2.2.1.). Gli elementi formativi che, dopo essere stati usati in composti,
hanno assunto autonomia sintattica come sostantivi di uso pi comune sono: auto (f.), cinema (m.), foto (f.), moto (f.), porno (m.), radio (f.), stereo (m.), turbo (m.), video (m. "videotape", f. "videocassetta"). 1 Non tutti questi elementi formativi hanno uguale probabilit
di impiego con funzione appositiva: mentre, ad esempio, pornomessaggio si pu alternare
con messaggio porno, cos come videocassetta con cassetta video, come corrispettivo di
motoraduno, raduno motociclistico preferito a raduno moto. Ulteriori caratteristiche nominali consistono nella possibilit di essere derivati con suffissi (autiere, autista, videata),
di essere elementi finali di parole prefissate e composte (maximoto, superporno, turbomoto), di partecipare a composti propri della formazione delle parole dell'italiano, cio con
testa a sinistra (autoblindato, autobotte, autofunebre, autopubblica, motoleggera). In casi
come auto "automobile" si compiuto un movimento spiraliforme di grammaticalizzazione
e degrammaticalizzazione (cfr. Ramat 1992), con un passaggio da parola autonoma a elemento formativo e di nuovo a parola autonoma, che pu avvenire sia all'interno di uno
stesso sistema linguistico, e in un tempo relativamente breve (motore, moto-, la moto) sia
nel passaggio tra pi lingue (es. dal sostantivo greco phs, phots "luce", passando per la
forma compositiva greca photo- e italiana foto- "luce", per arrivare al sostantivo italiano
foto "fotografia", certamente favorito dal precedente francese photo).

La storia formativa di video si differenzia da quella degli altri elementi qui menzionati. Usato nel
significato di "apparecchiatura che ha la funzione di riprodurre e diffondere immagini visive, e le
immagini cos prodotte", video (cos come audio) un prestito dall'inglese accolto in italiano prima come parola autonoma e solo successivamente come elemento compositivo. Gli usi pi recenti
di video nei significati di "videotape" e di "videocassetta" sono invece il risultato di processi di accorciamento. Il passaggio da parole autonome a elementi formativi ricavati per accorciamento,
sebbene infrequente, non impossibile, si pensi al caso di ferrovia, composto formato sul modello
del ted. Eisenbahn e dell'ingl. railway a partire da due parole autonome {ferro e via). Da ferrovia
sono stati ricavati due distinti elementi formativi: ferro- ha assunto il valore "ferrovia, ferroviario"
ed impiegato in parole quali ferromodellismo, ferrotranviario', mentre -via usato con il significato "sistema di trasporto su rotaie, cavi, o simili" in parole quali cabinovia, sciova.

2. Composizione

76
2.2.2.3. Elementi formati per secrezione ci

Intendiamo con secrezione (cfir. Warren 1990 e Fradin 2000) l'individuazione di un nuovo
elemento formativo ricavato per segmentazione da una parola, il quale, a differenza degli
elementi ricavati per accorciamento, non esprime il significato principale della parola da cui
deriva, ma un significato secondario (spesso metaforico) che la parola ha acquisito in particolari contesti pragmatici.
Cos come negli accorciamenti, il risultato della secrezione pu coincidere con un costituente morfologico e produrre un elemento omonimo di un altro gi esistente, es. -poli
"scandalo politico-affaristico" (in parole come affittopoli, concorsopoli, condonopoli, sanitopoli) ricavato da tangentopoli (propriamente "citt delle tangenti"), oppure operare
secondo criteri primariamente prosodici, come nel caso di -thon, dall'inglese marathon
"maratona", usato con il significato "evento pubblico di durata molto superiore al normale"
in parole come telethon. Tra i pochi altri esempi di secrezione, -stroika, tratto da perestroka e usato con il significato "rinnovamento politico" in parole come castrostroika (termine
giornalistico riferito alla politica di Fidel Castro), e -gate, tratto da Watergate e anch'esso
usato col significato "scandalo politico-affaristico", come in irpiniagate,
russiagate.
Al pari dell'accorciamento, la secrezione pu provocare sia la risemantizzazione di elementi gi esistenti (-poli) sia la formazione di elementi non esistenti precedentemente nella
lingua (-thon, -stroika), ma, a differenza dell'accorciamento, produce elementi che possono
essere usati esclusivamente come forme non autonome. Si tratta di un procedimento del
tutto marginale in italiano, che ha prodotto un numero molto ridotto di elementi per lo pi
dovuti a prestiti, il cui impiego, inoltre, limitato quasi esclusivamente alla lingua scritta
dei media.

2.2.2.4. Parole modificate e altri elementi non autonomi ci


Possiamo denominare parole modificate le parole usate come primo membro di composto
(di norma nomi) la cui vocale finale modificata in o oppure in i, cos da uniformarsi alle
terminazioni caratteristiche degli elementi formativi neoclassici e al loro schema formativo
dominante; tra i numerosissimi esempi: aghiforme, alghicida, anguilliforme,
bocciofilo,

erbivoro, insetticida, mafiologia, morfinomane, musicomania, parassitologo, tendopoli. La


modifica pu riguardare anche nomi propri, come in galvanmetro, mariologia "parte della
teologia cattolica che riguarda Maria la madre di Ges". La terminazione in o o in i dipende
di norma dall'origine rispettivamente greca o latina dell'elemento formativo finale (cfr.
parassitologo e parassiticida);'
la modificazione pu interessare anche un segmento finale
Il fatto che la vocale finale della parola modificata dipenda di norma dall'elemento formativo
ritenuto da alcuni studiosi un argomento valido dal punto di vista strettamente sincronico per
ascrivere le vocali o ed i agli elementi formativi, i quali dunque comincerebbero in vocale (es.,
-icida, -ivoro, -ologia, -ornane). Tale proposta non priva di problemi. Innanzitutto, una segmentazione diversa da quella etimologica provoca una divaricazione formale tra gli elementi che possono essere impiegati in posizione sia iniziale che finale (es. -metro-, -fago-, che diventerebbero
rispettivamente metro-, fago- se impiegati in posizione iniziale, -ofago, -ometro se impiegati in posizione finale) alla quale non corrisponde una altrettanto netta differenziazione semantica; inoltre,
nel caso di composizione con due elementi formativi neoclassici la vocale finale dell'elemento ini-

2.2. Composizione con elementi

neoclassici

77

pi ampio della vocale (e coincidere pure con un suffisso) determinando talvolta casi di
aplologia: cosmetologia (da cosmetica), estetologia (da estetica), lombricoltura (da lombrico), mineralogia (da minerale), planctologia (da plancton), oppure consistere nella inserzione di vocale (filmologia, gasometro, islamologia, merceologia, rockodromo, sciovia,
sovietologo, wagnerologo).
Le parole modificate condividono con gli elementi formativi neoclassici le terminazioni
caratteristiche, restrizioni sulla lunghezza e la partecipazione alla struttura compositiva
Determinante+Determinato. Le differenze principali consistono nel fatto che hanno origine
da parole di uso corrente e non da elementi di derivazione greco-latina e nell'essere usate
solo occasionalmente come elementi di composti, mentre caratteristica degli elementi formativi neoclassici la possibilit di essere utilizzati ripetutamente in numerose formazioni
legate da relazioni di tipo paradigmatico.
Perch una parola possa essere usata come elemento iniziale non deve avere accento
sull'ultima sillaba e deve preferibilmente essere lunga due o tre sillabe. Sono infatti rari gli
esempi di composti con parole modificate quadrisillabiche (parassita, cfr. parassitologo), o
con accento sulla terz'ultima sillaba (crimine, demone, estero, cfr. criminologo, demonologia, esteromania). Le parole che rispondono a tali requisiti e terminano in o possono essere
impiegate senza necessit di modifiche: cremlinologo, disastrologo, egittologia, futurologia, gattofilo, ufologo. Il fatto che la grande maggioranza dei sostantivi maschili al singolare terminano in o e che gli elementi formativi finali siano per lo pi di origine greca neutralizza in molti casi la distinzione tra parole modificate e parole impiegate nella forma di
citazione, la quale invece segnalata da un'indicazione formale nel caso di elementi formativi finali latini (i quali richiedono una i, cfr. bulbiforme, cubiforme) e nel caso di parole
terminanti con un'altra vocale o con consonante (cartografo, filmografia,
ovaliforme).
L'occasionalit dell'impiego delle parole modificate e l'assenza di un'indicazione formale
nel caso dei sostantivi maschili in o rendono particolarmente incerto e variabile l'elenco di
tali forme.
Sono fattori di tipo quantitativo, come la frequenza d'uso e la numerosit dei composti in
cui una parola modificata compare ad avvicinarla al rango di elemento formativo: se una
parola modificata usata in un composto fortunato (tangento- in tangentopoli), essa tende a
essere riutilizzata in combinazione con altri elementi formativi finali (tangentocrazia, tangentomane, tangentomania) entrando a far parte di serie paradigmatiche (cos come normalmente accade per gli elementi formativi neoclassici). Un criterio empirico per determinare l'avvenuto passaggio di una parola da occasionale elemento iniziale di composto a
vero e proprio elemento formativo consiste, secondo Antonelli 1996, 288, nella possibilit
di formare composti premettendosi a parole (invece che soltanto a elementi formativi).
Secondo tale criterio, tangento- continua a essere una forma modificata della parola tangente e non un vero e proprio elemento formativo fino a quando non compaia in composti
ziale non determinata dall'elemento finale (cfr. erbivoro / idrovoro, cronometro / colorimetro,
psicogeno / terrigeno). A nostro avviso, la risegmentazione del tipo -icida, -ologia trova giustificazione solo qualora tali elementi siano reinterpretati come suffissi derivazionali, in quanto altrimenti la presenza delle vocali i ed o dovrebbe dipendere da regole di inserzione postulate ad hoc.
Tale reinterpretazione, che si configura come il risultato di un processo di grammaticalizzazione,
deve essere motivata da accurati lavori che descrivano l'impiego di ciascuno di tali elementi. In
2.2.8. sono elencati e descritti gli elementi formativi che a nostro giudizio si avvicinano in diversa
misura alle caratteristiche proprie dei suffissi derivazionali.

78

2.

Composizione

quali *tangentoscandalo, *tangentopolitica. Un altro criterio che non offre risultati univoci,
in quanto dipende dalla considerazione di valori quantitativi, riguarda l'utilizzo nelle terminologie tecnico-scientifiche: l'impiego ricorrente di una parola modificata nella formazione
di composti tecnico-scientifici tende a equipararla agli elementi formativi neoclassici. Si
pensi, ad esempio, a fungi-, latto-, vermi- (originariamente parole modificate), e ora usati
come elementi formativi in numerosi composti tecnico-scientifici, nonostante l'esistenza
degli elementi sinonimi di origine greca miceto-, galatto-, elminto-.
L'impiego di parole modificate in posizione iniziale di composto assieme ad elementi
formativi dimostra il forte grado di integrazione nel lessico dell'italiano degli elementi che
partecipano a queste strutture, il crescente grado di inserimento del tipo Determinante+Determinato all'interno del sistema compositivo dell'italiano, e l'instabilit del confine che divide le parole modificate dagli elementi formativi. 1
Il ripetuto utilizzo come elemento di composizione favorisce l'avvicinamento di parole
autonome allo status di elemento formativo anche quando impiegate in posizione finale. Si
pensi al caso di terapia, parola usata per formare numerosi composti in combinazione con
elementi formativi iniziali (elettroterapia, elioterapia, fisioterapia, idroterapia, pranoterapia) e che stata impiegata anche in combinazione con parole (sia parole modificate, cfr.
dietoterapia, musicoterapia, sia impiegate nella forma di citazione, cfr. aromaterapia, digiunoterapia). Questo impiego di terapia stato probabilmente favorito dall'origine greca
della parola e dalla terminazione (ia) ricorrente in diversi elementi formativi finali (-scopia,
-logia). Ma si pu citare anche l'analogo caso di reazione (parola di origine latina), che
compare in posizione finale in pi di una trentina di composti tecnico-scientifici in combinazione con elementi formativi (diazoreazione, fotoreazione,
intradermopalpebroreazione),
ma anche con parole modificate (cutireazione, enzimoreazione) e parole (sieroreazione,
cerottoreazione). Ricordiamo qui anche una manciata di parole (ectomia, fobia, fonia, gamia, tassi) che hanno una storia per certi versi opposta a quella di terapia. Si tratta infatti di
parole attestate in italiano come forme autonome solo dopo la loro apparizione all'interno
di composti neoclassici e che esprimono all'incirca gli stessi significati dei corrispondenti
elementi formativi (distinguendosi in ci dagli accorciamenti, i quali invece esprimono il
significato proprio del composto da cui sono tratti). Si tratta di un processo formativo ancora marginale, ma interessante, giacch riprende l'ordinamento dei composti neoclassici
(Determinante+Determinato) utilizzando per parole della lingua. Fra gli ancora scarsi
esempi di questo recente tipo formativo (cfr. 2.1.2.2.2.1.), segnaliamo calciomercato, calcioscommesse.
Ricordiamo infine altri tipi di elementi non liberi o solo parzialmente liberi, che vengono
da alcuni assimilati agli elementi formativi neoclassici, ma che a nostro avviso opportuno
mantenere distinti: gli elementi iniziali dei composti V+N e gli elementi finali dei composti
del tipo parola-chiave. I primi condividono con gli elementi formativi neoclassici il fatto di

In un articolo pubblicato sulla rivista Musica n. 242, 10, supplemento del quotidiano La Repubblica dell'8-6-2000, lo scrittore Vincenzo Cerami elenca tra il serio e il faceto alcune discipline dal
sapore spiritualistico e orientaleggiante, tra cui: ipnoterapia, ippoterapia, omeopatia,
dietologia,
naturoterapia, grafologia, erbologia, sognologia, riflessologia, naturopatia, tatuaggiofilia, ago-

puntura, aromaterapia. Un elenco ricco di neologismi in cui si pu notare l'omologia funzionale


tra parole modificate ed elementi formativi neoclassici all'interno del processo compositivo del tipo Determinante+Determinato.

2.2. Composizione con elementi neoclassici

79

essere elementi non liberi, utilizzati in alcuni casi in serie formative piuttosto numerose (es.
apri-, taglia-), ma che hanno caratteristiche affatto distinte per origine, ambito d'uso e tipo
composizionale (cfr. 2.1.2.5.). Gli elementi finali dei composti del tipo parola-chiave (cfr.
2.1.2.1.) utilizzano la ripetizione in serie di un elemento in una posizione fissa, il quale
impiegato con funzione attributiva, non declinabile e esprime sensi che coincidono solo
parzialmente con quelli della parola usata autonomamente, differenziandosene per una
maggiore generalit semantica. Si tratta di un tipo formativo che si distingue nettamente da
quello neoclassico per vari aspetti, tra cui i principali sono l'impiego di parole di uso corrente, e soprattutto la struttura di tipo Determinato+Determinante, che consente la possibilit di flessione del primo costituente, la quale avviene regolarmente.
Non hanno alcun tratto in comune con gli elementi formativi neoclassici, se non l'origine
latina e la riconoscibilit a partire da serie paradigmatiche, le radici lessicali che non sono
pi disponibili per essere impiegate produttivamente nella formazione di parole nuove e
non hanno in sincronia un significato costante, quali ad esempio *durre e *sistere, individuabili a partire da serie di parole come addurre, circondurre, condurre, dedurre, edurre,
indurre, introdurre, perdurre, produrre, ridurre, sedurre, tradurre, assistere, consistere,
desistere, esistere, insistere, persistere, resistere, sussistere.

2.2.3. Caratteristiche dei composti formati con elementi formativi ci


I composti formati con elementi formativi si differenziano dai composti propri dell'italiano
oltre che per l'ordinamento dei costituenti (Determinante+Determinato) per alcune altre
interessanti caratteristiche.
I composti dell'italiano di norma sono non derivabili (cfr. 2.1.7.), i composti con elementi formativi in posizione finale possono invece essere derivati, sia per mezzo di suffissi
usati nelle terminologie tecnico-scientifiche (fra quelli pi impiegati: -ia, '-ico, -ite, -osi,
-oso), ma anche da altri suffissi di uso corrente (microfono microfonista, sociologia
sociologismo), possono inoltre essere base di derivazione per la formazione di verbi (telefono > telefonare, tecnologia tecnologizzare). I composti del tipo Elemento formativo+Parola hanno ancora maggiori possibilit di essere derivati, e con un numero maggiore
e pi vario di suffissi (biodegradabile > biodegradabilit, fotocopia fotocopiare >
fotocopiatore / fotocopiatrice, fotocopiatura; cicloamatore > cicloamatorismo, cicloamatoriale). I composti del tipo Elemento formativo+Parola si differenziano da quelli propri
dell'italiano anche per la pi ampia disponibilit a impiegare liberamente parole gi derivate (aeronavigabilit, autopropulsivit, cardiostimolatore, crioconservazione, ecoconservatorismo), e per la possibilit di formare verbi composti (aerotrainare, aerotrasportare,
teleabbonarsi, teleguidare). Bench i verbi di questo tipo siano ancora di numero limitato,
costituiscono una novit piuttosto importante per il sistema formativo dell'italiano:1 infatti
l'esiguo numero di verbi composti presenti in italiano (benedire, maltrattare) sono di origine latina o rifatti su tale modello e a lungo non hanno rappresentato un modello produttivo.
I verbi di recente coniazione si distinguono anche per il fatto che l'elemento formativo
possibile ipotizzare per alcuni di questi verbi un'origine per retroformazione (cfr. 6.), ad esempio da aerotrasportato a aerotrasportare.

80

2.

Composizione

iniziale oltre a svolgere la funzione di modificatore avverbiale, cos come nei verbi di origine latina (teleguidare), pu svolgere anche quella di complemento indiretto (dattiloscrivere).
La plasticit formativa dei composti con elementi formativi nettamente superiore a
quella dei composti tipici dell'italiano (cfr. 2.1.2.2.1.2.) Nei composti neoclassici possibile che un costituente di un composto sia formato da due (o pi) elementi formativi in
rapporto coordinativo o subordinativo. Strutture del tipo [[oto rino laringe] iatra], [elettro
[encefalo gramma]] sono del tutto eccezionali anche per i composti italiani i quali di norma
sono formati da due costituenti (cfr. tuttavia [capo [operatori elettricisti]], [gruppo [studenti lavoratori]]). Una conseguenza della grande facilit combinatoria degli elementi
formativi la lunghezza dei composti formati con essi. Nel GRADIT fra le parole con 14,
13, 12 sillabe si trovano solo composti neoclassici di impiego esclusivamente tecnicoscientifico (con 14 sillabe colangiocolecistocoledocectomia, con 13 diacetildiossifenilisatina, pleuroepicheilognatouranoschisi, con 12 occipitoatlantoidofaringeo), il famoso precipitevolissimevolmente lungo 11 sillabe, ma la grande maggioranza delle parole lunghe
fino a nove sillabe rappresentata da composti neoclassici.
La gran parte dei composti che hanno un elemento formativo in posizione finale sono
accentati sulla penultima sillaba, mai sull'ultima. Vi anche un certo numero di elementi
formativi che assegnano l'accento alla sillaba adiacente dell'elemento che li precede (fono, telfono, tedescfono\ epgrafo, chirgrafo, commedigrafo) formando cos parole
accentate sulla terz'ultima sillaba. Tra gli elementi formativi lemmatizzati dal DISC che
hanno questo comportamento abbiamo individuato i seguenti: -bio, il quale se pronunciato
all'interno di un composto monosillabico, -cero, -chilo (variante di -cheilo), -colo, -crate,
-cromo, -dromo, -fago, -fero, -filo "amore, affinit", -fito, -fobo, -fono, -foro, -fugo, -gamo,
-geno, -gero, -gnato, -gono "generazione", -gono "angolo", -grado, -idro, -lago, -latra,
-lisi, -lito "che si scompone", -logo, -mane, -mero "parte", -metro "misura", -nomo, -paro,
-pede, -peto, -podo, -poli, -poro, -ptero, -scopo, -stato, -stoma, -taco, -tipo, -voro, -xeno,
-xilo.
La terminazione vocalica della generalit degli elementi formativi in posizione iniziale
determina incontri tra vocali all'interno di parola piuttosto atipici per la fonologia
dell'italiano, si pensi a parole come bioalimento, elettroencefalogramma,
fotoincisione,
radiooperatore, radioutente, teleelaborazione, triidrato. Vi sono inoltre elementi formativi
che hanno nessi consonantici estranei alla fonologia dell'italiano, e presenti solo in prestiti
non assimilati (gimno-, lepto-, oftalmo-, pieno-, xeno-). A differenza di altre lingue, come
l'inglese e soprattutto il tedesco, in cui gli elementi formativi neoclassici conservano di
norma le caratteristiche fonologiche e grafiche del latino scientifico internazionale, in italiano gli elementi formativi neoclassici hanno in parte subito alcuni fenomeni di assimilazione dei nessi consonantici e di riduzione dei dittonghi analoghi a quelli del lessico latino
di tradizione continua. Ci ha avuto come conseguenza l'esistenza di varianti formali (coino- / ceno- / cheno-, cinesi- / chinesi- / kinesi-, pecilo- / poichilo-) e di casi di omografia.
Si pensi all'omografia enantiosemica di eso- dal gr. kso "fuori" in esocentrico ed eso- dal
gr. s, eis "dentro" in esotropia (cfr. ingl. exocentric e esotropia). A partire almeno dalla
seconda met del Novecento, la diffusione della terminologia scientifica internazionale in
lingua inglese ha aumentato il prestigio e favorito la diffusione della grafia latineggiante
degli elementi formativi neoclassici, determinando la preferenza nella terminologia tecnico-

2.2. Composizione con elementi

neoclassici

81

scientifica italiana di forme come nieto-, dictio-, elaio-, -ptero, -xilo, rispetto a nitto-, dittio-, eleo-, omonimo di eleo- "palude, palustre" (dal gr. heleio-), -ssilo, -itero.

2.2.4. Diffusione degli elementi formativi nella lingua comune ci


Il merito di avere richiamato l'attenzione sull'integrazione degli elementi formativi neoclassici nell'uso comune della lingua e sulle conseguenze per i processi formativi
dell'italiano va a Bruno Migliorini, il quale gi negli anni Trenta ha individuato la presenza
nella lingua italiana di questo nuovo tipo di elementi morfologici allora allo stato iniziale di
sviluppo (efir. Migliorini 1963 3 b, stesura definitiva di un articolo apparso per la prima volta
nel 1935). Migliorini denomina prefissoidi gli elementi non liberi ereditati o ripresi dalle
lingue classiche impiegati dapprima nei linguaggi tecnico-scientifici in combinazione con
altri elementi non liberi, ma che grazie all'impiego frequente all'interno di parole il cui
ambito d'uso si esteso oltre quello settoriale hanno assunto un valore quasi di prefissi,
hanno acquistato cio la possibilit di essere preposti a qualsiasi termine del lessico che
semanticamente lo consenta (Migliorini 1963 3 b, 9). Fra i prefissoidi che negli anni Sessanta erano gi saldamente entrati nell'uso corrente, Migliorini segnala: aero-, auto-, avio-,
cine-, elettro-, fono-, foto-, moto-, radio-, tele-, video-. Si noti che questa lista raggruppa sia
elementi formativi usati con un significato che si avvicina a quello che avevano nelle lingue
classiche (fono- "voce, suono") sia elementi formativi di seconda generazione (auto- "automobile", tele- "televisione").
Il principale carattere di novit di parole come aeroporto, autolavaggio,
fonosimbolo,
fotosintesi, fotomontaggio,
teleconferenza, telegiornale, sta nel fatto che fino a tutto
l'Ottocento era assolutamente marginale per le lingue romanze la formazione di composti
in cui un elemento nominale con funzione di determinante premesso a un sostantivo. Un
fattore che ha contribuito a provocare un ambiente favorevole alla diffusione di tali composti stata la presenza nella lingua sia di composti determinativi in cui sono impiegati elementi formativi che derivano da aggettivi o da avverbi delle lingue classiche (pseudoproblema, pseudoconcetto, protoindustrializzazione,
protolingua) sia di composti aggettivali
coordinativi (angloitaliano, austrotedesco, agroalimentare, socioeconomico). I primi costituiscono un precedente per la struttura Determinante+Determinato, i secondi per
l'impiego come elementi iniziali di composto di forme non libere terminanti in o. 1 Entrambi
i tipi formativi, bench preesistenti e pi ampiamente attestati di quelli con elemento formativo iniziale di origine nominale, avevano fino all'inizio del Novecento un impiego ristretto ad ambiti tecnico-scientifici e letterari. Alla diffusione nell'uso comune della lingua
del tipo compositivo in cui il Determinante precede il Determinato ha certamente contribuito anche l'accoglimento di numerosi prestiti dalle lingue germaniche, lingue in cui i
costituenti dei composti nativi sono disposti secondo tale ordine (discomusic, floppy disk,
personal computer, videogame).
1

A questo proposito Tollemache 1945, 259 afferma: Il fatto che in una lingua analitica come
l'italiano, possano attecchire composti sintetici e tematici [...] si potuto avverare, a parer nostro,
grazie alla somiglianza che esiste tra questi composti e i composti dotti gi tradizionali nella nostra
lingua.

82

2. Composizione

I tre tipi formativi si sono rinforzati l'uno con l'altro, in considerazione anche del fatto
che uno stesso elemento formativo pu partecipare a composti sia determinativi sia coordinativi (socio- in sociolinguisiica e socioculturale, aero- in aeronavigazione e aeroterrestre), che molti composti coordinativi permettono anche una interpretazione semantica di
tipo determinativo (si confronti il composto franco-italiano nel contesto il confine francoitaliano che richiede un'interpretazione coordinativa "il confine tra Francia e Italia", e nel
contesto un atleta franco-italiano che richiede un'interpretazione determinativa con testa a
destra "un italiano di origine francese"),1 e che la funzione di Determinante dell'elemento
nominale ne consente una interpretazione semantica di tipo aggettivale (elettrotrazione
"trazione elettrica", fotomontaggio "montaggio fotografico").
Gli elementi formativi non vengono accolti nell'uso comune della lingua come elementi
isolati, ma vengono estratti e riutilizzati a partire dalle parole composte in cui sono pi
frequentemente impiegati. La diffusione nell'uso comune di un composto neoclassico di
origine tecnico-scientifica non per condizione sufficiente per l'identificazione degli
elementi formativi che lo costituiscono. Parole come citofono, emorragia, frigorifero, microfono non sono pienamente analizzabili in costituenti significativi da parte della maggioranza delle persone che le usano. Il contesto pi favorevole all'estrazione di elementi disponibili per essere reimpiegati non infatti quello costituito da composti formati da due
elementi neoclassici, ma quello costituito dai composti formati da un elemento formativo e
una parola. Se vero che all'interno delle terminologie tecnico-scientifiche non vi distinzione di principio tra elementi lessicali liberi e legati - si possono infatti formare termini
tecnico-scientifici combinando sia due elementi formativi (mielocito), sia una parola premessa a un elemento formativo (craniotomia), sia un elemento formativo premesso a una
parola (emoterapia) - , la presenza di una parola all'interno dei composti di origine tecnicoscientifica che entrano a far parte dell'uso corrente della lingua invece un fattore molto
importante per l'individuazione dei componenti, specialmente nel caso in cui la parola ha
funzione di Determinato. L'identificazione di un elemento noto e ben delimitato, rappresentato dalla parola, facilita la comprensione del significato del composto, e di conseguenza
anche l'individuazione dell'elemento formativo con funzione di Determinante, favorendone
il successivo impiego in contesti analoghi. Tra le diverse strutture compositive Elemento
formativo+Parola, Elemento formativo+Elemento formativo, Parola+Elemento formativo
dunque la prima quella pi facilmente segmentabile e interpretabile semanticamente da
parte della generalit dei parlanti.
Quest'ipotesi interpretativa trova sostegno nelle analisi statistiche basate sui neologismi
registrati in dizionari non specialistici nel corso del Novecento, le quali dimostrano come la
diffusione degli elementi formativi nella lingua italiana andata di pari passo con
l'incremento del loro utilizzo in formazioni del tipo Elemento formativo+Parola. Il numero
di neoformazioni di uso comune di questo tipo ha avuto nel corso del Novecento un forte
incremento sia rispetto alle altre strutture compositive che utilizzano elementi formativi sia
anche rispetto al complesso dei processi di formazione delle parole dell'italiano (cfr. Iacobini / Thornton 1992, che confermano le analoghe tendenze elaborate per il francese da
Dubois / Guilbert / Mitterand / Pignon 1960 e da Peytard 1975).
1

L'interessante volume di Hatcher 1954 mostra come i composti aggettivali coordinativi (un tipo
compositivo affermatosi nel latino usato in Europa nei secoli XVI e XVII) abbiano avuto origine
da composti di tipo determinativo.

2.2. Composizione con elementi

neoclassici

83

All'inizio del Novecento prevalgono nettamente i composti formati da due elementi


formativi (circa 80% dei composti con elementi formativi lemmatizzati in 19082), ma,
via via che gli elementi formativi sono entrati a far parte pi stabilmente di parole del lessico comune, la proporzione di composti del tipo Elemento formativo+Parola aumentata
regolarmente, e attualmente rappresenta circa 80% di un corpus costituito selezionando i
lemmi che contengono almeno un elemento formativo tra quelli registrati da quattro recenti
dizionari di neologismi (CC, F, L, Q). A testimonianza della crescente penetrazione del tipo
formativo Elemento formativo+Parola all'interno della lingua corrente, l'analisi del corpus
di neologismi evidenzia come gli elementi formativi iniziali che sono usati in combinazione
solo con altri elementi (alo-, angio-, scinti-, cfr. alogeno, angiografia, scintigramma) molto
raramente compaiono in pi di un lemma, mentre gli elementi formativi che si premettono a
parole ricorrono di norma in pi formazioni: sono circa una trentina gli elementi formativi
che sono impiegati davanti a parole in almeno cinque lemmi del corpus. Tra essi vi sono
aero-, agri/o-, audio-, auto-, bio-, cine-, crio-, eco-, eli-, euro-, fanta-, filo-, fono-, foto-,
mono-, narco-, paleo-, poli-, porno-, psico-, radio-, tecno-, tele-, uni-, video-, in formazioni
come audiocassetta, bioalimento, crioconservazione, narcotrafficante, psicofarmaco, videolibro.
Gli elementi formativi che si pospongono a parole sono di numero inferiore rispetto a
quelli iniziali e formano un minor numero di composti di uso corrente. La ragione di questa
minore produttivit dipende probabilmente dalla necessit di usare come forme compositive
parole modificate, e dalla conseguente difficolt di selezionare la vocale di raccordo (o
oppure i) in ragione della provenienza greca o latina dell'elemento formativo. Nel corpus di
neologismi preso in esame, gli elementi formativi che si pospongono a parole sono: -cida,
-crate, -cratico, -crazia, -dromo, -geno, -grafia, -grafico, -logia, -logico, -logo, -mane,
-mania, -metria, -metro, -nauta, -teca', tra le neoformazioni segnaliamo: spermicida, partitocrate, correntocratico, apparatocrazia, kartodromo, ansiogeno, grammaticografia, futurologia, fumettologo, massmediologico, eroinomane, congressomania, allergometria, redditometro, fumettoteca, acquanauta. Come si pu notare, i significati espressi da questi
elementi formativi sono pi omogenei rispetto a quelli degli elementi iniziali. Gli elementi
formativi usati in posizione finale indicano quasi esclusivamente significati di tipo agentivo, strumentale e locativo. Si pu inoltre notare che quegli elementi formativi che possono
comparire in posizione sia iniziale che finale (-grafo-, -logo-, -nomo), esprimono in posizione finale significati di tipo pi generale di quanto non facciano in posizione iniziale (cfr.
grafomane, logopatia, nomogramma con geografo, geologo, agronomo).
La possibilit che un elemento formativo sia usato in combinazione con parole in composti di uso corrente dipende principalmente dal significato che esprime. La produttivit in
formazioni di uso corrente pu quindi variare nel corso del tempo. Ad esempio, Migliorini
19633b segnala alcuni elementi di composti che riteneva potessero acquisire una possibilit
di impiego pari a quella di moto- o tele-. Tra questi, alcuni (ippo-, Steno-, dattilo-) non si
sono rivelati granch produttivi nella formazione di composti della lingua corrente, mentre
altri, allo stato nascente negli anni Sessanta (bio-, eco-, fanta-, narco-, psico-, tecno-), hanno dato vita a molti neologismi. Si vedano al proposito i dati pubblicati da Antonelli 1996,
259-284, da cui tra l'altro appare evidente come elementi formativi omonimi (foto- "luce"
e foto- "fotografia") possono avere una produttivit anche notevolmente diversa. Gli influssi extralinguistici sulla diffusione degli elementi formativi si possono notare ad esempio
nella fortuna negli anni Cinquanta-Sessanta delle formazioni di uso comune con aero- e

84

2.

Composizione

avio- (aerostazione, aerorifornimento, aerotaxi, aeroturismo, aviolancio, aviorazzo), che


sono andate diminuendo a partire dagli anni Ottanta con lo scemare del prestigio della navigazione aerea e del richiamo per la navigazione spaziale; oppure nella fortissima diffusione di tele- e video- a partire dalla fine degli anni Sessanta, e nella recentissima fortuna di
euro-, gi presente in alcuni composti dai primi anni Sessanta, epoca dell'avvio
dell'integrazione politica ed economica dell'Europa.

2.2.5. Elementi formativi, affissi e parole ci


Gli elementi formativi che si combinano con parole in formazioni della lingua comune
tendono a occupare una posizione fissa all'interno della parola complessa, o finale o, pi
spesso, iniziale. 1
La tendenza a occupare una posizione fissa, associata alle caratteristiche di non godere di
autonomia nella frase e di formare serie di parole secondo un modulo ricorrente, ha fatto
propendere alcuni studiosi per l'identificazione dell'insieme degli elementi formativi con
gli affissi. Questa identificazione non giustificata, dal momento che solo un numero limitato di elementi formativi condividono alcune caratteristiche proprie degli affissi, mentre la
grande maggioranza ha molte caratteristiche in comune con le parole, tra le principali,
quella di poter essere usati sia come elementi iniziali sia come elementi finali di una parola
complessa, di essere basi possibili per la derivazione, di esprimere significati di tipo denotativo, di combinarsi tra loro secondo regole di tipo compositivo.
Le due principali caratteristiche che contraddistinguono gli elementi formativi neoclassici sono l'ambito d'uso e l'allogenicit. Tali criteri danno conto della familiarit che la
generalit dei parlanti ha con il significato e l'impiego degli elementi formativi. Si tratta
evidentemente di propriet di natura graduale, che perdono per la loro capacit distintiva
proprio nei casi in cui pi dubbia la decisione se un elemento formativo sia entrato a fare
parte organicamente della lingua, cio quando un elemento formativo si combina con parole
o affissi in un certo numero di formazioni di uso corrente. Nessuno di questi due criteri
permette inoltre di decidere se un determinato elemento rientri nella categoria di affisso o di
parola, n se partecipi a processi di tipo derivazionale o composizionale.
Nei prossimi due paragrafi illustreremo brevemente l'insieme delle caratteristiche che
descrivono il comportamento degli elementi formativi e permettono di valutarli in relazione
con le parole e con gli affissi della lingua italiana.

Nei composti neoclassici delle terminologie tecnico-scientifiche vi invece maggiore mobilit


degli elementi formativi. Si prendano come esempio -bio-, -termo-, correntemente impiegati sia in
posizione iniziale che finale in composti tecnico-scientifici (biologia, xenobio, termogeno, omotermo), ma usati solo in posizione iniziale (bioalimento, termocoperta) in combinazione con parole
in formazioni di uso corrente.

2.2. Composizione con elementi neoclassici

85

2.2.5.1. Differenze tra affissi e elementi formativi ci


Le principali caratteristiche che permettono di distinguere gli affissi dagli elementi formativi sono: posizione, derivabilit, semantica, relazione tra i costituenti all'interno della parola complessa, delimitabilit.
Posizione: per definizione gli affissi occupano una posizione fissa (iniziale se prefisso,
finale se suffisso), mentre vi sono elementi formativi che possono essere impiegati sia in
posizione iniziale che finale senza rilevanti differenze di significato o di forma {-cromo- in
cromosoma e policromo, -mero- in polimero e meroblastico, -morfo- in isomorfo e morfologia, -podo- in podofillo e scafopodo). Si tratta di un criterio molto forte: un elemento che
pu essere sia un costituente iniziale che uno finale di una parola complessa non pu essere
considerato un affisso, ma un lessema. Solo i costituenti di composizione (tipicamente i
nomi) possono svolgere la funzione di Determinato all'interno di una parola e quella di
Determinante all'interno di un'altra, mentre in derivazione le parole e gli affissi hanno ruoli
distinti e non scambiabili.
Derivabilit: ogni parola complessa, sia essa derivata o composta, deve contenere almeno un lessema. Se una parola complessa scomponibile in due elementi, e uno di essi
un affisso (definito in base a criteri indipendenti), l'altro elemento deve essere un lessema e
non un affsso. Dal momento che non possibile formare parole di soli affissi, un elemento
formativo che formi parole con un affisso (cerebro-, etno-, ipno-, cfr. cerebrale,
etnico,
ipnosi) deve essere considerato un lessema e non un affisso.
Semantica: il criterio semantico d risultati meno netti dei due precedenti. Si pu comunque affermare che gli affissi esprimono tipicamente valori di tipo categoriale e relazionale (indicando nozioni quali tempo, spazio, qualit, agentivit), che restringono il tipo
di basi con cui si possono combinare, e determinano il tipo di significato espresso dalla
parola complessa. Non si possono considerare affissi, ma lessemi, gli elementi formativi
che esprimono significati di tipo denotativo-lessicale, semanticamente autonomi (-lito"pietra", -zoo- "animale"). Elementi con tali caratteristiche, cos come i tipici elementi
compositivi, non permettono di formulare restrizioni sul significato degli elementi con cui
possono combinarsi.
Relazione fra i costituenti: all'interno delle parole formate per mezzo di regole si soliti
distinguere tra formazioni determinative, coordinative ed esocentriche. Di norma gli affissi
partecipano esclusivamente a formazioni di tipo determinativo, le formazioni esocentriche
costituiscono casi sporadici, mentre non possibile che un derivato abbia una struttura
coordinativa. Tutti e tre i tipi di formazione sono invece possibili in composizione. Al pari
delle parole, molti elementi formativi possono partecipare a formazioni di tipo determinativo (osteopatia, psicologia), coordinativo (agroalimentare, sociopolitico,
psicosociale,
sternocleidomastoideo)
ed esocentrico (brachicefalo, decapode, indigeno). Gli elementi
formativi che partecipano a composti coordinativi (anglo-italo-sovietico, socioeconomico,
psicopedagogico)
o che hanno rapporti di tipo coordinativo all'interno di composti subordinanti (elettroencefalogramma, stenodattilografia)
si differenziano quindi nettamente
dagli affissi.
Delimitabilit: mentre gli elementi formativi, cos come le parole, costituiscono una lista
aperta che pu accogliere nuove forme, gli affissi costituiscono un insieme ben delimitabile, se non proprio una lista chiusa.

86

2.

Composizione

2.2.5.2. Differenze tra parole e elementi formativi ci


Vi sono tre caratteristiche principali che distinguono le parole dagli elementi formativi:
produttivit, aspetto fonologico, autonomia sintattica. Le prime due sono caratteristiche di
natura graduale.
Produttivit: uno stesso elemento formativo pu essere usato in molte parole composte
che possono inserirsi in serie associative e sintagmatiche. Anche gli affissi hanno la capacit di partecipare alla formazione di molte parole complesse, tanto che si pu parlare di
produttivit di un determinato affisso. L'utilizzo di una parola come costituente di composizione invece meno sistematico e frequente. In composizione si dunque soliti fare riferimento alla produttivit di un tipo compositivo piuttosto che di un costituente specifico.
Aspetto fonologico: gli elementi formativi terminano di norma con le vocali o ed i, sono
in grandissima parte bisillabici, raramente superano le tre sillabe. Le parole hanno minori
restrizioni di questo tipo (cfr. Thornton / Iacobini / Burani 19972, 92-97).
Autonomia sintattica: gli elementi formativi sono elementi legati, mentre le parole sono
elementi autonomi. Su questa distinzione sono fondati essenzialmente gli argomenti di chi
identifica gli elementi formativi con gli affissi. Occorre innanzitutto ribadire che una forma
non libera non necessariamente un affisso. Le radici e i temi sono elementi lessicali non
autonomi, ma certamente non identificabili con gli affissi. Molti elementi formativi possono essere definiti sia da un punto di vista etimologico, ma soprattutto in ragione dei tipi
di formazione a cui prendono parte e del loro contenuto semantico dei temi, cio elementi
privi dei tratti contestuali necessari per l'impiego nel discorso come parole autonome, e che
necessitano quindi di essere impiegati all'interno di parole complesse.

2.2.6.

Elementi formativi di tipo lessicale a

L'applicazione dei criteri esposti in 2.2.5. permette di operare delle discriminazioni


all'interno degli elementi formativi distinguendo quelli che si avvicinano alle caratteristiche
degli affissi da quelli che manifestano caratteristiche di tipo propriamente lessicale. Questi
ultimi sono la stragrande maggioranza, e presentano al loro interno una grande variet di
comportamenti, tale che nessuna delle caratteristiche che li definisce prevale in modo significativo sulle altre. 1
L'insieme di elementi formativi che presenta un maggior numero di caratteristiche convergenti quello che comprende gli elementi che assomigliano ai prefissi (cfr. 2.2.7.), gli
elementi impiegati esclusivamente in posizione finale condividono invece molti tratti con
gli elementi formativi di tipo lessicale (cfr. 2.2.8.). Gli elementi formativi in cui le caratteristiche proprie dei lessemi sono espresse in maniera pi accentuata sono, da una parte gli
elementi impiegati come parole autonome (foto, moto, cfr. 2.2.3.), e dall'altra gli elementi
che possono essere impiegati in posizione sia iniziale che finale: possono essere basi di
1

Per pi dettagliate proposte di classificazione degli elementi formativi, che mirano a ripartire in
gruppi omogenei un ampio corpus di elementi formativi in base al loro grado di somiglianza con le
parole o con gli affissi, rimandiamo a Masseroli 1994 e al lavoro basato su tecniche di analisi multidimensionale di Iacobini / Giuliani 2001.

2.2. Composizione con elementi

neoclassici

87

parole derivate, esprimono significati di tipo lessicale, formano di norma composti determinativi ma anche coordinativi (-andr-, -angio-, -antropo-, -bio-, -cardio-, -cinesi-,
-cromo-, -crono-, -dattilo-, -dermo-, -fito-, -geo-, -gioito-, -idro-, -morfo-, -odonto-,
-oftalmo-, -rino-, -termo-, -tipo-, -zoo-).1
Accanto ad essi vi un ampio numero di elementi formativi che rivelano caratteristiche
di tipo lessicale distribuite in vario modo. Ve ne sono alcuni che esprimono significati di
tipo lessicale, possono essere basi di parole derivate, sono impiegati in posizione solo iniziale, ma hanno una forma corrispondente suffissata impiegata in posizione finale (pato- /
-patia)', altri con le medesime caratteristiche tranne quella di non essere basi di parole derivate (algo- / -algia). Altri che esprimono significati di tipo lessicale, sono basi di parole
derivate, ma sono impiegati in posizione solo iniziale (etno-, flebo-, talasso-) e non hanno
corrispettivi suffissati in posizione finale. Vi sono elementi formativi di origine latina impiegati in posizione solo iniziale, mentre il loro sinonimo di origine greca usato in posizione sia iniziale che finale (maxillo- e -gnato-, sangui- e -emo-), ma lo stesso pu accadere
anche tra elementi di origine greca (creato- e -sarco-). Vi sono coppie di elementi formativi
sinonimi uno dei quali deriva da una forma tematica (cromato-, dermato-, emato-) e l'altro
dalla forma corrispondente a quella del nominativo della parola greca di origine, la cui
vocale finale pu essere sostituita da una o (croma- / cromo-, derma- / dermo-, ema- /
emo-). In coppie come queste gli elementi formativi di origine tematica occupano esclusivamente la posizione iniziale del composto, mentre quelli corrispondenti al nominativo
possono essere usati sia in posizione iniziale che finale (cromatoforo, cromosoma, policromo, fotocromia).
La determinazione della posizione occupata da un elemento formativo all'interno dei
composti dipende anche dal corpus preso in esame, ad esempio vi sono numerosi elementi
formativi che nel lemmario del DISC sono usati solo in posizione iniziale (bato-, cheiro-,
cino-, copro-, omito-) ma che invece in un lemmario come quello del GRADIT, che comprende un maggior numero di formazioni tecnico-scientifiche, sono attestati anche in posizione finale.
Altri elementi di tipo lessicale sono le parole modificate (cfr. 2.2.2.4.) e gli accorciamenti (cfr. 2.2.2.2.). Costituiscono un sottogruppo omogeneo i primi elementi dei composti
etnici, premessi di solito a parole (afro-, anglo-, austro-, euro-, franco-, gallo-, indo-, ispano-, italo-, nippo-, in afrocubano, anglofrancese, austroungarico ecc.). Fra gli elementi
formativi di natura lessicale che formano pi composti di uso comune in combinazione con
parole vi sono: aero-, auto-, bio-, cine-, eco-, euro-, fanta-, foto-, moto-, narco-, porno-,
psico-, radio-, socio-, tecno-, tele-, video-.

Questi elementi formativi se usati in combinazione con parole occupano quasi esclusivamente la
posizione iniziale (biocompatibile, biodiversit, cardiochirurgia, cardiostimolante,
cromoterapia,
dermoabrasione, dermoprotettivo, fitoterapista, fitosanitario, geomagnetismo, geosolare, idromassaggio, idrosanitario,
termocoperta).

88
2 . 2 . 7 . 1 tipi pseudoproblema,

2.

equidistante,

monocefalo

Composizione

ecc. ci

Tra gli elementi formativi che occupano esclusivamente la posizione iniziale, ve ne sono
alcuni che svolgono unicamente la funzione di determinante in costruzioni sia endocentriche (endocarpo) sia esocentriche (eterodattilo), non sono quindi mai testa (neanche soltanto
semantica) e non possono formare composti coordinati. Non possono essere base di derivazione, ed esprimono tipicamente valori semantici di tipo relazionale che danno indicazioni
riguardanti la posizione (ecto-, endo-, eso-, meso-, peri-), la temporalit (archeo-, vetero-),
la quantit (emi-, equi-, omni-, panto-), il numero (uni-, mono-, bi-, tri-). Gli elementi di
questo gruppo derivano da avverbi e preposizioni (ecto-, endo-, emi-, tele-), da aggettivi
(equi-, etero-, paleo-) e da numerali.
Fra gli elementi formativi che fanno parte di questo gruppo ricordiamo: acro-, allo-,
ana-, aniso-, apo-, archeo-, bi-, deca-, deci-, deutero-, di-, duo-, cata-, ceno-, centi-, ecto-,
emi-, endo-, epi-, equi-, eso-, etero-, ipso-, iso-, meso-, milli-, mono-, oligo-, olo-, omeo-,
omni-, omo-, opisto-, orto-, paleo-, pan-, panto-, penta-, peri-, pleio-, plesio-, pro-, proto-,
pseudo-, quadri-, tauto-, tele-, tetra-, tri-, uni-, vetero-.
Gli elementi formativi con significato numerale, quali mono-, uni-, di-, bi-, tri-, quadri-,
tetra-, penta- ecc., costituiscono un sottogruppo omogeneo. Sono usati nella formazione di
sostantivi (spesso esocentrici) e aggettivi (specialmente denominali invariabili) sia di uso
comune sia di impiego tecnico-scientifico (monocamera, monolito, unicamerale,
unigenito,
bidirezionale, diglossia, tricamere, triblastico, quadrireattore, tetracero, pentaedro, pentapartito). Ovviamente, questi elementi non costituiscono un inventario chiuso, essendo la
serie dei numeri potenzialmente infinita. Si pu comunque notare che la quantit di formazioni di uso comune e di neologismi in rapporto di proporzione inversa con la quantit
numerica espressa dall'elemento formativo: gli elementi pi usati per formare parole nuove
della lingua comune sono infatti mono-, uni-, bi- e tri-. Vi anche una correlazione con la
lingua di origine: gli elementi di origine greca sono usati di preferenza in formazioni tecnico-scientifiche, ci si pu notare specialmente nel caso di coppie sinonimiche come bi- e
di-, quadri- e tetra-. Menzioniamo qui anche un altro insieme di elementi che hanno origine
da aggettivi numerali greci e latini. Si tratta degli elementi impiegati nei sistemi di misurazione, quali ad esempio deca / deci, etto / centi, chilo / milli ecc., che rispettivamente moltiplicano e dividono per dieci e multipli di dieci termini che designano unit di misura.
Gli elementi formativi di questo gruppo si differenziano per molte caratteristiche dagli
elementi formativi di tipo lessicale, e sono quelli che pi si approssimano ai prefissi.
L'impiego davanti a parole in numerose formazioni di uso comune e il tipo di significati
espressi hanno provocato processi di grammaticalizzazione che a nostro avviso giustificano
l'inserimento nel novero dei prefissi di elementi come auto- "da s", iper-, ipo-, macro-,
mega-, meta-, micro-, multi-, neo-, para-, pluri-, poli- bench siano impiegati anche in
terminologie tecnico-scientifiche e siano attestati in diverse formazioni di tipo esocentrico
(cfr. anche, in questo senso, Warren 1990, 124).
Fino all'inizio del Novecento, le parole formate da un elemento di derivazione avverbiale o aggettivale premesso a un sostantivo o a un aggettivo erano molto poche, e utilizzate
soprattutto in domini specialistici (tra gli esempi di pi antica attestazione, si possono citare
monosillabo av. 1406 e pseudoprofeta av. 1561). Del resto il tipo formativo non caratteristico neanche del latino, ha infatti avuto origine dall'accoglimento o adattamento di compo-

89

2.2. Composizione con elementi neoclassici

sti greci di carattere tecnico o di ambito religioso (monopolium, pseudapostolus,


multicolor).'
Gli elementi formativi di questo gruppo pi diffusi in formazioni di uso comune in combinazione con parole sono pseudo-, mono-, paleo-, possibili futuri candidati allo status di
prefisso, meno usati equi- ed etero- (pseudoccupazione, pseudoconcetto,
pseudocultura,
pseudogravidanza, pseudoproblema, pseudoscientifico, monocamerale, monodose, monomarca, monopartitismo, monoreddito, monosc, monouso, monovolume,
paleoavanguardia,
paleocapitalismo, paleocristiano, paleoindustriale, equiprobabile, equidimensionale, equilinguismo, eterodiretto,
eterosessuale).

2 . 2 . 8 . 1 tipi eurocrate,

politologo,

carnivoro

ecc. ci

Un altro gruppo piuttosto omogeneo quello costituito da elementi formativi impiegati


esclusivamente in posizione finale nella formazione di composti aggettivali e nominali (sia
endocentrici che esocentrici), in cui svolgono la funzione di testa sintattica e/o semantica. 2
Rispondono a queste caratteristiche una serie di elementi formativi di origine verbale gi
usati come forme compositive nelle lingue classiche, i quali formano nominali (nomi e
aggettivi) con significato agentivo e strumentale. Fanno parte di questo gruppo: -cida,
-colo, -coltore, -crate, -fago, -fero, -fobo, -foro, -fugo, -geno, -grado, -grafo, -latra, -logo,
-mane, -nomo, -paro, -scopo, -voro?
Questi elementi formativi danno vita a composti che hanno alcuni tratti in comune con i
cosiddetti synthetic compounds delle lingue germaniche e con i composti del tipo V+N
delle lingue romanze (cfr. meat-eater e carnivoro, portabandiera e vessillifero): il costituente iniziale quasi sempre interpretato come un argomento del costituente finale (fruttifero, insettivoro), non pu mai essere il soggetto, e pu svolgere talvolta la funzione di
avverbiale (onnivoro, tardigrado).
A riprova del fatto che non possibile isolare caratteristiche discriminanti all'interno del
complesso degli elementi formativi, si pu notare che bench gli elementi formativi del tipo
-crate, -logo si distinguano per i tratti sopra indicati, essi presentano anche una serie di
importanti caratteristiche in comune con altri elementi formativi. Si prendano come esempio i rapporti semantici e formali che vi sono tra le formazioni in -crate / -crazia / -cratico,

1
2

Si vedano al proposito Oniga 1988, 128-129 e Robl 1984,134.


Sulla distinzione delle nozioni di testa semantica e sintattica in composizione si vedano Crocco
Galas / Dressler 1992,11 e, per quanto riguarda la derivazione, Scalise 1984a, 195-196.
Gli elementi formativi -logo, -nomo e -grafo sono usati in posizione iniziale con diverso significato rispetto a quello che esprimono in posizione finale: in posizione iniziale logo- ha il significato
"parola" (logopedia), nomo- "legge, regola" (nomografia), grafo- ha il significato "scrittura",
mentre in posizione finale -logo e -nomo indicano l'esperto o lo studioso di una disciplina (filologo, agronomo), -grafo indica prevalentemente una persona che scrive o disegna (dattilografo), uno
strumento che segnala e registra con segni grafici una serie di dati (cronografo, sismografo), pi
raramente un tipo di scritto (autografo, olografo). L'elemento formativo -scopo usato anche in
posizione iniziale in un numero limitato di termini di ambito psicologico, con il significato "guardare, osservare" (scopofilia). Gli elementi formativi -fobo, -geno, -nomo sono riconducibili solo
indirettamente a verbi.

90

2. Composizione

-grafo / -grafia / -grafico, -logo / -logia / -logico, -scopo / -scopia / -scopico, in parole
come burocrate / burocrazia / burocratico, aerografo / aerografia / aerografco, geologo /
geologia / geologico, demoscopo / demoscopia / demoscopico. Si tratta di serie paradigmatiche (ampiamente utilizzate sia nei linguaggi tecnico-scientifici che in parole della lingua
comune) nelle quali i nomi non suffissati indicano un agente (burocrate, demoscopo, geologo) o uno strumento (aerografo), quelli suffissati in -ia indicano un'azione, un'attivit,
uno stato, una qualit (burocrazia, geologia), o anche l'oggetto, il risultato dell'attivit
(aerografia), mentre gli aggettivi in '-ico si riferiscono di norma ai nomi in -ia (cfr.
1.2.2.3.) Le stesse relazioni semantiche e formali si possono stabilire anche tra parole formate con elementi formativi di valore agentivo e strumentale che si differenziano per alcune caratteristiche da quelli del tipo -crate, -logo. Si pensi ad elementi formativi come -filo-,
-fono-, -metro- (goniometro, goniometria, goniometrico; telefono, telefonia, telefonico), i
quali non derivano da verbi, e possono essere impiegati anche in posizione iniziale, mentre
non tutti gli elementi formativi del tipo -crate, -logo possono prendere parte a tali serie
paradigmatiche (-fugo, -grado, -paro, -voro). Possono inoltre essere suffissati con -ia e '-ico
anche un numero indefinito di elementi formativi di origine nominale che esprimono i pi
diversi significati, e che sono impiegati sia in posizione solo iniziale (algo-, freno-, cfr.
nevralgia / nevralgico, schizofrenia / schizofrenico) che in posizione sia iniziale sia finale
nella formazione di nomi e aggettivi (-andr-, -cardio-, -cefalo-, -termo-, cfr. poliandria /
poliandrico, bradicardia / bradicardico, macrocefalia / macrocefalico, geotermia / geotermico).
Gli elementi formativi con significato agentivo e strumentale (in genere accompagnati
dalle corrispettive forme in -ia e '-ico) sono tra gli elementi formativi adoperati in posizione
finale quelli pi impiegati in combinazione con parole in composti di uso corrente. 1 Qui di
seguito ne descriveremo succintamente i tipi di impiego e i significati pi diffusi.
La coppia -logo / -logia quella che di gran lunga conta pi parole di uso comune. I sostantivi terminanti in -logia indicano una disciplina, una trattazione, uno studio sistematico
riguardante l'argomento specificato dal costituente iniziale, quelli in -logo lo studioso, lo
specialista di quella disciplina. Tra le numerose formazioni in cui -logo e -logia si combinano con parole: diabetologo / -ia, dietrologo / -ia, infettivologo / -ia, massmediologo / -ia,
museologo / -ia, musicologo / -ia, neonatologo / -ia, politologo / -ia, sindonologo / -ia,
sovietologo / -ia, tossicologo / -ia, tuttologo / -ia. Si osservi come la struttura morfologica
non corrisponda a quella semantica; infatti il sostantivo suffissato in -ia che di norma
costituisce la base semantica del nome di agente o di strumento: un paleoantropologo non

L'impiego e il significato di questi elementi li rende quelli con pi caratteristiche in comune con i
suffissi derivazionali, tanto che alcuni studiosi, adottando un punto di vista rigorosamente sincronico, considerano tutti o parte di questi elementi formativi come dei veri e propri suffissi. Tra le
non poche conseguenze di questa opzione vi la necessaria integrazione delle vocali o od i nella
forma del suffisso (es. -icida, -icolo, -ocrate, -ornane), e, soprattutto, l'onere di giustificare,
all'interno delle parole con una medesima terminazione e interpretazione semantica, la distinzione
fra composti (sia tratti dalle lingue classiche sia neoclassici), formazioni analogiche sul modello
delle lingue classiche, e derivati per suffissazione; l'identificazione di un suffisso richiede inoltre
di ricostruire le condizioni che hanno favorito la sua risegmentazione, come pure di descrivere le
sue specifiche caratteristiche di impiego.

2.2. Composizione con elementi

neoclassici

91

infatti un "antropologo antico", ma uno studioso di paleoantropologia.1


Esistono anche
alcuni neologismi, come culturologo, disastrologo, giocologo, giovanologo, lookologo, per
cui non attestato (ma comunque parola possibile) il corrispettivo in -logia. La forte
produttivit di -logo consente di adoperare come costituente iniziale di composto anche
aggettivi e avverbi (dietrologo, infettivologo, tuttologo) sia pure usati con valore sostantivato. In un numero limitato di casi l'espressione di agente corrispondente ad alcuni sostantivi in -logia si forma con il suffisso -ista (analogia * analogista), possono cos prodursi
coppie di sinonimi, quali ad esempio enologo ed enologista, fonologo e fonologista. Ristretto a termini di ambito prevalentemente specialistico il significato "discorso, espressione, modo di parlare" presente in parole come brachilogia, dittologia, tautologia. Preceduto
da un numerale, -logia pu indicare l'insieme di pi opere artistiche di uno stesso autore
affini o collegate tra di loro: trilogia.
L'elemento formativo -grafia impiegato con il significato "descrizione, rappresentazione analitica" nella denominazione di numerose discipline in cui il primo costituente del
composto indica l'oggetto a cui si applica la descrizione (geografia, idrografia, lessicografia). Per ciascuna di queste discipline possibile formare un sostantivo in -grafo che ne
indica lo studioso, l'esperto. A partire da bibliografia si sviluppato un significato secondario "repertorio, elenco" presente ad esempio in filmografia. Con i significati "scrittura,
rappresentazione grafica", forma numerosi composti in cui il primo costituente del composto pu indicare il mezzo o lo strumento con cui avviene una riproduzione grafica (fotografia, lasergrafia), il modo (calligrafia, crittografia), pi raramente il luogo (ceramografia
"scrittura sulla ceramica"). Nonostante il gran numero di formazioni e la diffusione di alcune di esse nell'uso comune (fotografia, telegrafo), sono pochi i composti in cui -grafia e
-grafo si aggiungono a parole, tra di essi discografia, grammatico grafia, museografia. Le
parole in -grafo possono indicare sia uno strumento (sismografo) sia un agente (biografo),
sono attestati anche una decina di nomi di agente suffissati con -ista che non hanno sinonimi in -grafo (telegrafista). Nei casi in cui -grafia non indica il risultato dell'azione, pu
essere impiegato con questo significato l'elemento formativo -gramma
(cardiogramma,
sismogramma). In posizione iniziale, grafo- ha il significato "scrittura" ed usato solo in
combinazione con elementi formativi, le sole parole di ambito comune sono grafomane,
grafologia (e derivati).
L'elemento formativo -metro forma nomi di strumenti che servono a misurare quanto indicato dal costituente iniziale, mentre -metria ha il valore "misura, attivit di misurazione".
Entrambi formano un grandissimo numero di composti di ambito tecnico-scientifico in
combinazione con altri elementi formativi. Tra i pochi sostantivi di uso corrente: barometro, cronometro, geometria, termometro.2 In combinazione con parole, -metro attestato
nei seguenti neologismi, di cui non sono attestati i corrispondenti in -metria: applausometro, bustometro, parchimetro / parcometro,3 redditometro. L'elemento formativo -metro

La stessa dissimetra fra relazione formale e semantica si ripete per tutte le coppie di elementi
formativi con significato agentivo strumentale e i corrispettivi suffissati in -ia.
I nomi di agente si formano di norma per mezzo del suffisso -ista (cronometrista), mentre geometra rappresenta un caso isolato.
L'alternanza della forma si pu spiegare anche con il fatto che -metro consente una certa variabilit della vocale finale del primo costituente: in circa tre quarti dei composti attestati o, mentre
nel restante quarto i (calorimetro, densimetro, esposimetro, voltimetro), eccezionale nella forma
e nella composizionalit semantica la parola tassametro.

92

2.

Composizione

usato anche in posizione iniziale con il significato "misura, misurazione" in termini esclusivamente tecnico-scientifici.
I sostantivi in -fonia fanno riferimento al suono, alla voce, e sono molto numerosi nelle
terminologie tecnico-scientifiche. Fra le poche parole di uso comune: dialettofonia, polifonia, radiofonia, stereofonia, telefonia. L'elemento formativo -fono serve a formare numerosi nomi di strumento di ambito tecnico-scientifico, ma anche alcuni di uso corrente (citofono, sassofono, telefono), attestato in combinazione con parole solo in una manciata di
formazioni di coniazione recente, in cui indica persona che parla una determinata lingua
(dialettofono, grecofono, tedescofono). In posizione iniziale fono- ha il valore "voce, suono", ed utilizzato principalmente nelle terminologie tecnico-scientifiche, fra le poche
parole di uso non specialistico, fonografo e fonovaligia.
Le parole terminanti in -fobia (cfr. anche 5.1.2.1.2.1.3.) esprimono paura, ripugnanza,
avversione morbosa, antipatia, intolleranza per ci che indicato dal costituente iniziale del
composto. Tra le parole di impiego corrente vi sono claustrofobia, esterofobia, xenofobia.
Le parole in -fobo indicano chi ha paura o chi contrario, prova avversione per qualcosa o
qualcuno, e sono meno numerose di quelle in -fobia. Tra le poche parole autonome con cui
-fobo e -fobia si combinano vi sono alcuni aggettivi etnici (slavofobia, tedescofobo).
A differenza di -fobo, -filo partecipa a numerosi composti di uso comune in combinazione con parole. Oltre che in posizione finale (bocciofdo, calciofilo, cinefilo, discofilo, gattofilo, idrofilo, russofilo, tedescofilo), usato anche in posizione iniziale premesso ad aggettivi di relazione e a nomi che si riferiscono per lo pi a popoli, a posizioni culturali, ideologiche, politiche, per indicare affinit, simpatia per una posizione, per un principio, o anche
chi sostiene tale posizione, tale principio (filoamericano, filocomunista, filoliberale, filonazismo, filonucleare). I sostantivi in -filia (cfr. anche 5.1.2.1.2.1.3.) sono usati quasi esclusivamente nelle terminologie tecnico-scientifiche, fra le poche parole di uso comune: esterofilia, cinefilia, pedofilia.
Nelle terminologie tecnico-scientifiche i composti terminanti in -mania (cfr. Fanfani
1986 e anche 5.1.2.1.2.1.3.) superano in numero quelli in -mane. Tra i composti con elementi formativi pi diffusi nell'uso: megalomania, ninfomane, piromane. Sia -mania che
-mane sono utilizzati in combinazione con parole autonome in composti di uso corrente, in
cui -mane indica chi affetto da una dipendenza patologica o ossessiva, da una forte passione, da un'attrazione irresistibile, ed quindi usato talvolta per indicare un grado pi alto
rispetto a quello indicato con -filo (acquamania, farmacomania, convegnomania, fumettomania, calciomane, cocainomane, eroinomane, mitomane, tossicomane).
Le parole in -crazia (cfr. anche 1.2.2.3.) superano di numero quelle in -crate sia nei
composti con parole autonome sia in quelli con elementi formativi. Indicano l'autorit, il
potere esercitati da o per mezzo di quanto specificato dal primo costituente. Molte di esse (a
cominciare da democrazia), non hanno un corrispondente in -crate (tra esse: apparatocrazia, correntocrazia, computercrazia, lentocrazia, meritocrazia, partitocrazia,
videocrazia),
sono invece di norma accompagnate dall'aggettivo terminante in -cratico. Fra le formazioni
pi recenti con -crate: eurocrate, fallocrate, partitocrate, tangentocrate.
Le parole terminanti in -latria (cfr. anche 5.1.2.1.2.1.3.) indicano il culto, l'adorazione di
ci che denotato dal costituente iniziale. Sono attestati una ventina di composti, tra cui
bibliolatria, statolatria. Con -latra si formano aggettivi e nomi di agente (idolatra)', possibile anche formare aggettivi terminanti in '-ico (idolatrico).

2.2. Composizione con elementi

neoclassici

93

Con il valore "studio dell'insieme di regole che governano un ambito, una struttura, un
sistema", l'elemento formativo -nomia impiegato nella denominazione di alcune discipline (astronomia, economia, gastronomia). Lo specialista di queste discipline di norma
indicato con l'elemento formativo -nomo (astronomo, gastronomo), fa eccezione economista (mentre economo come sostantivo significa "chi amministra le spese" e come aggettivo
equivale a "parsimonioso"). Altri significati espressi da questi elementi formativi sono
ristretti all'ambito tecnico-scientifico.
I composti con -geno sono molto numerosi e diffusi sia nelle terminologie tecnicoscientifiche sia nella lingua comune. Si tratta di aggettivi spesso sostantivati, in cui -geno
significa "che genera, che produce" (allucinogeno, cancerogeno, criminogeno, elettrogeno,
erogeno, lacrimogeno, riflessogeno, schiumogeno), "che generato" e quindi "origine,
nascita" (allogeno, indigeno)} Gli aggettivi terminanti in -genico, sono in genere sinonimi
di quelli in -geno, ad eccezione di transgenico e pochi altri. L'elemento formativo -genico
ha sviluppato il significato secondario "che si presta a essere riprodotto" testimoniato da
formazioni come fotogenico, telegenico. I sostantivi formati con -genia (cfr. anche
5.1.2.1.2.1.3.) e -genesi sono tutti di impiego specialistico, ad eccezione di fotogenia e
telegenia, semanticamente riconducibili ai corrispondenti aggettivi in -genico.2 Ristretti
all'ambito tecnico-scientifico i composti con -paro (oviparo, primipara, sudoriparo, viviparo), che forma aggettivi in cui esprime il significato "che genera, che partorisce".
L'elemento formativo -grado impiegato con il valore che cammina, che si muove per
mezzo o in direzione di quanto indicato dal costituente iniziale del composto (anterogrado,
digitogrado, plantigrade, unguligrado). L'unica parola di uso comune retrogrado.
L'elemento formativo -scopia ha il significato "osservazione, esame" ed usato in composti di impiego esclusivamente tecnico-scientifico, i cui costituenti iniziali si riferiscono
principalmente a fenomeni fisici o a organi del corpo umano (broncoscopia, gastroscopia),
gli aggettivi corrispondenti terminano in -scopico. L'elemento formativo -scopo utilizzato
per formare nomi di agente, -scopio per formare il nome dello strumento impiegato per
l'osservazione. Fra i pochi composti di uso comune, vi sono caleidoscopio,
microscopio,
periscopio, telescopio.
L'elemento formativo -fero forma numerosi composti di ambito tecnico-scientifico in
combinazione con altri elementi, in cui esprime il significato "che porta, che produce".
Nonostante le non poche parole di uso corrente (calorifero, fiammifero, frigorifero, mammifero, pestifero, sonnifero, soporifero), non sono attestati neologismi di uso corrente in
combinazione con parole. Ancora pi ristretto all'ambito tecnico-scientifico, -foro, le cui
sole formazioni di uso corrente sono fosforo, necroforo, semaforo.
L'elemento formativo -fugo forma una dozzina di aggettivi, alcuni dei quali sostantivati,
in cui esprime i significati "che mette in fuga, combatte, elimina" (callifugo, febbrifugo,
grandinifugo, ignifugo, insettifugo, tossifugo, vermifugo, zanzarifugo)', ristretto all'ambito
tecnico-scientifico il significato "che si allontana, fugge da" (centrifugo, lucifugo, nidifugo). I composti in -fugo non costituiscono base per aggettivi in '-ico n per nomi di qualit
suffissati.

La forma -gene usata esclusivamente nei termini tecnico-scientifici, es. collagene.


Le forme composizionalmente corrette dovrebbero essere fotogenicit (parola attestata), telegenicit (parola non registrata dai dizionari).

94

2.

Composizione

Con l'elemento formativo -cida si formano nomi e aggettivi il cui primo costituente indica ci o chi viene ucciso, eliminato. Si possono distinguere due sottogruppi: uno, di ambito giuridico, le cui basi derivazionali sono in grande maggioranza nomi di persone, la
parola di uso pi frequente omicida, fanno parte di questo gruppo fratricida, matricida,
regicida, uxoricida e anche liberticida, sebbene la base sia un nome astratto. L'altro sottogruppo formato in prevalenza da termini della chimica, e ha come basi nomi che designano entit concrete (specialmente piante e parassiti): erbicida, funghicida, germicida, spermicida, topicida, zanzaricida. La corrispettiva formazione nominale in -cidio di norma
riservata per indicare un atto criminale o efferato, ed quindi usata quasi esclusivamente in
riferimento agli aggettivi del primo gruppo; non hanno corrispondenti in -cidio quelle formazioni che attraverso la sostantivazione dell'aggettivo indicano una sostanza o uno strumento (insetticida). Il sostantivo genocidio non ha un corrispettivo in -cida. Non sono attestati aggettivi derivati.
L'elemento formativo -colo serve a formare aggettivi, alcuni dei quali sostantivati, che
designano una persona, un animale o altro organismo che vive nell'ambiente specificato dal
costituente iniziale del composto (acquicolo, cavernicolo, nidicolo, palafitticolo, praticolo),
oppure, con funzione relazionale, fanno riferimento alla coltivazione o all'allevamento
delle piante o degli animali indicati dal costituente iniziale (caffeicolo, cerealicolo, frutticolo, pioppicolo, piscicolo, risicolo). Il nome dell'attivit corrispondente si ottiene impiegando l'elemento formativo -coltura (agrumicoltura, fienicoltura) e il corrispettivo nome di
agente si ottiene di norma con l'elemento formativo -coltore (apicoltore,
anguillicoltore,
maiscoltore).
L'elemento formativo -voro forma un ridotto numero di aggettivi, alcuni dei quali sostantivati, in cui esprime i significati "che mangia, che si nutre" (carnivoro, erbivoro, granivoro, onnivoro), o anche "che aspira, che assorbe" (fumivoro, idrovoro). E usato in senso
figurato nel neologismo pubblivoro (a. 1987) da pubblicit) in contesti come spettatore
televisivo pubblivoro. I composti in -voro non costituiscono base per aggettivi in '-ico n
per nomi di azione suffissati. Ha significato analogo -fago (con il corrispondente -fagia) il
cui impiego ristretto all'ambito tecnico-scientifico (batteriofago, ematofago, xilofago).
L'elemento formativo -mante usato con il significato "indovino" in una manciata di sostantivi, i pi comuni dei quali sono cartomante e chiromante. Poco pi numerosi i sostantivi in -manzia, di norma accompagnati da aggettivi terminanti in -mantico.
Poco numerosi sono anche i sostantivi formati con -nauta "navigatore": astronauta, cosmonauta, cybernauta, internauta "navigatore in Internet", motonauta. Gli aggettivi corrispondenti terminano in '-ico (aeronautico), da cui si ricava via conversione (cfr. 7.2.2.1.2.)
il nome della scienza corrispondente (aeronautica).
Fra gli elementi formativi che occupano esclusivamente la posizione finale svolgendo
unicamente la funzione di testa ve ne sono alcuni che formano nomi di luogo (cfr. 5.1.1.3.).
Tra essi, -comio si combina esclusivamente con elementi formativi (manicomio, nosocomio), mentre -teca, oltre a essere impiegato col significato "raccolta, collezione" (cineteca,
mediateca, nastroteca, videoteca), ha da un paio di decenni grande fortuna nella formazione
di nomi di negozi ed esercizi commerciali (angurioteca, discoteca, minestroteca, paninoteca, scarpoteca). L'elemento formativo -dromo, il quale pu essere impiegato anche in termini tecnico-scientifici sia in posizione iniziale che finale con i significati "corsa, movimento, velocit" (anadromo, dromogramma), dal significato originario "luogo dove si
effettua una corsa" (ippodromo) ha sviluppato anche quello di "pista" (aerodromo) e re-

2.2. Composizione con elementi

neoclassici

95

centemente un significato pi genericamente locativo testimoniato da formazioni come


rocciodromo, rockodromo. Con il significato di insieme di alloggi, specialmente di natura
provvisoria, -poli attestato in un piccolo numero di composti posposto a parole: baraccopoli, roulottopoli, tendopoli. Menzioniamo qui anche -dotto, che con il significato "condotto, conduttura" forma una decina di composti, tra cui elettrodotto, metanodotto, oleodotto.

3. PREFISSAZIONE

3.0. Introduzione

I prefissi dell'italiano sono affissi derivazionali che si premettono a parole. Sono usati principalmente per formare parole nuove che si distinguono per significato dalla base, e che appartengono alla stessa categoria sintattica (es. bloccare sbloccare, fedele > infedele, nazionale > internazionale, conformismo > anticonformismo), possono esprimere anche
valori alterativi (sia diminutivi: abito miniabito, sia, soprattutto, accrescitivi e intensificativi: schermo > maxischermo, eroe > supereroe).' In italiano non ci sono prefissi con
funzione flessiva.2
La prefissazione un procedimento formativo molto produttivo, solo la suffissazione
forma un maggior numero di neologismi (cfr. Iacobini / Thornton 1992). Le parole prefissate sono molto numerose, e sono largamente presenti nel lessico comune e in quello di pi
alta frequenza (ad esempio, circa il 50% dei verbi del vocabolario di base dell'italiano contengono un prefisso, cfr. Thornton / Iacobini / Burani 1994 [1997 2 ]), ma sono impiegate anche in registri elevati e in terminologie specialistiche.
Dal punto di vista teorico, la classificazione delle parole prefissate una questione che
presenta tuttora profonde divergenze di opinione. Non vi infatti un giudizio unanime sul
considerare i prefissi come degli affissi derivazionali (cos come i suffissi) oppure degli
elementi lessicali, e, di conseguenza, nel considerare la prefissazione un processo di tipo
derivazionale oppure compositivo. 3 La mancanza di accordo teorico sulla classificazione
della prefissazione in relazione agli altri processi di formazione delle parole si riflette anche
sul piano descrittivo. Vi sono infatti notevoli discrepanze tra le principali opere di riferimento riguardanti la morfologia e il lessico dell'italiano su quali elementi considerare prefisso; i prefissi indicati in ciascuna opera variano infatti da circa una quarantina a circa una
novantina di elementi (varianti incluse), e vi consenso unanime solo su di una dozzina di
essi (cfr. Iacobini 1999, 374-375).
Noi riteniamo che i prefissi sono degli affissi (e non delle parole) e che la prefissazione
un procedimento derivazionale (e non compositivo). Nei prossimi paragrafi giustificheremo
le nostre affermazioni criticando gli argomenti di chi identifica la prefissazione con la composizione (3.1.-3.1.2.), e, anche grazie a un confronto con la suffissazione, dimostreremo lo
status di affissi derivazionali dei prefissi dell'italiano (3.2.-3.2.1.1.).

1
2

Per un quadro di insieme dei significati espressi dai prefissi, cfr. 3.7.
Le affermazioni e le generalizzazioni contenute in questo capitolo (se non altrimenti indicato)
riguardano i prefissi della lingua italiana. Sebbene meno diffusi dei suffissi, ed usati principalmente in lingue con ordine basico VO, in molte lingue i prefissi hanno funzione flessiva (ad esempio nei verbi delle lingue semitiche o nei nomi delle lingue bantu), e possono essere impiegati con
funzione derivazionale per formare parole con categoria sintattica diversa da quella della base (cfr.
Hawkins / Gilligan 1988; Hall 2000).
Per una schematica presentazione delle diverse proposte riguardo alla classificazione della prefissazione all'interno della linguistica contemporanea, cfr. Iacobini 1999, 371-374, dove si evidenzia
come vi siano divergenze anche fra studiosi appartenenti a una stessa impostazione teorica.

100

3.1.

3.

Prefissazione

Differenze tra prefissazione e composizione a

Le differenze tra prefissazione e composizione risultano evidenti anche da un'esposizione


sommaria dei tratti che caratterizzano i due processi formativi.
La composizione combina due parole autonome; uno stesso costituente pu essere testa
in un composto e non testa in un altro; i costituenti dei composti hanno significato lessicale
indipendente; la relazione semantica fra i costituenti di un composto consente un ventaglio
di interpretazioni possibili; la composizione ammette oltre al rapporto subordinativo tra i
costituenti anche il rapporto coordinativo; i costituenti dei composti sono una lista aperta di
elementi; in italiano la testa dei composti endocentrici formati produttivamente il costituente di sinistra.
I prefissi sono invece elementi non liberi che possono occupare solo la posizione iniziale
di parola; non possono formare parole insieme con altri affissi; non possono essere base di
derivazione o di alterazione; possono instaurare esclusivamente rapporti di tipo subordinativo; predeterminano il significato della parola complessa; costituiscono un inventario ristretto; non sono la testa delle parole prefissate.
Dal confronto delle caratteristiche esposte, la prefissazione risulta un procedimento distinto dalla composizione. dunque legittimo affermare che parole prefissate, come ad
esempio disordine, inutile, rifare, sono formate da regole diverse da quelle che danno origine a tipici composti, come divano letto, agrodolce, capogruppo, camposanto, portacenere. Merita invece una pi attenta riflessione il confronto fra la prefissazione e due processi formativi che costituiscono tipi meno centrali della composizione dell'italiano: la
composizione neoclassica e la composizione per mezzo di preposizioni. Nei prossimi due
paragrafi metteremo a confronto la prefissazione con questi due processi formativi.

3.1.1. Prefissazione e composizione neoclassica ci


Come abbiamo visto in 2.2.5.-2.2.8., vi sono numerose e importanti differenze tra gli affssi
derivazionali e gli elementi formativi neoclassici, come pure tra i procedimenti derivazionali e quelli composizionali a cui prendono parte gli elementi formativi neoclassici. In conseguenza di ci non possibile considerare l'insieme degli elementi formativi neoclassici e
i prefissi come facenti parte di una stessa categoria, n possibile sostenere che vi sia uno
stesso processo che dia origine alle parole prefissate e ai composti neoclassici. Le analogie
strutturali tra le parole prefissate e i composti neoclassici riguardano solo un sottoinsieme
di essi, cio quelli in cui un elemento formativo si premette a una parola, la quale costituisce la testa semantica e sintattica della parola complessa (es. idromassaggio, psicofarmaco,
esoscheletr). Fra gli elementi formativi che sono impiegati in questo tipo di formazione, la
stragrande maggioranza si distingue nettamente dai prefissi sia per capacit combinatorie
sia per i tipi di significato espressi. Ad esempio, idro- e psico- possono sia essere base di
derivazione (idrico, psichico) sia essere usati anche nella formazione di composti coordinati
{idrosalino, psicosociale), due tipi di impiego assolutamente estranei alla prefissazione (cfr.
2.2.5.1.). Le somiglianze tra prefissi ed elementi formativi si riducono dunque a quel piccolo numero di elementi che, premessi a parole, occupano esclusivamente la posizione

3.1. Differenze tra prefissazione e composizione

101

iniziale, svolgono unicamente la funzione di determinante (non possono quindi essere la


testa della parola complessa, n formare strutture coordinate), non possono essere base di
derivazione, ed esprimono significati di tipo relazionale (non lessicale), quali ad esempio la
determinazione spaziale e temporale, o la quantificazione. Solo per questo ben delimitato
insieme di elementi, la distinzione dai prefissi pu presentare alcuni margini di sovrapposizione o di incertezza (per una pi ampia argomentazione cfr. 2.2.7.). Riteniamo che elementi come iper-, macro-, mega-, micro-, multi-, neo-, para-, pluri-, possano essere a tutti
gli effetti considerati prefissi in ragione del fatto che, sebbene siano impiegati anche in
combinazione con elementi formativi nella coniazione di termini tecnico-scientifici, sono
ormai entrati a far parte della competenza della generalit dei parlanti, e sono premessi a
parole in numerosi neologismi d'uso corrente in costruzioni identiche a quelle a cui partecipano i prefissi di pi antica attestazione in italiano, e con i quali intrattengono rapporti di
tipo paradigmatico. Altri elementi che sono impiegati solo sporadicamente nella formazione
di parole di uso corrente (tra essi allo-, ipso-, endo-, ecto-, peri-) non possono essere considerati parte della competenza attiva della generalit dei parlanti, e quindi vanno tenuti distinti dai prefissi usati produttivamente.1 La decisione sull'inclusione o meno nel novero dei
prefissi pi difficile per un numero molto ridotto di elementi di origine aggettivale (fra cui
pseudo-, paleo-, equi-, etero-),2 e per i primi della potenzialmente infinita serie dei numerali
(in particolare mono-, uni-, bi-, tri-), a causa della loro piuttosto ampia diffusione nell'uso e
partecipazione a processi formativi in parte coincidenti con la prefissazione.
In conclusione, anche se fra prefissi ed elementi formativi neoclassici vi sono alcuni
punti di contatto e un ristretto margine di sovrapposizione, vi una netta distinzione fra
prefissi tipici (affissi che agiscono secondo regole derivazionali) e la gran parte degli elementi formativi (elementi lessicali che agiscono secondo regole composizionali). Il ristretto
numero di elementi formativi che si avvicinano per caratteristiche semantiche e funzionali
ai prefissi, fino a identificarsi in alcuni casi con essi, rappresenta il risultato finale di processi di grammaticalizzazione, e di certo non legittima l'identificazione n tra gli elementi
formativi neoclassici e i prefissi, n tra il processo di derivazione prefissale e quello di
composizione neoclassica.

3.1.2. Prefissi e preposizioni ci


Le preposizioni si differenziano dalle altre categorie sintattiche che prendono parte a regole
di formazione delle parole (nomi, aggettivi, verbi) per diverse caratteristiche che le accomunano ai prefissi: quella di esprimere significati di tipo relazionale, quella di non poter
essere base n di derivazione n di flessione, quella di costituire un inventario ristretto,
quella di occupare esclusivamente la posizione iniziale all'interno della parola complessa.
Le affinit fra preposizioni e prefissi sono evidenti nel fatto che per ben otto delle nove
preposizioni cosiddette proprie o monosillabiche dell'italiano (di, a, da, in, con, su, per, tra,
fra) c' un prefisso uguale o simile per forma e paragonabile per significato (cfr. le preposi1
2

Per argomenti a sostegno di tale distinzione cfr. Migliorini 19633e, Nencioni 1987.
Si tratta degli elementi che, a nostro giudizio, pur non essendo al momento del tutto assimilabili ai
prefissi, sono fra i pi probabili candidati ad assumere un tale status.

102

3. Prefissazione

zioni a, con, in, per e parole prefissate come accorrere, concorrere, incorrere, percorrere);
solo la preposizione da non ha un prefisso corrispondente.
Il riconoscimento di alcune innegabili caratteristiche in comune fra preposizioni e prefissi non giustifica a nostro avviso le posizioni di chi, anche recentemente (cfr. Zwanenburg
1997), restringe a casi marginali (o addirittura nega) l'esistenza dei prefissi, assimilandoli
alle preposizioni.
Nei moderni studi sulle lingue romanze, l'assimilazione dei prefissi alle preposizioni ha fra i primi e
pi autorevoli assertori A. Darmesteter, il quale riconosce un ruolo specifico ai prefissi solo nelle
formazioni parasintetiche, mentre considera la generalit delle parole prefissate come dei composti
(cfr. Darmesteter 18942). Darmesteter arriva a tali conclusioni seguendo un ragionamento che pu
essere riassunto nei seguenti termini: essendo i prefissi uguali alle preposizioni, essendo le preposizioni delle forme libere, essendo i composti parole formate da due forme libere, allora le parole con
prefissi sono dei composti.

Come vedremo, la posizione di chi assimila i prefissi alle preposizioni presenta diversi
punti deboli. Le conclusioni a cui arriveremo sono che, nonostante la parentela etimologica
fra preposizioni e alcuni prefissi (che determina la condivisione di alcune caratteristiche), i
prefissi e le preposizioni formano due categorie distinte, e i processi formativi a cui prendono parte sono diversi: i prefissi formano derivati endocentrici, le preposizioni un particolare tipo di composti esocentrici.
Da un punto di vista etimologico, vero che molti prefissi italiani hanno origine (diretta
o indiretta) da preposizioni latine e greche (es. anti-, de-, infra-, meta-, super-), in genere
gi usate nelle lingue classiche per la formazione di parole complesse. E vero anche che
nelle lingue classiche, mentre i suffissi erano elementi che avevano concluso il loro processo di grammaticalizzazione, ed erano quindi usati esclusivamente come forme legate senza
equivalenti tra le forme libere della lingua, i prefissi erano meno coesi con le parole a cui si
univano,1 e vi erano evidenti rapporti fra le preposizioni correntemente impiegate nella
costruzione di sintagmi e alcuni fra i prefissi impiegati nella formazione di parole complesse.
Pur rimanendo in una prospettiva etimologica, vi sono per diversi motivi che non permettono l'identificazione fra preposizioni e prefissi dell'italiano: (a) Innanzitutto vi sono
diversi prefissi che non sono riconducibili a preposizioni (es. a- "privativo", dis-, ri-, maxi-,
mini-, semi-); (b) Vi sono prefissi italiani che sono riconducibili a preposizioni latine o
greche (es. anti-, de-, infra-, meta-, pre-, post-), ai quali non corrisponde alcuna preposizione italiana; (c) Se vero che vi sono prefissi italiani riconducibili a preposizioni greche o latine, non necessariamente vero il contrario: diverse preposizioni delle lingue classiche non sono mai state impiegate in italiano per formare parole di uso comune; tuttalpi

Si veda Cuzzolin 1995, che reinterpreta fenomeni del verbo latino tradizionalmente spiegati con la
figura della tmesi come il residuo di una situazione arcaica, in cui il processo di grammaticalizzazione consistente nella riduzione di sintagmi con originario valore spaziale ad adposizioni e poi ad
affissi non aveva ancora raggiunto il suo stadio conclusivo. Sull'origine dei prefissi verbali si vedano anche Miller 1993, specialmente 117-140, e Rousseau 1995.

3.1. Differenze tra prefissazione e composizione

103

sono state impiegate in combinazione con elementi formativi neoclassici nella formazione
di termini di ambito tecnico-scientifico (es. anfi-, cata-, peri-), anche nei casi in cui esprimessero tipi di significato espressi anche dai prefissi (cfir. rispettivamente apo- e opistocon i prefissi dis- e retro-).
Ancora pi probanti sono i fattori di ordine sincronico che determinano la distinzione fra
le due categorie: (a) I prefissi omografi delle cosiddette preposizioni proprie sono di scarsa
o nulla produttivit nell'italiano contemporaneo. I prefissi di-, per-, fra-, tra- non sono pi
produttivi; ad- e in- sono usati esclusivamente per la formazione di verbi parasintetici (nei
quali peraltro l'originario valore locativo assente o assolutamente marginale, cfr. 4.1.4.4.1.5.); su- quasi del tutto improduttivo e si premette unicamente ad aggettivi deverbali,
non a nomi (es. suddetto, summenzionato)', il prefisso con- scarsamente usato, gli preferito co-; (b) Le preposizioni normalmente precedono un sintagma nominale, mentre i prefissi (anche quelli di origine preposizionale) sono premessi oltre che a nomi, ad aggettivi e a
verbi (es. ammettere, contendere, internazionale, percorrere, superdotato). L'uso dei prefissi davanti a parole di categoria diversa da nome distingue quindi nettamente le capacit
combinatorie dei prefissi da quelle delle preposizioni; (c) I tipi di significato espressi dalle
preposizioni e dai prefissi coincidono solo parzialmente. Il punto di contatto dato dai
significati locativi e temporali, ma sia le preposizioni sia i prefissi esprimono tipi di significato che l'altra categoria non pu esprimere. Ad esempio, le preposizioni italiane esprimono significati come quello strumentale o agentivo estranei alle possibilit dei prefissi, mentre questi ultimi (a differenza delle preposizioni) possono esprimere la quantificazione
(semi-, multi-), l'intensificazione (iper-, super-), la dimensione (mega-, maxi-), la ripetizione (ri-). A riprova della differenziazione semantica fra prefissi e preposizioni, interessante
notare che alcuni prefissi di origine preposizionale (es. de-, s-) hanno sviluppato (a partire
da originari valori locativi) significati di tipo privativo, negativo, reversativo; (d) I prefissi a
cui corrisponde una preposizione omografa hanno caratteristiche semantiche e distribuzionali del tutto analoghe a quelle dei prefissi a cui non corrisponde alcuna preposizione (si
pensi ai prefissi di- e de-, sotto- e sub-, tra- e inter-Untro-, contro- e contra-, sopra- e sovra). E opportuno ricordare che i prefissi intrattengono una fitta serie di relazioni sinonimiche e antonimiche, e sarebbe quindi implausibile distinguere i prefissi in due diverse
categorie in relazione alla corrispondenza o meno con una preposizione.
Prendiamo ora in esame la relazione fra la prefissazione e la formazione di parole tramite
le cosiddette preposizioni improprie o polisillabiche. Si tratta di un numero circoscritto di
elementi bi o trisillabici per lo pi di origine avverbiale (dentro, fuori, dietro), ma anche
aggettivale (lungo) e verbale (mediante) che possono essere usati con valore preposizionale
direttamente premessi a sintagmi nominali (es. mettere le mani dentro le tasche, passeggiare lungo gli argini), cfr. Rizzi 1988, 521-522; Serianni 1988, 354-356. Alcune tra queste preposizioni si possono univerbare con il nome da esse retto (es. dopocena, entrobordo,
fuorisede, lungotevere), altre invece (es. durante, mediante, verso) non hanno questa possibilit. Il tipo di relazione fra gli elementi che li compongono differenzia i composti preposizionali dalle parole prefissate: i primi, infatti sono strutture esocentriche, mentre la tipica
parola prefissata endocntrica (cfr. Scalise 1983, 142-147). Di conseguenza le parole prefissate conservano i tratti della parola di base, mentre nei composti preposizionali pu cambiare il genere: dal genere femminile verso quello (non marcato) maschile (es. il dopocena,

104

3.

Prefissazione

il dopoguerra).' La prefissazione non influisce sulla formazione del plurale, mentre i composti preposizionali tendono a essere invariabili al plurale (es. sing, il senzatetto, pl. i senzatetto), e lo sono sempre quando c' cambio di genere rispetto alla parola di base (es. sing.
il sottogola, pl. i sottogola, *i sottogole).2 A partire da tali considerazioni possiamo distinguere i prefissi sopra-, sotto-, contro- dalle omofone preposizioni. La distinzione fra il tipo
compositivo preposizionale esocentrico (rappresentato da parole quali sottoscala, sottobosco) e la derivazione prefissale endocntrica (es. sottocommissione, sottocultura) si riflette
nella parafrasi semantica: "N che sta sotto (a N)", "N di minore importanza" nel caso delle
parole prefissate, "qualcosa che sta sotto N" nel caso dei composti preposizionali. La distinzione fra i prefissi sopra-, sotto-, contro- dalle corrispettive preposizioni trova giustificazioni anche nella possibilit che i prefissi hanno di premettersi a verbi (sopraelevare,
sottoesporre, controbattere) e ad aggettivi di relazione (sottomarino, controrivoluzionario,
soprannaturale), e alla non totale coincidenza di significato con le preposizioni: ad esempio, il prefisso sopra- (e non la preposizione) pu indicare "posteriorit temporale" (sopravvivere, sopraggiungere), "eccesso, superamento di un limite" (soprannumero, sopravvalutare)? Un ulteriore motivo di distinzione risiede nel fatto che le parole prefissate possono essere ulteriormente derivate (es. sopraelevare sopraelevazione), mentre ci non
di norma possibile con i composti preposizionali.
Concludiamo questo paragrafo menzionando un'altra zona di parziale sovrapposizione
fra prefissazione e composizione, cio l'impiego di avverbi premessi a verbi o a nomi e aggettivi deverbali. Si tratta di un processo formativo marginale e scarsamente produttivo, se
non del tutto improduttivo, i cui rappresentanti principali sono costituiti dalle formazioni
con gli avverbi bene e male, e il cui modello formativo risale al latino, lingua in cui, a differenza dell'italiano, la sequenza normale degli elementi della frase era quella in cui
l'avverbio precede il verbo, un ordinamento che consente l'univerbazione fra avverbio e
verbo.4

3
4

A proposito di parole come il dopoguerra, Migliorini 1963 3 c, 220 osserva che le lingue romanze
utilizzano per questo tipo di formazione la sostantivazione al maschile (vorremmo dire al neutro).
Un ristretto numero i prefissi, specialmente fra quelli che esprimono valori posizionali, possono
formare, accanto ai normali derivati endocentrici, anche alcuni nomi esocentrici (es. antibagno,
avanspettacolo, interlinea, preistoria), si noti che in queste formazioni il genere del nome di base
rimane inalterato, e il plurale regolare.
Sulla distinzione fra il prefisso sotto- e la preposizione sotto-, cfr. Montermini in stampa.
Tra le parole composte con gli avverbi bene e male registrate nei dizionari dell'uso i verbi sono
meno di un terzo (es. benedire, benvolere, malgiudicare, malmenare, maltrattare), la maggioranza
costituita da aggettivi e da nomi deverbali di cui non attestato il verbo complesso corrispondente (es. benefattore, benemerenza, benpensante, benservito, malaccorto, malfidato, malinteso,
malridotto, malvivente). Sui verbi composti del tipo aerotrainare, cfr. 2.2.3.

3.2. Caratteristiche

definitorie dei prefissi

105

3.2. Caratteristiche definitorie dei prefissi

Dopo aver definito i limiti tra prefissazione e composizione neoclassica, e mostrato le differenze fra prefissi e preposizioni, passiamo ora ad elencare le caratteristiche che definiscono
i prefissi dell'italiano, e ne determinano lo status di affissi derivazionali.
I prefissi sono affissi (quindi elementi non liberi) privi di una propria categoria sintattica,
che si premettono a una base lessicale con lo scopo di modificarne il significato. Le eccezioni al criterio di non autonomia sintattica sono rappresentate dai seguenti due casi. Alcuni
prefissi, specialmente bisillabici (es. macro-, maxi-, mini-), ma anche monosillabici (es.
sub-, trans-), possono essere usati come accorciamenti, mantenendo il significato
dell'intera base (macroistruzione, maxigonna, minigonna, subacqueo, transessuale), cfr.
8.3.3. Alcuni prefissi valutativi possono essere usati con funzione appositiva in posizione
postnominale {pizzeria mega, gonne micro, auto mini, iniziativa maxi, sconto super) con lo
stesso significato che hanno nella loro posizione canonica (microgonna, supersconto ecc.).
Formano parole nuove premettendosi a parole; non possono formare produttivamente parole in combinazione con affissi, non possono cio costituire base di derivazione, n possono essere flessi. Si distinguono un ristretto numero di prefissi che nelle formazioni di uso
comune si premettono a parole, ma hanno una certa disponibilit a premettersi anche a elementi formativi per formare termini impiegati in linguaggi tecnico-scientifici (es. neo- in
neonato, neorazzismo, ma anche in neologia', micro- in microcriminalit, ma anche in microfono-, a- in amorale, ma anche in amorfo), si noti che tali prefissi si combinano con
elementi formativi di tipo lessicale (non di tipo affissale), per tale distinzione cfr. 2.2.
Costituiscono un inventario tendenzialmente chiuso, e dai confini chiaramente individuabili.
Possono essere impiegati esclusivamente in posizione iniziale di parola. In seguito a processi derivazionali ulteriori, pu accadere che un prefisso si premetta a una parola gi prefissata (decongelare, preriscaldare, reintrodurre, cfr. 3.5.1.), o anche, meno frequentemente, che una parola prefissata sia utilizzata come costituente finale di un composto (es.
batteria anti-missili).
Stabiliscono un rapporto di subordinazione con la base lessicale, rispetto alla quale svolgono la funzione di determinante; a differenza dei composti non possono avere rapporti di
tipo coordinativo con la parola cui si premettono.
Selezionano le basi secondo criteri rappresentati solo parzialmente dalla categoria sintattica delle stesse (cfr. 3.5.): pi di un quarto dei prefissi impiegati produttivamente si possono infatti premettere sia a nomi sia a verbi sia ad aggettivi, mentre la percentuale dei prefissi che si premettono a basi appartenenti a una sola categoria sintattica al di sotto di un
quinto del totale dei prefissi; un ruolo importante nella selezione delle basi svolto da criteri semantici e, nel caso di basi predicative, da caratteristiche azionali e argomentali.
I prefissi esprimono significati di tipo funzionale-relazionale, non esprimono valori di tipo lessicale, n di natura flessiva. Il significato dei prefissi noto alla generalit dei parlanti, e di norma non necessario per l'interpretazione delle parole prefissate fare ricorso a
conoscenze di tipo pragmatico o enciclopedico, in quanto il risultato dell'interazione fra i

106

3.

Prefissazione

significati espressi da ciascun prefisso e quelli della base selezionata predeterminato dalla
regola di formazione delle parole a cui partecipano. 1
I prefissi formano di norma parole di tipo endocntrico, in cui non svolgono mai la funzione di testa, quindi la categoria, il genere e altri tratti inerenti della parola prefissata (es.
categoria flessiva, animatezza) sono gli stessi della parola di base. 2 La struttura argomentale
delle parole derivate non determinata dal prefisso, e di norma la struttura argomentale
della parola prefissata rimane invariata rispetto a quella della base. Alcuni prefissi possono
tuttalpi ridurre il numero di argomenti rispetto a quelli della base (cfr. (1)), oppure richiedere la realizzazione di un argomento che pu essere omesso nel verbo di base (cfr. (2a) e
(2b)): 3
(1)

(2)

Fluire verso un luogo


Fluire da un luogo
Venire da Roma
Venire a Roma
a. Carlo vive a Roma
b. Carlo vive a Roma con Giulia

'Defluire verso un luogo


Affluire da un luogo
Provenire da Roma
*Provenire a Roma
?
Carlo convive a Roma
Carlo convive a Roma con Giulia.

A differenza dei corradicali non prefissati, gli aggettivi deverbali prefissati con in- "negativo" perdono la possibilit di reggere un sintagma nominale con funzione agentiva (cfr. (3),
e Gaatone 1987):
(3)

La telefonata stata interrotta da me


Un apparecchio utilizzabile da tutti

La telefonata stata ininterrotta *da me


Un apparecchio inutilizzabile *da tutti.

Esempi come quelli riportati in (4) non hanno invece alcuna sistematicit, e riguardano
verbi di origine latina o formazioni lessicalizzate:
(4)

*Carlo ruba Giulia


Carlo ruba i risparmi di Giulia
*Carlo scrive Giulia

Carlo deruba Giulia


*Carlo deruba i risparmi di Giulia
Carlo descrive Giulia.

Esempi di apparente modifica della costruzione verbale come quelli in (5) riguardano un
numero limitato di verbi in cui il prefisso esprime valore preposizionale:
(5)

a. Il chiodo passa attraverso la parete


a. L'aereo vola sopra la valle

b. Il chiodo trapassa la parete


b. L'aereo sorvola la valle.

Si noti che nelle frasi in (5a) e in (5b) il numero degli argomenti, i ruoli tematici e quelli
semantici sono gli stessi, ci che cambia unicamente la realizzazione del complemento
interno, realizzato con un complemento diretto nei verbi prefissati, mentre negli esempi in
(5a) da sintagmi preposizionali in cui la preposizione esprime gli stessi valori indicati dal

Interessanti considerazioni sulle conoscenze pragmatiche ed enciclopediche coinvolte nell'impiego


del prefisso pre- e nell'interpretazione delle parole con esso formate, in Amiot 1997.
Sulla presunta capacit dei prefissi dell'italiano di determinare la categoria sintattica della base,
cfr. 4.1.
Sull'influsso dei prefissi dell'italiano sulla struttura argomentale cfr. Bisetto / Mutarello / Scalise
1990.

3.2. Caratteristiche

107

definitorie dei prefissi

prefisso preverbale di (5b).1 Analogamente alle altre lingue romanze, in italiano l'utilizzo di
prefissi preverbali con valore locativo un procedimento che ha perso molte delle possibilit proprie della lingua latina (cfr. Ldtke 1996), di conseguenza verbi come quelli degli
esempi riportati in (1) e in (4) non sono pi producibili tramite regole di formazione delle
parole.
L'interazione fra alcuni prefissi e la struttura argomentale della base esemplificata da
auto-, che nell'impiego riflessivo (cfr. 3.7.7.) richiede basi biargomentali e ne determina la
coreferenza dei ruoli di agente e paziente, cfr. (6a) e (6b):
(6)

a. L'avvocato difende l'imputato

b. L'imputato si autodifende.

Un altro esempio fornito dal prefisso co-, che pu essere impiegato a condizione che
l'argomento esterno del verbo sia morfologicamente o semanticamente plurale (i miei amici
coabitano-, Carlo e Giulia coabitano), oppure che l'argomento esterno sia in relazione con
un argomento indiretto comitativo (Carlo coabita con Giulia).
Relativamente all'aspetto fonologico (cfr. 3.6.), i prefissi presentano restrizioni per
quanto riguarda la lunghezza, non influiscono sulla posizione dell'accento primario, provocano limitate modifiche di tipo fonotattico; il loro impiego solo marginalmente condizionato dalle caratteristiche fonologiche della base, tanto da poter determinare la formazione di
nessi normalmente non ammessi all'interno di parola.
Le caratteristiche esposte nel paragrafo precedente giustificano appieno la collocazione
della prefissazione all'interno della derivazione. Le caratteristiche pi importanti al fine di
considerare i prefissi come affissi derivazionali e di distinguerli dalle parole sono: la posizione fissa all'interno della parola complessa, l'impossibilit di essere derivati o flessi, la
relazione (esclusivamente di tipo determinativo) con la base; altri criteri rilevanti sono la
semantica di tipo relazionale espressa dai prefissi, la posizione della testa della parola prefissata (a destra, cos come le parole suffissate, anzich a sinistra come molti dei composti
produttivi), il fatto di costituire un inventario tendenzialmente chiuso, di essere elementi legati, di essere elementi mediamente pi brevi delle parole.2
Pur partecipando a pieno titolo alla derivazione affissale, la prefissazione considerata un processo
meno tipicamente derivazionale della suffissazione (cfr. Mel'cuk 2000, 530, che dispone i procedimenti affissali secondo il seguente ordine di prototipicit: suffissazione, prefissazione, infissazione,
transfissazione o circonfissazione). Tale affermazione si fonda sia su motivi morfosintattici sia su
motivi fonologici; entrambi gli ordini di motivi possono essere interpretati in prospettiva psicolinguistica in relazione con la facilit di processing delle parole derivate, un'interpretazione che permette
anche di motivare la preferenza nelle lingue per la suffissazione rispetto alla prefissazione pur in
contesti non favorevoli dal punto di vista tipologico.
Dal punto di vista morfosintattico i prefissi dell'italiano si differenziano dai suffissi essenzialmente per l'incapacit di determinare la categoria sintattica della parola derivata e per il fatto di imporre minori restrizioni di tipo categoriale alle basi. Dal punto di vista fonologico, i prefissi mostrano
un minor grado di coesione con la base: a differenza dei suffissi, i prefissi dell'italiano non determi-

Si noti che quando i prefissi deverbali con valore locativo ammettono anche un uso con valore
intensificativo, questo impiego non provoca modifiche nella struttura argomentale del derivato
(cfr. pagare un lavoratore / sottopagare un lavoratore).
Per una proposta di ordinamento gerarchico dei criteri che permettono di distinguere gli affissi
derivazionali dalle parole dell'italiano in base alla loro capacit distintiva, cfr. Masseroli 1994,
198-200.

108

3. Prefissazione

nano la posizione dell'accento della parola derivata, possono produrre la formazione di nessi normalmente non consentiti all'interno di parola, l'incontro di vocali fra base e prefisso determina solo
opzionalmente la cancellazione di vocale (e limitatamente ai prefissi bisillabici, cfr. 3.6.).
Il minor grado di coesione fonologica dei prefissi, e il maggiore ricorso alla suffissazione per la
determinazione dalla categoria dei derivati, una tendenza comune a molte lingue (segnalata gi da
Saussure 19222, 257), che trova interessanti motivi di spiegazione in studi di ambito psicolinguistico
(cfr. Cutler / Hawkins / Gilligan 1985, Wandruszka 1992, Stump 2001). stato dimostrato che nel
processo di comprensione la parte iniziale della parola quella pi importante per il compito di riconoscimento e per la determinazione della sua identit lessicale.1 Le parole in cui il tema precede gli
affissi sono quindi meglio analizzabili, mentre nel caso di parole prefissate (cio in cui gli affissi precedono il tema) la corretta segmentazione e il riconoscimento della parola reso pi agevole da una
non totale coesione fonologica tra prefisso e base. Queste considerazioni psicolinguistiche offrono
una giustificazione al fatto che nelle lingue il cui ordine basico OV, che strutturalmente favoriscono
la suffissazione, i prefissi sono praticamente assenti, mentre nelle lingue con ordine basico VO, favorevoli strutturalmente alla prefissazione, i suffissi siano comunque ampiamente diffusi.

3.3. Identificazione dei prefissi a

Le caratteristiche elencate in 3.2. rappresentano un quadro di insieme del comportamento


dei prefissi e permettono quindi di identificare gli elementi che vi si conformano. Nei prossimi paragrafi ritorneremo su alcune di esse e mostreremo pi in dettaglio il comportamento dei singoli prefissi, e quindi anche eventuali scostamenti dai tratti che caratterizzano
l'insieme della categoria. Prima di proseguire, elenchiamo qui di seguito quelli che consideriamo i prefissi usati produttivamente nella formazione delle parole dell'italiano: a-, ad-,
ante-, anti-1, anti-2, arci-, auto-, avari-, circum-, cis-, co-, con-, contro-, de-, dis-, ex-, extra-, i-1, in-2, infra-, inter-, intra-, iper-, ipo-, macro-, maxi-, mega-, meta-, micro-, mini-,
multi-, neo-, non-, oltre-, para-, pluri-, poli-, post-, pre-, pro-, ra-, re-, retro-, ri-, rin-, s-,
semi-, sopra-lvra-, sotto-, stra-, su-, sub-, super-, sur-, trans-, ultra-, vice-. Accanto ai prefissi usati produttivamente, riteniamo opportuno indicare anche i prefissi che non sono pi
usati produttivamente per formare parole nuove dell'italiano (o lo sono solo sporadicamente), ma che sono presenti in parole del lessico corrente, e che all'interno di esse possono
essere identificati dai parlanti con diversi gradi di motivazione: 2 ab-, archi-, bis-, circom-ln-, citra-, contra-, di-, e-les-, estra-, estro-, fra-, giusta-, intro-, mis-, ob-, per-, se-,
so-, sor-, tra-, tras-.

Alterazioni della parte iniziale di parola pregiudicano in misura maggiore la comprensione e sono
notate con pi facilit dal percipiente rispetto ad alterazioni della parte finale o centrale della parola; esperimenti sulla percezione uditiva hanno dimostrato che perch avvenga il riconoscimento
non sempre necessario ascoltare una parola per intero (cfr. Cutler 1981).
La produttivit un concetto di tipo scalare, ed soggetta a restrizioni di tipo diverso. Alcuni fra i
prefissi che non sono pi usati produttivamente nell'uso comune della lingua sono tuttora usati, nei
significati etimologici o con valori derivati da estensioni semantiche, nella formazione di termini
di ambito tecnico-scientifico (fra essi ab-, e-, ob-, per-).

3.4. Produttivit e analizzabilit

109

Aggiungiamo alcune osservazioni che permettono di individuare i prefissi omografi distinti tramite esponenti, e alcuni altri prefissi la cui identificazione pu non essere evidente. 1
Le due coppie di prefissi omografi ariti-1 e anti-2, in-[ e in-2 sono formate da prefissi che si distinguono per etimo e per significato: anti-1 esprime principalmente negazione oppositiva (antieroe, antifascismo), mentre anti-2 indica precedenza nel tempo o nello spazio (anticamera, antidiluviano); con
in-1 indichiamo il prefisso impiegato nella formazione di verbi parasintetici (inceronare, ingrandire),
mentre con in 2 il prefisso usato principalmente con valore contrario (indeciso, ingiusto). Con aindichiamo il prefisso negativo (apolitico, asessuale) che davanti a vocale assume la forma an(anabbagliant). Indichiamo invece con ad- il prefisso impiegato nella formazione di verbi parasintetici (addolcire, avvelenare), per quest'ultimo prefisso riteniamo pi giustificata la forma ad- (piuttosto che a-) sia per il sistematico raddoppiamento della consonante iniziale della base (abbellire, accalorare, addomesticare ecc.) sia per la forma dei derivati la cui base comincia con vocale (adagiare,
adescare, adirare ecc.). Non abbiamo indicato nell'elenco le varianti allomorfiche (quali ad es. il-,
im-, ir- rispetto a in-) se non nei casi in cui vi sia una differenziazione di senso o di produttivit (come
ad es. fra trans- e tras-, sub- e so-).

3.4. Produttivit e analizzabilit ci

I prefissi impiegati produttivamente si premettono a parole per formare derivati il cui significato composizionale, cio interamente predicibile a partire dai loro costituenti (es. antifascismo, autoritratto, coautore, minigonna, supereroe; disonesto, ingiusto, interregionale;
deumidificare, disfare, rivendere, smontare). La permanenza nell'uso di una parola pu
determinare processi di lessicalizzazione che ne alterano la trasparenza semantica. La maggiore opacit si ha di norma in parole formate con prefissi non pi produttivi e basi che non
sono parole autonome (es. perpetuo, perplesso, prosecutore, secernere, segregare, sommergere, sopprimere), si tratta nella maggior parte dei casi di verbi (e loro derivati) di origine latina le cui basi non sono state accolte in italiano, ma permangono solo all'interno di
parole prefissate. L'alto numero di verbi prefissati di origine latina attualmente in uso in
italiano fa s che circa la met dei 600 verbi prefissati di pi alta frequenza hanno basi che
non corrispondono a una parola autonoma (es. accendere, avvertire, conquistare, decidere,
digerire, discutere, emergere, escludere, illudere, incidere, interrogare, introdurre, opprimere, persuadere, presumere, proibire, resistere, ripetere, scorgere, scuotere, separare,
sostituire, succedere, tradurre, trasferire).
Tra le parole in uso occorre quindi distinguere fra quelle formate secondo regole produttive e le parole ereditate. Una differenza che per non si identifica con quella fra parole con
prefissi produttivi e parole con prefissi non produttivi, n con quella fra basi autonome e
non. Oltre ai casi gi visti (parole formate secondo regole produttive, e parole con prefissi
improduttivi e basi non autonome), vi sono anche casi intermedi rappresentati da parole di
formazione italiana con prefissi non pi produttivi la cui base libera (sorvolare, travol-

ger la descrizione dei valori semantici di tutti i prefissi elencati si rimanda a 3.7.

110

3.

Prefissazione

gr), da parole ereditate che hanno base non autonoma ma prefissi ancora produttivi (rimanere, risolvere), da parole ereditate che hanno prefissi produttivi e basi autonome (decolorare, infrequente, innaturale, riscrivere, rivincere) e non si distinguono quindi dalle
parole di nuova formazione.
Perch si abbia una piena composizionalit semantica occorre che la base sia una parola
autonoma e il prefisso sia produttivo,1 ma, dal momento che la trasparenza semantica una
nozione di tipo graduale, i parlanti possono ricostruire il significato e segmentare i costituenti di una parola morfologicamente complessa a diversi livelli (da ipotesi sul significato
complessivo della parola, all'attribuzione di significato ad almeno un costituente, alla sua
mera individuazione ecc.), anche qualora la parola contenga prefissi non produttivi, basi
non autonome, o vi sia stata un'alterazione formale dei costituenti.
All'interno dei prefissi non produttivi ce ne sono alcuni il cui significato conosciuto dai
parlanti o facilmente ricavabile dalle parole in cui compare (es. contra-, estro-, fra-), per
altri possibile individuare un gruppo di parole in cui il prefisso esprime un significato
identificabile (si pensi al valore locativo "attraverso" di per- in percorrere, percutaneo,
perforare) mentre l'apporto semantico del prefisso nelle altre parole non sistematizzabile
in modo coerente (cfr. perdere, perdonare, persuadere). Vi sono poi altri prefissi a cui non
possibile attribuire un significato costante in sincronia a partire dalle parole in cui compaiono (es. ob-, cfr. occludere, occorrere, offrire, opporre, osservare, ottenere), ma che
possono essere riconosciuti grazie all'esistenza di verbi che hanno le stesse basi e diversi
prefissi (cfr. concludere / precludere, concorrere / decorrere, comporre / deporre, conservare / riservare, contenere / trattenere).
La probabilit che una parola sia analizzabile in costituenti da parte dei parlanti (e quindi
risulti motivata) tanto pi elevata quanto pi la parola inserita in serie sistematiche.
La possibilit di commutare la parola prefissata con base non autonoma con altre parole prefissate,
permette di distinguere tre sottogruppi (disposti in ordine decrescente di motivazione paradigmatica):
(a) parole prefissate che possono essere commutate con diverse altre parole prefissate che condividono la stessa base (es. abduzione, conduzione, deduzione, induzione, produzione, seduzione; desistere, insistere, persistere, resistere)', (b) parole prefissate che non possono essere commutate direttamente (es. considerevole, ma non *persiderevole, *residerevole), ma che appartengono a una serie
il cui capostipite in rapporto di commutazione con altre parole prefissate (considerevole derivato
da considerare, che pu essere commutato con assiderare, desiderare); (c) parole che entrano in un
rapporto di commutazione (es. allocuzione / elocuzione), ma sono isolate, cio non appartengono a
una serie derivazionale i cui membri siano in rapporto di commutazione per quanto riguarda il prefisso. Vi sono infine parole, come perdere, propalare, ridondare, che da un punto di vista strettamente
etimologico si possono definire prefissate, ma che non hanno parole con cui entrare in commutazione,
e non appartengono a una serie come quella di considerevole.

Non costituiscono ovviamente un controesempio parole che abbiano subito deriva semantica come
disperdere, prescrivere,
ricavare.

3.5. Selezione della base

111

3.5. Selezione della base


La restrizione secondo cui un affisso derivazionale si pu aggiungere a basi appartenenti a
una sola delle tre principali categorie sintattiche (cio o a nomi, o ad aggettivi, o a verbi,
cfr. Aronoff 1976, 48), generalmente valida per i suffissi derivazionali dell'italiano, nel
caso dei prefissi si rivela al tempo stesso troppo restrittiva e troppo permissiva (per un inquadramento critico di questa restrizione, cfr. Rainer 1993a, 110-111).
Troppo restrittiva perch pi di un quarto dei prefissi impiegati produttivamente (auto-,
co-, contro-, dis-, inter-, iper-, post-, pre-, retro-, s-, sopra-lvra-, sotto-, stra-, sub-, super-,
sur-) si possono premettere a parole appartenenti a tutte le tre principali categorie sintattiche.
Troppo permissiva perch alcuni prefissi impongono restrizioni all'interno della singola
categoria sintattica a cui si premettono: ad esempio meta- si pu premettere a nomi astratti
(metadiscorso, metateoria), ma non a nomi concreti, mentre maxi- si premette di norma a
nomi che designano un referente concreto o quantificabile (maximoto, maxischermo), ma
non a nomi animati; il prefisso co- (che si pu premettere, oltre che a nomi, anche a verbi e
ad aggettivi) si premette a nomi di agente (coautore), a nomi di azione (coproduzione), ma
non a nomi designanti entit concrete (*coscarpa) o esseri animati non agenti (*cotopo).
La violazione da parte di una percentuale rilevante di prefissi della restrizione della base
unica pu essere ricondotta al fatto che i prefissi non modificano la categoria sintattica della
base a cui si uniscono. 1 1 suffissi che invece determinano la categoria delle basi a cui si uniscono sono pi facilmente classificabili in relazione alla categoria sintattica delle basi, e dei
derivati che essi formano. Per quanto riguarda i prefissi si pone quindi l'esigenza di individuare restrizioni sulla selezione delle basi che siano pi fini di quelle esprimibili in termini
di categorie sintattiche, e che tengano quindi conto di tratti semantici e (per i predicati) di
caratteristiche azionali e argomentali. 2
Non bisogna dimenticare che la classificazione dei suffissi derivazionali fatta in termini di categoria
sintattica della base utile solo per fornire una prima approssimazione del loro comportamento (ad
esempio i suffissi agentivi deverbali richiedono come base verbi che abbiano nella propria struttura
tematica un ruolo di agente). La nozione di categoria sintattica comunque tuttora un'indicazione di
primaria importanza, dal momento che, bench molti studiosi ritengano che se sia possibile dedurre la
categorizzazione sintattica da caratteristiche semantiche, non disponiamo di una teoria semantica sufficientemente sviluppata da poter evitare di fare ricorso alle tradizionali distinzioni in parti del discorso; quindi a queste abbiamo fatto riferimento nel compilare la tabella 1 che indica le categorie
delle basi alle quali ciascun prefisso si pu premettere produttivamente.

'
2

Sulla presunta capacit dei prefissi dell'italiano di determinare la categoria sintattica della base,
cfr. 4.1.
Si vedano ad esempio le restrizioni espresse in termini di struttura lessico-concettuale da Lieber /
Baayen 1993 per i prefissi dell'olandese, o, per l'italiano, l'individuazione delle caratteristiche
azionali e della struttura argomentale delle parole prefissabili con auto- in Mutz in stampa.

3.

112

Prefssazione

Arel

a-

meta-

ad-

micro-

ante-

mini-

anti-'
.2
anti-

multi-

neo-

arci-

non-

auto-

oltre-

avan-

para-

circum-

pluri-

cis-

poli-

co-Zcon-

post-

pre-

+
+

controde-

pro-

dis-

ra-

estro-

retro-

ex-

ri-/re-

extra-

rin-

in-'

s-

in-2

semi-

infra-

sopra-/vra-

inter-

sotto-

intra-

strasub-

intro-

?
7

+
+

iper-

super-

sur-

Arel

?
?
?

ipo-

macro-

trans-

maxi-

ultra-

mega-

vice-

Tabella 1 : Categoria sintattica delle basi a cui si premettono produttivamente i prefissi.


A titolo di esempio, si pu notare che i prefissi che esprimono valore reversativo (de-, dis-,
s-) e il prefisso iterativo ri- selezionano all'interno dei verbi quelli che descrivono azioni
perfettive teliche (verbi risultativi e trasformativi nella terminologia di Bertinetto 1986, es.
destabilizzare, disunire, scucire, ricomporre, rifare, riscrivere), questo perch sia l'azione
reversativa che quella iterativa presuppongono il risultato di un'azione previa. 1 Dal punto di
vista della struttura argomentale, si tratta di verbi con due argomenti, uno agente e l'altro
paziente. Il prefsso ri- si pu premettere anche a verbi con un solo argomento, a condizione
che sia non agentivo (riaccadere, riapparire, rinevicare, fra le poche eccezioni riabbaiare,

Per verbi che permettono sia un'interpretazione telica che atelica, come calcolare, il prefisso ri- si
pu usare solo quando il verbo inteso nell'accezione telica "eseguire operazioni matematiche"
(es. Anna ricalcola il quoziente dell'equazione), e non nell'accezione atelica "prevedere" (es.
*Anna ricalcola che verranno cinque invitati a cena); cfr. Martn Garca 1998, 192.

3.5. Selezione della base

113

riscappare). I prefissi alterativi si premettono di preferenza ad aggettivi qualificativi (la


categoria che meglio si presta alla graduazione) e a nomi, possono essere prefissati solo i
verbi che descrivono azioni durative, non invece possibile impiegare prefissi alterativi con
verbi che esprimono eventi puntuali, che si producono cio senza lo svolgimento di un
processo.
Le caratteristiche aspettuali delle basi influiscono anche sull'interpretazione semantica
del prefisso, ad esempio il prefisso dis- premesso a verbi non telici non perfettivi ha valore
oppositivo (disapprovare, disobbedire). Ancora pi evidente l'interazione dei significati
espressi dai prefissi in relazione alla categoria sintattica delle basi. Ad esempio, il prefisso
anti- davanti a nomi pu esprimere sia il valore antonimico parafrasabile "il contrario di N "
(antimateria) sia quello antagonistico parafrasabile "contro N" (antifascismo), mentre davanti ad aggettivi di relazione esprime il solo valore antagonistico (antisismico). I prefissi
che esprimono valori sia posizionali sia alterativi (sopra-Isovra-, extra-) esprimono sistematicamente valore posizionale premessi ad aggettivi di relazione (extraurbano,
sovranazionale), riservano agli aggettivi qualificativi quello alterativo (extrapiatto,
sovrappieno),
nel caso di aggettivi che possano essere usati in senso sia qualificativo sia relazionale, come
provinciale, il prefisso pu esprimere valori diversi in relazione all'interpretazione
dell'aggettivo di base (extraprovinciale "al di fuori della provincia", "di mentalit molto
ristretta").
Il comportamento dei prefissi che esprimono valori locativi e di quelli che esprimono negazione oppositiva evidenzia la pertinenza della distinzione all'interno della categoria aggettivo fra aggettivi qualificativi e aggettivi di relazione. 1 La rilevanza di questa distinzione
per la derivazione prefissale, oltre alla differenziazione di significato segnalata, si manifesta
nel fatto che alcuni prefissi (ante-, anti-2, circum-, cis-, intra-, meta-) si possono premettere
ad aggettivi di relazione ma non ad aggettivi qualificativi, mentre per altri (auto-, dis-, in-2,
semi-) vale l'inverso; inoltre, nonostante la grande affinit fra i nomi e gli aggettivi di relazione, numerosi prefissi si possono premettere a nomi, ma non ad aggettivi di relazione
(auto-, avan-, dis-, iper-, ipo-, macro-, maxi-, mega-, micro-, mini-, s-, semi-), e si danno
anche casi della situazione opposta (circum-, cis-).
Prefissi che pur rispettano restrizioni categoriali (es. ri-, che pu essere usato solo davanti a verbi, e
in-2, che pu essere usato solo davanti ad aggettivi), in seguito alla suffissazione delle parole in cui
sono presenti, possono venirsi a trovare all'inizio di parole di categoria diversa da quella a cui si
possono premettere (es. ricostruzione, rientrato, ingiustizia, immobilizzare). Un esempio di come il
prefisso non sia un buon indicatore della categoria della parola a cui partecipa fornito dai verbi
riutilizzare e inutilizzare, che a dispetto delle somiglianze hanno strutture derivazionali diverse:
[ri-[[utile]-izzare]], [[in-[utile\\-izzare\. Per i prefissi che si possono premettere a basi di diversa
categoria la situazione pi complessa, ad esempio per parole come preselezionare e sgonfiare, in
linea di principio possibile ipotizzare sia la prefissazione da verbi (selezionare, gonfiare) sia la
suffissazione da nomi o aggettivi (preselezione, sgonfio).

Per una caratterizzazione degli aggettivi di relazione e delle loro potenzialit derivazionali, cfr.
Grossmann 1999 e 5.2.1.1.1.; per gli aggettivi prefissati del tipo sottomarino, antiparassitario cfr.
4.3.2.

114

3. Prefssazione

3.5.1. Struttura morfologica della base ci


L'impiego di un prefisso pu essere condizionato dal suffisso della base. Ad esempio, tra i
tre prefissi con valore reversativo (de-, dis- s-), de- quello a essere usato in pi del 70%
dei casi fra i verbi suffissati con -izzare lemmatizzati nel DISC, il restante 30% diviso fra
dis- e s- con una prevalenza di quest'ultimo. 1 Scalise 1994, 204 osserva che gli aggettivi
deverbali che terminano in -to possono essere prefissati sia con dis- che con in-2 (es. disabitato, impreparato), mentre quelli che terminano in -bile possono essere prefissati solo con
in-2 (es. immangiabile / *dismangiabile). L'argomento merita studi pi approfonditi, che
permettano di discriminare i casi in cui l'impiego di un prefisso sia condizionato dalla presenza di un determinato suffisso, da altri dipendenti da pi generali caratteristiche della
base, ad esempio di natura semantica. Si veda a riguardo Fradin 1997, che spiega la preferenza del prefisso francese anti- (con il valore "contro N") a premettersi ad aggettivi deverbali terminanti nei corrispettivi dell'it. -nte e -ivo piuttosto che a quelli terminanti nei corrispettivi dell'it. -bile e -to, perch i primi esprimono significati di tipo attivo (e quindi possono fare riferimento a qualcosa a cui opporsi) mentre i secondi, esprimendo significati di
tipo passivo, non si prestano a questa determinazione prefissale.
Di norma la suffissazione non pare condizionata dalla presenza di un prefisso, ad esempio l'aggettivo
abile viene derivato con lo stesso suffisso anche quando prefissato (abile abilit, inabile > inabilit, cfr. Scalise 1983, 115-118). Lo stesso accade per i suffissi flessivi: i verbi prefissati (anche irregolari) si flettono allo stesso modo delle loro basi non flesse. Fra le pochissime eccezioni (probabilmente dovute a ragioni fonologiche): vedr / preveder (ma rivedr), fai / disfi (ma rifai). La maggiore disponibilit degli aggettivi deverbali prefissati a costituire base per la derivazione avverbiale
rispetto ai corradicali non prefissati (es. qualificabile / * qualificabilmente, inqualificabile / inqualificabilmente) va ricondotta alla loro lessicalizzazione come aggettivi. Come dimostrato in Frigeni
1998, 109-111, diversi test sintattici (pronome clitico (7), uso di venire come ausiliare (8), reggenza
(9), costruzione impersonale (10)) dimostrano come gli aggettivi deverbali prefissati si comportino in
maniera analoga agli aggettivi qualificativi e perdano le propriet verbali dei corradicali non prefissati:
(7) a. L'argomentazione contestata / L'argomentazione contestatale
b. L'argomentazione valida / *L'argomentazione valdale
c. L'argomentazione incontestata / *L'argomentazione incontestatale
(8) a. Il campione era battuto / Il campione veniva battuto
b. Il campione era enorme / *I1 campione veniva enorme
c. Il campione era imbattuto / *I1 campione veniva imbattuto
(9) a. La prova confutata (dall'avvocato difensore)
b. La prova decisiva (*dall'avvocato difensore)
c. La prova inconfutata (*dall'avvocato difensore)
(10) a. Il teorema era dimostrato / Si era dimostrato il teorema
b. Il teorema era facile / *Si era facile il teorema
c. Il teorema era indimostrato / *Si era indimostrato il teorema
La prefissazione di una parola gi prefissata non molto frequente (Montermini 2002, 156
stima che, includendo anche basi lessicalizzate e prefissi non produttivi, i lemmi del GRA1

L'impiego del prefisso non dipende da motivi fonologici, come potrebbe far pensare il fatto che
dis- si premette quasi esclusivamente a basi comincianti in vocale, in quanto de- pu essere usato
negli stessi contesti.

3.5. Selezione della base

115

DIT che contengono due prefissi non superano il 6% del totale dei prefissati, e quelli con
pi di due prefissi costituiscono una percentuale insignificante). I verbi che meglio si prestano a essere ulteriormente prefissati sono i parasintetici: il valore risultativo della maggior
parte di queste formazioni costituisce base ideale per i prefissi che esprimono valori reversativi e iterativi. I prefissi ri- e dis- sono quelli pi usati in posizione esterna (riaccartocciare, riaccorpare, disaccoppiare, disintossicare), il contesto prevocalico impedisce l'impiego
di s- (cfr. 3.6.4.), che invece il pi usato in casi di sostituzione di prefisso (cfr. 3.5.1.2.). Il
prefisso iterativo pu avere come basi anche verbi prefissati con reversativi (mentre non
possibile il contrario). Anche il prefisso pre- impiegato davanti a verbi prefissati con una
certa libert (preannunciare, predisporre, preiscrivere, preriscaldare). Per quanto riguarda
la prefissazione nominale e aggettivale, i prefissi che appaiono pi spesso in posizione
esterna sono gli intensificativi (senza particolari restrizioni sulle basi se non quella della
loro graduabilit). Nel caso in cui in una parola vi siano pi prefissi intensificativi, quello
che esprime un grado pi alto tende a occupare la posizione pi esterna.'
Riportiamo qui di seguito una selezione dei verbi con pi di un prefisso fra quelli lemmatizzati nel
DISC attestati per la prima volta nel ventesimo secolo: autodistruggersi, autoeccitarsi, autoescludersi, autoincensarsi, autosuggestionarsi,
cointeressare, coinvolgere, condeterminare,
contrattaccare, controindicare, controreplicare, deconcentrare, decongelare, decontrarre,
deprogrammare,
deregolamentare, disallineare, disassociare, disattendere, disconnettere, disimballare,
disinserire,
disintossicare, precomprimere, precostituire, preraffreddare, preriscaldare, reimmatricolare, reincaricare, reinscrivere, reinserire, riaccadere, riaccasare, riacclimatare, riacutizzare, riadagiare, riaffiorare, riaffondare, riagganciare, riappropriarsi, riattraversare, ricomprimere, ricospargere, rideterminare, ridistaccare, ridistruggere, rieccitare, riemettere, riescludere, riotturare,
ripercorrere,
rispolverare, ristirare, risurriscaldare, ritraboccare, ritrasmettere, scongelare, soprelevare, sovraffaticare, sovrainnestare, sovreccitare, sovresporre,
surriscaldare.

La prefissazione di composti una costruzione atipica e ancora piuttosto rara per l'italiano,
ma che si va diffondendo a partire dalla prosa giornalistica. I seguenti esempi attestano la
possibilit di impiego di alcuni prefissi (specialmente quelli che indicano relazione gerarchica, disposizione favorevole o contraria, gli estremi dell'asse temporale, alterazione) davanti a composti nominali e anche a sintagmi nominali privi di determinanti: provvedimenti
anti-ladri di acqua, controcerimonia inaugurale, ex-parlamentare europeo, maxi-concorso
truffa, megasfilata di moda, neo-sindaco neofascista, eventi post-muro di Berlino, postConcilio di Trento, pre-rivoluzione industriale, aiuti pro-allevatori di mucche, supercentro
carni, vice-campione del mondo.

Ordinamenti estrinseci come quelli proposti da Siegel 1979 in relazione ai confini fonologici dei
morfemi non sono applicabili all'italiano (oltre che superati dal punto di vista teorico); di scarsa
utilit dal punto di vista descrittivo (e di non ovvia applicazione) la proposta di ordinamento reciproco dei prefissi basata sulla individuazione di significati di tipo preposizionale vs avverbiale
(cfr. Di Sciullo 1997).

116

3. Prefissazione

3.5.2. Ricorsivit: il tipo ex-ex-marito, metametalinguaggio ci


Un caso particolare di prefissazione di una parola prefissata la ricorsivit, cio l'impiego
ripetuto di uno stesso prefisso (anti-antimissile,
ex-ex-marito, micromicrospia,
pre-prenotazione, ri-riempire, ririregistrare, sotto-sottocommissione),
come si pu immaginare dagli
esempi, si tratta di parole usate pi nella lingua parlata e in quella dei media che non nello
scritto formale.
La possibilit di impiego ricorsivo distingue la maggioranza dei prefissi dai suffissi derivazionali, che
invece non possono essere usati ricorsivamente (ad esempio il suffisso -ezza non pu avere come base
una parola gi suffissata con -ezza: bellezza * *bellezzezza). Le restrizioni dell'applicazione di un
medesimo affisso derivazionale alla propria uscita sono facilmente spiegabili se si tiene conto del
fatto che la suffissazione di norma modifica la categoria e i tratti di sottocategorizzazione della base,
perci altamente improbabile per un suffisso creare le condizioni per la sua ulteriore applicazione. I
prefissi invece, non provocando di norma tali restrizioni, non formano basi incompatibili con il loro
ulteriore utilizzo. Non c' quindi bisogno di ipotizzare restrizioni di carattere generale all'impiego
ricorsivo degli affissi (come quelle che impediscono alle regole di formazione delle parole di applicarsi alla propria uscita, cfr. Lieber 1981, 172-173; o quelle basate sull'ordinamento per blocchi di
regole), di cui i prefissi costituirebbero comunque un'eccezione, 1 quando sufficiente fare riferimento alla compatibilit di un affisso con la propria base (utilizzando quindi criteri giustificati da
motivazioni indipendenti). A riprova di questa affermazione vi l'impossibilit dei prefissi che
esprimono antonimia, privazione, reversione a essere utilizzati ricorsivamente (*inincapace,
* dedemilitarizzare, *disdisfare),2 diversamente dalla generalit dei prefissi che esprimono opposizione (anti-, contro- ), valori locativi e gerarchici (ex-, para-, post-, pre-, sub-), alterativi (arci-, extra-,
iper-, maxi-, micro-, mini-, super-, ultra-), iterativi (ri-) che possono invece essere usati ricorsivamente, cos come accade anche per i suffissi alterativi (es. bellissimissimo).
L'interpretazione semantica della reiterazione di uno stesso affisso pu sia rispettare la normale
natura composizionale binaria della derivazione (es. metametalinguaggio "il metalinguaggio che ha
come oggetto un metalinguaggio", ex-ex-marito), o anche assecondare un principio di iconicit, che fa
corrispondere all'aumento di forma un'intensificazione del significato dell'affisso (es. metametametalinguaggio "metalinguaggio di estrema astrazione e potenza", miniminibikini "bikini estremamente ridotto"; si pensi anche a espressioni colloquiali come gliel'ho detto, ridetto e riridetto di
chiudere la porta). L'impiego ricorsivo di un affisso non va di norma oltre la seconda ripetizione,
questa limitazione, piuttosto cha da motivi formali dipende da fattori pragmatici e cognitivi, secondo i
quali la complessit della struttura morfologica della parola tende a non superare i limiti imposti dalla
sua interpretabilit nel normale scambio comunicativo.3

Per una rassegna critica delle diverse ipotesi teoriche proposte per spiegare le restrizioni
sull'impiego ricorsivo degli affissi cfr. Rainer 1986, dove viene anche ampiamente motivata ed
esemplificata l'interpretazione qui adottata.
Come noto almeno a partire da Zimmer 1964, indipendentemente dalla struttura morfologica
della base, i prefissi che esprimono negazione non si premettono a basi di polarit negativa.
Lo stesso tipo di limitazione si verifica in altri fenomeni ricorsivi della lingua, come ad esempio il
numero di frasi relative incassate.

117

S.S. Selezione della base

3.5.3. Sostituzione di prefisso: il tipo svitare, spolverare,

postfazione

ci

La prefissazione di una parola gi prefissata pu dare luogo anche a casi di sostituzione di


prefisso. Il fenomeno avviene specialmente a partire da verbi parasintetici (sui verbi parasintetici vedi 4.), il cui prefisso viene sostituito da un prefisso che esprime valore privativo
o reversativo, determinando la costituzione di coppie di opposti con il verbo parasinttico
(accelerare decelerare, assetare > dissetare, avvitare svitare, impolverare spolverare)} In tali coppie il verbo parasinttico descrive un'azione il cui svolgimento crea le
condizioni per l'azione reversativa o privativa (ci si riflette spesso nella precedenza
dell'attestazione del verbo parasinttico). Il prefisso pi usato in questo tipo di costruzione
s- (ingrassare * sgrassare, impolverare * spolverare, attaccare > staccare). La strategia della sostituzione di prefisso (es. sballare, scrostare) invece che della prefissazione di
un verbo ingressivo (es. disimballare, disincrostare) pu dipendere dall'intenzione
dell'emittente di rappresentare una situazione egressiva in quanto tale e non come conseguenza di un evento precedente (Grossmann 1994, 19). Oltre al tipo che ha come punto di
partenza un verbo parasinttico, vi sono anche altri casi sporadici di sostituzione di prefisso, fra cui: anticipare posticipare, avanguardia * retroguardia, esplosione > implosione, impubere prepubere, prefazione, prefatore * postfazione, postfatore.2

3.5.4. Fattorizzazione: il tipo pre- e poststrutturalismo

ci

La fattorizzazione una struttura in cui due elementi fanno riferimento a una stessa base.
Nel caso dei prefissi, vi in genere un rapporto semantico di opposizione locativa (sub- e
superstrato, pre- e postromanticismo) o concettuale (pro- e antigovernativo), meno spesso
un rapporto di gradazione sinonimica (iper- e supermercati, pre- e protostrutture).3
L'utilizzo di prefissi in questo tipo di struttura non molto diffuso in italiano (si prestano
maggiormente a questo impiego elementi formativi all'interno di composti di ambito tecnico-scientifico, es. endo- e esoscheletrico, ecto- e endoparassita), ma attestato ed in espansione, probabilmente anche per influsso delle lingue germaniche dove la fattorizzazione
un procedimento pi frequente. 4 La restrizione proposta da Nespor 1985 basata sulla nozione di parola fonologica, che impedisce ai prefissi monosillabici terminanti in consonante di
essere impiegati in modo fattoriale (cfr. 3.6.), contraddetta da esempi come post- e
preconsonantico, trans- e cisalpino, sub- e superordinato, e necessita comunque di integrazioni di tipo semantico che spieghino i motivi per cui prefissi come de- e ri-, che, secondo i

I verbi risultanti sono del tutto analoghi sia nella semantica sia per la non attestazione del verbo
non prefissato ai verbi a doppio stadio derivativo, cfr. 4.1.1.
Relazioni semantiche sistematiche come quelle fra imporre / deporre, contrarre / distrarre fanno
parte del lessico, ma non sono pi generabili per mezzo di regole produttive.
Rainer 1993b, 36, richiamando l'attenzione sul fatto che la parte tematica non sempre un costituente immediato (cfr. eso e endocentricit), critica l'ipotesi che fa derivare la costruzione da una
cancellazione del nucleo lessicale della prima di due parole morfologicamente complesse in rapporto di coordinazione.
Interessanti considerazioni sulla gradualit della distinzione fra prefissi e elementi formativi in
relazione al loro impiego fattoriale in ten Hacken 1994,135.

118

3.

Prefissazione

criteri fonologici di Nespor potrebbero essere usati fattorialmente, di fatto non lo sono per
assenza di elementi con cui entrare in relazione.

3.6. Caratteristiche fonologiche ci

I prefissi usati produttivamente sono in maggioranza bisillabici (circa il 60%), tutti gli altri
sono monosillabici, ad eccezione del prefisso s-. Circa il 67% dell'insieme dei prefissi
produttivi termina in vocale (le vocali finali presenti in un maggior numero di prefissi sono
a, o, i, segue la e, mentre la m presente in un solo prefisso di scarsa produttivit), le consonanti che appaiono pi volte in posizione finale sono n, r, s. Vi una forte tendenza fra i
prefissi bisillabici a terminare in vocale (circa 85%), mentre fra i prefissi monosillabici
prevalgono, anche se di poco, quelli che terminano in consonante (circa 57%). Da un punto
di vista fonologico, i prefissi si distinguono quindi dalle parole perch mediamente pi
brevi, e perch ammettono in posizione finale consonanti e nessi consonantici normalmente
non ammessi in posizione finale nelle parole dell'italiano (es. dis-, post-, sub-, trans-).
La fonologia dei prefissi dell'italiano stata affrontata da M. Nespor e I. Vogel in diversi lavori (cfr. Nespor 1985; Nespor/Vogel 1986, 127 sgg.; Vogel 1991; Nespor 1993, 171176; Vogel 1994) che hanno avuto un'ampia eco anche al di fuori del modello di fonologia
prosodica in cui sono stati formulati. Le due studiose distinguono da una parte i prefissi che
formano un'unica parola fonologica assieme con la base (i prefissi monosillabici terminanti
in consonante, e quelli non pi analizzabili come tali in sincronia), e dall'altra parte quelli
che costituiscono insieme alla base un'unit prosodica pi ampia, in quanto meno integrati
fonologicamente con la base. 1 Vengono considerati esterni alla parola fonologica costituita
dalla base, in primo luogo i prefissi bisillabici terminanti in vocale, ma anche i prefissi monosillabici terminanti in vocale e quelli bisillabici terminanti in consonante, pur se entrambi
questi tipi di prefissi hanno caratteristiche non del tutto conformi alla tipica parola fonologica dell'italiano, la quale come minimo bisillabica, trocaica, terminante in vocale (cfr.
Thornton 1996). L'appartenenza all'una o all'altra classe di prefissi, ha secondo Nespor e
Vogel conseguenze su fenomeni di assimilazione fonetica che intervengono fra prefisso e
base.
La classificazione operata esclusivamente in relazione ai domini prosodici (che in sostanza distingue i prefissi monosillabici terminanti in consonante da tutti gli altri prefissi)
non permette di dare conto adeguatamente dell'insieme dei comportamenti fonologici dei
prefissi italiani. Alcuni lavori pubblicati negli ultimi anni (basati anche su dati ricavati sperimentalmente) hanno individuato altri aspetti rilevanti per il comportamento fonologico dei
prefissi e preso in considerazione fenomeni finora trascurati, come il trattamento degli incontri vocalici o la risillabificazione (cfr. Bertinetto 1999a, Gili Fivela / Bertinetto 1999,

Non chiaro se il prefisso che non forma un'unica parola fonologica con la base sia attualmente
considerato una parola fonologica autonoma (come in Nespor / Vogel 1986), oppure il costituente
di un gruppo clitico insieme alla base (come prospettato in Vogel 1994); sull'argomento, si vedano
le critiche all'applicabilit della categoria gruppo clitico all'italiano in Loporcaro 1999.

3.6. Caratteristiche

fonologiche

119

Baroni 2001); critiche all'analisi basata su domini prosodici sia dal punto di vista
dell'impostazione teorica che da quello dell'analisi empirica sono state mosse da Loporcaro
1999, che delinea un modello alternativo, in cui i processi fonologici sono messi in relazione con un ordinamento lungo una scala di salienza di confini morfologici. Non essendo
questa la sede in cui confrontare gli obiettivi privilegiati e i risultati raggiunti dai lavori
condotti secondo diverse prospettive teoriche,1 esponiamo qui di seguito i principali fenomeni fonologici riguardanti la prefissazione, che saranno trattati nei paragrafi successivi
(3.6.1.-3.6.5.): (a) i prefissi non influiscono sulla posizione dell'accento primario di parola;
(b) le modifiche fonotattiche che riguardano i prefissi consistono nell'assimilazione (parziale o totale) della consonante finale al luogo ed eventualmente al modo di articolazione
della consonante iniziale di parola (es. affaticare, compresenza, irreale), nella riduzione
della vocale finale a semivocale (es. antieroe /an.tje.'ro.e/), o nella cancellazione della vocale finale dei prefissi bisillabici (es. contraltare, sovrumano), (c) le modifiche che riguardano la base consistono nella risillabificazione della sillaba iniziale (specialmente se cominciante in vocale, cfr. interrato e seminterrato), o nel raddoppiamento della consonante iniziale (es. contraccolpo. frapporre, sopravvalutare)', (d) le restrizioni di carattere fonologico
nella selezione delle basi riguardano un numero di prefissi molto ristretto (es. s- non si usa
davanti a parole che cominciano in vocale); (e) la prefissazione pu determinare la formazione di nessi normalmente non ammessi all'interno di parola (es. antiinfluenzale, subtropicale, transfrastico).

3.6.1. Posizione dell'accento ci


La posizione dell'accento primario della parola di base non subisce mutamenti nella parola
prefissata (a differenza della suffissazione, che invece determina la posizione dell'accento).
Le pochissime eccezioni sono rappresentate da parole prefissate di origine latina che rispettano le regole di accentuazione proprie del latino (es. dedito, impari, improbo, prodigo,
prologo, retrogrado, transito). I prefissi possono essere portatori dell'accento secondario,
ma solo in ragione del fatto di essere all'inizio di parola, posizione privilegiata per
l'accento secondario, e a condizione che non vi sia contiguit con l'accento primario (cfr.
/i'nutile/ e /.inutilmente/). 2 In parole cominciami con i prefissi extra-, mega-, meta-, poli-,
post-, pro-, retro- possibile che la vocale iniziale sia pronunciata come medio-bassa anzich medio-alta, pur non essendo portatrice dell'accento primario di parola; tale pronuncia
pi probabile in parole composizionalmente trasparenti (cfr. Montermini 2002, 68-69). Il
fenomeno interessante in quanto di norma in italiano le vocali medio-basse sono presenti
solo nelle sillabe con accento primario di parola.

Un primo bilancio si pu trovare in Montermini 2002, 62-76; 111-140. Uno studio di insieme
sulle caratteristiche fonologiche della derivazione affissale italiana secondo il modello della optimality theory in Peperkamp 1995. All'interno dello stesso modello opera Van Oostendorp 1999,
che critica la classificazione dei prefissi di Nespor / Vogel 1986.
Sulla posizione dell'accento secondario in italiano (considerata anche in rapporto con la struttura
morfologica della parola), cfr. Bertinetto 1976, Vogel / Scalise 1982, Lepschy 1992.

120

3. Prefissazione

3.6.2. Modifiche dei prefissi a


Fra le modifiche fonotattiche che riguardano i prefissi, si possono distinguere quelle che riguardano la consonante finale, e quelle che riguardano la vocale finale.
I prefissi principalmente interessati alle modifiche della consonante finale sono ad-, e
quelli terminanti in Ini o in Is/.1
II prefisso ad- rimane invariato davanti a vocale, si assimila invece obbligatoriamente al
luogo e al modo di articolazione davanti a parole che cominciano con consonante (es. abbattere, accaldare, affaticare, aggravare ecc.).
L'assimilazione di /n/riguarda principalmente i prefissi in-\ in-2 e con-. L'assimilazione
della nasale un fenomeno importante perch un indizio dell'integrazione del prefisso
nella parola fonologica, in quanto l'assimilazione di norma non ha luogo fra due parole
diverse (cfr. in rima e irrimediabile, in molti e immalinconire).2 L'assimilazione totale
davanti a consonante sonorante (es. illogico, immagazzinare, corresponsabile), si ha invece
assimilazione del solo luogo di articolazione davanti a ostruenti; solo nel caso di consonanti
bilabiali l'assimilazione ha un riflesso grafico (es. combaciare, imburrare,
impagabile),
davanti invece a labiodentali (es. confinare, infangare, invalido) e a velari (es. concatenare,
incauto, ingoiare) la grafia rimane invariata (si ricorda che in italiano le nasali labiodentale
e velare non sono fonemi autonomi ma varianti combinatorie). Davanti a parole che cominciano con Isl + consonante la Ini del prefisso tende a cadere, soprattutto in parole di largo
uso, il nesso Insl + consonante non infatti proprio delle parole di uso pi comune (es.
ispettore, istituto, istruire). In caso di coppie come installare / istallare, instaurare / istaurare, instillare / istillare, la forma con Ini impiegata prevalentemente nell'uso scritto e nel
registro parlato alto, quella con cancellazione della nasale usata in contesti meno formali.
In pochi casi le due forme si sono differenziate semanticamente (cfr. inscrivere e iscrivere,
inspirare e ispirare). Questo comportamento accomuna i prefissi in-1 e con- (cfr. cospirare,
costringere, costruire), mentre il prefisso negativo in-2 non subisce mutamenti davanti al
nesso Isl + consonante (es. inscusabile, inspiegabile, insradicabile, instancabile).3 Il prefisso con- si differenzia dagli altri due perch la Ini cade davanti a vocale (es. coabitare, coevo). Questo fenomeno (gi del latino), insieme alla riduzione davanti al nesso Isl + consonante, ha dato origine al prefisso co-, il quale nato come variante combinatoria ora usato
produttivamente in tutti i contesti fonotattici a scapito di con- (anche grazie all'influsso di
prestiti dall'inglese, cfr. Vnnen 1979, Iacobini in stampa), dando vita anche a una serie
di coppie minime, quali condominio / codominio, congestione / cogestione.

Gli altri prefissi terminanti in consonante rimangono di norma invariati, anche nel caso che formino nessi atipici unendosi con le consonanti iniziali delle basi (cfr. 3.6.5.).
Per una problematizzazione del fenomeno si rimanda a Loporcaro 1999, 124135, che mette in
relazione dati diacronici e dialettali, e fa notare come la scrittura (che solo nel caso dei prefissi riproduce sistematicamente l'assimilazione) abbia contribuito a determinare nei parlanti settentrionali l'impressione di una differenza fra quanto accade in prefissazione rispetto ad altri contesti che
non rappresenta adeguatamente le effettive realizzazioni foniche dello standard su base toscana.
Un altro fenomeno fonologico che distingue i due prefissi in- riguarda il raddoppiamento della
nasale davanti a vocale (es. innalzare, innamorare, innescare). Si tratta di un fenomeno non pi
produttivo, che non riguarda il prefisso negativo (cfr. inabile, ineducato), e che pu essere spiegato
con l'influenza della pronuncia fiorentina (si pensi a immagine, cfr. lat. imaginem).

3.6. Caratteristiche fonologiche

121

Per quanto riguarda gli altri prefissi terminanti con Ini, avari- subisce l'assimilazione del luogo di
articolazione (es. avambraccio) e rimane invariato davanti a parole comincianti con Isl + consonante
(es. avanspettacolo); rin- subisce l'assimilazione del luogo di articolazione (es. rimborsare) e non
attestato davanti a parole comincianti con /s/ + consonante; non- rimane invariato in tutti i contesti
fonologici.
Le modifiche fonotattiche della /s/ riguardano la sua sonorizzazione davanti a consonante
sonora o in posizione intervocalica. La sonorizzazione della /s/ davanti a consonante sonora
riguarda tutti i prefissi che terminano in /s/ (cis-, dis-, s-, trans-), ed un fenomeno regolare
che in accordo con le regole fonotattiche di tale fonema in italiano (indipendentemente
dall'essere prefisso). La sonorizzazione in posizione intervocalica un processo che ha
attirato l'attenzione di diversi studiosi (Vogel 1994, Peperkamp 1995 e 1997a, Kenstowicz
1996, Bertinetto 1999a, Loporcaro 1999, Baroni 2001), dopo che Nespor / Vogel 1986, a
partire dall'osservazione che il fenomeno avviene all'interno di parola, ma non al confine
fra due parole, lo hanno usato come strumento diagnostico per distinguere tra i prefissi che
fanno parte della parola fonologica (quelli terminanti in /s/ davanti a parola che comincia in
vocale (es. dilzlabile)/, e quelli lessicalizzati terminanti in vocale davanti a parola cominciante in /s/ + vocale (es. relzlistenza) da quelli esterni alla parola fonologica, i quali non
creano un contesto adeguato alla sonorizzazione (es. pre/s/alario, ultra/s/ensibile). Come si
pu notare, gi in Nespor / Vogel 1986 il contesto di sonorizzazione viene fatto dipendere,
oltre che da motivi fonologici, anche da ragioni di tipo semantico. L'analisi sperimentale
condotta da Baroni 2001 su prefissi terminanti in vocale premessi a parole comincianti in
/s/ + vocale ha confermato la rilevanza del grado di trasparenza semantica della parola
prefissata, ma anche la pertinenza di altri fattori che interagiscono in maniera complessa,
fra i quali uno dei principali la lunghezza del prefisso. 1 I dati elicitati da Baroni 2001
mostrano come vi siano oscillazioni nella realizzazione della fricativa alveolare come sorda
o sonora riconducibili sia a caratteristiche della parola sia a variazioni individuali (anche
nella ripetizione della pronuncia di una stessa parola). Nel campione analizzato vi sono
parole in cui prevale la pronuncia /si, altre con prevalente pronuncia /z/, altre ancora in cui
le due pronunce sono equamente distribuite. Secondo Baroni, che interpreta la realizzazione
sorda come indizio dell'analizzabilit da parte del parlante della parola prefissata, e la realizzazione sonora come conseguenza della sua non decomponibilit, la scelta fra le due
possibili pronunce si dispone lungo una scala di probabilit determinata dall'interazione di
numerosi fattori, 2 i quali, ad esempio, fanno s che anche parole scarsamente trasparenti dal
punto di vista semantico siano pronunciate con s sorda dalla grande maggioranza dei soggetti analizzati (es. ante/siignano, pre/s/idio, ri/s/oluto).
La cancellazione della vocale finale un fenomeno che riguarda i prefissi bisillabici
premessi a parole comincianti in vocale, mentre i prefissi monosillabici ne sono immuni
(con una sola parziale eccezione rappresentata da ri-, cfr. infra). La cancellazione deter1

La rilevanza della lunghezza del prefisso come criterio che favorisce l'analizzabilit in costituenti
morfologici di una parola, un dato che emerge anche da esperimenti psicolinguistici sul riconoscimento di parole scritte prefissate e pseudoprefissate, cfr. Burani / Thornton / Iacobini / Laudanna 1995.
I fattori presi in esame sono: lunghezza (di parola, tema, radice, prefisso); frequenza (di prefisso e
radice); rapporto in termini di numero di types e frequenza fra prefisso e pseudoprefisso, fra radice
e pseudoradice; trasparenza semantica; autonomia del tema e sua frequenza.

122

3.

Prefissazione

minata dalla velocit di eloquio, favorita dall'incontro di vocali dello stesso timbro, ed
pi probabile nel caso di parole poco trasparenti dal punto di vista semantico; invece
inibita nel caso in cui possa provocare incontri accentuali fra sillabe adiacenti (es. controesodo, miniabito).
Gili Fivela / Bertinetto 1999 argomentano in modo convincente che la cancellazione
della vocale finale del prefisso non un fenomeno a s stante, ma il risultato estremo di un
processo di riduzione vocalica che pu determinare nella sua fase intermedia la creazione di
un dittongo. L'incontro tra la vocale finale del prefisso e quella iniziale di parola pu dunque avere tre esiti: (a) iato (es. co.abitare, ultra.ortodosso) che rappresenta la soluzione canonica, non marcata, in una pronuncia accurata; (b) formazione di un dittongo (es.
dei.dratare, antie.roe, teleo.biettivo), soluzione molto frequente nel parlato spontaneo di
stile informale; (c) elisione della vocale finale del prefisso (es. autipnosi,
soprintendente,
sovreccitabile), un fenomeno che pu accadere nel parlato veloce informale, di norma reversibile, tranne nel caso di parole lessicalizzate (es. seminterrato, sopruso).1
L'elisione si verifica pi di frequente con i prefissi che terminano in /a/ e in loi, mentre
per quelli che terminano in IH la dittongazione rappresenta un processo stabile e non bisognoso di ulteriori restauri data la convergenza con le normali tendenze fonologiche
dell'italiano (Gili Fivela / Bertinetto 1999, 156); davanti a basi comincianti in li/ ci possono essere casi di cancellazione (antincendio, antinduttivo).
Il prefisso ri- l'unico prefisso monosillabico che pu subire cancellazione di vocale. Il contesto di
tipo fonomorfologico, in quanto la cancellazione avviene solo davanti a verbi prefissati con ad- e in-1,
specialmente se parasintetici (raccostare, ragguppare,

rimpiccolire,

rinverdire), ma non davanti ad

altri verbi comincianti con lai o con HI (riavere e non *ravere, reidratare e non *ridratar). La scarsa
rilevanza semantica dei prefissi ad- e in-1 ha probabilmente influito sulla possibilit della cancellazione del prefisso con valore iterativo davanti a verbi con valore ingressivo (cancellazione che comunque
non obbligatoria, cfr. riabbassare,

riaffermare, reincarnare, reinsediare)

determinando la forma-

zione dei prefissi ra- e rin-, impiegati nella formazione di verbi di tipo parasinttico, cfr. 4.1.6.
Il mantenimento dello iato la situazione meno marcata perch quella che esprime la
maggiore trasparenza morfotattica e morfosemantica: nel caso di parole che permettono sia
un'interpretazione lessicalizzata sia una regolare (es. riassumere "sunteggiare, assumere di
nuovo") il significato lessicalizzato di norma espresso tramite una maggiore coesione fonica che pu comportare il passaggio da vocale a semivocale, mentre l'espressione del significato composizionale avviene tramite una maggiore distinzione tra i componenti. Lo
stesso accade per la pronuncia di parole come riscuotere, in cui l'interpretazione semantica
iterativa "scuotere di nuovo" pu essere distinta nella pronuncia da quella idiosincratica
"incassare" sia grazie all'enfatizzazione dell'accentuazione del prefisso sia grazie a una
pausa tra prefisso e radice verbale (nella grafia, la distinzione pu essere espressa utilizzando un trattino). 2 Le caratteristiche fonologiche della base e del prefisso non sono quindi
sufficienti a predire i fenomeni di riduzione e di cancellazione vocalica. Da quanto emerge

Sia la formazione di un dittongo che la cancellazione della vocale del prefisso hanno evidentemente conseguenze anche sulla base, in quanto ne modificano la sillaba iniziale (cfr. 3.6.3.).
L'esistenza di una base libera non prefissata favorisce questa possibilit, ma l'accento contrastivo
sul prefisso pu essere sfruttato anche quando la base non una parola autonoma (es.
l'esportazione

deve essere privilegiata sulla

importazione).

3.6. Caratteristiche fonologiche

123

in Gili Fi vela / Bertinetto 1999, il prodursi di tali fenomeni condizionato anche dal contesto diafasico in cui la parola pronunciata, dal grado di familiarit e di trasparenza semantica della parola in questione, e anche dalla variet regionale di pronuncia. Le conclusioni a
cui arrivano Gili Fivela / Bertinetto 1999, pur condizionate dalla difficolt di distinzione fra
dittongo e iato (su questa distinzione, cfr. Maratta 1987), e dalla complessa interazione dei
fattori presi in considerazione, appaiono pi adeguate a dare conto del fenomeno della cancellazione della vocale rispetto all'ipotesi finora pi diffusa (proposta da Scalise 1983) basata sulla supposta tonicit dei prefissi monosillabici.
Scalise 1983, 295-299, partendo dall'osservazione che nella suffissazione derivazionale si ha di
norma cancellazione della vocale finale di parola nel caso in cui il suffisso cominci per vocale, a
meno che la vocale finale di parola sia tonica {cit. fama famoso e virt virtuoso), ipotizza che la
mancata cancellazione della vocale dei prefissi monosillabici dipenda dalla loro tonicit: la cancellazione sarebbe impedita dalla tonicit della vocale per quelli monosillabici, mentre sarebbe possibile
per la vocale finale dei prefissi bisillabici, in quanto atona. L'ipotesi di Scalise si presta a diverse
obiezioni. La principale parte dal fatto che mentre in suffissazione si ha la caduta della vocale finale
della base, in prefissazione cade quella dell'affisso. Di conseguenza, nel caso di prefissi monosillabici, la caduta della vocale finale determinerebbe l'asillabicit del prefisso e un'automatica risillabificazione, poich la parte consonantica del prefisso diventerebbe l'attacco della sillaba iniziale della
base. La preservazione della vocale finale dei prefissi monosillabici si pu dunque meglio spiegare
con esigenze funzionali e percettive di individuazione dell'elemento affissale e di riconoscimento
della radice della parola prefissata (cfr. Iacobini 1992, 159-161). Questa ipotesi (che trova sostegno
in Peperkamp 1995, 234, che parla di minimal size condition; e in Bertinetto 1999a, che indica strategie adottate dalle lingue per proteggere segmenti iniziali di morfema da processi fonologici che potrebbero alterarne l'identit) permette anche di spiegare le restrizioni di impiego del prefisso s-, che
non pu essere premesso a parole che cominciano per vocale (cfr. 3.6.4.), come anche della preferenza, per i prefissi che ne dispongono, dell'utilizzo di varianti per evitare incontri di vocali omorganiche
(le pi facilmente esposte all'elisione). Ulteriori critiche alla proposta di Scalise sono formulate da
Montermini 2002, 128 dove si osserva che non ci sono restrizioni a premettere prefissi monosillabici
a basi comincianti con una sillaba accentata (cfr. cotesto, prebellico), e da Peperkamp 1995 secondo
cui l'ipotesi di Scalise predirebbe erroneamente la cancellazione sistematica della vocale finale dei
prefissi bisillabici.

3.6.3. M o d i f i c h e della base a


Le modifiche che riguardano la base consistono nella risillabificazione della sillaba iniziale
(es. u.tile inutile, u.nire > disunire, e.roe su.pe.re.roe), e nel raddoppiamento della
consonante iniziale (es. contraccolpo. frapporre.
sopravvalutare)
La risillabificazione della base dipende dalla tendenza della sillaba ad avere un attacco
ottimale, e ha come conseguenza una pi forte integrazione del prefisso nella struttura fonologica della parola derivata. La risillabificazione particolarmente favorita nel caso in
cui il prefisso termina in consonante e la base comincia in vocale (possono provocarla sia i
prefissi monosillabici che quelli bisillabici), 1 ma si pu verificare (come abbiamo visto in

La risillabificazione provocata da prefissi bisillabici un fenomeno che mette in contraddizione i


criteri adottati da Nespor 1985 per la definizione di parola fonologica, in quanto in tale modello i
prefissi bisillabici non fanno parte della parola fonologica.

124

3. Prefissazione

3.6.2.) anche con prefissi che terminano in vocale, qualora vi sia formazione di un dittongo
o elisione (l'elisione limitata ai prefissi bisillabici, con l'eccezione di ri-). Per alcuni prefissi (in primo luogo dis-, in-1, in-2) l'esito naturale in contesto prevocalico sembra essere la
risillabificazione, anche se l'esigenza di marcare il confine morfologico fra prefisso e base
pu avere la priorit sul processo di integrazione fonologica. La difficolt di determinare la
scansione sillabica e la variabilit delle possibili realizzazioni provoca inevitabili incongruenze nelle indicazioni della sillabazione da parte dei dizionari dell'uso (analogamente a
quanto accade per i dittonghi e gli iati). In assenza di lavori sistematici sulla risillabificazione dei prefissi italiani (alcune osservazioni sull'argomento in Montermini 2002, 116
123), del tutto plausibile ipotizzare che criteri non fonologici, come la trasparenza
semantica e la familiarit abbiano un ruolo anche nel determinarsi di questo fenomeno:
tanto pi una parola ha significato idiosincratico ed di uso comune tanto pi probabile la
risillabificazione.
Il raddoppiamento della consonante iniziale di parola provocato da un piccolo numero
di prefissi terminanti in vocale, tutti di limitata o nulla produttivit, a eccezione di sopraIsovra-.
I prefissi che provocano regolarmente il raddoppiamento sono: contra- (contrappeso,
contrassegno, contrattempo),1 fra- (frapporre), ra- (rabbrividire, rattoppare), so- (sobbalzare, soppalco, sorreggere), su- (succitato, suddetto). Le due forme sopra- e sovra- si alternano nella lingua senza una regola individuabile, se non quella dell'uso. Entrambe possono provocare il raddoppiamento, specialmente nelle parole di uso comune (sopracciglio,
sovrapporre), mentre nelle neoformazioni e in termini tecnico-scientifici prevale la forma
non raddoppiata (soprarenale, sovratensione), in diverse parole sono possibili le due realizzazioni (sopralluogo / sopraluogo, soprattassa / sopratassa).2 Alcune parole si formano
esclusivamente con sopra- (sopraffare, soprannome), altre con sovra- (sovrumano, sovrapporre), in alcune coppie di parole una pu essere preferita all'altra (es. soprattassa a sovrattassa, sovrapporre a soprapporre).
Alcuni esempi isolati di raddoppiamento sono rappresentati da inframmischiare, trattenere, intrattenere.

3.6.4. Restrizioni ci
L'impiego dei prefissi non in genere condizionato da motivi fonologici. La gran parte dei
prefissi si pu premettere a basi anche quando tale combinazione provochi nessi che non
sono propri della fonologia dell'italiano (cfr. 3.6.5.). La tendenza ad evitare alcuni incontri
vocalici determina l'impiego di un piccolissimo numero di varianti: an- davanti a vocale,
invece che a- (anabbagliante, analfabeta), re- davanti a HI invece che ri-.

Il prefisso contro- invece non provoca il raddoppiamento.


Da dati raccolti da Montermini 2002, 112 a partire dai lemmi del GRADIT, risulta che circa il 40%
delle parole con sopra-hra- hanno raddoppiamento, altrettante no, e circa il 20% sono attestate in
entrambe le forme.

3.6. Caratteristiche fonologiche

125

Il prefisso re- usato prevalentemente come variante di ri- premesso a verbi che cominciano con /i/
(reidratare, reimbarcare, reimpiegare, reindustrializzare); presente anche in numerose parole di
formazione latina di tradizione dotta (recidere, recitare, replicare, resistere); si pu trovare in concorrenza con ri- in alcune parole di origine latina, in questi casi la forma con re- sentita come pi dotta
(recuperare / ricuperare, remunerare / rimunerare). In alcune coppie si ha specializzazione di significato, in questi casi le forme con re- hanno significato lessicalizzato, mentre quelle con ri- hanno
significato pi regolare (reagire vs riagire, respingere vs rispingere). L'influsso convergente esercitato sia dalla terminologia del latino scientifico sia da terminologie di lingue moderne, favorisce
l'impiego di re- anche davanti a parole che cominciano con un fonema diverso da /i/ (recalcificare).
La restrizione fonologica pi importante nell'impiego di un prefisso riguarda s- che, oltre
alle restrizioni valide per la fricativa alveodentale in posizione iniziale,1 non pu essere
premesso a parole comincianti in vocale (es. *sagevole, *silludere, *sonesto, *sunire). Tale
restrizione si spiega con il fatto che s- l'unico prefisso che non costituisce una sillaba:
l'essere premesso a una base cominciante in vocale provocherebbe la formazione di una
sillaba con la vocale iniziale di parola e di conseguenza una scarsa o nulla riconoscibilit
del prefisso (e dell'inizio di parola). 2 Nei contesti prevocalici s- di solito rimpiazzato da
dis- (disagevole, disilludere, disonesto, disunire), in altri contesti possono essere impiegati
in-2 e de- (incivile, ingiusto, decerebrare, decespugliatore).
Per quanto riguarda le restrizioni che interessano altri prefissi (es. ad- non usato davanti
a nasale palatale, avan- non usato davanti a vocale, cfr. Thornton 1998b, 106), l'assenza di
studi specifici e la marginalit dei fenomeni non permettono al momento di determinare se
si tratta di lacune accidentali o di restrizioni sistematiche.
Si distinguono dai precedenti i prefissi che da un punto di vista diacronico possono essere considerati varianti di prefissi di origine latina, la cui forma dipende dall'integrazione
nel sistema fonologico dell'italiano (circn- rispetto a circum-, so- rispetto a sub-, moltirispetto a multi-, estra- rispetto a extra-), tutte queste varianti adattate sono improduttive,
mentre le forme etimologiche sono usate correntemente.

3.6.5. Nessi anomali a


La prefissazione pu determinare la formazione di nessi non ammessi (o non usuali)
all'interno di parola, sia vocalici (es. antiintrusione, cooccorrente,
extraatmosferico,
neoaccademico, neoindustriale, preesistente) sia consonantici (avanscoperta, avanspettacolo, inscrutabile, inspiegabile, interclassista, interglaciale. interfriulano.
interscambio,
interspaziale, postbellico, postclassico. postglaciale, transfrastico, transplacentare).

La fricativa alveodentale non si pu premettere a parole comincianti in sibilante (cio le fricative e


le affricate prodotte nella zona che va dagli alveoli al palato duro: /s/ /z/ /ts/ /dz/ /tj/ /ds/ /[/) e alle
sonanti palatali /ji/ e //.
L'impossibilit del prefisso s- a essere premesso a parole cominicianti in vocale pu essere considerato un argomento a favore dell'eterosillabicit in contesti preconsonantici (sulla sillabazione dei
nessi /s/ + consonante cfr. Maratta 1995, Bertinetto 1999b e la bibliografia contenuta in questi lavori). Si noti che le (pochissime) violazioni alle restrizioni fonologiche dell'impiego del prefisso sriguardano contesti preconsonantici (scentrare, sgelare) e mai prevocalici.

126

3.

Prefissazione

Si tratta di una tendenza innovativa, dal momento che in epoche precedenti vi era maggiore ricorso all'assimilazione, si confrontino gli esempi riportati in ( I l a ) con quelli pi recenti in ( l i b ) :
(11)

a. soccombere, soccorrere, suddividere, soffocare, suffisso, supporre, sovvertire; traboccare, trascorrere, trasferire, trapiantare
b. subconscio, subcontinente, subdesertico, subfornitore, subpolare, subvedente; transbalcanico, transcaucasico, transfrontaliera, transpolare.

Un altro esempio fornito da dis-, per cui non si ha pi assimilazione del luogo di articolazione davanti a fricativa labiodentale sorda (cfr. diffidare e disfidare, difficile e disfare). La
tendenza al mantenimento della forma analitica del prefisso ne migliora la riconoscibilit e
lascia inalterato anche l'inizio di parola. 1 Come abbiamo visto, anche altri fenomeni che
determinano un'integrazione fonologica tra prefisso e base (es. il raddoppiamento fonosintattico) sono in regresso.
I prefissi si distinguono quindi dai suffissi in quanto questi ultimi non determinano incontri consonantici non ammessi, e anche perch la prefissazione non richiede fenomeni di
inserzione fonologica. La prefissazione si distingue anche dalla composizione perch in
prefissazione non si ha aplologia, cio la cancellazione della sillaba finale davanti a parola
che cominci con una sillaba che abbia attacco identico (polilineare, pluriricercato,
ultratragico), mentre ci pu avvenire in composizione (esentasse, mineralogia, ostricoltura, cfr.
Scalise 1994, 160-163).
Un'altra differenza dai suffissi, riguardante questa volta la grafia, consiste nel fatto che i
prefissi possono essere distinti dalla base mediante un trattino, e anche talvolta essere scritti
separatamente dalla base a cui si riferiscono (es. ante guerra), le tre possibili grafie possono
coesistere in una stessa formazione (neoeletto, neo-eletto, neo eletto). L'impiego del trattino piuttosto oscillante: sempre impiegato davanti a parole scritte in maiuscolo, come i
nomi propri (una legge pre-Ciampi), spesso davanti a sintagmi nominali (maxi-aumento di
capitale, mini-rassegna cinematografica) e a nomi al plurale (una legge anti-immigrati). Il
trattino usato principalmente nel caso di neologismi, probabilmente per sottolineare il
carattere di novit di una certa formazione, mentre non in genere determinato da ragioni
fonotattiche; usato di preferenza con basi nominali e con aggettivi qualificativi, ma si pu
trovare anche con verbi e aggettivi di relazione.

3.7. Funzioni semantiche ci


I prefissi esprimono significati di tipo relazionale, la loro funzione principale quella di
determinare il significato della base a cui si premettono.
I significati espressi dai prefissi si possono ricondurre alle seguenti categorie: posizione
(al cui interno si distinguono valori locativi e temporali), negazione (suddivisa in opposi-

Fra i pochi aggiustamenti recenti: postonico, transahariano.

3.7. Funzioni

semantiche

127

zione, contraddizione, contrariet, privazione, reversione), alterazione (con cui indichiamo


l'espressione sia di valori dimensionali che valutativi), quantificazione, ripetizione, ingressivit, riflessivit, unione, reciprocit.
Il tipo di significato che conta un maggior numero di prefissi e una maggiore articolazione interna quello locativo: oltre alle posizioni estreme (es. pre-lpost-, sopra-I sotto-)
possibile anche indicare posizione esterna (es. extra-), interna (es. intra-), intermedia (es.
inter-), e diverse altre localizzazioni (es. circum-, cis-, contro-, extra-, trans-), comprese
anche indicazioni dinamiche (es. de-, dis-, retro-). I significati temporali sono di norma
espressi da prefissi che indicano primariamente valori locativi, alcuni di essi (es. pre-,
post-) sono attualmente utilizzati pi con valore temporale che locativo. Anche la gran parte
dei prefissi negativi e molti degli alterativi derivano semanticamente da valori locativi,
anche in questi casi vi sono prefissi che sono attualmente impiegati pi nei significati derivati (negazione: dis-, s-, alterazione: iper-, super-) che non nell'originario valore locativo.
L'espressione di valori locativi, anche se veicolata da molti prefissi, e presente in molte
parole della lingua (e, come abbiamo appena ricordato, alla base di altri importanti raggruppamenti semantici), in regresso nella lingua contemporanea, specialmente per quanto
riguarda la prefissazione verbale: l'ampia gamma di prefissi locativi preverbali propria del
latino (pi di una ventina di prefissi) si molto ridotta in italiano (cos come accaduto
anche nelle altre lingue romanze, cfr. Alien 1981, Liidtke 1996), ad esempio prefissi come
ob-, per-, pro-, se-, non possono essere pi impiegati in posizione preverbale, e relazioni
sistematiche come quelle espresse in latino da verbi come contraho "raccogliere" / distraho
"separare" non possono essere pi realizzate tramite prefissazione in italiano; rimangono
discretamente produttivi i prefissi sopra-, sotto-, mentre i prefissi che indicano movimento
sono improduttivi o solo raramente impiegati per formare neologismi.
Normalmente i prefissi non esprimono un unico significato, ma un insieme di significati,
in genere riconducibili a un significato pi astratto che li comprende; oltre a fenomeni di
estensione semantica vi sono anche casi di frammentazione del significato, ad esempio, nel
caso del prefisso ri- sia il significato parafrasatole "ritorno a uno stato precedente" (es.
ricomporre, ricostruire) sia quello di "movimento in senso contrario" (es. rispedire, rivendere) possono essere ricondotti al significato principale iterativo, mentre il significato "intensificativo" (es. ribollire, ricercare), per quanto imparentato con quello iterativo, non pu
essere derivato da inferenze pragmatiche o estensioni semantiche regolari motivate indipendentemente (cfr. 3.7.5.).
Uno stesso significato pu essere espresso da pi di un prefisso (cft. ante-, anti-2, avan-,
pre-), numerose anche le relazioni che determinano opposizioni binarie (es. anti- /pro-,
cis-ltrans-, pre-lpost-, intra-lextra-), possibile anche la gradazione, specialmente tra prefissi
intensificativi (es. mini-, micro-, super-, iper-).
Alcuni significati sono espressi unicamente o preferibilmente in relazione a basi di una determinata
categoria: la negazione contraria, come anche l'intensificazione, si esprime tipicamente con basi aggettivali, i significati iterativo e reversativo sono riservati ai verbi, la quantificazione ai nomi, i prefissi con valore locativo si uniscono specialmente a nomi e ad aggettivi di relazione. I prefissi pi disponibili a essere impiegati sia con nomi sia con aggettivi sia con verbi sono quelli che esprimono
negazione oppositiva, unione, riflessivit, reciprocit.

128

3.

Prefissazione

Uno stesso prefisso pu esprimere produttivamente un determinato significato ed essere


presente in parole prefissate con significati non pi produttivi. Ad esempio, il prefisso de-
impiegato produttivamente con valore privativo e reversativo {decaffeinare,
demilitarizzare'), raramente impiegato nella formazione di verbi come depistare, deviare, in cui indica
separazione, allontanamento, e non pi usato produttivamente in verbi come degustare,
detenere, in cui esprime un valore che pu essere definito intensificativo. L'impiego di un
prefisso in una particolare formazione pu determinarne la fortuna e modificarne in parte il
significato (si pensi ai casi di minigonna per mini-, superuomo per super-, metafisica per
meta-; cfr. Bombi 1995a sulla risemantizzazione di iper-), analogamente, la diffusione
nell'uso dei prefissi mini- e micro- ha favorito l'impiego anche degli antonimi maxi- e maero-, Alcuni prefissi esprimono, oltre ai significati usati nella lingua comune, altri significati il cui impiego ristretto all'ambito delle terminologie tecnico-scientifiche: ad esempio,
in chimica, meta- indica i composti meno idrati (acido metafosforico), nella terminologia
delle unit di misura, mega- esprime il valore "moltiplicato per un milione" (megabyte,
megahertz).
Nei prossimi paragrafi forniremo una dettagliata descrizione dei significati espressi dai
prefissi, accompagnata da indicazioni sulla produttivit dei prefissi nei diversi significati e
sul tipo di basi a cui si premettono. La classificazione di tipo onomasiologico, quindi uno
stesso prefisso pu essere trattato in pi di un raggruppamento semantico. 1 Nei titoli dei
paragrafi i prefissi descritti sono elencati in ordine alfabetico per favorirne la reperibilit,
mentre l'ordinamento all'interno dei paragrafi motivato principalmente dalla produttivit
dei prefissi e dalla numerosit delle formazioni a cui prendono parte.

3.7.1. Posizione ci
L'insieme dei valori semantici che raggruppa un maggior numero di prefissi quello posizionale. Al suo interno si possono distinguere valori locativi e valori temporali, a loro volta
suddivisibili secondo l'asse posizionale avanti-dietro e quello temporale prima-dopo. Molti
prefissi possono esprimere sia valori locativi sia valori temporali (es. ante-, anti-2, avan-,
inter-, post-, pre-) mentre altri solo valore locativo (es. circum-, inter-, intro-, sub-, super-).
Fra quelli che esprimono entrambi i valori si possono notare alcune preferenze per
l'impiego locativo (es. avan-, anti-2) o per quello temporale (es. ante-, post-, pre-).

Oltre alle sezioni dedicate alla prefissazione nelle grammatiche e nei dizionari dell'italiano, descrizioni dell'insieme dei significati espressi dai prefissi dell'italiano sono fornite da Tollemache
1945, Junker 1958, Vuetic 1976, Dardano 1978, Iacobini 1992; utili indicazioni si possono trarre
da lavori dedicati ad altre lingue romanze, come Rainer 1993a e Varela / Martn Garca 1999 per
lo spagnolo, o Peytard 1975 e Weidenbusch 1993 per il francese. Nei prossimi paragrafi forniremo
indicazioni delle (non molte) opere dedicate ai singoli prefissi dell'italiano.

3.7. Funzioni

3.7.1.1.

semantiche

129

Valori locativi a

3.7.1.1.1. "Avanti, prima": ante-, anti-2, avan-, pre-, pro- ci


Avan-1 premesso a nomi, ha valore di precedenza nello spazio in una decina di parole di
formazione moderna (per la maggior parte prestiti dal francese). Forma derivati perlopi
esocentrici il cui genere determinato dalla base (avamposto, avancarica, avancorpo,
avanguardia, avantreno).2 di scarsa produttivit.
Anti-1 si premette a nomi (antibagno, anticamera, anticarrello, anticucina, antipurgatorio), nonostante si tratti di derivati esocentrici, il genere determinato dal nome di base. La
produttivit scarsa, probabilmente anche a causa dell'omonimia con il pi usato prefisso
anti-1.
Ante- con il significato "davanti nello spazio, parte anteriore", presente in meno di una
decina di parole d'origine latina, tra cui anteporre, antesignano. Si premette a nomi nella
formazione di parole d'ambito prevalentemente tecnico-scientifico (anteipoflsi). E di scarsa
produttivit.
Pre- esprime il valore spaziale "prima, avanti" in un numero ridotto di formazioni. I verbi sono in grandissima maggioranza d'origine latina (precedere, precorrere, prefissare,
premettere, preporre). Si premette produttivamente a nomi e ad aggettivi di relazione per
formare parole d'ambito prevalentemente tecnico-scientifico (preaddome, Prealpi, Preappennino, prefaringe, prefrontale). Anche nei derivati esocentrici il genere del nome derivato lo stesso di quello della base. In linguistica, ha valore analogo al non pi produttivo
pro- (pretonico / protonico) e si contrappone a post- (prenominale vs postnominale). E di
scarsa se non nulla produttivit con valore locativo. Non pi produttivi i valori "altezza
maggiore, superiorit, eccellenza" (prediligere, predominio, preminente, prevalere), e
l'impiego con valore superlativo davanti ad aggettivi (preclaro).
Pro- presente con i significati "in avanti, in fuori" in verbi (e nei loro derivati) di formazione latina (procedere, progredire, prolungare, promuovere, propendere, protrarre).
Non pi produttivo con valore locativo. Discretamente produttivo l'impiego nel significato "che favorisce, che sta dalla parte di", premesso ad aggettivi di relazione (progovernativo, prorusso). Pu formare anche aggettivi invariabili premesso a nomi che non hanno un
aggettivo di relazione corrente o disponibile (dichiarazione pro-Ira,
iniziativa
pro-immigrati). Con questo significato si contrappone a anti-1.
3.7.1.1.2. "Dietro, all'indietro": post-, retro-, "movimento in senso contrario":
anti-1, contro-, re-, retro-, ri- ci
Retro-3 il prefisso pi impiegato per esprimere i valori "dietro, all'indietro, movimento in
senso contrario". presente in diverse parole d'origine latina (retrocedere, retrogrado,
retroverso). Premesso a nomi, forma produttivamente derivati sia endocentrici (retrocarica,
retromarcia, retrorazzo) sia esocentrici (retrobottega, retrocucina, retropalco, retroscena,

1
2
3

Su avan- si veda Thornton 1998b.


La neoformazione avantielenco pu essere spiegata con il fatto che avan- non si pu premettere a
parole che cominciano con vocale.
Sul prefisso retro- si veda Rainer 1999c.

130

3.

Prefissazione

retrovia). In questo tipo di formazione si pu opporre a anti-2. usato davanti a nomi e


aggettivi deverbali di cui pu essere non attestato il verbo prefissato corrispondente (che
comunque una forma possibile): retroflesso, retroflessione, retroformazione, retroilluminato, retrostante, retrovisivo, retrovisore. Si premette raramente ad aggettivi (retroattivo) e
ad aggettivi di relazione (retromammario, retrosternale), impiegato specialmente in termini
d'ambito tecnico-scientifico.
Post- utilizzato con il significato locativo "dietro" quasi esclusivamente nella formazione di termini tecnico-scientifici, premesso produttivamente ad aggettivi di relazione e a
nomi in costruzioni esocentriche il cui genere determinato dal nome di base (postipofisi,
postorbitale). presente in un numero limitato di parole d'origine latina (posteriore). Alcune formazioni possono esprimere sia valore locativo sia il pi diffuso valore temporale
(posporre). Nella terminologia linguistica, oltre che con significato spaziale (postdentale,
postvocalico), usato anche con il significato "derivato da" (postnominale).
Il significato di "movimento, direzione in senso contrario" espresso in un numero ristretto di nomi e aggettivi dai prefissi contro- e anti-1 (controcorrente, controforza, controrotante, controspinta; antialiseo, antiorario), che esprimono prevalentemente valore contrario, e di verbi dai prefissi ri- e re-, che esprimono prevalentemente valore iterativo. Tra i
verbi prefissati con ri- in cui accanto al significato principale di "ripetizione" presente
anche quello di "movimento in senso contrario" vi sono: ributtare, ridare, rifluire, rigettare, rimandare, riportare, rispedire-, quest'ultimo significato si differenzia da quello iterativo anche per il fatto che l'agente e il destinatario del verbo prefissato possono non essere
gli stessi di quelli del verbo di base (es. Carlo spedisce una lettera a Pietro, e Pietro la
rispedisce a Carlo "la manda indietro"). Tra i verbi prefissati con re- che esprimono il
significato di "movimento in senso contrario": recedere, regredire, respingere, restituire,
revocare.
3.7.1.1.3. "Di fronte, posizione contrapposta": anti-1, contra-, contro-, ob- ci
Si tratta di prefissi il cui attuale impiego principale quello di negazione oppositiva, ma
che possono essere usati marginalmente anche con valore locativo.
Contro- pi frequentemente usato con il valore "contrasto, opposizione", usato produttivamente anche con il significato "posizione contrapposta" per formare parole usate prevalentemente in ambiti tecnico-scientifici, premesso a nomi che designano oggetti concreti
(contropunzone, controriva, controtesta), e in un minor numero di casi premesso ad aggettivi di relazione (controlaterale). Dal significato "posizione contrapposta" deriva quello di
"rinforzo, aggiunta" presente in parole come controcassa, controchiglia, controfinestra,
contropalo.
Contra- non pi produttivo, ma presente con significato e funzioni analoghi a quelli di contro- in
parole come contrafforte, contrappeso, contrapporre, e in diversi termini dell'araldica (contrabastone, contrafasciato,

contrasaltante).

Anti-1 impiegato con il significato "di fronte, posizione contrapposta" nella formazione di termini
tecnico-scientifici (anticatodo, antimeridiano, antiparallelo), l'unica parola d'uso corrente con questo
significato antipode.

Ricordiamo qui anche il prefisso ob- non produttivo nella lingua comune, e a cui non possibile
attribuire un significato costante in sincronia, ma presente in un discreto numero di verbi (e loro
derivati) di formazione latina (obbligare, occludere, occorrere, offrire, opporre, osservare,

ottenere),

3.7. Funzioni

semantiche

131

ed impiegato in poche formazioni aggettivali d'ambito tecnico-scientifico, in cui esprime il valore


"inversione, forma o posizione rovesciata" (obconico, obcordato, obovato).
3.7.1.1.4. "Vicino": giusta-, para-, sub- ci
Il significato "vicino" si pu esprimere solo marginalmente tramite la prefissazione.
Giusta- presente con il valore "vicino, presso" in un ristretto numero di parole
d'origine francese (giustacuore, giustapporre, con i derivati giustapposizione e giustapposto). Non produttivo nella lingua comune. Nelle terminologie tecnico-scientifiche usata
la forma latineggiante iuxta- (attestata anche nella variante insta-): iuxtaglomerulare.
Para- usato per indicare "vicinanza" solo in termini tecnico-scientifici (parabasale,
parauretrale). Premesso ad aggettivi di relazione e a nomi, usato produttivamente nella
lingua comune in un discreto numero di formazioni con i due significati derivati "affine,
simile, che affianca" (parabancario, paramedico, paramilitare, parastatale), "marginale,
qualitativamente inferiore" (paraletteratura, parapolitica,
parascientifico).
Sub- pu esprimere sporadicamente il valore di vicinanza (subumano).
3.7.1.1.5. "Dentro, all'interno, in mezzo": fra-, infra-, inter-, intra-, intro-, tra- ci
Intra- con il significato "dentro, all'interno", impiegato produttivamente davanti ad aggettivi di relazione (intracontinentale, intraorbital, intrauterino). Si contrappone a extraintracellulare vs extracellulare, intracomunitario vs extracomunitario, intrauterino vs
extrauterino).
Inter- si premette produttivamente ad aggettivi di relazione per indicare "posizione intermedia" fra due oggetti, fra due limiti di spazio denotati dal nucleo nominale
dell'aggettivo (interarticolare, intercellulare, interconsonantico, intercostale, interdentale,
intervertebrale). Si pu premettere anche a nomi in costruzioni esocentriche il cui genere
determinato dal nome di base (interbinario, interferro, interlinea, interponte, intertempo).
Il valore di posizione intermedia veicolato da inter- implica una relazione tra due< o pi
elementi indicati dal nominale di base, ci determina la principale differenza di significato
rispetto ai derivati con intra-, che invece fanno riferimento a fenomeni che avvengono
all'interno di quanto indicato dal nucleo nominale dell'aggettivo. 1
Intro- esprime il valore "dentro, all'interno" in verbi e nominali deverbali di formazione
latina (introdurre, introito, intromettere), ed usato con lo stesso valore, in un ristretto
numero di formazioni di ambito prevalentemente tecnico-scientifico (introflessione, introflettersi, introiezione).
Infra- ha il valore "tra, in mezzo" in un numero ristretto di parole (infradito, inframmettere, inframmischiare). Non produttivo con questo significato.
Fra- presente in un numero limitato di verbi di formazione italiana (e nei loro derivati), con il
valore principale "in mezzo, posizione intermedia" (frammettere, frapporre), da cui derivano il valore

Cfr. Migliorini 1968b, 109-110, che mette a confronto i due prefissi per mezzo del seguente
esempio: un'iniezione intramuscolare avviene nell'interno di un muscolo, mentre un legamento
intermuscolare collega due muscoli.

132

3. Prefissazione

di "eterogeneit" (frammescolare, frammischiare), e il valore concettuale peggiorativo "a met, parzialmente" {fraintendere).1 Non produttivo.
Tra- esprime i valori "in mezzo" (tramettere, tramezzare, traporre, traseminare), "tra pi cose"
(tralasciare, tramescolare, trascegliere) in verbi e loro derivati. Non produttivo.
La preposizione entro si premette a nomi per dare vita a un limitato numero di composti esocentrici invariabili, di genere maschile indipendentemente dal genere del nome di base, in cui ha il valore
"dentro, interno": entrobordo (sul modello di fuoribordo), entroterra (sul modello del tedesco Hinterland, cfr. anche retroterra), entrovalle. Hanno significato analogo anche gli elementi formativi
endo-, ento- (endogeno, endogamia, entozoo) ed eso- dal gr. s, is presente in esoterico.

3.7.1.1.6. "Fuori, al di fuori, all'esterno": e-, estra-, estro-, extra-, stra- ci


Extra- il prefisso pi usato di questo gruppo, si premette produttivamente con il valore
"fuori, al di fuori di" ad aggettivi di relazione in un discreto numero di formazioni (extra-

comunitario, extraconiugale, extracorporeo, extracontrattuale, extraeuropeo,

extraistitu-

zionale, extraparlamentare,
extrasensoriale,
extraurbano).
A partire dal valore locativo,
derivano il significato "estraneo, anomalo" presente in un piccolo numero di parole (extrasistole), e quello valutativo (cfr. 3.7.3.2.1.), pi largamente impiegato. Si oppone semanticamente a intra- (extracomunitario
vs
intracomunitario).
Estra- una variante non produttiva di extra-. Molte parole formate con estra- sono state rimpiazzate
da formazioni con extra-, specialmente a partire dalla met del diciannovesimo secolo. Rimane presente in una dozzina di parole di scarso impiego, tra cui estragiudiciale, estrapolare. Premesso a
nomi, ha il valore "parte esterna" in poche formazioni esocentriche appartenenti a terminologie tecnico-scientifiche (estracarcere, estradosso).
Altra variante di extra- stra-, di cui sono attestati pochissimi derivati con valore locativo, tra cui
stradotale, stramurale (i pi sono stati rimpiazzati da formazioni moderne con extra-). Non produttivo in questo impiego.
Estro- appare con il valore "fuori, all'esterno" in un ristrettissimo numero di verbi di formazione
italiana (e nei loro derivati), tra cui estroflettersi, estromettere, estrovertere, che costituiscono
l'antonimo delle corrispondenti formazioni con intro- (cfr. estrospezione vs introspezione, estroverso
vs introverso). Non produttivo (o lo solo sporadicamente) in parole della lingua comune.
E- impiegato produttivamente con il valore "fuori, esterno" esclusivamente nella formazione di
termini tecnico-scientifici (ezoognosia).
La preposizione fuori forma un numero ridotto di composti esocentrici, alcuni dei quali sono graficamente univerbati (fuoribordo, fuoribusta, fuoriclasse, fuorigioco, fuoriporta, fuoristrada). Si tratta
di nomi di norma invariabili, di genere maschile indipendentemente dal genere del nome di base,
spesso usati con funzione aggettivale. Gli unici due verbi di uso corrente (fuoriuscire e fuorviare)
risalgono al quattordicesimo secolo. Esprimono il significato "fuori, esterno" anche gli elementi
formativi ecto- e eso- dal gr. ks: ectoblasto, ectoplasma, esogamia, esotico.

3.7.1.1.7. "Sopra": sopra-I sovra-, sor-, su-, super-, sur- ci


I prefissi che indicano i limiti posizionali esterni superiore e inferiore sono tra i prefissi locativi quelli pi usati anche con valore valutativo, in seguito a un'estensione metaforica che
identifica la posizione superiore con l'intensificazione e quella inferiore con la diminuzione.

Su questo impiego di fra-, si veda Salverda de Grave 1934.

3.7. Funzioni

133

semantiche

Sopra- (con la variante sovra-) il prefisso presente in un maggior numero di formazioni


e il pi produttivo del gruppo. Si premette a verbi (sopraelevare, sovrapporre, sovrastampare),1 e a nomi di norma concreti (sopracciglio, soprammobile, sopravveste), anche nel
caso di derivati esocentrici il genere della parola prefissata di norma lo stesso di quello
del nome di base. Premesso ad aggettivi di relazione, esprime il superamento di determinati
caratteri, indicati dal nucleo nominale, e pu manifestare valore sia inclusivo sia esclusivo
(soprannaturale, soprasensibile, sovraregionale, sovrumano). Premesso ad aggettivi di
relazione, il cui nucleo nominale un nome concreto, indica "posizione superiore" (soprarenale), con valore analogo a quello di sur-. Premesso ad aggettivi deverbali, ha il valore
"prima, in precedenza", riferito specialmente a un testo scritto (sopraccennato, sopraindicato, soprammenzionato), con valore analogo a quello di su-. Si contrappone a sotto- (sopravveste vs sottoveste, sovrastare vs sottostare) e a sub- (sovraordinato vs subordinato).
Super-2 in un numero esiguo di formazioni indica "posizione superiore, sovrapposizione"
premesso produttivamente a nomi di norma concreti (superattico, superstrato). Premesso
produttivamente ad aggettivi di relazione, esprime il superamento di determinati caratteri
indicati dal nucleo nominale dell'aggettivo (superconfessionale, superpartitico, supersonico).
Sur- premesso ad aggettivi di relazione il cui nucleo nominale denota un oggetto concreto, ha il valore "sopra", ed impiegato prevalentemente nella formazione di termini
tecnico-scientifici (surrenale).
Su- con il valore "sopra, prima, in precedenza", premesso ad aggettivi deverbali in un
numero limitato di formazioni, delle quali non usato correntemente, n sembra molto
plausibile, alcun verbo prefissato corrispondente. I dizionari registrano una dozzina di
lemmi tra cui: suaccennato, succitato, suddetto, suesposto, suindicato, sullodato, summenzionato, sunnominato, surricordato. Cos come gli analoghi aggettivi formati con sopra-,
l'impiego prevalente degli aggettivi formati con su- riferito a parti di testo, specialmente
scritto. Data la forte restrizione dell'ambito d'uso e il numero di parole gi formate, la produttivit di questo tipo di formazione quasi nulla.
Sor- ha il significato "sopra", premesso a verbi in una ventina di parole della lingua comune, molte
delle quali sono prestiti dal francese (sormontare, sorpassare (con i derivati sorpassato, sorpasso),
sorprendere (con il derivato sorpresa), sorvolare). Non produttivo.

Ha il significato "posizione superiore" anche l'elemento formativo epi- presente in alcune parole
di uso comune, quali epicentro, epidermide, epigono, epigrafe,

epilogo.

3.7.1.1.8. "Sotto": infra-, ipo-, so-, sotto-, sub- a


Sotto- si premette produttivamente ad aggettivi di relazione per indicare qualcosa che sta
sotto ci che designato dal nucleo sostantivale dell'aggettivo (sottolinguale, sottomarino,
sottomascellare). Premesso a verbi non produttivo con valore locativo, sono per corren-

Riconducibili a significati locali, ma ormai lessicalizzati sono verbi come sopraffare, soprassedere.
2

Sul prefisso super- cfr. Migliorini 19633e.

134

3.

Prefissazione

temente usate formazioni come sottolineare, sottoscrivere.' Molte formazioni con sotto- si
contrappongono a quelle di identica base con sopra- e sovra-.
Sub- indica "posizione sottostante" premesso produttivamente ad aggettivi di relazione
(subacqueo, subepidermico, subnasale). In alcuni derivati (es. subalpino, subartico) sono
compresenti sia il valore locativo sia quello attenuativo (per quest'ultimo valore cfr.
3.7.3.2.2.). Si pu opporre a sopra-lsovra- (subordinato vs sovraordinato). Premesso a
nomi (in genere non animati), esprime i valori "importanza minore, subordinazione gerarchica", ai quali pu essere associata una connotazione svalutativa (subagenzia, subdeposito), "grado, livello inferiore alla norma" (subfertilit). In termini appartenenti prevalentemente ai linguaggi giuridico ed economico, premesso a verbi o a nomi deverbali senza
che sia necessariamente attestato il verbo corrispondente; in questo tipo di formazione indica "trasmissione ad altri di un diritto, di una condizione": subaffittare (con il derivato subaffitto), subappaltare (con il derivato subappalto), subfornitore, subfornitura, sublocare
(con il derivato sublocazione).
Infra- ha il valore spaziale "sotto" in un numero ristretto di parole di ambito prevalentemente tecnico-scientifico, premesso a nomi e ad aggettivi di relazione (infracrostale, infradurale, infraorbitale, infrastruttura).
Ipo- indica posizione inferiore o interna premesso a nomi in termini di ambito tecnicoscientifico (ipoderma, ipoglottide).
So- non produttivo, ed difficilmente identificabile, o non identificabile, per il parlante comune.
presente in una quarantina di parole in cui esprime valore locativo (soccoscio, soppalco, sostrato) o
attenuativo (cfr. 3.7.3.2.2.).
Esprime il significato "gi, in basso, sotto" anche l'elemento formativo cata-, presente in una decina di parole di formazione greca e latina di uso corrente, tra cui cataclisma, catalogo, catarro,
catastrofe.

3.7.1.1.9. "Al di l, attraverso, oltre": meta-, oltre-, per-, tra-, trans-, tras-, ultra- a
I prefissi che esprimono il valore "al di l", oltre all'impiego nella formazione di parole con
valore locativo, si prestano ad esprimere significati pi astratti che indicano la trasformazione, il cambiamento di stato, il superamento di un limite.
Da un unico elemento latino (trans-), l'italiano ha derivato tre prefissi (tra-, trans-,
tras-), i quali, nati come varianti condizionate da contesti fonologici, si sono poi in parte
differenziati nell'uso e nel significato. 2 Trans- l'unico attualmente produttivo. Conserva la
forma e i significati latini "al di l, attraverso, oltre" in alcune parole di origine e trasmissione dotta, soprattutto verbi e nomi deverbali di ambito giuridico e commerciale (transazione, transigere, transito, transizione), e aggettivi di relazione specialmente di ambito
geografico (transalpino, transpadano, transtiberino). La maggior parte delle parole di for-

Indicano un qualcosa identificato tramite una collocazione spaziale i composti esocentrici in cui la
preposizione sotto si premette a un nome (sottobicchiere,

sottopancia, sottopiede, sottosuolo), tali

formazioni sono di genere maschile indipendentemente dal genere del nome di base e, di norma,
invariabili al plurale; la natura del referente deve essere conosciuta enciclopedicamente o determinata pragmticamente (cfr. 3.1.2.).
I contesti fonologici che determinavano le diverse forme del prefisso non hanno pi effetto, cfr.
trafiggere, trasfondere,

transfrontaliera.

3.7. Funzioni semantiche

135

mazione latina sono state adattate gi nell'italiano trecentesco (quando non gi in latino)
nelle forme in tra- e tras-. Si premette produttivamente ad aggettivi di relazione e a nomi
specialmente d'ambito geografico (transaortico, transappeninico, transcorticale, transdanubiano, Transgiordania);1 alcuni di questi aggettivi sono sostantivati (il transatlantico),
formano un sottogruppo omogeneo nomi di genere femminile che denominano importanti
vie di collegamento (la transamazzonica, la transiberiana). E impiegato con valore pi
astratto in numerose neoformazioni per indicare qualcosa che al di l di quanto denominato dal sostantivo o dal nucleo nominale dell'aggettivo di base (transavanguardia, transdisciplinarit, transeconomia, transgenetico, transnazionale, transpartitico).2 Non produttivo davanti a verbi.
Tra- non produttivo. Le parole lemmatizzate pi recenti sono tramandare (a. 1598) e
tracimare (a. 1840). E presente davanti a verbi con i valori "al di l, oltre, da un luogo a un
altro" (traboccare, tramontare, trapiantare, trascendere, travalicare, travasare), "attraverso, da parte a parte" (tracannare, trafiggere, traforare, trapelare, trapungere, trasudare);
da questi valori si sviluppato quello di "trasformazione, cambiamento di stato, di condizione" presente in verbi quali tradurre, tralignare, travestire, travolgere, e quello "attenuativo" presente in trasognare. usato in alcune formazioni sia con valore locativo "in mezzo" (cfr. 3.7.1.1.5.) sia con valore intensificativo (cfr. 3.7.3.2.1.).
Tras- presente davanti a verbi con i valori "al di l, oltre, da un luogo a un altro" (trasferire, trasfondere, trasgredire, traslocare, trasmettere, trasvolare), con gli stessi valori
documentato anche davanti ad aggettivi di relazione (traspadano, trasteverino invece, da
un punto di vista sincronico, derivato da Trastevere). Esprime il valore "attraverso, da
parte a parte" in traslucido, trasparire. Indica "trasformazione, cambiamento di stato, di
condizione" in trasfigurare, trasformare, traslitterare. Non produttivo, ma talvolta utilizzato nell'adattamento di prestiti dall'inglese (trasdurre, trasversione).
Ultra- esprime valore locativo in un numero molto ridotto di formazioni premesso ad
aggettivi di relazione (ultraprovinciale, ultraterreno)', riconducibili al valore locativo sono
anche ultrasuono e ultravioletto. E pi usato con valore temporale (cfr. 3.7.1.2.2.), e soprattutto con valore intensificativo (cfr. 3.7.3.2.1.).
Oltre- la variante di tradizione diretta di ultra-, rispetto al quale forma un maggior numero di derivati con valore locativo. Con il significato "al di l, dall'altra parte", si premette produttivamente ad aggettivi di relazione e a nomi in formazioni di ambito prevalentemente geografico (oltremarino, oltremontano; oltralpe, oltrecortina, oltremanica, oltrep, oltretomba). I nomi sono esocentrici, invariabili, di genere maschile indipendentemente
dal genere della base, si possono quindi considerare composti preposizionali. Pu indicare
"superamento di un limite", premesso produttivamente ad aggettivi di relazione (oltrenaturale, oltreumano). Premesso ad aggettivi, ha valore intensificativo in un ristretto numero di
formazioni obsolete (cfr. 3.7.3.2.1.). Non produttivo davanti a verbi, l'unico verbo di uso
corrente oltrepassare, attestato gi nel 1292.

In questo uso si oppone a cis- (transalpino vs cisalpino).


Hanno significato idiosincratico le due neoformazioni transcontainer "container per trasporti
internazionali" e transessuale "persona che ha cambiato il proprio sesso"; con quest'ultimo significato trans pu essere usato come nome invariabile o con funzione appositiva in posizione
postnominale.

136

3. Prefissazione

Meta- presente in parole di origine greca non analizzabili (o difficilmente analizzabili)


in costituenti significativi da parte del parlante comune (metafora, metamorfosi, metastasi).
Premesso a un piccolo numero di aggettivi di relazione, ha il valore "oltre, al di l", riferito
al nucleo sostantivale dell'aggettivo (metapsichico). La fortuna di meta- dovuta alla reinterpretazione del termine metafisica, infatti usato per indicare un tipo di espressione o una
disciplina che si occupa della natura, della forma e dei limiti della disciplina o
dell'espressione artistica indicata dal nome cui premesso (metalinguistica, metamatematica, metapoesia, metaromanzo, metateoria). Con questo valore si pu usare ricorsivamente
per indicare gradi di astrazione maggiori (metametateoria), oppure, con valore iconico, per
indicare un alto grado di astrazione, o il pi alto grado di astrazione possibile (metametametaletteratura). Esprime diversi significati specifici in terminologie tecnico-scientifiche.
Per- presente in numerosi verbi (e nei loro derivati) di formazione latina (perdere, perdonare) e in alcuni aggettivi (perfido, perpetuo), in genere non analizzabili in costituenti
semantici dal punto di vista sincronico. Non produttivo nella lingua comune, invece
usato nelle terminologie tecnico-scientifiche sia con valore "intensificativo" (pertosse), sia
pi diffusamente con il valore originario "attraverso", premesso ad aggettivi di relazione
(percutaneo, perlinguale). Tra i verbi di origine latina in cui identificabile il valore locativo "attraverso": percorrere, perforare, perseguire. In altri verbi il prefisso esprime valore
"intensificativo": perlustrare, permanere.
Esprime il significato "attraverso" anche dia-, presente in diverse parole di uso corrente (specialmente
nomi) di origine greca e latina (diadema, diaframma, diagnosi, diagonale, dialogo, diametro, diavolo), ed impiegato produttivamente nella formazione di termini di ambito tecnico-scientifico. La fortuna del termine diacronia in linguistica ha favorito la formazione della serie costituita da diafasico,
diamesico, diastratico, diatopico e di altri termini quali diasistema.
3.7.1.1.10. "Intorno": circum- ci
Circum- presente con il valore "intorno" in un piccolo numero di parole di origine latina
(circumnavigare), la sua produttivit limitata alla formazione di aggettivi di ambito geografico (circumlunare, circumterrestre, circumvesuviano). Sono di origine latina, una dozzina di parole, tra cui circondare, circonferenza, circonvallazione, in cui il prefisso compare nella forma adattata circom-ln-.
Il valore "intorno" espresso anche dagli elementi formativi peri- e anfi-, presenti in alcune parole di
uso corrente di origine classica (anfibio, anfiteatro, periferia, perimetro), ed impiegati produttivamente nella formazione di termini di ambito tecnico-scientifico.
3.7.1.1.11. "Al di qua": cis-, citra- ci
La produttivit di cis- limitata ad alcuni aggettivi di relazione di ambito geografico in cui
indica posizione "al di qua" del punto di riferimento costituito dal nucleo nominale
dell'aggettivo (cisalpino, cislunare), pochissime le basi nominali (Ciscaucasia, Cisgiordania), si oppone a trans- (cisalpino vs transalpino, cispadano vs transpadano). Ha significato e funzioni analoghi l'improduttivo e poco impiegato citra- (citramontano).

3.7. Funzioni

137

semantiche

3.7.1.1.12. "Provenienza, separazione, allontanamento":


ab-, de-, di-, dis-, e-les-, s-, se- ci
De-\ il valore locativo di "separazione, allontanamento" presente in parole di origine
latina (decadere, deportare, detrarre, deviare), e in verbi, per lo pi di origine francese, di
cui non attestato il verbo denominale non prefissato (depistare, deragliare), praticamente improduttivo in questo impiego. Poco produttiva anche la prefissazione di aggettivi
di relazione documentata da termini linguistici come denominale, deverbale, in cui il prefisso esprime valore di "provenienza".
Dis- con il valore di "separazione, allontanamento" presente in numerose parole di origine latina (specialmente verbi e loro derivati), motivate in diverso grado per il parlante
comune (discernere, discutere, disgiungere, dislocare, disperdere, disseminare, disporre,
distrarre). Pochissime le parole di formazione moderna con questo significato (disarcionare, discostare), cos come gli analoghi derivati con de-, si tratta di verbi di cui non attestato il verbo denominale non prefissato.
Ab- presente in un piccolo numero di parole di origine latina scarsamente analizzabili
in costituenti significativi da parte del parlante comune (abortire, abrogare, assorbire), ed
usato produttivamente con il significato "da, via da" solo per la formazione di parole di
ambito tecnico-scientifico (abdurre, con i derivati abduttore e abduzione, ablazione).
Nei prefissi riconducibili al latino ex-, cio s-, e-les-,1 la nozione di "separazione, allontanamento" si accompagna con quella di "movimento da dentro verso fuori". Il prefisso s-
presente in numerose formazioni, e si premette produttivamente a verbi parasintetici tramite
sostituzione di prefisso (sbarcare, sfornare, scarcerare, sloggiare, snidare, svasare) e, in
un numero minore di casi, a verbi denominali in genere non attestati (sdoganare, sfoderare,
spostare, sviare). Il prefisso e-les-, improduttivo in parole della lingua comune, esprime il
significato di "separazione, allontanamento" in pochi verbi, quasi tutti d'origine latina, non
necessariamente motivati semanticamente per il parlante comune (emanare, emarginare,
emergere, emigrare, eruttare, espatriare, espettorare, esumare, evadere).
Di-: variante di tradizione diretta del prefisso de-, presente con il valore di "separazione, allontanamento" in pochi verbi (e loro derivati), tra cui dipartire, dirottare. Non produttivo.
Se- non produttivo. presente con il valore "separazione, allontanamento " in verbi (e loro derivati) di origine latina non analizzabili in costituenti significativi da parte del parlante comune (secernere, secessione, sedurre, selezione,

separare).

Costituiscono casi isolati, e non sono il risultato di regole di formazione di parole produttive, i
verbi straripare e tracimare.

3.7.1.1.13. "Relazione gerarchica": bis-, contro-, pro-, sotto-, sub-, vice- a


riconducibile all'espressione di valori locativi anche l'impiego dei prefissi per esprimere
posizione all'interno di una gerarchia.
Vice-, con impiego analogo a quello di pro-, si premette produttivamente, con il valore
"in vece di, che fa le funzioni di", a nomi che indicano professione, carica, ufficio, per
indicare chi autorizzato a sostituire il titolare in caso di sua assenza o impedimento, (vice1

Insolitamente ricca la bibliografia su questi prefissi: Devoto 1939, Br0ndal 1940-1941, Marchand
1953, Gatti / Togni 1991, Mayo et al. 1995, Schepping 1996b, Ernst 1997.

138

3.

Prefissazione

comandante, vicer, vicesindaco), oppure, con impiego analogo a quello di sotto-, chi ha
grado o funzioni immediatamente inferiori a quelli indicati dal nome di base (viceammiraglio, vicepretore, vicesegretario).
Pro- usato produttivamente, con impiego analogo a quello di vice-, premesso a nomi
che indicano professione, carica, ufficio, per indicare chi autorizzato a sostituire il titolare
in caso di sua assenza o impedimento (prorettore, pro-Segretario di Stato, prosindaco). Sul
modello rappresentato da pronome, sono stati formati alcuni termini della linguistica, tra
cui proavverbio, proforma. Premesso a nomi di parentela, indica ascendenza o, anche,
discendenza diretta o indiretta (proavo, pronipote, prozio).
Sotto- usato produttivamente, con impiego analogo a quello di vice-, premesso a nomi
che indicano professione, carica, ufficio, per indicare chi ha grado o funzione immediatamente inferiori a quelli indicati dal nome di base (sottocapo, sottocuoco, sottosegretario,
sottotenente). Premesso a nomi inanimati, pu indicare una delle parti in cui un insieme
diviso o distinto (sottocommissione, sottodialetto, sottogruppo).
Sub- premesso a nomi, pu indicare subordinazione gerarchica (subagente, subcomandante).
Bis- premesso a nomi di parentela, indica il grado immediatamente successivo a quello
indicato dal nome di base (bisnonno, bisnipote), ma anche grado genericamente lontano
(biscugino). Non produttivo. In alcune terminologie tecnico-scientifiche indica il grado
successivo di una serie (biscroma, bisdrucciolo).
Contro-, ristretto al caso di contrammiraglio, ha il significato di subordinazione
all'interno di un ordine gerarchico. Nella terminologia della musica, indica voce o strumento dal suono pi grave di quello indicato dal nome di base (contralto, controfagotto,
controviolino).

3.7.1.2.

Valori temporali ci

I prefissi usati per esprimere valori temporali derivano il loro significato da una metafora
che reinterpreta l'opposizione direzionale con lo scorrere del tempo: l'anteriorit posizionale viene reinterpretata come precedenza nel tempo, mentre la posizione posteriore con il
futuro.
3.7.1.2.1. "Prima": ante-, anti-2, avan-, ex-, pre-, pro- a
Pre- il prefisso pi impiegato con valore di precedenza temporale, si premette produttivamente a verbi, aggettivi di relazione, nomi. I verbi sono numerosi (preavvisare, preconfezionare, predeterminare, predire, predisporre, preesistere, prefabbricare, premeditare,
presentire)', si pu premettere anche ad aggettivi participiali senza che sia necessariamente
attestato il verbo prefissato corrispondente (precotto, precucinato, preindicato, preselezionato), i verbi prefissati sono comunque possibili, e talvolta successivamente attestati. Premesso a nomi, forma derivati endocentrici ed esocentrici. I nomi prefissati esocentrici hanno di norma come base un nome non deverbale (preallarme, preistoria, presalario), mentre
le basi dei derivati endocentrici sono in maggioranza deverbali (precompressione, precottura, prelavaggio, prepagamento, preriscaldamento), per essi ipotizzabile anche la derivazione per suffissazione da verbi prefissati, bench il verbo prefissato corrispondente sia

3.7. Funzioni

semantiche

139

attestato solo per una minoranza di tali nomi. Premesso a nomi che indicano una tendenza
artistica o una corrente di pensiero, pu indicare la fase che la precede, condividendone
alcune caratteristiche identificati ve {preidealismo, preromanticismo). Molto numerose le
formazioni con aggettivi di relazione (prebellico, preindustriale, prematrimoniale, preolimpionico, prescolare), spesso in opposizione semantica con i derivati in post-, presente
in numerose parole d'origine latina, alcune delle quali non del tutto motivate per il parlante
contemporaneo (precauzione, precetto, precoce, predicare, preferire, prenotare, preoccupare, preparare, prepotente).
Ante- presente in una quindicina di formazioni correnti, ed di scarsa produttivit. Si
premette ad aggettivi di relazione (antebellico, antelunare) e a nomi in formazioni esocentriche, dando luogo ad un piccolo numero di aggettivi e nomi invariabili di genere maschile
indipendentemente dal genere del nome a cui premesso (anteguerra, antemarcia). E attestato davanti a verbi solo in parole di origine latina (antecedere, con i derivati antecedente,
antecedenza), sono pure di origine latina parole motivate in diverso grado per il parlante
comune (antefatto, antemeridiano, antenato).
Anti-2 presente in pochi verbi (e loro derivati) di formazione latina, fra cui anticipare,
ed impiegato in uno scarso numero di formazioni moderne di uso corrente premesso a
nomi e ad aggettivi di relazione (antidiluviano, antipasto, antivigilia). Nonostante che i
derivati nominali siano esocentrici, il genere di questi nomi determinato da quello della
base, il plurale quindi regolare. di scarsa, se non nulla, produttivit in questo impiego.
Ex- impiegato produttivamente soprattutto davanti a nomi, in particolare davanti a
quelli che designano una carica, un mestiere, un ruolo sociale, per indicarne la cessazione,
la perdita (ex-combattente, exministro, exterrorista). Si premette a nomi che denotano una
persona o un oggetto concreto per indicare qualcosa che non si ha, non si usa o non si frequenta pi, qualcuno con il quale non si hanno pi determinate relazioni (un ex-amico, la
mia ex-automobile, la excasa di Carlo, un ex-giocatore della Roma). Pu essere usato davanti a sigle, nomi propri, composti e anche a sintagmi nominali (ex-DC, ex Repubblica
Democratica Tedesca, ex nave traghetto, ex-capitano del SID)\ il prefisso pu fare riferimento sia all'intero sintagma nominale che al solo sostantivo, ad esempio, un ex-giocatore
romanista pu essere sia un calciatore passato a un'altra squadra ("ex-romanista") sia un
calciatore che ha smesso di giocare ("ex-giocatore"). Meno frequente, ma produttivo, l'uso
davanti ad aggettivi di relazione (territori ex-italiani, calciatore ex-interista).
Avan- si premette a nomi, e forma pochi derivati esocentrici (avanscoperta, avanspettacolo), di
scarsa o nulla produttivit in questo impiego.
Pro- non produttivo con valore temporale. presente in verbi (e nei loro derivati) di formazione
latina scarsamente motivati, o non motivati per il parlante comune (proclamare, proferire, progettare,
pronunziare, propagare). Tra i pochissimi verbi di formazione italiana: procacciare, profilare.
3.7.1.2.2. "Dopo": post-, retro-, sopra-I sovra-, ultra- ci
Post- il prefisso pi impiegato di questo gruppo, premesso a nomi forma derivati, prevalentemente di tipo esocentrico, il cui genere determinato dalla base (postadolescente,
postcomunismo, postconsumismo, postriunifcazion). Il maggior numero di basi rappresentato da aggettivi di relazione (postbellico, postelettorale, postoperatorio, postprandiale),
si premette soprattutto ad aggettivi che si riferiscono a una corrente di pensiero, una ten-

140

3. Prefissazione

denza artistica, un periodo storico (postcrepuscolare, postcristiano, postindustriale, postkantiano, postminimalista, postmoderno, postnucleare). Si contrappone a pre- e a anti-2.
usato produttivamente nella formazione di aggettivi invariabili la cui base un nome che
non ha un aggettivo di relazione corrente o disponibile (specializzazione postdiploma, era
postkaraoke, periodo postparto)\ attestato anche premesso a sigle (scrittore postCCCP), e
a cifre (movimenti post-68). presente in un numero limitato di verbi (e loro derivati) di
formazione latina {posporre, posticipare), ma non produttivo con basi verbali.1
Retro- usato con valore temporale in pochissime parole, premesso a verbi e ad aggettivi deverbali (retroattivo, retrodatare, retrospettivo).
Sopra- (con la variante sovra-) indica posteriorit temporale premesso a un piccolo numero di verbi (sopraggiungere, sopravvenire, sopravvivere).
Ultra- premesso ad aggettivi, ha il valore "oltre, al di l" (ultracentenario, ultrasettantenne, ultratrentennale).
3.7.1.2.3. "In mezzo": infra-, inter- ci
Inter- usato per indicare "posizione intermedia nel tempo" in un numero ristretto di formazioni premesso ad aggettivi di relazione, nomi e verbi (intercedere, intercorrere, interglaciale, interludio, interlunio, interregno, interscuola).
Infra- esprime il valore temporale "tra, in mezzo", in un numero limitatissimo di parole, tra cui infrasettimanale. Non produttivo con questo significato.
3.7.1.2.4. "Nuovo": neo- ci
Neo-2 premesso produttivamente a nomi che designano una corrente di pensiero, una teoria
artistica, una posizione politica, ha i valori "nuovo, ripresa" in numerose formazioni (neoavanguardia, neocattolicesimo, neodarwinismo, neoecologismo, neofascismo, neogarantismo, neorazzismo, neorinascimento, neoscolastica). Per ognuno di questi nomi attestato o
possibile il nome formato per conversione da un aggettivo (spesso suffissato con -ista)
che denota il seguace, il sostenitore di tali teorie o ideologie (neordawinista, neofascista,
neoscolastico). Esprime gli stessi valori premesso produttivamente ad aggettivi di relazione
(neocrepuscolare, neoindustriale, neoliberale). La relazione morfologica fra aggettivi come
neoliberale e nomi derivati come neoliberalismo problematica: infatti, mentre liberalismo
un derivato di liberale, la parafrasi semantica di neoliberale fa riferimento al neoliberalismo, dal momento che le regole di derivazione per sottrazione (neoliberalismo * neoliberale) sono rare e non rispondenti al principio di corrispondenza tra forma e contenuto, si
pu ipotizzare per forme come neoliberalismo casi di motivazione doppia, considerando
cio possibili sia la struttura [neo- + [liberalismo]n]n sia [[neoliberale]A + -.smo]N. Premesso a nomi e ad aggettivi che indicano una condizione, un ruolo sociale, ha il valore "da
poco tempo" (neoambasciatore, neocandidato, neodeputato, neogenitore, neonato, neopatentato, neosottosegretario), in questa accezione si pu premettere anche a sintagmi nomi-

li verbo postdatare, attestato in italiano intorno al 1950, un latinismo accolto in italiano molto
probabilmente tramite l'inglese.
Sul prefisso neo-, cfr. Rainer 1989b.

3.7. Funzioni

semantiche

141

nali (neo capo della polizia, neo-Ministro degli Esteri), si oppone a ex- (neopresidente vs
expresidente). Premesso a nomi che indicano popoli, lingue, ha il valore "ultima fase, fase
pi recente" (neoaramaico, neogreco, neoitaliano). Lo stesso valore si ha in diverse terminologie tecnico-scientifiche (neocorteccia, neoglaciale), in cui pu essere usato anche premesso a elementi formativi.

3.7.2. Negazione ci
I prefissi che esprimono valori di tipo negativo1 si possono raggruppare in cinque tipi, a
seconda della relazione che determinano tra la base e la parola derivata. Distinguiamo
quindi i prefissi che esprimono: opposizione, contraddizione, contrariet, privazione, reversione. I prefissi che esprimono "opposizione" e il prefisso non- che esprime "contraddizione" non sono impiegati con altri significati di tipo negativo. Fra i prefissi che esprimono
"opposizione", anti-1 il prefisso pi usato davanti a nomi e ad aggettivi (ma non pu essere usato davanti a verbi), mentre contro- si pu premettere anche a verbi. Pi complessa la
distinzione tra gli impieghi dei prefissi che esprimono "contrariet", "privazione" e "reversione". Limitandoci agli impieghi produttivi, i prefissi a-, in-2, dis- possono esprimere sia
valore contrario sia privativo, i prefissi de-, dis-, s- possono esprimere sia valore privativo
sia reversativo. L'impiego dei prefissi nei diversi valori negativi anche connesso con la
categoria delle basi. Il significato di contrariet, definibile come la relazione tra due elementi tale che la negazione dell'uno non implica l'affermazione dell'altro (es. utile / inutile), viene espresso tipicamente con basi aggettivali, ma anche con verbi non telici, mentre il
significato privativo, cio l'espressione della mancanza o della carenza di quanto denotato
dalla base (es. ordine / disordine) richiede tipicamente basi nominali, e quindi in primo
luogo sostantivi, ma anche verbi denominali. La differenza di scopus semantico distingue
l'impiego con valore privativo da quello con valore reversativo dei prefissi de-, dis-, sdavanti a verbi. La reversione, essendo il processo di ristabilimento delle condizioni precedenti a quelle risultanti da una determinata azione, espressa con basi verbali. L'azione
semantica dei prefissi con valore reversativo riguarda il complesso dell'azione espressa dal
verbo, mentre l'impiego con valore privativo ha come scopus semantico il nucleo nominale
del verbo, si pensi alla differenza tra stappare nel senso di "togliere il tappo" (valore privativo) e nel senso di "aprire una bottiglia" (valore reversativo), cio l'azione che ristabilisce
le condizioni precedenti all'azione di tappare. Di conseguenza numerosi verbi denominali
(es. scartare, sgrassare) possono avere sia interpretazione privativa sia interpretazione
reversativa. L'interpretazione privativa la sola possibile nel caso in cui il verbo non prefissato descriva uno stato intrinseco o una condizione normalmente inalienabile (deteinare,
diserbare, sbucciare), ma non tutti i verbi denominali prefissati permettono
un'interpretazione privativa (es. sfiorire, non significa "togliere i fiori").

Sulla prefissazione negativa, cfr. Tekavi 1970; 1974-1975. Dedicati al prefisso s-: Devoto 1939,
Br0ndal 1940-1941, Marchand 1953, Gatti / Togni 1991, Mayo et al. 1995, Schepping 1996b,
Ernst 1997.

142

3.

Prefissazione

3.7.2.1. "Opposizione": anti-1, contra-, contro- ci


Anti-1 usato produttivamente in numerose formazioni, ed esprime due significati principali: un significato antonimico parafrasabile "il contrario di N" (antieroe, antimateria), e un
significato antagonistico parafrasabile "contro N" (anticlericale, antifascismo, antinebbia),
in cui rappresenta il nome di base o il nucleo nominale dell'aggettivo di relazione. Nel
primo significato si premette a nomi, in genere non derivati, per formare parole che denotano caratteristiche opposte o contrarie a quelle espresse dalla base nominale (antiarte, anticinema, anticultura, antidivo, antieroe, antifilm, antilingua, antinarrativa, antistato, antiteatro, antivacanza); ad esempio, un antiromanzo un romanzo che ha caratteristiche opposte a quelle tipiche di un romanzo tradizionale. In queste formazioni il genere del nome
prefissato determinato da quello del nome di base e il plurale regolare. Il valore semantico "antonimico" collegato con quello "antagonistico", rappresentato da nomi come antifascismo, antipapa e aggettivi come anticostituzionale, antimacchia. L'interpretazione
semantica antonimica non esclude, infatti, una possibile lettura antagonistica: un antieroe
pu essere sia la persona che ha caratteristiche opposte a quelle dell'eroe sia colui che si
oppone all'eroe; l'antiarte l'arte con caratteristiche opposte a quelle tipiche dell'arte tradizionale, ma con provvedimento antiarte si intende un provvedimento contrario all'arte.
Perch sia possibile passare da un'interpretazione antonimica a una antagonistica necessario che la parafrasi semantica sia di tipo endocntrico, " contro ", mentre nel caso di
parafrasi esocentriche "X contro N" l'interpretazione antagonistica la sola possibile, come
pure nel caso in cui il derivato sia un aggettivo di relazione. Nel secondo significato "contro
N" si premette a nomi (anticonsumismo, anticonformismo, anticristo, anticritica, antifascismo, antimarxismo, antipapa, antirealismo, antisemitismo, antiterrorismo) e soprattutto ad
aggettivi di relazione riferito al nucleo nominale dell'aggettivo (antiatomico, anticellulitico,
anticlericale, anticoncezionale, anticostituzionale, antidemocratico, antidivorzistico, antifamiliare, antinfortunistico, antinucleare, antiparlamentare, antipartitico, antipopolare,
antirivoluzionario, antisismico), questo secondo significato, oltre alla semplice opposizione, pu comportare l'annullamento o la prevenzione di quanto denotato dal nome di base,
ad esempio un massaggio antistress un massaggio che elimina lo stress, un vaccino antitetanico un vaccino che previene le conseguenze del tetano. La grande maggioranza dei
nomi sono suffissati con -ismo, e di norma a ciascuno di essi corrisponde un aggettivo in
-ista (es. anticonformismo / anticonformista, antifascismo / antifascista), che a sua volta
pu essere usato anche come nome. L'interpretazione semantica dei derivati in -ista in
genere duplice: l'aggettivo antifascista pu significare sia "contro chi / ci che fascista"
sia "contro il fascismo"; in alcune formazioni quest'ultima interpretazione la sola corrente, ad esempio il significato usuale di antialcolista "chi contro l'alcolismo", e non "chi
contro l'alcolista o gli alcolisti". Sono molto numerosi gli aggettivi da basi sostantivali che
non hanno un aggettivo di relazione corrente o disponibile (crema antirughe, dispositivo
antifurto, faro antinebbia, protezione antigrandine, squadra antidroga). In questo tipo di
formazione anti-1 pu essere preposto anche a un nome proprio (una legge anti-Berlusconi,
la guerra anti-Iraq)', a un nome di origine straniera (antidoping, antiskating), a nomi al plurale (provvedimento anti-immigrati), a un sintagma nominale (una posizione anti-Presidente della Repubblica, un farmaco anti-fame di dolci). Tra le numerosissime neoformazioni: anticaos, anticarie, anticrisi, antifatica, antifila, antifumo, antifurto, antigelo, anti-invecchiamento, antimacchia, antimafia, antimissile, antinarcos, antineri, antisfonda-

3.7. Funzioni semantiche

143

mento, antisofisticazione, antistress, antiterrorismo, antitruffa, antiurto, antivirus. Si pu


premettere anche ad aggettivi deverbali (antiabbagliante, antiappannante, anticoagulante,
anticongelante, antinnovativo), tale valore si riferisce al nomen actionis del verbo, es. anticongelante "contro il congelamento". Esistono casi di formazioni parallele che formano
coppie sinonimiche generate da basi nominali e aggettivali, ad esempio antiblocco / antibloccante, anti-Gorbaciov / anti-gorbacioviano, antimissile / antimissilistico, antisdrucciolo / antisdrucciolevole.
Contro- premesso produttivamente a nomi, indica azione contraria dello stesso tipo
(contrattacco, controffensiva, controquerela, controriforma, controspionaggio). Dal significato principale derivano quelli di "annullamento, modificazione" (contrordine), "verifica,
riscontro" (contromarca, controprova), "scambio, sostituzione" (controfigura), e quello pi
diffuso e produttivo di "tendenza, posizione contraria a quella ufficiale, dominante" (controcultura, controinformazione, contropotere). Forma produttivamente aggettivi da basi
sostantivali che non hanno un aggettivo di relazione corrente o disponibile (contraereo,
controcarro) con funzione analoga al pi usato anti-1. Si premette produttivamente a verbi,
in genere per esprimere un'azione che ha lo scopo di opporsi, ribaltandone i risultati, a
quella indicata dal verbo di base (controbattere, controindicare), da questo significato si
pu sviluppare il valore di "reciprocit" (controbilanciare). Poche le basi costituite da aggettivi o da aggettivi di relazione (controfattuale, controrivoluzionario).
Contra- ha significato e impieghi analoghi a contro-. Non produttivo, ma presente in pi di un
centinaio di parole di origine latina o di formazione italiana (contrabbando, contrabbasso, contraccambiare, contraccolpo, contraddire, contraffare, contrassegno, contrattempo).

3.7.2.2. "Contraddizione": non- a


La negazione contraddittoria una relazione tra due elementi tale che la negazione dell'uno
implica l'affermazione dell'altro in un rapporto di mutua esclusione.
Non- l'unico prefisso che esprime tale relazione, si premette principalmente a nomi di
azione o di qualit, ma anche a nomi di agente (non-belligeranza,
nonconformismo,
non-docente, nonesistenza, non-intervento, non-menzione, non-residente, nonsenso).1 Premesso a nomi concreti, pu designare un oggetto, una sostanza che ha alcune caratteristiche
simili a quelle indicate dal nome di base, ma diversa composizione (non-metallo,
non-sapone, non-tessuto). Premesso a nomi astratti, pu indicare un qualcosa caratterizzato
dall'assenza di alcune sue caratteristiche prototipiche (un non-film, una non-storia), con
significato simile al valore antonimico di anti-1.

3.7.2.3. "Contrariet": a-, dis-, in-2, mis-, s- ci


In-1 esprime il valore "contrariet" premesso produttivamente a numerosi aggettivi (illegittimo, illimitato, illogico, imbattibile, immobile, implausibile, incapace, incerto, incompleto,

Ha valore eufemistico in alcune neoformazioni, come non deambulante, non udente, non vedente,
esprimendo al contempo il proprio valore fondamentale di negazione contraddittoria.

144

3.

Prefissazione

indeciso, indegno, indisboscabile, indiscutibile, indisgiungibile, inefficace,


inesistente,
inespresso, infedele, ingiusto, insalubre, intrasportabile, irrazionale, irriverente, irriferito).
In alcune formazioni (es. immancabile, infaticabile) la base non una parola usuale o attestata dai dizionari, ma comunque una parola possibile (cfr. 4.3.3.). Si usa molto raramente
premesso a nomi (illiceit, insuccesso, irrealt), tanto da far dubitare che si tratti di un vero
e proprio processo derivazionale; i numerosi nomi in -ione e -(z)a (impreparazione, inadempienza, incompetenza, insoddisfazione) sono riconducibili ai corrispettivi aggettivi in
-nte o in -to, mentre sono di origine latina nomi come incuria, inedia, inimicizia, insipienza.
Non si premette a verbi: formazioni come immobilizzare, inutilizzare, sono il risultato della
suffissazione di aggettivi prefissati.
A- impiegato produttivamente in un numero limitato di formazioni premesso ad aggettivi di relazione (acattolico, aconfessionale, acomunista, apartitico, apolitico), dal momento che si tratta di aggettivi denominali, non sempre possibile distinguere il significato
di contrariet da quello di privazione. Dal confronto degli aggettivi prefissati con a- (es.
amorale, areligioso) con le formazioni corradicali con anti-1 e in-2 (antireligioso, immorale), si nota che le formazioni con a- tendono verso una negazione di tipo complementare, in
una relazione tale per cui la negazione implica l'asserzione del termine non prefissato (e
viceversa) in un universo semantico di tipo dicotomico. Di qui l'assenza di sfumature connotative dei prefissati con a- rispetto a quelli con anti-1 e in-2, i quali ultimi sono usati per
esprimere rispettivamente contrasto e una connotazione avversativa. Questa specializzazione di senso confermata anche nelle neoformazioni: si confronti alegale con illegale. Non
si premette a verbi; i pochi esempi attestati sono frutto della suffissazione di aggettivi prefissati {anestetizzare, asettizzare, atrofizzare).
Dis- si premette produttivamente ad aggettivi (disabitato, disadorno, disagevole, disattento, disavveduto, discontinuo, disonesto, disumano), le neoformazioni aggettivali non
sono numerose (disabile, disadattato, disalienante), in questo uso gli infatti preferito in-2,
ma sono possibili anche coppie sinonimiche o quasi sinonimiche derivate con i due prefissi
dalle stesse basi (disabitato / inabitato, disumano / inumano). Si premette produttivamente
a verbi non telici non perfettivi (disapprovare, disattendere, disinteressarsi, disobbedire).1
S- si premette con valore di negazione contraria a una dozzina di aggettivi (scomodo,
scontento, scorretto, scortese, sfavorevole, sgradevole, sleale, spiacevole). Non pi produttivo in questo impiego.
Mis- esprime valore contrario con connotazione peggiorativa in un ristretto numero di
formazioni per lo pi di origine francese, le pi diffuse delle quali sono misconoscere, miscredente, misfatto, misleale. Le rare neoformazioni sono dovute all'influsso dei termini
analogamente prefissati in lingue straniere moderne (miscalcolare, misinterpretare).2

3.7.2.4. "Privazione": a-, de-, di-, dis-, e-les-, in-2, s- ci


I derivati con significato privativo esprimono la mancanza o la carenza di quanto denotato
dalla parola di base, di conseguenza possono veicolare una connotazione peggiorativa.

Le formazioni di questo tipo sono di numero minore rispetto a quelle di valore reversativo, che
hanno invece come basi verbi trasformativi e risultativi, cfr. 3.7.2.5.
Su mis-, cfr. Staaff 1927, Meier 1980.

3.7. Funzioni

semantiche

145

De- ha significato privativo in numerosi derivati, la maggior parte di recente formazione,


premesso a verbi denominali attestati o possibili (decaffeinare, decongestionare,
defogliare,
dequalificare, detassare). Ha valore e funzioni analoghi a quelli di s-, esistono quindi formazioni parallele (degusciare / sgusciare, demagliare / smagliare), in queste coppie i derivati con de- appartengono di norma a un registro pi elevato o a un ambito tecnicoscientifico; sono possibili specializzazioni semantiche (cfr. defogliare / sfogliare). Sono
riconducibili a verbi possibili ma non attestati anche un piccolo numero di aggettivi, quali
decerato, deteinato (cfr. 4.3.1.) Sono di origine latina un limitatissimo numero di aggettivi
denominali (deforme, demente).
Di- la variante di tradizione diretta del prefisso de-. presente in alcuni verbi di formazione latina (discendere, disperare). Non produttivo; in italiano stato impiegato con
valore privativo nella formazione di un piccolo numero di verbi con base sostantivale di cui
non attestato il verbo non prefissato (diraspare, dirozzare, dirugginire).
Dis- premesso produttivamente a nomi, esprime i valori "privazione, mancanza" (disaccordo, disagio, disamore, discredito, disgrazia, dislivello, disonore, disordine, disuguaglianza, disunit); in casi come disillusione, disinteresse non sempre possibile decidere se
si tratti della prefissazione di nomi o della derivazione di verbi prefissati. Si premette produttivamente a verbi denominali, per lo pi possibili ma non attestati (disalberare, diserbare, disossare, dissalare, dissanguare)', tra i verbi che permettono sia interpretazione privativa sia reversativa: disarmare, disossidare, dissellare.
S- si premette produttivamente a verbi denominali attestati (smacchiare, smascherare,
stappare) o possibili ma non attestati (sbarbare, sbucciare, scortecciare, smembrare, spellare), numerosi anche i casi di formazione per sostituzione di prefisso a partire da verbi
parasintetici (schiodare, sterrare, svitare); nei casi di verbi di base attestati (denominali
formati per conversione o parasintetici) possibile anche un'interpretazione reversativa.
Premesso a nomi, ha valore privativo con connotazione peggiorativa in un ristretto numero
di formazioni (sfiducia, sfortuna, sproporzione, sventura); in aggettivi come sfortunato,
smisurato, screanzato, il prefisso esprime valore privativo se riferito al nucleo nominale
("privo di fortuna"), valore contrario se riferito all'aggettivo suffissato ("non fortunato").
Ha valore peggiorativo premesso a verbi in un ristretto numero di formazioni (sgovernare,
sparlare, sragionare, svendere).
E-les- esprime valore privativo in verbi denominali di origine latina (enervare, eradicare, evirare). E impiegato produttivamente, premesso a nomi e ad aggettivi di relazione, solo
in termini di ambito tecnico-scientifico (evertebrato).
A- ha significato privativo premesso ad aggettivi di relazione la cui base costituita nella
generalit dei casi da un nome astratto (acritico, adimensionale, asessuale, asistematico,
atemporale); usato, in un numero minore di formazioni, anche premesso a nomi (asimmetria), e ad aggettivi (atossico).
In-2: i derivati con valore privativo si contano sulla punta delle dita di una mano (incultura, inesperienza). Esprimono valore privativo anche i nomi derivati tramite suffissazione
da aggettivi prefissati in cui il prefisso esprime valore contrario (incertezza, insicurezza).
Ha valore privativo anche in alcuni aggettivi denominali di formazione latina (imberbe,
implume, incolore, incoloro, inerme, inerte, inodore, inodoro, insapore, insaporo), cft.
4.3.3.

146

3.

Prefissazione

3.7.2.5. "Reversione": de-, dis-, s- a


La reversione la possibilit di ristabilire le condizioni precedenti a quelle risultanti da
un'azione determinata. Se il risultato dell'azione pu essere visto come l'entrata in uno
stato, la reversione pu essere vista come l'uscita da quel determinato stato: non a caso i
prefissi che esprimono la reversione sono gli stessi che esprimono significati locativi di
separazione e allontanamento. Il rapporto reversativo pu esser indicato anche da
un'opposizione lessicale (es. entrare / uscire), ma tramite la prefissazione che pi tipicamente espresso, anche perch in questo caso chiaramente segnalata la relazione tra i due
verbi: il verbo non prefissato esprime l'azione che porta a uno stato risultante, il verbo
prefissato invece indica l'azione reversativa (es. fare / disfare), mentre in coppie come
entrare / uscire la relazione di reversione non necessariamente orientata, anche se la tendenza quella di considerare il verbo avente polarit positiva come basilare e quello con
polarit negativa come reversativo. L'azione reversativa non implica necessariamente lo
svolgimento all'inverso dell'azione di cui annulla gli effetti: se, per esempio, l'azione di
slegare pu essere svolta con un processo all'inverso di quella di legare, non lo stesso per
quella di disincrostare rispetto ad incrostare. I prefissi reversativi hanno di norma come
basi verbi che indicano un processo telico: perch si possa avere un'azione reversativa
occorre che il verbo di base descriva il raggiungimento di uno stato, con la restrizione ulteriore che possano essere ristabilite le condizioni precedenti (non sono, ad esempio, possibili
formazioni come *dismorire); costituiscono casi marginali verbi che descrivono processi
durativi non telici (es. crescere / decrescere). La stretta relazione fra il verbo di base e il
prefissato con valore reversativo favorisce le formazioni con sostituzione di prefisso, soprattutto nel caso dei derivati con s- (scoraggiare vs incoraggiare, sparire vs apparire), ma
anche, seppure in un minor numero di casi, nei derivati con de- e con dis- (decelerare vs
accelerare, decentrare vs accentrare-, dissetare vs assetare, districare vs intricare).
S- esprime produttivamente valore reversativo in numerosi verbi (sbloccare, sburocratizzare, scaricare, scongelare, scristianizzare, scucire, sgonfiare, slegare, smagnetizzare,
smitizzare, spettinare, sprovincializzare, svestire). Molto numerose le formazioni con sostituzione di prefisso, specialmente a partire da verbi parasintetici (sbottonare vs abbottonare, scatenare vs incatenare, scartare vs incartare, schiodare vs inchiodare, scorporare
vs incorporare, screditare vs accreditare, sganciare vs agganciare, sgrassare vs ingrassare, spolverare vs impolverare, srotolare vs arrotolare, staccare vs attaccare, svitare vs
avvitare).
De- ha valore reversativo in numerosi verbi {decodificare, decomporre, decomprimere,
decongelare, decontaminare, demilitarizzare, denasalizzare, depolarizzare, destabilizzare),
la sua produttivit nettamente cresciuta a partire dal secondo dopoguerra, specialmente
davanti a verbi suffissati con -izzare (decontestualizzare, deresponsabilizzare), tanto che
Dardano 1978, 132-133 considera un evento centrale della formazione delle parole
dell'italiano contemporaneo lo sviluppo del microsistema che vede il verbo prefissato con
de-, con valore reversativo, ad esempio demagnetizzare, come fase intermedia fra l'azione
espressa dal verbo di base (magnetizzare) e la sua ripetizione o ristabilimento (rimagnetizzare). La stretta relazione fra i verbi in -izzare e i derivati in -zione fa s che siano attestati
nomi deverbali prefissati con de- senza che sia necessariamente attestato il verbo prefissato
corrispondente; le neoformazioni sono molto numerose (tra queste: denuclearizzare, depe-

3.7. Funzioni

semantiche

147

nalizzare, deprogrammare, deregolamentare, de ritualizzare, desacralizzare, descolarizzare) e molte delle lacune accidentali tendono a colmarsi.
Dis- esprime produttivamente valore reversativo premesso a verbi (disatomizzare, disconnettere, diserotizzare, disfare, disidratare, disincentivare, disinquinare disossidare,
disseppellire, disunire).

3.7.3. Alterazione: valori dimensionali e valutativi a


L'alterazione pu essere espressa tramite l'affissazione per mezzo sia di prefissi sia di suffissi (cfr. 5.1.1.7. e 5.2.3.), ma anche con altri procedimenti non affissali, quali l'uso di
avverbi (es. molto, poco ecc.) e la ripetizione (es. piccolo piccolo, vicino vicino).11 prefissi
con valore alterativo possono modificare la parola di base secondo due polarit: una positiva tendente verso l'accrescimento, e una negativa tendente verso la diminuzione. I limiti
dell'intensificazione sono costituiti nel polo positivo dal grado superlativo che pu sconfinare nell'eccesso, mentre il limite della diminuzione la negazione. Sebbene l'alterazione
non modifichi sostanzialmente la semantica della base, le relazioni fra prefissi e basi hanno
un certo livello di complessit. Da un lato i tratti semantici della base determinano quali
caratteristiche siano modificate dal prefisso alterativo: ad esempio, se la base denota un
oggetto concreto, allora il prefisso modifica le dimensioni, se invece denota una propriet
allora il prefisso modifica l'intensit della propriet, se un evento, allora il prefisso pu
modificare l'intensit, la qualit o la durata dello stesso. Dall'altro lato vi sono prefissi che
fanno riferimento solo a valori quantitativi (es. maxi-), altri solo a valori qualitativi (es.
extra-), altri ancora, pur potendo modificare le dimensioni quantitative e i tratti qualitativi,
svolgono primariamente una funzione piuttosto che l'altra (es. super- primariamente qualitativo, mega- primariamente quantitativo).
Per quanto riguarda le categorie sintattiche delle basi, gli aggettivi sono la categoria che
si presta meglio alla graduazione; sono quindi numerosi i prefissi alterativi che si possono
premettere ad aggettivi (arci-, extra-, iper-, ipo-, para-, semi-, sotto-, stra-, sub-, super-,
ultra-).2 I nomi costituiscono la categoria che intrattiene le relazioni pi complesse con i
prefissi alterativi. Si possono distinguere due gruppi principali: i nomi di cui pu essere
alterata la dimensione del referente (es. minigonna), e quelli di cui possono essere alterati
alcuni tratti delle qualit che li caratterizzano (es. supereroe), ma vi sono anche casi in cui
entrambe le funzioni possono essere presenti in una stessa parola prefissata (es. megaconvegno, miniriforma). I prefissi alterativi si premettono di norma a verbi durativi non telici,
preferibilmente a verbi continuativi, che esprimono cio azioni durative ateliche (sovrastimare, sottovalutare, ribollire), ma si possono premettere anche a verbi stativi (risapere,
1

Intendiamo per alterazione l'espressione di valori sia dimensionali che valutativi.


Sull'intensificazione in italiano cfr. Rainer 1983a, Sabetay-Schapira 1980; sui prefissi valutativi
Grandi 2002, 192-208. Lavori dedicati a un particolare prefisso sono: Ageno 1950, Avalle 1979,
De Boer in stampa, Fabi 1968, Haller 1988, Migliorini 1963 3 e, Zingarelli 1975.
Gli aggettivi alterabili sono di norma quelli qualificativi; costituiscono una piccola eccezione gli
aggettivi che fanno riferimento a movimenti politici, religiosi, artistici, i quali pur esprimendo valori relazionali (e quindi non essendo di norma graduabili) possono essere prefissati con super-,
ultra-, iper-.

148

3. Preflssazione

sovrabbondare), solo raramente a verbi risultativi (iperridurre, sovrasfruttar e). Perch un


verbo possa essere prefissato con alterativi, deve avere aspetto durativo; il prefisso influisce
sulla realizzazione del processo o, pi raramente, sullo stato, non dunque possibile impiegare prefissi alterativi con verbi che esprimono eventi puntuali, che si producono cio senza
lo svolgimento di un processo (es. apparire, scoppiare, smettere). In nessun caso i prefissi
alterativi modificano la struttura argomentale della base. Rispetto a quelli che si premettono
a basi nominali e aggettivali, i prefissi alterativi che si combinano con verbi sono una minoranza (intra-, iper-, sopra-, sotto-, stra-, super-, sur-), e il numero di formazioni a cui danno
vita piuttosto ridotto. La somiglianza degli avverbi di modo o maniera con gli aggettivi fa
s che talvolta possano essere prefissati con alterativi, sono preferiti i prefissi accrescitivi a
quelli diminutivi (in particolare iper-, stra-, super-, ultra-: superbene).
I prefissi accrescitivi sono di numero maggiore rispetto a quelli diminutivi. Fra gli accrescitivi si possono distinguere due livelli di intensit, quello alto (espresso dai prefissi macro-, maxi-, mega-, ri-, sopra-, stra-, super-, sur-) e quello massimo (espresso dai prefissi
arci-, extra-, iper-, ultra-). Fra prefissi di una stessa polarit e livello di intensit vi sono
numerose relazioni di sinonimia nell'uso comune della lingua, mentre gli impieghi in linguaggi tecnico-scientifici di alcuni di essi comportano specializzazioni di senso, e pi precise relazioni semantiche (ad esempio mega-, nella terminologia delle unit di misura,
esprime il valore "moltiplicato per un milione": megabyte, megahertz, nella terminologia
della medicina, pu significare "sviluppo superiore al normale")- Molti prefissi con valore
alterativo traggono il loro significato da una reinterpretazione metaforica dell'originale
valore locativo che identifica la posizione superiore con l'intensificazione e quella inferiore
con la diminuzione (solo i prefissi macro-, maxi-, mega-, micro-, mini-, semi- non hanno
origine da valori locativi). I prefissi alterativi sono quelli che hanno avuto un maggiore
apporto di nuovi elementi rispetto alle (scarse) possibilit di prefissazione alterativa della
lingua latina, e un maggiore ricambio all'interno della storia della lingua italiana rispetto
agli altri prefissi. Alcuni prefissi alterativi sono usati solo a partire dalla seconda met del
ventesimo secolo (maxi-, mega-, mini-), altri, usati nell'italiano trecentesco (oltre-, per-,
tra-), non sono pi produttivi. L'utilizzo di prefissi alterativi un procedimento che ha
vissuto una forte espansione nel corso del ventesimo secolo, ne esempio la diffusione
nell'uso di super-, gi attestato in latino come prefisso alterativo, ma che ha avuto una
fortuna internazionale in seguito al calco semantico del termine nietzschiano bermensch;
si veda al riguardo Migliorini, 19633e, dove si mostra come la diffusione nell'uso dei prefissi alterativi nel Novecento ha avuto come punto di partenza termini di ambito tecnicoscientifico e letterario, per poi diffondersi nei mass media attraverso il linguaggio pubblicitario. Nonostante l'utilizzo in molti termini di uso comune, i prefissi di origine greca (iper-,
macro-, mega-, micro-, para-) sono usati in un minor numero di neoformazioni correnti
rispetto a quelli di origine latina, mentre sono pi impiegati in termini di ambito tecnicoscientifico, anche in combinazione con elementi formativi di tipo lessicale.
Abbiamo scelto di trattare i prefissi alterativi separando gli usi dimensionali (grandezza e
quantit) da quelli qualitativi, e distinguendo all'interno di ciascun gruppo i valori accrescitivi da quelli diminutivi. A differenza degli altri raggruppamenti semantici, non abbiamo
potuto basare le stime valutative sull'impiego dei prefissi alterativi su dati tratti da inventari
lessicografici per la ragione che solo una piccola parte delle parole alterate sono lemmatizzate dai dizionari; per valutare l'estensione d'uso e la produttivit dei prefissi alterativi,

3.7. Funzioni

semantiche

149

abbiamo quindi fatto ricorso a corpora formati principalmente da linguaggio giornalistico


scritto.

3.7.3.1.

Grandezza e quantit ci

L'espressione di grandezza e di quantit richiede tipicamente come base un nome concreto


graduabile non animato. Fra i prefissi accrescitivi pi chiara la distinzione fra grandezza e
quantit, mentre i diminutivi formano derivati che esprimono principalmente grandezza
minore, e solo marginalmente quantit.
3.7.3.1.1. "Grandezza e quantit maggiore": iper-, macro-, maxi-, mega-,
sopra-/sovra-, super- ci
Tra i prefissi che esprimono grandezza o quantit maggiore non sempre possibile stabilire
un preciso ordine gerarchico. In diversi contesti i vari prefissi sono sinonimi. Se usati in
contesti oppositivi, quello che esprime grado pi alto iper-, mentre maxi- pu indicare
grandezza o quantit maggiore di quella espressa da super-, si pensi alla serie ipermercato,
maximercato, supermercato. Maxi- e macro- indicano esclusivamente valori quantitativi (e
non qualitativi), mega- prevalentemente valori quantitativi, iper-, super- e sopra- prevalentemente qualitativi.
Maxi- il prefisso pi impiegato per esprimere grandezza o quantit maggiore (maxicamion, maxiconcorso, maxicono, maxidiscoteca, maxigonna, maxiingorgo, maximoto, maxirissa, maxischermo, maxisconto, maxisequestro, maxitangente), attestato anche premesso
a sintagmi nominali (maxi-aumento di capitale). Il valore intensificativo di maxi- pu fare
riferimento solo a valori riguardanti le dimensioni e la quantit di quanto denominato dal
nome a cui si premette, e in ci si distingue da super-, che invece usato di preferenza per
indicare l'accrescimento qualitativo; un esempio di tale specializzazione funzionale e semantica si ha in espressioni come maxiprocesso con supertesti, che non sarebbe possibile
con prefissi invertiti (superprocesso con maxitesti, cfir. Haller 1988, 87).
Mega- indica grandezza superiore al normale (pi che quantit) in un discreto numero di
formazioni (megaapparato, megadepuratore, megastadio, megatelevisore)', attestato anche davanti a sintagmi nominali (megacasa editrice, mega-agglomerato urbano, megaparco archeologico). E impiegato in terminologie tecnico-scientifiche anche con significati
specifici.
Macro- indica grandezza superiore al normale (non quantit) in un numero limitato di
formazioni nominali (macrofoto grafia, macrosisma). Il suo impiego principale quello di
indicare un insieme di elementi considerati nel loro complesso (macrocosmo, macroeconomia, macrosistema)-, in diverse formazioni si contrappone a micro- (macrocosmo vs
microcosmo, macrostruttura vs microstruttura). E impiegato in terminologie tecnicoscientifiche anche con significati specifici. 1

La forma accorciata macro impiegata anche come nome femminile invariabile con il significato
"macrofotografa", e, pi recentemente, nella terminologia informatica, con il significato "macroistruzione".

150

3. Prefissazione

Iper-, premesso a nomi, indica quantit superiore al normale pi che grandezza; pu talvolta esprimere eccesso, e di conseguenza assumere una connotazione negativa (iperalimentazione, iperdosaggio, ipernutrizione, ipertensione). E impiegato in terminologie tecnico-scientifiche anche con significati specifici.
Super- indica grandezza maggiore in pochi derivati (superbombardiere, supercinema,
supermercato). Anche premesso a nomi concreti tende a fare riferimento a caratteristiche
qualitative piuttosto che quantitative (cfr. supercarcere, che significa "carcere estremamente sicuro", non "carcere molto grande"). usato sporadicamente con il valore di "eccesso" (superaffollamento, superallenamento), o di "eccezionalit, episodicit" (superbollo). impiegato in terminologie tecnico-scientifiche anche con significati specifici.
Sopra- (con la variante sovra-) indica quantit maggiore (non dimensioni) a cui spesso si
accompagna l'idea di "eccesso, superamento di un limite" (soprannumero, sovraccarico,
sovrappeso), o anche di "aggiunta, supplemento" (soprammercato, soprannome, soprappaga, soprattassa).
3.7.3.1.2. "Grandezza e quantit minore": micro-, mini-, sotto-, sub- a
I prefissi pi usati per esprimere valori dimensionali di grado minore sono micro- e mini-. Il
primo pu esprimere una grandezza inferiore rispetto a mini-, che si usa di preferenza in
parole di uso corrente, mentre la provenienza di micro- dalle terminologie tecnicoscientifiche fa s che sia pi usato davanti a sostantivi che denominano oggetti tecnologici o
meccanici. Entrambi i prefissi fanno di norma riferimento alle dimensioni fisiche e non alla
quantit di quanto indicato dal nome di base. Il concetto di quantit inferiore al normale
pu essere marginalmente espresso da sotto-. Secondo Grandi 2002, 196 i prefissi diminutivi fanno di norma riferimento alle dimensioni fisiche senza implicare particolari connotazioni affettive, distinguendosi in ci dai suffissi diminutivi, tramite i quali invece possibile esprimere una maggiore risonanza emotiva.
Mini- si premette produttivamente a nomi per indicare grandezza minore, in numerosissime formazioni (miniabito, miniappartamento, minibasket, minibikini, minibus, minicorteo, minigolf, minilavatrice, minisopravveste, minisottomarino, minispazzolino, minitelevisore, minitennis), si pu premettere anche a basi con suffisso diminutivo, pi o meno lessicalizzate (minibicchierino, minitelefonino, minivilletta), e a sintagmi nominali (minimacchina da cucire, miniscala mobile, mini-serie televisiva). Esprime valore temporale in
minicorso, minidiscorso, minivacanza; in minibandito e miniscippatore il prefisso fa riferimento alla giovane et del criminale. E marginalmente impiegato per indicare "qualit
minore", "importanza secondaria" (minirecord, miniriforma, mini-rimpasto governativo,
miniscissione). Si oppone semanticamente a maxi-; frequenti, nel linguaggio giornalistico e
pubblicitario, le locuzioni che utilizzano la funzione contrastiva dei due prefissi.
Micro- si premette produttivamente a numerosi nomi (microcamera, microcassetta, microfilm, microillegalit, microimpresa, micromotore, microrganismo,
microprocessore,
microregistratore, microsolco, microspia, microtelecamera). In parole come microchirurgia, microbiologia, il prefisso non ha l'usuale funzione di alterare le dimensioni del referente del nome a cui si premette, quanto piuttosto quello dell'oggetto di studio della disciplina in questione; il fenomeno appare in tutta la sua evidenza nei nomi che individuano gli
specialisti delle rispettive discipline: un microbiologo non infatti un biologo molto pie-

3.7. Funzioni

semantiche

151

colo. Si contrappone a macro-. impiegato in terminologie tecnico-scientifiche anche con


significati specifici.
Sub- in un piccolo numero di formazioni di ambito tecnico-scientifico, indica dimensioni
inferiori a quelle indicate dall'aggettivo denominale a cui si premette (submicroscopico).
Sotto- premesso produttivamente a verbi e a nomi deverbali, pu indicare quantit inferiore al normale (sottoesporre, sottopagare, sottoalimentazione, sottoproduzione).

3.7.3.2.

Qualit a

L'alterazione qualitativa ha come base tipicamente aggettivi, ma pu riguardare anche nomi


e verbi. Nella gradazione positiva, le formazioni prefissate riguardano tutte o alcune delle
qualit espresse dalla base, in quella negativa di norma tutte.
3.7.3.2.1. "Qualit maggiore": arci-, extra-, iper-, mega-, sopra-Isovra-, stra-, super-,
sur-, ultra- (archi-, oltre-, per-, pre-, ri-, sor-, tra-) a
Nell'intensificazione qualitativa si possono esprimere due livelli: il livello alto (tramite i
prefissi mega-, sopra-, stra-, super-, sur-) e l'intensificazione massima (tramite i prefissi
arci-, extra-, iper-, ultra-), vi sono poi alcuni prefissi non pi usati produttivamente con
funzione intensificativa (oltre-, per-, pre-, ri-, sor-, tra-). Sebbene non esprima il pi alto
grado di intensificazione, super- il prefisso pi usato di questo gruppo. I prefissi iper-,
mega-, sopra-, super- possono alterare sia valori quantitativi sia qualitativi, mentre i prefissi arci-, extra-, stra-, sur-, ultra- intensificano di norma solo valori qualitativi. I prefissi
arci-, iper-, stra-, sur- e sopra- sono i pi impiegati per indicare eccesso e talvolta coloritura negativa.
Iper- si premette produttivamente ad aggettivi (ipercritico, iperdotato, ipereccitabile,
ipernutrito, iperpresidenzialista, ipersensibile) e meno frequentemente a nomi (iperinflazione, iperspecialismo, iperrealismo), in entrambe le costruzioni pu esprimere una connotazione di eccesso (iperberlusconizzato), pu essere premesso anche ad aggettivi derivati
da nomi propri per indicare un seguace entusiasta (iperdalemiano). I verbi attestati sono
molto pochi (iperalimentare, ipernutrire, ipersostentare, ipervalutare). La scarsit degli
esempi e il tipo di basi (che possono far pensare a retroformazioni da prefissati nominali,
cfr. ipernutrizione, ipervalutazione) non permettono di affermare che la prefissazione verbale sia, allo stato attuale, un processo derivazionale produttivo e regolare, anche se plausibile una sua diffusione nell'uso.
Arci- si premette produttivamente ad aggettivi e, occasionalmente, a nomi (arciconvinto,
arcinoto, arcioccasione, arcistufo), in alcuni casi pu assumere connotazione ironica o
spregiativa (arcicattolico, arciprudente). Le neoformazioni sono poche. Non pi usato
produttivamente con verbi o avverbi (arcicredere, arcicerto).
Extra- si premette produttivamente ad aggettivi (extrapiatto, extrarapido, extrasensibile,
extrasottile, extravergine).
Ultra-, originariamente premesso ad aggettivi di ambito politico-ideologico (ultraclericale, ultraortodosso), si esteso largamente anche in altri ambiti (ultracivilizzato, ultracomico, ultraintensivo, ultramoderno, ultrapenetrante, ultrapotente, ultrarapido, ultrasensi-

152

3.

Prefissazione

bile, ultrasuscettibile). talvolta usato anche davanti a nomi (ultracontestazione, ultrasinistra).


Super- si premette produttivamente a nomi, aggettivi, verbi. Le basi nominali e aggettivali sono numerose (supercarburante, supercentrifuga, superconsulente, supereroe, superlatitante, supermercato, superpotenza, superstrada, supertestimone, superuomo, supervigile; superaccessoriato,
superdissetante, superdotato, superimbottito,
superprotetto,
supersexy, supervitaminizzato).1 I verbi prefissati con super- sono pochi, tra essi supercaratterizzare, superpagare. raramente usato con valore ironico o spregiativo e solo sporadicamente pu indicare "eccesso".
Mega- si premette produttivamente a nomi; attestato in un numero ridotto di derivati in
cui non sempre possibile distinguere l'intensificazione qualitativa da quella quantitativa
{megaconcerto, megacomputer, megaconvegno,
megadirigente).
Stra- si premette produttivamente ad aggettivi e a verbi (strabello, strabuono, stracolmo,
stragrande, strapieno, straricco, stravecchio-, stragodere, stralodare, stramaledire, stravincere). Solo sporadicamente usato davanti a nomi (stracitt, strapaese), e ancor pi raramente ad avverbi (strabene). Esprime il valore di "eccesso, superamento di un limite",
premesso a verbi (strafare, strapagare, straparlare) e ad aggettivi (stracarico, strapieno).
Sopra- (con la variante sovra-) premesso a verbi, indica "eccesso, superamento di un limite" (sopravvalutare, sovrabbondare, sovraccaricare, sovreccitare). Non pi produttivo
davanti ad aggettivi (un tipo di formazione molto diffuso nei primi secoli dell'italiano, cfr.
Ageno 1950); rimangono nell'uso poche formazioni, fra cui sopracuto, sopraffino.
Sur- indica "intensificazione" e spesso "grado eccessivo", premesso a verbi e a nomi
(specialmente deverbali) di formazione recente, in gran parte prestiti dal francese (suralimentazione, surclassare, surcompressione, surcontrare, surgelare, surrealismo, surriscaldare, survoltare). scarsamente produttivo.
Ri- esprime valore intensificativo in un numero ristretto di verbi (ribollire, ricercare,
riempire, ripulire, riscaldare), si tratta di un uso improduttivo. I verbi con valore intensificativo permettono di norma anche l'interpretazione iterativa (es. ricercare "cercare attentamente" / "cercare di nuovo", richiedere "chiedere insistentemente" / "chiedere di nuovo").
I prefissi pre- e per- esprimono valore intensificativo in diversi verbi di uso comune di
origine latina o ispirati a tale modello (percepire, prediligere, prescegliere, prevalere). I
prefissi oltre-, sor- e tra- non sono pi usati produttivamente con valore intensificativo, e i
loro derivati (oltremirabile, oltrepossente, sorbello, sorgrande, tracapace, trafreddo) sono
ormai obsoleti.
Ricordiamo qui anche archi- presente in nomi e aggettivi di formazione greca e latina,
scarsamente motivati, o non motivati, per il parlante comune, in cui indica "superiorit,
grado pi alto, comando" (archiatra, architetto). Non produttivo nella lingua comune; fra
le pochissime formazioni italiane: archicembalo, archidiocesi, forse architrave. impiegato in terminologie tecnico-scientifiche con il valore "primitivo, primario", in senso cronologico o filogenetico (archianellide, archipallio).
1

Come osserva Rainer 1993a, 371, super- tende a fare riferimento ai tratti positivi presenti nel
nome, ma per sapere quale sia la qualit intensificata dal prefisso bisogna spesso fare ricorso a conoscenze enciclopediche, cfr. superprezzo "prezzo molto basso" visto dalla parte di chi compra,
"prezzo molto alto" visto dalla parte di chi vende.

3.7. Funzioni semantiche


3.7.3.2.2. "Qualit minore": bis-, fra-, infra-, intra-, ipo-,para-,

153
semi-, so-, sotto-, sub-

Sotto- usato produttivamente in numerose parole, in cui pu assumere anche connotazioni


svalutative. Si premette a nomi, a verbi e ad aggettivi participiali senza che il verbo corrispondente sia sempre attestato o plausibile (sottoccupazione, sottocultura,
sottodimensionamento, sottogoverno,
sottoprodotto, sottostimare, sottovalutare-, sottoalfabetizzato,
sottoccupato,
sottosviluppato).
Semi- a partire dal significato etimologico "met, mezzo", presente in parole come semicerchio, semitappa, impiegato produttivamente, con valore attenuativo, premesso a nomi
(semiconduttore,
semidio, semilibert, semioccupato,
semiperiferia,
semivocale) e ad aggettivi. Premesso ad aggettivi, indica il grado intermedio della qualit espressa (semiacerbo, semianalfabeta,
semiautomatico,
semifluido, semipieno), premesso ad aggettivi participiali indica il mancato raggiungimento dello stato indicato dall'aggettivo (semidistrutto,
semiprecluso, semiraffinato). sporadicamente attestato davanti a verbi usati quasi esclusivamente all'infinito (semiconvincere, seminascondere),
si tratta di parole che possono essere plausibilmente considerate retroformazioni a partire dalle forme prefissate dei rispettivi
aggettivi participiali (semiconvinto, seminascosto).
Sub- si premette produttivamente ad aggettivi e in minor misura a nomi per indicare
"grado o livello inferiore alla norma" (subacuto, subcosciente,
subnormale,
subumano,
subvedente-, subcultura,
subpolitica).
Para- analogamente a sub-, si premette produttivamente a nomi e ad aggettivi per indicare "grado o livello inferiore alla norma" (paraletteratura, parapolitica,
parascientifico).
Ipo- si premette produttivamente ad aggettivi e a nomi in formazioni prevalentemente di
registro elevato o di ambito specialistico per indicare "grado o livello inferiore alla norma"
(ipoacidit, ipocalorico, ipodotato, ipoproteico, ipotensione, ipovedente), pu anche indicare mancanza (ipovitaminosi)-, sporadico l'uso davanti a verbi (iponutrirsi). E impiegato in
terminologie tecnico-scientifiche anche con significati specifici; nei termini medici, in
stretta correlazione e contrapposizione con parole prefissate con iper- (ipoglicemia vs iperglicemia, ipotiroideo vs ipertiroideo).
Infra- usato con valore svalutativo in poche neoformazioni premesso a nomi: infracultura,
infragiornalismo.
Intra- si premette a pochi verbi di percezione (intraudire, intravedere) per indicare che
l'azione espressa dal verbo non si compie interamente, e quindi per significare percezione
poco chiara, incerta.
Fra- ha valore analogo a intra- (fraintendere), ma non produttivo.
So- attestato con valore attenuativo in una trentina di parole (sobbalzare, socchiudere, soffermare, soffriggere, soppesare). Non produttivo, ed difficilmente identificabile, o non identificabile,
per il parlante comune.
Bis- attestato in poche parole in cui esprime intensificazione con connotazione peggiorativa (bislungo, bistrattare). Non produttivo.
L'avverbio quasi premesso a nomi (e raramente ad aggettivi) ha valore attenuativo (un quasi-gol,
una quasi fidanzata, quasicristallino) ed usato per indicare la parziale realizzazione delle caratteristiche proprie del nome a cui si premette. Come si vede dagli esempi, possibile la scrittura univerbata e anche l'impiego del trattino unificatore.

154

3.

Prefissazione

3.7.4. Quantificazione "molti, vari": multi-, pluri-, poli- a


Multi- impiegato produttivamente con i valori "con molti, che ha molti, che riguarda molti" premesso principalmente ad aggettivi di relazione (multietnico, multilaterale, multinazionale, multipartitico, multirazziale, multizonale). Con lo stesso significato forma aggettivi
anche da basi nominali che non hanno un aggettivo di relazione corrente o disponibile
(multicanale, multigriglia, multilingue, multipiano, multiprodotto, multirischio, multiuso).
Esistono casi di formazioni parallele con nome e con aggettivo di relazione (multimedia /
multimediale). Premesso produttivamente a nomi pu esprimere i valori "con pi di uno,
composto, complesso, che serve a pi scopi" (multielaboratore, multipendolo, multiprogrammazione, multipunta). Pu essere premesso anche ad aggettivi di tipo deverbale (multiaccessoriato, multipremiato) bench non siano attestati verbi prefissati con multi-.
Pluri- impiegato produttivamente con il significato "pi di uno, composto da pi di un
N, relativo a pi di un N", in cui rappresenta il nome o il nucleo nominale dell'aggettivo
di relazione a cui pluri- premesso. Il maggior numero di formazioni ha come base aggettivi di relazione (pluriatomico, pluridecennale, pluridimensionale, plurilaterale, plurinazionale, plurinominale, plurioculare, pluripartitico, plurisecolare). Pu formare aggettivi
anche da basi nominali che non hanno un aggettivo di relazione corrente o disponibile (plurilingue, plurimotore, pluriposto, plurireddito pluristadio, pluriuso). Si premette produttivamente a nomi (pluricampione, pluricapacit, pluricoltura), e anche a un discreto numero
di aggettivi di tipo deverbale (pluriaggravato, pluridecorato, plurinquisito, plurivalente)
bench non siano attestati verbi prefissati con pluri-.
Poli- impiegato produttivamente davanti ad aggettivi di relazione e meno frequentemente a nomi in numerose formazioni usate prevalentemente in ambiti tecnico-scientifici,
in cui indica "che ha pi N, che riguarda pi N", in cui rappresenta il nome o il nucleo
nominale dell'aggettivo di relazione a cui poli- premesso (policlinico, policromatico,
polifunzionale, polimaterico, polisettoriale, polispecialistico, polisportivo, polistrumentista,
politossicodipendente). E presente in parole di formazione greca, scarsamente motivate, o
non motivate, per il parlante comune (policromo, polifonia, poligamia, poliglotta, poligono). E utilizzato in diverse terminologie tecnico-scientifiche anche in combinazione con
elementi formativi.

3.7.5. "Ripetizione": re-, ri- (retro-, sopra-I sovra-, sotto-, sub-) ci


Oltre che mediante la prefissazione, l'iterazione pu essere espressa sia tramite perifrasi
(tornare a, ricominciare a, riprendere a ecc.) sia tramite locuzioni (di nuovo, un'altra volta, una seconda volta, per la seconda volta ecc.). Nel caso della prefissazione, la ripetizione
dell'azione ha luogo a partire dallo stato risultato dell'azione indicata dal verbo di base,
quindi i prefissi con valore iterativo selezionano di norma verbi telici o perfettivi. I prefissi
iterativi sono tipicamente impiegati per indicare un'azione successiva a una di tipo reversativo (es .fare * disfare > rifare). Grossmann 1994, 20-21 evidenzia un rapporto di asimmetria fra azioni reversative e iterative: mentre le azioni reversative determinano il ritorno
allo stato da dove parte l'azione denotata dalla base (fare / disfare), le azioni iterative hanno
origine dallo stato risultato della prima azione (si pu cio rifare a partire dal risultato del

3.7. Funzioni semantiche

155

fare o del disfare) per dare luogo a uno stato risultato che pu essere identico a quello precedente, modificato o anche del tutto nuovo (fare, disfare / rifare). Di conseguenza, i verbi
che possono essere derivati con un prefisso iterativo indicano di norma azioni il cui risultato determina l'esistenza di un'entit, si tratta quindi di verbi transitivi con soggetto agente
o di intransitivi con soggetto non agentivo. L'anomalia di un verbo come *rimorire si spiega con il fatto che l'azione indicata dal verbo morire determina l'annullamento dell'entit
interessata, e di conseguenza l'impossibilit della ripetizione dell'azione.
Ri-1 il prefisso pi usato con valore iterativo, ed impiegato produttivamente davanti a
verbi in un gran numero di formazioni (riaccendere, riascoltare, riattaccare, richiedere,
ricomporre, ricomprare, ricongiungere, rieducare, rieleggere, rifondere, rimacinare, ripiantare, riproporre, riscrivere, rispolverare, ritentare, riverniciare, rivuotare),1 numerosi
anche i neologismi (ricapitalizzare, ricontattare, riescludere, rifinanziare, rimasterizzare,
riraccomandare, risocializzare, ritassare). Si premette quindi di preferenza a verbi transitivi con valore telico o perfettivo, ma si pu premettere anche a verbi intransitivi (riabbaiare,
ribussare, ricamminare, riemergere, riesplodere, ripiovere) e pronominali (riaccorgersi,
riaddormentarsi, riammalarsi), e sporadicamente a verbi stativi (riabitare). In verbi come
concepire che permettono sia un'interpretazione imperfettiva "provare un sentimento" (12)
sia una perfettiva "essere fecondata" (13) il verbo prefissato con ri- privilegia
l'interpretazione perfettiva:
(12) a. Giulia non concepisce affetto per nessuno
b. ^Giulia non riconcepisce affetto per nessuno
(13) a. Giulia ha concepito un figlio
b. Giulia ha riconcepito un figlio.

Oltre al valore iterativo, il prefisso ri- pu esprimere anche altri valori: "ritorno a uno stato
precedente" (rialzare, ricomporre, riconquistare, ricostruire, riguadagnare, risanare, ritrovare),3 "movimento in senso contrario" (ridare, rispedire, rivendere), "reciprocit" (riabbracciare, ribaciare), "intensificazione" (ribollire, ricercare, riempire, ripulire, riscaldare). Il significato principale del prefisso non esclude la compresenza di uno o pi degli
altri significati (es. riabbracciare "abbracciare di nuovo", "abbracciarsi reciprocamente";
ricercare "cercare di nuovo", "cercare attentamente"; richiedere "chiedere di nuovo",
"chiedere insistentemente"). L'interpretazione "iterativa" possibile anche con verbi che
abbiano un significato lessicalizzato (riassumere, riaversi, ricadere, riconoscere, rifinire,
rilasciare, rimandare, rimettere, riportare, risaltare, risapere, riscaldare, riscuotere, risentire, rivolgere, rivoltare).4 Sono di uso molto frequente alcuni verbi di formazione latina
1
2

Sul prefisso ri-: Schultz 1925, Castelfranchi / Fiorentino 1974-1975.


In alcuni verbi associato al significato di "ripetizione" quello di "correzione, miglioramento", ad
esempio in ricatalogare, ridistribuire, riorganizzare.
Vi sono tra questi, verbi prefissati che indicano la reintegrazione in uno stato originario senza che
abbia avuto luogo l'azione indicata dal verbo di base, cfr. il fisioterapista riabilita un arto dopo
un 'operazione ortopedica, con la banca riabilita un bancomat che era stato temporaneamente disabilitato.
L'interpretazione semantica iterativa pu essere distinta, nella pronuncia, da quella idiosincratica
sia grazie all'enfatizzazione dell'accentuazione del prefisso (di solito luogo dell'accento secondario di parola) sia grazie a una pausa tra prefisso e radice verbale; nella grafia, la distinzione pu essere espressa utilizzando un trattino tra prefisso e radice verbale.

156

3.

Prefissazione

scarsamente motivati, o non motivati, per il parlante comune (ricettare, ricevere, ridurre,
riflettere, rimanere, rinunciare, riparare, ripetere, risolvere, rispettare, rispondere, risultare). Nei verbi prefissati con ri- l'interpretazione usuale riguarda una sola ripetizione
dell'azione, mentre una ripetizione molteplice (come ad esempio in rigirare, ripiegare,
riverberare) eccezionale e dipende di norma dal significato della base, mentre nelle costruzioni del tipo V e ri-V (es. dire e ridire) il valore reiterativo determinato dalla costruzione stessa pi che dal prefisso. Rainer 1993a, 361, cercando di individuare la massima
generalizzazione semantica dei significati espressi dal prefisso spagnolo re-, dimostra che
sia il significato reintegrativo parafrasabile con "ritorno a uno stato precedente" sia quello
di "movimento in senso contrario" possono essere ricondotti al significato principale "ripetizione", a patto che si accetti che l'agente e il destinatario non siano necessariamente gli
stessi di quelli del verbo di base, mentre il significato "intensificativo" non pu invece
essere sussunto a quello iterativo. Anche per l'italiano si possono distinguere due raggruppamenti semantici principali: "iterativo" e "intensificativo". Solo il primo produttivo,
mentre il significato "intensificativo", che conta un numero di formazioni notevolmente
inferiore, di fatto improduttivo. Non produttiva la derivazione di verbi di tipo parasinttico, in cui ri- esprime valore ingressivo (cfr. 4.1.6.). I verbi di questo tipo di uso corrente
non superano la decina (riciclare, rimarginare, rimodernare-, risalgono al latino ricapitola-,
re e ripristinare). Ri- attestato anche davanti ad alcuni nomi di azione e aggettivi deverbali di cui i dizionari non lemmatizzano il verbo corrispondente; fra le neoformazioni di
questo tipo: riaccorpamento, riallineamento, ricentralizzazione, riforestazione, rilottizzato,
rioccidentalizzazione, ririempibile, riterritorializzazione; per ciascuna di queste parole
possibile ipotizzare un verbo di base prefissato perfettamente regolare, quindi pi opportuno considerarli suffissati da verbi prefissati possibili ma non attestati, piuttosto che prefissati di nomi o aggettivi. Il prefisso ri- di norma non impiegato davanti a parole che cominciano con li/, in questo contesto gli preferito re-. Davanti a parole che cominciano con
i prefissi ad- o in-, si pu avere troncamento della vocale di ri- (rassicurare, rinsecchire,
rinviare), di alcuni verbi sono attestate sia la forma con cancellazione sia quella analitica
{raffermare / riaffermare, raggirare / riaggirare), in questi casi la forma analitica ad
esprimere valore iterativo. La cancellazione di vocale davanti a verbi prefissati con i prefissi ad- o in- (specialmente nel caso di verbi parasintetici) ha favorito la fusione dei due prefissi e la formazione dei prefissi ra- e riti- (cfr. 4.1.6 e 3.7.6.).
Re- presente in numerosi verbi di formazione latina di tradizione dotta, molti dei quali
sono scarsamente motivati, o non sono motivati, per il parlante comune (recidere, recitare,
reclutare, reperire, replicare, resistere, restaurare, restituire, retribuire, revocare). Attualmente usato principalmente come variante di ri-, premesso produttivamente a verbi
che cominciano con /il (reidratare, reimbarcare, reimpiegare, reincarnare, reindustrializzare, reinserire, reintegrare, reinventare, reinvestire).' impiegato anche davanti a un
piccolo numero di nomi deverbali dei quali non attestato il verbo prefissato corrispondente (reingaggio, reingresso). in concorrenza con ri- in alcune parole di origine latina
(recezione / ricezione, recuperare / ricuperare, reputare / riputare), di norma la forma con
re- considerata di registro pi elevato; in alcune coppie si ha specializzazione di signifi1

In alcuni neologismi attestata la forma ri- anche davanti ad IH (riibernare, riincentivare, riinterfacciare), in questi casi nella pronuncia vi una piccola pausa fra la vocale del prefisso e quella
iniziale di parola.

3.7. Funzioni

semantiche

157

cato; in questi casi, le forme con re- hanno significato lessicalizzato, mentre quelle con n'hanno significato composizionale regolare (respingere / rispingere, reagire / riagire). A
causa dell'influsso convergente esercitato dalla terminologia del latino scientifico e di lingue moderne (specialmente inglese e francese), pu essere impiegato produttivamente nella
formazione di termini tecnico-scientifici anche davanti a parole che cominciano con un
fonema diverso da IM (recalcificare, retrarre).
Valore iterativo pu essere espresso marginalmente anche dai prefissi sotto-, sopra-,
sub- in un ristretto numero di formazioni verbali (sottodelegare, sovrastampare, suddividere). Un uso marginale con valore di ripetizione si ha anche in retro- (cfr. Rainer 1999c, 82);
ad esempio, in retrovendere, cos come in rivendere, si ha un secondo atto di vendita, ma
la differenza fra i due verbi sta nel fatto che il primo implica che il venditore del primo
atto sia identico al compratore del secondo e viceversa, mentre in rivendere una simile
identit non esclusa ma non necessaria.

3.7.6. "Ingressivit": ad-, in-1, ra-, rin-, s- ci


Raggruppiamo in questo paragrafo i prefissi che contribuiscono a formare verbi parasintetici (pi ampiamente trattati in 4.), il cui impiego principale quindi quello di partecipare
alla derivazione di verbi che esprimono valori ingressivi.1
Ad- usato produttivamente nella formazione di verbi parasintetici (cfr. 4.1.-4.1.5.4.) ed
presente in numerosi verbi e loro derivati di origine latina. Non impiegato produttivamente davanti a verbi; tra i pochissimi esempi di formazione italiana: accondiscendere,
acconsentire, arrischiare, attirare. Nelle formazioni parasintetiche concorre a formare
verbi deaggettivali e denominali che esprimono l'acquisizione di uno stato (parafrasabili
"far diventare, rendere (pi) A": abbassare, addensare, addolcire, afflosciare, alleggerire,
appesantire-, "(far) diventare (un) N": accoppiare, addottorare, ammucchiare, asservire-,
"(far) diventare come (un) N": accanirsi, accapponare-, "causare, produrre, suscitare, (far)
prendere, (far) acquisire N": addebitare, adirarsi, affaticare), con basi nominali pu concorrere a formare verbi anche di valore locativo (parafrasabili "mettere in/su/intorno X":
acciottolare, ammobiliare-, "mettere X in/su/tra N", "avvicinare X a N": abbracciare, accerchiare, accodare, affossare, alloggiare) e strumentale (parafrasabili "fare qualcosa mediante l'uso di N": accoltellare, addentare, avvelenare). I verbi di origine latina non sono
generalmente scomponibili in costituenti significativi, in alcuni di essi si possono riconoscere l'originario valore locativo del prefisso (sia nel senso stativo di prossimit, sia, in un
maggior numero di casi, nel senso direzionale di avvicinamento, unione) da cui deriva un
valore genericamente rafforzativo di tipo attributivo (abbattere, accedere, accendere, accettare, accorrere, addurre, adorare, adottare, affluire, aggiungere, aggredire, ammettere,
apporre, assistere, attrarre, avvertire). L'identificazione del prefisso da parte del parlante
comune nei verbi di origine latina pu essere favorita: (a) dall'esistenza di un verbo corrente non prefissato (i due verbi possono essere sinonimi adornare / ornare, ma si possono
Usiamo ingressivo nel senso definito da Grossmann 1994, 3-16, cio come denominazione di un
componente semantico di tipo azionale proprio di quei verbi che designano una transizione da uno
stato a un altro.

158

3. Prefissazione

distinguere per specializzazioni di registro, di ambito d'uso, ma anche di senso: accedere /


cedere), (b) dall'esistenza di uno o pi verbi prefissati con altri prefissi la cui base non un
verbo usato in italiano (ad esempio addurre, rispetto a condurre, dedurre, ridurre), (c) dalla
possibilit di individuare il nome o l'aggettivo di base (ad esempio sicuro in assicurare)}
Compare inoltre in un piccolissimo numero di aggettivi di forma participiale per i quali non
attestato un verbo corradicale n l'aggettivo non prefissato (ammusonito, assatanato, cfr.
4.3.1.). In terminologie tecnico-scientifiche impiegato in un numero limitato di formazioni davanti a verbi, nomi e aggettivi di relazione: usato in linguistica (adnominale, adstrato, con sostituzione di prefisso, cfr. substrato, sostrato), in chimica (adsorbire, diverso da
assorbire), in zoologia (adorale); come evidente dagli esempi, sia il tipo di basi, sia la
semantica (che subisce l'influenza della preposizione latina ad nel valore stativo "vicino,
presso"), sia il comportamento morfofonologico (che non prevede assimilazione) si distinguono dall'uso nella lingua comune.
In-1 usato produttivamente nella formazione di verbi parasintetici (cfr. 4.1.4.1.5.4.) ed
presente in numerosi verbi e loro derivati di origine latina. Non impiegato produttivamente davanti a verbi; tra i pochissimi esempi di formazione italiana: imbattersi, incogliere,
incominciare. Nelle formazioni parasintetiche concorre a formare verbi denominali e deaggettivali che esprimono l'acquisizione di uno stato (parafrasabili "far diventare, rendere
(pi) A": impreziosire, incurvate, innervosire, insudiciare, inzuppare, irrobustire, "(far)
diventare (un) N": impastare, impilare, inarcare, incenerire, incolonnare, intrecciare,
"(far) diventare come (un) N": imbombolare, incartapecorire, inviperirsi-, "causare, produrre, suscitare, (far) prendere, (far) acquisire N": impaurire, impossessarsi,
incapricciarsi,
indispettire, inguaiare, innamorare, insaporire, intimorire), con basi nominali pu concorrere a formare verbi anche di valore locativo (parafrasabili "mettere in/su/intorno X":
imbandierare, imburrare, impagliare, impataccare, impolverare, incappucciare, inceronare, insabbiare, insaponare-, "mettere X in/su/tra N", "avvicinare X a N": imbucare, immagazzinare, imprigionare, infornare, intascare, intavolare) e strumentale (parafrasabili "fare
qualcosa mediante l'uso di N": imbullonare, impallinare, incornare). I verbi di origine
latina non sono generalmente scomponibili in costituenti significativi, in alcuni di essi si
possono riconoscere l'originario valore locativo del prefisso "in, verso, sopra" e vari sensi
derivati (immergere, immettere, immigrare, implicare, implorare, imporre, imprimere,
imputare, incidere, includere, incombere, inseguire, insistere, intingere, intuire, invadere).
L'identificazione del prefisso da parte del parlante contemporaneo nei verbi di origine latina pu essere favorita: (a) dall'esistenza di un verbo corrente non prefissato (i due verbi
possono essere sinonimi intessere / tessere, ma si possono distinguere per specializzazioni
di registro, ambito d'uso, ma anche di senso: irrompere / rompere); (b) dall'esistenza di
uno o pi verbi prefissati con altri prefissi la cui base non un verbo usato in italiano (ad
esempio invadere, rispetto a evadere, pervadere)-, (c) dalla possibilit di individuare il nome o l'aggettivo di base (ad esempio carne in incarnare).2 Di formazione latina sono anche
alcuni nomi e aggettivi di origine deverbale, motivati in diverso grado per il parlante contemporaneo, il cui verbo di origine non attestato o difficilmente identificabile in sincronia (implicito, inflazione, involucro, involuzione). Compare inoltre in un piccolissimo nu1

L'interpretabilit dei verbi deaggettivali e denominali rafforzata dalla produttivit in italiano del
tipo parasinttico.
Si veda la nota precedente.

3.7. Funzioni

semantiche

159

mero di aggettivi di forma participiale per i quali non attestato un verbo corradicale n
l'aggettivo non prefissato (imbraccialato, insatirito, inturbantato, cfr. 4.3.1.).
S- concorre produttivamente a formare verbi parasintetici deaggettivali e denominali
(cfr. 4.1.-4.1.5.4.) che esprimono l'acquisizione di uno stato (parafrasabili "far diventare,
rendere (pi) A": scaldare, smagrire, smezzare, spianare, sprofondare, svilire-, "(far) diventare (un) N": sbocciare, sbranare, sbriciolare, spezzare, "(far) diventare come (un) N":
scamosciare; "causare, produrre, suscitare, (far) prendere, (far) acquisire N": sfuriare,
spaurire), con basi nominali pu concorrere a formare verbi anche di valore strumentale
(parafrasabili "fare qualcosa mediante l'uso di N": sbandierare, scarrozzare, sforbiciare,
strombazzare). Alcune formazioni parasintetiche denominali possono indicare un comportamento esibito, eccessivo (sdottorare, spoliticare). Premesso a verbi ha un valore solitamente definito "intensificativo", probabilmente derivato dal valore aspettuale di compimento e di esaustivit presente in alcuni verbi di origine latina (cfr. 4.1.3.), come ad esempio lat. exhaurio "vuotare" rispetto ad haurio "attingere" (si pensi anche a verbi di origine
latina come smuovere, spremere, stendere, storcere),1 sono di formazione italiana: sbofonchiare, scacciare, scambiare, scancellare, sgraffiare, sgridare, sgualcire, slanciare, sparlare, strascinare, stroncare, svuotare; non produttivo con questo impiego. In alcune basi
si pu individuare un certo grado di espressivit, si tratta di basi suffissate con valutativi
(sbevazzare, sbocconcellare, sculacciare, sculettare, sforacchiare, sgambettare, sghignazzare, sgranocchiare, strombettare, svolazzare), oppure di origine onomatopeica (sbiascicare, sbuffare, scricchiolare, scrosciare, sfrusciare).
Ra-, rin-: si tratta di due prefissi originatisi dal troncamento della vocale del prefisso ripremesso a verbi parasintetici prefissati con ad- o con in- (cfr. ammodernare rammodernare, insecchire * rinsecchire, cfr. anche 4.1.6.), ed usati prevalentemente con valore
ingressivo nella formazione di verbi di tipo parasinttico (rammentare, rannicchiare, rattoppare, rimboschire, rinfacciare, rinfrescare, rintracciare), e meno frequentemente davanti a basi verbali (raccontare, rapprendere, rinchiudere, rincorrere). Entrambi i prefissi
sono raramente impiegati per formare neologismi.

3.7.7. "Riflessivit": auto- ci


Auto- il solo prefisso che esprime valore riflessivo. Si premette produttivamente a nomi,
ad aggettivi e a verbi. Bench i derivati verbali siano in numero minore (circa una ventina)
rispetto a quelli aggettivali (una trentina) e nominali (un centinaio), il prefisso agisce su
tratti tipicamente verbali della base, di conseguenza i nomi e gli aggettivi ai quali si premette sono nella grandissima maggioranza deverbali, in prevalenza nomi di azione derivati
da verbi transitivi. Si possono individuare tre valori principali del prefisso: riflessivo (autodistruzione), anticausativo (autoaccensione), focalizzante (autogestione)? Il valore riflessi-

In verbi come scorgere, spedire, il prefisso identificabile solo grazie al confronto con altri verbi
prefissati, quali accorgersi, impedire.
Riprendiamo questa classificazione e diverse altre indicazioni da Mutz in stampa, che mostra
convincentemente anche gli elementi in comune ai diversi sensi del prefisso, e la conseguente possibilit di interpretare alcuni derivati in auto- secondo l'uno o l'altro senso del prefisso.

160

3. Prefissazione

vo quello che conta il maggior numero di formazioni. In questo impiego il prefisso


parafrasatale "di se stesso, da s", e i nomi deverbali prefissati hanno significato e funzioni
corrispondenti alla costruzione riflessiva del verbo di base non prefissato (cfr. l'autodifesa
dell'imputato e l'imputato si difende). I derivati con auto- esprimono infatti la coreferenza
dei ruoli di agente e paziente (o di esperiente), il cui referente extralinguistico tipicamente
un essere umano in quanto agente intenzionale che controlla l'azione; fra i numerosi esempi: autoaccusa, autocastrazione, autocompiacimento, autocontrollo, autocorrezione, autodifesa, autodistruzione, automutilazione, autoritratto, autosuggestione; autoportante, autopunitivo, autoreferenziale; autodefinirsi, autodenunciarsi, autodominarsi, autoeccitarsi,
autoescludersi, autonominarsi, autoproclamarsi, autosospendersi. La non attestazione di
molti verbi prefissati con auto- corrispondenti ai nomi in esame si pu spiegare con il fatto
che il nome prefissato con auto- corrisponde sia nella struttura argomentale sia nei ruoli
semantici al verbo riflessivo non prefissato allo stesso modo in cui il nome d'azione corrisponde al verbo nella forma attiva; la prefissazione con auto- di un verbo riflessivo dunque di norma ridondante.1 Auto- si pu premettere con valore riflessivo anche a nomi non
deverbali (autocoscienza, autogoal, autoipnosi, autoironia, autoresponsabilit), la parafrasi
semantica del derivato "N di se stesso, a se stesso". I nomi di base fanno di norma riferimento a entit astratte che implicano una relazione o un'azione tra almeno due soggetti. I
derivati con auto- indicano la coreferenzialit dei ruoli tematici richiesti dal nome di base,
che pu essere sia tra agente e paziente (autoipnosi) sia tra azione e meta (autotrapianto).
Nel secondo impiego, i derivati con auto- esprimono un'azione che avviene senza
l'intervento di un agente, si tratta quindi di costruzioni di tipo anticausativo (autoaccensione, autocombustione, autoestinguente, autossidazione). L'evento descritto dal verbo da cui
il nome di azione derivato riguarda un solo referente extralinguistico che svolge il ruolo di
tema o paziente. La derivazione con auto- segnala che l'azione indicata dal nome di base si
compie senza l'intervento di un agente. Il nome derivato con auto- regge un complemento
preposizionale (es. l'autoaccensione del fieno) che corrisponde al soggetto non agenti vo di
una frase costruita con si con valore anticausativo {il fieno si accende), il referente del
complemento preposizionale tipicamente un'entit non animata. Nel terzo impiego, autosegnala che l'agente implicato nell'azione indicata dalla base a cui si premette non quello
tipico o atteso (es. l'autogestione della scuola da parte degli studenti), il prefisso svolge la
funzione di focalizzazione del soggetto agente (autocertificazione, autoconsumo, autoconvocazione, autofinanziamento, autoregolamentazione", autoadesivo, autopulente, autodiagnosticarsi, autofinanziarsi, autogestire, autogovernarsi, autoridurre, autosponsorizzarsi,
autotassarsi). Questo impiego di distingue da quello anticausativo in quanto prevede
l'intervento di un agente, e da quello riflessivo in quanto l'agente non quello prototipico
dell'azione indicata dalla base, ma soprattutto perch di norma non coincide con il paziente
o esperiente (es. a differenza della autodistruzione, l'autoconsumo non "il consumo di se
stesso", ma "l'utilizzo parziale o totale di beni o servizi da parte dei produttori", invece che
dei consumatori). Anche se non c' identit, il prefisso pu per servire a indicare contiguit fra le entit che svolgono il ruolo di agente e quello di paziente; dal confronto degli
esempi (14) e (15):

Considerazioni diverse riguardano l'impiego del prefisso con valore focalizzante, cfr. infra.

3.7. Funzioni

semantiche

161

(14) L'autofinanziamento della macchina da parte di Gianni


(15) Ilfinanziamentodella macchina da parte di Gianni
Mutz in stampa dimostra che (14) implica una relazione di possesso tra Gianni e la macchina, mentre in (15) tale relazione non necessaria: Gianni pu finanziare l'acquisto di una
macchina che sar di propriet di un'altra persona. A differenza dei derivati con valore
riflessivo e anticausativo, i nomi derivati con auto- con funzione di fecalizzazione hanno
due argomenti (es. l'autoconvocazione dell'assemblea da parte dei delegati, cfr.
l'autoaccusa dell'imputato *da parte dell'imputato, l'autoaccensione del fieno *da parte
della siccit). L'attestazione di verbi riflessivi (come autogovernarsi, autotassars) a fianco
di altri non pronominali (autogestire, autoridurre) appare giustificata dal fatto che in tutti
questi verbi il prefisso svolge la funzione contrastiva di indicare un'azione svolta da un
agente non prototipico, e non il mero rinforzo dell'indicazione di riflessivit. Tutti i verbi
prefissati con auto- sono tipicamente transitivi cos come lo sono anche i verbi d cui derivano i nomi e gli aggettivi deverbali prefissati con auto-. Perch si possa avere
l'unificazione dei ruoli di agente con quello di paziente o di esperiente (valore riflessivo)
serve infatti che il verbo di base sia almeno bivalente, lo stesso requisito necessario perch si possa avere l'eliminazione del ruolo di agente nel caso dell'impiego del prefisso con
valore anticausativo, mentre nell'impiego con valore focalizzante sono necessari almeno
due partecipanti distinti, uno con il ruolo di agente (anche se non quello atteso) e l'altro con
il ruolo di paziente o esperiente. Premesso ad aggettivi e nomi (specialmente deverbali) che
denotano o fanno riferimento a una macchina, a un dispositivo meccanico, auto- pu avere
il valore "automatico" (autoanalizzatore, autocercante, autofocus, autofrenante, autopulente, autoregolante, autorespiratore), tali derivati fanno riferimento ad azioni che vengono
eseguite senza intervento esterno. L'impiego preverbale con valore reciproco molto raro: i
due concorrenti si autointralciano "intralciano l'uno con l'altro". E presente in parole di
formazione greca (autoctono, autografo, autonomia), e pu essere usato con valore riflessivo in termini tecnico-scientifici premesso anche a elementi formativi (autofagia, autolisi).

3.7.8. "Unione, reciprocit, relazione": co-, con-, inter- ci


Co- in parole di origine latina, la variante di con- davanti a parola che comincia con vocale, o con /s/ seguita da consonante (es. lat. construo, it. costruire)', risalgono al latino
formazioni motivate in diverso grado (coadiuvare, coagulo, coetaneo, coscrivere, cospirare, costituire). In sincronia non pu essere considerato una variante di con-, in quanto co-
impiegato produttivamente in tutti i contesti fonotattici, mentre con- ormai impiegato solo
sporadicamente nella formazione di parole nuove. usato produttivamente, con i valori
"unione, partecipazione, simultaneit, uguaglianza", premesso a verbi, a nomi, ad aggettivi
e ad aggettivi di relazione. Le formazioni verbali prefissate con co- (coabitare, coeditare,
coinvolgere, cointeressare, copartecipare, copresiedere) hanno valore comitativo in quanto
esprimono un'azione compiuta da due o pi soggetti nello stesso tempo, nello stesso luogo
o con pari impegno o efficacia, oppure una relazione di tipo simmetrico fra due o pi entit.
Dal momento che lo svolgimento dell'azione riguarda pi partecipanti, l'argomento esterno
del verbo deve essere semanticamente o morfologicamente plurale (Carlo e Giulia coabita-

162

3.

Prefissazone

no), oppure essere in relazione con un argomento indiretto di tipo comitativo (Carlo coabita con Giulia).1 In alcune formazioni nominali, specialmente nel caso di nomi d'azione e
nomi di agente, sono egualmente plausibili sia la prefissazione del nome sia la derivazione
suffissale di un verbo prefissato attestato, o possibile ma non attestato (coconduttore, codecisione, codetenzione, codistribuzione, cofondatore, cofondazione, cogestione,
coistruzione,
coproduttore, coproduzione, cotraduttore). Casi indubbi di prefissazone nominale sono:
coautore, codrammaturgo, cofattore, coinquilino, copilota, coproprietario,
coprotagonista,
cotesto. Le formazioni con aggettivi e aggettivi di relazione sono poche (coassiale, cobelligerante).
Con- presente in numerosissime parole per lo pi di formazione latina in cui esprime i
valori "unione, partecipazione, simultaneit, uguaglianza" (combaciare, combattere, combinare, combustibile, compagno, comparire, compatire, compensare, competere, comporre,
comportamento, comprendere, compressa, compromettere, comprare, concatenare, concausa, concetto, concludere, condurre, confetto, conflitto, congresso, connaturale, conseguire, contendere, contenere, correggere, corrodere, corrompere, corrugare). praticamente improduttivo, nelle neoformazioni gli preferito co-. Le formazioni pi recenti
(conurbamento, conurbazione, correlare), apparse tra la fine degli anni Cinquanta e l'inizio
dei Sessanta, si spiegano, le prime due con prestiti dall'inglese, mentre correlare una
retroformazione da correlazione (av. 1600) o correlativo (1477-78).
Pu esprimere il valore di "unione, contemporaneit" anche l'elemento formativo sin-, presente in
alcune parole di uso corrente non motivate, o scarsamente motivate, per il parlante comune (sindrome, sinfonia, sintassi, sintesi,

sintonia).

Inter- ha il valore "reciprocit" premesso produttivamente a verbi (interagire, intercomunicare, interconnettere), a nomi e aggettivi deverbali (interallacciamento, intercambiabile,
interdipendente, interdipendenza, interscambio) il cui verbo prefissato corrispondente non
sempre attestato, ma comunque possibile. Nelle formazioni verbali il prefisso esprime
una relazione di reciprocit simmetrica fra gli argomenti della base, e si premette quindi di
preferenza a basi transitive. La relazione di reciprocit pu instaurarsi tra l'argomento
esterno e uno retto dal verbo (es. un dirigente che interagisce con i suoi collaboratori) o,
pi frequentemente, tra gli argomenti retti dal verbo (interconnettere i computer, interconnettere il computer e la stampante), oppure riguardare il solo argomento esterno (le due
cause si interrelazionano), in tutti i casi gli argomenti devono essere morfologicamente o
semanticamente plurali. La relazione di reciprocit fra due argomenti esterni richiede la
costruzione con il si pronominale; fanno eccezione le poche formazioni con verbi intransitivi (interagire). Il prefisso inter- pu rafforzare il valore di relazione simmetrica dei verbi
reciproci (interassociarsi, intergemellarsi), ma pi correntemente usato per formare i
derivati nominali dei verbi reciproci formati con si, che altrimenti non avrebbero un esponente morfologico per esprimere la reciprocit (interallacciamento,
interannullamento,

Nel caso di soggetto singolare l'impiego del prefisso rende di norma obbligatoria la realizzazione
del complemento comitativo che invece opzionale se il verbo non prefissato: Carlo dirge una
rivista, Carlo dirige una rivista con Giulia, Carlo codirige una rivista con Giulia, 1Carlo
una rivista.

codirige

3.7. Funzioni semantiche

163

interassistenza,
intercomprensione).'
Il tipo di formazione attualmente pi vitale e che
conta il maggior numero di formazioni quello in cui inter- esprime il valore "relazione,
collegamento", premesso ad aggettivi di relazione, riferito al nucleo nominale
dell'aggettivo (interaziendale, interbancario, intercontinentale,
intercorrentizio,
interdialettale, interetnico, intergenerazionale,
intermediterraneo,
internazionale,
interpartitico,
interraziale, intersindacale).
A questo significato si possono ricondurre alcuni aggettivi
formati a partire da basi sostantivali che non hanno un aggettivo di relazione corrente o
disponibile (interarme, interarmi, interfacolt, interforze, intersquadre, interzona), si noti
in questo caso la possibilit di usare basi al plurale, dipendente dal fattto che il prefisso
esprime una relazione fra pi entit.

Un nome come intercomprensione in rapporto con il verbo reciproco comprendersi, cos come
comprensione lo con il transitivo comprendere.

4. PARASINTESI

4.1. Verbi parasintetici ci

Sono definiti parasintetici verbi come accorpare, allentare, imburrare, ingiallire, cio verbi
denominali e deaggettivali prefissati di cui non sono attestati n il verbo non prefissato
ottenuto per conversione (corpare, lentare, burrare, giallire) n il nome o l'aggettivo di
base prefissato (accorpo, allento, imburro, ingiallo).
L'introduzione del termine parasinttico nella linguistica moderna si deve ad A. Darmesteter (cft. Darmesteter 1877, 129; 18942, 96-103). Il termine stato immediatamente accolto nello studio delle lingue romanze, ed tuttora impiegato dai diversi indirizzi teorici
della morfologia contemporanea. 1 All'unicit della denominazione non corrisponde per
un'interpretazione univoca n riguardo al processo che porta alla formazione dei verbi
parasintetici n riguardo alla delimitazione di tali verbi.
Le principali proposte sull'iter formativo possono riassumersi nei seguenti tre schemi: 2
(1)

prefissazione e suffissazione simultanee (cfr. Darmesteter 1877, 129; Tollemache 1945,


111): [pref.[X] N/A suff.] v

(2)
(3)

cambio di categoria dovuto al prefisso (cfr. Corbin 1987,121-39): [pref. [X] ]


prima suffissazione poi prefissazione (cfr. Scalise 1994, 218-22): [pref. [[X]N/A suff.] v ] v

I sostenitori della prima proposta, tra i quali ci ascriviamo, attribuiscono (in maniera esplicita o implicita) al suffisso 3 la responsabilit del cambio di categoria del nome o
dell'aggettivo di base in verbo. Le altre due proposte di fatto negano la specificit del processo formativo parasinttico: Corbin 1987 attribuisce al prefisso il cambio di categoria
della base nominale o aggettivale, negando l'intervento di un suffisso; Scalise 1994 ipotizza
la successione di due stadi derivativi: il primo stadio consiste nell'aggiunta di un suffisso
che determina il passaggio della base nominale o aggettivale a verbo (che rimane una parola possibile ma non attestata), il secondo stadio consiste nell'aggiunta di un prefisso.
La proposta in (2) la pi discutibile, considerata la generalizzata incapacit che i prefissi delle lingue romanze hanno di cambiare la categoria della base; essa inoltre, postulando una netta distinzione tra l'iter formativo dei verbi parasintetici rispetto ai verbi denominali e deaggettivali formati per conversione, non permette di spiegare le numerose caratteristiche in comune tra i due tipi di verbi.
La proposta in (3) riconduce a uno stesso iter formativo tutti i verbi prefissati di cui non
attestato il corradicale non prefissato; ma, come vedremo nel paragrafo successivo, tali
verbi non costituiscono un insieme omogeneo n per quanto riguarda il processo derivativo
per mezzo di cui sono formati n per quanto riguarda i tipi di significato espressi.
1

II significato corrente del termine si differenzia da quello elaborato dai grammatici greci e latini (e
fatto proprio dai moderni studiosi di indoeuropeistica e germanistica), per i quali parasyntheton
(da cui il latino decompositum) indica le parole composte o derivate formate a partire da una base
gi composta o derivata, quali ad esempio il sostantivo latino magnanimitas derivato dall'aggettivo composto magnanimus.
Un'ampia e aggiornata rassegna delle diverse proposte teoriche e descrittive sulla parasintesi
fornita da Serrano Dolader 1995, 23-74.
importante notare che nella formazione dei verbi parasintetici non interviene un vero e proprio
suffisso derivativo dotato di corpo fonico (quali, ad esempio, -izz-,-eggi-) ma un processo di conversione.

168

4. Parasintesi

4.1.1. Distinzione tra verbi parasintetici e verbi a doppio stadio derivativo ci


Tra i prefissi attualmente impiegati nella formazione di verbi denominali e deaggettivali di
cui non attestato il corradicale non prefissato vi sono importanti differenze. In prima approssimazione, si possono distinguere da una parte i prefissi ad- e in-, che sono impiegati
esclusivamente nella formazione di verbi parasintetici a cui concorrono senza apportare uno
specifico valore semantico rispetto ai verbi formati per conversione (cfr. innervosire e calmare, imburrare e zuccherare, immagazzinare e stivare),1 e dall'altra i prefissi de- e dis-,
che sono invece dotati di un proprio valore semantico e possono sia formare verbi di cui
non attestata la forma non prefissata (derattizzare, disossare) sia premettersi a verbi di
uso corrente (decolorare, disarmare). Pi complessa la situazione del prefisso s-, per il
quale in sincronia si possono distinguere due impieghi distinti: da una parte la derivazione
di verbi a partire da nomi e aggettivi analoga a quella dei prefissi ad- e in- (cfr. appianare e
spianare, imbiancare e sbiancare), dall'altra un impiego davanti a verbi attestati o possibili
ma non attestati in cui esprime valori di tipo privativo e reversativo (analogamente ai prefissi de- e dis-, es. sbottonare, sbudellare, scucire,
smacchiare)}
I prefissi ad-, in- (e accanto ad essi il prefisso s- impiegato nella formazione di verbi con
valore ingressivo o strumentale) si differenziano dagli altri prefissi verbali per tre caratteristiche peculiari: (a) non si premettono produttivamente a verbi; (b) non hanno un significato definibile in sincronia; (c) possono formare verbi della coniugazione in -ire.
Per quanto riguarda la caratteristica (a), osserviamo che normalmente i prefissi verbali si
premettono indifferentemente a verbi il cui tema verbale (cfr. dire, disdire, ridire) e a
verbi denominali e deaggettivali formati sia per suffissazione (cfr. politicizzare,
depoliticizzare, ripoliticizzare) sia per conversione (cfr. attivare, disattivare, riattivare). Lo stesso non
si pu dire di ad- e in-, i quali formano produttivamente solo verbi parasintetici direttamente da basi nominali e aggettivali. Se accettassimo l'ipotesi che questi prefissi formino
verbi attraverso un doppio stadio derivativo - cos come in (3) - dovremmo conseguentemente postulare una restrizione ad hoc secondo la quale i prefissi ad- e in- non potrebbero
essere premessi: a verbi non denominali, a verbi non deaggettivali, a verbi denominali e
deaggettivali formati per suffissazione. 3 Rimarrebbero inoltre da spiegare i motivi della non
attestazione dei verbi formati per conversione nel primo stadio derivativo. Si noti che dalla
consultazione dei dizionari di neologismi successivi a Migliorini 1963 risulta che ai circa
70 verbi prefissati con ad-, in- e s- con valore ingressivo o strumentale presenti in tali opere
(.accorpare, incremare, infasullire) non corrisponde nessuna neoformazione verbale corradicale formata per conversione (corpare, fasullire ecc.) n alcuno di tali verbi attestato
come di uso corrente nei dizionari della lingua italiana. Nello stato attuale di lingua dunque ragionevole ipotizzare una tendenza alla distribuzione complementare che fa s che da
una stessa base non derivino verbi sia per conversione sia per parasintesi. Al di fuori dei

Il prefisso parasinttico in- ha un prefisso omonimo, ma diverso per origine, semantica e tipi di
formazione a cui partecipa, il quale si premette produttivamente ad aggettivi ed esprime valore
privativo-negativo, per esempio in incapace, inutile (cfr. 3.3. e 3.7.2.).
Sullo sviluppo semantico a partire da uno stesso prefisso di valori antitetici di tipo sia ingressivo
sia egressivo, e per la definizione delle nozioni di ingressivit ed egressivit, cfr. 4.1.2. e 4.1.3.
Nel DISC e nel GRADIT vi sono pochissimi verbi prefissati con ad- o in- che siano anche suffissali. Sono tutti obsoleti o di basso uso, come accaneggiare o intronizzare.

4.1. Verbi

parasintetici

169

neologismi, per possibile trovare diverse coppie costituite da verbi formati per parasintesi e per conversione da una stessa base. Di norma si tratta di parole che si distinguono per
frequenza d'uso (cfr. abbassare di uso corrente e bassare obsoleto), ambito settoriale (cfr.
pianare, termine tecnico e spianare, di uso comune), restrizioni selettive, significato. Differenze che per non sono riconducibili sistematicamente al tipo di formazione (cfr. anche
7.4.).
Quanto a (b), i prefissi dell'italiano modificano il significato della parola a cui si premettono, contribuendo con uno specifico valore semantico (cfr. fare e rifare, abitare e
coabitare). La particolarit dei prefissi ad-, in- e s- con valore ingressivo o strumentale
consiste nel fatto che i verbi che essi concorrono a formare produttivamente non hanno
caratteristiche semantiche peculiari rispetto a quelle esprimibili tramite conversione. La
funzione principale di tali prefissi piuttosto di tipo azionale (nel senso definito in Bertinetto 1986), essi infatti concorrono di norma a formare verbi che indicano l'acquisizione di
uno stato (addolcire, ingrandire, scaldare), oppure l'impiego di uno strumento (accoltellare, sforbiciare).
Per quanto infine riguarda (c), delle tre terminazioni verbali (-are, -ere, -ire), quella in
-ere del tutto improduttiva, quella in -are l'unica completamente produttiva, la classe
dei verbi in -ire (oltre alla prefissazione di verbi gi in uso, alla sostituzione di prefisso, ai
prestiti dal latino) si pu arricchire produttivamente di nuove formazioni solo tramite
l'impiego dei prefissi ad- e in- in formazioni parasintetiche (appiattire, appuntire, innervosire, ingrigire). Le eccezioni si contano sulle dita di una mano (cfr. anche 7.4.1.), fra queste, snellire (da snello), che si pu spiegare con l'influsso di verbi come sfoltire e sfinire, i
quali sono per formati tramite sostituzione di prefisso a partire dai verbi parasintetici infoltire e infittire, che li precedono diacronicamente e ne sono il presupposto semantico.
Considerazioni del tutto diverse richiedono i prefissi de-, dis- e s- con valore egressivo. I
tre prefissi contribuiscono a modificare la semantica del verbo con cui si combinano esprimendo principalmente valori di tipo privativo, reversativo, di allontanamento, e sono produttivamente impiegati davanti a temi verbali (disfare, deflettere, slegare), a verbi denominali e deaggettivali formati sia per suffissazione (disindustrializzare, decalcificare, sdrammatizzare) sia per conversione (decolorare, disonorare, smascherare), e anche a verbi
prefissati (decongelare, disaccoppiare, disinnamorare, scomporre).1 La formazione di verbi
come decaffeinare, deforestare, disossare, scortecciare, di cui non sono attestati i verbi non
prefissati corradicali, rappresenta dunque solo un aspetto dell'impiego di tali prefissi. Come
fa notare Grossmann 1994, 17-18, non sempre necessario presupporre un evento che
abbia provocato lo stato di cose di cui i prefissi con valore privativo o reversativo indicano
l'annullamento: si pu infatti dissalare il baccal che stato precedentemente salato, ma
anche l'acqua del mare, si possono dissotterrare le radici di una pianta sia che siano state
interrate da un giardiniere sia che non lo siano state. E dunque del tutto plausibile che verbi
come caffeinare e 0 forestare, che verbalizzano l'evento di cui i prefissi con valore privativo o reversativo indicano l'annullamento, non siano necessariamente attestati. Ci avviene
quasi senza eccezioni nel caso di verbi come disossare, sbudellare, snocciolare, che descrivono un evento che annulla uno stato intrinseco o una condizione normalmente inalienabile
dell'entit che ne affetta, come, per gli esseri umani, avere ossa, budella ecc.
I prefissi dis- e s- si possono premettere con valore peggiorativo e negativo anche a nomi e ad
aggettivi, come in disamore, disattento, scorretto, sfortuna (cfr. 3.7.2.4.).

170

4.

Parasintesi

La non attestazione di verbi denominali e deaggettivali non prefissati come caffeinare o


ossare si spiega dunque con la non necessit pragmatica di tali verbi, che sono comunque
possibili nel sistema, e talvolta sono realizzati successivamente a quelli prefissati, ne sono
esempio verbi come dentare, nazificare, nuclearizzare, umidificare, vitalizzare tutti attestati
successivamente ai corrispettivi verbi prefissati sdentare, denuclearizzare, deumidificare,
denazificare, devitalizzare. La plausibilit della ricostruzione di verbi che costituiscono uno
stadio derivativo intermedio tra la base nominale (o aggettivale) e il verbo prefissato con
significato privativo o reversativo trova supporto anche nelle propriet combinatorie dei
prefissi, si noti l'analogia di funzione del prefisso dis- nei verbi disancorare, disincrostare,
disossare, le cui basi sono rispettivamente un verbo formato per conversione (ancorare), un
verbo parasinttico (incrostare), e lo stadio derivativo non attestato (ossare) formato a
partire dalla base nominale osso.
L'iter formativo di verbi come deforestare, disossare, scortecciare ecc. dunque adeguatamente rappresentato dalla struttura indicata in (3). Per questi verbi proponiamo la
denominazione di verbi a doppio stadio derivativo. La denominazione evidenzia la plausibilit della ricostruzione di uno stadio intermedio (costituito dal verbo denominale o deaggettivale formato per conversione o suffissazione), rispetto al quale il verbo prefissato si
distingue semanticamente (esprimendo di solito valori privativi o reversativi) grazie
all'apporto del prefisso. Il significato del verbo prefissato appare di norma come antitetico
rispetto alla parafrasi del verbo denominale o deaggettivale non prefissato. I prefissi che
partecipano a questo tipo formativo possono essere impiegati (con le stesse funzioni semantiche) anche davanti a verbi attestati.
Proponiamo invece di riservare la denominazione di verbo parasinttico ai verbi formati
dai prefissi ad-, in- e a quelli in cui il prefisso s- contribuisce al valore ingressivo o strumentale del verbo. In tali verbi il prefisso e il processo di conversione agiscono simultaneamente come un unico affisso. La particolarit dei verbi parasintetici rispetto ad altri casi
di affix-cluster, che i due elementi derivativi (il prefisso e il processo di conversione)
formano un morfo discontinuo, un circonfisso.1
Il ruolo del prefisso nel circonfisso dei verbi parasintetici essenzialmente quello di segnalare con una marca esplicita la trasformazione categoriale da nome o aggettivo in verbo
data dal processo di conversione. I motivi a favore dell'ipotesi circonfissale sono molteplici. Come abbiamo visto, i prefissi ad-, in- e s- nell'uso ingressivo e strumentale possono
essere usati produttivamente solo in concomitanza con il processo di conversione, e non
contribuiscono con uno specifico significato alla semantica del verbo. L'ipotesi del circonfisso d conto anche della non autonomia della conversione nei parasintetici e
dell'impossibilit di premettere i prefissi parasintetici a basi verbali. Inoltre, da un punto di
vista teorico, considerare la formazione di verbi parasintetici come generata da un'unica
regola derivativa (il circonfisso) rispetta la natura binaria dei processi derivativi senza il
bisogno di postulare stadi non attestati.
In conclusione, la caratteristica distintiva dei verbi parasintetici non consiste tanto nella
non attestazione del verbo formato per conversione, quanto nell'impiego di un circonfisso a
partire direttamente da basi nominali e aggettivali. Il circonfisso formato dal processo di
1

La proposta della derivazione circonfissale per i verbi parasintetici dell'italiano, come anche
l'elaborazione della nozione di verbo a doppio stadio derivativo sono state formulate in Crocco
Galas / Iacobini 1993a.

4.1. Verbi parasintetici

171

conversione e d a prefissi il cui impiego ristretto a questo particolare tipo derivativo e il


cui contributo semantico consiste essenzialmente in un'indicazione di tipo azionale di cambiamento di stato.
I verbi a doppio stadio derivativo rappresentano invece un tipo particolare di verbo prefissato, caratterizzato dal fatto di avere come base un verbo possibile ma non attestato,
rispetto al quale il verbo prefissato si distingue semanticamente.
La definizione di verbo parasinttico qui proposta pu apparentemente essere contraddetta
dall'esistenza di un certo numero di verbi come accadere, apporre, immettere, influire, in cui i prefissi parasintetici sono premessi a temi verbali, come anche da un ristrettissimo numero di verbi, quali
delucidare, denudare, dimagriredisseccare,
in cui i prefissi de- e dis- non esprimono valore privativo. A questo proposito occorre sottolineare che i verbi appena citati sono di formazione latina (o
rifatti su tale modello), e soprattutto che non sono ricavabili da regole produttive di formazione di
parole dell'italiano. Per comprendere meglio l'origine del processo di parasintesi ed alcune particolarit d'uso dei prefissi verbali che esprimono di norma valore privativo, riteniamo opportuno fare un
passo indietro e riportarci brevemente alla situazione del latino.
II tipo di formazione verbale parasinttico, presente in tutte le lingue romanze, un processo che si
affermato nella tarda latinit, e di cui abbiamo numerose attestazioni soprattutto nei testi pi inclini
ad accogliere termini della lingua parlata o di uso tecnico (cfr. Malkiel 194la, Alien 1981, Crocco
Galas / Iacobini 1993b, Brchet 1999). a partire all'incirca dal terzo secolo d.C. che, soprattutto
grazie alla progressiva desemantizzazione di alcuni prefissi locativi (in particolare ad-, in-, ex-, i
prefissi latini che sono gli antecedenti degli italiani ad-, in-, s-), la parasintesi si differenziata dal
complesso della prefissazione verbale e ha assunto un forte rilievo quantitativo. La desemantizzazione
di tali prefissi e l'aumento del numero di formazioni parasintetiche una tendenza che si attuata
progressivamente nel corso della latinit, ma ancora in periodo tardo i prefissi dei parasintetici hanno
potuto essere impiegati con l'originario valore locativo anche preposti a temi verbali (lat. adcurro
"correre verso" vs curro "correre", includo "rinchiudere" vs claudo / eludo "chiudere"), cos come era
di norma nel latino classico.2
La nascita del tipo parasinttico si deve a un processo che trae origine dalla reinterpretazione di
verbi denominali e deaggettivali prefissati. La numerosit e la frequenza d'uso di verbi denominali e
deaggettivali prefissati in cui il prefisso non contribuisce alla semantica del derivato con un significato specifico (lat. accumulo, incurvo, intitulo) e che quindi non si distinguono per significato dai
corrispettivi verbi denominali e deaggettivali (lat. cumulo, curvo, titulo) ha favorito la formazione di
verbi prefissati aventi per base un sostantivo o un aggettivo privi di un corrispondente verbo denominale o deaggettivale corradicale. Ad esempio, un verbo come incurvo stato reinterpretato come una
derivazione di primo grado, riconducibile direttamente a una base aggettivale. Una tale interpretazione, ignorando lo stadio intermedio rappresentato dal verbo denominale o deaggettivale, ha imposto
una nuova relazione derivativa, e ha reso in tal modo possibile la formazione di verbi come lat. adunco "curvare a forma di uncino", emanco "rendere monco", inesco "adescare", derivati direttamente da
un sostantivo o da un aggettivo (lat. uncus "uncino", mancus, -a, -um "monco", esca "cibo, esca")
saltando il passaggio del verbo non prefissato.
Il processo di formazione parasinttica si imposto in un periodo di progressiva disgregazione
della norma della lingua latina e di individuazione di nuovi equilibri nella creazione dei sistemi morfologici delle lingue romanze. Tra i motivi del suo successo vi il maggiore grado di iconicit rispetto
alla semplice conversione: la presenza del prefisso nel parasinttico segnala in maniera pi evidente
di quanto non accada per la conversione il cambio categoriale e la trasformazione semantica della

1
2

II prefisso di- la variante di tradizione diretta del prefisso di tradizione colta de-,
I verbi di formazione italiana in cui ad- e in- sono premessi a temi verbali sono molto pochi (e
quasi tutti risalgono al XIV secolo), tra questi: addivenire, arrecare, attorcere, impigliare, incominciare.

172

4. Parasintesi

base nominale o aggettivale, garantendo una maggiore omogeneit tra complessit del significante e
complessit del significato.
Accenniamo soltanto ad altri tre fenomeni che hanno certamente influito positivamente
sull'affermazione del processo di parasintesi: (a) il ricorso nel latino tardo alla prefissazione verbale
col fine di aumentare il corpo fonico dei verbi (si pensi a casi di superprefissazioni come adagnosco,
adalligo), (b) la marginalit nel sistema derivativo del latino della formazione di verbi denominali e
deaggettivali tramite suffissazione; (c) il progressivo impoverimento nel passaggio dal latino alle
lingue romanze del sistema di relazioni e opposizioni locative e temporali proprie della prefissazione
verbale del latino classico.

4.1.2. Verbi ingressivi ed egressivi a


I prefissi parasintetici e quelli a doppio stadio derivativo condividono un'importante caratteristica, quella di esprimere originariamente significati di tipo locativo, anche se orientati
in senso contrapposto: moto a luogo i prefissi parasintetici, moto da luogo quelli a doppio
stadio derivativo. Sappiamo che la nozione di movimento verso un luogo pu essere reinterpretata nella nozione di cambiamento di stato, nella transizione da uno stato a un altro,
secondo un'analogia che si pu instaurare da un lato tra l'occupare una posizione e l'essere
in un determinato stato e dall'altro tra il cambiamento di luogo e il cambiamento di stato.
Lo sviluppo semantico dei prefissi ad- e in- andato proprio in questa direzione: essi hanno
perso progressivamente la possibilit di essere usati produttivamente come prefissi locativi
e hanno acquisito la funzione di segnalatori di ingressivit. Usiamo ingressivo (e il suo
contrario egressivo) nel senso definito da Grossmann 1994, 3-16, cio come denominazione di un componente semantico di tipo azionale dei verbi che designano una transizione da
uno stato ad un altro. Verbi ingressivi come addolcire e ingrandire indicano l'acquisizione
di uno stato, e presuppongono che, precedentemente al cambiamento di stato, le entit a cui
si riferiscono fossero rispettivamente "non dolci" o "meno dolci", "non grandi" o "meno
grandi".
I prefissi che formano verbi a doppio stadio derivativo concorrono invece alla formazione di verbi egressivi, che esprimono valori di tipo reversativo (decontaminare, disfare,
snodare, sbottonare), privativo (diserbare, sbrinare), oltre a indicare separazione e allontanamento (disarcionare, sbarcare). La predicazione egressiva verbalizza il passaggio dallo
stato che rappresenta il risultato della verbalizzazione ingressiva a uno stato opposto, in
genere, ma non necessariamente, coincidente con lo stato precedente alla predicazione
ingressiva. I prefissi con significato egressivo permettono quindi di formare coppie di opposti con verbi parasintetici corradicali, cfr. innescare e disinnescare, allacciare e slacciare, impolverare e spolverare. Si noti come il prefisso egressivo pu sia aggiungersi al prefisso parasinttico (disinfiammare) sia, pi frequentemente, sostituirsi ad esso (distaccare
da attaccare, disgregare da aggregare, scorporare da incorporare, sloggiare da alloggiare).

4.1. Verbi

parasintetici

173

4.1.3. Il doppio valore di s- ci


Vediamo ora come stato possibile che da uno stesso prefisso si siano potuti sviluppare
valori antitetici di tipo sia ingressivo sia egressivo (cfr. sgrossare "rendere meno rozzo" e
sfittare "rendere pi fine", sfiammare "lenire un'infiammazione" e sfiammare "divampare",
sfilare "togliere dalla sua sede ci che vi infilato" e sfilare "procedere in fila").
Anche in questo caso bisogna rifarsi al latino. Il punto di passaggio fra l'originario valore egressivo e la nuova interpretazione ingressiva del prefisso latino ex- pu essere individuato in una serie di verbi causativi tratti da aggettivi e sostantivi,1 tra cui segnaliamo alcuni fra quelli ancora in uso in italiano: effeminare, essiccare, evaporare, esacerbare, esasperare. Tali verbi predicano l'uscita da uno stato che non viene menzionato in quanto considerato normale o intrinseco per l'entit a cui sono riferiti (l'essere maschio, l'essere umido,
l'essere liquido ecc.). Verbi come effeminare, evaporare o essiccare possono infatti essere
riferiti rispettivamente solo a persone di sesso maschile, a liquidi, o a cose e persone bagnate o umide. 2 Questi verbi si prestano quindi a una reinterpretazione di tipo ingressivo
consistente nell'omissione del concetto di uscita da uno stato di cose, e nell'espressione del
passaggio allo stato indicato dal nominale di base. Le loro parafrasi "diventare femmina o
simile a una femmina", "diventare secco, o pi secco", "diventare vapore" risultano di fatto
del tutto equivalenti a quelle dei verbi parasintetici con ad- e in- (ammorbidire, ingrossare)
e dei verbi formati per conversione, si pensi a coppie sinonimiche quali allargare e slargare, chiarire e schiarire.
Lo sviluppo del valore ingressivo del latino ex- stato favorito anche da altri fattori, tra
cui i principali sono l'impiego di tale prefisso nella formazione di verbi incoativi, come ad
esempio lat. effervesco, evanesco (da cui it. effervescente e evanescente), e dal riconoscimento del valore aspettuale di compimento e di esaustivit presente in alcuni verbi come
lat. exhaurio "vuotare" rispetto ad haurio "attingere".
Un interessante collegamento fra valori egressivi e ingressivi espressi dal prefisso s- si
ha in verbi come sbranare, sbriciolare, sfrangiare, smembrare, spezzare, che possono essere parafrasati "rompere X in N", "ridurre X a N". Come osserva Grossmann 1994, 71, tali
verbi descrivono eventi irreversibili interpretati dal punto di vista della conoscenza delle
cose come aventi polarit negativa, in quanto tendenti verso l'annullamento di uno stato
preesistente. Si tratta quindi di verbi apparentemente egressivi, in quanto presuppongono
l'allontanamento da uno stato precedente, ma di fatto ingressivi in quanto predicano il costituirsi di un nuovo stato di cose.
L'esistenza di verbi prefissati con dis- e de- con valore ingressivo (delucidare, denudare,
dilatare, dimagrire, disseccare) ha motivazioni analoghe a quelle viste per il prefisso s-, ma
a differenza di quest'ultimo, i prefissi de- e dis- non sono utilizzati produttivamente con

Dal prefisso latino ex-, l'italiano ha derivato, oltre al prefisso s-, anche il prefisso e-/es-, non pi
produttivo nell'italiano corrente, ma sporadicamente utilizzato nelle terminologie tecnicospecialistiche con valore privativo e locativo (espettorare, evertebrato).
Lo stato preesistente alla verbalizzazione egressiva ricostruibile anche grazie al fatto che per
molte delle basi nominali immediata l'individuazione del termine complementare o antonimo
(maschio ! femmina, alto / basso, giovane ! vecchio, amico / nemico). Sulle origini di questi verbi

cfr. Brchet 1999.

174

4. Parasi/itesi

valore ingressivo, e i verbi di uso corrente con valore ingressivo formati con questi prefissi
non superano la ventina di unit.

4.1.4. Verbi parasintetici deaggettivali ci


Abbiamo sin qui definito le caratteristiche generali dei verbi parasintetici e di quelli a doppio stadio derivativo. Abbiamo poi delineato l'origine dei verbi parasintetici e distinto il
valore ingressivo da essi espresso rispetto a quello egressivo, tipico dei verbi a doppio stadio derivativo. Passiamo ora a vedere pi da vicino i verbi parasintetici, cominciando da
quelli con base aggettivale. La classificazione semantica dei verbi parasintetici qui proposta
si basa su quella elaborata da Grossmann 1994 per i verbi del catalano.
Il valore ingressivo del circonfisso parasinttico si manifesta appieno nella formazione di
verbi da basi aggettivali, in tali verbi infatti l'originario valore locativo dei prefissi non
gioca pi alcun ruolo. La parafrasi della generalit dei verbi parasintetici aventi come base
un aggettivo "far diventare, rendere (pi) A", per esempio abbassare "rendere basso" o
"pi basso", ammorbidire, indebolire, insudiciare, scaldare, smagrire. Si tratta quindi di
verbi causativi, cio verbi transitivi in cui il referente del soggetto dell'enunciato di norma
causa intenzionale di un cambiamento di stato o di propriet subito dal referente del complemento oggetto, e in cui l'aggettivo costituisce il nucleo semantico della predicazione (il
marinaio allenta il nodo, i dolci ingrassano Gianni). Gli stessi verbi possono di norma
essere usati anche in costruzioni intransitive con valore incoativo.1 Tale valore pu essere
espresso nella forma attiva, o nella forma pronominale con un clitico in funzione anticausativa (il nodo si allenta, Gianni (si) ingrassa).
La maggioranza dei verbi parasintetici deaggettivali presenta un'alternanza tra forma attiva con valore causativo e forma pronominale con valore incoativo. Tra i molti esempi
possibili: abbassare, abbreviare, accertare, accomunare, addensare, addestrare, addolcire,
afflosciare, aggiustare, alleggerire, allentare, allietare, ammollare, appesantire, appianare, appiattire, approssimare, assodare, avverare, avvilire, impietosire, impreziosire, incivilire, incurvare, infradiciare, innervosire, insudiciare, intossicare, inumidire, inzuppare,
irrobustire, isterilire, sbizzarrire, sbollentare, smezzare, svilire.
Un discreto numero di verbi pu essere impiegato nella forma attiva sia con valore causativo nella costruzione transitiva sia con valore incoativo in quella intransitiva,
quest'ultimo valore pu essere espresso anche tramite la forma pronominale;2 un elenco
pressoch esaustivo dei verbi di uso corrente comprende: ammorbidire, ammutire, annerire, arricchire, arrugginire, avvizzire, azzittire, illividire, imbarbarire, imbastardire, imbellire, imbestialire, imbiancare, imbiondire, imbizzarrire, imborghesire, imbrunare, imbrunire, imbruttire, impazzare, impiccolire, impigrire, impoverire, inacidire, inasprire, incuriosire, indebolire, indolenzire, indurire, inferocire, infiacchire, infittire, infoltire, ingelosire,
ingiallire, ingrandire, ingrassare, ingrigire, ingrossare, insecchire, intenerire, intimidire,

Intendiamo per verbo incoativo quello in cui il referente del soggetto dell'enunciato affetto,
indipendentemente dalla propria volont, da un mutamento di stato.
Sulla doppia possibilit d'uso transitivo e intransitivo dei verbi parasintetici deaggettivali e denominali nell'italiano del Due-trecento, cfr. Brambilla Ageno 1964,97-115.

4.1. Verbi

parasintetici

175

intristire, invecchiare, involgarire, irrigidire, istupidire, scaldare, slargare,


spianare,
sprofondare.
Un numero ristretto di verbi esprime unicamente valore incoativo, la loro parafrasi "diventare (pi) A"; questi verbi possono essere usati sia nella forma intransitiva attiva sia in
quella pronominale, tra essi: ammattire, arrossire, imbolsire, impallidire, impazzire, infracidire, intumidire, inviscidire, irrancidire. Si contano sulla punta delle dita di una mano i
verbi di cui attestata la forma attiva e non la pronominale (infetidire, svanire), oppure la
pronominale e non l'attiva (intestardirsi).
I verbi parasintetici con base aggettivale descrivono l'acquisizione o l'aumento di grado
di una certa propriet o qualit (l'essere bello, feroce, triste ecc.) lo stato iniziale dell'azione
rimane inespresso e il grado dello stato risultante rimane indeterminato. Tutto quello che
possiamo dire sullo stato iniziale che si situa a un grado inferiore in rapporto allo stato
risultante; quest'ultimo si pu trovare o all'interno dei limiti della qualit espressa dallo
stadio iniziale (da meno bello a pi bello) o al di fuori (da non bello a bello). Di conseguenza, possiamo ad esempio dire di allungare una cosa che rimane corta, o che gi lunga, di
ingiallire una cosa che non gialla o che gi un po' gialla o ingiallita, o di ingrassare pur
rimanendo magri (cfr. Castelfranchi 1979).
Per un ristretto numero di verbi (tra i quali accertare, affrancare, aggiustare, annullare,
appurare, assicurare, assodare, inumidire) possibile verbalizzare soltanto l'acquisizione
di uno stato, e non l'aumento di grado.
Gli aggettivi di base sono generalmente non derivati, tra le poche eccezioni vi sono alcuni aggettivi che derivano da participi presenti (appesantire, arroventare,
impuzzolentire,
sbollentare) e alcuni aggettivi derivati da nomi (impietosire, involgarire).'
Dei circa 210 verbi parasintetici deaggettivali lemmatizzati nel DISC, i pi numerosi sono quelli prefissati con in- (53%), seguono quelli prefissati con ad- (39%), poco numerosi
quelli con s- (8%). Non vi sono relazioni sistematiche tra da una parte l'impiego di un determinato prefisso anzich un altro e dall'altra il significato della base o del verbo parasinttico. I significati espressi dai verbi parasintetici deaggettivali possono essere espressi
anche da verbi formati per conversione o suffissazione (cfr. addolcire e calmare, affaticare
e stancare, accertare e verificare, irrobustire e fortificare, incivilire e civilizzare).
Per quanto riguarda le classi flessive, prevalgono i verbi in -ire (56%) su quelli in -are
(44%). Un'importante differenza tra le due classi flessive consiste nel fatto che i verbi che
permettono un impiego intransitivo nella forma attiva appartengono nella quasi totalit alla
classe in -ire, mentre tra quelli della classe in -are l'opposizione causativo-attivo / incoativo-pronominale si manifesta con maggiore regolarit.2 La tabella 1 riporta la distribuzione
percentuale dei prefissi per ciascuna classe flessiva. In essa si pu notare che circa tre quarti
dei verbi in -ire sono prefissati con in-, mentre la maggioranza dei verbi in -are prefissata
con ad-.

Cos come di norma anche per altre regole di formazione di parole, gli aggettivi derivati da nomi
sono basi possibili di derivazione solo se usati con significato qualificativo e non classificante (cfr.
Grossmann 1999 e 5.2.1.1.1.).
Tra le pochissime eccezioni: allargare, allungare, e alcuni verbi quali accecare, aggravare, ammosciare, assordare, il cui uso intransitivo molto poco frequente o obsoleto.

176

4. Parasintesi

prefisso

-are

-ire

ad-

57%
29%
14%
100%

23%
73%
4%
100%

ins-

totale

Tabella 1 : Verbi parasintetici deaggettivali


- prefissi e classi flessive
La produttivit dei verbi parasintetici deaggettivali in una fase calante. Ci pu essere in
gran parte spiegato con la concorrenza del suffisso -izz- che, a differenza della parasintesi,
pu avere come basi aggettivi suffissati; tra i poco numerosi neologismi: asserarsi, infasullire, sgigionare. Sono molto pochi i verbi che presentano modificazioni nella base rispetto agli aggettivi a cui sono riconducibili, tra essi: abbonire, abbreviare, indolenzire,
inebriare, innovare.

4.1.5.

Verbi parasintetici denominali a

I tipi di significato espressi dai verbi parasintetici denominali sono pi vari rispetto a quelli
espressi dai verbi deaggettivali. I nomi possono essere definiti da un insieme di tratti semantici anche molto diversi tra loro, e il referente che essi designano pu essere coinvolto
in una grande variet di situazioni. Il processo di verbalizzazione seleziona i tratti che sono
prevalenti nelle attivit normalmente associate al referente in un determinato contesto culturale. Di conseguenza, il significato del verbo denominale dipende molto dalle conoscenze
enciclopediche dei parlanti, e da quale (o quali) fra i tratti semantici che compongono il
significato del nome di base sia preso in considerazione nel processo di verbalizzazione. Ad
esempio, un verbo come accanirsi non significa "diventare un cane" o "simile a un cane",
ma "impegnarsi con tenacia" o "infierire rabbiosamente" cos come tipicamente fanno i
cani. Questo insieme di fattori rende difficile e incerta la classificazione semantica dei verbi
parasintetici denominali, 1 per possibile individuare alcune parafrasi a cui possono essere
ricondotti. I tipi di significato principali che possono essere espressi dai verbi parasintetici
denominali sono due: causativo e locativo, a cui si possono aggiungere il significato strumentale e quello ornativo. Nessuno di questi tipi di significato specifico dei verbi parasintetici, dal momento che gli stessi significati possono essere espressi anche da verbi formati per conversione (cfr. 7.4.2.1.) o suffissazione (cfr. 5.3.1.2.).

4.1.5.1. Significato causativo


I verbi con significato causativo sono i pi numerosi, costituiscono infatti circa il 50% dei
verbi parasintetici denominali. All'interno di essi si possono distinguere tre sottotipi principali.
La classificazione pi dettagliata dei significati espressi dai verbi parasintetici italiani fornita da
Reinheimer-Rpeanu 1974.

4.1. Verbi

parasintetici

177

4.1.5.1.1. I tipi accartocciare, incolonnare, inarcare ci


I verbi di questo tipo hanno come parafrasi "(far) diventare (un) N", per esempio accartocciare, accatastare, acciambellare, accomunare, accoppiare, addottorare, affettare, affratellare, aggomitolare, aggrumare, ammucchiare, ammuffire, appallottolare, asservire-,
impadronirsi, imparentare, impastare, impilare, inarcare, incarnare, incenerire, incolonnare, incrostare, infilzare, intrecciare-, sbocciare, sbranare, sbriciolare, spezzare. I nomi di
base sono per la maggior parte concreti. La verbalizzazione pu dare luogo al porre in essere di (come in accartocciare, incenerire, sbriciolare), oppure nel far diventare qualcosa o
qualcuno parte di (come in accatastare, ammucchiare, impilare, incolonnare), o anche
nel (far) prendere forma di (come in acciambellare, inarcare).
4.1.5.1.2. Il tipo inviperirsi ci
I verbi di questo tipo hanno come parafrasi "(far) diventare come (un) N", per esempio
accanirsi, accapponarsi', imbombolare, impaperarsi, incartapecorire, inviperirsi, ischeletrire:; scamosciare. Si tratta del tipo meno numeroso, le basi sono costituite in buona parte
da nomi animati. In questi verbi particolarmente evidente che la verbalizzazione seleziona
alcuni tratti semantici delle basi, ad esempio inasinirsi significa "comportarsi manifestando
alcune delle qualit attribuite all'asino", come l'ignoranza e la stupidit.
4.1.5.1.3. I tipi affascinare, insaporire ci
Sono riconducibili alle parafrasi "causare, produrre, suscitare, (far) prendere, (far) acquisire
N" verbi quali: accalorare, addebitare, addottrinare, adirarsi, affascinare, affaticare, aggraziare, ammorbare-, imbandalzire, immalinconire, impaurire, impensierire, impestare,
impossessarsi, incapricciarsi, indispettire, indottrinare, infervorare, infuriare, inguaiare,
innamorare, inorgoglire, insaporire, intimorire-, sbavare, sfavillare, sfuriare, smaliziare,
spaurire. Le basi di tali verbi sono costituite principalmente da nomi astratti, molti dei quali
indicano stati psicologici. Sono numerosi i verbi che hanno un'evidente affinit semantica
con i verbi parasintetici deaggettivali (cft. aggraziare, immalinconire, impensierire, inorgoglire)-, infatti, per le loro parafrasi sono normalmente usati aggettivi, "rendere grazioso,
malinconico, pensieroso, orgoglioso". L'utilizzo di nomi invece che di aggettivi si pu
spiegare con la preferenza per l'impiego di basi non derivate.

4.1.5.2.

Significato locativo ci

All'incirca il 40% dei verbi denominali esprime significato locativo. All'interno di tale
significato si pu operare una distinzione in due sottotipi principali, a seconda che il referente del nome di base svolga il ruolo di oggetto che viene posto in un qualche luogo (oggetto localizzato, es. ammobiliare, incoronare, innevare) oppure rappresenti il luogo dove
qualcosa o qualcuno viene posto (spazio di localizzazione, es. accasare, infornare, intavolare).

178

4. Parasintesi

4.1.5.2.1.1 tipi imburrare, incoronare ci


I verbi in cui il nome di base ha il ruolo di oggetto localizzato sono parafrasabili "mettere
in/su/intorno X" (acciottolare, ammantare, ammobiliare-, imbalsamare, imbandierare,
imbavagliare, imbellettare, imbiaccare, imbrillantinare, imburrare, imparruccare, impataccare, impagliare, impellicciare, impennacchiare, impepare, impiantare, impollinare,
impolverare, incamiciare, incappucciare, incapsulare, incerare, inceronare, incipriare,
incoronare, infagottare, infarinare, infiocchettare, infiorare, inghiaiare, inghirlandare,
ingioiellare, innevare, insabbiare, insalivare, insaponare). La grande maggioranza dei
verbi con questo significato sono prefissati con in-, quelli prefissati con ad- sono molto
pochi.1 Le forme pronominali di questi verbi hanno valore riflessivo, esse indicano la coincidenza tra l'agente e il luogo in cui o su cui viene posto il referente del nome di base (imbrillantinarsi, incappucciarsi).
Alcuni di questi verbi, possono essere considerati anche come "ornativi", in quanto
l'avvicinamento di a X pu essere reinterpretato dal punto di vista del risultato come
l'aggiunta di un qualcosa; essi sono dunque parafrasabili "munire, fornire, dotare X di N"
(acciottolare, incoronare, ingioiellare).
4.1.5.2.2.1 tipi affossare, infornare ci
I verbi in cui il nome di base ha il ruolo di spazio di localizzazione sono parafrasabili
"mettere X in/su/tra N", "avvicinare X a N, stabilendo o meno un contatto": abbracciare,
accasare, accentrare, accerchiare, accodare, accollare, affossare, allettare, alloggiare',
imbarcare, imbeccare, imbottigliare, imbucare, immagazzinare, imprigionare, impugnare,
incarcerare, incardinare, incartare, incassare, infornare, ingozzare, insaccare, inscatolare,
intascare, intavolare, intrappolare, invasare. La maggior parte delle basi nominali denominano spazi destinati a esseri umani o ad animali, o anche oggetti che servono a conservare,
trasportare. In alcuni di questi verbi si pu notare una relazione piuttosto stretta tra la costruzione parasinttica e il sintagma preposizionale che ne costituisce la parafrasi, tanto che
per alcuni plausibile un'origine sintagmatica, cio la verbalizzazione da un sintagma
come a letto per allettare, in barca per imbarcare, cos come avvenuto per alcuni nomi
originati dalla univerbazione di sintagmi preposizionali, es. acconto, affare, affresco, allarme, avvenire, i quali possono fungere da base di derivazione, cfr. affrescare, allarmare.
E per opportuno ricordare che il processo che porta alla formazione di un verbo altra
cosa dalla sua parafrasi. Un esempio evidente dato dai casi in cui sia l'oggetto sia lo spazio di localizzazione sono costituiti da entit mobili, es. incartare un regalo, incorniciare
un quadro. In questi casi vi sono almeno due parafrasi possibili: una in cui il nome di base
ha il ruolo di oggetto localizzato "mettere intorno a X", l'altra in cui ha il ruolo di spazio
di localizzazione "mettere X in N". L'ipotesi dell'origine preposizionale dei verbi parasintetici in cui il nome di base ha il ruolo di spazio di localizzazione non sostenibile per tutti
quei verbi in cui il prefisso non corrisponde alla preposizione impiegata per descriverne la
parafrasi (cfr. affossare "mettere in una fossa", accantonare "mettere in un cantone"). Pi

Tra i verbi parasintetici con significato locativo non abbiamo considerato i verbi prefissati con s-,
poich tale prefisso esprime valori locativi di tipo egressivo: "separazione", "allontanamento". Per
la descrizione dei verbi prefissati con s- con valore locativo cfr. 3.7.1.1.12.

4.1. Verbi

parasintetici

179

in generale, occorre notare che le preposizioni a e in possono esprimere valori estranei a


quelli dei prefissi parasintetici (si pensi all'uso stativo), e che tali prefissi non permettono
l'espressione di opposizioni come quella di moto verso una superficie vs moto verso
l'interno di un volume (normali per le preposizioni) al di fuori di un ristrettissimo numero
di casi, quali atterrare / interrare, a cui per si affiancano coppie di verbi che non presentano alcuna sistematicit nell'indicazione di tipo spaziale, cfr. abbarcare / imbarcare, abbracciare / imbracciare. Il significato dei verbi la cui base denota uno spazio di localizzazione dunque pi opportunamente ed economicamente interpretabile tramite il residuale
valore locativo dei prefissi piuttosto che con la presunta origine sintagmatica. Si noti infine
che in tali verbi il prefisso ha un ruolo marginale nell'espressione del valore locativo, ne
prova la possibilit di formare verbi denominali in cui la base ha il ruolo di spazio di localizzazione anche non prefissati (archiviare, cerchiare, depositare, internare, memorizzare,
ospedalizzare, stipare, stivare; cfr. 5.3.1.2.2.3. e 7.4.2.1.2.3.).

4.1.5.3. Significato strumentale: i tipi accoltellare, scarrozzare ci


Vi sono verbi che permettono, oltre a un'interpretazione locativa, anche un'interpretazione
di tipo strumentale es. incapsulare "mettere una capsula in/intorno a qualcosa" / "chiudere
con una capsula", intelaiare "mettere, tendere sul telaio" / "sostenere, armare con un telaio", incartare "mettere nella carta" / "avvolgere con la carta". L'interpretazione strumentale resa possibile da un cambio di prospettiva: invece che dal punto di vista dell'azione, il
verbo considerato dal punto di vista del risultato. I verbi con significato strumentale
esprimono il compimento di un'azione ottenuto mediante l'uso di un oggetto impiegato
come strumento: abbottonare, ammanigliare, accoltellare, addentare, additare, agganciare, allacciare, ammanettare, annodare, appuntare, avvelenare-, imbrigliare, imbullonare,
impalare, impallinare, impuntare, inanellare, inceppare, incornare, sbandierare, scarrozzare, sforbiciare, spifferare, strombazzare, sviolinare. L'identificazione di un tipo semantico autonomo giustificata da verbi come addentare, impallinare, sforbiciare, nei quali, a
differenza di verbi come imbrigliare, impalare, non rintracciabile alcun valore locativo.
L'insieme di tali verbi costituisce circa il 10% del totale dei parasintetici denominali.

4.1.5.4. Considerazioni quantitative ci


I verbi parasintetici denominali lemmatizzati nel DISC sono circa 660, i pi numerosi sono
quelli prefissati con in- (46%), seguono quelli con ad- (38%) e quelli con s- (16%). Prevale
nettamente la classe flessiva in -are (90%) su quella in -ire (10%). Tra i verbi in -are, il
44% prefissato con in-, il 41% con ad- e il 15% con s-, mentre tra quelli in -ire il 76%
prefissato con in-, il 20% con ad- e il 4% con s-. Anche se in- di gran lunga il prefisso pi
usato con i verbi in -ire, appartiene a tale classe flessiva solo un verbo su dieci tra quelli
prefissati con in-. I verbi usati solo nella forma pronominale intransitiva sono una quarantina, quasi tutti finiscono in -arsi, tra essi: accanirsi, adirarsi, attendarsi, impaperarsi, incavolarsi, infognarsi, intestardirsi, sbracciarsi, prevalgono i causativi sui locativi, assenti gli
strumentali. I verbi usati nella forma attiva esclusivamente in costruzioni intransitive sono
circa una ventina, tra essi: ammarare, ammuffire, annottare, approdare, imbietolire, imbu-

180

4.

Parasintesi

falire, improsciuttire, incartapecorire, intirannire. La tabella 2 indica l'impiego percentuale dei prefissi nei significati principali espressi dai verbi parasintetici denominali. In essa
si nota che circa tre quarti dei verbi di significato causativo sono prefissati con ad- o con
in-. Tra i verbi di significato strumentale i prefissi ad- e s- prevalgono nettamente su in-, il
quale invece forma da solo circa tre quarti dei verbi con valore locativo. Occorre sottolineare che si tratta di indicazioni di massima, dal momento che non vi sono distinzioni nette tra
i significati, al contrario, vi sono sovrapposizioni e passaggi da un significato all'altro, ed
dunque possibile che uno stesso verbo possa essere ricondotto a pi di un tipo semantico.
significato

ad-

in-

s-

causativo

40

36

24

locativo

24

76

strumentale

45

16

39

Tabella 2: Verbi parasintetici denominali - prefissi e significati

La formazione di verbi parasintetici a partire da nomi dimostra una discreta produttivit.


Prevalgono i prefissi in- e s- su ad-, e la classe flessiva -are su quella -ire. I neologismi
superano la cinquantina, tra essi: accorpare, acculturare, ammanicarsi, imbustare "stringere in un busto", impasticcarsi, impetroliare, impoltigliare, incaprettare, incasinare, incernierare, infialare, involgarire, inzitellirsi, scammellare, sdottrinare, slinguare, smanettare,
spernacchiare, spupattolare. Non sembra produttiva la formazione di verbi usati nella forma attiva solo come intransitivi, fatta eccezione per la serie analogica allunare, ammartare
ecc. rifatta sul modello di atterrare, ammarare. Sono molto pochi i verbi che presentano
modificazioni nella base rispetto ai nomi a cui sono riconducibili, tra essi: accapigliarsi,
affusolare, arrotare, insanguinare, inoculare.
Ricordiamo infine un ristretto numero di verbi parasintetici che hanno come base avverbi, pronomi e numerali. Si tratta di formazioni marginali e non produttive, tra cui quelle di
uso pi comune sono: allontanare, annientare, arretrare, avvicinarsi,
immedesimarsi,
inoltrare. Nonostante il prestigio conferito loro dall'essere stati coniati da Dante, sono
rimasti di ambito esclusivamente poetico, o sono del tutto usciti dall'uso verbi quali atterzare, indovarsi, inforsarsi, immiarsi, inleiarsi, inluiarsi, intrearsi, intuarsi.1

4.1.6. Altri verbi assimilabili al tipo parasinttico ci


Come abbiamo visto in 4.1.2., il processo di parasintesi si affermato nel tempo tramite la concomitante specializzazione di significato di alcuni prefissi e la loro progressiva restrizione all'impiego
parasinttico, ma trae origine dalla reinterpretazione di verbi prefissati denominali e deaggettivali.
Altri prefissi che potevano essere premessi a verbi denominali e deaggettivali, sono stati marginalmente impiegati nella formazione di verbi a partire direttamente da nomi o aggettivi, partecipando in
diversa misura al significato complessivo del verbo. Si tratta per lo pi di verbi di origine latina, o
rifatti sul modello di quelli latini. Qui di seguito elenchiamo, suddivisi per prefisso, i verbi denominali
e deaggettivali di uso pi frequente di cui non attestato il corradicale non prefissato, e che possono
1

Per considerazioni quantitative sulle basi e le classi flessive dei verbi parasintetici nella Divina
Commedia, cfr. Tollemache 1960.

4.1. Verbi parasintetici

181

quindi essere avvicinati al tipo parasinttico. Nel caso di con-, sono di origine latina concatenare,
condensare, conglobare, conglomerare, consolidare e contristare, di formazione italiana invece
compaginare (a. 1830) e concentrare (sec. XVI). Per- appare solo in pernottare, che di formazione
latina e deriva dall'aggettivo pernox, -noctis "che dura tutta la notte". Pro- ricorre in prolungare, che
di formazione latina, e profilare, che di formazione italiana (a. 1313-19). So- appare nel verbo
sobbarcare (a. 1313-19), che probabilmente formato tramite sostituzione di prefisso da imbarcare. I
verbi con stra- sono di formazione italiana: stralunare (av. 1313), stramazzare (sec. XIV), strapazzare (av. 1566), straripare (sec. XIV), stravaccarsi (a. 1878). Nel caso di tra-, di formazione latina
trapiantare. Sono invece di formazione italiana tracannare (av. 1484), tracimare (a. 1805), tracollare
(a. 1503), tralignare (a. 1313-19), tramontare (a. 1304-08), tramortire (a. 1294), trapelare (a. 131319), travasare (av. 1320) e traviare (a. 1313-19). Trans- appare solo in transumare (a. 1909), un
prestito dal francese. Nel caso di tras-, il verbo trasfigurare di formazione latina. Sono invece di
formazione italiana trasbordare (av. 1877), trascolorare (av. 1321) e traslocare (a. 1812).
Come si potr notare dalle date di attestazione e dall'eterogeneit dei significati espressi dai verbi,
in nessun caso si pu parlare di processi produttivi. I dati sull'italiano confermano dunque le affermazioni di Alien 1981, 80 a proposito del passaggio dei verbi parasintetici dal latino alle lingue romanze: in italiano, come nelle altre lingue romanze, si avuta una diminuzione della variet dei prefissi
impiegati e una parallela espansione dell'uso di quelli che sopravvivono. Considerato anche il basso
numero di verbi interessati, l'attribuzione di alcune (o dell'insieme) di queste formazioni ad aree
marginali della prefissazione verbale o della parasintesi una scelta che ha scarse conseguenze e
comporta ampi margini di arbitrariet. Un discorso pi lungo meritano invece i prefissi ri-, ra-, rin-.
Il significato principale del prefisso ri- quello di ripetizione. Tale prefisso pu quindi essere
usato per indicare il ritorno a uno stato precedente a quello modificato da un'azione di tipo egressivo
(stabilizzare, destabilizzare, ristabilizzare; abbottonare, sbottonare, riabbottonare). Oltre al valore
reingressivo e a quello intensivo (cfr. ricercare, richiedere, riempire), ri- pu esprimere talvolta
anche un semplice valore ingressivo, cfr. ribassare, rimodernare, verbi che per semantica e processo
formativo sono del tutto analoghi ai parasintetici abbassare e ammodernare.
I verbi di tipo parasinttico formati direttamente con il prefisso ri- non superano la decina (ai due
citati si possono aggiungere riciclare, rimarginare e pochi altri), pi numerosi sono quelli prefissati
con ra- e rin-. Si tratta di due prefissi originatisi dal troncamento della vocale del prefisso ri- premesso a verbi parasintetici, cfr. raccorciare, rammodernare, ravvicinare, rinsecchire, rintontire, rinvigorire. Nei due prefissi il valore ingressivo prevale su quello iterativo. Sono stati usati sia davanti a basi
verbali, per un totale di una ventina di formazioni (raccontare, rapprendere, rassomigliare, rimpiangere, rinchiudere, rincorrere), sia in quantit pi ampia nella formazione di verbi a partire direttamente da basi nominali e aggettivali (raffermare, rallentare, rammentare, rannicchiare, rattoppare,
rimbambire, rimboschire, rimpatriare, rincarare, rincasare, rinfacciare, rinfrescare, ringiovanire,
rinsaldare, rinsavire, rintracciare). Non possibile stabilire con precisione quale sia il numero di
queste formazioni, dal momento che non sempre possibile distinguere in sincronia i verbi parasintetici prefissati con ri- (con troncamento della vocale) rispetto ai verbi formati direttamente con ra- e
rin-} Una stima approssimativa di una trentina di verbi prefissati con rin- e di una ventina prefissati
con ra-. Entrambi questi prefissi sono praticamente improduttivi.

Anche l'indagine etimologica non aiuta molto nella comprensione del fenomeno: ci sono verbi
come rabbrividire e rafforzare che sono attestati prima di rispettivamente abbrividire e afforzare,
altri come rinsecchire e raggirare che sono posteriori a insecchire e aggirare, molti altri come aggruppare e raggruppare, aggomitolare e raggomitolare che sono coevi.

4. Parasintesi

182

4.2.

Nomi cosiddetti parasintetici a

I termini nome parasinttico e aggettivo parasinttico sono utilizzati per indicare un insieme eterogeneo di formazioni, le cui caratteristiche comuni sono di essere prefissate e di
presentare lacune nell'iter formativo (imbiellaggio, assatanato) o non corrispondenza fra
struttura formale e struttura semantica (bipartitismo, sottomarino).
Non esiste un lavoro n di taglio teorico n di taglio descrittivo sull'insieme dei nomi o
degli aggettivi cosiddetti parasintetici dell'italiano.1 Faremo quindi qui di seguito riferimento ai diversi tipi di formazione che in varie pubblicazioni sono stati definiti parasintetici. Come si potr vedere nei paragrafi seguenti, si tratta di nomi e di aggettivi la cui struttura morfologica non giustifica l'ipotesi dell'aggiunta simultanea di un prefisso e di un suffisso, e tanto meno quella di un circonfisso, essi si distinguono quindi nettamente dai verbi
parasintetici. Non neanche possibile identificare un unico procedimento derivativo comune a tali formazioni.

4.2.1.1 tipi imbiellaggio,

decespugliatore

ci

Si tratta di un gruppo che conta pi di una trentina di elementi costituito da nomi derivati da
verbi non attestati, tra essi: affogliamento, attralciatura, conurbamento, deasfaltizzazione,
decanapulazione, decartellizzazione, decespugliatore, deculminazione,
deferrizzazione,
defibrinazione, demielinizzazione, demuscazione, deossigenazione,
deospedalizzazione,
depolpaggio, depolpatore, deruralizzazione, desegregazione, disassamento, disinsettazione,
imbiellaggio, inarniamento, inculturazione, insemenzamento, ricentralizzazione, riforestazione, rioccidentalizzazione, riterritorializzazione, scoccolatura, scollettatura, slanatura.
Come si pu notare dagli esempi, si tratta per la grande maggioranza di nomi di azione e di
qualche nome di strumento del tutto analoghi a nomi derivati regolarmente da verbi attestati. La mancata attestazione dei verbi da cui questi nomi sono derivati accidentale. I verbi
in questione sono perfettamente ricostruibili sia nella forma che nel significato, e la lacuna
pu essere colmata in qualsiasi momento nell'uso linguistico. Non si pu quindi parlare per
questi nomi di un processo formativo distinto da altri esempi di derivati da verbi possibili
ma non attestati (basculaggio, cantonalizzazione, tascabilizzazione), la loro unica particolarit consiste nel fatto che si tratta di nomi derivati da verbi possibili prefissati.

4.2.2.1 tipi ipervitaminosi,

endogamia ci

Sono talvolta definiti parasintetici termini d'uso o di provenienza tecnico-scientifica (iperostosi, ipetricosi, ipervitaminosi, endofasia, endogamia, endoscopia), in cui possibile riconoscere strutture formative ricorrenti (iper-...-osi, endo-...-ia). Si tratta di strutture formative estranee all'uso comune, la cui serialit da attribuire all'utilizzo in sistemi classificato1

Alcuni riferimenti all'italiano si possono trovare in Reinheimer-Rpeanu 1974,139-148.

4.3. Aggettivi cosiddetti

183

parasintetici

ri. In tali nomi non vi alcun legame necessario fra l'elemento iniziale e quello finale (cfr.
endocitosi. ipercromia), e gli stessi elementi possono anche essere usati indipendentemente
l'uno dagli altri (endocarpo. iperacuto, onicosi, bizzarria).

4.2.3. Il tipo bipartitismo

In un ristretto numero di nomi astratti, tra cui bipartitismo, interclassismo, monoteismo,


preraffaellismo, il prefisso o l'elemento iniziale con valore numerale si riferiscono semanticamente al sostantivo di base non suffissato (partito, classe ecc.) e non a quello suffissato
(partitismo, classismo ecc.). I nomi di questo tipo sono stati talvolta denominati parasintetici per via della parziale non corrispondenza fra struttura formale e struttura semantica.
Non chiaro quali siano i motivi per cui l'ipotesi dell'affissazione simultanea dovrebbe
spiegare tale asimmetria. E interessante notare che i nomi suffissati (partitismo e gli altri)
sono parole correnti, e che possibile formare parole in cui l'elemento iniziale si riferisce
all'intera parola suffissata con -ismo, es. monosillogismo, preromanticismo, postimpressionismo.

4.2.4.1 tipi guerrafondaio,

fruttivendolo

ci

Alcuni studiosi (cfr. Tollemache 1945, 47, 187-188) considerano parasintetici anche nomi
in cui non compare alcun prefisso. Composti di origine sintagmatica suffissati (guerrafondaio) sono definiti parasintetici per il fatto che il composto non suffissato non una formazione corrente, a differenza di composti come pallacordista, considerati derivati perch la
loro base (pallacorda) una parola attestata.1 Probabilmente per motivi analoghi vengono
considerati parasintetici anche alcuni nomi composti suffissati con '-olo, tra cui la serie dei
nomi terminanti in -vendolo (erbivendolo, fruttivendolo, pescivendolo, cfr. 2.1.2.2.2.3.) e
altri nomi non pi in uso, come coditremola "cutrettola" o canapiendola "altalena".

4.3.

Aggettivi cosiddetti parasintetici a

4.3.1.1 tipi assatanato, ammandorlato,

deteinato ci

Consiste di un piccolo numero di aggettivi la cui forma corrisponde a quella di participi


passati di verbi prefissati non attestati. All'interno di tali aggettivi opportuno distinguere
quelli con significato risultativo (che presuppongono il verificarsi di un'azione verbale) da
Si noti che secondo l'accezione del termine in uso presso i grammatici greci e latini, dovrebbero
essere considerate parasintetiche tanto parole come guerrafondaio che come pallacordista.

4. Parasintesi

184

quelli che esprimono una qualit o una somiglianza, e non lasciano quindi presupporre
un'azione di cui siano il risultato.
Tra gli aggettivi participiali con significato risultativo vi sono: affebbrato, affnittato, ailog liato, ammalorato, ammusonito, assatanato, azzancato, dealbuminato, decerato, deteinato, inturbantato, inzoccolato, indaffarato, incamerellato, immanicato,
imbraccialato,
incuffiato, insatirito, rilottizzato, slampadato. Per ciascuno di essi del tutto convincente
ipotizzare la derivazione da un verbo la cui mancata attestazione accidentale.
Tra gli aggettivi la cui semantica rende implausibile la derivazione da un verbo non attestato vi sono i seguenti, nessuno dei quali di uso corrente: aggigliato "simile a un giglio",
allombato "che ha buoni lombi", allucciato "che ha bocca di forma simile a quella del luccio", ammandorlato "che ha forma di mandorla". A differenza dello spagnolo, lingua in cui
vi sono molti aggettivi denominali formati secondo lo schema a-N-ado, tanto da giustificare
uno specifico processo derivativo di tipo parasinttico (cfr. Malkiel 1941b, Rainer 1993a,
72-73, 300-301), l'italiano preferisce la semplice suffissazione denominale, e utilizza due
suffissi di origine participiale (cfr. anche 5.2.1.2.). Il pi usato -ato, che indica la presenza, come tratto tipico o distintivo, del referente del sostantivo di base (cabinato, chiomato,
dentato, fortunato, togato), o anche somiglianza con il referente del sostantivo di base (ambrato, flautato, vellutato). L'altro -uto, che indica notevole o rilevante presenza di ci che
espresso dal sostantivo di base ( b a f f u t o , linguacciuto, nasuto, panciuto, ricciuto).
Ricordiamo infine una serie di aggettivi prefissati con s- la cui parafrasi rende implausibile la derivazione da un verbo non attestato: sfacciato, sgraziato, spensierato,
spietato,
spudorato, svergognato. Di nessuno di essi attestata la forma non prefissata. Si tratta di un
insieme ridotto che pu essere ricondotto alla serie derivativa di aggettivi come sfortunato,
smisurato, scostumato, screanzato, per ognuno dei quali attestato l'aggettivo non prefissato, e in cui il prefisso esprime valore privativo se riferito al nucleo nominale ("privo di
fortuna") o negativo se riferito all'aggettivo suffissato ("non fortunato"). 1

4 . 3 . 2 . 1 tipi sottomarino,

antiparassitario

ci

La particolarit degli aggettivi di questo tipo consiste nel fatto che il prefisso si riferisce
semanticamente non all'intera base, costituita da un aggettivo di relazione, ma al suo nucleo
nominale: sottomarino non significa infatti "sotto a ci che marino" ma "sotto al mare",
cos antiparassitario si riferisce a ci che contro i parassiti, e bicilindrico a ci che
formato da due cilindri. Si tratta di un gruppo molto numeroso a cui prendono parte prefissi
ed elementi formativi che esprimono significato spazio-temporale, valore contrario, valore
quantitativo. Tra i molti esempi possibili: adimensionale, anficromatico, antelunare, antiatomico, anticlericale, antidemocratico, antipopolare, antirivoluzionario,
antimissilistico,
antitaliano, antidiluviano, bifacciale, circumvesuviano, cisalpino, citramontano,
coassiale,
connaturale, controciclico, controfattuale, deverbale, endocranico, endovenoso, epicontinentale, estradotale, extraconiugale, extracomunitario, filonucleare, filosovietico, infraclinico, infrascapolare, intercutaneo, interbancario, intercontinentale,
interconsonantico,
1

Altri aggettivi talvolta indicati come parasintetici (sgrammaticato, svogliato) sono pi semplicemente interpretabili come forme participiali del verbo corrispondente.

4.3. Aggettivi

cosiddetti

parasintetici

185

intracellulare, ipotiroideo, multietnico, multimodulare, multizonale,


neotestamentario,
paramilitare, parastatale, percutaneo, perlinguale, peribranchiale,
pluridimensionale,
plurisecolare, polimaterico, polisettoriale, postindustriale, precolombiano,
prematrimoniale, progovernativo,
quadrifamiliar e, soprannaturale, sovraregionale,
sottolinguale,
sottomarino, stragiudiziale, stramurale, sublinguale, supernazionale, superpartitico, surrenale, transalpino, transamazzonico, transatlantico, transiberiano, tridimensionale, ultracentenario, ultraterreno, unicellulare.
Secondo l'interpretazione tradizionale (cft. Darmesteter 1877, 129, e per l'italiano Tollemache 1945, 110-112, 252), questi aggettivi sarebbero di tipo parasinttico, cio derivati
tramite l'aggiunta simultanea del prefisso e del suffisso alla base nominale (sotto- e -ino nel
caso di sottomarino, anti- e -ario nel caso di antiparassitario, bi- e -ico nel caso di bicilindrico). Questa interpretazione si presta a diverse obiezioni, la principale delle quali che
essa non spiega perch il suffisso dell'aggettivo cosiddetto parasinttico coincide sempre
con quello dell'aggettivo non prefissato (cfr. costituzionale e anticostituzionale e non
anticostituzionario, rivoluzionario e antirivoluzionario e non antirivoluzionale)\ un'altra
difficolt data dalla possibilit che uno stesso prefisso ha di combinarsi con aggettivi
derivati con diversi suffissi (intercutaneo, interbancario, intercontinentale,
interconsonantico).
L'ipotesi della derivazione parasinttica stata criticata da Corbin 1980 e 1987, 121139; in questi lavori viene proposta una derivazione in due tappe. La prima consiste nella
prefissazione della base nominale, la seconda nella suffissazione attraverso un procedimento di copia del suffisso dell'aggettivo di relazione del nome usato come base. 1 A sostegno di questa ipotesi, Corbin indica la parafrasi dell'aggettivo prefissato (la quale fa riferimento al nome) e la sinonimia di formazioni suffissate e non suffissate come antimissile e
antimissilistico. Anche la proposta di Corbin, al di l di problemi di ordine pi propriamente teorico, non priva di inconvenienti sul piano descrittivo. Essa non in grado di
spiegare i casi di suppletivismo o allomorfia dell'aggettivo (atemporale, antebellico, antibritannico, denominale, extracorporeo, extraurbano, filonipponico, interdigitale, intracerebrale, multilaterale, perorale, postelettorale, postoperatorio, prescolare, presenile, subacqueo, suburbano, transtiberino), inoltre non tutti i prefissi che si premettono ad aggettivi
di relazione si possono premettere anche a nomi (tra essi circum- e cis-). La soluzione pi
convincente (cft. Rainer 1993a, 103-104) quella proposta da Durand 1982, secondo cui
queste formazioni derivano semplicemente dalla prefissazione di un aggettivo di relazione.
La particolare interpretazione semantica di queste formazioni dipende dalla specificit degli
aggettivi di relazione, il cui ruolo abituale appunto quello di indicare nella costruzione
sintattica in cui sono impiegati una relazione tra il nome testa del sintagma e il nome da cui
derivano, che svolge una funzione classificante. La proposta di Durand permette di assimilare alle formazioni con aggettivi di relazione anche le formazioni con base nominale non
suffissata (es. antidroga, antifurto, antigrandine, antinebbia, antirughe, contraereo, controcarro, multiuso) analoghe per semantica e per impiego a quelle suffissate. Queste forma-

Secondo Corbin il suffisso non necessario all'interpretazione semantica della parola complessa,
ma ne favorisce l'integrazione paradigmatica all'interno della categoria degli aggettivi.

186

4. Parasintesi

zioni, al pari di quelle con aggettivi di relazione, sono non graduabili, non sono impiegabili
in posizione predicative, e si distinguono essenzialmente per il fatto di essere invariabili.1

4.3.3.1 tipi imberbe, informe, bilingue, trireme-, immancabile,

irrestringibile

ci

Aggettivi come informe o bilingue sono talvolta considerati parasintetici probabilmente per
il fatto che, una volta rimosso l'elemento iniziale, la parte residua non una parola autonoma dell'italiano e vi si pu riconoscere una terminazione ricorrente. L'interpretazione parasintetica di tali aggettivi identifica un elemento iniziale di valore negativo o quantificativo,
e un elemento finale -e aggiunti a una base nominale (es. in- + forma + -e, bi- + lingua +
-e). Come vedremo, si tratta di un'interpretazione inadeguata, perch ipotizza un modello
regolare di formazione italiano, mentre in realt abbiamo a che fare con parole di origine
latina (peraltro di numero modesto), a cui si accompagnano casi isolati di creazione analogica in italiano.
Il latino, gi in epoca arcaica, poteva formare regolarmente aggettivi esocentrici denominali con il prefisso negativo in- (o con un numerale) inserendoli nella classe flessiva con
tema in -i-\ si vedano alcuni esempi in (4):
(4)

barba, -ae "barba"


forma, -ae "forma"
color "colore"

imberbis, -e "privo di barba, imberbe"


informis, -e "senza forma, informe"
incolor, -oris "privo di colore, incolore"

In seguito, il latino ha fatto ricorso anche ad altri prefissi per formare aggettivi dello stesso
tipo (es. lat. deformis, demens, exsanguis, abnormis, da cui gli aggettivi italiani deforme,
demente, esangue, abnorme).
La -e finale di aggettivi come it. imberbe, informe non pu quindi essere considerata un
affisso derivazionale dell'italiano (che peraltro non avrebbe altri impieghi al di fuori di
questo, a differenza ad esempio di -ato, presente in parole come sbarbato, sdentato, ma
anche in chiomato e dentato), quanto piuttosto l'esito fonologico di un affisso che in latino
segnalava il passaggio del nome ad aggettivo della seconda classe (tema in -i-).2 Inoltre,
l'ipotesi parasinttica potrebbe applicarsi solo ad aggettivi come quelli in (5):
(5)

bicolore, bilingue, bifronte, degenere, esangue, incolore, infame, informe, insonne, tridente, trireme, unanime

per i quali sarebbe possibile individuare in sincronia un nome di base, ma non a quelli in
(6), per i quali non possibile partire da basi italiane come piede, capo, piuma ecc.:
1

In un recente articolo dedicato alla lingua spagnola, Martn Garca 2003 evidenzia le notevoli
somiglianze (e alcune marginali differenze nell'impiego) tra gli aggettivi di relazione prefissati (es.
antimissilistico, multidisciplinare) e formazioni come antiaereo, multiuso, che vengono considerate prefissati nominali impiegati con funzione appositiva.
Su questo tipo di formazione aggettivale latina, si vedano le indicazioni bibliografiche in Tekavic
19741975, dove tra l'altro si nota che il latino aveva accanto a questo procedimento anche la possibilit (seppure poco sfruttata) di formare analoghi aggettivi tramite i suffissi derivazionali -i- ed
-e-, es. unicorporeus "che ha un solo corpo", indolorius "non doloroso", cfr. lignum "legno" > ligneus "ligneo", noxa "danno" noxius "dannoso".

4.3. Aggettivi cosiddetti


(6)

parasintetici

187

bipede, bicipite, implume, indenne, inerme, inerte, tripode.

Occorre per notare che la distinzione tra le parole in (5) e (6) fittizia, in quanto dovuta a
puri accidenti di fonologia storica: infatti, sia gli aggettivi in (5) che quelli in (6) sono tutti
di origine latina. Non c' quindi motivo di ipotizzare un modello produttivo regolare, che
dovrebbe essere rappresentato da parole come incolore o informe (le cui basi sarebbero
rispettivamente colore e forma), e dall'altra parte parole con modificazioni pi o meno forti
(si pensi a imberbe rispetto a barba, o a implume rispetto a piuma).1 Ci sono ovviamente
alcune formazioni italiane di tipo analogico, quali quadrilingue (cfr. bilingue e trilingue gi
latini), oppure insapore (cfr. incolore), come anche possibile l'individuazione di elementi
formativi a partire da serie ripetute (es. -forme), ma nel complesso il fenomeno di modesta
produttivit, e non si espanso oltre gli ambiti gi latini della prefissazione negativa e della
qualificazione quantitativa.
Sono pure di origine latina, aggettivi terminanti in -o, come la serie di parole che indicano il numero di sillabe, quali monosillabo, bisillabo ecc., e poche altre, quali inodoro (attualmente usata insieme ad insaporo e incoloro, come varianti di inodore, insapore, incolore).
Per alcune formazioni prevale l'uso sostantivale rispetto a quello originario aggettivale,
il genere della parola complessa indipendente da quello del nome di base (es. il tridente,
la trireme).
Ricordiamo che la semantica di tutti gli aggettivi sin qui menzionati di tipo esocentrico, e che la parte iniziale della formazione indica o l'assenza di quanto denotato dal nome
di base (es. imberbe), o la sua quantificazione (es. bicolore, plurisillabo). La non attestazione degli aggettivi non prefissati si pu spiegare con ragioni pragmatiche, consistenti nel
fatto di non esprimere qualit rilevanti dal punto di vista comunicativo, perch indicanti o
stati considerati normali (es. "l'avere forma") o condizioni inalienabili (es. "l'avere sangue").
Il criterio della scarsa rilevanza comunicativa permette anche di spiegare l'apparente eccezionalit di aggettivi come quelli elencati in (7):
(7)

immancabile, inappurabile, incrollabile, inessiccabile, insormontabile,

irrestringibile.

Anche per aggettivi come immancabile e irrestringibile stata proposta una struttura formativa di tipo parasinttico a partire dal verbo di base (mancare, restringere), motivata con
la contemporanea non attestazione di aggettivi come mancabile o 0 restringi ile, e dalla
presenza di un prefisso. A nostro avviso, anche in questo caso l'ipotesi parasinttica appare
inutile. La non attestazione di parole del tutto analizzabili semanticamente e perfettamente
ben formate, quali mancabile o restringibile, si spiega con il fatto che tali aggettivi
esprimono una qualit considerata normale e non particolarmente meritevole di una specifica denominazione, mentre la qualit espressa tramite l'aggettivo prefissato con valore negativo verbalizzata perch considerata pi rilevante o saliente dal punto di vista comunicativo.2 La nostra argomentazione trova ulteriori motivi di sostegno in esempi come quelli
in (8):

1
2

Un'ipotesi che avrebbe tra gli altri l'onere di motivare la funzione del presunto suffisso italiano -e.
Si vedano per analoghe considerazioni basate su esempi del tedesco e dell'inglese Zimmer 1964,
59, e pi recentemente Dierickx 1991.

188
(8)

4. Parasintesi
inamovibile, inappuntabile, incontrovertibile,

inesorabile, innegabile, inservibile,

invar-

cabile.

Si tratta di aggettivi di cui attestata la base non prefissata (per i quali, quindi, non sostenibile un'ipotesi di formazione parasinttica), ma la cui frequenza d'uso e variet di impiego sono maggiori rispetto a quelle delle rispettive basi. Aggettivi come controvertibile,
servibile sono infatti usati meno frequentemente e in un numero di contesti pi ristretto dei
corrispettivi prefissati incontrovertibile,
inservibile. A riprova dell'inconsistenza
dell'ipotesi che prevede due processi formativi diversi per parole come immancabile da una
parte e incontrovertibile dall'altra (giustificata in definitiva con il criterio dell'attestazione
delle rispettive basi aggettivali), si pu osservare, oltre alla criticabilit sul piano teorico di
un tale criterio, che i dizionari dell'uso sono in genere concordi nella lemmatizzazione di
aggettivi come immancabile o inamovibile, mentre presentano discordanze nella registrazione dei corradicali non prefissati. Ad esempio sia il DISC sia il DM lemmatizzano inattingibile e inaffondabile, ma il DISC lemmatizza anche attingibile (e non affondabile),
mentre il DM ha a lemma affondabile e non attingibile. A nostro avviso, non vi sono quindi
ragioni di ipotizzare un processo parasinttico per giustificare l'esistenza di parole come
immancabile, la cui struttura, significato e impiego non si distinguono da altre come inamovibile. La particolarit che accomuna le parole in (7) e in (8), e le distingue da aggettivi
come indesiderabile o insuscettibile (il cui impiego pi ristretto e meno frequente delle
rispettive basi non prefissate desiderabile e suscettibile), il fatto che negli aggettivi in (7)
e in (8) il concetto negativo pi saliente e informativo rispetto al corrispondente termine
positivo. Osserviamo in conclusione che casi come immancabile o inappurabile si differenziano da altri aggettivi di cui non correntemente usato il termine positivo. Come nota
Tekavic 1970, 295, in casi come anomalo, inetto, ignobile, insoluto, insulso, in cui correntemente usato soltanto il termine etimologicamente negativo, tale termine, in assenza di
un corrispettivo positivo a cui opporsi, cessa di essere una vera e propria negazione, assumendo piuttosto connotazioni di tipo peggiorativo: si confrontino esempi come quello di
importuno rispetto all'opposizione non connotata opportuno / inopportuno, inetto rispetto a
inadatto / adatto, inerme rispetto a armato / disarmato.1

L'aggettivo prefissato pu assumere connotazione peggiorativa anche in casi in cui non interpretabile come il contrario del termine di base, es. indolente vs dolente, indifferente vs differente.

5. SUFFISSAZIONE

5.1.

Derivazione nominale

5.1.1.

Derivazione nominale denominale

5.1.1.1. Nomi di agente

MGLD

Tradizionalmente nella derivazione denominale dell'italiano vengono elencati come tipicamente agentivi i seguenti suffissi (prendiamo l'elenco da Dardano 1978, 82-85): -aio,
-aro, -ario, -aiolo, -iere, -ante, -ente, -ino, -ista, -ano. Tali suffissi costituirebbero un insieme coerente, perch sia le entrate (categoria lessicale e semantica delle parole di base)
sia le uscite (categoria lessicale e semantica delle parole derivate) delle regole relative sarebbero ampiamente coincidenti. Pi in particolare, la base sarebbe costituita da un nome
col tratto '-animato', il derivato da un nome col tratto '+animato' parafrasabile grosso
modo con "persona che svolge un'attivit connessa con il nome di base", e questo basterebbe per fare di questo gruppo di regole una categoria derivazionale unitaria.
Tuttavia, volendo tentare una definizione pi rigorosa della categoria agente, ci si imbatte in non poche difficolt. Al di l infatti di una prima approssimazione, cui facilmente si
approda sulla base di concetti ingenui e intuitivamente plausibili che vedono nell'agente il
soggetto umano votato ad una certa funzione o professione, o anche l'istigatore / protagonista di un evento, diventa subito pi difficile fissare i tratti caratterizzanti tale categoria,
individuati da alcuni autori in 'animato', 'intenzionale', 'causa', 'controllo' e forse altri
(Cruse 1973, Givn 1979, Schlesinger 1989). A tale proposito Grossmann 1998, 383-384
d della categoria in questione la seguente definizione: Per agente si intende normalmente
il ruolo semantico dell'iniziatore intenzionale, dunque tipicamente '-i-umano', di un'azione
cui corrisponde in un enunciato la funzione sintattica di soggetto, definizione che trasferisce in ambito morfologico alcune suggestioni che hanno interessato la categoria dell'agente
in ambito sintattico. Dopo di che, per rendere conto di tutte le formazioni considerate tipicamente agentive, adotta un modello tripartito che attribuisce a Laca 1986, in cui si distingue tra denominazioni agentive classificanti (indicano la funzione dell'agente nella divisione sociale del lavoro, dunque le professioni), denominazioni caratterizzanti (quelle che
all'agente assegnano un comportamento abituale, dunque non necessariamente professionale) e infine formazioni in cui l'agente viene identificato come l'iniziatore di un
evento contingente, precedente o simultaneo al momento dell'enunciazione (appartengono
a questa categoria probabilmente solo derivati deverbali). Sulla base di questa tripartizione
che, importante notare, non si appoggia a procedimenti formali diversi (le regole di formazione dei tre tipi individuati sono sostanzialmente le stesse) Grossmann descrive alcune
delle possibilit del catalano.
Nonostante abbiamo tenuto presente questa proposta nella descrizione delle possibilit
derivative dell'italiano, non l'abbiamo fatta nostra al punto da disporre e suddividere i diversi procedimenti nei tre tipi individuati, anche se a questi faremo spesso e volentieri riferimento. Il nostro punto di vista infatti pi vicino al punto di vista tradizionale, che non ha
mai distinto tra tipi diversi di agenti, nonostante le sollecitazioni provenienti da un saggio
famoso che Benveniste scrisse proprio sui nomi di agente e di azione nell'indoeuropeo
(Benveniste 1948). In quel saggio Benveniste notava due diverse modalit dell'agente, che
avevano, in tre lingue indoeuropee (il vedico, l'avestico e il greco antico), esiti morfologici

192

5. Suffissazione

diversificati: l'agente votato ad una funzione o professione (corrispondenti ai primi due tipi
della sistemazione Laca-Grossmann) e l'agente autore di un atto (corrispondente al terzo
tipo). Questa differenza semantica era segnalata, come si detto, nelle tre lingue antiche da
marche morfologiche diverse. Non cos in latino, che usava indifferentemente un unico
suffisso, -tor, per formare da verbi i due tipi di agente, e questa soluzione unitaria stata
poi ereditata dalle lingue romanze.
Dovremo aggiungere che non propriamente di soluzione unitaria si tratta, dal momento
che certamente molte lingue romanze hanno a disposizione ben pi di un procedimento
derivativo per formare nomi di agente. Tuttavia la molteplicit delle regole non individua
insiemi differenziati e semanticamente omogenei. Al contrario, commistioni, travasi e parziali sovrapposizioni sono la norma.
Quanto infine al mantenimento della categoria unitaria dell'agente, ne vediamo l'unica
ragion d'essere nel fatto che, in uscita, tutte le formazioni che tradizionalmente vi sono
incluse sono dotate del tratto '+umano', e sono parafrasabili con "persona che...", indipendentemente dal fatto che questa persona si renda effettivamente responsabile di un atto o
svolga una certa attivit professionale (uniche accezioni che giustificano, ci pare, il nome di
agente), o semplicemente simpatizzi con una certa ideologia, o appartenga ad un gruppo,
o sia iscritta ad un'associazione, o pi semplicemente faccia uso frequente di qualcosa, o
ami e desideri qualcosa. La scelta unitaria della morfologia classica era dunque basata su un
assunto non detto, che vede il soggetto umano tipicamente impegnato in azioni delle quali
spesso istigatore e protagonista: la persona agente dunque centrale nell'immaginario
umano, e statisticamente pi frequente. All'idea che l'agente pi tipicamente agente
umano, che ritroviamo in molta riflessione contemporanea sulla categoria dell'agente (su
questi temi torneremo tra breve), si potrebbe dunque aggiungere che l'umano pi tipicamente umano agente, viene cio sentito prima di tutto come agente. Questo spiegherebbe l'estensione della categoria fino a comprendere derivati quali pastasciuttaio,
legatolo,
gruppettaro, vacanziere, pattista che, pur costruiti con suffissi considerati tipicamente
agentivi, e designando sicuramente degli umani, difficilmente potrebbero essere definiti
nomi d'agente.
Su questa soluzione unitaria la morfologia classica si incontra con alcuni filoni del generativismo, che hanno avanzato la cosiddetta ipotesi dell'uscita unica. Ragionando su dati
dell'italiano, e proprio su alcuni nomi in -aio ed -ista, Scalise 1990a, 247-248 e 1994, 186187 sostiene che si pu ragionevolmente supporre che ogni regola abbia un suo contenuto
costante indipendente dalle informazioni associate alla base (Scalise 1994, 187), e questo
contenuto costante sarebbe dato dal suffisso ed ereditato dal derivato, qualunque sia la
parola di base. Esemplifica poi questo ragionamento proprio con i nomi in -aio ed -ista:
indipendentemente dalle caratteristiche semantiche dei nomi di base (che, lo vedremo meglio in seguito, possono essere animati o non animati, concreti o astratti, numerabili o non
numerabili e per -ista anche comuni o propri), i derivati presentano comunque i tratti
'+umano', '-i-comune' e *+numerabile', e sono sempre parafrasabili con "persona che...". 1
1

Vorremmo far notare come questa proposta si accordi molto bene con le categorizzazioni della
morfologia tradizionale. Tuttavia, a differenza di questa, ha l'accortezza di non usare mai la parola
agente, utilizzata solo a proposito dei deverbali. una prudenza terminologica che non cambia
la sostanziale omogeneit dei criteri descrittivi adottati, ma che riesce ad evitare i molti equivoci
che la terminologia tradizionale si porta con s.

5.1. Derivazione

nominale

193

Dunque l'unico dato certo sarebbe dato dal suffisso (ma certo solo per modo di dire,
visto che molti suffissi sono, lo vedremo, polisemici): per il resto sembra una condizione
costante delle formazioni denominali agentive (e non solo agentive) una certa indeterminatezza del loro significato complessivo (cfr. anche Mayo et al. 1995, 889), il quale non
univocamente determinato, come nei derivati deverbali, dal significato del verbo di base,
che non c'. Il tipo particolare di azione messo in atto dagli agenti denominali sar infatti
di volta in volta determinato dalla, e adattato alla, semantica dei nomi di base: cos un fioraio una persona che vende fiori, mentre un camionista guida camion, un campanaro
suona campane, un boscaiolo lavora nei boschi, uno stagnino ripara e costruisce oggetti di
stagno e cos via. Ma ove nulla sapessimo delle abitudini di vita della comunit linguistica
che usa queste parole, in nessun modo potremmo ricostruirne con certezza il significato
sulla base dei soli indizi linguistici. Sono state considerazioni di questo tipo che hanno
portato qualcuno ad affermazioni anche troppo categoriche, come quella, riportata e discussa da Mayo et al. (1995, 889), secondo cui a semantics specific to derivational processes
does not exist.
Un'altra difficolt si incontra quando si vogliano fissare in modo preciso i confini di
questa categoria rispetto ad altre categorie concettualmente vicine, prima fra tutte lo strumento, di cui stata da pi parti notata la stretta affinit, documentata in modo vistoso
proprio sul piano morfologico (Booij 1986, Dressler 1986): non c' dubbio infatti che varie
lingue (tra cui sicuramente anche l'italiano) usino gli stessi procedimenti derivativi per
formare sia nomi di agenti che di strumenti e qualche volta, ma in modo meno generalizzato, anche di luoghi.
Per descrivere e giustificare questa polisemia ricorrente Dressler parla di una strutturazione gerarchica dei significati (agente > strumento > luogo) che documenta in vari modi,
ad esempio col ricorso alla diacronia o alla priorit, nell'acquisizione, della categoria
dell'agente. Tale gerarchia poggerebbe su basi concettuali tendenzialmente universali e
quindi in larga misura indipendenti dalle lingue storicamente determinate, sul fatto cio, di
comune e banale esperienza, che most central events of human life prototypically have a
human agent (Dressler 1986, 527). A questo schema Booij 1986 aggiunge, tra l'agente e
lo strumento, la categoria dell'agente inanimato, corrispondente, grosso modo, allo strumento o mezzo dotato di movimento automatico.
Quanto poi alla esatta delimitazione delle categorie coinvolte, e di cui si tenter di fornire una descrizione nei paragrafi che seguono, rimandiamo alla cosiddetta teoria del prototipo, che ha ormai da tempo sostituito la teoria classica della categorizzazione, basata
sull'assunto che le categorie siano chiaramente riconoscibili e delimitabili sulla base delle
propriet condivise. Prenderemo dalla teoria del prototipo l'idea che alcuni membri di una
categoria possano essere migliori esempi di quella categoria rispetto ad altri o, il che lo
stesso, l'idea che i membri, o le sottocategorie, che sono chiaramente entro i confini di una
certa categoria possano essere pi o meno centrali; ancora, l'idea dell'esistenza di una scala, o gradualit per cui i diversi membri di una categoria si dispongono lungo un continuum,
in posizione pi o meno vicina al prototipo; infine l'idea che tra categorie possano non
esservi confini chiaramente delimitati, e che la zona di passaggio da una categoria all'altra
si presenti sempre come una zona irta di insidie e di difficolt (cfr. anche Lakoff 1987 e
Schlesinger 1989).
Passeremo adesso in rassegna i diversi tipi presenti nell'italiano contemporaneo per la
formazione dei nomi d'agente. Cominceremo con il presentare i derivati in -ario, -aio,

194

5. Suffissazione

-aiolo/-aiuolo/-arolo, -aro, -iere ed -iero, che per ragioni storiche possono essere considerati come facenti parte di un unico sottogruppo: si tratta infatti di suffissi che derivano da
un capostipite comune, il latino -arius. Tuttavia quello agentivo non stato l'unico esito
semantico di -arius, il quale gi in latino serviva a formare anche nomi di strumenti e di
luoghi, caratteristica questa che, come si vedr meglio in seguito, verr ereditata in varia
misura da quasi tutti gli epigoni italiani del suffisso. Passeremo poi alla descrizione di altri
procedimenti, dai pi produttivi (-ista, -ino) ai meno produttivi (-ano, -otto), riservando la
dovuta attenzione anche alle corrispondenti uscite femminili, che, lo vedremo, non sempre
danno in uscita nomi di agente al femminile, come si ci potrebbe forse troppo semplicisticamente aspettare. 1 Nel descrivere le varie possibilit proveremo a chiederci se la distribuzione dei diversi procedimenti nell'italiano contemporaneo avvenga secondo criteri riconoscibili, ed eventualmente quali essi siano; se le lontane origini di alcuni dei procedimenti
sotto osservazione influenzino le preferenze dell'oggi, ed eventualmente in che senso e in
che misura; se siano rintracciabili differenze sistematiche tra i vari procedimenti; quale sia
oggi la loro produttivit, dunque l'incidenza nella formazione di nuove parole.

5.1.1.1.1. Il tipo fioraio

MGLD

Come abbiamo gi detto, -aio uno degli esiti del latino -arius, suffisso originariamente
aggettivale (caprarius "che in relazione con la capra"), ma che si nominalizz gi in latino per omissione del nome, dando luogo a formazioni quali asinarius (it. asinaio) o vinarius (it. vinaio), che designavano persone impegnate in attivit lavorative connesse con il
nome di base (Tekavic 19802, 28, Rohlfs 1969, 392). La naturale evoluzione fonetica di
-arius in Toscana diede poi luogo ad -aio, che stato probabilmente l'erede di -arius pi
prolifico nella formazione di nomi d'agente, mentre in Italia meridionale e in alcune zone
dell'Italia settentrionale aveva maggior fortuna l'esito in -aro (su cui cfr. il 5.1.1.1.2.).
Tuttavia la vicinanza dei due suffissi era tale che in italiano antico il plurale di -aio era
regolarmente -ari, per esempio i sellari, fornari, carbonari. Solo pi tardi, dal Trecento in
poi, per analogia con fornaio si formato il plurale i fornai, i carbonai, che in Toscana e
nella lingua scritta oggi la forma normale (Rohlfs 1969, 392-393). In tutto il corso della
nostra storia le due forme hanno poi pacificamente convissuto, presentando molte parole
Nella quasi totalit dei casi i dizionari pongono a lemma e descrivono le uscite maschili dei nomi
di agente, limitandosi a dare l'informazione morfologica della corrispondente uscita femminile. In
questo lavoro abbiamo per tentato di controllare sistematicamente tutte le uscite femminili dei
suffissi agentivi, per rintracciare le formazioni femminili eventualmente messe a lemma dal DISC.
Il controllo ha consentito di ritrovare alcune parole designanti agenti femminili di cui non esiste il
corrispondente maschile (crocerossina, mondina), o di cui il corrispondente maschile meno frequente o ha sviluppato significati in parte diversi, dal momento che certe professioni sono tradizionalmente considerate appannaggio delle donne (cfr. ad esempio lavandaia, passeggiatrice e lavandaio, passeggiatore). In qualche caso, poi, la forma maschile pi recente, essendosi formata
successivamente, a partire dalla forma femminile gi attestata (battone < battona). Il controllo ha
anche consentito di vedere come spesso nella morfologia derivazionale il genere svolga una importante funzione di differenziazione semantica, designando a volte il genere maschile di un dato
procedimento l'agente, il genere femminile dello stesso procedimento lo strumento o il luogo (cfr.
ad esempio fioraio, benzinaio e legnaia, carbonaia; barbiere, carrozziere e caffettiera, zuppiera',
educatore, presentatore e lucidatrice, obliteratrice). Ma su tutta questa materia rimandiamo ai paragrafi relativi ai diversi procedimenti.

5.1. Derivazione nominale

195

entrambe le possibilit: cos ancora oggi il DISC d come varianti dello stesso lemma campanaro (a lemma) e campanaio, pifferaio (a lemma) e pifferare, benzinaio (a lemma) e
benzinaro, e documenta il permanere di questa oscillazione anche per parole relativamente
recenti, quali ad esempio manzolaio e manzolaro (a. 1957), caciottaio e caciottaro (a.
1959), nei quali a lemma la forma in -aio, o vongolaio e vongolaro (a. 1983), in cui a
lemma la forma in -aro. In altri casi invece, soprattutto quando una forma abbia sviluppato
dei significati particolari e non del tutto condivisi, il DISC sceglie la presentazione autonoma dei due lemmi (cos per carbonaio e carbonaro, marinaio e marinaro) riservando alla
forma agentiva in -aro la dicitura regionale. Vedremo tuttavia che questa oscillazione
riguarda oggi solo un settore molto limitato del lessico, quello relativo (e gli esempi fatti lo
confermano) a mestieri umili, legati ad attivit pi o meno manuali e tradizionali. Per la pi
gran parte delle neoformazioni registrate dal DISC e dai dizionari di neologismi, i due suffissi rivelano invece una chiara diversificazione semantica che non li rende pi intercambiabili.
Dunque -aio ha goduto, fino ad anni recenti, di una buona e ininterrotta fortuna, come
dimostrano le date di prima attestazione riportate dal DISC: ritroviamo infatti numerosi
neologismi in -aio praticamente in tutti i secoli della nostra storia, a partire dai sec. XI e XII
(pecoraio, porcaio, calderaio, mattonaio) su su fino ai recentissimi pipaio (a. 1966), gabbiettaio "falegname che costruisce particolari tipi di gabbie" (a. 1970), rottamaio "rivenditore di rottami" (a. 1982) e, ultimo registrato, giostralo (a. 1987).
Bastano gi questi pochi esempi a documentare la straordinaria continuit di questo procedimento, che forma nomi di agente a partire da basi aventi per lo pi i tratti '+comune\
'+concreto\ '-(-numerabile', mentre il tratto 'animato' pi discontinuo: pi frequentemente presente nelle formazioni antiche, quando erano sicuramente pi diffusi
nell'economia rurale i mestieri legati alla cura e al commercio degli animali (ricordiamo,
oltre ai gi citati pecoraio e porcaio anche asinaio, bufalaio, camosciaio, capraio, cavallaio, vaccaio, vitellaio, attestati tra il sec. XIV e l'Ottocento), questo tratto sempre meno
presente nelle formazioni pi recenti, tra cui comunque non mancano uccellaio (a. 1950),
manzolaio (a. 1957) e vongolaio (a. 1983). Con basi costituite da zoonimi, la concorrenza
del significato locativo del suffisso comunque molto forte (cfr. su questo 5.1.1.3.1.). Anche il tratto '+numerabile' della base presenta qualche eccezione significativa (benzinaio,
ceraio, cioccolataio), che per non ci pare intacchi le preferenze del suffisso.
Si tratta, come si vede dagli esempi, di formazioni molto trasparenti, con una base sempre facilmente riconoscibile. Talvolta per la base costituita da nomi gi suffissati, attraverso vari procedimenti valutativi, ma da tempo lessicalizzati: cos ad esempio in cest-inaio, coltell-in-aio, pan-ett-aio (da panetto di burro), carr-ett-aio, piastr-ell-aio, berr-ett-inaio, carr-ett-on-aio, o nei due regionalismi manz-ol-aio e marm-ol-aio.
Le eccezioni alla base nominale sono davvero poche: una base avverbiale compare solo
in dirimpettaio (il DISC ne data la prima attestazione al 1869, e aggiunge che la parola era
originariamente usata solo in senso scherzoso); pi comuni le basi polirematiche, come in
peracottaio, buongustaio, guerrafondaio o gli ironici versiscioltaio e pastasciuttaio. Ma
queste eccezioni (se tali vanno considerate) alla base nominale non sono senza conseguenze, come vedremo subito, sulla semantica dei derivati. Non ci risultano invece basi verbali:
il caso di lavandaio, segnalato come dubbio in Lo Duca 1990a, 73, interpretato dal DISC
come denominale da lavanda "atto del lavare".

196

5. Suffissazione

Abbiamo fin qui ragionato esclusivamente di agentivi, e non c' dubbio che la regola di
formazione dei denominali in -aio d in uscita in primo luogo nomi di agente, pi precisamente nomi di mestieri costruiti a partire dalle entit (animali, piante, sostanze, alimenti,
oggetti) sulle quali l'attivit di tali agenti si esplica. E il nome di base che condiziona il
rango dei significati possibili, restringendo in una gamma non molto vasta di possibilit il
tipo particolare di attivit di cui tali agenti sono responsabili. Tuttavia la regola in -aio pu
approdare ad un diverso esito semantico, come documentano formazioni quali dirimpettaio,
guerrafondaio, buongustaio, versiscioltaio "chi compone in versi sciolti, per lo pi con
valore limitativo", pastasciuttaio, con valore scherzoso "chi mangia molta pastasciutta",
effimeraio (BC): 1 queste formazioni sono del tipo cosiddetto caratterizzante, in quanto
non indicano la funzione dell'agente nella divisione sociale del lavoro, ma gli assegnano un comportamento abituale (Grossmann 1998, 384), indicandone modi di essere, atteggiamenti, preferenze. 2 Questa possibilit, a giudicare dal DISC, compare abbastanza tardi
(con l'ironico versiscioltaio, del sec. XVIII) e rimane sempre estremamente ridotta: su un
corpus complessivo di 407 formazioni in -aio registrate nel DISC, solo le 5 sopra riportate
rientrano in questa categoria. Naturalmente non si pu escludere che altre se ne siano formate e perse nel tempo: i nomi designanti agenti a partire dai loro atteggiamenti e modi di
essere sono probabilmente pi labili ed effimeri rispetto ai nomi che designano mestieri e
professioni, la cui stabilit nel tempo garantita dalla stabilit delle attivit lavorative coinvolte.
Abbiamo gi accennato al fatto che la regola di formazione di parole derivate in -aio non
d luogo solo a nomi di agente, ma anche, come vedremo meglio in seguito, a nomi di luogo e, molto pi raramente, di strumento. Tuttavia il significato agentivo di -aio sembra
largamente prevalere in tutto il corso della sua lunga storia,3 a giudicare almeno dal corredo
di vocaboli vivi ancora oggi e attestati dai dizionari. Ad esempio per gli ultimi cinquanta
anni il DISC documenta la nascita di 35 nomi di agente, 6 nomi di luogo, 1 collettivo, nessun nome di strumento, il che d un'idea della produttivit relativa delle diverse possibilit
di -aio negli anni pi recenti. Una sola formazione, rottamaio, si presenta come polisemica,
in quanto realizza sia il significato agentivo ("rivenditore di rottami") sia quello locativo
("deposito di rottami"). Questa doppia possibilit una costante, sia pure non frequentissima, della regola (ma su questo cfr. 5.1.1.3.1.).

Le parole che citiamo nel corso del lavoro e di cui non diamo indicazione della fonte sono tutte
registrate dal DISC. Diamo invece indicazione della fonte ove si tratti di neoformazioni tratte dal
corpus dei Dizionari di Parole Nuove (d'ora in poi DPN). Ugualmente le definizioni tra virgolette
e prive di indicazioni sulla fonte sono da intendersi tratte dal DISC. Per tutti i tipi dei quali scriveremo abbiamo proceduto ad un controllo numerico delle formazioni cui hanno dato luogo dal 1950
ai giorni nostri, conteggiando ad esempio le diverse categorie rappresentate in ogni procedimento.
Questa scelta ha reso possibile il controllo di tutte le formazioni riportate dal DISC, ed ha consentito di riflettere in modo non impressionistico sulla produttivit attuale dei diversi procedimenti,
confrontata sempre comunque anche con i DPN. Dal conteggio dei dati dei DPN sono sempre state
escluse le parole gi registrate nel DISC.
Non casualmente infatti per due di queste formazioni (guerrafondaio, versiscioltaio) viene indicata
anche una uscita aggettivale.
Dunque non sbagliano i bambini quando, posti di fronte a parole sconosciute suffissate in -aio, le
interpretano quasi sempre come nomi di agente, e solo di rado come nomi di luogo (Lo Duca
1987).

197

5.1. Derivazione nominale

La produttivit di -aio nella formazione dei nomi di agente scesa rapidamente e, crediamo, irreparabilmente in questi ultimissimi anni. Il corpus DPN conta solo 3 neoformazioni agentive in -aio, enotecaio, tessutalo ed effimeraio. Questo calo giustificato
dall'essersi evidentemente la regola in questione specializzata ad esprimere nomi di professioni legate ad attivit tradizionali, delle quali si registra la graduale scomparsa nel mondo
produttivo contemporaneo. Non certo un caso che a fronte delle 3 neoformazioni in -aio,
-ista ne conti addirittura pi di 400. Ugualmente fa pensare il fatto che dei 3 neologismi
registrati, 2 designino dei mestieri (enotecaio, tessutalo), mentre il terzo rimandi piuttosto a
dei modi di essere, a dei comportamenti abituali da qualcuno ridicolizzati (effimeraio
"amante dell'effimero", BC).
Infine, per quanto riguarda i rapporti con gli altri suffissi agentivi dell'italiano, si registrano molti casi di varianti sinonimiche aventi la stessa base. Spesso si tratta di variazione
diatopica, soprattutto quando sia coinvolto il suffisso gemello -aro (benzinaio / benzinaro,
caciottaio / caciottaro, vongolaio / vongolaro), della cui diffusione in aree meridionali e
settentrionali si gi detto. Ma non mancano doppioni anche con altri procedimenti
dell'italiano (salumaio / salumiere, ceraio / ceraiolo, rottamaio / rottamista, bancarellaio /
bancarellaro / bancarellista), il che dimostra la parziale sovrapposizione della regola rispetto alle altre possibilit del sistema. In altri casi invece i diversi suffissi si incaricano di
veicolare differenze semantiche: il caso di giornalaio / giornalista, carbonaio / carboniere, tutti nomi di agente classificanti ma che designano un diverso incarico professionale
(sempre pi umile l'agente in -aio), o di scopaio / scopista il primo classificante ("produttore o venditore di scope"), il secondo caratterizzante ("giocatore di scopa").
Quanto all'uscita femminile del suffisso, -aia ha assunto, come vedremo, un significato
di tipo fondamentalmente locativo (cfr. 5.1.1.3.2.). Tuttavia non mancano alcuni (pochi)
casi in cui accanto ai nomi di agente in -aio il DISC registra anche il corrispondente femminile in -aia (bambinaia, lavandaia, massaia). Nel contempo alcune professioni hanno
solo l'uscita femminile, perch evidentemente tradizionale appannaggio delle donne: cos
ad esempio per asolaia, bustaia, crestaia, filandaia, magliaia, sigaraia, che designano
attivit lavorative molto umili, o specificamente legate al mondo femminile. In qualche raro
caso le due uscite maschile e femminile si incaricano di veicolare significati diversi (occhiellaio "artigiano specializzato nel praticare occhielli alle vele" vs occhiellaia "lavorante
di sartoria che confeziona asole"). Infine pu essere interessante ricordare il caso di gattaia,
nome tradizionalmente usato per designare una pianta altrimenti detta erba gatta avente un
potere eccitante sui gatti, recentemente reinventato per designare la "donna che si atteggia a
dama di carit nei confronti dei gatti randagi" (BC).

5.1.1.1.2.1 tipi campanaro e palazzinaro

MGLD

Data la stretta affinit tra -aio ed -aro, della quale abbiamo gi discusso nel paragrafo precedente, non ci meraviglia il fatto che buona parte delle formazioni in -aro elencate dal
DISC porti la dicitura variante minore della corrispondente parola in -aio, cui si rimanda
per la definizione (cos ad esempio per bottegaro, capraro, massaro, porchettaro, salinaro, vaccaro e moltissime altre). Molto pi raramente avviene il contrario: per campanaro,
ad esempio, la forma toscana in -aio compare come variante minore. E una sistemazione
che diventa comprensibile solo alla luce della storia e dell'evoluzione delle regole relative

198

5. Suffissazione

ai due suffissi. Vedremo che in particolare per questo procedimento gli anni di prima attestazione delle formazioni relative sono importanti.
In quanto variante regionale di -aio, la regola per la formazione di nomi di agente in -aro
ha funzionato nei secoli scorsi in modo analogo, selezionando lo stesso tipo di base
('+comune', '+concreto', '+numerabile\ 'animato'), e avendo in uscita formazioni dalla
semantica sempre molto regolare: benzinaro, mulinare, pecoraro, ricottaro, stagnaro, zampognaro designano agenti alle prese con le professioni, per Io pi manuali, implicate, o
suggerite, dai rispettivi nomi di base. Tutt'al pi, l'uscita in -aro d a queste formazioni una
connotazione regionale che tanto pi avvertibile dalla sensibilit moderna ove sia disponibile la variante in -aio: sicch ricottaro e benzinaro, che dispongono dei corrispondenti
ricottalo e benzinaio, ci paiono pi marcati rispetto a, poniamo, zampognaro o campanaro,
che si sono imposti come forme sovraregionali.
Rispetto ad -aio, tuttavia, che ha mantenuto sostanzialmente inalterate le sue prerogative
nel corso dei secoli, -aro ha subito, o meglio sta subendo, un processo di ridefinizione talmente importante da giustificare il dubbio se non siamo per caso di fronte ad una nuova
regola di formazione di parole, che seleziona basi diverse e d in uscita nomi di agente dalla
semantica pi sfuggente e variegata, molto diversa comunque rispetto alle formazioni tradizionali. E il tipo palazzinaro, che si imposto, a giudicare dalle date riportate dal DISC, in
quest'ultimo dopoguerra, forse per influenza del romanesco (Dardano 1978, 83). Infatti
delle 26 formazioni agentive in -aro che il DISC data a partire dal 1950, solo 11 appartengono al tipo campanaro, e designano attivit professionali generalmente considerate umili,
e con una pi o meno marcata connotazione regionale (bibitaro, cartonare, cocuzzaro,
puparo), di queste 11 formazioni, 5 presentano delle varianti sinonimiche con altri suffissi
(vongolaio / vongolaro, tassinaro / tassista).
Le rimanenti 15 formazioni appartengono al tipo palazzinaro, e designano appartenenza
(gruppettaro, borgataro), soggetti umani che esibiscono scelte di vita o comportamenti
abituali pi o meno discutibili (marchettaro, metallaro, paninaro), o stati pseudoprofessionali poco chiari e al limite dell'illecito (bustarellaro, palazzinaro, pataccaro, velinaro).
Persino nel linguaggio sportivo gli atleti in -aro sono poco credibili: il panchinaro il "calciatore che ha spesso il ruolo di riserva in panchina", come il pallettaro il giocatore di
tennis che adotta una tattica difensiva "preferendo i palleggi da fondo campo lenti e prolungati". Un dato interessante che raramente queste formazioni hanno varianti perfettamente
sinonimiche con altri suffissi ( il caso solo di casinaro / casinista o di rockettaro / rockista). Di solito invece accade che quando -aro condivide con altri suffissi agentivi la stessa
base, si incarica di veicolare tratti di significato che potremmo definire spregiativi, o almeno fortemente limitativi: un discotecaro il frequentatore abituale delle discoteche, il discotecario invece il "direttore di una discoteca come istituto culturale"; il fumettaro un
creatore di fumetti di scarso valore, il fiimettista il termine neutro per designare un serio
professionista; lo stesso dicasi di velinaro "giornalista che diffonde notizie in modo acritico, conformandosi alle versioni diffuse dalle fonti ufficiali", rispetto al pi importante,
anche se non pi rispettabile, velinista o velinatore, termini per designare l'"addetto alla
realizzazione delle veline".
La situazione diventa ancora pi chiara se consultiamo i DPN. Ne abbiamo ricavato un
corpus di ben 38 neoformazioni agentive (a fronte delle 3 in -aio), il che documenta un alto
grado di produttivit. Si tratta di nomi di agente del tipo caratterizzante, con pesanti connotazioni negative, nessuno dei quali ha un corrispondente in -aio, n designa pi mestieri

5.1. Derivazione

nominale

199

tradizionali (se si eccettua uno sparuto tondinaro "fabbricante di tondini", in Q). Si va dunque da brigataro a manoscrittaro ("sedicente scrittore", BC) o a passettaro ("coreografo",
L), da mutandaro (paparazzo "alla ricerca di indumenti intimi indossati da personaggi famosi", BC), a petardaro e pillolaro (entrambi in L, col significato rispettivamente di "consumatore scriteriato di petardi" e di "medico che esagera nella prescrizione di farmaci"), da
loochettaro ("chi tiene al proprio look", in L) a quizzettaro ("chi conduce una trasmissione
televisiva o radiofonica imperniata sui giochi a quiz", F), a tangentaro ("estorsore di tangenti", BC). Bastino questi esempi a documentare il raggio di diffusione della regola, che
serve ormai a designare persone le cui preferenze e i cui comportamenti, irrimediabilmente
condizionati dai riti, o dagli orrori, della nostra societ, sono marcati, anche linguisticamente, da un tratto di pesante negativit.1
Questo forte radicamento nei costumi, pi che nelle professioni, dell'oggi spiega forse il
bassissimo grado di trasparenza morfosemantica della maggior parte delle formazioni pi
recenti. Per alcune di queste formazioni in -aro, pi che di neologismi dovremmo forse
parlare di occasionalismi, legate come sono a fatti di cronaca e di costume. Proprio per
questa loro dichiarata e spesso ironica contemporaneit, la ricostruzione del significato, in
questo caso la definizione del lemma data dal compilatore, per lo pi legata all'occasione
(extralinguistica) che lo ha fatto nascere, e al contesto (linguistico) nel quale inserito. Una
veloce inchiesta condotta fra alcuni parlanti adulti di buona cultura ha confermato la nostra
convinzione di partenza, che nessuno sarebbe approdato, per bustinaro (BC), a "spacciatore
di droga", a distributore di bustine.
E tuttavia, anche se non giureremmo sulla permanenza, nel lessico stabile dell'italiano,
di molte di queste neoformazioni, si pu forse a ragione sostenere che comunque siamo di
fronte a un fatto nuovo, ad una evoluzione importante della regola, le cui caratteristiche
sono forse ancora instabili, ma che insomma il divorzio da -aio consumato. Ad esempio,
-aro ha accentuato nel tempo la sua scarsa disponibilit a formare nomi di luogo 2 e, a differenza di -aio, non pi oggi un suffisso polisemico: le nuove formazioni in -aro, almeno a
partire dal 1950, sono tutte di tipo agentivo, se si esclude un piantumaro "vivaio di piante",
che L circoscrive al senese. Anche sul piano formale si notano delle novit. Le basi preferite dalle pi recenti formazioni in -aro sono almeno trisillabiche. Tra queste si notano:
numerosi alterati, per lo pi da tempo lessicalizzati, con netta preferenza della sequenza ett-aro (mazzettaro, forchettaro, catenacciaro, pallonaro); formazioni con basi straniere
monosillabiche terminanti con la occlusiva velare sorda /k/, allungate con l'interfisso
-ett- (rockettaro, lookettaro, Q, punkettaro, L), forse per analogia con i casi visti sopra;
alcuni casi di formazioni con interfissi, che allungano basi bisillabiche (manzolaro, tassinaro, e si confronti quest'ultimo col pi usuale tassista).

Conferma questa lettura la nota di Renzi 2000, 319, che registra un cassettaro "scassinatore professionale di cassette di sicurezza" e un chiavaro "specialista in chiavi false", formazioni di origine giornalistica suggerite, entrambe, da fatti di cronaca ambientati a Roma. Tuttavia la ricostruzione che qui stata fatta delle fortune recenti del suffisso non concorda con le conclusioni di Renzi,
che vede in queste formazioni in -aro dei "singoli casi lessicali" piuttosto che una evoluzione riguardante il tradizionale esito semantico del procedimento, di influenza sicuramente romana. Cfr.
anche Radtke 1991.
Nel corpus del DISC abbiamo a fatica trovato dei derivati locativi in -aro (mortdezzaro, pagliare,
serparo), dati sempre come varianti minori dei corrispondenti derivati in -aio.

200

5. Suffissazione

L'uscita femminile del suffisso, -ara, ha sviluppato, come -aia, significati di tipo locativo e strumentale, per i quali rimandiamo ai rispettivi paragrafi. L'unica formazione agentiva registrata dal DISC marchettara (a. 1959), presentata come il corrispondente volgare
di "prostituta",1 e che esibisce dunque lo stesso valore spregiativo delle pi recenti formazioni in -aro (secondo la datazione del DISC, marchettaro pi recente, risalendo la prima
attestazione al 1978).
5.1.1.1.3. Il tipo barcaiolo / barcaiuolo / barcarole

MGLD

La presentazione simultanea di -aiolo, -aiuolo, -arolo giustificata dal fatto che si tratta in
realt dello stesso procedimento che presenta tre varianti, con l'uscita in -aiolo centrale
rispetto alle altre due, e pi frequentemente attestata. Nel DISC generalmente si pone a
lemma l'uscita in -aiolo, e si riportano come varianti minori le altre due possibilit: ad
esempio per fruttaiolo e barcaiolo si segnalano come antiquate le forme fruttaiuolo e
barcaiuolo, come regionali fruttarolo e barcarole. Questo vale per, come vedremo
subito, solo per le formazioni tradizionali.
I suffissi -aiolo, -aiuolo, -arolo sono gli esiti italiani di -arius combinato col suffisso diminutivo -olus. Nell'affacciarsi al volgare, il suffisso, presente nelle varie regioni italiane
nelle tre diverse varianti, acquista una sua unit ed autonomia, perdendo insieme alla sua
connotazione diminutiva, anche il suo carattere di suffisso composto (Fanfani 1985, 17).
Sicch gi nel '200 parole come biadaiolo, lanaiolo, caciaiolo non hanno pi i corrispettivi
in -aio. Tuttavia la presenza del diminutivo ha in qualche modo continuato a far sentire la
sua presenza, condizionando almeno in parte la semantica di queste formazioni.
Fin dal suo primo sorgere e imporsi nell'italiano il suffisso -aiolo si presenta dunque sostanzialmente simile, per funzione e valore semantico, ad -aio, operando su basi nominali
aventi i tratti '+comune', '+concreto', 'numerabile' e '-animato', e dando in uscita nomi
di agente di tipo classificante, indicanti mestieri generalmente umili: biadaiolo, boscaiolo,
farinaiolo, linaiolo, pannatolo, pesciaiolo, vignaiolo designano persone che hanno
un'attivit lavorativa connessa con le entit cui si riferiscono i nomi di base, non diversamente dai derivati agentivi in -aio. Tuttavia, a differenza di -aio, ben presto questo suffisso ha sviluppato, accanto a questi termini neutri, un significato peggiorativo che ha dato (e
d) vita a una lunga serie di formazioni connotate in senso spregiativo, che hanno gradualmente soppiantato ed offuscato il primitivo significato.
Nel tracciare la storia del suffisso, Fanfani 1985, 18 nega che il tratto peggiorativo si sia
sviluppato dall'originario tratto diminutivo presente nel suffisso, secondo le note tesi di
Rohlfs 1969, 396 e Tekavic 19802, 31, e pone invece questa evoluzione semantica in relazione con la tendenza, gi ben attestata nel '500, a ricorrere ad -aiolo per nomi di mestieri
di poco conto, d'infima classe, e tra questi cita acquaiolo, braciaiolo, renaiolo. Di
recente, inoltre, la sempre pi ampia diffusione nella lingua comune del romanesco -arolo
al posto di -aiolo ha notevolmente contribuito alla svalutazione del suffisso, e anche qui
cita esempi di mestieri (tombarolo) o di comportamenti (bombarolo) assolutamente riprovevoli (Fanfani 1985, 23). Comunque stiano le cose, certo che nel corso dei secoli -aiolo
ha perso sempre pi la sua capacit di formare nomi di agenti neutri, affermandosi sempre
1

Pu essere interessante ricordare che il nome di base, marchetta, designava nelle case di tolleranza
una sorta di gettone che veniva dato alle prostitute per ogni prestazione.

5.1. Derivazione nominale

201

pi come suffisso ironico-spregiativo. Fanfani documenta ampiamente questa evoluzione,


soffermandosi ad esempio sull'uso di termini come crisaiolo, forcaiolo, guerraiolo, frasaiolo o pretaiolo, tipici della polemica politica, letteraria e anticlericale dell'Ottocento e
della prima met del Novecento (Fanfani 1985, 64-79, 113-119).
La tendenza confermata dalle coppie che selezionano la stessa base, del tipo borsaio
"artigiano che fabbrica borse; anche, venditore di borse" e borsaiolo "chi ruba con destrezza da borse e tasche", o piazzista "rappresentante di commercio" e piazzatolo "persona dai
modi volgari e chiassosi", coppie in cui sempre il derivato in -aiolo ad essere marcato in
senso peggiorativo. La stessa tendenza ritroviamo nelle formazioni pi recenti. A partire dal
1950 il DISC data solo 5 formazioni agentive in -aiolo e 6 in -arolo, delle quali solo due,
brecciaiolo e ghiaiarolo sono termini neutri, usati per designare un mestiere. Tutte le altre
formazioni sono del tipo caratterizzante, e risultano sempre connotate in senso negativo, da
bombarolo (a. 1973) "chi compie attentati con esplosivo", a curvatolo (a. 1991) "tifoso
appassionato di calcio che assiste abitualmente alle partite dalla curva, dove in genere si
ritrovano i sostenitori pi accesi", da comicarolo (a. 1970) "attore con scarse doti artistiche", a tombarolo (a. 1963) "chi viola le tombe di interesse archeologico".
Quanto ai DPN, essi documentano una discreta produttivit del suffisso, che ha dato vita
a 21 neoformazioni agentive, di cui solo 3, grappatolo "produttore di grappa" (L), fruttarolo "fruttivendolo" (BC) e fungaiolo "cercatore di funghi" (L) risultano non marcati in
senso peggiorativo. Tutti gli altri, da bucatolo "invertito" (Q) a tramatolo "chi trama ai
danni dello Stato" (F, 198) a dolcevitaiolo "chi fa la dolce vita" (Q), presentano un chiaro
tratto spregiativo, mutando del tutto, se il caso, la portata semantica complessiva del derivato: cos firmaiolo, ancora neutro nella definizione del DISC, che nel gergo militare significa "chi decide volontariamente di prolungare il periodo di ferma" (a. 1942), viene in un
certo senso ricreato e dunque sentito e riproposto come neologismo sia in CC che in Q, per
caratterizzare il comportamento di "colui che sollecito a sottoscrivere pubblici manifesti
di protesta, collettive lettere aperte, e simili" (CC).
Nel suo lento trasformarsi da suffisso che forma prevalentemente nomi di agente che designano mestieri, a suffisso caratterizzante di comportamenti umani riprovevoli, cambiano
le caratteristiche delle basi selezionate: le quali possono essere nomi con tratto '-concreto':
legatolo, con valore spregiativo, "appartenente a una lega politica o sindacale", modaiolo,
equivalente, grosso modo, al ben pi rispettabile "stilista" (Q); sintagmi: dolcevitaiolo (Q);
prestiti stranieri: quizzarolo, clipparolo (BC) "regista di videoclip", entrambi con base
monosillabica e raddoppiamento della consonante finale prima dell'aggiunta del suffisso;
verbi: cardatolo "cardatore" e fregarolo "ladruncolo, borsaiolo"; sigle: vippaiolo "aspirante
vip" (BC). Cambia di conseguenza anche il raggio delle possibili uscite semantiche di queste formazioni, lontanissime, come documentano gli esempi, dalla (relativa) uniformit
delle formazioni tradizionali. Contemporaneamente si fa strada un uso aggettivale del suffisso, che i DPN segnalano per parecchie formazioni.
Per le uscite femminili del suffisso dobbiamo ripetere quanto gi detto per -aia ed -ara:
le non molte formazioni in -aiola, -aiuola ed -arola sono nomi di strumento o, pi raramente, di luogo, mentre l'unica formazione agentiva registrata dal DISC, pesciaiola "pescivendola", presenta anche il significato locativo-strumentale di "pentola per bollire il pesce".

202
5.1.1.1.4.1 tipi barbiere e guerriero

5. Suffissazione

MGLD

Il suffisso -iere un altro degli esiti agentivi del capostipite latino -arius, penetrato per in
italiano attraverso la mediazione del francese -ier (Rohlfs 1969, 431). Trapiantato in Italia
con l'influsso della cultura cavalleresca della Francia medievale (TekavCic 19802, 30), il
suffisso ancora oggi attestato in molti nomi di origine francese che designano arti e mestieri tipici dell'epoca (ad esempio cavaliere, cancelliere, carrozziere, giardiniere) o attivit varie legate alla guerra (arciere, bersagliere, cavaliere, fuciliere). Continuano poi
questa tradizione derivati autoctoni che designano mestieri e comportamenti legati alle
particolari abitudini cortesi di un mondo scomparso: cos bracciere "chi dava il braccio alle
signore per accompagnarle", cerimoniere, coppiere, credenziere "nelle case signorili, persona che si occupa del servizio a tavola", elemosiniere, salsiere. L'origine nobile e cavalleresca del suffisso ha influenzato e continua a influenzare l'uscita semantica dei derivati, che
pur con qualche oscillazione designano agenti sentiti per una qualche ragione di rango pi
elevato, meno plebeo rispetto ai nomi formati con altri procedimenti derivativi (Rohlfs
1969, 431-432); cfr. ad esempio cavaliere vs cavallaio, carrozziere vs carrozzaio, filandiere vs filandaia, carboniere vs carbonaio, banchiere vs bancario. Naturalmente non mancano le eccezioni di coppie perfettamente sinonimiche quali salumiere / salumaio, canapiere /
canapaio, gelatiere / gelataio.
Si deve considerare una filiazione diretta di -iere anche il suffisso -iero, in cui si pu
vedere il tentativo di una maggiore italianizzazione (Rohlfs 1969, 432), tentativo attestato
dall'esistenza di varianti come cavaliere e cavaliere, condottiere e condottiero, guerriere e
guerriero, messaggiere e messaggero, straniere e straniero. In ciascuna di queste coppie si
poi imposta come pi comune una delle due forme, sicch l'altra sentita oggi come
arcaica. Tuttavia, come rivale diretto di -iere, -iero non ha mai avuto molta fortuna, ed ha
invece via via acquistato una sua autonomia, differenziandosi in modo sistematico da -iere:
nell'italiano contemporaneo esso piuttosto un suffisso aggettivale, come dimostrano le
coppie relativamente recenti di conserviere e conserviero (a. 1942), laniere (a. 1952) e
laniero (a. 1942), petroliere (a. 1922) e petroliero (a. 1889), zuccheriere (a. 1918) e zuccheriero (a. 1942), in cui i due suffissi danno luogo rispettivamente a nomi di agente ed
aggettivi. In assenza della variante in -iere, le formazioni in -iero presentano spesso la doppia uscita nominale e aggettivale: cos ad esempio per bananiero, mattiniero, negriero,
prigioniero, e per i pi recenti calzaturiero (a. 1963) ed ospedaliero (a. 1958). Sono invece
ben pochi, e per lo pi di antica formazione e di derivazione francese, i derivati in -iero che
non esibiscono un corrispettivo aggettivale: ricordiamo tra gli altri avventuriero, condottiero, guerriero, masnadiere, passeggiero, scudiero. E certo che i DPN non registrano nessuna nuova formazione nominale in -iero.
La provenienza straniera responsabile anche della scarsa trasparenza morfosemantica
di molte parole in -iere, per le quali spesso non riconoscibile una base italiana (come ad
esempio in alfiere, bracconiere, frontaliere, furiere, pioniere), o il significato non del
tutto trasparente, cio componenziale ( il caso di palmiere "chi si recava in pellegrinaggio
in Terra Santa", parrucchiere, tempiere "cavaliere dell'ordine dei Templari"); o il cui particolare assetto formale pone, a chi ragioni sull'italiano, problemi di non facile soluzione
(cos ad esempio per aerostiere, caffettiere, giocoliere, panettiere, vinattiere). E tuttavia,
nonostante o forse proprio grazie alla molteplicit degli influssi esterni, non c' dubbio che
la regola della quale ci stiamo occupando ha dato origine ad una lunga serie di nomi di

5.1. Derivazione

nominale

203

agente di formazione autoctona che, a giudicare dalle date di prima attestazione riportate
dal DISC, si dispongono lungo tutto il corso della nostra storia fino ai giorni nostri, con una
vitalit che sembra non essere mai venuta meno. All'interno poi del folto gruppo delle
parole di chiara formazione italiana (abbiamo conteggiato circa 120 nomi di agente, ma non
giuriamo sulla precisione del calcolo) possibile riconoscere alcuni sottogruppi abbastanza
omogenei quanto al significato, in un certo senso imposto al derivato dalle caratteristiche
semantiche dei nomi di base.
Il sottogruppo pi numeroso costituito da nomi di agente classificanti, designanti mestieri legati alla produzione o alla lavorazione di prodotti artigiani e manufatti industriali, o
alla loro vendita: arazziere, biscottiere, cioccolatiere, dolciere, gelatiere, mobiliere, profumiere, risiere, salumiere, saponiere, vellutiere. Alcune di queste formazioni designano,
accanto all'umile operaio, l'industriale proprietario dell'azienda, a conferma dell'antica
vocazione al prestigio sociale del suffisso: cos per biscottiere, calzaturiere, cementiere,
conserviere, laniere. In tutti questi casi il nome di base designa il prodotto su cui si esercita
l'attivit lavorativa dei rispettivi agenti. Con altri tipi di base, il rapporto meno univoco:
ferroviere, fontaniere "operaio addetto alle fontane, per regolarne il flusso o ripararne i
guasti", metaniere "chi lavora nell'ambito dell'industria del metano", picconiere "operaio
addetto a lavori di scavo o di demolizione effettuati col piccone" designano attivit lavorative meno facilmente prevedibili, che intrattengono con il nome di base rapporti pi vaghi,
pi sfumati. Lo stesso potrebbe dirsi di alcune formazioni molto recenti, che designano
professioni nuove ed estremamente specialistiche: ad esempio balconiere (a. 1984), "arredatore professionista di balconi e terrazze" ed antipastiere (a. 1991), negli alberghi e ristoranti "persona addetta alla preparazione e al servizio degli antipasti".
Un altro sottogruppo molto numeroso gi stato individuato da Iliescu, che sottolinea il
fatto che spesso l'agente in -iere fait partie d'un certain systme administratif [...] Au
commencement il s'agissait surtout des fonctions spcifiques de la cour et de la guerre
mdivale [...] Mais aujourd'hui encore -iere est rest le suffixe spcifique pour dsigner
des fonctionnaires et les diffrentes catgories militaires (1973, 193). Soprattutto in campo
militare la produttivit del suffisso si rivela altissima: a partire da nomi di base che designano i pi diversi tipi di armi, sono nate parole per i soldati dei vari corpi: alabardiere,
archibugiere, balestriere, bombardiere, cannoniere, fuciliere, lanciere, mitragliere, moschettiere. Non solo: non c' quasi necessit o ritualit della vita militare che non abbia
sviluppato un derivato in -iere: dal foraggiere "soldato un tempo addetto alla raccolta del
foraggio", al geniere, dal munizioniere allo stendardiere, dal pontiere al ranciere, al trombettiere. Questa specificit si ritrova in autiere "soldato che guida un automezzo", rispetto
al pi neutro autista, e in aviere "militare dell'arma aeronautica".
Un altro esito semantico della regola, che ricorda l'antico prestigio sociale delle professioni in -iere, riguarda l'area che si potrebbe definire del controllo, della sorveglianza, della
custodia di beni e persone: di questo sottogruppo potrebbero ad esempio far parte caliere
"addetto alla sorveglianza dei depositi e alla custodia del materiale di bordo", carceriere,
cassiere, daziere, doganiere, gabelliere, magazziniere, portiere, tesoriere e anche i pi
scenografici mazziere "chi, segnando il tempo con una mazza, apre la sfilata di una banda"
e mossiere "in una corsa, chi addetto al segnale di partenza".
Altri sottogruppi ben rappresentati riguardano i mestieri legati alla pesca e alla marineria: baleniere, fiociniere, gabbiere "marinaio delle navi a vela addetto al compito di manovrare le vele di gabbia", gondoliere, pennoniere, poppiere "marinaio che manovra stando a

204

5. Suffissazione

poppa", prodiere, ramponiere, i gestori di locali pubblici: bettoliere, biscazziere, cantiniere, locandiere, taverniere', i conducenti tipi particolari (e in parte desueti) di veicoli: carrettiere, cocchiere, lettighiere, zatteriere "nel trasporto fluviale del legname, operaio che guida e dirige la navigazione dei tronchi uniti in zattere"; i mestieri legati alla cura, alla guida e
allo sfruttamento di animali: bigattiere "addetto all'allevamento dei bachi da seta", bracchiere "custode della muta di bracchi e loro guida nelle battute di caccia", cammelliere,
carovaniere, falconiere, mulattiere, stalliere-, infine, alcuni mestieri legati al mondo
dell'arte e dello spettacolo: novelliere, musichiere, paroliere, romanziere. N mancano
alcuni (pochi) derivati di segno negativo, che designano, pi che mestieri, comportamenti
generalmente ritenuti riprovevoli: femminiere "donnaiolo", gavazziere "chi si d abitualmente alla baldoria", puttaniere.
Questa opzione negativa ritorna con pi frequenza nei DPN, nei quali abbiamo conteggiato solo 9 formazioni nuove rispetto al lemmario del DISC. Tuttavia, pi che designare
professioni ( il caso di rubrichiere "chi titolare di una rubrica su un quotidiano o un
settimanale", F, 178 o del plurale ospedalieri "dipendenti di un ospedale organizzati sindacalmente", CC), questi neologismi stigmatizzano comportamenti occasionali non proprio
lusinghieri, come ad esempio siringhiere ("chi inietta ad altri la droga con una siringa", in
CC), o andazziere ("chi si lascia trascinare dall'andazzo, dalle mode correnti e volgari", Q),
o tangenziere ("chi pretende tangenti per la sua opera di mediazione", L). Nulla rimane in
queste formazioni pi recenti della nobile storia di -iere.
Sul piano formale il procedimento di formazione dei nomi in -iere molto regolare: la
base, raramente modificata ( il caso appena visto di tangenziere < tangente), costituita
nella quasi totalit dei casi da nomi concreti non suffissati. Questo non esclude le eccezioni
rappresentate da: (a) basi verbali: battezziere, corriere, cuciniere, moviere (da muovere)
"militare che ha il compito di regolare il traffico di veicoli in zona di manovre", tappezziere, scardassiere, di cui esiste anche un pi regolare e prevedibile scardassatore', (b) basi
costituite da nomi gi suffissati con suffissi alterativi: boattiere (da bo(v)-att-iere) "chi
custodisce o commercia bovini", lattoniere, mazzettiere "persona addetta alla preparazione
delle pietre per pavimentazioni stradali", panettiere (che per, come caffettiere, di origine
francese); (c) basi polirematiche, da tempo lessicalizzate: bancarottiere, guardarobiere; (d)
basi costituite da nomi astratti: ragioniere, redditiere, spedizioniere, vacanziere, (e) basi
costituite da nomi di agente classificanti, ostiere, o caratterizzanti, poltroniere.
Nella sua uscita femminile, il suffisso ha gli esiti strumentali e locativi che vedremo (rispettivamente in 5.1.1.2.1. e 5.1.1.3.6.). Gli unici agenti femminili registrati dal DISC sono
bersagliera (a. 1962), nato forse in seguito a un film di successo, cameriera e portiera,
quest'ultimo anche strumentale nel senso di "porta d'accesso agli autoveicoli", cavaliera,
ereditiera e profumiera.
5.1.1.1.5. Il tipo impresario

MGLD

Questo tipo conserva la forma originaria del latino -arius, diventato in italiano -ario, suffisso di provenienza colta (Dardano 1978, 83) perch penetrato con i latinismi non solo in
Italia ma in tutto il territorio romanzo. Molte sono infatti le formazioni agentive in -ario che
l'italiano ha ereditato direttamente dal latino classico o tardo: bibliotecario, segretario e
molti termini del linguaggio della guerra (ausiliario, emissario, legionario, mercenario,
vessillario) e del linguaggio del diritto (beneficiario, cessionario, proprietario, usufruttua-

5.1. Derivazione nominale

205

rio). N mancano casi in cui le primitive formazioni latine hanno col tempo subito in italiano forti slittamenti di significato: il caso di ordinario (nel senso di "professore di ruolo
nella scuola o titolare di cattedra all'universit") o di primario (nel senso di "medico che
dirige un reparto ospedaliero"). La facile riconoscibilit, anche in italiano, dei nomi di base
deriva evidentemente dal fatto che l'italiano ha ereditato dal latino serie di parole morfologicamente relate, quindi non solo i derivati, ma le rispettive basi. Quando ci non accaduto, risulta compromessa la "leggibilit" del derivato: cos in agrario o veterinario non
riusciamo, partendo dall'italiano, a ritrovare la parola di base. A partire dal XVIII secolo
dobbiamo invece mettere in conto la pesante influenza del francese -aire: parole come
commissionario, dignitario, intermediario, milionario, pubblicitario, reazionario, rivoluzionario, umanitario, pur essendo ben motivate anche in italiano, sono in realt dei calchi
dalle corrispondenti parole francesi.
Una volta penetrato in italiano, -ario ha prodotto una lunga serie di derivati, tra cui ricordiamo bancario, impresario, missionario, confusionario, tenutario, universitario e tra le
formazioni pi recenti discotecario (a. 1950), passionarlo (a. 1983), ludotecario (a. 1987).
Tuttavia -ario un suffisso molto articolato, potendo dar luogo anche ad aggettivi - e questa probabilmente l'opzione principale, ereditata direttamente da -arius - oltre a nomi di
luoghi, di ricorrenze e collettivi (cfir. 5.1.1.5.3.). La forte propensione aggettivale del suffisso dimostrata non solo dall'elevato numero di formazioni attestate dai dizionari, ma anche
dall'esistenza di coppie del tipo azionario / azionista, birrario / birraio, dentario / dentista,
ferroviario / ferroviere, librario / libraio, murario / muratore, tranviario / tranviere, vetrario / vetraio, in cui la stessa base d luogo ad aggettivi in -ario e a nomi di agente che selezionano suffissi tipicamente agentivi. L'ipotesi pi probabile dunque che molti nomi di
agente in -ario vadano in realt interpretati come delle nominalizzazioni di aggettivi, e
rientrino quindi nel grande capitolo della conversione (su questo si veda 5.1.1.1.11. e
7.2.2.1.6.).
L'opzione agentiva conserva tuttavia una sua interessante vitalit, anche perch
l'influenza del francese non mai venuta meno (ad esempio protestatario, a. 1901, e pubblicitario, a. 1958, sono dei calchi dal francese), mentre tra le parole datate a partire dal
1950 il DISC registra 9 formazioni agentive denominali di formazione autoctona, cui dobbiamo aggiungere almeno cinetecario "chi addetto al funzionamento di una cineteca" (C).
La complessa stratificazione di questo suffisso non consente troppo semplici generalizzazioni n rispetto alla base selezionata n rispetto alla semantica dei derivati in uscita. Se
tuttavia allarghiamo lo sguardo a tutte le formazioni che risultino motivate in italiano, indipendentemente dalla loro storia, dobbiamo riconoscere che, contrariamente agli altri suffissi
del paradigma, -ario non rifiuta basi costituite da nomi che presentino i tratti '-i-astratto' e
numerabile' (fiduciario, utilitario, usurario, velleitario), mentre la presenza del tratto
'-i-animato' d senz'altro luogo a locativi (lebbrosario, rettilario, delfinario, ma su questi
cft. 5.1.1.3.1.). Ne risultano nomi di agente sia classificanti (ma di mestieri di rango medio
o elevato come daziario, dolciario, ludotecario, transitarlo "chi esercita il commercio di
transito"), sia caratterizzanti (milionario, umanitario, passionarlo). Ricordiamo anche una
piccola serie costituita da nomi di aderenti a sette o ordini religiosi: settario, trinitario
"membro dell'ordine trinitario", ubiquitario "appartenente a una setta luterana che sosteneva l'ubiquit di Cristo"; e un'altra serie di termini propri del linguaggio del diritto: abigeatario "chi commette abigeato", concessionario, legittimario "erede cui legalmente riservata una parte del patrimonio, la legittima", permissionario "chi ha ricevuto una permissio-

206

5. Suffissazione

ne, un'autorizzazione della pubblica amministrazione a svolgere una determinata attivit".


Vedremo che il linguaggio del diritto ha fatto uso spesso e volentieri di questo procedimento, che ha per utilizzato preferibilmente con basi verbali (su questo cfr. 5.1.3.6.).
5.1.1.1.6. Il tipo autista

MGLD

Gi nel 1939, confrontando -ista con il suffisso -aiolo, Migliorini scriveva che entrato
nella lingua attraverso voci greche o in genere dotte, e dunque sembra portare con s
un'aura di maggiore distinzione, rispetto all'aria strapaesana dei derivati in -aiolo. E
concludeva: per i nomi di mestieri -ista predomina, per non dire che imperversa (Migliorini 1939, cfr. Fanfani 1985, 24). Sono passati 60 anni, e la fortuna di -ista non accenna a
diminuire. Non c' alcun dubbio infatti che questo procedimento sia di gran lunga il pi
produttivo dell'italiano contemporaneo per la formazione dei nomi di agente. Basti solo un
numero: su un totale di 1529 formazioni in -ista riportate dal DISC, poco meno della met
sono datate a partire dal 1950. Pur avendo attestazioni in tutti i secoli della nostra storia
linguistica, il procedimento aumenta le sue presenze in misura esponenziale via via che ci si
avvicina ai giorni nostri. un dato tanto pi interessante ove si consideri che -ista, a differenza di tutti gli altri suffissi agenti vi dell'italiano, non un suffisso polisemico, formando
solo nomi di agente.
Una delle cause della grande fortuna di questo suffisso sta certo nel fatto che esso diffuso e altamente produttivo anche in lingue di grande prestigio, quali il francese (nella
forma -iste) e l'inglese (nella forma -ist): in queste lingue, come del resto in italiano, serve
a formare nomi di professioni moderne, specializzate, tecnologicamente avanzate (cfr. Wolf
1972). Il travaso fra le lingue in questi casi talmente forte, che a volte pu fare a meno
della traduzione: cos nei DPN non raro imbattersi in travasi diretti dall'inglese (cartoonist, receptionist, vocalist, tutti in CC), accompagnati o meno dall'adattamento italiano (Q
riporta ad esempio sia cartonista che cartoonist).
un suffisso che presenta una grande adattabilit, potendo assumere basi costituite da:
(a) nomi con i tratti 'comune' : calvinista, ferrarista, attrezzista, ' umano' : femminista,
stragista; ' numerabile': assegnista, fumettista, fuochista, modista-, 'concreto': pianista,
scacchista, chiusurista "chi conclude la giornata lavorativa facendo turno di chiusura"; (b)
nomi costituiti da un numero qualsiasi di sillabe: gruista, statista, terrorista,
decisionista,
enciclopedista, giustificazionista; (c) nomi gi suffissati: acquerellista, canzonettista, associazionista, millenarista, (d) aggettivi: assistenzialista, civilista, immobiliarista,
legittimista, qualunquista, tredicista "chi, nel gioco del totocalcio, indovina i risultati delle tredici
partite in schedina"; (e) verbi: apprendista, attendista, convertista "chi converte le azioni in
titoli", dirigista, draghista "addetto a scavi subacquei o su terreni asciutti, dragatore", trasformista; (f) composti e sintagmi nominali e verbali, purch lessicalizzati: borsanerista,
duecentometrista, malpancista "chi subisce o accetta qualcosa con riluttanza, controvoglia"
(F, 150; BC), menefreghista, perbenista, saccopelista', (g) prestiti, anche recentissimi, da
altre lingue, pi o meno adattati alla pronuncia e alla grafia dell'italiano: belletterista dal
francese bellettriste "dilettante di studi letterari", lobbista, pepinierista "chi addetto alla
cura di un vivaio", stocchista o stockista, softwarista (Q), ocimista (da Ho Chi-Minh, in Q),
swatchista (BC), weekendista (F, 204); (h) sigle: piduista, cigiellista, aclista, nappista (da
NAP, in CC e Q), turista (da TIR, in F, 197), keghebista (da KGB, in BC); (i) avverbi e
locuzioni avverbiali; ne risultano spesso formazioni di non facile leggibilit: pressappochi-

5.1. Derivazione

nominale

207

sta, dietrista (CC, Q), diportista "chi pratica la navigazione da diporto", ritardista "paracadutista abile nel lancio con apertura in ritardo del paracadute", farfallista "specialista del
nuoto a farfalla", contropiedista "atleta che eccelle in azioni in contropiede" (BC), uomista
"nel calcio, sostenitore di un gioco basato sulla marcatura a uomo" (BC); (j) ideofoni, sia
pure lessicalizzati: blobbista e bluffista, rispettivamente "seguace, ammiratore, appassionato di Blob" e "chi bluffa, chi ha l'abitudine di bluffare" (entrambi in F, 110).
Le uscite semantiche di -ista, pur potendo tutte essere parafrasate con "persona che intrattiene una qualche relazione col nome di base", presentano, ad una lettura pi approfondita, una grande variet tra cui difficile mettere ordine. Sono tuttavia abbastanza facilmente riconoscibili due grandi gruppi, diversi sul piano del significato ma non per produttivit e (probabilmente) incidenza o frequenza.
Il primo gruppo costituito da formazioni che designano attivit professionali, dando
luogo a quelli che abbiamo pi volte chiamato nomi di agente classificanti. In questo settore la produttivit di -ista altissima: tutti i settori professionali ricorrono volentieri a questo
procedimento per creare i nomi delle nuove professioni, da consollista (a. 1991) "tecnico
addetto alla consolle degli impianti elettronici", a carburatorista (a. 1987), da trapiantista
(a. 1983) "chirurgo specializzato nel trapianto di organi", a ruspista, da palinsestista (a.
1989) e moviolista (F, 157 e BC), a cerealista (F, 115), a agopunturista (Q). Rientrano in
questo sottogruppo anche alcuni settori professionali tradizionalmente rappresentati da
questo procedimento: i suonatori di strumenti musicali (arpista, chitarrista, percussionista,
pianista, tastierista, violinista);' gli estensori di lavori scritti (fondista, periodicista, cronista, nerista "cronista di cronaca nera", in F, 158, e in BC); gli studiosi di certi specifici
ambiti disciplinari (quattrocentista, latinista, ergonomista, islamista, nutrizionista), gli
atleti di alcune specialit sportive (centrocampista, ciclocrossista, pallanuotista, trialista,
windsurfista);2 i pittori specialisti di certi soggetti o di certe modalit di pittura (acquerellista, muralista, paesaggista, ritrattista)', i guidatori di certi veicoli (aliscafista, autista, autocisternista, scooterista, elicotterista). Un settore completamente assente invece quello
dell'allevamento e cura degli animali. Curiosamente, in tutti i casi in cui la base sia costituita da uno zoonimo, esso usato in senso metaforico: cos in delfinista, farfallista, giraffista.
Il secondo gruppo, che d grosso modo luogo a nomi di agente caratterizzanti, pi
composito, in quanto comprende formazioni che designano persone caratterizzate
dall'essere seguaci di ideologie e movimenti politici: brigatista, fascista, marxista, pacifista, peronista, Zapatista; persone che si riconoscono in certi movimenti di opinione e correnti di pensiero: animalista, abortista, europeista, garantista, movimentista, persone che
fanno parte di gruppi e associazioni: accademista, camorrista, clacchista, cetomedista (Q);
persone che sono affette da particolari tendenze o esibiscono particolari abitudini di comportamento: allarmista, consumista, giustificazionista, opportunista, permissivista, pressappochista. un elenco largamente incompleto: soprattutto i DPN documentano la disponibilit del suffisso ad esprimere rapporti diversificati, che difficile descrivere in tutte le
loro valenze e possibilit. Importa invece notare come questi derivati del secondo gruppo
siano spesso in rapporto con un corrispondente nome astratto in -ismo, che denota appunto

Come si vede, in qualche caso la base non uno strumento specifico, ma una intera classe di strumenti, quelli a percussione o a tastiera, ad esempio.
Sulle formazioni in -ista di ambito sportivo si sofferma Migliorini 1975a, 33.

208

5.

Suffissazione

l'ideologia, il movimento di pensiero, la disposizione dell'animo, l'atteggiamento permanente da cui sono affetti o verso cui gravitano i nostri agenti. Al punto che spesso le definizioni dei dizionari sono circolari, e definiscono i nomi in -ista attraverso i rispettivi astratti
in -ismo, e viceversa (ma su -ismo e sui rapporti con -ista cfr. 5.1.1.6.4.).
Si noti tuttavia che a differenza dei derivati del secondo gruppo, i nomi di agente classificanti del primo gruppo normalmente non hanno le corrispondenti formazioni astratte in
-ismo, anzi paiono del tutto inaccettabili formazioni come *antennismo, *banchismo,
*camionismo, *carrellismo, *gallerismo, *gruismo, *parchettismo, *pianismo e cos via.
Questa particolarit non riguarda per il lavoro intellettuale, nel cui ambito sono attestati,
ad esempio, concertismo, giornalismo, islamismo, nutrizionismo. Tuttavia almeno statisticamente vero che mentre per i derivati del tipo caratterizzante il legame con i rispettivi
astratti in -ismo quasi la norma, per i derivati del tipo classificante si tratta di casi abbastanza eccezionali.
Infine, ferma restando la generale propensione di questo suffisso a veicolare, nei nomi
indicanti professioni, un tratto di maggiore modernit, o tecnicismo, pu essere interessante
chiedersi se rispetto ad altri suffissi agentivi -ista presenti qualche preferenza particolare. In
questo senso sono interessanti i pochi casi in cui la stessa base viene selezionata da due
diversi suffissi agentivi. In qualche caso suffissi diversi servono a designare attivit lavorative diverse: ad esempio liutista, violinista, giornalista (rispettivamente chi suona, o scrive)
rispetto a liutaio, violinaio, giornalaio (rispettivamente chi costruisce o vende); oppure
stradista "ciclista o podista specializzato in gare su strada", rispetto a stradino "operaio che
lavora alla manutenzione delle strade". In altri casi il derivato in -ista pi neutro, meno
marcato: si confrontino ad esempio musicista rispetto a musicante, o tassista rispetto a
tassinaro, o fumettista rispetto a fumettaro (gli ultimi due entrambi in Q). Non mancano
neppure coppie perfettamente sinonimiche come banconista e banconiere, o cottimista e
cottimante, anche se questo caso si d forse pi frequentemente tra i nomi di agente caratterizzanti: cos ad esempio per sessantottista e sessantottino, guevarista e guevariano (Q),
keghebista e keghebino (BC), casinista e casinaro.
Sul piano formale, al di l della generale regolarit di formazione di questi derivati, dobbiamo segnalare: la presenza di basi non riconoscibili quando si tratti di prestiti da altre
lingue, compresi i prestiti dal latino: adremista, antagonista, betonista, standista, i casi di
sostituzione di suffisso, soprattutto frequenti con i nomi in -ia ed in -ismo: alchim(ia)ista,
anatom(ia)ista,
econom(ia)ista,
galler(ia)ista, parod(ia)ista,
zoolog(ia)ista\
anabatt(ismo)ista, arca(ismo)ista, classic(ismo)ista, pacif(ismo)ista,
supremat(ismo)ista,
tom(ismo)ista, tur(ismo)ista\ i casi di troncamento di suffissi o sequenze finali (soprattutto
-io) prima dell'aggiunta di -ista: anal(isi)ista, cron(aca)ista, fonet(ica)ista, semant(ica)ista,
panegir(ico)ista, franto(io)ista, vestiar(io)ista e cos via. Infine, segnaliamo i casi di raddoppiamento della consonante finale davanti al suffisso, frequente soprattutto con le occlusive sorde e con le parole monosillabiche (cfr. Rainer 1996d): autostoppista, Hobbista,
gappista, nappista, gassista, stocchista-, e le possibili palatalizzazioni di consonanti velari:
dialogo * dialoghista, dialogista-, ping pong > ponghista, pongista-, rubrica * rubrichista, rubricista.

209

5.1. Derivazione nominale


5.1.1.1.7.1 tipi garibaldino, cigiellino, postino

MGLD

Dall'originaria funzione del latino -inus, che era quella di formare aggettivi denominali
esprimenti appartenenza, relazione, provenienza, nonch etnici (Tekavic 19802, 69), e
dall'evoluzione del suffisso verso il senso diminutivo, che si pone verso il tardo latino e si
attua pienamente solo in periodo romanzo, si sviluppata la variegata casistica dell'italiano
-ino,1 che qui ci interessa solo per gli esiti esemplificati nel titolo di questo paragrafo, gli
agenti denominali.
Un primo esito esemplificato dai tipi garibaldino e cigiellino, che sono una filiazione
diretta della formazione, da nomi, di aggettivi di partecipazione e appartenenza, che possono sempre subire processi di nominalizzazione. Il nome di base per lo pi un nome proprio (di una persona, di un'associazione, di un movimento, di un quartiere, di un locale, di
una squadra di calcio). Sul piano dell'uscita semantica i derivati in -ino sono in questo caso
nomi di agente caratterizzanti, vale a dire designano persone che in qualche modo si riconoscono nel pensiero o aderiscono ai progetti religiosi o politici del personaggio cui si riferisce la base: camillino, garibaldino, maurino "monaco benedettino appartenente alla congregazione di san Mauro", tifino (da Tito, Q); condividono gli obiettivi delle organizzazioni
sindacali o politiche cui rimanda la base, espressa in sigle: cobassino (da COBAS, F 117),
ciellino (da CL, sigla di Comunicazione e Liberazione), figiccino, missino, pidiessino, partecipano, in modo stabile o occasionale, ai riti o adottano i modelli di comportamento di un
movimento, di un quartiere, di un gruppo, di un locale alla moda: cantagirino (da Cantagiro, Q), focolarino, leoncavallino (da Leoncavallo, C 1993-94), pariolino, piperino (da
Piper, Q), sanbabilino, sessantottino; tifano per una squadra e se ne sentono in qualche
modo membri: iuventino, interino.
In tutti i casi documentati, come si vede, il tratto comune il senso di adesione ideale o
la vera e propria militanza di questi soggetti umani in gruppi, organizzazioni, movimenti di
varia entit e consistenza, anche culturale. La produttivit del suffisso in questione per
questo tipo di formazioni oggi molto alta. Si consideri che delle 12 formazioni agentive
denominali in -ino datate dal DISC a partire dal 1950, 10 sono di questo primo tipo, che
potremmo definire caratterizzanti, e solo 2 appartengono al tipo postino (che vedremo subito dopo). Anche i DPN documentano un dilagare di formazioni in -ino, alcune delle quali,
specie quelle pi legate alla dialettica politica contemporanea, riescono a comunicare un
tratto ironico-spregiativo che nasce forse dal contrasto tra la piccolezza insita nel suffisso
e la presunta grandezza di certi programmi e uomini politici (almirantino, Q, tognolino,
F 197, berluschino, C 1993-94, craxino e dipietrino, C 1995, predino, C 1996).
Il tipo postino, la cui base un nome con tratto '+comune', d in uscita nomi di agente
per lo pi classificanti, indicanti mestieri e professioni in genere considerati umili 2 (ma non
mancano, neppure in questo sottogruppo, i caratterizzanti, come ad esempio zazzerino "chi
porta i capelli a zazzera"). Su questo esito deve avere influito l'uscita diminutiva del suffisso (Tekavcic 19802, 70), mentre in altri casi sembra sia piuttosto l'antica funzione aggetti-

Ricordiamo rapidamente che -ino d luogo ad aggettivi denominali (cfr. 5.2.1.), diminutivi (cfr.
5.1.1.7.16.1.1. e 5.2.3.1.), nomi di agente e di strumento denominali e deverbali (cfr. 5.1.1.2.3.,
5.1.3.2.3. e 5.1.3.3.5.).
A questo proposito Pasquali 1948, 42, notava che scopino (che all'epoca era a Roma pi comune
di spazzino) non era ammesso alla Corte Pontificia che conosce solo lo scopatore segreto, nome
foggiato con un suffisso antichissimo di nome di agente.

210

5. Suffissazione

vale, a farne un suffisso che indica un mestiere (Rohlfs 1969, 413). Alcuni esempi di questa possibilit sono bracino "venditore di carbone, di legna e di brace", celerino, ciabattino,
contadino, fantino, fattorino, fiocinino "pescatore abile nell'uso della fiocina", naccherino
"chi suona le nacchere", questurino, stagnino, stallino, tabacchino, vetturino, tutte parole
ben motivate in italiano, mentre per altre formazioni dobbiamo mettere in conto una certa
opacit dovuta a fatti formali, come in spadaccino (con doppio procedimento derivativo),
damerino e peperino "persona molto vivace e briosa" (con interfisso -er-), netturbino (da
nett(ezza) urb(ana)ino, con base polirematica e caduta delle sillabe finali delle due parole di
base); a fatti di evoluzione diacronica della lingua, come in cittadino-, a prestiti da altre
lingue, come in aguzzino, clandestino e galoppino; a fatti semantici e pragmatici che hanno
reso col tempo indecifrabili certi rapporti tra base e derivato: quanto accade per codino
"persona rigidamente conservatrice, cos detta dall'abitudine dei legittimisti francesi di
acconciarsi col codino come prima della rivoluzione" o secondino "addetto alla sorveglianza dei detenuti nelle carceri", cos detto perch un tempo aiutante del custode carcerario.
Non mai stata, comunque, una opzione molto produttiva, visto che le formazioni citate
corrispondono quasi dell'intero corpus del DISC, 1 mentre per gli anni pi recenti, dal 1950
ad oggi, il DISC riporta solo 2 neologismi, fanghino (a. 1956) e lavaggino (a. 1957).
Quanto ai DPN, a fronte del fantasioso proliferare dei tipi garibaldino e cigiellino, il tipo
postino si ritrova solo in due neoformazioni, neomodini, "giovani stilisti mossi da una gran
voglia di emergere e di farsi notare" (L) e siringhino, "tossicomane che si inietta, o si fa
iniettare da un siringhiere, la droga con una siringa" (CC).
Quanto all'uscita femminile del suffisso, non sono molte le formazioni che designano
agenti. Tra queste ricordiamo chellerina, forma italianizzata di kellerina (dal tedesco
Kellnerin "cameriera"), crocerossina, con base polirematica, filandina, sinonimo di filandaia, madrina, sgualdrina (la cui base non riconoscibile), speakerina, e le designazioni di
ordini religiosi orsolina e vincenzina.
5.1.1.1.8. Il tipo capellone

MGLD

Deriva dal tipo latino in -o, -onis, che serviva a formare nomi che caratterizzavano una
persona in base alla sua appartenenza a certi gruppi (commilito, companio [...]), o per le sue
abitudini, ma sempre in senso negativo (bibo "beone", epulo "crapulone, mangione" [...]),
oppure ancora per una sua particolarit fisica vistosa (naso "nasuto" [...]) (Tekavcic 19802,
100). Dalle due ultime possibilit, che costituiscono quella che per Rohlfs 1969, 416 la
funzione pi antica del suffisso, sicuramente pi antica della funzione accrescitiva (sulla
quale si veda 5.1.1.7.16.2.1.), si sviluppa quello che uno dei maggiori esiti italiani del
suffisso: il valore agentivo caratterizzante, che consiste nel designare una persona sulla base
di particolari qualit, o forse sarebbe meglio dire difetti fisici e morali, modi di essere,
comportamenti visibili e abituali. Una caratteristica interessante del suffisso quella di
selezionare sia basi nominali e aggettivali (rispettivamente baffone, mammone, patatone e
facilone, grassone, sciattone) sia basi verbali (arruffone, brontolone, guardone): questa
doppia possibilit non ha tuttavia, come vedremo in dettaglio, delle conseguenze importanti
sulla semantica delle formazioni che ne risultano. Qualunque sia la base selezionata infatti,
1

Abbiamo escluso dal conto i derivati per i quali era comunque rintracciabile una base verbale,
quindi ad esempio bagnino o ballerino.

5.1. Derivazione nominale

211

un tratto che accomuna tutti i derivati in -one quello che potremmo definire della grandezza esagerata e inopportuna, dell'eccesso negativo, tali da sfiorare il ridicolo o da suscitare il disprezzo.
L'uscita semantica comune a denominali e deverbali crea talvolta problemi nella esatta
individuazione della base: ciabattone, civettone, imbroglione, pasticcione derivano da ciabatta, civetta, imbroglio, pasticcio o dai rispettivi verbi? La questione non di facile soluzione, e dunque in questa sede ci limitiamo a porre il problema. Ad un esame superficiale,
infatti, la produttivit e la frequenza dei due procedimenti, denominale e deverbale, sembrano ugualmente alte, e dunque non in base a considerazioni di questo tipo che possiamo
risolvere il problema. N ci pu essere di aiuto il ricorso alla competenza dei parlanti nativi,
che non individuano in questi casi una direzione unanime nella derivazione. Non risulta
neppure che la questione sia mai stata affrontata in letteratura: Dardano distingue tra il
suffisso -one che, a partire da verbi, forma nomi di agente (1978, 54), e il suffisso accrescitivo denominale e deaggettivale (ivi, 104); ma mentre non dedica una attenzione particolare
a quest'ultima funzione del suffisso, cita tra le formazioni accrescitive anche qualche deverbale (accattone, chiacchierone). Tekavic dal canto suo nota l'esistenza di derivati in
-one che non possono essere definiti degli accrescitivi delle parole di base: tuttavia non
distingue tra i derivati denominali / deaggettivali e i derivati deverbali, e mette in uno stesso
elenco buffone, ciarlone, ghiottone, imbroglione, sporcaccione, strillone, testardone
(1980 2 , 101). una scelta che evidentemente si lascia guidare da ragioni semantiche, nella
fattispecie dalla semantica dei derivati, pi che da considerazioni formali, relative allo statuto grammaticale della parola di base. Per quanto ci riguarda, vista la scelta generale di
presentare denominali e deverbali in capitoli separati, abbiamo deciso di presentare qui i
derivati sicuramente denominali e deaggettivali, rimandando a 5.1.3.2.3. tutti i derivati di
cui sia possibile rintracciare una base verbale plausibile.
Un'altra questione correlata ma anch'essa di difficile soluzione riguarda il rapporto tra
procedimento accrescitivo e procedimento derivativo: siamo di fronte a due procedimenti
diversi e paralleli, o piuttosto si tratta di uno dei tanti fenomeni di conversione? E in questo
secondo caso, quale sarebbe la direzione della conversione: dall'esito accrescitivo a quello
derivativo, o viceversa? Le ricostruzioni storiche ci dicono che l'esito accrescitivo pi
recente, sviluppatosi non solo in italiano ma anche in portoghese e spagnolo dal tipo naso
"persona con un naso particolare, caratteristico". Caratteristico sempre ci che vistoso.
Da qui dev'essersi sviluppata ben presto l'idea d'una grossezza inconsueta, dal momento
che naso prendeva sempre pi a significare un naso insolito o particolarmente grosso
(Rohlfs 1969, 414). E tuttavia, una volta formatosi e stabilizzatosi, l'esito accrescitivo di
-one diventa una risorsa semplice e sempre a portata di mano per ingrandire persone, oggetti, qualit. Da qui all'uso figurato, metaforico o metonimico, il passo breve. Il percorso
comune a tutti i denominali in -one sarebbe grosso modo quello che sembra prefigurare il
DISC per barbone, quando descrive le prime tre accezioni del lemma in questi termini: 1.
Nel significato dell'accrescitivo di barba 2. estens. Chi porta una lunga barba 3. Vagabondo, mendico; persona sporca, paria. E una sistemazione lessicografica ragionevole che
ritroviamo in decine di altre formazioni e che sembra prefigurare una conversione dall'esito
accrescitivo all'esito derivativo. E tuttavia non detto: difficile pensare che parole come
buontempone, parruccone, tabaccone, terrone abbiano sviluppato il loro significato agentivo caratterizzante da un precedente valore accrescitivo, n il dizionario fa di questi accostamenti.

212

5. Suffissazione

Abbiamo detto che i derivati in -one danno vita a nomi di agente caratterizzanti, i quali,
proprio perch designano soggetti umani a partire da certe qualit e caratteristiche, possono
avere, in qualche caso, anche una funzione aggettivale. Questo vero non solo, com' ovvio, per molti deaggettivali ma anche per alcuni denominali: anche qui, dobbiamo supporre
per i deaggettivali un processo di conversione nominale e per i denominali un processo di
conversione aggettivale? E come mai questo processo ha luogo solo con alcuni derivati e
non con tutti? O non sarebbe pi semplice ipotizzare che in realt il procedimento interessa
solo nomi, e semmai aggettivi gi nominalizzati, e d in uscita nomi, che possono talvolta,
ma abbastanza eccezionalmente, essere usati anche in funzione aggettivale? Anche in questo caso, non possibile risolvere adesso tutti questi complicati problemi (su cui comunque
cfr. 7.2. sulla conversione). Diciamo solo che la soluzione qui adottata, di accorpare in un
unico sottogruppo denominali e (apparenti) deaggettivali, ci pare una sistemazione intuitivamente plausibile dei dati.
Si fin qui parlato di nomi di agente caratterizzanti, non classificanti. Se si eccettuano
infatti alcune poche parole di antica formazione ed oggi poco trasparenti (garzone, penetrato dalla Francia nel XIII secolo; cozzone e scozzone "allenatore o domatore di cavalli";
pizzardone, nella Roma dell'Ottocento, "guardia municipale", oggi, "vigile urbano"), il
procedimento non d luogo a parole che designano mestieri e attivit lavorative, ereditando
anche in questo le assenze e le possibilit gi attestate in latino.
Una delle opzioni pi frequenti, che continua in italiano il tipo naso del latino, quella
per cui il derivato in -one designa una persona a partire da una caratteristica fisica particolarmente evidente, che viene in tal modo notata e messa in ridicolo: dunque un mascellone
"chi ha le mascelle molto evidenti e pronunciate", un panzone o un trippone una "persona grassa, con una pancia particolarmente prominente". La lista potrebbe continuare con
baffone, basettone, dentone, ricciolone e cos via. Se escludiamo cervellone, il cui nome di
base rimanda ad una parte da sempre considerata nobile del corpo umano, tutte le formazioni di questo sottogruppo hanno un tratto pi o meno accentuatamente negativo, aggiungendosi sempre alla caratteristica della grandezza tratti spregiativi spesso ricavati, attraverso procedimenti metaforici o metonimici, dai rispettivi nomi di base: cos capone, testone,
zuccone designano persone che hanno teste grosse e che sono soprattutto vuote, lente, testarde; un midollone eredita dal nome di base la caratteristica dell'inerzia, della passivit;
un capellone una persona con i capelli lunghi ma anche sporchi, arruffati, disordinati; un
barbone certo chi porta una lunga barba ma , soprattutto, un vagabondo, un mendicante
che lascia a desiderare quanto a pulizia e igiene personale; per non parlare dei pi volgari
cozzone, fregnone, minchione che designano tutte persone molto stupide, irrimediabilmente
screditate dalla parentela morfologica con i rispettivi nomi di base.
Un altro fertile terreno di ispirazione per la formazione di derivati in -one il mondo
naturale, le piante e soprattutto gli animali cui certi umani sono accostati per le loro caratteristiche fisiche e soprattutto psicologiche e morali. Si ispirano al mondo vegetale baccellone, bietolone, broccolone, giuggiolone, pisellone che hanno sviluppato un significato di
lentezza e apatia mentale probabilmente derivato dalla pretesa insensibilit del mondo vegetale: tali parole designano infatti individui generalmente poco perspicaci per non dire
ottusi. Pi variegata la gamma dei derivati da zoonimi, che ereditano dai rispettivi nomi di
base le caratteristiche che gli umani riconoscono negli animali di volta in volta implicati:
cos un farfallone una "persona inaffidabile e incostante", un lumacone una "persona
lenta e goffa nel muoversi e nell'agire", un pecorone una "persona servile, passiva, con-

5.1. Derivazione

nominale

213

formista", un volpone una "persona particolarmente astuta e furba"; la lista continua con
bufalone, caprone, cicalone, maialone, porcellone, talpone, vitellone, tutti dal significato
abbastanza facilmente prevedibile e comunque sempre negativo.
La caratteristica umana pi spesso stigmatizzata attraverso i derivati in -one la stupidit, la lentezza nel capire e nell'agire. Ai casi gi visti si potrebbe aggiungere una lunga
lista: credulone, gnoccolone, grullone, lasagnone, marmittone, mestolone, polentone, tontolone. Molto nutrita anche la schiera dei derivati che segnalano la sporcizia e la trasandatezza nella cura della persona e del vestiario: bracalone, brindellone, caccolone, gocciolone, moccicone, frittellone, pataccone, sciattone, straccione, zaccherone, zozzone. Ma a dire
il vero non c' forse difetto o comportamento umano riprovevole che non abbia un derivato
in -one per designare gli individui che se ne ammantano: chi pecca di pigrizia, di lentezza
eccessiva un pelandrone, un poltrone', chi di ignoranza, cattiva educazione e goffaggine
un bozzone, un cafone, un villanzone, uno zoticone, chi tenta di raggirare il prossimo con
l'inganno o di derubarlo un forchettone, un ladrone, un lazzarone, un soppiattone, un
tatticone, un trappolone', chi si macchia di superficialit e faciloneria un bombinone o,
peggio, un bambolone, un buffone, un facilone, un leggerone, un pacioccone, uno zuzzerellone-, chi parla troppo, a voce troppo alta o racconta fandonie un caciarone, un chiassone, un cialtrone, un fanfarone, un frottolone, un farabolone, un trombone; chi si d da
fare in modo scomposto e senza frutto un faccendone, un guazzabuglione -, chi infastidisce
il prossimo con la sua insistenza o petulanza un piattone, un tormentone. Per non parlare
dei difetti sentiti forse come pi lievi, o meno diffusi, che hanno a disposizione un solo
derivato: il caso di bacchettone, o di mammone, o di parruccone "persona, per lo pi
anziana, con idee arretrate e nemica del progresso".
Sul piano formale colpisce la regolarit di costruzione della quasi totalit dei derivati in
-one, con una base quasi sempre facilmente riconoscibile. Segnaliamo solo alcune basi gi
suffissate o con interfissi (pazz-ar-ell-one, sporc-acci-one, tont-ol-one, villan-z-one), una
base polirematica (buontempone), un prestito adattato dall'inglese con doppio procedimento derivativo (fricchettone, da freak), una strana parola macedonia (farabolone, da
fa(vola) (pa)rabol-one). In altri casi la base non pi riconoscibile dalla sensibilit moderna: cos ad esempio per briccone, lazzarone, lenone, mascalzone, nebulone, paltone, pelandrone, poltrone.
5.1.1.1.9. Il tipo bracciante MGW
Nonostante il procedimento in -nte sia sicuramente e prima di tutto un procedimento deverbale (vi torneremo infatti in 5.1.3.2.2.), non si pu ignorare il fatto che molte formazioni
mostrano una indubbia base nominale, o molto pi raramente aggettivale, e che questa
opzione moderatamente produttiva. Vale la pena dunque di presentare pi da vicino questo tipo. Secondo Tekavcic 19802, 46, l'esistenza di triangoli del tipo cantare / canto /
cantante o aiutare / aiuto / aiutante avrebbe favorito il contatto diretto tra i due nomi (canto
/ cantante, aiuto / aiutante), generando per analogia degli agentivi denominali del tipo
barellante (* battello), bracciante (< braccio), casellante (< casello), mestierante (<
mestiere) e cos via.
Dunque la derivazione denominale sarebbe uno sviluppo successivo alla, e indotto dalla,
derivazione deverbale. Tuttavia la nostra ipotesi che -ante sia gi un suffisso denominale,
dotato di una sua piena autonomia, come dimostrano sia il suo sganciamento, nelle for-

214

5. Suffissazione

inazioni denominali in cui compare, da altri procedimenti derivativi deverbali che spesso si
presentano collegati in paradigma (soprattutto il nome di agente e il nome di azione); sia la
buona produttivit del procedimento relativo nell'italiano contemporaneo. Anche la forma
del suffisso cambia: come suffisso denominale -ante, come suffisso deverbale sar, come
vedremo, presentato nella forma -nte. Pensiamo infatti che pur essendo il primo derivato dal
secondo, tuttavia la maggiore frequenza delle formazioni deverbali in -nte della prima coniugazione, e dunque con la vocale tematica -a- in posizione presuffissale, abbia indotto per
analogia la nascita di un suffisso denominale -ante incorporante la vocale tematica delle
formazioni deverbali che hanno fatto da modello. Questa ipotesi giustificata dal fatto che,
a differenza delle formazioni deverbali che possono uscire, a seconda della categoria di
appartenenza dei verbi di base, in -ante, -ente, -iente, tutte le formazioni denominali esibiscono il suffisso -ante, senza alcuna eccezione. L'unica apparente eccezione, maggiorente,
un adattamento dal latino medievale maiorentes.
La presenza di questo procedimento, pur non essendo frequentissima, non comunque
del tutto trascurabile: l'intero corpus del DISC riporta poco pi di 40 formazioni per le
quali non attestata alcuna forma verbale corrispondente. Anche i DPN riportano un certo
numero di neologismi, in gran parte coincidenti con quelli del DISC, ad eccezione di mimosante "termine spregiativo per indicare le militanti del movimento femminista" (F, 156) ed
esuberante, neoformazione, nonostante le apparenze, ad indicare gli operai licenziati perch
in esubero (BC).
Il procedimento denominale in -ante d in uscita: nomi classificanti, come carriolante
"manovale addetto al trasporto con la carriola di materiale vario", casellante, dettagliante,
edicolante, fatturante "lavoratore a cottimo", giornante "lavorante a giornata", nottante
"infermiere o volontario che presta servizio di assistenza notturna ai malati", poderante
"proprietario o lavoratore di un podere", e in questo caso spesso il suffisso si presenta in
alternativa sinonimica con altri suffissi nominali tipicamente agentivi: barellante / barelliere, bettolante / bettoliere, bottegante / bottegaio, cavallante / cavallaio, cottimante / cottimista, paesante / paesista "pittore specializzato nel dipingere paesaggi"; nomi caratterizzanti: dozzinante, gitante, lattante, pensionante, pigionante, tirocinante; nomi di agente
dell'un tipo e dell'altro che si riferiscono a persone considerate modeste, se non pessime,
nel loro lavoro, o che esibiscono atteggiamenti e modi di essere non del tutto stimabili:
comiziante, fogliettante "giornalista da strapazzo", mestierante, teatrante. La connotazione
negativa evidente soprattutto in formazioni quali commediante, musicante, politicante,
tragediante che possono contare su termini neutri corrispondenti quali commediografo,
musicista, politico, tragediografo, che ben documentano lo stacco. Stessa connotazione
negativa si rileva nelle due formazioni deaggettivali austriacante e tedescante, ben diverso,
quest'ultimo, dal pi neutro tedescofilo. Questo tratto spregiativo , secondo Tekavic, da
mettere in relazione col significato originario del participio di simultaneit, da cui in definitiva ha avuto origine anche il procedimento nominale, allorch la formazione designava
l'agente di un'azione simultanea ad un'altra, quindi limitata nel tempo, transitoria, provvisoria, precaria: e da qui allo spregiativo c' solo un passo (19802, 47).
5.1.1.1.10. Il tipo manzoniano

MGLD

Il suffisso -iano l'esito del latino -ianus, che oltre a formare aggettivi indicanti appartenenza, provenienza, relazione (Tekavic 19802, 65; sull'esito aggettivale del suffisso cfr.

5.1. Derivazione nominale

215

5.2.1.7.2.1.), forma nomi di agente, di cui non sempre detto che si tratti di nominalizzazioni di aggettivi: a volte infatti la data di prima attestazione rivela un uso sostantivale
precedente all'uso aggettivale, per cui non implausibile parlare di una intrinseca bivalenza aggettivale-sostantivale del procedimento, come ha recentemente sostenuto Rainer
1998.
I nomi di agente in -iano designano soggetti umani che per qualche motivo appartengono all'istituzione cui rimanda il nome di base, spesso costituito da un nome proprio: bocconiano,, rotariano; oppure, non considerando gli etnici, designano gli abitanti delle localit
cui rimanda il nome di base: cos ad esempio in colcosiano, e nella piccola serie di presunti
extraterrestri: marziano, mercuriano e veneriano. Tuttavia -iano diventato in italiano
soprattutto un suffisso deantroponimico, esito certo incoraggiato dall'analoga possibilit
dell'inglese. Decine di formazioni si sono formate per designare i seguaci di santi e gli
aderenti a movimenti religiosi: agostiniano, camilliano, salesiano, zoroastriano', i seguaci e
gli imitatori di scrittori, artisti, filosofi, scienziati: alfieriano, darviniano, freudiano, galileiano, hegeliano, keynesiano, manzoniano, verdiano', i seguaci e gli ammiratori di uomini
politici: badogliano, giolittiano, gramsciano, hitleriano, staliniano. Soprattutto vorremmo
accennare all'alta disponibilit di -iano per quest'ultimo esito: di tutti i procedimenti che
l'italiano ha a disposizione per esprimere questo tipo di rapporto (oltre a -iano, soprattutto
-ista e -ino) proprio -iano ad essere oggi il pi produttivo. L'intero corpus dei DPN comprende infatti 7 neoformazioni in -ino, 27 in -ista e ben 41 neoformazioni in -iano: ad
esempio gomulkiano e kennediano in Q; clintoniano in C 1993-1994; occhettiano in F,
160; thatcheriano e somoziano in CC. E a conferma di questo dato si legga il passaggio che
segue: Una volta si poteva essere comunisti o fascisti, democristiani o socialisti o repubblicani o liberali o radicali. Ora si berlusconiani o dalemiani, pannelliani o dipietristi o
bossiani (La Repubblica, 6-8-1999, 20; corsivo nostro).
Di fronte a tanta lussureggiante abbandonza, colpisce l'assenza di formazioni femminili
autonome, se si eccettua uno sparuto rosminiana (a. 1905), che non a caso designa la "suora
appartenente alla congregazione religiosa della Provvidenza fondata da A. Rosmini": n
poteva essere diversamente per un suffisso che esprime cos nettamente adesione ideale a
correnti artistiche e programmi scientifici, o militanza attiva in organizzazioni civili e gruppi politici.

5.1.1.1.11. Altri tipi

MGLD

Riuniamo qui alcuni procedimenti poco produttivi o del tutto improduttivi, che formano nomi di
agente da nomi. Come -iano, procedimento presentato nel paragrafo precedente, molti dei suffissi che
presenteremo esprimono rapporti di appartenenza, di relazione o di possesso, e dunque formano in
italiano anche o soprattutto aggettivi. dunque probabile che per molti procedimenti si debba parlare
di forme di nominalizzazioni degli aggettivi corrispondenti (cfr. 7.2.2.1.6.). In questa sede per ci
limitiamo a segnalare la questione e a descrivere solo gli esiti sicuramente nominali e agentivi, rimandando al capitolo sulla derivazione aggettivale (5.2.1.) per ulteriori approfondimenti sugli esiti aggettivali dei procedimenti esaminati.
Il suffisso -ano ha ereditato dal latino -anus la possibilit di formare etnici: padovano, palermitano, romano; deantroponimici: domenicano, francescano, luterano, maomettano; nomi indicanti "abitante di": isolano, metropolitano, paesano, terrazzano, villano, o "appartenente a": diocesano, miliziano, parrocchiano, popolano', nomi di agente classificanti: cappellano, ortolano, pievano, portolano, sagrestano, scrivano. La molteplicit degli esiti non deve trarre in inganno: in realt molte delle

216

5. Suffissazione

parole sopra elencate sono degli adattamenti da formazioni latine preesistenti.1 Il procedimento infatti
non mai stato produttivo in italiano, nonostante al modello latino si siano col tempo sovrapposti altri
influssi: francese (ciambellano, sovrano), spagnolo (miliziano). Sicch le formazioni autoctone italiane ammontano a poche unit: tra queste segnaliamo ergastolano, frantoiano, mandriano, olivetano
"monaco benedettino della congregazione del monte Oliveto", repubblicano e un pi antico ciarlatano, strana formazione con base verbale, forse nato per influsso di un coderivato regolare, ciarlatore,
avente pi o meno la stessa semantica. Il suffisso presenta un'uscita femminile autonoma in mammana, castellana, marchesana, mezzana, puttana (che per un prestito dal francese) e sagrestana
"monaca che si occupa della cappella in un convento femminile". Le formazioni agentive in -ale sono
in buona parte dei prestiti adattati soprattutto dal latino: collegiale, commensale, criminale, generale,
intellettuale, mortale, principale, provinciale, rivale, ufficiale. Non mancano neppure adattamenti dal
francese (federale e confederale) e dall'inglese (continentale). Ci detto, il procedimento ha dato
luogo a poco pi di una decina di formazioni autoctone, quasi tutte classificanti: conventuale, editoriale, forestale, ginnasiale, industriale, orchestrale, portuale, scritturale, speziale, stagionale, statale,
vetturale. A questa lista va aggiunta la piccola serie dei nomi derivati, tramite prefissazione,
dell'aggettivo sessuale: bisessuale, eterosessuale, omosessuale, transessuale. Sulla presenza, infine,
dell'interfisso -u- in alcune delle formazioni sopra riportate, rimandiamo all'analisi che ne fa Rainer
1999a. Anche le formazioni agentive in -are sono quasi tutte di origine latina: crepuscolare, familiare, regolare ed irregolare, luminare, militare, secolare. Di formazione autoctona sono invece lagunare, parlamentare, pendolare, titolare. Per le formazioni nominalizzate di aggettivi in -oso dovremmo
fare una lunga lista, comprendente tutti i nomi di agente soprattutto caratterizzanti: da ambizioso a
bisognoso, curioso, facinoroso, invidioso, lussurioso, mafioso, pidocchioso, pulcioso, religioso, rivoltoso, sedizioso, studioso e cos via, formazioni che documentano tutte, ci pare, un uso frequente in
qualit di nomi. A questo elenco si potrebbe aggiungere una lista piuttosto consistente di parole che
designano persone affette da particolari malattie, che costituiscono il nome di base: anginoso, coleroso, lebbroso, morbilloso, tubercoloso, ulceroso, vaioloso ecc. Non ci soffermeremo su queste formazioni, per la cui lettura e analisi rimandiamo al capitolo sulla derivazione aggettivale (cfr. 5.2.1.): si
noti solo come in questo caso non c' stato bisogno di distinguere tra prestiti dal latino e formazioni
autoctone, dal momento che la regola diventata molto produttiva anche in italiano. Segnaliamo
infine che un derivato recente, malavitoso (a. 1972), nasce probabilmente come nome, o comunque
sentito soprattutto tale dalla competenza dei parlanti: questa sua particolarit confermata anche
dalla sistemazione lessicografica che ne d il DISC, che lo presenta come nome, anche se segnala la
possibilit di un uso aggettivale. Ugualmente solo nome l'unico derivato agentivo femminile registrato dal DISC, sciantosa, di origine francese. Anche gli aggettivi in '-ico si prestano ad essere usati
come nomi di agente caratterizzanti, persone spesso affette da particolari infermit, come ad esempio
diabetico, poliomelitico, prostatico; per arteriosclerotico, nevrotico, tubercolotico dobbiamo mettere
in conto una doppia operazione di cancellazione del suffisso -osi e aggiunta dell'interfisso -ot-, sul
modello di nevr(osi)-ot-ico. Molti derivati in '-ico, come i gi visti derivati in -ista (cfr. 5.1.1.1.6.),
sono collegati con i corrispondenti nomi astratti in -ia: afas(ia)ico, anarch(ia)ico,
cardiopatia)ico,
metallurg(ia)ico, monarch(ia)ico, schizofren(ia)ico o in -ismo: astigmatismo)ico,
dogmat(ismo)ico,
ermet(ismo)ico, pragmatismo)ico. Altre formazioni sono di derivazione latina o greca, e quindi senza
base riconoscibile (domestico) o con base modificata (olimpionico). Designano categorie professionali i derivati (preferibilmente al plurale) telefonici e postelegrafonici. In asmatico, cattedratico e
scismatico invece possibile riconoscere il suffisso -atico, anch'esso preferibilmente aggettivale. Il
procedimento esemplificato da formazioni quali alluvionato, fortunato, infartato (o infartuato), titolato ecc. ha quasi certamente relazione con il procedimento che forma derivati deverbali da participio
passato (del tipo avvinazzato, drogato, per i quali cfr. 5.1.3.2.5.), da cui probabilmente deriva. Dunque il suffisso participiale -aio pu assumere anche basi nominali, e in questi casi non sembra ipotizzabile un passaggio attraverso verbi virtuali quali *fortunare o *infartare, che la sensibilit linguistica dei parlanti respinge con decisione. Si tratta di un procedimento che gi il latino conosceva per
formare aggettivi che indicavano persone provviste di qualcosa (Tekavic 19802, 71, ricorda barba-

Cos si spiega anche l'interfisso -ot- di ortolano e portolano, derivante dal suffisso diminutivo
latino '-ulus.

5.1. Derivazione nominale

217

tus, hastatus), mentre dal DISC sono date come prestiti dal latino formazioni ben motivate e trasparenti anche in italiano quali letterato o porporato. Segnaliamo inoltre la piccola serie di formazioni
denominali con doppio procedimento derivativo, prefissale (con s- privativo) e suffissale, rappresentata da sfacciato, sfaticato, sfigato (cfr. Cortelazzo 1998), sfortunato, sfrontato, spudorato, squattrinato, svantaggiato, sventurato (cfr. 4.3.1.) Infine, degno di nota che molti neologismi registrati dai
DPN ricorrano proprio a questo procedimento, il quale dunque si mostra dotato di una sua facile
adattabilit ad esprimere svariati tipi di soggetti umani: tra gli altri capodannato "chi ha un'esagerata
concezione dell'importanza della notte di Capodanno, chi in quella notte si sente obbligato a divertirsi
a ogni costo" (F, 113), sfamigliato e disfamigliato "chi vive da solo" (entrambi in CC), indltate
"persona che ha beneficiato di un indulto" (BC), talentato "persona dotata di talento" (BC), tangentato "coinvolto in una vicenda di tangenti" (BC) e, infine, con uscita femminile, visonata "donna
avvolta in una pelliccia di visone, o che indossa spesso pellicce di visone" (F, 203).1 Di lontana origine germanica, il suffisso -ardo, che conta un corrispondente -ard anche in francese, forma soprattutto
aggettivi di significato negativo (Tekavi 1980 , 78-79), che possono subire processi di nominalizzazione e diventare nomi di agente caratterizzanti. Alcune formazioni, entrate in italiano dal francese,
non hanno una base riconoscibile: cos ad esempio per bastardo, begardo, codardo, goliardo, vegliardo. Pi trasparenti le formazioni autoctone: bugiardo, dinamitardo, maliardo, testardo, vecchiardo, e il recentissimo complottardo (F, 119). Pochi e tutti di origine greca i derivati in -euta:
coreuta (che ha un corrispondente pi italiano in corista), ermeneuta, terapeuta. Da segnalare la
grande fortuna di quest'ultima formazione in composti quali bioterapeuta, chiroterapeuta, pranoterapeuta, psicoterapeuta