Solobianco

Mirko Montini

SOLOBIANCO
SOLOBIANCO

Illustrazioni di Silvia Fassina

KABA Edizioni

IN UN POSTO LONTANO,
C’ERA UN PAESE TUTTO BIANCO.
LA TERRA E L’ERBA ERANO BIANCHI.
I FIORI E I GIOCHI ERANO BIANCHI.
GLI UOMINI, LE DONNE E I BAMBINI ERANO BIANCHI.

TUTTI BIANCHI COME IL LATTE, I DENTI, IL SALE
E I FOGLI PULITI.
AVEVANO PERÒ IL CONTORNO NERO, QUELLO SÌ,
ALTRIMENTI NON RIUSCIVI A VEDERLI.

IL PAESE SI CHIAMAVA

SOLOBIANCO.
PRIMA DI ESSERE

PE

SOLOBIANCO,

R FO

RZA!

QUEL PAESE SI CHIAMAVA

VARIOPINTO
E SEMBRAVA UN ARCOBALENO .
LE CASE ERANO ROSSE, GIALLE E BLU.
LE PIANTE E L’ERBA ERANO VERDI .
I FIORI ERANO ARANCIONI, VIOLA E DI ALTRI MILLE
COLORI CHE SI MESCOLAVANO INSIEME.

GLI ABITANTI AVEVANO LA PELLE ROSA
O MARRONE

O

NERA
O GIALLA

O ROSSA.

I LORO OCCHI ERANO
AZZURRI, VERDI,

NERI,

MARRONI.

I CAPELLI MORI, CASTANI, BIONDI, COLOR CAROTA.

MA PURTROPPO GLI UOMINI, LE DONNE E I BAMBINI
LITIGAVANO TROPPO E SI PRENDEVANO IN GIRO:

«TU HAI LA PELLE ROSA E SEI BRUTTO!»
«IO HO LA PELLE SCURA E SONO PIÙ
BELLO!»
«IL M
IO GI
ARDI
NO È
«TAC
PIÙ V
I, LA
TUA
ERDE
CASA
DEL T
GIAL
UO!»
LA N
ON M
I PIAC
E!».

IL PAESE ERA DIVENTATO TRISTE E SEMPRE ARRABBIATO.

ALLORA IL SINDACO, CHE ERA IL CAPO
DI

VARIOPINTO, DECISE DI
CANCELLARE I COLORI:

«IL NOSTRO PAESE DIVENTERÀ
TUTTO

, SAREMO TUTTI

UGUALI E NESSUNO POTRÀ LIT
IGA
RE

».

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful