Sei sulla pagina 1di 2

STOP

alle

SCIE CHIMICHE
GUARDA IL CIELO
Che cosa stanno facendo?
Il nome “scie chimiche” è la traduzione del termine chemtrails, coniato per la prima volta nel
1996, anno in cui, in Canada, si ebbero i primi avvistamenti delle medesime. Le scie chimiche
vengono definite tali per il semplice motivo che non sono scie di condensazione (contrails), ma
sono generate artificialmente, a quote e condizioni di temperatura ed umidità non idonee alla
formazione delle scie di condensa tipiche. Le scie di condensa, infatti, si formano a quote superiori
agli 8 mila metri, valori di umidità superiori al 72% e temperature inferiori a – 41° Celsius. Le scie
chimiche possono essere persistenti e con la tendenza ad espandersi nel cielo, sino a diventare
una densa patina nuvolosa che oscura il sole, oppure non persistenti, ma che progressivamente
offuscano l’atmosfera, dando luogo a quei cieli lattiginosi e di un bianco accecante, soprattutto
attorno al sole, che sempre più spesso si possono notare durante le giornate di alta pressione.
Nella nostra Regione a causa di queste irrorazioni clandestine di natura chimica e biologica, le
precipitazioni sono drasticamente diminuite.

Chi sono i responsabili? Si tratta di aerei civili o militari?


Governi e militari, sin dalla fine degli anni Quaranta hanno eseguito sperimentazioni su aree
popolate e tuttora compiono esperimenti su cittadini inermi e inconsapevoli. Nel 2003 l’Italia ha
stipulato un accordo di collaborazione con gli Stati Uniti denominato “Cooperazione Italia-USA su
Scienza e Tecnologia dei cambiamenti climatici”. Questo accordo, ufficialmente volto allo studio
dei fenomeni atmosferici, implica in realtà la diffusione sistematica di sostanze chimiche in
atmosfera, dannose per tutti gli organismi viventi, tramite aerei militari e civili opportunamente
attrezzati. Questi aeromobili in genere sono dipinti di bianco, senza alcuna egida o numero di
identificazione, in barba alle disposizioni internazionali di volo, sono invisibili ai radar, pur
decollando e atterrando da aeroporti militari e civili, anche italiani; ultimamente stanno creando
seri problemi all’aviazione civile, a causa delle evoluzioni a bassa e alta quota sempre più
intersecanti e invasivi sui voli di linea regolari.
Ai passeggeri degli aerei di linea delle diverse compagnie spesso è fatto obbligo dal personale di
volo di tenere abbassate le tendine degli oblò, per non svelare l’intenso e pericoloso traffico
clandestino dei tankers e le loro irrorazioni chimiche sopra e sotto le linee di volo convenzionali.

Quali sono gli effetti delle scie e per quale scopo vengono rilasciate?
L’irrorazione di tonnellate di particolato in bassa e alta atmosfera in vaste aree del mondo sta
modificando in modo irreparabile gli equilibri climatici e biologici e, seppure queste operazioni di
aerosol vengano spacciate per tentativi di mitigare l’effetto serra, esse, invece, sortiscono l’effetto
contrario. La barriera artificiale generata con le “scie chimiche”, oltre ad impedire il passaggio
della luce solare necessaria per la vita sulla terra, imprigiona il calore negli strati bassi
dell’atmosfera, con il conseguente aumento delle temperature! Ecco perché le giornate sono
particolarmente calde, anche fuori stagione! L’attivazione di un campo elettromagnetico e
conduttivo attraverso la cappa chimica, innesca un “effetto a microonde”, proprio come stare
dentro ad un forno… Se veramente tali operazioni di aerosol fossero mirate a mitigare l’effetto
serra, per quale motivo, aerei cisterna KC-135 volerebbero bassi nelle ore notturne?!
Le scie contengono sostanze in grado di modificare i fenomeni meteo: i sali di bario ed il gel di
silicio assorbono l’umidità atmosferica, riducendo drasticamente le precipitazioni. Inoltre le scie,
formando una patina che filtra i raggi solari, danneggiano le colture tradizionali, che abbisognano
sia di luce che di acqua: in questo modo si rendono necessarie le sementi OGM. Con i voli sono
diffusi nell’aria spore di funghi, virus, batteri, vaccini, agenti psicotropi e nanoparticelle,
nell’ambito di pericolosi test sulla popolazione (vedi esperimenti ISAC-CNR).
È evidente che l’operazione “scie chimiche” si inquadra all’interno di obiettivi strategici pianificati
a medio e a lungo termine, volti ad aumentare a dismisura il controllo sulla popolazione mondiale
(interessi strategico-militari, multinazionali farmaceutiche, OGM, controllo demografico) ed è per
questo motivo che, sia le istituzioni che i media ufficiali negano l’esistenza del problema,
riconducendo le attività di avvelenamento del pianeta a normali voli di linea e alle rarissime scie di
condensazione. È nostro dovere fermare con ogni mezzo queste operazioni, prima che sia troppo
tardi.
Digitate su Google e Youtube il testo “Scie chimiche”
e comincerete a capire cosa sta succedendo
http://sciechimiche.fotopic.net http://www.nexusedizioni.it http://www.tankerenemy.com
http://www.sciechimiche.org http://www.luogocomune.net http://www.disinformazione.it
http://www.myspace.com/sciechimiche http://www.carnicom.com (in inglese)
http://www.weatherwars.info (in inglese)

Fotocopiate e divulgate. È per tutti noi e per i nostri figli