Sei sulla pagina 1di 2

1) Rotazione interna della spalla.

2) Adduzione scapolare.

3) Oscillazione posteriore in quadrupedia.

4) Flessione delle spalle faccia al muro.

5) Abduzione delle spalle schiena al muro.

Accortezze:
1) Asciugamano sotto la testa omerale, minimo sforzo (appoggia la mano ad una sedia e staccala di
1cm), movimento dolce, concentranti di non usare il gran rotondo.
2) Due cuscini sotto la pancia, il gomito rimane fermo (la spalla non si deve estendere), le scapole
di adducono.
3) Piedi fuori dal letto, lombare lasciata andare, sterno spinto verso lalto. Poi glutei verso i talloni
concentrandoti nel far ruotare le scapola e, a fine movimento, facendo spallucce. Evita di
ipercifotizzarti.
4) Quando Sali spingi contro il muro le tue mani, tieni le mani a taglio, non allargare i gomiti
(soprattutto quando torni). Anche in questo caso ricordati di far girare le scapole e, afine
movimento, di avvicinarle allorecchio. Quando torni importante che il movimento parta dai
gomiti e non dalle scapole, che per ultime si abbassano.
5) Tieni le gambe leggermente piegate, le dita della mano sfiorano sempre il muro, parti a 90 di
abduzione di spalla e flessione di gomito. Anche in questo caso pensa a far girare le tue scapole
avvicinandole allorecchio a fine movimento.

Valuta