Sei sulla pagina 1di 1

SOLITUDINE

L'unico stato mentale, spirituale e talvolta necessariamente fisico, in cui si riesca ad


ottenere un contatto con l'assoluto, dentro di s o fuori di se stessi. Intendo la solitudine
come scelta, non l'isolamento che sinonimo di abbandono e quindi di una scelta operata
dagli altri.
Personalmente mi considero una minoranza di (uomo?) e spesso trovo nella solitudine il
modo migliore, forse l'unico, per preservarmi da attacchi esterni tesi anche
inconsapevolmente ad interrompere il filo dei pensieri o a disturbare le sempre pi rare
vertigini di qualche sogno.
Aggiungo che riuscendo a vivere in solitudine, se ci si esime dall'essere condizionati dal
ronzio collettivo, ci si esenta anche dal condizionare gli altri.