Sei sulla pagina 1di 32

VIE DI SOMMINISTRAZIONE

PARENTERALE
CORSO DI TECNICHE E FORME
FARMACEUTICHE
CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA IN BIOTECNOLOGIE
ANNO ACCADEMICO 2007-2008

SOMMINISTRAZIONE
PARENTERALE
IL TERMINE PARENTERALE SI RIFERISCE ALLA
SOMMINISTRAZIONE DI MEDICAMENTI PER
INIEZIONE ATTRAVERSO I TEGUMENTI O
DIRETTAMENTE IN CIRCOLO.
LA VIA PARENTERALE CONSENTE IN GENERE DI
AVERE UN EFFETTO IN TEMPI RAPIDI, DI
SOMMINISTRARE FARMACI INATTIVATI PER VIA
ORALE, DI INTERVENIRE RAPIDAMENTE NELLE
EMERGENZE, DI SOMMINISTRARE SOLUZIONI
NUTRIZIONALI A PAZIENTI CHE NON POSSONO
ALIMENTARSI NORMALMENTE.

VIE DI SOMMINISTRAZIONE
PARENTERALE
VIE PARENTERALI PIU COMUNI
-VIA INTRADERMICA (I.D)
-VIA SOTTOCUTANEA (S.C.)
-VIA INTRAMUSCOLARE (I.M.)
-VIA ENDOVENOSA (E.V.)

VIE PARENTERALI SPECIALIZZATE


-VIA INTRAARTERIOSA
-VIA INTRATECALE
-VIA INTRACARDIACA
-VIA INTRASINOVIALE

SCHEMA DELLE PRINCIPALI VIE DI


SOMMINISTRAZIONE PARENTERALE

EPIDERMIDE
DERMA

TESSUTO SOTTOCUTANEO

TESSUTO MUSCOLARE

CALIBRO DELLAGO
(GAUGE)

IL DIAMETRO DEGLI AGHI E INDICATO CON UN NUMERO DETTO


GAUGE. QUANTO MAGGIORE E IL NUMERO, TANTO PIU SOTTILE E
LAGO. CI SONO DIVERSI SISTEMI PER INDICARE IL GAUGE DEGLI AGHI,
COME LO STUBS NEEDLE GAUGE E IL FRENCH CATHETER SCALE.
GLI AGHI DI USO MEDICO PIU COMUNE VANNO DA 7 GAUGE (IL PIU
GROSSO) AL 33 GAUGE (IL PIU SOTTILE) SULLA SCALA STUBS.
PER UN DETERMINATO GAUGE ESISTONO AGHI DI DIVERSA
LUNGHEZZA

VIA SOTTOCUTANEA - 1

CONSISTE NEL SOMMINISTRARE PICCOLI


VOLUMI DI LIQUIDI NEL TESSUTO
SOTTOCUTANEO.
I VOLUMI SOMMINISTRABILI SONO DI 0,5-1 ml.
QUESTA VIA E MOLTO UTILIZZATA PER LA
SOMMINISTRAZIONE DI INSULINA E VACCINI.

SITI DI INIEZIONE S.C.


I SITI CONSIGLIATI PER
LINIEZIONE SOTTOCUTANEA
SONO:
-LA PARTE ESTERNA SUPERIORE
DELLE BRACCIA
-LA ZONA PERIOMBELICALE
DELLADDOME
-LA PARTE ANTERIORE DELLE
COSCE
LA CUTE VA SOLLEVATA PER
EVITARE DI INIETTARE IL
FARMACO NEL MUSCOLO E LAGO
VA INSERITO CON UN ANGOLO DI
90 RISPETTO ALLA SUPERFICIE
CUTANEA
ROTAZIONE DEI SITI DI INIEZIONE

VIA SOTTOCUTANEA - 2
VANTAGGI
-LASSORBIMENTO DELLE SOLUZIONI ACQUOSE E
RAPIDO
-SI PUO RALLENTARE LASSORBIMENTO AGGIUNGENDO
UN VASOCOSTRITTORE
-E UNA VIA ADATTA ALLIMPIANTO DI COMPRESSE O
PELLETS
-E NECESSARIO POCO ADDESTRAMENTO PER ESEGUIRE
QUESTO TIPO DI SOMMINISTRAZIONE
-VIA ADATTA PER SOMMINISTRAZIONI FREQUENTI

VIA SOTTOCUTANEA - 3

SVANTAGGI
-FARMACI IRRITANTI POSSONO PROVOCARE DOLORE E
NECROSI
-NON PERMETTE LA SOMMINISTRAZIONE DI GRANDI
VOLUMI
-E POSSIBILE UNA CERTA VARIABILITA DI
ASSORBIMENTO

VIA INTRADERMICA (I.D.)


CONSISTE NELLINIETTARE UN FARMACO O UN
DIAGNOSTICO SUBITO SOTTO LEPIDERMIDE, FACENDO
PENETRARE LAGO CON UNA ANGOLAZIONE DI 10-15.
I SITI ADATTI PER LA SOMMINISTRAZIONE
INTRADERMICA SONO GLI STESSI CONSIGLIATI PER LA
SOMMINISTRAZIONE SOTTOCUTANEA, A CUI SI POSSONO
AGGIUNGERE LA FACCIA INTERNA DELLAVAMBRACCIO
E LA SCAPOLA.
E UNA VIA UTILIZZATA SOPRATTUTTO PER SCOPI
DIAGNOSTICI (ES. TUBERCOLINA) O PER LA
SOMMINISTRAZIONE DI ANESTETICI LOCALI.

VIA INTRAMUSCOLARE-1
LA VIA INTRAMUSCOLARE PREVEDE LA SOMMINISTRAZIONE DI
UNA SOLUZIONE (ACQUOSA O OLEOSA) O DI UNA SOSPENSIONE
DIRETTAMENTE NELLA MASSA MUSCOLARE DEL MUSCOLO
DELTOIDE O NEL MUSCOLO GLUTEO MEDIALE. SI POSSONO
SOMMINISTRARE VOLUMI DA 2 A 5 ml.
LASSORBIMENTO E ABBASTANZA RAPIDO, E LA SUA
VELOCITA DIPENDE DALLA PERFUSIONE EMATICA NEL SITO DI
INIEZIONE. GENERALMENTE LA VELOCITA DI ASSORBIMENTO
DOPO INIEZIONE NEL DELTOIDE E MAGGIORE RISPETTO A
QUANDO SI FA LINIEZIONE NEL GLUTEO; IN QUESTULTIMO
CASO LASSORBIMENTO E PIU LENTO NELLE DONNE (DIVERSA
DISTRIBUZIONE DEL TESSUTO ADIPOSO).
LA VELOCITA DI ASSORBIMENTO PUO ESSERE MOLTO
DIVERSA NEI PAZIENTI MOLTO MAGRI O OBESI.

SITI DI SOMMINISTRAZIONE
I.M.
I PRINCIPALI SITI DI
INIEZIONE I.M
MUSCOLO DELTOIDE.
SITO DORSOGLUTEALE.
SITO VENTROGLUTEALE.
VASTUS LATERALIS.
RECTUS FEMORIS.
Evitare siti che appaiono
gonfi, infiammati o infettati.

SITO DELTOIDE

SITI DORSOGLUTEALE E
VENTROGLUTEALE

EFFETTO DEL SITO DI INIEZIONE


I.M. SULLASSORBIMENTO
CONCENTRAZIONI PLASMATICHE MASSIME DI CEFRADINA
(
g/ml) DOPO SOMINISTRAZIONE I.M. IN DIFFERENTI SITI IN
SOGGETTI MASCHILI E FEMMINILI

Sito di iniezione
deltoide
vastus lateralis
gluteus maximus

Maschi
11.7
9.8
11.1

Femmine
10.2
9.4
4.3

INFLUENZA DEL TESSUTO ADIPOSO


SULLA SOMMINISTRAZIONE I.M.
SPESSORE DEL PANNICOLO ADIPOSO DEL DELTOIDE IN UOMINI
E DONNE ED IMPLICAZIONI RELATIVE ALLA LUNGHEZZA DEGLI
AGHI PER LE VACCINAZIONI.
Data from: Poland et al JAMA 277:1709-1711, 1997.

Deltoid fat pad thickness (mm)


Deltoid skin-fold thickness
Percent in whom a standard
16 mm needle would not reach
5 mm into muscle

DONNE
11.7
34.7

48.4

UOMINI
8.3
17.2

17.0

LUNGHEZZA DEGLI AGHI RACCOMANDATA IN BASE A QUESTI


DATI:

UOMINI: 25 mm; DONNE <60 kg: 16 mm; DONNE 60-90 kg: 25


mm; DONNE >90 kg: 38 mm

VIA INTRAMUSCOLARE-2
VANTAGGI
-LASSORBIMENTO E RAPIDO, PIU CHE NELLA VIA S.C.
-POSSONO ESSERE SOMMINISTRATI PER I.M. FARMACI
TROPPO IRRITANTI PER LA VIA S.C.
-LASSORBIMENTO PUO ESSERE RESO PIU VELOCE O PIU
LENTO; AD ESEMPIO, E IN GENERE RAPIDO DA SOLUZIONI
ACQUOSE. LE SOLUZIONI OLEOSE SONO ASSORBITE PIU
LENTAMENTE DI QUELLE ACQUOSE (DA ALCUNE ORE AD
ALCUNE SETTIMANE) E LE SOSPENSIONI ACQUOSE PIU
LENTAMENTE DELLE SOLUZIONI ACQUOSE.

VIA INTRAMUSCOLARE-3
SVANTAGGI
-E PIU DOLOROSA DELLA VIA S.C.
-LA VELOCITA DI ASSORBIMENTO DELLO STESSO FARMACO
PUO VARIARE NOTEVOLMENTE SE SI FA VARIARE IL FLUSSO
EMATICO LOCALE MEDIANTE RISCALDAMENTO LOCALE,
MASSAGGIO O ESERCIZIO FISICO.
-LA VASOCOSTRIZIONE CON FARMACI NON PUO ESSERE
UTILIZZATA PER RALLENTARE LASSORBIMENTO, COME INVECE
SI PUO FARE NELLA VIA S.C.
-NON SI USA DURANTE IL TRATTAMENTO CON ANTICOAGULANTI.
-PUO PROVOCARE UN DANNO MUSCOLARE LOCALE CON
AUMENTO DEI LIVELLI DI CK (INTERFERENZA CON TEST
DIAGNOSTICI)

VIA ENDOVENOSA -1
LA SOMMINISTRAZIONE ENDOVENOSA CONSISTE
NELLINIETTARE UN FARMACO DIRETTAMENTE IN
CIRCOLO, E VIENE UTILIZZATA QUANDO E NECESSARIA
UNAZIONE IMMEDIATA O NEL CASO DI FARMACI
ESTREMAMENTE IRRITANTI.
IN ALCUNI CASI, COME NELLINDUZIONE
DELLANESTESIA TOTALE, LA DOSE SOMMINISTRATA
NON E PRESTABILITA MA VIENE VIA VIA AGGIUSTATA
IN BASE ALLA RISPOSTA DEL PAZIENTE.
SI POSSONO SOMMINISTRARE FINO A 20 mL IN BOLO,
OPPURE QUANTITA OLTRE 50 mL PER INFUSIONE LENTA

VIA ENDOVENOSA -2
VANTAGGI
-LA VIA ENDOVENOSA NON RICHIEDE LA FASE DI
ASSORBIMENTO, ED IL FARMACO SOMMINISTRATO E
PRONTAMENTE E TOTALMENTE BIODISPONIBILE.
-ALCUNI FARMACI ESTREMAMENTE IRRITANTI (ALCUNI
ANTITUMORALI) POSSONO ESSERE SOMMINISTRATI SOLO
PER VIA E.V., PERCHE LE PARETI VASALI SONO POCO
SENSIBILI ED IL FARMACO PUO ESSERE INIETTATO MOLTO
LENTAMENTE ED ESSERE COSI NOTEVOLMENTE DILUITO.
-PERMETTE DI SOMMINISTRARE GRANDI VOLUMI.
-DI GRANDE UTILITA NELLE SITUAZIONI DI EMERGENZA
-PERMETTE DI SOMMINISTRARE FARMACI POLIPEPTIDICI

VIA ENDOVENOSA -3
SVANTAGGI
-SI POSSONO SOMMINISTRARE SOLO SOLUZIONI
ACQUOSE E NON SI POSSONO SOMMINISTRARE FARMACI
CHE PRECIPITINO NEL PLASMA
-E PIU FACILE CHE SI VERIFICHINO REAZIONI
INDESIDERATE
-E RICHIESTO PERSONALE ADDESTRATO ED E MOLTO
DIFFICILE INIETTARSI DA SOLI IL FARMACO

PREPARAZIONI PER USO


PARENTERALE - 1
LA FARMACOPEA ITALIANA XI EDIZIONE LE DEFINISCE COME:
PREPARAZIONI STERILI DESTINATE ALLA SOMMINISTRAZIONE
PER INIEZIONE, INFUSIONE O IMPIANTO NEL CORPO UMANO O
ANIMALE
LA FARMACOPEA DISTINGUE LE SEGUENTI CATEGORIE DI
PREPARAZIONI PARENTERALI:
-PREPARAZIONI INIETTABILI
-INFUSIONI
-CONCENTRATI PER PREPARAZIONI INIETTABILI O INFUSIONI
-POLVERI PER PREPARAZIONI INIETTABILI O INFUSIONI
-IMPIANTI

PREPARAZIONI PER USO


PARENTERALE - 2
-PREPARAZIONI INIETTABILI (SOLUZIONI, EMULSIONI O
SOSPENSIONI STERILI E APIROGENE, IL CUI SOLVENTE O MEZZO
DISPERDENTE PUO ESSERE ACQUOSO O NON ACQUOSO)
-INFUSIONI (SOLUZIONI O EMULSIONI ACQUOSE, STERILI,
APIROGENE ED ISOTONICHE COL SANGUE; SONO
PRINCIPALMENTE DESTINATE ALLA SOMMINISTRAZIONE IN
GRANDE VOLUME E NON POSSONO CONTENERE ALCUN
ANTIMICROBICO AGGIUNTO
-CONCENTRATI PER PREPARAZIONI INIETTABILI O INFUSIONI
(VENGONO DILUITI AD UN CERTO VOLUME DANDO ORIGINE A
PREPARAZIONI INIETTABILI O INFUSIONI)
-POLVERI PER PREPARAZIONI INIETTABILI
-IMPIANTI

VEICOLI PER PREPARAZIONI


INIETTABILI
I VEICOLI PER LE PREPARAZIONI INIETTABILI POSSONO
ESSERE:
-ACQUA (DEVE RISPONDERE AD UNA SERIE DI REQUISITI
CHIMICI E DEVE ESSERE APIROGENA)
-SOLVENTI IDROFILI NON ACQUOSI (ALCOOL ETILICO,
GLICOLE PROPILENICO, GLICEROLO, POLIETILENGLICOLI
200, 300 E 400)
-OLI VEGETALI (DI SESAMO,DI OLIVA, DI MANDORLE
DOLCI, DI ARACHIDE, DI SEMI DI COTONE; USATI PER
SOMMINISTRAZIONI S.C, E I.M.)
-OLI SEMISINTETICI (OLEATO DI ETILE, MYGLIOL, ETC.)

REQUISITI CHIMICO-FISICI DELLE


PREPARAZIONI PER USO
PARENTERALE

-pH
-TONICITA
-CONTAMINAZIONI PARTICELLARI

REQUISITI BIOLOGICI DELLE


PREPARAZIONI PER USO
PARENTERALE

-STERILITA

-APIROGENICITA

STRUTTURA DEL LPS


PIROGENI=ENDOTOSSINE
BATTERICHE=LIPOPOLISACCARIDE

LIPOPOLISACCARIDE (LPS)
COMPONENTE DELLA MEMBRANA
DEI GRAM-

ANTIGENE-O
CORE OLIGOSACCARIDICO
LIPIDE A

STRUTTURA DELLA MEMBRANA


ESTERNA DEI GRAM-

EFFETTI DELLE
ENDOTOSSINE BATTERICHE
 FEBBRE
 INFIAMMAZIONE
 NECROSI TISSUTALE
 DANNEGGIAMENTO DEI CAPILLARI
 IPOTENSIONE
 COAGULAZIONE INTRAVASCOLARE
 SHOCK
 MORTE

RIMOZIONE DELLE
ENDOTOSSINE
 STERILIZZAZIONE COL CALORE SECCO
(250
, 30 min)
 TRATTAMENTO CON ACIDI O ALCALI FORTI
 ADSORBIMENTO SU CARBONE ATTIVO
 DISTILLAZIONE
 OSMOSI INVERSA
 ULTRAFILTRAZIONE

TEST PER EVIDENZIARE LE


ENDOTOSSINE
 TEST NEL CONIGLIO
 L.A.L. (LIMULUS AMOEBOCITE LYSATE) TEST

CASCATA DI REAZIONI NEL LAL


TEST