Sei sulla pagina 1di 1

IL MIO FUTURO.

Juan Miguel Alemn Iiguez*


*Estudante del 9 ciclo della Escuela di Medicina, Universit de Cuenca, e 4 ciclo di
Italiano.
Quando Io penso su il mio futuro, mi sento pericoloso nell senso della mia vita personale,
ma quando si trata della mia vita nell lavoro io ho sicurezza de che io voglio. Nella
succesiva composizione parlo di questo du aspetti dell mio futuro.
Quando penso a cosa far nel lavoro il mio sogno quello di fare la quirurgia, perch amo
molto la anatoma e questo lavoro penso mi possa dare soddisfazione. Quando poi ci penso
con pi attenzione mi rendo conto che per realizzare questo sogno ho davanti tanti faticosi
anni di studio. Allora sono sicuro tra il desiderio di realizzare questo sogno e la sola paura
il rischio de ogni intervenzione chirurgica. In realt parlando con mia madre mi rendo conto
che devo migliorare la mia forza di volont, perch lei dice sempre che la vita di un uomo
bella e deve essere piena di progetti e di ideali, anche se per raggiungerli, spesso, si deve
fare molta fatica. Mio padre dice che come andare in montagna, sul sentiero in salita si fa
tanta fatica, ma quando si arriva alla meta si hanno delle belle soddisfazioni . Cos penso
anche alla mia vita personale ma non so ancora vedermi marito e padre. Spero per di
costruire una famiglia e di crescere i miei figli insegnando loro la bellezza della vita, il
rispetto delle persone, lonest, luguaglianza e la tolleranza verso chi diverso da noi o la
pensa diversamente da noi. Io penso che per lasciare delle orme su questo mondo bisogna
essere di esempio ai propri figli e alla gente che ti circonda, vivendo da uomini liberi,
capaci di combattere, anche facendo fatica, per i propri ideali. Quando mi metto li a pensare
a queste cose mi sembra tutto molto difficile, ma ho un grande punto di riferimento , che
la mia famiglia, su cui posso sempre contare , e so che se ho bisogno posso trovare un
aiuto.