Sei sulla pagina 1di 2

Era considerata la pi importante scrittrice vivente di

detective story Phyllis Dorothy James, nota a schiere di


lettori come P. D. James, autrice di una trentina di romanzi
del mistero, morta il 27 novembre 2014 nella sua casa di
Oxford allet di 94 anni. Il suo personaggio principale,
protagonista della maggior parte dei romanzi, da Copritele il
volto del 1962 a La paziente privata del 2008, lispettore
di
Scotland
Yard
Adam
Dalgliesh,
originale
figura
di
poliziotto-poeta che intreccia cultura letteraria e brillanti
intuizioni nella caccia ai criminali. Ovviamente lispettore
Dalgliesh era stato modellato in base agli interessi di P. D.
James che non mirava solo alle trame avvincenti ma anche alla
qualit delle psicologie e della scrittura.
Laspirazione di P. D. James era scrivere trame allaltezza
di Jane Austen, stile modellato su Graham Greene, dialoghi
alla Evelyn Waugh. Dichiarava di amare molto questi tre
scrittori e di esserne stata molto influenzata. Mentre non
gradiva di essere paragonata ad Agatha Christie. Secondo lei
nei libri della Christie sia i trucchetti che la soluzione
finale sono sempre pi ingegnosi che credibili e si
tratterebbe di puzzle intellettuali piuttosto facili, non di
credibili piani di veri omicidi. Questo aveva scritto nel
volume saggistico Talking About Detective Fiction nel 2009
pubblicato in Italia da Mondadori nel 2013 con il titolo A
proposito del giallo.
Oltre che lady thriller la James era detta la baronessa
del delitto in quanto, nominata nel 1983 membro dell'Ordine
dell'Impero Britannico, nel 1991 dalla regina Elisabetta era
stata anche nominata Pari a vita con il titolo di baronessa di
Holland Park e grazie alla qualifica aveva
occupato uno
scranno tra i conservatori alla Camera dei Lord. La fama
letteraria e i riconoscimenti pubblici la scrittrice se li era
dovuti sudare lavorando duramente.
Nata a Oxford il 3 agosto 1920, Phyllis Dorothy James White
- questo il suo nome completo era figlia di un esattore
delle tasse e di un'insegnante. Per motivi economici e per la
scarsa fiducia del padre nellistruzione femminile lasci la
scuola a 16 anni e a 19 cominci a lavorare in un ufficio
delle imposte. Per un breve periodo collabor come assistente
con una compagnia teatrale. Nel 1941 si spos con Ernest
Connor Bantry White, medico militare da cui ebbe due figlie,
Claire e Jane. Il marito torn dal fronte della seconda guerra
mondiale con disturbi psichici che lo costrinsero al ricovero
per il resto della vita, fino al 1964. A Phyllis Dorothy tocc
rimboccarsi le manche e tirare su le due figlie da sola. Lo
fece innanzitutto, dal 1949, con una carriera da impiegata e
funzionaria pubblica, prima nel National Health Service, poi

al dipartimento di polizia criminale. Ebbe anche funzioni da


giudice di pace che le permisero una conoscenza diretta dei
meccanismi investigativi e giuridici poi messa a frutto nei
libri. Tra i suoi incarichi quello di commissario della BBC e
di membro del British Council.
Da met degli anni 50 aveva cominciato a scrivere narrativa
ma il primo romanzo, Copritele il volto, con Adam Dalgliesh
protagonista, venne pubblicato solo nel 1962. Il personaggio
attir subito lattenzione dei cultori del genere e la fama
dellautrice continu crescere di opera in opera. A quelle con
lispettore Dalgliesh se ne aggiunsero alcune in cui
protagonista l investigatrice privata Cordelia Gray. Tra i
titoli, molti pubblicati in Italia da Mondadori: Un lavoro
inadatto a una donna, Una notte di luna per l'ispettore
Dalgliesh, Un indizio per Cordelia Gray, Sangue innocente, I
figli degli uomini, Morte sul fiume, Una certa giustizia,
Morte in seminario, La stanza dei delitti, Brividi di morte
per
l'ispettore
Dalgliesh
e
l'autobiografia
Il
tempo
dell'onest.
Allannuncio della morte di lady thriller, la scrittrice
Patricia Cornwell lha ringraziata ancora pubblicamente per
averla incoraggiata allinizio della carriera. Lo scrittore
Ian Rankin ha ricordato lintelligenza e la battuta sempre
pronta della collega. Unautrice di opere letterarie alte
come Antonia Byatt ha dichiarato: La sua scrittura era
terribilmente bella.
Da Il Mattino del 28/11/2014