Sei sulla pagina 1di 11

LETTERA AI GIOVANI SULLA SESSUALITA

Di Padre Andrea Gasparino


Introduzione.
Il problema della sessualit
Carissimi, a pochi chilometri da dove mi trovo hanno fatto un deposito enorme di rifiuti: tutti i
Comuni delle nostre valli si sono consorziati, e ne venuto fuori un impianto gigantesco in
piena campagna. Poi, in questi anni, l'acqua della pioggia si riversata sulla montagna di
rifiuti, ha imbevuto il terreno, ed diventata acqua velenosa.
Tutti i prati verdi, per un raggio di molti chilometri, sono stati avvelenati, l'erba appassita,
stata come bruciata dai veleni. Le cascine, anche molto lontane dai depositi, hanno dovuto
essere abbandonate perch non c'era pi vita n per gli animali n per le persone.
Di queste insensatezze oggi piena la terra. Dicono che la sabbia del deserto sta invadendo
le zone pi prospere dell'Africa, a motivo del disboscamento forsennato.
In Germania, dove la tecnologia a un grado tanto avanzato, intere foreste di conifere sono
state uccise dalla pioggia acida. Nelle grandi citt i bambini vanno a scuola con la
mascherina, perch l'aria che respirano satura di ossido di carbonio e devasta i loro
polmoni.
Nel baratro, spensieratamente
Non siamo pi sicuri di nulla, n dell'acqua che beviamo, n del pane che mangiamo, n della
carne che consumiamo...
Che cosa sta succedendo sulla terra? Gli uomini stanno perdendo la testa? Con il loro
consumismo sfacciato stanno distruggendo tutto? Se passiamo al campo della moralit, le
cose sembrano anche pi tragiche: la televisione, il cinema e la stampa gestiscono in grande
la loro scuola di depravazione, di violenza; non sembrano avere altra mercanzia da vendere al
grande pubblico. Provate a contare tra i film prodotti quest'anno, quelli che possiamo
chiamare formativi: ci stanno sulle dita di una mano.
Date un'occhiata a un'edicola di giornali, e l vedete la moralit pubblica: c' posto per ogni
porcheria, ma di giornali seri non ne trovate molti, sono rari come le mosche bianche.
Che ne sar dell'educazione dei bambini, della formazione di voi giovani alla vita? Se
qualcuno alza la voce (quella del Papa non manca mai), gli si grida contro qua lificandolo di
sorpassato. come se in un naufragio si alzasse il pugno contro chi rischia la vita per far
giungere le scialuppe di salvataggio...
La societ moderna rotola gi nel baratro, spensieratamente. Cosa fare allora? Lasciarsi
andare a fondo?
C' una speranza!
Una speranza solida come una roccia, una precisa volont di Dio. Dio ci vuole salvare: Dio ha
tanto amato il mondo, da dare il suo Figlio unigenito perch chiunque crede in lui non muoia,
ma abbia la vita eterna (Gv 3,16). Ges Cristo ha dato la vita per salvarci.
Nel profondo del cuore umano c' tanto bisogno di luce, tutti anelano a un mondo pulito, e
abbiamo tutti i mezzi per vivere nel pulito. E oso dire, per la conoscenza che ho di voi giovani,
non c' mai stata sulla terra - pure in questo caos soffocante di immoralit - tanta purezza
come oggi, tanta santit come oggi:
- cristiani che rifiutano ogni menzogna;
- sposi e fidanzati capaci di compiere eroismi per salvare la loro fedelt;
- educatori che danno la vita per la loro missione;
- uomini e donne che consumano l'esistenza per il bene dei loro fratelli.
Mai come oggi la battaglia per difendere i valori profondi dell'uomo stata tanto sanguinante.
Per questo non lecito disperare.
Il dono calpestato
Entriamo nel problema della sessualit. Anzitutto da ribadire una verit che oggi si va
offuscando. Mai come oggi il sesso stato tanto vituperato, profanato, calpestato. Bisogna
partire anzitutto da idee chiare. La sessualit non un'invenzione umana: nata dalla mente
di Dio, e tutto quello che viene dalla mente di Dio perfetto. Per...
Sentite un paragone. Un giovane pap sogna di fare con la tredicesima il pi bel dono al suo
bambino che pieno di vitalit. Gli compra la bicicletta nuova fiammante. Cosa direste se il
bambino, mentre il pap al lavoro e nessuno lo vede, prende la bicicletta, la porta in cortile,
poi con un martello di suo padre, aiutato da un coetaneo pi robusto di lui, la fa a pezzi,
riducendola a un mucchio di rottami? Cosa pensereste voi davanti a un atto simile?

Mi direste: un piccolo mascalzone, ha nel sangue qualcosa di depravato, non basta


nemmeno sculacciarlo, bisogna punirlo in modo che comprenda la sua insensatezza.
Bene, lo sapete che in tanti giovani succede proprio questa storia con la loro sessualit? Un
dono straordinario di Dio viene ridotto a un cumulo di rovine, in un momento di insensatezza.
E poi questi ragazzi non risalgono pi la china, rimangono senza forze, poveri uccelli con le ali
tarpate.
L'educazione sessuale
Se ne fatto un gran polverone, in campo educativo, dell'educazione sessuale: gente per il s,
gente per il no, schieramenti contrapposti, feroci. Naturalmente noi cristiani siamo per il s,
noi diciamo che si deve fare educazione sessuale. Solo che affermiamo che il compito
primario della famiglia; se la famiglia non ci arriva, allora va aiutata; se non pu essere
aiutata, in seconda battuta andrebbe bene anche la scuola.
Ma c' un rischio: che facciano salire in cattedra dei somari che hanno idee distorte
sull'educazione sessuale. La scuola prende spesso questi abbagli: d la parola a gente
incompetente. L'educazione sessuale non si insegna come la storia o la geografia o le scienze
naturali, non la pu insegnare un maestro che complessato dal sesso.
Non basta essere brillanti, bisogna essere sessualmente maturi, gente che vive una sessualit
armoniosa e virtuosa, gente adulta nel suo sviluppo sessuale, trasparente, capace di parlare
di sesso guardando negli occhi i propri figli. Di insegnanti cos, giudicatelo voi se la scuola non
un tantino carente. Dunque, noi cristiani siamo per l'educazione sessuale, e riteniamo che
per voi giovani urge un'educazione sessuale ad ampio raggio.
1. CINQUE GRADINI DI MATURAZIONE SESSUALE
Cominciamo. Direi che il giovane deve salire cinque gradini di maturazione. Questi:
l. allargare gli orizzonti della sessualit;
2. educarsi al pulito;
3. educarsi all'amore;
4. educarsi al sacro;
5. capire che Dio chiama tutti alla santit.
1 ALLARGARE GLI ORIZZONTI DELLA SESSUALIT
La prima cosa da mettersi in testa e nel cuore la grandezza e bellezza della sessualit:
capirla come un grandioso progetto di Dio. E ogni progetto di Dio santo!
La sessualit un dono che purtroppo Dio ha affidato all'incoscienza degli uomini, e tanti
l'hanno smantellata nella sua dignit.
Per molta gente dal Cervello piccolo la sessualit ha un certo contenuto di macchiato. Che
pena! Da Dio non vengono doni macchiati o guasti. Se c' qualcosa di sporco nella sessualit,
viene solo dall'uomo, non da Dio.
La sessualit un dono fatto da Dio per l'elevazione dell'uomo: una delle poesie pi
stupende della vita umana; attraverso questo dono la vita umana si propaga, si conserva, si
arricchisce.
Da questo dono nasce la famiglia: il fiore pi bello per la formazione e la difesa dell'uomo.
Oggi, declassando e inquinando la sessualit, si anche inquinata la famiglia; anzi, quando la
sessualit profanata, ecco, comincia lo sgretolamento della famiglia. Datemi degli sposi che
profanino la loro sessualit, voi vedrete che giungeranno a poco a poco a distruggere la
famiglia e a tirare su delle creature infelici. Il peccato umano ha ferito tutto l'uomo, anche la
sua sessualit. Per questo la sessualit ha bisogno di redenzione, e di formazione.
2 EDUCARSI AL PULITO
Chi non educato al pulito, non comprende la sessualit. Occorrono: linguaggio pulito, occhi
puliti, pensieri puliti, azioni pulite. Vediamo insieme.
Linguaggio pulito. Ragazzo, devi imparare ad aver orrore del discorso impuro, e a guardarti
dalle bocche sporche. Ti lasciano sempre qualcosa dentro che ti insudicia. Se frequenti con
tanta libert gente pidocchiosa, si capisce che presto o tardi prendi i pidocchi anche tu. Oggi
il turpiloquio salito di grado: vedi gente che sembra educata e colta, e quando apre bocca
una cloaca di parolacce.
Chi facile al discorso sporco, alla barzelletta lurida, stai certo che impigliato in disordini
sessuali preoccupanti. Non capace di pensieri grandi chi sempre impantanato in discorsi
depravati.

Occhi puliti. Se agli occhi concedi tutto ci che chiedono, tu non arrivi alla vera, profonda
educazione sessuale.
Oggi la battaglia spietata. Non c' pi misura nella pornografia. La pubblicit commerciale
spesso un apparato pornografico. Se hanno da spiattellarti un cartoccio di patatine, c'
bisogno di una figura pornografica se no le patatine non arrivano a destinazione.
Come difenderci dalla pornografia? Non ho mai saputo rispondere. La cosa pi semplice
rifiutare con radicalit gli spettacoli di cinema e tv che guazzano nel porno. Si pu, e come!
Quando invece comandi ai tuoi occhi, l'educazione sessuale prende consistenza, perch facilmente arrivi a essere padrone anche dei tuoi pensieri.
Pensieri puliti. Il mondo dei pensieri sembra impossibile da controllare. come imprigionare
il vento. Eppure devi avere il coraggio di ammettere a te stesso che tu diventi quello che
pensi. Se non comandi ai tuoi pensieri, tu non comandi a nulla dentro di te. I pensieri
preparano i desideri, i desideri maturano le azioni, e tu diventi quello che pensi. Se pensi
sensuale diventi un sensuale. Se diventi un sensuale, il tuo cuore si inquina e prepara le
debolezze.
I pensieri sono il tuo respiro: se respiri aria malsana, certo i tuoi polmoni si riempiono di
microbi micidiali.
Azioni pulite. Qui siamo approdati a un campo delicato. Parliamo un poco della
masturbazione. egoismo che ripiega e chiude su se stessi. la piaga tremenda di tanti
adolescenti, e anche di tanti adulti. una catena pesante che certi giovani non riescono pi a
spezzare. E si scoraggiano.
La masturbazione una droga
Ricordati di una cosa: non puoi andare al matrimonio con questo vizio addosso, anzi, non puoi
fidanzarti con questa schiavit: condizionerebbe dal primo momento il tuo rapporto.
Chi ha il vizio della masturbazione ha dentro di s una carica pesante di debolezza, che
spezza ogni ideale. Chi ha questo vizio non capace di grandi ideali. Ma da questo vizio si pu
uscire, se si lotta. Dalla masturbazione si esce con la forza di Cristo, e con una lotta
disciplinata.
Bisogna affrettarsi subito a precisare che il vizio della masturbazione si ferma e si sradica
quando tu lo vuoi. Se hai il vizio di fumare dicono che sia tremendo smettere; del vizio della
masturbazione pi facile venirne a capo.
Cristo te lo comanda: vuole che tu bandisca ogni disordine: Se il tuo occhio ti scandalizza,
cavalo! Se la tua mano ti causa di peccato, tagliala!. Questo linguaggio drastico di Cristo
devi applicarlo a ogni disordine sessuale.
Cristo ti chiama a una vita armoniosa. Dunque, se tu lotti e Cristo con te, impossibile che
non vinca tu.
Che cosa fare? Eccoti una buona ricetta, ben provata da una lunga esperienza.
Schiettezza sanguinante: occorre schiettezza assoluta con se stessi, e con un sacerdote.
Scegli un sacerdote con cui aprirti, stendi un rapporto scritto sulla gravit del tuo vizio, poi va'
da lui con regolarit. La tua schiettezza e la forza del sacramento del perdono faranno miracoli.
Sii onesto a non alimentare in te il fuoco della sensualit: proteggiti da spettacoli, pensieri,
fantasie, discorsi, letture sensuali. Se concedi ai tuoi occhi tutto ci che essi chiedono, se
indugi sulle fantasie impure, si capisce che poi sei debole, che la volont sempre pi fragile.
Se un malato si espone alle correnti d'aria, si capisce che si prende i malanni.
Non perdere tempo a piagnucolare, ripara, fallo subito. A ogni festa di Maria SS.ma chiedi il
miracolo della guarigione. L'intercessione di Maria, e la tua voglia di lottare, presto o tardi
faranno il miracolo.
Ripara con prontezza ogni caduta, buttandoti in qualche atto generoso di carit. La
masturbazione egoismo allo stato puro, la medicina infallibile la carit. Si vince con la
carit.
Ricorda: Dio ci vuole liberi e maturi, la masturbazione rende schiavi e infantili.
3 EDUCARSI ALL'AMORE
Parlo di amicizie. Devi processare le tue amicizie con serenit e con garbo, ma devi farlo,
perch l'amicizia deve farti crescere, non imprigionarti nella tua debolezza.
L'amicizia uno dei doni pi grandi che Dio fa all'uomo, un dono delicato che esige cure e
attenzioni. L'amicizia un dono meraviglioso di Dio, per formarci all'amore.

L'amore! La parola umana pi profanata, la pi bella e la pi maltrattata, la pi semplice e la


pi fraintesa. L'amore rispetto della persona, non scatenamento dei propri egoismi. Quando
sentite la parola amore siete talmente abituati alla sua profanazione, che subito il pensiero vi
porta a qualcosa di negativo.
Bisogna assolutamente verificare le nostre idee sull'amore. Tutti! perch tutti nasciamo per
amare.
Quand' che un ragazzo ama una ragazza?
Quando cerca il suo bene, il suo vero bene. Il suo vero bene per non sta in quel che piace a
te, sta in quel che piace a Dio:
sei fragile? Devi diventare forte, e io ti devo aiutare;
hai un bisogno reale? Io ti aiuto a colmarlo, ma non approfitto di te per i miei egoismi;
sei bella? Ma prima di scegliere la tua bellezza scelgo la tua persona, scelgo i valori profondi
che ci sono in te.
L'attrazione fisica non la profondit dell'amore, un coefficiente abbastanza secondario
dell'amore. Quando avrai scelto la compagna della tua vita, se l'hai scelta nell'amore vero, tu
le sarai legato anche quando la sua bellezza sparir. Tu hai scelto la sua persona, non la sua
giovinezza, non la sua bellezza, non il suo fascino, anche se tutti questi elementi hanno avuto
il loro ruolo per la tua scelta.
E la prova qual , se hai scelto la persona pi che le sue qualit esteriori? La prova che sei
pronto a qualunque sacrificio per lei. L'amore donarsi nella gioia, ma anche nel sacrificio.
Finch non sei pronto al sacrificio dei tuoi gusti, il tuo non amore autentico.
Quando vedo che certi ragazzi vanno al matrimonio con una spensieratezza completa, come
se andassero a uno spettacolo rock, mi gela il sangue nelle vene, perch mi domando: quanto
tempo star in piedi quel matrimonio? Cosa ne sar dei loro bambini se ne avranno? S,
perch troppi ragazzi vanno al matrimonio senza essere capaci di amare, senza aver capito
che amare donarsi fino al sacrificio.
Nessuno ha detto loro che amare :
- sacrificarsi, rinnegarsi, rispettare i gusti dell'altro,
- tacere quando si ha una voglia matta di parlare,
- rinunciare a tutti i propri capricci,
- saper rispondere a tutti i bisogni,
-saper indovinare i desideri,
- cercare in ogni momento il vero bene dell'altro rinunciando al proprio tornaconto e alle
proprie scelte,
- sapersi donare, cambiare la tua esistenza in dono! E questo non per un giorno, ma per la
vita intera.
Ecco, tutto questo amare.
La formazione del carattere
Cos, l'amore esige prima del matrimonio una revisione seria, un'adeguata formazione del
carattere. Chi va al matrimonio senza aver formato il carattere un poveretto, come chi si
sposa e non ha nemmeno la casa.
Se il tuo carattere si accende come un fiammifero alla prima contraddizione, come farai a
reggere quando nasceranno i contrasti profondi tra te e lei? Anche la formazione del
carattere amore: devi limarlo in modo da saper convivere e rispettare le angolature degli
altri. Se il tuo carattere sempre in frizione, il tuo matrimonio star poco ad andarsene a
gambe levate. E la formazione all'amore, non sognare di farla sei mesi prima del tuo
matrimonio: la devi iniziare al pi presto, subito.
Comincia ad amare in casa, ma seriamente. Comincia a sacrificarti in casa, seriamente, e
senza crederti un eroe.
La tua casa un'ottima palestra per addestrarti ad amare, e per limare il tuo carattere. Pi
presto cominci, migliore sar il tuo matrimonio.
4 EDUCARSI AL SACRO
Questo il grado superiore di educazione sessuale, finch non si giunge qui, manca il pi
nell'educazione sessuale. Bisogna che entri nel tuo cuore una verit sublime: il sesso una
realt segnata dal sacro. La prova questa: Dio ha legato la sessualit al mistero della vita.
Dicono che nella spiritualit ind il rapporto sessuale compiuto dagli sposi come un atto
sacro. Conosco tanti sposi cristiani che vivono il rapporto matrimoniale come un atto sacro,

preparato nella preghiera e nella purificazione da ogni egoismo. Il loro donarsi per amore,
diventa un momento di grazia che li arricchisce.
La formazione al sacro deve cominciare in tempo, fin dalla fanciullezza: imparando il rispetto
per tutto ci che attinente al mistero della vita e del sesso. una mentalit che dobbiamo
rafforzare nell'adolescenza.
Per esempio quando l'adolescente passa vicino a una donna incinta, deve imparare a fare una
preghiera per la piccola creatura che quella mamma porta in s, e un'altra per quella mamma,
perch sia capace a educare quel bimbo in modo sapiente, e sia capace di sopportare tutti i
sacrifici che Dio le chieder per la vita di quel bimbo.
L'incontro con una mamma in attesa di un figlio un momento di grande commozione per
l'adolescente. Quando questo senso del sacro vivo, si capisce che la sua maturazione
sessuale sta giungendo a un livello altissimo.
Rapporti prematrimoniali
Parliamo un momento, il suo posto pi giusto, dello spinoso problema dei rapporti
prematrimoniali.
un punto importante nella formazione dei giovani, la loro prova del fuoco. Da questo
problema nasce la seriet del futuro matrimonio, o il suo sfascio.
Mi ha sempre colpito un dato di fatto impressionante: i matrimoni falliti che ho incontrato
nella mia vita, sono partiti tutti con rapporti prematrimoniali sbagliati. Non ho ancora
incontrato un solo caso di matrimonio ben riuscito che affondava la sua radice in un
fidanzamento sbagliato. Il fidanzamento e il matrimonio sono due realt legate, ma diverse: il
fidanzamento preparazione e attesa. Il matrimonio compimento.
Perch la Chiesa dice no ai rapporti prematrimoniali? Per tanti gravi motivi. Eccone
alcuni.
1. Il rapporto prematrimoniale un'ingiustizia e una slealt, perch la Chiesa considera l'atto
matrimoniale come un atto con cui ci si impegna irrevocabilmente. Ora lecito prendere alla
leggera questo atto? E giocare con questo atto? Pongono il segno del matrimonio senza che
vi sia il matrimonio, si legge in un documento dell'Episcopato tedesco: qui la sua gravit.
Un giovane mi ha chiesto: Perch la Chiesa, nonostante la mentalit che circola, sempre
sulle sue posizioni di massima severit in questa faccenda?.
Ho risposto: ma la Chiesa non c'entra, la severit di Cristo che obbliga la Chiesa ad aprire gli
occhi e a farli aprire. Alla Chiesa sarebbe pi comodo essere blanda, fare la tollerante come
fanno tutti, come ormai di moda.
Ma non pu, perch Ges Cristo ha parlato chiaro sulla santit del matrimonio - cio sulla sua
seriet - fino a dire: Avete inteso che fu detto: "Non commettere adulterio", ma io vi dico:
chiunque guarda una donna per desiderarla, ha gi commesso adulterio con lei nel suo cuore (Mt 5,27).
Il vincolo matrimoniale cos sacro, che basta uno sguardo impuro, un desiderio impuro, a
sporcarlo e a infrangerlo. Ora giudica tu come grave il divertirsi con l'atto matrimoniale. E la
coscienza te lo conferma, se sei profondamente sincero, che Cristo ha ragione: non si pu
donare il corpo senza donare se stessi.
2. Un motivo serio che convalida la severit della Chiesa questo: la libert prematrimoniale
impoverisce la conoscenza vera, e non verifica affatto l'amore.
La prova dell'amore tra i due ragazzi macchiata e disturbata dalla loro sensualit; chi
indulge ai rapporti prematrimoniali giunge al matrimonio senza aver fatto la prova dell'amore.
E l'amore senza gratificazioni quello che conta: due giovani che si lasciano andare vanno al
matrimonio con gli occhi bendati, senza sapere se saranno capaci di essere reciprocamente
fedeli.
3. Un'altra riflessione che mi impressiona questa: l'amore vero non mai cedimento o
conquista, l'amore vero rende migliori e sereni. Voglio vedere com' la coscienza e la pace
interiore di chi corre dietro ai suoi istinti e alle sue passioni.
Una ragazza mi ha confidato: Ho risposto cos al mio ragazzo che cercava soddisfazioni
sensuali: "Ho detto no perch: non ti considero un ragazzino da accontentare, ma ti
considero un amico da aiutare a crescere, e che aiuta me a crescere.
Se mi ami veramente, devi considerarmi una persona, non devi considerarmi un
oggetto. Baloccarti con l'amore troppo infantile. Non voglio sciupare l'amore".

Sono risposte che vengono dallo Spirito Santo.


4. C' un'insidia che sembra vestita di luce, ma piena di menzogna. Eccola: dobbiamo
vedere se siamo fatti una per l'altro, se fra noi c' armonia sessuale. Menzogna! Il matrimonio
non un gioco sessuale. Il divertirsi non chiarisce certo l'armonia sessuale. E il rispetto che
crea l'armonia, non il divertirsi. Il divertirsi usando un atto sacro, scatena e fomenta
l'egoismo; non crea l'armonia, la minaccia.
Ho sentito un sacerdote presentare questo paragone: Sono chiamato al sacerdozio, ma
prima del giorno in cui sar consacrato non posso n celebrare la Messa n dare l'assoluzione.
Se lo facessi commetterei un delitto. Eppure a tre mesi dalla prima Messa conosco gi il
messale e ho finito i miei studi.
Solo col sacramento dell'Ordine il novello sacerdote riceve da Cristo il s che lo investe della
missione di sacerdote per tutta la vita. Cos due giovani col matrimonio ricevono il s di Cristo
che li rende capaci di un s reciproco, fedele per tutta la vita, e insieme sono investiti della
missione sublime di trasmettere la vita.
5. Lo so che l'andazzo grande e troppa gente ci casca. Si dice: Ci mettiamo insieme e
vediamo, e si sottintende: se non va, ognuno ritorna per conto suo.
Non un ragionare da persona, un ragionare animalesco. lo sfascio della famiglia, che
spesso la fa pagare ai figli. la premessa per gli squilibri affettivi, calpestare la missione
matrimoniale, la strage della famiglia nel presente e nel futuro.
Un'altra famiglia che nasce sullo sfascio di un matrimonio andato a monte, una desolazione!
Che consistenza potr avere costruire su un divorzio un'altra famiglia, calpestando
cocciutamente la legge di Dio?
5 CAPIRE CHE DIO CHIAMA TUTTI ALLA SANTIT
Dio ci ha creati per la santit. Ci ha modellati nella santit, ci ha fatti tempio vivo dello Spirito
Santo. La santit di Dio abita in noi. Da sempre l'uomo si realizza in pienezza solo se aspira
alla santit.
Paolo aveva il coraggio di parlare in termini estremamente chiari ai primi cristiani:
Il Padre ci ha benedetti in Cristo, con ogni benedizione spirituale, in lui ci ha scelti prima
della creazione del mondo per essere santi e senza macchia (Ef 1,3-4).
Non sono pi io che vivo, Cristo che vive in me (Gal 2,20).
S, vero, il mondo pieno di peccato, infangato di orgoglio, di menzogna, di violenza e di
sensualit, ma Cristo lo stesso, ieri, oggi e sempre (Eb 13,8).
E allora la Chiesa osa proporre la santit a tutti, giovani e adulti, fidanzati e sposi, vergini
consacrate e preti. Ecco cos'ha detto il Sinodo dei Vescovi: Il Concilio ha proclamato la
chiamata di tutti alla santit... La santit significa e supera la realizzazione di ogni desiderio
dell'uomo (Messaggio del Sinodo, n. 4).
Insomma la Chiesa moderna dice che tutti i desideri dell'uomo moderno devono concentrarsi
l: essere santi, perch la santit - nonostante ogni apparenza contraria - quella che colma
ogni desiderio vero dell'uomo.
In parole povere la Chiesa di oggi ha il coraggio di affermare: l'uomo moderno realizzato
solo nella santit.
L'uomo moderno ritrova se stesso, il suo equilibrio interiore, solo se tende con tutte le forze
alla santit!
un'utopia? Anche andare sulla luna era. un'utopia, ma ce l'abbiamo fatta.
Il santi anonimi
Guardati intorno e scopri i santi che lo Spirito suscita nel mondo moderno. Non parlo dei santi
di grido, come madre Teresa, Raoul Follereau, Papa Giovanni, I'Abb Pierre, Roger Schutz,
Chiara Lubich, Helder Cmara; parlo invece dei santi anonimi che incontri per la strada, sul
lavoro, nella scuola, allo stadio, al bar.
Parlo dei santi che trovi dappertutto: sposi santi, fidanzati santi, madri di famiglia sacrificate e
sante, pap santi, vecchi, giovani santi, operai, studenti, medici, infermieri, professionisti
santi, preti, suore sante.
Ogni giorno, se hai l'occhio, t'imbatti in un santo. Non dire che un'utopia: mai come oggi il
mondo stato pieno di santi a tutti i livelli, in tutte le classi sociali e di tutte le et. Dunque,
giovani, svegliatevi: oggi non si pu pi vivere da cristiani annacquati; il cristianesimo
all'acqua di rose un cristianesimo sorpassato.

2. DOMANDE E RISPOSTE
Battute insensate di gente che non riflette
Che male c'? Fanno tutti cos!. S, si dice sempre che fanno tutti cos. Pi c'
paganesimo, pi fanno tutti cos. Ma la morale della massa non morale.
la coscienza che deve ispirare gli atti di un uomo. E per un cristiano la coscienza illuminata
dagli insegnamenti di Cristo. Dio pretende che il tuo amore sia crescita, non distruzione. La
sensualit senza freno non fa crescere l'amore, lo distrugge. egoismo a due. Indebolisce
l'amore. questo il motivo per cui Dio ti chiede di dire no a una scelta di comodo.
I matrimoni che si sfasciano sono sempre i matrimoni cominciati male, dove i due non hanno
sperimentato l'amore, a motivo della sensualit sfrenata. Finch cerchi lei a motivo del tuo
egoismo sessuale, inquini il tuo e il suo amore. Se l'amore non sa riscattare il vostro egoismo,
se ha sempre bisogno di soddisfazioni sessuali, un amore egoistico e immaturo. Non regger
alle lotte della vita. Cristo non per l'amore facile. Cristo ti chiede un amore che resista al
capriccio del momento. Cristo ti chiede un amore che cresce e che purifica.
La castit non possibile. Storie! La castit possibile, e come! La castit coniugale,
poi, solo ordine sessuale. Per necessario che non sia l'egoismo la realt che ispira la vita.
E per dimostrarti che la castit possibile, e poi per dare forza alla tua debolezza, Ges Cristo
ha voluto che nella Chiesa esistessero schiere di giovani pronti alla rinuncia completa,
radicale, nella castit perfetta per tutta la vita. Nel mondo esistono un milione di donne
consacrate a Dio che si sono votate alla castit perfetta per tutta la vita. Quasi altrettanti
sono gli uomini (religiosi e sacerdoti) che si sono impegnati in nome di Ges Cristo a
percorrere questa stessa strada. In tutte le religioni storiche (eccettuato forse 1'Islm) esiste il
culto della castit perfetta: migliaia di uomini, sotto tutti i paralleli, la scelgono.
Questo dimostra che la castit possibile all'uomo, anche la castit perfetta che la Chiesa
richiede fino al matrimonio.
La masturbazione non fa male a nessuno; perch la Chiesa la condanna?. Non la
Chiesa che la condanna, Ges Cristo stesso. E la condanna perch la masturbazione la
tomba della tua libert. egoismo allo stato puro.
Il male pi grave della masturbazione che intacca la tua personalit: difficilmente cresce
nell'amore chi ha il vizio della masturbazione. un virus che colpisce la volont. un
disordine che Cristo condanna.
Questo male rischia sempre di diventare abitudine, e l'abitudine crea a poco a poco una
mentalit egoistica che plagia la tua personalit. Se un giovane dorme su questo male,
diventa cos profondamente egoista da segnare negativamente tutta la sua esistenza.
Come ho gi spiegato, devi combattere contro la masturbazione, con serenit, ma anche con
seriet. L'uomo pu vincere qualunque battaglia quando lo vuole veramente. II
cristiano poi ha dalla sua la forza di Cristo.
Gli psicologi consigliano i rapporti prematrimoniali. Gli psicologi disonesti s! Lo
psicologo onesto no, e lo psicologo cristiano ti dir sempre che cos facendo ti stai fissando
nell'immaturit.
Un grande psicologo che tutti conoscono - Eric Fromm - ha scritto: La prima condizione
dell'amore la libert. Libert nel senso di essere privi di pastoie, di non essere legati e
inceppati dalle cose, e dal proprio io.
Io mi domando: due ragazzi che si impantanano nei rapporti prematrimoniali, sono ancora
liberi? Non sono degli inceppati dalie cose e dal proprio io? Tu lo sai come gioca
sull'individuo la schiavit del sesso: una tenaglia che ti imprigiona e non ti lascia pi libero
per nulla.
Perch la Chiesa in nome di Cristo rigida contro le esperienze prematrimoniali? Perch vi
incastrano, strozzano la vostra libert. Arrivate a un punto che non siete pi padroni di
decidere della vostra vita: la vostra libert insabbiata e voi non siete pi capaci di spezzare
il cerchio chiuso dei vostri orizzonti sensuali.
La Chiesa si aspetta che il tuo amore sia portato sull'altare come omaggio a Dio, perci vuole
che sia un amore responsabile. Cosa faranno nella lotta per la fedelt quei ragazzi che ora
non sanno stare in piedi e crollano al primo fuoco passionale? Sanno veramente se si amano?
Hanno le prove? Hanno eluso la prova pi profonda.
I matrimoni che falliscono dopo pochi mesi sono in gran parte i matrimoni cominciati con
rapporti prematrimoniali; sono ragazzi che si sposano ma non hanno dimostrato di amarsi sul

serio. Hanno giurato un amore eterno, ma l'hanno fatto da incoscienti, perch il loro amore
era solo passionale, il loro egoismo era intatto, il fidanzamento non l'aveva neppure scalfito.
Battute serie e alcuni perch difficili
Perch il matrimonio in chiesa?. Per un motivo semplicissimo e importantissimo: tu sei
un essere fragile, la tua ragazza fragile come te, ma il vostro amore una cosa seria, e cos
importante che tu hai bisogno di una forza pi grande della tua: tu hai bisogno di Ges Cristo.
Il matrimonio cristiano questo: Ges Cristo ti unisce a lei, e d a tutti e due la forza di
amarvi fino alla morte. Donando tutto! Sfidando tutte le vicissitudini della vita, gli alti e bassi
dell'amore, le incomprensioni, le gelosie. E anche gli egoismi e le bassezze dell'istinto.
Avete bisogno di Cristo che purifichi il vostro amore, che lo renda forte, pronto a tutti i
sacrifici, lo renda costante. Ecco perch c' un sacramento, ecco perch Ges Cristo vuole
entrare nel tuo matrimonio.
Tu devi sentire il bisogno di farlo entrare perch la ami, perch non la vuoi deludere, perch
non la vuoi ingannare. E lei ha bisogno di Cristo come te, per saper rispondere al tuo amore
fino in fondo e per sempre. questo il senso del sacramento. E questo il matrimonio cristiano.
ardua la castit, a volte sembra impossibile. S, la castit una vetta altissima,
una parete di sesto grado.
Il problema tutto l: essere allenati alle vette, ed essere sufficientemente attrezzati per la
scalata. Chi lascia allo stato brado i suoi istinti, naturale che non sia allenato alle vette. Chi
accontenta se stesso in tutto, chi non impara a dire di no a se stesso, chi non si mai po sto il
problema dell'autodominio, chi non sa dove il sacrificio stia di casa, naturale che non ce la
fa con la castit.
Poi necessaria l'attrezzatura per l'alta montagna: con le pantofole non si scala l'Himalaya.
Certi passaggi in parete esigono buone corde, buoni chiodi, e un po' d'ardimento.
L'attrezzatura fondamentale per la castit la preghiera. Senza di quella la castit
impossibile. La preghiera la potenza di Dio che scende in noi: quando dentro la nostra
debolezza scende la potenza di Dio, non c' difficolt che resista all'uomo. S, bisogna
imparare a pregare, e bisogna imparare l'abitudine della preghiera, cio bisogna addestrarsi a
essere costanti nella preghiera. Non basta una preghiera appiccicata come un francobollo alla
nostra vita: occorre farci l'osso alla preghiera.
E occorre imparare a qualificare la preghiera. C' tipo e tipo di preghiera. C' la preghiera
inconsistente come un soffio, e c' la preghiera che vita che scende in noi. Chi impara a
pregare, impara la strada della castit.
Poi c' la seconda attrezzatura, la vigilanza. Siamo fragili. Non dobbiamo peccare di
ingenuit. Quando un'auto sbanda sul pendio, solo un miracolo se si ferma. Chi
presuntuoso, chi non ha paura della sua debolezza, chi non accetta la sua debolezza, chi non
ne tiene conto, difficilmente si salva dai tranelli della sessualit.
C' poi la terza attrezzatura: la volont forte. La volont allenata, la volont preparata al
combattimento. La castit non fatta per chi non allena la volont alla lotta. Le vette sono
riservate ai coraggiosi che hanno saputo temprarsi con un allenamento efficace.
Gli omosessuali sono dei perduti?. No! No! No! Dio non fa sgorbi. Anche gli omosessuali
possono realizzarsi, se hanno buona volont.
La piaga sempre pi estesa e minacciosa. Ma diamo fiducia a questi ragazzi. Dio li guarda
con grande amore, sono sue creature. Ognuno chi essi ha un destino, vanno aiutati e
compresi.
Io oso affermare che l'omosessuale un chiamato alla donazione totale di se stesso ai fratelli.
Se ha il coraggio di accettare la sfida di Dio che lo chiama a servire il pros simo, pu trovare in
s delle energie pari a chi sceglie il celibato per tutta la vita per il servizio dei suoi fratelli.
Ho conosciuto degli omosessuali che hanno saputo abbracciare una vita eroica a servizio
completo dei poveri.
Ma occorre avere il coraggio di amarli, questi ragazzi, tanto da far loro sentire il palpito di
tenerezza che Dio ha per loro, fino a far sprigionare in loro la donazione com pleta a Dio.
Occorre avere il coraggio di chiedere eroismi.
Essi sono continuamente alla ricerca di chi li comprende e di chi li scusa. Il loro peggior
nemico chi attenua le loro debolezze e fa concessioni alle loro responsabilit. Il loro peggior
nemico chi li compiange senza aprire loro gli orizzonti di Dio.

Chi sceglie il celibato per tutta la vita un fuoriclasse?. Niente affatto. un


chiamato da Dio, e ha la grazia per rispondere a questa chiamata. un uomo in carne e ossa
come te, che lotta come te contro i suoi istinti, che sente fremere la sua debolezza a ogni
passo, ma ha trovato un segreto di forza.
Non basta normalmente un alto ideale a sorreggere il cammino della castit perfetta. Occorre
una forza che ogni giorno si ritempra e sorregge la volont: una forza che difficilmente viene
dall'uomo, e va implorata da Dio. La castit perfetta come un andare contro corrente: se
deponi i remi, finita.
L'imitazione di Cristo: quasi sempre questo il grande ideale che si propongono coloro che
scelgono il celibato per il regno di Dio.
Ma indispensabile un'impostazione di vita che sorregga la debolezza e la difenda;
normalmente necessaria una vita comunitaria fervente e una vita di preghiera profonda. Chi
ha scelto il celibato per il Regno e non ha alle sue spalle una vita comunitaria efficiente, di
solito non regge al suo impegno. Cos il consacrato che non prega non pu portare avanti con
seriet i suoi voti.
Perch la Chiesa incoraggia la scelta del celibato?. Se Ges ha vissuto la castit
perfetta, se l'ha chiesta a chi lo voleva seguire pi da vicino, segno che per il mondo, per la
salvezza degli uomini, necessario che ci siano uomini e donne capaci di vivere nella castit
perfetta tutta la vita. E necessaria all'umanit questa rinuncia.
Siamo legati fortemente nel nostro destino umano. C' una legge nel mondo della fisica che
si enuncia cos: quando in una massa liquida si aggiunge anche solo un centigrammo dello
stesso liquido, il livello di tutta la massa si alza in modo impercettibile. Ecco, proprio ci che
avviene in mezzo all'umanit.
Siamo cos uniti nel nostro destino, che il delitto di un uomo, anche nascosto, fa scendere il
livello umanitario di tutta la massa umana. Viceversa, quando un uomo compie un atto
generoso ed eroico, tutta l'umanit ne guadagna.
Siamo giustamente impressionati della degradazione morale a cui si giunti. Ebbene, non
possibile essere pessimisti finch esistono uomini e donne capaci, con la forza di Dio, di vivere
distaccati da ogni istinto carnale. Essi elevano il mondo. Essi salvano dalla catastrofe l'uomo.
Poi forse c' un'altra ragione per cui Cristo ha scelto la vita di castit perfetta: tu sai quanto
difficile la lotta della castit; tu sai che a volte sembra una battaglia impossibile; tu sai che
chi vile piega sempre su questo ragionamento: vivere casti non si pu!
Ecco, questo ragionamento sbagliato ha bisogno di una confutazione lampante, la
confutazione che viene dalla testimonianza eroica di migliaia di uomini e donne che in nome
di Cristo, per una sua chiamata, per un servizio generoso dei fratelli, sono capaci non di vivere
per qualche tempo nella castit, ma di sceglierla per tutta la vita.
Gandhi diceva che il nerbo della Chiesa Cattolica, ci che d vigore al suo annuncio e copre le
sue macchie, il celibato dei suoi preti.
E un eroismo la castit perfetta per tutta la vita! Ma Cristo l'ha chiesta ai suoi discepoli,
perch col loro dono rafforzassero la volont di lotta di tutti i loro fratelli.
3. A VOI FIDANZATI Cinque sentieri di santit
Rivolgo un appello soprattutto a voi fidanzati, che siete la speranza delle famiglie nuove. Vi
indico cinque sentieri di santit:
1. imparate a pregare!
2. imparate a dialogare!
3. imparate a nutrirvi della Parola di Dio!
4. datevi ai poveri!
5. prendete per guida una coppia di sposi santi!
Primo: imparate a pregare!
Cercate chi insegna la preghiera, andate magari in capo al mondo per trovare una vera scuola
di preghiera. Ma trovatela. Non sposatevi se non avete imparato a pregare. Le tempeste della
vita sono tante, solo se imparate a pregare salverete il vostro amore nei momenti difficili.
Secondo: imparate a dialogare!
Dovete apprendere l'arte della revisione di vita. Se non sapete dialogare non sposatevi
ancora. Fatevi insegnare cos' la revisione di vita da altri giovani che la sanno fare. Andate a
imparare l'arte della revisione di vita in quei centri che sono specializzati per questo (il nostro
centro uno di essi: le Comunit di Padre De Foucauld sono completamente fondate sulla

revisione di vita). Una famiglia senza dialogo destinata a sfasciarsi, una famiglia che non sa
dialogare non regge all'impatto col mondo di oggi.
Terzo: imparate a nutrirvi della Parola di Dio!
Il vostro amore, anche se grande, ha la sua fragilit. Avete bisogno di rinnovarlo ogni giorno.
Se imparate a nutrirvi della Parola di Dio voi imparate a nutrire la mente di idee grandi, voi
imparate a dirvi la verit, voi imparate ad appoggiarvi su Dio in tutto ci che vi supera.
Lampada ai miei passi la tua Parola, luce sul mio cammino, prega il Salmista, e con lui
ogni cristiano. La Parola di Dio ha la potenza dell'Eucaristia.
Quarto: datevi ai poveri!
Andate insieme ai poveri, non perdete tempo in cose sciocche, avete bisogno di dilatare il
cuore, avete bisogno dei poveri per crescere e diventare dono.
Portate i pesi gli uni degli altri, invitava san Paolo. Fate insieme servizio di volontariato,
crescete nella carit, a cominciare dalla carit perfetta in casa vostra.
Quinto: prendete per vostra guida una coppia di sposi santi!
Oggi non basta pi il sacerdote, ci vuole l'aiuto di sposi santi, con cui confidarvi e da cui
lasciarvi guidare nelle battaglie quotidiane.
Cercate altre famiglie, cercate comunit
coraggiose che vi stimolino alla generosit. Unitevi ad altre coppie, non vivete da soli. Oggi
non pi il tempo di vivere isolati. La coppia isolata si perde, non capace di resistere alle
pressioni del mondo.
Se poi vi imbattete in un giovane che ha avuto il coraggio di abbracciare la castit perfetta
per Cristo, votandogli la vita, fermatevi e cogliete il messaggio! L'esempio di questi giovani vi
dar forza nei momenti di debolezza: il mondo cristiano ha un tremendo bisogno di questi giovani che sanno bruciare la loro giovinezza offrendo a Cristo la loro castit per tutta la vita.
Ancora qualche consiglio spicciolo
Sport, molto sport! Ma sport sano, coraggioso, nobilitante, che tempri la volont, che
irrobustica il fisico, che elevi alle cose grandi.
Sognate! S, bisogna sognare. Sognare cose grandi. Sognare anche cose che vi superano. Se
non si sogna da giovani fidanzati, non si sogna mai pi: la vita butter gi i sogni, ma la
generosit rester a mediare i problemi pi gravi della vita.
Fortunate le giovani coppie che sono inserite in gruppi che sono stimolanti per sognare, che
discutono ( gi buono discutere) di imprese coraggiose tra i poveri, nel terzo mondo, dei
grandi ideali sociali.
Senza dire che certi sogni cullati nella preghiera e nell'umilt, Dio presto o tardi li rende veri.
Le coppie che sognano, difficilmente saranno chiuse nei loro egoismi.
E imparate a vivere nella gioia, perch il cristianesimo vero soltanto gioia, gioia vera, gioia
pura, gioia mai inquinata da nessun egoismo.
Preparatevi a insegnare ai vostri figli che il cristianesimo la gioia pi grande della terra; se
non lo insegnerete, non ne farete dei veri cristiani.
Ha detto madre Teresa: Se volete cambiare il mondo, sorridete pi spesso. il mio augurio
finale, per voi e per le vostre famiglie.
anche il mio abbraccio.
padre Andrea Gasparino.
Prima Appendice.
La grandezza del matrimonio
Ecco una pagina vibrante di Dietrich Bonhoeffer sul matrimonio cristiano.
Il matrimonio pi del vostro amore reciproco. Ha maggiore dignit e maggiore potere. Finch
siete solo voi ad amarvi, il vostro sguardo si limita nel riquadro isolato della vostra coppia.
Entrando nel matrimonio, siete invece un anello della catena di generazioni che Dio fa andare
e venire e chiama al suo regno.
Chiusi nel vostro sentimento, godete solo il cielo privato della vostra felicit. Nel matrimonio,
invece, venite collocati attivamente nel mondo, e ne diventate responsabili.
Il sentimento del vostro amore appartiene a voi soli. Il matrimonio invece un'investitura, un
ufficio.
Per fare un re non basta che lui ne abbia voglia, occorre che gli riconoscano l'incarico di
regnare. Cos non la voglia di amarvi che vi stabilisce come strumenti della vita. E il
matrimonio che ve ne rende atti.
Non il vostro amore che sostiene il matrimonio: il matrimonio che, d'ora in poi, porta sulle
spalle il vostro amore.

Dio vi unisce in matrimon: non lo fate voi, Dio che lo fa. Dio protegge la vostra unit
indissolubile di fronte a ogni pericolo che la minaccia dall'interno e dall'esterno. Dio il
garante dell'indissolubilit.
una gioiosa certezza sapere che nessuna potenza terrena, nessuna tentazione, nessuna
debolezza, potranno sciogliere ci che Dio ha unito.
(DIETRICH BONHOEFFER, Resistenza e resa, Bompiani 1969, pag. 86).
Seconda Appendice.
La castit e...
Leggiamo nella Bibbia il pensiero di Dio.
La castit libert
Il corpo non per l'impudicizia, ma per il Signore, e il Signore per il corpo. Non sapete che
siete tempio dello Spirito, e che non appartenete a voi stessi? (1 Cor 6,13).
La castit vittoria sugli istinti
Che ciascuno di voi sappia mantenere il proprio corpo con santit e rispetto, non come
oggetto di passione e libidine, come i pagani che non conoscono Dio; che nessuno offenda e
inganni in questa materia il proprio fratello (1 Tess 4,3-6).
La castit fedelt generosa
Avete inteso che fu detto: non commettere adulterio! Ma io vi dico: chiunque guarda una
donna per desiderarla, ha gi commesso adulterio con lei dentro il suo cuore (Mt 5,27).
La castit nasce dal cuore
Frutto dello Spirito : amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bont, fedelt, mitezza,
dominio di s (Gal 5,22).
Crea in me, o Dio, un cuore puro, pregava Davide (Salmo 50,12).
La castit fortezza
Se il tuo occhio ti scandalizza, cavalo; se la tua mano ti scandalizza, tagliala (Mc 9,43).
Terza Appendice.
Le beatitudini della castit
Beati i giovani che scoprono la castit come una perla preziosa e non giocano con i
sentimenti propri e altrui, ma li purificano e li educano per giungere preparati al tempo delle
grandi scelte.
Beati i fidanzati che si amano nella trasparenza, guardando Cristo negli occhi, insieme. Lo
sguardo di Cristo sar la luce e la forza del loro cammino.
Beati i fidanzati che imparano a non separare mai questa tre parole: amore, sacrificio, gioia. Il
loro attendere la vera prova d'amore, prima pietra di fedelt.
Beati gli sposi che sanno rispettarsi e amarsi in una fedelt crescente per tutta la vita.
Beati se non cercano se stessi, ma cercano il bene l'uno dell'altro, e si mettono a servizio della
vita.
Beati perch nel loro dono reciproco, Dio stesso si dona, li fa crescere e li santifica.
Beati coloro che Cristo chiama alla castit consacrata. Non sono pi meritevoli degli
altri, ma ciascuno ha il proprio dono da Dio (1 Cor 7,7).
Beati se nell'amicizia con Cristo e nell'umilt imparano a dilatare il loro cuore fino a
dimenticare se stessi per amare chi non amato. Sperimentano il centuplo gi in questa vita,
e l'Amore di Cristo la loro continua ricompensa.
Beati i bambini educati dai loro genitori al senso della meraviglia e alla bellezza di una vita
limpida. Ben presto impareranno a rifiutare con gioia tutto ci che inquina i loro occhi e il loro
cuore.
Beati loro, perch hanno imboccato il sentiero per diventare veri uomini e vere donne del
Vangelo.
Beati gli anziani che hanno camminato e lottato con energia nella grazia dello Spirito Santo.
I loro occhi sono luminosi e umili. I loro cuori sono forti e consacrati dalla fedelt a Dio.
Beati quelli che sono soli, e nella vita non hanno scelto perch la vita ha scelto per loro. La
loro castit , spesso, pi costosa, ma beati loro se si lasciano prendere per mano da Cristo
per fare della vita un dono generoso, senza amarezza.
Dio che vede nel segreto, veglia su di loro e non deluder il loro sacrificio.
Beati voi se amate la luce, e la irradiate sempre e ovunque con umile coraggio.