Sei sulla pagina 1di 27

Dispense del Servo di Dio Padre Tomas Tyn, OP

Corso di storia della filosofia presso lo S.T.A.B. - Bologna


Testo dattiloscritto e testi ciclostilati per studenti

-1-

RENE DESCARTES

Discorso sul metodo.


Nellinverno del 1619 si trova a Neuburg, citt bavarese sul Danubio, in servizio militare
presso lesercito del duca Massimiliano di Baviera. Qui ha lagio di trattenersi con i suoi pensieri
e concepisce lidea di un metodo generale per lacquisto del sapere. Sembra che lispirazione gli sia
venuta in un sogno (il 10 novembre) interpretato come segno celeste di una vocazione.
Il P. MERSENNE dei Minimi, suo ex-collega di La Flche, il suo corrispondente pi
assiduo. Nel 1628 incontra il CARD. DE BERULLE che approva e incoraggia la sua idea come
missione affidatagli da Dio.
Nel 1628-29 scrive le Regulae ad directionem ingenii incompiute e pubblicate postume nel
1701. Lidea centrale una specie di mathesis universalis, pura scienza dei rapporti di proporzioni,
matematica intesa come scienza delle scienze. Segue labbozzo di un trattato metafisico e fisico
(Trait du monde) non pubblicato per il timore suscitato dalla condanna di GALILEO. La sua fama
di pensatore originale si diffonde e cos Cartesio si decide a pubblicare il Discours de la mthode
(uscito per la prima volta anonimo a Leida nel 1637).
Si tratta di un saggio introduttivo per giustificare il suo metodo nelle questioni scientifiche.
E stato premesso, in un unico volume, a tre saggi di fisica e di matematica. Fu la parte pi letta e
discussa, cosicch, quando si cominci a considerare il pensiero filosofico di Cartesio
separatamente da quello scientifico positivo, anche il saggio apparve in un volumetto a se stante.
Il contenuto va ben al di l di quello delle Regulae, perch si occupa di tutti i principi che
reggono il mondo dellesperienza umana, compresa la fede religiosa. Il tono molto personale,
autobiografico, scritto in francese, rivolto al grande pubblico come una filosofia del buon senso.
Seguirono le Meditationes de prima philosophia (Parigi 1641), che si concentrano sul
problema della priorit assoluta del Cogito e delle sue conseguenze.
Il mondo cattolico diviso a suo riguardo. Invece in Olanda il teologo protestante
GILBERTO VOETIUS lo accus di ateismo e chiese la sua condanna impedita solo dalla
protezione del principe di Orange e dellambasciatore di Francia; e cos pensa di convincerlo
facendo vedere la superiorit della sua filosofia rispetto alla scolastica. Infine decide di riesporre
semplicemente la sua dottrina in forma pi sistematica e pi vicina alle scuole nellopera Principia
philosophiae (Amsterdam 1644 in 4 libri).
-2La sua corrispondenza con la principessa Elisabetta di Boemia dimostra che nel
frattempo non si affatto affievolito il suo interesse per le questioni morali. Nel Les passions de
1
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

lme (Parigi 1649) vuole dimostrare di poter spiegare in base al suo automatismo corporeo anche
la vita morale delluomo.

DIVISIONE DEL TESTO

I.
II.
III.
IV.
V.
VI.

Considerazioni riguardo alle scienze


Principali regole del metodo cercato
Alcune regole di una morale ricavate da questo metodo
Le ragioni dellesistenza di Dio e dellanima umana - fondamenti della metafisica
Lordine delle questioni di fisica (movimento del cuore, medicina, differenza tra anima
umana e quella delle bestie)
Cose necessarie per progredire nello studio della natura di pi di quel che s fatto fin qui; le
ragioni che hanno indotto lAutore a scrivere.

SCHEMA DELLA DIVISIONE

Premessa epistemologica generale:


le scienze considerate nella loro natura (I)
il metodo scientifico ( II)
Epistemologia, ossia teoria della conoscenza in specie:
riguardo alla conoscenza pratica - regole della morale (III)
riguardo alla conoscenza speculativa:
sapienziale(fondamentale) - metafisica (IV)
scientifica sensu stricto fisica:
- ordine delle questioni (V)
- condizioni di ulteriore sviluppo VI)

-32
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

Divisione del testo

1. La ragione comune a tutti, ma non tutti ne usano bene.

Universalit del buon senso - argomenti propri:


- aspetti esistenziali:
constatazione del fatto della ripartizione universale
fondamento : lesperienza comune di tutti
- aspetti essenziali:
della natura stessa del "buon senso":
intrinsecamente considerata:
definizione:
facolt di ben giudicare distinguendo il vero dal falso
distinzione:
avere buon ingegno (essere ragionevoli)
applicarlo bene (condurre i nostri pensieri per vie diverse,
considerare cose diverse)
estrinsecamente esemplificata:
esempio dal campo morale: le anime pi grandi sono capaci di
pi grandi vizi e pi grandi virt
conseguenze: meglio camminare lentamente che correre
allontanandosi dalla meta
delle sue parti quasi integrali (condizioni del buon uso della facolt del giudizio,
capacit derivanti dallesercizio del pensiero):
rapidit di intuizione
chiarezza e distinzione dellimmaginazione
ampiezza e prontezza della memoria
Argomento ad hominem tratto dalla scolastica (invariabilit della differenza specifica)

3
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

2. Ci che lAutore si propone con questa trattazione.


Elementi nella formazione dellintenzione:
- esperienza personale:
della via:
fattori antecedenti:
considerazioni e massime
elaborazione personale del Metodo
conseguenze:
positive: aumentare ed elevare la conoscenza al punto pi alto
limitative: mediocrit dellingegno e brevit di vita
del fine raggiunto:
disposizione critica (diffidenza del filosofo)
valutazione positiva:
sentimenti:
di soddisfazione del progresso nella ricerca
di speranza per lavvenire
convinzione : occupazione migliore e pi importante
- riserva:
critica: possibilit dinganno:
da noi stessi
dai nostri amici
metodo espositivo:
narrazione (quadro di vita)
nuovo mezzo conoscitivo (giudizio critico dei lettori)
Scopo:
- non quello di insegnare (tutti gli esempi dellinsegnante devono essere buoni)
- ma quello di raccontare:
gli esempi saranno da scegliere criticamente
lutilit sar universale e il danno sar escluso

-4-

4
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

Durante lassenza dellinsegnante i luned 28.XI. e 5.XII. 1983 si propone agli studenti un
lavoro personale scritto (obbligatorio per gli allievi domenicani) da svolgere a modo di
dissertazione (non di tesina). Si tratta di una riflessione sistematica su un tema filosofico di breve
estensione, indicativamente 2 o 3 pagine dattiloscritte) e senza esigenze di bibliografia e di citazioni
scientifiche (il che ovviamente non esclude eventuali citazioni a memoria).
Tema proposto:
Per razionalismo nel senso vasto della parola si pu intendere la riduzione delle esigenze
della realt alle ristrettezze del pensiero umano (considerato precisamente nella sua finitezza
umana). E possibile qualificare la filosofia cartesiana come razionalistica in questo senso? In
particolare, come appare tale eventuale razionalismo nella prima parte del Discorso sul Metodo?
1. Nel dualismo tra il buon senso (dato a tutti pienamente per natura e quindi in uguale misura) e
il metodo (che come applicazione dellingegno qualcosa di acquisito, qualcosa che costituisce
la prima differenziazione della vita intellettiva dei singoli uomini e qualcosa che solo permette
di giungere di fatto alla conoscenza della verit)?
2. Nellelaborazione personale del Metodo (con il rifiuto implicito di ogni autorit derivante da
tradizioni previe)?
3. Nella valutazione delle scienze (esaltazione della precisione matematica, pungente ironia sulla
semplice verosimiglianza della filosofia)?
4. Nel dispiacere che prova davanti alle incertezze della filosofia (si pensi alle analogie col
pensiero di Kant)?
5. Nellesigenza di chiarezza anche in morale, nella seguente delusione e nel ritorno a studiare
anche me stesso che preannuncia il cogito" ?
N.B.- i singoli numeri corrispondono ai singoli capitoli della Prima Parte del Discorso.

5
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

-5/1-

3. Istruzione ricevuta al Collegio a la Flche


Critica:
- il fatto:
la speranza:
acquisire conoscenza chiara e sicura di tutto ci che utile alla vita,
desiderio dimparare
la delusione:
aspetto negativo: mi trovai intricato in dubbi ed errori
lunico profitto: aver scoperto la propria ignoranza
- le cause:
esclusione:
non dipende da lui personalmente
n dagli altri pensatori del suo tempo
affermazione: dipende dal fatto che non c al mondo una tale scienza,
quale prima mi avevano fatta sperare
Apprezzamento:
- in positivo:
scienze umane, lettura dei libri
scienze matematiche
morale, teologia, filosofia
giurisprudenza, medicina ed altre scienze
- in negativo:
persino le scienze superstiziose e false, se criticamente esaminate, mettono in
guardia dagli inganni

6
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

4. Critica della cultura del tempo

scienze autentiche:
- umane:
la storia:
analogia con i viaggi:
vantaggio iniziale - si conoscono altri tempi
svantaggio nelleccesso - ci si estrania dal proprio tempo
omissioni di fatti meno illustri - creano illusioni
la letteratura:
la capacit di essa deriva dalla natura, non dallarte:
leloquenza: un raziocinio pi forte elabora meglio il pensiero per
renderlo chiaro ed intelligibile
la poesia: i migliori poeti sono quelli che sanno creare fantasie
gradevoli ed esprimerle con maggior grazia
- esatte:
matematica:
in s:
aspetto positivo: evidenza e certezza di ragionamenti
limite: applicazione alle sole arti meccaniche
confronto con la morale: la morale sembra un edificio pi lussuoso, ma di
fatto costruita sul fango; elogia le virt senza farle conoscere e spesso le
confonde con qualit negative
sapienza:
teologica:
insegna la via al cielo, ma luniversale chiamata alla santit rende
il ragionamento in questo campo superfluo
il carattere soprannaturale della rivelazione rende il ragionamento
addirittura impossibile e presuntuoso
filosofica:
in s:
coltivata dagli intelletti pi eccellenti di ogni tempo
lascia tutto nel dubbio (molteplicit di opinioni
contrastanti: reputavo pressoch falso tutto ci che fosse
soltanto verosimile)
scienze derivate (medicina dalla fisica e giurisprudenza dalla
morale):
costruite sul labile fondamento della filosofia
Cartesio non ne ha bisogno:
n per guadagno
n per onore (che , in fondo, falso)
Scienze spurie ( magiche): le conosce troppo bene per lasciarsene ingannare

7
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

-6/25. Lesperienza della vita e il ritorno su se stesso

Decisione:
- abbandonai lo studio
- e risolsi di non cercare altrove che in me e nel grande libro della vita
Esecuzione:
- Esperienza della vita1:
Dato di fatto:
Viaggi
Esperienze: far tesoro di una diversa esperienza per mettere me stesso alla
prova e trarne con la riflessione qualche profitto
il principio:
elaborazione critica:
la praticit richiama alla responsabilit
la speculazione:
rende vanitosi
allontana dal senso comune
porta ad artifizi nel rendere verosimili delle teorie prive di
ogni fondamento pratico
scopo positivo:
imparare
distinguere il vero dal falso
veder chiaro nelle proprie azioni
camminare con sicurezza nella vita
- Ritorno allIo:
pluralit di costumi nelle varie popolazioni
risoluzione:
negativa:
in s : non prestar fede allesempio e allabitudine
effetto buono: liberazione da errori che offuscano il lume
naturale
positiva: presi un giorno la risoluzione:
di studiare anche in me stesso
e dimpiegare tutte le forze del mio ingegno a scegliere il
cammino da seguire

Qui mancava il termine da dividere, per cui si propone questa soluzione.

8
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

-7-

PARTE SECONDA

Principali regole del metodo.

1. Necessit di un principio unico del sapere

Preparazione:
- le condizioni:
esterne - inverno in un quartiere militare
interne - raccoglimento
- la disposizione favorevole alla meditazione
Pensiero fondamentale:
- il principio:
in s: non vi quasi mai tanta perfezione nelle opere composte da parti fatte da
artefici diversi quanta in quelle costruite da uno solo
esempi:
1 esempio:
racconto: edifici costruiti disordinatamente
insegnamento:
motivo della disapprovazione estetica: sembra che non
alla volont di uomini ragionevoli, ma al caso si debba la
loro composizione
conclusione pratica: difficile far cose perfette lavorando
sulle opere altrui
2 esempio: le leggi dei popoli
- le applicazioni:
alle scienze, che se formate e cresciute a poco a poco con le opinioni di molte e
molto diverse persone non arrivano alla verit dei ragionamenti che pu fare,
sulle cose, che si presentano da s, un semplice uomo di buon senso
alleducazione

9
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

2. Pericoli di ogni forma radicale delle idee e dei costumi.

Progetto:
- Esempi:
Case da ricostruire:
dell intera citt - no
casa propria - s, se ci si accorge che minaccia il crollo
Lo Stato non pu essere riformato da persone private
- Applicazione - anche il modo dinsegnar le scienze non pu essere riformato da una
persona privata:
Il metodo unimpresa personale: togliere di mezzo opinioni non esaminate
criticamente
Scopo:
speculativo:
ritrovare opinioni migliori
rifondare quelle vecchie
pratico: condurre meglio la vita
Attuazione:
- Difficolt:
minori rispetto alla riforma politica:
il fatto - le difficolt ci sono, ma quelle politiche sono maggiori
il motivo - nella vita pubblica meglio seguire il corso della storia che
ha influsso correttivo
esempio: le vie usate in montagna sono forse meno diritte, ma pi comode e
sicure a causa delluso continuo
- Piano di attuazione:
Pericolo generale da evitare: presunzione degli spiriti irrequieti
Scopo positivo:
unimpresa di riforma personale (individuale) con unesigenza critica:
riformare soltanto i miei pensieri ed edificare in un fondo tutto mio
possibilit dimitazione solo a condizioni che:
non ci sia troppa presunzione (al di l delle proprie capacit),
perch allora non si ritrova pi la strada giusta, se quella nuova si
rivela errata
n troppa modestia, perch in tal caso meglio essere docili ai
consigli altrui

-8-

10
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

3. Perch e come egli giunse alla sua riforma del metodo.

Pluralismo relativizzante che porta alla critica:


- di maestri e di opinioni tra i dotti
- di esperienze fatte nei viaggi:
il principio del consenso dei molti:
influsso nelleducazione
influsso nella moda (abitudine ed esempio)
inapplicabile alla scoperta delle verit un po difficili; necessit di lasciarci
guidare da se stessi
Modo di procedere:
- lentezza e circospezione
- ricerca:
mantenendo le opinioni provvisorie
fondando il metodo:
speranza in:
logica e
matematica:
geometria e
algebra
delusione:
motivo:
logica:
serve a spiegare le cose che gi si sanno senza far
imparare cose nuove
precetti buoni mescolati a precetti nocivi
matematica ( cose astratte di poco uso pratico):
analisi geometrica (stanca limmaginazione)
algebra (imbarazza lintelligenza con una
confusione di regole e di cifre)
via di uscita:
in genere: cercare un altro metodo con il vantaggio dei
precedenti, ma privo dei loro difetti
in specie:
esempio: la molteplicit delle leggi porta a non
osservarle
conclusione: accontentarsi di quattro regole
fondamentali rigorosamente osservate

11
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

-9/1-

PARTE TERZA

Alcune regole di una morale ricavata da questo metodo.

1. La morale provvisoria

Esempio: presupposti per costruire una casa:


- riguardo alla casa nuova:
abbattere la vecchia
costruire la nuova:
provvedere al materiale
provvedere allesecuzione:
o architetto (eventualmente noi stessi)
o progetto disegnato
- riguardo al soggiorno durante le costruzioni: necessit di alloggio provvisorio
Applicazione:
- esigenza:
di certezza nelle azioni (anche quando non si ha quella dei giudizi)
di felicit della vita, anche presente (non solo della futura)
- mezzi per soddisfare lesigenza indicata: una morale provvisoria:
in s
nel suo contenuto: si riduce a tre o quattro massime

12
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

2. Conciliazione delletica sociale con la libert di giudizio

Obbedienza alle leggi:


- fondamentali:
civili (costumi del proprio paese)
religiose (fedelt alla religione dellinfanzia)
- derivate: regolarsi secondo:
opinioni pi moderate (lontane dalleccesso)
comunemente seguite:
dalle persone pi assennate
da quelli coi quali si deve vivere
Motivo:
- seguire le opinioni di altri, perch prima di esaminarle occorre rinunciare alle opinioni
proprie:
giusto seguire quelle dei pi assennati
utile seguire quelle dei vicini (coi quali si deve vivere)
- criteri:
operativit : seguire pi le azioni che le parole:
principio: attendere pi allagire che al dire
motivi:
o non tutti dicono quel che pensano e molti lo ignorano
o credere una cosa diverso dal sapere di crederla
moderazione:
in s:
o principio: scegliere le opinioni pi moderate
o motivi:
sono sempre le pi comode
verosimilmente sono anche le migliori (ogni eccesso
nocivo): nel caso di errore si meno lontani dalla verit
conseguenze: evitare leccesso di promesse limitanti la propria libert:
o in s
o motivi:
nessuna cosa dura per sempre
sarebbe offesa della verit mantenere convinzioni
riconosciute false in seguito

13
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

3. Risolutezza e costanza della volont nelle azioni

Principio:
- contenuto:
in s: essere fermo e risoluto, per quanto potevo, nelle mie azioni, di seguire
anche le opinioni pi dubbie, una volta che avessi deciso di accettarle, con la
stessa costanza come se fossero le pi sicure
esempio: il viaggiatore smarrito nel bosco deve prendere una direzione a caso
e mantenerla con costanza per poter uscire dalla foresta
-

applicazione:
condizioni particolari:
le azioni non ammettono indugio
non in nostro potere discernere le opinioni pi vere
modo di agire:
la scelta:
- di seguire le opinioni pi probabili
- se non si riesce a discernere lopinione pi probabile, si deve
seguire almeno qualche opinione
la certezza: lopinione scelta va considerata non pi come dubbia, ma
come vera e certa, in quanto tale la ragione per cui la preferiamo
alle altre (ragione = necessit di agire)
Effetto - eliminazione di scrupoli: bast a liberarmi, dun tratto, dai pentimenti e rimorsi che
sogliono agitare la coscienza di spiriti deboli e sempre oscillanti, i quali si lasciano andare,
nellagire, a cose che l per l giudicano bene e subito dopo mal fatte

-10/2-

14
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

4. Padronanza dei propri desideri e ricerca della felicit in se stesso

Principio:
- in s:
secondo la sua essenza:
vincere piuttosto me stesso che la fortuna
voler modificare piuttosto i miei desideri che lordine delle cose nel
mondo
assuefarmi a credere che nulla allinfuori dei nostri pensieri in nostro
potere
nel suo effetto:
impedisce di desiderare cose impossibili
d contentezza
- nel suo fondamento:
spiegazione:
la volont portata a desiderare solo quelle cose che lintelletto presenta
come possibili
se ci si abitua a considerare i beni esterni come ugualmente lontani dal
nostro potere, non ci si inquieta per la loro privazione
pratica: chi fa di necessit virt:
non desidera di essere sano se malato
n di essere libero se in prigione
n di avere un corpo incorruttibile o di volare come gli uccelli
Condizioni dellapplicazione:
- esercizio lungo e meditazione ripetuta per abituarsi a tale punto di vista
- vantaggio: qui il segreto dei filosofi (= stoici, che riuscirono a sottrarsi allimpero della
fortuna:
riconoscere i limiti della natura: si padroni solo dei propri pensieri
distacco dalle cose esterne e ritorno delluomo in se stesso per poter disporre di
se stessi assolutamente

15
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

-11/3-

5. Scegliere una professione a cui dedicarsi nella vita

La (quarta) massima:
- secondo se stessa: fare una rassegna delle diverse occupazioni:
in astratto: per scegliere la mia
in concreto: vidi che la migliore per me era quella in cui gi mi trovavo
- secondo le sue conseguenze:
in s : impegno:
a impiegarvi tutta la vita
a coltivare la ragione
a progredire nella conoscenza della verit secondo il metodo
prove dallesperienza:
soddisfazioni pi dolci ed innocenti
scoperta di verit importanti ignote
soddisfazione perfetta (rende indifferente il resto)
Affinit con le massime precedenti: tutte convergono al proposito di continuare nellistruzione:
- principio generale: Dio ha dato a ciascuno di noi qualche lume per discernere il vero dal
falso - esigenza di esaminare tutte le opinioni con la propria testa e con libert di
abbandonarle per convinzioni migliori
- speranza:
oggetto:
seguire un cammino sicuro
per acquistare tutte le cognizioni secondo le capacit
per conseguire tutti i veri beni
fondamento: la volont segue le rappresentazioni del bene e del male 2
dallintelletto - basta giudicare bene per fare bene ( acquistare tutte le virt)

Provenienti.

16
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

6. Ritorno al suo proposito di ricerca della verit

Ricerca della certezza:


- certezze provvisorie messe da parte:
massime morali
principi di fede
- critica di tutto il resto:
il fatto: disfarsi liberamente delle opinioni
il modo:
la conversazione con gli altri si mette in viaggio
losservazione (cerca di fare lo spettatore pi che lattore):
- individuare le fonti di inganno
- sradicare gli errori:
il principio: necessit di liberarsi dallerrore
la riserva: non si tratta per di scetticismo:
lo scettico:
- dubita per dubitare
- affetta irresoluzione nel giudizio
CARTESIO invece:
- ha lintenzione di cercare la certezza e
- la pone in esecuzione:
via: scansare la sabbia per trovare la
roccia
termine: scoperta alla luce di:
ragionamenti chiari e sicuri
della falsit e incertezza; per
lo meno si ha la certezza della
incertezza delle opinioni
materiale empirico utilizzabile
nelle costruzioni seguenti
Esercizio del metodo:
- in s:
in genere
in particolare: lapplicazione:
alle matematiche
ad altre scienze ridotte alla matematica
- progressi: perseveranza nel proposito (metodo) pi utile che leggere libri o frequentare
persone dotte

17
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

7. Da che cosa fu indotto a cercare i fondamenti della sua nuova filosofia

Astensione da una presa di posizione:


- Tempo passato senza pronunciarsi:
n riguardo alle questioni discusse tra i dotti
n riguardo ai fondamenti di una filosofia pi certa di quella comune
- Motivo: la difficolt derivante dallesempio dei pensatori precedenti
Presa di posizione:
- Motivo:
in s: correva voce che Cartesio fosse gi riuscito nellimpresa
causa della voce diffusasi: forse nei discorsi di Cartesio stesso:
non per essersi vantato di qualche dottrina
ma per aver espresso pi candidamente la sua opinione e fatto vedere
le ragioni di dubitare di cose che altri ritengono certe3
- Stimolo alla ricerca (onest intellettuale): mostrarsi degno della sua reputazione; si
ritira dallesercito in un paese pacificato dove trova pace, tranquillit (ciascuno cura
gli affari propri lasciando in pace gli altri), comodit (come nelle citt pi
frequentate) e solitudine (come nei deserti pi remoti).

Il motivo per il quale si era diffusa la voce che Cartesio era riuscito nellimpresa era che aveva espresso pi
candidamente la sua opinione e fatto vedere le ragioni di dubitare di cose che altri ritengono certe.

18
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

PARTE QUARTA
-12/1Dimostrazione di Dio 4 e dellanima umana, ossia dei fondamenti della metafisica.

1. Il dubbio metodico nella ricerca della verit


Preoccupazione: meditazioni metafisiche e poco comuni; forse non saranno gradite a tutti
Decisione: son costretto a parlare:
- motivo: affinch ognuno possa giudicare se sono abbastanza ben fondati i principi posti
a base della mia filosofia
- distinzione:
razionalit pratica: nei costumi talvolta necessario adottare e seguire anche le
opinioni pi incerte come se fossero certissime
razionalit speculativa:
nella ricerca della verit necessario rigettare come interamente
falso tutto ci in cui potessi immaginare il menomo dubbio
effetto sperato: per vedere se, cosi facendo, alla fine restasse qualcosa,
nella mia credenza, di assolutamente indubitabile

Dellesistenza di Dio.

19
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

2. Lesistenza del mondo esteriore e quella del proprio io: scoperta del principio primo
della filosofia

Esclusione di evidenze apparenti:


- a livello sensitivo:
motivo: i nostri sensi talvolta ci ingannano
principio: volli supporre che non c nessuna cosa che sia quale essi ce la fanno
immaginare
- a livello intellettivo:
raziocinativo:
motivo: molti cadono in abbagli e paralogismi ragionando anche intorno
ai pi semplici argomenti di geometria
principio: pensai che io ero soggetto ad errare come ogni altro e respinsi
come falsi tutti i ragionamenti che avevo preso sin allora per
dimostrazioni
intellettivo sensu stricto (pensieri):
motivo: gli stessi pensieri della vigilia tornano anche nel sonno
principio: mi decisi a fingere che tutto quanto era entrato nel mio spirito
non fosse pi vero della illusione dei miei sogni
Affermazione dellunica evidenza fondamentale:
- motivo: mentre volevo pensare falsa ogni cosa, bisognava necessariamente chio, che la
pensavo, fossi pur qualcosa
- principio: questa verit Io penso, dunque sono cos ferma e certa da resistere ad ogni
scetticismo; quindi giudicai di poterla accogliere come principio primo della mia
filosofia

20
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

3. Lessenza e lesistenza dellanima quella stessa dellio


Il cogito:
- astrazione:
possibile:
dal corpo
e dal mondo
impossibile:
dalla propria esistenza
- rivelazione del cogito: dal fatto stesso di dubitare delle altre cose seguiva nel modo pi
evidente e certo che io esistevo
Le conseguenze:
- cessare di pensare (ipotesi), anche supponendo lesistenza del mondo, sottrae il
fondamento alla certezza della propria esistenza 5
- conclusione:
sostanza:
lio una sostanza
essenza:
in s:
- secondo la sua natura : lio consiste solo nel pensare
- secondo le condizioni di esistenza:
indipendente dal luogo
indipendente da ogni cosa materiale
rispetto al corpo lio costitutivo delluomo (= anima):
- distinto interamente dal corpo
- pi facilmente conosciuto (non cesserebbe di essere tutto ci
che , anche se il corpo non esistesse)

-13/2-

Qui abbiamo il tipico errore di fondo dellidealismo cartesiano: cessare di pensare toglie la certezza della propria
esistenza, ma non lesistenza stessa. Un conto la certezza o il pensiero di esistere, un conto lesistere. Io esisto anche
se non penso. Da questo errore cartesiano nasce quella che sar la concezione idealistica della persona, per la quale sono
persone solo quelle che hanno la certezza di essere.

21
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

4. Il nuovo criterio di verit

Proposta del problema: considerai quel che si richiede in generale perch una proposizione sia
vera e certa
Soluzione:
- Il fatto gi accertato:
esistenza di una proposizione vera e certa: ne avevo trovata una
convinzione: che sapevo essere tale (cio vera e certa)
- La ricerca del criterio:
principio: analisi della proposizione vera e certa gi trovata per scoprire qual il
fondamento della sua verit e certezza: Notai allora che in questa affermazione
io penso, dunque sono non ce nulla che me ne assicuri la verit, eccetto il
vedere chiaramente che per pensare bisogna essere
estensione a regola generale: giudicai di poter prendere per regola generale
il principio che le cose, le quali concepiamo in modo del tutto chiaro e
distinto, sono tutte vere
la difficolt nellapplicazione consiste solo nel ben determinare quali
sono quelle cose che noi concepiamo distintamente

22
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

5. Prove dellesistenza di Dio

a. Dallidea di perfezione

Partenza:
- riflessione sul fatto del proprio dubbio
- risultato:
constatazione:
conoscere pi perfetto del dubitare
in quanto dubito il mio essere non perfetto
domanda: donde ho appreso a pensare a qualcosa di pi perfetto
ch io non fossi. Evidenza: devessere una natura realmente
superiore alla mia
Soluzione:
- cose esterne: non fanno problema, perch sono meno perfette di me:
se vere, derivano da me come conoscente
se false, derivano dal nulla (dalla propria manchevolezza)
- idea dellessere pi perfetto del mio:
non viene dal nulla: ci manifestamente impossibile
viene da qualcosa:
non da me stesso, perch non si pu far dipendere il pi perfetto dal meno
perfetto
non da altro: tale idea stata messa in me da una natura realmente pi
perfetta di me e tale, anzi, che abbia in s tutte le perfezioni di cui io
potevo avere qualche idea, cio, per dirla con una parola sola, Dio

23
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

5. Prove dellesistenza di Dio


b. Dallimperfezione dellesistenza umana

Esistenza di Dio:
- affermazione:
constatazione: conoscevo delle perfezioni di cui ero privo
conclusione:
negativa: non sono lunico essere esistente
positiva: c un Essere pi perfetto:
- dal quale dipendo e
- dal quale ricevo tutto ci che ho
-

motivo:
ipotesi: se fossi solo e indipendente da ogni altro
conseguenze:
avrei da me ogni partecipazione di perfezione
avrei potuto darmi perfezioni infinite (tutto ci che mi mancava)
Idea di Dio:
- perfezioni semplici: idee che sono solo perfette sono tutte in Dio
- perfezioni miste: idee che contengono imperfezione non ci sono in Dio:
in s: sono idee che denotano qualche imperfezione
esempi:
nellambito del conoscere: dubbio, incostanza,tristezza, ecc., non sono
in Dio, perch dispiace anche a me averle
nellambito delle realt esterne:
- evidenza dalla distinzione corpo/conoscenza
- la composizione implica dipendenza e imperfezione:
quindi Dio del tutto semplice (puro conoscere) e
gli esseri corporei e le intelligenze imperfette
dipendono quanto al loro essere dalla potenza divina

-14/3-

24
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

5. Prove dellesistenza di Dio


c. Dalla coincidenza in Dio dellessenza con lesistenza

Prova ontologica:
- analogia con la geometria:
loggetto della geometria = corpo continuo:
spazio:
- indefinitamente esteso
- divisibile in parti
- parti suscettibili di figura e grandezza diversa
- parti suscettibili di moto in ogni direzione
la certezza soggettiva si fonda sul fatto che le conclusioni sono concepite con
evidenza secondo la regola del metodo senza evidenza delloggetto:
in s: si ha levidenza delle propriet di un soggetto, non della sua
esistenza
motivo: esempio del triangolo: la propriet di avere la somma di angoli
=180 fa parte della natura del triangolo, ma lesistenza non ne fa parte,
cos che potrebbe anche non esserci nessun triangolo
- applicazione allidea di Dio:
lesistenza compresa nellidea dellEssere perfetto, cosicch lesistenza di Dio
altrettanto (e pi) certa di ogni dimostrazione geometrica
conseguenza: Dio esiste proposizione evidente (analitica)
Difficolt:
- in genere:
motivo: si abituati a considerare tutto con limmaginazione, cosicch il non
immaginabile sembra essere non intelligibile
critica: vi sono cose (Dio, anima) intelligibili, eppure non immaginabili: chi
vuole immaginare lintelligibile come se volesse vedere con la vista il suono
- in particolare:
le cose esterne sono meno certe dellesistenza di Dio (hanno certezza morale e
non metafisica)
solo supponendo lesistenza di Dio (idea viva e precisa) lecito ammettere quella
del mondo (idee meno chiare)

25
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

5. Prove dellesistenza di Dio

d. Dal presupposto di verit della conoscenza e della ragione umana

Esistenza di Dio:
- criterio di verit = vero tutto ci che noi concepiamo in modo perfettamente chiaro e
distinto
- fondamento:
in s: criterio certo solo a condizione che 6
esistenza: Dio esiste ed
propriet:
essere perfetto
datore di tutto ci che in noi
conseguenze:
le nozioni provenienti da Dio nel contenuto reale, chiaro e distinto, sono
vere
le nozioni contenenti il falso sono tali, perch hanno qualcosa di oscuro e
di confuso e in ci partecipano del nulla
Garanzia di verit: la conoscenza di Dio e dellanima d la certezza della regola e supera il
dubbio dovuto a immaginazioni false che accadono soprattutto in sogno:
- le idee nel sogno:
se chiare e distinte (ad es. conclusione geometrica) sono sempre vere nonostante
si verifichino nel dormire
se erronee, lerrore dovuto ad unillusione dei sensi, che pu accadere anche in
stato di veglia (i malati ditterizia vedono tutto giallo, i corpi celesti ci appaiono
piccoli, ecc.)
- levidenza della ragione:
correzione del senso:
in particolare:
- del senso esterno (il sole visto chiaramente, eppure non per
questo va giudicato piccolo come appare)
- del senso interno (la chimera immaginabile, ma non da pensare
come esistente)
in genere: la ragione non dice che le sensazioni siano vere, ma solo che
hanno qualche fondamento vero
stato soggettivo preferibile per la conoscenza ovviamente la veglia

-15/46

Che Dio esista.

26
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010

-16Per un impegno presso la Universit degli anziani P. Tyn non potr svolgere la lezione su
la lettura del Discorso sul metodo i luned 20 e 27 febbraio (le lezioni riprendono invece
regolarmente il luned 5 marzo 1984 alle ore 16.40 ).
Agli studenti si propone il seguente tema di dissertazione (obbligatoria per gli studenti O.P.):
JACQUES MARITAIN nel suo saggio Cartesio ossia lincarnazione dellangelo (in: Tre
riformatori, Brescia, Morcelliana, 19795, p.97) scrive: Consideriamo le tre grandi note della
conoscenza angelica: intuitiva riguardo al modo; innata riguardo allorigine, indipendente dalle
cose riguardo alla sua natura. Troveremo, certamente traslate, ma non meno radicali e manifeste,
queste tre grandi note nella conoscenza umana secondo Cartesio.
Commentate questa affermazione in base alla Vostra lettura del Discorso sul metodo.

27
Testo dattiloscritto del Servo di Dio P.Tomas Tyn, OP Corso di Storia della filosofia presso lo S.T.A.B.
Testo rivisto da P.Giovanni Cavalcoli, OP Revisione terminata il 27.8.2010