Sei sulla pagina 1di 17

Leconomia del

Friuli Venezia Giulia

Aggiornamento
Congiunturale
e aspetti strutturali
Dipartimento di Scienze Economiche
Polo Economico-Giuridico di Udine
18 novembre 2014

Leconomia del
Friuli Venezia Giulia

Leconomia reale

Sommario
1. Lindustria
2. Il commercio con lestero
3. Costruzioni e mercato immobiliare
4. I servizi
5. Il mercato del lavoro
6. Il 9 Censimento

Lindustria: le vendite
Lieve ripresa della
domanda estera
rivolta allindustria
regionale
gen.-set. 2014: + 3,2%

Vendite delle imprese industriali


(indici 2007=100; dati trimestrali destagionalizzati)

110

110

100

100

90

90

80

80

70

70

- Estere: + 5,2%
- Interne: - 0,3%
2013:- 2,8%
3 Trimestre
60

Tendenziale: + 2,6 %
Congiunturale: - 1,0 %

60
2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

'14

Fonte: elaborazioni su dati Confindustria FVG.

Lindustria: la produzione industriale


La produzione ha seguito
landamento della
domanda
crescendo in termini reali
del 3,5 % nei primi tre
trimestri dellanno
rispetto al
corrispondente periodo
dellanno precedente

Produzione delle imprese industriali


(indici 2007=100; dati trimestrali destagionalizzati)
110

110

100

100

90
... ritornando sui livelli di
met 2012, e circa 10 p.p.
al di sotto del picco
80
ciclico raggiunto tra il
2007 e il 2008.

2013: - 2,4%
3 Trimestre
Tendenziale: + 2,6 %
Congiunturale: - 0,6 %

90
80

70

70

60

60
2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

'14

Fonte: elaborazioni su dati Confindustria FVG.

La situazione economica e finanziaria delle imprese


(industria e servizi)
Indagine Banca dItalia su 158 aziende con almeno
20 addetti (aprile 2014)
avevano previsto investimenti in termini nominali in
calo del 7,5 %
tra quelle contattate a fine estate circa la met ha
rispettato i programmi di spesa, a fronte di un terzo
che li ha rivisti ulteriormente al ribasso.
La quota di imprese che nel 2015 prevedono un
aumento della spesa per investimenti fissi rispetto
allanno precedente prevale lievemente su quella
degli intervistati che si attendono un calo.

Segnali
Dallindagine della Banca dItalia (settembre/ottobre
2014) presso oltre 100 imprese industriali con pi di
20 addetti con sede in regione emergono tendenze
diversificate sul fatturato nei primi 9 mesi del 2014:
il 38 % ha indicato un calo, il 30 % un aumento;
le previsioni delle imprese per il mercato estero
risultano essere migliori ( 43 % in aumento, 28 % in
calo).
Le imprese si attendono un calo dei livelli
occupazionali per la fine del 2014 (29 % in calo, 21 %
in aumento).

Il commercio con lestero (1)


Dopo il forte calo nel 2012 ( -8,8 %) e la
stagnazione del 2013 (-0,6 %), le esportazioni
nel primo semestre del 2014 hanno ripreso
ad aumentare (performance meno
favorevole rispetto alla media del Nord Est e
dellItalia)

1 Semestre 2014: + 0,9 %


- Nord Est: + 3,4 %

Esportazioni per area territoriale


(dati semestrali; indici: 2008 - I semestre=100)

110

110

100

100

90

90

- Italia: + 1,3 %
Andamento per area di destinazione:
Paesi della UE (57%): + 0,1 %
Area Euro (41%) : - 0,6 %
- Germania (15%) : + 8,1%
Paesi extra UE: +2,1 %

80

80

70

70

II
2010

II
2011

Friuli Venezia Giulia

- Africa e America Latina Stati Uniti

II
2012

II
2013

Nord Est

Fonte: elaborazioni su dati Istat.

I
2014
Italia

Il commercio con lestero (2)


Esportazioni per area territoriale
(dati semestrali; indici: 2008 - I semestre=100)

Fonte: elaborazioni su dati World Trade Monitor del Netherlands Bureau


for Economic Policy Analysis e Istat. (2) FVG al netto della cantieristica

Il commercio con lestero (3)


1 Semestre 2014: + 0,9 %

(+3,7 % al netto della cantieristica)

Andamento per settore:

Macchinari e app.: +5,1 %

Metalli di base e prodotti in metallo: +5,4 %

Mobili: + 3,5%

Alimentari: + 9,2 %

Apparecchi elettrici: 3,9 %

Cantieristica: -21,3 %

Fonte: elaborazioni su dati Istat.

Le costruzioni e il mercato immobiliare


Secondo lindagine
congiunturale di
Unioncamere FVG nel
primo semestre del
2014 i livelli di attivit 7.000
delle aziende edili si
sono ridotti del 5,7 % 6.000
(-14,8 % nel 2013)..
. secondo i dati OMI
nello stesso periodo il
numero di transazioni
di immobili
residenziali in Friuli
ha ripreso a diminuire
(-3,3 %, dopo essere
rimasto stabile (nella
media del 2013: -0,5
%).

Transazioni di abitazioni (1)


(unit)

7.000
6.000

5.000

5.000

4.000

4.000

3.000

3.000

2.000

2.000

1.000

1.000

I II I II I II I II I II I II I II I II I
2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 '14

(1) I dati sulle transazioni immobiliari non comprendono i comuni delle province di
Trieste e Gorizia e 14 comuni della provincia di Udine dove vige il sistema del
catasto tavolare. Fonte: elaborazioni su dati OMI dellAgenzia delle Entrate

I servizi
Commercio al dettaglio (Unioncamere FVG): vendite al dettaglio -1,1% I sem. 2014
Movimprese: numerosit -1,2 % I sem. 2014
Immatricolazioni di autovetture: si interrompe la serie di cali iniziata nel 2010 +9,6%
(gen.- ago.)
Trasporti: continua, ma in rallentamento, la crescita dei traffici nel porto di Trieste
Container di merci (in TEU) porto di TS: 359 mila +2,8% (gen.- set.)
Traffico veicoli pesanti su autostrada: + 2,9% (gen.-lug.)
Passeggeri dellaeroporto FVG: -16,0% (gen.-set.)
Presenze turistiche (Agenzia regionale per lo sviluppo del turismo in FVG): nel
primo semestre presenze stabili, -3% in quelle italiane, compensate da un pari
incremento di quelle straniere
Fatturato delle aziende turistiche (Unioncamere FVG): -1,2 % I sem. 2014

Il mercato del lavoro (1)


Occupazione

Continuano le difficolt sul


mercato del lavoro
Nonostante laumento degli
occupati: +0,8%

(dati semestrali; migliaia di persone e valori percentuali)


570

Nord Est: +0,3%

550

Italia: -0,5%

530

il tasso di disoccupazione
ulteriormente cresciuto
7,9% (7,8% nel I sem. 2013)

510

490

(femminile 9,1%, maschile


7,0%)

II

2008

II

2009

forze di lavoro

II

2010
occupati

II

2011

II

2012

2013

I
2014

tasso di disoccupazione (1)

Forze di lavoro: +0,9%


Tasso di attivit: 69,3% (68,1%
nel I sem. 2013)

II

Fonte: elaborazioni su dati Istat

Il mercato del lavoro (2)


La dinamica degli occupati e delle forze di lavoro interpretabile alla luce
dellincremento degli avviamenti al lavoro
Secondo i dati forniti dallOsservatorio sul mercato del lavoro della
Regione autonoma FVG nel I sem. 2014 gli avviamenti al lavoro,
(esclusi i lavori domestici ed intermittenti) sono cresciuti del 4,3 %
Gli avviamenti parasubordinati e somministrati sono pari a circa il 30 % del
totale
Gli avviamenti a tempo determinato sono il 55 % del totale, gli interinali
pesano per 20%; le assunzioni a tempo indeterminato si sono ridotte al
9,1 % del totale (poco meno dell11% nel I sem. 2013).

Il mercato del lavoro (3)


CIG: Nel primi nove mesi del
2014 le ore autorizzate
hanno raggiunto un
nuovo
massimo
(+16,2%)
Settori:
legno
(+8,1%),
edilizia
(+0,3%)
e
meccanica
(-+26,1%)
pesano per quasi i due
terzi degli interventi

Cassa integrazione guadagni e ingressi in mobilit


(dati semestrali; milioni di ore autorizzate e migliaia di lavoratori)
18

2,8

15

2,4
2,0

12

1,6
9
1,2
6

0,8

0,4

0,0
I

Licenziamenti collettivi con


corresponsione
di
indennit
:
2.500
lavoratori nel I sem.
(+37%)

II

2008
ordinaria

II

2009

II

2010

straordinaria

II

2011
deroga

II

2012

II

2013

I
2014

mobilit - L. 223/91 (1)

Fonte: elaborazioni su dati Inps e Osservatorio sul


Mercato del lavoro della Regione autonoma FVG

Il 9 Censimento
459 mila addetti nelle unit produttive del FVG (-12 mila rispetto al 2001)
(+ 12 mila servizi; -21 mila manifattura)

Il 9 Censimento
Cos successo negli 11 sistemi locali del lavoro della regione?