Sei sulla pagina 1di 1

Mentre ardea conta me questo quasi tacito e coperto fuoco,

si divulg per l'imprudenza di pochi un sonetto,


che il mio zelo pel Pisani, e pi l'amor di patria,
cavato m'aveva dalla penna in una occasione, in cui gli fu preferito,
ne concorso di pubblico importantissimo uffizio,
uno de' pi servili personaggi de' cos detti grandi.
Ecco, signori veneziani,la vera causa per cui mi band la mia patria!
Veritas odium parit, e quello, ch'io dissi, non fu solo vero,
ma fu profezia!
Povero Pisani,
Veritas odium parit
e quel sonetto, scritto per te e per l'amor di patria,
aim diffuso in pochi giorni nei caff e nei casini,
declamato a memoria, tra il riso oltraggiante,
dalle mogli (nostre amanti) de' parruconi,
quel sonetto fu profezia, signori veneziani, fu la vera causa del mio esilio.
Metve nel pensiero
che questa xe repubblica comun,
e che la xe de tuti e de nessun:
che se ghe xe qualcun
che se lamenta, el ga razon de farlo,
perch de tutto voressi spogiarlo.
I lo voria far mulo,
i ghe voria cavar la nobilt.
E mandarlo a Madras o al Canad,
ch paura ghe fa
el cor da citadin, la lengua sciolta,
la testa dreta e la vilt sepolta.
Pens megio una volta.
Vard, perdio! La patria sconquassada
dala vostra superbia buzarada,
pens manco a l'entrada,
al fumo dele case, a' gradi e a l'oro,
e pi al ben de la zeca e a quel del fro.
Moder un tantinin
La vogia d'esser soli i savi e i doti,
e lassve corezer dei stramboti.
Segond i primi moti
del vostro cor, quando i ve dixe el vero,
n vard che vel diga Alvise o Piero.
Metve nel pensiero
che questa xe repubblica comun,
e che la xe de tuti e de nessun:
che se ghe xe qualcun
che se lamenta, el ga razon de farlo,
perch de tutto voressi spogiarlo.