Sei sulla pagina 1di 3

STORIA

Quando il denaro manca e spiana la strada alla guerra


LA GRANDE CRISI DEL 29

Il potere del denaro sta nellinfiltrarsi nelle strutture culturali e sociali non solo quando c,
anzi proprio la sua mancanza ad innescare i processi pi inattesi e, troppo spesso, distruttivi.
Lultima tappa di questo mio percorso la grande depressione del 1929. Essafu una drammatica
crisi economica che sconvolse l'economia mondiale con gravi ripercussioni durante i primi anni del
decennio successivo. L'inizio della grande depressione associato con la crisi del New York Stock
Exchange (borsa di Wall Street) avvenuta il 24 ottobre del 1929 (gioved nero). Il crollo della borsa,
piuttosto che la causa della crisi, fu il segnale
della depressione. La crisi aveva origini
lontane, vi aveva concorso seriamente lo
sconvolgimento
che,
nelle
relazioni
economiche,
monetarie,
e
finanziarie
internazionali, aveva prodotto la prima guerra
mondiale.
Alle gravi perdite di vite umane e di
ricchezza provocate dalla guerrasi erano
aggiunti:
1) il collasso politico dellImpero asburgico,
con il sorgere dalle sue ceneri di numerosi
altri stati, che non avevano tardato a
imboccare
la
strada
di
politiche
protezionistiche, e quindi limitatrici degli
scambi
internazionali;
Gente disperata riversata nelle strade durante il gioved nero
2) la rivoluzione russa (con la conseguente
esclusione delleconomia sovietica dai liberi
traffici
mondiali);
3) il collasso economico della Germania, cui il trattato di Versailles aveva imposto il fardello del
riconoscimento dei debiti di guerra e del pagamento delle riparazioni.
Il fallimento dei tentativi iniziali di trovare soluzioni comuni sul piano internazionale, spinse
da una parte tutti i paesi a introdurre misure protezionistiche e a creare "aree economiche chiuse",
dall'altra i governi furono indotti a sperimentare su vastissima scala forme di partecipazione diretta
dello Stato alla vita economica nazionale. Gli Stati svolsero cos funzioni imprenditoriali
(ricorrendo alla spesa pubblica come elemento strutturale e centrale della dinamica economica
nazionale) e previdenziali (con l'attivazione di misure legislative di sicurezza sociale), come
avvenne negli Stati Uniti col New Deal di Roosevelt
Le ripercussioni sociali della crisi furono sconvolgenti: i contadini, ridotti in miseria, diedero
inizio a vasti flussi migratori; Banche in difficili estreme da creare difficolt anche nei prestiti.

La crisi fuori dagli USA

La grande crisi si propag rapidamente fuori dagli USA e i primi furono tutti quei paesi che
avevano stretti rapporti finanziari con gli Stati Uniti, a partire da quelli europei che si erano affidati
all'aiuto economico degli americani dopo la Prima guerra mondiale, ovvero Gran Bretagna e
Austria, dove il ritiro dei prestiti americani fece saltare il complesso e delicato sistema delle
riparazioni di guerra, trascinando nella crisi anche Francia e Italia.

In tutti questi paesi si assistette a un drastico calo della produzione seguito da diminuzione dei
prezzi, crolli in borsa, fallimenti e chiusura di industrie e banche, aumento di disoccupati (12
milioni negli USA, 6 in Germania, 3 in Gran Bretagna), il tutto aggravato anche dall'introduzione di
misure protezionistiche come freno al libero scambio nel sistema economico globale.

Va notato che la crisi non colp l'economia dell'URSS, la quale in quegli anni aveva inaugurato il
suo primo piano quinquennale con l'obiettivo di creare una base industriale moderna. Restarono
inoltre immuni dalla crisi anche il Giappone - che affront la crisi (inclusa la guerra) con misure
inflazionistiche - e i Paesi scandinavi che, in quanto esportatori di particolari materie prime, non
risentirono della riduzione della domanda dei loro prodotti.

Nel 1931 la Gran Bretagna abbandon il gold standard, imitata subito dai paesi scandinavi. Nel
1934 sterlina e dollaro vennero fortemente svalutati.

Infine in Germania la crisi, provocando milioni di disoccupati, forn la base di consenso per portare
il nazismo al potere: condizione necessaria per lo scatenarsi della seconda Guerra Mondiale.