Sei sulla pagina 1di 2

RIASSUNTO REGOLE LETTURA EBRAICO

Sillabe
Ogni sillaba inizia per consonante (mai per vocale o due consonanti)
Ogni sillaba contiene una vocale
Ogni consonante perci seguita da vocale o sewa
Sillabe aperte: terminano in vocale; di solito lunga, ma pu essere
breve se la sillaba accentata
Sillabe chiuse: terminano in consonante; di solito breve, ma pu
essere lunga se la sillaba accentata
Sillaba acuta: termina con una consonante con dage forte (e si
divide in due)
Sewa: vocale brevissima e perci non fa sillaba; ossia: lo sewa
semplice non si pronuncia e non viene trascritto e chiude una sillaba;
le consonanti con sewa semplice mobile o sewa composto si
uniscono alla sillaba seguente (ci deve essere almeno una vocale vera
per sillaba); in sillaba finale alla precedente, ma non fanno mai
sillaba a s.
Qames hatuf
Si legge sempre aa tranne che:
In sillaba chiusa atona
Davanti a hatef qames
Nella prima sillaba delle due voci: qodasim, sorasim
Dage
Pu essere lene o forte
Lene: serve a trasformare in esplosivo il suono delle begadkefat; ha
questa funzione quando non preceduto da vocale o semivocale (
preceduto da consonante o sewa semplice/muto)
Forte: se preceduto da vocale o semivocale (sewa) raddoppia il
suono che in questo caso pronunciato sempre esplosivo

Sewa
Quando c una consonante senza vocale, siccome non possono esserci
due consonanti consecutive, si usa il simbolo : (sewa).
Semplice: quiescente (silenzioso e non si trascrive) quando viene
dopo una vocale breve (finisce o chiude una sillaba); vocale
(mobile) e si pronuncia come una brevissima e (semivocale e non fa
sillaba) quando preceduta da vocale lunga (quando cio inizia una
sillaba) accentata (altrimenti no).
Attenzione se c metegh come se iniziasse una nuova sillaba!
Si legge anche sotto la prima di due consonanti uguali, dopo un altro
sewa, sotto una consonante doppia con dages forte
Composto: sono semivocali ottenute da combinazione tra sewa e
alcune vocali.
Mater lectionis
Attenzione alle semiconsonanti in fine di parola, quando servono solo per
allungare vocale e non vanno trascritte (mappiq); anche la alef ha questa
funzione e alla fine di sillaba si trascrive anche se quiescente.