Sei sulla pagina 1di 28

Capitolo 1: Integrali impropri

Motivazione: estendere lintegrale di


Riemann

b
a
f(x)dx `e denito per funzioni f
denite su [a, b] LIMITATO
LIMITATE su [a, b]
Vogliamo generalizzare la denizione di integrale (e
il calcolo di integrali) al caso di
intervallo di integrazione ILLIMITATO (a, b),
funzione f ILLIMITATA su (a, b)
funzione illimitata su intervallo illimitato
Otterremo la nozione di integrale improprio (o
generalizzato).
Typeset by FoilT
E
X 1
CASO (I): integrali impropri su intervalli limitati
Estendere la nozione di integrale a funzioni illimitate
denite su intervalli limitati.
Esempio: f : (0, 1] R, f(x) =
1
x
:

1
0
1
x
dx????
Tipicamente: funzioni f : (a, b] R, illimitate in
un intorno destro di a: si dice anche che f ha una
singolarit`a in a.
Sia f : (a, b] R .
Denizione: Diciamo che f `e localmente integrabile
se `e integrabile secondo Riemann su [c, b] c (a, b].
Typeset by FoilT
E
X 2
Denizione: integrale improprio su intervalli
semiaperti a sinistra
Sia f : (a, b] R localmente integrabile.
Se esiste nito il limite
lim
ca
+

b
c
f(x) dx
si dice che f `e integrabile in senso improprio su
(a, b] e si pone

b
a
f(x) dx = lim
ca
+

b
c
f(x) dx.
integrale improprio di f su [a, b].
Se il lim
ca
+

b
c
f(x) dx esiste ma non `e nito,
si dice che lintegrale improprio di f su (a, b] `e
divergente, oppure che f non `e integrabile in senso
improprio.
Typeset by FoilT
E
X 3
Se il lim
ca
+

b
c
f(x) dx NON esiste, si dice che
lintegrale improprio di f su (a, b] `e oscillante.
Typeset by FoilT
E
X 4
Integrale impropri su intervalli semiaperti a
destra
Esempio: considero ln su [
1
2
, 1)

2
1/2
1
ln(x)
dx????
Tipicamente: funzioni f : [a, b) R, illimitate in un
intorno sinistro di b (f ha una singolarit`a in b).
Denizione: Sia f : [a, b) R localmente
integrabile su [a, b) (cio`e integrabile secondo Riemamm
su [a, c] per ogni c [a, b)).
Se esiste nito il limite
lim
cb

c
a
f(x) dx
si dice che f `e integrabile in senso improprio su
[a, b) e si pone

b
a
f(x) dx = lim
cb

c
a
f(x) dx.
Typeset by FoilT
E
X 5
Se il lim
cb

c
a
f(x) dx esiste ma non `e nito,
si dice che lintegrale improprio di f su [a, b) `e
divergente, oppure che f non `e integrabile in senso
improprio.
Se il lim
cb

c
a
f(x) dx NON esiste, si dice che
lintegrale improprio di f su [a, b) `e oscillante.
Osservazioni:
le denizioni sono costruite a partire dagli integrali

b
c
f(x) dx o

c
a
f(x) dx, che sono ben deniti come
integrali di Riemann (f `e localmente integrabile).
se f : [a, b] R `e integrabile secondo Riemann,
f `e anche integrabile in senso improprio e i due
integrali coincidono.
Typeset by FoilT
E
X 6
Sia f : [a, b] R, x
0
(a, b) punto interno, f
non limitata nellintorno di x
0
. Si dice che f `e
integrabile in senso improprio in [a, b] se
f `e integrabile in [a, x
0
) E
f `e integrabile in (x
0
, b]
e si pone

b
a
f(x) dx :=

x
0
a
f(x) dx +

b
x
0
f(x) dx.
Si estende questa denizione al caso di funzione
illimitata nellintorno di pi` u punti x
1
, x
2
, , x
n
in
[a, b].
Typeset by FoilT
E
X 7
Esempio: f : (0, 1] R f(x) =
1
x

, con > 0.
1. lim
x0
+
1
x

= +, quindi non `e denito lintegrale


di Riemann di f.
2. f `e localmente integrabile su (0, 1], infatti c
(0, 1]
f `e continua su [c, 1] Riemann-integrabile su [c, 1]
3. Si ha

1
c
f(x) dx =

1
c
x

dx
=

1
1
x
1
|
1
c
=
1
1
(1 c
1
) se = 1
log c se = 1
4. Allora
lim
c0
+

1
c
f(x) dx =

1
1
se < 1
+ se 1
Typeset by FoilT
E
X 8
quindi

1
x

`
E integrabile in senso improprio su (0, 1] se
< 1

1
x

NON
`
E integrabile in senso improprio su (0, 1]
per 1.
Per esempio:
f(x) =
1
x
2
NON
`
E integrabile in senso improprio su
(0, 1]
f(x) =
1

x
`
E integrabile in senso improprio su (0, 1]
Typeset by FoilT
E
X 9
CASO (2): integrali impropri su intervalli
illimitati
Denizione: semirette inferiormente limitate Sia
f : [a, +) R:
f `e localmente integrabile su [a, +) se per ogni
c > a f `e Riemann-integrabile su [a, c]
Supponiamo che f sia localmente integrabile su
[a, +).
- Se esiste nito il limite
lim
c+

c
a
f(x) dx
allora si dice che f `e integrabile in senso improprio
su [a, +) e si pone

+
a
f(x) dx = lim
c+

c
a
f(x) dx.
- Se il limite esiste, ma non `e nito, allora f ha
integrale improprio divergente su [a, +).
Typeset by FoilT
E
X 10
- Se il lim
c+

c
a
f(x) dx NON esiste, si dice che
lintegrale improprio di f su [a, +) `e oscillante.
Analoga denizione per f : (, b] R (semirette
superiormente limitate).
Typeset by FoilT
E
X 11
Esempio (I) Sia f(x) = e
x
su (, 0] .
Si ha

e
x
dx = lim
c

0
c
e
x
dx =
= lim
c
[e
x
]
0
c
= lim
c
(1 e
c
) = 1.
Dunque f `e integrabile in senso improprio su (, 0].
Esempio (II) Sia f(x) = sin(x) su [0, +) .
Si ha

+
0
sin(x) dx = lim
c+

c
0
sin(x) dx =
= lim
c+
[cos(x)]
c
0
= lim
c+
(cos(c) + 1) .
Dunque lintegrale improprio di sin su [0, +)
`e oscillante
Typeset by FoilT
E
X 12
Esempio (III) Sia f(x) =
1
x

, > 0 su [1, +) .
Si ha

c
1
x

dx =

1
1
(1 c
1
) se = 1
log c se = 1
,
quindi
lim
c+

c
1
x

dx =

1
1
se > 1
+ se 1
.
Allora

1
x

`
E integrabile in senso improprio su [1, +) se
> 1

1
x

ha integrale improprio su [1, +) divergente per


1.
Typeset by FoilT
E
X 13
CASO (3): integrali impropri su intervalli aperti
`
E il caso pi` u generale: funzioni
possibilmente illimitate
denite su intervalli possibilmente illimitati
Esempio:

+
0
1
x
dx con I = (0, +)
si ha
lim
x0
+
1
x
= +
integriamo su una semiretta illimitata superiormente
Typeset by FoilT
E
X 14
La denizione di integrale improprio in questo
caso si ispira alla propriet`a di additivit`a dellintegrale
di Riemann: spezziamo

+
0
1
x
dx in

1
0
1
x
dx integrale improprio di prima specie su
(0, 1]

1
1
x
dx integrale improprio di seconda specie
su [1, +)
e studiamo la convergenza dei due separatamente
Typeset by FoilT
E
X 15
Denizione Sia f : (a, b) R con a, b R. Diciamo
che f `e
1.
localmente integrabile su (a, b)
se f `e Riemann-integrabile su ogni sottointervallo
[, ] di (a, b),con , R);
2. f `e integrabile in senso improprio su (a, b) se per
ogni c (a, b) si ha che f `e integrabile su (a, c] e
su [c, b):

b
a
f(x) dx =

c
a
f(x) dx +

b
c
f(x) dx.
Osservazione: Lintegrabilit`a di f non dipende dalla
scelta di c.
Typeset by FoilT
E
X 16
Esempi:
1. f(x) =
1
x
NON
`
E integrabile in senso improprio su
(0, +). Infatti

1
0
f(x) dx = + e

+
1
f(x) dx = +.
2. > 0 f(x) =
1
x

NON
`
E integrabile in senso
improprio su (0, +). Infatti, a seconda di come `e ,
si ha

1
0
1
x

dx = + o

+
1
1
x

dx = +
3. la funzione f : (0, +) R
f(x) =

1
x
1/3
se x (0, 1],
1
x
4
se x [1, +),
`e integrabile in senso improprio su (0, +), in quanto

1
0
1
x
1/3
dx < +e

+
1
1
x
4
dx < +.
Typeset by FoilT
E
X 17
Criteri di convergenza
Problema: stabilire se una funzione f denita su
I `e ntegrabile in senso improprio su [a, +), senza
calcolare il valore numerico dellintegrale.
Osservazioni:

`
E un problema ane allo studio del carattere di una
serie numerica: avremo criteri dello stesso tipo.
Enunciamo i criteri per integrali impropri su
semirette (per es., su [a, +)).
Gli enunciati si adattano anche a integrali impropri
su intervalli semiaperti (per es., su (a, b] per f
illimitata nellintorno di a)
Quindi `e OK anche caso generale di integrali
impropri su intervalli aperti (a, b), con a, b R.
Typeset by FoilT
E
X 18
Dora in poi: f : [a, +) R , localmente integrabile
su [a, +).
condizioni sucienti anche lim
c+

c
a
f(x) dx R .
1. Esistenza del limite. Proposizione: supponiamo
che f : [a, +) R sia positiva . Allora
lim
c+

c
a
f(x) dx = sup
c>a

c
a
f(x) dx [0, +].
Quindi

+
a
f(x) dx converge se e solo se
sup
c>a

c
a
f(x) dx < + .
Dimostrazione: Consideriamo la funzione integrale
F : [a, +) R
F(c) :=

c
a
f(x) dx, c [a, +).
Typeset by FoilT
E
X 19
Poiche f `e positiva, F `e non decrescente: per ogni
c
1
c
2
F(c
2
) =

c
2
a
f(x) dx =

c
1
a
f(x) dx +

c
2
c
1
f(x) dx

c
1
a
f(x) dx = F(c
1
).
Quindi lim
c+
F(c) = sup
c>a
F(c) [0, +].
studiamo integrali impropri di funzioni positive
tramite criteri.
Osservazione: fare il confronto con la teoria delle
serie: data (a
n
)
n
[0, +), la serie

n
a
n
`e convergente oppure divergente.
Teoria integrali impropri teoria delle serie
numeriche:
criteri per integrale improprio di funz. positive
criteri per carattere serie positive
Typeset by FoilT
E
X 20
Criterio del confronto Siano f, g : [a, +) R,
localmente integrabili con
0 f(x) g(x) x [a, +).
Se g `e integrabile in senso improprio sullintervallo
[a, +), allora lo `e anche f.
Dimostrazione: per il teorema del confronto
dellintegrale di Riemann,
0 f(x) g(x) x [a, +) implica che
F(c) =

c
a
f(t) dt

c
a
g(t) dt = G(c) c a.
Quindi,
se lim
c+

c
a
g(t) dt < +,
allora lim
c+

c
a
f(t) dt < +.
Typeset by FoilT
E
X 21
Criterio del confronto asintotico Siano f, g :
[a, +) R, localmente integrabili con f, g > 0.
Supponiamo che esista
lim
x+
f(x)
g(x)
= L.
Allora,
1. se L (0, +) , f `e integrabile in senso
improprio su [a, +) se e solo se g `e
integrabile in senso improprio su [a, +);
2. se L = 0 e g `e integrabile in senso improprio su
[a, +), allora lo `e anche f;
3. se L = + e g non `e integrabile in senso
improprio su [a, +), allora anche f non lo `e.
Typeset by FoilT
E
X 22
Il teorema di Mac Laurin mette in luce il fatto che la
teoria degli integrali impropri e la teoria delle serie sono
due facce della stessa medaglia.
Teorema di McLaurin Sia
f : [1, +) R positiva e decrescente in [1, +).
Allora
lintegrale improprio

+
1
f(x)dx e
la serie
+

1
f(n)
sono entrambi convergenti o entrambi divergenti.
Typeset by FoilT
E
X 23
Dimostrazione Poiche f `e decrescente, per n x
n + 1 si ha
f(n + 1) f(x) f(n)
e quindi (integrando fra n e n + 1)
f(n + 1)

n+1
n
f(x) dx f(n).
Sommando da 1 a k
k

n=1
f(n+1) =
k+1

n=2
f(n)

k+1
1
f(x) dx
k

n=1
f(n).
Passando al limite per k + si ottiene la tesi (le
due serie hanno lo stesso carattere perch`e dieriscono
per un termine).
Typeset by FoilT
E
X 24
Esempi fondamentali
Ecco una famiglia di integrali impropri noti, con i quali
fare il confronto.

1
0
x

dx =

1
1
se < 1
+ se 1

+
1
x

dx =

1
1
se > 1
+ se 1
.

+
2
1
x(log x)

dx =

(log 2)
1
1
se > 1
+ se 1
.

1/2
0
1
x| log x|

dx =

(log 2)
1
1
se > 1
+ se 1
.
Typeset by FoilT
E
X 25

1/2
0
1
x

| log x|

dx
=

converge se < 1, , oppure se = 1 e > 1


diverge in tutti gli altri casi
.
a > 1,

+
a
1
x

| log x|

dx
=

converge se > 1, , oppure se = 1 e > 1


diverge in tutti gli altri casi
.
Osservazione: per il teorema di Mac-Laurin, la serie
+

n=2
1
n

| log n|

ha lo stesso carattere di

+
a
1
x

| log x|

dx
Typeset by FoilT
E
X 26
Convergenza assoluta Diamo la denizione e i
risultati per integrali impropri su semirette. Risultati
e denizioni analoghe per integrali impropri su
intervalli semiaperti/intervalli aperti.
Denizione Sia f : [a, +) R localmente integrabile.
Diciamo che f `e integrabile assolutamente in senso
improprio se

+
a
|f(x)| dx converge.
Teorema: sia f : [a, +) R
localmente integrabile. Allora:
se |f| `e integrabile in senso improprio su [a, +),
anche f `e integrabile in senso improprio su [a, +)
e si ha

+
a
f(x) dx

+
a
|f(x)| dx.
Typeset by FoilT
E
X 27
Osservazione: Non vale il viceversa: per esempio

+
0
sinx
x
dx `e integrabile in senso improprio su (0, +),
mentre

+
0
| sinx|
x
dx = +.
Strategia: come per le serie numeriche, per
studiare lintegrabilit`a (in senso improprio) di f
conviene
studiare innanzitutto lintegrabilit`a (in senso
improprio) di |f|. Infatti, per lo studio di

+
a
|f(x)| dx `e possibile applicare i criteri per
gli integrali impropri di funz. positive.
Se si dimostra che

+
a
|f(x)| dx < +, allora si
ha che

+
a
f(x) dx converge.
MA, se

+
a
|f(x)| dx = +, allora non si
conclude nulla su

+
a
f(x) dx!!!
Typeset by FoilT
E
X 28

Potrebbero piacerti anche