Sei sulla pagina 1di 2

Convegno di studio Il servizio di reference nell'era digitale

Sezione Emilia-Romagna dell'Associazione italiana biblioteche (AIB)


Bologna, 1. dicembre 2000
Una scrivania virtuale per la ricerca giuridica
comunicazione di Carla Crivello
Abstract
Presentazione di un'interfaccia elettronica dinamica, ancora in fase di prodotto grezzo, il
cui obiettivo quello di facilitare l'utilizzo degli strumenti adeguati per la ricerca giuridica in
una biblioteca universitaria. Il convegno rappresenta l'occasione per la verifica della
validit del progetto. Nell'ipotesi di una sua valutazione positiva, l'interfaccia potrebbe
essere sviluppata e perfezionata adattandosi alle esigenze delle variegate situazioni
bibliotecarie.
Il perch di questo prodotto
L'interfaccia elettronica (1), ancora in fase di prodotto grezzo per le considerazioni che
verranno esposte brevemente in questa comunicazione, stata sollecitata dall'esigenza di
facilitare l'utilizzo adeguato dei principali strumenti da parte degli studenti, soprattutto
laureandi, che si rivolgono al servizio assistito di consultazione degli archivi elettronici
nella biblioteca in cui opero. L'aver titolato The lab l'interfaccia deriva dallo stile del servizio
in cui germinato: oltre all'assistenza citata, si cerca di favorire lo scambio di abilit e la
circolazione di notizie utili. Le costanti difficolt osservate nelle strategie di reperimento
delle informazioni da parte di studenti e laureati, sono riconducibili oltre che alla mancanza
di formazione (2):
alla crescita esponenziale delle fonti informative;
al costante aumento del numero di siti, portali, censimenti di risorse e di manuali,
guide, documentazione varia allegata su supporto cartaceo.
La difficolt nel muoversi in quest'ultima categoria di strumenti, peraltro indispensabile per
l'aggiornamento e l'approfondimento, consiste paradossalmente proprio nel dare per
scontato che il "principiante-ricercatore" sappia gi orientarsi nella individuazione delle
tipologie di strumenti pi adeguate e nella scelta al loro interno.
Scrivania tradizionale e scrivania virtuale
Se osserviamo la scrivania ottimale di un "ricercatore" tradizionale, troveremo su di essa
disposti in sequenza arbitraria - per chi osserva, ma non per il soggetto che li utilizza - gli
strumenti fondamentali per la ricerca in corso, a cui verr aggiunta o sostituita la
documentazione pertinente durante il processo conoscitivo.
Analogamente si cercher di disporre su una scrivania virtuale per n "principianti-
ricercatori" varie tipologie di strumenti, selezionati per quanto riguarda la quantit e
l'attendibilit delle fonti, disposti per in sequenza lineare con istruzioni o sistemi di aiuto
attivabili su richiesta.
bisogna abbandonare la visione tradizionale secondo la quale un principiante inizia da casi specifici
e, quando diventa pi abile, astrae e interiorizza regole sempre pi sofisticate [] l'acquisizione di
abilit si muove nella direzione esattamente opposta: dalle regole astratte a casi particolari. A quanto
pare, un principiante costruisce inferenze usando regole e fatti proprio come un computer
programmato euristicamente, ma con il talento e molta pratica il principiante si trasforma in un
esperto che intuitivamente capisce cosa fare senza applicare regole [] Se si domandano agli
esperti le regole, li si obbliga a regredire al livello di principianti per indicare le regole che ricordano
ancora ma non usano pi (3) [trad. di chi scrive].
Principianti ed esperti: alcuni esempi
Al principiante verr indicato il percorso lineare per la ricerca di documenti (OPAC locali,
nazionali, Metaopac nazionali, Multiopac internazionali, ecc.), l'esperto pu svincolarsi da
questa sequenza e puntare direttamente all'OPAC pi adeguato, per esempio in funzione
del tipo di documento, oppure dopo alcuni vani tentativi pu far ricorso al controllo
bibliografico consultando bibliografie, cataloghi editoriali, repertori.
Al principiante va indicato per quali interrogativi preferibile utilizzare un motore di ricerca,
l'esperto intuir quando farvi ricorso e di quale motore avvalersi.
Il principiante nel ricercare giurisprudenza in merito a una determinata problematica
inizier le sue ricerche dalle raccolte generali di giurisprudenza, l'esperto sapr quando
indirizzarsi alle raccolte mirate privilegiando quelle ufficiali.
Il principiante nel localizzare delle riviste citate in abbreviazione o in sigla, tenter di
cercarle in queste forme oppure azzarder dei completamenti, l'esperto consulter innanzi
tutto gli Index adeguati per il recupero dei titoli completi.
Obiettivo della presentazione a questo convegno
Questo convegno rappresenta un'occasione di critica e verifica della valenza didattica
della progettazione di una scrivania virtuale per la ricerca giuridica nell'ottica delle
considerazioni sommariamente suesposte. L'interfaccia, opportunamente sviluppata e
perfezionata da un gruppo di lavoro che esprima le varie competenze, potrebbe essere
adattabile alle esigenze delle variegate situazioni bibliotecarie.
Note
(1) Ideazione e sviluppo grafico di Ivan Tosco, ex studente "150 ore" presso il servizio.
(2) Offerta per es. nei seminari ad hoc e nei brevi corsi che dal 1995 la Facolt di
giurisprudenza organizza.
(3) H. L. & S. E. Dreyfus, Mind over machine. The power of human intuition and expertise
in the era of the computer. Oxford, Blackwell, 1986, p. 108.