Sei sulla pagina 1di 18

Esonero II.....................................................................................................................

3
VI. I gruppi di pressione................................................................................................3
Funzione dei gruppi di interesse......................................................................................3
gruppi di interesse generale e gruppi di interesse speciale.......................................................3
Effetti positivi di un assetto pluralistico.............................................................................3
critica della teoria pluralista..........................................................................................3
sistema neocorporativo.................................................................................................3
Confronto fra i sistemi..................................................................................................4
contesto economico-sociale e politico più favorevole allo sviluppo di assetti neocorporativi...............4
Aspetti positivi e negativi di una regolazione neocorporativa degli interessi..................................5
VII. I partiti politici.....................................................................................................5
Definizione di partito politico.........................................................................................5
Come distinguere il partito politico da un gruppo di interesse? [tbw]...........................................5
funzioni dei partiti politici.............................................................................................5
partiti di notabili e partiti di massa..................................................................................6
la legge ferrea dell’oligarchia di Michels............................................................................6
trasformazioni del partito di massa ..................................................................................6
tipologia dei sistemi di partito di Sartori............................................................................7
pluralismo centripeto [tbw]............................................................................................8
VIII, IX. Elezioni, parlamenti e rappresentanza....................................................................8
meccanismi elettorali in un arco temporale di lungo periodo [tbw].............................................8
criteri di delimitazione dell’unità territoriale......................................................................8
sistemi maggioritari, proporzionali e misti..........................................................................9
Vantaggi, svantaggi e correttivi dei sistemi maggioritari e proporzionali.....................................10
Valutazioni dell’impatto dei meccanismi elettorali sui sistemi di partito [tbw].............................10
tesi di Duverger........................................................................................................10
tesi di Sartori...........................................................................................................10
definizione del parlamento democratico...........................................................................11
concetto di rappresentanza democratica in Pitkin................................................................11
Caratteristiche del parlamento policentrico.......................................................................11
Caratteristiche del parlamento avversariale.......................................................................11
Attività e funzioni (tradizionali e attuali) dell'istituto parlamentare..........................................11
X. I governi ............................................................................................................12
Le funzioni del governo democratico ...............................................................................12
sviluppi quantitativi e qualitativi....................................................................................12
Le forme di governo...................................................................................................12
gov. presidenziale, e gov. parlamentare...........................................................................13
stabilità dei governi...................................................................................................14
strategie di coalizione.................................................................................................14
grado di autonomia del governo dai partiti .......................................................................14
XI, XII. Burocrazie e politiche pubbliche ..........................................................................14
La burocrazia nella vicenda dello stato moderno ................................................................15
I primi amministratori di professione nella sequenza storica delineata da Weber ..........................15
La burocrazia moderna come amministrazione del potere legale-razionale .................................15
burocrazia nel tipo ideale disegnato da Weber....................................................................15
critica sociologica del modello weberiano.........................................................................15
Merton...................................................................................................................15
Gouldner.................................................................................................................15
Selznick..................................................................................................................15
razionalità limitata (Simon)..........................................................................................15
incrementalismo (Lindblom)..........................................................................................15
Garbage Can (March e Olsen).........................................................................................15
lettura neoistituzionalista del fenomeno burocratico............................................................16
Limiti all'applicazione del principio di neutralità della burocrazia.............................................16
Limiti all'applicazione del principio di gerarchia..................................................................16
Principali indirizzi di riforma delle amministrazioni pubbliche.................................................16
La tipologia delle politiche pubbliche di Lowi.....................................................................16
fasi del processo di politica pubblica...............................................................................16
policy making e policy implementation.............................................................................16
spoils system e ruolo del political boss.............................................................................17
Riflessioni di Weber sul valore aggiunto di legittimazione incorporato nella formula presidenziale......17
Tre qualità decisive per l’uomo politico............................................................................17
Le due etiche della politica..........................................................................................17
Collegio uninominale......................................................................................................18
I collegi nei sistemi maggioritari puri...............................................................................18
I collegi nei sistemi maggioritari corretti...........................................................................18
I collegi nei sistemi proporzionali ...................................................................................18
Limiti e problematiche................................................................................................18
Esonero II

VI. I gruppi di pressione

Funzione dei gruppi di interesse


La funzione principale è l’articolazione degli interessi; cioè la formulazione di una domanda politica da
parte di gruppi o individui in forma o modalità molto diverse.
In Italia una modalità è rappresentata dall’articolazione particolaristica di tipo clientelare.

gruppi di interesse generale e gruppi di interesse speciale


i primi difendono l’interesse comune i secondi gli interessi parziali (avvantaggiano alcuni gruppi a danno di
altri).

Effetti positivi di un assetto pluralistico


Approccio realistico alla politica partendo dalla constatazione che i gruppi sono gli attori più rilevanti in
politica.
L’approccio pluralista definisce i gruppi come la normale forma di aggregazione degli individui e lo stato
come arbitro fra essi. (concezione della politica come mediazione).
equilibrio – fra spinte contrastanti favorisce la competizione che porta ad una mediazione avvicinandosi
cosi al “bene comune”
socializzazione – effetti della partecipazione educa all’integrazione, migliora la collaborazione e la
comunicazione; coesione sociale e reciproca fiducia (appartenenze multiple: appartenere a diversi gruppi:
appartenenze multiple
autonomia della società dallo stato – gli individui sono meno dipendenti dalle istituzioni pubbliche ed
esprimono la capacità della società di organizzarsi dal basso.

critica della teoria pluralista


Perché un gruppo si organizzi è necessario che vi siano degli “imprenditori” capaci di offrire risorse ai loro
potenziali membri.

fonte di ineguaglianza – alcuni interessi possono avere maggiori risorse di altri per organizzarsi, mobilitarsi
e quindi avere influenza. Così si può influenzare il governo a danno di altri
barriere all’entrata – le condizioni che facilitano l’organizzazione di alcuni interessi ostacolando quella di
altri (free-rider, incentivi selettivi: materiali e simbolici)

teoria dello scambio – analizza le interazioni fra i promotori dei gruppi di interesse e coloro che vi
aderiscono.

Da un punto di vista normativo:


interessi equivalenti dei gruppi – il governo è incapace di resistere alle pressioni esterne e di realizzare un
qualche bene collettivo; impedisce la pianificazione
aggressività – difesa dei particolarismi da rendere impossibile il raggiungimento di un “bene comune”

ridimensionamento del potere dei gruppi – sono nelle condizione di porre temi piuttosto che determinare
le soluzioni.

sistema neocorporativo

Un sistema di rappresentanza di interessi dove le unità costitutive sono organizzate in numero limitato di
categorie non competitive, strutturate gerarchicamente, differenziate funzionalmente, riconosciute, se
non organizzate dal governo, non competitive tra loro, che esercitano complessivamente il monopolio
della rappresentanza
In questo modello i contatti istituzionali fra i gruppi ed il governo sono frequenti ed efficaci. I gruppi
hanno spesso responsabilità nella realizzazione delle politiche e sono rari i contatti con i partiti, il lobbing
parlamentare, le azioni di protesta che caratterizzano i modelli pluralisti.

Confronto fra i sistemi

pluralista neocorporativo
Tipo di associazione Unità multiple Unità monopolistiche
Adesione volontaria Contribuzione non volontaria
Rapporti concorrenziali Sfere d’azione differenziate
Assenza di coordinamento Coordinamento gerarchico
gerarchico

Rapporto con lo stato Assenza di riconoscimento Presenza di riconoscimento


esplicito
Accesso differenziato secondo le Incorporazione struturata
circostanze
Alleanze mutevoli (scambio di Compromessi stabili (accordi
favori) complessivi)

contesto economico-sociale e politico più favorevole allo sviluppo di assetti neocorporativi


integrazione dei mercati internazionali
forti partiti socialisti
associazioni degli interessi ben strutturate

- associazioni di classe e settoriali ben organizzate e con economie fortemente integrate su scala
internazionale
- partiti socialdemocratici elettoralmente forti e stabili nell’ambito di democrazie neutrali in
politica estera
- omogeneità culturale

Politici
Libertà di associazione
Capacità di azione collettiva
Perseguire politiche di pieno impiego
Partecipazione diffusa e organizzata
Accettazione collettiva delle decisioni politiche

Economici
Esperienza professionale
Informazione specializzata
Pianificazione
Maggior sicurezza negli investimenti

Sociale
Pace sociale
Flessibilità della mano d’opera
Contenimento dei salari per la competitività internazionale

Ostacolo: la frammentazione delle organizzazioni di rappresentanza degli interessi

Gruppi che privilegiano temi legati alla produzione sono aperti a soluzioni corporative
Gruppi che privilegiano temi legati alla consumi sono aperti a soluzioni pluraliste
Aspetti positivi e negativi di una regolazione neocorporativa degli interessi

Emarginazione – dei gruppi non dotati di potere di ricatto economico

Elementi potenzialmente antidemocratici – accordi che avvantaggiano i rappresentanti di professione


rispetto ai cittadini; burocrazie rispetto alla base; gerarchia di vertice nazionale rispetto alle strutture
locali.

Riduzione della competizione – diminuisce la partecipazione

Riduzione del tasso di conflitti sul lavoro -

Insubordinazione verso le istituzioni statali

Riduzione del tasso di inflazione

Sovrarappresentazione degli interessi forti

Vantaggi e limiti di concertazione


Accesso dei cittadini al governo

VII. I partiti politici

Definizione di partito politico


Organizzazione articolata degli agenti politici attivi nella società che tendono al controllo del potere
governativo e che cercano il sostegno popolare in concorrenza con un altro gruppo o con gruppi che
presentano opinioni diverse

Associazioni fondata su adesione libera costituite al fine di attribuire ai propri capi una posizione di
potenza all’interno di un gruppo sociale e ai propri militanti attivi possibilità per il perseguimento di fini
oggettivi, o vantaggi personali o entrambi gli scopi (Weber, 1922)

Una compagine di persone che cercano di ottenere il controllo dell’apparato governativo a seguito di
regolari elezioni (Downs, 1957: approccio della teoria della scelta razionale e della public choice)

Un’associazione ad adesione volontaria che si propone di organizzare la vita sociale secondo valori
condivisi (Pizzorno, 1983: approccio identitario)

Come distinguere il partito politico da un gruppo di interesse? [tbw]

di interesse
Gruppo di soggetti che hanno un interesse comune. Il gruppo di interesse, qualora manifesti forza, si
configura come gruppo di pressione e dà luogo all'attività di lobby

funzioni dei partiti politici

• Strutturazione della domanda politica e del voto


• Socializzazione politica
• Reclutamento dei governanti
• Controllo sul governo
• Partecipazione alla formazione delle politiche pubbliche

agire come mediatori fra le istituzioni pubbliche e la società civile, fra lo stato e i cittadini.

Strutturazione delle domande e del voto – organizzare la volontà pubblica operando una semplificazione
della complessità degli interessi individuali
Mediatori di idee – opera chiarificazione sistematizzazione e presentazione della teoria del partito

Strutturazione del voto – ordine nel caos

Identificazione da parte degli elettori – stabilità nel lungo periodo ai comportamenti di voto individuale

Socializzazione politica – trasformazione di individui in cittadini integrati in una comunità


Reclutamento dei governanti – selezione delle candidature
Controllo dei governati sui governanti
Attori importanti nella formazione di politiche pubbliche, elaborano programmi

partiti di notabili e partiti di massa


notabili
Personale dotato di risorse autonome
Attività saltuaria
Deferenza verso i politici

di massa
Politici di professione
Attività permanente
Delega ai politici

la legge ferrea dell’oligarchia di Michels


Formulata nel 1911 dal politologo tedesco Robert Michels nel suo libro Sociologia del partito politico,
teorizza che tutti i partiti politici si evolvano da una struttura democratica aperta alla base, in una
struttura dominata da una oligarchia, ovvero da un numero ristretto di dirigenti. Questo deriva dalla
necessità di specializzazione, che fa sì che un partito si strutturi in modo burocratico, creando dei capi
sempre più svincolati dal controllo dei militanti di base. Con il tempo, chi occupa cariche dirigenti si
"imborghesisce", allontanandosi dalla base e diventando un'élite compatta dotata di spirito di corpo. Nello
stesso tempo, il partito tende a moderare i propri obiettivi: l'obiettivo fondamentale diventa la
sopravvivenza dell'organizzazione, e non la realizzazione del suo programma.

Michels, che elabora le sue tesi principalmente grazie all'osservazione del Partito Socialdemocratico
Tedesco, fornisce quattro prove a sostegno della sua tesi:
1. La democrazia non è concepibile senza una qualche organizzazione.
2. L'organizzazione genera una solida struttura di potere che finisce per dividere qualsiasi partito o
sindacato in una minoranza che ha il compito di dirigere e una maggioranza diretta dalla prima.
3. Lo sviluppo di un'organizzazione produce burocratizzazione e centralizzazione, che creano una
leadership stabile, che col tempo si trasforma in una casta chiusa e inamovibile.
4. L'insorgenza dell'oligarchia deriva anche da fattori psicologici, in particolare la "naturale sete di
potere" di chi fa politica e il "bisogno" delle persone di essere comandate

Questo approccio è stato criticato, in tempi più recenti, da Angelo Panebianco, che ha osservato che
l'evoluzione dei partiti è più complessa e contraddittoria di quanto ipotizzato da Michels. Panebianco
evidenzia come la base di un partito non abbia un ruolo del tutto passivo, in quanto anch'essa (e non solo i
leaders) possiede risorse. Inoltre, le ideologie non sono del tutto manipolabili: quindi, gli obiettivi di un
partito possono essere articolati e adattati alle mutate esigenze, ma non abbandonati del tutto.

trasformazioni del partito di massa


da partito burocratico di massa a partito professionale-elettorale

p. burocratico di massa
• Centralità della burocrazia
• Partito di membership
• Preminenza dei dirigenti interni
• Finanziamento tramite tesseramento ed attività
• Accento sull’ideologia
professionale-elettorale
• Centralità dei professionisti
• Partito elettorale
• Preminenza dei rappresentanti pubblici
• Finanziamento tramite gruppi di interesse e fondi pubblici
• Accento su issues e leadership

Inoltre
p. pigliatutto
• Ridimensionamento del supporto ideologico
• Rafforzamento della leadership
• Ridimensionamento dell’attivismo partitico
• Messaggi rivolti a un pubblico più ampio
• Apertura a diversi gruppi di interesse

cartel party
• Organizzazione sempre più leggera
• Concentrazione del lavoro sul profilo elettorale
• Finanziamento pubblico come risorsa principale
• Diminuzione ulteriore degli assetti ideologici
• Predominio del messaggio sul programma
• Pieno controllo sui mezzi della comunicazione politica

Evoluzione della forma partito

Autore Variabili analizzate Distinzioni tipologiche e proposte


evolutive
Weber [1922] Attivismo Partiti di patronato, Partiti di ceto,
Partiti ideologici
Id. Attivismo e personale politico Partiti di notabili vs. Partiti di massa
Duverger [1951] Genesi organizzativa Partiti interni vs. Partiti esterni
Id. Attivismo e personale politico (Partiti di Notabili _ Partiti di Quadri )
vs. Partiti di Massa
Id. Unità Organizzativa Partiti di comitato, di cellula, di
sezione, di milizia
Neumann [1956] Funzione sociale Partiti di rappresentanza individuale
Rapporto con gli iscritti vs. Partiti di integrazione (democratica o
totalitaria)
Kirchheimer [1966] Caratteri ideologici Partito di Massa Organizzato _ Catch All
Assetto organizzativo Party
Katz & Mair [1995] Organizzazione Mass Party _ Catch All party _ Cartel
Stile delle campagne politiche elettorali Party
Rapporto con lo stato
Comunicazione politica

tipologia dei sistemi di partito di Sartori


La distanza ideologica
Il formato del sistema (ovvero il tipo di frammentazione che emerge da un conteggio intelligente) [basato
sulla grandezza elettorale (scegliere una soglia di rilevanza), oppure con i crieri: potenziale di ricatto,
potenziale di coalizione)]

Potenziale di ricatto. Se il partito ha un effetto sugli altri partiti del sistema, influenzandone le tattiche
di competizione.
Potenziale di coalizione. Se il partito che è membro di una coalizione di governo è in un dato periodo di
tempo necessario, almeno una volta, per determinare la maggioranza di governo.
Tale classificazione si basa sulla differenza tra il formato del sistema partitico e la meccanica funzionale.
Non sempre ad un dato formato partitico corrisponde l'equivalente meccanica. Quest'ultima può essere dei
seguenti tipi:
1) Non democratici
a) Sistema a partito unico: un sistema di eliminazione "totalitaria" delle opposizioni. Si pensi alla
Germania nazista.
b) Sistema a partito egemonico: un sistema di eliminazione "autoritaria" delle opposizioni. Si pensi
all'Italia fascista.
2) Democratici
a) Sistema a partito predominante: un partito domina lo scenario ininterrottamente.
b) Pluralismo semplice / bipartitismo: due partiti si alternano al potere. La competizione tende a
essere centripeta, ove si presume che vi sia il maggior numero di elettori fluttuanti.
c) Pluralismo moderato / multipartitismo limitato: il numero dei partiti rilevanti non deve essere
superiore a cinque. Due coalizioni si alternano al potere.
d) Pluralismo polarizzato / multipartitismo estremo:numero di partiti superiore a cinque. un centro
stabilmente al governo e una doppia opposizione – destra e sinistra – presenza di partiti con
caratteri antisistemici. Tendenza centrifuga.
e) Multipartitismo segmentato: numero di partiti superiore a cinque, ma con un basso livello di
polarizzazione ideologica.
f) Atomizzazione: numerosi partiti con poche preferenze.

Per determinare il livello di pluralismo partitico, ovvero per “contare i partiti che contano” (G. Pasquino),
Sartori individua due possibili criteri di rilevanza, legati alla meccanica della costruzione delle coalizioni:

a) potenziale di coalizione – cioè la capacità di un partito di formare coalizioni e la sua utilità


all’interno della compagine governativa. Anche partiti piccoli secondo il criterio numerico possono
essere rilevanti e talvolta addirittura indispensabile per la formazione di coalizioni governative.
b) potenziale di intimidazione / ricatto – alcuni partiti possono non essere mai inclusi nelle coalizioni
governative, ma avere un ruolo centrale grazie alla disponibilità di voti, di rappresentanza di
interessi, di seggi parlamentari in misura tale da poter condizionare il funzionamento delle
coalizioni governative, incidendo sulle attività e sulle politiche della coalizione, o perfino del
sistema politico in toto.

Questi due criteri si affiancano ad altri criteri di conteggio utilizzati nella teoria dei sistemi di partito:

a) criterio di rilevanza numerica, proposto da Maurice Duverger


b) criterio di rilevanza percentuale, proposto da Laakso e Taagepera, che fa riferimento alla
percentuale di voti ottenuta dai partiti e che esprime nell'indice omonimo (Indice di Laakso-
Taagepera) il livello complessivo di frammentazione del sistema partitico.

pluralismo centripeto [tbw]

VIII, IX. Elezioni, parlamenti e rappresentanza

meccanismi elettorali in un arco temporale di lungo periodo [tbw]

criteri di delimitazione dell’unità territoriale

unico ambito nazionale


circoscrizioni territoriali limitate (grandezza, modalità di identificazione)
sistemi maggioritari, proporzionali e misti
formula maggioritaria
assegnazione dei seggi che privilegia l’orientamento della maggioranza. Ulteriore divisione in maggioranza
assoluta (50% + 1) oppure maggioranza relativa (plurality)

I sistemi relativi sono:

un turno con collegio Assegnazione dell’unico seggio in Non si assicura la USA, NZ,
uninominale ciascun collegio al candidato che maggioranza assoluta agli CAN, ITA
supera tutti gli altri (first past the eletti (dal 1993)
post)
doppio turno con In assenza di maggioranza assoluta Presidenza
collegio uninominale nel primo turno si riduce ad un FRA,
ballottaggio fra i primi due candidati comuni ITA
meglio piazzati.

Alternativa al ballottaggio può essere Parlamento


lo sbarramento per chi ha ottenuto FRA
percentuli sotto una certa soglia al
primo turno
un turno con collegio
plurinominale
voto alternativo Collegi uninominali in cui gli elettori Carattere ordinale, non c’è AUS
attribuiscono un ordine di preferenza un voto secco ma una
ai candidati. graduatoria di preferenze

In assenza di maggioranza assoluta si


elimina l’ultimo arrivato e si
ridistribuiscono le seconde
preferenze delle schede
dell’eliminato.

formula proporzionale
sottorappresentazione delle minoranze che producono
collegio plurinominale, assegnazione di seggi ad una pluralità di forze politiche.
Quoziente elettorale – numero voti totali di un collegio / numero di seggi da assegnare

Voto di lista i candidati sono raggruppati in liste USA, NZ,


di partito e su queste gli elettori si CAN, ITA
esprimono. (dal 1993)

Seggi assegnati in proporzione ai voti

Il quoziente elettorale si calcola: Massima varietà di partiti


-resti più alti oppure dar peso ai partiti
-medie più alte più grandi
Voto singolo Più di una preferenza da attribuire in IRL
trasferibile ordine decrescente ai singoli
candidati (anche di partiti diversi)

Determinazione quoziente elettorale


Assegnazione seggi alle sole prime
preferenze (che hanno raggiunto il
quoziente elettorale)

Oppure computi successivi rilevando


le ulteriori preferenze
formula mista
accostamento di elementi di maggioritarioe di proporzionale su collegi uninomilali e plurinominali
GER Collegi uninominali a sistema
maggioritario
e
collegi plurinominali a sistema
proporzionale
attribuendo agli elettori voti distinti
per le due componenti
ITA Senato – voto unico
¾ ddei seggi assegnati in collegi
uninominali con sistema
maggioritario ad un turno

Il restante è assegnato con un


sistema proporzionale

Camera – due voti separati

Vantaggi, svantaggi e correttivi dei sistemi maggioritari e proporzionali

Vantaggi Svantaggi Correttivi


maggioritario Minor frammentazione della Esclude le minoranze
rappresentanza
proporzionale Rappresentate anche le Rischi di Com premio di maggioranza
minoranze frammentazione della il partito che raggiunge una %
rappresentanza fissata dalla legge, fa
scattare un premio di magg
per un maggior numero di
seggi da assegnare

Valutazioni dell’impatto dei meccanismi elettorali sui sistemi di partito [tbw]

Effetti diretti

Effetti indiretti

Valutazione complessiva

tesi di Duverger
il sistema maggioritario si associa al dualismo politico mentre il sistema proporzionale e il maggioritario a
doppio turno al multipartitismo

tesi di Sartori
1) in presenza di un sistema partitico strutturato e di elettorato emogeneamente distribuito il sistema
maggioritario produce un sistema bipartitico
2) in assenza di un sistema partitico strutturato e di elettorato emogeneamente distribuito il sistema
maggioritario mantiene un potere riduttivo sui partiti minoritari ma non elimina tutti qui partiti che
possono contare su sacche elettorali maggioritarie
3) i sistemi proporzionali perfetti non hanno effetto sul sistema partitico (lo fotografano) ma quanto
meno sono proporzionali tanto più hanno effetti riduttivi
definizione del parlamento democratico
Il parlamento è un’assemblea rappresentativa a competenza generale, pluralistica e permanente,
rinnovata nella sua composizione tramite elezioni a scadenze regolari.
Le caratteristiche:

• la natura assembleare (è un organismo collegiale di ampie dimensioni in cui ogni voto è uguale)
• il carattere permanente dell’istituzione (à flusso continuo di decisioni) e la sua competenza generale
• il mandato temporalmente definito dei componenti
• il pluralismo interno (presenza dell’opposizione)
• il collegamento organico con i processi della rappresentanza politica (è un organismo elettivo)

concetto di rappresentanza democratica in Pitkin


La rappresentanza (politica democratica) come attributo centrale proprio di una istituzione
(rappresentanza democratica parlamentare) e di una forma di regime politico (la democrazia
rappresentativa)

Rappresentanza come:

• conferimento di autorità
• azione per conto di
• responsabilità
• (relazione di carattere stabile fra cittadini e governanti intesi gli uni e gli altri come soggetti
pluralistici, per effetto del quale i secondi sono investiti dell’autorità di governare in nome e
nell’interesse dei primi. Sono soggetti a responsabilità politica per i propri compportamenti di
fronte ai cittadini stessi. Autorità e responsabilità politica dei governanti sono definite e garantite
attraverso meccanismi istituzionali elettorali (sono anche le tre dimensioni che concorrono ad una
definizione di sintesi)
• rappresentazione “a specchio” (analisi del concetto di rappresentatività sociologica)
• evocazione simbolica

Caratteristiche del parlamento policentrico


• bicameralismo forte e basato su diversi criteri rappresentativi (es. Usa)
• partiti poco coesi, molti gruppi parlamentari e indisciplinati
• governo “al guinzaglio”
• commissioni forti

Caratteristiche del parlamento avversariale


• monocameralismo o bicameralismo debole
• partiti coesi, pochi gruppi parlamentari disciplinati
• governo capace di gestire l’agenda parlamentare
• commissioni deboli

Attività e funzioni (tradizionali e attuali) dell'istituto parlamentare.

Bagehot [1867]
• Elettiva è designazione dell’esecutivo
• Espressiva è trasmissione degli orientamenti popolari
• Educativa è elevazione delle opinioni popolari
• Informativa è comunicazione degli interessi delle minoranze
• Legislativa
• Finanziaria

rappresentanza parlamentare
• La forma di governo (presidenzialismo vs. parlamentarismo)
• Il tipo di maggioranza (coalizione vs. monopartitica)
• Il grado di istituzionalizzazione del parlamento
controllo sul governo
• La forma di governo e le sanzioni in mano al parlamento
• L’impatto della variabile partitica
• La centralità del parlamento nel disegno istituzionale
• Procedure specifiche (poteri di bilancio, poteri di inchiesta, ecc.)

funzione legislativa
• Regolamenti parlamentari
• Effettività dell’azione legislativa del governo
• Competenza e prestigio del law maker parlamentare

Ci sono anche dinamiche degenerative:


• Trasformismo
• Consociativismo
• Assemblearismo

Cambiamenti
• progressiva parlamentarizzazione della classe politica dei partiti
• definitiva affermazione del parlamento come canale di legittimazione del governo
• crisi dei partiti di massa e affermazione di nuovi soggetti attivi nel processo rappresentativo
(gruppi di interesse, movimenti, …)

X. I governi

Le funzioni del governo democratico


Assumersi le responsabilità finali di fronte alla comunità politica e ai suoi problemi

Dirigere
Potere esecutivo
Direzione politico-amministrativa
Tutela della comunità politica verso l’esterno
Mantenimento dell’unità della comunità politica verso l’interno

__
Da governo a potere esecutivo: il governo delle leggi?
Le funzioni del governo viste come delimitate/regolamentate dalla legge e realizzate attraverso la legge,
più che come attività deducibili dalla legge
Due elementi costanti: tutela della comunità politica verso l’esterno e mantenimento della comunità
politica verso l’interno
Il problema della pace/guerra e dell’ordine
Governare significa assumersi la responsabilità finale di fronte alla comunità politica e ai suoi problemi
__

sviluppi quantitativi e qualitativi.


Prospettiva quantitativa
(indicatore tipico: il rapporto tra bilancio statale e reddito nazionale)
Traduzione in termini di risorse finanziarie dell’azione di governo

Prospettiva qualitativa
(indicatore tipico: la composizione del governo stesso o dei documenti di spesa)
Stato minimo - difesa, ordine pubblico
Stato produttore - promozione dell’economia
Stato sociale - istruzione, servizi social

Le forme di governo
Legittimazione democratica – le modalità istituzionali con le quali viene garantita la legittimanzione
Struttura dell’esecutivo – forma della compagine governativa
Forme di governo parlamentari e presidenziali

Legittimazione diretta Legittimazione parlamentare indiretta

Struttura monocratica Presidenzialismo Governo del premier


cancellierato

Struttura collegiale Esecutivo collegiale ad elezione Parlamentarismo


diretta

gov. presidenziale, e gov. parlamentare


-presidenziale
Legittimazione indipendente di esecutivo e parlamento
Fusione tra capo dello stato e di governo
Termine fisso del mandato presidenziale
Struttura esecutiva a due livelli

Caratteristiche principali
Il Parlamento, eletto indipendentemente dal Presidente, è il solo titolare del potere legislativo. Per
controbilanciare il grande potere politico affidato al Presidente, infatti, ai deputati viene affidata
l'esclusiva potestà di iniziativa legislativa. Il Presidente non può assolutamente modificare le leggi se non
affidandosi a deputati a lui vicini che agiscano secondo i desideri del Capo dello Stato. La potestà
legislativa non può essere delegata in alcun modo al governo neanche per motivi d'urgenza. Questa netta
divisione funzionale fra Parlamento e Presidente si riflette nell'insindacabilità politica reciproca fra i due
organi: il Parlamento non può licenziare il Presidente il quale a sua volta non può sciogliere le Camere. È
il principio cardine della Separazione dei poteri che garantisce la democraticità di questa forma di
governo. Tuttavia è presente un sistema di controllo reciproco (check and balances, ossia freni e
contrappesi) con cui i titolari dei suddetti due poteri si limitano: il parlamento ha il potere della borsa
(approvazione del bilancio e degli interventi comportanti nuove spese), mentre il presidente è titolare del
potere di veto.
A corollario del sistema, secondo i principi di Montesquieu, vi è l'indipendenza del potere giudiziario il
quale, diretto da una Corte Suprema nominata dal Presidente, ne è comunque totalmente autonoma in
quanto non revocabile e vitalizia.

-parlamentare
Legittimazione indiretta dell’esecutivo
Separazione tra capo dello stato e capo del governo
Durata non predeterminata dell’esecutivo
Struttura esecutiva collegiale a un livello
Eventuale possibilità di scioglimento anticipato del parlamento

Caratteristiche principali
Nel sistema politico detto repubblica parlamentare il parlamento è l'unica istituzione a detenere la
rappresentanza della volontà popolare, in quanto tale elegge in modalità differenti sia il governo che il
presidente.
Il presidente ha una funzione di garanzia verso le parti politiche e di rappresentanza dell'unità nazionale,
per ciò usualmente non ha forti poteri di influenza politica sulle istituzioni.
Il parlamento si rapporta con il governo tramite il voto di fiducia, in questo modo esso ha perennemente il
controllo sull'agire dell'esecutivo con la possibilità di revocarlo e nominarne un altro.
Il giudizio sull'operato di una certa maggioranza parlamentare e del suo governo viene quindi espresso dai
cittadini solo tramite il rinnovo dell'assemblea legislativa, diversamente da quanto avviene nelle
repubbliche presidenziali.
Tale forma di governo è quella attualmente dominante in Europa.
stabilità dei governi
-parlamentare
1) tipologie delle coalizioni ma anche dal fatto che non sempre il governo è in grado di controllare le
forze politiche sottostanti. La stabilità ha diversi aspetti:
la durata della compagine governativa (nel suo insieme)
l’entità politica della compagine che porta a mutamenti DI governo oppure NEL governo

2) formazione della maggioranza di governo


nel multipartitismo la tipologia di coalizione (variabili: numero di partiti, distanza ideologica dei
partiti dalla coalizione) gioca un ruolo fondamentale.

3) rapporti fra governo e sistema partitico

-presidenziale
1) personalità del presidente

2) risorse disponibili:
variabile internazionale
strumenti di comunicazione di massa
apparato di funzionari, amministratori e burocrati di cui si dispone

3) rapporti con il Parlamento


forza del mandato elettorale ricevuto dal Presidente
propensione dell’elettorato a produrre maggioranze omogenee

strategie di coalizione
Le coalizioni minime
Misura minima (di individui e di partiti) necessaria per ottenere una maggioranza
Minimizzare le dimensioni delle coalizioni per ridurre il coefficiente di base al quale sarebbe stata operata
la distribuzione delle cariche  massimizzare le posizioni di potere

Le coalizioni minoritarie
Partecipazione al governo che tenga conto dei costi da evitare

Le coalizioni sovrabbondanti
Partecipazione al governo che tenga conto di una minimizzazione dei costi suddividendoli su una base più
ampia

grado di autonomia del governo dai partiti


 responsabilità tipiche dell’istituzione
costretto ad agire (politica internazionale, bilancio, spesa)  policy

 apparati amministrativi
la burocrazia fonte di risorse tecnico-conoscitive impiegate nell’attività di elaborazione delle politiche

 proliferazione dei “governi”


centri istituzionali diversi dal governo: autorità indipendenti, banche centrali, istituzioni sovranazionali

XI, XII. Burocrazie e politiche pubbliche


La burocrazia nella vicenda dello stato moderno
Organizzazione che funziona secondo il principio delle competenze di autorità attribuite a uffici e
specificata attraverso regole impersonali ed universali (Weber)

Caratteristiche:
1) territorialità del comando
processo di accentramento territoriale
2) obbligazione politica
riconoscimento allo stato del monopolio della forza legittima
3) sviluppo di una burocrazia pubblica
potere impersonale vincolato dalla legge al rispetto dello stato di diritto

I primi amministratori di professione nella sequenza storica delineata da Weber


Chierici
Letterati
Di formazione umanistica
Nobili al servizio del Re
Gentry
Giuristi (formazione universitaria)

La burocrazia moderna come amministrazione del potere legale-razionale

burocrazia nel tipo ideale disegnato da Weber

critica sociologica del modello weberiano

Merton

Gouldner

Selznick

razionalità limitata (Simon)


il decisore non mira a massimizzare i propri valori ma si accontenta di una soluzione soddisfacente.

incrementalismo (Lindblom)
il processo decisionale procede in modo incrementale attraverso successive comparazioni di un numero
limitato di alternative, in genere abbastanza simili a quelle già esistenti. (comparazioni limitate
successive).

Garbage Can (March e Olsen)


La burocrazia è una organizzazione complessa dove si intrecciano, cooperano e confliggono interessi
diversi sia individuali che collettivi.

La vita delle organizzazioni è dominata da una continua lotta fra diversi attori, ciascuno dotato di propri
obiettivi e strategie, spesso incompatibili. Le decisioni si accumulano in modo disordinato a deconda del
predominio contingente dell’uno o dell’altro attore e dei suoi specifici interessi.
Le organizzazioni sarebbero aggregati più o meno instabili di attori con fini diversi e contradditori.

lettura neoistituzionalista del fenomeno burocratico


La burocrazia è una organizzazione complessa dove si intrecciano, cooperano e confliggono interessi
diversi sia individuali che collettivi.

le istituzioni non sono da intendersi come organigramma di funzioni ( o di funzionari) ma piuttosto come
tessuto delle regole, procedure e valori.
Ruolo delle istituzioni è fornire a coloro che le compongono un insieme di significati, dando senso alle loro
azioni.

Limiti all'applicazione del principio di neutralità della burocrazia

Limiti all'applicazione del principio di gerarchia

Principali indirizzi di riforma delle amministrazioni pubbliche

La tipologia delle politiche pubbliche di Lowi


Una politica pubblica è una norma formulata da una qualche autorità governativa che esprime una
intenzione di influenzare il comportamento dei cittadini, individualmente o collettivamente, attraverso
l’uso di sanzioni positive o negative.

Corcizione Impatto individuale Impatto collettivo


Probabilità di applicazione della
coercizione
Remota Politiche pubbliche distribuite Politiche pubbliche
(consensuali) costituenti
(condivise)
Elevata Politiche pubbliche regolative Politiche pubbliche
(conflittuali) redistributive
(conflittuali)

fasi del processo di politica pubblica


l’individuazione delle fasi e della loro sequenza si basa in genere su un modello razionale e funzionale
della decisione. Le fasi quindi corrispondono ai passi logici di una decisione razionale e alle funzioni che
devono essere svolte per consentirla.

Identificazione del problema


Formulazione di una politica
Decisione
Messa in opera
Valutazione dei risultati
Continuazione o fine della politica

policy making e policy implementation

making
 formulazione e decisione
 costruzione dell’agenda
 specificazione delle alternative
 formalizzazione (drafting)
 decisione

implementation
 messa in opera dei programmi
 valutazione
 feedback

spoils system e ruolo del political boss

Riflessioni di Weber sul valore aggiunto di legittimazione incorporato nella formula presidenziale

Tre qualità decisive per l’uomo politico


 Passione

 Resposnsabilità

 Lungimiranza

Le due etiche della politica


 Della convinzione
Dei principi senza accettare compromessi

 Della responsabilità
Noa decisione che nel lungo periodo possono danneggaire i cittadini
Collegio uninominale
Il collegio uninominale è l'entità fondamentale per il funzionamento dei sistemi elettorali di tipo
maggioritario, e talvolta anche dei sistemi elettorali di tipo proporzionale. Esso consiste in una
suddivisione territoriale che comprende un certo numero di elettori facenti parte del corpo elettorale.

I collegi nei sistemi maggioritari puri


Nei sistemi maggioritari puri, come quelli in vigore in Francia, Gran Bretagna e negli Stati Uniti, viene
eletto un solo candidato per collegio uninominale. in tali sistemi, l'intero territorio nazionale viene
suddiviso in tanti collegi quanti sono i seggi della assemblea da eleggere. In ciascun collegio le liste
elettorali (partiti o coalizioni) presentano ciascuna il nome di un solo candidato (da qui l'aggettivo
uninominale): viene eletto il candidato associato alla lista che ottiene la maggioranza dei voti. Spesso,
affinché il candidato più votato sia eletto, è sufficiente la maggioranza relativa dei voti validi, come nei
sistemi elettorali di tipo plurality propri del mondo anglosassone; nei sistemi cosiddetti di tipo majority è
invece necessario che il candidato più suffragato raggiunga una percentuale minima di voti (ad es. la
maggioranza assoluta) o un predeterminato distacco dal secondo più votato. In assenza di tale condizione,
si procede con un secondo turno di ballottaggio tra i due candidati più votati o, come accade in Francia
tra tutti coloro che hanno superato una certa soglia di sbarramento.

I collegi nei sistemi maggioritari corretti


Nei sistemi maggioritari cosiddetti corretti, come quello in vigore in Italia per le elezioni politiche tra il
1993 e il 2005, i collegi sono in numero minore ai seggi parlamentari, essendo alcuni seggi riservati per la
rappresentanza delle minoranze. Con tali sistemi elettorali, in ciascun collegio viene eletto il candidato
più votato, secondo modalità analoghe a quelle possibili per i sistemi maggioritari puri.

I collegi nei sistemi proporzionali


È possibile ricorrere a collegi uninominali anche in presenza di sistemi elettorali di tipo proporzionale,
come quello adottato in Italia per l'elezione del Senato fino al 1993 e quello attualmente in vigore per
l'elezione dei consigli provinciali. In tal caso, viene in genere meno il principio che prevede l'elezione di
(almeno) un candidato per collegio.
L'attribuzione dei seggi nei sistemi proporzionali basati su collegi uninominali prevede anzitutto il
conteggio su base aggregata (a livello totale o tramite circoscrizioni elettoriali) dei voti conseguiti dalle
diverse liste elettorali. Sulla base delle aggregazioni suddette a ciascuna lista si attribuisce un certo
numero di seggi. Scopo dei collegi è infatti stabilire quali candidati eleggere all'interno di ciascuna lista e
costituisce pertanto un'alternativa al voto di preferenza o alle liste bloccate.
Generalmente, tali sistemi prevedono l'elezione dei candidati che abbiano conseguito, ciascuno nel
proprio collegio, le più alte percentuali di voto rispetto ai candidati della medesima lista. Per tale ragione
è possibile che in un collegio non vi siano eletti, oppure che ve ne siano più d'uno, e non necessriamente i
più votati all'interno del collegio

Limiti e problematiche
I collegi vengono disegnati in base a criteri di omogeneità e continuità territoriale e sociale cercando di
racchiudere in ogni unità un numero di elettori che non si discosti dalla media in una misura maggiore di
quella tollerata dalla legge. Tuttavia col tempo i diversi tassi di variazione della popolazione possono
alterare significativamente la consistenza numerica degli elettori per collegio, rendendo così
periodicamente necessaria una delicata opera di revisione dei confini dei collegi uninominali.
Secondo molti osservatori, i meccanismi elettorali basati sui collegi presentano una serie di implicazioni
negative, tra le quali la limitata possibilità, per gli elettori, di scegliere i candidati da eleggere. È invalsa
infatti la consuetudine a candidare nei cosiddetti collegi sicuri gli esponenti politici di maggiore rilievo, in
modo da accrescerne la probabilità di elezione. Per tale motivo, la definizione dei collegi è in genere
ritenuta un'attività delicata che dovrebbe pertanto richiedere commissioni imparziali.