Sei sulla pagina 1di 8

Cosa succederebbe se Woody Allen avesse

unetica da imporre? Riessioni teologiche su


You wil l l meet a tal l dark stranger
Elisa Freschi
10 aprile 2014
1 You will meet a tall dark stranger (Woody
Allen 2010)
You wil l meet a tal l dark stranger si concentra su tre fuochi tematici: crisi,
adulterio e limportanza della fortuna nelle vicende umane.
Il lm si apre e si chiude con una riessione frequente nellopera di Woody
Allen, ossia che tutto casuale e che inutile cercare un senso negli avvenimenti.
Quanto segue contraddice quindi apertamente la linea interpretativa che il re-
gista ha voluto palesare, sostenendo che il lm suggerisca silentemente unaltra
linea, non meno esplicita anche se non esplicitata. Che per tale seconda linea
sia sottilmente presente chiaro sin dal titolo, che in italiano stato banalmente
reso come Incontrerai luomo dei tuoi sogni, ma che nelloriginale ha accenti
molto pi tragici, visto che allude contemporaneamente allincontro con la mor-
te.
1
Mentre cercano nuovi amori, quindi, i personaggi del lm si dirigono verso
lunico destino segnato. Cosaltro pu aver senso, rispetto a tale prospettiva?
Allen risponde che nulla ha senso (si veda la circolarit della vicenda di Roy e
Sally-Dia-Sally) mentre suggerisce ironico che per ci non elimina la felicit del
presente (nel caso della madre di Sally, innamorata e illusa di un altro illuso,
ma dalle illusioni coincidenti).
Nel lm si incrociano varie storie, come spesso in Woody Allen. Uno dei pro-
tagonisti, Roy, un aspirante romanziere, pericolosamente vicino (si immagina)
ai quarantanni e a un momento di bilanci. Bilanci che lo vedrebbero scontto
su molte linee: ha abbandonato la carriera medica, per cui aveva studiato, per
potersi dedicare alla scrittura, ma non riuscito a sfondare e il suo secondo
romanzo appena stato riutato senzappello dalla casa editrice; sua moglie
Sally (e a maggior ragione sua suocera) sempre meno tollerante rispetto alle
sue giornate a casa senza occupazione apparente, mentre lei a lavorare e man-
tenerlo; inne, un compagno di giocate a carte ha scritto nei ritagli di tempo
1
To meet a tall dark stranger sinonimo di morire, come nota Roy.
1
un romanzo e glielo ha dato da leggere: il romanzo eccezionale, molto meglio
di quanto Roy abbia mai scritto.
Lunico momento di evasione per Roy osservare dalla nestra la bella di-
rimpettaia Dia. Finir perci per corteggiarla e anche conquistarla. Intanto il
matrimonio con Sally si infrange, anche a causa di una storia solo sognata di
Sally con il proprietario della galleria per cui lavora.
A questo punto Roy sembra avere un colpo di fortuna, giacch il compagno
di poker pare esser morto in un incidente. Immaginando di poter solo cos con-
quistare Dia, Roy giunge a rubarne il manoscritto, di cui nessun altro era al
corrente. Il manoscritto viene presentato al padre di Dia, professore di lettera-
tura, che ne molto colpito. La casa editrice lo accetta con grande entusiasmo,
sostenendo che il vero Roy nato solo ora. Sembrerebbe tutto perfetto, se
non che il compagno di poker minaccia di riprendersi dal coma
1.1 Match Point (2005)
Anche unopera precedente di Woody Allen, Match Point, lavora sul tema di
personaggi in crisi e sulladulterio come tentativo fallito di soluzione della crisi.
E anche Match Point proclama esplicitamente che la fortuna, limponderabile,
governa il mondo, ma silentemente suggerisce anche altre interpretazioni possi-
bili.
Chris, un maestro di tennis di umili origini ha lasciato una brillante carriera
professionistica perch troppo instabile. In un club di tennis esclusivo in cui
insegna conosce Tom, glio di un ricco industriale e tramite lui la sorella Chloe.
Chloe simpatica e colta e condivide molti interessi di Chris. I due cominciano
a uscire insieme, anche se appare subito chiaro che per Chris linteresse per
Chloe intellettuale e razionale. Rapidamente, il padre di Chloe ore a Chris
un lavoro in una sua azienda e da l in poi per Chris si dispiega una carriera tutta
in discesa, grandi guadagni e ascesa sociale insperabile. Chris ha per intanto
conosciuto la danzata di Tom, Nola Rice. Anche Nola di umili origini, anche
Nola ha inseguito un sogno, stavolta quello di diventare attrice. Ma al contrario
di Chris, non c riuscita. Anche su di lei, come su Roy di You wil l meet a tal l
dark stranger, si addensa la nuvola dei rimproveri della suocera/futura suocera
che le propone di rassegnarsi e cercare un altro lavoro. Chris sposa Chloe e Tom
lascia Nola, che scompare dalla citt. Dopo qualche mese, Chris la incontra per
caso e da allora i due diventano amanti. Il periodo iniziale molto intenso e
Chris sembra poter esser se stesso con Nola, lunica a essergli veramente vicina
fra tutte le persone che frequenta e con cui scambia solo esteriorit.
Ma presto Chris si trova di nuovo intrappolato in una parte: Nola resta
incinta e vorrebbe che Chris lasciasse Chloe per lei. Chris si trova a mentire
a entrambe, mentre Nola minaccia scenate e per poco non fa scoprire Chris.
Chris decide allora di ucciderla, mascherando il delitto come un incidente occorso
mentre un ladro derubava la vicina di Nola. Per un colpo inaudito di fortuna (la
fede della vicina, che Chris aveva sottratto per inscenare il furto viene ritrovata
in tasca a un tossicodipendente ucciso in una rissa), Chris non viene scoperto.
2
Lo aspetta adesso una vita di ipocrita disperazione, senza nessuno cui poter
spiegare cosa prova e senza nemmeno la speranza che giustizia possa esser fatta.
2 Crisi come possibilit
Roy ha perso quasi completamente il suo fascino, rispetto agli altri e anche a se
stesso. Nei primi tempi della sua relazione con Sally egli aveva addosso il fascino
di chi aveva osato lasciare il certo per lincerto e aveva inseguito un sogno. In
qualche rapida scena lo vediamo con Sally felici di un nulla materiale che si dilata
nello spirito (abbracci e parole ispirate sullerba, passeggiate, nessun ristorante
n altri elementi che alludano a uno status sociale). Nellattuale situazione di
crisi il problema non tanto che tale sogno non si stia realizzando, ma piuttosto
che sta cambiando contorni. Roy non vorrebbe pi scrivere, bens diventare uno
scrittore di successo. Nei termini di Erich Fromm si potrebbe dire che il sogno sta
passando dallessere (uno scrittore) allavere (successo). Non sorprende quindi
che il fascino di chi aveva rinunciato allavere per lessere lo abbia abbandonato.
Le reazioni allattuale stallo di Roy sono diverse. La madre di Sally semplice-
mente lo richiama alle sue responsabilit borghesi, a fare i conti con il fatto che
il suo sogno non si realizzato e che dovrebbe tornare a lavorare come medico.
Forse potrebbe mantenere per la scrittura lo spazio di un hobby. Sally meno
estrema, ma altrettanto critica. E anzi sta innamorandosi del proprietario della
galleria darte di cui lassistente e che in un certo senso rappresenta lopposto
di Roy. infatti un uomo di successo e facoltoso, in cui per Sally riconosce il
barlume del desiderio di essere anche altro. un uomo che ha scelto di avere,
ma che forse occultamente brama anche essere (un uomo pi autentico? un in-
namorato?), mentre Roy ha apparentemente scelto lessere, ma in realt brama
lavere. Insomma, in lui Sally intuisce il barlume della crisi come momento di
vitalit e apertura, la stessa apertura che non vede pi in Roy.
In una splendida scena, Roy guarda dalla nestra dellappartamento di Dia,
in cui si trasferito, anche perch non potrebbe permettersi unaltra soluzione.
Stavolta, dalla nestra vede Sally. A noi spettatori, appare altrettanto bella e
abbastanza diversa da Dia da rinnestare il desiderio di altro.
Una situazione simile vissuta da Chris, che conosciamo in un momento
di passaggio e che potrebbe portare a interessanti evoluzioni, ma che sceglie
anchegli lavere sullessere e si ritrova a sorire della prigionia che ne deriva.
Guardando dallesterno alla loro mancanza di prospettive di realizzazione
personale e professionale, si potrebbe dire che Roy e Nola non hanno nulla da
perdere davanti a s, tanto meno da quando i sentimenti di Roy per sua moglie
si sono rareddati e Nola stata lasciata dal ricco Tom.
Non sorprende, quindi, che entrambi siano pronti ad aggrapparsi disperata-
mente a qualunque cosa ora loro una seconda chance. Per Roy si tratta di Dia,
la splendida dirimpettaia che suona la chitarra mentre Roy scrive alla nestra
di fronte. Per Nola si tratta di Chris.
Ma qui i ruoli si invertono, Roy somiglia a Chris e Dia a Nola. Roy infatti
da subito attratto da Dia, tanto da corteggiarla esplicitamente. Dia accetta
3
il corteggiamento, ma continua a essere danzata con un ragazzo di successo.
Verso la ne del lm, Dia per disposta a rompere con il suo danzato alla
vigilia del matrimonio, fra lo sconcerto delle famiglie, e a gettarsi in pieno nella
storia con Roy. Roy invece rompe con Sally per Dia, ma continua a essere
ancorato allavere invece di tentare un salto mortale senza rete. Immaginando
di poter solo cos conquistare Dia, giunge infatti a rubare il manoscritto del suo
compagno di poker, approttando di un suo incidente. Quando, verso la ne
del lm, si intuisce che il giovane potrebbe riprendersi dal coma, intuiamo che
anche per Roy, come per Chris, non c nessuna via di fuga dal vicolo cieco in
cui si sono gettati, oltre al delitto.
3 Linee interpretative occulte
3.1 La seduttivit del presente
Roy sembra davvero coinvolto (solo) nelle scene precedenti allinizio della sua
relazione con Dia. Siede alla nestra lavorando al suo romanzo e immagina
la bella suonatrice sconosciuta. Forse la felicit, nella forma del godimento
estetico dellascoltare una buona musica, guardare una bella donna e potersi
dedicare alla scrittura, sarebbe a portata di mano. Un testo classico indiano,
lo Yogastra (di et incerta, ma composto probabilmente allinizio della nostra
era) elenca in merito fra le discipline preliminari dello yoga aparigraha, ossia
lassenza di desiderio di impossessarsi di qualcosa. Si pu ammirare un pae-
saggio montano senza necessariamente voler comprare la vallata per costruirvi
una baita. Si pu ammirare una donna senza commettere adulterio (si pu
qui ricordare che il comandamento mosaico recita Non commettere adulterio,
lintroiezione cristiana). A Roy pare mancare completamente la distanza ne-
cessaria allesperienza estetica. Egli come chi non potesse ammirare un uccello
senza volerlo cacciare. In altre parole, Roy incapace di vivere la felicit presen-
te. Non si rallegra nellammirare Dia alla nestra, vorrebbe invece farla propria
e cos facendo inavventatamente si preclude ogni felicit presente, teso com
verso un evento futuro e incerto. Similmente, Chris quando ammira la bellezza
portentosa di Nola non percepisce nemmeno la felicit del momento, lemozione
dellammirare una fanciulla bellissima e da cui si sente compreso.
Questo messaggio diventa esplicito quando Roy vede alla nestra Sally,
splendida e desiderabile. Gli spettatori sono portati a condividere lammirazione
di Roy e non possono non chiedersi come mai non abbia gioito abbastanza
dellaverla per moglie nelle scene precedenti. Similmente, Chris si trova a tra-
dire Nola con Chloe, nel senso che mente alla prima per andare a cena fuori
con la seconda. Perch non sono stati in grado di rallegrarsi delle proprie mogli
prima? Perch troppo proiettati in un futuro di cui volevano impadronirsi e
incapaci di godere dei vantaggi del porsi dei limiti.
4
3.2 sunt certi denique nes
Chris e Roy paiono ignorare gli attimi di felicit che sarebbe loro dato vivere se
solo accettassero i limiti della morale. Allinterno di tali limiti, tutto permesso,
dunque tutto possibile ed quindi anche possibile la felicit (ammirare Dia o
Nola, parlare loro, poter riscoprire grazie a loro una parte di s da lungo tempo
sepolta). Implicitamente, Allen sembra quindi presentare la morale non come
un vincolo, bens come la forma lunica possibile delladerenza al presente
e ai suoi doni. Cosa accade se non si aderisce a tale forma e se ne strappano gli
esili vincoli?
Quando, verso la ne del lm, si intuisce che il compagno di poker di Roy
potrebbe riprendersi dal coma, intuiamo che anche per Roy, come per Chris, non
c nessuna via di fuga dal vicolo cieco in cui si gettato, oltre al delitto. Com
potuto arrivare n qui? Sebbene Allen non prenda esplicitamente tale posizione,
i due lm mostrano le tragiche conseguenze di chi abbandona la morale. Mentire,
commettere adulterio, uccidere sono collegati pi di quanto auspicabilmente
accada nellesistenza ordinaria (in cui le cose sono usualmente pi banali, si
pensi al recente Cosa voglio di pi di Silvio Soldini). I personaggi che cadono in
questa spirale non possono uscirne indenni. La morale, cio, implicitamente
mostrata come qualcosa di pi della buona creanza nel vivere civile. Se si viene
meno a quella che potrebbe essere solo una buona regola di convivenza civile,
come non commettere adulterio, ci si ritrova al di l di ogni possibile esistenza
etica.
You wil l meet a tal l dark stranger non esplora veramente lalternativa, ossia
il caso di chi introiettasse la via morale e la usasse come dimensione a partire
dalla quale vivere il presente, probabilmente perch il lm si concentra su perso-
naggi in crisi, ma forse anche perch programmaticamente riuta di prendere in
considerazione laspetto religioso. La religione nel suo aspetto evidente, quando
compare nel lm, lo fa tangenzialmente o nella forma di superstizioni ridicoliz-
zate. Il sotto della morale non mai sfondato verso lalto. N Chris n Roy
provano a utilizzare lemozione suscitata da Dia o da Nola per rivitalizzare la
propria vita e darle un nuovo signicato dallinterno (per esempio, rinunciando
alla propria maschera sociale o scrivendo).
In un certo senso, quindi, i due lm sembrerebbero esaltare la morale n
quasi al moralismo. Chi comincia ad abbandonarla punito duramente, quasi
come Anna Karenina. A salvarli dalla convenzionalit c lironia distaccata del
regista, ma anche la valorizzazione della crisi stessa e delle sue possibilit, anche
al di l del fatto che i personaggi niscano per dilapidarle in sentieri forzati.
4 C un terzo livello?
Daltronde, ammettendo che sia legittimo continuare a parlare di religione nei
termini spiegati nel primo paragrafo, ha senso limitare la sfera del religioso a
quella della morale? Infrangere la morale porta a sfaceli a catena e da cui non
ci si salva, ma basta essere morali per dare un senso anche religioso alla propria
5
vita? In altre parole, una vita moralmente retta coincide con una vita religiosa?
Mi pare che entrambi i lm analizzati suggeriscano in qualche modo che esista
unaltra possibilit, ma in che termini?
In un certo senso, Nola e Dia appaiono meno colpevoli. Perch? Dal punto
di vista della morale, perch, pur sorando anche loro ladulterio cercano di
rientrare rapidamente nellambito della morale. In un altro senso, per, si pu
dire che loro si gettino completamente nellesperienza presente. Quando vede
per la prima volta Nola, Chris visibilmente turbato. Capiamo chiaramente
che potrebbe decidere di gettare ogni cosa, dal danzamento con Chloe alla
ricchezza e alla carriera, per Nola. Non per un equivalente piano futuro, bens
anche solo per un attimo di presente con Nola. Lo capiamo perch Chris
decisamente imprudente. In una giornata di pioggia, fa lamore per la prima
volta con Nola nel campo di grano del suocero. Esce dal palco dopera dov
con tutta la famiglia del suocero per parlarle. Insomma, per un certo breve
tratto, Chris sembra disposto a mettere in gioco tutto. Rapidamente per la
situazione cambia e Chris n troppo attaccato alla sua situazione economica
e sociale. Neanche Nola basta a fargli cambiare davvero idea e Chris continua
con una squallida doppia vita. Al contrario, Nola accetta il rischio. Ancor pi
Dia, che sta per sposarsi con un uomo di successo, accetta di cogliere lapertura
presente nella crisi che entrata nella sua vita mettendo in questione le sue
scelte e sconvolgendole.
Nola sacrica la morale nel senso che accetta il salto nel buio dellamore per
Chris, un uomo sposato e della cui ricchezza non pu godere, visto che deriva
solo dalla famiglia della moglie. Chris al contrario prigioniero dellipocrisia
della falsa morale. Continua a voler sembrare un marito modello, mentre riesce
a essere se stesso solo con Nola, e poi presto neanche pi con lei.
In termini religiosi, restano tracciate, quindi, due possibilit: da una parte
abbracciare la morale e vivere rigorosamente al suo interno. Ci permette di
dar senso al quotidiano, di concentrarsi sulle felicit possibili, di valorizzare
il dato. Religiosamente parlando, latteggiamento di un ortodosso o di un
tradizionalista (entrambi i termini non sono qui intesi in senso deprecativo).
Linsistenza del lm sulla necessit dei conni porta a pensare che solo in questi
conni sia possibile anche lesperienza religiosa. Solo nella forma dei testi sacri
gi dati, possibile un incontro con il divino e compito degli uomini di tutelare
il dato, per costruire cos un recinto nel quale il divino possa manifestarsi agli
uomini.
Dallaltra parte c lesperienza dellincontro con il divino come qualcosa di
sconvolgente, che non lascia spazio per altro. Vista Nola, tutto il resto scom-
pare, tutto potrebbe essere dato via. Il mercante corre a casa e vende tutto
per comprare ununica perla. Ma questa una via pericolosa, perch funziona
solo quando totalizzante. A chi si getta completamente ai piedi del divino,
dipendendo completamente da Lui, permesso anche lasciar perdere la via della
morale. Ma egli non potr allora avere nessunaltra pretesa, dalla considerazio-
ne sociale alla propriet privata. E questo non per un attimo soltanto. Egli
dovr trasformare lintera propria vita in una serie innita di attimi presenti di
oerta di s. Non meraviglia che la via della morale sia pi sicura.
6
5 Un parallelo indiano
NellIndia Meridionale, a partire dallXI secolo circa, si distinguono due correnti
allinterno del locale Viuismo. Popolarmente sono note come la via della
scimmietta (Vaa-kaai) e la via del gattino (Te -kaai) poich si riferiscono a
due diversi modi di rapportarsi a Dio. Sia la scimmietta sia il gattino sono
poco mobili e dipendono dai propri genitori per spostarsi, ma la scimmietta si
aggrappa attivamente alla schiena di sua madre per essere portata, mentre il
gattino completamente passivo e aspetta solo che sua madre lo aerri con i
denti per la collottola e lo trasporti. In entrambi i casi, lanima dipende perci
completamente da Dio, da sola non potrebbe compiere alcun passo. Ma il gattino
il simbolo dellabbandono cieco (prapatti, spesso tradotto con surrendering)
come unico mezzo per raggiungere la salvezza. Chi seguisse questa via deve
arrendersi al volere di Dio, senza opporre alcuna resistenza. Per lui (o lei),
anche le regole della morale religiosa usuale possono non valere pi. Al contrario,
chi sostiene la via della scimmietta suggerisce che il devoto non cessi mai di
compiere gli atti quotidiani di adorazione a Dio e ad aderire alla morale, di
modo da rendersi gradito/a a Dio. Sar Dio a introdursi nella quotidianit e
sollevare lanima a Lui devota.
Forse non per caso, il campione di questa via, Vednta Deika (XIII sec.),
ha anche scritto opere di Mms, ossia di esegesi dei testi sacri (Veda), in cui
sposa la linea iperortodossa della verit a priori del Veda. Ci parrebbe a prima
vista contrastare con la forza della sua vocazione religiosa come rappresentata
in altre sue opere (soprattutto nelle eulogie dedicate direttamente a Dio), nch
non si immagini che i ristretti vincoli imposti dalladerenza ai testi sacri e al rito
orano per Vednta Deika lunica cornice allinterno della quale lesperienza
mistica possa realizzarsi. Un ulteriore parallelo oerto dallinsistenza, negli
scritti mistici di Vednta Deika, sullincontro presente con Dio. Dio cio
presente al fedele, tanto da rendere il portico in cui si trascorrono le caldi notti
estive di colpo aollato (nella Dehalastuti), tanto presente da rendere ogni
piano per il futuro o riessione sul passato impossibili, dato che lintensit del
momento non lascia spazio per nullaltro.
Nei termini di You wil l meet a tal l dark stranger e Match Point, i protagonisti
sono colpiti da unepifania, ma non si abbandonano a questa, n daltronde
sanno continuare nel cammino morale del rapporto gi stabilito con la via che
stata loro oerta. Nel presente di Roy, pur invaso dalla bellezza di Dia, resta
lo spazio per escogitare vie di fuga, alternative, stratagemmi.
6 Qual lo specico di unopera narrativa?
Lesperimento nora tentato suggerisce unulteriore riessione. Lidea nora
tracciata viola infatti linterpretazione esplicitamente suggerita da Allen, ma al-
lo stesso tempo trae qualche legittimit dalla trama dei due lm. Ora, qual il
vantaggio ulteriore nel rappresentare in modo dinamico e narrativo (lmico, in
questo caso) il contrasto fra morale e abbandono? Senzaltro uno dei vantaggi
7
il fatto che i protagonisti vengono in primo piano rispetto alle idee astrat-
te che rappresentano. Lavanzarsi della situazione di Roy, il suo incunearsi in
una situazione senza uscite appare molto pi plasticamente e in modo molto
pi convincente rispetto a una trattazione psicologica del rischio di depressio-
ne. Inoltre, il fatto di aver a che fare con personaggi apparentemente ordinari
(anzich criminali conclamati) e la maestria di regista e attori nel permettere
limmedesimazione suggeriscono che le situazioni vissute da Roy e Chris siano
alla portata di tutti. Roy, Chris e tutti gli spettatori con loro sperimentano
varchi nelle proprie esperienze ordinarie. Varchi in cui incontrano per caso No-
la di passaggio in un museo, o alzano gli occhi verso la propria dirimpettaia.
Immaginiamo che questi siano stati solo alcune delle innumerevoli opportunit
loro oerte. Roy e Chris hanno avuto labilit di cogliere almeno una di queste.
Lhanno riconosciuta come tale? Hanno permesso allo straordinario di entrare
nelle proprie vite o lhanno immediatamente irregimentato in ordinario?
Inoltre, unopera narrativa rappresenta una possibilit aggiuntiva in quanto
non necessariamente vincolata da criteri di verit. Anche quando vorrebbe
esserlo (come nel caso di opere con una morale dichiarata), non detto che voglia
o riesca a imporre il proprio punto di vista (nel caso di You wil l meet a tal l dark
stranger possibile che lapproccio autorionico del regista impedisca in modo
particolare che un unico lo sia tratto dallintricata matassa delle interpretazioni
possibili).
Nel caso analizzato, unopera teologica si troverebbe costretta a prendere
una posizione specica circa il rapporto morale-esperienza religiosa. Dovrebbe
per esempio dire che una vita morale sia conditio sine qua non per il realizzarsi
dellesperienza religiosa. Oppure sostenere che lattenersi alla morale possa ri-
sultare controproducente in quanto vincola a criteri umani, e che lavverarsi di
unesperienza religiosa possa realizzarsi solo a prescindere dallosservanza mo-
rale. Al contrario, Allen pu permettersi di esplorare entrambe le prospettive
senza imporre un punto di vista, come dimostra il fatto che la linea interpretati-
va esplicitamente suggerita dal regista non la stessa dei suoi personaggi e pu
quindi essere evitata da ulteriori interpreti (come nel caso del presente saggio).
8