Sei sulla pagina 1di 14

BREVE VADEMECUM

PER LA COMPRAVENDITA IMMOBILIARE



Il presente lavoro si propone di fornire alcune utili informazioni a tutti coloro
che si accingono a procedere all'acquisto di un immobile.
Recenti provvedimenti normativi, infatti, richiedono, anche per coloro che
gi hanno maturato una qualche esperienza nel settore, di aggiornare le loro
conoscenze, mentre coloro che per la prima volta si avvicinano all'acquisto,
troveranno in questo libretto una utile guida che potr essere di stimolo per
ulteriori approfondimenti da sviluppare con il proprio notaio o consulente di
fiducia.
Oggi inoltre, molti cittadini dispongono di un accesso alla rete internet e
pertanto, fin d'ora segnaliamo come sito fondamentale di riferimento, al quale
attingere moltissime informazioni, il sito del Consiglio Nazionale del
Notariato:
www.notariato.it

Questo sito, curato ed aggiornato dai Notai italiani, offre ogni utile
informazione anche relativamente alle pi recenti normative in materia di
compravendita immobiliare ed agevolazioni tributarie connesse, ad esempio
per quanto attiene le cosiddette agevolazioni per l'acquisto della prima casa
e la relativa casistica.
Inoltre, segnaliamo le due recenti pubblicazioni, assai utili ed ugualmente a
carattere di vademecum, che possono sia essere scaricate dal sito predetto
(Le Guide per il Cittadino), sia dai siti delle altre organizzazioni che hanno
collaborato alla loro redazione (tra cui Adiconsum, Adoc, Adiconsum,
Confconsumatori, Lega Consumatori, Unione Nazionale Consumatori)
oltrech dal sito www.notaiodoria.it:
Prezzo Valore;
Mutuo informato.
La prima particolarmente importante perch, come meglio vedremo nel
prosieguo, chiarisce che oggi indispensabile dichiarare sempre il prezzo
vero, in quanto non vale pi la regola per cui sufficiente dichiarare un
prezzo superiore al valore catastale per evitare accertamenti fiscali. Inoltre
essa specifica in quali casi si applica la disciplina del prezzo-valore, che
consente di applicare (e quindi pagare) le imposte sul valore catastale anche
se il prezzo dichiarato di molto superiore.
La seconda pubblicazione, invece, disponibile in forma cartacea anche presso
i Notai, si preoccupa di fornire utilissime informazioni allorquando, come
avviene nella maggioranza dei casi ormai, si pianifica l'acquisto di una casa
attraverso il finanziamento da parte di un istituto di credito. Si tratta di una
materia oggi particolarmente di interesse vuoi perch, a causa dell'elevato
costo delle case, la maggioranza dei cittadini costretta a farvi ricorso, vuoi
perch, con recenti provvedimenti (c.d. Decreti Bersani, dal nome del
Ministro proponente) il settore ha subito pi di qualche ritocco: tra l'altro
eliminazione delle penali di estinzione per i nuovi mutui e riduzione delle
penali per quelli gi stipulati; portabilit dei mutui e, non ultima novit, la
cancellazione delle ipoteche da parte delle Banche ad avvenuta estinzione del
mutuo da parte del debitore; vuoi ancora per l'enorme offerta di prodotti con
caratteristiche diverse che i cittadini possono oggi trovare sul mercato.
Sia chiaro tuttavia che il presente lavoro non pu e non vuole sostituirsi in
nessun caso al vostro Consulente di fiducia, al quale anzi dovete sempre ed in
ogni caso fare riferimento.

I SOGGETTI NECESSARIAMENTE COINVOLTI NELLE
OPERAZIONI IMMOBILIARI (VENDITORE ACQUIRENTE
NOTAIO) ED I SOGGETTI EVENTUALMENTE COINVOLTI (
TECNICI AVVOCATI)
In via generale, possiamo affermare che la vendita il contratto che ha per
oggetto il trasferimento della propriet di una cosa (o il trasferimento di un
altro diritto) verso il corrispettivo di un prezzo.
Da tale elementare, ma precisa definizione, possiamo subito dedurre la
necessaria presenza di due soggetti: il venditore e l'acquirente sui quali la
legge fa gravare precise obbligazioni.
Per il venditore l'obbligazione principale quella di consegnare la cosa
venduta al compratore e, per quest'ultimo quella di pagare il prezzo.
Diversamente da quanto ci si immagina, si diventa proprietari non quando si
paga il prezzo o quando il bene venga consegnato, ma quando il contratto
regolarmente concluso. Per la vendita di un immobile ci accade se il
contratto redatto per scritto, firmato ed completo, cio indica senza
possibilit di dubbi sia il prezzo, sia limmobile, sia gli altri patti; quel che
non scritto nel contratto, magari perch pattuito a voce, non ha alcun valore.
Inoltre, altre norme prevedono che gli atti relativi agli immobili vengano
trascritti, vengano cio inseriti in speciali registri immobiliari nei quali
annotata la propriet degli immobili. E' attraverso questi registri, tenuti
presso quelle che comunemente vengono chiamate Conservatorie dei Registri
Immobiliari, che si risale all'appartenenza degli immobili, e non attraverso il
catasto! Per poter inserire i dati in questi Registri (oggi in gran parte
informatizzati) necessario un atto notarile: ecco perch oltre al venditore ed
all'acquirente, l'altra figura la cui presenza necessaria quella del Notaio.
Altre volte, tuttavia, le parti possono aver bisogno di avvalersi di altri validi
collaboratori: per esempio pu essere necessario intervenire sulla planimetria
catastale, per aggiornarla a fronte di legittimi interventi edilizi realizzati
sull'immobile, ed in questo caso sar il notaio stesso a suggerire loro di
rivolgersi ad un tecnico (architetto, ingegnere o geometra); altre volte
possono porsi problemi di tipo tributario o legale particolarmente complesso
nei quali la sinergia migliore si realizza con la collaborazione tra
professionisti: notaio avvocato commercialista.

CHI E' IL NOTAIO E QUALE FUNZIONE SVOLGE
Il Notaio un libero professionista laureato in giurisprudenza che esercita
funzioni pubbliche: il corso di laurea in comune con quello degli avvocati e
dei magistrati, ma poi, dopo la laurea, la sua carriera si separa nettamente per
consentirgli una formazione specifica nei settori civile, commerciale, delle
successioni e delle imposte che colpiscono gli atti. A tale professione si
accede, dopo un periodo di praticantato, attraverso un concorso pubblico
particolarmente ed estremamente selettivo, tant' che solo il 18% dei notai
italiani (percentuale pi bassa di tutto il panorama professionale) hanno un
famigliare dedito alla medesima professione (non si tramanda di padre in
figlio !!).
Il Notaio, nell'esercizio delle sue funzioni, un Pubblico Ufficiale che lo
rende garante della veridicit e della legalit degli atti e, soprattutto, gli
consente e lo obbliga ad essere imparziale ed al di sopra di tutte le parti,
esattamente come un giudice, ma con funzioni preventive del contenzioso.
Le tariffe del Notaio sono stabilite dallo Stato proprio perch una funzione
pubblica: l'onorario notarile pari normalmente a met della tariffa degli
avvocati per lassistenza in un analogo affare e ad un sesto di quanto riscuote
il mediatore immobiliare.
Sicuramente, nel panorama del mondo legale, il Notaio considerato da tutti
uno degli operatori pi qualificati cui i cittadini possono rivolgersi.
Dunque, anche voi, che state leggendo questo vademecum, rivolgetevi con
fiducia al vostro Notaio.
Nell'ambito del territorio della Repubblica i Notai sono raggruppati per
Distretti Notarili, allo scopo di assicurare la loro diffusione capillare sul
territorio.
I Notai operanti a Venezia e provincia sono circa una sessantina, facenti parte
del Distretto Notarile di Venezia.
Cosa fa, per voi, il Notaio ?
Prima di tutto controlla, e non poco, che il bene che vogliono vendervi
possa essere negoziato.
Poi controlla che chi vi vende l'immobile, sia veramente il proprietario! Poi,
ancora, controlla che sull'immobile non gravino ipoteche o altre formalit
pregiudizievoli.
Controlla anche, nei limiti delle sue conoscenze (non un architetto !!) che
l'immobile sia in regola sotto il profilo edilizio.
Quanto pi collaborerete con il Notaio, tanto pi farete il vostro interesse:
egli il vostro amico! Nascondere al notaio dei particolari, significa, il pi
delle volte, darsi la zappa sui piedi !!!
Insomma, ci sono una vera e propria marea di leggi che riguardano la vendita
degli immobili, oggi pi di ieri:.... ecco perch ci vuole un soggetto super-
specializzato e super-partes !!
Ci che importante capire che il Notaio rappresenta un controllo di
legalit per tutti, per il venditore, per l'acquirente e garantisce quindi l'intero
sistema giuridico delle contrattazioni nel suo insieme: questo il motivo per
cui i Paesi pi moderni hanno rivalutato enormemente questa figura cos
antica eppure cos all'avanguardia sotto il profilo sia giuridico che
tecnologico.
Il Notaio soggetto, a sua volta, a controlli severissimi e risponde
personalmente in caso di errori. Il Notariato Italiano inoltre, per primo tra le
professioni, ha stipulato con i Lloyds di Londra una polizza assicurativa in
grado di coprire i cittadini in caso di danno.
Il Notaio, per concludere, il soggetto che, in tutta la transazione attribuisce,
con la propria firma, certezza incondizionata al rapporto in via definitiva.
Perci possiamo sostenere che il Notaio sinonimo di certezza e che non c',
nel nostro ordinamento, nessun altro soggetto in grado di dare ai cittadini un
servizio equivalente ad un costo cos basso.


LE FASI CHE PRECEDONO IL ROGITO:
L'AGENTE IMMOBILIARE
LA PROPOSTA E L'ACCETTAZIONE

La ricerca di un acquirente per l'immobile da vendere, magari al prezzo
sperato, non sempre facile, cos come non sempre facile trovare, spesso
incalzati dalla fretta, una adeguata sistemazione abitativa.
Le Agenzie immobiliari mettono in relazione due o pi parti (la domanda e
l'offerta) per la conclusione di un affare, senza per essere legate ad alcuna di
esse da rapporti di collaborazione, di dipendenza o di rappresentanza. Se
l'affare concluso per effetto del suo intervento, il mediatore ha diritto alla
provvigione che, mediamente, si aggira attorno al 2%-4% del prezzo pattuito
per la compravendita oltre ad I.V.A. nella misura di legge (attualmente 20%)
.
Il mediatore ha inoltre diritto al rimborso delle spese nei confronti della
persona per incarico della quale sono state eseguite, anche se l'affare non
stato concluso.
Non chiunque pu svolgere questa attivit: per svolgerla legittimamente
bisogna essere iscritti in un ruolo presso la Camera di Commercio. Chi non
iscritto non ha diritto ad alcuna provvigione! Spesso i mediatori aderiscono
anche ad associazioni di categoria loro proprie quali, ad esempio, la FIAIP.
Il mediatore deve comunicare alle parti le circostanze a lui note relative alla
valutazione ed alla sicurezza dell'affare che possono influire sulla
conclusione di esso.
Una buona e seria agenzia immobiliare, di solito, esegue gi delle ispezioni
ipotecarie e catastali sull'immobile, si procura i titoli di propriet dello stesso
e le relative planimetrie, verifica la regolarit edilizia e l'eventuale pendenza
di condoni: fatto ci, nel momento in cui l'Agenzia conduce le parti a
stipulare un contratto preliminare si sar rivelata un prezioso anello di
raccordo tra le parti ed il Notaio ai fini della successiva predisposizione del
contratto definitivo.
I Notai hanno stima e collaborano fattivamente con gli agenti immobiliari
con i quali si instaura questo tipo di collaborazione nel rispetto dei ripettivi
ruoli e funzioni.
Aggiungiamo che un recente provvedimento normativo ha oggi reso
responsabili in solido con le parti anche i mediatori per ci che attiene al
versamento dei tributi dovuti in relazione ai preliminari conclusi con il loro
intervento, con ci ulteriormente sensibilizzandone l'operato.
Sia chiaro comunque che non necessario, per vendere od acquistare un
immobile rivolgersi per forza ad una agenzia immobiliare, cos come non
necessario, per forza, stipulare un contratto preliminare.
Spesso il mediatore svolge anche preziose attivit accessorie:
- effettuazione della stima dell'immobile;
- reperimento in Comune delle concessioni edilizie;
- aiuto nelle trattative;
- assistenza nella predisposizione di preliminari o "proposte di acquisto"
- consegna al Notaio di tutti i documenti necessari per la stipula.
Per questo importante rivolgersi solo a professionisti seri ed iscritti
all'apposito registo tenuto presso la Camera di Commercio.
E' comunque opportuno rivolgersi al Notaio per un parere anche durante le
trattative, in quanto gi al momento della firma del preliminare possono
essere assunti impegni importanti: fatelo con fiducia! Se avete qualche
dubbio contattate il vostro Notaio gi in questa fase: vi dar dei consigli
preziosi che si riveleranno utili per le trattative.

QUALI DOCUMENTI SI FIRMANO?
PROPOSTA IRREVOCABILE
E' il primo documento che normalmente si sottoscrive presso l'Agenzia,
quando si desidera concludere la trattativa: la "PROPOSTA
IRREVOCABILE" ad acquistare: l'impegno a concludere il contratto, che
deve contenere il prezzo e le eventuali altre condizioni proposte, e un termine
alla scadenza del quale la proposta perde di efficacia.
Lindicazione irrevocabile, impedisce di cambiare idea prima della scadenza
del termine indicato.
Attenzione! Nel caso in cui il venditore firmi per accettazione, si forma un
vero e proprio preliminare, soggetto all'obbligo di registrazione.

PRELIMINARE

E' un vero contratto in cui le parti si impegnano reciprocamente ad addivenire
al rogito, che contiene oltre al prezzo anche tutti i patti accessori relativi alla
vendita: si badi, con il preliminare non si acquista nulla ma solo si promette
di vendere e di comprare nel futuro.
Chi, dopo il preliminare, non intende procedere alla vendita, pu vedersi
chiamato in giudizio perch sia il giudice a trasferire limmobile oppure pu
perdere la caparra versata o dover restituire il doppio di quella ricevuta.
Il preliminare pu essere concluso con scrittura privata semplice, o per atto di
Notaio (in questi caso anche trascritto).
Vediamo le differenze.
Preliminare "privato"
Impegna le parti che lo hanno firmato, ma non pu essere fatto valere nei
confronti dei terzi. Ci significa che di fatto limmobile pu essere venduto a
terzi nonostante il contratto, sebbene si tratti di comportamento illegittimo
che comporta la necessit di risarcire i danni. Ancora: i creditori del
proprietario possono pignorare il bene o iscrivere ipoteca, se questo non paga
i propri debiti, senza che ci possa essere evitato in alcun modo. Inoltre in
caso di fallimento del proprietario, cosa che purtroppo talora accade, non si
riuscir a recuperare praticamente alcuna somma sugli acconti versati.
Infine, in caso di acconti pagati al momento della sottoscrizione, non c'
nessuna garanzia effettiva di restituzione qualora il promittente venditore
fallisca o... scappi con i soldi.
Il preliminare per scrittura privata non autenticata sempre e comunque
soggetto all'obbligo di registrazione, entro il termine di venti giorni da
quando stato sottoscritto.
Sconta l'imposta di bollo, l'imposta fissa di registro (Euro 168), oltre che
l'imposta di registro dello 0,50% sulla caparra, e del 3% sugli acconti di
prezzo percepiti alla firma del preliminare.
L'imposta riscossa sulla caparra e sugli acconti viene per recuperata
scontandola dall'imposta di registro che si paga al rogito (se per la vendita
ad IVA gli acconti di prezzo sono soggetti a tale imposta mentre l'imposta di
registro per la caparra non recuperabile)

Il preliminare redatto dal Notaio
Il preliminare redatto da notaio presenta notevoli garanzie in pi rispetto al
preliminare "privato":
- la trascrizione: solo il preliminare notarile pu essere trascritto, acquistando
cos l'opponibilit verso i terzi. Ci significa che il promittente venditore non
pu vendere a nessun altro l'immobile; inoltre eventuali ipoteche,
pignoramenti ecc.., che possono colpire l'immobile successivamente non
avranno nessun effetto a danno del promissario acquirente.
2) il privilegio speciale a favore del promissario acquirente:
nel caso di mancata esecuzione del preliminare, il promissario acquirente pu
far vendere l'immobile all'asta per recuperare quanto versato, proprio come se
avesse un'ipoteca a suo favore.
3) le firme sono autenticate dal Notaio, quindi nessuno pu disconoscerle;
pertanto molto pi agevole far valere i propri diritti davanti al Giudice in
caso di lite.
Per questi motivi particolarmente opportuno il preliminare notarile, specie
qualora si preveda l'obbligo di versare somme ingenti di denaro prima del
rogito;
se invece si preferisce ricorrere al preliminare "privato", assolutamente
sconsigliabile, perch molto rischioso, pagare somme ingenti prima del
definitivo.

Quanto costa il preliminare dal notaio?
Oltre all'imposta di bollo e di registro (che sono previste anche per il
preliminare privato), si pagano l'imposta e la tassa ipotecaria in misura fissa
(Euro 168 + Euro 35), oltre all'onorario del Notaio, che circa met rispetto a
quello previsto per il rogito. Inoltre, se la vendita stipulata dallo stesso
Notaio che ha ricevuto il preliminare, si pu avere uno sconto sull'onorario
della vendita, perch i controlli ipo-catastali (cio le verifiche sulla situazione
dellimmobile) sono gi stati eseguiti.

PRELIMINARE DI IMMOBILE DA COSTRUIRE
(C.D. VENDITA SULLA CARTA)
Qualora si acquisti da un'impresa una casa in corso di costruzione, una
recente legge prevede particolari garanzie a favore del privato che firma il
preliminare:
-l'obbligo del costruttore di consegnare una fideiussione bancaria o
assicurativa (o rilasciata da una societ finanziaria iscritta ad un apposito
Albo) a garanzia di tutte le somme che il promissario acquirente paghi prima
del rogito;
- un contenuto del preliminare molto dettagliato che prevede l'allegazione
degli elaborati di progetto della casa e delle parti comuni, nonch di tutti i
capitolati relativi alla costruzione;
- l'obbligo per il costruttore di consegnare all'acquirente, al momento del
rogito, una polizza assicurativa decennale (c.d. garanzia del costruttore)

IL ROGITO: FINALMENTE LA CASA E' VOSTRA !
Il rogito l'atto notarile con il quale avviene il trasferimento della propriet
in capo all'acquirente.
E' errato ritenere che la casa sia "comprata" al momento del preliminare!
Con il contratto preliminare, lasciando stare alcune distinzioni legali, le parti
normalmente si impegnano rispettivamente a vendere e ad acquistare un certo
immobile: quindi il contenuto del preliminare sono solo degli obblighi.
Con il rogito, invece, si realizza il momento traslativo della propriet: la
propriet passa dal venditore al compratore con tutte le relative conseguenze
giuridiche e fiscali.
Prima di addivenire al rogito, con un lungo e paziente lavoro, il notaio esegue
una serie di controlli per verificare che tutto sia in ordine; che l'immobile sia
effettivamente di propriet del venditore, che sia libero da ipoteche, che sia
regolare sotto il profilo urbanistico-edilizio.

COSA SERVE PER UN ROGITO DI COMPRAVENDITA
DOCUMENTI DA PORTARE AL NOTAIO

A) DOCUMENTI RELATIVI AI SOGGETTI:
- documenti d'identit (e permesso di soggiorno per cittadini extracomunitari)
e C.F. e certificato di libert di stato o estratto per riassunto dell'atto di
matrimonio: sar pi facile l'inserimento di dati precisi nell'atto e la verifica
del regime patrimoniale di coniugi, spesso indispensabile per una corretta
intestazione dei beni;
B) DOCUMENTI RELATIVI AGLI ATTI PRECEDENTI:
- atto di provenienza (con cui l'immobile stato acquistato, oppure denuncia
di successione) per verificare pattuizioni particolari da riportare nell'atto e per
avere un punto di partenza per i controlli ipo-catastali;
- le eventuali convenzioni edilizie: non sempre il loro testo integrale risulta in
conservatoria;
C) DOCUMENTI RELATIVI AGLI IMMOBILI:
- planimetria catastale (raffigurazione grafica degli immobili come risultante
al catasto): la planimetria deve corrispondere allo stato attuale dell'immobile;
- titoli abilitativi alla costruzione: licenze, DIA, permesso di costruire,
varianti, condoni, abitabilit e agibilit, progetti allegati a dette concessioni.
Esse sono particolarmente rilevanti perch l'esistenza di abusi comporta
sanzioni, da lievi ammende fino a multe elevate e obbligo di demolizione in
caso di abusi totali (case costruite senza licenza o gravi difformit eseguite
rispetto al progetto originario).
D) PAGAMENTI:
- estremi dei mezzi di pagamento (assegni, bonifici) con cui stato pagato il
prezzo e, se del caso, la provvigione.
Le nuove norme antiriciclaggio impongono di dichiarare in atto con quale
modalit stato pagato il prezzo, non solo il saldo pagato al rogito, ma anche
tutti gli acconti.
Perci ricordatevi di fare sempre una fotocopia di tutti gli assegni che
consegnate al venditore ed alla agenzia e compilateli in tutte le loro parti
(data e luogo di emissione!!). Ricordate anche che gli assegni di importo
superiore ad euro 12.500,00 devono recare la clausola "non trasferibile".

PAGAMENTI AL NOTAIO: LE SOMME CHE VERSATE AL
NOTAIO COMPRENDONO GLI ONORARI MA ANCHE LE
TASSE CHE LO STATO PERCEPISCE: CERCHIAMO DI FARE
CHIAREZZA!

L'OBBLIGO DI DICHIARARE IL PREZZO VERO.
E' sbagliato ritenere che si possa stare tranquilli dichiarando un prezzo
inferiore a quello vero, purch esso superi il valore catastale.
Oggi infatti per quasi tutte le compravendite (e in particolare per le vendite
soggette ad IVA di case) L'Agenzia delle Entrate pu effettuare sempre
accertamenti di valore, anche se si dichiarato "il valore catastale".
Inoltre, se per acquistare la casa si chiede un finanziamento, la somma presa
a mutuo dalla banca considerata "valore normale dell'immobile" a fini
fiscali.
Si consideri poi che nelle vendite "non soggette a iva" (principalmente quelle
tra privati) la tassazione calcolata sul valore catastale dell'immobile a
condizione che si dichiari il prezzo vero.

ALTERNATIVITA' IVA/REGISTRO
Ogni atto soggetto al pagamento di alcune imposte, in particolar, le
principali (e pi gravose) sono l' IVA e/o l'imposta di registro.
Sono soggette ad IVA le vendite di case da parte del costruttore che rivenda
entro quattro anni dal momento in cui ha terminato la costruzione o
ristrutturazione.
Negli altri casi la vendita di abitazioni soggetta ad imposta di registro.
L'IVA
L'IVA si deve pagare direttamente al venditore/costruttore.
E' calcolata sul prezzo di vendita.
L'aliquote applicate:
- con agevolazioni prima casa: 4%
- senza agevolazioni prima casa: 10%
Quando l'atto soggetto ad IVA, sconta anche tre imposte fisse: di registro,
ipotecarie e catastali (Euro 168 x 3), il cui importo deve essere consegnato al
notaio che le verser in sede di registrazione.
L'IMPOSTA DI REGISTRO
L'imposta di registro prevista quando l'atto non soggetto ad iva, e deve
essere versata al Notaio al momento del rogito.
In virt di una recente normativa, detta del "prezzo - valore", fortemente
voluta anche dal notariato italiano al fine di eliminare l'evasione fiscale (e
anche di far s che finalmente i cittadini dichiarassero la verit!), l'imposta di
registro si applica non sul prezzo dichiarato in atto, ma sul valore catastale
dell'immobile (che a sua volta si ottiene moltiplicando la rendita catastale per
determinati coefficienti: 115,5 se trattasi di prima casa ovvero 126 negli altri
casi).
Pertanto possibile dichiarare interamente il prezzo convenuto senza avere
nessun aggravio fiscale, perch l'imposta sar sempre riscossa sul valore
catastale.
Aliquote applicate:
- con agevolazioni prima casa: del 3% di imposta di registro, oltre a due tasse
fisse (Euro 168 x 2) ipo-catastali;
- senza agevolazioni prima casa: 7% registro, 2% ipotecaria e 1% catastale.

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA
Le agevolazioni prima casa spettano solo quando ricorrano i seguenti
presupposti:
- la casa non sia da considerarsi "di lusso" secondo particolari criteri (fissati
da un D.M. del 1969), tra i quali spicca principalmente la superficie, che non
deve essere superiore a 240 mq.;
- non si abbiano altre case in propriet esclusiva, o in compropriet con il
coniuge, nel Comune ove si acquista la casa, e non si siano acquistati altri
immobili, o quote o diritti reali sugli stessi, con le agevolazioni prima casa
(anche in altre parti del territorio italiano);
- si risieda nel Comune ove si acquista la casa, oppure si dichiari di volervi
trasferire la residenza entro 18 mesi, oppure la casa si trovi nel luogo ove si
svolge la propria attivit lavorativa; questo presupposto non serve se si
cittadini italiani emigrati all'estero o se si appartenenti al personale in
servizio permanente presso le forze armate o alle forze di polizia.

PLUSVALENZA
Il privato che vende una casa pu realizzare una plusvalenza tassabile.
La plusvalenza si realizza quando l'immobile venduto ad una somma
superiore al prezzo di acquisto sommato alle spese.
La plusvalenza NON tassabile quando:
- sono trascorsi cinque anni dall'acquisto;
- l'acquisto avvenuto per successione o donazione (salvo casi particolari);
- la casa stata adibita a residenza principale per la maggior parte del periodo
di possesso: quindi se si vende una casa entro due anni dall'acquisto, non si
paga alcuna plusvalenza se la casa era stata adibita a residenza per pi di un
anno.
Come si paga la plusvalenza? Deve essere denunciata nella dichiarazione dei
redditi; oppure possibile scegliere di pagare direttamente al rogito, l'imposta
sostitutiva del 20% sulla plusvalenza realizzata, facendone espressa richiesta
nell'atto..

ONORARI NOTARILI
L'onorario del notaio non un mistero, ed meno elevato di quanto si pensi
in realt; inoltre subisce un'ulteriore riduzione nel caso si applichi la
normativa del "prezzo - valore", semprech le parti dichiarino il vero prezzo.
Oltretutto l'onorario notarile comprende anche tutte le spese per le visure ipo-
catastali ventennali, e l'attivit di registrazione e trascrizione, tutte voci non
comprese nel compenso degli altri professionisti.
Come sopra specificato, le tariffe notarili sono previste con un Decreto
Ministeriale. Il Consiglio Notarile Distrettuale non rilascia preventivi, ma
vigila affinch le parcelle dei Notai siano conformi a quanto stabilito per
legge.
L'ASSEGNO AL NOTAIO
Perci al Notaio si dovr versare contestualmente al rogito, oltre all'onorario
(potete richiedere nei giorni precedenti al rogito un preventivo per sapere
quale sar la vostra spesa) anche le imposte e tasse connesse all'operazione
che il Notaio stesso, ai sensi di legge, sar tenuto, a sua volta, a riversare allo
Stato essendovi obbligato in solido con le parti.
Ecco perch talora le somme versate al Notaio possono apparire ingenti: non
tutto per riferibile al suo onorario!! Dalla fattura che egli vi rilascer sarete
in grado di distinguere le anticipazioni (tasse ed imposte) e gli onorari. In
questa fase il Notaio, infatti, opera come un esattore per conto dello Stato.
Facciamo ora l'esempio di una compravendita con le agevolazioni c.d. "prima
casa" in cui venga venduto per un prezzo di euro 300.000,00 un immobile il
cui valore catastale sia di euro 200.000,00.

Immaginiamo, per semplicit, che si tratti di un atto di media difficolt, sia
per ci che attiene l'analisi delle pi ricorrenti questioni legali, sia per ci che
attiene il controllo dei registri ipo-catastali, sia, da ultimo, per ci che attiene
le spese ordinarie per il rilascio delle varie copie.

In questo caso il Notaio richieder il versamento di circa 8.785,00 euro in
totale, cos composto: Imposta di registro (3% del valore catastale) euro
6.000,00 + Imposte Ipotecarie e Catastali (in misura fissa) euro 336,00
(sono euro 168 x 2, mentre in caso di acquisto non agevolato sarebbero in
totale un 3%) + Bollo, Trascrizione, Tassa Archivio euro349,00 + Onorario
notarile (agevolato con riduzione del 30% tenuto conto del meccanismo
prezzo-valore) circa euro 1.750,00 (pi I.V.A. sull'onorario del notaio per
euro 350,00).

Pertanto di quei 8.785,00 euro, evidente come 7.035,00 sono dovuti a titolo
di imposte e tasse ed euro 1.750,00 per onorario del Notaio il quale ultimo,
quindi, nel nostro caso, incide sul prezzo complessivamente pattuito in
ragione dello 0,6% circa.