Sei sulla pagina 1di 8

LETTERA ALCHEMICA DI J.M.

KREMMERZ
ISIDE, ASTARTE, MADONNA, sono il grande passivo niversale. Il SOLE, A!OLLO, MICHAEL,
AMMON, sono il "en#ro a "i $an "apo ###e le Marie niverse, "en#ro solare, voli#ivo, %as"&io.
Ogni "orpo %ano 'sa#rno( "on#iene n)ani%a passiva 'lna * %er"rio( ed n prin"ipio
voli#ivo 'sole(.
!i+ ,asso - l)o%o, pi+ i de prin"ipi res#ano lega#i insie%e ed in"apa"i di separarsi. !i+ l)o%o
- progredi#o, pi+ il pri%o ele%en#o p. risalire al %ondo delle "ase, "en#ro passivo
niversale, %ondo dei po#eri 'per"&/ o##iene 0ello "&e vole( e %ondo di l"e 'per"&- p.
sapere ed apprendere ###o(. 1es#)ani%a 'lna * %er"rio( p. generare ogni %ira"olo
apparen#e, se arriva alla Miria% niversale 'di"o %ira"olo apparen#e non reale per"&- o##enere
n e$$e##o, segendo la legge delle "ase. non - n %ira"olo, %a n esperi%en#o di pra#i"a
s"ien#i$i"a e %agi"a(.
!er $ar 0es#o deve diven#are $a"il%en#e as#rai,ile 2 "io- es#eriori33a,ile 2 e per diven#are #ale
deve asso%igliare per s#r##ra al %ondo delle "ase, "io- alla Miria% o 4#ero !assivo
niversale, dove "onvergono ###e le Marie %ane. Ri$erendo"i ai 0a##ro ele%en#i niversali,
possia%o dire "on l)an#i"o si%,olis%o5

6 2 FUOCO 'piro%an3ia(
nell)o%o - la "asa genera#ri"e, e pri%a %en#e. In#elle##o, 7olon#8. 9 l)Io speriore da "i -
ven#o il "on"e##o del Dio 4ni"o, salendo dal %i"ro"os%o al %a"ro"os%o.
: 2 ARIA 'e#ero%an3ia, aero%an3ia, %agia "eles#e(
nell)o%o - lo spiri#o %ano o e$$la#s o spiri#o vi#ale, 0indi !arola e 7i#a.
; 2 ACQUA 'idro%an3ia, %agia lnare(
nell)o%o - il %ondo delle idee in ges#a3ione di reali33arsi o no. Magne#is%o.
< 2 TERRA 'geo%an3ia(
nell)o%o - il regno del sensi,ile, "io- i "in0e sensi $isi"i e le sensa3ioni "onsegen#i.

1es#i 0a##ro gradi al"&i%i"i della %agia rappresen#ano il 0a#ernario della 1a,ala& di "i -
"o%pos#o il no%e di Jeve o Jeova& 'hwhy(5
a3ione di volon#8 assol#a e de#er%ina#iva o divina '=4OCO( "&e agis"e per %e33o della parola
'ARIA( sgli spiri#i %ani o spiri#i delle "ose per %e33o del "orpo lnare o %agne#e 'AC14A(
slle idee %ane per %e33o dei sensi slle "ose #errene ###e 'TERRA(.
Il "on"e##o dell)niverso in %agia - analogi"o al "on"e##o dell)ni#8 4o%o. 9 n organis%o "&e
$n3iona "on leggi %e""ani"&e e %a#e%a#i"&e. "o%e il "orpo %ano "on le leggi della vi#a
ani%ale.
Cos> "on"epi#o l)niverso diven#a n %e""anis%o inesora,ile nel so %ovi%en#o es#eriore,
"o%e li "orpo %ano deve inesora,il%en#e ,,idire alle leggi della %a#eria di "i - "o%pos#o.
?li E,rei 0es#o "on"e##o di inesora,ili#8 lo de#er%inarono nel Te#ragra%%a#on

I%plso rea3ione,
ri#orno i%plsivo rea3ione
In$a##i ogni %ovi%en#o %e""ani"o - "o%preso nel pri%o ,inario@ ed ogni "on#ini#8 nel
se"ondo. Nel "orpo %ano - l)i%plso voli#ivo vi#ale, il so "on#rario o spiri#o, $or3a vi#ale,
rea3ione, %ovi%en#o degli organi. L)insie%e di 0es#o "ongegno niverso - la 7i#a5

VITA NUN $a#ale nel %e""anis%o
VITA EA in#elligen#e "o%e "asa

NUN-EA - il dio $a#ale per"&- non viola la legge, e gis#o per"&- "asa dell)e0ili,rio ed
e0ili,rio per se s#esso. Dio in#elligen#e, per"&- li,era%en#e %odi$i"a,ile nelle rea3ioni dei soi
prodo##i par3iali od organi. NUN-Fatalit, - in al#o "o%e in ,asso. Nell)ordine as#rono%i"o,
negli o%ini, nei vege#ali, nei %inerali.
EA-Intelligenza, - in al#o "o%e in ,asso, rela#iva%en#e alla "os"ien3a delle $n3ioni.

All)o%o s$gge il %e""anis%o %en#ale delle "ose "rea#e pi+ in grande e pi+ in pi""olo. DarAin
avre,,e po##o es#endere la legge della sele3ione ai %ondi in$eriori o speriori a noi.
Sola%en#e nelle "ondi3ioni di ada##a%en#o alla vi#a ,isogna in"ldervi l)in#elligen3a "o%e
$a##ore li,ero e la volon#8 "o%e ele%en#o di "ondi3ione.
Il Ternario niversale si in#ende %agi"a%en#e5
NUN-EA-ISIDE
MIRIAM B JEOVA reali33an#e
ASTARTE

1es#o sare,,e n Te#ragra%%a#on speriore alla po#es#8 0a#ernaria del Jeova e,rai"o, per
"i gli E,rei non ri"ono,,ero "o%e ele%en#o religioso le Marie o Iside o As#ar#e.
Considerando "&e in al#o "o%e in ,asso, il %as"&io rappresen#a l)a##ivo e l)in#elle##o voli#ivo, e
la $e%%ina la genera#ri"e passiva, si "o%prende il si%,olo di na 3ona "&e risiede #ra il %ondo
delle "ase, voli#ivo, e degli e$$e##i generan#i, na 3ona $e%%inile, %lie,re, n#rien#e e
reali33an#e "&e si - "&ia%a#a Iside, As#ar#e, Adda2Nari, Miria%, se"ondo le religioni diverse.
1es#o - il %ondo delle "ase.

Magia Alchimica degli eetti
La divini#8 niversale, "on"e l)o%o in par#i"olare, si "onsidera o "o%e androgena o "o%e ,ina.
Cio- o "o%e individo "on#enen#e i de sessi in s/ o "o%e n "orpo "on de ani%e di sesso
diverso.
I neopla#oni"i i#aliani appar#ennero a 0es#a se"onda s"ola si%,oli"a. Cea#ri"e, Lara,
=ia%%e##a, sono prodo##i di 0es#o "on"e##o del ,ino in n "orpo solo. L)Asino di Apleio
res#ere,,e se%pre asino se non in#isse e divorasse la Rosa, vale a dire non si nisse
"os"ien#e%en#e alla sa Iside, per"&- ###i gli o%ini &anno la loro Maria o Iside par#i"olare e
non la "onos"ono per"&- non vedono e non sen#ono la par#e $e%%inile della loro ni#8,
#ras$or%a#ri"e e n#ri"e reali33an#e della volon#8 %ana.
1es#a Maria di ogni o%o &a, se"ondo il grado di svilppo, po#ere rdi%en#ale o i%%enso.
!. essere a%or$a al pn#o di non i%pressionarsi dei segni e dei soni es#eriori, e p.
a"0is#are la $or%a angeli"a da %on#are e dis"endere dal Mondo delle Case. =are la %agia per
%e33o della Maria di n individo viven#e, signi$i"a sos#i#irsi all)Io di 0es#a persona ed
i%porre la propria volon#8 alla Maria al#ri e aspe##arne la reali33a3ione. 1es#a,
"o%ne%en#e, si o##iene "on l)ipno#i33a3ione o %agne#is%o, %a - %agia "ondanna#a
es"lsiva%en#e "o%e adl#era poi"&/ ###o - adl#erio spiri#ale, per %odo di dire, %a il
sos#i#irsi allo sposo legi##i%o, per ingravidare la sposa legi##i%a di n)idea - "orr3ione di
volon#8.
E""o per"&-, in nessn "aso e nean"&e nelle in$er%i#8, noi ri"orria%o a 0es#i %e33i "&e sono
gli ni"i di "i dispongono gli s#regoni veri e $alsi di pia33a.
9 %agia di servi#+ o,,ligare la Maria di na persona a "o%piere n da#o $a##o, 0an#n0e il
po#ere di 0aln0e Maria, so##o l)ordine po#en#e di n osiria"o p. raggingere n grado
illi%i#a#o.
A%%esso "&e n o%o si pro$erisse volon#aria%en#e a "o%piere "osa 0aln0e "on la Maria
propria, "o%e avviene #ra ini3ia#i e ini3ia,ili, 0es#o pra#i"a%en#e - se%pre ri$i#a,ile in ###e
le appli"a3ioni par#i"olari ed in opera3ioni a s"opi de#er%ina#i e no#i@ poi"&/ il "ara##ere
spe"i$i"o di ogni Maria - %odi$i"a,ile dal po#ere voli#ivo dello s#esso sogge##o "&e
volon#aria%en#e si - a""in#o a volere na reali33a3ione 0aln0e, e "o%e"&/ a noi non -
per%esso di annllare nessna volon#8 li,era, nean"&e degli in$eriori volon#ari, ne "onsege
0asi se%pre la non ris"i#a della "osa propos#a, "on l)aggravan#e di rea3ioni psi"&i"&e "&e
"adono sll)opera#ore osirideo in %aggior par#e.
Mi dilngo a proposi#o s 0es#o pri%o argo%en#o di Maria ini3iale, per"&- - 0ello da "i ###i
"o%in"iano "o%e dal pi+ se%pli"e@ e a vol#a a vol#a, "o%paiono nella s#oria periodi in "i
sorgono s"ole di %agia, ,asa#e in#era%en#e slla pro,a,ili#8 di servirsi delle Marie al#ri per
$ini generali e par#i"olari. Ed - $a"ile "apire la ragione di 0es#a pre$eren3a, poi"&/ - pi+ di$$i"ile
2 %ol#o di$$i"ile 2 persadersi "on "os"ien3a "&e in noi a,,ia%o na par#e $e%%ina "&e
o,,edis"e alla nos#ra volon#8 in ###o e per ###o, %en#re - %ol#o $a"ile vedere in n al#ro
o%o o al#ra donna n)ani%a "&e per %agne#is%o e si%pa#ia si %e##e a nos#ra disposi3ione.
Ieri ed oggi in =ran"ia ed in Ing&il#erra ed in ?er%ania ed in A%eri"a '0al"no an"&e in I#alia(
$a dei #en#a#ivi di %agia isia"a servendosi di 0es#o %e33o se%pli"issi%o. Classi"o nel genere
$ nel se"olo s"orso lo speri%en#alis%o del Ca&agne#, n 0asi sAede%,org&is%o, la "i
pra#i"a si rid"eva a 0es#o5 Dprende#e n sogge##o sensi,ile, pone#elo a sedere dinan3i ad n
vaso d)a"0a 'o na "ara$$a sl genere di 0ella di Caglios#ro( poi poggia#e la vos#ra des#ra sl
so "apo e prega#e lo spiri#o o angelo "s#ode del sogge##o 'Maria( "&e gli $a""ia vedere la
de#er%ina#a "osaD.
La sper$i"ie l"ida generava no s#a#o di pri%a ipnosi, di"o ipnosi, e si %ani$es#ava la
veggen3a. Cas#a leggere i ;: vol%i del Ca&agne# di "o%ni"a3ioni per $or%arsi n)idea esa##a
delle visioni e delle "o%ni"a3ioni dei sogge##i. 7ero spiri#is%o %ediani"o o""iden#ale, dove se
ne vede di ogni "olore.
Ma 0es#i sega"i di Al$onso Ca&agne# si li%i#avano e si li%i#ano an"ora alle "o%ni"a3ioni,
%en#re al#ri, "o%e na pi""ola sinagoga di Lione, inve"e di $are lo spiri#is%o o la #elepa#ia,
$anno addiri##ra della %agia rdi%en#ale e della s#regoneria.
Essi operano "os>5 il "apo della sinagoga "ele,ra in olo"as#o di a%ore, na spe"ie di %essa
nera, sen3a sange di $an"illi sgo33a#i@ e %en#re il Caiis '"os> "&ia%ano il "apo( arriva ad na
"onsa"ra3ione $an#as#i"a "on n ri#ale pi+ $an#as#i"o, $ra#elli e sorelle dell)di#orio si danno ad
n)orgia "&e nel %o%en#o del so diapason assor,e il "o%ando del Caiis5 il #ale o%o deve
perire, oppre il #ale a%%ala#o deve garire.
Il risl#a#o in 0es#o "aso - EF vol#e s 6FF e$$i"a"e. per"&- si rivolge alle Marie singole di 6FF
persone per ese%pio, di "i ;F ,as#ano a por#are a #er%ine n)opera3ione5 %a se per o##enere
0es#o risl#a#o ,as#asse n)ani%a sola, si vede ad o""&i "&isi l)in#ili#8 dell)os"eno
"on"ilia,olo per o##enere "osa "&e - an"&e di ,reve por#a#a. Sennon"&/ ,isogna an"&e
ri$le##ere "&e 0es#i Caiis si indiri33ano nei loro "o%andi alla Maria "olle##iva di 6FF passivi, e
$anno 0indi n)as#ra3ione $an#asiosa, "o%e il loro ri#ale.
Il risl#a#o di 0es#e opera3ioni $a##e s sogge##i sensi,ili o volon#ari - alea#orio per"&-
0aln0e passione %ana del sogge##o p. in$lire slla propria Maria e %odi$i"are gli a""essi
al $ine de#er%ina#o.
!.E.5 la gelosia, l)avari3ia, la li,idine, l)an#ipa#ia, l)odio "&e %ol#e vol#e si svilppa per rea3ione@
###o 0es#o p. %odi$i"are la Maria "&e s#a svolgendo na %issione, e &o de##o "&e il pensare
"&e noi a,,ia%o ###o in noi s#essi - %ol#o di$$i"ile. E si sono #rova#i pra#i"a%en#e diversi %e33i
per rendere "on"re#a in noi l)idea. Ci#o al"ni ese%pi5
! 2 Noi a,,ia%o a noi vi"ino n angelo "s#ode 'Cris#ianesi%o(
" 2 Noi a,,ia%o n ?enio 'paganesi%o gre"o(
# 2 Noi possedia%o n de%onio "onsigliere 'As$ dei Ca,ilonesi(
$ 2 Noi a,,ia%o no spiri#o di n)a%an#e al di l8 "&e "i "onsiglia ed ai#a in 0es#a vi#a '=a#e(
% 2 Noi sia%o a%a#i da n)Eone, "&e ###o "i por#a e "i sggeris"e 'Mani"&eis%o(
& 2 Noi sia%o ai#a#i dagli spiri#i dei %or#i "&e "i sggeris"ono e "i gidano 'Spiri#is%o(.
In veri#8 e per la san#a veri#8 della legge, noi non sia%o "&e 4no nell)4niverso. Sia%o noi
s#essi. Non "o%andia%o $orse alla %ano di s#ringereG Cos> "o%andia%o alla nos#ra Maria di
$are, di dire e di ripor#are.
!er"i. sia%o ###i $ra#elli per"&- ,evia%o ###i alla s#essa $on#e 4niversale.
La nos#ra Maria in noi - na sposa, $or di noi - n angelo5 "orre al %ondo delle "ase e si
a,,evera nella l"e di Miria%, dove "onvengono ###e le Marie niversali.
E "o%e non sia%o "&e na "osa, e n)ni#8 androgina, "os> non esis#e "&e n solo %e33o
osirideo "&e "ond"e dire##a%en#e al $ine e 0es#o - l)Ar"ano dell)Al"&i%ia. 1an#e $a#i"&e,
0an#e ri"er"&e, 0an#e #repida3ioni, 0an#i %o%en#i di ri,ellioni "on#ro il vos#ro ini3ia#ore nei
%o%en#i di s"on$or#o, e di 0es#o %e ne sare#e gra#i #ra ,reve "&e po#r. $arvi sedere alla %ia
des#ra "o%e arriva#i alla ve##a dell)Arara#. 1an#i invi#i a parlare eppre non %e ne sare#e gra#i
do%ani, "o%prendendo "&e a voi &o parla#o ro%pendo il silen3io pi+ %ale "&e ,ene.
In#an#o ri$le##e#e per"&- %i rivolgo a voi "&e ave#e lavora#o lng&i %esi il Mer"rio degli D-i e
legge#e%i.
Il lavoro lngo e penoso di Er"ole volge o - vol#o a #er%ine. Le "on#ine i%,i,i3ioni sa#rniane
vi &anno diviso "o%e nell)ovo della gallina in n #orlo ed in n ,ian"o al,%e "&e il gs"io
,ian"o ra""&ide.
Ora - #e%po di provare, e dove voi non "rede#e di essere gin#i sie#e gin#i. Sa $orse l)ovo "&e
si %e##e so##o na "&io""ia "&e s"&ide n pl"inoG
Cos> non sape#e voi "&e la vos#ra Maria non a##ende "&e na prepara3ione alea#oria e ,reve
per"&- si %ova.
1al)- 0es#a opera3ioneG Il %odo di servirseneG
Diversa%en#e res#er8 in e#erno nello s#a#o vir#ale e non voler8 %ai. 1al)- 0es#o %odo di
servirseneG
E""ovi5 ossidare il Mer"rio, a""oppiandolo ad n al#ro "orpo volgare "&e "os#a po"&i "en#esi%i
e di non di$$i"ile rinveni%en#o.
1es#o "orpo volgare, "&e di $ron#e al vos#ro Mer"rio $a opera di %as"&io, non aspe##a#e "&e
io ve lo di"a, per"&- %ille vol#e ve l)&o ripe##o e poi - "on#ina%en#e, in %ille o""asioni ed in
%ille gise, se%pre lo s#esso.
9 n "orpo sa#rniano an"&)esso, viene e%esso da pro$onda %iniera, "o%e il la##e "&e si
spre%e dalle %a%%elle della va""a. E "onserva il "ara##ere di n %inerale, "osi "o%e si vede
gre33o in na#ra@ - pie#ra, di"evano arg#a%en#e gli al"&i%is#i, "&e ne s"rissero a lngo,
eppre - n vege#a,ile, poi"&/ alla vi#a vege#a#iva non ripgna.
Or se lo ave#e "api#o o se lo anda#e a "o%prare 0es#o ingredien#e, ,ada#e "&e il %odo di
prepararlo - "ir"onda#o da %ol#issi%i %is#eri da ###i i "lassi"i.
Deve dividersi, pri$i"arsi della par#e in#ile, deve essere prepara#o di n "alore es#erno "&e lo
%e##a nelle s#esse "ondi3ioni di "aloria del Mer"rio in ela,ora3ione e nell)A#&anor, e 0indi
deve essere, nel ,io pi+ assol#o, %esso al "en#ro del $ornello a "on#ini#8 di vapore.
Ripe#i da no a nove, al %assi%o die"i, e poi aspe##a e vedrai "&e dalla $ia%%a e "alore del
$orno s"&idersi l)Ara,a =eni"e, l)4""ello s#rano e raro della $avola "&e es"e dalla $ia%%a, "io-
dalla "o##ra.
1es#o ar"ano pra#i"a#o segna il prin"ipio della $ine e del pri%o %aes#ra#o. A 0es#o ""ello,
0ando - an"ora in e%,rione da#e l)i%plso di na pri%a %issione5 se sar8 nero "o%e il "orvo,
s"i#o dall)ar"a non #orner8 pi+. Se ,ian"o, "o%e "olo%,o, por#er8 il ra%os"ello d)livo per
annn3iare "&e la pa"e - $a##a "on le ani%e dei #oi %or#i.
Allora ripe#i n n%ero di ; a H e na se"onda %issione - "o%pi#a, ripe#i an"ora da : a ; ed
na #er3a %issione diven#a $a##o@ e poi 6 ,as#a ogni vol#a $ino al %o%en#o "&e l)Ara,a =eni"e
diven#a#a adl#a non &a ,isogno "&e di sen#ire la #a vo"e e si %ove.
Non "o%pio la %ia %issione di ini3ia#ore se non avviso i peri"oli. I 0ali predo%inan#i sono
de5
6 2 la 'a()a
: 2 l*indete)minazi+ne di ci, che -i .(+le


/a 0a()a
1ando si in"o%in"ia, non "o%in"ia la para. T##o - $a"ile e piano. Ma p. avvenire 'e non
se%pre( "&e dopo la pri%a, se"onda e #er3a in$orna#a "o%in"i n #ale s#a#o di negri#dine dello
spiri#o "&e l)al"&i%is#a si sen#e preso dall)idea della "er#e33a del si"idio. 9 n para "os>
in#ensa "&e si arriva a presen#arsi so##o la $or%a pi+ a"#a della de%en3a. 1i si parr8 la #a
no,ili#a#e5 prosegi i%pavido.

/*indete)minazi+ne della .+l+nt
Se non &ai l)idea "on"re#a, l)""ello non o,,edis"e. Ri"orda#i "&e 0ando il ,a%,ino nas"e -
ignoran#e, # lo devi ed"are ed is#rire "o%e si $8 ai ,a%,ini. Idee se%pli"issi%e pri%a, poi
pi+ "o%plesse, poi "o%plessissi%e.

Res#a ad avvisar#i di n $a##o "&e # po#res#i $rain#endere5 nell)operare, la pri%a vol#a sia
separa#a dalla se"onda in #e%po egale alla #er3a e dalla #er3a, dalla 0ar#a e "os> $ino alla
nona o alla de"i%a. !ensa "&e io non #i segno il #e%po #ra la pri%a e la se"onda "&e - egale
ai #e%pi s""essivi, per"&- 0es#o in#ervallo p. essere a #o ,enepla"i#o a""or"ia#o o
allnga#o dalle 6: ore alle I: e pi+.
Cisogna per. in 0es#o in#ervallo "onservare esa##o il regi%e, "&e il $o"o non si spenga, e non
a%en#i ne s"e%i e "&e i "ar,oni "&e in#rod"i nel $ornello non siano #ali da al#erare il "alore, o
ro%pere o $ondere il vaso.
N/ ,as#a. Ri$le##i "&e il %ira"olo si "o%pie nel silen3io di %or#e. Non parlare, se no l)""ello non
o,,edis"e. Di "i. "&e voi all)""ello, %a al %ondo dei pro$ani non dire n/

ci, che .(+i
ci, che 'en-i
ci, che ai
ci, che .(+i a)e
ci, che a-'etti


I risl#a#i "&e poi o##enere sono di de spe"ie5
! 2 Modi$i"a3ioni in #e e s #e. Spiri#al%en#e e $isi"a%en#e. 7oi render#i invisi,ile e
"o%ni"are "ol #o "orpo as#raleG 7oi %odi$i"are il #o spiri#oG 7oi as"ol#are le "ose lon#aneG
7oi sapere e "on$er%are l)os#ia del pa##oG
" 2 =eno%eni $ori di #e. Conos"en3a di "ose al#ri. Modi$i"a3ioni delle "ose lon#ane es#eriori.
Conos"en3a delle "ose, "onos"en3a di "ose "asali, genera3ione di idee in persone lon#ane.
7isione di persone lon#ane. No#i3ie delle ani%e dei %or#i. Ri"onos"i%en#o delle in"arna3ioni
e"". e"".
7eri#8 in#era #i &o de##o e sii gis#o e segre#o@ non $are %ai il %ale, ed an"&e nel $are il ,ene
non "os#ringere %ai l)al#ri volon#8, per"&- an"&e a s"opo di ,ene la volon#8 al#ri - sa"ra.
Ni33a ;F ?igno 6JFE
1IU/IANO 2REMMER3
N4545 A,,i nella li,er#8 il grande e0ili,rio del desiderio. Non prevari"are, e pensa "&e se
prevari"&i vi - n serpen#e "&e nas"e dal %are 'A"0a( ed ""ide per se%pre l)""ello del
=o"o.