Sei sulla pagina 1di 1

LE GRANDI OPERE DI INGEGNERIA

Il Drizzagno del Tevere e lIdroaeroporto della Magliana



Nei primi anni 30 del secolo scorso, congiuntamente al progetto di realizzazione
dellEsposizione Universale che si sarebbe tenuta a Roma nel 1942 (E42), si ipotizz
la realizzazione di un grande idroscalo (Idroscalo del Littorio) collocato nei campi
dellarea della Magliana, affacciati sul Fiume Tevere. Larea era stata gi individuata
dallUfficio speciale per il Tevere e lAgro romano per un intervento di rettifica
attraverso un canale artificiale (o drizzagno) dellansa di Spinaceto del fiume.
Motivo della rettifica era quello di accelerare il deflusso delle acque e ridurre gli
effetti devastanti delle piene che, periodicamente, si abbattevano sulla citt di
Nel 1936 il Ministero dei Lavori Pubblici e quello dellAeronautica, coinvolgendo I
progetti prevedevano la costruzione di una rettifica dellalveo in localit Spinaceto
e un idroscalo opportunamente collegati. Oltre a questi era prevista la realizzazione
di un ponte a paratie mobili (Ponte dell'aeronautica) lungo 195 metri. I lavori
iniziarono nel marzo 1937, ma il 18 dicembre dello stesso anno si verific una piena
eccezionale che super le stime di piena calcolate su base secolare inondando
lintera area di cantiere.
Dopo una temporanea battuta darresto, i lavori di realizzazione del drizzagno, una
delle opere idrauliche pi importanti del ventennio, vennero avviati e la grandiosa
opera fu conclusa nel 1940 e inaugurata il 12 agosto da Mussolini;
Nello stesso periodo, a seguito di ulteriori indagini, venne modificata pi volte la
conformazione planimetrica dellaeroporto fino al definitivo abbandono del
progetto, nel 1943. Nel dopoguerra il progetto risult non pi rispondente, poich
gli idroscali non erano pi necessari, mentre gli aeroporti avevano bisogno di piste
molto pi lunghe.
Venne abbandonato anche il progetto di realizzazione del ponte-paratia, sostituito
con un ponte stradale che collegasse i due lati del fiume mettendo in collegamento
la via Appia e la via Aurelia. Si tratta del Ponte di Mezzocammino, danneggiato
durante la seconda guerra mondiale.
Il ponte fa parte del tracciato del Grande Raccordo Anulare, fin dalla sua
costruzione nel 1951 e ne costituisce la rampa di accesso dalla via del Mare. Dal
2003 il ponte di Mezzocammino classificato come monumento nazionale.

Il Ponte Morandi

Il Ponte Morandi pi antico ponte sospeso di Roma, e lunico a tracciato
curvilineo.
Il 28 giugno 1965 una frana, il cui fronte esteso circa 200 metri, investe lAnsa
della Magliana e il viadotto autostradale (640 m) allora in costruzione. Il progettista
Riccardo Morandi - incaricato dallANAS di porvi rimedio - individua due possibili
soluzioni: ricostruire il tratto rovinato, con un impalcato che poggia su terne di pali
a grande profondit; oppure scavalcare interamente larea della frana con un ponte
sospeso ad unica luce. LANAS sceglie la seconda opzione, la pi ambiziosa e fino
ad allora mai tentata a Roma. Il ponte poggia le fondazioni esternamente alla frana,
ad una profondit di 53 metri, dove si trova uno strato di argille resistenti.
Limpalcato costituito da due travate curvilinee in calcestruzzo precompresso, un
telaio verticale e tiranti di sospensione composti di cavi di acciaio ad altissima
resistenza ricoperti di calcestruzzo precompresso.