Sei sulla pagina 1di 7

1

NEL 2013 QUASI 2000 NUOVE IMPRESE A PARTECIPAZIONE ITALIANA, +5,6 %


RISPETTO A 2012, 31 % DEL TOTALE DELLE NUOVE AZIENDE

Al 31 dicembre 2013, secondo i dati dell'Ufficio del Registro Nazionale del Commercio, erano
registrate complessivamente 37.029 imprese a partecipazione italiana, di cui 17.883 attive, con
un capitale versato di circa 1,614 miliardi di euro. Nel 2013 sono state registrate 1.986 nuove
aziende a partecipazione italiana, il 31,1% del totale delle nuove aziende a partecipazione
estera registrate in Romania.
Considerando il numero di nuove imprese a partecipazione estera (dati del Registro del
Commercio), nel 2013 sono state registrate in Romania 6.385 nuove aziende, portando a
192.416 il numero totale di imprese estere dal 1991.
LItalia continua ad essere, da oltre 10 anni, il principale paese investitore per numero di
aziende registrate, mentre detiene il settimo posto tra i primi investitori per capitale investito.

Primi 10 paesi investitori per numero di imprese
1991 31 dicembre 2013
Paese Nr. Aziende %
Totale Romania 192.416 100,0
1. ITALIA 37.029 19,4
2. GERMANIA 20.146 10,6
3. TURCHIA 13.461 7,1
5. UNGHERIA 12.266 6,5
4. CINA 10.956 5,8
6. FRANCIA 7.616 4,0
7. USA 6.747 3,6
8. AUSTRIA 6.677 3,5
9. ISRAEL 6.567 3,5
10. IRAK 5.843 3,1
Elaborazione ICE Bucarest su dati Ufficio del Registro del Commercio

2


Primi 10 paesi investitori per capitale sociale versato
(milioni euro) 1991 31 dicembre 2013
N. Paese Milioni Euro %
Totale Romania 37.692 100,0
1. OLANDA 7.300 20,6
2. AUSTRIA 4.929 13,9
3. GERMANIA 4.396 12,4
4. CIPRO 2.445 6,9
5. FRANCIA 2.108 5,9
6. GRECIA 1.688 4,8
7. ITALIA 1.614 4,6
8. SPAGNA 1.129 3,2
9. LUXEMBURG 1.041 2,9
10. PANAMA 948 2,7
Elaborazione ICE Bucarest su dati Ufficio del Registro del Commercio
Gli imprenditori italiani sono stati tra i primi investitori ad intravedere le opportunit offerte dalla
Romania nel periodo immediatamente successivo alla rivoluzione del 1989, quando il Paese si
aperto al libero mercato.
I primi investimenti italiani in Romania provenienti, almeno in questa prima fase, in prevalenza
dal Veneto, si sono concentrati sui settori labour intensive, e sono stati caratterizzati dalla
delocalizzazione di parte delle produzioni e dallo sviluppo di tipologie di lavorazione per conto
terzi di materie prime o semilavorati provenienti dall'Italia.
In seguito il contesto economico gradualmente mutato, le opportunit che via via si sono
venute a determinare nel Paese hanno attratto imprenditori provenienti da tutte le Regioni
italiane, oltre che dal resto dell'Europa.
Uno degli anni pi importanti per la storia recente della Romania stato il 2007 quando il Paese
entrato a far parte dell'Unione Europea. Tale avvenimento stato altrettanto importante anche
per la presenza imprenditoriale italiana, una sorta di spartiacque tra un periodo contrassegnato
da un fenomeno di pura e semplice delocalizzazione ad un altro, gi iniziato negli anni
immediatamente precedenti, nella fase di pre-adesione, caratterizzato da una vera e propria
internazionalizzazione, con investimenti pi strutturati e finalizzati anche all'introduzione nel
mercato locale. Nel contempo la Romania cresciuta economicamente ed diventata un
Paese strategico per le imprese interessate a sfruttare le grandi potenzialit offerte dall'area del
centro e dell'est dell'Europa.

3

Gli imprenditori italiani hanno iniziato a costituire joint ventures o stipulare contratti con
produttori locali per la fornitura e l'assemblaggio di parti meccaniche o di beni strumentali, fino a
investimenti diretti di alcuni grandi gruppi italiani per la produzione di beni e lo sviluppo delle
infrastrutture. Parallelamente si sono sviluppati anche investimenti nel settore dei servizi.
Oggi possibile poter affermare che per le aziende italiane ormai giunta a maturazione quella
fase di puro spostamento delle attivit produttive al principale scopo di usufruire di un vantaggio
in termini di costo del lavoro. A questa fase che aveva caratterizzato la presenza italiana nel
decennio successivo alla rivoluzione, si affiancata una modalit di internazionalizzazione pi
evoluta, finalizzata a stabilire una posizione permanente dell'impresa italiana nell'economia
romena.
Questo fenomeno evolutivo ha interessato anche le aziende che inizialmente avevano
semplicemente spostato la propria attivit produttiva ma che nel tempo, complice l'aumento del
costo della manodopera, non pi cos conveniente come nel passato, hanno ristrutturato i loro
processi produttivi, si sono radicate e sono divenute parte importante del tessuto economico
locale. Oggi queste imprese guardano al mercato romeno ed a quello dell'Europa orientale in
genere con occhi diversi, hanno costruito legami economici ed affettivi forti con il territorio, si
sentono romeni e a buon diritto intendono essere protagonisti dello sviluppo economico futuro
della Romania.
Sono ora presenti, oltre alle piccole e medie imprese, anche aziende italiane di medie e grandi
dimensioni che hanno trasferito in Romania considerevoli investimenti finanziari e tecnologici.
Nonostante la crisi, il Paese continua ad offrire opportunit d'investimento. I settori che si ritiene
siano particolarmente interessanti per sviluppare azioni di promozione degli IDE italiani in
Romania sono quelli delle infrastrutture, della produzione di energia, in particolare quella
rinnovabile, agricoltura, gestione dei rifiuti, trasformazione alimentare, industria
metalmeccanica, sanit ed outsourcing.
L'accesso allUE e il conseguente sostegno comunitario costituisce il pi forte stimolo allo
sviluppo che il Paese abbia mai avuto e rappresenta una delle principali vie di uscita dagli effetti
della crisi economica. Si tratta quindi di unoccasione senza precedente offerta all'imprenditoria
italiana forte sia delle proprie tecnologie che delle esperienze acquisite nell'utilizzo dei fondi
strutturali UE per espandersi in Romania.

La presenza imprenditoriale italiana ormai diffusa in tutto il Paese, anche se i dati mostrano
ancora una certa concentrazione nelle zone del Paese che per prime sono state interessate
dagli investimenti italiani. Tra queste, rilevante la tradizionale presenza dei nostri imprenditori
nel Nord-Ovest, in particolare nella provincia di Timis, dove si riprodotto un vero e proprio
modello distrettuale italiano (oltre 2.755 aziende italiane e miste attive). In tale area geografica e
nelle province limitrofe (Arad, Bihor, Cluj) ancora concentrato quasi un terzo delle presenze
imprenditoriali italiane in Romania (il 34,1%), mentre un quinto delle nostre aziende ha investito
nella municipalit di Bucarest (il 21,4%).

Nella tabella seguente illustrata la ripartizione per provincia delle 17.883 societ italiane attive
presenti in Romania al 31 dicembre 2013, in ordine di numero di presenze. Il maggior numero di

4

aziende attivo nella municipalit di Bucarest e nella provincia di Timis, e in generale nella
regione del Nord-Ovest e della Transilvania (Arad, Bihor, Cluj e Brasov).

SOCIETA ATTIVE A PARTECIPAZIONE ITALIANA IN ROMANIA
RIPARTIZIONE TERRITORIALE AL 31 DICEMBRE 2013
No. Provincia Numero aziende Percentuale sul totale
1 BUCURESTI 3.834 21,4
2 TIMIS 2.755 15,4
3 BIHOR 1.244 7,0
4 ARAD 1.188 6,6
5 CLUJ 916 5,1
6 BRASOV 467 2,6
7 PRAHOVA 479 2,7
8 ILFOV 442 2,5
9 CONSTANTA 419 2,3
10 ARGES 414 2,3
11 ALBA 408 2,3
12 DOLJ 384 2,1
13 HUNEDOARA 363 2,0
14 IASI 360 2,0
15 BACAU 336 1,9
16 MARAMURES 305 1,7
17 SIBIU 297 1,7
18 MURES 272 1,5
19 NEAMT 267 1,5
20 BRAILA 202 1,1
21 DAMBOVITA 198 1,1
22 VRANCEA 187 1,0
23 GALATI 183 1,0
24 BUZAU 157 0,9
25 SATU MARE 156 0,9
26 VALCEA 155 0,9
27 SUCEAVA 154 0,9
28 OLT 149 0,8
29 BISTRITA-NASAUD 142 0,8
30 CARAS-SEVERIN 139 0,8
31 BOTOSANI 137 0,8
32 MEHEDINTI 132 0,7
33 SALAJ 121 0,7
34 GORJ 96 0,5
35 TELEORMAN 72 0,4
36 CALARASI 65 0,4
37 TULCEA 61 0,3
38 GIURGIU 56 0,3
39 VASLUI 53 0,3
40 IALOMITA 43 0,2
41 HARGHITA 38 0,2
42 COVASNA 37 0,2
TOTALE 17.883 100.0
Elaborazione ICE Bucarest su dati del Registro del Commercio


5


Nella tabella ed il grafico seguente illustrata invece la ripartizione della presenza italiana per
settore di attivit al 31 dicembre 2013, secondo il numero di aziende registrate. Analizzando la
presenza italiana per settori produttivi, al primo posto e` il commercio allingrosso (con il 13,4%
del totale), seguito dalle transazioni immobiliari (con il 10,1% del totale) e dalle costruzioni (con
il 8,3%).
Struttura pe divizioni CAEN Rev. 2
Numero
aziende con
partecipazione
italiana

Nr. %
17.883 100,0
46 - Commercio all ingrosso eccezione il commercio di autovetture e motocicli 2.398 13,4
68 - Transazioni immobiliari 1.810 10,1
41 - Costruzioni, edilizia 1.492 8,3
01 - Agricoltura, caccia e servizi connessi 1.196 6,7
70 Amministrazione, management e consulenza in management 1.097 6,1
35 - Produzione e fornitura energie elettrica e termina, gas, acqua calda 764 4,3
47 - Commercio al dettaglio, eccezione autoveicoli e motocicli 669 3,7
45 - Commercio ingrosso e al dettaglio, manutenzione e riparaz autoveicoli e motocicli 501 2,8
43 - Lavori speciali di costruzione 460 2,6
49 - Trasporti terrestri e attravesro condotte 456 2,5
56 - Ristoranzione ed altri servizi 440 2,5
71 - Attivita di architettura ed ingegneria; analisi tecnica 440 2,5
74 - Altre attivita professionali, scientifiche e tecniche 437 2,4
25 - Industria costruzioni metalliche e prodotti di metallo, eccetto macchine, attrezzature
e impianti 391 2,2
14 - Produzione abbigliamento 353 2,0
51 - Trasporti aerei 342 1,9
15 - Conceria e finissaggio pelli; prod articoli da viaggio e marocchineria, calzature;
cerniciatura pellicc 295 1,6
16 - Lavorazione legno, produz articoli di legno e sughero, eccetto I mobili; produz
articoli di paglia e vimini 280 1,6
55 - Alberghi ed altri alloggi 225 1,3
82 - Attivita di segreteria, servizi di supporto ed altri servizi per le imprese 222 1,2
42 - Lavori di genio civile 203 1,1
10 - Industria alimentare 183 1,0
22 - Produzione articoli in gomma e plastica 158 0,9
52 - Deposito e attivita` connessi al trasporto 151 0,8



6



Secondo il capitale versato dalle aziende a partecipazione italiana al primo posto si trova il
settore delle intermediazioni finanziarie (con il 17,3%), seguito dal settore della gomma e
plastica (con il 17,3%). Nei settori manifatturieri tradizionali che hanno vissuto un boom di
investimenti negli anni 90 (come lindustria alimentare, la produzione di articoli di
abbigliamento, pelletteria, lavorazione del legno e la fabbricazione di mobili), la presenza non e
piu`significativa, i produttori tessili rappresntamndo soltanto il 1,2 % ed i p[roduttori di
abbigliamento solo il 1,3 %.


7



Al top delle aziende a partecipazione italiana, sempre secondo il capitale versato, troviamo la
Banca Intesa San Paolo SA, seguita da: Pirelli Tyre Romania Srl, SIAD Romania SRL, Fata
Asigurari SRL, Veneto banca Holding, Acciaierie Beltrame, Edenred Romania SRL e Butangas
SPA.